...

1 Sante Graciotti Le molte vite dell`italiano “de là da mar” tra Quattro

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

1 Sante Graciotti Le molte vite dell`italiano “de là da mar” tra Quattro
Sante Graciotti
Le molte vite dell’italiano “de là da mar” tra Quattro- e Cinquecento
Il titolo della mia lezione fa il verso a quello di un fondamentale studio che Gianfranco
Folena pubblicò nel 1973 sul veneziano “de là da mar”1; ma nonostante l’imitazione del titolo, la
mia trattazione, infinitamente più modesta, se ne distingue perché riguarda, oltre e più che il
veneziano, l’italiano tutto, dialettale e sopradialettale, letterario e non letterario2, quale esso
compare nei documenti e nei testi scritti d’oltre Adriatico, superando in questo l’ambito
problematico di miei precedenti studi. Poco meno di una trentina di anni fa infatti io scrissi un
saggetto dal titolo Per una tipologia del trilinguismo letterario nella letteratura della Dalmazia nei
secoli XVI-XVIII3, nel quale consideravo quella letteratura come un sistema integrato in cui
ciascuna delle tre lingue - il latino, l’italiano, il croato - svolgeva un compito particolare e
occupava spazi operativi quasi esclusivi: per l’italiano in particolare osservavo, tra l’altro, che
totalmente suo era il territorio della saggistica erudita tra Quattro e Cinquecento4, e pari, o
predominante rispetto al croato, era la sua posizione nella lirica della seconda metà del
Cinquecento5. Quella idea del trilinguismo, che poi scopersi essere già stata formulata dal mio
maestro Giovanni Maver, è stata sostanzialmente accettata degli studiosi croati più seri6,
nonostante qualche difficoltà ad ammettere l’italiano a parità di cittadinanza e di funzione rispetto
al croato.
In quel lavoro io prendevo in considerazione solo la letteratura d’arte e, nel suo ambito,
studiavo l’uso dell’italiano letterario su tutta la costa dalmata. Ma fuori della letteratura d’arte c’è
una prosa non letteraria in italiano, che pure costituisce un settore importante della cultura dalmata
che si esprime in italiano: la prosa delle cancellerie e delle burocrazie, dove avviene un fenomeno
diverso rispetto all’italiano letterario: mentre questo era diffuso uniformemente su tutta la costa
dalmata, in quello – l’italiano burocratico - prendono campo due varianti di italiano: nei territori
della Dalmazia veneta e della cosiddetta Albania veneta il veneziano, mentre nella Repubblica di
Ragusa, dopo il periodo della dominazione veneziana dall’inizio del Duecento alla metà del
Trecento che con ampio anticipo e soprattutto lungo posticipo dopo il Trecento sente forte
l’influsso del veneziano nel parlato romanzo e nelle scritture, si afferma progressivamente e poi
stabilmente un italiano sempre più preteso “toscano”.
Mi sia lecito soffermarmi anzitutto su questo. L’italiano cancelleresco e notarile della
Repubblica di Ragusa (oggi Dubrovnik), testimoniato negli atti dal Duecento e poi durato fino alla
1
Gianfranco Folena, Introduzione al veneziano “de là da mar”, in Venezia e il Levante fino al secolo XV, a
cura di Agostino Pertusi, vol. I: Storia-Diritto-Economia, parte prima, Olschki, Firenze 1973, pp. 297-346.
2
Che io chiamerei, se mi si permettesse, paraletterario, intendendo con esso una lingua scritta per scopi
pratici e senza intendimenti artistici: le due lingue sono infatti ugualmente lingue scritte, il confine tra loro
non è qualche volta definibile e gli sconfinamenti non mancano, come si vedrà più sotto..
3
In Barocco in Italia e nei paesi slavi del Sud, Olschki, Firenze 1983, pp. 321-346.
4
Anche il russo Goleniščev-Kutuzov dice inesistente in quel tempo una saggistica letteraria in croato. Del
resto è sempre lui ad osservare che nella seconda metà del secolo XVI “in latino oramai quasi nessuno scrive
più a Ragusa, dal momento che l’italiano e non il latino diventa la lingua universalmente usata nella società
colta ( (I. N. Goleniščev-Kutuzov, Il Rinascimento italiano e le letterature slave dei secoli XV e XVI
(originale russo 1963), a cura di S. Graciotti e J. Křesálková, Vita e Pensiero, Milano 1973, p. 127).
5
Era questa l’opinione di uno studioso croato di grande valore di quasi cent’anni fa, Dj. Körbler: cfr.
Talijansko pjesništvo u Dalmaciji 16. vijeka, napose u Kotoru i Dubrovniku, “Rad JAZU”, CCXII, 1916, p.
65,
6
Nonostante che essa togliesse, agli occhi degli studiosi dell’altra sponda anche di valore, ma
inconsapevolmente patrioti, qualcosa all’assoluto dominio del croato. Cfr. il giudizio positivo che del lavoro
(ma soprattutto perché non “irredentista”!) dette il principe degli italianisti del tempo Frano Čale
nell’introduzione al suo capitale Pjesme talijanke Saba Bobaljevića Glušca, SNL, Zagreb 1988, pp. 15-19,
L’apprezzamento è stato ripreso, con la stessa sottintesa riserva, da Rafo Bogišić, quando ha recensito il
lavoro di Mate Zorić, un altro italianista croato (Između dviju obala …, “Forum”, 7-9/2000, pp. 1113-1114).
1
fine della Repubblica all’inizio dell’Ottocento, non ha nessun valore letterario, ma ne ha uno
grande sul piano socio-politico e storico-culturale. Non è facile definire il valore dell’italiano della
burocrazia statale ragusea, al di là del suo aspetto strettamente linguistico. Esso è legato alla sua
genesi: compare nel basso Medioevo (sec. XIII) accanto al latino e poi nel corso dei secoli ne
prende le veci, quasi fosse il suo volgare, che invece era il dalmatico raguseo, vivo ancora a Ragusa
fino alla fine del Quattrocento e conosciuto da qualcuno anche all’inizio del secolo seguente. Perché
questa scelta del romanzo transadriatico? Gli studiosi rispondono che fu per il fatto che il volgare
locale, il dalmatico raguseo, non fu mai usato come lingua scritta, tanto è vero che non esiste a
tutt’oggi nessun testo scritto in quella lingua. Ma questa è una “petitio principii”: perché questa
lingua non fu mai scritta, quando sarebbe stato facile metterla per iscritto, magari arricchendola
lessicalmente, in una città dove il clero leggeva e scriveva in caratteri latini e in parte cirillici e dove
una cancelleria serba teneva una accuratissima corrispondenza in lingua e caratteri serbi?
Evidentemente la lingua romanza ragusea non doveva mostrare agli occhi dei ragusei del
Quattrocento di possedere i caratteri necessari a una “Kultursprache” /”Schriftsprache” da associare
e poi sostituire al latino. Tanto meno – e qui spunta una ragione di carattere ideologico - questo
ruolo poteva essere attribuito alla lingua slava, alla quale non si dava diritto di cittadinanza ufficiale
in una città il cui patriziato custodiva gelosamente il ricordo della sua origine latina e persino la sua
ascendenza di sangue dai romani, fondando su questo una aristocrazia di sangue chiusa ai ceti
artigianali e popolari così che ogni mésalliance, comportava l’espulsione dal patriziato e la perdita
dei diritti ad esso connessi. Ma fuori e oltre questo fattore classista, non si può negare la forte carica
ideale che indipendentemente dagli interessi nobiliari7 c’era dietro l’appassionamento romanoromanzo e antislavo del poeta laureato Elio Lampridio Cerva / Crijević (come dello spalatino
Natalis e più tardi del traurino Lucio)8. E’ per tutte queste ragioni che nel 1472 il Consiglio dei
Pregadi della repubblica (il suo senato) sentenziava l’esclusione dello slavo dai dibattiti pubblici e
decideva “quod nullus possit ad arengarias uti lingua nisi latina ragusea”, mentre passava sotto
silenzio la lingua “latina vulgaris” - cioè l’italiano - già in una sentenza precedente di qualche
mese associata a quella ragusea per il suo uso legale9.
Le sentenze non toccavano il bilinguismo latino-italiano della lingua scritta che si era
cristallizzato nel tempo per l’azione di fattori diversi (per esempio le attività commerciali) nei quali
l’Italia aveva un ruolo fondamentale, e per l’idea che l’italiano era la “romana (o „latina“) lingua
vulgaris” sorella della “romana lingua ragusaea” e quindi in grado di prenderne le veci là dove il
raguseo era deficitario. Questa opzione latinofila a fronte di una popolazione la cui lingua
“materna” era per la più parte quella slava, non ebbe echi conflittuali, anche se qualcuno mette in
rilievo le discussioni che nel Consiglio dei Pregadi precedettero le decisioni del 1472. Ma prevalse
il riconosciuto carattere misto sia della città che della sua cultura, che in maniera meno evidente è
comune a tutta la Dalmazia. E’ quello che gli studiosi dei nostri tempi hanno chiamato la simbiosi
slavo-romanza della Dalmazia. Il nostro socio da poco scomparso Žarko Muljačić ne ha parlato a
7
Sono senza fine le testimonianze sull’orgoglio dei ragusei, a cominciare da quella di Elio Lampridio Cerva,
allievo di Pomponio Leto e poeta laureatus in Campidoglio, che pensava “non tam Romam, quam Rhagusam
esse romanam” (da Fr. Rački, Iz djela E.L. Crievića Dubrovčanina, “Starine JAZU”, IV, 1872, p.190). Ma
anche più tardi i personaggi che nel Cinquecento transitano per Ragusa notano l’arroganza e presunzione dei
Ragusei, convinti di essere l’aristocrazia più intelligente, nobile e antica (soprattutto più antica di Venezia)
d’Europa (vedi M. Deanović, Anciens contacts entre la France et Raguse, Zagreb 1950, pp. 12-13).
8
Del Cerva si usano ricordare i vari versi in lode di Ragusa (“propago vera, verior colonia / bis prolesque
Quiritum”), e dei ragusei (“vera Rumuli colonia / videbimur, bisque propago Quiritum, / romanis nec nisi
digna progenitoribus”): cfr. Fr. Rački, op. cit., pp 170-171; ma ci sono tanti altri passi del genere ricorrenti
nei testi editi dal Rački (pp. 155-199). Non c’è qui spazio per parlare dell’attaccamento al latino del latinista
Francesco Natalis e al volgare (italiano) del grande storico Giovanni Lucio.
9
I testi delle delibere sono leggibili in Diego Dotto, Tradizioni scrittorie venezianeggianti a Ragusa nel XIV
secolo, Padova, dip. di Romanistica, 2008, p. 32 ss.
2
più riprese10, rifacendosi anche all’insegnamento del suo maestro Petar Skok11e gli ha fatto eco, in
una prospettiva non più solo linguistica, Bariša Krekić in On the Latino-Slavic cultural symbiosis in
the late Medieval and Renaissance Dalmatia and Dubrovnik12. La riconosciuta presenza di una
componente romano-romanza nella sintesi culturale della Dalmazia tra Medioevo e Evo moderno
ha fatto nascere a sua volta presso gli studiosi d’oltre Adriatico il problema della continuità o
discontinuità di quella componente, e più in concreto, come si esprimeva Muljačić per la prima fase
di quel processo, il problema “se il veneziano ha incontrato il dalmatico (qui il raguseo) in vita e se
sì, se il più tardo romanzo (il veneziano) dei dalmati bilingui è segno della continuità del romanzo
oppure no”13. Era un problema non privo di risvolti non solamente linnguistici che il Muljačić
risolve accettando da Skok l’idea che non ci fosse stata in Dalnazia una continuità romanza, dato il
succedersi in essa (qui a Ragusa) di vari romanzi –Il dalmatico raguseo, il veneto-raguseo, l’italiano
-, ma nello stesso tempo sostenendo che non si può parlare di una pura e semplice sostituzione di
una lingua con un’altra, perché “il dalmatico non scompare senza tracce, e se il nuovo si concepisce
come il risultato di uno scontro in seno al vecchio, allora il dalmato-raguseo è una particolare
continuità del dalmatico, e allora è tale anche il raguseo-veneziano, mentre il “toscano” raguseo
come “Kultursprache”, e non “Volksprache”, è una continuità sui generis di questa ultima e degli
influssi culturali italo- letterari”14.
Certamente non fu indifferente alla scelta dell’italiano nella vita amministrativa e poi –
parzialmente – in quella delle lettere l’origine quasi sempre italiana dei cancellieri e notai di cui la
Repubblica – ma ancor prima il Comune - si serviva15 . Essi portavano a Ragusa non solo la perizia
della loro a arte, appresa nelle università italiane ed esercitata in centri politico-amministrativi della
Penisola, ma anche la lingua nella quale scrivevano che era, fuori delle parti formulari latine,
italiana, con tutte le varietà regionali dovute ai diversi luoghi di origine dei funzionari. Manca uno
studio sulle varietà dell’italiano da loro usato, fatta eccezione dei contributi sui venetismi in esso
presenti16 : esso resta un compito del futuro. Ma non mi sposso esimere dall’obbligo di segnalare
come alcuni di quei funzionari non erano solo burocrati, ma erano anche scrittori di vaglio, in latino
e italiano: ricorderò uno per tutti Senofonte Filelfo, figlio del più celebre Francesco ma egli stesso
non indegno scrittore anche in versi, vissuto a Ragusa per dieci anni, dal 1460 al 1470, mentre mi
dispenso dal parlare di altri, come il Regino, facile e scadente verseggiatore. Invece un lavoro più
10
Già se ne pose il problema nel grosso lavoro Dalmatski elementi u mletački pisanim dubrovačkim
dokumentima 14. st. (“Elementi dalmatici nei documenti ragusei scritti in veneziano del XIV secolo”), “Rad
JAZU”, Odjel za filologiju XII, Zagreb 1962, p.341: Die slavisch-romanische symbiose in Dalmatien in
struktureller Sicht, “Zeitschrift für Balkanologie”, 5 (1967), pp. 51-70; infine, da noi, Problemi della
simbiosi slavo-romanza nell’Adriatico, in Miscellanea II, Udine 1973, pp. 21-39.
11
Petar Skok, Slavenstvo i Romanstvo na Jadranskim otocima, Zagreb 1950 (a p. 772 parla di simbiosi per
l’isola di Veglia / Krk); ma poco più tardi il termine viene ripreso per tutta la Dalmazia nel lavoro di Viktor
Novak, The Slavonicc-Latin Symbiosis in Dalmatia during the Middle Ages, “The Slavonic and East
European Revew” , XXXII, 1953, 78, pp. 1-28.
12
In “Viator”, 26, 1995; e di qui inserito come ultimo capitolo nel libro Dubrovnik: A Mediterranean Urban
Society, 1300-1600, Aldershot, Variorum, 1997.
“13 Žarko Muljačić, Dalmatski elementi... cit.., p.341.
14
Op.cit., p.343.
15
Fra l’inizio del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento ce ne sono stati 28, come risulta dall’elenco che a
suo tempo ne aveva fatto K. Jireček ( Die mittelalterliche Kanzlei der Ragusaner, “Archiv für slavische
Philologie”, 25-26, Wien 1903-1904), completato da B.M. Nedeljković nella prefazione all’edizione del
Liber viridis, Beograd 1984, pp. XVI-XVII.
16
Il veneziano aveva avuto a Ragusa un rafforzamento nel secolo e mezzo in cui dall’inizio del sec. XIII
Ragusa fu sotto il dominio veneziano con effetti sensibili sul dalmatico e lo slavo ragusei. Žarko Muljačić
nel suo saggio Dalmatski elementi.... (cit.., pp. 237-380) si è occupato anche (nel 3° capitolo) dei testi di
Ragusa in dialetto veneziano degli anni 1348-1363. E i venetismi sono l’oggetto specifico dell’opera sopra
citata del Dotto.
3
specifico e fecondo di risultati hanno svolto in questo campo i maestri italiani che non solo Ragusa,
ma anche i maggiori comuni della Dalmazia, chiamavano dall’Italia per l’insegnamento delle
discipline classiche; essi oltre al latino umanistico portavano oltre mare la conoscenza di tutta
l’italia letterata, latina e volgare e anche per la loro opera si affermava in Dalmazia, come avveniva
per altre vie in tutta Europa, l’idea di un italiano come lingua di cultura per eccellenza dopo il
latino e di scrittori italiani da affiancare come nuovi classici a quelli dell’antichità greca a romana17.
Ma questo invade già un campo di cui parlerò più sotto.
In parallelo con questo italiano burocratico di Ragusa il veneziano è a sua volta la lingua
amministrativa dell’oltre-Adriatico veneziano. Il provveditore generale della regione e i conti o
capitani delle città erano veneziani, si regolavano secondo le leggi veneziane salvo l’osservanza dei
privilegi locali, gestivano amministrazione e giustizia servendosi della lingua veneziana.
Gianfranco Folena accennava senza prender partito alla denominazione di veneziano coloniale che
per questa lingua qualcuno aveva adottato18. In realtà la lingua coloniale si forma e poi si conserva
in condizioni di prevalente separatezza dal territorio metropolitano: di qui, ad esempio, la
conservazione in essa di arcaismi scomparsi nella lingua madre. Ma il veneziano di Dalmazia non si
distingue tipologicamente da quello metropolitano e si evolve nel tempo con esso a ritmo continuo
assieme al continuo avvicendarsi in essa dei funzionari veneziani. Semmai si potrebbe
paradossalmente parlare di tutto il veneziano come di una lingua semicoloniale, perché lingua dalla
struttura aperta piena di ibridismi, tendenzialmente plurilinguistica. Comunque nei fatti non c’è
nessuna differenza sostanziale – a parte qualche slavismo denominativo locale - tra la lingua
amministrativa di Dalmazia e quella di Venezia; e lo studioso non ha difficoltà alla comprensione di
quella lingua avendo sotto mano il vecchio Dizionario del dialetto veneziano del Boerio e
soprattutto il recente (2007) e specifico per il nostro assunto Dizionario veneziano della lingua e
della cultura popolare nel XVI secolo di Manlio Cortelazzo19. Ho detto che il veneziano
dell’amministrazione è una lingua burocratica che però a volte si affina fino a sfiorare i livelli –
formali e ispirativi – della letteratura d’arte. E’ il caso di quella usata in un dibattito giudiziario, da
me pubblicato per ora per frammenti20, avvenuto negli anni venti del Cinquecento tra due patrizi di
Lesina (isola e città, oggi Hvar) dove la trascrizione degli interventi, in particolare di uno dei due,
Pietro Ettoreo (Petar Hektorović), mostra nel parlante, oltre a una cultura superiore unita a uno
scaltrito possesso degli strumenti dell’arte oratoria, l’uso di una lingua veneziana, in parte
italianizzata e commista nelle parti formulari al latino, che raggiunge in alcuni punti la robustezza e
la rotondità di una prosa letteraria. Da notare che l’Ettoreo fu eccellente scrittore croato, ma fu
anche in parte scrittore latino e in parte minore scrittore italiano21: il veneziano di qui completa il
suo quadro letterario personale, ma anche quello del veneziano scritto d’oltremare.
17
Si può vedere per la Dalmazia e in genere per la Croazia il citato Čale, p. 7.
“Parlare di “veneziano coloniale” è forse prematuro, dato che questa documentazione non è stata finora
esplorata intrinsecamente da questo punto di vista, ma solo per i mutui rapporti lessicali tra Venezia e le
lingue dell’Oriente mediterraneo…” (G . Folena, op.cit., p. 314); ma Folena parla di un “coloniale” premetropolitano, ovvero fatto di imprestiti da contatto che la “colonia” assume dall’ambiente in cui opera
prima di trasmetterli alla lingua della madrepatria.
19
Dell’opera di Giuseppe Boerio, pubblicata inizialmente da Manin, si cita la più completa terza edizione:
Venezia 1867; il dizionario di Manlio Cortelazzo è stato pubblicato nel 2007 da La Linea Editrice, Limena,
Padova.
20
Sante Graciotti, La querelle giudiziaria Ettoreo – Paladini nelle carte Praga della BIblioteca Marciana di
Venezia, “Atti e Memorie della Società Dalmata di Storia Patria” [di Roma], n.12 N.S., 2010, pp.
21
Interessante il sonetto italiano da lui dedicato ad Antonio Lucio figlio del poeta croato Annibale (Hanibal
Lucić), dove interpreta il suo cognome derivandolo dalla radice latino-italiana di “luce”, e non dall’etimo del
cognome slavo: “Lucio che con la luce de’ tuoi rai / Sì chiaro rendi il tuo natio terreno” ecc. (vedi in Arnolfo
Bacotich, Rimatori dalmati del Cinquecento, “Archivio Storico per la Dalmazia”, a. XI (1936), fasc. 125, p.
177. Ad illustrare ulteriormente il clima letterario della Lesina del tempo non sarà inutile ricordare che anche
l’avversario dell’Ettoreo nella tenzone giudiziaria, Francesco Paladini, era uomo di lettere, a cui il secondo
18
4
L’italiano letterario è fin dal Quattrocento uno dei protagonisti del trilinguismo letterario
dalmata. A differenza dell’italiano burocratico esso registra una uguale presenza in tutta la
Dalmazia, veneziana e ragusea - dove i trend di sviluppo, gli indirizzi di scuola, i contesti socioculturali sono quasi identici, promossi o facilitati da un intenso scambio trans-adriatico di
persone22 oltre che di idee - e raggiunge dei livelli rimarchevoli sia in assoluto (se ci sono dei valori
assoluti in letteratura) che nei confronti delle coeve letterature, croata e italo-europea, con le quali
non si può non stabilire un continuo parallelo, attento ai ruoli e alle funzioni23. La prosa letteraria
dalmata dei due secoli, o saggistica su argomenti più vari, è tutta in italiano, mentre in latino sono i
trattati scientifici - dove a decidere tra scienza e saggistica è non l’argomento ma l’approccio – e in
croato manca totalmente24. Il periodo d’oro di fioritura di questo genere è, in Dalmazia, la seconda
metà del Cinquecento; ma opere significative compaiono già alla metà del Quattrocento e
compaiono quasi nello stesso tempo nella Dalmazia veneziana, nel cattarino veneziano, nella
Ragusa indipendente. E’ della prima metà del Quattrocento (compare forse tra gli anni 1433 e
1437)25 il Trattato della falconeria di Giacomello Vitturi di Traù scritto in un italiano
venezianeggiante, dove si cita il Tesoro di Brunetto Latini e il trattato apocrifo del leggendario re
Dancus, ma che è opera originale fondata su esperienze personali con falconi “di Schiavonia e
Bosnia”26. Molto più importante è l’opera del raguseo Benedetto Cotrugli /Kotruljević Della
mercatura e del mercante perfetto scritta nel 1458 e pubblicata più di un secolo più tardi (nel 1573)
a Venezia per le cure di Francesco Patrizio: opera importante come manuale di tecnica mercantile,
ma soprattutto come trattato sul mercante perfetto e sull’uomo perfetto secondo il nuovo modello
umanistico cristiano. L’esperienza da cui l’opera nasce non è solo dalmata, dato che il Cotrugli è
vissuto gran parte della vita nel regno di Napoli a servizio e sotto la protezione degli aragonesi
Alfonso e Ferdinando. Per questo l’opera deve essere considerata frutto della cultura delle due (o
tre, pignolescamente, dato che la capitale del regno è sul Tirreno?) sponde, con la sua prosa italiana
pregevole per qualità di scrittura e per ricchezza di lingua volutamente toscana. Ma anche sul fondo
della costa dalmata, nell’Albania veneta, la saggistica italiana fa la sua comparsa già nel
grande poeta lesignano del Cinquecento, il citato Annibale Lucio, avrebbe dedicato dopo il 1556 il suo
capolavoro croato Robinja (“La schiava”).
22
Molti i cattarini che si trasferiscono a Ragusa, e molti i ragusei che corrispondono con i colleghi delle isole
veneziane o delle veneziane Spalato, Traù, Sebenico, Zara.
23
Mi permetto di indicare due antiche opere che possono servire da fonti per tutti gli autori dalmati che si
servono dell’italiano per le loro opere letterarie sia in prosa che in poesia, alle quali si può ricorrere – con
qualche prudenza per le notizie su vicende meno vicine agli scriventi – come punto di partenza per tutto
quanto riguarda gli scrittori ragusei del Quattro e soprattutto del Cinquecento. La prima è: Seraphinus Maria
Cerva, Bibliotheca Ragusina in qua Ragusini scriptores eorumque gesta et scripta recensentur, Ragusii 1740
(4 tomi, pubblicati in tre volumi dalla Academia Scientiarum et Artium Slavorum Meridionalium a Zagabria
(JAZU, Zagreb 1975, 1977, 1980). La seconda è : [Francesco Maria Appendini], Notizie istorico-critiche
sulle antichità storia e letteratura de’ Ragusei, tomo II, Ragusa 1803
24
Lo rileva con qualche circospezione anche l’informatissimo Il’ja N. Goleniščev-Kutuzov, op.cit., p. 96:
“La prosa nella letteratura dalmata [ma sta parlando di quella in lingua croata] del Rinascimento è un
fenomeno estremamente raro”. Ma vedi anche sopra, nota 4.
25
Mirko Dražen Grmek, Srednjovjekovne rasprave Jakobela Vitturija Trogiranina o liječenju lovnih ptica i
konja, Zagreb, Veterinarski fakultet sveučilišta, 1969, p.13. Il Grmek pubblica nel libro il testo dell’opera del
Vitturi secondo tre codici del sec. XVI conservati due alla Biblioteca Marciana di Venezia e uno nella
Biblioteca Universitaria di Bologna. Nel 1986 Dennis E.Rhodes ha diffuso la notizia della scoperta in
Francia nel 1981 di un incunabolo dell’opera conservato nella Biblioteca Municipale di Nîmes. Cfr Dennis
E. Rhodes, Due nuovi incunaboli: uno senese, uno veronese, “La bibliofilia. Rivista di storia del libro e di
bibliografia”, anno LXXXVIII, 1986 (Firenze Olschki), p. 187 ss. La stampa è del 1491 ed è dal punto di
vista cronologico molto importante, perché anteriore alla data dei manoscritti editi dal Grmek. Ma purtroppo
non sono riuscito ad avere una sua fotocopia.
26
Op.cit. pp. 47 e 95. La Bosnia era effettivamente conosciuta come regione di provenienza e allevamento di
uccelli da caccia
5
Quattrocento, completando il quadro della sua presenza nella Dalmazia quattrocentesca. Ce lo
testimonia un codice di Cattaro, datato 1466, appena scoperto nella Marciana di Venezia, uno
“Specchio del bravo mercante”, come lo titola la studiosa che ne ha dato notizia, che tratta dei vizi e
delle virtù in una lingua italo-veneta inframmezzata da citazioni latine desunte da trattati di teologia
morale come la Summa confessionis di S. Antonino di Firenze. L’opuscolo, proveniente dal
profondo sud della Dalmazia, non sarebbe da citare se non fosse per la inconsueta scelta della
lingua, che per queste materie era normalmente all’epoca il latino, e per la sua destinazione a un
mercante (il nobile “Bucchio [Bućo] fiollo de ser Michiel de Bucchio): il manoscritto infatti
“incomincia con un testo di Confessione di un ignoto mercante e termina con un testo nel quale si
descrivono le qualità dell’ideale mercante”27, collocandosi così idealmente dentro il nuovo spirito
del Rinascimento.
Nel Cinquecento, specialmente nella sua seconda metà, la trattatistica italiana della
Dalmazia si pone all’attenzione dell’Italia letterata per la sua abbondanza, varietà tematica,
competenza e fondatezza settoriale evidenti soprattutto – e qui mi fermo - nell’attività del raguseo
Nicolò Vito di Gozze (Gučetić) o Nicolò di Vito Gozze, filosofo, saggista vario, letterato (1549 1610 ). La gamma degli interessi dello scrittore è vastissima. La sua produzione scritta, tutta
comparsa a stampa a Venezia, comincia per il pubblico nel 1580 con un trattato filosofico
rigorosamente scolastico e perciò scritto in latino: Commentaria in sermonem Averrois de
substantia orbis. Prosegue poi con opere in italiano su argomenti che egli immagina dibattuti con
amici di Ragusa come Domenico Ragnina (Ranjina) o Michele Monaldi, con i quali il reale punto di
incontro era stato per lunghi anni la Accademia dei Concordi di cui il Gozze fu l’anima fino alla
morte del Monaldi: il Dialogo della bellezza detto Antos, secondo la mente di Platone e il Dialogo
d’Amore detto Antos, secondo la mente di Platone (Ziletti 1581), i Discorsi sopra le metheore d‘
Aristotile (Ziletti 1585), Del governo della famiglia e Discorsi della penitenza, sopra i Sette Salmi
Penitenziali di David (Aldo 1589), Dello stato delle repubbliche secondo la mente di Aristotele con
essempi moderni (Aldo 1591) e altre prose minori. Ebbene fu proprio Aldo – Aldo Manuzio il
giovane – che ben conosceva Ragusa e la Dalmazia in genere e che del Gozze era amico, ad
esprimere la stupefazione per come il pensatore raguseo avesse potuto acquistare così larga
conoscenza di opere e persone senza essersi mai allontanato da Ragusa28. Certo il “Catalogo degli
autori” che egli premette all’opera è imponente: 86 autori antichi e moderni o contemporanei, forse
non tutti letti direttamente29 . Non si accorda con il Bodin sulla forma della repubblica che egli non
vuole monarchica (e tanto meno tirannica, come sovranità “legibus soluta”), ma da buon
intellettuale raguseo vorrebbe vedere retta da una accolta di saggi signori, che però non trova
27
Vedi Ivana Prijatelj Pavičić, Ogledalo pravednog trgovca: ispovijed i traktat o krepostima iz kodeksa
Buća, in “Croatica Christiana Periodica”, 35, 2011, n. 6-7, pp. 29-64. Debbo al socio Mario Capaldo la
segnalazione e la fornitura del testo da me citato.
28
Cfr. I. N. Goleniščev-Kutuzov, op.cit., p. 129. E’ strana, a dir vero, questa meraviglia in un uomo di lettere
e soprattutto in un Aldo nipote del grande Aldo, che ben conosceva sia la produzione che la diffusione dei
libri e stampava libri anche per committenti dalmati, tra i quali il Gozze. Ma forse era il modo per mettere in
evidenza l’eccezionalità delle competenze e della personalità dello scrittore, che d’altra parte era stata messa
in evidenza in un foglio di due pagine non numerate indirizzato, presumibilmente dall’editore, „Ai lettori“
con cui si chiude il volume Dello stato delle Repubbliche. In esse infatti si dà l’elenco delle opere dello
scrittore, facendolo precedere da una retorica scusa (un topos modestiae) per le possibili manchevolezze che
il lettore avesse trovato nel volume: „Benignissimi Lettori, se in questi Ragionamenti dello stato delle Rep.
non arriuerà l’autore per auentura oue desiderano gli eleuati ingegni vostri, l’iscusarete, hauendo questa
consideeratione che egli non mai vide le mura di Padoua, ne di Bologna, ne d’alcun’altro studio famoso
fuori della sua patria, fondata sopra vn’alto lido del mare, e sotto l’aspro Monte di Vargato....“.
29
Tra gli autori egli annota, oltre ai classici, Alessandro Piccolomini, il Barone “d’Herbasten” (per
Herberstein), il card. Bembo, Dante Aldigieri (sic), Daniele Barbaro, Francesco Patrizio, il Guicciardini, il
Bodin, Marsilio Ficino, il Poggio, Paolo Giovio, il Sabellico e un inesistente “Tomaso Cromero Polonia”,
che dovrebbe essere Marcin o Martino Kromer. Ma alcuni di questi errori possono anche essere addebitati ai
compositori e correttori della tipografia.
6
nemmeno a Ragusa, e loda i tirannicidi: “D’eterna lode sono stati sempre degni quelli generosi
animi che ammazzavano anticamente i Tiranni e liberavano i popoli dalla dura servitù (p.287).
Evidentemente non gli era ignota la lezione del Poggio ma soprattutto gli era presente, accanto a
quella di Ragusa, la tradizione libertaria di Venezia. Eppure questo era solo un lato degli interessi
dello scrittore, che per il resto spaziava ampiamente nei campi dello scibile e dell’agibile,
accostandosi in questo ad altri scrittori ragusei della sua cerchia o anteriori a lui: Nicolò Sagri
(Sagroević) con i Ragionamenti sopra la varietà de i flussi e riflussi del mare Oceano Occidentale
(1574), Nicolò Nale (Nalješković) con il Dialogo sopra la sfera del mondo (Venezia, Bariletto,
1579) e Michele Monaldi con l’opera apparsa postuma (per volere dell’autore) Irene overo della
bellezza (Venezia, Bariletto, 1599)30.
Questo scorcio del Cinquecento è anche il periodo di massimo splendore della lirica dalmata
in italiano, la quale è viva fin dagli anni Trenta del secolo, ma aveva già dato mostra di sé alla fine
del Quattrocento con la prima raccolta poetica comparsa in Dalmazia: il Canzoniere italiano e latino
dedicato nel 1496 da Paolo Paladini di Lesina (prozio del Francesco Paladini della lite con
l’Ettoreo) all’ultimo aragonese di Napoli, Federico d’Aragona a favore del quale aveva combattuto
come comandante di nave al servizio di Venezia. Il Canzoniere, da me pubblicato31, mostra un
poeta modesto, legato anche alla lettera al Petrarca, e costituisce un primato temporale sulla
comparsa della lirica croata in Dalmazia, che tuttavia vi era già ampiamente coltivata nel secondo
Quattrocento con vena popolare nobilitata da stimoli trovadorici e petrarcheschi.. Nel Cinquecento,
soprattutto nella sua seconda metà, l’italiano è la lingua di gran parte della lirica dalmata del tempo,
in un confronto con quella in croato, di cui è difficile dare un bilancio comparativo. Lo studioso
croato Đ. Körbler che nel 1916 ha dedicato al fenomeno uno studio anche oggi in gran parte valido,
scriveva che “solo per un breve tempo, a quanto sembra, nella seconda metà del XVI secolo, la
poesia italiana a Dubrovnik ha prevalso su quella croata”32. Il fenomeno, analogamente a quanto
visto avvenire nella prosa, abbraccia ugualmente i territori veneziani della Dalmazia e quelli di
Ragusa, ma la traiettoria sembra prendere l’avvio dalla Albania veneta (Cattaro) con le raccolte
poetiche di Giorgio Bisanti (Rime amorose, 1532) e di Ludovico Pascale o Pasquali (Rime volgari,
1549) per culminare a Ragusa, con l’attività poetica di Domenico Ragnina (27 sonetti nel Secondo
libro delle Rime scelte raccolte da Ludovico Dolce, Venezia, Giolito, 1565), Domenico Zlatarić
(varie rime italiane non raccolte in volume), Savino Bobali (Rime amorose, pastorali e satire, Aldo
1589), Michele Monaldi (Rime, ed. postuma, Venezia, Altobello Salicato, 1599), che inoltre fa da
ponte con la sua operosità tra i prosatori e i poeti, e insieme tra gli uomini dell’Accademia degli
Occulti e personaggi più defilati33. A questi poeti - se si prescinde per ora dall’appena scoperto
canzoniere di Speranza Bona - andrebbero aggiunti molti altri dei quali sono arrivati a noi piccoli
resti o qualche testimonianza storica di opere perdute con annunzi di scoperte persesi poi nel vago.
Del valore intrinseco della produzione poetica sopra descritta ho accennato tanti anni fa34: in essa il
petrarchismo è di tipo bembiano, e la raccolta del Bisanti che per prima ne apre la serie (Venezia
1532) è di solo due anni posteriore al canzoniere del Bembo, apparso nel 1530. Ricca è la scelta
30
La edizione comprendeva anche due aggiunte: il Dialogo dell’havere e il Compendio breve della
metafisica, così da figurare in definitiva come una miscellanea di saggi diversi.
31
S. Graciotti, Il petrarchista dalmata Paolo Paladini e il suo canzoniere (1496), Pubblicazioni della
Società Dalmata di Storia Patria, serie II: Studi e testi, fasc. IX, Il Calamo, Roma 2005.
32
Đ. Körbler, Talijansko pjesništvo u Dalmaciji 16. vijeka, napose u Kotoru i Dubrovniku, “Rad JAZU”,
CCXII, 1916, p.65.
33
Il Monaldi, morto nel 1592, sette anni prima della stampa delle sue opere, è stato più giustamente valuto
dalla critica nel secondo dopoguerra e anche negli ultimi anni: cfr. Milica Popović, Il culto della bellezza
nelle poesie italiane di Miho Monaldiević (Michele Monaldi), “Italica Belgradensia”, 1975, I, pp. 201-215;
Ljerka Schiffler-Premec, Miho Monaldi. Ličnost i djelo (“M.M., La persona e l’opera”), Zagreb 1984;
Slobodan P. Novak, Slaveni u Renesansi, Zagreb 2009, nell’ultimo capitolo dal titolo Kriza renesansnih
ideologema u Hrvatskoj (“La crisi degli ideologemi rinascimentali in Croazia”.
34
Vedi Per una tipologia del trilinguismo letterario … cit., pp. 330-336.
7
metrica di tutta questa poesia lirica - sonetti, madrigali, canzoni, sestine, ottave rime e altro - ,
abbastanza ricco il ventaglio tematico alimentato anche da sottofondi autobiografici, non sempre
pedissequamente sterile l’imitazione dei modelli. Alcuni autori come Domenico Ragnina (Dominko
Ranjina) sono stati ripubblicati in Italia e tradotti in Francia 35. Tra tutti va messo al primo posto
Savino Bobali/Bobaljević con le sue Rime amorose, pastorali e satire: un canzoniere che
comprende 254 poesie italiane, al quale fa da pendant altrove un mannello di sue poesie in croato.
Nel 1988 una ampia scelta delle Rime è stata tradotta in croato dall’italianista e saggista letterario
Frano Čale36, che le vede come una delle più alte espressioni della poesia dalmata del tempo,
valutando con questo posiitivamente anche il ruolo avuto in essa dal fattore culturale italiano.
Il caso del Bobali è emblematico, come quello del Gozze, per la tipologia dell’italianismo
della cultura dalmata nel Cinquecento: il Bobali non è mai stato in Italia e tanto meno ha studiato in
Italia, eppure conosce bene letteratura e letterati italiani e domina splendidamente la lingua
(poetica) italiana. E’ un autodidatta, come di lui a volte si legge in saggi anche seri? Sì e no, perché
è stato allievo del curzolano Nicola Petreo, rettore del ginnasio di Ragusa dal 1538 al 1550 prima di
passare a Roma, e comunque egli si forma e opera in un ambiente dove l’elemento culturale
italiano è sempre stato ed era parte fondante. Qualche rapido particolare: nel 1556 era stato
segretario di stato a Ragusa Giambattista Amalteo che fece chiamare poco dopo alla scuola o
ginnasio della città Nascimbene Nascimbeni (1561-1570), seguito poi da Francesco Serdonati; dal
1555 al 1560 è arcivescovo di Ragusa Lodovico Beccadelli, cultore del Petrarca37 e amico (più
giovane) del Bembo; Michele Monaldi, collaboratore del Bobali, veniva da una famiglia di recente
origine italiana (pesarese). Ebbene il Monaldi si firma “cittadino raguseo” e totalmente raguseo è il
Bobali per il quale tuttavia la lingua e la cultura italiana sono respirate con l’atmosfera della classe
superiore della città. Di questa atmosfera è espressione l’Accademia dei Concordi fondata negli
anni 50 dal Bobali con la presenza spirituale del Beccadelli e la collaborazione, nel tempo, del
Monaldi – con la cui morte, nel 1594, l’Accademia cessa nei fatti di esistere -, del Gozze, di
Domenico Ragnina e Domenico Zlatarić, di Marino Darsa, di Marino Caboga, dell’Amalteo, di
Nicola Nale, di Luca Sorgo, e altri minori i cui nomi compaiono nelle poesie che gli accademici si
indirizzavano. L’Accademia dei Concordi è stata la prima accademia comparsa a Ragusa e
funzionava sul modello di quelle italiane, delle quali alcuni ragusei erano già soci38. Gli accademici,
che vi usavano formalmente l’italiano, si adunavano nello splendido palazzo rinascimentale della
Sponza anche oggi esistente (come sede dell’Archivio di Stato) e riflettevano o muovevano nella
loro attività tutta la vita culturale della città39, includendo anche le donne di penna delle quali si
35
Di Domenico Ragnina 16 sonetti compaiono ne Il secondo volume delle Rime scelte da diversi eccellenti
autori, di nuovo corrette e ristampate , a cura di Lodovico Dolce, Venezia, Giolito 1565, e quattro sonetti
sono stati tradotti in francese dall’ “abbé galant et poète de la deuxième génération de la Plèiade” (come lo
chiama il Deanović) Philippe Desportes (cfr. Mirko Deanović, Anciens contacts entre la France et Raguse,
Institut français de Zagreb, Zagreb 1950, p. 125).
36
Frano Čale, Pjesme talijanke Saba Bobaljevića Glušca, cit. L’impresa dello studioso, ardita nei suoi
intenti, ha ottenuto risultati di grande valore: nel cimentarsi con un endecasillabo inconsueto nella tradizione
croata, è riuscito a ridare un convincente (ma quanto è difficile giudicarne !) equivalente semantico e lirico
dei versi italiani, rispettando nel contempo e sforzandosi di riprodurre fedelmente in croato la loro struttura
formale: versi, strofe, accordo di rime.
37
Durante la sua permanenza a Ragusa egli terminò la Vita del Petrarca; ma esiste anche un suo manoscritto
conservato nella Biblioteca Palatina di Parma contenente Notizie storiche delle città di Ragusa e Spalato,
certamente raccolte durante il suo periodo raguseo, di cui purtroppo non so nulla fuori del titolo.
38
Lo stesso Nicola Gozze si denominava, nel frontespizio di alcuni suoi trattati, “dell’Academia degli
Occulti” di Brescia o “Academico Occulto” (anche se in quegli anni la detta Accademia era diventata
inattiva: evidentemente non era stata formalmente disattivata). Nello stesso tempo Marino Caboga, che come
gli altri scriveva anche in italiano, si lodava di essere “dell’Accademia dei Confusi” di Viterbo; e non
occorre ricordare altri, non futili, personaggi, nonostante l’apparente futilità delle sigle accademiche.
39
In uno dei suoi sonetti il Bobali immagina che Epidauro (Ragusa) rivolga “Agli Accademici Concordi” un
saluto nel quale esprime la previsione che la loro gloria andrà per il mondo, ormai non disgiunta da quella
8
ricorda un intero stuolo. Il Monaldi, ad esempio, dedica nelle sue Rime due sonetti alle sorelle
Speranza e Giulia Bona, la quale ultima gli risponde con una ottava rima40. Nulla altro si sapeva
delle sorelle Bona fino al 2006 quando è stata trovata a Siena41 una raccolta a stampa di poesie
edita nel 1569 a proprie spese da Speranza Bona, che associa nel titolo la sorella Vittoria42. A
tutt’oggi risulta essere la prima e l’unica raccolta poetica del Rinascimento di autrice dalmata. E’
difficile dire il valore intrinseco di quelle poesie, tutte di circostanza, variissime di metro e di
intonazione, indirizzate a personaggi ragusei e italiani; ma è indubbio il significato che hanno per il
profilo psicologico e culturale della scrittrice – poi passata a vivere a Manfredonia – le veementi,
assolutamente non femminili pagine della Dedica (una quarantina) contro la “ingrata patria” che
tante ingiustizie aveva riservato alla sua famiglia, in particolare a sé e alle sue sei sorelle, restate per
scelta nubili ma non monacate, come avrebbe voluto il costume della Ragusa del tempo.
Tuttavia la figura femminile che occupa il posto centrale in questa galleria di donne letterate
di Ragusa nel secondo Cinquecento è quella di Flora o Fiore Zuzzeri (in croato Cvijeta Zuzorić,
1552-1649), trasferita undicenne con il padre ad Ancona da dove sarebbe ritornata giovane sposa a
Ragusa, dove abbagliò per la bellezza, oltre che per la cultura. Ma a Ragusa restò solo sei anni
(1577-1583), sembra per i malumori che il suo comportamento di dama rinascimentale aveva
suscitato presso molti. Anche in Italia la Zuzzeri fece nascere amori letterari che non
scandalizzarono nessuno: la cantò il modesto Cesare Simonetti di Fano con un mannello di Rime
stampate con dedica e forse a spese del poeta raguseo Domenico Zlatarić43 che di lei era invaghito,
la cantò il non modesto jetterariamente Torquato Tasso in tre sonetti e cinque madrigali44 a lei
dedicati “ad istanza del signor Giulio Mosti” che era il vero adoratore della Zuzzeri. Ma a Ragusa
la Zuzzeri fu un mito che disturbò anche il governo e che provocò, sembra, anche il suo ritorno ad
Ancona. Le dedica versi italiani Michele Monaldi, che in un sonetto si augura e le augura
(scherzosamente) “che non si mostri altrui superba / sì come suole”45. Dominko Zlatarić – forse il
miglior poeta del secondo petrarchismo croato – la canta in versi italiani e croati46 e le dedica la
della città: “andranno al Borea, all’Austro, agli Indi, ai Mori / i nomi vostri pien di veri onori,/ dai quali
ancora il mio non fia diviso” (in F. Čale, op.cit., p. 256).
40
Si veda il capitoletto dell’op. cit. di A. Bacotich (fasc. 126, p. 225 ss.) intitolato Poetesse di Ragusa, dove
si riportano anche i testi dei due sonetti scritti da Michele Monaldi – scapolo ammiratore del gentil sesso –
Per le Signore Speranza e Giulia di Bona (che descrive mentre passano evocandogli Euterpe e Clio che
vanno lungo le rive del Permesso sacro alle muse) e Alla Signora Giulia di Bona (che vede ancora andare “
di sacrato alloro / cinta le tempie”); l’ottava rima di risposta di Giulia si intitola La Signora Giulia Bona
inferma al Monaldi.
41
La scoperta è del 2006 ed è dovuta al musicologo di Zagabria Ennio Stipčević, che ha trovato il volume,
regolarmente schedato (segn. 111 Q IV), nella Biblioteca Comunale degli Intronati di Siena, dove fino ad
allora non risulta che avesse attirato l’attenzione di alcuno.
42
Il libro, intitolato Difesa de le rime et prose de la signora Speranza et Vittoria di Bona in difesa di suo
honore, et contra quelli, che ricercò farli infamia con sue rime, Ad Instantia de la Signora Speranza Vittoria
di Bona, nella dedica al signore raguseo Michele Luccari porta la data del 4 settembre 1569. Il titolo è
pasticciato, come parte del testo, per colpa dello stampatore, come avverte una nota manoscritta contenente
anche l’errata corrige del testo, che apparirebbe (ma non ne ho la prova documentaria) essere di mano della
autrice. Una qualche luce sull’ opera, ma non sulle vicende della Bona tra Ragusa e Italia, è venuta
dall’articolo di Iva Grgić-Maroević, Speranza di Bona soggetto nomade dell’Adriatico, “Studia Romanica et
Anglica Zagrabiensia”, LIV (Zagreb 2009), pp. 157-168.
43
Rime del signor Cesare Simonetti di Fano, appresso Paolo Magietti (Majetti, Meieto), Padova 1579.
44
Vedi T. Tasso, Rime, a cura di Bruno Basile, Salerno editrice, Roma 1994, I, pp. 368-375 (rime nn. 403410). E’ stato il grande studioso dei rapporti letterari italo-croati Josip Torbarina a identificare le dette poesie
del Tasso in Tassovi soneti i madrigali u čast Cvijete Zuzorić Dubrovkinje, (“I sonetti e madrigali del Tasso
in onore di Flora Zuzzeri ragusea”) “Hrvatsko kolo”, 21, 1940, pp. 69-96.
45
Cfr, A. Bacotich, op.cit., fasc. cit. p. 281: “Questo sì vago e sì gradito Fiore, / c’ebbe la terra, l’onde e i
cieli amici, / Con le sue fortunate alme radici / Dolcemente mi tiene avvinto il core” ecc.
46
Tra i versi italiani da ricordare almeno il sonetto che comincia:“Quel aureo, crespo, inanellato crine / Quei
duo bei lumi, ove tra il bianco e il nero / Amor risiede e tiene il grand’ impero / Di tant’alme leggiadre e
9
traduzione del Piramo e Tisbe ovidiano, oltre che più tardi le Rime del Simonetti (evidentemente
stampate per sua commissione). A lei, già da tempo non più a Ragusa, Nicola Battitorre, nipote del
Monaldi di cui esegue le disposizioni, dedica le Rime di questi uscite postume nel 1599. I due
dialoghi del Gozze del 1581, Dialogo della bellezza detto Antos e Dialogo d’amore detto Antos,
hanno come interlocutrici la moglie del Gozze, Mara Gondola, e Fiore (Anthos appunto) Zuzzeri47.
Ma il punto più significativo della esaltazione della Zuzzeri il Gozze lo esprime nella dedica dei
Discorsis sopra le metheore d’Aristotile che non lui, ma sua moglie Mara fa per lui “Alla non men
bella che virtuosa e gentil donna Fiore Zuzori in Ragugia” dove la dice “fra le bellissime
virtuosissima e fra le virtuosissime bellissima”. Se non che l’encomio è solo prodromo alle due tesi
che nel prosieguo la dedica, con sostegno di autorità letterarie e rigore di argomentazione filosofica,
sostiene: quella che la bellezza è un valore assoluto48 corrispondente alla bontà (una specie di
kalogakathia, ancorata alla coincidenza dei trascendentali, ma che lo scrivente (sulla carta la
scrivente) riporta al Fedro di Platone) e quella che le donne sono perciò più perfette degli uomini
nelle cose dello spirito. Mi sia concesso citare un paio di passi della perorazione della Mara: “la
bellezza del corpo (il quale è vera materia dell’anima nostra) essendo un effetto della proporzione
de gli humori et della loro virtù formatrice, si può sicuramente dire, che l’anima in un corpo così
ben disposto sia più virtuosa nelle sue operationi; onde chiaramente si conosce, che la beltà del
corpo sia segno di quella dell’animo, e non è dubio, che la bellezza del corpo è maggiore nel sesso
nostro, che in quello de gli uomini; dunque sarà maggiore ancor quella dell’animo loro”, “Di più è
cosa chiara che il sesso nostro sia più disposto della mente a ricever le forme intelligibili, che non
sono gli uomini”; per cui “noi siamo perfette nelle lettere speculative, e quasi più che gli uomini, se
bene per lo più quelli ci avanzano nelle armi e ne gli altri negozi attivi… e se vogliamo ceder in
parte a gli uomini, che eglino sono più audaci e più animosi, non però segue ch’essi siano più
perfetti, perché noi siamo più disposte alle cose più perfette, che sono le discipline eccellenti
dell’intelletto, che non sono gli uomini…”49.
La Flora Zuzzeri morì in Ancona ultranovantenne (a „in circa“ 96 anni) nel 164950, quando
da mezzo secolo erano scomparsi i suoi adoratori, ma qualcosa di non effimero aveva lasciato a
Ragusa dove, quando era giovane aveva dato occasione, in quel circolo all’avanguardia che fu per
breve stagione la Accademia dei Concordi con il movimento di gusto e di idee che le fu proprio,
alla esaltazione di un valore che fu fondamentale per la civiltà del Rinascimento: l’idea del bello
come valore assoluto, un trascendentale gemello del buono, e anche in conseguenza di ciò la
rivalutazione – forse non da tutti nemmeno in quel tempo condivisa - della donna come portatrice
privilegiata di quel valore. Ebbene la lingua italiana, anche qui, ha fatto la sua parte: come abbiamo
già osservato nel caso del Bobali, anche in questo caso del Gozze, era la lingua di uomini che non
erano mai stati in Italia e che perciò più degli altri hanno mostrato con la loro opera la profondità
pellegrine / Mi dipinge talor ecc…” (Djela Dominka Zlatarića, vol, XXI di Stari pisci JAZU, Zagreb 1899) .
Per quelli croati vedere quanto ne dice un vecchio molto fine apprezzatore del bel verso, Milorad Medini, in
Povjest hrvatske književnosti u Dalmaciji i Dubrovniku, I, XVI stoljće, Zagreb 1902, pp. 198-200.
47
Dei due, peraltro, il primo, sulla bellezza, è dedicato alla sorella di Fiore, Niche, che viveva in Ancona, e il
secondo, sull’amore, alla stessa Fiora.
48
E’ sostanzialmente l’idea che guida anche il trattato del Monaldi Irene della bellezza. Sul Monaldi si può
vedere in italiano un articolo di qualche utilità della serba Milica Popović, Il culto della bellezza nelle poesie
italiane di Miho Monaldović (Michele Monaldi), “Italica Belgradensia”, 1975, n.1, pp. 201-215.
49
La dedica, datata “Di Raugia, alli 27. Marcio 1585”, è di 13 pagine non numerate.
50
E’ una notizia che prendo da una pubblicazione recente di carattere divulgativo della Provincia di Ancona,
firmata Claudia Boccolini, Flora Zuzzeri in Ancona, Ancona 2007, p. 63, dove è riportata, in fotocopia,
l’annotazione parrocchiale della sua morte: “La signora Fiora Zuzzara morse di Anni 96 in circa sotto la
Parrocchia di San Pietro, fu sepolta a San Francesco Ad alto Adi primo dicembre 1648”. La chiesa di San
Francesco ad Alto è una vecchia chiesa dei frati minori con un complesso conventuale soppresso e oggi da
tempo funzionante come distretto militare.
10
del radicamento di quella lingua in terra dalmata e insieme la sua raggiunta autonomia – anche se
non indipendenza - rispetto alla terra di origine.
11
Fly UP