...

Conoscere la penna

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

Conoscere la penna
20
I RUDIMENTI
CONOSCERE LA PENNA
Conoscere la penna
Un pennino a punta tronca può realizzare linee di spessore variabile, a seconda
dell'angolazione rispetto alla linea di scrittura e alla direzione del movimento. Il
pennino sottile e flessibile usato per scritture Copperplate e Spencerian dipende
esclusivamente dai cambiamenti di pressione. In entrambi i casi val la pena investire
un po' di tempo per prendere confidenza con lo strumento e il suo funzionamento.
ASSEMBLARE UNA PENNA CON PENNINO A PUNTA TRONCA
Le tre componenti di una penna sono facili da assemblare. La cannuccia e il serbatoio si adattano
a qualsiasi pennino, anche se è più comodo tenere pronte all'uso penne con pennini di varie
dimensioni. Pennini Speedball, Brause e a punta fine vengono inseriti semplicemente nella
cannuccia come il pennino Roundhand a punta tronca in figura 1. I pennini nuovi possono hanno
un rivestimento protettivo che si elimina passandoli sulla fiamma di un accendino.
TENERE UNA PENNA CON PUNTA
TRONCA
Tenete l'impugnatura con pollice e indice vicino
al pennino. Tutta la punta del pennino dovrà
essere in contatto con la carta; provate a fare
un tratto grosso, poi fate scorrere il pennino
verso l'alto per ottenere un tratto sottile.
TENERE UNA PENNA CON PUNTA FINE
Una penna Copperplate va tenuta in modo
diverso, dato che lo spessore si ottiene
unicamente variando la pressione. Tenete il
pennino in linea con l'inclinazione della
scrittura. La penna a gomito (in figura) è fatta
per aiutare i destrimani ad aumentare la
torsione verso destra; tenete la penna con il
manico rivolto verso il petto.
TENERE UN PENNELLO PIATTO
Tenete il pennello quasi perpendicolare alla
superficie di scrittura (meglio se in piano o in
leggera pendenza), in modo da realizzare i
caratteri col bordo del pennello. Tenete il
pennello con il pollice da un lato e le prime due
dita sull'altro. In questo modo sarà più facile
“ruotare” il pennello per i manipulated strokes.
Il movimento dovrà coinvolgere tutta la mano e
non solo le dita.
MANCINI
1 Infilate il pennino nella cannuccia in modo
che sia ben saldo e non si muova. All'interno
dell'apertura della cannuccia ci sono graffe in
metallo che tengono il pennino in posizione.
4 La posizione corretta del serbatoio, che tocca
appena la parte inferiore del pennino.
2 I serbatoi nuovi vanno regolati per adattarli al
pennino: se sono troppo stretti possono
ostacolare il flusso d'inchiostro e perfino far
accavallare le punte; se troppo larghi non
controlleranno il flusso d'inchiostro (e
potrebbero staccarsi). Le spallette del serbatoio
si possono chiudere o aprire leggermente con
una piccola pinza.
5 Pulite il pennino immergendolo in acqua con
l'aggiunta di una goccia di detersivo per piatti.
3 Infilate il serbatoio sotto il pennino in modo
che la punta del primo tocchi il pennino ma
rimanga indietro di circa 3 mm.
6 Asciugatelo su un pezzo di carta assorbente.
Di tanto in tanto smontate la penna e pulite
bene il pennino con uno spazzolino da denti.
I mancini hanno sviluppano un
proprio metodo di scrittura
ed è difficile modificare
il modo in cui si è abituati
a tenere la penna. Per la
calligrafia è consigliata la
posizione a tre dita in sella
palmare, ma qui trovate due
alternative: sperimentate e
provate anche un pennino per
mancini (vedete p. 11). Provate
anche a ruotare leggermente
la carta verso destra per
aiutarvi. Fatevi coraggio: molti
calligrafi professionisti sono
mancini e molti problemi sono
comuni a tutti i principianti,
a prescindere dalla mano che
utilizzano.
Impugnatura a tre dita in sella
palmare
Ruotate il più possibile la mano
sinistra all'altezza del polso per
appoggiare il pennino sulla carta
con l'angolazione corretta. Può
aiutare inclinare la carta verso
destra. Posizionate la carta
leggermente a sinistra rispetto al
corpo per favorire un movimento
libero del braccio e scrivete in
questa posizione.
Posizione a uncino
Posizionate la mano sopra la linea
di scrittura in una posizione a
uncino, piegando il polso verso il
basso. Poi, dopo aver posizionato
il pennino sulla carta
nell'angolazione desiderata,
muovetelo nella direzione del
tratto. Può aiutare inclinare
leggermente la carta verso destra.
Posizione verticale
Posizionate la carta a 90° e
lavorate dall'alto verso il basso
invece che da sinistra a destra. In
questo modo potrete realizzare i
tratti come i destrimani, ma
l'angolazione insolita può rendere
difficile valutare le lettere in fase
di scrittura.
21
LE SCRITTURE
RUSTICA
6 gradi calligrafici
CLIP 2
Rustica
http://qr.quartobooks.
com/cask/clip2.html
Altezza della x
48
Rustica
Cominciate il tratto
a 55º, ruotate il
pennino in senso
antiorario per portare
l'inclinazione a 80º
Più alta di una “E”
2
2
2
1
1
1
1
2
Spingete
verso l'alto
2
1
3
3
3
1
3
2
1
1
Ruotate la penna
alla base
1
1
1
2
2
2
1
2
2
1
1
1
1
1
2
3
2
2
3
3
1
1
1
2
3
2
2
Spingete
verso l'alto
nell'angolo a
destra
2
3
2
1
3
2
Il primo tratto
costituisce il centro
della lettera
2
2
1
1
Riempite
3
Barra a rombo
1
Date l'ultimo
tocco con l'angolo
del pennino
Usate l'angolo del pennino
per il tratto pieno
Barra alta
4
3
3
2
1
1
2
49
116
LE SCRITTURE
COPPERPLATE MINUSCOLA
POSIZIONE
DELLA PENNA
PEN POSITION
Struttura di base
mantenendo il ritmo. L'equilibrio tra pressione
e rilascio è determinante per questa scrittura,
come pure mantenere le diramazioni regolari
a metà del tratto. Dato che il pennino è
monolinea, non c'è un'altezza fissa per questa
scrittura. Tracciate semplicemente le linee alla
larghezza richiesta e correggete i tratti
discendenti per ottenere il peso desiderato.
Le proporzioni ideali sono: ascendente 3;
altezza della x 2; discendente 3. In pratica
questo significa che ascendenti e discendenti
sono pari a una volta e mezza l'altezza della x.
La penna andrà tenuta sempre a 54º. Serve
tempo per padroneggiare il Copperplate e
non è certo la scrittura migliore per i
principianti. Meglio essere esperti nell'italica
prima di cimentarsi in questo stile.
1 Come primo tratto realizzate una curva
dolce verso l'interno che non arrivi alla linea
superiore.
2 Create la forma di un ovale, facendo
attenzione che non risulti troppo rotondo.
3 L'ultimo tratto dovrà interrompersi a metà
altezza della x.
1 Cominciate con un occhiello ovale in alto.
Applicate pressione per il tratto spesso, poi
rilasciate per l'occhiello sottile di sinistra, che
prosegue verso l'alto a incrociare il tratto
spesso.
2 Portate il tratto sottile fino alla linea
dell'altezza della x, poi su e di nuovo giù, a
toccare il tratto spesso a metà altezza, e quindi
fino alla linea di base, terminando con un tratto
leggero verso l'alto.
Anche se questa scrittura deriva dall'italica
(pp. 100–105), nell'esecuzione è più vicina alla
grafia corsiva “usuale”. Le lettere sono piccole
e la spaziatura uniforme. Ogni lettera viene
introdotta da un tratto della precedente e, a
sua volta, si lega alla successiva. È importante
scegliere un pennino che non sia né troppo
rigido né troppo flessibile in modo che vi si
possa applicare pressione con delicatezza e
Pennino a 54°
IN DETTAGLIO
1 Senza esercitare pressione sul pennino,
realizzate il primo tratto fino alla linea
dell'altezza della x.
2 Sempre senza esercitare pressione sul
pennino, eseguite una curva verso destra e
verso l'alto fino alla linea dell'ascendente. A
questo punto applicate pressione scendendo
fino alla linea di base.
3 Lo spazio bianco tra il tratto discendente
dell'ascendente e questo tratto discendente
dev'essere pari a quello interno alle lettere
“m,” “n,” “p” e “u.”
1 Come primo tratto realizzate una curva
dolce verso l'interno che non arrivi alla linea
superiore.
2 Create un tratto spesso uniforme applicando
una pressione costante per tutta la lunghezza.
3 Lo spazio bianco interno deve ricalcare
quello delle lettere “h,” “m,” “n” e “u.”
CONTINUA
117
176
LE SCRITTURE
Struttura di base
La dimensione del rettangolo e le doppie
linee che formano le lettere sono ben
proporzionate qui, ma sono solo un punto di
partenza e possono essere modificate.
Queste lettere sono basate sulle forme
dell'onciale (pp. 54–61) e vengono prima
disegnate a matita, il che consente di
apportare cambiamenti. Una volta che il
disegno è completo e il contorno è stato
ricalcato con un rapidograph, la matita si può
cancellare. Lo scopo è creare tavole di lettere
intrecciate e per questo si procede un po' per
tentativi. Le lettere possono sovrapporsi,
avere in comune tratti o essere collegate
muovendosi con naturalezza sulla pagina. Il
bordo che circonda il lettering può seguire un
percorso distinto o diventare parte dei
caratteri, ma può anche non esserci.
L'equilibrio tra le linee e lo spazio negativo
che le circonda rappresenta per il lettore un
interessante enigma. Quest'equilibrio può
essere alterato.
Testo ornamentale da Vangelo
di S. Marco nel Libro di Kells;
irlandese, fine VIII secolo
La lettera iniziale, riccamente
ornata, è una complessa
decorazione a nodi che
introduce bande di caratteri
Angular in stile runico e lo
spazio tra le lettere dai colori
vivaci, tipici del periodo.
IN DETTAGLIO
1 Usando una matita appuntita, cominciate dal
tratto verticale, che è leggermente più largo in
cima e sul fondo che al centro. Disegnate prima
la forma interna dell'arco, poi aggiungete
l'esterno.
2 Quando siete soddisfatti della forma della
lettera, ricalcate il contorno con un
rapidograph. (Se utilizzerete un medium a base
d'acqua, assicuratevi di usare un rapidograph
impermeabile o inchiostro da disegno.)
3 Completate la lettera.
1 Usando una matita appuntita, disegnate la
forma esterna della lettera utilizzando l'intera
larghezza del rettangolo. L'inizio e la fine del
tratto dovranno essere leggermente più larghi
dell'asta.
2 Ricalcate il contorno col rapidograph. Le
curve in genere sono più facili da disegnare se
si ruota il foglio.
3 Completate la lettera.
1 Usando una matita appuntita, discegnate la
grazia e il discendente seguiti dalla forma
interna dell'arco, poi aggiungete le linee
esterne.
2 Ricalcate il contorno col rapidograph.
3 Completate la lettera.
1 Usando una matita appuntita, cominciate col
tratto verticale, che è leggermente più largo in
cima e sul fondo. Disegnate la gamba della
lettera fino al bordo del rettangolo. Disegnate
l'interno dell'occhio.
2 Ricalcate il contorno col rapidograph.
3 Completate la lettera.
CONTINUA
180
SCRITTURA ARABA
LE SCRITTURE
Scrittura araba
Sebbene le scritture arabe siano basate su su
un sistema diverso rispetto all'alfabeto
latino usato in occidente, e siano anche
scritte al contrario, la scrittura d'ispirazione
araba presentata qui è stata sviluppata in
modo da poter essere usata con l'alfabeto
occidentale, pur mantenendo caratteristiche
che le conferiscono un sapore orientale.
Sviluppare una scrittura può essere un processo
impegnativo, che richiede di fare ricorso a tutta la vostra
esperienza e intuizione come calligrafi, ma è, in definitiva,
molto gratificante. Nello sviluppo di questa scrittura la
natura del soggetto è stata una delle fonti d'ispirazione.
Per la leggenda beduina de “Il Cavallo” si sarebbe
potuto utilizzare un'italica piena di svolazzi e magari linee
sinuose per rappresentare la natura ondulata della
sabbia del deserto. Un approccio meno letterale e meno
complesso, tuttavia, sarebbe esaminare fonti originali
per trarne idee creative: per la versione de “Il Cavallo”
nella pagina accanto, l'ispirazione è stata data dal
lettering dei manoscritti arabi.
Pennino a 45°
Linea di testa
Occhio aperto
Questa “a” è stata realizzata con
un solo tratto che comincia
appena sotto la linea di testa,
formando un arco. Poi si ruota la
penna sull'angolo sinistro,
creando un secondo arco con un
movimento da destra a sinistra.
L'occhio viene lasciato aperto.
1
Linea di base
2
Ascendente alto
Col primo tratto si crea l'asta
curva della “d”. Il secondo tratto
curva da una distanza di 4,5
gradi calligrafici sopra la linea di
testa fino a incontrare la fine del
primo tratto.
Inclinazione
lettera 3°
Linea di testa
1
Questa interpretazione
Per la scrittura d'ispirazione araba presentata qui, i tratti
sono realizzati tenendo la penna con un'angolazione
molto pronunciata e con alcuni guizzi sulle terminazioni
anziché vere e proprie grazie. Può essere di grande aiuto
usare un album per schizzi per riprodurre, registrare e
organizzare idee e fonti.
Chamber of the Sun ("Camera del sole"), Sasan Nasernia
Sperimentare con le scritture non è prerogativa esclusiva dei
calligrafi occidentali, come dimostra questo splendido lavoro.
A volte è possibile apprezzare la fantasia e la tensione di
un'opera senza necessariamente essere in grado di capire ciò
che dice. Visivamente, quest'opera lavora su piani diversi, coi
caratteri bianchi in primo piano e il livello scuro e l'ombra
dietro. [Acrilico su tela]
Linea di base
Bilanciare il piccolo occhiello
Per prendere a prestito un termine
tipografico inglese, questa lettera si
basa su una "g" double-story
(looptail), ovvero con la
discendente chiusa a formare un
occhio (contrapposta alla "singlestory", che ha la discendente
aperta). L'occhiello della lettera è
piccolo e occupa solo metà
dell'altezza della x. Il primo tratto
ha la forma di una “s” ampia e
termina sotto la linea di base. Il
secondo comincia a sinistra del
primo e si sposta da sinistra a
destra per unirsi al primo. L'occhio
della “g” si crea col terzo tratto. Un
piccolo apice terminale a orecchio,
da sinistra a destra, per il tratto 4
bilancia la lettera.
4
Linea di
testa
3
1
Linea di base
2
The Horse ("Il Cavallo"), Vivien Lunniss
Questa scrittura è stata concepita appositamente per
scrivere la leggenda beduina, dal momento che quelle
occidentali non erano adatte dal punto di vista estetico. Non
sono state copiate le lettere arabe: l'intenzione era coglierne
l'essenza usando ascendenti alti tracciati con un'angolazione
della penna molto pronunciata e tirare fuori tratti orizzontali
e forme astratte adattabili alle lettere occidentali. [Inchiostro
di mallo di noce, pennini metallici su carta Khadi]
Pagina da un'edizione araba del 1224 del De Materia
Medica del medico, farmacologo e botanico greco
Pedanius Dioscorides (40–90 d.C.)
Le scritture arabe sono tracciate da destra a sinistra e
hanno diverse forme, proprio come il lettering
occidentale. Come trattato scientifico, questo libro è
stato scritto in uno stile funzionale e leggibile per la
consultazione.
181
Fly UP