...

Chiarimento sul ricongiungimento familiare per titolari di permesso

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Chiarimento sul ricongiungimento familiare per titolari di permesso
Relazione: “Condizioni di soggiorno e lavoro dei richiedenti asilo e titolari di
protezione internazionale con particolare riferimento a coloro che rientrano nell’Emergenza
Nord Africa”.
Relatore Avv. Marco Ugo Melano
Torino 27.3.2013
Precisazioni in ordine alla possibilità o meno di richiedere il ricongiungimento familiare da
parte del titolare di permesso di soggiorno umanitario.
Durante la chiacchierata del 27 marzo avevo affermato, in modo frettoloso, mentre andavo ad
elencare i diritti del titolare di tale protezione, la possibilità da parte del titolare di permesso per
motivi umanitari di ottenere il ricongiungimento familiare, in favore dei familiari indicati nell’art.
29 del testo unico immigrazione, al pari del titolare della protezione sussidiaria.
A seguito di un approfondito e necessario studio a proposito di tale questione vorrei ricostruire
meglio la fattispecie: l’art. 28 del T.U. effettivamente non indica i titolari del permesso umanitario
tra i destinatari della possibilità di chiedere il ricongiungimento, mentre l’art. 29, comma 10 del
medesimo testo unico esclude il ricongiungimento per i titolari di permesso di soggiorno per motivi
umanitari di cui all’art. 5, co. 6 del T.U. . Di conseguenza, ai sensi del menzionato testo unico, il
titolare di permesso umanitario non potrebbe richiedere il ricongiungimento familiare.
In seguito, invero, dell’entrata in vigore del D.Lgs. 251/07 (contenente norme minime
sull’attribuzione, a cittadini di paesi terzi o apolidi, della qualifica di rifugiato di persona altrimenti
bisognosa di protezione internazionale, nonché norme minime sul contenuto della protezione
riconosciuta) il diritto al ricongiungimento è stato esteso ai titolari di permesso di soggiorno per
protezione sussidiaria e ai titolari del permesso di soggiorno per motivi umanitari, di cui all’art. 5
co. 6 T.U. in ragione delle previsioni contenute nell’articolo 22 e nell’articolo 34, comma 4 e 5 del
D.Lgs. 251/07. Ai sensi dell’art. 22, infatti, lo straniero ammesso alla protezione sussidiaria ha
diritto al ricongiungimento familiare ai sensi e alle condizioni previste dall’art. 29 del testo unico,
mentre ai sensi del comma 4 dell'art. 34 allo straniero con permesso di soggiorno umanitario di cui
all'art. 5, comma 6, del T.U.I., rilasciato dalla questura prima dell'entrata in vigore del D.Lgs.
251/07 su richiesta dell'organo di esame dell'istanza di riconoscimento dello status di rifugiato, è
rilasciato, al momento del rinnovo di tale permesso, il permesso non più per motivi umanitario
(tipologia che dovrebbe andare a scomparire), ma per protezione sussidiaria di cui al presente
decreto. Ai sensi del comma 5, infine, ai titolari del permesso di soggiorno umanitario di cui al
comma 4, sono riconosciuti i medesimi diritti stabiliti dal presente decreto a favore dei titolari dello
status di protezione sussidiaria.
Con Circolare n. 1092 del 5 marzo 2008 il Ministero dell'Interno ha sancito, nell'ottica di un
graduale superamento della fattispecie del rilascio di permesso per ragioni umanitarie, a seguito
della decisione delle commissioni territoriali, (smentito in seguito dall'art.32, comma 3 del D.
Lgs.25/08) che il nulla osta al ricongiungimento familiare possa essere rilasciato anche ai possessori
di permesso di soggiorno per motivi umanitari, prima della conversione del titolo di soggiorno in
protezione sussidiaria.
A seguito dell'entrata in vigore della normativa speciale sopravvenuta menzionata in materia di
protezione internazionale, la dottrina ha sostenuto la possibilità che il nulla osta al
ricongiungimento familiare possa essere rilasciato anche ai possessori di permesso di soggiorno per
motivi umanitari tout court, poiché tale forma di permesso di soggiorno, nell'ordinamento italiano
non è progressivamente sparito, sostituito dalla protezione sussidiaria (come forse era nell'ottica del
decreto legislativo 251/07), ma il successivo decreto legislativo (avente a oggetto le procedure in
materia di protezione internazionale), all'art. 32, co. 3, oltre al riconoscimento dello status di
rifugiato e dello status di protezione sussidiaria, prevede, nell'ordinamento italiano, una terza
possibilità per la Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale nei
confronti del richiedente tale protezione, ovvero riconoscere la sussistenza di gravi motivi di
carattere umanitario: in tale caso, la commissione trasmette gli atti, ai sensi dell'articolo 5, co. 6 del
decreto legislativo 286 alla questura ai fini del rilascio di tale permesso.
Ma vi è di più, a seguito dell'intervento delle Sezione Unite della Corte di Cassazione, (sentenza n.
19393/09), si è affermato che la situazione giuridica dello straniero che richiede il rilascio di
permesso per ragioni umanitarie ha consistenza di un vero e proprio diritto soggettivo da annoverare
tra i diritti umani fondamentali (in quanto attiene alla vita e all'incolumità fisica della persona),
costituzionalmente protetto, costituendo una delle forme di realizzazione del diritto di asilo previsto
dall'art. 10, comma 3 Cost., come tale oggetto di protezione alla stregua degli obblighi
internazionali (Convenzione di Ginevra del 1951 e CEDU). La Suprema Corte ha affermato, quindi,
l''identità di natura giuridica del diritto alla protezione umanitaria, del diritto allo status di rifugiato
e del diritto costituzionale di asilo, in quanto situazioni tutte riconducili alla categoria dei diritti
umani fondamentali.
Ritiene, quindi, la dottrina che non vi siano motivi, a seguito dell'entrata in vigore della nuova
normativa in materia (successiva all'entrata in vigore del decreto legislativo 286/98, il quale
disciplina anche la procedura del ricongiungimento familiare) - rimanendo tuttora la protezione
umanitaria uno status che può essere riconosciuto residualmente dalle commissioni territoriali per discriminare dal rilascio del nulla osta al ricongiungimento familiare il titolare di permesso
umanitario.
Si ricorda che, già in precedenza, il Tribunale di Firenze, con sentenza del 2.7.2005, aveva
affermato che sarebbe “non ragionevole e fonte di conseguenze discriminatorie riconoscere il
diritto al ricongiungimento familiare allo straniero titolare del permesso di soggiorno rilasciato
per lavoro subordinato o autonomo e negarlo, al contrario, per lo straniero in possesso di un
permesso di soggiorno per motivi umanitari. Un trattamento giuridico differenziato non sarebbe
costituzionalmente legittimo”. Non sono a conoscenza di ulteriori sentenze in materia, né
favorevoli, né contrarie all'interpretazione citata.
Da ultimo, per completezza, il sito dello Sportello Unico per l'immigrazione della Prefettura di
Genova, afferma la possibilità per il titolare di permesso di soggiorno per ragioni umanitarie, di
durata non inferiore a un anno, di richiedere il ricongiungimento familiare.
A mio modesto parere, la questione rimane tuttora aperta.
Torino, 14 aprile 2013
Avv. Marco Ugo Melano
Fly UP