...

Strade e traffico 2009 - Bundesamt für Strassen (ASTRA)

by user

on
Category: Documents
8

views

Report

Comments

Transcript

Strade e traffico 2009 - Bundesamt für Strassen (ASTRA)
Indice
Pagina
Compiti dell'USTRA
Strade nazionali e cantieri Sviluppo della rete delle strade nazionali
2
3
Eliminazione dei problemi di capacità
4
Classificazione delle strade nazionali
5
Cartina rete delle strade nazionali definitiva
6
Aperture al traffico 2009 – 2013
7
Gallerie ubicate su strade nazionali
8
Centro di intervento del San Gottardo
9
Lunghezze totali secondo i tipi di strade
10
2,154 miliardi per la costruzione, la sistemazione e la manutenzione
11
Grandi cantieri sulla rete delle strade nazionali
12
I grandi cantieri di manutenzione sulla rete delle strade nazionali 2009
13–15
Servizio invernale
16
Strade europee attraverso la Svizzera
17
Finanziamento Spese e introiti in relazione al settore stradale
Finanziamento
Traffico pesante Centro di controllo del traffico pesante a Ripshausen
Flussi e gestione del traffico Flussi di traffico sulla rete delle strade nazionali nel 2008
18–19
20
21
22
Volume di traffico sulle strade nazionali nel 2008
23
Traffico merci attraverso le Alpi 2008
24
Evoluzione delle colonne sulle strade nazionali
25
Equipaggiamento dei tratti stradali per la futura gestione del traffico
Programmi d'agglomerato – pianificazione coordinata di insediamenti e trasporti
Circolazione stradale e veicoli Nuove disposizioni in materia di circolazione stradale
26–27
28
29
Maggiore sicurezza sulle strade Svizzera
30
Principali misure per il miglioramento della sicurezza stradale
31
Lieve aumento delle revoche di patenti nel 2008
32
Veicoli stradali nuovi immatricolati
33
Parco automobili e parco motoveicoli in Svizzera nel 2008
34
Grado di motorizzazione in Europa e in Svizzera
35
Informazioni amministrative Uffici cantonali della circolazione
36
Polizie cantonali
37
Indirizzi e coordinate USTRA
38
2008/2009
2
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
COMPITI DELL'USTRA
L'Ufficio federale delle strade
(USTRA) è l'autorità svizzera competente in materia di infrastruttura
stradale e traffico stradale privato.
Dal 1° gennaio 2008, data dell'entrata in vigore della nuova impostazione della perequazione finanziaria e della ripartizione dei compiti
tra Confederazione e Cantoni (NPC), il suo campo di attività si è considerevolmente
ampliato. In effetti, l’USTRA assume ora le funzioni di committente e gestore della
rete delle strade nazionali. Parte integrante del Dipartimento federale dell'ambiente,
dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC), l'Ufficio è impegnato nella
realizzazione di una mobilità sostenibile e sicura sulla strada.
L’Ufficio persegue in particolare gli obiettivi seguenti:
a) completare la costruzione e garantire il mantenimento di una rete di strade nazionali
sicura, economica ed efficiente;
b) garantire la funzionalità della rete delle strade nazionali e la sua integrazione nella
rete stradale transeuropea;
Strade nazionali e cantieri
3
SVILUPPO DELLA RETE
DELLE STRADE NAZIONALI – ADEGUAMENTO
DEL DECRETO CONCERNENTE LA RETE
Nel 2008 il Consiglio federale ha
indetto una consultazione sull'adeguamento del decreto federale concernente la rete delle strade nazionali proponendo di aggiungere alla
rete circa 400 chilometri di strade
già esistenti. I tratti che saranno
inseriti nella rete delle strade
nazionali diventeranno di proprietà della Confederazione, la quale sarà competente
anche della manutenzione e dell'esercizio. La Confederazione vuole così assicurarsi
che tutte le regioni del Paese siano accessibili attraverso strade nazionali.
L'intera rete delle strade nazionali è stata riesaminata nel
dettaglio essenzialmente per due ragioni. Da un lato in
quanto l'attuale tracciato della rete viaria nazionale, definito
essenzialmente nel decreto del 1960, non risponde più completamente ai bisogni attuali e futuri. E dall'altro, in quanto
nel corso dell'ultimo decennio, in Parlamento sono stati depositati oltre trenta interventi aventi per oggetto l'inserimento
di strade cantonali nella rete viaria nazionale.
c) garantire a persone e veicoli l’accesso alla circolazione stradale;
d) migliorare la sicurezza di tutti gli utenti e veicoli nella circolazione stradale;
e) ridurre l’inquinamento dovuto alla circolazione stradale.
A tal fine, l’Ufficio svolge le funzioni seguenti:
a) predispone e applica le decisioni per una politica coerente nel settore del traffico
stradale, compreso il trasporto di merci su strada e la sicurezza a livello nazionale e
internazionale. Tali decisioni concernono in particolare:
• la costruzione, la manutenzione e l’esercizio delle strade nazionali;
• l’esecuzione della regolamentazione relativa all’impiego della quota dell’imposta
sugli oli minerali destinata al traffico stradale;
• le esigenze imposte ai veicoli e alle persone nel traffico stradale, il comportamento nel traffico stradale, i percorsi pedonali e i sentieri, le piste ciclabili e le vie
di comunicazione storiche (traffico lento);
b) esercita l’alta vigilanza sulle strade d’importanza nazionale;
c) istruisce ricorsi su cui decide il Consiglio federale contro misure locali concernenti la
circolazione stradale.
2008/2009
Requisiti delle nuove strade nazionali
In base agli obiettivi della Confederazione in materia di
politica dei trasporti, politica regionale e ordinamento del
territorio, il Consiglio federale ha stabilito una serie di «criteri funzionali» nel Piano settoriale dei trasporti, approvato il
26 aprile 2006. La futura rete viaria d'importanza nazionale
dovrà:
• garantire il passaggio del traffico di transito internazionale;
• collegare la Svizzera all'estero;
• collegare fra loro gli agglomerati svizzeri;
• collegare fra loro le grandi regioni turistiche e i capoluoghi
cantonali.
Il Governo ha così posto le basi per una definizione coerente della rete delle strade nazionali che si concretizza ora
con l'adeguamento del relativo decreto. Se approvate, queste
modifiche consentiranno di integrare circa 400 chilometri di
strade cantonali nella rete delle strade nazionali.
Il Consiglio federale sottoporrà al Parlamento un messaggio in merito probabilmente nel 2010.
Modifiche previste alla rete delle strade nazionali
Il nuovo decreto concernente la rete prevede di inserire
nella rete delle strade nazionali i tratti stradali seguenti (già
esistenti):
H21, Martigny – Gran San Bernardo
H15, Sciaffusa – Thayngen
H6, Berna/Schönbühl – Bienne
H20, Neuchâtel – Le Locle – Col des Roches
H223, Spiez – Kandersteg
H509, Goppenstein – Gampel
H338, (Hirzel) Baar – Wädenswil
H394, Mendrisio – Stabio/Gaggiolo
H406, H13, Bellinzona – Locarno
H13, Kreuzlingen – Meggenhus
semiautostrada cantonale A53, Brüttisellen – Wetzikon – Rüti
semiautostrada cantonale A53, Rüti ZH – Reichenburg
H8, San Gallo – Winkeln – Appenzello
H18, Delémont Est – Hagnau
H17, Niederurnen – Glarona
H2, Pratteln – Liestal
H5, Aarau – Aarau est
H417, H3, Thusis – Silvaplana
H10, Thielle – Morat
Non sono ancora tenuti in considerazione gli eventuali
adeguamenti relativi agli agglomerati di Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lugano, Lucerna, San Gallo, Winterthur e
Zurigo. Queste modifiche saranno effettuate in un secondo
tempo nel quadro dei messaggi programmatici concernenti il
traffico d'agglomerato e l'eliminazione dei problemi di capacità sulle strade nazionali.
Il tratto della strada nazionale N4 tra Sciaffusa e Bargen
sarà declassato a strada della rete complementare in quanto
non soddisfa più i «criteri funzionali».
2008/2009
Strade nazionali e cantieri
4
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
ELIMINAZIONE
DEI PROBLEMI DI
CAPACITÀ
Tra il 1960 e il 2004, il traffico privato sulle strade svizzere è quintuplicato e nel periodo 2000-2030 si
prevede una sua ulteriore progressione del 15-30 per cento. L'aumento del traffico comporta sempre
più la formazione di colonne lungo i
tratti stradali più trafficati, specialmente negli agglomerati. Nei prossimi 20 anni dovranno pertanto essere investiti 5,5
miliardi di franchi per porre fine a queste insufficienze di capacità della rete.
L'Ufficio federale delle strade (USTRA) ha svolto degli studi
per stabilire su quali tratti congestionati la realizzazione di
ulteriori corsie di marcia potrebbe risolvere i problemi di
capacità esistenti o previsti. Quanto emerso da queste analisi
è poi stato fatto confluire nel programma per l'eliminazione
dei problemi di capacità sulle strade nazionali, posto in consultazione dal Consiglio federale alla fine del 2008. Nel documento sono indicati i tratti viari che in futuro non saranno
più in grado di far fronte in modo accettabile al volume di
traffico e presenta un programma con possibili provvedimenti
di natura edile.
Poiché i problemi di capacità più gravi riguarderanno le
grandi città e gli agglomerati, in queste aree è di fondamentale importanza che la rete delle strade nazionali sia funzionale, in modo da essere in grado di assorbire buona parte del
traffico di destinazione, di origine e interno contribuendo
così a decongestionare le reti viarie all'interno dei centri
urbani.
Per risolvere tutti i problemi di capacità previsti sarebbe
necessario investire complessivamente 15 miliardi di franchi.
Dato che i fondi a disposizione sono inferiori (5,5 mia.), è
inevitabile stabilire delle priorità tra i progetti.
In una prima fase si intendono investire 1,58 miliardi per
progetti la cui pianificazione è in fase avanzata e che saranno
presumibilmente pronti per la realizzazione nel corso dei
prossimi 4 anni. Si tratta segnatamente dei progetti:
• goulet d'étranglement de Crissier (A1);
• ampliamento a 6 corsie del tratto Härkingen – Wiggertal
(A1)
• ampliamento a 6 corsie circonvallazione nord di Zurigo
(A1)
• ampliamento a 6 corsie del tratto Blegi – Rütihof (A4, Cantone di Zugo).
Alla luce della situazione attuale, altri otto progetti, la cui
realizzazione è assai impellente, dovrebbero concretizzarsi in
una seconda fase attraverso i restanti mezzi finanziari del
fondo infrastrutturale destinati all'eliminazione dei problemi
di capacità sulle strade nazionali:
• ampliamento a 6 corsie del tratto Le Vengeron–Coppet(A1)
2008/2009
5
CLASSIFICAZIONE DELLE
STRADE
NAZIONALI
• ampliamento a 8 corsie del tratto Weyermannshaus – Wankdorf (A1)
• ampliamento a 8 corsie del tratto Wankdorf – Schönbühl
(A1/A6)
• ampliamento a 6 corsie del tratto Wankdorf – Muri con circonvallazione urbana est corta (A6)
• ampliamento a 6 corsie del tratto Luterbach – Härkingen
(A1)
• ampliamento a 6 corsie circonvallazione di Winterthur
(A1)
• ampliamento a 4 corsie del tratto Andelfingen – Winterthur
nord
• miglioramento strutturale tangenziale est di Basilea
(«STOT»): Schwarzwaldtunnel – ramificazione Hagnau
Questi e diversi altri progetti saranno concretizzati a
livello di pianificazione nel corso dei prossimi quattro anni, in
modo che, almeno in parte, potranno essere approvati nel
quadro del prossimo messaggio programmatico.
Strade nazionali e cantieri
Secondo la legge federale dell’8
maggio 1960 sulle strade nazionali
(LSN)
Strade nazionali
Aperte esclusivamente ai veicoli a motore
1a classe
2a classe
Aperte a tutti i tipi di veicoli
3a classe
Ampliamenti indispensabili della rete
I problemi cui sono confrontati i grandi agglomerati non
sempre possono essere risolti con la semplice aggiunta di corsie stradali (in parte anche a causa di una carenza di spazio);
si rende quindi necessario aggiungere alla rete viaria nuovi
elementi, questi ultimi per lo più molto costosi. È il caso in
particolare della circonvallazione di Morges/Losanna e della
nuova autostrada nel Glattal. Il Parlamento dovrà inserire
questi nuovi elementi della rete nel decreto concernente la
rete delle strade nazionali; il loro finanziamento non potrà
avvenire attraverso il fondo infrastrutturale .
Il Consiglio federale prevede di licenziare il messaggio
all’attenzione del Parlamento alla fine del 2009. Il Parlamento
prenderà posizione in merito nel corso del 2010 e deciderà
quali progetti realizzare.
con separazione dei modi
di traffico
accessibile solo in
determinati punti
accessibile solo in
determinati punti
di regola senza incrocio
allo stesso livello
senza incrocio allo stesso livello
corsie di emergenza auspicate
di regola con incrocio
allo stesso livello
senza corsie di emergenza
continue
se possibile senza
attraversamento di località
di regola con corsie di emergenza
continue
Autostrade
a 4 o più corsie
accesso possibilmente limitato
Semiautostrade e autostrade
ridotte
Strade principali
a 2 o più corsie
2008/2009
Strade nazionali e cantieri
6
CARTINA RETE DELLE
STRADE NAZIONALI
DEFINITIVA
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
Alla fine del 2008 erano in esercizio
complessivamente 1765,6 chilometri di strade nazionali dei 1892,5
pianificati. Nel 2009 se ne aggiungeranno circa 26. I 100 chilometri
mancanti per portare a termine il
completamento della rete saranno
realizzati presumibilmente nel corso dei prossimi 15 anni.
Nel 2009, la rete delle strade nazionali aumenterà di 26 chilometri
grazie alla nuova circonvallazione
ovest di Zurigo e al tratto autostradale che collega Zurigo a Zugo
(Knonauer Amt). Entro il 2013
saranno aperti al traffico ulteriori
48 chilometri di strade nazionali.
SN
Cantone Tratto
Strade nazionali e cantieri
2008/2009
7
APERTURE AL TRAFFICO
2009 – 2013
Autostrada
a 4 corsie
Semiautostrada
a 2 corsie
2009
Schaffhausen
Kreuzlingen
A1
A3 (N1c/N20)
A4
A4
A4
A4
Basel
Frauenfeld
Boncourt
Baden Kloten
Liestal
2011 / 2014
Sissach
St. Margrethen
Aarau
2024 / 2011
Zürich
Olten
Delémont
2017
St. Gallen
Winterthur
Herisau
Appenzell
2011–2016
Solothurn
2009
Sursee
BE
ZH
ZH
ZH
ZH
ZG
2010
2015 / 2021
Schwyz
Glarus
2016 / 2022
Luzern
2013
Bern
Langnau
Stans
Sarnen
2024 / 2012 / 2018
2010 / 2015
Sargans
2010 / 2016
A8
2017
Altdorf
OW
Giswil – Ewil
1,4 km
Chur
2011
Engelberg
Fribourg
Yverdon
2,7 km
4,6 km
13,4 km
2,8 km
2,4 km
Zug
La Chaux-de-Fonds
Neuchâtel
Accesso al raccordo di Neufeld
Bergermoos – Filderen
Uetliberg est – Filderen
Filderen – Knonau
Knonau – Confine cantonale ZG
Confine cantonale ZH – Blegi
Thun
Interlaken
Vallorbe
A28
A16
A16
Thusis
Bulle
Lausanne
Airolo
GR
BE
JU
Circonvallazione di Saas
Circonvallazione di Moutier
Confine cantonale JU – Bure
3,7 km
2,1 km
4,6 km
Kandersteg
Vevey
Nyon
2012
Goppenstein
Sierre
Brig
Genève
Sion
2014
Bellinzona
Locarno
anno
Martigny
A16
A16
A8
BE
BE
OW
Moutier – Court
Loveresse – Tavannes
Circonvallazione di Lungern
3,1 km
3,7 km
3,5 km
Lugano
2013
inaugurazione
in esercizio
Chiasso
Alla fine del 2008 erano in esercizio complessivamente 1765,6 km di strade
nazionali – ovvero il 93,3 % della lunghezza della rete pianificata – così ripartiti:
•
•
•
•
•
•
autostrade a 7 corsie
autostrade a 6 corsie
autostrade a 4 corsie
semiautostrade a 3 corsie
semiautostrade a 2 corsie
strade a traffico misto
1,2 km
80,7 km
1300,8 km
1,9 km
269,5 km
111,5 km
A5
NE
Serrières – Areuse
1,7 km
2008/2009
Strade nazionali e cantieri
8
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
1 tubo (m)
2 tubi (m)
Totale tubi (m)
Numero oggetti
La rete delle strade nazionali è
caratterizzata da una fitta presenza
di gallerie: sono 220 quelle in esercizio, pari a una lunghezza totale di
200 km. Praticamente c’è un tratto
sotterraneo, quindi una galleria,
ogni nove chilometri. Una volta
completata, la rete annovererà più
di 270 gallerie, per una lunghezza totale di 290 km.
Planificazione
4 700
0
4 700
2
Progetto generale
14 352
0
14 352
6
Progetto esecutivo
7 346
1 730
9 076
9
Progetto dettagliato
9 571
16 647
26 218
16
Construzione
10 315
13 581
23 896
17
Esercizio
93 596 118 943 212 539
224
Totale
139 880 150 901 290 781
274
2008/2009
9
CENTRO DI INTERVENTO
DEL SAN GOTTARDO
GALLERIE UBICATE SU
STRADE NAZIONALI
Delle 220 gallerie attualmente in esercizio 140 sono a due
tubi e coprono una lunghezza di circa 120 km, mentre 84 sono
a un tubo (circa 93 km). I tunnel stradali del S. Gottardo (a un
tubo), con i suoi 16,918 km, e del Seelisberg (a due tubi), con
i suoi 9,280 km, sono nell’ordine le due gallerie più lunghe. Il
primato opposto spetta alla Kap-I situata sul tratto del Sempione, che misura solo 30 metri. Stando alla pianificazione
attuale, la rete definitiva annovererà 274 gallerie, di cui 148 a
due tubi (150 km) e 109 a un tubo (140 km), per una lunghezza totale di 290 km.
A tutt’oggi sono 17 le gallerie in costruzione. 16 tunnel si
trovano invece nella fase del progetto di dettaglio (ultima
tappa prima della costruzione), 9 nella fase del progetto esecutivo (penultima tappa prima dell’inizio dei lavori). Infine, 8
progetti di costruzione sono ai primordi, vale a dire nella fase
di pianificazione, oppure sono stati elaborati a grandi linee
(progetto generale).
Strade nazionali e cantieri
Il Centro d’intervento del San Gottardo (CIG) è d'importanza fondamentale per la sicurezza nella galleria stradale più lunga della Svizzera. In caso di incidente, gli specialisti sono pronti a intervenire
entro pochi minuti dall’evento. A
Göschenen e Airolo è stato istituito
un servizio di pronto intervento 24 ore su 24 composto da quattro pompieri coordinati
da un ufficiale di picchetto.
Dal 1° gennaio 2008, il Centro d'intervento del San Gottardo è gestito dal Dipartimento federale della difesa, della
protezione della popolazione e dello sport (DDPS). Ai 36 specialisti in servizio presso il centro d’infrastruttura di Andermatt della base logistica dell’esercito si affiancano per i picchetti altri 13 tecnici dello stesso centro. Quattro specialisti
del DDPS erano già intervenuti in occasione dell’incendio
verificatosi nel 2001 nella galleria del San Gottardo.
Compiti
Fulcro dell’attività del Centro d'intervento del San Gottardo (CIG), responsabile dell’autostrada A2 da Amsteg (nord)
a Faido (sud) e della strada del passo, anch’essa parte della
rete delle strade nazionali, è la galleria stradale del San Gottardo. Gli specialisti del CIG sono pronti a lasciare la base
entro tre minuti dall’allarme: gli interventi in galleria sono
garantiti entro dodici minuti e quelli sui tratti a cielo aperto
entro venti minuti. Oltre a eseguire operazioni antincendio, il
CIG fornisce prestazioni di soccorso stradale e di primo intervento in caso di fuoriuscita di olio. Per rendere agibile la galleria nel più breve tempo possibile, il CIG offre anche un ser-
Circonvallazione di Zurigo:
prima della sua entrata in funzione, la galleria
dell’Uetliberg è stata percorsa dai podisti
Particolare
veicolo antincendio
del CIG
vizio di traino per i veicoli in panne o incidentati non superiori alle 3,5 tonnellate.
Inoltre, il CIG si occupa per l’USTRA delle domande di autorizzazione speciale per trasporti eccezionali e di merci pericolose, nonché di quelle per gli autocarri di circolare la domenica o la notte.
Equipaggiamento
Il CIG dispone di 16 veicoli di intervento tra cui sei compatti che possono circolare negli stretti cunicoli di sicurezza.
Due veicoli antincendio da 18 tonnellate, costruiti in modo
tale da poter effettuare una rotazione di 180 gradi, possono
essere facilmente utilizzati in galleria. Due veicoli speciali
pesano 26 tonnellate, hanno una potenza di 540 cavalli, una
capacità di 9000 litri d’acqua e 1000 litri di estratto di
schiuma (vedi immagine). Inoltre i mezzi a disposizione del
CIG per il primo intervento sono: un veicolo speciale in caso
di fuoriuscita di sostanze chimiche e quattro autovetture
dotate di materiale di sbarramento, di apparecchi per la respirazione, nonché di una strumentazione di supporto per i
medici del pronto soccorso e l’ambulanza.
2008/2009
Strade nazionali e cantieri
10
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
LUNGHEZZE TOTALI SECONDO I TIPI DI STRADE
Autostrade
Semiautostrade
A 7 corsie
A 6 corsie
A 4 corsie
Strade
a traffico
misto
A 3 corsie
2008/2009
11
Nel 2009 la Confederazione investirà quasi 2,2 miliardi di franchi
nella rete delle strade nazionali:
965 milioni saranno destinati alla
costruzione di nuovi tratti, i restanti 1,2 miliardi saranno investiti nella sistemazione e nella
manutenzione delle strade già esistenti. I crediti necessari sono stati accordati dal Parlamento durante la sessione invernale; il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) ha poi approvato
i programmi dei lavori corrispondenti.
2,154 MILIARDI PER LA
COSTRUZIONE, LA SISTEMAZIONE E LA MANUTENZIONE DELLE STRADE
NAZIONALI
Strade nazionali in esercizio
Cantone
Strade nazionali e cantieri
Totale km
A 2 corsie
planificate
in esercizio
planificate
in esercizio
planificate
in esercizio
planificate
in esercizio
planificate
in esercizio
planificate
in esercizio
planificate
in esercizio
ZH
–
–
37,1
29,7
110,9
82,0
–
1,9
11,1
11,1
–
–
159,1
124,7
BE
–
–
13,2
13,2
136,7
124,4
–
–
62,6
43,8
19,4
19,4
231,9
200,8
LU
–
–
2,6
2,6
55,9
55,9
–
–
–
–
–
–
58,5
58,5
UR
–
–
–
–
53,0
37,1
–
–
6,3
16,3
10,0
16,1
69,3
69,5
SZ
–
–
–
–
52,7
43,2
–
–
–
2,2
–
4,3
52,7
49,7
OW
–
–
–
–
1,8
1,8
–
–
31,1
17,8
1,0
13,3
33,9
32,9
NW
–
–
–
–
22,9
22,9
–
–
0,9
2,9
2,0
–
25,8
25,8
GL
–
–
–
–
16,6
16,6
–
–
–
–
–
–
16,6
16,6
ZG
–
–
–
–
17,7
17,7
–
–
–
–
–
–
17,7
17,7
FR
–
–
–
–
84,2
84,2
–
–
–
–
–
–
84,2
84,2
SO
–
–
–
–
43,8
43,8
–
–
–
–
–
–
43,8
43,8
BS
–
–
3,5
3,5
8,0
6,0
–
–
–
–
–
–
11,5
9,5
BL
–
–
9,5
9,5
20,7
20,7
–
–
–
–
–
–
30,2
30,2
SH
–
–
–
–
1,9
–
–
–
17,2
17,2
–
–
19,1
17,2
SG
–
–
–
–
139,8
139,8
–
–
–
–
–
–
139,8
139,8
GR
–
–
–
–
50,2
43,6
–
–
112,1
90,8
–
27,9
162,3
162,3
AG
–
1,2
11,5
11,5
87,8
86,6
–
–
–
–
–
–
99,3
99,3
TG
–
–
–
–
47,3
42,8
–
–
–
–
–
–
47,3
42,8
TI
–
–
7,3
7,3
108,8
101,7
–
–
20,7
27,8
–
–
136,8
136,8
VD
–
–
3,4
3,4
189,8
189,1
–
–
12,8
12,8
–
–
206,0
205,3
VS
–
–
–
–
89,6
60,1
–
–
15,6
15,6
28,6
28,6
133,8
104,3
NE
–
–
–
–
32,9
32,9
–
–
3,0
3,0
1,9
1,9
37,8
37,8
GE
–
–
–
–
27,2
27,2
–
–
–
–
–
–
27,2
27,2
JU
–
–
–
–
–
20,7
–
–
47,9
8,2
–
–
47,9
28,9
Total
–
1,2
88,1
80,7
1400,2
1300,8
–
1,9
341,3
269,5
62,9
111,5
1892,5
1765,6
Programma concernente le nuove costruzioni
(completamento della rete delle strade nazionali
approvata)
Complessivamente, per nuove costruzioni nell'ambito del
completamento della rete saranno a disposizione 965 milioni
di franchi attraverso il fondo infrastrutturale. I crediti più
consistenti sono stati ripartiti tra i Cantoni seguenti:
•
•
•
•
•
•
•
Vallese 232,7milioni,
Berna 229,5 milioni,
Giura 145 milioni,
Zurigo 144 milioni,
Obvaldo 45,6 milioni,
Grigioni 44,3 milioni e
Neuchâtel 39,3 milioni.
Circa un terzo del credito globale è stato attribuito alla
Svizzera romanda e al Ticino. Anche dopo l'entrata in vigore
della nuova impostazione della perequazione finanziaria e
della ripartizione dei compiti (NPC) il completamento della
rete resta un compito comune tra Confederazione e Cantoni.
Quest'anno, nel quadro del completamento della rete delle
strade nazionali approvata, saranno avviati i lavori principali
per la creazione di due nuovi tratti:
• sulla A1 a Zurigo, tra Hardturm e Letten (Pfingstweidstrasse) e
• sulla A5 nel Cantone di Neuchâtel tra Serrières e
Areuse.
Nell'ambito delle nuove costruzioni, gli altri punti forti
concerneranno l'avanzamento dei seguenti progetti già
avviati:
•
•
•
•
A9 nell'alto Vallese
Transgiurassiana (A16) nei Cantoni di Berna e del Giura
Ramo est della circonvallazione di Bienne (A5)
Strada del Brünig (A8) nel Cantone di Obvaldo (gallerie
Lungern e Zollhaus)
• A4 nel Cantone di Zugo (strada cantonale 382 fino alla
frontiera con il Cantone di Zurigo)
• Prättigaustrasse nel Cantone dei Grigioni (lavori principali nella galleria di Saas e lavori preliminari nella galleria di Küblis)
• Completamento della tangenziale nord di Basilea
Sistemazione e manutenzione della rete esistente
Per la sistemazione e la manutenzione delle strade nazionali in esercizio il Parlamento ha messo a disposizione 1,185
miliardi di franchi, provenienti dal finanziamento speciale del
traffico stradale. Questo importo sarà ripartito tra 403 progetti, 235 dei quali sono ancora in progettazione, mentre 150
in fase di realizzazione. Nel corso del 2009 saranno avviati i
lavori principali per i cinque seguenti progetti di conservazione:
•
•
•
•
•
A1 Vaud: Morges – Ecublens
A1 Berna: tangenziale urbana di Berna
A1/A7 Zurigo: Ohringen – viadotto Lützelmurg
A2 Uri: Seedorf – Erstfeld
A2 Ticino: protezioni foniche a Bissone, 2a tappa
2008/2009
Strade nazionali e cantieri
12
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
GRANDI CANTIERI SULLA
RETE DELLE STRADE
NAZIONALI
Conservare l'infrastruttura stradale
a un livello qualitativo appropriato
e continuare a garantire la sicurezza: queste le due ragioni principali della presenza di cantieri di
manutenzione sulle strade. Criteri
fondamentali in questo ambito
sono le esigenze del manto stradale
in materia di aderenza e planarità nonché l'incremento della sicurezza nelle gallerie.
Costruzione, sistemazione, rifacimento, manutenzione ed esercizio
Per costruzione si intende la realizzazione di nuovi tratti di
strade nazionali sulla base del decreto concernente la rete
approvato dal Parlamento. Può trattarsi o di un completamento vero e proprio della rete (per es. A9 Vallese, A16 transgiurassiana, A4 Zurigo, A4 Bienne) oppure della realizzazione di tratti parziali, che in un secondo momento il Parlamento provvederà a inserire nella rete viaria nazionale. La
sistemazione designa tutti i lavori che modificano le infrastrutture preesistenti (per es. pareti fonoassorbenti, opere di
protezione dell’ambiente, corridoi faunistici, corsie supplementari, sicurezza nei tunnel, adeguamento a nuove disposizioni tecniche e norme in materia di sicurezza, modifica di
svincoli ecc.). Il termine rifacimento ingloba i lavori di manutenzione e sistemazione effettuati sulle strade nazionali che
necessitano una vera e propria organizzazione di progetto,
una pianificazione rigorosa e risorse finanziarie e umane considerevoli.
Gli interventi di manutenzione esenti da progettazione
comportano piccoli lavori che non richiedono la definizione di
un progetto vero e proprio. Si tratta in generale di manutenzione reattiva in seguito a esigenze a carattere «acuto» dopo
danni improvvisi (incidenti, intemperie).
La manutenzione corrente riguarda l'insieme delle misure
volte ad assicurare l’esercizio delle strade nazionali (per es.
cura delle strisce di mezzeria e dei cespugli, pulizia, sgombero della neve, ecc.).
Lavorare nel traffico
I grandi lavori di manutenzione vengono sempre realizzati
senza bloccare il traffico («lavorare nel traffico»). Sia nei confronti degli utenti della strada che dei lavoratori sui cantieri,
la sicurezza va garantita e mantenuta in ogni fase dei lavori,
in ogni periodo dell'anno, ogni ora del giorno e con ogni condizione meteo. Inoltre, il fatto che il volume di traffico sia in
costante aumento, fa sì che sulle strade ci sia sempre meno
spazio (poiché l’infrastruttura è ampliabile solo tramite interventi ad hoc). A titolo di esempio si pensi che il traffico giornaliero medio (TGM) registrato su ogni segmento dell’autostrada A1 tra Berna e San Gallo risulta di almeno 70 000 veicoli per quattro corsie; in alcuni segmenti si raggiungono
persino punte di 100 000 veicoli (Gubrist). In questi tratti, in
cui la situazione del traffico si avvicina al punto critico già in
condizioni normali, ci si trova confrontati a code o rallentamenti insostenibili al minimo cambiamento, ad esempio in
seguito a una riduzione di corsia (meno corsie e/o più strette)
e/o una riduzione della velocità.
Cantieri di linea e stagione dei cantieri
I cantieri autostradali sono veri e propri cantieri consecutivi. Ciò comporta un grande impegno logistico per l'azienda
attiva sul cantiere. Il rifornimento e lo smaltimento del materiale dal cantiere richiedono enorme impegno e, al contempo,
sono estremamente sensibili ai cambiamenti: se lungo l’asse
dei lavori si verifica un problema (incidente stradale, guasti,
ecc.), si interrompono tutte le vie per il rifornimento e lo
smaltimento del materiale.
Le condizioni climatiche condizionano la «stagione dei
cantieri» di manutenzione. Si pensi ad esempio che per
garantire i criteri qualitativi richiesti nei confronti delle
strade nazionali, gli interventi di pavimentazione devono
essere effettuati con temperature dai 10 ai 15 °C. Nell’Altopiano il periodo propizio va da inizio aprile a fine ottobre.
Larghezza delle corsie
La progettazione di numerosi tratti autostradali risale a
tempi remoti e più precisamente agli anni Sessanta e Settanta. Pertanto, le dimensioni (larghezza) di carreggiate e
corsie d'emergenza non risultano più adeguate agli standard
attuali. Sui cantieri questa carenza di spazio è fonte di problemi, sia per gli automobilisti che per gli addetti ai lavori. Se
nel quadro di un grande progetto di manutenzione un tratto
stradale costruito trent'anni fa viene adeguato agli standard
attuali, lo spazio disponibile per le istallazioni e l'esercizio
del cantiere, come pure per il traffico, è limitato. Inoltre la
disposizione sulle condotte di drenaggio nello spartitraffico,
diffusa capillarmente benché superata, non agevola i lavori di
manutenzione. Secondo gli standard attuali, tali condotte
vanno posate al di fuori della corsia di emergenza.
Tre grandi progetti di manutenzione su tratti autostradali costruiti oltre 30 anni fa sono già stati
avviati nel corso del 2008. Per
grossi cantieri di manutenzione
come questi la viabilità è sempre
garantita. La sicurezza del traffico
e la sicurezza sul lavoro devono
essere rispettate in ogni fase dei
lavori.
Strade nazionali e cantieri
2008/2009
13
I GRANDI CANTIERI DI
MANUTENZIONE SULLA
RETE DELLE
STRADE NAZIONALI
2009
Autostrada A1:
Tangenziale urbana di Berna tra gli svincoli di
Wankdorf e Weyermannshaus.
Scopo
Rifacimento integrale del tratto autostradale costruito
trent’anni fa. Adeguamento alle attuali norme in materia
di costruzione, tutela dell’ambiente e sicurezza. Adeguamento dei materiali edili alle esigenze future (ulteriore
aumento del traffico).
Lavori da eseguire
Rifacimento della carreggiata, risanamento degli oltre
50 manufatti, tra cui il viadotto di Felsenau e di Weyermannshaus nonché il ponte sulle FFS presso il raccordo
di Wankdorf. Costruzione di nuove corsie nei pressi dello
svincolo di Wankdorf. Il piano di manutenzione «Tangenziale urbana di Berna» include anche il progetto
«Raccordo di Wankdorf», che prevede l’apertura di un
ulteriore svincolo autostradale di entrata e uscita in
direzione di Zurigo (info: www.stadttangentebern.ch).
Lunghezza del tratto interessato
10,9 km
Durata dei lavori
Lavori preparatori: 2008–2009
Lavori principali: 2010–2012
Volume di traffico
Ca. 100 000 veicoli al giorno
Costi
400 milioni di franchi
Committente
Ufficio federale delle strade (USTRA)
Autostrada A2:
Tratto Emmen sud – Lucerna sud/Kriens
(raccordo anulare di Lucerna).
Scopo
Rifacimento integrale del tratto di autostrada ultratrentennale di Emmen-Kriens, in particolare dei manufatti e
delle gallerie. Adeguamento alle attuali norme in materia di costruzione, tutela dell’ambiente e sicurezza. Adeguamento dei materiali edili alle esigenze future.
Lavori da eseguire
Rifacimento della carreggiata, risanamento dei ponti e
delle gallerie (di Reussport e di Sonnenberg), rifacimento degli impianti di drenaggio, adeguamento del
segmento autostradale alle attuali norme in materia di
sistemazione, ambiente e sicurezza.
Lunghezza del tratto interessato
Ca. 5 km
Durata dei lavori
2008−2013
Volume di traffico
Oltre 85 000 veicoli al giorno
Costi
Ca. 400 milioni di franchi
Committente
Ufficio federale delle strade (USTRA)
2008/2009
Strade nazionali e cantieri
2008/2009
14
15
Risanamento del
tratto autostradale
tra Ohringen e il viadotto
Lützelmurg
Autostrada A13:
Circonvallazione Roveredo di Castione (TI) –
Grono (GR).
Adeguamenti alle attuali
norme edilizie, ambientali
e di sicurezza
Scopo
Adeguamento del segmento autostradale alle attuali
norme in materia di sistemazione, ambiente e sicurezza,
nuovo tracciato della A13 nei pressi di Roveredo (galleria di circonvallazione).
Lavori da eseguire
Rifacimento del tracciato e del manto stradale, ripristino
dei manufatti, nuova costruzione della galleria di circonvallazione di Roveredo inclusi i cunicoli di sicurezza (a
doppia corsia), ripristino del vecchio tracciato della
A13.
Lunghezza del tratto interessato
6,5 km
Autostrada A1:
Tratto Morges-Ecublens.
Durata dei lavori
Dal 2008 al 2016
Scopo
Sistemazione della corsia di emergenza per l’utilizzo
provvisorio come terza corsia nelle ore di punta.
Lavori da eseguire
Sistemazione della corsia di emergenza per l’utilizzo
come corsia di marcia su una lunghezza di 1,8 km;
costruzione di sei piazzole di emergenza atte a garantire
la sicurezza in caso di circolazione su tre corsie; installazione della segnaletica a messaggio variabile per la
regolazione del traffico e adeguamento della segnaletica
orizzontale.
Lunghezza del tratto interessato
1,8 km
Durata dei lavori
Da maggio 2009 alla fine del 2009
Volume di traffico
Ca. 82 000 veicoli al giorno
Costi
34 milioni di franchi
Committente:
Ufficio federale delle strade (USTRA)
Volume di traffico
Ca. 7000 veicoli al giorno
Costi
Ca. 450 milioni di franchi
Scavo per
installazioni
sotterranee
Autostrada A1/A7:
Tratto da Ohringen fino al viadotto di Lützelmurg.
Scopo
Rifacimento integrale del tratto della A1 costruito 41
anni fa e del tratto della A7 costruito 37 anni fa. Adeguamento alle attuali norme in materia di costruzione,
tutela dell’ambiente e sicurezza. Adeguamento dei
materiali edili alle esigenze future.
Lavori da eseguire
Rifacimento della carreggiata, risanamento dei ponti e
degli altri manufatti. Rifacimento degli impianti elettromeccanici, della segnaletica verticale e orizzontale,
adeguamento del segmento autostradale alle attuali
norme in materia di sistemazione, ambiente e sicurezza.
Lunghezza del tratto interessato 15 km
Durata dei lavori
Dal 2007, lavori principali da marzo 2009 fino a novembre 2011, lavori di completamento fino all’estate del
2012.
Volume di traffico
Ca. 70 000 veicoli al giorno (Wiesendangen, svincolo
A1/A7)
Costi
Ca. 267,5 milioni di franchi
Committente
Ufficio federale delle strade (USTRA)
Committente
Ufficio federale delle strade (USTRA)
Pianificazione della manutenzione sulle strade
nazionali (UPlaNS)
Prescrizioni federali
Il rinnovo totale dei tratti autostradali è realizzato in base
alle prescrizioni del Piano di manutenzione delle strade
nazionali (UPlaNS) della Confederazione. Esso si basa su tre
principi: anzitutto i lavori di conservazione e sistemazione
devono iscriversi nel quadro di progetti di conservazione concernenti tratti stradali di lunghezza non superiore ai 15 km.
In secondo luogo, due diversi cantieri devono distare tra loro
almeno 30 chilometri. E infine sul medesimo tratto va rispettato un intervallo di 15 anni tra la fine dell'ultimo intervento
e il prossimo cantiere causa di disagi al traffico.
15 km
30 km
15 km
... riassumendo:
• Lunghezza massima di un cantiere autostradale:
15 chilometri
• Distanza minima tra due cantieri autostradali:
30 chilometri
• Intervallo temporale minimo (dalla fine dei lavori) tra due
cantieri sullo stesso tratto: 15 anni
Vantaggi dei progetti di conservazione
Pianificare gli interventi di manutenzione delle strade
nazionali tramite l'allestimento di progetti di conservazione,
ovvero prestabilire segmenti stradali dove realizzare misure di
manutenzione e/o lavori di sistemazione causa di disagi al
traffico, risulta vantaggioso per le seguenti ragioni:
• Riduzione del numero di cantieri e dei disagi al traffico
grazie al coordinamento dei lavori
• Impiego ottimale delle risorse finanziarie disponibili
• Garanzia sul lungo termine di collegamenti stradali sempre
percorribili
• Garanzia di una rete delle strade nazionali efficiente
Cantiere sulla A13,
galleria di
circonvallazione
di Roveredo TI
2008/2009
Strade nazionali e cantieri
16
SERVIZIO INVERNALE
Il servizio invernale rientra nelle attività di manutenzione
corrente delle strade nazionali che include anche i seguenti
interventi: cura delle strisce di mezzeria e dei cespugli, pulizia
delle condotte di drenaggio e delle aree di sosta, riparazione
dei danni derivanti da incidenti, cura degli equipaggiamenti
di esercizio e sicurezza. Tutti gli interventi hanno lo scopo di
permettere uno scorrimento del traffico in condizioni di massima sicurezza e un utilizzo ottimale della superficie stradale.
La manutenzione corrente viene effettuata dalle undici
unità territoriali costituite dai Cantoni, conformemente agli
accordi sulle prestazioni sottoscritti con l’USTRA. La base per
gli interventi del servizio invernale consiste in circa 50 appositi punti di appoggio da dove partono le squadre di intervento con i veicoli e l’attrezzatura necessari per lo sgombero
di ghiaccio e neve dalle strade. L’efficacia del servizio invernale è garantita inoltre dalla presenza nei centri di manutenzione di radar per il rilevamento delle condizioni meteorologiche. Altri importanti strumenti sono le previsioni del tempo, i
dati provenienti dalle numerose stazioni di misurazione sulla
rete delle strade nazionali (per es. i sensori termici nella carreggiata) e l’esperienza del personale dei centri stessi.
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
Il servizio invernale ha lo scopo di
garantire il massimo grado possibile di sicurezza nella circolazione
stradale anche in caso di neve e
gelo. A tal fine sono predisposti
circa cinquanta punti di appoggio
dislocati lungo tutta la rete delle
strade nazionali.
Strade nazionali e cantierin
2008/2009
17
STRADE EUROPEE
ATTRAVERSO
LA SVIZZERA
Le strade nazionali sono anche assi
principali del traffico internazionale. Le undici strade europee che
attraversano la Svizzera coincidono
praticamente con la rete delle
strade nazionali. Le strade europee
sono numerate a partire da E1 (lettera e cifre bianche su sfondo
verde).
Dati di riferimento per il servizio invernale sulle
strade nazionali
L’USTRA ha emanato alcune direttive concernenti il servizio
invernale sulle strade nazionali. Le norme di riferimento si
possono riassumere come segue:
Dortmund
Stuttgart
Amsterdam
Hoek van Holland Karlsruhe
Würzburg
Paris
Mulhouse
• in caso di nevicate sulle strade nazionali deve essere effettuato di norma un cosiddetto «sgombero integrale»
(eccetto singoli tratti in orari poco trafficati);
Schaffhausen
München
Kreuzlingen
Belfort
Lindau
Kreuzlingen
Basel
Frauenfeld
Bregenz
Boncourt
• la squadra incaricata deve uscire al più tardi mezz’ora dopo
la segnalazione da parte del servizio di picchetto;
Liestal
Sissach
St. Gallen
Winterthur
Baden Kloten
Brest
Delémont
St. Margrethen
Aarau
Herisau
Zürich
Olten
Appenzell
• il personale, i veicoli e l’attrezzatura devono essere scelti
in modo da garantire che il primo sgombero della neve
dall’asse principale (corsia di destra) sia di norma concluso
entro due ore dall’uscita;
Solothurn
Feldkirch
Constanta
Zug
Sursee
La Chaux-de-Fonds
Bern
• in caso di nevicate incessanti le strade devono essere nuovamente sgomberate.
Glarus
Luzern
Neuchâtel
Metz
Besançon
Langmau
Stans
Sarnen
Altdorf
Chur
Engelberg
Fribourg
Yverdon
Sargans
Schwyz
Thun
Interlaken
Vallorbe
Utilizzo del sale e costi
La rigidità dell’inverno si ripercuote direttamente sul
consumo di prodotti disgelanti e sui costi complessivi
del servizio invernale:
Thusis
Bulle
Lausanne
Airolo
Metz
Dijon
Kandersteg
Vevey
Nyon
Goppenstein
Sierre
• un inverno mite genera sulla rete delle strade nazionali costi pari a 20 milioni di franchi. Per ogni chilometro devono in media essere versate circa 8 tonnellate di sale;
• un inverno rigido invece può generare costi superiori
ai 50 milioni di franchi, con un consumo medio per
chilometro di circa 40 tonnellate di sale.
Brig
Genève
Sion
Locarno
Martigny
Lugano
Nantes
Mâcon
Chambéry
Marseille
Gd-St-Bernard
Mt-Blanc
Aosta
Come regola generale si calcola che un giorno di servizio
invernale sull’intera rete delle strade nazionali costi
circa un milione di franchi.
Sgombero della neve
sulla A1 presso Winterthur
Bellinzona
Chiasso
Milano
Tortona
Como
Roma
Genova
E 21: (Digione)–Ginevra
E 23: (Besançon)–Vallorbe–Losanna
E 25: (Mulhouse)–Basilea–intersezione di Härkingen–Berna–
Losanna–Ginevra–(Monte Bianco)
E 27: (Belfort)–Porrentruy–Berna–Martigny–Gran San Bernardo–(Aosta)
E 35: (Offenburg)–Basilea–intersezione di Härkingen–
Lucerna–Altdorf–San Gottardo–Bellinzona– Lugano–
Chiasso–(Como)
E 41: (Stoccarda)–Sciaffusa–Zurigo–Altdorf
E 43: (Bregenz)–St. Margrethen–Buchs–Coira–San Bernardino–Bellinzona
E 54: (Waldshut)–Sciaffusa–(Singen)
E 60: (Mulhouse)–Basilea–Zurigo–Winterthur–San Gallo–
St. Margrethen–(Feldkirch)
E 62: (Mâcon)–Ginevra–Losanna–Martigny–Sempione–
(Milano)
E 712: Ginevra–(Chambéry)
2008/2009
Finanziamento
18
2008/2009
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
19
BUfficio federale delle strade USTRA
Il fondo infrastrutturale, entrato in vigore il 1° gennaio 2008, è stato alimentato con
un versamento iniziale straordinario di 2,6 miliardi di franchi trasferiti dagli accantonamenti per il finanziamento speciale del traffico stradale. I singoli versamenti
annuali saranno poi definiti di volta in volta dal Parlamento (nel 2008: 837 milioni di
franchi). Questo nuovo strumento dovrebbe garantire il finanziamento di importanti
infrastrutture di trasporto negli ambiti seguenti:
SPESE E INTROITI IN RELAZIONE
AL SETTORE STRADALE
In milioni di franchi
• completamento della rete delle strade nazionali approvata (uscite 2008: 855
milioni)
• eliminazione dei problemi di capacità sulla rete delle strade nazionali (2008: nessuna uscita)
• progetti urgenti nel quadro del traffico d'agglomerato (uscite 2008: 430 milioni)
• strade principali nelle regioni di montagna e nelle regioni periferiche (uscite 2008:
40 milioni)
• compensazione della perdita delle entrate a causa della mancata maggiorazione
della TTPCP (33 milioni)
Alla fine del 2008, la liquidità del fondo infrastrutturale era di 2,079 miliardi.
1985–2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
20 099,1
1 471
1 502
1 426
1 448
1 310
1 184
1 263
483*
457
488
517
534
580
612
549
507
122
128
128
124
129
130
165
301**
Strade nazionali
Costruzione, compresa la progettazione e l’acquisto di terreni
Interessi passivi prima del 1985
Ammodernamento
1 666,5
422,0
(1958–1984; data 01.01.1997; strade nazionali, manutenzione)
1 432,0
Manutenzione di grossa portata
1 912,5
Manutenzione corrente, compresi servizi di protezione
1 820,8
Polizia: fino al 31.12.1994
810,0
Fondo infrastrutturale
Versamento annuale
837
Versamento iniziale straordinario
Strade principali
2 600
3 466,8
214
209
201
195
191
188
189
163*
908,1
38
28
28
24
25
17
10
7
2 425,4
399
563
573
587
701
602
553
590
1 716,3
156
149
152
110
102
108
94
86
553,8
30
33
32
24
22
33
37
34
Contributi generali per la costruzione di strade e perequazione finanziaria
5 072,2
450
417
390
416
423
423
434
380
Idem, quota straordinaria (fino al 31.12.2007)
1 823,1
76
78
65
55
55
57
58
–
Strade alpine che servono al traffico internazionale / Cant. privi di strade nazionali
389,8
29
27
25
26
27
27
28
8
Ricerca (fino al 2006)
118,0
10
10
10
11
11
10
–
–
Amministrazione (fino al 2006)
179,1
17
17
25
27
26
26
–
–
64
134
Altri contributi direttamente vincolati alle opere
Passaggi a livello / Separazione dei modi di traffico
Huckepack, carico degli autoveicoli e NFTA
Parcheggi presso le stazioni (fino al 31.12.1995)
Idem, prestiti (fino al 31.12.1995)
Protezione dell’ambiente e del paesaggio (traffico stradale)
Protezione delle altre strade contro le forze della natura
101,3
6,1
Contributi non direttamente vincolati alle opere
Preventivo globale (dal 2007)
Spese totali
44 922,9
3 469
3 649
3 572
3 581
3 602
3 417
3 444
6 129
45 181,5
3 692
3 631
3 682
3 716
3 756
3 770
3 846
3 947
12,4
–
–
–
–
–
–
–
–
+ 2 119,8
+ 223
-18
+110
+135
+154
+353
+ 402
- 2 182
3 251,0
3 474
3 456
3 566
3 701
3 855
4 208
4 610
2 721
Contributi generali per la costruzione di strade
e perequazione finanziaria
Altri introiti (licenze, prestiti, rimborsi)
Deposito (+) o prelievo (-) dal finanziamento speciale «Traffico stradale»
Stato del finanziamento speciale
* senza fondo infrastrutturale
** dal 2008: compresi gli interventi di manutenzione edile esenti da progettazione
2008/2009
Finanziamento
20
FINANZIAMENTO
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
Utilizzazione degli introiti destinati al settore stradale nel 2008 in
milioni di franchi
Imposta sugli
oli minerali
Tassa supplementare sui carburanti
(sopraddazio)
3110
2089
308
art. 86 Cost.
art. 86 Cost.
art. 86 Cost.
100%
100%
50%
50%
Risorse generali
della
Confederazione
Ricerca
stradale
1555
1555
Contrassegno
autostradale
da cui dedurre
Preventivo globale
134
Spese amministrative della Confederazione, costruzione opere stradali, ricerca (art. 3 LUMin, 22.03.1985)
Mezzi finanziari a disposizione per le opere stradali
3812
Legge federale concernente l'utilizzazione dell'imposta sugli oli minerali a destinazione vincolata (LUMin)
Strade
nazionali
Fondo
infrastrutturale
Strade
principali
Altri contributi
direttamente vincolati alle opere
Contributi non
direttamente vincolati alle opere
Finanziamento
speciale per la circolazione stradale
1291*
3437
163*
717
388
-2182**
Contributi generali per la
costruzione di strade e perequazione finanziaria
Cantoni con strade alpine che
servono al traffico internazionale e Cantoni privi di strade
nazionali
491
28
Passaggi a livello separazione
dei modi di traffico
Protezione dell’ambiente
e del paesaggio
Protezione contro le forze della
natura
Trasporto combinato
+ NFTA
10
94
37
553
* senza fondo infrastrutturale
** versamento iniziale straordinario al fondo infrastrutturale: 2 600 milioni di franchi
Traffico pesante
2008/2009
21
CENTRO DI CONTROLLO
DEL TRAFFICO PESANTE A
RIPSHAUSEN
Il centro di controllo del traffico
pesante a Ripshausen (UR) ha il
compito di garantire una maggiore
sicurezza sul principale asse di
transito nord-sud della Svizzera.
Rappresenta anche uno strumento
essenziale per la gestione del traffico pesante: qui trovano infatti
posto quasi 400 autocarri. Non
sono pertanto più necessarie le aree di attesa provvisorie sulla corsia di emergenza.
Quello di Ripshausen nel Cantone di Uri è il primo maxicentro di controllo del traffico pesante della Svizzera sull’asse
nord-sud della A2. Dall’autunno del 2009 la polizia cantonale
di Uri controllerà in modo accurato fino a 150 autocarri al
giorno applicando le prescrizioni giuridiche per i conducenti,
i veicoli e i carichi secondo il principio per cui «chi non è in
regola, non si muove». In questo modo si garantisce un
costante miglioramento della sicurezza soprattutto nella galleria stradale del San Gottardo e la creazione di pari opportunità per il trasporto merci su rotaia e per quello su gomma.
Alla fine di febbraio 2009 il centro di controllo del traffico
pesante ha assunto una funzione importante nella gestione
del traffico pesante. Gli autocarri vengono dosati in modo tale
da garantire sempre il numero ottimale di mezzi in circolazione sulla rampa del San Gottardo in direzione del portale
della galleria. L’area di attesa, che misura circa 80 000 m2,
può inoltre ospitare circa 380 autocarri. Non sono pertanto
più necessarie le aree di attesa provvisorie sulla corsia di
emergenza della A2 nei pressi di Attinghausen (UR) e Buochs
(NW). In questo modo non solo si migliorano la sicurezza
stradale e il flusso di traffico, ma anche i servizi per i camionisti che, nel caso di lunghe soste, potranno usufruire di una
caffetteria, di moderni impianti sanitari e di una stazione di
rifornimento.
Il centro di controllo del traffico pesante è stato
costruito dalla Direzione dei lavori pubblici del Cantone
di Uri su incarico della Confederazione. I lavori sono iniziati il 3 settembre 2007 e il 26 febbraio 2009 è diventata operativa l’area di attesa per la gestione del traffico
pesante. Dal 9 settembre 2009 sarà in funzione tutta la
struttura e inizieranno anche i controlli: ogni autocarro
in viaggio verso sud dovrà passare per il centro di Ripshausen. L’intera installazione (controlli e gestione degli
autocarri) è gestita dalla polizia cantonale di Uri. Per
l’esercizio a pieno regime saranno impiegati circa 50 collaboratori.
Fig. in alto:
primo centro di controllo del traffico pesante sulla A2
presso Ripshausen
Fig. in basso:
su una superficie di 80 000 m2, l'area di attesa
può accogliere circa 380 autocarri
2008/2009
Flussi e gestione del traffico
22
FLUSSI DI TRAFFICO
SULLA RETE DELLE
STRADE NAZIONALI NEL
2008
Nel 2008 il traffico sulle strade nazionali è aumentato
dell’1,1 per cento rispetto all’anno precedente, rimanendo
chiaramente inferiore al tasso di crescita medio annuo degli
ultimi dieci anni (+2,4%). Nel 2007 il traffico era progredito
del 3 per cento circa.
Interessante è l’evoluzione che il traffico ha subito sull’intero arco dell’anno: nei primi mesi dell’anno il traffico è
aumentato analogamente agli anni precedenti, nella seconda
metà dell’anno, invece, ha subito un ingente calo, probabilmente per effetto del deterioramento congiunturale e del precoce avvento dell’inverno alla fine di ottobre 2008. Gli Europei di calcio Euro 08 non hanno invece avuto conseguenze
misurabili sul volume di traffico. In alcuni giorni in cui si
sono svolte le partite, il traffico è stato addirittura inferiore
al consueto.
Nel 2008, i maggiori flussi di traffico sono stati registrati
dai seguenti dieci punti di conteggio (media di veicoli transitanti al giorno e variazione rispetto all’anno precedente):
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
23
Nel 2008, i punti di conteggio
automatico dell’USTRA sulle strade
nazionali hanno rilevato in media
quotidianamente circa 6 milioni di
veicoli a motore in transito. Rispetto al 2007, il volume di traffico
medio è aumentato di poco più
dell’uno per cento. Attualmente, la
rete dei punti di conteggio annovera 183 sezioni stradali. I 137 punti di conteggio
hanno fornito una serie di dati completa. 20 sono stati installati nel corso dell’anno,
ragion per cui non si dispone ancora di dati esaustivi. I dati dei 26 punti rimanenti non
sono stati tenuti in considerazione a causa di lacune più o meno ampie (ad es. a
seguito di lavori stradali).
118 568 + 13,1%
114 906 + 1,8%
104 385 + 0,8%
100 857 - 0,6%
98 427 -0,1%
98 287 - 0,4%
97 833 - 1,1%
97 768 + 1,0%
94 665
*)
93 344 +2,1%
Schaffhausen
Basel
Frauenfeld
St. Gallen
Liestal
Delémont
2008
70 000
60 000
50 000
Luzern
Bern
Neuchâtel
Sarnen
Genève
Sion
Traffico
giornaliero medio
(TGM)
per strada nazionale
nel 2007
e nel 2008.
A2
A3
A4
A5
A6
A7
A8
A9
A12
A13
A14
A16
A28
Altdorf
Chur
Bellinzona
Strade nazionali
In esercizio
In costruzione o previste
123 Numerazione delle stazioni di
rilevamento del traffico
N.D. dati non disponibili («No Data»)
• Volume di traffico in entrambe le direzioni nell’arco di 24
ore
• La figura mostra il volume di traffico giornaliero medio
TGM, ossia l'intensità media del traffico riferita alle 24 ore,
calcolata su tutti i giorni dell'anno.
A1
Glarus
Lausanne
30 000
0
Schwyz
Fribourg
Censimento automatico del traffico stradale CSTS 2008
10 000
Numero di veicoli a motore
Le cifre della cartina sono espresse
in centinaia. Esempio: 12 = 1 200
Stans
40 000
20 000
Herisau
Appenzell
Zürich
Zug
Le variazioni registrate nel 2008 rispetto all’anno precedente sulle singole strade nazionali sono state di minima
entità.
• La crescita maggiore è stata osservata sull’A2 e sull’A14,
entrambe le autostrade con un incremento pari al 2,4 per
cento. Sull’A2 l’aumento è riconducibile alla chiusura del
cantiere sul tratto Basilea – Augst.
• Sull’A4 il traffico è rimasto al livello dell’anno precedente,
sull’A6, sull’A9 e sull’A28 è addirittura diminuito lievemente. Sull’A9, la riduzione del volume di traffico è dovuta
al miglioramento dei collegamenti pubblici verso il Vallese
grazie alla nuova galleria del Lötschberg (NFTA) e al decremento del traffico in entrata verso il Sempione per effetto
dalla riduzione del traffico transalpino su tale asse.
2007
Aarau
Solothurn
Evoluzione del traffico sulle singole strade nazionali
(TGM)
2008/2009
VOLUME DI TRAFFICO
SULLE
STRADE NAZIONALI
NEL 2008
Nel 2008, il volume di traffico sulle
strade nazionali è aumentato meno
fortemente che negli anni precedenti. Rispetto al 2007 l’incremento si è attestato a poco più
dell’1 per cento, rimanendo chiaramente al di sotto del tasso di crescita medio annuo.
A 2 BL Muttenz, Hard
A 1 AG Baden, Bareggtunnel
A 1C ZH Circon. Zurigo Nord (Seebach)
A 1 BE Schönbühl, Grauholz
A 1 BE Berna, viadotto della Felsenau
A 1 VD Crissier
A 1 ZH Brüttisellen N
A 1C ZH Circon. Zurigo Nord, Affoltern
A 1C ZH Weiningen, Gubristtunnel
A 1.1 ZH Opfikon
*) nuovo punto di conteggio
Flussi e gestione del traffico
Il monitoraggio e il rilevamento statistico dell’evoluzione
del traffico costituiscono una premessa importante per una
politica dei trasporti e dell’ambiente lungimirante da parte di
Confederazione, Cantoni e Comuni. Le basi giuridiche in materia sono fissate nell’ordinanza del 30 giugno 1993 sull’esecuzione di rilevazioni statistiche federali.
2008/2009
Flussi e gestione del traffico
24
TRAFFICO MERCI
ATTRAVERSO LE ALPI
2008
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
Anno
San Gottardo
San Bernardo
1981
171 000
57 000
Sempione San Bernardino
11 000
25
Nonostante il lieve incremento del
traffico, nel 2008 le ore di colonna
sono diminuite del 2,6 per cento
rispetto all’anno precedente, scendendo a quota 10 048 ore, il valore
Risultati 2008
più basso degli ultimi sette anni.
La causa principale per la formazione delle code è stato il forte
traffico, seguito dagli incidenti e dai cantieri. Questi ultimi hanno tuttavia causato il
40 per cento di ore di colonna in meno rispetto all’anno precedente.
Tutti
73 000
2008/2009
EVOLUZIONE DELLE
COLONNE SULLE STRADE
NAZIONALI
Nel 2008 la crescita del numero di
veicoli pesanti per il trasporto
merci su strada attraverso le Alpi ha
subito un forte rallentamento rispetto all’anno precedente. Complessivamente hanno attraversato i
quattro principali valichi alpini
1,27 milioni di camion.
Nel 2008, il numero di veicoli pesanti in transito nei quattro principali valichi alpini (San Gottardo, San Bernardino,
Sempione e Gran San Bernardo) è aumentato dell’uno per
cento o di 12 291 unità rispetto all’anno precedente, portandosi a quota 1 274 816 camion. Rispetto all’incremento del 7
per cento del 2007, il primo aumento dal 2004, nel 2008 la
crescita del traffico merci transalpino si è notevolmente attenuata.
Fino alla fine di luglio 2008, il volume di traffico è fortemente progredito, confermando l’andamento dell’anno precedente. A partire dal mese di agosto, e quale evidente riflesso
della situazione congiunturale generale, la tendenza si è
invertita registrando cali particolarmente pronunciati nei
mesi di novembre e dicembre (-8,3% annuo per ciascun
mese). È probabile che anche l’avvento precoce dell’inverno a
fine ottobre e le intense nevicate a Sud delle Alpi nella prima
metà di dicembre, più volte all’origine di notevoli problemi di
traffico sugli assi di transito principali, abbiano contribuito a
tale evoluzione.
La chiusura di due settimane (26 maggio - 7 giugno 2008)
dell’asse del San Bernardino per lavori in corso e rimozione di
rocce pericolanti nonché le ripetute chiusure del passo del
Sempione per caduta di massi (agosto 2008) e pericolo di
valanghe (dicembre 2008) non hanno inciso granché sull’andamento annuo. Con 1,4 milioni di veicoli pesanti in transito
il valore record rimane quello del 2000. Con 1,4 milioni di veicoli pesanti in transito il valore record rimane quello del 2000.
Flussi e gestione del traffico
312 000
1982
233 000
68 000
15 000
79 000
395 000
Le cause
Zone soggette alla formazione di colonne
1983
283 000
64 000
23 000
79 000
449 000
1984
298 000
48 000
14 000
72 000
432 000
1985
353 000
43 000
19 000
75 000
490 000
Anche nel 2008 la causa principale dei congestionamenti è
stato il forte traffico che ha originato i tre quarti degli incolonnamenti, ossia 7509 ore di colonna, il 5,3 per cento (379
ore) in più rispetto all’anno precedente.
La seconda causa sono stati nuovamente gli incidenti.
Questi hanno provocato 1722 ore di coda, l’8,5 per cento o
159 ore in meno rispetto al 2007. La loro proporzione sull’insieme delle ore di colonna è così diminuita leggermente,
scendendo al 17 per cento (2007: 18%).
Come già l’anno precedente, le ore di colonna imputabili ai
cantieri sono diminuite in modo marcato, scendendo da 1220
ore nel 2007 a 724 ore nel 2008 (-41%; -496 ore). Sulle ore
d’incolonnamento complessive, le ore di colonna dovute ai
cantieri sono diminuite al 7 per cento (2007: 12%), calo
riconducibile principalmente alla conclusione dei lavori sull’A1, tra l’area di servizio di Würenlos e lo svincolo Limmattal,
e sull’A2.
L’agglomerato di Zurigo rimane il punto nevralgico in termini di incolonnamento. Le ore di coda annue sulla circonvallazione nord Zurigo – Winterthur sono salite a complessivamente 2794, costituendo oltre un quarto delle ore di colonna
rilevate sull’intera rete delle strade nazionali. A Zurigo il traffico è rimasto bloccato in 278 giorni, in media quindi ogni
giorno lavorativo. Anche gli agglomerati di Basilea, Berna,
Losanna e Ginevra non sono rimasti immuni dal congestionamento del traffico nei giorni feriali, benché le ore di colonna
riconducibili al traffico dei pendolari siano molto inferiori
rispetto a quelle di Zurigo (ore di colonna Berna: 593,
Losanna: 697, Ginevra: 228). Nei punti tradizionalmente sensibili al congestionamento del traffico, le ore di colonna sono
aumentate del 10 per cento rispetto all’anno precedente,
costituendo quasi i tre quarti delle ore di coda dell’intera rete
stradale nazionale. Con 189 giorni, il numero medio di giorni
con incolonnamenti è tuttavia rimasto relativamente stabile.
1986
419 000
50 000
16 000
80 000
565 000
1987
468 000
49 000
20 000
86 000
623 000
1988
507 000
57 000
20 000
84 000
668 000
1989
538 000
58 000
21 000
82 000
699 000
1990
548 000
64 000
27 000
94 000
733 000
1991
603 000
67 000
28 000
101 000
799 000
1992
659 000
59 000
20 000
109 000
847 000
1993
736 000
50 000
11 000
109 000
906 000
1994
807 000
41 000
19 000
119 000
986 000
1995
871 000
40 000
21 000
115 000
1 047 000
1996
935 000
39 000
24 000
124 000
1 122 000
1997
964 000
36 000
25 000
119 000
1 144 000
1998
1 035 000
44 000
27 000
129 000
1 235 000
1999
1 101 000
48 000
30 000
138 000
1 317 000
2000
1 187 000
52 000
27 000
138 000
1 404 000
2001
966 000
61 000
67 000
277 000
1 371 000
2002
858 000
88 000
98 000
205 000
1 249 000
2003
1 004 000
71 000
72 000
144 000
1 291 000
(ore)
10 000
8 000
2004
969 347
65 067
66 598
154 352
1 255 364
2005
924 879
55 901
73 334
149 856
1 203 970
2006
855 618
57 650
82 025
185 097
1 180 390
2007
963 388
55 102
82 087
161 948
1 262 525
2008
972 688
56 759
81 940
163 429
1 274 816
veocoli/
giorno
6 000
4 000
Traffico merci
attraverso le Alpi
1981-2008:
numero di veicoli
pesanti per anno
e valico alpino.
1 400 000
1 200 000
1 000 000
800 000
600 000
Evoluzione delle
cause di colonna
sulla rete di
strade nazionali
dal 1994 al 2008
(in ore)
Evoluzione delle ore
di colonna nei
principali punti
nevralgici della rete
dal 2003 al 2008
2 000
0
1994
1995
1996
1997
congestionamento
1998
1999
cantieri
2000
2001
2002
incidenti
2003
2004
2005
2006
2007
2008
altro
(ore)
2500
2000
1500
400 000
1000
200 000
500
A2 – San Gottardo
A13 – San Bernadino
A9 – Galleria del Sempione
Gran San Bernardo
2008
2007
2006
2005
2004
2003
2002
2001
2000
1999
1998
1997
1996
1995
1994
1993
1992
1991
1990
1989
1988
1987
1986
1985
1984
1983
1982
1981
0
0
Gottardo Nord
2003
Gottardo Sud
2004
Regione del Baregg Circonvallazione Nord
Zurigo-Winterthur
2005
2006
2007
Berna-Kriegstetten
2008
Circonvallazione
Losanna
Circonvallazione
Ginevra
27
BUfficio federale delle strade USTRA
Negli ultimi anni la Svizzera ha progettato, realizzato e reso operativi
vari dispositivi per la gestione del
traffico sulla rete di strade nazionali. L’armonizzazione di questi
dispositivi d'equipaggiamento mira
a realizzare un programma globale
dei futuri sistemi di gestione del
traffico equilibrato, ricorrendo a criteri e parametri tecnici e funzionali.
Armonizzazione dell’equipaggiamento dei tratti
stradali per la gestione del traffico
Al fine di rendere più efficace la gestione del traffico sulla
rete stradale nazionale è necessario che i sistemi preposti a
tale compito vengano uniformati.
Tale armonizzazione ha lo scopo di
• rendere più semplici ed economiche la pianificazione, la
realizzazione e la messa in esercizio di sistemi di gestione
del traffico,
• semplificare l’applicazione dei principi operativi per le
decisioni in tale ambito,
• raggiungere una percezione delle misure per il condizionamento del traffico congrua e unitaria, fornendo per situazioni analoghe identiche segnalazioni e indicazioni,
• armonizzare i sistemi di gestione del traffico in una rete
che permetta di gestirli in maniera centralizzata.
Funzioni principali della gestione del traffico
Le funzioni principali della gestione del traffico sono quattro: l'informazione, la gestione di rete, la gestione degli assi e
infine la gestione dei nodi. Le tre funzioni seguenti svolgono
un ruolo centrale nella definizione del futuro equipaggiamento dei tratti stradali:
Sistemi di gestione del traffico di ultima generazione
all'imbocco della galleria dell' Uetliberg
Misure
Con la direttiva Gestione del traffico in Svizzera è stato
fatto un primo passo verso l’armonizzazione del sistema
d’equipaggiamento dei tratti stradali. La direttiva descrive le
esigenze tecnico-funzionali di base per la gestione del traffico
sulle strade nazionali, distinguendo quattro gradi di equipaggiamento: MINIMO, BASSO, MEDIO, ALTO.
Il grado di equipaggiamento MINIMO copre l’intera rete
delle strade nazionali e assicura che le informazioni stradali,
con o senza relative raccomandazioni e istruzioni, raggiungano tutti gli utenti della strada. La diffusione di tali informazioni avviene via radio, RDS-TMC, ecc.
Il grado di equipaggiamento BASSO, oltre a garantire le
misure della categoria MINIMO, consente di gestire i flussi di
traffico nei punti decisivi della rete. Esso prevede precisi pannelli a messaggio variabile nonché indicatori di direzione
variabile.
Il grado di equipaggiamento MEDIO assicura le misure
della categoria BASSO e permette di ottimizzare i flussi di
traffico e segnalare localmente eventuali pericoli. Esso prevede impianti supplementari per il condizionamento del traffico sul tratto viario.
Il grado di equipaggiamento ALTO comprende oltre ai provvedimenti della categoria MEDIA anche altre misure per l’ottimizzazione dei flussi di traffico quali i sistemi di dosaggio
delle strade d’accesso e di uscita e la gestione di nodi secondari.
Gestione di rete
La gestione di rete è una misura coordinata per la gestione
del traffico nei nodi e sui tratti della rete stradale.
• Raccomandazioni agli utenti della strada attraverso pannelli a messaggio variabile (PMV)
• Segnalazione di deviazioni del traffico su indicatori di direzione variabile
Gestione degli assi
La gestione degli assi comprende tutte le misure necessarie
per la gestione del traffico su un determinato tratto.
• Segnalazione di pericolo su pannelli a messaggio variabile
posti sulle strade di accesso
• Segnalazione di pericolo e segnalazione dinamica della
velocità mediante sistemi di ripartizione del traffico
• Gestione del traffico in presenza di cantieri, eventi e incidenti attraverso sistemi di segnali luminosi sulle corsie
• Modifica della destinazione d’uso della corsia di emergenza
mediante sistemi di segnali luminosi sulle corsie e segnali
d’indicazione
Grado di equipaggiamento
ALTO
Definizione dei gradi di equipaggiamento
EQUIPAGGIAMENTO DEI
TRATTI STRADALI PER LA
FUTURA GESTIONE DEL
TRAFFICO
MEDIO
26
2008/2009
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BASSO
Flussi e gestione del traffico
MINIMO
2008/2009
• Informazioni sul traffico e
raccomandazioni per i
viaggiatori tramite radiodiffusione, RDS-TMC, ecc.
• Informazioni sul traffico e
raccomandazioni per i
viaggiatori tramite PMV
• Deviazioni su indicatori
di direzione variabile
• Armonizzazione della velocità
• Segnalazione di pericoli
• Gestione delle rampe
• Impianti di segnalazione
luminosa per la gestione e
il dosaggio dei punti di snodo
• Modifica della destinazione
d’uso della corsia d’emergenza
Schaffhausen
Kreuzlingen
Basel
Frauenfeld
Boncourt
Liestal
Baden Kloten
Sissach
St. Gallen
Winterthur
Olten
Delémont
St. Margrethen
Aarau
Herisau
Zürich
Appenzell
Solothurn
Gestione dei nodi
Per gestione dei nodi s’intende la gestione di singoli flussi
di traffico in punti e oggetti determinati.
• Gestione delle rampe lungo i tratti congestionati mediante
impianti di segnalazione luminosa, segnali variabili e
sistemi di segnali luminosi sulle corsie
• Gestione e dosaggio del traffico sulle strade d’accesso e in
punti nevralgici mediante impianti di segnalazione luminosa e sistemi di segnali luminosi sulle corsie
Zug
Sursee
La Chaux-de-Fonds
Neuchâtel
Schwyz
Luzern
Bern
Langnau
Sargans
Stans
Sarnen
Altdorf
Chur
Engelberg
Fribourg
Yverdon
Glarus
Thun
Interlaken
Vallorbe
Thusis
Bulle
Lausanne
Airolo
Kandersteg
Vevey
Nyon
Goppenstein
Sierre
Genève
Sion
Brig
Bellinzona
Locarno
Grado di equipaggiamento
della rete
delle strade nazionali
Martigny
Lugano
Chiasso
ALTO
MEDIO
BASSO
MINIMO
2008/2009
Flussi e gestione del traffico
28
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
PROGRAMMI
D'AGGLOMERATO –
PIANIFICAZIONE COORDINATA DI INSEDIAMENTI E
TRASPORTI
Tre quarti della popolazione svizzera vive nelle città e negli agglomerati, veri e propri motori di sviluppo socio-economico del Paese.
In queste aree, si assiste quindi a
un aumento costante del traffico e
dell’inquinamento. Per far fronte a
questa evoluzione, la Confederazione ha creato i cosiddetti «programmi d'agglomerato», uno strumento per la pianificazione globale dei trasporti nelle aree urbanizzate.
La maggior parte della popolazione svizzera vive e lavora
in uno dei circa cinquanta agglomerati del Paese, veri e propri
centri pulsanti economico-sociali. Questa concentrazione
demografica non solo comporta una forte densità di traffico,
un elevato carico ambientale e problemi di natura sociale, ma
incide anche sulle finanze pubbliche. Tutti questi aspetti si
ripercuotono negativamente sull'attrattività economica delle
città e sulla qualità di vita delle persone che vi risiedono. Da
soli, gli agglomerati non sono però in grado di risolvere tutti
questi problemi; spesso le sfide che devono affrontare oltrepassano infatti le loro competenze e le concrete possibilità
d'intervento.
Programmi d'agglomerato
I programmi d'agglomerato, parte trasporti e insediamento, sono un nuovo tipo di strumento di pianificazione
della Confederazione: promuovono e rendono possibile il
coordinamento ottimale delle questioni legate ai trasporti e
all'urbanizzazione di un agglomerato. Proiettati sul lungo
periodo e aggiornati periodicamente, questi programmi inglobano le misure destinate allo sviluppo degli insediamenti e al
miglioramento dell'intero sistema dei trasporti.
Spetta ai Cantoni e ai Comuni, riuniti a questo scopo in
enti, elaborare i programmi d'agglomerato. Sulla base di questi programmi - che devono soddisfare determinate condizioni (esigenze di base e criteri di efficienza) - la Confederazione stabilisce poi se e in che misura finanziare le infrastrutture di trasporto negli agglomerati. A questo scopo essa
sottoscrive con gli enti responsabili apposite convenzioni.
Fondo infrastrutturale
Creando il fondo infrastrutturale, la Confederazione ha
posto le basi per il finanziamento federale delle infrastrutture
di trasporto negli agglomerati. In questo modo sono stati
stanziati, sull'arco dei prossimi vent'anni, 6 miliardi di franchi da destinare alle infrastrutture di trasporto negli agglomerati: 2,5 miliardi sono già stati assegnati a progetti urgenti
i cui lavori sono stati avviati prima della fine del 2008, 2,5
miliardi saranno accordati in base ai programmi d'agglomerato esaminati e l'ultimo miliardo è riservato a investimenti di
altro genere.
Alla fine del 2007 i programmi d'agglomerato presentati
erano 30; altri 13 sono annunciati. Su mandato del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e
delle comunicazioni (DATEC), l’Ufficio federale dello sviluppo
territoriale (ARE) ha esaminato l'insieme dei programmi. Sulla
base di questa analisi, nel dicembre 2008 il Consiglio federale
ha avviato la procedura di consultazione. Tra il 2011 e il 2014,
26 città e agglomerati dovrebbero beneficiare di aiuti finanziari per migliorare i loro sistemi di trasporto. Entro la fine del
2009, il Consiglio federale sottoporrà al Parlamento un relativo messaggio, conformemente alla legge sul fondo infrastrutturale.
In ogni area urbana, le strade nazionali svolgono un ruolo
essenziale nell'assorbire il traffico - sia che si tratti di quello
di transito che di quello, molto più intenso, interno all'agglomerato. Per pianificare in modo ottimale i trasporti in ogni
regione è quindi indispensabile che la rete delle strade nazionali sia ultimata e che i problemi di capacità attuali e futuri
vengano eliminati. Questi compiti sono finanziati anche attraverso il fondo infrastrutturale che prevede 8,5 miliardi per il
completamento della rete e 5,5 miliardi per l'eliminazione dei
problemi di capacità. Le risorse già stanziate per i programmi
d'agglomerato sono destinate pertanto esclusivamente a misure che non concernono la rete delle strade nazionali.
Circolazione stradale e veicoli
2008/2009
29
NUOVE DISPOSIZIONI
IN MATERIA DI
CIRCOLAZIONE STRADALE
Nel 2009 entrano in vigore diverse
modifiche della normativa in materia di circolazione stradale. Questi
cambiamenti, che riguardano soprattutto le esigenze tecniche dei
veicoli, contribuiscono a migliorare
ulteriormente la sicurezza sulle
strade. Le nuove disposizioni prevedono ad esempio pneumatici conformi alle norme internazionali, autocarri dotati di
specchietti supplementari per ridurre il punto morto e veicoli lenti equipaggiati
posteriormente con un triangolo catarifrangente rosso. Inoltre, gli autisti che intendono trasportare persone o merci necessitano ora di un apposito certificato di capacità.
Pneumatici conformi alle norme internazionali
Ulteriore riduzione del «punto morto»
Anello di congiunzione tra la strada e il veicolo, gli pneumatici devono trasmettere adeguatamente alla carreggiata le
forze che entrano in gioco al momento della guida, dell'accelerazione e della frenata. Per migliorare la sicurezza sulle
strade e contenere il rumore, d'ora in poi devono essere muniti
di una marca d’approvazione o di un marchio di controllo conforme alle norme internazionali. In questo modo sulle strade
circoleranno unicamente veicoli con pneumatici che soddisfano le esigenze in materia di sicurezza stradale. Inoltre, gli
pneumatici impiegati per circolare a velocità superiori agli 80
km/h vanno collaudati e contrassegnati anche per quanto
concerne il rumore prodotto dal contatto con il rivestimento
stradale. Questa esigenza supplementare contribuisce a
ridurre ulteriormente il rumore provocato dal traffico stradale.
Non soggiacciono a questa nuova regolamentazione, i veicoli immatricolati prima del 1° ottobre 1980 e gli autoveicoli
che per costruzione possono raggiungere al massimo i 45
km/h.
Gli autocarri e i trattori a sella dovranno essere equipaggiati con specchi supplementari entro il 31 marzo 2009: specchi esterni grandangolari e specchi d'accostamento dovranno
consentire all'autista di vedere gli utenti della strada che si
trovano e circolano nelle immediate vicinanze del suo veicolo.
Per i veicoli immatricolati prima del 1° gennaio 2000 si
applica il diritto previgente. Già dal 1° luglio 2008 gli specchi
d'accostamento sono obbligatori per tutti i veicoli la cui
distanza dal centro del dispositivo di guida fino alle parti di
veicoli poste più anteriormente è superiore a tre metri
(soprattutto veicoli da cantiere come ad es. gli escavatori o i
trattori con attrezzi suppletivi). Questi accorgimenti consentono di ridurre ulteriormente il «punto morto» negli specchietti.
Veicoli lenti meglio riconoscibili
D'ora in poi, gli autoveicoli che, per loro costruzione o per
un limite imposto dall’autorità, hanno una velocità massima
inferiore a 80 km/h devono portare posteriormente un contrassegno che indichi la loro velocità massima. Fino ad ora
questa misura valeva unicamente per i veicoli immatricolati
dopo il 1° ottobre 2006. La velocità massima limitata deve
anche essere iscritta nella licenza di circolazione.
Nell'ottica di una migliore visibilità, i veicoli a motore e i
rimorchi con velocità limitata a 45 km/h devono recare posteriormente un triangolo catarifrangente rosso. Fanno eccezione
i veicoli di larghezza inferiore a 1,30 metri e i trattori. Questa
prescrizione vale per tutti i veicoli immatricolati a partire dal
1° luglio 2008; quelli registrati prima di questa data dovranno
essere equipaggiati entro il 1° luglio 2009.
Nuovo attestato di competenza e obbligo di formazione periodica per i conducenti di bus e autocarri
In futuro, chi intende trasportare persone o merci a titolo
professionale deve essere in possesso oltre che della licenza di
condurre di un certificato di capacità. Questo vale sia per il
trasporto di persone in autobus o furgoncini (categoria D1 o
D) che per il trasporto di merci in autocarri (categoria C1 o C).
Chi è già titolare della licenza di una di queste due categorie
ottiene il certificato di capacità senza dover sostenere alcun
esame. La nuova normativa entra in vigore 1° settembre 2009.
Chi presenta una richiesta di una licenza per allievo conducente o una licenza di condurre per le categorie menzionate
sopra presso la motorizzazione dopo tale data, deve sostenere
i nuovi esami teorici e pratici più approfonditi e impegnativi.
In più, i conducenti professionali saranno tenuti a seguire formazioni periodiche. Il certificato di capacità ha una durata di
validità limitata a cinque anni. Per la sua proroga il conducente deve aggiornare le sue conoscenze e competenze presso
un centro di formazione riconosciuto e controllato dal Cantone. La durata (35 ore in un quinquennio) e il contenuto di
questi corsi sono disciplinati dall’ordinanza sull’ammissione
degli autisti.
2008/2009
Circolazione stradale e veicoli
30
MAGGIORE SICUREZZA
SULLE STRADE
Nel 2008, sulle strade svizzere hanno perso la vita 357 persone, quasi 5 000 sono rimaste ferite gravemente. Benché
rispetto al 2007 si registri un calo incoraggiante, il numero
delle vittime continua ad essere elevato e la necessità di
intervento resta alta. In quest'ottica, il Consiglio federale si è
prefisso di ridurre massicciamente il numero di morti e feriti
gravi sulla strada.
A questo scopo e sotto la direzione dell'Ufficio federale
delle strade (USTRA), è stato elaborato il programma d'intervento Via sicura volto a promuovere la sicurezza stradale. Alla
sua realizzazione hanno collaborato circa 80 rappresentanti di
organizzazioni specializzate, autorità cantonali e comunali
nonché del mondo economico e politico. Questo programma
prevede circa 60 misure che dovrebbero permettere di migliorare in modo marcato la sicurezza sulle strade.
L'obiettivo è chiaro: sulle strade potranno circolare unicamente conducenti ben formati, in condizione di guidare, su
veicoli affidabili e lungo strade sicure. Per raggiungere questo
obiettivo, è necessario intervenire principalmente negli
ambiti seguenti:
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
• sicurezza dei veicoli: obbligo di circolare con i fari accesi
anche di giorno, ecc.
Il programma d'intervento Via sicura propone unicamente
le misure più efficaci a ridurre il numero di incidenti stradali,
individuate e selezionate da esperti sulla base del miglior rapporto costi-benefici.
2008/2009
31
PRINCIPALI MISURE PER IL
MIGLIORAMENTO
DELLA SICUREZZA STRADALE
In media, ogni giorno una persona
perde la vita sulle strade, i feriti
gravi in un anno sono nell'ordine
delle migliaia. Il DATEC intende
pertanto migliorare sensibilmente
la sicurezza di tutti gli utenti della
strada servendosi come base del
programma d'intervento Via sicura.
Costi e benefici
Via sicura costerà al settore pubblico al massimo 300
milioni di franchi all'anno. Questa somma sarà ampiamente
compensata attraverso i risparmi realizzabili grazie alla riduzione degli incidenti (danni alle persone e ai beni, spese giudiziarie e di polizia).
Nel mese di novembre 2008, il Consiglio federale ha posto
in consultazione il programma d'intervento Via sicura con tre
distinti modelli di finanziamento, ciascuno con un grado di
efficacia differente. La fase di consultazione si è conclusa il
15 marzo 2009, ora si stanno esaminando i risultati. Le misure
adottate dovrebbero essere introdotte a partire dal 2013.
Evoluzione dei limiti di velocità sulle strade svizzere
Abilità alla guida
All'interno delle località
60 km/h definitivamente
1959
1980
50 km/h a titolo di prova
1984
50 km/h definitivamente
2002
Introduzione delle zone d’incontro con limite di
velocità massimo (20 km/h) e zone con limite di
velocità a 30 km/h semplificate
2005
Fuori dalle località
prima del 1973 nessuna limitazione
1973
100 km/h provvisoriamente
1977
100 km/h definitivamente
1985
80 km/h a titolo di prova
1989
80 km/h definitivamente (votazione popolare del
26 novembre 1989)
Autostrade
prima del 1973
1973
1974
1977
1985
1989
nessuna limitazione
100 km/h temporaneamente (crisi del petrolio)
130 km/h provvisoriamente
130 km/h definitivamente
120 km/h a titolo di prova
120 km/h definitivamente (votazione popolare
del 26 novembre 1989)
2005
2005
1981
1994
2006
nei sedili anteriori di autovetture
nei sedili anteriori e posteriori di autovetture
in tutti i veicoli dotati di cinture di sicurezza
Obbligo di portare il casco
Maxi tamponamento
sulla A1
nei pressi di Zurigo
1981
1990
2006
motoveicoli
ciclomotori
delta motorizzati e quad
1971/72
1978
1994
1995
1995
1995
1996
1998
2003
1991
2005
2009
2003
2003
2005
2007
2008
2008
Formazione
Corso di teoria della circolazione obbligatorio ed
esame teorico ampliato
Formazione in due fasi e licenza di condurre in
prova per nuovi conducenti
Certificato di capacità e formazione periodica
obbligatoria per autisti professionali; esame di
conducente più approfondito e impegnativo
Abbassamento allo 0,5‰ della concentrazione
di alcol nel sangue consentita
Tolleranza zero nei confronti di conducenti sotto
l'influsso di stupefacenti
Misure amministrative più severe e sistema a
cascata per recidivi
Sicurezza dei veicoli
Obbligo di allacciare le cinture di sicurezza
• infrastruttura stradale: risanamento dei tratti pericolosi e
a rischio d'incidente, separazione dei sensi di marcia attraverso guardrail, ecc.
• comportamento degli utenti della strada: divieto di assumere alcol per i nuovi conducenti e gli autisti professionali, campagne di sensibilizzazione, maggiori controlli
della circolazione, ecc.
Circolazione stradale e veicoli
2008
2010
2010
Freni a doppio circuito su veicoli a motore
Vetro di sicurezza a più strati su veicoli a motore
leggeri
Protezione laterale su veicoli pesanti nuovi adibiti al trasporto di cose
Sistema ABS (Antilock Braking System) su veicoli
pesanti
Esigenze più severe in materia di componenti
pericolose come l'archetto di protezione frontale,
guarnizioni, ecc.
Protezione posteriore su veicoli pesanti e relativi
rimorchi
Limitatore di velocità su veicoli pesanti nuovi
Limitatore di velocità su tutti i veicoli pesanti
Specchietti retrovisori supplementari su autocarri (riduzione del punto morto) per ridurre il
punto morto
Su autocarri pesanti presenza di estintori
Dispositivo di protezione anteriore per autocarri
Configurazione della parte anteriore dei veicoli
(protezione dei pedoni)
Prescrizioni a tutela dei passeggeri in caso di
collisione frontale e laterale
Divieto dei sedili posti trasversalmente rispetto
all'asse longitudinale del veicolo nelle vetture di
nuova immatricolazione
Cartelli di demarcazione per veicoli lenti e strisce
catarifrangenti per autocarri
Specchi retrovisori supplementari su autocarri
per ridurre il punto morto nonché
Obbligo di equipaggiamento con cinture addominali nei sedili posti trasversalmente rispetto
all'asse longitudinale del veicolo
Obbligo di equipaggiare con cinture di sicurezza i
sedili per bambini e quelli posti trasversalmente
su veicoli già in circolazione.
2008/2009
Circolazione stradale e veicoli
32
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
LIEVE AUMENTO DELLE
REVOCHE DI PATENTI NEL
2008
Stando agli dati del registro automatizzato delle misure amministrative (ADMAS) dell'Ufficio federale
delle strade (USTRA), nel 2008 il
numero di conducenti che sulle
strade svizzere si sono visti ritirare
la licenza di condurre è aumentato
leggermente rispetto all'anno precedente. Calate invece le revoche dovute a guida sotto l’influsso di stupefacenti e
medicinali e quelle per guida in stato di ebrietà; le prime in modo marcato, le seconde
solo lievemente.
Numero
dei casi
nell'anno
2007
Numero
dei casi
nell'anno
2008
Differenza
in %
all'anno
precedente
Misure nei confronti dei conducenti
di veicoli
Numero
dei casi
nell'anno
2007
Numero
dei casi
nell'anno
2008
Differenza
in %
all'anno
precedente
Circolazione stradale e veicoli
33
VEICOLI STRADALI
NUOVI IMMATRICOLATI
PER GRUPPO E GENERE DI VEICOLI
2000–2008
Veicoli stradali nuovi immatricolati 2000–2008
2000
Anno
Totale veicoli
417 942
Totale veicoli a motore
Automobili
Revoca della licenza per allievo conducente
Revoca della licenza di condurre
Rifiuto di rilasciare una licenza
Divieto di far uso della licenza di condurre
straniera
meno di 20 anni
227 -20,3 %
48464
47543
-1,9 %
2683
2650
-1,2 %
72051
74326
3,1 %
3578
17468
3187 -10,9 %
17359
-0,6 %
Corso d'educazione stradale
3273
3305
0,9 %
Nuovo esame di conducente
Esame da parte di uno psicologo della
circolazione
1459
1717
17,6 %
1106
1499
35,5 %
Rilascio condizionale dopo la revoca
3042
3183
4,6 %
33238
4,9 %
Ebrietà (> = 0,80 ‰)
401 105
338 615
350 659
368 987
376 596
2,1
260 682
269 748
283 972
287 971
1,4
22,3
Veicoli per il trasporto di cose
2 679
2 637
3 224
26 252
28 055
29 706
5,9
3 943
3 371
3 074
3 034
3 227
6,4
10,2
3,2 %
30–34 anni
8353
8603
2,9 %
35–39 anni
8141
8251
1,3 %
40–49 anni
14755
15476
4,8 %
50–59 anni
8498
9201
8,2 %
Dettagli tecnici relativi alle nuove autovetture
60–69 anni
4209
4563
8,4 %
Anno
2000
2005
2006
2007
2008
70 anni e oltre
3253
3494
7,4 %
Totale
314 482
260 682
269 748
283 972
287 971
Il diniego della licenza per allievo conducente o della
licenza di condurre nonché la revoca della licenza per
allievo conducente sono stati pronunciati per i motivi seguenti
Veicoli industriali
Motoveicoli
Totale rimorchi
423
384
-9,2 %
1848
5,7 %
871
828
-4,9 %
3 012
3 241
3 351
3 694
45 230
45 665
47 938
48 774
1,7
16 837
18 073
19 143
18 908
19 311
2,1
Fonte: Ufficio federale delle strade USTRA
Trazione
1747
2 747
50 812
integrale
54 742
56 934
67 022
73 700
71 722
posteriore
34 635
21 719
19 840
21 929
22 288
anteriore
225 105
181 967
182 835
188 297
193 942
62
51
46
19
altro
Guida senza licenza
3320
2972 -10,4 %
automatico
81 916
74 872
73 889
73 703
69 641
Esame non superato
350
263 -24,8 %
meccanico
232 566
185 081
193 841
204 336
209 896
Guida nonostante revoca della licenza
117
142
idrostatico
Furto d'uso
Inosservanza del diritto di precedenza
3689
3755
1,7 %
Malattia o infermità
Inosservanza di segnali
1603
1616
0,8 %
Altri motivi
Cambio
21,3 %
518
561
8,3 %
70
76
8,5 %
1228
1241
1,0 %
altro
39
56
34
1 979
5 877
8 400
200 399
berlina
227 171
192 290
197 913
202 321
-1,7 %
75 673
57 750
60 602
68 861
76 502
cabriolet
11 638
10 642
11 233
12 790
11 070
benzina
285 407
185 120
185 807
185 055
189 151
1 271
3 220
3 091
5324
5117
-3,8 %
Alcolismo
1059
1102
4,0 %
Influsso di medicinali o stupefacenti
2049
1877
-8,3 %
Dipendenza da stupefacenti
1804
1976
2552
15046
Ammonimento / Motivi
35716
36729
2,8 %
Disattenzione
4821
4559
-5,4 %
9,5 %
Inosservanza della precedenza
3140
2901
-7,6 %
2555
0,1 %
Veicolo difettoso
1063
1059
-0,3 %
15705
4,3 %
Inosservanza di segnali
Velocità
Sorpasso
Durata della revoca della licenza di condurre
(compresi i ciclomotori)
Carozzeria
46
683
mista
Altri errori di guida
29774
2 785
23 535
11255
7,5 %
28468
2 434
26 687
10902
-1,2 %
1 mese
2,1
25–29 anni
8506
Altri motivi
395 907
0,0 %
18902
Malattia o infermità
387 895
-5,2 %
7907
1837
369 802
3348
19133
1869
356 688
13870
Disattenzione
Sorpasso inammissibile
Differenza
3533
Ebrietà
31678
2008
13866
Errori di guida
Inosservanza di prescizioni relative alla
velocità
2007
20–24 anni
Guida non accompagnata di un allievo
conducente
I seguenti motivi, a volte anche cumulati,
hanno determinato la revoca della licenza
di condurre
2006
314 482
Veicoli per il trasporto di persone
Età delle persone interessate
dalla misura
285
2005
07/08 (%)
Veicoli agricoli
Ammonimenti titolari di una licenza
per allievo conducente
Ammonimenti titolari di una licenza
di condurre
2008/2009
596
297
Carburante
benzina-elettrico (ibrido)
diesel
altro
28 983
74 114
80 857
92 333
93 366
92
1'448
1'813
3'364
2'363
492 -17,4 %
231 -22,2 %
Altri motivi
5335
4861
-8,8 %
Ebrietà (> = 0,50–0,79 ‰)
6442
6291
-2,3 %
Cilindrata media (cm3
4,5 %
meno di 1000
12 413
5 047
8 015
9 503
10 160
1000 – 1399
53 275
44 933
46 635
49 584
60 689
1400 – 1799
85 039
60 494
58 533
65 298
69 945
1800 – 1999
86 388
81 026
82 328
88 486
84 019
2 mesi
2920
2764
-5,3 %
2000 – 2499
36 459
30 053
30 287
26 609
24 010
3 mesi
18695
18685
-0,0 %
2500 – 2999
22 535
21 282
24 216
25 339
23 804
4–6 mesi
11025
11021
-0,0 %
3000 e oltre
18 309
17 834
19 725
19 134
15 320
7–12 mesi
2829
3048
7,7 %
più di 12 mesi
1594
1790
12,2 %
64
13
9
19
24
a tempo indeterminato
9949
10947
10,0 %
30
32
6,6 %
permanente
Elettrico
Fonte: Ufficio federale di statistica UST
2008/2009
Circolazione stradale e veicoli
34
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
Rimorchi
Veicoli
agricoli
Veicoli
industriali
Motoveicoli
326 232
188 218
55 808
636 540
356 582
9 475
4 652
2 266
2 557
55 229
24 911
14 883
15 435
23 938
13 707
8 711
1 520
9 031
3 697
3 718
1 616
119 924
48 468
24 989
46 467
54 691
25 399
21 144
8 148
896 693
487 023
147 724
135 941
88 117
37 888
12 269
7 699
1 322
1 448
1 362
438
74 494
44 357
11 150
10 683
5 490
2 814
61 729
40 088
9 683
5 203
3 158
3 597
13 991
9 073
1 663
1 590
1 043
622
149 611
93 256
18 457
21 655
11 458
4 785
99 439
59 719
15 805
11 845
6 612
5 458
Svizzera nordoccidentale 683 106
Basilea Città
83 478
Basilea Campagna
174 910
Argovia
424 718
528 810
65 319
136 417
327 074
5 489
681
1 265
3 543
45 492
7 682
11 127
26 683
16 954
173
3 710
13 071
5 525
662
1 362
3 501
80 836
8 961
21 029
50 846
45 574
4 312
10 124
31 138
Zurigo
843 134
665 751
7 772
51 925
15 627
8 089
93 970
42 161
Svizzera orientale
Glarona
Sciaffusa
Appenzello Esterno
Appenzello Interno
San Gallo
Grigioni
Turgovia
760 441
25 535
53 609
37 724
11 216
309 787
137 001
185 569
561 657
18 965
39 711
27 631
7 731
232 637
97 940
137 042
7 042
215
561
321
68
2 778
1 513
1 586
49 181
1 798
3 268
1' 859
671
19 624
10 151
11 810
41 573
1 396
2 759
2 346
1 125
14 067
9 702
10 178
11 503
529
609
513
201
3 937
3 393
2 321
89 485
2 632
6 701
5 054
1 420
36 744
14 302
22 632
67 468
2 565
5 118
3 190
1 046
24 106
14 656
16 787
Svizzera centrale
Lucerna
Uri
Svitto
Obvaldo
Nidvaldo
Zugo
510 546
243 692
22 393
107 815
25 488
29 674
81 484
382 235
178 789
16 331
81 805
17 932
22 415
64 963
4 465
2 153
240
826
256
254
736
31 849
15 665
1 274
6 516
1 651
1 442
5 301
24 676
13 364
1 206
5 007
1 954
1 289
1 856
5 362
2 215
430
1 291
397
289
740
61 959
31 506
2 912
12 370
3 298
3 985
7 888
36 071
18 046
2 095
7 268
2 657
1 816
4 189
Ticino
266 785
200 122
2 020
17 998
3 711
2 185
40 749
11 059
332
126
4
64
10
122
6
119
Totale
Regione del Lemano
Vaud
Vallese
Ginevra
Espace Mittelland
Berna
Friburgo
Soletta
Neuchâtel
Giura
ConfederazioneSvizzera
5 245 145
3 989 811
48 536
972 014
456 545
230 172
285 297
754 417
361 110
175 605
217 702
1 208 787
681 496
189 999
176 520
110 628
50 144
35
Secondo le statistiche, in Svizzera
vi è un’automobile quasi ogni due
abitanti. A livello europeo la Svizzera si situa quindi tra i paesi più
motorizzati. Questo valore contempla tuttavia importanti differenze
regionali: in Ticino la densità di
veicoli per abitante è di gran lunga
la più elevata, mentre quella più bassa si registra nella Svizzera nord-occidentale.
Nella regione del lago Lemano dal 2004 è in atto un calo del grado di motorizzazione,
in controtendenza rispetto a quanto avviene nel resto della Svizzera.
Veicoli per il Veicoli per il
trasporto di trasporto di
persone
cose
*Stato 2007
Fonte: Eurostat
Veicoli a motore
Automobili
2008/2009
GRADO DI
MOTORIZZAZIONE
IN EUROPA
E IN SVIZZERA
PARCO AUTOMOBILI E
PARCO MOTOVEICOLI IN
SVIZZERA NEL 2008
Totale
veicoli a
motore
Circolazione stradale e veicoli
Automobili per 1000 abitanti
1
Liechtenstein
2
Lussemburgo
3
Islanda
4
Italia
5
Portogallo
6
Germania
7
Malta
8
Svizzera
9
Austria
10
Francia
11
Belgio
12
Regno Unito
13
Svezia
14
Slovenia
15
Spagna
16
Finlandia
17
Cipro
18
Olanda
19
Norvegia
20
Irlanda
21
Lituania
22
Repubblica ceca
23
Danimarca
24
Estonia
25
Grecia
26
Polonia
27
Lettonia
28
Ungheria
29
Slovacchia
2004
692
659
599
581
572
546
525
519*
501
491
467
463
456
456
454
448
448
429
429
385
384
373
354
350
348
314
297
280
222
1990
594
477
468
483
258
445
298
442
388
414
387
359
419
289
309
388
304
367
380
226
133
234
309
154
170
138
106
187
166
Automobili per 1000 abitanti secondo le Grandi Regioni della Svizzera
Ufficio federale
di statistica,
veicoli stradali
in Svizzera
Svizzera
Ticino
Regione del Lago Lemano
Svizzera centrale
Espace Mittelland
Svizzera orientale
Zurigo
Svizzera nordoccidentale
2000
492
592
528
486
476
469
483
474
2001
498
598
534
495
484
476
488
480
2002
504
601
537
503
492
486
491
486
2003
507
595
537
507
497
492
490
492
2004
511
598
538
513
502
505
495
496
2005
515
600
536
517
505
502
504
500
2006
516
602
531
513
512
508
504
501
2007
519
607
530
522
514
512
510
503
2008/2009
Informazioni amministrative
36
UFFICI CANTONALI
DELLA
CIRCOLAZIONE
AG Strassenverkehrsamt
Kanton Aargau
Postfach
5001 Aarau
Tel. 062 886 23 23
Fax 062 886 22 00
[email protected]
www.ag.ch/
strassenverkehrsamt
FR Office de la circulation
et de la navigation du
canton de Fribourg
Route de Tavel 10
1700 Fribourg
Tel. 026 484 55 55
Fax 026 484 55 56
[email protected]
www.ocn.ch
AI Strassenverkehrsamt
Kanton Appenzell I.-Rh.
Gringel
9050 Appenzell
Tel. 071 788 95 34
Fax 071 788 95 39
[email protected]
www.stva.ai.ch
GE Service des automobiles
du canton de Genève
Rte de Veyrier 86
1227 Carouge
Tel. 022 388 30 30
Fax 022 388 30 11
[email protected]
www.geneve.ch/san
AR Strassenverkehrsamt
Kanton Appenzell A.-Rh.
Landsgemeindeplatz
9043 Trogen
Tel. 071 343 63 11
Fax 071 343 63 29
[email protected]
www.stva.ar.ch
GL Strassenverkehrsamt
Kanton Glarus
Mühlestrasse 17
8762 Schwanden
Tel. 055 647 36 00
Fax 055 647 36 99
[email protected]
www.gl.ch/xml_1/
internet/de/application/
d679/f727.cfm
BE Strassenverkehrs- und
Schifffahrtsamt
Kanton Bern
Schermenweg 5
3001 Bern
Tel. 031 634 21 11
Fax 031 634 26 81
[email protected]
www.pom.be.ch/svsa
BL Motorfahrzeugkontrolle
Kanton Basel-Landschaft
Ergolzstrasse 1
4414 Füllinsdorf
Tel. 061 906 77 77
Fax 061 906 77 70
www.mfk.bl.ch
BS Motorfahrzeugkontrolle
Kanton Baselstadt
Clarastrasse 38
4005 Basel
Tel. 061 267 82 00
Fax 061 267 82 17
[email protected]
www.mfk.bs.ch
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
Ufficio federale delle strade USTRA
B
NE Service des automobiles
et de la navigation
du canton de Neuchâtel
Faubourg de l'Hôpital 65
2000 Neuchâtel
Tel. 032 889 63 20
Fax: 032 889 60 77
[email protected]
www.ne.ch/scan
TG Strassenverkehrsamt des
Kantons Thurgau
Moosweg 7a
8501 Frauenfeld
Tel. 052 724 02 11
Fax 052 724 02 58
[email protected]
www.strassenverkehrsamt.
tg.ch
NW Verkehrssicherheitszentrum
Obwalden & Nidwalden
Kreuzstrasse 2
6371 Stans
Tel. 041 618 41 41
Fax 041 618 41 87
[email protected]
www.vsz.ch
TI Sezione della circolazione
Ticino
Ala Munda
6528 Camorino
Tel. 091 814 91 11
Fax 091 814 91 09
[email protected]
www.ti.ch/circolazione
OW Verkehrssicherheitszentrum
Obwalden & Nidwalden
Kreuzstrasse 2, 6371 Stans
Tel.: 041 666 66 00
Fax : 041 666 66 20
[email protected]
www.vsz.ch/
UR Amt für Strassen- und
Schiffsverkehr Uri
Gotthardstrasse 77a
6460 Altdorf
Tel. 041 875 22 44
Fax 041 875 28 05
www.ur.ch/assv
SG Strassenverkehrsund Schiffahrtsamt
Kanton St. Gallen
Oberer Graben 32
9001 St. Gallen
Tel. 071 229 36 57
Fax 071 229 39 98
[email protected]
www.stva.sg.ch
VD Service des automobiles
et de la navigation du
canton de Vaud
Avenue du Grey 110
1014 Lausanne
Tel. 021 316 82 10
Fax 021 316 82 11
[email protected]
www.san.vd.ch
GR Strassenverkehrsamt
Kanton Graubünden
Postfach
7001 Chur
Tel. 081 257 80 00
Fax 081 252 90 08
[email protected]
www.stva.gr.ch
SH Strassenverkehrs- und
Schiffahrtsamt Kanton
Schaffhausen
Rosengasse 8
8200 Schaffhausen
Tel. 052 632 71 11
Fax 052 632 78 11
[email protected]
ktsh.ch
www.strassenverkehrsamt.
sh.ch
VS Strassenverkehrs- und
Schifffahrtsamt
Kanton Wallis
Av. de France 71
1950 Sion
Tel. 027 606 71 00
Fax 027 606 71 04
www.vs.ch/autos
JU Office des véhicules
du canton du Jura
Rue de l'Avenir 2
2800 Delémont
Tel. 032 420 71 20
Fax 032 420 71 21
[email protected]
www.jura.ch/ovj
SO Motorfahrzeugkontrolle
Kanton Solothurn
Gurzelenstrasse 3
4512 Bellach
Tel. 032 627 66 66
Fax 032 627 66 99
[email protected]
www.mfk-so.ch
LU Strassenverkehrsamt
Kanton Luzern
Postfach 162
6000 Luzern 14
Tel.: 041 318 11 11
Fax : 041 318 18 30
[email protected]
www.strassenverkehrsamt.
lu.ch
SZ Strassenverkehrsamt
Kanton Schwyz
Postfach 3214
6431 Schwyz
Tel. 041 819 11 24
Fax 041 819 21 78
[email protected]
www.sz.ch/verkehrsamt
ZG Strassenverkehrsamt
Kanton Zug
Hinterbergstrasse 41
6312 Steinhausen
Tel. 041 728 47 11
Fax 041 728 47 27
[email protected]
www.zug.ch/behoerden/
sicherheitsdirektion/
strassenverkehrsamt
ZH Strassenverkehrsamt
Kanton Zürich
Uetlibergstrasse 301
8036 Zürich
Tel. 058 811 30 00
Fax 058 811 30 01
[email protected]
www.stva.zh.ch
2008/2009
Informazioni amministrative
37
POLIZIE CANTONALI
AG Polizeikommando
Tellistrasse 85
5004 Aarau
Tel. 062 835 81 81
Fax 062 835 82 96
AI Kantonspolizei
des Kantons
Appenzell I.Rh.
Unteres Ziel 20
9050 Appenzell
Tel. 071/788 97 00
Fax 071/788 95 08
[email protected]
GE Police Cantonale de
Genève
Case postale 236
1211 Genève GE 8
Tél.: 022 427 81 11
[email protected]
OW Kantonspolizei Obwalden
Foribach
6061 Sarnen
Tel. 041 666 65 00
Fax 041 666 65 15
[email protected]
GL Polizeikommando des
Kantons Glarus
Spielhof 12
Postfach 635
8750 Glarus
Tel. 055 645 66 66
Fax 055 645 66 77
[email protected]
SG Kantonspolizei
St.Gallen
Klosterhof 12
9001 St.Gallen
Tel. 071 229 49 49
Fax 071 223 26 60
[email protected]
VS Police cantonale
Avenue de France 69
1950 Sion
Tél. 027 326 56 56
Fax 027 606 56 66
[email protected]
SH Schaffhauser Polizei
Beckenstube 1
8201 Schaffhausen
Tel. 052 624 24 24
Fax 052 624 50 70
[email protected]
ZG Zuger Polizei
An der Aa 4
6301 Zug
Tel. 041 728 41 41
Fax 041 728 41 79
[email protected]
SO Polizei
Kanton Solothurn
Schanzmühle
Werkhofstrasse 33
4503 Solothurn
Tel. 032 627 71 11
Fax 032 627 72 12
[email protected]
ZH Kantonspolizei Zürich
Postfach
8021 Zürich
Tél. 044 247 22 11
[email protected]
AR Polizeikommando
AppenzellAusserrhoden
Rathaus
Postfach
9043 Trogen AR
Tel. 071 343 66 66
Fax 071 343 66 99
[email protected]
GR Kantonspolizei
Graubünden
Ringstrasse 2
7001 Chur
Tel. 081 257 71 11
Fax 081 286 79 01
[email protected]
kapo.ch
BE Polizeikommando des
Kantons Bern
Nordring 30
Postfach 3001
3013 Bern
Tel. 031 634 41 11
[email protected]
police.be.ch
JU Police cantonale
jurassienne
Rue du
24-Septembre 2
2800 Delémont
Tél. 032 420 65 65
Fax 032 420 65 05
[email protected]
BL Polizei
Basel-Landschaft
Rheinstrasse 25
4410 Liestal
Tel. 061 926 30 60
Fax 061 921 45 81
[email protected]
LU Kantonspolizei Luzern
Kommando
Kasimir-Pfyffer-Strasse 26
Postfach
6002 Luzern
Tel. 041 248 81 17
Fax 041 240 39 01
[email protected]
BS Kantonspolizei
Basel-Stadt
Zentrale
4051 Basel
Tel. 061 267 71 11
[email protected]
FR Police cantonale
fribourgeoise
Place Notre-Dame 2
1700 Fribourg
Tél. 026 305 17 17
NE Police cantonale
neuchâteloise
Rue des Poudrières 14
2006 Neuchâtel
Tel. 032 888 90 00
Fax 032 722 02 96
[email protected]
NW Kantonspolizei Nidwalden
Kreuzstrasse 1
6370 Stans
Tel. 041 618 44 66
Fax 041 618 45 89
[email protected]
SZ Kantonspolizei Schwyz
Bahnhofstrasse 7
6430 Schwyz
Tel. 041 819 29 29
Fax 041 811 62 63
TG Kantonspolizei Thurgau
Zürcherstrasse 325
8500 Frauenfeld
Tel. 052 728 28 28
Fax 052 728 28 29
[email protected]
TI Polizia cantonale
Vle S. Franscini 3
6500 Bellinzona
Tel. 0848 25 55 55
[email protected]
UR Kantonspolizei Uri
Tellsgasse 5
6460 Altdorf
Tel. 041 875 22 11
Fax 041 871 14 30
VD Police cantonale
vaudoise
Rte de la Blécherette 101
1014 Lausanne
Tél. 021 644 44 44
Fax 021 644 81 56
[email protected]
2008/2009
Informazioni amministrative
38
Schweizerische Eidgenossenschaft
Confédération suisse
Confederazione Svizzera
Confederaziun svizra
BUfficio federale delle strade USTRA
INDIRIZZI E
COORDINATE USTRA
Sede centrale:
Ufficio federale delle strade (USTRA)
Mühlestrasse 2
Ittigen
CH-3003 Berna
Telefono: 031 322 94 11
Fax: 031 323 23 03
[email protected]
Indirizzo postale
Ufficio federale delle strade (USTRA)
3003 Berna
Centrale nazionale di gestione del
traffico VMZ-CH
Ufficio federale delle strade (USTRA)
Centrale nazionale di gestione del
traffico
Rothenburgstrasse 15
6020 Emmenbrücke LU
Tel. 041 288 83 11
Fax 041 288 83 12
[email protected]
Filiali della Divisione
Infrastruttura stradale
(costruzione, sistemazione e
manutenzione delle strade nazionali)
Svizzera occidentale:
Ufficio federale delle strade (USTRA)
Filiale di Estavayer-le-Lac
Place de la Gare 7
CH-1470 Estavayer-le-Lac
Telefono: 026 664 87 11
Fax: 026 664 87 90
[email protected]
Berna e Vallese:
Ufficio federale delle strade (USTRA)
Filiale di Thun
Uttigenstrasse 54
CH-3600 Thun
Tel.: 033 228 24 00
Fax: 033 228 25 90
[email protected]
Svizzera centrale e nordoccidentale:
Ufficio federale delle strade (USTRA)
Filiale di Zofingen
Brühlstrasse 3 (Einfahrt Ringier-Areal)
CH-4800 Zofingen
Tel.: 062 745 75 11
Fax: 062 745 75 90
[email protected]
Svizzera nordorientale:
Ufficio federale delle strade (USTRA)
Filiale di Winterthur
Grüzefeldstrasse 41
CH-8404 Winterthur
elefono: 052 234 47 11
Fax: 052 234 47 90
[email protected]
Ticino e Grigioni:
Ufficio federale delle strade (USTRA)
Filiale di Bellinzona
Via C. Pellandini 2
CH-6500 Bellinzona
Telefono: 091 820 68 11
Fax: 091 / 820 68 90
[email protected]
Internet:
www.astra.admin.ch
www.autobahnschweiz.ch
www.verkehrsdaten.ch
www.truckinfo.ch
Appunti
Appunti
Fly UP