...

Documento ANPI Nazionale sul CONFINE ITALO SLOVENO

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Documento ANPI Nazionale sul CONFINE ITALO SLOVENO
IL DOCUMENTO DELL’ANPI NAZIONALE
SULLA STORIA E LE DRAMMATICHE VICENDE
DEL CONFINE ITALO-SLOVENO
MARZO 2016
Questo documento, con cui si conclude il proficuo lavoro svolto durante il seminario
promosso dall’ANPI nazionale il 16 gennaio 2016, si propone di avviare una riflessione
che, alla luce della ricerca, contribuisca a mettere a fuoco la verità storica relativa alle
vicende del confine italo sloveno, superando così, per quanto possibile, visioni di parte,
forzature, rimozioni e risentimenti che per lungo tempo hanno fuorviato il dibattito e non
hanno consentito di costruire una memoria critica e comune.
L’obiettivo delle pagine che seguono non è solo quello di fare il punto, ancorché non
definitivo, sulle vicende e sugli episodi più significativi relativi alla storia del confine, ma
anche quello di contestualizzarli; l’approfondimento del contesto storico, politico e
geografico, infatti, è una condizione essenziale per conoscere e comprendere le
dinamiche che hanno portato alla grande e contraddittoria mole di eventi drammatici
avvenuti nel corso del tempo in quei territori.
Nell’ambito di questa impostazione, una delle condizioni primarie per portare avanti in
modo proficuo e senza forzature la riflessione e la ricerca sulla vicenda del confine italosloveno riguarda il superamento di un punto di vista strettamente nazionale nell’esame di
oltre mezzo secolo di storia delle relazioni tra italiani, sloveni e croati. L’obiettivo precipuo
è quello di evitare che prevalga una posizione univoca, condizionata dall’appartenenza
statuale. Questo è ancora più vero quando ci si trova a indagare e a studiare una zona
multietnica, in cui fattori di tipo politico si mescolano inevitabilmente a quelli culturali. Per
questa ragione, intendiamo raccogliere la sollecitazione rivolta da Marta Verginella nella
relazione introduttiva al Seminario del 16 gennaio, ad adottare una terminologia coerente
con un approccio “trasfrontialiero” e soprattutto adeguato al fine di scongiurare il rischio di
perpetrare l’unidimensionalità storiografica e politica implicita nel punto di vista e nella
collocazione geografica e nazionale dell’espressione “confine orientale”. Questa rettifica,
che comporta invece l’adozione dell’espressione “confine italo-sloveno”, è tanto più ricca
di implicazioni, non soltanto terminologiche, se la si riferisce anche alla genesi della
ricorrenza del 10 febbraio come “Giorno del ricordo” e al significato che ha assunto il
decennio di celebrazioni avviato con l’approvazione della legge n. 92 del 2004, che la ha
istituita. L’articolo 1, infatti, assegnava a questa solennità civile il fine di “conservare e
rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo
dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più
complessa vicenda del confine orientale”; questa dizione era stata peraltro pacificamente
adottata dal legislatore, probabilmente sull’onda del consenso pressoché unanime che
accomunò le forze politiche di maggioranza e la maggior parte di quelle di opposizione al
momento del voto sulla legge.
Sotto questo profilo, il trascorrere del tempo non ha ridimensionato la percezione di una
palpabile contraddizione tra la portata della riflessione storica, politica ed etica di cui la
celebrazione di questa Giornata dovrebbe essere occasione, così come definita nel testo
del citato articolo 1, e le reali intenzioni e finalità di chi a suo tempo la propose. Basta
scorrere, infatti, la discussione parlamentare dell’epoca, nonché le proposte di legge
presentate da parlamentari facenti capo alle forze politiche di centro-destra nella XII, XIII e
1 XIV Legislatura, per ritrovare tutti i ragionamenti più tipici del revisionismo storico di inizio
secolo e il ricorso al “paradigma vittimario” di cui ha parlato Giovanni De Luna in un
recente saggio. Vi è stato un vero e proprio tentativo di appropriazione dell’insieme degli
eventi drammatici che hanno costellato il periodo della guerra e del dopoguerra nel confine
italo-sloveno, finalizzato alla loro trasformazione in una sorta di rendita memoriale da
spendere in favore esclusivo di una parte politica, così da strutturare una narrazione
mirata alla legittimazione per sé e alla delegittimazione degli avversari. Si tratta di un fatto
tanto più grave e discutibile, se si considera che attraverso questa operazione si è cercato
di accreditare alcuni falsi storiografici, a partire dalla negazione del carattere storicamente
plurale dei soggetti presenti in una regione multietnica e plurilinguistica, in nome di un
asserito primato italiano, e da una rilettura delle vicende del periodo 1943-45 che
attribuisce al conflitto di nazionalità un ruolo prioritario rispetto a quello tra antifascismo e
nazifascismo. Il fine esplicito delle iniziative legislative sopra ricordate era quello di
pervenire ad una riabilitazione di italiani repubblichini e tedeschi impegnati a fronteggiare
“l’invasione slava” in un territorio (la Zona d'operazioni del Litorale adriatico,
Operationszone Adriatisches Küstenland) peraltro sottratto all’amministrazione del
governo della Repubblica Sociale Italiana e governato direttamente da Berlino.
In altri termini, nell’intento della maggior parte dei promotori della legge, quest’ultima
avrebbe dovuto costituire il veicolo di una rissa memoriale, basata su quella che lo storico
Alceo Riosa, affrontando i temi della storia giuliana, definì la forza del mito di sé e
dell’antimito degli altri, ridotti a mera forza negativa. Questa impostazione della normativa,
uniformata alla logica dell’appropriazione delle vittime in funzione di un progetto di
rilegittimazione politica, deve pertanto subordinare la ricostruzione dei fatti ad una precisa
e circoscritta finalità e non può, di per sé, concorrere ad un ripensamento serio e proficuo
degli eventi del confine italo-sloveno tra il 1941 e la prima metà degli anni ’50.
Una tale considerazione è, peraltro, condizionata dalle remore e dalle reticenze in cui la
logica dicotomica della guerra fredda - della quale si alimentano le posizioni revisionistiche
fin qui tratteggiate - ha imbrigliato la ricerca storica e la riflessione politica. Tale logica ha
contribuito essa stessa a promuovere una storiografia modellata sull’idea di centralità dello
Stato nazionale e in molti casi, subalterna alle sue istanze politiche, ha ostacolato il
superamento della visione etnocentrica che tende a relegare gli “altri” nella dimensione di
mero polo negativo nella dialettica mirata ad argomentare in favore della prospettiva
nazionale prescelta. L’approccio etnocentrico ha contribuito a conferire centralità ad una
ricostruzione della storia delle aree di confine centrata in larga misura sull’individuazione di
uno spazio nazionale certo e definito, tale da legittimare conseguenti scelte politiche e
culturali.
Un primo passo verso il superamento di paradigmi unidimensionali è stato compiuto nel
1993 con la costituzione della Commissione storico-culturale italo-slovena e la redazione
di un documento, reso pubblico nel 2001, dedicato ai rapporti italo-sloveni fra il 1880 e il
1956. Il documento è stato oggetto di alcune riflessioni critiche per avere svolto una
narrazione parallela dei rapporti tra i due gruppi nazionali e per avere posto in rilievo
soprattutto i passaggi nei quali si viene configurando il conflitto tra di essi, tralasciando,
invece, di approfondire i contatti, gli incontri, le ibridazioni che si svilupparono e si
caratterizzarono a seconda delle aree interessate, sia sul piano dell’amministrazione
locale, della cultura, dell’economia che su quello politico ed ideologico.
Al tempo stesso, per la parte che qui maggiormente interessa, il documento della
Commissione italo-slovena ha svolto un ruolo molto importante nella definizione dei
perimetri cronologici, storici e culturali entro i quali maturano i drammatici eventi compresi
2 tra l’occupazione italiana della Jugoslavia e l’esodo, a partire dalle modalità con cui si
venne a configurare la fisionomia dei rapporti tra italiani e sloveni nell’area giuliana e del
litorale austriaco, sin dalla fase conclusiva della dominazione asburgica. In questa fase,
afferma il documento, “il rapporto italo-sloveno appare […] caratterizzato, secondo un
modello che si ritrova anche in altri casi della società asburgica del tempo, da un contrasto
tra coloro, gli italiani, che cercano di difendere uno stato di possesso (Besitzstand) politiconazionale ed economico-sociale e coloro, gli sloveni, che tentano invece di modificare o di
ribaltare la situazione esistente”. Dal punto di vista socio-economico, questa condizione si
traduce nel dualismo oppositivo tra la fisionomia prevalentemente urbana
dell’insediamento italiano e quella prevalentemente rurale della componente slovena,
anche se questo dato non deve essere considerato in termini assoluti, se si considera la
dimensione della presenza rurale italiana in Istria e quella urbana degli sloveni residenti a
Trieste e Gorizia.
Attorno a questa polarizzazione, si sono poi andate dislocando le posizioni dei diversi
attori politici ed istituzionali: la tendenza dell’amministrazione asburgica a favorire la
componente slovena per alimentare un lealismo da utilizzare in funzione di contrasto
all’irredentismo italiano, la radicalizzazione di quest’ultimo in senso nazionalistico e il
progressivo indebolimento delle posizioni più dialoganti, travolte dallo scoppio della Prima
guerra mondiale. Con l’ingresso dell’Italia nel conflitto, infatti, l’irredentismo diventa parte
integrante del programma nazionale e, salvo le aperture più o meno strumentali alle
rivendicazioni nazionali jugoslave nel congresso di Roma del 1918, di poco successivo
alla disfatta di Caporetto, la politica italiana appare proiettata a perseguire gli obiettivi di
espansione territoriale definiti con il Patto di Londra, in tendenziale conflitto con le
aspirazioni nazionali slovene che, sul finire della guerra, confluiscono nel progetto di unità
statale jugoslava.
Con la fine della guerra, la vittoria italiana e la dissoluzione dell’impero austro-ungarico, il
processo di annessione delle terre cosiddette irredente ricalca cronologicamente la crisi
dello Stato liberale e, per alcuni aspetti, ne anticipa i caratteri. Dal 1918 i territori passati
sotto il controllo italiano in seguito all’armistizio con l’Austria e poi annessi furono soggetti
prima ad un governatorato militare e, dopo il 1919, ai commissariati civili. La prospettiva
dell’inclusione di territori mistilingui, come il Sud Tirolo e la Venezia Giulia, in una
compagine statale che non si era mai misurata con simili realtà, costituiva una novità per
l’apparato amministrativo italiano, militare e civile. In questa circostanza si manifestarono
le tare tradizionali dello Stato italiano: la diffidenza nei confronti degli strati più deboli della
società, la tendenza ad appoggiarsi su gruppi oligarchici, il centralismo come prassi
amministrativa e il conservatorismo come opzione politica. Questi tratti si accentuarono in
relazione ad un conflitto tra nazionalità già apertosi sotto il dominio austriaco ed accelerato
dopo la conclusione delle ostilità.
Né sotto il governatorato militare, né sotto l’amministrazione dei commissari civili si ebbe
la capacità politica e culturale di prendere in considerazione una modalità di composizione
che riconoscesse alla componente slovena il diritto a mantenere le proprie istituzioni e a
partecipare alla gestione amministrativa del territorio in posizione di parità con la
componente italiana. La scelta fu quella di sostenere, con maggiore o minore energia e
convinzione, le ragioni di un’italianità vittoriosa e dell’assimilazione intesa come
subordinazione della componente nazionale slovena all’egemonia italiana. Centralismo e
nazionalismo si alimentarono, quindi, a vicenda. Vi furono tuttavia sostanziali differenze
sul modo di pensare tale assimilazione sia per quanto riguarda i tempi che i modi. Come
ha ricordato Anna Maria Vinci nella relazione al Seminario del 16 gennaio dedicata al
fascismo nelle zone di confine, il governatore militare Petitti di Roreto ed altri esponenti
3 dell’amministrazione militare e poi civile cercarono di impostare tale processo in termini di
gradualità e nel rispetto di alcune prerogative delle nazionalità presenti nei territori
annessi. Durante l’amministrazione civile, molti esponenti di essa, oltre al direttore
dell’Ufficio centrale presso la Presidenza del Consiglio, l’irredentista giuliano Francesco
Salata, caldeggiarono l’adozione di un regime di moderata autonomia per le zone
mistilingue. Si trattò di posizioni minoritarie, che peraltro escludevano qualunque forma di
istituzionalizzazione del plurilinguismo e della plurietnicità, mirando ad una
nazionalizzazione che non era messa in discussione nel fine, bensì nei modi di
realizzazione e nella minore o maggiore gradualità dei processi. Non a caso, le
amministrazioni militari e civili non mancarono di adottare misure fortemente restrittive e
persecutorie nei confronti della componente slovena e delle sue organizzazioni,
sostenendo al contrario le manifestazioni di italianità, anche laddove esse erano
minoritarie. Occorre peraltro ricordare che la corrività delle forze politiche liberali italiane
nei confronti del dilagante nazionalismo fece mancare un adeguato sostegno in loco alle
posizioni meno oltranziste, che furono travolte da una radicalizzazione in senso
sciovinista.
Ciò spiega anche il successo dello squadrismo fascista nell’area giuliana ed il suo
carattere particolarmente virulento. Maturato nel mito della vittoria mutilata e alimentato
dalla recente esperienza fiumana, il fascismo giuliano, soprattutto all’indomani del Trattato
di Rapallo, assunse su di sé la funzione di difensore del confine raggiunto con la guerra e
di rappresentante della civiltà italiana contro gli slavi, ritratti come portatori di una cultura
inferiore. Come ha ricordato Anna Maria Vinci nella relazione al Seminario del 16 gennaio,
citando Francesco Giunta, ras incontrastato della zona, il fascismo di confine si
presentava come assertore e custode dell’italianità, da affermare attraverso la
sottomissione militare ancor prima che politica della componente slovena.
Durante il regime fascista, i contatti tra l’antifascismo italiano e il movimento nazionale
sloveno si erano sviluppati sin dalla seconda metà degli anni ’20, con la collaborazione
instauratasi tra il movimento Giustizia e libertà e il movimento nazionale clandestino
sloveno, fondata anche sul riconoscimento da parte italiana del diritto all’autonomia dei
croati e degli sloveni e dell’eventuale revisione dei confini; inoltre nel 1934 il Partito
comunista d’Italia siglò con il Partito comunista jugoslavo e con quello austriaco una
dichiarazione comune, nella quale si affermava che la questione nazionale slovena
avrebbe dovuto essere risolta in base al principio dell’autodeterminazione dei popoli, da
applicarsi anche agli italiani residenti nelle aree a prevalente popolazione slovena. Due
anni dopo, nel 1936 il PCd’I aveva sottoscritto un patto d’unità d’azione con il movimento
irredentista sloveno TIGR (Movimento rivoluzionario nazionale degli sloveni e dei croati
della Venezia Giulia) indicando come obiettivo comune la lotta al fascismo e il diritto di
sloveni e croati all’autodeterminazione ed alla secessione dall’Italia.
Nel corso della guerra, peraltro, il movimento comunista sloveno fece proprie le
rivendicazioni nazionali che erano state appannaggio dei gruppi irredentisti come il TIGR
che, per la sua attività clandestina e per le azioni terroristiche intraprese in Italia aveva
subito pesantemente la repressione fascista, e l’interpretazione sulle modalità di
attuazione del principio di autodeterminazione si rivelò assai meno lineare di quanto
risultasse nelle dichiarazioni di carattere politico generale.
Nel 1941 le forze dell’Asse aggredirono e invasero, senza dichiarazione di guerra, la
Jugoslavia che venne divisa tra Germania, Italia, Ungheria e Bulgaria. All’Italia vennero
assegnate la Slovenia meridionale, annessa come provincia di Lubiana, la costa dalmata,
il Montenegro e il Kossovo. Ci soffermiamo in particolare sull’occupazione della Slovenia
che creò inevitabili implicazioni dal punto di vista dei confini. In un primo periodo il
4 fascismo applicò una politica moderata, ben diversa dalla prassi tedesca, cercando di
tutelare le caratteristiche etniche della popolazione con l’instaurazione di un Alto
commissario, coadiuvato da una Consulta con rappresentanti sloveni, l’esonero dal
servizio militare, l’uso della lingua slovena nelle scuole elementari, il bilinguismo negli atti
ufficiali, che portò all’adesione di un fronte collaborazionista motivato soprattutto da un
fervido anticomunismo. Parallelamente si era costituito un vigoroso movimento di
liberazione, l’Osvobodilna Fronta (OF). L’intensa attività sia di sabotaggi che di guerriglia
dei gruppi di resistenza, sostenuti anche dalla popolazione civile, fece assurgere questi
territori a zone di guerra in cui l’occupante italiano incrementò l’azione repressiva, anche
contro i civili, con incendi di villaggi, esecuzioni, torture, deportazioni in campi di
internamento, arrivando a un picco di recrudescenza nel 1942 in seguito alla circolare 3C
del gen. Roatta, che portò alla costituzione di una Milizia volontaria anticomunista (Mvac)
alle dipendenze degli italiani. Nonostante queste misure di controllo e repressione, le
formazioni partigiane, mosse dal timore di annullamento delle loro istanze di autonomia
nazionale, andavano sempre più rafforzandosi ottenendo consensi tra la popolazione ed
estendendosi anche nella Venezia Giulia. Alla fine del 1941 a Trieste l’OF disponeva già di
una rete clandestina operativa e sottoscriveva con il Partito comunista italiano un patto di
unità, mentre i fascisti giuliani imperversavano con azioni squadriste e incendi di
abitazioni.
La situazione mutò in seguito all’armistizio dell’8 settembre 1943 che portò a
un’accelerazione di quanto si era tracciato già nel 1942. Allo sbandamento dell’esercito
italiano si unì la completa dissoluzione della presenza statuale che venne soppiantata
dall’occupazione della Wermacht.
In Istria, a seguito di diverse sommosse, vennero istituiti organismi antifascisti che si
sostituivano alle autorità italiane e si insediarono i comandi partigiani. A Pisino, il Comitato
popolare di liberazione proclamò l’unione dell’Istria alla Croazia e furono eseguite una
serie di condanne a morte di oppositori al neocostituito sistema con la soppressione sia di
fascisti che di rappresentanti dello Stato italiano, di avversari politici e di persone
autorevoli della comunità italiana. Questo evento è meglio conosciuto con il termine di
foibe istriane. La serie di eccidi che furono perpetrati nell’area dove era attivo il movimento
di liberazione croato, non venne intrapreso solo per ragioni etniche e sociali, ma anche per
colpire la classe dirigente locale; ciò approfondì la diffidenza e il timore della componente
nazionale italiana nei confronti del movimento di liberazione jugoslavo e, più in generale,
della lotta di liberazione contro l’occupante tedesco. I timori che ne derivarono vennero poi
strumentalizzati dai nazisti, facendo leva sulle angosce legate alla possibilità di
cancellazione dell’intera collettività italiana. La drammatica esperienza istriana venne
interrotta dalla cruenta occupazione tedesca. Le contrapposte memorie ricordano che per i
croati questo episodio rappresenta l’apogeo della liberazione nazionale, mentre per gli
italiani, in modo particolare per chi ritornò in Italia, costituisce un trauma.
È necessario rammentare che la questione delle foibe è molto articolata e che in generale,
come ha ricordato Roberto Spazzali nella sua relazione, va considerata per dimensioni
storiche e cronologiche: differenti le foibe istriane del 1943 da quelle del 1945 nella
Venezia Giulia che coincidono rispettivamente con la caduta del fascismo e con la fine
della Zona di operazione del Litorale adriatico. Con lo stesso vocabolo vengono definiti
episodi tra loro differenti come le stragi, le vendette politiche, l’eliminazione di oppositori
nei campi di internamento.
Nell’ottobre del 1943 venne istituita la Zona di operazione del Litorale adriatico
(Operationszone Adriatisches Küstenland – Ozak) che dipendeva direttamente dal Terzo
5 Reich e comprendeva le province di Udine, Gorizia, Trieste, Lubiana, Fiume, Pola, le isole
del Quarnaro, sottratte alla Repubblica Sociale Italiana che ne prese atto a fatto compiuto.
Come risulta da un’annotazione del diario di Galeazzo Ciano del 13 ottobre 1941,
Mussolini già all’epoca era convinto che “se domani chiedessero Trieste nello spazio vitale
germanico, bisognerebbe piegare la testa”. Nel territorio del Litorale, dunque,
l’amministrazione tedesca condusse una lotta senza quartiere contro la resistenza slovena
e italiana, utilizzando a tal fine anche le aspirazioni stanziali di gruppi ed etnie al seguito
della Wehrmacht, incaricati di compiti di repressione svolti con particolare ferocia. In
questo quadro, la presenza dei cosacchi in Carnia costituisce l’episodio più noto e tra i più
tragici nella storia della guerra di Liberazione nell’area giuliano dalmata. Non mancarono
inoltre, come ha ricordato Alberto Buvoli, tentativi tedeschi di promuovere forme di
collaborazionismo mediante l’accoglimento di alcune rivendicazioni nazionali slovene in
funzione di contrasto alla resistenza italiana, secondo il principio del divide et impera.
Sotto questo profilo, la vicenda del Nord Est italiano nel biennio 1943-1945 si presenta
come un esperimento totalitario peculiare, per l’azione di una pluralità di soggetti, alcuni
dei quali relazionati tra loro con modalità in cui collusione e conflitto appaiono strettamente
intrecciati. Come si legge nella relazione della Commissione italo slovena, dopo l’8
settembre, “I tedeschi […] per mantenere il controllo estremo del territorio, fecero ricorso
all’esercizio estremo della violenza, per la quale si servirono pure della collaborazione
subordinata di formazioni militari e di polizia italiane ma anche slovene”, anche se, come
precisa lo stesso documento, il comune atteggiamento collaborazionista non servì a
contenere le reciproche diffidenze nazionali, che tornarono presto a manifestarsi con
forza.
L’analisi dei rapporti tra la Resistenza italiana e la Resistenza slovena e più in generale
jugoslava non si presta a giudizi unilaterali o a generalizzazioni che non tengano conto
delle specifiche realtà e delle diverse fasi in cui si sviluppò la guerra di liberazione. Da
questo punto di vista, occorre considerare sia i momenti di forte conflittualità tra i due
movimenti, sia la collaborazione su basi antifasciste maturata soprattutto in seno al
movimento operaio, anche prima della caduta del fascismo, e che fu alla base dello
sviluppo dei rapporti tra i due partiti comunisti, tra le formazioni partigiane slovene e
italiane e tra gli organi politici dei rispettivi movimenti di liberazione.
È difatti innegabile che subito dopo l’8 settembre i rapporti di collaborazione tra la
Resistenza italiana e quella slovena divennero sempre più complessi; nell’autunno del
1943, le dichiarazioni unilaterali di annessione dell’intero territorio del litorale adriatico alla
Slovenia da parte dell’OF, ratificate dal Consiglio antifascista di liberazione popolare della
Jugoslavia, se da un lato confermavano la piena assunzione delle rivendicazioni
irredentiste slovene da parte del movimento comunista e la loro combinazione con gli
obiettivi rivoluzionari e classisti, dall’altro suonavano come una smentita di fatto
all’assunzione del principio dell’autodeterminazione dei popoli come base per la
risoluzione delle questioni nazionali, affermato nelle dichiarazioni dei partiti comunisti
italiano, jugoslavo e austriaco del ’34, e successivamente ribadito in altre occasioni nel
corso degli anni ’30. Da parte slovena si auspicava l’annessione di quei territori con
insediamenti storici sloveni e finalità di tipo rivoluzionario. Trieste diventò un nodo focale
perché rappresentava non solo a livello geografico ed economico uno sbocco importante
per la Slovenia, ma anche un ponte per la diffusione a occidente degli ideali comunisti. Il
Partito comunista italiano che comunque non condivideva questa annessione propose di
posticipare la problematica al Dopoguerra.
6 Nel periodo intercorso tra l’armistizio e l’estate del 1944, infatti, come ha ricordato Alberto
Buvoli, la Direzione del PCI dell’Alta Italia, che fu peraltro un interlocutore privilegiato del
movimento di liberazione sloveno, prese nettamente le distanze dalle rivendicazioni
annessioniste jugoslave, secondo una linea di conciliazione degli interessi nazionali con il
primato attribuito al mantenimento e al rafforzamento dell’unità di tutte le forze antifasciste,
ottenendo anche il sostegno dell’ex segretario della disciolta Terza Internazionale, George
Dimitrov, che sollecitò il movimento di liberazione sloveno a non compromettere l’unità
antifascista con iniziative premature e a rinviare alla conclusione della guerra la definizione
delle questioni nazionali. Alla continua trattativa tra i partiti comunisti, si aggiungono in
questo periodo gli appelli unitari rivolti al movimento di liberazione sloveno dal CLN Alta
Italia, non senza risultati, se si considerano le aperture di un dirigente come Kardelj
(sloveno, stretto collaboratore di Tito) sulla priorità da attribuire al consolidamento
dell’unità antifascista e sull’opportunità di non porre prima della fine della guerra la
questione dell’appartenenza statale di Trieste (febbraio 1944).
Al di là del carattere contingente dell’atteggiamento distensivo dei dirigenti jugoslavi,
occorre tenere presente che su di esso influiva la strategia sovietica oscillante tra la
volontà di non incrinare l’alleanza internazionale antifascista e l’aspirazione a realizzare un
assetto geopolitico per il Dopoguerra idoneo ad assicurare il massimo possibile di
sicurezza. Ciò può spiegare il sostegno più esplicito offerto alle posizioni annessioniste
jugoslave a partire dall’estate del 1944, nel momento in cui l’Armata rossa era sul punto di
congiungersi alle forze di Tito e, mentre anche la liberazione del Nord Italia appariva
imminente, la Gran Bretagna cercava di acquisire il consenso drllo stesso Tito ad un
eventuale sbarco alleato in Istria, progetto mai abbandonato da Churchill.
Tra l’estate e l’autunno del 1944 maturarono le condizioni per una ripresa delle spinte
annessionistiche slovene, in direzione del Litorale e di Trieste, e per un mutamento dei
rapporti di forza tra le componenti nazionali della Resistenza oltre che tra i partiti
comunisti. In questo periodo si verifica infatti una situazione nuova, con il passaggio delle
formazioni garibaldine sotto il controllo sloveno e la prevalenza degli elementi filo jugoslavi
all’interno delle federazioni comuniste locali - favorita di fatto anche dall’uccisione da parte
dei tedeschi di Luigi Frausin e degli altri dirigenti comunisti triestini fautori dell’unità
antifascista e di una politica più attenta alla problematica nazionale - nonché con
l’assunzione di posizioni più oscillanti da parte della Direzione nazionale del Partito
comunista italiano. Essa era condizionata peraltro non soltanto da motivi di solidarietà
internazionalista, ma anche da quello che il documento italo sloveno definisce
“l’atteggiamento assunto da buona parte del proletariato italiano di Trieste e Monfalcone,
che aveva accolto la soluzione jugoslava in chiave internazionalista, come integrazione in
uno stato socialista, alle spalle del quale si ergeva l’Unione sovietica”. La posizione del Pci
a livello nazionale non fu chiara, nel senso che non accolse esplicitamente le posizioni
slovene, ma nemmeno le disapprovò. Togliatti suggerì una distinzione tra annessione di
Trieste alla Jugoslavia ed occupazione della zona giuliana, posizione che aveva il
sostegno sovietico e degli operai di Trieste e di Monfalcone che auspicavano una
soluzione internazionalista con l’ingresso in uno stato socialista.
Di certo, la nuova situazione determinatasi nell’estate del 1944 produsse conseguenze
sulla tenuta dell’unità antifascista, che peraltro costituiva un elemento portante della
resistenza italiana, ma non era considerato allo stesso modo dal movimento di resistenza
sloveno e jugoslavo, diverso per genesi, per assetto organizzativo interno e per finalità
politiche. L’uscita dei comunisti dal CLN giuliano alla fine del 1944, l’organizzazione di due
insurrezioni parallele a Trieste nell’aprile del 1945, sono altrettante espressioni di una crisi
politica che presentò anche aspetti drammatici, emblematicamente rappresentati
7 dall’eccidio di Porzus, perpetrato da una formazione di gappisti nei confronti di partigiani
osovani. Un episodio in cui la subalternità delle organizzazioni locali del PCI al radicalismo
politico degli organismi politici e militari sloveni ebbe l’effetto di trasformare una legittima
operazione di polizia partigiana nei confronti di un’accertata collusione con forze
repubblichine da parte del comando della Brigata Osoppo, in un eccidio efferato, del tutto
privo di giustificazioni politiche, militari ed etiche, e destinato a proiettare un’ombra su tutta
la vicenda della Resistenza dell’area friulana.
Alla fine della guerra furono differenti anche gli orientamenti verso i liberatori: da una parte
la Quarta armata jugoslava e il Nono Korpus, dall’altra l’Ottava armata britannica.
Militarmente la liberazione della Venezia Giulia fu dovuta soprattutto alla Quarta Armata
Jugoslava, dato che l’Ottava Armata britannica giunse alcuni giorni più tardi, e, in
particolare, per gli sloveni e i croati si trattò non solo della fine della brutale dominazione
nazista, ma anche della fine di venti anni di una dittatura che aveva cercato in tutti i modi
di cancellare la loro identità nazionale, senza trascurare le forme più violente di
repressione.
Il 1° maggio 1945 la liberazione di Gorizia, Trieste e alcune città istriane avvenne ad opera
dell’esercito jugoslavo e il CLN si ritirò per evitare combattimenti con gli jugoslavi. L’Ottava
armata arrivò nel pomeriggio del 2 maggio.
I quaranta giorni di occupazione jugoslava a Trieste e Gorizia presentarono risvolti
drammatici per la componente italiana, sulla quale si abbatté la spirale repressiva di un
movimento rivoluzionario che, come scrive il documento italo sloveno “si stava
trasformando in regime, convertendo quindi in violenza di stato l’animosità nazionale ed
ideologica diffusa nei quadri partigiani”. Furono arrestate numerose persone, soprattutto
militari e forze dell’ordine, che erano state al soldo dei nazisti, avevano combattuto per
loro, erano stati delatori e collaborazionisti; ma insieme furono tratti in arresto antifascisti
italiani e anche sloveni ritenuti non affidabili dalle nuove autorità; molti degli arrestati
furono vittime di esecuzione immediate, altri morirono nei campi di prigionia dove erano
stati trasferiti. Era l’inizio di un dramma nel quale all’inevitabile resa dei conti che poneva
fine all’occupazione e alla dittatura, si sovrappose la prosecuzione di un conflitto
nazionale, in cui la componente italiana dell’area giuliano dalmata scontò pesantemente la
precedente posizione di egemonia che aveva occupato per un ventennio, trovandosi
coinvolta in uno dei grandi e traumatici spostamenti di popolazione che caratterizzarono il
quadro europeo alla fine della Seconda guerra mondiale.
Con gli accordi di Belgrado del 9 giugno 1945 l’esercito jugoslavo fu costretto a ritirarsi
oltre la linea Morgan che doveva rappresentare il confine tra le zone di occupazione delle
potenze occupanti. La Venezia Giulia venne suddivisa nella Zona A (Trieste e Gorizia) con
il Governo militare alleato, e nella Zona B (Capodistria e adiacenze), con un governo
militare jugoslavo, mentre le Valli del Natisone dipendevano dal Gma stanziato a Udine.
Il Trattato di pace, firmato a Parigi nel 1947, determinò una linea esclusiva delle forze
vincitrici con equilibri territoriali proporzionati alle potenze, senza considerare una
demarcazione di carattere etnico, impossibile da attuare tra l’altro per la particolare
multietnicità di questi territori. Si attuò, quindi, una soluzione di compromesso e alla
Jugoslavia venne lasciato gran parte del territorio ad eccezione di alcune parti della
Venezia Giulia, di Gorizia e di Monfalcone, mentre Trieste venne in un certo qual modo
internazionalizzata con la costituzione del Territorio Libero di Trieste amministrato dalle
Nazioni Unite. Il Trattato di pace risultò particolarmente vantaggioso per la Jugoslavia che
acquisì, quindi, la gran parte dei territori rivendicati, ad esclusione del Monfalconese, del
8 Goriziano e della Zona A. Con questa divisione è evidente che comunità slovene rimasero
anche nelle province di Trieste, Gorizia ed Udine, così come comunità italiane in
Jugoslavia. I rispettivi nazionalismi non erano però ancora sopiti. Nel Goriziano, ad
esempio, dopo il ripristino dell’amministrazione italiana si verificarono episodi di violenza
sia contro gli sloveni, sia contro coloro che erano favorevoli all’annessione alla Jugoslavia.
La cessione dell’Istria alla Jugoslavia, invece, fece decidere a buona parte degli italiani di
abbandonare la penisola usufruendo del diritto di opzione che tutelò la maggior parte del
flusso migratorio (diritto sancito dal Trattato di pace del 1947, riproposto nel 1951 e dal
Memorandum di Londra).
L’esodo di circa 300mila persone destabilizzò la vita di alcuni paesi che si svuotarono
quasi completamente. Come ha ricordato Gloria Nemec in occasione del Seminario di
studi, gli esodi del Secondo dopoguerra si inseriscono nei processi legati alla
semplificazione razziale che coinvolse gruppi etnici dell’Europa centrale, orientale e sud
orientale. Nella memoria postuma, l’esodo fu inestricabilmente accostato alle foibe,
offuscandone così una seria contestualizzazione e la complessità del fenomeno. Questo
binomio e il suo uso ipertrofico, come sottolineato nella relazione di Gloria Nemec,
eclissavano sia la storia precedente che una miriade di altri fattori necessari per capire
profondamente le dinamiche di un fenomeno che fu vasto e diversificato. Lo sterile utilizzo
dei numeri non ci viene in soccorso: si passa dai 200mila ai 350.000 senza una adeguata
distinzione tra l’appartenenza nazionale e la lingua madre, interrogativo difficile da
risolvere in una terra di intensa eterogeneità. Oltre agli italiani emigrarono anche croati e
sloveni, non solo per motivazioni politiche, ma altresì per problemi di carattere economico,
mossi dalla speranza di migliorare la propria situazione, peggiorata in seguito alla
partenza di molti italiani. È quindi evidente che fattori di tipo nazionale si compenetrano a
quelli economici.
Nel clima di guerra fredda la zona A assunse un’importanza eccezionale, quale argine
all’espandersi del comunismo nell’Europa occidentale. Gli americani inizialmente
cercarono di coinvolgere tutte le correnti politiche, poi, influenzati dalle dinamiche della
guerra fredda, preferirono collaborare esclusivamente con le forze filoitaliane e
anticomuniste, senza tuttavia dimenticare di tutelare la minoranza slovena nell’uso della
lingua e nell’educazione scolastica, ma ostacolandone i rapporti diretti con la Slovenia.
Come ricorda la relazione della commissione italo-slovena “In quegli anni fece ritorno a
Trieste e a Gorizia una parte degli sloveni fuoriusciti nel periodo fra le due guerre, in
particolare gli appartenenti ai ceti intellettuali, i quali assunsero importanti funzioni in
campo culturale e politico”. Trieste diventò in questo senso un simbolo.
Di contro, nella zona B la Jugoslavia intraprendeva una politica annessionistica
instaurando il comunismo e reprimendo ogni possibile dissenso, soprattutto della
componente italiana che in genere incarnava le colpe del fascismo e l’egemonia
economica e culturale. Vennero allontanati tutti coloro che potevano rappresentare un
preciso e forte riferimento nazionale italiano, come gli insegnanti e i sacerdoti.
La situazione già instabile subì un ulteriore scossone in seguito alla rottura tra Cominform
e Jugoslavia, minando l’intesa che fino a quel momento c’era stata fra comunisti sloveni e
italiani grazie ad un forte legame di classe e alla comune lotta al nazifascismo. La
propensione ad un’annessione territoriale alla Jugoslavia, dove si stava costruendo un
paese comunista, conservò pertanto una comunanza di ideali tra italiani e sloveni solo fino
al 1948, quando le ostilità proruppero facendo contrapporre cominformisti, la maggioranza
degli italiani, e titini. La sorte degli oppositori è ben nota: espropri, carcere, deportazione,
fino alle scomparse.
9 Si trattò, quindi, nel complesso di un insieme plurale e molteplice di esodi diversificati
cronologicamente, legati a situazioni specifiche, che portò complessivamente alla radicale
diminuzione della popolazione italiana e ad una trasformazione sociale nella zona B,
quest’ultima dovuta essenzialmente all’inserimento di jugoslavi nei paesi rimasti spopolati.
L’esodo, consistente all’inizio degli anni Cinquanta, aumentò con il Memorandum di
Londra grazie alla possibilità di optare per la cittadinanza italiana. La nascita di uno stato
democratico italiano divenne una forte attrattiva per quanti erano impauriti o più
semplicemente non si riconoscevano nel nuovo cambiamento economico, caratteristico
dei paesi socialisti che implicava una trasformazione anche nello stile di vita. La
percezione di una minaccia scaturiva dalle continue pressioni ambientali di una società
non solo militarizzata, ma anche presidiata da polizie segrete.
Il Memorandum di Londra sancì l’inizio di un nuovo periodo e concluse una delle
esperienze più tragiche vissute lungo il confine italo-sloveno, come schematizza la
relazione della commissione italo-slovena: “La stipula del Memorandum di Londra non
risolse tutti i problemi bilaterali, a cominciare da quelli relativi al trattamento delle
minoranze, ma segnò nel complesso la fine di uno dei periodi più tesi nei rapporti italosloveni e l’inizio di un’epoca nuova, caratterizzata dal graduale avvio della cooperazione di
confine sulla base degli accordi di Roma del 1955 e di Udine del 1962 e dallo sviluppo
progressivo dei rapporti culturali ed economici”.
Il presente documento propone solo alcuni punti di una vicenda estremamente articolata
che non può essere risolto in maniera completa in questo contesto. L’intento è piuttosto
quello di suggerire semplici orientamenti, utili a mettere in luce le varie criticità ed evitare
di incorrere in un uso arbitrario della storia basato su interpretazioni soggettive. In
occasione del Seminario di Milano è stata sottolineata da diversi relatori la necessità di
intraprendere nuovi approfondimenti di studio, in modo particolare partendo da un
“dialogo” tra i documenti conservati negli archivi italiani, sloveni e croati, attraverso una
“nuova stagione di ricerche” che analizzi anche la profuganza clandestina jugoslava di cui
ad oggi si sa ben poco, l’entità e le modalità delle opzioni respinte, così come rimarcato da
Gloria Nemec, oppure permetta di ricostruire alcune biografie, come suggerito da Roberto
Spazzali, ricordando che su queste tematiche si sia operato spesso con un approccio
meccanicistico (ad un’azione corrisponde una reazione uguale o contraria), formula che
non sempre funziona nello studio della storia.
Si tratta solo di una prima riflessione che, comunque, meriterebbe di essere integrata da
osservazioni, critiche e proposte, utili per condurre ad un documento, se non totalmente
condiviso, almeno “comune” nelle grandi linee, sì da favorire, da un lato l’ulteriore ricerca
storica e dall’altro l’abbandono di posizioni troppo rigide e “chiuse”, che continuerebbero a
costituire un serio ostacolo per un riavvicinamento tra orientamenti diversi. Si potrebbe
così realizzare anche un tentativo per lo meno comune di comprensione di tutti i fattori di
una vicenda drammatica, al di là di ogni preconcetto e di ogni giudizio sommario. Tutto ciò
potrebbe contribuire sensibilmente ad un avvicinamento tra Associazioni che hanno
spesso assunto posizioni rigidamente contrapposte e ad un complessivo
“rasserenamento”, nella ricerca della verità storica, per gli stessi protagonisti di un
complesso di vicende così altamente e profondamente drammatiche.
10 
Fly UP