...

Terapia oncolo- gica nell`ambito di uno studio clinico

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

Terapia oncolo- gica nell`ambito di uno studio clinico
Terapia oncologica nell’ambito
di uno studio
­clinico
Opuscolo informativo
per pazienti oncologici e
loro parenti
A
Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in Scienze
Naturali Peter Brauchli, il medico Prof. Ursula Kapp e la Signora Ursula Waltzer per aver
collaborato alla redazione di questo opuscolo.
Terapia oncologica
nell’ambito di uno studio clinico
Opuscolo informativo
per pazienti oncologici e loro parenti
2
Il Gruppo Svizzero di Ricerca Clinica sul Cancro (SAKK) è un’organizzazione senza scopo di lucro che effettua ricerche cliniche multicentriche negli ospedali svizzeri e anche in alcuni ospedali esteri. IL SAKK
è un gruppo di collaborazione del network svizzero per la lotta contro il cancro. Grazie alle sue competenze è interlocutore privilegiato
di istituzioni, associazioni e aziende.
Da oltre 40 anni il SAKK esegue i suoi studi nel rispetto dei principi
etici e delle direttive vigenti, al fine di perfezionare le terapie oncologiche esistenti e verificare l’efficacia e la tollerabilità di nuovi trattamenti. Gli studi di ottimizzazione delle cure sono fondamentali per
praticare una medicina basata sull’evidenza e sono quindi indispensabili per effettuare progressi nella terapia oncologica.
Nel quadro di un contratto di prestazione stipulato con la Confederazione, il SAKK ha funzione di istituto di ricerca universitario operante nell’interesse dei pazienti oncologici, delle istituzioni e dei ricercatori. Il principale scopo di queste ricerche è quello di individuare le
migliori terapie per le varie patologie oncologiche, eliminando cure
costose e terapie con troppi effetti collaterali. L’osservazione degli
­effetti di farmaci, radiazioni e interventi chirurgici sui pazienti oncologici include anche aspetti relativi alla qualità della vita e all’economia sanitaria, nonché esami istologici utili a comprendere meglio la
biologia del tumore.
Uno studio clinico è l’indagine condotta sul paziente e per il paziente
nell’ambito di una terapia. Esso si propone di individuare la cura
­ottimale per una determinata patologia. In questo modo è possibile
migliorare una terapia già esistente o sperimentare nuovi principi attivi o nuove cure. Ciò è particolarmente importante per quei pazienti
che non rispondono sufficientemente alle terapie già note o per i quali
non è ancora disponibile alcuna cura. Grazie ad anni di ricerca è oggi
possibile guarire da determinate forme di cancro e ­influire favorevolmente per anni sull’evoluzione di molte altre. Le ­terapie di cui possono beneficiare i pazienti oggi – e che possono sembrare ovvie – non
esisterebbero se migliaia di uomini e donne non avessero accettato
di partecipare a studi clinici nel passato.
Quali pazienti volete essere seguiti con le migliori cure del momento.
Forse vi chiederete se tutto ciò che è possibile fare è veramente utile
e opportuno anche per voi. La partecipazione a uno studio clinico
­suscita molti interrogativi e spesso anche la paura di venir utilizzati
come cavie. Forse vi è stato proposto di partecipare a uno studio o
forse voi stessi avete chiesto di partecipare a una sperimentazione di
vostro interesse. La decisione di partecipare o meno a uno studio
­clinico spetta a voi. La qualità della terapia non viene influenzata
dalla vostra partecipazione, ma è noto che, in qualità di partecipanti
a uno studio clinico, verrete seguiti e curati in modo particolarmente
attento.
Questo opuscolo ha lo scopo di darvi informazioni generali sugli studi
clinici, indipendentemente dal fatto che siate o meno ammalati. Vogliamo illustrarvi cos’è uno studio clinico, perché e come viene effettuato, quali diritti e corresponsabilità avete e quali sono i vantaggi e
i rischi che uno studio comporta. L’opuscolo non sostituisce un colloquio ­informativo esauriente con il vostro medico, ma può essere uno
strumento utile per mettervi nella condizione di formulare domande
e di prendere la decisione giusta per voi.
Per semplicità, nell’opuscolo verrà usata soltanto la forma maschile
come definizione onnicomprensiva. È chiaro, comunque, che si intendono sempre entrambi i sessi.
Medico Prof. Richard Herrmann
Presidente SAKK
Indice
6 La terapia oncologica
Storia I Genesi del cancro I Tipi di cancro I Stadiazione I
Terapie I Contenuto degli studi clinici
14
Gli studi clinici
Definizione I Termini tecnici I Rilevanza I Tipi di studio I
Sviluppo, realizzazione e valutazione I
Norme e direttive
26
La partecipazione agli studi clinici
Vantaggi I Svantaggi I Effetti collaterali I Costi I
Consenso informato I Condizioni di partecipazione I
Tutela e sicurezza I Diritti I Doveri I
Uscita dallo studio
38
Ulteriori informazioni
La ricerca sul cancro in Svizzera I A chi rivolgersi I
Terapia oncologica e studi clinici: termini tecnici I
Fonti
42 Glossario
50 Abbreviazioni
Domande importanti sugli studi clinici
Vedi foglio allegato
Il termine cancro è
stato coniato dal padre
della medicina, il me­
dico greco Ippocrate che
aveva dato questo nome
ai carcinomi (karkinos,
ovvero granchio) a causa
della loro forma.
6
La terapia oncologica
Storia
Il cancro non è una malattia nuova. Già nel 1500 a. C. gli antichi Egizi
documentavano su papiro i primi casi di cancro al seno che ustionavano con strumenti caldi. Si credeva, a quel tempo, che da questa
­malattia non si potesse guarire, ma che fosse possibile soltanto attenuarne le conseguenze. Nell’antico Egitto si pensava che la malattia
fosse un castigo divino, mentre i Greci ne facevano risalire la causa a
un eccesso di bile nera.
Nel XVII secolo, dopo le prime autopsie, nacque la teoria secondo cui
la causa dei tumori risiedeva nelle anomalie del sistema linfatico. Solamente verso la fine del XIX secolo si riconobbe che i tessuti cancerosi
erano originati da cellule che si moltiplicano in modo incontrollato.
Nel XX secolo i ricercatori individuarono per la prima volta possibili
cause dell’insorgenza del cancro e svilupparono la chemio e la radioterapia, nonché metodi diagnostici più affidabili.
Genesi del cancro
Nelle cellule tumorali il controllo della crescita, della divisione e della
distruzione della struttura cellulare avviene in modo anomalo. I segnali regolatori non vengono riconosciuti o i comandi in essi contenuti non vengono messi in atto, in quanto la maggior parte del ­codice
genetico necessario a eseguire tali comandi è difettoso. Il cancro è
causato da mutazioni del patrimonio genetico – un errore di copiatura durante le divisioni cellulari nel corso della vita oppure una
­modifica ereditaria dei geni. Le cellule tumorali possono diventare
­immortali a causa di particolari difetti genetici, e quindi dividersi
all’infinito fintanto che ricevono nutrimento. Altre modifiche genetiche che avvengono nel tempo possono favorire ulteriormente la
­capacità di sopravvivenza delle cellule, rendendo più difficile la cura
della malattia. Queste cellule, ad esempio, possono sopravvivere
7
a­ nche in mancanza di ossigeno, crearsi una propria fonte di irrorazione sanguigna oppure insediarsi in tessuti estranei quali ossa, polmoni o cervello.
Le cellule tumorali sono in grado di produrre autonomamente le
­sostanze necessarie alla loro crescita oppure possono indurre altre
cellule sane a mettere queste sostanze a loro disposizione.
Il sistema immunitario tenta di combattere le cellule che si moltiplicano in maniera incontrollata, ma poiché queste sono uguali a cellule
normali, spesso le difese sono insufficienti a distruggere il tumore.
Le cellule cancerose possono anche camuffarsi e sfuggire così
al ­sistema immunitario, anche se estremamente attivo. Il cancro,
­seconda causa di morte in Svizzera dopo le malattie cardiovascolari,
può essere causato o favorito da radiazioni, veleni, virus, sovrappeso,
abitudini alimentari errate, inquinamento atmosferico e tabagismo.
In rari casi il cancro viene direttamente ereditato. Nella maggior parte
dei casi, peró, vi é una predisposizione familiare alla malattia.
Tipi di cancro
In linea di principio il tumore può aggredire qualsiasi organo. Le sperimentazioni cliniche possono essere eseguite su tutti gli oltre 100 tipi
di cancro conosciuti. Con l’impiego di diversi metodi diagnostici si
possono suddividere ulteriormente le varie forme di tumori, ad esempio osservando se le cellule possiedono o meno particolari caratteristiche genetiche e quindi possono rispondere con maggiore probabilità a una determinata terapia (ad esempio, carcinoma mammario
HER2-positivo, tumori k-ras positivi). Un’ulteriore distinzione viene
fatta anche fra tumori solidi e leucemie (tumore del sangue). I tumori
vengono generalmente suddivisi in cinque categorie che si distinguono per punto di origine della malattia:
Carcinoma Si forma dall’epitelio o dalle mucose
Sarcoma Si forma nelle ossa, nelle cartilagini, nei tessuti adiposi, nei
muscoli e nei vasi sanguigni
Leucemia Si forma nel tessuto emopoietico (midollo osseo)
Linfoma e mieloma Si forma nelle cellule del sistema immunitario
Tumore del sistema nervoso Si forma nel tessuto cerebrale e nel midollo spinale
8
Tipi di cancro più frequenti in Svizzera
(Fonte: NICER 2008, dati del 2002)
Il cancro nelle donne
Mammella
Intestino
Polmone
Utero
Pelle
Linfoma nonHodgkin
Donne in %
0
5
10
15
20
25
30
35
10
15
20
25
30
35
Il cancro negli uomini
Prostata
Polmone
Intestino
Pelle
Vescica
Bocca
Uomini in %
0
5
Stadiazione
La stadiazione, cioè la determinazione dello stadio di un tumore, definisce l’estensione della malattia nell’organismo. La determinazione
dello stadio è importante per la prognosi e per la scelta della terapia.
9
Classificazione
TNM
Terapia
Obiettivo
della terapia
Stadio precancerogeno T0 N0 M0
Prevenzione
Prevenzione
Stadio iniziale
TX N0 M0
TX NX M0
Terapia adiuvante (ulteriore trattamento dopo
l’asportazione chirurgica)
Guarigione, controllo
­locale, riduzione
delle recidive
Localmente ­avanzato
T3– 4 N + M0
Terapia neoadiuvante
(trattamento prima
dell’asportazione chirurgica)
Rimozione del tumore,
Riduzione delle recidive,
Remissione
Avanzato con
­metastasi
TX NX M1
Terapia di prima linea
Controllo della malattia
Allungamento della vita
Stadio esteso
TX NX M1
Terapia successiva
Controllo della malattia
Allungamento della vita
Terapia palliativa
Stadio
La classificazione TNM si riferisce alla suddivisione degli stadi dei tumori maligni. TNM è l’acronimo di Tumore, Nodi (linfonodi) e Metastasi. Il valore riportato sotto la T indica l’estensione del tumore e il
comportamento del tumore primitivo, N indica l’assenza o la presenza
di metastasi nei linfonodi regionali e M l’assenza o la presenza di metastasi a distanza. 0 indica l’assenza di metastasi; X significa che non
si conosce l’esatta estensione a distanza della malattia.
La classificazione UICC (Union Internationale Contre le Cancer) distingue essenzialmente cinque tipi di cancro.
Stadio
Classificazione
Nota
Stadio 0
Tis N0 M0
Carcinoma in situ, stadio iniziale del cancro che
­interessa solamente le cellule dove il cancro si
­manifesta inizialmente
Stadio I
Stadio II
Stadio III
T1, T2 N0 M0
T3, T4 N0 M0
Ogni T N1, N2 M0
Più alto è lo stadio, più il cancro è diffuso. I criteri di
valutazione sono la dimensione del tumore e / o la metastatizzazione dei linfonodi e / o degli organi vicini
Stadio IV
Ogni T ogni N M1
Metastasi in organi lontani
10
Terapie
Si può intervenire contro i tumori con diverse terapie. Nella maggior
parte dei casi si tenta di combatterli con trattamenti combinati. Molti
studi in campo oncologico analizzano gli effetti di nuove terapie,
­soprattutto interventi chirurgici, radioterapie, impiego di nuove
­sostanze o terapie combinate.
Intervento chirurgico Il tumore e gli eventuali linfonodi vicini vengono asportati tramite intervento chirurgico.
Chemioterapia La chemioterapia a base dei cosiddetti farmaci citostatici distrugge, tramite sostanze velenose, il patrimonio genetico delle cellule tumorali o ne inibisce la crescita. Tali farmaci ostacolano la divisione cellulare, ovvero la moltiplicazione delle cellule
tumorali, impedendo così al tumore di espandersi. La maggior
parte degli effetti collaterali della chemioterapia è dovuta al fatto
che i farmaci danneggiano tutte le cellule a moltiplicazione rapida,
quindi anche quelle della radice dei capelli, delle mucose e del midollo osseo. Le cellule sane, comunque, sono in grado di riparare
questi danni molto meglio delle cellule tumorali.
Terapia mirata I farmaci ad azione mirata inibiscono la crescita delle
cellule tumorali, attaccando le molecole che hanno un ruolo nello
sviluppo e nella crescita del tumore. Gli anticorpi monoclonali
(il cui nome finisce in mab) si legano a proteine specifiche sulla superficie delle cellule tumorali per scatenare una difesa immunitaria contro queste cellule, oppure per farvi penetrare una ­sostanza
in grado di far morire il cancro. Le cosiddette piccole molecole (il
cui nome finisce in nib, mib) bloccano determinate vie di trasmissione dei segnali alle cellule cancerogene, in modo da ostacolarne
la crescita. Le cosiddette terapie antiangiogeniche inibiscono la
formazione di nuovi vasi sanguigni di cui i tumori hanno bisogno
per crescere. Con la terapia genetica si tenta di far morire le cellule cancerogene introducendovi materiale genetico.
Immunoterapia Combinazione di trattamenti, per es. vaccini proteici
che stimolano le difese o regolano le cellule affinché si attivino
per combattere il tumore. Vengono messi a punto anche vaccini
che consentono al sistema immunitario di riconoscere e distruggere meglio le cellule tumorali.
11
Terapia ormonale Alcuni tipi di cellule cancerogene necessitano di
ormoni per sopravvivere o dividersi. Spesso i tumori reagiscono
per anni ai farmaci che riducono la produzione o l’effetto degli ormoni sessuali nell’organismo, come estrogeni e testosterone, e
che inibiscono così la diffusione del tumore. Questo tipo di terapia viene usato spesso per combattere il cancro del seno, dell’utero
o della prostata.
Radioterapia Uso di radiazioni sul tessuto malato perché più sensibile rispetto ai tessuti sani circostanti. I raggi danneggiano il
­patrimonio ereditario e alterano il metabolismo delle cellule tumorali uccidendole oppure impedendo loro di rigenerarsi o moltiplicarsi. La radioterapia neoadiuvante è finalizzata alla riduzione
della massa tumorale ai fini del successivo intervento chirurgico;
la radioterapia adiuvante, invece, viene utilizzata per mantenere il
risultato raggiunto con asportazione chirurgica e per distruggere
i residui tumorali.
Radiochemioterapia Molti tumori potenzialmente curabili in pazienti
in buone condizioni di salute vengono trattati simultaneamente
oppure sequenzialmente con una combinazione di chemio e
­radioterapia, poiché la combinazione di entrambe le terapie ne
rafforza l’efficacia.
Radiochirurgia I piccoli tumori vengono distrutti direttamente con un
alto dosaggio di radiazioni. Questo trattamento viene usato soprattutto nei casi di tumore al cervello.
Terapia del dolore Talvolta, durante il decorso della malattia, il paziente può lamentare dolori. Un’efficace terapia del dolore aiuta
i malati a mantenere una buona qualità di vita. È importante sapere che il dolore non deve essere necessariamente sopportato.
La somministrazione di antidolorifici, ad esempio oppiacei, può
essere adattata ai vari casi. Con una terapia adeguata il problema
del dolore può essere quasi sempre risolto o, perlomeno, fortemente ridotto.
Terapia di supporto Prevenzione e trattamento di complicazioni ed
effetti collaterali della terapia oncologica, ad esempio attraverso
la somministrazione di farmaci antiemetici. In questa categoria
­rientrano anche la prevenzione e il trattamento di problemi psichici, fisici e sociali.
12
Contenuto degli studi clinici
In genere gli studi analizzano gli effetti di nuove terapie con lo scopo
di guarire il maggior numero possibile di pazienti, di prolungare la
loro vita o di migliorare la qualità di vita. Gli studi clinici esaminano
anche tutti gli altri aspetti legati alla terapia antitumorale.
Prevenzione Profilassi di malattie, ad esempio tramite l‘analisi dei fattori di rischio, l’impedimento dell’insorgenza o l’impiego preventivo di farmaci
Screening Diagnosi precoce delle malattie effettuata prima che ne
compaiano i sintomi.
Diagnostica Metodi non invasivi o sofisticati per accertare i problemi
di salute esistenti.
Trattamento Terapia delle malattie
Miglioramento della qualità di vita Controllo della sintomatologia
dolorosa, riduzione degli effetti collaterali, riabilitazione, aspetti
psicologici del confronto con la malattia
Medicina palliativa, cura Riduzione della sintomatologia o prevenzione di complicazioni nei casi di malattie incurabili
Outcome Research Considerazioni di economia sanitaria
Raccolta e analisi delle informazioni su prestazioni e prodotti medici allo scopo di valutare i benefici e gli effetti a lungo termine di
una terapia.
Translational Research Ricerca traslazionale
Collegamento fra la ricerca di base e l’impiego clinico delle conoscenze scientifiche. Le conoscenze acquisite con l’analisi di tessuti
e sangue vengono impiegate direttamente per la prevenzione, la
diagnosi e la terapia delle malattie.
13
Per studi clinici si inten­
dono gli esperimenti
scientifici sugli esseri
umani. Servono a chia­
rire ­q uestioni specifiche
e vengono effettuati
­s eguendo precise
­regole.
14
Gli studi clinici
Definizione
La ricerca clinica sul cancro attuata su pazienti si distingue dalla ricerca di base che invece studia in laboratorio i processi di genesi delle
malattie e sperimenta nuovi principi attivi. In questi studi preclinici
vengono testati nuovi farmaci su linee cellulari e su animali allo scopo
di verificarne l’efficacia, la sicurezza e il dosaggio. Solamente dopo
che questi studi si saranno conclusi positivamente, si potrà procedere
con gli studi clinici.
Gli studi clinici vengono effettuati su iniziativa di aziende farmaceutiche, istituti di ricerca, gruppi cooperativi e istituzioni statali. La pianificazione e la realizzazione delle ricerche sono di competenza dei
responsabili dello studio. In Svizzera gli studi vengono finanziati
dall’industria, dalla Confederazione, dai Cantoni, dagli ospedali, dai
fondi per la ricerca, dalle fondazioni e dai privati.
Termini tecnici
Studio randomizzato Pazienti con sintomi e situazioni patologiche simili vengono suddivisi, con il criterio della casualità, in due o più
gruppi: a un gruppo viene somministrata la terapia da valutare,
mentre l’altro riceve la terapia consueta (terapia standard), un placebo o addirittura nessuna terapia. Medico e paziente non possono scegliere l’assegnazione a uno dei due gruppi.
Studio dell’effetto placebo Uno dei gruppi riceve una sostanza neutra (placebo, senza principi attivi). Con i pazienti oncologici si usa
raramente questa forma di studio.
Studio aperto Sia il medico che il paziente sanno a che gruppo di trattamento appartiene il partecipante.
Studio in cieco I pazienti non sanno se viene loro somministrata la
terapia nuova oppure quella consueta (anche solo un placebo). I
medici, invece, lo sanno.
15
Studio in doppio cieco Né medici, né pazienti sanno chi riceverà la
nuova terapia e chi quella standard (o un placebo). Se necessario
per cause mediche, il doppio cieco può essere sospeso in qualsiasi
momento, e si viene così a conoscenza di quale sostanza veniva
somministrata.
Studio intergruppo Ampio studio condotto per lo più su migliaia
di pazienti e a cui partecipano più gruppi di ricerca in modo da
ottenere i risultati in tempi brevi.
Studio multicentrico Viene condotto in diverse cliniche (centri) contemporaneamente.
Studio di ottimizzazione della terapia Per l’ulteriore miglioramento
di una terapia farmacologica dimostratasi valida, spesso si effettua uno studio per la sua ottimizzazione. Lo studio serve a testare
in condizioni diverse terapie già in uso, ad esempio in combinazione con un altro farmaco, in un campo di impiego ancora non
consentito oppure con nuovi dosaggi. Queste sperimentazioni
vengono usate spesso per testare farmaci antitumorali, poiché
­anche una leggera modifica della terapia può portare a ulteriori
miglioramenti o alla riduzione degli effetti collaterali. La partecipazione a questi studi comporta di solito un rischio minimo poiché la terapia sperimentata differisce di poco da quella standard.
In compenso esiste la possibilità che il nuovo metodo sia più efficace o meglio tollerato.
Rilevanza
Dietro a ogni scoperta medica e a ogni progresso nel campo delle terapie oncologiche ci stanno decenni di ricerche scientifiche.
Gli studi clinici di efficacia e sicurezza, a differenza di quelli di base
svolti in laboratorio, coinvolgono direttamente le persone e hanno lo
scopo di migliorare l’assistenza e la terapia dei pazienti oncologici.
Dopo una sufficiente sperimentazione sui pazienti, i nuovi farmaci
­vengono ­approvati dalle autorità competenti, e le terapie rivelatesi
­efficaci possono essere impiegate su tutti i pazienti interessati. Solo
una piccola parte delle sostanze studiate viene omologata, ossia immessa sul mercato. Le sperimentazioni cliniche garantiscono a pazienti
e medici che il trattamento applicato sia opportuno e al momento l’opzione migliore.
16
La fonte più importante
di conoscenze sull’effi­
cacia delle singole
­terapie e dei programmi
terapeutici sono i dati
raccolti con studi clinici
accuratamente piani­
ficati e ­attuati. Di ancor
maggiore valore sono
le analisi ­riassuntive
di diversi studi clinici
di buona qualità.
Ciò che il vostro medico
conosce sulla vostra
­terapia proviene da
studi clinici o da nume­
rose osservazioni di
casi concreti.
17
Il risultato di procedure mediche non è mai sicuro nel caso singolo, indipendentemente dal fatto che la terapia venga effettuata nell’ambito
di uno studio o al di fuori di esso. Tutte le informazioni di cui si può
disporre corrispondono sempre e solamente a valori medi e probabilità statistiche. Pertanto, i risultati ottenuti con gli studi sono tanto più
attendibili, quanto maggiore è il numero di pazienti che vi partecipa.
Negli studi clinici vengono analizzati a più riprese campioni di sangue
e di tessuti per studiare scientificamente le cause della malattia. Questa ricerca traslazionale, ovvero la ricerca i cui risultati sono immediatamente trasferibili all’attività clinica, rappresenta l’anello di congiunzione fra la ricerca di base e l’applicazione clinica. La ricerca sui tessuti
umani è sottoposta a regole severe. Nella maggior parte dei casi i test
vengono effettuati su campioni di tessuto e sangue prelevati in precedenza. Raramente si effettuano nuovi prelievi in quanto potrebbero
comportare ulteriori costi e rischi per i pazienti. Le conoscenze ottenute con la ricerca translazionale sono sempre più importanti per la
diagnosi, ma anche per la terapia delle patologie oncologiche, soprattutto per i trattamenti individuali su misura, efficaci solamente su
­determinati pazienti.
Tipi di studio
La ricerca clinica sul cancro in senso stretto si svolge in tre fasi differenti per obiettivi e procedure applicate. Ciascuna nuova fase dipende
dalle precedenti e si basa sull’esperienza accumulata in precedenza.
I criteri di selezione dei pazienti che parteciperanno allo studio in determinate fasi dipendono da vari fattori: diffusione della malattia nei
tessuti, terapie precedenti e condizioni generali di salute dei singoli
pazienti.
Fase I Durante queste prime sperimentazioni sull’uomo si ricercano
nuovi metodi terapeutici testati fino a quel momento solamente
in laboratorio o su animali. Gli studi di fase I possono prevedere
anche test di nuove combinazioni di terapie già rivelatesi singolarmente efficaci oppure l’applicazione di terapie già autorizzate nel
contesto di una nuova applicazione (indicazione). Di norma, il numero massimo di partecipanti è di quaranta persone.
18
In questa fase si esaminano la sicurezza del nuovo farmaco, l’eventuale comparsa di effetti collaterali indesiderati, l’assorbimento, la
distribuzione e la metabolizzazione della sostanza nell’organismo
del paziente. Si vuole determinare la forma di somministrazione
migliore e il dosaggio più opportuno.
Per molti medicinali la fase I della sperimentazione viene realizzata
su persone sane; tuttavia nel caso di agenti antitumorali ciò non
è quasi mai possibile, poiché tali farmaci agiscono sui processi naturali dell’organismo, danneggiando o modificando le cellule sane.
Di conseguenza, negli studi di fase I dove si testano farmaci antitumorali, vengono indlusi solamente pazienti per i quali non esiste ancora ­alcuna terapia efficace o sui quali nessuna delle terapie conosciute ha più effetto. Dopo aver risolto le questioni relative
allo studio di fase I, i ricercatori passano alla fase II.
Fase II Gli studi di fase II testano L’efficacia e la tollerabilità della
nuova terapia impiegando dosi definite contro un tumore specifico. A questa fase partecipano solamente dai 30 ai 200 pazienti.
In questi studi vengono controllate la sicurezza delle sostanze impiegate e le attività metaboliche. Se il nuovo metodo terapeutico
è ben tollerato e si dimostra efficace, si passa alla fase III.
Fase III Nella fase III la nuova terapia viene confrontata con la terapia tradizionale, la terapia standard o le terapie riconosciute come
più valide, al fine di individuare eventuali nuovi vantaggi, ad esempio una migliore risposta del tumore, un allungamento della vita,
­minori effetti collaterali o miglioramento della qualità della vita.
Per gli studi di fase III servono spesso centinaia o migliaia di partecipanti, distribuiti fra diversi ospedali e centri di ricerca in vari
Paesi. Per le valutazioni statistiche sono necessari dati di qualità
raccolti su un certo numero di pazienti in modo che i risultati siano
largamente supportati dai fatti e tali da poterne asserire la validità. Solo alla luce di questi risultati, si potrà stabilire quale sia
­veramente la terapia più adeguata.
Una volta che il principio attivo ha superato la fase III, si potrà
­inoltrare la richiesta di omologazione alle autorità competenti.
19
Di solito, il via libera alla commercializzazione – o registrazione –
è uno dei presupposti essenziali per l’assunzione dei costi da parte
della cassa malati. In uno studio di fase III si procede solitamente
al confronto fra una terapia standard e una o più terapie non ancora testate. Per determinati tumori o determinate patologie non
esistono però tutt’oggi terapie standard.
In questi casi, a un gruppo di pazienti viene somministrato, ad
esempio, il nuovo farmaco mentre l’altro gruppo non ne riceve alcuno. A nessuno però viene negato un medicinale o una terapia
di comprovata efficacia: non sarebbe corretto dal punto di vista
etico.
L’attribuzione casuale in un gruppo non consente a determinati
pazienti di provare il nuovo farmaco che viene tuttavia messo talvolta a loro disposizione quando la terapia standard prevista per
quel gruppo non abbia (più) efficacia. In tal caso si parla di studio
cross-over.
Fase IV Nel periodo successivo all’omologazione vengono osservate
le interazioni con altri farmaci e gli effetti collaterali rari. Ciò permette di ottimizzare l’uso del nuovo farmaco e di adattare meglio
la terapia alle diverse forme patologiche e alla situazione individuale del paziente.
Con la fase IV il metodo terapeutico oggetto di studio diventa
la terapia standard riconosciuta nel trattamento di un determinato
tumore.
20
Sviluppo, realizzazione e valutazione
Sviluppo
I ricercatori accademici o che lavorano per l’industria farmaceutica
formulano un’ipotesi che deve essere verificata con uno studio. Gli
obiettivi di uno studio clinico vanno accuratamente definiti in un protocollo, ovvero nel piano dello studio stesso. Nel protocollo sono riassunti i risultati degli studi effettuati fino a quel momento e descritti
con precisione gli obiettivi della nuova sperimentazione. Vengono
inoltre definiti il numero dei partecipanti, il momento in cui verrà
­effettuato lo studio e la portata delle ricerche, nonché il tipo,
il momento di somministrazione, la durata e l’entità del dosaggio
del medicinale. Nel protocollo vengono elencati anche i criteri di
­inclusione ed esclusione dei pazienti dallo studio e il numero di pazienti necessario per poter giungere a conclusioni affidabili, basate
sull’analisi statistica dei risultati. Lo studio deve includere un numero
sufficiente di partecipanti, al fine di verificare con suffi-ciente sicurezza i progressi ricercati. Studi troppo ristretti, spesso condotti anche in modo non professionale, consentono solo di formulare ipotesi
ma nessuna conclusione definitiva utile per i pazienti.
I ricercatori dovranno richiedere alle autorità e alle commissioni d’etica
le autorizzazioni per procedere con lo studio.
Realizzazione
Sulla base del protocollo approvato dalle autorità, negli ospedali e
­negli ambulatori privati vengono studiate l’efficacia e la sicurezza
della nuova terapia.
Negli studi randomizzati di fase II e III i partecipanti vengono suddivisi
in gruppi (chiamati anche «bracci») secondo il principio della ­casualità
e seguiti secondo diversi piani terapeutici. In questo modo si intende
verificare l’efficacia di una nuova terapia rispetto a quella standard.
Per evitare che le conclusioni scientifiche vengano influenzate dalle
aspettative dei pazienti e dei medici, è necessario a volte eseguire
studi in doppio cieco, nei quali né pazienti né medici sanno quale terapia viene somministrata a chi. I pazienti vengono trattati e studiati
secondo le prescrizioni contenute nel protocollo.
21
Valutazione
Al termine dello studio gli statistici analizzano i dati per capire se una
determinata terapia è sicura ed efficace oppure per verificare quale
delle terapie somministrate possa essere considerata la migliore. Se
la sperimentazione dimostra, ad esempio, che la terapia studiata è la
migliore, le autorità potranno omologare il nuovo farmaco. Durante
lo studio, i risultati sono oggetto di continuo monitoraggio. Se uno
dei metodi terapeutici comporta effetti collaterali troppo gravi o se
non dimostra alcuna efficacia, lo studio viene immediatamente interrotto. Lo studio viene altresì sospeso nel caso in cui una terapia si
­dimostri chiaramente migliore delle altre già in questa fase; in tal caso
sarà messa a disposizione di tutti i pazienti. La sorveglianza viene
­effettuata dal responsabile dello studio e dalle autorità preposte
all’approvazione della nuova terapia.
I risultati vengono pubblicati sulle riviste scientifiche. Però, prima della
pubblicazione, il disegno dello studio, i risultati e le conclusioni vengono sottoposti all’esame e alla critica di altri esperti del medesimo
ambito di ricerca. Solamente dopo che le loro domande e proposte
di miglioramento saranno state considerate positivamente dagli
esperti stessi e dalla direzione della rivista scientifica, potrà aver luogo
la pubblicazione. Questa valutazione incrociata (in inglese: peer review) è un metodo attraverso il quale esperti indipendenti garantiscono la qualità dei lavori scientifici.
Norme e direttive
Una procedura di approvazione a stadi differenziati garantisce ai pazienti la massima sicurezza. Ogni studio clinico deve superare un programma severo e articolato, soprattutto gli studi in cui vengono
­testati nuovi farmaci. Direttive e norme prescrivono tra l’altro le condizioni in cui devono essere eseguiti tali studi e quali criteri deve soddisfare un protocollo. Si riferiscono inoltre a tutti i processi inerenti
alla raccolta, alla documentazione, alla registrazione e alla valutazione
dei risultati di vari studi clinici.
22
23
Norme internazionali
La ricerca clinica sottostá alla Convenzione europea sui diritti dell’uomo
e la biomedicina (Convenzione sulla biomedicina), che contiene prescrizioni vincolanti per la ricerca medica e rispetta le normative approvate a livello internazionale, come ad esempio gli standard qualitativi
per gli studi clinici (GCP: Good Clinical Practice) e la Dichiarazione della
Associazione Medica Mondiale di Principi Etici per la ­Ricerca Medica
sugli Esseri Umani (Dichiarazione di Helsinki).
Norme nazionali
Sono da rispettare inoltre i principi giuridici ed etici dell’Accademia
Svizzera delle Scienze Mediche (ASSM), di Swissmedic, Istituto svizzero per gli agenti terapeutici, e della legislazione svizzera. I ricercatori clinici devono attenersi all’ordinanza sulle sperimentazioni ­cliniche
con agenti terapeutici (OClin); anche gli studi per la valutazione dei
nuovi farmaci sono soggetti alla legge sugli agenti terapeutici.
La raccolta di campioni di tessuto, sangue o cellule, come anche le ricerche genetiche, devono rispettare le direttive Biobank dell’ASSM.
Qui trova applicazione anche la Legge federale sulla protezione dei
dati. Tutte le valutazioni avvengono in forma anonima. È necessario
osservare infine le norme cantonali.
Commissioni di etica
In Svizzera le commissioni di etica operano a livello cantonale e sono
in parte collegate a livello regionale. Sono composte da medici, teologi, giuristi e da profani in campo medico. Vigilano sui progetti di
­ricerca e approvano gli studi solo se sono in linea con i principi etici,
se offrono una speranza realistica di successo e se rispettano i diritti
dei pazienti coinvolti. Le commissioni di etica verificano la qualità
scientifica dello studio, il rapporto fra benefici e rischi, l’idoneità dei
medici e del personale paramedico responsabili e la loro esperienza
nella realizzazione di studi.
24
Swissmedic
La sicurezza non è garantita soltanto dai medici interessati, ma è altresì richiesta e controllata dalle autorità.
Swissmedic, Istituto svizzero per gli agenti terapeutici che fa capo al
Dipartimento federale dell’interno, è preposto al controllo della qualità, alla sicurezza e all’efficacia dei medicamenti e dei dispositivi medici; esso registra, autorizza e sorveglia ogni studio clinico.
Registrazione degli studi clinici
Gli studi clinici devono essere registrati in modo tale da essere accessibili al pubblico come ad esempio sul sito www.clinicaltrials.gov. Ciò
consente ai medici che effettuano sperimentazioni e ad altre persone
interessate di sapere quali studi relativi ad una determinata indicazione sono in corso e in che luogo. La registrazione consente anche
di acquisire informazioni sugli studi che non hanno portato agli esiti
sperati e i cui risultati, quindi, non sono stati pubblicati.
25
La partecipazione a uno
studio clinico rappre­
senta per molte persone,
con una o più terapie
alle spalle, un nuovo
motivo di speranza.
26
La partecipazione agli studi clinici
Gli studi clinici che valutano la sicurezza e l’efficacia di nuove terapie
antitumorali aprono ai pazienti nuove prospettive. I ricercatori clinici
orientano il loro lavoro sulle necessità dei pazienti oncologici, agendo
così nell’interesse dei malati e impegnandosi ad alleviare le sofferenze
causate dalla malattia. I pazienti adatti a uno studio possono trarre
vantaggio dalle nuove cure ancora prima che queste vengano approvate come terapie standard. In questo modo i malati possono avvalersi di un’ulteriore opportunità terapeutica di cui altrimenti non
avrebbero potuto usufruire.
Come pazienti oncologici in uno studio clinico, siete partner dei ricercatori; siete persone con diritti e bisogni.
La partecipazione a una sperimentazione clinica è sempre volontaria.
Sia prima che dopo uno studio, sarete informati sugli obiettivi, sulle
procedure, sui benefici e sui danni eventuali, e avrete il diritto di ritirarvi in qualsiasi momento. Se la chemioterapia e altri mezzi terapeutici antitumorali sono costantemente perfezionati, è grazie alle persone
che si sottopongono ad uno studio e che svolgono quindi un ruolo di
primaria importanza nel miglioramento delle terapie oncologiche.
Contrariamente agli studi effettuati sui bambini – a cui, in Svizzera,
partecipa la maggioranza dei piccoli pazienti malati di cancro – i progetti analoghi rivolti agli adulti registrano un numero minimo di adesioni. Questo anche perché la maggior parte degli ospedali di piccole
dimensioni, ma anche tanti ospedali più grandi e molte istituzioni private non dispongono del personale specializzato e dell’infrastruttura
necessaria a testare nuove terapie.
Se una determinata cura, nell’ambito di uno studio clinico, sia l’opzione adatta per voi va verificato attentamente. I partecipanti a uno
studio sono meglio informati sul trattamento a cui vengono sottoposti e sanno di contribuire a lungo termine e in modo determinante anche ad aiutare altri che si trovano nella stessa condizione. Gli studi
non riguardano solamente molti pazienti all’interno di un Paese, ma
consentono anche a medici e ricercatori di avere uno scambio di
­informazioni con i colleghi esteri.
27
Prima di decidere se partecipare o meno a uno studio clinico, è importante che conosciate bene lo scopo, il beneficio, i rischi e gli eventuali effetti collaterali del trattamento. Per ogni studio viene redatta
l’informazione per il paziente contenente tutto ciò che si deve sapere.
Le informazioni per il paziente sugli studi SAKK sono accessibili sul
sito web http://sakk.ch. Per partecipare alla sperimentazione che vi
è stata proposta, dovete sottoscrivere un documento con il quale
­dichiarate di essere stati informati in modo esauriente e date il vostro
consenso alla partecipazione.
Potrete in ogni caso revocare in qualsiasi momento la vostra adesione
e abbandonare lo studio.
L’adesione a qualsiasi sperimentazione clinica comporta vantaggi e
svantaggi, di cui dovete essere consapevoli.
Vantaggi
• Negli studi randomizzati di fase III potrete avvalervi, ancor prima
che venga omologata, della nuova terapia. Beneficerete così dei
vantaggi che essa offre o verrete assegnati al trattamento standard; riceverete comunque la migliore terapia conosciuta.
• I partecipanti a uno studio vengono informati in modo continuo,
attivo ed esauriente (oralmente e per iscritto) sui trattamenti ricevuti e sulle alternative. Sarete i primi pazienti ad essere informati
sui risultati dello studio.
• Spiegazione degli effetti collaterali, stretta sorveglianza medica di
qualità, analisi e assistenza da parte di medici specializzati per la
malattia in questione.
• Osservazione a lungo termine dopo lo studio e supporto del medico curante al termine dello studio.
• Gli studi e le terapie attuate vengono analizzati da commissioni di
etica e scientifiche.
• In molti studi la diagnosi istologica viene sottoposta ancora una
volta a uno specialista esterno; vengono ripetute o verificate analisi specifiche dei tessuti in modo da essere sicuri che il medico
­curante abbia scelto la terapia giusta fra tutte quelle possibili. Ciò
è di particolare importanza per una terapia mirata.
• Le analisi, la terapia medica e la relativa documentazione vengono
monitorate e verificate da un’organizzazione esterna.
28
Svantaggi
• I nuovi metodi possono comportare rischi sconosciuti e causare
complicazioni e danni.
• I nuovi metodi possono essere meno efficaci (terapia) o certi (diagnostica) delle procedure comunemente in uso.
• I nuovi metodi possono avere più effetti collaterali (intolleranze)
della terapia standard.
• Se venite assegnati al braccio dello studio con terapia standard,
non potrete beneficiare dei possibili vantaggi della nuova terapia,
a meno che ciò non sia previsto dal programma terapeutico (studio cross-over).
• Pressione temporale e fisica causata da analisi supplementari, frequenti e approfondite, quando previste.
Effetti collaterali
Fra i vari effetti collaterali riscontrati nelle terapie oncologiche quali
la chemioterapia, vi sono anche perdita dei capelli, nausea, vomito,
inappetenza, dolori, infezioni, stanchezza, modifica del quadro ematico e irritazioni cutanee. In genere, una volta terminata la terapia
questi sintomi scompaiono. Possono apparire, comunque, anche conseguenze tardive che si manifestano solamente parecchio tempo
dopo la fine della terapia.
I ricercatori non si occupano solamente di trovare terapie nuove e promettenti, ma anche di trovare quelle meglio tollerate dal paziente,
con minori effetti collaterali. Oggi i medici hanno a disposizione diverse possibilità per rendere più tollerabile anche il più intenso dei
trattamenti:
• Nuovi farmaci antitumorali ad azione mirata con pochi effetti
collaterali
• Migliori antiemetici (farmaci contro la nausea e il vomito)
• Pastiglie anziché infusioni
• Farmaci per favorire l’ematopoiesi
• Durata ridotta della terapia
• Migliore protezione durante la radioterapia
• Interventi chirurgici non invasivi
• Sostegno psicologico
29
Costi
Partecipare a uno studio clinico significa sottoporsi a una terapia. Gli
esami e la terapia a cui venite sottoposti durante la sperimentazione
non generano alcun costo aggiuntivo o straordinario né per voi, né
per la vostra cassa malati, anche se la nuova terapia è più costosa di
quella standard. Nel caso di un farmaco nuovo non ancora in commercio, esso vi sarà messo a disposizione gratuitamente.
Di regola, in uno studio clinico non si compiono analisi particolari, ma
si utilizzano le procedure di solito applicate a una determinata patologia. Qualora fossero indispensabili nuove indagini (ad esempio,
­analisi cromosomiche o genetiche, radiografie), i relativi costi non sarebbero a vostro carico, ma sarebbero coperti con i fondi destinati
alla ricerca.
Come per una qualsiasi altra cura, la franchigia dell’assicurazione e
l’aliquota percentuale per i costi di analisi e trattamenti da eseguire
sono, in ogni caso, a vostro carico.
Consenso informato
Ogni esame e ogni terapia nell’ambito di uno studio o al di fuori di
esso devono avvenire con il vostro accordo (in inglese: informed consent). Se le analisi e le terapie vengono effettuate nell’ambito di uno
studio, dovrete firmare una dichiarazione di consenso informato.
In questo modo dichiarate la vostra disponibilità a partecipare volontariamente allo studio in questione.
Potrete comunque sempre ritirarvi, senza che questo vi arrechi svantaggi nel proseguimento delle cure. Determinate possibilità terapeutiche vengono peró offerte o pagate solamente nell’ambito di studi
­clinici. Se deciderete di ritirarvi, il vostro medico discuterà con voi ­altre
possibilità terapeutiche.
A prescindere dalla vostra partecipazione allo studio, dovrete sapere
quali saranno i possibili effetti terapeutici e collaterali a breve e a lungo
termine e quanto sia elevata la probabilità che questi compaiano. Sarete altresì informati su obiettivi, metodi, analisi, rischi e benefici dello
studio e riceverete chiarimenti su altre possibilità terapeutiche, modifiche e diritti a indennizzo in caso di danni riconducibili alla partecipazione allo studio.
30
La maggior parte degli
effetti collaterali pre­
visti è di natura transi­
toria. Tali effetti sono
sempre, di fatto, da
­collegare con il tratta­
mento, e quindi non
sono una conseguenza
della partecipazione
allo studio. Le terapie
antitumorali, sia
nell’ambito di uno stu­
dio che al di fuori di
esso, vengono tollerate
dai vari pazienti in
­m aniera diversa.
Dovreste firmare il documento solamente dopo esservi dichiarati d’accordo con il contenuto. Come in tutte le procedure di osservazione o
di trattamento, anche nel caso di uno studio potrete decidere voi stessi
di parteciparvi o di ritirare la vostra adesione in un secondo momento.
Illustrare verbalmente tutto ciò che c’è da sapere è di competenza del
medico responsabile dello studio che potrà tuttavia delegare parzialmente questo lavoro al personale paramedico specializzato o ai coordinatori dello studio. Prima di dire sì a una sperimentazione, dovrete
avere tempo e occasioni sufficienti per richiedere al medico ragguagli
di qualsiasi tipo. A volte ascoltare il parere di un secondo specialista è
opportuno e anche molto utile.
Condizioni di partecipazione
Ogni studio clinico si propone di rispondere a tutta una serie di domande significative.
Esso si rivolge a pazienti che presentano determinate caratteristiche
tra le quali il tipo di tumore, la sua estensione nell’organismo e le condizioni generali di salute.
Prima di decidere se potrete essere inclusi in una sperimentazione clinica, è necessario affrontare indagini approfondite che definiscano
con precisione le seguenti caratteristiche:
• Diagnosi ed estensione della malattia (stadiazione)
• Condizioni generali di salute
• Funzione di alcuni organi importanti (reni, fegato, cuore, polmoni)
• Altre malattie e terapie in corso o pregresse
• Farmaci
Tutela e sicurezza
Gli studi clinici sono complessi e la loro realizzazione e valutazione
sono costose. Le nostre leggi sugli studi clinici richiedono un’informazione completa e chiara, tutelano le persone che vi si sottopongono,
nonché garantiscono una corretta attuazione delle procedure, una
valutazione affidabile e la pubblicazione dei risultati.
Quali partecipanti a uno studio, verrete curati in centri oncologici, ambulatori, ospedali oppure nello studio di uno specialista o nell’ambulatorio del vostro medico di famiglia.
32
Per molte sperimentazioni il trattamento deve essere attuato in centri oncologici che dispongono delle conoscenze e delle attrezzature
necessarie per seguire il malato, garantendogli così un monitoraggio
ottimale.
Protezione dei dati
Tutti i dati raccolti durante gli studi clinici sono soggetti al segreto
professionale. Ovviamente, le informazioni sulla vostra persona, sul
vostro stato di salute e sulla terapia che riceverete devono essere rilevate durante lo studio e poi conservate, in modo da averle a disposizione ai fini della valutazione. La trasmissione a terzi di questi dati
per i suddetti scopi avviene, però, solamente in forma codificata (anonimizzata). Solo il medico che effettua lo studio può risalire dalla codifica al paziente interessato; tale precauzione è di fondamentale importante per la vostra sicurezza. Né in fase di valutazione, né in quella
di pubblicazione saranno citati i nomi dei partecipanti allo studio, e
non sarà nemmeno possibile risalire alla loro identità.
In fase di sperimentazione clinica, voi siete dei pazienti, e la vostra
personalità va tutelata. Questo è sancito dalle leggi in materia di dignità umana, diritto alla vita, libertà personale e protezione della sfera
privata.
Controllo
Per la raccolta e la gestione dei dati servono soluzioni informatiche
sofisticate. È necessario verificare la correttezza dei dati; ecco perché
le autorità sanitarie o i loro rappresentanti possono procedere a controlli.
Nel caso di studi molto ampi o di una certa durata sono previste valutazioni statistiche intermedie per controllare se i trattamenti producono gli effetti desiderati. I risultati finali di uno studio sono pubblicati su riviste scientifiche o illustrati nel corso di conferenze, sempre
tuttavia nel rispetto della legge sulla protezione dei dati.
33
Assicurazione del paziente
Se partecipate a uno studio clinico, siete coperti dall’assicurazione
dell’istituzione che effettua lo studio, ad esempio il Gruppo Svizzero
di Ricerca Clinica sul Cancro (SAKK). Tale istituzione, indicata anche
come promotore o sponsor, deve disporre di un’assicurazione responsabilità civile che copra non solamente gli eventuali danni per i pazienti durante lo studio, ma anche quelli che potrebbero manifestarsi
a posteriori.
Diritti
Il vostro diritto individuale all’autodeterminazione sarà sempre rispettato, a prescindere dal fatto che veniate sottoposti a trattamento
nell’ambito di uno studio o meno.
Come partecipanti a una sperimentazione clinica avete diritto a
• un’informazione particolarmente accurata, una terapia adeguata e
un relativo monitoraggio
• protezione dei dati personali
• un’informazione costante sulle alternative, sulle nuove scoperte
­relative agli effetti della terapia testata, sui rischi, sui benefici, sulla
vostra situazione clinica e sui risultati dello studio
• spiegazioni comprensibili
• libertà di scelta e autodeterminazione
• abbandono dello studio in qualsiasi momento
Doveri
La vostra partecipazione attiva fornisce un contributo decisivo alla
qualità dello studio e da essa dipende grandemente la forza probante
e l’affidabilità del risultato finale. Il medico responsabile della terapia
nell’ambito dello studio vi spiegherà in anticipo quali terapie e quali
esami saranno necessari e vi dirà se ci si aspettano particolari osservazioni da parte vostra.
34
35
Se optate per un esame o una terapia nell’ambito di uno studio, dovrete osservare determinate regole:
• Siate affidabili nel rispettare gli appuntamenti concordati.
• Attenetevi alle indicazioni del vostro medico e alla posologia di
assunzione dei medicinali.
• Rispondete sinceramente alle domande del medico che vi chiede
come vi sentite.
• Riportate in modo preciso ed esauriente, possibilmente senza tralasciare nulla, i vostri dati e commenti nel diario dello studio,
nell’agenda delle osservazioni o nel questionario, se richiesto.
• Informate immediatamente il medico responsabile dello studio, se
constatate cambiamenti nel vostro stato di salute o se notate qualcosa di particolare.
• Dite immediatamente al medico che segue lo studio se altri medici vi hanno prescritto altri medicinali e ulteriori terapie.
• Comunicate al medico che segue lo studio un’eventuale automedicazione da parte vostra.
• Se cambiate residenza o medico di famiglia, comunicatelo anche
al medico che segue lo studio.
• Collaborate con fiducia con il vostro medico, il quale, per garantirvi la massima sicurezza, ha bisogno di informazioni che solo voi
potete dargli.
• Se non siete certi di voler proseguire lo studio, non nascondete le
vostre preoccupazioni. Parlatene con il medico curante. Forse è
possibile chiarire dubbi e paure.
Uscita dallo studio
Ovviamente, così come potete rifiutarvi di partecipare allo studio,
avete anche il diritto di ritirarvi in qualsiasi momento. Il diritto individuale all’autodeterminazione verrà sempre rispettato. L’adesione data
in precedenza non significa che dobbiate collaborare fino alla fine.
Non tralasciate di porre domande per chiarire qualsiasi dubbio.
In caso di uscita anticipata, è possibile che gli esiti attesi dalla terapia
non siano ancora stati ottenuti.
36
Questo è un punto molto importante in caso di terapie adiuvanti che
durano un certo tempo (trattamenti complementari somministrati
per evitare ricadute). I loro eventuali risultati positivi non sono immediatamente riscontrabili, ma lo sono, assai probabilmente, i loro effetti collaterali. Nel caso di terapia adiuvante nell’ambito o al di fuori
di uno studio clinico è opportuno decidere preventivamente se si
vuole iniziare una terapia, portandola a termine, e quali effetti collaterali si è disposti ad accettare. In caso di interruzione di terapia o
di sottodosaggio spesso i vantaggi sono dubbi, se non addirittura
­inesistenti.
La decisione di ritirarvi da uno studio clinico non influirà sulla qualità
del proseguimento della cura; in altre parole, non sarete penalizzati
a causa della vostra decisione. Il vostro medico discuterà con voi la
possibilità di ricorrere ad altri trattamenti.
37
Questo opuscolo ha
lo scopo di fornirvi
un’ampia informazione
sugli studi clinici,
ma non ­s ostituisce
un colloquio informativo esauriente con
il vostro medico.
38
Ulteriori informazioni
La ricerca sul cancro in Svizzera
SAKK
Il Gruppo Svizzero di Ricerca Clinica sul Cancro coordina
gli studi clinici condotti su pazienti oncologici adulti.
SPOG
Il Gruppo d’Oncologia Pediatrica Svizzera si occupa della
ricerca clinica oncologica su pazienti in età pediatrica.
IBCSG
L’International Breast Cancer Study Group è una fon­
dazione svizzera che da oltre 30 anni effettua studi per
­migliorare la terapia e aumentare le guarigioni dal cancro al seno.
NICER
Il National Institute for Cancer Epidemiology and Registration rileva l’incidenza del cancro e la relativa mortalità in Svizzera.
ISREC
L’Institut Suisse de Recherche sur le Cancer è l’Istituto
svizzero per la ricerca sperimentale sul cancro.
CTUs
Le Clinical Trial Units degli ospedali sono centri di competenza che effettuano studi clinici per tutte le malattie.
Lega contro il cancro La Lega svizzera contro il cancro è un’organizzazione nazionale senza scopo di lucro che combatte il
cancro e sostiene le persone colpite da questa malattia
e i loro parenti.
KFS
La Ricerca svizzera contro il cancro raccoglie offerte con
le quali promuove e sostiene tutte le forme di ricerca sui
tumori, in particolare l’attività di ricerca indipendente
dall’industria, vicina ai pazienti.
SSKK
Schweizerische Stiftung für Klinische Krebforschung
La Fondazione svizzera per la ricerca clinica contro il cancro promuove la ricerca clinica applicata sul cancro.
Oncosuisse Organizzazione mantello che rappresenta gli interessi
politici e strategici del settore oncologico nel sistema
­sanitario.
39
A chi rivolgersi
Centro di coordinamento
SAKK
Tel. +41 31 389 91 91
Fax +41 31 389 92 00
[email protected]
http://sakk.ch
SPOG
Tel. +41 31 389 91 89
Fax +41 31 389 92 00
[email protected]
http://spog.ch
Centro di coordinamento
IBCSG
Tel. +41 31 389 93 91
Fax +41 31 389 92 39
[email protected]
www.ibcsg.org
Lega svizzera contro
il cancro
Linea cancro della Lega
­svizzera contro il cancro
Tel. +41 31 389 91 00
Fax +41 31 389 91 60
[email protected]
www.krebsliga.ch
Cure Oncologiche Svizzera
Tel. +41 52 301 21 89
Fax +41 52 317 39 80
Tel. 0800 11 88 11
[email protected]
www.onkologiepflege.ch
Terapia oncologica e studi clinici: termini tecnici
L’obiettivo ideale di qualsiasi terapia è la guarigione della malattia con
un minimo di effetti collaterali. In oncologia, anche negli stadi iniziali
della malattia, il risultato non è mai garantito, e se il tumore si trova
in stato avanzato con metastasi, la guarigione avviene solo in casi eccezionali. Inoltre, in molte forme tumorali si possono avere ricadute
(recidive) anche dopo molti anni.
Negli stadi iniziali della malattia si valuta, di solito, quanti fra i 100 pazienti presi in esame, trascorso un determinato periodo di tempo (ad
esempio, dopo due, cinque o dieci anni), non presentano alcuna
­ricaduta (percentuale di sopravvivenza senza recidiva) o, viceversa, in
quanti di loro si osserva, dopo un certo periodo di tempo, una recidiva nel punto di origine del tumore o in altre parti del corpo (percentuale di recidiva).
Negli stadi avanzati della malattia, invece, è importante l’arco di
tempo in cui una terapia è in grado di tenere sotto controllo la progressione della malattia e come è possibile mantenere la qualità della
vita. I parametri più significativi sono:
• il tempo medio che trascorre fino alla progressione della malattia,
il tempo che passa fino al progredire della patologia, in inglese
time to progression (TTP)
40
• il tempo medio di sopravvivenza senza malattia, in inglese progression free survival (PFS), e la durata totale della sopravvivenza,
in inglese over all survival (OS), ovvero la percentuale di pazienti
che dopo determinati periodi di tempo (ad esempio, uno, due, cinque anni) sono ancora in vita, con o senza avanzamento della malattia
• La reazione del paziente alle cure viene indicata sotto forma di
percentuale di pazienti nei quali la terapia ha mostrato effetti
quantificabili (percentuale di risposta). La percentuale di risposta
non influisce necessariamente sul decorso della malattia, ma dà
indicazioni sull’efficacia di una cura contro un determinato tumore, consentendo anche di sapere quanti pazienti potrebbero
trarne beneficio. Si distinguono i seguenti casi:
–regressione completa del tumore, remissione completa, remissione totale, in inglese complete remission (CR), quando il tumore non è più visibile con metodi radiologici;
–regressione parziale, remissione parziale, in inglese partial remission (PR);
–stabilizzazione della malattia, in inglese stable disease (SD),
quando non si hanno né riduzione né accrescimento del tumore.
• La percentuale totale di risposta, in inglese overall response (OR),
include sia la remissione completa (rara) che la remissione parziale.
A volte si somma anche la percentuale di stabilizzazioni durature della
malattia: il valore ottenuto viene indicato come percentuale di beneficio clinico, in inglese clinical benefit rate (CBR).
Fonti
SAKK, Lega svizzera contro il cancro, National Cancer Institute (U. S.),
American Cancer Society, Cancer Research U. K., Cancer Backup,
Deutsches Krebsforschungszentrum, Deutsche Krebsgesellschaft,
­soggetti volontari.
Informazioni, Novartis SA, Roche Holding SA, Wikipedia.
41
42
Glossario
Allogenico Proveniente da un altro individuo, ad esempio trapianto di midollo
osseo allogenico
Alopecia Perdita parziale o totale dei capelli; possibile effetto collaterale della
chemioterapia o della radioterapia nella zona della testa
Ambulatoriale Non più legato all’ospedalizzazione; contrario di «in degenza»
Analgesico Antidolorifico
Anticorpi Sostanze prodotte dal corpo per neutralizzare l’effetto di sostanze
estranee
Anticorpi monoclonali (mAb) Proteine (immunoglobuline) che reagiscono a
un solo antigene. I ricercatori sviluppano anticorpi monoclonali che si
­legano ad antigeni specifici sulla superficie della cellula cancerosa per
­innescare una difesa immunitaria contro queste cellule, o per inocularvi una
sostanza in grado di uccidere il cancro.
Antiemetico Farmaco che allevia il senso di nausea e di vomito; usato durante
la chemioterapia
Antigene Sostanza che innesca la formazione di anticorpi
Apoptosi Morte cellulare controllata e innescata attivamente (programmata).
L’inibizione dei geni che controllano l’apoptosi può portare a una divisione
incontrollata delle cellule e, probabilmente, ha un ruolo nella genesi del
cancro.
Benigno Gli accrescimenti (tumori benigni), al contrario dei tumori maligni,
rispettano i confini naturali dei tessuti. Possono diventare anche molto
grandi, ma non penetrano nei tessuti adiacenti e non producono manifestazioni tumorali a distanza (metastasi).
Biopsia Prelievo di un campione di tessuto a scopo di analisi
Blinding / Studio in cieco Procedura utilizzata per evitare che suggestioni psichiche e aspettative falsino i risultati di uno studio. In uno studio in cieco
(singolo cieco o doppio cieco) i pazienti non sanno a che gruppo appartengono, ovvero se stanno ricevendo una nuova terapia, la terapia consueta
o addirittura un placebo.
Braccio Gruppo di pazienti nell’ambito di uno studio. I pazienti vengono assegnati a un determinato braccio per una terapia comparativa. Uno studio
può avere molti bracci dove, ad esempio, uno di essi viene trattato con la
nuova terapia, mentre un altro con la terapia standard.
Cancro Concetto generico che definisce tutti i tumori maligni o le neoplasie
che spesso formano anche metastasi. In senso stretto si intendono carcinomi e sarcomi, in senso lato anche leucemie e linfomi. I tumori benigni o
gli accrescimenti eccessivi non rientrano nel concetto di cancro.
Cancerogeno, carcinogeno Sostanza che causa o favorisce l’insorgenza del
cancro.
43
Carcinoma Tumore maligno che si origina nell’epitelio, ovvero pelle, mucosa
o tessuto ghiandolare. I carcinomi vengono ulteriormente classificati in base
all’aspetto che assumono le cellule e alla loro origine.
Carcinoma in situ Tumore maligno per la caratteristica delle cellule, comunque
localizzato che non si sviluppa rapidamente, non supera i confini naturali
del tessuto in cui si forma e non è collegato a vasi sanguigni. È una patologia precancerosa.
Chemioterapia Inibizione della diffusione delle cellule tumorali (cellule cancerose) nel corpo tramite somministrazione di determinate sostanze chimiche,
ovvero farmaci inibitori della divisione cellulare (citostatici).
Ciclo Unità (di trattamento) a procedura standardizzata, ripetuta più volte.
Citotossico Tossico, sostanza dannosa per la cellula
Citostatici Sostanze esogene che inibiscono la moltiplicazione delle cellule
tumorali e spesso danneggiano anche le cellule sane. Tra i citostatici vi sono
sia medicinali di sintesi che estratti vegetali.
Commissione di etica Organo di controllo superiore e indipendente che valuta
le implicazioni etiche e giuridiche di uno studio e tutela i partecipanti dello
studio stesso.
Compliance / adherence (inglese) Disponibilità del paziente a collaborare accettando misure diagnostiche e terapeutiche od osservando una terapia
­prescritta.
Confounder Fattore di rischio che distorce i risultati di uno studio o nasconde
la vera causa di una patologia.
Controindicazioni Condizioni sfavorevoli all’applicazione di un trattamento.
Condizione o situazione che sconsiglia l’uso di una determinata terapia.
Controllo Verum L’efficacia del medicinale testato nel corso dello studio viene
comparata con quella di un medicinale già presente sul mercato o con
quella della terapia standard.
Criterio di valutazione Parametro misurato in uno studio al fine di valutare la
terapia testata, per es. l’insorgenza di una malattia o di un sintomo, o dei
valori di laboratorio.
Cromosomi Portatori del patrimonio genetico situati nel nucleo della cellula.
Contengono le catene molecolari del DNA. Le cellule umane normali hanno
46 cromosomi, ma nelle cellule tumorali il numero e / o la struttura dei
cromosomi può modificarsi.
Diagnostica citologica (Citodiagnostica) Analisi microscopica di cellule aspirate da un organo, sangue o altri campioni di tessuto (biopsie) finalizzata
alla ricerca di modifiche patologiche.
Differenziato / indifferenziato La differenziazione delle cellule tumorali indica
la loro similitudine o la loro differenza rispetto alle normali cellule dell’organo nel quale si è generato il tumore. Le cellule tumorali altamente differenziate assomigliano moltissimo a cellule normali, mentre le cellule tumorali indifferenziate non assomigliano affatto a quelle normali. La differenziazione è importante nel grading (classificazione del tessuto tumorale).
44
Displasia, displastico Malformazione, scostamento della struttura istologica
dal quadro normale. Le displasie possono essere l’anticamera del cancro.
DNA Acido desossiribonucleico (in inglese: desoxyribonucleic acid). Portatore
delle informazioni genetiche di un essere vivente nei cromosomi del nucleo
delle cellule.
Effetti collaterali Effetti indesiderati che subentrano durante l’uso mirato di
una terapia.
Effetto placebo Effetto ed effetti collaterali prodotti da una sostanza innocua
per i quali non esiste alcuna spiegazione farmacologica. L’effetto placebo
si basa su aspettative positive e su suggestioni psichiche.
Ematologico Relativo al sangue o all’ematopoiesi
Epidemiologia Rilevamento della frequenza di nuove malattie (incidenza), percentuale di letalità (mortalità), cause e fattori di rischio
Escissione, escidere Asportazione di tessuti
Farmacocinetica Descrizione del meccanismo di distribuzione, ovvero somministrazione, assorbimento, distribuzione, metabolismo ed eliminazione di
un determinato farmaco
Farmacodinamica Disciplina che studia gli effetti dei medicinali nell’organismo, in particolare il profilo di azione, il meccanismo di azione e il rapporto
fra effetti e dosaggio
Focale Localizzato in un segmento di una patologia
Gene Fattore ereditario, parte di una catena molecolare composta da acido
desossiribonucleico (DNA). I geni sono responsabili di determinate informazioni ereditarie o di determinate funzioni di un organismo.
Good Clinical Practice (inglese) Buona Pratica Clinica: linee guida internazionali per la corretta esecuzione di uno studio clinico
Grading (inglese) Suddivisione di cellule e tessuti tumorali in funzione del
grado di differenziazione. Il valore (per lo più da G1 a G3) descrive l’entità
della differenziazione delle cellule cancerose da quelle sane (differenziate)
mature. Da qui si deduce il grado di malignità di un tumore.
Gruppo di controllo, braccio Partecipanti a uno studio che non beneficiano
del nuovo trattamento ma, ai fini del confronto, sono sottoposti alla terapia
standard oppure, a seconda del tipo di studio, vengono trattati con un
placebo.
Immunoterapia Forma di trattamento nella quale vengono impiegati cellule o
messaggeri chimici endogeni per suscitare una reazione immunitaria verso
il tessuto tumorale.
Incidenza Frequenza dei nuovi casi di malattia espressa per lo più in numero
di ammalati l’anno per 100 000 abitanti.
Induzione (terapia di induzione) Prima fase di un trattamento anticancro con
la quale si cerca, tramite chemio o radioterapia, di ridurre la massa tumorale
o, nelle leucemie, il numero delle cellule cancerose.
Infiltrativo Invasivo; nel caso dei tumori, si intendono quei tumori che penetrano nei tessuti circostanti e li distruggono
45
Informazioni per il paziente Il paziente deve essere informato su obiettivi,
intenzioni, effetti ed effetti collaterali di ricerche e trattamenti. Un’informazione scritta per il paziente completa, in linea di principio, le informazioni fornite dal medico, quando un trattamento è pianificato nell’ambito
di uno studio.
Informed Consent (inglese) Consenso informato.
Consenso volontario (per lo più scritto) del paziente, espresso dopo che
allo stesso sono stati illustrati gli scopi dello studio, l’attuazione, i benefici
attesi e i rischi, nonché i diritti e le responsabilità di chi vi partecipa.
Il consenso informato viene richiesto anche al di fuori di uno studio, quando
il medico deve effettuare una ricerca o somministrare un trattamento che
comporta rischi.
Interdisciplinare Che comprende tutti i settori specifici, che tocca tutte le
discipline.
Iperplasia Moltiplicazione eccessiva, di natura benigna, delle cellule di un
­tessuto
Istologia Disciplina che studia la microstruttura dei tessuti del corpo.
Lesione Indica un malfunzionamento, una mutazione o un danno a un organo
o a una qualsiasi parte del corpo
Locale Circoscritto
Maligno I tumori maligni, al contrario dei tumori benigni, non rispettano i
confini naturali dei tessuti, ma si insediano anche in altri tessuti, distruggendoli; possono anche provocare metastasi in altre zone lontane.
Marcatori tumorali Sostanze endogene che, in presenza di un cancro, possono presentarsi nel sangue in concentrazioni elevate. Vengono utilizzate
soprattutto per controllare il decorso di patologie oncologiche conosciute;
un aumento della concentrazione dei marcatori tumorali nel sangue può
indicare la crescita di un tumore. I marcatori possono essere trovati anche
in altri liquidi organici e tessuti.
Medico sperimentatore / Responsabile dello studio Medico che dirige ed esegue uno studio clinico. È particolarmente qualificato e ha già esperienza di
studi clinici.
Metastasi Filiazioni tumorali. Migrazione di cellule cancerose dal tumore originario verso altre parti del corpo attraverso il sistema vascolare e linfatico.
Le metastasi danno luogo a tumori maligni in altre parti del corpo.
Midollo osseo Nel midollo osseo si forma il sangue. Le cellule ematiche mature
hanno una vita breve e per questo devono essere continuamente prodotte
dal midollo osseo.
Monoterapia Trattamento con un solo farmaco
Morbilità Probabilità che un individuo sviluppi una determinata malattia o
disturbo.
Mortalità Numero di casi con esito mortale, espresso di solito in numero di
decessi ogni 100 000 abitanti
46
Mutazione Modifica della sequenza degli elementi nella molecola del DNA
contenente le informazioni genetiche. Le mutazioni possono portare alla
modifica o alla perdita della funzionalità dei geni e influenzare così il comportamento delle cellule.
Neoadiuvante Terapia preoperatoria (ad esempio, chemioterapia) antecedente
all’asportazione del tumore. Serve a ridurre la massa tumorale e / o a far
morire i piccoli nidi di cellule tumorali.
Neoplasma, neoplasia Crescita anomala di cellule, neoformazione di tessuti,
spesso di natura maligna
Oncogeni Geni che intervengono nel processo di insorgenza dei tumori. Favoriscono lo sviluppo del cancro solamente se presentano particolari difetti.
Gli oncogeni integri svolgono importanti funzioni di regolazione nel ciclo
di divisione cellulare.
Oncologia Disciplina che studia la genesi, la diagnostica e il trattamento del
cancro e nella quale, nella moderna accezione del termine, rientrano anche
la cura, l’assistenza, il sostegno psicologico e la riabilitazione dei pazienti.
Orale Per bocca
Ormoni Messaggeri chimici che si formano nell’organismo e che raggiungono,
attraverso il sangue, i loro punti d’azione. Gli ormoni provvedono alla
­regolazione della crescita, del ricambio e della riproduzione e possono
favorire o ridurre lo sviluppo delle cellule tumorali.
Patogeno Che genera malattia
Patologico Che ha attinenza con una malattia, con uno stato morboso.
Patologo Medico che studia e valuta (solitamente al microscopio) le modificazioni patologiche dei tessuti e delle cellule.
Percutaneo Che si effettua, si somministra attraverso la pelle.
PET Tomografia ad emissione di positroni. Tecnica computerizzata che produce
immagini tridimensionali o mappe dei processi funzionali degli organi
­interni.
Placebo Sostanza innocua che non contiene principi attivi.
Preclinica Prove in laboratorio e su animali, eseguite per testare con la massima precisione un medicinale appena sviluppato prima della fase clinica e
dell’utilizzo sugli esseri umani.
Prevalenza Frequenza di una determinata malattia in un determinato momento nell’ambito di un gruppo definito, rappresentato, di solito, da tutta
la popolazione.
Progredienza, progressione Avanzamento della malattia
Proliferazione Moltiplicazione di cellule o tessuti
Protocollo Piano di controllo in cui sono riportati motivazioni scientifiche,
obiettivi e pianificazione dettagliata dello studio, nonché le condizioni del
suo svolgimento e monitoraggio.
47
Radioterapia Terapia a base di raggi, radiazioni. I tumori maligni vengono
combattuti con il solo ausilio di raggi ad onde corte a contenuto energetico
particolarmente alto oppure con radioterapia in combinazione con altri
trattamenti.
Randomizzazione Procedura di esecuzione di studi clinici nell’ambito dei quali
i partecipanti vengono suddivisi in più gruppi di trattamento secondo un
principio di casualità. In questo modo si vuole evitare che un effetto dimostratosi valido corra il rischio di essere sistematicamente valutato in modo
erroneo (in inglese: bias).
Recidiva Ricaduta, ricomparsa, recrudescenza di una malattia
Remissione Regressione della malattia. Scomparsa (completa) o riduzione
(scomparsa parziale) del tumore, per lo più quale risposta a una terapia.
Resezione radicale Rimozione chirurgica del tumore effettuata asportando
tutto l’organo colpito e, eventualmente, anche grosse porzioni di tessuto
circostante, in modo da rimuovere nidi tumorali anche piccolissimi, eventualmente presenti nelle vicinanze dell’organo interessato.
Resistenza, resistente Insensibile a un trattamento; si dice, ad esempio, di
cellule tumorali verso la chemioterapia o di batteri verso gli antibiotici.
Studio in cieco (semplice) Studio in cui i pazienti non sanno a quale braccio
dello studio appartengono.
Sangue Il sangue è costituito dal plasma (parte liquida del sangue) e da cellule
ematiche. I globuli rossi (eritrociti) contengono una proteina globulare di
colore rosso (emoglobina) e trasportano l’ossigeno e l’anidride carbonica.
I globuli bianchi (leucociti) combattono i corpi estranei e gli agenti patogeni
all’interno del corpo.
Significativo La differenza tra due trattamenti è significativa quando essa è
sufficientemente grande da non permettere di considerare casuale il risultato di uno studio.
Sistema immunitario Sistema di difesa del corpo; protegge dagli agenti patogeni, elimina microrganismi come virus, batteri e funghi e combatte contro
le cellule «impazzite» endogene o contro le cellule patogene esogene.
Soggetto volontario (sano) Sogetto che partecipa a uno studio.
Stadiazione Rilevamento e classificazione dell’estensione locale del tumore,
dello stato dei linfonodi e della metastatizzazione remota (classificazione
TNM).
Studio clinico Ricerche scientifiche condotte sugli esseri umani per gli esseri
umani secondo precise regole mediche ed etiche. Servono a chiarire interrogativi medici ancora aperti e vengono effettuate allo scopo di formulare
nuove modalità terapeutiche, migliori e più efficaci.
Studio in doppio cieco Si dice di studio in cui né il paziente, né lo sperimentatore conoscono il principio attivo (o placebo) somministrato.
Terapia adiuvante Terapia che si applica per ridurre il rischio di recidiva dopo
la completa asportazione chirurgica di un tumore
48
Terapia combinata Terapia che utilizza più di un farmaco o più metodi di
trattamento.
Terapia curativa Terapia finalizzata alla guarigione; l’opposto di terapia pal­
liativa
Terapia di consolidamento Secondo trattamento dopo l’induzione finalizzato
a distruggere le cellule cancerose restanti delle leucemie tramite chemio o
radioterapia.
Terapia di mantenimento Chemioterapia somministrata per un periodo piuttosto lungo, avente lo scopo di stabilizzare i risultati della terapia di induzione e consolidamento.
Terapia genica Trattamento di malattie tramite introduzione di geni nelle cellule in sostituzione di quelli mancanti / modificati.
Terapia iniziale Terapia di prima linea, prima terapia dopo la diagnosi di un
tumore in stadio avanzato
Terapia palliativa Terapia per alleviare i sintomi o per prevenire complicazioni
in caso di cancro incurabile; l’opposto di terapia curativa.
Terapia standard La terapia consueta la cui efficacia è già stata provata e dimostrata. La migliore terapia disponibile al momento.
Teratogenicità Proprietà di determinate sostanze chimiche, microrganismi o
raggi di causare danni e malformazioni fetali.
Tossicità, tossico Effetto nefasto di una sostanza, ad esempio di un citostatico
Tumore Gonfiore; in senso stretto, rigonfiamento dovuto alla moltiplicazione
di cellule sfuggite al normale controllo della crescita; benigno o maligno.
Tumore primario Il tumore generatosi per primo; l’opposto di metastasi.
Valore P Esprime la plausibilità statistica. Un valore P al di sotto di 0.05 significa
che la probabilità che un risultato sia dovuto al caso è inferiore al 5 %.
49
Abbreviazioni
ADR(inglese) Adverse Drug Reaction, effetto collaterale
­indesiderato
AE
(inglese) Adverse Event, evento avverso
BID
(latino) bis in die, due volte al dì
CE Concentrato eritrocitario
CEA(inglese) carcinoembryonic antigen, Antigene carcinoembrionale (marcatore tumorale)
CIS
(latino) carcinoma in situ, Stadio iniziale del cancro nel quale
il tumore non si è ancora esteso
CR
(inglese) complete remission, response, Remissione completa,
risposta totale, remissione totale
CRP
(inglese) C-reactive protein, Proteina C reattiva il cui valore
­aumenta in presenza di infiammazioni (PCR)
CRT
(inglese) Cranial Radiotherapy, Radioterapia craniale (RTC)
CT
Concentrato di trombociti
DFS (inglese) Disease Free Survival, Sopravvivenza senza
malattia (SSM)
DLT
(inglese) Dose limiting toxicity, Tossicità dose-limitante (TDL)
D.S.
Dose singola
EEG
Elettroencefalogramma
EFS
(inglese) Event Free Survival, Sopravvivenza senza eventi
FU
(inglese) Follow up, Tempo di osservazione, follow-up
GCP
(inglese) Good Clinical Practice, Buona Pratica Clinica (BPC)
GI
Gastrointestinale, che interessa stomaco e intestino
GIST
Tumori stromali gastrointestinali
HDC
Chemioterapia ad alte dosi
IV
Intravenoso
LAM
Leucemia acuta mieloide
LH
Linfoma di Hodgkin (detto anche HD, in inglese:
Hodgkin’s Disease)
LLA Leucemia linfatica acuta
LLC
Leucemia linfatica cronica
LMC
Leucemia mieloide cronica
MAB (mAb) (inglese) Monoclonal antibody, Anticorpo monoclonale
MDR
(inglese) Multi-drug resistant, Multiresistente ai farmaci
M.O. Midollo osseo
MRT / MRI
Tomografia a risonanza magnetica, imaging a risonanza
­magnetica
NHL
Linfoma non-Hodgkin, (in inglese: no response)
Nessuna risposta
50
NPL
NSCLC
OP
PBSCT
PET
PFS
PL
PR
PSA
RFS
RT
SAE
SCLC
SMD
SNC
TAC
TBI
tds/tid
TLF
TNF
TNM
TUR
Neoplasia, espansione
(inglese) Nonsmall cell lung cancer, Carcinoma bronchiale
non a piccole cellule
Operazione
engl. peripheral blood stem cell transplantation,
Trapianto periferico di cellule staminali emopoietiche
Tomografia ad emissione di positroni
(inglese) Progression Free Survival, Sopravvivenza senza
­progressione
Puntura lombare
(inglese) partial response, remission. Risposta parziale,
remissione parziale
Antigene prostatico specifico
(inglese) Relapse Free Survival, Sopravvivenza senza recidiva
Radioterapia
Serious Adverse Event, Grave evento avverso
Small cell lung cancer, Carcinoma bronchiale a piccole cellule
Sindrome mielodisplasica, possibile anticamera della leucemia
Sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale)
Tomografia assiale computerizzata
Total body irradiation, Irradiazione totale di tutto il corpo
(latino) ter in die, tre volte al dì
Terapia fotodinamica con raggi laser
Fattore di necrosi tumorale (segnalatore dei processi
­infiammatori)
(inglese) tumor (tumore), nodes (linfonodi), metastasis
­(metastasi), Suddivisione in stadi del tumore
Resezione transuretrale; rimozione di parte del tessuto
­attraverso l’uretra
51
© Gruppo Svizzero di Ricerca Clinica sul Cancro
Redazione Chantal Britt
Redazione scientifica di Oncologia Prof. Dott. med. Beat Thürlimann e
Prof. Dott. Michele Ghielmini
Traduzione Mirta Piller e Daniela Robotti
Immagini Merrill Pye e Atelier Richner
Layout atelierrichner.ch
Stampa RMS Repro Media Services AG, Berna
Pubblicato nel maggio 2009
Fonte di riferimento SAKK, Effingerstrasse 40, 3008 Berna
http://sakk.ch
Conto corrente per donazioni IBAN CH14 0079 0042 4106 0712 5
presso la Berner Kantonalbank
Se non trovate allegato il foglio «Domande importanti sugli studi clinici»,
­potrete ordinarlo sul sito Internet http://sakk.ch.
Schweizerische Arbeitsgemeinschaft für Klinische Krebsforschung
Groupe Suisse de Recherche Clinique sur le Cancer
Swiss Group for Clinical Cancer Research
Gruppo Svizzero di Ricerca Clinica sul Cancro
Fly UP