...

Scheda Didattica/ Mangio, ma quanto consumo? Facciamo un bilancio

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Scheda Didattica/ Mangio, ma quanto consumo? Facciamo un bilancio
IDEE E STRUMENTI
P E R I N S EG N A R E
N . 0 5 — M A R ZO 2 0 1 5
Scheda Didattica / Mangio, ma quanto consumo? Facciamo un bilancio
di Alessandra Gatti
Le Indicazioni nazionali 2012 per il curricolo del primo ciclo pongono tra le competenze previste per il termine della scuola
secondaria di secondo grado anche la seguente: «ha cura e rispetto di sé come presupposto di un sano e corretto stile di
vita». Rientrano in questo ambito, ovviamente, tutte le attività inerenti all’educazione alla salute e in particolare all’educazione
a un’alimentazione consapevole ed equilibrata. Perché, allora, non lavorare sul concetto di dieta equilibrata, partendo da
un’attività sul bilancio tra dieta e consumi, tra calorie introdotte con l’alimentazione e calorie consumate? Propongo dunque
un’attività su questi temi, personalmente sperimentata in una classe seconda della secondaria di primo grado proprio all’interno
di un percorso di educazione alla salute.
Obiettivi
Le finalità di questa attività sono molteplici: acquisire conoscenze e nozioni di base relative all’alimentazione; ricercare e
procurarsi nuove informazioni, impegnandosi in nuovi apprendimenti anche in modo autonomo; analizzare dati e fatti della
realtà, verificando l’attendibilità delle analisi quantitative svolte e mettendo in correlazione cause ed effetti.
Modalità
L’argomento trattato si presta all’interdisciplinarità di diverse materie (scienze, matematica, tecnologia, informatica), sebbene
questa rappresenti più un’opportunità che un vincolo per la realizzazione.
L’attività richiede circa 4-5 ore di lezione in classe per la spiegazione delle modalità di raccolta dati e della loro elaborazione
e per l’esposizione delle relazioni finali, con commento dell’insegnante. La raccolta dati, la loro elaborazione e la stesura della
relazione finale sono invece svolte individualmente dagli alunni, a casa.
Prerequisiti
Per prima cosa, i docenti coinvolti (in particolare quelli di scienze e tecnologia) forniscono agli allievi le nozioni di base
necessarie allo svolgimento dell’attività, relative ai seguenti aspetti:
- dal cibo ai principi nutritivi;
- il valore energetico degli alimenti;
- dal cibo alle calorie sviluppate;
- il fabbisogno calorico;
- l’apparato digerente e la digestione.
Svolgimento
1. Si chiede ai ragazzi di registrare per una settimana il consumo quotidiano di cibo distribuito nella giornata (colazione, spuntini,
pranzo, merenda, cena). A questo scopo, si fornisce una scheda sulla quale indicare esattamente che cosa mangiano e in quale
quantità.
Tabella 1. Il consumo quotidiano di cibo
GIORNO …...................
PASTO
CHE COSA (IN DETTAGLIO)
QUANTO (grammi)
Colazione
Metà mattina
Pranzo
Merenda
Cena
Altro
»
20
© Pearson Italia SpA
IDEE E STRUMENTI
P E R I N S EG N A R E
N . 0 5 — M A R ZO 2 0 1 5
» Scheda Didattica / Mangio, ma quanto consumo? Facciamo un bilancio
2. Si chiede ai ragazzi di registrare ogni giorno, per una settimana, quali attività vengono compiute, puntualizzandone anche la durata (per
esempio: 8 ore di sonno, 5 ore di studio, 2 ore di allenamento di calcio ecc.). Anche per questa attività viene fornita una scheda apposita.
Tabella 2. Le attività svolte
GIORNO …...................
ATTIVITÀ
CONSUMO BASALE PER ORA
COEFFICIENTE DI ATTIVITÀ
NUMERO DI ORE
Kcal
Sonno
Studio
TV
Calcio
…
Tot.
3. Si chiede ai ragazzi di calcolare il loro consumo basale per ora. Per questo, occorrono due tabelle. La Tabella 3 consente
il calcolo della superficie corporea in metri quadrati: per ottenere questo valore, basta unire il dato del peso con quello
dell’altezza. Nella colonna centrale si trova la misura della superficie corporea in metri quadrati. La Tabella 4 fornisce invece il
valore del metabolismo basale per metro quadro per ora, sulla base di età e genere. Moltiplicando questo valore per quello della
superficie corporea si trova il consumo basale per ora.
215
210
205
200
195
190
185
180
175
2,80
2,70
2,60
2,50
2,40
2,30
2,20
2,10
130
2,00
95
90
85
170
1,90
165
1,80
160
1,70
155
1,60
150
1,50
145
1,40
140
1,35
1,30
135
1,25
130
1,20
125
120
1,15
1,10
1,05
115
0,95
95
0,90
85
110
100
80
75
70
65
60
0,85
45,2
44,0
42,8
42,5
11
43,0
42,0
12
42,5
41,3
13
42,3
40,3
14
42,1
39,2
15
41,8
37,9
16
41,4
36,9
36,3
17
40,8
50
18
40,0
35,9
19
39,2
35,5
20
38,6
35,5
25
37,5
35,2
30
36,8
35,1
35
36,5
35,0
45
40
35
30
0,80
0,75
9
10
55
1,00
100
90
120
25
80
40
36,3
34,9
45
36,2
34,5
50
35,8
33,9
55
35,4
33,3
60
34,9
32,7
Età
Maschi
cal/m2/h
Femmine
cal/m2/h
0,65
75
Altezza (cm)
Superficie (m2)
Peso (kg)
Tabella 4. Il metabolismo basale per m2 per ora
Tabella 3. Normogramma di Dubois per il calcolo
della superficie corporea
21
»
© Pearson Italia SpA
IDEE E STRUMENTI
P E R I N S EG N A R E
N . 0 5 — M A R ZO 2 0 1 5
» Scheda Didattica / Mangio, ma quanto consumo? Facciamo un bilancio
4. Si chiede ai ragazzi di completare la Tabella 2 consultando la Tabella 5 dei coefficienti del metabolismo delle diverse attività.
Bisogna quindi calcolare il consumo energetico per ciascuna attività, facendo il prodotto tra il consumo basale per ora, il
coefficiente di attività e il numero di ore impiegate in quella particolare attività. Il risultato è in Kcal.
Tabella 5. Coefficienti di attività
ATTIVITÀ
COEFFICIENTE
Dormire
0,9
Stare seduti (per esempio a guardare la televisione)
1,4
Leggere o studiare
1,5
Lavorare al computer
2
Camminare
3,5
Correre
5,8
Nuotare
6,8
5. Il passaggio successivo è il calcolo del consumo calorico complessivo della giornata, che si ottiene semplicemente facendo la
somma dei valori della colonna delle Kcal nella Tabella 2.
6. Si chiede ai ragazzi di procurarsi, con una ricerca in Internet, una tabella per il calcolo delle calorie sviluppate dagli alimenti.
Generalmente le calorie sono indicate per 100 g di alimento pertanto è necessario fare il calcolo proporzionale rispetto a
quanto realmente consumato.
7. I ragazzi devono sintetizzare i risultati ottenuti, confrontando in particolare il calcolo del fabbisogno energetico di un giorno
infrasettimanale e della domenica con quello delle calorie realmente introdotte con la dieta in un giorno feriale e alla domenica.
Nella loro attività di sintesi, dovrebbero cercare di evidenziare se la loro dieta risulta equilibrata oppure no.
8. È il momento della verifica: si chiede ai ragazzi di esporre in classe la loro relazione, valutandone le competenze.
Considerazioni conclusive
Durante l’attività i ragazzi raccolgono in genere molte informazioni e formulano molte domande sul significato di ciò che hanno
osservato. La discussione che si genera consente di introdurre in classe il concetto di dieta equilibrata, proporzionata ai reali
fabbisogni energetici di ognuno.
Alessandra Gatti
insegna scienze matematiche,
chimico-fisiche e naturali nella
scuola secondaria di primo grado
dell’istituto comprensivo di
Lugagnano Val d’Arda (PC).
22
© Pearson Italia SpA
Fly UP