...

Il giallo - ic marco polo

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Il giallo - ic marco polo
Istituto Comprensivo “M. Ricci” Polverigi (AN)
Prof.ssa Bellucci Francesca
Classe IIID
IL GIALLO: UN METODO DA IMPARARE
Premessa
Delitti, omicidi, colpevoli…la presenza del male, della trasgressione e della sua punizione
ha sempre interessato anche la letteratura, data la sua connessione con la realtà umana e
dunque con il suo limite.
Che cos’ha di educativo un racconto che si sviluppa intorno ad una trasgressione, ad atti
quali il furto o l’assassinio? Eppure la lettura di racconti gialli può essere funzionale alla
crescita del ragazzo.
La struttura dei racconti gialli non discosta molto dall’impianto narrativo delle fiabe e dei
racconti d’avventura: in un ambiente tranquillo accade qualcosa che turba la quiete
aprendo una ferita che richiede di essere sanata: il colpevole va scoperto e punito.
La strada che il protagonista percorre per portare a termine la ricostruzione della pace
iniziale è sempre un viaggio, questa volta però della ragione. L’indagine non è che
osservazione di indizi, formulazione di ipotesi e loro verifica.
Il lettore è portato ad identificarsi con l’investigatore, stimolato dalla presenza di un
enigma che lo sfida: è impossibile, infatti, per l’uomo accettare una situazione di
incompletezza (un delitto senza un colpevole, un indizio senza una spiegazione…).
Si tratta di una sfida innanzitutto alla ragione che accompagna la lettura sino alla
risoluzione finale, che altro non è se non il rivelarsi di nessi tra i dati scoperti, attraverso
colpi di scena illuminanti o corrette deduzioni.
Ecco che allora seguire le piste dell’indagine educa il lettore a un metodo di
approccio alla realtà: essa non può più venire considerata un insieme di dati senza
nesso, di pure casualità. Nella vita tutti siamo un po’ investigatori, se non altro per il
fatto che la nostra ragione è domanda di senso, cioè del nesso tra gli eventi (perché
mi accade questo? cosa c’entra con la mia vita?…).
1
In tale ottica la lettura dei gialli educa ad osservare con attenzione ogni dato, indizio; a
formulare delle ipotesi mettendo in moto tutto il mondo di conoscenze ed esperienze
che si possiede; a giudicare la realtà in base ad un’ipotesi di significato.
Un metodo funzionale anche alla lettura e all’interpretazione dei testi letterari.
Il testo, in quanto segno, comunica un senso attraverso le parole e le strutture,
fornendoci delle tracce da seguire, costringendoci a formulare continuamente ipotesi.
Il giallo dunque può educare il senso dell’attesa, intesa non in modo passivo, ma come
tensione a una risposta, per scoprire la quale occorre impegnare tutta la propria
ragione.
E contemporaneamente educa alla certezza del senso: i gialli, a parte certi racconti, si
concludono sempre con la rivelazione del colpevole e la spiegazione degli indizi.
Destinatario:
Il modulo è rivolto ad una classe terza
Contenuti
Introduzione: Un po’ di storia
La parola “giallo” deriva dal colore scelto per la copertina della collana di romanzi
polizieschi, pubblicata in Italia dal 1929 dall’editore Mondadori.
In realtà il giallo- in inglese detective story- nasce verso la metà dell’Ottocento, quando, su
una rivista americana, viene pubblicato il racconto I delitti della via Morgue , dello scrittore
Edgard Allan Poe.
Poe crea, così, il primo detective: August Dupin.
E’ evidente, però, che non era possibile scrivere un romanzo o un racconto poliziesco
prima che si diffondesse una vera e propria polizia, così come oggi la intendiamo; per
questo è proprio nel corso dell’Ottocento che sono nati i primi romanzi gialli, scritti da
Charles Dickens e Wilkie Collins.
2
Successivamente dobbiamo ricordare un altro grande scrittore di gialli, Artur Conan
Doyle, creatore di Sherlock Holmes, un investigatore dilettante che indaga per il gusto di
usare la propria ragione e con l’intento di chiarire i casi più intricati, in barba ai maldestri
tentativi della polizia inglese.
Qualche anno dopo le avventure di Sherlock Holmes, il pubblico inglese conosce un
nuovo investigatore: è Padre Brown, un modesto prete cattolico in apparenza
sprovveduto, a volte svagato, ma in grado di risolvere i casi più difficili. Il suo ideatore è
Gilbert Keith Chesterton.
Nello stesso periodo, ma in ambito completamente diverso, si misura con il genere giallo
anche Anton Cechov, il grande scrittore russo autore di famose opere teatrali e di
novelle.
Nel clima che precede la prima guerra mondiale si affaccia una nuova scrittrice di gialli:
Agata Christie; con lei il giallo assume una funzione che possiamo definire di “evasione”.
I protagonisti dei suoi romanzi (come Hercule Poirot, il simpatico investigatore belga e
l’anziana Miss Marple ) basano le proprie investigazioni sugli indizi psicologici, quei
piccoli segni che rivelano il carattere e la sensibilità delle persone.
Il giallo subisce un’ ulteriore trasformazione con Georges Simenon, scrittore francese
noto al pubblico soprattutto per le indagini del commissario Maigret. Finalmente il
genere poliziesco ha un poliziotto come protagonista.
Nel corso del nostro secolo il giallo assume le colorazioni più diverse, tanto che è
possibile definire il tipo di racconto o di romanzo a seconda dell’elemento
predominante: il mistero, la tensione, l’indagine, la violenza o l’azione, ...
In questo modulo dopo alcuni brani esemplificativi della struttura e dello stile del giallo,
ho voluto approfondire la conoscenza del giallo d’investigazione caratteristico dei
romanzi di Artur Conan Doyle.
Parte I: L’ ambiente e i personaggi del giallo
Lettura brano tratto da “Il meglio di Agatha Cristie” ed. Mondadori :
3
“…Mi rendevo conto che il signor Rhodes era molto scettico…(…)Del tutto squilibrata, ovviamente,
ma il suo era un delitto architettato molto ingegnosamente.”
La storia del giallo si svolge sempre in un ambiente umano chiuso come, per esempio,
un gruppo familiare, un gruppo di colleghi di lavoro, un club riservato, le persone che si
trovano in un albergo o in un vagone ferroviario…
Spesso l’ambiente è isolato dal mondo circostante ( una nave, un treno in corsa…) in
modo tale che il campo delle indagini si restringa; il lettore rimarrebbe spiazzato e lo
scrittore non riuscirebbe a ricostruire la trama dell’indagine in un contesto umano e
indefinibile.
Allo scopo di sorprendere il gialli presentano spesso ambienti umani tranquilli,
apparentemente innocenti, dove nessuno potrebbe prevedere un delitto.
I gialli, inoltre, sono ambientati in località di villeggiatura, in case ricche, insomma in
ambienti insospettabili, cosicché tanto più l’ambiente appare rassicurante tanto più il
delitto acquista rilievo proprio perché nessuno se lo aspetta.
I personaggi che si muovono tutti intorno al delitto sono apparentemente innocenti ma
tutti ugualmente sospettabili.
C’è poi sempre una vittima( o più) che spesso è rappresentata da un personaggio non del
tutto positivo, l’assassino ed infine il vero protagonista: il detective o l’investigatore
(professionista o dilettante).
Verifica:
Rispondi alle seguenti domande:
a) Quando e dove avviene il delitto?
b) Come definiresti l’ambiente in cui avviene il delitto?
c) Chi è il protagonista del racconto?
d) Questo è l’elenco dei personaggi nominati:
-
Il signor Petheric
-
Un’amica pettegola
-
Il signor Rodhes
-
La signora Granby
-
La signorina Carruthers
4
-
L’elettricista
Annota sul tuo quaderno, come se fosse il tuo taccuino di investigatore, gli elementi che hai
appreso su ciascuno.
e) Quali caratteristiche emergono dalla descrizione della signora Rodhes?
Parte II: Il Movente e gli indizi
Chiaramente nel romanzo giallo è sempre presente un omicidio;per capire chi è il
colpevole bisogna scoprire qual è il movente del delitto, cioè capire il motivo che ha spinto
uno dei personaggi a compiere l’azione criminosa.
Il detective definisce una lista di indiziati, cioè di persone veramente sospettabili; tra tutti
i sospettati uno solo è il colpevole.
Lui solo( se non agisce con complici) conosce il come e il perché del delitto;
naturalmente anche lo scrittore conosce il colpevole e guida il lettore a individuarlo.
L’investigatore basa la sua ricerca su alcuni indizi (tracce lasciata involontariamente dal
colpevole); questi possono essere materiali(impronte, oggetti…) o psicologici-morali
(comportamenti strani, carattere…).
Verifica (sempre partendo dalla lettura del brano suddetto):
a) Sottolinea nel testo le persone sospettate del delitto.
b) Dalle prime indagini emergono relazioni tra i personaggi e il delitto?
c) Ad un certo punto del brano emerge un possibile movente; quale?
d) Il movente restringe il numero dei sospettatati; spiega su quali criteri si basa questa
affermazione.
Parte III:I metodi dell’investigazione: il metodo scientifico
Lettura del brano tratto dal romanzo “Il segno dei quattro” di A. C. Doyle, ed Newton Compton.
5
“…Mi giudicherebbe impertinente se mettessi le sue teorie…(…)Avrei dovuto avere più fiducia nelle sue
straordinarie facoltà.”
Il metodo scientifico, tipico di Sherlock Holmes può essere sintetizzato nelle seguenti
fasi:
1- Osservazione
2- Conoscenze di base
3- Deduzione
Per giungere a certe deduzioni, dopo l’osservazione dei fenomeni (accadimenti,
indizi…)il detective si riferisce ad alcune conoscenze di base.
Quindi l’osservazione è essenziale, ma per dedurre bisogna appoggiarsi a conoscenze che
già si possiedono.
Tale metodo è interessante perché permette ai ragazzi di paragonare il loro modo di
apprendere, il loro modo di porsi nei confronti della realtà.
Mi soffermo su questo metodo anche per sottolineare la fondamentale importanza
dell’osservazione, capacità che i giovani stanno sempre più perdendo.
Al tempo stesso mi interessa che i ragazzi sperimentino il “gusto” del ragionare sulle
cose e, ancor di più, quello di scoprire.
Verifica :
a- Nella seguente tabella sono riportate, come esempio,l’osservazione (O) e la deduzione (D) di Holmes.
Individua nel testo tutte le altre contrassegnandole con la sigla 01/D1, 02/D2…; poi inserisci lettere e
numeri nelle caselle.
Osservazioni
O.1
Deduzioni
Sul retro dell’orologio sono segnate le D.1
L’orologio era di un membro della
iniziali H.W.
famiglia Watson
6
b- Sottolinea nel testo le conoscenze di base che permettono a Holmes di trarre le sue conclusioni, poi
associale a ciascuna deduzione.
Parte IV: Le tecniche del brivido: La Suspance
Lettura brano tratto da “Tutte le novelle” di A. Cechov, ed. Rizzoli
“…Ecco, in quel boschetto ch’è dietro il valloncello, accadde, signore una storia…(…)Correte più vispi,
il signore è una brava persona.”
Lo scrittore del giallo presenta i fatti facendoci tenere “incollato” lo sguardo al testo,
mentre la nostra attenzione rimane sospesa in attesa di qualche chiarimento o di uno
sviluppo ulteriore della situazione: è stata utilizzata la tecnica della suspance .
Suspance è un termine inglese che deriva a sua volta dal francese e significa stato si
sospensione e di incertezza.
Essa nei romanzi gialli può essere così strutturata:
- Frase iniziale: prepara il lettore a qualcosa di sconvolgente e terrificante; si
utilizzano espressioni che preparano all’attesa, esse vengono definite anticipatori.
- L’ambiente che incute timore (notte, tempeste…)
- Effetto sorpresa
- Aumenta il ritmo della narrazione subito dopo il delitto ( per esempio sottolineato
dalla rapida successione dei verbi).
Verifica(sempre dal testo suddetto):
a- Evidenzia in rosso gli elementi anticipatori
b- Individua e sottolinea in verde le frasi in cui si descrive l’ambiente
7
c- Individua e sottolinea in viola la frase che presenta l’effetto sorpresa
d- Individua e sottolinea in nero le frasi che aumentano il ritmo della narrazione
Parte V: Il lessico del giallo
Si può affermare che il genere giallo non abbia un linguaggio particolare.
Certamente in moltissimi gialli è utile un linguaggio semplice, crudo ed essenziale, in cui
compare spesso il discorso diretto in stretto rapporto con le azioni dei personaggi.
Le battute sono brevi e, a volte, ricche di espressioni proprie della lingua parlata e di
termini ripresi dal linguaggio della malavita.
Più in generale possiamo dire che ogni giallo presenta termini specifici del genere; faccio
alcuni esempi:
- Cadavere
- Indizio
- Alibi
- Polizia
- Detective
- Killer
- …
Parte VI: L’esperienza di un romanzo
Il modulo prevede, al termine della quinta fase, la lettura integrale e in aula de “Il cane dei
Baskerville” di A. C. Doyle.
Il romanzo è diviso in 15 capitoli; si leggerà un capitolo a lezione (due ore settimanali).
8
Al termine di ogni lezione si rintracceranno nel capitolo gli elementi strutturali e stilistici
appresi nelle fasi precedenti.
Si ricostruisce, infine lo schema narrativo del romanzo:
- Situazione iniziale
- Il delitto
- L’indagine
- La scoperta del colpevole
- Ricomposizione dell’equilibrio iniziale
♦ Al termine dell’UDA si esegue, come ulteriore verifica, la scrittura creativa di
un piccolo testo giallo da inserire come traccia di un tema.
♦ Visione del film “Il mastino dei Baskerville”.
9
Scuola del fare, scuola del pensare
P ROGETTO DI FORMAZIONE E RIC ERCA INDICAZIONI NAZ IONALI 2012
SCHEDA DI VERIFICA SPERIMENTAZIONE DIDATTICA
LABORATORIALE
SCHEDA DI VERIFICA SPERIMENTAZIONE DIDATTICA LABORATORIALE
GIUGNO 2014
ISTITUTO IC “M. RICCI” POLVERIGI (AN)
DOCENTE PROF.SSA FRANCESCA BELLUCCI
DISCIPLINA INSEGNATA LETTERE
ORDINE DI SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO
TITOLO DEL LABORATORIO IL GIALLO
PROBLEMA DA RISOLVERE : R ICONOSCERE STRUTTURA E CARATTERISTICHE DEL GENERE GIALLO
OSSERVAZIONE DEGLI ALUNNI
Effettuare una breve descrizione degli elementi osservati
(o in termini sintetici di giudizio o in forma discorsiva)
Interesse dimostrato
dagli alunni
per l’attività laboratoriale
Moti vazione
all’apprendimento
Partecipazione e impegno
Competenze relazionali e
sociali osservate
Rispetto dei tempi
Qualità dell’apprendimento
(cosa i ragazzi hanno appreso,
memoria dell’esperienza e delle
conoscenze costruite, ecc.)
OTTIMO
BUONA
QUASI LA TOTALITÀ DELLA CLASSE HA PA RTECIPA TO
CON IMPEGNO E FORTE INTERESSE
E’ STATO UTILE IL LAVORO DI GRUPPO, IN PA RTICOLA RE
PER IL COINVOLGIMENTO ( DIRETTO/ INDIRETTO) ANCHE
DEGLI ALUNNI CON MAGGIORI DIFFICOLTÀ
I TEMPI DEL PROGETTO SONO STATI RISPETTATI
PRIMA RIAMENTE SONO STATE APPRESE LE
CARATTERISTICHE STRUTTURALI DEL GENERE, IN
SEGUITO SONO STATE APPROFONDITE LE TIPOLOGIE
DEL GIALLO E DELLE RISPETTIV E INDAGINI, CON
PA RTICOLARE RIFERIMENTO AL GIALLO SCIENTIFICO;
INOLTRE È STATO A PPREZZATO “ L’ INCONTRO” CON UNO
DEI PERSONAGGI PIÙ AMATI DEI GIALLI : S HERLOCK
HOLMES.
Clima d’aula (eventuali episodi
di indisciplina, confusione, ecc.)
NON SI SONO V ERIFICATI EPISODI NEGA TIVI O DI
DISTURBO
Ciò che l’insegnante si era SÌ
prefissato è stato raggiunto?
10
Criticità riscontrate
MANCA NZA DI STRUMENTAZIONE ADEGUATA CHE
POTEVA PERMETTERE UNA DIV ISIONE IN GRUPPI
DIV ERSA
PROBLEMI EMERSI E SOLUZIONI POSSIBILI
Problemi per il docente
Soluzioni possibili
Non si sono verificati problemi nel corso
dell’attività
Problemi per gli alunni
Soluzioni possibili
Il materiale prodotto dal gruppo non è stato in
alcuni casi consegnato in tempo a tutti i membri
per l’esposizione orale
M aggior collaborazione tra i membri del gruppo
VALUTAZIONE DELL’ESPERIENZA
Esprimere un giudizio complessivo ed eventuali considerazioni non riferite sopra
L’esperienza è stata positiva sia per la Docente che per gli alunni; in particolare gli
studenti hanno apprezzato: la lettura integrale del libro scelto (Il mastino dei Baskerville)il
lavoro di gruppo, i film visti.
11
Fly UP