...

SPEA 11 Quaggiù sulle montagne

by user

on
Category: Documents
7

views

Report

Comments

Transcript

SPEA 11 Quaggiù sulle montagne
www.museosanmichele.it
Anno 4, n° 4, dicembre 2006. Supplemento a SM Annali di San Michele. Rivista annuale del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina di San Michele all’Adige.
ISSN 1120-5687. Autorizzazione del Tribunale di Trento n° 601 di data 2 giugno 1988. Direttore responsabile: Paolo Campostrini. Direttore editoriale: Giovanni Kezich.
20 dicembre 2006 – San Michele all’Adige
NEWSLETTER DEL MUSEO DEGLI USI E COSTUMI DELLA GENTE TRENTINA
Nuovi spazi
per il Museo
Prepositura agostiniana, San
Michele all’Adige, settembre. In
dirittura d’arrivo i lavori di restauro
dell’ala orientale del “Castello”
(così viene chiamato localmente il
complesso monumentale del monastero), condotti a cura della Soprintendenza per i beni architettonici
della P.A.T. diretta da Sandro Flaim.
I nuovi spazi, per i quali è prevista
l’assegnazione al Museo, saranno destinati all’ampliamento del percorso
museale (nuova sala dedicata alla
gelsibachicoltura) e ad ospitare alcuni
servizi d’imprescindibile importanza
per il Museo stesso: una sala per
esposizioni temporanee; due nuove
aule didattiche, articolate in un vero
e proprio complesso a sé stante interamente dedicato alla scuola; una
nuova Biblioteca monumentale, che
sarà dedicata a Šebesta, affacciata
sui tre lati dell’antico chiostro triangolare oltre a spazi elementari per il
riposo e la ricreazione di visitatori, ivi
inclusa una piccola buvette.
Il nuovo allestimento, affidato per la
parte progettuale all’architetto Franco Didonè, sarà completato entro il
2008 e porterà ad una complessiva
riqualificazione del Museo, dei suoi
ALL'INTERNO
Fiaba-leggenda dell’alta valle
del Fersina ..............................
2
SM 19 Pane e non solo .........
2
Dizionario del dialetto di Montagne di Trento ......................
2
TRENTOFILMFESTIVAL:
- Il Parco dei mestieri replica
- Mostra Dèmoni pastori e
fantasmi contadini
- Premio Museo degli Usi e
Costumi della Gente Trentina
- Mondent. Il lavoro della malga
- Un giorno a Valfloriana. Piccola carnevalogia per sketch
3
APTO:
- La ricerca etnomusicologica
- Fonti orali e cultura materiale
- Il caseificio turnario di Pejo
- Progetto CARITRO per la
messa in rete dell’archivio
etnomusicologico ...............
4
Furriadroxus ...........................
4
CONSERVAZIONE:
- Archivi di pietra. Le scritte
dei pastori fiemmesi
- Utilizzo del laser ad eccimeri
nella conservazione
- Tutti i legni di una slitta ......
5
La fucina dell’etnografo .......
6
Dal libro delle firme del Museo
(marzo-novembre 2006) .......
6
NEWS .....................................
7
SPEA 11
Quaggiù sulle montagne
Prendere sul serio le Alpi
Malé, 14-17 settembre. Come una
di quelle università medievali che si
accampavano periodicamente presso
questo o quel Comune, si è riunito a
Malé lo SPEA, il Seminario Permanente
di Etnografia Alpina, che vi ha tenuto
la sua XI sessione. SPEA è il collettivo
di studio, di ricerca e di dibattito che
si riunisce dal 1991 intorno al Museo,
essendo divenuto certamente, se non
l’unica, una delle meglio frequentate e
delle più durevoli, e nello stesso tempo
la meno imparruccata e accademica
delle iniziative alpine di questo genere.
Eccoci dunque a SPEA11, che recita
QUAGGIÙ SULLE MONTAGNE..., uno
slogan semiserio che vuole esprimere
il punto di vista di chi sulle montagne
– allevatori e ragionieri, boscaioli e
albergatori, maestri di sci e funzionari
museali... – al di là di tanti canti e di
tanta retorica, deve cercare di vivere
e possibilmente anche di prosperare
tutto l’anno.
Cinque i temi trattati in altrettante
sessioni di lavoro: IDENTITÀ IMMAGINARIO TURISMO PASCOLI MUSEI,
presiedute da alcuni studiosi di notevole spicco: Annibale Salsa, Presidente
generale del CAI; Riccardo dello Sbarba,
Presidente del Consiglio della Provincia
Autonoma di Bolzano; Pier Paolo Viazzo, l’autore di Comunità alpine (1989),
antropologo all’Università di Torino,
già veterano copilota di SPEA. Maurizio Nichetti, il noto e molto amato
attore-regista divenuto dal 2005 impareggiabile direttore artistico del TrentoFilmfestival, ha invece coordinato
insieme a chi scrive la sessione CINEMA,
dedicata al film documentario alpino.
Lo stesso Viazzo, insieme allo scrivente
e a Daniele Jalla, Presidente di ICOMItalia, è stato autore del programma
delle quattro giornate: un programma
intenso che ha messo insieme, oltre alle
cinque sessioni convegnistiche e a una
vera e propria maratona cinedocumentaristica presso il Cinema Teatro “Giulio
Briani” di Malé, anche presentazioni di
libri (Le Alpi di Marco Cuaz, edito dal
Mulino, SM Annali di San Michele
19/2006; L’Alpe 14 di Priuli & Verlucca, la nuova edizione, arricchita di un
DVD, di Fiaba-leggenda dell’alta valle
del Fersina di Giuseppe Šebesta...) e di
video (Le anguane del Trentino di Andrea Foches), i Canti del Coro Soldanella
di Brentonico diretto da Quinto Canali e
un'escursione conclusiva a Malga Villar
– con i suoi 1920 m di quota, la più
alta del Trentino – che i partecipanti
difficilmente dimenticheranno...
Informale, festosa, e nondimeno molto
intensa l’atmosfera dei lavori, intorno
ai problemi di sempre: esiste davvero,
una specificità alpina? Esiste un uomo
alpino: e cioè, esistono una cultura,
delle risorse, dei giacimenti culturali,
materiali e immateriali specifici delle
Alpi? Queste domande si fanno più
attuali e più pertinenti che mai nella
prospettiva di oggi, che è quella di un
integrale ricostituirsi del continente in
sede geopolitica, e quindi di un graduale riassegnarsi all’arco alpino del ruolo
che gli è proprio all’interno dell’orizzonte continentale: non più barriera
invalicabile e fortemente militarizzata
ma evento centrale ineludibile, necessario punto d’incontro, di scambio, di
osmosi, di equilibrio.
Riflettendo sul cammino percorso,
dopo undici sessioni di lavoro estesesi
lungo tre interi lustri, viene da chiedersi
quali siano, nel nostro SPEA, le ragioni
fondanti e quali i suoi motivi di ispirazione non transitori e quindi forse,
se è lecito, anche un po’ il segreto del
suo piccolo successo, e del suo essere
diventato a tutti gli effetti “permanente” così come, fin dai suoi inizi,
e senza nessuna garanzia in questo
senso, voleva il suo titolo.
Se dovessi rispondere oggi, a conclusione della ricca, interessantissima
sessione di Malé, direi forse che il vero
segreto dello SPEA, è quello dell’essersi
posto fin da subito con coerenza, con
costanza, forse anche con un poco di
umiltà, nella prospettiva di prendere sul
serio le Alpi. Prendere sul serio le Alpi
– cioè prendere sul serio chi ci abita,
prendere sul serio chi ci lavora, prendere
sul serio chi le studia – significa anche
provarsi a resistere, in qualche maniera, a gran parte della mitologia che
le riguarda, facendo modo di riservar
loro, né più e né meno, sulle corde di
un uniformitarianesimo che è non soltanto scientifico, quello dei geologi, dei
paleontologi e degli antropologi, ma
anche e soprattutto etico, la medesima
qualità di attenzione della quale si vuole esser degna qualsiasi altra porzione
abitata di questo pianeta. Significa,
prender sul serio le Alpi, apprezzarne
l’unicità, le grandi bellezze, senza nascondersi quanto esse possano celare
di svantaggiato, di chiuso, di asfittico,
di duro. Significa coglierne le sottili
specificità senza che queste abbiano a
trasformarsi tra le nostre mani in nuove
ideologie o in nuovi dogmi. Significa
apprezzarne lo spessore della tradizione storica, quella materiale delle loro
città e dei loro monumenti, e quella
immateriale della memoria delle loro
genti, e condividere il peso della fatica
disumana e dei sacrifici che ne hanno
fino a ieri caratterizzato la vita senza
che questo richiamo al passato abbia
a divenire, nella situazione interamente
mutata dell’oggi, vana retorica. Significa prendere atto degli stimoli che
spazi e dei servizi offerti. Prende così
corpo, presso il vecchio monastero,
l’idea di un polo culturale, museale
e non solo, che continua idealmente
il lascito secolare dei monaci agostiniani, affacciato su questa piccola
cerniera dell’Europa, in uno dei
luoghi chiave tra mondo latino e
mondo germanico: un osservatorio
d’eccezione per la comprensione
della vicenda culturale del nostro
continente.
Ecco che il Trentino, accanto agli altri
due importanti poli culturali già esistenti lungo il corso dell’Adige, quello
di Rovereto per l’arte contemporanea
e quello di Trento per l’arte classica,
la storia e le scienze, se ne viene a
dotare naturalmente di un terzo, a
San Michele all’Adige, dedicato al
territorio, alla sua cultura – anche
materiale – e alla sua memoria. Un
progetto organico di grande respiro,
finalizzato alla crescita culturale del
territorio, nella tradizione di Edmund
Mach e di Giuseppe Šebesta, i vecchi
padri fondatori dell’Istituto Agrario
e del Museo, mòravo l’uno, boemo
l’altro, ma anche in quella di Bruno
Kessler, il demiurgo dell’autonomia
speciale del ’72, e primo fautore, per
San Michele all’Adige, di un ruolo
culturale strategico del tutto nuovo.
Un’idea importante, augurabilmente
prossima a realizzarsi.
permettono, sulle Alpi come altrove, di
ipotizzare per i loro abitanti un futuro
possibile fatto non di solo pane, e significa soprattutto, prendere sul serio
le Alpi, capire il modo in cui, non differentemente da altrove, al cospetto delle
grandi montagne e della loro presunta
eternità, le valli alpine si fanno albergo
di una condizione umana, nella sua
inesorabile finitezza e nel suo limite,
ancor più piccina che altrove...
Per questo scenario di fondo, lo SPEA,
con la sua capacità di richiamare un po’
da ogni dove critici, cultori ed esegeti
dell’antropizzazione alpina, si riconferma oggi un osservatorio privilegiato,
una buona vedetta. Prevista infatti, per
il 2007, un’escursione del seminario
in Piemonte, sulle Alpi occidentali,
per la seconda parte di Quaggiù sulle
montagne...: POLITICHE MINORANZE
SVILUPPO SPORT… Il viaggio, la traversata delle Alpi, continua.
Giovanni Kezich
pagina
2
www.museosanmichele.it
edizioni
Fiaba-leggenda dell’alta valle del Fersina
Nel corso di diverse campagne di ricerca svolte
in val dei Mòcheni, in
particolare a Fierozzo e
Roveda, dal 1960 al 1963
e nuovamente all’inizio del
decennio successivo, Giuseppe Šebesta raccoglie un
considerevole complesso
di fiabe, racconti, leggende. L’ambiente naturale e
umano dell’alta valle del
Fersina non è sconosciuto
a Šebesta. A Sant’Orsola, in compagnia della
madre, aveva trascorso le
estati dell’infanzia, e forse
ascoltato i racconti che
avrebbe studiato a distanza
di anni. A Sant’Orsola era
tornato, al termine della
guerra, per attrezzarvi un
laboratorio in cui realizzare
innovativi cortometraggi
a pupi animati, ma anche
per compiervi le prime
ricerche etnografiche. Una scelta che,
per l’isolamento dell’area, la lingua, la
continuità dei modelli di vita tradizionale, si rivela decisiva, ma che appare
senz’altro inconsueta in un’epoca in
cui non si ritiene indispensabile che
l’antropologo affronti l’impegno della
ricerca sul campo. Le fiabe e le leggende narrate dagli abitanti della valle non
tardano ad attrarre l’intelligenza curiosa
e aperta di Šebesta, il quale, se in un
primo momento si limita all’esame dei
materiali conservati presso archivi e
biblioteche, in seguito predispone un
rigoroso piano di ricerca che attua con
rigorosa puntualità: stabilisce diversi
punti di rilevazione, realizza registrazioni sonore di alta qualità, raccoglie
le varianti di cui intuisce il valore. Esito
dell’indagine è Fiaba-leggenda dell’alta
valle del Fersina, pubblicato nel 1973
e di cui il Museo degli Usi e Costumi
della Gente Trentina propone ora una
terza edizione a un quarto di secolo
dalla seconda, purtroppo da tempo
esaurita.
Il volume, presentato in occasione del
Seminario Permanente di Etnografia Alpina tenutosi a Malé nello scorso mese
di settembre, riproduce integralmente
l’edizione del 1980. I testi, tradotti in
italiano o proposti nella versione in
dialetto trentino e in italiano, sono
distribuiti in numerose sezioni dedicate ai diversi personaggi fantastici
– streghe, uomini selvatici, nani, maghi
– protagonisti dei racconti, e aperte da
premesse che ne espongono i caratteri:
aspetto, comportamento, attitudini,
poteri e limiti di azione. Inedita è invece
la presentazione di Giuliana Sellan: brevi, ma dense pagine in cui le ricerche di
Šebesta vengono collocate sullo sfondo
di una lunga, intensa relazione umana
e scientifica con la gente mòchena, e
in cui viene tratteggiata nelle linee essenziali la struttura del volume. Nuovo
è pure il saggio di Christian Abry che
evidenzia, prendendo spunto dalla
favola di Cappuccetto rosso, l’importanza della raccolta di Šebesta per la
ricostruzione dell’originaria fisionomia
di fiabe trascritte, o piuttosto riscritte,
tra il XVII e il XIX secolo, da narratori
quali Charles Perrault e germanisti
quali Jacob e Wilhelm Grimm, che le
privarono degli elementi più crudi per
adattarle alla sensibilità del pubblico
borghese.
Augurando buona lettura, tornano alla
memoria, ma con una lieve variazione, i versi del Prologo composto dal
burattinaio Luciano Gottardi per lo
spettacolo Fiabe e leggende della valle
del Fèrsina:
«L’è stòrie de diàoli, de gai e molinari,
de mine e tesòri ognór senza pari.
Raccolte da Šèbesta, il gran professore,
scienziato, poeta e pur narratore.
Girando la valle raccolse le storie
Frugando fra stalle, cantine e memorie.
Ne uscì un gran museo ed un libro
esaurito.
Averlo di nuovo è un dono gradito».
Luca Faoro
SM 19 – Pane e non solo
Etnografia e storia delle culture alimentari nell’arco alpino
Pane e non solo. Etnografia e storia
delle culture alimentari nell’arco
alpino, 19° volume della serie SM
Annali di San Michele, raccoglie gli
atti del IX ciclo dello SPEA, svoltosi a
Trento e a San Michele all’Adige nel
novembre del 2004. Occasione dell’incontro è stata la pubblicazione in
lingua italiana di un piccolo classico
della ricerca etnografica,
Il pane annuale dell’etnologo e museografo
francese Marcel Maget.
La struttura del volume
riprende le sessioni del
seminario. La prima sezione ("Il pane annuale”
di Marcel Maget) fa il
punto sull’operazione
editoriale all’origine del
convegno: Maria Luisa
Meoni espone le ragioni
dell’attualità del libro di
Maget; Anna Rita Severini precisa i criteri adottati
per la traduzione; Alberto
Giancola rievoca un breve
soggiorno a Villar d’Arêne, il villaggio
oggetto dello studio di Maget.
La seconda sezione (Grano e grani,
pane e pani) tratta delle culture cerealicole nell’arco alpino. Si apre con
l’ampio saggio di Gaetano Forni, che
ripercorre la storia della coltivazione
dei cereali, riservando particolare
attenzione alle conseguenze della
scoperta dell’America e agli effetti
dell’introduzione in Europa delle
nuove piante americane. Emanuela
Renzetti esplora le fonti alla ricerca
di notizie sul cibo in generale e sul
pane in particolare, ed esamina le
modalità e le circostanze di un peculiare piatto a base di pane: la panada
o pancotto. Marco Romano espone i
risultati di una vasta ricerca relativa
alla coltivazione e alla panificazione
della segale in alta val di Non e in
val di Sole: pagine in cui sono ricostruite tecniche e modalità, tempi e
luoghi, dalla semina alla mietitura,
dalla macinatura alla cottura e al
consumo del pane.
La terza sezione (Pane e companatici. Pesci, vino, formaggio) è dedicata
ai cibi che si accompagnano al pane.
Il pesce, in primo luogo, cui si riferisce il contributo di Marta Bazzanella
e Michele Trentini, che tratteggia un
quadro dello sfruttamento alimentare del luccio, integrando i risultati
di ricerche archeologiche e indagini
etnografiche. Anche Massimo Piro-
vano tratta del pesce e in particolare
del pesce dei laghi lombardi, descrivendo tecniche di pesca, modalità
di preparazione e conservazione,
circostanze del consumo. Della
coltivazione della vite e produzione
del vino nella valle della Dora Riparia
si occupa il saggio di Paolo Sibilla,
mentre Stefano Allovio ripercorre
le vicende storiche che hanno fatto
della fontina un prodotto tipico. Il
contributo di Michele Corti ricostruisce con ricchezza di particolari il
ruolo della capra nell’ambito delle
comunità alpine della Lombardia e
delle regioni circostanti lungo tutto
l’arco dell’età moderna e contemporanea.
Nella quarta sezione (Pane e identità) si guarda al cibo come specifico
elemento dei processi culturali di
costruzione dell’identità: Quinto
Antonelli e Gianfranco Bettega
espongono i risultati di un progetto di
ricognizione generale sulla memoria
e la storia dell’alimentazione nella
valle di Primiero; Iolanda Da Deppo
ricostruisce i tratti dell’alimentazione tradizionale nella provincia di
Belluno; Domenico Isabella fornisce
un quadro articolato del sistema
alimentare tradizionale a Sauris.
La quinta sezione (Buono da pensare…) approfondisce alcune delle prospettive d’analisi della precedente,
affrontando il problema della memoria alimentare quale testimonianza
della storia ed elemento distintivo di
una civiltà. Quinto Antonelli analizza
quel particolare genere di scrittura
popolare comunemente indicato con
il termine, per certi versi riduttivo,
di «ricettario». Daniele Jalla rievoca
invece, sul filo del ricordo e con un
tono in cui sembra di cogliere una
sfumatura di rimpianto, i cibi degli
anni dell’adolescenza, proponendo
alcune interessanti riflessioni sul
problema del rapporto tra l’indispensabile tutela e la necessaria valorizzazione del patrimonio culturale.
L. F.
Dizionario del dialetto di Montagne di Trento
Quindici anni di lavoro,
ottocento cartelle, oltre
diecimila lemmi, venti tavole di illustrazioni, mille
parole collegate alle cose
illustrate, cinquanta pagine di apparati introduttivi
e centoventi di appendici.
Questi sono solo alcuni dei
numeri che appartengono
al Dizionario del dialetto
di Montagne di Trento,
opera magistrale di Corrado Grassi, dialettologo e
linguista che ha insegnato
presso le Università di
Torino e di Vienna, e ha
diretto l’Atlante Linguistico Italiano, per il quale
ha effettuato le inchieste
nell’Italia meridionale.
Origine del Dizionario è il lavoro effettuato da Wolfango Giovannella di
Montagne, che ha lasciato in eredità
al Circolo Anziani del luogo un manoscritto contenente una raccolta di
parole nel dialetto del paese. Corrado
Grassi, chiamato a dare un parere sul
testo, ha coinvolto Lisa, Aurelia, Emilia, Enrico, Fulvia, Gabriella e Gemma
nella cura dell’edizione in vista di una
pubblicazione, dando così il via a
un’impresa finora unica in Italia.
Il Dizionario riporta infatti una ricchissima documentazione lessicale
nella quale è posta particolare attenzione alla registrazione delle varianti
e al trattamento dei casi di omonimia.
Sono presenti le indicazioni morfologiche relative alla declinazione dei
nomi e degli aggettivi e alla coniugazione dei verbi. Nella definizione, che
è costruita in modo da fornire prima il
significato più comune e via via quelli
più specializzati, si fa riferimento agli
ambiti d’uso, ai registri d’uso e alla
vitalità della parola. Per ogni accezione
vengono riportati numerosi esempi
con traduzione libera e rispettiva traduzione letterale. Ampio spazio è dato
alla trattazione delle preposizioni, con
la specificazione dei complementi che
formano. Numerosissimi sono i rinvii
all’interno del testo, che offrono infinite vie di accesso alla consultazione
dell’opera.
Il Dizionario si contraddistingue inoltre per l’organizzazione sistematica
data alla documentazione etnografica.
Per la raccolta di questo tipo di informazione sono state effettuate specifiche campagne di ricerca sul campo,
che hanno consentito di cogliere gli
oggetti nei loro ambienti e contesti
d’uso e di analizzare pratiche di lavorazione contemporaneamente al loro
svolgersi. In questo modo si è anche
avuta l’opportunità di analizzare nel
dettaglio le differenze tipologiche
dei vari strumenti di lavoro. Preziosi
sono nella definizione i rinvii alla bibliografia di settore, che consente di
ricostruire per gli oggetti di interesse
etnografico le rispettive aree di diffusione non solo in ambito trentino.
L’opera, giunta alle fasi finali della
revisione del testo, verrà pubblicata nel
2007 per i tipi del Museo. La quantità
e la complessità delle informazioni
riportate non sarebbero state possibili
se non attraverso la collaborazione di
tutta la comunità coinvolta.
Antonella Mott
www.museosanmichele.it
trentofilmfestival
Il Parco dei mestieri replica
Anche quest’anno, e per la seconda
volta, i Servizi educativi del MUCGT
hanno partecipato dal 29 aprile fino al
7 maggio, all’iniziativa Parco dei Mestieri: si tratta di un evento dedicato
soprattutto ai bambini e alle scuole,
collaterale al TrentoFilmfestival.
La prima edizione è nata dal desiderio
del direttore del festival Maurizio Nichetti di coinvolgere i più piccoli nel
contesto della rassegna filmica e, a
questo scopo, si sono attivati il giornale Vita Trentina insieme a radio Studio
Sette-in Blu, che hanno coordinato
l’iniziativa, il MUCGT, che ha curato
gli aspetti didattici e organizzativi, e
molti altri partner, tra i quali l'associazione Arti Luoghi e Gusto di Malé,
il Servizio glaciologico della Provincia
di Trento, ‘mestieranti’ della montagna
e artisti. Fondamentale, ai fini della
riuscita delle due edizioni, è stata la
disponibilità accordata dal vescovo
di Trento monsignor Luigi Bressan
nel mettere a disposizione il parco
situato sul retro del Palazzo Vescovile
antistante piazza Fiera.
Durante la prima edizione, nel nostro
stand abbiamo proposto il tema della
tessitura domestica antica. Tra i momenti più belli di quella esperienza
ricordo le bambine sedute in cerchio
sotto gli alberi del parco, che hanno
lavorato con tale entusiasmo ai piccoli
telai didattici da non voler più smettere di tessere. Nell’ultima edizione
abbiamo invece proposto l’argomento
dell’alpeggio con il laboratorio sulla
produzione del burro. Oltre a provare
questa esperienza, i bambini hanno
avuto l’opportunità di vedere all’opera
Martino Lorenz, scultore del legno di
Canazei, hanno sperimentato i giochi
di equilibrio e l’arrampicata proposti
dal Museo tridentino di Scienze Naturali nel percorso intitolato Scienza
estrema, hanno percorso il ponte
tibetano a cura delle Guide Alpine, si
sono cimentati con il riconoscimento
delle figure degli animali proposto
dal WWF e hanno fatto esperimenti
scientifici insieme ai meteorologi;
non è mancata infine una rassegna
filmica appositamente pensata per i
bambini.
Si sono svolte anche altre interessanti
iniziative, tra le quali ricordiamo la
presentazione del gioco da tavolo
L’acchiappamestieri, ideato da Diego
Andreatta di Vita Trentina e disegnato da Fabio Vettori, lo spettacolo
di burattini di Luciano Gottardi, la
presentazione del volume Samaritani con la coda di Laura Guardini e
Roberto Serafi, sui cani da soccorso, e
numerosi altri incontri con personalità
legate al mondo della montagna: gli
scrittori Kurt Diemberger e Erri de
Luca, gli alpinisti Elio Orlandi e Tone
Valeruz, la campionessa di arrampicata
su ghiaccio Anna Orlandi. Anche le
autorità ci hanno incoraggiato con la
loro visita: tra loro Margherita Cogo,
assessore provinciale alla cultura,
Tiziano Salvaterra, assessore provinciale all’istruzione, e Alberto Pacher,
sindaco di Trento. Questa edizione si
è inoltre caratterizzata per la presenza
di un folto pubblico cittadino – specialmente durante i fine-settimana
Un momento del laboratorio
sull'alpeggio
– composto tanto da famiglie quanto
da ospiti anziani, in particolare quelli
della vicina Casa di riposo.
L’iniziativa, con le sue diverse proposte, rappresenta un esempio di positiva
collaborazione tra realtà radicalmente
differenti, tutte però accomunate
dall’obiettivo di fornire ai più giovani
stimoli positivi rispetto alla conoscenza del mondo della montagna: stimolo
di certo non esaustivo, ma che vuole
essere un invito a proseguire in quella
direzione.
Lorenza Corradini
Mostra Dèmoni pastori
e fantasmi contadini
Palazzo Roccabruna, Trento,
21 aprile - 6 maggio. Gli
amici del carnevale alpino
sanno bene che nel Trentino vi sono alcuni luoghi di
importanza eccezionale per
la messa in atto di questo
rito popolare, antico quanto
il mondo: e Valfloriana, ai
confini tra Fiemme e Cembra sulla sinistra orografica
dell’Avisio, è certamente fra
questi. A Valfloriana infatti
si svolge un carnevale storico
in una delle sue forme più
classiche, che è quella del
corteo nuziale per finta, preceduto dalla figura ambigua
e clownesca di un matòcio
che reca un campano legato
in vita, dagli arlechini con
il bianco cappello a punta
adornato di nastri variopinti
e dai paiaci per una silenziosa pantomima finale.
Allargando un po’ la visuale, troviamo
gli stessi elementi - sposi e matòci,
cappelli a punta e campani… - sparsi
un po’ su tutto l’arco alpino, combinati e ricombinati insieme ad altri, come
se l’antica performance del carnevale
rispondesse in realtà a un copione, a
uno script semidimenticato ma di cui,
qua e là, è ancora possibile indovinare
qualche sequenza, qualche scena,
qualche topos. E aprendo ancora un
po’ l’obiettivo fino ad abbracciare
l’intero continente europeo, la scena
non cambia, anzi. Un breve viaggio di
istruzione nei Balcani (gennaio 2006),
insieme all’antropologo Cesare Poppi e
con gli auspici del Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Sofia Umberto
Rinaldi, ci convinceva dell’interesse
dell’ipotesi di una plausibile unità
fondamentale delle radici del carnevale europeo. A Pernik, una modesta
cittadina industriale non lontana da
Sofia, ogni due anni (il prossimo appuntamento sarà nel 2008) si tiene un
grande festival europeo del carnevale,
a cui concorrono più di 90 gruppi
diversi, che sfilano per le strade della
cittadina: prevalentemente bulgari
(sono le celebri maschere dei kukeri
e dei survakari), ma anche balcani-
ci, baltici, irlandesi, sardi…
Parallelamente, a Rovereto,
per una coincidenza del
tutto fortuita, un mercante
d’arte sapiente, vulcanico,
ecletticissimo, che risponde al
nome di Sergio Poggianella,
metteva a disposizione la sua
collezione di maschere dei
kukeri raccolte nella parte
orientale della Bulgaria, a
Yambol presso Burgas.
Così, in una mostra a Palazzo
Roccabruna, con gli auspici
della CCIAA di Trento nel
quadro delle iniziative legate
al TrentoFilmfestival, potevamo cominciare a mettere
a confronto i carnevali delle
Alpi orientali (Valfloriana,
Val di Fassa, Termeno) con
quelli dei Balcani, lungo una
tematica poi sviluppata in
un catalogo Dèmoni pastori
e fantasmi contadini. Le mascherate
invernali dalle Alpi orientali ai Balcani, e in un convegno, coordinato
da Kezich e Poppi, che ha visto la
partecipazione di bulgari, ungheresi,
irlandesi, oltreché dei veterani studiosi del carnevale alpino. Un primo
appuntamento importante, in funzione di un progetto internazionale
che si svilupperà nel 2007, al quale
hanno già aderito Slovenia, Croazia e
Bulgaria, che ha per titolo Carnevale
re d’Europa.
Giovanni Kezich
pagina
3
Premio
Museo degli Usi
e Costumi della Gente
Trentina
Trento Film Festival, 29 aprile - 7
maggio. Assegnato anche quest’anno il Premio Museo degli Usi
e Costumi della Gente Trentina al
film che con “rigore etnoantropologico meglio sappia documentare
gli usi e costumi delle genti della
montagna”. Il Premio, giunto quest’anno alla sua nona edizione,
è stato assegnato da una giuria
composta da Rosanna Cavallini,
Giovanni Kezich, Paolo Lipari,
Emanuela Renzetti, al giovane
regista macedone Vladimir Bocev
del Museo nazionale etnografico
di Skopije, autore del film Vozot
na Martolci (Un treno per Martol-
ci) (15', Macedonia, 2006), con
la seguente motivazione: “Girato
con sapiente attenzione etnografica temperata da un sentimento
dolente e maturo del presente
storico, raccoglie con rara perizia
la performance del rito carnevalesco del Vasilichari in un villaggio
della montagna macedone. Il film,
con sobrietà, sensibilità e rara
capacità di sintesi, è ad un tempo la succinta registrazione di un
etnotesto e la testimonianza viva
del sentimento presente di una
giovane nazione nel suo farsi”.
G.K.
Mondent
Il lavoro della malga
Malga Mondent, all’imbocco della val di Rabbi
nel Comune di Malé, è
una delle poche a essere gestita con l’antico
sistema turnario, che
comporta la ripartizione diretta del prodotto
caseario tra i proprietari
del bestiame in ragione
del latte prodotto dalle
vacche di ciascuno. Il
film segue, lungo l’arco
di una giornata di fine
agosto, il ciclo della lavorazione
del latte in malga, documentando
con attenzione le tecniche di produzione del formaggio, del burro e
della ricotta. Protagonista del film
è appunto il lavoro di malga, inteso come sistema articolato, complesso e molto efficiente, che an-
cor oggi sa integrare in modo del
tutto sapiente zootecnia, caseificazione, ecologia del territorio.
• Regia: Gianfranco Dusmet e
Giovanni Kezich • Durata: 47' •
Produzione: CCIAA / MUCGT •
Anno di produzione: 2006
Un giorno a Valfloriana
Piccola carnevalogia per sketch
Attraverso una sequenza di sketch il
video introduce le principali figure del
carnevale di Valfloriana, matòci, arlechini, paiaci, spósi e sintetizza i principali
momenti del complesso rituale che si
ripete ad ogni inverno: il contrèst, contrasto-contraddittorio che vede protagonisti i matòci e gli abitanti delle frazioni
di Valfloriana in una serie incalzante
di dialoghi provocatori e metaforici, la
danza degli arlechini, accompagnati
dalla muscia dei sonadóri, il corteo
nuziale con gli spósi e le pantomime
silenziose dei paiaci. Il video è stato
presentato in occasione della mostra
Dèmoni pastori e fantasmi contadini.
Le mascherate invernali dall’Europa
orientale ai Balcani, tenutasi a Trento
nella primavera del 2006.
• Regia: Michele Trentini • Testi
e supervisione: Giovanni Kezich •
Ricerca: Marta Bazzanella, Giovanni
Kezich, Antonella Mott, Michele
Trentini • Durata: 14' • Formato:
DV • Produzione: Museo degli Usi e
Costumi della Gente Trentina • Anno
di produzione: 2006
pagina
4
www.museosanmichele.it
APTO
APTO. LA RICERCA
ETNOMUSICOLOGICA
Nel triennio 2004-2006, l’Archivio
Provinciale della Tradizione Orale
ha svolto e promosso un’importante
attività di ricerca sul canto di tradizione orale nel Trentino, che ha visto
impegnati collaboratori dell’Università
di Trento e ricercatori del Museo degli
Usi e Costumi della Gente Trentina.
Una prima ricerca, effettuata nel 2004
e nel 2005 da Barbara Kostner, Boris
Ferrari, Michele Mossa, Paolo Vinati e
da chi scrive, con il coordinamento di
Ignazio Macchiarella del Laboratorio
di Etnomusicologia dell’Università di
Trento, ha prodotto venticinque ore
di registrazioni sonore, circa sei ore in
video e alcune decine di fotografie. Le
località interessate dalla ricerca sono
ventiquattro: Banco (frazione di San
Zeno), Cagnò, Camposilvano, Castelfondo, Covelo, Cunevo, Fraseggio,
Lon, Mione e Mocenigo (frazioni di
Rumo), Monte Terlago, Obra, Quetta
(frazione di Campodenno), Revò,
Romallo, Rovereto, Rumo, Sover, Spormaggiore, Termon, Varignano (frazione di Arco), Vezzano, Vigo Cavedine,
Vigolo Baselga. Tutte le registrazioni
sono state realizzate nell’ambito di
incontri appositamente organizzati dai
ricercatori, tranne che in occasione del
Trato marzo documentato a Sover, in
val di Cembra.
Nel 2006, nell’ambito dell’attività di
ricerca sul campo svolta dal Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina,
Fonti orali
e cultura materiale
L’Archivio Provinciale della
Tradizione Orale ha condotto nel 2006 una serie di
ricerche sulle fonti orali, in
collaborazione con diverse
realtà presenti sul territorio.
Esito della collaborazione
tra Archivio Provinciale della
Tradizione Orale e Archivio
delle Fonti Orali dell’Alta
Anaunia, è stata la ricerca
fi nalizzata alla raccolta di
informazioni e competenze
relative ad alcune delle attività rappresentate nelle sale del Museo degli
Usi e Costumi della Gente d’Anaunia:
l’agricoltura e la fienagione, l’allevamento, la realizzazione di ceste in
vimini, il lavoro nel bosco, la scuola,
l’alimentazione, i lavori domestici. Gli
anziani testimoni dell’alta val di Non
che hanno offerto il loro contributo
sono: Germano Abram (Ronzone),
Sergio Abram (Ronzone), Cornelio Asson (Amblar), Maria Sandrìn (Amblar),
Alma Pellegrini (Amblar), Cornelio
Rosati (Romeno), Emilio Seppi, Mario
Seppi (Ruffré). La ricerca, a cura di
Marco Romano e di Michele Trentini,
è stata presentata nell’ambito del
convegno Sul filo delle parole. Le
fonti orali: esperienze a confronto;
per l’occasione è stato proiettato il
video Due donne, due cognate, sintesi
delle interviste effettuate con Maria
Sandrin e Alma Pellegrini.
Una seconda serie di videointerviste
si deve alla collaborazione del Museo
degli Usi e Costumi della Gente Trentina con l’associazione Portobeseno,
giovane e vivace realtà attiva nella
bassa valle dell’Adige, che, parallelamente all’organizzazione di un festival ambientato a Castel Beseno, sta
raccogliendo testimonianze orali che
interessano il passato e il presente dei
comuni di Besenello, Calliano, Nomi e
di Volano. Nello specifico dell’attività
svolta in collaborazione con il MUCGT,
sono state realizzate a Besenello tre
interviste con viticoltori e produttori
di vino che lavorano in maniera del
tutto indipendente rispetto alla realtà
delle cantine sociali, a cui ormai la
totalità dei produttori è associata. Le
interviste, a cura di Davide Ondertoller e dello scrivente, hanno raccolto
informazioni relative alla biografia
dei testimoni e alle trasformazioni
del settore vitivinicolo dal secondo
dopoguerra ai giorni nostri.
Un’altra ricerca svolta nel 2006,
questa volta in collaborazione con
l’associazione “Castel Frassen” di
Nomesino, ha prodotto una documentazione audiovisiva della durata
di cinque ore, relativa a nomenclatura
dialettale, spiegazioni e aneddoti
sull’utilizzo di centinaia di utensili e
di manufatti della tradizione contadina e artigiana della valle di Gresta,
appartenenti alla raccolta di Marcello
Beltrami, nato a Nomesino nel 1935.
Gli oggetti utilizzati per la ricerca
sono stati “rispolverati” in occasione
dell’allestimento di una mostra tenutasi l’estate scorsa.
M. T.
sono state prodotte circa otto ore di
registrazioni sonore, sette ore in video
e alcune decine di fotografie relative a
performance d’interesse etnomusicologico che ancora oggi si svolgono in alcune località del Trentino, in occasione
di eventi calendariali quali il carnevale,
il Trato marzo o il rito della Stella.
Le località coinvolte sono Cavedago,
Grauno, Luserna, Masetti (frazione di
Lavarone), Valfloriana e Varignano (frazione di Arco). I repertori eseguiti dagli
informatori e fissati su nastro magnetico nel corso delle rilevazioni, comprendono numerose e significative varianti
musicali e testuali di brani conosciuti e
ben rappresentati nell’archivio etnomusicologico dell’APTO, come La rondine
importuna, L’uccellino del bosco o La
pesca dell’anello, ma anche brani poco
documentati, come La sposa vecchia,
O Fedora, Menegina, La sonada dele
maschere, o non ancora presenti in
Archivio, come L’è vegnù da Montebello, Bionda petènete o La canzón
del carnevàl. Il materiale comprende
anche espressioni non strettamente
musicali come filastrocche, proverbi,
giochi e richiami, oltre che informazioni
relative alla biografia degli intervistati,
alle modalità di apprendimento dei
repertori e ai contesti esecutivi.
Michele Mossa e Michele Trentini
Il caseificio
turnario
di Pejo
Tra marzo e novembre del 2005 è
stata realizzata una ricerca, a cura
dello scrivente, riguardante la struttura organizzativa, le consuetudini e le
trasformazioni del caseificio turnario
di Pejo, l’ultimo del Trentino. Contestualmente sono stati raccolti elementi
e notizie sull’allevamento del bestiame
bovino, caprino ed ovino, sui sistemi di
alpeggio e sugli argomenti connessi. La
ricerca si è basata su undici audiointerviste condotte a Pejo ed altre nove
che hanno interessato val di Rabbi e
val di Non, nonché sulla raccolta e la
classificazione di documenti d’archivio
di vario genere. Il lavoro è stato presentato nel settembre scorso in occasione
di SPEA11, Seminario Permanente di
Etnografia Alpina. Entro il 2006 verrà
condotta a termine un’altra ricerca
basata sulle fonti orali, intitolata Donne
e buoi dei paesi tuoi: pratiche agrozootecniche, pregiudizi dell’identità e
politiche matrimoniali sui due versanti della frontiera nascosta di Cole e
Wolf. A corredo della ricerca si disporrà
anche di una piccola ma significativa
raccolta di elementi riguardanti le realtà
di Senale, Lauregno e Proves.
Marco Romano
Progetto CARITRO per la
messa in rete dell'Archivio
Etnomusicologico
La Fondazione Cassa di Risparmio di
Trento e Rovereto contribuirà al finanziamento del progetto “Archivio Provinciale della Tradizione Orale: messa
in rete del database etnomusicologico”.
Il progetto nasce dalla volontà del
Museo degli Usi e Costumi della Gente
Trentina di garantire un’adeguata valorizzazione e diffusione del patrimonio
etnomusicologico conservato presso
l’Archivio Provinciale della Tradizione
Orale, mettendolo a disposizione della
comunità trentina – scuole, conservatori di musica, università, cori e bande,
associazioni musicali, ecc… – attraverso
internet. L’attività, che si svolgerà nel
corso del 2006-2007 a cura di Chiara
Grillo, Michele Trentini e Paolo Vinati,
con la supervisione di Giovanni Kezich,
prevede l’utilizzo della nuova scheda
catalografica elaborata lo scorso anno
dal Museo degli Usi e Costumi della
Gente Trentina, con il supporto informatico della DeltaDator Spa. Tale scheda rende intuitiva la consultazione dei
documenti e garantisce un’adeguata
catalogazione descrittiva e analitica del
materiale sonoro presente in Archivio.
Al termine dell’attività svolta è prevista
la presentazione pubblica del progetto
e del nuovo archivio informatico che
sarà consultabile on line.
M. T.
Furriadroxus
Furriadroxus, documentario di Michele Mossa e Michele Trentini, racconta il
microcosmo economico e culturale degli abitanti dei furriadroxus: case sparse
locali, poste ai margini dell’affollata zona turistica di Tuerredda, nella Sardegna
meridionale. Prodotto dall’Istituto Superiore Regionale Etnografico della Sardegna, ha ottenuto i seguenti riconoscimenti:
• Premio per il Miglior documentario al Festival Internazionale Arcipelago di
Roma • Premio per il Miglior documentario al Festival Internazionale Euganea
Movie Movement di Monselice (Padova) • Premio per il Miglior documentario al
Frontiere Film Festival di Luzzara (RE) • Premio per il Miglior documentario a
Scrittura e immagine Film Festival di Pescara • Menzione speciale della giuria
a Immaginaria International Film Festival di Conversano (BA) • Menzione
speciale della giuria a Cinemambiente – Environmental Film Festival di Torino
• Menzione speciale della giuria a Visioni italiane 13° concorso Nazionale per
Corto e Mediometraggi di Bologna
Il film è stato presentato in occasione di numerosi festival, tra i quali segnaliamo:
• Festival AnteprimaDoc di Bellaria • SIEFF Sardinian International Ethnographic Film Festival di Nuoro • Astra Film Festival – Festival Internazionale di
documentari e antropologia visiva di Sibiu (Romania) • Hai visto mai – Festival
del documentario di Siena • Festival Internazionale del Cinema Etnografico
di Belgrado • Mostra Internacional do Filme Etnografico di Rio de Janeiro
• Borderlands – Terre di confine di Bolzano • Festival Internazionale del
Cinema di Salerno
• Titolo: Furriadroxus •
Durata: 40' • Regia, ricerca e montaggio: Michele
Mossa e Michele Trentini
• Soggetto: Michele Mossa • Fotografia: Michele
Trentini • Suono: Michele
Mossa • Produzione: Istituto Superiore Regionale
Etnografico della Sardegna (I.S.R.E.) • Anno di
produzione: 2005
www.museosanmichele.it
conservazione
pagina
5
ARCHIVI DI PIETRA
Utilizzo del laser
Le scritte dei pastori fiemmesi
ad eccimeri nella
nel gruppo Latemar-Cornon:
conservazione delle
un’indagine etnoarcheologica. collezioni del Museo
Ziano di Fiemme:
particolare di un graffito del Cornon
Sulle pareti calcaree del gruppo
montuoso Latemar-Cornon, in
particolare sugli spalti rocciosi dell’antico comprensorio pascolivo dei
comuni di Tesero, Panchià, Ziano e
Predazzo, come pure in altri luoghi
sulla destra orografica della valle
di Fiemme, si incontrano scritte
autografe realizzate con metodicità e consapevolezza stilistica dai
solitari conduttori della piccola transumanza stagionale dei greggi. Le
scritte si localizzano a quote che, a
partire dai 1200 m ca., arrivano fin
ai 1800-1900 m, ovvero all’interno
della fascia altitudinale nella quale
i pastori dovevano pascolare i greggi, avendo cura che le pecore non
oltrepassassero il limite dei prati
lasciati alla fienagione. Le maggiori
concentrazioni di scritte, che da un
punto di vista cronologico coprono
un periodo di oltre due secoli – dal
1720 al 1940 –, si trovano in corrispondenza delle principali, e a volte
uniche, vie di accesso ai pascoli di
quota sovrastanti gli abitati.
Il pigmento con cui sono state
realizzate le scritte, un'ematite
ferrosa (sesquiossido di ferro) di
colore arancione, rosso o bruno,
reperibile sullo stesso gruppo
montuoso, è chiamata localmente
bòl o bòl de bèsa in quanto serviva
per contrassegnare le pecore. Il
pigmento veniva amalgamato sul
posto con saliva, acqua o latte:
una preparazione efficace, visto
che le scritte sono rimaste molto
ben evidenti e contrastate anche
dopo due secoli di dilavamento.
Come pennello veniva usato un
rametto masticato ad un’estremità
per liberarne parzialmente le fibre.
Tra i contenuti delle scritte troviamo sigle, nomi, date, conteggi di
capi, segni di famiglia, segni sacri,
piccoli decori astratti, oltre a qualche breve annotazione diaristica, a
qualche figura umana, animale o
simbolica, a frasi, brevi cronache
o messaggi, che si affollano sulle
pareti della bianca roccia calcarea
come su grandi lavagne naturali,
con un effetto estetico complessivo
di notevole suggestione.
Per cercare di fornire una spiegazione a queste scritte, dobbiamo
concentrarci sulla storia recente e
passata di questa zona ed inquadrarla quindi nel contesto dell’arte
rupestre dell’intero Arco alpino:
pensiamo al Monte Bego (F), alla
Valcamonica, alle incisioni della
Haute-Maurienne (F), della val di
Carlo Trettel, ultimo pastore
di pecore di Ziano di Fiemme
Susa, dello Schneidjoch (A), del
Kiennbach – Enngst (A), del Bluntautal (A) o del Monte Baldo.
Lo stato attuale della ricerca non
ci consente di determinare con
esattezza quale possa essere
stato il significato preciso delle
piccole gilde pastorali multifamiliari
all’interno delle più vaste comunità
contadine di valle. Certo è che l’uso
socialmente condiviso di questo
genere di pittografie/crittografie
si fonda sul concetto del prestigio
semimagico della parola scritta,
proprio di un mondo in cui essa
non era ancora appieno moneta
corrente, ed allude direttamente
al carattere esclusivo e dunque, in
qualche modo iniziatico, della fruizione dei messaggi criptati (iniziali,
segni di famiglia, computazioni,
simbologie...). Infine tale uso si
ricollega perfettamente, nelle sue
spiccate componenti di carattere
estetico, a quanto sappiamo delle
civiltà pastorali di tutta Europa,
soprattutto per quanto riguarda
la naturale sensibilità del mondo
pastorale, rispetto ad esempio a
quello contadino propriamente detto, per le arti figurative, la poesia, la
musica, la speculazione filosofica,
lungo le linee di uno stereotipo
culturale che, in val di Fiemme
come altrove, appare, sulla scorta
di questo patrimonio di scritte, di
notevole pregio artistico.
La ricerca che ci proponiamo di
condurre, comprensiva di una ricognizione generale su campo e di uno
scavo propriamente etnoarcheologico che permetta di apportare qualche tassello alla nostra conoscenza
dello spessore temporale dei siti,
potrà aiutarci a meglio comprendere
sia le specifiche caratteristiche di
questo contesto, sia ad aggiungere
un capitolo importante alla conoscenza delle civiltà pastorali alpine,
d’Italia e d’Europa.
Il progetto, che gode del finanziamento della Fondazione CARITRO,
vede inoltre coinvolti nell’attività
di ricerca il Dipartimento di fisica
dell’Università degli Studi di Trento, il Museo Civico di Predazzo, la
Magnifica Comunità di Fiemme, la
Soprintendenza ai Beni Archeologici
di Trento e la SAT di Tesero.
Marta Bazzanella
e Giovanni Kezich
Nel corso del 2006 il settore Conservazione ha avviato un’ulteriore
collaborazione con il Dipartimento
di Fisica dell’Università degli Studi
di Trento per testare l’impiego di
nuove tecnologie nel campo della
salvaguardia delle collezioni, in
particolare del laser ad eccimeri KrF
nella pulitura di oggetti etnografici
di pregio o di reperti di particolare
fragilità. Tra i pezzi delle collezioni
museali sono stati individuati un
orologio da taschino e un frammento di cesto, le cui superfici presentavano strutture di alterazione
pluristratificate dovute a polvere,
depositi organici e inorganici e
sostanze consolidanti (nel caso del
cesto), che ben si prestano ad una
sperimentazione del laser.
La tecnica di irraggiamento laser
sfrutta sostanzialmente i fotoni,
quindi la luce ultravioletta, per
colpire la superficie di un oggetto
e rimuovere da questa i primi strati
super ficiali, ef fetto noto come
"ablazione". Ne consegue quindi
che se i primi strati sono indesiderati, come nel caso di ossidi, resine,
depositi legati all’invecchiamento e
all’inquinamento, il laser comincia
la sua opera proprio eliminando
questi strati. Con questa tecnica si
evita di agire sull’oggetto d’interesse con interventi di tipo chimico e
meccanico; questi ultimi non sono
infatti così ben controllabili come
nel caso dell’ablazione: con il laser è invece possibile intervenire
su strati super ficiali molto sottili
(anche meno di un decimillesimo
di millimetro).
La possibilità di generare un raggio
laser era già stata ipotizzata ai primi
del ’900 da Albert Einstein, anche
se il primo vero laser fu costruito
tra gli anni ’50 e ’60 e venne da
tutti definito “una soluzione in
cerca di un problema”. Oggi, dopo
cinquant’anni di tecnica, è stata
dimostrata la reale utilità di questo
strumento, dai potenti impianti in-
dustriali fino ai piccoli lettori cd di
uso comune.
Tra le molteplici tipologie di laser
esistenti, quella impulsata ad eccimeri non è altro che un insieme di
lampi di luce, un miliardo di volte più
concentrata che un raggio di sole.
Una volta prodotti, gli impulsi possono essere indirizzati sulla superficie
da trattare attraverso una serie di
specchi. La dimensione dello spot,
anche inferiore al millimetro, può
essere regolata attraverso lenti e
maschere. In funzione del risultato
voluto e del materiale da trattare,
esistono numerosi parametri da
scegliere accuratamente, quali ad
esempio la potenza degli impulsi, il
loro numero e così via.
Le operazioni di pulitura momentaneamente sono ancora limitate alle
problematiche poste dalla pulitura
del cesto e sono state oggetto di
una relazione presentata al convegno di S. Pietroburgo (Russia) “Lasers in the Preservation of Cultural
Heritage”, che sarà pubblicata su
un numero speciale della rivista online Laser Chemistry di fine anno.
Marta Bazzanella, Romina Belli,
Paolo Mosaner, Laura Toniutti
Particolare di un
irraggiamento laser:
spot luminoso causato
dalla successione di impulsi
TUTTI I LEGNI DI UNA SLITTA
I legni delle slitte del museo in una tesi di laurea
È stata recentemente avviata una collaborazione tra il museo e l’IVALSA/
CNR di San Michele all’Adige (Centro
per la valorizzazione del legno e delle
specie arboree / Consiglio Nazionale
delle Ricerche), che ha come obiettivo
l’identificazione della specie arborea
e la datazione dei manufatti in legno
delle collezioni del MUCGT.
Il primo passo si è avuto con il campionamento delle slitte esposte al
Museo, nell’ambito di una tesi di laurea in “Tecniche forestali ed ambientali” presso l’Università degli Studi di
Padova.
Il riconoscimento della specie rappresenta la procedura basilare per
lo studio e la comprensione di ogni
manufatto ligneo. Nell’ottica di un
intervento di restauro o di conservazione, l’identificazione delle specie
legnose evita di commettere errori
nelle eventuali sostituzioni o riparazioni e, al contempo, consente di
Betula pendula Roth.
Sezione trasversale, 400X.
Slitta, n. inv. 4561
pianificare nel modo più razionale gli interventi di manutenzione e
conservazione. Ogni specie presenta
infatti caratteristiche tecnologiche,
proprietà fisiche e meccaniche che la
differenzia dalle altre non solo dal
punto di vista estetico.
In ambito scientifico, oggi non ha
più senso parlare di un materiale
genericamente identificabile come
“legno”, quanto piuttosto di tanti
materiali diversi quante sono le specie legnose.
Le regole empiriche della nostra tradizione, che indicavano con precisione quali legni per quali impieghi,
dimostrano come già in passato fosse importante valorizzare le caratteristiche delle diverse specie.
L’identificazione della specie legnosa
può avvenire attraverso la semplice
osservazione macroscopica o tramite
l’utilizzo del microscopio. L’esame
di caratteri macroscopici, visibili ad
occhio nudo, permette di identificare la specie legnosa solo in qualche
caso, e non sempre con certezza.
Più sicuro è l’esame microscopico
del materiale, che prevede lo studio
dei caratteri anatomici del legno. In
pagina
www.museosanmichele.it
6
Prelievo di un campione
effettuato presso il MUCGT
questo modo si possono riconoscere con buona sicurezza un maggior
numero di specie legnose.
Nella grande varietà degli oggetti legati alla tradizione popolare trentina,
e quindi ad un contesto geografico e
culturale ben definito, sono state scelte
le slitte in quanto manufatto complesso, composto da elementi di differente
funzionalità (diversi sforzi meccanici,
caratteristiche estetiche, ecc.) e costruito frequentemente dallo stesso contadino, e quindi rappresentativo delle
conoscenze tecnologiche di un determinato contesto sociale o geografico.
Complessivamente l’analisi è stata
condotta su 12 slitte, provenienti sia
dal Trentino orientale che occidentale. Di queste, 11 sono classificabili come slitte agricole da fieno o da
legna. Una, manifesta invece una ricercatezza estetica di costruzione che
dichiara la sua funzione di slitta da
viaggio, realizzata seguendo i canoni
di un fine artigianato.
Ogni elemento strutturale delle slitte è stato esaminato al microscopio,
prelevando piccoli campioni di legno
con l’aiuto del bisturi. L’esigenza di
preservare l’integrità estetica dei manufatti in esame ha reso necessario il
prelievo di frammenti di dimensioni
estremamente contenute e in punti
poco visibili. L’identificazione della
specie legnosa viene effettuata al microscopio ottico Olympus CX41 con
obiettivi a 40, 100, e 400 ingrandimenti. Complessivamente sono stati
sottoposti al riconoscimento più di
150 campioni provenienti da 149
elementi strutturali delle slitte: pattini, montanti, traverse, bacchette dei
pianali, maniglie, ecc.
I primi risultati al microscopio indicano un utilizzo sia di legno “omoxilo”,
ovvero di conifera, sia di legno “eteroxilo”, cioè di latifoglia, con impiego
di alberi di varia grandezza e senza
rinunciare alle qualità dei legni di
alcuni arbusti. Abete rosso, frassino
maggiore, betulla, carpino nero, nocciolo e corniolo sono solo alcuni dei
legni individuati.
Ad una prima analisi, sembra emergere
in maniera piuttosto chiara una stretta
relazione tra la funzione dell’elemento
strutturale, sia essa meccanica o semplicemente estetica, e la specie legnosa. Ulteriori spunti di riflessione sono
attesi alla fine dell’indagine, quando
sarà possibile uno sguardo di insieme
sui risultati ottenuti.
Marta Bazzanella (MUCGT),
Jarno Bontadi (IVALSA/CNR),
Mauro Bernabei (IVALSA/CNR),
Tiziana Urso (Università di Padova)
Dal libro delle firme
del Museo
(marzo-novembre 2006)
26/03/06
Nadia C. (nipote)
Cristina P. (mamma)
Franca P. (nonna)
E ci chiamano polentoni!!
Margherita
Emozionante ritorno alle
nostre origini, alla sofferenza, alle fatiche, alla solidarietà dei nostri nonni.
16/04/06
Tante di queste cose l’ho
usate anch’io. Elena
21/04/06
Paolo B. con gruppo Associazione Dottori in Agraria e Forestali di Verona.
Complimenti vivissimi per
il bellissimo museo.
25/04/06
Un tuffo nel passato recente che ricorda
le origini e gli antenati. Giuseppe B.
La fucina dell’etnografo
L’archivio etnografico di Giuseppe Šebesta
29/04/06
La 15ª visita da Torino e provincia. Grazie
per l’esposizione così completa.
06/05/06
È stupendo grazie. Silvia D. E.
10/05/06
Vipiteno 33 persone. Meritava la visita
per quanto esposto e come conservato.
Grazie.
20/05/06
I coscritti del ’51 di Castelrotto ringraziano dell’impressionante Museo – Congratulazioni!
02/06/06
Mi sono piaciuti i modellini. Marta S., 9
anni, Bologna
21/07/06
Very impressive exibition about rural local
life. With thanks. Eliezer, Emilia, Lior G.,
Beer-Sheva – Israel
Una scheda dell'archivio
Giuseppe Šebesta, raccoglitore infaticabile di oggetti d’interesse etnografico,
esploratore di forge, fucine, mulini,
segherie e botteghe artigiane, lettore
onnivoro, frequentatore assiduo di
biblioteche e di archivi, curioso indagatore di villaggi, masi, malghe,
boschi, pascoli e monti, ha creato,
nel corso di lunghi anni di lavoro, un
imponente archivio che, accogliendo
e meticolosamente conservando il
frutto di ricerche e riflessioni, divenne la ‘fucina’ di originali intuizioni
etnografiche, storiche, archeologiche
e d’innovative realizzazioni museografiche – un archivio costituito da più di
diecimila schede, cui sono allegati fogli
manoscritti e dattiloscritti, quaderni,
lettere, cartoline, fotocopie, ritagli,
fotografie, disegni, oltre a centinaia di
volumi, riviste ed estratti strettamente
connessi al materiale archivistico in
cui sono costantemente richiamati,
menzionati, citati.
Nel contesto degli studi relativi alla cultura tradizionale del territorio trentino, la rilevanza
dell’archivio difficilmente
può essere sopravvalutata
e il Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina
– cui Šebesta lo ha donato
– ha ora l’opportunità
di renderlo accessibile ai
ricercatori e alla comunità
per merito della Fondazione Cassa di Risparmio di
Trento e Rovereto, che ha
concesso un consistente
finanziamento al progetto
La fucina dell’etnografo. L’archivio
etnografico di Giuseppe Šebesta.
Il progetto si propone di garantire
una rapida e fruttuosa consultazione
dell’archivio creato dall’instancabile
attività di Šebesta, mettendolo a disposizione non solo degli etnografi,
dei museografi, degli antropologi, ma
anche degli enti e delle associazioni che
intendano promuovere esperienze ecomuseali o recuperare e conservare edifici
e manufatti significativi per la storia e
la cultura della comunità, non di rado
fotografati o disegnati da Šebesta nel
corso delle proprie ricerche. In una
prospettiva di ampio respiro, si intende
rendere immediatamente disponibile
uno strumento che contribuisca alla
formazione di una corretta sensibilità
nei confronti della cultura tradizionale
nella sempre più ampia parte della
popolazione che, smarrita nei processi
di globalizzazione o sconcertata dall’aggressione di un turismo irrispettoso,
avverta l’esigenza di recuperare un
L'archivio etnografico di Giuseppe
Šebesta: alcuni documenti
equilibrio e di ricomporre un’identità a
rischio di frammentazione, attraverso la
riscoperta delle proprie radici storiche
e culturali.
Il progetto prevede la ricognizione
e il censimento del materiale, la riproduzione digitale dei documenti e
l’elaborazione delle immagini; contestualmente, si provvederà all’inventariazione del materiale attraverso una
scheda informatica strutturata in modo
da permettere di raccogliere tutte le informazioni significative. Si costruirà in
tal modo una banca dati che, mediante
un apposito programma di ricerca, potrà essere interrogata seguendo criteri
che soddisfino le diverse esigenze di
consultazione. Il materiale archivistico
e la banca dati saranno liberamente
consultabili presso la biblioteca del
MUCGT, mentre una sezione del sito
internet sarà riservata alla presentazione dell’archivio e della banca dati,
illustrandone il valore scientifico e
permettendo la consultazione dell’inventario, degli indici e di una
parte dei documenti. Una
selezione significativa delle
riproduzioni, accompagnate
dalle relative schede, sarà
raccolta in un CD, insieme
all’inventario e agli indici.
Luca Faoro
Una fotografia
dell'archivio
22/07/06
Un elogio alla perseveranza nel recupero
ed assemblaggio delle varie branche
della nostra vita passata e del faticoso
lavoro dei nostri antenati. Che ci sia di
monito per non “affaccendarci” al lavoro
odierno solo per puro spirito di “accumulo”. Loro lo facevano per sopravvivere!
Mirella F., Milano
27/07/06
«Tiempe belle e’ na vôta…». Massimo
L.
03/08/06
Très intéressant, très belle présentation,
très beau retour dans mon passé campagnard. Les paysans et les artisans
étaient partout de Charleroi à Trento de
véritables artistes travaillant avec intelligence les dons de la nature, surtout le
fer et le bois. Grazie e bravo. Léon de
Charleroi – Belgique.
08/07/06
Sono venuto apposta dalla provincia di
Brescia con la mia famiglia. Trovo sensazionale quel che G. Šebesta è riuscito
a fare! Vivissime congratulazioni. Paolo
M. & famiglia.
11/08/06
This is a most interesting place. I am so
glad it was here. Love from a cowboy in
Colorado. I grew up with most of the tools
here on a ranch when I was a boy. Thank
you. Liz D. Colorado.
12/08/06
Meraviglioso!! X ore un ritorno all’Infanzia. Grazie e complimenti. Roby P.
20/08/06
Un museo di grande importanza culturale. Bravi. E., Torino.
Non siamo riuscite a vedere il tutto perché è troppo interessante. Ritorneremo.
Carla I. e Francesca A.
29/08/06
Questo Giorno è stato molto interessante. Non avevo mai visto una cosa così
AFFASCINANTE E BELLA!!!! Ho dieci anni.
Sono nata il 26/07. Giulia S., Varese.
29/08/06
Suggestivo. Ricco ed esauriente. N. B.,
Milano
30/08/06
Veramente interessante e completo in
ricordo della nostra civiltà. Emanuele,
Daniela, Roberto, Stefano, Cagliari.
02/09/06
Quando l’avrete visto tutto vi renderete
conto di quanta cultura è andata persa.
Luciana.
03/08/06
Ho 73 anni; in questo museo ho rivisto
tutta la mia vita di montanaro. grazie.
Valentino T., Forno di Zoldo.
Molto emozionante anche per chi non ha
visto in funzione la maggior parte degli
oggetti qui raccolti, ma può dare un volto
ai racconti dei nonni.
05/09/06
Mai visto niente di simile. Complimenti
per l’ottimo allestimento. Giovanni T.,
Valle di Aosta.
24/10/06
Come figlia di emigrati in Brasile, della
Regione Trentino (nonni) è interessante
vedere che i costumi trentini per la terra
sono sopravvissuti oltre mare e che hanno costruito parte del Brasile agricolo e
industriale. Viva i due mondi.
27/10/06
Je n’ai jamais vu un musée aussi riche.
Bravo. G. Versini – Francia.
S T A F F
Direzione Giovanni Kezich
Conservazione Marta Bazzanella,
Luca Faoro
Territorio Antonella Mott
APTO Michele Trentini
Servizi educativi Lorenza Corradini
Comunicazione Giorgia Sossass
Biblioteca Patrizia Antonelli
Amministrazione Lionello Zanella
Ragioneria
Ines Bastiani, Fabiola Biondi
Segreteria Sara Galvan, Sara Sansoni
Operatori Modesto Dalò, Albino Tolotti
Custodia Ambrogio Ferrari, Claudio
Perri
Addette di servizio
Clara Kaisermann, Alketa Gjevori
COMITATO SCIENTIFICO:
Maurizio Maggi (IRES Piemonte)
Enrico Camanni (L’Alpe)
Fabio Chiocchetti (Istituto Culturale
Ladino)
Giuseppe Ferrandi (Museo Storico in
Trento)
Giovanni Kezich MUCGT
Herlinde Menardi (Tiroler Volkskunstmuseum – Innsbruck)
Daniela Perco (Museo etnografico
della provincia di Belluno)
CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE:
Emanuela Renzetti, Presidente (Università di Trento)
Carlo Basani (Dipartimento Istruzione e formazione professionale PAT)
Aldo Gabbi (PAT Servizio Risorse
Umane)
Fabio Giacomoni (Università di Trento)
Maurizio Maggi (IRES Piemonte)
Tommaso Sussarellu (Amici del
Museo)
REVISORI DEI CONTI
Luisa Angeli, Paolo Decaminada,
Lorenzo Savorelli
www.museosanmichele.it
pagina
news
news
Trento, 11 e 13 gennaio.
Nell’ambito del concorso Le tradizioni
culinarie nelle valli trentine narrate dagli
anziani delle RSA, Bianca Speranza di
Drué, classe 1919, è stata intervistata da
Antonella Mott e Michele Trentini sulla
nomenclatura e la funzione degli oggetti
di cucina usati un tempo, che sono stati
esposti in una mostra presso la RSA del
Bleggio. La testimonianza, ricca di preziose
informazioni etnografiche e folkloriche, è
stata videoregistrata ed è consultabile presso l’APTO. Il concorso è stato organizzato
dall’Unione Provinciale Istituzioni Per l’Assistenza (UPIPA) nel 2005.
Trento, 3 febbraio.
Giuliana Sellan, antropologa dell’Università di Verona, tiene una lezione
sulle pratiche della coltivazione degli orti in ambito rurale. Destinatari
sono gli animatori delle RSA interessati al concorso Orti, Fiori e Piante
nella Memoria e nel Quotidiano, organizzato nel 2006 dall’UPIPA per
gli ospiti delle RSA trentine. Dalla scelta delle specie coltivate, all’organizzazione dello spazio destinato alle colture, alle tecniche di realizzazione
delle recinzioni, i molteplici temi affrontati hanno delineato un orizzonte
metodologico entro il quale organizzare il lavoro con gli anziani.
manifestazione unica che trasforma il nostro
Paese in un immenso teatro aperto a tutti.
Riuscitissima infatti l’iniziativa, con grande
concorso di pubblico (stimate ben oltre 5000
presenze...) per una autentica riscoperta di
San Michele con le sue bellezze. Al Museo, segnalata la presenza della
Banda Sociale di Faedo diretta dal maestro Giovanni Dalfovo, e del
gruppo folk Al Tei con Andrea Da Cortà (arpa, bouzouki, dulcimer,
flauti, cornamuse, concertina, organetto e banjo), Toni Vago (chitarra,
violino, mandola, bodhran) e Sandro Del Duca (flauti, cornamusa,
bombarda, voce), che si è esibito sotto il tiglio del Museo.
Tione di Trento, 1 aprile.
Aspetti etnografici delle Giudicarie e del tennese. Usi, costumi e
tradizioni delle genti giudicariesi. Patrimonio tramandabile? è il
titolo dell’intervento tenuto da Antonella Mott al corso di formazione
e aggiornamento per gli ecomusei giudicariesi «Porta del Trentino» e
«Dalle Dolomiti al Garda». Attraverso alcune produzioni del MUCGT,
quali il Trentino dei contadini. Piccolo atlante sonoro di cultura
materiale e la videointervista effettuata a Bianca Speranza del Bleggio
su Le tradizioni culinarie nelle valli trentine, si sono affrontate le
problematiche metodologiche relative alla ricerca in ambito demoetnoantropologico. I temi che riguardano filosofie e criteri di allestimento
museale sono stati analizzati contestualmente alla presentazione
dell’Itinerario etnografico del Trentino.
7
di un’identità alimentare: appunti sul caso
trentino. Tra gli intervenuti, Ulderico Bernardi,
Corrado Barberis, Gian Paolo Gri, Daniela Perco.
Trento, 24 maggio.
L’Archivio lessicale dei dialetti trentini (ALTR) a cura di Patrizia Cordin
del Dipartimento di Scienze Filologiche e Storiche dell’Università di
Trento, distribuito su CD-Rom, è stato
presentato insieme al relativo volume
a stampa. Si tratta di una banca dati
informatica in cui sono confluiti i dati
provenienti da vari dizionari dialettali
trentini. Per l’archiviazione è stata realizzata un’apposita scheda rispettosa dell’opera originale da cui i dati sono stati riversati, nella quale
la complessità delle informazioni non va a discapito della facilità di
lettura. L’interfaccia grafica e le numerose modalità di accesso all’archivio rendono agile e versatile la sua consultazione. Nel gruppo di
ricerca ALTR coordinato da Patrizia Cordin, sono Ilaria Adami, Serenella
Baggio, Stefano Bernardini, Giovanni Bonfadini, Lydia Flöss, Tiziana
Gatti, Corrado Grassi, Gabriele Iannaccaro, Daniele Rando, Lotte Zorner
e, per il MUCGT, Antonella Mott.
Roma, 26 maggio.
San Michele all’Adige, 2-9 aprile 2006.
Bolzano, 4 febbraio.
In occasione della riunione dei Centri Giovanili del CAI delle sezioni
di Trento e di Bolzano, Giovanni Kezich ha presentato il MUCGT e
le sue attività in vista di interventi di valorizzazione del patrimonio
demoetnoantropologico da effettuarsi sulla base di progetti di ricerca
elaborati di comune accordo.
Borgo Valsugana, 10 marzo.
Giovanni Kezich con La malga: i presupposti
culturali interviene al ciclo di incontri La
malga come metafora della qualità, organizzato dalla Libera Associazione Malghesi
e Pastori del Lagorai anche come corso di
formazione per insegnanti. Tra le altre, erano
in programma relazioni di Laura Zanetti,
presidente dell’associazione; Giuseppe Pallante, veterinario; Oswald Tonner, malghese;
Pietro Nervi, docente di Economia montana
all’Università di Trento; Giovanbattista Rigoni Stern, agronomo; Erica Masina, architetto;
Giulio Cozzi, docente di Bovinocoltura
all’Università di Padova; Renato Pecoraro, allevatore; Stefano Martini,
responsabile dell’Ecomuseo della Pastorizia (Valle Stura).
San Michele all’Adige, 8-14 marzo.
Tra i sessanta Comuni aderenti all’iniziativa
Palazzi aperti. I municipi del Trentino per
i Beni Culturali, San Michele all’Adige ha
proposto un percorso nel nucleo storico
del paese con partenza dall’antica hostaria
Aquila Nera. Passando per Palazzo Mezzena, Casa Dalmonech, in cui è conservata la
Carta del Nowack con l’antico corso dei
fiumi Adige e Noce, quindi davanti alle
statue di San Giovanni Nepomuceno, santo boemo protettore dei
fiumi, dei ponti e dai pericoli delle acque, l’itinerario si è concluso al
monastero agostiniano con la visita della chiesa parrocchiale, della
cantina storica e del MUCGT.
Telve, 11 marzo.
Nell’ambito del convegno L’estrazione mineraria in Valsugana. Storia e immaginario
organizzato dal Sistema Culturale Valsugana
Orientale, si è tenuta la giornata di studio
L’attività estrattiva nel Novecento e la conservazione dei siti. È intervenuto Giovanni
Kezich con Rileggere la «Via del rame». Tra
gli altri, erano in programma Massimo Libardi
della Biblioteca comunale di Borgo Valsugana
e Gianni Ciurletti dirigente del Servizio Beni
archeologici della PAT.
Il MUCGT ha aderito alla VIII
settimana della cultura In Italia la cultura è viva. Vivi la
cultura indetta dal Ministero
per i Beni e le Attività culturali.
Numerosi sono stati i visitatori
che hanno approfittato delle visite guidate gratuite in programma.
San Michele all’Adige, 8 aprile.
I partecipanti al corso di formazione Accompagnatori territoriali
nell’ambito dell’Ecomuseo del Vanoi, organizzato dall’Ecomuseo del
Vanoi, hanno seguito una visita guidata del MUCGT effettuata da
Antonella Mott. Oltre a tematiche museologiche e museografiche sono
stati trattati argomenti relativi alla metodologia della ricerca sul campo
e alla valorizzazione e didattica dei beni demoetnoantropologici.
Nomesino (Mori), 4 giugno.
L’Aquila, 21 aprile.
L’Università degli Studi dell’Aquila e il Circolo dei
Dialettologi di Sappada hanno organizzato un
incontro seminariale in preparazione del convegno
internazionale di Sappada su Dialetto, memoria e
fantasia. Antonella Mott ha presentato il CD-Rom
Il Trentino dei contadini. Piccolo atlante sonoro
di cultura materiale. Le parole e le cose della ricerca di Paul Scheuermeier (1921/1931) e la voci
della tradizione di oggi (1998). Sono intervenuti
Francesco Avolio dell’Università dell’Aquila, Antonio Batinti dell’Università per stranieri di Perugia,
Neri Binazzi dell’Università di Firenze, Rosaria
Carosella dell’Università di Roma, Loredana Corrà
dell’Università di Padova, Paolo d’Achille, Antonia Mocciaro, Antonella
Stefinlongo dell’Università di Roma Tre, Maria Teresa Greco e Nicola
De Blasi dell’Università di Napoli, Antonietta Dettori dell’Università
di Cagliari, Gianna Marcato e Flavia Ursini dell’Università di Padova,
Immacolata Tempesta dell’Università di Lecce.
Roma, 17-19 maggio.
Si è svolto a Roma presso la sede del Consiglio Nazionale delle Ricerche, il IV Convegno
Nazionale di Etnoarcheologia organizzato
dall’Associazione Italiana di Etnoarcheologia.
Marta Bazzanella e Michele Trentini hanno
partecipato con la relazione La pesca del Luccio
nel Trentino dal mesolitico agli anni Sessanta.
Una ricerca tra archeologia ed etnografia, i cui
primi esiti erano stati presentati nel corso del
Seminario Permanente di Etnografia Alpina del
2004, intitolato Pane e non solo. Etnografia
e storia delle culture alimentari dell’arco alpino. La ricerca sulle tecniche tradizionali di pesca, conservazione e
consumazione del luccio, è stata svolta in collaborazione con Ursula
Wierer (Museo Archeologico di Similaun di Bolzano) e con Lorenzo
Betti (Acquario di Trento).
San Michele all’Adige, 25-26 marzo.
XIV EDIZIONE della GIORNATA FAI DI PRIMAVERA a San Michele
all’Adige, organizzata dal Fondo Ambiente Italiano in collaborazione
con il Comune di San Michele all’Adige, il MUCGT e l’Istituto Agrario,
per riproporre all’attenzione conservazionista l’antico borgo, la Chiesa
di San Michele Arcangelo, la Sala Capitolare e le Cantine nell’Istituto
Agrario e naturalmente il Museo. La Giornata FAI di Primavera è una
Si è svolta a Roma presso il Complesso
Monumentale di San Michele a Ripa la presentazione della Normativa di Catalogazione
per i Beni Demoetnoantropologici Immateriali, Scheda BDI, realizzata nell’ambito del
gruppo di lavoro Stato-Regioni con il coordinamento scientifico della Regione Lazio.
Il MUCGT, facente parte della commissione
scientifica del progetto, ha contribuito alla
redazione del volume Strutturazione dei dati
delle schede di catalogo, edito dall’Istituto
Centrale per il Catalogo e la Documentazione
(ICCD), con la stesura di due schede BDI esemplificative, relative a
beni immateriali d’interesse demoetnoantropologico documentati in
Trentino: «Il rogo in occasione del carnevale di Varignano» e «Il contrasto/contraddittorio in occasione del Carnevale di Valfloriana».
Venezia, 20 maggio.
Alla Fondazione Giorgio Cini, presso l’isola di San Giorgio Maggiore, si
è svolto il convegno interregionale Identità alimentari nelle Venezie
organizzato dal Comitato Scientifico per la Collana di Studi e Ricerche sulle Culture Popolari Venete, Regione del Veneto – Fondazione
Giorgio Cini. Giovanni Kezich ha tenuto la relazione Per la definizione
In occasione della Festa di Primavera organizzata dall’Associazione
culturale «Castel Frassem», con gli oggetti di interesse etnografico
della collezione di Marcello Beltrami è stata allestita la mostra Utensili e vita contadina a Nomesino nella prima metà del Novecento.
Insieme all’esposizione degli strumenti del lavoro dei campi e del
calzolaio, di quelli per l’allevamento del baco da seta, per il taglio e
la lavorazione del legno, per la fienagione, ecc., è stato ricostruito un
ambiente di cucina. Antonella Mott e Michele Trentini, che hanno
fornito la consulenza per la valorizzazione della collezione, hanno
videodocumentato le informazioni relative a denominazione e funzione
di quanto esposto.
Firenze, 10 giugno.
La Società Italiana per la Museografia e i Beni
Demo-Etno-Antropologici (SIMBDEA) ha dedicato l’incontro nazionale del 2006 degli antropologi
museali a Scritture e Vite di Museo. La sessione
della mattina, intitolata L’immediato futuro dei
musei: sguardi sul 2006, si è svolta presso il
Museo Nazionale di Antropologia e Etnologia.
Sono intervenuti, tra gli altri, W. Richard West,
direttore del National Museum of American
Indians (Smithsonian Institution); Daniele Jalla,
presidente ICOM-Italia; Pietro Clemente, presidente SIMBDEA. Nel pomeriggio per Libri di
museo in fiera, Giovanni Kezich ha presentato
il volume SM18/2005 Contadini del sud, contadini del nord. Studi
e documenti sul mondo contadino in Italia a 50 anni dalla morte
di Rocco Scotellaro, atti di SPEA8. Tra i vincitori dei Premi Museo
Frontiera, che nell’edizione 2005 aveva visto attribuire a Giovanni
Kezich il “Premio al Direttore”, vi è Gaetano Forni, direttore del Museo
Lombardo di Storia dell’Agricoltura con sede a Sant’Angelo Lodigiano,
che ha ritirato il “Premio alla carriera”.
San Michele all’Adige, 10 giugno.
In occasione del Palio delle Zattere organizzato dagli zattieri di Borgo Sacco, a San
Michele, sulle rive dell’Adige, si è svolta la
Piccola festa del fiume e delle zattere. Mentre
gli zattieri erano impegnati nella costruzione
delle zattere storiche che discendono il fiume
da San Michele a Borgo Sacco, Il MUCGT ha
proposto una mostra fotografico-didattica
che illustra le trasformazioni avvenute lungo il fiume Adige nel tratto
compreso tra Bronzolo, dove un tempo vi era un porto con funzioni
di dogana, San Michele all’Adige e Verona, fino alla foce.
pagina
8
news
news
Trento, 27 giugno.
La V edizione dell’Itinerario etnografico del Trentino (IET), a cura di
Antonella Mott, è stato presentato
presso la Sala Stampa della PAT
alla presenza dell’Assessore alla
cultura Margherita Cogo. Emanuela Renzetti, Giovanni Kezich e
Maurizio Maggi hanno messo in
evidenza l’importanza del progetto, che mira alla messa in rete e
alla valorizzazione delle realtà di
interesse etnografico del territorio
che siano già direttamente fruibili
a titolo didattico e turistico: musei
e collezioni minori, abitazioni rurali, piccoli opifici tradizionali, monumenti agrosilvopastorali, sentieri, percorsi tematici e altro ancora.
www.museosanmichele.it
tivo del convegno è stato quello di «esplorare
attraverso un approccio multidisciplinare diversi
aspetti relativi alla presenza femminile nei
contesti microcomunitari rurali, indagando in
special modo il rapporto donna/parola/sapere».
A tale scopo sono state proposte tre differenti
sezioni tematiche: «Le donne e la parole»,
«Attraversamenti», «Esperienze sul campo».
Nell’ambito di questa terza sessione è stata
presentata la ricerca sulle fonti orali svolta nel
2006 da Marco Romano e da Michele Trentini, esito della collaborazione tra l’Archivio
Provinciale della Tradizione Orale (APTO) e l’Archivio delle Fonti Orali
dell’Alta Anaunia. Per l’occasione è stato proiettato il video Due donne, due cognate, sintesi delle interviste effettuate a Maria Sandrin,
maestra nata nel 1923, e Alma Pellegrini, contadina nata nel 1921,
entrambe di Amblar.
Roma, 2 ottobre.
Sappada (Belluno), 28 giugno-2 luglio.
Presso il centro Congressi di Sappada/Plodn si
è svolto il convegno internazionale di studi di
dialettologia Dialetto, Memoria e fantasia, organizzato dall’Università di Padova – Dipartimento
di Discipline Linguistiche Comunicative e dello
Spettacolo. Nell’occasione è stato presentato
L’alfabeto delle cose. Appunti visivi di documentazione etnografica presso la raccolta di
Camillo Andriollo ad Olle, a cura di Antonella
Mott, Giovanni Kezich e Michele Trentini. Il documentario restituisce le denominazioni dialettali
degli oggetti e ne spiega l’uso attraverso la voce
e la gestualità dell’informatore.
San Michele, 29 giugno.
Per «Le notti dei Musei», Luciano Gottardi ha
messo in scena presso il MUCGT lo spettacolo
di burattini Il ritorno del Salvan. Nuove fiabe e
leggende delle Dolomiti.
Mestriago, 5 agosto.
Inaugurazione della mostra etnografica dedicata agli ambienti
domestici contadini del passato. La mostra che si è potuta visitare
durante tutto il mese di agosto, è stata curata dal Circolo anziani e
dal Gruppo giovani del comune di Commezzadura, con la consulenza
di Lorenza Corradini.
Roccolo del Sauch, 6 agosto.
Giornata dedicata al Roccolo del Sauch, lo spettacolare impianto per
la cattura degli uccelli ora utilizzato per l’inanellamento degli esemplari dell’avifauna di passo a fini di ricerca e di studio. Il labirinto
incantato, nome che – prendendo spunto dalle caratteristiche della
struttura vegetale – è stato attribuito all’evento, prevedeva la visita
naturalistica del biotopo Lagabrun lungo il sentiero dedicato ad Albrecht Dürer, quindi la visita del faggeto e del roccolo con la guida di
Gabriella Gretter dell’APPA. Infine si è potuto assistere allo spettacolo
di burattini Fiabe e leggende delle Dolomiti di Luciano Gottardi e al
concerto di corni da caccia eseguito dal quartetto Leitgett.
Capugnano (Porretta Terme), 9 settembre.
Giovanni Kezich con Musei della montagna: quanta
burocrazia, quanta ricerca? è intervenuto al convegno Musei di montagna. Temi e problemi per la
conoscenza del territorio, organizzato dal Gruppo
di studi Alta valle del Reno e dalla Società pistoiese
di storia patria.
Cavalese, 23-24 settembre.
Il MUCGT è presente nella giuria della VII Concorso dei Formaggi di
malga della Provincia di Trento, realizzato dall’Istituto Agrario di San
Michele all’Adige e Trentino S.p.a. in occasione della Desmontegada
delle càore. Vincitori per la categoria «Formaggio di capra» il caseificio
Val di Fiemme e il casaro Paolo Campi, per la categoria «Nostrano a
crosta lavata di caseificio» il caseificio Predazzo e Moena e il casaro
Walter Campi, per la categoria «Nostrano di caseificio» il caseificio
S.A.V. e i casari Marco Tardivo e Ivan Baldessarelli, per la categoria
«Nostrano stagionato di caseificio» il caseificio Sabbionara e il casaro
Renato Caden, per la categoria «Nostano di malga» malga Avalina e
il casaro Ferdinando Fioroni, per la categoria «Nostrano stagionato di
malga» malga Scura e il casaro Claudio Gallio.
Ronzone, 27 settembre.
Si è svolto presso la sede dei Musei di Ronzone il convegno dal titolo
Sul filo delle parole. Le fonti orali: esperienze a confronto. Obiet-
ICOM-Italia ha organizzato presso la Sala dello Stenditoio nel Complesso monumentale di San Michele la II Conferenza Nazionale dei
Musei. Musei e professioni. Titolo dell’incontro La carta nazionale
delle professioni museali. Risultati, criticità e prospettive ad un
anno dalla sua approvazione. Sono intervenuti Alberto Garlandini,
consigliere Icom-Italia e dirigente Musei e servizi culturali della Regione
Lombardia, che ha tenuto un resoconto di quanto conseguito dalla
Carta durante il suo primo anno di vita, quindi Daniele Jalla, presidente
Icom-Italia, che insieme a Mauro Guerrini, presidente Associazione
Italiana Biblioteche (Aib), e Diana Toccafondi, consigliere Associazione Nazionale Archivistica Italiana (Anai), hanno affrontato il tema
«Verso una carta delle professioni del patrimonio culturale». «Quale
formazione per i professionisti dei musei?» è stato il quesito al quale
hanno risposto Marisa Dalai Emiliani dell’Università «La Sapienza» di
Roma, Riccardo Francovich dell’Università degli Studi di Siena, Michele
Lanzinger, direttore del Museo Tridentino di Scienze Naturali di Trento,
e Pietro Petraroia, direttore generale Culture, Identità e Autonomie della
Lombardia, Regione Lombardia. In conclusione, sono intervenuti i rappresentanti delle associazioni museali italiane: Associazione Nazionale
Musei Scientifici (ANMS), Associazione Musei d’Arte Contemporanea
Italiani (AMACI), Associazione Musei Ecclesiastici Italiani (AMEI),
Associazione Nazionale Musei Locali e Istituzionali Italiani (ANMLI),
Commissione CRUI per i Musei universitari, Società Italiana per i Beni
e la Museografia Demoetnoantropologica (SIMBDEA).
Zagabria, 19-21 ottobre 2006.
L’Etnographic film: museum, documentation, science, convegno tenutosi presso
l’Ethnographic Museum di Zagabria
(Croazia), ha visto la partecipazione di
museografi e di antropologi visuali provenienti da tutta Europa. Nel corso dei lavori
sono stati presentati film etnografici e
materiali audiovisivi pensati principalmente per il loro utilizzo in contesti museali.
Erano così rappresentati, tra gli altri, lo
Slovenski Etnografski Muzej di Ljubljana,
il Museo di Storia Recente di Celje e il
Goriški museum di Nova Gorica per la Slovenia, il Museo Etnografico di Budapest,
l’Österreichisches Museum für Volkskunde di Vienna, il Musée National
des Arts et Traditions Populaires di Parigi, l’Etnografski muzej Istre di
Pisino (Croazia), il Museo Etnologico di Tracia, il Museo della Città di
Gothenburg (Svezia), l’Istituto di culture slave di Prilep (Macedonia).
La visione dei film è stata accompagnata da momenti di discussione
e di confronto sui temi dell’antropologia visuale. Antonella Mott,
Giovanni Kezich e Michele Trentini hanno presentato i film Un giorno
a Valfloriana. Piccola carnevalogia per sketch, prodotto in occasione
della mostra Demoni pastori e fantasmi contadini tenutasi a Trento
nella primavera del 2006, e L’alfabeto delle cose. Appunti visivi di
documentazione etnografica presso la raccolta di Camillo Andriollo
a Olle, realizzato con il contributo del Comune di Borgo Valsugana.
Entrambi sono stati ottimamente giudicati dagli esperti convenuti.
Valle Stura (Cuneo), 26-29 ottobre.
Al 2° Seminario di studi SETRALP La transumanza alpina, Giovanni Kezich e Marta Bazzanella
sono intervenuti con Le scritte dei pastori.
Valle di Fiemme 1720-1960. Il convegno è
stato organizzato dalla Società per lo Studio e
la Valorizzazione dei Sistemi Zootecnici Alpini
(SoZooAlp), in collaborazione con la Comunità
Montana della Valle Stura di Demonte, l’Ecomuseo della Pastorizia, e l’Associazione Italiana Razze Autoctone a Rischio di Estinzione (RARE). Alla
sessione sulla transumanza è succeduta quella
in cui si sono trattati i problemi culturali ed
ecosostenibili dell’allevamento ovicaprino, quindi
un workshop dal titolo Il futuro degli allevatori alpini: contano più
identità, percezioni sociali e modelli culturali o tecnica economica?
e il dibattito Sguardi sul territorio alpino: spazio ri-creativo o “wilderness”: tra proiezioni urbane e riaffermazione di identità alpina.
In concomitanza, la XXI Mostra della razza ovina Sambucana e la I
Mostra delle razze ovicaprine a rischio di estinzione dell’arco Alpino.
Caltrano (Vicenza), 27 ottobre.
Il film Mondent. Il lavoro della malga di
Gianfranco Dusmet e Giovanni Kezich,
prodotto da CCIAA di Trento e MUCGT, è
stato presentato nell’ambito di Senza orario senza bandiera. II rassegna
di viaggi e incontri. Montagna esplorazione avventura organizzato
dalla Comunità Montana dall’Astico al Brenta, in collaborazione con
TrentoFilmfestival. In programma, nella rassegna anche Il grande nord,
film di Nicolas Vanire (Francia), gli incontri con l’olimpionico Enrico
Fabris, con Nives Meroi e Erri de Luca, e con Kurt Diemberger.
San Michele all’Adige, 6-22 novembre.
Prosegue il rapporto con l’Università degli Studi della Basilicata regolato attraverso la stipula di una specifica convenzione. Quest’anno
presso il MUCGT ha svolto il tirocinio di formazione previsto dal piano
di studi universitario Beata Gallipoli, studentessa del corso di laurea in
Operatore dei Beni Culturali (indirizzo DEA), della Facoltà di Lettere e
Filosofia. La tutor responsabile era Marta Bazzanella.
San Michele all’Adige, 12 novembre.
Girovagando... con gusto, puntata speciale
del programma televisivo di Luciano Da Canal
Girovagando in Trentino, ha fatto tappa a San
Michele all'Adige per la visita guidata al MUCGT e
alla cantina storica dell'Istituto Agrario. L'iniziativa prevedeva la visita di siti di interesse culturale
e la degustazione di prodotti tipici locali lungo
un itinerario che da Trento ha portato fino alla segheria veneziana di
Malé. Mezzo di trasporto il treno della ferrovia Trento-Malé.
Venezia, 1-3 dicembre.
Al X Salone dei Beni e delle attività culturali presso lo stand della
Provincia Autonoma di Trento, il MUCGT ha presentato alcune sue
produzioni. Si tratta dei video Il Museo degli Usi e Costumi della
Gente Trentina, di Michele Trentini; Un giorno a Valfloriana. Piccola
carnevalogia per sketch, di Michele Trentini; L’Alfabeto delle cose di
Michele Trentini; L’arte di Tóne. Caseificazione con latte ovicaprino
in alta val di Mòcheni, di Michele Trentini; Le scritte dei pastori.
Valle di Fiemme 1720-1940, di Michele Trentini e dei CD-Rom Il
Trentino dei contadini. Piccolo Atlante sonoro della cultura materiale
a cura di Antonella Mott, Giovannni Kezich, Graziano Tisato e L’Uomo
selvatico nel Trentino, di Andrea Foches.
Borgo Valsugana, 7 dicembre.
La Biblioteca di Borgo Valsugana ha organizzato la proiezione del video L’Alfabeto
delle cose. Appunti di documentazione
etnografica presso la raccolta di Camillo
Andriollo a Olle. La ricerca, effettuata da
Antonella Mott e Michele Trentini, prevedeva la raccolta di informazioni relative
alla denominazione e alla funzione degli
oggetti del lavoro che Camillo Andriollo ha
utilizzato nella sua azienda contadina e ha conservato nella stalla di
sua proprietà. Una selezione del materiale videofilmato è diventato il
soggetto di un film. La produzione del DVD, distribuito da Antersass,
è a cura del Comune di Borgo Valsugana.
San Michele all’Adige, 10 dicembre.
Finestre sul Natale è il titolo della mostra
dei presepi allestiti nel periodo natalizio a
San Michele all’Adige nei palazzi della via
principale. Per l’inaugurazione, a cura del
MUCGT e della Pro Loco di San Michele,
ha sfilato lungo le vie del paese il gruppo
dei Cantori della Stella di Faedo, che con
i Tre Re Magi e i numerosi figuranti in
costume, ha intonato i canti tradizionali
della questua natalizia della Stella.
Tricarico, 15-16 dicembre.
Il Centro di documentazione «Rocco
Scotellaro e la Basilicata del secondo
dopoguerra» organizza il convegno Da
vicino e da lontano: Fotografi e fotografia
in Lucania nel secolo XX. Sono coinvolti
Fracesco Faeta dell’Università di Messina
e Francesco Marano e Ferdinando Mirizzi
dell’Università della Basilicata. Giovanni
Kezich nell’occasione presenta il volume
SM18/2005 Contadini del sud, contadini
del nord. Studi e documenti sul mondo
contadino in Italia a 50 anni dalla morte di Rocco Scotellaro, atti
di SPEA8.
Editing: Antonella Mott, Giorgia Sossass
Grafica: Helene Lageder
Stampa: Litotipografia Alcione, TN
Fly UP