...

PDF - Maria Cristina Ogier

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

PDF - Maria Cristina Ogier
NOTIZIARIO QUADRIMESTRALE DELL’ISTITUTO M. CRISTINA OGIER
APRILE 2014
Anno XXXVIII - N. 1
Felice come una Pasqua
Natale, nell’immaginario
mass mediatico attuale, un
po’ scristianizzato ma anche
sdolcinato, è la festa della
‘bontà’: “È Natale e dobbiamo essere tutti più buoni” .
Il pensiero corre a certi racconti dickensiani, a certi film
hollywoodiani…La Pasqua
invece è tipicamente la festa
della felicità: “felice come
una Pasqua” è un modo di
dire molto diffuso.
Eppure la Pasqua cade di
Domenica, porta con se solo
un giorno di vacanza, il lunedì dell’Angelo, e non ha quel
bel contorno di luci, addobbi
e atmosfera tipici del Natale. La Pasqua, per il mondo,
passa molto più in sordina
del Natale. È una festa meno
attesa, forse meno amata,
ma anche meno avversata
dai nemici del cristianesimo:
nessuno si è masi sognato di
cambiarle nome, ad esempio,
come invece si tenta di fare
ogni anno col Natale.
Allora perché l’associamo
alla felicità?
Dice S.Agostino che l’uomo in tutte le sue azioni,
anche se forse per vie errate e strade contorte, ricerca
sempre e solo, direttamente
o indirettamente, il proprio
bene, cioè la propria felicità. Però è anche vero che la
felicità su questa terra, umanamente parlando, è un’illusione. Possiamo vivere momenti o periodi anche lunghi
di benessere, di gioia, ma la
felicità è sempre un miraggio,
la morte ci aspetta comunque
al varco: “gli anni della nostra vita sono settanta, ottanta per i più robusti, ma quasi
tutti sono fatica, dolore; passano presto e noi ci dileguiamo” (Sal 89). La vera felicità
infatti è legata ad una realtà
di non facile comprensione,
e cioè all’eternità. Nessuno
può davvero dirsi felice se
non in una prospettiva eterna. Una felicità temporanea,
infatti, non può essere definita tale. Insomma, su questa
terra non c’è nulla che possa
garantire la felicità perché
tutto, anche il più grande dei
beni, è temporaneo, e tutti dobbiamo morire. Allora
perché la Pasqua è la festa
della felicità? Con gli occhi
della fede è facile comprenderlo: la Pasqua è la ricorrenza liturgica di quell’ evento, di quel fatto certo, reale,
incontrovertibile, che ci ha
spalancato le porte dell’eternità. Dobbiamo ripetercelo
oggi, oppressi come siamo
dal contingente, dall’effimero, dal precario. La Pasqua
è il passaggio di Cristo dalla
morte alla vita eterna, è la
festa della sua resurrezione,
cioè della sua vittoria definitiva sul peccato e sulla morte.
In alcuni dipinti medievali è
raffigurato il Redentore che,
abbattuta la porta degli inferi, sotto la quale è schiacciato
il demonio, prende per mano
Adamo, Eva e tutti i giusti
morti prima di lui per condurli in paradiso. Se noi stiamo con lui nell’attimo fatale
della morte, se moriamo in
grazia di Dio, egli spalancherà la porta della nostra prigione e prenderà per mano
anche noi, per portarci alla
luce che non avrà fine, alla visione beatifica ed eterna della
Trinità: “dolcezza senza fine
alla sua destra” (Sal 15).
Questa è la Pasqua. La
Pasqua ci ricorda ogni anno
il nostro destino di gioia e di
gloria. Ci ricorda la vittoria
di Cristo, i suoi meriti, il suo
amore. È promessa di gioia
eterna, senza fine, nei secoli
dei secoli.
Il mio pensiero corre a Maria Cristina Ogier, a questa
ragazza schiacciata per tutta
la vita dalla croce di una malattia terminale. Proviamo ad
immedesimarci in lei per un
istante: una pena straziante,
un senso di precarietà e fragilità frustranti. Eppure non
ha mai dubitato di questa
Pasqua che l’attendeva: “non
vedo l’ora di rivederti, eterno
amore”, scrive sul diario riferendosi a Gesù. Ma penso
anche al buon ladrone, che
dopo la bella testimonianza
di fede e l’ammissione umile
delle colpe, appeso alla croce
mormora le sue ultime parole: “Ricordati di me quando
sarai nel tuo Regno”. Gesù
morente gli risponde con il
più bell’annuncio pasquale che si possa immaginare:
“Oggi stesso sarai con me
in Paradiso.” Così ha sicuramente detto anche a Maria
Cristina e a tutti i suoi santi.
E così ci auguriamo che, nel
momento estremo della nostra Pasqua personale, dirà a
ciascuno di noi.
Personalmente, non chiedo altro.
Buona Pasqua a tutti.
Matteo Soldi
2
LA SCIA
GRAZIE DON GIANCARLO!
(una riflessione ad alta voce)
Sono uscito dagli uffici della Curia dopo tre ore di “interrogatorio” sulla mia amicizia con Maria Cristina, utile
alla causa di beatificazione e mi avvio per riprendere la bicicletta nella rastrelliera di Via Martelli di fronte alla
chiesa.
Un autobus per traverso e un po’ di confusione davanti alla prefettura, con la mia pedalata distratta mi fanno
scegliere via Ginori.
Dopo aver salutato il mio amico “geppetto”, corniciaio in una delle ultime botteghe della via, entro in via S.
Gallo, rallentando e soffermandomi davanti al portone delle mitiche Stanze.
Che tempi! Mi ci portò Giovanna, ottanta, cento fra ragazzi e ragazze e un grande “pescatore” e “collante” Don
Setti.
Tutti i lunedì incontro per riassumere il fatto e programmare il da fare, e li Maria Cristina c’era, presente e
attiva. Mamma mia che Stanze!
Proseguo e tiro il freno davanti all’Uscio e Bottega come diceva Don Giancarlo, sulla porticina accanto alla Chiesa il solito campanello, lo suonavo e mi apriva una voce severa, con le mani sui fianchi, la fantastica signora Olga.
Il portone della chiesa è mezzo aperto, guardo dentro e “rivedo” le due bacheche, le richieste, le attività, le Missioni, le Famiglie, gli Ospedali, la grande Anonima Restauri.
Che momenti!
Ricordi indelebili di attività e impegni straordinari.
Mi balza alla mente (ogni tanto mi succede) l’impegno/operazione Dreoni: che ragazzi eccezionali! Fantastico!
Fra questi Maria Cristina, con al sua determinazione e generosità che delle volte era trainante e determinante.
Che bello, pensare alla cara Maria Cristina Beata!
Mi viene in mente: chissà se Maria Cristina e i suoi genitori non avessero incontrato il “pescatore”, il “collante”
Don Giancarlo?
Che momenti a San Giovannino dei Cavalieri! Penso, oggi irripetibili.
Con una spruzzata di grande nostalgia ricomincio a pedalare, solita andatura e mi son ripetuto quello che ridico
quando incontro qualcuno di quei “Momenti”: Grazie Don Giancarlo!
Carlo, gruppo ospedali
Firenze Gennaio 2014
Da La Nazione - Cronaca di Firenze - 5 Gennaio 2014
Abbraccio
di Papa
Francesco
ai nostri
ragazzi
LA SCIA
3
Maria Cristina Ogier...news
a cura di Nikla Balestra
“Maggio è il mese delle rose e della Madonna”
La rosa nel linguaggio dei fiori, significa: affetto, amore, ardore,
bellezza, tenerezza.
Maria, definita “Rosa mistica” da al fiore a lei dedicato, un senso speciale, perchè
il suo cuore accoglie ognuno di noi, con l’affetto profondo e tenero che solo una
mamma può dare.” (nella foto a lato la Madonnina della Casa Maschile Maria Cristina Ogier)
IN RICORDO DEL PROF. ENRICO OGIER
(A un anno dalla morte 9 aprile 2013)
di Angelo Passaleva
lnnamorato del “suo” padule, carattere apparentemente burbero, ma in realtà cordiale e gentile e con quell’arguzia e auto
ironia che condivideva, ma solo in questo, con il suo conterraneo fucecchiese Indro Montanelli, il Prof. Enrico Ogier é tornato ad
abbracciare la figlia Maria Cristina. Ci piace ricordarlo cosi, come uomo e padre che ha combattuto la buona battaglia, ha fatto la sua
corsa, rimanendo fermo nella Fede e nella Speranza. Adesso lo pensiamo nella Gloria dei “santi” dove é arrivato il 9 aprile dello scorso
anno, all’età di 91 anni.
I suoi collaboratori lo ricordano non solo come docente di patologia ostetrico ginecologica ma, soprattutto, come maestro
di vita. Un uomo semplice che amava la famiglia, ma anche.. la bicicletta, un professionista serio che ha saputo curare con perizia
migliaia di donne e altrettante ne ha aiutate nei momenti del parto. Quando insorgevano complicanze impreviste nel corso di un
intervento chirurgico particolarmente complesso trovava sempre una soluzione per condurre tutto a buon fine.
Nel 1955 arrivò Maria Cristina, per la gioia di mamma Gina e di papà Enrico che l’ha sempre chiamata la “mia cocchina”.
Dopo 4 anni iniziò un vero e proprio calvario. La bimba cominciò ad avere segni neurologici allarmanti. La diagnosi, confermata
ad Oslo dal celebre neurochirurgo Olivecrona, non lasciava scampo: tumore maligno dell’ipotalamo. Cure, speranze e delusioni. La
bambina cresceva in età, in bellezza e, soprattutto, in sensibilità e amore verso tutti ed in particolare verso gli ammalati, per i quali
donava il suo tempo seguitando a frequentare la scuola. Il male avanzava e negli ultimi anni portògradualmente alla paralisi prima del
braccio destro e poi della gamba dello stesso lato. Nonostante questo il suo pensiero era sempre per i disabili. Si era convinta che quando
la famiglia non era più in grado di far fronte alle loro necessità, la soluzione non poteva essere quella di finire in un grande istituto,
dove il rischio era di diventare uno dei tanti, ma bisognava mettere a disposizione ambienti piccoli di tipo familiare. Cosi ripeteva spesso
a papà e mamma: perché non facciamo una casa famiglia per i disabili che rimangono soli?
Nel 1974, all’età di neppure 19 anni M. Cristina volava in cielo.
Un anno dopo: il 9 gennaio 1975 viene scoperta a Firenze la “Clinica degli aborti” in via Dante da Castiglione. I movimenti
femministi già da tempo lanciavano manifestazioni e slogan pro aborto. Due anni prima il socialista On. Loris Fortuna aveva presentato
alla camera una proposta di legge per l’aborto volontario. Era l’ora di agire. Un gruppo di cattolici, convocato dal Cardinale Ermenegildo
Florit Arcivescovo di Firenze e dal Vescovo di Prato Mons. Pietro Fiordelli, si riunì a metà marzo dello stesso anno presso il Monastero
delle Benedettine in Via S. Marta. Uno dei relatori fu Enrico Ogier. La conclusione fu che per contrastare il ricorso all’aborto occorrevano
azioni concrete. Cosi nacque l’idea di costituire un “Centro di Aiuto alla Vita” (CAV) con lo scopo di aiutare ogni donna o coppia a
superare le difficoltà connesse con una gravidanza incipiente. Dopo alcuni mesi, venne approvato con atto notarile lo statuto del primo
CAVin Italia. Il Prof. Ogier ne è stato presidente dal 1975 fino al 2010. Il CAVfiorentino, che venne visitato dal Papa Giovanni Paolo Il
nel 1986, è cresciuto moltissimo ed ha aiutato a far nascere migliaia di bambini che altrimenti sarebbero stati soppressi con l’aborto. Il
Professore, che per questo impegno a favore della vita subi anche l’incendio della propria automobile, ha profuso non soltanto tempo,
energie e fatica, ma anche risorse economiche. Il CAVdi Firenze, da sempre nei locali presso la basilica di San Lorenzo, porta il nome di
Maria Cristina Ogier.
Alla “cocchina” di Enrico e Gina sono dedicate
altre strutture. Due case famiglia per disabili soli. La prima,
femminile, sul viale Galileo Galilei, la seconda maschile, in Via
B. Fortini. Inoltre, strutture per l’infanzia disagiata in diversi
Paesi Esteri, e gruppi associativi di carattere culturale e di
volontariato.
A Enrico Ogier vanno un grande ringraziamento e tanta
ammirazione per quello che èstato, e per quello che ha fatto per
la vita non ancora nata e per rendere meno dura quella di tante
persone sofferenti. Adesso si gode il meritato riposo nelle braccia
del Padre, insieme alla sua bambina adorata dichiarata “Serva
di Dio” e per la quale è in corso la causa di Beatificazione.
4
LA SCIA
LA SCIA
5
UN BURRACO PER MARIA CRISTINA
Si deve alla gentilezza e alla generosità della Dott.ssa Lucia
Astore, un momento di festa che ha visto come soggetto Maria
Cristina Ogier, le sue Opere, il suo pensiero. Il burraco allestito
nella prestigiosa abitazione Astore, e dalla stessa curato in modo
impeccabile ed accogliente, ha visto oltre sessanta partecipanti
che hanno occupato tutto il pomeriggio nelle diverse mani di
gioco, e si è concluso con le
premiazioni di rito ai vincitori.
Bellissimo l’intermezzo musicale
offerto dalla bravissima Francesca
Magini. Al pianoforte brani classici e qualche dolcissima aria natalizia.
Scroscianti gli applausi e le richieste di bis. A coronamento della serata,
un buffet particolarmente ricco e succulento, prodotto dalle mani
di raffinate cuoche che niente hanno da invidiare ai programmi più
accreditati di Masterchef. Al termine della serata, il ricavato di 1000 euro
è stato devoluto per le opere di Maria Cristina. Il grazie più riconoscente
dell’Ististuto Ogier alla Dott.ssa Astore e agli amici intervenuti.
TORNEO DI GOLF PER RICORDARE MARIA CRISTINA
Si è svolta domenica 23 Marzo u.s. la consueta gara che il Golf dell’Ugolino di Firenze attribuisce da
svariati anni al ricordo, alla figura di Maria Cristina Ogier e ne destina il ricavato a sostegno delle tante
opere che della giovane portano il nome. La gara che interessava le giornate di sabato e domenica,
è stata appesantita da una pioggia inclemente, che tuttavia non è riuscita a scalfire l’entusiasmo dei
partecipanti, rimasto alto in una atmosfera di calore e di amicizia.
Dopo i saluti del presidente del Golf Club Montauti, affiancato dal Prof. De Faveri Tron promotore
spirituale e materiale dell’evento, Maria Cristina, Serva di Dio, è stata ricordata ai tanti presenti che
l’hanno conosciuta e ovviamente a quanti pur non conoscendola seguono con particolare interesse
l’evolversi della Causa di Beatificazione in corso.
A seguire la premiazione dei vincitori fra applausi e complimenti e la non meno attesa lotteria che vede
in palio oggetti simpatici, preziosi, vini rinomati offerti dai soci e da alcuni prestigiosi negozi fiorentini.
Al termine la cena insieme, ottima, ma resa ancor più piacevole dal clima particolarmente
accogliente. Il grazie più sentito dell’Istituto Ogier a Micel e Gorel De Faveri Tron, alla Presidenza del
Club, quello affettuoso alla Sig.ra Grazia e ai tanti, tanti amici che concorrono con il loro interesse e la
loro partecipazione a tenere alti i valori che Maria Cristina ci ha lasciato in dono.
Destina il 5 per mille della tua dichiarazione dei redditi a
“ASSOCIAZIONE MARIA CRISTINA OGIER ONLUS”
94070330488
6
LA SCIA
Lettera del Liceo Scientifico paritario S. Giuseppe del Caburlotto - Roma
«Conoscere Maria Cristina Ogier: una nuova Amica»
L’amore e l’entusiasmo con i quali la prof. Nikla Salsetta e la signora Fiorella Controni, cugina di Maria Cristina,
parlano di Lei, sono contagiosi, così quando gli studenti delle classi 3^ e 4^ del Liceo scientifico paritario
S. Giuseppe del Caburlotto - Roma, hanno progettato due giorni a Firenze per
visitare Il giardino di Archimede e la città, abbiamo programmato alcune ore
per conoscere Maria Cristina Ogier.
Abbiamo preparato l’incontro leggendo il fumetto e giovedì 13 marzo 2014, i
Ragazzi, accompagnati dal prof. Armando Barbati e dal prof. Alfonso Pesiri,
sono stati accolti dalla prof. Salsetta a S. Miniato al Monte.
L’incontro è stato vissuto con forti emozioni. Maria Cristina è ora, per ciascuno
di loro, un volto ed un modello di vita realizzato ed attraente.
Marta, 17 anni, ha commentato: E’stata l’esperienza più bella della mia vita.
La visita alla Casa femminile di via G. Galilei, 12, dove hanno visto la Signora
Gina, la mamma di Maria Cristina, e si sono relazionati simpaticamente con le
ospiti, li ha resi pensosi e riflessivi.
Al ritorno hanno raccontato ai genitori quest’esperienza prima
ancora delle opere d’arte ammirate.
Roberta ha detto a papà: Una signora era come me (sindrome di
Down), ma non aveva i genitori!
Simone di 4^ liceo, portavoce dei sentimenti dei compagni ha
scritto:
Grazie all’esperienza appena vissuta a Firenze presso la Casa
di riposo femminile Maria Cristina Ogier, noi Ragazzi abbiamo
toccato con mano la vera vita cristiana: vivere insieme nel rispetto
e nella condivisione reciproca tutti i dolori e le sofferenze personali.
Abbiamo visto come si può essere felici anche nella malattia
affidando, ognuno, la propria croce al Signore per intercessione
di Maria Cristina Ogier, vero esempio di santità e di assistenza dei
poveri e bisognosi.
Ringraziamo di cuore la Serva di Dio e le persone che ne curano la
memoria e la mantengono viva, per quanto hanno donato ai ragazzi
e agli insegnanti.
LA SCIA
7
SONO VENUTI A TROVARCI
“Luoghi della condivisione e dell’amore” le aveva definite il
Card. Piovanelli in visita alle Case-famiglia Maria Cristina
Ogier, nei lontani anni ‘80. E nonostante lo scorrere del tempo
questa definizione, è sempre attuale, perché gli ambienti di
Maria Cristina hanno questo di specifico: il clima agapico,
la dimensione dell’accoglienza, il sorriso sempre pronto per
chi bussa alle nostre porte. Ecco che l’amico, il volontario, il
forestiero curioso che vengono a farci visita, sono sempre dei
regali che il Signore ci fa, perché rendono più vivaci i nostri
giorni e felici i nostri ragazzi.
In visita alla
Casa Femminile
Dario Moschella e
Don Riccardo,
alla Casa Maschile
Don Alberto.
Lettera inviata dalla Segreteria Vaticana in seguito alla
consegna della lettera e materiale di Maria Cristina Ogier
a Papa Francesco durante il pellegrinaggio a Roma
Ricordando il caro amico Giorgio Cappelli
Lo spazio disponibile su questo foglio de La Scia è troppo limitato per potervi tratteggiare, come merita, la figura di
Giorgio Cappelli, l’amico che Dio ha chiamato a sè due mesi fa.
Giorgio non era soltanto uno dei benefattori dell’Opera Maria Cristina Ogier, era un
benefattore speciale, cioè quello che ha dato inizio alla solidarietà concreta di alcuni
amici che vollero realizzare la seconda “casa Maria Cristina Ogier”, quella maschile
di Via Fortini.
Nel lontano 1983, Cappelli si mise alla ricerca di una villa idonea a duplicare l’esperienza edificante che si stava vivendo nella villa di Viale Galileo, dove un gruppo di
giovani con disabilità viveva come in famiglia. Proprio come Maria Cristina aveva
sperato e chiesto prima di morire!..
Cappelli si impegnò in prima persona per l’acquisto del bellissimo complesso di Via
Fortini, la seconda Casa Maria Cristina Ogier e, ne ha tutelato il cammino. Poco tempo
fa infine, ha donato le sue quote di proprietà all’Istituto. Perchè Giorgio Cappelli era
questo: un generoso senza esibizionismo, che ha sempre donato a Dio e a noi l’oro
delle sue qualità, la sua fede senza orpelli, e come un vero Cireneo ha portato senza
lamenti le croci che Cristo gli ha chiesto di condividere.
Si, caro Giorgio, questo spazio è troppo ristretto per parlare di te, di quanto hai meritato, del vuoto che hai lasciato nella tua famiglia che ha ancora tanto bisogno di te..
Ma in nome della Fede che ci univa siamo certi che Dio ti ha lasciato a vigilare i beni affettivi che tu hai tanto curato
in vita, come coniuge, padre fratello, amico, benefattore.. E Maria Cristina che ti ha accolto in Cielo abbracciandoti con
gratitudine, ti prenderà per mano e ti ricondurrà a noi rivelandoci che tu sei come prima, anzi più di prima con tutti i
tuoi cari.
LUCIA BAROCCHI
L’istituto Maria Cristina Ogier ringrazia sentitamente per le offerte pervenute
in memoria di Giorgio Cappelli.
8
LA SCIA
DZIEKUJEGRAZIEDZIEKUJEGRAZIEDZIEKUJEGRAZIEDZIEKUJEGRAZIEDZIEKUJEGRAZIE
ZGROMADZENIE SIOSTR OPATRZNOSCI BOZEJ
ul. Okrezna 33, 05-827 Grodzisk Mazowiecki
Al Presidente
dell’Associazione Maria Cristina Ogier
Dott. Paolo Crucchi
Egregio Signor Presidente
e tutto il Consiglio direttivo dell’Associazione di Maria Cristina Ogier
A nome della Congregazione delle Suore della Divina Provvidenza e delle Suore missionarie in
Cameroun (Africa) ringrazio di nuovo dell’offerta finanziaria per la missione.
Le 5000,00 euro ricevute dalla vostra Associazione sono state destinate ai seguenti scopi:
La missione in Essiengbot:
• medicinali per l’ambulatorio - 800,00 euro
• attrezzatura da gioco (asilo) - 900,00 euro
• acquisto di materiali per l’Ateliè e strumenti per cucire - 800,00 euro
La missione in Ayos:
• medicinali per l’ambulatorio e latte per i bambini malati di AIDS - 1000,00 euro
• macchine e strumenti per cucire - 1000,00 euro
• libri della biblioteca per bambini - 500,00 euro
Ringraziamo cordialmente.
Con la gratitudine e con la preghiera
Sr Antonina Kasjaniuk
Superiora Generale
della Congregazione della Divina Provvidenza
(POLONIA)
SONO DISPONIBILI E POSSONO ESSERE RICHIESTI
334-9766442 - e-mail: [email protected]
LIBRI: “La conquista della gioia” , “Sui passi di Maria Cristina 50 anni
dopo” e “Un fiore della nostra terra”.
DVD: “Maria Cristina Ogier in parole e immagini”.
IN CASO DI MANCATO RECAPITO INVIARE A FIRENZE CMP PER
LA RESTITUZIONE AL MITTENTE PREVIO PAGAMENTO RESI
Ente Morale D.M. 9 Aprile 1992
Spedizione in abb. postale - art. 2 comma 20/C L. 662/96 - Filiale di Firenze
Direzione: Casa M.C. Ogier
Viale Galileo, 12 - Tel. 055/2342490
50125 FIRENZE
Direttore Responsabile: Dott. David Bernacchioni
Curatori della pubblicazione: Dott. Matteo Soldi - Nikla Balestra
Aut. Trib. Firenze N° 2576 dell’11-5-77
Tipografia G. Castrucci & C. sas - Firenze
Città Indirizzo Nome e Cognome Da tagliare e spedire
Informativa ai sensi della Legge n. 675/96
La legge n. 675/96 garantisce che il trattamento dei dati personali si svolga nel rispetto dei diritti, delle libertà
fondamentali, nonché della dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all’identità
personale. Ai sensi della legge indicata, tale trattamento sarà improntato sulla liceità e correttezza nella piena tutela
dei diritti e in particolare della sua riservatezza.
Coloro che già ricevono «La Scia» sono dispensati dall’invio di
questo tagliando.
notiziario quadrimestrale
dell’istituto m. cristina ogier
Desidero ricevere «La Scia»
LA SCIA
Per informazioni rivolgersi:
Prof. Nikla Balestra
Ufficio Divulgativo - Istituto M. C. Ogier
Via B. Fortini, 90 - 50125 Firenze
Cell. 334 9766442
----Casa Femminile - Tel. 055 2342490
Casa Maschile - Tel. 055 6812406
Fly UP