...

bassa maremma e ripiani tufacei

by user

on
Category: Documents
10

views

Report

Comments

Transcript

bassa maremma e ripiani tufacei
logo
scheda d’ambito
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
ambito
20
bassa maremma e ripiani tufacei
Comuni di: Sorano(GR), Manciano(GR), Pitigliano(GR), Capalbio(GR), Orbetello(GR), Monte Argentario(GR), Isola Del Giglio(GR).
profilo dell’ambito
descrizione interpretativa
invarianti strutturali
interpretazione di sintesi
disciplina d’uso
1.
2.
3.
4.
5.
informazioni relative al piano
livello d’ambito
bassa maremma e ripiani tufacei
Sorano
Manciano
Pitigliano
Talamone
Albinia
Ansedonia
Capalbio
Orbetello
Porto Ercole
Monte Argentario
Profilo dell’ambito
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
1
p. 3
Profilo dell’ambito
bassa maremma e ripiani tufacei
p. 4
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
bassa maremma e ripiani tufacei
Profilo dell’ambito
Bassa Maremma e ripiani tufacei
L’ambito
presenta, con il suo andamento perpendicolare alla linea di costa, una successione di paesaggi nettamente diversificati
dal punto di vista fisiografico: dalle propaggini meridionali del Monte Amiata, ai ripiani tufacei (unici in tutta la Toscana, analoghi a quelli del vicino Lazio), al paesaggio collinare complesso formato da rilievi isolati, brevi successioni di rilievi e piccoli altopiani, fino al paesaggio agrario di fondovalle e della bonifica, e ai rilievi costieri e insulari.
L’intero ambito è straordinariamente ricco di biodiversità (dal Monte Argentario agli ambienti lagunari, dalle gole tufacee ai paesaggi agro-silvo-pastorali tradizionali di collina
e montagna) e al tempo stesso di testimonianze antropiche di lunga durata. Il sistema insediativo si è storicamente strutturato a partire dalle due direttrici trasversali di origine
etrusca che collegavano la costa con l’entroterra: l’Amiatina da Talamone all’entroterra senese e alla corona dei centri di mezza costa del monte Amiata; la Maremmana dall’Argentario
a Orvieto attraverso le città del tufo. Questo sistema è intersecato dall’Aurelia, antica strada consolare romana, e completato dal sistema delle fortezze costiere. A partire dal XIX
secolo, con il ripristino della piena funzionalità della via Aurelia e la realizzazione della ferrovia tirrenica, e con ritmo più sostenuto dagli anni ’50 del secolo scorso, si assiste a una crescente importanza del corridoio costiero a scapito delle colline interne. Gli insediamenti produttivi e residenziali si sviluppano a valle, verso le pianure costiere,
con un forte abbandono delle aree interne, mentre gli insediamenti turistici si collocano a ridosso con la costa. Le specifiche componenti morfotipologiche che caratterizzano ciascuno
dei sistemi insediativi storici sono contraddette da gran parte delle espansioni recenti: una proliferazione di piattaforme turistico-ricettive e seconde case che hanno profondamente
trasformato i paesaggi costieri, di capannoni artigianali e industriali di scarsa qualità architettonica e paesaggistica, di espansioni edilizie incoerenti con il contesto assiepate
lungo le direttrici in uscita dai centri urbani, anche collinari, fino alle città del tufo. La zona costiera, nonostante situazioni idrauliche precarie e carenza di risorse idriche,
si distingue per la portata naturalistica e paesaggistica degli ecosistemi (coste sabbiose e rocciose, sistemi dunali, lagune), confermata dalla presenza di numerose Aree protette,
Riserve e Siti Natura 2000. Il promontorio del Monte Argentario, sistema geomorfologico e paesistico a sé, completa il profilo dell’ambito.
1
p. 5
bassa maremma e ripiani tufacei
p. 6
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
ambito
20
bassa maremma e ripiani tufacei
Descrizione interpretativa
2
bassa maremma e ripiani tufacei
2.1 Strutturazione geologica e
geomorfologica
Strutturazione geologica e geomorfologica
Descrizione interpretativa
criteri metodologici (LINK)
p. 8
I rilievi collinari del bacino neogenico nei dintorni di Saturnia (Foto Noxo Licenza CC BY-ND)
Canyon e altopiani tufacei presso Sorano (Foto solislacus - Licenza CC
BY-NC-ND)
I rilievi dell’Argentario visti da Cala Piccola (Foto Noxo - Licenza CC BY-ND)
La genesi strutturale dell’ambito è da associarsi direttamente alla formazione della catena appenninica derivante dalla
collisione tra la Placca Europea e Africana (Adria).
La storia geologica della Toscana meridionale include diverse fasi deformative che si sviluppano a partire da Trias
al Neogene per un periodo di circa 220 milioni di anni: in
generale l’assetto geologico della Toscana è il risultato di
due processi tettonici principali, una fase compressiva ed
una distensiva.
La prima fase ha indotto l’impilamento di falde delle Unità
Ligure e Toscana su quelle della serie Umbro - Marchigiana
(Oligocene - Miocene) ed il fenomeno di sollevamento della catena appenninica nella fase temporale Miocene - Pleistocene; la seconda fase di natura distensiva, dal Miocene
superiore al Pleistocene Superiore, ha modificato l’assetto
strutturale delle unità precedentemente impilate, andando
a originare numerosi bacini riempiti da sedimenti neogenici.
La fine della prima fase di impilamento coincide, inoltre,
con l’inizio di una nuova fase di trasgressione marina i cui
sedimenti costituiscono la base del ciclo sedimentario Neoautoctono particolarmente evidente nell’area di Orbetello.
La trasgressione è stata preceduta dalla formazione di aree
depresse chiuse, nella quale si instaurano ampi bacini lacustri e palustri. Questa trasgressione, come inoltre la fase di
regressione del Pliocene, ha caratteristiche e dinamiche che
non si possono collegare direttamente al livello eustatico
marino, ma implica dei movimenti di abbassamento nelle
catene appenniniche precedentemente corrugate ed emerse.
La tettonica distensiva miocenica e pliocenica, oltre a generare faglie dirette e bacini sedimentari, è anche strettamente associata ad un diffuso fenomeno di magmatismo
che tende a migrare progressivamente da ovest verso est.
Gli eventi di effusione vulcanica (ignimbritiche) che si sono
susseguite dall’apparato vulcanico dei Monti Vulsinei (Bolsena, Montefiascone e Latera), principalmente nel basso
Pleistocene, hanno generato i ripiani tufacei di Pitigliano,
Sorano e Sovana.
Le varie effusioni piroclastiche avvenute circa 200 milioni
di anni fa, si sono depositate su paleomorfologie costituite
da terreni sedimentari del tardo mesozoico e del Terziario
appartenenti alla Serie Toscana, al Complesso Alloctono
e Neoautoctono; i vari flussi piroclastici si sono stratificati
alternandosi a depositi epiclastici ( Formazioni di Canino,
Sovana, Sorano, Tufi di Poggio Pinzo e Pitigliano) e nel tempo hanno dato origine agli altopiani tufacei che occupano
una parte della Tuscia.
L’altopiano, in seguito, ha subito fenomeni di incisione erosiva da parte del fiume Lente e dei suoi affluenti (Meleta,
Procchio, Lupo, Castel Sereno, Cercone, Caleno), creando
profonde valli incise alternate a altopiani e canyon.
I fenomeni di magmatismo ed erosione, legati alla fase tet-
tonica distensiva susseguita dopo la collisione fra placca
Adriatica e Corso-sarda, hanno portato in superficie rocce
magmatiche intrusive che costituiscono il plutone monzogranitico dell’Isola del Giglio.
Si ipotizza che l’evoluzione dell’area Giglio-Argentario sia il
risultato di due intrusioni magmatiche localizzate in corrispondenza dell’Isola del Giglio e in profondità presso l’Argentario.
Le intrusioni di tali plutoni hanno provocato il sollevamento
delle coltri sedimentarie e la formazione di un horst in corrispondenza dell’Argentario. La successiva evoluzione tettonica estensiva ha provocato un inabissamento dell’area
compresa tra Argentario e Giglio e trasformato quest’ultima
in un ambiente insulare.
Al contrario, l’Isola di Giannutri, risulta il proseguimento
strutturale di Calcare Cavernoso del promontorio del Franco
e rappresenta un horst delle Unità Tosco - Alpine rimasto
emerso.
Schema strutturale d’ambito
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
2.2 Processi storici di
territorializzazione
Le più antiche frequentazioni umane in Maremma risalgono
a 500.000 anni fa (Paleolitico inferiore). Si tratta di poche
attestazioni fra cui emerge il ritrovamento di 799 strumenti
litici in località Montauto di Manciano. Nel corso della preistoria le testimonianze si fanno più numerose e si addensano nella valle del Fiora, nell’alta valle dell’Albegna, sul Monte
Argentario.
Con l’Eneolitico o età del Rame si sviluppa in Maremma (dal
3000 a.C. circa) una delle varianti culturali più interessanti
del periodo: la facies di Rinaldone. Dal punto di vista della
produzione materiale la cultura di Rinaldone è caratterizzata
da un tipo vascolare definito vaso a fiasco e da abbondanti
cuspidi litiche di freccia. I siti rinaldoniani sono numerosissimi: dalla valle del Fiora alla zona del tufo, dal rosellano
alle colline metallifere. La cultura di Rinaldone si estende
fino alla fase iniziale dell’età del Bronzo. Successivamente,
dal 2000 a.C. circa, si registra un incremento demografico:
nascono numerosi insediamenti anche palafitticoli e si diffonde l’uso dell’aratro e i ripostigli di pani e oggetti metallici.
Dal 1700 circa a.C. si sviluppa la pastorizia e si attivano
gli scambi con l’Egeo (rinvenuta ceramica micenea); sono
diffusi luoghi di culto in grotte con la presenza di acqua
soprattutto nella valle del Fiora. Nella fase finale dell’età del
Bronzo (dal 1150 a.C. circa) o protovillanoviano, compare
il rito dell’incinerazione e si torna a tesaurizzare il metallo.
Ripostigli sono stati rinvenuti al Campese (Isola del Giglio)
e in varie località dell’alta valle dell’Albegna. Attestazioni anche sull’Isola di Giannutri.
Periodo Etrusco
I lineamenti fondamentali del paesaggio etrusco storico iniziano a definirsi fra la fine dell’età del Bronzo e l’età del Ferro quando i villaggi, posti su aree naturalmente fortificate,
vengono abbandonati a favore di luoghi di conformazione
simile ma molto più estesi. Il fenomeno è stato definito protourbanizzazione, perché è all’origine delle maggiori città
etrusche. il caso più evidente è quello di Vulci (poco fuori dal territorio toscano, in provincia di Viterbo), collegato
all’abbandono dei centri protostorici della valle del Fiora.
Accanto ai centri maggiori, nell’VIII e soprattutto VII secolo
a.C. nascono centri minori (Poggio Buco, Pitigliano, Sovana,
Orbetello), talvolta sul sito di precedenti abitati protostorici.
Marsiliana si presenta come un piccolo centro di potere antagonista a Vulci.
Questi eventi sono accompagnati da cambiamenti culturali
e sociali profondi: alla fine dell’età del Ferro l’incinerazione
è sostituita dall’inumazione (con l’esclusione delle aree più
interne, di cultura chiusino-volterrana), i corredi si fanno più
ricchi e aumentano i beni d’importazione. Il fenomeno raggiunge il suo apice nel periodo orientalizzante (fine VIII-VII)
in cui lo scambio con l’Oriente e la Grecia è intensissimo. La
Processi storici di territorializzazione
Descrizione interpretativa
criteri metodologici (LINK)
Preistoria e protostoria
bassa maremma e ripiani tufacei
2.2
Rappresentazione della rete insediativa di periodo preistorico e protostorico sulla base dell’informazione archeologica edita, con ipotesi delle direttrici di
transito e comunicazione (tracciati restituiti con pallini neri: più grandi per la viabilità primaria, più piccoli per quella secondaria). Scala 1: 325.000
Rappresentazione della rete insediativa di periodo etrusco sulla base dell’informazione archeologica edita, con ipotesi delle direttrici di transito e comunicazione (tracciati restituiti con pallini neri: più grandi per la viabilità primaria, più piccoli per quella secondaria). Scala 1: 325.000
p. 9
Processi storici di territorializzazione
Descrizione interpretativa
bassa maremma e ripiani tufacei
p. 10
colonizzazione greca dalla fine dell’VIII secolo porta anche
innovazioni importanti quali la scrittura, il tornio da vasaio e
nuove tecniche agricole.
Nell’età arcaica il processo di formazione della città in Etruria è compiuto. Vulci mostra una forte crescita economica e
culturale: la città importava, produceva e smistava verso l’Etruria interna e settentrionale beni di lusso, mentre esportava nel Mediterraneo occidentale il vino prodotto nel suo
territorio. L’intervento di Vulci è probabilmente all’origine
della fine di Marsiliana (seconda metà VI secolo a.C.), ma
anche di altri centri periferici delle valli del Fiora e dell’Albegna (Saturnia, Poggio Buco, Orbetello, Talamone, Pitigliano,
Sovana), che non restituiscono più alcuna testimonianza fra
la fine del VI e la prima metà del V secolo a.C. Con la scomparsa di Marsiliana si intensificò l’insediamento sparso nelle
campagne sulla riva opposta dell’Albegna, intorno all’attuale
Magliano.
Fra la fine dell’età orientalizzante e l’inizio dell’età arcaica le
maggiori città etrusche mostrano la tendenza a procurarsi
uno sbocco sul mare e a fondare insediamenti portuali: a
questo periodo risalgono infatti le strutture portuali individuate nel centro storico di Orbetello e le tracce di frequentazione del porto di Talamone.
Con il V secolo a.C., a seguito della battaglia di Cuma (474
a.C.), le rotte commerciali iniziano a gravitare sull’Adriatico.
L’eliminazione sistematica dei centri minori da parte di Vulci
potrebbe essere collegata anche a questa nuova situazione,
che impone la disponibilità delle risorse e l’apertura o il
potenziamento di vie commerciali con l’Etruria interna, per
controbilanciare la perdita della precedente supremazia. Nel
V secolo, la ristrutturazione del territorio di Vulci si completa con la fondazione di un nuovo grande centro a circa
quattro chilometri dalla foce dell’Albegna in località Doganella. Si tratta di un insediamento atipico per la sua enorme
estensione (230 ettari, quasi il doppio di Vulci) con impianto
urbano abbastanza regolare, tipico delle città di nuova fondazione, all’interno del quale sono compresi anche campi
coltivati e pascoli.
Nel IV secolo a.C. le campagne riprendono a popolarsi. Piccoli abitati, o più spesso piccole necropoli, segnalano un
ritorno all’insediamento sparso che nel secolo precedente
si era rarefatto. Il fenomeno non va però interpretato come
una ripresa generale: le condizioni economiche delle città
sono infatti ancora generalmente buone, anche se dall’esterno molti pericoli minacciano l’Etruria. Da nord premono
i Celti che in successive ondate migratorie si spingeranno
verso sud (finché non saranno definitivamente bloccati nel
225 a.C. dall’esercito romano), mentre già dal V secolo i
Siracusani e i Cartaginesi controllano le rotte e i commerci,
avendo tolto agli Etruschi quel primato marittimo che li aveva resi famosi nei secoli precedenti; un ulteriore elemento
di debolezza interna viene inoltre dalle profonde, quanto
fisiologiche, divisioni fra le città etrusche. Sempre in età
ellenistica si verifica, in molti territori, la nascita di fortezze
d’altura, centri in posizione strategica sulla costa o sui confini interni. L’immagine complessiva è quella di un momento storico di grande tensione. Nel territorio di Vulci i centri
fortificati di IV secolo non sono tutti di nuova fondazione
(Saturnia, Talamone, Orbetello).
Periodo Romano
La conquista romana di questa parte di Etruria fu attuata fra
294 (Roselle) e 280 a.C. (Vulci). Le città etrusche conquistate vengono costrette a trattati di alleanza estremamente
punitivi, in cui è compresa la confisca di settori cospicui
di territorio. Gli interventi successivi da parte dei Romani
portano ad una ristrutturazione profonda del paesaggio. Le
fondazioni della colonia di Cosa (273 a.C.), seguita nel 183
da Saturnia e intorno al 150 da Heba (compresa all’interno
dell’ambito 18 - Maremma Grossetana), sono accompagna-
te dalla ridefinizione agrimensoria (centuriazione) di buona
parte del vecchio territorio di Vulci e dalla costruzione di due
grandi strade (via Aurelia/Aemilia Scauri a partire dal 241 e
via Clodia nel 181 a.C.) e di una rete viaria minore e di porti
(in particolare il portus Cosanus). Gli Etruschi superstiti si
trovarono costretti a vivere, impoveriti, nelle vecchie città
o ai margini del territori colonizzati. Sopravvive tuttavia almeno fino al I secolo a.C. la cultura etrusca, come dimostra
il grande frontone fittile del tempio del Talamonaccio (metà
II secolo a.C. circa) con una scena dei Sette contro Tebe.
Nel corso del II secolo a.C. cominciano a diffondersi soprattutto nel territorio di Vulci ville a conduzione schiavistica
che producono vino per l’esportazione. Sorgono così nel
territorio nuove infrastrutture (le fornaci di anfore) e vengono potenziati strade e porti. Allo stesso tempo la piccola
proprietà contadina legata alle colonie entra in crisi.
La guerra fra Mario e Silla all’inizio del I secolo d.C. porta
alla distruzione di molti centri, fra i quali Talamone, con il
relativo santuario, e Saturnia.
La crisi delle ville schiavistiche porta intorno al 100 d.C. a
cambi di proprietà e di colture, mentre sulle coste si diffondono le ville marittime. Fra Nerone e Adriano, gran parte
della costa entra a far parte delle proprietà imperiali, con la
costruzione e la ristrutturazione di grandi ville come quelle
di Giglio e Giannutri.
A partire dalla fine del II secolo d.C. l’insediamento nelle
campagne si dirada e molte ville vengono abbandonate. Si
formano latifondi destinati a produzioni estensive mentre,
a partire dall’età severiana, cominciano a manifestarsi i primi segni di impaludamento lungo la costa. I centri urbani
decadono: Heba e Saturnia risultano abbandonate fra III e
IV secolo d.C., mentre Cosa è ormai ridotta ad un centro di
limitata vita civile. A testimonianza di tale crisi, nel V secolo
Rutilio Namaziano testimonia che le strade sono impraticabili e troppo pericolose per viaggiarci.
Periodo medievale
Rappresentazione della rete insediativa di periodo romano sulla base dell’informazione archeologica edita, con ipotesi delle direttrici di transito e comunicazione (tracciati restituiti con pallini neri: più grandi per la viabilità primaria, più piccoli per quella secondaria). Scala 1: 325.000
Fra V e VI secolo la zona viene cristianizzata. L’area costiera
è interessata dalla costruzione di fortezze legate alla resistenza bizantina contro i longobardi (Cosa, Talamonaccio),
che non impediscono, fra fine VI e inizi VII secolo, la conquista completa di questi territori da parte dei Longobardi.
Con il VII secolo gli ultimi resti dell’insediamento romano si
disgregano. Le rovine delle ville vengono talvolta occupate
precariamente da comunità di pastori; in questo periodo
è inoltre dimostrata, per la prima volta, la presenza della
malaria.
Lontano dalla costa e spesso sulle alture, a partire dal VIIVIII secolo, si diffondono insediamenti aperti (curtes), piccoli villaggi e qualche casa sparsa; l’economia ha in questa
fase carattere fondamentalmente silvo-pastorale, con limitate zone destinate alle attività agricole. Con il IX secolo si
espandono in Maremma gli Aldobrandeschi, mentre la parte
meridionale, rivendicata dal Papato, entra a far parte dei
beni dell’Abbazia delle Tre Fontane di Roma.
Fra XI e XII secolo si colloca il fenomeno dell’incastellamento, con la comparsa di castra sia di nuova fondazione, sia su
precedenti villaggi o curtes. Allo stesso tempo acquistano
sempre maggiore importanza monasteri e pievi, che diventano anche centri di aggregazione del popolamento.
Con l’inizio del XIII secolo l’incastellamento raggiunge il suo
massimo sviluppo, comprendendo tutti i centri oggi abitati
e molti altri in seguito abbandonati. Tali castelli sono frequentemente soggetti ad ampliamenti e si dotano inoltre di
nuove e più ampie cerchie di mura e casseri.
Il Basso Medioevo è anche il periodo in cui si affacciano in
Maremma gli Stati cittadini in espansione, entrando in contrasto con i detentori di patrimoni feudali, con le abbazie e
con le comunità locali con ambizioni di autonomia. Da est
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
Periodo moderno
Il territorio dell’ambito fino all’inizio del XIX secolo fu ripartito fra vari Stati, con condizioni amministrative differenziate.
Pianure e colline costiere dei bacini Osa-Albegna, con Talamone, Orbetellano e Argentario appartennero allo Stato
Senese fino al 1555-57, quando, come Presidios di Orbetello, passarono alla Spagna (all’Austria nel 1708 e al Regno
di Napoli nel 1736), fino all’annessione al Regno di Etruria (1801) e al Granducato (1814-15). L’interno collinare di
Rappresentazione della rete insediativa di periodo medievale sulla base dell’informazione archeologica edita, con ipotesi delle direttrici di transito e
comunicazione (tracciati restituiti con pallini neri: più grandi per la viabilità primaria, più piccoli per quella secondaria). Scala 1: 325.000
Manciano e la costa capalbiese con Burano appartennero a
Siena e dal 1555-57 al Granducato mediceo, con Saturnia
ridotta a feudo Ximenes. La Contea di Pitigliano e Sorano
(dal 1410 decurtata di Sovana e dei suoi comunelli, annessi
a Siena) venne governata dagli Orsini che nel 1604-08 la
cedettero ai granduchi, che l’amministrarono come feudo
fino al 1783. Quell’anno Sovana (con comunelli e feudi) entrò nella Comunità di Sorano. Le isole Giglio e Giannutri
fecero parte del Marchesato di Castiglione dei Piccolomini
d’Aragona fino al 1558, quando furono acquistate da Cosimo I ed entrarono nello Stato mediceo. Nel 1616 i Medici
acquistarono la Contea Ottieri di Castell’Ottieri (accorpata a
Pitigliano e Sorano), mentre rimase autonomo il marchesato Ottieri di Montorio. Nel 1634 e 1650, i Medici crearono i
feudi di Montevitozzo (Barbolani di Montauto) e San Martino
(Bourbon Del Monte).
La giurisdizione feudale rappresentò fino al 1783 un forte
ostacolo allo sviluppo di società ed economia locali e arretrato risultò l’assetto agrario e territoriale dei Presidios; qui
i latifondi regi e quello Expeco y Vera di Tricosto-Burano
lasciarono uno spazio maggiore ai beni terrieri e lacustri
comunali e alle proprietà particellari a colture intensive (vigneti, alberi da frutta e ortaggi) degli abitanti dei centri,
mentre le risorse ittiche venivano sfruttate stagionalmente
da pescatori napoletani e liguri che in parte si stabilirono a
Orbetello, Talamone, Porto Santo Stefano e Porto Ercole.
Mentre la piccola Giannutri rimase spopolata fino alle iniziative turistiche stagionali della seconda metà del Novecento,
Giglio mantenne continuità di popolamento dall’alto Medioevo in poi. Furono potenziate le difese di Giglio Castello
e realizzate le torri costiere del Porto (metà Cinquecento),
Lazzeretto (1622-24) e Campese (1700).
I pochi provvedimenti presi nel territorio mediceo (trapianto di colonie lombarde e greche a Sovana, presto estinte
e regimazioni fluviali e bonifica di alcuni paduletti) furono
destinati al fallimento.
Nei Presidios, tra metà del XVI e inizio del XVII secolo venne
creato un complesso colossale di fortificazioni, con rafforzamento della cinta bastionata di Orbetello e Porto Ercole
(forti Filippo, Stella, Santa Barbara e Santa Caterina), la costruzione dei forti di Saline d’Albegna, Porto Santo Stefano
e Burano e di torri costiere (Avvoltoio, Ciana, Cannelle del
Monte nell’Argentario e Capo d’Uomo di Talamone). L’assetto paesistico-agrario dei Presidios fu ugualmente arretrato
come quello della Maremma granducale e della Contea Orsini. Qui vennero realizzati (1547-80) interventi urbanistici
come il rafforzamento delle fortificazioni di Pitigliano e Sorano. Gli ambienti ipogei, con funzioni anche abitative, erano
una costante nei due centri e nei loro territori (Montorio,
San Giovanni alle Contee, San Quirico e Vitozza), dove l’edificato residenziale e commerciale è strettamente intessuto
con il “ricavato” adibito a magazzini, cantine e stalle.
Il Rinascimento a Pitigliano e Sorano e nei centri minori della Contea vide la creazione di comunità ebraiche di artigiani,
banchieri e mercanti, con erezione di sinagoghe e ghetti.
Tra Sei e Settecento, si registrò una notevole caduta demografica e le comunità dei centri minori finirono con estinguersi nel corso del secolo XVIII. Nel Pitiglianese e Soranese, le coltivazioni intensive come i canapai (in appezzamenti
lungo i corsi d’acqua) e le colture arboree di pregio (ulivi
e soprattutto viti a vigna) erano presenti e tutelate dagli
statuti; l’allevamento brado era praticato in incolti e boschi.
Gli Orsini poi i Medici controllavano quasi tutte le risorse
agro-forestali; possedevano una vastissima proprietà, con
centri aziendali a Montevitozzo e San Quirico, a conduzione
diretta o con affittuari; pochi i poderi; terre e pascoli erano
concessi in affitto. Nel corso dei secoli XVI-XVII i Conti e gli
altri proprietari elargirono terreni a famiglie di agricoltori,
con livelli e cessione al proprietario di parte dei raccolti. I
contadini disponevano di diritti di pascolo e legnatico nelle
terre boschive e incolte rimaste indivise. Tale sistema garantiva alla proprietà una rendita sicura e la esonerava da
oneri e investimenti. Pure le comunità di Pitigliano e Sorano possedevano terre, organizzate in bandite affittate per il
pascolo a privati o fruite gratuitamente dalla popolazione.
Nonostante le critiche condizioni, Sovana continuò ad essere capoluogo di una provincia giudiziaria dello Stato Senese, ruolo che nel Rinascimento le permise di arricchirsi
di strutture fortificate e urbanistiche. La città contava solo
un centinaio di abitanti: tale realtà spiega i tentativi di ripopolamento e rivitalizzazione socio-economica attuati nei
secoli XVI e XVII, mediante concessione di privilegi di varia
natura, sempre con scarso successo.
Al Giglio la popolazione era dedita ad agricoltura intensiva
(viticoltura, granaglie e ortaggi in piccole proprietà su versanti terrazzati), pesca e trasporti marittimi, oltre che all’escavazione di graniti, marmi (dal XX secolo pirite e ferro);
attività integrate da usi civici di pascolo e legnatico nella
macchia comunale del Franco.
Nei Presidios, la maggiore trasformazione territoriale dell’età moderna fu la creazione di Porto Santo Stefano che, nel
primo Settecento, consisteva in poche abitazioni ai piedi del
forte del primo Seicento e contava appena 200 abitanti. A
fine secolo, il borgo attraeva corallari e pescatori soprattutto
dal Sud d’Italia: gli abitanti salirono a 400 nel 1741 e ad
oltre 800 del 1775.
Nel 1787 Pietro Leopoldo descrive Porto Ercole: porto “buono, sicuro e bello, con un piccolo paese di 200 anime e una
guarnigione di 50 uomini, di aria pestifera”; e Orbetello abitata da “2000 anime con guarnigione di 700”, città piccola,
con lo lo stagno “pieno di acque salse e pesce”, principale
risorsa degli abitanti.
In epoca lorenese (1760) venne allivellata la fattoria granducale di Marsiliana (12.000 ettari) ai principi Corsini.
Processi storici di territorializzazione
maremmani vengono così, nel corso di circa un secolo (a
cavallo fra XIII e XIV secolo), sottomessi, assediati, conquistati e qualche volta distrutti definitivamente (Ansedonia,
Scerpena e Capalbiaccio). La Repubblica Senese non riesce
infine nell’intento di unificare tutta la Maremma, la cui conquista, perseguita con tanta ostinazione, si è quindi rivelata
un pessimo affare e ha avuto forse un peso decisivo nella
crisi e nella successiva caduta di Siena stessa (1557).
Descrizione interpretativa
tenta a lungo di garantirsi uno sbocco sul mare Orvieto, che
esercita la sua influenza soprattutto nelle valli del Fiora e
dell’Albegna, fino a Capalbio e Orbetello, fra la fine del XII e
gli inizi del XIV secolo.
Con il XII secolo inizia l’espansione in Maremma del Comune di Siena, che si affermerà definitivamente nel XIV secolo.
L’investimento senese nel progetto di conquista della Maremma è enorme in termini di campagne militari, di acquisti
di castelli, di costruzione di fortificazioni e ristrutturazione
di interi centri abitati (Talamone all’interno di questo ambito, Magliano e Roccalbegna in quelli limitrofi). Contemporaneamente Siena, in concorrenza con Firenze, cerca di
assicurarsi il porto di Telamone, cha riesce infine ad acquistare nel 1303. Ma il porto di Talamone (così come quello di
Grosseto, spazzato via nel corso del Trecento da una piena
che allontana il corso dell’Ombrone dalla città) non avrà
mai sviluppo, a causa dell’errata politica economica senese e della mancanza di un retroterra produttivo. I castelli
bassa maremma e ripiani tufacei
2.2
p. 11
bassa maremma e ripiani tufacei
Nel vasto territorio dell’ambito, l’unica manifattura fu la medievale ferriera della Pescia Fiorentina, di proprietà della comunità di Capalbio, gestita a lungo dalla Magona del ferro
granducale, che dal 1777 venne acquistata dagli imprenditori pistoiesi Vivarelli Colonna.
Periodo contemporaneo
Nell’età della Restaurazione (1814-24), lo Stato dei Presidi
fu annesso al Granducato. Nel 1842 furono istituite nuove
comunità: Monte Argentario (con distacco da Orbetello di
Porto Santo Stefano e Porto Ercole) e Capalbio (nel 1960
con distacco da Orbetello: fino al 1842 aveva fatto parte di
Manciano); nel 1928 le frazioni di Catabbio e San Martino da
Sorano passarono a Manciano.
Nello stesso periodo furono alienati vasti beni comunali
incolti e macchiosi di Orbetello (circa 7000 ettari), di cui
approfittarono notabili e possidenti locali, ma il vecchio si-
stema cereali-pascolo, ceduazione dei boschi durò ancora
a lungo.
Nel Pitiglianese-Soranese, le trasformazioni sociali, economiche, paesistiche e infrastrutturali favorirono crescita demografica, dilatazione dell’agricoltura e dell’appoderamento, ammodernamento della rete stradale.
Tra Sette e Ottocento, ebbe inizio il processo di riqualificazione dell’abitato di Pitigliano, e negli anni ’30 del XIX secolo
furono assegnati terreni per nuove abitazioni; la popolazione della comunità passò, tra 1778 e 1786, da 2027 a 2333
anime; nel 1825 gli abitanti erano saliti a 2644, nel 1833 a
3193 e nel 1840 a 3420. A Sorano fu consolidato il costone
tufaceo, con trasformazione della rupe in una torre bastionata (Sasso Leopoldino), ma il problema della stabilità del
paese restò irrisolto: nel 1833 contava 1115 abitanti e 1340
nel 1861. Nel frattempo, i nuovi piccoli e medi proprietari
coltivatori ampliarono le coltivazioni, con impianto di viti per
lo più a vigneto, ulivi, frutti e creazione di poderi con case
isolate. La conduzione diretta si radicò in piccoli aggregati
come S. Quirico, S. Valentino, S. Maria dell’Aquila. Nei circa
3600 ettari già del comune di Sovana e dei comunelli di
Elmo e S. Martino-Montebuono si costruirono nuove case e
si riattarono edifici rovinati. Nel Soranese, nella metà degli
anni ‘40, i poderi salirono a 300 (mezzadria e conto diretto),
con avanzata di orti e piccole vigne a palo sui terreni terrazzati, introduzione di foraggere e piantate di gelsi.
Nel 1827, il perito catastale Ferdinando Franceschi sottolineava come a Pitigliano la popolazione fosse “numerosissima”
e il commercio “prospero”; erano domiciliati circa 600 ebrei
e prevaleva la piccola proprietà coltivatrice; le produzioni di
vino e olio erano esuberanti rispetto ai consumi; le strade
più importanti rese rotabili.
Il litorale Orbetellano-Capalbiese non produsse invece trasformazioni di rilievo nel XIX secolo, tranne il potenziamen-
Processi storici di territorializzazione
Descrizione interpretativa
Gran parte delle risorse terriere del Pitiglianese e Soranese
(circa 10.800 ettari) da secoli appartenevano ad Orsini e poi
granduchi ed il paesaggio era dominato da campi ed erba,
incolti, pascoli, macchie e boschi di alto fusto di roverelle e
cerri. Le poche aziende poderali con casa contadina isolata
della Contea comprendevano seminativi nudi e pasture. La
rete viaria era rada e in condizioni di degrado, con forte
penalizzazione per il commercio. Le politiche territoriali lorenesi riorganizzarono il Pitiglianese nell’assetto amministrativo, economico-sociale (concessione di fabbricati e terre alla
popolazione, abolizione di privilegi signorili e servitù feudali)
ed ambientale (miglioramento e costruzione di infrastrutture viarie).
Grazie alla riforma comunitativa e alla mobilizzazione fondiaria del 1783 e al liberismo economico, Pitigliano e Sorano
con i loro territori avviarono un graduale sviluppo socioeconomico. Lo stesso avvenne per Manciano e Capalbio.
p. 12
Il territorio della bassa Maremma con i ripiani tufacei nella seconda metà del XVIII secolo (Ferdinando Morozzi, Archivio Nazionale di Francia)
Il territorio dell’ambito nella carta della Toscana di Giovanni Inghirami del 1825-30 in scala 1:100.000 (Archivio Nazionale di Praga)
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
Carige e Bassa. Tra le due guerre, la costruzione di nuove
case d’agenzia (e l’ampliamento di altre esistenti) si moltiplicò soprattutto nelle pianure costiere. Mentre l’agricoltura
guadagnava la piaga risanata da malaria e acquitrini (dei
quali restavano esigui lembi oggi trasformati in zone umide
a Orbetello e Burano), prendevano corpo i movimenti turistici nei centri di Porto Ercole, Orbetello e Porto Santo Stefano. Soprattutto Orbetello, per lo sviluppo delle industrie,
dell’idroscalo e della sua stazione (1916), e per gli influssi
commerciali del canale di Santa Liberata e della ferrovia per
Porto Santo Stefano, entrò in una fase di crescita demografica subito dopo la Grande Guerra: gli abitanti salirono
da 3965 nel 1921, a 4781 nel 1931, a 6444 nel 1951. Nuovi edifici sorsero all’interno del perimetro murario, poi, con
abbattimento delle fortificazioni esterne a Porta di Terra,
l’abitato cominciò ad espandersi.
Anche la Maremma orbetellana e dei tufi venne investita dalle trasformazioni della riforma agraria dell’Ente Maremma, con capillare diffusione di case isolate (o riunite
in gruppetti di 3-4 nell’area “Sud-Aurelia” del Capalbiese),
strutture cooperative (cantine e oleifici sociali, stabilimenti
per la lavorazione e commercializzazione dei prodotti, caseifici); nuovi borghi rurali (Marsiliana, Carige e Polverosa
nell’Orbetellano, Sgrillozzo nel Mancianese) dotati di consorzi agrari, spacci, chiese e scuole; nuove strade, elettrodotti, acquedotti e strutture per l’irrigazione.
Nell’ultimo mezzo secolo si segnalano la crisi delle aree interne del Tufo, per la disgregazione della mezzadria e l’esodo
agricolo (anni ‘50-‘70) e la crescita della stazione termale di
Saturnia, e soprattutto del litorale, che ha prodotto l’espansione dei centri abitati e la proliferazione poco regolata di
insediamenti funzionali al turismo balneare (seconde case,
alberghi, campeggi, villaggi turistici). L’andamento demografico vede la popolazione sostanzialmente statica a livello
generale tra 1951 (50.392 abitanti) e 1981 (50.535 abitanti), con a seguire il decremento nel 1991 (48.723 abitanti)
e nel 2001 (46.830 abitanti) e la ripresa recente (49.212
abitanti). Mentre Sorano, Pitigliano e l’isola del Giglio esprimono un trend sempre negativo e Monte Argentario appare
stabile, i comuni turistici di Orbetello, Capalbio e Manciano
invece risultano in graduale leggera crescita,
Processi storici di territorializzazione
nato e Doganella di Orbetello (40 poderi fra 1905 e 1922).
Tra Otto e Novecento, la crescita demografica fu alta: nei
centri circondati da mura (Orbetello, Porto Ercole, Pitigliano,
Sorano, Manciano) gli spazi vuoti vennero riempiti e iniziò
l’espansione verso l’esterno. La crescita interessò pure gli
abitati sulle linee ferroviarie e viarie più importanti, come
Fonteblanda e Albinia sull’Aurelia. Il maggiore centro di scalo della pianura divenne la stazione di Orbetello, che si sviluppò dal 1910 attorno all’industria Montecatini impiantata
nel 1907-08: l’insediamento aveva 138 abitanti nel 1921,
ma l’espansione più forte si registrò durante il Ventennio.
Nel 1910-13 furono costruite la piccola ferrovia che dalla
miniera di ferro manganesifero dell’Argentario conduceva al
molo di Santa Liberata e la ferrovia commerciale stazione
di Orbetello-Porto Santo Stefano (entrambe distrutte nel
1944). Nel 1907 era stato aperto il canale navigante di Santa Liberata, a servizio dello stabilimento di fertilizzanti ed
esplosivi.
Interventi di adeguamento, prima della Grande Guerra, interessarono la strada Pitiglianese, negli anni ’20-’30 la Grosseto-Istia-Scansano (con proseguimento per Manciano) e la
rettificazione dell’Aurelia a sud di Grosseto fino al Chiarone
(1928-29), con i nuovi ponti su Ombrone e Albegna.
Ancora nel 1915, la realtà delle bonifiche appariva precaria.
Nel circondario di Orbetello, su 5271 ettari ne erano stati
bonificati solo 83; 1641 erano in corso di bonifica; 3547 ancora in attesa (Burano e piana Osa-Albegna). A Talamone, si
stava attuando un sistema misto con colmata, essiccazione
e idrovore. Nel 1927, risultavano recuperate terre per ettari
200 a Burano, 410 a Orbetello e 1050 a Talamone. La bonifica era in corso su 1100 ettari a Talamone, e si prevedeva
l’inizio delle operazioni a carico dello Stato su 2540 ettari a
Orbetello e in concessione a privati su ettari 8440 a Burano e 9400 nell’Osa-Albegna. A Talamone, erano entrati in
funzione l’idrovora e i due canali allaccianti. A Orbetello si
lavorava all’essiccazione di tre pescine prossime all’abitato.
A Talamone, il Genio Civile aprì nel 1935 i due canali allaccianti orientale e occidentale delle acque alte, il canale delle
acque basse di Valentina (alimentato dall’idrovora di Pietravergine), la strada longitudinale e operò le colmate artificiali
dei paduletti delle Casacce. Nel comprensorio Osa-Albegna,
dal giugno 1928 operò l’omonimo consorzio, che eseguì l’arginatura dei due fiumi, l’escavazione di canali per 60 km, la
colmata delle zone umide Nizzi e Osa, la costruzione di tre
ponti (su ferrovia, Aurelia e provinciale per l’Amiata), l’impianto della pineta sul tombolo. A Orbetello, il Genio Civile
sistemò i canali immissari ed emissari della laguna, costruì
vari caselli idraulici, strade e chiaviche. Nel comprensorio di
Burano e Capalbio, il Genio Civile in economia con la Società
Autonoma Capalbio Redenta Agricola e il principe Boncompagni Ludovisi costruirono canali e arginature delle acque
basse per decine di km e le strade di Tagliata, Tre Occhi,
Descrizione interpretativa
to (anni ‘40 dell’Ottocento) dell’opificio di Pescia che ebbe
però breve durata.
Di fronte alla sostanziale stagnazione di Orbetello, decaduta
dopo la perdita del ruolo di capitale dei Presidios, si registrò
lo sviluppo dei due porti dell’Argentario: Porto Santo Stefano registrò 1459 abitanti nel 1818, 3000 alla metà del secolo e quasi 6000 nel 1885; il centro urbano fu accresciuto con
edifici pubblici e privati. Vicino al Fortino del Lazzeretto, era
presente uno Stabilimento di Bagni di mare, embrione dello
sviluppo turistico. La popolazione di Porto Ercole dal 1740
al 1850 circa restò quasi stazionaria con 400 abitanti, ma
raggiunse i 700 nel 1868, i 975 nel 1871 e i 1286 nel 1881,
grazie anche allo sviluppo della borgata Le Grotte.
Nella pianura costiera, l’inazione del governo lorenese in
materia di bonifica venne superata dal governo ricasoliano
che iniziò i lavori nelle zone umide. Nel 1859-1860, fu chiuso l’emissario di Fibbia per evitare che le acque d’Albegna
entrassero in laguna; a Talamone fu scavato l’allacciante di
Bengodi; a Camporegio fu approfondito il fosso Primo e a
Burano sbarrata con diga la foce del lago, con apertura del
canale parallelo al Tombolo attraverso i paduletti di Macchiatonda e Tagliata e di un altro fosso che congiungeva il
paduletto delle Basse: il tutto per trasferire nel nuovo scolmatore le acque stagnanti e portarle al mare.
Sotto il nuovo Regno, la bonifica non registrò progressi, a
parte il prosciugamento del paduletto di Cala Galera di Porto
Ercole.
Il Genio Civile nel 1871-73 progettò di riarginare Osa e Albegna e la laguna di Orbetello per la quale si prevedevano
tre bocche di comunicazione con il mare, aperte nel 187679 (Saline, Nassa e Ansedonia). Ancora nel 1903 nell’Orbetellano permaneva la maggior parte dei terreni paludosi maremmani per l’impossibilità di realizzare colmate e bonifiche
per canalizzazione.
Con l’unità d’Italia, l’isola del Giglio venne smilitarizzata e le
fortificazioni privatizzate o destinate ad altre funzioni pubbliche. La comunità locale, all’inizio del XX secolo, manteneva una popolazione di oltre 1600 abitanti. Guido Carocci
(1900) descrive “vigneti ubertosi e campi feracissimi”, gestiti da una popolazione dedita alla coltura dei campi, alla
pesca e concia delle acciughe, al commercio nel continente
del pescato e “dei loro gagliardissimi vini”. Egli segnala “il
sorgere di una nuova stazione balnearia marittima”, prodromo dell’attuale vocazione che ha quasi cancellato le tracce
della precedente economia agro-silvo-pastorale. Intorno
alle torri e agli approdi di Porto e Campese sorsero borghi
residenziali di pescatori e marittimi, che nella seconda metà
del XX secolo hanno avuto un notevole sviluppo turistico.
Con il miglioramento igienico-ambientale (grazie alle campagne anti-malariche avviate nel 1901), l’appoderamento
mezzadrile prese sviluppo ad opera dei Giuntini alla Parrina
(15 poderi fra 1905 e 1923) e dei Vivarelli Colonna a S. Do-
bassa maremma e ripiani tufacei
2.2
p. 13
bassa maremma e ripiani tufacei
Caratteri del paesaggio
Descrizione interpretativa
Caratteri del paesaggio
approfondimento: livello regionale
p. 14
scala originale 1:50.000
livello d’ambito
bassa maremma e ripiani tufacei
legenda
Caratteri del paesaggio
Descrizione interpretativa
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
2.3
criteri metodologici (LINK)
p. 15
bassa maremma e ripiani tufacei
2.4 Iconografia del paesaggio
Iconografia del paesaggio
Descrizione interpretativa
criteri metodologici (LINK)
p. 16
Abbiamo visto, nella scheda sulla Maremma grossetana,
il legame indissolubile che le città interne avevano con la
costa umida, fortificata e selvatica, di cui anche questo
tassello di Toscana fa parte. Piero Camporesi, che studiò
come la costa italiana e il mare fossero amati ben prima
delle stagioni balneari di fine Ottocento, si sofferma sulla
percezione di queste terre tra forti e maremme nel Cinquecento: i ‘luoghi di Thoscana appresso la marina’, la Hetruria
littoralis di Leandro Alberti, terre per lo più incolte fra laghi,
stagni, colline di impetuosa macchia mediterranea, potevano apparire di ‘buona qualità’ per il gradevole incontro del
‘salvatico col domestico’, per l’alternarsi piacevole del monte e del piano, di acque dolci e di acque salate, ambiente
ideale per godere ‘gli utili e onesti piaceri’ della caccia e
della pesca (la concezione delle maremme come riserva di
caccia e pesca privata costituirà l’opposizione alla bonifica
granducale come perequazione del territorio). Uno spazio
alternativo nel quale insediarsi secondo i cicli stagionali, oltre che il sito perfetto per la costruzione di nuove fiorenti
città. Soprattutto fortificate (accettiamo di proporre, quale
esempio della politica fortificatrice della Repubblica Senese
in maremma, un frammento di tavola senese trecentesca,
senza volervi riconoscere il forte di Talamone quanto piuttosto la forma ideale di una città-avamposto sul mare). In una
lettera-memoriale indirizzata a Gabriele Cesano nel 1544,
Claudio Tolomei loda i dintorni dell’Argentario: “[…] stendesi poi la campagna oltre al lago [lo stagno di Orbetello] in
larghissimo spazio di fruttifero paese e da man destra e da
man sinistra con molte buone castella, con pianure, colli,
valli, selve, prati, acque e tutte l’altre cose disiderabili per
sovvenimento d’una città, ove al presente non manca sol
se non la frequenza de gli habitatori”. Insomma, la marina
traeva ricchezza dall’immediato entroterra. Di questa bassa
maremma Memo Vagaggini ci lascia immagini quiete, alla
bocca dell’Albegna o a ridosso delle grandi pinete del parco
degli Etruschi.
Ritroviamo, molti anni dopo le memorie degli architetti
senesi assoldati per fortificare e sfruttare le maremme, la
medesima percezione di alterità ricomposta di questo paesaggio stretto tra i tufi e il mare. Ad esempio quando Corrado Alvaro si ferma all’Argentario e coglie la diversità della
popolazione costiera, costituita prevalentemente dai discendenti di pescatori e marittimi campani, laziali e liguri, dedita
alla pesca e a coltivi risicati su mirabili terrazzamenti, da
quella interna, profondamente agricola. Scrive Alvaro: “Con
un così bel nome, ricco, sonoro e lucente, l’Argentaro! Sul
magro promontorio che dove c’è un muricciolo o un poco
d’acqua matura buono l’arancio, cento miglia a settentrione di Roma, che dove si può si pianta un orto, una vigna;
stretto ma folto, faticoso e duro ma pulito, sempre in lotta
ma tutti gli anni pieno di nuovi figli come un mai smesso
atto di fede nel domani, la vita è piena di gente che passa,
che viaggia, che va peregrinando in cerca del guadagno
della giornata. Se fosse in una qualunque altra nazione, sarebbe spopolato, disperato, brullo e selvaggio. Poiché è in
Italia, e in Toscana, e in Maremma, d’anno in anno strappa
qualcosa alla natura” (C. Alvaro, Itinerario italiano, 1933).
Le cartoline in uso a metà Novecento mostrano ancora Talamone e l’Isola del Giglio selvagge e austere come doveva
averle sperimentate Alvaro. Con il dopoguerra, l’Argentario
smette gli abiti dimessi della comunità di pescatori e insegue la moda balneare ma, complice la tutela di tutta l’area,
dalla pineta del Tombolo alle lingue di sabbia che creano
M. Vagaggini, Maremma. Bocca d’Albegna, 1938, collezione privata
A. Sbrana, Serata in maremma. Sulla costa. Ultime luci, collezione privata
M. Vagaggini, Maremma, collezione privata
Talamone. Scogliera, cartolina viaggiata nel 1954, Roma, ICCD
M. Vagaggini, Maremma con pini, collezione privata
Anonimo senese, Una città sul mare, 1340.ca, Siena, Pinacoteca Nazionale
Isola del Giglio (Porto). Panorama, cartolina viaggiata nel 1954, Roma,
ICCD
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
gli spettacoli più suggestivi che quest’estremo lembo di Toscana ci offre: i ripiani tufacei, con le loro orgogliose città
turrite costruite a strapiombo, i fianchi trafitti di finestre e
grotte come occhi spiritati, la sensazione di un imminente
sbriciolamento sospesa nell’aria come una quieta minaccia.
Un paesaggio surreale, ch’eppure non riconosceremmo nei
riquadri compiti di Francesco Fontani: Sovana è presa dalla Rocca Aldobrandesca, escludendo del tutto le pareti di
roccia e sottolineandone il carattere di area archeologica da
passeggiata; di Sorano s’intravede la struttura tufacea, ma
immersa in dolci declivi che del tutto ne stemperano la ‘terribilità’; unica, Pitigliano si staglia al di sopra della linea d’orizzonte, ma senza che l’autore, immune evidentemente da
gotici intenti, ne accentuasse il moto verticale. Il confronto
con i riquadri che alle medesime località aveva dedicato,
più di un secolo avanti, Antonio Ruggeri, è eloquente: l’attenzione è tutta concentrata sulla struttura del paesaggio.
I ripiani di tufo sono analizzati nelle diverse conformazioni,
ora a strati sovrapposti (Sovana) ora scivolose (Sorano) ora
scolpite nella roccia (Pitigliano). Tutte inserite nel più vasto
paesaggio, brullo ai piedi, collinare sullo sfondo. Su queste strutture mirabili, guardate con l’occhio della meraviglia
naturalistica, si stagliano le architetture dell’uomo, ricami
arditi lì dove meno ce li si aspetta. In una fotografia da
Trentennio di Giotto Dainelli, il podestà fascista di Firenze,
l’attenzione si sposta sulle pendici coltivate di Sorano, mentre Guido Biffoli, in gita a Pitigliano nel 1969, ragiona sulla
relazione tra le grotte inferiori e il paese costruito, quasi due
facce della medesima medaglia.
Descrizione interpretativa
F. Fontani, Veduta della città di Sovana, da Viaggio pittorico della Toscana
[Disegni di J. e A. Terreni], Tofani e Compagno, Firenze, 1801-1803
la laguna, possiamo ancora oggi tentare di mutuare da Pasolini lo sguardo: “Per un bel pezzo le coste toscane sono
dominate da quella che doveva essere la tomba di Ciano,
in cima a una montagna secca di sole: ora ridotta a una
specie di bunker, probabilmente pieno di feci. Poi comincia
la Maremma, la storia stinge, si attenua, ha un vuoto. Dopo
Cecina (questa bella spiaggia popolare, dove, se io usassi
villeggiare, villeggerei), comincia una serie di coste pure. Il
culmine è Porto Santo Stefano, che non ha più riferimenti
col tempo e con lo spazio. E l’Argentario. Pure pennellate,
macchie luminose, che hanno forma di terra e mare, e una
specie di sonno vivo” (giugno 1959). Di queste luci, ma serali, lascia un segno Antonio Sbrana, cogliendo la costa
nella sonnolenza di un crepuscolo fuori stagione.
Eppure, a rimanere sulla costa, perdiamo davvero uno de-
bassa maremma e ripiani tufacei
Iconografia del paesaggio
F. Fontani, Veduta di Sorano, da Viaggio pittorico della Toscana [Disegni
di J. e A. Terreni], Tofani e Compagno, Firenze, 1801-1803
A. Ruggeri, Sovana città, da Città e castelli del senese, sec. XVII, Firenze, Biblioteca Nazionale
F. Fontani, Veduta di Pitigliano, da Viaggio pittorico della Toscana [Disegni
di J. e A. Terreni], Tofani e Compagno, Firenze, 1801-1803
2.4
A. Ruggeri, Sorano, da Città e castelli del senese, sec. XVII, Firenze,
Biblioteca Nazionale
A. Ruggeri, Pitigliano, da Città e castelli del senese, sec. XVII, Firenze, Biblioteca Nazionale
G. Biffoli, Pitigliano, 1969, Archivio Fotografico Toscano, Prato
p. 17
bassa maremma e ripiani tufacei
p. 18
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
ambito
20
bassa maremma e ripiani tufacei
Invarianti strutturali
3
bassa maremma e ripiani tufacei
3.1 I caratteri
Il paesaggio nei dintorni di Saturnia (photo © Andrea Barghi/VARDA)
p. 20
Collina dei bacini neo-quaternari a argille dominanti e a litologie alternate
del bacino neogenico di Saturnia
(Foto A123703 - Giacchè At… - Licenza CC BY-NC-ND)
Invarianti strutturali
I caratteri idro-geo-morfologici dei bacini idrografici e dei sistemi morfogenetici
idro-geo-morfologici
dei bacini idrografici e dei
sistemi morfogenetici
criteri metodologici (LINK)
La collina sulle unità toscane e liguri nei pressi di Manciano
(photo © Andrea Barghi/VARDA)
Descrizione strutturale
L’ambito si estende tra i bacini idrografici dell’Albegna e
del Fiora, in senso normale alla costa, con una ben definita
stratificazione fisiografica.
A nord-est, il territorio dell’ambito si appoggia alle propaggini dei rilievi montani dell’ambito Monte Amiata, e include
la parte meridionale del massiccio di Castell’Azzara, dai caratteri prevalenti di Montagna calcarea, con aree minori di
Montagna silicoclastica. I fianchi di questo massiccio e di
quello adiacente di Roccalbegna hanno prevalente carattere
di Collina a versanti dolci sulle Unità Liguri, con una certa
concentrazione di insediamenti al passaggio Montagna-Collina. Esistono aree minori della variante a versanti ripidi e di
Collina calcarea.
Immediatamente a sud, in sinistra idrografica del Fiora, si
estende il paesaggio tipico di questo ambito, il sistema di
altopiani dissecati formato da una serie di coltri di flusso
piroclastico (“tufi”), legate agli apparati del vicino Lazio. Si
tratta di un paesaggio unico per la Toscana; per analogia di
caratteri delle forme e funzionali, questo paesaggio viene
assimilato al sistema morfogenetico della Collina su depositi neo-quaternari a livelli resistenti. Le principali differenze
rispetto al “sistema tipo” sono rappresentate dalla ridotta
ampiezza e maggiore frequenza delle valli, che hanno versanti brevi e ripidi, e dai suoli. I suoli sono infatti Andosuoli,
tipici suoli su substrati piroclastici dalle caratteristiche ottimali di fertilità e capacità di ritenuta idrica, senza per questo avere alcuna limitazione di drenaggio. Rispetto ai suoli
simili dei sistemi montani e di Dorsale del Monte Amiata,
questi suoli giacciono su pendenze accessibili alla coltura,
e hanno quindi sostenuto lo sviluppo di sistemi rurali molto
articolati. Il risultato è un paesaggio dalla struttura forte,
costruita dagli estesi ripiani sommitali, intensamente coltivati, dai centri abitati posti su speroni dei ripiani più alti,
dalle valli strette e ombrose, dove spesso si trovano le “città
dei morti” etrusche e le “vie cave” tagliate nel tufo scendono dagli altopiani verso i fondovalle.
Tra le montagne, il Fiora e i rilievi costieri si stende un paesaggio collinare molto complesso, formato da una serie di
rilievi isolati, dalla forma prevalente di massiccio, ma anche
di breve catena o piccolo altopiano. La varietà geologica è
sorprendente, e praticamente ogni rilievo fa storia a se.
Questa situazione è il risultato dei movimenti di subsidenza
differenziale, di origine miocenica e ancora attivi, e di processi di erosione selettiva. Tutti questi processi sono stati
modificati, nel Quaternario, dalle spinte endogene provenienti dalle due provincie magmatiche, la Toscana e la Laziale.
Importanti aree di Collina sui terreni silicei del basamento
sorgono dai confini con il Lazio fino a nord di Capalbio. La
Collina calcarea è molto estesa e rappresenta la “trama di
fondo” della parte meridionale dell’ambito. Importanti aree
di Collina su depositi neo-quaternari deformati sorgono tra
Fiora e Albegna e sul versante destro della Val di Paglia.
Nonostante che questi tre sistemi rappresentino quasi due
estremi dell’età delle formazioni geologiche toscane, le
forme sono molto simili, con versanti ripidi solcati da fitte
vallecole, drenaggio a immagine del rilievo e densa copertura boscosa. Per contrasto, i sistemi di rilievo di Collina a
versanti dolci, sia sulle Unità Toscane che sulle Unità Liguri
presentano gli aspetti specifici già noti in altri ambiti maremmani, formando paesaggi dolcemente ondulati, dominati dai seminativi. Gli aspetti visivi sono talvolta simili a
quelli della Collina dei bacini neo-quaternari, in particolare
per l’ampiezza degli orizzonti.
Alcune aree di Collina su depositi neo-quaternari a livelli
resistenti, legate alla presenza dei travertini della zona di
Saturnia e di conglomerati lungo la valle dell’Albegna, rappresentano il raccordo fisiografico e visivo con le aree di
Collina dei bacini neo-quaternari, qui in posizione fisiografica nettamente ribassata. Le aree dei bacini veri e propri
sono piccole e frazionate, altro aspetto specifico degli ambiti
maremmani, ma coprono aree estese. Il sistema morfogenetico più frequente è la Collina dei bacini neo-quaternari
a litologie alternate, importante anche in destra idrografica
del Paglia. Aree importanti di Collina dei bacini neo-quaternari a sabbie dominanti sono presenti nel medio bacino
dell’Albegna, mentre la Collina dei bacini neo-quaternari a
argille dominanti è ben rappresentata più a monte nello
stesso bacino.
Verso la costa, sistemi di rilievi su formazioni antiche, antenati dell’Appennino, assumono chiara dominanza e una
maggiore regolarità, sostenendo tratti di costa alta di grande valore paesaggistico. Sul continente, dominano i calcari
toscani, a formare gli estesi sistemi di Collina calcarea del
Monte Argentario, dell’Uccellina e dell’entroterra di Orbetello. Affioramenti del basamento metamorfico corrispondono
ad aree di Collina sui terreni silicei del basamento. Anche
l’isola di Giannutri è costituita da formazioni carbonatiche
(Collina calcarea). Le forme, modellate dall’abrasione marina su una blanda anticlinale, sono però molto dolci. La
costa è comunque alta, con falesie di altezza massima di
circa 10 m e numerose insenature di pregio paesaggistico.
L’isola del Giglio è invece costituita essenzialmente da un
plutone granitico neo-quaternario della Provincia Magmatica Toscana, esumato dall’erosione a formare un sistema di
Montagna ignea, dove compaiono le tipiche forme erosive e
di alterazione meteorica come i tor e i tafoni..
I sistemi di Margine e Margine inferiore sono molto ben
rappresentati, in relazione alla valle dell’Albegna, alle valli
minori e alle pianure costiere, testimoniando l’intensa dinamica quaternaria del paesaggio.
I Fondovalle sono numerosi ma non molto ampi. Quelli dei
fiumi maggiori, Albegna e Fiora, hanno i caratteri tipici de-
Monti dell’Uccellina e Talamone (photo © Andrea Barghi/VARDA)
Isola del Giglio: Giglio Castello (Foto C.A. Garzonio)
Cala Spalmatoi, Isola di Giannutri (Foto Delbene - Licenza Public domain)
Tombolo della Feniglia (photo © Andrea Barghi/VARDA)
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
Dinamiche di trasformazione
L’ambito è un delicato insieme di naturalità e testimonianze
dell’azione dell’uomo. Questo insieme è soggetto a dinamiche strutturali naturali e ad interventi artificiali. Il paesaggio
dei depositi piroclastici è un esempio specifico di paesaggio
umano antico, esposto alla naturale usura del tempo.
L’espansione di insediamenti ed infrastrutture lungo la costa
ha raggiunto livelli notevoli nella zona Orbetello – Monte
Argentario e lungo gli assi infrastrutturali, con chiare prospettive di ulteriore incremento. Nel complesso, però, il territorio sembra ancora più condizionato dalla fase dello spo-
Le cascate del Gorello a Saturnia
(Foto A123703 - Giacchè At… - Licenza CC BY-NC-ND)
Il paesaggio collinare nei dintorni di Capalbio (Foto C.A. Garzonio)
Lago di San Floriano (Fonte Archivio Fotografico Regione Toscana - Foto di
E. Guazzi)
polamento rurale delle zone montane e collinari. I fenomeni
recenti, come l’espansione della coltura viticola, non sono
ancora visibili. È in effetti notevole il fatto che la produzione
viticola della zona di Pitigliano non abbia attraversato alcuna vera espansione.
Valori
Nell’ambito sono presenti importanti acquiferi. Le formazioni calcaree rappresentano l’area di ricarica degli acquiferi carbonatici dell’Argentario - Orbetello (CISS 31OM030),
dell’area di Capalbio (CISS 31OM040) e dei Monti dell’Uccellina (CISS 31OM060). L’area dei Monti di Orbetello alimenta in acqua dolce la Laguna e la sorgente del Chiarone,
dalla portata media di circa 300 litri al secondo. Le vulcaniti
alimentano, invece, il corpo idrico sotterraneo significativo
23FI010 “Acquifero delle Vulcaniti di Pitigliano”.
Come per altri ambiti della Maremma, il paesaggio dell’ambito ha ereditato dalla complessa storia geologica una struttura ricca di complessità e varietà, che crea un sistema di
spazi molto articolato e di particolare impatto visivo.
L’ambito è ricco di testimonianze di intervento antropico di
lunga durata, che ha lasciato valori paesaggistici diversificati. In pianura, il reticolo idrografico è arricchito dalla rete
di canali storici, corsi d’acqua arginati, idrovore, cateratte,
caselli idraulici, ponti, mulini.
Di notevole importanza archeologica e paesaggistica è il territorio della “Citta del Tufo”, corrispondente al paesaggio dei
depositi piroclastici, nei cui profondi canyon e rupi tufacee
sono diffusi e reticolati insediamenti urbani ed emergenze
storiche, architettoniche e archeologiche (la Rupe di Pitigliano, i rilievi tufacei di Castell’Ottieri, Fosso Lupo, Pianetti
di Sorano e Sovana). Qui ritroviamo la rete delle vie cave
etrusche e le vaste necropoli scavate nei depositi piroclastici. Lungo i corsi d’acqua che scorrono nelle profonde gole
sono presenti incisioni, salti, cascate (Cascata di Ripa di Meleta, forre e marmitte lungo il T. Stridolone, al confine con
il Lazio).
Resti delle passate attività minerarie sono presenti sia sulla
terraferma che sulle isole, come la Cala dell’Allume sull’isola
del Giglio, le miniere di antimonio nei pressi di San Martino
sul Fiora e del Tafone, e altre miniere di mercurio, rame,
zinco, piombo.
L’ambito esprime grandi valori naturalistici, per l’unicità e
l’eccellenza degli elementi presenti e per la grande varietà di contesti di elevata naturalità e per la geodiversità,
espresse dalla presenza di numerose aree naturali protette
e geositi censiti.
I Monti dell’Uccellina (SIR 116) sono caratterizzati da rilievi
calcarei, coste rocciose e grotte. La pianura retrostante è
caratterizzata da praterie e zone umide d’acqua dolce (SIR
“Faccette” triangolari di Rosano (Foto L. Cadrezzati)
Invarianti strutturali
gli alvei naturalmente anastomizzati confinati da interventi
antropici, con i relativi rischi idraulici. Nella parte finale, l’Albegna si allarga in ampi Bacini di esondazione.
Gli ambienti costieri riprendono i caratteri tipici della Maremma; la Costa a dune e cordoni tende ad essere poco
profonda, ma va a costituire i due tomboli sabbiosi che chiudono la Laguna di Orbetello e rappresentano i collegamenti
naturali tra Monte Argentario e terraferma. Le Depressioni
retrodunali sono molto ben rappresentate, anche in relazione con le aree umide della Laguna di Orbetello e del Lago
di Burano, associando un paesaggio agrario bonificato che
conserva ancora testimonianze della prima bonifica lorenese con zone umide di grande importanza.
Panoramica dal Monte Argentario della Laguna di Orbetello e del territorio costiero (photo © Andrea Barghi/VARDA)
I caratteri idro-geo-morfologici dei bacini idrografici e dei sistemi morfogenetici
bassa maremma e ripiani tufacei
3.1
Golfo di Talamone e Parco dell’Uccellina (photo © Andrea Barghi/VARDA)
p. 21
bassa maremma e ripiani tufacei
COSTA
Sistemi morfogenetici
Invarianti strutturali
I caratteri idro-geo-morfologici dei bacini idrografici e dei sistemi morfogenetici
Costa a dune e Cordoni
(CDC)
approfondimento: livello regionale
p. 22
scala originale 1:50.000
PIANURE e
FONDOVALLE
Fondovalle (FON)
Forme: Cordoni e dune
alternati a depressioni
Litologia: Sabbie e materiali
più fini, in fasce parallele alla
costa
Suoli: Suoli sabbiosi, calcarei,
asciutti o talvolta con ristagni
profondi
Forme: Piane di fondovalle
Litologia: Depositi alluvionali
vari
Suoli: Suoli poco evoluti, generalmente calcarei, profondi,
spesso con limitato drenaggio
Depressioni retrodunali
(DER)
Bacini di esondazione
(BES)
Forme: Depressioni palustri e
bonificate
Litologia: Depositi fini e
organici
Suoli: Suoli mal drenati,
organici o argillosi, salini o
contenenti solfuri in profondità
Forme: Bacini di esondazione
e bonificati
Litologia: Depositi alluvionali
fini
Suoli: Vertisuoli, talvolta mal
drenati
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
bassa maremma e ripiani tufacei
Margine Inferiore (MARi)
Forme: Conoidi attive, terrazzi
fluviali bassi
Litologia: Alluvioni recenti;
travertini olocenici
Suoli: Suoli a tessiture
sabbiose, o ricchi di scheletro,
calcarei
Forme: Conoidi e terrazzi fluviali intermedi, dune antiche
Litologia: Depositi tardopleistocenici terrazzati
Suoli: Suoli evoluti, tessiture
varie
Margine (MAR)
Forme: Conoidi e terrazzi
fluviali alti, con scarpate
rilevanti
Litologia: Depositi
pleistocenici terrazzati, da
medi a grossolani
Suoli: Suoli molto evoluti,
granulometria da media a
grossolana, acidi
Collina dei bacini neoquaternari, sabbie
dominanti (CBSa)
Collina dei bacini neoquaternari, litologie
alternate (CBAt)
Forme: Modellamento erosivo
intenso, rari ripiani sommitali
residuali, versanti ripidi con
movimenti di massa (balze e
calanchi)
Litologia: Alternanze di depositi neo-quaternari diversi
Suoli: Suoli dei sistemi a sabbie e argille dominanti
Collina a versanti dolci
sulle Unità Liguri (CLVd)
Collina a versanti dolci
sulle Unità Toscane (CTVd)
Collina su terreni neogenici
deformati (CND)
Forme: Modellamento erosivo
intenso, rari ripiani sommitali
residuali, versanti ripidi con
movimenti di massa (balze e
calanchi)
Litologia: Alternanze di depositi neo-quaternari diversi
Suoli: Suoli dei sistemi a sabbie e argille dominanti
Forme: Superfici sommitali;
versanti complessi, fortemente
antropizzati
Litologia: Unità della Falda
Toscana, miste o a dominante
silicoclastica
Suoli: Suoli da sottili a
mediamente profondi,
tendenzialmente acidi a
tessiture sabbioso-fini
Forme: Versanti complessi,
lunghi
Litologia: Depositi miocenici
e secondariamente pliocenici,
con presenza significativa di
sabbie, conglomerati e rocce
coerenti
Suoli: Dati scarsi
Collina a versanti ripidi
sulle Unità Liguri (CLVr)
Collina a versanti ripidi
sulle Unità Toscane (CTVr)
Collina su terreni silicei del
basamento (CSB)
Forme: Modellamento erosivo
intenso, rari ripiani sommitali
residuali, versanti ripidi con
movimenti di massa (balze e
calanchi)
Litologia: Alternanze di depositi neo-quaternari diversi
Suoli: Suoli dei sistemi a sabbie e argille dominanti
Forme: Superfici sommitali;
versanti ripidi, lineari e
aggradati
Litologia: Formazioni
arenacee della Falda Toscana,
dominanti
Suoli: Presenza di regolite
profondo e grossolano,
anche su versanti ripidi; suoli
profondi, sabbiosi, acidi
Forme: Versanti convessi,
ripidi, valli non aggradate o
sospese
Litologia: Basamento
metamorfico toscano
Suoli: Suoli acidi a fertilità
limitata, spesso poco profondi
Collina sui depositi neoquaternari con livelli
resistenti (CBLr)
Collina dei bacini neoquaternari, argille
dominanti (CBAg)
Forme: Modellamento erosivo
intenso; movimenti di massa,
calanchi e biancane
Litologia: Argille neoquaternarie dominanti
Suoli: Suoli argillosi poco
evoluti e Vertisuoli
COLLINA
Forme: Rari ripiani sommitali, versanti brevi, ripidi, valli
minori a fondo piatto
Litologia: Sabbie neo-quaternarie dominanti
Suoli: Suoli a tessiture
sabbioso-fini; ben drenati,
spesso calcarei
Forme: Ripiani sommitali,
versanti con tratti ripidi
e andamenti complessi
controllati dalla litologia
Litologia: Depositi neoquaternari con presenza di
litologie resistenti (calcareniti,
conglomerati, calcari
continentali, piroclastiti)
Suoli: Suoli profondi, ben
drenati, con tessiture e
composizione controllati dalla
litologia, spesso molto evoluti
sui ripiani sommitali
Collina calcarea (Cca)
Forme: Versanti convessi e
forme carsiche, comprendenti
ampie conche
Litologia: Calcari delle Unità
Toscane, e delle Unità Liguri
quando dominanti; inclusioni di
diaspri e radiolariti della Falda
Toscana
Suoli: Suoli argillosi, ben
drenati; profondi e acidi sulle
grandi forme carsiche, sottili e
pietrosi sui versanti, profondi e
ricchi di scheletro alla base dei
versanti
I caratteri idro-geo-morfologici dei bacini idrografici e dei sistemi morfogenetici
Alta pianura (ALP)
COLLINA DEI BACINI
NEO-QUATERNARI
Invarianti strutturali
MARGINE
3.1
Affioramenti
di rocce
Ofiolitiche
p. 23
bassa maremma e ripiani tufacei
MONTAGNA
Montagna ignea (MOI)
Invarianti strutturali
I caratteri idro-geo-morfologici dei bacini idrografici e dei sistemi morfogenetici
Montagna silicoclastica
(MOS)
Forme: Versanti rettilinei,
ripidi, aggradati; aree in DGPV
con versanti meno ripidi,
complessi
Litologia: Flysch arenacei
delle Unità Toscane e,
subordinatamente, delle Unità
Liguri; Pseudo-macigno del
basamento paleozoico
Suoli: Presenza di regolite
profondo e grossolano,
anche su versanti ripidi; suoli
profondi, sabbiosi, acidi
Forme: Espansioni
piroclastiche, colate laviche,
batoliti esumati
Litologia: Rocce ignee in situ
Suoli: Andosuoli profondi,
suoli sottili su rocce ignee dure
Montagna calcarea (MOC)
Forme: Versanti ripidi; forme
carsiche, anche ipogee
Litologia: Calcari metamorfici
del basamento paleozoico;
calcari e calcareniti delle Unità
Toscane; calcari delle Unità
Liguri, quando dominanti
Suoli: Copertura pedologica
discontinua, in genere sottile
link: abaco regionale dei sistemi morfogenetici
p. 24
136 Pianure costiere del Parco dell’Uccellina).
Lungo la costa, la Laguna di Orbetello e i suoi tomboli costituiscono un paesaggio di incomparabile bellezza e uno
dei più importanti ecosistemi lagunari d’Italia. La laguna è
il risultato di una lenta evoluzione; solo in tempi storici, con
il completamento del tombolo della Giannella, è stato raggiunto l’assetto attuale. L’area è in parte tutelata dalle Riserve Naturali Statali “Duna Feniglia” e “Laguna di Orbetello
Ponente”.
A contraltare del sistema lagunare, il Monte Argentario,
un complesso territoriale unico che si presenta come un
promontorio compatto con costa a strapiombo sul mare.
Numerose cale, falesie e isolotti di valore paesaggistico caratterizzano la costa (SIR-ZPS 125 Monte Argentario; Monte
Argentario, Isolotto di Porto Ercole e Argentarola, SIR SIC
ZPS). Tra le scogliere più imponenti, quelle di Cala Grande,
Punta Avoltore, Punta Ciana e Capo d’Uomo.
Del sistema di zone umide di rilevanza internazionale
(Ramsar) fa parte anche il bacino salmastro retrodunale del
Lago di Burano, lembo relitto delle grandi distese palustri
della Maremma, con il suo sistema di dune costiere (SIRZPS 131 e 133 Lago di Burano, 132 Duna del Lago di Burano). Ulteriore residuo di una più vasta area umida è l’area di
Campo Regio, in prossimità della foce dell’Osa, caratterizzata da un fitto reticolo di siepi e da un sistema di dune fossili
(SIR B20 Campo Regio).
Sulla costa, sulle isole e nell’interno sono presenti fenomeni
carsici ipogei ed epigei, che interessano Monte Argentario,
Monti dell’Uccellina, Poggio Pietracce, Monte Penna, Pozzo
dell’Orchio, Monti di Orbetello e Isola di Giannutri. Alcune
grotte risultano accessibili solo dal mare (Grotta del Turco, lungo la costa della Cacciarella, e la Grotta Azzurra a
Cala dei Santi). Tra le cavità più importanti, annoverate tra
i geositi, ricordiamo la Buca di Punta degli Stretti, la cavità
più vasta della provincia di Grosseto. Sono presenti inoltre
laghetti di origine carsica, alcuni dei quali legati a fenomeni
di sinkhole e originatesi in tempi storici: il Lago del Marruchetone, il Lago Scuro, il Lago della Radicata, il Lago di S.
Floriano, il Lago di Cutignolo e i Lagaccioli. Alcuni di questi
laghetti sono considerati geositi e protetti nel sistema di
aree SIR SIC ZPS.
Il sistema insulare è compreso nel Parco dell’Arcipelago Toscano ed è costituto dalle isole del Giglio e Giannutri (SIRZPS 123 e 124), e dagli isolotti quali la Formica di Burano
e gli isolotti intorno a M. Argentario (SIR-ZPS 134 Isolotti
grossetani dell’Arcipelago toscano).
Lungo i principali corsi d’acqua (F. Fiora e F. Albegna) sono
presenti forre incise in rocce calcaree o piroclastiche, e forme carsiche di particolare valore paesaggistico. Lungo il
medio corso dell’Albegna sono presenti grandi masse calcaree profondamente incise, con doline, grotte, inghiottitoi e
profonde forre. Spettacolari i canyon della riserva naturale
Insediamenti rupestri nei tufi (Foto C.A. Garzonio)
La costa dell’Argentario nei pressi di Porto Santo Stefano (Foto Andrew Licenza CC BY-NC-ND)
regionale del Bosco Rocconi. Lungo il T. Meleta, sono presenti incisioni, salti, cascate (Ripa di Meleta) e marmitte dei
giganti in continua evoluzione. Il medio corso del Fiume
Fiora presenta lunghi tratti ad alveo naturale (SIR-ZPS 119
Alto corso del Fiume Fiora). Lungo il Lente, nei pressi di Pitigliano, si trovano varie cascate, anche di origine antropica.
Per le sue caratteristiche naturali la Foce del Fiume Osa è
considerata geosito.
Sono presenti sorgenti termali (Bagnacci dell’Osa/Talamonaccio e Saline; Bagni di Saturnia; C. Pantano; La Peschiera,
nei pressi di Saturnia; impianti termali di Valle Orientina;
Bagni di Filetta), molte delle quali considerate geositi, e manifestazioni di gas e acqua (Sorano, Santa Maria dell’Aquila;
Lago Scuro). Le terme erano sfruttate fin da tempi antichi
come testimoniano i ritrovamenti archeologici. Spesso a
queste manifestazioni sono associati depositi di travertino:
di particolare bellezza le cascatelle di Saturnia e le vasche
naturali lungo il torrente Stellata (cascate del Gorello), un
tempo sfruttate da un mulino e ora di fruizione pubblica. Nei
pressi di Sorano si rileva la presenza di una cascata e della
sorgente idrotermale dei Bagni di Filetta, mentre emissioni
di gas e di acque termominerali calde sono presenti lungo
l’alveo del Fosso Procchio, affluente del T. Meleta.
Tra i siti di interesse paleontologico si ricordano i geositi di
interesse paleontologico del Poggio Stavecchia (invertebrati) e gli affioramenti di “farina fossile” lungo la Valle Noc-
I Lagaccioli (Fonte Archivio Fotografico Regione Toscana Foto di E. Guazzi)
Sorgente del Chiarone (Foto L. Micheli)
Via Cava nei pressi di Sovana (Foto paolo salabue - Licenza CC BY-ND)
livello d’ambito
bassa maremma e ripiani tufacei
Sintesi delle criticità idro-geo-morfologiche
Alta produttività agricola
Supporto di paesaggi naturali di valore e
assorbimento di deflussi superficiali
Rischio di deflussi inquinati verso le aree umide
Rischio strutturale di esondazione
Supporto di ecosistemi e paesaggi naturali di grande
valore
Supporto di paesaggi naturali, agrari e insediativi di
valore
Produzione di deflussi
Pressione verso il consumo di suolo su ambienti di
alto valore ecologico e critici per i sistemi costieri
Supporto di paesaggi naturali di grande valore e di
paesaggi storici della bonifica
Supporto di paesaggi agrari e insediativi di valore
Alta produzione di deflussi, instabilità dei versanti
Rischio di impoverimento e/o contaminazione di
acquiferi sensibili
Supporto di paesaggi naturali di valore;
assorbimento dei deflussi superficiali
Supporto di paesaggi agrari e insediativi di valore,
assorbimento di deflussi superficiali
Alta produzione di deflussi e instabilità dei versanti,
aggravate dagli abbandoni dei sistemi rurali
Rischio di impoverimento e/o contaminazione di
acquiferi sensibili e rischio di erosione del suolo
Alta produzione di deflussi, rischio di erosione del
suolo e presenza di calanchi obliterati
Aree umide soggette ad importazione di inquinanti
dal bacino e a fenomeni di subsidenza
Supporto di paesaggi naturali di valore
Supporto di paesaggi naturali di valore; ricarica di
acquiferi critici
I caratteri idro-geo-morfologici dei bacini idrografici e dei sistemi morfogenetici
Sintesi dei valori idro-geo-morfologici
Invarianti strutturali
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
3.1
p. 25
bassa maremma e ripiani tufacei
chia e la Valle dell’Orsina. Siti di interesse pedologico sono
presenti in località Riomaggiore e Crucignano (paleosuoli),
mentre nella zona di San Quirico è possibile osservare un
fronte lavico.
naturali fasce di pertinenza, misura che aiuterebbe a mitigare i fenomeni più intensi e a creare corridoi ecologici;
•aumentare la capacità di smaltimento dei maggiori eventi
di piena nei Bacini di esondazione e nelle Depressioni
retrodunali, intervenendo anche sulle infrastrutture per
creare vie di drenaggio, capaci di proteggere gli insediamenti e ridurre le aree allagabili. I progetti di nuove
infrastrutture debbono tenere fortemente conto di questa
necessità;
•progettare, nelle aree collinari, gli interventi edificativi,
valutandone gli effetti idrologici.
Invarianti strutturali
I caratteri idro-geo-morfologici dei bacini idrografici e dei sistemi morfogenetici
Criticità
p. 26
Il territorio dell’ambito risente delle dinamiche geomorfologiche anche nella presenza di alcune criticità.
I sistemi idraulici della costa e delle pianure non hanno raggiunto un equilibrio stabile, e sono tra i più sensibili della
Toscana. Ne è testimonianza la precaria situazione idraulica
della piana dell’Albegna, legata alla struttura e alla dinamica
naturale del bacino ma anche alla necessità di adeguamento
di alcune opere. Le infrastrutture viarie e ferroviarie hanno
mostrato un’insufficienza dal punto di vista del drenaggio,
mentre il sistema degli argini, costruiti secondo un andamento meandriforme e molto aderenti all’alveo di magra,
non è adeguato agli eventi di piena possibili. Critica anche
la situazione delle piane bonificate intorno al Lago di Burano
e alle spalle di Talamone: anche in questi casi, il sistema di
drenaggio della bonifica si è dimostrato sottodimensionato.
Tale sistema raccoglie comunque le acqua da quasi l’intera
pianura, con relativo rischio di trasporto di inquinanti verso
le aree umide.
Le rupi della “Città del Tufo” sono strutturalmente sensibili,
essendo naturalmente soggette ad evolversi per crolli, con i
conseguenti rischi per le testimonianze storiche e soprattutto per gli elementi lineari del paesaggio.
Anche lungo la costa alta sono presenti zone in arretramento e fenomeni di crollo di falesia, favoriti dall’intensa
fratturazione tettonica a cui sono state sottoposte le rocce,
in particolare quelle del Monte Argentario.
L’erosione della costa bassa è presente in tratti di litorale sabbioso (nei pressi di Bengodi, lungo il tombolo della
Giannella e nel comune di Capalbio). Gran parte della costa
bassa è quindi indicata dall’Autorità di Bacino dell’Ombrone
come area di particolare attenzione per l’equilibrio costiero,
e sono previsti o sono già stati realizzati interventi per il
riequilibrio costiero e del sistema dunale.
L’ambito è ricco di aree soggette ad elevato rischio di erosione del suolo; il fenomeno è contenuto dalla bassa intensità di insediamento e attività agricole, ma la sensibilità
dei versanti è dimostrata dalla risposta agli eventi meteorici
intensi, che aumenta la criticità idraulica a valle.
I sistemi forestali dell’ambito sono poco estesi e hanno visto
un elevato sfruttamento; i sistemi modellati sui terreni del
basamento e sulle formazioni calcaree hanno scarsa fertilità e scarsa capacità di recupero dalle ceduazioni e dagli
incendi.
Le risorse idriche sono carenti, con effetti condizionanti
sull’attività agricola e una costante dipendenza dal limitrofo
ambito del Monte Amiata.
Sistemazione di versanti presso l’isola del Giglio (Foto C.A. Garzonio)
Un problema significativo è la presenza, nella valle della Fiora, di serbatoi di elementi tossici, anche e forse soprattutto
di origine naturale, legati al drenaggio del Monte Amiata.
La presenza di cave attive e dismesse rappresenta un elemento di criticità estetico-percettiva e comporta una perdita
di qualità del paesaggio, imputabile anche al mancato ripristino di alcuni siti dismessi. Sono presenti anche siti ex siti
minerari, come la miniera del Tafone, ora utilizzata come
discarica di RSU.
I grandi progetti infrastrutturali presentano naturalmente
specifici rischi in relazione alle criticità del territorio, in particolare rispetto ai rischi idraulici che ne potrebbero venire
seriamente aggravati.
Indirizzi per le politiche
La stabilità delle strutture territoriali dell’ambito è legata alla
mitigazione dei problemi relativi al rischio idraulico e geomorfologico, nonché alla qualità delle acque sotterranee.
Per conseguire tale obiettivo sarà necessario:
•promuovere politiche di gestione dell’ambito che prevedano una gestione integrata del rischio a livello di bacino;
•prevenire e contenere l’impermeabilizzazione delle aree
di assorbimento dei deflussi e di ricarica degli acquiferi,
montane, collinari e di Margine;
•ridurre l’afflusso di inquinanti alle falde acquifere per garantire la qualità delle risorse idriche;
•censire le aree che sono fonti potenziali di inquinamento,
valutandone i rischi;
•mantenere le condizioni idrauliche necessarie alla conservazione delle aree umide;
•indirizzare, nelle aree di elevata produzione di deflusso,
la gestione agricola verso pratiche di maggior controllo
dei deflussi e maggiore copertura del suolo;
•gestire, con obiettivi conservativi e di protezione, il limitato patrimonio forestale, limitando la creazione di maggiori spazi per la produzione ai sistemi collinari sulle Unità
Toscane o Liguri e sui terreni neo-quaternari;
•permettere agli alvei dei fiumi maggiori il recupero delle
Il mantenimento del patrimonio rappresentato dalla costa
e dalle aree umide richiede attenzione agli equilibri idrici,
anche in relazione con gli insediamenti e i relativi sistemi di
drenaggio, per prevenire l’accumulo di inquinanti nelle zone
umide. Per la tutela di questo patrimonio è necessario:
•mantenere le condizioni idrauliche necessarie alla conservazione delle aree umide;
•prevenire gli eccessivi consumi di suolo;
•prevedere la costruzione dei nuovi insediamenti nelle
aree collinari, meno critiche per gli equilibri idrici e idrologici rispetto alle pianure, che sono rappresentate da
Bacini di esondazione e Depressioni retrodunali, entrambi
bonificati.
Il paesaggio delle “Città di tufo” rappresenta un problema
particolare; la necessità di garantire la preservazione del
patrimonio culturale e paesaggistico deve contemperarsi
con la necessità di non arrestare i processi naturali, indirizzo
destinato all’insuccesso. Specifiche soluzioni tecnologiche,
da valutare analiticamente caso per caso, sono chiaramente
necessarie; in ogni caso, le attività di ogni genere andrebbero indirizzate verso la minima interferenza con le rupi.
I caratteri idro-geo-morfologici dei bacini idrografici e dei sistemi morfogenetici
Invarianti strutturali
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
bassa maremma e ripiani tufacei
3.1
p. 27
bassa maremma e ripiani tufacei
3.2 I caratteri ecosistemici
del paesaggio
Invarianti strutturali
I caratteri ecosistemici del paesaggio
criteri metodologici (LINK)
p. 28
Boschi di sclerofille (leccete) e macchie mediterranee nei versanti
settentrionali del Monte Argentario, nodo forestale secondario della rete
ecologica regionale. (Foto: M. Giunti, archivio NEMO)
Descrizione strutturale
Ambito assai vasto ed eterogeneo con una estrema diversificazione e ricchezza paesaggistica ed ecosistemica. L’ambito
comprende un esteso sistema costiero, con coste sabbiose
e rocciose e con importanti lagune, le valli dei fiumi Albegna
e Fiora, le vaste matrici forestali e agro-pastorali dei rilievi
collinari e montani e il caratteristico sistema di tavolati e
gole tufacee di Pitigliano e Sorano.
Il sistema costiero comprende importanti complessi dunali
(in particolare le dune di Burano e quelle del Tombolo della
Feniglia) e rocciosi (Monti dell’Uccellina, costa dell’Argentario, isole del Giglio e di Giannutri), in parte caratterizzati
da elevati carichi turistici, in stretto rapporto con lagune
costiere di valore internazionale (laguna di Orbetello e lago
di Burano).
Vasti paesaggi agropastorali tradizionali interessano il sistema collinare e montano interno, alternati a caratteristici
poggi e rilievi calcarei con macchie e boschi di sclerofille e
latifoglie e in continuazione con le zone tufacee di Pitigliano e Sorano, quest’ultime attraversate da un denso reticolo
idrografico e da numerose gole e forre.
Tutto l’ambito è attraversato da un ricco reticolo idrografico,
con la presenza di ecosistemi fluviali di alto valore naturalistico, soprattutto nella loro componente di medio corso, con
alvei larghi e ampi terrazzi alluvionali ghiaiosi e a dinamica
naturale.
Dinamiche di trasformazione
Mature leccete nei versanti orientali dei Monti dell’Uccellina, nel Parco
regionale della Maremma. (Foto: C. Castelli, archivio NEMO)
Boschi ripariali a salici, pioppi e ontani lungo il corso del Fiume Lente,
presso Sorano. (Foto: L. Lombardi, archivio NEMO)
L’ambito si caratterizza per dinamiche di trasformazione diversificate e contrastanti, tese a un aumento dei livelli di
artificializzazione nelle aree costiere e a fenomeni di abbandono in alcuni settori collinari e montani.
In tale contesto l’ambito presenta comunque alti valori naturalistici diffusi e alcune delle principali eccellenze ecosistemiche della Toscana: dagli ambienti costieri, alle aree umide dagli ecosistemi fluviali, ai paesaggi agro-silvo-pastorali
tradizionali.
Le zone costiere sono state interessate da processi di abbandono delle attività agricole tradizionali, soprattutto con
riferimento al sistema insulare e al Monte Argentario, con
perdita di caratteristici ed estesi terrazzamenti di versante, oggi in gran parte coperti da macchia mediterranea. In
modo complementare si è sviluppata una fiorente industria
turistica associata all’espansione dell’urbanizzato turisticoresidenziale e alberghiero, di villaggi vacanze e strutture
camperistiche, e della portualità turistica. Tale sviluppo, con
relativo carico turistico, è risultato particolarmente intenso nelle zone costiere e interne del Monte Argentario, nel
Tombolo di Orbetello, nelle isole del Giglio (soprattutto relativamente a Giglio Campese) e di Giannutri, ad Ansedonia
e Talamone, alla foce del Torrente Osa e sul Tombolo della
Giannella.
Lungo la Via Aurelia, tra la foce del Fiume Albegna e Ansedonia, la fascia costiera ha visto un notevole sviluppo
dell’edificato residenziale e industriale in un’area caratterizzata anche dal notevole sviluppo e concentrazione degli
assi infrastrutturali stradali e ferroviari, con un previsione di
ulteriore sviluppo per la realizzazione dell’ asse autostradale
Rosignano-Civitavecchia.
La fascia costiera ha visto inoltre il permanere di una attività
agricola prevalentemente a dominanza di seminativi e colture cerealicole, spesso mosaicate con le nuove strutture e
funzioni turistiche e infrastrutturali.
Sempre in riferimento alla zona costiera, permangono ancora importanti ecosistemi dunali e di costa rocciosa, associati ad ambienti lagunari di valore internazionale. Per la
conservazione di tali aree e la loro gestione sostenibile si è
sviluppato un articolato sistema di aree protette, dal Parco
Nazionale dell’Arcipelago Toscano, al Parco Regionale della
Maremma, alle Riserve statali della Duna Feniglia, del Lago
di Burano e della Laguna di Orbetello, quest’ultima interessata, sull’intera superficie della laguna di levante, da una
Riserva Naturale Provinciale e in parte da una storica oasi
del WWF Italia.
Tale importante sistema di aree protette, integrato con un
più recente sistema di Siti Natura 2000, ha consentito il permanere delle importanti emergenze naturalistiche.
Negli anni recenti, le due lagune di Orbetello e di Burano
sono state classificate dal PRAA 2007-2010 come Zone di
criticità ambientale, non solo per i fenomeni di urbanizzazione delle aree contermini, ma anche per i rilevanti fenomeni di inquinamento ed eutrofizzazione delle acque, a cui
si sommano, per la laguna di Orbetello, lo sviluppo e la
successiva dismissione di attività industriali inquinanti, la
creazione di impianti di acquacoltura e di una fiorente attività di pesca.
Intense risultano anche le dinamiche in atto nel paesaggio
forestale, con attuali rilevanti prelievi legnosi su gran parte dei complessi forestali. Gli ambienti forestali dell’ambito,
così come di gran parte della Toscana centro meridionale,
hanno subito nel passato una intensa utilizzazione, rilevante
fino agli anni ’60 del secolo scorso. Dopo un abbandono
diffuso dei boschi verificatosi nel dopoguerra, nell’ultimo
ventennio tali attività sono riprese con maggiore intensità,
soprattutto nelle proprietà private, per effetto concomitante
della maggior richiesta sul mercato di biomassa a scopo
energetico, della maggior quantità di legname presente e,
infine, della disponibilità di manodopera a basso costo. Al
forte prelievo nelle proprietà private, spesso causa di alterazioni della struttura ecologica e del valore naturalistico
Continua matrice di boschi di sclerofille, macchie alte e basse, nei versanti calcarei costieri dei Monti dell’Uccellina, nell’ambito del Parco regionale
della Maremma. (Foto: C. Castelli, archivio NEMO)
dei boschi e a cui si associano i negativi effetti dei frequenti
incendi estivi, si contrappone una gestione più conservativa
nell’ambito del patrimonio agricolo-forestale regionale e nel
sistema delle Aree protette.
I paesaggi agro-pastorali dell’interno hanno visto, negli ultimi decenni, una sostanziale permanenza, anche se interessati da opposti processi di parziale abbandono, soprattutto
nelle zone montane più interne, di intensificazione delle attività agricole, nelle pianure e basse colline, e dallo sviluppo
di economie alternative legate al turismo termale e golfistico (zona di Saturnia) o all’industria energetica (diffusione
del fotovoltaico nelle campagne di Montemerano).
Il territorio dell’ambito ha visto anche un notevole sviluppo
del settore estrattivo legato alle pietre ornamentali, in particolare al tufo e ai travertini, e al materiale alluvionale dei
terrazzi ghiaiosi dell’Albegna, Fiora e del Paglia.
Valori
Ecosistemi forestali
Il paesaggio forestale dell’ambito è prevalentemente dominato dalla componente di matrice forestale, con la caratteristica presenza di boschi di latifoglie termofile (cerrete,
querceti di roverella o di farnetto) e di mosaici di boschi di
sclerofille (leccete) e macchie, situati sui diversi poggi calcarei del territorio di Capalbio e Orbetello (Poggio del Leccio,
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
Grandi alberi camporili di farnetto Quercus frainetto nell’ambito del
paesaggio agricolo tradizionale di Capalbio (Foto: A. Chiti-Batelli, archivio
NEMO)
Ulteriori elementi della rete forestale sono costituiti dai corridoi fluviali forestali (con gli importanti boschi ripariali dei
fiumi Albegna, Fiora e relativi affluenti), dal sistema delle
macchie e garighe (aree forestali in evoluzione), presenti
con importanti habitat di interesse comunitario nelle pendici
del M.te Argentario o di Talamone, dai nuclei di connessione
e dagli elementi forestali isolati immersi nelle matrici agricole con importanti funzioni di mantenimento di direttrici
di connettività ecologica tra le matrici forestali più estese
(ad esempio tra i boschi delle colline di Manciano e quelli
di Sorano).
Nell’ambito degli elementi forestali isolati un particolare interesse rivestono i relittuali boschi planiziali, quali i boschi
di Camporegio, presso Fonteblanda (importante formazione a dominanza di Fraxinus oxycarpa), i boschi planiziali di
Montauto (nell’omonima Riserva provinciale) presso il basso
corso del Fiume Fiora, dei Lagaccioli di Capalbio, del Lago di
San Floriano oltre a piccoli nuclei forestali planiziali presenti
nelle zone retrodunali costiere (ad esempio a Burano).
Tali formazioni, attribuibili al target regionale dei Boschi planiziali e palustri, presentano anche la importante fitocenosi
del Repertorio naturalistico toscano dei “Frassineti ripariali
delle lame interdunali fossili di Camporegio”.
Ulteriori emergenze naturalistiche legate agli elementi forestali isolati della rete ecologica sono rappresentati dai piccoli nuclei boscati dei poggi calcarei di Bagno Santo, lungo il
Fiume Fiora a nord di Saturnia, con boschi chiusi e a elevata
naturalità di specie forestali orientali quali albero di giuda
Cercis siliquastrum, bagolaro Celtis australis, terebinto Pistacia terebinthus e acero trilobo Acer monspessulanum.
Ecosistemi agropastorali
L’ambito presenta ambienti agricoli di alto valore naturalistico contribuendo alla elevata ricchezza di nodi degli ecosistemi agropastorali della Toscana meridionale.
Un vasto sistema di nodi si estende tra Manciano e Capalbio, a costituire un paesaggio agricolo, in cui sono immersi i diversi poggi boscati, dominato da seminativi e pascoli
particolarmente ricchi di elementi vegetali lineari e puntuali (siepi, filari alberati, grandi alberi camporili di farnetto,
ecc.). Più a sud, al confine con il Lazio, il paesaggio agricolo è dominato da colture estensive cerealicole, con minori
dotazioni ecologiche (ad eccezione della vegetazione lungo
il reticolo idrografico), ma a costituire importanti habitat
pseudosteppici di elevato valore avifaunistico (unica area
toscana di nidificazione della calandra Melanocorypha calandra, in passato ritenuta estinta in Toscana). Più a nord,
tra Manciano e Montemerano, i nodi degli agroecosistemi si
arricchiscono della presenza di oliveti collinari e di colture
promiscue.
Ulteriori nodi sono presenti nel bacino dell’Albegna e del
Fiora, a nord di Saturnia, tra Sovana e Castell’Azzara, presso Pitigliano, nei bassi versanti orientali dei Monti dell’Uccellina (oliveti in mosaico con macchie e prati aridi) e in
alcuni tratti di pianura costiera, con particolare riferimento
alla pianura di Burano e Macchiatonda, con terreni agricoli
stagionalmente allagati e con elevata densità del reticolo
idrografico minore.
Nella zona dei complessi montuosi calcarei del Monte Vitozzo e M.te Elmo, ai confini settentrionali dell’ambito, i nodi
degli ecosistemi agropastorali sono in gran parte costituiti
da importanti praterie secondarie e prati pascolo rocciosi
ricchi di habitat e specie vegetali e animali di interesse conservazionistico, attribuibili al target regionale degli Ambienti
aperti montani e alto collinari, con praterie primarie e secondarie.
Nuclei agricoli tradizionali e relittuali (agroecosistemi frammentati attivi) si localizzano nel Monte Argentario, e in particolare nei versanti e vallette interne a Porto S. Stefano,
con colture promiscue e oliveti terrazzati. Tali elementi, assieme ai nodi e alle aree agricole in abbandono, costituiscono complessivamente il target regionale delle Aree agricole
di alto valore naturale (High Nature Value Farmland HNVF).
Le rimanenti aree agricole collinari assumono nella rete un
importante ruolo di matrice (matrice agroecosistemica collinare), con valori funzionali e naturalistici comunque molto
significativi.
Le pianure agricola di Albinia, della bassa valle dell’Albegna
e di Capalbio risultano dominate dalla matrice agroecosistemica di pianura caratterizzata da minore valenza funzionale
nell’ambito della rete, rispetto alla matrice collinare, per la
minore dotazione di elementi strutturali lineari o puntuali
(filari alberati, siepi, boschetti, ecc.) e dalla maggiore specializzazione delle coltivazioni.
Ecosistemi fluviali e aree umide
La rete ecologica regionale individua il reticolo idrografico,
la vegetazione ripariale, le aree umide e gli ecosistemi palustri come elementi di una complessiva rete ecologica di
elevato valore naturalistico e funzionale a cui si associano
due target della strategia regionale.
Gli ecosistemi fluviali e torrentizi interessano gli elementi
fluviali principali (Fiumi Albegna e Fiora) e un ricco reticolo
idrografico minore di alto valore naturalistico.
Tra le principali emergenze fluviali sono da segnalare il corso del Fiume Albegna e del Fiora, i densi reticoli idrografici
dei torrenti Lente e Stridolone, a costituire un insieme di
elevato valore conservazionistico, caratterizzato da importanti habitat ripariali e da popolamenti faunistici legati agli
I caratteri ecosistemici del paesaggio
Versanti costieri del Monte Argentario con mosaici di ex coltivi terrazzati,
macchie, ambienti rupestri e praterie aride. (Foto: M. Giunti, archivio
NEMO)
Nell’ambito della rete ecologica il territorio in oggetto presenta anche due importanti sistemi di nodi forestali secondari: i boschi del M.te Argentario e del Tombolo della Feniglia, e i boschi di forra dell’area del tufo.
I versanti settentrionali e orientali del M.te Argentario presentano una vasta copertura forestale a prevalenza di leccete e secondariamente di boschi misti di sclerofille e latifoglie, o di leccete umide con alloro (importante habitat di
interesse comunitario) nei freschi impluvi. L’area è in continuazione con il Tombolo della Feniglia interessato da una
caratteristiche pineta a prevalenza di pino domestico Pinus
pinea, con sottobosco di macchia mediterranea, nell’ambito
della Riserva Statale Duna Feniglia (a gestione CFS).
A questi due nodi secondari si associa il caratteristico sistema di nodi secondari lineari, costituiti dai boschi di forra
delle gole tufacee di Pitigliano e di Sorano, con importanti
faggete abissali, nuclei di Tilio-Acerion (habitat di interesse
comunitario), formazioni arboree ripariali, boschi rupestri
di sclerofille e habitat forestali mesofili (con faggio, olmo
montano, aceri, tigli e castagni) sviluppati lungo i corsi del
Fiume Lente (già individuato come Fitocenosi rupestri delle
gole tufacee di Sorano e Pitigliano) e dei Fossi della Calesina, Iesa, Arsa e La Nova, oltre a boschi di latifoglie termofile
(cerrete) e sclerofille (sugherete) presenti sui ripiani tufacei.
Nella parte settentrionale dell’ambito, poco a sud del M.te
Civitella, nell’alta Valle del Torrente Stridolone, si localizzano
importanti boschi mesofili di latifoglie a dominanza di faggete (versanti del Poggio dei Faggi Segnati e di Montevitozzo),
quale nodo primario della rete ecologica (in continuazione
con quello esteso del M.te Civitella e Monte Penna esterno
all’ambito) e target dei Boschi mesofili di latifoglie e abetine
della Strategia regionale per la biodiversità.
Invarianti strutturali
Ambienti agricoli tradizionali nelle pianure e basse colline nei versanti
settentrionali del Monte Argentario. (Foto: M. Giunti, archivio NEMO)
P.gio Capalbiaccio, M.te Cavallo, P.gio Monteti, ecc.).
Si tratta di formazioni in gran parte attribuibili al target regionale delle Foreste e macchie alte di sclerofille e latifoglie,
con presenza di sclerofille nei versanti meridionali (spesso
fortemente degratate) e di latifoglie nei versanti settentrionali o negli impluvi.
Alla componente di matrice contribuiscono anche i boschi
delle colline di Manciano, a prevalente copertura di latifoglie
(cerrete) e con maggiori livelli di maturità e qualità, i boschi del M.te Elmo e quelli della parte meridionale dei Monti
dell’Uccellina.
Per l’area risulta fortemente caratteristica la presenza di
boschi di cerro e farnetto Quercus frainetto, presente in
Toscana solo nella Maremma meridionale, il cui valore è testimoniato anche dalla sua individuazione nell’ambito delle
Fitocenosi del repertorio naturalistico toscano (Boschi misti
a cerro e farnetto di Capalbio). Formazioni presenti in vari
nuclei isolati nei poggi al confine meridionale dell’ambito,
ma anche con un interessante nucleo con faggio presso
Manciano.
bassa maremma e ripiani tufacei
3.2
p. 29
bassa maremma e ripiani tufacei
Densità delle specie di interesse
conservazionistico
Densità degli habitat di interesse
conservazionistico
Aree protette e Sistema Natura 2000
Invarianti strutturali
I caratteri ecosistemici del paesaggio
Basso corso del Fiume Fiora nell’ambito della Riserva Naturale Provinciale
Montauto. (Foto: L. Lombardi, archivio NEMO)
p. 30
ambienti fluviali ben conservati (in particolare fauna ittica e
gambero di fiume), e con la diffusa presenza di alvei larghi
e naturaliformi con terrazzi alluvionali ghiaiosi ove si localizza l’importante habitat di interesse regionale degli Alvei
ciottolosi della Toscana meridionale con cenosi di suffrutici
a dominanza di Santolina etrusca e Helichrysum italicum.
Lungo il Fiume Albegna l’importanza di tali formazioni è
testimoniata dalla individuazione di una Fitocenosi del repertorio naturalistico toscano: le Garighe alveali del basso
corso dell’Albegna (Elicriso-Santolineti).
La naturalità degli ambienti fluviali ha portato alla individuazione dei Siti Natura 2000 Medio corso del Fiume Albegna e
Alto corso del Fiume Fiora, e della Riserva Naturale Provinciale di Montauto, lungo il corso del Fiume Fiora.
Le aree umide costituiscono una delle principali eccellenze
naturalistiche dell’ambito, con particolare riferimento all’importante sistema di aree umide costiere quali le Lagune di
Orbetello e di Burano.
La Laguna di Orbetello, nelle sue due porzioni di Ponente
e di Levante, costituisce uno dei più importanti ecosistemi
lagunari d’Italia, con una vasta laguna salmastra circondata
da mosaici di habitat palustri (prati umidi, salicornieti annui
e perenni, canneti, ecc.), di estremo interesse floristico e
faunistico e sito fondamentale per molte specie di uccelli
migratrici, svernanti e nidificanti. L’elevato valore naturalistico dell’area è testimoniato dal suo inserimento nella Rete
Natura 2000 e dalla presenza, nella sua porzione di Ponente
della Riserva Natura Provinciale “Laguna di Orbetello”, di
una Riserva Statale e di una storica Oasi del WWF Italia.
La Zona umida di importanza internazionale della Laguna
di Burano caratterizza il tratto di costa più meridionale della
Toscana, con un ampio specchio d’acqua salmastro retrodunale circondato da mosaici di vegetazione elofitica d’acqua
dolce o salmastra e da salicornieti perenni. Zona di elevato
interesse floristico e faunistico (Sito natura 2000, Riserva
Statale e Oasi del WWF Italia), presenta, come la vicina
laguna di Orbetello un notevole interesse avifaunistico con
cospicui contingenti di uccelli acquatici migratori e svernanti.
Oltre alle due straordinarie eccellenze, il territorio costiero
presenta numerose aree umide relittuali e retrodunali, quali
la zona costiera tra Ansedonia e il Lago di Burano (ex Palude
di Tagliata e Macchia Tonda), l’area umida di Campo Regio,
con un nucleo più interno (già SIR situato lungo la strada di
bonifica e uno retrodunale (tra l’Aurelia e la ferrovia), e le
relittuali aree umide del Golfo di Talamone.
Più internamente è presente un ricco sistema di piccole aree
umide, spesso di origine carsica e di elevato valore conservazionistico (elevata presenza di specie vegetali igrofile
anche rare e di fauna anfibia), quali i Lagaccioli di Capalbio
(2 laghetti a nord di Capalbio), il Lago Acquato, il laghetto
del Marruchetone (immerso in un bosco di cerro e farnetto),
il Lago di San Floriano e numerose altre piccole aree umide
naturali o artificiali.
Ecosistemi costieri
La rete ecologica regionale delle coste è presente nell’ambito con gli ecosistemi delle coste sabbiose, in gran parte
attribuibili all’elemento degli ecosistemi dunali integri o parzialmente alterati, e con quelli delle coste rocciose. Entrambi sono riconducibili ai due target costieri della Strategia
Regionale per la biodiversità.
Nell’ambito delle coste sabbiose l’area presenta, ai Tomboli
di Burano (Sito Natura 2000 e Riserva Statale), uno degli
habitat dunali meglio conservati della Toscana, con la tipica
serie dunale tra l’arenile e l’entroterra, con gli habitat di an-
teduna (cakileto), di duna mobile (ammofileti e agropireti),
di duna fissa (elicriseti e ginepreti) per giungere alle depressioni umide retrodunali (con caratteristica presenza di
giuncheti e di pratelli alofili) e alla macchia mediterranea. Il
valore dell’area dunale è testimoniato inoltre dalla presenza
delle due fitocenosi dei Crucianelleti delle dune di Burano e
dei Ginepreti a Juniperus macrocarpa delle dune di Burano.
Tale fascia dunale, fortemente dominata dalla presenza dei
ginepri costieri a Juniperus macrocarpa (habitat prioritario),
caratterizza , anche se con formazioni più degradate, tutto
il litorale sabbioso costiero tra Ansedonia e il confine regionale.
Tra le altre emergenze sono da citare gli habitat di duna mobile, ma soprattutto di duna fissa, con pineta, del Tombolo
della Feniglia e dei più degradati Tombolo della Giannella
e del tombolo compreso tra Poggio Talamonaccio e la foce
del Fiume Albegna. Relittuali nuclei di duna mobile sono
presenti a Cala Galera di Porto Ercole.
Per le coste sabbiose il target di riferimento è quello degli
Ambiti costieri sabbiosi caratterizzati da complete serie anteduna-duna-retroduna e da formazioni dunali degradate,
con importanti habitat di interesse comunitario di duna fissa
e mobile e numerose specie animali e vegetali psammofile
di interesse conservazionistico.
Le Coste rocciose costituiscono un elemento caratteristico
della costa maremmana, con particolare riferimento al territorio insulare (Isole del Giglio e di Giannutri), alla costa
di Talamone, di Ansedonia, ma soprattutto dell’Argentario e
dei suoi isolotti satelliti (in particolare isola di Argentarola).
Il sistema di falesie, pareti verticali e piattaforme rocciose
prevalentemente calcaree (ad eccezione delle rocce granitiche dell’isola del Giglio) presenta un elevato valore naturalistico. Tra le principali emergenze sono da segnalare i vasti
Laguna di Orbetello, già Riserva Naturale e Sito Natura 2000, con specchi
d’acqua e importanti habitat alofili annui e perenni. (Foto: M. Giunti,
archivio NEMO)
Specchio d’acqua ed habitat palustri al Lago di Burano, area di elevato
valore naturalistico, e in particolare avifaunistico, Riserva Statale, Sito
Natura 2000 e Zona Umida di Importanza Internazionale.
(Foto: M. Giunti, archivio NEMO)
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
Area palustre del Lago di San Floriano, già Sito Natura 2000, situato nella
fascia collinare costiera di Capalbio. (Foto: A. Chiti-Batelli, archivio NEMO)
Relittuale area umida costiera presso Talamone, con prati umidi, giuncheti
e formazioni a Limonium sp.pl. (Foto: L. Lombardi, archivio NEMO)
Paesaggio agricolo e forestale (con caratteristica dominanza di boschi di
farnetto) presso il Lago Acquato. (Foto: A. Chiti-Batelli, archivio NEMO)
Relativamente al ruolo funzionale degli arbusteti e delle
macchie, queste tipologie sono state inserite nell’ambito
della rete degli ecosistemi forestali (macchie, quali stadi di
degradazione forestale) e degli ecosistemi agropastorali (arbusteti di ricolonizzazione spesso in mosaico con praterie).
Per il suo valore naturalistico tale sistema è inserito nel target regionale delle Macchie basse, stadi di degradazione arbustiva, garighe e prati xerici e temporanei, particolarmente
diffuso nell’ambito.
In tale contesto sono da evidenziare le macchie basse e le
garighe dei versanti rocciosi calcarei occidentali dei Monti
dell’Uccellina, del Monte Argentario e delle isole del Giglio
e di Giannutri, e le vaste macchie interne dei versanti meridionali dei numerosi poggi e rilievi collinari di Orbetello e
Capalbio (ad es. Poggio Leccio e Poggio Capalbiaccio).
Tali aree presentano importanti habitat di interesse comunitario mosaicati nelle dominanti macchie mediterranee, quali
garighe, praterie aride (spesso ricche di orchidacee), pratelli umidi e stagni temporanei mediterranei; a tali habitat si
associa la presenza di importanti specie vegetali e animali
(in particolare specie di uccelli legati ai mosaici di macchie
e garighe).
Tra queste specie si possono citare ad esempio Cneorum
tricoccon, rara specie vegetale delle macchie presente in
Toscana solo nei versanti del Monte Argentario, a Giannutri
e a Montecristo, o gli uccelli magnanina sarda Sylvia sarda e
sterpazzola di Sardegna Sylvia conspicillata (nidificanti nelle
macchie del Monte Argentario e dell’Isola del Giglio).
Gli ambienti rupestri ospitano ecosistemi a forte determinismo edafico, presenti in stazioni puntuali nell’ambito in
oggetto, come ad esempio negli ambienti rupestri calcarei
del Monte Argentario (con importanti specie vegetali quali
la rare felce Phyllitis sagittata su affioramenti rupestri con
stillicidi o Centaurea paniculata var. litigiosa endemismo
esclusivo delle rupi del M.te Argentario), del Monte Vitozzo
e M.te Elmo, o del Poggio di Bagno Santo, in quelli rupestri
tufacei delle gole di Pitigliano, Sorano e Sovana, o in quelli
granitici dell’Isola del Giglio (con specie vegetali endemiche
quali Linaria capraria).
Agli affioramenti calcarei del Monte Argentario e dei Poggi
collinari di Orbetello e Capalbio (in particolare Poggio Leccio) si associano anche interessanti complessi carsici ipogei
ed epigei.
Ulteriori elementi di interesse naturalistico sono associati
alle formazioni calanchive di San Giovanni delle Contee, ai
travertini di Scarceta, alle risorse geotermali con particolare
riferimento all’area di Saturnia, con habitat e specie di interesse conservazionistico (ad esempio l’habitat delle Sorgenti pietrificanti con formazione di travertino).
I caratteri ecosistemici del paesaggio
Ecosistemi arbustivi e macchie
quello degli Ambienti ipogei, grotte e cavità artificiali, campi
di lava, sorgenti termali e sistemi di falda.
Invarianti strutturali
sistemi costieri rocciosi dell’Argentario, dell’Isola del Giglio e
di Giannutri, con specie vegetali endemiche e/o di interesse
biogeografico (ad es. Limonium sommierianum a Giannutri
e Giglio), habitat di interesse conservazionistico (ad es. le
garighe costiere a Euphorbia dendroides e i ginepreti costieri a ginepro fenicio Juniperus phoenicea ssp. turbinata di
Giannutri) e diverse specie rare di uccelli nidificanti, legate
alle falesie indisturbate (ad esempio gabbiano corso all’Isola
del Giglio e berta maggiore a Giannutri) e della costa rocciosa del Parco della Maremma.
bassa maremma e ripiani tufacei
Caratteristici habitat di gariga (in particolare con l’endemica
Santolina etrusca) si localizzano anche nei terrazzi alluvionali ghiaiosi ampiamente presenti e già descritti nell’ambito
degli ecosistemi fluviali, mentre sono da segnalare anche
le rare formazioni alto arbustive a dominanza di marruca
Paliurus spina-christi dei rilievi calcarei di Poggio Santo.
3.2
Ecosistemi rupestri e calanchivi
Pianura costiera presso Burano, con mosaici di prati umidi, canneti,
seminativi e prati pascolo a costituire un importante nodo costiero della
rete degli ecosistemi agro-pastorali. (Foto: A. Chiti-Batelli, archivio NEMO)
Macchie costiere a dominanza di ginepro feniceo Juniperus phoenicea nei
versanti calcarei del Parco della Maremma.
(Foto: C. Castelli, archivio NEMO)
Tale elemento della rete ecologica comprende i target regionali relativi agli Ambienti rocciosi montani e collinari e
Coste rocciose dell’Isola del Giglio (Parco Nazionale Arcipelago Toscano),
habitat di elevato interesse per la nidificazione di uccelli marini.
(Foto: P. Sposimo, archivio NEMO)
p. 31
bassa maremma e ripiani tufacei
Aree di valore conservazionistico
da segnalare il vasto sistema delle Gole tufacee di Sorano e Pitigliano, i boschi mesofili e le praterie dei versanti
del complesso calcareo del Monte Vitozzo e Monte Elmo e
i caratteristici paesaggi agro-silvo-pastorali tradizionali tra
Capalbio e Manciano e dei rilievi a nord di Sorano.
Invarianti strutturali
I caratteri ecosistemici del paesaggio
Gli ambienti costieri sabbiosi e rocciosi, le aree umide, gli
ecosistemi fluviali e i paesaggi agricoli tradizionali costituiscono le principali emergenze naturalistiche dell’ambito.
p. 32
Come per altri ambiti limitrofi anche questo presenta elevati
valori naturalistici diffusi, con habitat e specie di interesse
conservazionistico distribuiti su gran parte del territorio ma
con rilevanti eccellenze concentrate nella fascia costiera,
nelle isole e nella zona del tufo.
L’ambito presenta due dei tre target geografici della Strategia regionale della biodiversità, quali eccellenze territoriali
in cui si concentrano alti valori naturalistici e alti livelli di
biodiversità: l’Arcipelago Toscano (già Parco Nazionale con
numerosi Siti Natura 2000 terrestri e marini), interessato
dalle isole del Giglio e di Giannutri, e il Monte Argentario, in
gran parte Sito Natura 2000 e unico target geografico non
interessato da strumenti di Area protetta.
Nell’ambito del sistema costiero dell’ambito emergono inoltre le eccellenze legate alle importanti aree umide e lagune
costiere, con particolare riferimento alla Laguna di Orbetello
(Sito Natura 2000, Riserva Statale, Riserva Naturale Provinciale e Oasi del WWF Italia) e al Lago di Burano, una delle
attuali quattro Zone umide di importanza internazionale della Toscana, interessata da Siti Natura 2000, da una Riserva
Statale e Oasi del WWF Italia.
Completano il quadro delle aree di valore conservazionistico
costiere il territorio interno al Parco Regionale della Maremma e alla Riserva Statale Duna Feniglia.
Nel territorio interno dell’ambito, oltre alle emergenze riconosciute da strumenti di tutela quali i Siti Natura 2000 dei
Boschi delle Colline di Capalbio, dell’Alto corso del Fiume
Fiora e del Medio corso del Fiume Albegna, Lago Acquato
e di San Floriano e la Riserva Naturale di Montauto, sono
Tombolo di Orbetello con rade dune mobili ed estese dune fisse con
ginepreti e macchia mediterranea. (Foto: L. Lombardi, archivio NEMO)
Criticità
Pineta del Tombolo della Feniglia, già Riserva Naturale Statale a gestione
CFS e nodo forestale secondario della rete ecologica.
(Foto: M. Giunti, archivio NEMO)
Colline costiere interne al Sito Natura 2000 dei Boschi delle colline di
Capalbio, con mosaici di praterie aride, coltivi e macchie mediterranee.
(Foto: A. Chiti-Batelli, archivio NEMO)
Gli elementi di criticità più significativi dell’ambito sono presenti nella fascia costiera, ove si concentrano sia i maggiori
valori ecosistemici che le più intense pressioni antropiche.
In particolare sono particolarmente rilevanti i carichi turistici
estivi, i processi di urbanizzazione e infrastrutturazione, e
i condizionamenti sulla qualità delle acque degli ecosistemi lacustri. Più internamente risultano rilevanti i processi di
abbandono degli ambienti agro-pastorali, di degradazione
delle superfici forestali e di intenso utilizzo delle risorse idriche fluviali.
Particolarmente significativi risultano i processi di urbanizzazione turistico-residenziale e alberghiera delle aree costiere
del Monte Argentario, con espansioni verso l’entroterra e
lungo la costa dei centri di Porto Ercole e Porto S. Stefano,
edilizia residenziale e turistica diffusa lungo la costa (in loc.
Sbarcatello, Il Carrubo, Isola Rossa, Punta del Bove, Cala
Moresca, tra Porto S. Stefano e il Tombolo della Giannella) o
nell’area a diretto contatto con la Laguna di Orbetello (loc.
Terra Rossa), ove residuali paesaggi agricoli interni sono
in parte stati trasformati in un campo da golf con annesse
strutture turistico alberghiere.
Tra le altre aree critiche per i processi di urbanizzazione
sono da segnalare il Tombolo di Orbetello, con espansioni
dell’urbanizzato che tendono a saldare il centro di Orbetello
con Orbetello scalo (a diretto contatto con importanti aree
della Laguna e con consumo di suolo agricolo e prati umidi e
incolti), l’Isola del Giglio (soprattutto relativamente a Giglio
Campese) e di Giannutri, l’edificato residenziale e industriale lungo la Via Aurelia tra la Foce del Fiume Albegna e Ansedonia (zone industriali di Albinia, Topaie e Quattrostrade),
l’urbanizzazione del promontorio di Ansedonia e di Talamone (con nuove previsione di portualità turistica nell’adiacente golfo) e della foce dell’Osa e del tombolo della Giannella,
con strutture turistiche realizzate sul sistema dunale.
Gran parte delle aree costiere retrodunali sono interessate
dallo sviluppo di edificato sparso o di strutture turistico ricettive, campeggi e villaggi vacanza, ad esempio lungo la
fascia costiera tra la foce dell’Osa e dell’Albegna (a diretto
contatto con le dune pinetate) e nella fascia costiera di Macchiatonda nella pianura agricola compresa tra la Via Aurelia
e la strada litoranea SP68, a diretto contatto con l’importante fascia litoranea del Lago di Burano.
ca realizzato dal corridoio infrastrutturale dell’Aurelia e dalla
linea ferroviaria, intensificato per la concentrazione dell’edificato nella fascia delimitata dalle due strutture. L’azione
di barriera tra gli ambienti costieri e lacustri e le pianure e
colline interne si aggraverà con la trasformazione dell’Aurelia nel nuovo asse autostradale Rosignano-Civitavecchia.
La porzione collinare e montana interna vede la presenza
di processi di espansione dei diversi borghi e centri abitati,
spesso lungo gli assi stradali, con puntuali situazioni di criticità legati a complessi turistici e termali, quali le nuove Terme di Saturnia con annesso edificato turistico-alberghiero e
realizzazione di un vasto campo da golf.
Altre problematiche relative alla fascia costiera sono legate
alle periodiche e intense attività di pulizia degli arenili (con
perdita di habitat di battigia e anteduna di elevato interesse
naturalistico e frequenti fenomeni di erosione al piede dunale), a dinamiche erosive, particolarmente rilevanti nella
costa di Talamone e di Macchiatonda, e a locali presenze
di specie aliene e invasive sia in ambienti costieri rocciosi e
sabbiosi che nelle aree umide. Per le specie aliene tale problematica risulta particolarmente significativa nelle isole di
Giannutri e del Giglio, ove tali presenze minacciano habitat
e specie di elevato interesse conservazionistico.
Dune di Macchiatonda (Capalbio) con estesa presenza di ginepreti
a ginepro coccolone Juniperus macrocarpa, già habitat di interesse
comunitario. (Foto: L. Lombardi, archivio NEMO)
La fascia costiera subisce inoltre l’effetto di barriera ecologi-
Elevata edificazione nella costa rocciosa presso Talamone, al confine con
il Parco regionale della Maremma. (Foto: L. Lombardi, archivio NEMO)
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
Rilevanti risultano le criticità per la matrice forestale, di elevata estensione ma molto spesso di scarsa qualità ecologica, soggetta a frequenti incendi estivi e all’intensa attività di
ceduazione secondo modelli tradizionali che non consentono lo sviluppo di formazioni ecologicamente più complesse
e più stabili. Matrici forestali fortemente degradate si localizzano nei rilievi costieri di Poggio del Leccio, Poggio Capalbiaccio, M.te Nebbiello, Poggio Monteti e Monte Maggiore o
nei rilievi di M.te Bellino e Poggio Costone, al confine con
il Lazio.
Negativi risultano i processi di frammentazione delle superfici forestali, di abbandono delle sugherete e delle pinete
costiere, quest’ultime caratterizzate anche da scarsa rinnovazione, da un elevato disturbo turistico e dalla presenza di
fitopatologie e di incendi estivi. Per le matrici forestali dei
Monti dell’Uccellina una elevata criticità è legata alla eccessiva densità di daini e cinghiali.
Campo da golf nei bassi versanti settentrionali del Monte Argentario, con
perdita di relittuali ambienti agricoli. (Foto: V. Cherici, archivio NEMO)
Area umida retrodunale presso Porto Ercole con denso edificato nei
versanti roccioso costieri. (Foto: V. Cherici, archivio NEMO)
Erosione costiera lungo la costa sabbiosa di Macchiatonda, recentemente
interessata da un progetto di ripascimento per la ricostituzione
dell’arenile. (Foto: L. Lombardi, archivio NEMO)
Parte delle aree agricole collinari e montane isolate nella
matrice forestale risultano oggi interessate da abbandono
e da processi di ricolonizzazione vegetale, arbustiva e arborea, ad esempio con riferimento ai monti al limite settentrionale dell’ambito, o ai residuali ambienti agricoli dei versanti
del Monte Argentario, quali testimonianze di un paesaggio
agricolo terrazzato oggi in via di scomparsa e in gran parte
trasformato in macchia mediterranea.
Complementari a tali processi risultano i fenomeni di intensificazione delle attività agricole nelle pianure alluvionali
(soprattutto nella bassa valle dell’Albegna e dell’Osa), nella
pianura costiera di Capalbio e Orbetello (seminativi, colture
di serra e florovivaismo) e nelle basse colline, con elevata
diffusione di seminativi e colture cerealicole, omogeneizzazione del paesaggio agricolo, riduzione degli elementi vegetali (siepi, filari alberati, ecc.) e dei livelli di permeabilità
ecologica del territorio, oltre all’intenso utilizzo delle risorse idriche e all’uso di fertilizzanti e prodotti fitosanitari. Tali
processi risultano negativi soprattutto quando presenti nelle
fasce di pertinenza fluviale, ad esempio dei Fiumi Albegna
e Fiora, con forte alterazione quantitativa e qualitativa della
vegetazione ripariale e della qualità delle acque, o in prossimità di aree umide, con particolare riferimento alle Lagune
di Orbetello e Burano o al bosco palustre di Campo Regio.
I processi di intensificazione delle attività agricole sono anche legati alla recente diffusione di vigneti specializzati, con
particolare riferimento ai ripiani tufacei di Pitigliano e Sovana.
L’intensificazione delle attività agricole, assieme ad altre
opere con funzione di barriera, costituisce un elemento
particolarmente negativo quando riduce la funzionalità di
aree agricole di collegamento ecologico tra matrici o nodi
forestali, come ad esempio tra il sistema Argentario/Dune
Feniglia e i boschi/macchie dei rilievi collinari di Orbetello,
tra i diversi poggi forestali di Capalbio, tra questi e le macchie dunali costiere, o tra i boschi di Manciano e quelli delle
colline di Semproniano. Parte dei paesaggi agricoli tradizionali dell’ambito risultano inoltre interessati dalla diffusa
presenza di impianti fotovoltaici (zona di Montemerano) o
dalla presenza di campi da golf (Saturnia).
Alti livelli di artificializzazione sono inoltre legati alla presenza di siti estrattivi e minerari, con particolare riferimento alle
cave di Scarceta (vasti siti estrattivi di travertino nelle colline
presso il Fiume Fiora), ai numerosi siti estrattivi di tufo presenti lungo le gole di Pitigliano e Sorano, con interessamento diretto di importanti habitat rupestri ed ecosistemi fluviali
(per effetto dello scarico dei residui di cava direttamente
all’interno delle gole tufacee), alle cave di calcare distribuite
nei vari poggi tra Capalbio e La Marsiliana o a Montemerano, e alle cave di materiale alluvionale presenti lungo le
sponde dei principali corsi d’acqua. A questi ultimi ecosistemi si associano inoltre criticità legate alle periodiche attività
di “ripulitura” delle sponde, alla captazione di risorse idriche
per usi irrigui o acquedottistici, e alla riduzione longitudinale
e trasversale delle fasce ripariali per la presenza di attività
agricole nelle aree di pertinenza fluviale.
Tra le aree critiche per la funzionalità della rete ecologica
sono state individuate le seguenti:
Monte Argentario e Laguna di Orbetello: Il Monte Argentario costituisce un target geografico della Strategia regionale
per la biodiversità, risultando interessato da intensi e opposti processi di perdita degli ambienti agropastorali e dei terrazzamenti per abbandono ed evoluzione della vegetazione
e di sviluppo urbanistico residenziale e turistico alberghiero.
Già Zona di criticità ambientale del PRAA, la Laguna di Orbetello costituisce una delle aree umide più importanti della
Toscana, anche se interessata da intensi processi di inquinamento delle acque e di eutrofizzazione, e da un elevato
carico turistico ed urbanistico nelle aree limitrofe.
Area termale di Saturnia: paesaggio agricolo interessato dal
vasto complesso golfistico, dalle nuove strutture termali e
dell’edificato turistico-residenziale e alberghiero.
Gole tufacee di Sorano e Pitigliano: per la concomitante minaccia della inadeguata gestione degli habitat forestali mesofili (faggete abissali e boschi del Tilio-Acerion) e dell’intensa attività estrattiva del tufo con ripercussioni gravi sugli
ecosistemi fluviali.
Costa di Talamone e Fonteblanda: fascia costiera interessata da processi di erosione, da elevati carichi turistici, da
espansione turistico-residenziali e dalla previsione di nuove
strutture portuali turistiche. L’area è interessata anche dalla
relittuale presenza di aree umide e boschi planiziali di elevato interesse naturalistico (Bosco di Campo Regio) e dal
previsto attraversamento del nuovo asse autostradale.
I caratteri ecosistemici del paesaggio
Altre criticità sono legate alla conservazione delle numerose
piccole aree umide costiere e interne soggette a forte isolamento e spesso inserite in matrici agricole (ad esempio l’area umida di Campo Regio) con fenomeni di inquinamento
delle acque (inquinamento diffuso di origine agricola) e talora interessati da interventi di rimodellamento delle sponde
(Lago di San Floriano). La pressione delle attività agricole
costituisce un elemento rilevante per il Lago Acquato, in
tempi recenti quasi completamente disseccato e trasformato in area agricola, e per gli altri corpi d’acqua isolati.
Estremamente negative risultano le ceduazioni, frequenti
e intense, a carico degli ecosistemi forestali di forra nelle
gole tufacee di Sorano e Pitigliano. Tali ecosistemi, caratterizzati da specie mesofile tolleranti dell’ombra (quali tiglio,
carpino bianco, olmo montano e in parte anche acero di
monte e faggio), qui presenti come habitat relitti di climi più
freddi, risultano minacciati dalla pratica della ceduazione e
tendono in breve a lasciare il posto a specie più termofile
(querce) o alla nordamericana robinia che ha fatto recentemente ingresso e che ora trova ampi spazi per una sua
rapida diffusione.
Invarianti strutturali
Per le importanti lagune costiere di Burano e Orbetello, entrambe individuate come Zone di criticità ambientale dal
Piano regionale di azione ambientale, oltre ai fenomeni di
urbanizzazione delle aree contermini, rilevanti problematiche sono legate ai fenomeni di inquinamento ed eutrofizzazione delle acque, accentuati dalla configurazione idraulica
delle lagune (con scarsa circolazione delle acque), e alla
gestione della pesca (con alterazione degli equilibri ecologici per effetto sia delle chiusure delle bocche in alcuni periodi
dell’anno che delle semine di specie ittiche).
Per il Lago di Burano la principale fonte di inquinamento è
di origine agricola (inquinamento da nitrati), mentre per la
Laguna di Orbetello all’inquinamento diffuso di origine agricola si associano gli a scarichi civili, di zone industriali, da ex
aree industriali contaminate (ex area Sitoco) e da impianti
di acquacoltura.
Per le lagune, di elevato valore avifaunistico, altre criticità
sono legate alla presenza di attività venatoria nelle aree di
margine, anche di elevato interesse (Stagnino e Stagnone
presso la Laguna di Orbetello), alla conflittualità con le attività di pesca da parte delle specie di uccelli ittiofagi (cormorano in primis), all’intrusione del cuneo salino e all’aumentato carico turistico.
bassa maremma e ripiani tufacei
3.2
p. 33
bassa maremma e ripiani tufacei
Indirizzi per le politiche
Invarianti strutturali
I caratteri ecosistemici del paesaggio
Gli obiettivi a livello di ambito per l’invariante ecosistemi
sono finalizzati principalmente a mitigare e limitare gli effetti dei processi di urbanizzazione e di elevato carico turistico
nelle aree costiere, a migliorare lo stato di conservazione
delle Lagune costiere riducendo le pressioni esterne (in particolare i carichi inquinanti), a migliorare lo stato di conservazione e i livelli di qualità delle matrici forestali, e a tutelare
gli importanti ecosistemi dunali e fluviali e i vasti paesaggi
agropastorali tradizionali.
p. 34
La limitazione dei processi di consumo di suolo e di urbanizzazione delle zone costiere costituisce un indirizzo strategico
per l’ambito. Tale indirizzo risulta prioritario soprattutto per
la zona costiera e il primo entroterra del Monte Argentario,
individuata anche per tale pressione e per i valori naturalistici presenti come area critica per la funzionalità della rete
ecologica. La riduzione o cessazione dei processi di urbanizzazione costituisce un obiettivo anche per i sistemi insulari,
per il tombolo di Orbetello, ostacolando la saldatura tra Orbetello e Orbetello scalo (mantenimento del varco inedificato), per la fascia di transizione tra la laguna di Orbetello e le
pianure e colline interne, anche interessata dall’effetto barriera operato dall’Aurelia (direttrice di connettività da ricostituire e barriera infrastrutturale principale da mitigare), così
come per le fasce costiere retrodunali (tra la foce dell’Osa e
dell’Albegna o per la fascia costiera tra Ansedonia e Burano
e tra quest’ultimo e la foce del Chiarone). Per tali aree sono
da evitare i processi di saldatura delle aree residenziali, turistiche o industriali/artigianali, mantenendo i varchi esistenti. Importante, in tale contesto, risulta il mantenimento di
buoni livelli di permeabilità ecologica del paesaggio agricolo
costiero di Capalbio tra la strada Aurelia e la strada litoranea
SP 68 (Direttrici di connettività da riqualificare).
L’effetto di barriera ecologica realizzato dagli assi stradali e ferroviari esistenti, e dall’urbanizzazione sviluppata tra
essi, sarà ulteriormente intensificato dalla trasformazione
dell’Aurelia in nuovo asse autostradale, per il quale dovranno essere previsti opportune misure di mitigazione.
Per la fascia costiera gli obiettivi strategici sono relativi al
miglioramento del livello di sostenibilità del turismo estivo
e balneare, anche migliorando le strutture di accesso agli
arenili (percorsi attrezzati), riducendo il sentieramento diffuso su dune, evitando nuovi ampliamenti dell’urbanizzato
nelle dune fisse pinetate o sulle coste rocciose, e riqualificando le aree degradate e gli ecosistemi dunali alterati e/o
frammentati (Corridoio ecologico costiero da riqualificare).
Ciò con particolare riferimento alla costa di Talamone, tra
Fonteblanda e la foce del fiume Albegna, dei tomboli della
Giannelle e di Feniglia, e della costa di Macchiatonda.
Per la fascia costiera ulteriori indirizzi sono relativi alla realizzazione di attività di pulizia degli arenili maggiormente
compatibili con la conservazione degli habitat di battigia e
di anteduna, evitando interventi intensivi e continui, alla riduzione dei fenomeni di erosione costiera e al controllo/
limitazione della diffusione di specie aliene e invasive (sia
per gli ambienti costieri che per le aree umide), ad esempio vietando l’uso di specie vegetali aliene negli arredi verdi
pubblici e privati in aree costiere.
Per le importanti lagune costiere di Burano e Orbetello, entrambe individuate come Zone di criticità ambientale dal
Piano regionale di azione ambientale, gli indirizzi sono finalizzati al completamento e miglioramento dei sistemi di
depurazione degli scarichi civili e industriali, alla riduzione
dei fenomeni di urbanizzazione delle aree contermini, alla
bonifica dei siti inquinanti (Sitoco), alla riduzione degli impatti legati agli impianti di itticoltura attorno alla Laguna di
Orbetello e alla gestione più attenta ed ecologicamente più
compatibile dell’attività di pesca (in particolare per le semine e per la gestione delle acque di ingresso dal mare), e alla
riduzione dei fenomeni di inquinamento diffuso di origine
agricola. Quest’ultimo obiettivo risulta perseguibile mediante interventi di miglioramento della permeabilità ecologica e
delle dotazioni verdi (siepi, filari alberati) delle aree agricole
di pianura costiera, la realizzazione di fasce tampone non
coltivate, alberate o arbustate, lungo il reticolo idrografico,
la diffusione di attività agricole di qualità o biologiche, un
razionale uso delle risorse idriche (anche al fine di limitare
l’intrusione del cuneo salino) e l’ostacolo a ulteriori processi
di intensificazione delle attività agricole.
Tali indirizzi risultano particolarmente importanti non solo
nelle aree adiacenti le principali zone umide costiere, ma
anche per i territori circostanti le piccole aree umide interne
e nelle aree di pertinenza fluviale.
Il miglioramento della qualità delle acque e della qualità
ecosistemica complessiva degli ambienti fluviali e torrentizi, e del loro grado di continuità ecologica trasversale e
longitudinale, costituisce infatti un obiettivo da perseguire
nell’ambito, a cui si associa la individuazione e tutela di idonee fasce di mobilità fluviale (soprattutto per alcuni tratti del
Fiume Albegna e del Fiume Fiora). Obiettivi strategici sono
anche il miglioramento della gestione della vegetazione ripariale, la riduzione dei livelli di artificializzazione delle aree
di pertinenza fluviale, vietando in tali aree la realizzazione di
nuovi siti estrattivi, riqualificando i siti estrattivi abbandonati
e le eventuali aree degradate o interessate da usi impropri,
indirizzi perseguibili anche medianti azioni di riqualificazione
complessiva delle fasce ripariali (Corridoi ecologici fluviali
da riqualificare). In tale contesto particolarmente urgente
risulta il miglioramento dei livelli di sostenibilità delle attività
estrattive situate nell’ambito delle gole tufacee del Fiume
Lente (Pitigliano e Sorano), fonte di elevati impatti sugli habitat e gli importanti ecosistemi fluviali, anche evitando la
apertura di nuovi siti estrattivi e riqualificando i siti dismessi.
La conservazione dei paesaggi agro-pastorali tradizionali
è un obiettivo importante dell’ambito da perseguire anche
ostacolando gli opposti processi di abbandono delle attività
agricole e zootecniche tradizionali (e delle successive dinamiche di ricolonizzazione arbustiva) o di loro intensificazione (soprattutto a opera di vigneti specializzati) e di artificializzazione (ad esempio mediante sviluppo di campi da golf
o di impianti fotovoltaici estesi e diffusi). In particolare sono
da evitare la realizzazione di coltivazioni agricole intensive
ai danni di aree di pascolo, oliveti, incolti, calanchi e aree
di pertinenza fluviale. Per il Monte Argentario e l’Isola del
Giglio sarebbero auspicabili interventi di recupero e riattivazione di attività agricole di versante, anche ricostituendo i
tradizionali paesaggi agricoli terrazzati.
I processi di intensificazione delle attività agricole e di riduzione delle loro dotazioni ecologiche (siepi, filari alberati,
boschetti, alberi camporili) sono da evitare non solo con riferimento ai nodi degli agroecosistemi ma anche nelle zone
agricole adiacenti le aree umide e gli ecosistemi fluviali e in
quelle con funzioni di collegamento ecologico tra nuclei o
matrici forestali. Tra queste ultime aree agricole risultano
particolarmente significative quelle situate tra i boschi di
Manciano e di Semproniano (Direttrice di connettività da
riqualificare), tra i diversi poggi boscati di Capalbio e tra
questi e la fascia costiera di Macchiatonda (Direttrice di connettività da riqualificare).
A tale indirizzo si affianca quello relativo al miglioramento
della qualità ecosistemica complessiva degli habitat forestali, attraverso il miglioramento della compatibilità ecologica
e paesaggistica delle utilizzazioni nel governo a ceduo e la
riduzione della intensità delle utilizzazione e il riposo colturale in alcune aree caratterizzate da soprassuolo forestale
degradato (gran parte dei poggi di Orbetello e Capalbio).
Specifiche misure di tutela devono essere previste per gli
ambiti forestali delle gole tufacee, quando ospitano formazioni forestali di grande interesse conservazionistico e biogeografico come quelle attorno a Sorano e Pitigliano.
Ulteriori indirizzi sono relativi al controllo degli incendi estivi,
alla corretta utilizzazione e coltivazione delle sugherete e
delle pinete costiere, quest’ultime caratterizzate anche da
scarsa rinnovazione, e alla riduzione del carico di ungulati,
con particolare riferimento ai daini e ai cinghiali per i boschi
dei Monti dell’Uccellina.
Per l’area risulta prioritaria la valorizzazione del ruolo delle
importanti Aree protette e siti Natura 2000, che oggi tutelano importanti emergenze naturalistiche.
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
bassa maremma e ripiani tufacei
legenda
Invarianti strutturali
I caratteri ecosistemici del paesaggio
Rete ecologica
approfondimento: livello regionale
scala originale 1:50.000
3.2
p. 35
bassa maremma e ripiani tufacei
Estratto della carta dei morfotipi insediativi
3.3 Il carattere policentrico e
Invarianti strutturali
Il carattere policentrico e reticolare dei sistemi insediativi, urbani e infrastrutturali
reticolare dei sistemi insediativi,
urbani e infrastrutturali
p. 36
criteri metodologici (LINK)
Sorano (photo © Andrea Barghi/VARDA)
Pitigliano e il suo intorno (photo © Andrea Barghi/VARDA)
Descrizione strutturale
Pitigliano (photo © Andrea Barghi/VARDA)
La struttura insediativa dell’ambito è caratterizzata dal
morfotipo n. 4. “Morfotipo insediativo a pettine delle penetranti vallive sull’Aurelia” (Articolazione territoriale 4.6 Valle
dell’Albegna e del Fiora, Argentario e isola del Giglio) e dal
morfotipo n.5 “Morfotipo insediativo policentrico a maglia
del paesaggio storico collinare” (Articolazione territoriale
5.15 Gli altopiani tufacei di Pitigliano e Sorano).
Il sistema insediativo si è andato strutturando storicamente
su due direttrici trasversali di origine etrusca che assicuravano i collegamenti tra la costa tirrenica e l’entroterra:
la Strada Maremmana (ora SR 74), che collegava il promontorio dell’Argentario e i centri costieri di Porto Ercole e
Orbetello, risalendo i crinali delle colline dell’Albegna, attraverso i castelli di Marsiliana e di Manciano, fino al ventaglio
dei centri dell’altopiano dei Tufi, Pitigliano, Sovana, Sorano,
per proseguire poi in direzione dell’Umbria, verso Bolsena e
Orvieto; la Strada Amiatina (ora SR 323), che collegava l’entroterra senese e i centri della corona del Monte Amiata con
il porto di Talamone, la foce dell’Albegna e il corridoio costiero, seguendo gli antichissimi percorsi della transumanza,
attraverso i borghi fortificati di Magliano, Pereta, Scansano.
Queste direttrici principali, pur variando nel tracciato (che si
spostava a seconda dell’epoca sui crinali – come nel periodo etrusco e medievale - o verso valle – come nel periodo
romano) e nella gerarchia (che mutava al mutare della ge-
rarchia dei centri collegati) si sono consolidate nelle epoche
successive fino ad assumere la conformazione attuale, mantenendo il ruolo di collegamento fra sistemi insediativi molto
diversi sulla costa e nell’entroterra.
Innestandosi sul collegamento longitudinale costiero, ricostituito in epoca moderna nel fascio Via Aurelia-ferrovia,
vanno a strutturare il telaio su cui si organizza l’insediamento dell’ambito: un sistema a pettine con due assi trasversali
che si dipartono dal corridoio costiero e si dirigono verso
l’entroterra collinare.
La Via Aurelia, che deriva dall’antica strada consolare di
epoca romana, seppure in origine legata ad una dimensione territoriale proiettata su vasta scala, ricopre in questo
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
Il morfotipo è costituito da un sistema di valli trasversali rispetto
alla linea di costa, che formano
una sorta di pettine, il cui dorso
corrisponde al corridoio subcostiero Aurelia-ferrovia. La viabilità collega la costa alla collina
lambendo le piane alluvionali dei
principali fiumi che sfociano nel
Tirreno (Cecina, Cornia, Pecora,
Bruna, Ombrone, Albegna, Fiora) e dirigendosi verso i principali centri collinari dell’entroterra
(Siena, Chiusi, i centri dell’Amiata).
ARTICOLAZIONE TERRITORIALE 4.6
# Le testate di porto
del promontorio
dell’Argentario e l’Isola
del Giglio
5. MORFOTIPO INSEDIATIVO POLICENTRICO A
MAGLIA DEL PAESAGGIO STORICO COLLINARE
Il sistema insediativo policentrico a maglia del paesaggio
storico collinare è costituito da
insediamenti collinari di origine
medievale che si posizionano
lungo la viabilità di crinale longitudinale che segue l’andamento
morfologico nord-ovest/sud-est
delle colline plioceniche. Questi
centri sono relazionati tra loro
da una viabilità trasversale principale e da rapporti reciproci di
intervisibilità. Le relazioni con il
sistema agrario circostante sono
assicurate dal sistema delle ville
fattoria.
ARTICOLAZIONE TERRITORIALE 5.15
4.6 Valle dell’Albegna e del Fiora, Argentario e isola del
Giglio | figure componenti
# Sistema a pettine dei
centri affacciati sulla
piana alluvionale costiera
dell’Albegna
# Corridoio infrastrutturale
sub-costiero dell’Aurelia
5.15 Gli altopiani tufacei di Pitigliano e Sorano | figure componenti
# Sistema reticolare degli
altopiani tufacei
ambito un importante ruolo strutturante a livello locale. La
natura paludosa dei contesti attraversati ha comportato per
lungo tempo l’abbandono di questa direttrice (documentato
storicamente dal V secolo d.C., fino almeno alla metà del secolo XIX), in particolare per quel che riguarda i traffici commerciali e la lunga percorrenza, per i quali si continuò a preferire la via del mare, presidiata dal sistema delle fortezze
costiere – da numerose torri di avvistamento fino alle basi
marittime dello Stato dei Presìdi spagnoli, di rilevanza geostrategica internazionale - che costituisce tuttora elemento
fondamentale e strutturante degli insediamenti, ed identitario del paesaggio marinaro. La perdita del ruolo di grande
collegamento dell’Aurelia verso Roma (percorso ostacolato
anche dalla dogana con lo Stato Pontificio), se da un lato ha
originato la marginalizzazione e parziale isolamento dei sistemi insediativi della Maremma Meridionale protrattosi fino
ai primi decenni del Novecento, ha d’altro canto supportato
un cambio di ruolo per la strada, che ha costituito storicamente un forte segno ordinatore del sistema minuto di poderi e ville-fattoria che costellavano la piana e il pedecollina,
combattendone l’impaludamento e la malaria, dalle fattorie
quasi industriali dell’epoca romana tardo-imperiale come la
Villa di Settefinestre, alle innovative esperienze di conduzione agraria delle tenute otto-novecentesche come la Fattoria
La Parrina. La Via Aurelia ha dunque rappresentato fino ad
oggi il principale asse strutturante del sistema insediativo
e produttivo sub-costiero, in particolare nel tratto fra Fonteblanda e Capalbio, fino al confine regionale, ove in ampi
tratti non è peraltro stato realizzato il raddoppiamento in
carreggiate di tipologia autostradale e la strada costituisce
la spina dorsale su cui si innesta direttamente la viabilità
storica secondaria e vicinale. A sottolineare il locale ruolo
strutturante dell’Aurelia, le strade provinciali Pedecollinare
e di San Donato corrono parallele alla grande strada sul
lato entroterra, collegandosi ai piccoli centri rurali di Borgo Carige e San Donato Vecchio, mentre sul lato costa la
strada provinciale Litoranea va a scandire il ritmico alternarsi di nuclei rurali e poderi, secondo le specifiche tipologie
insediative che connotano il paesaggio delle bonifiche del
Novecento.
Il ripristino del ruolo di grande collegamento interregionale
e internazionale in direzione nord-sud del corridoio costiero,
fra Roma e l’Europa nord-occidentale, è stato avviato con
la costruzione della Ferrovia Tirrenica, la cui inaugurazione
nel 1864 ha dato origine allo sviluppo di una serie di centri urbani in corrispondenza degli scali: dal confine laziale,
Chiarone Scalo, Capalbio Scalo, Orbetello Scalo, Albinia,
Fonteblanda.
Su questo sistema di pianura si innesta lungo l’Aurelia la viabilità di collegamento con i porti: (i) attraverso l’istmo della
cittadina lagunare di Orbetello, sulla diga di epoca leopoldina, verso i porti dell’Argentario con i collegamenti alle isole
del Giglio e Giannutri, viabilità storicamente multi-modale,
supportata da una diramazione della ferrovia da Orbetello
Scalo all’importante porto minerario, commerciale, militare
e industriale di Porto Santo Stefano, ora dismessa, e anche
da un canale navigabile, parimenti dismesso, attraverso la
laguna e gli stretti di Santa Liberata fino al porto marittimo;
(ii) da Fonteblanda verso gli approdi della Fortezza di Talamone.
Le vicende storiche e le funzioni assegnate nei secoli ai territori hanno dunque generato e plasmato le specifiche componenti morfotipologiche che caratterizzano in quest’ambito
i sistemi insediativi, distinte per la rete dei centri marinari,
gli insediamenti rurali della piana costiera, i borghi dell’entroterra collinare, i centri dell’altopiano dei Tufi.
La funzione di piazzeforti militari ha strutturato da epoche
immemorabili il sistema dei centri della costa: i porti fortificati di Porto Ercole e Talamone hanno origine etrusca,
come le mura ciclopiche che cintano il centro di Orbetello,
vera e propria isola fortificata nella laguna, la cui funzione di
cittadella militare è stata ribadita nel medioevo dai senesi,
nel Cinquecento dagli spagnoli che ne fecero la capitale dei
Presidios (per garantire le rotte tirreniche dagli assalti delle
navi barbaresche, le fortezze dei Reali Presidios spagnoli
alloggiavano guarnigioni di decine di migliaia di soldati, a
fronte di una popolazione residente di un migliaio di abitanti), nel Risorgimento dai Mille garibaldini che qui si rifornirono di armi, fino al ventennio fascista che qui installò la base
degli idrovolanti da cui partirono le Transvolate Atlantiche
del 1930-33. Le testimonianze del ruolo militare degli insediamenti costieri che denotano il paesaggio sono quindi
numerose e predominanti: il sistema delle fortezze spagnole
del Monte Argentario; la rete delle torri di avvistamento,
dalle basse spiagge di Burano, alle isole, ai Monti dell’Uccellina; i borghi marinari fortificati; il complesso delle fortificazioni spagnole a Orbetello, in parte riutilizzato per le strutture aereo-portuali dell’Idroscalo, allargate anche ai grandi
parchi dell’Aereonautica che separano il centro storico dai
quartieri moderni; la stessa trama viaria nei centri storici di
Orbetello e Talamone, razionalizzata in una maglia ortogonale per velocizzare gli spostamenti di truppe; installazioni
produttive militari, dismesse da decenni, nei dintorni di Porto Santo Stefano e sui colli prospicienti Orbetello; fino alla
moderna base radar dell’Aereonautica Militare sulla cima del
Monte Argentario, che insieme con le vicine grandi antenne
radiotelevisive ne connota irrimediabilmente il profilo.
Il sistema insediativo dei paesaggi della bonifica struttura
invece la piana costiera e le colline del primo entroterra:
dai radi borghi medievali dei poggi prospicienti il mare, Capalbio, Marsiliana, Magliano, Montiano, si domina il sistema
rurale della pianura, fino alla seconda metà del secolo XIX
supportato da poche grandi tenute, legate principalmente
all’attività pastorale e all’allevamento bovino ed equino. A
Invarianti strutturali
4. MORFOTIPO INSEDIATIVO A PETTINE DELLE
PENETRANTI VALLIVE SULL’AURELIA
Il carattere policentrico e reticolare dei sistemi insediativi, urbani e infrastrutturali
bassa maremma e ripiani tufacei
3.3
p. 37
Invarianti strutturali
Il carattere policentrico e reticolare dei sistemi insediativi, urbani e infrastrutturali
bassa maremma e ripiani tufacei
p. 38
partire dal Novecento le bonifiche hanno dettato le precise
regole e ritmi dell’insediamento rurale, con le rete ordinata
dei poderi e dei nuclei agricoli, pianificata geometricamente
e scandita dal ricorrere di specifiche tipologie insediative ed
edilizie, con alcuni servizi comunitari (scuole, parrocchie, uffici postali) e produttivi (cantina sociale, silos del consorzio
agrario, officine meccaniche) che si concentravano nei nodi
maggiori della rete, costituiti dai borghi rurali principali. Le
bonifiche degli anni ‘30 e ancora di più degli anni ‘50 hanno
significato il passaggio dal paesaggio della Maremma Amara
storica - paesaggio di butteri e briganti, braccianti e carbonai, cavalli e mandrie di vacche allo stato brado, latifondi
incolti con paludi e macchie malariche – al paesaggio dell’agricoltura irrigua estensiva e meccanizzata – paesaggio con
una nuova popolazione di contadini veneti e abruzzesi e di
pastori sardi, trattori e pesticidi, canali e pompe idrovore.
Inoltrandosi verso le colline, lungo le due penetranti storiche che corrono sui crinali che delimitano la piana del fiume
Albegna, si incontrano i castelli medievali a controllo delle
strade antiche, borghi fortificati a mezzacosta o sulla sommità dei colli, che hanno originato gli attuali maggiori centri
collinari o sono decaduti, fortezze in rovina immerse nella
macchia. Il paesaggio si fa più movimentato e l’insediamento più rarefatto, le vallecole sono coperte da fitta vegetazione, gli appezzamenti di dimensione ridotta, le colture orientate principalmente all’olivo e alla vite; le strade strette e
tortuose che ripercorrono i sentieri della transumanza offrono visuali suggestive, dalle alte colline boscate alla costa e
alle isole dell’Arcipelago; dai torrioni e dalle mura medievali
di Montiano e di Magliano, di Marsiliana e di Manciano, nelle
giornate terse si intravede basso sul mare il profilo frastagliato delle montagne della Corsica.
Fino al più interno Altopiano dei Tufi, le cui caratteristiche
geomorfologiche hanno plasmato un paesaggio insediativo
particolare e specifico, le cui peculiarità morfotipologiche di
matrice etrusca si ritrovano in molti centri di questa zona, a
cavallo tra Toscana meridionale, alto Lazio, Umbria. Gli altipiani tufacei sono solcati da forre profonde e angusti canyons, scavati dai corsi d’acqua secondo una tipica conformazione a ventaglio, sugli alti speroni del quale si attestano
i centri fortificati: Pitigliano, Sovana, Sorano, cittadine di valore paesistico spettacolare, sospese sul paesaggio dall’alto
delle rocche tufacee, nelle quali sono scavate direttamente
le cantine e le fondazioni degli edifici millenari (le necropoli etrusche venivano invece scavate lungo il fianco a strapiombo dei costoni). Questo schema insediativo, tipico della
conformazione geologica dei vulcani laziali, caratterizza le
terre dei tufi intorno al Lago di Bolsena, e impronta di sé
l’evidenza materiale della cultura architettonica, parimenti
vernacolare e monumentale. Anche le strade di collegamento tra i nuclei più antichi sono scavate nel tufo e rappresentano elementi di forte caratterizzazione paesaggistica. Il
ricchissimo patrimonio archeologico etrusco si è arricchito
con importanti emergenze architettoniche medievali (periodo degli Aldobrandeschi) e cinque-seicentesche (Orsini),
periodo caratterizzato a Pitigliano anche dallo sviluppo di
un’importante comunità ebraica, che valse alla cittadina il
soprannome di Piccola Gerusalemme.
Dinamiche di trasformazione
Il ripristino della Via Aurelia nel corso del secolo XIX e parallelamente la realizzazione della ferrovia, danno origine
ad un cambiamento nell’orientamento generale dei sistemi
insediativi, con una crescente importanza della direttrice
lungo costa, a scapito della viabilità storica di collegamento
con le colline interne. Si assiste cosi per tutto il Novecento,
con un ritmo più sostenuto a partire dagli anni Cinquanta, ad uno spostamento verso le pianure costiere bonificate
dello sviluppo degli insediamenti produttivi, residenziali e
soprattutto turistici, la cui rilevanza acquista grande peso
nella seconda meta del secolo XX. Nel corso dell’ultimo secolo le attività economiche sulla costa, dopo un tentativo di
sviluppo industriale - effimero ma caratterizzato da un’eredità paesistica e ambientale problematica, in particolare le
fabbriche di concimi chimici della SITOCO sulla laguna di
Orbetello – si orientano decisamente al turismo.
A partire dagli anni ‘50 aumenta velocemente la pressione insediativa di tipo residenziale e turistico, dovuta alla
espansione accelerata dei principali centri costieri, con varie tipologie di espansioni edilizie: a Porto Santo Stefano e
Porto Ercole, (e in misura minore al Giglio e a Talamone)
sui versanti dei promontori con espansioni prevalentemente
residenziali, collocate generalmente nelle aree pianeggianti
tra i rilievi, a saturare le zone meno impervie e in seguito
risalire lungo i pendii, destinate a seconde case/residenze
stagionali ad uso turistico-balneare; lungo gli assi di collegamento, con tendenza alla saldatura, fra Orbetello e Orbetello Scalo a costituire il principale centro urbano dell’ambito; a saturazione delle aree di risulta tra l’insediamento
e i principali assi infrastrutturali ad Albinia e Fonteblanda;
con interi nuovi quartieri o nuove località costituite quasi
esclusivamente da seconde case ad Ansedonia o Capalbio
Scalo (occorre sottolineare che in media la popolazione dei
comuni della costa nella stagione estiva risulta più che decuplicata). Lo sviluppo turistico balneare dell’isola del Giglio
ha determinato alcuni processi di trasformazione legati essenzialmente all’abbandono delle aree agricole ed il recupero degli edifici rurali per usi residenziali turistici, nonchè
all’espansione della struttura insediativa di Giglio Castello
lungo la strada e alla crescita edilizia al Porto e al Campese.
Si registra, a partire dagli anni ‘70 fino a tutt’oggi, il potenziamento turistico dei porti dell’Argentario e di Talamone
e la nascita di nuovi porti turistici a Cala Galera e a Santa
Liberata, con nuovi processi di urbanizzazione e potenzia-
1830
1954
2011
Evoluzione dell’edificato
mento infrastrutturale di elevato impatto ambientale e paesaggistico.
Si segnala inoltre lo sviluppo di piattaforme turistico ricettive in ambiti costieri sensibili, fra le foci dell’Osa e dell’Albegna e sul Tombolo della Giannella: la trasformazione dei
campeggi litoranei in villaggi turistici con utilizzo di unità
abitative di tipo seriale e di scarsa qualità architettonica e
urbanistica ha profondamente trasformato i caratteri paesaggistici e gli equilibri ecologici costieri (cordoni dunali,
aree umide residuali, pinete costiere, foci fluviali).
Nella piana subcostiera il raddoppio del corridoio infrastrutturale strada-ferrovia attuato con l’ampliamento a quattro
corsie dell’Aurelia, secondo un processo alimentato anche
dall’attuale progetto di corridoio autostradale tirrenico, ha
contribuito a spostare progressivamente i pesi del sistema
insediativo a valle, indebolendo le direttrici trasversali e
congestionando e frammentando i delicati ambiti costieri,
favorendo anche la proliferazione di capannoni artigianali/
commerciali di scarsissima qualità architettonica e paesaggistica. Gli insediamenti moderni, indifferenti ai precisi ritmi
e geometrie che strutturano i paesaggi delle bonifiche, non
sono riusciti a instaurare una dialettica virtuosa – da un
punto di vista paesaggistico, ambientale e territoriale - con
la natura di zona umida planiziale della valle dell’Albegna,
come dimostrato anche dalle recenti catastrofiche alluvioni
fra Albinia e Marsiliana.
Lo sviluppo turistico delle aree costiere, seppur solo a partire dall’ultimo decennio del Novecento, ha portato benefici riflessi nella piana subcostiera e nel retroterra collinare,
andando a ravvivare con il consistente sviluppo di attività
agri-turistiche e ricettive un’agricoltura intensiva sull’orlo
della crisi, favorendo anche la conversione a colture biologiche, tipiche e di qualità, e la riscoperta e valorizzazione
in chiave turistica delle tradizionali pratiche di allevamento
equino e bovino, con re-introduzione delle razze locali. La
riconversione multifunzionale dell’agricoltura e un equilibrato ammodernamento delle attività di itticoltura in vasca e
in laguna, hanno alimentato il recente sviluppo della filiera
produttiva e manifatturiera agro-alimentare di qualità, generando crescita economica e occupazionale senza comportare traumi ma anzi valorizzando il paesaggio e il patrimonio
insediativo.
I centri collinari medioevali hanno visto minacciato il loro
valore paesistico e architettonico da espansioni edilizie contemporanee non controllate, di dimensione più ridotte rispetto alla situazione dei centri costieri ma comunque piuttosto consistenti e dal carattere non omogeneo rispetto ai
tessuti
antichi, assiepate incoerentemente lungo le direttrici viarie
in uscita dai centri urbani (Scansano, Montiano, Manciano,
Magliano, Capalbio). Le espansioni dei centri collinari, pur
essendo di dimensioni ridotte, rappresentano un grande im-
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
Giglio Porto (Foto di Stefano Aliboni - Archivio fotografico della Regione
Toscana)
Valori
•“Le reti di città storiche identificate nella carta delle Figure componenti i morfotipi insediativi”:
◦◦ “il Sistema a pettine dei centri affacciati sulla piana
alluvionale costiera dell’Albegna ”. Sistema innervato sulla SR 74 Maremmana, con i castelli a controllo
delle intersezioni con le direttrici storiche trasversali:
Marsiliana all’incrocio con la SP Sant’Andrea verso Magliano; il centro maggiore di Manciano, all’incrocio con
la SR 322 verso Montemerano e il centro termale di
Saturnia, la SP Collacchie a sud verso la valle del Fiora
e il Lazio, mentre la Maremmana prosegue a nord-est
verso Pitigliano e l’Altipiano dei Tufi;
◦◦ “il Sistema reticolare degli altopiani tufacei”, con le eccezionalità paesistiche e architettoniche dei centri di
Pitigliano, Sorano e Sovana, sistema che si attesta sul
centro maggiore di Pitigliano, dal cui sperone roccioso si dipartono a est la SR Maremmana verso il lago
di Bolsena, a nord-est la SP 4 Pitigliano-Santa Fiora
verso Sorano, a nord la SP Pian della Madonna verso
Sovana;
◦◦ “il Corridoio infrastrutturale sub-costiero dell’Aurelia
Capalbio (Foto di Maurizio Pompignoli - Archivio fotografico della Regione
Toscana)
Torre di Burano ( www.panoramio.com )
e reticolo insediativo delle bonifiche”, sistema che, a
partire dall’asse infrastrutturale (su cui si allineano da
nord a sud i centri di Fonteblanda, Albinia, Orbetello
Scalo, sorti alle intersezioni delle direttrici trasversali
costa-entroterra con l’Aurelia), si ramifica nella piana costiera, addentrandosi nella valle dell’Albegna ed
estendendosi a sud fino alle pendici dei colli di Capalbio, articolato in un sistema insediativo rurale che si
organizza intorno ai poderi e ai nuclei pianificati della
bonifica e ai centri agricoli di Chiarone, Pescia Fiorentina, Borgo Carige, Capalbio Scalo, Quattro Strade, Polverosa, San Donato, Sant’Andrea, collegati dalla rete
di strade provinciali minori di grande valore paesisitico (SP Pescia Fiorentina, Litoranea, Pedemontana, di
Capalbio, Valmarina, Giardino, Parrina, Polverosa, San
Donato, Osa) e dal reticolo minuto della viabilità vicinale.
◦◦ “ Le testate di porto del promontorio dell’Argentario e
l’Isola del Giglio” costituite da: (i) il sistema dei porti
storici (Porto Ercole e Porto Santo Stefano) e approdi
turistici (Cala Galera e Santa Liberata) dell’Argentario,
imperniato alla terraferma e al corridoio infrastrutturale tramite la SP 161 di P.S. Stefano (ex SS 440) che
attraversa il centro lagunare di Orbetello fino allo Scalo
su ferrovia/Aurelia e la SP Giannella lungo il tombolo
fra Santa Liberata ed Albinia; (ii) il porto di Talamone
connesso all’Aurelia con la Strada Provinciale omonima che attraversa la frazione Fonteblanda; (iii) Giglio
porto.
Nello specifico, rappresentano un valore i sistemi di beni,
quali:
•i castelli e borghi fortificati medievali, situati su alture a
dominio della costa (Capalbio, Giglio Castello, Porto Ercole) e il sistema di fortezze e fortificazioni costiere dello
Stato dei Presidios spagnoli: la Rocca, Forte Filippo, Forte
Stella, Santa Barbara, Santa Caterina a Porto Ercole; la
Fortezza a P.to S. Stefano; i Bastioni, le Porte e la Polveriera a Orbetello; il Forte delle Saline a Albinia; la Rocca
(di impronta senese) e le mura a Talamone;
•il sistema di torri di avvistamento costiere, che si posizionano su promontori naturali (come ad esempio le torri
sui crinali dell’Uccellina e intorno all’Argentario ove se ne
contano quasi venti, sulle alture del Giglio e di Talamonaccio, ecc.) o direttamente sulla costa (come ad es. Buranaccio e Macchiatonda sulle basse spiagge capalbiesi,
della Tagliata e di S. Pancrazio ad Ansedonia, del Saraceno e del Campese al Giglio, ecc.);
•il complesso del Convento/Noviziato dei Frati Passionisti
sul Monte Argentario, principale emergenza architettonica del sistema di viabilità storica minore e sentieri di
eccezionale valore paesaggistico che percorrono il pro-
montorio collegando torri, piccole chiese, casali antichi
(SP 77 del Convento con visuali spettacolari sulla laguna
di Orbetello, i tomboli e i poggi; la Strada Panoramica
che percorre, a tratti sterrata e a picco sul mare, l’intero
perimetro della penisola, ecc.).
•le importanti vestigia etrusco-romane sulla costa, in particolare le mura ciclopiche di Orbetello, le ville imperiali
di Giannutri e Santa Liberata, i resti della città di Cosa e
la Tagliata etrusca ad Ansedonia (ove sfocia il millenario
canale emissario del lago di Burano);
•il sistema dei manufatti connessi al controllo delle acque
lagunari, come la diga artificiale costruita in epoca Leopoldina, il sistema dei mulini (di cui resta un solo esemplare), l’ex complesso militare dell’Idroscalo, i canali che
attraversano i tomboli e l’istmo di Orbetello, ecc.
•il sistema delle fattorie storiche pedecollinari, dalle origini di epoca tardo-imperiale/alto medievale (rovine delle
ville-fattoria di Settefinestre e Valle d’Oro, la torre di Tricosto, ecc.) ai Casali cinque-seicenteschi (Terrarossa, del
Cristo, Salciatella, Torre Vecchia, Torre del Frate, ecc.)
alle grandi fattorie ottocentesche (Parrina, Provinca, Polverosa, S. Donato, Origlio, Carige Alta, ecc.)
•Il sistema dei manufatti delle bonifiche della piana dell’Albegna e della zona di Capalbio, costituito da canali storici, corsi d’acqua con argini rilevati anche a delimitazione
delle aree golenali, idrovore, cateratte, caselli idraulici,
ponti, con gli ambiti che conservano la struttura insediativa propria della riforma Agraria dell’Ente Maremma, con
il caratteristico appoderamento a nuclei e la presenza di
centri rurali di servizio denominati A,B,C,D, E, F, G, H, I,
L, M nella piana di Capalbio.
•nelle colline di Capalbio assume rilevanza artistica e culturale il Giardino dei Tarocchi, opera della scultrice contemporanea Niki de Saint Phalle, che esprime un particolare valore estetico-percettivo determinato dal contrasto
tra il territorio rurale dominato dai seminativi e dalla macchia mediterranea e la policromia delle sculture di grande
visibilità sia per struttura che dimensione.
•il sistema dei castelli e borghi fortificati delle Colline d’Albegna, quali i centri di Manciano, Montemerano, Saturnia
con le mura di origine etrusca, i castelli di Marsiliana,
Scarceta, Scerpena, Stachilagi, Campigliola, Montauto
•le importantissime vestigia etrusche dell’entroterra
(Heba, Doganella, Palmule e Puntone intorno a Saturnia, ecc.) e soprattutto dell’Altipiano dei Tufi, costituite
dall’insieme delle necropoli (Poggio Buco, San Giuseppe
a Pitigliano; Folonia, Sopraripa, Felceto e Poggio Prisca
a Sovana; i colombari intorno a Sorano), le tombe, resti
di città, e dalle singolari “vie cave”: di San Rocco, case
Rocchi, San Valentino, Cavone, San Sebastiano e Poggio
Prisca poste in prossimità dei nuclei di Sorano e Sovana,
e quelle del Gradone, S. Giuseppe, Fratenuti nei pressi di
Invarianti strutturali
patto paesaggistico perché più visibili e maggiormente percepibili dalle piane e dai principali assi di attraversamento
dell’ambito.
La visibilità dei quartieri moderni incoerenti con il contesto è ancor più stridente nei centri dell’Altipiano dei Tufi, a
Sorano e soprattutto a Pitigliano, ove all’eccezionalità paesistica dei nuclei storici, che dominano il paesaggio dagli
strapiombi tufacei, fanno da contraltare anonime espansioni
della seconda metà del Novecento, insensibili alla specificità materiale dell’insediamento in questi luoghi. In relazione
alla specificità morfologica di questi centri abitati, la nuova
espansione si è sviluppata nell’unica direzione possibile o, in
alternativa localizzandosi sulle alture parallele agli speroni.
Le nuove espansioni sono generalmente prive di qualità, di
unitarietà stilistica e di relazione con il contesto del centro
storico. Gli spazi pubblici all’interno della crescita moderna e
contemporanea del centro abitato di Pitigliano risentono di
bassa qualità progettuale. La presenza di attività artigianali
e commerciali, inserite in fabbricati di scarsa qualità edilizia,
in un contesto residenziale tuttora in corso di ampliamento,
incide negativamente sulla immagine complessiva dell’insediamento, anche per effetto della compresenza di funzioni
non sempre compatibili.
Le attività produttive in zona agricola, ancorché importanti
per la filiera agricolo-produttiva, possono costituire elementi
di impatto paesaggistico, in particolare per le visuali panoramiche dalla strada Maremmana e dagli altri assi viari principali, che traguardano spettacolarmente i centri e i nuclei
storici e le emergenze archeologiche etrusche e medievali.
Il carattere policentrico e reticolare dei sistemi insediativi, urbani e infrastrutturali
bassa maremma e ripiani tufacei
3.3
p. 39
Invarianti strutturali
Il carattere policentrico e reticolare dei sistemi insediativi, urbani e infrastrutturali
bassa maremma e ripiani tufacei
p. 40
Pitigliano.
•il sistema di siti termali (le strutture ricettive e anche le
aree di balneazione pubblica) dell’area di Saturnia
•L’insediamento rupestre medievale di Vitozza e i nuclei
medievali fortificati di Montevitozzo, Castell’Ottieri e Montorio della Contea degli Ottieri, nei pressi di Sorano
•le testimonianze architettoniche e culturali della comunità ebraica come la Via del Ghetto a Sorano e soprattutto
il quartiere del Vecchio Ghetto e la Sinagoga a Pitigliano
(la “Piccola Gerusalemme”) e il Cimitero Ebraico sulla Maremmana.
•La viabilità principale corre lungo gli altopiani tufacei ed
in prossimità dei centri attraversa le gole: in corrispondenza di questi tratti si aprono viste di eccezionale valore
paesaggistico; in particolare per quanto riguarda Pitigliano dalla strada n.74 Maremmana in località Madonna delle Grazie, per Sorano e Montorio dalla strada provinciale
che collega la Sforzesca a Pitigliano; il tratto di strada
provinciale di Pitigliano-Santa Fiora presenta tratti di elevata panoramicità con visuali aperte verso il monte Elmo
e i territori rurali dell’altopiano tufaceo. Le strade intorno
ai nuclei più antichi sono scavate nel tufo e rappresentano elementi di forte caratterizzazione paesaggistica.
aggravio della piena del dicembre 2012, con tragici effetti
devastanti su tutta la circostante piana alluvionale.
•Pressione insediativa delle espansioni dei principali centri
costieri, con uno sviluppo accelerato avvenuto secondo
varie tipologie di espansione: sui versanti dei promontori (Talamone, Porto Santo Stefano, Porto Ercole, Giglio
Porto), all’incrocio tra la viabilita principale di pianura e
i collegamenti
Porto Santo Stefano - esapnsione insediativa su versante collinare
(Foto di A. Marson)
Criticità
Le principali criticità dell’ambito sono riconducibili alla polarizzazione dell’urbanizzazione e delle infrastrutture sulla
costa, con un processo che, indebolendo le direttrici trasversali e congestionando e frammentando i delicati ambiti
costieri, ha alimentato una forte espansione dei centri e di
ampie aree sulla costa edificate a seconde case, la proliferazione di piattaforme turistico-ricettive specialistiche e di
capannoni artigianali/commerciali di rilevante impatto paesaggistico.
Si sottolinea nello specifico:
•Semplificazione e contrazione del sistema infrastrutturale, con impermeabilizzazione e velocizzazione del sistema
di trasporti su gomma, indebolimento del ruolo strutturante a livello locale della via Aurelia e riduzione dei legami con il reticolo del sistema poderale storico della piana
(in particolare nel tratto Albinia-Ansedonia), congestione
e frammentazione del territorio agricolo (con creazione
di spazi interclusi tra gli assi viari e limitazione delle possibilità di sviluppo di agricoltura biologica). Le moderne
infrastrutture viarie esistenti, in corso di realizzazione e
anche previste, gravando pesantemente sul tratto terminale del fiume Albegna, risultano peraltro di particolare
impegno idrogeologico per la piana intorno ad Albinia: i
terrapieni della Ferrovia e della Variante Aurelia, la nuova
bretella ‘lungofiume’ di collegamento fra l’Aurelia e la Maremmana, il ponte della SP Amiatina hanno costituito un
Urbanizzazione della piana dell’Albegna - Albinia (Foto di Claudio Pedrazzi
– www.panoramio.com)
Litorale tra Albinia e Fonteblanda (Foto di Claudio Pedrazzi – www.
panoramio.com)
•trasversali (Fonteblanda, Albinia), in forma di conurbazione lineare e tendenza alla saldatura delle espansioni
edilizie lungo l’istmo di collegamento tra il centro lagunare di Orbetello e Orbetello Scalo, espansioni moderne di scarso valore architettonico che presentano tutte
grande visibilità e decise criticità paesaggistiche; si evidenzia poi la presenza di quartieri residenziali stagionali
a bassa densità, dalla qualità architettonica e paesistica
più elevata, seppure quasi spopolati ad eccezione della
stagione estiva (seconde case), ad Ansedonia, Giannella, Giglio Campese, Poggio Pertuso, Terrarossa, sulle alte
coste dell’Argentario fra Santa Liberata e P.to S. Stefano,
Cala Moresca e Cala Piccola, Carrubo e Sbarcatello, fra
l’Aurelia e la Litoranea a Capalbio Scalo.
•Proliferazione di piattaforme turistico ricettive in ambiti
costieri sensibili ad elevato rischio ambientale o di particolare pregio naturalistico e presenza di enclaves ad uso
turistico ricettivo caratterizzate da tessuti ad alta densità
e dall’uniformità dei tipi edilizi, che non stabiliscono delle
relazioni con il tessuto circostante e sono contraddistinte da accessi selezionati che privatizzano ampie parti di
territorio costiero, concentrate in particolare fra le foci
dell’Osa e dell’Albegna e sul tombolo di Giannella.
•Presenza episodica puntuale, ma di elevato impatto ecologico e paesaggistico, di piattaforme produttive o militari dismesse, caratterizzate da seri problemi di bonifica
ambientale e riconversione funzionale: si evidenziano in
particolare gli stabilimenti di fertilizzanti chimici SITOCO
sulla laguna (con interessanti emergenze di archeologia
industriale) e la ex fabbrica di esplosivi Montecatini-Edison sui poggi, a Orbetello Scalo; le torri fatiscenti delle ex
miniere nei pressi di Terrarossa sull’Argentario; le strutture militari al Campone e il Fortino del Pozzarello nei pressi
di P.to S. Stefano.
•Diffusione recente in territorio rurale sub-costiero di residenze singole, lottizzazioni, capannoni artigianali. Si
tratta di tessuti a bassa densità, in cui è prevalente la
tipologia di casa uni-bifamiliare con funzione residenziale
o di seconda casa ai fini turistici, principalmente sparsi nelle piane e nel pedecollina capalbiese e della valle
dell’Albegna, talvolta raccolte in lottizzazioni consistenti
(come ad es. a Marsiliana) o in piccole zone industriali/artigianali (intorno a Albinia), che per giacitura della nuova
edificazione e/o per superfetazione di annessi incongrui
(in numerosissimi casi forniti di piscina) risultano incongruenti con la struttura insediativa del paesaggio delle
bonifiche e in contrasto con i non facili equilibri idraulici delle piane maremmane umide: l’abitato di Albinia,
cresciuto velocemente dagli anni ‘50 in un’area che nel
Catasto Leopoldino del 1820 era denominata “Piana delle
Saline”, toponimo che evoca la natura di zona umida costiera, stretto fra i due imponenti terrapieni della Ferrovia
e della Variante Aurelia, è risultato parimenti con-causa e
vittima delle recenti devastanti esondazioni dell’Albegna.
•Pressione insediativa delle espansioni dei principali centri
collinari, caratterizzati da espansioni edilizie moderne non
controllate, di dimensione piu ridotte rispetto ai centri costieri, ma comunque piuttosto consistenti e dal carattere
non omogeneo rispetto ai tessuti antichi; assiepate incoerentemente lungo le direttrici viarie in uscita dai centri
urbani, rappresentano un grande impatto paesaggistico
perché più visibili e maggiormente percepibili dalle piane
e dai principali assi di attraversamento dell’ambito, in particolare: sotto le mura del borgo medievale di Capalbio,
lungo la viabilità di crinale che si diparte da Manciano,
sullo sprone tufaceo a diniego dell’omogeneità materica
e paesistica del centro storico di Pitigliano.
Indirizzi per le politiche
Gli indirizzi per le politiche dell’ambito sono finalizzati, da un
lato, ad evitare l’ulteriore consumo di suolo lungo la costa
e nelle piane alluvionali del Fiora e dell’Albegna, dall’altro,
a contrastare i fenomeni di spopolamento delle aree più
interne e la contrazione delle economie ad esse connesse;
anche sviluppando sinergie tra il patrimonio costiero, quello dell’arcipelago (Argentario, Isola del Giglio e Giannutri)
e quello dell’entroterra (Colline dell’Albegna, altopiano del
Tufo), e recuperandone e valorizzandone le reciproche relazioni territoriali storiche.
Nelle piane costiere, è prioritario mantenere la permeabilità ecosistemica, idraulica e visuale tra il territorio costierolagunare e le aree retrostanti e assicurare la riconoscibilità della maglia agraria storica dei paesaggi della bonifica;
evitando ulteriori processi di frammentazione e marginalizzazione dei sistemi dunali e agro-ambientali ad opera di
infrastrutture e urbanizzazioni continue; con particolare attenzione alla piana del Fiora e dell’Albegna e all’entroterra
dell’Argentario. A tal fine è necessario garantire che le nuove infrastrutture non accentuino l’effetto barriera del corridoio infrastrutturale (Aurelia vecchia - ferrovia) e realizzino
la migliore integrazione paesaggistica dei tracciati con la
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
Il carattere policentrico e reticolare dei sistemi insediativi, urbani e infrastrutturali
nografica degli altopiani tufacei e le sue strette relazioni
con la morfologia dei luoghi e il contesto rurale circostante;
nonché le visuali panoramiche che si aprono dai centri storici e da molti tratti dei principali assi viari che corrono lungo
i ripiani tufacei; con particolare riferimento alle visuali verso
Pitigliano dalla strada n. 74 Maremmana, verso Sorano e
Montorio dalla strada provinciale che collega la Sforzesca
a Pitigliano, verso il monte Elmo e i territori rurali dell’altopiano tufaceo dalla strada provinciale Pitigliano-Santa Fiora.
È importante salvaguardare e valorizzare, inoltre, le emergenze storico-architettoniche e culturali diffuse, quali i borghi storici collinari, i complessi religiosi, le torri, il sistema
dei castelli e borghi fortificati delle colline dell’Albegna, le
fattorie lungo gli antichi percorsi della transumanza, le zone
termali; anche nell’ottica della loro messa in rete e fruizione
integrata con le risorse paesaggistiche costiere.
Al fine di riequilibrare il sistema insediativo ed infrastrutturale polarizzato sulla costa e rivitalizzare i centri più interni, è
necessario, tra l’altro, destagionalizzare e differenziare l’offerta e la ricettività turistica: integrando il turismo balneare
con gli altri segmenti -storico-culturale, naturalistico, rurale,
museale - e con i circuiti locali delle produzioni agricole e artigianali di qualità; integrando la ricettività turistica costiera
con forme di ospitalità diffusa e recuperando e valorizzando,
anche a tal fine, il patrimonio abitativo dell’entroterra.
Indirizzo strategico per l’ambito è, inoltre, il recupero e la
valorizzazione delle relazioni costa-entroterra: recuperando
e valorizzando il ruolo connettivo dell’Albegna e del Fiora
come corridoi ecologici multifunzionali e tutelando e valorizzando i tracciati di interesse storico e/o paesaggistico che
collegano il sistema insediativo costiero a quello delle aree
più interne, anche promuovendo possibilità di spostamento multimodali integrate e sostenibili; con particolare riferimento alla via Maremmana e agli antichi percorsi della
transumanza.
Invarianti strutturali
trama consolidata della rete viaria storica e con la maglia
agraria della bonifica.
È necessario, altresì, contenere le espansioni dei centri urbani e la proliferazione degli insediamenti diffusi a carattere
residenziale, turistico e produttivo ed evitare la loro saldatura lungo i principali assi stradali, salvaguardando i varchi
inedificati; con particolare riferimento ad Orbetello (tutelando i varchi inedificati tra il centro e lo Scalo), al Tombolo
della Giannella, alla via Aurelia tra la foce del T. Osa e Ansedonia, alla fascia di transizione tra la laguna di Orbetello e
le colline interne, alla fascia retrodunale tra la foce dell’Osa
e dell’Albegna, tra Ansedonia e Burano, tra Burano e la foce
del Chiarone.
Sulla costa, è prioritario evitare ulteriori espansioni edilizie,
turistiche e produttive dei centri costieri al di fuori del territorio urbanizzato e lungo la viabilità litoranea, nonché tutelare ed innalzare la loro qualità ambientale e paesaggistica:
definire e qualificare i margini urbani, qualificare i tessuti
delle espansioni esistenti, riqualificare le aree degradate,
nonché gli affacci urbani sui porti; con particolare riferimento a Santo Stefano, Porto Ercole, Giglio Porto, Talamone,
Ansedonia. È, altresì, necessario assicurare la permeabilità ecologica e fruitiva del litorale e migliorare i livelli di
sostenibilità del turismo balneare rispetto alle componenti
naturalistiche e paesaggistiche; evitare ulteriori piattaforme
turistico-ricettive e riqualificare quelle esistenti migliorandone la qualità ecologica e paesaggistica (con particolare
riferimento alle piattaforme turistiche nel tratto tra la foce
dell’Osa e la foce dell’Albegna, sul tombolo di Giannella, alle
testate del tombolo di Feniglia, nell’ambito dunale e retrodunale della costa capalbiese); nonché riqualificare il sistema infrastrutturale litoraneo anche promuovendo modalità
di spostamento multimodali integrate e sostenibili.
In modo complementare è fondamentale tutelare e valorizzare i caratteri identitari dei centri storici costieri, dei centri
portuali storicamente insediati e delle fortezze in posizione
dominante e le loro relazioni fisiche e visive da e verso il
mare e l’arcipelago o il litorale continentale e la laguna;
salvaguardare e valorizzare, inoltre, il sistema delle torri costiere, dei fari e degli approdi di valore storico e identitario,
che caratterizzano e connotano il paesaggio costiero, nonché la viabilità storica litoranea e le visuali percepibili “da”
e “verso” il mare (con particolare riferimento alla viabilità
litoranea costituita dalla strada di scorreria che collega le
torri costiere e alla strada Panoramica dell’Argentario).
Nelle aree collinari interne, è necessario tutelare l’integrità morfologica dei centri di origine medievale, che si sviluppano in posizione dominante sulle colline dell’Albegna e
sull’altopiano dei Tufi, e le relazioni figurative con il contesto
paesaggistico.
In particolare, va tutelato il peculiare assetto del sistema
insediativo che caratterizza il paesaggio di alta valenza ico-
bassa maremma e ripiani tufacei
3.3
p. 41
bassa maremma e ripiani tufacei
Invarianti strutturali
Il carattere policentrico e reticolare dei sistemi insediativi, urbani e infrastrutturali
Territorio Urbanizzato
approfondimento: livello regionale
p. 42
scala originale 1:50.000
livello d’ambito
bassa maremma e ripiani tufacei
legenda
estratto della carta dei Sistemi insediativi in scala 1:50.000
TESSUTI URBANI A PREVALENTE FUNZIONE
RESIDENZIALE E MISTA
T.R.1. Tessuto ad isolati chiusi o semichiusi
T.R.2. Tessuto ad isolati aperti e lotti residenziali isolati
T.R.3. Tessuto ad isolati aperti e blocchi prevalentemente
residenziali
T.R.4 Tessuto ad isolati aperti e blocchi prevalentemente
residenziali di edilizia pianificata
T.R.5. Tessuto puntiforme
T.R.6. Tessuto a tipologie miste
T.R.7. Tessuto sfrangiato di margine
TESSUTI URBANI o EXTRAURBANI A PREVALENTE
FUNZIONE RESIDENZIALE E MISTA - Frangie periurbane
e città diffusa
T.R.8 Tessuto lineare (a pettine o ramificato) aggregazioni
T.R.9 Tessuto reticolare o diffuso
TESSUTI EXTRAURBANI A PREVALENTE FUNZIONE
RESIDENZIALE E MISTA
T.R.10 Campagna abitata
T.R.11. Campagna urbanizzata
T.R.12 Piccoli agglomerati extraurbani
TESSUTI DELLA CITTA’ PRODUTTIVA E SPECIALISTICA
T.P.S.1. Tessuto a proliferazione produttiva lineare
T.P.S.2 Tessuto a piattaforme produttive – commerciali –
direzionali
T.P.S.3. Insule specializzate
T.P.S.4 Tessuto a piattaforme residenziale e turistico-ricettiva
La Carta del Territorio Urbanizzato rappresenta una ipotesi di
perimetrazione delle aree urbanizzate utilizzando un modello geostatistico per la illustrazione del quale si rimanda al capitolo relativo
alla metodologia generale della 3a Invariante a livello regionale.
Allo stesso capitolo si rinvia per le specificazioni normative relative
alla applicazione del metodo per la perimetrazione del territorio
urbanizzato a livello comunale.
Il carattere policentrico e reticolare dei sistemi insediativi, urbani e infrastrutturali
Classificazione dei morfotipi urbani:
i tessuti della città contemporanea
Invarianti strutturali
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
3.3
link: criteri metodologici
p. 43
bassa maremma e ripiani tufacei
3.4 I caratteri morfotipologici
Invarianti strutturali
I caratteri morfotipologici dei sistemi agro ambientali dei paesaggi rurali
dei sistemi agro ambientali
dei paesaggi rurali
p. 44
criteri metodologici (LINK)
Attorno a Saturnia il mosaico agricolo vede l’alternanza di oliveti e colture erbacee (photo © Andrea Barghi/VARDA)
Vigneti specializzati nei pressi di Manciano
(photo © Andrea Barghi/VARDA)
Speroni tufacei nei pressi di Pitigliano (photo © Andrea Barghi/VARDA)
Descrizione strutturale
L’ambito comprende un territorio dai caratteri paesistici
complessi e differenziati. All’interno della parte collinare,
molto estesa e articolata, si riconoscono le strutture paesistiche dei rilievi tufacei di Pitigliano e Sorano, e delle colline
dei fiumi Fiora e Albegna, mentre la porzione pianeggiante
coincide con le piane agricole di Albinia e Capalbio (oltre
che con le fasce costiere a carattere marcatamente naturale). Il promontorio del Monte Argentario, unito alla terraferma dai tomboli della Feniglia e della Giannella, costituisce
un sistema geomorfologico e paesistico autonomo.
I rilievi tufacei sono caratterizzati da una struttura geomorfologica che vede l’alternanza di valloni tufacei profondamente incisi dai corsi d’acqua nei quali dominano formazioni boschive e di vegetazione igrofila (salici, pioppi, ontani,
olmi), e pianori alluvionali occupati dai coltivi. Sulle sommità
degli speroni di tufo, i principali insediamenti di Sorano e
Pitigliano. Tra Sorano e il fondovalle del Fiora, le colture
prevalenti sono seminativi e pascoli alternati a oliveti di impronta tradizionale e a piccoli vigneti (morfotipo 16). In
certi casi gli olivi possono assumere dimensioni rilevanti
e formare filari di notevole valore paesistico. All’interno di
questa tessitura agricola con buone caratteristiche di permanenza e integrità di segni e relazioni storiche, si registrano modificazioni talvolta incoerenti, come quelle indotte
dalla realizzazione di nuovi impianti di vigneto specializzato.
A nord di Sorano – grossomodo fino al confine con il territorio dell’alto Lazio – il mosaico agrario si semplifica dal
punto di vista della varietà colturale e accoglie quasi esclusivamente seminativi semplici, cui si inframmettono lingue e
frange di bosco che seguono le sinuosità del rilievo (morfotipo 19). I rilievi che fungono da fascia di transizione verso
il territorio amiatino hanno caratteristiche tipiche dei tessuti a campi chiusi (morfotipo 9), che occupano pressoché
integralmente quell’ambito. Lungo il confine meridionale
dell’ambito prevalgono invece, in corrispondenza di tutta la
parte collinare, seminativi estensivi di impronta tradizionale
(morfotipo 5), in certi punti alternati a formazioni boschive.
Le colline dell’Albegna e del Fiora dispiegano un altro tipo
di paesaggio rurale, dalle morfologie assai meno frastagliate e più addolcite, occupate per lo più da tessuti a campi
chiusi a prevalenza di colture cerealicole, foraggi, pascoli
(morfotipi 9 e 10). La maglia agraria appare generalmente medio-fitta ed efficacemente infrastrutturata sul piano
paesaggistico ed ecologico da un ricco corredo di siepi, lingue e macchie boscate. In certi contesti, come attorno a
Manciano e a Saturnia, il mosaico agrario si arricchisce di
oliveti che, in appezzamenti generalmente di dimensione
contenuta, interrompono l’omogeneità delle colture erbacee
(morfotipo 16). Pregevoli oliveti d’impronta tradizionale si
trovano anche a Montemerano e Poggio Capalbiaccio. Dove
le morfologie si fanno più addolcite, prevalgono i seminati-
vi estensivi d’impronta tradizionale (morfotipo 5), a maglia
generalmente medio-ampia e più o meno infrastrutturati
da vegetazione non colturale a seconda dei punti presi in
considerazione. Aree di trasformazione dei tessuti agropaesistici tradizionali sono visibili a nord di Manciano, e sono
caratterizzate da impianti di vigneto specializzato di recente
realizzazione (morfotipo 17). Chiudono l’orizzonte paesistico collinare i Monti di Capalbio, in parte dominati da bosco,
macchia mediterranea e da aree di rinaturalizzazione (morfotipo 3), in parte da oliveti tradizionali di grande pregio
(morfotipo 12) disposti a corona dell’insediamento storico
di Capalbio, in parte da mosaici a maglia medio-ampia che
vedono l’alternanza tra seminativi, oliveti e vigneti specializzati di nuovo impianto (morfotipo 17).
Il territorio pianeggiante - solcato dai tratti terminali dei fiumi Osa e Albegna nella piana di Albinia, e racchiuso tra i
Monti di Capalbio e la costa nella piana di Capalbio – è stato
storicamente strutturato dagli interventi di bonifica storica
che vi si sono succeduti (morfotipo 8). Appare pertanto regolarmente suddiviso in poderi delimitati dai canali per lo
scolo delle acque e dalla rete viaria, matrice a sua volta di
plessi insediativi e aggregati rurali ordinatamente e regolarmente distribuiti. Nettamente prevalenti i seminativi.
Il Monte Argentario, rilievo collinare dal profilo pronunciato
unito alla terraferma da due tomboli, è in parte coperto da
macchia mediterranea e gariga, in parte da coltivi d’impronta tradizionale terrazzati, per lo più oliveti e vigneti (morfotipi 12 e 18) oggi minacciati da imponenti dinamiche di
abbandono.
Dinamiche di trasformazione
Nelle aree collinari si osservano dinamiche di trasformazione differenziate. Sui rilievi tufacei di Pitigliano e Sorano il
mosaico agrario storico mostra un buon grado di integrità,
dato dalla presenza di una maglia agraria fitta o mediofitta, di una rete di infrastrutturazione rurale costituita dal
sistema della viabilità poderale e interpoderale e dal reticolo
della vegetazione non colturale, di tessere di colture d’impronta tradizionale come oliveti alternati a seminativi e a
piccoli vigneti (morfotipo 16). In alcuni punti si osservano
dinamiche di trasformazione più marcate, dovute alla realizzazione di vigneti specializzati di grande taglia.
Dove prevalgono i tessuti a campi chiusi (morfotipi 9 e 10)
– tra rilievi tufacei e il confine con il territorio amiatino e
nelle colline dell’Albegna e del Fiora – la dinamica più evidente relativa agli ultimi decenni è stato un aumento della
vegetazione di corredo della maglia agraria dovuta a parziali fenomeni di abbandono e alla conseguente espansione
di elementi arbustivi e arborei. Malgrado questa fisiologica
evoluzione del tessuto colturale, le aree agricole collinari sia
quando prevalgono prati e seminativi (morfotipi 9 e 10) che
oliveti alternati ai seminativi (morfotipo 16) appaiono in ge-
nerale in condizioni di manutenzione buona. Per lo più poco
trasformati rispetto agli assetti tradizionali, si presentano
anche le aree coltivate a seminativo estensivo (morfotipo
5), che hanno conservato una maglia medio-ampia e una
scarsa vegetazione di corredo. Un’area di trasformazione
paesistica più consistente nel territorio collinare è il territorio a nord di Montemerano e Manciano, dove si concentrano
vigneti di nuovo impianto a maglia medio-ampia, alternati a
oliveti specializzati e seminativi (morfotipo 17).
In pianura, i tratti strutturanti il paesaggio rurale sono rimasti per lo più integri (morfotipo 8). La dinamica che ha
comportato effetti di maggiore alterazione strutturale è
l’espansione dell’edificato sia a carattere industriale che
turistico-ricettivo lungo la Via Aurelia e nel territorio di Orbetello.
Importanti dinamiche di abbandono colturale da un lato, e
di pressione insediativa dall’altro, interessano il territorio del
Monte Argentario.
Valori
Principali aspetti di valore per il territorio dell’ambito sono:
•il rapporto tra i centri storici di Pitigliano e Sorano, gli
speroni tufacei su cui sono arroccati e il mosaico agroforestale circostante che vede la prevalenza di aree coltivate a seminativo e oliveto sui pianori (morfotipo 16) e
di vegetazione igrofila (salici, pioppi, ontani, olmi) nelle
incisioni prodotte dai corsi d’acqua;
•le colture di impronta tradizionale come l’associazione tra
oliveti e seminativi (e talvolta piccoli vigneti) in tessere di
dimensione contenuta (per es.: morfotipo 16 a Manciano,
Saturnia, Montemerano, Poggio Capabiaccio). Di grande
valore sono anche gli oliveti d’impronta tradizionale che
circondano Capalbio (morfotipo 12) e le colture terrazzate del Monte Argentario (morfotipi 12 e 18);
•la permanenza della maglia agraria storica tipica dei paesaggi collinari, sia nelle parti di territorio caratterizzate
da colture legnose alternate a seminativi (morfotipo 16),
sia in quelle occupate da seminativi e prati a campi chiusi
(morfotipi 9 e 10), sia dove dominano i seminativi estensivi a maglia medio-ampia (morfotipo 5);
•il sistema dell’appoderamento tipico delle aree di bonifica,
nelle quali si riconosce una maglia insediativa e agricola
regolare, strutturata da un complesso e articolato reticolo
viario e idraulico e occupata da seminativi semplici (morfotipo 8). Elemento di grande valore è la relazione tra
paesaggio rurale e alcuni manufatti storico-architettonici
come quelli legati al controllo delle acque e alle opere di
bonifica storica (aree golenali, idrovore, cateratte, caselli
idraulici, ponti), le fattorie storiche (Parrina, Polverosa,
San Donato), il sistema insediativo risalente agli interventi di bonifica e appoderamento novecenteschi attuati
dall’Ente Maremma (per es. i centri di servizio A-M della
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
Le principali criticità che caratterizzano l’ambito sono individuabili nei seguenti punti:
•abbandono dei contesti collinari più marginali, dovuto
alla scarsa redditività delle attività agropastorali in quelle
aree, cui si collegano processi di rinaturalizzazione con
espansione della vegetazione spontanea. Rischi potenziali o in atto di questo tipo riguardano il territorio collinare e in particolare i tessuti a campi chiusi (morfotipo
9) e i seminativi in stato di abbandono (morfotipo 3).
Dinamiche di abbandono interessano in modo spiccato le
aree terrazzate del Monte Argentario (morfotipi 12 e 18);
•intensivizzazione e specializzazione delle colture nelle
aree di bassa collina e pedecolle. Si tratta soprattutto
della realizzazione di impianti di vigneto specializzato di
dimensioni consistenti che possono comportare banalizzazione e omogeneizzazione del paesaggio, rischi erosivi
e di dilavamento dei versanti (morfotipo 17);
•artificializzazione degli ambienti planiziali e costieri dovuta alla realizzazione di espansioni insediative a carattere
industriale e turistico-ricettivo. Aree maggiormente interessate da questo fenomeno sono il territorio lungo la Via
Aurelia, l’istmo di Orbetello e il Monte Argentario;
•le aree di cava, compresi gli spazi di servizio all’attività
estrattiva, concentrate nelle aree dei rilievi tufacei.
Indirizzi per le politiche
L’indirizzo principale per il territorio dei rilievi tufacei è di
preservare i notevoli valori paesistici legati a questo particolare assetto territoriale, mantenendo la leggibilità del rapporto tra nuclei storici (con particolare riferimento ai centri
di Pitigliano e Sorano) e speroni tufacei su cui sorgono, prioritariamente attraverso il contrasto di ulteriori dinamiche
di espansione insediativa. Di grande importanza è la tutela
del mosaico agroforestale tipico dei rilievi tufacei, che potrà
essere conseguita anche favorendo il mantenimento della
diversificazione colturale (seminativi alternati a oliveti e a
piccoli vigneti, morfotipo 16) all’interno di una maglia fitta o
media con tessere di dimensione contenuta, e preservando
le colture tradizionali (come alcuni oliveti di notevole valore). Nei valloni incisi dai corsi d’acqua andrebbe attuata una
gestione oculata delle formazioni boschive e di vegetazione
igrofila. Particolare attenzione andrà posta nella progettazione di nuovi impianti viticoli o di reimpianti che hanno
comportato semplificazione della maglia agraria e banalizzazione paesistica.
I caratteri morfotipologici dei sistemi agro ambientali dei paesaggi rurali
Criticità
Per le colline del Fiora e dell’Albegna gli indirizzi fondamentali mirano a contrastare i processi di abbandono dei
paesaggi agricoli e pascolivi tradizionali con particolare attenzione ai tessuti a campi chiusi (morfotipi 9 e 10) delle
porzioni di territorio più marginali. Nel settore collinare posto a nord di Montemerano e Manciano sarebbe opportuno
favorire modalità di riqualificazione della maglia agraria dei
vigneti specializzati, talvolta alternati a oliveti e seminativi a maglia medio-ampia (morfotipo 17), anche attraverso
la realizzazione di una rete di infrastrutturazione agraria e
paesaggistica articolata e continua. Gli oliveti d’impronta
tradizionale situati attorno a Montemerano e Poggio Capalbiaccio andrebbero mantenuti anche attraverso forme di incentivo, come pure quelli di grande pregio disposti a corona
del centro storico di Capalbio.
In pianura, improntata dal sistema dell’appoderamento tipico delle aree di bonifica, fondamentale è il mantenimento
della leggibilità del sistema insediativo sia in termini di scansione morfologica che di integrità dei nuclei (le fattorie storiche di Parrina, Polverosa, San Donato, i centri di servizio
A-M della piana di Capalbio realizzati dall’Ente Maremma nel
Novecento). Centrale è inoltre il mantenimento in efficienza
del sistema di regimazione e scolo delle acque e la tutela dei
manufatti storico-architettonici legati al controllo delle acque e alle opere di bonifica storica. I fenomeni di espansione dell’edificato andrebbero limitati soprattutto lungo la Via
Aurelia e nell’istmo di Orbetello. Per il promontorio dell’Argentario, elemento patrimoniale di grande valore, gli indirizzi fondamentali sono il contrasto dei processi di abbandono
agroforestale, l’incentivo alle colture d’impronta tradizionale
e l’interdizione di ulteriori consumi di suolo rurale.
Invarianti strutturali
piana di Capalbio);
•la struttura a mosaico colturale e particellare complesso di alcuni tessuti coltivati (morfotipo 20 nella piana di
Capalbio), caratterizzati da maglia fitta e diversificazione
colturale.
bassa maremma e ripiani tufacei
3.4
p. 45
bassa maremma e ripiani tufacei
morfotipi delle colture
erbacee
Morfotipi rurali
06. morfotipo dei
seminativi semplificati di
pianura o fondovalle
I caratteri morfotipologici dei sistemi agro ambientali dei paesaggi rurali
03. morfotipo dei
seminativi tendenti alla
rinaturalizzazione in
contesti marginali
Invarianti strutturali
Il morfotipo è contraddistinto
dalla prevalenza di seminativi
interessati da processi di rinaturalizzazione e posti in contesti
marginali, per lo più montani e
collinari. Il paesaggio mostra i
segni sia dell’allargamento o
della cancellazione della maglia
agraria preesistente sia quelli di un abbandono colturale
avanzato, riconoscibile nella
presenza di alberi sparsi, vegetazione arbustiva e boscaglia
che ricolonizzano i terreni.
approfondimento: livello regionale
p. 46
scala originale 1:250.000
Il morfotipo è caratterizzato
da una maglia agraria di
dimensione
medio-ampia
o ampia esito di operazioni
di ristrutturazione agricola.
Rispetto
alla
maglia
tradizionale, presenta caratteri
di semplificazione sia ecologica
che paesaggistica. Il livello di
infrastrutturazione ecologica è
generalmente basso. È spesso
associato
a
insediamenti
di
recente
realizzazione,
localizzati in maniera incongrua
rispetto alle regole storiche del
paesaggio.
05. morfotipo dei
seminativi semplici a
maglia medio-ampia di
impronta tradizionale
07. morfotipo dei
seminativi a maglia fitta di
pianura o fondovalle
Questo tipo di paesaggio è caratterizzato dalla predominanza del seminativo semplice e
del prato da foraggio, da una
maglia agraria ampia di tipo
tradizionale e dalla presenza di un sistema insediativo
a maglia rada. Ha un grande
valore estetico-percettivo dato
dall’associazione tra morfologie
addolcite, orizzonti molto estesi
coltivati a seminativo, valori luministici prodotti dal particolare
cromatismo dei suoli, episodi
edilizi isolati.
Il morfotipo è caratterizzato
dalla presenza quasi esclusiva
di colture erbacee e da una
maglia agraria regolare e fitta,
con appezzamenti di superficie
contenuta di forma allungata e stretta e spesso orientati
secondo le giaciture storiche
che consentivano un efficace
smaltimento delle acque. Può
trovarsi associato ad assetti
insediativi poco trasformati o
all’interno di contesti caratterizzati da notevole diffusione
insediativa.
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
bassa maremma e ripiani tufacei
Il paesaggio è organizzato dalla
maglia agraria e insediativa
impressa dalle grandi opere
di bonifica idraulica. Tratti
strutturanti
il
morfotipo
sono l’ordine geometrico dei
campi, la scansione regolare
dell’appoderamento
ritmata
da case coloniche e fattorie,
la presenza di un sistema
articolato e gerarchizzato di
regimazione e scolo delle acque
superficiali, la predominanza
quasi assoluta dei seminativi,
per lo più irrigui.
Il morfotipo è caratterizzato da
una maglia agraria ben leggibile,
scandita dalla presenza di siepi
che si dispongono, nell’assetto
originario, lungo i confini dei
campi.
Questa
particolare
configurazione può essere sia
espressione di una modalità
di
sfruttamento
agricolo
del
territorio
storicamente
consolidata,
sia
esito
di
fenomeni di rinaturalizzazione
derivanti dall’espansione di siepi
ed elementi vegetazionali su
terreni in stato di abbandono.
09. morfotipo dei campi
chiusi a seminativo e
a prato di collina e di
montagna
morfotipi specializzati
delle colture arboree
11. morfotipo della
viticoltura
Il morfotipo è dato dalla combinazione tra aree a seminativo e
a prato-pascolo in cui è leggibile l’organizzazione della maglia
a “campi chiusi” con filari, siepi,
boschi poderali e alberi isolati.
Può essere sia espressione di
una modalità di utilizzazione
agricola del territorio consolidata, sia esito di fenomeni di rinaturalizzazione derivanti dall’espansione di siepi ed elementi
vegetazionali su terreni in stato
di abbandono.
Si tratta di zone specializzate a
vigneto, nella quasi totalità dei
casi esito di recenti operazioni
di ristrutturazione fondiaria e
agricola. La maglia degli appezzamenti è ampia e, in certi
casi, equipaggiata da un corredo vegetale. Nei casi in cui
l’infrastrutturazione ecologica è
assente sono presenti notevoli
criticità dal punto di vista della
biodiversità e della connettività
ecologica, oltre che degli aspetti morfologici e idrogeologici.
12 morfotipo
dell’olivicoltura
Il morfotipo copre generalmente
versanti e sommità delle colline
mentre, nei contesti montani, è
presente solo sulle pendici delle
dorsali secondarie. A seconda
del tipo di impianto, i paesaggi
dell’olivicoltura si distinguono
in
olivicoltura
tradizionale
terrazzata,
olivicoltura
tradizionale non terrazzata
in
genere
caratterizzata
da condizioni che rendono
possibile la meccanizzazione, e
olivicoltura moderna intensiva.
morfotipi complessi
delle associazioni
colturali
17. morfotipo complesso
del seminativo, oliveto e
vigneto di pianura e delle
prime pendici collinari
Il morfotipo si trova in aree di
pianura o sulle prime pendici collinari ed è caratterizzato
dall’associazione tra oliveti,
seminativi e vigneti. La maglia
agraria è medio-ampia o ampia,
con appezzamenti di dimensioni
consistenti di forma regolare e
geometrica. I confini tra i campi
appaiono piuttosto nettamente
definiti. Le colture specializzate
a oliveto e vigneto sono per lo
più di impianto recente, mentre
quelle di impronta tradizionale
sono fortemente residuali.
19. morfotipo del mosaico
colturale e boscato
I caratteri morfotipologici dei sistemi agro ambientali dei paesaggi rurali
10. morfotipo dei campi
chiusi a seminativo e a
prato di pianura e delle
prime pendici collinari
Il morfotipo è caratterizzato da
una maglia paesaggistica fitta e
frammentata nella quale il bosco, in forma di lingue, macchie
e isole, si insinua capillarmente e diffusamente nel tessuto
dei coltivi. Le colture presenti
possono essere mosaici agrari
complessi arborei ed erbacei
dati dall’intersezione di oliveti, vigneti e seminativi, oppure
prevalentemente
seminativi
semplici.
18. morfotipo del mosaico
collinare a oliveto e
vigneto prevalenti
20. morfotipo del mosaico
colturale complesso a
maglia fitta di pianura e
delle prime pendici collinari
Il morfotipo è presente per
lo più in ambiti collinari ed è
caratterizzato
dall’alternanza
tra vigneti e oliveti, variamente
inframmezzati da superfici
boscate.
Si
distinguono
infatti situazioni in cui la
maglia agraria è fitta, con
appezzamenti di dimensione
contenuta, e situazioni in cui la
maglia è media o anche ampia.
I confini tra gli appezzamenti
sono in genere articolati e
morbidi e seguono le sinuosità
del terreno. Possono essere
presenti
sia
appezzamenti
condotti in maniera tradizionale
che sistemi colturali moderni.
Il morfotipo è caratterizzato
dall’associazione di colture
legnose
ed
erbacee
in
appezzamenti
di
piccola
o media dimensione che
configurano
situazioni
di
mosaico agricolo. Conservano
un’impronta tradizionale nella
densità della maglia che è fitta
o medio-fitta, mentre i coltivi
storici possono essere stati
sostituiti da colture moderne
(piccoli vigneti, frutteti, colture
orticole). I tessuti interessati da
questo morfotipo sono tra le
tipologie di paesaggio agrario
che caratterizzano gli ambiti
periurbani.
Invarianti strutturali
08. morfotipo dei
seminativi delle aree di
bonifica
16. Morfotipo del
seminativo e oliveto
prevalenti di collina
Il morfotipo è tipico delle aree
collinari ed è caratterizzato
dall’alternanza di oliveti e
seminativi. Talvolta vigneti
di dimensione variabile si
inframmettono tra le colture
prevalenti. La maglia agraria
è medio-fitta e articolata, con
campi di dimensione contenuta
e confini tra gli appezzamenti
piuttosto morbidi. Il bosco,
sia in forma di macchie che di
formazioni lineari, diversifica
significativamente il tessuto dei
coltivi.
3.4
link: abaco regionale dei morfotipi rurali
p. 47
bassa maremma e ripiani tufacei
Variazioni dell’uso del suolo fra 1830 e 1960
Variazioni dell’uso del suolo fra 1960 e 2006
Roccalbegna
Fiume Paglia
mbr
one
Castell'Azzara
Fiume Albe
gna
Fiu
me
O
GROSSETO
Scansano
Sorano
Pitigliano
Magliano in Toscana
Manciano
1960
Roccalbegna
gna
Fiu
me
Om
GROSSETO
bro
ne
Castell'Azzara
Scansano
Sorano
Pitigliano
Magliano in Toscana
Manciano
Variazioni dell'uso del suolo fra 1960 e 2006
Uso del suolo
< -75%
5% - 15%
-75% - -60%
15% - 30%
-60% - -45%
30% - 45%
-45% - -30%
45% - 60%
-30% - -15%
60% - 75%
-15% - -5%
>75%
-5% - 5%
Confine di ambito
Dati mancanti
Territori extra
regione o mare
differenza di percentuale sulla superficie di ciascuna sezione catastale, per classi di coltura fra la copertura dell’uso
del suolo fra i dati del Catasto Generale della Toscana e
quelli della carta CNR/TCI
p. 48
2006
Fiume Al
be
Invarianti strutturali
I caratteri morfotipologici dei sistemi agro ambientali dei paesaggi rurali
Orbetello
Colture permanenti (vigneto, oliveto,
frutteto, seminativo arborato, orto, castagneto da frutto)
Seminativo nudo
Incolto produttivo e prato
Orbetello
Bosco
Altri usi
Variazioni dell'uso del suolo
Uso del suolo al 2006 (puntinato)
Uso del suolo al 1960 (sfondo)
Nell'ambito delle macroclassi adottate, le aree a campitura
piena indicano continuità negli usi del suolo mentre il
puntinato indica trasformazione.
1960-2006
Fiume Paglia
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
ambito
20
bassa maremma e ripiani tufacei
Interpretazione di sintesi
4
bassa maremma e ripiani tufacei
4.1 Patrimonio territoriale
e paesaggistico
Patrimonio territoriale e paesaggistico
Interpretazione di sintesi
criteri metodologici (LINK)
p. 50
Il patrimonio territoriale e paesaggistico è dato dall’insieme
delle strutture di lunga durata prodotte dalla coevoluzione
fra ambiente naturale e insediamenti umani. L’individuazione dei caratteri patrimoniali scaturisce dall’esame della consistenza e dei rapporti strutturali e paesaggistici intercorrenti fra le quattro invarianti: il sistema insediativo storico, il
supporto idrogeomorfologico, quello ecologico e il territorio
agroforestale. Esito di questo processo è la “rappresentazione valoriale” dell’ambito da cui emergono elementi e strutture complesse di particolare pregio, che svolgono un ruolo
determinante per il mantenimento e la riproduzione dei caratteri fondativi del territorio. La descrizione del patrimonio
territoriale e paesaggistico dell’ambito mette a sistema gli
elementi strutturali e valoriali delle quattro invarianti.
L’ambito – un territorio in gran parte collinare interrotto
nella parte interna da numerosi fondovalle di dimensioni
contenute e che sfuma verso il mare attraverso le pianure
dell’Albegna e di Capalbio - comprende paesaggi complessi
e diversificati. Cinque i sistemi attorno ai quali si struttura
il patrimonio territoriale e paesaggistico compreso nell’ambito: i rilievi tufacei di Pitigliano e Sorano, un paesaggio
unico e di grande valore estetico-percettivo la cui struttura è costituita dagli estesi ripiani sommitali intensamente
coltivati, dai centri abitati posti su speroni dei ripiani più
alti, dalle valli strette e ombrose che non di rado ospitano
“vie cave” tagliate nel tufo e le “città dei morti” etrusche; il
sistema collinare delle valli dei fiumi Fiora e Albegna, dalle
morfologie più regolari e addolcite, che accoglie vasti paesaggi agropastorali tradizionali alternati a macchie e boschi
di sclerofille e latifoglie e punteggiati dai castelli e dai borghi fortificati collocati in posizione di controllo del territorio circostante; le piane di Albinia e Capalbio, storicamente
strutturate dagli interventi di bonifica che vi si sono succeduti; l’esteso sistema costiero, articolato in coste sabbiose,
rocciose e ambienti lagunari e che definisce un paesaggio
di grande bellezza e dagli importanti valori naturalistici; il
promontorio del Monte Argentario, collegato alla terraferma
dai tomboli della Feniglia e della Giannella, sistema geomorfologico e paesistico autonomo connotato dalla prevalenza
dei caratteri paesaggistici naturali su quelli antropizzati e da
scenari di grande valore estetico-percettivo.
La struttura geomorfologica del territorio di Pitigliano e Sorano vede l’alternanza di pianori alluvionali occupati dai coltivi, e valloni tufacei solcati dalle profonde forre incise dai
corsi d’acqua nei quali dominano boschi e vegetazione igrofila. Nel complesso prevale una tessitura agricola composta
per lo più di oliveti e seminativi (vigneti di nuovo impianto
intervengono talvolta ad alterarne gli equilibri paesistici e
funzionali) con buone caratteristiche di permanenza e integrità di segni e relazioni storiche. Tra Sorano e il fondovalle
del fiume Fiora, seminativi e pascoli alternati a oliveti di
impronta tradizionale e a piccoli vigneti rappresentano le
colture dominanti. I rilievi che fungono da fascia di transizione verso il territorio amiatino presentano, invece, caratteristiche tipiche dei tessuti a campi chiusi. Non di rado
il ricco e articolato reticolo idrografico che innerva l’ambito
dà luogo, in questa parte, a incisioni, salti e cascate come
la Cascata di Ripa di Meleta e le forre e le marmitte del
torrente Stridolone, al confine con il Lazio. Altri fenomeni
naturali spettacolari sono rappresentati da alcune formazioni geomorfologiche di notevole valore (spesso coincidenti
con aree protette e geositi censiti), come la Rupe di Pitigliano, i rilievi tufacei di Castell’Ottieri, Fosso Lupo, Pianetti
di Sorano e Sovana. Il sistema insediativo presenta un’articolazione strettamente correlata ai caratteri geomorfologici
del rilievo. Sulle sommità degli speroni di tufo si attestano i
centri fortificati di Pitigliano, Sovana, Sorano, eccezionalità
paesistiche e urbano-architettoniche di straordinario valore.
Le strade di collegamento tra i nuclei più antichi, spesso di
origine etrusca e scavate direttamente nel tufo (“vie cave”),
rappresentano elementi di forte caratterizzazione paesaggistica. In corrispondenza di questi tratti si aprono visuali di
eccezionale valore paesaggistico: per Pitigliano è da citare
la strada n. 74 Maremmana, in località Madonna delle Grazie, mentre per Sorano e Montorio è di notevole interesse il
tratto della provinciale che collega la Sforzesca a Pitigliano.
Un’elevata panoramicità, con visuali aperte verso il Monte
Elmo e i territori rurali dell’altopiano tufaceo, caratterizza il
tratto di strada provinciale Pitigliano-Santa Fiora. Al ricchissimo patrimonio archeologico etrusco (necropoli, tombe,
resti di città, le “vie cave” di San Rocco, case Rocchi, San
Valentino, Cavone, San Sebastiano e Poggio Prisca - poste
in prossimità dei nuclei di Sorano e Sovana, e quelle del
Gradone, S. Giuseppe, Fratenuti nei pressi di Pitigliano) si
sono aggiunte nei secoli successivi importanti emergenze
architettoniche medievali e cinque-seicentesche.
Spostandosi verso le colline dell’Albegna e del Fiora il pae-
saggio muta sensibilmente: morfologie meno frastagliate e
più addolcite, presenza di tessuti a campi chiusi a prevalenza di colture cerealicole, foraggi e pascoli organizzati all’interno di una maglia agraria generalmente medio-fitta ed
efficacemente infrastrutturata da un ricco corredo di siepi,
lingue e macchie boscate. In prossimità degli abitati di Manciano e Saturnia oliveti per lo più di dimensione contenuta
interrompono l’omogeneità delle colture erbacee. Sistemazioni a oliveto d’impronta tradizionale di un certo pregio si
trovano anche presso Montemerano e Poggio Capalbiaccio.
Di grande valore ecologico, questo tessuto coltivato costituisce un esteso nodo della rete regionale degli agroecosistemi. I Monti di Capalbio presentano anch’essi un mosaico
agrario articolato in parte da masse boschive, macchia mediterranea e da aree di rinaturalizzazione, in parte da oliveti
tradizionali di grande pregio disposti a corona del nucleo
storico di Capalbio (mentre mosaici a maglia medio-ampia,
che vedono l’alternanza tra seminativi, oliveti e vigneti specializzati di nuovo impianto, alterano in certi punti i valori
paesistici). Lungo i rilievi collinari dell’Albegna e del Fiora
spiccano gli elementi fondativi dell’impianto insediativo storico: in particolare, il sistema di castelli medievali e borghi
fortificati sorti lungo le due penetranti storiche che corrono
sui crinali che delimitano la piana del fiume Albegna e localizzati in posizione di mezzacosta o sulla sommità dei colli
(Montiano, Magliano, Marsiliana e Manciano). Visuali e scorci di grande valore percettivo sono offerte dalle vie strette e
tortuose che ripercorrono i sentieri della transumanza e che
vanno dall’alta collina boscata verso la costa.
Collina e pianura costiera sono separate dai poggi di Capalbio e Orbetello, dominati dal bosco e in buona parte
coincidenti con un’importante area di alimentazione degli
acquiferi strategici oltre che con un interessante complesso
di formazioni carsiche (Poggio Leccio). Al di là di questi ultimi rilievi collinari si aprono la piana di Albinia - solcata dai
tratti terminali dei corsi dell’Osa e dell’Albegna -, e quella di
Capalbio, entrambe riconoscibili come paesaggi modellati
dai processi di bonifica e perciò caratterizzati da una maglia
insediativa e agricola regolare, da un complesso e articolato reticolo viario e idraulico, dalla prevalenza di superfici
a seminativo. I caratteri di pregio della pianura bonificata
sono riconducibili al valore storico-testimoniale delle relazioni tra impianto insediativo e paesaggio agrario. Un sistema
di nuclei organizzati lungo l’asse infrastrutturale dell’Aurelia (Fonteblanda, Albinia, Orbetello Scalo) si ramifica nella piana costiera, addentrandosi nella valle dell’Albegna ed
estendendosi a sud fino alle pendici dei Colli di Capalbio. La
struttura insediativa rurale è organizzata intorno ai poderi e
ai centri agricoli di Chiarone, Pescia Fiorentina, Borgo Carige, Capalbio Scalo, Quattro Strade, Polverosa, San Donato,
Sant’Andrea, collegati fra loro dalla rete di strade provinciali
minori (in certi casi di grande valore paesaggistico) e dal
reticolo minuto della viabilità vicinale, o sull’impianto insediativo della riforma Agraria dell’Ente Maremma (con il caratteristico appoderamento a nuclei e la presenza dei centri
rurali di servizio denominati “A-M”). Il paesaggio agrario è
in certe parti ancora caratterizzato dalla rete di manufatti
storico-architettonici e di infrastrutture idrauliche legate al
controllo delle acque e alle opere di bonifica (canali, argini rilevati, idrovore, oltre che cateratte, caselli idraulici,
ponti). Dal punto di vista della funzionalità ecosistemica e
idro-geomorfologica sono da segnalare le importanti emergenze fluviali dell’Albegna e del Fiora (Siti Natura 2000 “Medio corso del Fiume Albegna e Alto corso del Fiume Fiora”
e - lungo il corso del Fiora - la “Riserva Naturale Provinciale
di Montauto”), oltre ai densi reticoli idrografici dei torrenti
Lente e Stridolone.
Il sistema costiero (coste sabbiose e rocciose, sistemi dunali,
lagune) si distingue per la predominanza dei valori naturalistici compresi, confermata dalla presenza di numerose Aree
protette, Riserve e Siti Natura 2000. Nell’ambito delle coste
sabbiose, è da segnalare presso i Tomboli di Burano uno
degli habitat dunali meglio conservati della Toscana, con la
tipica serie dunale tra l’arenile e l’entroterra, con gli habitat
di anteduna, di duna mobile, di duna fissa e le depressioni
umide retrodunali. Tra le altre emergenze, merita di essere
citata la duna fissa del Tombolo della Feniglia (Riserva Statale Duna Feniglia), interessata da una caratteristica pineta
a prevalenza di pino domestico, con sottobosco di macchia
mediterranea. Anche le coste rocciose costituiscono un elemento caratteristico del paesaggio maremmano, soprattutto per il territorio insulare (Isole del Giglio e Giannutri) e per
le coste di Talamone e di Ansedonia. Le aree umide coincidono con le principali eccellenze naturalistiche della fascia
costiera. La Laguna di Orbetello, uno dei più importanti ecosistemi lagunari d’Italia oltre che paesaggio di straordinaria
bellezza, costituisce una vasta laguna salmastra circondata
da mosaici di habitat palustri di estremo interesse floristico e faunistico. Simile per alcuni aspetti strutturali e per i
valori compresi, la Laguna di Burano che occupa il tratto di
costa più meridionale della Toscana, con un ampio specchio
d’acqua salmastro retrodunale. Oltre a queste straordinarie
eccellenze, il territorio costiero presenta altre aree umide
relittuali e retrodunali: la zona costiera tra Ansedonia e il
Lago di Burano (ex Palude di Tagliata e Macchia Tonda),
l’area umida di Campo Regio, con un nucleo più interno e
uno retrodunale, le aree umide relittuali del Golfo di Talamone. Su questo tessuto paesistico a carattere marcatamente naturale spiccano gli elementi di pregio dell’impianto
insediativo storico: le mura etrusco-romane che cingono il
centro di Orbetello; i castelli e i borghi fortificati medievali
situati su alture a dominio della costa (per es. Capalbio); il
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
Patrimonio territoriale e paesaggistico
Il promontorio del Monte Argentario, sistema geomorfologico e paesistico a sé, è caratterizzato da coste rocciose a
strapiombo sul mare, uno straordinario susseguirsi di falesie
e pareti verticali di grande valore naturalistico e paesaggistico (tra le scogliere più imponenti, quelle di Cala Grande,
Punta Avoltore, Punta Ciana e Capo d’Uomo). Il promontorio, di importanza strategica per l’alimentazione degli
acquiferi, è in gran parte coperto da superfici boschive a
prevalenza di leccete e, secondariamente, di boschi misti di
sclerofille e latifoglie, o di leccete umide con alloro (importante habitat di interesse comunitario). Oltre alla presenza
di macchia mediterranea e gariga, nei versanti e lungo le
vallette interne a Porto S. Stefano si trovano coltivi terrazzati d’impronta tradizionale (per lo più oliveti e vigneti), oggi
minacciati da processi di consolidato abbandono. L’impianto
insediativo storico è articolato nel sistema di borghi fortificati medievali, in quello delle fortezze e fortificazioni costiere
dello Stato dei Presidios spagnoli (la Rocca, Forte Filippo,
Forte Stella, Santa Barbara, Santa Caterina - a Porto Ercole;
la Fortezza - a Porto S. Stefano), nel sistema dei porti storici
(Porto Ercole e Porto Santo Stefano), nel sistema di torri
di avvistamento costiere. Infine, di eccezionale valore paesaggistico è il complesso del Convento/Noviziato dei Frati
Passionisti, connesso al sistema della viabilità storica.
Interpretazione di sintesi
sistema di fortezze e fortificazioni costiere dello Stato dei
Presidios spagnoli (quali i Bastioni, le Porte e la Polveriera di
Orbetello); il Forte delle Saline ad Albinia; la Rocca, il porto
fortificato e le mura di Talamone; i resti della città di Cosa
e la Tagliata etrusca ad Ansedonia (dove sfocia il millenario
canale emissario del Lago di Burano); il ricco sistema di
torri di avvistamento costiere poste sui crinali dell’Uccellina,
Buranaccio e Macchiatonda, sulle basse spiagge capalbiesi
della Tagliata e di S. Pancrazio; la rete di manufatti per il
controllo delle acque lagunari (come la diga artificiale di
Orbetello, costruita in epoca Leopoldina); i canali che attraversano i tomboli e l’istmo di Orbetello.
bassa maremma e ripiani tufacei
4.1
p. 51
bassa maremma e ripiani tufacei
Patrimonio territoriale e paesaggistico
Interpretazione di sintesi
Patrimonio territoriale e paesaggistico
link: www.paesaggiotoscana.it/schede/AMB20-4I_patrim.pdf
p. 52
livello d’ambito
bassa maremma e ripiani tufacei
estratto della carta
Patrimonio territoriale e paesaggistico
legenda
Interpretazione di sintesi
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
4.1
p. 53
bassa maremma e ripiani tufacei
4.2 Criticità
Criticità
Interpretazione di sintesi
criteri metodologici (LINK)
p. 54
Le criticità sono intese come le dinamiche o le pressioni che
alterano le qualità e le relazioni del patrimonio territoriale pregiudicandone la riproducibilità. Individuate mediante
l’esame dei rapporti strutturali intercorrenti fra le quattro invarianti in linea con la definizione di patrimonio territoriale,
sono formulate, generalmente, come relazioni tra il sistema
insediativo storico, il supporto idrogeomorfologico, quello
ecologico e il territorio agroforestale. Le criticità dell’ambito
completano quelle contenute negli abachi, validi per tutto il
territorio regionale, e integrano gli ‘indirizzi’ contenuti nella
scheda d’ambito, relativi a ciascuna invariante.
Nell’ambito della “Bassa Maremma e Ripiani tufacei” emergono problematiche tipiche delle realtà territoriali e paesaggistiche strutturate attorno ad un complesso e ampio
sistema costiero, connesso alle aree interne della pianura e
ai rilievi collinari retrostanti.
Le principali dinamiche di trasformazione si muovono in direzioni opposte: da una parte, fenomeni di intensificazione,
sia dei livelli di artificializzazione e urbanizzazione per carico
turistico (soprattutto lungo le aree costiere), sia delle attività agricole (nella pianura e nei versanti collinari); dall’altra,
problematiche causate dall’abbandono degli ambienti agropastorali e boschivi in alcuni settori alto collinari e montani.
Le dinamiche di pressione antropica (artificializzazione, urbanizzazione, frammentazione) hanno profondamente alterato lo stato di equilibrio (ambientale, territoriale e paesaggistico) del sistema costiero e dell’entroterra.
Particolarmente significativi i processi di urbanizzazione e
artificializzazione (residenze stagionali ad uso turistico-balneare e strutture alberghiere) riconducibili all’elevato carico
turistico del Monte Argentario, con espansioni diffuse lungo
la costa ad interessare fin l’entroterra: Porto Ercole, Porto
S. Stefano, tra Porto S. Stefano e il Tombolo della Giannella, nell’area a diretto contatto con la Laguna di Orbetello (Terra Rossa), nelle località di Sbarcatello, Il Carrubo,
Isola Rossa, Punta del Bove, Cala Moresca. Tali dinamiche
(edificato sparso, edilizia turistico-ricettiva, campeggi e villaggi vacanza, strutture camperistiche, portualità turistica)
coinvolgono, spesso, paesaggi costieri retrodunali: lungo il
tratto tra la foce dell’Osa e dell’Albegna (a contatto con le
dune pinetate), nella fascia costiera di Macchiatonda (nella
pianura agricola compresa tra la Via Aurelia e la strada litoranea n. 68). Di elevato impatto ambientale e paesaggistico: i processi presso il Tombolo di Orbetello, con espansioni
che tendono a saldare Orbetello con la frazione di Orbetello
scalo (a contatto con le aree della Laguna); l’edificato residenziale e industriale di Albinia, Topaie e Quattrostrade,
sviluppato lungo la Via Aurelia (tra la Foce del fiume Albegna e Ansedonia); l’urbanizzazione diffusa del promontorio
di Ansedonia, di Talamone, della foce dell’Osa e del Tombolo
della Giannella (con insediamenti turistici realizzati direttamente sul sistema dunale); per la parte insulare, critica l’espansione di Giglio Campese.
I caratteri paesaggistici e gli equilibri ecologici costieri (cordoni dunali, aree umide residuali, pinete, foci fluviali) sono
messi in discussione anche da dinamiche di urbanizzazione
e artificializzazione sviluppatesi in tempi più recenti: potenziamento dei porti dell’Argentario e di Talamone; apertura
di nuovi porti turistici (Cala Galera e Santa Liberata); trasformazione di campeggi litoranei in villaggi turistici (con
utilizzo di unità abitative di tipo seriale, di scarsa qualità
architettonica e urbanistica); nascita di quartieri ex novo
(quasi esclusivamente “seconde case”) presso Ansedonia e
Capalbio Scalo.
ricettivo), con conseguente indebolimento delle relazioni
territoriali-ambientali-paesaggistiche tra sistema costiero ed
entroterra. Sempre con riferimento all’apparato infrastrutturale viario, si segnalano criticità causate dall’indebolimento
del ruolo strutturante (a livello locale) dell’Aurelia, da una
riduzione dei legami con il reticolo del sistema poderale storico della piana (nel tratto Albinia-Ansedonia), dalla creazione di spazi interclusi tra gli assi viari (congestionamento e
frammentazione del territorio agricolo). Inoltre, le moderne
infrastrutture viarie, gravando pesantemente sul tratto terminale del fiume Albegna, risultano di particolare impegno
idrogeologico per la piana intorno ad Albinia (abitato cresciuto in un’area denominata dal Catasto Leopoldino “Piana
delle Saline”, ad evocare la natura di zona umida costiera):
i terrapieni della Ferrovia e della Variante Aurelia, la nuova
bretella “lungofiume” di collegamento fra l’Aurelia e la Maremmana, il ponte della SP Amiatina hanno di fatto costituito un aggravio dell’evento di piena datato dicembre 2012.
Per quanto riguarda lo straordinario patrimonio lagunare,
si riscontra un livello di criticità in costante aumento. Negli
anni più recenti, le due principali lagune (Orbetello e Burano) hanno risentito non solo di crescenti fenomeni di urbanizzazione delle aree contermini, ma anche e, soprattutto,
di rilevanti processi di inquinamento ed eutrofizzazione delle
acque. Per la Laguna di Burano la principale fonte di inquinamento è di origine agricola (inquinamento da nitrati); per
la Laguna di Orbetello, invece, all’inquinamento diffuso di
origine agricola si associano gli scarichi civili, lo sviluppo e
la successiva dismissione di attività industriali inquinanti (ex
area Sitoco), la creazione di impianti di acquacoltura, una
fiorente attività di pesca.
Il repertorio delle criticità della Bassa Maremma comprende, inoltre, fenomeni di intensificazione delle attività agricole, riscontrabili lungo le pianure alluvionali (bassa Valle
dell’Albegna e dell’Osa), nel sistema costiero di Capalbio e
Orbetello (per diffusione di seminativi, colture di serra e
florovivaismo), nei versanti di bassa collina e di pedecolle
a nord di Montemerano e Manciano (alta concentrazione di
vigneti di nuovo impianto, a maglia medio-ampia, alternati
a oliveti specializzati e seminativi), lungo i ripiani tufacei di
Pitigliano e Sovana (con la diffusione di vigneti specializzati). Tra le ripercussioni più impattanti: omogeneizzazione
del paesaggio agricolo; riduzione/scomparsa degli elementi
vegetali (siepi, filari alberati); intenso utilizzo delle risorse
idriche; incremento dell’uso di fertilizzanti e prodotti fitosanitari; riduzione della funzionalità di aree agricole di collegamento ecologico tra matrici o nodi forestali (ad esempio,
tra il sistema Argentario/Dune Feniglia e i boschi/macchie
dei rilievi collinari di Orbetello; tra i diversi poggi forestali
di Capalbio, tra questi e le macchie dunali costiere; tra i
boschi di Manciano e quelli delle Colline di Semproniano). I
fenomeni di intensificazione delle attività agricole risultano
particolarmente critici quando vanno ad interessare le fasce
di pertinenza fluviale, alterando quantitativamente e quali-
Fenomeni di artificializzazione e urbanizzazione della costa
e della pianura hanno alimentato l’effetto barriera (con relativo impatto territoriale, ecologico e paesaggistico). Particolarmente rilevante quello causato dal corridoio infrastrutturale dell’Aurelia e dalla linea ferroviaria, aggravato dall’alta
concentrazione insediativa presente nella fascia delimitata
dalle due infrastrutture. Al corridoio Aurelia-ferrovia si deve
inoltre lo scivolamento a valle del sistema insediativo (a
carattere residenziale, produttivo-commerciale e turistico-
Consistenti processi di artificializzazione sono poi riconducibili allo sviluppo del settore estrattivo: le cave di tufo
presenti lungo le gole di Pitigliano e Sorano (con interessamento diretto di importanti habitat rupestri ed ecosistemi
fluviali); i vasti siti estrattivi di travertino di Scarceta (presso
il fiume Fiora); le cave di calcare distribuite tra i poggi di
Capalbio, La Marsiliana, Montemerano; le cave di materiale
alluvionale dei terrazzi ghiaiosi dei corsi dell’Albegna, Fiora
e del Paglia.
tativamente la vegetazione ripariale, la qualità delle acque
(fiumi Albegna e Fiora) o le aree umide (lagune di Orbetello
e Burano, bosco palustre di Campo Regio).
Processi di espansione dei principali borghi e nuclei di origine medievale segnano la vasta porzione collinare. Pur trattandosi di fenomeni meno impattanti rispetto a quelli costieri, le espansioni edilizie contemporanee non controllate,
dal carattere non omogeneo (rispetto ai tessuti antichi), aggregate incoerentemente lungo le principali direttrici viarie
in uscita dai centri urbani (Scansano, Montiano, Manciano,
Magliano, Capalbio), hanno messo spesso in discussione il
valore paesistico e architettonico del patrimonio insediativo
storico. Tali espansioni, seppur di dimensioni più contenute, generano infatti un grande impatto poiché più visibili e
maggiormente percepibili dalle piane e dai principali assi di
attraversamento dell’ambito. Una criticità ancor più stridente a Capalbio, a Sorano, lungo la viabilità di crinale che si
diparte da Manciano e, soprattutto, a Pitigliano, dove all’eccezionalità paesistica dei nuclei storici fanno da contraltare anonime espansioni della seconda metà del Novecento,
prive di qualità, di unitarietà stilistica e di relazione con il
contesto.
In direzione opposta alle dinamiche fin qui descritte si muovono i processi di abbandono delle attività agricole tradizionali e degli ambienti agropastorali più marginali (fenomeni
di ricolonizzazione vegetale, arbustiva e arborea), con particolare riferimento al sistema insulare, ai monti al limite
settentrionale dell’ambito, ai residuali paesaggi agricoli dei
versanti del Monte Argentario, che hanno visto scomparire progressivamente le tipiche fasce terrazzate (oggi per la
gran parte invase da macchia mediterranea).
Sempre entro le zone collinari, meritano una speciale menzione le opposte dinamiche di trasformazione cui sono soggetti i paesaggi boschivi (di elevata estensione, ma spesso
di scarsa qualità ecologica). Da una parte, dinamiche di abbandono, frammentazione e degrado a caratterizzare i rilievi
boscati costieri di Poggio del Leccio, Poggio Capalbiaccio,
Monte Nebbiello, Poggio Monteti, Monte Maggiore, nei rilievi
di Monte Bellino e Poggio Costone (al confine con il Lazio).
Dall’altra, processi di intensificazione dovuti ai prelievi legnosi (soprattutto nelle proprietà private), con alterazioni
della struttura ecologica, del valore naturalistico e sensibile
incremento nella frequenza degli incendi estivi.
Altre problematiche, infine, sono riconducibili a dinamiche
geomorfologiche. Le rupi della “Città del Tufo” sono naturalmente soggette ad evolversi per crolli, con conseguenti
rischi per le testimonianze storiche e, soprattutto, per gli
elementi lineari del paesaggio. Rilevante il numero di aree
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
Criticità
Interpretazione di sintesi
soggette ad elevato rischio di erosione del suolo. Le limitate
risorse idriche condizionano l’attività agricola, provocando
una costante dipendenza dal limitrofo ambito del Monte
Amiata. Lungo la costa alta sono presenti zone in arretramento e fenomeni di crollo di falesia (Monte Argentario);
lungo la costa bassa, diffusi i fenomeni erosivi nei tratti di
litorale sabbioso (nei pressi di Bengodi, lungo il Tombolo
della Giannella e presso Capalbio).
bassa maremma e ripiani tufacei
4.2
p. 55
bassa maremma e ripiani tufacei
Criticità
Interpretazione di sintesi
Criticità
link: www.paesaggiotoscana.it/schede/AMB02-4II_critic.pdf
p. 56
livello d’ambito
bassa maremma e ripiani tufacei
legenda
Criticità
Interpretazione di sintesi
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
4.2
p. 57
bassa maremma e ripiani tufacei
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
ambito
20
bassa maremma e ripiani tufacei
Disciplina d’uso
5
bassa maremma e ripiani tufacei
5.1 Obiettivi di qualità
e direttive
criteri metodologici (LINK)
disciplina d’uso
Obiettivi di qualità e direttive
Gli obiettivi di qualità, indicati di seguito, riguardano la tutela e la riproduzione del patrimonio territoriale dell’ambito.
Gli obiettivi di ambito sono individuati mediante l’esame dei
rapporti strutturali intercorrenti fra le quattro invarianti, in
linea con la definizione di patrimonio territoriale: sono, perciò, formulati, generalmente, come relazioni tra il sistema
insediativo storico, il supporto idrogeomorfologico, quello
ecologico e il territorio agroforestale; completano gli obiettivi contenuti negli abachi, validi per tutto il territorio regionale, e integrano gli ‘indirizzi’ contenuti nella scheda, relativi
a ciascuna invariante.
p. 60
OBIETTIVO 1
Salvaguardare la fascia costiera e la retrostante pianura, qualificate dalla presenza
di eccellenze naturalistiche legate agli importanti sistemi dunali e di costa rocciosa,
di aree umide e lagune costiere, e dal paesaggio agrario di Pianura e della bonifica,
riequilibrando il sistema insediativo e infrastrutturale polarizzato sulla costa
Direttive correlate
Gli enti territoriali e i soggetti pubblici, negli strumenti della
pianificazione, negli atti del governo del territorio e nei piani
di settore, ciascuno per propria competenza, provvedono a:
1.1 - evitare l’ulteriore consumo di suolo e i processi di saldatura dell’urbanizzato in ambito costiero e sub-costiero,
salvaguardando i varchi inedificati tra le aree urbanizzate
e lungo gli assi infrastrutturali ed evitando o contenendo la
frammentazione delle aree agricole a opera di infrastrutture
e urbanizzazioni, con particolare riferimento ad Orbetello
(tutelando i varchi inedificati tra il centro e lo Scalo), al Tombolo della Giannella, alla via Aurelia tra la foce del T. Osa e
Ansedonia, alla fascia di transizione tra la laguna di Orbetello e le colline interne, alla fascia retrodunale tra la foce
dell’Osa e dell’Albegna, tra Ansedonia e Burano, tra Burano
e la foce del Chiarone;
1.2 - evitare la realizzazione di nuovi insediamenti produttivi
lungo l’Aurelia, mitigare l’impatto di quelli esistenti sugli
ecosistemi lagunari e delle aree umide, bonificare e recuperare le aree produttive - con particolare riferimento al complesso dell’ex SITOCO a Orbetello Scalo - e militari dimesse,
valorizzando le testimonianze di archeologia industriale;
1.3 - evitare la diffusione in territorio rurale sub-costiero,
e in particolare nell’intorno dei nuclei rurali storici, di edilizia sparsa a carattere turistico/residenziale o industriale/
artigianale non coerente con il sistema insediativo della bonifica;
1.4 - assicurare la migliore integrazione paesaggistica del
tracciato del corridoio tirrenico e delle opere ad esso connesse, con riferimento agli aspetti idro-geomorfologici, naturalistici, antropici e percettivi, attraverso soluzioni progettuali e tecnologiche che:
•realizzino una buona integrazione del tracciato nella trama consolidata della rete viaria esistente anche rispetto
alla gerarchia e ai caratteri strutturali/tipologici della viabilità storica
•non compromettano gli assetti figurativi del paesaggio
agrario planiziale (assetti agrari e insediativi di impianto
storico) della bonifica, la permeabilità ecologica e visiva
tra il territorio costiero-lagunare e l’entroterra e la possibilità di riqualificare le aree degradate
•assicurino il mantenimento degli equilibri idrogeologici,
con particolare riguardo ai deflussi negli eventi di piena a
bassa frequenza;
1.5 - riqualificare il sistema infrastrutturale costiero longitudinale (Orbetello Scalo, Albinia, Fonteblanda, Capalbio
Scalo, Chiarone Scalo) attraverso modalità di spostamento
integrate, sostenibili e multimodali;
1.6 - tutelare il sistema della viabilità litoranea e pedecollinare costituito dalla Via Aurelia, dalla viabilità minore ad
essa collegata, con particolare riferimento al tratto compreso fra Ansedonia e Talamone, e da quella ad essa parallela
(SP Litoranea, SP Pedemontana, Via di Cameretta, la direttrice Aurelia Antica-Torrevecchia-Provinca, la Strada dei
Poggi, la direttrice SP Parrina-SP San Donato) valorizzando
inoltre le relazioni territoriali e paesaggistiche fra i centri
della costa e dell’entroterra; tutelare la viabilità storica di
collegamento con i porti (SP 161 di P.S. Stefano, SP di P.to
Ercole, SP di Giannella, Sp di Talamone);
1.7 - migliorare il livello di sostenibilità, rispetto alla vulnerabilità delle componenti paesaggistiche, naturalistiche e geo-
morfologiche, del turismo estivo e balneare e delle strutture
ad esso collegate nella fascia costiera, con particolare riferimento alla costa di Talamone, tra Fonteblanda e la foce del
fiume Albegna, ai tomboli della Giannella e della Feniglia,
alla costa di Macchiatonda, al fine di tutelare gli ecosistemi
dunali, retrodunali e della costa rocciosa, attraverso:
•il divieto di ogni ulteriore urbanizzazione sui sistemi dunali e sulle coste rocciose
•il miglioramento della funzionalità e della sostenibilità
ambientale delle strutture di accesso esistenti agli arenili
(percorsi attrezzati) e delle attività di pulizia degli arenili
•la riduzione del sentieramento diffuso su dune e la diffusione di specie aliene
•la riqualificazione degli ecosistemi dunali alterati e/o
frammentati, con particolare riferimento alle coste classificate come “corridoi ecologici da riqualificare”;
1.8 - tutelare gli elevati valori naturalistici e migliorare lo
stato di conservazione dell’importante sistema delle aree
umide costituito dalla laguna di Orbetello, dal lago di Burano e dalle numerose piccole aree umide costiere attraverso:
•la riduzione degli apporti inquinanti e dei fenomeni di
eutrofizzazione delle acque mediante il completamento e
il miglioramento dei sistemi di depurazione degli scarichi
civili e industriali, con particolare riferimento alla Laguna
di Orbetello, e la riduzione dei fenomeni di inquinamento
diffuso di origine agricola
•la riduzione dei fenomeni di urbanizzazione delle aree
contermini
•la bonifica dei siti inquinati
•la riduzione degli impatti legati agli impianti di itticoltura
attorno alla Laguna di Orbetello
•il miglioramento della compatibilità ecologica dell’attività
di pesca, in particolare per le semine e per la gestione
delle acque di ingresso dal mare
• il mantenimento/miglioramento delle condizioni idrauliche necessarie alla conservazione delle aree umide attraverso un uso razionale delle risorse idriche, anche al fine
di limitare l’intrusione di acque salmastre, e la manutenzione del sistema idraulico costituito dai canali storici e
dalle relative infrastrutture;
1.9 - tutelare gli assetti figurativi e la maglia agraria storica
dei paesaggi della bonifica garantendo:
•il mantenimento della viabilità poderale e della vegetazione di corredo
•la leggibilità del sistema insediativo (fattorie, casali, poderi e nuclei rurali) della bonifica storica e di quella novecentesca dell’Ente Maremma, evitando alterazioni morfologiche di nuclei e aggregati
•la coerenza delle eventuali riorganizzazioni della maglia
agraria con il disegno della bonifica
•l’efficienza del sistema di regimazione e scolo delle acque, attraverso azioni di manutenzione, ripristino e potenziamento del reticolo di fossi, canali e scoline e dei
manufatti della bonifica (canali, argini rilevati, idrovore,
caselli idraulici, ponti);
1.10 - garantire l’equilibrio idraulico delle aree di pianura,
in particolare della piana dell’Albegna e delle Depressioni
retrodunali bonificate intorno al lago di Burano e alle spalle
di Talamone, e delle falde acquifere e salvaguardare i valori
ecosistemici, idrogeomorfologici e paesaggistici degli ambienti fluviali e torrentizi:
•contenendo i prelievi idrici, anche attraverso il ricorso a
sistemi irrigui a minore richiesta. I sistemi irrigui debbono
peraltro tenere conto del rischio di salinizzazione dei suoli
nelle Depressioni retrodunali e nei Bacini di esondazione;
•nelle zone adiacenti le aree umide e gli ecosistemi fluviali
e torrentizi, evitando i processi di intensificazione delle
attività agricole;
•evitando il sovraccarico degli estesi sistemi drenanti, in
particolare con acque potenzialmente inquinanti di origine urbana, agricola o industriale;
•prevenendo e contenendo l’impermeabilizzazione delle
aree di assorbimento dei deflussi e di ricarica degli acquiferi, montane, collinari e di Margine;
•aumentando la capacità di smaltimento dei maggiori
eventi di piena nei Bacini di esondazione e nelle Depressioni retrodunali, intervenendo anche sulle infrastrutture
per creare vie di drenaggio, capaci di proteggere gli insediamenti e ridurre le aree allagabili;
•migliorando la qualità ecosistemica e il grado di continuità ecologica trasversale e longitudinale degli ambienti
fluviali e torrentizi nonché i livelli di sostenibilità delle attività di gestione della vegetazione ripariale;
•individuando e tutelando idonee fasce di mobilità fluviale
(in particolare per alcuni tratti dei fiumi Albegna e Fiora)
e riducendo i livelli di artificializzazione delle aree di pertinenza fluviale, anche attraverso il divieto, in tali aree, di
realizzare nuovi siti estrattivi e la riqualificazione dei siti
estrattivi abbandonati e delle aree degradate o interessate da usi impropri, con priorità per le aree classificate
come “Corridoi ecologici fluviali da riqualificare” (in particolare il basso corso del Fiume Albegna e del Torrente
Osa);
1.11 - evitare i processi di intensificazione delle attività agricole che comportino semplificazione del paesaggio agrario,
riduzione della rete di infrastrutturazione ecologica e paesaggistica e dei livelli di permeabilità ecologica, intenso utilizzo di risorse idriche e inquinamento diffuso, in particolare
nelle zone agricole adiacenti le aree umide e gli ecosistemi
fluviali e in quelle con funzioni di collegamento ecologico
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
1.13 - tutelare l’integrità visiva dello scenario paesaggistico
del Golfo di Talamone e le relazioni figurative e visuali/percettive tra l’insediamento di Talamone, caratterizzato dalla
Rocca, dal porto fortificato e dalle mura, i Monti dell’Uccellina, la piana della bonifica, i due promontori di Talamonaccio
e Montagnola e il mare;
1.14 - tutelare, dove non compromessa, l’intervisibilità tra
insediamenti costieri, emergenze architettoniche, naturalistiche e il mare.
OBIETTIVO 2
Tutelare l’eccellenza paesaggistica, gli elevati valori naturalistici e di geodiversità
nonché la forte valenza iconografica del
Promontorio dell’Argentario e delle piccole
isole circostanti
Direttive correlate
Gli enti territoriali e i soggetti pubblici, negli strumenti della
pianificazione, negli atti del governo del territorio e nei piani
di settore, ciascuno per propria competenza, provvedono a:
2.1 - Contrastare il consumo di suolo e i processi di saldatura dell’urbanizzato e migliorare la qualità paesaggistica,
urbana ed architettonica degli insediamenti costieri nei territori compresi tra i centri abitati di Porto Santo Stefano e
Porto Ercole:
•evitando, al di fuori del territorio urbanizzato e del sistema dei porti, ulteriori espansioni lineari lungostrada di
Porto Ercole e Porto Santo Stefano, nuove edificazioni
nella fascia costiera ed espansioni degli insediamenti turistici esistenti
•qualificando i tessuti urbani esistenti, definendo i margini, riqualificando le aree di degrado
2.2 - Tutelare gli assetti figurativi, il complesso mosaico ambientale e gli elevati livelli di naturalità, bio e geo diversità
che caratterizzano il Promontorio dell’Argentario e le piccole
isole satelliti circostanti:
•regolando i carichi turistici verso livelli di sostenibilità rispetto alla vulnerabilità delle componenti paesaggistiche,
naturalistiche e geomorfologiche
•evitando la diffusione di edilizia sparsa e di lottizzazioni
a carattere turistico-residenziale, in particolare a ridosso
delle insenature costiere
•salvaguardando le emergenze vegetazionali (macchie
basse e garighe, habitat rupestri calcarei, ecosistemi delle
coste rocciose, importante nodo forestale secondario) e
geomorfologiche (falesie, fenditure, cale e isolotti, fenomeni carsici ipogei ed epigei, grotte marine con presenza
di depositi d’interesse paleontologico e paletnologico)
•valorizzando e promuovendo il mantenimento delle attività agricole tradizionali di versante al fine di conservare
o recuperare i caratteristici terrazzamenti - contrastando
il rischio di abbandono colturale e la conseguente ricolonizzazione vegetale - e garantendo la funzionalità del
sistema di regimazione idraulico-agraria e di stabilizzazione dei versanti
•salvaguardando le residuali zone agricole di Fondovalle presenti alla base dei versanti settentrionali del promontorio dell’Argentario in parte alterate dai processi di
espansione residenziale e turistica;
2.3 - Tutelare l’elevato grado di panoramicità espresso dal
Promontorio dell’Argentario e le relazioni visuali con la Laguna di Orbetello e la costa maremmana, percepibili dalla
viabilità litoranea costituita dalla strada di scorreria che collega le torri costiere e dalla strada Panoramica dell’Argentario, dal sistema di viabilità minore che percorre il promontorio collegando torri, chiese e casali, nonché dai punti di
belvedere e dal mare.
OBIETTIVO 3
Tutelare l’eccellenza paesaggistica, gli elevati valori naturalistici e la forte valenza
iconografica delle Isole del Giglio e di Giannutri
Direttive correlate
Gli enti territoriali e i soggetti pubblici, negli strumenti della
pianificazione, negli atti del governo del territorio e nei piani
di settore, ciascuno per propria competenza, provvedono a:
3.1 - Contrastare il consumo di suolo in ambito costiero e
sub-costiero e conservare e/o migliorare la qualità paesaggistica degli insediamenti esistenti:
•evitando ulteriori espansioni edilizie lineari lungostrada e
sui versanti a maggiore panoramicità di Giglio Castello,
nuove edificazioni nella fascia costiera, espansioni degli
insediamenti turistico-residenziali di Giglio Campese, di
Giglio Porto e, nell’isola di Giannutri, di Cala Maestra e
Cala Spalmatoio
•qualificando i tessuti urbani esistenti, definendo i margini, riqualificando le aree di degrado
•riqualificando i waterfront urbani
•tutelando i centri storici di Giglio Castello e Giglio Porto;
3.2 - tutelare gli assetti figurativi, il complesso mosaico ambientale e gli elevati livelli di naturalità, bio e geo diversità
che caratterizzano le Isole del Giglio e di Giannutri:
•regolando i carichi turistici verso livelli di sostenibilità rispetto alla vulnerabilità delle componenti paesaggistiche,
naturalistiche e geomorfologiche
•evitando la diffusione di edilizia sparsa e lottizzazioni a
carattere turistico-residenziale, in particolare a ridosso
delle insenature costiere
•conservando l’integrità delle emergenze geomorfologiche
(falesie, morfosculture da erosione eolica e marina, tafoni, sculture alveolari, colate detritiche, cale, insenature e
grotte marine) e vegetazionali (mosaici di macchia mediterranea, garighe, praterie mediterranee, tipiche formazioni costiere rupestri, agroecosistemi tradizionali), degli
habitat di interesse comunitario e delle specie di interesse conservazioni stico, anche contrastando la diffusione
di specie aliene
•valorizzando e incentivando le attività agricole tradizionali
di versante dell’Isola del Giglio, al fine di conservare o
recuperare i caratteristici impianti di viticoltura autoctona
tradizionale su terrazzamenti, conservare i diffusi “palmenti” e garantire la funzionalità del sistema di regimazione idraulico-agraria e di stabilizzazione dei versanti;
3.3 - conservare e valorizzare il patrimonio insediativo di
valore storico-architettonico e identitario, anche dal punto
di vista delle relazioni visuali e della percezione dal mare,
con riferimento al sistema delle fortificazioni, delle torri di
avvistamento, dei fari e degli approdi storici, del patrimonio
archeologico;
3.4 - tutelare l’elevato grado di panoramicità e l’integrità
percettiva espressi dalle Isole del Giglio e di Giannutri e le
relazioni visuali con il mare e la costa maremmana, godibili
dalla viabilità storica, in particolare da quella di crinale, da
Giglio Castello, dai punti di belvedere e dal mare.
OBIETTIVO 4
Salvaguardare e valorizzare i rilievi dell’entroterra e l’alto valore iconografico e naturalistico dei ripiani tufacei, reintegrare le
relazioni ecosistemiche, morfologiche, funzionali e visuali con le piane costiere
Direttive correlate
Gli enti territoriali e i soggetti pubblici, negli strumenti della
pianificazione, negli atti del governo del territorio e nei piani
di settore, ciascuno per propria competenza, provvedono a:
4.1 - mantenere il carattere compatto dei centri collinari di
origine medievale, che si sviluppano principalmente sulle
colline dell’Albegna e sull’altopiano dei Tufi, e le relazioni
figurative con il contesto paesaggistico, anche favorendo
la conservazione di una fascia di oliveti o di altre colture
d’impronta tradizionale nel loro intorno territoriale e lungo
la viabilità di crinale, contenendo le espansioni insediative e
assicurando che le nuove realizzazioni edilizie nei borghi e
centri non si collochino in modo incongruo lungo i principali
assi stradali ma contribuiscano, per localizzazione, morfologia, rapporto con lo spazio pubblico e tipologie edilizie, a
mantenere o riqualificare ciascun insediamento;
4.2- contrastare i processi di spopolamento e di abbandono
nelle aree più marginali di Collina e di Montagna dell’Albegna, del Fiora e dei ripiani tufacei:
•favorendo il riutilizzo del patrimonio abitativo (il recupero
dei centri collinari a fini abitativi e di ospitalità diffusa
e/o agrituristica), l’offerta di servizi alle persone e alle
aziende agricole e migliorando le condizioni complessive
di accessibilità in termini di viabilità e di servizi di trasporto pubblico
•favorendo la riattivazione di economie agrosilvopastorali
•promuovendo l’offerta turistica e agrituristica legata alle
produzioni enogastronomiche di qualità, all’artigianato
tipico, alla conoscenza del paesaggio e dell’ambiente
collinare-montano;
Obiettivi di qualità e direttive
1.12 - conservare l’integrità del sistema costiero roccioso
dei Monti dell’Uccellina e dei due Promontori di Talamonaccio e Montagnola con riferimento alla conservazione delle
emergenze geomorfologiche (falesie, cavità marine, cale)
ed ecosistemiche (matrice forestale ad elevata connettività, macchia mediterranea, garighe, ginepreti costieri ed
habitat rupestri) e delle specie animali e vegetali di interesse conservazionistico, nonché tutelarne l’elevato grado di
panoramicità e le relazioni visuali con il mare e con le aree
retrostanti;
•riqualificando i waterfront urbani (gli affacci sui porti) di
Porto Santo Stefano, Cala Galera, Porto Ercole
•riorganizzando il sistema della viabilità e della sosta al
fine di migliorare gli spostamenti interni, ridurre i traffici
veicolari di attraversamento, incentivare la mobilità dolce,
qualificare gli accessi ai porti e ai centri abitati, favorendo
l’interconnessione, con servizi di trasporto pubblico, tra la
stazione ferroviaria di Orbetello e il Porto di Santo Stefano anche riutilizzando il sedime della ex ferrovia;
disciplina d’uso
tra nuclei o matrici forestali quali le aree tra i diversi poggi
boscati di Capalbio e tra questi e la fascia costiera di Macchiatonda (Direttrice di connettività da riqualificare);
bassa maremma e ripiani tufacei
5.1
p. 61
bassa maremma e ripiani tufacei
disciplina d’uso
Obiettivi di qualità e direttive
4.3 - tutelare i caratteristici paesaggi agrosilvopastorali
tradizionali, che si presentano diversificati a seconda delle
morfologie collinari e generalmente con buone caratteristiche di permanenza e integrità dei segni e delle relazioni
storiche:
• evitando gli opposti processi di abbandono delle attività agricole e zootecniche tradizionali, con conseguente
ricolonizzazione arbustiva, e di intensificazione produttiva, legata agli impianti specializzati di grande e continua
estensione, con conseguenti riduzione del corredo vegetazionale, semplificazione del paesaggio e rischio erosivo,
e di artificializzazione, con riferimento ai campi da golf
•promuovendo il mantenimento delle colture d’impronta
tradizionale quali l’olivicoltura, con particolare riferimento
alle aree di Montemerano, Poggio Capalbiaccio e Capalbio, la viticoltura e l’olivicoltura alternata ai seminativi,
con particolare riferimento alle aree di Manciano, Montemerano e ai ripiani Tufacei
•conservando l’infrastruttura rurale storica (sistemazioni
idraulico agrarie, se presenti, viabilità interpoderale, corredo vegetazionale) nonchè la maglia agraria di impianto
storico e l’alto grado della sua funzionalità ecologica nei
tessuti a campi chiusi delle colline dell’Albegna e del Fiora;
p. 62
elevati impatti sugli habitat rupestri e sugli importanti ecosistemi fluviali, alle cave di calcare nei Poggi tra Capalbio e
La Marsiliana e a Montemerano, anche evitando l’apertura
di nuovi siti estrattivi e riqualificando quelli dismessi;
4.8 - tutelare la risorsa termale garantendo la sostenibilità
delle attività legate al suo sfruttamento e alla sua valorizzazione al fine di preservarne il valore paesaggistico, naturalistico e geologico;
4.9 - salvaguardare e valorizzare le emergenze storico-architettoniche e culturali diffuse, quali i borghi storici collinari, i complessi religiosi, le torri, il sistema dei castelli e
borghi fortificati delle colline dell’Albegna, le rovine immerse nella macchia mediterranea, le fattorie lungo gli antichi
percorsi della transumanza, le zone termali, promuovendo
la loro messa in rete e la fruizione integrata con le risorse
paesaggistiche costiere;
4.10 - tutelare e valorizzare il patrimonio archeologico presente nei territori di Sorano, Pitigliano e Sovana e le importanti vestigia etrusco-romane sulla costa e alle aree di
Saturnia e Marsiliana d’Albegna;
4.4 - assicurare una gestione forestale finalizzata al miglioramento della qualità e dei livelli di maturità degli ecosistemi forestali degradati dei rilievi di Orbetello e Capalbio, di
Monte Bellino e Poggio Costone, e alla conservazione delle
formazioni forestali di grande interesse conservazionistico e
biogeografico delle gole tufacee;
4.11 - reintegrare le relazioni tra la costa e l’entroterra recuperando e valorizzando il ruolo connettivo dei fiumi Albegna
e Fiora come corridoi ecologici multifunzionali e tutelando
e valorizzando i tracciati di valore storico e/o paesaggistico
che collegano la costa con l’entroterra, anche prevedendo
modalità di spostamento integrate, sostenibili e multimodali;
4.5 - tutelare i valori naturalistici ed estetico-percettivi e migliorare la qualità ecosistemica complessiva degli ambienti
fluviali e torrentizi, con particolare riferimento ai Fiumi Fiora
e Albegna e al reticolo idrografico minore delle gole tufacee costituito dal Fiume Lente e dai suoi affluenti, e il loro
grado di continuità ecologica trasversale e longitudinale; ridurre i processi di frammentazione e artificializzazione delle
aree di pertinenza fluviale e migliorare i livelli di sostenibilità
delle attività di gestione della vegetazione ripariale;
4.12 - tutelare e valorizzare la principale penetrante trasversale dell’ambito, coincidente con gli antichi assi di transumanza, strada n. 74 Maremmana, per la sua funzione di
collegamento tra la costa e l’entroterra - attraversando i
rilievi collinari dell’Albegna e del Fiora fino al ventaglio dei
centri dei ripiani tufacei – e del diffuso patrimonio di emergenze storico-architettoniche, quali il sistema di castelli e
borghi fortificati medievali, di rocche ed edifici religiosi, e
per le suggestive visuali da essa percepite;
4.6 - tutelare il ricco sistema di piccole aree umide e corpi
d’acqua dei sistemi collinari, caratterizzati da elevati valori
naturalistici e paesaggistici, quali i Lagaccioli di Capalbio, il
Lago Acquato, il laghetto del Marruchetone e il Lago di San
Floriano ed altri corpi d’acqua minori;
4.13 - salvaguardare l’eccellenza paesaggistica e la forte
valenza iconografica del paesaggio dei tufi:
•conservando l’eccezionale valore della relazione tra la
morfologia dei luoghi e gli insediamento storici di Pitigliano e Sorano, caratterizzata dalla continuità tra lo sperone
di tufo e il costruito
• tutelando la rete dei nuclei storici, con particolare riferimento a Sovana e Montorio, e la loro relazione con il
contesto rurale
•garantendo l’integrità geologica e la stabilità delle rupi
4.7 - migliorare i livelli di sostenibilità ambientale e paesaggistica delle attività estrattive, con particolare riferimento ai
siti estrattivi di travertino nelle colline del Fiora, di tufo nelle
Gole tufacee del Fiume Lente (Pitigliano e Sorano), fonte di
tufacee
•preservando il mosaico agrario diversificato dei rilievi tufacei caratterizzato dall’alternanza tra le gole dominate
dalle formazioni boschive e gli altopiani coltivati a oliveti,
seminativi e vigneti
•tutelando le visuali panoramiche che si aprono da molti
tratti dei principali assi viari che corrono lungo i ripiani
tufacei, con particolare riferimento alle visuali verso Pitigliano dalla strada n. 74 Maremmana, verso Sorano e
Montorio dalla strada provinciale che collega la Sforzesca
a Pitigliano, verso il monte Elmo e i territori rurali dell’altopiano tufaceo dalla strada provinciale Pitigliano-Santa
Fiora.
livello d’ambito
norme figurate (esemplificazioni con valore indicativo)
bassa maremma e ripiani tufacei
disciplina d’uso
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
5.2
p. 63
bassa maremma e ripiani tufacei
legenda
Beni paesaggistici
disciplina d’uso
Beni paesaggistici
link: SCHEDE DI VINCOLO REGIONALI
p. 64
logo
piano paesaggistico
REGIONE TOSCANA
livello d’ambito
bassa maremma e ripiani tufacei
p. 65
Fly UP