...

I cognomi diffusi ad Allerona dal 1600 ad oggi

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

I cognomi diffusi ad Allerona dal 1600 ad oggi
COMUNE DI ALLERONA
Biblioteca Comune di Allerona
I cognomi diffusi ad Allerona dal 1600 ad
oggi
Allerona, 2007
La ricerca è stata curata dal Dr. Claudio Urbani.
INTRODUZIONE
Questa ricerca riguarda l’onomastica che è la disciplina che studia l’interpretazione etimologica,
linguistica e socio culturale dei cognomi.
Nell’intraprenderla si è immaginato che un’informazione sui cognomi più diffusi ed usuali di
Allerona avrebbe appagato gli interessi e le richieste di tanti soggetti della nostra collettività che si
domandano come e quando il loro cognome si sia formato.
Per la scelta dei cognomi ci si è avvalsi dell’elenco del telefono ed è stata effettuata una
consultazione dello schedario anagrafico del Comune, lasciando fuori dallo studio tutti quelli che
rivelano una recentissima immigrazione ma riscoprendo invece quelli che nel passato hanno
rappresentato lunghe dinastie e sono da alcuni decenni scomparsi.
L’interpretazione dei cognomi in pochi casi potrebbe risultare approssimativa e non raggiungere la
certezza della documentazione.
Come si vedrà, i cognomi hanno diverse derivazioni:
- da nomi personali latini, anche se di etimologia greca ed ebraica, di tradizione prevalentemente
cristiana;
- da soprannomi dati originariamente con intento solo distintivo, oppure scherzoso o spregiativo e
offensivo, per sottolineare determinate caratteristiche della persona o del suo gruppo familiare;
- da nomi etnici e toponimi;
- da nomi di mestiere e di professione, da nomi di carica e di ufficio, di stato e di grado, cioè di
condizione economica e sociale, civile, militare.
Si consideri che “ verso il secolo IX dell’Era nostra ebbero principio tanti cognomi che si vennero
assumendo e ampliando alle famiglie, traendo origine o dai propri nomi dei Padri di quel tempo o
da quelli della Patria e dei villaggi; oppur’anche dal capriccio, dalle virtù, dai vizi, dalle imprese,
dalle arti e mestieri e dalle divise proprie di qualche individuo, per non dir dai difetti di esso
personali e di fisica costituzione “ ( Archivio di Stato di Milano, Giustizia Civile, Parte Moderna,
Documento n. 244. Rapporto del Consiglio Legislativo approvato nella seduta dell’8 aprile 1813 ).
Nessuno si offenda perciò se il proprio cognome ha derivazioni poco virtuose.
Se questa rassegna potrà provocare rilievi e critiche da parte di chi ha maggiori informazioni e
competenza più specifica su aspetti particolari non mi dorrò affatto, ritenendo necessario ed utile
tutto quanto possa far raggiungere maggiori certezze anche in questo campo.
Brevi note sulla storia del cognome
Nell’antica Roma la formula onomastica dei cittadini era normalmente formata da tre elementi, il
prenome, il nome e il cognome. Il terzo elemento, che originariamente individuava, per lo più come
soprannome, la singola persona all’interno di un grande gruppo familiare, era chiamato cognome.
Così per Marco Porcio Catone, Marco era il prenome, Porcio il nome e Catone il cognome.
In Italia, secondo quanto afferma il De Felice, competente studioso di origini, etimologia, storia,
diffusione e frequenza dei cognomi italiani, il processo di formazione dei cognomi è avvenuto in un
arco di tempo compreso tra il Mille e l’inizio del Trecento. Ne risulta che la fissazione dei cognomi
è contemporanea al consolidamento delle città maggiori e al formarsi in esse di una nuova struttura
socio economica che, con la crisi delle istituzioni feudali e la conseguente libertà di movimento
determinò un flusso di immigrazione interna, rilevante e durevole, dalle località e dai piccoli centri
verso le città vicine.
L’avvio del cognome attorno al XIII secolo è iniziato dalla nobiltà. La cosa è del tutto
comprensibile, dato che la nobiltà per sua natura è la classe sociale in cui il senso dell’appartenenza
al clan familiare è più forte e più sentita e quindi necessita di una designazione superindividuale
qual è appunto il cognome. Dall’aristocrazia poi l’uso si estende via via
alla borghesia e sempre di più alle classi subalterne ( Nucciarelli, 1990, pagg. 72/73).
Nei secoli successivi, tuttavia, l’uso del cognome fu spesso trascurato e addirittura ne fu
abbandonato l’uso da molte persone, che si distinguevano soltanto col nome di battesimo o col
nome paterno, finché in data 11 giugno 1813, il Vicerè Eugenio Napoleone fece pubblicare un
decreto che prescriveva agli abitanti del regno, che non avevano un cognome o nome di famiglia, di
assumerlo entro tre mesi, facendone la relativa dichiarazione dinanzi all’ufficiale dello stato civile
del proprio Comune. Tale obbligo veniva esteso anche ai forestieri che avessero preso domicilio nel
regno.
Il nome di famiglia assunto dal padre o dall’avo doveva essere portato da tutti i figli e i loro
discendenti; i membri di una stessa famiglia mancanti di uno stipite comune vivente dovevano
unirsi per scegliere il cognome per tutti uguale; gli assenti dovevano conformarsi alla
determinazione presa dalla famiglia, ai minori mancanti di ascendente paterno doveva provvedere il
tutore.
Nessuno poteva assumere come nome di famiglia, il nome di città, di fortezze ed altri luoghi resi
celebri da un qualche fatto d’armi o da un avvenimento qualunque di interesse pubblico e generale.
In sede di applicazione del decreto, il Ministro dell’Interno, fece imporre la multa di lire cento per
quanti avessero contravvenuto alla disposizone conferendo ai sindaci e ai podestà di dare essi il
cognome ai trasgressori. Fu data anche la possibilità di cambiare i cognomi vigilando sulla
possibile degenerazione in abuso.
Nelle istruzioni diramate ai Prefetti, il Ministro vietò l’uso di cognomi disdicevoli alla politica e al
buon costume.
Nei fascicoli contenenti gli atti preparatori del provvedimento sono raccolti vari documenti
contenenti le proposte delle Prefetture circa i modi più convenienti di interpretare il decreto del
Vicerè con le relative risoluzioni. Esse riguardavano in particolare gli esposti, i quali se oltre il
nome di battesimo fossero stati annotati nei registri dei Pii Istituti con i soliti prenomi ( Trovatelli,
Espositi, Colombi, Alunni, Bianchi, Proietti, Venturini, Incerti, Innocenti, Carità, Casagrande,
Casadei ), non dovevano – pur avendone tuttavia la facoltà – assumere altro particolare cognome. In
ogni caso la dichiarazione del cognome doveva essere fatta dalle Congregazioni di carità alle quali
spettava per legge la tutela degli esposti, degli abbandonati e degli orfani appena gli stessi venivano
ricevuti. I figli legittimati avrebbero dovuto assumere il cognome dei genitori, abbandonando quello
già preso in precedenza. Per l’adozione valevano le disposizioni dell’articolo 347 del Codice
Napoleonico.
La donna senza un cognome, sposatasi assumendo il cognome del marito, non doveva dichiararne
un secondo all’ufficio dello stato civile.
Non si dovevano infine considerare per cognomi regolari quelli “ di Pietro, di Giovanni, di Andrea
ecc “ dato che tali denominazioni davano luogo ad equivoci specialmente nei catasti censuali.
Al giorno d’oggi il Codice Civile disciplina tutti gli aspetti relativi al cognome, sia per i figli
naturali che per gli adottati e affiliati.
Per quanto concerne la cultura italiana, l’attuale sistema, fondato su due membri ineliminabili “
nome + cognome “ (ognuno dei quali può essere eventualmente formato da più elementi ), è il
punto di arrivo, in qualche caso raggiunto in epoche neppure troppo lontane dalla nostra, d’un lungo
processo avviatosi attorno ai secoli XI e XII, già piuttosto consolidato attorno al XVI secolo, le cui
linee di sviluppo sono sostanzialmente quelle dei processi analoghi verificatisi in tutto il mondo
occidentale. Dei due componenti essenziali, le attuali formule onomastiche italiane lo status e le
valenze sono sensibilmente diverse. Il nome infatti, scelto, di volta in volta all’atto dell’ingresso
d’un nuovo individuo nel corpo sociale dai genitori (comunque da chi ha l’autorità di farlo ), vede
confluire tendenze innovatrici e conservatrici, a loro volta legate a mode, snobismi, concezioni
ideologiche, religiose, politiche o semplicemente motivazioni affettive; per cui si produce una
situazione decisamente dinamica, laddove accanto a tipi molto antichi, si collocano tipi recenti, con
distribuzioni fortemente influenzate da fattori extralinguistici (nomi di eroi legati a film, romanzo
ecc.. ).
Il cognome invece ereditato dal padre, salvo rari casi particolari, è tendenzialmente conservativo ed
anzi nell’antichità, vera o presunta che possa essere, colui che lo porta e non soltanto lui, tende a
vedere una sorta di blasone, di titolo d’onore. Ma anche al di fuori di queste pulsioni socio –
culturali, motivazioni puramente affettive ed esigenze documentario burocratiche spingono colui
che porta un cognome non soltanto a mantenerlo, ma anche a conservarne la fisionomia grafico –
fonica nei minimi dettagli, anche e soprattutto quando tale fisionomia non sia più al passo con le
mutate condizioni della lingua ( Nucciarelli, 1990, pagg. 74/77).
FAMIGLIE E LUOGHI DEI COGNOMI
In base alla documentazione di cui disponiamo, in questo caso dall’esame dei libri
delle Confraternite religiose, possiamo desumere che già dal 1500, accanto a molti
nomi patronimici (ad esempio Stefano di Nencio, Ascanio di Santoro, Meo di Nardo,
da cui più tardi deriveranno i cognomi NENCI, SANTORI, NARDI ecc…), facciano
la loro comparsa cognomi definitivamente strutturati quali CAPPELLETI, COELLI,
MANCINI,
MANCINELLI,
MARTINI,
PAOLINI,
UCELLINI.
Il processo di strutturazione dei cognomi, che appaiono nel libri delle suddette
Confraternite, continua nel 1600 in maniera oltremodo evidente e infatti accanto a
quelli già notati si uniscono ALBERTI, ANDREANI, BAGLIONI, BERNARDINI,
BOCCIO, BRIZI, CARLI, CECCARELLI, CECCARINI, CERRINI, CRISTOFARI,
DE ANGELIS, FINI, IERONIMI, MONTI, MORETTI (famiglia immigrata da
Perugia), PIERONI, SCAGLIETTA, TADDEI. Da alcuni documenti trascritti nei
libri dell’archivio parrocchiale, in questo secolo risulta anche la presenza dei
cognomi ANZANI e SCAGLINI e TIBERI. RAFFAELLI compare in questo secolo
nei Catasti del Comune di Allerona come appartenente ad alcuni proprietari di terreni.
Ad esempio GIULIO DI CARLO E OTTAVIO DI GIROLAMO, Camerlenghi della
Compagnia del SS. Sacramento nel 1620, nel 1661 diventano GIULIO CARLI E
OTTAVIO IERONIMI. Analogamente nel 1620, compare la dizione Mastro
ANTONIO DI MARTINO, mentre nel 1626 suo figlio è chiamato GIULIO DI
Mastro ANTONIO MARTINI. Allo stesso modo dal patronimico di Andrea deriverà
il cognome ANDREANI mentre continueranno a persistere molti altri patronimici
( GIANNINO Di Masso, SANTE Di Renzo, GIOVANMARIA Di Baldo ecc…).
I cognomi che seguono compaiono nei Catasti del Comune di Allerona, nei registri
del Consiglio Comunale e in quelli Parrocchiali del 1700: BARZI, BASILI,
BELLAFRONTE, BENICCHI, BIANCHI, BRACCI (famiglia immigrata da
Orvieto), CANESTRI, CANUTI, CARLETTI, CAVALLINI, CLEMENTINI,
CUPELLO, FAGIOLO, FALCI, GIACOMINI, GILIBINI, GIGLIETTI, GINI,
GOVERNATORINI, GUERRINI, LANZI, LAUDIZI, LICCA, LUCIANI, LUPI,
MAGISTRATO (famiglia immigrata da Palazzo Bovarino), MARI, MECHELLI,
MOSCONI, MORI (famiglia immigrata da Sarteano), PETRICELLI, POSARELLI,
REGI (o REGGI), RENZI, RICCI, RONCHINI, SABATINI, SCARGIALI,
(S)CIABURRA, SEBASTIANI, SERRANTI, STOCCHETTI, TOSI, VIRGILI e
URBANI.
Nel 1800 compaiono: ANGELINI, ANSELMI, BANELLA, BORGHI,
CIMIGNOLO, CORDELLA, CURTI, DIONISI, FERRETTI, FOSCOLI,
GASPARRI, GIOVANNINI, LISEI, MATTIA, MONTALTO, PEPARELLO,
SCATTINI, SORBELLI (dal 1831, prima di allora SORBELLO)…
ALBANI / BANELLA (variante
del cognome Albani, vedi E. De
Felice, Dizionario dei cognomi
italiani, pag. 48, sotto la voce
(s.v.) Albani)
ALBERTI (DeF. pag.48)
ALBI (DeF. pag. 49 s.v. Albini)
Diffuso in tutta Italia, con alta frequenza in Emilia Romagna, Toscana e Umbria. Può
avere alla base sia il nome personale Albano che continua il nomen latino Albanus, di
età repubblicana, etnico di Alba (abitante di Alba, Alba Longa) sia, come etnico
medioevale e moderno, il toponimo Albano, che appare in molte regioni.
Diffuso in tutta Italia. Ha alla base il nome personale di origine germanica Alberto,
introdotto in Italia dai Longobardi, e rappresenta la forma ridotta , con la scomparsa di
–d – intervocalico, di Adalberto, formato da *athala “nobile, nobiltà (di stirpe)” e
*berta “famoso, illustre”, con il significato originario di “illustre per nobiltà”.
E’ la cognominizzazione del personale Albino che continua il cognomen latino già di
età repubblicana Albinus, un originario soprannome derivato da albus che significa “
bianco, chiaro di pelle, chiaro di capelli“.
ALESSANDRINI /
ALESSANDRO (varianti del
cognome Alessandri, DeF. pag.
50)
Alla base vi è il nome Alessandro che continua, attraverso l’adattamento latino
Alexander, il nome greco Alexandros, interpretato dai Greci, per etimologia popolare,
come “difensore dei propri uomini, dei propri sudditi“ (dal verbo aléxein “ proteggere,
difendere“ e aner, andros “uomo“. E’ certamente un nome asiatico, forse frigio, di
etimo e significato ignoto.
ALLEGRINI (derivato del
cognome Allegri, DeF. pag.51)
Molto frequente, soprattutto nell’Italia meridionale, continua i soprannomi o nomi di
battesimo augurali Allegro, Allegranza, sorti e documentati nel tardo Medio Evo. Il
cognome si è diffuso in Toscana nel XII, XIII secolo.
AMBROGI (ir)
ANGELI / ANGELINI / DE
ANGELIS (DeF. pag. 56 s.v.
Angeli)
Deriva dal nome Ambrogio, che continua il nome personale latino d’età tarda
Ambrosius che ha il significato augurale di “destinato alla vita eterna”.
Alla base vi è il nome Angelo che continua in parte il nome latino tardo, d’ambiente
cristiano, Angelus, adattamento del greco anghelos, che traduce l’ebraico mal’ak che
vuol dire “messaggero (di Dio)”.
ANSELMI (DeF. pag. 57)
E’ la cognominizzazione del nome di origine germanica Ansèlmo, diffuso con il culto
del dottore della Chiesa Sant’Anselmo d’Aosta morto nel 1109. Il nome Ansèlmo,
introdotto in Italia dai Longobardi e documentato dal VI secolo, è formato da *ans “
dio, divinità“ e *helma “protezione, elmo, cappuccio”. Il significato originario potrebbe
essere dunque “protezione divina“ o “elmo fatato dato dal dio”.
ANZANI (DeF. Dizionario dei
nomi italiani, pag. 68)
E’ la cognominizzazione del nome di origine latina Ansano, diffuso con il culto di S.
Ansano, martire romano nel 303 sotto la persecuzione di Diocleziano, evangelizzatore e
patrono di Allerona.
Il nome Ansano, di origine incerta, può essere ricollegato all’etimo latino Antianus, di
Antium nel Lazio, e significare “proveniente da Anzio”
BACCI (ir) (DeF. Pag. 66)
BACCHIO (Zingarelli, pag.
172)
BAFFO (ir)
BAGLIONI (derivato del
cognome Bagli, DeF. pag. 66)
BALDINI (derivato del
cognome Baldi, DeF. pag. 67)
BAMBINI (Dizionario
Etimologico Italiano D.E.I. 1950
– 1957, pag. 421)
BANELLA
BARBABELLA (derivato del
cognome Barba, DeF. pag. 69)
Diffuso nell’Italia settentrionale, ma anche in Toscana, ha alla base l’ipocoristico
abbreviato Baccio, di vari nomi personali quali Bartolaccio, Brunaccio, Fortebraccio.
Deriva dal latino baculum “bastone“. In italiano si usa l’espressione “percuotere col
bacchio un albero per farne cascare i frutti “, ad esempio le noci, le castagne.
Cognome oggi tipico del maceratese con un ceppo anche tra ternano e viterbese.
Potrebbe derivare da un soprannome originato da caratteristiche fisiche.
Diffuso in Toscana, Marche e Umbria. Ha alla base il titolo bàlio o bàglio, balivo o
baglivo che nell’ultimo Medio Evo e nel Rinascimento indicava alti funzionari e
magistrati che, nelle varie regioni e nei vari tempi, ricoprivano uffici diversi
(amministrativi, giudiziari, politici e diplomatici). A perugina i Baglioni furono una
delle famiglie più potenti dal XIV al XVI secolo.
Alla base è il nome Baldo, già comune nei documenti in latino medioevale dell’XI e
XII secolo. Baldo può essere ipocoristico di nomi di origine germanica composti, già
affermati nell’uso italiano, abbreviati per perdita del primo elemento, come Ubaldo
(Baldo degli Ubaldi), Tebaldo, Rambaldo, Sinibaldo, o anche per perdita del secondo
elemento come in Baldovino. L’elemento baldo è l’adattamento dell’aggettivo
germanico *baltha, “audace, coraggioso“. Ma Baldo può anche continuare direttamente
un ipocoristico germanico ad un solo elemento *Bald(o) tratto da nomi composti con la
stessa base *baltha, documentato come nome autonomo in Italia già nel IX secolo.
Il significato del cognome è trasparente. Deriva dal sostantivo maschile bambino (da
*bambo) che indica l’essere umano dalla nascita all’inizio della fanciullezza
(Zingarelli, pag. 180).
(vedi ALBANI).
Composto dal cognome Barba e l’aggettivo bella. E’ la cognominizzazione di
soprannomi già comuni nell’alto Medio Evo che denominava la persona per le
caratteristiche di avere la barba o un particolare tipo di barba.
BARTOLINI / BARTOCCI
(derivati del cognome
Bartolomei, DeF. pag. 71)
Alla base vi è il nome Bartolomeo (nei diversi tipi “pieni“ e abbreviati, alterati e
derivati), insorto nel periodo e negli ambienti del cristianesimo antico ma affermatosi
solo tra il X e l’XI secolo. E’ la continuazione del latino Bartholomaeus, dal greco
Bartholomaios (da bar “figlio (di)”. In questo caso Bartolini vuol dire “figlio di Lino“.
Per il cognome Bartocci valga anche la derivazione di Toccio, dall’umbro toco “grasso“
e quindi “figlio di un uomo grasso“ (Rivista Regione – Consiglio Regionale
dell’Umbria, n.40 del 13 novembre 2001, pag.22).
BARZI (D.E.I. pag. 447)
Può derivare dal nome proprio latino Bartius.
Si tenga conto anche delle spiegazioni della provenienza da (b)barzo, “legame del
covone“, o “balzo, anfratto roccioso“ (Vocabolario del dialetto del territorio orvietano,
pag. 64). Il Dizionario Etimologico Italiano attribuisce a barza il significato di “misura
per i cereali uguale a un quarto di barile“ o anche di “barca da carico e da guerra“ e a
barzo quello di “pesce persico“. Si tratta in questi ultimi casi di espressioni dialettali e
gergali che si desumono da vari ambiti territoriali.
BASILI / BASILIETTI (ir)
(variante del cognome Basile,
DeF. pag. 72)
Viene dal nome Basilio di cui è la cognominizzazione. Deriva dal latino Basilius che è
a sua volta l’adattamento del nome personale greco Basileios che propriamente
significa “regale“ (da basilèys “re“), “degno di un re “.
BELARDI (variante del
cognome Berardi, DeF. pag. 77)
E’ la cognominizzazione del nome Berardo, di origine francese, formato dal germanico
*beran “orso“ e * hardhu “forte, coraggioso“. Sta quindi a significare “ forte,
coraggioso come un orso “.
BELLAFRONTE
Ha alla base il soprannome e poi nome Bello, già frequente con vari alterati e derivati a
partire dall’alto Medio Evo, formato dall’aggettivo bello come constatazione della
bellezza di una particolare parte del corpo, in questo caso la fronte.
BELLEZZA (DeF. pag. 74)
BELLI (DeF. pag. 74)
BENEDETTI (DeF. pag. 75)
BENELLI (ir) (alterato e
derivato del cognome Beni ,
DeF. pag. 75)
BENICCHI (derivato del
cognome Beni, DeF. pag. 75)
BERNARDINI (derivato del
cognome Bernardi, DeF. pag.
78)
BIANCHI / BIANCARINI
(DeF. pag. 80)
Cognome esteso dall’Italia centrale al Sud peninsulare, ha alla base il soprannome e poi
nome, per lo più augurale, Bellezza, da bellezza, astratto di bello (vedi Belli).
Ha alla base il soprannome e poi nome Bello, già frequente con vari alterati e derivati a
partire dall’alto Medio Evo, formato dall’aggettivo bello come constatazione della
bellezza o augurio che un figlio cresca bello.
Ha alla base il nome Benedetto che continua il personale augurale latino di età e
ambienti cristiani Benedictus da benedicere “benedire, consacrare“. Il cognome
significa perciò “protetto, benedetto (da Dio) “.
(vedi BENICCHI).
E’ la cognominizzazione del nome gratulatorio e augurale Bene con i relativi alterati e
derivati, già comuni nel X e XI secolo, specialmente in Toscana. In questo caso il
cognome ha aggiunto il suffisso ic, adattato graficamente in ich di origine croata o
slovena. In alcuni casi può avere alla base sia l’ipocoristico di origine germanica Benno
sia una contrazione del nome Benedetto. C’è anche la spiegazione come riduzione di
Benicolo, accorciamento e diminutivo della parola longobarda benuald. C’è anche il
cognome Bonichi (Pieri, pag. 147 s.v. Benich).
Deriva dal nome Bernardo, di origine germanica, già frequente e documentato in Italia
dalla fine dell’alto Medio Evo ma affermatosi nel XII e XIII secolo per il prestigio e il
culto di San Bernardo di Chiaravalle. Bernardo è l’adattamento del nome franco
Berinhard, formato dal germanico *beran “orso“ e *hardhu “duro, forte, valoroso“; il
significato originario sarebbe quindi “orso valoroso“ o “forte, valoroso come un orso“.
La base è il soprannome, e poi nome, Bianco, formato dall’aggettivo bianco in
relazione al colore dei capelli e della barba o della pelle, e a volte ad altre caratteristiche
anche non fisiche. Lo stesso vale per i cognomi che hanno alla base gli aggettivi nero
(Neri), moro ( Mori), bruno (Bruni), rosso (Rossi), bigio (Bigi)
BIFFARINO (D.E.I. pag. 515)
BIZZARRINI (derivato del
cognome Bizzarri, DeF. pag. 81)
BOCCIO (D.E.I. pag. 548)
BOGIOLI (ir)
BONADUCE (ir)
BONETTI (ir) (alterato e
derivato di Boni, DeF. pag. 83)
Ha all’origine la parola di origine longobarda wiffa “fastello di paglia“, assunto come
segno di confine.
Può quindi significare “segnato“ (Zingarelli, pag. 211). Il Vocabolario del dialetto del
territorio orvietano (pag. 77) spiega questa parola come un alterato del termine
“piffero, zufolo “.
Ha alla base il nome Bizzarro derivato da un originario soprannome che definiva il
carattere e il comportamento della persona, formato dall’aggettivo bizzarro che ha
come sinonimi bisbetico, bizzoso, capriccioso, estroso, iracondo, strano, stravagante,
vivace (D.E.I., pag. 538).
E’ il sostantivo maschile della parola boccia, di etimologia incerta, che significa
propriamente “capo, testa“. Boccio significa anche “bocciolo“ che indica un fiore non
ancora sbocciato. (Zingarelli, pag. 224). Può assumere perciò anche il significato di
“ragazzo“ (Vocabolario del dialetto del territorio orvietano, pag. 77).
………………
E’ un cognome specifico del teramese e deriva dal nome medievale beneaugurale
Bonaduce “ti capitino cose buone”..
Il cognome Boni e i suoi alterati e derivati sono diffusi in tutta Italia. La base è il nome
Bono che continua in parte il personale latino Bonus ma in modo molto più rilevante
viene formato fino dal primo Medio Evo, come soprannome e nome, dall’aggettivo
ormai volgare Buono o Bono, “buono, di buon carattere e buoni sentimenti”.
BORGHI (DeF. pag. 85)
Ha alla base, come originari patronimici, i toponimi Borgo, Borghetto, Borgone,
largamente rappresentati in tutta Italia. A Firenze, nel 1146, è già attestato sia come
nome sia come etnico già in via di cognominizzazione: “Burnus,, filius Angelini de
Burgo“. Il termine si fa derivare dalla parola araba burg, “torre” e “abitazione in
pietra”.
BORRI (D.E.I. pag. 568)
Dal latino tardo borram, col significato letterario di “burrone“ o anche dallo spagnolo
borròn che vuol dire “fare una minuta“ e, per estensione, “cose e parole
inutili“ (Battisti – Alessio, Vol. I, pag. 568). In Toscana col nome botri o borri
s’intendono i fossi molto scoscesi (Pieri, pagg. 285/286).
BRACALETTA /
BRACALETTI (D.E.I. pag.
581)
BRACCI / BRAZZI (ir)
(alterato del cognome Bracci,
DeF, pag. 86)
BRIZI / BRIZIOBELLO
BRUGGIONI, (ir) (derivato
da .Ambrogi)
BUCCIOTTI (Zingarelli, pag.
252)
BURATTINO (Zingarelli, pagg.
256 – 257)
BUZZETTI (Zingarelli, pag.
260)
Deriva dal termine braga di origine celtica che sta ad indicare una parte dei pantaloni
(Zingarelli, pag. 239).
Diffuso in tutta l’Italia ma frequente in Umbria e Toscana. Ha alla base il nome di
origine medievale Braccio che è l’ipocoristico aferetico di Fortebraccio cioè “uomo
dalle braccia forti”.
Alla base c’è il nome Fabrizio, abbreviato per la perdita del primo elemento con
l’aggiunta dell’aggettivo bello (v. Belli). Il nome Fabrizio è stato ripreso per tradizione
colta nel Rinascimento dal nomen latino di età repubblicana Fabricius (faber, artefice),
probabilmente di origine etrusca.
(vedi AMBROGI)
Deriva dalla parola italiana “buccia, corteccia, involucro“, ma scherzosamente sta a
significare anche “pelle umana “.
L’etimologia di questo cognome è molto discussa. Prevale comunque la derivazione da
Burattino, nome di una maschera popolare, diffusa nel Cinquecento, dato ad un
servitore sciocco della Commedia dell’Arte, così chiamato perché, per i suoi moti
scomposti, sembrava burattare (vagliare) la farina. Oggi con la parola burattino viene
indicato un fantoccio di cenci o di legno. In senso figurato, il termine è passato a
significare una persona priva di volontà propria e che agisce per un impulso altrui, una
persona leggera.
Deriva da buddzo (di etimologia incerta) e significa “taciturno, imbronciato”.
BUZZICO (Zingarelli, pag. 260)
Viene dalla parola italiana “buzzo“, di etimologia incerta, nel significato di “ventre,
pancia“ ma anche “leggero movimento“. Il cognome perciò potrebbe derivare da un
soprannome dato a chi ha una pancia molto grande e di conseguenza si muove
lentamente. Si avanza anche una derivazione da bozzecone “uomo ruvido“, a sua volta
da ricollegare a
abbuzzacu
“rustico“, messo in relazione con bazzico
“barattolo“ (Valente, 1990, pag. 213).
CACCIARINO (ir) (Zingarelli,
pag. 263)
Questo cognome può derivare o dalla parola caccia “attività venatoria” o da caciaia,
luogo dove avviene la stagionatura del cacio, da cui “addetto alla stagionatura del
cacio”.
CAHEN (DeF. Pag. 104)
CALANDRINI (Zingarelli, pag.
267)
CAMBRI (Zingarelli, pag. 276)
CAMMISA (ir)
CANESTRI (Zingarelli, pag.
284)
CANNAS (ir) (DeF. pag. 92)
CANUTI (DeF. pag. 92)
CAPORALI / CAPORALINI
(derivati del cognome Capo,
DeF. pag. 92)
CAPPELLETTI (derivato del
cognome Cappelli, DeF. pag.
93)
Cognome israelitico largamente diffuso nel Centro – Nord, formato, come originario
nome di ufficio e di casta religiosa, dall’ebraico kohen “sacerdote” .
Ci sono vari significati, o come diminutivo del sostantivo calandra, uccello simile
all’allodola, o anche di calandra, piccolo coleottero. Calandrinus è anche il nome di un
personaggio credulone del Decameron del Boccaccia passato ad indicare “ persona
sciocca e credulona “.
Da Cambric, forma inglese della città olandese di Cambrai dove si fabbricava un
tessuto di cotone finissimo con questo nome, usato per la biancheria, e analogo alla
batista.
Deriva dal dialetto napoletano e sta a indicare un camicione lungo, bianco con maniche
molto ampie dal gomito al polso, terminante con un “riccio”, lavorato all’uncinetto o
tagliato, ed un altro “riccio”. La cammisa era la sottoveste del vestito delle donne da
“pacchiana” Può derivare dal nome personale latino Camisius.
Deriva da canestro e significa “paniere di vimini”.
Cognone della Sardegna meridionale formato quasi sempre attraverso un toponimo. In
sardo Cannas è il plurale di Kanna, “canna”.
Continua un soprannome formato da canuto e dal sardo kanu che significa “canuto, dai
capelli bianchi“.
La base è costituita da un nome e da un grado. Capo significa “testa“. Caporale sta ad
indicare un grado dell’esercito e il capo di una squadra di lavoratori agricoli.
Ha alla base nomi medievali che riflettono soprannomi di varia motivazione e più
spesso nomi di mestiere formati da cappello, “copricapo“.
CAPRA / CAPRETTO (DeF.
pag. 93)
Cognome derivante dal sostantivo capra, mammifero ruminante domestico largamente
diffuso in forme di allevamento. In senso geografico, capra è uno “scoglio alto e
forcuto” che si contrappone a formica “scoglio piccolo e basso”.
CARLETTI / CARLI /
CARLONI (derivati del
cognome Carli, DeF. pag. 94)
E’ la cognominizzazione del nome di origine germanica Carlo, già documentato in
Italia dalla metà dell’VIII secolo, ma affermatosi tra il X e l’XI secolo per diretto
influsso del personale francese Karl (che a partire da Carlo Martello era diventato un
nome ereditario di quella dinastia, succeduta ai Merovingi, che fu appunto detta
“carolingia“) e per il prestigio di Carlo Magno. Il personale francone è formato dal
germanico *Karla “uomo di condizione libera“ e, tra i Franchi, “maestro di palazzo“ e
poi “alto funzionario della corte“.
CASACCIA / CASASOLE /
CASINI / CASOLINI (ir)
(alterati del cognome Casa,
DeF. pag. 96)
CASCELLI
La base è costituita da toponimi, nomi di località e di fabbricati particolari o di piccoli e
medi centri abitati, formati, derivati e composti da casa e dai rispettivi alterati. Casini
viene da “casino”, a sua volta dal latino casam, casulam, “piccola casa “ (Pieri, pag.332
s.v. casino). Casasole da “casa (esposta) al sole “ (Pieri, pag. 360 s.v. casasole).
E’ un cognome che potrebbe derivare dal nome casa, di cui è un alterato da Caselli.
(DeF. pag. 97), (DEI 790).
Se si presta fede all’interpretazione di Pieri, più volte citato, il cognome potrebbe
derivare da casce, a sua volta da acaciam da cui “cascia, pianta dell’acacia“ (Pieri,
pag. 165 s.v. casce).
CASTRINI (derivato del
cognome Castro, DeF. pag. 98)
CATANA VOLPINI (D.E.I.
pag. 806)
CAVALLINI (derivato del
nome Cavallo, DeF. pag. 99)
Ha alla base il toponimo Castro, dal latino castrum “luogo fortificato, castello“. Il
cognome può avere il significato di “castellani“. Nulla a che vedere con il mestiere del
castrino, colui che castra gli animali, né con il significato di piccolo coltello per castrare
le castagne.
Può derivare da ka’ tana, di incerta etimologia, che significa “giacchettone da
cacciatore e la tasca larga di tale giacchetta“ ma anche “borsa grande da caccia,
carniere“. Potrebbe farsi risalire al latino “Gaeta“, da cui deriva il nome proprio
Gaetano.
La seconda parte del cognome deriva dal sostantivo volpe, dato in relazione all’astuzia
o anche alla rapacità e alla rapidità.
Il cognome, nell’insieme, potrebbe essersi generato con riferimento ad un soggetto
abituato a portare una giacca con tasca larga per potervi riporre le volpi catturate nelle
battute di caccia. Diverse altre possono essere le derivazioni della parola catana:
catana era l’antico nome greco di Catania. Tutto ciò è confermato dalla testimonianza
dello scrittore che fece la piccola commedia satirica “Agén” che fu realizzata quando le
Dionisie vennero celebrate al fiume Hidaspes, sia che l’autore fosse Python di Catana
(o di Bisanzio) o il re medesimo. Potrebbe derivare dalla pistola a canna corta, usata in
Corsica, così chiamata dal nome della famiglia Catani che ne fabbricava nella località
di Alisani. Catana è anche il nome della scimitarra dei samurai giapponesi.
Ha alla base nomi personali già comuni nell’alto Medio Evo che continuano
soprannomi, nomi di mestiere, titoli e gradi, formati o derivati da cavallo, cavallaio
“guardiano, mercante, conduttore di cavalli, messaggero, corriere a cavallo“.
CECCANTONI (ir) / CECCHI
(ir) / CECCARELLI /
CECCARINI /CECCARONI
(dal cognome Cecchi, DeF. pag.
100)
Derivano dalla cognominizzazione di Cecco, forma abbreviata familiare, affettiva e
vezzeggiativa del nome Francesco, formatosi nell’ultimo Medio Evo come soprannome
e determinativo etnico dall’aggettivo Francesco “francese, cittadino, abitante o oriundo
della Francia“, già comune nei documenti dell’XI e XII secolo nelle forme latinizzate
Franciscus e Francescus.
CECI (ir) (Zingarelli, pagg. 332
– 333)
Deriva dal latino cicer, “cecio”, legume usato nell’alimentazione umana. In senso
figurativo scherzoso, significa anche “piccolo, impertinente”.
Derivato dalla parola latina cinis – eris “cenere“ e propriamente ha il senso di
“cinerino, del colore della cenere“, con riferimento al colore dei capelli o della pelle.
Il cognome può essere facilmente ricondotto ad un nome personale latino Ceprinus.
Ha alla base toponimi formati da Cerro, una varietà di quercia (quercus cerri),
distribuiti largamente in tutta l’Italia peninsulare. Alcuni cognomi come Cerro o Cierro
ratis, possono essere formati o incrociati con voci regionali per cirro, esiti della lingua
latina, dove cirrus sta a significare “ciocca di capelli, ricciolo “.
CENEROTTI (D.E.I. pag. 850) .
CEPRINI (ir)
CERRINI (deriva del cognome
Cerri, DeF. pag. 101)
CHERUBINI (DeF. pag. 105)
Viene dalla voce tardo latina cherubim, derivata a sua volta dall’ebraico kerubhim
(plurale di kerub) “essere sovrumano e spirituale“. Nella teologia cristiana i cherubini
sono gli angeli del secondo ordine o coro della prima gerarchia. Il cognome vuol dire
“coloro che pregano“.
CHIANELLI (D.E.D.I. 1992 e
1998)
Secondo il Vocabolario Etimologico Italiano (Garzanti, 1970, pag.265), il cognome
deriverebbe da chiana, “terra paludosa“, etimologia che si vorrebbe far risalire anche
alla locuzione avverbiale “pian piano”, “lemme lemme“, diffusa in Toscana (Cortelazzo
– Marcato, 1992, pag. 64) o all’aggettivo plana riferito a terra, nel significato di
“pianura“, “luogo piano“ (Cortelazzo – Marcato, 1998, pagg. 135/136).
CIABURRA (AA.VV., Le
parole raccontano, 1986)
Secondo gli autori del libro “Le parole raccontano“ (Einaudi, Torino, 1986), il cognome
potrebbe avere la sua derivazione del latino suburra, a sua volta da sub urbe, “sotto la
città“, e starebbe ad indicare una zona precisa della città di Roma, tra le pendici del
Quirinale e del Viminale e tra quelle della Velia e dell’Oppio, i cui abitanti erano
considerati plebei, gente malfamata e che altri autori ricollegano all’estensione del
termine spregiativo cia(v)urru “cialtrone” (Rohlfs, 1956). Ciavurra potrebbe derivare
da ciavarra “beverone di crusca che si dà ai maiali“; “pietanza abbondante di cibi
grossolani“, dal latino cibaria, per tramite di ratis, civarra (Cortelazzo – Marcato,
1992, pagg. 67 – 68).
CICALA (Zingarelli, pag. 363).
E’ uno dei tanti cognomi derivati dalla fauna. La cicala è un insetto nero – giallastro
degli Omotteri con capo grosso e largo e antenne brevissime. In senso figurato sta ad
indicare “persona chiacchierona “.
CIMICCHI (Cortelazzo –
Marcato, 1998, pag. 145).
Per l’analisi di questo cognome, si può prendere la derivazione da “cimischiare”, col
derivato cimichino “che fa le cose a miccino“ (Belloni – Nilsson – Ehle, 1957). La voce
rappresenta, secondo il D.E.I. (s.v. cimicare) una continuazione del latino tardo
cimicare “prendere cimici“ attestato dalle glosse come equivalente del greco Korìzo. Si
può anche prendere la voce cimicché (toscano – cortonese) “fare accenno, additare con
gli occhi“.
CIMIGNOLO (Cortelazzo –
Marcato, 1992, pag. 70)
Con la derivazione dal sostantivo femminile ciminea (pugliese, salentino, calabrese,
siciliano), starebbe a significare “camino del focolare”, “cappa del camino“; invece con
quella dal francese antico cheminée, derivata dal latino, “camino“.
CINI (DeF. pag. 103)
CIRIGLIANO (ir)
CIUCCI (ir) ( Zingarelli, pag.
379)
CIUCHI / CIUCO ( Zingarelli,
pag. 379)
CLEMENTINI (derivato del
cognome Clementi, DeF. pag.
104)
COCHI (variante del cognome
Coco,DeF:, pag. 104)
CORDELLA (Zingarelli , pag..
461)
CORRADINI (ir) (derivato del
cognome Corradi, DeF. pag.
107)
CORRAZZATI (ir)
CORTIGNANI (ir) (derivato del
cognome Corte, DeF. pag. 107)
Ha alla base l’ipocoristico aferetico Cino di nomi terminanti in –cino come Baroncino,
Leoncino, Saracino ecc… Cino e gli alterati sono documentati sin dall’alto Medio Evo.
Deriva dal toponimo Cirigliano (MT). Il toponimo è una formazione prediale da un
nome personale latino Caerellius con il suffisso aggettivale –anus che indica
appartenenza.
Il cognome può derivare o da ciucca “sbornia, ubriacatura” o da ciuccio “asino”.
Il Vocabolario del dialetto del territorio orvietano spiega “ciuco“ come sinonimo di
“piccolo“ (pag. 134), lo Zingarelli invece come sinonimo di “asino” per arrivare, in
senso figurativo, a definire una “persona ignorante o poco intelligente“.
Ha alla base il nome Clemente, derivato dal cognome latino Clemens Clementis (da
clemens “clemente, mite e indulgente“). E’ la cognominizzazione del sostantivo astratto
clemenza (dal latino clementia).
Diffuso prevalentemente al Sud, ma anche in Toscana, deriva dal nome di mestiere
cuoco.
E’ il diminutivo di corda e significa “stringa, nastrino per allacciare indumenti”. Il
cognome può essere derivato dall’abitudine all’uso di tale indumento.
Diffuso e frequente in tutta l’Italia. Alla base vi è il nome personale di origine
germanica Corrado formato dall’aggettivo *koni “audace, ardimentoso” e *radha
“deliberazione, consiglio, assemblea“, e avrebbe quindi il significato originario di
“audace nel deliberare, nel dare consigli”.
Deriva dalla parola corazza, armatura usata in guerra per proteggere il busto.
Diffuso in tutta l’Italia, ma prevalentemente al Nord. Alla base vi sono i toponimi
formati o derivati da corte (in latino medievale curtis), l’insediamento rurale
caratteristico dell’alto Medio Evo, costituito da un fondo principale e da vari fondi
annessi coltivati da servi, semiliberi e liberi, e gli etnici o gli aggettivi di appartenenza
rispettivi, come curtense, cortense, cortigiano.
COSTALI (derivato del
cognome Costa, DeF. pag.108)
Alla base vi è il toponimo Costa, largamente rappresentato in tutt’Italia come nome di
centri abitati o anche di località e campi, prati e boschi situati su una “costa di un
monte, di un rilievo o di una depressione del terreno“. Costali può quindi significare
“oriundi della costa“.
COSTANZI (ir) (variante del
cognome Costanzo, DeF. pag.
109)
Diffuso prevalentemente nel Sud. Ha alla base il nome Costanzo che continua il
cognomen e poi nome personale autonomo latino Constantinus derivato da Constans
Constantis “fermo, perseverante”.
COVELLI (o COHELLI nel
secolo 1800) DeF. pag. 109)
Può rappresentare un cognome scherzoso e spregiativo tratto dal nome della maschera
napoletana del Cinquecento Coviello (che è sempre l’ipocoristico di Iacovo) e sta per
“tipo strano, malizioso e spregiudicato“ o anche “marito tradito, cornuto“.
CRESCINI (ir)
CRESPI (DeF. pag. 109)
Potrebbe derivare dal cognome latino Criscius che ha dato origine ad una discendenza.
Diffuso soprattutto al nord d’Italia, continua il nome Crespo, da un soprannome
formato da crespo “dai capelli crespi , ricciuti“.
CRETAIO (ir)
CRISTOFARI / CRISTOFORI
(variante di Cristoforo, DeF.,
pag. 110)
CROCI (ir) (variante del
cognome Croce DeF. pag. 110)
CUBONI (Zingarelli, pag. 494)
CUGNERA (Zingarelli, pagg.
496 – 498)
La creta, varietà di calcare farinoso, formata da frammenti di organismi minutissimi, è
un altro nome dell’argilla. Cretaio è colui che lavora la creta.
E’ la cognominizzazione del nome Cristoforo, che si afferma ed è documentato tra il X
e l’XI secolo. Il nome continua il personale latino Christoforus, adattamento del greco
Christoforos, un nome di tradizione greco orientale che propriamente significa “che
porta Cristo“.
Ha alla base nome derivanti da soprannomi e denominazioni formati da croce o da
toponimi come Croce.
Deriva dal nome cubo, poliedro regolare a sei facce o anche la terza potenza di un
numero, a significare un’idea di grandezza.
Deriva dalla parola latina cuneum, “cugno“, di incerta etimologia, che ha il significato
di figura solida o di macchina semplice costituita da un prisma triangolare con un
angolo molto acuto che ne permette la penetrazione in un corpo da spaccare o di due da
distaccare, oppure ancora macchina da guerra. In senso figurato può voler dire
“persona battagliera”.
CUPELLO (Calonghi, pag. 719)
Diminutivo della parola latina cupa che indica “botte, caratello, barile o piccolo vaso
per conserve di frutta“ ed anche “tronco d’albero o costruzione lignea a forma di casetta
che funge da arnia“ (Vocabolario del dialetto orvietano, pag. 155).
CURTI (ir) (DeF. pag. 111)
E’ la cognominizzazione del nome gentilizio romano Curtius. I più noti appartenenti
alla gens Curtia sono Caio Curzio Postumo, sostenitore di Cesare, Curzio Nicia, nativo
di Cos, contemporaneo di Pompeo, dotto commentatore del poeta Lucilio, Quinto
Curzio Rufo autore dei dieci libri delle Storie di Alessandro Magno (Calonghi, pag.
728).
D’ANDREA (ir) (variante del
cognome Andrei, pag. 119)
Diffuso in tutta l’Italia, ma più frequentemente nella zona nord orientale. Ha alla base il
personale Andrea, che continua, attraverso il latino, il nome greco Andreas, ipocoristico
in éas di un nome formato, come primo elemento, dal sostantivo ane’r (genitivo
andròs) che significa “uomo”.
DANIELLI (DeF. pag. 112 s.v.
Danieli)
La base è il nome di tradizione biblica Daniele, il profeta d’Israele dell’età di Ciro il
Grande, deportato in Babilonia e lì perseguitato, ma poi diventato ministro. Il nome, che
è israelitico, ma anche e soprattutto cristiano, è frequente già dall’alto Medio Evo
passatovi dalle forme greche e latine. Daniele deriva da Dani’ el, formato da dayyan
“giudice“ o dan “ha giudicato“ e ‘el, abbreviazione di ‘Elohim “Dio“, con il significato
quindi di “Dio è il mio giudice“ o “Dio ha giudicato“.
DELLI POGGI (variante del
cognome Poggi, DeF. pag. 199)
DEL VECCHIO (ir).
DI CRISTINA (ir) (variante del
cognome Cristini, DeF. pag.
110)
Alla base vi è il toponimo del tipo Poggio, derivante da poggio “piccola altura a lieve
pendio“. Il cognome è riferito a persone provenienti dai poggi.
(vedi VECCHI)
Cristina continua il nome personale latino Christina derivato da Christus “Cristo”, che
si diffuse solo dopo l’editto di tolleranza di Costantino del 313, mentre prima era come
Christiana, una denominazione segreta di chi seguiva Cristo e la fede da Lui rivelata.
DI GENNARO (ir) variante del
cognome Gennaro, DeF. pag.
133)
Diffuso prevalentemente nell’Italia centrale e nel Sud, è la cognominizzazione del
nome Gennaro che continua il cognomen latino Ianuarius “gennaio” dato
originariamente a bambini nati in gennaio. Secondo altri, Ianuarius sarebbe un derivato
di Ianus “Giano” , dio bifronte, e significherebbe “dedicato a Giano”.
DI LEONARDO (ir) (variante
del cognome ratis, DeF. pag.
133)
Diffuso in tutta Italia. Alla base vi è il nome di origine germanica Leonardo, attestato
nel Medio Evo nelle forme latinizzate Leonardus, Lionardus, Lonardus e Lunardus. Il
nome personale germanico è formato da leo “leone” e da hardhu “duro, forte, valoroso“
e significa quindi “forte come un leone”.
DI LORETO (ir)
DI LUCIO (ir)
Può derivare da una variante del cognome Lauro, da laurus “alloro” o dal toponimo
Loreto.
(vedi LUCIANI)
DINI (DeF. pag. 114)
Alla base c’è il nome Dino, ipocoristico aferetico di nomi che terminano, nella forma
diminutiva e vezzeggiativa in –dino, come, tra i più comuni, Armandino, Bernardino,
Corradino, Riccardino, Ubaldino ecc..
DIONISI (DeF. pag. 114 s.v.
Dionisio)
E’ la cognominizzazione del nome Dionisio o Dioniso,che continua, attraverso il latino
Dionysius e Dionysus,, il nome greco Dionysios “sacro, dedicato a Dioniso“, derivato
da Diònysos (che significa propriamente “figlio di Zeus“), il dio della terra e della
fertilità, della pianura e della vegetazione.
DI PERSIO (ir)
DIOTISALVI (DeF. pag. 114)
DONDOLINI
ERCOLANI (derivato del
cognome Ercoli, DeF. pag. 119)
ERMINI (ir) (DeF. pag. 119)
FABBRETTI (ir) (derivato del
cognome Fabbri, DeF. pag. 120)
FAGIOLO (variante del
cognome Fagioli, DeF. pag.
121)
FALCI (ir)
FARINA (ir) (DeF. pag. 121)
FARNESI (ir)
FERRARA (DeF. pag. 124)
FERRETTI (derivato del
cognome Ferri, DeF. pag. 124)
Deriva dal nome Persio, scrittore italico di satire, nato da una nobile famiglia etrusca a
Volterra nel 34 d.C.
Cognome ormai raro, formato dal nome augurale medioevale Diotisalvi, “Dio ti aiuti, ti
protegga“, comune e popolare dall’XI secolo. Appartiene alla categoria dei nomi che
esprimono sensi di consolazione o di buon augurio per le cose della fede, della vita
terrena e di quella avvenire.
Col termine dondolio viene indicato un insistente movimento oscillatorio praticabile in
genere con poltrone e sedili.
Nel linguaggio del nostro territorio la parola “ dondolina“ sta ad indicare la
“donnola“ (mustela nivalis), piccolo mammifero del carnivori (Vocabolario del dialetto
del territorio orvietano, pag. 173); è molto dubbio però che questa possa essere la
spiegazione etimologica esatta del cognome che rimane di difficile interpretazione.
E’ la cognominizzazione del nome Ercole di matrice classica, colta e letteraria ripreso
nell’ultimo Trecento dall’eroe e semidio Ercole (figlio di Zeus e Alcmena). Il nome
greco originale è Heraklès di cui il latino Hercules è un adattamento per il tramite
dell’etrusco Hercles ed è composto da He‘ ra “la dea Era” e kles da kléos “risonanza,
fama“, con il significato di “che ha fama, che è illustre per la protezione della dea Era“.
Da qui il significato di Ercolani “illustri“. I prìncipi romani Hercolani scrivono i loro
cognomi tuttora con l’indicazione di un’aspirazione iniziale, notoriamente mai esistita
in italiano, se non appunto come arcaismo grafico, in quanto scomparsa già in latino,
evidentemente quindi senza alcun riflesso sul piano fonico già in passato, per un
attaccamento alla tradizione e una volontà di distinzione dalle centinaia di altri
Ercolani, con grafie allineate alla norma corrente e quindi senza indicazione del
grafema h (Nucciarelli, 1990, pag.77).
Diffuso nell’Italia centrale, ma frequente solo in Toscana, è la cognominizzazione del
nome Erminio, ripreso nel Rinascimento dal nomen latino Herminius di probabile
origine etrusca. Secondo altre fonti Erminio deriverebbe dal germanico e
significherebbe “potente come il dio Ermin”.
Alla base vi è il soprannome e nome di mestiere fabbro.
Ha alla base un nome e soprannome medioevale formato da fagiolo. Alcune forme
come Faggioli possono risalire, o essersi incrociate e confuse con quelle del gruppo di
Faggi. Quindi può significare o la pianta del fagiolo o quella del faggio.
Può derivare dall’antico nome greco Phalces o dal cognomen latino Falco.
Diffuso in tutta Italia. Alla base vi sono antichi nomi, da originari soprannomi, formati
da farina e dai suoi derivati, in relazione al mestiere (mugnaio, panettiere ecc.) della
persona così denominata o alle sue caratteristiche.
Deriva dalla parola latina farneus che propriamente significa “di frassino, di
farnia” (grandi alberi delle Cupulifere), con il suffisso aggettivale –ensis.
Può derivare dal nome comune antico o dialettale ferrara o firrara (dal latino ferraria)
che significa “fucina, ferreria, fabbrica di grossi ferri da fabbro“. La voce è di
provenienza romana (D.E.I., pag. 1622 s.v. ferraria).
Deriva dal nome ferro, già documentato e comune nel Medio Evo. E’ diminutivo di
ferro, oggetto di ferro.
FIFI
FILOSI (ir) (Zingarelli, pag.
729)
Di incerta etimologia. Potrebbe essere il plurale di fifa, parola che in ornitologia sta
per “pavoncella” (Battisti – Alessio, Vol. III, pag.1636). Nell’italiano gergale è un
epiteto usato per indicare un uomo effeminato ma tutto ciò nulla prova circa il
significato etimologico (Lotti G., Le parole della gente, 1992, pag. 147).
Potrebbe infine essere una voce onomatopeica, formatasi cioè dalla ripetizione di un
rumore presente in natura (fi-fi, bau-bau, tic.tac …).
Aggettivo che deriva dal sostantivo filo e significa “ricco di fili”. Per estensione
“fibroso, stopposo”. Più verosimile la derivazione dall’aferesi di nomi medievali come
Teofilo o Panfilo.
FINI (DeF. pag. 125)
Deriva dal nome Fino, che è l’ipocoristico aferetico di diminutivi e vezzeggiativi di
nomi personali terminanti in –fino come Adolfino, Arnolfino, Pandolfino, Rodolfino,
Serafino.
FIORDI (derivato da fiore, DeF.
pag. 125)
Viene da fjord, forma indoeuropea che significa “approdo“. Oggi sta per “insenatura
marina lunga, stretta e ramificata“ (Zingarelli, pag. 733). Un’altra derivazione potrebbe
essere dall’aggettivo “florido”, dal latino floridus da flos –floris) diffuso dal XIV
secolo (Battisti – Alessio, Vol. III, pag. 1650).
FIUMI (ir) (Zingarelli, pag. 738)
FLAMINI (ir) (Zingarelli, pag.
739)
FORBICIONI (ir) (Zingarelli,
pag. 749)
FORCELLA (Rohlfs, pag. 98)
FORMICONI (Zingarelli, pagg.
752/753)
FORTINI (ir) (alterato del
cognome Forti, DeF. pag. 127)
FOSCHI / FOSCOLI (derivato
di Foschi, DeF. pag. 127)
FRANZINI (derivato del
cognome Francia, DeF. pag.
128)
FRATINI (derivato del cognome
Frati, DeF. pag. 128)
FRELLICCA (ir)
FRINGUELLO (ir) (Zingarelli,
pag. 769)
FRIZZA (ir) (abbreviato del
cognome Federici, DeF. Pag.
122)
FUCILI (Zingarelli, pag. 774)
Deriva dalla parola latina lumen, “fiume”, dal verbo fluire, “scorrere”. In senso traslato
significa anche “fecondi” e “persone senza fermezza”.
Deriva dalla parola latina flamen “flamine” di etimo incerto. Il flamine era un sacerdote
di una singola divinità. Perciò Flamini significa “sacerdoti”.
Deriva da un soprannome e vuol dire avere il ventre che termina a guisa di forbice. Il
cognome è preso dalla forbicina, un insetto dermattero con corpo allungato e due
robuste appendici addominali, rossiccio, che si posa sui fiori e sulle piante e si nasconde
sotto le pietre.
Antica e tuttora popolare strada di Napoli, che pare traesse il nome dall’antichissima
Platea furcillensis. Nella lingua italiana, il termine forcella (da furcula, diminutivo
della parola latina furca) ha diversi significati, tra cui: “forcina per capelli, organo di
macchina di forma biforcuta, punto in cui il tronco o un ramo di un albero si biforca,
lunga asta di ferro terminante a bidente, osso del petto dei volatili ecc…” (Zingarelli,
pag. 749).
Deriva dal sostantivo femminile “formica“, piccolo imenottero aculeato, vivente in
società formate da maschi, femmine feconde e femmine sterili. La formica è simbolo di
grande alacrità, previdenza e parsimonia. Nel gergo teatrale e cinematografico,
“formicone” è l’operaio addetto alle mutazioni e al trasporto degli elementi di scena.
Diffuso in tutta l’Italia. Ha alla base il cognome Forte che continua il personale latino
d’età tarda Fortis, dall’aggettivo fortis, “forte”, per lo più nel significato morale e
cristiano di “fermo, deciso e coraggioso nell’affrontare i mali, nel perseverare nel bene
e nella fede”.
Diffuso al Nord e in Toscana. Alla base vi sono i nomi Fosco, Fosca, Foscolo che
risalgono al cognomen latino Cuscus, “fosco, scuro di capelli o di carnagione”.
Ha alla base, come originario soprannome e determinativo etnico, e poi anche personale
maschile e femminile medioevale, Francia, la Francia come territorio e Stato. Il
cognome vuol dire quindi “cittadini, oriundi della Francia“.
E’ la cognominizzazione dell’appellativo e soprannome Frate, da frate nel significato
di “fratello“.
Deriva dal latino tardo fringilius “fringuello”, uccello dei passeriformi.
Diffuso in tutta l’Italia. La base è il nome personale di origine germanica Frithurik (in
italiano Federico o Federigo), formato da frithu, “pace, amicizia” , e rikja “ signore,
principe, potente”. Il significato originario sarebbe quindi “signore della pace” o
“potente nella pace”.
Viene dalla parola italiana fucile, che significa arma da fuoco, soldato armato di fucile.
FUMI CAMBI GADO (DeF.
pag. 129 s.v. Fumei)
La prima parte del cognome è una variante del cognome Fumèi, a sua volta variante
regionale friulana (Fumèo o Fumè) di Tomèo, ipocoristico abbreviato di Bartolomèo o
di Tommasèo. La variante riflette l’adattamento in f del th greco bizantino dei nomi
originari, latinizzati in Bartholomaeus e Thomasus. L’altro cognome si è formato dal
nome medioevale ratis (nel XII secolo), ipocoritstico aferetico di Boncàmbio “buon
cambio“, nome gratulatorio dato a un figlio nato dopo la morte di un figlio precedente.
FUMO (ir)
GALANELLO (ir)
GAMBINI (ir) (derivato del
cognome Gamba, DeF., pag.
131)
(vedi FUMI)
Potrebbe derivare dalla parola francese galant, “galante, vivace”.
Diffuso sporadicamente in tutta l’Italia. Ha alla base soprannomi allusivi e
caratteristiche fisiche, oppure scherzosi e polemici, connessi con gamba e con i suoi
derivati e alterati.
GASPARRI (variante del
cognome Gàspari, DeF. pag.
132)
La base è il nome Gàspare con cui nella tarda tradizione postevangelica occidentale è
denominato uno dei tre re Magi che vennero dall’Oriente a Betlemme per onorare e
portare doni a Gesù Bambino. Il nome risale, attraverso l’adattamento latino tardo
Gaspar o Gasparus, Caspar o Casparus, all’iranico Gathaspar, da windahwarena
“splendente“, epiteto del genio dell’aria Wayna della religione iranica.
GAZZURRA (ir) (D.E.I.)
Deriva dal latino gaudium “gioia”, dal verbo gaudere “gioire”. Il cognome significa
quindi “colui che gode, che si rallegra”.
Nel Dizionario Etimologico Italiano, la parola gazzurro deriva dal verbo ingazzurrire e
da qui starebbe a significare “brio, festa”.
GENTILI (variante del cognome
Gentile, DeF. pag.134)
Ha alla base il nome Gentile derivato da un originario soprannome e aggettivo formato
da gentile, nel significato sia di “nobile e cortese nel modo di comportarsi“ sia in quello
antico di “che appartiene alla stessa gens, cioè alla stessa famiglia e casata”.
GAUDINO (ir)
GHEZZI (ir) (Zingarelli, pag.
809)
Ghezzo (‘gettso/ “egiziano”) significa “nericcio”, detto anticamente dei Mori di
Barberia, dei corvi, dell’uva matura e di alcune specie di funghi. Potrebbe derivare da
Ghetto (da getto, fusione), nome di un’isoletta veneziana dove nel Cinquecento
venivano relegati gli Ebrei, così chiamata perché vi era una fonderia. Per questa ragione
Ghezzi sarebbero gli abitanti di Ghetto o lavoratori della fonderia. Potrebbe derivare
però anche da ghetta, gambaletto di cuoio che si mette sopra la scarpa a cui è fissato da
un laccio. In questo caso il significato sarebbe “quelli che portano le ghette”.
GIACOMINI / (derivato del
cognome Giacomi, DeF. pag.
135)
Alla base vi è il nome personale Giacomo, adattamento, sin dal Medio Evo, del nome
ebraico Ya’ aqob che nell’Antico Testamento è il nome del patriarca Giacobbe, figlio di
Isacco e di Rebecca e fratello gemello di Esaù, mentre nel Nuovo Testamento è il nome
di due apostoli Giacomo il Maggiore e Giacomo il Minore. Questo nome, formato da
Yah, abbreviazione di Yahweh “Dio“ e qb “proteggere“, ha il significato di “Dio ha
protetto“ e “protetti da Dio“.
GIGLIETTI (derivato del
cognome Gigli, DeF. pag. 137)
Alla base è il nome Giglio, uno dei tanti personali formati da nomi di fiori, spesso con
valore simbolico; in questo caso il giglio è simbolo di candore e di purezza da cui il
significato del cognome uguale a “candidi, puri “.
GILIBINI (DeF. pagg. 137/ 138,
80)
GINI (Zingarelli, pagg. 2227 –
2228).
Può significare “due gigli”, con riferimento dall’araldica. Ma può anche essere la
risultante di due cognomi Gigli e Bini. La prima parte è la cognominizzazione del nome
Giglio (già frequente nel XII e XIII secolo) che acquista un esito personale. Bini è
invece una forma abbreviata di ipocoristici terminanti in Bino, come Albino da albus,
bianco. Il cognome dunque potrebbe avere il significato di “gigli bianchi“.
Deriva dal nome proprio Lodovico (con la variante Ludovico). Il nome franco
Hlodowig, spiegato come “famoso in battaglia“ (da hloda che vuol dire “gloria” e wiga
“battaglia“) fu ridotto più tardi nella forma Lodovico, mentre in Francia assunse quella
di Louis, da cui il nostro Luigi. Al diminutivo maschile (Lui)gino risale il diffuso Gino.
Gini significa dunque “famosi in battaglia“.
GIORGETTI (ir) (derivato del
cognome ratis, DeF., pag. 138)
GIOVANNINI (ir) (derivato del
cognome Giovanni, DeF., pag.
139)
GIROLAMI
GOVERNATORINI
GRAZIANI (derivato del
cognome Grazia, DeF. pag. 141)
GRECO / GRECHI (ir) (DeF.
pag. 141)
GRIMALDI (ir) (DeF., pag.
142)
GRISONI (ir)
GUAZZAROTTO (Zingarelli,
pag. 857)
GUERRINI (DeF. pag. 143 s.v.
Guarino, pag. 144 s.v. Guerrini)
IACOBELLLI
IALONARDI (ir)
INTROCASO (ir) (Zingarelli,
pag. 976)
ISIDORI (ir)
LANDI (DeF. pag. 149)
LANZI (DeF. pag. 150)
Diffuso con alta frequenza in tutta l’Italia. Ha alla base il nome Giorgio che continua il
nome personale latino di età imperiale Georgius, derivato dal greco gheorgòs che
significa “agricoltore”.
(vedi SANNELLA)
Ha alla base il nome latino Hieronymus composto dalle radici ieros, “sacro” e onoma,
“nome” e significa quindi “nome sacro”.
Deriva dal vocabolo latino gubernator, che significa “dirigente, governante”. Alla base
c’è ovviamente il verbo latino gubernare, “governare“.
Alla base vi è il nome Graziano che continua il cognome latino Gratius (da gratis
“grato, gradito, caro“). Da qui il significato, per estensione, di “graditi“.
Alla base c’è il nome Greco che vuol dire “abitante, oriundo della Grecia“. In senso
figurato vuol dire “astuto, furbo“ (D.E.I. pag. 1867).
Diffuso in tutta l’Italia ha alla base il nome di origine germanica Grimaldo formato da
grima(n) “elmo con celata, maschera da combattimento” e waldaz “potente, principe,
capo”, con il significato originario di “potente con l’elmo” o di “capo munito di elmo”.
Cognome campano e calabrese formato dalla parola griso, dal provenzale gris, nome
dato a un tessuto grossolano di colore grigio.
Deriva dal latino parlato *aquacea(m) o *aquatia(m), aggettivo sostantivato di aqua e
dal verbo italiano “guazzare“, muoversi in un liquido agitandolo. Si usano le
espressioni “guazzare nell’acqua, nell’oro, guazzare nel denaro“ queste ultime per dire
“essere ricchi”. In senso figurativo il verbo è usato col significato di “ scialacquare,
sperperare“. Guazzarotto significherebbe “scialacquatore, sprecone, sperperane“.
Ha alla base il nome medioevale di origine germanica werra “mischia“ (Boriosi N.,
Dizionario etimologico, pag. 18). Il nome Guerrino si è affermato con il popolare
romanzo “Guerrin Meschino“. L’etimo è complesso: può appartenere alla stessa radice
germanica e tradizione di Guarino, ma può anche essere in rapporto, o più spesso
incrociato, con Guerra, soprannome e appellativo formato da guerra con motivazioni
varie, o derivato, come ipocoristico abbreviato, da composti con guerra come
Vinciguerra.
(vedi GIACOMINI)
Potrebbe derivare dalla crasi fra i due nomi Giacomo e Leonardo. In questo caso la
prima parte, cioè Ia (Giacomo) significa “protetti da Dio” e la seconda Lo nardo da
Leonardo (nome personale di origine germanica) formato da *Leo “leone” e da
*hardhu “forte, valoroso”) “forti e valorosi”. Potrebbe anche derivare, quanto alla
prima parte, da ialo “trasparente come il vetro” e quanto alla seconda da nardus,
“nardo”, cioè pianta odorifera.
Il cognome è composto da due elementi: intro (dall’aggettivo latino interu(m)) “che sta
dentro” e da casa. Significa quindi “che sta dentro casa”.
Deriva dal nome greco Isidòros formato da Isis, “Iside” e doron, “dono”, con il
significato originario quindi di “dono della dea Iside” (antica divinità egiziana).
Alla base è il nome Lando che per lo più è l’ipocoristico aferetico di Orlando,
Gerlando, o, per apocope, di Landolfo, ma che in qualche caso continua l’ipocoristico
germanico Lando di nomi composti con il primo elemento *landa, “territorio, paese“ e
quindi per estensione si ha il significato di “paesani “.
Può avere alla base sia il nome medievale di origine germanica Lanzo, ipocoristico
formato con il suffisso –so *Land-so, da cui Lanzo di personali composti con il primo
elemento *landa (come Lamberto, Lanfranco…), sia un soprannome o nome di
mestiere formato da lanzo,“lanzichenecco, lanciere“. Sono possibili infine, in alcuni
casi, dipendenze o incroci con cognomi del tipo Lanza).
LATTANZI (DeF. pag. 150)
Ha alla base il nome Lattanzio, ripreso in età umanistica dal cognomen latino
Lactantius di origine incerta (forse derivato dalla divinità romana della vegetazione
Lactans).
LAUDIZI (variante del
cognome Laudario, DeF. pag.
150)
Ha alla base il nome gratulatorio, di devozione cristiana, Lausdeo (dalla locuzione di
ringraziamento latina laus Deo o, in forma italiana, Laudario “(sia) lode a Dio“ dato a
un figlio molto atteso e desiderato.
LISEI (De Felice, Dizionario dei
nomi italiani, pag. 142 s.v.
Eliseo)
E’ la cognominizzazione del nome israelitico e cristiano Eliseo che continua il nome del
secondo grande profeta di Israele, successore di Elia. Deriva dall’ebraico ‘Elisha che
passa in greco nella forma Elisaios e in latino in quella di Elisaeus. Il nome ebraico è
composto da ‘El “Dio“ e ish “salvare“ e può significare “Dio salva“, “Dio ha salvato“
o “il mio Dio è salvezza “.
LOMBARDELLI (alterato del
cognome Lombardi, DeF. pag.
153)
Alla base è il nome medioevale Lombardo, formato da un cognome o appellativo
Lombardo che tra il XII e il XVI secolo aveva, come etnico, il valore di “abitante,
oriundo dell’Italia settentrionale“ e come nome di mestiere nell’Italia meridionale
“mercante, banchiere, cambiavalute, usuraio“. Potrebbe derivare dal termine
Longobardo formato da *langa “lungo“ e *barda “barba“ che vuol dire “dalla barba
lunga“.
LOMBRONI (Cortelazzo –
Marcato, 1992, pag.162)
LUCIANI (DeF. pag. 155)
LUPI (DeF. pag. 155)
MAGISTRATI /
MAGISTRATO (ir)
MAGRINI (ir) (alterato del
cognome Magri, DeF. pag. 157)
MAINI (ir) (variante del
cognome Maino,, DeF. pag.
158)
MAIONE (ir)
MANCINI / MANCINELLI (ir\
(DeF:, pag. 158)
MANGANELLO (derivato del
cognome Mangano, DeF. pag.
159)
Il cognome potrebbe essere stato costruito sul nome gentilizio romano Umbrius, a sua
volta da Umber, attestato anche nel Corpus Inscriptionum Latinarum. Dunque potrebbe
avere il significato di Gli Umbri,per distinguerli da genti di altri territori. Potrebbe
derivare dalla parola etrusca *Lumprna, passata in latino come *Lumbernius, ma non è
da escludere che la vocale iniziale fosse un’altra perché l’o protonico si può dichiarare
anche dalla contigua labiale (Pieri, pag. 51, s.v. Lumbernam). Con minore possibilità
può starci anche la derivazione dalla geonomastica, in particolare dal termine umbra “
fianco settentrionale, qualche parte meno alta del monte “. C’è infine l’ipotesi che
derivi dal sostantivo femminile veneto ombra “bicchiere di vino“. L’estensione del
significato di ombra si trova anche in italiano come “ quantità esigua“. “Adesso quando
hanno raccolto il fieno o tagliato la legna stanno all’osteria a bere un’ombra de vin“ (L.
Goldoni, Dì che ti mando io, Milano, 1976, pag.112).
Ha alla base il nome Luciano, dal latino Lucianus (in greco Lukianos), cognomen
derivato dall’antico praenomen romano Lucius di etimologia incerta,
forse
ricollegabile al sostantivo lux, “luce” col significato perciò di “nato al mattino, alle
prime luci“.
Alla base è il nome Lupo che continua il cognomen e nome personale latino di età
imperiale tarda Lupus (da lupus “lupo”).
Deriva dalla parola latina magister “maestro”. In questo caso significa “colui che
ricopre una carica pubblica”.
Diffuso e frequente in tutta l’Italia. Ha alla base il soprannome e poi nome Magro, da
magro, dato in relazione alla corporatura.
Diffuso soprattutto in Lombardia e in Emilia, è la cognominizzazione del nome di
origine germanica Maino, che rappresenta un personale Magino o Maino già
longobardo col significato di “forza, potere”.
E’ un cognome tipicamente campano che deriva dal toponimo Maione (CS).
Diffuso in tutta l’Italia, specialmente al Sud. Rappresenta un originario soprannome
(documentato già nell’XI e XII secolo nelle Puglie, nel Lazio, in Toscana e Liguria
come Mancinus), formato da mancino “che usa la mano sinistra con più forza, abilità e
sicurezza della destra”, riferito al capostipite.
Ha alla base un originario soprannome o nome di mestiere formato da màngano
“macchina a cilindri per lisciare e rendere morbidi panni e tessuti“, come mestiere del
capostipite. Significa anche “strumento di guerra, macchina per lanciare pietre“ (D.E.I.,
pag. 2345).
MANIERI (variante del
cognome Mainèro, DeF. pag.
158).
MANUALI (ir)
MARCHETTI / MARCHINI /
MARCHINO /
MARCHIGNANI (derivati del
cognome Marchi, DeF. pag.
161)
MARI (ir) / MARIOTTI (ir)
(DeF., 162)
MARRICCHI (ir)
MARROCOLO (ir)
Diffuso prevalentemente nel Nord Ovest, ha alla base il nome germanico di tradizione
frantone Mainèro, da un *Maginharius formato da *Magin (vedi Maino) e *harja
“esercito”, con il significato originario di “esercito potente” o “forza dell’esercito”.
Deriva dall’aggettivo manuale ed indica un lavoro fatto con le mani.
Alla base è il nome Marco che continua l’antico prenome romano Marcus (da
*Marticos, derivato da Mars, Martis, che significa “dedicato, sacro al Dio Marte “).
Diffuso nel Nord Est d’Italia e in Toscana. E’ l’ipocoristico aferetico dell’antico nome
personale germanico “Adamar o Adimar“, importato in Italia già dai Longobardi ma
diffuso di nuovo dai Franchi nell’VIII e IX secolo. Il nome è formato da due elementi:
il primo è *atha(la) “nobile, nobiltà di stirpe”, e il secondo *maru “grande, importante,
che eccelle, famoso”. Il significato originario sarebbe dunque: “grande, che eccelle per
nobiltà di stirpe”.
Deriva dal soprannome latino Manricus “colui che adopera la mano dritta, cioè la
destra”.
Potrebbe derivare dal nome medievale Maroch (Marocco), ma è pure possibile una
derivazione dal nome di alcune località chiamate Marrocco. Potrebbe essere anche un
derivato della parola marroca, tipica del dialetto orvietano, figura fiabesca, sinonimo di
strega, che si nomina per spaventare i bambini.
MARTELLONI (derivato del
cognome Martelli, DeF. pag.
163)
Alla base c’è un soprannome o nome di mestiere Martello, formato da martello, riferito
a chi usa per mestiere o in guerra il martello, o a chi colpisce con grande forza e
durezza, come un martello.
MARTINI (DeF. pag. 163)
Deriva da Mars, Martis “Marte, dio romano della guerra” a cui è intitolato il terzo mese
dell’anno. Può significare quindi “sacro, dedicato a Marte “ e “nato a marzo”.
MARZOCCHINI (D.E.I., pag.
2379)
MAZZOCCHINI (Zingarelli,
pag. 1125)
MARZOT (ir)
Marzocchino è il diminutivo di Marzocco (da Marte). Il marzocco (figura scolpita di
leone sedente col giglio fiorentino scudato) si sostituì, come emblema di Firenze, alla
statua di Marte all’imbocco del Ponte Vecchio dopo che essa fu travolta dalla piena
dell’Arno del 1333).
Mazzocchino è il diminutivo di mazzocchio (da mazzo “ciuffo, mazzetto di capelli“).
Significa inoltre “tallo di radicchio o cicoria”, mangiato in insalata, e infine
“ingrossamento presente nei fusti di alberi capitozzati“. Scherzosamente indica
“macchia, frittella“.
(vedi MARTINI)
MASCELLONI (Zingarelli, pag.
1116).
Accrescitivo della parola mascella (dal latino maxilla(m)), diminutivo di mala
“mascella, guancia“. Mascellone sta a significare figurativamente “persona con grandi
mascelle “.
MASOTTI (ir) / MASSINO (ir)
(derivati del cognome Masi,
DeF., 164)
Diffuso in tutta l’Italia. Ha alla base il nome Maso, ipocoristico aferetico di Tommaso,
che si affermò nel primo cristianesimo per il prestigio e il culto di San Tommaso
apostolo, quindi, dal Duecento, di San Tommaso d’Aquino, il grande teologo, e di vari
altri santi di questo nome. L’etimo è l’aramaico t’oma’ “gemello”.
MATERAZZINI (ir) (Zingarelli,
pagg. 1120 -1121)
MATTIA (variante del
cognome Mattei, DeF. pag. 164)
E’ un alterato del nome materasso “suppellettile che si mette sulla rete del letto per
ripossare”. In senso figurato vuol dire “pugile che allena in palestra”.
Alla base sono i nomi di tradizione cristiana Matteo e Mattia che nei Vangeli
denominano, il primo, San Matteo Apostolo e Evangelista, il secondo, San Mattia,
l’apostolo eletto in sostituzione di Giuda dopo la morte di Gesù. I due nomi hanno la
stessa etimologia: risalgono al nome dell’antico ebraico Mattitya e del medio ebraico
Matya, formato da mattat “dono“ e Ya, abbreviazione di Yahweh “Yahvè, Dio di
Israele“ con il significato quindi di “dono di Dio“.
MAZZUOLI (derivato del
cognome Mazza , DeF., pag.
165)
L’origine è complessa in quanto possono concorrere ed essersi intrecciati vari etimi e
processi di formazione. Mazza è generalmente l’ipocoristico apocopato di soprannomi
medievali, scherzosi o polemici, formati con mazza- deverbale di (am)mazzare (come
quelli da cui sono derivati i composti Mazzabove, Mazzacavallo ecc…). Ma alla base di
Mazza e dei suoi alterati possono essere soprannomi e originari nomi di mestieri formati
da mazza (e mazzetta, mazzòla o mazzuòla, mazzòlo o mazzuòlo), come strumento e
attrezzo o arma da guerra. Qualche cognome, infine, può anche continuare il personale
germanico Mazzo o Matzo, Maza o Mazo, ipocoristico di vari nomi germanici
composti, o anche toponimi del tipo Mazzo. Se si propende per l’assimilazione della
consonante, si potrebbe spiegare la derivazione del cognome da marzuolo, aggettivo di
marzo, mese dell’anno (Pieri, pag. 417 s.v. marzuolo).
MECARINI (ir) / MECHELLI /
MENCARELLI /
MENGARELLI (ir) (derivati del
cognome Menico, DeF. pag.
166)
Alla base ci sono i nomi Meco e Menco, ipocoristici del nome personale Domenico che
continua il personale latino di età tarda e di ambiente cristiano Dominicus, derivato da
Dominus “Il Signore Dio“ da dominus “signore, padrone“, con il significato di “
dedicato, consacrato a Dio“. Domenica deve intendersi come formata con la parola
latina sottintesa dies (giorno) da cui dies dominica “giorno dedicato al Signore, giorno
dedicato a Dio “.
MENNA (Zingarelli, pag. 1136)
Dal latino *minuu(m) da minuere “diminuire“. Il cognome ha significati quali “glabro,
vano, inutile, buono a nulla“, ma anche “libero“, e sta infine per “ mammella“ (D.E.I.,
pag. 2423).
MERLINI (ir) (DeF., pag. 168)
Diffuso in tutta l’Italia, ma prevalentemente in Lombardia e Toscana. Ha alla base il
nome Merlino, affermatosi nell’ultimo Medio Evo con l’epica francese del ciclo
bretone in cui Merlino o Mago Merlino, mago, indovino e profeta, maestro del re Artù e
innamorato di Viviana, è un personaggio di primo piano del XII secolo.
MEZZOPRETE (ir)
MILANI (ir) (DeF., pag. 170)
MISCIATTELLI (Sella,
Cortelazzo – Marcato)
Deriva dalle parole latine mediu(m) “mezzo, quasi” e presbyter “vecchio” e significa
quindi “quasi vecchio”.
Diffuso in tutta l’Italia, con alta frequenza nel Nord, è formato dal toponimo Milano e
dal suo etnico. In alcune zone, specialmente in Lombardia, è spesso un cognome
israelitico.
Una derivazione del cognome potrebbe essere da mischiatus, mischius, miscius “di
colore misto“ (P. Sella, 1944). Un’altra potrebbe essere dal greco miscos “picciolo o
gambo di foglie o frutti“ (di etimo ignoto), un’altra ancora dal frequentativo di miscere
“mischiare“ (Cortelazzo – Marcato, 1992, pag. 151, s.s. misiot) ed infine da miscianza,
miccianza “piccolo“ (Cortelazzo – Marcato, 1998, pagg 259 e 292). (Pieri pag.119 s.v.
misciatico, misciano, da Messius (Sch 424).
MOCETTI (ir)
MONNO (ir)
MONTALTO (DeF. pag. 172)
MONTI (DeF. pag. 172)
Potrebbe essere un alterato del cognome Monni,tipico della Sardegna, derivato dal
nome di un villaggio medievale Moni.
E’ formato dal toponimo Montalto che è un evidente composto di “monte“ e “alto“.
E’ formato dal toponimo Monte o Monti. I termini sono frequentissimi in
toponomastica, ma non si riferiscono soltanto a nozioni quali “cima, vetta“; anzi molto
spesso designano una modesta altura, appena accennata rispetto ad un’area pianeggiante
circostante.
MORELLI / MORETTI / MORI
(derivati del cognome Mori,
DeF. pag. 172)
Sono la cognominizzazione del nome e soprannome Moro, già comune insieme ai suoi
derivati nel Medio Evo e documentato nelle forme latinizzate Morus, Morellus,
Moretus. Moro continua in parte il cognome e poi personale latino Maurus “abitante,
oriundo della Mauritania, dell’Africa settentrionale“ (ma anche in senso figurativo “di
pelle o di carnaggione molto scura“) e in parte maggiore è formato dall’aggettivo
italiano moro,continuatore del latino Maurus, che nel Medio Evo aveva assunto anche il
nuovo significato di “saraceno “.
MORRI (ir)
……………
OSCHETTI (ir) (Derivato del
cognome Mosca, DeF., pag.
173)
MOSCONI
MUCCIFUORI (D.E.I.)
MUZI (variante del cognome
Muzzi, DeF. pag. 174)
NARDI / NARDINI (ir)
(derivato del cognome Nardi,
DeF. pag. 175)
NEGRI (ir) (DeF., pag. 176) /
NERI (ir) (DeF., pag. 177)
NENCI (DeF., pag. 177)
Diffuso in tutta l’Italia. Alla base vi sono vari nomi e soprannomi comuni originati nel
Medio Evo e formati da mosca e dai suoi alterati moschetta, moschina o mo=
schino, moscone, con una motivazione che può essere in rapporto sia al significato
proprio sia e soprattutto ai vari significati estensivi e figurati (come, per mosca, persona
piccola e sgraziata, o fastidiosa).
(vedi MOSCHETTI)
Se si prende come derivazione il verbo mucciare, riportato dal D.E.I., il cognome può
assumere il significato di “smorfia”, “beffa” e quindi “farsi beffe”. Mucciaccio, altra
etimologia possibile (D.E.I.) darebbe al cognome il significato di “garzone, servitore”.
Se il cognome invece venisse da Mugla, di origine medievale che riflette
verosimilmente il latino *mutula per mutila acquisterebbe il significato di “mozza,
tronca“ (mucla > mugla) col senso di “sporgenza“. Il significato finale è quindi “con la
sporgenza in fuori“ (AA.VV. Dizionario di toponomastica, pag. 434 s.v. Muggia).
E’ la continuazione dell’antico nome latino Mucius o Mutius. Può anche rappresentare
l’ipocoristico aferetico Muzzo di Giacomuzzo, da Giacomo. (vedi GIACOMINI).
Diffuso prevalentemente in Lombardia, nelle Venezie, in Emilia Romagna e in
Toscana, ha alla base il nome Nardo, ipocoristico aferetico di Bernardo o Leonardo
( vedi BERNARDINI).
Diffuso in tutta l’Italia. Alla base vi è il nome Negro, che continua in parte il
cognomen latino Niger, dall’aggettivo niger nigra nigrum “nero, scuro”.
E’ la cognominizzazione dell’ipocoristico di Nencio di Lorenzo (vedi RENZETTI).
NERBANO (ir) (Zingarelli, pag.
1230)
Deriva da nerbo, fibra cervicale di buoi e cavalli disseccata e adoperata come staffile
(sferza). In senso figurato sta a significare la parte più forte e valida di qualcosa. Il
cognome così significherebbe “forte, valido”.
NICOLASI / NICCOLESI
(variante del cognome Nicola,
DeF. pag. 177)
Alla base è il nome Nicòla, diffusosi ovunque in Italia per il culto di San Nicola di Bari.
Il nome italiano Nicolao o Nicolò continua l’antico nome greco ma anche bizantino
Nikolaos (da nikan “vincere“ e laos “popolo“ e significa quindi “che vince, che eccelle
tra il popolo“.
NOTARI (variante del cognome
Notaro, DeF. pag. 178 )
Ha alla base il nome e titolo professionale (usato anche in funzione di appellativo
professionale e predicato, davanti al nome personale) notaro “notaio“ che nel Medio
Evo designava lo scrivano addetto alla scrittura di atti privati e pubblici.
NULLI PERO (ir)
La prima parte del cognome deriva dal latino nullus “nullo, di poco valore, ignoto”. E’
uno di quei cognomi che un tempo venivano dati ai figli di genitori ignoti (altri
cognomi erano Esposito, Innocenti, ecc…). Il secondo cognome “Pero” ha alla base il
nome Pietro (vedi Petrini) e serviva a distinguere un ramo di discendenza diversa da un
iniziale nucleo comune.
NULLI SMURAGLIA (ir)
OLCESE (ir)
ORTU (ir)
PACETTI (derivato del
cognome Paci, DeF. pag. 184)
PAGNOTTA (derivato del
cognome Pagni, DeF. pag. 185)
La prima parte del cognome deriva dal latino nullus “nullo, di poco valore, ignoto”. E’
uno di quei cognomi che un tempo venivano dati ai figli di genitori ignoti (altri
cognomi erano Esposito, Innocenti, ecc…).Il secondo cognome…… serviva a
distinguere un ramo di discendenza diversa da un iniziale nucleo comune.……..
E’ un cognome genovese, formato dai toponimi Sant’Olcese e Olcesi (GE).
Può derivare dal verbo latino orior – oriris, “nascere, sorgere” e quindi significherebbe
“nato”.
Alla base è il nome Pace che in parte continua il signum latino di tarda età imperiale
Pax Pacis “pace“, ma per lo più è un nome augurale e gratulatorio medievale ricreato
direttamente dal sostantivo volgare pace, dato a un figlio che porta la pace, la
tranquillità nella famiglia, o cui si augura che porti a sé e agli altri la pace, anche in
senso cristiano.
Ha alla base l’ipocoristico aferetico medioevale Pagno del nome Compagno e
Boncompagno. Compagno è un sostantivo maschile che indica una persona che coopera
con altri in nome di interessi e di aspirazioni comuni.
PALOMBINI / PALOMBO (ir)
(derivato del cognome erissi,
DeF. pag. 186)
Ha alla base il nome e soprannome medioevale Palombo o Palombo corrispondente
medioevale di Colombo (da columbus “colombo“), affermatosi in ambienti cristiani in
quanto il colombo simboleggiava le qualità cristiane di innocenza, purezza e
mansuetudine. Significa perciò “puri, innocenti“.
PANARA Forcellini, 1868, pag.
483, Tomo IV) Forcellini, 1868,
pag. 483, Tomo IV)
Deriva dal vocabolo latino panarium, “credenza, panettiera, cesta da pane“ (locus et
vas ubi panis servatur, panis repositorium). Panarius è anche colui che vende il pane;
in questo caso il cognome può essere derivato dall’attività di una venditrice di pane.
Esiste anche l’espressione sepulchrum in similitudinem panarii factum (tomba fatta a
forma di panettiera).
PANFOLI (Rohlfs, pag. 113).
PANICO (Zingarelli, pag. 1321)
PAPINI (alterato del cognome
Papi, DeF. pag. 188)
PARRINI (derivato del
cognome Parrino, DeF. pag.
189)
PASQUALETTI (derivato del
cognome Pasquali, DeF. pag.
190)
PASSERI
PEDINI (Zingarelli, pag. 1357)
PELEGI (o PELEGGI)
PELOROSSO
PENNINO (ir) (derivato del
cognome Penna, DeF., pag 192)
Il cognome deriva dall’adattamento della parola medievale panifaculu “colui che fa il
pane, panettiere“
Il cognome Panìco può derivare dalla parola latina panus “spiga del miglio”, pianta
erbacea delle graminacee usata per l’alimentazione degli uccelli.
Ha alla base l’ipocoristico Papo del nome Iacopo o Giacomo (vedi GIACOMINI).
Ha alla base il soprannome Parrino derivato da un originario nome di vincolo familiare
e sociale che sta per padrino che indica un personaggio influente che si assume la
protezione di altre persone, creando così un vincolo particolare di subordinazione e di
devozione personale. Parrini vuol dire quindi “padrini” .
E’ la cognominizzazione del nome Pasquale che continua il personale latino di età
cristiana e tarda Pasqualis, formato da pasqualis “nato di Pasqua “.
Può derivare da un nome personale Passerius, dal nome “passero“, uccello
comunissimo in ogni parte d’Italia che staziona sui tetti delle case.
Dal latino pes, pedis “piede“. In italiano col termine “pedina“ si indicano i dischetti con
cui si gioca a dama. In senso figurato passa ad indicare “persona di scarsa importanza o
di bassa condizione“.
Può derivare dalla radice greca pelag “mare“, che in latino diventa pelagus. Pelegi può
assumere perciò il significato di “marini, marittimi“.
Composto dal nome pelo e l’aggettivo rosso. E’ la cognominizzazione di soprannomi
già comuni nell’alto Medio Evo che denominavano la persona per le caratteristiche di
avere il pelo o un particolare tipo di pelo.
Diffuso al Sud, può avere alla base sia originari soprannomi di varia motivazione
formati da penna, sia i toponimi del tipo Penna in Teverina.
PEPE / PEPARELLO
(Zingarelli, pag. 1367)
Viene dalla parola latina piper che riprende il greco peperi, di origine orientale. Il pepe
nella lingua italiana è una spezia dal sapore piccante fornita dalla pianta omonima. Si
usa l’espressione “essere tutto pepe“, per cui il cognome può indicare persona “molto
briosa, vivace“. I nomi Pepe, Pepo, Pepus, sono stati raggruppati sotto il vocabolo
Petrus di cui sarebbero una variante (E. Carpentier in B.I.S.A.O. nn. XLVIII – XLIX,
1992/ 1993).
PERESSO (derivato del
cognome Pietri, DeF. pag. 196)
E’ una variante del cognome Pero diffuso specialmente al nord e nelle venezie nelle
forme Peressi, Perissi, Peréss, Perissa, Perissìn, Peressòn che hanno tutte alla base il
nome Pietro.Viene accreditata anche la derivazione da peresus- a – um, participio del
verbo peredo, con il significato di “consunto, corroso, consumato“ a causa di molti
languori o per amore. (Forcellini, pag.588. Tomo II).
PETRANGELI (DeF. pag. 196
s.v. Pietri)
PERUCCI (ir) / PETRUCCI (ir)
PETTINARI (ir) (D.E.I.)
PETTINELLI (ir) ( Zingarelli,
pag. 1387)
PIAZZAI (variante del cognome
Piazza,DeF. pag.194)
Composto dai cognomi Pietri e Angeli derivanti rispettivamente dai nomi propri Pietro
e Angelo diffusi in ambienti cristiani.
(vedi Pierini)
E’ un cognome che sembra tipico della provincia di Chieti, derivato probabilmente da
un soprannome legato al mestiere di fabbricante di pettini.
Derivando da pettinella sarebbe il pettine fitto per la pulizia della testa. ????????
E’ formato dai toponimi Piazza e Piazze, comuni con varia distribuzione e con varie
determinazioni in tutta Italia.
PICCHIO (DeF., pag. 195)
PICCOLOMINI (composto del
cognome Piccoli, DeF. pag.
195)
PICCONI (ir)
PIERINI / PIERONI /
PIETRINI / PIETRELLA /
PETRICELLI (DeF. pag. 196
s.v. Pietri)
PINACOLI (D.E.I.)
PIOLI / PAOLINI (alterati del
cognome Paoli, Def. pag.
187/188)
PISTUCCHIA (ir)
PITONI (ir) (Zingarelli, pag.
1410)
PITTALIS (ir)
POLITI (ir) (DeF., pag. 199)
Diffuso prevalentemente in Toscana e Veneto. E’ la cognominizzazione di nomi e
soprannomi già medievali formati da picchio che indicano, oltre il picchio verde, vari
altri generi e specie di picchi.
Il cognome Piccolomini è composto da Piccoli e òmini, “piccoli uomini“. E’ la
cognominizzazione del soprannome e nome affettivo Piccolo(uomo), documentato già
dal X secolo.
Da picconiere, operaio che lavora di piccone, con riferimento al capostipite.
Sono tutti cognomi derivanti dal nome Pietro (al Sud Petro, in Toscana Piero) che è la
forma etimologicamente più fedele, o conservata, alla quale si affiancano fin dall’alto
Medio Evo la forma Piero e, dopo il Mille, le varianti regionali Petro e Pedro, Pierro e
Perro, Pero e Peiro. Il nome Pietro si è affermato fin dal primo cristianesimo per il
prestigio e il culto di S. Pietro, principe degli apostoli, martire a Roma sotto Nerone.
Nel vangelo di Matteo il nome è Kephas, dall’ebraico e aramaico giudaico kefa “pietra,
roccia“, tradotto in greco con Petros e poi in latino con Petrus derivati, sul modello
dell’aramaico, da petra “roccia, pietra“.
Pinacolo, come Pinnacolo, viene dal latino pinna, “penna, aletta di pesce”, e in senso
figurato “estremità acuta”, “parte più elevata di qualsiasi cosa” ed è sinonimo di
“fastigio, cima”.
Verosimilmente è un’alterazione del cognome Paoli, da Paolo che continua il
cognomen del latino repubblicano Paulus (diminutivo di paucus “poco”) nel significato
di “il piccolo” o “il giovane“. Meno probabile la derivazione da piolo, piccolo legno
cilindrico usato in genere per fare le scale.
Da pistorius, a sua volta da pistor “fornaio”.
Il cognome deriva dalla voce latina pythonem che significa “ispirato dal dio Apollo
Pizio”. Il termine è quindi sinonimo di “indovino”.
Cognome di origine sarda che deriva dal vocabolo dialettale campidanese pitzali che
significa “cima”.
Proprio del Sud d’Italia, frequente in Sicilia e Calabria. E’ la cognominizzazione in
parte dell’etnico neogreco Polites (pron. Politis), adattato in Politi, “cittadino, oriundo
di Costantinopoli, di Bisanzio”, chiamata per antonomasia He Polis “la città“.
POLLEGGIONI (Lotti G. 1992,
pag. 337)
Può derivare dalla parola “pollo“ attraverso il senso di “appollaiarsi“. In senso
figurativo passa a significare “sonnecchiare, dormire“ e quindi il cognome vuol dire
“dormiglioni “.
POLVERINI (D.E.I., pag. 3008)
E’ un cognome che può derivare da pulverem “polvere“, nome legato alle condizioni
del suolo; da esso viene anche la parola polverino che è il vaso dove un tempio si
teneva rena o limatura o segatura per asciugare lo scritto, e la polvere stessa. Il
significato più probabile del cognome è legato all’attività di scrivano, per colui cioè
che adoperava il polverino come elemento assorbente l’inchiostro (prima dell’avvento
della carta assorbente).
POMPILI (DeF. Dizionario dei
nomi italiani, pag. 303 s.v.
Pompeo)
E’ la cognominizzazione di un nome in parte di matrice classica, ripreso dal
Rinascimento da vari personaggi storici di Roma (Gneo Pompeo politico e comandante
militare del I secolo a C., Pompea moglie di Giulio Cesare, Numa Pompilio secondo re
di Roma, lo scrittore Tito Pomponio Attico amico di Cicerone ecc…). Alla base è
l’antico gentilizio latino Pompeius, adattamento dell’osco Pompaios (da *pompe
“cinque”, corrispondente al latino Quintus da quinque, Quinto è il nome dato al quinto
figlio).
PONTREMOLI (AA.VV.,
Dizionario di Toponomastica,
pag, 510).
PORCARI (ir) (Derivato del
cognome Porco, DeF. pag. 200)
PORRATTINI (Zingarelli, pag.
1436)
POSARELLI (G.B. Pellegrini,
1994, pag. 227)
POSSAMAI (ir)
Il cognome è formato da Pontremoli, importante centro della Lunigiana, in provincia di
Massa Carrara, già noto come stazione della via Francigena e ricordata per la prima
volta nell’Itinerario di Sigerio di Canterbury nel 990. Fu possedimento degli Estensi nel
secolo XI e in quello successivo, un comune riconosciuto dal Barbarossa. Menzionato
come pons tremulus o anche Pontremulus (Repetti 1833 – 1846, V, 543) nelle carte
antiche, il toponimo allude ad un ponte malsicuro, poco agevole, sul fiume Magra
anche se su questo nome e sull’epoca di formazione non mancano le congetture più o
meno fantasiose degli eruditi
Diffuso in tutta l’Italia. La base è il nome di mestiere porcaro “guardiano di porci”.
Deriva dal latino porrectus, da porrigere “esteso, lungo”.
Dalla parola latina porrum, di origine pre indoeuropea. Il “porro” è una pianta erbacea
con bulbo. Nella lingua italiana si usa l’espressione “ predicare ai porri “, cioè a chi non
vuol intendere. In senso figurativo il cognome può significare “che non intende“.
Potrebbe derivare dalla parola italiana “posa” che sta per “pausa, luogo di sosta, di
riposo“.
Si può azzardare l’ipotesi che il cognome sia la risultante di due elementi: il primo,
possa (probabilmente prima persona del congiuntivo presente del verbo potere)
letteralmente “forza, potenza” e mai (avverbio) che significa anche “no, senza”. In
questo caso il cognome verrebbe a significare “senza forza”.
POSTI (Zingarelli, pag. 1445)
Deriva dal latino positum, participio passato del verbo ponere “porre”. “Posto“ nella
lingua italiana indica un luogo determinato, assegnato a qualcuno o a qualche cosa. In
senso figurativo vuol dire “avere la testa a posto, essere equilibrato“. Il cognome
assume il significato di “saggi, equiilibrati “.
POTESTA’ (variante del
cognome Podestà, DeF. pag.
199)
E’ la cognominizzazione del nome e del titolo podestà dell’alto magistrato che, tra il
XII e il XIV secolo, era investito nei Comuni italiani dei poteri amministrativo,
esecutivo e giudiziario.
PROSPERI / PROSPERINI
(DeF., pag. 202)
Diffuso in tutta l’Italia, ha alla base il nome Prospero, che continua il cognomen latino
Prosper o Prosperus, affermatosi in età e ambienti cristiani come nome augurale e
mistico, formato dall’aggettivo prosper(us) “prospero, felice, fortunato” (cioè, come
nome, “che cresca bene, che abbia una sorte favorevole”).
PUPPOLA (ir) (Zingarelli, pag.
1507)
Questo cognome potrebbe avere diverse derivazioni e significati. In primo luogo, con la
derivazione dalla parola latina pupula, starebbe a significare, come vezzeggiativo,
“bambolina, bambina”. In secondo luogo puppola potrebbe essere una variante di
“poppa” (dal latino puppa) “mammella”. Infine puppola è anche l’altro nome
dell’upupa, uccello diurno dei Coraciformi, dal becco curvo, a sciabola, e un ciuffo che
si erge sul capo.
PURGATORIO (ir) (Zingarelli,
pag. 1507)
Deriva da Purgatorio il luogo dove, secondo la dottrina cattolica, si trovano le anime
dei morti, giustificati, ma ancora in condizioni di peccato, per completare la
purificazione prima di ascendere al Paradiso.
RAFFAELLI (variante del
cognome Raffaeli, DeF. pag.
205)
RAGNO (variante del cognome
Ragni, DeF. pag. 205)
RANIERI (o RENIERI ) (DeF.
pag. 206)
E’ la cognominizzazione del nome Raffaele che continua attraverso l’adattamento del
greco e del latino il nome Rapha ‘el, formato da Raphà “guarire“ e el, abbreviazione
di Elohim “Dio”, con il significato quindi di “Dio ha guarito, guariti da Dio“.
Ha alla base un soprannome formato, con varie motivazioni, da ragno, insetto della
famiglia degli aracnidi.
Cognome diffuso in tutt’Italia. La base è costituita dal nome di origine germanica e di
tradizione francese e tedesca. Molto frequente nel Medio Evo con le varianti formali
regionali Rainiero, Rainero, Reniero o Rinieri. Il nome è documentato in Italia a partire
dal IX secolo nelle forme Reghinarius e Regineri e quindi dal secolo X Rainerius,
Ranerius risale a un raganhar, attestato in Francia nel VI secolo, composto da ragan o
ragin “consiglio“ e haria “esercito“ con un significato originario che potrebbe essere
“esercito guidato con consiglio divino“.
REGI (variante del cognome Re,
DeF. pag. 207)
RENZETTI / RENZI (derivato
del cognome Lorenzi, DeF. pag.
154)
RICCI / RICCITELLI (DeF.
pag. 209)
RICCIARDI (variante del
cognome Riccardi, DeF. pag.
209)
RIMONDINI (ir) (Alterato del
cognome Raimondi)
RIVELA (ir)
ROCCHIGIANI (derivato del
cognome Rocca, DeF. pag. 212)
ROCCHETTI (derivato del
cognome Rocco, DeF. pag. 212)
RONCHINI (derivato del
cognome Ronchi, DeF. pag.
215)
E’ la cognominizzazione di antichi nomi e soprannomi formati da re dal corrispondente
latino rex regis che significa “re“. Regi “regali, propri del re“.
E’ la cognominizzazione del nome Lorenzo che ha come ipocoristico aferetico Renzo.
Viene dal latino Laurentius, città del Lazio antico situata a ovest di Roma che forse si
identifica con Lavinio.
Derivato dal nome e dall’originario soprannome Riccio “ricciuto, dai capelli ricci “.
E’ la cognominizzazione dei nomi Riccardo e Ricciardo. L’etimo è il personale
germanico Rikhard, composto da *rikya “potente“ e *hardhu “forte, audace, valoroso“.
Il cognome significa perciò “forti e potenti “.
Diffuso in tutta l’Italia. E’ la cognominizzazione del nome di origine germanica
Raimondo composto da *ragan o ragin “consiglio, divino” e *munda “protezione,
protettore”. Il significato originario potrebbe essere quindi “protezione divina”.
Può derivare dal latino revelo che vuol dire “scoprire”, “mettere a nudo”. In senso
traslato “estroverso”.
E’ formato dal toponimo Rocca frequente anche con varie determinazioni in tutta Italia.
Rocca è una fortezza di grandi dimensioni costruita di solito in cima ad un monte o in
un luogo elevato, dirupato e scosceso (Zingarelli, pag. 1653). Rocchigiani può dunque
significare abitanti della rocca. Non è da escludere però una derivazione dal nome
medievale Rochus o Rocchus (vedi ROCCHETTI).
Il nome è certamente di origine germanica e con ogni probabilità è l’ipocoristico di
personali composti con il primo elemento *hroc “corvo“ che nella lingua tedesca antica
era un uccello sacro. Rocca e Rocchetto sono rispettivamente arnesi per filare la lana e
avvolgere il filo (Zingarelli, pag. 1653).
E’ la cognominizzazione di toponimi formati da ronco che assume vari significati come
“terreno da dissodare, dissodato, stirpeto, costa a terrazze, vigneto in collina“.
ROSATI (DeF. pag. 216)
Ha alla base il nome Rosato (documentato dal IX secolo e abbastanza comune
nell’ultimo Medio Evo). Derivato da rosa, con varia motivazione, o anche dallo stesso
personale Rosa.
ROSSI / ROSELLI (DeF. pag.
216)
Rossi è il cognome più diffuso in Italia. Alla base è il nome Rosso, derivato da un
originario soprannome formato in relazione al colore dei capelli o anche della barba, da
rosso, che continua l’aggettivo latino tardo russus dal classico rubens.
RUINA (ir)
SABATINI (alterato del
cognome Sabato, DeF., pag.
219)
Deriva dalla parola latina ruina che significa “caduta, rovina, sventura”, dal verbo ruo,
correre, precipitare, precipitarsi.
Il cognome Sabatini è diffuso pressoché in tutta l’Italia. E’ la cognominizzazione del
nome, raro e antiquato, Sabato, da sabato, dato ai bambini nati in questo giorno della
settimana.
SALEPPICO
Il Vocabolario del dialetto del territorio orvietano (pag. 422) attribuisce a questo
termine il significato di “cavalletta“, o di qualsiasi insetto saltatore, o anche quello di
“sgambetto“ per cui il cognome potrebbe essere inteso anche nel senso di “zoppicante,
zoppo “.
SANNA (DeF. pag. 222)
Cognome peculiare della Sardegna. Deriva dal sardo sanna “zanna, dente grosso e
sporgente”, esteso a denominare una persona dai denti anteriori molto sviluppati e
sporgenti.
SANNELLA (variante del
cognome Zanni, DeF pag. 269)
SANTANICCHIO (ir) (Alterato
del cognome Santi, DeF., pag.
223)
SANTORO (DeF. pag. 224)
SBERNA (Battisti – Alessio,
Vol. V, pag. 3354. Vol I, pag.
495)
SCAMBIA (ir)
SCARGIALI (Battisti – Alessio,
Vol.V, pag. 3375)
SCATOLLA (Zingarelli, pag.
1718)
SCATTINI (Zingarelli, pag.
1718)
SCIARRA (DeF., pag. 228)
SCOSCIA (ir) (Zingarelli, pag.
1745 e D.E.I)
SEBASTIANI (DeF. pag. 230)
SERRANTI (derivato del
cognome Serra, DeF. pag. 232)
SILVAGNI (variante del
cognome Silvani, DeF. pag. 234)
SONNATI (ir)
SORBELLI (D.E.I. pagg. 3547,
3555)
SORDI (ir)
STALLO (ir)
Esteso nell’Italia del Nord e anche in Toscana, ha alla base il nome Zanni o Zanne (f.
Zanna), ipocoristico sincopato di Giovanni. Per cui al femminile
Giovanna>Zanna>Zannella>Sannella. Il nome Giovanni continua con tradizione
popolare per l’esito Gio di Io e per l’epentesi di -v-, il personale Johannes, e, in età più
tarda, Joannes e Johannis o Joannis, adattamento del greco tardo Joannes, a sua volta
dal nome ebraico Yohanan, formato da Yo da Yaho, abbreviazione di Yahweh, “Yahwè,
Dio” e hanan “avere misericordia“, con il significato quindi di “Dio ha avuto
misericordia, è stato propizio“. Una seconda ipotesi è la derivazione dalla parola di
origine longobarda zann “dente“ per cui per estensione potrebbe star a significare “dai
denti sporgenti“ (Zingarelli, pag. 2184).
Deriva dal nome latino di tradizione cristiana sanctus “sacro, santo, venerato” Da San
Nicola?……………………………..
Diffuso prevalentemente al Sud. E’ la cognominizzazione di un originale nome
medievale Santoro dalla denominazione latina Dies festus sanotorum omnium, “Festa di
tutti i Santi, ove sanctorum è il genitivo plurale di sanctus “santo, sacro, venerabile”.
Nel Vocabolario del dialetto del territorio orvietano è sinonimo di “sberla“ (pag. 430),
parola che nella lingua italiana è una voce dialettale del settentrione di etimologia
incerta che sta per “schiaffo, manrovescio“. Potrebbe essere anche un alterato del nome
personale Berna, a sua volta da Verna, di origine etrusca, con l’aggiunta della
consonante –s iniziale (vedi.BERNARDINI). Un’altra derivazione potrebbe essere
quella da sbernia, termine scherzoso della moda cinquecentesca, riferito a una veste da
donna a guisa di mantello, o più in generale a un grosso panno di vari colori con cui si
facevano mantelli. Il termine viene probabilmente da Hibernia, nome classico
dell’Irlanda.
…………….
Deriva da scargia, pianta indigena galleggiante.
Potrebbe derivare dalla parola scatologia che vuol dire “trattazione scherzosa di
argomenti triviali riguardante specialmente gli escrementi”.
Lo scattino è il fotografo ambulante, fotoreporter, paparazzo.
Ha alla base un soprannome formato dalle voci siciliane, e in parte calabresi, sciarpa
(dall’arabo sarra) “lite, litigio”, sciarrinu “che litiga spesso e facilmente,
attaccabrighe”, sciarruna o sciarruni “grossa lite, grave litigio“. Sciara dall’appellativo
di origine ebraica sara, “roccia” e “lava”, o dall’arabo sa’ra, “bosco”.
Da scoscio, movimento di danza in cui un ballerino divarica al massimo le cosce. Con
questo termine i sarti indicano la parte dei calzoni che corrisponde all’inforcatura.
E’ la cognominizzazione del nome Sebastiano, che continua il personale latino e
imperiale Sebastianus, derivato dal greco sebastos “venerabile“.
E’ la cognominizzazione del tipo toponomastico formato o derivato da serra “catena
secondaria di montagne, costone montuoso, collina morenica, altura “.
Ha alla base il nome Silvano che in parte continua il personale latino Silvanus (dal
nome di un’antica divinità delle selve). E’ infatti un derivato con il suffisso -anus di
silva “selva“; in parte può anche riflettere l’aggettivo silvano “che vive nelle selve“.
Da sonno ? Per estensione “dormiglioni”?
Deriva dalla parola sorbello che è un termine del XIII secolo formatosi da soprabello
che oggi definiremmo “super bello, bellissimo“.
Diffuso prevalentemente nel Centro Nord, deriva da un soprannome formato da sordo
(colui che non sente).
Potrebbe derivare dal francese *stall, “sosta, dimora”.
STOCCHETTI (Zingarelli, pag.
1910)
E’ un diminutivo della parola stocco, dal provenzale estoc che vuol dire “arma da
punta, bastone, mazza…”. Nella lingua italiana è passata a significare “uomo di
maniere ferme e risolute“.
STOLLO (Zingarelli, pag. 1910)
Deriva dal longobardo stollo che significa “puntello, appoggio“. E’ un’asta di legno
attorno alla quale si ammassa paglia e fieno. Lo stollo è il palo del pagliaio. (Cfr anche
Boriosi N., pag. 28).
TABACCHINI (ir) (Zingarelli,
pag. 1949)
TADDEI (DeF. pag. 243)
TALONE (ir) (variante del
cognome Vitali, DeF., pag. 264)
TARDIOLO (Zingarelli, pag.
1962)
TARMATI (ir) (Zingarelli, pag.
1962)
TEODORI (ir)
TERENZI (ir)
TIBERI (DeF. Dizionario dei
nomi italiani, pag. 342 s.v.
Tiberio)
TINELLI (ir) (Zingarelli, pag.
2003)
TIRANTI (ir) (Zingarelli, pag.
2005)
TOBIA (ir)
TORELLO (DeF., pag. 249)
TORRINI (derivato del
cognome Torre, DeF. pag. 249)
TOSI (DeF. pag. 250)
TRINCI (D.E.I)
Deriva dalla parola tabacco. Tabacchino è detto chi lavora le foglie del tabacco.
Diffuso in tutta Italia , ha alla base il nome Taddeo, adattamento del nome aramaico
Thadday che è probabilmente,a sua volta, l’adattamento del nome greco Theòdoros,
Teodoro (vedi TEODORI)
Potrebbe derivare dal nome proprio Vitalone, accrescitivo di Vitale, con perdita della
sillaba iniziale..Sarebbe perciò la cognominizzazione del nome Vitale, che continua il
cognomen e poi signum augurale latino di età imperiale Vitalis, da vitalis (derivato da
vita) “che dà vita, che ha vita, che è pieno di vita”.
Deriva dal latino tardum di etimologia incerta e vuol dire “lento, pigro“. Anche “frutto
che matura tardi“.
Deriva dal termine tarmato, sinonimo di butterato, “chi ha la pelle piena di brufoli e,
macchie”.
Diffuso in tutta l’Italia. Alla base vi è il nome greco Theòdoros formato da theos “dio”
e da dòron “dono” e significa quindi “dono di dio”.
Deriva dall’antico sabino Terentum e significa “molle, delicato, tenero” . Fu il nome di
un’antica famiglia romana, la gens Terentia.
Deriva dall’antico prenome latino Tiberius (noto per l’imperatore Tiberio Claudio
Nerone, successore di Augusto), derivato da Tiberis, nome del Tevere e del dio stesso
del fiume, Di probabile origine etrusca, ha il significato di “sacro, dedicato al dio
Tiberino“.
Deriva dalla parola tino e significa “piccolo tino che contiene le uve” o anche “salottino
di soggiorno e ricevimento”.
Deriva dal nome di un arnese che serve a fissare e tenere unite due o più parti di oggetti,
congegni, macchine o strutture mediante trazione.
Deriva dall’ebraico tobijah e significa “gradito al Signore”. Tobia è il nome di due
personaggi del Vecchio Testamento, padre e figlio. Il padre, uomo buono e giusto, perse
tutto il suo denaro e la vista a causa di un incidente per un atto di carità. Allora inviò il
figlio Tobia, detto anche Tobiolo, a riprendersi dieci talenti d’oro lasciati in deposito
presso un parente. Lungo la strada, Tobiolo conobbe un uomo che si presentò come
Azaria. Costui, ascoltata la sua storia, gli consigliò di sposare Sara e di uccidere un
certo pesce ma di conservarne il fiele e di medicare con questo fiele gli occhi del padre.
Tobiolo eseguì i consigli di Azaria e suo padre recuperò la vista. Azaria altri non era
che l’arcangelo Raffaele.
E’ la cognominizzazione dei nomi Ristoro e Ristorello e anche Vittorello (da Vittorio o
Vittore), ma può essere altresì l’ipocoristico aferetico di Salvatore. Ristoro, formato da
ristoro, “compenso, ricompensa, risarcimento“, dato a un figlio che viene, con la sua
nascita, a risarcire la perdita di un figlio precedente. Salvatore, da Salvator, traduzione
del greco Sote’r, “salvatore“, epiteto di Cristo, il Salvatore.
E’ la cognominizzazione di toponimi formati o derivati da torre e dai relativi etnici
(Torre, La Torre) comunissimi con determinazioni varie in tutt’Italia.
Ha alla base il nome e l’originario soprannome e appellativo Toso, formato da toso che
continua il latino tonsus, participio perfetto di tondere “tosare”. Tosato ha il significato
estensivo di “ragazzo giovane“ in quanto i ragazzi giovani un tempo portavano i capelli
corti.
E’ un cognome, di probabile origine longobarda, appartenuto ad una famiglia nobile
che ha governato la città di Foligno (PG).
Se si accetta la derivazione dal verbo trinciare, “tagliare a pezzetti”, in senso traslato
acquista il significato di “censori”.
TRINCIA (ir) (Zingarelli, pag.
2053)
TRISTIZIA (ir) (Zingarelli, pag.
2056)
TURI (ir)
UBALDINI (ir) (alterato del
cognome Ubaldi, DeF. pag. 254)
Deriva dal francese trancher “tagliare”, da cui anche “trincea” (scavo del terreno usato
in guerra per la difesa delle truppe d’assalto).
Deriva dal latino tristizia(m), da tristis “triste” e significa “tristezza, stato d’animo di
chi è triste”.
E’ un accorciativo di Salvatori, da Salvatore, diffuso pressoché in tutta l’Italia.
Continua il nome latino della devozione cristiana Salvator (traduzione del greco Sote’r
“salvatore”, epiteto e interpretazione del nome ebraico Gesù “il salvatore”). E’ anche un
cognome pugliese formato dal toponimo Turi (BA).
Diffuso in tutta l’Italia, con maggiore frequenza al Centro. Ha alla base il nome di
origine germanica Ubaldo, probabilmente di tradizione francone ma soprattutto
alamannica, si è affermato soprattutto in Umbria e nel Lazio, nel XII secolo, per il culto
di Sant’Ubaldo vescovo e patrono di Gubbio. Il nome è composto ha *hugu “pensiero,
senno, ingegno” e *baltha “pronto, ardito” e il significato originario potrebbe essere
“pronto, ardito nell’ingegno”.
Diffuso prevalentemente al Sud. E’ la cognominizzazione del soprannome Uccello
formato, con varia motivazione, da uccello.
UCCELLINI (DeF. pag. 254)
URBANI (DeF. pag. 255)
VECCHI (ir) (DeF. pag. 258)
VERGARI (ir) (derivato del
cognome Verga, DeF. pag. 260)
VIRGILI (DeF. Dizionario dei
nomi italiani pag. 354, s.v.
Virgilio)
VISCIOLA (Zingarelli, pag.
2156)
VITALI (variante del cognome
Vitale, DeF. pag. 264)
ZAGANELLA / ZAGANELLI
(alterato del cognome Zago,
DeF. pag. 269)
Riflette il nome Urbano che continua il cognome e poi nome personale latino Urbanus
che è formato da urbanus (derivato da urbs urbis “città“) e significa “ abitante della
città, cittadino“.
Diffuso in tutta Italia. Ha alla base il nome Vecchio, che riflette un originario
sopranome, appellativo o determinativo, formato da vecchio.
Diffuso in tutta l’Italia, ha alla base soprannomi e nomi di mestiere formati o derivati da
verga “ramo sottile, virgulto, bastone da pastore”, vergaro ha il significato di “ pastore,
capo dei pastori di un gregge”.
Deriva dal gentilizio Vergilius che dalla fine dell’Impero assume la forma Virgilius, è
probabilmente di origine etrusca con significato ignoto.
Deriva dalla parola longobarda wishila “piccola ciliegia sferica di colore rosso scuro” e
significa “scuro come una visciola”.
Continua il cognomen e segno augurale latino Vitalis, da vitalis (derivato da vita, “vita”,
“che dà vita, che ha vita, pieno di vita”).
Ha alla base il soprannome e appellativo Zago formato dal nome regionale (veneto,
trentino, lombardo) zago, cioè “diacono“, svoltosi dal latino diaconus, adattamento dal
greco tardo e bizantino diàkon. La voce zago, oltreché “diacono, sacrestano,
chierichetto“, in alcune zone ha anche il significato figurativo di “semplicione“.
DIZIONARIO ESPLICATIVO DEI TERMINI TECNICI
Afèresi: Perdita di una o più lettere all’inizio di parola.
Agionimo: Nome di santo.
Alterato: Nome derivato da un nome primitivo per mezzo di un suffisso che esprime un giudizio.
Antonomasia: Figura retorica che consiste nell’adoperare un nome comune o una perifrasi invece
di un nome proprio e viceversa.
Antroponimo: Nome proprio di persona, sia individuale, sia cognome.
Apòcope: Perdita di un elemento finale di parola.
Assimilazione: Fenomeno linguistico per cui due elementi di articolazione diversa tendono a
diventare uguali.
Cognome: Termine latino con il quale si indica, in riferimento alla formula onomastica dei cittadini
di Roma antica (formata normalmente da tre elementi: praenomen, nomen e cognomen), il terzo
elemento, che originariamente individuava, per lo più come soprannome, la singola persona
all’interno di un grande gruppo famigliare. Così Cicero, nella formulazione onomastica completa
Marcus Tullius Cicero, Marco Tullio Cicerone, è il cognomen.
Cognominizzazione: Processo di trasformazione di un nome proprio, di un soprannome o di un
appellativo, in cognome: Rosso o Rossi è la cognominizzazione dell’originario soprannome (il)
Rosso, da rosso (di capelli, di barba).
Derivato: Nome formato per derivazione.
Dermattero: insetto con ali ridotte o mancanti, antenne filiformi e appendici addominali
trasformate in pinze.
Determinativo: Che esprime una determinazione specifica.
Deverbale: Parola derivata da un verbo.
Dissimilazione: Processo linguistico opposto all’assimilazione per cui due elementi identici
tendono a differenziarsi.
Epentesi: Inserzione, in una parola, di un elemento privo di giustificazione: es. umil(e)mente per
umilmente.
Etimo: Forma data o stabilita dalla quale si fa derivare una parola.
Etimologia: Disciplina che si occupa della formazione
delle parole.
Etnico: Nome che specifica l’appartenenza a un popolo o a una stirpe, a una nazione o a un paese, a
una regione, a una città. Sono etnici i nomi dai quali sono derivati cognomi molto diffusi Greco,
Tedesco, Lombardo…).
Fitonimo: Nome di pianta.
Fonema: In linguistica, suono: l’ unità minima che si percepisce, si ricorda e si classifica come
autonoma.
Gentilizio: Nome relativo ad una famiglia nobile, ad una stirpe.
Geonomastica: Studio dell’origine dei nomi della terra.
Grafema: La più piccola unità distintiva di un sistema grafico.
Grafia: Modo di rappresentare le parole nella scrittura. La scrittura stessa.
Gratulatorio: Termine che esprime congratulazione.
Iato: Incontro di due vocali che vengono pronunciate separatamente e non danno luogo a dittongo.
Ipocoristico: Forma abbreviata, o comunque morfologicamente modificata, di un nome personale,
di uso e valore per lo più famigliare, affettivo e vezzeggiativo: così Tonio è l’ipocoristico di
Antonio, Cecco di Francesco ecc.. .
Metàtesi: Inversione o spostamento di uno o più suoni all’interno di una parola.
Nome: Termine latino (cui può corrispondere l’italiano gentilizio) con il quale si indica, in
riferimento alla formula onomastica dei cittadini di Roma antica (costituita normalmente da tre
elementi: praenomen, nomen e cognomen), il secondo elemento, che designava l’appartenenza a
una gens, a un grande gruppo familiare. Così Iulius, che è il nomen di Caius, Iulius Caesar, Caio
Giulio Cesare, ne indicava l’appartenenza alla “gens” Iulia.
Onomastica: Lo studio dei nomi di persona. Anche, l’insieme dei nomi propri di persona o di
luogo, di una lingua o di una determinata area sociale, geografica, etnica.
Onomatopeico: Fenomeno che si produce quando i suoni di una parola descrivono o suggeriscono
acusticamente l’oggetto o l’azione che significano. Es. bau bau, chicchirichì.
Paraetimologia: Spiegazione, apparentemente corretta, ma priva della vera etimologia.
Patronimico: Formato o derivato dal nome del padre, con il valore di “figlio di… “. Così, per
esempio, sono patronimici D’Angelo, De Felice, Del Rosso ecc….
Prediale: Relativo a proprietà di fondi (predi) di campagna.
Predicato: Parte della proposizione che indica ciò che si dice del soggetto.
Prenome: Termine latino con il quale si indica, in riferimento alla formula onomastica dei cittadini
di Roma antica (costituita normalmente da tre elementi: praenomen, nomen e cognomen), il primo
elemento, che rappresenta il nome individuale. Così nel nome completo Marcus, Tullius, Cicero,
Marco Tullio Cicerone, Marcus è il praenomen.
Protonico : Aggettivo riferito al fonema che si trova in posizione anteriore all’accento.
Radicale: Elemento della radice di una parola, immutabile in seno ad una famiglia di parole.
Rotacismo: Fenomeno per cui una consonante (specie s, l, n ) si muta in r.
Semantica: La scienza dei significati destinati a essere definiti e cristallizzati da parole significanti
quando si tratti di nozioni o azioni, e di segnali morfologici quando si tratti di rapporti sintattici
Signum: Termine latino con il quale si indica il secondo nome, per lo più augurale, che nella tarda
latinità imperiale si affianca al nomen o gentilizio, e via via lo sostituisce, diventando infine,
all’inizio del Medio Evo, nome unico. Un tipo di signum molto comune è Vita, Vitalis o Viventius,
collegato auguralmente con vita (v. i cognomi Vita,Vitale e Vivenzio).
Sincope: Caduta di un fono o di una sillaba all’interno della parola.
Sintagma: La riunione di elementi significativi che costituiscono una unità autonoma.
Sostrato: La lingua parlata originariamente in una regione sopraffatta da altra lingua.
Stipite: Colui da cui discendono due o più persone legate fra loro da un vincolo di parentela.
Toponimo: Nome di luogo.
Toponomastica: Insieme di nomi di luogo e studi di essi.
BIBLIOGRAFIA
AA.VV
Dizionario di Toponomastica, I nomi
geografici italiani, UTET, Torino, 1990.
AA.VV.
Le parole raccontano, Einaudi, Torino, 1986
Battisti C. – Alessio G.
Dizionario Etimologico Italiano,
Barbera, Firenze. 1950 / 57.
Edizioni
Bollettino dell’Istituto Storico Artistico
Orvietano, nn. XLVIII – XLIX, 1992 – 1993,
Tipografia Ceccarelli snc, Grotte di Castro
(VT), 1999.
Bongioanni A.
Nomi e cognomi. Saggio di ricerca
etimologica. Ed. Fratelli Rocca, 1928.
Boriosi N.
Dizionario Etimologico, Istituto Poligrafico
Umbro, Città di Castello, 1969.
Calonghi F.
Dizionario Latino – Italiano, III Edizione,
Rosenberg – Sellier, Torino, 1964.
Cibrario L.
Dell’origine dei cognomi italiani, Bollettino
dell’istituto storico italiano, 1860.
Colorni V.
Cognomi ebraici italiani a base toponomastica
straniera, sta in: Gli ebrei in Italia dalla
segregazione alla prima emancipazione: atti
del 3° convegno internazionale Italia Judaica,
Ministero dei Beni Culturali, 1989.
Corpus Inscriptionum Latinarum,
1893 ss.
Cortelazzo M.
Avviamento critico allo studio
dialettologia italiana, Pisa, 1969.
Berlin,
della
Cortelazzo M. – Marcato C.
Dizionario etimologico dei dialetti italiani,
Libreria UTET, Torino, 1992.
Cortelazzo M. – Marcato C.
I dialetti italiani. Dizionario etimologico,
Libreria UTET, Torino, 1998
De Camelia G.
I cognomi in Italia, Firenze, 1960 (2° ed.).
De Felice E.
Dizionario dei cognomi italiani, Arnoldo
Mondadori Editore, Milano, 1978.
De Felice E.
Dizionario dei nomi italiani,
Mondadori Editore, Milano, 1986
Arnoldo
Finamore E.
I nomi locali italiani, Ed. Nuovo Frontespizio,
Rimini, 1980.
Finamore E.
Cognomi, nomi, toponimi nella storia italiana:
note etimologiche e storiche, Rimini, 1985.
Flechia G.
Di alcuni criteri per l’originazione dei
cognomi italiani, sta in Memorie della classe
di scienze morali, storiche e filologiche della
R. Accademia dei Lincei, Editore Salviucci,
1877 – 1878.
Flechia G.
Nomi d’Italia derivanti dal nome delle piante,
1880.
Forcellini E.
Totius Latinitatis Lexicon, Tipis Aldinianis,
Prati Anno 1868.
Gaudenzi A.
Sulla storia del cognome a Bologna nel XIII
secolo, sta in Bollettino dell’Istituto Storico
Italiano per il Medio Evo, 1898.
Lotti G.
Le parole della gente, Dizionario dell’italiano
gergale, Arnoldo Mondadori Editore, Milano,
1992.
Mattesini E. – Uguccioni N.
Vocabolario del dialetto del territorio
orvietano, A.C. Grafiche, Città di Castello,
1992.
Nucciarelli F.I.
Per un’analisi dello strato longobardo dei
cognomi umbri, sta in: L’Umbria nel quadro
linguistico dell’Italia Mediana.
Scientifiche Italiane, Napoli, 1990.
Pellegrini G.B.
Toponomastica
Milano, 1994.
italiana,
Editore
Edizioni
Hoepli,
Pieri S.
Toponomastica della Toscana Meridionale,
Accademia Senese degli Intronati, Siena,
1969.
Appunti sul lessico umbro, sta in: L’Umbria
nel quadro linguistico dell’Italia Mediana.
Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 1990.
Zambaldi F.
Vocabolario Etimologico Italiano, 1920.
Zingarelli N.
Il nuovo Zingarelli, Vocabolario della lingua
italiana, Ed. Zanichelli, X edizione, Bologna,
1987.
Prati A.
Vocabolario Etimologico Italiano, Garzanti,
1970
SITOGRAFIA
Rivista: Regione – Consiglio Regionale
dell’Umbria, n.40 del 13 novembre 2001.
http://www.etimo.it
Roberti M.
Studi di storia e diritto in onore di Arrigo
Solmi, Ed. A Giuffrè Milano, 1941.
http://gens.labo.net/it/nomi/genera.html
Rohlfs G.
Origine e fonti dei cognomi in Italia, sta in
Studi e ricerche su lingua e dialetti d’Italia,
Sansoni, Firenze, 1972.
http://www.melegnano.net/cognomi
Sella P.
Glossario latino – Italiano. Stato della Chiesa
Veneto Abruzzi, Città del Vaticano,
Biblioteca Apostolica Vaticana, 1944.
http://www.pipizzate.it/miglierina
http://www.italytraveller.com/it/umbria
http://www.monteleoneonline.com/cognomi.h
tm
http://www.sciarra.it/storia.html
http://www.tuttomio.it/cgi-bin/nomi.cgi
Serra G.D.
Per la storia del cognome italiano, sta in
Dacoromania, Rivista Filologica, 1924 e
1926.
Tomasseo N. – Bellini B.
Dizionario della lingua italiana, Unione
Tipografico – Editrice Torinese, Torino,
1869, Vol. III.
Toubert P. – Manoukian A.
Dal nome di persona al nome di famiglia, sta
in I vincoli familiari in Italia dal secolo XI al
secolo XX, Bologna 1983.
Valente V.
Simboli e abbreviazioni
•
•
•
•
•
•
* =Parola scomparsa
D.E.D.I = Dizionario Etimologico dei
Dialetti Italiani.
D.E.I. = Dizionario Etimologico
Italiano
DeF. = De Felice
i.r. = immigrazione recente
s.v.= sotto la voce
Fly UP