...

Indagine conoscitiva concernente i servizi di

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

Indagine conoscitiva concernente i servizi di
Indagine conoscitiva concernente
i servizi di comunicazione Machine to Machine (M2M)
Rapporto finale
(Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS)
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Disclaimer
Questo documento costituisce un’analisi per l’identificazione degli scenari possibili, dei
rischi, degli impatti sui mercati, e della regolamentazione che potrebbero conseguire alla massiva
diffusione dei servizi M2M.
L’analisi si basa principalmente sul contributo ricevuto dalle parti interessate e gli studi
effettuati dagli uffici.
2
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Sommario
Executive Summary ...................................................................................................................... 5
1. Introduzione............................................................................................................................ 12
2. Lo scenario economico e tecnologico di riferimento ............................................................. 16
2.1.
2.1.1.
2.2.
Il mercato del M2M e i segmenti verticali ................................................................................ 16
Ambito di riferimento ..................................................................................................................... 16
I soggetti interessati dal M2M .................................................................................................. 17
2.2.1.
Operatori di rete .............................................................................................................................. 20
2.2.2.
Produttori di contenuti .................................................................................................................... 20
2.2.3.
Manifatturieri ICT .......................................................................................................................... 20
2.2.4.
Fornitori di servizi .......................................................................................................................... 21
2.2.5.
Platform Operator ........................................................................................................................... 21
2.3.
2.4.
2.5.
2.6.
M2M e cambio di paradigma .................................................................................................... 23
I segmenti verticali del M2M .................................................................................................... 24
I modelli di business e le fonti di finanziamento del M2M ...................................................... 26
Lo scenario italiano ................................................................................................................... 31
3. Infrastrutture e tecnologie del M2M....................................................................................... 35
3.1.
Connettività dei dispositivi M2M/IoT ...................................................................................... 35
3.1.1.
Tecnologie radiomobili GPRS/EDGE ............................................................................................ 37
3.1.2.
Tecnologie radiomobili LTE – Machine Type Communication ..................................................... 38
3.1.3.
Tecnologie radiomobili WiMax ...................................................................................................... 39
3.1.4.
Tecnologie radio W-MBUS e le soluzioni per il gas metering ....................................................... 40
3.2.
Piattaforma dei servizi M2M .................................................................................................... 42
3.2.1.
Proposta ETSI ................................................................................................................................. 42
3.2.2.
Soluzioni del mondo IT .................................................................................................................. 43
3.2.3.
L’offerta degli Over The Top .......................................................................................................... 44
4. Aspetti regolamentari .............................................................................................................46
4.1.
4.2.
3
Ruolo della regolamentazione................................................................................................... 46
Aspetti regolamentari legati alla connettività ........................................................................... 49
4.2.1.
Utilizzo dello spettro radio ............................................................................................................. 50
4.2.2.
Tematiche connesse al roaming ...................................................................................................... 55
4.2.3.
Risorse di numerazione ................................................................................................................... 60
4.2.4.
Connettività globale e cambio del fornitore di connettività ............................................................ 63
4.2.5.
Profili di servizio specifici per il M2M........................................................................................... 66
4.2.6.
Sicurezza ......................................................................................................................................... 66
4.2.7.
Sulla realizzazione della nuove infrastrutture e il riutilizzo delle infrastrutture esistenti (essential
facility) ............................................................................................................................................ 67
4.2.8.
L’allocazione delle responsabilità tra i soggetti coinvolti nella fornitura del servizio M2M .......... 68
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
4.3.
Servizio offerto all’utente finale ............................................................................................... 69
4.3.1.
Regime autorizzatorio ..................................................................................................................... 69
4.3.2.
Interoperabilità, interconnessione e cambio del fornitore di servizio ............................................. 72
4.3.3.
Security e Privacy ........................................................................................................................... 73
4.4.
I segmenti verticali.................................................................................................................... 76
4.4.1.
Connected car ................................................................................................................................. 76
4.4.2.
Smart metering ............................................................................................................................... 77
4.4.3.
Smart grid ....................................................................................................................................... 78
4.4.4.
Smart cities ..................................................................................................................................... 79
5. Prospettive di intervento da parte dell’Autorità .....................................................................81
6. Conclusioni ............................................................................................................................. 84
Annesso 1 ....................................................................................................................................95
4
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Executive Summary
L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (di seguito Autorità o Agcom), con delibera n.
708/13/CONS, ha avviato un’indagine conoscitiva concernente i servizi di comunicazione
Machine to Machine (M2M), con lo scopo di: esaminare i fattori che influenzano lo sviluppo dei
servizi M2M (nonché l’interazione tra gli operatori del mercato che cooperano nella fornitura dei
servizi); valutare criticamente le previsioni di sviluppo e le modalità di utilizzo; individuare le
eventuali barriere normative/regolamentari per lo sviluppo di servizi M2M (con particolare
riferimento ai profili di numerazione e roaming); individuare le eventuali aree dove è utile
sviluppare un coordinamento tra le diverse Istituzioni nazionali ed europee coinvolte nel M2M.
L’indagine conoscitiva si colloca nell’ambito di analoghe iniziative di analisi intraprese dai
principali Regolatori europei e comunitari in materia, tra cui, in particolare: i risultati identificati
dalla Commissione Europea a valle della consultazione pubblica sull’Internet Of Things avvenuta
nel corso del 2012; le valutazioni sullo stato del mercato roaming svolte dal BEREC e dagli uffici
della Commissione Europea, in previsione della revisione del Regolamento vigente e nell’ambito
del nuovo pacchetto Telecom Single Market/Digital Single Market; l’evoluzione della proposta
legislativa relativa alla Connected Continent, anche in previsione di una futura revisione del
framework regolamentare delle comunicazioni elettroniche, rispetto alla quale si osserva l’avvio
di talune attività a livello internazionale.
L’indagine conoscitiva è stata condotta attraverso questionari (qualitativi e quantitativi) ed incontri
svolti nel periodo da giugno a novembre con le parti che hanno manifestato l’interesse. Nel
presente rapporto si è tenuto conto delle posizioni espresse dai soggetti intervenuti, anche ai fini
dell’individuazione dei principali aspetti rilevanti dal punto di vista regolamentare.
L’analisi ha evidenziato che il settore del M2M è caratterizzato dall’impiego delle tecnologie di
comunicazione elettronica per connettere “oggetti” alla rete. Il M2M coinvolge, pertanto, una
vastissima ed eterogenea serie di servizi che comprende: le connected cars, ossia le automobili
che utilizzano la connessione per le dotazioni di sicurezza e per i servizi di infotainment; lo smart
metering e le smart grid che, nel settore elettrico, permettono di eliminare i contatori elettromeccanici e di gestire la rete in maniera efficiente e razionale; le smart cities grazie alle quali, con
l’applicazione di tecnologie ICT alle infrastrutture e ai servizi delle città, si determina una
maggiore efficienza e qualità nell’utilizzo dei servizi a beneficio per dei cittadini e delle imprese.
I servizi M2M possono essere altresì impiegati per uso domestico (smart home), per la gestione a
5
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
distanza dei veicoli, nel sistema sicuro dei pagamenti, e in vari smart devices quali navigatori,
players, ecc. che caratterizzano in modo crescente la c.d. “digital life”.
Nel 2014 si stimano circa 225 milioni di connessioni M2M SIM based in tutto il mondo. Di queste,
il 27% (61 milioni di connessioni) è situato in Europa ed esibisce un trend di crescita di oltre il
20% annuo. In Italia si contano oltre 6 milioni di connessioni M2M ripartite prevalentemente nel
settore delle smart car (31%), in quello delle smart home and building (21%), nonché in quello
delle utility, metering e asset management (21%).
L’ecosistema del M2M comprende numerosi soggetti: i produttori di dispositivi di comunicazione,
gli operatori di rete, i gestori di piattaforme, i produttori di contenuti e i fornitori di servizi. Con
riferimento alle dinamiche competitive, i servizi M2M stanno modificando le relazioni tra
operatori tradizionali di telecomunicazioni che, dal tipico modello Business-to-Consumer (B2C),
si stanno evolvendo verso modelli Business-to-Business (B2B) o Business-to-Business-toConsumer (B2B2C), perdendo la relazione diretta con l’utente finale, che diventa invece
prerogativa del “fornitore di servizi M2M”. In questa transizione, assumono importanza crescente
le piattaforme di servizio a livello internazionale, i produttori di dispositivi “smart”, nonché gli
sviluppatori di applicazioni e servizi.
Il modello di connettività alla base dei servizi M2M è risultato differente rispetto a quello relativo
alle tradizionali applicazioni di trasmissione dati del mondo Internet. La natura globale del M2M
richiede, infatti, la predisposizione di offerte di connettività che non si limitino ai confini nazionali
e, conseguentemente, si stanno sviluppando alcune alleanze internazionali tra i principali operatori
mobili (1). Le alleanze consentono di rispondere alla richiesta di connettività globale, ma limitano
la possibilità di cambiare il fornitore di connettività, in quanto utilizzano tecnologie proprietarie
per la riconfigurazione da remoto delle SIM (non interoperabili al di fuori dell’alleanza). Il mercato
della connettività che ne deriva sembra essere, allo stato, sviluppato da pochi grandi operatori che,
aggregando le diverse infrastrutture nazionali attraverso gli accordi di roaming, offrono servizi di
connettività globale. Tale situazione può determinare rischi di market preemption e technology
lock-in e comportare difficoltà di entrata nel mercato, per gli operatori più deboli nella
competizione globale (2).
1
2
6
Circa il 60% degli operatori aderisce ad un’alleanza.
Potrebbe essere il caso di numerosi operatori nazionali italiani.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
L’indagine conoscitiva ha individuato i principali ambiti di un possibile intervento regolamentare,
che riguardano: l’investimento nelle infrastrutture e nello sviluppo dei servizi; la regolamentazione
della connettività; il servizio finale; i mercati verticali del M2M. La tipologia e l’urgenza
dell’intervento regolamentare dipenderà dal livello di diffusione dei servizi M2M che, al momento,
mostrano apprezzabili valori di impiego e significative tendenze di sviluppo.
Uno degli aspetti di maggior rilievo è relativo alle infrastrutture di rete pubblica attualmente
disponibili, che sono risultate parzialmente inadeguate per la fornitura di connettività M2M, in
considerazione delle specifiche esigenze tecniche richieste dalla domanda (ridotti volumi
scambiati, necessità di ubiquità, always on, richiesta di basse latenze di trasmissione) e dei costi
relativamente elevati per la fornitura della connessione stessa (3). Queste criticità stanno spingendo
i fornitori dei servizi M2M a realizzare reti ed architetture ad hoc alternative alle reti pubbliche,
basate su piattaforme proprietarie chiuse e non in grado di interoperare, con conseguente rischio
di concentrazione del mercato e dispersione delle risorse.
Con riferimento alle tecnologie, sussiste una sensibile frammentazione delle soluzioni fino ad oggi
adottate per offrire il servizio M2M all’utente. In assenza di standard specifici per tali scopi, si
stanno predisponendo soluzioni che talvolta ricorrono a modalità trasmissive non convenzionali
( 4 ). Le risultanze dell’analisi stimolano la riflessione in merito ad un possibile ruolo della
regolamentazione quale incentivo per lo sviluppo di soluzioni standard in grado di promuovere la
diffusione massiva dei servizi M2M in un ambiente concorrenziale e aperto.
Con riferimento al cambio del fornitore di connettività (contractual switch), il framework
regolamentare può risultare insufficiente in quanto le attuali procedure di portabilità del numero
disciplinano il solo caso nazionale, mentre il servizio di connettività M2M è spesso realizzato con
SIM internazionali.
In materia di roaming internazionale sono emerse alcune incertezze in merito all’applicabilità del
regolamento comunitario, che è stato sviluppato con la finalità di ridurre le distinzioni tra tariffe
3
4
7
Da un punto di vista tecnico la diffusione su larga scala della tecnologia M2M su reti tradizionali potrebbe
generare fenomeni di congestione della rete in ragione della capacità di segnalazione massima supportata
(piuttosto che in termini di limiti massimi di traffico supportato). Nel caso di servizi SIM based, ad es., il
dimensionamento delle reti 2G/3G è stato originariamente definito per assicurare il supporto di un numero di
terminali per persona residente relativamente ridotto. Nel caso del M2M tale numerosità potrà raggiungere
qualche decina di unità connessa per persona. In definitiva, una rete tradizionale (non sviluppata per applicazioni
M2M, caratterizzate da flussi di traffico molto bassi ma molto diffusi) non è prospetticamente adeguata per
fornire la connettività né agli utenti di oggi, né ai destinatari della tecnologia M2M.
Quali, l’impiego del canale di segnalazione per la trasmissione dei dati M2M.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
nazionali e di roaming e, quindi, di favorire la creazione di uno spazio sociale europeo basato sulla
mobilità delle persone e dei flussi di dati digitali. La presenza stanziale sul territorio nazionale di
dispositivi con numero mobile estero (c.d. permanent roaming) non appare in linea con le finalità
suesposte e solleva vari dubbi di natura regolamentare, tra i quali: l’individuazione dell’Autorità
cui affidare la competenza giuridica/regolamentare; la congruità dei prezzi regolamentati ai costi
sottostanti (i prezzi massimi wholesale imposti dal Regolamento sono stati ad esempio predisposti
per assicurare l’uso tipico dei consumatori che viaggiano all’estero, ma non considerano le
specificità del M2M). Allo stesso tempo, occorre riconoscere che il permanent roaming risulta
determinante per agevolare la configurazione dei dispositivi M2M e per usufruire della migliore
la copertura possibile, in quanto consente di sfruttare le stazioni radio di tutti gli operatori si veda
il caso del gas metering in Italia in cui la connettività è richiesta dalla stazione appaltante con una
copertura complessiva del territorio e pertanto realizzata da operatori italiani utilizzando SIM
straniere). Appare quindi necessaria l’individuazione di soluzioni alternative al permanent
roaming, in grado di operare in ambito nazionale e di ridurre l’incidenza di comportamenti
opportunistici, creando al contempo un level playing field per gli operatori.
In riferimento alla numerazione, al regolatore viene richiesto di monitorare, nell’ambito delle
usuali competenze, il livello di crescita del mercato poiché lo sviluppo del M2M potrebbe portare
all’esaurimento delle risorse di numerazione disponibili (ad es. gli indirizzi IPv4). Vanno altresì
valutati gli sviluppi della regolamentazione al fine di assicurare l’armonizzazione con quella
vigente presso gli altri Stati Membri, dove sembrano svilupparsi modalità flessibili per il rilascio
delle risorse di numerazione e per consentirne l’utilizzo all’estero. Infine, alcuni operatori
segnalano come la regolamentazione europea favorisca trattamenti discriminatori tra gli operatori
e i fornitori di servizi Internet, i quali beneficiano della possibilità di sfruttare liberamente, sia pure
in modo indiretto, le numerazioni telefoniche rilasciate agli operatori che hanno richiesto
l’autorizzazione.
Con riferimento alle politiche di gestione dello spettro, occorre considerare che nel caso del M2M,
differentemente da quanto verificato nella telefonia mobile tradizionale, non è sempre prioritaria
la velocità del trasferimento dalla rete al dispositivo (download), mentre assumono particolare
rilievo: i) la possibilità di utilizzo in ambienti indoor molto particolari (vedi il caso dei misuratori
del gas posti in cantine o sottoscala); ii) la disponibilità di una copertura capillare del territorio;
iii) la velocità del canale di trasferimento dal dispositivo alla rete (upload). Inoltre, le politiche di
assegnazione dello spettro radio devono assicurare la sostenibilità economica dei business case
8
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
tipici del M2M, che sono caratterizzati da limitati valori di redditività per singolo dispositivo
connesso. Infine, l’attuale diffusione delle applicazioni M2M con moduli 2G (largamente
impiegati per i bassi costi dei moduli) può costituire un problema per il futuro spegnimento della
rete GSM.
Con riferimento ai Service Level Agreement (SLA), l’analisi ha evidenziato l’esistenza di
applicazioni che richiedono dei "profili di utilizzo” e/o livelli di qualità che ad oggi non sono
commercializzati a condizioni economiche sostenibili per l’utilizzatore (si veda il caso della
connettività per le applicazioni nel mercato delle Smart Grid).
La questione della privacy presenta diversi criticità in quanto lo sviluppo del M2M intensifica le
problematiche già esistenti a causa del crescente numero di dispositivi interconnessi alla rete
pubblica, in grado di raccogliere informazioni collegate alla sfera personale ( 5 ). Inoltre, le
esperienze di smart metering inducono a considerazioni sulla opportunità che gli utilizzatori dei
servizi M2M debbano disporre della flessibilità necessaria per definire le parti specifiche di
sicurezza e dei controlli della privacy.
Con riferimento alla sicurezza, le comunicazioni M2M devono garantire un livello idoneo in
funzione della diversa tipologia dei servizi a cui tale comunicazione può essere dedicata o della
tratta che si sta proteggendo (nel caso del M2M possono essere trasferiti dati ritenuti sensibili di
proprietà di terze parti). In quest’ambito, appare opportuno evitare regolamentazioni che
pretendano livelli di sicurezza sproporzionati e che, quindi, determinerebbero costi non sostenibili
Con riferimento al regime autorizzatorio, la definizione di Servizi di Comunicazione Elettronica
del Codice trova difficile applicabilità nel settore del M2M in ragione dell’insorgere di nuovi
soggetti all’interno della catena del valore. Il carattere trans-nazionale del M2M, inoltre, stimola
la riflessione sugli istituti vigenti al fine di semplificare le procedure amministrative connesse
all’obbligo di notifica presso tutti gli Stati dove è prevista la commercializzazione del servizio
finale.
Un’ importante riflessione riguarda i più importanti ambiti di applicazione del M2M (cd. Segmenti
verticali).
Le autovetture interconnesse (Connected Car) ed, in particolare, i dispositivi telematici per la
sicurezza installati nei veicoli, costituiscono un importante settore di sviluppo del M2M in Italia
5
9
In un immediato futuro, per ogni cellulare tradizionale potranno corrispondere circa 10 ulteriori dispositivi M2M
connessi alla rete.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
ed in Europa. Oltre alla sicurezza, nelle autovetture interconnesse si prevede una sensibile
diffusione delle applicazioni M2M rivolte alla gestione del mezzo e di quelle destinate
all’intrattenimento e al supporto della attività svolte a bordo. Il caso delle Connected Car evidenzia
in modo chiaro l’influenza della regolamentazione sullo sviluppo dell’intero mercato delle
applicazioni connesse. Il tema della mobilità, insieme a quello della sicurezza, costituisce un
elemento chiave per la propulsione dei servizi M2M.
Lo smart metering rappresenta una delle applicazioni di rilievo nel contesto del M2M in Italia. È
oggi in fase di sviluppo lo smart metering gas che si sta orientando su soluzioni di rete proprietarie
per tutto il segmento di rete di raccolta e concentrazione dei segnali di misura (tecnologie
trasmissive Wireless MBUS nella banda a 169 MHz). Tuttavia per garantire una remunerazione
degli investimenti su tali infrastrutturesi sta valutando la possibilità di condividerle tra diverse
applicazioni. È evidente che, in tal modo, una rete nata come infrastruttura privata, peraltro
realizzata con frequenze non licenziate e sulle quali difficilmente sarà possibile applicare concetti
di pianificazione e qualità del servizio, diviene “pubblica” soprattutto se condivisa da più utilities.
Lo sviluppo di infrastrutture di rete dedicate deve essere analizzato sia per le implicazioni sullo
spettro che per la competitività del mercato.
Le smart grid, ossia le reti elettriche intelligenti costruite in modo da favorire la generazione
distribuita e l’efficienza energetica, permettono ai consumatori di diventare partecipanti interattivi
in una rete di distribuzione. Lo sviluppo delle smart grid richiede una maggior capacità di
veicolazione delle informazioni delle reti elettriche. Le comunicazioni elettroniche costituiscono
uno degli elementi abilitanti per lo sviluppo e, conseguentemente, occorre considerare l’eventuale
necessità di definire i requisiti tecnici di connettività, valutando: la topologia dei punti da collegare,
il riuso delle infrastrutture pre-esistenti, i requisiti di qualità, il rapporto costi/benefici, la
disponibilità delle reti LTE in prossimità degli impianti di generazione.
Le smart cities costituiscono un’opportunità per l’industria delle telecomunicazioni in quanto gli
operatori possono offrire servizi ad alto valore aggiunto e sfruttare le proprie competenze tecniche,
assumendo la posizione di partner di progetto.
Nel corso delle interlocuzioni svolte durante l’indagine conoscitiva, è emersa la necessità di creare
un’occasione di confronto costruttivo tra i soggetti che operano nello sviluppo dei c.d. settori
verticali e gli operatori specializzati nelle comunicazioni elettroniche tradizionali, che sono
risultati marginalmente coinvolti nello sviluppo della catena del valore del M2M. Al riguardo, i
soggetti attivi nei segmenti verticali hanno manifestato l’esigenza di un confronto collaborativo
10
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
con i soggetti detentori delle infrastrutture e del know how al fine di favorire un uso efficace delle
risorse attraverso il coordinamento delle iniziative mosse da parte pubblica e privata.
L’Autorità avvierà un Comitato permanente sul M2M in cui saranno coinvolti i principali attori
interessati (pubblici e privati) e, al fine di assicurare un maggiore coordinamento dell’intervento
pubblico, opererà anche per il tramite di accordi bilaterali con le altre Autorità di Settore e con gli
altri Enti coinvolti nello sviluppo dei servizi M2M secondo le esigenze richieste dai settori
verticali. Tale tavolo di confronto, focalizzato sulle problematiche aventi possibili implicazioni
regolamentari, potrà svolgere un ruolo attivo per il raggiungimento dei seguenti obiettivi:
promozione dello sviluppo degli investimenti nelle infrastrutture di comunicazione elettronica e
dei servizi di comunicazione per il M2M; identificazione delle esigenze specifiche in tema di
spettro radio; definizione delle forme appropriate per l’accesso alle infrastrutture di rete; sviluppo
dei profili di servizio confacenti alle esigenze delle applicazioni M2M; indirizzamento delle
questioni collegate alla migrazione IPv6; coordinamento dei temi relativi al M2M con le iniziative
promosse dall’Agenda Digitale italiana.
Alla luce degli aspetti critici rilevati dall’indagine, l’Autorità, nell’ambito dei propri compiti
istituzionali, intende proseguire nell’attività di vigilanza del settore M2M, favorendone lo sviluppo
del mercato e la crescita degli operatori che attualmente sono più deboli nella competizione globale
anche al fine di assicurare la disponibilità di un adeguato livello di qualità dei servizi. Preso atto
che il M2M mostra profili non ancora completamente determinati a causa dell’evoluzione dei
modelli di business, delle scelte tecnologiche e degli effetti dovuti alla regolamentazione, appare
necessario proseguire l’attività di vigilanza e monitoraggio individuando i Key Performance
Indicator di questo specifico mercato e svolgendo rilevazioni quantitative sulla diffusione dei
servizi di comunicazione M2M.
Infine, onde assicurare un elevato livello di protezione dei consumatori nei loro rapporti con i
fornitori, appare utile la promozione di iniziative finalizzate ad assicurare una adeguata tutela,
inserendo le questioni del M2M nell’ambito degli impegni già perseguiti dall’Autorità.
11
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
1. Introduzione
L’Autorità, con delibera n. 708/13/CONS, ha avviato un’indagine conoscitiva
concernente i servizi di comunicazione Machine to Machine (M2M), con lo scopo di: esaminare i
fattori che influenzano lo sviluppo dei servizi M2M (nonché l’interazione tra gli operatori del
mercato che cooperano nella fornitura dei servizi); valutare criticamente le previsioni di sviluppo
e le modalità di utilizzo; individuare le eventuali barriere normative/regolamentari per lo sviluppo
di servizi M2M (con particolare riferimento ai profili di numerazione e roaming); individuare le
eventuali aree dove è utile sviluppare un coordinamento tra le diverse Istituzioni nazionali ed
europee coinvolte nel M2M (6).
L’indagine conoscitiva italiana si colloca nell’ambito di analoghe iniziative di analisi
intraprese dai principali Regolatori europei e comunitari in materia, che comprendono, in
particolare:
 i risultati identificati dalla Commissione Europea mediante a valle della consultazione
pubblica sull’Internet Of Things svolta nel 2012;

la valutazione sullo stato del mercato roaming wholesale svolta dal BEREC e dagli uffici
della Commissione europea, in previsione della revisione delle soglie massime di prezzo
all’ingrosso (wholesale cap) da adottare ai sensi del Regolamento Roaming vigente o,
eventualmente, nell’ambito del nuovo pacchetto Telecom Single Market/Digital Single
Market;
 le analisi preliminari collegate alla proposta legislativa relativa alla Connected Continent
(che nell’ultimo draft includeva il roaming internazionale e la neutralità della rete), anche
in previsione di una futura revisione del framework regolamentare rispetto alla quale si
osserva l’avvio di talune attività a livello internazionale (7).
6
7
12
L’attività di indagine si collega agli eventuali interventi o posizionamenti che l’Autorità vorrà adottare in ambito
nazionale ed europeo, per i quali è utile disporre del maggior dettaglio di informazioni relativamente alle prassi
ad oggi poste in essere dagli operatori a livello nazionale.
Ad es., il programma del BEREC include un’azione sulla framework review, con l’esame del ruolo degli OTT,
le questioni sulla joint dominance e sulla crescente complessità della relazione tra prodotti retail e i prodotti
wholesale.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Nel corso del 2015 il BEREC sarà impegnato su tutti i punti sopra esposti. In particolare,
la programmazione (8) prevede attività specifiche in tema di M2M, finalizzate all’approfondimento di quanto evidenziato nei due rapporti interni predisposti nel corso del 2013 e del 2014, dove il
BEREC, sulla base delle informazioni acquisite dalle Autorità di regolamentazione degli Stati
membri e da un alcuni stakeholder, ha messo in luce l’esistenza di diversi aspetti regolamentari
che dovranno essere considerati, qualora si confermasse una sensibile diffusione del M2M. Più in
dettaglio, il BEREC ha identificato alcune questioni meritevoli di attenzione relative a: spettro,
numerazione, roaming internazionale, sistema di autorizzazioni (9). Ha, inoltre, messo in evidenza
l’esistenza di alcuni casi applicativi che stanno assumendo una crescente rilevanza: le c.d. “smart
grids”, i contatori intelligenti (smart meters) e le autovetture interconnesse. L’indagine conoscitiva
italiana è connessa ai lavori del BEREC e di altre Autorità Nazionali di Regolamentazione (ANR)
per la coincidenza e la contestualità degli argomenti esaminati. Tuttavia, rispetti ad analoghi lavori
svolti presso gli stati membri, dal BEREC o dagli altri organi comunitari, l’indagine conoscitiva
dell’AGCOM si caratterizza per i seguenti aspetti peculiari:
 la marcata focalizzazione al contesto nazionale italiano;
 il particolare livello di attenzione posto alle questioni riguardanti il mercato della
connettività;
 l’approfondimento di particolari aspetti strettamente regolamentari ed, in particolare, delle
criticità del framework delle Comunicazioni Elettroniche e della disciplina nazionale, che
si possono verificare in caso di sensibile diffusione delle applicazioni e dei terminali
M2M.
L’indagine conoscitiva è stata condotta attraverso questionari (qualitativi e quantitativi)
ed incontri svolti nel periodo da giugno a novembre con le parti che hanno manifestato l’interesse
(10). Si segnala, inoltre, l’intervento dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico
(AEEGSI) che, in puro spirito di collaborazione istituzionale, ha predisposto e pubblicato sul
8
9
10
13
BEREC Work Programme 2015.
Cfr. Atti del M2M Workshop (Bruxelles, 19 Novembre 2013) organizzato dal BEREC.
Sono state udite le seguenti società: Politecnico di Milano, Telecom Italia, Vodafone, Wind, Fastweb, Poste
Mobile, Huawei, Qualcomm, Gemalto, Ubiquity, Acotel, Enel distribuzione, Magneti Marelli. Hanno inoltre
inviato il proprio contributo le società AT&T e Verizon.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
proprio sito Internet un contributo all’indagine conoscitiva dell’AGCOM, con particolare
riferimento agli sviluppi legati alle smart grid e allo smart metering (11).
Il rapporto illustra le principali risultanze dell’indagine conoscitiva, proponendo una
possibile lettura in chiave regolamentare dei numerosi elementi acquisiti (12).
Al fine di consentire una più rapida identificazione delle problematiche legate alla
regolamentazione e favorire una esposizione razionale, questo lavoro sviluppa in modo prioritario
e separato gli aspetti collegati alla connettività, analizzando quindi successivamente quelli legati
al servizio finale. Di conseguenza, i capitoli del rapporto sono strutturati in modo tale seguire il
seguente schema logico:
 identificazione dello scenario economico di riferimento;
 ricognizione sulle infrastrutture e sulle tecnologie che si stanno predisponendo per il M2M;
 identificazione degli aspetti regolamentari e, in particolare:
o considerazioni sul ruolo della regolamentazione e dell’intervento pubblico;
o aspetti regolamentari legati alla connettività;
o servizio offerto all’utente finale;
o caratteristiche specifiche dei principali segmenti verticali del M2M, ossia di quelli
che rivestono maggiore interesse in ragione delle prospettive di sviluppo attese nei
prossimi anni.
In riferimento all’organizzazione del documento, il capitolo 2 analizza il mercato M2M,
individuandone i tratti peculiari e identificando i principali attori coinvolti, anche in
considerazione dell’affermarsi di un nuovo modello di business nel settore delle comunicazioni
elettroniche. Dal punto di vista degli stakeholders di questo settore, si evidenzia come l’ecosistema
M2M comprenda un insieme variegato di soggetti, coinvolti all’interno della catena del valore,
tanto nello sviluppo, quanto nella fornitura di servizi e di tecnologie. Nella seconda parte del
capitolo, vengono analizzati più dettagliatamente i modelli di business che appaiono
specificamente predisposti per il mercato del M2M, mettendo in luce la variabilità delle forme di
business adottate nello scenario economico attuale.
11
12
14
Memoria AEEGSI 457/2014/I/com del 25 settembre 2014, disponibile sul sito AEEGSI all’indirizzo
http://www.autorita.energia.it/it/docs/14/457-14.htm
Occorre precisare come l’attività di classificazione sia risultata molto complessa in ragione della innovatività,
eterogeneità e variabilità delle questioni poste dal M2M.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Il capitolo 3 approfondisce gli aspetti relativi alle infrastrutture di rete pubblica
attualmente disponibili e di quelle che, compatibilmente con i futuri sviluppi di questo settore,
appaiono più adeguate ad offrire connettività in relazione alle esigenze trasmissive specifiche dei
servizi M2M ed in termini di efficienza, sia per le loro caratteristiche tecniche, sia per motivi
economici.
Il capitolo 4 analizza gli aspetti di natura regolatoria di questo settore, con riferimento al
ruolo della regolamentazione, alle tematiche relative alla connettività, agli aspetti legati alla
fornitura del servizio all’utente finale e, infine, il legame con i mercati verticali e le relative
regolamentazioni.
Il capitolo 5 illustra le prospettive di intervento per favorire lo sviluppo delle reti e dei
servizi M2M.
Il capitolo 6 riporta le conclusioni, riepilogando l’insieme delle principali problematiche
regolamentari che si profilano con lo sviluppo del M2M.
15
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
2. Lo scenario economico e tecnologico di riferimento
2.1.
Il mercato del M2M e i segmenti verticali
2.1.1. Ambito di riferimento
Con il termine Machine to Machine (M2M), si identifica generalmente il processo di
trasferimento delle informazioni da parte dei dispositivi che non richiedono necessariamente
l’interazione umana ( 13 ). Poiché tale processo coinvolge necessariamente elementi sia di
connettività (terminali e tecnologie di accesso) sia di fornitura del servizio (contenuti e
piattaforme), il termine M2M abbraccia una pluralità di aspetti e può riguardare numerosi settori
di impiego (la Figura 1 fornisce un’indicazione dei settori di impiego del M2M).
Figura 1 – Settori di impiego del M2M
Fonte: Beecham Research
13
16
Durante le audizioni, è stato precisato che i servizi M2M possono comprendere interazioni macchina-uomo,
senza perdere, per questa ragione, la loro connotazione di servizi M2M.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Per quanto riguarda la connettività, sebbene il M2M sia stato originariamente sviluppato
su rete wired (tipicamente per l’automazione industriale), recentemente il perimetro del M2M si è
sensibilmente esteso alle reti wireless, sia per la diffusione di terminali “intelligenti” a basso costo
e a basso consumo di energia, che per le accresciute capacità delle reti radio. D’altronde, le
possibilità d’impiego delle reti radiomobili hanno consentito lo sviluppo di alcune applicazioni
quali la logistica (ad es. monitoraggio di merci) e la gestione dei mezzi di trasporto (ad es. la
gestione della flotta).
Nel presente rapporto ci si concentra sui dispositivi M2M che richiedono
l’interconnessione alla rete pubblica, in quanto i restanti casi sono da intendersi come installazioni
private, e pertanto non rivestono particolare interesse ai fine dell’analisi regolamentare.
Nei processi M2M, l’interconnessione automatica dei dispositivi si realizza attraverso il
collegamento alla rete Internet. Per tale ragione, il M2M è spesso associato all’Internet of Things
(IoT): in effetti, M2M e IoT sono concetti parzialmente sovrapposti e, in grande parte della
bibliografia del settore (specialmente in quella di origine anglosassone e statunitense), i due
termini sono utilizzati come sinonimi. D’altro canto, sul piano tecnico è possibile una parziale
distinzione tra i due processi: esistono numerose applicazioni (automazione industriale, gestione
allarmi, ecc.) che si basano sui servizi di comunicazione M2M, ma che sono estranee al IoT.
Per quanto le suesposte considerazioni possano risultare non condivisibili (ad es. perché
tendono a confinare il M2M ai servizi intermedi per la fornitura della connettività e disgiungerlo
dalla prestazione resa all’utente finale), le relative argomentazioni evidenziano il merito di
distinguere concettualmente le comunicazione M2M dall’IoT. La scomposizione qui proposta,
rende più agevole l’identificazione delle questioni regolamentari più urgenti e limita il rischio di
fraintendimento che si potrebbe riscontrare quando si argomenta sulla regolamentazione dell’IoT
e quindi, sulla regolamentazione di Internet.
2.2.
I soggetti interessati dal M2M
Il M2M, unitamente all’IoT, consente la diffusione di nuovi modelli di business nel
settore delle comunicazioni elettroniche. I principali fattori abilitanti sono dovuti ai progressi
tecnologici e al miglioramento dei processi produttivi. In particolare vanno menzionati: la
miniaturizzazione, la riduzione dei costi di produzione ottenuti con la globalizzazione, la
disponibilità di tecnologie e competenze per l’integrazione dei sistemi (system integration), le
17
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
tecnologie IT (cloud, big data), la possibilità di predisporre soluzioni applicative over-the-top
(OTT), l’esistenza di contenuti digitali, la possibilità di fruire servizi attraverso la rete internet.
Utilizzando la schematizzazione proposta nel rapporto SCREEN (14), nell’ambito delle
comunicazioni M2M si possono riconoscere quattro elementi caratterizzanti di seguito riportati.
I. Raccolta dei dati
Il processo di una comunicazione M2M parte dall’acquisizione dei dati da una macchina per
poterli poi analizzare e trasferire utilizzando una rete di comunicazione. L’obiettivo di un
sistema M2M è di creare un ponte tra l’intelligenza della macchina e il sistema di
elaborazione/fruizione dell’informazione. Ciò significa che la complessità del sistema M2M è
fortemente dipendente dalla particolare applicazione considerata.
II. Trasmissione dei dati attraverso una rete di comunicazione
Possibili soluzioni sono le reti cellulari, le linee telefoniche in postazione fissa, le
comunicazioni satellitari e le reti ad hoc. Anche in questo caso, la scelta dell’infrastruttura più
idonea dipende dalle caratteristiche dell’applicazione stessa. Ad esempio, nel monitoraggio di
apparecchiature in aree remote vengono utilizzate reti satellitari. In aree in cui il coefficiente
di penetrazione delle reti cellulari è molto elevato è ovviamente conveniente utilizzare reti di
tipo radiomobile. È comunque evidente che all’aumentare della disponibilità dei canali di
comunicazione diminuisce conseguentemente il costo del servizio;
III. Estrazione dell’informazione
Le tecniche per l’estrazione dell’informazione possono essere più o meno complesse
dipendentemente dalla granularità del sistema di monitoraggio nonché dalle capacità
computazionali e di analisi del sistema di ricezione ed elaborazione.
14
18
Programma di ricerca “Servizi e Contenuti per le reti di Nuova Generazione” (SCREEN) promosso dall’Autorità.
Esso si pone in continuità al programma di ricerca ISBUL dell’Autorità e intende consolidare le attività di ricerca
sulle tematiche relative agli aspetti economici, tecnici e socio-giuridici delle reti di nuova generazione, con
particolare riguardo alle problematiche inerenti ai servizi, ai contenuti e alle applicazioni fruibili tramite le nuove
reti.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
IV. Utilizzo dell’informazione
Indipendentemente dal fatto che l’applicazione sia stand alone o parte di un sistema integrato,
l’obiettivo è il miglioramento dell’efficienza di un processo tramite l’automatizzazione del
flusso dei dati verso i possibili utilizzatori (15).
Pertanto, l’ecosistema M2M comprende un insieme variegato di soggetti coinvolti nello
sviluppo e nella fornitura di servizi e di tecnologie: produttori di dispositivi di comunicazione,
operatori di rete infrastrutturati e virtuali, gestori di piattaforme, produttori di contenuti, fornitori
di servizi. All’interno di tale catena del valore, ogni stakeholder cerca di valorizzare i propri asset
e di integrare i diversi rami, proponendosi dunque come operatore centrale di riferimento, il
cosiddetto platform provider. Come emerso nel confronto con i soggetti auditi, tale articolazione
degli stakeholder lungo la catena del valore risulta differenziarsi – all’interno dell’ecosistema
M2M – a seconda del segmento verticale considerato. Tuttavia, si può provare a descrivere gli
elementi comuni alle varie value chain, individuando le macro-categorie trasversali a tutti i
segmenti (come esemplificato in Figura 2).
Figura 2 – Stakeholder della catena del valore dell’ecosistema M2M
Fonte: Autorità
15
19
La tecnologia è abilitante se è in grado di veicolare le informazioni al momento giusto, al posto giusto e nel modo
corretto a seconda delle circostanze.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
2.2.1. Operatori di rete
L’operatore di rete fornisce l’accesso agli M2M. Generalmente l’accesso è di tipo
wireless (circa il 80% secondo stime di Machina Research (16) e la maggior parte di questi accessi
wireless avviene tramite rete mobile (60%). Stante la tipologia di profili di consumo (tipicamente
a burst e con basso payload), la seconda generazione cellulare appare attualmente ancora
soddisfacente in termini di banda (secondo i dati di Cisco, un generico dispositivo M2M richiede
una banda 13 volte inferiore a quella di un tablet (17).
2.2.2. Produttori di contenuti
Gli utenti che utilizzano servizi M2M sono anche produttori di contenuti in quanto
generano “personal data”: se, infatti, i dispositivi M2M producono per definizione un traffico non
generato volontariamente dall’utente, è pur vero che una semplice elaborazione può permettere di
ricavare informazioni “pregiate” (componenti del nucleo familiare, capacità di spesa, ecc.). La
rilevanza dei contenuti generati attraverso gli strumenti M2M trova riscontro anche in alcune
notevoli operazioni commerciali, quali l’acquisizione nel gennaio 2014 della società Nest (una
start-up che produce smart meter) da parte di Google. Non di meno, appaiono importanti le
informazioni prodotte dai dispositivi M2M in ambito industriale: secondo uno studio del World
Economic Forum, le industrie stanno già investendo ingenti somme per la condivisione (con altri
attori della supply chain o altri partner di consorzi) e l’elaborazione (big data analytics) dei dati
generati dagli apparati M2M (18).
2.2.3. Manifatturieri ICT
Come per altri settori dell’ecosistema digitale, il mondo manifatturiero rappresenta un
segmento particolarmente dinamico e innovativo. In generale numerose imprese manifatturiere
producono apparati e sviluppano software per i servizi M2M. La macro-categoria dei
manifatturieri è a sua volta diversamente articolabile in vari soggetti, a seconda del segmento
16
17
18
20
The Global M2M Market in 2013, Machina Research, 2013.
Visual Networking Index, Cisco, 2014. Il confronto della richiesta di banda tra M2M e tablet è riportata per
facilitare la comprensione del fenomeno; si sottolinea come l’utilizzo del fattore 13 richieda delle cautele per
tenere conto del contesto in esame. Comunque tale parametro deve essere verificato nelle applicazioni reali.
Winning with the Industrial Internet of Things, WEF, 2015.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
verticale considerato. È interessante notare come all’interno del mondo manifatturiero si ricreino
le dinamiche di “accentramento” (platformization) già evidenziate al livello superiore (omotetia
interna). Riveste dunque un ruolo importante l’attività di integrazione dei componenti, che tende
a diventare una vera e propria piattaforma (19).
2.2.4. Fornitori di servizi
Anche nell’ambito dei servizi, si assiste ad una notevole innovazione, soprattutto se si
considera la parte “connessa” del segmento M2M, ossia l’IoT: ad esempio, il personal area
networking e l’home automation rappresentano due dei settori più promettenti nell’ambito
dell’Internet of Things: nel primo caso, un servizio potrebbe essere lo shopping personalizzato
(avvicinandosi ad uno scaffale, si ricevono informazioni sui prodotti), mentre nel secondo caso i
dispositivi connessi al WiFi domestico potrebbero interagire e ottimizzare i consumi (20).
2.2.5. Platform Operator
L’obiettivo dei diversi stakeholder è quello di creare un dispositivo, dotarlo di
connettività, raccogliere i dati che quel prodotto permette di ottenere, creare applicazioni verticali
offrendo dunque valore aggiunto al prodotto stesso. Pertanto, anche nel settore degli M2M, si
ripropone una competizione tra piattaforme. Attualmente, circa il 60% degli operatori presenti nel
mercato aderisce ad un’alleanza globale, ossia di una piattaforma che spinge verso la
standardizzazione e la collaborazione per lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi (21). Le principali
alleanze sono, allo stato, tre, come rappresentato nella seguente Figura 3.
19
20
21
21
La catena del valore e i modelli di business dell’ecosistema digitale, AGCOM, 2014.
IoT, una grande opportunità per l'industrial manufacturing e Internet of Things - Ritorno al Futuro (Prossimo),
Key4biz, 2014.
Nel mercato delle comunicazioni tra oggetti, ancor di più che nelle comunicazioni umane, le dimensioni di scala
sono di grande importanza per affrontare un mercato alquanto complesso e frammentato.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Figura 3 – Principali alleanze del settore M2M
Fonte: GSMA
Va rilevato che la schematizzazione proposta, proprio in quanto generale, può differire
da quelle presentate da alcuni soggetti auditi (tipicamente legate ad uno specifico segmento
verticale o interessate ad un determinato aspetto della catena del valore), ma è comunque coerente
con quanto presentato dagli stakeholder nonché con quanto individuato in altri segmenti
dell’ecosistema digitale e da altri studi in ambito regolamentare (22).
Con riferimento ai casi esaminati nel contesto italiano, sono da menzionare alcune
iniziative da parte degli operatori mobili virtuali (MVNO) che stanno sviluppando interessanti
soluzioni per il monitoraggio dei consumi e per ottimizzare la gestione dell’energia all’interno di
edifici o altre tipologie di strutture e impianti. Nel caso esaminato nell’ambito dell’indagine
conoscitiva, la connettività viene assicurata attraverso le SIM dell’operatore virtuale che vengono
installate nei differenti apparati, destinati all’offerta dei servizi di assistenza e controllo degli
impianti. Le informazioni sono quindi raccolte, registrate e trasmesse ad una piattaforma web che,
attraverso un’interfaccia evoluta e personalizzabile, consente ad ogni utente l’accesso ai dati e alle
funzionalità abilitate per il proprio profilo. Vista la centralità della SIM, il contratto con
l’infrastruttura mobile ospitante assume un ruolo centrale ai fini della predisposizione dell’offerta.
A seconda del tipo di contratto e delle prestazioni offerte dall’operatore mobile infrastrutturato (ad
22
22
Future Internet: scenari di convergenza, fattori abilitanti e nuovi servizi, AGCOM, 2014; La catena del valore e
i modelli di business dell’ecosistema digitale, AGCOM, 2014; Regulating Smart Metering in Europe:
Technological, Economic and Legal Challenges, CERRE, 2014; Unlocking the Value of Personal Data: From
Collection to Usage, WEF, 2013.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
es. la possibilità di veicolare messaggi di segnalazione (23)), l’operatore virtuale può configurarsi
o meno come facilitatore (24) del mercato M2M.
2.3.
M2M e cambio di paradigma
Con riferimento agli operatori di rete, il M2M potrebbe determinare uno c.d. shift di
paradigma, per almeno due ragioni.
Innanzitutto, vi è una progressiva focalizzazione delle proprie attività dal Business-toConsumer (B2C), dove l’impresa detiene una relazione economica diretta con gli utilizzati, al
Business-to-Business (B2B) e al Business-to-Business-to-Consumer (B2B2C), dove viene a
mancare la relazione diretta con l’utilizzatore finale. Anche nel caso in cui l’operatore continui a
mantenere la relazione con l’utilizzatore finale, con la comunicazione M2M tende a sfuggire il
piano del servizio, per cui l’operatore di rete risulta principalmente impiegato per garantire la
connettività di base ai dispositivi. I fruitori dei servizi di connettività M2M sono i produttori di
dispositivi M2M o fornitori di servizi M2M e non, invece, i consumatori finali, anche nel caso in
cui i servizi M2M o le applicazioni M2M coinvolte siano destinate a utenti tradizionali. A volte
gli operatori di telecomunicazione non interagiscono coi fornitori di servizi: in tal caso, il business
viene gestito dai device makers e il servizio viene reso dal fornitore di servizi M2M, che solo
opzionalmente può essere un operatore di telecomunicazioni.
Inoltre, vi è un’ulteriore spinta alla globalizzazione del servizio M2M: in caso di prodotti
globali (automotive, e-reader, elettrodomestici, ecc.), i servizi M2M sono globali per loro natura.
Infatti, una parte considerevole dei servizi M2M viene offerta in modo globalizzato. Questa
caratteristica è particolarmente evidente quando il M2M è parte di un prodotto che dispone in
modo nativo della connessione mobile (si pensi, ad es. ad un’autovettura di nuova generazione,
oppure ad un dispositivo interconnesso come il Kindle). In alcuni casi, il consumatore acquista un
dispositivo interconnesso, solitamente equipaggiato con SIM, ma non sottoscrive un contratto per
la fornitura di un servizio di comunicazione. Il roaming in queste applicazioni è quasi sempre un
fattore abilitante perché semplifica la predisposizione e la distribuzione dei prodotti globali.
Per gli operatori di telecomunicazioni mobili i servizi M2M tipicamente implicano
modesti volumi di traffico dati, bassa redditività, lunga durata di vita del dispositivo e lunga durata
23
24
23
Ad es. i messaggi USSD (Unstructured Supplementary Service Data) solitamente impiegati per veicolare
messaggistica istantanea attraverso la rete di segnalazione.
M2M Service enabler.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
dei contratti. Solo nel caso della trasmissione del segnale video si misurano consistenti volumi di
dati, ma per quelle connessioni viene preferita la rete fissa. In generale, gli operatori di
telecomunicazioni mobili hanno strategie diverse per il proprio posizionamento nella catena del
valore M2M. Poiché la connettività rappresenta una quota relativamente modesta del fatturato
complessivo dei servizi M2M, gli operatori stanno sempre più esplorando l’opportunità di
ampliare il proprio portafoglio di servizi. Al fine di implementare questa strategia i maggiori
operatori mobili hanno stipulato accordi di roaming e sviluppato protocolli specifici per il M2M
per la fornitura di servizi di connettività a livello globale. Questi accordi sono svolti all’interno di
alleanze, dove vengono anche condivise delle soluzioni tecnologiche specifiche al fine di offrire
quei servizi di connettività evoluti (ad es., il supporto per la configurazione della SIM) che sono
necessari per offrire risposta alla domanda di connettività globale. Inoltre gli operatori di
telecomunicazioni, per sviluppare servizi a valore aggiunto, stanno sviluppando partnership con
system integrators e fornitori IT.
2.4.
I segmenti verticali del M2M
A livello globale, uno dei segmenti chiave dell’industria M2M è rappresentato dalle
connected cars, ossia le automobili che utilizzano la connessione per le dotazioni di sicurezza
(sistema eCall presentato nel paragrafo 4.4.1) e per i servizi di infotainment.
Un altro settore rilevante è quello dello smart metering. In questo caso sono previste 71
milioni di connessioni nel 2016. In particolare, l’Italia si distingue per la diffusione del metering
elettrico e del gas con numeri consistenti in termini di dispositivi installati (il primo paese al mondo
ad eliminare i contatori elettromeccanici, sostituendoli con strumenti intelligenti).
Meritevole di attenzione è anche il segmento smart grids. Una smart grid è una rete
“intelligente” di distribuzione elettrica che consente di gestire la rete elettrica in maniera efficiente
e razionale minimizzando, al contempo, eventuali sovraccarichi e variazioni della tensione
elettrica intorno al suo valore nominale. Si segnala, a tal proposito, l’intervento dell’Autorità per
l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AEEGSI) che, in puro spirito di collaborazione
istituzionale, ha predisposto e pubblicato sul proprio sito Internet un contributo all’indagine
24
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
conoscitiva dell’AGCOM, con particolare riferimento agli sviluppi legati alle smart grid e allo
smart metering (25).
Infine, tra i settori innovativi connessi al mondo del M2M e dell’IoT, vi è il segmento
delle smart cities, ossia quegli interventi in tecnologie ICT applicate alle infrastrutture e ai servizi
delle città per ottenere una loro maggiore efficienza e qualità con beneficio per gli abitanti e le
imprese.
Vi sono poi altri segmenti interessanti, che però non saranno ulteriormente analizzati nel
presente rapporto, quali lo smart home & building (nuove soluzioni, spesso rivolte direttamente
all’utente consumer, che spaziano dalla gestione domestica alla sfera personale), l’asset
management (sensori connessi ad assets, registrati e monitorati in tempo reale), il fleet
management (i veicoli possono essere gestiti e controllati lungo il percorso che stanno
effettuando), il segmento della security (connettività utilizzata per la casa e gli allarmi di
sicurezza), il payment (terminali ATM/PoS collegati ad un ambiente sicuro centralizzato).
Una speciale considerazione merita l’analisi dei fattori che determinano la diffusione del
M2M. In questo contesto, appare opportuno classificare le applicazioni valutando se lo sviluppo
della domanda sia direttamente riconducibile ad un obbligo normativo (nazionale o europeo),
ovvero si realizzi uno sviluppo autonomo determinato dal mercato. Questa classificazione pone
l’enfasi sul ruolo delle norme come fattori propulsori per lo sviluppo delle applicazioni M2M.
Sulla base di una investigazione preliminare, sono stati individuati i tre raggruppamenti di seguito
riportati.
1. Applicazioni M2M il cui sviluppo è determinato da un obbligo normativo, ad es.:
 connected cars (per la normativa sulla chiamata di emergenza eCall);
 smart metering (per la normativa italiana sui contatori);
 asset management (limitatamente ad alcuni casi, quali ascensori e gaming machines).
2. Applicazioni M2M il cui sviluppo potrebbe essere prospetticamente collegato ad un
obbligo normativo, ad es.:
 smart cities,
 smart grids,
 smart home & building.
25
25
Memoria AEEGSI 457/2014/I/com del 25 settembre 2014, disponibile sul sito AEEGSI all’indirizzo
http://www.autorita.energia.it/it/docs/14/457-14.htm
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
3. Applicazioni M2M il cui sviluppo non è direttamente riconducibile ad un obbligo
normativo, ad es.:
 fleet management,
 payment,
 security.
2.5.
I modelli di business e le fonti di finanziamento del M2M
Nonostante l’eterogeneità del contesto IoT, si possono evidenziare alcune linee comuni
di sviluppo del settore, nonché alcuni modelli di business (i cosiddetti pattern) che appaiono
specificamente predisposti per il mercato del M2M.
Per quanto riguarda le linee di sviluppo, vi è la tendenza, già precedentemente
sottolineata, a “conquistare il centro” della catena del valore. La moltiplicazione delle interazioni
tra i diversi livelli e i diversi attori della catena del valore porta un vantaggio significativo per chi
riesca a svolgere il ruolo di intermediatore tra le diverse componenti. In tutti i principali segmenti
verticali considerati (connected car, smart meter, ecc.), infatti, si è evidenziato il ruolo
dell’integrator, ossia di colui che, facendo leva sulla propria expertise e sui propri assets, si pone
come soggetto unificatore delle diverse istanze. È da rilevare, altresì, che il ruolo di platform
provider può essere svolto sia da operatori di rete e produttori di device (ad es. nel caso degli smart
meter), sia da fornitori di servizi e contenuti (ad es. nel caso delle connected car).
Altro elemento comune alle varie applicazioni del M2M è la valorizzazione dei dati. Il
fenomeno cosiddetto dei “big data” è legato anche allo sviluppo del M2M e IoT. L’analisi dei dati
raccolti in automatico dai vari dispositivi permette una maggiore efficienza dei processi e una
migliore profilazione dell’utenza. Non a caso, sono molteplici gli operatori esperti e coinvolti
nell’analisi di enormi quantità di dati desumibili dai dispositivi M2M. Secondo il CEO di Orange,
“le informazioni sono l’oro della nuova età digitale e interi settori si stanno organizzando per trarre
da esse il massimo profitto”.
Per quanto riguarda gli specifici modelli di sviluppo (i c.d. patterns), una possibile
classificazione è quella basata sull’attore maggiormente coinvolto nel ruolo di operatore di
piattaforma (telco, OTT, utility, ecc.).
Il Pattern I può essere illustrato mediante la Figura 4 di seguito riportata, dove viene
evidenziato il ruolo dell’Operatore di rete nella fornitura del servizio M2M.
26
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Figura 4 – Modello di business di un servizio M2M fornito da un operatore di rete
Fonte: Autorità
Il Pattern II può essere rappresentato mediante la seguente Figura 5. Ad esempio, un
dispositivo M2M che utilizza la trasmissione degli SMS, estenderà il servizio dell’operatore con
funzionalità aggiuntive che caratterizzeranno lo strato di servizio utilizzato dall’applicazione
finale. Analogamente, nel caso di utilizzo della rete Internet, lo strato di servizio IP sarà fornito
dal Internet Service Provider.
Figura 5 – Modello di business di un fornitore di device M2M
Fonte: Autorità
Il Pattern III, che si riferisce allo sviluppo di piattaforme per applicazioni di terze parti,
potrebbe essere raffigurato dalla Figura 6 di seguito riportata: si pensi ad un OTT che fornisce il
servizio attraverso Internet (il servizio di trasporto IP, lato dispositivo M2M, viene fornito
dall’Internet Service Provider). Una variante interessante dello schema di sopra si riferisce ai
27
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
recenti casi di SIM agnostiche (le SIM "network-agnostiche" non sono dipendenti dalla rete di uno
specifico operatore mobile) e bene si applica anche al roaming internazionale, dove il servizio è
tipicamente localizzato nella home network mentre l’accesso è realizzato nella visited network. In
questo caso, l’impegno dell’operatore (ad esempio la rete mobile visitata durante la sessione di
roaming) consiste nel fornire esclusivamente l’accesso. Nel caso di SIM agnostiche, le attività
individuate nella voce “Servizio M2M” possono essere ulteriormente scomposte isolando la
funzionalità di autenticazione rispetto alle restanti prestazioni riguardanti il servizio. In tal modo
l’autenticazione potrebbe essere legata, ad esempio, al dispositivo M2M e quindi predisposta
direttamente nell’apparato.
Figura 6 – Modello di business di un aggregatore (piattaforma) di servizi M2M
Fonte: Autorità
Anche il caso del misuratore elettrico (Pattern IV), che viene presentato nella Figura 7,
costituisce un riferimento interessante. In questo caso, il servizio di TLC prestato dall’operatore si
limita alla connessione dei concentratori e pertanto il livello di accesso viene svolto direttamente
dall’entità che esercisce il servizio M2M (la compagnia elettrica). Nella fattispecie è utilizzata la
tecnologia delle onde convogliate (power line communication) che utilizza la rete di alimentazione
elettrica come mezzo trasmissivo. Il caso del misuratore del gas presenta degli spunti interessanti:
il primo riferimento sembrerebbe costituito dal precedente schema organizzativo che si riferisce al
caso dell’elettrico, ma risulta plausibile che l’implementazione del servizio M2M venga
potenzialmente svolta in outsourcing presso l’operatore che fornisce il servizio di accesso e
trasporto. Nonostante questa modalità sia ricollegabile al Pattern I (quantomeno dal punto di vista
operativo), dal punto di vista formale si tratta di una particolare implementazione del caso visto
per il contesto elettrico. Nel caso del gas la rete di accesso è infatti tipicamente realizzata in
28
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
tecnologia wireless (es. W-MBUS sulla banda di 169 MHz). Lo schema proposto per il metering
gas evidenzia uno dei potenziali problemi di separazione che potrebbe caratterizzare il M2M. In
effetti, l’implementazione del servizio M2M potrebbe richiedere interfacce particolari con le
piattaforme di servizio ed accesso esistenti presso l’operatore, le quali potrebbero non essere
tuttavia commercializzate a livello wholesale.
Figura 7 – Modello di business delle utilities che forniscono servizi M2M (ad esempio smart metering)
Fonte: Autorità
Vi è, infine, il caso di soluzioni proprietarie verticalmente integrate (Pattern V), a
esclusione dell’accesso (vedi Figura 8). Con riferimento alla tecnologia mobile, i principali
elementi che potrebbero venire richiesti per lo sviluppo del layer M2M sono:
 la configurazione della SIM;
 la tecnologia per il caricamento Over The Air della SIM;
 l’Autenticazione del terminale (Authentication Centre - AuC);
 la gestione profilo d’utente (ad esempio la configurazione di APN nel Home Location
Register - HLR).
L’indisponibilità di talune delle citate prestazioni potrebbe limitare lo sviluppo della
piattaforma di servizio M2M da parte di fornitori alternativi.
29
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Figura 8 – Modello di business di un fornitore di servizi M2M
Fonte: Autorità
La variabilità delle forme di business si riflette anche nella estrema variabilità delle forme
di finanziamento. Se si considerano, ad esempio, le start-up operanti nel mercato M2M (che, come
precedentemente evidenziato, rappresentano una parte importante dell’ecosistema), si osservano
diversi metodi di finanziamento, quali i venture capitalist, i business angel, e il crowfunding. Le
prime due figure rappresentano quelle degli investitori in aziende non quotate (di tipo “formale”
il venture capitalist, e “informale” il business angel), mentre il crowdfunding è una pratica di
micro-finanziamento dal basso.
Incrociando le due dimensioni (fatturato e finanziamenti), si può provare a segmentare le
aziende che operano nel mercato: aziende con basso fatturato e finanziamento (incognite), con
elevato fatturato e finanziamento (mature), con elevato fatturato ma basso finanziamento
(promettenti), e con basso fatturato ed elevato finanziamento (scommesse).
L’Osservatorio M2M del Politecnico di Milano ha analizzato 37 start-up del mercato
M2M (vedi Figura 9), ed ha valutato l’incidenza delle varie forme di finanziamento in ciascuno
dei 4 cluster (incognite, mature, promettenti, scommesse): quando il finanziamento esterno
scarseggia (spesso ciò avviene nei primi anni di vita della start-up), il crowfunding risulta una
delle principali forme di finanziamento, mentre i finanziamenti provenienti da venture capitalist
sono oltre la metà dei finanziamenti nel caso di start-up mature e di “scommesse”.
30
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Figura 9 – Fatturato, investitori, e finanziamenti di start-up M2M
Fonte: Politecnico di Milano
2.6.
Lo scenario italiano
La frammentarietà dell’ecosistema IoT impone alcune limitazioni per poterne misurare il
perimetro. Innanzitutto, una prima approssimazione utile per fornire stime affidabili dello scenario
nazionale è quella di considerare unicamente dispositivi M2M connessi alla rete cellulare: tale
decisione è adottata anche da altre fonti (Osservatorio Internet of Things, Osservatorio Trimestrale
sulle Comunicazioni Elettroniche) in quanto rappresenta una proxy affidabile del fenomeno
considerato (secondo Machina Research le connessioni mobile M2M rappresentano la
maggioranza dei dispositivi), e inoltre permette di escludere le installazioni su reti private che
pertanto hanno un minore interesse per l’Autorità.
I caveat sulla stima della “dimensione” del mercato M2M sono tanto più validi quando si
prova a fornire una stima dettagliata del “valore” del mercato M2M: a differenza della base di
utenza (che risente dell’effetto di accumulo), i ricavi sono maggiormente soggetti alla “variabilità”
del mercato (sono possibili oscillazioni dovute alla data di fatturazione e ai tassi di cambio, come
evidenziato anche nelle note metodologiche dei sopracitati osservatori). I dati forniti devono
pertanto essere interpretati come una valutazione dell’ordine di grandezza del settore, e sono
indicativi di un trend più che di un dato istante.
31
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Nel mondo si stimano oltre 200 milioni di linee M2M nel 2014 (Figura 10). Se gli attuali
trend di crescita fossero confermati (ossia oltre il 20% su base annua), già nel 2017 si dovrebbe
raggiungere il mezzo miliardo di dispositivi. L’Asia, trainata dal mercato cinese, assorbe la
maggior parte della base d’utenza, mentre l’Europa e l’America appaiono bilanciarsi in termini di
numeri di linee.
Figura 10 – Connessioni M2M nel mondo nel 2014
Fonte: elaborazioni dell’Autorità
All’interno poi del panorama europeo (Figura 11) si può osservare come Italia, Francia e
Gran Bretagna abbiano quote sostanzialmente simili. Tuttavia, va sottolineato come il numero di
connessioni M2M, se normalizzato rispetto al numero totale di connessioni mobili, veda prevalere
i paesi nordici come la Finlandia (il 12% delle SIM è dedicata al M2M), la Norvegia (15%), e la
Svezia (24%).
Figura 11 – Connessioni M2M in Europa nel 2014
Fonte: elaborazioni dell’Autorità
Per quanto riguarda l’Italia (vedi Figura 12), si conferma un aumento significativo delle
connessioni M2M nel quinquennio considerato (con un crescita composita annua del 18%).
32
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
L’eterogeneità del mercato M2M è evidente anche nell’analisi dei trend di crescita dei vari
segmenti verticali. A fronte di segmenti quali l’automotive, nei quali le connected cars aumentano
di oltre il 30% l’anno, vi sono settori, come quello delle Smart City, che presentano tassi di
adozione di dispositivi M2M nettamente minori. L’incidenza delle connected cars è cresciuta negli
anni (anche per il diverso effetto cumulativo a cui si è accennato prima), passando da circa un
terzo a quasi la metà delle connessioni mobili M2M.
Figura 12 – Connessioni M2M in Italia nel 2010-2014
Fonte: elaborazioni dell’Autorità
Come però rilevato anche dall’Osservatorio M2M del Politecnico di Milano (vedi Figura
13), la maggior diffusione delle connected cars non si traduce immediatamente in una maggior
preponderanza dei ricavi: in termini di valore, le soluzioni di Smart City, di Smart Logistic, e di
Smart Home presentano una redditività maggiore.
Figura 13 – Confronto diffusione-valore di mercato: la ripartizione per ambiti applicativi nel 2013
Fonte: Politecnico di Milano
33
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Per quanto riguarda i ricavi, il mercato mondiale M2M è stato stimato nel 2014 pari a
oltre 130 miliardi di euro. Alcuni analisti hanno provato a quantificare il valore della sola
componente di connettività in circa 13 miliardi di euro, ossia circa il 10% del totale. Per quanto
provenienti da fonti diverse, i due valori indicano un fenomeno evidenziato da tutti i soggetti auditi,
ossia la progressiva maggiore incidenza dei ricavi per i servizi aggiunti M2M rispetto alla
componente di accesso (vedi Figura 14).
Figura 14 – Ripartizione dei ricavi nel mercato M2M
Fonte: Informa
Tale migrazione sembra presente anche nel mercato italiano. Pur con le dovute cautele
dovute all’eterogeneità delle fonti e dei metodi di stima, si può ragionevolmente quantificare i
ricavi da connettività M2M in Italia nel 2014 nell’ordine delle decine di milioni di euro, a fronte
di ricavi complessivi stimabili nell’ordine delle centinaia di milioni di euro (900 milioni di euro
secondo i dati dell’Osservatorio M2M del Politecnico di Milano).
34
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
3. Infrastrutture e tecnologie del M2M
Le infrastrutture di rete pubblica attualmente disponibili appaiono parzialmente
inadeguate ad offrire connettività in relazione alle esigenze trasmissive specifiche dei servizi
M2M, sia per le loro caratteristiche tecniche (il M2M presenta dei flussi di traffico molto bassi,
ma molto diffusi) sia per motivi economici (la diversa occupazione di banda richiederebbe modelli
economici differenti rispetto a quelli impiegati per un uso massivo delle reti). Queste criticità
stanno spingendo i fornitori dei servizi M2M a realizzare reti ed architetture ad hoc che, in prima
analisi, appaiono classificabili in chiave regolatoria come reti private e quindi sembrerebbero
escluse dal perimetro di indagine. È evidente che tale soluzione diventi poco efficiente sul piano
economico e sia riservata a grandi fornitori (ad es. gli operatori energetici che ricevono anche
incentivi economici per la realizzazione di tali reti private). Occorre, dunque, avviare un’attenta
riflessione sull’adeguatezza e l’opportunità dell’uso delle reti pubbliche a veicolare i nuovi servizi,
potendo in tal modo beneficiare di evidenti economie di scala e di scopo altrimenti assenti, a danno
di tutto il sistema e dello sviluppo dei nuovi servizi.
Questa capitolo è dedicato all’analisi delle infrastrutture e tecnologie del M2M.
L’osservazione delle iniziative in atto, con particolare riferimento agli sviluppi tecnologici, infatti,
costituisce un punto essenziale per comprendere le peculiarità della domanda e dell’offerta di
questi nuovi mercati e, conseguentemente, delle relative implicazioni regolamentari (26).
3.1.
Connettività dei dispositivi M2M/IoT
Le applicazioni M2M possono avere requisiti di connettività significativamente diversi
ed eterogenei. Ad es., le applicazioni dove è prevista la trasmissione del segnale video richiedono
capacità trasmissiva sufficientemente elevata; all’opposto, nel caso dello smart metering, la
problematica è data dal numero di dispositivi da connettere, dalla loro localizzazione (installazioni
26
35
In effetti, occorre osservare come ad una prima lettura potrebbe apparire inopportuna la creazione di una
disciplina specifica per il M2M in quanto si potrebbe assumere che, in virtù dell’applicazione del principio di
neutralità, la regolamentazione vigente sia già adeguata. Questo aspetto è stato largamente sostenuto da tutti gli
in possesso di un’autorizzazione generale ex art. 25 CCE, a fronte del quesito da parte dell’Autorità, di prevedere
uno titolo autorizzatorio specifico per il M2M.
Al fine di meglio contestualizzare l’analisi è stato ritenuto utile mettere in luce l’inadeguatezza tecnica
dell’infrastruttura rispetto alle esigenze emergenti e la conseguente necessità di assicurare la coerenza della
regolamentazione. Questo aspetto “fisico” non ratifica l’esigenza di prevedere un titolo autorizzatorio separato
per il M2M, ma fornisce utili spunti per la comprensione e l’approfondimento del problema.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
in cavità schermate, sotto il suolo stradale, ecc.) e dalla necessità di contenere i consumi energetici
in quanto è prevista l’alimentazione a pile, ma la capacità trasmissiva non è un parametro rilevante.
Una rete in grado di supportare il traffico M2M deve considerare le molteplici esigenze,
che sono di seguito riportate:
 nel M2M occorre gestire efficientemente il carico di segnalazione (cioè lo scambio di
informazioni che sono funzionali alla rete), in relazione all’effettivo livello di traffico utile
scambiato;
 non sono frequenti le trasmissioni di file di grandi dimensione, o flussi continui di dati
(streaming di voce o video);
 il M2M differisce ulteriormente per la gestione del traffico dal momento che la direzione
è principalmente uplink, mentre nel caso del traffico per le utente convenzionali la
direzione è di tipo downlink (o, al più, bilanciata);
 nel M2M il ritardo di connessione dovrebbe essere molto breve per garantire l’accesso
veloce alla rete al momento dell’attivazione del dispositivo;
 le applicazioni M2M potrebbero richiedere una priorità molto alta al fine di consentire la
trasmissione di informazioni critiche;
 il M2M richiede la gestione di un numero elevato di dispositivi terminali;
 occorre gestire migliaia di terminali per stazione radio (e non moltiplicare le stazioni radio)
per consentire l’efficienza economica;
 i dispositivi sono spesso immobili e quindi non è necessario generare il traffico di
segnalazione per supportare la mobilità;
 nel caso del M2M può essere necessario assicurare il funzionamento per anni o decenni, a
causa dell’assenza di manutenzione evolutiva.
In generale, il M2M pone delle questioni sul dimensionamento delle reti cellulari esistenti
che potrebbero subire dei fenomeni di congestione dei canali di controllo con conseguente blocco
dell’intero servizio (ad esempio, il Control Channel, Random Access Channel Congestions).
Inoltre, dall’indagine emerge la necessità di garantire la sostenibilità economica dei
business case del M2M, che sono caratterizzati da limitati valori di redditività per unità connessa.
Infine, alcune applicazioni possono richiedere il rispetto di predefiniti livelli di
disponibilità della rete (cfr. 4.4.3).
36
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
3.1.1. Tecnologie radiomobili GPRS/EDGE
Con riferimento alle reti 2G, nel corso delle audizioni è stata evidenziata l’elevata
intensità di adozione di questa tecnologia nelle applicazioni M2M. Questo dato, ad una prima
lettura, appare incompatibile con le attuali prospettive di spegnimento del GSM; tuttavia,
un’analisi più approfondita può aiutare a comprendere le ragioni del fenomeno. In effetti, i costi
dei moduli trasmissivi in tecnologia 2G sono dell’ordine di circa 10 dollari USA, mentre i
corrispondenti moduli 3G sono acquisibili a circa $20 e quelli in tecnologia LTE sono
orientativamente posizionati nella fascia tra i 30 e 40 dollari. E’ evidente che l’opportunità del
contenimento dei costi del modulo di trasmissione è condizione essenziale alla luce della limitata
redditività possibile per linea connessa.
Oltre al costo unitario del modulo, un operatore radiomobile ha evidenziato che, con
riferimento alla rete GSM, sono in corso di definizione degli standard per consentire l’adattamento
delle reti cellulari agli impieghi tipici del M2M. L’innovazione tecnologica di riferimento viene
conosciuta con l’espressione di Cellular IoT, riguarda la rete GPRS/EDGE sulle bande licenziate
per la telefona mobile e dovrebbe essere disponibile a partire dal 2016. Le linee guida di tale
iniziativa sono di seguito riportate:
 utilizzo dello spettro a 900MHz, finalizzato allo sviluppo dello smart metering;
 introduzione di semplificazioni lato rete e lato terminale (prendendo atto che gli smart
meters non richiedono il supporto alla mobilità);
 utilizzo di tecniche trasmissive che consentano una estensione della copertura.
Per maggiori dettagli si rimanda alla documentazione pubblicata dal gruppo GERAN
(acronimo di GSM/EDGE Radio Access Network) che è responsabile, in ambito 3GPP (27), della
specificazione della c.d. Radio Access del GSM/EDGE.
La soluzione andrà valutata anche per comprendere se risulti utilizzabile dai soli
licenziatari dello spettro 2G e se la diffusione comporti dei vincoli nelle procedure di refarming
dello spettro.
27
37
Il Third Generation Partnership Project (3GPP) è un accordo di collaborazione fra enti che si occupano di
standardizzare sistemi di telecomunicazione in diverse parti del mondo. L'obiettivo originale del 3GPP era di
produrre specifiche tecniche per un sistema mobile di terza generazione basato sulla Core Network GSM e sulla
tecnologia di accesso radio Universal Terrestrial Radio Access (UTRA). Successivamente al 3GPP è stato
chiesto di controllare e migliorare le specifiche tecniche per il GSM includendo tecnologie di accesso più
moderne come il GPRS ed l'EDGE.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
3.1.2. Tecnologie radiomobili LTE – Machine Type Communication
Il Machine-Type-Communication (MTC) è un nuovo aspetto da considerare ai fini dello
studio dell’evoluzione tecnologica delle reti mobili. Gli operatori mobili cellulari, attraverso il 3rd
Generation Partnership Project (3GPP), sono impegnati nella predisposizione della tecnologia
LTE Machine Type Communication o LTE-MTC che sarà rilasciata nella c.d. Release 13. LTEMTC si configura come un’ottimizzazione dello standard LTE-Advanced per il supporto del M2M
e implementa le seguenti caratteristiche:
 compatibilità col quadro di evoluzione del 4G;
 notevole aumento della durata della batteria
 riduzione dei costi e della complessità;
 compatibilità con i servizi mobili a banda larga;
 integrazione con le tecnologie del IoT.
LTE-MTC introduce il modo di funzionamento denominato Power Save Mode (PSM)
che consente l’accensione e lo spegnimento efficiente del trasmettitore per i dispositivi che
richiedono trasmissioni di tipo programmato. Lo standard LTE-MTC, rispetto al LTE, introduce
quindi:
 un aggiornamento dell’architettura e, in particolare, l’introduzione del MTC server;
 un aggiornamento dei protocolli di comunicazione;
 un aggiornamento delle tecnologie radio (funzioni di RAN overload control, extended
access barring, ecc.).
La Figura 15 rappresenta, in forma semplificata, i principali elementi architetturali
introdotti.
38
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Figura 15 – Architettura LTE-MTC
Fonte: 3GPP
3.1.3. Tecnologie radiomobili WiMax
In ambito IEEE, viene definito lo standard 802.16p che estende la tecnologia WiMax ai
fini del M2M. Lo standard è stato rilasciato dal IEEE nel corso del 2012.
La Figura 16 rappresenta, in forma semplificata, i principali elementi architetturali
introdotti.
Figura 16 – Architettura WiMax 802.16p
MNO (Mobile Network Operator)
Access Service
Network
IEEE 802.16
Non M2M
device
IEEE 802.16
M2M device
Non IEEE
802.16
M2M device
IEEE 802.16
M2M device
Connectivity
Service Network
R1
M2M
Server
R1
M2M
Subscriber
IEEE 802.16
BS
R1
Fonte: IEEE
39
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
3.1.4. Tecnologie radio W-MBUS e le soluzioni per il gas metering
Nel 2008 l’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas, e il Sistema Idrico (AEEGSI) ha deliberato l’obbligo – per le società di distribuzione del gas – di implementare un sistema di telegestione per i contatori collegati alle proprie reti e le tempistiche da rispettare per il dispiegamento
di tale sistema. Il Comitato Italiano Gas (CIG) si è occupato delle attività di normazione e
diffusione di questo servizio.
La specifica tecnica definisce gli aspetti architetturali studiati per offrire la flessibilità
necessaria ad operare nei più comuni scenari d’uso. Nell’architettura esistono fondamentalmente
due modalità di comunicazione attraverso cui ogni contatore (a prescindere dal suo calibro) può
collegarsi al Sistema di Gestione (SAC): mediante una connessione diretta (soluzione punto-punto,
ad esempio con modulo GSM a bordo del contatore) oppure tramite una rete di prossimità (rete
punto-multi-punto, mediante una rete wireless a basso consumo).
Wireless MBUS (W-MBUS) è un protocollo standard europeo sviluppato per
applicazioni di metering. La banda di frequenza utilizzata è quella che va dai 169,400 ai 169,475
MH ( 28 ). Il motivo trainante per la scelta del protocollo W-MBUS a 169 MHz è stato
principalmente la bassa frequenza di lavoro, che dovrebbe permettere di raggiungere distanze
maggiori e risentire meno dell’attenuazione di eventuali ostacoli. (29)
28
29
40
W-MBUS utilizza un protocollo narrowband in modulazione GFSK con diversi data rate sfruttando 6 diversi
canali. I canali sono spaziati da 12,5 kHz ed hanno un bit-rate di 4,8 kbps (channels 1a, 1b, 3a, 3b) o di 2,4 kbps
(channels 2a, 2b). Esiste inoltre un modo N2G che sfrutta una modulazione 4GFSK che affascia i differenti
canali per offrire un maggiore datarate e che è stato riservato per implementare meccanismi di relaying tra
differenti nodi. Lo standard definisce inoltre diverse classi di servizio, la classe più elevata prevede un livello
minimo di sensibilità del ricevitore di -115dBm con PER<10-2 (Packet Error Rate). Il protocollo prevede due tipi
di meccanismi di comunicazione a livello applicativo, uno in cui il contatore si risveglia a tempi prestabiliti per
comunicare i dati di lettura verso il concentratore (Access Timing) e uno in cui il contatore al suo risveglio viene
notificato della presenza di comandi a lui diretti per cui instaura un colloquio verso il concentratore (Synchronous
Transmission).
Lo scenario tipico della rete di telelettura del gas prevede, infatti, dispositivi inseriti in nicchie ricavate all’interno
di mura, dislocate su più livelli. Il tema delle aree raggiungibili attraverso l’installazione di un concentratore o
ripetitore è cruciale in fase di business planning: il fattore di concentrazione e il numero di dispositivi
raggiungibili, siano essi contatori, sensori, ecc., permette di prevedere i costi ed i potenziali ricavi ottenibili dal
dispiegamento della rete. La copertura radio dipende da svariati fattori, alcuni deterministici e altri di carattere
aleatorio. Tra gli elementi che determinano il livello di segnale ricevuto, vi è il tipo di luogo in cui si trovano gli
apparati al momento dello scambio di dati. È necessario tenere in considerazione la posizione dei contatori: le
nicchie dedicate ai meter del gas riducono in modo significativo la potenza del segnale ed ancor più quelle
riservate ad esempio ai contatori dell’acqua (tombini o cantine), inoltre le dimensioni ridotti dei contatori
determinano una riduzione anche della dimensione delle antenne che quindi non possono più risultare ottimizzate
per quella frequenza.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Attualmente il Piano di ripartizione italiano prevede che la banda di frequenze 169,4169,8125 MHz sia utilizzata in accordo con la decisione della Commissione Europea
2005/928/EC. Essa è suddivisa in due parti, una per applicazioni di bassa potenza, e l’altra per
applicazioni di alta potenza, ognuna delle quali prevede applicazioni preferenziali ed
eventualmente anche applicazioni alternative conformemente all’Art. 3 della decisione
2005/928/EC. Le applicazioni di bassa potenza rientrano nel regime di “libero uso” ai sensi dell'art.
105, comma 1, del Codice delle comunicazioni elettroniche. Le applicazioni di alta potenza sono,
invece, soggette al regime di "autorizzazione generale" e del relativo “diritto individuale d’uso” ai
sensi dell'art. 104, comma 1, lettera a) numero 1) del Codice delle Comunicazioni elettroniche. La
normativa attuale, dunque, limita fortemente l’uso di tale range di frequenze al metering, a generici
sistemi di tracking per furto o smarrimento di beni mobili, ed infine ad applicazioni di assisted
living/social alarm, escludendo applicazioni potenzialmente di grande interesse (civile e
commerciale) come illuminazione pubblica, parking, raccolta rifiuti, monitoraggio ambientale ecc.
Inoltre, nel caso in cui siano molteplici i soggetti che utilizzano quella banda (nel caso di
multiservizio, quindi, visto che nel caso del gas metering esiste un solo soggetto che gestisce la
rete del gas su base geografica), i meccanismi secondo cui i vari canali presenti all’interno della
banda vengono suddivisi tra i vari operatori sono tutti da definire essendo ad oggi l’utilizzo tipico
di tale banda a “libero uso”.
L’analisi del contesto stimola le seguenti riflessioni sugli elementi che potrebbero avere
rilevanza per il regolatore:
 la banda a 169 MHz è stata negli anni poco sfruttata per servizi largamente distribuiti,
ragion per cui gli studi e le analisi effettuate a tal proposito sono rare e poco approfondite,
e mancano inoltre modelli consolidati di propagazione specificatamente pensati per tali
frequenze;
 le norme CIG presuppongono l’esistenza di un unico soggetto che utilizzi la rete di telegestione del gas e che questo soggetto coincida con il distributore del gas;
 l’utilizzatore dei dati raccolti corrisponde al gestore della rete gas; d’altro canto se si
intende favorire lo sviluppo di un modello multi-servizio, risulta opportuno considerare
il ruolo di un soggetto al quale affidare la raccolta dei dati, un accesso diretto agli elementi
di rete (es. concentratore), ecc.;
41
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
 le limitazioni del protocollo W-MBUS nella gestione di una numerosità elevata di
dispositivi, potrebbe provocare il decadimento della qualità. (30)
3.2.
Piattaforma dei servizi M2M
3.2.1. Proposta ETSI
ETSI propone un framework end-to-end per il M2M. La proposta di ETSI intende definire
un livello funzionale per supportare lo sviluppo delle applicazioni M2M (Figura 17).
Figura 17 – Elementi dell’architettura ETSI
ETSI M2M Cloud
Exposed
functions
Public
Networks
Fonte: ETSI
Viene pertanto standardizzato un livello intermedio (middleware) per realizzare
l’identificazione e l’indirizzamento, la sicurezza e l’avvio del sistema, la gestione delle risorse, la
gestione della connettività, l’interazione funzionale con la rete dell’operatore.
È utile osservare che lo standard dell’ETSI non riguarda la rete di accesso (rete radio) che
viene demandata all’operatore, ma lo standard definisce le modalità di interfacciamento con la
core network degli operatori stessi.
30
42
Secondo quanto riportato nel notiziario tecnico di Telecom Italia, “nel caso in cui siano molteplici i soggetti che
utilizzano quella banda (nel caso di multiservizio quindi, visto che nel caso del metering gas esiste un solo
soggetto che gestisce la rete del gas su base geografica), i meccanismi secondo cui i vari canali presenti
all’interno della banda vengono suddivisi tra i vari operatori sono tutti da definire e probabilmente un
pronunciamento da parte dell’Autorità potrebbe risultare opportuno.”
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
La Figura 18 rappresenta una ulteriore rappresentazione dell’Architettura ETSI. Il livello
M2M Service Capabilities (SC) integra la rete dell’operatore interfacciandosi attraverso le
interfacce definite da 3GPP, 3GPP2, ETSI TISPAN, ecc. Il modulo M2M-SC può interagire
contemporaneamente con diverse reti.
Nel caso di diffusione del M2M, la regolamentazione dovrà valutare il ruolo di questi
standard.
Figura 18 – Interfacce dell’architettura ETSI
Fonte: ETSI
3.2.2. Soluzioni del mondo IT
I vendors del mondo IT hanno predisposto numerose soluzioni a supporto dell’IoT. I
principali player del settore sono: IBM, HP, CISCO, ORACLE, nonché numerosi system
integrators tra i quali Accenture e Atos Origin.
I sistemi a supporto del IoT (e quindi il M2M) consentono di:
 collegare milioni di oggetti e milioni di eventi;
43
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
 supportare nuovi sistemi di interazione con le persone, i dispositivi mobili, sensori,
macchine e applicazioni;
 operare indipendentemente dalla localizzazione fisica e senza vincoli temporali e/o del
dispositivo.
Le soluzioni IT si caratterizzano, inoltre, per il supporto ai c.d. Big Data, ossia per la
raccolta/gestione/elaborazione di dati con forte estensione in termini di volumi, velocità e varietà.
In particolare, le tecnologie dei Big Data consentono di incrociare dati provenienti da fonti
eterogenee e non strutturate, come: immagini, email, dati di posizione del terminale, informazioni
acquisite dai social network, ecc..
3.2.3. L’offerta degli Over The Top
I principali OTT (Google, Apple, Microsoft, ecc.) sono nelle condizioni di svolgere un
ruolo importante nello sviluppo delle applicazioni M2M: oltre alle competenze tecniche del
dominio di provenienza (mondo IT), essi offrono delle tecnologie di supporto allo sviluppo delle
applicazioni (ad es. Google Cloud Platform e Google App Engine, illustrate in Figura 19).
Figura 19 – Google Cloud Platform
Fonte: Google
44
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Gli OTT, rispetto ad altri player, dispongono spesso di specifiche leve, quali in
particolare: il controllo sulla piattaforma dei terminali mobili e tablet (Google per Android, Apple
per iOS, e Microsoft per Windows Phone); la capacità di aggregare e svolgere analisi di
informazioni; la capacità di veicolare contenuti.
45
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
4. Aspetti regolamentari
4.1.
Ruolo della regolamentazione
Le caratteristiche dei servizi e delle applicazioni M2M, sensibilmente differenti rispetto
a quelle delle comunicazioni tra persone cui il Framework regolamentare europeo si rivolge,
alimentano il dibattito sulla applicabilità dell’impianto normativo europeo ed italiano in materia
di comunicazioni elettroniche al fenomeno M2M. I concetti di durata della comunicazione, di
distanza delle due parti, dell’ammontare dei dati scaricati o caricati in rete hanno poco significato
per le applicazioni M2M, le quali (almeno nella loro accezione più ristretta, che coinvolge solo
macchine ed eventualmente un limitatissimo intervento umano) determinano un traffico dati
minimo, consistente per lo più in “bit” o “signals” molto frequenti ma di peso estremamente
ridotto. Inoltre, la dimensione globale del mercato M2M, nonché la circostanza che la maggior
parte delle SIM utilizzate per la comunicazione M2M sia inserita in “devices” mobili (ad esempio
le autovetture o i lettori di e-books) o comunque potenzialmente vendibili anche in nazioni estere,
fa sì che i principi alla base della normativa sul roaming internazionale debbano essere dichiarati
e convalidati.
Negli ultimi mesi, l’interrogativo se lo sviluppo dei servizi M2M/IoT richieda l’apertura
di una nuova frontiera della regolamentazione, specificamente pensata per le comunicazione che
non coinvolgono persone (se non in misura limitata) è stata spesso presente nell’agenda dei
regolatori in Europa e negli Stati Uniti, ma fino ad oggi nessuna decisione in tal senso è stata presa.
Le considerazioni appena presentate richiedono una valutazione preliminare circa
l’impatto che le tendenze del M2M legate al settore delle telecomunicazioni e delle industrie
correlate possono avere sui mercati posti sotto la supervisione delle Autorità di regolamentazione
(ANR). La valutazione dell’impatto del M2M può avvenire sia in termini di nuovi obiettivi, sia
del possibile ampliamento delle attività in taluni settori “di frontiera” rispetto al perimetro attuale
delle stesse ANR (ad es. terminali, Internet ecosystem, sicurezza, mercato delle c.d. App, privacy,
proprietà intellettuale, ecc.).
In linea generale, le teorie della regolazione economica pongono come premessa per
l’eventuale intervento regolamentare la rilevazione delle condizioni che rendono plausibile il
rischio di conseguire, in base all’osservazione delle tendenze attuali, risultati insoddisfacenti nelle
industrie del settore. In tal caso, i Regolatori sarebbero legittimati ad intervenire a fronte della
46
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
preoccupazione che, in assenza di qualsiasi intervento pubblico supplementare, le forze di mercato
non sarebbero in grado di generare spontaneamente gli esiti desiderabili per la società.
La progressiva adozione di prodotti e di servizi M2M solleva domande su numerosi
argomenti di interesse per l’ANR, quali, ad esempio:
 il rischio di consumo eccessivo di risorse pubbliche scarse (come lo spettro radio, le
numerazioni telefoniche o gli indirizzi IP);
 il rischio di problemi a lungo termine legati alla c.d. “path dependence”, ossia al fatto che
le scelte attuali potrebbero condizionare negativamente le prospettive future (questo
riguarda principalmente l’adozione di soluzioni tecniche);
 il rischio che vi siano degli ostacoli per lo sviluppo della competizione nella catena del
valore M2M;
 il rischio per la sicurezza delle comunicazioni M2M;
 la tutela della privacy e la protezione dei dati personali.
La regolazione efficiente nel contesto M2M
La questione generale, relativa alla capacità del mercato di produrre risultati ottimali, è
classicamente analizzata attraverso la nozione economica di efficienza, che fornisce una base utile
per valutare l’adeguatezza dell’intervento pubblico.
Lo scopo legittimo dell’intervento pubblico sull’economia è quello di cambiare la società
in modo tale che si determini un miglioramento rispetto ad una situazione che si sarebbe invece
verificata qualora l’intervento in esame non avesse avuto luogo. In un’economia di mercato non
viene presupposto che sia lo Stato il produttore usuale dei servizi, cosicché gli interventi pubblici
risultano giustificati solo quando i mercati non riescono a produrre dei risultati ottimali sotto il
profilo sociale. L’intervento normativo in un settore come quello delle comunicazioni elettroniche
costituisce un tipico esempio: in esso le ANR sono in primo luogo incaricate di individuare e
correggere i fallimenti del mercato e, se del caso, dei diversi mercati che compongono il settore,
al fine di perseguire l’efficienza del sistema.
Un fallimento del mercato si verifica quando il funzionamento del mercato non produce
i risultati desiderabili dal punto di vista della società. In un settore come quello delle comunicazioni
elettroniche, i risultati desiderabili si perseguono mediante l’idoneo impiego delle risorse, ossia in
ottica di massimizzazione del valore dei servizi resi agli utenti finali, con riferimento al prezzo che
essi sono disposti a corrispondere per l’acquisizione. Un corollario di tale impostazione è che
47
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
venga impiegata la quantità minima di risorse rilevanti – denaro, spettro radio, numerazioni, ecc.
– necessarie per la produzione del servizio; in effetti, in assenza di tale ottimizzazione le risorse
rilevanti potrebbero essere utilizzate in modo più efficiente in altri ambiti.
La correzione dei fallimenti del mercato mira dunque a migliorare l’efficienza, o
quantomeno a contenere le inefficienze, nel funzionamento dei mercati esaminati.
Secondo l’impostazione tradizionale, la nozione di efficienza combina diversi aspetti, che
non sempre sono compatibili tra di loro:
 l’efficienza produttiva: consiste nel conseguimento del migliore rapporto di conversione
tra ingressi e uscite; si realizza scegliendo il migliore processo di produzione applicabile
allo specifico contesto;
 l’efficienza allocativa: consiste nell’allocazione delle risorse disponibili in modo tale da
massimizzare la produzione del più alto valore sociale;
 l’efficienza dinamica: consiste nell’allocazione delle risorse in modo tale che venga
conseguito il massimo valore per un lungo periodo di tempo, piuttosto che nel solo breve
termine.
La difficoltà nel valutare l’efficienza economica nasce spesso dalla ricerca di un
compromesso tra le diverse forme di efficienza. Ad esempio, ciò che è efficiente dal punto di vista
della produzione non lo è necessariamente dal punto di vista dell’allocazione. D’altro canto, la
soluzione più efficiente nel breve periodo, dal punto di vista allocativo e/o produttivo, potrebbe
non portare a risultati efficaci in un’ottica di lungo periodo. Infine, la differente percezione della
dimensione temporale può risultare particolarmente sfidante in termini di valutazione
dell’efficienza di un risultato futuro, specialmente quando il futuro risulta altamente incerto.
Tuttavia, in una certa misura, può essere possibile identificare le carenze del mercato (attuali,
future o possibili) che possono portare a risultati inefficienti.
Valutare i risultati desiderabili per l’ecosistema delle comunicazioni M2M può porre
sfide specifiche. Le nozioni di efficienza e di fallimento del mercato comunque offrono un quadro
analitico utile, facilitando la delimitazione delle questioni chiave, indipendentemente dalle
tecnologie utilizzate.
Dal punto di vista del Regolatore, l’impatto della diffusione di servizi M2M per il settore
delle telecomunicazioni può essere analizzato in termini di ripartizione dei rischi e dei profitti tra
le diverse categorie di stakeholder in diversi momenti nel tempo. Il M2M introduce nuove
funzionalità per le attività esistenti e nuove esigenze in materia di risorse tradizionali.
48
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
4.2.
Aspetti regolamentari legati alla connettività
La connettività alle reti pubbliche riveste un ruolo fondamentale nell’ambito del M2M.
La Figura 20 discussa nel capitolo 2 richiama la collocazione della connettività all’interno dei
modelli organizzativi e di business del M2M.
Figura 20 – La connettività all’interno della catena del valore dell’ecosistema M2M
Fonte: Autorità
Come noto la connettività al M2M può essere realizzata attraverso le tecnologie di rete
fissa (rame, fibra) o radio. Le tecnologie radio sono particolarmente diffuse nelle applicazioni
M2M, con particolare rilevanza delle reti cellulari 2G/3G/4G. In aggiunta, rivestono una certa
importanza anche le tecnologie LPWA (Low Power Wide Area, ossia soluzioni proprietarie basate
su bande senza licenza, tipicamente al di sotto del gigahertz), le tecnologie W-MBUS, le tecnologie
Wi-Fi e le ZigBee.
In quest’ambito è opportuno evidenziare come l’industry abbia manifestato la necessità
di aggiornare gli standard cellulari, in relazione alle esigenze specifiche del M2M. Gli sviluppi
tecnologici e infrastrutturali sono chiamati a risolvere i problemi nuovi che si propongono con la
diffusione massiva di terminali M2M, in particolare:
 elevato numero di dispositivi che una cella radio deve poter gestire;
 apparati con media di traffico limitato rispetto agli usi consueti;
 elevati intervalli di attesa tra le trasmissioni;
49
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
 limitata dimensione del messaggio trasmesso;
 limitata frequenza di trasmissione;
 sbilanciamento delle attività di upload rispetto a quelle di download;
 possibilità di programmare il traffico;
 efficiente uso dello spettro;
 efficiente uso della batteria;
 coesistenza con altri sistemi di comunicazione, eventualmente di tecnologie cellulare
differente;
 riduzione degli impatti sulle comunicazioni cellulari tradizioni.
4.2.1. Utilizzo dello spettro radio
L’M2M utilizza una rilevante varietà di tecnologie wireless, a seconda della natura
dell’applicazione, del tipo di copertura richiesta e delle scelte dell’utente.
Le tecnologie prevalentemente adottate nel M2M sono:
 il Bluetooth, il Wi-Fi, lo ZigBee e le generiche tecniche a corto raggio (SRD) per le
connessioni locali. Sono altresì da menzionare anche gli standard per applicazioni
specifiche (ad esempio, per gli allarmi, i dispositivi medici, RFID, ecc.);
 il cellulare 2G (GPRS), il 3G (UMTS / HSPA) e il 4G (LTE) per le connessioni “Wide
Area” ;
 il W-MBUS (Wireless M-BUS (W-MBUS) ( 31 ) con riferimento agli Smart Meters, in
conformità con le soluzioni operative auspicate dall’AEEGSI;
Lo spettro radio assume un ruolo centrale ai fini dello sviluppo del M2M, sebbene al
momento non risulti ancora chiara la portata e la natura delle future esigenze in termini di spettro.
In questo senso, è comunque opportuno tenere presente che, in molti casi, i volumi di dati generati
31
50
W-MBUS è un protocollo standard europeo sviluppato per applicazioni di metering sulle frequenze dai 169,400
ai 169,475 MHz. Wireless MBus utilizza un protocollo narrowband con diversi data-rate sfruttando 6 diversi
canali. Il motivo trainante per la scelta del protocollo wireless m-bus a 169 MHz è stato principalmente la bassa
frequenza di lavoro, che dovrebbe permettere di raggiungere distanze maggiori e risentire meno dell’attenuazione
di eventuali ostacoli. Lo scenario tipico della rete di telelettura del gas prevede infatti dispositivi inseriti in nicchie
ricavate all’interno di mura, dislocate su più livelli. Il tema delle aree raggiungibili attraverso l’installazione di
un concentratore o ripetitore è cruciale in fase di business planning: il fattore di concentrazione e il numero di
dispositivi raggiungibili, siano essi contatori, sensori, ecc., permette di prevedere i costi ed i potenziali ricavi
ottenibili dal dispiegamento della rete.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
dalle applicazioni M2M risultano relativamente piccoli rispetto all’entità di traffico generalmente
supportato dalle reti cellulari;
 il numero dei futuri collegamenti appare destinato a superare il numero degli altri
dispositivi mobili impiegati nella trasmissione dati.
Più in generale, le implicazioni connesse ad una massiccia diffusione del M2M
potrebbero essere osservate in chiave prospettica sia mediante l’analisi del mercato di riferimento,
sia in base alle caratteristiche trasmissive (ossia, distanza della trasmissione, larghezza di banda,
qualità del servizio). L’esigenza di rispondere ad una domanda di banda crescente pone il problema
di individuare la soluzione infrastrutturale più adeguata in considerazione delle specificità di
questo mercato. Molteplici sono le opzioni tecnologiche compatibili con lo sviluppo del mercato
M2M. La Figura 21 classifica le alternative infrastrutturali in due categorie, a seconda che ci si
riferisca alle reti tradizionali o a sistemi nati con l’obiettivo di permettere esclusivamente la
connettività M2M/IoT. Dalla rappresentazione emerge l’evidenza di quanto appena detto:
l’espressione ‘General Purpose’ fa riferimento alle tecnologie tradizionali per consentire la
connettività ad Internet, mentre nella seconda categoria vengono comprese le reti dedicate, ossia
nate per consentire la connettività M2M/ IoT.
Figura 21 – Alternative infrastrutturali per il futuro sviluppo del M2M/IoT.
Infrastrutture
"General Purpose"
•Reti fisse
•Reti cellulari
•Reti LAN
Infrastrutture dedicate a IoT
•Copertura per contatori gas
•Power line Acea/ENEL
Fonte: AGCOM
Secondo il punto di vista degli operatori mobili, le problematiche in termini di capacità
investono non soltanto l’ambito del M2M, ma più in generale lo spettro licenziato per la rete
cellulare.
Occorre tuttavia precisare che in talune applicazioni europee (32) una porzione rilevante
dei dispositivi M2M non viene servita dalla rete cellulare, ma impiega una sezione dello spettro
32
51
Reti di Weightless e Sigfox che sono ottimizzate per il trasporto di low data rates.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
non licenziato sugli 868 MHz e che, in Italia, è stato scelto l’utilizzo dei 169 MHz per i meters
della rete gas. Tali evidenze appaiono di assoluto rilievo per comprendere la diffusione delle
connessioni wireless, anche in virtù del fatto che gli sviluppi della rete cellulare sono andati nella
direzione della larga banda. Il caso dello smart meter italiano bene evidenzia questa limitazione,
mostrando l’esigenza di trovare soluzioni alternative quali il W-MBUS.
Vanno dunque valutate le strategie evolutive per le trasmissioni in banda stretta e le
possibili ricadute sullo spettro.
Infine, con riferimento allo smart metering gas occorre evidenziare che:
 la banda a 169 MHz è stata negli anni poco sfruttata per servizi largamente distribuiti,
ragion per cui gli studi e le analisi effettuate a tal proposito sono rare e poco approfondite
e, inoltre, mancano dei modelli consolidati di propagazione specificatamente pensati per
quelle frequenze;
 con l’aumentare del numero di dispositivi presenti nella rete, la mancanza all’interno del
protocollo W-MBUS di sistemi avanzati di gestione di accesso concorrente al mezzo fisico
potrebbe creare problemi (collisione/sovrapposizione delle trasmissioni) e far degradare le
prestazioni della rete stessa. A maggior ragione, nel caso in cui siano numerosi i soggetti
che utilizzano quella banda (nel caso di multiservizio, quindi, considerato che nel caso del
metering gas esiste un solo soggetto che gestisce la rete del gas su base geografica), i
meccanismi secondo cui i vari canali presenti all’interno della banda vengono suddivisi tra
i vari operatori sono da definire.
Refarming dello spettro 2G
Lo spegnimento del 2G potrebbe costituire un problema per le applicazioni M2M
esistenti. La dimensione del problema deve essere analizzata in considerazione della data per lo
spegnimento e delle prospettive di diffusione del M2M.
La tecnologia GSM viene oggi largamente utilizzata nel campo del M2M per via del basso
costo dei moduli (un modulo 2G costa meno di $10, uno 3G circa $20, uno 4G circa $30). Al
momento, nonostante le attuali licenze degli operatori mobili abbiano una scadenza, continuano
ad essere largamente commercializzati dispositivi M2M basati su moduli 2G.
52
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Regolamentazione dei diritti d’uso dello spettro
Nel caso di utilizzo della tecnologie radio, il M2M si basa sia sull’impiego dello spettro
licenziato che non licenziato.
Lo spettro licenziato si lega soprattutto alla connettività cellulare; viceversa, quello non
licenziato risulta comunque significativo in quanto gli economics del M2M obbligano spesso alla
condivisione delle connettività attraverso dei concentratori che interfacciano la rete pubblica
raggruppando le trasmissioni provenienti da più dispositivi M2M.
Occorre premettere che la regolamentazione del diritto d’uso esclusivo ha la caratteristica
di assicurare il controllo dell’interferenza. Infatti, in assenza di una assegnazione individuale non
sarebbe possibile assicurare qualità di servizio e consentire un impiego efficiente delle risorse
scarse. Allo stesso tempo, l’uso dello spettro non licenziato riveste un’importanza significativa per
il contenimento dei costi di connettività.
Le audizioni svolte nel corso dell’indagine hanno evidenziato l’esistenza di modelli
alternativi come, in particolare, la licenza condivisa (LSA). Per quanto emerso, i modelli LSA,
ancorché risultino applicabili a qualsiasi porzione dello spettro radio, sono considerati per le
frequenze 2.3-2.4 GHz e 3.4 GHz. Queste frequenze sono utili per sostenere lo sviluppo di capacità
e, quindi, molteplici sono i campi di applicazione del M2M che potrebbero trovare beneficio:
Smart Home, eHealth, video sorveglianza, monitoraggio remoto, smart cities. Inoltre, qualora la
LSA non venga impiegata nelle regioni dello spettro al di sotto del GHz, le applicazioni dello smart
metering verrebbero escluse per via della limitata propagazione delle frequenze 2,3 e 3,4 GHz. La
modalità del LSA potrebbe essere considerata nel caso del Cellular IoT. Nella Figura 22 sono
riportate le politiche per l’assegnazione dei diritti d’uso sullo spettro, evidenziando le alternative
tecnologiche (disponibili o in programmazione) che possono considerarsi in certa misura valide
per consentire la connettività dei dispositivi M2M. Le opzioni in campo vengano classificate a
seconda che su di esse vigano o meno dei diritti d’uso dello spettro.
53
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Figura 22 – Politiche attuabili per la regolamentazione dei diritti d’uso dello spettro
Diritti d’uso dello spettro
Reti “General
Purpose”
utilizzabili per IoT
Infrastrutture
dedicate ad IoT
Licenza Individuale
Licenza Condivisa
Non Licenziato
Reti mobili
(800 – 900 MHz)
Da valutare
WLAN - WiFi
(2,4 – 5 GHz)
Evoluzioni delle reti mobili
LTE-MTC, 3GPP-IoT
(800 -900 MHz, 2,6 GHz)
Le innovazioni tecnologiche
in materia di “cognitive
radio” e “white spaces”
consentono di massimizzare
l’utilizzo dello spettro anche
nei casi in cui la banda
risulti parzialmente allocata
(non liberabile) e quindi non
si possano rilasciare delle
licenze individuali senza
limitazioni
WLAN -WiFi
(2,4 – 5 GHz)
W-MBUS
(169 MHz)
Fonte: AGCOM
In conclusione, nuovi schemi di autorizzazione dello spettro, in aggiunta a quelli classici,
potrebbero rendersi necessari per consentire l’uso condiviso dello spettro in modo più flessibile e
per ottimizzare l’utilizzo di questa risorsa scarsa. In particolare, le politiche evolutive dovranno
tenere in considerazione l’esigenza di assicurare, da un lato, dei costi compatibili con le esigenze
del M2M e, dall’altro, l’efficacia e la coerenza con l’impostazione tradizionale.
Piani di sviluppo della copertura
Le maggiori problematiche tecniche riscontrate nella implementazione dei servizi Smart
Grid e connessi alle applicazioni M2M riguardano l’opportunità di poter disporre su larga scala,
in tutti i nodi della rete di distribuzione elettrica ed in particolare quelli periferici (sottostazioni di
trasformazione AT/MT, MT/BT, di impianti di produttori e clienti, allacciati in particolare alla
rete MT), di canali di comunicazione broadband e, specialmente, con bassa latenza, poiché solo
l’effetto combinato di queste due caratteristiche può garantire il trasferimento delle informazioni
tra impianti remoti con velocità molto elevate, tali da soddisfare le necessità di alcune delle
funzionalità smart grid (automazione basata su selettività logica e tele-distacco automatico dei
produttori per evitare la formazione di "isole" indesiderate sulla rete di distribuzione).
A fronte del grande numero di impianti da dover potenzialmente coprire (ad es. Enel
Distribuzione conta circa 400.000 sottostazioni MT/BT sul territorio Italiano), emerge la difficoltà
di poter sostenere i costi necessari alla costruzione ed il mantenimento di una infrastruttura di
telecomunicazione propria.
54
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Appare pertanto necessario rivolgersi al mercato dei servizi di connettività, orientandosi
verso quelli wireless, che consentono una più agevole capacità di penetrazione sul territorio, con
costi inferiori sicuramente a quelli di connettività wired.
A tale specifico riguardo, nel settore delle Smart Grid, gli operatori delle utilities hanno
evidenziato che la scelta del 4G, come tipo di connettività wireless, è sostanzialmente una scelta
obbligata, nell’attesa per motivi tecnici (33). Tuttavia, si osserva che i sistemi 4G non sono allo
stato specificatamente progettati né regolamentati per le esigenze della community M2M. Di
conseguenza, un operatore impegnato nel settore elettrico, scegliendo di utilizzare le infrastrutture
pubbliche di accesso 4G messe a disposizione dei carrier, deve confrontarsi con:
 le problematiche del digital divide (la copertura 4G è spesso assente nelle aree rurali dove
è più alta la concentrazione di produzione da fonti rinnovabili, per quanto essa stia
rapidamente incrementando);
 l’assenza di SLA e, più in generale, di "profili di consumo" adatti dal punto di vista tecnico
ed economico alle esigenze delle applicazioni M2M per le smart grids; è particolarmente
importante la disponibilità dell’infrastruttura e dei relativi servizi anche a fronte di
disservizi elettrici estesi a vaste aree di territorio (autonomia delle stazioni base in assenza
di alimentazione elettrica).
4.2.2. Tematiche connesse al roaming
Il settore roaming ha registrato un ampio dibattito sulla questione del M2M e, in
particolare, in merito alla questione dell’applicabilità del Regolamento Europeo EU n. 531/2012,
detto “Roaming III”.
Anzitutto, appare utile richiamare le motivazioni che portano ad un ruolo tanto rilevante
affidato al roaming internazionale.
 Dimensione transnazionale del mercato M2M
Le parti interessate evidenziano la natura globale dei servizi M2M. Per quanto alcuni servizi
siano commercializzati a livello nazionale, una parte rilevante dei dispositivi viene offerta nel
mercato globale. Il roaming fornisce una soluzione pratica al modello detto "one-stop-shop" e
permette alla società di vendere i prodotti in tutto il mondo ("Build it once, sell it everywhere").
33
55
Per via dei requisiti di latenza richiesti che non sono supportati da tecnologie di connettività 3G o inferiore.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
 Complessità tecnica
Alcuni modelli M2M richiedono l’erogazione di servizi in modo coerente a livello mondiale,
tra cui la possibilità di rendere operative le risorse di produzione in modo centralizzato
(gestione ordini, provisioning, customer care, sicurezza informatica, fatturazione e reporting).
Un modello di distribuzione frammentata basato su SIM distribuite nei diversi paesi,
richiederebbe l’impiego di numerose interfacce di gestione con i diversi operatori con rilevante
complessità tecnica per il fornitore del servizio.
 Efficienza
L’ARPU ridotto richiede l’adozione di economie di scala. In quest’ottica i produttori dei
dispositivi terminali, nel tentativo di distribuire prodotti e servizi M2M su scala globale, non
possono permettersi di sviluppare contratti per la fornitura della connettività con ciascun paese
dove è prevista la vendita del prodotto, in quanto ciò determinerebbe costi di transazione per
la negoziazione di decine o centinaia di accordi individuali.
Inoltre, il produttore dovrebbe gestire delle SIM con un codice IMSI specifico per il Paese di
destinazione del dispositivo M2M. Ciò implicherebbe la gestione di scorte specifiche per paese
in ogni luogo di produzione, con conseguente aumento dei costi di gestione. Nei casi in cui i
dispositivi M2M utilizzano le numerazioni E.164, il costruttore dovrebbe disporre di numeri
E.164 specifici per ciascun paese in cui si cerca di distribuire i propri prodotti, aumentando
ulteriormente i costi.
 Time to market
La GSMA ha sviluppato una serie di linee guida per gli accordi di roaming tra operatori che
vengono utilizzati dagli oltre 800 operatori iscritti alla GSMA. Le linee guida contengono
termini comuni accettati dal settore e le condizioni per accelerare la negoziazione di accordi
di roaming. L’utilizzo degli accordi esistenti consente di ridurre il time-to-market dei
dispositivi M2M.
 Quadro normativo
Il M2M beneficia del regolamento (UE) n. 531/2012 e, in particolare, delle disposizioni
sull’accesso all’ingrosso regolamentato.
56
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Quasi tutti i soggetti interessati hanno fatto notare come l’applicazione del regolamento
comunitario in materia di roaming (34) costituisca un elemento di rilievo ai fini del M2M.
Anzitutto si rileva che, sul piano formale, sussiste incertezza in merito all’applicabilità del
Regolamento in quanto le finalità e le definizioni adottate si riferiscono chiaramente alle
persone che si muovono nello spazio europeo. Il Regolamento ha, infatti, l’obiettivo di
proteggere le persone che si muovono in Europa e risulta potenzialmente inadeguato per i
34
L’attuale quadro regolamentare comprende le seguenti fonti:
 Regolamento (UE) N. 531/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 13 giugno 2012 relativo al
roaming sulle reti pubbliche di comunicazioni mobili all’interno dell’Unione;
 Regolamento di Esecuzione (UE) N. 1203/2012 della Commissione del 14 dicembre 2012 sulla vendita
separata di servizi di roaming al dettaglio regolamentati all’interno dell’Unione;
 BEREC Guidelines on Roaming Regulation (EC) No 531/2012 (Excluding articles 3, 4 and 5 on
wholesale access and separate sale of services);
 BEREC Guidelines on the application of Article 3 of the Roaming Regulation – Wholesale Roaming
Access;
 BEREC Guidelines on the application of Article 4 and Article 5 - Separate sale of services.
Si aggiungono, inoltre, i seguenti documenti che definiscono gli aspetti tecnici della prestazione wholesale sia
per la modalità tecnica denominata “Single IMSI” che per il “Local Break Out” (LBO):
 ETSI, “EU Roaming regulation III, Structural Solutions, High Level Technical specifications”;
 ETSI, “EU Roaming regulation III, Structural Solutions, Process”;
 ETSI, “EU Roaming regulation III, Interface & Protocol, Detailed Technical specifications”.
Per brevità spesso ci si riferisce all’intero quadro regolamentare mediante il riferimento “Roaming III”.
Le problematiche maggiormente dibattute riferite al M2M riguardano: il bundle dei servizi roaming
regolamentati; l’obbligo al wholesale roaming access, i prezzi regolamentati, l’obbligo al decoupling, il
permanent roaming e sono di seguito sintetizzate
L’art. 3 del Regolamento (UE) N. 531/2012 disciplina l’accesso all’ingrosso al roaming (wholesale roaming
access). In merito alle possibili restrizioni dell’art. 3, il BEREC durante la procedura di consultazione svoltasi
nel 2012, aveva analizzato la fattispecie del M2M mediante uno specifico quesito. Il BEREC aveva quindi
concluso che il M2M non costituisce una caso particolare di esclusione degli obblighi e che il permanent roaming
risulta ammissibile ai sensi del quadro regolamentare. Ciò premesso, il dibattito sul permanent roaming sembra
recentemente ripreso in relazione agli obblighi di implementazione della eCall. Infatti, per quanto il servizio
eCall non richieda necessariamente il roaming, l’implementazione dei servizi premium (connessione a internet
per dare consigli in congestione del traffico, stazioni di benzina, ecc.), possono implicare che la maggior parte
delle auto saranno connesse in roaming permanente.
Le prospettive del draft di regolamentazione in materia di Telecom Single Market, non manifestano conflitti tra
le norme in vigore ed il quadro in discussione. In effetti, la presunzione è che l’obbligo di decoupling sia
implementato da tutti gli operatori e si applichi a tutti gli operatori (si fa riferimento all’art. 5 del Regolamento
(UE) N. 531/2012). Ciò premesso, uno degli ambiti di complessa interpretazione riguarda il cd. reasonable use
criteria, previsto per evitare distorsioni del mercato. Appare evidente che il permanent roaming, tipico in alcuni
contesti M2M, non possa rientrare nelle condizioni del reasonable use, cosicché la competizione infrastrutturale
del regolamento sembrerebbe destinata al M2M, mentre le utenze tradizionali potrebbero beneficiare del
meccanismo denominato roam-like-at-home.
Gli articoli 7, 9 e 12 del Regolamento (UE) N. 531/2012 disciplinano, invece, le soglie massime di prezzo
applicate all’ingrosso, mentre gli art. 8, 10 e 13 riportano i prezzi al dettaglio.
Premesso che il Regolamento stabilisce le tariffe massime di voce, SMS e dati (i c.d. price CAP), si osserva che
il M2M sembra caratterizzarsi per profili di consumo medi di traffico significativamente più modesti – perlomeno
in talune applicazioni – rispetto al traffico normalmente generato dai restanti terminali (“person”) e pertanto
potrebbe non essere valutato coerentemente nei modelli di costo presi a riferimento per la fissazione dei price
CAP regolamentati.
57
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
servizi M2M, i quali sono spesso immobili, sono permanentemente in roaming, utilizzano
offerte di connettività del mercato business, mostrano profili di traffico notevolmente differenti
rispetto a quelli prodotti dai terminali convenzionali. Inoltre, trattandosi di un mercato dalle
dimensioni globali, nonostante il Regolamento obblighi la limitazione dei prezzi per il
wholesale roaming access entro perimetro EU, nella pratica, i CAP regolamentati influenzano
anche i rapporti commerciali pan-europei, in quanto i paesi extra EU possono accedere ai
prezzi regolamentati, mentre non si verifica la condizione simmetrica. In altri termini, secondo
una prospettiva globale, il Regolamento costituisce, de facto, un ostacolo alla competitività
globale degli operatori, limitando la capacità contrattuale degli operatori EU nei confronti della
controparte extra EU.
Nonostante le definizioni e le considerazioni appena sollevate, a livello europeo appare
convergente la scelta di applicare il Regolamento anche nel caso del M2M. Di conseguenza,
alle SIM del M2M si applicano gli articoli n. 7, 9 e 12 del regolamento (UE) n. 531/2012 che
regolano le soglie di prezzo massimo applicato alle tariffe all’ingrosso, nonché gli articoli n.
8, 10 e 13 che regolano i prezzi di vendita al dettaglio stabilendo le soglie massime (CAP),
nonché l’art.3 che obbliga le infrastrutture mobili nazionali a sottoscrivere accordi di roaming.
Secondo taluni operatori mobili, il M2M si caratterizza per la sua capacità di impegnare
in modo apprezzabile la rete (generando traffico di segnalazione), senza invece generare un traffico
fatturabile (traffico di voce, sms e dati). In prospettiva, una massiva diffusione del M2M
produrrebbe significative quote di traffico di segnalazione con conseguenti necessità di
ridimensionamento delle risorse dedicate (Control Channel, Random Access Channel
Congestions, ecc.). Il Regolamento, in sede della sua concreta attuazione, dovrebbe tener conto
della natura emergente e le specificità dei servizi M2M e, in particolare, del fatto che una rilevante
quantità di servizi M2M basata su SIM sviluppa volumi di traffico prossimi a zero, con la
conseguente impossibilità di fatturazione, per cui i ricavi wholesale corrispondenti sono
insufficienti a garantire la copertura dei costi. In questa prospettiva, la regolazione tariffaria a
livello europeo dovrebbe prevedere un margine di remunerazione addizionale per consentire la
copertura dei costi connessi al traffico di segnalazione.
Il Permanent Roaming (cd. PR) costituisce uno degli argomenti evidenziati di frequente
dai soggetti intervenuti. Da un lato viene fatto osservare che:
58
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
 il PR è un key enabler nel caso di prodotti globali (autovetture, dispositivi tipo Kindle,
TomTom, ecc.) in quanto consente delle efficienze produttive, nonché la riduzione del timeto-market;
 il PR è largamente utilizzato nel metering in quanto assicura parametri di qualità
(copertura) altrimenti non raggiungibili attraverso una sola rete nazionale;
 il PR consente l’accesso ai prezzi regolamentati.
Dall’altro lato, gli operatori segnalano i potenziali effetti distorsivi dovuti al Permanent
Roaming e, più in generale, l’impossibilità di produrre, attraverso la modalità nazionale, un’offerta
che possa competere con la soluzione roaming. Risulta pertanto auspicabile avviare una riflessione
sul regolamento e, in particolare, sull’ adeguamento del criterio basato sui CAP, con una
formulazione di obblighi più appropriati al caso del M2M. In via prospettica un‘evoluzione del
Regolamento potrebbe valutare le seguenti vie alternative:
 vietare il roaming permanente;
 regolare i prezzi per il M2M, ad es. attraverso l’istituzione di CAP specifici;
 lasciare la negoziazione al mercato, mantenendo eventualmente alcuni degli obblighi
attualmente esistenti con opportuna rimodulazione (obbligo alla negoziazione, prezzi equi
e ragionevoli, arbitraggio presso le NRA).
Le prime due ipotesi appaiono più complesse, mentre la terza risulta di più semplice
applicazione. In generale, i principi di base della normativa di roaming (obbligo all’accesso
wholesale) potrebbero essere mantenuti, ma il traffico M2M e il roaming permanente dovrebbero
piuttosto essere lasciati alle negoziazioni commerciali inserendo, eventualmente, protezioni per la
tutela dei piccoli operatori e, in particolare, dei virtuali (come ad es. l’utilizzo di prezzi equi e
ragionevoli). Nel caso in cui la proposta della Commissione venga adottata, si rendono necessari
alcuni chiarimenti per l’applicazione ai servizi M2M. I criteri che vanno sotto il nome di “Fair
Use Limits” sembrano insufficienti per risolvere le problematiche aperte dal M2M.
E’ stato segnalato che l’obbligo del wholesale roaming access, favorendo l’accesso alle
infrastrutture della rete visitata da parte del roaming service provider, da un lato agevola
l’implementazione della net neutrality (35), ma dall’altro può precludere l’efficacia delle politiche
35
59
Uguale trattamento a tutto il traffico.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
di gestione del traffico (36) attualmente considerate nel dibattito sul Telecom Single Market. Infatti,
l’obbligo wholesale di cui all’art. 3 del Regolamento (37), come chiarito dal BEREC (38), prevede
anche l’applicazione del principio di non discriminazione e di parità di trattamento interno esterno
(39).
Infine, un elemento di valutazione dovrebbe riguardare l’adozione del roaming nazionale
come soluzione tecnica per consentire parametri di copertura e disponibilità della rete complessivi,
che non sarebbero possibili senza il ricorso al roaming internazionale, ma divengono sempre più
un’esigenza della domanda M2M.
4.2.3. Risorse di numerazione
Il M2M realizzato nelle diverse tecnologie può utilizzare risorse di numerazione E.164
(numeri cellulari mobili), E.212 (numero identificativo della SIM), indirizzi IPv4 e indirizzi IPv6.
La larga diffusione dei dispositivi M2M può comportare l’esaurimento delle risorse E.164, E.212
e IPV4.
Occorre anzitutto premettere che la questione riguardante la disponibilità di risorse di
numerazione telefoniche è già stata analizzata attraverso uno specifico procedimento dell’Autorità
(40) ed è trattata anche dal CEPT (41).
Ad oggi la presunta scarsità di numeri E.164 non sembra costituire ostacolo o problema
da risolvere per lo sviluppo di M2M. Al contrario, nel breve e medio termine, le numerazioni E.164
ed E.212 sembrano essere la soluzione più impiegata per gli usi del M2M. In una prospettiva di
lungo termine, l’uso dell’IPv6 potrebbe diventare la soluzione migliore. Queste osservazioni,
tuttavia, non trovano il parere unanime di tutti gli interessati, specialmente di coloro che
36
37
38
39
40
41
60
Funzionalità per la sicurezza (ad es. il parental control o le prestazioni dedicate alla sicurezza), oppure le
funzionalità per consentire lo sviluppo di servizi specializzati a velocità maggiori mediante la prioritizzazione
del traffico.
In particolare, comma 3 e comma 5.
BEREC BOR (13)15 “Guidelines on the application of Article 3 of the Roaming Regulation – Wholesale
Roaming Access”, Guideline 21 e seg..
BEREC BOR (13)15, Guideline 23: “The specified minimum service levels should be at least as good as those
normally achieved by the MNO in respect of services provided to itself and should, in addition, be consistent
with best industry practice”.
Delibera n. 8/15/CIR, modifica ed integrazione del piano di numerazione nel settore delle comunicazioni
elettroniche di cui alla delibera n. 52/12/CIR e S.M.I.
La Conferenza Europea delle amministrazioni delle Poste e delle Telecomunicazioni.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
considerano improbabile l’impiego delle numerazioni telefoniche per i servizi IoT (42). In generale,
appare utile mettere in atto delle iniziative che favoriscano l’utilizzo del IPv6.
Come anticipato in premessa, però, una rapida e significativa penetrazione di servizi
M2M potrebbe portare all’esaurimento delle risorse di numerazione E.164 oggi utilizzate nella
telefonia cellulare. Per questa ragione, in alcuni Stati Membri gli operatori hanno chiesto
l’introduzione di una nuova numerazione destinata specificamente ai servizi M2M. Con
riferimento al caso italiano, il problema della eventuale scarsità di risorse di numerazione E.164
viene analizzata dall’Autorità, in attuazione delle raccomandazioni predisposte dal CEPT
(raccomandazione (11)03).
L’attuale normativa nazionale di alcuni paesi non permette ai fornitori di servizi M2M di
essere assegnati del c.d. MNC (43), con potenziale ostacolo per lo sviluppo della concorrenza. Su
questo tema il CEPT ha proposto di rendere meno stringenti i vincoli che devono essere soddisfatti
dagli operatori/società che chiedono l’assegnazione. In questo caso, tuttavia, anche le numerazioni
E.212 potrebbero scarseggiare (quantomeno in prospettiva). Il problema è già stato affrontato dalla
CEPT, che raccomanda lo spostamento verso il 3-cifre comprese le multinazionali e globali MNC.
Sempre al fine di stimolare lo sviluppo della competizione, il CEPT ha fornito un contributo per
la revisione della raccomandazione E.212 emessa dal ITU-T (44).
Con riferimento all’assegnazione delle numerazioni MNC prospettata dal CEPT, si pone
in evidenza che i car makers e le utilities non si sono mostrate interessate ad acquisire tali risorse
di numerazione per supportare il proprio traffico M2M.
Un’attenzione particolare merita l’utilizzo extra territoriale dei numeri telefonici. A
livello internazionale, alcuni soggetti hanno chiesto il permesso per l’utilizzo extra territoriale (al
di fuori dei confini nazionali) delle numerazioni E.164 e E.212 in caso di applicazioni M2M. In
quest’ambito, si osserva come il significativo impiego del roaming internazionale per le
42
43
44
61
Quest’ultima interpretazione trova riscontro anche in analoghi lavori svolti in ambito europeo (ad es. OFCOM,
“Promoting investment and innovation in the Internet of Things”, par. 1.4.3).
Il MNC – Mobile Network Code, è una contenuto nel numero IMSI (International Mobile Subscriber Identity).
L’IMSI è numero identificativo memorizzato nella SIM dell’utente, che tuttavia non corrisponde col numero di
telefono noto all’utente. Il numero IMSI è conforme agli standard di numerazione ITU E.212 e,
conseguentemente, è formato da 15 cifre. Alcune di queste, denominate MNC, sono utilizzate per identificare la
rete.
ITU-T è acronimo di International Telecommunication Union – Telecommunication Standardization Bureau,
ovvero è il settore dell’Unione internazionale delle telecomunicazioni (ITU) che si occupa di regolare le
telecomunicazioni telefoniche e telegrafiche.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
applicazioni nazionali (permanent roaming), comporti l’impiego di risorse di numerazione estere,
sia telefoniche che indirizzi IP.
I contributi pervenuti da parte dei soggetti interessati alla presente indagine conoscitiva,
evidenziano un significativo interesse da parte dei Paesi del nord Europa e USA all’uso extra
territoriale delle risorse di numerazione. Al momento, l’operatore mobile è obbligato a consentire
l’accesso alla propria infrastruttura da parte dei terminali con numerazione estera (roaming
internazionale) per via degli obblighi previsti nel Regolamento comunitario. Per questa ragione,
potrebbe essere sensibile la presenza di numeri stranieri (EU ed extra EU) in Italia. Non sono
disponibili evidenze quantitative in merito. Appare invece meno argomentato da parte dei soggetti
intervenuti il fenomeno inverso, ossia l’uso delle risorse di numerazione italiane all’estero: Non
sono disponibili evidenze quantitative in merito. Iniziative regolamentari andranno avviate nel
caso in cui occorra armonizzare l’utilizzo extra-territoriale delle numerazioni nazionali.
Nel contesto dell’indagine conoscitiva, sono emerse da parte degli operatori, delle
segnalazioni riguardanti l’utilizzo da parte degli Over The Top, del numero telefonico degli utenti
ai fini dell’identificazione del terminale (45). In particolare, secondo gli interessati, tale pratica non
sarebbe del tutto conforme con quanto previsto dalla regolamentazione (46).
Alcuni soggetti intervenuti hanno evidenziato che l’emissione e l’utilizzo di SIM card
M2M non dovrebbe essere soggetta agli obblighi regolamentari sulle chiamate di emergenza, sulle
prestazioni di giustizia, sulla portabilità del numero, sul trasferimento del credito residuo, e in
45
46
62
Caso delle APP in cui i messaggi sono veicolati tramite Internet (dunque non attraverso il servizio telefonico) e
gli utenti sono identificati attraverso il numero telefonico individuale che viene comunicato dall’utente a
Platform Manager durante la fase di installazione dell’applicativo.
In particolare, nel corso delle audizioni, è stato segnalato che l’attuale prassi applicativa della definizione di
servizi di comunicazione elettronica rende possibile una situazione anomala dal punto di vista concorrenziale: in
Italia infatti sono presenti servizi offerti dagli OTT che si “surrogano” a servizi regolati senza necessità di
autorizzazione ex art. 25, e senza interoperabilità alcuna con i servizi regolati, in quanto non sono ricompresi
nella definizione suddetta. La mancata interoperabilità di tali servizi, che pure assicurano prestazioni di
messaggistica e comunicazione del tutto fungibili, sembra violare la normativa in materia di comunicazioni
elettroniche poiché viene comunque interessata come identificativo del destinatario e del mittente una
numerazione italiana. Qualora simili provider iniziassero ad erogare anche servizi M2M, in mancanza di analoga
possibilità competitiva per i provider nazionali, non sarebbe possibile lo sviluppo di servizi M2M interamente
italiani. Viene dunque richiesta, da parte di alcuni operatori, una chiara scelta regolatoria (o di semplificazione/
deregolamentazione) uniforme, applicabile a tutte le tipologie di servizi che assicurano la medesima tipologia di
comunicazione. Assume rilievo sul punto, la necessità di assicurare il paritario esercizio del diritto di accesso
alla rete ai fornitori di servizi M2M, anche attraverso il supporto dell’Autorità in sede di eventuali controversie
generate dal diniego di accesso da parte degli operatori infrastrutturati i quali utilizzino i bassi volumi dei servizi
M2M come pretesto per negare l’accesso e l’interconnessione. Al riguardo la comparazione dei volumi M2M
per SIM, rispetto a quelli presentati dalle SIM M2M dell’operatore cui si chiede l’accesso, potrebbe essere un
utile criterio di analisi.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
generale anche alle restrizioni imposte dal piano di numerazione nazionale (tali prestazioni
dovrebbero essere facoltative) (47).
Con riferimento al contesti IP, la struttura di indirizzamento IPv4, fornisce un numero
sufficiente di indirizzi pubblicamente instradabili. D’altro canto la migrazione ad IPv6
consentirebbe l’accesso ai dispositivi M2M dalla rete pubblica e la diretta indubitabilità dei
medesimi.
Per comprendere l’importanza della diffusione del IPv6, è utile osservare che nel caso del
metering, la connessione è realizzata attraverso dei concentratori, cosicché le numerazioni non
sono assegnate ai dispositivi terminali (salvo il caso del modello point-to-point del gas). In questo
modo, le risorse di numerazione vengono utilizzate in modo più efficiente, ma i dispositivi M2M
non sono direttamente indirizzabili dalla rete, limitando la possibilità di sviluppare i servizi. In
altri termini, in caso di utilizzo di concentratore/router, queste applicazioni, il numero telefonico
o l’indirizzo IP non sono impiegati per identificare univocamente il dispositivo M2M terminale.
4.2.4. Connettività globale e cambio del fornitore di connettività
Il modello di connettività alla base dei servizi M2M è risultato molto spesso differente
rispetto a quello relativo alle tradizionali applicazioni di trasmissione dati del mondo Internet. I
servizi M2M esprimono esigenze differenti riconducibili a due caratteristiche peculiari: una
connessione sempre disponibile ed ubiqua.
Relativamente alle reti mobili, si registra il frequente ricorso a SIM estere in roaming per
poter beneficiare da un lato degli accordi con tutti gli operatori e dall’altro della regolazione
europea sui prezzi massimi applicabili. Le esigenze di copertura, infatti, non coincidono con quelle
richieste dai servizi tradizionali a livello nazionale e a livello europeo. Come effetto della
dimensione transnazionale dei mercati del M2M rilevanti, si stanno sviluppando alcune alleanze
internazionali tra gli operatori mobili principali. Ciascuna alleanza sta sviluppando tecnologie
specifiche per la riconfigurazione da remoto delle SIM.
47
63
Sono però distinti i servizi di Smart metering, Building Automation, ecc., rispetto ai quali, secondo il parere di
un operatore, la disciplina dovrebbe prevedere una distinzione, ossia applicare le disposizioni relative al
trattamento dei dati personali relative alla specifica tipologia del dato coinvolto. Dalla distinzione dei servizi
(rispetto a quelli generici M2M), deriverebbe una importante considerazione sulla necessità di identificazione
dell’utente del servizio Machine to Machine: il soggetto che dovrebbe eventualmente esser identificato per le
finalità della erogazione del servizio non è il cliente finale, bensì quello che realizza il servizio stesso per la
rivendita al cliente finale.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Il mercato della connettività che ne deriva sembra essere, allo stato, sviluppato da pochi
grandi operatori che, aggregando le diverse infrastrutture nazionali attraverso gli accordi di
roaming (talvolta specializzati per il M2M), offrono servizi di connettività globale. Si manifestano,
pertanto, rischi di market preemption, technology lock-in, nonché di restrizioni della concorrenza
attraverso l’applicazione di sconti esclusivi e/o la commercializzazione di prodotti/servizi
specializzati tra gli operatori aderenti all’alleanza. Tale circostanza pone diverse difficoltà di
entrata nel mercato per gli operatori nazionali (più piccoli nella competizione globale). Appare
pertanto centrale valutare la possibilità di agevolare, anche con misure regolamentari, l’accesso
alle infrastrutture mobili ed il cambio del fornitore di connettività da parte dell’utente.
Tali misure dovranno essere valutate anche alla luce della nuova regolamentazione in
materia di Telecom Single Market (TSM) e/o Digital Single Market che, favorendo il mercato
unico, avrà probabili effetti anche sullo sviluppo del M2M/IoT. Ad oggi non sono ancora chiare
le strategie che si potranno mettere in atto per il cambio del fornitore e che potrebbero prevedere:
a) l’impiego di soluzioni nazionali coordinate, ad es. attraverso la numerazione; b) l’adozione di
un modello unificato nell’ambito di un Regolamento comunitario; c) nessun intervento.
La possibilità di cambiare il fornitore di connettività costituisce un potenziale obiettivo
in quanto, come noto, il cambio dell’operatore abilita la competizione delle offerte e dei prezzi.
Il M2M può trarre beneficio dalla regolamentazione sulla portabilità del numero mobile
o, teoricamente, dalla competizione infrastrutturale introdotta dal regolamento roaming. Per questo
secondo caso, al momento, non risultano disponibili in Italia, Alternative Roaming Providers. Sia
nel caso di utilizzo della portabilità del numero, sia con la soluzione dell’Alternative Roaming
Provider, l’operatore alternativo deve essere posizionato nel paese dove è assegnato il numero.
Questa limitazione potrebbe risultare particolarmente gravosa, specialmente nel caso di merci
importate, poiché gli operatori nazionali (possessori dell’infrastruttura) potrebbero essere
impossibilitati a competere nel mercato globale.
L’utilizzo delle eSIM appare un naturale punto di approdo, ma non esiste ancora uno
standard consolidato e vi sono posizioni distinte all’interno dell’industry. Non è neppure certo che
le iniziative di standardizzazione in corso pervengano a soluzioni condivise, ad esempio, a causa
degli interessi degli operatori da un lato e dei device makers dall’altro.
Nel caso di player M2M con rilevante capacità commerciale (ad es. produttori di
autovetture), le soluzioni tipo eSIM o SIM multi-profilo sono già operative. In altri termini, questi
grossi player non lamentano difficoltà al riguardo del cambio di fornitore di connettività.
64
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Si intuisce, invece, come tale problematica possa risultare determinante nel caso di player
di media e piccola dimensione. In tale prospettiva, sarebbe opportuno tenere in considerazione le
disomogeneità in termini di potere contrattuale da parte dei players che si troveranno a
sottoscrivere un accordo con un soggetto fornitore di connettività nell’ambito del mercato dei
M2M.
Diversi soggetti hanno sottolineato che la sostituzione fisica della scheda SIM determina
un costo proibitivo e si rivela un ostacolo alla concorrenza. Diversi operatori hanno evidenziato
che la regolamentazione dovrebbero favorire l’adozione di SIM configurabili da remoto attraverso
la tecnologia OTA (Over The Air). In tal modo, la sostituzione fisica della SIM può essere evitata
facilitando la sostituzione dell’operatore. Esempi di tali SIM sono la c.d. SIM “embedded” (ESIM) e la soft-SIM:
 la E-SIM è definita dalla GSMA nel documento “The Embedded SIM Architecture” come
“SIM card” che fisicamente inclusa nel dispositivo, il cui profilo (incluso il numero IMSI)
può essere modificato da remoto;
 la Soft-SIM consiste nella realizzazione virtuale della SIM attraverso il software di Sistema
del modulo M2M. In questo caso, non è previsto un modulo fisico (ossia un chip) e le
funzionalità sono realizzate attraverso gli altri elementi del dispositivo elettronico M2M
(ad es. il processore centrale).
Entrambe le soluzioni consentirebbero la soluzione del problema di lock-in, in quanto in
entrambi i casi il profilo utente e il numero IMSI possono essere configurati con la tecnologia OTA
senza la necessità di sostituire la SIM. La soluzione favorita dagli operatori sembrerebbe tuttavia
la E-SIM in quanto la Soft-SIM potrebbe determinare problemi di sicurezza. Occorre infatti notare
che la SIM è l’elemento chiave per autenticazione dell’utente ed è centrale per il processo
fatturazione di qualsiasi operatore di telefonia mobile. Inoltre, la "SIM integrata" (saldata nel
modulo M2M) determina pure un minor rischio di pirateria.
La e-SIM supporta diversi modelli di business: può essere utilizzata con la SIM globale
(vale a dire un IMSI che funziona in tutto il mondo sulla base di roaming) o un “locale” IMSI
(programmato a seconda del paese di origine del dispositivo, ma richiede anche singoli accordi
locali per paese di roaming). E’ importante notare che probabilmente un modello business unico
non sarà in grado di soddisfare le esigenze di tutti gli stakeholders (distributori di dispositivi,
integratori di sistemi, o altri operatori del mercato). Così, mentre l’e-SIM può abilitare nuovi
modelli di business, non dovrebbero verificarsi dei condizionamenti per gli stessi in relazione alla
65
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
SIM. In questo senso, è opportuno evidenziare che la l’e-SIM non consente adeguata flessibilità
verso il produttore di dispositivi che intenda sviluppare direttamente accordi di roaming con
almeno un MNO in ogni paese in cui si intende offrire il servizio. Al contrario, il modello di SIM
globale (cioè la capacità di utilizzare un singolo IMSI in più paesi) sembra offrire una soluzione
più efficace (nei confronti di questo problema), in quanto consente la distribuzione multi-paese di
dispositivi M2M.
4.2.5. Profili di servizio specifici per il M2M
L’assenza di SLA, e più in generale, di “profili di consumo” adatti dal punto di vista
tecnico ed economico alle esigenze delle applicazioni M2M per le smart grids, costituisce un
possibile problema.
In quest’ambito occorre, secondo alcuni interlocutori, rendere possibile la disponibilità
dell’infrastruttura e dei relativi servizi anche nel caso in cui si verifichino disservizi elettrici estesi
a vaste aree di territorio.
Talune applicazioni risultano condizionate dall’autonomia di funzionamento delle
stazioni radio base (in assenza di alimentazione elettrica).
4.2.6. Sicurezza
La protezione della comunicazione M2M dovrebbe essere di un livello idoneo in funzione
della diversa tipologia dei servizi a cui tale comunicazione può essere dedicata o della tratta che si
sta proteggendo (nel caso del M2M possono essere trasferiti dati ritenuti sensibili in quanto di
proprietà di terze parti).
Occorre evitare regolamentazioni che pretendano livelli di sicurezza tecnologicamente
non applicabili o, se applicabili, a costi assolutamente non sostenibili.
Di rilievo sono i suggerimenti emersi dall’analisi del settore energetico. Le esperienze di
smart metering inducono comunque a considerazioni sulla opportunità che gli utilizzatori dei
servizi M2M debbano disporre della flessibilità necessaria per definire le parti specifiche di
sicurezza e dei controlli della privacy, adattando in modo più efficace la portata e il livello di sforzo
richiesto per una sicurezza mirata, sulla base della conoscenza delle vulnerabilità, delle minacce e
dell’esperienza maturata, non penalizzando l’efficienza del sistema di comunicazione, come, ad
esempio, con l’insorgenza di DoS (Denial of Service) non intenzionali.
66
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
4.2.7. Sulla realizzazione della nuove infrastrutture e il riutilizzo delle
infrastrutture esistenti
Uno degli argomenti emersi in sede di analisi ha riguardato l’identificazione dei campi di
applicazione del M2M rispetto ai quali la rete di telecomunicazioni potrebbe costituire una
essential facility. In questo senso, nel dibattito in corso sembra delinearsi la circostanza secondo
cui le comunicazioni elettroniche costituiscano un fattore abilitante per lo sviluppo delle smart
grids.
Partendo da una valutazione squisitamente tecnica, la progressiva diffusione di dispositivi
per la generazione distribuita (come pannelli solari, sistemi eolici, ecc.) alimenta i rischi di
sovraccarico della rete elettrica, generando possibili fenomeni di black out sulla rete stessa.
Sebbene le Istituzioni comunitarie e nazionali abbiano evidenziato la rilevanza economica degli
investimenti per la realizzazione delle smart grids, è pur vero che la prospettiva di uno sviluppo
del sistema energetico in questa direzione si pone come un ostacolo rispetto al perseguimento
dell’interesse pubblico. In tal senso, considerato il valore del servizio di fornitura di energia
elettrica in maniera ubiqua e continuativa alla cittadinanza, dovrebbe valere indubbiamente la
definizione di servizio di interesse economico generale (SIEG) in merito ad esso. D’altro canto,
l’assenza di un sistema di controllo generale della rete elettrica per minimizzare i casi di disservizio
della rete stessa potrebbe essere risolta interconnettendo i nodi di gestione attraverso sistemi di
comunicazione elettronica. Da questa considerazione deriva la valenza dei dispositivi di
comunicazione elettronica per garantire la fornitura del SIEG.
Alla luce delle evidenze tecniche emerse, nel corso dell’indagine conoscitiva si è posto il
quesito se ed in che misura sia opportuno integrare la disciplina degli obblighi regolamentari in
materia di accesso all’infrastruttura/elementi, di rete in atto per il settore delle comunicazioni
elettroniche, con quella vigente in materia di SIEG ed applicata ai servizi di fornitura di energia
elettrica. (48)
48
67
La teoria economica definisce con l’espressione essential facility un istituto giuridico con cui si impone un
obbligo in capo al proprietario di una risorsa in base al quale egli sarà chiamato a concederne l’utilizzo a terzi al
sussistere di determinate condizioni: 1. la risorsa deve essere essenziale per lo svolgimento di un'attività da parte
del soggetto richiedente; 2. la risorsa deve essere insostituibile e materialmente accessibile da parte del
richiedente; 3. non devono sussistere obiettive ragioni che giustifichino un rifiuto da parte del soggetto titolare
della risorsa.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
La questione, finalizzata a comprendere se sia lecito imporre degli obblighi di accesso
alla rete di telecomunicazioni in casi eccezionali e al fine di tutelare l’interesse collettivo, esula
tuttavia dalle finalità dell’indagine conoscitiva (si riporta per completezza in quanto tale aspetto è
stato posto durante le audizioni).
4.2.8. L’allocazione delle responsabilità tra i soggetti coinvolti nella
fornitura del servizio M2M
L’allocazione delle responsabilità tra gli operatori di telecomunicazioni al verificarsi di
un disservizio nei confronti dell’utente finale costituisce una questione che, al giorno d’oggi,
produce un dibattito. La questione coinvolge l’ambito del M2M in cui, considerate le tipicità della
materia esaminata ed i ritmi evolutivi di questo mercato, si nota un crescente interesse verso questo
tema.
Entrando nel dettaglio, in riferimento alle applicazioni dei sistemi di sicurezza dove è
richiesta la connessione alla rete pubblica, è stato posto il quesito di chi sia la responsabilità per il
mancato allarme (o, in generale, per il disservizio), quando l’anomalia è determinata
all’indisponibilità della rete. La crescente diffusione delle comunicazioni M2M nel segmento della
sicurezza (ad es. allarmi per lo svuotamento degli stadi, sensistica sulle infrastrutture, antifurti,
sistemi di allarme sugli ascensori, sensori ad uso medico, ecc.) rende estremamente attuale la
questione e può quindi giustificare lo svolgimento di un approfondimento d’indagine.
68
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
4.3.
Servizio offerto all’utente finale
4.3.1. Regime autorizzatorio
Come detto a proposito del ruolo della regolamentazione, le sfide legali e regolamentari
presentate dalle comunicazioni M2M e dall’IoT hanno attratto con forza l’attenzione dei
regolatori, che negli ultimi mesi si sono trovati a discutere dell’opportunità di aprire una nuova
frontiera della regolamentazione, specificamente pensata per le comunicazione tra macchine o tra
macchine e persone, quando queste ultime hanno un intervento molto limitato.
In attesa che questo interrogativo trovi una risposta, tuttavia, tra gli organismi deputati a
garantire la regolamentazione del settore delle comunicazioni elettroniche, si va affermando la
convinzione che almeno alcune delle problematiche determinate da questo nuovo tipo di
comunicazione possano essere risolte anche sulla scorta del quadro regolamentare vigente. Questa
considerazione vale sicuramente per la problematica concernente l’applicabilità o meno delle
previsioni della Direttiva europea (e della sua trasposizione nel territorio nazionale) in materia di
autorizzazione generale al contesto del M2M.
Anzitutto, con specifico riferimento alla connettività M2M, in tutti i casi in cui l’operatore
interessato utilizza risorse di numerazione o spettro licenziato, risulterà certamente necessaria
l’autorizzazione. Ma a ben vedere, anche nei casi in cui non sono impiegate risorse di numerazione
e/o spettro licenziato, risulta agevole valutare la necessità del titolo autorizzatorio. E’ sufficiente,
infatti, rifarsi alla definizione di cui all’art. 2, lettera c), della Direttiva Quadro 2002/21/EC del 7
marzo 2002, come modificata dalla Direttiva 2009/140/EC e dal Regolamento 544/2009, a norma
del quale si definiscono “servizi di comunicazione elettronica” “i servizi forniti di norma a
pagamento consistenti esclusivamente o prevalentemente nella trasmissione di segnali su reti di
comunicazioni elettroniche”. Orbene, partendo dall’articolo 2 della Direttiva Quadro, si può
concludere che tutti i servizi M2M la cui caratteristica prevalente sia la trasmissione di segnali su
reti di comunicazione elettronica possono essere annoverati come servizi di comunicazione
elettronica.
Per quanto attiene ai profili autorizzatori, l’art. 3 della Direttiva “autorizzazioni”
2002/20/CE del 7 marzo 2002 dispone che “la fornitura di reti di comunicazione elettronica o di
servizi di comunicazione elettronica può, fatti salvi gli obblighi specifici di cui all'articolo 6,
paragrafo 2 o i diritti di uso di cui all'articolo 5, essere assoggettata soltanto ad un'autorizzazione
generale”. Come noto, 26 Stati Membri della UE su 28 adottano la procedura di autorizzazione
69
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
generale nei confronti dei fornitori di servizi di comunicazione elettronica, imponendo a questi
ultimi l’obbligo di notificare l’avvio della propria attività rilevante. Le uniche eccezioni sono la
Gran Bretagna e la Danimarca. Ne deriva che, negli Stati in cui la procedura autorizzatoria è in
uso, il soggetto che fornisce un servizio M2M identificato come servizio di comunicazioni
elettroniche ai sensi dell’art 2 della Direttiva Quadro può essere obbligato a notificate l’avvio della
propria attività.
Questa valutazione, in principio ineluttabile, diviene però più complessa se si esce
dall’ambito della connettività o se ci si chiede chi debba essere il destinatario dell’obbligo di
notifica. Ad esempio, nel caso di autovetture connesse, nelle quali il passeggero beneficia di un
servizio di telemetria o di un servizio assicurativo “pay-as-you-go”, parrebbe legittimo chiedersi
se siano le medesime autovetture a realizzare un servizio di comunicazione elettronica o meno.
Per chiarire meglio il concetto, il servizio di comunicazione elettronica all’interno di una
Connected Car è certamente presente e viene offerto dal fornitore dell’applicazione M2M che, ad
esempio, rileva i dati telemetrici o valuta l’utilizzo della vettura ai fini del pagamento della polizza
“pay-as-you-go”. Occorre chiedersi, tuttavia, se è ammissibile estendere questa considerazione al
produttore della macchina in cui è preinstallato il modulo di comunicazione che garantisce i servizi
menzionati. La domanda, in altri termini, è se il fatto di far giungere ad un utente un servizio M2M
chiaramente identificabile come servizio di comunicazione elettronica fornito da un soggetto terzo,
fa del produttore di macchine un fornitore di servizi di comunicazione elettronica a sua volta. Se
da un lato, infatti, il produttore della macchina può decidere di preinstallare il modulo M2M oppure
no, ed eventualmente anche di cambiare il fornitore di servizi, dall’altro lato egli fornisce un
prodotto al passeggero la cui funzione principale non ha nulla a che vedere con la fornitura di
servizi M2M e tantomeno con la fornitura di servizi di comunicazione elettronica. Questa ultima
considerazione appare decisiva e porta ad escludere l’applicabilità del regime autorizzatorio nei
confronti del produttore di macchine. Tuttavia, come è stato più volte ribadito nel presente
documento, i servizi e le applicazioni M2M differiscono fortemente le une dalle altre, ed è
impossibile stabilire a priori se le disposizioni della Direttiva sulle Autorizzazioni siano
generalmente applicabili all’intero fenomeno M2M oppure no.
In riferimento alla Direttiva Autorizzazioni è opportuno evidenziare che la Commissione
Europea, avviando il processo di revisione Telecom Single Market ha inteso superare gli ostacoli
regolamentari che ancora impedirebbero il pieno sfruttamento delle potenzialità economiche
derivanti dalla realizzazione di un mercato digitale europeo nel quale siano presenti grandi
operatori in grado di competere sulla scena globale. In particolare la Commissione ritiene che alla
70
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
base del ritardo dell’Europa rispetto ad altri contesti di mercato (quali ad esempio gli Stati Uniti
ed il Sud Est asiatico), soprattutto in termini di investimenti in infrastrutture fisse e mobili di terza
generazione, vi sia un insufficiente livello di coordinamento tra gli approcci regolamentari adottati
dalle ANR dei diversi stati membri. Questo si tradurrebbe in incertezze legali ed ostacoli
all’ingresso nei vari mercati nazionali da parte degli operatori interessati ad operare su scala
continentale e, di conseguenza, in una riduzione delle opportunità di business, con ripercussioni
negative sugli investimenti.
Nella proposta di Regolamento sono delineati i seguenti obiettivi: far sì che cittadini e
imprese possano accedere a servizi di comunicazione elettroniche ovunque siano questi forniti
nell’Unione, senza limiti da una frontiera all’altra o costi aggiuntivi ingiustificati; far sì che i
fornitori di accesso e servizi internet possano operare ovunque siano presenti loro o i loro utenti
all’interno dell’Unione. La Commissione delinea tre strumenti per perseguire i suddetti obiettivi:
rimuovere gli ostacoli non necessari nel regime autorizzatorio e nelle regole riguardanti la fornitura
del servizio, assicurare una maggiore armonizzazione della normativa all’interno dell’Unione, ed
infine armonizzare i livelli di tutela del consumatore. Solo così, a parere della Commissione, gli
operatori possono lavorare, con regole uniche, su tutto il territorio e non solo nel proprio Paese
d’origine.
In questa analisi, appare utile coordinare le motivazioni dichiarate dalla Commissione
Europea con alcuni elementi emersi in corso di audizione. I player del settore dell’energia, al
proposito, hanno evidenziato che i diversi regimi dovrebbero dipendere dall’utilizzo che si fa del
servizio, indipendentemente dalle tecnologie utilizzate. In particolare è stato evidenziato che i
servizi M2M utilizzati nella gestione delle infrastrutture critiche dovrebbero essere trattati a parte,
così come più in generale tutti i servizi che il legislatore potrebbe individuare come essenziali per
la gestione sicura ed efficiente di quei sistemi la cui indisponibilità potrebbe nuocere gravemente
al sistema paese.
E’ quindi ragionevole concludere che, in attesa di una generale riforma del quadro
giuridico e regolamentare europeo (e di conseguenza nazionale) che introduca previsioni
maggiormente adatte alle comunicazioni tra macchine, ai servizi M2M che “consistano
esclusivamente o prevalentemente nella trasmissione di segnali su reti di comunicazioni
elettroniche” possano astrattamente applicarsi anche le norme che attualmente governano il settore
delle comunicazioni elettroniche. L’applicazione concreta di tali norme sarà poi demandata alla
prudente valutazione della NRA, sulla base anche di criteri generalmente rilevanti quali la
71
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
rilevanza della connettività nel servizio offerto, l’impatto che il servizio potrebbe avere sulla
sicurezza della persona nonché la sua pubblica utilità.
Cionondimeno, come sovente accade nei casi in cui una definizione generica determina
interpretazioni anche molto diverse fra loro, la decisione circa l’applicabilità di quella definizione
generica alla fattispecie concreta spetta al soggetto cui è attribuito il potere di far applicare le
regole. In ambito nazionale e nel settore delle comunicazioni elettroniche tale potere è attribuito
al regolatore, fatta salva la possibilità di ricorrere in ultima istanza al giudice amministrativo.
4.3.2. Interoperabilità, interconnessione e cambio del fornitore di servizio
In analogia al paragrafo precedente ci si pone il problema dell’interoperabilità e
dell’interconnessione dei sistemi. Il codice delle Comunicazione Elettroniche pone grande rilievo
all’interoperabilità e all’interconnessione delle reti.
Al fine di perseguire l’interoperabilità e interconnessione è richiesta l’adozione di
standard tecnici comuni. L’indagine conoscitiva ha rilevato l’esistenza di molte soluzioni e di una
significativa frammentazione. Tale condizione è probabilmente collegata con la frammentazione
del sistema ICT pubblico e dal fatto che i data center della pubblica amministrazione, spesso, non
sono interoperabili.
Occorre preliminarmente rilevare che la frammentazione non costituisce necessariamente
una condizione di fallimento di mercato (semmai potrebbe costituire l’indicatore di una buona
competizione); d’altro canto l’azione pubblica finalizzata allo sviluppo di standard condivisi e
azioni mirate alla riduzione della frammentazione sono perseguibili nel caso in cui si ritenesse che
alla base del ritardo dell’Europa rispetto ad altri contesti di mercato (quali ad esempio gli Stati
Uniti ed il Sud Est asiatico), soprattutto in termini di investimenti in infrastrutture fisse e mobili
di terza generazione, vi sia un insufficiente livello di coordinamento tra gli approcci tecnologici e
regolamentari adottati dai diversi stati membri.
La questione del cambio del fornitore di connettività è discussa al paragrafo 4.2.4. In
questa sezione ci si chiede quali dovrebbero essere gli elementi per disciplinare il cambio del
fornitore del servizio.
Al momento non sono stati identificati dei servizi M2M/IoT dove sia applicabile il
concetto di cambio dell’operatore e non sono stati identificati elementi a supporto
dell’introduzione di nuovi obblighi. Nondimeno, sarebbe auspicabile che in un futuro trovino
diffusione servizi di rilevanza pubblica (ad esempio nel campo della eHealth, eLearning, ecc.) e
72
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
che, similmente al caso della telefonia, sia possibile beneficiare della possibilità di cambiare il
fornitore di servizi.
La realizzazione di questi scenari risulterebbe facilitata nel caso si garantisse un adeguato
coordinamento dell’Agenda Digitale Europea e delle analoghe iniziative nazionali. La possibilità
di cambiare operatore si potrà proporre in caso di affermazione di un mercato di servizi finali e in
caso di adozione di standard comuni, in analogia a quanto avviene con la telefonia vocale, sia nel
caso fisso che in quello mobile.
4.3.3. Security e Privacy
Dalle analisi effettuate emergono le potenzialità del M2M ed i benefici per la collettività
derivanti dalla implementazione di un sistema fondato sulle applicazioni M2M. Inoltre,
l’osservazione delle peculiarità economiche di questo mercato ha messo in mostra come gli utenti
che utilizzano le applicazioni M2M siano anche produttori di contenuti (essi generano dei
“personal data”): sebbene frequentemente gli utilizzatori di dispositivi non siano pienamente
consapevoli dell’entità del traffico di dati derivante dall’impiego delle applicazioni M2M, le
informazioni desumibili dal comportamento umano sono “pregiate” (basti ricordare che le
industrie hanno iniziato ad investire ingenti somme per la condivisione, l’elaborazione e
l’interpretazione dei dati generati dagli apparati M2M). Di conseguenza, l’analisi dell’impatto
delle nuove tecnologie sul benessere collettivo non può prescindere dalla quantificazione dei rischi
connessi alla disponibilità di una grossa mole di informazioni (come i componenti del nucleo
familiare, capacità di spesa, i km percorsi ecc.) da parte di esperti che il cui compito sarà proprio
quello di interpretare e rivendere i risultati delle proprie indagini.
Nel corso delle audizioni sono state individuate le seguenti questioni correlabili alla
diffusione delle comunicazioni M2M.
Anzitutto è stata sollevato il punto sulla proprietà delle informazioni: l’utente finale o il
“gestore” del dispositivo M2M? (49)
49
73
Di particolare rilievo il caso della SIM installata dai produttori di autovetture per il controllo delle prestazioni e
della manutenzione del veicolo. I dati generati, ad es., dal motore del veicolo sono di proprietà dell’azienda
costruttrice, del proprietario o dell’utilizzatore finale (che potrebbe non coincidere con il proprietario)?
In modo del tutto analogo, le misurazioni svolte da uno smart meter sono di proprietà dell’utente finale o della
utility che fornisce la prestazione?
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Di conseguenza è stata individuala la questione sulla privacy e sulla necessità di garantire
il corretto trattamento dei dati personali. Infatti, occorre preliminarmente osservare che i service
providers hanno accesso ai dati e possono raccoglierli nei propri database per poi impiegarli per
fornire il servizio, ma anche con finalità economiche non necessariamente riconducibili a quanto
strettamente necessario alla prestazione fornita all’utente. Secondo quanto appreso dalle
discussioni in ambito comunitario, la questione dovrebbe essere affrontata su più livelli, in quanto
richiederà innanzitutto di comprendere se sia possibile accedere alle informazioni circa i consumi,
le abitudini o la posizione geografica dell’utenza, anche senza che il consumatore ne sia a
conoscenza (o comunque, senza che ne di esplicitamente il consenso). La problematica appare
particolarmente rilevante nel caso del M2M, in ragione del fatto che l’utente potrebbe sottovalutare
la portata delle condizioni contrattuali ed i reali effetti rilascio del consenso al trattamento di dati
personali, in quanto inconsapevole della quantità di informazioni raccolte. D’altro canto, nel corso
delle audizioni alcuni hanno rivendicato la proprietà delle informazioni desumibili dall’impiego
dei dispositivi acquistate dagli utenti (precisando di essersi fatti carico delle spese per la
progettazione e produzione dei dispositivi, ragion per cui essi siano autorizzati a sfruttare
informazioni di carattere generale sulla funzionalità e per la misurazione delle prestazioni
conseguibili). Inoltre, la questione riguarda la localizzazione geografica in cui i dati e le
informazioni di ciascun individuo verranno memorizzati e i protocolli di sicurezza messi in atto
per preservare la riservatezza. In altri termini, la disponibilità di informazioni di fatto riservate si
integra con la questione della divulgazione e della catalogazione dei dati in aree territoriali in cui
l’utilizzo che se ne potrebbe fare risulterebbe certamente improprio.
Tutte le problematiche sopra citate appaiono particolarmente rilevanti se considerate in
riferimento al M2M in quanto, se un consumatore potrebbe non mostrare particolari perplessità
nel rilascio di informazioni mediante uno o pochi dispositivi, le previsioni di sviluppo del mercato
lascerebbero intendere che, nel prossimo futuro, si moltiplicheranno i dispositivi dai quali sarà
possibile raccogliere le informazioni sull’utente finale. In altri termini, il M2M intensifica gli
effetti derivanti da un quadro operativo già incerto, lo sviluppo di questo mercato farà crescere il
numero di dispositivi da cui raccogliere le informazioni senza che il consumatore sia correttamente
informato sulla mole di informazioni riguardanti la propria sfera personale che verranno rilasciate
attraverso le applicazioni M2M.
In merito alle questioni sopra menzionate, sono da tempo in discussione a livello
comunitario delle proposte per fornire delle risposte efficaci che, d’altra parte, non pregiudichino
l’innovatività del sistema e lo sviluppo di un settore che, come più volte evidenziato, assume una
74
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
particolare rilevanza e può produrre un impatto profondamente benefico per la collettività. Tra le
argomentazioni in esame, è stata innanzitutto prospettata l’adozione, a livello comunitario, di un
corpus di norme in materia di protezione dei dati: in questo modo, si ridurrebbero le inefficienze
connesse alle azioni individuali da parte di ciascuna azienda.
Inoltre, è in discussione la possibilità di introdurre delle soluzioni che facilitino l’accesso ai propri
dati personali consentendo maggiore flessibilità per il trasferimento dei dati da un fornitore di
servizi a un altro (diritto alla portabilità dei dati), il che comporterà un miglioramento della
concorrenza tra i servizi. Infine, occorre riconoscere il diritto di oblio, ossia la possibilità per
chiunque di cancellare i propri dati (qualora non sussistano motivi legittimi per mantenerli).
Gli interrogativi concernenti la security delle comunicazioni per il M2M sono spesso
ricondotti all’ambito applicativo, formulando dunque delle soluzioni idonee per i device di
comunicazione (le cui implicazioni rientrano quasi sempre nel perimetro dell’utilizzatore).
Quest’esigenza muove dal fatto che i servizi di comunicazione offerti dagli operatori di rete (come
gli SMS) sono strutturalmente carenti dal punto di vista della security e pertanto non possono
essere direttamente impiegati nelle applicazioni industriali in cui è richiesta affidabilità, integrità
e riservatezza dell’informazione veicolata. Nonostante ciò, appare necessario considerare
l’opportunità di predisporre servizi di connettività in grado di assicurare adeguati livelli di
sicurezza e privacy al fine favorire lo sviluppo delle applicazioni di interesse nazionale (50).
50
75
La rete utilizzata dall’ABI integra meccanismi di protezione. La posta PEC è più tutelata rispetto alla mail
tradizionale. La rete interpretatore GRX, utilizza meccanismi di protezione, ecc..
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
4.4.
I segmenti verticali
I paragrafi successivi sono dedicati alle applicazioni M2M di maggior rilievo dal punto
di vista economico e regolamentare.
4.4.1. Connected car
Le autovetture interconnesse e, più nel dettaglio, i dispositivi telematici per la sicurezza
installati nei veicoli, costituiscono un importante ambito di sviluppo del M2M. Rispetto a tali
applicazioni, da alcune stime si evince che nel 2017 vi saranno 140 milioni di dispositivi
interconnessi a livello globale ( 51 ). A livello europeo, uno dei principali driver di sviluppo è
conseguenza del Regolamento EU n. 305/2013 sulla eCall, il quale obbliga l’installazione di
dispositivi automatici per la generazione tempestiva della chiamata di emergenza, in caso di
collisione stradale. Il citato Regolamento prevede l’obbligo di installazione del dispositivo di
sicurezza su tutte le nuove autovetture e anche l’aggiornamento delle reti (per consentire la
localizzazione del mezzo). In questa prospettiva, appare evidente che la disponibilità di un
dispositivo terminale mobile in ciascuna vettura costituisce uno stimolo alla diffusione di servizi
a valore aggiunto (Value Added Services) che potrebbero essere attivati dall’utenza, eventualmente
a fronte della sottoscrizione del contratto con il service provider. Difatti, oltre alla eCall vi sono
ulteriori applicazioni M2M specifiche per il segmento automotive. Anzitutto, ci si riferisce alla
possibilità di impiegare i dispositivi M2M per tutte le attività riguardanti la gestione del mezzo
(come, ad esempio, gli applicativi predisposti dalla casa costruttrice per la manutenzione e quelli
predisposti dall’assicuratore per la limitazione delle frodi). In tal senso, è significativo il caso della
c.d. “scatola nera” (detta anche Check Box) che viene proposta ed installata da quasi tutte le
compagnie di assicurazioni. Dal punto di vista degli incentivi alla domanda, la scatola nera
consente di usufruire di uno sconto sulla RC auto, di conoscere la reale dinamica in caso di sinistro,
e di rintracciare il veicolo in caso di furto. Accanto alle fattispecie esaminate, l’applicazione dei
dispositivi M2M rispetto allo sviluppo delle Connected Cars deve essere analizzata anche in
merito ai Automotives Infotainment Systems, ossia alle applicazioni destinate all’intrattenimento e
al supporto della attività svolte a bordo (come i sistemi di navigazione satellitare. In definitiva, il
caso delle Connected Cars evidenzia in modo chiaro il ruolo della regolamentazione del M2M
nella creazione delle condizioni per lo sviluppo delle applicazioni cui i dispositivi M2M saranno
51
76
http://www.strategyanalytics.com/
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
destinati. Il tema della mobilità, insieme a quello della sicurezza, costituisce un elemento chiave
per la propulsione dei servizi M2M.
4.4.2. Smart metering
Lo Smart Metering ( 52 ) rappresenta una delle applicazioni di rilievo nel contesto del
M2M. Occorre anzitutto osservare che il sistema italiano di Smart Metering dell’energia elettrica
(di cui alla delibera n. 292/06 dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas e il sistema idrico)
costituisce una delle poche applicazioni europee con circa 33 milioni di dispositivi installati che si
interconnettono alla rete cellulare attraverso circa 400.000 concentratori dotati di SIM e installati
nei pressi dei trasformatori elettrici di Bassa Tensione.
Lo smart metering gas, il quale osserva uno sviluppo a ritmi sostenuti nel corso degli
ultimi anni (sebbene non sussista, allo stato attuale, un riferimento normativo ben preciso per la
sua implementazione), si sta orientando verso soluzioni di rete proprietarie per tutto il segmento
di rete di raccolta e concentrazione dei segnali di misura, cercando di predisporre sistemi che
assicurino il contenimento dei costi: in particolare, sono state scelte tecnologie trasmissive monoservizio punto-multi-punto W-MBUS nella banda a 169 MHz. Sebbene per la predisposizione del
sistema di smart metering gas venga attualmente impiegata una tecnologia punto-punto, è atteso
un grosso sviluppo con la soluzione multi-punto in W-MBUS. Per maggiori informazioni sulla
tecnologia W-MBUS si rimanda al paragrafo 3.1.4.
In riferimento al gas metering, un operatore mobile ha riferito di volere avviare una
sperimentazione per l’utilizzo della rete cellulare modificata (il cui standard è in corso di
predisposizione (53)) da proporre come alternativa alla soluzione W-MBUS. È utile precisare in
questo senso che, laddove si voglia implementare una soluzione alternativa al W-MBUS,
l’implementazione su larga scala dello smart metering si deve scontrare con le tecnologie e le
tariffe esistenti. In riferimento a ciò, si ritiene che, affinché venga assicurata la sostenibilità
economica degli investimenti, bisognerebbe accettare degli ARPU più bassi.
L’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico, con la deliberazione
393/2013/R/gas, ha avviato una sperimentazione di soluzioni smart metering multiservizio allo
scopo di verificare sul campo il grado di efficacia ed efficienza nella condivisione
52
53
77
Si veda, ad esempio, http://www.etsi.org/technologies-clusters/technologies/m2m.
Cfr. par. 3.1.1.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
dell’infrastruttura di comunicazione, altrimenti dedicata allo smart metering gas, con altri servizi
di pubblica utilità, anche non soggetti alla regolazione dell’Autorità ma inseriti in una logica smart
city.
In ambito Europeo
il servizio di Smart Metering
sta ponendo problematiche circa
l’assegnazione delle risorse di numerazione radiomobili e/o geografiche, ovvero di numerazione
specifica, e le modalità di applicazione delle regole vigenti per la concreta realizzazione della
portabilità del numero (per esempio problemi legati alla sostituzione,
fisica o virtuale, delle
schede SIM incorporate nei dispositivi M2M, in quanto il controllo sulle schede SIM potrebbe
costituire un elemento rilevante per lo sviluppo della concorrenza nel M2M, nonché per l’ingresso
sul mercato degli operatori più piccoli).
4.4.3. Smart grid
Le Smart Grid, ossia le reti elettriche intelligenti, permettono ai consumatori di diventare
partecipanti interattivi in una rete di distribuzione. Grazie a programmi di incentivi governativi e
la crescente domanda di energia rinnovabile e l’installazione di pannelli fotovoltaici e piccole
turbine eoliche sui tetti di case ed edifici, le Smart Grid rientrano nell’interesse comune
dell’Europa: con l’aiuto di reti elettriche intelligenti, i consumatori potrebbero utilizzare la loro
capacità di generazione interna e diventare partecipanti attivi nella catena di fornitura di energia.
Perché questo avvenga, i consumatori devono essere in grado di monitorare il loro
consumo di energia elettrica in tempo reale. I gestori di rete devono essere in grado, sulla base
della domanda, di adeguare l’offerta di energia elettrica, sia da impianti di potenza generazione
centralizzati, sia da un numero crescente di fonti distribuite di ridotte dimensioni.
La gestione della rete elettrica, per supportare le Smart Grid, richiede una maggior
capacità di veicolazione delle informazioni in quanto si rende necessario una gestione ottimizzata
e capillare delle risorse tramite sistemi di controllo in tempo reale. Le comunicazioni elettroniche
costituiscono uno degli elementi abilitanti per lo sviluppo delle Smart Grid; appare pertanto
rilevante individuare come si debbano realizzare i servizi di comunicazione, sulla base dei requisiti
tecnici che includono: le caratteristiche topologiche dei punti da collegare, l’eventuale presenza di
78
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
infrastrutture esistenti, i requisiti di qualità delle applicazioni Smart Grid, i costi (rispetto ai
benefici) (54).
Uno degli aspetti in esame compete la scelta di realizzare reti, dedicate oppure condivise,
al fine di avvantaggiarsi delle maggiori economicità che potrebbero determinarsi. A tal fine vanno
dunque esaminate le possibili “interazioni tra mondo Elettrico e mondo Telecom” considerato che:
 una parte dei costi degli operatori mobili è dovuta ai servizi di base di gestione di rete e in
alcuni casi soluzioni miste condivise/dedicate possono essere di interesse;
 alcuni operatori delle Comunicazioni Elettroniche possono essere interessati a fornire
piattaforme di sviluppo applicazioni per servizi Smart;
 sulle nuove installazioni di tratti di reti in Media Tensione/Bassa Tensione il costo
marginale della fibra è basso e può essere di interesse la condivisione di risorse d’accesso
con operatori Telecom (se l’area raggiunta è di interesse o se ci sono incentivi per il Digital
Divide).
4.4.4. Smart cities
Tra le applicazioni M2M potenzialmente assoggettabili ad obblighi regolamentari si
rileva, in particolare, il caso delle Smart City. Una città può essere classificata come Smart City se
gestisce in modo intelligente (“smart”, appunto) le attività economiche, la mobilità, le risorse
ambientali, le relazioni tra le persone, le politiche dell’abitare e il metodo di amministrazione. In
altre parole, una città può essere definita come smart quando gli investimenti in capitale umano e
sociale e nelle infrastrutture tradizionali (trasporti) e moderne (ICT) alimentano uno sviluppo
economico sostenibile ed una elevata qualità della vita, con una gestione saggia delle risorse
naturali, attraverso un metodo di governo partecipativo.
Le città intelligenti, o smart city, coniugano quindi in un unico modello urbano tutela
dell’ambiente, efficienza energetica e sostenibilità economica, con l’obiettivo di migliorare la
qualità della vita delle persone che vi abitano e creare nuovi servizi per i cittadini e per le Pubbliche
Amministrazioni.
La razionalizzazione dei consumi energetici, la produzione di energia da fonti energetiche
rinnovabili, la realizzazione di nuovi prodotti e servizi, nonché l’attivazione di nuove competenze
54
79
Presentazione del prof. Antonio Capone, al seminario organizzato dall’AEEG “I progetti Smart Grid promossi
dall’Autorità - Monitoraggio delle attività in corso e valutazione dei risultati intermedi”.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
scientifico-tecnologiche a livello locale, concorrono a creare un ecosistema urbano efficiente e
integrato.
L’argomento è di grande interesse, se si pensa che l’Europa ha previsto investimenti di
circa 11 miliardi di euro nei prossimi dieci anni per il progetto comunitario che incentiva le smart
city. Partendo da questa considerazione, le smart cities costituiscono un’opportunità per le telco.
Difatti, la possibilità di offrire dei servizi ad alto valore aggiunto e sfruttare le proprie competenze
tecniche assumendo la posizione di partner di progetto, piuttosto che limitando la propria offerta
alla pura connettività, consentirebbe agli operatori di incrementare i propri ricavi (visto che la pura
connettività consente margini sempre più ridotti).
Anche in questo caso, tuttavia, si pongono aspetti di rilievo regolamentare. In particolare,
tra le tematiche da affrontare vi sono l’interoperabilità e la sicurezza, nonché la frammentazione,
le quali divengono delle questioni di estrema rilevanza in vista della necessità di ricercare uno
standard comune (55).
55
80
Si considerino, ad esempio, le attività connesse alla standardizzazione
http://ec.europa.eu/digital-agenda/en/news/smart-apps-toolkit-connected-cities.
delle
Smart
Apps
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
5. Prospettive di intervento da parte dell’Autorità
Sulla base degli aspetti critici rilevati dall’indagine, sono state identificate alcune attività
che l’Autorità intende avviare, durante il 2015, per favorire lo sviluppo degli investimenti e delle
soluzioni M2M.
 Monitoraggio dei servizi e del mercato M2M
Dal momento che il M2M mostra profili non ancora completamente determinati a causa
dell’evoluzione dei modelli di business, delle scelte tecnologiche e degli effetti dovuti alla
regolamentazione, l’Autorità proseguirà il suo monitoraggio nell’ambito delle ordinarie
attività di vigilanza.
Monitoraggio dei servizi e del mercato M2M
Monitoraggio sui servizi e sul mercato M2M, con la finalità di:

sviluppare i Key Performance Indicator, per il monitoraggio di questo specifico
mercato;

svolgere, attraverso rilevazioni quantitative, l’analisi sulla diffusione dei servizi di
comunicazione M2M.
 Comitato permanente sul M2M
Con riferimento alle questioni ad impatto nazionale, nel corso delle interlocuzioni svolte
durante l’indagine conoscitiva, è emersa la necessità di creare un’occasione di confronto
costruttivo tra i soggetti che operano nello sviluppo dei c.d. settori verticali e gli operatori
specializzati nelle comunicazioni elettroniche tradizionali. Gran parte di questi ultimi sono
oggi marginalmente coinvolti nello sviluppo della catena del valore M2M e utilizzano modelli
di business ancora focalizzati sul c.d. rapporto B2B. I soggetti attivi nei segmenti verticali,
invece, hanno manifestato l’esigenza di un confronto con i soggetti detentori delle
infrastrutture e del know how in un’ottica collaborativa e di sviluppo anziché di cliente. Appare
dunque per l’autorità utile svolgere un ruolo di coordinamento per favorire lo sviluppo
sinergico delle iniziative mosse da parte pubblica e privata, con particolare focalizzazione alle
azioni che comportano riflessi regolamentari.
L’Autorità avvierà, pertanto, un Comitato permanente sul M2M in cui saranno coinvolti i
principali attori interessati (pubblici e privati) e, al fine di assicurare un maggiore
81
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
coordinamento dell’intervento pubblico, opererà anche per il tramiti di accordi bilaterali con
le altre Autorità di Settore e con gli altri Enti coinvolti nello sviluppo dei servizi M2M secondo
le esigenze richieste dai settori verticali.
Comitato permanente sul M2M
Il Comitato permanente sul M2M darà il luogo in cui favorire il coordinamento delle
iniziative di parte pubblica e privata, con particolare focalizzazione sulle azioni che
comportano riflessi regolamentari e competitivi del settore. Tale Comitato svolgerà un
ruolo attivo per il raggiungimento dei seguenti obiettivi:
 promozione dello sviluppo degli investimenti nelle infrastrutture di comunicazione
elettronica e dei servizi di comunicazione per il M2M;
 identificazione delle esigenze specifiche in tema di spettro radio, con particolare
riferimento alla tassonomia degli utilizzi e alla sostenibilità dei modelli economici;
 definizione delle forme appropriate per l’accesso alle infrastrutture di rete (ad es. il
wholesale roaming access nazionale) e promozione delle iniziative di soft regulation;
 sviluppo dei servizi di connettività confacenti le esigenze delle applicazioni M2M e,
conseguentemente, individuazione dei profili d’uso e dei livelli di qualità del servizio
(QoS) che devono trovare riscontro nelle offerte nazioni, sia a livello wholesale che
retail;
 indirizzamento delle questioni collegate alla migrazione IPv6;
 coordinamento dei temi relativi al M2M con le più generali iniziative promosse
dall’Agenda Digitale italiana;
 supporto alle attività dell’Autorità a livello Comunitario ed internazionale.
 Vigilanza sul mercato M2M
Appaiono rilevanti le indagini in termini di livello di competitività del mercato finalizzate ad
evitare i rischi prospettici di market preemption e technology lock-in, al fine di assicurare
un’adeguata tempestività della regolazione economica ex-ante. L’Autorità, in considerazione
del propri compiti istituzionali, intende proseguire l’attività di vigilanza, favorendo lo sviluppo
del mercato e la crescita degli operatori che attualmente sono più deboli nella competizione
globale, attraverso la promozione di un adeguato livello di competizione e di qualità dei
servizi.
82
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
 Iniziative per la tutela dell’utente finale
Onde assicurare un elevato livello di protezione dei consumatori nei loro rapporti con i
fornitori, appare utile la promozione di iniziative finalizzate ad assicurare una adeguata tutela,
inserendo le questioni del M2M nell’ambito degli impegni già perseguiti dall’Autorità.
Laddove emergano, nell’ambito del Comitato permanente sul M2M, aspetti relativi alla tutela
degli utenti, saranno attivati gli interventi istituzionali demandati alla competente Direzione
dell’Autorità.
83
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
6. Conclusioni
L’analisi ha evidenziato numerosi aspetti rilevanti ai fini di un intervento di revisione
regolamentare, raggruppabili nelle seguenti macro categorie (sviluppate nel seguito del capitolo):
 stato di sviluppo delle infrastrutture e dei servizi;
 regolamentazione della connettività;
 servizio finale;
 mercati verticali del M2M.
L’attività di revisione della regolamentazione dovrà essere modulata in relazione al
livello di diffusione dei servizi M2M che, al momento, mostrano apprezzabili valori di utilizzo e
significative tendenze di sviluppo. A tale riguardo, sono quindi individuate alcune iniziative che
l’Autorità intende svolgere, al fine di favorire lo sviluppo dei servizi M2M.
Stato di sviluppo delle infrastrutture e dei servizi
 Infrastrutture di rete
Le infrastrutture di rete pubblica attualmente disponibili appaiono parzialmente inadeguate ad
offrire connettività in relazione alle esigenze trasmissive specifiche dei servizi M2M, sia per
le loro caratteristiche tecniche sia per motivi economici (la diversa occupazione di banda –
tipica dei servizi M2M – richiederebbe modelli economici differenti rispetto a quelli utilizzati
per un uso massivo delle reti). Da un punto di vista tecnico, infatti, la diffusione su larga scala
della tecnologia M2M su reti tradizionali potrebbe generare fenomeni di congestione della rete
in ragione della capacità di segnalazione massima supportata (piuttosto che in termini di limiti
massimi di traffico supportato). Nel caso di servizi SIM based, ad es., il dimensionamento
delle reti 2G/3G è stato originariamente definito per assicurare il supporto di un numero di
terminali per persona residente relativamente ridotto (56) che, invece, nel caso del M2M potrà
raggiungere qualche decina di unità connessa per persona. In definitiva, una rete tradizionale
(ovvero, non sviluppata per il M2M, il quale è caratterizzato da flussi di traffico molto bassi,
ma molto diffusi) non è prospetticamente adeguata per fornire la connettività né agli utenti di
oggi, né ai destinatari della tecnologia M2M/IoT.
56
84
In Italia sono attive circa 90 mil.ni di SIM.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Queste criticità stanno spingendo i fornitori dei servizi M2M a realizzare reti di raccolta ed
architetture ad hoc che, in prima analisi, appaiono classificabili come reti private e quindi
sembrerebbero escluse dal perimetro di indagine. È evidente che tale soluzione sia poco
efficiente sul piano economico e sia riservata a grandi fornitori (ad es. gli operatori energetici
che ricevono anche incentivi economici per la realizzazione di tali reti private) creando un
modello non utilizzabile su larga scala, soprattutto per le applicazioni più commerciali.
Occorre, dunque interrogarsi sull’adeguatezza e l’opportunità dell’uso delle reti pubbliche per
veicolare i nuovi servizi, potendo in tal modo beneficiare di evidenti economie di scala e di
scopo, altrimenti assenti (a danno di tutto il sistema e dello sviluppo dei nuovi servizi). E’
quindi necessario valutare l’opportunità di interventi finalizzati ad offrire forme di accesso
simmetriche alle infrastrutture adatte (o adattate) ai nuovi servizi, laddove il mercato non
provveda spontaneamente in tal senso, ovvero valutare se gli strumenti alternativi di soft
regulation possano rivelarsi altrettanto efficaci.
Infine, con riferimento alla rete cellulare, sussiste l’esigenza di un coordinamento dei piani per
lo sviluppo della copertura LTE con gli investimenti sostenuti per le smart grids al fine di
permettere l’interconnessione degli impianti di generazione dell’energia elettrica ubicati in
zone rurali, dove tipicamente non sono previsti interventi da parte degli operatori mobili (ma
sono incentivati gli investimenti in smart grids).
 Tecnologie
Con riferimento alle tecnologie, sussiste una sensibile frammentazione delle soluzioni fino ad
oggi adottate per offrire il servizio finale all’utente. In assenza di standard adatti a tali scopi,
si stanno sviluppando soluzioni basate spesso su tecnologie proprietarie e ricorrendo a
modalità trasmissive non convenzionali (quali, a titolo di esempio, l’impiego del canale di
segnalazione per la trasmissione dei dati M2M) ( 57 ). Alcuni standard, per consentire
l’adattamento delle reti cellulari agli impieghi tipici del M2M, sono in corso di definizione (58)
e probabilmente influenzeranno lo sviluppo delle soluzioni M2M già a partire dal 2016.
57
58
85
È il caso dei servizi informativi offerti da Acotel.
Alcuni operatori – tra cui Vodafone e Telecom Italia - stanno spingendo, ad esempio, per il rilascio dello standard
“Cellular IoT” nel 2016, per poter usare le bande licenziate per la telefona mobile per i servizi tipici del M2M.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
 Servizi
L’erogazione dei servizi M2M prevede tipicamente, oltre alla connettività, la realizzazione di
una “piattaforma dei servizi” in grado di raccogliere i dati dai dispositivi connessi e distribuirli
al soggetto erogatore del servizio. Tali piattaforme M2M non sono ancora sviluppate se non
in forma proprietaria (59). Sono in corso iniziative di standardizzazione a livello ETSI (60) per
sviluppare soluzioni interoperabili. A tal proposito occorre riflettere sul possibile
coinvolgimento della regolamentazione ai fini dello sviluppo di tali piattaforme, per quanto
esse siano essenziali per lo sviluppo dei servizi M2M. Le Direttive europee vigenti non trattano
tali aspetti (sconosciuti al tempo della loro emanazione) e la stessa Agenda Digitale, pur
richiamando i servizi M2M non dà indicazioni in proposito.
Occorre, dunque, svolgere una riflessione sulla necessità/opportunità di un intervento pubblico
finalizzato a consentire lo sviluppo delle nuove piattaforme in un ambiente concorrenziale e
aperto. La chiarezza sul quadro regolamentare applicabile, che dia garanzie e stabilità agli
investitori (evitando impieghi inefficienti delle risorse disponibili), è condizione necessaria per
consentire lo sviluppo dei servizi M2M.
La regolamentazione della connettività
 M2M e cambiamento di paradigma economico per gli operatori
Uno degli aspetti rilevanti emersi nel corso dell’indagine è il ruolo ricoperto dagli operatori di
telecomunicazione (TLC). Il M2M sta determinando un c.d. “shift di paradigma”, portando
relazioni che tradizionalmente sono di tipo Business-to-Consumer (B2C) verso modelli
Business-to-Business (B2B) o, più tipicamente, Business-to-Business-to-Consumer (B2B2C).
In tali casi, gli operatori di TLC possono perdere la relazione diretta con l’utilizzatore finale,
59
60
86
Vodafone ha dichiarato di aver realizzato una piattaforma per i servizi M2M che viene gestita da Vodafone
Global Enterprise, cioè dalla propria divisione dedicata alle realtà multinazionali che garantisce presenza diretta
dei propri team commerciali in 32 Paesi distribuiti nei 5 continenti.
Telecom Italia, in modo analogo, mediante un’azienda appartenete al gruppo (Telecom Italia Digital Solutions)
sviluppa le soluzioni M2M, Internet of Things e il Cloud Computing sia in ambito domestico che internazionale.
In entrambi i casi citati (rappresentativi del contesto generale) è evidente l’impegno profuso dagli operatori,
nell’estendere l’offerta rispetto alla pura connettività che, allo stato, offre margini sempre più ridotti.
http://www.vodafone.it/portal/Aziende/Grandi-Aziende/Perche-Vodafone/operatore-globale-business
http://www.tidigitalsolutions.it/
L’Istituto Europeo per gli Standard nelle Telecomunicazioni, in inglese European Telecommunications
Standards Institute, acronimo ETSI, è un organismo internazionale, indipendente e senza fini di lucro ufficialmente responsabile della definizione e dell’emissione di standard nel campo delle telecomunicazioni in
Europa.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
che diventa invece prerogativa del “fornitore di servizi M2M” (61). Il ruolo dell’operatore di
TLC risulta quindi confinato ad offrire la connettività di base ai dispositivi (prevalentemente
tramite SIM di rete mobile) mentre sono diversi gli erogatori del servizio ( 62). I clienti dei
servizi di connettività M2M sono, dunque, i fornitori di servizi M2M (se non direttamente i
produttori di dispositivi M2M (63)), ma non il consumatore finale. Si osservi, a tal proposito,
che una parte considerevole dei servizi M2M oggi sviluppati sono offerti da fornitori globali,
soprattutto quando il servizio M2M è parte di un oggetto che dispone in modo nativo della
connessione (si pensi, ad es. ad un’autovettura di nuova generazione direttamente connessa
tramite una SIM di servizio al centro assistenza). In questi casi, l’utilizzatore del servizio di
connettività è spesso inconsapevole delle scelta del fornitore di rete operata dal soggetto che
offre il servizio M2M.
Il codice delle comunicazioni elettroniche (e le direttive EU del 2002 ( 64)) si sviluppa sul
tradizionale modello rete-servizio-utente e non chiarisce le problematiche derivanti dallo
sviluppo dei nuovi modelli di business, in cui si complicano i modelli contrattuali e appaiono
soggetti nuovi quali: i produttori di terminali intelligenti, i fornitori di servizi M2M, i fornitori
di app, ecc..
 Mercato della connettività
Il modello di connettività alla base dei servizi M2M è risultato molto spesso differente rispetto
a quello relativo alle tradizionali applicazioni di trasmissione dati del mondo Internet. I servizi
M2M esprimono esigenze differenti e riconducibili a due caratteristiche peculiari: una
connessione sempre disponibile ed ubiqua. Ciò comporta che per i servizi SIM based, si
registra il frequente ricorso a SIM estere in roaming permanente per poter beneficiare, da un
lato, degli accordi con tutti gli operatori, ottenendo la massima copertura disponibile sul
territorio e, dall’altro, della regolazione europea sui prezzi massimi applicabili. Le esigenze di
copertura infatti, non coincidono con quelle richieste dai servizi tradizionali a livello nazionale
e a livello europeo, in cui la massima estensione del servizio si ottiene con l’interoperabilità.
61
62
63
64
87
Nel corso delle audizioni è emerso che i servizi per i quali i consumatori sono coinvolti in prima persona
nell’acquisto di SIM M2M sono pochi e circostanziati (es. SIM card per allarme domestico e/o ascensori –
utilizzo peraltro spesso vietato dai termini e condizioni dei principali operatori di telefonia), e, pertanto,
l’Autorità dovrebbe considerare la prevalenza del B2B, nel compiere ogni valutazione.
Ad es. i servizi di monitoraggio del traffico di Octo Telematics.
Ad es. il lettore Kindle prodotto da Amazon viene venduto con una SIM embedded per scaricare gli e-book, di
cui l’utente non sostiene direttamente i costi di connettività (che vengono invece corrisposti da Amazon).
Si considerano anche gli emendamenti del Dicembre 2009 (c.d. “Telecom Package”).
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Come effetto della dimensione transnazionale dei mercati rilevanti del M2M, si stanno
sviluppando alcune alleanze internazionali tra i principali operatori mobili. Ciascuna alleanza
sta impiegando tecnologie specifiche per la riconfigurazione da remoto delle SIM.
Il mercato della connettività che ne deriva sembra essere, allo stato, sviluppato da pochi grandi
operatori che, aggregando le diverse infrastrutture nazionali attraverso gli accordi di roaming
(talvolta specializzati per il M2M), offrono servizi di connettività globale. Tale situazione può
portare rischi di market preemption e technology lock-in, nonché di restrizioni della
concorrenza attraverso l’applicazione di sconti esclusivi e/o la commercializzazione di
prodotti/servizi specializzati tra gli operatori aderenti all’alleanza, e può altresì causare diverse
difficoltà di entrata nel mercato per gli operatori nazionali che sono più deboli nella
competizione globale. Appare pertanto centrale valutare la possibilità di agevolare l’accesso
alle infrastrutture mobili ed il cambio del fornitore di connettività da parte dell’utente.
Tali misure dovranno essere valutate anche alla luce della nuova regolamentazione in materia
di Telecom Single Market (TSM) e/o Digital Single Market che, favorendo il mercato unico,
avrà probabili effetti anche sullo sviluppo del M2M/IoT. Ad oggi non sono ancora chiare le
strategie che si potranno mettere in atto per il cambio del fornitore e che potrebbero prevedere:
a) l’impiego di soluzioni nazionali coordinate, ad es. attraverso la numerazione, b) l’adozione
di un modello unificato nell’ambito di un Regolamento comunitario, c) nessun intervento.
 Spettro
Nel corso dell’indagine è emerso che i servizi M2M hanno caratteristiche peculiari rispetto alle
classiche applicazioni dati della tecnologia cellulare, richiedendo trasmissioni a banda stretta
(senza particolari necessità di velocità trasmissive) e con adeguati livelli di propagazione
indoor (caso degli smart meters del gas). Ne deriva la necessità di assicurare adeguate politiche
di assegnazione dello spettro radio, al fine di garantire la sostenibilità economica dei business
case del M2M, che sono caratterizzati da limitati valori di redditività per singola unità
connessa. Occorre dunque valutare la necessità di individuare bande di frequenze specifiche
per tali soluzioni (ad esempio, il 169MHZ proposto per i servizi di gas metering oppure i white
space) ovvero valutare le modalità con cui essi possano essere erogati sulle attuali frequenze
assegnate per i servizi di telefonia mobile.
Un ulteriore aspetto in evidenza riguarda l’attuale diffusione delle applicazioni M2M con
moduli 2G (diffusione dovuta al loro basso costo) che può costituire un problema per lo
spegnimento della rete GSM.
88
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
 Roaming Internazionale
Come già accennato, sul roaming internazionale attualmente si concentra una parte rilevante
del dibattito sul M2M (e anche del TSM) e, secondo alcuni studi ( 65 ), questo è l’ambito
regolamentare dove si rilevano le principali urgenze. Anzitutto sussiste un’incertezza
relativamente all’applicabilità del vigente Regolamento comunitario ai servizi M2M, in quanto
le attuali definizioni di roaming non sembrano compatibili con i servizi erogati, specialmente
nel caso di dispositivi “immobili”, per i quali costituisce ormai prassi comune, in Europa,
l’applicazione del citato regolamento.
Sulla questione dell’applicabilità dell’attuale regolamentazione del roaming a SIM
permanentemente localizzate in aree diverse da quelle dello Stato di appartenenza (permanent
roaming), vi è un ampio dibattito a livello europeo, che coinvolge direttamente anche alcuni
operatori italiani (66).
La disciplina del roaming permanente dovrebbe definire una serie di questioni quali, ad
esempio, l’individuazione dell’Autorità cui affidare la competenza giuridica/regolamentare e,
soprattutto, l’applicazione del sistema regolamentare nazionale (anche a tutela degli utenti)
che potrebbe essere parzialmente inapplicato. Sotto questo profilo, dal momento che il
roaming permanente viene spesso utilizzato unicamente per consentire una più agevole
configurazione dei dispositivi M2M e per assicurare un migliore livello di servizio, appare
possibile analizzare soluzioni alternative quali l’apertura del roaming nazionale (67).
D’altra parte, l’applicazione dei CAP wholesale anche al traffico M2M costituisce un ulteriore
problema, in quanto tale criterio di regolazione non assicura che vi sia, in tutte le circostanze
ed in considerazione delle caratteristiche tipiche del traffico M2M già descritte, la copertura
dei costi effettivamente sostenuti dall’infrastruttura ospitante. Nel caso in cui si applichino gli
obblighi relativi al wholesale roaming access di cui all’attuale Regolamento roaming (68), il
65
66
67
68
89
Machina Research, The Impact of Regulation on M2M and IoT – Ottobre 2014.
http://www.m2m-summit.com/files/matt_hatton_machina_research_m2m_iot_regulation.pdf
Il 74% del campione considerato da Machina Research ritiene che il permanent roaming, sotto il profilo
regolamentare, sia “Unclear/no regulation (probably permitted)”, mentre il 13% ritiene che sia permesso. Circa
il 10% del campione ritiene, invece, che il permanent roaming sia chiaramente vietato o “probabilmente
proibito”.
Assume rilievo sul punto, la questione di assicurare l’esercizio del diritto di accesso alla rete ai fornitori di servizi
M2M, anche attraverso il supporto dell’Autorità in sede di eventuali controversie generate dal diniego di accesso
da parte degli operatori infrastrutturati i quali utilizzino i bassi volumi dei servizi M2M come pretesto per negare
l’accesso e l’interconnessione.
Art. 3 del Regolamento.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
criterio dei CAP dovrebbe essere attentamente analizzato al fine di evitare fenomeni distorsivi
del mercato dovuti all’attuale impianto regolamentare (sovvenzione del traffico M2M). Per
quanto non esistano posizioni condivise, sono state avanzate delle ipotesi alternative ai CAP
che sembrerebbero maggiormente appropriate per la regolazione del prezzo nel caso di traffico
M2M e che pertanto andrebbero opportunamente studiate (introduzione del c.d. obbligo a
contrarre ed, eventualmente, adozione di prezzi equi e ragionevoli).
Infine, è stato segnalato che l’obbligo del wholesale roaming access, favorendo l’accesso alle
infrastrutture della rete visitata da parte del roaming service provider, da un lato agevola
l’implementazione della net neutrality ( 69 ), ma dall’altro può precludere l’efficacia delle
politiche di gestione del traffico (70) attualmente considerate nel dibattito sul Telecom Single
Market.
 Numerazione
È opinione condivisa che lo sviluppo del M2M possa portare all’esaurimento delle risorse di
numerazione. Tali problematiche appaiono già indirizzate sia attraverso il coordinamento
internazionale (CEPT), sia mediante procedimenti nazionali specifici sulla numerazione.
Nel contesto dell’indagine conoscitiva, gli operatori intervenuti hanno evidenziato l’utilizzo
del numero telefonico per la realizzazione delle servizi internet di messaggistica, ai fini
dell’identificazione del terminale (71). In particolare, secondo gli interessati, tale pratica non
sarebbe del tutto conforme con quanto previsto dalla regolamentazione (72).
Sembra opportuno evidenziare come le attività in corso vadano coordinate con l’iniziativa
della Telecom Single Market: in particolare, la regolamentazione nazionale dovrebbe
assicurare “competitività” rispetto a quelle degli altri stati membri che, in alcuni casi,
sembrano offrire modalità meno complesse/costose per accedere alle risorse di numerazione
(73).
69
70
71
72
73
90
Uguale trattamento a tutto il traffico.
Funzionalità per la sicurezza (ad es. il parental control o le prestazioni dedicate alla sicurezza), oppure le
funzionalità per consentire lo sviluppo di servizi specializzati a velocità maggiori mediante la prioritizzazione
del traffico.
Caso delle APP in cui i messaggi sono veicolati tramite Internet (dunque non attraverso il servizio telefonico) e
gli utenti sono identificati attraverso il numero telefonico individuale che viene comunicato dall’utente a
Platform Manager durante la fase di installazione dell’applicativo.
In particolare, nel caso di una interpretazione letterale della norma e della definizione di Servizi di
Comunicazione Elettronica (cfr. Regime Autorizzatorio).
Cfr. caso degli smart meters nazionali del gas che utilizzano numerazioni straniere e non quella italiana
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
 Profili di servizio specifici
L’assenza di Service Level Agreement (SLA) e più in generali di "profili di utilizzo" specifici
dal punto di vista tecnico ed economico alle esigenze delle applicazioni M2M costituisce un
possibile problema per lo sviluppo di alcuni servizi (ad es. per le Smart Grids per le quali,
secondo alcuni interlocutori, occorre garantire la disponibilità dell’infrastruttura e dei relativi
servizi anche nel caso in cui si verifichino dei disservizi elettrici estesi a vaste aree di
territorio). Più in generale, oltre alle applicazioni del settore energetico sopra citate, appare
evidente che talune applicazioni di rilevanza pubblica possano risultare condizionate
dall’autonomia di funzionamento delle stazioni radio base in assenza di alimentazione
elettrica.
 Sicurezza
Con riferimento alla sicurezza, le comunicazioni M2M devono garantire un livello idoneo in
funzione della diversa tipologia dei servizi a cui tale comunicazione può essere dedicata o della
tratta che si sta proteggendo (nel caso del M2M possono essere trasferiti dati ritenuti sensibili
di proprietà di terze parti). In quest’ambito, i player del settore energetico chiedono di evitare
regolamentazioni che pretendano livelli di sicurezza sproporzionati e che quindi
determinerebbero costi non sostenibili (tali discussioni presso alcuni Stati membri stanno
frenando la diffusione dello smart metering). Inoltre, le esperienze di smart metering inducono
a considerazioni sulla opportunità che gli utilizzatori dei servizi M2M debbano disporre della
flessibilità necessaria per definire le parti specifiche di sicurezza e dei controlli della privacy.
Il servizio finale
 Regime autorizzatorio
La definizione di Servizi di Comunicazione Elettronica, così come attualmente riportata nel
Codice delle comunicazioni elettroniche (74), risulta di difficile applicazione nel settore del
M2M e, più in generale, nell’Internet of Things. Tale aspetto determina una potenziale
complessità sull’applicabilità del regime autorizzatorio. In particolare, il carattere transnazionale di questo servizio stimola la riflessione sulla necessità di una revisione della
definizione vigente, anche per evitare la manifestazione dell’obbligo di notifica presso tutti gli
74
91
Relativamente al titolo autorizzatorio, si ricorda che il Codice definisce i servizi di comunicazione elettroniche
(ECS – Electronic Communications Services) come i servizi, forniti di norma a pagamento, consistenti nella
trasmissione di segnali su reti di comunicazione elettronica, compresi i servizi di telecomunicazioni (art.1,
comma 1, lettera gg ) del Codice).
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Stati dove è prevista la commercializzazione del servizio. Presso il BEREC è in corso una
discussione sull’opportunità di introdurre un regime autorizzatorio europeo per i servizi che
hanno caratteristiche transnazionali.
 Interoperabilità, Interconnessione
Ad oggi, al di fuori dei servizi di comunicazione personale, non sono stati identificati servizi
“strategici” per i quali vadano applicati gli obblighi di: interoperabilità, interconnessione,
cambio del fornitore di servizio. Il Codice ha affrontato tali problematiche per motivi storici
soltanto per i servizi tradizionali, mentre non vi sono riferimenti per i servizi innovativi
M2M/IoT. Tale circostanza richiederà un’attenta valutazione (75) al fine di valutare i benefici
prospettici per gli utenti e per lo sviluppo dei servizi M2M/IoT in un contesto competitivo.
I mercati verticali
 Connected Car/Mobilità
Le autovetture interconnesse, ed in particolare i dispositivi telematici per la sicurezza installati
nei veicoli, costituiscono un importante settore di sviluppo del M2M in Italia ed in Europa. In
questo caso, il principale driver di sviluppo è costituito dal Regolamento (EU) n. 305/2013
sulla e Call che mira a portare assistenza rapida per gli automobilisti coinvolti in una collisione
(76). Oltre alla sicurezza, nelle autovetture interconnesse si prevede una sensibile diffusione
delle applicazioni M2M rivolte alla gestione del mezzo (ad es. gli applicativi predisposti dalla
casa costruttrice per la manutenzione e gli applicativi predisposti dall’assicuratore per la
limitazione delle frodi), nonché di quelle destinate all’intrattenimento e al supporto della
attività svolte a bordo.
Il caso delle Connected Car evidenzia in modo chiaro l’influenza della regolamentazione sullo
sviluppo dell’intero mercato delle applicazioni connesse. Il tema della mobilità, insieme a
quello della sicurezza, costituisce un elemento chiave per la propulsione dei servizi M2M.
75
76
92
L’analisi di dettaglio di tale aspetto esula ovviamente dagli obiettivi dell’indagine conoscitiva.
E’ stato riferito come il progetto Europeo rischi di attuarsi in ritardo rispetto alle analoghe iniziativa Russa e
Cinese, che peraltro, sono state avviate in tempi successivi e utilizzando soluzioni più moderne ed efficienti:
differentemente dal caso europeo, è richiesto l’uso 3G (mentre l’eCall prevede anche il 2G) e la notifica
dell’emergenza via SMS.
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
 Smart Metering
Lo smart metering rappresenta una delle applicazioni di rilievo nel contesto del M2M. In
quest’ambito occorre anzitutto osservare che il sistema italiano di smart metering dell’energia
elettrica costituisce una delle applicazioni europee più sviluppate (con circa 33 milioni di
dispositivi installati).
È oggi in fase di sviluppo lo smart metering gas che si sta orientando su soluzioni di rete
proprietarie per tutto il segmento di rete di raccolta e concentrazione dei segnali di misura
(tecnologie trasmissive Wireless MBUS nella banda a 169 MHz). È evidente che, in tal modo,
una rete nata come infrastruttura privata, peraltro realizzata con frequenze non licenziate e
sulle quali dunque difficilmente sarà possibile applicare concetti di pianificazione e qualità del
servizio, diviene “pubblica” soprattutto se condivisa da più utilities.
Allo stesso tempo, sono in corso varie sperimentazioni basate sulla rete cellulare (anche in
riferimento agli standard è in corso di predisposizione) da proporre come alternativa alla
soluzione Wireless MBUS. Lo sviluppo di infrastrutture di rete dedicate deve essere
attentamente analizzato sotto il profilo regolamentare, sia per le implicazioni sullo spettro che
per la competitività del mercato. Occorre inoltre osservare che per garantire una
remunerazione degli investimenti su tali infrastrutture si sta valutando la possibilità di
condividerle tra diverse applicazioni di misurazione e, al limite, con applicazioni Smart city.
In ambito Europeo lo smart metering sta ponendo problematiche circa l’assegnazione delle
risorse di numerazione e le modalità di applicazione delle regole vigenti per la concreta
realizzazione della portabilità del numero nel caso di soluzioni SIM-based (sostituzione fisica
o virtuale delle schede SIM incorporate nei dispositivi M2M). Il controllo sulle SIM
costituisce un elemento rilevante per lo sviluppo della concorrenza e per evitare la
discriminazione degli operatori più piccoli.
 Smart Grid
Le smart grid, ossia le reti elettriche intelligenti costruite in modo da favorire la generazione
distribuita e l’efficienza energetica, permettono ai consumatori di diventare partecipanti
interattivi in una rete di distribuzione. Lo sviluppo delle smart grid richiede una maggior
capacità di veicolazione delle informazioni delle reti elettriche in quanto si rende necessaria
una gestione ottimizzata e capillare tramite sistemi di controllo che operano in tempo reale. Le
comunicazioni elettroniche costituiscono uno degli elementi abilitanti per lo sviluppo delle
smart grid e, conseguentemente, occorre considerare l’eventuale necessità di definire i
93
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
requisiti tecnici di connettività, valutando: le caratteristiche topologiche dei punti da collegare,
lo sfruttamento delle infrastrutture pre-esistenti, i requisiti di qualità delle applicazioni smart
grid, il rapporto costi/benefici, la copertura delle reti LTE in alcune specifiche aree rurali.
 Smart Cities
Tra le applicazioni M2M potenzialmente compatibili con l’imposizione di obblighi
regolamentari, è rilevante il caso delle smart city. Le città intelligenti, o smart city, coniugano
in un unico modello urbano tutela dell’ambiente, efficienza energetica e sostenibilità
economica, con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita delle persone che vi abitano e
creare nuovi servizi per i cittadini e per le Pubbliche Amministrazioni.
Lo sviluppo delle smart cities richiede il coordinamento di diversi servizi operanti a livello
urbano e l’adozione di standard e di regole atti a favorirne lo sviluppo, a definire le priorità di
intervento, ad identificare le relative tecnologie.
Le smart cities costituiscono un’opportunità per l‘industria delle telecomunicazioni in quanto
gli operatori possono offrire servizi ad alto valore aggiunto e sfruttare le proprie competenza
tecniche assumendo la posizione di partner di progetto, piuttosto che limitare la propria offerta
alla pura connettività che oggi ha margini sempre più ridotti.
Prospettive di intervento da parte dell’Autorità
Dal momento che il M2M mostra profili non ancora completamente determinati a causa
dell’evoluzione dei modelli di business, delle scelte tecnologiche e degli effetti dovuti alla
regolamentazione, l’Autorità proseguirà il suo monitoraggio nell’ambito delle ordinarie attività di
vigilanza.
Tra gli strumenti per effettuare gli approfondimenti ed individuare le eventuali azioni
regolamentari per favorire lo sviluppo dei servizi M2M, l’Autorità costituirà un apposito Comitato
aperto alla partecipazione di tutti i soggetti, istituzionali e non, coinvolti nello sviluppo dei servizi
M2M. È infatti emersa la necessità di far «incontrare» le competenze del settore telco con i soggetti
impegnati nell’implementazione dei servizi finali (ad es. utilities, smart cities, ecc.).
Il Comitato M2M potrà svolgere un ruolo attivo per l’identificazione delle esigenze
specifiche sulla connettività per il M2M e analizzare forme appropriate per l’accesso alle
infrastrutture di rete.
94
Allegato A alla delibera n. 120/15/CONS
Annesso 1
Elenco dei partecipanti all’indagine conoscitiva
 Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico
 Politecnico di Milano
 Telecom Italia
 Vodafone
 Wind
 Fastweb
 Poste Mobile
 Huawei
 Qualcomm
 Gemalto
 Ubiquity
 Acotel
 Enel distribuzione
 Magneti Marelli
Contributi scritti
 AT&T
 Verizon
95
Fly UP