...

leggi tutto

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

leggi tutto
Al Commissario Straordinario AOU/SUN
Al Prorettore al personale AOU/SUN
All’Organo d’Indirizzo AOU/SUN
Al Collegio di Direzione AOU/SUN
Al Magnifico Rettore della SUN
E p.c.
Al Direttore Generale della SUN
Al Commissario ad acta
per l’attuazione del piano di rientro
dei disavanzi del settore sanitario della
Regione Campania
LORO SEDI
OGGETTO:
Riscontro nota prot. n. 4338/2016 del 16.03.2016 - ipotesi di Atto Aziendale
dell’A.O.U. -
Le scriventi OO.SS. CISL Federazione Università, FLC-CGIL, CSA di CISAL
Università, SNALS Università, USB Università, hanno appreso che nei giorni scorsi la
Regione ha adottato gli atti propedeutici alla ripresa dei lavori per la definizione dei
protocolli d’intesa che a norma del D.Lgs. n.517/1999 e del DPCM 24.05.2001 definiranno i
nuovi rapporti convenzionali tra le Università campane e il SSR.
Pertanto, nella “logica” imprescindibile tra “protocollo d’intesa” (atto propedeutico) e
“atto aziendale” (atto conseguente) è d’uopo un’attenta lettura della bozza proposta.
Detta lettura, svolta mediante un rigoroso esame della vigente disciplina normativa,
fa emergere incongruenze e lacune in ragione delle quali risulta necessario esprimere
puntuali osservazioni.
1
Come certamente non sfuggirà alle SS.LL. in indirizzo, l’Azienda Ospedaliera
Universitaria della SUN é disciplinata da un protocollo scaduto da molto tempo che continua
ad operare in “prorogatio” nelle more della sottoscrizione di un nuovo atto convenzionale
che dovrà recepire tutte le innovazioni intervenute nel tempo da più versanti tenendo conto
di una realtà profondamente diversa da quelle che ha portato alla elaborazione dell’intesa
del 2009.
Nel vigente contesto normativo, in particolare, il protocollo d’intesa deve:
promuovere e disciplinare l'integrazione dell'attività assistenziale, formativa e di ricerca;
definire le linee generali della partecipazione dell'Università alla programmazione sanitaria;
definire i parametri per l'individuazione delle attività necessarie allo svolgimento delle
funzioni istituzionali e di ricerca; definire i parametri per l'individuazione delle strutture
assistenziali complesse funzionali alle esigenze della didattica e della ricerca dei corsi di
laurea di Medicina e delle professioni sanitarie; definire il volume di attività ed il numero
dei posti letto essenziali anche in rapporto al numero degli iscritti ai corsi di laurea con
criteri e modalità di adeguamento agli standard fissati, secondo le indicazioni del Piano
Sanitario Regionale; disciplinare le modalità di reciproca collaborazione per le esigenze del
SSR connesse alla formazione degli specializzandi, alla formazione del personale sanitario
mediante lo svolgimento delle attività formative presso le Aziende di riferimento; definire
i criteri generali per l'adozione dell'atto aziendale, per la costituzione, l'organizzazione ed
il funzionamento dei dipartimenti integrati (DAI) ; prevedere il trattamento economico
aggiuntivo di cui all'art.6 del D.Lgs. 517/1999 spettante ai docenti; definire i criteri
generali per l'attuazione dei principali atti di gestione, nonché le modalità di utilizzazione
del personale universitario ivi operante.
Questi ed altri elementi sono indispensabili affinché nell'atto aziendale di cui all'art.
3, comma 2, del D.Lgs. 517/1999, sia definita l'organizzazione dell’Azienda Ospedaliera
Universitaria in modo da assicurare il pieno svolgimento delle funzioni integrate.
La materia organizzativa, quindi, come già detto, nella fattispecie è regolata in via
preventiva dai Protocolli d'Intesa cui spetta individuare, ad esempio, anche le strutture
assistenziali complesse essenziali alle esigenze di didattica e di ricerca dei corsi di laurea.
2
Ciò premesso, dall’analisi del testo sottoposto all’attenzione delle scriventi OO.SS.,
emergono le sottonotate criticità che evidentemente suggerirebbero comunque una
revisione del testo proposto a seguito di un confronto di merito con la struttura
commissariale aziendale.
Più concretamente, con riferimento all’assetto organizzativo dei servizi tecnicoamministrativi, le scriventi OO.SS. rappresentano che, alla stregua di quanto avviene per i
DAI, il modello integrato con la SUN appare l’unica soluzione allo stato perseguibile per
garantire la continuità dell’azione amministrativa in un’ottica di efficace, efficiente ed
economica utilizzazione delle risorse apportate sia dall’Ateneo che dalla Regione
rispettivamente in termini di risorse umane e finanziarie.
Siamo dell'idea che il nuovo protocollo dovrà individuare un dipartimento integrato
dei servizi tecnici e amministrativi, lasciando all'AOU la formazione solo di alcuni uffici
"c.d. esclusivi" che non coinvolgono direttamente l'Università o per i quali non vi sia
convenienza ad attivare una struttura integrata con suddivisione dei relativi costi. Questo,
a nostro avviso, consentirebbe di realizzare enormi economie per entrambi gli “ambiti” –
universitario ed aziendale - condividendo, spazi, personale, procedure, servizi e dati.
Un riflessione adeguata, poi, merita la problematica delle risorse professionali
dell'Ateneo operanti presso gli "Uffici c.d. congiunti".
Dall'ipotesi trasmessa, infatti, non si riesce a comprendere come possano essere
utilizzate le centinaia di unità di personale del cui apporto professionale si giova
quotidianamente l’Azienda.
Seppure nella consapevolezza che è in sede di sottoscrizione dei protocolli di intesa
che si regoleranno con la doverosa puntualità le modalità operative per l’utilizzo del
personale tecnico amministrativo, nonché le forme e lo schema di accesso dei dirigenti del
SSN (cfr. articolo 3, comma 5, del DPCM il 24 maggio 2001 ove si legge che “l’Università e
la Regione concordano, nelle more dell’emanazione dei decreti interministeriali previsti
dall’articolo 8, comma 5, del decreto legislativo numero 517 del 1999”), si osserva che: se
da un lato nella bozza di atto aziendale esaminata si fa un timido cenno agli uffici c.d.
3
“congiunti” (riferito al solo URP, UAS e Contenzioso del Lavoro), dall’altro nulla viene
indicato rispetto a tutti gli atri Uffici congiunti di cui attualmente l’Azienda si avvale.
È necessario, pertanto, operare un esplicito richiamato indicando ad es. che
“l’Azienda Ospedaliera Universitaria–SUN si avvale del supporto -
oltre che dei citati
“Ufficio Amministrativo per la Sicurezza” e “Ufficio Relazioni con il Pubblico” e “Contezioso
del Lavoro” - anche di altri Uffici messi a disposizione, ad oggi, dalla Seconda Università
degli Studi di Napoli (c.d. congiunti), in uno al personale ivi confluente. Tali risorse
professionali universitario utilizzato dall’Azienda saranno analiticamente individuate in sede
di sottoscrizione del protocollo d’intesa”.
Alla stessa stregua, non si riesce a comprende la logica di aggregazione delle attività
tecnico amministrative c.d. "esclusive" per ciascuna delle unità operative complesse
ipotizzate. Non riteniamo che tale logica possa sposare il raggiungimento di obiettivi volti a
conseguire recuperi di margini in termini di efficacia, efficienza ed economicità; anzi,
temiamo il collasso della macchina amministrativa per ragioni che certamente non
sfuggiranno alle SS.LL.
Riteniamo utile segnalare, infine, che è necessario specificare in una apposita
legenda iniziale che con i termini personale del comparto e della dirigenza deve intendersi,
nel primo caso, il personale del comparto Università collocato nelle fasce AOU equivalenti
alle categorie del personale del comparto Sanità e, nel secondo caso, il personale
universitario dei diversi ruoli equiparato alla dirigenza del SSN ex art. 31 DPR 761/79.
Dalla lettura del testo, ancora, affiorano molteplici antinomie anche per quanto
attiene l’individuazione delle strutture e delle relative competenze; peraltro, non risulta
allegata alla bozza di atto aziendale la necessaria dotazione organica, il che rende ogni
nostro sforzo valutativo lontano da un target funzionale e, comunque, limitato alla sola
forma e all'impianto generale dell'atto in discussione che per tali motivazione è da ritenersi
incompleto.
Si propone, pertanto, di sospendere ogni attività finalizzata all'adozione della
proposta di atto aziendale in parola fino alla sottoscrizione del nuovo protocollo d'intesa,
utilizzando il tempo intercorrente per discutere nel merito le criticità segnalate con la
4
presente unitamente a tutte le altre che in questa sede sono sottaciute seppure evidenti, in
considerazione del tempo concesso per il presente riscontro ma su cui le scriventi OO.SS. si
riservano successiva integrazione.
Ferme le osservazioni esplicitate, più in dettaglio necessitano di radicale
aggiornamento le seguenti disposizioni:
5
ART. 6 – LA CENTRALITÁ DEL CITTADINO-UTENTE
ATTUALE FORMULAZIONE
MODIFICA DA APPORTARE
NOTE
Art. 6 comma 8
Art. 6 comma 8
Attraverso l’ufficio Relazioni con il
Attraverso l’ufficio Relazioni con il
Pubblico l’Azienda promuove programmi
Pubblico l’Azienda promuove programmi
per il miglioramento della soddisfazione
per il miglioramento della soddisfazione
del cittadino/utente ed individua idonei
del cittadino/utente ed individua idonei
strumenti
la
strumenti
Al
comunicazione
per
comunicazione
con
l’ascolto
i
e
cittadini.
inserire nota a piè di pagina
per
con
l’ascolto
i
e
cittadini.
la
Al
riguardo, istituisce, nell’ambito della
riguardo, istituisce, nell’ambito della
unità operativa complessa direzione di
unità complessa direzione di staff,
staff, l’ufficio relazione con il pubblico
l’ufficio relazione con il pubblico (U.R.P.)
(U.R.P.)
si avvale dell’Ufficio Relazioni con il
pubblico
all’Unità
(U.R.P.)
che
Operativa
* L’ufficio è congiunto AOU-SUN
afferisce
Complessa
Direzione di Staff
6
ART. 7 – LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE E PROFESSIONALI
ATTUALE FORMULAZIONE
Art. 7 comma 2
[omissis]
MODIFICA DA APPORTARE
Art. 7 comma 2
NOTE
Deve essere integralmente riformulato
alla luce della legislazione applicabile.
7
ART. 19 – CONSIGLIO DEI SANITARI
ATTUALE FORMULAZIONE
I
pareri
s’intendono
del
Consiglio
come
dei
favorevoli
MODIFICA RICHIESTA
Sanitari
se
non
I
pareri
del
s’intendono
Consiglio
come
dei
favorevoli
NOTE
Sanitari
I riferimenti legislativi che danno
se
origine a questo paragrafo non possono
non
formulati entro dieci giorni dalla richiesta;
formulati entro dieci giorni dalla richiesta;
non
contemplare
oltre
in casi urgenti e motivati i pareri vanno
in casi urgenti e motivati i pareri vanno
regionale n. 32/94, come nello stesso
formulati entro brevi termini indicati nella
formulati entro brevi termini indicati nella
paragrafo
richiesta.
richiesta.
251/2000
La rappresentanza è composta da:
La rappresentanza è composta da:
10/4/2001 n. 4 dalla Regione Campania)
esplicitato,
(recepita
la
legge
la
con
legge
la
legge
-
n.8 dirigenti medici
-
n.8 dirigenti medici
che è diventata il paradigma con cui
-
n.3 dirigenti sanitari laureato non
-
n.3 dirigenti sanitari laureato
declinare tutto ciò
medico
non medico
n.2
-
unità
di
personale
infermieristico
sanitario
-
n.2
-
unità
di
personale
infermieristico
n.2 unità di personale tecnico
-
l’organizzazione
sanitario
n.2
unità
di
personale
delle
-
delle
professioni
sanitarie. Peraltro, il fatto che nella
formulazione attuale è già posta in
n.2 unità di personale tecnico
-
che riguarda
essere
l’integrazione
di
rappresentanze non contemplate nella
n.2
unità
di
personale
delle
legge regionale 3/11/94 e ispirate,
professioni tecnico riabilitative
professioni tecnico riabilitative
Le modalità ed i termini di elezione del
-
Collegio dei sanitari, nonché le funzioni ad
professioni tecniche della prevenzione
l’integrazione con tutte le quattro aree
esso
con
Le modalità ed i termini di elezione del
presentate dalla suddetta 251/2000.
direttore
Collegio dei sanitari, nonché le funzioni ad
Cosa che avviene nell’enunciazione del
generale nel rispetto dell’art. 25 della
esso
art.43 capo III di questo stesso atto
regionale 3.11.1994 n. 32 e s.m.i.
regolamento
attribuite
regolamento
sono
adottato
disciplinate
dal
appunto dalla 251/2000, ci sembra
n.2 unità di personale delle
attribuite
sono
adottato
disciplinate
dal
con
direttore
opportuno ed equanime completarne
aziendale.
generale nel rispetto dell’art. 25 della
Riteniamo che debba prevedersi per la
regionale 3.11.1994 n. 32 e s.m.i.
componente elettiva un pari numero di
rappresentanti della dirigenza e del
comparto, pertanto si propone: 6 unità
di personale dirigente sanitario di cui
almeno 2 sanitari non medici (tenuto
conto che la componente di diritto è
costituita
personale
prevalentemente
medico)
e
6
da
unità
di
personale delle professioni sanitarie di
cui almeno 1 rappresentante ciascuna
area.
8
ART. 26 – ACQUISTI DI BENI E SERVIZI E PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DELLE ATTREZZATURE
ATTUALE FORMULAZIONE
ART.26
[omissis]
MODIFICA RICHIESTA
ART.26
NOTE
Deve essere integralmente riformulato
alla luce della legislazione applicabile
(cfr. Legge 28 Dicembre 2015, n. 208)
9
ART. 27 – PROCEDURE CONTABILI
ATTUALE FORMULAZIONE
ART. 27
[omissis]
MODIFICA RICHIESTA
ART. 27
NOTE
Deve essere integralmente riformulato
alla luce della intervenuta legislazione
(cfr. Legge 28 Dicembre 2015, n. 208)
10
ART. 28 – STRUTTURE ORGANIZZATIVE
ATTUALE FORMULAZIONE
MODIFICA RICHIESTA
NOTE
ART.28 lettera D
ART.28 lettera D
È
d) in ambito assistenziale, sono altresì
d) in ambito assistenziale, sono altresì
compiutamente i c.d. "programmi" quali
previsti, quali articolazioni organizzative i
previsti, quali articolazioni organizzative
incarichi per la docenza specie quelli
“programma”
i
organizzativo
equivalenti alle strutture complesse
trasversale che consente, nell’arco di un
trasversale che consente, nell’arco di un
riservati a tutti i professori ordinari a
periodo di tempo definito e in relazione a
periodo di tempo definito e in relazione
cui non sia stato possibile conferire
determinati processi
a determinati processi assistenziali o di
incarichi
ricerca
la
necessario riportare esattamente il
l’organizzazione
contenuto del D.Lgs. n. 517/1999 e del
ricerca
modello
di
assistenziali
rilievo
programmazione
organizzativo
e
o di
aziendale,
la
l’organizzazione
“programma”
di
modello
rilievo
programmazione
e
aziendale,
unitaria di attività e competenze fornite
unitaria di attività e competenze fornite
da professionisti afferenti a strutture
da professionisti afferenti a strutture
organizzative,
organizzative,
responsabili
pertanto,
assegnate
anche
del
il
ad
responsabilità
diverse.
programma
coordinamento
altre
diretta
compete,
di
strutture
in
raggiungimento degli obiettivi.
A
risorse
responsabili
anche
del
diverse.
programma
necessario
gestionali.
definire
A
tal
più
fine
DPCM 24.05.2001.
A
compete,
pertanto, il coordinamento di risorse
e
la
assegnate
ad
ordine
al
responsabilità
altre
diretta
strutture
in
e
la
ordine
al
raggiungimento degli obiettivi.
11
è
ART. 30 – GLI INCARICHI DIRIGENZIALI
ATTUALE FORMULAZIONE
ART.30
[omissis]
MODIFICA RICHIESTA
ART.30
NOTE
Non è possibile far sottoscrivere al
personale universitario un contratto
individuale per compiti assistenziali,
sarebbe in contrasto con la norma di
settore.
12
ART. 31 – ATTRIBUZIONE DEGLI INCARICHI DIRIGENZIALI INSERITI NEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITÁ
INTEGRATA
ATTUALE FORMULAZIONE
ART. 31
[omissis]
MODIFICA RICHIESTA
ART. 31
NOTE
È
necessario
introdurre
la
concorsualità "tipica dell'AOU" per
l'attribuzione
delle
strutture
complesse alla luce delle innovazioni
legislative
e
giurisprudenziali
intervenute (da non confondere con le
regole previste per il SSN). Al comma
2 è necessario cassare "sentito il Dai"
per l'attribuzione degli incarichi di
programma.
13
ART. 40 – I DIPARTIMENTI AD ATTIVITA’ INTEGRATA
ATTUALE FORMULAZIONE
MODIFICA RICHIESTA
...
NOTE
Nella tabella riepilogativa sui DAI

DAI
CHIRURGIA
SPECIALISTICA
–
E
Cappella
Cangiani

manca
il
immagini
IDEM
Dai
e
di
Diagnostica
Radioterapia.
Pertanto,
risulta esserci una discrasia numerica
DAI CHIRURGIA GENERALE E
tra i DAI della Tabella citata ed i DAI
SPECIALISTICA
dell’art. 40
–
Centro
Storico

DAI MEDICINA INTERNA E
SPECIALISTICA
–
Centro
Storico

DAI MEDICINA INTERNA E
SPECIALISTICA
–
Centro
Cangiani

DAI
ODONTOIATRIA,
ORTOPEDIA
E
RIABILITAZIONE

DAI MATERNO – INFANTILE

DAI SALUTE MENTALE

DAI
DIAGNOSTICA
PER
IMMAGINI E RADIOTERAPIA

DAI
SERVIZI
LABORATORIO
E
DI
SANITA’
PUBBLICA

per
DAI SERVIZI SANITARI
14
ART. 42 – ORGANI DEL DAI
ATTUALE FORMULAZIONE
1
il
MODIFICA DA APPORTARE
sono organi del dipartimento
direttore
ed
il
comitato
di
dipartimento
2
1
il
NOTE
sono organi del dipartimento
direttore
ed
il
comitato
di
dipartimento;
Il
Direttore
e
un
2
Le
disposizioni
“particolari”
e
ivi
contenute
meritano
sono
attenta
valutazione, da discutere in un incontro
Il
Direttore
e
un
ad
hoc
anche
con
la
componente
Responsabile di struttura complessa
Responsabile di struttura complessa
rappresentativa
del
del
Universitaria per i risvolti che possono
DAI
e
Direttore
viene
nominato
Generale
dal
dell’Azienda,
DAI
e
Direttore
viene
nominato
Generale
dal
dell’Azienda,
dell'Amministrazione
determinarsi.
d’intesa con il Rettore dell’Università.
d’intesa con il Rettore dell’Università.
I membri di diritto non possono che
Il Direttore viene scelto sulla base
Il Direttore viene scelto sulla base
essere i soli dirigenti di struttura
dei requisiti di esperienza e capacità
dei requisiti di esperienza e capacità
complessa.
clinica,
clinica,
Non si comprende il riferimento a
gestionale,
scientifica
e
formativa.
3
gestionale,
scientifica
e
formativa.
La
durata
dell’incarico
di
3
personale ospedaliero atteso che l'AOU
La
durata
dell’incarico
di
Direttore è triennale ed è rinnovabile
Direttore è triennale ed è rinnovabile
consecutivamente una sola volta.
consecutivamente una sola volta.
4
Il
Direttore
del
DAI
4
Il
Direttore
del
mantiene la direzione della struttura
complessa di cui è responsabile.
complessa di cui è responsabile.
5
5
collabora
con
il
Direttore
per
lo
Il Comitato di Dipartimento
collabora
con
il
Direttore
per
lo
svolgimento delle attività del DAI. Il
svolgimento delle attività del DAI. Il
Comitato
Comitato
direttivo
è
composto
da
direttivo
è
composto
da
membri di diritto e da membri di
membri di diritto e da membri di
nomina elettiva ed è presieduto dal
nomina elettiva ed è presieduto dal
Direttore di Dipartimento.
Direttore di Dipartimento.
6
6
Sono membri di diritto:
a)
I responsabili di strutture
a)
Sono membri di diritto:
I responsabili di strutture
complesse;
complesse;
b)
b)
I professori di prima fascia
I professori di prima fascia
con integrazione assistenziale;
con integrazione assistenziale;
c)
c)
I responsabili delle strutture
semplici dipartimentali;
d)
Il
Dirigente
con stato giuridico universitario.
DAI
mantiene la direzione della struttura
Il Comitato di Dipartimento
può assumere personale di ruolo solo
I responsabili delle strutture
semplici dipartimentali;
medico
con
d)
Il
Dirigente
funzioni organizzative
funzioni organizzative
e)
e)
Il Dirigente infermieristico-
ostetrico, tecnico-sanitario, tecnico-
medico
con
Il Dirigente infermieristico-
ostetrico, tecnico-sanitario, tecnico-
15
riabilitativo,
tecnico
della
riabilitativo,
prevenzione;
prevenzione;
7
7
a)
Sono membri elettivi:
Un rappresentate eletto per
a)
tecnico
Sono membri elettivi:
Un rappresentate eletto per
ciascun area contrattuale;
ciascun area contrattuale;
b)
b)
un numero di componenti pari
della
un numero di componenti pari
al 40% dei membri di diritto, eletti
al 40% dei membri di diritto, eletti
con
con
scheda
personale
ospedaliero
uninominale
dirigente
ed
strutture dei DAI
tra
il
sanitario
universitario
delle
scheda
uninominale
personale.
ospedaliero
dirigente
ed
tra
il
sanitario
universitario
delle
strutture dei DAI
16
ART. 43 - UFFICIO DI DIREZIONE DEL DAI
ATTUALE FORMULAZIONE
MODIFICA DA APPORTARE
NOTE
1 A supporto della Direzione del Dai
1 A supporto della Direzione del Dai
È necessario riformulare l'articolato in
ed a fini della realizzazione delle
ed a fini della realizzazione delle
quanto incompatibile con le norme di
funzioni
funzioni
settore e con il modello di dipartimento
del
costituito,
rispetto
in
al
Dipartimento,
viene
del
posizione
di
STAFF
costituito,
Direttore,
un
ufficio
rispetto
Dipartimento,
in
al
viene
posizione
di
STAFF
Direttore,
un
ufficio
composto da operatori in possesso di
composto da operatori in possesso di
competenze professionali specifiche.
competenze professionali specifiche.
2 dell’Ufficio fanno parte:
2
dell’Ufficio fanno parte:
a)
a)
un
un
coordinatore
amministrativo
dipendente
dell’Azienda;
b)
il
coordinatore
amministrativo
dipendente
dell’Azienda;
Dirigente
medico
con
b)
il
Dirigente
funzioni organizzative;
funzioni organizzative;
c)
c)
il dirigente infermieristico-
ostetrico;
d)
dirigente
tecnico-
sanitario;
con
il dirigente infermieristico-
d)
il
dirigente
tecnico-
dirigente
tecnico-
sanitario;
il
dirigente
tecnico-
riabilitativo
f)
medico
ostetrico;
il
e)
integrato.
il
e)
il
riabilitativo
dirigente
tecnico
della
f)
il
dirigente
tecnico
della
prevenzione.
prevenzione.
3 il funzionario appartenente ai ruoli
3 il funzionario appartenente ai ruoli
dell’Università
dell’Università incaricato delle funzioni
incaricato
delle
funzioni di Segretario amministrativo
di
nel
corrispondente
corrispondente
dipartimento
Segretario
amministrativo
nel
dipartimento
universitario, partecipa all’ufficio di
universitario, partecipa all’ufficio di
direzione al fine di garantire l’idoneo
direzione al fine di garantire l’idoneo
raccordo
raccordo
amministrativo
dipartimenti.
tra
i
due
amministrativo
tra
i
due
dipartimenti.
17
ART. 47 - LA DIREZIONE SANITARIA
ATTUALE FORMULAZIONE
MODIFICA DA APPORTARE
NOTE
Afferiscono al Direttore Sanitario le
Afferiscono al Direttore Sanitario le
Ancora una volta ci sembra più utile ed
seguenti posizioni di staff:
seguenti posizioni di staff:
attuale

Coordinamento
professioni
sanitarie infermieristiche

Coordinamento
Coordinamento
professioni
Coordinamento
professioni
professioni
sanitarie tecnici di laboratori

professioni

Coordinamento
professioni
sanitarie della riabilitazione
sanitarie tecnico di radiologia

Coordinamento
sanitarie infermieristiche/ostetriche
sanitarie della riabilitazione


Servizio di informatica medica

Coordinamento
sanitarie tecnico di radiologia

Coordinamento
professioni
sanitarie tecnici di laboratori

Coordinamento
professioni
sanitarie tecniche della prevenzione

Servizio di informatica medica
l’odierna
legislazione sanitaria sulle professioni
sanitarie per la loro organizzazione.
Pertanto, ai sensi della 251/2000 va
fatta
professioni
recuperare
l’integrazione
evidenziata
in
modifica.
Inoltre, si censura che viene riproposto
il SIM (cfr. pag. 61), unità che è stata
soppressa.
È
necessario,
infine,
mettere
a
sistema l'articolato con la legislazione
universitaria relativamente alle norme
per
la
dirigenza
delle
professioni
sanitarie.
18
ART. 48 - LA DIREZIONE AMMINISTRATIVA e relativi allegati
ATTUALE FORMULAZIONE
Art. 48
[omissis]
MODIFICA DA APPORTARE
Art. 48
NOTE
Deve essere integralmente riformulato
alla luce della legislazione applicabile.
19
SCHEDA RELATIVA A UOC CONTROLLO DI GESTIONE
ATTUALE FORMULAZIONE
MODIFICA RICHIESTA
La UOC cura, attraverso le unità operative
La UOC
assegnate,
operative
le
attività
di
controllo
di
NOTE
cura, attraverso le unità
assegnate,
le
attività
di
Si
rileva,
l’inserimento
riguardo,
che
in
questa
UOC
gestione, URP e Prevenzione e Protezione.
controllo di gestione, URP e Prevenzione e
(Controllo
Le strutture sono di seguito elencate:
Protezione. Le strutture sono di seguito
Relazioni con il Pubblico confligge con
elencate:
quanto indicato all’art. 6 comma 8,
Controllo

di
gestione-flussi
informativi;

Controllo
di
gestione-flussi
di
a
Gestione)
ove viene correttamente specificato

Ufficio Relazioni con il Pubblico;
informativi;

Prevenzione e Protezione.

Ufficio Relazioni con il Pubblico;
è

Prevenzione e Protezione.
“Direzione di Staff”.
La
UOS
Prevenzione
e
Prevenzione
dell’Ufficio
che l’Ufficio Relazioni con il Pubblico
UOS
afferente
alla
UOC
è
inquadrata nella presente UOC dal punto di
La UOS Prevenzione e Prevenzione è
Si osserva, peraltro, che nelle tabelle
vista strutturale; dipende dalla Direzione
inquadrata nella presente UOC dal punto
riepilogative
Generale dal punto di vista funzionale ai
di
dalla
risulta esplicitata la suddetta UOC
sensi della legge numero 81 anno 2008.
Direzione Generale dal punto di vista
“Direzione di Staff”. Pertanto, va
funzionale ai sensi della legge numero 81
inserita una nuova scheda “Direzione di
anno 2008.
Staff”
**L’Ufficio
Amministrativo
Sicurezza
e
vista
strutturale;
dipende
l’URP sono Uffici Congiunti SUN-AOU
con
allegate
all’atto,
l’inclusione
non
dell’UOS
“Ufficio Relazioni con il Pubblico.
**L’Ufficio Amministrativo Sicurezza è
Ufficio Congiunto SUN-AOU
20
Fly UP