...

la dislessia nella scuola dell`infanzia

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

la dislessia nella scuola dell`infanzia
LA PREVENZIONE DELLA
DISLESSIA NELLA SCUOLA
DELL’INFANZIA
PROPOSTE DIDATTICHE
1
Scuola dell’infanzia e primi anni scuola primaria
Segnali di rischio e
difficoltà
IDENTIFICAZIONE PRECOCE
Intervenire: “risolvere” o “ridurre”
2
CHE COSA PUO’ FARE LA
SCUOLA?
• E’ importante iniziare già dalla scuola
dell’infanzia a intercettare queste difficoltà in
modo da potenziare le competenze implicate e
sostenere
l’autostima
nell’approccio
agli
apprendimenti.
• L’organizzazione
della
programmazione
didattica della scuola dell’infanzia permette di
proporre percorsi di giochi di rafforzamento a
tutto il gruppo e questo evita sentimenti di
esclusione o inferiorità.
3
QUINDI PUO’:
•FAVORIRE L’INSTAURARSI DI ADEGUATE
STRATEGIE
•EVITARE CHE AUMENTI IL DIVARIO TRA LE
PRESTAZIONI DEL BAMBINO IN DIFFICOLTÀ
E QUELLE DEL GRUPPO CLASSE
•EVITARE LA PERDITA DI MOTIVAZIONE
•ACQUISIRE UNA ADEGUATA AUTOSTIMA
PERSONALE, EVITANDO CHE SI INSTAURINO
SENSI DI INADEGUATEZZA ED INFERIORITÀ
4
SCUOLA DELL’INFANZIA:
segnali predittivi
•
Osservare in particolare quelle competenze che
favoriscono l’apprendimento della lettura e della
scrittura, la capacità di conoscere e usare i numeri e di
ragionare.
•
Focalizzare l’attenzione sulle:
Abilità linguistiche
Abilità cognitive
Abilità percettivo-motorie
1.
2.
3.
5
CHE COSA OSSERVARE
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Come e quanto il bambino comprende
Come e quanto il bambino si esprime verbalmente
Come il bambino usa in modo funzionale il linguaggio
Le abilità logico-concettuali
Le abilità mnemoniche e attentive
Le abilità pre-curriculari
Le abilità visuo-spaziali
La coordinazione oculo-manuale
La motricità
6
I giochi di rafforzamento
• Favoriscono il rinforzo e il potenziamento
delle competenze linguistiche, cognitive,
percettive e motorie.
• Permettono di osservare eventuali casi di
bambini in cui si manifestano indizi di
difficoltà.
7
CHE COSA POTENZIARE
•
•
•
•
•
Le competenze fonetiche-fonologiche
Le abilità logico-matematiche
Le abilità oculo-manuali
La percezione visiva
L’orientamento spaziale
8
Alcuni esempi di giochi di
rafforzamento
• Riconoscere il verso degli animali ed associarli al loro
nome;
• Individuare suoni e rumori;
• Differenziare le parole uguali da quelle diverse;
• Camminare in base al ritmo stabilito;
• Battere le mani in base ad un ritmo;
• Produrre suoni vocalici seguendo una sequenza ritmica
e cambiando intensità (forte/piano);
• Segmentare le parole in sillabe;
• Riconoscere le rime;
9
Alcuni esempi di giochi di
rafforzamento
• Identificare e verbalizzare problemi di tipo pratico;
• Individuare una soluzione scegliendola tra diverse
proposte;
• Collegare gli oggetti secondo criteri
(colore/forma/dimensioni);
• Mettere in successione in base all’altezza, alla
lunghezza, alla grandezza;
• Raccontare e riordinare azioni e storie in base ad
indicatori temporali;
• Dividere le quantità in base al numero;
10
Alcuni esempi di giochi di
rafforzamento
•
•
•
•
Abbinare immagini, forme e colori uguali;
Compiere su imitazione movimenti con il proprio corpo;
Identificare e usare le parole relative allo spazio;
Identificare sul proprio corpo e su altri la destra e la
sinistra;
• Eseguire percorsi e tracciati con le dita;
11
Quali sono le difficoltà
riscontrabili ?
• A QUATTRO ANNI DIFFICOLTÀ DI LINGUAGGIO
• INADEGUATEZZA NEI GIOCHI FONOLOGICI
• DIFFICOLTÀ NELLA COPIA DA MODELLO E
DISORDINE NELLO SPAZIO DEL FOGLIO
• DIFFICOLTÀ NELL’UTILIZZO DELLA MEMORIA A
BREVE TERMINE
• DIFFICOLTÀ AD IMPARARE FILASTROCCHE
12
•DIFFICOLTÀ A MEMORIZZARE NOMI DI OGGETTI
CONOSCIUTI E UTILIZZATI SPESSO
•DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE
•INADEGUATA MANUALITÀ FINE
•GOFFAGGINE ACCENTUATA NEL VESTIRSI,
ALLACCIARSI LE SCARPE, RIORDINARE
•INADEGUATO RICONOSCIMENTO DELLA DESTRA
E DELLA SINISTRA
•DIFFICOLTÀ A RIPRODURRE RITMI E MANTENERE
IL RITMO PER UN TEMPO PROLUNGATO
13
COSA FARE
• LAVORO FONOLOGICO
• LEGGERE E RIPRODURRE RITMI
• AFFINARE LA CONSAPEVOLEZZA DEI SUONI
CHE SI POSSONO PRODURRE ATTRAVERSO
LA VOCE
• ATTIVITÀ DI SIMBOLIZZAZIONE
• LEGGERE MOLTO AI BAMBINI
• DARE LIBRI
14
•COSTRUIRE LIBRI
•STIMOLARE LA PERCEZIONE E LA
DISCRIMINAZIONE
•GIOCHI DI MEMORIA VISIVA, UDITIVA E
VERBALE
•ORGANIZZARE UN AMBIENTE MOTIVANTE E
STIMOLANTE
•SEGNALARE ALLA SCUOLA PRIMARIA
•ATTIVITÀ DI SCREENING
15
Esempi di attività
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
“DIMMI UNA PAROLA CHE INIZIA COME …”
“DIMMI UNA PAROLA CHE INIZIA CON …”
IL TRENINO DELLE PAROLE
IL CAPPELLO DEL MAGO
IL GIOCO DELL’ECO
IDENTIFICARE LA PAROLA SCANDITA DALL’INSEGNANTE
NELLE SILLABE E NEI FONEMI COSTITUENTI
SEGMENTARE PAROLE IN SILLABE E FONEMI
RICONOSCERE,RICORDARE E PRODURRE RIME
ELIDERE O AGGIUNGERE SUONI A PAROLE DATE (DITALE →
DITA)
RICONOSCERE PAROLE LUNGHE E PAROLE CORTE
16
•TROVARE DIFFERENZE E UGUAGLIANZE TRA PAROLE (ES. CANE – TANE;
SOLE SALE)
•“QUALE PAROLA NON INIZIA CON LO STESSO SUONO TRA ...” (ES. PANE,
PERA,TINO, POCO)?
•GIOCHIAMO CON LE PAROLE
•INVENTARE UNA BREVE STORIA PARTENDO DALL’OSSERVAZIONE DI
ALCUNE IMMAGINI
•SOVRAPPORE O METTERE VICINO DIVERSI ELEMENTI
•DISTINGUERE CONCETTI DIMENSIONALI (ALTO/BASSO,
GRANDE/PICCOLO…)
•MANTENERE L’ATTENZIONE PER IL TEMPO RICHIESTO
•COMPRENDERE LA DIMENSIONE TEMPORALE DEGLI EVENTI
•IDENTIFICARE E COMPLETARE UNA SUCCESSIONE DI OGGETTI IN BASE
AD UN CRITERIO
17
•
•
•
•
•
•
•
•
CONFRONTARE QUANTITA’ DIVERSE
SFRUTTRARE ADEGUATAMENTE LO SPAZIO FOGLIO
ORIENTARSI BENE NELLO SPAZIO
COMPRENDERE IL SIGNIFICATO DELLE PAROLE CHE INDICANO LE
DIVERSE RELAZIONI DEGLI OGGETTI NELLO SPAZIO
COORDINARE IL MOVIMENTO DELLE MANI CON LA PERCEZIONE
VISIVA
DISEGNARE UNA FIGURA UMANA
USARE LE MANI NELLA DIREZIONE VOLUTA IN MANIERA ADEGUATA
ESEGUIRE PERCORSI PSICOMOTORI E GIOCHI DI MOVIMENTO
18
•
•
•
•
•
•
•
•
RICONOSCERE LA DIFFERENZA FRA I SUONI E I CONTENUTI DELLE
PAROLE
RIONOSCERE I VERSI DEGLI ANIMALI E ASSOCIARLI AL LORO NOME
IMITARE IL RUMORE DI ALCUNI OGGETTI
RICONOSCERE SEMPLICI SITUAZIONI PROBLEMATICHE E CERCARE
LA SOLUZIONE
GIOCHI DI RELAZIONI LOGICHE, TEMPORALI E SPAZIALI
ATTIVITA’ RELATIVE AL CONCETTO DI ORDINAMENTO
IDENTIFICARE, CONFRONTARE E ASSOCIARE QUANTITA’
ESEGUIRE PERCORSI E TRACCIATI
19
QUANDO?
•
È CONSIGLIABILE OPERARE PER SVILUPPARE LA
CONSAPEVOLEZZA FONOLOGICA GIÀ IN ETÀ PRESCOLARE.
•
IL RICONOSCIMENTO DI SILLABE E LA DISCRIMINAZIONE DI
PATTERN SONORI RICORRENTI FRA LE PAROLE (RIME,
ALLITTERAZIONI, ASSONANZE) È POSSIBILE DAI 34 ANNI.
•
A 5 ANNI IL BAMBINO SEGMENTA LA PAROLA IN SILLABE.
CON L’ALLENAMENTO ARRIVA POI AD ANALIZZARE
TUTTI I SUONI DELLA PAROLA.
20
DALLA SCUOLA DELL’INFANZIA ALLA
SCUOLA PRIMARIA: COSA FARE
• NEL PRIMO PERIODO FARE MOLTO LAVORO
FONOLOGICO
• LETTURA AD ALTA VOCE DA PARTE
DELL’INSEGNANTE
• UTILIZZARE LO STAMPATO MAIUSCOLO
• EVITARE DI PRESENTARE PIÙ CARATTERI
CONTEMPORANEAMENTE
• PROCEDERE GRADUALMENTE CON LA SCRITTURA
• FAR MANIPOLARE LE LETTERE IN MODO
MULTIMODALE
• PASSARE ALLO STAMPATO MINUSCOLO SOLO
DOPO CHE SONO STATI APPRESI TUTTI I SUONI
21
• SOFFERMARSI MAGGIORMENTE SUI SUONI PIÙ’
DIFFICILI
• PASSARE AL CORSIVO SENZA FRETTA
(quaderno allenamento)
• FORNIRE INDICAZIONI PRECISE PER LA
SCRITTURA DELLE LETTERE
• PERMETTERE AI RAGAZZI DI UTILIZZARE IL
CARATTERE CON CUI SI SENTONO PIÙ A LORO
AGIO
• SCRIVERE IN STAMPATO ALLA LAVAGNA
FINO A QUANDO C’È IL BISOGNO
• INSEGNANTE SCRIVANO
• DARE TEMPO
• LAVORARE SULLE ABILITÀ DI STUDIO
22
STRUMENTI COMPENSATIVI E
MISURE DISPENSATIVE:
MEDIATORI DIDATTICI.
NON DIMENTICHIAMO:
IL PRIMO MEDIATORE
DIDATTICO È L’INSEGNANTE
23
IL METODO
D’INSEGNAMENTO
NON ORIGINA LA
DISLESSIA, MA LE
PROPOSTE CHE
FACCIAMO
POSSONO
RIDURNE GLI
EFFETTI
24
25
Fly UP