...

Jüdisches Museum Berlin: una “metafora architettonica”

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Jüdisches Museum Berlin: una “metafora architettonica”
BTA
Bollettino Telematico dell'Arte
ISSN 1127 - 4883
Fondato nel 1994
Plurisettimanale
Reg. Trib. di Roma n. 300/2000
dell'11 Luglio 2000
www.bta.it
16 Giugno 2014, n. 716
http://www.bta.it/txt/a0/07/bta00716.html
Jüdisches Museum Berlin: una “metafora architettonica”
Lucia Signore
Il Jüdisches Museum Berlin (figg. 1 e 2), altrimenti detto, con una
formula più lunga e frutto di continui ripensamenti: «Ampliamento
del Dipartimento Giudaico del Museo di Storia Civile di Berlino»,
è un capolavoro architettonico realizzato da Daniel Libeskind. Tale
struttura viene spesso annoverata tra le costruzioni decostruttiviste,
edifici che perdono la solidità statica dell’architettura classica per
dissolversi in forme fluide che conferiscono grande dinamicità a
quelle che non sono più delle scatole architettoniche. Il Jüdisches
Museum è una struttura anticlassica, o meglio, al fine di utilizzare
espressioni che siano al passo con i tempi, è un’architettura liquida,
la cui fluidità è data dal suo profilo zigzagante e scomposto che
evade dal mondo euclideo. Il concetto di fluidità architettonica è,
probabilmente, difficilmente comprensibile ed accettabile, proprio
perché viene associato all’arte del costruire che si è sempre
occupata di erigere strutture durature, solide e statiche. Ma nell’era
contemporanea dominata dalla fluidità virtuale del World Wide
Web o del Cyberspace, è chiaro che il mondo della solidità e della
concretezza subisca l’influsso di nuovi concetti. Da questo
«labirinto senza fine» [1] qual è il ciberspazio, si mutua l’elemento
del disorientamento, caratteristica tipica della costruzione
libeskindiana qui presa in esame, che ben risponde all’idea di
destabilizzazione architettonica proposta da Peter Eisenman,
maestro di Libeskind, nonché teorico del concetto di decostruzione
in ambito architettonico. Il carattere labirintico è onnipresente nel
Jüdisches Museum, dal sottolivello ai tre spazi espositivi superiori
in cui si viene trasportati fluidamente tra gli svariati oggetti e
reperti lì custoditi e disposti caoticamente, i quali, ostacolando
insieme alle nere pareti dei vuoti interni il percorso a rete,
costringono ad aggirare tali ostruzioni che ripropongono
significativamente una storia “tortuosa”. [2] Caos, dinamismo (sia
all’interno che all’esterno di questa scultura architettonica) e
complessità, sono alla base della geometria di riferimento: non
quella euclidea dell’ordine, della solidità e della stabilità, ma quella
frattale. [3] Non più figure geometriche, ma linee intersecantesi che
BTA - pagina 1 di 30
Fig. 1
DANIEL LIBESKIND,Museo
Ebraico, Berlino, Germania,
1989-1999. Particolare di una
delle numerose facciate
dell'edificio su cui compaiono
dei "tagli", finestre lunghe e
strette che asimmetricamente
sono state aperte sulla superficie
di zinco riproponendo un
disegno andato in frantumi
Fig. 2
DANIEL LIBESKIND,Museo
Ebraico, Berlino, Germania,
1989-1999
Fig. 3
DANIEL LIBESKIND,Museo
Ebraico, Berlino, Germania,
1989-1999
Veduta aerea che svela il profilo
zigzagante della stella di David
destrutturata. Accanto a quel che
i berlinesi definiscono "fulmine"
architettonico, vi sono da un lato
la Torre dell'Olocausto e il
Giardino dell'Esilio, dall'altro il
Kollegienhaus con la corte
non creano più angoli retti, rigettando così la classica griglia dei
nove quadrati detestata da Daniel Libeskind sin dal periodo di
formazione presso la Cooper Union School. Le riflessioni di
Marcos Novak su questa architettura virtuale sempre mutevole,
impalpabile, al limite della realizzabilità, ben si confanno
all’attività grafica e costruttiva di Daniel Libeskind, il quale ha
realizzato molti disegni e progetti di un’architettura immaginaria e
utopica in cui le Carceri di Piranesi[4] , o l’eco dell’astrattismo di
Kandinskij, solo per citare alcuni esempi, sono particolarmente
presenti. Questi artisti vengono indicati da Novak quali precursori
degli spazi astratti del Cyberspace, la cui architettura «tende a
diventare musica» [5] , una sinfonia continua e mutevole, sfuggente
e dinamica, come del resto è il Jüdisches Museum di Libeskind in
cui l’arte dei suoni, inoltre, gioca un ruolo non irrilevante.
L’edificio berlinese costruito sulla Lindenstrasse, nel quartiere di
Kreuzberg, significativamente accanto alla sede che ha ospitato
precedentemente un’esigua collezione ebraica, è stato realizzato a
partire dal 1989, anno particolarmente importante per gli sviluppi
storici a livello mondiale, nonché per il progresso della cultura
tedesca, soprattutto in rapporto con quella ebraica. Gli orrori e i
crimini commessi dai nazisti hanno impedito per molti anni di
dialogare con il popolo decimato dalle loro stesse mani; il peso della
vergogna costringeva a mettere tutto a tacere. Negli anni Cinquanta,
ossia nell’immediato dopoguerra, venne coniata una parola quasi
impronunciabile,Vergangenheitsbewältigung (confronto
con
il
passato), parola che venne però utilizzata soltanto dopo circa
trent’anni. [6] Nel mondo bipolare della Guerra Fredda l’ebreo poteva
ancora far discutere, tanto nella Germania dell’Est quanto nella
Germania dell’Ovest, terre divise politicamente e ideologicamente, ma
unite da un triste e comune passato. La caduta del muro e la
conseguente riunificazione hanno permesso al popolo tedesco di
riconoscere gli errori e gli orrori commessi precedentemente e di
recuperare dall’oblio in cui erano stati repressi fino a quel momento i
ricordi di quella tragica parentesi della storia novecentesca. Ricordare
era necessario sia per affrontare che per cercare di superare un
dramma collettivo che accomunava - e talvolta ancora accomuna - in
uno stato di angoscia o senso di colpa, vinti e vincitori, sopravvissuti e
discendenti di chi è venuto meno. La memoria storica è il concetto
chiave di questo progetto architettonico: non si può e non si deve
dimenticare l’Olocausto, l’evento storico più eclatante del passato
ebraico, che proprio per la sua tragicità deve spronare le nuove
generazioni che si confrontano con esso a costruire un futuro scevro di
tanti
mali.
Kelsey
Bankert
ha
parlato
di traumatic
architecture (architettura traumatica) al fine di sottolineare che questa
struttura non solo rievoca drammaticamente una tragedia storica, ma
aiuta nel contempo a superarla con l’allestimento di spazi terapeutici e
catartici. [7]
Geniale è Libeskind nel progettare questa metafora architettonica:
ogni singolo elemento strutturale e presumibilmente anche i numeri
che indicano le dimensioni degli spazi, nonché i colori e l’impianto
architettonico nel suo complesso, presentano un particolare significato.
BTA - pagina 2 di 30
vetrata realizzata sempre da
Daniel Libeskind nel 2007
Fig. 4
DANIEL LIBESKIND,Museo
Ebraico, Berlino, Germania,
1989-1999
Pianta del museo. In blu e in
rosso le due linee di pensiero,
nonché quelle strutturali su cui si
basa l'intero progetto
Fig. 5
DANIEL LIBESKIND,Museo
Ebraico, Berlino, Germania,
1989-1999
Particolare delle aperture
Fig. 6
DANIEL LIBESKIND,Museo
Ebraico, Berlino, Germania,
1989-1999
Travi interne in cemento armato
Fig. 7
DANIEL LIBESKIND,Museo
Ebraico, Berlino, Germania,
1989-1999
Confronto stilistico tra il Museo
Ebraico di Berlino e il
Kollegienhaus.
Oltre a far riferimento ovviamente alle nozioni scientifiche necessarie
per l’erezione di un edificio, Libeskind costruisce sottili rimandi
simbolici alle più svariate discipline del settore umanistico, come
quelle storico-filosofiche, artistiche, musicali e letterarie. Con certezza
sappiamo che alla base di questo progetto vi sono quattro fonti
principali di svariata natura: una cartina della città di Berlino, il
componimento Moses and Aronne di Schönberg, i Gedenkbuch e
l’Einbahnstrasse (Strada a senso unico) di Walter Benjamin. Ci si
chiede a cosa servisse la cartina di Berlino quando nel bando di
concorso era stato, ovviamente, già stabilito il luogo di edificazione
dove gli architetti si recarono anche per un sopralluogo, lì dove
sorgeva un parco giochi, accanto al Kollegienhaus, antico tribunale
costruito da Philipp Gerlach nel 1735 e adibito successivamente a sede
museale per l’esposizione di reperti storici. Libeskind ha ricercato
meticolosamente su quella cartina i civici presso cui risiedevano
illustri uomini di cultura, ebrei e tedeschi, dell’Ottocento e del primo
Novecento, uniti in una sorta di «connubio» [8]mediante una semplice
linea. Ironia della sorte, o forse semplicemente conseguenza di un
accurato studio, le linee tracciate sulla cartina della città per unire le
coppie di intellettuali hanno dato vita ad una stella a sei punte, la stella
di David, l’emblema della religione ebraica divenuto però nel
Novecento simbolo discriminatorio. Le coppie da lui individuate sono:
Rahel Levin Varnaghen con il teologo luterano Friedrich
Schleiermacher (tale linea di congiunzione si sovrappone alla
Lindenstrasse su cui è poi sorto il Museo), Paul Celan e Mies van der
Rohe, il poeta E.T.A. Hoffmann e Friedrich von Kleist. Entro questa
sorta di “cornice” tipicamente ebraica, Libeskind ha collocato il suo
museo che nelle forme riprodurrebbe di nuovo una stella a sei punte,
ma questa volta decomposta, resa mediante una forma zigzagante che
non rende immediatamente comprensibile il suo vero significato. È
necessario sottolineare che tale profilo è percepibile soltanto da una
veduta aerea e l’impressione che se ne ricava, più spontanea e
naturale, è quella di riconoscervi un fulmine, motivo per cui i berlinesi
indicano questa struttura con il termine blitz (fig. 3).
La seconda fonte è di natura musicale: Libeskind si concentra sul terzo
atto non musicato del Moses and Aronne di Arnold Schönberg,
musicista ebreo costretto a lasciare l’Europa negli anni Trenta a causa
dell’acceso odio antisemita. Questo è il motivo per cui il suo celebre
componimento che esalta personaggi veterotestamentari è rimasto
incompiuto, e proprio il concetto di incomunicabilità e il silenzio che
caratterizzano il terzo atto hanno ispirato Libeskind. Quest’ultimo
ripropone l’assenza di suoni con i voids, ossia con vuoti, spazi non
percorribili che scandiscono la struttura architettonica. Ilvoid è
l’elemento strutturale cardine di tale costruzione, particolarmente
eloquente nel riproporre l’assenza fisica di chi è venuto meno nei
campi di sterminio, o il silenzio a cui fisici, scrittori e artisti sono stati
costretti. Lo stesso Schönberg, dunque, è rimasto vittima dell’odio
hitleriano e viene pertanto ricordato al pari dei numerosissimi ebrei
scomparsi o esiliati che hanno lasciato un vuoto, un profondo silenzio,
ma almeno il ricordo. In questo museo che si confonde con i luoghi
sacri in cui si entra mediante un «rito processionale» [9] , si rende
omaggio alle vittime dell’Olocausto con una muta preghiera, o, come
avrebbe voluto Libeskind, con la lettura di numerosi nomi di persone
scomparse che avrebbero riempito i vuoti. La nostra voce, leggendo
BTA - pagina 3 di 30
Fig. 8
DANIEL LIBESKIND,Museo
Ebraico, Berlino, Germania,
1989-1999
Particolare dell'intersezione
degli Assi sotterranei
Fig. 9
DANIEL LIBESKIND,Museo
Ebraico, Berlino, Germania,
1989-1999
Giardino dell'Esilio o Giardino
E.T.A. Hoffman. È possibile
percepire la pendenza del piano
di calpestio
Fig. 10
PETER EISENMAN,Memoriale
per gli ebrei assassinati
d'Europa, Berlino, Germania,
1998-2005
Fig. 11
MENASHE
KADISHMAN,Shalechet
(Foglie cadute), Memory Void.
Si notino i due lucernari, visibili
anche dalla veduta aerea, che
illuminano il vuoto e che
ripropongono una delle due linee
direttrici
quell’elenco interminabile di nomi poi non più incisi sulle pareti,
avrebbe modulato in tal modo una sorta di cupa litania, un lugubre
lamento funebre che avrebbe fatto rabbrividire. Quei nomi di identità
spettrali, non frutto della strabiliante fantasia dell’architetto, sono stati
estrapolati dai Gedenkbuch (terza fonte), due enormi volumi custoditi
dalle autorità federali in cui compaiono i nomi dei deportati (tra cui
figurano molti Libeskind) con le rispettive date di nascita e di Fig. 12
DANIEL LIBESKIND,Felix
deportazione, nonché il campo di concentramento in cui sono stati Nussbaum Museum, Osnabrück,
internati.
Germania, 1994-1998. Veduta
Quarta ed ultima principale fonte di ispirazione è il saggio sopracitato aerea dei tre corpi di fabbrica
di Walter Benjamin, una raccolta di aforismi dedicata agli amici in cui
surrealisticamente, seguendo pertanto un percorso non lineare e
disorientante, si può ricostruire il profilo topologico e spirituale della
Berlino degli anni Venti. Pensieri, sogni e ambienti descritti
consequenzialmente suscitano nel «lettore-visitatore la sensazione di
una mancanza di un senso di orientamento, il venir meno del senso sia
spaziale che temporale» [10]e proprio il carattere surrealistico dello Fig. 13
DANIEL LIBESKIND,Felix
smarrimento accomuna questo testo letterario con quello architettonico Nussbaum Museum, Osnabrück,
di Libeskind, perché l’architettura è un testo, derridianamente Germania, 1994-1998.
Particolare
parlando. [11]
Facendo l’analisi del contesto urbano in cui è stato inserito il Jüdisches
Museum, si può notare la notevole difformità di tale costruzione
rispetto a quelle costruite precedentemente (Kollegienhaus e strutture
abitative) sullo stesso lato della Lindenstrasse e con cui condivide
soltanto l’altezza, in rispetto della normativa alla base del piano
regolatore della città. Di fronte però al Kollegienhaus vi è
l’Accademia del Jüdisches Museum ultimata da Libeskind nel
2011. [12] . Tale struttura dialoga con quelle preesistenti, richiamando Fig. 14
in particolar modo il Museo Ebraico mediante il rivestimento (in MICHA ULLMAN,Bibliothek,
questo caso ligneo) solcato da linee diagonali, nonché attraverso Berlino, Germania, 1995
l’inclinazione del cubo di accesso che ricorda il Giardino dell’Esilio. Il
museo sorge in un’ampia area verde, verde che è presente sia nel lotto
di costruzione che nella zona retrostante al cortile vetrato realizzato da Foto cortesia Lucia Signore
Libeskind nel 2007 nello spazio quadrato ricavato tra i tre corpi di
fabbrica dell’antico tribunale settecentesco.
I due giardini sono stati progettati indipendentemente l’uno dall’altro: lo spazio verde sul retro
del Kollegienhaus è stato organizzato da Hans Kollhoff e Arthur Ovaska in maniera conforme
allo stile del palazzo settecentesco; quello intorno alla struttura di Libeskind, da Cornelia Müller,
Jan Wehberg ed Elmar Knippschild, i quali, utilizzando lastre di pietra, creando viali di ghiaia e
piantando particolari e significativi arbusti, hanno allestito uno spazio che permette alla struttura
libeskindiana di essere integrata nell’ambiente circostante. Interessante è il rimando a Paul
Celan, poeta e premio della letteratura commemorato esplicitamente da Libeskind: in uno spazio
creato dalle pareti zigzaganti dell’edificio vi è il “Cortile Celan”, accessibile dall’esterno, che
presenta un rilievo pavimentale disegnato da Gisèle Celan-Lestrange, la vedova del poeta.
Mentre le strutture adiacenti mostrano alla luce dell’analisi geometrica una composizione basata
su forme e volumi geometrici primi - basti pensare al Kollegienhaus inscritto in un quadrato o
alle abitazioni disposte ritmicamente l’una di fronte all’altra in maniera proporzionale,
riproponendo ancora una volta un volume primo qual è il cubo - il museo di Libeskind
tipologicamente si differenzia notevolmente, trattandosi di una struttura con uno sviluppo
frammentato su una spezzata aperta. Tracciando i prolungamenti dei singoli segmenti che
costituiscono la linea zigzagante si otterranno centri di proiezione propri che non hanno
particolare importanza. La forma irregolare è frutto dello sviluppo di due linee direttrici: una
tortuosa e tendente ad infinito (quella blu) che funge da modello per l’elevazione, l’altra «dritta
ma spezzata» [13] (linea rossa) che determina il vuoto continuo interno (fig. 4). [14] La struttura
BTA - pagina 4 di 30
è mista, ossia è il frutto dell’unione di struttura continua e puntiforme, realizzata con pilastri di
acciaio, visibili anche nei “tagli” praticati sulla superficie che superano le dimensioni consentite
in una struttura in muratura piena (fig. 5), e con cemento armato, come si evince dalle parti piene
a setto continuo (i vuoti interni all’edificio) lasciate volutamente grezze. Ciò permette in pianta
di cogliere ulteriori differenze con il preesistente Kollegienhaus dal momento che quest’ultimo,
in conformità alle regole architettoniche settecentesche, è una struttura in muratura continua
piena che ben trasmette l’idea di solidità e di staticità che viene meno nel fluido museo
libeskindiano. Interessante è il rapporto tra spazi pieni e vuoti che sono soggetti ad una
trasposizione dall’esterno all’interno e viceversa. Le finestre sottili e lunghe che costituiscono i
vuoti della superficie esterna prendono corpo all’interno mediante dei pilastri in cemento armato
(fig. 6) disposti obliquamente che incombono come «minacce sempre presenti» [15] sul vano
scala principale e che altro non sono che la prosecuzione all’interno dell’edificio delle aperture
all’esterno, così come, al contrario, quest’ultime sono la continuazione delle travi interne. In
aggiunta, la luce contribuisce a creare un rapporto di continuità tra interno ed esterno, pieno e
vuoto, poiché i fasci di luce che entrano mediante le aperture (vuoti per l’appunto) si riflettono
sulle bianche e spoglie (ma piene) parenti interne. Seguendo il “codice anticlassico”, le finestre
qui sono l’una diversa dall’altra e disposte non in maniera sequenziale e modulare; nell’edificio
prospiciente, invece, Gerlach ha scelto di dividere la facciata orizzontalmente con due ordini di
finestre e di scandirla ritmicamente anche con lesene che individuano verticalmente cinque
moduli rettangolari (fig. 7). Lo studio della facciata, in questo caso, si basa sul concetto di
simmetria: il modulo centrale in cui è collocato l’ingresso del Kollegienhaus, ma anche del
Jüdisches Museum di Libeskind, è particolarmente enfatizzato mediante l’uso di aperture più
ampie, di una balconata al secondo livello, nonché di un coronamento templare, dal momento
che il modulo è delimitato in alto da un timpano su cui sono collocate le statue allegoriche della
Giustizia e della Prudenza. Altra caratteristica che differenzia le due strutture è possibile
scorgerla da una veduta a volo d’uccello: osservando l’antico tribunale si vedrà un tetto rosso a
spiovente, mentre l’edificio di Libeskind ha una copertura piatta (e in questo vi è un omaggio a
Schinkel che con le sue coperture lisce rivoluzionò l’architettura berlinese dell’Ottocento) su cui
si scorgono le tubature e tutte le parti costituenti degli impianti di varia natura (fig. 3): tutto viene
messo in luce, nulla è nascosto nella muratura. [16]
Daniel Libeskind, inoltre, come già accennato sopra, ricorre all’elemento labirintico, in linea con
i principi del Decostruttivismo di cui è un esponente (anche se non ama essere definito tale), al
fine di scardinare il classico senso dell’orientamento dato dalle tradizionali scatole
architettoniche, in modo tale che il visitatore possa essere coinvolto sia emotivamente che
fisicamente. Il cuore, la mente e i sensi vengono sollecitati al fine di favorire l’immedesimazione
in un qualsiasi ebreo, cambiando anche la consueta pratica di mettere il visitatore passivamente
dinanzi o dentro una struttura architettonica. Forte è il senso di disagio, incertezza e angoscia che
si può provare entrando nell’edificio o addirittura ancor prima di addentrarsi in esso, poiché già
sostando sulla Lindenstrasse si può riscontrare quella che i più definirebbero un’anomalia: la
struttura contemporanea che sembra essere autonoma rispetto a quella prospiciente, tra l’altro
così diversa nello stile, nelle forme e nei colori, in realtà è strettamente dipendente da essa
perché il museo di Libeskind non ha un proprio ingresso. Questa scelta conforme al canone
anticlassico - dato che l’ingresso è spesso enfatizzato nella tradizione classica per collocarlo in
posizione centrale nell’apparato simmetrico alla base della progettazione modulare della facciata,
come testimonia del resto il Kollegienhaus - ha una valenza simbolica. Nel bando di concorso
era stato espresso chiaramente che l’edificio sarebbe sorto significativamente nel lotto di forma
triangolare accanto al Kollegienhaus e che, presumibilmente, sarebbe stato autonomo. Libeskind
invece ha collegato le due costruzioni mediante una ripida scalinata e un percorso sotterraneo
che conduce, come lui stesso ha affermato, alle «radici» della storia berlinese in cui non è
possibile separare quella tedesca da quella ebraica. Per cui, chiunque voglia far visita al Museo
Ebraico di recente costruzione deve entrare nell’adiacente edificio settecentesco e scendere
numerosi gradini che suscitano un nuovo e profondo senso di incertezza dovuto all’impossibilità
di scorgere cosa ci sia al termine della scalinata. L’insicurezza, soprattutto nella prima parte del
percorso espositivo, vige sovrana affinché il visitatore sia partecipe della drammatica esperienza
BTA - pagina 5 di 30
dell’esilio, dell’ultimo viaggio verso la morte e della ripresa della propria vita, per chi si è
salvato, dopo aver provato tanta sofferenza. Gli ebrei non hanno avuto certezze e sicurezze nel
momento della partenza per nuove, sconosciute e lontane terre; non hanno avuto consapevolezza
della meta di quel viaggio, per i più senza ritorno, verso i campi di concentramento; i superstiti
non hanno avuto la serenità e la tranquillità nell’affrontare una nuova vita che portava le
indelebili tracce di un passato crudele. Come si può allora ricreare quelle spiacevoli sensazioni
facendo riferimento all’architettura classica, alle sue forme e ai suoi principi rassicuranti che
hanno invece ispirato l’arte del nemico? Era quasi una scelta obbligata rigettare l’angolo retto
per quello più acuto, inclinare il pavimento per affaticare il visitatore durante il percorso,
rimpicciolire le finestre [17] al fine di far entrare poca luce ed evitare qualsiasi contatto con
l’esterno così da ricreare la grigia atmosfera dei campi di sterminio in cui si viveva nella
penombra, in completo estraniamento, avendo solo la certezza di essere stati imprigionati, di
essere maltrattati e, con molte probabilità, di essere condotti verso la morte. Per un’architettura
emotiva o sensibile in cui vengono sollecitati tutti i sensi, anche quelli prima trascurati per
favorire «la percezione sensoriale nell’esperienza estetica e nella fruizione culturale» [18] , è
obbligatorio rigettare la classica impostazione scatolare e la progettazione stabilita del percorso
espositivo che presuppone un comune stato dei visitatori; al contrario, i turisti devono svolgere
un ruolo attivo, devono cercare da soli la giusta strada da percorrere e modificare, pertanto, il
proprio senso dell’orientamento.
Quest’ultimo viene ulteriormente sconvolto nel sotterraneo in cemento armato a setto continuo in
cui vi sono tre corridoi che oltre ad essere spazi serventi o di collegamento, possono essere
considerati anche spazi serviti dal momento che lungo i corridoi vi sono delle teche contenenti
oggetti appartenuti ad alcuni ebrei (fig. 8). Effettuata la discesa mediante la scala di
congiunzione delle due strutture, ci si ritrova sull’Asse della Continuità, un corridoio terminante
con una nuova rampa di scale che riporta in superficie per permettere così di proseguire il
cammino sulle tracce della storia, anche se ciò può esser fatto soltanto dopo un processo di
purificazione reso possibile percorrendo gli altri assi. Come un “novello Dante”, il visitatore
deve scendere negli abissi infernali e sperimentare il male assoluto messo in atto principalmente
con la Shoah. Anche se in questo museo sono custoditi reperti di svariato genere che raccontano
tacitamente duemila anni di storia, Libeskind decide di porre l’accento sulla parentesi storica più
tragica, perché si intreccia inevitabilmente con il passato e con il futuro non solo degli ebrei, ma
della popolazione mondiale. Dapprima si è invitati a percorrere l’Asse dell’Esilio terminante con
una parete trapezoidale di vetro accanto alla quale vi è una porta che immette nel Giardino
dell’Esilio, altrimenti detto Giardino E.T.A. Hoffmann, uno spazio servito di quarantanove metri
quadrati (fig. 9). Si tratta di un luogo aperto, ma paradossalmente claustrofobico, perché i colori
della natura vengono sopraffatti dal grigio e l’erba viene sostituita da una colata di calcestruzzo
armato; perché il cielo lo si può solo intravedere; perché, mediante un rovesciamento, ci si
ritrova in una foresta di pilastri sopra i quali però sono stati piantati degli ulivi. Non un classico
giardino, dunque, non un’oasi di ristoro, non un luogo verde in cui ammirare le classiche
bellezze naturali: entrando in questo giardino forte è il senso di estraniamento che spinge a
scappare via. Qui l’elemento labirintico è ben evidente e la mancanza di equilibrio che costringe
i più ad appoggiarsi ai ruvidi pilastri, sollecitando in tal modo anche il tatto, è causata non solo
dall’uso di pilastri uguali ed equidistanti, ma è anche dovuta all’inclinazione di sei gradi del
piano di calpestio. Questo stesso espediente è stato utilizzato, qualche anno dopo, da Peter
Eisenman nella realizzazione del Memoriale per gli Ebrei assassinati d’Europa a Berlino (fig.
10). Anche in questo spazio, che appare come un grande cretto di Burri, il senso di disagio è
molto forte camminando tra gli oltre duemilasettecento parallelepipedi di altezza crescente.
Fabio Colonnese ha definito il Giardino E.T.A. Hoffmann «la più labirintica interpretazione della
sala ipostila» [19] il cui soffitto è il cielo che poggia sulle morbide chiome degli ulivi piantati
sulla sommità dei quarantanove pilastri a simboleggiare la rigenerazione dopo il dramma,
nonché, come afferma Zambelli, la capacità di adattamento del “popolo senza terra”.[20] Il
numero dei pilastri non è casuale ma simbolico: quarantotto riempiti con terra berlinese
rimandano al 1948, anno della nascita dello Stato di Palestina; il quarantanovesimo, posto al
centro della superficie quadrata cementificata, colmato con terra palestinese, rappresenta la città
BTA - pagina 6 di 30
di Berlino in cui la cospicua comunità ebraica ha sin dalle origini svolto un ruolo molto
importante non solo dal punto di vista economico, ma anche e soprattutto culturale. Libeskind
definisce tale giardino il «naufragio della storia» [21] , il luogo in cui ogni certezza viene meno e
in cui si scontrano sentimenti contrastanti, come la disperazione e la speranza, simboleggiata
quest’ultima, ovviamente, dal verde delle chiome.
Dopo questa esperienza drammatica, il visitatore deve affrontarne un’altra ancor più tragica:
quella dell’Olocausto. Fisicamente il percorso risulta “impegnativo” dal momento che l’Asse
dell’Esilio e quello dell’Olocausto presentano una certa inclinazione pavimentale e il corpo del
visitatore è sottoposto a forti sbalzi termici. L’Asse dell’Olocausto presenta lateralmente delle
teche di forma trapezoidale contenenti oggetti appartenuti alle vittime della Shoah, ma per poterli
vedere è necessario avvicinarsi ad esse poiché sono chiuse da vetri opachi, come se fosse
necessario un raccoglimento per vedere quella sorta di reliquie. Mediante un gioco di contrasti,
questo corridoio, che interseca significativamente gli altri due, termina con una porta scura che
immette in un altro corpo architettonico in cui il tepore viene meno, dal momento che la torre
trapezoidale, detta Voided void, anch’essa uno spazio servito, non è dotata volutamente di alcun
sistema di riscaldamento o di raffreddamento. La pesante porta infernale viene letteralmente
sbattuta alle nostre spalle con un tonfo che rimbomba nel buio della torre illuminata soltanto da
una feritoia. Non vi è nulla in questo luogo claustrofobico, solo una scala (forse un rimando alla
Scala di Giacobbe che unisce il mondo terreno con quello celeste) non raggiungibile. Non c’è via
di scampo. In questo spazio della morte si odono il rimbombo della porta metallica da cui
entrano nuovi “deportati” e, attutite, le voci dei bambini dell’asilo che sorge nelle vicinanze; si
ascolta il suono della vita che pullula fuori da questo spazio opprimente che rievoca i camini dei
forni crematori [22] , o le camere a gas [23] , oppure i vagoni dei treni merci in cui venivano
costipati gli ebrei nel loro ultimo viaggio. In effetti quella lama di luce bianca che rischiara
leggermente l’oscurità del luogo rievoca un racconto contenuto nel libro di Yaffa EliachNon
ricordare…non dimenticare: l’Olocausto raccontato con la speranza chassidica
nell’umanità. Libeskind aveva inizialmente pensato di creare un grande vano completamente
buio al fine di riproporre una camera a gas, ma il racconto di questa donna sopravvissuta ha fatto
mutare idea all’Archistar dal momento che alcuni sono riusciti a sopravvivere. La donna citata
ricorda il suo viaggio in treno da cui vide, attraverso una fessura, una linea bianca,
presumibilmente una nuvola, o la scia di un aereo, che infuse in lei la sicurezza che avrebbe
prima o poi rivisto il cielo, e così effettivamente è stato. [24]
Nel sotterraneo si ha inoltre la possibilità, una volta entrati nel centro di documentazione alla
destra della scalinata di accesso, di ammirare due voids a cui vi si arriva mediante un percorso
zigzagante creato con separatori di svariata forma. L’unico vuoto accessibile è il Memory void a
cui si giunge dopo aver attraversato la Eric F. Ross Gallery al primo piano dove vengono allestite
mostre temporanee. Nel Memory Void vi è l’installazione Shalechet (Foglie cadute) dell’artista
israeliano Menashe Kadishman: numerosissimi volti bronzei di svariata misura, con bocche
aperte che tacitamente urlano, ricoprono completamente il pavimento (fig. 11). Adesso bisogna
immedesimarsi nell’antisemita e calpestare la dignità di uomini, donne e bambini “diversi”:
camminando su quei volti non si prova una sensazione piacevole, poiché il rumore metallico è
molto fastidioso e il percorso molto accidentato, correndo continuamente il rischio di cadere, di
farsi male a causa di una caduta fisica che diviene simbolo di una caduta spirituale. Dopo questo
viaggio catartico si è pronti per proseguire e per scoprire gli altri eventi fondamentali della storia
ebraica percorrendo l’intera Scala della Continuità o Scala Sackler (dal nome di un sostenitore
del museo) sopra la quale incombono oblique travi in cemento armato e al termine della quale vi
è una parete bianca. Svoltando a sinistra ha inizio il percorso espositivo che permette di rivivere
la storia ebraica dal Medioevo fino ai nostri giorni tramite oggetti artistici, abiti, documenti,
fotografie, modellini e racconti di storie visibili o udibili mediante numerosi e svariati oggetti
interattivi che sollecitano tutti i sensi. Il percorso è labirintico anche in questo unico corridoio
zigzagante che non presenta vani come in un classico museo, ma piccoli spazi raccolti o
sopraelevati ricavati con separatori anch’essi zigzaganti o trapezoidali, o da vuoti, riconoscibili
dal colore nero delle pareti, che attraversano l’intera struttura. Gli spazi espositivi sono illuminati
con luci artificiali, poiché quella naturale che filtra dalla coltre zincata su cui sono state aperte
BTA - pagina 7 di 30
millecinquecento finestre, che altro non sono che i pezzi della stella di David andata in frantumi,
è molto fievole. Per quanto concerne le tinte scelte per affrescare le pareti, Marco Biraghi ha
parlato di «cromoclastia» [25] , poiché i colori - o non colori – prevalenti, sono il bianco e il nero
con l’intermedio grigio per i sei vuoti lasciati simbolicamente in cemento grezzo. Si tratta di tinte
giornalistiche che si prestano alla narrazione, ad una narrazione poco lieta che ricorda molteplici
storie accomunate da un medesimo tragico epilogo. Il grigio è utilizzato anche per il rivestimento
esterno per il quale si è scelto lo zinco che rende innanzitutto cangiante la superficie, destinata
nel tempo a diventare bluastra (ecco un altro elemento che rende mutevole questa struttura che
dipende dalla fluidità temporale, dal panta rei di Eraclito), ma che permette di fare un ennesimo
e sottile rimando ai più noti e tragici eventi della storia ebraica commemorati nel sotterraneo
mediante anche il centro di documentazione Rafael Roth Learning Center. È Hugh Aldersey –
Williams a cogliere il valore metaforico dello zinco mediante un rimando alla psicanalisi, al
mondo onirico, all’interpretazione dei sogni, poiché questo metallo viene associato
all’emigrazione, simboleggiata dal Giardino dell’Esilio, ma, essendo inoltre un elemento chimico
che si presta al pari del piombo alla sigillatura delle casse mortuarie, viene associato anche alla
morte. Lo studioso infatti definisce tale edificio un «grande sarcofago» [26] che ospita le ceneri
– simboleggiate a mio avviso dalla sabbia contenuta in una sorta di aiuola trapezoidale ricavata
nel giardino esterno - dei milioni di ebrei uccisi dall’Olocausto (di cui la Torre trapezoidale ne è
il simbolo) e che permette di preservarne almeno la memoria. Il trapezio, figura geometrica che
ricorre continuamente in questa struttura per spazi che rappresentano il vuoto, l’assenza e il
silenzio, permetterebbe di cogliere un sottile e presunto rimando all’allestimento dei campi di
concentramento e, nello specifico, al primo lager costruito, quello di Dachau, dove, non a caso, i
forni crematori a cui la Torre rimanda, erano collocati in un lotto trapezoidale. [27] Tale forma
geometrica la si riscontra anche nel Felix Nussbaum Museum in cui si commemora un pittore
ebreo ucciso in un campo di sterminio nel 1944 e nel lotto di costruzione del Memoriale per gli
Ebrei assassinati d’Europa di Peter Eisenman.
Dalla sommaria descrizione si può evincere che Daniel Libeskind è stato particolarmente
coinvolto emotivamente nella progettazione di tale architettura, come se i suoi genitori, entrambi
internati nei campi di lavoro e costretti anche dopo la liberazione a continue e rocambolesche
fughe, gli avessero trasmesso geneticamente la sofferenza patita. I racconti, i documenti
consultati, nonché la discriminazione da lui stesso subita in tenera età, gli hanno permesso di
vincere un concorso e di materializzare per la prima volta un suo progetto. Sì, il Jüdisches
Museum Berlin è il primo edificio da lui costruito, parallelamente al Felix Nussbaum Museum a
Osnabrück [28] (figg. 12, 13), all’età di cinquant’anni. Precedentemente ha dedicato la sua vita
alla carriera didattica e all’attività grafica in cui l’eco dechirichiano, surrealista e cubista (ma non
solo), è particolarmente presente. Perché, allora, proprio in quel momento, proprio con questo
progetto, riuscì a superare una lunghissima fase di pura ideazione? Questo quesito gli venne
posto nel 1991 da Vittorio Magnago Lampugnani al quale Libeskind rispose dicendo che «idea,
metodo e desiderio» si fusero in un rapporto di evoluzione e continuità rispetto a quanto fatto
precedentemente. [29] Sulla sua scrivania di bandi ve ne sono molti, ma ne sceglie pochi, solo
quelli attraverso i quali può davvero trasmettere un messaggio, e l’ampliamento per il
Dipartimento Giudaico è uno di questi. Del resto nella sua autobiografia asserisce che le sue
architetture devono essere “lette” come dei testi [30] , «testi architettonici destabilizzanti»[31] ,
afferma d’altro canto Eisenman, che sono soggetti a diverse interpretazioni e che presentano
continui rimandi ad altri scritti, di qualsiasi natura. Questa metafora rafforza ulteriormente il
collegamento con il mondo filosofico-letterario da cui scaturisce il Decostruttivismo con cui si
designa un gruppo di opere architettoniche in cui riemergono «impurità represse» [32] e con cui
si riscattano tutti coloro che hanno tentato nel passato, anche quello più remoto, di parlare una
nuova lingua architettonica, talvolta senza essere compresi. [33]
Il progetto del Museo Ebraico è noto con il nome Between the lines (Tra le righe) rievocando,
presumibilmente, anche il between eisenmaniano. Peter Eisenman, che a partire dagli anni
Ottanta si avvicina alle teorie decostruzioniste al fine di favorire la destabilizzazione
dell’architettura, definisce ilbetween «una giustapposizione di strutture», al fine di non far
prevalere l’una sull’ altra; parla di «forme interstiziali intermedie che ammettono l’irrazionale
BTA - pagina 8 di 30
nel razionale, così come il presunto brutto nel presunto bello i cui rispettivi confini non sono più
ormai così distinti e universalmente riconoscibili».[34] Questa mescolanza di elementi
eterogenei è possibile riscontrarla anche nell’operato di Libeskind, il quale, ad esempio, crea
“armonici contrasti” mediante l’accostamento di strutture stilisticamente diverse, come accade
per il Jüdisches Museum, una struttura contemporanea e liquida unita ad una settecentesca e dal
tradizionale impianto scatolare. [35] Quel che banalmente può essere definito un contrasto,
Libeskind lo definisce armonia, esplicitando questo concetto con un’immagine musicale:
nell’insieme della musica classica vengono posti disparati brani che presentano molteplici
differenze l’uno dall’altro, eppure convivono sotto lo stesso nome e la loro esecuzione in
successione non produce nessun contrasto stridente. Il riferimento al mondo musicale è frequente
nelle disquisizioni sull’operato di Libeskind, poiché lui non ha mai abbandonato questa grande
passione coltivata sin da bambino e poi solo apparentemente accantonata per quella grafica e
quindi architettonica. Lo stesso titolo scelto per il progetto ha letteralmente uno sfondo musicale:
le linee non sono solo quelle di pensiero, nonché quelle tracciate e intersecantesi per creare i
vuoti interni alla struttura museale, ma sono anche e soprattutto le linee del pentagramma sui cui
presentò in maniera grafica e descrittiva il suo progetto per sottoporlo alla commissione. Il
rapporto con la musica è stato anche molto sofferto, dal momento che non ha avuto modo di
suonare il pianoforte perché questo strumento musicale poteva destare sospetti. Fu costretto ad
accontentarsi di una fisarmonica, strumento suonato per la musica folk e quindi non oggetto di
rivalse antisemite, con cui, tuttavia, riuscì a vincere anche un prestigioso premio. Anche quando
decise di dedicare il suo tempo al disegno, la musica continuò a svolgere un ruolo importante e
ciò è confermato dal frequente riferimento alla pittura di Kandinskij (influenzato, a sua volta da
Arnold Schönberg [36] ), il cui astrattismo è ispirato all’arte dei suoni, genere artistico non
regolato dal principio di mimesis a cui la cultura accademica, invece, costringe a far riferimento
nell’ambito figurativo. Libeskind è sempre stato un antiaccademico, rigettando, sin dal periodo
di formazione, il confronto con l’angolo retto, con il «problema dei nove quadrati» e con la
geometria euclidea. [37] «(Libeskind) non utilizza il mondo reazionario dei morfemi classici,
quanto le immagini appartenenti alle esperienze avanguardiste del Novecento» [38] , afferma
Antonello Marotta, e il Museo Ebraico ne è la dimostrazione. Motivo per cui è stato necessario
attendere dieci anni prima di vedere ultimata la struttura, correndo continuamente il rischio di
dover abbandonare il progetto, dovendo spesso rettificarlo, come accadde con le pareti esterne
progettate inizialmente inclinate. Pochi confidavano nella sua opera così eccentrica e quasi
utopica, tanto da suscitare scetticismo anche nei più grandi architetti del Novecento, come Philip
Johnson che rimase sbalordito quando Libeskind gli mostrò il progetto. Eppure Daniel Libeskind
ce l’ha fatta, resistendo tenacemente alle critiche, come quella pubblicata dalla redazione della
celebre rivista Casabella, nel cui numero del novembre 1989 si può leggere un articolo in cui si
annuncia il vincitore del concorso, ma si esalta il secondo classificato, Walter Nobel, di cui viene
presentato il progetto. [39] Ricordo inoltre che il museo venne aperto al pubblico nel 1999 (anno
in cui Libeskind vinse il Premio di Architettura Tedesca), registrando un numero cospicuo di
visite ancor prima che al suo interno venisse allestita la collezione. Questo evento suscitò altre
polemiche, poiché dopo l’inaugurazione ufficiale nel settembre 2001 (data alquanto significativa
per Libeskind a causa del crollo delle Torri Gemelle) [40] , si diffuse l’opinione che il museo,
opera d’arte tridimensionale, dovesse rimanere vuoto, poiché l’impatto emotivo sarebbe stato
maggiore. Il senso di vuoto, nichilismo e assenza sarebbe stato ancor più forte; la visita sarebbe
stata ancor più emozionante. Del resto, come afferma non a torto Bruno Zevi, questa struttura è
«Espressionismo a scala metropolitana, non più pago di urlare, deciso a rievocare l’orrore in
modo gelido, tagliente, spietato». [41] Il riferimento all’Espressionismo ben sintetizza l’operato
di Libeskind e degli artisti ebrei in genere, poiché tale corrente artistica, mediante figure spesso
inquietanti e mostruose – immagini deformate e dunque non riscontrabili nella realtà perché non
realizzate con il principio classico della mimesi - è volta ad esternare i sentimenti dell’artista.
Libeskind, del resto, non progetta architetture che scardinano i principi classici al fine di
esprimere al meglio il suo pensiero o, come in questo caso, il suo dolore? Il collegamento con
l’Espressionismo diventa ancor più calzante anche dal punto di vista linguistico e terminologico
poiché il gruppo tedesco espressionista, ispirandosi alla filosofia di Nietzsche, scelse il nome Die
BTA - pagina 9 di 30
Brücke, ossia Il Ponte, mentre Kelsey Bankert nel descrivere «l’architettura del trauma», utilizza
l’immagine del ponte per indicare la funzione di tale edificio: « a bridge between the memory of
tragedy and the future of traumatized people». [42]
Con tale riferimento si ribadisce l’anticlassicismo liquido alla base della propria architettura, e
soprattutto di questa architettura, o «anarchitettura» [43] , che può essere inserita nell’insieme
degli anti-monumenti realizzati nella Berlino post-riunificazione. La scelta di rigettare la
monumentalità e i principi classici che la sottendono è simbolica, poiché la monumentalità è
stata portata all’esasperazione dal nazismo e ciò ha sollecitato gli artisti chiamati a
commemorare le vittime dell’Olocausto a scegliere uno stile antitetico rispetto a quello utilizzato
per esaltare l’ideologia nazista. A Kassel, ad esempio, con “l’anti-fontana” costruita nella piazza
antistante al municipio si è letteralmente rovesciato il monumento, dal momento che l’antica
fontana in stile neogotico fatta erigere da un ebreo e distrutta alla fine degli anni Trenta è stata sì
ricostruita, ma al contrario, non facendo zampillare l’acqua verso l’alto, ma facendola
convergere nel terreno. È proprio con il riproporre la sua assenza, piuttosto che nel restituirle la
sua originaria forma, che talvolta si può rendere più vivo il ricordo. Il concetto di assenza e vuoto
è riproposto, tornando a Berlino, anche da Micha Ullman a Bebelplatz (fig. 14) dove nel 1933
furono bruciati ventimila libri dai nazisti, il cui ricordo è stato materializzato da una finestra
aperta sul manto stradale che fa scorgere nel sottosuolo una biblioteca vuota. Non si può allora
non fare un collegamento con i voids di Libeskind progettati per il Dipartimento Ebraico del
Museo di Berlino poiché il messaggio che i due architetti in questione vogliono comunicare è
identico: ricordare anche se materialmente non è rimasto nulla.
«Only the spirit of the books and the people remains; they meet each other in the heavens».
Dopo la costruzione del Museo Ebraico, Libeskind ha avuto grande notorietà, divenendo subito
un’Archistar, e oggi molti paesi nel mondo gli chiedono di lasciare la sua firma sul proprio
territorio mediante una delle sue meravigliose costruzioni, costringendolo così a fare continui
spostamenti. Da buon ebreo, Libeskind è un “architetto nomade”, costretto più volte, sin da
quando era bambino, ad emigrare in cerca di un luogo in cui non fosse costretto quotidianamente
a confrontarsi con il “diverso”. Gli Stati Uniti, e nello specifico il quartiere del Bronx, gli hanno
concesso la serenità e soprattutto la libertà, simboleggiata dalla statua più nota al mondo, nonché
la prima immagine apparsa dinanzi ai suoi occhi nel momento dello sbarco. Dopo la parentesi
americana però Libeskind ha ripreso a viaggiare per specializzazioni, per la carriera didattica e
ora per la costruzione di edifici: è ancora, e forse ancor più di prima, un apolide, ma adesso,
almeno, conduce la sua vita all’insegna del nomadismo con uno spirito diverso.
BTA - pagina 10 di 30
CRONOLOGIA
Pubblicazione del
concorso:
1988
Presentazione progetto per
il concorso:
giugno 1989
Posa della prima pietra:
9 novembre 1992
Periodo di costruzione:
1993-1999
Data di completamento:
22 gennaio 1999
Apertura al pubblico:
1999 (Il Museo era privo della
collezione)
Riconoscimenti:
nel 1999 Daniel Libeskind riceve il
Premio Tedesco per l'Architettura
Allestimento della
collezione:
1999-2001
Inaugurazione ufficiale:
13 settembre 2001
BTA - pagina 11 di 30
NOTE
[1] M. NOVAK, Architetture liquide nel ciberspazio, in Cyberspace. I primi passi nella realtà virtuale, Padova, F.
Muzzio, 1993, p. 257
[2] Fabio Colonnese, nell’affrontare la tematica del labirinto, afferma che la tipologia dei labirinti a rete ricorda i
modelli ipertestuali del World Wide Web, anche perché essi si confanno piuttosto alle liquide, mutevoli e pulsanti
architetture virtuali, che a quelle statiche del mondo reale.
[3] Per approfondimenti rimando al seguente testo: N. SALA, G. CAPPELLATO, Architetture della complessità: la
geometria frattale tra arte, architettura e territorio, Milano, F. Angeli, 2004
[4] A. MAROTTA, Daniel Libeskind, Roma, Edilstampa, 2007, p. 25
[5] M. NOVAK 1993, p. 261
[6] V. VANNUCCINI, F. PEDRAZZI, Piccolo viaggio nell’anima tedesca, Milano, Feltrinelli, 2005, p. 65
[7] K. BANKERT, The Architecture of Trauma: Daniel Libeskind in New York City and Berlin,CreateSpace
Independent Publishing Platform, 2013.
Partendo da studi di natura psicanalitica effettuati su comunità che hanno subito traumi collettivi, la studiosa ha
preso in esame due strutture costruite da Libeskind con lo stesso coinvolgimento emotivo: il Museo Ebraico a
Berlino e il progetto Ground Zero per ridare vita al quartiere in cui sorgevano leTwins Towers. Pur con le dovute
differenze, i due progetti sono molto affini soprattutto per il concetto di dramma, associato a quello di assenza,
materializzato attraverso il vuoto architettonico. Sei più un settimo, il Voided void, sono gli spazi impenetrabili e più
significativi di tutta la struttura architettonica berlinese, così come la voragine di ventuno metri di profondità a New
York, dove Libeskind è sceso e ha scorto il muro di contenimento del fiume Hudson, è il nucleo centrale del
sofisticato progetto newyorkese. Quel muro imponente, che se fosse crollato nel giorno dell’attentato avrebbe
causato l’inondazione dell’intera città, nonché unica testimonianza materiale di quel complesso architettonico
andato in frantumi, è il fulcro del progetto, come del resto i voids a Berlino, in cui si materializza l’assenza delle
numerosissime vittime. Una delle maggiori differenze è data dal tempo trascorso tra l’evento tragico e la
commemorazione architettonica: negli Stati Uniti ci si è immediatamente attivati per non dimenticare e per superare
il dramma, in Germania, invece, è stato necessario attendere numerosi e lunghi anni per le ragioni politiche di cui si
è fatto cenno sopra, nonché per il semplice fatto che gli artefici del “tragico sacrificio” siano stati i tedeschi stessi.
[8] S. CRICHTON, D. LIBESKIND, Breaking Ground. Un’avventura tra architettura e vita,New York, Sperling &
Kupfer, 2005, p. 87. In queste pagine dedicate all’elencazione delle fonti di ispirazione, Libeskind si sofferma sui
sei nomi che hanno costituito i sei vertici della stella di David e nello specificare le coppie di nomi utilizza il verbo
«sposare» per indicare il collegamento dei rispettivi indirizzi. Le personalità enunciate da Libeskind sono
particolarmente significative non solo perché ognuna di esse ha dato un contributo alla cultura tedesca, ma anche
perché questi personaggi hanno trascorso esistenze particolarmente contrastate, caratterizzate da esili o da suicidi,
come nel caso di Paul Celan che dopo continui spostamenti di città in città, si gettò nella Senna all’età di
cinquant’anni. Per un approfondimento sulle fonti è consigliabile anche il volume di L. SACCHI, Daniel Libeskind:
Museo Ebraico, Berlino, Torino, Testo & Immagine, 1998, pp. 50-51. Altri riferimenti sono inclusi nel saggio di D.
LIBESKIND, Trauma, in Image and remembrance: representation and the Holocaust, a cura di S. Hornstein e F.
Jacobowitz, Bloomington, Indiana University Press, 2003, pp. 43-59
[9] L. SACCHI 1998, p. 59
[10] W. BENJAMIN, Strada a senso unico, a cura di Giulio SCHIAVONI , Torino, Einaudi, 2006, p. IX. L’Arianna
che permette di uscire dal labirinto benjaminiano è Asja Lacis, donna di cui si invaghì l’autore del testo, e a cui è
intitolata una strada, quella aperta nel cuore di Benjamin. La donna viene definita a grandi lettere «ingegnere»,
utilizzando un termine che, come ricorda Schiavoni, era molto caro ai Costruttivisti, esponenti di un movimento
artistico d’avanguardia russo che, ispirandosi al Futurismo e al Cubismo (movimenti che possono essere ricollegati
al Decostruttivismo sia per il carattere antiaccademico, che per il concetto di scomposizione), vengono richiamati in
vita dai Decostruttivisti, come afferma Mark Wigley, curatore, insieme a Philip Johnson, della mostra sul
Decostruttivismo organizzata al MoMA nel 1988.
[11] Jacques Derrida è un filosofo del Novecento che ha incentrato gran parte del suo pensiero sulla teoria della
decostruzione applicata inizialmente al solo testo letterario in cui si possono riscontrare svariati livelli interpretativi
grazie al processo di divisione dell’intero testo in numerose piccole parti. Questo discorso è stato poi da lui stesso
esteso all’architettura, concepita al pari della letteratura, quale espressione metaforica di numerosi messaggi. Si è
passati dall’uso del termine “decostruzione” a quello di “decostruzionismo” per arrivare infine nel 1988, in
occasione di una celebre mostra al MoMA (Deconstructivist Architecture), a parlare di “decostruttivismo”,
riprendendo terminologicamente gli altri movimenti artistico-architettonici del Novecento. Derrida ha traslato le sue
idee decostruzioniste dall’ambito letterario a quello architettonico grazie all’aiuto di due noti architetti: Bernard
Tschumi e Peter Eisenman. Quest’ultimo, maestro di Daniel Libeskind presso la Cooper Union School, ha
ulteriormente approfondito tale concetto, al fine di poter rendere la sua architettura maggiormente conforme ai
precetti artistici della cultura ebraica a cui appartiene, mediante una copiosa produzione di trattati nonché di strutture
BTA - pagina 12 di 30
che si avvalgono di tale scomposizione.
Per ulteriori approfondimenti rimando al testo di C. ROSETI, La decostruzione e il decostruttivismo: pensiero e
forma dell’architettura, Roma, Gangemi, 1997.
[12] L’Accademia del Jüdisches Museum, costruita lì dove sorgeva il mercato dei fiori, è costituita da tre corpi di
fabbrica contenenti un auditorium, una biblioteca con sala lettura e l’ingresso, il cubo inclinato di cui si è parlato
sopra. Al fine di sottolineare l’uso di tale costruzione, sull’ingresso sono state riproposte due lettere dell’alfabeto
ebraico, Alef e Bet, in forma di lucernari. Anche il materiale di rivestimento ha un significato simbolico , il che
permette di collegare tale struttura al Museo Ebraico. Sulla parete bianca alla sinistra del varco di accesso vi è la
scritta tradotta in varie lingue, «Hear the truth, whoever speaks it».
[13] B. ZEVI, Libeskind, in L’architettura: cronache e storia, n. 7, luglio- agosto 1994
[14] Tale schema compositivo ritengo che sia riproposto anche nel giardino che circonda l’edificio di Libeskind,
poiché vi sono due lunghe lastre di cemento intersecantesi su cui sono rispettivamente riproposte una linea dritta e
una spezzata in dieci segmenti. Tuttavia non si tratta di una rappresentazione tridimensionale del progetto poiché, in
tal caso, la linea dritta e tendente ad infinito avrebbe dovuto intersecare tutti i segmenti. Pertanto gli architetti hanno,
probabilmente, solo fatto un richiamo alle linee direttrici e alle linee di pensiero del progetto, senza riprodurre
fedelmente, forse anche per ragioni di spazio, l’intersezione delle linee.
[15] M. ZAMBELLI, Museo Ebraico a Berlino, in Sopralluoghi, Arch’it,www.architettura.it/sopralluoghi, 24
settembre 2000
[16] Dall’alto è possibile anche vedere i due lucernari paralleli che indicano una delle linee direttrici (la linea rossa
evidenziata in fig. 04) e che, pertanto, illuminano i vuoti interni, creando un contrasto luminoso tra gli spazi
espositivi bui e illuminati da luci artificiali e quelli vuoti e inaccessibili particolarmente luminosi.
[17] Le soluzioni architettoniche citate sono tipiche di una struttura edificata in base ad un «codice anticlassico» che
viene ben illustrato da Bruno Zevi in un saggio del 1973. Nella decade successiva, quando incominciano ad essere
realizzati da molte future Archistar progetti decostruttivisti, sembra che i suoi suggerimenti vengano presi alla
lettera. Anche Bruno Zevi parla di linguaggio, di una lingua architettonica ormai morta, com’è quella della
classicità, che esige un accurato studio dal momento che, deviati dalle Beaux Arts, non ci si è resi conto che persino
nel luogo sacro della classicità, qual è l’Acropoli ateniese, vi sono delle imprecisioni, delle lievi asimmetrie, come
nel caso dell’Eretteo. Per approfondimenti rimando al saggio di B. ZEVI, Il linguaggio moderno dell’architettura:
guida al codice anticlassico, Torino, Einaudi, 1973.
[18] I. PEZZINI, Architetture sensibili. Il Museo Ebraico e il Monumento alle Vittime dell’Olocausto a Berlino,
in EǀC, Rivista on-line dell’ AISS Associazione Italiana Studi Semiotici,www.ec-aiss.it, 16 ottobre 2009
[19] F. COLONNESE, Il labirinto e l’architetto, Roma, Kappa, 2006, p. 297
[20] M. ZAMBELLI 2000
[21] D. LIBESKIND, Jewish Museum Berlin, Berlino, G+A Arts International, 2000, p. 41
[22] I. PEZZINI 2009
[23] M. ZAMBELLI 2000
[24] S. CRICHTON, D. LIBESKIND 2005, p. 53
[25] M. BIRAGHI, A. FARLENGA, Architettura del Novecento. Teorie, scuole, eventi, Torino, Einaudi, 2012, p.
193
[26] H. ALDERSEY – WILLIAMS, Favole periodiche. La vita avventurosa degli elementi chimici, Milano,
Mondolibri, 2011
[27] Molteplici dibattitti sono stati effettuati sulle planimetrie dei numerosi campi di concentramento, alcuni dei
quali, come quello di Treblinka, sembrano essere stati allestiti in lotti di forma trapezoidale. Facendo ricorso a
fotografie aeree e alle confuse ed imprecise testimonianze dei deportati sopravvissuti, si è cercato di ricostruire
quegli spazi della morte smantellati, come insegna la storia, prima dell’arrivo del nemico. Nonostante i livellamenti
e le piantagioni di lupini innestate su quei lotti sterminati, qualche traccia risulta essere ancora visibile e sulla base di
tali dati si continua a ricostruire i profili tragici di quei lager.
[28] Molteplici sono le affinità che accomunano i due musei, tanto nell’impianto architettonico destrutturato, quanto
nel simbolismo sotteso. Il museo ad Osnabrück è stato realizzato per commemorare il pittore ebreo, non
particolarmente noto ai più, Felix Nussbaum. Ennesima vittima dell’odio della razza ariana, dopo continui esili
venne internato con la moglie nel campo di concentramento di Auschwitz da cui non fece più ritorno. La sua
produzione pittorica è costituita prevalentemente da autoritratti realizzati durante le rocambolesche fughe in spazi
angusti, spazi che Libeskind ha voluto ricreare nel corpo centrale della struttura larga solo due metri. Anche qui, ai
fini dell’immedesimazione, si ricorre ad espedienti che producono un forte senso di claustrofobia, qui reso ancor più
evidente dalla difficoltà di trovare l’uscita (a Berlino, al contrario, non si riesce ad individuare l’ingresso, come se
fosse - e forse lo è stato - difficile avere un approccio con la storia ebraica). Per scoprire altri riferimenti simbolici
BTA - pagina 13 di 30
cito articoli pubblicati su riviste di settore: M. DE MICHELIS, Museo Felix Nussbaum, Osnabrück,
Germania, in Domus n. 809, novembre 1998, pp. 20-27; D. LIBESKIND, The Felix Nussbaum, Osnabrück,
Germany, in A+U: Architecture and Urbanism, n. 12, dicembre 1998, pp. 82-101; C. WEGSCHEIDER, Museo
Felix Nussbaum a Osnabrück, in L’industria delle costruzioni, n. 328, febbraio 1999, pp. 6-17
[29] D. LIBESKIND, Tra metodo, idea e desiderio, in Domus 731, 1991, pp. 17-28
[30] S. CRICHTON, D. LIBESKIND 2005, p. 89
[31] C. ROSETI 1997
[32] M. BIRAGHI, A. FARLENGA 2012, p. 283. Questa espressione è stata pronunciata da Mark Wigley in
occasione della presentazione della mostra Deconstructivist Architecture, al fine di evidenziare il collegamento con
il movimento Costruttivista che è stato cancellato dal Realismo storico di Stalin, il quale, al pari degli altri dittatori,
ha voluto ripristinare il classicismo per dare di sé e del proprio operato un’immagine aurea. Come se fossero degli
psicanalisti, gli architetti degli anni Ottanta del Novecento hanno rimosso i numerosissimi tabù imposti alle
discipline artistiche da lunga data.
[33] Mi ricollego al saggio di Bruno Zevi sopra citato. Egli individua anomalie non solo nel mondo classico grecoromano, ma, conseguentemente, anche nel periodo rinascimentale che al classico si ispira, in cui ravvisa la presenza
di architetti che pur essendo classificati tra i maggiori esponenti del Rinascimento italiano, in realtà sono talvolta
anticlassici. Esempio eclatante è dato dalla personalità di Michelangiolo, il quale con il progetto per la piazza del
Campidoglio, o con quello per le Mura di fortificazione della città di Firenze, scardina i principi classici di
proporzione, simmetria e modulazione. A seguire si citano Borromini, Palladio, definito «non inquadrabile» anche
da Giulio Carlo Argan, fino ad arrivare, mediante un salto cronologico, a Le Corbusier che con l’elaborazione
dei Cinque Punti della nuova Architettura va alla ricerca della libertà, parola d’ordine dell’architettura anticlassica,
e a Wright, le cui strutture sono realizzate con «libertà democratica», quella repressa dalla «dittatura della linea
retta».
[34] C. ROSETI 1997, p. 126
[35] L’accostamento di edifici stilisticamente diversi e appartenenti ad epoche differenti è spesso riscontrabile,
talvolta per puro caso, in svariati progetti di Libeskind. Ad esempio ciò è evidente nel Felix Nussbaum Museum che
sorge accanto ad un ponte del XVII secolo che Libeskind ha valorizzato ed integrato nel progetto, rivestendolo con
nuovi materiali e utilizzandolo come struttura d’accesso alla nuova costruzione.
[36] Arnold Schönberg ha dato molti contributi alla cultura artistica del primo Novecento, non solo nell’ambito
musicale, ma anche figurativo, con la partecipazione al gruppo Der Blau Reiter, di cui, come ricordato sopra,
Kandinskij era uno dei maggiori esponenti. Fu il promotore della dodecafonia e dell’atonalismo che affondano le
proprie radici nell’Espressionismo. Con tale «emancipazione della dissonanza» - come la definisce Zevi
nel saggio Ebraismo e architettura – rifiuta il rapporto gerarchico delle note e la loro successione temporale.
[37] Libeskind nei suoi progetti fa riferimento non (o comunque non esclusivamente) alla geometria euclidea, ma a
quella frattale, una geometria che si occupa dello studio delle forme presenti in natura. In essa vige la casualità, il
disordine, la complessità, tutto ciò che invece viene represso nelle strutture classiche che sono realizzate all’insegna
dello studio, dell’ordine e di una semplicità strutturale modulare. L’arte, che sin dalle origini si è spesso ispirata alla
natura, di conseguenza riprende le forme studiate dalla geometria frattale, come dimostrano le incisioni rupestri o i
capitelli egizi e, facendo un grande salto cronologico, anche alcuni progetti, in cui vige il principio
dell’autosomiglianza, realizzati da Michelangelo e dal Palladio. Gli architetti della contemporaneità, grazie anche
all’uso di calcolatori elettronici sofisticati, si cimentano nella progettazione di edifici complessi che nella loro
inverosimiglianza si ispirano alle forme della natura, basti pensare al fiore architettonico progettato da Frank O.
Gehry, quale è il Guggenheim Museum a Bilbao. Si veda N.SALA, G. CAPPELLATO 2004.
[38] A. MAROTTA 2007, p. 21
[39] L’ampliamento del Berlin-Museum, in Casabella n. 562, novembre 1989, pp.31-32
[40] Libeskind, pur essendo nato in Polonia (1946), si sente americano, poiché dopo numerosi spostamenti narrati
nella sua autobiografia, ha trovato finalmente riparo negli Stati Uniti. In quanto americano, ha vissuto un nuovo
dramma collettivo, quello dovuto all’attentato terroristico del 2001 che ha causato numerosissime vittime. Anche in
questo caso il forte coinvolgimento emotivo gli ha permesso di vincere un nuovo bando di concorso, quello
per Ground Zero, in cui ha ripreso e adattato a nuove circostanze, anche se sempre drammatiche, i concetti chiave
alla base del progetto berlinese.
[41] B. ZEVI, Ebraismo e architettura, Firenze, Giuntina, 1993, p. 81
[42] K. BANKERT 2013, p. 9
[43] C. ROSETI 1997, p. 44
BTA - pagina 14 di 30
BIBLIOGRAFIA
ALDERSEY – WILLIAMS 2011
Hugh ALDERSEY WILLIAMS, Favole periodiche. La vita avventurosa degli elementi chimici,Milano, Mondolibri,
2011
BANKERT 2013
Kelsey BANKERT, The Architecture of Trauma: Daniel Libeskind in New York City and Berlin, CreateSpace
Independent Publishing Platform, 2013
BENJAMIN 2006
Walter BENJAMIN, Strada a senso unico, a cura di Giulio SCHIAVONI, Torino, Einaudi, 2006
BIRAGHI 2012
Marco BIRAGHI, Alberto FARLENGA, Architettura del Novecento. Teorie, scuole, eventi, Torino, Einaudi, 2012
CASABELLA 1989
L’ampliamento del Berlin-Museum, in Casabella n. 562, novembre 1989, pp.31-32
COLONNESE 2006
Fabio COLONNESE, Il labirinto e l’architetto, Roma, Kappa, 2006
CRICHTON, LIBESKIND 2005
Sarah CRICHTON, Daniel LIBESKIND, Breaking ground. Un’avventura tra architettura e vita, New York,
Sperling & Kupfer, 2005
DE MICHELIS 1998
Marco DE MICHELIS, Museo Felix Nussbaum, Osnabrück, Germania, in Domus, n. 809, novembre 1998, pp. 2027
LIBESKIND 1991
Daniel LIBESKIND, Tra metodo, idea e desiderio, in Domus 731, 1991, pp. 17-28
LIBESKIND 1998 FELIX NUSSBAUM MUSEUM
ID., The Felix Nussbaum, Osnabrück, Germany; and the Jewish Museum, Berlin, in A+U: Architecture and
Urbanism, n. 12, dicembre 1998, pp. 82-101; pp. 102-121
LIBESKIND 2000
ID., Jewish Museum Berlin, Berlino, G+A Arts International
LIBESKIND 2003
ID., Trauma, in Image and remembrance: representation and the Holocaust, a cura di Shelley Hornstein e Florence
Jacobowits, Bloomington, Indiana University Press, 2003, pp. 43-59
MAROTTA 2007
Antonello MAROTTA, Daniel Libeskind, Roma, Edilstampa, 2007
PEZZINI 2009
Isabella PEZZINI, Architetture sensibili. Il Museo Ebraico e il Monumento alle Vittime dell’Olocausto a Berlino,
in EǀC, Rivista on-line dell’ AISS Associazione Italiana Studi Semiotici,www.ec-aiss.it, 16 ottobre 2009
ROSETI 1997
Claudio ROSETI, La decostruzione e il decostruttivismo : pensiero e forma dell'architettura,Roma, Gangemi, 1997
SACCHI 1998
Livio SACCHI, Daniel Libeskind: Museo Ebraico, Berlino, Torino, Testo & Immagine, 1998
SALA, CAPPELLATO 2004
Nicoletta SALA, Gabriele CAPPELLATO, Architetture della complessità: la geometria frattale tra arte,
architettura e territorio, Milano, F. Angeli, 2004
VANNUCCINI, PEDRAZZI 2005
Vanna VANNUCCINI, Francesca PEDRAZZI, Piccolo viaggio nell’anima tedesca, Milano, Feltrinelli, 2005
WEGSCHEIDER 1999
BTA - pagina 15 di 30
Christian WEGSCHEIDER, Museo Felix Nussbaum a Osnabrück, in L’industria delle costruzioni, n. 328, febbraio
1999, pp. 6-17
ZAMBELLI 2000
Matteo ZAMBELLI, Museo Ebraico a Berlino, in Sopralluoghi, Arch’it,www.architettura.it/sopralluoghi, 24
settembre 2000
ZEVI 1973 ANTICLASSICO
Bruno ZEVI, Il linguaggio moderno dell’architettura: guida al codice anticlassico, Torino, Einaudi, 1973
ZEVI 1993 EBRAISMO
ID., Ebraismo e architettura, Firenze, Giuntina, 1993
Vedi anche nel BTA: USCITE DI ARCHITETTURA LIQUIDA
Contributo valutato da due referees anonimi nel rispetto delle finalità scientifiche, informative, creative e
culturali storico-artistiche della rivista
BTA - Bollettino Telematico dell'Arte
http://www.bta.it/txt/a0/07/bta00716.html
BTA - pagina 16 di 30
16 Giugno 2014, n. 716
Fig. 1
DANIEL LIBESKIND,Museo Ebraico, Berlino, Germania, 1989-1999. Particolare di una delle numerose facciate
dell'edificio su cui compaiono dei "tagli", finestre lunghe e strette che asimmetricamente sono state aperte sulla
superficie di zinco riproponendo un disegno andato in frantumi
BTA - pagina 17 di 30
Fig. 2
DANIEL LIBESKIND,Museo Ebraico, Berlino, Germania, 1989-1999
BTA - pagina 18 di 30
Fig. 3
DANIEL LIBESKIND,Museo Ebraico, Berlino, Germania, 1989-1999
Veduta aerea che svela il profilo zigzagante della stella di David destrutturata. Accanto a quel che i berlinesi
definiscono "fulmine" architettonico, vi sono da un lato la Torre dell'Olocausto e il Giardino dell'Esilio, dall'altro il
Kollegienhaus con la corte vetrata realizzata sempre da Daniel Libeskind nel 2007
BTA - pagina 19 di 30
Fig. 4
DANIEL LIBESKIND,Museo Ebraico, Berlino, Germania, 1989-1999
Pianta del museo. In blu e in rosso le due linee di pensiero, nonché quelle strutturali su cui si basa l'intero progetto
BTA - pagina 20 di 30
Fig. 5
DANIEL LIBESKIND,Museo Ebraico, Berlino, Germania, 1989-1999
Particolare delle aperture
BTA - pagina 21 di 30
Fig. 6
DANIEL LIBESKIND,Museo Ebraico, Berlino, Germania, 1989-1999
Travi interne in cemento armato
BTA - pagina 22 di 30
Fig. 7
DANIEL LIBESKIND,Museo Ebraico, Berlino, Germania, 1989-1999
Confronto stilistico tra il Museo Ebraico di Berlino e il Kollegienhaus.
BTA - pagina 23 di 30
Fig. 8
DANIEL LIBESKIND,Museo Ebraico, Berlino, Germania, 1989-1999
Particolare dell'intersezione degli Assi sotterranei
BTA - pagina 24 di 30
Fig. 9
DANIEL LIBESKIND,Museo Ebraico, Berlino, Germania, 1989-1999
Giardino dell'Esilio o Giardino E.T.A. Hoffman. È possibile percepire la pendenza del piano di calpestio
BTA - pagina 25 di 30
Fig. 10
PETER EISENMAN,Memoriale per gli ebrei assassinati d'Europa, Berlino, Germania, 1998-2005
BTA - pagina 26 di 30
Fig. 11
MENASHE KADISHMAN,Shalechet (Foglie cadute), Memory Void.
Si notino i due lucernari, visibili anche dalla veduta aerea, che illuminano il vuoto e che ripropongono una delle due
linee direttrici
BTA - pagina 27 di 30
Fig. 12
DANIEL LIBESKIND,Felix Nussbaum Museum, Osnabrück, Germania, 1994-1998. Veduta aerea dei tre corpi di
fabbrica
BTA - pagina 28 di 30
Fig. 13
DANIEL LIBESKIND,Felix Nussbaum Museum, Osnabrück, Germania, 1994-1998. Particolare
BTA - pagina 29 di 30
Fig. 14
MICHA ULLMAN,Bibliothek, Berlino, Germania, 1995
BTA - pagina 30 di 30
Fly UP