...

VA ME DICA GEN - Ordine dei Medici di Genova

by user

on
Category: Documents
18

views

Report

Comments

Transcript

VA ME DICA GEN - Ordine dei Medici di Genova
GEN VA MEDICA
Organo Ufficiale
dell’Ordine dei Medici
Chirurghi e degli Odontoiatri
della Provincia di Genova
N.9
settembre
2012
EDITORIALE Sanità: tagliare non basta!
NOTE DI DIRITTO SANITARIO
La responsabilità civile del medico. Novità giurisprudenziali
Esclusione della scuola di specializzazione e risarcimento del danno
AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE
La comunicazione strategica medico-paziente
NOTIZIE DALLA FNOMCEO “Obiettivo risarcimento”: spot contestati
MEDICINA & NORMATIVA Salute e sicurezza sui luoghi di lavoro
Cartella sanitaria e trasmissione dati sanitari
IN PRIMO PIANO Decreto Balduzzi: ecco le novità
Notizie dalla C.A.O.
Anno 20 n. 9/2012 Per. Mens. - Aut. n. 15 del 26/04/1993 del Trib. di Genova - Sped. in A. P. - 45% - Filiale di Ge. €0,42
Attivare la casella di Posta
Elettronica Certificata è un obbligo di legge
Ricordiamo a tutti i colleghi che, ai sensi dell’art.19 comma 7, Dpr 185/2008, sono
tenuti a comunicare all’Ordine l’indirizzo di posta elettronica certificata. A chi non l’avesse
ancora attivata rammentiamo che l’Ordine di Genova offre la PEC gratuitamente a tutti
gli iscritti che ne facciano richiesta. Ecco la procedura per ottenerla:
tt o
h a n n o fa
■ accedere al portale www.arubapec.it ■ cliccare in alto a destra
Ad oggi
15
.6
1
della PEC
i e
su convenzioni ■ inserire il codice convenzione (OMCEO-GE-0015) richiesta
tr
ia
to
odon
fra medici,
■ nella pagina successiva inserire codice fiscale, cognome e nome
ti.
doppi iscrit
(il sistema verificherà che i dati inseriti corrispondano realmente
ad un iscritto all’Ordine) ■ inserire i dati richiesti ■ la richiesta della casella PEC viene
salvata e vengono generati in PDF i documenti necessari alla sottoscrizione del
servizio PEC. La casella sarà attivata solamente dopo la ricezione via fax della
documentazione sottoscritta allegando il documento d’identità al fax 0575 862026.
Ulteriori chiarimenti per la procedura ed attivazione potranno essere richiesti
all’indirizzo: [email protected]
CAMBIO DI RESIDENZA
Si ricorda agli iscritti che, secondo
quanto stabilito dall’art.64 del Codice
deontologico, è obbligatorio comunicare all’Ordine il cambio di residenza.
La comunicazione deve essere fatta
attraverso l’autocertificazione utilizzando il modulo scaricabi le da
www.omceoge.org alla sezione modulistica, e allegando fotocopia di un
documento di identità.
CERTIFICATO DI ISCRIZIONE
Si ricorda che per il ritiro del
certificato di iscrizione, quando viene effettuato da persone
diverse dall’interessato, deve
essere accompagnato da una
delega e da un documento di
identità dell’iscritto stesso.
TESSERINI DI ISCRIZIONE
Risultano in giacenza presso la
segreteria dell’Ordine molti tesserini di iscrizione (anche relativi agli anni scorsi). Sollecitiamo,
pertanto, i medici interessati a
provvedere al ritiro.
O
ZIONE ALB
CANCELLA
ne
io
z
i c a n c e ll a
In c a s o d
restinecessario
è
o
lb
A
ll’
a
d
tica e
sera ordinis
tuire la tes
trasseesso) il con
s
s
o
p
in
e
(s
d e ll a
e / o q u e ll o
g n o a u to
te.
iliare urgen
visita domic
e “Genova
Chi volesse ricever
, rinuncianMedica” via mail
cea, deve
do alla copia carta
a a:
inviare la richiest
eoge.org
[email protected]
nc el la zio ne
ch ie de nd o la ca
one e indidal file di spedizi
e-mail a cui
cando l’indirizzo
ricevere la rivista.
SETTEMBRE
GENOVA MEDICA
mail: [email protected]
SOMMARIO
Editoriale
4 Sanità: tagliare non basta!
Genova Medica
Organo Ufficiale dell’Ordine dei Medici
Chirurghi e degli Odontoiatri della
Provincia di Genova
Direttore responsabile
Enrico Bartolini
Comitato di redazione
Roberta Baldi
Alberto Ferrando
Massimo Gaggero
Lucio Marinelli
Luca Nanni
Mario Pallavicino
Andrea Stimamiglio
Gianni Testino
CONSIGLIO DIRETTIVO
Enrico Bartolini Presidente
Alberto Ferrando Vice Presidente
Luca Nanni Segretario
Proscovia M. Salusciev Tesoriere
Consiglieri
Maria Clemens Barberis
Luigi Carlo Bottaro
Alberto De Micheli
Francesco De Stefano
Riccardo Ghio
Gemma Migliaro
Luca Nanni
Federico Pinacci
Francesco Prete
Giancarlo Torre
Giovanni Battista Traverso
Massimo Gaggero (odontoiatra)
Giorgio Inglese Ganora (odontoiatra)
COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI
Mario Pallavicino Presidente
Lucio Marinelli
Paolo Pronzato
Gianni Testino Supplente
COMMISSIONE ALBO ODONTOIATRI
Massimo Gaggero Presidente
Giuseppe Modugno Segretario
Stefano Benedicenti
Maria Susie Cella
Giorgio Inglese Ganora
P.zza della Vittoria 12/4
16121 Genova Tel. 010. 58.78.46
Fax 59.35.58
Vita dell’Ordine
5 Le delibere del Consiglio
Note di diritto sanitario
6 La responsabilità civile del medico. Novità giurisprudenziali
9 Esclusione della scuola di specializzazione e risarcimento
del danno
Aggiornamento professionale
10 La comunicazione strategica medico-paziente
Notizie dalla FNOMCeO
13 “Obiettivo risarcimento”: spot contestati
Medicina & Attualità
14 Minorenni: vietate le protesi mammarie
Medicina & Normativa
15 Ordinamenti professionali: in vigore la riforma
16 Salute e sicurezza sui luoghi di lavoro
17 Cartella sanitaria e trasmissione dati sanitari
In primo piano
18 “Notizie in breve” a cura di Marco Perelli Ercolini
20 Medici di bordo: revisione parziale delle autorizzazioni all’imbarco
21 Decreto Balduzzi: ecco le novità
24 Corsi & Convegni
27 Recensioni
In ricordo di...
28 Leopoldo Gamberini: la musica dell'anima
30 Notizie dalla C.A.O. a cura di M. Gaggero
La Redazione si riserva di pubblicare in modo parziale o integrale il materiale
ricevuto secondo gli spazi disponibili e le necessità di impaginazione.
Periodico mensile - Anno 20 n.9 settembre 2012 - Tiratura 9.000 copie + 164 invii telematici Autorizz. n.15 del 26/04/1993 del Trib. di Genova. Sped. in abb. postale - Gruppo IV 45%.
Pubblicità e progetto grafico: Silvia Folco - [email protected] - In copertina: “La Convalescenza”
Luigi Nono Fusina, (Venezia 1850 - 1918). Stampa: Ditta Giuseppe Lang - Arti Grafiche S.r.l. Via
Romairone, 66/N 16163 Genova. Finito di stampare nel mese di settembre 2012.
4 EDITORIALE
Genova
Medica
Sanità:
tagliare non basta!
I
situazione critica momentanea e che, oltre a
non risolvere in modo incisivo i problemi esistenti, tendono a creare disorientamento e
temi della sanità, dei suoi costi, dei
preoccupazione tra i cittadini.
servizi sono da tempo oggetto di
E’ indispensabile, invece, prevedere un
discussione nel nostro Paese.
Sistema Sanitario moderno che sia in grado
I cambiamenti in atto, dovuti a fattori demo-
di garantire la sostenibilità economica, l’equità
grafici, culturali e sociali e la grave crisi eco-
e l’universalità. Perché ciò avvenga è neces-
nomico-finanziaria che stiamo vivendo, ci
sario che il Governo avvii un processo risoluti-
mettono di fronte alla necessità di ripensare
vo definitivo ed autorevole per risolvere incer-
ad un modello di salute e ad una nuova orga-
tezze e difficoltà. Sarebbe quindi auspicabile
nizzazione dei servizi di cura. Soprattutto per-
che, piuttosto che tagliare indiscriminatamen-
chè le risorse necessarie per garantire,
te, si sostituisca alla politica del razionamen-
anche nel futuro, lo stesso standard di cure
to quella della riduzione e l’abolizione degli
di cui godiamo oggi, saranno in continuo
sprechi e tutto questo è fattibile con l’istitu-
aumento, con una crescita esponenziale
zione di un tavolo a cui far partecipare tutti
della spesa che, difficilmente, potrà essere
gli attori del sistema per il riordino complessi-
garantita dallo Stato. Contrariamente a
vo della materia che porti a un unico provve-
quanto avviene in altri settori produttivi, dove
dimento, condiviso tra le parti.
il progresso tecnologico comporta una sensi-
E’ importante evitare, come succede sempre
bile diminuzione dei costi, nella sanità, para-
più frequentemente, di attuare significativi
dossalmente, avviene l’esatto contrario.
interventi normativi senza dichiararne aperta-
Appare evidente che, se alla progressiva cre-
mente obiettivi e strategie e senza far sape-
scita dei bisogni di salute si risponde solo ed
re ai cittadini le ricadute in termine di salute
esclusivamente con restrizioni, contenimenti
e di servizi. Questi ultimi, infatti, difficilmente
e tagli, si arriverà, presto o tardi, ad un cor-
riescono a comprendere l’importanza di una
tocircuito tra i bisogni e i costi crescenti, da
riqualificazione della spesa sanitaria: non
una parte, e le risorse non incrementabili
comprendono, ad esempio, perché spetti al
nella stessa misura, dall’altra.
farmacista, anziché al proprio medico di fidu-
Per questi motivi i recenti provvedimenti
cia, il compito della scelta del farmaco.
assunti dal Governo, anche nell’ambito della
Se lo Stato per continuare a sostenere la
“spending review” per ripristinare la sosteni-
spesa sanitaria è obbligato a prendere deci-
bilità della spesa sanitaria, sono stati oggetto
sioni drastiche, deve anche imparare ad
di critiche da più parti poiché, a detta degli
argomentare le proprie scelte e a fornire ai
esperti, difficilmente si dimostreranno effica-
cittadini informazioni trasparenti e compren-
ci nel creare veri risparmi per lo Stato.
sibili sui provvedimenti assunti per non far
Non bisogna dimenticare che queste decisio-
ricadere sui medici colpe non loro.
ni, spesso, servono solo a tamponare una
SETTEMBRE 2012
Enrico Bartolini
VITA DELL’ORDINE
Genova
Medica
Le delibere delle
sedute del Consiglio
Riunione del 26 luglio 2012
Presenti: E. Bartolini (presidente), A.
Ferrando (v. presidente), L. Nanni
(segretario), M. P. Salusciev (tesoriere).
Consiglieri: M.C. Barberis, G. Boidi, L.
Bottaro, A. De Micheli, G. Migliaro, G. Torre,
F. Prete, F. Pinacci, M. Gaggero (odont.), G.
Inglese Ganora (odont.). Revisori dei Conti:
G. Testino (rev. suppl.). Componenti CAO
cooptati: M. S. Cella. Assenti giustificati:
consiglieri: R. Ghio, F. De Stefano, G.B.
Traverso. Revisori dei Conti: M. Pallavicino
(presidente), L. Marinelli, P. Pronzato.
Questioni amministrative - Il Consiglio delibera gli sgravi delle quote di iscrizione di alcuni
iscritti per cessata attività e per decesso, e
alcune prese d’atto del presidente.
Commissione Pubblicità - Il Consiglio, viste le
istanze per la verifica della pubblicità
dell’informazione sanitaria, delibera di ratificare tutte le decisioni prese nelle riunioni
della Commissione Pubblicità dell’Ordine del
6 e 22 giugno 2012.
Il Consiglio ha concesso il patrocinio a:
• “Il Primo soccorso 2012”, Genova, tutti i
martedì dal 9 ottobre al 18 dicembre;
• 6° edizione del “Premio Prof. Paolo Michele
Erede”;
5
• 6° Convegno nazionale scientifico FIMP
“Come giocattoli in vetrina”, Genova dal 27 al
29 settembre;
• 109° Congresso SPLLOT, Genova 27-2829 settembre;
• Congresso “Heartline - IRCCS S. Martino
Genoa Cardiology Meeting”, Genova 9 e 10
novembre;
• Congresso nazionale 2012 sull’Ipotermia,
Genova 15 e 16 novembre.
Movimento iscritti 26 luglio 2012
ALBO MEDICI - Iscrizioni - Giacomo Ameri,
Frank Thomas Barthel, Alessandro Benedetti,
Francesca
Maria
Bozzelli,Domenica
Bersi,
Raffaella
Bubbico,
Francesca
Canavese, Claudio Cosso, Nicolò Crosa Di
Vergagni, Elke Delmes, Ulrike Dern, Martina
Durigon, Marco Enzani, Niels Freitag, Silvia
Garuti, Federico Lacopo, Sara Leucci, Patrizia
Lopena, Matteo Magagnoli, Marco Millone,
Fabrizio Montecucco, Paola Nardinocchi, Letizia
Negri, Chiara Paganino, Roberta Paiano,
Martin Wolfgang Pfitzner, Cristina Rossi, Marta
Ruà, Bianca Salone, Federica Sardanelli,
Giselind Eva Schmidt, Kuno Schnelle, Gernot
Richard Spiewok, Giulia Spinetto, Elisabetta
Tavolacci, Kassem Mohamad Akkouch.
Cancellazione per trasferimento - Silvia
Ubaldi (a Imperia). Cancellazioni per cessata
attività - Aurelio Castrignanò, Angela Chessa,
Iole Rinaldi, Gioconda Zenaide Taddei, Luigi
Codice PIN per i liberi
professionisti
Sergio Ceccoli. Cancellazioni per trasferi-
Continua il servizio, attivato dall’Ordine, per
l’attribuzione del codice PIN, a favore dei
liberi professionisti, per la compilazione
della certificazione di malattia on-line. Per
attivare la procedura di attribuzione telefonare alla segreteria dell’Ordine:
Cancellazione per decesso - Caterina Apolito,
010 58 78 46
mento all’estero - Semnani Elham Safaie.
Giuseppe Borasi, Alberto Marchetti, Massimo
Palladino, Salvatore Pirisi, Aldo Raffetto,
Bonella Roghi, Paolo Mantovani.
ALBO DEGLI ODONTOIATRI - Nuove iscrizioni Nicla Canale. Cancellazione per decesso Paolo Mantovani.
SETTEMBRE 2012
6 NOTE DI DIRITTO SANITARIO
La responsabilità civile
del medico. Novità
giurisprudenziali
rima di addentrarsi nella disamina
delle più recenti pronunce della
Suprema Corte in materia di
responsabilità civile del medico, è bene rammentare che secondo un indirizzo giurisprudenziale ormai consolidato le obbligazioni del
medico dipendente della struttura sanitaria
nei confronti del paziente hanno natura contrattuale. Siffatto principio risulta ben compendiato e recepito nella sentenza della
Corte di Cassazione Civile a Sezioni Unite
n.577/2008, che così si è espressa:
“Questa Corte ha costantemente inquadrato
la responsabilità della struttura sanitaria
nella responsabilità contrattuale, sul rilievo
che l'accettazione del paziente in ospedale, ai
fini del ricovero o di una visita ambulatoriale,
comporta la conclusione di un contratto
(Cass. n.1698 del 2006; Cass. n.9085 del
2006; Cass. 28 maggio 2004, n.10297;
Cass. 11 marzo 2002, n.3492; 14 luglio
2003, n.11001; Cass. 21 luglio 2003, n.
11316). A sua volta anche l’obbligazione del
medico dipendente dalla struttura sanitaria
nei confronti del paziente, ancorché non fondata sul contratto, ma sul “contatto sociale”,
ha natura contrattuale (Cass. 22 dicembre
1999, n.589; Cass. 29.9.2004, n.19564;
Cass. 21.6.2004, n.11488; Cass. n.9085
del 2006)”.
Parimenti deve dirsi in riferimento alle prestazioni diagnostico-terapeutiche eseguite
all’interno di una casa di cura, posto che il
Supremo Collegio è univocamente orientato
ad individuare due distinte, ma convergenti
tipologie di responsabilità contrattuale, l’una
P
Genova
Medica
del medico curante e l’altra della struttura
privata.
In buona sostanza, il mero contatto tra medico e paziente determina un legittimo affidamento del secondo nelle capacità di cura del
primo e, dunque, si concreta in un vero e
proprio contratto di fatto, tale da costituire
fonte di obbligazioni.
Ne discende, come già più volte evidenziato
in precedenti articoli, un significativo sbilanciamento a vantaggio del paziente degli oneri
probatori che ricadono sulle parti nelle vertenze civili afferenti l’ambito che qui ci occupa. Ed invero, la sentenza di cui si è detto ha
rimarcato che “in tema di responsabilità contrattuale della struttura sanitaria e di responsabilità professionale da contatto sociale del
medico, ai fini del riparto dell'onere probatorio l'attore, paziente danneggiato, deve limitarsi a provare l'esistenza del contratto (o il
contatto sociale) e l'insorgenza o l'aggravamento della patologia ed allegare l'inadempimento del debitore, astrattamente idoneo a
provocare il danno lamentato, rimanendo a
carico del debitore dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur
esistendo, esso non è stato eziologicamente
rilevante”.
Un altro aspetto meritevole di richiamo attiene alla verifica del nesso causale fra l’operato
del medico ed il danno lamentato dal paziente nei diversi ambiti del processo civile e del
processo penale.
In quest’ultima sede, infatti, il medico indubbiamente gode di maggiore tutela, richiedendosi a prova della sua responsabilità un giudizio medico-legale che va ben al di là del criterio probabilistico. Peraltro, v’è da dire che la
Suprema Corte, Sezione III Civile, è ritornata
da poco sull’argomento con la sentenza
n.12217 dello scorso 17 luglio, affermando
SETTEMBRE 2012
Genova
Medica
NOTE DI DIRITTO SANITARIO
che “mentre nel processo penale vige la
regola della prova “oltre il ragionevole
dubbio”…. la causalità civile obbedisce alla
logica del “più probabile che non”…”.
Passando dagli illustrati rilievi di ordine generale alla casistica giurisprudenziale, preme
soffermarsi sulla recente sentenza della
Corte di Cassazione, Sezione III Civile,
n.10616 del 26 giugno 2012, che porta ad
ampliare gli obblighi del medico verso il
paziente e, di conseguenza, il perimetro
della sua responsabilità nei confronti
del paziente medesimo.
La vicenda sottoposta al vaglio dei
giudici di legittimità si riferisce ad
un intervento chirurgico eseguito
all’interno di una casa di cura in
esito al quale, a causa del malfunzionamento del bisturi elettrico il
cui elettrodo era stato applicato
sulla gamba destra del paziente,
quest’ultimo ha riportato ustioni di
terzo grado con esiti cicatriziali di natura permanente.
La Corte, in prima battuta, si è dilungata nel
tratteggiare la portata ed i collegamenti fra
le obbligazioni contrattuali rispettivamente
ricadenti sul medico e sulla casa di cura:
“Occorre muovere dalla considerazione che,
in via di principio, pur quando manchi un rapporto di subordinazione o di collaborazione
tra clinica e chirurgo, sussiste comunque un
collegamento tra i due contratti stipulati,
l'uno tra il medico ed il paziente, e l'altro, tra
il paziente e la Casa di cura, contratti aventi
ad oggetto, il primo, prestazioni di natura
professionale medica, comportanti l'obbligo
di abile e diligente espletamento della prestazione chirurgica e/o terapeutica (e, a volte,
anche di raggiungimento di un determinato
risultato) e, il secondo, prestazione di servizi
7
accessori di natura alberghiera, di natura
infermieristica ovvero aventi ad oggetto la
concessione in godimento di macchinari sanitari, di attrezzi e di strutture edilizie specificamente destinate allo svolgimento di attività
terapeutiche e/o chirurgiche”.
Sulla base di questo obiettivo collegamento
fra medico e casa di cura, il Supremo Collegio
non ha esitato ad accomunarne le responsabilità anche per profili diversi rispetto a quelli
legati all’esecuzione dell’intervento chirurgico:
“se è vero che la natura pacificamente
contrattuale del rapporto che si instaura tra paziente, da un lato, e casa di
cura privata o ente ospedaliero,
dall’altro (confr. Cass. civ.,
sez. un. 1 luglio 2002,
n.9556; Cass. n.14 giugno
2007, n.13953), comporta
che la struttura risponde, ex
art. 1218 cod. civ., non solo
dell'inadempimento delle obbligazioni su di essa tout court incombenti, ma, ai
sensi dell’art. 1228 cod. civ., anche dell'inadempimento della prestazione medico-professionale svolta dal sanitario, quale ausiliario
necessario dell'organizzazione aziendale, e ciò
pur in assenza di un rapporto di lavoro subordinato o parasubordinato con lo stesso, il
medico, a sua volta, in virtù della medesima
norma, quale debitore della prestazione chirurgica e/o terapeutica promessa, è responsabile dell'operato dei terzi della cui attività si
avvale. Ne deriva che, contrariamente a quanto ritenuto dal giudice di merito, il quale, dopo
aver riconosciuto la sussistenza di un generale obbligo del medico di controllare gli strumenti utilizzati, ha poi contraddittoriamente
ritenuto inesigibile la previa verifica tecnica
dell'apparecchiatura necessaria all'esecuzione
dell'intervento, il chirurgo operatore ha un
SETTEMBRE 2012
8 NOTE DI DIRITTO SANITARIO
dovere di controllo specifico del buon funzionamento della stessa, al fine di scongiurare possibili e non del tutto imprevedibili eventi che
possano intervenire nel corso dell'operazione
(confr. Cass. civ. n. 13953 del 2007, cit.)”.
Altra sentenza meritevole di citazione è la n.
9290 dello scorso 8 giugno resa dalla Corte
di Cassazione Civile, Sezione III.
La Corte, chiamata a valutare la domanda
risarcitoria promossa nei confronti di
un’azienda ospedaliera e di due medici dipendenti della stessa per lesioni conseguite a
seguito di un’attività di medicazione di una
ferita cranica, non ha mancato di valorizzare
la centralità della cartella clinica.
Più precisamente, i giudici hanno ribadito il
principio che il medico ha l’obbligo di controllare la completezza e l’esattezza della cartella, con la conseguenza che quanto ivi attestato deve ritenersi effettivamente accaduto
a meno che i medici non provino il diverso
significato da attribuire ai dati oggetto di
registrazione. Inoltre, i giudici hanno colto
l’occasione per addentrarsi ancora una volta
nel già cennato tema dell’accertamento del
nesso di causalità in sede civile e dei correlativi oneri probatori, così pronunciando: “In
caso di prestazione professionale medico-chirurgica di routine, spetta al professionista
superare la presunzione che le complicanze
siano state determinate da omessa o insufficiente diligenza professionale o da imperizia, dimostrando che siano state,
invece, prodotte da un evento imprevisto ed imprevedibile secondo la diligenza qualificata in base alle conoscenze tecnico-scientifiche del
momento”….In tema di responsabilità medica, il nesso causale tra condotta del medico e danno si presume,
quando il sanitario abbia tenuto una condot-
Genova
Medica
ta astrattamente idonea a causare il danno,
anche in assenza di certezze circa l’effettiva
eziogenesi dell'evento dannoso, incombendo
sul medico l'onere di provare, se vuole andare esente da responsabilità, che il danno è
dipeso da un fattore eccezionale e imprevedibile (per una applicazione particolare, Cass.
17/02/2011, n.3847). Con la conseguenza che, nella specie, per escludere il nesso
causale rispetto alla condotta dei medici, ritenuta idonea a causare il danno, non può
avere rilievo la mera ipotesi di altri fattori
causali autonomi…”.
Avv. Alessandro Lanata
Ricette e principio attivo:
nuova norma
al 15 agosto 2012 è in vigore
una nuova norma sulla prescrizione dei medicinali. Questo il testo
definitivo del decreto: “Il medico che curi un
paziente, per la prima volta, per una patologia cronica, ovvero per un nuovo episodio di
patologia non cronica, per il cui trattamento sono disponibili più medicinali equivalenti,
è tenuto ad indicare nella ricetta del
Servizio Sanitario Nazionale la sola denominazione del principio attivo contenuto nel
farmaco. Il medico ha facoltà di indicare
altresì la denominazione di uno specifico
medicinale a base
dello stesso principio attivo; tale indicazione è vincolante per
il farmacista ove in
essa sia inserita,
corredata obbligatoriamente di una
sintetica motivazione, la clausola di
non sostituibilità”.
D
SETTEMBRE 2012
Genova
Medica
NOTE DI DIRITTO SANITARIO
Esclusione dalla scuola
di specializzazione e
risarcimento del danno
na recente sentenza del Tribunale
Amministrativo della Regione EmiliaRomagna offre lo spunto per soffermarsi sulla figura del medico specializzando; ed
in particolare su due interessanti aspetti: sulla
qualificazione del “rapporto lavorativo” che si
instaura tra il medico e la struttura sanitaria e
sulla tutela risarcitoria spettante al medico specializzando ingiustamente escluso dalla prosecuzione della scuola di specializzazione.
È quanto è accaduto ad uno specializzando in
ortopedia e traumatologia iscritto all’università
di Bologna, “respinto” dalla Commissione, perchè aveva totalizzato negli esami del secondo
anno di specialità un punteggio di 15/50.
A seguito di ciò, il rettore - nel luglio del 2009 aveva disposto la cessazione del rapporto giuridico instaurato con lo specializzando dichiarandone la decadenza dalla qualità di studente
della scuola. Infatti l’art. 37, comma 5, lett. d),
del d.lgs. n. 368/99 prevede espressamente il
mancato superamento delle prove stabilite per
il corso di studi quale causa di risoluzione anticipata del contratto di formazione specialistica.
Lo specializzando aveva allora fatto ricorso al
Tribunale Amministrativo Regionale lamentando
molteplici vizi della procedura di esame tra i
quali la mancata, o quanto meno tardiva, pubblicazione del programma d’esame, l’omessa
astensione del presidente della Commissione
esaminatrice, la mancata specificazione del
numero e dell’identità dei componenti della
Commissione, nonché l’indebita inclusione nella
Commissione esaminatrice di docenti titolari di
insegnamenti diversi dalle materie relative
all’anno di corso. Il ricorrente aveva chiesto,
quindi, in via cautelare al Tribunale di potere
ripetere la prova d’esame con una diversa
Commissione esaminatrice. Accolto l’istanza da
U
9
parte dei giudici amministrativi, lo specializzando aveva sostenuto il nuovo esame in data
14/01/’10 superando la prova con la votazione di 40/50 ed era quindi stato reintegrato
quale medico in formazione specialistica dal 14
gennaio 2010. La decisione di fare decorrere il
reintegro dal gennaio 2010 (anziché dal luglio
2009) ovviamente si ripercuoteva dal punto di
vista economico sulla spettanza o meno di svariati mesi di stipendio; pertanto il ricorrente
aveva proposto ulteriore atto di “motivi aggiunti”
invocando l’applicazione alla sua fattispecie della
disciplina in tema di reintegrazione nel posto di
lavoro dopo un ingiusto licenziamento.
Celebrata l’udienza di discussione i giudici avevano ritenenuto di non potere accogliere la
domanda di retrodatazione al luglio 2009 degli
effetti della riammissione alla scuola di specializzazione. La richiesta si presentava incompatibile con le caratteristiche intrinseche dell’attività formativa: “i medici specializzandi, anche se
stipulano contratti annuali di formazione-lavoro,
svolgono un’attività che non è inquadrabile negli
schemi dei rapporti di lavoro subordinato, sicché
essi divengono parte di un rapporto di studio
strumentale alla verifica pratica dell'insegnamento ricevuto, rapporto che viene svolto dai medici
nel loro esclusivo interesse e non quale prestazione lavorativa utile a maturare un'obbligazione
retributiva, per difettare insomma una relazione
sinallagmatica di scambio tra le suddette attività
e gli emolumenti previsti dalla legge a favore
degli specializzandi”.
La tutela della quale poteva fruire lo specializzando era pertanto un’altra, ossia la possibilità
di richiedere il risarcimento, per equivalente
monetario, del pregiudizio sofferto nei mesi dal
luglio 2009 al gennaio 2010 “in ragione del
tardivo conseguimento del bene della vita perseguito”.
Prof. Avv. Lorenzo Cuocolo
Studio legale Cuocolo
www.cuocolo.it
SETTEMBRE 2012
10 AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE
La comunicazione
strategica
medico-paziente
“Abbi ben chiare le cose da dire:
le parole verranno” Catone
Non si può non comunicare” è il
primo postulato della Pragmatica
della comunicazione (Watzlawick).
Dunque, si deve scegliere se farlo in modo
casuale e subire tale ineluttabilità, oppure
scegliere di farlo strategicamente e gestirla.
Da questa assunzione nasce l’approccio strategico, ovvero l’applicazione alla comunicazione interpersonale e terapeutica delle formulazioni teoriche e applicative, frutto del lavoro
del gruppo di Palo Alto. Piuttosto che basarsi
su una teoria della natura umana per “analizzare” il comportamento, il modello strategico
di terapia si occupa della modalità con la
quale l’uomo percepisce e gestisce la propria
realtà attraverso la comunicazione con se
stesso, gli altri e il mondo, trasformandola
da disfunzionale in funzionale, al fine di poter
“operare” su di essa. I “problemi” dell’uomo
sono il risultato dell’interazione tra soggetto
e realtà, per cui risalire alle origini del problema è spesso fuorviante rispetto al trovar le
soluzioni.
Per questo motivo, il lavoro del terapeuta
strategico si focalizza non su “perché esiste”
il problema, ma su “come funziona”, e specialmente su “come fare” per risolverlo, guidando la persona a cambiare non solo i propri comportamenti, ma anche le proprie
modalità percettive e di attribuzione causale.
Il tutto passa prioritariamente attraverso il
dialogo fra terapeuta e paziente; il primo
guida il secondo a scoprire il modo di risolvere i suoi problemi, facendo in modo che li
“
Genova
Medica
percepisca da prospettive diverse rispetto a
quelle patogene. Il costrutto operativo fondamentale di tale approccio è quello di “tentata
soluzione” formulato per la prima volta dal
gruppo di ricercatori dell’M.R.I. (Mental
Research Institute) di Palo Alto (Watzlawick,
Weakland, Fish); le tentate soluzioni sono la
reazione e i comportamenti messi in atto
dalle persone per affrontare le difficoltà nel
rapporto con se stessi, con gli altri e con il
mondo; reazioni e comportamenti che complicano piuttosto che risolvere, e che finiscono per irrigidirsi in ridondanti modelli disfunzionali d’interazione con la realtà.
Il comportamento disfunzionale è la reazione
che il soggetto crede migliore per una determinata situazione; così “il problema esiste
proprio in virtù di ciò che è stato fatto per
tentare di risolverlo”.
La tentata soluzione disfunzionale sostituita
da una soluzione funzionale diviene la chiave
per studiare le “trappole” - mentali, emotive,
relazionali - in cui l’essere umano incorre, e
al contempo per individuare le leve strategiche del cambiamento, “conoscere i problemi
mediante la loro soluzione”. Come risuona
l’imperativo estetico del famoso cibernetico
Heinz von Foerster: “se vuoi vedere, impara
ad agire”.
E’ da qui che muove l’aforisma della terapia
strategica: soluzioni apparentemente semplici per problemi complessi.
Un esempio può contribuire a chiarire meglio
quanto finora detto.
Viene da me, inviato da un collega di medicina generale, un signore sui cinquant’anni con
la fissazione ipocondriaca di essere malato di
tumore. Non un tumore specifico, ma un
qualche tipo di tumore. Sulla base di questa
fissazione costantemente interpella il suo
medico di base, che continuamente cerca di
SETTEMBRE 2012
Genova
Medica
AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE
rassicurarlo. Le rassicurazioni sortiscono
l’effetto di tenerlo buono per alcuni giorni,
ma puntualmente entro al massimo una settimana è di nuovo a chiedere conferma.
Numerosi esami di laboratorio e radiologici,
ripetuti più volte, tutti negativi, ma la fissazione perdurava. In sostanza ogni rassicurazione verbale ed ogni referto negativo sortivano
l’effetto di tranquillizzarlo lì per lì, ma poi la
paura di essere malato ripartiva subito dopo.
“Ma magari questo problema non c’era ed è
nato più recentemente, magari questa
notte”. Il medico alla fine cede e fa ripetere
gli esami che risultano nuovamente negativi,
il paziente si tranquillizza per qualche giorno,
ma il lunedì successivo alla riapertura
dell’ambulatorio è di nuovo lì, con lo stesso
quesito. “E se gli esami fossero sbagliati, e
se la strumentazione dell’ospedale non funzionasse bene e non se ne fossero accorti e
se il medico che mi ha fatto il referto si
fosse sbagliato?”. Parallelamente a questo
continuo chiedere aiuto medico specialistico,
c’era il parlarne in continuazione in famiglia e
con gli amici nel tentativo di scaricare la tensione, ma la fissazione era costantemente
presente.
Quando incontro il signore nella prima seduta, chiedo subito se fosse disponibile a fare
qualche altra cosa diversa per liberarsi della
sua ossessione fobica. Lui disse che avrebbe
fatto qualunque cosa anche perché il medico
di base che lo aveva inviato a me lo aveva
informato dei miei metodi un pochino insoliti.
Prima di tutto cominciai a intervenire sul problema argomentando intorno al suo parlare
continuamente della sua fobia: “in realtà
quando lei ne parla per cercare rassicurazioni, senza rendersene conto, motivato dalle
migliori intenzioni, lei produce gli effetti peggiori, poiché così facendo complica ulterior-
11
mente la sua situazione. Quando ne parla…
ne parla… è come se annaffiasse una pianta
con uno speciale fertilizzante…, la fa crescere di più. Pertanto vorrei che lei cominciasse
a pensare che ogniqualvolta parla del suo
problema lei lo fa aumentare, così come ha
fatto in tutti questi anni. Quindi ciò che le
chiedo, come prima cosa da fare, è di osservare una strategia un po’ particolare, che io
chiamo “Congiura del silenzio”, deve aver
paura di parlarne perché altrimenti il suo
problema peggiora. Oltre a questa strategia
le chiederò anche un’altra cosa: di qui ad
una settimana, tanto tra una settimana
sarebbe certo tornato dal suo medico, tutti i
giorni mi cerchi i sintomi delle sue malattie,
guardi le do un semplice schema da seguire.
Con un taccuino si metta 3 volte al giorno,
per almeno 15 minuti, davanti allo specchio
nudo e mi cerchi tutti i sintomi che trova
analizzandosi dalla punta dei capelli alla punta
dei piedi, tutto quello che trova e che non va
lo segni su un taccuino e a fianco mi scriva
la sua presunta diagnosi, tre volte al giorno,
3 check up uno la mattina appena sveglio,
uno al pomeriggio dopo pranzo ed uno alla
sera prima di andare a dormire”.
Dopo una settimana, il paziente torna: “sa
all’inizio mi faceva paura pensare di tenere
tutto per me, poi ho capito che mano a
mano il problema nella mia testa si ridimensionava. E poi, che strano, in tutti i check up
cercavo i sintomi e paradossalmente non li
trovavo o trovavo sempre le solite cose che
adesso non mi impressionano più”.
Tutto secondo la famosa storiella della formica e del millepiedi. Una formica un giorno
incontra un millepiedi e gli chiede: “senti tu
come fai ad articolare tutti i millepiedi senza
mai inciamparti” ed il millepiedi pensò “…e
già come faccio?” e nel pensarci si bloccò,
SETTEMBRE 2012
12 AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE
incespicò e finì con la pancia per aria.
L’ipocondriaco come il millepiedi cerca il sintomo e lo crea, esercita un controllo che gli
fa perdere il controllo. Con una semplice
comunicazione paradossale: “cerchiamo i
sintomi” e con stratagemmi prescrittivi, il millepiedi si sblocca e torna a camminare.
L’uso in questo caso di una logica non ordinaria paradossale sia nelle prescrizioni che
nella comunicazione ha permesso uno sblocco importante, fino a portare, nel giro di
altre 6/7 sedute, alla definitiva risoluzione
del problema.
Lo strumento base di questa comunicazione è
il dialogo strategico. Da una prospettiva strategica il cambiamento va prima di tutto
“agito”, e la comunicazione terapeutica diviene
il suo veicolo; in sintesi, si tratta di “fare le
cose con le parole” (John L. Austin, 1987).
Genova
Medica
Ingiunzione, suggestione, artifici e stratagemmi comunicativi, retorica della persuasione sono, in terapia e comunicazione strategica, il principale veicolo di cambiamento, in
quanto aggirano i sistemi rappresentazionali
della persona, facendo sì che essa costruisca, senza averne consapevolezza immediata, percezioni, azioni e cognizioni alternative.
Questi argomenti saranno oggetto del corso
“La comunicazione strategica medico-paziente”
che si terrà nella sede dell’Ordine il 22
novembre 2012. Programma e scheda di
adesione verranno pubblicati sul numero di
ottobre e sul sito dell’Ordine.
Andrea Vallarino
Attività libero
professionale intramoenia:
prorogata al 31 dicembre 2012
INSERZIONE PUBBLICITARIA
MIO-VEIN Trattamento per gambe pesanti e disturbi venosi
Mio-Vein è uno stimolatore che combina la tecnica FES (stimolazione elettrica funzionale)
con la TENS (stimolazione nervosa elettrica transcutanea)
PRINCIPALI APPLICAZIONI TERAPEUTICHE:
- Vene varicose
- Insufficienza venosa
- Edema degli arti inferiori
- Reflusso venoso
- Sindrome post trombotica
- Disturbi venosi durante la gravidanza
- Ulcere venose
- Prurito da calze elastiche
- Bruciori e/o dolori degli arti
- Pesantezza degli arti inferiori
SA.GE.
S A. G E .
SA.GE. Articoli Sanitari
Via Vito Vitale, 26 - 16143 Genova Tel. 010/5220296 Fax 010/5450733 - www.sa-ge.it
SETTEMBRE 2012
Genova
Medica
NOTIZIE DALLA FNOMCEO
“Obiettivo risarcimento”:
spot contestati
l presidente della FNOMCeO
Amedeo Bianco è nuovamente intervenuto, con una lettera inviata al
Ministro della Salute Balduzzi, in merito alla
nuova programmazione, sulle reti televisive,
degli spot pubblicitari “Obiettivo Risarcimento”.
Già nel 2011 la Federazione aveva inviato, su
questo tema, il proprio parere alle autorità
competenti. Di seguito pubblichiamo integralmente la lettera:
“Signor Ministro, a seguito del riemergere
della pubblicità di Obiettivo
Risarcimento sulle reti televisive
nazionali, pubbliche e private,
non possiamo esimerci dal
denunciare, ancora una volta,
l’ingannevolezza di un messaggio orientato ad
affermare il principio che ogni esito indesiderato o presunto tale di una prestazione sanitaria
possa essere considerato oggetto di una procedura risarcitoria. La discutibile trasparenza
del messaggio appare ancor più evidente alla
luce di una presunta vocazione civica che ispirerebbe l’attività pubblicizzata, mentre in verità
lo spot pubblicitario di “Obiettivo Risarcimento”
appare tendere, con ogni evidenza, a promuovere la conflittualità tra pazienti e medici/strutture sanitarie, di fatto patrocinando
con “patti quota lite” azioni giudiziarie nei confronti di danni presunti alla persona derivanti
da attività sanitarie.
Come già segnalato nel recente passato al
Ministero della Salute, al Presidente della Rai,
all’Autorità Garante per la Concorrenza ed il
Mercato, al Comando dei NAS, il Comitato
Centrale della Federazione Nazionale degli
Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri è
molto preoccupato per il proliferare di iniziative, anche mediatiche, che hanno il chiaro
scopo di incrementare a dismisura il conten-
I
13
zioso in ambito sanitario, inducendo l’opinione
pubblica a ritenere che, sempre e comunque,
alla base di ogni evento imprevisto ci sia, o
non si possa escludere, una colpa del medico
e/o della struttura sanitaria verso cui esercitare azione di risarcimento.
Questa perversa deriva culturale e sociale
minaccia ed erode il rapporto fiduciario
medico-paziente disorientando i professionisti
che sono, in tal modo, indotti a vedere nel
paziente non solo una persona da assistere
quanto piuttosto un soggetto potenzialmente
ostile da cui difendersi.
Tutto questo crea insicurezza
nel professionista e mette in
crisi la libertà e l’indipendenza
di giudizio cui deve ispirarsi
l’esercizio professionale del
medico con costi diretti ed indiretti ed insopportabili per il sistema sanitario nazionale.
I diritti dei cittadini, compreso il giusto risarcimento di un danno ingiusto, sono il punto di
riferimento del quotidiano esercizio professionale medico ed odontoiatrico e della funzione
di garanzia dei nostri Ordini, e pertanto riteniamo che i fenomeni di malpractice professionale e malasanità organizzativa e gestionale debbano essere affrontati senza reticenze, omissioni o atteggiamenti elusivi, ma che occorre
altresì evitare il rischio di inquinare equilibri
fondati sul rapporto di fiducia tra medico,
paziente e Istituzioni sanitarie, ricordando che
le cose buone in sanità sono nettamente prevalenti anche sulla base di valutazioni terze.
Non possiamo dimenticare, del resto, che sul
contenzioso sanitario si muovono interessi
enormi nella misura in cui si muove moltissimo
denaro, con il rischio però, secondo il modello
americano, di guardare più al ristoro degli
apparati di contenzioso che alle vittime del
danno, con le note ricadute sui costi della
sanità e sulle deficienze di equità di accesso
alle tutele.”
SETTEMBRE 2012
14 MEDICINA & ATTUALITÀ
Minorenni: vietate
le protesi mammarie
al 12 luglio 2012 è vietato effettuare interventi di plastica mammaria alle persone minorenni.
E’ entrata in vigore, infatti, la legge 5 giugno
2012, n.86 “Istituzione del registro nazionale e dei registri regionali degli impianti protesici mammari, obblighi informativi alle pazienti, nonché divieto di intervento di plastica
mammaria alle persone minori”.
La legge è diretta ad introdurre disposizioni
più severe a garanzia dei requisiti di sicurezza
delle protesi mammarie e a tutela del diritto all’informazione
delle pazienti.
Limiti di età - L'impianto di protesi mammaria a soli fini estetici
è consentito soltanto su coloro
che abbiano compiuto la maggiore età. Il divieto non si applica nei casi di gravi malformazioni congenite certificate da un
medico convenzionato con il Servizio sanitario nazionale o da una struttura sanitaria
pubblica. L'inosservanza del divieto è punita
con l’applicazione della sanzione amministrativa pari a 20.000 euro a carico degli operatori sanitari che provvedono all'esecuzione
dell'impianto; gli stessi sono sottoposti alla
sospensione dalla professione per tre mesi.
Requisiti richiesti - L’applicazione di protesi
mammarie per fini estetici è riservata a coloro che sono in possesso del titolo di specializzazione in chirurgia plastica o a chi, alla
data di entrata in vigore della legge, ha svolto attività chirurgica equipollente nei precedenti cinque anni o è in possesso del titolo di
specializzazione in chirurgia generale, ginecologia e ostetricia o chirurgia toracica.
D
Genova
Medica
I registri sono istituiti a fini di:
• monitoraggio clinico del soggetto sottoposto
a impianto, allo scopo di prevenire le complicanze e migliorare la gestione degli eventuali
effetti indesiderati, anche a distanza;
• monitoraggio epidemiologico, a scopo di
studio e ricerca scientifica e di programmazione, gestione, controllo e valutazione dell'assistenza sanitaria.
I registri raccolgono i dati relativi agli impianti
protesici, con particolare riguardo alle informazioni concernenti la tipologia e durata
degli impianti, il materiale di riempimento utilizzato e l’etichettatura del prodotto, gli effetti
collaterali ad essi connessi nonchè l’incidenza dei tumori mammari e delle malattie autoimmuni. I dati personali oggetto di
trattamento sono raccolti, nel
rispetto della normativa vigente
in materia di protezione dei
dati personali, in conformità ai
principi di liceità, proporzionalità, necessità e indispensabilità
del trattamento dei dati personali.
Le modalità di raccolta dei dati nel registro
nazionale, istituito presso la Direzione generale dei farmaci e dispositivi medici del
Ministero della salute, saranno disciplinate
con decreto entro sei mesi dalla data di
entrata in vigore della legge.
Sulla materia è intervenuto il Comitato nazionale di bioetica, approvando il parere
“Aspetti bioetici della chirurgia estetica e
ricostruttiva” che riflette sui limiti della legittimità di richieste di chirurgia estetica, in continuo aumento, specialmente nel rapporto
che intercorre tra il paziente e il medico.
Il testo completo del parere è reperibile su
www.omceoge.org
SETTEMBRE 2012
Genova
Medica
MEDICINA & NORMATIVA
Ordinamenti professionali:
in vigore la riforma
l 15 agosto è entrato in vigore il
Regolamento di riforma degli ordinamenti professionali (D.P.R. 7/8/12,
n. 137 pubblicato nella G.U. del 14/8/12, n.
189). Il Regolamento si applica alle professioni regolamentate e ai relativi professionisti,
cioè alle attività il cui esercizio è consentito
solo a seguito d’iscrizione in Ordini o collegi,
subordinatamente al possesso di qualifiche
professionali o all’accertamento delle specifiche professionalità. Questi alcuni dei punti
qualificanti della disciplina.
Accesso ed esercizio dell’attività professionale: è garantita la libertà dell’accesso alle
professioni regolamentate. Le limitazioni alle
iscrizioni agli albi professionali sono vietate,
ferma restando la disciplina dell’esame di
Stato. Sono vietate limitazioni alle iscrizioni
agli albi professionali che non sono fondate
su espresse previsioni inerenti al possesso o
al riconoscimento dei titoli previsti dalla legge
per la qualifica e l’esercizio professionale,
ovvero alla mancanza di condanne penali
o disciplinari irrevocabili o ad altri motivi
imperativi di interesse generale.
L’esercizio della professione è libero e
fondato sull’autonomia e indipendenza
di giudizio, intellettuale e tecnico. La formazione di albi speciali, legittimanti specifici esercizi dell’attività professionale, fondati su specializzazioni o titoli o esami ulteriori, è ammessa solo su previsione espressa di legge. Non sono ammesse limitazioni
del numero di persone titolate a esercitare
la professione, salve deroghe espresse
fondate su ragioni di pubblico interesse,
quale la tutela della salute. Sono vietate le
limitazioni discriminatorie, anche indirette,
I
15
all’accesso e all’esercizio della professione,
fondate sulla nazionalità del professionista o
sulla sede legale dell’associazione professionale o della società tra professionisti.
Libera concorrenza e pubblicità informativa:
la pubblicità informativa riguardante l’attività
delle professioni, le specializzazioni, i titoli
posseduti attinenti alla professione, la struttura dello studio professionale e i compensi
richiesti, è ammessa con ogni mezzo, purchè funzionale all’oggetto, veritiera e corretta. Non deve violare l’obbligo del segreto professionale e non dev’essere equivoca, ingannevole o denigratoria.
Formazione del professionista: al fine di
assicurare la qualità della prestazione professionale, ogni professionista ha l’obbligo di
curare il continuo aggiornamento della propria competenza professionale.
Obbligo di assicurazione: stabilito, a tutela
del cliente, l’obbligo di assicurazione del professionista. Egli è tenuto a stipulare,
anche per il tramite di convenzioni
collettive negoziate dai consigli nazionali e dagli enti previdenziali dei professionisti, idonea assicurazione
per i danni derivanti al cliente
dall’esercizio dell’attività professionale. Il professionista deve rendere noti al cliente, al momento
dell’assunzione dell’incarico, gli
estremi della polizza professionale, il relativo massimale e ogni
variazione successiva. L’obbligo di
assicurazione sarà effettivo
decorsi dodici mesi dall’entrata in
vigore del decreto, per consentire la
negoziazione delle predette convenzioni
collettive.
Il testo integrale del decreto è
reperibile sul sito www.omceoge.org
SETTEMBRE 2012
16 MEDICINA & ATTUALITÀ
Salute e sicurezza
sui luoghi di lavoro
ulla G.U. n.162 del 13 luglio 2012
è stata pubblicata la legge 12
luglio 2012, n.101, concernente
“Conversione in Legge, con modificazioni del
D.L. 12 maggio 2012, n. 57, recante disposizioni urgenti in materia di tutela della salute
e della sicurezza dei luoghi di lavoro nel settore dei trasporti e delle microimprese”.
Come è noto sino e non oltre al 31 dicembre
2012 è possibile autocertificare l’effettuazione della valutazione dei rischi da parte dei
datori di lavoro che occupano sino a 10 lavoratori; superata tale data tutti i titolari di studio medico o odontoiatrico con lavoratori
dovranno redigere il documento di valutazione dei rischi. Per la mancata elaborazione
del suddetto documento il datore di lavoro è
punito ai sensi dell’art. 55, comma 1, lettera
a) del D.L.gs 81/08 e successive modifiche
e integrazioni con l’arresto da tre a sei mesi
o con l’ammenda da 2.500 a 6.400 euro.
Considerato che i medici e gli odontoiatri che
occupano sino a 10 lavoratori debbono procedere all’effettuazione dell’autocertificazione
della valutazione dei rischi, la Federazione
chiarisce come il legislatore definisce la figura del lavoratore.
Nella fattispecie l’art. 2, comma 1, lettera
a), del D.L.gs 81/08 e s.m.i. dispone che
per lavoratore si intende tra l’altro una persona che, indipendentemente dalla tipologia
contrattuale, svolge una attività lavorativa
nell’ambito dell’organizzazione di un lavoratore pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un
mestiere, un’arte o una professione, esclusi
gli addetti ai servizi domestici e familiari.
Al lavoratore così definito è equiparato:
S
Genova
Medica
• il socio lavoratore di cooperativa o di
società, anche di fatto, che presta la sua attività per conto delle società e dell’ente stesso;
• l’associato in partecipazione di cui all’art.
2549 e seguenti del Codice civile;
• il soggetto beneficiario delle iniziative di tirocini formativi e di orientamento di cui all’art.
18 della L.24/6/97, n. 196, e di cui a specifiche disposizioni delle leggi regionali promosse al fine di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro o di agevolare le
scelte professionali mediante la conoscenza
diretta del mondo del lavoro.
Si ricorda, inoltre, che i medici e gli odontoiatri con dipendenti, che intendono svolgere in
via diretta i compiti di prevenzione e protezione dai rischi ai sensi dell’art. 34 D.L.vo
81/2008 anziché avvalersi di soggetti esterni abilitati, debbono necessariamente iscriversi a corsi di formazione (Accordo
Conferenza Stato-Regioni 21 dicembre
2011, pubblicato su G.U. 11/01/2012).
■ Il titolare dello studio che abbia già svolto
alla data dell’11 gennaio 2012 il corso di 16
ore ai sensi del succitato art.3 dovrebbe
svolgere un corso di aggiornamento che ha
periodicità quinquennale di 14 ore (cinque
anni a decorrere dalla pubblicazione
dell’Accordo).
■ Il titolare dello studio che svolge direttamente le funzioni di RSPP da data anteriore
al 31 dicembre 1996 e, quindi, che era esonerato dalla frequenza dei corsi ai sensi
dell’art. 95 del D.Lgs 626/94 ora abrogato,
dovrebbe svolgere 14 ore di aggiornamento
entro 24 mesi dalla pubblicazione
dell’accordo (11 gennaio 2014).
■ Il titolare dello studio che non rientra nelle
succitate ipotesi e che quindi voglia ex novo
svolgere le funzioni di RSPP dovrebbe svolgere un corso della durata di 48 ore; suc-
SETTEMBRE 2012
MEDICINA & ATTUALITÀ
Genova
Medica
cessivamente con periodicità quinquennale
dovrebbe svolgere 14 ore di aggiornamento.
Costoro non sono tenuti a frequentare il
corso di 48 ore se hanno frequentato un
corso di formazione entro 6 mesi dalla data
di entrata in vigore dell’Accordo (12 luglio
2012) della durata minima di 16 ore.
Si rammenta, altresì, che l’art. 55, comma
1, lett. b) del D.LGS 81/08 e s.m.i. prevede
che il datore di lavoro è punito con l’arresto
da tre a sei mesi o con l’ammenda da 2.500
a 6.400 euro per la mancata designazione
del Responsabile del servizio di prevenzione
e protezione di cui all’art. 17, comma 1,
Cartella sanitaria e
trasmissione dati sanitari
l 25 agosto 2012 è entrato in vigore il decreto 9 luglio che individua i
contenuti della cartella sanitaria e
le modalità di trasmissione delle informazioni relative ai dati aggregati sanitari e di
rischio dei lavoratori, ai sensi dell’articolo 40
del D.Lgs 81/2008 in materia di tutela della
salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.”
Per quanto riguarda la cartella sanitaria e di
rischio il Decreto ne stabilisce i contenuti
precisando che essa va tenuta sia su supporto cartaceo che informatico.
Relativamente alle responsabilità ribadisce che
il medico competente risponde della raccolta,
dell’aggiornamento e della custodia delle informazioni mentre, per la mancata fornitura da
parte del datore di lavoro di dati e informazioni
di propria esclusiva pertinenza non può essere
imputata alcuna responsabilità al medico competente che le abbia richieste.
Il decreto stabilisce, inoltre, che la trasmissione dei dati va effettuata dal medico com-
I
17
lett. b) del D.Lgs. 81/08 o per la violazione
dell’art. 34, comma 2, del D.Lgs 81 che
prevede che il datore di lavoro che svolga
direttamente i compiti di RSPP debba frequentare i corsi di formazione di durata minima di 16 ore e massima di 48 ore.
Pertanto, stante il quadro normativo sopra
delineato appare chiaro che il medico o
l’odontoiatra, titolare di studio professionale
con lavoratori, che non si trovi in possesso
dei requisiti necessari per lo svolgimento
diretto delle funzioni di RSPP dovrebbe designare necessariamente un consulente
esterno.
petente entro il primo trimestre (cioè 31
marzo) dell’anno successivo a quello di riferimento, esclusivamente
in via telematica. Per il
primo anno è previsto
un periodo transitorio
(appunto di mesi 12
dall’entrata in vigore del
decreto, cioè fino al 24 agosto
2013) per la sperimentazione
delle nuove norme.
Unicamente con riferimento
a tale periodo di sperimentazione,
il termine per la trasmissione delle informazioni è fissato al 30 giugno 2013. Inoltre, per la
durata del periodo transitorio, con riferimento
a possibili difficoltà di raccolta e trasmissione
telematica delle informazioni, è sospesa la
sanzione prevista dall’articolo 58, comma 1,
lettera e), del T.u. (sanzione amministrativa
pecuniaria da 1.000 a 4.000 euro).
SETTEMBRE 2012
18 IN PRIMO PIANO
Genova
Medica
“NOTIZIE IN BREVE”
a cura di Marco Perelli Ercolini
e Alfonso Celenza
RISCATTO DI LAUREA A SOGGETTI
NON ISCRITTI A NESSUNA FORMA
DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA
In base alla legge 247/2001 art. 77 lett.b)
anche i soggetti non ancora iscritti ad alcuna
forma di previdenza obbligatoria (cioè non
abbiano ancora iniziato una attività lavorativa)
possono riscattare il corso legale di laurea.
Il contributo viene versato all’INPS in apposita gestione e rivalutato secondo le regole del
sistema contributivo.
L’onere del riscatto è fiscalmente deducibile
dall’imponibile IRPEF dall’interessato oppure
se non titolare di reddito potrà essere
detratto dall’imposta dovuta dai soggetti di
cui il titolare risulti fiscalmente a carico (solitamente i genitori) nella misura del 19%.
I contributi di riscatto possono essere pagati
in un’unica soluzione oppure in 120 rate mensili senza l’applicazione degli interessi di dilazione per la domande presentate dopo il 1° gennaio 2008. In deroga a quanto previsto
dall’art. 1 c. 7 della L. 335/1995, i periodi
oggetto del riscatto in base alla L.247/2007
sono utili anche ai fini del raggiungimento del
diritto a pensione. In particolare, il montante
maturato potrà essere successivamente, a
richiesta dell’interessato, “trasferito” presso la
gestione previdenziale nella quale l’interessato
si iscriverà. Trattandosi di trasferimento e non
di ricongiunzione, l’operazione non dovrebbe
comportare oneri economici.
PERMESSI A DISABILI
E LORO FAMILIARI
Prendiamo spunto dalla circolare 100 del 24
luglio 2012 con la quale l’INPS, riprendendo
anche quanto già espresso con la circolare
45 dello scorso anno, fornisce precisazioni
sulla fruizione dei benefici riconosciuti in base
all’articolo 33 della legge 104/1992 come
modificato dall D.Lgs. 119/2011, per ricordare le nuove normative introdotte per quanto riguarda l’assistenza a figli disabili.
Primi tre anni di vita del figlio
Entro i primi tre anni di vita del figlio con handicap in situazione di gravità, accertato dalla
Commissione dell’ASL, la madre lavoratrice
oppure, in alternativa, il padre lavoratore, ha
diritto:
■ a prolungare il periodo di astensione facoltativa sino al compimento del terzo anno di vita
del figlio già prevista dalla legge di tutela della
maternità, coperto da contribuzione figurativa
e con una retribuzione di una indennità giornaliera pari al 30% della retribuzione;
oppure
■ di usufruire di due ore di permesso giornaliero retribuito fino al compimento del terzo
anno di vita del bambino (in caso di prestazione di lavoro inferiore alle sei ore giornaliere andrebbe concessa una sola ora di permesso, ma a questo proposito nella sentenza 4623/2010 della Cassazione viene puntualizzato che tale norma va riferita esclusi-
SETTEMBRE 2012
IN PRIMO PIANO
Genova
Medica
vamente ai riposi giornalieri della madre
durante il primo anno di vita del bambino
(non portatore di handicap), incompatibile
con la necessità di una assistenza continuativa richiesta in caso di bambino disabili gravi).
In caso di 2 (o più figli) con handicap grave
il permesso giornaliero di due ore fino al
compimento del terzo anno di vita (legge
104/1992 articolo 33) va concesso in
misura doppia (ovvero al numero dei figli
con handicap grave aventi diritto), nulla
valendo il fatto che la prestazione lavorativa, decurtata di 4 (o più ore) non abbia
una utilità apprezzabile per il datore di lavoro: il soggetto/i portatore/i di handicap
non deve/devono essere lasciato/i privo/i
di assistenza alla luce dei doveri inderogabili di solidarietà sociale e dei principi costituzionali in base agli articoli 3 e 32 della
Costituzione (Cass. sent. n.4623/2010).
oppure
■ di fruire in alternativa di tre giorni di permesso mensile.
In particolare, la legge 183/2010 riscrivendo l’art. 33 comma secondo della legge
104/1990 ha eliminato il riferimento ai tre
anni di età ed esteso a parenti e affini entro il
secondo grado la possibilità di utilizzare i tre
giorni mensili di permesso retribuito per assistere minori, quando non lo possono fare i
rispettivi genitori. Per non creare disparità di
trattamento tra i genitori che sono tenuti
costituzionalmente a svolgere un ruolo primario nell’allevamento dei figli e il resto dei
parenti e affini, l’INPS (circolare 155/2010
punto 2.2) aveva già ritenuto che anche ai
genitori andasse riconosciuta la possibilità di
utilizzare, in alternativa agli altri benefici, il
permesso retribuito dei tre giorni mensili.
19
Dopo il terzo anno di vita
del figlio
Dopo il compimento del terzo anno di vita del
figlio con handicap grave, la madre lavoratrice o, in alternativa, il padre lavoratore (che
deve produrre al datore di lavoro entro 10
giorni una dichiarazione da cui risulta la
rinuncia parziale o totale della madre a tale
diritto) ha diritto a tre giorni di permesso
mensile, che possono essere fruiti in via continuativa o frazionata e utilizzati nel corso del
mese di pertinenza.
Questi permessi spettano al genitore indipendentemente dal diritto dell’altro genitore (legge
n.53/2000 articolo 20), a condizione che il
bambino non sia ricoverato a tempo pieno
presso istituti specializzati, salvo che i sanitari
richiedano la presenza del genitore (art. 33
comma 1 del D.Lgs. 151/2001 come modificato dall’art. 3 del D.Lgs. 119/2011).
Dopo il compimento del terzo anno di vita,
ma, però, sino all’ottavo anno rimane il diritto al prolungamento dell’astensione facoltativa (o congedo parentale), coperto da contribuzione figurativa e con una retribuzione di
una indennità giornaliera pari al 30% della
retribuzione, nel rispetto del tetto massimo
di tre anni (circolare INPS numero 32/2012
e circolare Funzione Pubblica n. 1/2012).
Il prolungamento decorre dal termine del
periodo corrispondente alla durata massima
del congedo parentale spettante al richiedente (vedi messaggio INPS 22578/2007):
■ alla madre, trascorsi 6 mesi dalla fine del
congedo di maternità
■ al padre, trascorsi 7 mesi dalla data di
nascita del figlio
■ al genitore solo, trascorsi 10 mesi decorrenti:
a) in caso di madre “sola”, dalla fine del congedo di maternità
SETTEMBRE 2012
20 IN PRIMO PIANO
Genova
Medica
b) in caso di padre “solo”, dalla nascita del
minore o dalla fruizione dell’eventuale congedo di paternità.
I tempi di utilizzo dei tre giorni di permesso mensile, anche frazionati a mezza giornata o a ore, che spettano di diritto in
base alla legge 104/92, non rientrano
nella discrezionalità del datore di lavoro,
ma vengono scelti dall’avente diritto
secondo le proprie necessità.
L’indicazione dei giorni durante i quali si
intende fruire dei permessi deve, di
norma, essere comunicata in tempo utile
per consentire di provvedere alla sostituzione e all’organizzazione del lavoro, a
meno che il permesso non venga richiesto per improvvise e sopravvenute necessità connesse alla disabilità. In tal caso la
comunicazione va fatta prima dell’inizio
del servizio.
diritto. In particolare l’articolo 24 comma 23 della legge 183/2010 avrebbe attenuato
l’importanza dei requisiti della esclusività e
continuità previsti in precedenza ai fini della
concessione dei benefici per l’assistenza al
figlio maggiorenne in situazione di disabilità
grave. Infatti per l’abrogazione parziale
dell’articolo 20 comma 1 della legge
53/2000 verrebbero meno i requisiti della
continuità e della esclusività.
Tuttavia secondo la circolare Brunetta
(Dipartimento Funzione Pubblica circolare 13
del 6 dicembre 2010) sarebbe meglio tipizzato il concetto di esclusività dell’assistenza
con la regola che i permessi possono essere
accordati, salvo la previsione espressa di
alcune eccezioni, ad un unico lavoratore
(referente unico).
In precedenza l’articolo 20 della legge
53/2000 aveva cancellato il requisito della
convivenza.
Dopo il compimento della
maggiore età
Elezione ENPAM - A luglio è stato elet-
Dopo il compimento della maggiore età del
figlio con handicap grave la madre lavoratrice o, in alternativa, il padre lavoratore, ha
diritto ai tre giorni mensili.
I permessi lavorativi spettano al genitore
anche nel caso in cui l’altro non ne abbia
to presidente dell’ENPAM il già presidente
vicario dr. Alberto Oliveti, con 96 voti su
105; vi sono state anche 8 schede bianche
ed un voto per Roberto Lala (Ordine dei
medici di Roma). L’Ordine di Genova augura
buon lavoro al neo presidente.
Medici di bordo:
revisione parziale delle autorizzazioni all’imbarco
Con Decreto dell’11 giugno del Ministero della Salute (G.U. n. 188 del 13/8/2012) è indetta la revisione parziale delle autorizzazioni per medico di bordo e degli attestati di iscrizione
nell’elenco dei medici di bordo supplenti rilasciati dal 1° gennaio 2005 al 31 dicembre 2007.
Possono partecipare alla revisione i medici di bordo autorizzati e quelli supplenti iscritti prima
del 31/12/2004 che non avessero effettuato le revisioni quinquennali indette nel 2004 e
nel 2009. La domanda per la revisione delle autorizzazioni all’imbarco e degli attestati di iscrizione deve essere presentata entro 180 giorni, a decorrere dal giorno successivo a quello di
pubblicazione del Decreto. Il testo integrale del Decreto è reperibile sul sito www.omceoge.org
SETTEMBRE 2012
IN PRIMO PIANO
Genova
Medica
Decreto Balduzzi:
ecco le novità
l 5 settembre scorso, il Consiglio
dei Ministri ha approvato il Decreto
Legge “Disposizioni urgenti per
promuovere lo sviluppo del paese mediante
un più alto livello di tutela della salute”.
Di seguito si riportano le novità introdotte dal
D.L. così come illustrate nel comunicato stampa pubblicato sul sito del Ministero della
Salute. Si ricorda che in sede di conversione in
legge, il decreto potrà subire delle modifiche.
1. ASSISTENZA SANITARIA TERRITORIALE
Si riorganizzano le cure primarie, nella consapevolezza che il processo di de-ospedalizzazione, se non è accompagnato da un corrispondente e contestuale rafforzamento
dell’assistenza sanitaria sul territorio, determina di fatto una impossibilità per i cittadini
di beneficiare delle cure. I punti qualificanti
del riordino delle cure primarie sono:
■ integrazione monoprofessionale e multiprofessionale per favorire il coordinamento operativo tra i medici di medicina generale, i pediatri
di libera scelta, gli specialisti ambulatoriali,
secondo modelli individuati dalle Regioni anche
al fine di decongestionare gli ospedali;
■ ruolo ed accesso unico per tutti i professionisti nell’ambito della propria area convenzionale al fine di far fronte alle esigenze di
continuità assistenziale, organizzazione e
gestione;
■ sviluppo dell’ICT (information and communication technology) quale strumento irrinunciabile per l’aggregazione funzionale e
per l’integrazione delle cure territoriali e
ospedaliere.
2. INTRAMOENIA
Si introducono, dopo più di dieci anni, nuove
norme in materia di attività professionale
I
21
intramoenia dei medici, al fine di superare il
regime provvisorio. Le aziende sanitarie
devono procedere a una definitiva e straordinaria ricognizione degli spazi disponibili per le
attività libero-professionali ed eventualmente
possono, con un sistema informatico speciale, utilizzare spazi presso strutture sanitarie
esterne, ovvero autorizzare i singoli medici a
operare nei propri studi. Rilevante novità è
che tutta l’attività viene messa in rete per
dare trasparenza e avere tracciabilità di tutti
i pagamenti effettuati dai pazienti, rendendo
anche possibile un effettivo controllo del
numero delle prestazioni che il professionista
svolge sia durante il servizio ordinario, sia in
regime di intramoenia.
E' previsto che parte degli importi riscossi
saranno destinati, oltre che per i compensi
dei medici e del personale di supporto,
anche per la copertura dei costi sostenuti
dalle aziende.
3. MEDICINA DIFENSIVA
Si regola la responsabilità professionale di chi
esercita professioni sanitarie per contenere il
fenomeno della cosiddetta “medicina difensiva” che determina la prescrizione di esami
diagnostici inappropriati al solo scopo di evitare responsabilità civili, con gravi conseguenze
sia sulla salute dei cittadini, sia sull'aumento
delle liste di attesa e dei costi a carico delle
aziende sanitarie. Nel valutare la responsabilità dei professionisti si terrà conto della circostanza che essi abbiano svolto la prestazione
professionale secondo linee guida e buone
pratiche elaborate dalla comunità scientifica
nazionale e internazionale. Viene inoltre costituito un Fondo per garantire idonee coperture
assicurative finanziato con il contributo dei
professionisti e delle assicurazioni, in misura
percentuale sui premi incassati, comunque
non superiore al 4 per cento.
SETTEMBRE 2012
22 IN PRIMO PIANO
Genova
Medica
4. TRASPARENZA NELLA SCELTA DI
DIRETTORI GENERALI E PRIMARI
Le nomine dei direttori generali delle aziende
e degli enti del SSR (Servizio Sanitario
Regionale) vengono sottoposte a una nuova
disciplina che privilegia il merito e tende a
riequilibrare il rapporto tra indirizzo politico e
gestione delle aziende sanitarie. Le Regioni
infatti dovranno provvedere alla nomina dei
DG attingendo ad un elenco regionale di idonei costituito a valle di una procedura selettiva che sarà svolta da una commissione
costituita da esperti indipendenti, procedura
a cui potranno accedere solo coloro che
documenteranno, oltre ai titoli richiesti, un'adeguata esperienza dirigenziale nel settore.
Saranno garantite idonee misure di pubblicità, anche sul web, dei bandi, delle nomine
e dei curricula, oltre che di trasparenza nella
valutazione degli aspiranti alla nomina.
Per i primari (dirigenti, medici e sanitari di
strutture complesse) viene istituita una procedura selettiva affidata a primari della stessa disciplina, ma non della stessa ASL, sorteggiati a livello nazionale. Il direttore generale dovrà scegliere il primario necessariamente entro la rosa dei primi tre candidati.
Per consentire il sorteggio, saranno costituiti
entro tre mesi elenchi regionali dei primari
per singole discipline e l'elenco nazionale
sarà la sommatoria degli elenchi regionali.
5. NUOVI LEA (Livelli Essenziali di Assistenza)
Si aggiornano i LEA tenendo conto anche di
nuove patologie emergenti con riferimento
prioritario alle malattie croniche, alle malattie
rare e al fenomeno della ludopatia.
6. PROMOZIONE DI PIU CORRETTI STILI DI
VITA: LIMITAZIONE VENDITA DI PRODOTTI
DEL TABACCO
Si arricchisce il quadro normativo inerente la
lotta al fumo. È vietata la vendita dei prodotti
da fumo ai minori di 18 anni (finora il limite
era a 16 anni) con sanzioni per gli esercenti
da 250 a 1000 euro, che passano da 500
a 2000 euro con la sospensione della licenza per tre mesi in caso di recidiva.
7. CERTIFICATI PER L’ATTIVITÀ SPORTIVA
AMATORIALE
A tutela della salute dei cittadini che svolgono un’attività sportiva non agonistica o amatoriale, verranno predisposte linee guida per
idonee certificazioni mediche e l'effettuazione
di controlli sanitari sui praticanti e per la
dotazione, nonché l'impiego, da parte di
società sportive professionistiche e dilettantistiche di defibrillatori semi-automatici e di
altri eventuali dispositivi salvavita.
8. LUDOPATIE
Sono state introdotte disposizioni per:
■ limitare la pubblicità dei giochi con vincite
in denaro con particolare riguardo alla tutela
dei minori;
■ esplicitare le probabilità di vincita e il
rischio di dipendenza dal gioco;
■ vietare l’accesso dei minori alle sale ovvero
alle aree destinate al gioco;
■ effettuare controlli mirati per verificare il
rispetto di norme a tutela dei minori;
■ rivedere, limitatamente alle nuove concessioni, anche su indicazione dei Comuni la
dislocazione di punti di raccolta del gioco evitando la prossimità a luoghi sensibili (scuole,
università, nosocomi, luoghi di culto).
9. SICUREZZA ALIMENTARE E SANITÀ
VETERINARIA
Si introduce l’obbligo di avviso ai consumatori,
con appositi cartelli affissi nei punti vendita,
dei rischi connessi al consumo di latte crudo
e pesce crudo. Viene vietata, inoltre, la somministrazione di latte crudo e crema cruda
nell'ambito della ristorazione collettiva, anche
scolastica. Sono previste misure sanzionato-
SETTEMBRE 2012
IN PRIMO PIANO
Genova
Medica
rie nei confronti delle Regioni che sono in
ritardo nei programmi di contrasto alle malattie infettive e diffusive del bestiame. Per le
Regioni inadempienti è prevista la nomina di
appositi commissari. É previsto che, fatta
salva la verifica della compatibilità comunitaria
della misura, sia aumentato il contenuto di
succo naturale di frutta dal 12 al 20 per
cento nelle bevande analcoliche che utilizzano
la denominazione della frutta medesima.
10. FARMACI
Sono previste misure finalizzate a garantire
che i farmaci innovativi riconosciuti dall’AIFA
come rimborsabili dal SSN siano tempestivamente messi a disposizione delle strutture
sanitarie di tutte le Regioni italiane.
Viene disposto l’aggiornamento del Prontuario
farmaceutico nazionale per eliminare farmaci
obsoleti e avere più spazio per i farmaci innovativi. Si prevede la sperimentazione, da parte
delle Regioni, di nuove modalità di confezionamento dei farmaci per eliminare sprechi di
prodotto e meccanismi impropri di prescrizione e per facilitare la personalizzazione del
confezionamento stesso.
Viene completato il passaggio all’AIFA delle
competenze in materia di sperimentazione clinica dei medicinali oggi ancora attribuite
all'Istituto superiore di sanità, limitando contestualmente il proliferare dei comitati etici, prevedendo una gestione interamente telematica
della documentazione sugli studi clinici.
23
Le regole sulle autorizzazioni inerenti ai farmaci omeopatici sono precisate e semplificate, mantenendo le necessarie garanzie di
qualità e sicurezza.
11. EDILIZIA OSPEDALIERA
Vengono migliorate le norme che regolano il
partenariato pubblico-privato in materia di
edilizia sanitaria ampliando la possibilità di
collaborazione tra investitore privato e azienda sanitaria pubblica.
Per quanto attiene all'adeguamento della normativa antincendio, viene previsto che una
quota-parte delle risorse statali dedicate all'adeguamento strutturale e tecnologico dei
presidi sanitari venga utilizzata specificamente per il rispetto della stessa normativa
antincendio, la quale viene anche semplificata per alcune tipologie di strutture sanitarie.
Viene inoltre accelerato e facilitato l’utilizzo
delle risorse, già destinate alla creazione di
strutture socio-sanitarie, per trasferire i
pazienti attualmente ospitati negli ospedali psichiatrici giudiziari di cui è stata recentemente
stabilita per legge la chiusura definitiva.
12. ISTITUTO NAZIONALE MIGRAZIONI E
POVERTÀ (INMP)
Viene definitivamente stabilizzata l’operatività
di questo Istituto vigilato dal Ministero della
Salute, con programmi d’intervento a carattere interregionale per operare nelle situazioni di maggior disagio sanitario legato alla
povertà e ai fenomeni migratori.
13. RICERCA SANITARIA
Si stabiliscono nuove regole per il riconoscimento e la conferma degli Istituti di ricovero
e cura a carattere scientifico.
14. ASSISTENZA AL PERSONALE NAVIGANTE
Viene completato il processo di trasferimento delle competenze per l'assistenza ai marittimi e al personale dell'aviazione civile dal
Ministero della Salute alle Regioni.
SETTEMBRE 2012
24 CORSI & CONVEGNI
PIATTAFORMA FAD (Formazione a distanza)
CORSO DELL’ORDINE
DI INFORMATICA MEDICA
Sul sito www.omceogefad.com (oppure sul
sito www.omceoge.org alla sezione “eventi
dell’Ordine in programmazione”) è disponibile il corso FAD dell’Ordine di informatica
medica realizzato con la collaborazione del
collega Lucio Marinelli. L’iscrizione al corso,
diviso in 10 sezioni, è gratuita e il completamento del percorso prevede il rilascio di 4
crediti formativi ECM.
Obiettivo del corso è “alfabetizzare” chi sente
la necessità di migliorare le proprie conoscenze informatiche, attraverso una impostazione teorico-pratica propedeutica all’uso
dei computer e dei principali software, sia
per l’uso di internet, che per applicazioni
d'ufficio con finalità medico-scientifiche.
Gli attestati saranno stampabili on-line una
volta terminato il corso con successo.
109° Congresso SPLLOT “Innovazioni e strategie convalidate in ortopedia e traumatologia”
Data: 27 - 28 - 29 settembre
Luogo: Nave “Suprema” nel Porto di Genova
Destinatari: medici chirurghi ortopedici e traumatologi, fisiatri, fisioterapisti ed infermieri
ECM: crediti richiesti
Per info: Keyword Europa tel. 025 4122513
E-mail: [email protected]
FN
i c or s
i
ll’Or di
ne
de
Genova
Medica
OM
CE O
CORSO FNOMCEO
FAD-blended sul “Governo clinico”
Sono attivi i corsi sull’audit clinico (scadenza
9 settembre 2013) e il corso “Sicurezza
dei pazienti e degli operatori” (con scadenza 6 febbraio 2014).
Sono previsti per il primo 12 crediti ECM e
per il secondo 15 crediti. I corsi, completamente gratuiti, possono essere svolti in
modalità FAD collegandosi al sito internet
www.fnomceo.it (ed in tal caso l’attestato
sarà scaricabile dal sito stesso) oppure in
modalità diversa, tramite l’invio a mezzo fax
del questionario riportato sul quadernetto
disponibile presso l’Ordine o contattando il
centralino della FNOMCeO allo 06.6841121
indicando numero di iscrizione all’Albo e CAP
della provincia dell’Ordine a cui si è iscritti.
Per ulteriori informazioni visitare il sito
www.omceoge.org
Destinatari: a tutti coloro che si possono trovare ad intervenire in situazioni di emergenza
Per info: CISOM (Corpo Italiano di Soccorso
Ordine di Malta), tel. 010 252525
E-mail: [email protected]
Slow medicine e l’approdo nel Tigullio.
Iniziative di qualità per la salute
Data: 5 ottobre
Luogo: Villa Ilia, Sestri Levante (Genova)
Destinatari: medici chirurghi e cittadini
ECM: no
Per info: Studio Gandolfo tel. 0185 458480
“IV Convegno aritmologico. Dagli studi controllati randomizzati alla pratica clinica”
Data: 13 ottobre
Luogo: CISEF - Badia della Castagna, Genova
Destinatari: 130 medici chirurghi cardiologi,
medicina e chirurgia di accettazione ed urgenza, medicina interna, medicina dello sport, anestesia e rianimazione, MMG
ECM: 5,3 crediti
Per info: Cluster tel. 010 5957060
[email protected]
Corso “Il primo soccorso 2012”
Data: dal 9 ottobre al 18 dicembre
ogni martedì (16.30-18.30)
Luogo: Polo didattico Facoltà di medicina e chirurgia, Genova
Corso di aggiornamento “La ricerca delle evidenze come base della medicina basata sulle
prove (EBM)” - (max 24 partecipanti)
Data: dal 15 al 19 ottobre (ore 14 - 17)
Luogo: Centro Congressi San Martino-IST
SETTEMBRE 2012
CORSI & CONVEGNI
Genova
Medica
Destinatari: medici chirurghi, assistenti sanitari, biologi, chimici, dietisti, farmacisti, fisici,
fisioterapisti, infermieri, psicologi, veterinari
ECM: n.17 crediti regionali
Quota di iscrizione: € 150,00
Per info: Elisabetta Rovini tel. 010 5737460 535 e-mail: [email protected]
Convegno scientifico sul tema degli adolescenti con problemi psichiatrici
Data: 18 ottobre
Luogo: Istituto Nautico San Giorgio, Genova
Destinatari: operatori del settore
ECM: richiesti
Per info: Ufficio formazione ASL3 Genovese
tel. 010 8496675
Congresso Internazionale “L’assistenza respiratoria al paziente con malattia neuromuscolare”
Data: 19 ottobre
Luogo: Fondazione Mediaterraneo, Sestri
Levante (Genova)
Destinatari: 100 medici specialisti in pneumologia, neurologia, medicina interna, fisiatria,
anestesia e rianimazione, cardiologia e MMG;
60 infermieri, 40 fisioterapisti
ECM: crediti richiesti
Per info: ASL4 Chiavarese - tel. 0185 329312
E-mail: [email protected]
25
ECM: crediti richiesti
Per info: Mediservice, Pavia tel. 0382 454083
E-mail: [email protected]
“La formazione alla luce del nuovo accordo
stato regioni del 19 aprile 2012”
Data: 26 ottobre (costo 100 euro)
Luogo: salone congressi ospedale Galliera
Destinatari: direttori sanitari, di dipartimento, e
di struttura, responsabili formazione, dirigenti
afferenti alle aree sanitarie, professionale, tecnica e amministrativa, e coordinatori professionali
ECM: richiesti
Per info: segreteria tel. 010 563 4047
email: [email protected]
“Una risposta territoriale alla richiesta riabilitativa nella malattia di Parkinson”
Data: 26 ottobre
Luogo: Aule S.C. aggiornamento e formazione
ASL3 Genovese
Destinatari: medici chirurghi, fisioterapisti,
logopedisti (corso a pagamento)
ECM: richiesti
Per info: ASL3 Genovese tel. 010 8496675
Congresso “Advances in clinical prosthodontics”
Data: 19 - 20 ottobre (corso a pagamento)
Luogo: Hotel NH Marina Ponte Calvi, Genova
Destinatari: medici odontoiatri e igienisti
ECM: crediti richiesti
Per info: Rosa D’Eventi tel. 010 5954160
E-mail: [email protected]
Scuola di medicina omeopatica classica KAOS Anno Accademico 2012 - 2013
(scuola di 4 anni, 600 ore, a pagamento)
Data: da sabato 27 ottobre
Luogo: Hotel Hermitage, Genova
Destinatari: medici chirurghi, odontoiatri, veterinari e farmacisti
ECM: crediti richiesti
Per info: tel. 010 3106210
[email protected]
Congresso Nazionale SIRM “Prendersi cura
oggi delle persone con disabilità intellettiva:
ripensare i modelli”
Data: 25-26-27 ottobre
Luogo: Teatro Von Pauer, Genova
Destinatari: medici chirurghi MMG, psichiatri,
neuropsichiatri, neurologi, psicologi (corso a
pagamento)
“1° Update in vestibologia tra ricerca e clinica”
Data: 9 novembre
Luogo: Ruta di Camogli, Genova
Destinatari: 80 medici chirurghi specialità in
audiologia e foniatria, medicina generale, otorinolaringoiatria
ECM: 6 crediti richiesti
Per info: ECM Service tel. 010 505385
SETTEMBRE 2012
26 CORSI & CONVEGNI
Congresso “Heartline - IRCCS S. Martino
Genoa Cardiology Meeting”
Data: 9 - 10 novembre
Luogo: Hotel NH Marina, Genova
Destinatari: medici chirurghi e infermieri
ECM: crediti richiesti
Per info: Aristea tel. 010 553591
“Il cervello che cambia 2”
Data: 10 novembre
Luogo: Palazzo Ducale Salone del Minor
Consiglio, Genova
Destinatari: medici chirurghi, psicologi, infermieri, tecnici di neurofisiopatologia
ECM: richiesti
Per info: GGallery tel. 010 888871
“Alcol - Prevenzione ed etica della comunicazione: miti e realtà”
Data: 16 novembre (corso a pagamento)
Luogo: Castello Simon Boccanegra, Genova
Destinatari: medici chirurghi ed infermieri
ECM: crediti richiesti
Per info: Società Italiana di alcologia Bologna
tel. 051 263703 www.mccstudio.org
Congresso Nazionale “Hypothermia 2012”The cardiac arrest and post resuscitation care
Data: 15 - 16 Novembre
Luogo: Centro Congressi CBA, Genova
Destinatari: medici chirurghi ed infermieri
(corso a pagamento)
ECM: crediti richiesti
Per info: IRCCS San Martino, tel.010 5737531
mail: [email protected]
Corso di aggiornamento teorico-pratico
"Complicazioni polmonari in pazienti sottoposti a chirurgia non cardiaca: valutazione
e trattamento"
Data: 20, 22, 27, 29 novembre e 5 dicembre
(ore 14.00 - 18.00)
Luogo: Centro Congressi San Martino-IST
Genova
Medica
Destinatari: medici chirurghi, fisioterapisti,
infermieri - Quota di iscrizione € 100,00
ECM: crediti regionali richiesti (ammessi 40
partecipanti)
Per info: Elisabetta Rovini tel. 010 5737531535 - e-mail: [email protected]
“Cooperazione sanitaria ed emergenze
umanitarie” 2° corso teorico-pratico
di perfezionamento - Il corso, accreditato
ECM e a numero chiuso, è dedicato a laureati in medicina e chirurgia che abbiano
già partecipato al corso base di Medici in
Africa o che abbiano esperienza comprovata di missioni in Africa. Si terrà dal 13 al
17 novembre e dal 12 al 15 dicembre
presso il Polo Biomedico dell’Università di
Genova e verterà su tecniche diagnostiche
e terapeutiche di patologie africane. Al
corso teorico seguirà un periodo facoltativo
di pratica, della durata di tre settimane, in
ospedali Africani. Il costo del corso è di
1.300 euro. Sono escluse le spese relative
al viaggio. Per iscrizioni e info: Medici in
Africa, da lun. a ven. 9.30/13.30
tel. 010/3537621 - 349/3780180
[email protected]
www.mediciinafrica.it
Commissione culturale
dell’Ordine
Il soprano Lilia Gamberini con il dr.Silvio
Maggiolo, l’ing. Vincenzo Rogione, organizzano una conferenza audio/video sul tema:
“Leopoldo Gamberini: la musicale poliedricità dell’anima”, che si terrà giovedì 4
ott ob r e o re 1 7 nella sala Convegni
dell’Ordine.
Commissione Culturale: Silviano Fiorato
(presidente), Roberto Danesi, Emilio Nicola
Gatto, Anna Gentile, Giorgio Nanni,
Corrado Arsenio Negrini, Laura Tomasello.
SETTEMBRE 2012
Genova
Medica
RECENSIONI
27
“NEUROANATOMIA MEDICA” di F. H. Willard - Futura Publishing Society
€ 182.00 per i lettori di “Genova Medica” € 155.00
Un testo rigoroso e sistematico che approfondisce lo studio del cervello e delle
strutture annesse.
“PRIMO SOCCORSO. Dall’emergenza all’urgenza con le sole mani” di A. Pulcini
Piccin editore - € 25.00 per i lettori di “Genova Medica” € 22.00
Agile volumetto di 230 pagine che si rivolge ai giovani studenti di medicina ed
insegna le prime manovre di soccorso in ambito traumatologico, corredato da
numerosi disegni.
ONDE DI POLSO. Come l’emodinamica vascolare determina la pressione arteriosa
di P. Salvi - Springer Editore - € 29.00 per i lettori di “Genova Medica” € 25.00
Questo libro intende presentare, in maniera immediata ed efficace, le complesse
nozioni di base dell’emodinamica vascolare e della sua fisiopatologia, sottolineando
l’importanza delle proprietà meccaniche delle grandi arterie nella genesi della
pressione arteriosa.
MANUALE DI FARMACOLOGIA CLINICA & DATABASE ONLINE - di G. Airoldi
(con banca dati farmacologica online) - C.G.Edizioni Medico Scientifiche
€ 89.00 per i lettori di “Genova Medica” € 75.00
Questo manuale è destinato principalmente ai medici non neofiti in ambito della
medicina generale ed interna. Suo scopo è quello di assistere in modo ragionevolmente accurato e sintetico la scelta e la gestione dei migliori farmaci disponibili
alla luce della più rigorosa evidenza sperimentale e, ove possibile, sulla base delle
linee guida ufficiali delle maggiori associazioni mediche internazionali.
LE BASI FARMACOLOGICHE DELLA TERAPIA 12° edizione a cura di Laurence,
L. Brunton Ediz.i Zanichelli - € 185.00 per i lettori di “Genova Medica” € 157.25
Questa edizione rispecchia la visione e gli ideali degli autori originali, Alfred Gilman
e Louis Goodman che, nel 1941, esposero i principi che hanno guidato questo
libro attraverso le sue undici precedenti edizioni:
- correlare la farmacologia con le scienze mediche che ad essa si rapportano;
- reinterpretare effetti e impieghi dei farmaci alla luce dei progressi compiuti nel
campo della medicina e delle scienze biomediche di base;
- enfatizzare le applicazioni della farmacodinamica alla terapia;
- creare un testo che sia utile tanto agli studenti di farmacologia quanto ai medici.
Cinquanta nuovi scienziati sono entrati a far parte dell’elenco dei coautori, e tutti i
capitoli sono stati ampiamente aggiornati. Permane l’enfasi sui principi di base del
testo, con nuovi capitoli su: sviluppo di farmaci; meccanismo molecolare
dell’azione farmacologica; tossicità e avvelenamento da farmaci; principi della terapia antimicrobica; farmacoterapia dei disturbi ostetrici e ginecologici.
Libreria Internazionale Medico Scientifica “Frasconi”,
C.so A. Gastaldi 193 r. Genova - tel. e fax 0105220147
e-mail: [email protected] - Sito: www.libreriafrasconigenova.it
28 IN RICORDO DI...
Genova
Medica
Leopoldo Gamberini:
la musica dell'anima
Una melodia spirituale che risuona
nel mondo dall'antichità ad oggi
i era appena usciti dal vortice della
guerra, nel 1945. La libertà, appena conquistata, consentiva finalmente ai giovani di allora di riunirsi e scambiarsi i loro propositi per il futuro; poco più
che ventenni, potevano finalmente riprendere, fuori dalla clandestinità, i loro scambi culturali. Cominciavano a spuntare nelle edicole
le prime testate editoriali - “Il Mondo”, “Il
Mese”, “Il Politecnico” e poche
altre - e a leggerle avidamente
si apprendeva come era vasto
ed effervescente il mondo delle
idee. Così alcuni giovani si
incontravano a Genova, nelle
case sopravvissute ai bombardamenti, e mettevano insieme i
soldi per comprarle e scambiarsene la lettura.
Si incontravano alla sera, dopocena, e si avvolgevano le
gambe con le coperte quando
stavano lì seduti al freddo dell'inverno per discutere di ciò che avevano
letto. Erano tutti studenti universitari, di
medicina, di lettere, di farmacia, di scienze.
Uno di loro si chiamava Leopoldo Gamberini,
che si distingueva dagli altri perché aveva nell'animo tanti interessi, dalla musica alla letteratura e alla medicina; tanto che poi avrebbe
preso due lauree, in medicina e in lettere-filosofia, e dopo una specializzazione in odontoiatria; ma non avrebbe mai dimenticato la
musica, tanto da ascoltarla in ogni momento
libero e anche durante il lavoro. I suoi pazienti, nello studiolo dentistico che aveva aperto
S
nel dopoguerra in Corso Firenze, erano avvolti dalla musica. Chissà che già allora il giovane Leopoldo non pensasse al suo influsso sul
cervello umano, che sarebbe stato oggetto di
sue future ricerche, nell’àmbito del rapporto
tra musica e medicina.
A un certo punto la musica prevalse su tutto
il resto della sua vita: già durante il periodo
universitario si era dedicato allo studio del
pianoforte e contemporaneamente del violino,
che avrebbe poi continuato, dopo il ‘45, nei
conservatori di Genova e di Torino.
Poi la guerra aveva bruscamente interrotto
tutto: Gamberini si era impegnato nei collegamenti con la Resistenza; era
stato anche arrestato finendo
nel carcere di Marassi e alla
Casa dello Studente di Genova
nel dicembre del ‘44, con una
condanna a morte, fortunosamente scampata. Nel dopoguerra, riprendendo i suoi interessi, esordì al Festival di Pesaro
con l’accompagnamento musicale alle tragedie greche; fu il
suo decollo, che lo spinse a
perfezionarsi per due anni a
Salisburgo in composizione e
direzione d’orchestra; subito dopo frequenterà l'Accademia Chigiana e poi la Scuola di
Paleografia Musicale di Cremona, i corsi di
musicologia al Conservatorio Benedetto
Marcello di Venezia e, ancora, la scuola di
Darmstadt con Luigi Nono e Stockhausen.
Ma nonostante tutte queste peregrinazioni
Genova rimaneva sempre la sua casa:
Leopoldo Gamberini diventa assistente universitario all'Ateneo Genovese in Storia della
musica, poco più che trentenne, e vi incontra molti giovani che condividono i suoi interessi per la musica antica. Così nasce il Coro
SETTEMBRE 2012
IN RICORDO DI...
Genova
Medica
dei Madrigalisti di Genova, nel 1958: un
complesso che diventerà famoso in Italia e
poi in tutta Europa. Il repertorio riguardava le
musiche rare, dai frammenti greci fino al cinquecento; alle voci si affiancavano strumenti
d'epoca. Una fedele registrazione si trova nei
tre volumi dell’Arte del Madrigale.
Leopoldo Gamberini era l'anima dei
Madrigalisti: una sua creatura che non si
stancava di modellare all'infinito prima di ogni
esecuzione: fino a far ripetere nelle prove
singoli brani anche più di venti volte per ottenere ciò che la sua sensibilità imponeva a lui
ed agli esecutori. Con lo stesso spirito
Gamberini componeva pezzi da camera e
suite per rappresentazioni teatrali: dai
“Persiani” a “Giulietta e Romeo”, da “Edipo
re” ad “Aspettando Godot”, più di venti lavori
vennero messi in scena e registrati.
29
Altre incisioni discografiche riguardano una
ventina di concerti da camera e due lavori
per coro ed orchestra: la Cantata Cristoforo
Colombo e l’Oratorio Anna Frank.
In più di cinquant'anni di attività, il complesso
sempre rinnovato acquista i più numerosi
riconoscimenti internazionali con la costante
direzione del “Maestro” per antonomasia.
Chi ha avuto la fortuna di assistervi mai
potrà dimenticare la sua figura: lui, solitamente mite e quasi dimesso, travolto dalla
musica si trasforma in un'altra persona: un
fuoco gli si sprigiona dentro al corpo e tutto
si anima per una energia interiore che trasmette come un fluido a tutti gli interpreti e
a tutti gli ascoltatori. Alla fine della sua ultima esecuzione, pochi anni fa, la commozione
generale portava le lacrime agli occhi.
Silviano Fiorato
RECENSIONI
Anatomia funzionale del
sistema nervoso dell’uomo
o studio della neuroanatomia,
imprescindibile nella formazione di
medici, farmacisti, biologi, veterinari e operatori dell’ambito medico-sanitario in
genere, viene affrontato in modo completo e
allo stesso tempo agile in questo testo, che
nasce dalla collaborazione di diversi esponenti di rilievo del mondo accademico italiano, e
che si avvale delle più recenti acquisizioni
scientifiche e tecnologie di ricerca.
Accanto ai concetti funzionali generali vengono esposti in maniera semplice e chiara i
principi della trasmissione degli stimoli e
dell’organizzazione modulare del sistema nervoso, arricchiti da osservazioni funzionali e
cliniche e da più di 250 figure esplicative.
L
Gli argomenti trattati sono: i distretti basilari
del sistema nervoso (midollo spinale, tronco
encefalico, cervelletto, diencefalo, telencefalo); i maggiori sottosistemi motori, somestesici e sensoriali; la circolazione ematica e
liquorale. Completano l’opera una sintetica
trattazione del sistema nervoso periferico
(nervi encefalici e spinali e sistema simpatico) e cenni sui neuromodulatori.
SETTEMBRE 2012
“Anatomia funzionale
del sistema nervoso
dell’uomo” testo di
Amenta, Candiani, De
Luca, Farina, Pacini,
Quartu, Vaccaro,
Zaccheo, a cura di
Damiano Zaccheo.
Genova University Press
Euro 55,00
30
NOTIZIE DALLA C.A.O.
Genova
Medica
Notizie dalla C.A.O.
Commissione Albo Odontoiatri
Un amico e collega
unico, una persona
di grande fede
ome ogni lunedì sono all’Ordine per
le varie pratiche e alle
ore 10 puntualmente
telefono a Paolo e gli chiedo
“Dove sei?!” Lui puntualmente mi
risponde “Sono al casello di
Nervi”! Io so benissimo che, come
ogni lunedì dell’anno, sta invece
entrando al casello di Chiavari,
ma che comunque in 25 minuti
sarà presente nell’ufficio della
CAO per dare una grossa mano
nell’affrontare le tante problematiche. Questo era Paolo Mantovani
per tre mandati consecutivi nella
CAO di Genova dal 2003 e Consigliere
dell’Ordine e sarebbe certamente diventato il
prossimo Presidente CAO.
Sempre disponibile, garbato ma fermo, genti-
C
le e appassionato delle vicende ordinistiche
che distingueva, con molta attenzione, dalle
sue enormi competenze sindacali ed associative. Tutti lo piangono ed io in particolare, in
quanto negli ultimi tempi, nonostante la
malattia, quando lo incontravo
era lui a darmi importanti
consigli oltre che per la
Categoria anche per la mia
vita professionale e, a volte,
anche per quella privata.
La sua immensa fede gli ha
dato la capacità di aiutarsi e
anche di aiutare gli altri.
Caro Paolo ti ringraziamo per
tutto quello che hai fatto nella
tua vita terrena e per aver
agito con immensa bontà,
partecipazione e rispetto del
prossimo. Con lui se n’è andata un persona
unica che, ne sono certo, è riuscita a far “ricredere” molti di noi.
Massimo Gaggero
QUOTE ISCRIZIONI ANDI
- Andi Genova informa che, sulla base delle nuove norme
statutarie, è possibile iscriversi all’Associazione dal 1° settembre con il pagamento della quota
riferita all’anno in corso 2012, ridotta nella misura del 50%. In tal modo, si potrà usufruire di
tutti i vantaggi sia nazionali che locali riservati ai soci e maturare l’anzianità associativa dall’anno
2012. Per info su quote ed iscrizioni: segreteria Andi Genova piazza della Vittoria 12/6 (9-13
orario telefonico e 9-15 orario di sportello) tel. 010 581190 e-mail: [email protected]
Spot “Obiettivo risarcimento” -
La ricomparsa sulle TV nazionali, di Stato e private, di spot pubblicitari relativi a “Obiettivo risarcimento” ha nuovamente spinto il Comitato
Centrale della FNOMCeO ad inviare una lettera al Ministro Renato Balduzzi, al presidente
della XII Commissione Affari Sociali della Camera, Giuseppe Palumbo, al presidente della XII
Commissione Igiene e Sanità del Senato Tomassini, al presidente del Consiglio Nazionale
Forense Guido Alpa e ai presidenti delle emittenti televisive.
Copia integrale della lettera del Presidente Amedeo Bianco è pubblicata a pag.13.
SETTEMBRE 2012
NOTIZIE DALLA C.A.O.
Genova
Medica
Concluso il XXIV Corso
ASO ANDI Genova
A fine giugno si sono svolti gli esami del 24°
corso riservato alle assistenti di studio odontoiatrico. Le prove si sono svolte presso
l’Andi alla presenza della maggior parte dei
docenti volontari che hanno contribuito allo
svolgimento del corso in modo ottimale.
31
Quest’anno si sono diplomate 52 ASO. Il
corso si è concluso con la festa della consegna dei diplomi, svoltasi il 13 luglio a Villa
Spinola. I nominativi delle diplomate sono
stati inseriti nella banca dati delle assistenti
odontoiatriche ASO ancora in attesa di occupazione e sono a disposizione dei colleghi
che ne faranno richiesta.
Proscovia Maria Salusciev
COMUNICAZIONI EVENTI CULTURALI
Prossimi corsi Andi Genova
I corsi per cui non è specificata la sede si
svolgono nella Sala Corsi ANDI Genova. Per
info. ed iscrizioni: Segreteria ANDI Genova,
010/581190 - [email protected]
SETTEMBRE
Sabato 29 giornata
Corso teorico - pratico “L’ortodonzia rapida:
efficacia ed efficienza delle terapie in tempi
brevi”. Relatore: Mauro La Luce.
OTTOBRE
Martedì 2 serata
“Il paziente coagulopatico nello Studio dentistico: nuovi anticoagulanti”. Rel.: Giuliano Lo Pinto
Richiesto accreditamento ECM
Sabato 13 ore 9.00 - 14.00
Corso Satellitare “Protesi fissa: strategie di
trattamento e gestione multidisciplinare”
Relatore: Guido Fichera. Crediti ECM: 7,5
Sabato 13 giornata
Sede: Polo Universitario Imperiese, Imperia
VIII Convegno Odontoiatrico ANDI Liguria
“L’estetica nell’odontoiatria ligure”
Relatori liguri. “Sessione per Odontoiatri,
Sessione per Assistenti, Sessione per
Odontotecnici”. Richiesto accreditamento ECM
Venerdì 5 - Sabato 6 ore 9.00 - 17.00
(1° e 2° giornata) Corso sulla sicurezza
nell’ambiente di lavoro per la figura di R.L.S.
(per dipendenti), secondo D.Lgs. 81/08
Relatori: Paolo Pernthaler, Daniele Di Murro
Venerdì 26 - Sabato 27 ore 9.00 - 17.00 (3°
e 4° giornata)
Corso sulla sicurezza nell’ambiente di lavoro
per la figura di R.L.S. (per dipendenti), secondo D.Lgs. 81/08
Relatori: Paolo Pernthaler, Daniele Di Murro.
Prossimi corsi
Cenacolo Odontostomatologico Ligure
I corsi, in fase di accreditamento, si svolgono alla sala Corsi BiBi Service - ECPA/CNA in
Via XX Settembre 41 Genova. Per info e iscr.: 010/4222073 e-mail: [email protected]
OTTOBRE
NOVEMBRE - Venerdì 23
Sabato 27: MC Italia “Sbiancamento dentale”
Trentennale di Parodontologia Italiana
Martedì 30: (serata) “L’impianto, una radi- “Rigenerazione parodontale, elementi clinici
ce da protesizzare”.
di successo”. Relatore: dr. Carlo Tinti
Relatore: dr. Marco Morello
“Importanza del biofilm nella rigenerazione
SETTEMBRE 2012
32
NOTIZIE DALLA C.A.O.
del parodonto”. Rel.: dr. Roberto Armanino
“L'igienista dentale e la riabilitazione implanto-protesica” Rel.: dr.ssa Paola Gavoglio
Sabato 24
“I nuovi orientamenti nell’implantologia a carico immediato”. Relatore: dr. Eugenio Conte
Genova
Medica
“Il ruolo dell’igienista dentale nella riabilitazione implantare immediata”
Relatore: dr.ssa Paola Zunino
Martedì 27 (serata) “Esperienze cliniche
con il laser ai diodi”.
Relatore: dr. Pierantonio Nocentini
CORSI DI MEDIAZIONE CIVILE IN CAMPO SANITARIO
Percorso formativo di base della durata di 54 ore, articolato in 12 moduli di cui 10 di 4 ore
e 2 di 5 ore + prova finale. Le date in cui si svolgerà il corso sono le seguenti:
• Venerdì 19 e Sabato 20 ottobre
• Venerdì 09 e Sabato 10 novembre
• Venerdì 30 e Sabato 01 dicembre
I corsi si svolgono nella sala corsi BiBi Service Via XX Settembre 41 Genova.
Quote d'iscrizione: € 850,00. Per info e iscriz.: segreteria C.O.L. tel. 010 4222073
STRUTTURE PROVVISORIAMENTE ACCREDITATE (PROVINCIA DI GENOVA)
L’editore è responsabile solo della veste grafica e non dei dati riguardanti le singole strutture.
STRUTTURE PRIVATE
INDIRIZZO E TEL.
CENTRO RADIOLOGICO E FISIOTERAPICO
Dir. San. e R.B.: Prof. L. Morra
Spec.: Radiologia Medica
Resp. Terapia fisica: Dr. Franco Civera
Spec.: Fisiatria
IST. IL BALUARDO certif. ISO 9001:2000
Dir. San.: Dr. M. Canepa Spec.: ematologia clinica e di labor.
R.B.: Prof. D. Fierro Spec.: Radiologia
R.B.: Dr. M. Casaleggio Spec.: Fisiatria
www.ilbaluardo.it
[email protected]
Punti prelievi: Via G. Torti, 30-1
Via San Vincenzo “Torre San Vincenzo” 2/4
Via P.Gobetti 1-3
SPECIALITA’
RX
TF
RX
TF
S DS TC RM
PC Ria ODS RX
TF
S DS TC RM
GE - BUSALLA
Via Chiappa 4
010/9640300
GENOVA
P.zza Cavour
Porto Antico
010/2471034
fax 2466511
010-513895
010-5740953
010-3622916
IST. BIOMEDICAL
GENOVA
Dir. San.: Prof. B. De Veris.: Igiene e Medicina Prev.
Via Prà 1/B
Dir. Tec. Day Surgery: Dr. A. Brodasca Spec. in anestesiologia
010/663351
Dir. Tec. Day-Hospital: D.ssa M. Romagnoli Spec. in derm.
fax 010/664920
Dir. Tec. Lab. Analisi: D.ssa P. Nava (biologa) Spec. in igiene www.biomedicalspa.com
Dir. Tec. Radiodiagnostica: Dr. M. Oddone Spec. in radiod.
Senologia D.ssa C. Faedda Specialista in Radiodiagnostica
Resp. Branca Cardiologia: D.ssa T. Mustica Spec. in card.
Dir. Tec. Terapia fisica: Dr.ssa E. Marras Spec. in med. fis. e riabil.
Resp. Branca Med. dello sport: Dr. A. Boccuzzi Spec. in med. dello sport
Poliambulatorio specialistico
GENOVA-PEGLI
Dir. Tec.: D.ssa M. Schiavo spec. endocrinologia
Via Martitri della Libertà, 30c
Via Teodoro di Monferrato, 58r. 010/6967470
Responsabile Dr. S. Gatto Medico Chirurgo GENOVA SESTRI PONENTE
Vico Erminio 1/3/5r. 010/6533299
IST. BIOTEST ANALISI - ISO 9001-2000
GENOVA
Dir. San.: Dr. F. Masoero
Via Maragliano 3/1
Spec.: Igiene e Med. Prev.
010.587088
R.B.: D.ssa P. Rosselli Spec. Cardiologia
PC
PC Ria
DS
S
DS
STRUTTURE PRIVATE
SPECIALITA’
INDIRIZZO E TEL.
RX RT TF
DS
IST. CIDIMU S.p.A. Diagnostico e Fisioterapico
GENOVA
Dir. Sanitario D.ssa G. Satta
Passo Ponte Carrega, 30 R
Resp. Terapia fisica: Dr.ssa Clelia Sibilio
010.8902111
E-mail: [email protected]
Fax 010.8902110
Sito Internet: www.cidimu.it.
RX
DS
IST. D.I.T. Diagnostica per Immagini del Tigullio
(di Villa Ravenna)
Dir.Tec. e R.B.: Prof. Agostino Taccone
Spec. in Radiologia
E-mail: [email protected]
Sito Internet: www.villaravenna.it
CHIAVARI (GE)
RX
S
DS TC RM
IST. EMOLAB certif. ISO 9001/2000
Dir. San. e R.B.: G.B. Vicari
Spec.: Medicina Nucleare
R.B.: Dr. S. De Pascale Spec.: Radiologia
Sito Internet: www.emolab.it
PC Ria
GENOVA
Via G. B. Monti 107r
010.6457950 - 010.6451425
Via Cantore 31 D - 010.6454263
Via Montezovetto 9/2 - 010.313301
RX
S
DS
IST. FIDES
Dir. Tec.: D.ssa C. Sgarito
Spec.: Fisioterapia
GENOVA
Via Bolzano, 1B
010.3741548
IST. GALENO
Dir. Tec.: Dr. S. De Pascale
Spec.: Radiologia medica
R.B.: Dr. P. De Micheli Spec.: Cardiologia
GENOVA
P.sso Antiochia 2a
010.594409
010.592540
S
DS
IST. Il CENTRO
Dir. San.: Dr. S. Bogliolo
Spec.: Radiologia
[email protected]
Analisi cliniche di laboratorio in forma privata
CAMPO LIGURE (GE)
Via Vallecalda 45
010.920924
010.920909
S
DS
RM
IST. I.R.O. Radiologia - certif. ISO 9002
Dir. Tec. e R.B.: Dr. L. Reggiani
Spec.: Radiodiagnostica
D.T.: D.ssa R. Gesi Spec.: Oculistica e oftalmologia
Dr. M. V. Giacobbe Spec.: Medicina dello sport
GENOVA
Via San Vincenzo, 2/4
“Torre S. Vincenzo”
010.561530-532184
www.iro.genova.it
S
DS
RM
IST. LAB certif. ISO 9001-2000
Dir. Tec.: D.ssa M. Guerrina
Biologa
Punto prelievi: C.so Magenta, 21 A (Castelletto)
GENOVA
Via Cesarea 12/4
010/581181 - 592973
010/2513219
PC Ria
IST. MANARA
Dir. San. e Dir. Tec.: Dr. M. Manara
Spec.: Radiologia medica
Dir. Tec. D.ssa S. Marcenaro biologo
Spec.: Patologia Clinica
Dir. Tec.: D.ssa C. Sgarito
Spec.: Medicina fisica e Riabilitazione
GE - BOLZANETO
Via Custo 11 r.
010/7455063
PC
RX
Via B. Parodi 15 r
010/7455922 tel. e fax
IST. MORGAGNI certif. ISO 9001
Dir. San. e R.B.: D.ssa A. Lamedica
Biologo Spec.: Patologia Clinica
R.B.: Dr. S. Bogliolo Spec.: Radiologia
R.B.: Prof. G. Lamedica Spec.: Cardiologia
GENOVA
C.so De Stefanis 1
010/876606 - 8391235
Via G. Oberdan 284H/R
010/321039
PC
RX
IST. NEUMAIER
Dir. San. e R.B.: Dr. L. Berri
Spec.: Radiologia
GENOVA
Via XX Settembre 5
010/593660
IST. CICIO Rad. e T. Fisica - ISO 9001-2000
Dir. San. e R.B.: Dr. G. Cicio
Spec.: Radiologia
GENOVA
C.so Sardegna 280 R
010.501994
fax 8196956
TF
RM
Via Nino Bixio 12 P.T.
0185.324777
Fax 0185.324898
TF
RX RT
PC
RX
TF
RX
S
TF
RX RT TF
S
DS TC RM
S
DS
DS
STRUTTURE PRIVATE
SPECIALITA’
INDIRIZZO E TEL.
IST. RADIOLOGIA RECCO
Dir. San. e R.B.: Dr. C. A. Melani
Spec.: Radiodiagnostica
Resp. Terapia fisica: Dr. F. Civera Spec.: Fisiatria
GE - RECCO
P.zza Nicoloso 9/10
0185/720061
IST. R.I.B.A. S.p.A. Diagnostico e Fisioterapico
Dir. Sanitario D.ssa G. Satta
Resp. Terapia fisica: Dr. Sergio Tanganelli
E-mail: [email protected]
GE - Rivarolo
Via Vezzani 21 R
010.8903111
Fax 010.8903110
IST. SALUS certif. ISO 9001:2008
Dir. San. e R.B.: Dr. E. Bartolini
Spec.: Radiologia Igiene Med. Prev.
GENOVA
P.zza Dante 9
010/586642
IST. STATIC certif. ISO 9001/2000
Dir. Tecnico e R.B. FKT: Dr.ssa Chiara Giusti
Spec.: Fisiatria
R.B.: Dr. M. Debarbieri Spec.: Radiologia
RX
RT TF
DS
TF
DS
RX
PC MN RX
RT TF
GENOVA
Via XX Settembre 5
010/543478
RX
TF
IST. TARTARINI
Dir. Tec.: D.ssa M. C. Parodi, biologa Spec.: Igiene or. lab.
Dir. Tec.: Dr. F. Zamparelli Spec.: Radiologia
Dir. Tec.: D.ssa I. Parola Spec.: Med. fisica e riabil.
GE - SESTRI P.
P.zza Dei Nattino 1
010/6531442
fax 6531438
TMA - TECNOLOGIE MEDICHE AVANZATE
Dir. Tec.: Dr. A. Gambaro certif. ISO 9001:2000
Spec.: Radiodiagnostica
www.tmage.it [email protected]
IST. TURTULICI RADIOLOGICO TIR
Dir. San. : Dr. Vincenzo Turtulici
Spec.: Radiologia medica
RM
S
DS TC RM TC-PET
PC Ria RX RT TF
S
DS
GENOVA
Via Montallegro, 48
010/316523 - 3622923
fax 010/3622771
RX
S
DS TC RM
GENOVA
Via Colombo, 11-1° piano
010/593871
RX
ISTITUTI NON CONVENZIONATI SSN
PIU’KINESI IN CARIGNANO (MONTALLEGRO)
Dir. San.: Dr. Luca Spigno
R.B.: Dr. Marco Scocchi
Spec.: Medicina Fisica e Riabilitazione
www.montallegro.it - [email protected]
GENOVA
Via Corsica 2/4
010 587978
fax 010 5953923
LABORATORIO ALBARO certif. ISO 9001/2000
Dir. San. e R. B. Prof. R. Bonanni Spec. in Ematologia,
Microbiologia medica, Anatomia patologica
R.B.: L. De Martini Spec.: Radiologia
R.B.: Prof. M.V. Iannetti Spec.: Cardiologia
R.B.: Dr. G. Zandonini Spec.: Fisiatria
GENOVA
Via P. Boselli 30
010/3621769
Num. V. 800060383
STUDIO GAZZERRO
Dir. San.: Dr. Corrado Gazzerro
Spec.: Radiologia
www.gazzerro.com
GENOVA
Piazza Borgo Pila, 3
010/588952
fax 588410
VILLA RAVENNA
Dir. San.: Dr. A. Guastini
Spec.: Chirurgia Generale
Spec.: Chirurgia Vascolare
[email protected]
CHIAVARI (GE)
Via Nino Bixio, 12
0185/324777
fax 0185/324898
[email protected]
RT
DS TC RM
SPECIALITA’
PC Ria RX
TF
S
TF
S DS TC RM
www.laboratorioalbaro.com
RX
S
DS TC RM
ODS
S
DS
LEGENDA: PC (Patologia Clinica) TF (Terapia Fisica) R.B. (Responsabile di Branca)
Ria (Radioimmunologia) S (Altre Specialità) L.D. (Libero Docente) MN (Medicina Nucleare in Vivo) DS
(Diagnostica strumentale) RX (Rad. Diagnostica) TC (Tomografia Comp.) RT (Roentgen Terapia) RM
(Risonanza Magnetica) TC-PET (Tomografia ad emissione di positroni) ODS (One Day Surgery).
Per variazioni riguardanti i dati pubblicati: tel. 010 582905 o e-mail [email protected]
Acmi
Numero Verde 800804009
Acmi ha stipulato una nuova convenzione per il RIMBORSO DELLE SPESE MEDICHE
aderendo alla Cassa di Assistenza Sanitaria Sanint, la più importante d’Italia.
La Cassa di Assistenza è un’associazione senza fine di lucro. Essa persegue la finalità di
promuovere, realizzare ed erogare a favore dei propri beneficiari prestazioni
assistenziali a carattere sociale e/o sanitario.
Le caratteristiche della Cassa non sono quindi quelle di una polizza assicurativa ed è per
questo motivo che non è determinante, ai fini della sua sottoscrizione, il conoscere lo
stato di salute dell’aderente.
La cassa Sanint si avvale per la sua gestione di una centrale operativa del Gruppo
Generali che prevede la liquidazione direttamente alle cliniche e ai medici con essa
convenzionati.
COME ADERIRE
Si può aderire alla Cassa SANINT entro il compimento del 60° anno di età se non si è
mai stati assicurati per lo stesso rischio oppure entro il compimento del 65° anno di
età se si sostituisce analoga copertura assicurativa non disdettata per sinistro.
Le garanzie si attivano senza periodi di carenza e senza nessuna esclusione relativa a
patologie pregresse di ogni tipo. Le spese sanitarie sono rimborsate con massimale
ILLIMITATO.
I beneficiari delle prestazioni della Cassa di assistenza sanitaria SANINT sono il
socio dell’Acmi nonché il nucleo familiare inteso come coniuge, convivente more
uxorio, figli conviventi e anche quelli non conviventi purché fiscalmente a carico
o per i quali sussista l’obbligo al mantenimento.
Due sono le possibilità di adesione:
“SINGLE” (nel caso si tratti di unico componente previsto nello stato di famiglia)
Contributo annuo euro 1.680,00 compresa quota associativa Acmi;
“NUCLEO” (nel caso che si tratti di tutti i componenti previsti nello stato di famiglia)
Contributo complessivo annuo euro 2.220,00 compresa quota associativa Acmi.
Per ogni richiesta di informazione non esiti a contattare gli uffici di Acmi a Genova,
Piazza della Vittoria 12/22 tel. 010581004,
a Milano, Via Ripamonti 44 – 20141 Milano tel. 02 637 89 301
oppure tramite il nostro sito
www.acminet.it
Acmi
Fly UP