...

Prevenzione e controllo delle infezioni da Clostridium difficile

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

Prevenzione e controllo delle infezioni da Clostridium difficile
GIIO
DOCUMENTO DI INDIRIZZO
Prevenzione e controllo delle infezioni
da Clostridium difficile
Il presente documento è frutto della collaborazione di molte persone ed è stato condiviso con gli organi
collegiali della SIMPIOS. Hanno partecipato in particolare alla preparazione del documento:
- coordinatori: Roberto Serra, Vilma Rigobello, Cesarina Curti e M.Luisa Moro (coordinamento generale)
- partecipanti a gruppi di lavoro: Caterina Cusano, Patrizia Lobati, Lorena Martini, Maria Mongardi,
Teresa Rea
- revisori del documento: Silvio Brusaferro, Claudio Farina, Antonio Goglio, Nives Piccin, Gaetano
Privitera, Pierluigi Viale, Franco Viganò
INDICE:
- OBIETTIVO DEL DOCUMENTO
- ACRONIMI
- LE “RACCOMANDAZIONI”
1. PERCHÈ LE INFEZIONI DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE SONO RILEVANTI
1.1 Clostridium difficile
1.2 Quadro epidemiologico
1.2.1 Le infezioni da C. difficile sono in aumento
1.2.2 Determinanti del nuovo quadro epidemiologico
1.2.3 Impatto clinico ed economico delle infezioni da C. difficile
1.2.4 Infezioni da C. difficile nelle strutture territoriali
2. MODALITÀ DI TRASMISSIONE E FATTORI DI RISCHIO
1.1 Fisiopatologia e modalità di trasmissione
2.2 Fattori di rischio
3. DIAGNOSI DI INFEZIONE DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE
3.1 Definizione di caso per la sorveglianza
3.2 Diagnosi endoscopica
3.3 Diagnosi di laboratorio
3.3.1 Protocollo diagnostico
3.3.2 Algoritmo diagnostico
2
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
4. STRATEGIE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE MALATTIE
DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE
4.1 Diagnosi tempestiva
4.2 Sorveglianza
4.3 Corretta gestione degli antibiotici
4.4 La Formazione / informazione
4.5 Precauzioni di isolamento
4.6 Igiene delle mani
4.7 Igiene ambientale
4.8 Gestione dei dispositivi e attrezzature
4.9 Misure da adottare in caso di outbreak
5. BIBLIOGRAFIA
ALLEGATO A. LA FORMAZIONE CONTINUA DEL PERSONALE SANITARIO
Esempio di una metodologia di Problem Based Learning (PBL)
ALLEGATO B. L’INFORMAZIONE A PAZIENTE E FAMILIARE
1 - Fac simile di scheda informativa
2 - Fac simile di segnalazione precauzioni da contatto
ALLEGATO C. INDICAZIONI PER L’ELABORAZIONE DI UNA PROCEDURA
DI IGIENE AMBIENTALE E DELLE ATTREZZATURE
Esempio di protocollo
ALLEGATO D. LA GESTIONE DEGLI EVENTI EPIDEMICI
Management di una epidemia
zioni è considerato attività indispensabile a
garantire la sicurezza del paziente, b) tutto il
personale di assistenza, ciascuno secondo le
Questo documento intende proporre, in modo proprie attribuzioni, è direttamente responsabile
sintetico, informazioni sulle infezioni da della corretta applicazione delle attività di preClostridium difficile e indicazioni sugli inter- venzione e controllo.
venti che, allo stato attuale delle conoscenze,
sono ritenuti di dimostrata efficacia nella pre- Strutturazione del Documento
Le Raccomandazioni propongono le misure di
venzione e controllo dell’infezione.
Obiettivo principale del documento è rendere controllo messe a punto da:
disponibile per gli operatori sanitari/assistenziali - European Society of Clinical Microbiology
and Infectious Diseases,
di Ospedali e Residenze Protette uno strumento
European
C. difficile - Infection Control
di lavoro adeguato alle esigenze/caratteristiche
Group,
del contesto italiano, che possa essere di utile
riferimento per definire, nelle diverse situazioni, - European Centre1 for Disease Prevention and
Control (ECDC) .
quali sono le attività di prevenzione e controllo
da implementare, le relative priorità di intervento SIMPIOS condivide queste indicazioni.
e i metodi per monitorare l’impatto degli inter- I capitoli in cui si articola il Documento e gli
Allegati, elaborati da SIMPIOS sulla base di
venti effettuati.
Nell’approccio alla problematica è anche varie fonti, introducono ad una lettura del proopportuno aver presente che a) nell’ambito del blema, commentano/discutono le raccomandaClinical risk management il controllo delle infe- zioni e propongono metodologie applicative.
OBIETTIVO DEL DOCUMENTO
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
3
Documenti
ACRONIMI
CD
CDAD
CDC
CDI
CIO
CPM
DPI
ECDC
EIA
GDH
IC
IPP
MRSA
NAP 1
NAT
PCR end point
PCR real time
pg
PGFE
TAT
TCCA
UTI
VPN
VPP
VRE
Clostridium difficile
Malattia da Clostridium difficile (Clostridium difficile Associated Disease)
Centers for Disease Control and Prevention
Infezione da Clostridium difficile
Comitato controllo Infezioni Ospedaliere (ora Comitato Controllo infezioni nelle
organizzazioni sanitarie)
Colite Pseudo Membranosa
Dispositivi di Protezione Individuale/Mezzi di barriera
European Centre for Disease Prevention and Control
Test con Metodo immunoenzimatico
Glutammato deidrogenasi o antigene comune
Test con Metodo immunocromatografico
Farmaci Inibitori di Pompa Protonica
Staphylococcus aureus Meticillino Resistente
North American Pulsed-field type 1 strain
Test di amplificazione degli Acidi Nucleici
Polymerase Chain Reaction end point (*)
Polymerase Chain Reaction real time (*)
picogrammi
Pulsed Gel Field Electrophoresis (metodica per tipizzazione genomica dei batteri)
Turnaround Time (tempo di risposta)
Tissue Colture Cytotoxin Assay (coltura tossinogenica) (**)
Unità Terapia Intensiva
Valore Predittivo Negativo
Valore Predittivo Positivo
Enterococco Vancomicino Resistente
(*) Si tratta di metodiche di PCR differenti: la prima (end point) rileva il prodotto finale della reazione di amplificazione;
la seconda (real time) monitora lo sviluppo dei prodotti di amplificazione ciclo dopo ciclo: quest’ultima è spesso utilizzata per determinazioni quantitative.
(**) La coltura tossinogenica prevede la dimostrazione della produzione delle tossine da brodocoltura (o da colonie
isolate) di C. difficile, mentre la TCCA o CCCA (cell culture cytotoxin assay) prevede la ricerca della tossina B direttamente nel campione di feci mediante osservazione dell’effetto citopatico su idonee colture di tessuti/cellulari.
4
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
LE RACCOMANDAZIONI PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO
DELLE INFEZIONI DA CLOSTRIDIUM DIFFICILE
Vonberg RP et al. Clin Microbiol Infect 2008;14 (Suppl.5): 2-20
Categorie per l’implementazione nella pratica clinica
IA
Misura fortemente raccomandata per l’implementazione e fortemente supportata da studi sperimentali,
clinici o epidemiologici ben disegnati
IB
Misura fortemente raccomandata per l’implementazione e fortemente supportata da alcuni studi sperimentali, clinici o epidemiologici e da un forte razionale teorico
IC
Misure richieste da regolamenti statali o federali (possono variare in diversi stati o regioni)
II
Misure suggerite per l’implementazione e supportate da studi clinici o epidemiologici oppure da un razionale teorico
Assenza di raccomandazioni: tema non risolto. Include pratiche per le quali non esistono evidenze o sulla cui efficacia non è stato possibile raggiungere un consenso tra gli esperti
Livelli di evidenza
1a
Prove ottenute da revisioni sistematiche di studi clinici controllati omogenei.
1b
Prove ottenute da un solo studio randomizzato di disegno adeguato.
1c
Prove da studi che hanno come outcome “tutto” o “nulla” (all-or-none).
2a
Prove ottenute da revisioni sistematiche di studi di coorte omogenei.
2b
Prove ottenute da un singolo studio di coorte (inclusi studi clinici randomizzati controllati di bassa qualità,
es. < 80% follow-up).
2c
Prove da ricerche di risultato; studi ecologici.
3a
Prove da revisioni sistematiche di studi caso-controllo omogenei.
3b
Prove da un solo studio caso-controllo.
4
Prove da serie di casi (e da studi di coorte e caso-controllo di non buona qualità).
5
Prove da opinioni di esperti senza una revisione critica ed esplicita della letteratura o basate sulla fisiologia,
ricerca di base o principi primi.
1. Diagnosi
Raccomandazione
Categoria
Livello Evidenza
Effettuare prontamente i test per tossina di CD (ed eventualmente la ricerca
del microrganismo) in tutti i casi di diarrea nosocomiale e per tutti i pazienti
che giungono all’ospedale con diarrea acquisita in comunità .
Non reiterare l’esecuzione dei test una volta fatta diagnosi di CD.
Ripetere i test solo nel caso in cui si sospetti una recidiva per escludere altre
potenziali cause di diarrea.
IB
3b,4
Effettuare i test di ricerca di CD e delle sue tossine solo su campioni di feci
diarroiche. Non è raccomandato effettuare test di ricerca su campioni di feci di
pazienti asintomatici.
IB
2b,3b,4
Dopo il trattamento, non effettuare test a conferma della guarigione.
IA
1a
I campioni di feci in tutti i casi di diarrea associata a CD devono essere conservati per poter effettuare la tipizzazione, ove necessario, anche retrospettivamente. Questo è particolarmente indicato per pazienti a) con forme gravi di
CDAD (es. che hanno richiesto un ricovero in terapia intensiva e/o colectomia
o casi fatali), b) in presenza di epidemia.
IB
1b,3b,4,
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
5
Documenti
2.Sorveglianza
Raccomandazione
Categoria
Livello Evidenza
Assicurare che negli ospedali venga garantita di routine la sorveglianza delle
infezioni da CD.
IB
2b,3b,4,5
Determinare il tasso di incidenza di CDAD per singola unità operativa sulla
base dei risultati della ricerca di tossine o delle colture per CD.
IB
2c
Definire il tasso di incidenza o frequenza di CDAD che dovrebbe far scattare
l’implementazione di interventi di controllo supplementari.
IB
2b
Assicurare una appropriata e pronta diagnostica in presenza di diarrea acuta
non attribuibile ad altre cause (es. terapia antibiotica).
IB
3b,4
Porre attenzione alle variazioni di frequenza, complicanze (comprese le recidive), severità di CDAD in quanto potrebbero indicare la presenza di nuovi
ceppi.
Irrisolto
No dati
Categoria
Livello Evidenza
IA
1a,2b,4,5
Categoria
IB
Livello Evidenza
1b, 2b
IB
1b
IB
1b, 4
IB
1b, 4
II
4
Categoria
IB
Livello Evidenza
2a, 2b, 2c,4
questione non
risolta
IB
2c
3. Formazione degli operatori
Raccomandazione
Chiunque entri nella camera/ambiente in cui è ospitato un paziente con
CDAD, compresi gli operatori sanitari e i visitatori, deve essere informato in
merito alle manifestazioni cliniche, alle modalità di trasmissione e all’epidemiologia delle malattie da C. difficile.
4. Precauzioni di isolamento
Raccomandazione
I pazienti con CDAD rappresentano una potenziale fonte di diffusione del
patogeno, pertanto, quando possibile, devono essere allocati in stanze singole.
Si deve assegnare un bagno o una comoda personale al paziente con
CDAD.*
Se non è possibile effettuare l’isolamento in stanza singola, si deve adottare
l’isolamento in coorte. Se vi è scarsa capacità di ricezione, considerare l’opportunità di isolare i pazienti in un reparto dedicato o utilizzare una unità di
isolamento per la coorte.
I pazienti posti in isolamento in coorte devono essere gestiti da personale
dedicato, per minimizzare il rischio di infezioni crociate ad altri pazienti.*
Le precauzioni di isolamento possono essere revocate dopo 48 ore di assenza dei sintomi e dopo il normalizzarsi della peristalsi intestinale.
* cfr indicazioni SIMPIOS
5. Igiene delle mani
Raccomandazione
Oltre all’utilizzo dei guanti, è raccomandata una meticolosa igiene delle mani
con acqua e sapone da parte di tutto lo staff dopo ogni contatto con pazienti
con diagnosi sospetta o confermata di CDAD e dopo ogni contatto con fluidi
corporei o con superfici ambientali potenzialmente contaminate.
L’azione fisica di frizionamento e risciacquo (lavaggio mani) è l’unico modo
per rimuovere le spore. Il lavaggio delle mani con acqua e sapone è inoltre
raccomandato dopo la rimozione di guanti e sovracamici utilizzati in corso di
assistenza ai singoli pazienti.
Non vi sono indicazioni sull’utilizzo di saponi contenenti sostanze
antisettiche.*
Il frizionamento con soluzioni alcoliche non deve usato come unica modalità
di igiene delle mani quando si assistono pazienti con sospetta o accertata
infezione da CD.
2b, 2c
* cfr indicazioni SIMPIOS
6
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
6. Indumenti protettivi
Raccomandazione
Gli operatori devono indossare guanti nei contatti con pazienti con CDAD;
questo include i contatti con fluidi corporei e/o superfici ambientali potenzialmente contaminate (es. quelle ad immediata vicinanza del paziente).
Nell’assistenza al paziente con diarrea si devono sempre usare guanti e
sovra camici.
Categoria
IB
Livello Evidenza
1b,2b,
IB
1a,1b,4
Categoria
IB
Livello Evidenza
2b,2c,4
IB
1b,2a,4
IB
1b,2a
IB
1b,2a
IB
2b,2c,5
7. Igiene ambientale
Raccomandazione
La normale disinfezione ambientale nelle stanze dei pazienti con CDAD deve
essere effettuata con agenti attivi su CD, preferibilmente con derivati del cloro
(almeno 1000 p.p.m. di cloro disponibile). La scelta del regime di pulizia
dipende dagli indirizzi locali.
Gli ambienti ospedalieri devono essere sanificati con regolarità, almeno una
volta al giorno, concentrando l’attenzione sulle superfici frequentemente toccate.**
Il personale addetto alle pulizie deve essere immediatamente avvisato di una
contaminazione ambientale di origine fecale. Si deve provvedere al più presto
alla pulizia di tale zona.
I bagni e gli strumenti quali comode o padelle che vengono usualmente contaminate da feci, rappresentano un serbatoio di spore di CD, pertanto devono
essere sanificati scrupolosamente. Le comode e le padelle pulite devono
essere conservate in un luogo asciutto.
Dopo la dimissione di un paziente con CDAD, le stanze devono essere accuratamente pulite e disinfettate.
** Le Linee guida isolamento dei CDC “Isolation Precautions: Preventing Trasmission of Infectious Agents in Healthcare Setting,2007”
indicano che in presenza di infezione con trasmissione da contatto è opportuno ripetere nell’arco della giornata il trattamento delle
superfici frequentemente toccate.
8. Uso di dispositivi medici
Raccomandazione
I dispositivi medici quali lo sfigmomanometro devono essere dedicati ad un
singolo paziente.
Subito dopo l’impiego su un paziente con CDAD tutti i dispositivi/materiali
riutilizzabili devono essere puliti e disinfettati con un disinfettante attivo sulle
spore di CD.
Il termometro deve essere di uso personale; è da evitare l’impiego di termometri elettronici con dispositivi monouso*.
L’uso di materiali monouso deve essere preso in considerazione in tutti i casi
in cui è possibile.
Categoria
IB
Livello Evidenza
1b,4
IB
1b,2c,4
1A
1b,2b
IB
1b,4
Categoria
IA
Livello Evidenza
1a
* cfr indicazioni SIMPIOS
9. Terapia antibiotica
Raccomandazione
In un paziente con CDAD interrompere, se possibile, ogni terapia antimicrobica
che non sia indirizzata al trattamento di CD.
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
7
Documenti
10. Gestione delle epidemie
Categoria
Livello Evidenza
Il personale addetto al controllo delle infezioni (CIO) deve sempre essere
informato quando si verifica un aumento del numero o della gravità del
quadro clinico dei casi di CDAD.
IB
1b
Durante una epidemia di CDAD devono essere rinforzate tutte le misure
igieniche.
IB
1b, 4
Rivedere le pratiche di sanificazione ambientale per accertarsi che le pratiche
di decontaminazione rispettino gli standard di qualità e frequenza.
Se possibile costituire uno staff di pulizie dedicato in modo particolare per le
stanze dei pazienti con CDAD.
II
4
Adottare una corretta politica antibiotica (antimicrobial stewardship).
Rivalutare quanto prima possibile le modalità di prescrizione all’interno della
struttura sanitaria (principio attivo, frequenza di utilizzo, durata delle terapie),
enfatizzando l’importanza di evitare l’uso di farmaci ad alto rischio (cefalosporine, fluorchinoloni,clindamicina) nei pazienti a rischio. Usare questi farmaci solo
se clinicamente necessario.
Ib
1a,2b,3b,4
Conservare campioni di feci di tutti i casi di CDAD, a livello locale e di un
laboratorio di riferimento, per poterli retrospettivamente tipizzare, se necessario.
IB
1b, 3b, 4
Per chiarire l’epidemiologia di CD, gli isolati dei pazienti infetti dovrebbero
idealmente essere confrontati utilizzando metodiche di biologia molecolare.
II
2b
Per prevenire la trasmissione di CD, rivalutare le politiche di ammissione dei
pazienti e della loro collocazione, nonchè le disposizioni per il personale.
IB
1b
Se la trasmissione continua, nonostante l’utilizzo di personale dedicato, non
ammettere nuovi ricoveri nell’unità operativa interessata dall’epidemia.
IB
1b
Se la trasmissione persiste nonostante l’implementazione di tutte le misure
precedenti (ad esempio alla riapertura della unità), chiudere l’intera unità operativa per poter effettuare un intenso intervento di sanificazione ambientale che
sia in grado di eliminare tutti i potenziali serbatoi di CD.
II
2a
Raccomandazione
Per le fonti dei livelli di evidenza vedi bibliografia del lavoro di riferimento
8
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
1. PERCHÈ LE INFEZIONI DA
CLOSTRIDIUM DIFFICILE (CDI)
SONO RILEVANTI
1.1 Clostridium difficile
Clostridium difficile è un bacillo gram positivo,
anaerobio, sporigeno, largamente diffuso nel
suolo, presente nel tratto intestinale degli animali e che colonizza circa il 3% degli adulti sani; in
ambito clinico è responsabile di diverse tipologie di infezioni (C. difficile-associated disease,
CDAD, o infezione da C. difficile, CDI) di differente gravità.
Esistono diversi ceppi di C. difficile; alcuni
non producono tossine e non sono patogeni.
Hanno interesse clinico i ceppi che producono
enterotossina A e/o citotossina B: queste tossine
si legano alla superficie delle cellule epiteliali
delle mucose intestinali, vengono internalizzate
e catalizzano la glicosilazione di alcune proteine
citoplasmatiche, con successiva morte cellulare.
La tossina B ha attività citotossica più potente
della tossina A.
La gravità della CDAD è variabile: l’infezione
si può manifestare come diarrea lieve, ma può
anche giungere a determinare colite pseudomembranosa, megacolon tossico e perforazione
intestinale. Le manifestazioni cliniche gravi, alle
quali soprattutto si associa un rischio di mortalità, sono più frequenti se l’infezione è sostenuta
da nuovi ceppi più virulenti, descritti di seguito
e sino ad ora non segnalati in Italia.
L’infezione da CD è tipicamente di origine
nosocomiale e si manifesta con discreta frequenza anche con carattere epidemico.
Uno degli aspetti critici delle infezioni da CD,
sul quale si tornerà più avanti, è la frequenza di
recidive, che compaiono in una elevata percentuale di casi in pazienti trattati correttamente. In
genere la recidiva compare entro 4 settimane dal
termine della terapia antibiotica.
1.2 Quadro epidemiologico
1.2.1 Le infezioni da CD sono in aumento
In passato la diarrea associata a C. difficile era
considerata una nuisance disease piuttosto che
una importante patologia infettiva. Lo scenario
cambia però radicalmente a partire dai primi
anni 2000 2 .
- Dal 2001 al 2003 in alcuni ospedali del
Canada si registra un improvviso aumento di
incidenza dell’infezione, specie tra i pazienti
ultrasessantenni, con notevole frequenza di
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
casi gravi e aumento di oltre tre volte della
mortalità attribuibile 3 . Uno studio condotto in
12 ospedali del Quebec registra una incidenza
di oltre 22 casi/1000 ricoveri con una letalità
del 6,9% 4 .
- Un aumento analogo della incidenza viene
riportato negli Stati Uniti, in Inghilterra ed in
altri paesi europei. Negli Stati Uniti il numero
di pazienti dimessi dall’ospedale con diagnosi
di CDAD passa da 134.361 nel 2000 a
291.303 nel 2005 5 ; l’incidenza passa da
31/100.000 abitanti nel 1996 a 61/100.000 abitanti nel 2003 6 . In Inghilterra, gli esami per la
ricerca della tossina del CD risultati positivi
passano da meno di 2000/anno nel 1986/87 a
più di 12.000/anno nel 2000/2001.
- L’incidenza aumenta in particolare nelle persone di età > 65 anni; tale incremento è ancora
più accentuato per una età superiore a 85
anni 5 .
- Aumenta contestualmente la frequenza di
forme clinicamente severe e la letalità della
malattia: nello studio di Zilberberg 5 , la letalità
passa da 1,2 % nel 2000 a 2,2 % nel 2004.
Uno studio di sorveglianza prospettica condotto in 29 ospedali canadesi nel periodo novembre 2004-aprile 2005 ha evidenziato una mortalità attribuibile del 5,7 % con un aumento di
quasi 4 volte del dato precedentemente registrato (1,5%); la mortalità è risultata 3,5 volte
superiore in pazienti di età > 65 anni 7 .
1.2.2 I determinanti del nuovo quadro
epidemiologico
L’aumentata frequenza di infezioni da C. difficile può essere attribuita a diversi fattori: cambiamenti in procedure sanitarie (ad esempio, alcune
terapie), aumentata attenzione alla diagnosi,
diverso profilo di rischio dei pazienti (ad esempio, popolazione con numero percentualmente
più elevato di soggetti anziani), incremento di
patologia acquisita in comunità, ecc.
Tra i diversi determinanti ha però sicuramente
svolto un ruolo molto rilevante la diffusione di
nuovi ceppi ipervirulenti.
- In Canada, in concomitanza con l’epidemia
all’inizio degli anni 2000, viene isolato un
nuovo ceppo ipervirulento identificato, in base
alla tecnica di tipizzazione utilizzata, con la
sigla NAP1 (PFGE) o 027 (ribotiping), appartenente al tossinotipo III. Il ceppo iperproduce
entrambe le tossine a causa di una mutazione
9
Documenti
(delezione) del gene regolatore tdcC e possie· Si possono manifestare anche altre complicanze: a livello addominale (es. enteropatia
de, analogamente ad altre specie di Clostridi,
proteino-disperdente, diarrea ricorrente), a
una tossina binaria, la cui azione non è attuallivello extraintestinale (es.batteriemia, ascesmente nota. È inoltre resistente ai nuovi fluoso splenico). Complicanze gravi quali disirochinoloni attivi sugli anaerobi.
dratazione, ipokaliemia, perforazione intesti- Dal Canada, il ceppo diffonde negli USA (8
nale, shock settico si presentano con una freepidemie in ospedali di 6 stati) e in numerosi
quenza stimata intorno all’8%.
Paesi europei, dove si registrano sia infezioni
· Recentemente è stato attribuito a CDAD
a carattere epidemico (Inghilterra, Galles,
gravi un aumento di mortalità valutato intorScozia, Irlanda, Belgio, Francia, Germania,
no al 6,9% a trenta giorni dalla diagnosi, che
Olanda, Svizzera, Danimarca) che casi spora8 ,9
diventa del 16,7 % a un anno, anche se bisodici (Austria, Polonia, Spagna) .
gna precisare che tale aumento pare solo in
- Più recentemente, in alcuni Paesi europei è
parte direttamente connesso a C. difficile 18.
stato isolato un ulteriore nuovo ceppo ipervirulento, ribotipo 078, che agisce con un analo- - Le infezioni da C. difficile sono associate ad
un prolungamento della degenza ospedaliera
go meccanismo di iperproduzione di tossine 10.
(secondo dati USA da 2,6 a 4,5 giorni) e
- Il riscontro in ambito veterinario di ceppi iperrichiedono spesso anche la riammissione in
virulenti nel bestiame (bovini, suini) e negli
ospedale e l’effettuazione di indagini diagnoanimali di affezione (cani, gatti) potrebbe indistiche mirate (laboratoristiche, radiologiche,
care la presenza di un reservoir che alimenta i
endoscopiche) 19.
sempre più frequenti casi di origine
comunitaria 11. Una delle connotazioni recenti - L’impatto economico delle infezioni da C. difdella nuova pandemia é infatti caratterizzata
ficile è significativo:
dall’aumentata incidenza di casi di origine
· secondo dati dell’European CDC, in
comunitaria (da meno di 1 caso/100.000 perInghilterra le infezioni da CD comportano
una spesa indotta di € 5.000-15.000 per
sone nel 1999 a oltre 22 casi nel 2004) che si
caso; se si riporta questo dato sull’intera
manifestano, a volte con carattere di notevole
popolazione europea, ciò porta a stimare che
gravità, anche in soggetti privi dei noti fattori
CDAD provochi ai sistemi sanitari europei
di rischio per l’infezione, compresi bambini di
un potenziale costo aggiuntivo di 3.000
età inferiore ai due anni, adulti giovani e
1 2-17
milioni di € per anno, dato da ritenere in crepuerpere .
scita per i prossimi decenni 20;
· negli USA il costo attribuibile per un pazien1.2.3 Impatto clinico ed economico delle infezioni
te con CDAD è stato stimato in $ 2.470da C. difficile
3.669 per episodio; il costo attribuibile per
- Le infezioni sintomatiche da C. difficile possopaziente nei sei mesi dopo la diagnosi varia
no essere gravi.
da $ 5.042 a 7.179. La spesa degli ospedali
· Il quadro clinico si può presentare come sinUSA per il trattamento di CDAD è stata così
drome diarroica lieve (diarrea acquosa
stimata in 3,2 miliardi di dollari/anno 18.
accompagnata da dolori addominali) o severa (profusa diarrea acquosa, dolori addominali, febbre, nausea, disidratazione), ma può 1.2.4 Infezioni da C. difficile nelle strutture
arrivare alla colite senza pseudomembrane, territoriali
alla grave colite pseudomembranosa (CPM, L’infezione da C. difficile (caso isolato, ma
con necrosi epiteliale, ulcerazioni della pare- anche cluster ed epidemia) è problema che
te intestinale e formazione di pseudomem- attualmente riguarda non solo l’ospedale, ma
brane), alla colite fulminante, con megaco- anche tutte le strutture in cui si pratica assistenlon tossico e perforazione intestinale (1-3 % za sanitaria (es. reparti riabilitativi, lungodegendei pazienti che si infettano). Come già ti, strutture per anziani) e, come già ricordato, la
accennato, da alcuni anni queste forme comunità.
La popolazione presente nelle strutture resigravi, che possono richiedere intervento di
colectomia e ricovero in UTI, si presentano denziali ha una prevalenza di colonizzazione da
CD del 4-20% 2 1 , superiore a quella che si
con aumentata frequenza.
10
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
riscontra negli adulti sani. Inoltre si tratta di
soggetti portatori di numerosi fattori di rischio
(età, frequente trattamento con antibiotici e
antiacidi, comorbilità, ecc).
Ciò premesso, secondo alcuni Autori i casi che
si sviluppano in ambito assistenziale extraospedaliero hanno quasi sempre all’origine una problematica nosocomiale. Nell’ultimo decennio
gli ospedali tendono a dimettere i pazienti a
breve distanza dall’intervento chirurgico o dall’impostazione del trattamento; se il paziente
sviluppa CDAD poco tempo dopo la dimissione
questa infezione è da considerare di origine
ospedaliera. Questo si ricollega a due problemi
critici:
1. il paziente dimesso dall’ospedale che viene
inserito/reinserito in strutture assistenziali
extraospedaliere e che sviluppa infezione da
C. difficile può essere all’origine di
cluster/epidemie locali, spesso di difficile
controllo, anche a causa della presenza di soggetti portatori di importanti fattori di rischio;
2. il paziente che sviluppa infezione in ambiente
assistenziale extraospedaliero e viene avviato
ad una struttura per acuti favorisce un ricircolo di microrganismi contaminanti tra strutture
assistenziali e ospedale.
È per questo che i CDC raccomandano di adottare idonee e uguali misure di cautela per la prevenzione ed il controllo di infezioni da C. difficile in tutte le strutture in cui si pratica assistenza sanitaria 2 2.
2. MODALITÀ DI TRASMISSIONE E
FATTORI DI RISCHIO
2.1 Fisiopatologia e modalità di trasmissione
La sequenza di eventi che portano allo sviluppo
delle patologie da C. difficile sono:
- alterazione della flora microbica intestinale,
prevalentemente a seguito di terapia antibiotica, recente o pregressa;
- esposizione a C. difficile e colonizzazione (ad
esempio, pazienti adulti dopo degenza ospedaliera e terapia antibiotica);
- produzione di tossine. In assenza di una efficace risposta immune compaiono i danni tissutali indotti; se la risposta immune è efficace il
soggetto non sviluppa malattia, ma diviene
portatore asintomatico.
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
L’infezione si verifica a seguito di trasmissione
fecale-orale, per ingestione di spore che sopravvivono nell’ambiente acido dello stomaco e si
trasformano nella forma vegetativa nel colon.
Il paziente colonizzato/infetto è la fonte primaria di C. difficile:
- nelle feci di adulti asintomatici immunocompetenti C. difficile è riscontrabile in circa il 3%
dei casi: in larga misura si tratta di ceppi non
patogeni, circa lo 0,6% sono ceppi produttori
di tossina. I portatori asintomatici rappresentano un reservoir di CD che può contribuire alla
sua disseminazione nell’ambiente;
- nei soggetti ospedalizzati il numero di colonizzati raggiunge il 7-25 %, con una percentuale
di ceppi produttori di tossina del 2-8%;
- i neonati (sino al compimento del primo anno
di età) spesso sono portatori asintomatici,
anche di ceppi produttori di tossina. La colonizzazione pare favorita dall’immaturità della
flora batterica intestinale e la mancata evoluzione verso la malattia è dovuta all’incapacità
della tossina di legarsi ai recettori degli enterociti, anch’essi ancora immaturi.
Per via diretta o indiretta C. difficile contamina
l’ambiente, che diviene la fonte secondaria.
2.2 Fattori di rischio
- Fattori legati all’ospite.
· Età. Tutte le età sono potenzialmente a
rischio, con eccezione dei bambini piccoli,
che non presentano manifestazioni cliniche
per immaturità recettoriale. L’età superiore a
60 anni è di per sé un fattore di rischio, che
diviene più significativo oltre gli 80 anni. In
controtendenza recenti dati del sistema di
sorveglianza inglese, che nel 2007 ha rilevato un aumento del 20% di infezioni nella
popolazione di età inferiore a 60 anni 23.
· Riduzione delle difese immunitarie, anche
per terapie farmacologiche.
· Co-morbosità severe quali insufficienza
renale cronica, fibrosi cistica, chirurgia del
tratto intestinale e biliare, neoplasie ematologiche, morbo di Crohn, colite ulcerativa,
ecc.
· Alimentazione con sondino naso-gastrico,
gastrostomia.
· Sono popolazioni emergenti a rischio i bambini (da 1-2 a 12 anni) e le puerpere (frequente contatto con le feci del neonato).
11
Documenti
- Ospedalizzazione, soprattutto se protratta, e/o
dimora in strutture assistenziali (aumentata
esposizione a CD).
- Terapia antibiotica, soprattutto se:
· combinata e/o protratta
· effettuata con farmaci ad ampio spettro d’azione, che alterano la normale flora batterica
intestinale riducendo la resistenza alla colonizzazione da C. difficile. Nel 2000 l’interessante esperienza di un ospedale australiano
ha evidenziato che, modificando la politica
d’uso degli antibiotici, l’incidenza di CDAD
è diminuita da 2,09 a 0,87 casi per 1.000
dimessi 2 4.
Virtualmente ogni antibiotico può essere
associato con CDAD. Nella pratica alcune
classi (es. cotrimoxazolo) sono raramente
all’origine del problema; ampicillina, clindamicina e cefalosporine sono considerati antibiotici predisponenti.
Anche se le conoscenze in merito sono tuttora in evoluzione (cfr capitolo 4.3), alcuni
importanti riferimenti indicano i fluorchinoloni come il fattore di rischio predominante
per la diarrea associata a C. difficile e per
epidemie da ribotipo 027 4 ,25.
Un aspetto critico sul quale è opportuno
richiamare l’attenzione è rappresentato dalla
frequenza di prescrizione del/degli antibiotici,
che determina la grandezza della popolazione
esposta.
- Terapia con farmaci inibitori di pompa protonica: classe farmacologia relativamente nuova,
che ha avuto un notevole incremento d’uso
nella pratica clinica.
Questi farmaci sono stati individuati in alcuni
studi come potenziale fattore di rischio per
soggetti che si trovano in comunità perché,
sopprimendo la secrezione acida gastrica, consentirebbero ai batteri di raggiungere l’intestino e di elaborare tossine 2 6.
Per i soggetti che si trovano in strutture per
acuti o comunque assistenziali la soppressione
acida gastrica avrebbe un reale impatto sullo
sviluppo di malattia da C. difficile solo se connessa con altri importanti fattori di rischio
(gravità della patologia, età, terapie antibiotiche in atto) 1 8, 27.
Le conoscenze attuali, non complete, suggeriscono di considerare il problema assumendo
un atteggiamento prescrittivo prudente.
12
In sintesi, l’esposizione agli antibiotici, la persistente soppressione dell’acidità gastrica, il
tempo di ospedalizzazione e l’età, sono attualmente considerati i principali fattori di rischio
per CDAD 28.
3. DIAGNOSI DI INFEZIONE DA
CLOSTRIDIUM DIFFICILE
3.1 Definizione di caso per la sorveglianza
Poichè la diarrea non costituisce più la manifestazione esclusiva, oggi è più appropriato parlare di malattia o di infezione da C. difficile
(CDAD/CDI). Inoltre, il riscontro di infezioni di
origine comunitaria ha indotto a modificare in
senso estensivo le tradizionali definizioni della
malattia 8,22.
Caso di CDAD/CDI: paziente con diarrea o
megacolon tossico che presenta uno o più dei
seguenti criteri:
- test di laboratorio positivo per tossina A e/o B
o per un ceppo di C. difficile tossinogenico
nelle feci identificati mediante coltura o altri
metodi;
- colite psedomembranosa all’esame endoscopico o in corso di intervento chirurgico;
- colite pseudomembranosa ad un esame istopatologico.
Caso di CDAD/CDI ricorrente (recidiva):
nuovo episodio che si verifica entro 8 settimane
dopo la completa risoluzione di un precedente
episodio. Le recidive si registrano per il 20%
dopo il primo episodio, per il 40% dopo il
secondo e per il 60% dopo più di due episodi 28.
Caso grave di CDAD/CDI: comparsa di uno o
più degli eventi sottoelencati entro 30 giorni
dall’insorgenza:
- ricovero in unità terapia intensiva per complicanze (es., shock);
- colectomia per megacolon tossico, perforazione ecc.;
- decesso.
CDAD/CDI correlata all’assistenza, insorta in
ospedale o in struttura residenziale (Healthcare
Facility associated/HCF onset): patologia insorta dopo più di 48 ore dal ricovero in ospedale o
dall’ammissione in una struttura residenziale.
CDAD/CDI correlata all’assistenza, insorta in
comunità (Healthcare Facility associated/
Community onset): patologia insorta in comunità
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
o entro 48 ore dal ricovero in paziente dimesso
da un ospedale o da una struttura residenziale da
non più di 4 settimane
CDAD/CDI di origine comunitaria (Community
associated): patologia insorta in comunità o
entro 48 ore dal ricovero in paziente che non sia
stato ricoverato in ospedale/struttura sanitaria
nei precedenti tre mesi.
3.2 Diagnosi endoscopica
- In caso di colite pseudomembranosa (CPM) la
diagnosi è endoscopica.
3.3 Diagnosi di laboratorio
La diagnosi si basa sulla ricerca nelle feci di C.
difficile e/o di suoi antigeni, tossine o acidi
nucleici. La ricerca di indici di reazione infiammatoria nelle feci (leucociti, lattoferrina) è spesso positiva, ma non è patognomonica di infezione da CD.
- Ricerca della tossina B mediante coltura di
tessuti (TCCA: tissue colture cytotoxin assay,
comprensivo di test di neutralizzazione): ritenuta il gold standard per sensibilità (10 pg di
tossina B) e specificità, presenta alcuni inconvenienti che ne hanno limitato la diffusione
(necessità di linee cellulari, scarsa standardizzazione, TAT > 48 ore) .
- Ricerca del cosiddetto antigene comune (glutammato deidrogenasi - GDH), indice di presenza di C. difficile. Il test é dotato di buona
sensibilità, ma, in caso di positività, richiede
conferma con un test più specifico, in grado di
evidenziare la presenza delle tossine A e B.
- Ricerca della sola tossina A con metodiche
immunoenzimatiche (EIA) o immunocromatografiche (IC): poco sensibile data la presenza
di ceppi produttori della sola tossina B, è sempre meno diffuso e se ne sconsiglia l’uso.
- Ricerca delle tossine A e B (EIA/IC): mediamente sensibile (75%), anche in relazione al
cut-off utilizzato, è dotato di buona specificità
(90%-100%); per la sua praticità e affidabilità
è il test attualmente più diffuso nei laboratori.
Rispetto al test antigenico, risente maggiormente delle modalità di conservazione del
campione perchè le tossine si degradano piuttosto rapidamente se il campione non viene
conservato a 2°- 8°C.
- Coltura per C. difficile: prevede la semina del
campione, previo arricchimento, su terreni
selettivi/differenziali: l’identificazione di spe-
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
cie si avvale di semplici criteri morfologici e
organolettici (aspetto delle colonie, odore
caratteristico). È attualmente ritenuta il test
più sensibile e anche specifico a condizione
che venga saggiata la capacità degli isolati di
produrre tossine (coltura tossinogenica). A
causa del tempo richiesto (coltura più identificazione) non è indicata quale test di screening.
L’esecuzione della coltura può tuttavia permettere di fare diagnosi di CDI nei casi in cui i
test immunologici o molecolari per la ricerca
della tossina siano risultati negativi ed ha
comunque una insostituibile valenza epidemiologica.
- Amplificazione di acidi nucleici (NAT): dopo i
primi test home made in PCR end-point che
amplificano sequenze di geni ribosomiali 16s,
sono disponibili oggi in commercio test in
PCR real-time in grado di identificare, a partire dal campione, anche i ceppi ipervirulenti in
base al riconoscimento di sequenze dei geni
ctdB, della tossina binaria e di ctdC mutato.
L’automazione delle fasi di estrazione, amplificazione e lettura, insieme al tempo di esecuzione di poco più di un’ora, ne fanno il test
diagnostico ideale. Tuttavia, anche se alcuni
Autori accreditano tali sistemi di sensibilità e
specificità paragonabili ai metodi di riferimento, i dati di letteratura disponibili sono ancora
insufficienti per una valutazione esaustiva.
Inoltre il loro costo è decisamente elevato
(mediamente 5-10 volte quello di un test convenzionale EIA o IC) 29-34.
A causa delle limitazioni inerenti a ciascun
metodo, sono state proposte numerose combinazioni di test diagnostici di laboratorio: in genere
queste prevedono due metodi in sequenza, di cui
il primo più sensibile e il secondo più specifico
(two step workup):
- ricerca antigene (GDH) e successiva conferma
dei risultati positivi mediante ricerca delle tossine A+B con test immunometrici 35,36;
- ricerca antigene (GDH) e successiva conferma
dei risultati positivi mediante ricerca della tossina B con test TCCA 37;
- coltura delle feci per ricerca di C. difficile
seguito da test di tossinogenesi in vitro con
metodo immunoenzimatico o test TCCA 38.
Vari Autori hanno proposto altre combinazioni
allo scopo di ottenere un incremento della sensibilità e/o della specificità:
13
Documenti
- ricerca delle tossine A+B ripetuta su campioni
successivi in caso di risultato negativo del
primo test 3 9;
- ricerca sistematica della tossina B mediante
test di TCCA seguita, in caso di esito negativo,
da coltura tossinogenica 4 0.
Recenti linee guida britanniche 2 3 raccomandano,
in alternativa al test di citotossicità (comprensivo di neutralizzazione), la sola ricerca di
entrambe le tossine con metodi immunometrici
del commercio (EIA, IC). Pur riconoscendo che
il primo metodo è tuttora il più sensibile, ne
ammettono i numerosi inconvenienti che di fatto
ne hanno limitato la diffusione, in particolare il
tempo di esecuzione inaccettabilmente lungo.
Quanto al secondo metodo, raccomandano di
privilegiare i prodotti commerciali che forniscono
le migliori performances in termini di sensibilità, specificità, valori predittivi positivo e negativo: in particolare viene sottolineato come alcuni kit del commercio siano accreditati di un
valore predittivo positivo (VPP) appena superiore al 50%. Riconoscono tuttavia che valutazioni
comparative indipendenti recenti non sono
disponibili in letteratura* (NdR: vedi nota a piè
di pagina). Il ruolo diagnostico della PCR rimane incerto: risultati positivi non significano
necessariamente presenza di tossine nelle feci.
Il test deve essere eseguito unicamente su
campioni di feci non formate, corrispondenti ai
valori da 5 a 7 di un’apposita classificazione
(Bristol scale).
Una recente revisione 4 1 dei principali sistemi
presenti in commercio per la rilevazione delle
tossine di C. difficile con metodi immunometrici
(EIA/IC) giunge alle seguenti conclusioni:
- non ci sono differenze sostanziali nelle performances complessive dei differenti kit del commercio, anche se alcuni sono più sensibili e
altri più specifici, presumibilmente in ragione
delle differenti soglie di cut-off selezionate;
- nessuno di essi è idoneo come unico test per la
diagnosi di laboratorio di infezioni da CD;
- è probabile che solo i nuovi test NAT soddisfino tale requisito.
Considerando tuttavia il valore predittivo dei
risultati del test, che, a differenza di sensibilità e
specificità, è correlato alla prevalenza dell’infezione, gli Autori forniscono alcune utili indicazioni pratiche:
- in un contesto di prevalenza di infezione relativamente bassa ** (che potrebbe ulteriormente ridursi se venissero screenati anche pazienti
diarroici senza i tradizionali fattori di rischio
per CDI) il valore predittivo negativo (VPN)
dei test del commercio, data una sensibilità
rilevata comunque non inferiore al 75%, risulta molto elevato (>98%). Un eventuale risultato negativo permette quindi con elevata probabilità di certezza di escludere l’infezione;
- per contro, il valore predittivo positivo (VPP)
di un risultato EIA positivo, sempre a motivo
della bassa prevalenza di CDI, in molti casi
può non superare il 50%.
Gli Autori raccomandano pertanto l’impiego in
routine di un test di screening a elevata sensibilità quale la ricerca delle tossine con metodo
immunoenzimatico (in alcuni sistemi in combinazione con la ricerca dell’antigene): un eventuale risultato positivo dovrebbe però essere
confermato da un test di conferma (TCCA, coltura tossinogenica).
3.3.1 Protocollo diagnostico
FASE PRE-ANALITICA
Campioni idonei: feci diarroiche (che assumono
la forma del contenitore).
Campioni non idonei: feci formate, tampone
rettale.
Trasporto e conservazione del campione: inviare in laboratorio il campione di feci entro 1 ora
dall’emissione oppure conservare a +4°C per
non più di 48 ore.
In laboratorio la conservazione a -20°C (specie
in presenza di ripetuti scongelamenti) compromette l’integrità delle tossine eventualmente
presenti nel campione; quest’ultimo può essere
mantenuto a temperatura ambiente senza pregiudizio per la vitalità delle spore di C. difficile.
(*) Nel febbraio 2009 il National Health Service britannico ha pubblicato i risultati di una valutazione comparativa (su 600 campioni di
feci) di 9 dei principali sistemi presenti sul mercato europeo e nordamericano rapportati ai metodi di riferimento (citotoxin assay). La
pubblicazione è di grande interesse sia per la numerosità dei campioni testati sia perchè si tratta di una valutazione comparativa “super
partes” di cui si sentiva da tempo l’esigenza. Il documento è scaricabile in formato pdf dal sito www.pasa.nhs.uk
(**) La prevalenza reale è uguale al numero di pazienti con CDI rispetto al totale di pazienti studiati. Si può far coincidere con qualche
approssimazione al rapporto tra il numero di pazienti positivi al test riscontrati e il numero di pazienti sottoposti al test, calcolato su una
casistica del laboratorio sufficientemente rappresentativa
14
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
Accesso al laboratorio: il laboratorio deve
essere in condizioni di eseguire il test sette
giorni su sette. Il tempo di risposta deve essere
il più breve possibile: il risultato di un eventua-
le test positivo deve essere comunicato tempestivamente al reparto e al personale addetto al
controllo delle infezioni, così come la richiesta
di effettuare ulteriori controlli in caso di esito
dubbio.
Figura 1. One step work-up
da Fenner L. et Al. J Clin Microbiol 2008; 46: 328-330, modificata
Nota
Si raccomanda di privilegiare i test immunoenzimatici accreditati di maggiore sensibilità e specificità. Trattandosi tuttavia di test ritenuti generalmente meno sensibili
rispetto a GDH è raccomandabile che in caso di risultato indeterminato o negativo
in presenza di elementi clinico-anamnestici suggestivi di infezione e/o di positività
di markers di flogosi intestinale (leucociti, lattoferrina), il test sia ripetuto su un altro
campione, accertandosi delle corrette modalità di raccolta, conservazione e trasporto dello stesso. Per contro si ricorda che non è consigliabile sottoporre a
screening per CDI tutti i pazienti con diarrea di ndd: in tal caso per effetto della
bassa probabilità pre-test il VPP dell’algoritmo risulterebbe inaccettabilmente
basso (eccesso di falsi positivi). Alcuni dei sistemi immunoenzimatici disponibili in
commercio sono (in parte) automatizzati.
Figura 2. Three step work-up
da Fenner L. et Al. J Clin Microbiol 2008; 46: 328-330, modificata
Nota
La ricerca dell’antigene comune (GDH) come test di screening è motivata dalla
buona sensibilità del test e dalla considerazione che l’antigene risente meno rispetto alle tossine della eventuale (ma non infrequente!) conservazione non corretta
del campione. Sono attualmente disponibili in commercio sistemi che eseguono in
contemporanea, con tecniche immunocromatografiche rapide, la ricerca di GDH e
delle tossine A/B. La coltura tossinogenica ha un tempo di esecuzione non inferiore
a 48 ore, anche in caso di ricerca delle tossine direttamente dalle colonie isolate.
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
3.3.2 Algoritmo diagnostico
Come si evince dalle considerazioni
precedenti, non esiste un singolo test
(o una serie test) raccomandabile in
assoluto per la diagnosi microbiologica di CDI. Vi è tuttavia un consenso quasi unanime su alcune premesse e raccomandazioni:
a) il test TCCA non è proponibile
nella realtà della maggior parte dei
laboratori di microbiologia;
b) la coltura tossinogenica può validamente sostituire il test TCCA;
c) la coltura va incoraggiata nei casi
in cui sia indeterminato (o negativo in
presenza di elementi clinico-anamnestici suggestivi di infezione) il risultato dei test di screening e/o, in caso di
positività di quest’ultimo, per scopi
epidemiologici (tipizzazione di ceppi
epidemici, identificazione di genotipi
ipervirulenti, ecc.);
d) al fine di scongiurare risultati
falsi negativi dovuti a degradazione
della tossina, si raccomanda di
osservare scrupolosamente le corrette modalità di conservazione e trasporto del campione;
e) il problema del modesto valore
predittivo di risultati positivi di test
relativamente poco specifici in condizioni di prevalenza dell’infezione
(predittività pre-test), in genere al di
sotto del 10%, potrebbe essere in
parte ovviato da una selezione più
attenta della popolazione da sottoporre al test (pazienti sintomatici
con più di 65 anni, ricoverati da
oltre 48 ore, sottoposti a trattamento
chemioantibiotico, ecc.). Tuttavia la
recente segnalazione di casi di CDI
di origine comunitaria, privi dei
tradizionali fattori di rischio, sembrerebbe porre in discussione tali
criteri;
15
Documenti
f) i dati disponibili sulla specificità dei metodi
che ricercano i geni produttori delle tossine
direttamente nel campione (real-time PCR)
non consentono attualmente di candidarli
come gold standard 3 6,37;
g) nella scelta dei test è in ogni caso opportuno
tenere conto anche di altri elementi: costo dei
reagenti /services, possibilità di esecuzione in
automazione (specie se il numero di campioni
da testare è considerevole), necessità di apparecchiature dedicate e/o apparecchiature/strumenti non forniti nella confezione, tempi di
esecuzione, ecc.;
h) infine la maggior parte degli Autori sostiene
che sono necessarie ulteriori indagini per stabilire il rapporto costo-beneficio dei differenti
approcci proposti per la diagnosi di laboratorio di CDI.
I due algoritmi diagnostici più diffusi e maggiormente accreditati in letteratura vengono proposti, con un breve commento esplicativo, nelle
figure 1 e 2 di pag.15.
Tipizzazione dei ceppi isolati.
Si raccomanda di eseguire la coltura su idonei
terreni selettivi/differenziali per scopi epidemiologici almeno in caso di positività della ricerca
diretta della tossina nelle feci. La tipizzazione
dei ceppi isolati, da eseguire mediante tecniche
genotipiche biomolecolari presso centri di riferimento, è raccomandata solo nei seguenti casi:
- aumento dell’incidenza dei casi di CDI o elevata endemia;
- aumento della gravità o del numero di complicanze;
- aumento della mortalità associata;
- aumento di incidenza delle recidive.
4. STRATEGIE PER LA SORVEGLIANZA
E IL CONTROLLO DELLE CDI
Le stretegie di controllo hanno gli obiettivi di
identificare tempestivamente, isolare e trattare
efficacemente i pazienti affetti da CDAD, al fine
di ridurre la disseminazione delle spore e prevenire i casi secondari, nonché di minimizzare i
fattori di rischio prevenibili attraverso l’applicazione di protocolli di comportamento, sanificazione ambientale e politica antibiotica 1 ,22,23,42.
Gli interventi da porre in atto per la prevenzione
sono:
- rapida identificazione del caso
- igiene delle mani
16
-
isolamento e precauzioni da contatto
disinfezione ambientale
politica antibiotica
educazione.
4.1 Diagnosi tempestiva
Per ridurre il rischio di trasmissione di
Clostridium difficile ad altri pazienti/residenti è
essenziale che i casi sintomatici vengano identificati tempestivamente:
- effettuare prontamente la ricerca per le tossine
di Clostridium difficile ed eventualmente la
ricerca del microrganismo,
- sottoporre al test solo pazienti sintomatici, con
raccolta di feci diarroiche (che assumono la
forma del contenitore).
[N.B. I portatori asintomatici, potenziali reservoir dell’infezione, sono spesso refrattari a un eventuale trattamento
di bonifica.]
- Tra i pazienti ricoverati devono essere sottoposti al test:
· pazienti con diarrea al ricovero o insorta
dopo almeno 2 giorni di ricovero
· pazienti con diarrea al ricovero o insorta
entro le prime 48 ore, se dimessi da un ospedale da non più di 4 settimane o provenienti
da RSA o da case protette.
- Tra i pazienti ambulatoriali devono essere sottoposti al test:
· pazienti con diarrea dimessi da un ospedale
da non più di 4 settimane o provenienti da
RSA o case protette
· alcuni Autori 2 0,40,42 raccomandano che, in
presenza di diarrea severa, vengano sottoposti al test anche pazienti ambulatoriali o afferenti ai dipartimenti di emergenza degli
ospedali senza fattori di rischio noti per
CDAD (in particolare, età e pregressa terapia
antibiotica).
- Sospendere la ricerca delle tossine di CD su
campioni fecali non appena viene accertata la
diagnosi. Ripetere i campioni solo quando si
sospetta una recidiva di infezione da CD ed
escludere altre cause possibili di diarrea.
- Eseguire gli esami per la ricerca del CD o delle
sue tossine solo su campioni di feci ottenute in
corso di diarrea (campioni di feci non formate). Non è raccomandata la ricerca nei campioni di feci di soggetti asintomatici.
- Dopo il trattamento non eseguire test di conferma della guarigione.
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
- Dovrebbero essere conservati i campioni di feci
di tutti i casi di diarrea associata a Clostridium
difficile, specialmente in presenza di un quadro clinico grave di malattia o nelle situazioni
in cui si verifichi una epidemia: questo infatti
consente di poter effettuare la tipizzazione,
ove necessario, anche retrospettivamente.
4.2 Sorveglianza
- È vivamente raccomandato il mantenimento di
una sorveglianza attiva. Tutti gli ospedali
dovrebbero assicurare l’inclusione di Clostridium difficile tra i patogeni per i quali è attiva
la sorveglianza dei microrganismi “sentinella”.
La segnalazione di esami di laboratorio risultati positivi per CD deve essere inviata ai clinici del reparto e alle figure addette al controllo delle infezioni.
La segnalazione può essere comunicata per
telefono o con altri mezzi, a condizione che
venga assicurata la tempestività della segnalazione stessa, per consentire l’attivazione
immediata delle misure di isolamento e l’eventuale indagine epidemiologica, ove necessario 4 3.
- Dotarsi di un sistema di sorveglianza delle
CDAD consente di misurare l’impatto di queste infezioni in ciascuna struttura sanitaria. È
quindi necessario che ogni struttura sanitaria
definisca una modalità di sorveglianza delle
infezioni da CD; tale attività può coinvolgere
specifiche Unità Operative, l’intera struttura o
la rete assistenziale.
- Sulla base dei risultati della ricerca delle tossine nelle feci e delle colture per C. difficile,
definire per singola unità operativa l’incidenza
di base di CDAD e la soglia superata la quale
è necessario attuare misure di controllo supplementari.
- I casi possono essere riportati come:
· eventi individuali: offrono l’opportunità di
raccogliere dati aggiuntivi che possono consentire attività di revisione delle procedure
operative, di ricerca, ecc;
· tassi di incidenza di CDAD (numero di
casi/10.000 giorni-paziente) nell’unità di
tempo di interesse.
- È importante porre attenzione alle variazioni
della frequenza, delle complicanze (comprendendo le recidive della malattia) e della severità di CDAD in quanto potrebbero indicare la
presenza di nuovi ceppi 1 ,18,22,23,44.
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
4.3 Corretta gestione degli antibiotici
L’esposizione agli antibiotici, in terapia e/o profilassi, svolge un importante ruolo favorente
CDAD in rapporto a due aspetti: a) anzitutto,
provoca alterazioni del microbiota gastrointestinale determinando una nicchia ecologica favorevole alla proliferazione di C. difficile, b) in
secondo luogo induce una mutazione di C. difficile, che diviene resistente nei confronti di clindamicina e chinolonici, e si ritiene che questo
rappresenti altresì un importante fattore di virulenza 4 5. Attualmente gli antibiotici sono quindi
considerati, insieme con il fattore età, uno dei
principali fattori di rischio per CDAD; per questo nell’ambito della prevenzione è fondamentale adottare strategie che indirizzino ad un uso
prudente degli stessi nella routine 28,46.
Anche se la letteratura non propone dati univoci in merito al ruolo che singoli antibiotici o
singole classi possono assumere nella genesi del
problema, ed è spesso costituita da studi con
limiti metodologici, è opinione condivisa che
alcune classi siano coinvolte più frequentemente
di altre: partendo dalle storiche segnalazioni inerenti clindamicina, via via sono stati variamente
implicati in casi di CDAD anche cefalosporine
di II e III generazione, penicilline ad ampio
spettro e recentemente i fluorchinoloni 1 ,4,23,47.
Anche con riferimento a questi ultimi deve tuttavia essere precisato che alcuni Autori non confermano un impatto significativo di politiche di
riduzione selettive della prescrizione 48,49.
Ancora una volta più che l’esposizione ad una
singola classe è il consumo globale di antibiotici
delle singole strutture sanitarie che si propone
come varabile di massimo valore predittivo.
Gli interventi che si sono dimostrati efficaci
per prevenire/ridurre il rischio di CDAD sono:
- applicare nell’istituzione una politica antibiotica prudente, restringere l’uso di farmaci di elevata efficacia a situazioni ben individuate e
specifiche, informare i clinici sull’andamento
delle prescrizioni/consumi di antibiotici;
- ove possibile, evitare terapie di associazione e
limitare le terapie a lungo termine;
- evitare qualsiasi forma di prescrizione inappropriata di antibiotici 50.
In corso di epidemia, rivalutare quanto prima
possibile la politica di prescrizione antibiotica in
atto nell’istituzione (principi attivi, frequenza
di utilizzo, posologie giornaliere, durata della
terapia) ed evitare preferibilmente l’impiego
17
Documenti
di molecole potenzialmente più idonee a favorire CDAD nei pazienti a rischio, utilizzando
antibiotici nel contesto di protocolli clinici
condivisi.
Le strategie di trattamento dei casi accertati di
CDAD, oltre alle misure restrittive e comportamentali degli operatori sanitari, prevedono di:
- sospendere quanto prima possibile ogni terapia con antibiotici; in caso di necessità terapeutica non procrastinabile, selezionare classi
potenzialmente meno implicate in casi di
CDAD quali aminoglicosidi, sulfonamidi,
macrolidi, tetracicline, glicopeptidi;
- reintegrare liquidi ed elettroliti persi;
- porre il paziente in idonea alimentazione;
- evitare ogni tipo di farmaco antiperistaltico, se
non in caso di frequenze estreme di scariche;
- effettuare terapia antibiotica specifica. Questa
deve essere impostata in funzione del tipo di
infezione (primaria, recidivante) e della gravità del caso.
Nelle forme non severe la terapia antibiotica
standard fa riferimento essenzialmente a due
principi attivi, metronidazolo e vancomicina,
dimostratisi egualmente efficaci in più trial clinici. Nel più recente, riferito a 150 pazienti, randomizzati a ricevere per 10 giorni metronidazolo orale alla posologia di 250 mg ogni 6 ore
ovvero vancomicina orale 125 mg ogni 6 ore, le
percentuali di successo sono state rispettivamente del 97 e 98%.
Nelle forme severe, definite in base ad uno
score basato su livello di età (superiore od inferiore a 60 anni), temperatura corporea (inferiore
o superiore a 38,3°C), livelli di albuminemia
(superiore o inferiore a 2.5 mg/L), conta dei globuli bianchi (superiore od inferiore a 11.500
/mmc) lo stesso studio ha invece evidenziato
una superiorità di vancomicina, con percentuali
di successo pari a 97% rispetto a 76% ottenuto
con metronidazolo (p <0,02). In termini di incidenza di recidive (valutate mediante follow up a
21 giorni dal termine della terapia) i due farmaci
sono risultati sovrapponibili: in entrambi i bracci queste incidevano per circa il 15% dei casi.
Analogamente le differenze in termini di tollerabilità non sono state sostanziali 5 1.
I dati di questo studio sono dunque esaustivi
riguardo le scelte farmacologiche e le posologie
da impiegare per il trattamento farmacologico
della CDAD. Oggi è opinione corrente che vancomicina rappresenti la prima scelta standard,
18
in virtù della sua maggiore efficacia e del minore impatto ecologico sulla flora intestinale
rispetto a metronidazolo 52. Tuttavia deve essere
rimarcato che per pazienti con forme particolarmente gravi (forme fulminanti, ileo paralitico o
megacolon tossico), in cui sia controindicata o
impossibile una terapia orale, metronidazolo
endovena alla posologia di 500 mg ogni 6 ore è
la terapia di scelta, eventualmente supportata da
vancomicina per sondino nasogastrico o per
enema 53.
Ovviamente nell’ambito del management delle
forme gravi, nei rari casi di refrattarietà alla
terapia deve essere preso in considerazione il
ricorso alla colectomia.
Sebbene le forme particolarmente gravi possano rappresentare una vera e propria emergenza
clinica, il problema gestionale più complesso è
tuttavia rappresentato dal trattamento delle
forme ricorrenti, che possono essere espressione
sia di reinfezione da ceppi differenti che di mancata eradicazione dello stipite originario 54. Posto
che la ricorrenza non è definita dalla sola positività della ricerca di tossine ma dall’associazione
del parametro microbiologico con quello clinico, il rischio aumenta esponenzialmente con il
numero di episodi; esso infatti è stimato intorno
al 20% dopo il primo evento di CDAD ma sale
al 40% dopo la prima recidiva ed al 60% dopo
le successive. È dunque evidente come la gestione delle ricorrenze sia un problema clinico non
indifferente, verso il quale non sono disponibili
soluzioni standardizzate. Poiché l’antibioticoresistenza non è un problema prioritario di C.
difficile, la prima recidiva può essere trattata con
lo stesso farmaco usato per l’episodio iniziale,
specie se questo è stato vancomicina. Nei casi di
recidive plurime, la pulse-administration di vancomicina ovvero la tapered therapy con lo stesso farmaco sono risultate le ipotesi gestionali
più efficienti. Lo schema tapered prevede, dopo
un regime standard di 2 settimane, un successivo periodo di terapia a dosi decrescenti (es 125
mg ogni 6 ore per 7 giorni poi 125 mg ogni 12
ore per ulteriori 7 giorni), mentre il regime pulsed
si basa sull’assunzione, sempre dopo un ciclo
standard, di dosi giornaliere refratte di 125 mg
ogni 24 o 72 ore per i successivi 21 giorni 55.
L’associazione di rifamicina a vancomicina è
un’ipotesi da prendere in considerazione sebbene manchino evidenze decisive. Analogamente
sono di interesse le esperienze preliminari riferite
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
L’allegato A propone una modalità di approca ramoplanina e tigeciclina, ma ancora mancano
cio strutturata in merito alla formazione degli
dati idonei a porre tali composti come presidi
operatori sanitari sul problema CD.
terapeutici consolidati 5 6-59.
Vi è altresì molto interesse riguardo l’uso dei b) Paziente, familiare, ecc.
Per un intervento efficace, la informazione/
probioti, in associazione o meno alla terapia
formazione deve raggiungere anche tutte le
antibiotica; la loro azione terapeutica si baserebpersone che, a vario titolo, hanno rapporti
be sulla possibilità di ripristinare l’ecosistema
con il paziente (parenti/visitatori/caregivers).
intestinale, introducendo popolazioni batteriche
Ove possibile, il paziente stesso deve essere
in grado di competere con C. difficile, ed altresì
correttamente informato in merito alle caratsulla possibile azione inibente la tossina da parte
teristiche della patologia da cui è affetto e
di enzimi prodotti dai probioti stessi.
alle precauzioni da contatto da applicare
Nonostante il razionale teorico, di fatto non vi
sistematicamente per prevenire una dissemisono ancora livelli di evidenza decisivi riguardo
nazione di spore; una enfasi particolare si
il valore di tale approccio, che resta ancora lar6 0,61
deve porre sugli aspetti prioritari, specie sulla
gamente empirico .
esigenza di una appropriata igiene delle mani
soprattutto in momenti critici (dopo l’uso dei
4.4 La Formazione/Informazione
servizi igienici, prima di mangiare, prima di
Una raccomandazione trasversale a molte linee
lasciare la stanza).
guida in tema di prevenzione e controllo delle
L’attività formativa/informativa dovrebbe
infezioni correlate all’assistenza riguarda la foressere supportata dall’utilizzo di dépliant
mazione. La forza intrinseca della raccomandaesplicativi che, in modo sintetico, con linzione, espressa generalmente con livelli IA o IB,
guaggio semplice e preferibilmente con supè data da una significativa correlazione tra forporto visivo di illustrazioni diano indicazioni
mazione e successiva riduzione del rischio; quesulle misure di prevenzione raccomandate
sta risulta connessa alla modificazione dei com(allegato B1).
portamenti del personale sanitario e degli stuNell’ambito delle attività informative/educatidenti, ma anche del personale afferente a ditte
ve indirizzate ai visitatori, sarebbe opportuno
appaltate, dei visitatori, dei caregiver e dello
che le strutture ospedaliere indicassero nelle
stesso paziente.
norme locali (ad esempio nella Guida all’utena) Operatori
te che viene normalmente data all’ingresso in
La formazione indirizzata al personale che
Ospedale) che soggetti che presentano diarrea
opera nell’U.O. deve fornire informazioni/
non dovrebbero visitare pazienti in ospedale.
indicazioni in merito a:
- origine della malattia e meccanismi patoge- 4.5 Precauzioni di isolamento
Tutti coloro che in ambito assistenziale sono
netici;
- potenziali reservoir, contaminazione coinvolti nella gestione dei pazienti con diarrea,
in particolare medici e infermieri, dovrebbero
ambientale, modalità di trasmissione;
22
- modalità ottimale di intervento per l'igiene applicare il protocollo mnemonico SIDIT :
delle mani e la decontaminazione delle
S Sospetto: in assenza di altra potenziale causa di
superfici;
diarrea, sospettare una origine infettiva
- trattamento della biancheria;
I Isolamento: ove possibile, isolare il paziente in
- misure di controllo infezioni, con particolastanza singola, attivare le precauzioni da contatto
in aggiunta a quelle standard e consultare il CIO
re riguardo alle precauzione da contatto e
D Dispositivi di protezione individuale/Mezzi di
all’uso dei guanti.
barriera: utilizzare guanti monouso e sovracamici
Il training deve essere rivolto al personale
con maniche lunghe per tutti i contatti con il paziensanitario (medici, infermieri, fisioterapisti…)
te e l’ambiente che lo circonda
e non sanitario, in particolare a quello coinI Igiene delle mani: dopo ogni contatto con il pazienvolto negli interventi di pulizia.
te e l’ambiente che lo circonda effettuare un accurato lavaggio con acqua e sapone/detergente antiLa formazione/informazione deve raggiungesettico. Prima del contatto l’igiene delle mani può
re anche il personale che opera in servizi cenessere effettuata anche con frizione alcolica.
trali o appaltati (pulizie, lavanderia). A tal
T Test: eseguire nel più breve tempo possibile il test
fine è utile un collegamento con gli Uffici
per la ricerca della tossina
Amministrativi di riferimento nella struttura.
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
19
Documenti
La tempestività è un aspetto molto importante
nelle misure di controllo delle infezioni. Per
questo è vivamente raccomandato che le precauzioni per C. difficile vengano implementate in base
alla presenza di sintomi, senza attendere i risultati
dei test. In un recente studio canadese gli ospedali
che si attenevano a questa regola non hanno registrato outbreak lungo il corso di un anno 6 2.
Come regola generale, ai pazienti con diarrea
dovrebbe essere riservato un servizio igienico
dedicato. Anche se molte fonti indicano che in
assenza di un servizio dedicato si può utilizzare
una comoda personale, non si può sottovalutare
il fatto che ciò comporta varie difficoltà gestionali, legate sia alla generale carenza di spazi da
dedicare ad un idoneo posizionamento della
comoda sia alla difficoltà di procedere sistematicamente in corso d’uso al suo corretto trattamento. Per questo si ritiene opportuno raccomandare di assegnare, nei limiti del possibile,
un servizio igienico al paziente deambulante con
infezione da C. difficile. Questa indicazione è
supportata anche dall’esperienza positiva di
alcuni ospedali italiani 6 3.
Con tale premessa, in presenza di pazienti
deambulanti con diagnosi sospetta o confermata
di diarrea da CD si possono configurare tre
situazioni:
a) disponibilità di camera singola con servizio
igienico. La camera singola è sempre consigliata, ma è particolarmente raccomandata
quando il paziente è incontinente, ha un basso
livello igienico e ci si può attendere che non
collabori nell’osservanza delle misure di controllo;
b) non è disponibile la stanza singola: il servizio
igienico della stanza a più letti viene riservato
al paziente con CDAD o gli viene dedicata la
stanza;
c) sono contemporaneamente presenti più
pazienti con CDAD: in accordo con il
Comitato Controllo Infezioni, più pazienti
con CDAD possono essere collocati nella
stessa stanza (coorte di pazienti).
L’isolamento di coorte non deve essere adottato tra pazienti colonizzati/infetti con microrganismi diversi (es. CD, VRE, MRSA).
L’isolamento di coorte consente di:
- localizzare la potenziale contaminazione
ambientale in un’area limitata, che risulta
più facile da trattare e da verificare,
20
- avere personale dedicato e formato o comunque personale ben addestrato in merito alle
misure di prevenzione.
Se nessuna delle soluzioni prospettate è ritenuta
percorribile, si consideri la comoda personale,
definendo a priori la sua localizzazione, che deve
essere tale da non creare problematiche per gli
altri pazienti e da consentire al personale di procedere ai necessari interventi di decontaminazione.
Il paziente allettato utilizzerà padella (monouso o da trattare in lavapadelle) e pannoloni (da
smaltire come rifiuti infetti).
Le precauzioni da adottare in presenza di
pazienti, autosufficienti o allettati, con infezione
da C. difficile sono di tipo organizzativo e operativo. Si indicano sinteticamente le principali:
- porre sulla porta della stanza una segnaletica
idonea a indicare l’isolamento da contatto e le
precauzioni da adottare (allegato B2);
- se possibile, affidare l’assistenza al paziente a
un’equipe dedicata e formata. In assenza di
ciò, bisogna comunque garantire che il personale addetto sia ben addestrato in merito alle
misure di prevenzione;
- usare idonei dispositivi di protezione/mezzi di
barriera (guanti e sovracamice con maniche
lunghe). I DPI devono essere indossati per
ogni contatto con il paziente e/o l’ambiente (in
particolare superfici di facile contaminazione,
superfici del servizio igienico);
- usare preferibilmente materiali monouso, da
eliminare subito dopo l’impiego in appositi
contenitori posti all’interno della stanza;
- non rilevare la temperatura per via rettale;
- disporre di un corredo personalizzato di dispositivi medici e altro materiale destinato all’assistenza: sfigmomanometro (con copribracciale monouso), termometro (preferibilmente
timpanico), glucometer, sedia a rotelle, padella, pappagallo, ecc.;
- se alcuni dispositivi/materiali in uso devono
essere condivisi con altri pazienti, sottoporli
ad un accurato intervento di pulizia e disinfezione prima dell’utilizzo (cfr. gestione dei
dispositivi);
- nel corso di pratiche assistenziali porre attenzione ad evitare la dispersione di microrganismi
contaminanti nell’ambiente (ad esempio, evitare
il contatto delle mani guantate con le superfici);
- concentrare le attività assistenziali (rilevazione
parametri vitali, medicazioni, svuotamento sacche drenaggio, ecc.), ove possibile, in momenti
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
ben definiti della giornata e procedere immediatamente alla eliminazione dei rifiuti e
all’allontanamento della biancheria sporca,
secondo le regole locali per materiali infetti, e
alla detersione e disinfezione delle superfici
potenzialmente contaminate.
È misura utile la predisposizione di check-list
per l’allestimento della stanza di isolamento e
del relativo servizio igienico.
I trasferimenti del paziente con CDAD devono
essere limitati a quelli necessari per esigenze
diagnostico-terapeutiche. In caso di spostamento
del paziente si deve:
- avvisare il personale del servizio/U.O. presso
il quale il paziente viene trasportato, per evitare stazionamenti non opportuni;
- dotare il paziente trasportato, se incontinente,
di dispositivi (es. pannoloni) atti ad impedire
la contaminazione ambientale;
- segnalare le condizioni del paziente al personale addetto al trasporto, per mettere in atto gli
opportuni interventi di pulizia e disinfezione
sui dispositivi utilizzati per il trasporto;
- in caso di trasferimento ad altra struttura,
anche dopo risoluzione della patologia segnalare per iscritto l’infezione da C. difficile, per
una attenta sorveglianza clinica (elevata frequenza di recidive).
Le precauzioni da contatto o isolamento funzionale devono essere mantenute sino a 48 ore
dopo l’ultima scarica diarroica 1 ,22.
In alcune situazioni assistenziali, per acuti ma
soprattutto per cronici, in caso di infezione da C.
difficile può risultare obiettivamente impossibile
garantire la disponibilità di personale dedicato e
formato. Premesso che tale requisito è critico
per il successo degli interventi, e rimane pertanto un obiettivo da perseguire, come misura temporanea è almeno necessario assicurare una
organizzazione che preveda:
a) la presenza di una procedura aziendale che
specifichi le misure di prevenzione da adottare immediatamente in caso di nota/sospetta
CDAD;
b) il rapido coinvolgimento di CIO/infermiere
con competenze di controllo infezioni. Un
sopralluogo in sede degli esperti consentirà di
verificare la messa in atto delle misure raccomandate, raccogliere eventuali dati di interesse e, ove opportuno, effettuare un training
intensivo sul campo.
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
4.6 Igiene delle mani
La contaminazione delle mani di operatori sanitari e pazienti con C. difficile è una importante
via di trasmissione e vi è una forte correlazione
tra contaminazione delle mani e intensità della
contaminazione ambientale. Per questo l’igiene
delle mani (appropriato lavaggio e uso di guanti
protettivi) e l’igiene ambientale sono componenti fondamentali di programmi mirati a prevenire la trasmissione di C. difficile. Un corretto
approccio all’igiene delle mani prevede tre tipologie di intervento.
- Il primo è di tipo strutturale e richiede di verificare se la dotazione/localizzazione di lavandini è idonea per una corretta implementazione della procedura nella/e stanza/e da assegnare a pazienti con CDAD. In caso negativo è
necessario segnalare la problematica all’attenzione di CIO/Direzione Sanitaria per valutare
le eventuali possibili soluzioni.
- Il secondo intervento è procedurale e richiede
di definire quando e con quali prodotti attuare
l’igiene delle mani. Senza entrare nel merito
della modalità del lavaggio, che è quella normalmente raccomandata 6 4, si richiama all’attenzione l’esigenza di garantire un adeguato
tempo di lavaggio e di utilizzare in modo corretto i lavandini, per evitare di re-infettarsi
(es. chiudere il rubinetto con la salviettina
asciugante).
Igiene delle mani: quando
· prima e dopo ogni contatto con il paziente;
· passando da una procedura assistenziale ad
un’ altra sullo stesso paziente;
· dopo contatto con l’ambiente di assistenza
del paziente (unità del malato: letto, comodino, testaletto, pulsante di chiamata…) e con
tutte le superfici dei servizi igienici;
· dopo contatto con materiali potenzialmente
contaminati;
· dopo la rimozione dei guanti;
· prima di lasciare la stanza.
Igiene delle mani: con quali prodotti
C. difficile può essere presente allo stato vegetativo e/o di spora e i ceppi tossigeni sono i
maggiori produttori di spore.
Gli antisettici hanno spettro d’azione limitato
e agiscono solo sulle forme vegetative. Per
questo, nei casi di sospetta/accertata diarrea
infettiva da C. difficile l’igiene delle mani
dopo contatto con il paziente/con materiali
potenzialmente contaminati deve essere effettuata mediante lavaggio con:
21
Documenti
· acqua e sapone/detergente liquido;
· acqua e detergente antisettico 6 5.
Nel primo caso l’attività detergente garantisce
l’effetto meccanico di rimozione di una elevata percentuale di tutte le tipologie di microrganismi presenti, comprese le spore.
Nel secondo l’effetto meccanico di rimozione è
accompagnato da quello antisettico, che agisce
sulle forme vegetative eventualmente presenti.
Questa recente indicazione dell’OMS va a
modificare, in parte, la raccomandazione del
gruppo di lavoro europeo che aveva privilegiato l’utilizzo di acqua e sapone.
La frizione alcolica, che in altre situazioni (ad
esempio, per prevenire la trasmissione di
MRSA) è vivamente raccomandata, non ha
indicazione prioritaria in presenza di diarrea di
origine infettiva perchè l’alcool è efficace
sulle forme vegetative ma non su spore, che
sopravvivono al trattamento e che possono poi
essere trasmesse. La frizione alcolica trova
tuttavia corretta indicazione:
· prima di calzare i guanti per contatto con il
paziente/l’ambiente;
· dopo aver tolto i guanti, purchè la mano non
sia visibilmente contaminata. Questa seconda indicazione, che ha evidenti margini di
incertezza di efficacia, deve essere considerata una alternativa solo in presenza di obiettive difficoltà ad espletare la procedura standard (es. carenza di lavandini). Ovviamente,
se la mano è visibilmente contaminata deve
essere garantito il lavaggio.
- Il terzo intervento, di tipo formativo/informativo/
educazionale in merito ai comportamenti, deve
essere indirizzato sia al personale addetto che
a pazienti, visitatori e altri, come già precisato.
Guanti. Una corretta igiene delle mani prevede l’utilizzo di guanti che, anche se non forniscono una protezione completa, riducono il
rischio di trasmissione; è quindi vivamente
raccomandato il loro impiego al fine di
· ridurre la contaminazione transitoria delle
mani degli operatori, che può essere poi trasmessa ad altro paziente,
· ridurre il rischio del personale di acquisire
infezione dal paziente o dall’ambiente contaminato.
È importante rimuovere prontamente il guanto
contaminato, eliminandolo come materiale
potenzialmente infetto, prima di toccare superfici non contaminate; segue immediato lavaggio con acqua e sapone/detergente-antisettico.
22
4.7 Igiene ambientale
È largamente documentato che in presenza di
malattia da C. difficile si ha contaminazione
ambientale (forme vegetative e spore); il problema è particolarmente critico se il paziente ha
abbondanti scariche di feci liquide o è incontinente. La contaminazione può riguardare oggetti
vicino al paziente (campanello di chiamata,
telefono…), l’ambiente circostante (sponde del
letto, comodino, sedia…), dispositivi medici/
materiali in uso, l’ambiente (maniglie, pavimenti…) e, in particolare, i servizi igienici (superfice WC, bidet, superficie lavandino, padella,
pappagallo…).
In assenza di un adeguato trattamento, le spore
di C. difficile possono sopravvivere per periodi
di tempo anche molto lunghi (mesi) e questa
contaminazione ambientale è spesso all’origine
della trasmissione di CD, che si può verificare
anche a distanza di tempo.
L’attenzione alla decontaminazione ambientale
ha quindi un ruolo cardine negli interventi di
prevenzione.
Le forme vegetative di C. difficile sono sensibili ai comuni disinfettanti ambientali e vengono
facilmente eliminate. Molto più difficile è
garantire attività sulle spore perché, dovendo
spesso effettuare il trattamento in presenza del
paziente, le problematiche di tipo tossicologico
e organizzativo non consentono di utilizzare
disinfettanti di livello alto a concentrazioni e per
tempi di contatto sporicidi. Per questo, anche
nell’igiene ambientale ha un ruolo importante la
rimozione meccanica, che deve tuttavia essere
sostenuta/accompagnata dalla disinfezione.
Da tenere nella debita considerazione il fatto
che l’uso di disinfettanti e/o di concentrazioni
non efficaci può favorire la sporulazione.
La letteratura non dà indicazioni univoche in
merito alle modalità di sanificazione routinaria
più efficace; si propongono qui di seguito proposte operative che, al momento attuale, sono
considerate di buona affidabilità, in base a studi
effettuati e/o ad un razionale teorico.
- La detersione (detergente+acqua+sfregamento
seguita da risciacquo) è misura necessaria per
facilitare la rimozione delle spore, ma non è
sufficiente;
- i cloroderivati sono i disinfettanti di scelta in
presenza di infezioni da C. difficile. La concentrazione d’uso indicata è > 1.000 ppm 1 ,23.
Alcuni Autori 6 6,67 consigliano concentrazioni
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
superiori (5.000 ppm), che risultano però di
difficile applicazione operando in presenza di
pazienti. Per i diversi cloroderivati disponibili
si propongono alcune considerazioni:
· le soluzioni di candeggina (ipoclorito commerciale) non sono sempre affidabili per
quanto riguarda la concentrazione, che è soggetta a decadimento soprattutto se le condizioni di conservazione (tempo, temperatura,
calore) non sono corrette;
· le soluzioni di sodio ipoclorito registrate
come PMC e dotate di scadenza presentano
buone caratteristiche di stabilità;
· sodiodicloroisocianurato (NaDCC) è il prodotto con il miglior profilo di stabilità, anche
in presenza di materiale organico, e con
minore corrosività. Le concentrazioni d’uso
consigliate sono analoghe a quelle di ipoclorito;
- le ultime linee guida dei CDC sui
disinfettanti 6 8 introducono il principio che è
possibile trattare le superfici ambientali utilizzando prodotti che sono miscele di detergenti
con disinfettanti che, al tempo stesso, rimuovono lo sporco e agiscono sui microrganismi
contaminanti. In presenza di C. difficile il prodotto di scelta è un detergente con cloroderivato, garantendo le concentrazioni in cloro indicate. Considerato il rischio che deriva dalla
sopravvivenza di spore residue e la loro resistenza, l’area interessata dovrebbe avere un
trattamento in due fasi: un primo passaggio
seguito dal risciacquo consente la rimozione
dello sporco e un secondo passaggio con
detergente+disinfettante potenzia l’effetto di
detersione e disinfezione;
- per l’uso, si inumidiscono le superfici da trattare con il prodotto scelto, garantendo un
tempo di contatto di circa 10’ 1 8,67 *;
- per evitare problemi di corrosività sui metalli
a seguito di impiego ripetuto/prolungato,
rimuovere con acqua il disinfettante dalle
superfici metalliche al termine del tempo di
contatto consigliato;
- poiché le superfici, soprattutto quelle a stretto
contatto con il paziente, possono venire ripetutamente contaminate, è necessario garantire la
ripetizione degli interventi nell’arco della
giornata (cfr allegato C).
Un ruolo importante per una efficace igiene
ambientale in presenza di C. difficile è svolto
dal personale addetto alle pulizie che deve
essere:
- in numero adeguato e con formazione specifica, che comprenda le modalità di corretto utilizzo dei materiali, per evitare di diffondere le
spore in altri locali;
- immediatamente avvisato di una eventuale
contaminazione ambientale con feci, che deve
essere prontamente rimossa 1 .
Alla dimissione/trasferimento del paziente con
sospetta/accertata CDAD è necessario effettuare
un intervento di sanificazione di tutte le superfici e degli oggetti presenti, utilizzando i prodotti
su indicati; in questa situazione, operando in
assenza del paziente è indicato l’impiego di
soluzioni di cloroderivati 5.000 ppm.
È altresì importante sostituire il copri-materasso
e i cuscini, inviandoli al lavaggio nell’apposito
sacco per biancheria infetta.
Per una sistematica e corretta conduzione
degli interventi è necessario che ogni struttura
predisponga una procedura in merito agli interventi di igiene ambientale da porre in atto in
presenza di CDAD (allegato C).
4.8 Gestione dei dispositivi medici e
delle attrezzature
Le raccomandazioni 1 ,23 focalizzano l’attenzione
su quattro punti critici.
(*) Fonti accreditate 1 8,67 indicano che per la disinfezione di superfici in presenza di C. difficile è necessario assicurare un
tempo di contatto del disinfettante > 10’: dal punto di vista pratico ciò non è facile da realizzare laddove, come in questo
caso, non si opera per immersione. Le ultime linee guida CDC sulla disinfezione 6 8 hanno richiamato l’attenzione sull’
argomento del trattamento di superfici e, riferendosi a batteri e virus, precisano che anche tempi di contatto più brevi
hanno portato a significative riduzioni microbiche.
Ciò tuttavia non può essere automaticamente trasferito alle spore di C. difficile, che presentano importanti problematiche
di resistenza: il tempo indicato dalle linee guida, infatti, si basa su verifiche di attività effettuate in laboratorio che, come
richiesto dalla normativa, garantiscono un abbattimento di carica di 6 log 10.
Operativamente si ritiene di poter concordare su questi punti:
- è assolutamente critica la fase di detersione, cui compete di eliminare una importante quota delle spore presenti, facilitando l’attività del disinfettante,
- si consiglia comunque di prolungare, per quanto possibile, il tempo di contatto e quindi l’azione del disinfettante, eventualmente ripetendo il passaggio del prodotto.
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
23
Documenti
a) In presenza di infezione da C. difficile idealmente i dispositivi medici/attrezzature di difficile trattamento dovrebbero essere, ove possibile, prodotti monouso.
b) Alcune tipologie di dispositivi, che per loro
natura non sono di facile trattamento (es.
bracciali per pressione, stetoscopi e ossimetri)
dovrebbero essere di impiego personalizzato e
comunque sottoposti ad accurata pulizia e
disinfezione dopo l’uso.
c) Un’attenzione particolare meritano i dispositivi per la rilevazione della temperatura. Si
ricorda che anche i termometri elettronici
sono stati associati al rischio di trasmissione 1 .
In attesa di poter disporre di dispositivi
monouso/monopaziente, si consiglia l’utilizzo
di termometri elettronici, preferibilmente timpanici, che dovrebbero essere personalizzati e
utilizzati con dispositivi di rilevazione
monouso, per limitarne comunque la contaminazione. I termometri rettali possono avere un
ruolo importante nella trasmissione e quindi
dovrebbero essere utilizzati solo in presenza
di esigenze cliniche; in questo caso, devono
essere personali ed essere disinfettati con cloroderivati dopo l’uso.
d) Dispositivi medici e strumentario da riutilizzare: subito dopo l’uso devono essere sottoposti a decontaminazione, seguita dalla
detersione e, secondo i casi, da sterilizzazione o disinfezione con un prodotto ad attività
sporicida, operando con concentrazioni
d’uso e tempo d’azione idonei a garantire
efficacia.
Gli endoscopi gastrointestinali dopo l’uso
sono facilmente contaminati da spore di C.
difficile; tuttavia la corretta applicazione delle
procedure standard di trattamento, che prevedono detersione e disinfezione di alto livello,
garantisce da possibili trasmissioni.
Una attenzione particolare va indirizzata alle
padelle. La termodisinfezione con uso di lavapadelle è metodica diffusa nelle strutture sanitarie
ed assistenziali, ma necessita di alcune precisazioni. Dal 2006 è presente una specifica norma
(UNI EN ISO 15883 - 3/2006) che ne definisce i
requisiti essenziali e indica le modalità per controllare l’efficienza dell’apparecchiatura. Le
componenti che interagiscono nel lavaggio meccanico e determinano il risultato finale sono
quattro: chimico (detergente), meccanico, temperatura, tempo. Poiché non esiste ancora un
24
test unico per la verifica di efficacia del lavaggio, è necessario che l’utilizzatore, in accordo
con il tecnico esperto, definisca un protocollo di
verifica che consenta di precisare le condizioni
d’uso che garantiscono l’attività richiesta.
Peraltro si fa notare che, in genere, le apparecchiature in uso operano ad una temperatura massima di 90 - 92 °C per un tempo che va da 1’45”
a 2’: l’azione, pertanto, è di disinfezione di alto
livello, ma non sporicida.
In presenza di pazienti con infezione da CD si
possono prevedere le seguenti opzioni:
- adottare la padella monouso;
- adottare la padella personalizzata ed effettuare
termodisinfezione efficace (se presente) oppure decontaminazione/detersione, disinfezione
con cloroderivati e risciacquo;
- alla dimissione/guarigione effettuare lavaggio,
disinfezione della padella (immersa completamente) con cloroderivato 5000 ppm per 30
minuti, risciacquo e asciugatura.
4.9 Misure da adottare in caso di outbreak
Non esiste una definizione univoca di outbreak
che, secondo differenti Autori, può essere identificato al verificarsi di:
- un incremento dei tassi di CDAD nello spazio
e nel tempo che si ritiene essere superiore a
quanto atteso dal puro caso 18;
- occorrenza di 2 o più casi correlati in un arco
di tempo definito ed in uno spazio determinato, tenendo conto dei tassi normali 35.
Quando si individua un aumento del numero di
casi di infezioni da C. difficile rispetto ai dati
standard di una unità operativa/struttura, è
comunque necessario intervenire rapidamente
- conducendo una accurata indagine epidemiologica;
- ponendo in atto una serie di misure idonee a
contenere il rischio infettivo.
In Canada nei primi anni 2000, a seguito dei
numerosi casi di CDAD successivamente collegati al ribotipo 027, sono stati tentati vari
approcci di controllo, compreso un programma
multiintervento, definito C. difficile bundle 4 . Il
bundle (letteralmente: fascio) è un utile riferimento perché definisce un numero limitato di
interventi da attuare in modo prioritario. In
questo caso le misure raccomandate come prioritarie sono di due tipi: di sistema e comportamentali.
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
I 12 ospedali canadesi che hanno applicato questa serie di misure hanno visto diminuire i loro
casi di CDAD da 25 a 8,4 per 10.000 giorni
paziente.
Le indicazioni qui sotto riportate derivano dall’esperienza canadese, integrata da alcune
Raccomandazioni presenti nel documento
europeo 1 .
Misure di sistema:
- utilizzo di materiali dedicati/monouso, verifica
delle procedure di riprocessazione dei dispositivi medici;
- adozione delle precauzioni da contatto;
- isolamento/coorte/minimizzare il numero di
pazienti per stanza. L’isolamento di pazienti
con sospetta CDAD prima della diagnosi di
laboratorio è risultata misura efficace in corso
di epidemia 6 9;
- intensificare l’igiene ambientale.
Misure educative-comportamentali:
- diagnosi rapida e rapido trattamento empirico;
- richiamo all’attenzione/eventuali cambiamenti
nelle misure di igiene delle mani;
- informazioni al paziente e ai visitatori;
- miglioramento nelle strategie di utilizzo degli
antibiotici, in particolare limitando l’utilizzo
di antibiotici ad alto rischio di favorire CDAD.
Poiché il verificarsi di un episodio epidemico
richiede interventi rapidi, è opportuno che ogni
struttura disponga di un protocollo locale scritto
con l’indicazione delle misure da adottare in tale
evenienza.
Per ulteriori informazioni in merito alla gestione degli eventi epidemici vedi allegato D.
5. BIBLIOGRAFIA
1. Vonberg RP et al. Infection Control measures to limit
the spread of Clostridium difficile. Clin Microbiol
Infect 2008; 14 (Suppl 5):2-20
2. Bartlett JG. Narrative Review: the new epidemic of
Clostridium difficile-associated enteric disease. Ann
Intern Med 2006; 145:758-764
3. Redelings MD et al. Clostridium difficile-related mortality rates, United States, 1999-2004. Emerg Infect
Dis 2007; 13 (9):1417-1419
4. Loo VG et al. A predominant clonal multi-istitutional
outbreak of Clostridium difficile-associated diarrhea
with high morbidity and mortality. N Engl J Med
2005; 353:2442-2449
5. Zilberberg MD, Shorr AF, Kollef MH. Increase in
adult Clostridium difficile-related hospitalizations and
case-fatality rate, Unites States, 2000-2005. Emerg
Infect Dis 2008; 14 (6):929-931
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
6. Mc DonaldLC, OwingssM, Jernigan DB. Clostridium
difficile infection in patients discharged from US
short-stay Hospitals, 1996-2003. Emerg Infect Dis
2006; 12 (3):409-415
7. Gravel D et al. Healt Care-associated Clostridium difficile infection in adult admitted to acute care hospitals in Canada: a Canadian nosocomial infection surveillance program study. Clin Infect Dis 2009; 48:
568-576
8. Kuijper EJ et al. Emergence of Clostridium difficileassociated disease in North America and Europe. Clin
Microbiol Infect 2006; 12 (Suppl 6):2-18
9. Kuijper EJ et al. Update of Clostridium difficile infections due to PCR ribotype 027 in Europe, 2008.
Eurosurveillance 2008; 13:1-7
10. Goorhuis A et al. Emergence of Clostridium difficile
infection due to a new hypervirulent strain, polymerase chain reaction ribotype 078. Clin Infect Dis 2008;
47:1162-1170
11. Songer JG et al. Clostridium difficile: an important
pathogen of food animals. J Anaerobe 2006; 12:1-4
12. AA.VV. Severe Clostridium difficile-associated disease in populations previously at low risk- Four States,
2005. MMWR 2005;54,47:1201-1205
13. DuPont HL et al. New advances in Clostridium difficile infection: changing epidemiology, diagnosis,
treatment and control. Curr Opin Infect Dis 2008;
21:500-507
14. Kuijper EJ et al. Spectrum of Clostridium difficile
infections outside health care facilities. Canad Med
Assoc J 2008; 179:747-748
15. McFarland LV et al. Implications of the changing face
of Clostridium difficile disease for health care pratictioners. Am J Infect Control 2007; 35,4:237-250
16. Morinville V, McDonald J. Clostridium difficileassociated diarrhea in 200 canadian children. J Can
Gastroenterol 2005; 19:497-501
17. Chernak E et al. MMWR Weekly. December 2, 2005;
54:1201-1205
18. Dubberke ER et al. Strategies to prevent Clostridium
difficile infections in acute care hospitals. Infect
Control Hosp Epidemiol 2008; 29 (Suppl 1):81-92
19. Dubberke ER et al. Attributable outcomes of
Clostridium difficile-associated disease in non surgical
patients. Emerg Infect Dis 2008; 14 (7):1031-1038
20. w w w. e c d c . e u r o p a . e u / e n / H e a l t h _ To p i c s /
Clostridium_difficile
21. Sunenshine RH, McDonald LC. Clostridium difficileassociated disaease: new challanges from an established pathogen. Cleveland Clin J Med 2006; 73 (2):
187-197
22. Mc Donald LC et al. Recommendations for surveillance of Clostridium difficile-associated disease.
Infect Control Hosp Epidemiol 2007; 28:140-145
23. Department of Health and Health Protection Agency,
January 2009. Clostridium difficile infection: how to
deal with the problem, December 2008.
www.hpa.org.uk/web/HPAwebFile/HPAweb_
C/1232006607827
24. Thomas C et al. Clostridium difficile-associated
diarrhea: epidemiological data from western Australia
associated with a modified antibiotic policy. Clin
Infect Dis 2002; 35:1457-1462
25
Documenti
25. Pepin J. Emergence of fluorquinolones as the predominant risk factor for CDAD: a cohort study during
an epidemic in Quebec. Clin Infect Dis 2005;
41:1254-1260
26. Dial S et al. Use of gastric acid-suppressive agents
and the risk of community-acquired Clostridium difficile. JAMA 2005; 294: 2989-2995
27. Dalton BR, Lye-Maccannell T, Henderson EA et al.
Proton pump inhibitors increase significantly the risk
of Clostridium difficile infection in a low-endemicity,
non-outbreak hospital setting. Aliment Pharmacol
Ther 2009; 29:626-34.
28. Baxter R et al. Case-control study of antibiotic use
and subsequent Clostridium difficile-associated
diarrhea in hospedalized patients. Infect Control Hosp
Epidemiol 2008; 29:44-50
29. Belanger SD et al. Rapid detection of Clostridium difficile in feces by real-time PCR. J Clin Microbiol
2003; 41:730-734
30. Kato H et al. Identification of toxin A-negative, toxin
B-positive Clostridium difficile by PCR. J Clin
Microbiol 1998; 36:2178-2182
31. Barbut F et al. A european survey of diagnostic
methods and testing protocols for Clostridium difficile. Clin Microb Infect 2003; 9: 989-996
32. Peterson LR et al. Detection of toxigenic Clostridium
difficile in stool samples by real polymerase chain
reaction for the diagnosis of Clostridium difficile- associated diarrhea. Clin Infect Dis 2007; 45:1152-1160
33. Van den Berg RJ et al. Evaluation of real-time PCR and
conventional diagnostic methods for the detection of
Clostridium difficile-associated diarrhea in a prospective
multicentre study. J Med Microbiol 2007; 56:36-42
34. Van den Berg RJ et al. Prospective multicenter evaluation of a new immunoassay and real-time PCR for
rapid diagnosis of Clostridium difficile-associated
diarrhea in hospedalized patients. J Med Microbiol
2005; 43:5338-5340
35. Berrington A et al. National Clostridium difficile
Standard Group: report to Department of Health. J
Hosp Infect 2004; 56:1-38
36. Fenner L et al. Rapid and reliable diagnostic algorithm for detection of Clostridium difficile. J Clin
Microbiol 2008; 46:328-330
37. Bartlett JG et al. Clinical recognition and diagnosis of
Clostridium difficile infection. Clin Infect Dis 2008;
46:S12-S18
38. Ticehurst JR et al. Effective detection of toxigenic
Clostridium difficile by a two-step algorithm including tests for antigen and cytotoxin. J Clin Microbiol
2006; 44:1145-1149
39. Debast SB et al. Effect on diagnostic yield of repeated stool testing during outbreaks of Clostridium difficile associated disease. Clin Microb Infect 2008; 14:
622-624
40. Delmèe M et al. Laboratory diagnosis of Clostridium
difficile-associated diarrhea: a plea for culture. J Med
Microbiol 2005; 54:187-191
41. Plache T et al. Diagnosis of Clostridium difficile
infection by toxin detection kits: a systematic review.
Lancet Infect Dis 2008; 8:777-784
26
42. Yokoe D et al. A compendium of strategies to prevent
healthcare associated infections in acute care hospitals. Infect Control Hosp Epidemiol 2008; 29 (S.1):
S12-S21
43. Verdoorn BP et al. Effect of telephoned notification of
positive Clostridium difficile test results on the time
to ordering of antimicrobial therapy. Infect Control
Hosp Epidemiol 2008; 29 (7):658-660
44. Smith PS et al. SHEA/APIC Guideline: infection prevention and control in the long-term care facility.
Infect Control Hosp Epidemiol 2008; 29:785-807
45. Pepin J et al Emergence of fluoroquinolones as the
predominant risk factor for Clostridium difficileassociated diarrhea: a cohort study during an epidemic in Quebec. Clin Infect Dis 2005; 41:125460
46. Henrich TJ et al. Clinical risk factors for severe
Clostridium difficile associated disease. Emerg Infect
Dis 2009;15: 415-422
47. Valiquette L et al. Impact of a reduction in the use of
high-risk antibiotics on the course of an epidemic of
Clostridium difficile associated disease caused by the
hypervirulent NAP1/027 strain. Clin Infect Dis 2007;
45 (suppl 2):S112-S121
48. McFarland LV, Clarridge JE, Beneda HW, Raugi GJ.
Fluoroquinolone use and risk factors for Clostridium
difficile-associated disease within a Veterans
Administration health care system. Clin Infect Dis
2007; 45:1141-51
49. Kallen AJ et al. Complete restriction of fluoroquinolone use to control an outbreak of Clostridium difficile infection at a community hospital. Infect Control
Hosp Epidemiol 2009; 30:264-72
50. Fowler S et al. Successful use of feedback to improve
antibiotic prescribing and reduce Clostridium difficile
infection: a controlled interrupted time series. J
Antimicrob Chemother 2007; 59:990-995
51. Zar FA, Bakkanagari SR, Moorthi KM, Davis MB. A
comparison of vancomycin and metronidazole for the
treatment of Clostridium difficile-associated diarrhea,
stratified by disease severity. Clin Infect Dis 2007;
45:302-7
52. Kelly CP, LaMont JT. Clostridium difficile - more difficult than ever. N Engl J Med. 2008; 359(18):193240
53. Apisarnthanarak A, Razavi B, Mundy LM. Adjunctive
intracolonic vancomycin for severe Clostridium difficile colitis: case series and review of the literature.
Clin Infect Dis 2002; 35:690-6
54. Wilcox MH, Fawley WN, Settle CD, Davidson A.
Recurrence of symptoms in Clostridium difficile
infection - relapse or reinfection? J Hosp Infect 1998;
38:93-100
55. McFarland LV, Elmer GW, Surawicz CM. Breaking
the cycle: treatment strategies for 163 cases of recurrent Clostridium difficile disease. Am J Gastroenterol
2002; 97:1769-75
56. Fulco P, Wenzel RP. Ramoplanin: a topical lipoglycodepsipeptide antibacterial agent. Expert Rev Anti
Infect Ther 2006; 4:939-45
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
57. Garey KW, Salazar M, Shah D, Rodrigue R, DuPont
HL. Rifamycin antibiotics for treatment of
Clostridium difficile-associated diarrhea. Ann
Pharmacother 2008; 42:827-35
58. Kokkotou E, Moss AC, Michos A, et al. Comparative
efficacies of rifaximin and vancomycin for treatment
of Clostridium difficile-associated diarrhea and prevention of disease recurrence in hamsters. Antimicrob
Agents Chemother 2008; 52:1121-6
59. Herpers BL, Vlaminckx B, Burkhardt O, et al.
Intravenous tigecycline as adjunctive or alternative
therapy for severe refractory Clostridium difficile
infection. Clin Infect Dis 2009 Jun 15; 48(12):
1732-5
60. Pillai A, Nelson R. Probiotics for treatment of
Clostridium difficile-associated colitis in adults.
Cochrane Database Syst Rev 2008; 1:CD004611
61. Bauer MP, van Dissel JT. Alternative strategies for
Clostridium difficile infection. Int J Antimicrob
Agents 2009 Mar; 33 Suppl 1:S51-6
62. Gravel D et al. Infection control practices related to
Clostridium difficile infection in acute care hospitals
in Canada. Am J Infect Control 2009; 37:9-14
63. Cenderello N et al. Valutazione delle misure implementate e dei costi aggiuntivi nei pazienti infetti da
tossinfezione da Clostridium difficile nel 2008 presso
l’E.O. Ospedali Galliera di Genova. GIIO 2009, in
press
64. Boyce JM, Pittet D, eds. Guideline for hand hygiene
in health-care setting, 2002. www.cdc.gov
/MMWR/preview
65. WHO Guidelines on hand hygiene in health care
(Advanced draft), 2009; www.who.int/patientsafety/
information_centre/ghhad_download/en/index.html
66. www.disinfectionandsterilization.org
67. w w w. h c s p . f r / h c s p i / d o c s p d f a v i s r a p p o r t s
/hcspa20080620_Cdifficile.pdf
68. RutalaWA, Weber DJ, HICPAC. Guideline for disinfection and sterilization in healthcare facilities, 2008;
w w w. c d c . g o v / n c i d o d / d h p p / p d f / g u i d e l i n e s /
disinfection
69. McKayI, Coia JE, Poxton IR. Typing of Clostridium
difficile causing diarrhoea in an orthopaedic ward. J
clin Pathol 1989; 42:511-515
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
27
Documenti
Allegato A
LA FORMAZIONE CONTINUA DEL PERSONALE SANITARIO
La formazione del personale sanitario deve essere considerata nell'ambito delle teorie dell'educazione e dell'apprendimento dell'adulto.
L'adulto, oltre ad avere una personalità ben definita, ha percezione di sé come persona responsabile e chiede
di essere trattato di conseguenza; egli ha l'esigenza di conoscere lo scopo e l'utilità dell'apprendimento per la
sua vita o per la sua carriera ed è motivato ad apprendere ciò che gli serve nel momento in cui gli serve.
Esiste un ulteriore fattore fondamentale: l'esperienza. Ciò che viene insegnato si deve inserire in un contesto
di esperienze o conoscenze e dare vita a una riorganizzazione dei saperi: se ciò non accade, il rischio è quello di un apprendimento fittizio e di breve durata.
D'altro canto, l'esperienza dell'adulto è un grande valore per l'apprendimento e può essere proficuamente utilizzata facendo ricorso a tecniche e metodologie didattiche che simulano, ad esempio, il vissuto lavorativo
della persona (case studies, simulazioni, attività di problem solving o laboratori).
L' insegnamento all'adulto (andragogia) si fonda quindi su un modello di apprendimento basato sul processo,
piuttosto che sui contenuti: la differenza è che il modello contenutistico si occupa di trasmettere informazioni e
abilità, che nel tempo diventano obsolete, mentre il modello di processo intende fornire metodi e risorse per
aiutare i discenti ad acquisire informazioni e abilità in modo continuativo.
Il metodo PBL (problem based learning)
In questa prospettiva si inserisce il metodo del PBL che, a partire da una situazione problematica che necessita di una spiegazione e di una soluzione, induce i partecipanti a ricercare, sotto la guida di un tutor, le informazioni necessarie per capirla e a ipotizzare le soluzioni più adeguate per affrontarla.
L'apprendimento basato su problemi, essendo un metodo che propone a un gruppo di professionisti di affrontare situazioni molto vicine alla realtà, è ben accetto e può indurre alla riflessione in merito alla modifica di
atteggiamenti e di consuetudini considerate non adeguate nel controllo delle infezioni.
Di seguito si riportano alcune note esplicative del metodo accompagnante da un esempio utilizzabile per una
sessione formativa in merito all'assistenza di una persona affetta da CD.
L'esempio
RUOLI
Gruppo di apprendimento
Generalmente è costituito da 6 - 8 persone.
Nell'ambito della formazione continua è preferibile che il gruppo sia multiprofessionale in quanto nella realtà
l'analisi dei problemi è più corretta e completa se condotta congiuntamente da più operatori e professionisti
(medici, infermieri, personale di supporto...); la multiprofessionalità, inoltre, facilita la riflessione e il confronto,
sottolineando le differenze di approccio, ma anche i punti in comune che possono aiutare a trovare la soluzione più adeguata al problema, sotto il profilo dell'organizzazione e dei comportamenti.
Tutor del gruppo di apprendimento
E' colui che favorisce la discussione e lo sviluppo delle fasi. Il tutor indirizza i partecipanti alla ricerca delle
fonti bibliografiche e di altre informazioni, sostiene il gruppo nella scelta di soluzioni pertinenti basate sull'evidenza scientifica, facilita l'apprendimento rendendo consapevoli i partecipanti del loro ragionamento ma non
trasmette conoscenze né tantomeno soluzioni preconfezionate. Nel nostro caso il ruolo del tutor può essere
affidato all'infermiere/a con competenze specifiche nella sorveglianza e controllo delle infezioni o ad un'infermiere/a con esperienza tutoriale affiancato/a comunque da uno/due esperti nel campo della sorveglianza e
controllo delle infezioni.
28
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
Condizioni organizzative
Nell'ambito della formazione continua è necessario razionalizzare i tempi e le risorse disponibili. Per tali motivi
il PBL può essere concentrato in poche ore; è necessario usufruire, anche temporaneamente, di un locale in
cui i partecipanti possono disporre di un tabellone o di una lavagna a fogli o di un pc.
Devono essere predisposte le copie necessarie del documento di consenso SIMPIOS, fogli per appunti,..
Fasi di conduzione del PBL
1° FASE - PRESENTAZIONE DEL PROBLEMA
Descrizione: il problema è l'elemento centrale ed è concepito come una situazione di stimolo alla successiva
discussione.
Organizzazione: si consegna ad ogni partecipante un foglio con la descrizione della situazione problematica
che riporta un titolo emblematico.
La situazione problematica ...
MA E' COSI' IMPORTANTE?
R.V. è una signora di 82 anni ricoverata in un reparto di medicina per un focolaio broncopneumonico;
dopo alcuni giorni dal ricovero presenta diarrea. L'infermiera Florence registra in cartella infermieristica la
situazione problematica e riferisce alla coordinatrice Virginia: "La Signora RV ha evacuato 4 volte feci
liquide in poche ore... forse è di nuovo un caso di Clostridium difficile, dobbiamo insistere nell'igiene delle
mani, in particolare il lavaggio antisettico". Uno studente infermiere del 1° anno del corso di laurea interviene: "Abbiamo studiato che il frizionamento sostituisce il lavaggio mani, perché dobbiamo lavarci le
mani?" L'infermiera Florence riprende il discorso: "La signora è in una stanza a tre letti e non vi sono altre
camere disponibili, che cosa facciamo? Questo è il 2° caso di diarrea in una settimana, dovremmo procedere a un isolamento da contatto". La coordinatrice Virginia: "Concordo! Ma è meglio che ripassiamo tutti
come dobbiamo procedere, Florence ti chiedo di verificare come si comportano gli addetti alla sanificazione ambientale". Il medico Ignazio: "Abbiamo informato la Direzione Sanitaria dell'accaduto, dovremo collaborare ad una indagine epidemiologica volta a definire se è in corso un cluster epidemico. Il laboratorio
mi ha avvisato che in tutti i casi di CD le tossine A e B erano positive ". "Ma è così importante?" pensa lo
studente del 1° anno. La coordinatrice Virginia: "Dobbiamo fornire anche delle informazioni ai parenti e ai
visitatori". Il medico Ignazio e la Coordinatrice Virginia propongono di individuare degli indicatori per il
futuro, in quanto: "... ci possono aiutare a mantenere un controllo effettivo di questo problema".
2° FASE - ANALISI DEI TERMINI DEL PROBLEMA
Descrizione: la situazione viene analizzata attraverso l'intervento di tutti; il tutor stimola le libere associazioni e
l'esplicitazione delle parole chiave, dei termini e dei concetti non immediatamente comprensibili e che richiedono uno studio specifico.
Durante la discussione il tutor invita a riflettere e a verificare le conoscenze del gruppo in relazione ai passaggi
significativi del problema.
E' possibile che si evidenzino anche ulteriori aspetti del problema non descritti nella situazione problematica.
Organizzazione: nel proseguire la discussione, specie se il gruppo proviene da sedi lavorative diverse, è probabile che siano evidenziate differenze sostanziali che non trovano conferma o consensi nel gruppo; il tutor
registra e sistematizza le terminologie e gli aspetti che richiedono approfondimento sul tabellone/lavagna/ pc.
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
29
Documenti
2° FASE - L'ESEMPIO
R.V. è una signora di 82 anni ricoverata in un reparto di medicina per un focolaio broncopneumonico; dopo
alcuni giorni dal ricovero presenta diarrea…
PASSAGGI
TERMINI
- CONCETTI
1. L'infermiera Florence registra in cartella infermieristica la situazione problematica e riferisce alla coordinatrice Virginia: "La
Signora RV ha evacuato 4 volte feci liquide in poche ore…. forse è
di nuovo un caso di Clostridium difficile, dobbiamo insistere nell'igiene delle mani, in particolare il lavaggio antisettico".
Clostridium difficile, diarrea,
quadri clinici, modalità di
trasmissione
2. La coordinatrice: "nell'adottare le misure precauzionali standard,
in questo caso, dobbiamo preferire il lavaggio della mani con detergente-antisettico". Uno studente infermiere del 1° anno del corso di
laurea interviene: "Abbiamo studiato che il frizionamento sostituisce il lavaggio mani, perché dobbiamo lavarci le mani?".
Misure precauzionali, igiene mani,
frizionamento alcolico delle mani
3. L'infermiera Florence riprende il discorso: "La signora è in una
stanza a tre letti e non vi sono altre camere disponibili, che cosa facciamo? Questo è il 2° caso di diarrea in una settimana, dovremmo
procedere a un isolamento da contatto".
Isolamento da contatto, misure di
controllo comportamentali e dell'ambiente
5. La coordinatrice: "Concordo! Ma è meglio che ripassiamo tutti
come dobbiamo procedere, Florence ti chiedo di verificare come si
comportano gli addetti alla sanificazione ambientale".
Sanificazione dell'ambiente
5. Il medico Ignazio: "Abbiamo informato la Direzione Sanitaria dell'accaduto, dovremo collaborare a un'indagine epidemiologica volta
a definire se è in corso un cluster epidemico". Il laboratorio mi ha
avvisato che in tutti i casi di CD le tossine A e B erano positive.
Indagine epidemiologica, cluster
epidemico, tossine A e B, esame
colturale
6. La coordinatrice: "dobbiamo fornire anche delle informazioni
semplici ma esaustive a parenti e visitatori".
Informazione, educazione
terapeutica e sanitaria
7. Il medico Ignazio e la Coordinatrice Virginia propongono di individuare degli indicatori per il futuro, in quanto: "... ci possono aiutare a mantenere un controllo effettivo di questo problema".
Indicatore, criterio, standard
3° FASE - FORMULAZIONE DEI BISOGNI DI APPRENDIMENTO E IDENTIFICAZIONE DEL PERCORSO DI STUDIO
Descrizione: in questa fase si esplicitano i bisogni formativi o gli argomenti che necessitano di ulteriore
approfondimento e i riferimenti bibliografici per lo studio
Organizzazione: a ogni componente del gruppo viene consegnata la bibliografia; nel nostro caso il riferimento
principale è il documento di indirizzo SIMPIOS "Prevenzione e controllo delle infezioni da Clostridium difficile"
al quale si possono affiancare altre documentazioni, se del caso. Il tutor ha una funzione di continuo supporto,
pone domande per creare ulteriori curiosità.
30
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
3° FASE - L'ESEMPIO…
PASSAGGI
DOCUMENTAZIONE
TERMINI
BISOGNI DI
CONCETTI
APPRENDIMENTO
1. L'infermiera Florence registra in cartella infermieristica la situazione problematica e riferisce alla coordinatrice
Virginia: "La Signora RV ha evacuato 4
volte feci liquide in poche ore…. forse è
di nuovo un caso di Clostridium difficile,
dobbiamo insistere nell'igiene delle mani,
in particolare il lavaggio antisettico"
Clostridium difficile,
diarrea, quadri clinici, modalità di
trasmissione
Eziopatogenesi e
modalità di trasmissione dell'agente
causale
Documento
SIMPIOS
(1.1, 1.2, 2.1, 2.2)
2. La coordinatrice: "nell'adottare le
misure precauzionali standard, in questo caso, dobbiamo preferire il lavaggio
delle mani con detergente-antisettico".
Uno studente infermiere del 1° anno del
corso di laurea interviene: "Abbiamo
studiato che il frizionamento sostituisce
il lavaggio mani, perché dobbiamo
lavarci le mani?"
Misure precauzionali, igiene mani,
frizionamento
alcolico delle mani
Modalità,
i
5
momenti fondamentali per l'igiene
delle mani, proprietà delle soluzioni detergenti-antisettiche vantaggi e
svantaggi d'uso
Documento
SIMPIOS (4.6)
Documento OMS
igiene mani...
3. L'infermiera Florence riprende il
discorso: "La signora è in una stanza a
tre letti e non vi sono altre camere
disponibili, che cosa facciamo? Questo è
il 2° caso di diarrea in una settimana,
dovremmo procedere a un isolamento
da contatto".
Isolamento da contatto, misure di
controllo comportamentali e dell'ambiente
Precauzioni standard e da contatto,
comportamenti nei
confronti della persona e del materiale
sanitario
Documento
SIMPIOS
(4.5, 4.8)
4. La coordinatrice: "Concordo! Ma è
meglio che ripassiamo tutti come dobbiamo procedere, Florence ti chiedo di
verificare come si comportano gli addetti alla sanificazione ambientale"
Sanificazione dell'ambiente
Modalità e frequenza della sanificazione ambientale e
dell'unità paziente
Documento
SIMPIOS
(4.7, allegato C)
5. Il medico Ignazio: "Abbiamo informato la Direzione Sanitaria dell'accaduto,
dovremo collaborare a un'indagine epidemiologica volta a definire se è in
corso un cluster epidemico". Il laboratorio mi ha avvisato che in tutti i casi di
CD le tossine A e B erano positive
Indagine epidemiologica, cluster epidemico, tossine A e
B, esame colturale
Significato di indagine epidemiologica: cluster epidemico, epidemia, raccolta e trasporto del
campione, ...
Documento
SIMPIOS
(3.1, 3.3, 4.9, allegato D)
6. La coordinatrice: "dobbiamo fornire
anche delle informazioni semplici ma
esaustive a parenti e visitatori"
Informazione, educazione terapeutica
e sanitaria
Informazioni utili
per l'educazione
sanitaria
Documento
SIMPIOS
(4.4, allegati A e B)
7. Il medico Ignazio e la Coordinatrice
Virginia propongono di individuare
degli indicatori per il futuro, in quanto:
"... ci possono aiutare a mantenere un
controllo effettivo di questo problema".
Indicatore, criterio,
standard
Significato di indicatore, criterio,
standard, criteri di
scelta degli indicatori
Documento
INF-OSS
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
31
Documenti
4° FASE - LO STUDIO
Descrizione: i partecipanti si attivano per lo studio individuale e di gruppo utilizzando la bibliografia specifica
e interpellano gli esperti per approfondire gli eventuali dubbi sollevati durante le discussioni nelle fasi precedenti.
Organizzazione: i partecipanti consultano la bibliografia e conducono il loro studio
5° FASE - SOCIALIZZAZIONE DELL'APPRENDIMENTO CONDOTTO
Descrizione: il gruppo si riunisce per riprendere in considerazione il problema e per chiarire gli argomenti alla
luce dello studio condotto sulla base della documentazione fornita per trovare le soluzioni migliori basate su
prove di efficacia.
Organizzazione: il tutor mantiene un clima di apprendimento libero e creativo sollecita una reinterpretazione
della situazione problematica alla luce dei dati forniti, pone domande in merito alla possibilità di valutare l'intervento scelto per la soluzione del problema, portando i partecipanti a scegliere l'indicatore opportuno.
6° FASE - VALUTAZIONE
Descrizione: la valutazione è la parte finale dell'evento formativo. Generalmente si propongono due tipi di
questionari uno sul gradimento (pianificazione, efficacia formativa, tempo,..) l'altro sull'apprendimento conseguito.
Considerazione finale
Il metodo dell'apprendimento per problemi, se ricondotto nell'ambito di una strategia condivisa tra Comitato di
controllo, formazione, organizzazione della struttura sanitaria, consente di recuperare l'esperienza professionale e le motivazioni utili a modificare i comportamenti nella realtà quotidiana e a rivalutare l'organizzazione di
alcune attività a rischio infettivo. I bisogni formativi espressi, l'apprendimento e l'interiorizzazione di un possibile cambiamento (si può fare), sono il preambolo per una successiva rivalutazione sul campo delle attività, che
potrà essere misurata (uso degli indicatori) o rivalutata nell'ottica del miglioramento della qualità.
Indicatore
Il gruppo ha elaborato una procedura per la gestione dei pazienti con sospetta o accertata infezione da C.D.
per l'unità operativa/ospedale
Bibliografia
1. Knowles MS. Quando l'adulto impara. Pedagogia e andragogia. Milano, Franco Angeli, 2002
2. Sasso L, Lotti A. Problem-based learning per le professioni sanitarie. Milano, McGraw-Hill, 2007
32
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
Allegato B - L’INFORMAZIONE A PAZIENTE E FAMILIARE
1. SCHEDA INFORMATIVA
Malattia da CLOSTRIDIUM DIFFICILE
PRECAUZIONI E IGIENE
Clostridium difficile (CD) è un batterio che può essere presente nell'intestino, ma che si può trovare
come contaminante anche nell'ambiente nella sua forma più difficile da eliminare, la spora, che può
sopravvivere per settimane. CD si introduce per via orale, raggiunge l'intestino e produce tossine che
causano alterazioni a livello della mucosa.
Clinicamente la malattia si manifesta con un quadro di enterocolite (diarrea acquosa, perdita di
appetito, nausea, dolori addominali). Le forme cliniche generalmente sono lievi, tanto che alcuni soggetti
non accusano sintomi particolari. In altri casi, invece, il quadro clinico può diventare più importante.
Alcune persone hanno un maggior rischio di infezione: sono, ad esempio, gli anziani, i soggetti con difese
immunitarie ridotte, i pazienti che hanno effettuato una prolungata terapia antibiotica.
CD è il maggior responsabile di diarrea infettiva negli ospedali e in altre strutture
assistenziali, dove si può manifestare anche in forma epidemica. CD si trasmette generalmente attraverso le mani, che si contaminano per contatto diretto (con le feci) o indiretto (con oggetti o superfici contaminate). E' quindi necessario adottare precauzioni che siano in grado di interrompere la trasmissione
La diagnosi di infezione si basa sul quadro clinico e su esami di laboratorio, in particolare sulla ricerca
delle tossine A e B nelle feci. La terapia consiste nell'assunzione di antibiotici che agiscono a livello intestinale. In alcuni casi risulta necessario ripetere la terapia perché si manifesta una recidiva dell'infezione
LE MISURE DI CONTROLLO
La sistematica applicazione delle misure di seguito elencate è in grado di interrompere la catena di trasmissione e di prevenire la comparsa di nuovi casi di infezione da CD.
Ulteriori informazioni possono essere richieste al medico curante e all'infermiere che ha in cura il paziente.
Segnalazione sulla porta della camera. Il cartello che si trova sulla porta ha lo scopo di richiamare tutti quelli che entrano a adottare le misure di prevenzione indicate.
Le mani sono il primo veicolo di diffusione: per questo è vivamente raccomandato che il
paziente, gli operatori e i visitatori si lavino accuratamente le mani con acqua e sapone o con acqua e
sapone antisettico. Vi sono alcuni momenti a particolare rischio infettivo: per il paziente dopo l'uso dei
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
33
Documenti
servizi igienici, ma se la persona è allettata o confusa deve essere aiutata a effettuare l'igiene delle mani
in più momenti della giornata (anche con frizione alcolica, che non sostituisce completamente il lavaggio
con acqua e sapone, ma riduce fortemente la contaminazione).
I visitatori devono lavare le mani prima di contatti con il paziente (per evitare di contaminarlo) e prima di
lasciare la stanza (per evitare di trasferire CD all'esterno).
Gli operatori sanitari effettuano l'igiene delle mani prima e dopo l'assistenza e dopo aver manipolato biancheria sporca, oggetti etc, anche se hanno indossato i guanti; infatti i guanti non garantiscono una protezione assoluta.
La camera singola con bagno dedicato è preferibile e particolarmente raccomandata quando la
persona è incontinente o non collabora attivamente all'osservanza delle misure di controllo. In caso contrario, si applicano le precauzioni da contatto, con particolare attenzione a quanto attiene il potenziale
contatto con le feci del paziente. E' perciò consigliato l'uso di una sedia comoda personalizzata o di
padella che sia monouso o personalizzata.
Visite di familiari, badanti, ecc: è preferibile limitare, per quanto possibile, il numero di visitatori. La
visita di bambini deve essere rimandata al termine dell'isolamento del paziente affetto da infezione da
CD.
In genere anche per i visitatori si raccomanda l'impiego di guanti e camice monouso prima del contatto
diretto con il paziente, la biancheria del letto o personale, le feci. Durante la visita è bene non sedersi sul
letto, non appoggiare oggetti sul comodino e in caso di telefonate al cellulare evitare di far toccare la
superficie del telefono al paziente.
Prima di lasciare la stanza, dopo aver tolto guanti e camice, i visitatori si devono lavare le mani, anche se
hanno indossato i guanti.
Se si verificassero casi di diarrea tra i familiari/visitatori, è necessario informarne subito il proprio medico
curante.
Il trattamento della biancheria a domicilio. Manipolare con attenzione la biancheria, non
appoggiarla a terra o sulla sedia, ma metterla in un sacchetto e portarla direttamente al lavaggio. Per il
lavaggio a domicilio temperature uguali o superiori a 60° e l'uso di detersivo sono considerati adeguati; in
caso di contaminazione con feci, aggiungere nel prelavaggio 200 ml di candeggina (circa due bicchieri da
tavola) o altro prodotto a base di cloro.
A livello di strutture sanitarie il trattamento della biancheria segue altre modalità, utili a non diffondere CD
tra le altre persone ricoverate.
La pulizia dell'ambiente. E' importante per impedire la trasmissione. Il locale al quale si deve prestare maggior attenzione è il servizio igienico: pulire non solo il pavimento, ma i sanitari (compreso l'asse
del WC e il bidet), i rubinetti, gli interruttori, le maniglie della porta. Dopo aver pulito, disinfettare con un
prodotto a base di cloro: candeggina (20 ml in un litro di acqua) o altri prodotti a base di cloro reperibili
normalmente presso la grande distribuzione (es. Amuchina®, Milton®), utilizzando le concentrazioni d'uso
consigliate dal produttore.
Anche a livello di strutture sanitarie per la disinfezione ambientale viene utilizzato un prodotto a base di
cloro, applicato secondo le modalità indicate dal protocollo di sanificazione, che sono indirizzate ad impedire la diffusione CD nell'ambiente.
Nota: il testo di questa scheda è stato utilizzato per la realizzazione di una locandina pieghevole
con illustrazioni reperibile sul sito internet SIMPIOS
34
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
Allegato B - L’INFORMAZIONE A PAZIENTE E FAMILIARE
2. SEGNALAZIONE PRECAUZIONI DA CONTATTO
PRECAUZIONI DA CONTATTO
PRIMA di entrare nella stanza di degenza è necessario:
lavare le mani con acqua e sapone/
detergente antisettico oppure
effettuare frizione alcolica
indossare i guanti protettivi monouso
indossare il sovracamice
Parenti e visitatori sono invitati,
PRIMA DI ENTRARE NELLA STANZA,
a consultare il personale infermieristico dell'Unità Operativa e a ritirare
e leggere il foglio informativo predisposto che dà indicazioni
sulle precauzioni da adottare in ospedale e al domicilio.
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
35
Documenti
Allegato C
TRACCIA PER LA ELABORAZIONE DI UN PROTOCOLLO DI IGIENE PER AMBIENTE
E ATTREZZATURE
1. Formazione del personale addetto
In presenza di infezione da C. difficile è importante ridurre in modo rapido e drastico il serbatoio di spore nell'ambiente mediante misure specifiche di trattamento. Per ottenere questo è necessario che tutto il personale
addetto agli interventi di igiene ambientale sia educato/formato sulle modalità con cui si devono effettuare le
operazioni di pulizia e disinfezione nelle aree che ospitano pazienti con CDAD; l'attività di formazione deve precisare quali sono gli interventi da fare in presenza di C. difficile rispetto a quelli posti in atto per altri patogeni
(es. MRSA) come misura precauzionale verso gli altri pazienti e verso se stessi e le relative motivazioni. Nel
caso in cui le pulizie vengano effettuate da ditte esterne, la medesima attività di formazione deve essere
garantita anche per il personale delle stesse che ha accesso alla struttura.
2. Materiali da utilizzare negli interventi di detersione-disinfezione in presenza di sospetta/
diagnosticata patologia da CD
- Per effettuare gli interventi di pulizia e disinfezione di ambienti che ospitano pazienti con sospetta/accertata patologia da CD si devono utilizzare attrezzature e materiali dedicati all'ambiente in questione.
- È preferibile che i panni siano monouso, da eliminare come potenzialmente infetti. Se si usano panni riutilizzabili, questi devono essere sottoposti a detersione e disinfezione subito dopo l'uso e prima del riutilizzo.
Per la disinfezione utilizzare sodio ipoclorito 1.000 ppm lasciando in contatto per 20'; sciacquare e far
asciugare. Se gli interventi vengono effettuati da una ditta appaltatrice che utilizza panni pluriuso, è necessario richiedere alla stessa documentazione sulle modalità di trattamento adottate prima del riutilizzo, che
devono dare garanzie di attività sporicida.
- Al termine delle operazioni, i materiali riutilizzabili (carrello, secchi, ecc) devono essere detersi e disinfettati
con ipoclorito 1.000 ppm lasciando in contatto almeno 10'; poi sciacquare, se metallici, e lasciar asciugare.
- I materiali monouso devono essere smaltiti in un contenitore per rifiuti sanitari a rischio infettivo.
3. Detersione e disinfezione dell'ambiente in presenza di sospetta/diagnosticata patologia da CD
- Tutte le superfici orizzontali della stanza e gli oggetti posti in vicinanza del paziente devono essere detersi
e disinfettati due volte al giorno, ponendo particolare attenzione alle superfici che possono essere più facilmente toccate (letto e sbarre, interruttori luce, pulsantiera di chiamata,maniglie, rubinetti, piano del comodino, telefono, ecc).
- La detersione deve essere approfondita e accompagnata dall'azione meccanica dello sfregamento e dal
risciacquo; alla detersione segue la disinfezione con cloroderivato 1.000 ppm (cfr tabella I) che deve essere lasciato in situ per circa 10' (*).
- Se si utilizza un detergente-disinfettante , il disinfettante deve sempre essere un cloroderivato e la concentrazione d'uso deve garantire 1.000 ppm di cloro. In questo caso si fa un primo trattamento seguito da
risciacquo e poi un secondo trattamento, lasciando in contatto per 10' (*).
- Le superfici verticali (pareti) della camera di degenza devono essere trattate in modo analogo con detersione, risciacquo e disinfezione solo se visibilmente sporche (presenza di macchie, impronte).
- Particolare attenzione deve essere riservata agli interventi sul servizio igienico dedicato, che dovrebbe
essere trattato tre volte al giorno e tutte le volte che la situazione lo richieda. Tutte le superfici potenzialmente contaminate devono essere deterse/disinfettate, ponendo una attenzione particolare a quelle a più
facile contaminazione (tavoletta del WC, bidet, piano della comoda, dispenser di sapone…) senza trascurare le superfici che possono più facilmente essere all'origine di trasmissione (rubinetto del lavandino,
interruttore della luce...).
4. Detersione e disinfezione dell'ambiente alla dimissione/trasferimento di paziente con sospetta/
diagnosticata patologia da CD
- La detersione-disinfezione alla dimissione/trasferimento deve essere effettuata al termine della pulizia
delle altre stanze di degenza.
(*) vedi nota pag. 23
36
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
- Prima di iniziare le operazione di pulizia-disinfezione rimuovere ed eliminare nel contenitore dei rifiuti
potenzialmente infetti tutti i materiali d'uso presenti (sapone liquido, asciugamani in carta, carta igienica,
spazzolino WC…) e gli eventuali dispositivi medici monouso
- Pulire gli oggetti riutilizzabili e inviarli ai processi di disinfezione o sterilizzazione
- Rimuovere i materassi e gli altri effetti letterecci (coprimaterasso, coperta, cuscini, materasso antidecubito...),
collocarli negli appositi sacchi e inviarli al servizio di lavanderia per il trattamento di lavaggio e disinfezione
- Detergere tutte le superfici iniziando dalle zone pulite (es. finestre) per terminare a quelle sporche (servizio). La
detersione deve essere diretta in modo capillare su tutte le superfici strutturali (pareti, pavimenti) e di materiali/oggetti presenti nell'ambiente (letto, testaletto, campanello di chiamata, comodino, cassetti, armadio, sedia,
tavolino, sostegno per fleboclisi, monitor, TV, interruttori, maniglie, flussimetro, carrozzina...)
- Far seguire alla detersione una disinfezione con un cloroderivato alla concentrazione di 5.000 ppm (vedi tabella I) e lasciare in contatto per circa 10' (vedi nota pag. 23). Risciacquare, soprattutto le superfici metalliche, e
lasciar asciugare.
- Ripristinare la funzionalità dell'ambiente introducendo la sostituzione di tutti i materiali eliminati/ inviati ad
un trattamento di sanificazione.
5. Monitoraggio dell'adesione alle procedure indicate dal protocollo.
Definito un protocollo operativo, è necessario monitorare se il personale addetto aderisce in modo sistematico
alle indicazioni date. La tabella II propone una lista di controllo per tale verifica.
Tabella I. La diluizione dei cloroderivati*
Concentrazione iniziale
Sodio ipoclorito 1,1 %
Sodio ipoclorito 2,7 %
Sodio ipoclorito 5 % (candeggina**)
Sodiodicloroisocianurato (NaDCC) cp 4,6 g
Sodiodicloroisocianurato (NaDCC) cp 23 g
Quantità necessaria per ottenere 5 lt
alla concentrazione di cloro attivo di
5.000 ppm
2.275 ml
925 ml
500 ml
10 compresse
2 compresse
1.000 ppm
450 ml
185 ml
100 ml
2 compresse
* la diluizione deve essere fatta giornalmente, meglio ancora estemporaneamente, operando in ambiente areato
** attenzione alla stabilità delle preparazioni commerciali: la concentrazione in cloro potrebbe non risultare esatta
Tabella II. Lista per monitoraggio degli interventi*
CRITERI DI VALUTAZIONE
La stanza di isolamento è pulita al termine della pulizia delle altre stanze
La camera di degenza è pulita e disinfettata con la periodicità prevista dal
protocollo
Il bagno è pulito e disinfettato con la periodicità prevista dal protocollo
Le operazioni di pulizia sono effettuate rispettando le sequenza delle operazioni previste dal protocollo
Durante le operazioni di pulizia sono trattate prima le superfici più pulite,
poi quelle più sporche
Per la pulizia è utilizzato materiale dedicato
Alla dimissione la biancheria piana e tutti gli effetti letterecci sono rimossi
e inviati alla lavanderia negli appositi sacchi per biancheria infetta
Alla dimissione il materiale monouso viene rimosso ed è sostituito con
nuovo materiale
Il materiale monouso rimosso viene eliminato correttamente
Alla dimissione la camera è pulita a fondo ed è disinfettata accuratamente
La disinfezione è stata effettuata con cloroderivato 1000 ppm rispettando
il tempo di contatto indicato
Il materiale pluriuso e le attrezzature utilizzati per le pulizie al termine del
l'attività vengono detersi, disinfettati e asciugati
Il personale utilizza correttamente i DPI
Al termine degli interventi panni, guanti e camice sono smaltiti in modo
corretto
Al termine degli interventi il personale effettua il lavaggio delle mani
SI
NO
NOTE
* Questa lista non è esaustiva di tutte le operazioni di pulizia, che possono differenziarsi secondo il contesto della struttura,
le procedure adottate, l'organizzazione, ecc. Essa, quindi, deve essere articolata in funzione delle esigenze della struttura
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
37
Documenti
Allegato D
GESTIONE DI EVENTI EPIDEMICI
In presenza di un aumento dei casi di infezione da C.difficile in una unità operativa ospedaliera o in una struttura residenziale è importante intensificare gli sforzi mirati a ridurre il rischio che altri pazienti contraggano l'infezione.
Per raggiungere tale obiettivo bisogna:
- Intensificare le attività del gruppo operativo per il controllo delle infezioni: valutazione frequente dell'andamento di nuovi isolamenti di C.difficile, individuazione di un referente nella unità operativa/struttura interessata, conduzione di una indagine epidemiologica
- Istituire una sorveglianza attiva a livello locale
- Intensificare le misure di isolamento: valutare il contesto, definire un piano operativo
- Rinforzare tutte le misure igieniche e le pratiche di sanificazione ambientale, con particolare attenzione all'unità del paziente, alle attrezzature di uso comune a più pazienti che non si possono personalizzare (es. l'attrezzatura per la mobilizzazione dei pazienti/solleva persone).
- Ridurre i movimenti dei pazienti e dello staff al minimo: evitare i trasferimenti di pazienti con diarrea da un
reparto all'altro, limitare il trasferimento di letti, comode e altre attrezzature tra reparti diversi.
- Promuovere la comunicazione tra tutte le parti coinvolte e gli operatori: dirigenza Aziendale, equipe medico assistenziale coinvolta, gruppo operativo controllo infezioni, pazienti, ufficio relazioni con il pubblico,
ecc.
Obiettivo dell'indagine epidemiologica è identificare i serbatoi di infezione e le modalità di trasmissione allo
scopo di prevenire ulteriori casi. La tabella I riporta un elenco dei possibili fattori di rischio correlati all'ospite,
all'assistenza, all'ambiente, che possono giocare un ruolo nel contribuire alla insorgenza di una epidemia da
CD. La tabella II sintetizza le fasi della indagine epidemiologica con indicate le diverse responsabilità e le
azioni da svolgere.
Tabella I. Fattori di rischio potenzialmente correlati ad epidemie da C. difficile
FATTORI DI RISCHIO
DELL'OSPITE
- Immunodepressione
- Polipatologia
- Condizioni cliniche
severe
- Antibioticoterapia
prolungata
- Età avanzata
- Inadeguata igiene
della persona
- Paziente non
autosufficiente
38
FATTORI ASSOCIATI ALLA CURA E ALL'ASSISTENZA
FATTORI AMBIENTALI
Dispositivi e attrezzature mediche
- Presidi per l'eliminazione (es. padelle)
- Lavadisinfetta presidi per l'eliminazione
- Contenitori raccolta urine
- Carrelli utilizzati per le cure igieniche delle persone e
piani dei carrelli di lavoro
- Attrezzature per il monitoraggio dei parametri vitali
- Pompe infusionali
- Termometri, bracciali dello sfigmomanometro, stetoscopi
- Sostegni per fleboclisi
- Inadeguata pulizia
e/o disinfezione di:
· superfici ambientali;
· unità del paziente:
letto, comodino
effetti letterecci,
protezioni del
letto
· presidi per la
Organizzazione dell'assistenza e pratiche di assistenza
mobilizzazione
- Inadeguata registrazione di segni e sintomi di infezione
del paziente
nella documentazione clinico-assistenziale
· servizi igienici
- Modello assistenziale per compiti
- Mobilità del
- Insufficiente flusso informativo in merito alle condizioni
paziente
dei pazienti
- Scarsa adesione all'igiene delle mani e alle precauzioni da Carenze di spazi
per l'isolamento del
contatto
paziente o la possi- Eventuali indagini endoscopiche
bilità di fare una
- Trasferimento del paziente ad altra unità di cura
coorte.
- Assistenza al paziente prestata da personale non adeguatamente preparato (volontari, caregivers, badanti …)
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Prevenzione e controllo delle infezioni da C. difficile
Tabella II. Fasi, responsabilità, interventi, strumenti per l'indagine epidemiologica
Fasi dell'indagine
in caso di epidemia
Responsabilità
(Chi?)
Azioni/Interventi
(Che cosa/Come?)
Strumenti
(Con che cosa?)
1. Segnalazione dei
casi sospetti o
accertati.
Laboratorio ®
- Recepimento delle inforU.Operativa/Operatori ®
mazioni ricevute
Uff. Igiene/CIO ®
- Attivazione della procedura di accertamento
- Sorveglianza degli alert
- Comunicazione telefonica
2. Preparare il piano
dei lavori.
Ufficio Igiene /CIO ®
- Procedure o Protocolli
- Costituzione di un gruppo di lavoro (es. Gruppo
operativo CIO + infettivologo + epidemiologo)
da attivare alla conferma
di epidemia
3. Verificare la diagnosi dei casi (sospetti
e accertati) e confermare l'esistenza dell'epidemia.
Microbiologo ®
- Notifica di malattia infetInfettivologo ®
tiva
Medici, Infermieri,
- Ricerca e lettura della
Operatori socio sanitari
bibliografia
dell' u. operativa/e ©
- Raccogliere informazioni
Uff.Igiene /CIO ®
relative ai singoli casi
sospetti o accertati
- Verificare che non si tratti
di un incremento solo
apparente
- Confronto con la frequenza endemica di C.difficile
- Comunicare gli accertamenti in corso all'equipe
medico assistenziale
- Definire e comunicare le
prime misure di controllo
da adottare (misure
EBM/EBN)
4. In caso di epidemia
Medico e Infermiere
unità operativa/e ©
Gruppo di lavoro CD ®
- Attivazione del gruppo
- Bibliografia su eventi epidi lavoro CD
demici che coinvolgono
- Definizione delle indagiC.difficile
ni microbiologiche neces- - Ufficio relazioni con il
sarie
pubblico e/o Ufficio
- Il coordinatore del grupaddetto alle comunicaziopo di lavoro informa la
ni dell'Azienda Sanitaria.
Dirigenza Aziendale
(Direttore Generale,
Direttore Sanitario,
Direttore mministrativo)
e prende contatti con i
mezzi di comunicazione,
se del caso.
5. Descrivere i casi in
base alle caratteristiche "persona",
luogo", "tempo".
Epidemiologo ®
Medico o Infermiere
addetto al controllo
delle infezioni ®
Operatori U.O. ©
- Interviste ai singoli operatori dell'equipe medico
assistenziale per la raccolta di informazioni
- Ripetuti sopralluoghi
nella/e strutture
- Contatti informali con gli
operatori dell'unità operativa
Protocollo di gestione di
un evento epidemico
- Bibliografia
- Check-list per identificare
i fattori correlati all'ospite, ai fattori ambientali e
alle attività umane (il
tutto riferito a "persona" ,
"tempo", "luogo")
- Valutare l'opportunità di
avvalersi di una consulenza
- Identificazione dei componenti chiave del processo assistenziale e delle
potenziali motivazioni di
mancata compliance
- Incontri individuali e/o a
piccoli gruppi con gli operatori sanitari o socio sanitari dell'unità operativa
- Interviste semistrutturate
- Colloqui e sopralluoghi
- Tabelle riassuntive delle
informazioni raccolte
riferite a: persona, luogo,
tempo.
- Grafico della Curva epidemica
segue
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
39
Documenti
Fasi dell'indagine
in caso di epidemia
6. Formulare e testare
un'ipotesi
7. Valutare l'ipotesi
Se necessario ridefinire l'ipotesi ed eseguire studi supplementari
8. Implementare le
misure di prevenzione e controllo
9. Comunicare i risultati.
Responsabilità
(Chi?)
Azioni/Interventi
(Che cosa/Come?)
Gruppo di lavoro CD ® Definire e comunicare
all'equipe medico assistenziale le misure di prevenzione e controllo generali e
specifiche
Gruppo di lavoro CD ® - Sorveglianza per valutaEpidemiologo ®
re l'andamento dell'evento.
- Studio di epidemiologia
analitica (studio casocontrollo, di coorte)
Infermiere addetto al
- Incontro informativo con
controllo delle infezioni ®
il personale medico e di
Equipe medico assiassistenza sulle misure di
stenziale ®
controllo necessarie
- Fornire documentazione
a supporto
Ufficio Igiene/CIO ®
- Stesura del rapporto
- Organizzazione di uno o
più incontri informativi
10. Che cosa abbiamo
Ufficio Igiene/CIO ®
imparato dall'evento
epidemico.
Legenda: ® Responsabile - © Collabora
Strumenti
(Con che cosa?)
- Incontri con gli operatori
e documentazione
- Bibliografia su analoghi
- Studi di epidemiologia
analitica
- Schede informative sulle
misure da adottare per gli
operatori sanitari
- Schede informative per
personale di assistenza non
sanitario (es. caregivers)
- Report, Evento formativo.
- Ufficio relazioni con il
pubblico o Ufficio addetto alle comunicazioni
dell'Azienda Sanitaria.
- Imparare dall'esperienza: - Politiche di appropriatezesercitazione sull'evento
za della prescrizione antiepidemico
biotica
- Come prevenire e con- Audit sulle misure di
trollare
prevenzione e controllo
mirate
- Poster dell'andamento
endemico del microrganismo nell'unità operativa
(gestione a cura del case
manager)
- Monitoraggio e pubblicazione dei risultati.
Bibliografia
- Cromer Andrea L.,et al. Impact of implementing a method of feedback and accountability related to contact precautions compliance. AJIC Vol. 32 n.8
- Layton b, Mc Donald l, Gerding D. Liedtke L.StrasbaughL. IDSA Emergin Infections Network. Perceived increases in incidence
and severity of Clostridium difficile disease: an emerging threat that continues to unfold. 15th Annual Scientific Meeting of the
Society for Healthcare Epidemiology of America, Los Angeles, CA April 9-12, 2005 Abstract 66 2005
- Health Protection Agency - Department of Health Clostridium difficile infection:how to deal with the problem, Publication date
December 2008
- Loo V, Poirier L, Miller M, et al. A predominantly clonal multi-institutional outbreak of Clostridium difficile-associated diarreha with
high morbidity and mortality. N. Engl J.Med. 2005; 26(3):273-280
- McDonald L.OwngsM, Jerringan D. Clostridium difficile infection in patients dischared fron US short-stay hospitals. 1996-2003.
Emerg Infect Dis 2006; 12 (3):409-415
- Mc Donald L, Killgore G.Thompson A, ET AL. An epidemic, toxin gene-variant strain of Clostidium difficile. N Engl J.Med 2005; 353
(23):2433-2441
- Mooney H. Annual incidence of MRSA falls in England, but Clostridium difficile continues to rise. BMJ 2007; 335 (7627):958
- Muto C, Pokrywka M, Shutt K, et al. A large outbreak of Clostridium difficile - associated disease with an unexpected proportion of deaths
and colectomies at aateaching hospital following increased fluoroquinolone use. Infect Control Hosp Epidemiol. 2005; 26 (3):273-280
- PIDAC, Ministry of Health and Long-Terme care - Ontario, Best Practise Document for the Management of Clostridium difficile in
all health care settings, Gennaio, 2009.
- Vonberg R.p., Kuijper E.J. Wilcox M.H. et al. Infection control measures to limit the spread of Clostridium difficile. Clin Microbiol
Infect 2008;14 (Suppl.5)
40
GIIO, vol. 16, n. 1, Gennaio-Marzo 2009
Fly UP