...

Scrivo dunque sono

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Scrivo dunque sono
Scrivo
dunque sono
FRANZOSI guida
il licensing di Maserati
Massimo Franzosi, 43 anni, è diventato
responsabile licensing, merchandising e
sponsor di Maserati. La sua esperienza
più recente è di licensing & comarketing
manager nel comparto Brand Promotion
del gruppo Fiat. La sua assunzione alla
Maserati rientra nella strategia per accrescere valore e royalty del
marchio. Giornalista professionista, Franzosi è laureato in economia
aziendale presso l’Università Bocconi di Milano e insegna al master in
comunicazione d’azienda U.p.a. Ca’ Foscari. Ha pubblicato Licensing:
il business del marchio per S&K editore.
SPORTOLARI country manager di UPS
Frank Sportolari è stato nominato
da Ups country manager per l’Italia,
contestualmente Romaine Seguin è
diventato managing director per la
regione Sud Europa. Sportolari, nato a
Chicago, è alla terza esperienza in Italia,
dove ha ricoperto le posizioni di direttore
amministrativo dal 1998 al 1999 e di d.g.
dal 2002 al 2004. Laureato in economia
presso l’University of Illinois, Sportolari
lavora per Ups dal 1986.
MORESCHINI cresce
in Microsoft
Simonetta Moreschini è stata nominata direttore della
divisione Enterprise & Partner Group di Microsoft Italia,
si occuperà dei grandi clienti. Moreschini, laureata
nel 1984 in Scienze Politiche presso l’Università degli
Studi di Roma La Sapienza, ha lavorato per il Centro
studi di Confindustria e Unioncamere. Proviene da
Ibm dove è diventata nel tempo direttore responsabile
della struttura servizi del settore pubblico per l’area
Sud Europa e a.d. di Sistemi Informativi. Nel luglio
2006 è passata in Microsoft Italia con l’incarico di
direttore responsabile del mercato finance.
TARTAGLINI alle vendite Emea
di Infoprint Solutions
Moreno Tartaglini, 48 anni, è il nuovo
vice president sales per l’area Emea
di InfoPrint Solutions Company, joint
venture tra Ibm e Ricoh. Tartaglini, già
amministratore delegato di Infoprint
Solutions Italia e managing director
della Mediterranean Region, inizia la sua
carriera in Sirti nel 1980 per passare ad
Olivetti nel 1982. Lavora per Ibm dal 1997,
dove ricopre diverse cariche.
Candida Livatino
www.livatinocandida.it
L
o studio della grafia ha come obiettivo quello di scoprire la personalità
di chi scrive. L’analisi grafologica del testo ci aiuta a capire come
siamo, quella della firma come vorremmo essere. Qualche volta
c’è coincidenza fra realtà e aspirazioni, nel qual caso la firma assomiglierà
al testo, altre volte invece c’è una totale diversità. Oggi focalizzeremo la
nostra attenzione sulla firma. Essa rappresenta il nostro “IO sociale”, come
vorremmo che gli altri ci percepissero. Scrivere il proprio cognome e nome è
un modo per affermare se stessi, la propria personalità, la propria individualità.
Rispetto al testo la firma è di solito più veloce; viene per lo più scritta di getto,
senza pensarci, senza la preoccupazione che sia
comprensibile. Semmai sono gli altri a doverla
decifrare. Il messaggio è chiaro: io non mi mostro,
sono gli altri a dovermi scoprire. La firma è spesso
personalizzata, attraverso un segno grafico che
la rende unica e inimitabile. È come un’impronta
digitale: non ce ne sono altre uguali.
Già la posizione della firma sul foglio ci può dire
alcune cose.
FIRMA A SINISTRA
Coloro che posizionano la firma sul lato sinistro del
foglio sono molto legati ai valori del passato, alla
tradizione, spesso anche alle consuetudini. Sono
persone che si cautelano molto, poco innovative,
poco propense a cambiare abitudini, posto di
lavoro, amicizie. Guardano con timore, quasi con
sospetto, alla possibilità di fare nuove esperienze.
Evitano gli imprevisti, preferiscono ripercorrere
le strade note piuttosto che sperimentare nuovi
percorsi.
FIRMA A DESTRA
All’opposto coloro che firmano sul lato destro del
foglio sono molto ambiziosi, desiderano arrivare
alla meta il prima possibile, sono dinamici, sempre
in movimento, alla ricerca di novità, innovativi
e sperimentalisti. Non si fermano di fronte agli
ostacoli, anzi in essi trovano gli stimoli per andare
avanti. Alla base c’è il desiderio di affermare il
proprio IO sociale.
FIRMA AL CENTRO
Se la firma viene posizionata al centro siamo di
fronte a una persona che vive la quotidianità senza
ansia, assaporando giorno dopo giorno quello che
la vita le offre. È concreta, non rimpiange il passato
e non si butta a capofitto verso il futuro. Ha
bisogno di capire a cosa va incontro e di decidere
se ne vale la pena.
L’analisi della firma non può però limitarsi al
posizionamento del foglio. È altrettanto importante
la consequenzialità fra nome e cognome. È consuetudine che il nome
preceda il cognome, ma non sono poche le persone che fanno il contrario.
Sono soggetti che danno molta importanza alla propria famiglia, al casato,
che rappresenta un punto di riferimento fondamentale, un approdo sicuro
quando delusioni e incertezze prendono il sopravvento. Così come ha un
significato ben preciso il fatto che nome e cognome siano legati tra loro.
È tipico di chi è molto attaccato alle proprie origini, ma anche di una persona
che tiene a bada le proprie emozioni e pone tutto sotto il controllo della
logica. Si potrebbe proseguire cercando di scoprire cosa nasconde la firma
che si avviluppa in una specie di guscio, oppure l’utilizzo delle minuscole per
la prima lettera del cognome o di entrambe le iniziali. Ma di queste e altre
particolarità che riguardano la firma parleremo la prossima volta.
Marzo 2008 BusinessPeople
23
Fly UP