...

scarica la "guida" per redigere il CV EUROPASS

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

scarica la "guida" per redigere il CV EUROPASS
4. Guida alla compilazione di Europass Curriculum Vitae
4. Guida alla compilazione
di Europass Curriculum Vitae
Che cos’è
Europass curriculum vitae
Europass curriculum vitae è uno dei 5 documenti
attualmente compresi nel ‘Portafoglio Europass’.
Viene compilato direttamente dalla persona,
eventualmente (e spesso è utile che ciò accada)
con il supporto di consulenti (orientatori, operatori
del Cpi, docenti).
Rispetto agli altri strumenti che documentano
esperienze ‘puntuali’ (un percorso di laurea
attraverso il Supplemento al diploma o un corso
di qualifica tramite il Supplemento al certificato,
uno stage di studio e lavoro all’estero per mezzo
di Europass mobilità) e competenze specifiche (il
livello di competenza funzionale delle lingue
attraverso il Passaporto delle lingue), ECV è un
documento ‘longitudinale’, che presenta l’insieme
delle esperienze professionali o formative
(rimandando ad allegati specifici per comprovare
le singole esperienze) e offre il quadro completo
delle competenze comunque acquisite che
delineano il profilo del soggetto. E’ in sostanza
una sorta di ‘ipertesto’, flessibile, adattabile e
personalizzato.
33
Europass Curriculum Vitae manuale d’uso
Come è composto:
Formato e Guida alla compilazione
34
Informazioni personali
Cognome/i Nome/i
Scrivere il cognome in maiuscolo e il nome in minuscolo. Nel caso di più nomi, cominciare da quello
più in uso.
Indirizzo/i
Inserire l’indirizzo completo: Via, numero civico, paese (per l’Italia usare la sigla I), codice di
avviamento postale e città. Indicare l’indirizzo a cui si è maggiormente reperibili: nel caso in cui la
persona abbia indirizzi diversi, è possibile indicarli precisando per ciascuno la specifica reperibilità.
Nel caso di candidature all’estero ricordare che l’ordine con cui vengono indicati gli elementi che
compongono l’indirizzo può variare e che va sempre indicato anche il codice del paese.
Telefono/i e Fax
(opzionale). Indicare il numero di telefono a cui si preferisce essere contattati, precisando
eventualmente anche giorni/orari preferiti. Nel caso di candidature all’estero indicare anche il
prefisso del paese.
E-Mail
(opzionale). Indicare l’indirizzo di posta elettronica a cui si preferisce essere contattati, precisando
se si tratta di un indirizzo personale o professionale.
Data di nascita
(opzionale). Indicare la data di nascita secondo lo schema GG / MM / AA. Attenzione: l’indicazione
dell’età può essere considerata come discriminante.
Sesso
(opzionale). Indicare il sesso: Maschile / Femminile.
4. Guida alla compilazione di Europass Curriculum Vitae
Inserite qui
la vostra fotografia
Opzionale. Normalmente la
fotografia non è indispensabile, tranne nei casi in cui
sia richiesta dal datore di
lavoro. Per le foto digitali, è
opportuno utilizzare il formato jpg
35
Europass Curriculum Vitae manuale d’uso
Come è composto:
Formato e Guida alla compilazione
36
Occupazione desiderata / Settore professionale
Opzionale. Si può usare questo spazio per precisare l’impiego a cui la persona si candida,
indicando anche il settore di riferimento. Se non si ha un’idea precisa del tipo di occupazione
desiderata, è consigliabile eliminare questa sezione.
Esperienza professionale
Descrivere separatamente le singole esperienze che la persona intende presentare, cominciando
dalla più recente. Ogni esperienza va descritta utilizzando lo schema previsto dal modello: Date
(durata da ... a ...); Lavoro o posizione ricoperti; Principali attività e responsabilità; Nome e indirizzo
del datore di lavoro; Tipo di attività o settore. Le voci che descrivono l’esperienza sono organizzate
in tabella: per inserire più esperienze di lavoro copiare e incollare la struttura della tabella tutte le
volte necessarie.
Per chi è alla ricerca del primo impiego indicare anche i periodi di tirocinio.
Per chi è appena uscito da un percorso formativo può essere utile invertire l’ordine delle voci del
CV, facendo precedere la voce “Istruzione e formazione” a quella “Esperienza professionale”. È
utile in questo caso indicare anche i tirocini effettuati durante gli studi.
È importante essere concisi. Per coloro che hanno una pluralità di esperienze professionali è
opportuno selezionare attentamente quelle più adatte alla candidatura e che danno un valore
aggiunto al profilo del candidato. In questo senso può essere utile evidenziare esperienze che, pur
non essendo direttamente collegate all’occupazione, possono costituire un punto di forza (ad
esempio soggiorni all’estero)
4. Guida alla compilazione di Europass Curriculum Vitae
37
Europass Curriculum Vitae manuale d’uso
Come è composto:
Formato e Guida alla compilazione
38
Istruzione e formazione
Descrivere separatamente i diversi percorsi di istruzione e formazione effettuati, cominciando dalla
più recente. Ogni esperienza va descritta utilizzando lo schema previsto dal modello: Date (durata
da ... a ...); Titolo della qualifica rilasciata; Principali tematiche/competenza professionali possedute;
Nome e tipo d’organizzazione erogatrice dell’istruzione e formazione; Livello nella classificazione
nazionale o internazionale (opzionale). Le voci che descrivono le esperienze formative sono
organizzate in tabella: per inserire più percorsi copiare e incollare la struttura della tabella tutte le
volte necessarie.
Per chi è appena uscito da un percorso formativo può essere utile invertire l’ordine delle voci del
CV, facendo precedere la voce “Istruzione e formazione” a quella “Esperienza professionale”.
Nella descrizione dei percorsi formativi selezionare quelli che rappresentano un valore aggiunto alla
candidatura della persona.
Capacità e competenze personali
Questa parte del modello consente di evidenziare le diverse competenze (conoscenze e abilità)
acquisite dalla persona nel corso di esperienze lavorative, formative o non formali (es. tempo
libero): linguistiche, sociali, organizzative, tecniche, informatiche, artistiche, nonché l’eventuale
possesso di patenti di cui la persona è titolare. Tranne che per le competenze linguistiche,
l’indicazione delle altre voci è facoltativa. Nel caso in cui le tabelle corrispondenti a una o più voci
non vengano utilizzate si consiglia di eliminarle.
Confronta paragrafo ‘Come scrivere le capacità e competenze personali’ per ulteriori
approfondimenti sulla compilazione di questi campi.
4. Guida alla compilazione di Europass Curriculum Vitae
39
Europass Curriculum Vitae manuale d’uso
Come è composto:
Formato e Guida alla compilazione
40
Capacità e competenze linguistiche
Va indicata la madrelingua e le eventuali altre lingue conosciute. Per ciascuna delle lingue straniere
conosciute va espressa un’auto-valutazione delle competenze secondo i parametri definiti dal
quadro comune europeo di riferimento per le lingue: Comprensione (ascolto / lettura); Parlato
(interazione / produzione orale); Scritto (produzione scritta). Per compilare la tabella indicando livelli
di competenza (elementare, intermedio, avanzato) per ciascun parametro utilizzare la griglia di
auto-valutazione disponibile a pag. 67 e scaricabile dal www.europass.cedefop.europa.eu.
Nel caso in cui la persona sia in possesso di certificati che attestino la competenza linguistica
acquisita è opportuno precisare denominazione, livello e data di acquisizione del titolo.
Capacità e competenze sociali
(opzionale). Si fa riferimento alle capacità di vivere e lavorare in gruppo, essendo in grado di
comunicare e di comprendere / adattarsi a situazioni nuove. Le diverse capacità e competenze
vanno descritte in modo conciso, precisando anche in quale contesto sono state acquisite.
Capacità e competenze organizzative
(opzionale). Si fa riferimento alle capacità di progettare attività, guidare/coordinare altre persone,
diagnosticare e fronteggiare situazioni problematiche. Le diverse capacità e competenze vanno
descritte in modo conciso, precisando anche in quale contesto sono state acquisite.
Capacità e competenze tecniche
(opzionale). Si fa riferimento a capacità e conoscenze circa l’uso di macchinari e attrezzature (non
informatiche) o relative ad ambiti/settori professionali specifici. Le diverse capacità e competenze
vanno descritte in modo conciso, precisando anche in quale contesto sono state acquisite.
4. Guida alla compilazione di Europass Curriculum Vitae
41
Europass Curriculum Vitae manuale d’uso
Come è composto:
Formato e Guida alla compilazione
42
Capacità e competenze informatiche
(opzionale). Si fa riferimento a capacità e conoscenze relative a software, sia per un utilizzo di base
(elaborazione testi, browser di navigazione, ecc.) sia per un utilizzo avanzato (programmazione in
linguaggi specifici). Le diverse capacità e competenze vanno descritte in modo conciso, precisando
anche in quale contesto sono state acquisite.
Capacità e competenze artistiche
(opzionale). Si fa riferimento a capacità e conoscenze in ambito artistico (es. musicale, letterario,
arti visive e plastiche, ecc.) che possono costituire punti di forza per la candidatura. Le diverse
capacità e competenze vanno descritte in modo conciso, precisando anche in quale contesto sono
state acquisite.
Altre capacità e competenze
(opzionale). Si fa riferimento a capacità di altra natura, non citate altrove ma che possono costituire
punti di forza per la candidatura. Le diverse capacità e competenze vanno descritte in modo
conciso, precisando anche in quale contesto sono state acquisite.
Patente
(opzionale). Indicare il tipo di patente di cui la persona è titolare, precisando la categoria.
Ulteriori informazioni
Opzionale. Si possono evidenziare altre informazioni utili per sostenere la candidatura della
persona, ad esempio: pubblicazioni, appartenenza a organizzazioni professionali, persone da
contattare per referenze, stato civile, eccetera. Nel caso in cui la voce non venga utilizzata si
consiglia di eliminarla.
Allegati
Opzionale. Si possono può elencare la documentazione che si intende allegare al curriculum:
diplomi e certificati, attestati, pubblicazioni e ricerche, eccetera. Attenzione: i documenti devono
essere inviati in copia, mai in originale perché potrebbero essere smarriti.
4. Guida alla compilazione di Europass Curriculum Vitae
43
4. Guida alla compilazione di Europass Curriculum Vitae
‘QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO PER LE LINGUE’ (2001)
Che cos’è
Si tratta di un ricco repertorio di descrittori delle competenze linguistiche che un qualsiasi soggetto che
studia una o più lingue sviluppa nel suo percorso di apprendimento. Si candida ad essere un prezioso
strumento, trasparente e coerente, rivolto a tutti coloro che sono implicati nell’insegnamento/apprendimento delle lingue (docenti, studenti, enti certificatori, decisori delle politiche linguistiche, creatori di libri
di testo, ecc .).
In cosa consiste
Esso individua sei livelli di competenza linguistica (A1/A2, B1/B2, C1/C2) che possono essere raggiunti da colui che studia una lingua nel suo percorso di apprendimento, raggruppati in tre più ampi livelli:
elementare (A), intermedio (B) ed avanzato (C). E’ stata inoltre messa a punto una griglia di autovalutazione che descrive più nello specifico le competenze per i sei livelli.
A Livello Base
B Livello Autonomo
C Livello Padronanza
A1 Introduttivo o di scoperta / A2 Intermedio o di sopravvivenza
B1 Soglia / B2 Avanzato o indipendente
C1 Autonomo / C2 Padronanza
Questo documento incoraggia a riflettere in modo coerente e responsabile sull’uso della lingua, sulle
condizioni che consentono di utilizzarla, sul complesso processo di insegnamento/apprendimento, sulle
strategie e le abilità che promuovono o condizionano l’apprendimento.
Ambiti di utilizzo
Il Quadro Comune Europeo di Riferimento è destinato a tutti coloro che ‘operano professionalmente nel
campo delle lingue’ e quindi gli allievi, insegnanti, esaminatori, ispettori ministeriali, autori di libro di testo,
formatori, amministratori scolastici, organismi esaminatori, per incoraggiare la cooperazione nel campo
delle lingue moderne, a superare le difficoltà di comunicazione che la diversità dei sistemi scolastici fa
insorgere.
Il Quadro comune europeo è un punto di riferimento per la Scuola italiana. Il Ministero della Pubblica
Istruzione ha indicato i livelli raggiungibili per la prima lingua straniera nella Scuola Elementare, Media
e Superiore.
Il Quadro comune europeo è naturalmente un punto di riferimento anche per le autrici e gli autori dei
libri di testo.
47
Europass Curriculum Vitae manuale d’uso
48 b. Capacità e competenze sociali.
Tra queste possono essere messe in valore,
in funzione di una candidatura posta nei diversi contesti dove il ‘lavoro con altri’ è critico:
• lavorare in gruppo, coordinare altri,
coordinarsi con altri,
• comunicare (scrivere correttamente,
trasmettere informazioni in modo efficace,
presentare prodotti, negoziare, essere
persuasivi,
• capacità di adeguamento in ambienti
multiculturali
c Capacità e competenze organizzative.
Possiamo ricordare:
• gestire progetti,
• organizzare eventi (fiere, meeting, seminari,
ecc.)
• inserirsi in contesti organizzativi particolari
(lavorare per obiettivi, gestione di varianze,
ecc.)
• capacità specifiche di affrontare il lavoro (es.
responsabilizzazione verso i risultati,
precisione, resistenza allo stress, ….)
d. Capacità e competenze tecniche
• Attrezzature, macchine, strumenti specifici
• Procedure (es. controllo qualità,
certificazione, procedimenti amministrativi,
ecc.)
• Standard, norme, ecc. di un settore specifico
(es. catalogazione libraria)
e. Capacità e competenze informatiche.
E’ un importante campo di informazione che
riguarda sia l’uso di tools generali (word,
excel, ecc) sia competenze specialistiche (realizzazione di siti web, produzione di materiale
e-learning, gestione piattaforme, ecc.)
f
Capacità e competenze artistiche.
La capacità di dipingere o di suonare in
un’orchestra o di cantare in un coro, anche
se non fossero direttamente coerenti con i
contenuti professionali della posizione
richiesta, comunicano molto sulla persona: la
disciplina, il coordinarsi con altri, il fare
squadra, ecc.
g. Altre competenze:
Sono quelle che non hanno trovato spazio
nei campi precedenti, perché ritenute non
centrali o acquisite in esperienze di natura
non professionale (facendo sport, coltivando
un hobby, ecc.) e che possono completare in
modo più esauriente il quadro della
candidatura, perché spesso sono queste
(analogamente alle competenze artistiche)
che confermano competenze ‘trasversali’
molto apprezzate in un’organizzazione.
Appendice. Griglia per l’autovalutazione
A2
B1
B2
C1
C2
ASCOLTO
Riesco a riconoscere
parole che mi sono
familiari ed espressioni
molto semplici riferite a
me stesso, alla mia
famiglia e al mio
ambiente, purché le persone parlino lentamente
e chiaramente.
Riesco a capire espressioni e parole di uso
molto frequente relative
a ciò che mi riguarda
direttamente (per esempio informazioni di base
sulla mia persona e
sulla mia famiglia, gli
acquisti, l’ambiente circostante e il lavoro).
Riesco ad afferrare l’essenziale di messaggi e
annunci brevi, semplici
e chiari.
Riesco a capire gli elementi principali in un
discorso chiaro in lingua
standard su argomenti
familiari, che affronto frequentemente al lavoro, a
scuola, nel tempo libero
ecc.
Riesco a capire l’essenziale di molte trasmissioni
radiofoniche e televisive
su argomenti di attualità o
temi di mio interesse personale o professionale,
purché il discorso sia
relativamente lento e
chiaro.
Riesco a capire discorsi
di una certa lunghezza
e conferenze e a seguire argomentazioni
anche complesse purché il tema mi sia relativamente familiare.
Riesco a capire la maggior parte dei notiziari e
delle trasmissioni TV
che riguardano fatti d’attualità e la maggior
parte dei film in lingua
standard.
Riesco a capire un
discorso lungo anche se
non é chiaramente strutturato e le relazioni non
vengono segnalate, ma
rimangono implicite.
Riesco a capire senza
troppo sforzo le trasmissioni televisive e i film.
Non ho nessuna difficoltà a capire qualsiasi lingua parlata, sia dal vivo
sia trasmessa, anche se
il discorso é tenuto in
modo veloce da un
madrelingua, purché
abbia il tempo di abituarmi all’ accento.
LETTURA
Riesco a capire i nomi e
le persone che mi sono
familiari e frasi molto
semplici, per esempio
quelle di annunci, cartelloni, cataloghi.
Riesco a leggere testi
molto brevi e semplici e
a trovare informazioni
specifiche e prevedibili
in materiale di uso quotidiano, quali pubblicità,
programmi, menù e
orari. Riesco a capire
lettere personali semplici e brevi.
Riesco a capire testi
scritti di uso corrente
legati alla sfera quotidiana o al lavoro. Riesco a
capire la descrizione di
avvenimenti, di sentimenti e di desideri contenuta in lettere personali.
Riesco a leggere articoli
e relazioni su questioni
d’attualità in cui l’autore
prende posizione ed
esprime un punto di
vista determinato.
Riesco a comprendere
un testo narrativo contemporaneo.
Riesco a capire testi letterari e informativi lunghi e
complessi e so apprezzare
le differenze di stile. Riesco
a capire articoli specialistici
e istruzioni tecniche piuttosto lunghe, anche quando
non appartengono al mio
settore.
Riesco a capire con
facilità praticamente
tutte le forme di lingua
scritta inclusi i testi teorici, strutturalmente o
linguisticamante complessi, quali manuali,
articoli specialistici e
opere letterarie.
Riesco a interagire in
modo semplice se l’interlocutore é disposto a
ripetere o a riformulare
più lentamente certe
cose e mi aiuta a formulare ciò che cerco di
dire. Riesco a porre e a
rispondere a domande
semplici su argomenti
molto familiari o che
riguardano bisogni
immediati.
Riesco a comunicare
affrontando compiti
semplici e di routine che
richiedano solo uno
scambio semplice e
diretto di informazioni su
argomenti e attività consuete. Riesco a partecipare a brevi conversazioni, anche se di solito
non capisco abbastanza
per riuscire a sostenere
la conversazione.
Riesco ad affrontare
molte delle situazioni
che si possono presentare viaggiando in una
zona dove si parla la lingua. Riesco a partecipare, senza essermi preparato, a conversazioni
su argomenti familiari, di
interesse personale o
riguardanti la vita quotidiana ( per esempio la
famiglia, gli hobby, il
lavoro, i viaggi e i fatti di
attualità).
Riesco a comunicare
con un grado di spontaneità e scioltezza sufficiente per interagire in
modo normale con parlanti nativi. Riesco a
partecipare attivamente
a una discussione in
contesti familiari, esponendo e sostenendo le
mie opinioni.
Riesco ad esprimermi in
modo sciolto e spontaneo senza dover cercare troppo le parole.
Riesco ad usare la lingua in modo flessibile
ed efficace nelle relazioni sociali e professionali.
Riesco a formulare idee
e opinioni in modo preciso e a collegare abilmente i miei interventi
con quelli di altri interlocutori.
Riesco a partecipare senza
sforzi a qualsiasi conversazione e discussione ed ho
familiarità con le espressioni idiomatiche e colloquiali.
Riesco ad esprimermi con
scioltezza e a rendere con
precisione sottili sfumature
di significato. In caso di difficoltà, riesco a ritornare sul
discorso e a riformularlo in
modo cosí scorrevole che
difficilmente qualcuno se
ne accorge.
Riesco a usare espressioni e frasi semplici per
descrivere il luogo dove
abito e la gente che
conosco.
Riesco ad usare una
serie di espressioni e
frasi per descrivere con
parole semplici la mia
famiglia ed altre persone, le mie condizioni di
vita, la carriera scolastica e il mio lavoro attuale
o il più recente.
Riesco a descrivere, collegando semplici
espressioni, esperienze
ed avvenimenti, i miei
sogni, le mie speranze e
le mie ambizioni. Riesco
a motivare e spiegare
brevemente opinioni e
progetti. Riesco a narrare una storia e la trama
di un libro o di un film e
a descrivere le mie
impressioni.
Riesco a esprimermi in
modo chiaro e articolato
su una vasta gamma di
argomenti che mi interessano. Riesco a esprimere un’ opinione su un
argomento d’attualità,
indicando vantaggi e
svantaggi delle diverse
opzioni.
Riesco a presentare
descrizioni chiare e articolate su argomenti
complessi, integrandovi
temi secondari, sviluppando punti specifici e
concludendo il tutto in
modo appropriato.
Riesco a presentare
descrizioni o argomentazioni chiare e scorrevoli, in uno stile adeguato al contesto e con una
struttura logica efficace,
che possa aiutare il
destinatario a identificare i punti salienti da
rammentare.
Riesco a scrivere una
breve e semplice cartolina , ad esempio per
mandare i saluti delle
vacanze. Riesco a compilare moduli con dati
personali scrivendo per
esempio il mio nome, la
nazionalità e l’indirizzo
sulla scheda di registrazione di un albergo.
Riesco a prendere semplici appunti e a scrivere
brevi messaggi su argomenti riguardanti bisogni
immediati. Riesco a
scrivere una lettera personale molto semplice,
per esempio per ringraziare qualcuno.
Riesco a scrivere testi
semplici e coerenti su
argomenti a me noti o di
mio interesse. Riesco a
scrivere lettere personali
esponendo esperienze
e impressioni.
Riesco a scrivere testi chiari e articolati su un’ampia
gamma di argomenti che
mi interessano. Riesco a
scrivere saggi e relazioni,
fornendo informazioni e
ragioni a favore o contro
una determinata opinione.
Riesco a scrivere lettere
mettendo in evidenza il
significato che attribuisco
personalmente agli avvenimenti e alle esperienze.
Riesco a scrivere testi
chiari e ben strutturati
sviluppando analiticamente il mio punto di
vista. Riesco a scrivere
lettere, saggi e relazioni
esponendo argomenti
complessi, evidenziando i punti che ritengo
salienti. Riesco a scegliere lo stile adatto ai
lettori ai quali intendo
rivolgermi.
Riesco a scrivere testi
chiari, scorrevoli e stilisticamente appropriati.
Riesco a scrivere lettere,
relazioni e articoli complessi, supportando il contenuto con una struttura logica
efficace che aiuti il destinatario a identificare i punti
salienti da rammentare.
Riesco a scrivere riassunti
e recensioni di opere letterarie e di testi specialisti.
PARLATO
INTERAZIONE
SCRITTO
PRODUZIONE
ORALE
PRODUZIONE
SCRITTA
© Consiglio d'Europa: Quadro europeo comune di riferimento per le lingue
COMPRENSIONE
APPENDICE: griglia per l’autovalutazione
A1
Fly UP