...

A piedi con Benedetto

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

A piedi con Benedetto
Sentiero “ApiediconBenedetto”
Ora et Labora
l’economia dell’orto dalla campagna della valle dell’Aniene agli orti urbani della periferia romana
In una società ossessionata dalla velocità, quale intimo piacere regala l’andare a piedi, camminare nel paesaggio e nella natura.
Non c’è nulla di più piacevole, specie se fatto con lentezza.
Non consumiamo, non inquiniamo, non imponiamo a nessuno una presenza ingombrante e rumorosa.
Questo percorso a piedi è adatto a persone con questo spirito. Si propone di recuperare e mettere in rete diversi sentieri
escursionistici estesi per diversi chilometri all’interno della area orientale della Provincia di Roma, tra i gruppi montuosi dei
Monti Ruffi, Ernici-Affilani, Prenestini e nella zona dell’Agro Romano Antico; il percorso inizia a San Cosimato ed arriva alla
chiesa di S. Benedetto in Piscinula, nel cuore di Trastevere a Roma. Questi sentieri verranno recuperati, valorizzati e subito
utilizzati, il percorso farà infatti parte del prossimo programma escursionistico ( Federtrek ); Sentiero Verde li proporrà come
percorsi Giubilari nel corso del Giubileo della Misericordia.
Il percorso non avrà particolari difficoltà, sarà adatto a tutti su sentieri facilmente percorribili.
Il cammino potrà essere percorso in una unica volta tutto insieme in 9 giorni o in 4 week end oppure in traversate giornaliere di
una sola giornata.
Tappe:
1. Convento di San Cosimato – Anticoli Corrado (Lunghezza: 14 km)
2. Anticoli Corrado – Rocca Canterano - Canterano (Lunghezza: 14 km)
3. Canterano - Subiaco (Lunghezza: 11 km)
4. Subiaco – Affile – Roiate (Lunghezza: 13 km)
5. Roiate – Bellegra – Ritiro di San Francesco (Lunghezza: 12 km)
6. Ritiro di San Francesco – Pisoniano – Santuario della Mentorella (Lunghezza: 11 km)
7. Santuario della Mentorella – San Pietro Romano – Palestrina (Lunghezza: 14 km)
8. Palestrina – Via Francigena fino a Gabii (Lunghezza: 21 km)
9. Gabii – Casa Calda - CEA (Lunghezza: 17 km)
10. Casa Calda – Porta Maggiore - Piazza San Benedetto in Piscinula (Trastevere) (Lunghezza: 16 km)
____________ Vie Francigene del Sud
______________ Via Francigena
____________ Cammino di San Benedetto
______________ Cammino di Francesco
____________ A piedi con Benedetto
A piedi con Benedetto (Intero Percorso)
A piedi con Benedetto (Tratto Affile - Bellegra)
A piedi con Benedetto (Tratto Affile - Roiate)
A piedi con Benedetto (Tratto Roiate - Bellegra)
Da dove nasce questa idea di percorso( Punti fondanti)
 La presenza di S. Benedetto o dei suoi monaci benedettini in diversi eremi e monasteri sparsi nella Valle dell’Aniene e nel crinale
dei Monti Prenestini;
 La valorizzazione del lavoro della civiltà contadina a partire dal motto benedettino “ora et labora”;
 La valorizzazione della Agro-biodiversità di questa area attraverso l’istituzione di presidi alimentari che diano importanza alle
coltivazioni orto-frutticole tipiche della zona.
Dai dialoghi di Papa S. Gregorio Magno, biografo della vita di San Benedetto, apprendiamo che Benedetto lascia Norcia per venire a
studiare a Roma, la vita convulsa e dissoluta della città (siamo negli anni della caduta dell’impero romano) non gli si addice, e quindi
lascia la sua casa in Trastevere per raggiungere Elife (Affile), accompagnato dalla sua nutrice, dove dimora nei pressi della chiesa,
tuttora esistente, di San Pietro. Da qui si sposta nella valle dell’Aniene utilizzando antri e grotte per isolarsi nella sua vita eremitica (le
grotte della parete sprofondante sul fiume Aniene di San Cosimato, il Sacro Speco si Subiaco, le cavità carsiche della Mentorella sui
Monti Prenestini). Da qui torna più volte nella città di Roma utilizzando la via che passa per Palestrina; via che fino alla prima metà
dell’800 come si legge nella Analisi storico-topografico-antiquaria della Carta de’ dintorni di Roma di Antonio Nibby (storico,
archeologo e studioso di topografia) “sale per quasi 2 miglia al dorso del monte Carbonaro, dove è una croce sulla cima, ed una bella
spianata; ivi dappresso è un romitorio sacro a S. Benedetto. Da questo ripiano si può con sicurezza conoscere, che Civitella e Roiate sono
ambedue sopra una medesima striscia, intermedia fra quelle di Ponza ed Affile, e di Capranica e Palestrina. Da lungi discopresi Velletri, e il
dorso dei monti Lepini. Dopo un miglio si scende a Roiate, e nella discesa a destra veggonsi i due coni della Serra di Cerreto, e a sinistra da
lungi si distingue Paliano”.
Il Sentiero inoltre presenta in aggiunta alla valenza religiosa anche una valenza socio-economica, legata al lavoro degli uomini che nel
tempo hanno abitato questo territorio, sperimentando pratiche agricole che hanno permesso alla ortofrutticoltura praticata nella
media ed alta valle dell’Aniene di essere, per la città di Roma, il bacino di colture tipiche della zona. Queste arrivavano giornalmente
nei mercati romani con un percorso che non è stato certamente quello attuale, ma che si avvicinava di più a quello proposto da questo
cammino (spesso per non pagare le varie gabelle poste dai centri urbani attraversati saliva per colli e monti) .
Partendo da questa premessa il sentiero intende valorizzare la presenza degli orti presenti nel territorio e vuole incoraggiare i
coltivatori a trasformarsi in guardiani dei semi (seed saver), attraverso strumenti che aiutino ed incoraggino l’istituzione di una sorta
di banca collettiva dei semi che permetta la sperimentazione e il reciproco scambio delle sementi autoctone. Inoltre sull’esempio
dell’esperienza di Isabella Dalla Ragione del Giardino degli alberi perduti a San Lorenzo di Lerchi, nei pressi di Città di Castello, si
potrebbero cercare lungo il percorso presenze arboree da frutto, cultivar ormai abbandonate, da segnalare e riproporre come essenze
tipiche del territorio, che da questa valle si estende fino all’agro romano, dove troviamo nel VI Municipio, a Prato Fiorito, il parco
tematico “dell’acqua e del vino”.
Tornando al percorso questo si snoda lungo il fiume Aniene partendo dalla rupe del Monastero di San Cosimato fino ai monasteri
benedettini di Subiaco, con una piccola digressione verso i Monti Ruffi, deviazione che permette di visitare i borghi di Anticoli Corrado,
Rocca Canterano e Canterano. Lasciata Subiaco si raggiunge dapprima Affile, passando accanto alla chiesa di San Pietro, e poi Roiate
dove nella chiesa di San Benedetto viene custodita l’impronta lasciata dal Santo sopra la roccia calcarea. Da Roiate seguendo la vecchia
via per Olevano si passa per Bellegra e Pisoniano per poi salire sui Monti Caprini (propaggine dei Monti Prenestini) fino a raggiungere
il panoramico Santuario della Mentorella, luogo di incommensurabile bellezza naturalistica e di notevole interesse storico religioso,
anche qui si trova una grotta in cui visse per qualche tempo Benedetto.
Dalla Mentorella si sale a Guadagnolo e si va verso Castel San Pietro, l’antica acropoli della romana Preneste, dove si trova un’altra
chiesa dedicata all’apostolo San Pietro dove si dice sia stato Benedetto; il percorso quindi scende, attraverso le mura poligonali
dell’acropoli a Palestrina (Santuario della Fortuna Primigenia) e seguendo i basoli romani della consolare prenestina raggiunge
Gallicano nel Lazio.
Da qui, seguendo il “Sentiero degli acquedotti” si arriva al Castello di Passerano da dove, procedendo lungo il tracciato della Via Antira
(antica strada romana di collegamento tra Gabii e i Monti Prenestini) si raggiungono i resti della antica città latina di Gabii.
Costeggiando il cratere del prosciugato lago di Castiglione la Via Prenestina antica ci porta al fosso dell’Osa, dove numerose necropoli
hanno restituito i manufatti dei villaggi protostorici presenti nella zona.
Siamo nella periferia di Roma, il paesaggio diviene particolarmente urbanizzato, da qui districandosi tra cemento, aree di verde
pubblico (Parco dell’acqua e del vino a Prato fiorito) e servitù di passaggio della rete idrica cittadina si raggiungono le aree agricole
della tenuta Vasselli e della Tenuta della Mistica (presenza di Archi e Ponti dell’Acquedotto Alessandrino), il Parco dei Casali di Casa
Calda (Torre medievale del XIII secolo) e il Parco di Tor Tre Teste (Chiesa delle vele del Meier, Centro di Educazione Ambientale CEA).
Seguendo i resti dell’Acquedotto Alessandrino si passa per il Parco Archeologico di Centocelle, Villa De Sanctis (Mausoleo di Santa
Elena, catacombe dei Santi Marcellino e Pietro) sulla Via Casilina. Lasciata la via Casilina si raggiunge la Via Prenestina all’altezza del
Parco Archeologico di Villa Gordiani (Mausoleo della famiglia imperiale); da qui il percorso segue la Via Prenestina ed arriva a Porta
Maggiore (Colombario di Largo Preneste, Parco delle energie, Mausoleo del Torrione Prenestino, Basilica Pitagorica sotterranea di
Porta Maggiore).
Santa Croce in Gerusalemme, San Giovanni, Santo Stefano Rotondo ci faranno strada verso il Parco di Villa Celimontana, si scende poi
alla chiesa di San Gregorio Magno e siattraversano il Circo Massimo, il Foro Boario, il Foro Olitorio, il Teatro di Marcello, il Portico
d’Ottavia, l’Isola Tiberina fino a raggiungere Piazza in Piscinula, dove si trova la chiesa di San Benedetto in Piscinula costruita sopra la
casa romana del Santo.
Fly UP