...

Una madre pretende che la figlia cresca

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Una madre pretende che la figlia cresca
Una madre pretende che la figlia cresca
Una signora quarantacinquenne che vive in una grande città del Nord del paese, F., si
rivolge a uno psicologo. F., manager di una grande impresa, è separata dal marito. La signora,
laureata in economia e specializzata in analisi di bilanci, lavora con grande soddisfazione e
buon successo in un’impresa bancaria, ove dirige il settore d’analisi dei bilanci d’impresa,
quale istruttoria necessaria per il rilascio di crediti alle imprese. Per lavoro, F. ha spesso
necessità di viaggiare in Italia ed in Europa. Convive con una figlia diciannovenne, che
descrive come molto dipendente da lei, ancora infantile negli atteggiamenti, timorosa di
rimaner sola. Ogni viaggio per lavoro di F. è, a suo dire, un dramma per la figlia. Che protesta
di non voler rimaner sola a casa, che vorrebbe accompagnare la madre negli spostamenti, che F.
ritrova distrutta dall’insonnia e dall’ansia, ad ogni ritorno a casa dai viaggi per lei necessari. La
signora si rivolge allo psicologo per chiedere un intervento nei confronti della figlia. Pensa che,
ormai, sia infantile da parte della ragazza il non riuscire a rimaner da sola a casa, sia pure con la
presenza rassicurante della domestica e l’amicizia di una compagna d’università disposta a
dormire con lei, quando la madre s’assenta. La ragazza, che frequenta la facoltà d’Architettura,
è l’unica figlia di un matrimonio che, ben presto, s’è rivelato insostenibile per F., vista la
violenza del marito ed il suo morboso bisogno di controllarla. La separazione avvenne molti
anni fa, quando la figlia era ancora molto piccola; la figlia è sempre stata con la madre, ed ha
visto il padre solo raramente. Il padre s’è risposato ed ha due bambini; vive in un paese medio
orientale, ove s’è trasferito per lavoro. Madre e figlia sono state sempre molto vicine. Ora F.
sente che c’è qualcosa che non va nella figlia, denuncia il suo bisogno di controllo e di
attaccamento a lei, che sente come “morboso”. Vorrebbe che lo psicologo si occupasse della
figlia, l’aiutasse a crescere psicologicamente, contribuisse al perseguimento dell’autonomia
affettiva da lei, al raggiungimento di uno stile di vita consono alla sua età. C’è però un
problema: la figlia non ne vuol sapere di farsi aiutare da uno psicologo. F., quindi, chiede cosa
si debba fare per convincere la figlia ad accettare questo aiuto psicologico che ritiene
importante ed urgente.
Se psicologo crede alla Madre Per qualche
madre preoccupata per
secondo
l’immaturità della figlia
Mamma
collude con la sua
versione emoziopreoccupata
ne
Lei è nale dei fatti
dell’immatusi o
u
l
d’accordo
rità della
ol
C
sul fatto
figlia. Poi cessa,
che mia
Psicologo
se non è rifiglia sia
Int
attivata per
immatura e
e
o
r
rto ven
bisognosa
una scelta
p
edi to
di lei e di
relazionale.
co
Figlia
me?
(Emozione
Emozioni
per scelta
Lo psicologo non
crede alla mamma
preoccupata per
l’immaturità
della figlia
immatura
Madre
a
nd
ma
o
si d re
ali ad
An lla m
Psicologo de
Figlia
duratura =
affetto)
3) Se la è
madre impara
qualcosa su se
stessa…
1) può analizzare le emozioni
dei presenti;
2) è autorizzato
a farlo perché è
stato cercato.
Analizzare la domanda della madre è chiedersi se
dietro alle sue preoccupazioni per l’immaturità
della figlia non si nasconda qualcos'altro
e in particolare intenzioni possessive inconsce.
Le parole sono
comandate dal
sistema razionaleverbale e sono
attendibili solo
nelle r. di scambio
Madre
con la figlia
Relazione
possessiva
(che crea
sofferenza)
Le azioni sono
comandate dal
sistema emozionale (ed esprimono sempre fedelmente l’orientamento allo scambio o al possesso)
Versione proposta
dallo psicologo
Versione della moglie sul matrimonio
Versione proposta
dalla madre
Figlia
Madre con
l’ex marito
Madre
con la figlia
Marito
possessivo
(che crea
sofferenza)
Figlia
possessiva
(che crea
sofferenza)
(Pag. 155 di 1) «Possiamo ipotizzare anche la paura di
F., che s’esprime collusivamente nella preoccupazione
per la reazione della figlia al distacco [da dove si vede
Se accettava la sua parte di colpa nel fallimeche la preoccupazione della madre è collusiva coi
R. Carli e R. M. Paniccia, Analisi della domanda, Mulino 2003, p. 23 (e Casi clinici, pag. 151)
nto del matrimonio, poteva pensare che comcomportamenti della figlia ovvero che ufficialmente li
portandosi diversamente lei una nuova relacombatte mentre sotto banco li incoraggia?] [Dalla sua
zione avrebbe avuto un esito diverso. Questo
domanda allo psicologo!]. C’è una pretesa reciproca,
Il giusto della madre è arbitraIl
fisico
ha
un
punto
di
è il problema del futuro, perché o la madre si
rio se non è considerato giusto Committente
Committente
nella collusione fusionale che caratterizza la relazione tra
funzionamento
ottimale
trova una relazione importante o resta da soanche dalla figlia e pagare lo
(madre)
(madre)
madre e figlia, quella di esaurire ogni dimensione
la. Per questo non le conviene attribuire tutpsicologo per imporlo alla
affettiva entro la relazione tra loro [!].. Tale pretesa non
Non
vedo
nulla
da
curare
te le colpe al marito e alla figlia. Smettere
figlia…rendechi chiede e paga un interpuò che fallire. Il suo fallimento induce due possibili
vento
che
non
è
su
di
lei
con la figlia è il primo passo. Il passo imporirrisolvibile
neoemozioni: il controllare (neoemozione che caratterizMedico
Uno psicologo deve assoluun caso facile
tante è smettere col marito. Dopo può fare
za la figlia) e il diffidare (della madre verso la figlia.»
È
meglio
se
si
cura
tamente evitare di fare come
anche lei quello che consiglia alla figlia: creIl medico esamina
La
conclusione
del
libro
(con
la
figlia
che
prende
l’iniil medico perché
scere. Una parte di lei chiede di far crescere
non c’è
Psicologo
le ragioni di questa
Familiare
ziativa
e
attua
il
suo
controllo
con
atti
provocatori,
menun
comportamento
la figlia sperando di trovare uno psicologo
I
che non vuole ricortre la madre si difende cercando la collusione dello psiort nterv
giusto e uno sba- madre e se non è tranche faccia crescere la madre. Una 45-enne ha
rere al medico
quillo prescrive esami al
(ch
op en gliato oggettivo
(1) non dà sencologo
per
far
vincere
la
sua
diffidenza):
una seconda vita davanti e il problema di
edi to
all’ e ric
familiare restio a curarsi
so a quello che sta succedendo; (2) non mostra alla mac
crescere ce l’hanno anche le 45-enni…
o
ort on
dre
i
vantaggi
del
passare
dal
possesso
reciproco
ad
una
os, duc
Cliente
se smettono di dare tutte le colpe agli altri!
(pag. 152 di 1) «La domanda, se riguardasse una
alla e
relazione
di
scambio.
Fare
entrambe
queste
cose
è
faci(figlia)
patologia somatica, non avrebbe alcunché di ‘strano’.
r
le
se
si
parte
da
qui
e
La figlia si propone
Saperlo
cambia
la
vita!
(che l’intervento
tta
Il criterio
Più volte il medico si trova confrontato con interventi
Per questo te
via
non lo vuole)
come compagna di
“modello-scarto”
l’ho
chiesto

che
il
paziente
non
vuole;
specie
nel
caso
di
patologie
I
figli
che
intendono
rompere
Ce
ne
andia)
viaggio come se fosche concernono bambini e anziani, ma a volte anche
coi loro genitori per fare la
mo x colpa
?
?
se il marito
nel caso di persone adulte. La pressione dei familiari, d’altro canto è solitamente in grado di far accettare al vostra!
loro vita possono scegliere
per evidenun atteggiamento possessivo
malato la cura, grazie anche alle rassicurazioni che il medico stesso è in grado di offrire al paziente [!].
ziare che non
per ottenere il fallimento
La
cultura
di
un
gruppo
definito
da
una
relazione
è
chiaRelazione 1
può essere
della relazione avuta fino ad
Madre con
Figlia
mata
dalla
CfAD
cultura
locale
ed
è
rilevata
con
l’AET.
questa la sua
oggi attribuendo la colpa
la figlia
Valori 1 Cultura 1
posizione
della rottura ai loro genitoSulle culture per ora basti sapere che: 1) una persona
No, grazie! conosce tante culture quante sono le sue relazioni;
No!
ri e disprezzando quello che
futura con la
Relazione
2
Valori 2
madre!
2) ogni cultura crea i suoi valori e definisce diversamente hanno ricevuto come figli, cosa che permette loro di
Madre
Vorrei
venire
con
te
Non
mi
va
Psicologo cosa considerare bene o male con un accordo interno
non sentirsi in debito e di andarsene senza ringraziare.
Cultura 2
con lo psicologo
che vieni
Fly UP