...

Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
Giovanni Ferrero
Pagine fliscane
Isabella Fieschi
figlia di Scipione
Documenti di archivio
Storia locale nuova serie n° 12
Desidero ringraziare l’amico Riccardo Dellepiane per la
segnalazione dei documenti conservati presso l’Archivio di
Stato di Genova (Finanza 8) utilizzati per questa breve nota
storica.
Un ringraziamento particolare alla prof.ssa Graziana Grosso
Paglieri, al prof. Mario Traxino ed a Sandro Sbarbaro.
Proprietà grafica e letteraria © Giovanni Ferrero 2006
La versione elettronica di “Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia
di Scipione” è stata curata, nell'anno 2006, da Mario Senoglosso
La presente copia di “Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di
Scipione” è stata scaricata dal sito www.valdaveto.net
Come tutte le storie anche quella della famiglia Fieschi è
formata da un fitto intreccio di vicende più o meno rilevanti.
Ma anche i fatti apparentemente meno importanti hanno
contribuito altresì a fornire quella visione d’insieme che è poi la
traccia lasciata nel tempo da questa nobile famiglia genovese.
L’idea di avviare questa nuova collana denominata 'Pagine
Fliscane', nasce proprio dalla volontà di raccogliere queste
piccole vicende quotidiane che spesso non vengono pubblicate.
Crediamo invece che ogni singola vicenda, ogni storia del
quotidiano, ogni spaccato di vita, meriti di essere raccolto in
piccole pubblicazioni che col tempo possano formare una
grande collana.
Solo per caso il primo numero riguarda Montoggio e una
vicenda che si è svolta nella fortezza che i Fieschi possedevano
in questo paese.
Sergio Rossi, presidente del Centro Culturale Peppo Dachà di
Montoggio
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
Isabella figlia del Conte Scipione Fieschi
L’opportunità di poter consultare la documentazione raccolta
nella filza Finanza 8 conservata presso l’Archivio di Stato di
Genova ci permette di poter accertare la breve presenza nel
Castello di Montoggio della “puella” Isabella.
Le documentazioni sono riferite ad una sentenza avente per
argomento l’affidamento, l’educazione e la cura della
giovanissima contessa Isabella.
La sentenza emanata dalla corte della Serenissima Repubblica di
Genova fu la conclusione di una complessa controversia sorta
tra gli eredi del q. Conte Sinibaldo Fieschi e Lucrezia Malaspina
Marchesa di Massa nonchè di Ricciarda Malaspina Cybo madre
di Isabella (1) .
Occorre ricordare che Scipione Fieschi aveva contratto un primo
matrimonio con Eleonora figlia di Antonio Alberico II°
Malaspina e di Lucrezia di Sigismondo d’Este, Marchesi di
Massa. Matrimonio di breve durata causato dalla prematura
morte della giovane moglie.
In seguito egli contrasse un nuovo matrimonio con Richarda o
Ricciarda, sorella della defunta moglie, dalla quale unione derivò
la nascita di Isabella (2) .
La documentazione relativa alla deposizione della requisizione
datata 1532 ,14 luglio, posta da Raphael de Blaxijs de Carraria
“doctor tamque actor Ill.me Lucretie Malespine Marchionissa
Masse” nonché tutrice in parte curatrice di Isabella figlia del q.
1
Ill.mo Dom. Scipione e dell’Ill.ma D.na Richarda Malaspine Cybo
Marchionissa di Massa, non pone dubbi circa la provenienza
natale della giovane Isabella concedendo alcuni particolari di un
certo interesse.
Isabella era figlia naturale dell’Ill.mo D.no Scipione de Flisco e
della Ill.ma D.na Ricarda Marchionissa di Massa sua moglie, nata
dal loro legittimo matrimonio. Isabella venne al mondo nel
castello del luogo e giurisdizione di Massa,e qui battezzata “in
detto loco Masse in ecclesia Beato Petri dicti loci Masse”.
In questo stesso luogo di Massa venne educata per alcuni anni.
La morte di Scipione avvenuta nel 1520 e le disposizioni da
lui dettate attraverso il testamento prevedevano che la cura
sia degli interessi dotali che della educazione della giovane
figlia venisse assolta dal fratello Sinibaldo e quindi
all’interno della famiglia dei Fieschi Conti di Lavagna (3) .
Nel gennaio del 1532 decedeva con una inaspettata morte anche
Sinibaldo Fieschi.
La sua figura e la sua importanza nell’ambito del governo della
Serenissima Repubblica, secondo alcuni storici, andava ad
eguagliare una altrettanto valida personalità, cioè quella
dell’ammiraglio Andrea Doria con il quale egli aveva instaurato
un rapporto di reciproco rispetto (4) .
Tale stima appare anche evidenziata dalla sua presenza in
qualità di fideicommissario e tutore dei suoi eredi assieme alla
moglie Maria della Rovere ed ai D.ni Ansaldo Grimaldi, Ettore
2
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
de Flisco, Ambrogio Spinola, Enzobio de Flisco Moronus e Paolo
Pansa.
Ed è propriamente destinato ai signori sopracciati il richiamo di
comparizione emanato da parte dell’Ill.mo Podestà della città di
Genova per approfondire le ragioni ed adempiere al dovere di
risposta alla supplica inoltrata da Ricciarda Malaspina marchesa
di Massa in data 4 marzo 1532.
Invito a comparire che venne recapitato a tutti gli interessati.
La morte di Sinibaldo Fieschi , motore dei complessi equilibri
politici della famiglia che aveva raggiunto posizioni di prestigio
sia presso la corte papale che presso le più importanti corti
europee determinò un grande vuoto tra gli appartenenti a quel
consorzio familiare che veniva indicato e conosciuto quale “Illi
de Flisco”(Appartenenti al consorzio familiare Fliscano). Nella
sua persona erano confluite le cariche ereditarie dei numerosi
possedimenti e feudi posti nei territori alle spalle della città e
negli stati vicini della Lombardia e dell’Emilia vantando anche il
titolo ottenuto per la contea di S.Valentino posta nel territorio
campano (5) .
La sua dipartita venne particolarmente ad influire sulla
condizione economica e sulla conduzione domestica che la
moglie Maria della Rovere si trovò ad affrontare (6) .
Seguendo le caratteristiche ed i comportamenti dei componenti
delle case nobiliari dell’epoca Sinibaldo, oltre alla numerosa
prole nata dal regolare matrimonio con Maria provvedeva alla
cura e educazione di altri figli legittimati.
3
Morto Sinibaldo, Maria si trovò gravata dal compito di
provvedere ad una numerosa figliolanza a cui era necessario
dare una adeguata educazione consona al rango familiare.
Oltre ai figli Gian Luigi, Gerolamo, Ottobono, e Scipione ed alle
figlie Angela Caterina, Camilla e Francesca facevano parte della
famiglia i figli legittimati Giulio, Cornelio, Claudia e Camillo (7) .
La documentazione presa in esame ci rivela che questo
complesso gruppo di figliolanza venne arricchito per un certo
periodo dalla presenza di Isabella figlia di Scipione.
L’assunzione della tutela e della cura della dote di Isabella da
parte di Sinibaldo, suo zio paterno, poteva essere proseguita
nell’ambito della famiglia della vedova Maria e dei tutori
nominati a cautela dei figli (8) .
Nei documenti esibiti nella procedura di difesa viene precisato
che :
“ D.na Mariam dicta D.na Izabella debeat educari”. E che la volontà
di averne cura non era stata imposta con forza ma che:
“Ill.mo D.no Synibaldi educabat de voluntate et consensu dicte D.na
Lucretie et D.na Rizarda Quod ad ipsum illam transmisserunt”....
“Summo con studio et satisfactiones ipsius D.na Izabelle, con filiabus
Ill.mi Synibaldi, educetur”. La giovane Isabella appare integrata
nel nucleo familiare dei giovani Fieschi e la sua educazione viene
descritta di qualità paritaria a quella impartita alla proprie
legittime figlie.
Nonostante ciò, a soli tre mesi dalla morte di Sinibaldo, veniva
aperto un contenzioso da parte della nonna materna e della
madre relativo certamente alla educazione della giovane Isabella
non disgiunto dall’interesse per il controllo della sua cospiqua
4
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
dote ed anche in virtù del fatto che la morte di Sinibaldo poteva
considerare esaurito il compito della tutela da lui assunta.
Maria della Rovere, probabilmente consigliata dai tutori, dopo la
morte del marito, aveva preso la decisione di intensificare la
presenza abitativa nel Castello di Montoggio che poteva
garantire una maggiore protezione alla prole ed anche una
riduzione delle ingenti spese che la vita cittadina
necessariamente imponeva alla loro posizione di prestigio (9) .
Questa scelta, oltre a quella dell’esaurito compito di tutela, venne
esposta come una imposizione ed una prigionia a cui sarebbe
stata sottoposta da parte dei Fieschi la “puella Izabella”.
…” prefate D.na Izabela conducta fuit bonis persuasionibus ac
suggestionibus, ipsius avia et matre ignorantem (?)….voluntate ad
Castrum Montobi”. Lontano dalla giurisdizione della città di
Genova.
La richiesta avanzata mette in risalto che essa avrebbe potuto
essere accudita e ed educata dalla Ill.ma D.na Lucretia sua “avia
Materna” presso la giurisdizione di Massa che era anche il suo
luogo di nascita.
La risposta a queste affermazioni cercò di chiarire la scelta
effettuata per la residenza a Montoggio :” D.na Izabela cum bona
venia not …in Castro Montobij tamque ibi detenta et conducta……
dicti locus sit locus et solita habitatio familie Ill.mo D. Synibaldi”.
La sentenza emanata il 19 dicembre del 1532 poneva termine a
questo avvenimento con lo scopo preciso :“pro beneficio puelle” e
con la sentenza per l’affidamento e la cura di Isabella alla ava
materna. Quanto sopra determinava anche la tutela e la cura dei
suoi beni per cui gli Ill.mi “fideicomissarij filior. q. Ill.mo Synibaldi”
5
restavano obbligati a presentare una idonea fideiussione,
approvata dal Magn.co Duce e dai Governatori, per il valore di
“scutis duodecimillibus auri solis”nonché “tam in consignanda et
restituenda dicta puella “ entro il 15 febbraio del 1533 (10) .
L’argomento preso in esame ci consente di chiarire che il
Castello di Montoggio venne descritto, non paragonandolo ad
una grigia prigione, ma bensì quale luogo di diletto per la
conduzione di una normale vita di una famiglia nobiliare
dell’epoca. Famiglia assai complessa quale è stata quella di
Sinibaldo Fieschi Conte di Lavagna.
Più tardi , nel tempo, questo luogo diverrà il loro ultimo
baluardo (11) .
6
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
7
8
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
Note
Nota 1
Le documentazioni prese in esame sono conservate in Archivio
di Stato di Genova - Finanza 8.
I documenti non portano alcuna numerazione di riferimento ma
sono riferibili alle seguenti datazioni:
1) 1532, 4 marzo
2) 1532,17 giugno
3) 1532, 14 luglio
4) 1532, 172 24 luglio
5) 1532, 19 dicembre
6) 1532, 31 dicembre
Per i Malaspina:
➢ Giorgio Fiori, I MALASPINA. CASTELLI E FEUDI NELL’OLTREPÒ
PIACENTINO, PAVESE, TOTONESE , Piacenza 1995, pagg. dalla 5
alla 15
➢ Guido Guagnini, I MALASPINA DI VAL STAFFORA , Voghera 1967,
pagg. dalla 19 alla 37
➢ Ubaldo Formentini, NOTE TOPOGRAFICHE ED ARTISTICHE VEZZANESI ,
Istituto Internazionale di Studi Liguri. Collana storica della
9
Liguria Orientale, V°, Cuneo 1970, pagg. dalla 18 alla 19
➢ Fabrizio Bernini, LA BADIA DI S.ALBERTO DI BUTRIO TRA STORIA,
ARTE E FEDE, Borgonovo Val Tidone, Piacenza, 1993, pagg.
dalla 27 alla 36
➢ Romeo Pavoni, GENOVA E I MALASPINA NEI SECOLI XII E XIII in
LA STORIA DEI GENOVESI , IX vol. degli ATTI DEL CONVEGNO
INTERNAZIONALE DI STUDI SUI CETI DIRIGENTI NELLE ISTITUZIONI DELLA
REPUBBLICA DI GENOVA, GENOVA 7-10 GIUGNO 1988 , Genova
1989, pagg. dalla 451 alla 484
Per la divisione dei beni malaspiniani:
➢ Carmen Artocchini, CARISETO IN VAL D’AVETO E IL SUO CASTELLO
in BOLLETTINO STORICO PIACENTINO XLIV-XLIX , Piacenza
1954, pag. 123
➢ Alessandra Sisto, I FEUDI IMPERIALI DEL TORTONESE (SEC.XI-XIX)
, Università di Torino, pubblicazioni della Facoltà di Lettere
e Filosofia, 1956, vol.VIII fasc. 5, pagg. 8 e 9
➢ Guido Guagnini op. cit. pagg. 33-34 :
“Nel 1221, infatti, gli ered\i di Obizzo (Malaspina) dividono i
beni familiari, fino allora comuni, in due parti. La divisione
avviene fra Corrado l’Antico e suo biscugino Obizzino figlio di
Guglielmo.
…Eleggono due diverse sedi: Corrado sceglie Mulazzo, Obizzino
10
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
elegge invece Filattiera
...In tale occasione fra i due cugini viene pure stabilita una
distinzione araldica.
...Lo stemma originario era costituito da uno spino secco o nero in
campo d’oro, adesso invece tale impresa viene adottata solamente
da Corrado di Mulazzo, mentre Obizzino di Filattiera adotta uno
spino fiorito
...Fu una semplice convenzione di famiglia che distinse la
numerosissima progenie nei due noti rami”.
Per Fosdinovo:
➢ Cristina Bartolini, FOSDINOVO in CASTELLI E BORGHI DI LUNIGIANA
, Genova 1995, pagg. dalla 42 alla 46
➢ A.C. Ambrosi – F.Carrozzi, IL CASTELLO DI MONETA (CARRARA)
in GIORNALE STORICO DELLA LUNIGIANA E DEL TERRITORIO LUCENSE ,
Nuova Serie, anni XXXV-XXXVI
1984-1985, Sarzana 1986, pagg. dalla 79 alla 130
➢ Andrea Lercari, REPUBBLICA DI GENOVA E FEUDALITÀ LUNIGIANESE
TRA XVI E XVII SECOLO : I MALASPINA DI MULAZZO, DI
MADRIGNANO, DI SÙVERO E DI FOSDINOVO
in LA MONTAGNA TOSCO-LIGURE-EMILIANA E LE VIE DI COMMERCIO E
PELLEGRINAGGIO: BORGO VAL DI TARO E I
FIESCHI - ATTI DEL CONVEGNO, BORGO VAL DI TARO, 6 GIUGNO 1998
a cura di Daniele Calcagno, Borgo Val di Taro, 2002, pagg.
dalla 517 alla 529
11
Per Massa:
➢ Luigi Staffetti, GIULIO CYBO-MALASPINA MARCHESE DI MASSA,
Modena, 1892, pagg.11-23
“.. Il nome di “Castum Massae” dato a Massa vecchia ci conferma
come essa dovesse essere ab antiguo terra forte e cinta tutt’intorno
di mura...”
➢ Giorgio Fiori, op. cit. pag. 273, trascrizione del diploma
dell’Imperatore Federico Barbarossa attraveso il quale
vengono confermati i domini al Marchese Obizzo Malaspina
- 29 settembre 1164
“…Masse quartam partem castri et curie...”
Per l’appartenenza di Massa ai Malaspina :
➢ Luigi Staffetti, GIULIO CYBO -MALASPINA, op. cit. pagg. dalla 11
alla 23:
”.. Massa passò in potere dei Lucchesi, dei Pisani e dei Fiorentini
che alternativamente se la presero per circa due secoli. I
Malaspina non cessarono mai dall’attribuirsi certi diritti che su di
essa riponevano dalle investiture imperiali, diritti che vediamo poi
riconosciuti dalla stessa libera volontà dei massesi. Il primo
giugno del 1442 cinque suoi cittadini compongono i patti e le
convenzioni per dare la signoria al Marchese Antonio Alberico
Malaspina di Fosdinovo. Nel 1473 Giacomo figlio di Alberico che
12
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
gli era succeduto nel 1444 accrebbe i possedimenti lasciatigli dal
padre con le terre di Carrara, Avenza, Moneta che ottenne da
Antoniotto Fregoso in cambio delle sue terre di S. Nazario presso
Pavia e 5000 scudi d’oro. Antonio Alberico II successe al padre
nel 1481, alla sua morte non vi fu discendenza maschile. Lo stato
passò a Ricciarda, secondogenita, cui spettava per la morte di
Eleonora sua sorella che non aveva lasciato figliolanza. Infatti
Antonio Alberico II non ebbe figli maschi da Lucrezia di
Sigismondo d’Este ma solo quattro femmine cioè: Eleonora,
Ricciarda,Caterina e Taddea…”
Le trattative per l’unione matrimoniale tra i Signori di
Massa ed i Conti di Lavagna hanno un precedente, infatti :
“..si trattò per dare Eleonora in sposa a Girolamo figlio di Giovan
Luigi del Fiesco Conte di Lavagna ma non essendo risultata bene
questa pratica per la improvvisa morte del giovane ucciso dai
Fregosi nel 1513 venne stabilito il matrimonio di Eleonora con
Scipione fratello di Girolamo…”.
➢ Umberto Burla, MALASPINA DI LUNIGIANA. DALLE ORIGINI SINO
ALLA FINE DEI FEUDI IMPERIALI , La Spezia 2001 cap. IX
pagg. dalla 173 alla 208
➢ Mario Traxino, GIAN LUIGI FIESCHI “IL GRANDE” E LA SUA AZIONE
EQUILIBRATRICE TRA LE FAZIONI GENOVESI in I FIESCHI TRA PAPATO
ED IMPERO. ATTI DEL CONVEGNO LAVAGNA , 18 DICEMBRE 1994 a
13
cura di Daniele Calcagno, prefazione di Gabriella Airaldi,
Lavagna 1997, pag. 278 :
”...Lo sguardo del Fieschi si posa, a questo punto, sul marchesato
di Massa, dove Alberico Malaspina, non avendo eredi maschi,
vuole trasmettere la signoria a chi sposerà sua figlia Leonora e
Gian Luigi riesce a convincerlo ad accettare la candidatura del suo
primogenito Gerolamo. Si delinea così, in un futuro ormai
prossimo, la creazione di uno “Stato Fieschi” di proporzioni
gigantesche che comprende Loano, la montagna e la Riviera ligure
di Levante e quella toscana sino a Massa e controlla le principali
strade appenniniche che portano alla pianura Padana…”.
➢ Luigi Staffelli, op.cit. Nota 1. da LIBRO I° DELLE MEMORIE DELLA
FAMIGLIA CYBO , Archivio di Massa car. 48 :
“…Il Marchese venne fra poco in concordia con Scipione Fiesco
Conte, giovane grande della persona e piacevol nel viso, grazioso e
pieno di ogni valore..”.
“...Dopo pochi mesi Eleonora morì. Allora Antonio AlbericoII
chiese al Papa Leone X(Giovanni de Medici 1513-1521, mediante
l’esborso di alcune migliaia di scudi, la dispensa necessaria per
permettere in questo modo al genero Scipione la possibilità di
maritarsi anche con Ricciarda.
Ricciarda fu desiderata in moglie da illustri signori. Fin dal 1513 i
Medici avevano prospettato un matrimonio tra Ricciarda o
Taddea per Giuliano figlio di Lorenzo il Magnifico…”.
14
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
Politica matrimoniale che non venne del tutto abbandonata.
➢ Mario Traxino, SCIPIONE FIESCHI ED IL SUO CONFLITTO CON
OTTAVIANO CAMPOFREGOSO (1513-1515) in I FIESCHI TRA
MEDIOEVO ED ETÀ MODERNA - ATTI DEL CICLO DI CONFERENZE TENUTE
IN OCCASIONE DEL 450° ANNIVERSARIO DELLA CONGIURA DEI FIESCHI GENOVA, 21 OTTOBRE - 2 DICEMBRE 1997 a cura di Daniele
Calcagno, prefazione di Paolo Lingua, Genova 1999, pag.
157
15
Nota 2
Cfr. Luigi Staffelli , op. cit.
Il 13 aprile 1519 muore Antonio Alberico II.
Il 14 aprile dello stesso anno il Consiglio del Popolo di Massa
dichiara successori Lucrezia da Este , governatrice, e Ricciarda
con il marito Scipione.
16
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
Nota 3
Dalla unione tra Ricciarda e Scipione nasce Isabella.
Scipione a causa di una malattia che lo porterà al decessso
dispone il suo testamento in Sestri Levante il 15 febbario 1520.
Federico Federici, DELLA FAMIGLIA FIESCA (TRATTATO DELLA) ,
pagg. 183 e 184 - Testamentum Illustr. D. Scipionis de Flisco
Masse Marchionis
Dispone per la sua sepoltura nella chiesa di S. Francesco di
Massa nel monumento in cui è sepolto Alberico Malaspina suo
suocero.
Dispone vari lasciti, tra i beneficiari viene nominato anche Jo
Ludovico suo figlio naturale per un lascito di duemila ducati.
A Ricciarda sua moglie dispone oltre ai numerosi beni anche
quello di una terra “seu possessionem cum domibus suprapositis,
sitam in flumine Bizannis Janue, que vocatum Stagien”.
Dispone dei lasciti ai sudditi di Montoggio e per i sudditi di altri
castelli e luoghi del dominio. Il compito di dette elargizioni
venne demandato a Domina Ricciarda ed al Rev. Ottobono ed
all’illustre Sinibaldo suoi fratelli.
“...Tutorem vero & protempore curatorem Isabetae , figlia sua,
statuit & esse voluit prefatem Ill.st.Dna Ricciarda eius matrem,&
dilectissima uxorem suam, cui dedit in consiliarij suis Ill.st.e
Rev.mum D. Ottobonu e Sinibaldum de Flisco fratres suos, cum
quorum consilio omnia negotia dicte tutela, e pro tempore cure
gerere possit & debeat.”.
17
“Tutore vero & pro tempore curatorem Jo:Lodisij filii sui
naturalis prefatum Rev.mum D. Ottoboni solum statuit & esse
voluit disponentibus in contrarium non obstantibus”.
“Heredem suim universalem instituit & esse vult Isabeletam
eius filiam, e prefate Ill.st.Dna Ricciarda coniugum”.
Il testamento viene redatto in ”camera cubiculari superiori domus
Insulae Sigestri Augustii de Scarpa, in qua habitat, iacens in lecto,
1520, 15 febbario”.
Notaio Jo Francescus de Viviano.
Nota: i beni posti in “Stagien” che appaiono nel lascito sono
riferibili alle “domos & possessiones” che appaiono nel testamento
di Gian Luigi padre di Sinibaldo, acquistate per la moglie Dom.a
Caterineta del Carretto.
Rif. Federico Federici op.cit., testamento di Jo Luigi Fiesco, pag
181.
Per i documenti di acquisto di terreni e case in Staglieno vedi:
➢ Archivio di Stato di Genova Manoscr. 766, ATTI DEL NOTAIO
PIETRO DE VERNACIA - 1497 ,13 NOVEMBRE GENOVA IN PALAZZO DI
VIALATA, 1498, 10 MAGGIO GENOVA IN PALAZZO DI VIALATA, 1498,
22 MAGGIO GENOVA IN VILLA STALIANI (STAGLIENO) NELLA SALA DELLA
ILL.MA CATALINETA DE FLISCO
Cfr. : Luigi Staffetti, GIULIO CYBO-MALASPINA MARCHESE DI
MASSA op.cit.
Immediatamente dopo la morte di Scipione, Papa Leone X
18
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
(Giovanni de Medici 1513-1521), non avendo abbandonato il
progetto di un legame matrimoniale tra i Medici ed i
Malaspina di Massa si adoperò attraverso Ottobono Fieschi,
Vescovo di Mondovì, fratello del defunto Scipione, di
cercare la mano di Ricciarda per il nipote Lorenzo Cybo
figliolo di sua sorella Maddalena e di Franceschetto Cybo.
Matrimonio che venne celebrato il 14 maggio del 1520.
Scipione aveva due figli maschi legittimati ,Gian Luigi e
Lodovico.
Cfr: Mario Traxino, SCIPIONE FIESCHI ED IL SUO CONFLITTO CON
OTTAVIANO CAMPOFREGOSO (1513-1515) op. cit. pag 162, nota 18
19
Nota 4
Per i rapporti polici intercorsi tra Andrea Doria e Sinibaldo
Fieschi:
➢ Arturo Pacini, I PRESUPPOSTI POLITICI DEL “SECOLO DEI GENOVESI”
LA RIFORMA DEL 1528 in ATTI DELLA SOCIETÀ LIGURE DI STORIA
PATRIA - NUOVA SERIE , Vol XXX (CIV) fasc. I, 1990, pagg. dalla
261 alla 280
➢ Mario Traxino, L’ALLEANZA TRA ANDREA DORIA, ADAMO
CENTURIONE E SINIBALDO FIESCHI NEL 1528 in IL TRAMONTO DEI
FIESCHI E LA CADUTA DEL CASTELLO DI MONTOGGIO. ATTI DEL
CONVEGNO, MONTOGGIO, 30 AGOSTO 1997 a cura di Geo
Pistarino, Accademia Ligure di Scienze e Lettere, Collana di
Monografie, Genova 2001, pagg. dalla 22 alla 28
20
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
Nota 5
Scomparsi Gerolamo e Scipione ed avendo Ottobono abbracciato
la vita sacerdotale la responsabilità della conduzione politica de
“illi de Flisco” figli di Gian Luigi “il grande”, del ramo di
Torriglia, era confluita, con gli onori e gli oneri connessi, nella
persona di Sinibaldo.
Per i Fieschi Conti di Lavagna e la loro storia :
➢ Romeo Pavoni, L’ASCESA DEI FIESCHI TRA GENOVA E FEDERICO II
in I FIESCHI TRA PAPATO ED IMPERO. ATTI DEL CONVEGNO LAVAGNA , 18 DICEMBRE 1994 a cura di Daniele Calcagno,
prefazione di Gabriella Airaldi, Lavagna 1997, pagg. dalla 3
alla 44
➢ Barbara Bernabò, I CONTI DI LAVAGNA E L’ALTA VAL DI VARA in I
FIESCHI TRA PAPATO ED IMPERO op.cit. pagg. dalla 45 alla 126
➢ Daniele Calcagno, IL PATRIARCA DI ANTIOCHIA OPIZZO FIESCHI,
DIPLOMATICO DI SPICCO PER LA SANTA SEDE FRA POLONIA, ORIENTE
LATINO ED ITALIA DEL XIII SECOLO in I FIESCHI TRA PAPATO ED
IMPERO op. cit. pagg. dalla 145 alla 268
➢ Daniele Calcagno, I CONTI DI LAVAGNA E IL CONTROLLO DEL
TERRITORIO in LA MONTAGNA TOSCO-LIGURE-EMILIANA... ATTI DEL
CONVEGNO BORGO VAL DI TARO op. cit. pagg. dalla 33 alla 64
➢ Mario Traxino, GIAN LUIGI FIESCHI “IL GRANDE”E LA SUA AZIONE
EQUILIBRATRICE TRA LE FAZIONI GENOVESI in I FIESCHI TRA PAPATO
ED IMPERO op. cit. pagg. dalla 269 alla 284
➢ Alfredo G. Remedi, IL CARDINALE MANFREDO DA LAVAGNA E
L’ORIGINE DEL COGNOME FIESCHI DA ALCUNI DOCUMENTI DUGENTESCHI
21
CONTI DI LAVAGNA, MILANO E L’IMPERO in
I FIESCHI TRA PAPATO ED IMPERO op.cit. pagg. dalla 285 alla 322
Giovanna Petti Balbi, I FIESCHI ED IL LORO TERRITORIO NELLA
LIGURIA ORIENTALE in LA STORIA DEI GENOVESI- ATTI DEL
CONVEGNO DI STUDI SUI CETI DIRIGENTI NELLE ISTITUZIONI DELLA
REPUBBLICA DI GENOVA . GENOVA !0 -11-12 GIUGNO 1982 , III°
volume, Genova 1983, pagg. dalla 105 alla 129
Giovanna Petti Balbi, I “CONTI” E LA “CONTEA” DI
LAVAGNA , Genova 1984
Mario Traxino, I FIESCHI in DIBATTITO SU QUATTRO FAMIGLIE DEL
GRANDE PATRIZIATO GENOVESE. ATTI DEL CONVEGNO, GENOVA ,15
NOVEMBRE 1991 a cura di Geo Pistarino, Accademia Ligure di
Scienze e lettere - collana di monografie, VII, Genova 1992,
pagg. dalla 12 alla 33
Barbara Bernabò, I FIESCHI E LA VAL DI VARA in I FIESCHI TRA
MEDIOEVO ED ETÀ MODERNA , op.cit. pagg. dalla 1 alla 50
INERENTI I RAPPORTI FRA I
➢
➢
➢
➢
22
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
Nota 6
Carlamaria Tomaselli, L’ULTIMA ESTATE DEL CONTE GIAN LUIGI FIESCHI
in IL TRAMONTO DEI FIESCHI E LA CADUTA DEL CASTELLO DI MONTOGGIO ,
op. cit. pag 31 :
”Dopo il 1532, però, il Doria cambiò atteggiamento verso la famiglia
alleata, diffidando della vedova di Sinibaldo, Maria della Rovere, troppo
legata ai Fregoso (tra l’altro era nipote di Papa Giulio II), e pertanto
fece togliere alla donna anche le pensioni annue di cui aveva goduto il
marito e la costrinse, per i debiti contratti dal defunto, a ritirarsi con
tutta la famiglia a Montoggio”.
”Dal confino sull’Appennino i Fieschi tornarono nella casa di Via Lata
a Genova solo dopo otto anni per accogliervi Papa Paolo III Farnese...”.
Nota: alcune documentazioni notarili ci permettono di
considerare che la permanenza nel castello di Montoggio non
fosse peraltro così stabile e che il palazzo nobiliare di Via Lata a
Genova venisse utilizzato dalla vedova di Sinibaldo, dal figlio
Gian Luigi e certamente dalla famiglia come appare nella
documentazione notarile riferita alla acquisizione dei diritti sui
feudi malaspiniani di Valsigiara di Ottone in Val Trebbia il cui
atto venne rogato nel dicembre del 1535 “in Palatio in Vialata
usque quadam camera in qua Ill.ma D.na Maria uxor q. Ill.mo D.
Synibaldi Fieschi solita est, dicember, inditione septima”.
Archivio di Stato di Genova, Atti del notaio Vincenzo Flisco de
Barbagelata, Filza 1719, doc. 219.
23
Il 25 aprile del 1536 una missiva contenente una lista di spese
affrontate dal castellano di Ottone Philippo Platono venne
spedita a Genova alla Ill.ma Contessa Fiesca per i Magn.ci S.ri
Fieschi “ lista spese per li agenti per la S.a Contessa Fiesca fatte per li
suspetti del Cagnino” e cioè “per portar l’aviso como le fantarie del
Cagnino erano gionte a Zavatarello” o meglio per “venire a Genova
anontiare la nova de la partenza de soldati”. Archivio di Stato di
Genova Finanza 12. (ocumento segnalato dal dr. Riccardo
Dellepiane).
Notizie che dovevano particolarmente interessare Maria della
Rovere .
Si ritiene interessante notare che Cagnino ovvero Gianfrancesco
Cagnino era figlio di Ludovico Gonzaga, marchese di
Sabbioneta, e di Francesca Fieschi, sorella del defunto Sinibaldo
Fieschi.
➢ Per la famiglia Gonzaga :
Cfr. Mario Oliva Giulia Gonzaga Colonna tra rinascimento
e controriforma. Milano 1985.pag 286.
24
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
Nota 7
➢ Giovanni Ferrero, DOVE ABITA LA MEMORIA - CONFERENZA ,
Istituto Internazionale di Studi Liguri - Sezione di Genova,
2002, op. in stampa
25
Nota 8
Cfr.: Luigi Staffetti, GIULIO CYBO-MALASPINA MARCHESE DI MASSA,
op.cit. pagg. dalla 11 alla 23:
”...Vi è un documento importante, da cui ricavasi che Isabella dovea
stare ed essere educata a Genova o nelle tre sue podesterie sotto la
tutela di sua zia Maria. Qui poteva essere visitata dalla madre
Ricciarda e dall’ava Lucrezia. Ciò spiega perché la Marchesa andasse
talora in Genova dove nel 1532 partorì Alberico. In caso di guerra o di
contagio Isabella poteva ricoverarsi, sempre con Maria, nel castello di
Montoggio.
L’atto trovasi nell’Archivio Ducale, Regio Archivio di Stato di Massa,
Mazzo 440”.
26
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
Nota 9
Daniele Calcagno, IL CASTELLO DI MONTOGGIO. VITA QUOTIDIANA IN UN
CASTELLO LIGURE TRA XV E XVI SECOLO , prefazione di Mario Traxino,
Centro culturale “Peppo Dachà” - Comune di Montoggio - 1999.
Roberto Santamaria, I PALAZZI FIESCHI DI CASELLA E SAVIGNONE in
I FIESCHI TRA MEDIOEVO ED ETÀ MODERNA , op. cit. pagg.167
27
Nota 10
Cfr. Luigi Staffetti, GIULIO CYBO-MALASPINA MARCHESE DI
MASSA , op.cit pagg. dalla 11 alla 23.
”Con atto del 5 aprile 1533 Isabella in età di 14 anni accetta di ricevere
dodicimila scudi d’oro “in auro solis, boni auri” in quattro rate da
parte di Andrea Doria, Maria vedova di Sinibaldo, Ansaldo Grimaldi,
Ambrogio Spinola, Ettore Fieschi e da Don Paolo Pansa, tutori e
procuratori dei figli di Sinibaldo, rinunciando a tutti i diritti che le
potrebbero competere sui beni del fu Sinibaldo”.
L’avvenire di Isabella non era stato dimenticato da Sinibaldo
infatti essa viene nominata nel testamento redatto in data 18
giugno 1528:
”Item legavit illust. Dom. Isabelle filie legitime et naturali quondam
bone memorie domini Scipioni de Flisco ducatos decemmillia eidem
dandos et solvendos ad suum maritare et quando maritabitur et non
aliter, et quatenus monacaretur eidem domine Isabelle legavit libras
quattuor millia Janue et casu monacationis predicte cassavit et
annullavit legatum eidem domine Isabelle factum de dicti ducatis
decem millibus”.
Cfr: Federico Federici, DELLA FAMIGLIA FIESCA. TRATTATO
DELL’ECC.MO SIGNOR FEDERICO FEDERICI , Genova s.d. (ma 1645) pag.
187.
Isabella Fieschi si sposò con il Conte Vitaliano Visconti Borromeo
e non lasciò alcuna prole. Morì nel 1597.
28
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
Nota 11
➢ Mario Traxino, I FIESCHI NELLA LOTTA SECOLARE TRA LA MONTAGNA
E LA CITTÀ . LA FUNZIONE POLITICA DEL CASTELLO DI MONTOGGIO in
ATTI DELL’ACCADEMIA LIGURE DI SCIENZE E LETTERE , s. V, XLVI,
1989, pagg. dalla 313 alla 333.
➢ Flavio Oliva, L’ASSEDIO DEL CASTELLO DEI FIESCHI DI MONTOGGIO
(11MARZO-11 GIUGNO 1547) CONSIDERAZIONI TECNICHE DELL’EVENTO
in IL TRAMONTO DEI FIESCHI E LA CADUDA DEL CASTELLO DI
MONTOGGIO , op.cit. pagg. dalla 38 alla 51
➢ Riccardo De Rosa, LETTERE DI GIAN LUIGI FIESCHI, GEROLAMO
FIESCHI, DEL CARDINALE ALESSANDRO FARNESE NEL TEMPO
DELL’ASSEDIO DEL CASTELLO DI MONTOGGIO in IL TRAMONTO DEI
FIESCHI E LA CADUTA DEL CASTELLO DI MONTOGGIO , op.cit. pagg.
dalla 52 alla 70
➢ Sergio Rossi, QUALCHE DOCUMENTO E UN RACCONTO SULL’ASSEDIO
DEL CASTELLO DI MONTOGGIO DEL 1547 , Centro culturale Peppo
Dachà, Montoggio, 2002, pagg. dalla 7 alla 42
➢ Carlo Navone, LA CONGIURA FLISCANA - MONTORIO ESPUGNATO
1547 in LIGURIA ILLUSTRATA , anno 1°, n° 8, agosto 1913
➢ Mario e Luciano Traxino, LA CONGIURA DEL CONTE GIAN LUIGI
FIESCO. MICROSTRUTTURE SUBFAZIOSE NELLA GENOVA DEL
CINQUECENTO , Basiglio (Mi) \999-2000 pagg. dalla 163 alla
29
189
➢ Jean-François, PAUL DE GONDI CARDINALE DI RETZ. LA CONGIURA
DEL CONTE GIAN LUIGI FIESCHI a cura di Cesare De Marchi,
Palermo, 1990, pagg. dalla 83alla 89
➢ Daniele Calcagno (a cura di), MONTOGGIO E I CASTELLI DEI
FIESCHI IN ALTA VALLE SCRIVIA in ATTI DELLA TAVOLA ROTONDA IL CASTELLO DI MONTOGGIO: UN RECUPERO DIFFICILE MA POSSIBILE ,
Montoggio, 3 febbraio 2001, ed. Istituto di Studi sui Conti di
Lavagna - Comune di Montoggio
30
Pagine Fliscane - Isabella Fieschi figlia di Scipione
Per la lettura della evoluzione architettonica del Castello di
Montoggio possono essere utili alcune notizie desunte dalle
seguenti documentazioni notarili:
Archivio di Stato di Genova: Buste Paesi 351 Anno 1484, 23
ottobre. Viene fatto riferimento al “Castrum ARCEM et terram
Montolii”.
Notaio Lorenzo Parissola Filza 1249. Anno 1485, Doc. N° 285286. “Consignatione ARCIS et loci Montobi”.
Notaio Lorenzo Parissola Filza 1251 Anno 1492 Doc. 165 Viene
fatto riferimento alla “opera ARCIS Montobi”.
Notaio Andrea de Cairo Anno 1446 Filza 783 Doc. 107 , 22
giugno, documento rogato in “Castro Montobij Jan. dioc. ut in
aula magna palatii dicti Castri”.
Notaio Andrea de Cairo Anno 1447 Filza 783 Doc. 1 , 31
dicembre, documento rogato in “Castro Montobij Jan. dioc. in
circuitu inferiori dicti castri juxta hostium camera cubiculari
prelibati Magn. Dom. Jo.Ludovici”.
31
Albero genealogico parziale relativo ai Malaspina
di Fosdinovo e di Massa
Antonio Alberigo Malaspina, Marchese di Fosdinovo e nel 1442
I° Marchese di Massa, sposò Giovanna Malaspina, morì nel 1445.
Dalla sua numerosa prole discende: Giacomo che sposò Taddea
di Francesco Pico dei conti della Mirandola.
Da questa unione provengono: Antonio Alberico II° e Francesco.
Antonio Alberico II° divenne Marchese di Massa e Carrara.
Dal suo matrimonio con Lucrezia figlia naturale di Sigismondo
d’Este provengono solamente figlie femmine e cioè:
1)Eleonora che sposò Scipione Fieschi ( muore nel 1515)
2)Ricciarda che sposò il cognato vedovo Scipione Fieschi dalla
cui unione proviene ISABELLA andata in sposa a Vitaliano
Visconti Borromeo.
Alla morte di Scipione, la vedova Ricciarda, contrasse
matrimonio con Lorenzo Cybo da cui discendono i figli: Giulio,
Alberico ed Eleonora. Quest’ultima sposò Gian Luigi FIESCHI
figlio di Sinibaldo, e dopo la congiura del 1547 in seconde nozze
sposò Chiappino Vitelli Marchese di Catona.
3) Taddea sposò il Conte di Scandiano
4) Caterina divenne monaca.
Le notizie genealogiche sono desunte da quanto appare nel
volume di Luigi Staffetti “Giulio Cybo…” op. cit.
Per Eleonora Cybo cfr. De Rosa Riccardo, PROFILO STORICO DI
ELEONORA CYBO, MOGLIE DI GIAN LUIGI FIESCHI in ATTI E MEMORIE
DELLA DEPUTAZIONE DI STORIA PATRIA PER LE ANTICHE PROVINCIE
MODENESI , S XI, XVII (1995) pagg. dalla 163 alla 174 .
32
Fly UP