...

La montagna una risorsa su cui scommettere

by user

on
Category: Documents
11

views

Report

Comments

Transcript

La montagna una risorsa su cui scommettere
www.ilnuovocorrieredellasila.it
Direzione, Redazione, Amministrazione
V.le della Repubblica, 427 - San Giovanni in Fiore (Cs)
sede di distretto forestale?
pag.
5
Il Giornale dei Sangiovannesi
Anno XXIII (nuova serie) n° 7 - 5 Luglio dell’anno 2013
Spedizione in A.P. - 45% - Art. 2 - comma 20/B - Legge 662/96 - Aut. DCO/DC-CS n° 112/2003 - valida dall’11-3-2003
Succurro riconfermata
pag.
4
La visita del cardinal de paolis pag. 10
chiesto lo stato di calamità
pag. 7
Pioggia di finanziamenti per rilanciare la Sila
La montagna una risorsa su cui scommettere
Incontro a Lorica tra il presidente della FISI, Flavio Roda e l’Assessore regionale Giacomo Mancini
È
la montagna, la risorsa sulla quale scommettere
per lo sviluppo integrato della Calabria (finalmente
qualcuno l’ha capito!) ed è l’obiettivo posto dai fondi
europei PISL destinati alla Sila e all’Aspromonte, affrontato dettagliatamente in un incontro a Lorica tra
il presidente nazionale della federazione italiana sport
invernali Flavio Roda e l’assessore regionale Giacomo
Mancini. Una regione con 800 chilometri di costa che
punta sulla risorsa neve. Contando su una montagna
meravigliosa e apprezzata dagli appassionati del turismo
d’alta quota. Un concetto ribadito a Lorica, in Sila, in
occasione della visita del presidente nazionale della
FISI, che, con il presidente regionale Fiorello Martire,
ha incontrato l’assessore regionale alla programmazione
nazionale e comunitaria. Nel tour calabrese, tra sport e
ufficialità istituzionale del presidente Roda, il vertice di
Lorica, alla presenza di tecnici, esperti, rappresentanti
dell’Afor ed amministratori, è stato la verifica di un
impegno per la montagna. Oltre 40 milioni di euro da
investire tra Gambarie d’Aspromonte e la Sila. In particolare, il territorio silano tra Camigliatello e Lorica,
diventerebbe un comprensorio competitivo a Sud, dopo
quello realizzato a Roccaraso, in Abruzzo. Entusiasmo
da parte del numero uno della Federazione italiana
sport invernali, Roda che ha invitato le realtà locali a
raccogliere la sfida.
(Segue a pagina 6)
a pag. 4
a pag. 2
L’editoriale
Il turismo del ritorno
I
n questi ultimi mesi il nostro giornale ha riferito di persone
originarie del luogo che hanno voluto visitare il paese degli
avi (Angotti, Olivito, Pignanelli, Albano ecc), muovendo un
discreto numero di persone, che hanno poi soggiornato per
qualche giorno a San Giovanni. Il sindaco parlando con alcuni
di loro ha detto: “Noi favoriamo questi incontri, perché vogliamo essere aiutati da quelli che sono partiti”. Allora perché non
cominciare a fare una politica dell’accoglienza che favorisca
gemellaggi e scambi di vacanze? Sarebbe una prospettiva in
più, per dire venite nel nostro paese per ritrovare le vostre
radici, ma anche per visitare luoghi suggestivi che hanno una
storia antica. Oggi il nostro paese è abbastanza attrezzato come
numero di alberghi, ristoranti e pizzerie, dove si dorme e si
mangia bene. Dove c’è una Sila da scoprire e un mare pulito
a soli 45 minuti di macchina. Forse è ora di spendere qualche
euro in pubblicità. Perché alla fina la pubblicità ripaga. 
Il capo del sindacato
argentino è sangiovannese
Maggioranza
in fibrillazione
e, ancora...
a pag. 9
è morto lo storico
Salvatore Meluso
a pag. 5
è partito a piedi
dalla Francia
www.mediocrati.it
La rivolta del 1925
a pag.3
Ciborio gioachimita
a pag. 3
A Trepidò il Museo dell’acqua
a pag. 6
Un frutteto di tutto rispetto
a pag. 9
A tavola: piaceri e salute a pag. 10
Famm’appicciare
a pag. 11
Salta il penultimo consiglio comunale per l’assenza di sei consiglieri di maggioranza
Maggioranza in fibrillazione
AL GIORNALE
Critiche alla minoranza che non avrebbe assicurato il numero legale
Ponte di Palla Palla
ALLE POSTE
Antonio Barile e Luigi Astorino
L
a maggioranza in Consiglio
comunale vacilla e si tenta
di dare la colpa alla minoranza
che con l’assenza di quattro suoi
esponenti (Monica Spadafora
Udc, Giovanni Marra e Antonio Nicoletti del Pd e Salvatore
Lopez del Psi, dimissionario),
non avrebbe consentito il regolare svolgimento del penultimo
consiglio comunale, chiamato
ad approvare, tra le altre cose,
lo schema di convenzione per
far partire i progetti integrati di
sviluppo locale (POR Calabria
FESR 2007-2013) che dovrebbero far decollare finalmente Lorica, considerata finora l’eterna
cenerentola della “Sila amena”.
Chi capisce, anche soltanto un
poco di politica, sa bene che è
la maggioranza che deve avere
i numeri e fare quadrato intorno
al proprio sindaco e alla Giunta,
quando il Consiglio comunale è
chiamato a decidere scelte importanti per lo sviluppo del territorio e non ci si può cullare sulla
presenza o meno dell’opposizione per ottenere il numero legale;
opposizione che naturalmente
fa il suo gioco, specie quando
si accorge che ben sei dei consiglieri eletti nella coalizione del
sindaco, sono “latitanti” ovvero
hanno preferito girare alla larga
del palazzo comunale per motivi
IL
CORRIERE DELLA SILA
Editoriale
Viale della Repubblica, 427
87055 - S. Giovanni in Fiore tel. 0984/992080
DIRETTORE RESPONSABILE
Saverio Basile
REDAZIONE
Emilio De Paola
Mario Morrone
Francesco Mazzei
Luigi Basile
Mario Orsini
Giovanni Greco
SEGRETARIO DI REDAZIONE
Matteo Basile
GRAFICA
Gianluca Basile
Registrazione
Tribunale di Cosenza n° 137/64
Registro Operatori delle Comunicazioni
al n° 22673
STAMPA:
GRAFICA FLORENS
Via G. Meluso,6 - S. Giovanni in Fiore
Pag. 2
Luciano Iaquinta
Rosa Amelia Oliverio
che, sarebbe giusto e corretto,
spiegare all’opinione pubblica
che li ha pure eletti nell’ultima
competizione elettorale. Ma
per quello che c’è dato capire
l’attuale maggioranza consiliare
non è che condivida tanto l’operato della Giunta, soprattutto
l’operato di certi assessori che si
ritengono un gradino più in alto
degli eletti mandati dal popolo
(vedere lettera del consigliere
Francesco Gallo pubblicata a
pag. 8). L’assenza dei consiglieri
Antonio Cannizzaro, Salvatore
Greco e Vincenzo Mauro della
lista “Barile sindaco”; Francesco
Gallo “Il Popolo della libertà”;
Luciano Iaquinta “Liberi con
Barile” e Vittorio Spadafora
“Uniti per la libertà” dovrebbe
far riflettere il sindaco Barile
e tutti i componenti la Giunta
comunale. Perché è vero che si
può tamponare il dissidio, come
è avvenuto, in parte, nella seduta
successiva del 25 giugno scorso,
ma a lungo andare la crisi diventa
necessaria, per dare risposte ad
una popolazione che ha votato
a stragrande maggioranza per il
cambiamento, che però rischia
di diventare un cambiamento
effimero. Intanto, nell’ultimo
consiglio, parte dei consiglieri
di maggioranza non si sono
trovati d‘accordo neppure sull’esperimento del senso unico su via
Vallone, protestando con i vertici
della politica locale. Nel corso
dell’ultimo consiglio, infine, è
stato preso atto delle dimissioni
del consigliere Salvatore Lopez
eletto nella lista del Psi e passato
di recente con la “Scelta civica”
di Monti. A Lopez è subentrata l’
avv. Amelia Rosa Oliverio, che
aveva ottenuto 73 preferenze. 
Arriva l’estate e le Poste Italiane vengono assalite dalle mosche e come i cavalli perdono
la testa, infastiditi dal ronzio.
Ancora siamo a giugno e tiritact
i postini vengono messi in ferie
senza che nessuno li sostituisca. Una volta c’era il postino
supplente, ovvero il postino
jolly, colui che conosceva tutto
il paese e tutti gli abitanti ed
entrava in esercizio al posto del
collega assente. Oggi nell’era di
internet chi vuoi più che scriva
una lettera, potreste dirmi voi?
Eppure di lettere che chiedono
soldi, e se non li paghi entro
il termine stabilito ti ritrovi la
mora alla prossima bolletta, ne
arrivano ancora e tante: Enel.
Telecom, Italgas, Tesoreria
comunale, Folletto ecc, per non
parlare di quelle legate ad Equitalia, che magari, prima arriva
l’ingiunzione e poi l’avviso di
pagamento. Per farla breve,
nella parte alta del paese, siamo
tornati come l’anno scorso con
la posta a singhiozzo, non si
sa per colpa di chi. Certo che
alcuni miei vicini di casa sono
andati all’ufficio postale per
ritirasi la corrispondeza che
aveva carattere d’urgenza. E’
bello tutto cio? Per me è solo
vergognoso.
Lettera firmata
L’ambasciatore della Repubblica di Corea presso lo Stato
Italiano, Kim Young-seok è
stato di recente a San Giovanni
in Fiore. Ne ha dato notizia
Il Corriere della Sila. Accolto con meritato entusiasmo
dal sindaco dott. Barile e dal
prof. Succurro, presidente del
Centro studi gioachimiti, ha
segnato un punto d’onore per
la nostra terra. Nello sconvolgimento epocale che si sta
verificando nel mondo, in una
terra democratica dell’Asia situata tra due potentissimi paesi
come il Giappone e la Cina, c’è
la Corea del Sud. Presa in una
guerra difficilmente risolvibile
fra Nord e Sud per l’avidità capitalistica ingorda da una parte
e il nazionalismo autoreferenziale dall’altra, Seul è un’isola
che custodisce tesori profondi.
L’Italia è vista come la “potenza culturale più grande del
mondo” (Il Corriere della sera
– 1 giugno 2013). I sentimenti
primari insiti nelle nostre radici, oggi snobati come inutile
retaggio da una parte della
popolazione del Nord d’Italia,
sono coltivati con cura dai giovani coreani per i quali l’Italia
è il più luminoso dei fari. Le
donne dell’Asian Center for
women’s studies e le frequentatrici dell’università Ehwa
non sono ferme in un paese
che ritengono il paradiso terrestre. Lottano anch’esse contro
discriminazioni e prepotenze.
Ma non rinunciano al tesoro
insostituibile della ricchezza
del cuore.
Maria Pia Palmieri
[email protected]
AI VIGILI URBANI
La democrazia è tolleranza
S
e il sindaco Barile avesse fatto soltanto qualche giorno di
scuola di partito, di quelle che una volta si facevano alla
Camilluccia o alle Botteghe Oscure, avrebbe imparato che la
politica è l’arte del compromesso e quindi che in politica tutto
è possibile, finanche che un fascista si allei con un comunista o
viceversa. Detto ciò troviamo aberrante e poco rispettoso della
democrazia, quanto il sindaco si è lasciato sfuggire nel corso
dell’ultimo consiglio comunale, nel salutare la neo consigliera
Amelia Rosa Oliverio, socialista, subentrata a seguito delle
dimissioni del consigliere Lopez. L’apprezzamento di un primo
cittadino verso un partito politico di qualsiasi natura ideologia
non può essere sprezzante. Perché bisogna avere prima di tutto
rispetto per le persone che rappresentano quel partito e poi per
quei 687 elettori sangiovannesi, che alle ultime elezioni, hanno
votato Psi. Chi avrebbe osato dire mai a De Gasperi o a Scelba
che un giorno la DC si sarebbe alleata prima con il PSI e poi
con il PCI? Eppure ciò è avvenuto, come è successo anche che il
MSI diventasse partito di governo in uno Stato Repubblicano.
Se poi aggiungiamo che il Partito socialista a San Giovanni in
Fiore è un partito storico e che la storia del nostro paese, dal
dopoguerra in poi, ha avuto come protagonisti tanti socialisti
che hanno fatto battaglie di democrazia, quell’uscita, è stata
veramente infelice. 
Il commercio ambulante nel
nostro paese è sempre stata
una piaga di difficile soluzione.
Ma in tempi di crisi economica
come quelli che stiamo attraversando attualmente, non è più
accettabile da chi paga fitto,
luce, telefono e tasse varie e si
ritrova a tre passi dal proprio
esercizio commerciale uno-due
concorrenti che vendono in
nero gli stessi prodotti, alla faccia di chi paga le tasse. Sarebbe
ora che i Vigili facessero il loro
dovere, facendo rispettare i diritti di chi sta chiuso dentro un
negozio per un’intera giornata
tirando a malapena le spese.
Non è possibile andare avanti
così, perché diversamente alle
prossime elezioni i voti i politici locali dovranno chiederli
a quelli che vengono da fuori
e così al comune ci vanno con
il c…
Lettera firmata
AL SINDACO
La collinetta del Bacile va
salvaguardata ma anche bonificata. Quelle mure in blocchi
di cemento sprecati da chi
sperava di poter costruire sul
suolo demaniale vanno demoliti e su tutta l’area, giacchè si
dispone di personale a volontà
si potrebbe realizzare un bel
parco da mettere a disposizione
dei bambini della zona che non
hanno più dove poter giocare, giacchè la zona a monte
è completamente edificata.
Pensateci un poco e chissà che
non ne verrà fuori una realtà a
cui guardare con ammirazione.
F. Oliverio
Indirizzate le vostre lettere a:
[email protected]
Commissionato dal Comune di Cervicati e dalla Curia vescovile
di San Marco Argentano
Salvatore Belcastro fa piena luce sulla tragica rivolta del 2 agosto 1925
“Sotto il selciato”
Il saggio analizza scientificamente le cause che diedero vita a quei moti
Salvatore Belcastro
Copertina del libro
S
alvatore Belcastro, chirurgo
e docente universitario, con
il saggio “Sotto il selciato – Storia di una strage dimenticata”
(Edizioni Città del Sole, euro
12), ripropone all’attenzione
dell’opinione pubblica nazionale, ma soprattutto all’attenzione
dei suoi concittadini, l’efferata
strage di innocenti verificatasi
nella mattinata del 2 agosto
1925, quando una massa di contadini inermi manifestava contro
l’imposizione di tasse inique
sui generi di prima necessità,
imposte dal commissario prefettizio Giovanni Rossi; gabelle
assolutamente insostenibili per
le condizioni di vita del popolo
sangiovannese che si trovava
nella miseria più assoluta, poiché le terre demaniali destinate
ai contadini, nel corso dei decenni, erano state usurpate dai
latifondisti che ancora tuttora ne
gestiscono ogni zolla. Quella tragica mattina, la polizia fascista
al comando di un commissario
megalomane e “cacarellaro”,
fece fuoco sulla folla ammassata sul sacrato dell’Abbazia
Florense davanti al portone del
Municipio, provocando la morte
di cinque persone, un uomo e
quattro donne, delle quali due
in avanzato stato di gravidanza:
Filomena Marra, Barbara
Veltri, Marianna Mascaro, Antonia Silletta e Saverio Basile,
mentre non meno di quindici
furono i feriti tra i quali si ricordano Rosina Gallo, Bernardo
Sciarrotta e Peppino Tiano per
la loro giovanissima età. Il prof.
Belcastro in questo saggio, che
segue da poco “Il silenzio dei
lupi” (Rubbettino editore, euro
20) incentrato sullo stesso argomento ma sotto forma di romanzo, analizza in questo suo ultimo
lavoro, la questione agraria della
Sila che s’identifica con la storia
delle usurpazioni e quella degli
usi civici, partendo dalla fine del
Settecento fino ai primi decenni del Novecento, utilizzando
una corposa documentazione
costituita da dispacci prefettizi,
ritagli di giornali dell’epoca e
missive del Partito nazionale
fascista dirette ai diversi gerarchi
del partito. Belcastro in “Sotto
il selciato”, passa in rassegna
numerosi avvenimenti che sono
tappe della questione agraria e
molti fenomeni ad essa collegati,
come il brigantaggio. La conclusione che ne trae è che quegli
avvenimenti verificatisi sulla
piazza antistante il Municipio di
San Giovanni in Fiore, vennero
volutamente e scientificamente
occultati alla storia per salvare
gli uomini del “regime”, con
l’intervento della censura che
intervenne sulla grande stampa. Infatti, soltanto negli anni
Sessanta una lapide fatta erigere
dall’amministrazione di sinistra,
ne ricorda a futura memoria quei
fatti e i nomi di quelle innocenti
vittime della violenza fascista
asservita ai latifondisti. Il libro
sarà presentato a San Giovanni
in Fiore, presso Casa Lopez, il
12 agosto alle ore 18 da Fulvio
Mazza, Pino Fabiano, Emiliano Morrone e dall’assessore alla
cultura Giovanni Iaquinta, alla
presenza dell’autore e dell’editore, Franco Arcidiaco.
L’ultimo lavoro di Alfredo Prisco edito da Pubblisfera
Nuove affascinanti scoperte
L’autore analizza figure, parole e pietre legate a Gioacchino da Fiore
P
resentato ad un pubblico interessato nella sala del Cinema
teatro Italia, l’ultimo lavoro di
Alfredo Prisco: “Nuove scoperte
sulle figure, sulle parole e sulle
pietre di Gioacchino da Fiore”
(Edizioni Pubblisfera, euro 20).
Da sempre interessato a tutto ciò
che riguarda l’abate calabrese,
questo attento e scrupoloso ricercatore, a distanza di un anno
dalla pubblicazione di “Dialoghi
Florensi” in cui ha esposto alcune
risultanze dei suoi studi sul pensiero e l’opera del monaco silano,
consegnandoli alla forma letteraria del dialogo, nella quale ha
trovato posto una ricostruzione,
a tratti anche romanzata, dell’itinerario che Gioacchino seguì
per arrivare definitivamente in
Sila, dove fondò il Protocenobio
a Fiore Vetere, ci presenta ora
nuove ed affascinanti scoperte.
L’autore ha voluto in tal modo,
cercare di lanciare, per così dire,
un ponte tra il mondo accademico
e il lettore comune, che ritiene
purtroppo, ancora confinato in
astruserie teologico-filosofiche
il pensiero e le opere dell’abate
Copertina del libro
silano, veramente rivoluzionari,
invece, per il suo tempo. In “Nuove scoperte sulle figure, sulle parole e sulle pietre di Gioacchino
da Fiore“, infatti, Alfredo Prisco,
ha voluto dare un taglio diverso
al suo lavoro, pur inserito nella
forma letteraria del dialogo. Ne è
venuto fuori un’opera prettamente
di natura scientifica, nel senso
che ha cercato ed indicato precisi
riscontri alla sua convinzione che
l’abate nelle figure, nelle pietre
e nelle parole, ci abbia lasciato,
specialmente attraverso il lavoro
dei suoi successori, una precisa
impronta numerologica, quasi
un’ossessione del numero – rivelatore di metafisiche dimensioni
– esaltata anche dalla presenza,
meglio, dall’onnipresenza della proporzione aurea, così ben
visibile e riscontrabile non solo
nelle residue strutture del Protocenobio che gli scavi archeologici
in località Fiore Vetere ci hanno
restituito, non solo nell’abbazia
costruita da Matteo, ma anche, in
modo particolare, nelle figure del
codice 255 A di Oxford e del Corsiniano 797, manoscritti molto
precoci, che sembrano avere conservato intatta, quindi, l’originaria
impostazione gioachimita. Alla
presentazione di quest’ultimo
lavoro del prof. Alfredo Prisco,
sono intervenuti l’assessore alla
cultura del comune silano, Giovanni Iaquinta e il presidente
del Centro internazionale di studi
gioachimiti, Riccardo Succurro.
Alla manifestazione era presente
l’autore. 
Un ciborio incentrato
sulle simbologie gioachimite
L’autore ha presentato l’opera all’Accademia del Disegno di Firenze
di Rosa Scarpino
Una faccia del ciborio di forma ottagonale
I
l ciborio bronzeo, commissionato dal sindaco di Cervicati (l’antica Kerbicatoy) Massimiliano Barci e dalla Curia Vescovile di
San Marco Scalea – vescovo protempore Leonardo Bonanno- ha
richiesto una lunga ricerca e una successiva elaborazione iconografica incentrata su antichi temi dell’arte Paleocristiana e sulle
simbologie tratte dalla Divina Commedia e dal Liber Figurarum
del <<…calavrese abate Giovacchino di spirito profetico dotato>>
(Paradiso XII, 139 – 41). Su progetto di Eduardo Bruno (con modello ligneo realizzato da Roberto Mollo) sono state scolpite dallo
stesso scultore le formelle con le figure simboliche e tutta la decorazione plastica, realizzando successivamente la fusione bronzea
a cera persa. Il ciborio ha un’altezza complessiva di cm 150 e un
peso di Kg 220; ha richiesto per il suo completamento circa tre
anni di lavoro. Il tabernacolo-ciborio ha la forma simbolica di un
tempietto classico di forma ottagonale articolato su tre registri essenziali, profuso di misteriose simbologie gioachimite, dantesche
e veterotestamentarie. Registro centrale (Domus Dei Interior): qui
sono plasmate le otto formelle incassate tra le colonnine di stile
composito, con la classica figurazione plastica della deposizione
della Vergine Maria, di San Giovanni evangelista, di San Nicola,
San Rocco, il Sacro Pellicano e il Cervo che si abbevera alla Sacra
fonte. Lo sportello del Sacro tempio con due pavoni e altri motivi
del repertorio iconografico Paleocristiano: uva, spighe di grano e la
Sacra Stola sono completate dai cerchi trinitari tratti dal Libro delle
Figure di Gioacchino da Fiore, centro supremo di convergenza e
prototipo trascendente di tutta la storia umana, divisa – secondo la
nota concezione gioachimita – in tre tempi o stati: l’età del Padre,
l’età del Figlio e l’età dello Spirito Santo, ovvero la Terza Età della
storia umana. Sul registro centrale è impostata la cupola emisferica
(Domus Dei Superior), la quale è completata da una lanterna a colonnine binate ed è sormontata da una sfera con Croce latina, chiaro
riferimento alla michelangiolesca cupola della Basilica vaticana. Il
terzo registro o stato (Domus Dei Inferior) è composto da un basamento a sezione tronco piramidale rovesciato, con otto lati sui quali
sono scolpite altrettante cariatidi a “grottesca”, che idealmente e
fisicamente sorreggono il tempietto. Sulle otto facce del tronco di
piramide sono collocati una “catena” di festoni entro i quali sono
scolpiti gli stemmi araldici del Comune di Cervicati, del vescovo
Leonardo Bonanno e delle Stato Vaticano, con le rispettive epigrafi:
“Anno fidei MMXII - Benedicto XVI Summo Pontifex – Leonardo
Bonnano Episcopus – Antonio Fasano paroco – Hoc ciborium Perfectum est – Massimiliano Barci Praefecto cooperante – Eduardus
Bruno sculpsit”.
Pag. 3
Alla scoperta dei concittadini illustri
Un sangiovannese che si era distinto nel campo del lavoro in Svizzera
Il capo del sindacato
argentino è sangiovannese
Il gigante buono
Ricardo Pignanelli artefice dell’insediamento Fiat a Cordoba
di Rosalba Cimino
M
di Saverio Basile
Davanti a casa Pignanelli in via Cognale, 6
I
l viaggio in Italia di Ricardo
Pignanelli, numero uno del
sindacato argentino, è un susseguirsi di emozioni di quelle
che possono mettere a rischio
la tenuta cuore. Il primo degli
incontri lo ha portato in Vaticano
a tu per tu con Papa Francesco,
l’amico di vecchia data, con il
quale ha parlato dell’Argentina
e degli amici in comune, tutti
desiderosi di venire a Roma ad
incontrare il “loro” Pontefice
e poi a discutere dei problemi
politici e sociali che attanagliano in questo momento la loro
nazione, fino a bere, insieme al
Pontefice, una fresca Coca-Cola,
che il fotografo del sindacato
non si è certo fatto sfuggire di
immortalare, perché non è cosa
di tutti i giorni che un Papa beva
con la cannuccia in un bicchiere
di carta. Il secondo incontro di
Ricardo, un omone alla Bud
Spencere, ha avuto come teatro
la “Patria mancata”, quel lembo
di terra che racchiude il Comune di San Giovanni in Fiore,
da dove suo nonno Pasquale
Antonio Pignanelli era partito
per l’Argentina nel lontano
1911 all’età di 23 anni. Ricardo,
dei suoi antenati sangiovannesi
Nell’Ufficio anagrafe del comune
Con il sindaco Barile ed altri
ricordava una cosa non certo
di poco conto, quella cioè che
la sua famiglia possedeva un
cinema costituito da una vecchia
baracca di legno, dove venivano
proiettati i primi film muti. Un
discreto input per gli storici
locali, che sono risaliti così al
sito dell’antica Vianovella ‘e ro
Rapinu e alla famiglia ‘e marru
Peppino Pignanelli (Veterana),
gestore insieme ai suoi fratelli di
quel “Cinema Paradiso” ante litteram. Quindi la visita alla casa
di via Cognale, 6 che potrebbe
essere proprio la casa della sua
famiglia. Qui quel gigante di
sindacalista si abbarbica al muro
e lo bacia, vi si inginocchia davanti all’uscio di casa e si lascia
prendere da un pianto liberatorio
che gli amici dell’Opus Dei, che
lo accompagnano, smorzano in
tempo. Scherzi dell’emozione,
dicono gli esperti, perche se si
va a guardare nel curriculum
del segretario general del Sindicato argentino Smata, motivi
di emozionarci ce ne sarebbero
tutti i giorni, quando per motivi
istituzionali, il nostro concittadino si ritrova al cospetto
della presidente della nazione
argentina, Cristina Fernàdez
de Kirchner e nei frequenti
incontri con il ministro dell’industria Dèbora Giorgi. “Ma
quello che maggiormente mi
ha fatto emozionare – racconta
Ricardo Pignanelli – è stata la
firma della convenzione con
Sergio Marchionne, che ha
portato la Fiat ad investire in
Argentina 130 milioni di dollari
con la realizzazione a Cordoba
di un nuovo impianto capace di
produrre fino a 2.000 macchine
agricole, 4.000 trattori e creare
600 posti di lavoro diretti e altri
1500 nell’indotto”. La giornata
di Ricardo Pignanelli si è conclusa con una visita al sindaco
Antonio Barile, per scartabellare tra i registri di fine ‘800, alla
ricerca dei propri antenati; una
visita all’Abbazia a pregare sulla
tomba di Gioacchino da Fiore e,
per finire, a pranzo nella villetta
in Sila di Agostino Audia, che il
comune amico Pino Tursi Prato
aveva voluto in forma privata,
per non affaticare più di tanto il
segretario genaral dello Smata, il
sindacato più prestigioso dell’America Latina. Prima di partire
una raccomandazione: “Fatemi
sapere qualcosa di preciso sulla
mia famiglia, così tornerò al più
presto e più motivato”.
Al Comune di Cosenza rimpasto in giunta
Riconfermata Rosaria Succurro
U
Che continuerà ad occuparsi di comunicazione, turismo e marketing territoriale
n travaglio durato venti giorni, ma alla fine il sindaco di
Cosenza Mario Occhiuto, ha varato la composizione della
nuova giunta, che amministrerà la città dei Bruzi fino al termine
del mandato. Il nuovo esecutivo avrà come vicesindaco Luciano
Vigna. Conferma per la nostra concittadina Rosaria Succurro
che continuerà ad occuparsi di comunicazione, turismo, marketing
territoriale, teatro, eventi e spattocoli e anche per Martina Hauser
con delega alla sostenibilità ambientale, Geppino De Rose con
delega all’innovazione ed Università, Davide Bruno, giovani e
futuro. Nel governo della città entrano Carmine Manna con delega ai fondi europei e nuova programmazione comunitaria, Nicola
Mayerà che si occuperà di crescita urbana, Manfredo Piazza,
solidarietà e coesione sociale, Massimo Lo Gullo con delega al
decentramento e cura dei quartieri. Escono dall’esecutivo Marina
Machì, Alessandra De Rosa, Carmine Vizza (dimissionario) e
Katya Gentile, sfiduciata dal sindaco. Viva soddisfazione a San
Giovanni per la riconferma di Rosaria Succurro. 
Pag. 4
Aveva costituito la Fugen-Takter AG Iuliano
Rosaria Succurro
i sono soffermata a lungo a pensare su chi potevo scrivere
questo mio terzo articolo. Ero ferma al semaforo di Wettingen, ascoltavo Vasco e riflettevo, poi notai il camioncino bianco
con le scritte blu: Fugen-Takter AG Iuliano e decisi di raccontarvi
di Gianni o come tutti lo conoscevano quì: Giannetto Iuliano (nella foto). Telefonai alla moglie Monika la quale dopo la morte di
Gianni, gestisce l’azienda famigliare con serietà e dedizione, proprio come ha sempre fatto lui. Le domando se le andava di raccontarmi la nascita, la lotta e i sacrifici di questo sangiovannese venuto
in Svizzera a lavorare e a crearsi una famiglia e dove ha lasciato per
sempre le sue radici. Ho avuto modo così di conoscere meglio una
donna dotata di grande forza d’animo. Una delle sue particolarità?
Lei è originaria della Spagna, ma nata e cresciuta in Svizzera. Però
quando parla, sente il suo accento spagnolo mischiato di dialetto
sangiovannese, che ha preso dal suo uomo; perciò parlare con lei,
diventa un po’ come parlare con Gianni. Gianni era nato nel 1964
al rione “Timpone”. Dopo avere frequentato le scuole elementari
alla “Fratelli Bandiera”, a soli sedici anni lascia il paese e parte per
la Svizzera. Monika e Gianni si conobbero a Wettingen nel 1986
e due anni dopo si unirono in matrimonio. Il primo settembre del
1988 nacque la prima figlia, Jessica; poi nel Febbraio 2001 il piccolo ometto di casa Emanuel. Gianni e Monika nel 1994 misero al
mondo, per cosi dire, la terza creatura, ovvero la loro piccola azienda famigliare.
La
FugenTakter AG, Iuliano, che oggi
conta diciotto
dipendenti. Purtroppo il 17.
Marzo del 2012
Gianni ebbe un
malore e inaspettatamente,
si addormentò
nella morte, lasciando un grande dolore per la
famiglia e per
tutti i concittadini di Wettingen e non solo. “C’è voluta molta forza per rimettermi
in piedi, – racconta Monika - ritrovarsi da sola con un bambino
piccolo e un’azienda avviata dove avevamo deposto i nostri sacrifici di ventisette anni di lavoro, è stato molto difficile” ! Quella
di Monika oggi è una vera e propria missione, perché c’e da investire tutte le forze per portare avanti il più grande desiderio di
Gianni, cioè quello di continuare a lottare e portare avanti la famiglia e l’azienda, perché per loro l’azienda è sempre stata insieme
ai valori e all’educazione, un importante dono da lasciare ai figli.
Grazie anche a tanti insegnamenti e tradizioni che le ha trasmesso
Gianni, affronta in modo dignitoso le difficoltà. Va avanti con la
stessa umiltà e orgoglio che hanno caratterizzato la vita di Gianni.
Ora che è sola, fare tutto ciò è molto più difficile, ma si erano fatti
una promessa: qualsiasi cosa sarebbe accaduto ad uno di loro, tutto avrebbe dovuto continuare come prima, per difendere un sogno
che parte da lontano, perciò Monika, giorno dopo giorno trova la
forza di continuare proprio in quella promessa. Poi Monika ricorda molto bene ogni viaggio fatto a San Giovanni in Fiore. Lui la
portava anche cinque o sei volte l’anno; infatti, mi fece sorridere
quando con il suo accento spagnolo - sangiovannese mi spiegò,
dove trascorse l’infanzia Gianni e nominò in dialetto “u Barru e
Piffi“. Lo ricordano in tanti e manca molto anche ai paesani che
puntualmente si ritrovano la domenica mattina al Kenny’s (un Autosalone) qui a Wettingen, dove è d’abitudine prendere l’aperitivo
e si parla del più e del meno, dove andava sempre anche Giannetto,
sempre pronto a offrire da bere e ovviamente a difendere sempre la
sua amata squadra, l’Inter! Infatti, ogni interista lo ricorda col sorriso e ricorda la sua passione e la sua capacità di convincerti anche
dopo una sconfitta, che l’Inter si ama e basta! Dopo la sua morte
per un lungo periodo il ritrovo al Kenny’s si è quasi evitato, perché
troppo grande il vuoto e la mancanza di quel gigante buono e della
allegria che sprigionava. Vincenzo Cerrelli, uno dei suoi operai lo
ricorda cosi: “Ogni volta che passava dai cantieri, ci lodava sempre
per il lavoro che facevamo, si rideva insieme e anche come accadde
l’ultima mattina che lo vidi, mi raccomandò di stare attento, perché
stavo lavorando su una scala, poi mi sorrise e andò via. Ci manca
tanto a tutti noi operai e vedere l’impegno di Monika ci rassicura
e ci sentiamo come una grande famiglia, ricordandoci sempre del
nostro Capo-Amico Gianni!”.
Tutti uniti per riuscire ad ottenere una rivendicazione sacrosanta
Il Paese si candida a sede
del distretto forestale
di Giovanni Bitonti*
Il nostro comune ha tutti i requisiti sia in termini di territorio e sia in termini di forza lavoro
N
ella seduta del consiglio
regionale del 3 maggio
scorso, il consiglio ha approvato la delibera di Giunta
n.308 che prevede “l’istituzione dell’Azienda regionale per
la forestazione e le politiche
per la montagna Azienda Calabria Verde e disposizioni
in materia di forestazione e
di politiche della montagna”.
La legge approvata tra le altre
cose, recita all’art.8 “dispone
circa l’articolazione territoriale
su base distrettuale, in funzione
delle peculiarità della superficie forestale e degli indicatori
fisico geografici, demografici,
patrimoniali e socio economici,
nonché della distribuzione territoriale della forza lavoro”. Sicuramente questa legge e molto
importante per l’intero settore
forestale e se ben applicata
dovrebbe portare benefici sia
alle popolazioni che risiedono
sulla montagna che agli stessi
lavoratori che prestano la loro
opera alle dipendenze dell’Azienda. Ma oggi vorremmo
soffermarci un attimo su quanto previsto dal citato articolo
8 della legge, articolo che dal
nostro punto di vista può rappresentare un’opportunità per
la nostra comunità. La legge
nel dire che la nuova Azienda dovrà organizzarsi con
un’articolazione territoriale
su base distrettuale, elencando
poi i requisiti necessari all’istituzione dei distretti mette
il comune di San Giovanni in
Fiore nelle condizioni di essere
sede di distretto. Un ragionamento sereno, porta chiunque, a valutare positivamente
questa possibilità. Chi meglio
del comune di San Giovanni
in Fiore rispecchia i requisiti
richiesti? Non c’è in provincia
di Cosenza e più in generale
in Calabria un comune che
abbia le nostre caratteristiche,
sia in termini di territorio che
in termini di forza lavoro. Ma
nessuno pensi però che ciò avvenga automaticamente, anche
perché “santi in paradiso” a
Reggio Calabria o a Catanzaro non ne abbiamo da tempo.
Occorre, quindi, muoversi in
tempo, tutti insieme destra,
centro e sinistra, prima che i
giochi della politica scavalchino la logica del diritto. La sede
del distretto svolgerà un ruolo
fondamentale, importantissimo
per quanto riguarderà la futura
programmazione degli inter-
Forestali al lavoro in Sila
venti da fare sulla montagna e
quindi anche nel nostro comune
e normalizzerà la gestione del
cantiere forestale più grande
della Calabria che non sarà più
gestito a distanza, dalle stanze
buie dell’ufficio forestale di
Cosenza. Questa è una grande
opportunità, sta adesso a chi si
è candidato a gestire le sorti di
questa città a mettere in piedi le
iniziative necessarie a far si che
un atto dovuto come quello del
riconoscimento di San Giovanni in Fiore come comune sede
di distretto diventi una realtà.
Siamo pronti da subito a collaborare con tutti i soggetti che
lavoreranno alla realizzazione
di questo obiettivo.
*segretario zonale Cisl
Una promessa da ferroviere
A piedi dalla Francia
fino a San Giovanni
François Nozzi è partito da Marsiglia il 28 aprile
ed è atteso nel paese dei genitori a metà luglio
François Nozzi in territorio italiano
U
na “promessa da ferroviere” e tanta voglia di camminare a piedi,
quasi volesse dire “fermate questo mondo, perché corre troppo
veloce e…fatemi scendere”. François Nozzi 55 anni, capotreno
sulle linee dell’alta velocità delle Ferrovie francesi (TGU), ha deciso
di raggiungere a piedi San Giovanni in Fiore, il paese dei genitori,
partendo da Marsiglia il 28 aprile scorso. Figlio di Salvatore Nozzi e
Giuseppina Marra (Tiratira), questo podista d’altri tempi, ha deciso
di dar vita ad un’avventura non comune: 1,400 km da percorrere
interamente a piedi. “E’ una promessa che ho fatto a mamma prima
che morisse”, ci ha detto per telefono e così ogni giorno macina
chilometri su chilometri lungo lo stivale italico, dormendo dove può
e cibandosi di alimenti che compera nei paesi che attraversa. La sua
è una specie di sfida che sta portando a compimento con fatica, ma
anche con orgoglio, perché alla fine potrà dire se è meglio camminare
a piedi, oppure usare un treno dell’alta velocità, come fa tutti i giorni
lavorativi. Ma, intanto, avrà assolto una promessa, che ha tutta l’aria
del pellegrinaggio e nello stesso tempo, avrà conosciuto il paese
di cui conosce tradizioni ed usanze, ma per sentito dire; perché al
momento giusto il destino ha voluto che quel paese, nel cuore verde
della Sila, non fosse il suo, perché mamma e papà furono costretti
ad emigrare all’estero per assicurare a François e agli altri fratelli
una vita più serena. Insomma, un atto dovuto, a cui teneva in modo
particolare. Ad attenderlo, a metà luglio, ovviamente le zie e i cugini
sangiovannesi, orgogliosi di poter abbracciare un atleta dotato di forte
fibra e di grande spirito di sacrificio. 
Ristrutturata la Scuola materna
“San Francesco”
Terminati i lavori di messa in sicurezza ed adeguamento sismico della
Scuola Materna “San Francesco”, nella zona del Bacile. L’edificio
interamente ristrutturato ha impegnato una spesa di 194.560,00 euro
interamente finanziata dalla Regione Calabria, mentre un’ulteriore
quota pari ad euro 78.718,63 è stata reperita dal Comune, mediante
l’accensione di un mutuo con la Cassa depositi e prestiti. I lavori
hanno riguardato in modo particolare, la messa in sicurezza degli
impianti elettrici, idrici e termici, gli adeguamenti alle norme di sicurezza igenico/sanitario dei locali refettorio e mensa, precedentemente
adebiti a casa custode, quindi in stato di abbandono. Con lo spostamento della zona mensa nella casa del custode, si è realizzato un
ampio spazio ludico ricreativo che consentirà ai bambini di sviluppare
fantasia e creatività. Soddisfazione è stata espressa dall’assessore ai
lavori pubblici, Pietro Tiano, il quale ha sottolineato gli impegni
del Comune in favore dell’edilizia scolastica in un momento di crisi
economica che interessa l’intera società italiana: “Se la scuola cambia
e si rinnova – ha detto - anche gli edifici e gli spazi educativi devono
cambiare secondo i nuovi criteri di progettazione e costruzione.” 
Un convegno per saperne di più
sui finanziamenti comunitari
“Presentazione dei Finanziamenti Europei Diretti” è stato
il tema del convegno promosso
dall’Amministrazione comunale,
in collaborazione con il gruppo
PPE del Parlamento Europeo e
con la partecipazione dell’on.
Raffaele Baldassarre e l’esperto in politiche e programmi UE
Dott. Peppino De Rose. Ha avuto
luogo presso la sala conferenze
del ristorante “Jure Cafè.” Un
incontro rivolto a tutti coloro i
quali sono interessati a capire
il meccanismo per accedere ai
finanziamenti comunitari, principale strumento con cui l’Unione Europea interviene affinché
l’economia europea diventi più
dinamica e competitiva. L’obiettivo è stato quello di favorire, attraverso un’ampia diffusione delle informazioni sulle opportunità
di finanziamenti direttamente erogati dalla Commissione europea,
per una maggiore e più qualificata partecipazione ai programmi da
parte della cittadinanza e in particolare da parte di enti pubblici, organizzazioni non governative, privati, studenti, imprese, università
e liberi professionisti.
Il patto dei sindaci
Anche il nostro Comune ha aderito al Patto dei Sindaci, con una
delibera votata all’unanimità in Consiglio comunale. Il Patto dei
Sindaci si inserisce nella strategia dell’Unione Europea cosiddetta
Obiettivo 20/20/20 la cui finalità è quella di ridurre le emissioni CO2
del 20% e produrre, almeno, il 20%di energia da fonti rinnovabili,
aumentando, nello stesso tempo, del 20% il livello di efficienza
energetica, entro la fine del 2020. Un’opportunità, dunque, di investimento sul territorio. La proposta di adesione è stata portata avanti
dall’assessore alle politiche per l’innovazione tecnologica, Mario
Iaquinta, con la collaborazione dell’Ing. Maria Grazia Scigliano.
L’assessore Iaquinta esprime grande soddisfazione per il risultato
raggiunto e dice: “In una Calabria che accusa sempre di più il divario
con il resto del mondo civilizzato, essere, per pochi aspetti, allineati
con le grandi città europee, può sembrare un paradosso, eppure, dopo
molti ostacoli, il risultato è arrivato. Il Patto dei Sindaci rappresenta
un’opportunità per attingere ad importanti fondi comunitari. Adesso
l’obiettivo è quello di redigere progetti validi da presentare all’Unione Europea e con impegno e determinazione si possono raggiungere
risultati soddisfacenti”.
Pag. 5
Per iniziativa del Parco nazionale della Sila
A Trepidò il Museo
dell’acqua e dell’energia
Il nuovo centro si aggiunge a quelli già funzionanti del Cupone e di Monaco
Nella foto: Stanislao Zurlo, Nicola Belcastro e Sonia Ferrari
I
l Parco nazionale della Sila, ha
un’attrazione in più per richiamare turisti sullo splendido Altopiano Silano. Dopo il Centro visite
del Cupone, nella Sila cosentina
e dopo il Centro visite Monaco
nella Sila catanzarese, ecco un
terzo centro visite con annesso
Museo dell’Acqua e dell’Energie,
realizzato a Trepido nel comune
di Cotronei, nella Sila crotonese.
La nuova struttura nasce grazie
ad un intervento di riqualificazione ambientale di un’area e di
recupero edilizio di un immobile
di proprietà di quel comune, concesso in comodato d’uso all’Ente
Parco. “I centri visita nascono
proprio allo scopo di raccontare
ai visitatori la vita del Parco della
Sila nei suoi diversi aspetti, non
solo naturalistici ed ambientali,
ma anche culturali e sociali”, ha
sottolineato il direttore del Parco,
Michele Laudati. I temi trattati,
infatti, offrono ai visitatori, attraverso l’utilizzo di una tecnologia
multimediale e interattiva, una panoramica dei paesi del Parco, spaziando dalla flora alla fauna delle
sue aree protette, dei prodotti artigianali ed enogastronomici, delle
sue ricchezze idriche: laghi e fiumi
e, infine dell’utilizzo di fonti di
energia rinnovabile (fotovoltaico,
solare-termico, biomassa). “Con
questa ulteriore realizzazione – ha
sottolineato la presidente Sonia
Ferrari – il Parco nazionale della
Sila si candida per il riconosci-
mento di “Riserva” della biosfera
nell’ambito del programma MAB
(Man and biosphere) promosso
dall’Unesco”. All’inaugurazione
erano presenti con la presidente e
il direttore del Parco, Sonia Ferrari
e Michele Laudati, il presidente
della Provincia di Crotone, Stanislao Zurlo, il sindaco di Cotronei,
Nicola Belcastro e il responsabile
impianti idroelettrici della Società
A2A, Ferdinando Bondiolotti.
Ha benedetto i locali il segretario
del vescovo di Crotone-Santa
Severina, don Gianni Filippelli.
Questa nuova struttura al servizio
del turismo silano rappresenta una
realizzazione davvero importante
per la vita del Parco della Sila che,
già nella lista dei siti candidati a
diventare Patrimonio Mondiale
dell’Umanità, mira a divenire
“Riserva della Biosfera” dell’Unesco allo scopo di promuovere e
salvaguardare, attraverso il coinvolgimento delle comunità locali,
un rapporto equilibrato tra attività
umane e conservazione dei valori
naturali in grado di ricomprendere
le attività economiche sostenibili e
generare reddito, nonché sostenibilità sociale, ambientale e culturale.
Il Centro visite di Trepidò dista
soltanto 2 km dalla diga del lago
Ampollino.
Pioggia di finanziamenti per rilanciare la Sila
A Lorica, il presidente della FISI
Flavio Roda auspica la creazione di un comprensorio sportivo tra Lorica e Camigliatello
di Francesco Mazzei
È
la montagna, la risorsa sulla
quale scommettere (finalmente forse qualcuno l’ha capito) per
lo sviluppo integrato della Calabria ed è l’obiettivo posto dei fondi
europei PISL destinati alla Sila e
all’Aspromonte, affrontato dettagliatamente in un incontro a Lorica tra il presidente nazionale della
federazione italiana sport invernali
Flavio Roda e l’assessore regionale al settore Giacomo Mancini.
Una regione con 800 chilometri di
costa che punta sulla risorsa neve.
Contando su una montagna meravigliosa e apprezzata dagli appassionati del turismo d’alta quota. Un
concetto ribadito a Lorica, in Sila,
in occasione della visita del presidente nazionale della FISI, che,
con il presidente regionale Fiorello
Martire, ha incontrato l’assessore regionale alla programmazione
nazionale e comunitaria. Nel tour
calabrese, tra sport e ufficialità
istituzionale del presidente Roda,
il vertice di Lorica, alla presenza
di tecnici, esperti, rappresentanti
dell’Afor e Amministratori, è stato la verifica di un impegno per la
montagna. Oltre 40 milioni di euro
da investire tra Gambarie d’Aspro-
Pag. 6
monte e la Sila. In particolare, il territorio silano tra Camigliatello
e Lorica, diventerebbe
un comprensorio competitivo a Sud, dopo
quello che è stato realizzato a Roccaraso, in
Abruzzo. Entusiasmo
da parte del numero
uno della Federazione
italiana sport invernali, Roda che ha invi- Tavolo della presidenza del convegno di Lorica
tato le realtà locali a
raccogliere la sfida:
“E’ una montagna baciata dal la progettazione integrata. Fondi
sole, nel senso che è ideale per che, se utilizzati appieno, possono
l’impiantistica sportiva degli sport cambiare il volto della Sila. Con il
invernali, sicuramente ha bisogno coinvolgimento attivo dei comuni
di migliorie, però penso che se si interessati. San Giovanni in Fiocreerà questo grosso comprensorio re capofila del partenariato. Piesarà vincente e il turismo ne trar- na soddisfazione è stata espressa
rà un grande vantaggio” – cosi il da Pino Mirarchi dello Sci club
presidente della FISI dopo aver vi- Montenero che ha dichiarato: “La
sitato le zone interessate del proget- presenza in questo comprensorio
to. L’assessore Mancini poi, è en- del presidente FISI è certamente un
trato anche nei dettagli sullo stato fatto positivo; abbiamo fatto vededell’arte dei PISL. Quasi 14 milioni re le potenzialità della zona, ora ci
di euro per il potenziamento degli aspettiamo dagli amministratori, la
impianti di Camigliatello-Lorica voglia di investire seriamente sulla
(risorse recuperate dai FAS); ol- risorsa neve che tanto interesse sta
tre 20 milioni per lo sviluppo e riscuotendo in tutto il Sud”.
Conclusa ad Acri la 15° edizione “Maître dell’anno”
Un trionfo per Luca Biafora
Al secondo posto ex equo il sangiovannese Piero Laratta
di Caterina Mazzei
L
a struttura del ristorante Panoramik di Acri, ha ospitato,
per la sezione Amira ”Cosenza –
Sila” la quindicesima edizione del
“Maître dell’anno” che ha visto
trionfare Luca Biafora con il suo
elaborato “cremoso al limone, con
terra di cioccolato, gelatina di Campari e ananas spadellato, abbinato
a un vino passito Gemma del Sole
delle cantine Ippolito di Cirò Marina”. Alla manifestazione presentata
dal gran maestro della ristorazione
Biagio Talarico, fiduciario del
sodalizio silano, insieme al suo
vice anch’egli g.m.r. Giuseppe
Biafora, con il supporto e l’aiuto
naturalmente di tutti i soci, sono
intervenuti giornalisti e diversi
gestori di aziende locali vicine
all’associazione che hanno contribuito all’evento offrendo i loro prodotti
alla cena di gala. A valutare l’operato dei concorrenti un’autorevole giuria
composta da Vincenzo Ippolito, enologo, Angelo Di Terlizzi, g.m.r. del
compartimento Calabria, Dino Gardi, giornalista RAI, Angela Guidi,
presidente del comitato locale BCC Acri–Bisignano, Peppino Di Napoli,
g.m.r. già fiduciario della sezione Campania e che ha svolto anche la
funzione di presidente. Il tema della gara è stato “dessert a preparazione
libera” e consisteva nel preparare un dolce inedito alla lampada, presentando e motivando inoltre, un abbinamento enologico, il tutto entro
un tempo massimo di 15 minuti. Ex aequo al secondo posto si sono
classificati Piero Laratta, che ha proposto “Crèpes impigliate” servite
con un Bristacce passito delle cantine Iuzzolini” e Michele Giorno
che ha composto un “Dolce sogno della notte” accostato all’amaro del
Capo dell’antica distilleria Caffo. Il premio per la miglior professionalità è stato assegnato a Luigi Presta che ha allestito delle “Crèpes alla
maniera di Gino” con un Greco Bianco. Il trofeo della giuria popolare,
l’ha conquistato Guerino Donato che ha esibito un “Dessert eclisse”
accompagnato da un passito greco bianco di Ceratti. La coppa della
giuria di sezione, è andata invece, a Pietro Calderaro che ha esposto
una “Soffice sfogliata ai frutti di bosco” con un vino le Passule delle
cantine Librandi. Tutti i maitres in ogni modo, hanno scommesso sulla
calabresità e su quanto di meglio si produce nella nostra regione. A fine
gara, il maître del Panoramik, Salvatore Ferraro insieme allo staff di
cucina e di sala, ha sapientemente curato nei minimi dettagli la cena
di gala per tutti i partecipanti e gli ospiti presenti alla manifestazione.
Insomma, è stata una vera festa del gusto e della socialità. Luca Biafora,
trionfatore della sfida enogastronomica, si appresta adesso a partecipare
alla finale nazionale e, ne siamo sicuri, rappresenterà adeguatamente la
Calabria e San Giovanni in Fiore.
“Casa”... in fiore
P
iù che balcone in fiore, è proprio il caso di scrivere “casa” in
fiore; dal momento che tutte le facciate esposte al sole, sono
interamente “fiorite”. L’abitazione è quella della signora Pina
Romano-Urso, sita in via San Cristoforo, 19. Non ci resta che
congratularci con la brava “giardiniera” e assicurarle che quest’anno
non ci sono case più fiorite della sua, nel nostro paese.
Rari esempi di fratellanza attiva
La “griffe Straface”
Quelli dei paesi venivano nel loro negozio certi di trovare il meglio della calzatura
di Mario Morrone
Natale e Francesco Straface
S
ono sicuramente tra i negozianti più conosciuti e non
solo a San Giovanni, ma in tutto
il circondario dell’alto Crotonese. Un riferimento e un lodevole
esempio di cooperazione, apporto,
sostegno, signorilità. Dunque, due
fratelli insieme da oltre 40 anni,
legati da un incessabile affetto e
da un amore fraterno incancellabile. Mai una parola di troppo! Mai
un pettegolezzo, mai un’offesa.
Hanno inteso il loro lavoro sempre
con umiltà, improntandolo sul
rispetto verso tutti i clienti, con
i quali hanno sempre instaurato
una sorta di amicizia e familiarità. Conosco Francesco e Natale
Straface dalla fine degli anni
’60, quando perlopiù mia madre
prima che arrivasse l’inverno era
solita portarci al loro negozio,
per comprarci le scarpe invernali.
Era un po’ complicato portare a
termine la “trattativa” soprattutto
con le donne, mia madre compresa, giacché volevano mille garanzie: “Le scarpe dovevano essere
calde; antipioggia; alte, ma pure
“isolate” prima con la suola e poi
la gomma”. Quando tutte queste
caratteristiche erano assicurate, si
passava alla trattativa del prezzo.
E Francesco e Natale, sempre
pazienti, anche se ad un certo
punto non cedevano più: “Meno di
tanto non possiamo fare!”. Come
dire... prendere o lasciare! Allora
le scarpe più accessibili erano
quelle della Borri. Ma l’assortimento del negozio comprendeva
più marche. Al punto che alla fine
degli anni ’70, nel Bresciano, dove
mi trovavo per ragioni di lavoro,
Un improvviso abbassamento della temperatura
la causa di una gelata devastante
Chiesto lo stato di calamità
Maggiormente colpiti gli agricoltori di Germano e Serrisi
L’
Amministrazione comunale,
anche su sollecitazione scritta da parte del
Gruppo consiliare del
Partito democratico,
ha deciso di chiedere
lo stato di calamita
naturale a seguito
dell’eccezionale gelata verificatasi la notte
tra il 26 e il 27 maggio scorso, che ha danneggiato
in modo rilevante alcune zone
dell’Altopiano Silano (come Serrisi e Germano), distruggendo le
coltivazioni di patate, ortaggi ed
alberi da frutta (noci, melo, pero e
ciliegio). Stessa sorte è purtroppo
toccata ai prati di erba da pascolo.
Come è facile comprendere tale
situazione ha determinato un
danno incalcolabile ad agricoltori
ed allevatori del nostro comune e
a tutti coloro che vivono sull’Altopiano Silano. A seguito di tale
decisione l’assessore comunale
alle politiche agricole, Giovam-
battista Benincasa, a conclusione di un incontro avuto con una
delegazione di coltivatori e dopo
aver sentito gli uffici regionali
preposti, ha predisposto i modelli
di richiesta per il risarcimentodanni, che si possono scaricare
dal sito del Comune. “Una gelata
devastante – ha detto Giuseppe
Arcuri che con il fratello Battista
soggiornano inverno ed estate a
Serrisi – che ha distrutto sia gli
alberi da frutta che il seminativo”.
Secondo gli esperti ci vorranno
almeno due anni perché la vegetazione ritorni nella normalità. 
dal giornale locale, appresi che
San Giovanni era considerata una
piccola “capitale” delle scarpe
all’interno del mercato delle calzature del Mezzogiorno d’Italia,
intesa per qualità, assortimento e
convenienza. Fui orgoglioso nel
leggere quell’articolo. Al punto
che quasi mi emozionai nell’incontrare i nomi dei fratelli Natale e
Francesco Straface. Il primo, classe 1927 e il secondo classe 1933.
Con negozi singoli sino al 1972 e
dal settembre di quell’anno sempre
insieme! Un’epoca di successo
e di progresso in tempi di boom
economico. Non solo di marchi
prestigiosi, tipo, appunto Borri, ma
anche Varese, Marelli, Boccaccini,
e l’indistruttibile Madras e tante
altre marche ancora. Si perdono i
ricordi nel tempo. Legati a stima
e affetto. Sempre a chiedere, a domandare: “Tuo fratello dov’è? tuo
zio Tommaso era un raccontatore,
un uomo perbene. Tuo papà come
sta? E tua madre?”. Sempre a domandare a mandargli i saluti, come
pure ad amici comuni. Gli Straface
hanno saputo vivere. Hanno saputo
costruirsi ognuno la propria famiglia. Hanno letto, seguito il calcio
e la politica. Già, negli anni ’60
“incartavano” gli scatoli con fogli
di giornali quotidiani, dai quali,
poi, noi ragazzi “estrapolavamo”
qualche articolo da leggere. Erano
i tempi di Herrera, Anzolin, Altafini, Cané... San Giovanni, dunque,
“capitale delle calzature”, alla cui
effige o marchio, hanno contribuito decisamente questi due formidabili fratelli. Un esempio davvero
fulgido, straordinario; un modello
di cooperazione da esempio per le
nuove generazioni. Ormai quasi
in pensione e pronti ad essere
avvicendati da Claudio (figlio di
Natale), insegnante di educazione
fisica che, all’insegnamento, ha
preferito il negozio e Giuseppe
(figlio di Francesco), ragionierearchivista, con l’identica passione
della continuità. Nel segno di
Natale e Francesco, che iniziarono
l’attività rispettivamente nel 1952
e nel 1955 e che hanno avuto
la forza e la capacità di arrivare
insieme al traguardo agognato,
la ditta F.lli Straface, continua ad
offrire “signorilità e convenienza”
proseguendo una tradizione di laboriosità; una griffe, anzi la “griffe
Straface”, esportata in Svizzera,
Germania, nelle Americhe, e
in ogni posto dove vivono tanti
nostri concittadini, cui Claudio e
Giuseppe devono ora continuare a
portare sempre avanti: perché tutto
quello che si è costruito è storia.
E’ vita. E’ sacrificio. E’ orgoglio.
E’ un nome di rilevanza che ha
contribuito ad onorare San Giovanni. Ma è pure umanità, amore,
e quella fratellanza che non deve
mai finire!
Sveglia!
E’ l’ora della gratitudine
L
a brillante idea di ricordare la
carissima suor Eleonora, mi ha
fatto ritornare ai tempi della mia
giovinezza, quando frequentavo
le suore di palazzo de Marco e
andavo spesso a darle una mano
per accompagnarla alle macellerie, per chiedere le ossa per fare
il brodo e al mulino a chiedere un
po’ di farina per fare le fettuccine
ai “suoi” vecchietti. Credo che San
Giovanni in Fiore è stato un paese
molto fortunato ad avere avuto una
persona così straordinaria, che ha
fatto tanto bene alla nostra gente.
Suor Eleonora, se mi consentite, è Bozzetto allestito dallo scultore Franco Bitonti
stata una piccola madre Teresa di
Calcutta, che ha saputo muoversi con delicatezza in tutti gli ambienti del paese, dove era possibile chiedere ed ottenere la carità
per i più poveri e per gli abbandonati. Ella ha fatto veramente di
tutto nella sua comunità: è stata maestra d’asilo e poi nella Casa
di riposo ha fatto l’infermiera, la cuoca, l’ortolana, la domestica
ecc. Perciò le dobbiamo tanta, ma tanta gratitudine. Quindi, svegliatevi e contribuite alla realizzazione del monumento ideato da
questo giornale.
Maria Iaquinta, Clarksburg
Ottavo elenco delle sottoscrizioni
Riporto
Benedetto Iaquinta, Northville
Giovanni Laratta
A.G
Biagio Mele
Franco Iaquinta
Maria Cerminara Cosenza
Toni Costanzo in memoria
di Rosa Bonasso $ canad. 300
Elisabetta Oliverio-Falbo
D. Angelina Benincasa
Totale
A nti ch i me sti er i
€ 2.770
€ 200
€ 50
€ 10
€ 50
€ 10
€ 50
€ 198
€ 30
€ 50
€ 3.403
Lo scalpellino
G
li scalpellini più rinomati di tutta la Calabria provenivano
da San Giovanni in Fiore, Serra San Bruno, Palmi, Fuscaldo
e Rogliano. Grazie alle loro capacità artistiche e creative erano
richiesti da tutta la Regione, dove hanno decorato le più belle
chiese. Tra la fine dell’800 e gli inizi del secolo successivo, la
rivoluzione delle tecniche e l’impiego dei nuovi materiali, hanno
messo però in crisi l’attività degli scalpellini e non solo nel nostro
paese, dove ancora i vari Varca, Fragale, Tripodi, Foglia, Pulice,
Congi, Ambrosio e Barberio sono riusciti a sopravvivere, grazie
anche all’utilizzo che ne faceva la Soprintendenza alle Belle arti
nell’opera di restauro di alcuni edifici adibiti al culto. Oggigiorno
a portare avanti quest’arte è rimasto solo Domenico Madia (classe 1960) al quale si deve il merito di portare avanti una “scuola”
impegnata a formare le nuove generazioni.
Pag. 7
Uno storico severo e scrupoloso
è morto
Salvatore Meluso
I suoi libri sono fondamentali per la storia risorgimentale del nostro Paese
Salvatore Meluso
S
i è spento a Cosenza all’età
di 87 anni, lo storico Salvatore Meluso. Aveva speso
parte della sua vita nella ricerca
della verità sul ruolo avuto dal
suo antenato Giuseppe Meluso come guida calabrese dei
fratelli Bandiera. Insegnante
elementare poi passato nei
ruoli attivi del Provveditorato
agli studi di Cosenza dove si
occupò in prevalenza dei patronati scolastici della provincia,
prima di transitare definitivamente nel ruolo della Regione
Calabria, attraverso l’assessorato ai trasporti. Dirigente
dell’Azione cattolica a livello
diocesano era stato consigliere
comunale del nostro paese dal
1960 al 1970, eletto nella lista
della Democrazia Cristiana.
Nel 1961 è tra i fondatori de
“Il Corriere della Sila” occupando il ruolo di condirettore
fino alla “chiusura” della prima
esperienza del giornale sangiovannese. Come studioso di
storia patria aveva pubblicato
il libro “Il volto del coraggio “
(Nuova Esperia, 1967), seguito
da “Briganti in Sila” (Satem,
1972), “La spedizione Bandiera in Calabria” (Frama Sud,
1981), “La Sila e la sua gente”
(Orizzonti meridionali, 1987)
ripubblicato in due volumi da
Grafica florens nel 1997. E poi
ancora: “Il movimento cattolico
a Cosenza” (Res Novae, 1991,
scritto insieme a D. Leonardo
Bonanno), “La spedizione in
Calabria dei fratelli Bandiera”
(Rubbettino, 2001), “San Giovanni in Fiore nel XIX secolo”
(Rubbettino, 2007), per finire
con “La guida calabrese dei
fratelli Bandiera” (Calabria
Letteraria, 2012). Dotato di
una spiccata intelligenza e di
un abile spirito battagliero, è
stato a capo di vivaci dibattiti all’interno del suo partito, contro lo strapotere della
borghesia locale impegnata a
Pag. 8
Copertina del suo ultimo libro
rallentare l’affermazione della
democrazia nella vita politica
sangiovannese. Aveva sposato
Zita Lauro dalla quale aveva
avuto cinque figli: Massimo, Antonella, Anna, Mauro,
Marco. I funerali hanno avuto
luogo nella Chiesa parrocchiale
di Sant’Aniello di Cosenza. Il
rito funebre è stato ufficiato dal
vescovo emerito mons. Augusto Lauro, mentre il vescovo
di San Marco Argentano, mons.
Leonardo Bonanno, ha ricordato la figura dello scomparso,
al quale lo legavano vincoli
di amicizia e di comune interesse per la storia regionale.
Un messaggio di cordoglio è
stato inviato ai familiari dal
presidente della Provincia di
Cosenza, Mario Oliverio, il
quale “esprime cordoglio e dolore per la scomparsa del caro
amico e concittadino: scrittore,
uomo colto ed appassionato,
studioso insigne di storia risorgimentale e regionale. Con la
scomparsa di Salvatore Meluso – ha affermato il presidente
Oliverio – la Calabria perde un
uomo di grande cultura, amante
della propria terra ed orgoglioso della propria storia a cui ha
dedicato anni ed anni di ricerca
e di studio”.
Saverio Basile
Addio all’amico
di una vita
S
alvatore Meluso (nella foto), il carissimo
amico di una vita, non è
più. Il dolore per la sua
perdita e lo sconforto di
non averlo potuto salutare
alla fine, hanno determinato uno stato d’animo
di grande sofferenza. Era
la persona delle grandi
analisi che a volta io non
capivo del tutto per i miei
limiti, ma mi rendeva
felice lo stesso per la sua maniera di esporre gli argomenti
con cristallina chiarezza. Il vuoto che ha lasciato in me non
voglio coprirlo con la rassegnazione, ma voglio sostituirlo
con il pensiero permanente che avrò di lui. Quel che è stato
nella società è scritto in altra parte del giornale, a me interessa
sapere che uomo ho avuto vicino, che vividezza di giudizi,
che insegnamento di un mondo che non si sarebbe mai aperto
per me . E’ stato per me un maestro in senso assoluto, che
spaziava nel mondo della spiritualità e che consentiva alla
mia scarsa preparazione anche religiosa di apparire per lui un
inconcepibile carenza culturale che lui contribuì a colmare
con una padronanza di argomenti che facevano breccia nella
mia mente. E qui agli anni Cinquanta nel ricordo delle interminabili discussioni che facevamo dalla sera inoltrata fino
alla notte, percorrendo in lungo e in largo la piazza Abate
Gioacchino. Quanto ho appreso! Fu il mio matrimonio il
suggello della profonda amicizia quando mi fece da compare
d’anello completando un cerchio di affetto e di stima. Il
fatto che Egli fosse un letterato, uno storico, mi lusingava e
mi sentivo come se fossi parte piccolissima del suo valore,
senza averne diritto e capacità. I particolari della nostra felice
avventura di vita non mi sento di raccontarli adesso. Non
piango, il mio pianto non è fisico: è nell’anima.
Emilio De Paola
Per una politica produttiva
C
arissimo Direttore, Le scrivo, perché
da assiduo lettore del Suo giornale
non poteva passare indifferente al mio
sguardo l’articolo di Morrone, relativo
al consiglio comunale aperto sul lavoro
svoltosi nella sala convegni del Polifunzionale. Per come è stato impostato
l’articolo si deduce che i consiglieri comunali, di maggioranza e di opposizione,
facendo seguito all’intervento del sindaco
siano tutti d’accordo sulla nuova sperimentazione del sussidio, come tra l’altro
proposto dall’on. Enza Bruno Bossio. Il
mio intervento andava in tutt’altra direzione, come si può evincere
tra l’altro da Sila tv, che registra tutti i consigli e possono essere
rivisitati in qualsiasi momento sul web. Ci tengo a precisare la mia
posizione, perché di questa, ne sto facendo una battaglia personale
ed è stata sempre chiara, sia in altri consigli con ordine del giorno
analogo, che durante le riunioni che più volte abbiamo avuto in
merito. La mia è una posizione chiara e netta e non lascia spazio
ad interpretazioni. Nel mio intervento ho chiaramente detto che
il sussidio è stato un fallimento, non causato dalla ricaduta economica sul territorio che è sempre un piacere, ma perché non ha
minimante rilanciato l’economia, né tantomeno ha inserito disoccupati nel mondo del lavoro o stimolato minimamente alcun che,
anzi tutt’altro. Ho, tra le altre cose, sottolineato l’importanza che
potrebbero avere strumenti come l’accordo di programma quadro,
che si pongono l’obbiettivo non solo di essere semplici interventi
a pioggia, ma hanno come essenza della loro esistenza, generare
produttività e quindi far ripartire l’economia in diversi modi, che
mettono al centro non semplicemente il reddito ma il lavoro ed il
lavoratore, stimolando l’ingegno ed il fare impresa. In quest’ottica,
con un orizzonte produttivo/occupazionale preciso davanti a noi,
possiamo colmare quel vuoto temporale, (che servirà ad imprese
e cittadini-disoccupati di buona volontà - di concretizzare le loro
idee), con degli ammortizzatori sociali, che possono essere chiamati
come si vuole da sussidio a reddito di cittadinanza a reddito di
inserimento, ma l’orizzonte difronte a noi deve essere ben preciso.
Non possiamo pensare di avviare una procedura di nessun tipo se
non sappiamo qual é l’obbiettivo che vogliamo raggiungere, non
possiamo prendere ancora in giro i cittadini. In altre occasioni, ho
anche suggerito di chiedere al governo centrale di sperimentare
una zona franca sul nostro territorio. Ho chiuso il mio intervento
con una frase che invito chi fa politica come me a farla sua; “non
voglio appartenere a quella generazione che continua a sperperare
denaro pubblico”. La ringrazio sin d’ora per la considerazione che
sicuramente avrà di queste mie parole e con la stima di sempre
Le auguro buon lavoro.
Francesco Gallo
Consigliere comunale gruppo: Il Popolo della libertà
Il panettiere filosofo
L
a filosofia applicata al “fare” quotidiano, discutendo con la gente,
ma anche agendo con filosofia. Con questo spirito una commissione di esperti istituita dall Anpf ha voluto premiare quest’anno, nel
lussuoso palazzo Pretorio di Certaldo (Firenze), Vincenzo Ambrosio,
di professione panettiere, originario di Castelsilano ma operante da
circa vent’anni a San Giovanni in Fiore, in via Bovio, 3. Il suo modo
di confrontarsi, giorno per giorno, con i clienti, con gli amici, con i
simpatizzanti, da prova di possedere un’innata “dose” di filosofia che
egli riesce a trasmettere anche alle persone con le quali si confronta. Da
qui il “Premio speciale di filosofia” promosso dall’Anpf nell’ambito
della VII edizione, che quest’anno ha avuto come tema “Le figure
del pensiero”. Auguri Vincenzo, filosofo e viveur.
Il Porporato è giunto nella mattinata del 24 giugno accolto dal Clero locale e dal sindaco Barile
La visita in città
del Cardinal De Paolis
Al momento dei saluti si è detto lieto di trovarsi nella città di Gioacchino da Fiore
N
ell’ambito dei festeggiamenti di San Giovanni
Battista il cardinal Velasio De
Paolis, presidente emerito della
Prefettura per gli affari economici della Santa Sede, è giunto
in visita nella nostra città, per
rendere omaggio al santo patrono del grosso centro silano. A
ricevere l’alto prelato il parroco
don Germano Anastasio e tutto
il clero locale, mentre la banda
musicale “Nuova Paidea” eseguiva inni di gloria. A rendere
omaggio al cardinal De Paolis
che, in passato è stato anche
osservatore permanente della
Santa Sede presso le Nazioni
Unite, il sindaco Antonio Barile e gli assessori Benincasa e
Iaquinta. Al momento dei saluti
da parte dei rappresentanti delle
istituzioni in Chiesa Madre, il
porporato si è detto lieto di trovarsi nella città di Gioacchino
da Fiore da cui partirono nei
Medioevo messaggi di luminosa
spiritualità. Nel pomeriggio di
lunedì 24 giugno, Sua Eminenza Velasio De Paolis, ha
celebrato in Abbazia la santa
messa solenne con i sacerdoti
del luogo, prima di dare inizio
alla processione della venerata
effige di San Giovanni Battista
per le vie principali del paese.
In serata sono stati fatti esplodere i fuochi d’artificio, ancora
una volta, offerti dal presidente
dell’Amministrazione provinciale di Cosenza, on. Mario
Oliverio. 
è morto Enzo Arcudi
Stroncato da un infarto, ha lasciato questo
mondo, il prof. Enzo Arcudi, un personaggio
che non si dimentica facilmente, per la sua
generosità, per l’amore verso la famiglia, per
l’attaccamento al lavoro, per i rapporti di amicizia che manteneva con tutti, ma soprattutto
per l’amore per il nostro paese di cui si sentiva
“figlio adottivo privilegiato”. Aveva da poco
compiuto 71 anni, molti dei quali trascorsi a
servizio della Scuola media “G. Marconi” di
cui è stato vice preside per oltre un ventennio e
del sindacato Snals di cui era attualmente vice
segretario provinciale. Le esequie hanno avuto luogo nella Chiesa
dell’Olivaro dove l’estinto era solito andare a messa le domeniche.
Lascia due figlie: Cristina e Roberta alle quali manifestiamo la
nostra vicinanza in questo particolare momento di dolore.
Addio a Domenico Antonio Longo
è tornato alla casa del Padre, all’età di 79
anni, Antonio Domenico Longo. Uomo di
immensa bontà e purezza d’animo. Grande
lavoratore era emigrato in Svizzera dove visse
35 anni svolgendo l’attività di muratore, ma
al momento del pensionamento ha voluto fare
ritorno nel suo amato paese, da cui era partito
un giorno lontano. Marito e padre premuroso
oltre ogni limite, ne piangono la dipartita la
moglie Norina Panetta con le figlie Luisa,
Maria Grazia e Daniela e le adorate nipoti Fiorella, Marilena,
Eleonora e Daiana.
La passione per i frutteti porta Paolo Oliverio a prolungare l’orario di lavoro
Un frutteto di tutto rispetto
Cento piante di melo, pero, noce e ciliegio sono state messe a dimora davanti al Palasport
L
a passione per i frutteti
porta Paolo Oliverio, 61
anni, a prolungare il lavoro di
operaio Afor. Sicché mentre gli
altri colleghi tornano a casa a
fine giornata, egli va a dare
un’occhiata a quelle centinaia
di piantine messe a dimora qua
e là, magari abbeverandole,
come è necessario fare ad una
pianta giovane e in pieno vigore di crescita. Non credevamo
a nostri occhi a questo strano
impegno, fino a quando non
l’abbiamo visto all’opera. Il
posto dove oggi è maggiormente impegnato a dare sfogo
a questa sua passione, è il
giardinetto antistante il Palazzetto dello sport nel Parco della
Pirainella. Qui Paolo ha messo
a dimora quasi cento piante da
frutto: melo, pero, castagno,
noce, ciliegio soprattutto, ma
anche alberi ornamentali e
siepe frangivento che, se acquistate al vivaio ci sarebbero
voluti non meno di mille euro.
Lui, invece, le ha realizzate
nell’orto di casa, partendo dal
seme e con pazienza ne ha
seguito la crescita. Qui alla
Pirainella ha creato le buche,
vi ha portato con la sua auto
concime organico e taniche
d’acqua a non finire. “Gli alberi
hanno già abbozzato il frutto
– ci fa notare – ma non hanno
acqua a sufficienza
e soffrono, anche
perché il terreno è
arido, essendo sabbioso”. In effetti,
qui c’era una collina
che è stata sbancata
per dare respiro al
Palasport che gli
sta proprio di fronte. “Un giorno mi
ha visto lavorare
l’assessore Franco Spina Iaconis e
mi aveva promesso
una cisterna d’acqua, ma fino ad oggi
non l’ho vista”. Poi
accarezza una per
una le piante, toglie
qualche ramo secco,
rimuove qualche foglia, gratta il terreno
con il piede calzato da uno scarpone
alto e duro e va avanti così per
un paio d’ore al giorno. Sabato
e domenica, invece, è a tempo
pieno. Intanto, si prepara a
fare la stessa cosa nello spazio attorno al Bocciodromo di
Palla-Palla, dove pensa di mettere solo piante autoctone: mele
lemoncelle, mele scacciatelle e
pere spinole. “Bisogna salvare
le specie di frutta della nostra
tradizione, – dice – diversamente le perdiamo definitivamente”.
Si è spento nel Quebec, Domenico Lopez
Si è spento in Canadà, a distanza di pochi mesi dalla dipartita della
moglie, mr. Domenico Lopez, carabiniere in congedo, poeta e un
passato al servizio dell’Enit (Ente nazionale italiano per il turismo)
nella città canadese di St.Leonard, dove si era trasferito dopo il
pensionamento militare per seguire i figli colà emigrati. Attaccato
al paese di origine al quale ha dedicato diversi componimenti poetici, si teneva costantemente informato leggendo il nostro giornale
di cui è stato fino alla morte attento lettore. Una messa in suffragio
è stata fatta celebrare dai parenti sangiovannesi nella Chiesa dei
Cappuccini. Ai figli e al fratello Mario, sentite condoglianze.
Sciame sismico in Sila
Ed ha ragione! Perciò ci rivolgiamo anche noi all’assessore
Spina, particolarmente sensibile
a richieste del genere, perché
mandi una bella cisterna d’acqua, magari una la settimana,
per abbeverare le piante messe
a dimora da Paolo Oliverio
davanti al Palasport della Pirainella. Un giorno il popolo
gliene sarà grato, quando potrà
mangiare a sazietà frutta gratis.
Bravo Paolo!
U
na leggera scossa di terremoto, magnitudo 2.1 della scala Richter,
è stata avvertita alle ore 10,08 del 4 giugno scorso, nel distretto
sismico della “Sila”. Nella stessa giornata è seguito uno sciame di altre
quattro scosse di minore intensità. L’epicentro è stato localizzato a 9
km nord-ovest del comune di Parenti in direzione Lorica ad una profondità di 10,9 km. Lo sciame sismico è stato regolarmente registrato
dagli strumenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle
7,50, 8,37, 10,12 e per ultima alle ore 13. La scossa delle 10,08 è
stata avvertita anche a San Giovanni in Fiore. Ovunque non si sono
avuti danni a persone o a cose.
Pag. 9
I bacini idrografici della Sila tra i più ricchi del Mezzogiorno
Da “Incavallicata” a “Pietre del Melo” fino ad “Acquafredda”
Acqua, l’oro del domani Le pietre del mistero
Per salvare il prezioso liquido bisogna cominciare dalle sorgenti e tenere sotto controllo i fiumi
G
li esperti di tutto il mondo
sostengono che fra cento
anni l’oro nero, ovvero il petrolio,
passerà in second’ordine rispetto
alla necessità che l’umanità avrà
di acqua, mentre gli ambientalisti chiamati ad esprimersi sullo
stesso argomento sostengono che
a quella data le sorgenti idonee
all’approvvigionamento delle popolazioni, saranno ridotte, minimo
del 38%, rispetto alle attuali, per
via dell’inquinamento che l’uomo
avrà nel frattempo causato ad ogni
corso d’acqua. Tra le cause più
frequenti dell’inquinamento delle
falde acquifere figurano gli anticrittogamici e gli antiparassitari in
genere, adoperati in agricoltura,
ma non sono da meno altri prodotti (gomma, vetro, plastica, ferro ed
elementi elettronici), abbandonati
in prossimità di sorgenti e lungo i
corsi d’acqua. Insomma a leggere
queste previsioni è difficile rimanere insensibili, davanti ad un’inquietante e catastrofica situazione
che si prospetta veramente tragica,
non tanto per noi ma per i nostri
discendenti. A leggere quello che
ha scritto Giuseppe Rogliano nei
suoi due volumi “La Sila”, editi
per conto dell’Opera valorizzazione Sila nei primi anni ’60, si de-
duce, dando un’occhiata ai dati
riguardanti i bacini idrografici
ricadenti sull’Altopiano, che
la Sila oltre che a detenere il
primato di seconda regione più
verde d’Italia, dopo l’Umbria,
è – anche – la regione più ricca
d’acqua di tutto il Mezzogiorno
d’Italia. Quindi parafrasando
il detto evangelico “I primi
saranno gli ultimi e gli ultimi
saranno i primi”, chissà che
fra cento anni, non proliferino
anche da noi “sceicchi” pronti
ad arricchirsi vendendo acqua.
Solo che però l’acqua bisogna
salvaguardarla, a cominciare da
subito, partendo dalle sorgenti che
non possono essere lasciate alla
mercé di chicchessia. Giuseppe
Rogliano nel suo primo volume ha
fatto una ricognizione dettagliata
e scientifica dei diversi bacini
idrografici, indicando affluenti e
portata complessiva di ogni singola sorgente, espressa in litri per
minuto secondo. Ora già il fatto di
poter verificare, a distanza di mezzo secolo, la portata delle sorgenti
elencate nel lavoro di Rogliano,
potrebbe far capire agli esperti
della materia, se la caduta d’acqua mantiene quel ritmo e quelle
proprietà organolettiche, in parte
di Luigi Basile
C
sono riportate in un altro studio a
firma di Pier Carlo Federici sulle
“Acque del Cosentino”, edito nel
1970, per conto della Cattedra di
Idrologia Medica dell’Università
di Parma e della Cattedra di Chimica Idrologica dell’Università
di Camerino. Dunque, se le previsioni dovessero essere quelle da
noi accennate, non c’è tempo da
perdere. Salviamo almeno l’acqua
della Sila per le generazioni a
venire. E chissà che con l’acqua
non arrivi l’agognato benessere
che noialtri abbiamo inseguito
finora invano.
A tavola: piaceri e salute
Il peperoncino
a cura di Katia Mancina*
“N
on c’è amore più sincero di quello per il cibo”, è quanto affermava
lo scrittore irlandese George Bernard Shaw. Tale citazione sembra
incarnare perfettamente quanto avviene oggi; infatti, quando si parla di cibo
non se ne parla solo per il soddisfacimento di un bisogno primario. Parlare di
cibo significa parlare di se stessi, della propria identità individuale ma anche
di quella sociale e culturale legata al territorio. Nella nostra storia della tradizione alimentare calabrese, che affonda le sue radici nella dieta mediterranea,
molteplici sono i prodotti alimentari che ci identificano, tutti sono legati ad
una stagione, ad un profumo, ad un’immagine e mescolate insieme vanno ad
attivare le nostre papille gustative ed evocare nella nostra mente reminiscenze
di antichi ricordi. Uno dei prodotti tipici di questa stagione è il divino ardente
peperoncino. Ornamento tipico di terrazzi esposti al sole, odore caratteristico
di vicoli abitati, il peperoncino rappresenta il fiore all’occhiello della nostra
Calabria, prova né è il fatto che numerosi comuni propri durante la stagione
estiva lo celebrino con sagre di ogni tipo e ne promuovono la sua cultura piccante. L’uso del peperoncino in cucina ha origini antichissime che risalgono ai
Maya agli Aztechy e agli Ynca. Il peperoncino arriva in Europa con Cristoforo
Colombo e la sua diffusione è immediata soprattutto nelle regioni dell’Italia
Meridionale, che presentano un clima più favorevole alla sua coltivazione.
Affascinante è anche la storia legata all’etimologia del suo nome, secondo
alcuni il latino capsico deriva da casa, che significa scatola, forma del frutto
che ricorda proprio una scatola con dentro i semi. Altri invece lo fanno derivare
dal greco capto che significa mordere, con evidente riferimento al piccante che
“morde” la lingua quando si mangia. Oggi sarebbe troppo riduttivo considerare
il peperoncino solo come un banale condimento popolare utilizzato per esaltare
il sapore di alcuni piatti; è lecito, invece, conferirgli i suoi molteplici effetti
benefici sulla salute. Effetti mimati da una molecola in esso contenuta che è la
capsacina, un alcaloide che agendo come un vasodilatatore e anti-aggregante
migliora la circolazione periferica del sangue e agendo sul metabolismo dei
grassi riduce l’accumulo di adipe. Inoltre recentemente in uno studio condotto
in parallelo in America e in Tasmania e pubblicato sul periodico “Human Nutrition” è stato dimostrato che la capsacina accentua il consumo di calorie fino
al 15%. Pertanto da oggi, quando ci accosteremo ad assaporare questa nobile
spezia gradevole soprattutto nelle insalate di pomodoro, ripenseremo alle sue
affascinanti origini, alle sue virtù e ricorderemo le nostre radici calabresi pur
avendo spiccato voli per mete lontane. 
*Nutrizionista
Pag. 10
Che ci presentano una Calabria preistorica
osa ci fanno e
come vi sono
arrivati lassù quegli
enormi massi di roccia arenaria, quando
tutta intorno la zona
poggia su lastroni
di granito silano,
duro e grigio, riccamente strutturato da
granelli di quarzo e
di mica, che luccicano illuminati sin
dal primo sole del
giorno? Un mistero,
che nessuno finora
ha saputo svelare,
anche se dalla cresta delle “Pietre
del Melo” a quota Elefante di Annibale alla periferia di Campana
1.200 metri s.l.m. a
sinistra guardando
il Paese, s’intravvede lo Jonio, con le
sue acque azzurrocobalto, che mettono in risalto le
imbarcazioni che
solcano il mare davanti a Punta Alice.
Quassù, raccontavano i nostri nonni, che a loro volta
lo avevano appreso Pietre del Melo
dai loro antenati,
un tempo lontano,
anzi lontanissimo,
vi arrivava il mare.
E n’è prova la presenza di conchiglie
fossili di un’epoca
non bene definita,
che si trovano tuttora nella vicina
“cava” di sabbia.
Mentre
qualcuno
prova a giustificare
il lavorìo che l’acqua piovana riesce
a fare ancora sui Acquafredda
quei massi di pietra
da dove affiorano immagini inverosimili: occhi che scrutano il paesaggio sottostante; brocche che conservano l’acqua ad uso degli
uccelli e degli animali d’ogni genere che passano, spostandosi da
una parte all’altra di questa parte terminale dell’Altopiano Silano, che si affaccia sull’ex Marchesato. “Quelle pietre vorrebbero
parlare, se solo conoscessero il linguaggio degli umani.” – diceva
l’archeologo Gaspare Oliverio, che proprio lì sotto la sua famiglia
possedeva un ricco e fruttuoso podere. E Gaspare Oliverio si che se
ne intendeva di rocce suggestive e misteriose, che la crosta terrestre
conserva nel tempo. Ma un’analoga postazione si ritrova in località
“Acquafredda”, più a sud-est (quota 750 m.), a confine tra i comuni
di San Giovanni e Caccuri, che in linea d’aria dista appena uno-due
chilometri. Anche lì sabbia fine, conchiglie fossili e massi di roccia arenaria, che con il tempo hanno assunto sembianze umane. La
cosa si ripete in direzione di Campana, dove il cosiddetto Elefante
di Annibale in località “Incavallicata” pone agli studiosi l’identico
dilemma. Cosa c’era in queste contrade nei millenni passati? Quelle
conchiglie fossili che ancora vi si conservano intatte a quale era del
mondo appartengono? E quei massi così “umani” cosa rappresentano? E se è vero che il mare bagnava queste contrade allora vuol
dire che la superficie terrestre dell’attuale Calabria, presentava una
forma concava molto più accentuata, che partiva da Sibari si addentrava verso le montagne della Sila fino ad allungarsi sul promontorio di Capo Colonna. Ma tutte queste illazioni appartengono alla
preistoria; a noi non resta che supporre che mare e monti, un tempo,
erano più vicini di adesso.
Storie minori del nostro paese
Famm’appicciare
Quarta edizione della maratona sangiovannese
Daniele Ruggiero
vince la “Corrinfiore”
di Emilio De Paola
P
roseguendo con la storia
minore del nostro paese, qualcuno non si meravigli se descrivo
una storia di miseria, perché solo
quella è la nostra storia. Non è
che siamo stati presenti nel Risorgimento o in altri importanti
avvenimenti storici. Purtroppo,
un nostro “merito” è stato quello
di avere fatto catturare e morire i
fratelli Bandiera. Perciò torniamo
a noi. Tra i piccoli segni della
nostra atavica povertà, ven’è uno
che è un po’ un piccolo simbolo di
quei tempi amari. Ho raccontato
che c’erano persone che raccoglievano i mozziconi di sigarette
e non usavano cartine adatte ma
pezzetti di giornali per riavvolgere
il tabacco. Ma c’è ancora altro,
non possedendo accendini di sorta, cercavano qualcuno a cui chiedere appunto: Famm’appicciare,
perché l’abbattari costavano! Da
qui partire per immaginare com’è
vissuto il popolo dell’abate Gioacchino. La schiavitù economica
è un altro dato conturbante della
condizione di vita dei nostri avi.
Le terre di proprietà dei padroni i
contadini li coltivavano a mezzadria e se il raccolto era misero la
parte dei padroni era intoccabile.
Gli uliveti venivano ceduti, di
anno in anno, con il patto che il
75% del raccolto era del padrone e
soli il 25% dei raccoglitori e così i
seminativi 60/40, le patate (primo
alimento dei poveri) 50/50. Per
eliminare questi palesi ricatti ci
vollero secoli e forse alcuni restano ancora. L’acqua per annaffiare
terreni ed orti centellinata e pagata. Tanti diritti calpestati costringevano i lavoratori a lavorare da
stillo a stillo con paghe miserabili
o in natura. Un panorama, come
potete vedere, che schiacciava sul
nascere ogni possibile giustizia.
Senza parlare del “servaggio” di
tante famiglie, padri, madri, figlie
alla merce di signorotti forti delle
loro interminabili ricchezze. Il
riscatto, il respiro del mondo si
sarebbero attesi da una generazione all’altra. Tutto continuò dai
tempi lontanissimi fino a dopo
tante guerre dell’era moderna. Lo
storico Salvatore Meluso, nostro
concittadino, mancato poco giorni
fa, nel suo ultimo libro dice: “Nei
secoli siamo sempre stati dominati
dai potenti”. Tutto quello che qui
ho scritto è passato sotto il nome
di destino, come se il destino non
fosse determinato dagli uomini;
altri, politicanti e teorici, la chiamano “la questione meridionale”
e su questi velleitarismi si sono
scritti volumi di parole inutili
che non hanno, purtroppo, risolto
nulla. La questione meridionale
che ci interessa da vicino è destino e il destino è la questione
meridionale. Quando ne usciamo?
Fra quante altre generazioni?
Nei passati secoli e in quelli più
vicini, tutte le forze produttive di
qualsiasi genere erano al Nord.
Noi sangiovannesi producevano patate e castagne “curce” e
“riggiole”, mentre tutto ciò che
serviva e serve alla vita quotidiana
viene dal Nord. In questi tempi lavatrici e frigoriferi ne sono i segni
più evidenti. Ma di queste eterne
questioni anche la Chiesa ne è
stata investita. Non ha aiutato il
Sud e ci ha dominato con il latino.
I preti di quei tempi giocavano a
tressette con i baroni. Si è arrivati
persino a dare qualche merito ai
briganti, passati alla storia con una
frase assolutoria “Toglievano ai
ricchi per dare ai poveri”. Questo
viaggio nel tempo, sia pure approssimativo, mi ha restituito la
certezza: che non abbiamo avuto
gli uomini giusti per darci la dignità che ci spettava.
Laurea con lode
Due vescovi e quattro parroci
Simona Durante
di MaMo
D
aniele Ruggiero, dell’Atletica Recanati di Crotone, è il vincitore
della quarta edizione
di “Corrinfiore”, la
corsa podistica organizzata dall’Associazione sportiva
“Jure Sport” per le
vie del centro storico
del popoloso comune
silano. La gara che si
è sviluppata lungo un
percorso di 10 km e
500 metri (tre giri del
percorso di gara), ha
visto impegnati 134
atleti provenienti da
diversi comuni della
Calabria, ma anche
da fuori regione. Tra
i partecipanti figuravano anche dieci
donne e tra queste
la palma della più
veloce è andata a Patrizia Donato che
ha percorso sette km
(2.500 m. in meno
rispetto agli uomini)
in 22’ e 30”. Cosentina di nascita, Patrizia
corre dal 2010 e alla
maratona di Pisa ha
percorso 42 km in 3
ore e 10’. A fare gli
onori di partenza e
arrivo, l’antica piazza
Abate Gioacchino, con i supporter che incitavano tutti, ma un po’ di
più i locali. E tra essi, il quarto posto se l’è “sudato” Paolo Audia,
un atleta duttile e ormai il “blasonato” della città che ha percorso
il tragitto in 39,50’. Hanno pure ben figurato, tra gli altri, Granato,
Oliverio, Talerico e altri. Ma pure tante ragazze e signore, che hanno
mostrato tenacia e attaccamento a questo sport assai “nobile”. Dicevamo della graduatoria finale: 1° Daniele Ruggiero in 37,33’; 2°
Claudio Gargan della nazionale rumena (fuori concorso), 38,42’;
3° Edo Sanchez, messicano della Cosenza K42, in 39,44’; 4° Paolo
Audia, sangiovannese, anch’egli della Cosenza K42, in 39,50’. Al
quinto posto Luigi Imbrogno, e via via tutti gli altri. Insomma, una
bella giornata di sport e di compatta partecipazione. Ai bordi del
percorso, tra gli altri, l’assessore alla cultura, Giovanni Iaquinta,
che s’è detto soddisfatto per l’amore della città verso ogni tipo di
manifestazione. Per il segretario dell’associazione “Jure-Sport”
Giovanni Talerico (presidente Andrea Ferraro), che nella vita
è un appartenente alla polizia di Stato, <<è davvero straordinario
un evento come quello di oggi. E non siamo più podistici a livello
amatoriale>>. Tutto questo alle 19:30 di domenica 23 giugno,
mentre la città è già in festa con le luminarie e i “botti d’artificio”,
giacché domani si festeggia san Giovanni Battista, patrono di San
Giovanni in Fiore. 
2013
L
a foto risale al 1971, quando l’appena ordinato sacerdote, D.
Leonardo Bonanno, celebra la sua prima messa nel paese
d’origine. Gli sono accanto il vescovo ausiliario di Mazzara del
Vallo, mons, Umberto Altomare, per 17 anni parroco di Santa
Maria delle Grazie e i sacerdoti D. Antonio Ferrari, D. Vincenzo
Mascaro, D. Peppino Andrieri, D. Giovanni Salatino, mentre fa
capolino dietro il gruppo D. Carlo Arnone. Nella foto, in effetti,
ci sono due vescovi (Altomare e Bonanno) e tre parroci di Santa
Maria delle Grazie: Altomare, Andrieri e Mascaro.
I
l 14 maggio scorso, si è
laureata in Farmacia presso
l’Università della Calabria,
discutendo la tesi “Effetti
ansiogeni dello stanozololo
nel ratto” la signorina Simona
Durante. Relatore il ch.mo
prof. Luigi Arnone Morrone.
La votazione conseguita è stata: 110/110 e lode. Auguri! 
Italia € 15 - Sostenitore € 50
Estero via aerea
Europa € 60 Resto del mondo Euro 70
C.C.P. 88591805
Intestato a:
“Il Nuovo Corriere della Sila”
San Giovanni in Fiore
Pag. 11
Salvatore Maida, ispettore forestale, ha eseguito migliaia di scatti su soggetti naturalistici
La Sila e i suoi colori
La maggior parte delle sue foto corredano guide turistiche e sono diventati poster da esporre
di Mario Orsini
S
e fosse possibile mettere in
atto per ogni cosa quel detto
“l’uomo giusto al posto giusto”,
forse potremmo avere un mondo
migliore. Comunque, qualche
tentativo emerge di tanto in tanto,
come nel caso del nostro personaggio: Salvatore Maida, ispettore
forestale in servizio fino a qualche
mese fa sul territorio della Sila, il
quale negli anni in cui ha indossato la divisa, ha portato con se
sempre la macchina fotografica,
uno strumento in più, in aggiunta
a quelli già in dotazione dal CfS,
fotografando tutto quello che c’era
di bello sull’Altopiano Silano: da
Germano ad Arnocampo; da Monte
Spina a Pettinascura; dal Pirillo ai
Farfari e poi ancora alla Fossiata,
Lorica, Cecita, Trepidò, scattando,
fotogramma dietro fotogramma,
per riprendere soggetti della flora
e della fauna silana, riuscendo
a cogliere di sorpresa perfino il
lupo che in tutta tranquillità girava
beato per i boschi di Pettinascura.
Quelle foto furono vista dall’allora
presidente del Parco nazionale della
Sila, dott. Garcea che ne apprezzò la
bellezza ed il valore, incoraggiando
l’autore a proseguire in quel suo lavoro “aggiuntivo”, gratificandolo di
utilizzare quelle immagini per farne
poster, calendari, gigantografie e
fotografie da inserire nelle guide turistiche che, intanto, L’Ente Parco si
accingeva a pubblicare. “Le prime
foto che scelse – ricorda Salvatore
Maida – furono quella della Sila
innevata e i colori dell’autunno in
Sila, che la tipografia Boccuto di
Catanzaro, stampò poi in migliaia di
copie, per reclamizzare le bellezze
dell’Altopiano Silano”. Garcea,
volle aggiungere al logo del Parco
anche una breve didascalia: per la
prima “Arriva l’inverno. La Sila
si imbianca, tutto nel bosco tace,
i vantaggi naturali sono enormi”,
mentre per la seconda: “E’ l’autunno. Colori sgargianti, cadon le
foglie, tutto si trasforma, niente si
distrugge”. Poster che hanno fatto
il giro delle agenzie di viaggio,
delle fiere e dei convegni, dove si
è parlato di turismo, per finire poi
– magari incorniciati – negli uffici
e nelle case. Insomma, Salvatore
Maida, diventa, suo malgrado,
un tour operator, grazie alla sua
inseparabile macchina fotografia.
Di quelle foto ne abbiamo scelto
otto, proprio per darvi un’immagine
di questa Sila dal magico incanto,
certi di fare cosa gradita soprattutto
ai nostri tanti affezionati lettori
che vivono fuori dai confini della
Calabria, perché possano dire con
orgoglio: “Queste sono immagini
dalle mia Sila …” Intanto, l’ispettore forestale Maida, nel frattempo
andato in pensione, auspica la creazione di una mostra permanente di
foto naturalistiche da ubicare in uno
dei tre centri visite del Cupone, di
Contrada Monaco e di Trepidò. 
Pag. 12
Fly UP