...

UNIVERSITA` CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO DALLA

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

UNIVERSITA` CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO DALLA
UNIVERSITA’ CATTOLICA DEL SACRO CUORE
MILANO
Dottorato di ricerca in rappresentazioni e comportamenti politici
Ciclo XIX
S.S.D: SPS/04
DALLA GUERRA GIUSTA ALLA PACE GIUSTA
Etica e pratica del conflitto armato nel sistema internazionale
contemporaneo
Tesi di Dottorato di: Alessandra Amato
Matricola: 3280134
Anno Accademico 2005/2006
UNIVERSITA’ CATTOLICA DEL SACRO CUORE
MILANO
Dottorato di ricerca in rappresentazioni e comportamenti politici
Ciclo XIX
S.S.D: SPS/04
DALLA GUERRA GIUSTA ALLA PACE GIUSTA
Etica e pratica del conflitto armato nel sistema internazionale
contemporaneo
Coordinatore: Ch.mo Prof. Lorenzo Ornaghi
Tesi di Dottorato di: Alessandra Amato
Matricola: 3280134
Anno Accademico 2005/2006
ABSTRACT
I cambiamenti verificatisi nel sistema internazionale nel corso degli ultimi anni hanno
avuto una profonda incidenza sul dibattito teorico circa l’uso della forza e i conflitti
armati. In particolare, il cambiamento che si è avuto nel warfare ha portato a
concentrare l’attenzione su due aspetti particolari della guerra, ovvero la sua
giustificazione morale e la relazione tra uso della forza e diritto internazionale.
Inoltre, rispetto al passato, la fase successiva ai conflitti assume una rilevanza sempre
maggiore. Scopo di questo lavoro è, quindi, da un lato analizzare la teoria della guerra
giusta in relazione al diritto internazionale e alle sfide poste dall’attuale sistema
internazionale, evidenziandone gli elementi teorici più problematici e, dall’altro,
delineare gli elementi normativi necessari per una teoria della pace giusta. Se, infatti,
la tradizione teorica relativa a ius ad bellum e ius in bello è ben consolidata, i
problemi teorici ed empirici che si pongono circa lo ius post bellum sono nuovi e
ancora senza risposta. Il lavoro cerca quindi di formulare gli elementi normativi che
dovrebbero regolare lo ius post bellum affinché vengano soddisfatti i requisiti di
giustizia post-conflittuale Infine, alla luce degli elementi teorici emersi sono stati
analizzati tre conflitti che ben si prestano a valutare empiricamente la teoria della
guerra giusta, ovvero il primo conflitto in Iraq del 1991, l’intervento in Kosovo del
1999 e il secondo conflitto in Iraq del 2003.
PAROLE CHIAVE: guerra giusta; ius post bellum; nuove guerre; interventi
umanitari; diritto internazionale umanitario.
ABSTRACT
The changes occurred in the international system during the last decade had a deep
influence on the theoretical debate about use of force and armed conflicts. In
particular, changes in warfare focused attention on two different aspects of war – its
moral justifiability and the relation between the use of force and international law.
Furthermore, the post-conflict phase is becoming more and more important. The aim
of this work is twofold: on one hand, to analyse the relationship between Just War
Theory and international law and the challenges raising from the new international
system, underlining the most problematic aspects from a theoretical point of view. On
the other hand, the aim is to sketch some normative elements of Just Peace Theory. If
jus ad bellum and jus in bello theories are well-established, there are many theoretical
and empirical problems related to jus post bellum Consequently, this work tries to
advance some normative elements required to regulate jus post bellum in order to
satisfy requirements of post-conflict justice. Finally, in the light of the elements arisen
in the theoretical part of the work, three conflicts particularly relevant for Just War
Theory are taken into account: the 1991 war in Iraq, the 1999 intervention in Kosovo
e and the 2003 conflict in Iraq.
KEY WORDS: Just War; jus post bellum; New Wars; Humanitarian Interventions;
International Humanitarian Law.
Ad Andrea
Ringraziamenti
Giungendo al termine di tre anni di lavoro, sono tante le persone che a vario titolo e in
diverso modo hanno contribuito alla realizzazione di questa tesi. Innanzitutto vorrei
ringraziare il Prof. Lorenzo Ornaghi, coordinatore del dottorato in Rappresentazioni e
comportamenti politici, e il Prof. Vittorio E. Parsi per il supporto e gli utili
suggerimenti nella stesura di questo lavoro. Un ringraziamento sincero va al Prof.
Matthew Evangelista, grazie al quale ho potuto trascorrere due semestri alla Cornell
University, dove la partecipazione ai corsi e ai seminari del Peace Studies Program
sono stati una fonte inesauribile di ispirazione per il mio lavoro. A lui e al Prof. Henry
Shue, sempre di Cornell, sono grata anche per i suggerimenti e i consigli che mi
hanno dato nell’impostazione del terzo capitolo.
Inoltre, un ringraziamento dovuto è quello all’Ufficio Relazioni Internazionali
dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano per la borsa di perfezionamento
all’estero nell’anno accademico 2005-2006, che mi ha alleggerito del peso economico
di due semestri trascorsi negli Stati Uniti.
Non posso non ringraziare i tanti amici che mi sono stati vicini in questi anni e
che in vario modo hanno contribuito al mio lavoro. In particolare, vorrei ringraziare
Raul Caruso e Stefano Procacci per i suggerimenti e gli stimoli nati dalle nostre
conversazioni e Ilenia Pagani, per il caparbio incoraggiamento.
Vorrei rivolgere un ringraziamento anche agli amici dell’Alta Scuola di
Economia e Relazioni Internazionali, e in particolare Roberto Brambilla, per la
pazienza che mi hanno dimostrato negli ultimi tre mesi.
Infine, un ringraziamento particolare va alla mia famiglia per la fiducia e il
supporto incondizionati che mi hanno manifestato in questi ultimi anni e ad Andrea, a
cui questa tesi è dedicata, per aver condiviso il peso di questo lavoro,
incoraggiandomi nei momenti di sconforto, spronandomi quando la stanchezza aveva
il sopravvento, e sdrammatizzando i miei momenti di tensione. A lui va il mio grazie
più sincero, ora e sempre. Ovviamente, resta mia la totale responsabilità di quanto
scritto.
INDICE
INTRODUZIONE
p. 5
CAPITOLO I: L’APPROCCIO ETICO ALLO STUDIO DELLA GUERRA
p. 12
1.1 Le immagini della guerra
p. 12
1.2 Il Realismo
p. 13
1.2.1 Giustificazioni e condotta della guerra
1.3 Il Militarismo
p. 16
p. 20
1.3.1 Il valore della guerra nell’approccio
militarista
p. 22
1.3.2 Militarismo e contenimento della
Guerra
p. 23
1.4 Il Pacifismo
p. 26
1.5 La Guerra Giusta
p. 31
1.5.1 Ius ad bellum e ius in bello
p. 34
1.5.2 L’evoluzione della teoria:
da Agostino a Kant
p. 39
1.5.3 I contributi nel XX secolo:
Ramsey e Walzer
p. 53
CAPITOLO II: LA TEORIA DELLA GUERRA GIUSTA
NEL XXI SECOLO
2.1 Introduzione
p. 60
p. 60
2.2 Teoria della guerra giusta e diritto
internazionale
p. 61
2.3 Nuove guerre e conflitti asimmetrici
p. 69
2.4 Gli interventi umanitari
p. 75
2.4.1 Giustificazione morale degli interventi
umanitari
p. 78
2.4.2 Diritto internazionale e conflitti
umanitari
2.5 La guerra giusta nel sistema contemporaneo
e la guerra preventiva
p. 79
p. 82
CAPITOLO III: DALLA GUERRA GIUSTA ALLA PACE GIUSTA: GLI
ASPETTI NORMATIVI DELLO IUS POST BELLUM
p. 89
3.1 Introduzione
p. 89
3.2 Ius post bellum e diritto internazionale
p. 90
3.3 Ius post bellum e teoria della guerra giusta
p. 92
3.4 Ius post bellum e interventi umanitari
p. 99
3.5 Dalla guerra giusta alla pace giusta
p. 103
CAPITOLO IV: ANALISI EMPIRICA. DESERT STORM, ALLIED FORCE,
IRAQI FREEDOM
p. 108
4.1 Introduzione
p. 108
4.2 Il primo conflitto in Iraq
p. 109
4.2.1 Prodromi e genesi del conflitto
p. 109
4.2.2 L’operazione Desert Storm
p. 116
4.2.3 La fase post-conflittuale
p. 123
4.3 L’intervento in Kosovo
4.3.1 Prodromi e genesi del conflitto
p. 127
p. 128
4.3.2 L’operazione Allied Force
p. 131
4.3.3 La fase post-conflittuale
p. 143
4.4 Il secondo conflitto in Iraq
p. 148
4.4.1 Prodromi e genesi del conflitto
p. 148
4.4.2 L’operazione Iraqi Freedom
p. 155
4.4.3 La fase post-conflittuale
p. 161
4.5 Valutazioni conclusive
p. 170
CONCLUSIONI
p. 173
BIBLIOGRAFIA
p. 181
INTRODUZIONE
L’attacco terroristico dell’11 settembre 2001 da parte di Al-Qaeda e la successiva
guerra globale al terrorismo da parte dell’amministrazione Bush hanno segnato un
cambiamento rilevante nella politica internazionale e, in particolare, nel ricorso
all’uso della forza. Con il Patriot Act dell’ottobre 2001 e la dottrina della guerra
preventiva enunciata dal presidente George W. Bush a West Point nel 2002,
l’amministrazione americana proclamava da una parte la necessità di combattere il
terrorismo internazionale e, dall’altra, l’impegno degli Stati Uniti a diffondere la
democrazia, la libertà e la sicurezza ricorrendo anche all’uso unilaterale e
preventivo della forza.
Tale dichiarazione ha trovato applicazione concreta tra il 2001 e il 2003
con gli interventi militari in Afghanistan e in Iraq. Terminato il conflitto in
Afghanistan, rivolto principalmente a distruggere le basi dei terroristi e ad
impedire futuri attacchi, gli Stati Uniti decisero di intervenire militarmente contro
l’Iraq di Saddam Hussein, che costituiva, insieme a Iran e Corea del Nord, quello
che è stato definito dall’amministrazione Bush come l’asse del male. Come è
noto, in questo caso si disse che il fine principale dell’azione militare era di
prevenire la proliferazioni delle armi di distruzione di massa. In entrambi i casi,
quindi, gli Stati Uniti hanno giustificato il ricorso all’uso della forza facendo
ricorso non solo a motivazioni strumentali, ma adducendo giustificazioni di
carattere morale, sottolineando la necessità di ricorrere alla guerra per sostenere e
diffondere i valori democratici e di libertà.
Il ricorso a giustificazioni di carattere morale si era già verificato in un
altro rilevante intervento militare del periodo successivo alla fine della Guerra
fredda, ovvero l’intervento in Kosovo del 1999 da parte della NATO. Anche in
tale occasione, infatti, come espresso dal premier britannico Blair, l’intervento
militare venne giustificato dal fatto che si trattava di “una guerra giusta, basata
non su ambizioni territoriali ma su valori”1.
Generalmente per moralità si intende un codice accettabile di condotta
etica nella politica internazionale, l’aderenza da parte di uno Stato ad una serie di
criteri che definiscono un comportamento ritenuto giusto nell’arena globale e,
infine, l’idea di conformarsi ad un certo standard di integrità e giustizia. Nel caso
di conflitti armati ci si rifà alla teoria della guerra giusta, i cui aspetti normativi
hanno influenzato e plasmato il diritto internazionale riguardo l’uso della forza.
L’appello a giustificazioni morali dei conflitti sottintende, quindi, un giudizio
circa la giustezza della guerra.
Proprio partendo da una prospettiva morale, tuttavia, è possibile scorgere
delle differenze importanti tra i conflitti citati. Se, infatti, la similitudine più
importante tra la guerra in Kosovo e quella in Iraq è che in entrambi i casi l’inizio
del conflitto si è avuto senza l’autorizzazione del Consiglio di Sicurezza delle
Nazioni Unite, le differenze più rilevanti riguardano la causa che ha portato alla
dichiarazione di guerra e la modalità di intervento.
In relazione alla causa del conflitto, mentre nel caso dell’Iraq si è deciso di
intervenire sulla presunzione, poi rivelatasi errata, che vi fossero armi di
distruzioni di massa e che vi fosse il pericolo di un loro impiego da parte dell’Iraq,
nel caso del Kosovo l’intervento fu motivato dal fatto che nella regione era in atto
un genocidio. Nel caso kosovaro, quindi, era presente una delle condizioni che
secondo la letteratura si configurano come giusta causa, ovvero uno dei principi
che definiscono una guerra giusta e che, con terminologia moderna, si può
definire un intervento umanitario.
1
Tony BLAIR, Doctrine of the International Community, discorso tenuto all’Economic Club di
Chicago il 22 aprile 1999, http://www.globalpolicy.org/globaliz/politics/blair.htm (22/10/06).
Per quanto riguarda le modalità di intervento, invece, mentre in Iraq si è
trattato di un intervento unilaterale da parte degli Stati Uniti, in Kosovo è stata la
NATO a guidare le azioni di guerra. Si è trattato quindi, di un intervento
umanitario multilaterale e, in quanto tale, più accettabile e legittimo sul piano
internazionale2.
Tuttavia, al di là delle differenze nella conduzione di questi conflitti, si
evince un tratto comune di non poca rilevanza, vale a dire il ricorso a
giustificazioni di tipo morale. Il riferimento a motivazioni morali, sebbene certo
non nuovo nella storia, costituisce un tratto di indubbio interesse. Vale dunque la
pena interrogarsi sul perché di questo fenomeno. In prima approssimazione, si può
osservare un duplice ordine di fattori. Innanzitutto, da un punto di vista di politica
interna, il ricorso a valori importanti quali la libertà e la sicurezza come
giustificazioni di un intervento armato consente ai policy-makers di ottenere il
favore dell’opinione pubblica3. In secondo luogo, da un punto di vista
internazionale, gli interventi motivati da cause umanitarie e per la difesa dei valori
democratici e di libertà permettono più facilmente di ottenere legittimità sul piano
internazionale4.
Questa tendenza pone inoltre dei quesiti sul piano teorico. Innanzitutto, va
sottolineato che tradizionalmente l’approccio allo studio della guerra da un punto
2
Per una trattazione del multilateralismo come norma degli interventi umanitari e necessario
per la legittimità dell’uso della forza si veda Martha FINNEMORE, The Purpose of Intervention.
Changing Beliefs about the Use of Force, Cornell University Press, Ithaca, NY, 2003, in
particolare il Cap. 3.
3
Sul tema esiste una copiosa letteratura in merito al rapporto tra opinione pubblica e politica
estera. Per una prima introduzione, si veda Ole HOLSTI, Public Opinion and American Foreign
Policy, University of Michigan Press, Ann Arbor, 1996. Mentre negli anni Cinquanta l’idea
diffusa nella disciplina era che difficilmente il popolo americano fosse capace di esprimere delle
preferenze chiare in politica estera, questa visione è stata ribaltata in tempi più recenti. Per un
esempio della prima posizione si vedano Gabriel ALMOND, The American People and Foreign
Policy, Harcourt Brace, New York, 1950; e Philip E CONVERSE, The Nature of Belief Systems in
Mass Publics, in David E APTER (a cura di), Ideology and Discontent, Free Press, New York,
1964, pp. 206-61. Per un esempio del secondo tipo, si veda Robert Y. SHAPIRO e Benjamin I PAGE,
Foreign Policy and the Rational Public, “Journal of Conflict Resolution”, vol. 32, n. 2, 1988, pp.
211-247.
4
Per una trattazione estesa sul potere che ha la legittimità nel plasmare l’azione degli Stati si
veda Thomas M. FRANCK, The power of Legitimacy among Nations, Oxford University Press,
Oxford, 1990. In particolare, Franck sottolinea che il potere della legittimità è fortemente radicato
sia in interessi morali sia in interessi materiali e che anche regole robuste sono difficili da
sostenere sul piano internazionale senza legittimità. Sull’argomento si veda anche Ian CLARK,
Legitimacy in World Society, Oxford University Press, Oxford, 2005.
di vista morale è quello della guerra giusta. Se, quindi, i conflitti degli ultimi anni
si configurano come guerre morali (o, quantomeno, se si vuole che si configurino
come tali), diventa indispensabile riprendere tale teoria e valutare quanto questi
interventi rispondano o meno ai criteri che compongono lo ius ad bellum e lo ius
in bello – vale a dire i canoni che devono essere rispettati per intraprendere un
conflitto e quelli che devono essere osservati nella sua conduzione.
Tuttavia, la condotta moderna dei conflitti è profondamente diversa da
quella nell’ambito dei quali la teoria della guerra giusta è nata e si è sviluppata. In
primo luogo, infatti, con la nascita delle Nazioni Unite e del diritto internazionale
della guerra si è limitata notevolmente la possibilità di dichiarare guerra in
maniera legittima. D’altro canto, i nuovi tipi di guerra hanno fortemente
modificato il warfare sia per quanto riguarda gli attori coinvolti, che non sono più
strettamente entità statuali5, sia per quanto riguarda le tecnologie e le armi
impiegate6. Il secondo quesito che si pone, quindi, è se e quanto i criteri della
teoria della guerra giusta possano essere riformulati per meglio rispondere
all’evoluzione della guerra.
Infine, nell’ambito dei cambiamenti che si sono verificati nella conduzione
dei conflitti armati, vi è un ultimo aspetto che merita attenzione e che riguarda la
fase post-conflittuale. La prassi degli ultimi conflitti ha infatti mostrato come
l’impegno degli Stati in un intervento militare non si limiti più alle fasi
tradizionali di una guerra, ma si estende alla fase di ricostruzione politica,
istituzionale ed economica del Paese nel quale si è intervenuti. Rispetto al passato,
infatti, si direbbe che lo scopo della guerra non si limiti a piegare la volontà del
nemico, ma arrivi alla distruzione stessa del regime avversario – una sorta di
ascesa agli estremi che in passato si è verificata solo in condizioni eccezionali
come la Seconda guerra mondiale. Ora, è sicuramente prematuro supporre che
5
Mary KALDOR, Le nuove guerre. La violenza organizzata nell’età globale, Carocci, Roma,
1999 (ed. or. New and Old Wars Organized Violence in a Global Era, Stanford University Press,
Stanford, 1999). Martin VAN CREVELD, The Transformation of War, The Free Press, New York,
1991.
6
Eliot A. COHEN, A Revolution in Warfare, in “Foreign Affairs”, vol. 75, n. 2, 1996, pp. 37-54.
Stephen D. BIDDLE, The Past as Prologue: Assessing Theories of Future Warfare, in “Security
Studies”, vol. 8, n. 1, 1998, pp. 1-61.
questo tratto, comune ai tre conflitti in questione, costituisca una condizione
comune per le guerre del futuro. Tuttavia, rimane il fatto che già ora si pone un
problema nuovo rispetto al passato. In altre parole, si assiste all’emergere di una
norma7 non ancora codificata e che, d’altro canto, non rientra neanche nella
tradizionale teoria della guerra giusta, per la quale la pace costituisce il fine di
ogni conflitto ma non presenta una trattazione puntuale dello ius post bellum. Il
quesito che si pone, di conseguenza, è se sia possibile costruire una teoria della
pace giusta che possa rispondere alle esigenze delle nuove guerre.
Scopo di questo lavoro, quindi, è rispondere ai quesiti sopra citati
prendendo in esame la teoria della guerra giusta e valutandone la rispondenza
rispetto alle problematiche poste dai nuovi tipi di guerra. Inoltre, si cercherà di
fornire una prima elaborazione della teoria della pace giusta.
A tale fine, il lavoro sarà diviso in quattro capitoli. Il primo capitolo sarà
dedicato allo studio delle guerra da un punto di vista etico. Per comprendere
appieno la teoria della guerra giusta è innanzitutto necessario analizzarne le
differenze rispetto ad altri approcci allo studio della guerra. Tradizionalmente, si
possono individuare quattro approcci diversi – realismo, militarismo, pacifismo e
guerra giusta – ognuno dei quali presenta una diversa, e distinta, considerazione
morale della guerra. Se il realismo si caratterizza per un approccio amorale alla
guerra, vale a dire senza attribuire all’uso della forza armata nessuna componente
valoriale se non quella di vederla come uno strumento talvolta necessario al
raggiungimento degli obiettivi nell’interesse nazionale, il militarismo fa invece
della guerra il fine e la ragione stessa dell’esistenza di ogni comunità politica;
infine, le teorie pacifiste e quelle della guerra giusta si contraddistinguono proprio
per la componente morale che permea la loro considerazione dei conflitti.
Tuttavia, questi due approcci presentano una differenza fondamentale. Se, infatti,
per il pacifismo la guerra è sempre considerata un male e non esiste motivazione
che ne giustifichi il ricorso, la teoria della guerra giusta presenta alcuni tratti che
la avvicinano al realismo, perché riconosce la necessità in alcuni casi di ricorrere
7
Sulla nascita e l’evoluzione delle norme si veda Peter J. KATZENSTEIN (a cura di), The
Culture of National Security: Norms and Identity in World Politics, New York, Columbia
University Press, 1996.
all’uso della forza. In questo capitolo, quindi, si cercherà di sottolineare differenze
e similitudini tra i diversi approcci all’aspetto etico della guerra, per poi
concentrarsi sulle caratteristiche e l’evoluzione che la teoria della guerra giusta ha
avuto nel corso dei secoli. In particolare, ci si concentrerà su una prima trattazione
dei principi che caratterizzano questa teoria e sui contributi teorici più
rappresentativi.
Nel secondo capitolo ci si soffermerà sugli aspetti più rilevanti della teoria
della guerra giusta nel sistema contemporaneo. Innanzitutto, si analizzerà il
rapporto tra teoria della guerra giusta e quella parte del diritto internazionale
dedicata all’uso della forza, cioè la Carta delle Nazioni Unite, le Convenzioni di
Ginevra sulla protezione dei civili e sul trattamento dei prigionieri del 1949 e la
Convenzione dell’Aja dulla guerra terrestre del 1907. Si procederà, quindi, con
l’analisi della teoria della guerra giusta rispetto alle “nuove guerre”, specialmente
le guerre asimmetriche e i conflitti umanitari. In particolare, ci si soffermerà sugli
aspetti dello ius ad bellum e dello ius in bello che sono stati più dibattuti nel corso
degli ultimi anni, e cioè la guerra preventiva come giusta causa, l’immunità dei
non-combattenti e il doppio effetto, e il principio di proporzionalità.
Il terzo capitolo sarà dedicato agli aspetti normativi dello ius post bellum.
Si cercherà di delineare un quadro teorico che tenga conto degli aspetti giuridici e
normativi della fase post-conflittuale. In particolare, ci si concentrerà su mezzi,
modalità e attori necessari per la costruzione di una pace giusta e duratura che
tenga conto della ricostruzione politica, economica e sociale. Se fino ad ora i
contributi teorici più importanti si sono limitati all’aspetto più strettamente legato
alla giustizia post-conflittuale, legata quindi a riparazioni e tribunali di guerra, la
prassi degli ultimi conflitti e il coinvolgimento degli Stati nei processi di nationbuilding in aree post-conflittuali mostrano la necessità di ripensare anche da un
punto di vista teorico alle caratteristiche e agli aspetti normativi cui tali interventi
devono rispondere.
Infine, nel quarto capitolo si analizzeranno tre conflitti emblematici in
chiave di teoria della guerra giusta. Si prenderanno in considerazione, infatti,
l’intervento in Kosovo del 1999 e le due guerre in Iraq (1991 e 2003) attraverso le
tre fasi di questi conflitti, ovvero genesi, conduzione e fase post-conflittuale. Si
analizzerà, in particolare, quanto questi tre conflitti, per i quali al momento del
loro inizio ci si è appellati al loro carattere morale, possano essere considerate
delle guerre giuste.
La conclusione cui si giungerà è che sicuramente la teoria della guerra
giusta costituisce ancora oggi una parte importante circa gli aspetti morali dei
conflitti, ma è necessario che vi sia una revisione e un adeguamento dei principi
che la compongono alla pratica dei nuovi conflitti. Ciò è particolarmente rilevante
nel caso del periodo post-conflittuale, in cui un apparato normativo e giuridico
potrebbe supportare e favorire il raggiungimento dello scopo di ogni conflitto
moralmente giustificabile, ovvero la creazione di una pace stabile e duratura.
Fly UP