...

Storico della famiglia TROVATO

by user

on
Category: Documents
10

views

Report

Comments

Transcript

Storico della famiglia TROVATO
TRIBUNALE DI MILANO
SEZIONE GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI
_______________________________________________________________________________________
N.35313/09 R.G.N.R.
N. 7300/09 R.G. GIP
ORDINANZA DI APPLICAZIONE DI MISURE COERCITIVE PERSONALI E
DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO
Il Giudice per le indagini preliminari
visti gli atti del procedimento penale in epigrafe iscritto nei confronti di:
1. TROVATO Mario, nato il 22.5.1949 a Marcedusa (CZ) e residente a Marcedusa (CZ),
in via Luigi Petrucci n. 57;
con la recidiva specifica e reiterata;
2. PALERMO Ernesto, nato l’1.10.1968 a Cosenza e residente a Galbiate (LC), in via A.
Moro n. 23;
3. REDAELLI Antonello, nato il 15.12.1955 a Lecco e residente a Valmadrera (LC), in via
Roma n. 57;
4. LILLIU Saverio, nato il 2.5.1963 a Guasila (CA) e residente a Lecco, in via Roccolo n.
44;
con la recidiva specifica, reiterata e infraquinquennale;
5. NANIA Alessandro, nato il 18.7.1959 a Petronà (CZ) e residente a Lecco, in via del
Roccolo n. 28;
con la recidiva specifica reiterata;
6. ROMEO Antonino, nato il 16.8.1959 a Tunisi (Tunisia) e residente a Lecco, in via
Turbada n. 12;
con la recidiva reiterata e infraquinquennale;
7. BONGARZONE Claudio, nato il 22.10.1968 a Lecco ed ivi residente in via del Roccolo
n. 44;
8. NASATTI Massimo, nato il 9.8.1974 a Lecco ed ivi residente in via S. Rocco n. 2;
con la recidiva specifica.
9.
RUSCONI Marco, nato il 15.10.1977 a Lecco e residente a Valmadrera (LC), in via
Buon Consiglio n. 20;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 2 di 566
10.
CROTTA Claudio, nato il 20.11.1965 a Lecco e residente a Pescate (LC), in via
Belvedere n. 25;
INDAGATI
per i seguenti reati:
TROVATO Mario - PALERMO Ernesto - REDAELLI Antonello - LILLIU Saverio NANIA Alessandro – ROMEO Antonino – NASATTI Massimo - BONGARZONE
Claudio
A) del delitto p. e p. dall'art. 416 bis, 1°, 2°, 3° e 4°,8° comma, c.p. per aver fatto parte
con i ruoli di seguito indicati dell'associazione di tipo mafioso denominata 'ndrangheta,
operante da anni sul territorio di Milano e provincie limitrofe e costituita da numerosi locali
coordinate da un organo denominato "la Lombardia", in particolare all’interno della locale
operante in Lecco e provincia facente capo a TROVATO Mario, i cui partecipi si avvalevano
della forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento e
di omertà che ne deriva nel territorio di Lecco e provincia per:
- commettere delitti in materia di armi e munizionamento, delitti contro il patrimonio, la vita
e l'incolumità individuale, estorsioni, danneggiamento, riciclaggio, reimpiego di denaro di
provenienza illecita in attività economiche, corruzioni e turbative di pubblici incanti,
corruzione e coercizione elettorale, intestazione fittizia di beni, tra i quali i delitti di indicati
ai capi seguenti;
- acquisire in modo diretto o indiretto la gestione e/o controllo di attività economiche, in
particolare nel settore della ristorazione e nelle forniture agli esercizi commerciali di
apparati di gioco tramite la D.B.M. ELECTRONICS S.A.S. ;
- acquisire in modo diretto o indiretto pubbliche concessioni ed altresi’ entrare in rapporti
con le pubbliche amministrazioni locali per incidere su varianti urbanistiche;
- procurare a sé e ad altri voti in occasione di competizioni elettorali, convogliando in tal
modo le preferenze su candidati a loro vicini in cambio di future utilità;
- conseguire per sé e per altri vantaggi ingiusti.
TROVATO Mario quale promotore con funzioni direttive anche nelle attività di seguito
indicate;
PALERMO Ernesto operando quale partecipe sotto le direttive TROVATO Mario
occupandosi in qualità di uomo politico e consigliere comunale a Lecco dei rapporti con
esponenti politici e Pubbliche Amministrazioni comunali per l’aquisizione di appalti e
concessioni, attraverso la sostanziale gestione della società Lido di Parè srl, per consumare
delitti di turbativa di pubblici incanti, di corruzione attiva e passiva, alcuni dei quali indicati
ai capi che seguono,per intervenire e far intervenire in via preferenziale su provvedimenti
urbanistico-edilizi, per incidere sulla raccolta dei voti e sull’andamento delle consultazioni
elettorali locali e inoltre partecipando all’attività estorsiva e di protezione nei confronti di
esercizi commerciali;
REDAELLI Antonello operando quale partecipe sotto le direttive di TROVATO Mario in
modo coordinato con PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio per tenere rapporti con
esponenti politici e Pubbliche Amministrazioni comunali per l’aquisizione di appalti e
concessioni, attraverso la gestione della società Lido di Parè srl, per consumare delitti di
turbativa di pubblici incanti, di corruzione attiva e passiva, alcuni dei quali indicati ai capi
che seguono,per intervenire e far intervenire in via preferenziale su provvedimenti
urbanistico-edilizi;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 3 di 566
LILLIU Saverio operando quale partecipe sotto le direttive di TROVATO Mario in modo
coordinato con
PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello e quale prestanome di
TROVATO Mario per tenere rapporti con esponenti politici e Pubbliche Amministrazioni
comunali per l’aquisizione di appalti e concessioni, attraverso formale intestazione della
società Lido di Parè srl, per consumare delitti di turbativa di pubblici incanti, di corruzione
attiva e passiva, alcuni dei quali indicati ai capi che seguono;
NANIA Alessandro, ROMEO Antonino e NASATTI Massimo operando quali partecipi sotto le
direttive TROVATO Mario tra l’altro per compiere attività estorsive o di protezione nei
confronti di persone fisiche ed esercizi commerciali alcune delle quali indicati ai capi che
seguono;
BONGARZONE Claudio operando sotto le direttive di TROVATO Mario e quale prestanome
dello stesso attraverso la società D.B.M. ELECTRONICS S.A.S.
con la finalità di
controllare e sviluppare mediante pressioni sulla concorrenza e sui titolari di esercizi
commerciali e mediante offerte di protezione l’installazione di macchine elettroniche di video
giochi ( e in particolare videopoker- slot- machine etc) in esercizi commerciali.
Con l’aggravante dell’essere l’associazione armata .
In Lecco e provincia da maggio del 2010 e tuttora permanente.
TROVATO Mario - NANIA Alessandro - ROMEO Antonino – NASATTI Massimo
B) del delitto p. e p. dagli artt. 110, 81 cpv, 629, 56 629, 1° e 2° comma C.P, 7 DL 152/1991
perché in concorso tra loro con apporti causali convergenti, mediante reiterate minaccie e
pressioni, con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso costringendo CONTI
Fabio e SCARFO’ Concetta a consegnare nel gennaio 2012 la somma in contanti di 4.500
euro si procuravano un ingiusto profitto con altrui danno nonché compivano atti idonei
diretti in modo non equivoco a farsi consegnare somme ulteriori e titoli di credito sino ad un
ammontare previsto di circa 200.000 euro, non riuscendo nell’intento per cause indipendenti
dalla propria volontà .
Con l’ aggravante dell’avere commesso il fatto avvalendosi delle condizioni ed al fine di
favorire l’attività dell’associazione indicata al capo A.
Con l’aggravante dell’essere stata esercitata la minaccia da più persone riunite.
In Lecco sino al maggio 2012
TROVATO Mario – PALERMO Ernesto
C) del delitto p. e p. dagli artt.110, 56 , 629, 1° e 2° comma C.P, 7 DL 152/1991 perché in
concorso tra loro quali istigatori e con soggetti non identificati quali autori materiali,
mediante la minaccia consistita nello sparare vari colpi d’arma da fuoco la notte del
16.1.2012 così danneggiando le vetrine del locale Old Wild Cafè, compivano atti idonei
diretti in modo non equivoco a costringere CADEDDU Leonardo e i responsabili della
società GIMA Sviluppo Franchising che gestiva locale Old Wild Cafè a richiedere una
somma di denaro a titolo di protezione con conseguente un ingiusto profitto con altrui danno
non riuscendo nell’intento per cause indipendenti dalla propria volontà.
Con l’ aggravante dell’avere commesso il fatto avvalendosi delle condizioni ed al fine di
favorire l’attività dell’associazione indicata al capo A.
Con l’aggravante dell’essere stata esercitata la minaccia da più persone riunite e mediante
uso di armi.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 4 di 566
In Lecco nel gennaio 2012.
TROVATO Mario – PALERMO Ernesto
D) del delitto p. e p. dagli artt.110, 10, 12 e 14 L 497/74, 7 DL 152/1991, 61 n° 2 C.P
perché in concorso tra loro quali istigatori e con soggetti non identificati quali autori
materiali, illegalmente detenevano e portavano in luogo pubblico un’arma comune da sparo
non esattamente individuata ed utilizzata nel fatto indicato al capo che precede.
Con l’ aggravante dell’avere commesso il fatto avvalendosi delle condizioni ed al fine di
favorire l’attività dell’associazione indicata al capo A.
Con l’aggravante dell’aver commesso il reato al fine di eseguire il delitto indicato al capo
che precede.
In Lecco nel gennaio 2012.
RUSCONI Marco
E) delitto p. e p. dagli artt. 81 cpv. 319, 319 bis c.p. 7 DL 152/1991 perché,con più azioni
esecutive del medesimo disegno criminoso, quale pubblico ufficiale Sindaco del Comune di
Valmadrera , dapprima riceveva la promessa della somma di 10.000 euro e successivamente
riceveva la somma di 5.000 euro, da TROVATO Mario, PALERMO Ernesto, REDAELLI
Antonello e LILLIU Saverio per compiere e per aver compiuto atti contrari ai doveri di
ufficio consistiti nel riservare alla Lido di Parè S.r.l, società appositamente costituita e
riferibile alla locale di Lecco, un trattamento preferenziale in violazione dei principi di
imparzialità e per compiere atti di turbativa ex artt. 353 e 353 bis cp nella procedura di
gara per il rilascio della concessione comunale sull’area del c.d Lido di Parè in Valmadrera.
Con l’aggravante di aver commesso un fatto avente ad oggetto la stipulazione di contratti nei
quali è interessata l’amministrazione alla quale il pubblico ufficiale appartiene.
Con l’ aggravante dell’avere commesso il fatto al fine di favorire l’attività dell’associazione
indicata al capo A.
In Lecco e Valmadrera sino all’ agosto 2011
TROVATO Mario – PALERMO Ernesto- REDAELLI Antonello- LILLIU Saverio
F) delitto p. e p. dagli artt. 81 cpv. 110, 321 in relazione agli artt.319 bis 319 c.p. 7 DL
152/1991 perché in concorso tra loro, con apporti causali convergenti ,con più azioni
esecutive del medesimo disegno criminoso, dapprima promettevano la somma di 10.000 euro
e successivamente davano la somma di 5.000 euro a RUSCONI Marco, Sindaco del Comune
di Valmadrera per compiere e per aver compiuto atti contrari ai doveri di ufficio consistiti
nel riservare alla Lido di Parè S.r.l, società appositamente costituita e riferibile alla locale
di Lecco, un trattamento preferenziale in violazione dei principi imparzialità della PA e per
compiere atti di turbativa ex artt. 353 e 353 bis cp nella gara per il rilascio della concessione
comunale sull’area del c.d Lido di Parè in Valmadrera.
Con l’aggravante di aver commesso un fatto avente ad oggetto la stipulazione di contratti nei
quali è interessata l’amministrazione alla quale il pubblico ufficiale appartiene .
Con l’ aggravante dell’avere commesso il fatto avvalendosi delle condizioni ed al fine di
favorire l’attività dell’associazione indicata al capo A.
In Lecco e Valmadrera sino all’ agosto 2011
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 5 di 566
RUSCONI Marco -TROVATO Mario – PALERMO Ernesto- REDAELLI AntonelloLILLIU Saverio
G) delitto p. e p. dagli artt. 81 cpv. 110, 353 1° e 2° comma,353 bis c.p. 7 DL 152/1991
perché in concorso tra loro, con apporti causali convergenti ,con più azioni esecutive del
medesimo disegno criminoso, con promesse di denaro sopra indicate e collusioni turbavano
la gara e il procedimento amministrativo diretto a stabilire il contenuto del bando per il
rilascio della concessione comunale sull’area del c.d Lido di Parè in Valmadrera con la
comunicazione alla Lido di Parè S.r.l, società appositamente costituita e riferibile alla
locale di Lecco, di informazioni privilegiate sul bando di gara, sul contenuto tecnico ed
economico dell’offerta da presentare, sulla necessità di sostituire uno dei soci al fine di
eludere la disciplina in materia di comunicazioni antimafia .
Con l’ aggravante dell’avere commesso il fatto avvalendosi delle condizioni ed al fine di
favorire l’attività dell’associazione indicata al capo A.
Con l’aggravante dell’essere RUSCONI persona preposta dalla legge alla procedura di
gara.
In Lecco e Valmadrera sino all’ agosto 2011
TROVATO Mario – PALERMO Ernesto- REDAELLI Antonello
H) delitto p. e p. dagli artt. 110, 322 comma 4° in relazione all’art 319 c.p. 7 DL 152/1991
perché in concorso tra loro e con soggetti da identificare, con apporti causali convergenti,
PALERMO Ernesto quale consigliere comunale di Lecco e pertanto pubblico ufficiale,
sollecitavano a INVERNIZZI Elena la promessa di 60.000 euro per compiere e per far
compiere atti contrari ai doveri di ufficio consistiti nel riservare agli stessi un trattamento
preferenziale in violazione dei principi imparzialità in relazione alla modifica di
destinazione urbanistica di un’area riferibile a Invernizzi Elena nel Comune di Lecco in
sede di predisposizione della proposta di P.G.T .
Con l’ aggravante dell’avere commesso il fatto al fine di favorire l’attività dell’associazione
indicata al capo A.
In Lecco nell’aprile 2011
PALERMO Ernesto- BONGARZONE Claudio
I) delitto p. e p. dagli artt. 81 cpv. 110, 319 c.p. 7 DL 152/1991 perché in concorso tra loro e
con soggetti da identificare, con apporti causali convergenti , con più azioni esecutive del
medesimo disegno criminoso, PALERMO Ernesto quale consigliere comunale di Lecco e
pertanto pubblico ufficiale, BONGARZONE Claudio operando da intermediario con il
privato CROTTA Claudio dapprima ricevevano la promessa e successivamente ricevevano
la somma di 15.000 euro da CROTTA Claudio per compiere e per far compiere e per aver
compiuto atti contrari ai doveri di ufficio consistiti nel riservare un trattamento preferenziale
in violazione dei principi imparzialità della PA in relazione alla modifica urbanistica con lo
stralcio di una strada pubblica inizialmente prevista su area riferibile a CROTTA Claudio in
località Acquate nel Comune di Lecco in sede di recepimento della proposta di P.G.T .
Con l’ aggravante dell’avere commesso il fatto al fine di favorire l’attività dell’associazione
indicata al capo A.
In Lecco e Valmadrera sino all’ 8 giugno 2011
CROTTA Claudio
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 6 di 566
L) delitto p. e p. dagli artt. 81 cpv. 321 in relazione all’art 319 c.p. perché con più azioni
esecutive del medesimo disegno criminoso, dapprima prometteva e successivamente dava la
somma di 15.000 euro a PALERMO Ernesto quale consigliere comunale di Lecco e pertanto
pubblico ufficiale e BONGARZONE Claudio che operava da intermediario per compiere e
per far compiere e per aver compiuto atti contrari ai doveri di ufficio consistiti nel riservare
un trattamento preferenziale in violazione dei principi imparzialità della PA in relazione alla
modifica urbanistica con lo stralcio di una strada pubblica inizialmente prevista su area
riferibile a CROTTA Claudio in località Acquate nel Comune di Lecco in sede di recepimento
della proposta di P.G.T .
Con l’ aggravante dell’avere commesso il fatto avvalendosi delle condizioni ed al fine di
favorire l’attività dell’associazione indicata al capo A.
In Lecco e Valmadrera sino all’ 8 giugno 2011
NANIA Alessandro
M) delitto p. e p. dagli artt. 110 c.p.,81 cpv, 73 comma 1 e 1 bis DPR 309/1990 e succ. mod.
perché in concorso con soggetti allo stato non identificati con più azioni esecutive del
medesimo disegno criminoso, senza l’autorizzazione di cui all’art.17, metteva in vendita e
deteneva ai fini di vendita sostanze stupefacenti del tipo cocaina di cui alla tabella I prevista
dall’art.14.
In Lecco e provincia dall’aprile al giugno 2012.
vista in particolare la richiesta di applicazione della misura coercitiva della custodia in carcere
nei confronti di
TROVATO Mario,
PALERMO Ernesto,
REDAELLI Antonello,
LILLIU Saverio,
NANIA Alessandro,
ROMEO Antonino,
BONGARZONE Claudio,
NASATTI Massimo,
RUSCONI Marco,
CROTTA Claudio,
in ordine ai reati loro rispettivamente ascritti nei surriportati capi di incolpazione
e la richiesta di sequestro preventivo dei seguenti beni:
- quote sociali della 046 Sas di TROVATO S. & C. e relativi beni aziendali allo stato
costituiti dal complesso aziendale bar ristorante pizzeria 046 sito in Lecco, via Pasubio n. 19;
-
complesso bar ristorante PETIT CAFE’ sito in Lecco via Risorgimento n. 83;
-
autovettura SMART Cabrio originariamente intestata a REDELLI Antonello;
-
autovettura MERCEDES ML 320, tg. DB*781*HZ intestata a IVASHKOVA Alexandra;
-
quote sociali della DBM Electronics S.a.s. e relativi beni aziendali;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 7 di 566
OSSERVA
Nella richiesta del P.M., formulata all’esito di articolata attività investigativa svolta
utilizzando, quale mezzo di ricerca della prova, le intercettazioni, servizi di osservazione,
controllo e pedinamento ed acquisizione di documenti, sono descritti in termini compiuti e
dettagliati gli elementi indiziari posti a fondamento della richiesta e quindi si trascrive
integralmente la richiesta riservando l’esposizione delle valutazioni di questo giudice in calce.
In estrema sintesi il quadro indiziario risultante dalle indagini delinea la ricostituzione in
Lecco del nucleo territoriale – il c.d. locale – riconducibile all’organizzazione criminale
denominata ‘ndrangheta ad opera di Mario Trovato, fratello di Franco detenuto in esecuzione
della pena dell’ergastolo per omicidio ed appunto quale capo del locale di Lecco, condanna
pronunciata nel processo noto con il nome di Wall Street nel quale è stato condannato anche
Mario Trovato.
Le attività investigative svolte nell’arco di due anni hanno inoltre consentito di ricostruire le
distinte e specifiche condotte illecite che costitiscono estrinsecazione del locale di
‘ndrangheta di Lecco.
Nella richiesta il P.M. ha così esposto gli elementi indiziari.
1-PREMESSA
a)L’evoluzione della ‘ndrangheta in Lombardia alla luce dei risultati delle ultime indagini delle
DDA di Milano e Reggio Calabria e dei giudizi celebrati.
Le indagini svolte dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano in stretto coordinamento
con la DDA di Reggio Calabria (rispettivamente c.d indagini Infinito e Crimine ) sull’attività
delle
‘ndrine calabresi nel distretto di Milano , indagini che hanno condotto nel luglio
2010 all’emissione di numerose misure cautelari di prevenzione e a sequestri di beni
immobili e mobili, hanno posto al centro dell’interesse giudiziario non solo degli operatori
giuridici ma della stessa società civile il tema della presenza della criminalità organizzata
calabrese nel territorio lombardo.
Gli indicati procedimenti risultano ad oggi definiti avanti alla AG milanese con sentenza
emessa dal GUP di Milano il 19 novembre 2011 in sede di giudizio abbreviato nel
procedimento N.72991/2010 RGNR (stralciato dal N. 43733/06 NR) N. 40421201 f RGGIP
(stralciato dal N. 14462/2010 RGGIP ex N. 8265/06 GIP) + 3063/2011 RGGIP + N.
10530/2011 RGGIP, sentenza da ultimo sostanzialmente confermata in grado di Appello, e
con sentenza emessa dalla 8^ Sezione del Tribunale di Milano in data 6.12.2012 all’esito del
giudizio ordinario .
Quanto ai giudizi avanti all’AG di Reggio Calabria il GIP di Reggio Calabria ha pronunciato
sentenza in data 8.3.2012 all’esito del giudizio abbreviato nell’ambito del procedimento
penale 1398/08 RG NR Mod 21- 3655/11 RG GIP.
Il richiamo sia pure sintetico a tali procedimenti appare utile per l’inquadramento generale
della recente attività e conformazione della ‘ndrangheta in Lombardia. Si farà riferimento
per il resto al contenuto delle richieste ed ordinanze di custodia cautelare nell’ambito dei
citati procedimenti ed alle sentenze
di primo grado emesse nell’ambito dei giudizi
abbreviati sopra menzionati, atti allegati su supporto informatico alla presente richiesta.
Le indagini negli indicati procedimenti coprono , almeno per la parte gestita dalla
DDA di Milano, un arco temporale dal 2008 alla metà del 2010 e quindi antecedente
rispetto allo svolgimento della presente indagine la quale ha preso impulso tra la fine
del 2010 e gli inizi del 2011 in un momento nel quale l’esecuzione delle ordinanze di
custodia cautelare nei citati procedimenti aveva inferto un duro colpo alla
‘ndrangheta in Lombardia e in Calabria disarticolando una fetta consistente della
struttura delle locali individuate e i relativi protagonisti sulla scena criminale.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 8 di 566
Vari procedimenti dagli anni ottanta in avanti dimostrano in realtà come il radicamento
della ‘ndrangheta in Lombardia sia un fenomeno che perdura da decenni e che si è
progressivamente consolidato nel tempo assumendo caratteri nuovi e di maggiore invasività
rispetto al tessuto economico e produttivo e della vita istituzionale della regione; e del resto
proprio le recenti indagini registrano come esponenti di vertice dei locali lombardi facciano
risalire agli anni ottanta la costituzione nel territorio lombardo della c.d Lombardia organo
superiore di coordinamento dei vari locali nel territorio regionale. Sul piano dei soggetti
coinvolti la maggior parte degli esponenti della ‘ndrangheta lombarda sono da anni
stabilmente residenti ed operanti in Lombardia ed alcuni di essi avevano partecipato negli
anni novanta a riunioni e summit decisionali in relazione a fatti delittuosi legati a sequestri
di persona a scopo di estorsione quale il sequestro di Alessandra Sgarella nel corso del
1998, vicenda con cui pare concludersi la stagione dei sequestri estorsivi per mano della
‘ndrangheta in Lombardia.
Nei decenni scorsi si era individuata una presenza criminale delle varie ‘ndrine nella città di
Milano oltre che in altre zone della Lombardia, in particolare in Brianza e nelle provincie di
Lecco e Como, attive nell’iniziale settore dei sequestri di persona a scopo di estorsione e
soprattutto nel traffico di stupefacenti e in attività di estorsione ed usura ai danni di
esercizi commerciali e di privati. Proprio dal traffico di stupefacenti venivano tratti e
reimpiegati i maggiori utili: nella maggior parte dei casi le organizzazioni criminali non solo
di ‘ndrangheta presenti sul territorio milanese controllavano direttamente il commercio
all’ingrosso di stupefacenti in collegamento con le strutture di stampo mafioso operanti al
Sud ed attraverso canali di approvvigionamento diretti con i fornitori esteri. A Milano e
nell’hinterland il traffico di stupefacente ha segnato negli ultimi anni, a fronte di un
indubbio aumento generalizzato dei consumi di stupefacente in specie della cocaina, una
maggiore frammentazione e concorrenzialità dei gruppi coinvolti nel traffico. Ed anche sul
piano dei canali di rifornimento e dei rapporti con i fornitori internazionali di cocaina si
assiste ad una parziale evoluzione delle dinamiche criminali: in una recente indagine si è
verificato che soggetti collegati alla criminalità organizzata calabrese e associazioni ex
art.74 dpr 309/90 alla stessa riferibili operanti nel territorio milanese nel traffico di cocaina
non gestivano direttamente i canali di approvvigionamento ed il trasporto del materiale dal
Sudamerica ma si appoggiavano ad organizzazioni serbo- montenegrine che si occupavano
direttamente di queste fasi e distribuivano, attraverso una ampia ramificazione di loro
cellule nel nord Italia, lo stupefacente alle organizzazioni italiane.
Il dato rilevante che emerge dalle ultime indagini è che il traffico di stupefacenti in
apparenza non rappresenta più il “core business” dei locali di ‘ndrangheta in Lombardia. In
alcuni casi ad esempio le ‘ndrine si limitano a consentire a gruppi collegati il controllo del
traffico di stupefacenti in determinate aree di Milano o richiedere ai trafficanti locali un
compenso per l’autorizzazione a spacciare in un dato quartiere.
Si affianca ai settori illeciti tradizionali ed assume invece un
progressivo rilievo nel
territorio milanese una conclamata evoluzione dell’attività della ‘ndrangheta attraverso due
linee sempre più marcate: l’ infiltrazione della associazione nel tessuto economico
imprenditoriale della regione e il collegamento con il mondo politico amministrativo. L’
infiltrazione della ‘ndrangheta nel tessuto produttivo avviene mediante il finanziamento
delle imprese private, il controllo degli appalti e dei subappalti in particolare nel settore
edilizio e del movimento terra, gli investimenti immobiliari ; in parallelo si affianca una
serie di attività illecite conseguenti a tale radicamento economico della ‘ndrangheta quali l’
usura e le estorsioni soprattutto connesse a finanziamenti usurari . Tali ultime attività
comportano comunque il mantenimento di un’ operatività militare della varie ‘ndrine
presenti sul territorio, operatività che si manifesta nella disponibilità di arsenali d’armi e
nella consumazione di atti di intimidazione nei confronti di imprenditori a fronte di
mancate restituzioni di finanziamenti o a seguito di una resistenza dell’imprenditore a
singole iniziative degli esponenti criminali nelle compagini imprenditoriali.
L’altro aspetto in cui è possibile individuare un vero e proprio salto di qualità della
‘ndrangheta in Lombardia in termini di mimetizzazione nelle strutture legali è nel controllo
e comunque nel tentativo di inserirsi in alcuni gangli della vita politico- amministrativa
locale a livello di enti territoriali e di aziende pubbliche avvicinando esponenti politico
amministrativi, inserendosi nel settore dell’acquisizione degli appalti pubblici, intervenendo
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 9 di 566
direttamente nell’ambito di competizioni elettorali con propri
affiliati, da ultimo
condizionando la raccolta dei voti nelle consultazioni amministrative di vario livello .
Si tratta di un’evoluzione naturale delle organizzazioni criminali di stampo mafioso nel
momento in cui le stesse acquisiscono forza in un determinato territorio e che è funzionale
ad un progressivo rafforzamento dei meccanismi di controllo sulle decisioni politicoamministrative ed economiche, alla conseguente crescita del potere di influenza con
accumulo esponenziale di ulteriori risorse finanziarie e strumentali
da parte
dell’organizzazione criminale. Quello che colpisce è che tale radicamento assuma contorni
marcati in alcuni settori amministrativi ed economico- imprenditoriali in Lombardia e che
soprattutto ciò sia avvenuto senza che si attivassero adeguati anticorpi e meccanismi di
reazione dall’interno degli stessi circuiti istituzionali ed imprenditoriali.
Si vengono dunque a creare per effetto di tale duplice dinamica nei circuiti legali
dell’economia e della pubblica amministrazione ampi settori di chiara illegalità e comunque
di opacità che influenzano la normale concorrenza economica tra le imprese private, i
meccanismi di accesso ai finanziamenti, i rapporti tra le imprese in vario modo collegate o
condizionate dalla ndrangheta e la pubblica amministrazione soprattutto nel settore degli
appalti e subappalti pubblici, dei lavori pubblici e dell’ edilizia libera, oltre a segnare la
progressiva strumentalizzazione dell’imprese ai fini di riciclaggio e reimpiego di capitali
illeciti.
La sempre più accentuata mimetizzazione della ‘ndrangheta in Lombardia nell’economia e
nella sfera amministrativa comporta una crescente difficoltà nelle indagini e l’esigenza di
adeguare l’approccio investigativo in termini quantitativi e qualitativi.
Da ultimo va segnalato che molte delle vicende allarmanti di contiguità tra settori politico
amministrativi ed economia legale da un lato e criminalità organizzata di stampo mafioso
dall’altro lato individuano la presenza di ampie “zone grigie” connotate da condotte non
sempre chiaramente inquadrabili in fattispecie di reato ; in mancanza di ulteriori
interventi normativi sul piano penale risulta fondamentale che il mondo imprenditoriale e
la politica attivino sul piano della prevenzione meccanismi interni di verifica e contrasto a
livello amministrativo e deontologico , meccanismi che sino ad ora si sono rivelati in
concreto assolutamente carenti.
Le ultime acquisizioni dei citati procedimenti penali confermano quella tendenza già
enucleata in pronunce della autorità giudiziaria calabrese in ordine all’esistenza “….di un
processo “evolutivo di tipo piramidale”, proteso in direzione di un maggiore accentramento
soprattutto in relazione alle decisioni più importanti e delicate, in vista del raggiungimento di
quegli obiettivi tipici dell’associazione mafiosa, ed anche al fine di garantire la sopravvivenza
e la prosperità dell’<istituzione ‘ndrangheta>.Ed ha altresì ritenuto che tale processo evolutivo,
che sfruttava la spontanea quanto naturale tendenza al confronto tra le cosche della
“Provincia”, aveva raggiunto contorni tali da consentire già l’affermazione dell’esistenza di un
organismo collegiale egemone sui locali di ‘ndrangheta ricadenti nella zona del versante jonico
della provincia reggina, quale potesse essere la sua più corretta denominazione (il CRIMINE, il
PADRINO, la PROVINCIA)..”.
Si assiste dunque ad un “processo evolutivo”
di maggiore gerarchizzazione della
‘ndrangheta in termini generali e, quanto al territorio calabrese, con la operatività di una
provincia quale organismo di vertice della ‘ndrangheta, struttura di terzo livello che svolge
funzioni di direzione e coordinamento rispetto alle attività delle tradizionali aree o
mandamenti operanti sul territorio calabrese (ionica, tirrenica e Reggio città).
La ‘ndrangheta risulta sempre più strutturata in via gerarchica peraltro anche in altre
aree nazionali con la creazione di strutture regionali solidamente presenti anche al nord.
In particolare in Lombardia le indagini sopra indicate sviluppatesi monitorando come detto le
locali in un arco temporale dal 2008 allla metà del 2010 hanno evidenziato una struttura di
coordinamento o “camera di controllo” dotata di autonomo rilievo associativo ex art.416 bis
denominata Lombardia formata dai responsabili dei vari locali e che si coordina anche
attraverso riunioni in cui vengono conferite cariche e doti ai componenti dei vari locali sparsi
sul territorio lombardo .
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 10 di 566
Una presenza della ‘ndrangheta nel distretto di Milano massiccia ed articolata dato che in
quell’arco temporale di indagine venivano individuate almeno 15 locali formati dalle varie
‘ndrine e i relativi componenti (Milano, Cormano, Bollate,Bresso, Corsico, Legnano, Limbiate,
Solaro, Pioltello, Rho, Canzo, Mariano Comense, Erba, Desio e Seregno, Pavia).
Risulta significativo ai fini del presente procedimento che nelle conversazioni degli
imputati si facesse riferimento all’ esistenza in Lombardia di una ventina di locali
lombarde per un totale di circa 500 associati e che dunque mancassero nell’
accertamento di indagine, del resto estremamente complesso, alcune locali tra cui
proprio quella di Lecco oltre che un numero consistente di componenti delle stesse.
Si veda l’intercettazione ambientale in data 13.06.08 tra Saverio Minasi e Raccosta Vincenzo
MINASI:
RACCOSTA:
MINASI:
VEDI CHE QUA IN LOMBARDIA SIAMO VENTI "LOCALI"...
(ine.)...
QUA SIAMO VENTI "LOCALI" SIAMO CINQUECENTO UOMINI CECÈ'. NON SIAMO
UNO...CECÈ VEDI CHE SIAMO CINQUECENTO UOMINI QUA IN LOMBARDIA. SONO
VENTI "LOCALI" APERTI. È MAI POSSIBILE CHE A TUTTI...CHE POI TU HAI UN
PROBLEMA DENTRO AL LOCALE TUO.... I RESPONSABILI DEI "LOCALI" ([Ne). CHE POI
HAI PROBLEMI DENTRO AL LOCALE TUO, TE LA SBRIGHI TU. ..BASTA! A ME MI DICI
CHE VA TUTTO BENE...
Si deve inoltre ricordare la circostanza che alcuni dei partecipanti alle riunioni dei
responsabili delle locali monitorate nel corso dell’ indagine Infinito non fossero stati
identificati dalla PG operante.
Tornando sinteticamente ai dati strutturali dell’organizzazione della ‘ndrangheta emersi
nelle richiamate indagini
risultano collegamenti
geografici spesso omogenei degli
appartenenti ai singoli locali , ciascuno dei quali retto da un capo locale, che provengono
solitamente da una specifica area territoriale della Calabria. Le stesse denominazioni delle
cariche o doti , corrispondenti al grado di potere dell’associato, conferite all’interno dei
locali della Lombardia agli affiliati nel corso delle riunioni riproducono in buona sostanza
quelle presenti e conferite nella Provincia/ Crimine in Calabria.
L’articolazione della ‘ndrangheta in Lombardia mutua cerimoniali e riti dalla “casa madre” e
mantiene comunque canali di raccordo con la stessa e con i mandamenti calabresi in virtù
anche di collegamenti parentali e geografici anche se a volte tali canali non risultano
esattamente definibili e stabili: sono emersi
coordinamenti tra la struttura della
Lombardia e la Provincia in Calabria e le articolazioni dei tradizionali mandamenti o aree
calabresi ad esempio per il conferimento e riconoscimento delle doti o cariche degli
associati, e per la definizione delle linee strategiche in materia di appalti, aspetti che in
molti casi risultano oggetto di definizione e fonte di discussione tra gli associati.
Ma è indubbio che al di là della classificazione della Lombardia quale area o mandamento
dotato di maggiore o minore autonomia rispetto alla Provincia/ Crimine in Calabria il
consolidamento e la progressiva strutturazione della ‘ndrangheta in Lombardia, il peso
delle ‘ndrine, il numero e la qualità degli associati, la ricchezza del contesto economico ed
imprenditoriale del territorio su cui operano,
il complesso delle attività sia private che
pubbliche oggetto di potenziale controllo attribuiscono un peso criminale rilevante ai locali
lombardi e segnano allo stesso tempo una spinta tendenziale per la conquista di spazi di
maggiore autonomia “federalista” della Lombardia rispetto alla casa madre. E del resto
proprio sul terreno scivoloso di una pretesa di maggiore autonomia nella creazioni di nuovi
locali in Lombardia e nel conferimento della cariche o doti agli associati è maturato in modo
drammatico il contrasto al’interno dell’organizzazione criminale nei confronti delle posizioni
di Novella Nunzio all’epoca responsabile della Lombardia e fautore di una maggiore
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 11 di 566
autonomia della stessa, contrasto che ha portato al suo omicidio nel 2008 a San Vittore
Olona ed alla conseguente successiva ridefinizione delle responsabilità organizzative e
direttive della Lombardia. Questo dopo che le spinte autonomiste avevano condotto ad
immaginare, in deflagrante contrasto con l’abituale tendenza conservatrice delle
organizzazioni criminali di stampo mafioso, addirittura il rischio di una scissione tra i locali
lombardi in due distinte strutture della Lombardia.
b)Cenni sintetici sulla operatività della famiglia COCO –TROVATO e della locale di Lecco nei
precedenti giudizi contro ANNACONDIA ed altri e contro ALCARO ed altri avanti l’AG di Milano
e di Lecco.
Risulta necessario, preliminarmente alla trattazione del materiale di indagine raccolto
nell’ambito del presente procedimento, ai fini di una migliore comprensione dell’evoluzione
della ‘ndrangheta nella sua articolazione di locale nel territorio di Lecco e provincia
richiamare sia pure sinteticamente le risultanze di due fondamentali processi celebrati a
partire dagli anni “90 sull’ infiltrazione della ‘ndrangheta nel territorio lecchese attraverso il
ruolo fondamentale della famiglia COCO TROVATO .
E’ rilevante , in questa prospettiva, fare riferimento alle risultanze delle indagini condotte
all’epoca da questa DDA nell’ambito dei c.d. procedimenti Wall street ed ALCARO ed altri, il
primo dei quali da tempo definito con condanne passate in giudicato nei confronti di
numerosi soggetti e in particolare di COCO TROVATO Franco, fratello di TROVATO Mario, e
di altri componenti del nucleo familiare dei TROVATO per associazione di stampo mafioso
nonché per una serie di reati tra cui l’associazione finalizzata al traffico di stupefacenti,
omicidi e reati collegati contro il patrimonio.
Quanto al primo dei procedimenti citati le indagini erano sfociate nell’esecuzione di
numerosi decreti di fermo e di ordinanze di custodia cautelare a partire dal giugno 1993 per
associazione diretta al traffico di stupefacenti ed associazione di stampo mafioso.
Rinviando all’esame delle motivazioni delle sentenze nell’indicato processo (giudizio nei
confronti di ANNACONDIA ed altri) emesse rispettivamente dalla Corte di Assise di Milano in
data 26.4.1997 (allegata alla presente richiesta ) e dalla Corte di Assise di Appello di Milano
in data 25.1.1999, irrevocabile in data 1.2.2002, occorre ricordare che nell’ambito di quel
giudizio si riconosceva la sussistenza di un’associazione di natura mafiosa - denominata con
riferimento ai soggetti aventi la qualità di capi o comunque dotati di poteri direttivi
associazione FLACHI-TROVATO-SCHETTINI - operante in Lecco e provincia, in Milano ed in
altre località dai primi anni “90 e precedentemente per altri soggetti.
Si affermava , sulla base di un ponderoso materiale probatorio costituito dalle attività di
intercettazione e dalle dichiarazioni di numerosi collaboratori di giustizia, l’esistenza di
un’articolazione della ‘ndrangheta calabrese collegata con le famiglie DE STEFANO-TEGANO
di Reggio Calabria e ARENA-COLACCHIO di Isola Capo Rizzuto, che si avvaleva del metodo
mafioso per commettere reati contro il patrimonio, in materia di stupefacenti e di armi,
nonché omicidi in specie ai danni di appartenenti ad organizzazioni avversarie. Si
riconosceva nell’ambito di quel giudizio l’ ulteriore finalità dell’associazione in oggetto di
acquisizione del controllo e della gestione di svariate attività economiche nelle quali si
reinvestivano i proventi dell’attività criminale, nonché la gestione di bische clandestine.
L’associazione mafiosa operante nel lecchese, ove risiedevano da tempo i fratelli COCO
TROVATO Franco ( da ora TROVATO Franco) e TROVATO Mario, associazione che si era, tra
l’altro, “federata” con altre associazioni criminali, era parzialmente sovrapponibile sul piano
oggettivo e soggettivo con un sodalizio criminoso operante nello stesso territorio lecchese e
dedito al narcotraffico. Il dato rilevante che emergeva nell’ambito del processo Wall street era
quello dell’individuazione di una pluralità di attività-fine dell’associazione mafiosa che non
comprendevano esclusivamente la realizzazione di delitti in particolare nell’area dello
stupefacente ma anche l’acquisizione di attività economiche e imprenditoriali e la proprietà
di beni immobili, e la commissione di reati di usura ed estorsione.
Con riferimento specifico alla figura di TROVATO Mario, figura che assume centralità
nell’ambito dell’odierno procedimento, si evidenzia che nel procedimento Wall street
sottoposto a provvedimento di fermo emesso da questa DDA, venne in seguito condannato
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 12 di 566
in primo grado a complessivi anni 28 di reclusione in relazione sia all’art. 416 bis sia in
relazione ai delitti di cui all’art. 74 DPR. 309/1990; in secondo grado venne assolto con
riferimento all’imputazione di associazione mafiosa e condannato per i residui reati alla
pena di anni 15 di reclusione, sentenza sul punto passata in giudicato. In forza di tali atti
giudiziari TROVATO Mario è stato ininterrottamente detenuto dal 10.6.1993 al 9.8.2005
presso varie case circondariali e di reclusione (in dettaglio indicate nella relativa scheda
personale allegata alla Annotazione conclusiva depositata dal GICO di Milano nella presente
indagine).
La locale della ‘ndrangheta di Lecco è stata oggetto di un ulteriore importante giudizio nei
confronti di ulteriori soggetti associati in continuità temporale all’indicato sodalizio di
stampo mafioso nell’ambito dell’indagine denominata Oversize, procedimento definito in
primo grado con sentenza del Tribunale di Lecco in data 19.3.2009 e in secondo grado con
sentenza della Corte di Appello di Milano, 2° Sezione, in data 15.7.2010 ( procedimento
ALCARO Luigi + altri), atti pure allegati alla presente richiesta.
Si evidenzia che la Corte di Cassazione, Sez. 6^, con recente sentenza n. 25254 depositata
il 26.6.2012 (pure allegata), ha rigettato i ricorsi in relazione alla contestazione del delitto di
associazione mafiosa accogliendo parzialmente i ricorsi di alcuni imputati, tra cui quelli di
TROVATO Giacomo, figlio di TROVATO Mario, e di TROVATO Emiliano, figlio di TROVATO
Franco, limitatamente a due capi di imputazione per i delitti di cui all’art. 73 DPR.
309/1990.
Nell’ambito di quest’ultimo procedimento, che si fondava su materiale probatorio costituito
da intercettazioni telefoniche ed ambientali e su dichiarazioni di ulteriori collaboratori di
giustizia, si riconosceva come acquisita sul piano probatorio
la partecipazione
all’associazione di ‘ndrangheta di soggetti tra cui, come anticipato, TROVATO Giacomo, figlio
di TROVATO Mario, e TROVATO Emiliano, figlio di TROVATO Franco.
La contestata associazione criminosa di stampo mafioso veniva ritenuta in continuità
operativa - successivamente al 1993 e sino all’epoca dell’accertamento giudiziale - rispetto
all’associazione ex art.416 bis c.p. oggetto del giudizio Wall street sopra indicato , giudizio
la cui sentenza conclusiva aveva determinato l’interruzione delle condotte criminose per i
soggetti ivi condannati.
Si evidenziavano in un passaggio della motivazione della sentenza della Corte di Appello di
Milano 2° Sezione, in data 15.7.2010 i chiari “…segnali di continuità tra l’associazione
originaria e quella risultante anche dai contributi dei nuovi affiliati. Come rilevato i soggetti
agiscono nella convinzione di far parte di un gruppo in cui svolge un ruolo fondamentale
l’originario capo Franco TROVATO soggetto che risulta ancora in grado di costituire un punto
di riferimento delle attività criminose, anche con riguardo ai soggetti coinvolti.”
Assume rilievo ai fini della presente indagine ed al ruolo in chiave prospettica di TROVATO
Mario uno specifico passaggio dell’iter motivazionale della sentenza del Tribunale di Lecco,
integralmente recepito dalla citata sentenza della Corte di Appello di Milano, ove si tratta dei
chiari propositi manifestati da TROVATO Mario nel 2005 nel corso dell’ultimo periodo di
detenzione prima della scarcerazione del predetto intervenuta, come detto, nell’agosto 2005,
con altri componenti della famiglia TROVATO e da associati dell’epoca:
“…anche l'assolvimento al"'obbligo di mantenimento" (sul quale meglio infra, quando ci si
occuperà dei profili organizzativo-strutturali dell'associazione e dell'accertamento di
responsabilità in capo a FALZETTA e PETTINATO) nei confronti di Franco e Mario Coco Trovato
costituisce, a ben vedere, un chiaro indicatore della continuità tra le due compagini associative,
con i tipici vincoli solidaristici tra associati che operano anche nei confronti dei soggetti con i
quali si era condivisa in passato l'esperienza associativa e con i quali, evidentemente, il
legame è perdurato.
Legame peraltro biunivoco, solo che si abbia riguardo, ad esempio, alla circostanza
evidenziata da Danny Esposito, relativa ai progetti coltivati da Mario Trovato, già
prima della scarcerazione, su un nuovo equilibrio di poteri in seno all'associazione.
In tal senso va, infatti, interpretata la lamentela di TROVATO Giacomo riportata dal
medesimo collaboratore. Il predetto imputato, nel racconto del collaboratore, si
doleva del fatto che a Calolziocorte facessero nuove affiliazioni senza avvertire lui
ed il cugino Emiliano e senza avere l'autorizzazione di suo zio e di suo padre. Lo
sfogo si concludeva tuttavia con la precisazione che, dopo la scarcerazione di suo
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 13 di 566
padre, le cose sarebbero cambiate (si vedano pagine 21 e 22 delle trascrizioni
dell'udienza del 21.2.2008). Le dette dichiarazioni, sufficientemente precise, spontanee e
costanti (requisiti questi ultimi non intaccati dalla "contestazione" del pubblico ministero, fatta
dopo che, comunque, Esposito aveva già chiarito il senso delle lamentele di Giacomo ed il
fatto che le stesse fossero legate anche alle prerogative del padre, alla cui scarcerazione le
cose sarebbero cambiate) hanno poi trovato importanti elementi di riscontro, sia dal punto di
vista oggettivo (le affiliazioni indiscriminate) che, ciò che più rileva ai presenti fini, in ordine al
ruolo attivo assunto, anche dallo stato di detenzione, da Mario Trovato. Lamentele del tutto
analoghe a quelle di TROVATO Giacomo, riportate da Esposito, si ricavano, infatti, anche dalle
intercettazioni all'interno dell'autovettura di S1R1ANN1 Angelo. Lo stesso, avendo assunto un
ruolo più defilato nell'organizzazione (ma sul punto si veda meglio nella sezione dedicata
alla posizione di S1R1ANN1 quanto al delitto in parola), nel corso di una conversazione con
ELIA Giuseppe, utilizzando ["espressione gergale "ndranghetista "rimpiazzare" (equivalente ad
affiliare, così come riferito dal teste Fonti), lamenta perl'appunto la prassi delle affiliazioni
indiscriminate, fatte senza acquisire i necessari pareri (si vedano pagine 179, 180, 181 e 186
delle trascrizioni relative al progressivo 3493, pagina 7 delle trascrizioni relative al progressivo
3494, pagina 36 delle trascrizioni relative al progressivo 3536, pagine 97 e 99 delle trascrizioni
relative al progressivo 4074 e pagine 106, 123 e !24 delle trascrizioni del progressivo 4146)
lamentela che pare indirizzarsi, in particolare, nei confronti di MARCHIO Pierino (si veda in tal
senso la trascrizione relativa al progressivo 3536).
Dei progetti del padre è poi TROVATO Giacomo a parlare nel corso della conversazione
intercettata il 12.3.2005 alle ore 9.26 all'interno dell'autovettura BMW, targata BK
326 MG. In particolare, dopo aver riportato quanto dettogli da un affiliato appena
scarcerato di nome "Gianni", da identificare sicuramente in Giovanni MARINARO,
sulle gerarchie in seno all'associazione criminale ("...Gianni quando è uscito gli
faccio, fa: "io di capi ce ne ho uno solo", allora ha detto: "Franco e basta o altrimenti
prendo ordini solo da Mario e da mio fratello" si veda pagina 13 della trascrizione
relativa alla detta conversazione depositata all'udienza del 29.1.2009), si fa poi
interprete del pensiero di suo padre, sulla stessa linea di MARINARO quanto
all'esigenza di rivedere le gerarchie, anche facendo ricorso a strumenti
particolarmente incisivi : "...e/z, ma guarda che è vero eh, ha ragione, cioè... perché
mio papà quando esce, poi vediamo. La banda... sai come li chiama mio papà? La
banda del cappotto ...veramente mio padre li chiama "come stanno la banda del
cappotto?", con i colletti alti li che vedi che fanno i cosi... Eh, vanno in giro come i
fratelli... ma poi vedi con me si fanno... Ma mio papà, ma sai dov 'è il problema? Che
mio papà li picchia, cioè mio papà gli alza le mani. Non è Franco, capito? Franco
dice: "d'ora in poi di qua non potete neanche più camminare", e loro... "non uscite da
Calolzio", cioè loro non sono abituati, sai, a quell'età lì prendere le botte non è bello.
Mio papà li picchia proprio sul muso... A me quello che mi fa ridere è che gli alza le
mani....'" (si veda pagina 14 della menzionta rascrizione).
Ma è poi proprio Mario TROVATO dal carcere di Livorno, nel corso del colloquio avuto
il 16.4.2005 con il figlio TROVATO Giacomo (si veda il registro delle presenze nella
sala colloqui della detta casa circondariale prodotto dal pubblico ministero
all'udienza del 17.2.2009), a dare conferma dei propri progetti riguardo
l'associazione, facendo al contempo un'efficace descrizione della carica intimidatoria
che il vincolo associativo esercita sugli affiliati e sui soggetti esterni al sodalizio.
Dopo aver tatto ì nomi di alcuni soggetti ("Gino". da identificare in ALCARO Luigi,
"Bruno", da identificare in DE LUCA Bruno, "Emiliano", da identificare in
TROVATO Emiliano. "Palmerino"', da identificare in RIGILLO Palmerino e
"Franchìeeddu di .. . Prestia", da identificare in PRESTIA Francesco) da accorpare
in una sorta di zoccolo duro, dice: "ci sono persone che bisogna tornare a
raggruppare...e nello stesso tempo gli altri capiscono che ci sei e si è in
tanti...quando sei una famiglia grande, la gente, anche se tu non fai niente, però ti
teme lo stesso perché dice che questi sono in tanti...''' (si vedano pagine 39 e 40 delle
trascrizioni depositate il 23.1.2009, relative al detto colloquio intercettato presso la
casa circondariale di Livorno).
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 14 di 566
I legami tra Mario TROVATO ed alcuni degli odierni imputati si mostrano poi in tutta la loro forza
al momento della scarcerazione del detto associato "storico".
Nel periodo finale della detenzione Mario TROVATO, nei colloqui con i familiari, lascia già
intendere quale sia il tipo di solidarietà che si attende da "Federico". In particolare, nel corso
del colloquio dell'I 1.2.2005, cui prendono parte, in qualità di visitatori, TROVATO Giacomo,
RIGILLO Palmerino e Domenico Rigillo (si veda il registro delle presenze all'interno della sala
colloqui della casa circondaiale di Livorno, prodotto dal pubblico ministero all'udienza del
17.2.2009) Mario chiede al figlio Giacomo e al cognato Palmerino notizie di "Federico", da
identificarsi certamente in PETTINATO, visti gli espliciti riferimenti fatti ad un BINGO nella
zona di Bergamo nella titolarità dello stesso, per poi chiarire, per l'appunto, cosa si
attenda lui una volta libero : "...questo quando esco pure dice che... dice che non facciamo le
cose con lui...questo appena esco deve ritirare qualche attività eh...non... qualche attività e
subito..." (si vedano pagine 69 e 70 delle trascrizioni relative al "riascolto" del detto colloquio).
Nel corso dello stesso colloquio verifica poi con il cognato RIGILLO anche la disponibilità di
"Cenzo", presso il cui ristorante si era recato qualche giorno prima il figlio Giacomo (si veda la
deposizione del teste Cappuccini dell'udienza del 28.5.2008, relativa, tra l'altro, ad un'attività
di appostamento fatta nei pressi del ristorante BIO SOLAIRE di Milano, nella titolarità di una
società riferibile a FALZETTA, in occasione della quale erano notati quest'ultimo, RIGILLO e
TROVATO Giacomo) ad investire in un'attività dì vendita di fiori a Milano, "Cenzo" al quale
sempre tramite il cognato, continua ad offrire entrature (asseritamente acquisite tramite un
compagno di detenzione) presso l'amministrazione provinciale di Milano per ottenere il rinnovo
delle licenze relative al CAFFÈ' SOLAIRE (questione di cui aveva già parlato con Giacomo
durante il colloquio del 27.11.2004).
Come si diceva è tuttavia subito dopo la scarcerazione, risalente ai 9.8.2005 (si vedano le
deposizioni del mar. De Robertis all'udienza del 24.4,2008 e del mar. Cappuccini all'udienza
dell'8.5.2008) che si ha l'esatta percezione del perdurare dei detti legami.
PETTINATO, lo stesso 9.8.2005, si mette in contatto con Pino Trovato, fratello di Mario, per
informarsi su chi sìa andato a prelevare quest'ultimo presso la casa circondariale di Livorno (si
veda la telefonata 6047, intercetatta, il 9.8.2005 alle ore 13.59, sull'utenza 335/6006469 in
uso a PETTINATO Federico, che, nell'occasione, chiama l'utenza 348/6090769, intestata a
Pinto Trovato, come indicato nell'informativa 4856 del G.I.C.O. di Milano, acquisita
all'udienza dell'I 1.2.2009). Il giorno successivo è poi contattato da SCALZI Raffaele, che lo
informa del fatto che "un amico in ferie" in Calabria è interessato a vederlo. I due, pur se
facendo ricorso a linguaggio criptico, alludono chiaramente a Mario Trovato, che, appena
scarcerato (come riferito dal teste Cappuccini all'udienza dell'8.5.2008) si era recato in
Calabria, ma era ancora alle prese con limitazioni alla libertà di circolazione. PETTINATO
comunica, poi, all'interlocutore il suo imminente arrivo in Calabria, con l'intesa che la
circostanza sarà comunicata all'amico in attesa di visita (si veda la telefonata 6084 delle ore
13.49 del 10.8.2005, intercettata in entrata sulla detta utenza dì PETTINATO). Tra PETTINATO
e Mario TROVATO (che, come riferito dal teste Cappuccini, nel frattempo era stato fatto rientare
nel luogo di residenza dai carabinieri di Botricello, in quanto sottoposto alla sorveglianza
speciale con obbligo di soggiorno in Lecco) c'era poi un incontro in Lecco il 25.8.2005, alla
presenza anche di TROVATO Giacomo, monitorato dalla p.g. all'uopo appostata (si vedano le
deposizioni dei testi Costa e Cappuccini, rese alle udienze del 6 e dell'8 maggio 2008).
Un ulteriore incontro avveniva poi in Merate il 6.9.2005, presso il locale denominato "Medigan"
nella titolarità di Luigina Pettinato, sorella dell'odierno imputato. Allo stesso prendevano parte
PETTINATO, FALZETTA e Giacomo TROVATO, ma non Mario TROVATO, come detto gravato
dall'obbligo di soggiorno. L'incontro era monitorato dalla p.g. con apposito servizio di o.c.p., nel
corso del quale erano anche scattate delle fotografie (si vedano la deposizione del mar.
Cappuccini e le fotografie prodotte dal pubblico ministero all'udienza del 29.4.2008).
Sono poi le conversazioni intercettate all'interno dell'autovettura di TROVATO Giacomo, nel
periodo compreso tra i due incontri, a fornire una chiave di lettura degli stessi. Nella
conversazione 2810 del 26.8.2005 si parla di "Federico" che deve rilevare qualche attività {"gli
dico a Federico di prendere questo,.,") e si fa inoltre riferimento anche al personale da
destinare alla stessa (si vedano pagine 21 e ss. delle trascrizioni relative alle intercettazioni
all'interno dell'abitacolo dell'autovettura targata BK 326 MG depositate all'udienza del
29.1.2009). Nella conversazione 2978 delle 20.45 del 30.8.2005 TROVATO Giacomo riferisce
Pagina 15 di 566
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
alla moglie del rilevante aiuto offerto da "Federico" per l'acquisto di un locale, Federico che
rileverebbe anche il locale denominato "Orsa", affidando a loro la gestione e li farebbe inoltre
subentrare anche in un mutuo per l'acquisto di una villa a prezzo particolarmente
vantaggioso. Chiarisce inoltre alla moglie le ragioni dell'intervento di FALZETTA (chiamato
nell'occasione "Banana") nell'operazione, in vista, parrebbe di capire, del suo coinvolgimento
nella gestione dell'"Orsa" ("...Federico oggi...Federico proprio l'Orsa la prende... "la prendo io e
ci state voi" ma con me...devi vedere come parla con me, ha detto "ora l'Orsa la prendo io" e
poi ci da per prendere il locale qua 100.000 euro...si ma devi vedere la villa. No so come
dirglielo, due appartamenti sono, ma fa paura!... no, non imo sopra e uno sotto, 240 metri sopra
e 240 sotto...400.000 euro...lui già...se l'era presa lui...quella ve la do a voi, già ci subentra il
mutuo...come la pago io la pagate voi...400.000 euro...poi stasera quando torniamo..,non non
ce ne ha di affari Federico, ma, infatti, mio papà con lui, e il locale là glielo facciamo prendere
a Banana e l'Orsa la prendiamo qui...ti dico per noi eh, gli dico a me mi dai il ristorante e
pizzeria e il resto lo dividete "...ha detto "no, no, dovete gestire tutto voi, io non voglio sapere
niente " lui alla fine... ", si vedano pagine 31 e 32 della menzionata trascrizione)…”.
c)Cenni di sintesi su cadenze e contenuti della presente indagine sulla locale di
Lecco.
Fatte queste premesse necessarie al fine di comprendere l’evoluzione nella presenza della
‘ndrangheta in generale e in Lombardia e per dar conto delle risultanze dei principali
procedimenti instaurati in passato sulla presenza della ‘ndrangheta nella città di Lecco e nel
territorio lecchese, si deve rilevare quanto alle cadenze e all’oggetto della presente indagine
che la stessa è stata avviata nel 2009 su delega di questa DDA alla P.G. operante,
inizialmente Compagnia GDF di Lecco e da ultimo e per la parte prevalente al GICO Polizia
Tributaria di Milano, 1^ Sezione C.O
Come in precedenza ricordato, solo dalla fine del 2010 - inizi del 2011 l’indagine ha preso
decisivo impulso con l’avvio delle attività delegate da questa DDA al GICO di Milano.
I risultati della complessiva attività di indagine sono stati raccolti nell’Annotazione conclusiva
di indagine del GICO Nucleo di Polizia Tributaria di Milano, 2^ Sezione C.O. in data 9.11.2012
depositata in pari data e nei relativi atti allegati, annotazione allegata alla presente richiesta
in forma cartacea e su supporti informatici.
Vengono invece allegati solo su supporto informatico i provvedimenti autorizzativi e di proroga
delle intercettazioni oltre alle Annotazioni parziali di PG e le annotazioni di PG a fondamento
delle intercettazioni .
L’indagine si è sviluppata nel corso di un arco temporale rilevante incentrandosi su attività
di intercettazione telefonica di utenze fisse e mobili, su intercettazioni ambientali e
telematiche nonché su reiterati servizi di PG di osservazione e controllo sul territorio.
Va quindi evidenziato che non si è fatto ricorso a dichiarazioni di collaboratori di giustizia,
dicharazioni del resto nella fase attuale difficilmente prospettabili attese le caratteristiche
dell’associazione criminale in parola.
Si sono dunque utilizzate tecniche di indagine classiche dotate di indubbia oggettività ma
che hanno comportato un più lungo processo per la comprensione delle dinamiche
criminali, dell’ attività dell’associazione e dei ruoli e contributi dei singoli componenti della
locale.
Quanto alle operazioni di intercettazione svolte nella fase di indagine condotta dal GICO
Polizia Tributaria di Milano ci si richiama allo schema di seguito riprodotto:
R.R.I
.T.
UTENZA
INTERCETTATA
UTILIZZATORE
INIZIO
FINE
104/
11
3388796372
RITA (moglie di
DI BELLA
Rosario)
19/01/2
011
28/02/20
11
104/
11
3391073149
TROVATO Mario
20/01/2
011
12/07/20
12
Pagina 16 di 566
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
231/
11
231/
11
649/
11
649/
11
649/
11
649/
11
649/
11
744/
11
750/
11
750/
11
847/
11
847/
11
852/
11
852/
11
927/
11
941/
11
941/
11
941/
11
1009
/11
1123
/11
1123
/11
1123
/11
1123
/11
1124
/11
1124
/11
1123
/11
1148
/11
0341680168
3407426914
MUSOLINO
Eustina
SCIUMBATA
Virginia
00355692419223
RUZI Spiro
3298954345
NAPOLITANO
Saverio
3381430512
TROVATO Mario
3388019092
MAURI Gaetano
3397248913
Carlo
BMW tg.CP412BX
TROVATO Mario
SID S-1-5-2120004783541960408961839522115-1003
Ford Mondeo tg.
TI63947
335441133
3381087610
3345451581
3495781131
SCIUMBATA
Virginia
PERILLO Luigi
REDAELLI
Antonello
IVASHKOVA
Alexandra
PALERMO
Ernesto
PALERMO
Ernesto
3381923153
RAKIPI Hena
3292103389
RUSCONI Marco
Mercedes tg. ED266BL
BMW tg. EA372SS
Corrispondenza
3348952116
REDAELLI
Antonello
PALERMO
Ernesto
TROVATO
Giacomo
NANIA
Alessandro
3381661820
META Vullnet
3388367064
MUSOLINO
Eustina
3472410178
DELUCA Bruno
3400050790
SCALZI Ida
3491386571
LILLIU Saverio
0341283853
3894924444
TROVATO
Giacomo
TROVATO
Giacomo
28/01/2
011
28/01/2
011
03/03/2
011
03/03/2
011
03/03/2
011
03/03/2
011
03/03/2
011
23/03/2
011
08/07/20
11
06/07/20
11
16/03/20
12
01/05/20
11
14/07/20
12
01/05/20
11
01/05/20
11
12/06/20
12
11/03/2
011
08/07/20
11
11/03/2
011
22/03/2
011
22/03/2
011
23/03/2
011
23/03/2
011
29/03/2
011
30/03/2
011
12/04/2
011
19/04/2
011
11/04/2
011
15/04/2
011
15/04/2
011
15/04/2
011
15/04/2
011
15/04/2
011
15/04/2
011
16/04/2
011
18/04/2
011
18/06/20
11
24/04/20
12
15/03/20
12
02/10/20
12
02/10/20
12
12/07/20
11
14/12/20
11
05/04/20
12
28/05/20
11
20/05/20
11
08/07/20
11
12/07/20
11
08/07/20
11
13/06/20
11
13/06/20
11
08/07/20
11
08/07/20
11
11/04/20
12
Pagina 17 di 566
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
1265
/11
1265
/11
1378
/11
1378
/11
1432
/11
1476
/11
1476
/11
1476
/11
1476
/11
1476
/11
1562
/11
1565
/11
1607
/11
1727
/11
1755
/11
1755
/11
1755
/11
1755
/11
1608
/11
1823
/11
1943
/11
1979
/11
2008
/11
2008
/11
2119
/11
2120
/11
2220
/11
2343
3355737079
GHEZZI Silvia
3393860070
MAURI Ivan
3281356786
CROTTA Claudio
3337351331
PALERMO Attilio
3475146377
3462145091
MUSOLINO
Maria
CIAMPAGLIA
Rocco
3737858770
DELUCA Claudio
3737858783
DELUCA Bruno
Alfa 159 tg. DT452FX
Alfa 159 tg. DT451FX
DELUCA Bruno e
DELUCA Claudio
DELUCA Bruno e
DELUCA Claudio
3459622702
DELUCA Bruno
0341201668
SACCO Maria
3473177198
BMW tg. EA372SS
3290626758
3355422734
SCALETTA
Giacomo
PALERMO
Ernesto
SCHIPANI
Francesco
GASPARRI
Alessandro
3382841816
SALVO Vincenzo
3382841817
SALVO Angelo
Smart tg. EG235XS
BONGARZONE
Claudio
3283243316
MUHAJ Krenar
3472410178
DELUCA Bruno
3664554301
PALERMO
Ernesto
3277560060
GECI Evis
3387696463
3467015259
BMW tg. EA372SS
3391965556
3387014319
TROVATO
Giacomo
SCHIPANI
Francesco
PALERMO
Ernesto
COLOMBO
Giacomo
ADDISI Luigi
29/04/2
011
29/04/2
011
11/05/2
011
11/05/2
011
16/05/2
011
19/05/2
011
19/05/2
011
19/05/2
011
24/05/2
011
01/06/2
011
26/05/2
011
27/05/2
011
31/05/2
011
14/06/2
011
15/06/2
011
15/06/2
011
15/06/2
011
15/06/2
011
16/06/2
011
23/06/2
011
05/07/2
011
08/07/2
011
12/07/2
011
12/07/2
011
26/07/2
011
29/07/2
011
08/08/2
011
29/08/2
27/06/20
11
27/06/20
11
08/07/20
11
19/06/20
11
24/06/20
11
25/10/20
11
08/07/20
11
05/10/20
11
01/08/20
11
01/08/20
11
20/02/20
12
05/07/20
11
17/10/20
11
20/07/20
11
20/02/20
12
12/10/20
11
08/07/20
11
08/07/20
11
10/08/20
11
21/08/20
11
24/02/20
12
04/11/20
11
28/11/20
11
20/08/20
11
20/02/20
12
06/09/20
11
16/09/20
11
27/10/20
Pagina 18 di 566
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
/11
2343
/11
2343
/11
2430
/11
2430
/11
2464
/11
2520
/11
2520
/11
2520
/11
2561
/11
2561
/11
2561
/11
2601
/11
2705
/11
2804
/11
2892
/11
3347
/11
3347
/11
3347
/11
3347
/11
3347
/11
4410
/10
4410
/10
4410
/10
4459
/10
4459
/10
4459
/10
4483
3403281019
NASATTI
Massimo
3485503280
ADDISI Luigi
BMW tg. EA372SS
PALERMO
Ernesto
Ufficio Valmadrera
(LC)
via Roma n. 31
RUSCONI Marco
3668045759
GERACE
Girolamo
3355737079
GHEZZI Silvia
3356064237
SOTTOCASA
Dario
3421262751
MAZZA Giusy
3355783835
DELUCA Bruno
Subaru tg. BT949ZW
SOTTOCASA
Dario
Mercedes tg. DB781HZ
TROVATO Mario
3355982647
GHEZZI Silvia
012653-00-460639
IMEI
NASATTI
Massimo
RUBERTO
Domenico
BONGARZONE
Claudio
ROMEO
Antonino
335295038
3347095945
3313488594
3349044830
CONTI Fabio
3381180384
CONTI Fabio
3383381357
CONTI Fabio
3408068577
ROMEO
Antonino
3286861774
PERILLO Luigi
3408560437
3938315887
3387524152
3270158024
3388987395
3332021159
RIGILLO
Giovanni
RIGILLO
Giovanni
BONGARZONE
Claudio
BONGARZONE
Claudio
PISANI
Pasqualino
DI BELLA
011
11
29/08/2
011
29/08/2
011
09/09/2
011
07/10/20
11
27/10/20
11
17/12/20
11
13/09/2
011
22/10/20
11
13/09/2
011
19/09/2
011
19/09/2
011
19/09/2
011
22/09/2
011
22/09/2
011
19/10/2
011
28/09/2
011
10/10/2
011
19/10/2
011
28/10/2
011
21/12/2
011
21/12/2
011
21/12/2
011
21/12/2
011
21/12/2
011
13/12/2
010
13/12/2
010
13/12/2
010
17/12/2
010
17/12/2
010
17/12/2
010
21/12/2
11/11/20
11
28/10/20
11
28/10/20
11
28/10/20
11
20/02/20
12
31/10/20
11
06/03/20
12
06/11/20
11
26/04/20
12
26/01/20
12
24/04/20
12
08/05/20
12
08/05/20
12
29/01/20
12
29/01/20
12
08/05/20
12
10/06/20
11
01/05/20
11
22/01/20
11
01/11/20
11
29/04/20
12
15/02/20
11
09/05/20
Pagina 19 di 566
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
/10
4511
/10
147/
12
67/1
2
67/1
2
189/
12
189/
12
189/
12
249/
12
297/
12
346/
12
542/
12
542/
12
682/
12
682/
12
682/
12
778/
12
803/
12
859/
12
994/
12
1349
/12
1912
/12
Rosario
3662647771
3481505191
BMW X5 tg.EJ708RG
Mercedes Classe A
tg. CB636VB
Fiat 500 tg. DN412NY
VILLA Franco
CADEDDU
Leonardo
PALERMO
Ernesto
ROMEO
Antonino
ALCARO
Vanessa
3382841817
SALVO Angelo
3382841818
donna n.m.i.
3382841816
SALVO Vincenzo
3455008797
CONTI Fabio
3496384436
PORCU Giovanni
3336234816
Citröen C2
tg.DY800NC
3348952116
MENABALLI
Raoul
NANIA
Alessandro
NANIA
Alessandro
3398272148
MOLLICA Pietro
3403590288
SCARPATO
Jonathan
Mercedes tg. DB781HZ
TROVATO Mario
3289618168
CRESPI Angelo
Playnetisland.com
3426892340
BONGARZONE
Claudio
TROVATO
Giacomo
Pizzeria "046"
TROVATO Mario
3272461502
Simone
010
11
23/12/2
010
20/01/2
012
20/01/2
012
21/01/2
012
07/02/2
012
25/01/2
012
25/01/2
012
30/01/2
012
03/02/2
012
07/02/2
012
24/02/2
012
25/04/2
012
05/03/2
012
05/03/2
012
05/03/2
012
15/03/2
012
19/03/2
012
23/04/2
012
05/04/2
012
16/05/2
012
09/07/2
012
21/02/20
11
19/03/20
12
18/05/20
12
08/06/20
12
17/03/20
12
24/03/20
12
20/02/20
12
18/04/20
12
20/02/20
12
26/04/20
12
23/04/20
12
01/10/20
12
03/05/20
12
03/05/20
12
03/05/20
12
13/05/20
12
27/04/20
12
01/06/20
12
14/05/20
12
14/07/20
12
17/08/20
12
Va subito evidenziato in termini di estrema sintesi che il materiale di indagine
complessivamente raccolto dimostra sul piano della gravità indiziaria rilevante in
questa sede che quantomeno da maggio del 2010 e sino alla data attuale è stata ed è
operante nella città di Lecco e nel territorio della provincia lecchese un’associazione
criminale organizzata con le caratteristiche di una locale, articolazione lecchese della
‘ndrangheta, capeggiata da TROVATO Mario e formata con distinti ruoli e competenze
da PALERMO Ernesto,REDAELLI Antonello,LILLIU Saverio, NANIA Alessandro,
BONGARZONE Claudio, ROMEO Antonino e NASATTI Massimo.
Si è riformata da quella data ed è tuttora operante un’associazione che anche attraverso il
mantenimento di contatti con TROVATO Franco, soggetto detenuto in esecuzione di una
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 20 di 566
serie di ergastoli e in regime di 41 bis e con il territorio calabrese , opera nella città di Lecco
e nella provincia lecchese sotto la guida carismatica di TROVATO Mario, una sorta di
reggente della cosca stante la detenzione del tradizionale capo TROVATO Franco.
Tale associazione ex art.416 bis c.p. costituisce un gruppo criminale di ‘ndrangheta del tutto
nuovo rispetto a quello oggetto dei precedenti accertamenti giudiziali, un gruppo che ha
proseguito nell’ambito di un fenomeno di successione delle attività criminali 1 con una
diversa composizione soggettiva e in parte proponendosi finalità differenziate rispetto
all’associazione di stampo mafioso oggetto dei precedenti processi .
Tale associazione ex art. 416 bis c.p si fonda sempre sulla caratura mafiosa della
famiglia TROVATO e sfrutta la forza di intimidazione che deriva dai collegamenti e
dai poteri criminali della stessa e da specifiche attività di violenza e minaccia.
E’ stata così in grado non solo di ideare ma anche di realizzare alcune delle finalità
tipiche e normativamente descritte dell’associazione ex art.416 bis svolgendo non
solo attività illecite classiche nel settore delle estorsioni e del controllo di alcune
attività commerciali ma anche entrando in rapporti con le pubbliche amministrazioni
locali per l’acquisizione di concessioni e
infiltrandosi nella vita politicoamministrativa di Lecco e provincia attraverso la figura fondamentale di Ernesto
PALERMO consigliere comunale a Lecco2.
Le vicende giudiziarie nel corso degli anni 90 e del decennio successivo avevano all’epoca
naturalmente disarticolato la presenza ‘ndranghetista della famiglia TROVATO in Lecco a
seguito dell’applicazione di misure cautelari nei confronti di molti componenti della stessa e
dell’esecuzione di sequestri di beni mobili ed immobili determinando una conseguente
contrazione dell’attività illecita e delle possibilità di investimento ed infiltrazione della locale.
Tra l’altro tali indagini avevano coinvolto in una seconda fase non soltanto la “generazione”
‘ndranghetista corrispondente a TROVATO Franco ma anche quella successiva dal momento
che, come detto , erano stati individuati quali nuovi componenti dell’associazione sia
TROVATO Emiliano, figlio di TROVATO Franco, sia TROVATO Giacomo, cugino dello stesso
e figlio di TROVATO Mario. Il coinvolgimento giudiziario con l’applicazione di misure
cautelari nei confronti di questi ultimi rendeva oltremodo problematica la prosecuzione della
attività associativa della locale di Lecco.
Con la scarcerazione definitiva di TROVATO Mario nell’agosto 2005 si sono evidentemente
ricreate negli anni successivi le condizioni per l’operatività di una nuova locale in Lecco
legata alla famiglia TROVATO e di cui TROVATO Mario si è assunto la responsabilità
direttiva.
Si è del resto ampiamente riportato il contenuto della sentenza del Tribunale di Lecco nella
parte in cui si faceva riferimento ai programmi di riorganizzazione della locale di ‘ndrangheta
che si stavano avviando già nel 2005 attraverso l’iniziativa di TROVATO Mario e in
coincidenza con la sua prossima scarcerazione.
La presente attività di indagine ha confermato che tale programma è stato
effettivamente realizzato da TROVATO Mario seguendo alcune linee strategiche del
tutto nuove e peculiari al fine di “rimanere sotto traccia” e di evitare di incorrere
1
In tema di associazione per delinquere di tipo mafioso, deve escludersi che l’identica qualificazione giuridica di fenomeni associativi diversi, per
denominazione e composizione soggettiva, comporti identità del fatto, ai fini del computo della durata massima della custodia, nel caso che vengano
adottate distinte misure cautelari con riguardo alle singole fattispecie criminose (sez. VI 04/19601). 35 In tema di associazione a delinquere di
stampo mafioso, per escludere l’identità dei fatti consecutivamente addebitati all’indagato – ai fini dell’applicazione dell’art. 297, comma terzo,
c.p.p. – non rileva né il termine finale indicato nella contestazione, né il fatto che l’organizzazione sia mutata in relazione al numero dei componenti,
o alla circostanza che abbia deciso di contrapporsi ad altre organizzazioni criminali, od in relazione alla ampiezza dell’oggetto del programma
criminoso (sez. VI 04/12263: la Corte ha osservato che a diversa conclusione deve pervenirsi allorché si sia verificata una successione nelle
attività criminali tra organismi diversi, sia pure con lo stesso nome ed operanti sullo stesso territorio, ovvero un’interruzione del legame
associativo dell’indagato, anche per effetto di una pronuncia giudiziale; in tali casi i termini di custodia cautelare relativi al secondo
provvedimento decorrono dalla sua notifica od esecuzione). 36 Ai fini della duplicazione processuale ex art. 649 c.p.p., per medesimo fatto deve
intendersi ciò che risulta dai suoi elementi costitutivi e cioè da condotta, evento e nesso di causalità. Nel caso di procedimento per il delitto di cui
all’art. 416 bis c.p. al fine di escludere la medesimezza del fatto non rilevano né, dal punto di vista del soggetto, eventuali mutamenti nelle modalità di
partecipazione (attività e ruoli), né dal punto di vista dell’organizzazione, eventuali mutamenti in ordine all’ampiezza dell’oggetto del programma
criminoso o in relazione al numero dei componenti; occorre accertare, invece, con giudizio di fatto riservato al giudice di merito, se il soggetto
sia passato ad una diversa organizzazione criminale ovvero si sia verificata una successione nelle attività criminali tra organismi diversi, sia
pure con lo stesso nome ed operanti nello stesso territorio (sez. II 05/8697).
2
PALERMO Ernesto sino al 2011 apparteneva al gruppo PD e successivamente passava al gruppo Misto.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 21 di 566
ancora una volta nell’attività di contrasto da parte delle forze di P.G. e della
magistratura, linee strategiche cosi’ sintetizzabili:
1) coinvolgimento nella struttura associativa di soggetti nuovi, nella maggior parte dei casi
non compromessi per effetto delle precedenti indagini;
2) sviluppo dell’attività dell’associazione in attività e settori criminali meno eclatanti per
non compromettere eventuali prospettive nel percorso carcerario di Franco TROVATO; si è
così evitato, ad esempio, il diretto coinvolgimento di TROVATO Mario nell’attività di traffico
di stupefacenti, attività di fatto riservata al cognato DE LUCA Bruno o gestita in modo
autonomo a NANIA Alessandro 3 componente dell’associazione ex art.416 bis CP;
3) sviluppo della infiltrazione della locale nel controllo degli esercizi commerciali e nel
settore della pubblica amministrazione e nei rapporti con la politica anche in vista del
condizionamento dell’attività di voto nelle elezioni amministrative attraverso il diretto
coinvolgimento nella struttura associativa di un personaggio centrale, PALERMO Ernesto,
3
Si veda tra le altre la seguente conversazione ambientale nell’autovettura di NANIA Alessandro
-
Progressivo n. 3139 del giorno 30/06/2012, ore 16:22:41 acquisito nell'ambito dell'intercettazione
ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T. 542-12) in uso a NANIA Alessandro. La
conversazione intercorre in lingua italiana.
Radio accesa. Auto in movimento.
[16:29:30] NANIA Alessandro e Uomo salgono in macchina
Pos. auto: Via Palestro-Lecco-ITA-45.858482/9.391765-0 km/h
NANIA Alessandro si lamenta che, a causa delle sigarette, gli hanno bruciato il sedile della macchina.
[16:30:36]
NANIA Alessandro dice che è stato chiamato dall'avvocato e che la settimana prossima andrà a sbloccare qualcosa
(denaro ndr.); dice che si tratta di una storia strana, parla del sequestro dei beni e che ci saranno dei risarcimenti.
NANIA Alessandro conferma e dice che terze persone non possono. Uomo dice che a lui glielo hanno bloccato.
[16:31:35]
NANIA Alessandro:
tipo quella che ti hanno dato a te (droga ndr.)...quella lì…
Uomo:
eh!...l'han tagliata?...
NANIA Alessandro:
allora, io so com'è questa cosa qua...
Uomo:
eh?...
NANIA Alessandro:
so com'è, eh?...ed è buona!…poi c'ho detto pure io <<…vedete lo stato, le
cose...>>
Uomo:
la taglia (la droga ndr.), lui!…dice che non la taglia, però c'era dentro un po' di
mannite in mezzo...
NANIA Alessandro:
gli ho detto io <<…tagliala bene…no, c'è fame…>>, gli faccio io
(inc.le)…deve guadagnare, ma quella che ti dico io, buona eh!...poi, se lo stanno
accogliendo diversamente…quello non lo so…quello che dico io, a me non mi
interessa perché io...
Uomo:
(inc.le) soldi in mano...
NANIA Alessandro:
<<…io non ci guadagno un cazzo…>>, gli ho detto...non è che...a me non mi
interessa, <<…son cazzi vostri…>>, gli ho detto…<<…l'importante è che non
salta fuori il mio nome…>>, e se gli va all'orecchio a Mario (TROVATO Mario
ndr.)…e gli ho detto <<…Mario (TROVATO Mario ndr.) non vuole, eh?...>>, l'ha
detto <<…già è un casino eh...>>, fa <<…GIOVÀ...te l'ho detto, te la dà una
settimana...uno di questi giorni...>>
Uomo:
in che senso Mario (TROVATO Mario ndr.) non vuole?...
NANIA Alessandro:
eh?...
Uomo:
Mario (TROVATO Mario ndr.) non vuole, in che senso?...
NANIA Alessandro:
non vuole per te…
Uomo:
(inc.le) per quelle storie…
NANIA Alessandro:
ma va...e secondo me...sua moglie va...(inc.le) i propri figli, sai...non è che tante volte
(inc.le)…no, non lo stiamo facendo per il fatto di suo fratello (TROVATO Franco
ndr.)!...
Uomo:
è giusto, eh...
NANIA Alessandro:
perché può darsi che esce suo fratello, succede qualcosa, non lo fanno uscire
più (dal carcere ndr.)...
Uomo:
chi?...a Franco?...sì?...
NANIA Alessandro:
eh sì, perché sta facendo la cosa che...succede qualcosa specialmente a
me!...non esce più di (inc.le)…un macello...mentre io continuo...non voglio (inc.le) la
cosa…(inc.le) quelli che erano con noi...sono tutti fuori!...quelli che erano già...
…omissis…
Posizione finale: via dei Pescatori 35 > 39 - 36 > 36 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.843615/9.399499 - 0 km/h
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 22 di 566
consigliere comunale del PD a Lecco, eletto grazie all’appoggio elettorale della locale di
‘ndrangheta.
S
L’associazione in oggetto, proprio alle luce delle contromisure elaborate da TROVATO Mario
non commette omicidi e nella maggior parte dei casi non viene coinvolta in fatti criminosi
eclatanti ma non per questo risulta essere meno efficace e meno pericolosa nella
realizzazione delle finalità tipiche dell’associazione di stampo mafioso.
La locale si è infiltrata stabilmente nella vita economica ed imprenditoriale della provincia
di Lecco con la gestione diretta di esercizi commerciali prevalentemente nel settore dei bar e
della ristorazione acquisiti da TROVATO Mario e gestiti da familiari o comunque da persone
collegate allo stesso.
Si è infiltrata altresì nel settore dei video giochi e della distribuzione delle macchine e dei
terminali per il gioco all’interno dei locali pubblici in particolare attraverso l’attività svolta da
BONGARZONE Claudio con la società DBM.
Presidia e controlla l’attività di altri esercizi commerciali non esitando a ricorrere ad atti di
danneggiamento a fini intimidatori come è avvenuto nella vicenda relativa al subentro di
una nuova gestione nel locale Old Wilde Cafè di Lecco.
La necessità di espandersi nell’attività imprenditoriale ha comportato anche il
condizionamento dell’attività amministrativa del Comune di Lecco attraverso alcuni
interventi posti in essere da PALERMO Ernesto per modificare destinazioni del piano
regolatore.
La locale è inoltre intervenuta con pressioni ed atti corruttivi su una procedura
amministrativa gestita dal Comune di Valmadrera nella gara per il rilascio della concessione
di gestione del c.d. Lido di Parè, concessione aggiudicata prima dell’intervento della
Prefettura di Lecco ad una società appositamente costituita da TROVATO Mario e PALERMO
Ernesto, attraverso prestanome dell’associazione. E questo dopo che la stessa area oggetto
di concessione negli anni precedenti era stata fatta oggetto di attentati incendiari.
PALERMO Ernesto in accordo con TROVATO Mario è altresì intervenuto per raccogliere dei
voti in favore di una candidata alle elezioni amministrative del Comune di Milano del 2011,
richiedendo come corrispettivo il versamento di somme di denaro e l’appoggio elettorale in
favore della sorella candidata alle elezioni amministrative in Calabria.
Ma accanto a questa attività di infiltrazione nell’attività politica-amministrativa
l’associazione ha continuato a sviluppare attività delinquenziali per così dire tradizionali
attraverso attività estorsive nei confronti di privati come avvenuto nella vicenda che ha
coinvolto quale vittima CONTI Fabio oltre che nei confronti di esercizi commerciali come
avvenuto nella già richiamata vicenda ai danni dell’Old Wilde Cafè.
i deve osservare che l’infiltrazione della locale nella politica e nella Pubblica
Amministrazione attraverso l’attività dell’associato PALERMO Ernesto rappresenta il
decisivo salto di qualità dell’associazione di stampo mafioso in oggetto ed evidenzia la
particolare pericolosità della stessa.
Lo stesso ricorso all’attività corruttiva per condizionare atti amministrativi dei
comuni di Lecco e di Valmadrera costituisce una modalità particolarmente insidiosa
con cui la locale di Lecco si infiltra nel tessuto politico amministrativo per
condizionare l’azione dello stesso e non rappresenta certo una rinuncia al ricorso al
metodo mafioso e l’adesione a modalità illecite per così dire “comuni”. In particolare
nelle regioni del nord tale attività corruttiva è espressione ulteriore della pericolosità
del nucleo di criminalità organizzata anche sotto il profilo della mimetizzazione dello
stesso. La particolare capacità corruttiva è infatti strettamente connessa all’esistenza
e all’efficienza stessa dell’associazione mafiosa, fattori questi ultimi che facilitano gli
stessi contatti con i pubblici ufficiali e la forza persuasiva dell’associazione anche
all’interno dell’accordo corruttivo.
In altri termini la scelta dello strumento corruttivo non equivale certo per
l’associazione di n’drangheta ad una rinuncia alla propria forza intimidatrice ma è
una modalità di intervento che al contrario è il portato della capacità di intimidazione
e di condizionamento della politica e della vita amministrativa nel territorio.
E lo strumento corruttivo
risulta tanto più efficace quanto maggiore è il
condizionamento dell’organizzazione mafiosa sulla vita politica ed amministrativa e
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 23 di 566
sui pubblici ufficiali che ne sono interpreti finendo per alimentare il meccanismo di
infiltrazione dell’ndrangheta nel tessuto politico in un circuito perverso destinato ad
aumentare in modo esponenziale .
Nel caso della locale di Lecco le capacità di infiltrazione del meccanismo corruttivo
risultano ancora più accentuate se si considera che la stessa
poteva contare
sull’organico apporto di PALERMO Ernesto e quindi su un pubblico ufficiale con
funzioni e contatti rilevanti all’interno dell’amministrazione comunale di Lecco.
L’associazione ha dimostrato nel corso del periodo oggetto di indagine di essere in grado di
controllare i gruppi criminali locali, programmando e realizzando in alcuni casi attività di
ritorsione, di svolgere attività di protezione nei confronti di esercizi commerciali e di persone
che richiedevamo il supporto della stessa specie per l’installazione di macchine di gioco, di
dare il proprio assenso rispetto ad attività violente poste in essere da distinti gruppi
criminali, di porre in essere attività di pacificazione e di risoluzione di conflitti.
In ragione del prestigio criminale della famiglia TROVATO e della specifica capacità di
controllo del territorio all’associazione si rivolgevano anche soggetti collegati ad altre famiglie
di ‘ndrangheta per richiedere l’intervento al fine di recuperare crediti nei confronti di
imprese della zona così come avvenuto nella richiesta di aiuto formulata da MOLLICA Pietro
per recuperare un supposto credito vantato da persone collegate a quest’ultimo nei confronti
di una impresa edilizia che aveva eseguito un intervento nel lecchese.
Si deve anticipare che il complesso di tali attività costituenti finalità certamente previste nel
programma tipico di un’associazione ex art. 416 bis c.p., sono state progettate e in parte
realizzate avvalendosi di modalità e strumenti tipici del metodo mafioso previsti dalla
indicata norma. L’associazione si è avvalsa infatti della forza di intimidazione derivante dal
vincolo associativo rappresentato dalla caratura criminale di TROVATO Mario e del suo
nucleo familiare, del rispetto riverenziale verso tali soggetti ulteriormente rafforzato dal
ricorso a metodi minacciosi e violenti da parte di alcuni componenti del nucleo associativo,
nucleo che si caratterizzava anche per la disponibilità di armi.
Tale forza di intimidazione si è tradotta nella condizione di assoggettamento ed omertà in
capo ai soggetti entrati in rapporto con l’associazione e in generale della comunità sociale e
civile del lecchese. E’ sufficientemente rilevare in questa sede che nessuna delle condotte di
violenza fisica o psichica, di coartazione e minacce,di richieste di denaro a vario titolo
estorsivo o corruttivo, di danneggiamento su beni ed esercizi commerciali emerse nel corso
delle indagini sono stati denunciati dalle vittime o dai destinatari alla pubblica autorità né le
vittime hanno fornito indicazioni idonee ad individuare responsabili diretti e mandanti .
Allo stesso modo le condotte di condizionamento dell’attività amministrativa da parte di
soggetti notoriamente collegati alla criminalità organizzata in forza di rapporti personali o
parentali non sono state denunciate e non hanno trovato comunque adeguata resistenza da
parte di pubblici amministratori, esponenti della classe politica e pubblici ufficiali. Al
contrario, come avvenuto nella vicenda dei rapporti con il sindaco di Valmadrera, i pubblici
ufficiali dopo aver condizionato con atti di turbativa le procedure in favore
dell’organizzazione criminosa hanno anche accettato il versamento di somme di denaro
rivelando elementi di sospetto solo dopo che l’iter della procedura si era interrotto a seguito
dell’intervento della Pg e della Prefettura.
d) Il delitto di cui all’art.416 bis cp nella elaborazione giurisprudenziale
Gli elementi costitutivi del delitto di cui all’art.416 bis c.p sono stati ampiamente analizzati
in sede giurisprudenziale pervenendo quanto alle note costitutive della fattispecie
incriminatrice ad approdi interpretativi sostanzialmente uniformi che verranno di seguito
brevemente richiamati .
Certamente più articolato è risultato negli ultimi anni il dibattito interpretativo in merito
alle forme di manifestazione del reato con particolare riferimento alla forma del concorso
esterno al delitto di associazione mafiosa, tema che peraltro non assume rilievo nell’ambito
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 24 di 566
della presente indagine in quanto le risultanze nei confronti degli indagati destinatari della
presente richiesta conducono, come vedremo, ad una valutazione di piena partecipazione
degli stessi quali concorrente intranei necessari alla associazione ex art.416 bis C.P .
Quanto alla disamina del c.d. metodo mafioso e agli indici probatori dello stesso si è
affermato:
Carattere fondamentale dell’associazione per delinquere di tipo mafioso va individuato nella
forza intimidatrice che da essa promana: la consorteria deve, infatti, potersi avvalere della
pressione derivante dal vincolo associativo, nel senso che è l’associazione e soltanto essa,
indipendentemente dal compimento di specifici atti di intimidazione da parte dei singoli
associati, a esprimere il metodo mafioso e la sua capacità di sopraffazione. Essa rappresenta
l’elemento strumentale tipico del quale gli associati si servono in vista degli scopi propri
dell’associazione. È, pertanto, necessario che l’associazione abbia conseguito, in concreto,
nell’ambiente circostante nel quale essa opera, una effettiva capacità di intimidazione e che
gli aderenti se ne siano avvalsi in modo effettivo al fine di realizzare il loro programma
criminoso (sez. VI 00/1612).
Il reato di cui all’art. 416 bis c.p. è contrassegnato dal metodo mafioso, seguito dai
componenti dell’associazione per la realizzazione del programma associativo. Esso non è
componente della condotta ma dato di qualificazione del sodalizio e si connota, dal lato
attivo, per l’utilizzazione da parte degli associati della carica intimidatrice nascente dal
vincolo associativo e, dal lato passivo, per la situazione di assoggettamento e di omertà che
da tale forza intimidatrice si sprigiona verso l’esterno dell’associazione, cioè nei confronti dei
soggetti nei riguardi dei quali si dirige l’attività delittuosa (sez. VI 00/1612).
La prova degli elementi caratterizzanti l’ipotesi criminosa di cui all’art. 416 bis c.p. può ben
essere desunta con metodo logico induttivo in base al rilievo che il clan presenti tutti gli
indici rivelatori del fenomeno mafioso, quali la segretezza del vincolo; i rapporti di
comparaggio o di comparatico fra gli adepti; il rispetto assoluto del vincolo gerarchico;
l’accollo delle spese di giustizia da parte della cosca; il diffuso clima di omertà come
conseguenza e indice rivelatore dell’assoggettamento alla consorteria. Peraltro, gli indizi del
reato associativo possono essere legittimamente tratti dalla commissione dei reati fine,
interpretati alla luce dei moventi che li hanno ispirati, quando questi valgano ad inquadrarli
nella finalità dell’associazione (sez. VI 00/1612). In tema di associazione di tipo mafioso, la
violenza e la minaccia, rivestendo natura strumentale nei confronti della forza di
intimidazione, costituiscono un accessorio eventuale, o meglio latente, della stessa, ben
potendo derivare dalla semplice esistenza e notorietà del vincolo associativo. Esse dunque
non costituiscono modalità con le quali deve puntualmente manifestarsi all’esterno la
condotta degli agenti, dal momento che la condizione di assoggettamento e gli atteggiamenti
omertosi, indotti nella popolazione e negli associati stessi, costituiscono, più che l’effetto di
singoli atti di sopraffazione, la conseguenza del prestigio criminale della associazione, che,
per la sua fama negativa e per la capacità di lanciare avvertimenti, anche simbolici ed
indiretti, si accredita come temibile, effettivo ed autorevole centro di potere (sez. V 00/4893).
In tema di associazione di stampo mafioso, l’avvalersi della forza intimidatrice può
esplicarsi nei modi più disparati: sia limitandosi a sfruttare la carica di pressione già
conseguita dal sodalizio, sia ponendo in essere nuovi atti di violenza e di minaccia. Nel
primo caso è evidente che il sodalizio già è pervenuto al superamento della soglia minima
che consente di utilizzare la forza intimidatrice soltanto sulla base del vincolo e del suo
manifestarsi in quanto tale all’esterno; nel secondo caso gli atti di violenza o minaccia (o più
compiutamente di intimidazione) peraltro non devono realizzare l’effetto di per sé soli, ma in
quanto espressione rafforzativa della precedente capacità intimidatrice già conseguita dal
sodalizio (sez. VI 96/7627).
L’associazione di tipo mafioso, al pari dell’associazione per delinquere di cui all’art. 416 c.p.
– postula l’esistenza di una pluralità di soggetti attivi – trattandosi di fattispecie
plurisoggettiva necessaria, una organizzazione che può avere una maggiore o minore
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 25 di 566
articolazione, ed un programma volto alla realizzazione di uno dei fini, alternativamente
previsti e descrittivamente enunciati, nel tipo descrittivo della norma incriminatrice. Le
novità di maggior rilievo della figura delittuosa, secondo la previsione dell’art. 416 bis
c.p. che la distingue dall’art. 416 c.p., sono essenzialmente due: l’eterogeneità degli scopi,
che l’associazione mira a realizzare, e quindi dell’oggetto del programma criminoso, ed il
ricorso alla forza di intimidazione della associazione, per il conseguimento dei fini propri
della medesima. Il requisito della “forza di intimidazione del vincolo associativo”, che
costituisce l’“in sé” dell’associazione di tipo mafioso, e delle altre a questa assimilabili, dalla
quale deriva – secondo il dato normativo – la condizione di assoggettamento e di omertà
degli stessi associati e dei terzi, non è una modalità della condotta associativa, ma un
elemento strumentale, come sottolineato dal significato del verbo “si avvalgono”, ma,
peraltro, non deve necessariamente estrinsecarsi, di volta in volta, in atti di violenza fisica o
morale, per il raggiungimento dei fini alternativamente previsti dalla disposizione
incriminatrice, perché ciò che caratterizza, sul piano descrittivo e su quello ontologico,
l’associazione di tipo mafioso, secondo il modello legale è la condizione di assoggettamento
(che implica uno stato di soggezione, derivante dalla convinzione di essere esposti ad un
concreto ed ineludibile pericolo di fronte alla forza dell’associazione) e di omertà che consiste
in forma di solidarietà, che ostacola o rende più difficoltosa l’opera di prevenzione e di
repressione che dal vincolo associativo deriva per il singolo, all’esterno, ma anche all’interno
dell’associazione (sez. I 91/6203).
Lo schema normativo di cui all’art. 416 bis c.p. è integrato anche quando l’effetto di
intimidazione ed il conseguente assoggettamento che ne deriva concerna l’attività
esercitata nei confronti di bande o di isolati delinquenti rivali (sez. I 94/9439).
V. anche sez. V 98/4307: ai fini della sussistenza del reato di associazione di tipo mafioso
l’intimidazione interna al sodalizio, pur se rilevante sotto il profilo dell’estrinsecazione del
metodo mafioso, non può prescindere dall’intimidazione esterna, poiché elemento
caratteristico dell’associazione in questione è il riverbero, la proiezione esterna, il
radicamento nel territorio in cui essa vive; assoggettamento ed omertà devono pertanto
riferirsi non ai componenti interni, essendo siffatti caratteri presenti in ogni consorteria, ma
ai soggetti nei cui confronti si dirige l’azione delittuosa, essendo i terzi a trovarsi, per effetto
della diffusa convinzione della loro esposizione a pericolo, in stato di soggezione di fronte
alla forza dei “prevaricanti”. Quanto alla diffusività di tale forza intimidatrice, essa non
può essere virtuale, e cioè limitata al programma dell’associazione, ma deve essere
effettuale, siccome manifestazione della condotta, essendo la diffusività un carattere
essenziale della forza intimidatrice, con la conseguente necessità che di essa l’associazione
si avvalga in concreto, cioè in modo effettivo
sez. VI 95/7937: il reato di cui all’art. 416 bis c.p. (associazione di stampo mafioso) si
caratterizza dal lato attivo per l’utilizzazione, da parte degli associati, ai fini del
raggiungimento degli scopi del sodalizio, della forza intimidatrice derivante dal vincolo
associativo in se stesso e dal lato passivo per la conseguente condizione di assoggettamento
e di omertà dei singoli. L’avvalersi della capacità di intimidazione può esplicarsi sia
sfruttando il clima intimidatorio già conseguito dal sodalizio sia ponendo in essere nuovi atti
di violenza o minaccia i quali, peraltro, in tal caso non devono realizzare l’effetto di per sé
soli, ma in quanto espressione rafforzativa del potere del gruppo. Non è d’altro canto
richiesto dalla norma che l’avvalersi della suddetta capacità si esplichi in una condotta
distinta da quella diretta al conseguimento del fine sociale: anche una sola condotta può
essere finalizzata ad entrambi i risultati quando considerata in rapporto alle sue specifiche
modalità ed al tessuto sociale in cui si manifesta, essa esprime di per sé la forza
intimidatrice del vincolo associativo (affermando siffatti principi la Cassazione ha ritenuto
che correttamente i Giudici di merito avessero ravvisato la sussistenza di un’associazione di
stampo mafioso in fattispecie nella quale i vari componenti del sodalizio avevano realizzato
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 26 di 566
numerose estorsioni ai danni di diversi commercianti, avvalendosi come strumento di
coercizione delle parti lese, al di là delle specifiche minacce poste in essere nei singoli
episodi, di costanti richiami alla pericolosità ed al potere generalizzato sul territorio del
gruppo di cui essi facevano parte, con conseguente convinzione delle vittime di essere
esposte ad ineludibile pericolo, manifestata anche nel comportamento processuale delle
stesse).
V. anche sez. VI 94/1793: l’art. 416 bis c.p. delinea un reato associativo a condotta multipla
e di natura mista, nel senso che, mentre per l’associazione semplice è sufficiente la
creazione di una organizzazione stabile, sia pure rudimentale, diretta al compimento di una
serie indeterminata di delitti, per l’associazione mafiosa è altresì necessario che questa
abbia conseguito nell’ambiente circostante una reale capacità d’intimidazione e che gli
aderenti si siano avvalsi in modo effettivo di tale forza al fine di realizzare il loro programma
criminoso. L’avvalersi della forza intimidatrice può esplicarsi nei modi più disparati, sia
limitandosi a sfruttare l’aura d’intimidazione già conseguita dal sodalizio, sia ponendo in
essere nuovi atti di violenza e di minaccia, purché, in tal caso, tali atti non realizzino l’effetto
di per sé soli, ma in quanto espressione rafforzativa della precedente capacità intimidatrice
già conseguita dal sodalizio. La norma non richiede che l’avvalersi della forza intimidatrice si
esplichi necessariamente in una condotta, sia pure contemporanea, ma distinta da quella
diretta al conseguimento del fine sociale. Ne deriva, quindi, che una sola condotta può
essere finalizzata ad entrambi i risultati, allorquando, considerata in rapporto alle sue
specifiche modalità ed al tessuto sociale in cui si esplica, esprima di per sé la forza
intimidatrice del vincolo associativo.
V. anche sez. I 87/13070: il requisito della forza di intimidazione, dalla quale deriva la
condizione di assoggettamento e di omertà degli stessi associati e dei terzi, non costituisce
una modalità della condotta associativa, ma un elemento strumentale, rispetto
all’attuazione dei fini alternativamente indicati nella fattispecie incriminatrice, che non deve
necessariamente essere utilizzato dai singoli associati perché si realizzi la condotta di
partecipazione. Inoltre l’alternatività dei fini porta ad escludere che per aversi il delitto di
partecipazione sia altresì necessario che l’agente consegua direttamente un profitto ingiusto,
ma è sufficiente che l’associato si avvalga della forza di intimidazione propria
dell’associazione della quale egli fa parte e del conseguente stato di omertà e di
assoggettamento degli estranei per commettere più agevolmente i delitti-scopo, anche se
questi non siano caratterizzati dall’uso strumentale della violenza.
La forza intimidatrice – caratteristica del fenomeno mafioso – può derivare oltre che dagli atti
veri e propri di intimidazione, anche in forma indiretta, dallo stesso vincolo associativo ed
infine da frasi e comportamenti sottilmente allusivi, ma pur sempre efficaci per il
raggiungimento dei fini perseguiti dall’associazione (sez. I 85/293).
In merito alla nozione di omertà quale effetto della forza intimidatoria
dell’associazione mafiosa e agli indici probatori dello stessa si è affermato:
La nozione di “omertà”, che si correla, in rapporto di causa a effetto, alla forza di
intimidazione dell’associazione di tipo mafioso, va ricondotta al rifiuto di collaborare con gli
organi dello Stato. Tale atteggiamento, che deve essere sufficientemente diffuso, anche se
non generale, può derivare non soltanto dalla paura di danni alla propria persona, ma
anche dall’attuazione di minacce che comunque possono realizzare danni rilevanti; di modo
che sia diffusa la convinzione che la collaborazione con l’autorità giudiziaria – denunciando
il singolo che compie l’attività intimidatoria – non impedirà che si abbiano ritorsioni
dannose, per la persona del denunciante, in considerazione della ramificazione
dell’associazione, della sua efficienza, della sussistenza di altri soggetti non identificabili
forniti del potere di danneggiare chi ha osato contrapporsi (sez. VI 00/1612).
V. anche sez. VI 89/11204: ai fini della configurabilità del delitto di associazione di tipo
mafioso è necessario che sussistano tre elementi specializzanti: la forza intimidatoria
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 27 di 566
promanante dal vincolo associativo, la condizione di assoggettamento, la condizione di
omertà. Perché sussista omertà è sufficiente che il rifiuto a collaborare con gli organi dello
Stato sia sufficientemente diffuso, anche se non generale; che tale atteggiamento sia dovuto
alla paura non tanto di danni all’integrità della propria persona ma anche solo all’attuazione
di minacce che comunque possono realizzare danni rilevanti; che sussista la diffusa
convinzione che la collaborazione con l’autorità giudiziaria – denunciando il singolo che
compie l’attività intimidatoria – non impedirà che si abbiano ritorsioni dannose per la
ramificazione dell’associazione, la sua efficienza, la sussistenza di altri soggetti non
identificabili e forniti di un potere sufficiente per danneggiare chi ha osato contrapporsi. Tra
le possibili ritorsioni, che portano ad un assoggettamento ed alla necessità dell’omertà, vi è
anche quella che possa mettere a rischio la pratica possibilità di continuare a lavorare ed
apra la prospettiva allarmante di dover chiudere la propria impresa perché altri, partecipanti
all’associazione o da essa influenzati, hanno la concreta possibilità di escludere dagli appalti
colui che si è ribellato alle pretese. A tale ultimo fine non è necessario che le conseguenze
minacciate si verifichino, ma è sufficiente che esse ingenerino il ragionevole timore che
induca al silenzio ed all’omertà. Queste ultime infatti indicano l’obiettivo che l’associazione
tende a realizzare e costituiscono un possibile posterius e non un prius logico o cronologico.
Quanto alla rilevanza delle attività- fine dell’associazione :
ai fini della configurabilità del delitto di associazione di tipo mafioso non è necessario che
siano raggiunti effettivamente e concretamente uno o più degli scopi alternativamente
previsti dalla norma incriminatrice, né è necessario che la forza di intimidazione, dalla quale
derivi la condizione di assoggettamento e di omertà degli stessi associati e dei terzi, sia
utilizzata dai singoli associati perché si realizzi la condizione di partecipazione, né
tantomeno che ciascuno consegua direttamente il profitto ingiusto, per sé o altri (V. sez. I
91/6203). 10
Per la configurabilità del reato di cui all’art. 416 bis c.p. non è necessaria una preventiva
condanna degli associati per i reati-fine, apparendo sufficiente a tale scopo che dalle
emergenze processuali risulti in modo ragionevole che siano stati consumati reati-fine e che
la commissione degli stessi sia riportabile all’attività degli adepti della societas scelerum (sez.
III 92/2691).
Pur dovendosi riconoscere un’assoluta autonomia tra il reato di associazione per delinquere
e i reati-fine commessi dagli associati, gli elementi certi relativi alla partecipazione di
determinati soggetti ai reati-fine effettivamente realizzati, possono essere influenti nel
giudizio relativo all’esistenza del vincolo associativo e all’inserimento di detti soggetti
nell’organizzazione; anzi, indizi della partecipazione all’associazione, in determinati contesti
probatori, possono essere desunti da elementi di prova relativi ai reati-fine, anche quando
essi siano stati ritenuti insufficienti allo stesso esercizio dell’azione penale per tali reati (sez.
V 13-5-2003, Guida agli Enti locali 03, 40, 66).
Nello specifico con riferimento ad alcune attività- fine dell’associazione sul piano del
controllo del voto :
in tema di associazione di tipo mafioso, poiché il procacciamento del voto costituisce una
delle eventuali finalità cui la suddetta associazione può tendere, la condotta punibile va
ravvisata nell’azione di associarsi ad una (o in una) struttura criminale, avente le
caratteristiche descritte dall’art. 416 bis c.p., allo scopo, tra l’altro, di controllare ed
influenzare il consenso politico ed i flussi elettorali. Il conseguimento dello scopo non è,
tuttavia, elemento costitutivo della fattispecie, anche perché il bene giuridico tutelato,
l’ordine pubblico, è vulnerato per il solo fatto che un’associazione mafiosa faccia valere il suo
peso a favore di un candidato (sez. V 00/4893:
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 28 di 566
In merito alla individuazione delle condotte di partecipazione all’associazione in
particolare nel senso di una lettura nel senso dinamico-funzionale del ruolo
associativo, ruolo indicato come “ a forma libera” , e alla non necessità di una
formale adesione al sodalizio mafioso:
La condotta di partecipazione all’associazione per delinquere di cui all’art. 416 bis c.p. è a
forma libera, nel senso che il comportamento del partecipe può realizzarsi in forme e
contenuti diversi, purché si traduca in un contributo non marginale ma apprezzabile alla
realizzazione degli scopi dell’organismo: in questo modo, infatti, si verifica la lesione degli
interessi salvaguardati dalla norma incriminatrice, qualunque sia il ruolo assunto
dall’agente nell’ambito dell’associazione; ne consegue che la condotta del partecipe può
risultare variegata, differenziata, ovvero assumere connotazioni diverse, indipendenti
da un formale atto di inserimento nel sodalizio, sicché egli può anche non avere la
conoscenza dei capi o degli altri affiliati essendo sufficiente che, anche in modo non
rituale, di fatto si inserisca nel gruppo per realizzarne gli scopi, con la consapevolezza
che il risultato viene perseguito con l’utilizzazione di metodi mafiosi (sez. II
97/4976). Fa parte di una associazione mafiosa chi presti un consapevole contributo alla
vita del sodalizio di cui conosca le caratteristiche, sapendo di avvalersi della forza di
intimidazione del vincolo associativo e delle condizioni di assoggettamento e di omertà che
ne derivano per realizzare i fini previsti dall’ultima parte del co. 3° dell’art. 416 bis c.p. (sez.
VI 97/5649). 7 In tema di associazione di tipo mafioso, la condotta di partecipazione
è riferibile a colui che si trovi in rapporto di stabile e organica compenetrazione con il
tessuto organizzativo del sodalizio, tale da implicare, più che uno status di
appartenenza, un ruolo dinamico e funzionale, in esplicazione del quale l’interessato
“prende parte” al fenomeno associativo, rimanendo a disposizione dell’ente per il
perseguimento dei comuni fini criminosi (sez. I 08/1470). 9
Ai fini della configurabilità del reato di cui all’art. 416 bis c.p., non è necessario che siano
raggiunti effettivamente e concretamente uno o più scopi alternativamente previsti dalla
norma incriminatrice né, perché si realizzi la condizione di partecipazione dei singoli
associati, è necessario che ciascuno utilizzi la forza di intimidazione né consegua
direttamente per sé o per altri il profitto o il vantaggio da realizzare attraverso l’associazione,
che è contrassegnato dal connotato dell’ingiustizia. La condotta di partecipazione può,
infatti, assumere forme e contenuti diversi e variabili e consiste nel contributo, apprezzabile
e concreto sul piano causale, all’esistenza o al rafforzamento dell’associazione e, quindi, alla
realizzazione dell’offesa agli interessi tutelati dalla norma penale incriminatrice, qualunque
sia il ruolo o il compito che il partecipe svolga nell’ambito dell’associazione (sez. II 94/5386).
In tema di associazione per delinquere di tipo mafioso, le relazioni di parentela e di
affinità dell’imputato assumono valore indiziante aggiuntivo circa la partecipazione al
sodalizio, nulla impedendo che una volta accertata, da un lato, l’esistenza di
un’organizzazione delinquenziale a base familiare e, d’altro canto, una non occasionale
attività criminosa di singoli esponenti della famiglia nel medesimo campo in cui questa
opera, venga considerato non privo di valore indiziante, in ordine alla partecipazione dei
suindicati soggetti al sodalizio criminoso, anche il fatto che vi siano legami di parentela o di
affinità tra essi e coloro che nel sodalizio familiare criminale occupano posizioni di vertice o,
comunque, di rilievo (sez. VI 99/3089).
In tema di associazione per delinquere di tipo mafioso o camorristico, è partecipe, nel
senso richiesto dall’art. 416 bis c.p., chiunque all’interno dell’organizzazione, e quindi
in modo non occasionale, esplichi una qualsiasi attività, quale che sia il ruolo svolto,
che ridondi a vantaggio dell’associazione nel suo complesso, con la consapevolezza e
la volontà di associarsi, allo scopo di contribuire all’attuazione del programma
dell’organizzazione (sez. I 91/4323). In tema di reati associativi, una volta dimostrata
l’esistenza di una associazione criminosa e una volta individuati elementi, anche indiziari
(nella specie costituiti essenzialmente dalla partecipazione agli utili), sulla base dei quali
possa ragionevolmente affermarsi la cointeressenza di taluno alle attività di detta
associazione e, quindi, la partecipazione alla vita di quest’ultima, non occorre poi anche la
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 29 di 566
dimostrazione di quello che può essere stato il ruolo specifico svolto da quel medesimo
soggetto nell’ambito dell’associazione stessa. La “partecipazione”, infatti, per sua stessa
natura, può realizzarsi nei modi più vari, la cui specificazione non è richiesta dalla norma
incriminatrice e non può, quindi, essere richiesta neppure nella sentenza di condanna (sez. I
92/3214).
La fattispecie della partecipazione all’associazione di tipo mafioso è a forma libera, perché il
legislatore non descrive in modo particolare la condotta tipica, enunciandone le note che
valgono a caratterizzarla, ma si limita ad affermare che commette il reato “chiunque ne fa
parte”. Ne deriva che la condotta di partecipazione, che può assumere forme e contenuto
variabili, consiste sul piano oggettivo nel contributo, purché apprezzabile e concreto, al
piano criminoso e quindi nella realizzazione dell’offesa tipica agli interessi tutelati dalla
norma incriminatrice, qualunque sia il ruolo che l’agente svolga nell’ambito associativo (sez.
I 89/482). 15
La partecipazione è costituita dal contributo che l’agente dà, con il proprio operato e il
proprio apporto – qualunque ne sia il contenuto e la natura e indipendentemente dal ruolo e
dai compiti che egli svolge o si è impegnato a svolgere – alla realizzazione degli scopi propri
dell’associazione. Ne consegue che il requisito del ricorso alla forza di intimidazione, dalla
quale deriva la condizione di assoggettamento e di omertà degli stessi associati e dei terzi,
non costituisce una modalità della condotta tipica di partecipazione, ma un elemento
strumentale rispetto all’attuazione dei fini alternativamente indicati dalla norma
incriminatrice, non essendo necessario che ciascuno degli associati usi in modo esplicito e
in concreto mezzi violenti o di intimidazione perché si realizzi la condotta di partecipazione
(sez. I 88/3492). 18
È partecipe, nel senso richiesto dall’art. 416 bis c.p., chiunque, all’interno
dell’organizzazione e quindi in modo non occasionale, esplichi una qualsiasi attività,
ancorché di importanza secondaria, che ridonda a vantaggio dell’associazione
considerata nel suo complesso (sez. I 87/13070). 19 È configurabile come
partecipazione effettiva, e non meramente ideale, ad una associazione per delinquere (nella
specie di tipo mafioso), anche quella di chi, indipendentemente dal ricorso o meno a forme
rituali di affiliazione, si sia limitato a prestare la propria adesione, con impegno di messa a
disposizione, per quanto necessario, della propria opera, all’associazione anzidetta, giacché
anche in tal modo il soggetto viene consapevolmente ad accrescere la potenziale capacità
operativa e la temibilità dell’organizzazione delinquenziale (sez. I 92/6992).
V. anche sez. I 87/13070: la mancata legalizzazione – cioè l’atto formale di
inserimento nell’ambito dell’organizzazione criminosa – non esclude che il partecipe
sia di fatto inserito e contribuisca con il suo comportamento alla realizzazione dei fini
dell’associazione. Infatti la “legalizzazione” costituisce il dato formale, ed usuale, che
denota l’inserimento organico dell’agente nell’organizzazione criminosa, ma non
impedisce di ritenere la partecipazione allorché l’agente, di fatto, sia inserito
nell’organizzazione. L’art. 416 bis c.p. incrimina chiunque fa parte dell’associazione,
indipendentemente dalle modalità attraverso le quali egli entri a far parte
dell’organizzazione criminosa.
20
L’accettazione di un ruolo all’interno di
un’organizzazione criminale di tipo mafioso, mediante affiliazione o acquisizione di una
qualifica specifica, può costituire una prova significativa dell’assunzione concreta di compiti
e di svolgimento di attività per le finalità associative, dal momento che impegna ad
un’adesione senza riserve, consente l’accesso a notizie molto riservate con l’obbligo assoluto
del segreto, implica una costante sottoposizione a regole, la cui violazione è sanzionata in
genere con l’eliminazione fisica (sez. II 05/21956). 21 Il ruolo di un partecipante, o di più
partecipanti, può consistere anche e soltanto nello svolgimento di una mera attività di
intermediazione, potendo apparire indispensabile – ai fini della realizzazione del comune
programma criminoso – che si presentino come distinte ed autonome operazioni invece
strettamente e necessariamente collegate (sez. VI 86/1760).
Nello specifico con riferimento ai rapporti tra l’associazione qui analizzata e il
mondo imprenditoriale, profili che verranno in evidenza nel caso concreto quanto ai
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 30 di 566
rapporti associativi con BONGARZONE Claudio, imprenditore nel settore delle
apparecchiature di gioco per esercizi pubblici:
In materia di partecipazione ad associazione di stampo mafioso è ragionevole
considerare “imprenditore colluso” quello che è entrato in rapporto sinallagmatico
con la cosca tale da produrre vantaggi per entrambi i contraenti, consistenti per
l’imprenditore nell’imporsi nel territorio in posizione dominante e per il sodalizio
criminoso nell’ottenere risorse, servizi o utilità; mentre è ragionevole ritenere
“imprenditore vittima” quello che soggiogato dall’intimidazione non tenta di venire a patti
col sodalizio, ma cede all’imposizione e subisce il relativo danno ingiusto, limitandosi a
perseguire un’intesa volta a limitare tale danno. Ne consegue che il criterio distintivo tra le
due figure è nel patto che l’imprenditore colluso, a differenza di quello vittima, ha
consapevolmente rivolto a proprio profitto l’essere venuto in relazione col sodalizio mafioso
(sez. I 05/46552).
In ordine alle relazioni tra l’associazione ex art.416 bis c.p. e il mondo politico
amministrativo con riferimento allo specifico aspetto del sostegno elettorale profili
che verranno in particolare evidenza nel caso concreto trattando dei rapporti
associativi con PALERMO Ernesto , consigliere comunale a Lecco:
Il fatto di chi promette voti contro l’impegno del candidato che, una volta eletto,
concluderà il sinallagma attraverso l’elargizione di favoritismi è sanzionato dall’art. 86 del
t.u. delle leggi per la composizione e l’elezione degli organi delle amministrazioni comunali,
che prevede appunto come reato il fatto della promessa di qualsiasi utilità per ottenere il
voto e l’utilizzazione di quest’ultimo come oggetto di scambio. Peraltro se un simile patto
viene stipulato da un candidato con un’organizzazione di stampo mafioso e la
controprestazione del beneficiario del consenso elettorale è la promessa di agevolare chi gli
assicura l’elezione nella realizzazione dei fini elencati nella norma incriminatrice, di cui
all’art. 416 bis c.p., il fatto è, se provato, suscettibile di integrare gli estremi non soltanto
dello specifico delitto elettorale, ma anche di una partecipazione all’associazione criminale,
tanto più se l’accordo risulta di tale portata ed intensità da far apparire il candidato
stipulante come autentica espressione del sodalizio criminale (sez. I 92/2699)..
In tema di associazione per delinquere di tipo mafioso, il condizionamento del voto nelle
elezioni amministrative in seguito al patto tra un candidato e l’organizzazione criminale
può rappresentare un mezzo utile al perseguimento di ciascuno degli scopi tipici
dell’associazione, oltre che – a far tempo dall’entrata in vigore dell’art. 11 bis del d.l. 8
giugno 1992, n. 306 (conv. nella l. 7 agosto 1992, n. 356), che ha modificato in tal senso il
terzo comma dell’art. 416 bis c.p. – il fine stesso di un ente a carattere mafioso. Ne consegue
che anche condotte antecedenti alla citata riforma, ove strumentali al perseguimento dei
diversi fini già rilevanti secondo il vecchio testo della norma incriminatrice, possono dar
luogo, nel concorso degli ulteriori requisiti di fattispecie, a responsabilità per il delitto
associativo, tanto nella forma della partecipazione che in quella del cosiddetto “concorso
esterno” (sez. I 04/4043).
2- I connotati strutturali e funzionali dell’associazione ex art.416 bis guidata da
Mario TROVATO ed operante in Lecco e provincia dal 2010
a) La posizione sovraordinata di TROVATO Mario nell’ambito associativo, il suo carisma
criminale e il collegamento con la Calabria. L’inserimento della locale di Lecco nella struttura
della
ndrangheta e il controllo del territorio. Cenni sulle dimensioni personali
dell’associazione.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 31 di 566
TROVATO Mario viene riconosciuto dagli associati e nel contesto sociale del lecchese per la
appartenenza alla famiglia TROVATO ed in virtù sia dei legami familiari con TROVATO
Franco
sia del suo curriculum criminale
come
il capo della
organizzazione
ndranghetistica in sostituzione del fratello Franco, attualmente detenuto.
TROVATO Mario esprime massima autorevolezza nelle sue decisioni vincolanti per gli altri
componenti del nucleo associativo , come si vedrà in alcune vicende quali quella relativa alla
concessione per il Lido di Valmadrera, e può contare sul rispetto dei componenti del nucleo
associativo e della criminalità lecchese nel suo complesso. In molte conversazioni
intercettate nel corso delle indagini dagli associati viene attribuito tale ruolo a TROVATO
Mario pur riconoscendone la minore ferocia e determinazione rispetto al fratello Franco. Tale
elemento peraltro precisa solo le caratteristiche di personalità del soggetto e le specifico
atteggiarsi della sua funzione di capo della locale e non elide certamente la valenza della
condotta e dell’apporto fornito da TROVATO Mario alla guida dell’associazione.
La conversazione ambientale del 26.6.2011 tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario è di
fondamentale importanza per le valutazioni in merito sia all’inserimento ed al ruolo
decisionale di TROVATO Mario nell’ambito della ‘ndrangheta all’interno della locale di Lecco
sia alla piena consapevolezza in capo a PALERMO Ernesto della partecipazione a tale
struttura associativa di carattere mafioso. Risulta inoltre fondamentale il richiamo al
rispetto delle “regole” cioè delle prescrizioni all’interno della ‘ndrangheta su ruoli e
funzioni degli associati e sul sispetto nella ripartizione delle competenze territoriali
delle varie locali e dei rispettivi Capi locale.
Proprio sul punto della centralità delle regole quale dato strutturale caratterizzante la
‘ndrangheta
nel suo complesso è opportuno richiamare il contenuto della
motivazione dellla sentenza emessa dal GUP di Reggio Calabria nell’ambito del
procedimento c.d. Crimine.
“….b) la predetta unitarietà, a differenza di quanto è stato giudizialmente accertato per la
mafia siciliana (con la “cupola” o “commissione” di Cosa nostra) fa pienamente salva la
persistente autonomia criminale delle diverse strutture territoriali (ivi comprese quelle
operanti nel Nord Italia, in primis la c.d. Lombardia: v. conclusioni dell‟indagine c.d.
Infinito), tradizionalmente fondate soprattutto su vincoli di sangue, in quanto non è emerso
che essa influisca su ordinarie attività delinquenziali specifiche (i c.d. reati-fine) e, quindi,
su profili operativi per così dire esterni (salvo casi eccezionali);
c) tuttavia (ed è questa la novità del presente processo), l‟azione dell‟organismo di vertice
denominato Crimine o Provincia – la cui esistenza è stata inoppugnabilmente accertata -,
seppur non sembra intervenire direttamente nella concreta attività criminale gestita in
autonomia dai singoli locali di „ndrangheta, svolge indiscutibilmente un ruolo incisivo sul
piano organizzativo, innanzitutto attraverso la tutela delle regole basilari
dell‟organizzazione (una sorta di “Costituzione” criminale), quelle, in definitiva, che
caratterizzano la Ndrangheta in quanto tale e ne garantiscono la riconoscibilità nel tempo e
nello spazio, anche lontano dalla madrepatria Calabria; quindi garantendo il mantenimento
degli equilibri generali, il controllo delle nomine dei capi-locali e delle aperture di altri
locali, il nulla osta per il conferimento di cariche, la risoluzione di eventuali
controversie, la sottoposizione a giudizio di eventuali comportamenti scorretti posti in
essere da soggetti intranei alla „ndrangheta (non a caso il Pubblico Ministero nella sua
requisitoria ha paragonato il Crimine alla Presidenza della Repubblica e non al Consiglio dei
Ministri);
d) quella unitarietà si manifesta anche sotto il profilo psicologico nella adesione da parte di
ogni singolo accolito ad un progetto criminale collettivo proprio della associazione nel
suo complesso, accomunato da identità di rituali di affiliazione (e dalla comunanza della
c.d. copiata, cioè della terna di soggetti abilitati a conferire determinate cariche, come la
santa), dal rispetto di regole condivise, dal comune sentire di appartenere ad un corpus
più ampio, che coinvolge non solo le cosche tradizionalmente operanti nel territorio di
origine (provincia di Reggio Calabria), ma anche le cosche che, pur se più o meno distanti
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 32 di 566
(Serre vibonesi, Lombardia, Piemonte, Liguria, Germania, Canada, Australia) si
riconoscono nel c.d. Crimine di Polsi (i locali c.d. allineati); su tale aspetto, si rinvia
anche a quanto si dirà infra sul contributo delle varie articolazioni territoriali alla “Mamma
di San Luca”…..”
Dopo avere commentato alcune vicende processuali incentrate sulle dichiarazioni di un
collaboratore di giustizia nella conversazione con PALERMO 4
TROVATO Mario fa
riferimento alle seguienti circostanze:
- che un nuovo capo-mandamento può essere nominato solo dallo stesso TROVATO Mario
e questo grado era al momento già occupato da altri affiliati <<…Non lo potevano fare
qua c'era Luigi e c'era Walter. Chi c'era? non potevano fare a nessuno… …Se ti sto
dicendo che per deliberare tutto devo essere io (TROVATO Mario n.d.r.) da qua! non
possono deliberare niente con nessuno…>>.
- che il territorio di Inverigo risulta già assoggettato alla famiglia dei fratelli Pasquale e Luigi
VONA (quest’ultimo detto “trecozze”, capo della locale di Canzo (CO), condannato a 10 anni
di reclusione nell’ambito del processo c.d Infinito e sottoposto a misue cautelari nel luglio
del 2010).
” <<…i nomi che ci sono là te li sto dicendo io ad Erba ed a Canzo c'era Pasquale e
Luigi coso... Luigi VONA… …non possono farlo a Inverigo, non c'entra niente Inverigo
cioè Erba fa tutta parte di quella…>>.
TROVATO Mario specifica inoltre a PALERMO che all’interno della ‘ndrangheta vi era stata
una proposta di riunificazione delle due zone in questione , ma non era mai sta accolta, nè
da lui e neppure dai vertici in Calabria <<…però potevano anche unificare... cosi si... io
ero stato qui però non gliel'ho accettati... e neanche ho fatto... erano andati lassù (O
là sotto - Calabria ndr)…>>. <<…non gli ho voluto dare a nessuno qua perché non mi
piacevano le persone, infatti i risultati si stanno vedendo stanno tornando tutti al
lavoro (parola incomprensibile) avevano messo anche gente di Lecco. Gli ho detto
"perché non li abbiamo scartati due"…>>.
TROVATO Mario aggiunge che sul suo territorio aveva escluso alcuni associati <<…Mi
hanno chiesto una cosa a me quelli di Milano, allora i BARBARO, i PAPÀLIA, i... coso
là come si chiamano "FARAO" (Fonetico) …mi hanno chiesto tutti quanti a me e mi
hanno portato lista... io (inc.le) perché...? c'erano giù quelli di Lecco, "dovete
cancellarli" gli ho detto, c'erano di Olginate, c'erano quelli, cioè "tutti da cancellare"
ho detto, cancellateli tutti è un discorso "per almeno dodici" (fonetico) e niente e non
l'hanno messo nel programma (fonetico)…>>.
Da ultimo conferma all’interlocutore il suo ruolo decisionale sul territorio della provincia
di Lecco<<TROVATO Mario: Eh…e allora il punto di riferimento è a Milano però il
circondario... la provincia tutta di Lecco
- PALERMO Ernesto: é la tua…>>, t <<
TROVATO Mario: (parola incomprensibile) …Quindi non possono fare un cazzo se non
so!... (inc.le)...se vogliono rispettare le regole, se poi uno è cane sciolto che fanno
quello che vogliono ne rispondono delle sue azioni sono cazzi suoi
non
interessa…>>.
Progressivo n. 999 del giorno 26/06/2011, ore 09:37:29 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
1727/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
PALERMO Ernesto discute con TROVATO Mario in auto dell'ex comandante di Galbiate.
Posizione iniziale: Via Risorgimento 83 - 46 > 64 – (Lecco) - ITA - 45.848199/9.410849 - 0
km/h
4
PALERMO si richiama ad articoli di stampa confondendosi con il nome del pentito e riferendosi in realtà a
BELNOME Antonino, domiciliato ad Inverigo (CO<<…ma tu a questo BELLOMO lo conoscevi? questo che si è
pentito…>> associandolo ad un capo-mandamento della ‘ndrangheta operante in Lombardia <<…questo che si è
pentito… …questo è di Inverigo... l'avevano fatto boss... capo-mandamento…>>)
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 33 di 566
[09:38:01]
TROVATO Mario: l'ex comandante di Galbiate questo è vedi... in pensione
PALERMO Ernesto:
Eh! Nuccio era il cugino del sindaco, che è il comandante
...Omissis...
[09:38:37]
PALERMO Ernesto:
ma tu a questo BELLOMO lo conoscevi? questo che si è
pentito,
TROVATO Mario: ...inc.le...
PALERMO Ernesto:
qua a Lecco
TROVATO Mario: Bellomo? Bellomo ha una trattoria che c'è a Galbiate, pentito di che cosa?
PALERMO Ernesto:
nooo. questo è di Inverigo... l'avevano fatto boss... capomandamento
TROVATO Mario: ma di dov'è?
PALERMO Ernesto:
è di Inverigo
TROVATO Mario: Bellomo è di qua (Lombardia, ndr) non è di la sotto (Calabria, ndr) vedi
se c'è la porta del passaggio a livello vai di qua... scusa! Bellomo... i Bellomo sono di qua
PALERMO Ernesto:
noo...è calabrese
TROVATO Mario: non è Bellocco?
PALERMO Ernesto:
noo...non Bellocco...è quello che si è accusato dell'omicidio di
quello della multisala di che hanno ucciso a Verano Brianza (Rocco Cristello
n.d.r.)...Rocco...
TROVATO Mario: eh! eh! Si è "buttato" pentito?
PALERMO Ernesto:
si è "buttato" pentito ed ora il pentito ha inculato a Perego
TROVATO Mario: l'ha inculato a Perego?
PALERMO Ernesto:
ah (annuisce, ndr)
TROVATO Mario: in che senso? ma stanno facendo il processo... o hanno fatto i preliminari?
PALERMO Ernesto:
è uscito ora...
TROVATO Mario: vuoi che prenda il giornale?
PALERMO Ernesto:
si dopo lo guardiamo, sul giornale di qua...no sulla provincia
TROVATO Mario: ce l'hai qua...
PALERMO Ernesto:
no "la provincia" ce l'hai tu
TROVATO Mario: ho visto "processo PEREGO"
PALERMO Ernesto:
allora ti spiego subito il processo PEREGO è iniziato... Antonio
(presumibilmente OLIVERIO Antonio n.d.r.) quello che abbiamo conosciuto noi è andato
a depositare... ma lui ha telefonate per politica... per cose... non c'entra un cazzo
TROVATO Mario: e tu mi hai detto ieri di quello là che era stato...
PALERMO Ernesto:
e lui diciamo che
TROVATO Mario: ma il processo non è ancora fatto
PALERMO Ernesto:
no, sono ai preliminari
TROVATO Mario: preliminari, quello li lo stanno prosciogliendo al preliminare
PALERMO Ernesto:
bravo! diciamo che è in buona...non ci sono prove
TROVATO Mario: non è che non ci sono prove...bisogna vedere se lo sta prosciogliendo il
pubblico ministero o che cosa
PALERMO Ernesto:
però ora sai qual è il cazzo del fatto? che lui (OLIVERIO Antonio
n.d.r.) è il cognato... cioè è il genero dei MANCUSO, e allora...
TROVATO Mario: Stai tranquillo che non lo tolgono a lui di là.
PALERMO Ernesto:
Secondo me no.
TROVATO Mario: No! Tu stai dicendo che lo tolgono, questo qui non è...io non ho capito, fino
ad adesso con chi cazzo ha parlato? il Pubblico ministero o un avvocato?
...Omissis...
[09:40:43]
TROVATO Mario: Ma scusami un attimo, adesso ha fatto la requisitoria il Pubblico
ministero?
PALERMO Ernesto:
Sì, hanno fatto il primo...come si dice...?
TROVATO Mario: I preliminari...
PALERMO Ernesto:
I preliminari.
TROVATO Mario: Allora i preliminari, ha già parlato il Pubblico Ministero? Fammi capire.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 34 di 566
PALERMO Ernesto:
Sì, con questo qua però con questo Antonio (OLIVERIO
Antonio n.d.r.) quello che abbiamo conosciuto noi.
TROVATO Mario: Eh.
PALERMO Ernesto:
Ora stanno sentendo solamente la parte politica hai capito,
non la parte che riguarda l'affiliazione alla ndrangheta...
TROVATO Mario: Ma ancora non puoi sapere se è stato...hai capito, non puoi sapere.
PALERMO Ernesto:
No, però il Pubblico Ministero, dato che sono (Il Pubblico Ministero e
OLIVERIO Antonio n.d.r.) amici perché...
TROVATO Mario: Lo conosce il Pubblico Ministero?
PALERMO Ernesto:
Sì, lo conosce e dice..."Antonio (OLIVERIO Antonio n.d.r.) diciamo
che per te in linea di massima dovresti uscirne assolto" perché, lui in realtà lui
(OLIVERIO Antonio, ndr) gli ha chiesto 10.000 euro, a questo minchione di PEREGO e la
macchina per sponsorizzare la campagna elettorale, però la macchina che gli ha chiesto
non è una macchina che puo essere adibita al servizio alla campagna elettorale, è
una macchina da 150.000 euro, hai capito? per usarla...
TROVATO Mario: è qua che lo fregano.
PALERMO Ernesto:
Eh quest'altro scemo, ti vai a prendere una macchina da 150.000
euro!
TROVATO Mario: Insomma ma ancora non è stato deciso niente, capisci che ti sto
dicendo almeno, tu mi stavi dicendo ieri che questo qua è stato scagionato, non è vero
un cazzo
PALERMO Ernesto:
No scagionato, s'è messa bene per lui
TROVATO Mario: S'è messa bene ma non è vero un cazzo perché adesso devono
sentire tutti quanti
PALERMO Ernesto:
però ora ho letto sul giornale che è uscito questo PEREGO...inc.le...
TROVATO Mario: Bisogna vedere cosa dice questo pentito...
PALERMO Ernesto:
sta dicendo che lui dal 2007 si è messo nella PEREGO ed ha preso
tutto il possesso.
TROVATO Mario: Eh e allora?
PALERMO Ernesto:
Ok...?
TROVATO Mario: Come fa a dire che lo stanno scagionando?
PALERMO Ernesto:
e si è accusato della partecipazione all'omicidio di Cristaldi
(CRISTELLO Rocco, ndr)
TROVATO Mario: e proprio perché si è accusato della partecipazione all'omicidio, se dai le
prove. dell'omicidio... è credibile dopo, capisci?
PALERMO Ernesto:
hanno già detto che è credibile sul giornale...
TROVATO Mario: lascia perdere quello che dicono sui giornali, dopo devi dare i riscontri...non
c'entra niente tutti i pentiti quando si pentono dicono che sono puliti (Fonetico)
PALERMO Ernesto:
io l'ho conosciuto questo che hanno ammazzato...
TROVATO Mario: chi è questo?
PALERMO Ernesto:
era Rocco Cristaldi (CRISTELLO Rocco, ndr)
TROVATO Mario: no...no...non si chiamava così...Rocco
PALERMO Ernesto:
Cristalli
TROVATO Mario: no! Ho capito chi è ma non è il Rocco che aveva fatto trovare...
PALERMO Ernesto:
no... l'hanno ammazzato sotto casa a questo era calabrese
TROVATO Mario: Rocco... Rocco... Rocco...c'è scritto sul giornale?
PALERMO Ernesto:
l'ho conosciuto io perché era nel multisala qua ad Oggiono... prima
che tu uscissi...stavamo trattando la multisala qua ad Oggiono...
TROVATO Mario: lo so che c'erano puree...
PALERMO Ernesto:
i Salvo
TROVATO Mario: i paesani tuoi... ero già fuori io...
PALERMO Ernesto:
no... ancora non eri uscito... sei uscito subito dopo...
TROVATO Mario: mi ricordo che dice..."volevano aprire"...mi dicevano da queste parti
PALERMO Ernesto:
e c'ero io...tramite Antonio mi aveva presentato un certo Zaccaria
che era un grosso costruttore di Giussano
TROVATO Mario: eh ma pure tu ti vai ad impelagare
PALERMO Ernesto:
eeh Giussano...di Muggiò! allora era loro con loro
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 35 di 566
TROVATO Mario: si era l'oro con l'argento era! (Tono ironico, ndr)
PALERMO Ernesto:
ero con loro io Mario... questo mi ha battezzato una figlia... il
cognato... che cazzo devo fare... mi aveva chiamato... "Ernesto! vieni a vedere la... il compare
qua...il compare là" la capocchia "il compare", poi cos'è successo...questo a subito un furto sul
cantiere...
TROVATO Mario: ma questo qui... uscirono i pentiti... BELLOMO allora non ho capito chi
cazzo è sto BELLOMO...ne avevano fatto due
PALERMO Ernesto:
boss qua
TROVATO Mario: Non lo potevano fare qua c'era Luigi e c'era Walter. Chi c'era?
non potevano fare a nessuno.
PALERMO Ernesto:
Lui là dice che dal giornale.
TROVATO Mario: Va beh quello che dice lui...
PALERMO Ernesto:
Va beh quello che dice lui.
TROVATO Mario: Se ti sto dicendo che per deliberare tutto devo essere io (TROVATO
Mario n.d.r.) da qua! non possono deliberare niente con nessuno.
PALERMO Ernesto:
Ho capito quello che vuoi dire tu.
TROVATO Mario: Oh...
PALERMO Ernesto:
Ho capito... allora mi confondo io forse con il nome.
TROVATO Mario: non è che ti confondi coi nomi... i nomi che ci sono là te li sto dicendo
io ad Erba ed a Canzo c'era Pasquale e Luigi coso... Luigi VONA
PALERMO Ernesto:
no Trecozze?
TROVATO Mario: Vona...che lavorava la cosa...l'acciaio...
PALERMO Ernesto:
Questo qua invece dice che era diventato... l'avevano fatto
boss d'Inverigo... la zona d'Inverigo. l'hanno fatto...
TROVATO Mario: Ma non possono farlo a Inverigo, non c'entra niente Inverigo cioè
Erba fa tutta parte di quella (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
si ho capito
TROVATO Mario: cioè Canzo fa parte di quell'altro... (parola incomprensibile) però potevano
anche unificare... cosi si... io ero stato qui però non gliel'ho accettati... e neanche ho
fatto... erano andati lassù (O là sotto - Calabria ndr) non gli ho voluto dare a nessuno
qua perché non mi piacevano le persone, infatti i risultati si stanno vedendo stanno
tornando tutti al lavoro (parola incomprensibile) avevano messo anche gente di Lecco. Gli
ho detto "perché non li abbiamo scartati due", perché non ce la fate a metterli in un gruppo
(parola incomprensibile) no? "Non ti preoccupare a dire glieli mando io" Mi hanno chiesto
una cosa a me quelli di Milano, allora i BARBARO, i PAPÀLIA, i... coso là come si
chiamano "FARAO" (Fonetico)...mi hanno chiesto tutti quanti a me e mi hanno portato
lista... io (inc.le) perché...? c'erano giù quelli di Lecco, “dovete cancellarli" gli ho detto, c'erano
di Olginate, c'erano quelli, cioè "tutti da cancellare" ho detto, cancellateli tutti è un discorso "per
almeno dodici" (fonetico) e niente e non l'hanno messo nel programma (fonetico)... Poi mi
hanno chiesto..."Vedi che quelli là vogliono la cosa, lui e quell'altro..." io gli ho detto "la
(inc.le)...non gli interessa, se vuole (inc.le)...se la responsabilità ve la prendete voi, fatelo
voi direttamente" perché il capocoso, cioè il coso è a Milano, il coso è a Milano.
PALERMO Ernesto:
Sì, ho capito.
TROVATO Mario: Eh...e allora il punto di riferimento è a Milano però il circondario...
la provincia tutta di Lecco.
PALERMO Ernesto:
è la tua.
TROVATO Mario: (parola incomprensibile) Quindi non possono fare un cazzo se non
so!... (inc.le)...se vogliono rispettare le regole, se poi uno è cane sciolto che fanno
quello che vogliono ne rispondono delle sue azioni sono cazzi suoi non interessa.
Palermo Ernesto parla di albanesi.
Percorso Auto: LECCO via Tonio da Belledo Ang. Via Risorgimento - Valmadrera zona Parè
Il rispetto di cui gode TROVATO Mario emerge tra l’altro in una serie di osservazioni fatte in
una conversazione ambientale con lo stesso TROVATO da PEVERELLI Giovanni, persona
che in quel periodo nel mese di giugno 2010 lo accompagna a riunioni ed a cene con altri
pregiudicati.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 36 di 566
Il 17.6.2010, al termine di una cena nella quale aveva presenziato TROVATO Mario,
PEVERELLI Giovanni commenta il comportamento di estremo riguardo dei commensali nei
confronti dello stesso TROVATO. Si tratta di un incontro conviviale che non può essere
certamente considerato come incontro operativo dell’ associazione per la presenza anche di
soggetti estranei alla locale ma nel corso del quale appunto un soggetto estraneo al contesto
associativo rileva immediatamente l’alone di rispetto e di soggezione che circonda la figura
di TROVATO Mario.
Progressivo n. 544 del giorno 17/06/2010, ore 23:02:47 acquisito nell’ambito
dell’intercettazione
ambientale
eseguita
sull’automezzo
targato
CP412BX
(R.R.I.T.2010/10) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua
italiana.
Contenuto della conversazione avvenuta tra TROVATO Mario e PEVERELLI Giovanni detto
Gianni.
TROVATO Mario è in macchina con PEVERELLI Giovanni: conversazione disturbata
dall'autoradio.
TROVATO Mario parla di Marco e di Osvaldo dice che quando hanno problemi loro chiamano e
questi gli sistemano le cose, è chiaro che se questi si mettono a disposizione poi loro dovranno
ricambiare.
PEVERELLI Gianni dice, giustamente oggi ti serve un piacere, domani te lo rendo.
TROVATO Mario dice, hai visto quando loro dicevano cose loro che ti guardavano incantati...
hai capito... se loro ti ritengono una persona al di là di loro... tu devi dimostrare che lo sei...
mai usare aggressione... Trascrizione dalle ore 23:08:50
TROVATO Mario : hai visto che... eh!...
PEVERELLI Gianni:
No bella compagnia a me piace…
TROVATO Mario : inc.le
PEVERELLI Gianni:
No, no ma io lo capisco... magari qualcuno qualche parola…
TROVATO Mario : Quando parla Franco non lo capisci di meno…
PEVERELLI Gianni:
Però riesco a... però a me piace stare con queste persone qua…
TROVATO Mario : inc.le hai visto quando io ho dato il via libera al tavolo... perché
loro chiedono non mangiamo…
PEVERELLI Gianni:
inc.le
TROVATO Mario: perché loro non mangiavano se non inc.le il tavolo io…
PEVERELLI Gianni:
Come tu hai detto buon appetito siamo partiti…
TROVATO Mario : Tu guarda sempre a me…
PEVERELLI Gianni:
Ma tu hai fatto bene a dirmi certe cose... sai…
TROVATO Mario : Ma no... le usanze che abbiamo... siamo così no…
PEVERELLI Gianni:
Certo…
TROVATO Mario : Ecco perché ti dico…
PEVERELLI Gianni:
Ma fai bene a dirmelo... no perché io ho tenuto... perché han sempre
fatto inc.le anche quello della bottiglia…
TROVATO Mario: Si no ma fanno loro non ti fanno fare... quando arriva uno forestiero non
fanno mai mettere mano loro, hai capito... ma tu prendi tutto inc.le anche quelli di Varese...
ovunque vado di qua no... li trovi dappertutto…
PEVERELLI Gianni:
No poi sono simpatici…
TROVATO Mario : Sono cordiali, sono...
PEVERELLI Gianni:
Si... ma io preferisco stare con le... con quelli di giù che... ma va...
TROVATO Mario : Sono più affabili, più umani…
PEVERELLI Gianni:
Certo, qua se la tirano…
TROVATO Mario : No questi vedi te la... inc.le
PEVERELLI Gianni:
Ma scherzi…
TROVATO Mario : Sono espansivi, socievoli…
PEVERELLI Gianni:
Altro che... io quando sei arrivato su…
TROVATO Mario : Ti portano i saluti di tutti... ti salutano quelli...
PEVERELLI Gianni:
Certo…
TROVATO Mario : E tutta gente...
PEVERELLI Gianni:
E stato Franco che a me mi ha conosciuto da Omero con Bruno a
-
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 37 di 566
invitarmi eh!
TROVATO Mario : Si si…
PEVERELLI Gianni:
non è che...
TROVATO Mario : No no inc.le... quel ragazzo li che c'era vicino seduto a te... il padre
ha fatto diciotto (fonetico ndr) con me…
PEVERELLI Gianni:
E calabrese anche lui?
TROVATO Mario : Si di Gioia Tauro... solo uno c'è ne inc.le quello grosso...
PEVERELLI Gianni:
Ah! quello che si chiama Pippo …
TROVATO Mario: Pippo inc.le... ma questi quando si vedono inc.le... in giro... inc.le... guai
e...
PEVERELLI Gianni:
Si si si lo so...
TROVATO Mario : Quello alto che è arrivato dopo...
PEVERELLI Gianni:
inc.le
TROVATO Mario : quello li è il cugino di inc.le... allora hai visto com'è... fanno mettere
a quello a quel posto li, a quello a quel posto la inc.le... tu lavori li quello lavora li e
via... poi hanno mandato il ragazzino... hai visto il ragazzino come correva... vai di
qua vai di là inc.le... che sta succedendo. Sono tutte persone... come Marco, come
Osvaldo... loro... inc.le... questi qua... hai capito... inc.le... siamo amici di Marco,
siamo amici di quello... loro fanno i cazzi comodi loro hai capito... loro se va
qualcuno a rompergli i coglioni loro glielo dicono, loro vanno e gli sistemano la
cosa...
PEVERELLI Gianni:
Certo…
TROVATO Mario : Magari quella gente qua mi chiama che hanno bisogno di qualche
cosa inc.le... loro si mettono a disposizione se hanno bisogno loro ti devi mettere a
disposizione anche tu…
PEVERELLI Gianni:
E beh! Certo
TROVATO Mario : Non devi essere egoista...
PEVERELLI Gianni:
E no... oggi ho bisogno di un favore io domani te lo rendo…
TROVATO Mario : inc.le... quando parlavo gli dicevo le cose loro che ti guardavano
incantati come... hai capito... cioè la non devi essere... hai capito... perché se loro ti
ritengono una persona aldilà di loro... cioè anche tu devi dimostrare che lo sei... cioè
mai usare aggressione mai... sempre consigli – omissis…
REDAELLI e PALERMO commentano in altra conversazione come
TROVATO Mario
possieda grande intuito nel giudicare le persone e fiuto negli affari e come molti si leghino a
lui esclusivamente per il terrore che incute<<…che lui ha un grande istinto ha tanta
pazienza ma la testa non ce l’ha di certo... afferma che lui ha un grande istinto…
…le persone le tiene attaccate a lui (TROVATO Mario, ndr) con il terrore...>>.
Progressivo n. 5183 del giorno 15/06/2011, ore 18:35:19 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
REDAELLI Antonello racconta a PALERMO la conoscenza fra TROVATO Mario e ALEXANDRA
lui sapeva che si sono conosciuti al night, ma lui andava con un'altra e non si sono mai cacati,
poi ALEXANDRA ha visto il buon giro di TROVATO Mario e alla fine l'ha conosciuto, dopo di che
è nata la storia, sia lui che l'altro (BONGARZONE ndr) hanno trovato le "strafighe" (TROVATO
e BONGARZONE n.d.r). REDAELLI Antonello parla poi di CLAUDIO (BONGARZONE ndr)
PALERMO Ernesto racconta ad REDAELLI Antonello di come al sud si vive male e se uno non è
un po’ scaltro o sveglio non vive.
[18:51:22]
PALERMO Ernesto:
lui (TROVATO Mario, ndr) quando parla con me..."hai capito
chi"...non li ho conosciuti in galera...
REDAELLI Antonello:
la tua fortuna è stata anche quella... fortunatamente non sei mai
caduto in...
PALERMO Ernesto:
andavo a scuola... è molto importante...l'ignoranza colpisce...
REDAELLI Antonello:
tante volte paghi molte cose che... se un pentito di turno, il caca
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 38 di 566
cazzi
PALERMO Ernesto:
io ho avuto il cugino della sua ex moglie era uno dei più grossi
pentiti della '‘ndrangheta... la Salerno - Reggio Calabria... è stato lui... sennò ci arrivavano col
cazzo! ma ora lo sta facendo nuovo il...inc.le...
REDAELLI Antonello dice che nella vita se uno vuole ottenere qualche cosa deve usare la testa
e (presumibilmente parla di TROVATO Mario) che lui ha un grande istinto ha tanta
pazienza ma la testa non ce l’ha di certo... afferma che lui ha un grande istinto e
basta alcune volte paga, ma alcune volte non paga e aggiunge che le persone le tiene
attaccate a lui (TROVATO Mario, ndr) con il terrore...
[18:52:58]
TROVATO Mario nello svolgimento della sua funzione sovraordinata è solito controllare le
sue attività economiche effettuando un vero e proprio “giro” ed avvalendosi per un periodo
della collaborazione di PEVERELLI in qualità di autista .
Progressivo n. 910 del giorno 09/07/2010, ore 18:06:27 acquisito nell’ambito
dell’intercettazione
ambientale
eseguita
sull’automezzo
targato
CP412BX
(R.R.I.T.2010/10) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua
italiana.
Contenuto della conversazione avvenuta tra TROVATO Mario e PEVERELLI Giovanni detto
Gianni.
Al minuto 03:40 circa di registrazione TROVATO Mario in sottofondo parla con un altro
soggetto (incomprensibile musica ad alto volume - sembra parli della figlia di Shanna - (al
minuto 11:00 circa di registrazione TROVATO Mario in sottofondo parla con alcune persone
- incomprensibile - tra le quali si riconosce la voce di Gianni... in particolare TROVATO
Mario parla di cipolle, caciotte... nonché si parla del Margot e del fatto che bisogna...
omissis... segue integrale...dal minuto 12:03 circa di registrazione)...omissis...
PEVERELLI Gianni:
- P. I. - cinque e mezza eh... arrivo su un po’ sul tardi Mario “non fa
niente?!” - fonetico –
TROVATO Mario: eh... non devi mica andare a trovare Bruno?!
PEVERELLI Gianni:
- P.I. TROVATO Mario: eh... non lo sò mica io (lo dice in dialetto lecchese)
PEVERELLI Gianni:
eh... dimmelo - P.I. TROVATO Mario: quando arrivi, quando arrivi... non lo so…
PEVERELLI Gianni:
eh... adesso vado a casa mi faccio una doccia mi cambio
TROVATO Mario: il giro... il giro bisogna farlo eh?!...non è che...
PEVERELLI Gianni:
no, no... “certo” (fonetico)
TROVATO Mario: eh... eh... se c'è novità, qualcosa devo andare a vedere no?!
PEVERELLI Gianni:
-segue incomprensibile (viene acceso lo stereo all'interno
dell'autovettura ambientalizzata)
TROVATO Mario: - P.I. - quando vuoi.... (...omissis... registrazione successiva solo musica
stereo)...
-
Durante gli spostamenti in auto TROVATO Mario in forza della sua posizione apicale e al
fine di assicurare la copertura degli spostamenti suoi e degli associati viene allertato dai
suoi complici circa la presenza sul territorio delle forze dell’ordine.
SMS n. 257 del giorno 01/04/2011, ore 22:04:27 intercettato sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. Sms proveniente dall'utenza n.
3381087610.
I poliziotti a Garlate prima dei ristorante sulla statale
Telefonata n. 261 del giorno 01/04/2011, ore 23:06:27 intercettata sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra IVASHKOVA Alexandra e TROVATO Mario proveniente
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 39 di 566
dall'utenza n. 3381087610.
IVASHKOVA Alexandra per TROVATO Mario:
IVASHKOVA Alexandra si accerta che TROVATO Mario abbia ricevuto il sms nel quale lo
avverte della presenza dei poliziotti a Garlate;
TROVATO Mario conferma, dice di essere in pizzeria ed ipotizza di fare il giro da Calolzio.
TROVATO Mario dice che sta per partire dalla pizzeria, aggiunge di essere in
compagnia di Antonello [REDAELLI] e Claudio [BONGARZONE].
TROVATO Mario in forza della sua posizione delinquenziale di vertice e del controllo svolto
dalla sua associazione nel lecchese è la persona a cui si rivolgono altri gruppi criminali per
ottenere l’autorizzazione ad operazioni delittuose sul territorio .
Da una conversazione di TROVATO Mario con LILLIU Saverio emerge che il primo aveva
dato ad altri soggetti l’autorizzazione ad un’azione ritorsiva contro un usuraio. L’azione
violenta viene svolta e gli autori informano terzi soggetti tra i quali MARINARO Salvatore 5
che si trattava di un’azione autorizzata ed approvata da TROVATO Mario.
Assolutamente significativo a dimostrazione del controllo del territorio da parte del gruppo
TROVATO e dello stato di assoggettamente anche di altri gruppi criminali è che i soggetti
interessati si pongano il problema di un’eventuale “appartenenza” della vittima
all’associazione dei TROVATO e per questa ragione contattino TROVATO Mario per
informarlo e per avere l’autorizzazione ad operare.
Progressivo n. 235 del giorno 07/04/2011, ore 10:01:39 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744-11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
La cella del cellulare n. 3491386571 di LILLIU Saverio indica Veneto-Verona, da controllo
sistema carro
TROVATO Mario in macchina con un LILLIU Saverio, Paola n.m.i e IVASHKOVA Alexandra:
LILLIU Saverio dice che nella strada che stanno percorrendo ci sono i tutor, dice inoltr
e che con la punto per andare a lavoro quel pezzo di strada la fa a 140/160 perché non
sembra esserci controllo. In sottofondo sis ente qualcuno fare una domanda non comprensibile
e LILLIU risponde che potrà scendere quando vuole poi TROVATO Mario dice: "amore
mio...andiamo in Calabria?" e dopo TROVATO Mario ribatte: "andiamo in Sardegna!"
Paola n.m.i. dice a LILLIU che a novembre la dovrà portare alle Maldive, visto che sembra che
ad agosto sarà difficile fare le ferie.
[10:04:17] TROVATO Mario racconta che sono andati in tre a picchiare una persona
TROVATO Mario gli racconta che quando terze persone gli hanno detto qualcosa lui
ha risposto: "non mi interessa...ma chi cazzo lo conosce..., non è parente
mio...perché i soldi se li prende...i soldi...cosè che devi fare?
LILLIU risponde: "che cosa gli hai detto? fagli una casa in Sardegna!!!"
TROVATO Mario: no...io...loro
non
lo
sapevano.(inc.le)...ho
capito
che
non
lo
conoscevano...non sapevano dov'eri e tutto.
LILLIU Saverio:
eh! dovevano andare (inc.le)
TROVATO Mario: ...loro non è che non volevano trovarlo...loro sapevano dov'era però
volevano...dice: "se appartiene a Mario dopo...che cazzo facciamo?" allora sono
venuti ad avvisarmi..."vedi che questo è un parente nostro" (inc.le) hai capito che è
parente? questo gli ha prestato cinquantamila euro ad un imprenditore... fa lo
strozzino... si vede che lavoro fà lui...
LILLIU Saverio:
come me l'ha raccontato (inc.le)
TROVATO M.:
no...ma fa in giro lo strozzino pure con altri, me lo ha detto Fezzi
(fonetico) me l'ha detto l'altro socio suo che (inc.le) andare a mangiare... lui invece di
andare a mangiare con (inc.le) che è il suo socio... sai cosa gli ha pagato?
5
MARINARO Salvatore, condannato come membro dell’organizzazione di stampo mafioso attiva nella provincia di
Lecco fin dagli anni 80, coniugato con COCO Giuseppina classe 1957, cugina di primo grado dei fratelli TROVATO
Franco e Mario.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 40 di 566
LILLIU Saverio:
a quel ragazzo? infatti ti volevo dire... chi era quel ragazzo?
TROVATO M.:
Lorenzo è il cugino di Pino...di Pino ELIA
LILLIU Saverio:
ah!
TROVATO M.:
quello lì cosa ha fatto! lavoravano insieme non lo so...
LILLIU Saverio:
Milano-Venezia qua...
TROVATO M.:
erano soci...la Milano- Venezia o la Cremona...
LILLIU Saverio:
andiamo verso Venezia...Veneto...
TROVATO M.:
sì, sì Verona...eh...niente...questo qua cazzo ha fatto... là dobbiamo
andare...
LILLIU Saverio:
di qua? autostrada
TROVATO Mario: autostrada, Cremona, Brescia...
LILLIU Saverio:
autostrada e via...
TROVATO Mario: cash
LILLIU Saverio:
dove cash?...ah biglietto! devi pagare dopo
TROVATO Mario: telepass...e niente questo qua... in poche parole l'ho minacciato anch'io
(rumori esterni) e pure a questo ragazzo qui calabrese (inc.le) le macchinette lo ha
ricattato e gli ha dovuto dare 3000 euro per dargli l'attrezzatura
LILLIU Saverio:
pensa te!
TROVATO Mario: l'attrezzatura sua! per non dargliela sono finiti in caserma a Valmadrera
LILLIU Saverio:
è proprio di merda quel ragazzo lì
TROVATO Mario: ha detto: "sono andato lì è scusa, l'attrezzatura mia! e lui era nel suo
furgone...gli ho dovuto dare 3 mila euro! il maresciallo ha detto: mettetevi d'accordo fate quel
cazzo che volete se no qua...il (inc.le) del furgone... gli ha per la mia attrezzatura ho dovuto
pagare 3 mila euro per darmi indietro l'attrezzatura lui"
LILLIU Saverio:
è scorretto quello lì
TROVATO Mario: è assurdo (inc.le) è uno strozzino hai capito? Allora perché mi sono
girato la cosa, ma sì fategli quello che cazzo gli dovete fare perché questo qui
prende i soldi e se li mangia per i cazzi suoi poi quando gli conviene fà i nomi degli
altri...fà i nomi...
LILLIU Saverio:
eh eh
TROVATO Mario: stà cosa no... allora quando mi hanno chiesto a me... io non ho
potuto dire che era Giulio (fonetico) ho detto "certo lo conosco"...è il cognato di
"MARINARO" (fonetico) c'ha due le sorelle..."però a me non mi interessa... noi vogliamo
sapere se è una persona... che ti interessa... sennò... al resto ci pensiamo noi" (inc.le)
andate da Salvatore che lui sistema la cosa lo stesso no? "va bene ve bene"...invece
di andare da Salvatore come io gli ho dato via libera, sono andati da (inc.le) l'hanno
suonato...poi lui cosa ha fatto...? ha chiamato a Salvatore e glielo ha detto...
l'hanno massacrato...
LILLIU Saverio:
immagino
TROVATO Mario: l'hanno conciato di brutto gli hanno preso pure la macchina dopo...il giorno
in cui sono andato al funerale di Rocco, quel ragazzo che è morto 20 giorni fa...c'era lui, c'era
(inc.le) c'erano tutti, Domenico...
LILLIU Saverio:
Domenico?
TROVATO Mario: me l'ha detto pure Domenico..."ma tu gli ha dato il via libera per
picchiare... (inc.le)..."non è che gli ho dato il via libera..." a me non m'interessa...e
LILLIU Saverio:
t'interessava?
TROVATO Mario: e lui mi ha detto: " a te t'interessa?" ed io: " a me non m'interessa
però se volevi parlare con Salvatore parlavi con Salvatore" e poi mi dissero che lui
faceva "catrame" etc... ed i dissi che lo conosco ma non fà "catrame" e loro mi
dissero: "con catrame intendeva dire i tettti!!!"
LILLIU Saverio:
i tetti, sì
TROVATO Mario: dice "no, no, però sappiamo...(inc.le)" ed io: "no veramente a me non ha
detto niente" (inc.le) e poi sono andati da Salvatore e lo hanno salato, l'hanno salato, punto.
Poi hanno chiamato...cosa ha fatto Marinaro? ha chiamato Domenico (inc.le)...io non gli ho
dato via libera, gli ho detto: "a me non interessa"...(inc.le) e gli ho chiesto: "l'ha chiuso il
punto?" e loro..."sì, sì" così non gli chiedono più niente
LILLIU Saverio:
si son presi...i soldi loro
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 41 di 566
TROVATO Mario: e basta...chiusa la situazione...però "questo qua mi ha detto che tu
gli hai dato il via libera..." ed io gli ho detto: "Salvatò! io non gli ho dato il via libera
gli ho detto che non m'interessa! se poi loro l'hanno intesa come via libera a me non
me ne frega lo stesso"..."no perché sembrava strano che tu glielo avevi detto..." "io
non gli ho detto di andare a picchiarlo io gli ho detto A ME NON INTERESSA!!! fate
quello che volete non è una storia che mi appartiene
LILLIU Saverio:
si...si...si...non...non... hai nessuna...tu non hai niente a che fare con lui
TROVATO Mario: lui i suoi soldi se li è presi da solo...se i soldi se li piglia da solo e poi mi...
(inc.le) "Mario ha detto che quella persona non gli interessava e noi abbiamo fatto
quello che dovevamo fare (inc.le)..."io li ho mandati da te non sono venuti?" "non sono
venuti da me" (inc.le) "se loro non sono venuti...(racconta ciò che ha detto a Salvatore
n.m.i.) (inc.le)
LILLIU Saverio:
gli sarà servita come lezione?
TROVATO Mario: sì, sì, non gli era mai successo...hai capito?
LILLIU Saverio:
gli era andata sempre tutto bene...dico...se fanno una cosa del
genere...accontentati...non fare proprio...
TROVATO Mario: a cinquantamila euro...poi... (inc.le)...euro...
LILLIU Saverio:
è proprio un cane quello lì... (inc.le) questo non lo sapevo proprio...cioè lo
vedevo che non faceva mai niente ed era sempre con macchinoni...di qua e di là...poi è uno che
parla tanto...
TROVATO Mario: (inc.le)
LILLIU Saverio:
al telefono!
TROVATO Mario: e questo diceva (inc.le) al telefono
LILLIU Saverio:
madonna... meritava che...anche un po’ di schiaffi anche da parte tua
TROVATO Mario: andate a fare quello che dovete fare...
LILLIU Saverio:
che gente...
TROVATO Mario: arrivato a questo punto... (inc.le)
LILLIU Saverio:
quindi l'ha capita bene?
TROVATO Mario: Salvatore non li conosceva
LILLIU Saverio:
Domenico li conosceva?
TROVATO Mario: Domenico... (inc.le)
rumori di sottofondo
LILLIU Saverio:
alla fine quelle cose si pagano eh eh...
TROVATO Mario: ...(inc.le) glielo dovevo dire a Salvatore...
LILLIU Saverio:
se lui è in difficoltà...ti chiede dei soldi...però sii moderato...cioè non essere
proprio...
TROVATO Mario: questo qua...famiglia...gli minacciava a tutti...tra l'altro con questo
imprenditore di Galbiate prima che una sera come questi...(inc.le)
LILLIU Saverio:
cazzo... giovane
TROVATO Mario: andavano a scuola insieme...(inc.le) pensa te a volte le cose...(inc.le)
Rumori veicolari ed esterni
TROVATO Mario: ieri parlando con quello lì ex suo socio (inc.le)
LILLIU Saverio:
Piero
TROVATO Mario: Piero...gli ho detto (inc.le)
LILLIU Saverio:
sbaglio o l'ho visto girare con un Porsche anche?
TROVATO Mario: (inc.le)
Segue musica
LILLIU e TROVATO discutono la distanza tra Venezia e Verona...si sente LILLIU Saverio dire:
"Grumello Telgate"
TROVATO Mario spiega che sotto il sedile c'è un vano con qualcosa che a seconda dei
movimenti si collega e non e LILLIU dice che si può trovare una scheda da mettere
La vicenda viene ripresa nel corso di una conversazione ambientale nella macchina in uso a
REDAELLI Antonello in data 11.4.2011 allorquando TROVATO Mario, insieme a REDAELLI
Antonello, BONGARZONE Claudio, e all’avvocato PERILLO Marcello sta viaggiando per
raggiungere il Tribunale di Roma, dove l’indomani si sarebbe celebrato un processo nei
confronti di TROVATO Giacomo.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 42 di 566
Progressivo n. 61 del giorno 12/04/2011, ore 18:01:47 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
In macchina: TROVATO Mario, REDAELLI Antonello, BONGARZONE Claudio e PERILLO
Marcello.
Gli occupanti dell’auto discutono di Barbara e di alcuni avvocati giovani
18:02, PERILLO al telefono, parla di lavoro
18.08, BONGARZONE al telefono, parla di monete (riferito alle macchinette, ndr).
Gli occupanti dell’auto discutono della figlia di SPREAFICO che fa la portinaia.
TROVATO Mario racconta di due persone che facevano finta di cercarlo ma quando lo
vedevano cambiavano strada. Dice che Sandrino e Pasqualino non si parlano a causa di una
donna. Aggiunge che una donna aveva chiamato Pasqualino e lui l’aveva portata al "Wild
Wood" (locale di DELUCA Bruno, ndr), dove c'era Sandrino che gliel'ha “fregata”. Pasqualino
a questo punto ha rotto l'amicizia con Sandrino.
TROVATO dice che hanno paura entrambi i contendenti della donna ovvero Sandrino e
Pasqualino.
TROVATO Mario: arrivano tre... (inc.le) chi cazzo sono questi?
REDAELLI Antonello:
da te?
TROVATO Mario: non li conoscevo...li trovo seduti ad un tavolo...
REDAELLI Antonello:
con fare un po’ sospetto?
TROVATO Mario: no...no...vestiti da muratore...li trovo seduti ad un tavolo...arriva Rolando
(TROVATO, il figlio) e gli dico "chi cazzo sono questi?"...mi avvicino e dicono "buonasera"...ed
io "chi cazzo vi ha mandato qua?", proprio così..."chi cazzo vi ha mandato..." mi ha detto nome
e cognome...gli dico "ma chi cazzo vi ha mandato"..."no, ci ha mandato tizio e Caio “perché
volevamo sapere questo...se... c'era una persona che li aveva fottuti... che dice che questo è un
tuo parente (riferito a TROVATO Mario, n.d.r.)..." e come si chiama questo gli ho detto..."era
un sardo"...gli ho detto "ma io parenti sardi non ne ho", io sono calabrese... no dico lo
sapete?"..."si" "...no questo qua si spaccia per uno di voi... un parente vostro..." gli ho
detto "allora cosa volete da me?" "no…perché se è un parente vostro noi non lo dobbiamo
toccare...però se tu dici che non ti interessa ci pensiamo noi", gli ho detto "NON MI
INTERESSA", mannaia alla puttana... inc.le..."no perché questo dice che è un parente
vostro, il compare ci ha mandato per capire se fosse parente vostro...perché sa...",
vengono da me e mi dicono questo... gli ho detto "a me non mi interessa"...però gli ho detto
"so che questo qua...è parente a tizio e Caio"...gli ho fatto il nome del parente..."a me non mi
interessa però se volete...se conoscete a tizio...andate da lui e gli chiedete se è possibile farvi
la cosa"
REDAELLI Antonello:
è meglio che chiedete...
TROVATO Mario: loro non gli hanno detto un cazzo neanche a questo...lo hanno
picchiato...l'hanno preso in tre a questo sardo...e l'hanno ridotto!!! L’hanno ridotto a questo
qua!!! Sono andato al funerale di Rocco l'altro giorno...e c'era Mimmo... Domenico di...inc.le...e
MARINARO Salvatore...che era parente di Salvatore... io l'avevo mandati da
Salvatore..."andate da Salvatore...se è un parente suo...a me non interessa...è parente
suo...inc.le...se interessa a lui la può sistemare lui la cosa...", invece loro sono andati
direttamente e Salvatore l'hanno scavalcato...sono venuti solo da me e l'hanno picchiato...è
venuto Salvatore con coso e gli ho detto..."a proposito Salvatò ma... il parente tuo...gli ha
inculato i soldi a quelli...così...e così...ma poi l'ha sistemata la cosa?" "sistemato un cazzo", ha
detto "l'hanno massacrato", mi fa Salvatore..."e come mai gli ho detto?", "eh, dice che
tu gli hai dato il via libera!"
REDAELLI Antonello:
minchia...
TROVATO Mario: ha detto "hanno detto che al compare Mario...la persona non gli interessava
e noi siamo intervenuti...", veramente a me non mi interessa...io li ho mandati da te poi da te
non sono venuti incontro... non me ne frega un cazzo..."però gli ho detto..."un'altra volta di
imparare a fare il nome" perché invece di andare in giro a fregare i soldi alla
gente...se fa il nome mio non rompete il cazzo" gli ho detto
si accavallano le voci
REDAELLI Antonello:
fanno il tuo nome...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 43 di 566
TROVATO Mario: a tutti quanti quando domandano "chi è il tuo parente?" u pagliaru
(fonetico) a qualunque persona gli fanno la massima cosa… quando gli dicono che è
un mio parente... (inc.le)...così imparano a parlare...
Continuano a parlare di un tale Max, palestrato di Como.
TROVATO Mario così come gli altri componenti dell’associazione aderisce pienamente al
“codice” della criminalità organizzata che implica disprezzo nei confronti dei collaboratori di
giustizia e conseguente diffidenza nella frequentazione dei loro familiari sia per ragioni di
autotutela del nucleo associativo che per motivazioni culturali .
A tale proposito sia TROVATO Mario che PALERMO Ernesto esternano la condizione di
umiliazione in cui veniva tenuto DI BELLA Rosario quale fratello del collaboratore di
giustizia
DI BELLA Giuseppe, soggetto quest’ultimo che rese a suo tempo dichiarazioni a
carico della criminalità mafiosa lecchese nell’ambito del citato procedimento ALCARO ed
altri; da qui l’esigenza di continuare a tenerlo lontano dal loro gruppo e comunque di
diffidare della sua persona evitando in sua presenza conversazioni compromettenti .
Progressivo n. 576 del giorno 20/04/2011, ore 10:01:49 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
PALERMO Ernesto, TROVATO Mario e REDAELLI Antonello:
I tre individui in auto conversano circa lo stato dei cambiamenti della società e degli individui,
concentrandosi sull'inaffidabilità delle persone.
In particolare PALERMO Ernesto afferma, circa l'ambiente e l'attività di politico quanto segue:
"...è come diceva Totò come diceva Riccardo MICASI, ci dicevano cosa è la politica
per lei?... è l'arte di fottere all'italiana (inc.le), è la verità, allora non era in politica
tu conoscevi l'uscere, il vigile, il coso e gli dicevi senti mi serve sta cosa, poi gli
facevi un pensiero...
TROVATO Mario: gli facevi un pensierino...
PALERMO Ernesto:
dato che adesso i tempi sono cambiati la gente ha preso
(inc.le) compreso io allora, tu vuoi fare sta cosa, cominciami a dare i soldi e la cosa
te la faccio, è vero Mario (TROVATO, ndr)?... "
...omissis...
PALERMO Ernesto, REDAELLI Antonello e TROVATO Mario parlano di DI BELLA Rosario e del
fatto che lo stesso non paga mai il conto al bar...
REDAELLI Antonello:
Sarino è micidiale... non c'è un cazzo da fare
PALERMO Ernesto:
l'altra volta gli ho detto (inc.le) di nuovo il discorso del fratello
capito? Sarino mi devi fare il cazzo del piacere o ti comporti come sei con noi... Mario
(TROVATO, ndr) l'ho dovuto dire...
TROVATO Mario: ride
PALERMO Ernesto:
eh no, è inutile che ci ridi se a me mi va di parlare di un
infame, non è che posso pensare tutti i giorni a tuo fratello che è infame (inc.le) e
mettere in difficoltà a te, sappi che là, si parla di infami, si parla tra amici, si parla
di tutto...
TROVATO Mario: certo...
PALERMO Ernesto:
è giusto o Mario (TROVATO, ndr)!! Io non mi sono permesso
TROVATO Mario: ma il discorso non è, quelle sono lacrime di coccodrillo, porca puttana ma tu
non vedi che le persone anche quando piangono non piangono bene quando sono persone
false, il (inc.le) c'è...
REDAELLI Antonello:
è vero, è vero...
TROVATO Mario: tu li vedi tu, la falsitudine delle persone li vedi, non c'è un cazzo da fare io
c'ho un cazzo di coso che... ma porca puttana che gli... ma porca puttana vedo a lui cioè io
vedo a lui, lui mi può dire, lui mi fa compassione a determinate persone quando non lo
conoscono dicono ma, poverino... che cazzo di poverino e poverino e no, tu sei troppo... io son
troppo realista... perché voi non li conoscete,
REDAELLI Antonello:
sono realista è diverso
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 44 di 566
TROVATO Mario: eh... cioè una persona Sarino, toccati i coglioni ogni volta che lo
vedi perché quello porta iella... non credo alla iella, non è che mi porta iella, ma per
dirti no, la battuta…
PALERMO Ernesto:
ma tu (inc.le) a questo?
TROVATO Mario: ma stai scherzando?
REDAELLI Antonello:
ma sei matto?
PALERMO Ernesto:
come cazzo (inc.le) a questo?
REDAELLI Antonello:
ah non lo so... io non lo vedo mai a Sarino, lo vedo solo la domenica
mattina…
PALERMO Ernesto:
va con la riccia
TROVATO Mario: ma lui è un figlio di puttana non avete capito un cazzo le spie russe gli
fanno una pompa
REDAELLI Antonello:
(inc.le)
PALERMO Ernesto:
a me mi ha detto vi raccomando per le cose qua
REDAELLI Antonello:
e che cosa ti raccomanda (inc.le)
PALERMO Ernesto:
(inc.le)
TROVATO Mario: lui ti deve raccomandare...
REDAELLI Antonello:
perché non parla dei suoi locali che vanno come vanno
PALERMO Ernesto:
lo sai che mi ha detto… vedi che devono aprire un bar qua
sotto i portici vedi se è possibile evitare e non farli aprire e gli ho detto vedi che le
licenze sono libere e vedi che possono aprirtelo anche davanti la porta
TROVATO Mario: ma a quali portici?
REDAELLI Antonello:
via Marco d'Oggiono...
...omissis...
PALERMO Ernesto:
e mi ha detto vedi se non possono
TROVATO Mario: lui vedi che qualche (inc.le) lì...
REDAELLI Antonello:
ride
(inc.le)
TROVATO Mario: sai le stronzate che ti dice, come fa a non farti aprire un locale se
lì...
REDAELLI Antonello:
e devi sparargli... devi sparargli...
PALERMO Ernesto:
e gli ho detto prendi due taniche di benzina e dagli fuoco...
REDAELLI Antonello:
sennò sparagli dagli fuoco cazzo devi fare non ce né
alternativa mamma mia ragazzi...
PALERMO Ernesto:
io non lo so...
TROVATO Mario: ma vedi che sono ignoranti e quando sono ignoranti sono
pericolosi...
...omissis...
PALERMO Ernesto:
a me mi sono rimaste impresse due cose negli ultimi tempi, allora
una sempre di domenica, all'aperitivo ha detto Mario (TROVATO, ndr), domani c'è da
fare (inc.le), vuoi venire?... no, e questa cosa io l'ho recepita come...
REDAELLI Antonello:
ma a te, te lo ha detto?
TROVATO Mario: io gliel'ho chiesto a lui...
REDAELLI Antonello:
quando sei andato a Milano
PALERMO Ernesto:
cazzo si fida!!...
TROVATO Mario: guarda che non ho problemi
REDAELLI Antonello:
no, lo so lo so...
...omissis...
In merito al fatto dell'affidabilità e del fatto che TROVATO Mario non concluda nulla di illegale
afferma "... stiamo parlando di tutte cose belle pulite ed alla luce del sole..." e poi "... ma sto
ascoltando io ricordatevelo sempre...".
Progressivo n. 577 del giorno 20/04/2011, ore 10:21:49 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
PALERMO Ernesto, TROVATO Mario e REDAELLI Antonello continuano a conversare sul
comportamento di alcune persone tra cui DI BELLA Rosario, poi riferendosi a quest'ultimo...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 45 di 566
...omissis...
TROVATO Mario: no, io non lo cerco, basta, è lui che cerca me è diversa la cosa
REDAELLI Antonello:
lui non ha il coraggio di dirgli di no...
TROVATO Mario: (inc.le) alla casa?... no, è pericoloso...
REDAELLI Antonello:
no, ma poi non può...
TROVATO Mario: lo sapete no?
PALERMO Ernesto:
portarlo a casa no...
TROVATO Mario: io non gli posso dire a lui non uscire con noi... fattelo raccontare
da Saverio (LILLIU, ndr)... ha pianto... perché l'ho lasciato a casa 4 mesi... ha pianto,
gli chiudevo il telefono, mi chiamava e gli chiudevo il telefono... domanda a Saverio
(LILLIU, ndr) piangeva... è venuto davanti al bar Napoleon, figura di merda gli ho
fatto fare perché c'era Gianni c'era Baldo (ISIMBALDI Luigi, ndr), c'erano tutti e dai
chiamatelo facci gli auguri a Natale, no dai cazzo chiamalo lo stai trattando come
una merda, una cosa... è una merda non è che lo tratto come una merda va beh,
comunque... lo chiamo e gli dico "auguri"... "auguri buon Natale...", "dove sei?", gli ho
chiuso il telefono... ha capito, l'intercettazione pare che gli ho fatto
REDAELLI Antonello:
è arrivato subito lì...
TROVATO Mario: è arrivato al bar Napoleon, come è arrivato al bar Napoleon con le
lacrime agli occhi ti giuro c'era Baldo (ISIMBALDI Luigi, ndr), c'era... e chiede a tuo
zio?... arrivava come per abbracciarmi e gli ho detto aspetta, io ti ho chiamato solo
per farti gli auguri... ma non ti permettere che mi abbracci
REDAELLI Antonello:
non voglio limonare...
TROVATO Mario: non voglio avere a che fare, l'ho detto d'avanti a tutti l'ho detto,
pensa che figura di merda vedi per dirti vedi come è... se questo qua
REDAELLI Antonello:
e però è pericoloso a (inc.le) la domenica così perché secondo me...
TROVATO Mario: non è che parliamo di cose...
REDAELLI Antonello:
no, per dire...
TROVATO Mario: però, voglio dirti è una persona molto, molto malfidente, cioè
qualsiasi cosa noi parliamo che non vogliamo far sapere pensa che stiamo parlando
di lui... pensa che stiamo parlando del fratello hai capito perché è una cosa troppo...
REDAELLI Antonello:
noi non abbiamo tempo da perdere né con lui né con suo fratello
TROVATO Mario: ma non me ne fotte un cazzo proprio
PALERMO Ernesto:
ma quella domenica là io ho sbagliato proprio... io c'ho
lavorato... ma lascia perdere tutto...
TROVATO Mario: ma tu le cose, quando incominci con le cose dici va beh... guarda come si
dice, cioè non è quanto è ignorante, ignorare è la cosa peggiore che tu puoi fare con una
persona... ti ricordi quel giorno che mi sono bucato la vena io?
PALERMO Ernesto:
la Madonna guarda...
TROVATO Mario: cosa vi ho detto? Cosa gli ho detto a quel tipo là... dal nervoso (inc.le)
si confondono le voci
PALERMO Ernesto:
ti dico una cosa, se eri tu ed ero io, l'avrei menati a tutti e due, pure
a Saverio (LILLIU, ndr) eh!! Minchia, ma si erano imputati no, è come per dire l'aria si (inc.le),
no, l'aria, si va nelle vene... (inc.) ma una cosa allucinante guarda...
TROVATO Mario: guarda per arrivare (inc.le) che poi alla fine basta, avete ragione siete
ignoranti avete ragione a quello che stato dicendo...
...omissis...
I tre individui si stanno recando presso Piazza Fontana 6 Milano, in uno studio Medico per
TROVATO Mario.
Una tematica analoga in ordine ai codici d’onore della ‘ndrangheta ed al disvalore dellle
collaborazioni processuali
ritorna in una conversazione ambientale del 9.6.2012
nell’autovettura di NANIA Alessandro.
Progressivo n. 1828 del giorno 09/06/2012, ore 14:54:30 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542-12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 46 di 566
NANIA Alessandro ed EVA:
NANIA Alessandro:
(il collaboratore di giustizia ndr.) dice che “con una macchina
potente è venuto il boss della...un boss potente...Felice Maniero...della banda del
Veneto…che questo era un boss... (il collaboratore di giustizia ndr.) ha detto che mi
aspettava a me a Brescia...io con una macchina potente da Castelletto
Brianza...sono finito con il collaboratore (inc.le) e lui che mi aspettava il COCO con
un Ferrari...che aveva appuntamento con questo boss...ed io sotto il coso...per
prova...un chilo di cocaina e gli ho fatto vedere una prova di mezzo chilo... ed il
collaboratore fa <<…Sandro ma se ci fermano ci arrestano…>>, <<…tu quando sei
con me non ti arresta nessuno perché i Carabinieri sono dalla nostra parte che…>>”
EVA:
ma è vero questo che ha detto (il collaboratore ndr.)?...
NANIA Alessandro:
è vero che ci hanno arrestato per quelle cose là...(inc.le) tutti quei
soldi...no!...non è vero niente...
EVA:
(inc.le)
NANIA Alessandro:
non ci puoi mai...
EVA:
(inc.le)
NANIA Alessandro:
ma se ce l'avevamo noi...non è che (inc.le)…
EVA:
(inc.le) tu eri autista...
NANIA Alessandro:
allora io non ho mai portato un grammo (di droga
ndr.), perché c'avevamo mille persone sotto di noi...queste mille persone venivano
comandate da Gia (si accavallano le voci ndr.)…
EVA:
sì, ma tu...facevi il trasporto, comunque…
NANIA Alessandro:
no...no...il trasporto no…
EVA:
dai!...anche in Svizzera (ride)…
NANIA Alessandro:
ed allora, il bastardo…
EVA:
andavi in giro con la droga, tu...(inc.le)…
NANIA Alessandro:
sì, ma non è che andavamo in giro (inc.le) tonnellate…
EVA:
eh!...una tonnellata, andavi in giro…
NANIA Alessandro:
come facevi tu?...la portavano gli altri...mica io...
EVA:
e anche tu, dai!...
NANIA Alessandro:
no...no...io,
mai!...io
massimo
facevo
da
intermediario...(inc.le)…
EVA:
cosa?...
NANIA Alessandro:
"dammi i soldi!"…davano i soldi a me…
EVA:
eh!...
NANIA Alessandro:
e questo bastardo qua (il collaboratore di giustizia ndr.) dice
che <<…(NANIA Alessandro ndr.) è venuto con me con una macchina potente da
Castelletto Brianza fino a Brescia...tre quarti d'ora...armato fino ai de...>> dice
<<…tutto armato…>> dice <<…perché…>>
EVA:
e vabbè…è normale che dovevi essere armato…
NANIA Alessandro:
mica mi facevo ammazzare dagli altri, io…i cazzi miei non li
racconto, no!...
EVA:
avevi preso la pistola, quindi…
NANIA Alessandro:
certo!...
EVA:
eh!...quindi…
NANIA Alessandro:
e qua c'è scritto che con il boss, là…quando sono arrivato io siamo
andati via con il Franco (fon.) con il Ferrari...a questo, che diceva che era un grande boss, gli
ho detto <<…stai fuori, che tu qua non puoi sentire quello che diciamo noi...>>…
EVA:
però lui è andato (inc.le)…
NANIA Alessandro:
sì, ha fatto il collaboratore, però...ha fatto il collaboratore di
giustizia...ed ha fatto fare questi…
EVA:
la verità ha scritto...ma chi è stato questo che ha saputo tutta la
storia?...chi?...
NANIA Alessandro:
un bastardo della Sicilia...
EVA:
era il vostro amico?...che ha raccontato la storia?...
NANIA Alessandro:
però che c'ha ventidue punti qua...quello che è sulla foto,
là...su quel...quello che c'ha ventidue punti qua, che si vede il segno e la striscia...io
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 47 di 566
gliel'ho fatto, questi!...
EVA:
eh!...
NANIA Alessandro:
non lo dice, perché...dice <<…se io gli dico che Sandro (NANIA ndr.)
mi ha spaccato a casa mia, di fronte a mia moglie e mia figlia…>>
EVA:
uhm…
NANIA Alessandro:
dice <<…che succede...non mi credono che io ero insieme a loro…>>
EVA:
ah!...
NANIA Alessandro:
e lì è bastardo!...perché non lo dici?...figlio di puttana di merda!...
EVA:
eeehh…lo devi dichiarare tu!...
NANIA Alessandro:
ed io non parlo mai!...
EVA:
ed anche lui è stato con lui…
NANIA Alessandro:
sì, però io non parlo...non ho mai parlato!...
EVA:
eh, ma per te parlano, però (EVA intende che NANIA Alessandro, fedele al
suo codice d’onore, non si è mai “pentito” e quindi non ha mai accusato nessuno, ma
altre persone non si sono fatte scrupolo di coinvolgerlo, nell’ambito di loro
dichiarazioni alle Forze di Polizia ndr.)…
NANIA Alessandro:
per me parlano...per (inc.le), però io posso andare dove voglio
che c'ho solo amici...che non ho problemi, che uno può fare delle cose perché...invece
questi qua (i pentiti ndr.) devono stare attenti anche quando cade un bicchiere per
terra, che dice <<…ma chi è stato? (inc.le) questo rumore qua…>>, io invece questi
problemi, a me quando vogliono, non ho problemi...eh, ma mi capita...(inc.le) a Lecco, sono
io...io a Lecco devo morire...è il mio regno!...capita anche a lui...quando vede che gli
muore qualche genitore, che va al funerale…arriva anche lui...queste cose si fanno
(inc.le) quando ci si dimentica (quando la persona da punire meno se l'aspetta
ndr.)…quando uno pensa che è tutto finito...che ti sei dimenticato...lì arriva il
bello...(pausa di silenzio)...qua alla tavernetta (il pentito ndr.) diceva che io avevo
200 milioni...qua sulla sinistra (POS.: - Mandello del Lario(Lecco) - ITA 45.910399/9.326349 - 51 km/h)…(inc.le) qua cosa c'entro...è il fratello dei miei
zii...buonanima sua...cosa c'ho a che vedere con questo ristorante qua...che c'ho a
che vedere con questo ristorante?...per farglielo sequestrare non hanno potuto
perché non hanno trovato niente di riscontro...siciliani di merda!...almeno sono
calabrese e me lo posso vantare, vaffanculo!...non abbiamo mai parlato noi...mai
detto niente!...quello che hai salutato con la camicia nera...gli hanno voluto...è del mio
paese...(inc.le) due fratelli...allora prima il comandante...(inc.le) a me...il comandante...poi sono
uscito offeso...<<…(inc.le) vieni che ti devo parlare, tu sei un uomo…>>, <<…sì…>>, <<…ce
l'hai i coglioni…>>, <<…sì…>>, <<…tu sei sicuro che (inc.le)…>>, <<…io sono qua…se a me
ammazzano un fratello anche se ho la (inc.le) e so chi è stato...io mi vendico e l'ammazzo…tu
ce li hai i coglioni?...mi puoi anche ammazzare!...e vedi che sono venuto a trovarti...io ce li ho i
coglioni>>, <<…no, Sandro, sai cos'è...persone…voi non c'entrate sulla nostra storia…>>,
<<…se io entravo nel (inc.le) non eri qua neanche a parlare, con me...che eri già (inc.le), tu,
come prima persona (inc.le), eri finito…>>, <<…no…no...a posto!...rimaniamo amici…>>,
<<…basta, non voglio sentire neanche una voce…>> (inc.le) e perché quel periodo là non ci
capivano un cazzo (inc.le)…c'era un macello così...
[15:00:34] NANIA Alessandro mostra il bar dove lavorava tale Mara. (POS.:- Abbadia
Lariana(Lecco) - ITA - 45.896532/9.333249 - 50 km/h)
[15:08:04] Perdita segnale.
Posizione finale:SS36 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.877932/9.375349 - 54 km/h
TROVATO Mario in una conversazione con PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
commenta la posizione di prestigio sua e della famiglia tipica delle famiglie di caratura
criminale. nel paese d’origine in Calabria, Marcedusa.
La posizione preminente di TROVATO Mario si riflette anche nella fedeltà alla sua persona
dei componenti dell’associazione quale emerge, in un altro passaggio della conversazione, in
un commento relativo all’atteggiamento di NANIA Alessandro.
<<…Però Sandrino... è devoto!... …se lo lascio qua e gli dico "Non ti muovere da qua
per ventiquattro ore" lui non si muove…>>.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 48 di 566
E come in tutte le associazioni di criminalità di tipo mafioso emerge che a fronte della
situazione di difficoltà in cui si era trovato NANIA una volta scarcerato tutta l’associazione si
era adoperata nei confronti dello stesso per un sostegno economico.
Progressivo n. 581 del giorno 20/04/2011, ore 11:30:58 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
PALERMO Ernesto chiede se TROVATO Mario ha una sorella a Cosenza, TROVATO Mario
risponde di no e che ha una cugina che si chiama MANIS, nomina anche MANIS Franco e
MANIS Luigi, tutti e tre figli della sorella del padre di TROVATO Mario che si chiama TROVATO
Rosa. TROVATO Mario specifica che il cugino Franco ha nove figli. TROVATO Mario ipotizza di
voler andare presto a Marcedusa, in seguito parla delle bellezze del proprio paesino;
TROVATO Mario dice che tre sue sorelle sono rimaste a Marcedusa, che sono tutti molto ben
voluti.
[11:40:43]
REDAELLI Antonello:
Chi è la maggiore? è femmina?
TROVATO Mario: Sì.
REDAELLI Antonello:
Ed è giù?
TROVATO Mario: Sì sì. Son tre sorelle giù.
REDAELLI Antonello:
Eh ma non le conosco... quelle non le ho mai viste.
TROVATO Mario: Io ho una sorella che abita all'inizio, all'entrata del paese ed
un'altra all'uscita del paese. Eh eh [ride] in due punti diversi ci sono le mie sorelle.
Ed una in mezzo!
REDAELLI Antonello:
È tutto sotto controllo! questa è una strategia, Ernesto,
ricordati.
TROVATO Mario: Giù al paese, quello che diciamo noi è... [viene interrotto]
REDAELLI Antonello:
... è legge!
TROVATO Mario: Non esiste... non si muove nessuno quando andiamo là! guai! ci
vogliono un bene della madonna!
Voci sovrapposte
TROVATO Mario: ...ma proprio... il prete... quando ci vede il prete! tutti, guai! Impazziscono
tutti quando ci - inc.le - a noi tutti ci vogliono bene. Tutti tutti tutti!
REDAELLI Antonello:
No, mi piace quell'imposizione lì che avete dato nel senso che
non si toccano i bambini... [viene interrotto]
TROVATO Mario: Né bambini, né donne. Né bambini e né vecchi!
REDAELLI Antonello:
Quello mi piace, quella è una cosa giusta!
[11:41:51]
TROVATO Mario: Io quando arrivo laggiù [in dialetto]... mi fanno morire... perché io poi mi
nascondo!
Qualcuno dei presenti ride.
TROVATO Mario: Ci sono quelli che ti dicono un sacco di problemi...
REDAELLI Antonello:
Ah beh...
TROVATO Mario: [riferendo] "Guarda c'è quello lì mi ha fatto questo, mi ha rubato
questo, mi ha fatto quello... " ci parlo io...va bene va! allora devi parlare con tutti "Mi
raccomando a quello" [riferendo] "ma non è vero!"
- tratto disturbato TROVATO Mario racconta che in paese si trova un bar le cui chiavi sono nella disponibilità di
cinque o sei persone che possono aprirlo a piacimento.
-omissis[11:43:17]
TROVATO Mario: Poi...inc.le... quando...usciamo lì...a Policastro, a Belcastro...devo
scappare ! (pausa di silenzio) Però non mi fido di nessuno.
REDAELLI Antonello:
Qualcuno che ti vuole bene lo trovi sempre.
TROVATO Mario: È bello...perché tutti, quando arrivi..."ahi! Madonna! poi ti invitano inc.le - come mi invitano "Ah no!". Strategie diverse, non mi fido. E perché magari ti
vendono... hai capito? Da un paese all'altro magari... io dico "Ma lascia fottere, va!"
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 49 di 566
PALERMO Ernesto:
...stavo a casa mia!
TROVATO Mario: No io vado però gli dico che vado oggi e vado domani, magari, poi
non ci vado. Mi fanno qualche trappola!
REDAELLI Antonello:
... qualche sorpresina!
TROVATO Mario: Eeeh! non abbiamo problemi perché gli amici... [viene interrotto]
REDAELLI Antonello:
No però...
TROVATO Mario: ...però...sai!
PALERMO Ernesto:
Quelli sono paesi così... eh! [in dialetto].
REDAELLI Antonello:
Prevenire è meglio di curare!
Voci sovrapposte
PALERMO Ernesto:
Non si sa mai... eh!
REDAELLI Antonello:
Prevenire è meglio di curare!
PALERMO Ernesto:
Ma la moglie di Sandrino pure di Petronà?
TROVATO Mario: Eh! bella roba! (ride).
REDAELLI Antonello:
Perché di Fazio [fonetico]? Di Fazio Luigi, di Petronà.
TROVATO Mario: Sì sì.
PALERMO Ernesto:
Ah il cognato è quello?
TROVATO Mario: Sì! Quello che è - inc.le PALERMO Ernesto:
Pensa te!
TROVATO Mario: Quello gli ha fatto prendere quattordici anni ciascuno, a quelli là.
PALERMO Ernesto:
Mamma mia!
REDAELLI Antonello:
Il cognato di chi?
Voci sovrapposte
REDAELLI Antonello:
Ah di Sandrino.
TROVATO Mario: Il fratello della moglie, no?
REDAELLI Antonello:
Minchia!
TROVATO Mario: Quella è una famiglia di merda proprio! È andato a prenderla lui proprio... imprecazione PALERMO Ernesto:
Come cazzo ha fatto pure lui là… ?!
TROVATO Mario: Ma cazzo...?
[11:45:42]
REDAELLI Antonello chiede come si chiama di cognome Sandrino, TROVATO Mario risponde
"NANIA",
PALERMO Ernesto:
Però Sandrino... è devoto!
TROVATO Mario:
Sì... no Sandrino sì, è un po' schizzato però cioè non... non farebbe
mai...
PALERMO Ernesto:
Mamma mia!
REDAELLI Antonello:
Però secondo me non è affidabile al cento per cento.
PALERMO Ernesto:
Noo no!
TROVATO Mario: No no no, se lo lascio qua e gli dico "Non ti muovere da qua per
ventiquattro ore" lui non si muove
Voci sovrapposte
PALERMO Ernesto:
Dipende chi glielo dice Antonè.
REDAELLI Antonello:
Sì?
TROVATO Mario: No no no...
PALERMO Ernesto:
Con loro proprio c'era... [viene interrotto]
TROVATO Mario: Perché io per esempio... [viene interrotto]
REDAELLI Antonello:
Io ho fatto una vita con loro eh.
TROVATO Mario: Ma perché io non gli do... per esempio adesso... l'ho... l'ho tenuto... perché
all'inizio aveva cominciato... l'ho tenuto staccato io...
PALERMO Ernesto:
Sì perché aveva cominciato ad andare in escandescenza...
TROVATO Mario: In escandescenza l'ho tenuto staccato, poi è venuto, è venuto voleva
andare a chiedere soldi a uno, a chiedere soldi all'altro, gli ho detto "Oh la gente
qua è disperata! Allora...Tu non hai capito un cazzo" gli ho detto,"tu vai a chiedere i
soldi questi qua ti fanno andare in galera un'altra volta!"
REDAELLI Antonello:
Subito!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 50 di 566
TROVATO Mario: Andava da Marco... e poi le stesse scuse gliele riferiva a tutti, non lo
sapeva che poi loro si incontrano e mi parlano.
REDAELLI Antonello:
Ma stai scherzando...
TROVATO Mario: Andava da Luigino... "posso dirglielo a Luigino..." a tutti raccontava la
stessa cosa, che doveva pagare qua, doveva pagare là... a Marco e va beh...! poi uno te la dà
una cosa... però ti rimane... non è che devi andare...
REDAELLI Antonello:
Sì vabbè...
TROVATO Mario: ma lui ...appena sei uscito... gliel'hanno data tutti una mano...
dico... dategli tieni... dategli una mano come... - inc.le PALERMO Ernesto:
Eh si! Gliel'abbiamo data tutti!
TROVATO Mario: Però, dico, una mano dico dategliela, no? Nel senso...però... tu non è che
puoi tenere i conti larghi con sta cazza di mano, eh! Uno ti dà una mano per tirarti su ma tu
con quello che ti fai... cosa fai? Ti compri la macchina, ti compri qua, compri là...
...omissis...
TROVATO Mario in seguito dice che quando è uscito di galera tutti si sono messi a
disposizione e dice di essere andato da Massimo a chiedere un aiuto ma dopo un mese gli
aveva già restituito tutto; inoltre afferma che ha sempre preferito avere le attività perché da
quelle dice che avrebbe potuto comprare casa, auto e tutto il resto. TROVATO Mario asserisce
che la casa di Pescate di tale Massimo "era mia, non l'ho voluta io per prendermi il locale,
quella villa me l'hanno messa a disposizione ma io non l'ho voluta".
[11:49:21] REDAELLI Antonello risponde al telefono cellulare, parla di terze persone che
"mangiano lì".
TROVATO Mario nel giugno 2011 si reca a Marcedusa (CZ), incontrandosi con più persone
che, nel contesto criminale calabrese, risultano di particolare importanza.
Lo stesso TROVATO Mario conferma in una conversazione in auto con persona non
identificata l’avvenuto incontro con persone autorevoli del paese calabro e di essere in
grado di chiedere agli stessi qualsiasi favore.
Progressivo n. 1228 del giorno 22/06/2011, ore 09:26:12 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744-11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
TROVATO Mario, Uomo (Autista).
TROVATO Mario appena entra in macchina racconta ad Uomo che quello che hanno visto è
scappato ai carabinieri ed è caduto, per non andare in carcere si è fatto operare, ma
l'operazione non è andata bene ed è rimasto sulla sedia a rotelle.
L'anno scorso TROVATO Mario ci ha mangiato assieme in Sila ed era a posto
fisicamente.
TROVATO Mario spiega ad Uomo (autista) che i due che hanno visto sono due amici, uno
dei due ha un'impresa edile e poi dice che il cognato di quello in carrozzella è il
sindaco del paese, li conosce da tanto e che se chiama per bisogno ci sono sempre per
lui; dice anche che comanda tutto quello che è in carrozzella che è il referente per
tutto il paese e per i paesi vicini.
Uomo (autista) chiede se il professore, che ha un fratello a Roma, che hanno visto ieri è una
persona importante e TROVATO Mario aggiunge dicendo che è quello che è arrivato ieri
sera dal cugino.
TROVATO Mario spiega che la persona in questione fa le ispezioni alle scuole mentre
il fratello è al ministero a Roma.
Poi parlano di un cugino di TROVATO Mario figlio del fratello della madre di Mario.
Da varie conversazioni emerge altresì che TROVATO Mario ha notevoli
disponibilità
economiche: dispone abitualmente di banconote di grosso taglio, in particolare pezzi da 500
euro, che utilizza per bisogni correnti quali i pagamenti di benzina.
Di tale ampia disponibilità di denaro contante da parte di Mario TROVATO parlano anche
REDAELLI e PALERMO in una conversazione ambientale in cui commentano il pagamento
da parte sua di cure mediche estetiche per un totale di 35.000 euro con banconote da 500
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 51 di 566
euro.
E il tenore di vita elevato di TROVATO Mario con spese mensili di 10.000– 15.000 euro
comunque non giustificabile sulla base della relativamente modesta attività di gestione dei
locali emerge anche in una conversazione della convivente IVASHKOVA Alexandra con la
sorella TINA.
Progressivo n. 394 del giorno 20/04/2011, ore 18:12:33 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744-11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
TROVATO Mario nel momento in cui entra in auto, parla con un UOMO:
TROVATO Mario: ... perché, lui lo sa, e quando lo vedo, gli spacco le ossa ma proprio lo
distruggo e ti ho detto di (inc.le)...
UOMO:
son venuto due volte e cercarti...
TROVATO Mario: e se non ci venite è meglio...
UOMO:
va bene Mario...
TROVATO Mario si ferma al benzinaio per il rifornimento e chiede di cambiare 500,00 euro ed
afferma "...la mia paga è 500,00 euro alla volta...". Gli vengono restituiti 450,00 euro dal
benzinaio, dopo il rifornimento.
Progressivo n. 676 del giorno 16/05/2011, ore 18:14:28 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744-11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua Russo.
Conversazione in lingua russa tra IVASHKOVA Alexandra e TINA (sorella di IVASHKOVA
Alexandra).
All'inizio della conversazione parlano dei vestiti e degli occhiali di marca.
Poi [18:17:01]
TINA:
Per quale motivo avete litigato?
IVASHKOVA Alexandra: Per lavoro. Gli ho detto che questo bar non va avanti... gli ho detto
"Lasciamolo perdere. Mi trovo un impegno. Per esempio, adesso loro aprono un nuovo locale
grande. Lì c'è anche una piscina. Loro vogliono tenerlo solo per il periodo estivo. Ho detto che si
può tenerlo anche per tutto l'anno. Lì ci sono anche i giochi per i bambini. Almeno posso
andare a lavorare lì... e posso avere il mio stipendio. Questo bar non mi ha dato niente... per
nove mesi non mi ha dato nulla... nulla. Lui mi dice che all'inizio è sempre così. Non vuole
sentire proprio niente al riguardo. Abbiamo litigato. Era molto nervoso... e mi già detto: "Vai
dove ti pare e fai quello che vuoi... vai in Russia... io trovo un’altra persona, a chi
posso intestare il bar. Questo bar io non lascio". Non vuole fare una brutta figura. Ma che
cazzo c'entra la tua figura... che senso ha tenere questo bar, facendo gli affari poco chiari. Io
so che lui in qualche modo mantiene anche la pizzeria. E poi lo vedrò dentro la galera? Però,
abbiamo tenuto questo bar.
TINA:
Ma tu capisci che il bar è solo una copertura. Vedi anche te... capisci anche
te, no? Lui non può... perché gli diranno "Da dove arrivano questi soldi?" e lui può sempre
rispondere: "Dal bar".
IVASHKOVA Alexandra: Hai visto la sua dichiarazione dei redditi? Quando vedranno quella
dichiarazione gli diranno: "Sì, porca puttana... dal bar".
TINA:
E allora, di che cosa si occupa lui? Della droga?
IVASHKOVA Alexandra: Della droga, no.
TINA:
Oh, Sania, non lo so... Vedi te. Ascolta, io volevo parlarti seriamente. Questo
discorso non è un discorso da affrontare al telefono. In situazione simile mi trovavo tre anni
fa... quando una persona...(non finisce la frase, n.d.t.).
IVASHKOVA Alexandra: Ma lì si vedeva tutto... si vedeva che questa persona usava...
(intende stupefacenti, n.d.t.) Io non ho beccato mai il mio (parla di TROVATO Mario, n.d.t.).
Capisci? Io lo vedo... cerco i momenti ma non riesco a scoprire niente. Lui si alza alle
cinque e mezza, poi viene da me al lavoro, inizia a fare il culo lì, poi va in pizzeria, riceve le
consegne di pesce... di mozzarella.
TINA:
Ma ogni tanto passa il tempo senza di te?
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 52 di 566
IVASHKOVA Alexandra: Ma sì... ma solo quindici minuti non di più.
TINA:
Per sniffare bastano anche quindici minuti.
IVASHKOVA Alexandra: No... la cocaina... no. Lui va a correre... non prende niente...
non beve niente. Non beve e non fuma neanche.
TINA:
Non c'è niente di strano. C'è tanta gente che non beve... non fuma, però. Tu sai che
significa la cocaina?
IVASHKOVA Alexandra: No... lui è a posto.
TINA:
A posto? Sì sì. Loro sono tutti a posto perché la cocaina tranquillizza il sistema
nervoso. Piccole dosi di cocaina tranquillizzano.
IVASHKOVA Alexandra: No no... la cocaina danneggia la testa. No... no. Lui odia la droga...
odia i tossici... gli alcolizzati. Non sopporta queste cose... la droga... la prostituzione. Lui è
molto rispettato qua a Lecco... non lo so...magari c'è qualche legame con un clan
mafioso. Magari lui è un capo di qualche gruppo. Anche mamma mi ha detto che lui
è legato con gli affari di prostituzione e della droga. Ma ti ripeto... la droga... no. Lo
conosco troppo bene... io dormo con questo uomo e so cosa pensa lui della droga... della
cocaina. Lui non ha usato mai la cocaina. Escludo anche la prostituzione... Lui mi ha detto che
si occupa della vendita dei locali... dei ristoranti perché abita a Lecco da quarantadue anni.
Lui ha venduto in passato i locali di sua proprietà e delle altre persone. E poi
guadagna con gli interessi. Lui ha tanto rispetto qua a Lecco. Fa pure i favori alla
gente. Lì girano tanti soldi. Tanti... non lo so. Però penso che al mese può avere dieci
o quindicimila euro. Comunque io vedo che né bar né pizzeria non portano i
guadagni. Non penso che quei diciottomila euro che lui ha speso per l'intervento sono
arrivati dalla pizzeria.
Segue conversazione non inerente (stanno cercando un parcheggio).
Progressivo n. 5183 del giorno 15/06/2011, ore 18:35:19 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
REDAELLI Antonello si trova in auto con PALERMO Ernesto:
[18:35:26] REDAELLI Antonello effettua una telefonata e mentre squilla il telefono dice che
secondo lui Scaletta si è cacato addosso perché il suo socio (Piero) non vuole altre persone in
società, dice che SCALETTA aveva chiesto delle cose. REDAELLI Antonello continua il discorso
sull'apertura dell'attività di SCALETTA.
[18:37:12]
PALERMO Ernesto:
Minchia ma che si sta facendo questo?
REDAELLI Antonello:
non lo so, dice che deve guardare l'occhio e basta, ma quanto cazzo
di occhi ha?
PALERMO Ernesto:
ma cos'è un oculista?
REDAELLI Antonello:
quello che gli ha fatto l'intervento al mento
PALERMO Ernesto:
ah qua lo ha fatto?
REDAELLI Antonello:
noooo a Milano, sai quanto gli è costato? non lo sai? a parte il sotto,
sai che la prima volta che l'ho visto era tutto ammaccato gli ho detto "ma che cazzo hai fatto?"
PALERMO Ernesto:
7000 mila euro
REDAELLI Antonello :
sotto
PALERMO Ernesto:
io non ci credo
REDAELLI Antonello:
dici di più?
PALERMO Ernesto:
di meno
REDAELLI Antonello :
no no di meno ha speso , a COMO io ho visto pagare il conto
PALERMO Ernesto:
...inc.le...
REDAELLI Antonello:
non era la parte sopra... a COMO e la parte sopra quella sotto
non so quanto ha pagato fra i 6000/7000 mila euro non so, la parte sopra sui
15000... ha pagato la sala operatoria, il dottore, l'anestesista...
PALERMO Ernesto:
che sei pazzo... glielo facevo fare io , sai quant... lo portavo alla San
Camillo da GALEONE
REDAELLI Antonello:
sai cosa ha speso in tutto?
PALERMO Ernesto:
da GALEONE
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 53 di 566
REDAELLI Antonello :
35000 euro... tutti fogli da 500, 35000 mila euro, gli ho detto
ma vaffanculo non potevi...inc.le...(ride)
PALERMO Ernesto:
è tutto scemo...
REDAELLI Antonello:
ma tanto li ha i soldi
PALERMO Ernesto:
35000 mila euro e ha l'occhio
REDAELLI Antonello :
infatti, infatti, questo li ha i soldi, li ha si... e la macchina
dice lui l'ha pagata ALEXANDRA 13000 mila euro tutti fogli da 500, poi un'altra
volta che gli ha prestato 10000 mila euro, perché era un po’ in difficoltà quando si è
divisa con GILVANA... doveva pagare delle cose..."amore mio..." 10000 euro? e che
cazzo! to'!...inc.le... questo è un pozzo senza fine...però (Ride) te non sei convinto?
secondo te i soldi che hanno...inc.le...ragazzi chi è che l'ha tirati fuori secondo te?
l'assicurazione?
PALERMO Ernesto:
io non sono convinto che lui ha pagato 35000 mila euro
REDAELLI Antonello:
e... quelli che di Como li ho visti io perché l'ho portato là io, ero là io
alla cassa, quelli giù a Milano...c'era li lo scontrino... la fattura mi è arrivato in macchina a me
oltretutto, 6000/7000 mila euro
PALERMO Ernesto:
è scemo
REDAELLI Antonello:
però i soldi li ha tirati fuori...non sto dicendo che ha fatto bene o ha
fatto male ma ha dovuto cacciare la pila (i soldi, ndr), per me sembra peggiorato detto fra me e
te
PALERMO Ernesto:
secondo me scoppia !!!
REDAELLI Antonello:
a me sembra peggiorato
PALERMO Ernesto:
per due punture di botulino...non è che...inc.le...io 35000 euro non li
spenderei mai e
REDAELLI Antonello:
ma su che cosa poi? che te ne frega? eh ma lui è diventato cosi da
quando conosce questa... mica era cosi prima! te lo ricordi com'era prima? tu non lo
frequentavi tanto, tu ultimamente lo stai frequentando
PALERMO Ernesto:
...inc.le...
REDAELLI Antonello:
esatto... ma tu dovevi vederlo prima... lui è sempre stato brillante...
usciva... io al night cosi non vado... con Baldo... con Saverio... lui va tutte le sera... adesso non
va più...ma prima tutte le sere andava... a Milano... in Valtellina... di qua... di là... lui tutte le
sere andava al night e tutte le sere lasciava 100 euro, li doveva lasciare... tutte le sere 100
euro... tutte le sere... era diverso, più brillante... ma da quando ha conosciuto a questa qua
(IVASHKOVA Alexandra, ndr) si è rincoglionito...
PALERMO Ernesto:
fa il ragazzino di 20 anni mentalmente
REDAELLI Antonello :
e be insomma
PALERMO Ernesto:
fisicamente no
REDAELLI Antonello:
ma no a parte che si tira bene, ma tu non puoi fare il ragazzo di 20
anni... ERNESTO... figa non potrai mai avere la mentalità di un ventenne perché i principi non
li hai no? ma io non so questa fino a che punto gli fa comodo forse perché lei lavorava al night,
l'ha tirata fuori dal night sai la messa già,'...
PALERMO Ernesto:
faceva sta vita
TROVATO Mario e la sua locale manifestano come detto la loro supremazia su altri gruppi
criminali della zona proprio in ragione della loro appartenenza al contesto criminale di
‘ndrangheta e tale supremazia
consente anche l’utilizzazione di tali gruppi come
manovalanza per isolate azioni criminali . Nelcontesto della stessa conversazione gli
interlocutori fanno riferimento alla pericolosità di NANIA Alessandro per la sua particolare
propensione alla violenza.
Progressivo n. 7057 del giorno 06/07/2011, ore 19:16:37 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
PALERMO Ernesto sale in auto di REDAELLI Antonello.
PALERMO Ernesto dice ad REDAELLI Antonello che ha una scheda nuova per parlare con
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 54 di 566
l'amante. [19:26:35]
REDAELLI Antonello:
No quello che c'era oggi, quello che c'era l'altra volta che è venuto
anche al pratone ti ricordi ? Che ha parlato anche con Mario
PALERMO Ernesto:
Chi è ?
REDAELLI Antonello:
Che aveva la Panda noi davanti e loro dietro
PALERMO Ernesto:
Quello che... ci ho parlato... si Va beh...
REDAELLI Antonello:
C'era quell'altro insieme che oggi non c'era no? Tanto che voi
stavate parlando, dicevo lui, suo fratello un traff... (inc...le...) ventiquattro anni domiciliari però
mi ha detto che loro hanno otto/dieci concavincite (fon.) e li danno in concessione in affitto, ma
fanno tre /quattro mila euro al mese l'uno eh?
PALERMO Ernesto:
Si?
REDAELLI Antonello:
Noi gli chiediamo il posto tanto non ti rompe il cazzo nessuno
paghiamo il permesso, la licenza quello che cazzo è? E loro lavorano e ci danno
tre/quattro mila euro a seconda... quelli di Cermenate sai... e roba loro guarda
hanno in mano quella roba lì è? Ma tu li conosci quelli la?
PALERMO Ernesto:
Ehh...
REDAELLI Antonello:
Quelli sono "Tosti" ehh!!!
PALERMO Ernesto:
A me lo dici…ma sono sempre sotto...
REDAELLI Antonello:
Si lo so infatti a me Mario quando mi dice e " ci mandiamo...
"non c'è problema ???
PALERMO Ernesto:
Ma sono sempre sotto ahaha!!!
REDAELLI Antonello:
Quelli li usa per mettere a posto le cose
PALERMO Ernesto:
Io penso che a livello di pazzie ce ne sono poche
REDAELLI Antonello:
Di pazzie? In che senso di Mario?
PALERMO Ernesto:
Sai che... secondo me il più pericoloso di tutti...
REDAELLI Antonello:
Ehh
PALERMO Ernesto:
Il più in assoluto di quelli che ha avuto lui intorno è proprio
" Sandrino”
REDAELLI Antonello:
Ma dipende come...
PALERMO Ernesto:
Sandrino (NANIA Alessandro) gli lavava i piedi a Franco
REDAELLI Antonello:
Eh lo so... se perde la testa Sandrino è incontenibile.
REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto scendono dall'auto
TROVATO Mario dopo un soggiorno in Calabria nel mese di agosto del 2011 fa ritorno a
Lecco e commenta insieme a PALERMO alcune vicende interne delle ‘ndrine in Calabria
manifestando sconcerto per alcune decisioni su nomine di capibastone e per la presenza di
soggetti definiti “cani sciolti” che sembrano evidentemente non rispettare le regole della
‘ndrangheta.
Progressivo n. 2537 del giorno 26/08/2011, ore 11:26:52 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T. 744/11)
in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
In auto si trovano TROVATO Mario e PALERMO Ernesto.
Continua conversazione del progressivo precedente.
Gli occupanti dell'auto discutono dei giovani di adesso che sono troppo movimentati, troppo
aperti e non si guardano affatto. Autoradio in sottofondo.
PALERMO Ernesto:
fanno le cose che facevano un volta...!
TROVATO Mario:
eh! Sono in quella maniera!
PALERMO Ernesto:
eh! Non si possono far più!
TROVATO Mario:
sono in quella maniera! Son rimasti in quella maniera!
PALERMO Ernesto:
infatti, Bruno li ha allontanati!
TROVATO Mario:
no ma, sono...
PALERMO Ernesto:
gli ha detto Bruno: "quando vieni qua...ci devi venire quando
devi dire le cose concrete! Se no, non ci venire...!" Parlano troppo, parlano!
TROVATO Mario: sì!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 55 di 566
PALERMO Ernesto:
tu a me no... non mi puoi chiedere cose che poi sai che io...
TROVATO Mario: ... sono (inc.le)
PALERMO Ernesto:
eh! Hai capito?
TROVATO Mario:
e lo so! Non si guardano niente! Non si guarda... in faccia...
qualcosa...
PALERMO Ernesto:
ora vanno e minacciano ormai! Minacciano! La gente ti
manda in galera dopo 2 minuti. Non ci sono più i tempi di una volta! O... pungi
(fonetico) davvero, che sei chi sei, Mario (TROVATO Mario, ndr), vai tu da uno è un
discorso... eeee... mica lo vogliono capire...
Si sovrappongono le voci.
TROVATO Mario: non sono i capi coso... (inc.le) là sotto... (inc.le)... c'è qualcuno
"sciolto", ormai di cani sciolti... non è che ne sono… (inc.le)...c'è troppo (inc.le)
PALERMO Ernesto:
eh sì!
TROVATO Mario: (inc.le) chi c'è? Quell'altro Vincenzo... che ha fatto il boss (fonetico)...
(inc.le) che il nonno... (inc.le)
PALERMO Ernesto:
pure tu
TROVATO Mario: (inc.le)
PALERMO Ernesto:
ma quello non ha soldi
TROVATO Mario: quando fa telefonare di là sotto da uno... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
no, me lo ha detto il cugino suo...
TROVATO Mario: eh!... ma cazzo... ma telefona... (inc.le)... ma chi cazzo gli ha dato...
(inc.le)... chi cazzo... niente "capobastone", ma chi cazzo mi fai?
PALERMO Ernesto:
non ci sta con la testa!
TROVATO Mario: mi ha detto...: "ma se tu non ne hai bisogno" dice "non lo faccio venire"...
inc.le... è in pensione, no...? "vedi che ancora io... (inc.le)..." "che cazzo me ne fotte...!" (inc.le)
in mente di... Carlopoli (fonetico, verosimilmente riferito al paese montano in provincia di
Catanzaro, ndr), era...! Quale pezzo di strada? Io son venuto qua... per... ho la residenza qua
sono venuto qua... son venuto a fare l'esame e sono a posto! Che
cazzo è questa?
PALERMO Ernesto:
vai più avanti
TROVATO Mario: è stato a (inc.le)? (fonetico), no !
PALERMO Ernesto:
non è che mi ricordo!
TROVATO Mario:
... (inc.le)... c'ha pure l'appartamento a (inc.le)! Lo sai chi è... (inc.le)
PALERMO Ernesto:
... (inc.le)...un po'...
TROVATO Mario: eh!
Pausa di silenzio, autoradio in sottofondo.
[11:29:34]
PALERMO Ernesto:
questo prima... (inc.le)
TROVATO Mario: fateci passare...(inc.le) c'è scritto qualche cartello, qualcosa?
PALERMO Ernesto:
no! Hanno tolto tutto.
[11:29:45]
Lo stesso PALERMO Ernesto esprime in una conversazione con persona non identificata la
sua appartenenza al contesto ‘ndranghetistico e i rapporti parentali con la famiglia
MANCUSO.
Progressivo n. 7 del giorno 09/09/2011, ore 07:37:14 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
2430/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di PALERMO Ernesto si sente la radio di sottofondo.
Posizione iniziale: Via Aldo Moro 15 > 17 – Galbiate (Lecco) - ITA - 45.816899/9.373949 - 0
km/h (Domicilio di PALERMO Ernesto, ndr)
[07:42:17] Effettua rifornimento – Galbiate (Lecco) - ITA - 45.815099/9.377432 - 0 km/h
[07:49:23] Sosta, chiusura portiere : Via Roma 65 > 65 – Pescate (Lecco) - ITA 45.836999/9.395132 - 0 km/h
[07:55:41] Fuori dall'autovettura si sente PALERMO Ernesto discutere con un uomo, inc.le
(accento settentrionale).
[07:56:22]
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 56 di 566
PALERMO Ernesto:
Tu devi capire... (inc.le)... a me lo sai chi mi ha
battezzato...sai che mi hanno battezzato... i MANCUSO... (inc.le) quello che hanno
arrestato insieme a coso là... assieme a Stefano... (inc.le)... "U pizzaru" detto
"Pizzaru"... (colui che vende gli stracci)
UOMO:
si
PALERMO Ernesto:
Pino...i PIROMALLI (nota cosca PIROMALLI - MOLÈ di Gioia
Tauro, ndr) sono così con i PISCI (in dialetto) (probabile riferimento al clan della famiglia
Pesce, ndr)...inc.le...
In altra conversazione TROVATO mario e PALERMO Ernesto commentano vicende interne
della famiglia MANCUSO mostrando la conoscenza dei rapporti all’interno della stessa. Nel
corso della conversazione fanno riferimento alla morte per suicidio di BUCCAFUSCA Tita,
moglie di MANCUSO Pantaleone, notizia apparsa in quel giorno sui quotidiani calabresi.
Progressivo n. 2536 del giorno 26/08/2011, ore 11:06:52 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di TROVATO Mario, si sente la voce di TROVATO Mario e di PALERMO Ernesto:
omissis – (Parte commentata nel paragrafo III § 8 - L’intimidazione ad una attività
commerciale, con spari sulla vetrina dell’ “OLD WILD WEST”).
PALERMO Ernesto:
hai saputo della moglie di Luni ?
TROVATO Mario: di chi?
PALERMO Ernesto:
del MANCUSO...
TROVATO Mario: è stato là sotto (inc.le)
PALERMO Ernesto:
No! La moglie di Luni si è ammazzata!
TROVATO Mario: come si è ammazzata?
PALERMO Ernesto:
Si è avvelenata con... quello... con l'acido muriatico, che era
passata testimone... di giustizia...
TROVATO Mario: era collaboratore?
PALERMO Ernesto:
E che cazzo ne sapevo io, che era collaboratore... inc.le...
TROVATO Mario: quello è... inc.le...
PALERMO Ernesto:
No, il piccolino, il fratello di Ciccio, buon’anima (MANCUSO Ciccio,
ndr)... guarda sto cretino [indicando qualcuno esterno all'autovettura, ndr]
TROVATO Mario: perché? È peccato, si vede che era di là (fonetico)... peccato che... inc.le...
PALERMO Ernesto:
ma c'ha i nipoti!...inc.le...
TROVATO Mario: (inc.le)
PALERMO Ernesto:
dopo vedi... il piccolino!...
TROVATO Mario: Leo! Leo! Leo!
PALERMO Ernesto:
No! l'ultimo Pantaleo (MANCUSO Pantaleo, ndr) si chiama.
TROVATO Mario: Pantaleo, si chiamano tutti Pantaleo (MANCUSO Pantaleo ndr) là!!! (si
riferisce ad alcuni appartenenti alla famiglia MANCUSO, ndr).
PALERMO Ernesto:
Luni (fonetico) lo chiamavano...
TROVATO Mario: Eh, Luni, Luni si chiama Luni, li chiamano tutti Luni Pantaleo
(MANCUSO Pantaleone ndr).
PALERMO Ernesto:
Però ascoltami a me, questi qua sono...
TROVATO Mario: ...inc.le...
PALERMO Ernesto:
basta... inc.le... parliamo...
TROVATO Mario: Là sotto...(inc.le) questi qua
PALERMO Ernesto:
uh? (inc.le) che ti ha detto?
TROVATO Mario: gli ho detto "non lo chiamate Pepè (fonetico), che vi ha detto di non
chiamare!"...se c'è un problema...(inc.le) e viene... pure i (inc.le) al telefono non parlano più!
PALERMO Ernesto:
(inc.le)
TROVATO Mario: Può darsi che ci sono problemi... giusto? mi frego di lui proprio...mi fotto di
lui proprio... inc.le... lui serve con il pesce congelato e la cosa congelate...nella zona mia! Mica
la zona sua! hai capito? Lui ha il pesce congelato...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 57 di 566
PALERMO Ernesto:
Lo so! Ha l'ippi (fonetico)
TROVATO Mario: eh! L'ippy (fonetico) e forniva là nell'hotel che aveva... che... inc.le... io sono
arrivato e lui se n'era andato! Dice: "(imprecazione) mo sono i problemi! Inc.le... mi ha
chiamato, ha detto: "sopra, sopra... inc.le... a Reggio (fonetico)", gli ho detto io: "vengo
mercoledì... ci troviamo mercoledì!". Poi gli ho dato l'appuntamento mercoledì ci
siamo trovati!
PALERMO Ernesto:
e il nipote mi chiamava...
TROVATO Mario: Gli ho detto: "avvisa tuo nipote"? E: "ma se no lui...", ha detto: "non
me ne frega gli ho detto io!... inc.le... digli di non chiamare assolutamente! Di
cancellare proprio il numero... inc.le... di scordarselo proprio. Se c'ha un problema,
viene direttamente!"
PALERMO Ernesto:
...inc.le...
TROVATO Mario: ma non chiama... ma neanche a quello, gli ho detto: "che cazzo mi chiami",
che cazzo ne so... che cazzo combinano... (inc.le) si stanno fidando di questi, non ho capito
come va... inc.le...
In altre conversazioni nel dicembre 2011 TROVATO Mario che si trova in Calabria a
dimostrazione del permanente collegamento con il territorio di origine ottiene e scambia
informazioni su famiglie della ‘ndrangheta del luogo manifestando i suoi rapporti di rilievo
per ragioni di governo dell’associazione con tali famiglie ivi compresi quelle della zona di
Lamezia Terme
Progressivo n. 4303 del giorno 24/12/2011, ore 09:53:54 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DB781HZ (R.R.I.T.
2561/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di TROVATO Mario sono presenti TROVATO Mario, Uomo e UOMO2:
Auto in movimento: SP4 – Andali (Catanzaro) - ITA - 38.961515/16.826449 - 56 km/h
TROVATO Mario:
...inc.le...
UOMO:
quello...
TROVATO Mario:
di Lamezia...
UOMO:
di Lamezia là
TROVATO Mario:
il "professore" (GIAMPA' Francesco, ndr)
UOMO:
...inc.le...
TROVATO Mario:
ma sono i suoi? (da intendersi come persone associate al clan di
GIAMPA' Francesco detto "il professore" o di attività imprenditoriali riconducibili allo stesso,
ndr)
UOMO:
e penso di si eh!
TROVATO Mario:
la...inc.le... dei suoi sono?
UOMO:
sono pesanti...
TROVATO Mario:
ed allora?!
UOMO:
ed il "professore" non dice niente... sennò...inc.le...il socio (Fonetico)
TROVATO Mario:
si...ho capito...ma che c'entra il...
UOMO:
ti sto dicendo...
TROVATO Mario:
che è Claudio che non paga...inc.le...
UOMO:
eh si! mi sembra strano che si sono rivolti in questo modo..."non c'è
neanche un posto di lavoro"..."tu hai questa società no?"
TROVATO Mario:
eh!
UOMO:
il problema è che c'è quel "tirchio" di soldi...vicino la svizzera
(Fonetico)...inc.le...
UOMO2:
tutto va al professore
UOMO:
capo...inc.le...
TROVATO Mario:
si! lo chiamano "il professore" GIAMPA'
UOMO:
si
TROVATO Mario:
TORCASIO... GIAMPA'... eeeh CERRA... questi sono i...inc.le...questi
sono stati con me...il...inc.le... dei TORCASIO tutti GIAMPA'
UOMO:
quelli...inc.le...sono
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 58 di 566
TROVATO Mario:
chi?
UOMO:
dei TORCASIO?
TROVATO Mario:
TORCASIO? non ce ne sono? nooo oooh... anche lo zio è stato con
me al governo (Fonetico)...no...no...ce ne sono...un bordello ce ne sono...inc.le... c'è
"Cenzo"...è morto uno che è fratello...inc.le...
UOMO:
hai visto le pecore...
TROVATO Mario:
ma sono parenti eh? sono tra di loro eh... parenti tra loro... i
CERRA ed i TORCASIO sono "Famiglia" eh!...inc.le...uno a Marcedusa...uno a...inc.le...ed
uno a Mesoraca...
Il progressivo si interrompe bruscamente per perdita di segnale
SP4 - Botricello(Catanzaro) - ITA - 38.947182/16.839249 - 75 km/h
L’autorevolezza di TROVATO Mario nel territorio di origine si manifesta anche in trattative
commerciali relativi ad un immobile di un prossimo congiunto. TROVATO Mario fornisce
consigli al congiunto e ritiene fondamentale che la trattativa si concluda prima del suo
rientro in Lombardia ed alle condizioni che lui imporrà alla controparte.
Progressivo n. 4405 del giorno 27/12/2011, ore 09:04:50 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DB781HZ (R.R.I.T.
2561/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
TROVATO Mario e UOMO:
[09:10:20] Entra in macchina un uomo, la posizione della vettura è in una strada senza nome
in piena campagna e l'uomo sale in corrispondenza di un casolare.
TROVATO Mario:
che quello mi dice: "io..." eh, appunto ma (parola/e incomprensibile/i)
lui vuole... dice: "se vuoi ci incontriamo e ne parliamo", lui... ma chi parli? (parola/e
incomprensibile/i)
UOMO:
io?
TROVATO Mario:
eh!
UOMO:
quello che è un po’ più scaltro è Andrea, lui fa solo "vavavav" e basta
TROVATO Mario:
però alla fine se lui gli dice la cosa lui... è lui... Andrea che conta là?
UOMO:
lui conta...
TROVATO Mario:
è lui (parola/e incomprensibile/i)
UOMO:
Andrea?
TROVATO Mario:
Andrea non è sindaco
UOMO:
però se lui gli dice: "firma questa carta..."
TROVATO Mario:
eh!
UOMO:
lui la firma... lui dice al fratello: "che devo fare? Come devo fare? Lui è
quello capace... lui che cazzo capisce! Lui non capisce niente...
TROVATO Mario:
sì, ma noi... se dobbiamo parlare con lui adesso... di che cosa
dobbiamo... io devo dirgli qualche cosa? Cos'è che dobbiamo fare con lui? Non ho capito... cioè,
fammi capire!
UOMO:
adesso, dovremmo cercare di ragionare sul fatto... attualmente di
vedere come devono fare... (parola/e incomprensibile/i) ed un sistema che rimanga...
TROVATO Mario:
allora, non (parola/e incomprensibile/i) un sistema che rimanga, allora
lui è qua? Ma scusa...
UOMO:
domani (parola/e incomprensibile/i) tutto stasera è qua
TROVATO Mario:
ed allora dobbiamo parlarne (parola/e incomprensibile/i) affinché
dica: "qual è il problema che tu vuoi che rimanga" e ne parliamo insieme... non io con te ed io
con lui... ne parliamo insieme... una volta aver parlato insieme
UOMO:
ah... sì... sì... sì... rimane già...
TROVATO Mario:
noi, ne dobbiamo parlare tutti e tre insieme... che poi, vuole venire
Andrea, non me ne fotte un cazzo! Può venire chi cazzo vuole! Se vuole venire Andrea, viene
Andrea, se viene lui... viene Andrea... se vogliono venire tutti e due che vengano tutti e due...
non me ne frega un cazzo!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 59 di 566
UOMO:
sì
TROVATO Mario:
però, cioè, una volta che io parlo... loro devono restare
d'accordo per quello che parliamo... basta! Però ci dobbiamo incontrare adesso...
prima che io vada via!
UOMO:
eh sì...
TROVATO Mario:
è inutile che (parola/e incomprensibile/i) diglielo e ci incontriamo
UOMO:
e glielo dico
TROVATO Mario:
se vuole venire anche il fratello Andrea che venga anche Andrea...
tanto se viene gliele dico pure due parole al fratello Andrea! "(parola/e incomprensibile/i) ho
già dato", "che hai dato!?... cosa avete dato?", gli ho detto: "voi siete qua in giro...
siete qua solo perché lo vuole lui (fonetico)... sennò...", chiaro, chiaro... glielo dico...
(ride) "non è che siete... perché vi rispettiamo"
UOMO:
glielo dico
TROVATO Mario:
sì, ma prima che io vada via però! Sennò poi dopo non vendi
più
UOMO:
io pomeriggio già glielo dico... però pomeriggio sarà sicuramente... è
impegnato
TROVATO Mario:
ma a me non mi interessa pomeriggio... ma domani... gli dici: "noi ci
possiamo incontrare? Tutti e tre... tutti e quattro", se vuole venire il fratello, a me,
non interessa a me
UOMO:
l'impegno (parola/e incomprensibile/i) mi ha detto il fratello:
"impegnati affinché questi qua ti facciano so... il certificato”
TROVATO Mario:
(parola/e incomprensibile/i)
UOMO:
ecco... il certificato...
TROVATO Mario:
capisco però anche con loro... è inutile che mi fanno il certificato... devo
restare... devi restare d'accordo con loro o no?
UOMO:
eh sì, eh!
TROVATO Mario:
eh, allora...
[09:13:08] TROVATO Mario e l'uomo scendono dall'auto.
In una conversazione ambientale all’interno dell’autovettura in uso a PALERMO Ernesto lo
stesso, parlando con la figlia Anna, offre uno spaccato illuminante sia della struttura
associativa sia del ruolo e della pericolosità di TROVATO Mario all’interno della stessa. Nella
stessa conversazione PALERMO Ernesto fornisce anche una sintesi esemplare della sua
attività di sostegno alla vita dell’associazione
Progressivo n. 78 del giorno 21/01/2012, ore 21:40:14 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EJ708RG (R.R.I.T. 6712) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Rumori ambientali.
In auto sono presenti PALERMO Ernesto e PALERMO Anna.
I due commentano il posto dove hanno mangiato la pizza.
PALERMO Anna: che panzone che è quello lì altro che te che sei grosso!
PALERMO Ernesto:
Chi, Bruno? (DELUCA Bruno, ndr)
PALERMO Anna: mamma mia! Ma perché... (inc.le)... è anche gonfio ma non è tutta ciccia
quella!
PALERMO Ernesto:
Quello si è fatto dieci anni di carcere! E' uscito due anni fa!
PALERMO Anna: Uh! Io pensavo che lui fosse quello bravo!
PALERMO Ernesto:
Ehh!
PALERMO Anna: ...(inc.le)...
PALERMO Ernesto:
...inc.le...
Conversazione frammentaria perché abbassano la voce.
PALERMO Anna: ...inc.le...
PALERMO Ernesto:
Sì, la... (inc.le)... gli han trovato tre chili... (di droga) Anna!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 60 di 566
PALERMO Anna: ...(inc.le)...
PALERMO Ernesto:
...(inc.le)...!
PALERMO Anna: ...(inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Eh no! Glieli hanno sequestrati a casa...! Aveva una casa a
Molteno!
PALERMO Anna: ...(inc.le)... è come il... qua posso parlare, sì?
PALERMO Ernesto:
Penso! Speriamo, papà! (usato costantemente da Palermo Ernesto
per rivolgersi alla figlia, ndr) Se non ne parliamo è meglio, poi parliamo a casa!
PALERMO Anna: Va beh... queste sono cose che uno sa perché gliele raccontano non vuol
dire che...
Suono acustico di cinture di sicurezza disinserite.
PALERMO Ernesto:
...(inc.le)...! Puoi parlare perché... tutti delinquenti! Papà lo sai
che cosa fa? Ti dico la verità... papà, fa incontrare i delinquenti e loro fanno le cose,
hai capito? A me non interessa! Io non le faccio le cose, hai capito? Io sono sicuro, io
non le ho mai fatte, io le faccio fare a loro!
PALERMO Anna: Ah, okay!
PALERMO Ernesto:
Poi... delinquenti con delinquenti si capiscono... e fanno le cose! Hai
capito? Poi quando io... ho un po’... un... (inc.le)...
PALERMO Anna: Io pensavo che questo qua era un poverino (fonetico) che si sta spaccando il
culo nella pizzeria da vent'anni...
PALERMO Ernesto:
Sììì…!!
PALERMO Anna: Eh, pensavo che era la parte buona, lui (DELUCA Bruno, ndr)! Era un
angioletto!
PALERMO Ernesto:
...(inc.le)... Anna?
PALERMO Anna: ...(inc.le)...
PALERMO Ernesto:
...(inc.le)... sedici?
PALERMO Anna: ...(inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Mario (TROVATO, ndr)? Mario (TROVATO, ndr) è per tutto!
PALERMO Anna ride
PALERMO Ernesto:
Tranne questa!
PALERMO Anna: ...(inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Tranne la droga!
PALERMO Anna: Ma questo qua perché? Non perché voleva...
PALERMO Ernesto:
E' il cognato di Mario (TROVATO, ndr) questo, Anna! Ma una
famiglia di delinquenti sono!
PALERMO Anna: ...(inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Un bonaccione, vedi! Ma pure Mario (TROVATO, ndr), Mario
(TROVATO, ndr) non è che sembra un delinquente!
PALERMO Anna: Mario (TROVATO, ndr) ha un po’... l'occhiettino da...
PALERMO Ernesto:
Questo qua (riferito a DELUCA Bruno, ndr) è un bonaccione! Tu, di
questi ti devi spaventare ! Non ti devi spaventare di quelli che fanno "Bau, Bau, Bau!", quelli
non fanno niente... chi troppo abbaia... (inc.le)... quelli che invece stanno zitti... (inc.le)... quelli
ti devi stare...
PALERMO Anna: Questo?
PALERMO Ernesto:
Questo... Bruno (DELUCA, ndr)... no, con me è corretto!
PALERMO Anna: No, con te, dico in generale!
PALERMO Ernesto:
Quello fa il suo lavoro... il suo lavoro Anna! Fa il
delinquente...
PALERMO Anna: Pure ora?
PALERMO Ernesto:
Anna... uno... quando prende questa via... non la lascia più, papà!
PALERMO Anna: Cos'è che fa?
PALERMO Ernesto:
No, non lo so che fa adesso, non mi interessa! Io non le guardo
mai... queste cose! Sono cose loro private! Lui mi chiede... se conosco qualcuno per
parlarci assieme... ed io gliele mando, hai visto? Gliele mando là... gli faccio gli
appuntamenti... e se la fregano loro! Perché a me non interessa! Poi quando vado che
ho bisogno io di qualcosa devono fare e zitti! Devono farlo e muti (fonetico).
PALERMO Anna: ...(inc.le)...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 61 di 566
PALERMO Ernesto:
...in questo contesto... conta più papà che loro! Hai capito? Perché
papà... se la cava! Loro, invece, sono sempre quelli! Sempre delinquenti, ricordatelo!
PALERMO Anna: A me sembrano tutti... questo qua sembra... uno che si è fatto il culo che...
mi diceva... infatti, io dicevo: "come fa questo qua a trovarsi con una famiglia del genere se
lui è uno così che diceva che i figli erano... (inc.le)... uno... (inc.le)... cretino, penso uno che
aveva lavorato una vita..."
PALERMO Ernesto:
Nooo... ma è uno... che... è rispettoso, hai visto? Non dice una
cattiva parola al tavolo... tranne quando l'ha detto... quando è uscita una parolaccia... subito si
è ripreso!
PALERMO Anna: ...(inc.le)...
PALERMO Ernesto:
e però... sennò è uno...! Poi non parla mai... noi abbiamo parlato di
tutto e tu non hai capito niente, hai visto?
[breve pausa di silenzio]
PALERMO Anna: Per questo ti dico che io non voglio venire, per come parlate io non
capisco.
PALERMO Ernesto:
Ma tu non devi capire... papà.
PALERMO Anna: E allora non parlare... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
No... ma hai visto che parlava più con te che con me...? Parlavate di
maps... (inc.le)...
PALERMO Anna: ...(inc.le)...
PALERMO Ernesto:
No, lui! Il fratello! Il fratello... gli hanno dato l'ergastolo! (si riferisce
a TROVATO Franco, fratello di TROVATO Mario, ndr)... (inc.le)... e il fratello è quello che
conta! Il fratello... è numero 1! Il fratello, bastava che lo guardavi storto, lo guardavi
male e ti ammazzava! E io a lui conoscevo! Conoscevo proprio il fratello! Perciò lui mi
rispetta... io conosco proprio il...
PALERMO Anna: Il capo... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Brava!
PALERMO Anna: Oddio! Veramente? E tu lo guardavi così?
PALERMO Ernesto:
Sì, sì! Una volta io avevo fatto una cosa qui in discoteca, no?
All'Orsa (Orsa Maggiore, discoteca sita in Lecco, ndr). Avevo fatto un'azione che non
dovevo fare... e lui è venuto... è sceso dalle scale là in pizzeria da zio Rosalbino
(PALERMO Rosalbino, zio di Ernesto PALERMO, ndr) per darmele, per spararmi
(fonetico)! E l'ho guardato in faccia... ero un ragazzino... avevo 14 anni... eee...
"sparami se devi sparare! Però mi stai sparando ingiustamente! Poi lui mi ha
guardato e mi ha detto: "ma lo sai che tu tieni i coglioni", mi ha detto, in dialetto!
Perché? Come le fai tu certe cose, posso farle anch'io! Quattordici anni, Anna! Ci
siamo seduti insieme..., ci siamo bevuti un amaro... a me mi aveva dato alla testa...
14 anni! Non bevevo, non fumavo sigarette! Mi ha detto... là vacci (all'Orsa Maggiore,
ndr), però vacci una volta sola là se... al... mese! Va bene! Ed io andavo una volta...
al mese e facevo... quello che dovevo fare (fonetico). Hai capito? Mi ha tenuto sempre
in simpatia!
PALERMO Anna: Oddio... io... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
No... io invece mi sono fatto freddo! Perché... quando tu ti fai
prendere dalla paura, Anna..., ricordati una cosa papà! Quando uno ti aggredisce... no? E tu ti
terrorizzi... lo fai forte! Quando uno ti aggredisce e tu gli rispondi, cioè lo aggredisci pure tu...
là... stanno zitti, zitti! Non devi mai essere...
PALERMO Anna: Oddio... però è stronzo!... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
sparare... quello là è venuto per farmi impaurire... non è che mi
ammazzava... magari mi sparava ad una gamba però io paura non ne ho avuto! E questo è
niente Anna, quello che ho passato a Cosenza a papà!
PALERMO Anna: E la Madonna ma dico io, questo Jhonny (fonetico) non è una cosa normale!
PALERMO Ernesto:
Già... ero una bestia quando ragazzino... facevo più paura una
volta che adesso! Adesso... mi sono calmato perché ci sei tu! Specialmente quando
sei nata tu, mi sono calmato tanto, ora c'è anche Giulia! (PALERMO Giulia, ndr)
PALERMO Anna: Ma tu che facevi?
PALERMO Ernesto:
Che facevo... mi facevo rispettare, Anna!
PALERMO Anna: Eri... (inc.le)...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 62 di 566
PALERMO Ernesto:
No! Non mi doveva rompere il cazzo la gente, è una cosa
diversa!
PALERMO Anna: Eh no... perché... uno...
...omissis...
[PALERMO Ernesto inveisce verosimilmente contro qualcuno che passa per strada. Anna ride].
PALERMO Ernesto:
A 14 anni ero qua solo, da solo! A casa di zio Rosalbino... mi
prendevo la cinquecento di zia Adele che camminavo senza patente! Avevo l'età tua!
PALERMO Anna: (ride) io proprio uguale! I tempi sono cambiati!
PALERMO Ernesto:
No, ma... come me, ce ne siamo pochi!
PALERMO Anna: ...(inc.le)... no ma... cioè... no è però comunque... non è comunque... una
cosa... una persona... (inc.le)... cioè uno che è così... gli puoi dire...
PALERMO Ernesto:
Al rispetto perché si spaventa la gente, non è che ha rispetto
perché lo rispettano.
PALERMO Anna: Perché... posso sapere che magari...
PALERMO Ernesto:
Ha rispetto la persona per timore... non per... come si dice... per...
perché ha rispetto! La rispettano solamente per timore!
PALERMO Ernesto offre una sigaretta alla figlia.
[21:51:39]
Qualcuno scende dall'auto, chiusura portiera.
Conversazione a carattere personale.
[21:53:25]
PALERMO Anna: Questo qua... può andare... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Chi?
PALERMO Anna: ...(inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Se ha scontato la pena ormai!
PALERMO Anna: Anche... quell'altro?
PALERMO Ernesto:
Quell'altro... "pacchiarotto" hai visto... Sandrino... (si riferisce a
NANIA Alessandro, alias Sandrino, ndr) te lo ricordi... quello che è sempre da Angelo (SALVO
Angelo, ndr)... quello grosso con quel giubbino di pelle...
PALERMO Anna: Brutto?
PALERMO Ernesto:
Eh!
PALERMO Anna: Coi capelli neri?
PALERMO Ernesto:
Eh!
PALERMO Anna: ...(inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Quello si è fatto 19 anni, quello lì!
...omissis...
PALERMO Anna: poi c'è... il fratello... (inc.le)... io pensavo che fosse il capo boss!
PALERMO Ernesto:
Sante parole!
PALERMO Anna: Poi c'è questo qua... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Poi ci sono quelli che hanno battezzato...
PALERMO Anna: (sussurra) A Giulia?
PALERMO Ernesto:
...i parenti! Non quello che... (inc.le)... i parenti! Quelli sono
più forti!
PALERMO Anna: ...ha fatto una...
[PALERMO Ernesto risponde fischiando]
PALERMO Anna: Veramente? Proprio cosi a free... oppure mandano...
PALERMO Ernesto:
Mandano, mandano!
PALERMO Anna: cioè tipo... che ne so...! Comunque non ne escono tipo...: "La Lecco" (testata
giornalistica, ndr)
PALERMO Ernesto:
No! Più ci son più di queste cose... e più si contendono il potere, il
territorio, capito? Allora, una guerra continua!
PALERMO Anna: Che cazzo vuol dire "si contendono il potere?"
PALERMO Ernesto:
Eeee... qua a Lecco ci sono, loro, c'è quello lì! Quello che ci
giro io! Il "Nano"! C'è tutta Lecco, Erba e Como! Sondrio... la comanda tutta lui!
PALERMO Anna: Cocco bello!
PALERMO Ernesto:
Lo chiamano... come lo chiamiamo noi... aspè...? "Cipollino"!
(TROVATO Mario, alias "cipollino", ndr) E'... un codice!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 63 di 566
PALERMO Anna: Che vorresti dire che cosa?... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Tutto quello che si muove... dell'illecito è tutto sotto controllo
suo!
PALERMO Anna: Ah! L'ill...! (illecito, ndr).
PALERMO Ernesto:
Illecito!
PALERMO Anna: L'ill...!... ah okay, perfetto ho capito!
PALERMO Ernesto:
Poi c'è... vari... "personaggini" per esempio... c'è questo che
c'ha questo bar qua, questo bar dove c'era Pasquale... che è un altro uomo loro! [ore
21:56:58] Questo! Quello che ha la casa... quello che mi somiglia... dicono... [localizzazione
Malgrate. Visconti Azzoni-angolo viale Aspromonte, ndr]
PALERMO Anna: ...(inc.le)...
PALERMO Ernesto:
dicono!
PALERMO Anna: E' inevitabile! Comunque! E poi c'è quello lì... quello lì non controlla niente?
PALERMO Ernesto:
Chi?
PALERMO Anna: Quello che si fa i capelli così...
PALERMO Ernesto:
Sandrino? (NANIA Alessandro, ndr)
PALERMO Anna: Eh!
PALERMO Ernesto:
Sandrino ha in mano questi ragazzi! Ma ora sono tutti a
mangiare da Mario (TROVATO Mario, ndr). Sono...
PALERMO Anna: ...(inc.le)... tutta la cricca
PALERMO Ernesto:
Tutta la "cricca" (si indica il gruppo criminale, ndr)
PALERMO Anna: Tranne il fratello che è a casa.
PALERMO Ernesto:
Il fratello di Mario (Franco COCO TROVATO, ndr)?
PALERMO Anna: eh!
PALERMO Ernesto:
E' in carcere, Anna!
PALERMO Anna: ahahhaa! Non è a casa?
PALERMO Ernesto:
Non esce più... è in carcere a vita! L'ergastolo è il carcere a vita, ti
arrestano e non esci più!
PALERMO Anna: Ah! Io pensavo che l'ergastolo, fosse a casa!
PALERMO Ernesto:
Quelli sono arresti domiciliari, è un'altra cosa! Poi c'è soggiorno
obbligato e poi c'è divieto di dimora!
...omissis...
PALERMO Ernesto spiega alla figlia Anna le differenze dei vari tipi di restrizione sopracitate e
spiega che il soggiorno obbligato è quello assegnato al figlio di Mario (TROVATO, ndr),
TROVATO Giacomo, che è uscito di prigione a luglio ed ha il soggiorno obbligato cioè non può
uscire fuori da Lecco fino al 24, giorno in cui ci sarà la sentenza della Cassazione e qualora gli
venisse riconfermata la condanna uscirà a 52 anni mentre, in caso contrario, si potrà fare 4 o
5 anni.
PALERMO Ernesto racconta alla figlia che Giacomo (TROVATO, ndr) ha già preso 18 anni di
carcere e finora ne ha scontati già 6 e le dice che fare il delinquente non è semplice ma ci si
assume delle responsabilità non indifferenti ed esclama: "Ti immagini se mi dicessero che
devo fare 10 anni di carcere senza vedere voi? A me? Mamma mia... mi scannerei
prima che entrassi in galera!”
[21:59:37]
PALERMO Anna: Però... 10 anni di carcere roba di quali...
PALERMO Ernesto:
Ma scherzi? Entrerei ora ed uscirei a 54 anni... ma tu sei pazza? Ma
a me... per arrestarmi non hanno niente, perché io non ho mai fatto nulla di illecito... io sono
sempre nel lecito!
PALERMO Anna: Sì, però ti dico... non è che uno... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Sì! Però... Anna... che vita è? Quattro mura larghe...
Perdita di segnale.
Il ruolo di PALERMO Ernesto e la stretta connessione dello stesso con l’ambiente della
malavita organizzata son oggetto anche di una conversazione ambientale di PALERNO
Ernesto all’interno della propria autovettura con l’amico DITTO Vincenzo. Nella
conversazione PALERMO mette in guardia l’interlocutore circa la pericolosità di alcuni
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 64 di 566
soggetti legati alla criminalità calabrese e in tale contesto non esita a manifestare gli stretti
rapporti e l’attività di supporto agli affari delle cosche calabresi nel territorio di Lecco.
PALERMO Ernesto precisa che, non solo è in grado di collaborare con le stesse ma che, è in
grado anche di dare disposizioni ai loro componenti in quanto tali persone sono disponibili a
seguire le sue indicazioni.
E’ da notare che in tal modo PALERMO rafforza la capacità di intimidazione della
cosca e contribuisce al clima di soggezione ed omertà dei singoli cittadini
connaturato al rafforzamento
del predominio criminale
della ‘ndrangheta sul
territorio.
Progressivo n. 1304 del giorno 03/03/2012, ore 10:52:19 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EJ708RG (R.R.I.T.
67/12) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
PALERMO Ernesto e DITTO Vincenzo salgono sull'autovettura.
PALERMO Ernesto:
compare Vincenzo, questo è un ragazzo buono (si riferisce a
GERACE Girolamo, ndr), la sua famiglia è legata con quelli (MANCUSO, ndr) che hanno
battezzato mia figlia, la piccola. Sì, ma ora non puoi fare niente! Con questi nomi qua, ormai,
non puoi fare niente Vincè! Tu, dove devi andare?
DITTO Vincenzo: al centro di Lecco!
PALERMO Ernesto:
ormai sono bruciati tutti.
[pausa di silenzio]
DITTO Vincenzo: con questo non puoi giocare, Ernesto!
PALERMO Ernesto:
eh?
DITTO Vincenzo: con questo non puoi giocare!
PALERMO Ernesto:
No, no! Sì, ma dopo a me... figurati! Io mando a fare le cose a
loro, cioè non è che... loro con me devono stare... però li tengo sempre partecipi, hai
capito? Non è che... come si dice...? Faccio una cosa... li ho mandati a fare una
cosa... ultimamente... sono andati e sono andati a farla! Però... questi sono ragazzi...
(inc.le)... a questi la testa gli fuma..., se ti tira una fucilata non gliene frega niente.
Sono bruciati con la testa, hai capito?
DITTO Vincenzo: Uh, uh!
...omissis...
Vincenzo dice che difatti, non appena ha sentito il cognome (GERACE, ndr) aveva
immaginato.
PALERMO Ernesto replica che il padre con lui, non appena lo chiama, si mette a
disposizione e appena gli dice di fare una cosa, gliela fa.
PALERMO Ernesto:
che con lui quando lo chiama si mette a disposizione, lui è un po’...
(inc.le)... parla troppo, però è un ragazzo buono, se gli dici di fare una cosa prende e te la fa, è
di quelli facili, poi lo vedi è uno che non ci pensa due volte.
PALERMO Ernesto:
con me mi sono... ci avevano fatto ammazzare... amici in comune
proprio, io sono andato là, ridevo... guardavo e ridevo... comunque lui... l'aveva girata, mi ha
detto a me: "adesso che devo fare mo’ con questo?”
PALERMO Ernesto si interrompe e gli chiede dove deve andare. DITTO Vincenzo risponde di
lasciarlo alle poste.
DITTO Vincenzo: per questo Ernesto... non giocare!.
PALERMO Ernesto:
ma io figurati, è una vita che sto con questa gente, Vincé! Qua,
la vita mia, so come si lavora. C'è gente che purtroppo con me... io non sono nessuno però...
come si dice? i santi in tasca li tengo pure io, poi Vincé... sono una persona che si
espone in prima persona, io non vado trovando... se c'è di fare una cosa e si può fare si fa.
DITTO Vincenzo: certo. Io sono contento che bisogna parlare chiaro nelle cose, cioè, parlare
così, a cazzo!
PALERMO Ernesto:
ma te l'ho detto io prima, se la vuoi fare una cosa, la fai, se no... un
discorso è fare una sollecitazione ed un discorso è che uno si prende l'impegno che gli
faccio prendere la pensione e se ne va... (inc.le)... mi dicono a me: "o... ma chi cazzo mi hai
portato?", poi, questo è uno tutto... mi hai capito? Sembra 'ndranghetista, hai visto come
parla? Non è che parla normale. Definitivo gli hanno dato quattro anni, gli hanno
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 65 di 566
dato quattro anni! Solo che non se li fa, perché se li farà o con i domiciliari o con il
soggiorno obbligato con il lavoro, adesso gli devo dare un mano, adesso gli devo
trovare qualcosa, ma adesso è un cazzo di periodo che, dove cazzo si và? Non voglio cercare
niente a nessuno!
DITTO Vincenzo: Allora Ernesto, ci sentiamo quando, lunedì?
PALERMO Ernesto:
Come sono da questo (tale MUCCIO, che ricopre una carica nel
Comune di Morbegno, ex preside della scuola di PALERMO Ernesto, ndr) ti chiamo, ti faccio
sapere! Va beh, te l'ho detto se è una cosa... forse è meglio la 'ndrangheta... che la
politica
DITTO Vincenzo: Compà, a quelli diglielo, eh! Oh! E non giocare (fonetico) con questi.
…omissis…
Le gerarchie all’interno della locale di Lecco e il ruolo di TROVATO Mario, rispetto agli altri
associati, emergono perfettamente da svariate conversazioni ambientali tra PALERMO
Ernesto e REDAELLI Antonello.
Gli interlocutori fanno riferimento alla situazione di soggezione degli associati nei confronti
di TROVATO Mario, soggezione legata al fortissimo timore che incute la famiglia TROVATO e
in particolare TROVATO Mario. In tali conversazioni PALERMO e REDAELLI indicano come
componenti del gruppo sottoposti a TROVATO Mario, LILLIU Saverio, NANIA Alessandro,
ISIMBALDI Luigi e ROMEO Antonino. I due commentano anche la situazione di
insoddisfazione all’interno dell’associazione per alcuni comportamenti eccessivi posti in
essere da TROVATO Mario e raffrontano la diversa caratura criminale dello stesso rispetto al
superiore livello delinquenziale del fratello TROVATO Franco.
Da sottolineare ovviamente che nella descrizione dei contorni dell’associazione REDAELLI e
PALERMO danno come scontata la loro appartenenza a tale nucleo associativo.
Telefonata n. 5635 del giorno 21/03/2012, ore 16:57:08 intercettata sull'utenza
n. 3345451581 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello e
diretta all'utenza n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
…omissis…
REDAELLI Antonello scherzando, chiede se lo fanno ancora entrare a Valmadrera e PALERMO
Ernesto risponde che fino a che "Cipollino" (TROVATO Mario, ndr) vorrà potrà, perché gli
altri non contano.
REDAELLI Antonello ride e dice che è vero.
PALERMO Ernesto dice: "c".
[17:57:21]
UOMO dice:
eee... smarca (fonetico)...sette...
Progressivo n. 19143 del giorno 22/03/2012, ore 18:06:06 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Presenti a bordo REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto.
Posizione iniziale: - Galbiate(Lecco) - ITA - 45.816815/9.373582 - 0 km/h
[18:07:52]
PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello entrano in auto.
…omissis…
[18:09:51] PALERMO Ernesto racconta a REDAELLI Antonello di un aperitivo fatto domenica a
Belledo in compagnia di TROVATO Mario, Baldo (ISIMBALDI Luigi, ndr) e Sarino (NANIA
Alessandro, ndr), lo stesso PALERMO Ernesto dice che il conto l'ha pagato tutto Baldo
(ISIMBALDI Luigi, ndr), inoltre, aggiunge dicendo che, se ci fosse stato Max (NASATTI
Massimo, ndr), lui (PALERMO Ernesto) non ci andava di sicuro, perché gli sta sulle scatole.
REDAELLI Antonello racconta che ieri sera, si trovava con Giacomo (TROVATO, ndr) in centro e
poi ha visto Max (NASATTI Massimo, ndr) e Tonino (ROMEO Antonino, ndr) e REDAELLI
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 66 di 566
Antonello sottolinea che eviterà di andare il mercoledì in centro così non incontrerà le persone
su indicate.
[18:10:47]
PALERMO Ernesto avverte REDAELLI Antonello di stare attenti per tutto, perché non gli piace
la situazione riferendosi a terze persone.
REDAELLI Antonello dice che la mattina va a prendere terza persona (TROVATO
Giacomo, ndr) per portarla in pizzeria ed a prendere un caffè insieme ma a causa del
proprio lavoro, erano tre giorni che non ci andava, aggiunge che porta Mario dentro la città
di Lecco per sbrigare le commissioni.
[18:12:22]
PALERMO Ernesto:
eh, ma non è... non sono tanto loro... è il contorno... non hai capito
un cazzo!
REDAELLI Antonello:
no, va beh, certo! Certo! Beh, ma guarda che Giacomo (TROVATO,
ndr) adesso, a parte che avrà il suo carattere, però vedi, di quella roba lì, ne vuole poca
attorno...
PALERMO Ernesto:
intanto ci gira...
REDAELLI Antonello:
eh lo so...
PALERMO Ernesto:
attorno no... quando mangiano là... prendono l'aperitivo assieme...
REDAELLI Antonello:
eh, lo so, lo so... infatti...
PALERMO Ernesto:
cioè... non è che ci vuole...
REDAELLI Antonello:
no, no, no...
PALERMO Ernesto:
tanto per... uno più uno... hanno fatto uno più uno con un cazzo di
bordello che arriva là... a fare un cinema, figurati te... a Parè... figurati...
REDAELLI Antonello:
sì, sì, eh beh, questi, quando devono fare il cinema lo fanno... e lo
fanno anche bene... son bravi e hai voglia... anche perché loro hanno... hanno tutto il potere di
farlo e va tutto (inc.le)... e non gli costa niente... tanto sul giornale ci vai, per dire, te, io chi per
esso...
PALERMO Ernesto:
certo
REDAELLI Antonello:
ed allora a lui, non gliene frega più un cazzo...
…omissis…
[18:21:23]
REDAELLI Antonello chiede a PALERMO Ernesto se sta vedendo terza persona (TROVATO
Mario, ndr) e dice che domenica si è visto ma che anche quando va (TROVATO Mario, ndr) a
mangiare in Valtellina non lo chiama più, anche perché terza persona (TROVATO Mario, ndr)
gli ha detto chiaramente di non chiamarlo più con il telefono, perché non si sa mai, a lui ha
dato fastidio che gliel'ha detto davanti alle persone e quindi si è allontanato.
PALERMO Ernesto dice a REDAELLI Antonello che sono loro a dare valore alle persone.
[18:22:34]
PALERMO Ernesto:
16 anni che lui (TROVATO Mario, ndr) è stato in carcere, e 4 anni il
figlio (TROVATO Giacomo, ndr) io ho "campato" lo stesso eh!
REDAELLI Antonello:
a sì! Ahi voglia, sì, sì... alla grande!
PALERMO Ernesto:
dai che gli diamo importanza noi alla gente, Antonè, ricordati quello
che ti dico io...
REDAELLI Antonello:
che cos'è?
PALERMO Ernesto:
siamo noi che valorizziamo le persone
REDAELLI Antonello:
sì, sicuramente, in questo caso proprio sì... in questo caso proprio sì
PALERMO Ernesto:
c'è... il fratello (TROVATO Franco, ndr) non è così???
REDAELLI Antonello:
ma vaaaa...
PALERMO Ernesto:
ma non c'è paragone!
REDAELLI Antonello:
ma vaaa... e che sai su questo qua... essendo qua lui
(TROVATO Mario, ndr)... dentro quello là (TROVATO Franco, ndr) così sia, si atteggia lui
(TROVATO Mario, ndr) però non è cheee...
PALERMO Ernesto:
allora, e con te ha a che dire, e con Saverio (LILLIU Saverio,
ndr) ha da ridire, e con me ha da ridire, con Sarino (NANIA Alessandro, ndr) ha da
ridire, con Baldo (ISIMBALDI Luigi, ndr) ha da ridire
REDAELLI Antonello:
con tutti... con tutti
PALERMO Ernesto:
con Tonino ROMEO (ROMEO Antonino, ndr) ha da ridire, sono
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 67 di 566
sempre là però, hai capito quello che voglio dire?
REDAELLI Antonello:
eh, ma escludilo...guarda che questo qua...eh va beh... (inc.le)... ci
parli tu poi...
PALERMO Ernesto:
l'hai preso in pieno proprio...
REDAELLI Antonello:
ascoltami Ernesto questo qua è un discorso che abbiamo già fatto
più di una volta, se molliamo... se l'avessimo mollato noi! Questi quattro, cinque lì? Che sono
quelli che tu dici? (LILLIU Saverio, NANIA Alessandro, ISIMBALDI Luigi, ROMEO Antonino,
ndr), lui (TROVATO Mario, ndr) non ha più nessuno, lo sai o no? Lui non c'ha più nessuno, lui
non può uscire con nessuno! Non è poco...
PALERMO Ernesto:
poi lui (TROVATO Mario, ndr) si mette... a fare: "voi state con me
solo perché avete paura!"
REDAELLI Antonello:
non c'ero quella domenica mattina, c'eri tu?
PALERMO Ernesto:
no, me lo ha raccontato lui (TROVATO Mario, ndr), a me, quando me
lo ha detto, l'ho guardato ma... ho detto: "ma farmi star zitto!!!"
REDAELLI Antonello:
ma sì, ma cosa cambia, non cambia niente
PALERMO Ernesto:
la differenza tra noi e lui (TROVATO Mario, ndr), è che lui chiama
a quattro zingari e ti deve nominare una fucilata perché... ancora c'è qualcuno che...
REDAELLI Antonello:
sì beh, qualcosa, qualche "vicino..." ce l'ha
PALERMO Ernesto:
per loro...
REDAELLI Antonello:
qualche amicizia ce l'ha, eh
PALERMO Ernesto:
però la gente è esasperata, eh?
REDAELLI Antonello:
è lo so, deve stare attento [ride]
PALERMO Ernesto:
la gente è esasperata oggi, per colpa...
REDAELLI Antonello:
sì... sì..., i nervi sono a fior di pelle, se no, una volta avevano un po'
più pazienza... adesso un po’ meno, eh! Adesso un po’ meno...Adesso un po’ meno...
PALERMO Ernesto:
lascia stare che uno è tranquillo, ha il suo lavoro, bene o male ci
sguazza ancora, riesce a tirare... parliamo di noi due
REDAELLI Antonello:
va beh
PALERMO Ernesto:
c'è tanta gente che è... con la canna del gas e arrivi là, e ci
vai a fare il recupero credito... (si riferiscono a TROVATO Mario, ndr) non lo so come la
vedono (PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello ridono, ndr), eh! Se fosse venuto uno da
me, per dirti, a settembre... a luglio, a cagarmi il cazzo l'avrei ammazzato con il "veleno" di
Parè! Cioè, è la circostanza...
REDAELLI Antonello:
certo... certo...
...omissis…
L’appartenenza a pieno titolo di PALERMO Ernesto e RADAELLI Antonello al nucleo
associativo guidato da TROVATO Mario è del resto oggetto di ulteriori conversazioni tra gli
stessi in ordine al ruolo di TROVATO Mario e ai rischi di una possibile indagine penale nei
loro confronti.
Progressivo n. 5173 del giorno 15/06/2011, ore 17:20:55 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto in auto, vanno a vedere le piastrelle.
Durante il viaggio in auto, i due parlano della gestione e dei lavori del lido, inoltre si
raccomandano circa l'impegno e la dedizione che tutti dovranno avere.
I due si lamentano di TROVATO Mario dicendo che in quest'operazione sta facendo tanti
"disastri".
[17:27:35]
[17:28:46] PALERMO Ernesto chiede a REDAELLI Antonello conferma sulla presenza della
macchina di terza persona (TROVATO Mario, ndr), e REDAELLI Antonello conferma e
aggiunge che sarà da Angelo.
REDAELLI Antonello afferma che TROVATO Mario in quest'ultimo periodo è sempre con
BONGARZONE Claudio, col quale si sente e si vede spesso; PALERMO Ernesto non è
dispiaciuto di questo e dice che giustifica la sua mancanza di disponibilità con la scusa della
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 68 di 566
bimba.
[17:30:35]
PALERMO Ernesto:
Secondo me... pian pianino stiamo diventando i nuovi
esponenti del clan TROVATO a Lecco! tu facci caso...o no?
REDAELLI Antonello:
e se ci pensi anche a quelle cose lì allora... cosa fai...? va
beh ma quello poi è tutto da dimostrare, però... sempre parole inutili... però...
PALERMO Ernesto:
dimostrare... intanto quello dimostra dimostra... si
sono fatti 20 anni di carcere... poi l'hanno dimostrato...
REDAELLI Antonello:
ahahahah...loro come facevano a dimostrare che non
era vero! adesso è un pour parleer no... come fanno a dire a me? che io faccio parte
tra virgolette...
PALERMO Ernesto:
a te... e a me...?
REDAELLI Antonello:
te magari c'è un po’ di più... ma a mè...come fanno a dirlo?
PALERMO Ernesto:
a dici "perché tu sei meridionale...perché..."
REDAELLI Antonello:
va beh però sai bene o male...
PALERMO Ernesto:
a me anzi hanno difficoltà...come si dice... a
dimostrarlo perché... i legami ci sono con un'altra famiglia ancora...
REDAELLI Antonello:
oltre tutto tu sei molto più compromesso...
PALERMO Ernesto:
no...anzi...
REDAELLI Antonello:
cioè a me cosa mi possono dire...? "si è vero lo conosco..." "ma lui
sta facendo" "eh si è vero gliel'ho chiesto io", cioè io non nego niente è una realtà di fatto..."eh
ma lui è andato giù a trattare", e cazzo l'ho mandato giù io e certo che è andato a trattare, "c'è
l'ha lei un rompi coglioni così per i fornitori? me lo porti..."
PALERMO Ernesto:
io dico "ma non è che ha la lebbra scusi"
REDAELLI Antonello:
non ho capito! qual è il problema. "Se mi dimostra che mi ha dato
soldi per dire..."
PALERMO Ernesto:
Ascolta ma tu guarda agli occhi della magistratura è
il "clan"...inc.le...
REDAELLI Antonello:
Ascolta... ma guarda che la prima mafia in Italia è il
governo...
PALERMO Ernesto:
Non hai capito il nostro... ma come siamo messi noi...
REDAELLI Antonello:
Ha ma l'ha va bene...
PALERMO Ernesto:
Eh si è...
REDAELLI Antonello:
Volendo... però è sempre da dimostrare e no... stai parlando
sempre di gente incensurata eh io, te...
PALERMO Ernesto:
Saverio...
REDAELLI Antonello:
E no... Saverio no...
PALERMO Ernesto:
E scusa è stato condannato recentemente...
REDAELLI Antonello:
E si recentemente... a ma io non ho fatto un cazzo... scusa...
lasciamo stare... si poi tu pensavi di non fare un cazzo ci
credo
anche perché è una cazzata che hai fatto nella vita e l'hai pagata pure!
PALERMO Ernesto:
E cara...
REDAELLI Antonello:
E cara... una cacata ha fatto ohh...
PALERMO Ernesto:
Se dovevo pagare io quello che ho fatto io... a Mario
l'avrei passato...
REDAELLI Antonello:
In curva però...
PALERMO Ernesto:
Io non sono stato mai tranquillo eh... io non ho mai tollerato
la violenza nel senso...
REDAELLI Antonello:
Non l'hai mai subita eh...
PALERMO Ernesto:
Però se la subisco... non me ne frega un cazzo come si
chiamano... chi sono... chi non sono... due sono le soluzioni o la mia o la sua...
REDAELLI Antonello:
e lo so... però sai dopo ad un certo punto...allora...può essere che in
una parte della vita uno... però quando poi comincia ad aver famiglia... figli... robe del
genere... dopo certi... certe... io lo so...
PALERMO Ernesto:
no Antone'... io ce l'ho nell'indole hai capito?
REDAELLI Antonello:
lo so Erni però
PALERMO Ernesto:
come lui...(TROVATO Mario, ndr) quando sbagli una volta nella vita
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 69 di 566
REDAELLI Antonello:
lo so però dopo ci pensi di più...
PALERMO Ernesto:
ti è capitato a te di prendere la macchina ed investire ad uno
REDAELLI Antonello:
no
PALERMO Ernesto:
di botto...se tu lo fai una volta poi...dopo
REDAELLI Antonello:
metti che ti piace pure! (Ride)
PALERMO Ernesto:
dopo...vaffanculo prendi eehh...
REDAELLI Antonello:
e lo metto sotto
PALERMO Ernesto:
ti viene spontaneo
REDAELLI Antonello:
però voglio dire...si questi discorsi possono venire...o per lo meno...ti
possono venire sempre...però hanno un certo tipo di discorso...non so... all'inizio
PALERMO Ernesto:
no! ti spiego subito...se mi succede con te...nel senso in una lite...se
tu sei una persona normale...ma se mi succede con un delinquente che vuol fare il delinquente
più del dovuto...
REDAELLI Antonello:
certo
PALERMO Ernesto:
allora la l'ammazzo!...non me ne frega un cazzo
REDAELLI Antonello:
allora prendo le misure
PALERMO Ernesto:
un nome me lo faccio io
REDAELLI Antonello:
va be è chiaro dopo tu...è chiaro che uno non subisce...io parlo
anche cosi però fortunatamente nella mia vita non ho subito...cioè nel senso...non ho mai
litigato... non ho cacato il cazzo... a nessuno... non ho avuto modo...
...omissis...
[17:34:55]
In auto sale TROVATO Mario e dice che bisogna andare nella stessa via del "bar della lupara"
in via G. di Vittorio.
Si interrompe il progressivo
In un’ulteriore conversazione dell’aprile 2011, sempre tra PALERMO e REDAELLI, il primo
fa esplicito ed allarmante riferimento all’utilizzo da parte sua dei rapporti con la struttura di
‘ndrangheta a vantaggio della propria carriera politica. Il rapporto con il clan TROVATO
aveva consentito la sua elezione nel consiglio comunale di Lecco ma PALERMO con
rincrescimento precisa che se avesse potuto contare sul sostegno di TROVATO Franco ,
personaggio di eccezionale livello criminale nell’ambito della ‘ndrangheta, a questo punto
sarebbe stato assessore. I due commentano ancora la minore carattura criminale di Mario
TROVATO ed una certa pigrizia da parte sua nell’intraprendere nuove iniziative che gli
avrebbero potuto assicurare vantaggi economici.
In tale conversazione si fa anche riferimento ai rapporti parentali di ADDISI Calogero Luigi e
OLIVERIO Antonio con la famiglia MANCUSO e questo in relazione ad un incontro
programmato con OLIVERIO assieme a TROVATO Mario di cui si dirà in seguito 6
Progressivo n. 929 del giorno 27/04/2011, ore 09:46:46 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
6
Emergeva, inoltre, un collegamento tra PALERMO Ernesto e dipendente della Milano–Serravalle e Milano Tangenziali S.p.A., società soggetta al
controllo ed al coordinamento della Provincia di Milano, responsabile dell’ufficio acquisti <<…lui fa il direttore a Serravalle, il compare di mia
figlia…>>.
ADDISI Calogero Luigi era marito di CORSARO Annunziata, sorella di Rosaria, moglie di OLIVERIO Antonio; era legato inoltre allo stesso
PALERMO Ernesto, in quanto era il padrino della figlia avendola tenuta a battesimo durante la cerimonia religiosa <<…MANCUSO famiglia
MANCUSO no MANCUSO le chiacchiere è il genero legittimo di Nuzzo MANCUSO nonché sorella di Ciccio MANCUSO… …il suo cognato,
Luigi, ha battezzata mia figlia la piccolina, l'abbiamo battezzata in Calabria e da allora non l'ha vista più…>>.
Le sorelle CORSARO Annunziata e Rosaria erano nipoti di primo grado di MANCUSO Francesco classe 1929, cugine di MANCUSO Salvatore
classe 1967, attualmente residente a Giussano (MB).
ADDISI Calogero Luigi e OLIVERIO Antonio erano considerati da PALERMO Ernesto persone importanti <<…sono alti livelli non livelli di
base…>> e rimpiangeva nuovamente il fatto che TROVATO Franco fosse detenuto, poiché, se fosse stato in libertà, lo stesso PALERMO Ernesto
avrebbe potuto ambire a cariche politiche ben più elevate rispetto a quelle ottenute grazie a TROVATO Mario <<…se c'era Franco fuori ed io ero in
questa posizione qua ed andavo da lui e dicevo che potevo avere la possibilità di essere eletto… mi faceva eleggere! andava lui a contrattare
l'assessorato…>>.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 70 di 566
REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto in auto.
Conversano circa l'incarico politico ricoperto da PALERMO Ernesto; alle ore [09:49:24]
= omissis =
[10:00:09]
REDAELLI Antonello:
hai capito perché le cose da fare ci sono, ma come fai a farle
con quell'ostia qua, io gli ho anche detto ma scusa tu stai da parte poi la
provvigione la prendi, non ti preoccupare lo vedi che però lui vuole fare vuole
intervenire vuole
PALERMO Ernesto:
è così...
REDAELLI Antonello:
non puoi fare un cazzo e io non
PALERMO Ernesto:
è l'amore è l'amore cosa vuoi che ti dica ma lascia stare Anto non ci
pensare proprio
REDAELLI Antonello:
no no mi dispiace perché ci sono le cose da fare
PALERMO Ernesto:
noi facciamo quello che dobbiamo fare e basta
REDAELLI Antonello:
mi dispiace perché ci sono le cose da fare in giro c'è da fare
Ernesto...
PALERMO Ernesto:
non ha più voglia di fare le cose
REDAELLI Antonello:
ho capito però ha voglia cagare il cazzo però figa, non ha voglia di
fare lui però deve rompere anche il cazzo anche agli altri però
PALERMO Ernesto:
lui sta bene adesso pane e cipolla
REDAELLI Antonello:
va bene non c'è problema, stai lì qualche euro te lo diamo tutti
i mesi non ti preoccupare ma stai lì tranquillo e non cagare il cazzo perché non
sembra ma se apri la sala giochi là, se non c'è dietro lì lui cazzo se (inc.le)
PALERMO Ernesto:
se noi andiamo adesso da questo eh quello l'accordo oggi,
non solo mi faccio un po’ di moneta, inizio a farmi qualche soldino, ma in più
abbiamo la porta aperta al Consiglio Comunale di Milano
REDAELLI Antonello:
eh
PALERMO Ernesto:
eh!
REDAELLI Antonello:
però sai che con dietro questo hai fatica a far tutto te lo dico
io fai fatica a far tutto... far tutto dopo lui può sempre il becco quella cosa qua non
và a destra non va a sinistra, è perché non lo sa neanche lui, però lui deve dire
così...
PALERMO Ernesto:
tu vieni con me stamattina senza problemi
REDAELLI Antonello:
quando vuoi eh quando è (inc.le)...inizialmente quando andava
in escandescenza con Mario non è che mi preoccupavo dico m (inc.le) minchia adesso
(inc.le) mi frega un cazzo, grida quando cazzo vuoi, quando ha finito ha finito non
me ne frega un cazzo
PALERMO Ernesto:
tanto fa solo bau bau
REDAELLI Antonello:
eh infatti
PALERMO Ernesto:
là chi ci rispetta era solo Franco
REDAELLI Antonello:
esatto
PALERMO Ernesto:
Franco non è che gridava
REDAELLI Antonello:
eh infatti quello (inc.le)
PALERMO Ernesto:
eh eh
REDAELLI Antonello:
la differenza è quella poi alla fine
PALERMO Ernesto:
Franco PUM (fonetico simula uno sparo d'arma da fuoco ndr)
REDAELLI Antonello:
eh va beh quello là è conosciuto
PALERMO Ernesto:
conosciuto
REDAELLI Antonello:
eh beh era conosciuto
PALERMO Ernesto:
io non parlo perché non mi interessa parlare... ma io
conosco meglio a lui, meglio Franco che lui, Franco era a Cosenza tutti i mesi
REDAELLI Antonello:
si?
PALERMO Ernesto:
Franco è quello che ha fatto la Pax in Calabria
REDAELLI Antonello:
figa
PALERMO Ernesto:
è stato il promotore della Pax
REDAELLI Antonello:
era diventato un bel livello ultimamente
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 71 di 566
PALERMO Ernesto:
io ero un ragazzino, tutti i boss io tutti i boss li conosco tutti,
io c'ho lo stesso rapporto con il boss, quello che abbiamo visto lì, quello era
MANCUSO quello che ci ha fatto vedere il locale
REDAELLI Antonello:
quale? la...
PALERMO Ernesto:
quello l'Arco (fon.)
REDAELLI Antonello:
ah!
PALERMO Ernesto:
MANCUSO famiglia MANCUSO no MANCUSO le chiacchiere è il
genero legittimo di Nuzzo MANCUSO nonché sorella di Ciccio MANCUSO
REDAELLI Antonello:
minchia (inc.le)! hai detto niente
PALERMO Ernesto:
eh, e il suo cognato, Luigi, ha battezzata mia figlia la
piccolina, l'abbiamo battezzata in Calabria e da allora non l'ha vista più...
REDAELLI Antonello:
no?
PALERMO Ernesto:
è perché son gente seria,
REDAELLI Antonello:
va beh no certo
PALERMO Ernesto: eh!... lui fa il direttore a Serravalle, il compare di mia figlia
REDAELLI Antonello:
son livelli
PALERMO Ernesto:
sono alti livelli non livelli di base
REDAELLI Antonello:
no
PALERMO Ernesto:
se c'era Franco fuori ed io ero in questa posizione qua ed
andavo da lui e dicevo che potevo avere la possibilità di essere eletto
REDAELLI Antonello:
ti faceva eleggere
PALERMO Ernesto:
mi faceva eleggere! andava lui a contrattare l'assessorato
REDAELLI Antonello:
ma non ci andava neanche
PALERMO Ernesto:
ma per dirti
REDAELLI Antonello:
ti mandava, delegava, mo vive di ricordi ed i ricordi non servono un
cazzo
PALERMO Ernesto:
ma va
REDAELLI Antonello:
son cambiati i tempi 20 anni sono tanti eh io non capisco che tutti i
giornali continuano a scrivere tutti i giorni e qua e là e su e giù, cazzo non vedono che è
successo... non vedono... ma, però sai questo qua intanto a lui due tre qua lo cercano
ancora e lui...
PALERMO Ernesto:
eh...
REDAELLI Antonello:
vengono da Milano ed hanno bisogno di me... di mettere a
posto le cose
PALERMO Ernesto:
poi si piglia alcune gabbole che non dovrebbe nemmeno
REDAELLI Antonello:
infatti, gabbole proprio
PALERMO Ernesto:
cazzo me ne frega a me che ti devono dare i soldi... ma
s'ammazzassero... cioè un discorso che tu devi riscuotere dei soldi allora mi metto in
mezzo...
REDAELLI Antonello:
son tuoi però i soldi... non degli altri
PALERMO Ernesto:
dico io Antonello è un amico mio è un discorso diverso siamo
insieme stiamo facendo stiamo disfando mi ci posso pure andare ad ammazzare
quella persona
REDAELLI Antonello:
voglio dire sicuramente è un interesse
PALERMO Ernesto:
eh! se so che Antonello piglia non lo sò 100.000,00 euro deve
riscuotere 100,000,00 euro piglia 10.000,00 euro e mi dice to’ vai a farti un viaggio... si
REDAELLI Antonello:
si infatti è così che funziona
Omissis i due individui sono arrivati sotto l'ufficio della persona che devono incontrare
b) I rapporti perduranti dell’associazione con TROVATO Franco. I contatti con lo stesso da
parte del nucleo familiare dei TROVATO durante la detenzione.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 72 di 566
Come già anticipato in premessa TROVATO Franco alias COCO – TROVATO Franco risulta
attualmente detenuto presso la Casa di reclusione di Terni in quanto pluricondannato in
via definitiva all’ergastolo per numerosi omicidi oltre che per il delitto di cui all’art.416 bis
cp.. Per tali fatti
veniva condannato dalla Corte d’Assise di Milano in data 26.4.1997 7
condanna sostanzialmente confermata dalla Corte di Assise di Appello e passata in giudicato
a seguito della sentenza della Corte di Cassazione pronunciata in data 1.2.20028.
Emerge dall’attività di indagine che nonostante in questi ultimi anni si siano diradate le
visite in carcere di TROVATO Mario al fratello, visitato invece regolarmente almeno sino al
2008-2009, tale interruzione non ha interrotto il flusso di messaggi ed informazioni fatti
pervenire a TROVATO Mario dal carcere attraverso le visite degli altri prossimi congiunti.
Si ricava soprattutto dalle indagini che tale interruzioni dei colloqui, lungi dal derivare da
contrasti tra i congiunti, è stata funzionale ad una precisa strategia processuale ideata
dallo stesso TROVATO Franco al fine di tutelare da possibili iniziative giudiziarie i
componenti della famiglia ancora in libertà e per proteggere la stessa persona di TROVATO
Franco da ripercussioni negative in ordine a possibili futuri benefici nel trattamento
penitenziario. Una strategia in cui si inseriscono anche alcune iniziative dal carcere di
TROVATO Franco con dichiarazioni riprese dalla stampa tendenti ad avvalorare una sua
parziale presa di distanza dalla logica criminale mafiosa.
Si ricava così, da una intercettazione ambientale a bordo dell’autovettura di TROVATO
Mario tra questi e PALERMO Ernesto nel corso della quale i due facevano alcuni riferimenti
alla situazione carceraria di TROVATO Franco , che
TROVATO Mario aveva avuto
disposizioni direttamente da Franco di non recarsi a fargli visita, proprio per non destare
sospetti e particolari attenzioni da parte delle di Magistratura e forze di PG <<…ma Franco
dov'è ora?… …a Terni... ma tu ci puoi andare a trovarlo?... dice: "non venire perché
sennò poi pensano che mi dici qualche cazzo, qualche qualcosa e ci vengono per
fotterti ancora”…>>.
Emerge dunque
chiaramente,
oltre al particolare carisma ed alla posizione
preminente attuale nella ‘ndrina di TROVATO Mario in relazione anche al rapporto
con il fratello ergastolano, l’ esigenza generale di tutelare le attività delittuose e gli
investimenti legali della famiglia TROVATO e l’interesse specifico di TROVATO
Franco nel salvaguardare il fratello Mario da eventuali investigazioni che avrebbero
potuto compromettere gli interessi dell’intera famiglia TROVATO.
Progressivo n. 3011 del giorno 25.11.2011, ore 10.22 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo Mercedes ML targato
DB781HZ (R.R.I.T. 2561/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in
lingua italiana.
PALERMO Ernesto:
ma Franco dov'è ora?
TROVATO Mario: a Terni...
PALERMO Ernesto:
a Terni... ma tu ci puoi andare a trovarlo?
TROVATO Mario: sì...
PALERMO Ernesto:
ma vai?
TROVATO Mario: sì, solo che lui non vuole
PALERMO Ernesto:
da quando non lo vedi?
TROVATO Mario: no... sono andato... l'anno scorso...
PALERMO Ernesto:
aah non vuole che vai?
TROVATO Mario:
Non vuole, “no... no...” dice: "non venire perché sennò poi
pensano che mi dici qualche cazzo, qualche qualcosa e ci vengono per fotterti
ancora (parola incomprensibile)", dice
PALERMO Ernesto:
ma come sta?
TROVATO Mario: sta bene... magari scendo per Natale... (parola incomprensibile)
Pasqualino...inc.le...
PALERMO Ernesto:
quanti anni sono che deve stare là?
-
7
8
vgs. ALLEGATO A - sentenza Annacondia+altri (allegato presente esclusivamente in formato elettronico su supporto informatico);
(vgs. ALLEGATO N. 23 Estrapolazione dal sistema informativo del casellario giudiziale di TROVATO Franco
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 73 di 566
TROVATO Mario: …che non esce proprio!
PALERMO Ernesto:
non esce proprio…
TROVATO Mario: eh dal novantadue... diciannove anni... questi ancora il 41…
PALERMO Ernesto:
non è caduto il 41?
TROVATO Mario: sì... non (parola incomprensibile) ora è finito tutto il processo sai! Venti
giorni fa... un mese fa...
PALERMO Ernesto:
ma sempre quello vecchio?
TROVATO Mario: quello vecchio ora è finito... quello dell'omicidio di "cologno falena"(fonetico)
PALERMO Ernesto:
ma lui quanti ergastoli ha avuto? Quattro... cinque...?
TROVATO Mario: (parola incomprensibile) ad uno sette ad un altro ne ha presi quattro...
(parola incomprensibile) sono quindici
PALERMO Ernesto:
ergastoli?
TROVATO Mario: sì... ma sempre un ergastolo
PALERMO Ernesto:
ci vorrebbe una cazzo di legge per toglierli questi ergastoli!
TROVATO Mario: se c'era Bertinotti... volevano cacciare (parole incomprensibili)
PALERMO Ernesto:
quel cornuto di Martelli (Fonetico) (parola/e incomprensibile/i) lo
cacciava
TROVATO Mario: eeh... l'unico che lo poteva togliere
PALERMO Ernesto:
l'unico era lui
TROVATO Mario: si è dimesso...(parola/e incomprensibile/i)
PALERMO Ernesto:
poi ha sbagliato lui ed è uscita la camorra, ha sbagliato e
gliel'hanno fatta pagare... una cazzo di mentalità questi napoletani fuori dal normale...
mamma mia! Ha sbagliato lui, Mario, lui si è ingordito del soldo.
TROVATO Mario: si è fatto troppo coinvolgere lui...
OMISSIS
Si riscontra anche naturalmente la consapevolezza da parte degli indagati che i colloqui
delle persone detenute in regime di 41 bis vengono per legge registrati.
Progressivo n. 2216 del giorno 12/08/2011, ore 16:36:30 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di TROVATO Mario si sente la voce di TROVATO Mario e di Alexandra IVASHKOVA:
TROVATO Mario parla di un ristorante e di gastronomia.
TROVATO Mario dice che Palmerino RIGILLO gli ha detto: "Me lo immaginato che venivi tu,
perché quando arrivano cosi presto, arrivi solo tu".
Alexandra IVASHKOVA chiede a TROVATO Mario che cosa gli ha detto (RIGILLO Palmerino
ndr).
TROVATO Mario dice che li dentro è tutto registrato, mica puoi parlare.
TROVATO Mario racconta di essere stato in carcere.
Nel periodo oggetto di monitoraggio TROVATO Franco effettua i seguenti colloqui visivi con
familiari9:
il 14.08.2008,
con
CIARAMAGLIA Emanuele;
il 25.09.2008,
con
CIARAMAGLIA Francesca;
il 27.11.2008,
con
il 11.12.2008,
con
CIARAMAGLIA Francesca;
il 19.02.2009,
con
il 19.03.2009,
con
Franco;
-
9
vgs. ALLEGATO N. 24;
il fratello Mario, con la figlia TROVATO Giuseppina e
TROVATO Giuseppina, CIARAMAGLIA Emanuele e la nipote
la moglie MUSOLINO Eustina e con il figlio VILLA Franco;
CIARAMAGLIA
Emanuele,
la
figlia
Giuseppina
e
la figlia Giuseppina e CIARAMAGLIA Emanuele;
MUSOLINO Eustina, il fratello TROVATO Rosario e VILLA
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 74 di 566
il 09.04.2009,
con CIARAMAGLIA Francesca, TROVATO Giuseppina e
CIARAMAGLIA Emanuele;
il 21.05.2009,
con MUSOLINO Eustina e VILLA Franco;
il 18.06.2009,
con TROVATO Giuseppina e CIARAMAGLIA Emanuele;
il 23.07.2009, con TROVATO Mario e VILLA Franco;
il 27.08.2009, con MUSOLINO Eustina e VILLA Franco;
il 24.09.2009, con CIARAMAGLIA Emanuele;
il 29.10.2009,
con MUSOLINO Eustina, VILLA Franco e la nipote ALCARO
Vanessa;
il 26.11.2009, con CIARAMAGLIA Emanuele e VILLA Franco;
il 21.01.2010, con VILLA Franco e CIARAMAGLIA Emanuele;
il 18.03.2010, con MUSOLINO Eustina e VILLA Franco;
il 22.04.2010,
con VILLA Franco e MUSOLINO Eustina;
il 27.05.2010, con TROVATO Giuseppina e CIARAMAGLIA Francesca;
il 22.07.2010, con CIARAMAGLIA Emanuele;
il 26.08.2010, con MUSOLINO Eustina, VILLA Franco e il fratello TROVATO Pino;
il 30.09.2010, con CIARAMAGLIA Emanuele e TROVATO Giuseppina;
il 28.10.2010, con VILLA Franco;
il 23.12.2010, con CIARAMAGLIA Emanuele;
il 27.01.2011, con VILLA Franco, MUSOLINO Eustina e con i figli di Mario, TROVATO
Franco e TROVATO Sharon;
il 24.02.2011, con VILLA Franco;
il 31.03.2011, con CIARAMAGLIA Emanuele e TROVATO Giuseppina;
il 28.04.2011, con VILLA Franco e RIGILLO Giovanni;
il 12.05.2011, con CIARAMAGLIA Emanuele, TROVATO Giuseppina, CIARAMAGLIA
Francesca, e CIARAMAGLIA Alessandro;
il 30.06.2011, con VILLA Franco;
il 28.07.2011, con CIARAMAGLIA Emanuele, CIARAMAGLIA Francesca e TROVATO
Giuseppina;
il 25.08.2011, con VILLA Franco e MUSOLINO Eustina;
il 27.10.2011, con VILLA Franco;
il 24.11.2011, con VILLA Franco;
il 15.12.2011,
con MUSOLINO Eustina ed in nipoti figli di Mario, TROVATO
Franco e TROVATO Sharon.
Il 26.01.2012, con VILLA Franco;
Il 23.02.2012, con CIARAMAGLIA Emanuele e TROVATO Giuseppina;
-
TROVATO Mario dunque si era recato a colloquio con il fratello Franco solo nell’agosto 2008
e nel luglio 2009.
I contatti, seppure limitati, tra TROVATO Mario e il fratello Franco vengono in realtà tenuti
e sono resi possibili in primo luogo tramite terze persone autorizzate al colloquio con il
detenuto in carcere in regime di 41 bis: uno fra questi veniva indicato da TROVATO Mario
come PISANI Pasqualino <<…Pasqualino…>>.
PISANI Pasqualino10 è compagno di RIGILLO Maria Rosa ed ha tenuto svariati colloqui in
carcere con TROVATO Franco 11
Si deve rilevare quanto annota la PG operante nei confronti della figura di PISANI
Pasqualino.
10
11
nato il 29.5.1976 a Catanzaro;
il 23.10.2008, in compagnia di MUSOLINO Eustina;
il 22.01.2009,
in compagnia di VILLA Franco e MUSOLINO Eustina;
il 17.12.2009,
il 22.02.2010,
in compagnia di RIGILLO Domenico;
il 24.06.2010,
in compagnia di TROVATO Palmerina e RICCELLI Orlando;
il 25.11.2010,
il 29.09.2011,
in compagnia di TROVATO Rosario e di RICCELLI Francesco11.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 75 di 566
“..PISANI Pasqualino era già noto poiché oggetto di pregresse indagini nell’ambito
dell’operazione denominata “Oversize” (eseguita dalla D.D.A. di Milano – Procedimento Penale
n. 31149/01 – n. 10309/03 – n. 42859/03 – n. 3885/05 R.G.N.R. mod. 21 – n. 6500/01
R.G.G.I.P.). È fratello di PISANI Sergio12, ucciso a colpi di kalashnikov in un agguato del 19
settembre 2005 a Catanzaro nel quartiere Lanò, dove la cronaca giudiziaria del tempo lo
evidenziava quale affiliato alla famiglia ‘ndranghetista del “Grande Aracri” in lotta con le
‘ndrine “Dragone/Arena” di Isola Capo Rizzuto (KR).
Sempre nell’ambito dell’operazione “Oversize”, nelle more della guerra di ‘ndrangheta tra le
famiglie rivali, il PISANI Pasqualino, nel corso di un colloquio carcerario con TROVATO Franco,
riceveva il consiglio da parte dei quest’ultimo, per ragioni cautelative, di emigrare
temporaneamente negli Stati Uniti.
RIGILLO Maria Rosa infatti, riferiva a TROVATO Mario che PISANI Pasqualino si trovava in
America per ragioni “amministrative” e che sarebbe ritornato verso i primi giorni del mese di
maggio 2010.”
Telefonata n. 170 del giorno 12/04/2010, ore 18:44:11 (R.R.I.T. 1253/10)
intercettata sull’utenza n. 3391073149 in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre in lingua italiana tra TROVATO Mario e RIGILLO Maria Rosa.
Contenuto della conversazione avvenuta tra TROVATO Mario e RIGILLO Maria Rosa.
TROVATO Mario per RIGILLO Maria Rosa, nipote -...non inerente... conversazione familiare.
Mariella gli parla di una loro parente che non sta tanto bene (zia Silvana)... Mario conferma
che domani mattina andrà al processo; chiede in particolare alla donna di essere richiamato
da Pasquale. La donna gli dice che Pasquale non c'è in quanto è in America (è partito oggi) e
ritornerà i primi di maggio in quanto gli sono arrivate delle carte da firmare.
RIGILLO Maria Rosa chiede allo zio se e quando si farà una passeggiata da quelle parti;
TROVATO Mario gli dice che sta ricevendo solamente delle risposte negative (per la sua
patente)...omissis... TROVATO Mario chiede inoltre di tale Domenico e di sua
moglie......omissis... non inerente... RIGILLO Maria Rosa prosegue nel parlare della loro attività
(pizzeria). Omissis…
TROVATO Mario: Gli dici...
RIGILLO Maria Rosa:
Dimmi...
TROVATO Mario: Gli dici a Pasquale di chiamarmi... se riesce a venire su...
RIGILLO Maria Rosa:
E no, non c'è zio…
TROVATO Mario: Ah!
RIGILLO Maria:
Non c'è perché è in America…
TROVATO Mario: Ah! ho capito... ho capito e non sai quando arriva…
RIGILLO Maria Rosa:
Arriva per i primi di maggio…
TROVATO Mario: Eh!
RIGILLO Maria Rosa:
I primi di maggio…
TROVATO Mario: E quanto ci sta, un mese?
RIGILLO Maria Rosa:
No venti giorni...
TROVATO Mario: Adesso è partito…
RIGILLO Maria Rosa:
Oggi... coincidenza…
TROVATO Mario: (ride)
RIGILLO Maria Rosa:
Si, si è partito oggi... è partito perché sono arrivate certa
documentazione del fratello che è dovuto andare a far firmare, delle cose là (inc.le)…
quindi una volta che vai, ti sta 15/20 giorni, vale la pena...
TROVATO Mario: Ah! va bene…
RIGILLO Maria Rosa:
Una volta che vai ti stai quindici o venti giorni... vale la pena…
TROVATO Mario: Va bene dai…
RIGILLO Maria Rosa:
Ok?
TROVATO Mario: E niente, poi quando rientra poi...
RIGILLO Maria Rosa:
Quando ritorna…
TROVATO Mario: Quando rientra poi vediamo…
RIGILLO Maria Rosa:
Ok…omissis….
-
12
nato il 14.6.1966 ad Albi (CZ)
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 76 di 566
Ulteriori contatti indiretti di TROVATO Mario con il fratello Franco vengono resi possibili,
oltre che attraverso il già citato PISANI Pasqualino tramite altri familiari quali il cognato
RIGILLO Domenico, la cognata MUSOLINO Eustina, moglie di TROVATO Franco, e
CIARAMAGLIA Emanuele, come confermato dall’attività tecnica di p.g. e documentato dai
registri dei colloqui effettuati da TROVATO Franco, acquisiti presso il carcere di Terni. 13
RIGILLO Domenico14 con la sorella
RIGILLO Maria Rosa15 titolari del Ristorante
16
denominato “Il Rusticone” sono nipoti di TROVATO Mario in quanto figli di RIGILLO
Palmerino17, coniugato con TROVATO Rosetta18, sorella di TROVATO Mario.
TROVATO Franco può pacificamente contare sulla rete dei congiunti per far filtrare
suoi messaggi e specifiche richieste ed esigenze all’esterno del carcere . Nelle
conversazioni all’interno del nucleo familiare non si può non rilevare come alcuni
riferimenti a oggetti in uscita ed in entrata dal carcere per le modalità peculiari di
svolgimento dei dialoghi assumono un significato allusivo.
Il 28.4.2011 VILLA Franco, dopo aver terminato il colloquio a Terni con TROVATO Franco, al
quale aveva preso parte anche RIGILLO Giovanni, contatta MUSOLINO Eustina.
Telefonata n. 227 del giorno 28/04/2011, ore 12:34:11 intercettata sull'utenza n.
3388367064 (R.R.I.T. 1123/11) in uso a MUSOLINO Eustina. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra VILLA Franco e MUSOLINO Eustina e
proveniente dall'utenza n. 3662647771.
VILLA Franco per MUSOLINO Eustina:
VILLA Franco informa MUSOLINO Eustina di aver finito il colloquio (con TROVATO
Franco, ndr).
VILLA Franco dice a MUSOLINO Eustina che TROVATO Franco si è meravigliato del fatto che
lei non sia andata da lui al colloquio e VILLA Franco spiega di aver detto che MUSOLINO
Eustina si sentiva stanca e non poteva affrontare questo viaggio.
VILLA Franco le dice che il mese prossimo scenderanno Emanuele (CIARAMAGLIA, ndr) con
Giusy (TROVATO Giuseppina, ndr) e così MUSOLINO Eustina andrà con loro a giugno per il
proprio compleanno al colloquio dal marito (TROVATO Franco, ndr).
MUSOLINO Eustina chiede se il pacco è passato e VILLA Franco le risponde di sì e le
dice che avrà bisogno del numero del vaglia perché domani mattina dovrà ancora mandargli
dei soldi (a TROVATO Franco in carcere, ndr) ma MUSOLINO Eustina chiede se Giovanni
(RIGILLO, ndr) gli ha dato soldi e VILLA Franco le risponde di sì ma hanno avuto problemi con
la propria carta e gli hanno potuto dare solo 150 euro così domani gliene daranno altri 150.
[12:35:55]
VILLA Franco:
e poi vuole subito... il libro... perché devo mandargli quel libro che
gli manca... che è urgente!
MUSOLINO Eustina:
eh ma... gliel'ho dato uno! Quale libro manca?!
VILLA Franco:
tu... tieniti... non lo so... un libro che... no! No! Un libro che
Emanuele (CIARAMAGLIA, ndr) non ha trovato e devo prendere a Milano... domani gli
prendo il libro...
MUSOLINO Eustina:
eh! Non lo so! Devi chiedere ad Emanuele (CIARAMAGLIA, ndr)
che libro è!
VILLA Franco:
poi... se io ti chiamo stasera alle sei (18.00) dammi il numero per fare il
vaglia
-
13
14
15
vgs. ALLEGATO N. 24;
nato il 23.1.1983 a Catanzaro RIGILLO Domenico ha avuto un colloquio con TROVATO Franco in data 25.2.2010.
nata il 11.8.1978 a Marcedusa (CZ);
P.I. 03044430795 - sede legale e dom. fisc. in Magisano (CZ), via Vittorio Emanuele n. 27;
17
nato il 30.3.1950 a Marcedusa (CZ);
18
nata il 19.9.1956 a Marcedusa (CZ);
16
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 77 di 566
MUSOLINO Eustina:
eh... l'indirizzo non lo sai?
VILLA Franco:
Ah! Solo all'indirizzo devo farlo?
MUSOLINO Eustina:
eh! L'indirizzo che scrivi a tuo papà (fonetico) è!
VILLA Franco:
ah! Quello e basta?
MUSOLINO Eustina:
eh, cosa devi fare?
VILLA Franco:
ah, ok, domani lo faccio, va bene
MUSOLINO Eustina:
fai l'indirizzo che scrivi una lettera, fallo giusto, hai capito?
VILLA Franco:
va bene
MUSOLINO Eustina:
tra l'altro è senza soldi, allora, perché quello (il vaglia, ndr) di
Pasquale (PAGANI, nipote di MUSOLINO Eustina, ndr) non sarà neanche arrivato
VILLA Franco:
no, non è arrivato
MUSOLINO Eustina:
ecco, infatti...
VILLA Franco:
e domani gli mettiamo ancora soldi
MUSOLINO Eustina:
uhm... va bene dai, comunque telefona ad Emanuele
(CIARAMAGLIA, ndr) per il libro, chiediglielo, eh!
VILLA Franco:
no...
MUSOLINO Eustina:
non vorrei che l'ha ordinato... magari Emanuele (CIARAMAGLIA,
ndr) te l'aveva già detto... Emanuele (CIARAMAGLIA, ndr) te l'aveva già detto...
VILLA Franco:
a me aveva mandato un messaggio gio... venerdì ma... l'ho visto...
MUSOLINO Eustina:
no, perché ieri è arrivato quel libro che gli ho dato... nella
borsa era... mi era arrivato ieri... eh!
VILLA Franco: uno!
Eh, ne manca un altro (inc.le)...
MUSOLINO Eustina:
e non lo so... e dopo? Di altro?
VILLA Franco dice a MUSOLINO Eustina che poi non mancava più nulla a TROVATO Franco,
ha ricevuto anche un vestito e MUSOLINO Eustina sottolinea che era stata proprio lei a
metterglielo nel pacco.
VILLA Franco dice di aver ricevuto tre uova di Pasqua da parte di TROVATO Franco per i
nipoti e MUSOLINO Eustina dice che potrà portarglieli Giovanni (RIGILLO, ndr).
MUSOLINO Eustina:
va beh, quando me li porta Giovanni (RIGILLO, ndr) le cose?
Digli!
VILLA Franco chiede a RIGILLO Giovanni che si trova con lui, quando le porterà "le
cose" a Lecco e RIGILLO Giovanni risponde che le porterà tutto domani.
MUSOLINO Eustina dice che TROVATO Franco le aveva chiesto il vestito ed il vestito nuovo era
quello di Giovanni (RIGILLO, ndr).
VILLA Franco e RIGILLO Giovanni spiegano a MUSOLINO Eustina dei soldi che avrebbero
dovuto dare a TROVATO Franco e che per problemi alla carta di VILLA Franco non sono riusciti
a dare e che hanno avuto problemi anche a fare benzina ed a pagare un caffè e MUSOLINO
Eustina sottolinea il fatto che TROVATO Franco dal carcere fa "il galletto" e chiede soldi non
pensando che loro che vivono fuori, non se la passano molto bene.
Si salutano.
Il giorno dopo infatti, RIGILLO Giovanni ribadisce a MUSOLINO Eustina di aver ricevuto da
TROVATO Franco delle cose da consegnarle con urgenza
Telefonata n. 260 del giorno 29/04/2011, ore 17:13:24 intercettata sull'utenza n.
3388367064 (R.R.I.T. 1123/11) in uso a MUSOLINO Eustina. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra RIGILLO GIOVANNI e MUSOLINO Eustina e
proveniente dall'utenza n. 3408560437.
RIGILLO Giovanni (nipote di MUSOLINO Eustina, ndr) per MUSOLINO Eustina:
RIGILLO Giovanni chiede se qualcuno potrà passare dalla pizzeria, anche Emanuele
(CIARAMAGLIA, ndr) perché dovrà dare i regali, i libri e le uova di Pasqua che ha
mandato Franco dal carcere.
RIGILLO Giovanni dice che ha provato a chiamare Franco (VILLA Franco, ndr) per vedere se
aveva mandato i soldi.
MUSOLINO Eustina dice che ieri Franco l'ha fatta propria arrabbiare ed hanno discusso.
RIGILLO Giovanni le racconta un episodio recente in cui Franco avrebbe dovuto ricaricare la
carta di credito e si è inventato di averlo dimenticato.
-
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 78 di 566
MUSOLINO Eustina dice di essere obbligata a sopportarlo e che non gliel'ha mandati.
MUSOLINO Eustina dice che è abituato a fare così, è nato di imbrogli, vive di imbrogli, non ha
saputo apprezzare la possibilità che gli hanno dato tutti e, prima o poi, finirà in mezzo alla
strada.
RIGILLO Giovanni dice che adesso lo chiamerà per vedere che fine ha fatto.
Si salutano.
Telefonata n. 263 del giorno 29/04/2011, ore 17:41:09 intercettata sull'utenza n.
3388367064 (R.R.I.T. 1123/11) in uso a MUSOLINO Eustina. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra MUSOLINO Eustina e TROVATO Giuseppina e
diretta all'utenza n. 3461237482.
MUSOLINO Eustina per TROVATO Giuseppina:
TROVATO Giuseppina:
mà?
MUSOLINO Eustina:
Ah! Sei tu? Emanuele è già a casa?
TROVATO Giuseppina:
sì
MUSOLINO Eustina:
no, perché aveva detto Giovanni se passava di lì che gli dava
le cose di Franco
TROVATO Giuseppina:
ah, va be...
MUSOLINO Eustina:
in pizzeria... casomai, magari domani, dice: (RIGILLO Giovanni,
ndr), "quando vengo lì", fai una scappata e va a prenderli (inc.le)
TROVATO Giuseppina:
sì... sì...
MUSOLINO Eustina:
dice, "tanto li tengo qua in pizzeria"
TROVATO Giuseppina:
ok, dai... i bambini vengono, mi hanno telefonato che vogliono
venire, adesso che non li cerca vengono da soli
MUSOLINO Eustina:
si fanno accompagnare?
TROVATO Giuseppina:
(inc.le)... sì, sì si fanno accompagnare
MUSOLINO Eustina:
uhm, ho capito
TROVATO Giuseppina:
ok, dai, ci vediamo domani
Si salutano.
-
In una conversazione MUSOLINO Eustina informa il figlio TROVATO Emiliano all’epoca
detenuto di aver ricevuto una lettera da parte di TROVATO Franco.
Telefonata n. 389 del giorno 05/06/2011, ore 12:02:48 intercettata sull'utenza n.
0341680168 (R.R.I.T. 231-11) in uso a MUSOLINO Eustina. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra
e MUSOLINO Eustina e proveniente dall'utenza n.
0257602345.
TROVATO Emiliano (dalla Casa di Reclusione di Opera) per MUSOLINO Eustina:
convenevoli, conversazione a carattere personale.
MUSOLINO Eustina gli racconta che ieri sera insieme ai figli di Emanuele sono stati per
festeggiare Franco, ad un ristorante vicino Barzanò. MUSOLINO Eustina dice che Franco si è
divertito.
TROVATO Emanuele dice di averle scritto la lettera ma MUSOLINO Eustina non l'ha ancora
ricevuta.
MUSOLINO Eustina gli dice che ha ricevuto la lettera di TROVATO COCO Franco.
TROVATO Emiliano le dice che ha chiesto ad Emanuele di comprargli le scarpe per correre ed
un completo ginnico.
MUSOLINO Eustina pensa di andare a colloquio col marito a metà mese e pensa di
andarci insieme a Franco (VILLA Franco, ndr) il quale non telefona, MUSOLINO Eustina
dice andranno insieme.
[12:11:27]
MUSOLINO Eustina esclama a tal punto (in riferimento a VILLA Franco, ndr): Almeno la
responsabilità se l'è presa...la responsabilità ormai se l'è presa lui...
TROVATO Emiliano: ho capito...
Segue conversazione su argomenti familiari.
MUSOLINO Eustina gli chiede se ha scritto a Giacomo (TROVATO Giacomo, ndr) e crede
veramente a quello che ha scritto Simona, TROVATO Emiliano dice che ha scritto a Giacomo
-
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 79 di 566
(TROVATO Giacomo, ndr) senza offenderlo, anzi dice di avergli proposto le scuse qualora non
fosse vera una situazione rappresentata da Simona. MUSOLINO Eustina dice che ha problemi
Simona. TROVATO Emiliano le dice di salutargliela e di salutargli Giacomo (TROVATO
Giacomo, ndr).
Telefonata n. 493 del giorno 19/06/2011, ore 12:02:43 intercettata sull'utenza n.
0341680168 (R.R.I.T. 231-11) in uso a MUSOLINO Eustina. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Emiliano e MUSOLINO Eustina e proveniente
dall'utenza n. 0257602345.
TROVATO Emiliano (del carcere di Milano-Opera) per MUSOLINO Eustina:
TROVATO Emiliano parla con MUSOLINO Eustina.
MUSOLINO Eustina dice che i bambini (i figli di TROVATO Emiliano, ndr) sono a casa.
MUSOLINO Eustina dice che ha i figli di Giuseppina ed Emanuele, segue conversazione a
carattere personale.
MUSOLINO Eustina dice che Franco (presumibilmente VILLA, ndr) andrà da solo (al
colloquio con TROVATO COCO Franco, ndr) segue che Franco ha un appuntamento a Roma
alle 4 (16.00, ndr) e poi non lo ha più sentito, MUSOLINO Eustina dice che forse andrà
mercoledì da Emiliano.
MUSOLINO Eustina dice che Emanuele gli ha comprato le scarpe come quelle che usava il
padre (TROVATO COCO Franco, ndr).
TROVATO Emiliano parla del lavoro in carcere anche se i pagamenti sono eseguiti in ritardo.
Continuano su argomenti familiari.
Allo scadere del tempo disponibile per la telefonata TROVATO Emiliano dice a MUSOLINO
Eustina di salutargli Giusy ed Emanuele.
-
Il 5.7.2011 VILLA Franco si era recato da poco tempo in visita a TROVATO Franco ( risulta
in effetti un colloquio di VILLA con TROVATO Franco il 30.6.2011) e ha ritirato una
borsa contenente degli indumenti che MUSOLINO Eustina avrebbe dovuto lavare e riportare
in carcere a Terni.
Il riferimento all’urgenza di inviare nuovamente in carcere i “maglioni di cachemire” a
TROVATO Franco visto il periodo estivo si può spiegare solo con la necessità di far pervenire
, nel più breve tempo possibile, a TROVATO Franco un messaggio urgente.
Telefonata n. 1473 del giorno 05/07/2011, ore 10:01:45 intercettata sull'utenza
n. 3388367064 (R.R.I.T. 1123/11) in uso a MUSOLINO Eustina. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra MUSOLINO Eustina e VILLA Franco e diretta
all'utenza n. 3662647771.
MUSOLINO Eustina per VILLA Franco
[10:01:57]
MUSOLINO Eustina:
ma quando mi porti il borsone?
VILLA Franco:
ah... domani, ascolta
MUSOLINO Eustina:
dimmi
VILLA Franco:
ci sono i maglioni in cachemire
MUSOLINO Eustina:
eh... appunto per quello...
VILLA Franco:
no però... stavolta, sai cosa mi ha detto? mi ha detto di lavarli e di
riportarglieli... subito...
MUSOLINO Eustina:
eh... allora portameli eh...
VILLA Franco:
uhm...
MUSOLINO Eustina:
come mai?
VILLA Franco:
bho... ha detto che li vuole, di chiuderglieli e di riportarglieli
MUSOLINO Eustina:
e si capisce che dentro li fa... farà freddo...che ne so, cosa vuoi che
ti dica
VILLA Franco:
mi ha detto "guarda faglieli solo lavare e poi fammeli riportare
questi qua che ti sto dando adesso"
MUSOLINO Eustina:
ah... allora li vuole va bene... eh portameli per domani
I due interlocutori discutono su argomenti generici, decidono di sentirsi domani per incontrarsi.
-
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 80 di 566
TROVATO Franco pur trovandosi detenuto al regime di 41 bis a Terni è in grado di
conoscere quanto accade nel suo territorio di riferimento inviando comunicazioni al fratello
Mario e impartendo precisi ordini.
Questo emerge in una specifica vicenda del giugno di quest’anno che coinvolge il nipote
TROVATO Franchino, figlio di TROVATO Mario, a seguito del suo rapporto sentimentale con
una ragazza definita “un’infame” in alcuni manifesti apparsi sulla pubblica via . Tale
circostanza denota altresì come il territorio Lecchese presenti comportamenti e
manifestazioni anche pubbliche tipiche di aree a conclamata infiltrazione mafiosa.
Progressivo n. 1604 del giorno 05/06/2012, ore 22:07 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita nella pizzeria 046 sita in Lecco, via Pasubio
n. 19 (R.R.I.T. 1349-12). La conversazione intercorre in lingua italiana.
TROVATO Franco (detto Franchino figlio di Mario) e Carlo parlano di una terza persona.
Tratto inc.le
TROVATO Franchino:
... un pezzo di merda.
Carlo: - inc.le - non muore mai!
TROVATO Franchino:
Ha scritto a zio Franco... scrive una lettera a zio Franco, ma
come ti permetti? zio Franco ha scritto a papà dicendo "chi cazzo è questo? che sta
facendo questo? vedi di sistemare la situazione che là... mica posso - inc.le - ". - inc.le
- i cartelloni con scritto "Il nipote di TROVATO Franco insieme a un'infame" Ȩ vero
non sto scherzando. Non la sai questa?
Carlo: No.
TROVATO Franchino:
Non la sai? non sai tutto allora, dei cartelloni qua davanti
attaccati sulla parete, viene mio padre una mattina e trova i cartelloni attaccati.
"La mo... [si corregge] la ragazza di Franchino è un'infame" "Vergognatevi, il nipote di
TROVATO Franco insieme a un'infame", mio padre mi ha fatto un culo così, Carlo! mi
ha spaccato il culo, una sera in cucina mi stava ammazzando eh! "vedi di lasciarla!"
il (inc.le) che gli ha parlato lui prima che succedesse tutto... mi ha messo contro proprio nel
senso che si dovrebbe parlare... mi ha ridotto come una merda in cucina, mi ha fatto sentire
una merda proprio...mi ha detto delle cose allucinanti! ma pezzo di zoccola - Tratto inc.le ma ti
giuro una mattina " (inc.le) entra!" hanno parlato male di una situazione (inc.le) tu mi dici "che
cos'è?" quello non mi dice niente...ci incontriamo e ne parliamo...non so davanti la pizzeria...
Carlo: - Imprecazione - e lo so
TROVATO Franchino:
entra un ragazzo...che vuole una bottiglia d'acqua... mercoledì sera
Carlo: lo so...lo so...
TROVATO Franchino:
ho sentito PAM! PAM! (inc.le) "cos'è successo?" magari bombette...
bambini sai, vado per uscire...(inc.le) Dio cane... non ho fatto in tempo a vederlo sto pezzo di
merda! bastardo!
TROVATO Franchino offre da bere a Carlo.
Ore 22.09.47
TROVATO Franchino:
quella gente lì non ha niente da perdere... me lo ha detto anche
(inc.le) questa gente qua
Carlo: no...nooo
TROVATO Franchino:
questi qua non è gente di "rispetto" non è gente…
Carlo: no… no…
TROVATO Franchino:
che credono all'onore... non hanno un cazzo da perdere... e
poi lui (Inc.le)
Carlo: eh figurati!
TROVATO Franchino:
anche suo figlio... secondo me se fosse stato per (inc.le)
Carlo: no... era finita lì
TROVATO Franchino:
cioè uno si lascia e basta... È finita là... un pomeriggio mi chiama
Marino (Fonetico) e mi fa... pensa ha attirato una signora per farmi... scusa va bene tutto...
però tu lo sai... la coscienza ce l'hai... lo sai che cinquanta mila euro mio padre l'ha messi, cioè
non è che non lo sai! cioè mettiamoci d'accordo io e te...ve bene che non è scritto... però cazzo
dai! veniamoci incontro... non ti dico di darmi cinquantamila euro... ma io se... ma almeno la
metà cazzo... non dico tanto... nemmeno la metà... e lei "ma cosa fai?" io questi giorni... "cosa
fai? Ti stai arrabbiando?"
-
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 81 di 566
Tratto a bassa voce disturbato da rumori di fondo.
Continuano a parlare della situazione sentimentale di TROVATO Franco con Mara. Parlano dei
cinquantamila euro utilizzati per la casa. TROVATO Franchino racconta che lo zio ha difeso il
nipote minacciando di morte tale NINO.
[ore 22.15.33]
TROVATO Franchino:
per quanto possa essere bastardo mio padre guai se gli
tocchi la famiglia
Carlo: (inc.le) lo so
TROVATO Franchino:
se qualcuno... se viene a sapere... sei fuori... ti schiaccia... figurati...
puoi dire quello che vuoi ma...
Carlo: guai guai...
TROVATO Franchino:
non è per il nome o per il "boss" non Boss... ma per noi la
famiglia… è sacra... anche se ci ammazziamo dalla mattina alla sera... guai a chi ci
tocca... ma figurati...
TROVATO Franchino dice a Carlo che lo lascia andare a casa.
La circostanza che TROVATO Franco dal carcere continui ad inviare disposizioni al fratello
Mario e ad altri componenti dell’associazione emerge anche da una intercettazione
ambientale a bordo dell’autovettura in uso a NANIA Alessandro, autista del boss TROVATO
Franco negli anni passati e ora persona di fiducia e in stretto contatto con TROVATO Mario.
Sui giornali locali in quel periodo vengono pubblicate lettere inviate da TROVATO Franco
nelle quali lo stesso apparentemente prende le distanze dal suo passato criminale.
NANIA Alessandro nella conversazione con la sua compagna Eva spiega il significato di tali
dichiarazioni di TROVATO Franco come volte esclusivamente a ottenere benefici carcerari e
precisa quest’ultimo aveva impartito nuovamente a suo fratello Mario e a NANIA Alessandro
il preciso ordine di rimanere tranquilli in modo di non compromettere la sua posizione
<<…a me mi ha mandato a dire di stare tranquillo... di non fare un cazzo... che
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 82 di 566
quello che abbiamo perso lo recuperiamo..."e stai tranquillo... basta"...come infatti
stiamo rimanendo calmi con suo fratello Mario…>>.
Progressivo n. 1766 del giorno 07/06/2012, ore 22:32:45 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542-12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
NANIA Alessandro ed EVA:
Posizione iniziale: via Pasubio - SS36 – Lecco (Lecco) - ITA - 45.863482/9.389965 - 0 km/h
(Vicinanze pizzeria 046, ndr)
Auto in movimento.
[22:34:00]
NANIA Alessandro:
no noi ci siamo allontanati da tutti di qua...le persone le abbiamo
cancellate
EVA: ma comunque
NANIA Alessandro:
io ogni tanto vado a trovare quel ragazzo del bar...ogni tanto
EVA: è diventato brutto
NANIA Alessandro:
no qua è bruttissimo...guarda che ci sono state "Botte"
(Batoste, colpi ndr) brutte
EVA: qua?
NANIA Alessandro:
eh! gli ho fatto il culo qua a Lecco...a Lecco dove mi vedono
scappano le persone (inc.le)
EVA: ma ho visto...sul telegiornale
NANIA Alessandro:
si...
EVA: lui ha mandato...
NANIA Alessandro:
una lettera
EVA: la lettera ai gio...
NANIA Alessandro:
una lettera al giudice... (Lettera inviata da TROVATO Franco,
ndr) si...ha parlato anche dei giovani...però gli ha mandato la lettera al giudice...
ora il giudice gli ha risposto... gli ha detto di stare tranquillo... praticamente deve
fare un annetto ed esce... a me mi ha mandato a dire di stare tranquillo... di non
fare un cazzo... che quello che abbiamo perso lo recuperiamo..."e stai tranquillo...
basta"...come infatti stiamo rimanendo calmi con suo fratello Mario...(TROVATO
Mario, ndr) ma hanno preso botte (Colpi bassi, batoste, ndr) qua a Lecco...sai cosa gli ho
fatto? a due che li metti uno sopra l'altro...sono quattro metri...arrivano là al Wild Wood...
(Spaghetteria dei fratelli SALVO, ndr) per questo mi stanno girando i coglioni che non tanto ci
sto andando...va bene che Mario (TROVATO Mario, ndr) non tanto vuole...che con i SALVO
(fonetico)... noi siamo contro!...questi qua volevano picchiare una ragazza...(probabilmente il
litigio nel quale era presente NASATTI Massimo e per il quale TROVATO Mario è intervenuto,
ndr) fuori...le fanno a questa ragazza...poverina dopo che ha bevuto con loro...una che
conosco...che viene qua al barettino (Bar Le Petit, di via Risorgimento - Lecco, ndr)...così...
non è che c'ho quella grande amicizia... però conosco sua mamma da una vita... e mi
faaa..."hai visto?" "cosa hai visto?" gli faccio "pezzo di merda! tu di fronte a me non tocchi
nessuno! o ti prendo e ti ammazzo (inc.le) pistola... " gli faccio "pezzo di merda!...che vi faccio
scappare da tutta Lecco io" Porco Dio! ancora scappano questi qua...questi non hanno preso
più pace no...non han preso pace...gliel'hanno detto a Mario (TROVATO Mario, ndr) e Mario ha
detto "ha fatto bene" infatti poi dopo...un casino...un casino perché...ho messo i soldi di nuovo
tante persone qua...(inc.le) come me... che (inc.le) ristorante insieme...mi ha mandato a
dire...infatti adesso il comune mi ha dato un pezzo di terra...
EVA: dove?
NANIA Alessandro:
a Maggianico...e da un giorno all'altro... ho firmato già il foglio... da
un giorno all'altro... se me lo dava prima di agosto andavo là e gli facevo un chiosco... così
provvisorio...
EVA: si ed anche se l'hai messo li
(Si accavallano le voci)
NANIA Alessandro:
(inc.le) quando poi (inc.le)
EVA: (inc.le) fai qualcosa che tu... un bar non so... buono
NANIA Alessandro:
si ma io aspetto che esce lui
-
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 83 di 566
EVA: (inc.le)
c) La base logistica dell’associazione per gli incontri e le discussioni operative
Nei locali della pizzeria “046”
in Lecco, locale di reale proprietà di TROVATO Mario
attraverso la gestione di prestanomi, si individua la principale base operativa della
associazione.
In tale luogo, dietro lo schermo delle occasioni conviviali, si svolgono nel corso del 2011 e
2012 numerosi incontri con discussioni sulle attività del gruppo criminoso come emerge
sia da numerose intercettazioni telefoniche ed ambientali che accompagnano gli sviluppi di
tali contatti.
Gli indagati commentano la preparazione e lo sviluppo degli incontri del resto documentati
da servizi di osservazione e fotograficamente (si veda C.R Nucleo di Polizia Tributaria - Gico
di Milano in data 9.11.2012 pagg 63 e ss e relativi allegati) .
A tali riunioni oltre alla presenza costante di TROVATO Mario si registra in modo ricorrente
la presenza di PALERMO Ernesto ,REDAELLI Antonello, BONGARZONE Claudio, LILLIU
Saverio.
Altri incontri avvenivano presso il Bar Belfiore in Lecco riferibile a BONGARZONE Claudio.
Di particolare rilievo che in tali luoghi si siano tra l’altro avute le discussioni sullo
sviluppo della vicenda relativa appalto del Lido di Parè aggiudicato dal Comune di
Valmadrera e si commentasse con preoccupazione anche l’avvenuta “perquisizione” - in
realtà un’ acquisizione di atti - effettuata da altra PG presso il citato Comune.
In occasione di una cena del 22.4.2011 da alcune intercettazioni tra PALERMO e LILLIU
emergono con chiarezza sia il ruolo direttivo di TROVATO Mario sia la funzione di
PALERMO nell’organizzazione, l’ attivismo di quest’ultimo e la messa a disposizione nei
confronti dell’associazione delle sue relazioni oltre che della sua capacità delinquenziale
manifestata in precedenti atti di danneggiamento con finalità estorsive svolte in passato
Calabria.
Progressivo n. 187 del giorno 22/04/2011, ore 20:02:47 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
941/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di PALERMO Ernesto si sente la voce di PALERMO Ernesto che parla con una terza
persona (LILLIU Saverio ndr.).
LILLIU SAVERIO:
inc.le… e vedere un attimino com'è la situazione poi
cambiamo, rivoltiamo tutta la situazione.
PALERMO Ernesto:
bravo Io gliel'ho detto anche a MARIO (TROVATO Mario
n.d.r.).
LILLIU SAVERIO: inc.le ...senso a quello che c'è.
PALERMO Ernesto:
MARIO (TROVATO Mario) mi ha detto fallo pasciere (fallo fare
n.d.r.) facciamolo pasciere (facciamolo fare n.d.r.).
LILLIU SAVERIO:
Inc.le ...va bene tutto.
PALERMO Ernesto:
SAVÈ io sono una potenza, io conosco un sacco di gente, se
voi mi state davvero dietro che credete in me, noi facciamo le cose come le avete
dette voi lecite.
LILLIU SAVERIO:
Lecite si devono fare le cose.
PALERMO Ernesto:
Non ne voglio capire un ca...
LILLIU SAVERIO:
Ma non esiste, io per quello che ho passato lecite le voglio
fare.
PALERMO Ernesto parla di una tipa, la quale devono fargli vedere il posto. Poi dice che deve
andare con CLAUDIO (BONGARZONE Claudio n.d.r.) e MARIO (TROVATO Mario n.d.r.) a
vedere una cosa (cosa n.m.i.). PALERMO Ernesto parla di mangiare e dice non dirgli niente a
MARIO (TROVARTO Mario) che se no mi fa il culo cosi e si vanta di conoscere tanti medici.
Progressivo n. 196 del giorno 22/04/2011, ore 22:07:35 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 84 di 566
941/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di PALERMO Ernesto si sente la voce di PALERMO Ernesto e di LILLIU Saverio.
LILLIU Saverio parla di un tale di nome BERNARDO.
[22:08:32] PALERMO Ernesto si rivolge a TROVATO Mario chiedendogli se va con Baldo
(ISIBALDI Luigi, ndr) e TROVATO Mario, ironicamente, dice che non va con Baldo perché l'ha
tradito.
[22:11:16]
PALERMO Ernesto:
ora ti dico una cosa, te la dico perché ti stimo... quando
eravamo giù, lui è più grande di me, io lo mandavo a bruciare le macchine.
LILLIU Saverio:
A lui (BERNARDO n.d.r.)
PALERMO Ernesto:
gli dicevo, vai a fare 10 mila lire di benzina...5 mila lire di
benzina...e vai a bruciare questa macchina qua. Gliela facevo vedere e lui
(BERNARDO n.d.r.) andava.... sempre non per me, sempre per conto....
LILLIU Saverio:
uhm... è una brava persona.
…omissis…
In una successiva riunione del 27.5.2011, come ricostruito dalle telefonate
successive, risulta evidente che l’argomento di discussione sia l’organizzazione della
società per la gestione del locale del Lido di Parè in Valmadrera attività chiaramente
intesa come un’iniziativa comune degli associati e, si badi bene, di cui gli associati
discutono con largo anticipo come certamente affidata alle loro mani dal Comune di
Valmadrera.
Risultano presenti alla riunione sette persone, tra le quali lo stesso TROVATO Mario,
PALERMO Ernesto, LILLIU Saverio e REDAELLI Antonello.
Telefonata n. 2862 del giorno 28/05/2011, ore 11:01:47 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello e
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
PALERMO Ernesto chiede se REDAELLI Antonello andrà anche lui in un posto, REDAELLI
Antonello dice che porta il cane a lavare e poi passerà dal bar a prendere una busta e poi
andrà anche lui. PALERMO Ernesto dice che è stato chiamato (TROVATO Mario, ndr) per dirgli
che ci sono già le licenze, REDAELLI Antonello dice di saperlo, di essere stato chiamato anche
lui e di aver detto che avrebbe lasciato il cane a lavare e poi sarebbe andato da lui (TROVATO
Mario ndr). L'incontro servirà per mettere in ordine la documentazione al fine di riordinarla
completamente per la settimana prossima. PALERMO Ernesto dice di essere andato via
ieri in quanto non gli andava a genio quello che stava succedendo. PALERMO Ernesto
dice di aver terminato la tolleranza che aveva (verosimilmente si riferiscono ad un incontro
avuto la sera prima con TROVATO Mario e di una serie di discussioni avute con lui ndr).
PALERMO Ernesto dice che TROVATO Mario ieri è rimasto male per il fatto che lui se ne sia
andato e aggiunge che oggi quando lo vedranno glielo dirà. PALERMO Ernesto dice che alcuni
atteggiamenti di TROVATO Mario non gli sono piaciuti e nemmeno quelli di LILLIU Saverio poi
aggiunge che glielo dirà anche a LILLIU Saverio. REDAELLI Antonello dice che ogni volta che
c'è una differenza di vedute LILLIU Saverio la mette sempre come se minacciasse il suo
interlocutore, PALERMO Ernesto dice che lui ieri sera è andato via per quel motivo e REDAELLI
Antonello dice che lui ha fatto bene. PALERMO Ernesto dice che appena vedrà TROVATO
Mario glielo dirà, REDAELLI Antonello aggiunge che se ora che sono così solo a
chiacchierare fanno di queste discussioni e quando lavoreranno insieme non ha idea
cosa potrà succedere. REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto parlano del comportamento
avuto da Saverio (LILLIU Saverio, ndr) ieri sera a cena e del fatto che TROVATO Mario li
abbia invitati a non proseguire i discorsi intavolati in quanto LILLIU Saverio ha un
brutto carattere. REDAELLI Antonello dice che una volta che PALERMO Ernesto ha
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 85 di 566
abbandonato la compagnia il discorso si è fermato lì e TROVATO Mario è rimasto male anche
se REDAELLI Antonello dice che avrebbe capito il comportamento di PALERMO Ernesto.
PALERMO Ernesto dice che nel futuro lavoro meno tempo starà a contatto con LILLIU
Saverio e meglio sarà per entrambi. REDAELLI Antonello dice che a doverci lavorare
potranno esserci problemi in quanto a REDAELLI Antonello non sta bene che LILLIU
Saverio manchi di rispetto ai suoi soci con i quali deve lavorare. PALERMO Ernesto
dice che anche se presente solo al 10% un terzo soggetto che deve ancora entrare
non potrà considerarsi un socio a tutti gli effetti mentre REDAELLI Antonello un
domani avrà tutto il diritto a vedere per bene tutti conti relativi all'amministrazione
dell'attività. PALERMO Ernesto dice che se lui avesse una certezza di poter
guadagnare dal bar del prato potrebbe anche mettersi 1 anno in aspettativa e
lavorare e seguire per bene tutto, ma non vuole lasciare lo stipendio certo per
qualcosa di incerto. REDAELLI Antonello dice che quello di ieri deve essere un
argomento da chiarire bene in quanto quando ci saranno motivi più seri per cui
discutere sarà facile venire alle mani. Si accordano per vedersi dopo
all'appuntamento.
Nella serata tra il 17 e il 18.6.2011, in Lecco nel bar Belfiore riferibile a BONGARZONE
Claudio quest’ultimo ospita una riunione- cena con TROVATO Mario, LILLIU Saverio,
REDAELLI Antonello, MAURI Gaetano ed altre persone non meglio individuate. Anche in
questo caso PALERMO Ernesto si aggiunge al gruppo in un secondo momento.
Di particolare rilievo che prima dell’incontro venga trattato come argomento comune tra gli
associati PALERMO e REDAELLI la iniziativa del Lido di Parè commentando la possibile
esistenza di un’ indagine con l’acquisizione di atti da parte dei Carabinieri. Di tale notizia
PALERMO è venuto a conoscenza a seguito dell’immediata comunicazione fattagli dal
Sindaco di Valmadrera.
Telefonata n. 6401 del giorno 17/06/2011, ore 18:17:41 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello e
diretta all'utenza n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello :
PALERMO Ernesto:
Ehi, mo ho finito...
REDAELLI Antonello:
Di fare?
PALERMO Ernesto:
Di parlare col sindaco.
REDAELLI Antonello:
Cosa ha detto?
PALERMO Ernesto:
Mi ha chiamato e abbiamo anticipato i tempi. Niente mi ha
detto che ci sono andati stamattina i carabinieri a prendere i fascicoli della gara
d'appalto.
REDAELLI Antonello:
A vedere il fascicolo della gara d'appalto?
PALERMO Ernesto:
Sì.
…omissis…
Telefonata n. 13205 del giorno 17/06/2011, ore 19:22:53 intercettata sull'utenza
n. 3270158024 (R.R.I.T. 4459-10) in uso a BONGARZONE Claudio. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra BONGARZONE Claudio e REDAELLI Antonello e
diretta all'utenza n. 335441133.
BONGARZONE Claudio per REDAELLI Antonello :
Conversazione a carattere personale.
REDAELLI Antonello raggiungerà BONGARZONE Claudio e TROVATO Mario alle otto e
mezza.
222992011512231 [ VIA DELLA PERGOLA 17 , LECCO , LC ] (9 24 24.131 - 45 50 49.805)
Telefonata n. 16265 del giorno 17/06/2011, ore 21:46:58 intercettata sull'utenza
n. 3381087610 (R.R.I.T. 847/11) in uso a IVASHKOVA Alexandra. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra IVASHKOVA Alexandra e TROVATO Mario e
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 86 di 566
diretta all'utenza n. 3381430512.
IVASHKOVA Alexandra per TROVATO Mario :
Conversazione a carattere personale.
TROVATO Mario dice che sta mangiando insieme ad altre persone e verrà
accompagnato a casa.
222014324024505 [ VIA DI VITTORIO,31 Comune : LECCO Località : LECCO Provincia :
LECCO ] (09 24 20.94 E - 45 51 14.01)
Telefonata n. 3875 del giorno 17/06/2011, ore 22:53:03 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI ANTONELLO:
e proveniente dall'utenza n. 3495781131.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
PALERMO chiede dove sono loro.
REDAELLI Antonello gli risponde che sono da Claudio ma sono andati via tutti.
PALERMO Ernesto chiede se c'è ancora da mangiare.
REDAELLI Antonello gli risponde che non c'è più niente e gli dice che si vedranno domani
mattina.
[ VIA G. DI VITTORIO, 29/31-22053-LECCO - SETT.2 ]
Progressivo n. 226 del giorno 18/06/2011, ore 00:37:50 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
1727/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Voci di sottofondo, di gente che si saluta, qualcuno saluta Mario TROVATO, si sente musica di
sottofondo, si sente una voce che dice "gli devo sparare dentro all'occhio (fon.)...spari
a uno devi sparare anche all'altro...ne devi ammazzare due...", un'altra voce dice "mi
deve 50.000 Euro...", si sente la voce di MAURI Gaetano, quella di BONGARZONE
Claudio, poi PALERMO Ernesto dice che ci sono 30 appartamenti dell'ex mobilificio
Bassetti (fon.), dice che due ce li ha già lui (PALERMO Ernesto ndr.), in via Poggi, al Castello,
un UOMO gli dice che martedì prendono l'appuntamento e viene su lui (terza persona ndr.),
PALERMO Ernesto dice che va bene, saluta la compagna e se ne va.
Posizione iniziale: Via Giuseppe Giusti 3 > 7 - 10 > 12 – Lecco (Lecco) - ITA 45.852182/9.405699 - 0 km/h (Vicinanze bar Belfiore, di BONGARZONE Claudio, ndr)
La questione relativa all’appalto del
Lido di Paré e delle iniziative connesse delle forze
dell’ordine ritorna in occasione di un altro incontro tra gli associati il 24.6.2011 presso la
Pizzeria 046.
Telefonata n. 6827 del giorno 24/06/2011, ore 18:33:07 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello e
diretta all'utenza n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
PALERMO Ernesto chiama REDAELLI Antonello gli chiede dove fosse , REDAELLI Antonello
gli dice che sta scendendo da casa per recarsi al baretto dove deve incontrarsi con
TROVATO Mario per la cena, lo stesso REDAELLI Antonello dice a PALERMO Ernesto a che
ora scende da casa lui gli risponde sul tardi, poi REDAELLI Antonello gli fa una battuta
dicendo se ci fossero novità e PALERMO Ernesto racconta che ci sono andati i
carabinieri al lido di Parè per chiedere documenti e cose varie.
i due si vedono al baretto e parlano li.
i due interlocutori si salutano
Si rileva come in occasione di altra riunione PALERMO non si presenta esclusivamente
perchè preoccupato di associare la sua persona a TROVATO Mario dopo la pubblicazione di
alcuni articoli di stampa.
-
Telefonata n. 9155 del giorno 19/11/2011, ore 09:31:01 intercettata sull'utenza
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 87 di 566
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello e
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello
REDAELLI Antonello dice che è a Milano e che si vedranno stasera. inoltre dice che ha
visto Tele Unica ma non c'era e che quando rientra compra il giornale
[ VIALE CERTOSA, 108-20100-MILANO - SETT.2 ]
- Telefonata n. 9173 del giorno 20/11/2011, ore 10:49:13 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello e
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
PALERMO Ernesto dice di non andare alla cena in cui ci saranno tutti quanti
(TROVATO Mario ed altri, ndr), soprattutto dopo quello che è stato pubblicato sul
giornale.
PALERMO Ernesto dice che ha visto che tutti gli altri (TROVATO Mario e i partecipanti alla
cena, ndr) erano al Wildwood.
REDAELLI Antonello dice che terza persona (TROVATO Mario, ndr) era in giro con Luca.
PALERMO Ernesto dice di avere un paio di opportunità politiche serie.
PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello parlano del figlio di REDAELLI Antonello.
REDAELLI Antonello dice che al figlio gli manca un anno e PALERMO Ernesto dice di farlo
stare a casa così poi il diploma glielo "sceglieranno" loro.
(Il padre di PALERMO Ernesto, PALERMO Prima ha delle conoscenze in un Istituto per il
recupero di anni scolastici dove ha già fatto iscrivere Silvia, figlia di BALITRO Alberta, ndr).
[ VIA ALESSANDRO VOLTA-22041-COSTA MASNAGA - SETT.1 ]
d) La disponibilità di armi da parte dell’associazione
L’organizzazione
di TROVATO Mario
si caratterizza anche per la permanente
disponibilità di armi da fuoco, in alcuni casi utilizzate per porre in essere condotte
estorsive , come avverrà nel grave episodio di danneggiamento all’Old Wild Caffe , di
cui si dirà in seguito, e in generale per intimidire e punire coloro i quali rappresentano
un pericolo per il sodalizio.
Il dato in questione emerge in alcuni episodi specifici e viene registrato nel corso soprattutto
dalle intercettazioni ambientali di conversazioni in autovetture nelle quali gli interlocutori
fanno riferimento alla immediata disponibilità in quel momento di armi da fuoco.
Della pericolosità di PALERMO in quanto soggetto incline ad usare le armi da fuoco
discutono in una conversazione ambientale in auto REDAELLI e altro interlocutore.
Progressivo n. 17265 del giorno 04/02/2012, ore 22:45:16 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
In auto sono presenti REDAELLI Antonello e LUCA, (ridono).
[22:45:55]
REDAELLI Antonello nomina GAROFALO Pasquale e Davide - inc.le - [fonetico].
In seguito REDAELLI Antonello spiega che Mario (TROVATO, ndr) ha messo a posto le cose con
Max (NASATTI Massimo, ndr) e nomina PALERMO (Ernesto, ndr) e Mattia.
[22:46:19]
REDAELLI Antonello:
Ma comunque Max (NASATTI Massimo, ndr) con Giacomo
(TROVATO, ndr), è molto... (inc.le)... eh! Tu, infatti, nota che quando Max (NASATTI
Massimo, ndr) viene a quei locali... eee... tranquillo! E' "pieno" (ubriaco, ndr) come un
uovo, però è Tranquillo, eh! L'ultima volta che è andato giù al Wild Wood... ha fatto
un casino della Madonna!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 88 di 566
Luca:
Ma va?
REDAELLI Antonello:
... (inc.le)...
Luca:
Eh la Madonna!
REDAELLI Antonello:
Ma sei matto? Hai visto che... che... (inc.le)...
Luca:
...(inc.le)... Max (NASATTI Massimo, ndr)?
REDAELLI Antonello:
Eeee...! Solo quello si mangia!
Luca:
...(inc.le)... son sincero...
REDAELLI Antonello:
Va che Max (NASATTI Massimo, ndr)... è... è tosto! Tosto tanto!
Luca:
Eh ma... come cazzo fa questo... figa! (ride)
REDAELLI Antonello:
Max (NASATTI Massimo, ndr) è tosto tanto! Giù sai com'è? Max
(NASATTI Massimo, ndr), li ha messi in pista tutti!
Luca:
E la Madonna!
REDAELLI Antonello:
stai scherzando? Max (NASATTI Massimo, ndr)... (inc.le)... eh! È
un... - inc.le - di Mario (TROVATO, ndr), eh! E là... (inc.le)... Romania (fonetico)... gli ha detto:
"ascolta... dagli... - inc.le - ( ride)... (inc.le)... ragazzi... mettiamo a posto le cose! L'ultimo
volta l'ho portato giù io Max (NASATTI Massimo, ndr), eh!
Luca:
non lo sapevo!
REDAELLI Antonello:
Eravamo io, Mario (TROVATO, ndr) e c'era anche... (inc.le)... gli ho
detto: "salta in macchina che andiamo giù!", "No, no, no", "salta in macchina...", gli
ho detto: "Max (NASATTI Massimo, ndr)... salta in macchina", l'ho portato in giro apposta!
Luca:
Cosa ha fatto Mario (TROVATO, ndr)... ha messo a posto le cose?
REDAELLI Antonello:
Eh sì... eh! Meno male che... (inc.le)... poi di fronte a Giacomo
(TROVATO, ndr)... (inc.le) era bevuto, eh! Era bevuto!
Luca:
Mi sa che Giacomo (TROVATO, ndr) non sopporta PERNINO (fonetico)
REDAELLI Antonello:
PERNINO? (ride) ma anche PALERMO (Ernesto, ndr)!
Luca:
E va beh...! Ma lui... no... no... non è cattivo, dai!
REDAELLI Antonello:
No, ma no... non è che non lo sopporta ma sono due cose
completamente diverse!
Luca:
Eh ma anche... (inc.le)... è un po’ un burletto, eh!
REDAELLI Antonello:
Sìììì! Però sai che cosa... si conoscono da una vita... no? Max
(NASATTI Massimo, ndr) stravede per Giacomo (TROVATO, ndr)... ma stravede proprio...
Max (NASATTI Massimo, ndr) per Giacomo (TROVATO, ndr ) va contro il muro, eh! A "crapate",
eh!
Luca:
Va di muro anche... (inc.le)... fa schifo al cazzo... (inc.le)... come lui, eh!
REDAELLI Antonello:
Lo sappiamo! Ascolta... perché ha iniziato a... (inc.le)... cazzo! Mi
sembra che è intelligente!
Luca:
Sììì! No... appunto! Noo... nel senso dico...
REDAELLI Antonello:
Però sai è sempre stato leale, corretto, tranquillo... ee... va bene
così!
Ma figa! Io mi ricordo quella volta lì, che poi c'era giù anche il PALERMO (Ernesto, ndr)...
Luca:
Ah ah...
REDAELLI Antonello:
Che poi c'era giù anche PALERMO (Ernesto, ndr)! Un casino della
Madonna che PALERMO (Ernesto, ndr) era sceso a... a... a... a commerciare (fonetico)
Luca:
Uh la Madonna!!!
REDAELLI Antonello:
No, ma era successo un casino della Madonna veramente pesante,
eh! Figa! Poi Max (NASATTI Massimo, ndr) lo conosciamo, quelli giù, va beh, li conosciamo,
dico: "ma dico, ma che cazzo c'hai, il piede? No, ma dai!"
Luca:
E poi anche Max (NASATTI Massimo, ndr), strano che vien giù a far casino.
REDAELLI Antonello:
Non è che... lui era un po' bevuto, sinceramente Max (NASATTI
Massimo, ndr) era un po' bevuto, è andato lì una sera così, poi non so cosa cazzo sia successo,
però probabilmente gli han detto qualcosa di più... Max (NASATTI Massimo, ndr) figurati...
avevano torto e ragione tutti e due, perché non c'era una colpa specifica, un torto specifico,
però la cosa era diventata molto pesante [si sofferma sulla parola molto].
Luca:
Puttana...
REDAELLI Antonello:
Molto pesante.
Voci sovrapposte
Luca:
Ti dico la verità, io, però non avrei paura di Angelo (SALVO, ndr).
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 89 di 566
REDAELLI Antonello:
[sbuffa]. Non lo so.
Luca:
Perché a me sta sul cazzo il fratello più grande Giuseppe (SALVO, ndr), io lo
legnerei guarda... a sberle ogni giorno se potessi.
REDAELLI Antonello:
No, no... non è - inc.le - lasciatelo dire.
Luca:
Anche Ernesto (PALERMO, ndr), a me fa paura perché ha il cannone, non
per altro.
REDAELLI Antonello:
Ernesto (PALERMO, ndr) usa il cannone te lo dico io, Ernesto
(PALERMO, ndr) a... a mani prendilo quando cazzo vuoi, come vuoi, il cannone, c'ha il
cannone facile Ernesto (PALERMO, ndr).
Luca:
La Madonna...
REDAELLI Antonello:
Sì, sì, sì, - inc.le Luca:
... la Madonna...
REDAELLI Antonello:
Sì, sì, sì, te lo dico io, fidati
Luca:
Figa...
...omissis...
[22:50:15]
Luca:
A me farebbe più paura...
REDAELLI Antonello:
Chi?
Luca:
... Angelo (SALVO, ndr).
REDAELLI Antonello:
No, va beh, Angelo (SALVO, ndr)... lo sai cos'è? Picchia forte,
però sai... allora... son tutti... fanno paura e tutti nello stesso tempo... nì... però... se
ci vai d'accordo è meglio, ascolta un cretino!
Luca:
Sì... no... ci siam... (inc.le)...
REDAELLI Antonello:
Anche perché poi alla fine, la sostanza rimane quella, però ti
dico che quella sera lì era successo... (inc.le)...
Voci sovrapposte.
Luca:
Io sono convinto di una cosa... che Mario (TROVATO, ndr) sa che quello...
che se no lo tiri giù quando vuoi.
REDAELLI Antonello:
Mario (TROVATO, ndr)? No. Mario (TROVATO, ndr)? Mario
(TROVATO, ndr)?! ci manda il conto... cinque non bastano. Mario (TROVATO, ndr)? A picchiare?
Ma sei scemo?! [ride]. Per arrivare quello, eh!
Sportello.
Posizione finale: Corso Martiri della Liberazione 127 > 153 - 136 > 170 - Lecco(Lecco) - ITA 45.846732/9.397849 - 0 km/h
Risulta da una conversazioni ambientale che REDAELLI custodisce una pistola a
bordo della propria autovettura durante i tragitti con TROVATO Giacomo.
Progressivo n. 17686 del giorno 19/02/2012, ore 11:40:17 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
TROVATO Giacomo parla a REDAELLI Antonello:
TROVATO Giacomo:
...bruciato in una macchina poi l'hanno rinvenuto ed era
sparato ed incaprettato
REDAELLI Antonello:
Figa!
TROVATO Giacomo:
Pensa te!
REDAELLI Antonello:
Quello lì è di Lecco?
TROVATO Giacomo:
Lui no! di origine... madre calabrese, la madre è di Mesoraca,
pensa... [viene interrotto]
REDAELLI Antonello:
Sì no no ma dico era...?
TROVATO Giacomo:
E padre pugliese. Lui abitava a Lecco, sì.
REDAELLI Antonello:
Un fiorista.
TROVATO Giacomo:
Adesso siamo riusciti a fare tutto...
REDAELLI Antonello:
Ma per l'amor di dio!
TROVATO Giacomo:
E ma così bisogna fare con questi qua eh!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 90 di 566
[11:40:49]
REDAELLI Antonello:
- inc.le TROVATO Giacomo:
Ma sì questa qua è come la telefonata... è come... è come la... come
si dice? questa battuta qua è come la famosa diciamo perquisizione che ho avuto dalla DIA di
Milano che gli ha preso il telefono... inventano balle per vedere la gente... quelli sono ancora
convinti che la gente si spaventa per queste cose o si preoccupano, non è che han capito che...
REDAELLI Antonello:
Sì ma questo si farà dieci pippate al giorno al giorno con...
TROVATO Giacomo:
Sì ma a me non me ne... infatti ieri sera gli ho detto "così così così" inc.le - zia Natalina, l'hai saputo no?
REDAELLI Antonello:
Sì sì.
TROVATO Giacomo:
Eh. Come per dire "Vai tu da Natalina, io non ci vado, non ti
preoccupare". Anche se è mia zia non me ne fotte un cazzo. L'ho presa la galera per loro,
figurati.
…omissis…
[11:45:23]
REDAELLI Antonello:
La pistola è dentro?
TROVATO Giacomo:
Sì
Sportello.
Allo stesso modo risulta la disponibilità di armi, da fuoco e da taglio, in capo a NANIA
Alessandro.
In alcune conversazioni ambientali emerge, oltre a tale dato, l’indole estremamente violenta
e la permanenza di NANIA Alessandro nel contesto criminale di ‘ndrangheta.
Si desume sia il coinvolgimento dell’indagato in precedenti aggressioni nei confronti di un
collaboratore di giustizia sia la sua disponibilità attuale a porre in essere condotte violente
con uso di armi nei confronti di avversari per ristabilire i rapporti di forza e il suo prestigio
criminale dell’organizzazione.
Progressivo n. 1045 del giorno 19/05/2012, ore 18:43:21 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542-12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Presente a bordo: NANIA Alessandro e VONA Rosario.
NANIA Alessandro racconta che aveva un 2000 Bertone dell'Alfa Romeo, una macchina
bellissima che nessun'altro aveva; racconta che fosse targata Reggio Emilia e dice che tutti
gliela invidiavano, anche i carabinieri.
[18:44:00]
NANIA Alessandro:
Allora ... una merda ...per invidia per lui, non per me, prende
e va a bruciare la macchina dall'angolino... non l'ha saputo bruciare con le bottiglie
della... dell'aranciata, quelle verdi ...non l'ha saputa bruciare...omissis…L'ho preso
gli ho detto "Vieni che ci facciamo un girettino"... Lui subito no... però avrà pensato
che .... perché siamo scesi ... avanti -inc.le- la macchina mi ha detto "dove lo porti?".
"-Inc.le- se ...ti sto portando -inc.le- per ammazzarti! "…omissis…"Ma chi è stato
quello da cui è partita l'iniziativa?"…mi ha detto "Tizio e caio se mi vuoi ammazzare
ammazzami lo stesso" ...No ho deciso -inc.le- tre coltellate -inc.le- qua c'ha due tagli
però ti butta l'altro!... Tagliava ...specie quando ti fai la barba taglia sempre di
meno! L'ho combinato Rosà e lo lascio là nudo! Nudo l'ho lasciato! Proprio nudo l'ho
lasciato io, spogliato nudo!
…omissis…
NANIA Alessandro:
Lo so, lo so! Ma io ...avevo quello con la stoffa (molotov, ndr)... con il
coso di sughero, il tappo del sughero... gli mettevo... il sughero e la pezza di dentro
proprio...ho preso eee...
VONA Rosario:
E quella -inc.leNANIA Alessandro:
...andiamo là...tutta la sonda (fonetico) di sotto! mettiamo fuoco e si
accendono quelle macchine!... si accendano quelle macchine... dovevi sentire l'odore -inc.lequei serbatoi...uno schizzava a destra...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
VONA Rosario:
…omissis…
Pagina 91 di 566
-inc.le- (ride) ...eee....la benzina scoppia...
Progressivo n. 1718 del giorno 06/06/2012, ore 10:22:21 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542-12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Voce di NANIA Alessandro all’esterno all'autovettura che parla con altro uomo.
Ore [10:22:30]
NANIA Alessandro:
(inc.le)
UOMO:
e ‘sti bastardi...non li trovi mai!...
NANIA Alessandro:
sìì!...può darsi che lo becco!...se lo becco...una tagliatina
(fon.) quando va a casa…o gli sparo (fon.) o tagliatina (inc.le) a seconda della
serata!...
Localizzazione:
Via Monsignor Giuseppe Polvara – Lecco (Lecco) - ITA 45.847165/9.406549 - 0 km/h
UOMO:
qua (inc.le)…
NANIA Alessandro:
e qua bisogna fare tutta (inc.le)…
UOMO:
e sì!...e questo giusto per tamponare un poco, ma si vede quello bianco, sennò...è
una cosa provvisoria, questa…possono prendere la ruggine, capito?...
Pausa di silenzio
NANIA Alessandro:
(inc.le) e lui (fon.) ora...durante la settimana c'è pure i sabati!...
[pausa di silenzio]
Ore [10:25:25]
UOMO:
qua ne devo mettere un poco... poco, vedi?...(inc.le)…
Pausa di silenzio
NANIA Alessandro:
(inc.le)
Perdita di segnale
Progressivo n. 1828 del giorno 09/06/2012, ore 14:54:30 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542-12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
NANIA Alessandro ed EVA:
NANIA Alessandro:
(il collaboratore di giustizia ndr.) dice che “con una macchina
potente è venuto il boss della...un boss potente...Felice Maniero...della banda del
Veneto…che questo era un boss... (il collaboratore di giustizia ndr.) ha detto che mi
aspettava a me a Brescia...io con una macchina potente da Castelletto
Brianza...sono finito con il collaboratore (inc.le) e lui che mi aspettava il COCO con
un Ferrari...che aveva appuntamento con questo boss...ed io sotto il coso...per
prova...un chilo di cocaina e gli ho fatto vedere una prova di mezzo chilo... ed il
collaboratore fa <<…Sandro ma se ci fermano ci arrestano…>>, <<…tu quando sei
con me non ti arresta nessuno perché i Carabinieri sono dalla nostra parte che…>>”
EVA:
ma è vero questo che ha detto (il collaboratore ndr.)?...
NANIA Alessandro:
è vero che ci hanno arrestato per quelle cose là...(inc.le) tutti quei
soldi...no!...non è vero niente...
EVA:
(inc.le)
NANIA Alessandro:
non ci puoi mai...
EVA:
(inc.le)
NANIA Alessandro:
ma se ce l'avevamo noi...non è che (inc.le)…
EVA:
(inc.le) tu eri autista...
NANIA Alessandro:
allora io non ho mai portato un grammo (di droga
ndr.), perché c'avevamo mille persone sotto di noi...queste mille persone venivano
comandate da Gia (si accavallano le voci ndr.)…
EVA:
sì, ma tu...facevi il trasporto, comunque…
NANIA Alessandro:
no...no...il trasporto no…
EVA:
dai!...anche in Svizzera (ride)…
NANIA Alessandro:
ed allora, il bastardo…
EVA:
andavi in giro con la droga, tu...(inc.le)…
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 92 di 566
NANIA Alessandro:
sì, ma non è che andavamo in giro (inc.le) tonnellate…
EVA:
eh!...una tonnellata, andavi in giro…
NANIA Alessandro:
come facevi tu?...la portavano gli altri...mica io...
EVA:
e anche tu, dai!...
NANIA Alessandro:
no...no...io,
mai!...io
massimo
facevo
da
intermediario...(inc.le)…
EVA:
cosa?...
NANIA Alessandro:
"dammi i soldi!"…davano i soldi a me…
EVA:
eh!...
NANIA Alessandro:
e questo bastardo qua (il collaboratore di giustizia ndr.) dice
che <<…(NANIA Alessandro ndr.) è venuto con me con una macchina potente da
Castelletto Brianza fino a Brescia...tre quarti d'ora...armato fino ai de...>> dice
<<…tutto armato…>> dice <<…perché…>>
EVA:
e vabbè…è normale che dovevi essere armato…
NANIA Alessandro:
mica mi facevo ammazzare dagli altri, io…i cazzi miei non li
racconto, no!...
EVA:
avevi preso la pistola, quindi…
NANIA Alessandro:
certo!...
EVA:
eh!...quindi…
NANIA Alessandro:
e qua c'è scritto che con il boss, là…quando sono arrivato io siamo
andati via con il Franco (fon.) con il Ferrari...a questo, che diceva che era un grande boss, gli
ho detto <<…stai fuori, che tu qua non puoi sentire quello che diciamo noi...>>…
EVA:
però lui è andato (inc.le)…
NANIA Alessandro:
sì, ha fatto il collaboratore, però...ha fatto il collaboratore di
giustizia...ed ha fatto fare questi…
EVA:
la verità ha scritto...ma chi è stato questo che ha saputo tutta la
storia?...chi?...
NANIA Alessandro:
un bastardo della Sicilia...
EVA:
era il vostro amico?...che ha raccontato la storia?...
NANIA Alessandro:
però che c'ha ventidue punti qua...quello che è sulla foto,
là...su quel...quello che c'ha ventidue punti qua, che si vede il segno e la striscia...io
gliel'ho fatto, questi!...
EVA:
eh!...
NANIA Alessandro:
non lo dice, perché...dice <<…se io gli dico che Sandro (NANIA ndr.)
mi ha spaccato a casa mia, di fronte a mia moglie e mia figlia…>>
EVA:
uhm…
NANIA Alessandro:
dice <<…che succede...non mi credono che io ero insieme a loro…>>
EVA:
ah!...
NANIA Alessandro:
e lì è bastardo!...perché non lo dici?...figlio di puttana di merda!...
EVA:
eeehh…lo devi dichiarare tu!...
NANIA Alessandro:
ed io non parlo mai!...
EVA:
ed anche lui è stato con lui…
NANIA Alessandro:
sì, però io non parlo...non ho mai parlato!...
EVA:
eh, ma per te parlano, però (EVA intende che NANIA Alessandro, fedele al
suo codice d’onore, non si è mai “pentito” e quindi non ha mai accusato nessuno, ma
altre persone non si sono fatte scrupolo di coinvolgerlo, nell’ambito di loro
dichiarazioni alle Forze di Polizia ndr.)…
NANIA Alessandro:
per me parlano...per (inc.le), però io posso andare dove voglio
che c'ho solo amici...che non ho problemi, che uno può fare delle cose perché...invece
questi qua (i pentiti ndr.) devono stare attenti anche quando cade un bicchiere per
terra, che dice <<…ma chi è stato? (inc.le) questo rumore qua…>>, io invece questi
problemi, a me quando vogliono, non ho problemi...eh, ma mi capita...(inc.le) a Lecco, sono
io...io a Lecco devo morire...è il mio regno!...capita anche a lui...quando vede che gli
muore qualche genitore, che va al funerale…arriva anche lui...queste cose si fanno
(inc.le) quando ci si dimentica (quando la persona da punire meno se l'aspetta
ndr.)…quando uno pensa che è tutto finito...che ti sei dimenticato...lì arriva il
bello...(pausa di silenzio)...qua alla tavernetta (il pentito ndr.) diceva che io avevo
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 93 di 566
200 milioni...qua sulla sinistra (POS.: - Mandello del Lario(Lecco) - ITA 45.910399/9.326349 - 51 km/h)…(inc.le) qua cosa c'entro...è il fratello dei miei
zii...buonanima sua...cosa c'ho a che vedere con questo ristorante qua...che c'ho a
che vedere con questo ristorante?...per farglielo sequestrare non hanno potuto
perché non hanno trovato niente di riscontro...siciliani di merda!...almeno sono
calabrese e me lo posso vantare, vaffanculo!...non abbiamo mai parlato noi...mai
detto niente!...quello che hai salutato con la camicia nera...gli hanno voluto...è del mio
paese...(inc.le) due fratelli...allora prima il comandante...(inc.le) a me...il comandante...poi sono
uscito offeso...<<…(inc.le) vieni che ti devo parlare, tu sei un uomo…>>, <<…sì…>>, <<…ce
l'hai i coglioni…>>, <<…sì…>>, <<…tu sei sicuro che (inc.le)…>>, <<…io sono qua…se a me
ammazzano un fratello anche se ho la (inc.le) e so chi è stato...io mi vendico e l'ammazzo…tu
ce li hai i coglioni?...mi puoi anche ammazzare!...e vedi che sono venuto a trovarti...io ce li ho i
coglioni>>, <<…no, Sandro, sai cos'è...persone…voi non c'entrate sulla nostra storia…>>,
<<…se io entravo nel (inc.le) non eri qua neanche a parlare, con me...che eri già (inc.le), tu,
come prima persona (inc.le), eri finito…>>, <<…no…no...a posto!...rimaniamo amici…>>,
<<…basta, non voglio sentire neanche una voce…>> (inc.le) e perché quel periodo là non ci
capivano un cazzo (inc.le)…c'era un macello così...
[15:00:34] NANIA Alessandro mostra il bar dove lavorava tale Mara. (POS.:- Abbadia
Lariana(Lecco) - ITA - 45.896532/9.333249 - 50 km/h)
[15:08:04] Perdita segnale.
Posizione finale:SS36 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.877932/9.375349 - 54 km/h
NANIA Alessandro , come emerge dalle conversazioni ambientali all’interno della sua
autovettura, oltre ad avere ampia conoscenza dell’uso di armi da fuoco 19, porta all’interno
della macchina armi da taglio; in un episodio agli inizi di agosto del 2012 a Calolziocorte,
non esita a portarle con sé per minacciare gravemente una persona non identificata di
nome Michele che aveva avuto un contrasto con il figlio Salvatore .
Progressivo n. 2476 del giorno 20/06/2012, ore 11:50:12 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542-12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
In auto sono presenti NANIA Alessandro e VONA Rosario.
Musica.
[11:51:04]
-
19
Progressivo n. 5357 del giorno 18/08/2012, ore 14:16:01 acquisito nell'ambito dell'intercettazione ambientale eseguita
sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T. 542-12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Rumori veicolari e musica, radio accesa. Auto in movimento. In auto NANIA Alessandro e uomo.
[14:16:05]
NANIA Alessandro nomina presumibilmente una pistola a tamburo e una 9 per 21.
uomo:
la semiautomatica inceppa!
NANIA Alessandro: Quella inceppa! quella quando spari cazzo, fa una botta che si inceppa subito! Inc.le... (questa/quella) inceppa!
uomo:
la tamburo quando spara, spara.
NANIA Alessandro: si doveva fermare e faceva col dito
uomo:
non inceppa. A tamburo (inc.le)
NANIA Alessandro: Non inceppa! certe volte....fai quel movimento che te la giri con una mano. E ci sono stati fatti errori qua
grossi... e ci sono stati ragazzi che sono morti per niente...(inc.le)
uomo:
tutto... per tutto della morte (inc.le)
NANIA Alessandro: E si tutte là l'ho fatte io. Alla fine quelli che hanno fatto (inc.le) mi dispiace a me questo è meglio (inc.le) che
hanno organizzato anche inganni
uomo:
-Inc.leNANIA Alessandro: Quell'altro... quello era uno bonaccione, non era uno...
uomo:
e intanto è stato ammazzato (inc.le)
NANIA Alessandro: eh...
[14:18:24]
uomo:
Sandro vedi che uno se lo tirava!
NANIA Alessandro: E non poteva fare cazzate...
uomo:
a quello gli hanno tappato la bocca perché passava di la per camminare con gente che non doveva camminare,
c'aveva la pistola un po’ vecchia -Inc.le[14:19:49]
omissis
Pos: - Mandello del Lario(Lecco) - ITA - 45.913799/9.323265 - 38 km/h
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 94 di 566
NANIA Alessandro dice di aver affilato il coltello e di averlo lasciato nel garage.
Poi l'UOMO scende dall'auto e NANIA Alessandro decide di aspettarlo in auto. (Via Alcide De
Gasperi 26 > 18 - 17 > 13 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.864065/9.389649 - 0 km/h) (Vicinanze
pizzeria 046, ndr)
Progressivo n. 4694 del giorno 05/08/2012, ore 12:03:15 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542-12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
NANIA Alessandro e UOMO:
auto in movimento.
auto ferma (viale Alcide de Gasperi - Calolziocorte(Lecco) - ITA - 45.800215/9.421599 - 0
km/h.) NANIA Alessandro e uomo: NANIA Alessandro parla dell'entrata del posto che vedono
e di terze persone. I due sembrano appostati per vedere qualcuno che deve uscire.
rumori d'ambiente / traffico
tramestio
[12:05:17] rumore di sportelli
[12:06:14]
NANIA Alessandro:
noo...il coltello
UOMO:
aaah
NANIA Alessandro:
mannaia la madonna! poi qua i tappeti diventano uno
schifo…
[12:06:18] l'auto viene chiusa
rumori
Pos: - Calolziocorte(Lecco) - ITA - 45.800215/9.421599 - 0 km/h
Progressivo n. 4865 del giorno 08/08/2012, ore 17:41:39 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542-12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
NANIA Alessandro in auto.
[17:41:43] apertura portiera
musica
macchina in movimento
[17:46:18]
macchina si ferma in Corso Emanuele Filiberto 85 > 105 - 50 > 68 - Lecco(Lecco) - ITA 45.830799/9.415215 - 0 km/h
[17:47:18] Corso Emanuele Filiberto 85 > 105 - 50 > 68 - Lecco(Lecco) - ITA 45.830799/9.415215 - 0 km/h
NANIA Alessandro e NANIA Salvatore:
NANIA Alessandro risponde al figlio Salvatore e dice che ha già il coltello e l'ascia.
NANIA Alessandro risale in auto, macchina in movimento
musica
[17:50:21]
NANIA Alessandro:
infame! vieni...che ti devo sparare in bocca...sennò ti sparo
fuori davanti a tutti
[17:51:22]
NANIA Alessandro:
ora ti ammazzo... sto venendo per ammazzarti merda ...sto
per ammazzarti io a te...(bestemmia) bastardo!
[17:53:38]
NANIA Alessandro:
oh dove sei? E lui dov'è? (Forse NANIA Alessandro al telefono, ndr)
[17:54:41]
macchina si ferma - Via G.B. Moroni - Calolziocorte(Lecco) - ITA - 45.806599/9.424565 - 0
km/h
NANIA Alessandro scende dalla macchina e parla con uomo
NANIA Alessandro:
io te l'ho detto già l'altra volta...ti sta bene...di stare lontano
da questa merda
NANIA Salvatore: ascoltami...mi ha chiesto un favore... un favore...ce l'ho fatto
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 95 di 566
mancano 200 euro...ha detto "glieli devo lasciare" (inc.le)
…omissis…
NANIA Salvatore: si deve far trovare... io lo voglio testa a testa (davanti a me faccia a faccia,
ndr)
NANIA Alessandro:
dammi il numero qua (detto in calabrese con tono arrabbiato,
ndr)
NANIA Salvatore:
lo voglio tet a tet....tre...tre...nove (339)
NANIA Alessandro:
dammi sto numero
NANIA Salvatore: lo voglio tet a tet, io mi faccio trovare tet a tet a mani nude (inc.le)
NANIA Alessandro:
dammi il numero
NANIA Salvatore: ottanta...(non si capisce bene la cifra che pronuncia, ndr)...è stato duro
eh...ha avuto (inc.le) con tutti (inc.le)
NANIA Alessandro:
ma chi
NANIA Salvatore: in.cle u cane duro...stavo ammazzando...(inc.le) capito eh? lo voglio
[17:56:03]
NANIA Alessandro
effettua una telefonata:
Miche!... sono Sandro o scendi o vengo ad ammazzare anche tuo padre! ti devo
sparare in faccia! scendi che ti sto sparando in faccia...Ah! dove vuoi...dove sei a
casa? a casa vengo? perché sei una merda (inc.le), dove?! vieni fuori che ti aspetto a
Calolzio dove vuoi! fermati a casa...prima tuo padre! gli devo sparare a tuo padre
prima! vieni che ti faccio vedere chi sono le persone...vieni! vieni scendi però eh! dove
sei? dove sei? ti sparo dentro! dove sei? io sono qua a Calolzio....dove vuoi! che ti
faccio vedere chi sono le persone...vieni a Calolzio! vieni che salgo dentro...a
leve...dove vuoi...salto dentro! A casa tua ti salto! ti faccio vedere chi sono le
persone! tiri il coltello con gli amici! sei un uomo tu cosi! perché hai tirato il
coltello!? perché hai tirato il coltello!? ah? tu hai tirato il coltello!? ed io ti faccio
vedere cosa ti tiro a te in faccia...hai capito? merda! non devi parlare per niente! che
ti devo bucare la faccia! ora faccio vedere chi sono le persone a te! ti faccio vedere la
riva (Fonetico) perché vengo a casa tua!
[17:57:32] l'Auto riparte.
[17:57:54] NANIA Alessandro: a Lavello...a lavello...(Zona di Calolziocorte, ndr)
Via Don Tommaso Valsecchi 20 > 2 - 3 > 1 - Vercurago(Lecco) - ITA - 45.812065/9.421882 0 km/h
[18:01:33] NANIA Alessandro: a Lavello ha detto
NANIA Salvatore (Dall'esterno dell'auto): a Lavello è?
Posizione finale progressivo:- Vercurago(Lecco) - ITA - 45.811282/9.420199 - 34 km/h
Progressivo n. 4872 del giorno 08/08/2012, ore 21:50:19 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542-12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
[21:50:26]
apertura sportello auto. (Corso Martiri della Liberazione 127 > 153 - 136 > 170 Lecco(Lecco) - ITA - 45.846749/9.397665 - 0 km/h)
NANIA Alessandro sale a bordo
NANIA Alessandro dice: c'è un coltello
Uomo:
e non vai a posarlo?
NANIA Alessandro:
è mancato poco che ci scappasse il morto
Uomo:
dove? a Calolzio?
NANIA Alessandro:
si...Salvatore mio l'ha combinato! a Michele quel ragazzo che stava
con lui, quello che era quel giorno là....Michele! quello calabrese!
Uomo:
eh
NANIA Alessandro:
non lo conosci? Michele
Uomo:
eh!
NANIA Alessandro:
quello là tanto amici...Salvatore... doveva dargli dei soldi...gliel'ha
detto Salvatore...risponde lui "e quel è il problema!" il bello che (inc.le) che tanto amici...hanno
mangiato insieme...(inc.le) Michele voleva fare il coso...Salvatore gli ha alzato le mani e l'ha
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 96 di 566
ribaltato a terra come un coso...e lui ha tirato fuori un coltello...e va per colpirlo qua
…omissis…
(Via Achille Grandi 27 > 37 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.851649/9.410132 - 54 km/h)
NANIA Alessandro:
quell'albanese...
Uomo:
eh
NANIA Alessandro:
mi ha visto uscire con la camicia aperta, che ero arrivato da
due minuti a casa,
Uomo:
ah perché eri a casa tu?
NANIA Alessandro:
si ero arrivato da due minuti a casa...mi ha visto uscire con
la camicia aperta un ascia in mano ed un coltello così...dice "dove vai?" poi
l'ammazzo e (inc.le)
[21:55:34] Sosta: via del Roccolo - Lecco(Lecco) - ITA - 45.849982/9.411765 - 0 km/h
Uomo:
mi frego che mi fermano i carabinieri
NANIA Alessandro:
ed a me chi mi ferma!
Uomo:
(inc.le)
NANIA Alessandro:
chi cazzo mi ferma!...
Progressivo n. 4874 del giorno 08/08/2012, ore 22:28:35 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542-12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
[22:28:36]
NANIA Alessandro:
arrivo io con l'ascia ed il coso (Coltello, ndr) "uomo di merda
vuoi fare il duro! da questo momento in poi non sei niente...hai chiuso i ponti che ho
passato già la parola io...Calolzio e Lecco hai chiuso! ed anche (inc.le) che adesso ti
faccio spogliare di uomo che sono io (inc.le)"
Continua a raccontare il litigio e gli schiaffi che Salvatore ha dato a UOMO (Michele,
ndr).
[22:30:13]
NANIA Alessandro e uomo risalgono in macchina. (- Calolziocorte(Lecco) - ITA 45.800449/9.421399 - 9 km/h)
…omissis…
e) L’aiuto prestato alla famiglia MANCUSO al fine di contattare in carcere il collaboratore di
giustizia SCHETTINI Antonio
Come ogni gruppo associato di ‘ndrangheta anche la locale di Lecco con l’impulso direttivo
di TROVATO Mario si mostra disponibile a fornire supporto ad altri appartenenti alla
‘ndrangheta componenti della famiglia MANCUSO.
In un gravissimo episodio, per fortuna non conclusosi positivamente, TROVATO Mario
nell’interesse della famiglia MANCUSO assume informazioni sul luogo di detenzione di un
collaboratore di giustizia SCHETTINI Antonio, soggetto dichiarante anche nel processo Wall
street a carico di TROVATO Franco, e si mostra disponibile a favorire un contatto in carcere
al fine di far modificare le sue dichiarazioni accusatorie nei confronti di MANCUSO Luigi.
Si ricorda che SCHETTINI Antonio era uno dei membri più importanti del clan COCOTROVATO, fedele collaboratore di TROVATO Franco; era a capo del “gruppo di fuoco” del
clan e i virtù di questo incarico si era reso responsabile di un numero impressionante di
omicidi commissionatigli dalla cosca.
Il contatto dei MANCUSO con PALERMO e TROVATO Mario viene attivato tramite le sorelle
GHEZZI Silvia e GHEZZI Elena, soggetti di cui si parlerà nella parte relativa ai canali politici
della locale .
La vicenda non avrà sviluppi in quanto SCHETTINI era stato trasferito solo per pochi giorni
nella casa circondariale di Monza ed aveva già fatto rientro nel carcere di Napoli.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 97 di 566
SOTTOCASA Dario geometra lecchese convivente di GHEZZI Silvia, persona impegnata
politicamente già nell’Udeur e poi nel partito del Popolo della Libertà, il 6.7.2011 contatta
PALERMO Ernesto, informandolo che GHEZZI aveva la necessità di rappresentargli una
questione. PALERMO chiama GHEZZI che tuttavia non risponde al cellulare.
Telefonata n. 7504 del giorno 06/07/2011, ore 16:04:02 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e SOTTOCASA Dario diretta
all'utenza n. 3356064237.
PALERMO Ernesto per SOTTOCASA Dario:
PALERMO Ernesto dice di essere a casa
SOTTOCASA Dario:
No... avevo bisogno di una cosa… però se sei a casa! Forse Silvia si
è già sistemata
PALERMO Ernesto:
Non ho capito
SOTTOCASA Dario:
Forse Silvia si è già sistemata, adesso sono fuori... sono a
Ballabio... quando torno... quando torno in ufficio se c'è lì Silvia... tu ce l'hai il numero di
cellulare di Silvia
PALERMO Ernesto:
Si
SOTTOCASA Dario:
Puoi sentirla se è andata a posto o meno sennò aveva bisogno di
una cosa da te
PALERMO Ernesto:
Ah va be la chiamo subito
SOTTOCASA Dario:
Va bene?
PALERMO Ernesto:
Ciao
SOTTOCASA Dario:
Ciao grazie
Telefonata n. 7505 del giorno 06/07/2011, ore 16:05:11 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e GHEZZI Silvia diretta
all'utenza n. 3355737079.
Squilli
Fuori cornetta in sottofondo PALERMO Ernesto: "Il numero ce l'ho ma non mi risponde"
Pochi minuti dopo, dai telefoni installati negli uffici dove lavora GHEZZI Silvia e
SOTTOCASA Dario, il “Centro di Elaborazione Dati Servizio Conto Terzi - C.c.s. (Centro
Contabile e Servizi) e lo Studio Tecnico, entrambi siti a Lecco in via Umberto Pozzoli al civico
n. 6, partono alcuni tentativi di chiamata verso il cellulare di PALERMO Ernesto.
GHEZZI Silvia informa subito dopo CANESTRINO Antonella, della necessità di parlare con
PALERMO Ernesto.
Telefonata n. 7506 del giorno 06/07/2011, ore 16:09:23 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra e PALERMO Ernesto proveniente dall'utenza n.
0341283481.
Squillo
Telefonata n. 7507 del giorno 06/07/2011, ore 16:10:02 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra GHEZZI Silvia e CANESTRINO Antonella
proveniente dall'utenza n. 0341283649.
GHEZZI Silvia per CANESTRINO Antonella:
CANESTRINO Antonella riferisce a GHEZZI Silvia che Ernesto (PALERMO) è sotto la doccia.
GHEZZI Silvia chiede a CANESTRINO Antonella di riferire ad Ernesto di contattarla a questo
numero o sul cellulare
PALERMO Ernesto, dopo il contatto con GHEZZI Silvia, riferisce a REDAELLI Antonello di
dover organizzare un incontro con TROVATO Mario.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 98 di 566
Risulta che PALERMO Ernesto si era recato personalmente da GHEZZI Silvia ed è in
compagnia della persona che ha la necessità di incontrare TROVATO Mario.
La persona ha infatti un aereo da prendere per le prime ore del giorno successivo
dall’aeroporto e quindi l’incontro deve avvenire al più presto.
Nelle telefonate tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario viene fatto riferimento alla persona
che richiede l’incontro, individuandola come “la sorella di Silvia” (GHEZZI Elena). Nelle
intercettazioni ambientali successive emerge che nell’incontro con TROVATO Mario si sia
presentato un uomo, forse accompagnato o collegato alla “sorella di Silvia”, che ha
viaggiato in aereo e probabilmente proviene dalla Calabria.
L’incontro tra questa terza persona e TROVATO Mario avverrà nei pressi di un bar vicino
alla stazione ferroviaria di Lecco-Maggianico.
Telefonata n. 4734 del giorno 06/07/2011, ore 16:51:35 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3664554301.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
PALERMO Ernesto chiede se da REDAELLI Antonello si trova da "Cipollino" (si riferisce a
TROVATO Mario, ndr). REDAELLI Antonello risponde che è già andato da Pino e chiede se
aveva bisogno di lui. PALERMO Ernesto risponde di sì e si sentiranno dopo perché così gli
spiegherà qualcosa.
PALERMO Ernesto risponde che chiamerà lui "Cipollino" (si riferisce a TROVATO Mario)
Telefonata n. 1314 del giorno 06/07/2011, ore 16:52:44 intercettata sull'utenza
n. 3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 7508 del giorno 06/07/2011, ore 16:52:44 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario diretta
all'utenza n. 3381430512.
F.c. PALERMO Ernesto: Io...lo accompagno io (inc.le)...o andiamo là o te lo porto qua...come
vuoi!
Uomo:
Come vuoi tu
PALERMO Ernesto:
T'accompagno io non c'è problema...(inc.le) lo senti qua
PALERMO Ernesto per IVASHKOVA Alexandra/TROVATO Mario:
IVASHKOVA Alexandra: Erne!
PALERMO Ernesto:
Eh
IVASHKOVA Alexandra: Aspetta che te lo passo...che è in doccia
PALERMO Ernesto rivolgendosi ad una terza persona a lui vicino: "Tu a che ora ce l'hai
l'aereo?"
Uomo:
Eh domani mattina.
Uomo2:
Sei e mezza deve essere lì.
PALERMO Ernesto:
Alle sei e mezzo devi essere all'aeroporto?
[16:53:33]
TROVATO Mario: Pronto
PALERMO Ernesto:
Ma tu non avevi un appuntamento oggi?
TROVATO Mario: Eh?
PALERMO Ernesto:
Non avevi un appuntamento oggi?
TROVATO Mario: Oggi avevo un appuntamento?
PALERMO Ernesto:
Si
TROVATO Mario: Non avevo un appuntamento io
PALERMO Ernesto:
Eh si eh!
TROVATO Mario: Cosa vuoi non mi ricordo
PALERMO Ernesto:
Avevi un appuntamento con la sorella della Silvia no!?
TROVATO Mario: Si ma non sono arriva...ha detto che arrivava in pizzeria
PALERMO Ernesto:
E’ qua eh! è qua
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 99 di 566
TROVATO Mario: Eh si ma dopo le sei gli ho detto...dopo le sei e mezza sette... gli ho detto
PALERMO Ernesto:
Non ce la fa perché dopo deve andare via
TROVATO Mario: Si ho capito...sono a casa e mi faccio la doccia adesso
PALERMO Ernesto:
Eh...quando ci vediamo?
TROVATO Mario: Adesso che arrivo al "barettino" perché la pizzeria è chiusa... gli avevo detto
che la pizzeria era chiusa e che io dopo le otto... sette e mezza... sei e mezza...(inc.le) lì al bar.
PALERMO Ernesto:
Eh ma c'è stato un malinteso
TROVATO Mario: Un malinteso da loro... io gli ho detto che a quell'ora li ero... all'ora
dell'aperitivo gli ho detto... comunque per me ci vogliono tre quarti d'ora minimo...
PALERMO Ernesto:
Tre quarti d'ora?
TROVATO Mario: Eh sono nella doccia!
PALERMO Ernesto:
Va beh... ok dove ci troviamo?
TROVATO Mario: Vengo io al "barettino"
Si salutano
Telefonata n. 7509 del giorno 06/07/2011, ore 17:03:56 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Mario e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3381430512.
Telefonata n. 1315 del giorno 06/07/2011, ore 17:03:56 intercettata sull'utenza
n. 3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Mario e PALERMO Ernesto diretta
all'utenza n. 3495781131.
TROVATO Mario per PALERMO Ernesto:
PALERMO Ernesto dice di essere da Silvia (GHEZZI Silvia n.d.r.) e andrà con lui (n.m.i.) a
prendere TROVATO Mario dove c'è INVERNIZZI vicino al sottopassaggio alla stazione di
Maggianico quello che vende piastrelle.
TROVATO Mario: Ma tu dove sei Erné?
PALERMO Ernesto:
Sono qua da Silvia... vuoi venire qua?
TROVATO Mario: Cioè tu sei con loro?
PALERMO Ernesto:
Si
TROVATO Mario: Ma sei al "Barettino"?
PALERMO Ernesto:
No...dimmi dove devono venire che te lo p...vengo no
TROVATO Mario: Se tu vieni a prendermi...sai dove sono io?
PALERMO Ernesto:
No ma vengo con lui non c'è problema...vengo con lui, se vuoi,
non c'è problema
TROVATO Mario: Sai dove devi venire a prendermi?
PALERMO Ernesto:
Eh!
TROVATO Mario: Sai dove c'è INVERNIZZI materiale edile
PALERMO Ernesto:
INVERNIZZI materiale edile...no non lo so dov'è
TROVATO Mario: La stazione di Maggianico... come non lo sai... INVERNIZZI quello che vendo
piastrelle (INVERNIZZI Luciano S.r.l. via Arturo TOSCANINI 11)
PALERMO Ernesto:
La stazione di Maggianico si dai va beh ci vediamo là
TROVATO Mario: Dove c'è Invernizzi...(inc.le) vicino al sottopassaggio
PALERMO Ernesto:
Si dai
TROVATO Mario: Ma hai capito dov'è?
PALERMO Ernesto:
Si dai
Si danno appuntamento al posto di cui parlano.
Telefonata n. 7510 del giorno 06/07/2011, ore 17:19:29 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Mario e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3381430512.
Telefonata n. 1316 del giorno 06/07/2011, ore 17:19:29 intercettata sull'utenza
n. 3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Mario e PALERMO Ernesto diretta
all'utenza n. 3495781131.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 100 di 566
TROVATO Mario per PALERMO Ernesto:
TROVATO Mario: Dove sei?
PALERMO Ernesto:
Alla stazione di Maggianico stiamo arrivando
TROVATO Mario: Fai il sottopassaggio ed io sono dalla parte di qua
PALERMO Ernesto:
Ok stiamo arrivando ciao
Alle ore 17:53 l’incontro tra la persona non meglio identificata e TROVATO Mario si è da
poco concluso e lo stesso TROVATO a bordo del veicolo di PALERMO Ernesto ne commenta
il contenuto.
Un calabrese, che si era presentato a TROVATO Mario come un “inviato” <<…Cioè che lo
ha mandato Luigi…>> e come compagno di detenzione di MANCUSO Luigi 20, <<…mi ha
detto sono stato dentro con Luigi…>>, ha richiesto un favore, proprio per conto della nota
famiglia MANCUSO.
Si comprende che
TROVATO Mario e MANCUSO Luigi si erano conosciuti durante un
periodo di detenzione comune, dal 9.2.2001 al 20.3.2002, presso l’istituto di pena
dell’Aquila nel regime di carcere duro per i mafiosi (ex art. 41 bis Legge n. 354/1975, n. 354
“Norme sull’ordinamento penitenziario e sull’esecuzione delle misure privative e limitative
della libertà”) <<…eravamo insieme all'Aquila al quarantuno...>>.
Dalla accurata descrizione sulla famiglia, avvenuta tra TROVATO Mario e PALERMO
Ernesto, emerge il chairo riferimento all famiglia MANCUSO di Limbadi – ceppo principale di
Giuseppe detto ‘mbroglia <<…è un MANCUSO doc… …Luigi… …Il fratello di Ciccio…
…E’ l'ultimo dei Mancuso… (dei fratelli di sesso maschile n.d.r.) …fratello di Tonino di
Antonio… …Sono proprio quelli di Vibo… Quello è il genero di Nuzza (MANCUSO
Antonia n.d.r.) della sorella di Ciccio (MANCUSO Francesco n.d.r.) Antonio (MANCUSO
Antonio n.d.r.)… L’altra volta li hanno arrestati un’altra volta… …Quello che era a
Giussano, Salvatore, il figlio della buon’anima di Ciccio (MANCUSO Francesco n.d.r.)…
…No Salvatore lo hanno arrestato...>>.
Si comprende nel seguito della conversazione che MANCUSO Luigi ha inviato un suo
emissario, sicuramente facendosi forte del vincolo associativo che lega la famiglia MANCUSO
a quella di COCO-TROVATO, entrambe con numerosi affiliati alla ‘ndrangheta 21, per sapere
se TROVATO Mario poteva comunicare o inviare un messaggio al pentito SCHETTINI
Antonio, al fine di agevolare la posizione giuridica di MANCUSO Luigi che evidentemente
risultava oggetto di dichiarazioni <<…Luigi (MANCUSO Luigi n.d.r.) è l'unico che si può
salvare è punito con l'ergastolo! Allora... devo arrivare al pentito... devo sapere se
uscito... se è uscito ci vado… questo dovrebbe uscire, devo trovare a Salvatore perché
mi ha detto che usciva, se è uscito l'anno dopo... lo trovo io... (inc.le)...aveva accusato
Peppe!...>>.
Il fatto però che SCHETTINI Antonio sia ancora detenuto in una parte del carcere destinata
ai collaboratori di giustizia , quindi ben sorvegliata e protetta, si dimostra un ostacolo
difficile da oltrepassare anche per TROVATO Mario <<…Allora gli ho detto, guarda io ti
posso solo dire che essendo in carcere, dobbiamo vedere dov'è, e mandare
l'imbasciata a qualcuno perché se è nei cosi dei pentiti non gliela posso mandare
ambasciata (inc.le) l'assistenza normale, perché se non è una persona normale a
Vigevano lo tolsero fuori non lo diedero a nessuno…>>.
Poi prosegue il discorso sul pentito SCHETTINI, parzialmente giustificato da TROVATO
Mario in quanto riteneva avesse collaborato solo successivamente, quando ormai i crimini
perpetrati dall’organizzazione di cui facevano parte i fratelli COCO-TROVATO erano già stati
portati alla luce dai primi pentiti <<…quando ha visto che tutti quanti (inc.le)...pentiti
ormai… (inc.le) ma se no lui … la botta sono stati quei pugliesi che sono iniziati
no!...>>.
Progressivo n. 1988 del giorno 06/07/2011, ore 17:53:41 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
20
21
nato il 16.3.1954 a Limbadi (CZ);
vgs. ALLEGATO C - allegato presente esclusivamente in formato elettronico su supporto informatico;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 101 di 566
1727/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di PALERMO Ernesto si sente la voce di PALERMO Ernesto e di TROVATO Mario.
TROVATO Mario: Neanche la doccia mi hai fatto fare.
PALERMO Ernesto:
Chi io?
TROVATO Mario: E vedi tu.
PALERMO Ernesto:
Ah si scusa, voi l'aperitivo quand'è l'aperitivo verso mezzogiorno è
l'aperitivo è?
TROVATO Mario: mmmmm.
PALERMO Ernesto:
Scusa eh...
TROVATO Mario: (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Ma vaff...(riferito a terza persona n.m.i.)
TROVATO Mario: Imbranato...
PALERMO Ernesto:
(inc.le)...Dove dobbiamo andare al bar? Dove dobbiamo andare?
TROVATO Mario: Devi andare da qualche parte tu?
PALERMO Ernesto:
No dove dobbiamo andare?
TROVATO Mario: Tu hai detto che devi scappare!
PALERMO Ernesto:
Eh per non stare qua che mi rompo il c... Questa qua mi fa (inc.le)...
TROVATO Mario: E andiamo al bar allora no!?
PALERMO Ernesto:
(inc.le)...Andiamo al bar? Mi fa la testa piena ogni volta.
Mi ha chiamato per telefono, me lo puoi passare urgente qua e là. Ho detto Ada (n.m.i.) non ho
tempo sono a casa.
TROVATO Mario: Io mica me ne ero dimenticato. Ma io (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Io poi non sapevo che cosa ti dovevo dire per telefono.
TROVATO Mario: Ma (inc.le)...dimenticato no. Se (inc.le)...ti ho detto dopo le diciotto e trenta diciannove di venire qua al barettino che mi trovava e facevamo l'aperitivo. Gli ho detto
l'aperitivo hai sentito?
PALERMO Ernesto:
Si.
TROVATO Mario: Ma non a mezzogiorno eh. Anche a mezzogiorno avevi fatto un favore.
PALERMO Ernesto:
Ma lei non voleva neanche chiamarti secondo me poi
(inc.le)...Quando gli ha detto a questo amico tuo, gli ha detto: C'è un calabrese... e questo
come.
TROVATO Mario: Lo sai chi è?
PALERMO Ernesto:
Me lo ha detto. Si è presentato e mi ha detto sono stato
dentro con Luigi (MANCUSO Luigi n.d.r.)
TROVATO Mario: MANCUSO?
PALERMO Ernesto:
Me lo ha detto.
TROVATO Mario: Lele MANCUSO? Cioè che lo ha mandato Luigi (MANCUSO Luigi
n.d.r.)?
PALERMO Ernesto:
Lo zio Luigi (MANCUSO Luigi n.d.r.)...Il vecchio.
TROVATO Mario: Il vecchio, il vecchio (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Il fratello di Ciccio (MANCUSO Ciccio n.d.r.).
TROVATO Mario: Nooo.
PALERMO Ernesto:
Come no.
TROVATO Mario: No non sono quelli, e lo so me li dici a me?
PALERMO Ernesto:
Eh figa me lo ha detto lui. Conosce anche il compare di mia figlia
(MANCUSO Giuseppe, ndr)
TROVATO Mario: Ma no. Peppe (n.m.i.) no era (inc.le)...e Luigi (MANCUSO Luigi) era
(inc.le)...era impiegato con con noi ai processi...(inc.le).
PALERMO Ernesto:
Era il fratello del vecchio Ciccio MANCUSO come no Mario
(TROVATO Mario n.d.r.)
TROVATO Mario: No erano con... forse il figlio. Luigi è giovane è più giovane di me.
PALERMO Ernesto:
E’ l'ultimo dei Mancuso
TROVATO Mario: Luigi (MANCUSO Luigi n.d.r.) eh.
PALERMO Ernesto:
Dei fratelli.
TROVATO Mario: Eh Luigi (MANCUSO Luigi n.d.r.) è più giovane di me.
PALERMO Ernesto:
No dico Ciccio Mancuso il vecchio.
TROVATO Mario: Ah il vecchio.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 102 di 566
PALERMO Ernesto:
Il fratello di Tonino di Antonio
TROVATO Mario: Sarà stato uno degli zii… del parente, del coso, ma... questi qua sono
rientrati... Peppe (n.m.i...) e Luigi (MANCUSO Luigi n.d.r.) sono due cugini sono, nemmeno
fratelli, due cugini.
PALERMO Ernesto:
Rapinatore per sbaglio si pente e va dai carabinieri questo è quello
di coso.
TROVATO Mario: Eh?
PALERMO Ernesto:
Di Olginate di Caronia (fon)
TROVATO Mario: Ah si quella là si.
PALERMO Ernesto:
Non ho capito chi è, si comunque conosce a Luigi (fon.)
TROVATO Mario: Era con me, eravamo insieme all'Aquila al quarantuno, adesso gli
hanno tolto il quarantuno ed è a Catanzaro per avvicinamento.
PALERMO Ernesto:
E lui è un MANCUSO doc?
TROVATO Mario: Sono loro proprio...
PALERMO Ernesto:
Sono quelli che dico io eh...
TROVATO Mario: Sono proprio quelli di Vibo questi, no?...
PALERMO Ernesto:
Mario (TROVATO Mario n.d.r.) quello che avevamo visto noi là
(luogo n.m.i.) che...
TROVATO Mario: Non c'entra un c...
PALERMO Ernesto:
Quello è il genero di Nuzza (MANCUSO Antonia n.d.r.) della
sorella di Ciccio (MANCUSO Ciccio n.d.r.) Antonio (MANCUSO Antonio n.d.r.)
TROVATO Mario: (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Quelli che abbiamo visto noi a (inc.le)...
TROVATO Mario: Quelli che ah...
PALERMO Ernesto:
Eh...
TROVATO Mario: E’ il figlio è... I MANCUSO MANCUSO sono (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
MANCUSO sono.
TROVATO Mario: L’altra volta li hanno arrestati un’altra volta (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Quello che era a Giussano, Salvatore, il figlio della
buon’anima di Ciccio (MANCUSO Francesco n.d.r.)
TROVATO Mario: No che era latitante.
PALERMO Ernesto:
No Salvatore lo hanno arrestato.
TROVATO Mario: (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
No che sono quelli.
TROVATO Mario: No cazz...
PALERMO Ernesto:
Oh mannaggia...bestemmia...
TROVATO Mario: Porc...Putt...ti dico di no.
PALERMO Ernesto:
(inc.le)...Ti ricordi a Pino quello che hanno arrestato? A Pino
Mancuso? Che era a Milano.
TROVATO Mario: Eh.
PALERMO Ernesto:
Eh quello qual è il buono o il malamente (cattivo n.d.r.)?
TROVATO Mario: Era dei buoni.
PALERMO Ernesto:
E quelli sono tutti quelli, quelli che dico io eh. Quello è lo zio.
TROVATO Mario: Pupo…era latitante e l'hanno arrestato pure!
PALERMO Ernesto:
Bravo! Salvatore (MANCUSO Salvatore n.d.r.) che era a
Giussano è il figlio di Ciccio (MANCUSO Ciccio n.d.r.) buon’anima (termine rispettoso
per persona defunta n.d.r.).
TROVATO Mario: (inc.le)...Quelli sono quelli, quelli (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Benissimo (fon.) e siamo, quelli che dico io sono.
Sono gli stessi Mario (TROVATO Mario n.d.r.) tu magari i ragazzi non te li ricordi perché
giustamente hanno l'età mia!
TROVATO Mario: Luigi (MANCUSO Luigi n.d.r.) è l'unico che si può salvare è punito con
l'ergastolo! Allora... devo arrivare al pentito... devo sapere se uscito... se è uscito ci
vado.
PALERMO Ernesto:
C'è un pentito!
TROVATO Mario: No...c'è un pentito... SCHETTINI, no?
PALERMO Ernesto:
Ah!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 103 di 566
TROVATO Mario: Però dovrebbe...questo dovrebbe uscire, devo trovare a Salvatore
perché mi ha detto che usciva, se è uscito l'anno dopo... lo trovo io... (inc.le)...aveva
accusato Peppe!
PALERMO Ernesto:
Ah SCHETTINI?
TROVATO Mario: Però (inc.le) c'era il fratello, va beh quello va bene lo sanno tutti no?
PALERMO Ernesto:
Eh.
TROVATO Mario: (inc.le)…però dice un drogato non lo vorrei... (inc.le) uno che trafficava!
Invece poi dopo (inc.le)...questo qua che trafficava. Eh... ad oggi si può dire ancora quello che
ha detto prima.
PALERMO Ernesto:
Ha denunciato a lui
TROVATO Mario: Quello che ha detto la prima volta.
PALERMO Ernesto:
La prima volta.
TROVATO Mario: Allora gli ho detto, guarda io ti posso solo dire che essendo in
carcere, dobbiamo vedere dov'è, e mandare l'imbasciata a qualcuno perché se è nei
cosi dei pentiti non gliela posso mandare ambasciata (inc.le) l'assistenza normale,
perché se non è una persona normale a Vigevano lo tolsero fuori non lo diedero a
nessuno.
PALERMO Ernesto:
A questo SCHETTINO?
TROVATO Mario: Eh, però lui se esce io posso affrontarlo (inc.le)... mi ha scagionato... (inc.le)
PALERMO Ernesto:
SCHETTINI?
TROVATO Mario: Si, Mario (TROVATO Mario n.d.r.) non c'entra un c... con nessuno mai
trafficato droga (inc.le) a Mario (TROVATO Mario n.d.r.) non gli interessava anzi, lui
guadagnava soldi senza che faceva... è la verità (inc.le)…ha detto la verità su di me, Mario
(TROVATO Mario n.d.r.) era l'unico che guadagnava soldi senza fare illecito dice, perché dove
metteva metteva le mani apriva locali, faceva questo... lui, quello che gli piaceva a lui
(TROVATO Mario n.d.r.) erano le femmine e le macchine ha detto, e lui si divertiva, basta
macchine, femmine e quello (inc.le)... poi dice, anzi, noi ci mangiavamo sopra di lui (TROVATO
Mario n.d.r.) ha detto pure (fon) nel mobilificio ci vendevano pure gli arredamenti ci dava.
PALERMO Ernesto:
Oh ma questo l'ha rovinato!
TROVATO Mario: Ha detto la verità!
PALERMO Ernesto:
A Franco (TROVATO Franco n.d.r.) l'ha rovinato però!
TROVATO Mario: (inc.le)...Poi a questo gli ha dato... il voto (fon.)
PALERMO Ernesto:
Ma quanti ce ne sono stati, trenta-quaranta, quanto c...?
TROVATO Mario: Tutti, no lui (inc.le)...quando ha visto che tutti quanti (inc.le)...pentiti
ormai… (inc.le) ma se no lui (inc.le) …
PALERMO Ernesto:
Ma tu tutti pentiti che...
TROVATO Mario: POSTINI-SCHETTINI-PACE, tutti quanti no!
PALERMO Ernesto:
Quanti ne avevano (inc.le)...
TROVATO Mario: (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
…(inc.le) no era Rosario!...no dico...che stavo dicendo? la botta
sono stati quei pugliesi che sono iniziati no!
TROVATO Mario: Si, c'è stato (inc.le),...ci sono stati tutti no! La botta che buttarono ai
pugliesi si (inc.le) altri diciassette anni lui eh (inc.le) l'ergastolo.
PALERMO Ernesto:
I napoletani ! Sono usciti, no? Che c'è pure SCHETTINI!
Omissis
PALERMO Ernesto e TROVATO Mario arrivano vicino al bar dove c'è Alexandra e devono
parcheggiare l'autovettura.
I successivi accertamenti eseguiti offrono
riscontro specifici sulla veridicità delle
conversazioni intercettate.
In primo luogo risulta che TROVATO Mario e MANCUSO Luigi hanno scontato un periodo di
detenzione comune presso la Casa Circondariale de L’Aquila, come documentato dal registro
dei periodi di detenzione di entrambi22.
22
vgs. ALLEGATO N. 27 Elenco movimenti definitivi di TROVATO Mario e MANCUSO Luigi
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 104 di 566
[estratto dai registri di detenzione di TROVATO Mario e MANCUSO Luigi della Casa
Circondariale di l’Aquila]
Di particolare interesse assume anche l’incontro avvenuto tra l’emissario della famiglia
MANCUSO con TROVATO Mario, poiché come documentato sempre dal registro di
detenzione, SCHETTINI Antonio risulta trasferito il giorno precedente 5.7.2011 dal carcere
di Secondigliano (NA) a quello di Monza, ove sarebbe rimasto solo pochi giorni, fino al
9.7.201123, per poi essere ricondotto a Napoli.
[estratto dai registri di detenzione di SCHETTINI Antonio della Casa Circondariale di Monza]
L’emissario di MANCUSO Luigi risulta dunque pericolosamente a conoscenza del
trasferimento e si rivolge con tempestività a TROVATO Mario per far giungere al
collaboratore SCHETTINI Antonio un loro segnale.
Successivamente il giorno 20.7.2011 PALERMO Ernesto chiama GHEZZI Elena e le fornisce,
utilizzando un linguaggio criptico, nuove informazioni sul pentito SCHETTINI Antonio, il
quale, dopo il trasferimento temporaneo nella casa circondariale di Monza tra il 5 ed il 9
luglio, era stato ricondotto come visto presso la casa circondariale di Napoli - Secondigliano.
Il messaggio proviene direttamente da TROVATO Mario che attraverso PALERMO Ernesto
informa GHEZZI Elena che sta per recarsi personalmente in Calabria in occasione delle
vacanze estive di riferire a terze persone, probabilmente in contatto con il detenuto
MANCUSO Luigi il nuovo spostamento di SCHETTINI Antonio <<…Mi è stato detto di
dirti... …Di dire... a "quell'albergatore là"...che la persona che lui cercava è giù…..."il
responsabile dell'albergo" è giù…>>.
PALERMO Ernesto si assicura che GHEZZI Elena abbia compreso il messaggio da riferire
<<…Hai messo insieme il puzzle?…>>.
23
Telefonata n. 8407 del giorno 20/07/2011, ore 22:02:42 intercettata sull'utenza
vgs. ALLEGATO N. 28 Elenco movimenti definitivi di SCHETTINI Antonio
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 105 di 566
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SOTTOCASA Dario e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3356064237.
SOTTOCASA Dario per PALERMO Ernesto:
SOTTOCASA Dario gli chiede se ha parlato con la Elena (GHEZZI Elena, ndr) e se vuole che
gliela passi. PALERMO Ernesto accetta.
PALERMO Ernesto per GHEZZI Elena:
Convenevoli.
PALERMO Ernesto:
Senti so che domani vai in ferie, giusto?
GHEZZI Elena:
Ehe...Sì! Sì, sì! Mi muovo (fon.) per lavoro!
PALERMO Ernesto:
Brava! Allora…se vai "in quel posto" lì (verosimilmente Calabria,
ndr)
GHEZZI Elena:
Sì!
PALERMO Ernesto:
Mi è stato detto di dirti...
GHEZZI Elena:
Sì!
PALERMO Ernesto:
Di dire... a "quell'albergatore là"...
GHEZZI Elena:
Sì...!
PALERMO Ernesto:
...che la persona che lui cercava è giù.
GHEZZI Elena:
Ah, ok, va bene "! Va bene d'accordo! Ah...va bene..."il responsabile
dell'albergo" è giù
PALERMO Ernesto:
Eh! Hai capito?
GHEZZI Elena :
Va bene ! D'accordo, va bene!
PALERMO Ernesto:
Hai messo insieme il puzzle?
GHEZZI Elena :
Va bene (ride), va bene! C'è poco da "pazolare"!
[PALERMO Ernesto ride ]
GHEZZI Elena:
Se è lui nell'albergo... il suo... il referente dell'albergo c'è... siamo a posto!
PALERMO Ernesto:
Però è giù! Digli che è giù!
GHEZZI Elena:
Va bene, va bene!
PALERMO Ernesto:
Ok? Cinque
GHEZZI Elena :
Molto bene!
PALERMO Ernesto:
Un bacione...
GHEZZI Elena:
Grazie, buona serata!
PALERMO Ernesto:
Pure a te, ciao, ciao!
voce f.c. di Uomo (verosimilmente SOTTOCASA Dario) che dice cosa...viene giù?"
f) Le attività di bonifica degli automezzi da parte dell’associazione
Come tutti i sodalizi criminosi dotati di pericolosità e spessore criminale anche la locale di
Lecco per tutelare la propria attività criminosa pone in essere verifiche preliminari e
“bonifiche ” degli ambienti e degli automezzi per la ricerca di eventuali apparati di
registrazione.
TROVATO Mario periodicamente si serve di una persona fidata di origine calabrese,
ESPOSITO Pasquale, al fine di far controllare le proprie autovetture e quelle dei suoi
associati.
ESPOSITO Pasquale24, dal canto suo fornisce i propri servizi all’organizzazione ogni
qualvolta gli viene richiesto. Non solo trova la microspia sull’auto di BONGARZONE ma
effettua su richiesta di TROVATO Mario le verifiche sull’autovettura dello stesso e di
ROMEO Antonino. TROVATO Mario suggerisce anche a PALERMO Ernesto di effttuare tali
controlli.
Tali attività di bonifica costringeranno naturalmente la PG nel corso delle indagini ad
intervenire più volte per la rimozione e la successiva reinstalla zone delle microspie.
Il 6.8.2011 TROVATO Mario informa la sua compagna IVASHKOVA Alexandra del
24
nato a Lecco il 26.9.1981. Ttitolare della d.i. “EVOSOUND” - P.Iva 02992730131 con sede in Lecco, via Montelungo n. 43
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 106 di 566
rinvenimento di una microspia all’interno dell’auto di BONGARZONE Claudio e le
rappresenta come dopo il ritrovamento sia sua intenzione far controllare periodicamente le
autovetture alla ricerca di eventuali microspie. TROVATO rappresenta anche il timore che
siano stati ambientalizzati anche gli esercizi commerciali nella disponibilità degli associati.
Progressivo n. 2105 del giorno 06/08/2011, ore 17:07:40 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
In auto sono presenti TROVATO Mario e IVASHKOVA Alexandra.
Auto in movimento. Radio accesa.
…omissis…
TROVATO Mario: …omissis… lo intestavo a te... però lo intestavo a te... rischiavo... perché
questi, andavano a vedere chi è la donna... la donna di Mario (TROVATO, ndr)... hai capito?
Non parlare mai di queste cose hai capito?
IVASHKOVA Alexandra: sì
TROVATO Mario: (inc.le) pure in macchina ci sono le microspie... te le mettono in macchina...
nella tua eh! Vedi che quella di Claudio (BONGARZONE, ndr) gliel'ha trovata ?
IVASHKOVA Alexandra: ma come? L'ha trovata?
TROVATO Mario: sì
IVASHKOVA Alexandra: ma come?!
TROVATO Mario: era una cosa che c'era sotto la... gli hanno aperto la macchina... quando la
porti dal meccanico... la porti a fare il tagliando... va lì la polizia e gliela mettono... prima di
venire giù gliel'abbiamo trovata...
IVASHKOVA Alexandra: gliel'avete trovata voi o altri?
TROVATO Mario: un elettrauto l'ha trovata... ci ha chiamato... ci ha detto: "vedi che
c'è... una microspia", quella satellitare... che sanno pure dove vai, capito? Può darsi
pure che c'è nella tua, nella mia... in quella di Antonello (REDAELLI, ndr)... quella
di...
IVASHKOVA Alexandra: ma avete controllato?
TROVATO Mario: ma ci vuole una macchinetta per controllare... non le puoi
controllare così... adesso sta macchinetta sento io chi ce l'ha... ed io controllo tutte
le macchine, hai capito? In macchina mai parlare... perché non sai mai come cazzo
è qui... (parola incomprensibile), era cacato addosso... ce l'aveva Claudio
(BONGARZONE, ndr)...
IVASHKOVA Alexandra: penso che Claudio (BONGARZONE; ndr) c'ha qualcosa nella...
TROVATO Mario: no... no... lui... ce... solo lui ce l'ha avuta per adesso... io questa qui... non
l'ho mai...
Progressivo n. 2106 del giorno 06/08/2011, ore 17:27:40 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
In auto sono presenti TROVATO Mario e IVASHKOVA Alexandra.
Segue conversazione del progressivo precedente.
TROVATO Mario: gliel'hanno trovata dall'elettrauto... sotto una cosa lì... io (parola
incomprensibile) sono andato a controllare, capito? Allo stesso punto non c'è, capito? Perché di
alcuni non è detto che (inc.le) di qua eh! La macchina che gira, vai di qua no... può darsi che
ce l'ha Antonello (REDAELLI, ndr) o ce l'ha pure Ernesto (PALERMO, ndr)... ce l'ho
anch'io... perché hanno fatto questa indagine no! hai capito? I telefoni sicuramente...
io li sento ogni tanto quando c'è un ritorno di voce... adesso uno (inc.le) cosa
IVASHKOVA Alexandra: sono veramente bastardi... a mettere nella mia macchina!
Microspie... ma va!
TROVATO Mario: perché magari...
IVASHKOVA Alexandra: oooh Madonna dove vado? Vado a casa... e al lavoro
TROVATO Mario: non è la questione di dove vai! Quando sei con me che parli... che
parliamo di qualcosa, hai capito o no?
IVASHKOVA Alexandra: eeeh di che cosa parliamo
TROVATO Mario: Claudio (BONGARZONE, ndr) ce l'ha anche nel bar... ti ricordi
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 107 di 566
quando sono venuti anche da noi... può darsi che anche nel bar ce l'hai hai capito?
Ti ricordi quando nel bar... (parola incomprensibile) le macchine fuori... ti ricordi o no?
IVASHKOVA Alexandra: ci vuole poco a metterle?
TROVATO Mario: quelli la, te le mettono sotto così
TROVATO Mario e IVASHKOVA Alexandra commentano il trucco di IVASHKOVA Alexandra.
TROVATO Mario: a Claudio (BONGARZONE, ndr) gliele mettono per via delle
macchinette... Claudio (BONGARZONE; ndr) nel bar ci sono tutti...
…omissis…
Qualche mese dopo, il giorno 24.1.2012, TROVATO Mario si lamenta con ROMEO Antonino
dell’operato delle Forze dell’Ordine relativamente all’installazione delle microspie e richiede
ad ESPOSITO Pasquale di bonificare l’auto del suo collaboratore ROMEO Antonino.
Progressivo n. 356 del giorno 24/01/2012, ore 17:43:19 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di ROMEO Antonino sono presenti ROMEO Antonino e TROVATO Mario:
TROVATO Mario parla dei poliziotti che montano (Microspie, ndr) nelle auto, definendo
questo comportamento vergognoso.
Telefonata n. 1942 del giorno 24/01/2012, ore 17:53:28 intercettata sull'utenza
n. 3391073149 (R.R.I.T. 104/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ESPOSITO Pasquale e TROVATO Mario e
proveniente dall'utenza n. 3883720737.
ESPOSITO Pasquale (elettrauto/meccanico) per TROVATO Mario:
TROVATO Mario dice a ESPOSITO Pasquale che manderà un ragazzo da lui per fargli
controllare la macchina.
ESPOSITO Pasquale risponde che domani mattina potrà riceverlo quando vorrà (dovrà
montare uno stereo, ndr).
L’indomani, TROVATO Mario, parlando con ROMEO Antonino all’interno della propria BMW,
spiega che in un’altra autovettura in suo uso la Mercedes ML era stata riscontrata
un’anomalia.
ROMEO Antonino, a sua volta, volendo far controllare la propria auto (Mercedes Classe A
targata CB636VB) propone a TROVATO Mario di effettuare la bonifica prima del loro viaggio
a Milano programmato per il 26 gennaio 2012.
Alle ore 15,51 ROMEO Antonino si reca effettivamente
presso la ditta di installazione
apparecchiature elettroniche di ESPOSITO Pasquale per definire i dettagli dell’attività di
bonifica da svolgere, attività che veniva effettivamente svolta da ESPOSITO .
A seguito di tali eventi, la PG provvedeva alla disinstallazione delle apparecchiature
elettroniche di ascolto, per poi reinstallarle in data 27.1.2012, dopo le operazioni di bonifica
programmate.
Progressivo n. 426 del giorno 25/01/2012, ore 15:39:03 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
NASATTI Massimo e ROMEO Antonino:
…omissis…
[15:51:04] Sosta: Via Montelungo 35 > 43 – Lecco- ITA - 45.854782/9.411682 - 0 km/h
[15:51:49] Rientrano in macchina.
ROMEO Antonino dice che ha preso un appuntamento per vedere se trova qualcosa
(L'autovettura si ferma in via Montelungo 35-43 a Lecco dove ha l'attività
commerciale ESPOSITO Pasquale che si occupa di effettuare le bonifiche alle
autovetture per la ricerca di eventuali microspie, ndr)
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 108 di 566
Progressivo n. 3875 del giorno 25/01/2012, ore 17:12:50 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
TROVATO Mario e ROMEO Antonino:
TROVATO Mario dice a ROMEO Antonino che hanno trovato due "cose" ed indica i punti
corrispondenti a quelli della propria Mercedes ML, dice che ne mettono due apposta
così, nel caso venga trovata la prima, l'altra, funziona regolarmente. ROMEO
Antonino dice che vorrebbe farsi guardare la propria auto e che pensa di lasciarla
alle otto e mezza così andranno alle dieci con la BMW nella quale si trovano. ROMEO
Antonino dice che dovrebbe fare l'intervento agli occhi. TROVATO Mario dice che prenderà
IVASHKOVA Alexandra e farà l'aperitivo da Andrea.
TROVATO Mario si lamenta della casa in cui abita perché c'è sempre polvere.
TROVATO Mario confida a ROMEO Antonino di avere il dubbio che l’installazione delle
apparecchiature elettroniche rinvenute sulla propria Mercedes ML sia avvenuta presso il
concessionario “Auto-Torino”, dove lo stesso aveva acquistato l’autovettura in questione.
Nonostante le rassicurazioni del concessionario il quale significativamente dice a TROVATO
Mario che lo avrebbe avvertito in caso di un’inziativa in tal senso delle forze dell’ordine
TROVATO Mario minaccia gravi ritorsioni e di costringerlo alla chiusura se avesse scoperto
che quanto rinvenuto erano microspie e di una sua collaborazione con gli inquirenti .
Progressivo n. 3881 del giorno 26/01/2012, ore 08:55:03 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
TROVATO Mario e ROMEO Antonino:
TROVATO Mario risponde a ROMEO Antonino dicendo che una terza persona è di
Mesoraca (Prov. Crotone ndr). ROMEO Antonino dice che sembra che il difetto sia tipico
della "Classe A".
ROMEO Antonino spera che non ci sia niente in macchina, parlano di un satellitare. ROMEO
Antonino dice che le macchine piene di centraline appena si toccano, qualcosa si vede.
TROVATO Mario dice che sulla sua c'era un problema alla centralina perché hanno toccato
qualcosa. ROMEO dice che se si aggiunge qualcosa e c'è un consumo maggiore di corrente vuol
dire che c'è qualcosa in più collegato. TROVATO Mario dice che ha preso la macchina a
settembre e poi parla della BMW che sta guidando elogiando le caratteristiche. Conversazione
su argomenti generici.
ROMEO Antonino dice che deve incontrare terza persona che lavora allAautotorino tramite
Gionny (SCARPATO Jonathan)
[09:08:54]
ROMEO Antonino al telefono dice di essere in macchina ed invita l'interlocutore ad andare in
un bar in centro dove ci sono due ragazze...
[09:10:21]
Scendono dalla macchina
Progressivo n. 3884 del giorno 26/01/2012, ore 09:28:17 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
[09:31:16] Entrano in macchina TROVATO Mario e ROMEO Antonino:
Si sente ROMEO Antonino dire: "Trenitalia...".
[09:31:20]
Apertura portiera auto.
TROVATO Mario: ...(inc.le)... ce l'hanno tutti... ha detto: "Stai scherzando Mario..." "il dirigente
(di Autotorino, ndr)... (inc.le)..." "sono io..."era un ragazzo che fa "ma qui niente" dice "ce l'ho
solo io le chiavi qua... non è possibile" ha detto "non ti avrei avvisato?" ha detto..."ma
anche che si costringevano...ti avrei avvisato dopo" (TROVATO Mario ha il dubbio della
presenza di microspie in macchina, allertato da ESPOSITO Pasquale, e chiede al
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 109 di 566
responsabile del concessionario AUTOTORINO se qualcuno ha avuto modo di entrare in
macchina, ndr)
ROMEO Antonino:
E quindi?
TROVATO Mario: Adesso va su lui... da Pasquale (ESPOSITO Pasquale, soggetto che
effettua bonifiche auto ndr)
ROMEO Antonino:
A fare?
TROVATO Mario: Ha detto che sicuramente non sono delle cose (Microspie, ndr), mi ha detto
"Faranno parte della macchina... sicuramente, hai capito?
ROMEO Antonino:
Può essere che si sia confuso? (ESPOSITO Pasquale, ndr)
TROVATO Mario: Eh!
ROMEO Antonino:
Ci può stare...
TROVATO Mario: Ha detto: "può darsi che sia, che quello di prima (Vecchio proprietario della
ML in uso a TROVATO Mario, ndr) aveva il satellitare... cioè l'antennina... poi c'è l'antennina
dei vetri dietro... e c'è un altro cosettino lì... tutti questi cazzo di cosi qua sono tutti
marchingegni... dice, "può darsi pure che...", adesso andava su (a Lecco da ESPOSITO
Pasquale, ndr) lui..."cazzo", ha detto "vado su Mario!"
ROMEO Antonino:
Cioè si effettivamente
TROVATO Mario: Gli ho detto "ascolta!"
ROMEO Antonino:
Non l'ha fatto... (inc.le)...
TROVATO Mario: "Io ti dico una cosa", gli ho detto, "se la cosa è così, che sono "cose"
(Microspie, ndr), stai tranquillo che tu qua non ci stai piu", gli ho detto... hanno rotto
i coglioni, "giro con la macchina... prima di portartela qua, io non l'ho portata da
nessuna parte... l'ho portata solo da te"
ROMEO Antonino:
Ci può stare dici allora che...
TROVATO Mario: Sì... ha detto: "stai sicuro"... Minchia se (inc.le)...
ROMEO Antonino:
Ma Pasquale non può prendere (inc.le) cosi però...
TROVATO Mario: No! eh... a Pasquale (ESPOSITO, ndr) gli dico... infatti lo sai cosa gli ho
detto? Io di Pasquale (ESPOSITO, ndr) non è che mi fido... che Pasquale (ESPOSITO,
ndr) ci lavora... ci sono sempre gli sbirri... hai capito? Te l'ho già detto che ci sono
sempre là gli sbirri
ROMEO Antonino:
Già come a lui magari...
TROVATO Mario: Però loro stesso mi dicono... "noi ci lavoriamo" quando gli ho detto: "dove ce
l'hai la macchina?", "da Pasquale (ESPOSITO, ndr)", "e vai lì", quando gli ho detto così mi fa:
"io non mi fiderei di lui" (Di ESPOSITO Pasquale, ndr) mi ha detto, proprio cosi mi ha detto,
(ride), no? Hai capito?
ROMEO Antonino:
Alla fine non ti devi fidare di nessuno
TROVATO Mario: Vedi come siamo conciati... gli ho detto "comunque tu vedi un po’ io sono
l'uomo più felice del mondo, se è come dici tu che sono due cose... che fanno parte
della macchina "poverino c'era il meccanico che piangeva... il capo officina
ROMEO Antonino:
Chi è? Quello alto o quello basso?
TROVATO Mario: No... quello alto è un ragazzo... è uno dei responsabili e quell'altro più
basso è proprio lui il responsabile e l'altro è il capo officina... non è che lavora come meccanico
lui...
ROMEO Antonino:
Certo
TROVATO Mario: E' il tecnico che gli dice tutte le cose che devono fare... va a fare i
corsi apposta per la Mercedes no! Minchia! Gli ho detto: "guarda che se mi avete
fatto uno scherzo del genere gl'ho detto..." "a te Mario a te", "noi sappiamo, cioè gl'ho
detto... poi a noi non è mai venuto nessuno a chiederci per la macchina... a chi è
intestata o chi non è intestata, non è venuto nessuno", dice, "ed anche se fosse
stato... ti avrei avvisato..."
ROMEO Antonino:
E se loro sono...(inc.le)... ti avvisano
TROVATO Mario: "Si ma sapendo cioè... i problemi... che se tutti i giorni ci sono
problemi... non ti avrei avvisato?"
ROMEO Antonino:
Dici che ha preso un abbaglio?
TROVATO Mario: Io guarda...
ROMEO Antonino:
Come fa a non te lo...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 110 di 566
TROVATO Mario: E no perché sono dei satellitari no! Anzi, lui stesso mi dice: "lo sai cosa fai?
...adesso che ti finisce... ti scade l'assicurazione a marzo, togli anche il satellitare
dell'assicurazione", perché io ho il satellitare...
ROMEO Antonino:
Perché lo devi togliere?
TROVATO Mario: Perché tanto dal satellitare sanno dove sei, eh!
ROMEO Antonino:
Eh, ma l'assicurazione non ti assicura la macchina poi
TROVATO Mario: No... me l'assicura... se tu che lo chiedi o non lo chiedi
ROMEO Antonino:
Non è che lo pretende l'assicurazione?
TROVATO Mario: No...
TROVATO Mario spiega il funzionamento del satellitare dell'assicurazione per i furti, ed in caso
di auto in panne.
[09:35:14]
TROVATO Mario: Comunque adesso... andiamo subito adesso...
ROMEO Antonino: ...(inc.le)...
TROVATO Mario: E tanto non l'ha tolto... vado da Francesco e gli dice se te li fa vedere... non
è che lui mi toglieva pezzi che magari mi servono per la macchina, hai capito come cazzo è la
cosa? (inc.le) fatto per non togliere niente...
ROMEO Antonino:
Effettivamente...
TROVATO Mario: Eh, eh
ROMEO Antonino:
Le macchine sono piene di centraline queste macchine... quindi... a
parte il costo e poi, due per me sembravano un po’ eccessive (Inc.le), (inc.le)...
TROVATO Mario: Appunto
ROMEO Antonino:
Però due, tre, mi sembravano un po’ troppo, però su (inc.le)...a
livello pratico ci può stare, però voglio dire, minchia se... ci pensavi che lui non conosce le
tecnologie della macchina perché è un'auto normale non è una top Mercedes
TROVATO Mario: Sì, sì, sì, no
ROMEO Antonino: E' un'auto factotum
TROVATO Mario: Questo ti sto dicendo
ROMEO Antonino: La Mercedes è Mercedes, questa che cazzo di macchina è? Tutta
tecnologica, magari c'è qualche pezzo che tu...se tu non vai a fare i vari corsi... non puoi sapere
com'è composto veramente un elettronico che non hai... e se per esempio se gli po... eh...
TROVATO Mario: "Adesso vediamo, andiamo subito adesso", se torni dopo ti so dire... tu non
mi telefonare... il meccanico mi ha detto: "Mario, l'unico dei clienti che io ho, che c'ha il
mio numero di cellulare ed io c'ho il suo sei tu", mi ha detto, nessun cliente mi può
chiamare al cellulare che non ce l'ha nessuno, solo tu ce l'hai, figurati se non m... se io non ti
dico una cosa del genere, però...
ROMEO Antonino:
Ma questo problema è (inc.le)...
TROVATO Mario: "Cazzo ti telefono! Perché ti sto chiamando sempre io, ti chiamo sempre
quando c'è un problema alla macchina, o qualche cosa?", dice: "cazzo, io come... io sapendo
che tu vieni non... ti faccio una cosa del genere?"
ROMEO Antonino:
Certo
TROVATO Mario: E perché io soprattutto gl'ho detto:, "chi è responsabile di voi? io ti
avviso", gli ho detto, "a me mi è successo questo, questo e questo, se la cosa, è così
come dico io", gli ho detto, "tu qua, non ci stai più", gli ho detto, "tu, sparisci di
qua!", gli ho detto, "te ne devi andare proprio!", anche se ti dico che l'altra volta che
si son fermati davanti la porta, ieri mattina a fare cose, è arrivato lui, abbiamo
aperto pure dietro
ROMEO Antonino:
Ecco, io ti dico una cosa eh, adesso, poi quando hai delle aziende...
TROVATO Mario: Si
ROMEO Antonino:
Devi sottostare a ste cose...
La conversazione è disturbata ed incomprensibile.
ROMEO Antonino:
Ed è ammanicato bene, perciò non ti fidare... è normale che, si
presenta un'antimafia o qualcuno gli chiede: "fammi una cortesia", gliela deve fare... poi, dopo,
col tempo... uno...
TROVATO Mario: Poi, quando mettono le cose è l'antimafia che viene
ROMEO Antonino:
Questo è normale...
TROVATO Mario: E' la DIA eh! non è che sono quelli di...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 111 di 566
ROMEO Antonino:
E' un Magistrato, è (inc.le)...uno qualsiasi, dice: "a questo qua fategli
così!"
TROVATO Mario: (inc.le)
ROMEO Antonino: (inc.le)... un Magistrato di Lecco è
TROVATO Mario: Io, neanche lo conoscevo a Lecco
ROMEO Antonino:
No, dico... (inc.le)...
La conversazione è disturbata ed incomprensibile.
TROVATO Mario: Che sta facendo? Lei sta facendo il bordello adesso! ancora...(inc.le)... la
moglie di... questo... di
ROMEO Antonino:
Ragioniere? (inc.le)...
TROVATO Mario: Sì!
ROMEO Antonino:
Che brutta (inc.le)...
TROVATO Mario: E' lei adesso che dirige la situazione...
ROMEO Antonino:
Finché ci sta quella gente lì a Milano non si può fare un cazzo...
però, a torto o a ragione l'hanno pulita Milano? Dovevano arrestare a tutti quindi... non si
possono dare in mente... (inc.le)...
TROVATO Mario: NOBILI si chiamava...
ROMEO Antonino e TROVATO Mario discutono sul fatto che PASQUALE Esposito è
stato il fautore del ritrovamento della microspia nella macchina di BONGARZONE
Claudio ma se ne era accorto perché avevano notato che c'era qualcosa che era stata toccata
e ROMEO Antonino dice che allora, si trattava di un lavoro fatto in fretta e secondo TROVATO
Mario, gli era stata messa in carrozzeria a Valmadrera di nome CAVALLI.
TROVATO Mario spiega che BONGARZONE Claudio aveva preso la macchina dalla Mercedes,
siccome era nera e la voleva bianca l'ha portata in carrozzeria per il cambio colore e lì avranno
messo le microspie.
ROMEO Antonino racconta a TROVATO Mario che una concessionaria Mercedes che indica,
vende molte macchine e TROVATO Mario risponde che lo sa perché ha fatto concorrenza alla
concessionaria di Vincenzo a Valmadrera.
TROVATO Mario crede che la persona che gli ha controllato l'auto e gl'ha detto che quelle cose
che ha trovato potrebbero essere delle microspie di sicuro si è sbagliato perché ci sono nuove
tecnologie, infatti gli ha detto che la spia sotto la radio è di sicuro una parte della radio.
Segue la conversazione sulla disinstallazione del satellitare.
Segue conversazione in merito.
TROVATO Mario spera che gli dicano che non si tratta di microspie perché ha paura che
vengano interpretate in maniera errata, dalla polizia che intercettata, alcune conversazioni
cercando di dimostrare qualcosa di illegale quando invece si tratta di semplici conversazioni.
Poi il progressivo s'interrompe.
Progressivo n. 3891 del giorno 26/01/2012, ore 12:12:30 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
In auto sono presenti TROVATO Mario e ROMEO Antonino.
TROVATO Mario dice che è sicuro che quella antennina sotto la radio della sua macchina sia il
satellitare dell'assicurazione. ROMEO Antonino gli chiede cosa sia l'altra e TROVATO risponde
che si tratterà di quella del vetro.
Linea disturbata.
ESPOSITO Pasquale, dopo aver bonificato l’autovettura di ROMEO Antonino, invita
TROVATO Mario a ritirare l’autovettura.
Progressivo n. 3892 del giorno 26/01/2012, ore 12:13:43 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
TROVATO Mario e ROMEO Antonino:
TROVATO Mario dice che passerà da terza persona (PALERMO Ernesto, ndr) alla quale ha
chiesto di non chiamarlo.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 112 di 566
[12:18:36] TROVATO Mario al telefono con Pasquale (ESPOSITO, ndr), dicono che la
macchina di Tonino (ROMEO Antonino, ndr) è pronta.
TROVATO Mario dopo aver terminato la telefonata si rivolge a ROMEO Antonino
confermandogli che la macchina è pronta. ROMEO Antonino dice che andrà da Paolo
e poi si farà accompagnare da Pasquale (ESPOSITO, ndr) a prendere la macchina.
Parlano della società che ROMEO Antonino sta costituendo.
[12:30:28] ROMEO Antonino al telefono: si accordano per vedersi a casa di ROMEO Antonino.
ROMEO Antonino, appena terminata la chiamata, dice di andare alla macchina e che
l'interlocutore si trova a Suello e poi chiede a TROVATO Mario se dovrà dare qualcosa a
Pasquale (ESPOSITO, ndr) e TROVATO Mario gli risponde di no.
[12:33:03] ROMEO Antonino al telefono, si risentirà con l'interlocutore.
Telefonata n. 1951 del giorno 26/01/2012, ore 12:18:27 intercettata sull'utenza
n. 3391073149 (R.R.I.T. 104/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ESPOSITO Pasquale e TROVATO Mario e
proveniente dall'utenza n. 3883720737.
ESPOSITO Pasquale per TROVATO Mario:
TROVATO Mario gli dice che stanno arrivando da lui.
ESPOSITO Pasquale gli dice di passare un po’ più tardi.
TROVATO Mario gli chiede se la macchina di Tonino (ROMEO Antonino, ndr) è pronta.
ESPOSITO Pasquale risponde di sì ma gli dice che avrà bisogno ancora di venti minuti
o mezz'ora perché dopo sarà meglio e gli farà lo squillo lui.
TROVATO Mario gli dice di non farlo a lui perché fra venti minuti ROMEO Antonino sarà lì.
Progressivo n. 3893 del giorno 26/01/2012, ore 12:33:43 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
In auto sono presenti TROVATO Mario e ROMEO Antonino.
Auto in movimento. Radio accesa.
ROMEO Antonino dice che non vede la macchina e chiede a TROVATO Mario se "questo"
(ESPOSITO Pasquale, ndr) è andato via e TROVATO Mario risponde indica la macchina di
terza persona (ESPOSITO Pasquale, ndr).
[12:34:41]
Gli occupanti dell'auto scendono, si sente un rumore di serranda.
[12:37:36]
TROVATO Mario risale in macchina da solo e si avvia. Radio accesa.
[12:44:04]
TROVATO Mario scende dalla macchina.
Telefonata n. 1952 del giorno 26/01/2012, ore 15:34:44 intercettata sull'utenza
n. 3391073149 (R.R.I.T. 104/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ESPOSITO Pasquale e TROVATO Mario e
proveniente dall'utenza n. 3883720737.
ESPOSITO Pasquale per TROVATO Mario:
ESPOSITO Pasquale dice che è pronta la macchina.
TROVATO Mario dice che passa dopo.
Il 28.1.2012 TROVATO Mario invita anche PALERMO Ernesto a farsi controllare l’auto da
ESPOSITO Pasquale.
Progressivo n. 301 del giorno 28/01/2012, ore 11:45:14 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EJ708RG (R.R.I.T. 6712) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
[11:45:15]
Apertura portiera auto, voci in sottofondo, si sentono PALERMO Ernesto, TROVATO Mario ed
un uomo discutere.
[11:45:17]
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 113 di 566
TROVATO Mario consiglia a PALERMO Ernesto di andare da Pasquale (ESPOSITO
Pasquale, ndr) per farsi controllare se c'è qualcosa la sotto(In macchina ndr).
PALERMO Ernesto e gli altri personaggi discutono di una multa ricevuta da PALERMO Ernesto,
personale.
PALERMO Ernesto dice che a lui lo "hanno puntato" (intende le forze dell'ordine, ndr) pere le
svariate multe che prende.
Rumore di chiusura portiera auto.
Alcuni giorni dopo ROMEO Antonino, mentre si trova nella sua autovettura, confida ad una
persona non individuata di aver fatto bonificare il proprio automezzo e che possono contare
su di una persona a tale scopo.
Progressivo n. 1073 del giorno 30/01/2012, ore 15:26:08 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
ROMEO Antonino e UOMO:
ROMEO dice che l'ha fatta guardare tutta (La macchina ndr) e non c'è dentro niente,
aggiunge che c'è una persona che fa questo lavoro (Bonifiche ndr)
3- Il metodo mafioso e la forza di intimidazione per la realizzazione degli scopi
dell’associzione : le condotte violente e di pressione da parte dell’associazione nel
territorio lecchese nei confronti di imprese ed esercizi commerciali e persone fisiche
e l’attività di protezione.
L’infiltrazione nella vita politica amministrativa (cenni).
Le indagini dimostrano che la ‘ndrina facente capo alla famiglia TROVATO sotto la guida di
TROVATO Mario benchè non coinvolta in fatti di sangue efferati come nei decenni
precedenti mantiene un’intatta capacità intimidatoria su territorio lecchese.
Questa forza di intimidazione si determina per effetto dello stabile vincolo associativo, del
background mafioso di molti dei suoi componenti, e della forza di pressione che sfocia a
volte in atti violenti e minacciosi nei confronti di persone fisiche e di esercizi commerciali.
L’esercizio di tale forza non è naturalmente fine a se stessa ma è finalizzata a realizzare gli
scopi dell’associazione, i programmi tipici del nucleo mafioso, in primo luogo nella
infiltrazione del tessuto economico e commerciale del lecchese attraverso il controllo di una
serie di attività imprenditoriali promosse da TROVATO Mario assieme agli associati nel
settore commerciale e nella gestione delle macchine da gioco.
Per realizzare tali scopi la locale non esita a offrire la propria protezione minacciando e
commettendo atti di grave danneggiamento nei confronti di un esercizio commerciale che
sfugge al suo controllo.
Come vedremo nel successivo capitolo l’associazione nel suo programma criminoso riesce a
condizionare anche l’attività politico amministrativa locale attraverso la fondamentale figura
dell’associato PALERMO Ernesto, consigliere comunale a Lecco per il Partito Democratico.
Tali condotte hanno comportato, come vedremo, un permanente assoggettamento ed una
diffusa omertà della comunità civile, politica ed amministrativa del Lecchese, dimostrata
dalla totale assenza di denuncie e reazioni rispetto a tali dinamiche di infiltrazione sia da
parte dei singoli cittadini ed imprenditori vittime di tali condotte sia da parte dei pubblici
amministratori che non solo non hanno denunciato pressioni ed atti di “avvicinamento” ma
hanno favorito l’ associazione interrompendo la loro attività , come nel caso dell’appalto per
il Lido di Parè, solo quando la vicenda era divenuta di pubblico dominio con l’acquisizione di
atti ed informazioni da parte della Prefettura.
Va subito evidenziato quale premessa che TROVATO Mario e PALERMO, a dimostrazione
delle potenzialità e dei metodi intimidatori del gruppo criminoso, discutono apertamente in
una conversazione ambientale a bordo dell’autovettura del politico lecchese delle modalità
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 114 di 566
con cui avanzare richieste di “ pizzo” ad operatori economici in specie costruttori nel
settore dell’edilizia valutando anche i rischi collegati alla difficile congiuntura economica.
Il tenore della conversazione rende chiara sia la consapevolezza degli interlocutori di
possedere una forza intimidatoria derivante dal vincolo associativo e dalla caratura
criminale della famiglia TROVATO sia la piena disponibilità di PALERMO a fare da
tramite con imprenditori ed operatori economici
per le richieste estorsive di
TROVATO Mario sfruttando le sue conoscenze come consigliere comunale .
Progressivo n. 3304 del giorno 24/10/2011, ore 10:41:16 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
2430/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
TROVATO Mario: io ho preso un impegno con un'altra persona
se non... (parola
incomprensibile)
PALERMO Ernesto:
(parola incomprensibile)
TROVATO Mario: Gli devono dare gli orologi...lui se li è venduti ed i soldi non li ha portati!
PALERMO Ernesto:
secondo me è sceso
TROVATO Mario: ma ci sono... no... non riesco a fare niente... perciò... qualcuno dentro... ci
sono in ballo ma non ci sono proprio (fonetico)
PALERMO Ernesto:
sono solo chiacchiere...
TROVATO Mario: E ma... non...non... riesco a tenere (parola incomprensibile)! Oltretutto ci
vogliono pure perché vengono pure là!... mangiano e bevono e non li faccio pagare. Dove c'è
il...inc.le... là... gli ci smeno pure il mangiare io, gli ho detto! Eh, eh non è che posso stare a
giocare!
PALERMO Ernesto:
ma secondo te no?
TROVATO Mario: tu dici che gliele portano! Eh?
PALERMO Ernesto:
alle costruzioni, no? se vai a bussare è pericoloso?
TROVATO Mario: è pericolosissimo...! (parola incomprensibile) Cosa fai?... (inc.le)...Tu...
(inc.le)...se ti succede qualcosa... (inc.le)...I soldi li devi chiedere quando le cose vanno
bene... quando non vanno bene (parola incomprensibile)
PALERMO Ernesto:
(parola incomprensibile)... la gente... io li so tutti!
TROVATO Mario: E lo so!
PALERMO Ernesto:
Ma a chi ci mandi pero? (inc.le)
TROVATO Mario: se ci vai direttamente... (parola incomprensibile) tu mi devi dare
soldi... esci allo scoperto... perché non ti puoi fidare di nessuno... anche perché...
(parole incomprensibili)
PALERMO Ernesto:
No, quello là me la vedo io direttamente...!
TROVATO Mario: Si!
PALERMO Ernesto:
te lo porto là.
TROVATO Mario: ...Si, no... quello là...
PALERMO Ernesto:
Quello è una cosa...
TROVATO Mario: ...Ma alla fine ci devi parlare chiaro...chiaro e non sbagli...
PALERMO Ernesto:
Gli dici ,se vuoi stare questa è, se no!
TROVATO Mario: (parola incomprensibile) visto che si corretto... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
(parola incomprensibile) costruiscono tutti... io li so tutti chi
sono i costruttori...
TROVATO Mario: Si!... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
(parola incomprensibile) no! appartamenti... secondo me
conviene...
TROVATO Mario: Troppo rischioso è. Non è Milano!
PALERMO Ernesto:
ma tu ti rendi conto... pure questo... ieri dopo che ha trovato il
verbale... ma ti rendi conto...? ormai siamo arrivati alla frutta...
TROVATO Mario: questo ti sto dicendo...non c'è... (inc.le)...mangiano loro!
PALERMO Ernesto:
secondo me si Mario hai ragione tu... sennò non è possibile
TROVATO Mario: (parola incomprensibile) mangiano loro
PALERMO Ernesto:
secondo me si... sono i magistrati...(Fonetico)
Scendono dall'auto
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 115 di 566
Chiusura di portiere
a) Le intimidazioni nei confronti di SCALETTA Giacomo titolare del “bar Rio” in Valmadrera
(LC) per la partecipazione ad una società di gestione di una sala gioco costituita da
SCALETTA; l’acquisizione da parte dell’associazione del controllo del noleggio delle slot
machine e successivamente della gestione bar Rio in Valmadrera tramite BONGARZONE.
La vicenda coinvolge sul piano associativo TROVATO Mario, PALERMO Ernesto,REDAELLI
Antonello e BONGARZONE Claudio.
SCALETTA Giacomo è proprietario del Bar Rio in Valmadrera (LC) gestito attraverso la figlia
SCALETTA Jennifer25, rappresentante legale della società JEMA S.a.s. con sede in
Valmadrera (LC), viale Promessi Sposi n. 130.
In data 16.9.2010 la società JEMA stipula il contratto d’affitto d’azienda per la durata di 24
mesi con la S.G.S. S.r.l. (P.Iva 03229670132), avente sede in Costamasnaga (LC), via
Valassina 12/14 e rappresentata legalmente da SESSA Francesco 26.
Nel corso dell’attività d’indagine emerge dalle intercettazioni che SCALETTA Giacomo
intende aprire una sala giochi nel comune di Eupilio (LC), con il socio BARLASSINA Piero
Gabriele (C.F. BRLPGB53R23E679C) tramite la costituzione di una nuova società 27 .
TROVATO Mario viene
a conoscenza, tramite REDAELLI Antonello, della volontà di
SCALETTA di aprire tramite una nuova società la RIOGRANDE S.R.L. poi costituita in data
26.10.2011, una sala da gioco con l’introduzione di slot e VLT forniti da altra società, la
ROYAL S.r.l..di TRASOTTO Stefano, società pertanto non riferibile ai TROVATO e a
BONGARZONE.
TROVATO Mario si adopera, dapprima tramite lo stesso REDAELLI, nel tentativo di entrare
nella gestione della costituenda società ove REDAELLI Antonello avrebbe agito quale
prestanome per conto di TROVATO Mario.
Dai colloqui ed incontri avvenuti tra REDAELLI Antonello e SCALETTA Giacomo emerge che
il socio di quest’ultimo BARLASSINA Piero Gabriele è però contrario all’ingresso di altre
persone nell’attività.
TROVATO Mario preme per partecipare in modo occulto alla società Riogrande con
pressioni sui rappresentanti della ROYAL Service S.r.l.. nel tentativo di imporre il suo
controllo sull’attività economica di SCALETTA Giacomo e dei suoi soci; esercita pressioni
direttamente sulla società ROYAL S.r.l. circa la concessione e la fornitura dei servizi della
Lottomatica ed ostacolando direttamente l’apertura del locale in argomento opponendosi
all’apertura della sala giochi senza una sua compartecipazione.
Solo apparentemente la vicenda non ha sviluppi. In realtà SCALETTA Giacomo nel
bar di Valmadrera interromperà in una prima fase i rapporti commerciali con una
precedente
ditta di noleggio di apparecchi da intrattenimento per concedere
l’installazione di slot e totem alla D.B.M. Electronic S.a.s., società di BONGARZONE
Claudio e sotto l’influenza della famiglia COCO-TROVATO.
Successivamente il bar viene addirittura interamente acquisito dalla D.B.M.
Electronics S.a.s. e gestito materialmente da GONCALVES Gilvana, già nota come
prestanome per la famiglia COCO-TROVATO così confermando la capacità di
espansione imprenditoriale dell’associazione
REDAELLI Antonello prende contatto con SCALETTA per acquisire alcune informazioni su
un’attività commerciale il giorno 20.4.2011 chiedendo informazioni anche sul locale
denominato “Time Out” e si tiene in contatto con PALERMO per aggiornarlo sugli sviluppi.
Dal canto suo PALERMO a dimostrazione del vincolo associativo con TROVATO Mario
25
nata il 16.9.1993 a Milano – C.F. SCLJNF93P56F205S;
nato il 3.5.1957 a Francica - Vibo Valentia;
27
Si evidenzia che la società RIOGRANDE S.R.L. risulta costituita in data 26.10.2011, di proprietà di:
- BARLASSINA Piero Gabriele, (C.F. BRLPGB53R23E679C);
- BARLASSINA Maria Giovan Battista (C.F. BRLMGV52E20E679N);
- BARLASSINA Maria Grazia (C.F. BRLMGR57E42D416B);
- SCALETTA Jennifer (C.F. SCLJNF93P56F205S);
con capitale sociale sottoscritto pari a 10.000,00 euro non interamente versato.
26
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 116 di 566
prospetta a REDAELLI di attendere a dare l’informazione a quest’ultimo sino a quando
l’affare si concretizzi dando per scontata la futura suddivisione degli utili.
Telefonata n. 1432 del giorno 20/04/2011, ore 19:30:25 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto
diretta all'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 1890 del giorno 20/04/2011, ore 19:30:33 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 335441133.
REDAELLI Antonello per PALERMO Ernesto:
REDAELLI Antonello dice che per adesso i nomi non li sa, (in riferimento ai soci del “TIME
OUT” n.d.r.) e cercherà di fargliene avere almeno uno.
[19:31:25]
REDAELLI Antonello:
…per quanto riguarda il nostro discorso là… io stavo
pensando… ti ricordi oggi questo qua, diceva che stamattina, che a lui, se gli
capitano le cose, le fa e non gli serviamo non ce ne frega un cazzo. Allora la
facciamo noi questa e vaffanculo no?
PALERMO Ernesto:
la sala?
REDAELLI Antonello:
no, l'altra cosa
PALERMO Ernesto:
no, l'altra cosa, sì Anto' perché lui è inutile tirarlo in mezzo
REDAELLI Antonello:
è vero o no?
PALERMO Ernesto:
poi, pigli un regalo e glielo fai
REDAELLI Antonello:
eh sì, perché dico, dai cazzo, lui apertamente c'ha detto stamattina,
se gli serviamo va bene, se no, le fa direttamente lui giusto?
PALERMO Ernesto:
ascolta, il pensiero suo (la persona in argomento è TROVATO
Mario, ndr), sono solo i locali e basta
REDAELLI Antonello:
lo so, lo so
PALERMO Ernesto:
le altre cose lui non ha bisogno
REDAELLI Antonello:
lo so, però il discorso è che se tu gli fai un regalo, lui poi dice
avete guadagnato i soldi e non mi avete detto niente, io la cosa non la tirerei più fuori,
punto e basta.
PALERMO Ernesto:
ascolta, questa è una cosa che va per le lunghe Anto',
quando sarà che va in porto, poi, decidiamo senza che… non gli mettiamo cose in
testa che se quello…
(le voci si confondono l’una con l’altra, inc.le)
REDAELLI Antonello:
anche perché, di cifre lì, non abbiamo parlato, per cui, possiamo
dire: "oggi li abbiamo speso per là, noi ne abbiamo presi 15, sono 7, dividiamo e
vaffanculo, capisci?
PALERMO Ernesto:
ma sì, Anto', non è che gli devi spiegare tante cose, dici: “questi
sono i soldi (inc.le)... evitiamo troppo di tirarlo in mezzo (inc.le), hai capito? Ma, non
perché, per malignità (la conversazione è disturbata, ndr), non è che alcuni passaggi gli sono
chiari a lui, hai capito? Poi, magari, ammesso e concesso che per assurdo sta cazzo di cosa
non va in porto, me lo devo pure sentire su (inc.le)… hai capito quello che ti voglio dire? Allora,
lascia stare
REDAELLI Antonello:
sì, sì, hai ragione
PALERMO Ernesto:
o mi sbaglio??
REDAELLI Antonello:
no, perché poi, c'abbiamo pure nostri (inc.le)
PALERMO Ernesto:
come magari dice: " ma che cazzo, pure c'avete smenato, pure i
soldi, che belli minchioni" (riferisce ciò che potrebbe dire TROVATO Mario, ndr), non che
possiamo andare a dirgli tanti cazzi, secondo me alcune cose, meno le sa meglio è… ma non
per cattiveria perché lui...
REDAELLI Antonello:
no, ma no, è giusto che sia così
PALERMO Ernesto:
perché, queste, sono cose, un po’ delicate, nel senso che hanno il
loro tempo, non è una pizzeria
REDAELLI Antonello:
no, no, certo, certo, va beh, poi ci sentiamo
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
PALERMO Ernesto:
REDAELLI Antonello:
PALERMO Ernesto:
REDAELLI Antonello:
I due si salutano.
Pagina 117 di 566
il discorso che fai tu è giusto dai
va bene
domani non ci sei?
domani vado a RIETI e poi a SPOLETO
PALERMO Ernesto sfrutta la sua piena introduzione nella macchina amministrativa per
ottenere informazioni sui soci delle attività commerciali di suo interesse: si rivolge ad
INVERNIZZI Alberto, consigliere comunale di Lecco, per contattare TANSINI Emilio,
responsabile dell’ufficio Territorio e Ambiente” del comune di Garbagnate Monastero (LC) al
fine di accertare se siano state concesse recentemente autorizzazioni all’apertura di locali
da gioco e i nominativi dei soci.
Telefonata n. 2007 del giorno 22/04/2011, ore 13:02:03 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e INVERNIZZI Alberto
diretta all'utenza n. 3382117981.
PALERMO Ernesto per INVERNIZZI Alberto:
PALERMO Ernesto chiede chi ci sia a Garbagnate Monastero.
INVERNIZZI Alberto risponde che il tecnico si chiama TANSINI Emilio;
PALERMO Ernesto chiede se INVERNIZZI Alberto può chiamare TANSINI al fine di
sapere se c'è stata una richiesta per l'apertura di una sala giochi sulla superstrada
ed eventualmente chi l'ha fatta.
Telefonata n. 2008 del giorno 22/04/2011, ore 13:07:00 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra INVERNIZZI Alberto e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3382117981.
INVERNIZZI Alberto per PALERMO Ernesto:
INVERNIZZI Alberto riferisce che una terza persona rientra martedì (si riferisce a TANSINI
Emilio dell'ufficio tecnico di Garbagnate Monastero).
PALERMO Ernesto sollecita affinché per martedì si abbia una risposta.
PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello discutono pochi giorni dopo ancora dei contatti
con SCALETTA e del coinvolgimento di TROVATO Mario in tale vicenda.
Progressivo n. 919 del giorno 27/04/2011, ore 08:48:55 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
[08:49:58] REDAELLI Antonello conversa al telefono in auto. Conversazione di lavoro.
[08:50:26] REDAELLI Antonello conversa in auto con PALERMO Ernesto.
I due interlocutori discutono sul termine di presentazione del bando di gara di Parè.
[08:52:36] Conversano sul terreno che cercheranno di rendere edificabile
...Omissis
PALERMO Ernesto:
tua cugina ha chiamato?
REDAELLI Antonello:
oggi chiama oggi... non mettiamogli premura oggi mi han detto che
oggi gli parlo
PALERMO Ernesto:
ah per parlare con quello
REDAELLI Antonello:
eh si con quello deve parlare è oggi che arriva dalla vacanza, gli
arriva l'aereo nel pomeriggio cazzo... se andar lì... se andasse a posto lì così figa lì è una bella
testa eh... scusa
...Omissis (discutono sulla PEC della società)
[08:54:18] si fermano ed (inc.le) incontrano TROVATO Mario al quale PALERMO
Ernesto chiede se ha due minuti per fargli vedere la bozza del progetto... si evince
che TROVATO Mario non ha tempo.
[09:02:28] REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto conversano e commentano il
comportamento assunto da TROVATO Mario
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 118 di 566
REDAELLI Antonello:
che ieri sera sto cazzo di SCALETTA, non ha ancora capito un
cazzo! te con SCALETTA... ma io non c'ho un cazzo con SCALETTA io non ho un cazzo, si
sposto là per l'albergo là non c'entra un cazzo io non lo so perché me lo dice lui ma non me ne
frega un cazzo sinceramente, uno, l'altro là mi serve il posto sennò rischiamo che non ce
lo danno ecco perché c'è SCALETTA, punto.
PALERMO Ernesto:
lui ha fatto quella scenata ieri, c'era gente no, si doveva
REDAELLI Antonello:
eh va beh
PALERMO Ernesto:
sennò quando è solo che lo prendi da solo lo metti pure a 90
gradi
REDAELLI Antonello:
a lui piace essere al centro dell'attenzione
PALERMO Ernesto:
(inc.le) cazzo aveva 50 60 persone attorno che ci giravano e ci
camminavano assieme eh! se ce ne andiamo via noi chi cazzo so tiene a questo...
REDAELLI Antonello:
si infatti
PALERMO Ernesto:
si perché sotto micio micio bau bau però poi vedi sotto non c'è
attaccato nessuno!
REDAELLI Antonello:
eh si eh
PALERMO Ernesto:
scappare al primo (inc.le)
REDAELLI Antonello:
si però con il carattere che ha li fa scappare anche lui ne, anche se
qualcuno vorrebbe non dire restare attaccato però con il carattere che ha come fai
PALERMO Ernesto:
lui vuole prendere questo posto qua
REDAELLI Antonello:
cosa fa (inc.le) ?
PALERMO Ernesto:
sono andati a vederlo già
REDAELLI Antonello:
si... cosa vuole mettere le angurie?
PALERMO Ernesto:
quale angurie vuole fare ristorante e pizzeria
REDAELLI Antonello:
è piccolo?
PALERMO Ernesto:
no il posto è bello
REDAELLI Antonello:
dopo lo sai dopo sei dentro si incominciano ad allargare aprono i
(inc.le) già lo dicono, non è vero figurati, figurati
PALERMO Ernesto:
secondo me passeremo un guaio
REDAELLI Antonello:
dici, e però c'è da stare attenti comunque eh c'è da stare attenti
PALERMO Ernesto:
passerete eh
REDAELLI Antonello:
no io non mi preoccupo più di tanto anche perché poi alla fine
fondamentalmente lui non compare, compare indirettamente per cui si può sempre dire sai Va
beh ne avevamo parlato al bar una cosa del genere però alla fine l'abbiamo preso io e Saverio
punto, poi sai loro fanno quello che vogliono
PALERMO Ernesto:
loro fanno loro
REDAELLI Antonello:
però voglio dire
PALERMO Ernesto:
considera che PALERMO vende (inc.le)
REDAELLI Antonello:
(ride) lo vedi che io non metto entusiasmo, non metto molto, non ti
sei accorto?
PALERMO Ernesto:
eh però tu sei partito con l'entusiasmo
REDAELLI Antonello:
eh si son partito si ma poi quando le condizioni non sono state più
quelle che eravamo partiti cioè, facciamo qua, ma scusa lui dice facciamo qua senza chiedere
un cazzo a nessuno ed allora fallo, fallo e basta (inc.le) mette sua nipote poi ne ha mai
parlato?
PALERMO Ernesto:
no ieri l'ha detto lo ha detto ieri
REDAELLI Antonello:
beh a me non me l'ha mai detto
PALERMO Ernesto:
ma scusa se la cosa non è fattibile non è vista bene gli si dice
REDAELLI Antonello:
eh ma lui non lo ha mai detto eh... io non lo so... tu me lo hai detto
lui non me lo ha mai detto
PALERMO Ernesto:
lo ha detto ieri al bar
REDAELLI Antonello:
eh ieri io non c'ero però
PALERMO Ernesto:
ed anche la sua Donna quando ha detto cosi ha fatto mhm mhm no
c'ha detto là ci vuole gente battagliera che va sopra e sotto, che me ne frega a me della
bellezza non lo capisce la ci vuole gente dalla bella presenza a tatto
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 119 di 566
REDAELLI Antonello:
ma io non so niente eh... anche di quella storia di Saverio... a me
Saverio piace per carità... un giorno vado lì al bar mi chiama (inc.le) e mi dice guarda che
mettiamo anche Saverio in società, già fatto!
PALERMO Ernesto:
perché Saverio sono i suoi occhi la sua bocca le sue orecchie...
REDAELLI Antonello:
ho capito ma chiedere no? È già un dato di fatto? infatti da lì io ho
detto facciamo quel cazzo che vuoi io più in là cederò le quote a Saverio le mie e dopo
vaffanculo... cazzo a me così non piace non mi sta bene te lo dico sinceramente
PALERMO Ernesto:
Anto, ma hai sbagliato tu gioia
REDAELLI Antonello:
ho sempre sbagliato io ascolta, tu sai chi è sai con chi hai a che fare
no!?
PALERMO Ernesto:
tu hai sbagliato, ti sai dove sbagli tu? parli più del dovuto perché tu
magari pensi che diamo una mano a questo...
REDAELLI Antonello:
eh più larga che lunga
PALERMO Ernesto:
bravo pensi che la gente sia come te capito
REDAELLI Antonello:
scusa io sono corretto e sincero e a posto e limpido penso che anche
quegli altri nei miei confronti siano (inc.le)
PALERMO Ernesto:
bo?
REDAELLI Antonello:
hai capito io penso che anche gli altri nei miei confronti siano
corretti, cioè io penso una cosa prendo Mario e gliela dico e dopo dice che cazzo me lo dici a
fare se non glielo dici mi dice perché non me lo hai detto?! ma scusa ma come cazzo è sta
storia se te lo dico perché non te lo dico se te lo dico perché lo dico ma come cazzo è, perché lì
c'è un discorso diverso dall'altro è! se lo prendi un giorno è una maniera se lo prendi un altro
giorno lo prendi in un'altra maniera
PALERMO Ernesto:
ieri sera per esempio stava un ragazzino di 17 18 anni... ma non ci
credono capi non ci credono, manco tu ci credi manco più...
REDAELLI Antonello:
non ci credo no, a queste condizioni non ci credo no
PALERMO Ernesto:
invece è sbagliato
REDAELLI Antonello:
è sbagliato, guarda che quel posto lì l'ho detto io inizialmente perché
volevo prenderlo (inc.le) l'ho già spiegata la storia...
[08:55:10]
Il 24.5.2011 PALERMO e REDAELLI fanno nuovamente riferimento a SCALETTA Giacomo
incontrato casualmente da REDAELLI Antonello in un bar tabacchi nella provincia di Lecco .
Nel corso di tale incontro emerge con chiarezza la capacità intimidatoria dell’associazione
alla luce della forte preoccupazione di SCALETTA allorquando apprende che REDAELLI
Antonello è a conoscenza dell’intenzione dello stesso SCALETTA Giacomo di avviare l’attività
della sala giochi senza di loro ma con la partecipazione di GASPARRI Alessandro, titolare
della ROYAL S.r.l
PALERMO Ernesto vedendo ormai sfumare la possibilità di inserire una persona di fiducia
nell’attività, esprime l’intenzione estorcere del denaro a SCALETTA <<…Là gli faccio
pagare il pizzo... gli faccio pagare il pizzo e basta…>>.
Progressivo n. 3239 del giorno 24/05/2011, ore 10:29:09 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto:
REDAELLI Antonello:
Eh ma c'è anche da pagargli la fattura poi a quello lì...
PALERMO Ernesto:
A chi?
REDAELLI Antonello:
All'ingegnere! Gli ha dato la fattura...
PALERMO Ernesto:
L'ho già pagato io...
REDAELLI Antonello:
Ma quant'era la fattura?
PALERMO Ernesto:
Cinquecento euro...
REDAELLI Antonello:
E quanto gli hai dato?
PALERMO Ernesto:
Mille euro!
REDAELLI Antonello:
Per cui, ti mancano cinquecento euro...
PALERMO Ernesto:
...e le mie che ti ho dato, e cinquecento che ho anticipato.
REDAELLI Antonello:
Diglielo!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 120 di 566
PALERMO Ernesto:
Mille euro mi servono a me... per chiudere tutto.
REDAELLI Antonello:
Ma si può fare anche un assegno saldo fattura...
PALERMO Ernesto:
Ma... non ne può fare assegno a me!
REDAELLI Antonello:
Deve farlo, è registrata! Tu la fattura non dovevi pagargliela con i
soldi Ernesto! Non puoi, è registrata, deve fare l'assegno della differenza cazzo… è una S.r.l.
non si può fare quello che si vuole, ma sei matto? Tu dagli l'assegno e fatti dare indietro i
soldi, no? E anche lì non li può riscuotere in nero, la fattura come fa? Va beh, che può dire…
che l'hai pagata in contanti...
PALERMO Ernesto:
Eh...
REDAELLI Antonello:
Però quando ci son di mezzo le fatture...
PALERMO Ernesto:
Eh la prossima volta...
REDAELLI Antonello:
Figa!
PALERMO Ernesto:
Tanto io non devo pagare più un cazzo.
REDAELLI Antonello:
No, basta tu sei libero. Sei caro come il fuoco...
PALERMO Ernesto:
Eh caro come il fuoco io non ci ho guadagnato un cazzo... ci ho
speso...
REDAELLI Antonello:
Sto coglione mandalo affanculo!
PALERMO Ernesto:
Cinquecento euro di telefonino...
[10:30:23]
REDAELLI Antonello:
Ci ho trovato ieri Scaletta. Ero là a prendere una busta prima di
andare in Comune sono andato in cartoleria a prendere una busta bianca per
mettere i fogli da portare al sindaco no! Era davanti a me, io non me ne ero neanche
accorto, no? Aveva la borsa che ha comprato le stecche di sigarette, così come si gira
proprio faccia a faccia, “ah Giacomino! Una decina di giorni che non vieni al bar”,
dico. "Eh ciao Giacomino”, “eh… ciao ciao, tutto a posto?" e dico "Io tutto a posto" gli
ho detto "Giovedì quando vedi Gasparri salutamelo", è sbiancato, gli ho detto "Mi
sembra che stai facendo il furbetto, mi risulta eh". "No, no, stiamo valutando le
cose... e dopo ti avrei fatto sapere...", gli ho detto "Vedi te...", però gliel'ho detto,
capito? Eh! E' sbiancato teh... [10:31:11] Adesso lì cosa conti di fare? Lo devi... ho già
capito bisogna tenerli a posto eh...
PALERMO Ernesto:
Dove?! Là gli faccio pagare il pizzo... gli faccio pagare il
pizzo e basta...
REDAELLI Antonello:
Glielo avevo già detto io...
[10:31:21] Sportello.
REDAELLI Antonello:
Arriva il camion?
Sportello.
REDAELLI Antonello:
È di qua... poi dopo ti fa male la schiena...
Segnale acustico.
TROVATO Mario nei giorni successivi viene coinvolto da READAELLI nella vicenda
dell’iniziativa di SCALETTA e vuole sapere tramite REDAELLI come SCALETTA ha suddiviso
le quote societarie con gli altri compartecipi.
Progressivo n. 4863 del giorno 11/06/2011, ore 10:07:31 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
REDAELLI Antonello e TROVATO Mario in auto.
...Omissis [10:07:45]
TROVATO Mario: ma che macchina c'ha.
REDAELLI Antonello:
la BMW bianca... ce l'avrà per tanto?
TROVATO Mario: lascialo perdere che adesso... faccio lavorare quella situazione
(inc.le.)
REDAELLI Antonello:
(inc.le.) ci interessa di più...
TROVATO Mario: si ma adesso io... anche lì... (inc.le.)
REDAELLI Antonello:
(inc.le.)
TROVATO Mario: esatto.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 121 di 566
REDAELLI Antonello:
che cretino anche lui che è stato io l'appuntamento.
TROVATO Mario: lascia fare a me lascia fare a me.
REDAELLI Antonello:
figa appunto abbiamo parlato.
TROVATO Mario: e adesso?
...(inc.le.) si sovrappongono le voci...
REDAELLI Antonello:
c'è anche Ernesto, la la l'altro anche lui:
TROVATO Mario: loro hanno preso alla leggera la cosa adesso gliela...
REDAELLI Antonello:
no, oltretutto loro mi hanno chiesto, cioè io non avevo
chiesto un cazzo a nessuno è stato SCALETTA che mi ha detto che aveva quel
problema lì... cazzo vuoi!
TROVATO Mario: il 70 % hai detto?
REDAELLI Antonello:
chi? SCALETTA?
TROVATO Mario: sta dentro
REDAELLI Antonello:
io non l'ho detto percentuale di dove?
TROVATO Mario: chi mi ha detto ieri sera coso
REDAELLI Antonello:
a io no! faranno cinquanta e cinquanta.
...Omissis (interrompono il discorso perché giunti sul posto)...
Di chiaro significato in ordine alla capacità
intimidatorie dell’associazione il
contenuto della seguente conversazione ambientale tra TROVATO Mario e REDAELLI
in cui vengono esplicitate le pressioni su SCALETTA per far entrare in società
esponenti dell’associazione – nella specie REDAELLI- pena il blocco dell’iniziativa.
Emerge la grande preoccupazione di SCALETTA nell’apprendere che all’ affare sono
interessati i calabresi.
Progressivo n. 5020 del giorno 13/06/2011, ore 12:03:40 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
REDAELLI Antonello in auto con TROVATO Mario parlano di GASPARRI.
[12:04:02] REDAELLI al telefono dice che deve andare a Lecco.
[12:04:07]
REDAELLI Antonello:
hai visto che gliel'ho detto a posta... gli ho detto "ma scusa quella
cosa che mi hai chiesto l'altra volta?" e gliel'ho detto apposta... "eh... ma non vuole il socio" ed
allora gli ho detto "allora vedi tu eh!"
TROVATO Mario: che così gli hai detto?
REDAELLI Antonello:
certo che gliel'ho detto!
TROVATO Mario: adesso ce l'ha pure lui con Gasparri
REDAELLI Antonello:
tu devi stare sotto con Gasparri
TROVATO Mario: no ma io non voglio avere a che fare con Gasparri
REDAELLI Antonello:
ma lo so però ho girato
TROVATO Mario: sono infami
REDAELLI Antonello:
eh infatti sono infami sicuro
TROVATO Mario: non devi dirgli niente proprio perché sono infami
REDAELLI Antonello:
ma guarda che io non gli ho mai detto niente
TROVATO Mario: non è che mi frega che mi ha trovato qua a me capito!
REDAELLI Antonello:
ma è lo stesso, che te ne frega... eri qua con me!
TROVATO Mario: però voglio dire (incompr.) pezzo di merda, perché adesso Angelo mi
prende (incompr.) dalla nascita (incompr.) non è che non lo so, non me lo vuole dare, mi sto
pentendo... lo senti come parla, adesso chiama a Gasparri...
REDAELLI Antonello:
ce l'hai l'appuntamento?
TROVATO Mario: adesso Angelo mi doveva prendere l'appuntamento
REDAELLI Antonello:
Vuoi che venga anch'io?
TROVATO Mario: No, no, ci devo andare da solo io. Devo parlare io con lui e basta.
REDAELLI Antonello:
si si vai non c'è problema
TROVATO Mario: non è che c'è tanto da dire, due parole gli devo dire e basta!
REDAELLI Antonello:
Però vedi... l'accordo a (BOLOGNA) (fonetico) te l'ha trovato... anzi
puoi spiegargli, dici vabbè "l'accordo trovalo con i ragazzi e magari una quota..."
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 122 di 566
TROVATO Mario: (incompr.)
REDAELLI Antonello:
al povero Antonello
TROVATO Mario: ma lui deve trovare... deve... il fatto di trovare l'accordo, che non vuole soci
REDAELLI Antonello:
(incompr.) cinque per cento
TROVATO Mario: so cazzi tuoi... non è (incompr.)... deve dare tot poi so cazzi tuoi se...
REDAELLI Antonello:
se glielo dice a GASPARRI che magari lui molla un po’ la
braga, con questi, questi magari ci dicono anche di si, no!
TROVATO Mario: (incompr.) dicono vogliono questo, vogliono quello
REDAELLI Antonello:
ebbè certo! però questo è salvare le sue cose sulle quali ho già
(incompr.) ecco perché dicevo SCALETTA ma SCALETTA la (incompr.) la conosce bene eh...
TROVATO Mario: Hai sentito cosa ha detto del "dollaro"
REDAELLI Antonello:
Eh?
TROVATO Mario: eh no là...
REDAELLI Antonello:
sì ma buttano via 3 - 4 mila euro, 5 mila euro..... (inc.le)
TROVATO Mario: eh ce li dessero a noi! li butti via!? eh scusa... ecco perché ecco perché devi
parlare con GASPARRI, devi raggiungere l'accordo con questi... così dopo
TROVATO Mario: Ma GASPARRI non c'è l'ha il "dollaro" eh!
REDAELLI Antonello:
No, però adesso lui ha un incontro ancora con GASPARRI perché
vogliono tirare un po’ le cose,
TROVATO Mario: lui vuole tirare questo qua
REDAELLI Antonello:
GASPARRI gliele può dare quelle cose lì, non gliele vuole dare per
principio, però se parla con te e dici: "ascolta tu quelle cose lì le dai a una condizione,
deve dare il 20-25% della società a... "in questo caso entro io il 25%... e noi abbiamo
la nostra facilmente!
TROVATO Mario: la società... se non entra lui nella società tu non metti niente!
REDAELLI Antonello:
Esatto!
TROVATO Mario: chiuso...questo devo dirgli...e basta!
REDAELLI Antonello:
Esatto, Bravo, Esatto!
TROVATO Mario: Non ci devo dire altro io!
REDAELLI Antonello:
lui con noi deve mettere queste condizioni
TROVATO Mario: "Noi avevamo parlato con te... se ti ricordi" gli ho detto...gli dico...
REDAELLI Antonello:
certo!
TROVATO Mario: "quella volta qua, son venuto ed ho parlato con te"
REDAELLI Antonello:
certo!
TROVATO Mario: la cosa era così, poi dopo loro hanno tagliato fuori uno, "hanno
voluto fare i furbetti... e sono venuti da te; adesso io te lo dico a te... se tu vai dentro
là lui deve entrare socio se tu non entri a nessuno, non entri né tu e non aprono
manco loro!"
REDAELLI Antonello:
Perché a questo punto le condizioni sono queste, punto!
TROVATO Mario: No ci devo dire perché, come e quando....
REDAELLI Antonello:
no, no, no...
TROVATO Mario: la deve capire da solo! perché sicuramente Angelo adesso che ha un
appuntamento gli dico "vedi che devo parlare ma..."
REDAELLI Antonello:
ma lo fai lì da loro?
TROVATO Mario: a me non mi interessa l'appuntamento dove cazzo vuole... basta che... ma
anche lì da noi, tanto un secondo ci metto
REDAELLI Antonello:
si ma no no ma con lì loro? cioè boh?!
TROVATO Mario: ma anche con loro non me ne frega niente
REDAELLI Antonello:
no lo so lo so
TROVATO Mario: non me ne frega niente il discorso lo avevamo fatto che c'erano loro non ti
ricordi?
REDAELLI Antonello:
si! (incompr.) anche io!
TROVATO Mario: eh allora!
REDAELLI Antonello:
ti ricordi?
TROVATO Mario: dove cazzo stai andando?
REDAELLI Antonello:
in pizzeria!
TROVATO Mario: la macchina ce l'ho al bar...vai in pizzeria!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 123 di 566
REDAELLI Antonello:
allora ti porto al bar... hai capito? per loro le condizioni devono
essere quelle... quelle ancora dell'origine! all'origine erano quelle!
TROVATO Mario: va bene lascia perdere (incompr.) "stanno aprendo una a Monguzzo... una
qua, una a (incompr.), ne stanno aprendo troppi" dice... hai sentito?
REDAELLI Antonello:
ma è vero?
TROVATO Mario: quella di Monguzzo dovrebbe essere quel mio amico lì (incompr.) Franco...
te l'ho fatto conoscere quel ragazzo lì chee...
REDAELLI Antonello:
si, si si eh ma mica ha aperto anche là a coso
TROVATO Mario: eh
REDAELLI Antonello:
chi era quella piccolina chi era quel ragazzo che ha aperto la sala?
TROVATO Mario: questo qui è... poi dice che l'altro l'ha aperto li che le cose... Valtellina giochi
REDAELLI Antonello:
eh cazzo non è mica?
TROVATO Mario: mio nipote...
REDAELLI Antonello:
tuo nipote!
TROVATO Mario: (ride) se c'è Valtellina giochi c'è lui no!
REDAELLI Antonello:
infatti... non ha bisogno di niente e di nessuno (ride)... adesso
vediamo quand'è che c'hai tu l'appuntamento?
TROVATO Mario: no... me lo deve fissare in settimana... gli ho detto "prendimi
l'appuntamento" gliel'ho detto da venerdì gliel'ho detto!
REDAELLI Antonello:
non aspettare tanto
TROVATO Mario: venerdì gli ho detto "prendimi un appuntamento" mi ha detto "ok", sta
mattina mi ha chiamato Ernesto mi ha detto che mi deve dire una cosa...può darsi che era per
questo...non si poteva muovere ha detto che ha la diarrea e non poteva muoversi
REDAELLI Antonello:
me lo ha detto mi ha chiamato è due giorni che abito sul cesso
TROVATO Mario: gli ho detto "non muoverti dal gabinetto! e stai li..." "ti devo dire una cosa"
mi fa e dico... "vabbè quando mi vedi me la dici"
REDAELLI Antonello:
perché entrare così non è male eh! figa!
TROVATO Mario: adesso questo qui... questo qui ti dico io che movimento ci vuole adesso...
REDAELLI Antonello:
chi è questo qui?
TROVATO Mario: SCALETTA!
REDAELLI Antonello:
ah
TROVATO Mario: adesso questo qui... mi ha visto a me ha visto con te...visto che io...
REDAELLI Antonello:
perché io non ho mai parlato di te, eh!
TROVATO Mario: ma eh, vabbè!
REDAELLI Antonello:
lui ma l'avrà immaginato quello può essere ma io non ho mai fatto
né nomi
TROVATO Mario: perché te l'ho chiesto all'inizio... "c'erano i calabresi..." perché te lo
aveva chiesto?
REDAELLI Antonello:
ma lui eh... così è uscito col discorso che abbiamo fatto di... e gli ho
detto "oh... io non lo so se vuoi provo a sentire ma..." ma chiaramente se lo immagina
TROVATO Mario: però lascia perdere questo, però voglio dire lui adesso comincia ad
immaginare..."se noi apriamo li"... come cazzo fa adesso
REDAELLI Antonello:
io mica l'ho detto per niente... che cosa gli ho detto?
TROVATO Mario: gli hai buttato la battuta!
REDAELLI Antonello:
e certo che gli ho buttato la battuta come per dire se vuoi perderla la
prendi sennò con lì te!... gli ho battuta "con lì te!" che ha più effetto ancora lo dico al bar lascia
il tempo che trova... eh adesso lo vediamo ti faremo sapere dice io te l'ho detto quel giorno "ma
scusa ma per quel discorso là che avevamo fatto...eri li...sentivi" eh quel discorso là... eh quello
non vuole soci e gli ho detto "Già... però poi non so se Mario non sono tanto contenti
eh! (ride)... vedi tu" gli ho detto
TROVATO Mario: io gli ho detto "chi è che non vuole soci... Gasparri?"..."no" dice "il
proprietario"
REDAELLI Antonello:
si si infatti Piero!... poi non capisco il bar cosa ne fa questo
TROVATO Mario: chi?
REDAELLI Antonello:
SCALETTA, non può venderlo! è pieno di debiti
TROVATO Mario: non l'ha pagato come fa a venderlo!
REDAELLI Antonello:
appunto
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 124 di 566
TROVATO Mario: lo vedi che voleva darla a 5000,00 euro al mese in gestione
REDAELLI Antonello:
eh ma chi trova a 5000,00 euro al mese?
TROVATO Mario: gliel'ha offerto a Gilvana poi con quell'altro si sono attaccati a botte li eh...
...conversano in merito al fatto che GONCALVES Gilvana e SCALETTA Giacomo hanno litigato
nel locale di SALVO Angelo...(Wild Wood, ndr).
Dopo aver lasciato TROVATO Mario al bar, REDAELLI Antonello in vivavoce parla al cellulare
con la moglie; conversazione a carattere familiare.
Il giorno seguente REDAELLI Antonello rendiconta PALERMO Ernesto su quanto sta
accadendo con SCALETTA Giacomo e il terrore di quest’ultimo per l’intervento di TROVATO
Mario.
Telefonata n. 3732 del giorno 15/06/2011, ore 18:34:52 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e Uomo, diretta all'utenza
n. 3355422724.
REDAELLI Antonello per uomo:
Squilli
fuori cornetta:
REDAELLI Antonello:
(inc.le).
PALERMO Ernesto:
riceve cinquanta o sessanta telefonate (inc.le).
REDAELLI Antonello:
si?
PALERMO Ernesto:
si ma è così, non sto scherzando.
REDAELLI Antonello:
non lo so, io non l'ho mai chiamato
PALERMO Ernesto:
(inc.le) non si sente niente"
REDAELLI Antonello:
lascia, che SCALETTA si è cagato addosso eh.
PALERMO Ernesto:
si?
REDAELLI Antonello:
(inc.le), che poi io davanti a lui gli ho spiegato cosa gli ha detto
(inc.le)...ti ricordi quando mi hai chiesto di... eh... no... quell'altro...perché...lui dice... dice...
eh no perché il mio socio (BARLASSINA Piero, ndr) non vuole un altro socio."
Nei giorni successivi TROVATO Mario e REDAELLI Antonello riferiscono a BONGARZONE
Claudio l’incontro e le pressioni esercitate dallo stesso TROVATO nei confronti di SCALETTA
Giacomo a dimostrazione dei comuni interessi e dell’organico inserimento anche di
BONGARZONE nel contesto associativo.
I tre commentano il comportamento di SCALETTA Giacomo che si è umiliato durante
l’incontro con TROVATO scusandosi per il suo comportamento <<…No, no io mi sono
pentito, adesso non lo faccio più…>>.
Progressivo n. 6033 del giorno 25/06/2011, ore 10:35:06 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
REDAELLI Antonello sale in auto con TROVATO Mario, BONGARZONE Claudio e PALERMO
Ernesto:
Parlano del lido e della pubblicizzazione di esso.
REDAELLI Antonello, (passando sulla strada dove si trova il bar di SCALETTA ndr), dice:
(fon.) vuoi salutarlo, c'è la macchina...
TROVATO Mario, prendendolo in giro, dice di scendere e di andarlo a baciare in bocca.
TROVATO Mario dice di aver parlato con SCALETTA Giacomo quando è andato al
pratone.
TROVATO Mario: Ma tu non dovevi fare la società con lui (REDAELLI Antonello ndr)
TROVATO Mario imita SCALETTA Giacomo: Ma quello lì non vuole il terzo socio,
quell'affare lì io mi sono stufato io non faccio più niente.
REDAELLI Antonello conferma l'accaduto e aggiunge che il problema è che ci sono troppe sale
(sala giochi ndr) e SCALETTA Giacomo non è più entusiasta.
TROVATO Mario conferma che è stata aperta una sala giochi a Erba denominata Valtellina
Job, mancano soltanto i permessi della questura.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 125 di 566
TROVATO Mario aggiunge che nella zona c'è solo Emanuele che è l'unico programmatore di
computer, arriva fino a Como.
BONGARZONE Claudio chiede se alla fine la apre la sala giochi e TROVATO Mario risponde
che il socio di SCALETTA Giacomo non vuole il terzo socio e aggiunge:
TROVATO Mario imita SCALETTA Giacomo: No, no io mi sono pentito, adesso non lo
faccio più.
TROVATO Mario: fai il pentito prima di farlo.
TROVATO Mario alla fine dice che lo ha lasciato lì con REDAELLI Antonello e se ne
andato via.
BONGARZONE Claudio parla dei problemi che sta avendo GILVANA nel locale.
BONGARZONE Claudio, su disposizione di TROVATO Mario, il 4.7.2011 convoca presso il
bar Le Petit Café, RASOTTO Stefano.
Telefonata n. 15157 del giorno 04/07/2011, ore 12:20:52 intercettata sull'utenza
n. 3270158024 (R.R.I.T. 4459-10) in uso a BONGARZONE Claudio. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra BONGARZONE Claudio e Stefano diretta
all'utenza n. 3495038894.
BONGARZONE Claudio per Stefano
BONGARZONE Claudio invita Stefano a recarsi al bar le Petit da Mario.
Stefano non conosce il bar e Mario e lo accompagnerà Angelo (SALVO ndr).
Il 7.7.2011 TROVATO Mario, in seguito al colloquio intercorso con RASOTTO Stefano, uomo
di fiducia di GASPARRI Alessandro incaricato nei rapporti con Lottomatica, decide di
lasciare aprire il locale a SCALETTA Giacomo <<…Ho detto lasciali che aprano… …quello
che c'è dentro con le macchine lì... eh io gliel'ho detto che il socio dovevi essere
tu…>>.
Progressivo n. 7102 del giorno 07/07/2011, ore 09:20:21 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
[09:20:23]
REDAELLI Antonello e TROVATO Mario salgono in auto.
Conversazione a carattere personale.
[09:21:56] REDAELLI Antonello chiede se si sapesse come sia finita con GASPARRI, il
quale ha fatto un colloquio ieri o l'altro ieri.
TROVATO Mario dice che lui a quelli là gliel’ha detto, ha detto che quando sono
pronti vedranno il da farsi.
[09:22:13]
TROVATO Mario: Ho detto lasciali che aprano
REDAELLI Antonello:
Si...eh si
TROVATO Mario: (inc.le) Lo conoscono pure...
REDAELLI Antonello:
SCALETTA lo conoscono?
TROVATO Mario: No a coso là... quello che c'è dentro con le macchine lì... eh io
gliel'ho detto che il socio dovevi essere tu... no
[09:23:15] scendono dall'auto.
Rileva l’annotazione conclusiva di PG (V C.R Nucleo di Polizia Tributaria data 9.11.2012 pagg 151-152)
Gico di Milano in
“….Non emergevano ulteriori elementi circa le pressioni volte nell’acquisire la
compartecipazione nella società RIOGRANDE S.r.l., da parte di TROVATO Mario, tuttavia nel
corso delle indagini emergeva che SCALETTA Giacomo, nel suo bar sito in
Valmadrera aveva interrotto gli abituali rapporti di noleggio con la ditta di
apparecchi da intrattenimento per concedere l’installazione di Slot e TOTEM alla
D.B.M. Electronic S.a.s., società di BONGARZONE Claudio sotto l’influenza della
famiglia COCO-TROVATO.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 126 di 566
In seguito all’installazione delle apparecchiature da intrattenimento della società
D.B.M. Electronics era lo stesso BONGARZONE Claudio che manteneva costanti
rapporti con SCALETTA Giacomo volti all’assistenza alle apparecchiature medesime.
Nel bar RIO veniva anche installato un apparecchio di tipo “TOTEM” utilizzato per il
gioco d’azzardo on-line illegale (vgs. capitolo III - § 3.2. IL GIOCO ON-LINE
ATTRAVERSO I TOTEM).
Nello stesso periodo BONGARZONE Claudio prestava a SCALETTA Giacomo la somma di
16.500 euro, denaro in assegni che servivano per saldare alcuni debiti contratti dallo stesso
SCALETTA. Il giorno seguente BONGARZONE e SCALETTA si sarebbero incontrati per la
compilazione dei titoli di credito.
Telefonata n. 11915 del giorno 05/10/2011, ore 19:16:47 intercettata
sull'utenza n. 3473177198 (R.R.I.T. 1607-11) in uso a SCALETTA Giacomo. La
conversazione intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCALETTA Giacomo e
BONGARZONE Claudio e diretta all'utenza n. 3270158024.
SCALETTA Giacomo per BONGARZONE Claudio
SCALETTA Giacomo:
allora mi han detto se puoi fargli un favore se ne puoi fare due
adesso due assegni van bene però se gliene puoi fare uno di otto e cinque ed uno di sei...
BONGARZONE Claudio: si si va bene dopo però vanno scritti tutti i nomi e dopo
SCALETTA Giacomo:
eh?
BONGARZONE Claudio: te gli fai mettere il nome
SCALETTA Giacomo:
detta a chi lo incassa?
BONGARZONE Claudio: deve mettere sempre il nome a chi vanno intestati gli assegni lo
sai!?
SCALETTA Giacomo:
si si si lo so
BONGARZONE Claudio: perché io te li dò a te e li compiliamo domani mattina...
SCALETTA Giacomo:
allora fai uno da otto e cinque ed uno da sei mi ha detto
BONGARZONE Claudio: e mille e cinque vengono a te
SCALETTA Giacomo:
duemila a me
BONGARZONE Claudio: eh quattordici e cinque
SCALETTA Giacomo:
eh sedici e cinque
BONGARZONE Claudio: non mi hai detto sedici?
SCALETTA Giacomo:
no ti ho detto sedici e cinque
BONGARZONE Claudio: eh vabbè vediamo dai
saluti
I successivi accertamenti eseguiti con visure camerali e con la banca dati
dell’Anagrafe Tributaria permettevano di rilevare che la società GEMA S.a.s.,
attraverso la quale veniva gestito da SCALETTA Giacomo il bar Rio , veniva sciolta e
posta in liquidazione28.
Nella stessa data subentrava nella gestione dei locali con contratto di affitto di
azienda la società DOS LOUCOS S.a.s. (P.I. 03400290130), rappresentata legalmente
da GONCALVES Gilvana, già nota in quanto prestanome di BONGARZONE Claudio e
di TROVATO Mario, insieme a IVASHKOVA Alexandra, nella gestione precedente del
bar sito in Lecco, via Risorgimento n. 83 denominato “Le Petit Cafè ”.
Gli accertamenti esperiti consentivano inoltre di accertare che socio accomandante
della suddetta società risultava essere la D.B.M. Elettronic S.a.s. di CROTTA Claudio
& C., anche questa società vicina alla famiglia COCO-TROVATO29.
E’ evidente dunque che il clan COCO-TROVATO, attraverso un prestanome e la D.B.M.
Electronics S.a.s., fosse riuscito ad acquisire la proprietà di un nuovo esercizio commerciale
nella provincia di Lecco, accrescendo così il proprio potere economico e commerciale su quel
territorio. …”
28
29
vgs. ALLEGATO N. 03 – visura camerale ditta GEMA S.a.s.;
vgs. ALLEGATO N. 04 – visura camerale ditta DOS LOUCOS S.a.s.;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 127 di 566
b) L’estorsione nei confronti di CONTI Fabio e SCARFO’ Concetta. La richiesta di versamento
di 200.000 euro e la consegna all’associazione in più soluzioni di somme di denaro.
La vicenda coinvolge sul piano associativo in prima persona TROVATO Mario che si attiva
tramite ROMEO Antonino per ottenere da CONTI Fabio una somma rilevante di denaro
inizialmente fissata in 200.000 euro come asserita restituzione di un debito verso un
commercialista.
La somma verrà richiesta con pressioni insistenti tramite contatti diretti di ROMEO
Antonino, a volte supportato da NASATTI Massimo e NANIA Alessandro, in particolare nei
confronti della moglie di CONTI, SCARFO’ Concetta; nel corso dello sviluppo della vicenda
dal dicembre 2011 al maggio 2012 vengono ricostruite alcune consegne parziali di denaro
attraverso attività di intercettazione ambientale e servizi di osservazione documentati anche
fotograficamente (v. C.R Nucleo di Polizia Tributaria - Gico di Milano in data 9.11.2012 pagg.
153-193 ). Le vittime della condotta estorsiva come emerge in modo drammatico da alcune
conversazioni sono profondamente prostrate e spaventate per l’attività estorsiva posta in
essere ai loro danni e CONTI è esplicito nella consapevolezza di sottostare a richieste
economiche da soggetti che qualifica come “mafiosi”.
Come avverrà in altre occasioni anche in questo caso le vittime non denunciano in
alcun modo il fatto a dimostrazione della condizione di assoggettamento e del
conseguente vincolo omertoso.
TROVATO Mario e ROMEO Antonino
il 14 dicembre 2011 si trovano
all’interno
dell’autovettura Mercedes ML targata DB781HZ, ove programmano il recupero di un’ingente
somma di denaro da spartire in parti uguali.
TROVATO Mario commissiona l’estorsione a ROMEO Antonino, indicando la vittima in
CONTI Fabio, marito di SCARFO’ Concetta e a conferma dello spessore criminale suo e
dell’associazione prospetta subito una soluzione violenta in caso di resistenze della vittima
<<…sennò gli facciamo fare… unaaaa… una botta!...>>. ROMEO Antonino, dal canto
suo, propone di interloquire con CONTI Fabio attraverso sua moglie SCARFO’ Concetta, con
la quale è in ottimi rapporti <<…Ascolta un attimo …c'è una differenza però! Che è il
marito della Concetta! È il marito della Concetta, sua sorella, che per me (ROMEO
Antonino, ndr) sta... sempre... stravede!>>.
TROVATO Mario fa presente che la somma da recuperare si aggira intorno ai 200.000 euro
<<…duecentocinquanta... pure duecentomila euro... non me ne fotte un cazzo a
me!…>>, mentre ROMEO Antonino mostra di accontentarsi anche di un importo inferiore
<<…Fai una cosa… prendiamo quello che dobbiamo prendere e basta!…>>, con
l’approvazione di TROVATO Mario <<…Prendiamo quello che possiamo prendere!...>>.
Ulteriori scambi di battute trai i due rendono chiaro come il preteso debito di CONTI verso
un professionista sia un semplice pretesto per taglieggiare la vittima e per trattenere da
parte dell’associazione quanto versato da CONTI.
Ambientale n. 3877 del giorno 14/12/2011, ore 10:09 intercettata
sull'autovettura ML targata DB781HZ (RRIT 2561/11) in uso a TROVATO Mario. La
conversazione intercettata intercorre, in lingua italiana, tra TROVATO Mario e ROMEO
Antonino.
Rumori
Presenti a bordo TROVATO Mario e ROMEO Antonino.
Parlano della macchina.
Posizione iniziale: Via Tonio da Belledo - Lecco - ITA - 45.850082/9.413599 - 5 km/h
Ore [10:11:11]
TROVATO Mario: ...(inc.le).. come cazzo si chiama lui!
ROMEO Antonino: chi è che glielo chiede aspetta un attimo
TROVATO Mario: Vabbè! Ma tanto... siamo noi che... e poi ce.. (inc.le)..
ROMEO Antonino:
E allora aspetta... (inc.le)..
TROVATO Mario: ci facciamo dare il nome e cognome, no?
ROMEO Antonino:
Eh!
TROVATO Mario: CONTI sicuro...!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 128 di 566
ROMEO Antonino: E dove... dove lo troviamo però che li...?
TROVATO Mario: E a Missaglia... a coso... là... a Casatenovo... ha il “rottamaio”!
ROMEO Antonino:
E la pizzeria... dov'è la pizzeria?
TROVATO Mario: pure là poi... (inc.le) quello che dice a me dice a Bruno! (DELUCA, ndr)
Perché Bruno (DELUCA, ndr) dice, se in caso, viene lui la... e vedete tutti i posti dove sono!
ROMEO Antonino:
Ma no! Ma io glielo chiedo anche a Giuseppe...(SCARFO’
Giuseppe, ndr) aspetta un attimo! Glielo chiedo a Giuseppe e non se ne parla più, eh!
Qual è il problema?
TROVATO Mario: lui ha sposato uno dei..(inc.le).
ROMEO Antonino:
sarà qualche nipote... perché sorelle... c'è Angela...
TROVATO Mario: E allora che cazzo c'entra ( fonetico)? ...inc.le
ROMEO Antonino: CONTI?
TROVATO Mario: Loro vanno... qua! cazzo! Ma CONTI! un rottamaio gli dici dai!
Ore [10:12:03]
ROMEO Antonino effettua una telefonata e parla con Giuseppe e chiede se ha un
parente che si chiama CONTI, o CONTE, che ha un “rottamaio”.
TROVATO Mario suggerisce f.c.: Rottamaio (Fonetico)! Rottamaio!
ROMEO Antonino dice all'interlocutore: "non lo so! Sto chiedendo a te! Fabio (CONTI,
ndr)?... Chi è?
TROVATO Mario borbotta qualcosa di inc.le e dice.." non ne parlare per... inc.le"
ROMEO Antonino dice al suo interlocutore: " ...è infame proprio?"
TROVATO Mario: Eh!
ROMEO Antonino dice al suo interlocutore: "...Ah! E' il marito della Concetta? Ho
capito!"
TROVATO Mario: Uh, uh! Una merda (Fonetico)
ROMEO Antonino dice al suo interlocutore : ..no, no ma infatti, non gli devo dare retta ...però
c'è un problemino! Ma allora ne parliamo io e te, dai!
TROVATO Mario: venisse... inc.le
ROMEO Antonino dice al suo interlocutore: c'è un problemino! Si, si! Facciamo una cosa... io
sono... stammi a sentire... io adesso sto andando... dalle tue parti io passo..! Tu sei... verso
Annone quelle zone li? ...dove sei?...Ok dai! Come sono ...facciamo una cosa... ti ricordi dove
ci siamo visti ...con ...quando stavo andando a Milano? ...ci vediamo lì? Quando ti chiamo... fai
una cosa... sulla super (super strada, ndr) c'è un benzinaio... per... però... fai quello di Molteno!
Hai capito dove? Dove c'è il "Centro Moda Pelle". E quindi... (inc.le).. prima è! Ti ricordo che poi
a destra c'è il Valentino... prima c'è il benzinaio! Non so se è Agip o quello che è! Fai una
cosa fra ventina di minuti...
TROVATO Mario: tra un quarto d'ora siamo lì!
ROMEO Antonino dice al suo interlocutore: Tra un quarto d'ora sono, lì, dai!.... fammi sta
cortesia! Ciao!
ROMEO Antonino e TROVATO Mario riprendono la conversazione:
TROVATO Mario: è infame ha detto no!
ROMEO Antonino: Gli ha già chiamato i carabinieri a lui..."Non mi ha già chiamato i
carabinieri a me"… che viene lui...
TROVATO Mario: per questo ho detto non ne prendiamo (Fonetico)
ROMEO Antonino: E ma aspetta! aspetta! Aspetta un attimo...
TROVATO Mario: sennò gli facciamo fare..unaaaa..una botta!
ROMEO Antonino: Ascolta un attimo ..c'è una differenza però! Che è il marito della
Concetta! è il marito della Concetta, sua sorella, che per me sta...sempre...stravede!
E a me. .inc.le ..io parlo con la moglie non parlo con..
TROVATO Mario: Che c'è cognato è questo qua?
ROMEO Antonino:
Si!
TROVATO Mario: Eh vabbè.
ROMEO Antonino: E ma non fa niente! Se tu metti sul tavolo lui e me...Concetta dice mi dice
perché hai capito, no? Va a favore mio! le dico "Concè...c'è sto problema qua!"
TROVATO Mario: duecentocinquanta....pure duecento mila euro...non me ne fotte un
cazzo a me!
ROMEO Antonino: Fai una cosa…prendiamo quello che dobbiamo prendere e basta!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 129 di 566
TROVATO Mario: Prendiamo quello che possiamo prendere!
ROMEO Antonino: Si!
TROVATO Mario: Quello là che sta facendo..? compra case (inc.le).. capito?
ROMEO Antonino: Aspetta un attimo ...la domanda è " Chi è che avanza questi soldi?"
TROVATO Mario: Eee...il commercialista...immagino che..
ROMEO Antonino: Chi?
TROVATO Mario: Il commercialista! E lui...per me il commercialista!
ROMEO Antonino: Uh! è buono come commercialista questo?
TROVATO Mario: Una volta che prendi i soldi gli dici "chiudi" tanto a lui non gliene
da, hai capito o no?
ROMEO Antonino: è certo che non gliene dà. Quello prendiamo ce li prendiamo noi!
TROVATO Mario: ooooh! esatto!
ROMEO Antonino: va bene?
TROVATO Mario: Ce li prendiamo noi! Che cazzo me ne fotte.
ROMEO Antonino :
Si gli dico " fai un piccolo coso di rientro (inc.le) e basta...almeno
chiudiamo discorso sennò qua...rimane aperta.
TROVATO Mario: Non me ne fotte un cazzo! Fa un filo... si ma a costo di fare un rientro...non
lo rispetto...gli ha fatte le cambiali il bastardo.. Gli ha fatto ..inc.le di un albanese!
ROMEO Antonino: Aspetta! se ci è andato lui! Io ci mando la moglie! Io non parlo come parlo
con la moglie! Le dico "Concè....eee.." Già mi ha chiamato la moglie l'altro giorno... "Oh ma ho
saputo che sei fuori, di qua e di là...ee...ha...rintracciato il mio numero e fa "dove sei che
andiamo a bere il caffè?" "Quando vuoi vieni le ho detto Concè!" mi fa "Che ci sono le donne in
casa?" "No!" le ho detto "vieni! Che cazzo"...Guai per me Concetta! Ha ammazzato...un altro
poco faceva ammazzare di botte la moglie di ALDESI! ALDESI?
Madonnaaaa... ! Solo
perché...Eee è che ..ed era tosta, eh!
TROVATO Mario: Sono tutti (Fonetico)..(inc.le)..comunque
ROMEO Antonino: no so... DISIMERA (Fonetico) ha avuto un po’ di esperienza di galera! Gli
altri spacciavano e basta!
TROVATO Mario: No!
…omissis…
Posizione finale progressivo: - Pescate(Lecco) - ITA - 45.838599/9.391715 - 82 km/h Auto
in movimento
L’analisi del tabulato telefonico dell’utenza n. 3408068577, in uso a ROMEO Antonino
conferma la telefonata effettuata alle ore 10:12 del 14.12.2011 al pluripregiudicato SCARFO’
Giuseppe, intestatario ed utilizzatore dell’utenza n. 3332607863.
SCARFO’ Giuseppe viene convocato al distributore di carburanti “Agip” sito sulla Strada
Statale 36 nel comune di Molteno.
Tra le ore 10:25 e le ore 10:31, come documentato dal GPS a bordo dell’autovettura
Mercedes Classe A, interviene l’incontro tra ROMEO Antonino e SCARFO’ Giuseppe, mentre
TROVATO Mario rimane in attesa all’interno della propria autovettura.
ROMEO Antonino e SCARFO’ Giuseppe entrano nel bar insieme, rimanendovi per qualche
minuto davanti al bancone e consumando un caffè. I due, dopo una breve conversazione,
escono dal bar; ROMEO Antonino sale a bordo dell’autovettura Mercedes ML targata
DB781HZ dove lo attende TROVATO Mario, mentre SCARFO’ Giuseppe sale nell’autovettura
Ford Fiesta targata BP190AG30 di colore azzurro31. Quest’ultimo, prima di allontanarsi,
saluta in lontananza TROVATO Mario con un cenno della mano con ciò rendendo evidente la
consapevolezza in capo ai destinatari della richiesta che la stessa proviene dalla famiglia
TROVATO.
Dopo il colloquio ROMEO relaziona TROVATO sugli esiti del contatto con SCARFO’
Giuseppe
Ambientale n. 3879 del giorno 14/12/2011, ore 10:20 intercettata sull'autovettura ML
30
Proprietà: STAFFA Annamaria, CF. STFNMR64E56D086L nata il 16/5/1964 a Cosenza (CS) e residente in via Fornace 1 – 23841
ad Annone di Brianza (LC);
31
vgs. ALLEGATO N. 05 – servizio di osservazione, controllo e pedinamento relativo ai fatti del 14.12.2011 – allegato comprensivo di
cd-rom. Presente in formato elettronico;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 130 di 566
targata DB781HZ (RRIT 2561/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Mario e ROMEO Antonino.
A bordo dell’auto sono presenti:
TROVATO Mario e ROMEO Antonino.
…omissis…
ROMEO Antonino:
E perché lui faceva girare tutti questi soldi?
TROVATO Mario: Perché era... gli faceva fare i fallimenti gli faceva ritirare! Glieli ha anticipati
lui, hai capito? Lui cosa ha fatto? Gli ha fatto ritirare dei fallimenti... no? Case... tutte le cose in
fallimento! Cosa è successo? Che ha firmato lui come garante, capito?
ROMEO Antonino: Coglione!
TROVATO Mario: Eh! Un coglione sì, perché l'aveva come cliente, allora... capito? Era un
cliente suo...
ROMEO Antonino:
Allora ci sa fare sto cazzo di Fabio (CONTI, ndr), allora? Che sa
come sempre
TROVATO Mario: Allora che cosa ha fatto? Cosa ha fatto? Allora a un certo punto... va bene,
allora tu non glieli vuoi dare? Non li hai messi... (inc.le).. hai capito?
ROMEO Antonino:
...E dove li tiene (Fonetico) lui?
TROVATO Mario: C'ha dentro i suoi guadagni! (inc.le)
ROMEO Antonino: E fa... (inc.le).. le giornate in giro (inc.le) lui e sua moglie
TROVATO Mario: Allora, che cazzo devo fare? Poi non la devo chiudere!
ROMEO Antonino: no, vediamo... come possiamo... (inc.le).. 1300 metri
TROVATO Mario: Eh?
ROMEO Antonino:
1300 metri!
TROVATO Mario: non devo uscire ora?
ROMEO Antonino: no! Devi andare al bar del benzinaio
TROVATO Mario: Non c'è qua il benzinaio!
ROMEO Antonino: Come non c'è?
TROVATO Mario: Sarà più avanti !
ROMEO Antonino: Là è, lo vedi dov'è la luce!
TROVATO Mario: Che cazzo stai dicendo? E' più avanti il benzinaio
ROMEO Antonino:
1300 metri!
TROVATO Mario: E 1300 metri... ma non qua! Qua ce n'è uno! Alla discesa è!
I due parlano del benzinaio di riferimento e precisano che si tratta di un distributore Agip
che si trova nella discesa. TROVATO Mario dice di parcheggiare davanti al bar e di far finta
di entrare a bere qualcosa.
[10:25:01] Scendono dall'auto.
[10:25:42] Risale in macchina TROVATO Mario, radio accesa e rumori veicolari, tergicristalli
in azione, viene cambiata anche la stazione radio
[10:31:37] risale in auto ROMEO Antonino
musica in sottofondo
[10:31:36] ROMEO Antonino salendo in auto dice: a posto! Allora... è il marito di
Concetta (SCARFÒ Concetta moglie di CONTI Fabio, ndr), cazzo!
TROVATO Mario: te l'ho detto...che era degli SCARFO’ (inc.le)
ROMEO Antonino: Allora... questo qua... questo qua... non è che c'aveva lo sfascia carrozze...
faceva smantellamento industriale!
TROVATO Mario: Eh si... rottamaio! Non sfascia carrozze di macchine! Rottamaio cioè nel
senso... che raccoglieva tutto il ferro dei cosi... dei camionisti! Hai capito?
ROMEO Antonino:
Eeee! E come si dice? Metti via Arosio (Fonetico) giri a destra e te
ne vai! Tu metti hai messo qua il tom tom...
TROVATO Mario: No, no! Se c'è la via che cazzo m... (inc.le)..
ROMEO Antonino: Eee... morale della favola... gli ho detto io: "guarda... visto e
considerato che c'è di mezzo Concetta (SCARFÒ, ndr) " gli ho detto io..."io questa
ragazza qua le ho sempre voluto bene perché per me ha fatto molto...! Mi sono
intromesso io" gli ho detto! "però... purtroppo è andato a toccare persone che... non
doveva fare... a me degli altri... non mi interessa niente degli altri! Però... di queste
persone qua... deve... deve sistemare!" Allora ..."non dico a sistemare il 100%! Ma...
fosse il 70, il 50 me li deve a sistemare! Con i tempi che corrono... lo deve fare! A
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 131 di 566
me... una volta che vedo la buona volontà... che lui vede che si mette e lo fa"..." poi
sono io che gli signori miei abbiamo... inc.le
TROVATO Mario: ...(inc.le).. tranquillo la situazione...
ROMEO Antonino: ...abbiamo recuperato... di più non si può fare... punto e basta! Perché è
inutile, eh! (ride) I soldi ( fonetico) non sai da dove ti vengono! Allora...
TROVATO Mario: ...(inc.le).. sbirro... hai capito?
ROMEO Antonino: ...esatto! Allora cosa faccio io (inc.le) fa " guarda... fino a che i conti (inc.le)
ti fisso appuntamento con Concetta (SCARFÒ, ndr)... gli faccio: "fammi trovare sto... (inc.le)..
capace che mi chiami dopo... che lei c'ha l'altro numero non ha questo Concetta (SCARFÒ,
ndr)!
TROVATO Mario: ...(inc.le).
ROMEO Antonino: no! La moglie... lei è tranquilla, regolare! Magari dico "ciao come stai?" e
dopo ci vediamo..."dille di venire a casa mia... a tu per tu"
TROVATO Mario: che non ci sia a seguito la moglie capito!
ROMEO Antonino: Sì, sì!
TROVATO Mario: Però c'è il figlio, c'ha la figlia pure...
ROMEO Antonino:
Allora, ti spiego subito! Il figlio non è suo, è di Concetta (SCARFÒ,
ndr)! Il maschio! Ed ha il negozio di abbigliamento..
TROVATO Mario: Eh!
ROMEO Antonino: Che è il figlio... che sarebbe... il figlio di Concetta (SCARFO’, ndr)! E la
figlia che è sua di lui! Comunque si son sposati che...
TROVATO Mario: Però aveva già sto bambino già...
ROMEO Antonino:
Ah si? Comunque non importa! Concetta (SCARFO’, ndr) non è che
ci vada molto d'accordo! Però è sempre suo marito e ci tiene una bambina... gli ho detto:
"senti... io... fammi parlare con Concetta (SCARFO’, ndr) che io parlo con lei... perché una
volta che c'ho l'okay di Concetta (SCARFO’, ndr)..."
TROVATO Mario: E' lei che dirige magari la situazione...
ROMEO Antonino: no, no, no! Ma lei... nel senso che... lei e... lei è bastarda... è cresciuta con
11 fratelli! Capito? ...la figlia più seria è stata lei! Ti dico che per me... guai, eh! ...cioè, ti dico
l'altro l'ha fatto arrestare... posso rischiare il sequestro di persona e violenza (inc.le)
TROVATO Mario: nel '92 (Fonetico)... gli ha fatto firmare le cambiali! Di sette mila euro al
mese... al mese, eh! (inc.le)
ROMEO Antonino:
E poi?
TROVATO Mario: Ma io le cambiali gliel'ho date al... al commercialista! E poi gli ho detto va
bene... faccio pagare le cambiali... (inc.le).. ma tu sei sicuro... poi dice... (inc.le).. allora...
(inc.le).. ee... sistemare le cose invece lui l'ha fatto di proposito...
ROMEO Antonino: E ma io ci vado in casa... capito? La differenza è che io ci vado in casa? E
io perché (inc.le) c'ha una bella casa
TROVATO Mario: Lo sai dov'è la casa?
ROMEO Antonino: io? E non lo so perché non ci sono mai stato...
TROVATO Mario: Esci qua... da sulla strada...
ROMEO Antonino: di qua?
TROVATO Mario: qua per andare... (inc.le) a sinistra (inc.le)
ROMEO Antonino: c'ha la villa? Ed una bella villa mi hanno detto?
TROVATO Mario: ma lo so io dov'è
ROMEO Antonino: ah... e ma è capace che ci sta andando
TROVATO Mario: di fronte al ristorante... c'è di fronte un ristorante (inc.le)
ROMEO Antonino: è capace che ci sta andando e (inc.le) gli hai (inc.le) per questa cosa! E mi
sono intromesso perché ho sentito il cognome... allora dice "Toni (ROMEO Antonino,
ndr) guarda che nessuno di noi si mischia per queste attività"... "ho capito" gli ho
detto io "mi sono intromesso io perché... perché io voglio bene a Concetta (SCARFO’,
ndr)... non è che magari... se si muove qualche straniero... in casa loro... eh no! Ecco
gli ho detto io..."tocchi Concetta (SCARFO’, ndr) e scoppia la guerra", gli ho detto: "io
voglio che questa cosa si sistema e quando dico a questa società! A questa società
(inc.le)
TROVATO Mario: sono dieci fratelli
ROMEO Antonino: eh sì, sono dieci fratelli
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 132 di 566
TROVATO Mario: (inc.le)
ROMEO Antonino: eh ma e intanto hanno sempre fatto i cazzi loro, sai quei tipi che
non voglionoooo....
TROVATO Mario: sììì...
ROMEO Antonino: poi se c'è da rispettare rispettano... perché hanno sempre
rispettato, eh!
TROVATO Mario: non è che noi (inc.le)
ROMEO Antonino: noo...
TROVATO Mario: è lui che è andato a toccare...
ROMEO Antonino: esatto...e c'era pure il mafioso
TROVATO Mario: non è che qualcuno
Si accavallano le voci
ROMEO Antonino: vogliamo recuperare anche qua
TROVATO Mario: che cazzo me ne fotte
ROMEO Antonino: anche qua quello che si può recuperare si recupera
TROVATO Mario: eh!
ROMEO Antonino: capito?
TROVATO Mario: ma intanto noi... eeh... il problema qual è...? intanto gli altri sono (inc.le)
facciamo la...
ROMEO Antonino: tu casomai... casomai... quando questo qui fa un piano di rientro... me lo
faccio fare a me il piano di rientro (inc.le) lo fa a me per (inc.le)
TROVATO Mario: sìì, ci manca (inc.le)
ROMEO Antonino: al commercialista quando è gli dico: "senti, facciamo un punto che (inc.le)
TROVATO Mario: basta che non me la vedo io con (inc.le)
ROMEO Antonino: e no che c'entra... ti metto questa persona (inc.le)... gli dico: "cancella il
numero (inc.le) mila euro
TROVATO Mario: non hai capito... loro ormai non hanno (inc.le)
ROMEO Antonino: sì, pero mettiamo caso che un giorno, questo Fabio (CONTI, ndr)... cade il
commercialista per qualcosa..."sì, ma io ti ho detto... sono rientrato di trentamila euro... e poi
ventimila euro" e dice: "com'è a me non mi arriva niente!" qua devi girare... Briosco? Non è
qua?
TROVATO Mario: sì, ma... (inc.le)..
ROMEO Antonino: E la conosci?
TROVATO Mario: Come non la conosco! Questa qui esce fuori di sopra va a Briosco proprio
va... noi dobbiamo andare ad Arosio, giusto o no?
ROMEO Antonino: sì, alla prossima!
TROVATO Mario: Arosio è la prossima, no!
ROMEO Antonino: E basta! Vedere... (inc.le)... ma forse un ventimila te li riesci (Fonetico) a
tirare su...quanto... (inc.le)..
TROVATO Mario: Non so se erano...(inc.le)
ROMEO Antonino: eh, venti o trenta forse riusciamo a prenderli...
TROVATO Mario: quelli che (inc.le)
ROMEO Antonino: e che cazzo...! Però che cosa andiamo a fare? Cambiali o assegno
? (inc.le)
Si accavallano le voci
TROVATO Mario: ...(inc.le).. né cambiali né assegni! Fa un piano di rientro ogni
mese... cazzo... ti fa la cambiale... ti resta la traccia, ti fa l'assegno ti resta la
traccia..! Che cazzo... fai? Dove vai a cambiarlo..? Eh!.. (inc.le)..
ROMEO Antonino: No, sto pensando... però questo dice: "come mai viene sempre lui? E
perché non lo faccio direttamente col commercialista?" Non può pensare questo?
TROVATO Mario: (inc.le) te li dà sempre così e basta!
ROMEO Antonino: no, no! Mettiamo che io, vengo li tutti i mesi "e mi dai a me quello
che mi devi dare... quello che... (inc.le).. "
TROVATO Mario: Eh! Me la vedo io con chi...
ROMEO Antonino: lui può pensare... non è scemo eh!.. Può pensare...: "questo qua...
(inc.le).. i soldi al commercialista, perché glieli devo dare?"
TROVATO Mario: No...! Inc.le ...siccome... in.cle...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 133 di 566
ROMEO Antonino: ...(inc.le).. se fa gli assegni... li posso dare a qualcuno? Se... mettiamo li
paga?
TROVATO Mario: (inc.le)
ROMEO Antonino: Beh, se io me li faccio fare al nipote... visto che so che c'ha il negozio
regolare? Che ha la pizzeria?
TROVATO Mario: Però oggi come oggi lo sai che... (inc.le).. ci possono... (inc.le)..
ROMEO Antonino: noo! Il contante! L'assegno lo puoi fare di quanto vuoi... è il contante che
quale non puoi... pagare con più di mille euro contanti!
TROVATO Mario: (inc.le) devi avere fattura... devi avere qualcosa...
ROMEO Antonino: NO! Se tu... e beh... che che cazzo ne so io...
TROVATO Mario: Scusa, se io vado a versare 3000 euro... 5000 euro alla banca, no? Faccio
un versamento... da dove arrivano
questi soldi?
ROMEO Antonino: Quello che te li ha dati... l'ha fatto lui la la... la cosa legale (Fonetico) tu li
versi e basta!
TROVATO Mario: sì... io li devo versare ma per che cosa li ho presi questi soldi? C'è una
fattura?
ROMEO Antonino: se sei ditta... se non ditta... se sei uno come un privato... (inc.le)..
TROVATO Mario: (inc.le)
ROMEO Antonino: tu a me non mi puoi regalare duemila euro?
TROVATO Mario: ....inc.le
ROMEO Antonino:
Eh! Scusa... eh!
TROVATO Mario: Non è come dici tu, eh! Oggi come oggi è un casino... (inc.le)..
ROMEO Antonino: Senti, io ho versato l'assegno di chi mi ha dato (Fonetico) i soldi... (inc.le)
TROVATO Mario:
...(inc.le).
Perdita di segnale.
Una settimana dopo ROMEO Antonino, così come disposto da TROVATO Mario, contatta
telefonicamente SCARFO’ Concetta dimostrando grande cautela nell’uso del mezzo
telefonico. Le telefonate attestano con chiarezza la grave preoccupazione per le vittime in
conseguenza delle richieste avanzate dall’associazione facente capo a TROVATO Mario
Telefonata n. 26 del giorno 22/12/2011, ore 21:24:48 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO` Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO` Concetta per ROMEO Antonino:
…omissis…
SCARFO' Concetta:
Tu non sai che cosa sta facendo, tu non è..
ROMEO Antonino: Stai calma, stai calma.
SCARFO' Concetta:
(Piange ndr) No, no no no no no no no no ! Lui (CONTI Fabio ndr)
no...Lui (CONTI Fabio ndr) questi soldi qua non ce li ha, perché lui, ha combinato talmente
tante minchiate no, pronto...
ROMEO Antonino: Si.
SCARFO' Concetta:
Ha (CONTI Fabio ndr) combinato talmente tante minchiate,
che lui (CONTI Fabio ndr) questi soldi qua non sa dove andarli a prendere hai capito,
se la sta prendendo con me, non ce la faccio più io, mi ha rotto la macchina della
pizzeria, sono andata via a piedi stasera, sono nascosta dietro (inc.le)..albero capito,
io non posso mettere di mezzo i miei fratelli (Famiglia SCARFO’ ndr) capito, mi sta
torturando, ok... Non ce la faccio più.
ROMEO Antonino: Va beh, stai calma adesso ci penso, vediamo quello che si può fare
ok, stai calma ora, vai a riposare e non ti preoccupare, adesso (inc.le)..stasera sono
via, domani ti chiamo io vediamo qualcosa ok. Senti ehi stai calma ti ho detto, non
ti preoccupare dai, ok.
SCARFO' Concetta:
Io non mi devo preoccupare?
ROMEO Antonino:
Lascia fare a me ...Tu fai fare a me.
SCARFO’ Concetta:
Ma io come faccio a fare...questo deve dare dei...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 134 di 566
ROMEO Antonino: Conci. Lui deve dare dei soldi, dev'essere un problema suo (CONTI Fabio
ndr), non dev'essere un problema tuo.
SCARFO’ Concetta:
Ok, ok, non ce li ha, non ce li ha.
ROMEO Antonino: (inc.le)..
SCARFO’ Concetta:
Se la sta prendendo con me, se la sta prendendo con me.
ROMEO Antonino: Perché se la deve prendere....perché se la sta prendendo con te?
SCARFO’ Concetta:
Se la sta prendendo con me, ascoltami ascoltami, ascoltami,
perché tu non sai, tu non sai niente, hai capito, di tutta questa storia ok. Da quando
è iniziata, mi sta torturando
ROMEO Antonino: Conci....Conci...Ehi
SCARFO’ Concetta:
Mi dà il tormento. Conci un cazzo.
ROMEO Antonino: Non voglio parlarne, mi segui, non voglio parlarne per telefono.
SCARFO’ Concetta:
Ascoltami, ascoltami.
ROMEO Antonino: Ok non voglio parlarne per telefono.
…omissis…
Telefonata n. 45 del giorno 22/12/2011, ore 21:38:04 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO` Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per ROMEO Antonino:
…omissis…
SCARFO’ Concetta:
EH, ho capito. Ma tu lo sai come sono qua io?
ROMEO Antonino: Non sono da solo.
SCARFO’ Concetta:
Eh ho capito, tu non sarai da solo no, ok, è perfetto che tu non sei
da solo, ma tu lo sai come cazzo sono qua io? Eh? Che mi sta dando il tormento da
quattro giorni eh.
ROMEO Antonino: Conci.. stammi a sentire.
SCARFO’ Concetta:
Dimmi
ROMEO Antonino: Vai a casa.
SCARFO’ Concetta:
Vado a casa? Io sono a casa. ok?
ROMEO Antonino: E allora.
SCARFO’ Concetta:
Io sono a casa... va bene
ROMEO Antonino: .(inc.le)…domani ti chiamo io domani. Va bene?
SCARFO’ Concetta:
Ma tu non sai che cazzo stai dicendo.
ROMEO Antonino: Conci
SCARFO’ Concetta:
Ma tu non sai che cazzo, tu non sai che cazzo di situazione
ROMEO Antonino: Ehi
SCARFO’ Concetta:
Tu non sai in che cazzo di, tu non sai in che cazzo di
situazione sono io, hai capito?
ROMEO Antonino: Concetta.
SCARFO’ Concetta:
Io non c'entro niente di tutta questa storia di merda, hai
capito? si è mangiato i soldi a destra e a sinistra....Ok?
ROMEO Antonino: Conci....Sono qua in un posto che non posso fare niente, ti chiamo io
domani. Hai capito?
Il momento di disperazione vissuto dalla famiglia CONTI
dalle telefonate intercorse nel periodo natalizio del 2011.
emerge in modo inequivocabile
Telefonata n. 736 del giorno 23/12/2011, ore 17:19:58 intercettata sull'utenza n.
3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e Federica e diretta all'utenza n. 3383633349
in uso principalmente a SCARFO' Concetta.
CONTI Fabio per Federica:
Al telefono di SCARFO’ Concetta parla Federica, figlia di CONTI Fabio.
CONTI Fabio:
Ma la mamma non è andata in pizzeria no?
Federica: No.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 135 di 566
CONTI Fabio:
Meno male, ma dov'è sul divano?
Federica: Si.
CONTI Fabio:
E fai bene, lasciala riposare guarda che ha passato, sta passando
dei brutti momenti con papà (CONTI Fabio ndr) la mamma, lasciala riposare! .
Federica: Eh.
Telefonata n. 858 del giorno 24/12/2011, ore 11:02:58 intercettata sull'utenza n.
3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO’ Concetta:
SCARFO' Concetta dice che non riesce più a dormire di notte.
Telefonata n. 890 del giorno 24/12/2011, ore 13:37:53 intercettata sull'utenza n.
3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO' Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO' Concetta:
CONTI Fabio dice che sta andado all'incontro (inc.le)..
CONTI Fabio dice che lo hanno chiamato più persone per chiedergli dei soldi che gli deve.
CONTI Fabio: è quella situazione lì che voglio mettere a posto adesso che mi assilla di
più, perché tutte le altre cose le metto a posto in un altra maniera, ma è quella situazione lì
che mi assilla e basta, mi assilla per te, mi assilla per me, mi assilla....
…omissis…
Il 27.12.2011 CONTI Fabio prospettava a SCARFO’ Concetta una soluzione per recuperare i
soldi necessari per venire incontro alle richieste del clan COCO-TROVATO, utilizzando,
nell’occasione, delle parole inequivocabili <<…andiamo a pagare il debito a quei mafiosi
di merda schifosi…>>. Appena udite le parole “mafiosi di merda schifosi” SCARFO’
Concetta troncava il discorso <<…Eh dai ciao ciao ciao (in tono evasivo cerca di troncare il
discorso, ndr)>>, mentre CONTI Fabio si accorge immediatamente di aver parlato troppo e
cerca di rimediare all’errore <<…(cambiando discorso ndr) A quel barbone dell'Enel
no!…>>.
Telefonata n. 1314 del giorno 27/12/2011, ore 13:04:31 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra SCARFO` Concetta e CONTI Fabio e proveniente dall'utenza
n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per CONTI Fabio:
CONTI Fabio dice a SCARFO' Concetta che terranno duro fino a domani mattina.
CONTI Fabio dice che domani mattina aprirà un conto, e parla di FUMAGALLI.
[13:05:43]
SCARFO’ Concetta:
Vabbè Teniamo duro fino a domani mattina in che senso?
CONTI Fabio:
Niente che domani mattina, questo assegno qua me lo versano, ci dà la
carta di credito, il bancomat, e il libretto di assegni, poi da domani mattina ci muoviamo, ci
muoviamo da persone civili, andiamo da TINTORIO (Fonetico) facciamo 4 assegni post datati
portiamo a casa una macchinetta, facciamo i nostri cazzi, andiamo a pagare il debito a
quei mafiosi di merda schifosi
SCARFO’ Concetta:
Eh dai ciao ciao ciao ( in tono evasivo cerca di troncare il
discorso, ndr)
CONTI Fabio:
(cambiando discorso ndr) A quel barbone dell'Enel no!
SCARFO’ Concetta:
Ciao ciao.
Telefonata n. 1777 del giorno 29/12/2011, ore 09:40:30 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e Roberto e diretta all'utenza n. 3316131134.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 136 di 566
CONTI Fabio chiama Roberto e dice che quella terza persona non risponde quindi adesso va a
fare una denuncia.
Roberto dice che senza assegno non può denunciarlo e quello del bar pressa perché vuole i
soldi.
CONTI Fabio dice di aver chiamato delle persone e insieme a loro lo andranno a cercare a casa
per farsi dare i soldi.
Roberto dice che entro oggi deve dare 600 euro.
CONTI Fabio dice che oggi va a cercare questa persona e quando lo trova lo
ammazza di botte finché non avrà i soldi.
Telefonata n. 2114 del giorno 30/12/2011, ore 10:42:26 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO' Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO' Concetta:
CONTI Fabio dice di essere passato da una persona perché avanzava 200 euro e se li è presi.
CONTI Fabio parla di fatture e di 8.111 euro.
CONTI Fabio:
Si ma tanto io ne esco…devo uscire da questo discorso, e per questa
sera devo avere 20.000 euro sul tavolo.
Il 31.12.2011 CONTI Fabio si confida con tale Livia sulla difficoltà della sua situazione
facendo riferimento ad una somma da da recuperare pari a 200.000 euro <<…vuole che
vengano recuperati 200.000 euro, dice che conosce persone che potrebbero prestargli
i soldi ma sono persone cattive…>>.
Telefonata n. 2464 del giorno 31/12/2011, ore 17:07:40 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e Livia, diretta all'utenza n. 0399921342.
CONTI Fabio per Livia:
CONTI Fabio parla del giorno 5 gennaio, dicendo che potrebbe finire in galera.
CONTI Fabio dice che gli hanno sequestrato i conti correnti e si lamenta della moglie perché
non gli dà una mano, anzi gli va contro.
CONTI Fabio dice di essere in una situazione molto brutta e che non può raccontare
nulla per telefono, perché certe cose non si possono dire.
CONTI Fabio dice di avere dei problemi con la famiglia della moglie (SCARFò Concetta ndr).
CONTI Fabio: l'altra sera mi ha chiamato quattro deficienti questa qua (SCARFò Concetta ndr)
e a momenti mi dovevo sparare, ma stai dando i numeri, io ho perso la testa l'altro ieri sera, io
la stavo ammazzando l'altro ieri sera, ma stai scherzando veramente.
CONTI Fabio si lamenta del fatto che la moglie gli spende tutti i soldi al bingo.
CONTI Fabio dice che la moglie vuole che vengano recuperati 200.000 euro, dice che
conosce persone che potrebbero prestargli i soldi ma sono persone cattive.
L’1.1.2012 ROMEO Antonino contatta SCARFO’ Concetta, pretendendo un incontro prima
del fatidico giorno 5.1.2012 <<…Voglio vederti prima del 5 a te…>> incontro
effettivamente avvenuto il giorno 4.1.2012.
Telefonata n. 322 del giorno 01/01/2012, ore 21:28:56 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO` Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per ROMEO Antonino:
[21:30:26]
…omissis…
ROMEO Antonino: Domani ho delle cose da fare, se riesco ad uscire, martedì ci sentiamo e ci
vediamo hai capito?
SCARFO’ Concetta:
Martedì, perché martedì scusa?
ROMEO Antonino: Perché no.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 137 di 566
SCARFO’ Concetta:
Perché martedì?
ROMEO Antonino: Voglio vederti prima del 5 a te.
SCARFO’ Concetta:
Eh?
ROMEO Antonino: Capito? Ti voglio vedere prima, vengo giù con Giuseppe, capito?
SCARFO’ Concetta:
Vai va. Va beh, io ti voglio vedere senza Giuseppe (SCARFO’
Giuseppe ndr). Perché ho bisogno di parlarti.
ROMEO Antonino: Ah e allora vengo io, vengo allora dai non ti preoccupare.
SCARFO’ Concetta:
Ho bisogno di...
ROMEO Antonino: Vengo giù in pizzeria casomai dai.
SCARFO’ Concetta:
Oh beh la pizzeria ieri l'ho chiusa.
ROMEO Antonino: L'hai chiusa?
SCARFO’ Concetta:
L'ho chiusa si, ho messo su il cartello chiusa per ferie perché...Va
beh non avevo il cervello di chiamarti, adesso mi sono ripigliata un poco, stasera sono uscita
e....
ROMEO Antonino: E niente dai quando sono in zona ti chiamo allora martedì.
SCARFO’ Concetta:
Dai mmh.. ci sentiamo martedì allora.
ROMEO Antonino: Dai, fai una buona giornata.
SCARFO’ Concetta:
Grazie, anche a te.
ROMEO Antonino: Ciao Conci non ti preoccu...Ciao.
SCARFO’ Concetta:
Ciao.
In data 3.1.2012 CONTI Fabio manifestava il bisogno urgente di trovare il denaro anche ad
AROSIO Enrico <<…CONTI Fabio dice di essere nella merda, ha lì sua moglie che sta
piangendo e suo figlio che sta piangendo…>>; lo stesso avveniva nelle conversazioni con
SCARFO’ Concetta <<...devo trovare i soldi... cucciola... i soldi... i soldi... abbiamo
bisogno dei soldi... Che oggi poi quando mi hai detto quella cosa là...>>.
Telefonata n. 2991 del giorno 03/01/2012, ore 08:07:11 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra AROSIO Enrico e CONTI Fabio e proveniente dall'utenza n.
0362308540.
AROSIO Enrico per CONTI Fabio:
AROSIO Enrico gli dice che lo ha chiamato quello da Morbegno di Colico e gli ha chiesto della
macchina dove si trova.
CONTI Fabio gli dice che gli stanno portando via la casa per duemilacinquecento euro che gli
mancano, ieri non l'hanno pagato e sta cercando di trovare la soluzione, gli dice che deve
riferire a quello di Morbegno che gli dovranno pagare le ottomila euro di immondizia che gli
devono, perché ieri non l'hanno pagato.
CONTI Fabio dice di essere nella merda, ha lì sua moglie che sta piangendo e suo
figlio che sta piangendo.
Telefonata n. 3202 del giorno 03/01/2012, ore 16:48:10 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO’ Concetta:
CONTI Fabio dice che deve trovare i soldi e che ne hanno bisogno.
CONTI Fabio:
devo trovare i soldi...cucciola...i soldi...i soldi...abbiamo bisogno dei
soldi...Che oggi poi quando mi hai detto quella cosa là...Ma poi io cominciavo a non
avere più il cervello, a pensare sempre..
SCARFO’ Concetta:
Io dovrei anche telefonargli (a ROMEO Antonino, ndr) eh!
CONTI Fabio:
A chi?
SCARFO’ Concetta:
Eh è....Oggi è 4 eh.
CONTI Fabio:
Oggi è 3.
SCARFO’ Concetta:
Oggi è 3.
CONTI Fabio:
Va beh dai adesso vediamo.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 138 di 566
Effettivamente, il 4.1.2012 SCARFO’ Concetta fissa un appuntamento con ROMEO Antonino
nei pressi della propria abitazione, sita in via Leonardo da Vinci a Barzanò (LC) <<…Vieni
qua davanti a casa mia dai, vieni qua, in via Leonardo da Vinci n. 8… ...ascolta,
vieni qua dove ci sei... ci sono le scuole...>>.
Telefonata n. 375 del giorno 04/01/2012, ore 15:52:22 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e SCARFO` Concetta e diretta
all'utenza n. 3383633349.
ROMEO Antonino per SCARFO' Concetta:
…omissis…
ROMEO Antonino: Eh, dove ci vediamo?
SCARFO’ Concetta:
...ehm...io boh non lo so, dimmi tu.
ROMEO Antonino:
Ci vediamo al bar dove ci siam visti l'altra volta?
SCARFO’ Concetta:
Al bar dove ci siamo visti l'altra volta...? Ehm...
ROMEO Antonino:
Quella sulla...lì cos'era al Barzanò quella specie di...che c'era
anche tuo marito (CONTI Fabio ndr) ti ricordi?
SCARFO’ Concetta:
Vieni qua davanti a casa mia dai, vieni qua, in via Leonardo
da Vinci n. 8.
ROMEO Antonino: Eh ma dove? Paese?
SCARFO’ Concetta:
Il paese è Barzanò.
ROMEO Antonino:
Dai quando son lì ti chiamo così mi dici dove sei dai.
…omissis…
Telefonata n. 376 del giorno 04/01/2012, ore 16:15:23 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e SCARFO' Concetta e diretta
all'utenza n. 3383633349.
ROMEO Antonino per SCARFO' Concetta:
SCARFO' Concetta :
Pronto?
ROMEO Antonino :
Oh.
SCARFO' Concetta :
Ohi!
ROMEO Antonino :
Sono entrato in Barzanò, dove sei in teoria?
SCARFO' Concetta :
Ascolta, vieni qua dove ci sei...ci sono le scuole.
ROMEO Antonino :
Le scuole a Barzanò?
SCARFO' Concetta :
Si le scuole medie di Barzanò.
ROMEO Antonino :
Ma dove sono, in piazza nel centro? Che cosa sono circa?
SCARFO' Concetta :
No, non sono in centro, vabbè ma ci sono le frecce, c'è la scuola
elementare, scuola media e asilo.
ROMEO Antonino :
Va bene, vedo di trovarle dai.
SCARFO' Concetta:
Ciao.
Telefonata n. 379 del giorno 04/01/2012, ore 16:33:57 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra NASATTI Massimo e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3403281019.
NASATTI Massimo per ROMEO Antonino:
NASATTI Massimo gli dice che tra 10 minuti passerà dal circolo di Maggianico.
ROMEO Antonino gli dice di passare però più tardi perché si è allontanato un attimo e gli dice
che gli frà sapere lui quando sarà in zona.
Si salutano
Voce di SCARFO' Concetta f.c. che dice "hai capito?".
L’incontro tra ROMEO Antonino e SCARFO’ Concetta viene documentato anche
Pagina 139 di 566
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
fotograficamente da un servizio
appositamente predisposto33.
di
osservazione,
controllo
e
pedinamento 32
Il giorno seguente 5 gennaio 2012, ROMEO Antonino si reca da TROVATO Mario, come
documentato nel corso di una conversazione dello stesso ROMEO Antonino che in
sottofondo registra la voce di TROVATO. Si rileva che anche la cella telefonica impegnata
risulta compatibile con l’ubicazione della Pizzeria 046, base operativa del sodalizio [via
Belvedere 48 -22053 Lecco settore 1].
Telefonata n. 389 del giorno 05/01/2012, ore 13:37:04 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra CORSO Loredana e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3460109887.
CORSO Loredana per ROMEO Antonino:
ROMEO Antonino dice alla donna di aver fatto i raggi e che occorre aspettare fino a mercoledì.
Voce f.c. di Trovato Mario che dice ad altro uomo "..(inc.le).. bicicletta... " i due
ridono.
CORSO Loredana chiede a ROMEO chi è che ride e ROMEO Antonino risponde di essere al
bar.
Cella: via Belvedere 48 -22053 Lecco settore 1
Pochi minuti dopo, alle ore 13:51 e sempre dalla Pizzeria 046 [cella: via Belvedere 48 22053 Lecco settore 1], ROMEO Antonino chiamava SCARFO’ Concetta rimproverandola
per non averlo ancora contattato <<…Ciao Concy! Aspettavo la tua chiamata
aspettavo!...>>.
SCARFO’ Concetta tentava di rinviare l’incontro alla settimana seguente <<…ci vediamo
venerdì prossimo?...>>, ma ROMEO Antonino non vuole ulteriori rinvii <<…No, no, no. Ci
dobbiam vedere per forza oggi!... …E per forza, oggi è giorno cinque, oggi!...>>, quindi
richiede anche la presenza di CONTI Fabio <<…digli di non allontanarsi all'amico tuo...
a coso lì… a tuo marito! ...omissis… Digli a Fabio (CONTI Fabio, ndr) che ti chiamo io
tra mezz'ora e vediamo... capito? Ci vediamo! Capito?…>>.
Telefonata n. 390 del giorno 05/01/2012, ore 13:51:48 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e SCARFO` Concetta e diretta
all'utenza n. 3383633349.
ROMEO Antonino per CONTI Fabio:
ROMEO Antonino si presenta e gli dice di essere Tonino.
Problemi di linea
ROMEO Antonino chiede di passargli Concetta
ROMEO Antonino per SCARFO’ Concetta:
SCARFO’ Concetta:
Pronto!
ROMEO Antonino: Ciao Concy! Aspettavo la tua chiamata aspettavo!
SCARFO’ Concetta:
Eh...
ROMEO Antonino: senti?
problemi di linea
cade la linea.
[cella: via Belvedere 48 -22053 Lecco settore 1].
32
33
vgs. ALLEGATO N. 06 – servizio di osservazione, controllo e pedinamento relativo ai fatti del 4.1.2012;
Alle ore 16:30 circa veniva individuata l’autovettura Mercedes classe A, in uso a ROMEO Antonino, parcheggiata davanti alle scuole di via
Leonardo da Vinci n. 20, nel Comune di Barzanò (LC). A bordo venivano riconosciuti ROMEO Antonino e SCARFO’ Concetta.
Alle ore 16:35 circa l’automobile Mercedes classe A si metteva in movimento per dirigersi verso un’altra automobile parcheggiata nelle vicinanze, di
colore rosso marca Fiat modello Seicento targata DA574BM33 recante la scritta pubblicitaria “Pizza Italia via Immacolata, 2 Monticello (LC) fraz.
Cortenuova tel. 039/9208978”, posteggiandosi al suo fianco. Circa dieci minuti dopo, SCARFO’ Concetta scendeva dalla Mercedes classe A per
salire a bordo della Fiat Seicento rossa.
I due si salutavano e si allontanavano a bordo delle rispettive autovetture.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 140 di 566
Telefonata n. 391 del giorno 05/01/2012, ore 13:52:57 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e SCARFO` Concetta e diretta
all'utenza n. 3383633349.
ROMEO Antonino per SCARFO’ Concetta:
ROMEO Antonino: Mi senti ora?
SCARFO’ Concetta:
Si ti sento...ascolta...ci vediamo venerdì prossimo?
ROMEO Antonino: No, no, no Ci dobbiam vedere per forza oggi!
SCARFO’ Concetta:
Devi vedermi per forza oggi?
ROMEO Antonino: E per forza, oggi è giorno cinque, oggi!
SCARFO’ Concetta:
Eh…ho capitoooo!
ROMEO Antonino: Senti...
SCARFO’ Concetta:
Dimmi?
ROMEO Antonino: Eeee... ti richiamo io tra un'ora.., fra ...fra una mezzoretta! Digli di non
allontanarsi all'amico tuo ..a coso lì.. a tuo marito!
SCARFO’ Concetta:
Eh?
ROMEO Antonino: Digli a Fabio (CONTI Fabio, ndr) che ti chiamo io tra mezz'ora e
vediamo...capito? Ci vediamo! Capito?
SCARFO’ Concetta:
Va bene, dai! Ciao
ROMEO Antonino: Ciao!
Dieci minuti dopo ROMEO Antonino giunge sotto casa di SCARFO’ e CONTI a Barzanò
Telefonata n. 392 del giorno 05/01/2012, ore 14:40:12 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e SCARFO` Concetta e diretta
all'utenza n. 3383633349.
ROMEO Antonino per SCARFO’ Concetta:
SCARFO’ Concetta:
Pronto!
ROMEO Antonino: sono qui al parcheggio sotto casa tua, mandami Fabio!
SCARFO’ Concetta:
Ti devo mandare Fabio?
ROMEO Antonino: Si!
SCARFO’ Concetta:
E vengo anch'io!
ROMEO Antonino: E cosa vieni a fare te?
SCARFO’ Concetta:
E vengo anch'io
ROMEO Antonino:
Devo parlare con lui io! Dai! eee... vieni giù, vieni qua, vieni!
SCARFO’ Concetta:
Dai ciao! ciao!
Non essendo intervenuta evidentemente la consegna dell’intera somma di denaro viene
fissato un nuovo appuntamento per il venerdì 13.1.2012 e nei giorni antecedenti alla nuova
scadenza si susseguono conversazioni tra SCARFO’ Concetta e CONTI Fabio finalizzate ad
assicurare il reperimento del denaro.
CONTI Fabio confida a tale Cesare della necessità di recuperare 10.000 euro entro quel
venerdì 13.1.2012, 8.000 dei quali gli sarebbero stati corrisposti da una terza persona di
Bergamo; anche con la moglie precisa di poter recuperare 8.000 euro
Telefonata n. 4870 del giorno 10/01/2012, ore 15:36:11 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra Cesare e CONTI Fabio e proveniente dall'utenza n.
3483614817.
Cesare per CONTI Fabio :
Cesare chiede qual è la bella notizia che doveva dargli.
CONTI Fabio gli risponde che lo ha chiamato la banca e domani mattina avrà il bonifico,
perché ha ricevuto il bonifico da terza persona di Bergamo.
Cesare gli dice che è una bella notizia.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 141 di 566
CONTI Fabio gli dice che adesso ha iniziato a lavorare seriamente ed ha allontanato la gente
sbagliata, perché aveva messo in pericolo la sua famiglia.
Segue conversazione a carattere generico.
[15:40:28] CONTI Fabio gli dice che a lui gliel'hanno combinata veramente grossa, un suo
amico intimo, che rischiava quasi di perdere tutto.
Cesare chiede se l'ha sistemata la storia lì.
CONTI Fabio risponde che la sta sistemando piano piano, gli mancano ancora 70000
euro, però tenterà di tirarne fuori 10.000 (dieci mila, ndr) per venerdì, poi ne tirerà
fuori 10 per la settimana prossima, gli dice che Concetta (SCARFO' Concetta sua
moglie) sono 15 giorni che non esce di casa e piange tutti i giorni.
CONTI Fabio gli dice che i suoi debiti li pagherà tutti ma vicino a lui non si dovrà più avvicinare
nessuno.
Cesare gli chiede se può dargli una mano perché è messo proprio male (verosimilmente
Cesare vanterebbe un credito da CONTI Fabio).
CONTI Fabio gli risponde che ce la farà, ma oggi non ha ancora i soldi.
Telefonata n. 5093 del giorno 11/01/2012, ore 10:19:17 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO' Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO' Concetta:
CONTI Fabio dice che forse ha trovato 8.000 euro da quello lì di Bergamo.
Telefonata n. 4895 del giorno 10/01/2012, ore 17:17:57 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO’ Concetta:
CONTI Fabio dice di essere andato alla Gescoval e gli hanno dato l'assegno libero.
SCARFO' Concetta chiede se ha trovato i soldi e CONTI Fabio dice che deve andare a Zurigo.
[17:19:08]
SCARFO’ Concetta:
Ma per venerdì scusa?
CONTI Fabio:
Eh due ce li ho, quattro e sette domani mattina, quattro e otto
domani mattina, si va...No poi stiamo dando via la carta, domani viene a caricarmi
ancora..Dai dai, ce la faccio.
…omissis…
ROMEO Antonino a sua volta in una telefonata si rivolge nonostante i rapporti di
conoscenza
con inequivocabile durezza alla SCARFO’ <<…domani mi chiami per
l'appuntamento per venerdì, nella speranza che sia tutto a posto per come gli ho
spiegato io a lui (CONTI Fabio ndr) di non venire con le minchiate, perché è inutile...
io poi non ci posso fare più niente... Anzi mi sto pure scoccià. Capito?...>>.
Telefonata n. 533 del giorno 11/01/2012, ore 10:47:49 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e SCARFO` Concetta e diretta
all'utenza n. 3383633349.
ROMEO Antonino per SCARFO’ Concetta:
…omissis…
ROMEO Antonino: Senti vedi che allora ci vediamo venerdì, mi raccomando, se ti dico
venerd...di non venire…non fare come l'altra volta che ti ho detto di rimanere a casa,
e sei scesa anche te. Capito Conci?
SCARFO’ Concetta:
Uhm, dai va bene.
ROMEO Antonino: L'altra volta cosa ti ho detto...Rimani su e sei voluta scendere. Ok. Venerdì
fallo venire da solo...(CONTI Fabio, ndr) Allora.
SCARFO’ Concetta:
Ma perché venerdì deve...Ma scusa perché venerdì deve venire da
solo? Eravamo rimasti d'accordo che ti chiamavo giovedì domani ti avrei chiamato.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 142 di 566
ROMEO Antonino: Va bene, allora se è tutto a posto per come gli ho spiegato io a lui (CONTI
Fabio ndr) va bene. Tu devi ascoltare me però Concè.
SCARFO’ Concetta:
Eh ti sto ascoltando.
ROMEO Antonino: Ecco brava... domani mi chiami per l'appuntamento per venerdì,
nella speranza che sia tutto a posto per come gli ho spiegato io a lui (CONTI Fabio
ndr)di non venire con le minchiate, perché è inutile...io poi non ci posso fare più
niente....Anzi mi sto pure scoccià. Capito?
…omissis…
CONTI Fabio aggiorna quotidianamente SCARFO’ Concetta sulle somme di denaro che man
mano riesce a procurarsi; anticipa in ogni caso che il 13.1.2012 non avrebbe potuto
corrispondere una somma superiore ai 5.000 euro.
Telefonata n. 5110 del giorno 11/01/2012, ore 10:51:03 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO' Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO' Concetta:
SCARFO' Concetta chiede se ha cambiato l'assegno.
CONTI Fabio dice che ha trovato dove gli possono fare il bonifico, ma lui sta pensando a farsi
fare un assegno circolare e farlo intestare ad Andrea.
SCARFO' Concetta dice di sapere che c'è un problema piu grosso e non si è dimenticata.
Telefonata n. 5135 del giorno 11/01/2012, ore 11:34:53 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra SCARFO` Concetta e CONTI Fabio e proveniente dall'utenza
n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per CONTI Fabio:
…omissis…
CONTI Fabio dice di trovarsi fuori dalla banca perché è riuscito ad avere un bonifico di 8.000
euro.
[11:35:38]
CONTI Fabio:
8.000 euro sono 8.000 euro eh.
SCARFO’ Concetta:
Si eh lo so, tanto come li prendi chiamo subito cosi metto apposto
quel problema lì ed incominci a rilassarti un pochettino e ci rilassiamo tutti un po’...Dai
CONTI Fabio:
Si ma solo 5 gliene dò eh!
SCARFO’ Concetta:
Va beh dai poi vediamo
CONTI Fabio:
No no no no no, glielo avevo detto che gliene davo 5 (5.000 euro ndr)
...e 5 (5.000 euro ndr) sono...Non ho detto di più. Eh?
SCARFO’ Concetta:
Va bene dai ciao.
Telefonata n. 5162 del giorno 11/01/2012, ore 12:12:40 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e e diretta all'utenza n. 031698367.
CONTI Fabio per Francesco (banca Popolare): chiede conferma dell'avvenuto bonifico.
Francesco dice che il bonifico è stato inserito ma il denaro sarà materialmente disponibile solo
quando sarà effettivamente arrivato. Si parla di circa 1 o 2 due giorni. Parlano delle
tempistiche per l'accredito del bonifico.
Telefonata n. 5165 del giorno 11/01/2012, ore 12:18:10 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO' Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO' Concetta:
CONTI Fabio dice che il bonifico è arrivato a nome di Andrea (il socio di CONTI Fabio ndr).
CONTI Fabio è contento di aver trovato 8.000 euro.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 143 di 566
Telefonata n. 5449 del giorno 12/01/2012, ore 09:15:55 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO' Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO' Concetta:
CONTI Fabio dice che non riuscirà a prelevare in contanti ma servono gli assegni circolari.
SCARFO' Concetta dice che non si arrabbia, visto che il problema è il suo (CONTI Fabio ndr).
Telefonata n. 5453 del giorno 12/01/2012, ore 09:28:12 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra SCARFO' Concetta e CONTI Fabio e proveniente dall'utenza
n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per CONTI Fabio:
SCARFO' Concetta chiede come vuole risolvere la situazione e CONTI Fabio dice che spaccherà
il culo a tutti.
CONTI Fabio dice che gli servono i soldi in contanti ma più di mille non glieli danno.
Telefonata n. 5467 del giorno 12/01/2012, ore 09:49:15 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO’ Concetta:
CONTI Fabio:
allora 3000 glielo faccio fare intestato all'Andrea no?
SCARFO’ Concetta:
uhm
CONTI Fabio:
circolare...1000 me li da in contanti
SCARFO’ Concetta:
eh 1000
CONTI Fabio:
1000 faccio l'assegno circolare io
SCARFO’ Concetta:
e basta
CONTI Fabio:
sono...3000..4000...5000...me ne mancano 2500 ancora...
SCARFO’ Concetta:
uhm
CONTI Fabio:
2500 gli faccio fare un assegno circolare a lui di Semi (Fonetico) Marco no?
SCARFO’ Concetta:
uhm
CONTI Fabio:
e vado nell'altra banca...lo verso nella banca di Nibionno…il circolare,
prelevo 1500 in contanti subito...e mille li prelevo domani mattina...basta
SCARFO’ Concetta:
eh va bene...io so che sono venti giorni
CONTI Fabio:
io sono a posto il problema è ritirare i contanti, tu ragioni col culo, a parte
che domani è l'appuntamento no...ascolta non è domani l'appuntamento? si e allora basta!
ciao
SCARFO’ Concetta:
tu ragioni col culo
Telefonata n. 5489 del giorno 12/01/2012, ore 10:13:57 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO' Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO' Concetta :
CONTI Fabio dice di aver fatto ed ora arriva.
CONTI Fabio dice di aver fatto 2 assegni di 1.500 ad Andrea, un assegno circolare di 1.000
come stipendio, 1.000 euro in contanti ed andrà nell'altra banca a depositare il circolare.
Telefonata n. 5636 del giorno 12/01/2012, ore 14:57:32 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO’ Concetta:
[14:57:58]
SCARFO’ Concetta:
Ascolta, io chiamo quella persona (ROMEO Antonino ndr)
perché non facciamo come l'altra volta che ci (inc.le)..
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 144 di 566
CONTI Fabio:
Ma cos'ha fatto, hai sentito tuo figlio cos'ha fatto?
SCARFO’ Concetta:
No non l'ho ancora chiamato...Va beh.
CONTI Fabio:
E chiama prima lui no!
SCARFO’ Concetta:
Devo chiamare prima Andrea?
CONTI Fabio:
Eh si eh...Io sto venendo verso casa gli ho lasciato lì la cartelletta nera.
SCARFO’ Concetta:
Va beh ascoltami un attimo io lo chiamo (ROMEO Antonino
ndr) in qualsiasi maniera, in qualsiasi modo 3 (3.000 euro ndr) ci sono.
CONTI Fabio:
Aspetta no. Aspetta un attimo.
SCARFO’ Concetta:
E se devo aspettare come l'altra volta che mi dici sempre...
CONTI Fabio:
Senti prima Andrea se ti ha preso quelli diventano 4...più 5 di
banco diventano 4.500...(inc.le)..
SCARFO’ Concetta:
Va bene dai
CONTI Fabio:
Cazzo incomincia a sentire Lui e poi mi richiami dai.
Raggiunto l’accordo con il marito CONTI circa la somma da corrispondere, SCARFO’
Concetta chiama ROMEO Antonino e conferma l’appuntamento per l’indomani.
Telefonata n. 606 del giorno 12/01/2012, ore 15:15:08 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO` Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per ROMEO Antonino:
ROMEO Antonino:
Ehi Conci.
SCARFO’ Concetta:
Ciao.
ROMEO Antonino:
Ciao Conci.
SCARFO’ Concetta:
Ascoltami un attimo, ci vediamo domani pomeriggio?
ROMEO Antonino:
A che ora?
SCARFO’ Concetta:
Pronto?
ROMEO Antonino:
Ti sento, verso che ora pensi...
SCARFO’ Concetta:
Ci vediamo domani pomeriggio?
ROMEO Antonino:
Lo so, ma il pomeriggio è lungo, da che ora?
SCARFO’ Concetta:
Eh a che ora, non lo so, dimmi..
ROMEO Antonino:
ah...dai facciamo una cosa verso le quattro lì da te? Al solito
posto?
SCARFO’ Concetta:
Si,a che ora?
ROMEO Antonino:
Verso le quattro va bene?
SCARFO’ Concetta:
Verso le quattro?Dai va bene.
…omissis…
CONTI Fabio nella giornata del 13.1.2012 mostra tutta la sua preoccupazione per il fatto di
essere riuscito a recuperare una somma inferiore a quella pretesa da TROVATO Mario e
ROMEO temendo per la incolumità propria e della propria famiglia <<…Se non so neanche
dove andare …..Non so proprio dove andare! Porca di quella puttana!...>>.
Telefonata n. 5826 del giorno 13/01/2012, ore 08:51:06 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO’ Concetta:
CONTI Fabio esordisce dicendole che terza persona non le risponde e adesso sta andando a
casa di terza persona ma non gli risponde e dice che non risponde neanche al suo amico (di
terza persona):
[08:51:27]
SCARFO’ Concetta:
ma va..! ma buttagli giù la porta! ma stai scherzando, per una cosa
del genere? E picchialo...ma veramente…ma che cazzo siamo arrivati, dai! Eh!
CONTI Fabio:
Prima mi devo far dare i soldi, poi lo scasso di botte, no?
SCARFO’ Concetta:
Faccia di gente di merda, oh! Si.. si...ma...entro oggi si
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 145 di 566
sistema...dopo di che...da lunedì si comincia a lavorare!
CONTI Fabio:
E ma...no...adesso…adesso mi diventa un problema perché son sicuro che
Andrea, con ANDREA DENOSTRO (fonetico) avrò dei problemi perché non ritira lui sicuro…con
questo che non si ..(inc.le).
SCARFO’ Concetta:
Ma no...Fabio, Fabio, ...Fabio ascoltami! Vai tu , perdi cinque
minuti perché Andrea te li prende i soldi! Andrea la sa la situazione non è cretino...poi vabbè
fa lo stupido così...viene alle nove e mezza, cazzi e mazzi, ma Andrea te li prende, devi
andare in banca con lui!
CONTI Fabio:
Eh?
SCARFO’ Concetta:
Andrea te li prende se glieli danno! Vai in banca con lui così
almeno...
CONTI Fabio:
Non che non li vuole prender e lui… "se glieli danno" e se non glieli danno
..che cazzo faccio?
SCARFO’ Concetta:
Eeeee....questo non lo so Fabio!
CONTI Fabio:
Eeeeee...! E' questo il problema! Non che...che… cioè...se sapessi che non
glieli dessero oggi...avrei tempo ancora...domani è un conto! Ma non ho tempo domani! perché
è da ieri...è da ieri che dovevo essere a posto, da ieri! Che sono a posto! per un drogato di
merda, per una banca, per
questo e quell'altro...guarda in che situazione sono
stamattina! E non so dove andare a sbattere la testa e chiederli...tanto i soldi non
me li da nessuno! non me li da! E' inutile che io vada in giro..., dai! Non vengo
neanche più a casa (fonetico)
SCARFO’ Concetta:
Ma la carta, Fabio?
CONTI Fabio:
Eh?
SCARFO’ Concetta:
La carta, scusami?
CONTI Fabio:
Che carta?
SCARFO’ Concetta:
La carta che hai venduto..?
CONTI Fabio:
e a la carta…sono 600 euro...mi fa l'assegno, dove cazzo vado con 600
euro, 680 euro! dove vado?
...omissis...
CONTI Fabio continua a lamentare di essere sprovveduto e non sapere dove prendere i soldi.
Ore [08:53:57]
SCARFO’ Concetta:
Dai vabbè...bisogna mettere a posto la situazione ma in un'altra
maniera! Non in questo modo qua, Fabio! Assolutamente!
CONTI Fabio:
Ma mi fai ridere! Non so dove andare a spaccarmi il culo! Ciao
riattacca.
Telefonata n. 5860 del giorno 13/01/2012, ore 09:34:17 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO’ Concetta:
CONTI Fabio f.c. che dice: " va...sotto così...cosa devo fare? "
SCARFO’ Concetta:
Pronto? Pronto?
CONTI Fabio:
Sii...dai...è inutile che sto qua sotto così .. cosa devo fare? Che ci devo
fare? tutta la gente che mi guarda! Tra un po’ magari mi arrivano pure i carabinieri...qua sotto
c'è la banca ! Cosa devo fare? Se non so neanche dove andare (imprecazione!)Non so
proprio dove andare! Porca di quella puttana! Dai, dai, senti Andrea dov'è che vado con
lui intanto!
SCARFO’ Concetta:
Va bene ciao!
Telefonata n. 5868 del giorno 13/01/2012, ore 09:46:24 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e DIVENOSA Andrea e diretta all'utenza n.
3888373260.
Voce di CONTI Fabio f.c. che intrattiene un soliloquio e dice "hai messo in pericolo la mia
famiglia...ma chi cazzo sei? Ma sparami, fai quel cazzo vuoi... se hai coglioni fatti
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 146 di 566
(Fonetico)... brutto pezzo di merda!"
Alle ore 10.36 CONTI Fabio per la disperazione piange al telefono con il socio
nell’esercizio della pizzeria DIVENOSA Andrea, facendogli capire di avere urgente
bisogno di denaro. Quest’ultimo gli promette che andrà in banca a ritirare 1.600 euro.
Telefonata n. 5897 del giorno 13/01/2012, ore 10:36:23 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e DIVENOSA Andrea e diretta all'utenza n.
3888373260.
CONTI Fabio per Andrea:
CONTI Fabio gli dice di essere nella merda, e piangendo gli dice gli stanno svuotando
la casa e tutto. Andrea cerca di rincuorarlo e gli dice che adesso andrà in banca a
prendere subito i 1600 (euro, ndr). CONTI Fabio gli dice di essere adesso in banca col figlio.
Per tutto l’arco del mattino di quel giorno continua da parte di CONTI la frenetica ricerca di
denaro <<…Ho capito ma mancano ancora 1000 euro!...>> per l’avvicinarsi dell’orario
dell’appuntamento con gli uomini dei TROVATO Mario, ricerca che emerge da una serie di
telefonate puntualmente richiamate in sede di Annotazione di P.G
Telefonata n. 5898 del giorno 13/01/2012, ore 10:37:22 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO’ Concetta:
CONTI Fabio le dice che terza persona si è svegliata (Andrea, ndr) e gli ha chiesto anche scusa
perché si era addormentato. SCARFO' Concetta gli urla di sbrigarsi ad entrare subito in
banca con Andrea e gli dice di aspettare lì, una volta presi (i soldi, ndr) dovrà
portarglieli subito.
Telefonata n. 5905 del giorno 13/01/2012, ore 10:45:35 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
Telefonata n. 5911 del giorno 13/01/2012, ore 10:48:04 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra SCARFO` Concetta e CONTI Fabio e proveniente dall'utenza
n. 3383633349.
Telefonata n. 5922 del giorno 13/01/2012, ore 11:01:11 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
Telefonata n. 5940 del giorno 13/01/2012, ore 11:31:55 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra SCARFO` Concetta e CONTI Fabio e proveniente dall'utenza
n. 3383633349.
Telefonata n. 5980 del giorno 13/01/2012, ore 14:44:12 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra SCARFO` Concetta e CONTI Fabio e proveniente dall'utenza
n. 3383633349.
Telefonata n. 5985 del giorno 13/01/2012, ore 15:01:22 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO’ Concetta:
CONTI Fabio dice che un terzo ha avuto dei problemi in banca in quanto gli hanno dato l'ok per
la chiusura del conto ma il denaro non lo potrà avere prima di lunedì. SCARFO` Concetta si
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 147 di 566
altera ed impreca, CONTI Fabio dice che adesso la terza persona è dal SAN PAOLO, è in
agenzia, CONTI Fabio dice che la terza persona ha dato un ceffone al dipendente
(all'impiegato ndr) della banca. CONTI Fabio dice che la reazione della terza persona è stata
provocata dal fatto che il dipendente della banca non ha voluto emettere un assegno circolare
con il residuo del conto corrente che veniva chiuso, ma ha rimandato tutto a lunedì. CONTI
Fabio riprende dicendo che non si può fare questa vita e SCARFO` Concetta replica dicendo
che una volta terminata la vicenda la donna se ne andrà a "SBINGARE" (fonetico,
verosimilmente si recherà presso una sala bingo ndr) CONTI Fabio dice che oggi la storia è
critica in quanto lui dovrebbe avere la possibilità di dare 8 e stare tranquillo (8000
€ ndr) e darne solo 4 (4000 € ndr) è come prendere in giro le persone (Romeo
Antonino ndr) SCARFO` Concetta ammonisce CONTI Fabio dicendo di lasciar parlare
lei in quanto racconterà al terzo (Romeo Antonino ndr) la storia degli assegni di
Andrea (la persona che si è recata in banca ndr), SCARFO` Concetta dice che l'unica
banca dove poteva essere messo giù un assegno da parte di Andrea era quella in quanto
presso l'altra (la seconda banca ndr) il conto è della Pizzeria e l'assegno è emesso a nome
della pizzeria. CONTI Fabio dice di essere depresso non per loro (terzi tra cui Romeo Antonino
ndr) ma perché afferma che gli 8000 euro li aveva, SCARFO` Concetta dice di essere depressa
in quanto ha solo 4000 €, potrebbe sistemare un po' la situazione e non li può toccare.
SCARFO` Concetta dice che questa situazione la fa alterare, CONTI Fabio fa riferimento alla
pizzeria che adesso è a posto e si può stare tranquilli. SCARFO` Concetta dice che non può
essere proprio tranquilla in quanto le bollette sono state pagate e le spese sono state coperte.
CONTI Fabio si lamenta del fatto che non sta più lavorando, che non sta facendo più granché.
SCARFO` Concetta dice che dirà a lui (Romeo Antonino ndr) che CONTI Fabio ha
bisogno di riprendere a lavorare in quanto lei non ha nulla da mangiare e se aveva
5/6000 € sarebbe contenta anche lei. SCARFO` Concetta dice che non può non
presentarsi all'appuntamento e piangere ancora miseria in quanto è stata avvertita
da mercoledì. SCARFO` Concetta dice di essersi alterata con lui (Romeo Antonino ndr) in
quanto lei gli avrebbe detto che lo avrebbe ricontattato giovedì mentre il terzo (Romeo Antonino
ndr) già il mercoledì aveva chiamato. SCARFO` Concetta dice a CONTI Fabio di no averglielo
detto per non metterlo in agitazione.
CONTI Fabio dice che poi può succedere qualunque cosa ma a lui non importerà più, SCARFO`
Concetta dice che se CONTI Fabio riesce ad avere i 1000 euro da Andrea in banca deve
correre a portarli a lei altrimenti di non andare neanche a casa in quanto ci penserà lei a
parlare. CONTI Fabio dice che va bene e che rimane in attesa che lui (Andrea ndr) esca dalla
banca per poi vedere cosa fare.
Telefonata n. 5989 del giorno 13/01/2012, ore 15:09:59 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO` Concetta:
CONTI Fabio dice di aver riferito ad un terzo (Romeo Antonino ndr) che in passato aveva
chiesto a dei terzi di Bergamo un anticipo e lui (Romeo Antonino ndr) gli aveva detto di
chiedere l'anticipo di 10.000 €. CONTI Fabio dice di aver risposto nell'occasione di non sapere
quanto gli avrebbero potuto dare, CONTI Fabio dice che lui avrebbe detto che 5 o 6000 poteva
anche chiederli. CONTI Fabio dice che in questa occasione SCARFO` Concetta potrebbe anche
riferire (a Romeo Antonino ndr) che CONTI Fabio ne ha presi 8000 con un bonifico ma di essere
riuscito a prendere dalla banca solo 4000. CONTI Fabio dice che sta facendo un esempio e
aggiunge che ora è in attesa che il terzo che è in banca (Andrea ndr) esca. Riprendendo il
discorso del prestito CONTI Fabio dice di riferire a lui (Romeo Antonino ndr) che la
banca oggi ha erogato 4000 quindi CONTI Fabio è stato di parola poi aggiunge di
riferire che la settimana prossima CONTI Fabio sarà in grado di darne altri 2 (2000
€). SCARFO` Concetta si altera e dice che deve avere fiducia in lei e nel suo operato.
SCARFO` Concetta dice che lei farà tutto ciò che è in suo potere, aggiunge di essere
stressata e chiede a CONTI Fabio di lasciarla tranquilla. CONTI Fabio dice che il terzo (Andrea
ndr) sta impiegando tanto tempo in banca ed ha buone speranze che possa uscire con il
denaro di cui hanno bisogno. SCARFO` Concetta dice che se ottengono il denaro di
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 148 di 566
andare subito a portarglielo.
Telefonata n. 5994 del giorno 13/01/2012, ore 15:30:15 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO' Concetta
CONTI Fabio:
500,00 euro c'ho
SCARFO’ Concetta:
500?
CONTI Fabio:
si
SCARFO’ Concetta:
eh non lo so dai porta su quelli
CONTI Fabio:
ascoltami dato che adesso lui ha fatto la chiusura dei conti là ma deve
aspettare lo stesso lunedì qua l'Intesa gli ha dato quelli e gli ha detto aspetta lunedì, martedì
hanno ragione non puoi continuare ad andare a prenderli per il collo questi qua dai (Fuori
cornetta si sente la voce di una terza persona che si trova in compagnia di CONTI Fabio che
afferma "sennò ci mandano a vaffanculo") dopo un po’ veramente
SCARFO’ Concetta:
li teniamo per noi quindi?
CONTI Fabio:
eh?
SCARFO’ Concetta:
li teniamo per noi?
CONTI Fabio:
no no no dopo adesso noi, adesso noi facciamo un bancomat, (Fuori
cornetta si sente la voce di una terza persona che si trova in compagnia di CONTI Fabio che
afferma "eh più tardi ") più tardi facciamo un bancomat
SCARFO’ Concetta:
eh ma son le tre e mezza eh?
CONTI Fabio:
eh?
SCARFO’ Concetta:
che cosa fai me li porti qua
CONTI Fabio:
sto già arrivando
SCARFO’ Concetta:
ah dai ok
Quel giorno avviene la consegna del denaro da parte di SCARFO` Concetta a ROMEO
Antonino.
Alle ore 16.00 la vettura Mercedes “Classe A” tg. CB636VB raggiunge Barzanò (LC),
monitorata dalle pattuglie in servizio di osservazione, controllo e pedinamento 34 già
posizionate sul posto.
ROMEO parcheggia in via Leonardo Da Vinci, nei posti auto della scuola e avvisa SCARFO’
Concetta del suo arrivo. A bordo della Mercedes classe A, oltre a ROMEO Antonino vi sono
anche NASATTI Massimo e MARCHIO Massimiliano che scendono dall’auto e si posizionano
nelle immediate vicinanze, in atteggiamento di copertura e controllo.
Telefonata n. 669 del giorno 13/01/2012, ore 15:58:59 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e SCARFO` Concetta e diretta
all'utenza n. 3383633349.
ROMEO Antonino per SCARFO' Concetta
ROMEO Antonino avvisa SCARFO' Concetta di essere arrivato e che si trova nel
parcheggio. SCARFO' Concetta lo raggiungerà in un minuto.
Alle 16.03 circa SCARFO’ Concetta esce dalla propria abitazione, sita al civico n. 8 di via
Leonardo da Vinci e raggiunge a piedi ROMEO Antonino.
Rileva la P.G.
“La pattuglia operante monitorava l’incontro tra ROMEO Antonino e SCARFO’ Concetta.
34
vgs. ALLEGATO N. 07 – servizio di osservazione, controllo e pedinamento relativo ai fatti del 13.01.2012 - allegato comprensivo di
cd-rom. Presente in formato elettronico;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 149 di 566
I due si intrattenevano a parlare dapprima seduti su una panchina dei giardini e
successivamente in piedi. SCARFO’ Concetta, dopo essersi alzata, estraeva dalla propria
borsetta un plico di colore bianco e lo inseriva nella tasca interna sinistra del cappotto di
ROMEO Antonino, appositamente aperto dallo stesso.
Foto 05
Foto 06
Foto 07
Foto 08
Foto 09
Foto 10
Successivamente ROMEO Antonino, dopo aver chiuso la cerniera del cappotto, alzava il
braccio destro tentando di abbracciare SCARFO’ Concetta, la quale si spostava respingendo il
gesto, divincolandosi palesemente disturbata.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Foto 11
Pagina 150 di 566
Foto 12
Dopo l’incontro, alle ore 16:20 circa, SCARFO’ Concetta contatta il marito CONTI Fabio,
tranquillizzandolo sull’esito dell’incontro <<…No no è a posto, dai...>>; i dettagli li
avrebbero chiariti a casa <<…E va beh dai, poi quando arrivi a casa parliamo…>>.
Telefonata n. 6008 del giorno 13/01/2012, ore 16:20:05 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO` Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO' Concetta:
CONTI Fabio dice di essere da CAVASIN a lavare la 600.
[16:20:22]
SCARFO’ Concetta:
E va beh dai, poi quando arrivi a casa parliamo.
CONTI Fabio:
Che c'è?
SCARFO’ Concetta:
No no è a posto, dai...
CONTI Fabio:
Eh?
SCARFO’ Concetta:
E' a posto...
CONTI Fabio:
Cosa?
SCARFO’ Concetta:
E cosa quando vieni qua ti spiego.
CONTI Fabio:
Ma se io sono qua con tre di loro.
SCARFO’ Concetta:
Sei lì?
CONTI Fabio:
Dai ciao ciao.
Cella: 22201432514405 [VIA MAZZINI C/O ACQUEDOTTO BRIANTEO, SNC Comune :
BARZANÒ Località : BARZANÒ Provincia : LECCO ] (09 19 07.41 E - 45 43 38.45)
Il 16.1.2012 in una conversazione telefonica veniva confermato l’importo della somma di
denaro consegnata da SCARFO’ Concetta a ROMEO Antonino, consistente in 4.500 euro
<<…Chiamerà quello là, e andrò là e dico..."sì e allora? Queste qua sono le 500 euro
per arrivare a 5.000, devi aspettare..." (Ride) è giusto! "cazzo vuoi?" non è che mi
taglio le mani e i piedi per loro eh...>>.
CONTI Fabio avrebbe dovuto reperire altri 5.000 euro nel corso della settimana successiva
<<...Vuoi far qualcosa? Fai quello che pensi di fare perché io devo incominciare a
lavorare, ne di più, ne di meno, non lavoro non prendi, e basta!" glielo dico chiaro io
eh… …vedi questi qua sono le 500 euro per arrivare a 5... E così siamo a 55 no...
Adesso dammi una settimana che te ne preparo ancora 5…>>.
CONTI Fabio racconta a SCARFO’ Concetta che una terza persona, con riguardo alla
situazione debitoria con il clan TROVATO, l’aveva deriso <<...E non ti hanno ancora
ammazzato, e stai pagando? hai paura eh?…>>, per cui le avrebbe risposto <<...io non
ho paura di niente. E' un debito normale che sto pagando come tutte le persone
civili, basta…>>.
CONTI Fabio, dopo aver cercato di tranquillizzare SCARFO’ Concetta, la mette al corrente
sull’origine del suo debito, che a suo dire era stato contratto originariamente con il
commercialista PARISI Giovanni di Lecco; aggiunge che in futuro si sarebbe vendicato
<<…io cerco di far rimanere un attimo tranquilla la mia famiglia... ...io dico sempre
che quando bussano alla porta, dopo devono saper rispondere, perché PARISI,
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 151 di 566
(PARISI Giovanni ndr) PARISI alla fine lo vado a prendere, lo vado a prendere e dopo
mi deve dire tutto PARISI (PARISI Giovanni ndr) poi lo porto là davanti e PARISI mi
deve restituire tutto a me…>>.
Queste conversazioni sono di primaria importanza per dimostrare sia la natura
estorsiva della pretesa avanzata dall’associazione di TROVATO Mario sia la capacità
intimidatoria di tale associazione come percepita dalla comunità sociale nel territorio.
In primo luogo il fatto stesso che CONTI dichiari di pretendere da una terza persona
la restituzione di quanto versato al gruppo TROVATO rende evidente la piena
consapevolezza che quanto richiesto da questi ultimi costituisce una pretesa nei
confronti di CONTI assolutamente ingiusta sul piano oggettivo e soggettivo.
In secondo luogo sul piano della forte capacità intimidatoria del clan TROVATO è
significativo che quanti conoscono la situazione debitoria di CONTI verso
l’associazione commentino con lo stesso <<...E non ti hanno ancora ammazzato, e
stai pagando? hai paura eh?…>> E la stessa smentita di CONTI che peraltro
contrasta in modo evidente con tutto quanto sopra evidenziato circa il suo
atteggiamento e lo stato di forte preoccupazione per l’incolumità sua e della famiglia
conferma ulteriormente la volontà di coprire con un velo di omertà la sua condizione
di persona vittima di estorsione da parte di un clan criminale.
Telefonata n. 6479 del giorno 16/01/2012, ore 11:41:01 intercettata sull'utenza
n. 3349044830 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a CONTI Fabio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e SCARFO' Concetta e diretta all'utenza n.
3383633349.
CONTI Fabio per SCARFO' Concetta:
[11:42:52]
SCARFO’ Concetta:
Mercoledì ti chiama quello là eh.
CONTI Fabio:
Eh allora cosa devo fare?
SCARFO’ Concetta:
Eh ...no guarda te.
CONTI Fabio:
Chiamerà quello là, e andrò là e dico..."sì e allora? Queste qua sono
le 500 euro per arrivare a 5.000, devi aspettare..." (Ride) è giusto! "cazzo vuoi?" non è
che mi taglio le mani e i piedi per loro eh...
SCARFO’ Concetta:
Embè.
CONTI Fabio:
Glielo dico chiaro eh..."Vuoi far qualcosa? fai quello che pensi di fare
perché io devo incominciare a lavorare, ne di più, ne di meno, non lavoro non prendi,
e basta!" glielo dico chiaro io eh.
SCARFO’ Concetta:
E fai bene, è inutile star lì...però prendere per il culo è peggio eh.
CONTI Fabio:
no io glielo dico, “vedi questi qua sono le 500 euro per arrivare a 5...E
cosi siamo a 55 (Cinquantacinque) no..Adesso dammi una settimana che te ne
preparo ancora 5”.
SCARFO’ Concetta:
Ma come mi girano i coglioni.
CONTI Fabio:
E lo so .
SCARFO’ Concetta:
Guarda non raccontarmi, non dirmela neanche più questa storia
qua non...
CONTI Fabio:
E va bene stamattina come mi prendeva per il culo..."E non ti hanno
ancora ammazzato, e stai pagando? hai paura eh?" "io non ho paura di niente, E' un
debito normale che sto pagando come tutte le persone civili, basta" "E io non
pagavo"..."E arrangiati fai quello che vuoi"...Si poi me la menava per il finanziamento..
SCARFO’ Concetta:
A beh nemmeno io avrei pagato...Non ci penso proprio, ma neanche
per sogno.
CONTI Fabio:
Anch'io non avrei mai pagato, sei tu che mi stai facendo pagare, va
bhè...
SCARFO’ Concetta:
Io?Io?
CONTI Fabio:
io non avrei mai pagato nessuno perché dicevo "benissimo aspetta
andiamo sù a prendere PARISI (PARISI Giovanni ndr)"
SCARFO’ Concetta:
A me fuori da questa storia qua, perché io non pago proprio
nessuno...non ho paura di nessuno
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 152 di 566
CONTI Fabio:
A parte quello…io cerco di far rimanere un attimo tranquilla la mia
famiglia, abbiamo un casino di problemi, tanto questi qua, stai pur certa, io gli ho detto...a
me mi dicono, non ho mai dato soldi indietro a nessuno...li sto dando adesso...(Ride)...Non ho
mai ridato i soldi a nessuno io, mai mai mai...e adesso sto qua a diventar scemo...Va beh...E
ma tanto, questa storia qua vado in fondo, perché prima o poi vengo a sapere tutta la storia
com'è non ti preoccupare, e dopo io dico sempre che quando bussano alla porta, dopo
devono saper rispondere, perché PARISI (PARISI Giovanni ndr) PARISI alla fine lo
vado a prendere, lo vado a prendere e dopo mi deve dire tutto PARISI (PARISI
Giovanni ndr) poi lo porto là davanti e PARISI mi deve restituire tutto a me, non ti
preoccupare, che io glielo faccio restituire stavolta qua...Io stavolta qua...stavolta qua, non
lascio perdere come lascio perdere tante cose e dico fa niente lascia li per il quieto vivere e
passo da deficiente, ma questa volta qua, quello che ho passato io a Natale, Santo Stefano,
Capodanno...glielo faccio, tutta la merda successa, lo tengo li a cagare 24h al giorno, perché
mi piazzo sotto casa sua e tutte le volte che scende mi deve dare i soldi, tutte le volte che
scende quelli che gli ho prestati, perché poteva andare benissimo a prendersela con chiunque
ma non con me....Assolutamente, perché io non ero neanche tenuto a ridargli questi soldi,
perché io devo dargli i soldi, lui li ha messi per la LCR o LCM...Ma che cazzo vuole da me?
SCARFO’ Concetta:
Ma non ti preoccupare, che quelli che ha messo se li era già
presi, sia del fallimento che ti ha fatto pagare 150.000 euro un fallimento del cazzo
che sicuramente costava molto, molto meno, dove 90.000 euro se li è incassati subito
hai capito, senza contare quelli che ti ha ciucciato, in tre mesi che è stato in giro con te, ma
vattene va pure tu, ed alla fine mi sono rimasta pure a piedi e mezza massacrata, ma va
va..Dai dai va bhè dai, lasciamo stare.
si salutano
il 18.1.2012 ROMEO Antonino chiedeva a SCARFÒ Concetta di metterlo in contatto
direttamente con suo marito CONTI Fabio. I due uomini si accordavano di vedersi il giorno
dopo, alle ore 10, presso il bar sito nelle vicinanze del distributore ERG di Dolzago.
Il 20.1.2012 ROMEO Antonino pretende un altro pagamento
e fissa un nuovo
appuntamento nello stesso bar di Dolzago.
In realtà i due, causa il ritardo da parte di CONTI Fabio, si incontrano a mezzogiorno a
Lecco, presso il bar “Galeotto” <<ROMEO Antonino: invita CONTI Fabio ad andare a
LECCO e di vedersi al bar Galeotto… - CONTI Fabio: E ti vedo, girati, son qua nel
parcheggio…>>.
Telefonata n. 3063 del giorno 20/01/2012, ore 10:10:33 intercettata sull'utenza
n. 3408068577 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e CONTI Fabio ediretta
all'utenza n. 3349044830.
Telefonata n. 3067 del giorno 20/01/2012, ore 10:49:38 intercettata sull'utenza
n. 3408068577 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e CONTI Fabio e diretta
all'utenza n. 3349044830.
Telefonata n. 3072 del giorno 20/01/2012, ore 11:13:58 intercettata sull'utenza
n. 3408068577 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra CONTI Fabio e ROMEO Antonino e proveniente
dall'utenza n. 3349044830.
CONTI Fabio per ROMEO Antonino:
ROMEO Antonino dice di aver aspettato e di essere andato via, invita CONTI Fabio
ad andare a LECCO e di vedersi al bar Galeotto.
Telefonata n. 3077 del giorno 20/01/2012, ore 11:58:14 intercettata sull'utenza
n. 3408068577 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e CONTI Fabio e diretta
all'utenza n. 3349044830.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 153 di 566
ROMEO Antonino per CONTI Fabio:
CONTI Fabio:
E ti vedo, girati, son qua nel parcheggio.
Cella: 222014324024506 - Via di Vittorio, 31 - Lecco.
Dopo l’incontro evidentemente infruttuoso della mattina ROMEO Antonino chiede un nuovo
incontro presso il solito distributore di benzina in Dolzago (LC).
Telefonata n. 3093 del giorno 20/01/2012, ore 15:39:28 intercettata sull'utenza
n. 3408068577 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e CONTI Fabio ediretta
all'utenza n. 3349044830.
ROMEO Antonino per CONTI Fabio:
CONTI Fabio:
Pronto?
ROMEO Antonino: Ci vediamo alle quattro alla benzina?
CONTI Fabio:
E sono qua da una parte, chiama la Concy che sono qua da una
parte che sto facendo quella cosa lì, e mi sta facendo tardare per arrivare lì capito,
sono qua da una parte.
ROMEO Antonino: Allora la chiamo più tardi allora.
CONTI Fabio:
E chiamala più tardi, mi serve ancora una mezz'oretta.
ROMEO Antonino: Va bene…Ciao.
CONTI Fabio:
Ciao.
Telefonata n. 982 del giorno 20/01/2012, ore 16:13:05 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO' Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per ROMEO Antonino:
SCARFO' Concetta:
Eh ascolta dove sei?
ROMEO Antonino: Sono qui verso Valmadrera adesso.
SCARFO' Concetta:
Dove sei?
ROMEO Antonino: A Valmadrera.
SCARFO' Concetta:
Puoi venire a casa mia?
ROMEO Antonino: Eh però una mezz'oretta però.
SCARFO' Concetta:
Va bene da ok.
ROMEO Antonino: Ciao ciao
SCARFO' Concetta:
Ciao ciao.
Telefonata n. 983 del giorno 20/01/2012, ore 16:39:28 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO' Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per ROMEO Antonino:
ROMEO Antonino: Hey mi sono liberato adesso.
SCARFO' Concetta:
Si, e va bene, ascolta un attimo, quando arrivi qua, fermati davanti
a casa che entri in casa, e parliamo qua.
ROMEO Antonino: Eh Concy, una cosa soltanto ti chiedo.
SCARFO' Concetta:
Cosa?
ROMEO Antonino: Non voglio sentire lagnanze, già, ho sentito stamattina lui (CONTI
Fabio ndr) perciò...Vengo lì, e non voglio sentire lagnanze eh...ho la testa da un
altra parte...E mi sta creando...Questa cosa qua mi sta creando un sacco di
problemi. Comunque, vengo li ti suono e parliamo dai...Va bene?
SCARFO' Concetta:
Va bhò dai ciao...
ROMEO Antonino: Ciao
SCARFO' Concetta:
Ciao.
-
Telefonata n. 1004 del giorno 21/01/2012, ore 12:36:50 intercettata sull'utenza
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 154 di 566
n. 3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO' Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per ROMEO Antonino:
SCARFO' Concetta chiede di vedersi lunedì sera e dice che Fabio non riesce per oggi.
ROMEO Antonino dice che non vuole più rinvii.
Il 22.1.2012, senza effettuare conversazioni telefoniche ROMEO Antonino e NASATTI
Massimo si recano da TROVATO Mario con il chiaro fine di metterlo al corrente degli
sviluppi della situazione e per consegnargli il denaro frutto dell’estorsione [Cella: via
Belvedere 48 22053 - Lecco - Sett. 3 e Lecco (Lecco) - ITA - 45.863232/9.390949 - 0
km/h (Pizzeria 046) – posizione GPS autovettura Mercedes – Classe A].
Infatti nel tardo pomeriggio l’autovettura di ROMEO è localizzata nei pressi della
pizzeria 046
Telefonata n. 1035 del giorno 22/01/2012, ore 17:41:51 intercettata sull'utenza
n. 3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e NASATTI Massimo e diretta
all'utenza n. 3403281019.
ROMEO Antonino per NASATTI Massimo:
NASATTI Massimo dice di essere in viale Turati.
NASATTI Massimo dice che andrà a mangiare una pizza da Giacomo e ROMEO Antonino
chiede se può andare anche lui.
ROMEO Antonino e NASATTI Massimo andranno da TROVATO Giacomo.
Progressivo n. 142 del giorno 22/01/2012, ore 19:13:40 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
ROMEO Antonino in macchina al telefono dice che raggiungerà l'interlocutore
[19:15:21] ROMEO al telefono avverte che farà un salto a casa di Lorenzo e poi andrà a casa
Posizione iniziale: Via Ca' Rossa 1 > 1 - 2 > 2 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.862449/9.387315 - 0
km/h (vicinanze Bar Napoleon di RUFFOLO Gianni, ndr)
Sosta: SS36 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.863232/9.390949 - 0 km/h (Pizzeria 046)
Posizione finale: Via Gondola - Lecco(Lecco) - ITA - 45.828415/9.415665 - 0 km/h
Veniva quindi concordato un nuovo appuntamento per la consegna di altro denaro il giorno
24.1.2012 tra SCARFO’ Concetta e ROMEO Antonino <<SCARFO’ Concetta: Domani vieni
quando torni da Milano…>> e ROMEO Antonino le confermava l’appuntamento nel
pomeriggio <<ROMEO Antonino: Dalle tre alle quattro, quell'ora lì…>>.
Telefonata n. 1095 del giorno 23/01/2012, ore 18:23:35 intercettata sull'utenza
n. 3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO' Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per ROMEO Antonino:
ROMEO Antonino: Hey..
SCARFO' Concetta:
Si scusami se ti disturbo...Domani vieni quando torni da
Milano, eh però non è neanche la maniera di rispondere al telefono.
ROMEO Antonino: cosa ho detto?
SCARFO' Concetta:
come hai risposto prima..."non dovevi chiamarmi oggi"...con
quell'arroganza...
ROMEO Antonino: Non ero arrogante, ero un po’ scocciato per altre cose...
SCARFO' Concetta:
No, non era arroganza?
ROMEO Antonino: Senti, non sono arrogante con te, però mi aspettavo che mi chiamavi no…
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 155 di 566
SCARFO' Concetta:
E che cosa ti chiamo a fare se non sò niente...
ROMEO Antonino: Va bene.
SCARFO' Concetta:
Che cosa ti chiamo a fare.
ROMEO Antonino: Ehy,non te la prendere.
SCARFO' Concetta:
Va bene, va bene, domani quando torni da Milano non alle 11:00,
non so a che ora torni, verso che ora torni?
ROMEO Antonino: Verso le quattro dovrei tornare.
SCARFO' Concetta:
Va bene dai a quell'ora va bene.
ROMEO Antonino: verso le tre...Verso le tre...Dalle tre alle quattro, quell'ora lì.
SCARFO' Concetta:
Va bene ciao ciao.
ROMEO Antonino: Ciao un bacione.
Il giorno 24.1.2012 ROMEO Antonino si reca direttamente a casa di SCARFO’ Concetta con
una breve telefonata di preavviso (Telefonata n. 1118 del giorno 24/01/2012, ore
15:02:01 intercettata sull'utenza n. 3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO
Antonino. La conversazione intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino
e SCARFO' Concetta e diretta all'utenza n. 3383633349).
Telefonata n. 1121 del giorno 24/01/2012, ore 15:26:15 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e SCARFO' Concetta e diretta
all'utenza n. 3383633349.
ROMEO Antonino per SCARFO' Concetta :
ROMEO Antonino le dice di essere fuori.
SCARFO' Concetta gli dice di suonare il campanello.
ROMEO Antonino le risponde di aver suonato e le chiede se è il civico 10.
Subito dopo l’incontro con SCARFO’ Concetta, ROMEO Antonino si reca da TROVATO
Mario, anche in questo caso senza preavviso telefonico .
I due uomini si incontrano e TROVATO Mario raccomanda a ROMEO Antonino di utilizzare
la massima prudenza anche con riferimento al rischio di intercettazione sulle autovetture.
TROVATO Mario a questo proposito contatta e il suo elettrauto di fiducia, ESPOSITO
Pasquale, che avrebbe provveduto a “bonificare” l’automezzo di ROMEO Antonino
<<…manderà un ragazzo da lui per fargli controllare la macchina…>>.
Progressivo n. 356 del giorno 24/01/2012, ore 17:43:19 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di ROMEO Antonino sono presenti ROMEO Antonino e TROVATO Mario:
TROVATO Mario parla dei poliziotti che montano (Microspie, ndr) nelle auto,
definendo questo comportamento vergognoso.
Telefonata n. 1942 del giorno 24/01/2012, ore 17:53:28 intercettata sull'utenza
n. 3391073149 (R.R.I.T. 104/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ESPOSITO Pasquale e TROVATO Mario e
proveniente dall'utenza n. 3883720737.
ESPOSITO Pasquale (elettrauto/meccanico) per TROVATO Mario:
TROVATO Mario dice a ESPOSITO Pasquale che manderà un ragazzo da lui per fargli
controllare la macchina.
ESPOSITO Pasquale risponde che domani mattina potrà riceverlo quando vorrà
(dovrà montare uno stereo, ndr).
In un secondo momento TROVATO Mario si informa più specificamente dello sviluppo delle
attività estorsive poste in essere dai suoi uomini contro CONTI Fabio.
-
Progressivo n. 358 del giorno 24/01/2012, ore 17:55:32 acquisito nell'ambito
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 156 di 566
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
[17:56:41]
ROMEO Antonino e TROVATO Mario salgono in macchina.
Pos. auto: Via Magenta 40 > 26 - 7 > 5 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.854715/9.410382 [17:57:56]
ROMEO Antonino:
Domani devo andar da quello domani
TROVATO Mario: -Inc.le-... ci vuole mercoledì no?
ROMEO Antonino:
Mi ha chiamato...eh...
TROVATO Mario: Ti ha chiamato lei (SCARFO' Concetta ndr)?... Ma ti aveva detto
mercoledì lei.
ROMEO Antonino:
Si! Ma che ti volevo dire? Doveva venir Fà... (CONTI Fabio
ndr), ma mi manda aaa... (si riferisce a SCARFO' Concetta, ndr)... Mi ha chiamato
l'altro giorno e gli ho fatto: "Oh... Mi fa male la testa! non ti voglio sentire più le
dissi... Fai quello che cazzo devi fare, ci vediamo mercoledì!" (si riferisce alla
conversazione telefonica con SCARFO' Concetta ndr)
TROVATO Mario: La chiamata non ti rimane.
ROMEO Antonino:
No bhè, mi chiama sempre, mi chiama sempre verso...
…omissis…
[17:59:27]
TROVATO Mario scende dall'auto: Viale Redipuglia - Lecco(Lecco) - ITA 45.855149/9.412232 Musica in sottofondo.
[18:00:02]
TROVATO Mario risale in auto e gli dice che devono andare a prendere Piero
…omissis…
[18:01:44]
TROVATO Mario scende dall'auto: Via Belfiore 13 - 14 > 24 - Lecco(Lecco) - ITA 45.852282/9.405715 …omissis…
[18:04:22]
ROMEO Antonino scende dell'auto
Auto ferma: Via Francesco Baracca 21 > 33 - 34 > 46 - Lecco(Lecco) - ITA 45.852182/9.404549 Progressivo n. 373 del giorno 24/01/2012, ore 19:31:33 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
[19:31:49] rumore di 4 frecce della macchina accese in Via Antonio Ghislanzoni 3 > 17 - 4 >
10 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.851532/9.394549 - 0 km/h
[19:32:11] portiere che si aprono, macchina che si mette in movimento
[19:33:07]
rumore di qualcosa che si apre mentre l'auto sta sempre in movimento
[19:33:16]
ROMEO Antonino sotto voce dice: Tiè i soldi Mario
…omissis…
Il giorno prima del nuovo appuntamento fissato per il venerdì 27.1.2012, ROMEO Antonino
si raccomanda con SCARFO’ Concetta di preparare il denaro, non facendolo venire
inutilmente <<…Fai in modo... Parlaci un pochettino tu, fai in modo da non… di non
farmi venire giù a vuoto dai... Lo so che è difficile però vedi di trovare qualcosa (soldi
ndr) tu…>>
Telefonata n. 1214 del giorno 26/01/2012, ore 14:57:13 intercettata sull'utenza
n. 3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e SCARFO' Concetta e diretta
all'utenza n. 3383633349.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 157 di 566
ROMEO Antonino per SCARFO' Concetta:
SCARFO' Concetta:
Pronto
ROMEO Antonino: Ciao
SCARFO' Concetta:
Ciao
ROMEO Antonino: Come stai?
SCARFO' Concetta:
Bene grazie e tu?
ROMEO Antonino: Eh...inc.le...Senti ...
SCARFO' Concetta:
Dimmi
ROMEO Antonino: Fai in modo...Parlaci un pochettino tu, fai in modo da non di non
farmi venire giù a vuoto dai...Lo so che è difficile però vedi di trovare qualcosa (Soldi
ndr) tu.
SCARFO' Concetta:
Uhm...
ROMEO Antonino: Capito?
SCARFO' Concetta:
E non è bella come situazione, per niente...
ROMEO Antonino: Lo so…Ma anche io mi sto mettendo, mi sono messo in una ....In
una situazione anch'io di merda...Se no non ti telefonavo neanche. Se non era per
cosi...Se non ero preoccupato anch'io...Va bene...Senti dai, ci aggiorniamo a domani,
mi fai sapere tu quando devo venire.
SCARFO' Concetta:
Va bene dai.
ROMEO Antonino: Ciao un bacione.
SCARFO' Concetta:
Ciao ciao ciao.
Il giorno fissato per la riscossione SCARFO’ Concetta avvisa ROMEO non essere riuscita a
trovare l’altro denaro pattuito da consegnargli quel giorno <<…non venire giù oggi…>>.
Telefonata n. 1245 del giorno 27/01/2012, ore 13:07:30 intercettata sull'utenza
n. 3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO' Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per ROMEO Antonino:
SCARFO' Concetta:
non venire giù oggi
ROMEO Antonino: (bestemmia) mi mette nei casini veramente a me quello lì eh (CONTI
Fabio ndr)
SCARFO' Concetta:
eh... non lo so io non posso neanche parlare più di tanto... eh non lo
so... non lo so, non lo so... io non lo so
ROMEO Antonino: dai ci sentiamo, chiamami più tardi dai
SCARFO` Concetta:
va bene
Si salutano
Nei giorni seguenti ROMEO Antonino si lamenta con SCARFO’ Concetta non riuscendo più
a contattare suo marito CONTI Fabio e SCARFO’ Concetta, con tono allusivo evidentemente
al rischio di intercettazione, dice di non chiamarlo.
La misura posta in atto fa pensare che gli interessati abbiano non tanto il sospetto ma
la certezza di essere intercettati.
Telefonata n. 1367 del giorno 30/01/2012, ore 16:29:45 intercettata sull'utenza
n. 3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO' Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per ROMEO Antonino:
ROMEO Antonino: Pronto!
SCARFO' Concetta:
Pronto ,ciao
ROMEO Antonino: Senti ma sono tre giorni che cerco di chiamare Fabio (CONTI Fabio
ndr) sul numero che mi ha chiamato lui a me no, e c’è sempre la segreteria.
SCARFO' Concetta:
Eh...Ha sempre la segreteria?
ROMEO Antonino: Eh mi dice "Non raggiungibile".
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 158 di 566
SCARFO' Concetta:
Eh non lo so.
ROMEO Antonino: Senti!
SCARFO' Concetta:
Dimmi.
ROMEO Antonino: Gli puoi dire che domani lo chiamo, domani mattina lo chiamo verso le
10:00 inc.le sul suo telefono.
SCARFO' Concetta:
No. Non chiamare.
ROMEO Antonino: Cosa faccio allora?
SCARFO' Concetta:
Eh...
ROMEO Antonino: Che facciamo?
SCARFO' Concetta:
Mhh...Si due minuti, ti devo dire due cose. Eh...
ROMEO Antonino:
Va bene.
SCARFO' Concetta:
Ma non chiamare.
ROMEO Antonino: Ora vengo sù, facciamo una cosa, in.cle prima di mezzogiorno, passo da te.
SCARFO' Concetta:
A che ora?
ROMEO Antonino: Prima di mezzogiorno
SCARFO' Concetta:
Va bene dai.
ROMEO Antonino: Va bene?
SCARFO' Concetta:
Mhh.
ROMEO Antonino: ciao
SCARFO' Concetta:
Ciao ciao.
Il primo pomeriggio del 31.1.2012 ROMEO Antonino si reca nuovamente a Barzanò da
SCARFO’ Concetta, dopo aver comunicato le sue intenzioni anche a NASATTI Massimo e a
SCARPATO Jonathan <<…sì devo fare una scappata lì, e mentre andiamo, io vado un
attimo in casa (a casa di CONTI Fabio ndr), mi dovete lasciare giusto quello…>>.
Prima di raggiungere l’abitazione di SCARFO’ Concetta, come di consueto ROMEO Antonino
la avvisa del suo imminente arrivo <<…Guarda che cinque minuti e sono lì...>>.
Telefonata n. 1395 del giorno 31/01/2012, ore 13:02:08 intercettata sull'utenza
n. 3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO' Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per ROMEO Antonino:
ROMEO Antonino dice che andrà ad Erba e poi passerà da lì (Casa di CONTI Fabio
ndr).
Progressivo n. 1353 del giorno 31/01/2012, ore 14:42:10 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
ROMEO Antonino, NASATTI Massimo e SCARPATO Jonathan in macchina
[14:42:27]
ROMEO Antonino:
io veramente, ho questo feeling, probabilmente ho una faccia
proprio sincera, di uno spontaneo, io alle persone piaccio, sai a chi non piaccio? A quelli che si
comportano male perché poi lo sanno che...
NASATTI Massimo:
abbuscano (vengono picchiati ndr) forte.
ROMEO Antonino:
e no perché poi... capiscono che... non, non... ce nè trippa per gatti...
...Omissis...
I due interlocutori dicono che Giancarlo è bravo.
[14:42:52]
SCARPATO Jonathan:
vabbè adesso per andare a Barzanò devi girare a sinistra ed
andare diritto
ROMEO Antonino:
si devo fare una scappata lì, e mentre andiamo, io vado un
attimo in casa (a casa di CONTI Fabio ndr), mi dovete lasciare giusto quello...
NASATTI Massimo:
vai tranquillo, noi andiamo lì al bar ci prendiamo...
ROMEO Antonino:
-Inc.le- dove vado?
SCARPATO Jonathan:
giù dritto di qua...
Pos. auto: Via Giuseppe Verdi 4 > 2 - 7 > 7 - Galbiate(Lecco) - ITA - 45.822782/9.359215 -
Pagina 159 di 566
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
...Omissis...
[14:58:35]
Perdita di Segnale. Pos
45.743965/9.322349 -
auto:
Via
4
Novembre
-
Barzanò
(Lecco)
-
ITA
-
Telefonata n. 1397 del giorno 31/01/2012, ore 14:58:17 intercettata sull'utenza
n. 3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e SCARFO' Concetta e diretta
all'utenza n. 3383633349.
ROMEO Antonino per SCARFO' Concetta:
ROMEO Antonino: Guarda che cinque minuti e sono lì
SCARFO' Concetta:
Va bene
ROMEO Antonino: Cos'è il dieci o l'otto sei tu?
SCARFO' Concetta:
L'otto!
Cella: via Ceregallo - presso campo sportivo - Sirtori (LC)
Dopo circa mezzora ROMEO Antonino risale a bordo dell’auto e descrive a NASATTI
Massimo e SCARPATO Jonathan lo stato di terrore di CONTI Fabio.
Progressivo n. 1364 del giorno 31/01/2012, ore 15:27:33 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
ROMEO Antonino, NASATTI Massimo e SCARPATO Jonathan in macchina:
…omissis…
[15:28:39]
ROMEO Antonino:
mi sa che questo qua è esaurito... non ce la faccio più..."Tony fà...
è talmente terrorizzato..." che più gli dico, non m'interessa niente, e più la prende come una
minaccia... -Inc.le- cosa gli devo dire?... cosa gli devo dire?
SCARPATO Jonathan dice che a fine mese si deve recare in Tribunale per la vicenda della
sparatoria, è spiega che lui ha prestato soccorso solamente a due suoi amici, facendoli salire
in macchina e portati all'ospedale.
[15:30:34]
ROMEO Antonino:
no qui è diverso... la prossima volta digli, digli... meno male che ho
lei che mi dà una mano, che mi allerta. E ma cosa devo fare? Non me ne frega più un cazzo...
più gli dico, non m'interessa niente, facciano quel cazzo che vogliono, più la prende
come -Inc.le- a Milano, eh allora digli di darmi i soldi... che cazzo vuoi..! ti sto
dicendo che non ne voglio, e la prendi come una minaccia...ti sto dicendo non me ne
frega più niente e la prendi come una minaccia, la notte non dorme... e quindi io che
devo fare? Dimmi quello che devo fare che io lo faccio... ha bisogno di tempo? si prenda il
tempo... a me non m'interessa... solo che... "no perché io denuncio a tutti devo -Inc.le- a tutti
quanti" ma addirittura pensa che la moglie è d’accordo con me. Cioè pensa tu dalla mente
criminale dove gli và a sto cretino... vedi perché purtroppo succede sempre cosi,quando ti metti
in mezzo a tante cose, è normale, non è che puoi pretendere... poi se la fai tu, la guardano in
un modo, la faccio io... diventa di un volume più grande perché... è pregiudicato, sempre lui
eh... e quindi poi questo ti fa passare i guai per che cosa alla fine?
I tre interlocutori parlano di argomenti vari, ipotizzando le pene che possono attribuire su
alcuni reati, spiegando che per alcuni c'è la denuncia a piede libero, mentre per il reato di
estorsione c'è l'arresto immediato.
[15:32:46]
ROMEO Antonino:
lo so che non gliel'hanno dati io mica -Inc.le- io l'ho portato inc.le...
eh lo sanno che inc.le... quando c'è di mezzo il cognome mi ha detto "secondo te... -Inc.le- a chi
credono..."?
A febbraio
SCARFO’ Concetta informa ROMEO Antonino che il marito CONTI Fabio
riprende a lavorare, notizia appresa con soddisfazione da ROMEO Antonino in vista dei
programmati appuntamenti per l’ulteriore consegna di denaro .
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 160 di 566
Telefonata n. 1760 del giorno 06/02/2012, ore 15:02:52 intercettata sull'utenza
n. 3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO' Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO' Concetta per ROMEO Antonino:
SCARFO' Concetta dice che Fabio (CONTI Fabio ndr) ha iniziato a lavorare in un
cantiere e chiede a ROMEO se deve comunicare un eventuale appuntamento; ROMEO
dice di farlo lavorare tranquillo e sereno e si vedranno settimana prossima.
Telefonata n. 3580 del giorno 25/02/2012, ore 20:14:32 intercettata sull'utenza
n. 3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO' Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO` Concetta per ROMEO Antonino:
ROMEO Antonino chiede a SCARFO` Concetta se ha visto Michele. Lei conferma e dice che
le cose non sono a posto. ROMEO Antonino dice che settimana prossima si deve
sistemare la faccenda e di parlare col marito. SCARFO` Concetta dice che le cose non
si sistemano per via del momento brutto.
L’1.3.2012 ROMEO Antonino si reca nuovamente da SCARFO’ Concetta a Barzanò a bordo
dell’autovettura Mercedes classe A targata CB636VB assieme a NASATTI Massimo,
SCARPATO Jonathan e alla sua compagna SCAPATICCI Federica, salendo in casa dei
coniugi CONTI da solo.
Dopo circa 20 minuti ROMEO Antonino risale a bordo della Mercedes Classe A.
Progressivo n. 6332 del giorno 01/03/2012, ore 14:32:55 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
NASATTI Massimo, SCAPATICCI Federica, ROMEO Antonino e SCARPATO Jonathan:
[14:33:22]
ROMEO Antonino:
sembra che abbia messo la testa a posto lui...ha preso un
cantiere...sta lavorando...ho capito che è inc.le di lui...però...cantiere grande...
speriamo che metta la testa a posto...! Non mi ha saputo dire di più...
Segue conversazione a carattere personale.
Le richieste di denaro continuano anche nel periodo successivo
Telefonata n. 4616 del giorno 06/03/2012, ore 19:00:15 intercettata sull'utenza n.
3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCARFO' Concetta e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3383633349.
SCARFO` Concetta per ROMEO Antonino:
SCARFO` Concetta gli dice che Fabio (CONTI) ha iniziato a lavorare oggi, ROMEO Antonino
dice che domani passerà a trovarla e la richiamerà.
SCARFO` Concetta ribadisce che Fabio (CONTI) ha iniziato oggi a lavorare ma se vuole
passare a prendere un caffè può passare quando vuole, ROMEO Antonino chiede per quale
altro motivo doveva passare, solo per un caffettino (ROMEO Antonino lascia intendere
alla donna che è meglio non parlare per telefono di determinate cose, ndr)
Il 18.3.2012 TROVATO Mario chiede a ROMEO Antonino aggiornamenti sull’estorsione in
corso ai danni di CONTI Fabio e la conversazione indica che TROVATO ha pensato di far
fronte alla situazione del mancato versamento della somma residua da parte di CONTI
attraverso la sottoscrizione da parte di quest’ultimo di titoli di credito non intestati.
Progressivo n. 9672 del giorno 18/03/2012, ore 11:55:07 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 161 di 566
…omissis…
TROVATO Mario: ciao... e a coso... Fabio... se in caso
ROMEO Antonino:
Dai non dovrebbe che c'è l'assistente sociale, però prima di
Mercoledì vado su dalla moglie oh..
TROVATO Mario: (Inc.le)
ROMEO Antonino:
mi faccio fare i cosi... se me le paga... oh... a chi intesto?
Mario? A chi le intesto le cose? Le cose non c'è nessuna intestazione? che ci faccio mettere?
TROVATO Mario: senza intestazione
ROMEO Antonino:
Ah... si può?
TROVATO Mario: certo
ROMEO Antonino:
Anche me posso mettere senza intestazione?
TROVATO Mario: Cioè tu li puoi fare, poi ce la vediamo noi a chi dobbiamo mettere...
ROMEO Antonino:
cioè per esempio...
TROVATO Mario: li copi da lui con la cifra e tutto... basta basta... firma sua e
basta...ed a chi dobbiamo intestarli ce la vediamo noi...
ROMEO Antonino: Ma si può fare cosi?
TROVATO Mario: Certo..
ROMEO Antonino:
Eh.. che cazzo io ero preoccupato perché poi un domani risulta..
.dice perché
TROVATO Mario: devo fare un assegno libero... senza il portatore... se tu lo fai non
intestato quello deve andare...
ROMEO Antonino:
cosi nessuno può dire "me l'ha dato lei"
TROVATO Mario: a chi glielo dobbiamo dare... gliela facciamo (l'intestazione, ndr)
ROMEO Antonino:
lui non può neanche mai dire che lo ha dato a me...
TROVATO Mario: Cazzo..
ROMEO Antonino:
E dimmelo prima no... bestemmia...
TROVATO Mario: (Inc.le)
ROMEO Antonino:
non riuscivo a capire... a chi le intestiamo queste cazzo di
cambiali?
TROVATO Mario: Deve firmare
ROMEO Antonino:
Ho capito come l'assegno libero dai
TROVATO Mario: Firmare, cifra, firma e data di scadenza, poi il resto... a chi lo
dobbiamo mettere ce lo mettiamo noi
ROMEO Antonino:
Ce l'abbiamo chi mettere no?
TROVATO Mario: (Inc.le) quanta gente... possiamo risolvere il problema a qualche venditore...
prendiamo qualche cosa
ROMEO Antonino:
Una macchina
TROVATO Mario: Una macchina qualche cazzo e lo prendiamo... se ce qualcuno che
se li prende...
ROMEO Antonino:
Le macchine..
TROVATO Mario: E allora poi lo puoi intestare a chi cazzo vuoi tu capito?
ROMEO Antonino:
Va bene
TROVATO Mario: Senza che c'è... la prima, sempre che c'è la prima e la seconda hai capito?
ROMEO Antonino:
bravo... facciamo due o tre da sole?
TROVATO Mario: Bravo...
ROMEO Antonino:
La terza mettiamo...
TROVATO Mario: Bravo bravo senza ...(inc.le).. poi dopo
ROMEO Antonino:
(Inc.le)
TROVATO Mario: Una sigla no...
I primi giorni del maggio 2012 l’associazione di TROVATO Mario non è ancora soddisfatta
delle somme di denaro già ottenute da CONTI Fabio.
Il 3.5.2012 TROVATO Mario convoca NANIA Alessandro e ROMEO Antonino per affidare loro
l’incarico di recuperare altro denaro da CONTI Fabio, <<…si chiama Fabio (CONTI Fabio,
ndr) e ROMEO Antonino dice che la pizzeria si chiama "Pizzeria Italia"…>>.
Dopo aver ricevuto l’incarico, NANIA Alessandro, alla guida della sua autovettura, e ROMEO
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 162 di 566
Antonino si dirigono verso Monticello Brianza (LC) dove è ubicata la “Pizzeria Italia”35
Anche TROVATO Mario si sposta con la sua autovettura e raggiunge NANIA e ROMEO a
Monticello Brianza <<…Mario (TROVATO Mario, ndr) ci aspettava qua… …Sotto
Monticello!...>>; la presenza dello stesso TROVATO Mario sul posto comprova la delicatezza
della “missione”.
TROVATO Mario con grande accortezza e forte della caratura criminale della sua ‘ndrina
istruisce i suoi uomini circa la modalità per richiedere il denaro senza ricorrere a minacce
esplicite.
Nella stessa serata, al suo rientro a Lecco, NANIA Alessandro racconterà l’accaduto anche a
VONA Rosario.
Progressivo n. 328 del giorno 03/05/2012, ore 18:16:54 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542/12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
NANIA Alessandro in macchina:
Posizione iniziale:- Lecco(Lecco) - ITA - 45.850049/9.411349 - 0 km/h
Auto in movimento. Radio accesa.
NANIA Alessandro si rivolge a terza persona all'esterno dell'auto dicendogli che deve
andare a trovare Mario (TROVATO Mario, ndr)
(Posizione: Via Risorgimento 83 - 46 > 64 – Lecco (Lecco) - ITA - 45.847915/9.410965 - 0
km/h)
Posizione finale: Via Belfiore 13 - 14 > 24 – Lecco (Lecco) - ITA - 45.852299/9.405949 - 0
km/h (Vicinanze Bar Belfiore, ndr)
Progressivo n. 340 del giorno 03/05/2012, ore 19:27:26 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542/12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
NANIA Alessandro in macchina:
Posizione iniziale: Via Marco d'Oggiono 23 > 33 - 14 - Lecco (Lecco) - ITA 45.852782/9.395365 - 0 km/h
[19:30:24]
NANIA Alessandro al telefono (Suoneria Nokia): Conversazione a carattere privato generico,
dice che raggiungerà l'interlocutore. NANIA Alessandro chiede della persona "Rasata" (ROMEO
Antonino, ndr).
[19:34:07]
NANIA Alessandro parla con ROMEO Antonino:
(posizione: via Pasubio - SS36 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.863699/9.390349 - 0 km/h Pizzeria 046, ndr)
ROMEO Antonino:
perché ho chiamato Giusy le faccio "vedi se mi chiami..."
NANIA Alessandro:
ed io ora ho parlato con Mario (TROVATO Mario, ndr) dai
ora sta venendo pure Mario (TROVATO Mario, ndr)
ROMEO Antonino:
eh...andiamo un attimo su (Pizzeria Italia, ndr) vediamo
questo posto dov'è... che io sinceramente non e che... Cortenova... Monticello... c'è una
pizzeria... però non so dov'è... però si chiede cosi vediamo il posto dov'è...
NANIA Alessandro:
si...
ROMEO Antonino:
te lo faccio vedere...
NANIA Alessandro:
si...
ROMEO Antonino:
uhm...otto meno venti (Orario [19:34:34] , ndr)...andiamo
su...lascio la macchina qua...
(Via Pasubio - SS36 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.863699/9.390349 - 0 km/h, pizzeria 046 di
TROVATO Mario, ndr)
NANIA Alessandro:
si...
ROMEO Antonino:
andiamocene dai...tanto passo di qua... dopo...dai...c'ho il
giubbotto...(inc.le) prima che se lo fottono
[19:35:06] ROMEO Antonino sale a bordo della macchina di NANIA Alessandro.
35
Pizza Italia di DIVENOSA Andrea, Via Immacolata n. 2, Monticello Brianza (LC);
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 163 di 566
NANIA Alessandro:
mi aveva chiamato prima no! ed infatti con Mario (TROVATO
Mario, ndr) avevamo parlato prima...poi Mario (TROVATO Mario, ndr) è andato qua...al
Napoleon (Bar di RUFFOLO Giovanni, ndr)...io stavo facendo il giro qua e poi venivo
là...perché sono andato a combattere alla posta...
ROMEO Antonino:
in posta?
NANIA Alessandro:
con la cosa...ieri...oggi...(inc.le)
ROMEO Antonino:
sai dov'è Monticello?
NANIA Alessandro:
si...Monticello Brianza...
ROMEO Antonino:
dopo Oggiono
NANIA Alessandro:
si...si...(Bestemmia)
NANIA Alessandro si lamenta dei soldi che non riesce a prendere in posta e non ha soldi
neanche per la benzina.
[19:36:06]
NANIA Alessandro:
vedi Mario (TROVATO Mario, ndr) è qui
(Posizione auto: Via Ca' Rossa 1 > 1 - 2 > 2 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.862532/9.387199 - 16
km/h)
[19:36:08]
Suono del clacson
ROMEO Antonino:
andiamo a vedere un attimo che gli dico pure una parola va!
[19:36:15]
Suono del clacson
[19:36:22]
ROMEO Antonino:
stiamo andando là sopra...ah Pino mi ha chiamato
stamattina per Massimo (NASATTI Massimo, ndr)
TROVATO Mario:
eh
ROMEO Antonino:
gli hanno detto che faceva 2500 col 25%
TROVATO Mario:
(inc.le)
ROMEO Antonino:
no...al 25 mi ha detto a me...
TROVATO Mario:
dice che non ce la fanno a farglielo più basso...(inc.le) ce la
fanno
ROMEO Antonino:
glielo faccio ma poi questo qua 2500
TROVATO Mario:
(inc.le) però dice "io...non è una questione..." dice "non...lo passa"
ROMEO Antonino:
sono 4000 euro
TROVATO Mario:
non la paga (fonetico)
ROMEO Antonino:
questo sotto un camion dovrebbe andare questo...non "non lo
passa" sotto un camion...va bè ora
TROVATO Mario:
ma lui ha (Rumore di moto)
ROMEO Antonino:
alla fine gli faccio "guarda portala avanti" gli dico
TROVATO Mario:
quindi non...(inc.le) si fa assicurare (fonetico) (inc.le)
ROMEO Antonino:
e che sono?
TROVATO Mario:
(inc.le)
ROMEO Antonino:
nemmeno io so dov'è...(La pizzeria Italia, ndr) ora guardo
NANIA Alessandro:
dovrebbe essere prima della rotonda sulla sinistra...deve essere
ROMEO Antonino:
ciao (Saluta TROVATO Mario, ndr)
NANIA Alessandro:
ciao (Saluta TROVATO Mario, ndr)
ROMEO Antonino:
pizzeria Italia
NANIA Alessandro:
si adesso andiamo
ROMEO Antonino:
dove vai qua...
NANIA Alessandro:
si adesso giro, vado a vedere Rosario per farmi dare qualcosa da
Rosario per mettere benzina senno' resto senza benzina
ROMEO Antonino:
ce l'ho io vai
NANIA Alessandro:
(bestemmia) ma guarda tu...mi stavano rompendo la carta di
credito che mi si era incastrata...Toni (inc.le) ogni volta a tribolare...mi ha mandato (inc.le)
[19:37:48]
Squilli di telefono. ROMEO Antonino al telefono con donna: Conversazione a carattere privato
generico. Le dice che sta andando via con un amico. Da appuntamento per domani.
[19:39:21]
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 164 di 566
Riprendono la conversazione parlando di una terza persona che ha macchine d'epoca da
vendere, poi NANIA Alessandro parla del terreno che ha acquisito e dei pagamenti della
società per cui lavora. NANIA Alessandro parla dei soldi che deve dare allo Stato per le spese
di giustizia dopo il carcere.
I due parlano anche della strada per raggiungere il posto in cui devono andare.
NANIA Alessandro parla di terza persona e dice a ROMEO Antonino di stare attento perché
non è una persona affidabile.
Posizione auto fine progressivo: Via Provinciale - Malgrate (Lecco) - ITA 45.848115/9.371115 - 22 km/h
Progressivo n. 341 del giorno 03/05/2012, ore 19:47:24 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542/12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
NANIA Alessandro e ROMEO Antonino:
Posizione iniziale progressivo: Via Provinciale - Malgrate(Lecco) - ITA - 45.847999/9.370765
- 15 km/h
[19:49:32]
ROMEO Antonino al telefono: da un appuntamento domani mattina alle 9 all'autosalone
I due occupanti parlano dell'attività di vendita auto.
[19:51:14]
ROMEO Antonino al telefono: Conversazione a carattere privato generico
[19:52:29]
NANIA Alessandro chiede se terza persona si chiama Fabio (CONTI Fabio, ndr) e
ROMEO Antonino dice che la pizzeria si chiama "Pizzeria Italia"
[19:53:29]
L'auto si ferma per rifornimento carburante e scendono.
[19:54:03]
NANIA Alessandro al telefono all'esterno della macchina: Conversazione a carattere privato
generico
[19:56:44]
I due rientrano in macchina e NANIA Alessandro dice che ha parlato di un fatto successo a
Calolziocorte dove è avvenuto un accoltellamento ad una ragazza di origini calabresi
[19:58:36]
NANIA Alessandro al telefono con France: NANIA Alessandro avverte l'interlocutore di stare
attento perché c'è un casino
In contemporanea ROMEO Antonino al telefono: Conversazione a carattere privato generico
[20:00:05]
L'auto si ferma nuovamente ed i due scendono.
(Posizione: Strada Statale del Lago di Como e dello - Molteno(Lecco) - ITA 45.786099/9.295232 - 0 km/h)
Progressivo n. 4740 del giorno 03/05/2012, ore 22:02:34 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DB781HZ (R.R.I.T.
778-12) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
TROVATO Mario in macchina:
TROVATO Mario:
lo sai come gli devi dire...sennò senza minacce...senza
niente...cosi poi lui si regola...ciao (TROVATO Mario pronuncia la frase mentre entra in
auto rivolgendo a terza persona all'esterno, ndr)
Auto in movimento.
Radio accesa.
[22:07:35]
TROVATO Mario parla con UOMO: Conversazione a carattere privato generico
(Via dei Riccioli 19 > 29 - 14 > 24 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.852415/9.405665 - 0 km/h)
[22:12:08]
L'auto si ferma in via alle fornaci Lecco e TROVATO Mario resta dentro fino alle 22:14:43
-
Progressivo n. 349 del giorno 03/05/2012, ore 22:03:27 acquisito nell'ambito
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 165 di 566
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542/12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Rumori veicolari ed esterni.
Posizione iniziale: Via Alcide De Gasperi 26 > 18 - 17 > 13 - Lecco(Lecco) - ITA 45.864032/9.388949 - 0 km/h (Vicinanze pizzeria 046, ndr)
Musica: canti popolari e tarantelle ad alto volume in sottofondo
[22:05:53]
NANIA Alessandro effettua una telefonata e parla con Rosario e gli dice di essere sotto casa di
Rosario e di essere arrivato ora. NANIA Alessandro gli chiede di scendere.
(Posizione: via Pasubio SS36 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.861965/9.392015 - 0 km/h)
[22:08:29]
Rosario si avvicina all'auto e gli chiede dove sta andando
(Posizione: via Pasubio SS36 - Lecco(Lecco) - ITA - 45.861965/9.392015 - 0 km/h)
[22:08:26]
NANIA Alessandro:
E niente che io oggi ho avuto un mal di testa che stavo
morendo! Rosà...non sono uscito per niente! Poi dopo mi ha chiamato Mario
(TROVATO Mario, ndr) e... [abbassa la voce] sono andato a vedere quel posto...
ROSARIO:
con chi?
NANIA Alessandro:
con Tonino (ROMEO Antonino, ndr)
ROSARIO:
ah!
NANIA Alessandro:
- inc.le - e poi chi cazzo...ci ha pensato... la macchina, il
telefono neanche ce l'avevo e poi sono andato a prendere lui!
ROSARIO:
E se lo dicevi... andava a piedi lui...
[si sovrappongono le voci]
NANIA Alessandro:
E chi...do...e chi cazzo ci ha pensato... gli ho detto a
Tonino...(ROMEO Antonino, ndr) -inc.le - eravamo con la macchina... ha detto " aspè che
andiamo a vedere se c'è Rosario!". Gli ho detto "non c'è Rosario!" Che siamo andati...un cazzo
di giro abbiamo fatto... -inc.leROSARIO:
Ah si?
NANIA Alessandro:
si! si! -inc.le- Poi... Mario (TROVATO Mario, ndr) ci aspettava
qua
ROSARIO:
Dove... da Mario (TROVATO Mario, ndr)
NANIA Alessandro:
Eh?
ROSARIO:
alla pizzeria di Mario?
NANIA Alessandro:
no, là! Sotto Monticello! E poi siamo andati qua da Mario
(TROVATO Mario, ndr)...però...inc.le... da Mario...i paesani (inc.le)
...omissis...
Segue conversazione a carattere personale.
[22:11:44]
I due si salutano, NANIA Alessandro riprende la marcia.
Musica.
[22:15:59]
NANIA Alessandro saluta scendendo dall'auto.
chiusura di portiera.
Posizione finale: Corso Martiri della Liberazione 127 > 153 - 136 > 170 – Lecco (Lecco) - ITA
- 45.846649/9.397949 - 0 km/h (Vicinanze wild Wood, ndr)
c) La protezione offerta dalla locale di Lecco e il tentativo di estorsione culminato nel
danneggiamento nel gennaio 2012 con esplosioni di colpi d’arma da fuoco nei confronti del
ristorante Old Wild West in Lecco.
La vicenda coinvolge sul piano associativo in prima persona PALERMO Ernesto ed è stata
integralmente ricostruita sulla base di attività di intercettazione telefonica ed ambientale
analiticamente ricostruite nella Annotazione finale di P.G (v. C.R Nucleo di Polizia Tributaria Gico di Milano in data 9.11.2012 pagg. 216-229 ).
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 166 di 566
Tale fatto costituisce ulteriore conferma della pericolosità e determinatezza del sodalizio
criminoso sul piano estorsivo e della capacità di controllo delle attività commerciali nel
Lecchese. Del resto, come vedremo in seguito anche trattando della vicenda del Lido di Parè
nel comune di Valmadrera, TROVATO Mario e l’associazione da lui diretta manifestano uno
spiccato interesse per l’acquisizione o comunque il controllo di esercizi commerciali e bar
attraverso acquisizioni commerciali sia intervenendo in modo illegale su organi della
pubblica amministrazione sia attraverso condotte violente.
PALERMO Ernesto, dopo una serie di contatti a partire dall’estate del 2011 con CADEDDU
Leonardo, professionista della zona che cura gli interessi della società da poco subentrata
nella gestione del locale, contatti chiaramente finalizzati ad offrire una richiesta di
protezione dietro versamento di una somma di denaro, si avvale di manovalanza
dell’associazione per lanciare un messaggio inequivoco facendo esplodere nel gennaio 2012
vari colpi d’arma da fuoco che danneggiano la vetrina del locale.
Durante la fase di indagine emerge infatti l’interesse da parte della locale di Lecco di
acquisire dei locali presso il centro commerciale denominato “Palataurus” al fine di adibirli a
sale per il gioco. Non riuscendo ad ottenere la disponibilità di questi locali, TROVATO Mario
ordina dapprima l’invio di pressioni e minacce implicite attraverso PALERMO ai soci della
GIMA Sviluppo Franchising che avevano acquisito i locali stessi,
e successivamente
predispone un atto di danneggiamento a scopo intimidatorio nei loro confronti con
l’esplosione di numerosi colpi d’arma da fuoco contro le vetrine dell’Old Wild West, attività
commerciale a loro riconducibile.
Nei primi giorni del mese di luglio 2011 PALERMO Ernesto contatta telefonicamente
CADEDDU Leonardo36 docente e suo collega di insegnamento presso l’istituto tecnico
Romegialli di Morbegno.
Nel corso delle conversazioni PALERMO e CADEDDU discutono dell’attività commerciale
svolta da soggetti poi identificati in PORCU Giovanni37 e TADDEI Massimo38, titolari della
società GIMA Sviluppo Franchising S.r.l. (P.I. 07250540965), attiva su tutto il territorio
nazionale nel campo della ristorazione, con la gestione di numerosi ristoranti tematici noti
con il nome “OLD WILD WEST”.
Il tenore della prima conversazione con CADEDDU e le frasi allusive pronunciate da
PALERMO, pur con la cautela che deriva dalla necessità di rapportarsi ad altro
professionista con cui vi è un rapporto di conoscenza, e sotto lo schermo di un suo
interessamento per reperire un immobile adatto alle esigenze della controparte dimostra
chiaramente come PALERMO voglia far presente alla controparte che su quella attività
commerciale anche i precedenti gestori versavano “il pizzo”.
Telefonata n. 7353 del giorno 02/07/2011, ore 18:35:22 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e CADEDDU Leonardo
diretta all'utenza n. 3481505191.
PALERMO Ernesto e CADEDDU Leonardo parlano di uno spazio da affittare per fare
ristorazione che non va bene a terze persone.
CADEDDU Leonardo dice che le persone che rappresenta gestiscono un gruppo, e che stanno
cercando di capire se c'è qualcosa di meglio. CADEDDU Leonardo dice che si è esposto con lui
per cercare qualcosa per fare business e quella cosa che PALERMO Ernesto gli ha offerto non
va bene.
CADEDDU Leonardo dice che il posto per fare il bingo va bene ma loro cercano qualcosa di
particolare.
PALERMO Ernesto dice che il bingo in questione potrà essere visto solo da fuori
perché, così come ha già detto a terze persone, è in vendita.
LEONARDO dice che "là" c'è una proposta e occorre vedere i corrispettivi per vedere se "loro"
(terze persone n.m.i.) confermano le cifre di cui parlano ma se c'è qualcosa di più interessante
36
37
38
nato il 10/04/1970 a Sassari e residente a Morbegno (SO), via Serta n. 8;
nato il 11.8.1980 a Nuoro;
nato il 22.1.1971 a Milano;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 167 di 566
di sicuro non perdono tempo anche loro.
PALERMO Ernesto:
no anche perché là...so di certo che quelli busseranno , eh!
cioè... nel senso... perché già loro... chi c'è dentro... capisci? hai capito quello che ti
voglio dire?
CADEDDU Leonardo:
uh, uh! si ma lì dopo...ti spiegherò io ! che non
"bussano"!
PALERMO Ernesto:
no, no, "bussano", "bussano"!
CADEDDU Leonardo:
no, non bussano! fidati!
PALERMO Ernesto:
te lo dico io che bussano!
CADEDDU Leonardo:
non bussano! non bussano e se bussano... poi sanno cosa
arriva! no lì... non bussano, te lo posso garantire! se loro trovano qualcosa di
meglio...prendono un qualcosa di meglio! il discorso del business è quello che
prevale!
PALERMO Ernesto:
no, noi hai capito quello che ti voglio dire! "Loro" chi è già
dentro... in quel posto lì... quello lì della Brambilla... già pagano, diciamo, un "fitto
in più" capisci?
CADEDDU Leonardo:
no, ho capito! ma quello lì non lo pagheranno più loro!
PALERMO Ernesto:
eh! Leo!
CADEDDU Leonardo:
Eheheheh! tu vedrai! (ride) guarda che ce ne ho altre
di cose a Lecco che non si paga, eh!
PALERMO Ernesto:
e lo so, però... ti dico che... poi ti di... poi... vieni a trovarmi
al lido, viè! che poi ti faccio...
CADEDDU Leonardo:
poi quando ci vediamo... ci vediamo... inc.le e poi ti spiego io
perché non arriva nessuno lì...! ma io spero che salti fuori qualcosa!
PALERMO Ernesto:
oh, Leo! se loro non mi fanno esaurire per nulla...o mi
impegno, perché io... già il discorso che l'abbiamo visto il tuo... conterraneo, diciamo
il padre era già più propenso, quello lì già come l'ha visto..."no, no, no..." Cioè
capisci? Poi ci sono pure modi e modi, capisci quello che ti voglio dire? allora....non
vorrei che io mi im... non che mi impegno... che io... scomodo le persone... poi...
CADEDDU Leonardo:
no! allora il concetto è questo! che quando loro si spostano per
vedere qualcosa...non è che si spostano...per il gusto di farlo! o hanno...
[si sovrappongono le voci]
PALERMO Ernesto:
no, non hai capito! no, assolutamente!
CADEDDU Leonardo:
gestiscono un gruppo eh, Ernesto! no che gestiscono una baracca!
cioè...qua per trovare uno spazio...ne avevano due! uno dopo le sei e mezza e uno prima delle
nove! Probabilmente... se ce n'è un altro... dovranno guardare... le giac... (giacenze, ndr) cioè...
non è che gestiscono una pizzeria Ernesto! gestiscono un gruppo! che tiri su un gruppo,
"gruppo", con tutte le problematiche di un gruppo! quindi non è che perdono tempo a..., voglio
dire, venire su a Lecco e fare fiè! stanno tentando di capire se c'è qualcosa di meglio! io, lo
ripeto, mi sono esposto con te perché mi è sembrato di capire che tu potessi avere delle... dei
contatti, delle possibilità... per trovare una cosa, no?
PALERMO Ernesto:
si, si!
CADEDDU Leonardo:
...per trovare una cosa che è un po' più...che potesse essere
commercialmente più interessante e quindi per il business! però...da quello che ho capito
questa soluzione che han visto però... ripeto, non mi son trattenuto! però la cosa che mi ha
detto , è "Leo... completamente non va bene!" , Poi ti spiegherò, poi li sentirò... e mi farò dire
per quale motivo però proprio...
PALERMO Ernesto:
no ma...
CADEDDU Leonardo:
...il motivo che hanno loro non è...
PALERMO Ernesto:
si, si! ma l'ho detto pure io! viaggiano su un modello standard che
loro... che sicuramente, quello che gli ho proposto io... non lo vedono addirittura...capisci?
CADEDDU Leonardo:
ma no! quello che hai proposto tu, probabilmente, da quello
che ho capito io, da quello che mi hai raccontato... un primo piano, eeeee... quello
va più forse per un ristorante, no so, di altro tipo! un ristorante più di élite..., una
cosa un po’ più... non lo so! provo ad immaginarlo! però...
PALERMO Ernesto:
va bò dai Leo! poi ne parliamo magari con calma!
CADEDDU Leonardo:
io direi, io direi una cosa! cioè se tu hai delle
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 168 di 566
soluzioni...e...che pensi siano veramente adatte... tu l'hai capito quello? perché io
di ristorazione non è che me ne intenda! ma se tu hai capito il tipo di cosa che
vogliono loro e tu pensi di avere qualcosa veramente che possa rispondere... va bene!
se no non stai lì veramente e sbatterti! cioè non...
PALERMO Ernesto:
no, no! ho capito quello che vuoi dire!
LEONARDO:
il discorso del bingo...a loro è piaciuto ma...come anch'io...pensandolo
così...che ne abbiamo parlato a brucia pelo... anche secondo me... il bingo ha delle
caratteristiche perché quel posto lì possa identificare, diciamo, il loro marchio... no? la
posizione mi sembra buona e tutta però...se mi dici in vendita... e loro su Lecco probabilmente
su Lecco vogliono provare e tutto... è un altro paio di maniche!
...omissis...
CADEDDU Leonardo continua a dirgli di fargli sapere se lui ha qualcosa e gli dice che terze
persone andavano a vedersi un po’ di corrispettivi ma poi dice che ci metterà le mani lui ed un
altro gruppo di consulenti per fare un po’ di ragionamenti per vedere se sta in piedi o meno.
PALERMO Ernesto gli dice di sentirsi in settimana per fissare un incontro...
CADEDDU Leonardo:
quindi ti spiego ancora una cosa... che è il passaggio che non ti
ho ancora detto... del "fitto sul fitto che non si avvicina nessuno", perché se... salta
per aria anche, come si chiama? anche il campanile a Lecco! va bene?
PALERMO Ernesto:
va bene, ciao, ciao!
Telefonata n. 7389 del giorno 04/07/2011, ore 10:42, intercettata sull’utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11), in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre
in lingua ITALIANA, tra PALERMO Ernesto e CADEDDU Leonardo, diretta all’utenza n.
3481505191.
PALERMO Ernesto per CADEDDU Leonardo
PALERMO Ernesto dice a CADEDDU Leonardo che c'è un locale che si vende di 200 m e ci si
possono fare ristoranti-pizzerie...LEONARDO dice che 200 m sono pochi perché terze
persone (n.m.i.) hanno un target che parte dai 500 m ai 1000 m.
PALERMO Ernesto rimane sorpreso e dice che queste terze persone, vedendo il locale che gli
ha proposto, sono rimaste sorprese in quanto grande.
CADEDDU Leonardo gli dice altresì che terze persone sono invece molto interessate al
Bingo e gli chiede se è sicuro che "loro" non lo fittano il Bingo.
PALERMO Ernesto dice che il Bingo terze persone non lo fittano.
CADEDDU Leonardo dice che per quello che ha capito...a terze persone il Bingo è piaciuto
molto e gli chiede di chi è la proprietà.
PALERMO Ernesto risponde di non saperlo e dice che il proprietario è uno spagnolo.
PALERMO Ernesto tronca il discorso dicendogli che si risentiranno perché ora dice di essere
nel cantiere e ora non gli può dare neanche attenzione.
CADEDDU Leonardo chiede com'è andato il lido (lido di Parè n.d.r.) e PALERMO Ernesto
dice che ancora non hanno aperto...
Nel corso dell’estate del 2011 PALERMO Ernesto e CADEDDU Leonardo continuano a
commentare l’andamento dell’attività commerciale legata all’Old Wild West e dei rapporti con
il socio PORCU Giovanni. CADEDDU riferisce a PALERMO ancora agli inizi di settembre che
l’iniziativa dei loro clienti gli risulta ferma.
Telefonata n. 8436 del giorno 21/07/2011, ore 11:02, intercettata sull’utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11), in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre
in lingua ITALIANA, tra PALERMO Ernesto e CADEDDU Leonardo, diretta all’utenza n.
3481505191.
PALERMO Ernesto per CADEDDU Leonardo
convenevoli. LEONARDO dice di non essere in ferie ma di essere a casa per via di un'otite.
LEONARDO continua dicendo di essere ancora operativo e che a fine Luglio lavorerà ancora.
PALERMO Ernesto dice che "i suoi amici (di CADEDDU Leonardo ndr.)" non gli hanno fatto più
sapere niente. LEONARDO dice di aver trovato una chiamata di Giovanni (PORCU Giovanni
n.d.r.) e dice "credo che non abbiano concluso ancora niente".
PALERMO Ernesto gli dice di fargli sapere perché dice che "c'è qualcosa in giro".
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 169 di 566
LEONARDO dice che proverà a sentirli e gli farà sapere.
PALERMO Ernesto conclude dicendo " fammi sapere, dai!...che poi ti dico!...".
Si salutano.
Telefonata n. 10654 del giorno 01/09/2011, ore 09:09, intercettata sull’utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11), in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre
in lingua ITALIANA, tra PALERMO Ernesto e CADEDDU Leonardo, proveniente dall’utenza
n. 3481505191.
[09:10:01]
CADEDDU Leonardo:
ho sentito Giovanni Porcu e mi dicevano questo...loro sono
dedicati sai che hanno comprato un grosso spazio in una zona nuova di Cagliari, sul mare, e
a fine settembre aprono... lo devono aprire per cui sono dedicati a quell'apertura... è di
un'operazione grossa, un'operazione da tre milioni di euro. Su hanno fatto la proposta, la cosa
stava andando avanti, hanno richiamato e questo ha risposto che sta valutando altre
proposte...per cui è rimasta ferma...a loro risulta che lui l'abbia chiusa comunque...tu mi avevi
detto che stavano facendo dei lavori forse...dice "noi abbiamo saputo che stava facendo lavori"
dice "a noi non risulta" risulta che è chiusa...e lui ha in mano altre proposte e stan prendendo
tempo per capire...però loro non hanno forzato perché col discorso di Cagliari "ne abbiam fin
sopra ai capelli" vediamo come parte Cagliari, a fine settembre torniamo alla carica...con lui e
poi valutare altre cose...comunque Lecco continua ad essere una realtà che interessa...e poi se
è una realtà che riesce...io i miei dubbi inizio ad averli perché...a Lecco non c'è tutto questo
grande entusiasmo verso una novità...verso le cose...però...loro sono interessati...una proposta
è lì...se l'accetterà ovviamente dovranno andare avanti...se non accetta riprendono le
ricerche...
PALERMO Ernesto:
ho capito
CADEDDU Leonardo:
quindi poi ti farò sapere io...però in questo momento è tutto
fermo...io gli ho detto "ma sai che ho saputo da Ernesto PALERMO che”...tu mi hai detto
così...hai visto fare dei lavori, no?
PALERMO Ernesto:
si...si...
CADEDDU Leonardo:
e mi fa "no...no...a noi risulta che è chiuso...cioè chiuso...non stan
facendo nulla anche perché lui non voleva fare lavori"
…omissis…
Di assoluta rilevanza che contestualmente a tali contatti PALERMO in una conversazione
ambientale nell’autovettura di TROVATO
discuta con TROVATO Mario la strategie per
controllare anche questa nuova attività commerciale sul territorio di Lecco inviando persone
ed segnali estorsivi alla nuova proprietà sfruttando callidamente le informazioni ricevute da
PALERMO e l’attività posta in essere dallo stesso. TROVATO Mario è disponibile a consentire
l’apertura del nuovo locale ma intende parlare con i titolari che devono comportarsi come
vuole TROVATO, frase che si comprende in relazione a quanto già comunicato da PALERMO
a CADEDDU circa il pizzo corrisposto dai precedenti titolari : “ …No, ci parliamo! Gli dico:
"io ve lo dico ora, aprite eh, tranquillamente! O vi comportate come vi dovete comportare...", gli
dico, "se decidete che vi piace, se no qua non ci state, può venire pure il Padreterno... basta...
chiaro... chiaro!!! Poi... andate pure dagli sbirri, andate dove volete..." senza nessuno..”
Progressivo n. 2536 del giorno 26/08/2011, ore 11:06:52 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di TROVATO Mario, si sente la voce di TROVATO Mario e di PALERMO Ernesto:
PALERMO Ernesto parla di una terza persona (presumibilmente Roberto il meccanico, ndr)
che gli ha rovinato la macchina sbagliando a cambiargli la cinghia.
TROVATO Mario: Hai capito... quale...
PALERMO Ernesto:
Sì, ho capito, dove c'è, il "Bisonte" (fonetico)
TROVATO Mario: Sai cos'hanno fatto là, hanno finito la domenica sera prima delle ferie, gli
hanno smontato tutto e al padrone non gli hanno lasciato niente... inc.le... non gli hanno
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 170 di 566
pagato né affitto e né niente. Proprio alla "ladra"...perciò, come se fosse che gli hanno rubato...
se ne sono... sono spariti la notte, come hanno chiuso la domenica sera, hanno smontato
quello che si dovevano prendere, hanno portato via tutto e gli hanno abbandonato il posto in
questa maniera. A me... me lo ha detto uno là al mare, mi ha detto: "qua... inc.le... dice... è
bello, c'hai i posti pure... puoi parcheggiare avanti... c'hai tutto, è pure sulla strada......magari
questo qua... inc.le...noi hai capito? Però, mi diceva questo ragazzo qua che era al mare, vedi
che io ero andato a farmi (fonetico) sentire... "e questo qua...mi sembra che non me lo danno a
me perché è rimasto scottato in questa maniera" "ma tutti in questa maniera siete qui!" Ora,
voglio vedere un attimino, in caso ci mandiamo qualcuno altro
PALERMO Ernesto:
era buono si...
TROVATO Mario: Ma va beh!
PALERMO Ernesto:
Oh, vedi che quel discorso là lo aprono, eh!
TROVATO Mario: Cosa?
PALERMO Ernesto:
Lo aprono quel discorso, poi quando è... dobbiamo vedere
come cazzo... dobbiamo fare e se dobbiamo mandare quei ragazzi
TROVATO Mario: quale posto... questo... al "Bione" (Old Wild West, ndr)
PALERMO Ernesto:
Bravo!
TROVATO Mario: (inc.le) eee...scusa...che vengano...devono venire
PALERMO Ernesto:
(inc.le)
TROVATO Mario: Non devono fare i lavori?
PALERMO Ernesto:
Lo facciamo aprire noi, però.
TROVATO Mario: Si, ma non devono fare i lavori? Dopo (inc.le)... chi c'è dietro... con loro...
vediamo chi c'è... Tu li conosci a questi... no?
PALERMO Ernesto:
Sì, sì
TROVATO Mario: Eh allora!
PALERMO Ernesto:
Io, al limite li faccio venire qua con una scusa, e poi...
TROVATO Mario: No, ci parliamo! Gli dico: "io ve lo dico ora, aprite eh,
tranquillamente! O vi comportate come vi dovete comportare...", gli dico, "se decidete
che vi piace, se no qua non ci state, può venire pure il Padreterno... basta... chiaro...
chiaro!!! Poi... andate pure dagli sbirri, andate dove volete..." senza nessuno
PALERMO Ernesto:
hai saputo della moglie di Luni ?
TROVATO Mario: di chi?
PALERMO Ernesto:
del MANCUSO...
TROVATO Mario: è stato là sotto (inc.le)
PALERMO Ernesto:
No! La moglie di Luni si è ammazzata!
TROVATO Mario: come si è ammazzata?
= omissis=
Il 19.12.2011, PALERMO Ernesto contatta nuovamente CADEDDU Leonardo, informandolo
di avere la necessità di parlargli con urgenza e di persona <<…Senti… io e te dobbiamo
parlare… …Per quel discorso là… no!... per telefono non posso…>>
Il messaggio inviato da PALERMO è esplicito circa il fatto che l’apertura del locale al
Palataurus ha disturbato gli interessi di persone in contatto con lo stesso e che questo
potrebbe comportare “ la chiusura del locale” se la proprietà non va a parlare con tali
persone.
Il messaggio risulta veramente preoccupante e soprattutto troverà una sinistra ( e
violenta) conferma di lì a pochi giorni.
Telefonata n. 16312 del giorno 09/12/2011, ore 19:25, intercettata sull’utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11), in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre
in lingua ITALIANA, tra PALERMO Ernesto e CADEDDU Leonardo, proveniente dall’utenza n.
3481505191.
CADEDDU Leonardo per PALERMO Ernesto:
PALERMO Ernesto:
Pronti.
CADEDDU Leonardo:
Pronto caro, allora!
PALERMO Ernesto:
Senti…io e te dobbiamo parlare…
CADEDDU Leonardo:
Eh!...dimmi…
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 171 di 566
PALERMO Ernesto:
Per quel discorso là…no!...per telefono non posso…
CADEDDU Leonardo:
No… bhè…ma anticipami, eh...
PALERMO Ernesto:
Sono arrabbiati un po’ qua…
CADEDDU Leonardo:
Sono arrabbiati?...
PALERMO Ernesto:
Si!
CADEDDU Leonardo:
Ma per cosa?
PALERMO Ernesto:
Eh…per l’aaaa…per l'apertura...
CADEDDU Leonardo:
Io l'ho saputo… l'ho saputo in settimana (dell’apertura
ndr.)…perché Marta mi ha detto…mi ha detto che ti aveva parlato e c'era stato…siccome è un
pezzo che non li sentivo…per cui gli ho telefonato…anche perché…mmhh… insomma…visto
che aprivano mi sarei aspettato mi avessero…mi avessero chiamato...
PALERMO Ernesto:
No, diglielo, perché ci sono problemi… sennò altrimenti…eh,
te lo dico perché ci stimiamo… per evitare che magari aprono…
CADEDDU Leonardo:
Ma guarda…
PALERMO Ernesto:
Aprono e chiudono…cioè (ride) non vorrei...hai capito?...Se
magari si vanno a fare un giretto, sono più tranquilli...
CADEDDU Leonardo:
Ma (inc.le)...Ma digli che ci vadano direttamente, no!
PALERMO Ernesto:
Ma và!...’ste cose non si fanno così…ma và!...vanno…
CADEDDU Leonardo:
Diglielo...
PALERMO Ernesto:
Vanno da chi?...
CADEDDU Leonardo:
Digli che chi ci deve andare che ci vada!...
PALERMO Ernesto:
Ma da chi?...
CADEDDU Leonardo:
Che ci vada direttamente…Che ci vada direttamente...
PALERMO Ernesto:
Devono parlare con loro…non con chi ci lavora, eh!...
CADEDDU Leonardo:
Uhm…
PALERMO Ernesto:
Eh!...
CADEDDU Leonardo:
Io non sò se loro sono lì...
PALERMO Ernesto:
Eh!...per ciò...
CADEDDU Leonardo:
Perché normalmente quando aprono poi si spostano… non
stanno sul punto…
PALERMO Ernesto:
uhm…
CADEDDU Leonardo:
Però secondo me fateci un salto…
PALERMO Ernesto:
No, io non ci vado certo…io non ci vado sicuramente…ma
scherzi!...
CADEDDU Leonardo:
No no no no…chi ci deve andare, ci faccia un salto...
PALERMO Ernesto:
Va bene…ok!
CADEDDU Leonardo:
Digli che si facciano un salto…
PALERMO Ernesto:
Va boh…
CADEDDU Leonardo:
Io per altro… per altro, ci andrò a vederlo… a vedere cos'han
fatto… so che sono rimasti lì alla… lì al “TAURUS”…
PALERMO Ernesto:
Sì sì sì… dove avevano preso insomma...
CADEDDU Leonardo:
Lì al TAURUS, li ho sentiti… in settimana… e per altro
mi han detto che va molto bene…
PALERMO Ernesto:
Uhm…no, giusto...
CADEDDU Leonardo:
abbiam (fon.) fatto l'apertura, era... Dice che era pieno
(il locale ndr.)
PALERMO Ernesto:
Dato che loro dicono di essere tranquillissimi… però… non
mi sembra che sia cosi...
CADEDDU Leonardo:
Digli
che
ci
vadano,
no...
Che
vadano
a
trovarl,...inc.le... qualcuno che vada a trovarli…
PALERMO Ernesto:
Va bene… ambasciator non porta pena LEONARDO...
CADEDDU Leonardo:
Tu digli che vadano…io non ho…poi io francamente
non…non è che ne sappia…arrivo fino ad un certo punto…poi non...so che sono
abbastanza…come già ti avevo detto, no...
PALERMO Ernesto:
Sì sì…ma è questo qua è quello che li ha fatti innervosire
ancora di più...
CADEDDU Leonardo:
So che sono abbastanza... abbastanza coperti, però…
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 172 di 566
PALERMO Ernesto:
Questa copertura è quello che ha fatto innervosire di più, hai
capito?
CADEDDU Leonardo:
Ma tu digli…digli che vadano no…
PALERMO Ernesto:
Va bene...
CADEDDU Leonardo:
Parlano direttamente…digli pure che ci vadano, io…
PALERMO Ernesto:
Ok…
CADEDDU Leonardo:
Non è che abbia… io non ne ho interessenze lì, per cui non...
PALERMO Ernesto:
Benissimo…apposto…ho capito...
CADEDDU Leonardo:
non posso dirti diversamente...
PALERMO Ernesto:
Ho capito…ho capito LEO…ho capito perfettamente…va boh...
CADEDDU Leonardo:
Inc.le...Se capito magari anche io giù, ti faccio uno squillo…
PALERMO Ernesto:
Va bene...
CADEDDU Leonardo:
Si va bene dai…ci sentiamo allora…aggiornami tu dai,
inc.le...Ciao...
PALERMO Ernesto:
no, io…non ci vado là eh…io non ci vado certo Leo...Hai
capito?...
CADEDDU Leonardo:
no no…chi ci deve andare dico (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Saranno cazzi loro...va boh...ok, dai poi ci sentiamo…
CADEDDU Leonardo:
Io lì…no ti dico…io lì non ho nulla…non ho consulenza…non
ho nulla, perché la consulenza gliela segue CAMPIDORI, che è quello studio lecchese,
quello grosso...no, per cui di fatto non...
PALERMO Ernesto:
Va boh, Leo…io (inc.le)...che dici tu…non li conosci proprio, dai…va
bene...
CADEDDU Leonardo:
io
li
ho
persi…li
ho
persi
ad
un
certo
punto…no…perché ho visto che poi sono abbastanza cani sciolti...
PALERMO Ernesto:
Ah…ah…
CADEDDU Leonardo:
Sono abbastanza cani sciolti…ecco quello di Lissone
non è il loro, eh…
PALERMO Ernesto:
No?...
CADEDDU Leonardo:
No no!...
PALERMO Ernesto:
E di chi è?...
CADEDDU Leonardo:
Penso che sia di qualcun'altro...che ha sempre il contratto lì
di utilizzo del marchio…ma non son loro...
PALERMO Ernesto:
Ah, ho capito...
CADEDDU Leonardo:
No quelli di Lissone non son loro…magari se capito lì a Lecco
ti faccio uno squillo, che andiamo a (inc.le)… insieme, eh?...
PALERMO Ernesto:
Bravo bravo bravo…ok, dai che ne parliamo meglio a
voce…ciao bello…
CADEDDU Leonardo:
ciao ciao
PALERMO Ernesto:
Ciao.
Riferisce nella citata Annotazione la PG
“La mattina del 16.1.2012 la Squadra Volante, a seguito di una segnalazione pervenuta al
113, interveniva presso l’esercizio commerciale denominato “Old Wild West” sito in Lecco, viale
Brodolini, in quanto era stata comunicata la presenza di alcuni fori di proiettile presenti sulla
vetrata del ristorante.
La Polizia constatava n° 11 fori di proiettile sulla vetrina del locale, rinvenendo a circa 15 metri
di distanza 14 bossoli recanti sul fondello la dicitura “GLS 9 mm 96”.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 173 di 566
[foto raffigurante i fori di proiettile nella vetrina]
Veniva raccolta la denuncia-querela del sig. TADDEI Massimo, uno dei soci della società
“GIMA Sviluppo Franchising”, con sede in Milano via Mecenate n. 76/29, proprietaria del
locale di ristorazione oggetto del danneggiamento, nonché le sommarie informazioni
testimoniali dell’altro socio, il sig. PORCU Giovanni.
I due riferivano di essere soci al 50% della società GIMA Sviluppo Franchising che fra l’altro
gestiva altri ristoranti dell’omonima catena operanti nelle città di Reggio Emilia, Tradate (VA),
Cagliari, Quartucciu (CA) e Catania, ed anche di essere i titolari di un’altra società denominata
“GIMA Immobiliare” con sede in Cagliari via Carloforte n. 60; quest’ultima detiene il 100%
della “GIMA Ristorazione”.
TADDEI Massimo e PORCU Giovanni riferivano di aver siglato, attraverso l’intermediazione
della società “COMUNICA S.a.s.” con sede a Varese via Staurenghi n. 37, il contratto d’affitto
del locale con il proprietario Sig. BERETTA Carlo39, per una somma pari a 120.000 euro annui
per un massimo di sei anni rinnovabili, riferentisi ad una superficie di oltre 700 metri quadrati
e di aver proceduto all’assunzione del personale da adibire allo svolgimento dell’attività in
interesse, rilevandolo in parte dalla precedente gestione, in parte con nuove assunzioni.
I due soci inoltre ipotizzavano che il fatto criminoso potesse essere accaduto tra le ore 01:02,
orario di chiusura del locale, e le ore 09:30 circa della mattinata, orario di riapertura del
locale, per l’espletamento delle ordinarie operazioni di pulizia. Entrambi riferivano di non
essere stati oggetto di minacce, richieste di denaro o altri atti intimidatori, né per questa
attività sita in Lecco né per le altre attività commerciali di cui sono in qualche modo proprietari
o gestori. Gli stessi aggiungevano di non aver contratto debiti con alcuno, se non normali
leasing accesi presso regolari società di credito, ed ancora di essere assicurati per detto tipo di
eventi, ovvero atti vandalici, presso la società “TORO Assicurazioni” Agenzia di Udine.
39
nato il 14.3.1950 a Casatenovo (LC) residente a Como, Via Picchi n. 4;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 174 di 566
Fra le persone escusse dal personale della Polizia di Stato, emergeva la figura del Sig.
BERETTA Carlo, Amministratore Delegato della società Benicom S.r.l. che gestiva l’immobile
“PALA-TAURUS” sito a Lecco via Brodolini n. 35 e che, tra l’altro, trattava personalmente gli
affitti relativi ai locali in seno al Pala-Taurus.
Lo stesso, in merito ai precedenti affittuari del locale ed alle ultime richieste di affitto, riferiva
che dal 2004 fino al 6.8.2011 la struttura commerciale, ad uso ristorazione, era stata data in
locazione alla “Hop-Hop” S.r.l, di cui era amministratore delegato BERETTA Paola Francesca,
mentre il direttore del ristorante era PEDRINI Gianluigi. A seguito delle difficoltà di gestione,
nel mese di Agosto scorso, l’attività venne chiusa e la Hop-Hop S.r.l posta in liquidazione.
A dire del BERETTA, la notizia della chiusura del locale “Hop-Hop” S.r.l venne divulgata anche
da alcuni quotidiani locali ed in ragione di ciò nel periodo successivo, ad agosto 2011, lo
stesso venne contattato da diversi potenziali acquirenti.
Tra gli stessi si evidenziava SALVO Angelo40, residente a Valmadrera (LC) via Giuseppe Verdi
n. 2, che annoverava precedenti penali per tentata estorsione e rissa, il quale aveva chiesto in
affitto il locale per adibirlo a sala giochi. Quest’ultimo, come risultava dalle investigazioni del
G.I.C.O. di Milano, era amico intimo di PALERMO Ernesto e persona di fiducia della famiglia
COCO-TROVATO, nonché titolare del ristorante “Wild Wood” di Lecco, all’interno del quale la
D.B.M. Electronics S.a.s., altra società sotto il diretto controllo dell’organizzazione criminale
(vgs. § 1.4. - IL CONTROLLO SULLE ATTIVITA’ DELLA D.B.M. ELECTRONICS S.a.s..) aveva
installato apparecchiature informatiche tipo TOTEM, attraverso le quali promuoveva e
controllava il gioco d’azzardo on-line. Lo stesso SALVO Angelo si era fatto promotore
dell’installazione di dette apparecchiature informatiche, in favore della medesima D.B.M.
Electronics S.a.s., presso altri esercizi commerciali presenti sul territorio lecchese.
Le dichiarazioni di BERETTA circa l’intenzione di aprire una sala giochi da parte di SALVO
Angelo spiegavano l’interesse della cosca per quei locali, dei quali non era riuscita ad entrare
in possesso.
Lo stesso BERETTA nelle sue dichiarazioni specificava che l’offerta venne rifiutata poiché non
era sua intenzione adibire la struttura a quel tipo di attività.
40
nato il 01.05.1970 ad Altomonte (CS)
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 175 di 566
“…Dai fratelli SALVO, titolare dell’ utenza 3382841817. In merito ai SALVO posso dire che gli
stessi da circa un anno mi hanno fatto varie proposte per la locazione del locale posto sopra il
negozio “Taurus” al fine di aprire una sala giochi. Preciso che dopo Agosto 2011 venivo
ricontattato dai SALVO perché erano interessati anche al locale di ristorazione di cui si tratta.
Domanda: ”ha subito minacce da parte di qualcuno per assoggettarsi la locazione
del ristorante ubicato in Lecco via Brodolini nr.35?”
Risposta: ” nessuno mi ha mai mosso minacce o pressioni circa la locazione del ristorante.”
Domanda: ”Può circostanziare in che modo si sono svolti gli incontri che ha avuto
con i SALVO?”
Risposta: ”posso dire che nell’ottobre del 2011 i SALVO si erano ripresentatai chiedendomi
in locazione il locale in argomento spiegandomi che erano intenzionati ad aprire anche una
sala giochi in collaborazione con la Lottomatica. Io declinavo l’offerta poiché non interessato a
questo tipo di attività e ricordo che dall’ottobre 2011 ad oggi non ho avuto più contatti con i
SALVO.
[stralcio del verbale di sommarie informazioni redatto in data 16.1.2011 nei confronti di
BERETTA Carlo da personale della Polizia di Stato di Lecco]
Appare opportuno sottolineare inoltre che il personale della Polizia di Stato che aveva escusso
in atti BERETTA Carlo, si era avveduto che quest’ultimo, allorché menzionava e raccontava gli
eventi che riguardavano SALVO Angelo, appariva preoccupato, cercando di minimizzare in
merito ai termini di quella contrattazione.
I successivi accertamenti consentivano alla Polizia di Stato di Lecco di acquisire i filmati di una
telecamera posizionata nelle vicinanza del locale “Old Wild West” che consentiva di
intravedere, fra le ore 03:40:02 e le ore 03:40:15 la sagoma della persona che materialmente
aveva commesso il reato.41 …”
Il 26.1.2012 TROVATO Mario manifesta a ROMEO Antonino l’evidente preoccupazione
che i rapporti avuti nel periodo precedente da PALERMO con i soggetti subentrati
nella gestione del locale ed alcuni discorsi fatti da PALERMO possano in qualche modo
ricondurre l’attentato alla sua persona. Tutta la conversazione sembra un tentativo, a
fronte di possibili intercettazioni, di giustificare il suo interessamento nella vicenda,
interessamento che , come visto, emerge in modo oggettivo dalla conversazione
ambientale del dicembre 2011 precentemente riportata.
Progressivo n. 3885 del giorno 26/01/2012, ore 09:48:17 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
TROVATO Mario e ROMEO Antonino:
TROVATO Mario e ROMEO Antonino discutono sull'interpretazione delle conversazioni
intercettate da parte delle Forze dell'Ordine.
ROMEO Antonino dice che BERLUSCONI ha ragione quando dice che sono tutti spiati.
TROVATO Mario si lamenta di Ernesto (PALERMO, ndr), al quale, in moltissime
occasioni, si è raccomandato di specificare sempre le parole al telefono e nonostante
ciò TROVATO Mario racconta di una telefonata ricevuta per parlare del processo di
Giacomo (TROVATO, ndr), TROVATO Mario dice che Ernesto (PALERMO, ndr) ha fatto la
domanda senza specificare la parola "processo", pertanto TROVATO Mario gli ha chiuso il
telefono incazzandosi e dicendogli di non essere più chiamato.
[09:52:38]
ROMEO Antonino:
"quella cosa là"... magari un'ora prima magari c'è stato
qualche fatto a Lecco... c'è stato magari...
TROVATO Mario: è successo in questi giorni... è successo quel fatto del Bione
(sparatoria vetrina Old Wild West, del 16.01.2012, ndr)
ROMEO Antonino:
sì... voglio dire... eh! "È successa quella cosa lì"... uno può
41
vgs. ALLEGATO N. 10 – Annotazione di Polizia Giudiziaria redatta in data 16.01.2012 da personale della Squadra Mobile della
Questura di Lecco e successivi accertamenti inerenti al P.P. 340/12 all’uopo instaurato dalla Procura della Repubblica di Lecco;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 176 di 566
interpretare in quel senso...
TROVATO Mario: oltretutto, quelli del Bione conoscono lui
ROMEO Antonino:
eehh... eeh... sì, per quello ti sto dicendo, uno...
TROVATO Mario: non capiscono le cose... ora gli faccio l'ultima cazziata... quando lo
(PALERMO Ernesto, ndr) vedo gli dico: "cancella il mio numero" "davanti a me
cancellalo... non mi chiamare più... quando vuoi venire vieni personalmente..."
ROMEO Antonino:
ancora sta a Morbegno?
TROVATO Mario: sì...
ROMEO Antonino:
eh, ma è grande... non puoi fare queste cazzate
TROVATO Mario: perché è nella sua natura essere "faciloni", hai capito?
ROMEO Antonino:
di alcuni però...
TROVATO Mario: ce l'hanno nel DNA, di essere faciloni in queste cose... e tu, gli puoi
fare qualsiasi cazzo di cosa che è sempre così, quindi non ci devi parlare... non gli
devi dire certe cose... perché... qual è la mia paura? Se sei stato in macchina con me
magari... parla a "mezze" parole... cioè anche se tu non rispondi... però
l'interpretazione poi te la...
ROMEO Antonino:
ah, poi si vede con chi parla dopo... questo che stai dicendo
a me... persone che parlavano in macchina mentre io ero in galera... e raccontavano
cazzi
TROVATO Mario: ma quello è il problema... il problema... per esempio... io non ho
problemi a parlare con la gente... il problema è quello che dicono dopo che parlano
con me!
ROMEO Antonino:
eh, certo... perché loro continuano ad ascoltare...
TROVATO Mario: "mi sono incontrato con quello"
ROMEO Antonino:
fanno una cosa per un'altra...
Parlano di macchine. Poi parlano di pene, detenzione, sorveglianza e buona condotta.
La conversazione ambientale del 28.1.2012 tra
PALERMO Ernesto e
NANIA
Alessandro nell’autovettura del primo risulta illuminante nel suo chiaro sviluppo e
conferma unitamente agli elementi sopra riportati
l’attribuzione dell’episodio
intimidatorio avvenuto nel locale Old Wild West alla associazione di TROVATO Mario
e si ricollega del resto sul piano logico e fattuale ai ripetuti avvertimenti che
PALERMO aveva fatto pervenire da ultimo non più di un mese prima tramite i contatti
con CADEDDU.
Da tale conversazione emerge infatti che:
PALERMO Ernesto spiega di essere stato proprio lui ad aver suggerito a TROVATO Mario di
prendere provvedimenti nei confronti dei titolari dell’“Old Wild West”:
<<…Mario (TROVATO Mario, ndr)... e gliel'ho detto io... non ti ricordi che te l'ho detto a
te? E non ci credo… …Io gliel'ho detto veramente di fargli... glielo avevo detto io...:
"Passa una volta dalla vetrina... Buum bum bum... quattro botte (intende colpi d'arma
da fuoco, ndr)…>>.
PALERMO e NANIA e dimostrano di conoscere l’autore materiale del reato, che criticano le
modalità d’esecuzione, in quanto aveva danneggiato solo una e non tutte le vetrine del locale
<<PALERMO Ernesto: Poi quell'altro... o gliela vai a bucare... bucare tutta... solo ad
una vetrina…>>.
NANIA Alessandro si rammarica che in questo modo erano stati procurati dei danni minori
di quelli che avrebbero potuto essere inflitti <<…lo spazio là ce l'aveva (fonetico) più bella
di quella (fonetico). Giovanni PORCU si frega...>>.
NANIA Alessandro dimostra di aver avuto un ruolo nel procurare la manovalanza per
l’esecuzione dell’attentato <<…che è venuto da qua, l'ho accompagnato (fonetico) io, che
poi me ne ha parlato lui (terza persona, ndr) e poi non ci siamo visti più…>>.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 177 di 566
Gli autori del fatto probabilmente due fratelli vengono descritti come soggetti pericolosi e
particolarmente portati all’azione <<…Sì, sì, i due fratelli… …ma quelli sono bruciati
quei ragazzi, eh! Cioè quelli, specialmente quello, a quello se gli dici una cosa
vola…>>, proprio per dimostrare il suo valore criminale <<…Per farsi vedere…>>.
Da ultimo PALERMO Ernesto mostra la sua soddisfazione per l’evento criminoso come
riaffermazione del prestigio criminale della ‘ndrina ed al fine di accrescere le capacità di
controllo sul territorio <<…Mario (TROVATO, ndr)... eh... Sandrì (NANIA Alessandro, ndr),
si devono mettere in piedi (fonetico) un'altra volta le cose… …La gente si sta
prendendo troppa confidenza…>>.
Progressivo n. 328 del giorno 28/01/2012, ore 20:43:52 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EJ708RG (R.R.I.T.
67/12) in uso a PALERMO Ernesto.
La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di PALERMO Ernesto sono presenti PALERMO Ernesto e NANIA Alessandro:
Posizione Iniziale auto: Viale Pasubio - SS36 - (Lecco) - ITA - 45.863665/9.390365 - 0 km/h
[20:44:26]
PALERMO Ernesto:
aveva ragione Mario (TROVATO Mario, ndr) capisce a me qua
sopra (fonetico)
NANIA Alessandro:
Mario (TROVATO Mario, ndr)... e gliel'ho detto io... non ti
ricordi che te l'ho detto a te? E non ci credo... (bestemmia)... colpa, non andavo a
cercarne io...
PALERMO Ernesto:
Io gliel'ho detto veramente di fargli... glielo avevo detto io...:
"Passa una volta dalla vetrina... Buum bum bum... quattro botte (intende colpi d'arma
da fuoco, ndr)...
NANIA Alessandro:
Non conveniva... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Sì, sì.
NANIA Alessandro:
Se no...
PALERMO Ernesto:
Poi quell'altro... o gliela vai a bucare... bucare tutta... solo
ad una vetrina...
NANIA Alessandro:
No... che è venuto da qua, l'ho accompagnato (fonetico) io,
che poi me ne ha parlato lui (terza persona, ndr) e poi non ci siamo visti più... più là
di (parola/e incomprensibile/i)
PALERMO Ernesto:
Sì, sì, i due fratelli (fonetico).
NANIA Alessandro:
(bestemmia) ad Oggiono (fonetico)... lo spazio là ce l'aveva
(fonetico) più bella di quella (fonetico). Giovanni PORCU si frega... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Ma quelli sono... ma quelli sono bruciati quei ragazzi, eh!
Cioè quelli, specialmente quello, a quello se gli dici una cosa vola.
NANIA Alessandro:
Per farsi vedere
PALERMO Ernesto:
Ah!
NANIA Alessandro:
...(inc.le)... guai! Quello, io l'aspettavo di là, quello è venuto...
(inc.le)... "eh... qua... eh"...
PALERMO Ernesto:
Chi/che ha fatto?
NANIA Alessandro:
Cosa devo fare...?, coglioni... che tenere... (inc.le)... nelle mani...
(inc.le)... ti pare che uno può passare con una donna, giusto là... è roba... (inc.le)...
PALERMO Ernesto:
Eh sì, eh sì... (inc.le)... sì, comunque l'avete messa in piedi
un'altra volta la cosa
NANIA Alessandro:
E questa volta...
PALERMO Ernesto:
Mario (TROVATO, ndr)... eh... Sandrì (NANIA Alessandro, ndr),
si devono mettere in piedi (fonetico) un'altra volta le cose
NANIA Alessandro:
Sì
PALERMO Ernesto:
La gente si sta prendendo troppa confidenza
NANIA Alessandro:
Sì, sì. L'altra sera è venuto quell'albanese... che è di Oggiono, quel
mezzo scemo di Oggiono con gli occhiali che beve ogni tanto, quello alto. Angelo (SALVO, ndr)
lo ha chiamato, con quello... (inc.le)... che non aveva pagato... siccome dice: "è con me...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 178 di 566
(inc.le)..., ma io non so in che posto sono... hey!"... dice... "in un posto qua di amici e di...
(inc.le)...", "ah, io ho preso...", "cosa devi sapere?", gli ho detto... "guarda mamma mia... la
macchina la prendo io"
PALERMO Ernesto:
ah! Sei andato a prenderla...
NANIA Alessandro:
la prendo, gli avanzo quella di BONGARZONE (Claudio, ndr)
non va bene a Mario (TROVATO, ndr). I carabinieri là passano di continuo... hai capito?
PALERMO Ernesto:
quante botte a Mario (TROVATO, ndr)... al bar...
NANIA Alessandro:
(parola/e incomprensibile/i) dice che gli hanno dato botte in testa
PALERMO Ernesto:
eh! Ci sono passato io...
NANIA Alessandro:
dietro la testa... non so se bisogna cercarlo
PALERMO Ernesto:
compà! L'hanno combinato come una "pezza"
NANIA Alessandro:
non sai... un gruppetto... questo ha fatto la fine di Pasquale mio, che
ne picchiava due... e altri ragazzini gli hanno gonfiato la faccia... se "vedi un gruppetto"... ed
io me ne sono pentito di essere andato ad aggiustare quella cosa (bestemmia)
PALERMO Ernesto:
te la trovi sulla coscienza Sandro
NANIA Alessandro:
si però non (parola/e incomprensibile/i) non c'è più
I due interlocutori parlano delle condizioni climatiche.
…omissis…
A chiudere il cerchio interviene la conversazione telefonica del
30.1.2012 tra
CADEDDU Leonardo e PALERMO Ernesto dalla quale emerge in modo chiaro che
quest’ultimo ha sollecitato dopo l’attentato un nuovo contatto tramite CADEDDU con
i gestori del locale per evidenti ragioni
di verifica di un cambiamento di
atteggiamento.
A tale ennesima sollecitazione CADEDDU ben consapevole del ruolo assunto
dall’interlocutore nei contatti precedenti all’attentato al locale si mostra stupito ed
amareggiato per l’operato di PALERMO provocando l’ovvia reazione di PALERMO che
cerca abilmente di dimostrare la sua buona fede.
(CADEDDU Leonardo:
Per altro... scusami un attimo... ti faccio... adesso in tutta
franchezza, no? Ma..., io ti ho conosciuto diciamo lì a scuola, no? E mi son fatto
un'idea, cazzo, un'idea diversa! Se poi... indirettamente vengo..., come dire, mi fai
ragionamenti di quel tipo lì... cioè... io, francamente, non ti ci vedo, non ti ci voglio
vedere dentro...)CADEDDU Leonardo: No, come ti vedo... so che... chiaramente... tu ti
sei rivolto a me... per... per fare in modo che io li contatti, perché diversamente...
PALERMO Ernesto:
No, no, no! Io ti ho detto: "se hanno problemi, dato che sono
amici tuoi... (inc.le)...io ho fatto una cortesia a te ! Se dovessi avere problemi... me lo
fai sapere, solo questo Leo! Basta!
Nonostante questo, come del resto avviene in altre analoghe occasioni,
a
dimostrazione degli effetti della forza intimidatrice dell’associazione prevale un
atteggiamento di assoluta omertà e né CADEDDU né i titolari della società GIMA
denunceranno
le specifiche
pressioni e richieste subite da PALERMO né
indicheranno i possibili moventi dell’attentato.
Telefonata n. 19240 del giorno 30/01/2012, ore 15:14:05 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra CADEDDU Leonardo e PALERMO Ernesto e
proveniente dall'utenza n. 3481505191.
CADEDDU Leonardo per PALERMO Ernesto:
Convenevoli.
PALERMO Ernesto dice a CADEDDU Leonardo che lo aveva cercato pe ricordargli il vocabolario
di latino (per la figlia di PALERMO Ernesto, ndr).
[15:14:49]
PALERMO Ernesto:
Poi... per quell'altra cosa... non avevi sentito, no?
CADEDDU Leonardo:
Quell'altra cosa... ti riferisci alla telefonata... ai proprietari
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 179 di 566
di quel locale?
PALERMO Ernesto:
Sì!
CADEDDU Leonardo:
Ho provato a chiamare... perché ho un solo numero... che è
quello dei uno dei due, per quello sardo, non mi... non mi risponde!
PALERMO Ernesto:
Ah!
CADEDDU Leonardo:
Non mi risponde! Quindi... adesso... non so... io è da un pezzo che
non li sento per cui, francamente, sono abbastanza...
PALERMO Ernesto:
Ma, sì! No, no... giusto per... (inc.le)... se riesci a sentirli...
CADEDDU Leonardo:
Sì, io per altro è strano... diciamo che non riesco a sentirli... nel
senso... non so adesso se sono in zona o se si spostano... che impegni hanno ma...
chiaramente non ho nella loro agenda... nè tantomeno nulla!
PALERMO Ernesto:
Ho capito!
CADEDDU Leonardo:
Però ecco... adesso... giusto per... essere... come dire,
Ernesto, per essere trasparenti, è meglio che non usiamo né telefoni
PALERMO Ernesto:
Sì, sì, sì... sì!
CADEDDU Leonardo:
...né tantomeno...
PALERMO Ernesto:
...assolutamente
CADEDDU Leonardo:
né tantomeno... che su questa vicenda, su questa vicenda...
sarebbe il caso che non ne parliamo, no?
PALERMO Ernesto:
Va bene! Va benissimo!
CADEDDU Leonardo:
...(inc.le)... perché... (inc.le)... francamente
PALERMO Ernesto:
Va bene, Leo!
CADEDDU Leonardo:
non mi appartiene, (ride) scusa se te lo dico chiaramente!
PALERMO Ernesto:
No, no! A posto, a posto! Va bene
CADEDDU Leonardo:
Per altro... scusami un attimo... ti faccio... adesso in tutta
franchezza, no? Ma..., io ti ho conosciuto diciamo lì a scuola, no? E mi son fatto
un'idea, cazzo, un'idea diversa! Se poi... indirettamente vengo..., come dire, mi fai
ragionamenti di quel tipo lì... cioè... io, francamente, non ti ci vedo, non ti ci voglio
vedere dentro...
PALERMO Ernesto:
No, ma come Leo?...in che cosa? Ma che stai dicendo? Come mi
vedi?
CADEDDU Leonardo:
No, come ti vedo... so che... chiaramente... tu ti sei rivolto a
me... per... per fare in modo che io li contatti, perché diversamente...
PALERMO Ernesto:
No, no, no! Io ti ho detto: "se hanno problemi, dato che sono
amici tuoi... (inc.le)...io ho fatto una cortesia a te ! Se dovessi avere problemi... me lo
fai sapere, solo questo Leo! Basta!
CADEDDU Leonardo:
Ah, okay! Se dovessi avere dei problemi... te lo devo far sapere?
PALERMO Ernesto:
E basta! (ride), solamente questo! Tu non mi devi fare nessuna,
nessuna cosa... Leo!
CADEDDU Leonardo:
Io... proverò ancora a sentirli... proverò ancora a chiamarli...
PALERMO Ernesto:
Eh, assolutamente, no, no! Dato che tu me li hai fatti
conoscere tu... e mi hai detto che sono come dei fratelli, sono tuoi amici, sono
questo, sono quell'altro... io mi son permesso, vista l'amicizia, se dovessero avere dei
problemi... io sono a disposizione! Se hanno bisogno, punto! Solamente questo, Leo!
Non fraintendermi, eh! (ride) e no... assolutamente...!
CADEDDU Leonardo:
Sì... no, però tutto... siccome il tutto era partito nella tua...
diciamo... disponibilità piena a trovare, diciamo... dargli una mano a trovare un
locale, no?
PALERMO Ernesto:
Ho capito Leo! Ma io mi sono rivolto a te... ti ho accennato
questa cosa qua, non è che mi sono rivolto a te, ti ho accennato questa cosa qua...
visto e considerato i rapporti che tu c'hai con questi! Cioè, nel senso... se dovessero
avere problemi... e visto io la stima che ho nei tuoi confronti... mi sono messo a
disposizione! Cioè... semplicemente questo, Leo! Se poi alla fine... a te non te ne fotte
un cazzo... pensa a me... quanto cazzo me può fregare (ride) detta proprio "inter nos"!
A me non interessa niente, eh! Non più di quello che tu pensi, assolutamente!
CADEDDU Leonardo:
Va bene!
PALERMO Ernesto:
Te capì? E' solamente un chiarimento... (ride), così... si chiarisce la
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 180 di 566
cosa...
CADEDDU Leonardo:
Ci sentiamo... che ti faccio avere... passo... passerò per farti avere
quel dizionario per tua figlia!
PALERMO Ernesto:
Vabbò! Ciao
CADEDDU Leonardo:
Ciao!
Pochi minuti dopo questa conversazione PALERMO inviava a CADEDDU due sms uno dei
quali implicitamente minaccioso.
SMS n. 19241 del giorno 30/01/2012, ore 15:22:29 intercettato sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. Sms diretto all'utenza n.
3481505191.
Visto i dubi che hai sulla mia persona e mi dispiace francamente cancello il tuo numero e mi
scuso se la mia amicizia e passata per un dispiacere ciao
SMS n. 19242 del giorno 30/01/2012, ore 15:30:20 intercettato sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. Sms diretto all'utenza n.
3481505191.
Dimenticavo lascia stare x il vocabolario...e ricorda di spendere nella vita quando si
parla quello che vale non di piu caro CADEDDU !!!!
d) Il controllo del territorio. Le intimidazione nei confronti di gruppi delinquenziali locali.
La capacità intimidatoria ed il conseguente controllo del territorio posto in essere da un
nucleo associativo ex art.416 bis si misura anche negli interventi violenti e minacciosi
realizzati nei confronti di forme di delinquenza generica a seguito di controversie
economiche o personali sorte in un dato contesto geografico.
In questo modo infatti il sodalizio mafioso ristabilisce le dovute gerarchie in un determinato
contesto sociale e riafferma a livello locale la propria supremazia anche nella filiera
criminale.
Ciò è funzionale naturalmente non solo alle possibilità di controllo del territorio e delle
attività illegali che rappresentano parte degli scopi dell’associazione mafiosa ovvero agli
interessi dei suoi membri ma assume notevole rilievo
per lo stesso prestigio
dell’associazione nei confronti della popolazione locale dal momento che l’associazione
mafiosa viene ad assumere un ruolo sanzionatorio (o in alcuni casi regolatore) di conflitti ,
sia pure con mezzi illegali e violenti, in luogo dei pubblici poteri.
E’ quanto
avvenuto nei confronti di un gruppo di albanesi legati da rapporti di
collaborazione per la distribuzione di giornali con PALERMO Attilio- cugino di PALERMO
Ernesto e tra l’altro omonimo di un fratello di quest’ultimo - i quali in conseguenza di una
controversia economica hanno minacciato pesanti atti di danneggiamento nei confronti
dell’attività imprenditoriale di PALERMO Attilio con l’incendio di furgoni(v. C.R Nucleo di
Polizia Tributaria - Gico di Milano in data 9.11.2012 pagg. 231-247 ).
PALERMO Attilio richiede a PALERMO Ernesto il suo intervento e PALERMO Ernesto, dopo
aver ottenuto l’autorizzazione da parte della famiglia TROVATO, si rivolge prima a DE LUCA
Bruno e NANIA Alessandro e poi a GERACE Girolamo, soggetto che, assieme ad alcuni
complici in funzione di manovalanza riesce a rintracciare e minacciare i soggetti albanesi
all’origine del dissidio ottenendo la cessazione delle condotte di disturbo ai danni di
PALERMO Attilio .
Per il servizio resogli PALERMO Attilio verserà una somma di denaro all’organizzazione.
L’8.9.2011 PALERMO Attilio (cugino) richiede a PALERMO Ernesto il suo intervento
-
Telefonata n. 10748 del giorno 08/09/2011, ore 09:20:20 intercettata sull'utenza
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 181 di 566
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Attilio (cugino) e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3284109515.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto) per PALERMO Ernesto:
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto) dice a PALERMO Ernesto di fargli un favore. Tale favore
sarebbe un imbasciata a degli albanesi di un agenzia, perché gli stanno
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Ascoltami a me.
PALERMO Ernesto:
Dimmi.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
é questo favore. Mi devi mandare un imbasciata
a questi sciasberga (termine disprezzativo in dialetto calabrese ndr) qua di albanesi là
(luogo n.m.i.) di un agenzia.
PALERMO Ernesto:
Si.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Mi stanno rompendo il cazzo.
PALERMO Ernesto:
Va bene.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Perché stamattina hanno iniziato anche a
minacciarci
PALERMO Ernesto:
Va bene.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Sono arrivati i giornali tardi, non hanno voluto fare il
doppio giro, metà li hanno fatti, i nostri li hanno fatti, i loro non li hanno fatti, e vogliono essere
pure pagati, e scusa se tu (riferito agli albanesi ndr) non lo fai un altro giro ti devo pagare?
PALERMO Ernesto:
Va bene dai, che poi ne parliamo a voce, però.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Dai va bene.
PALERMO Ernesto:
Ti chiamo io. Ok?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Si. Ciao Ernè (PALERMO Ernesto ndr).
PALERMO Ernesto:
Ciao bello, ciao ciao.
Dalla pizzeria “THE VILLAGE” di DE LUCA Bruno PALERMO Ernesto si mette in contatto
con il cugino PALERMO Attilio e chiede ulteriori dettagli sulla questione.
Telefonata n. 1943 del giorno 08/09/2011, ore 09:51:20 intercettata sull'utenza
n. 3345451581 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e PALERMO Attilio (cugino
di Ernesto) diretta all'utenza n. 3284109515.
PALERMO Ernesto per PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Fuori cornetta si sente la voce di DELUCA Bruno (ndr).
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Pronto?
PALERMO Ernesto:
Oh, Attì
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Dimmi.
PALERMO Ernesto:
Allora ma chi sono questi qua (Riferito agli albanesi ndr)?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Eh lavorano là sopra Ernè.
PALERMO Ernesto:
Ma là sopra dove?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Ai giornali.
PALERMO Ernesto:
Ai giornali qua ad Oggiono?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Eh ad Oggiono si.
PALERMO Ernesto:
Ah eh inc.le... ma il problema qual è, che ti hanno detto, che ti
hanno fatto?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Eh hanno minacciato quello ch'è insieme a me
no, hanno detto che ora incendiano i furgoni, fanno e disfano.
PALERMO Ernesto:
Che gli incendiano il furgone?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto): Ah.
PALERMO Ernesto:
Ma pensa te.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto): Ma sti 4 Zimbari (Animali ndr) che non valgono
niente Ernè, solo che hai capito, mai nessuno gli ha buttato 2 schiaffi hai capito,
sono 6-7 ed allora fanno i grandi, si muove 1 e gli altri si affiancano hai capito!
PALERMO Ernesto:
Ho capito, ma dimmi una cosa, a questi tu riesci a portarli qua, a
bere un aperitivo qualcosa?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Ma no io li ho distaccati Ernè, io non li vedo più.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 182 di 566
PALERMO Ernesto:
Uhm.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
L'unica cosa, si dovrebbe fare un giro lì sopra
(Oggiono ndr) di notte perché ci sono tutti hai capito. Perché inc.le...
PALERMO Ernesto:
La notte sono tutti là (Albanesi ndr)?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
La notte sono tutti (Albanesi ndr) là (Oggiono ndr).
PALERMO Ernesto:
Ho capito. E va bene dai, e ma cosa gli dobbiamo dire a
questi, di lasciarti in pace?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto): Gli devi dire solamente, che devono fare ciò che
dici dici lo devono fare e basta, se vogliono stare là a lavorare se no, pigliano e se ne
vanno.
PALERMO Ernesto:
Ho capito, va bene.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto): Perché stamattina metà dei nostri li hanno
fatti, loro invece non l'hanno voluto fare il giro, però dopo pretendono che gli devo
pagare un altro giro. Cioè ma se tu non esci con il furgone cioè, quello mi dice a me.
PALERMO Ernesto:
Loro fanno mezzo lavoro e lo vogliono pagato intero
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto): Eh!
PALERMO Ernesto:
Ho capito. Va bene dai.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto): Ma poi sono sempre una rogna, ogni volta ne
trovano una, ogni volta, ogni volta.
PALERMO Ernesto:
Va bene. Ma questi lavorano sotto a te insomma.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto): No siccome noi abbiamo l'appalto là no, loro
hanno i furgoni e tutto, però alla fine noi prendiamo i soldi di questo qua
dell'agenzia, e noi glieli giriamo a loro.
Di sottofondo si sente la voce di DELUCA Bruno che dice: Ho capito, ho capito.
PALERMO Ernesto:
Va bene dai, ok.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Va bene.
PALERMO Ernesto:
Va bene...ok ciao ciao.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
E fammi sapere dai.
PALERMO Ernesto:
ok ciao ciao.
PALERMO Ernesto dopo aver coinvolto DE LUCA Bruno contatta anche NANIA Alessandro,
invitandolo al ristorante “The Village” per una comunicazione urgente.
Telefonata n. 1946 del giorno 08/09/2011, ore 10:00:40 intercettata sull'utenza
n. 3345451581 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e NANIA Alessandro diretta
all'utenza n. 3348952116.
PALERMO Ernesto per NANIA Alessandro:
I due interlocutori si chiamano Compare.
PALERMO Ernesto:
Vi disturbo? Stavate Dormendo?
NANIA Alessandro:
è sempre un piacere sentire la vostra voce compare Ernesto
(PALERMO Ernesto ndr)
PALERMO Ernesto:
Grazie Compare mio. Senti, se puoi passare lì dal Villaggio
(The Village di DELUCA Bruno ndr).
NANIA Alessandro:
Di Dove?
PALERMO Ernesto:
Dal villaggio (The Village di DELUCA Bruno ndr) là a Germaneto.
NANIA Alessandro:
Si.
PALERMO Ernesto:
Eh. Ha detto (presumibilmente DELUCA Bruno ndr) di passare di
là (The Village di DELUCA Bruno ndr) che deve dirti una cosa.
NANIA Alessandro:
Si che ora saliamo, compa Frà (fon) che ora arrivo subito.
PALERMO Ernesto:
Ok va bene ciao, ciao.
NANIA Alessandro:
Ciao.
Immediatamente dopo la telefonata a NANIA Alessandro, PALERMO Ernesto contatta
nuovamente suo cugino Attilio, informandolo che alcuni uomini si stavano già muovendo in
suo favore.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 183 di 566
Telefonata n. 1947 del giorno 08/09/2011, ore 10:01:58 intercettata sull'utenza
n. 3345451581 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e PALERMO Attilio diretta
all'utenza n. 3284109515.
PALERMO Ernesto per PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Pronto?
PALERMO Ernesto:
A posto eh.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Inc.le...A posto.
PALERMO Ernesto:
Che stasera, domani, ci vanno.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Ah.
PALERMO Ernesto:
Se no ci va proprio lui (presumibilmente DELUCA Bruno ndr) hai
capito?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Ah Ah.
PALERMO Ernesto:
EH. Poi glielo dici al socio tuo, magari, lo sa come si deve
comportare.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Va beh.
PALERMO Ernesto:
Un regalo poi prendi e glielo fate.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Va bene dai.
PALERMO Ernesto:
Che almeno non avete rotture di coglioni ok?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Si. Va bene, ma poi mi dici tu quello che
dobbiamo fare.
PALERMO Ernesto:
Si va bene ok.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
ok.
PALERMO Ernesto:
Ciao ciao.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Ciao.
Pochi minuti dopo NANIA Alessandro raggiunge il ristorante di DE LUCA.
PALERMO Ernesto, che nel frattempo si era allontanato dal locale, invita NANIA Alessandro
a parlare con DE LUCA, già informato dei fatti, per conoscere i motivi della convocazione
<<…Ah…e parla con Bruno! (DELUCA Bruno ndr) che gliel'ho lasciato detto… Che sa
tutto lui…>>.
Telefonata n. 1950 del giorno 08/09/2011, ore 10:12:36 intercettata sull'utenza
n. 3345451581 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra NANIA Alessandro e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3348952116.
NANIA Alessandro per PALERMO Ernesto:
NANIA Alessandro:
Inc.le... Sono qua al villaggio (presumibilmente The Village di
DELUCA Bruno ndr) io.
PALERMO Ernesto:
Eh?
NANIA Alessandro:
Sono al villaggio (presumibilmente The Village di DELUCA Bruno
ndr).
PALERMO Ernesto:
Tu sei già qua?
NANIA Alessandro:
Si al villaggio (presumibilmente The Village di DELUCA Bruno
ndr).
PALERMO Ernesto:
Ah… e parla con Bruno! (DELUCA Bruno ndr) che gliel'ho
lasciato detto.
NANIA Alessandro:
AH!
PALERMO Ernesto:
Che sa tutto lui (DELUCA Bruno ndr).
NANIA Alessandro:
Si.
PALERMO Ernesto:
Ah! ok?
I due interlocutori si salutano.
NANIA Alessandro, dopo aver parlato con DELUCA Bruno, si dichiara pronto a fare la sua
parte coinvolgendo anche altri soggetti di etnia albanese
-
Telefonata n. 1955 del giorno 08/09/2011, ore 13:15:30 intercettata sull'utenza
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 184 di 566
n. 3345451581 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e NANIA Alessandro diretta
all'utenza n. 3348952116.
PALERMO Ernesto per NANIA Alessandro:
PALERMO Ernesto:
Ti ha spiegato la cosa?
NANIA Alessandro:
Si.
PALERMO Ernesto:
Ah.
NANIA Alessandro:
Sempre la stessa mischia (gruppo ndr).
PALERMO Ernesto:
Sii.
NANIA Alessandro:
Si ho capito
PALERMO Ernesto:
Uhm.
Omissis.
PALERMO Ernesto:
Stammi a sentire, che facciamo, ci mandiamo ad uno di loro
stessi?
NANIA Alessandro:
Si.
PALERMO Ernesto:
Quell'amico tuo là...Eh.
NANIA Alessandro:
Si si ci penso io.
PALERMO Ernesto:
Te la vedi tu?
NANIA Alessandro:
Si che sono già andato prima e non c'era inc.le...
PALERMO Ernesto:
AH ho capito. Te la vedi tu allora compà?
NANIA Alessandro:
Si si si.
PALERMO Ernesto:
Ok grazie.
NANIA Alessandro:
Ci penso io.
I due interlocutori si vedranno questa sera.
Qualche ora dopo PALERMO Ernesto informa il cugino PALERMO Attilio sulla necessità di
posticipare la spedizione punitiva a causa della momentanea mancanza di soggetti albanesi
a cui appoggiarsi spiegandogli nel frattempo che era stato autorizzato a utilizzare a scopo
intimidatorio il nome della famiglia COCO, autorizzazione datagli in prima persona da
TROVATO Mario e dal cognato di quest’ultimo DE LUCA Bruno
Telefonata n. 1970 del giorno 08/09/2011, ore 18:33:24 intercettata sull'utenza
n. 3345451581 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e PALERMO Attilio diretta
all'utenza n. 3284109515.
PALERMO Ernesto per PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
convenevoli...
PALERMO Ernesto:
Attiì, ascolta...tu , se riesci, da quello lì..., al tuo socio, gli puoi far
fare direttamente quel nome là eh!
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Direttamente?
PALERMO Ernesto:
Quel nome là, eh! perché vanno... allora... questo qua arriva sta
sera...quest'albanese! se riescono vanno sta sera se no'...andranno domani! Comunque... tu
fagli fare il nome direttamente di quelli, senza problemi eh! Che mi hanno detto di
dirglielo...!
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
...Inc.le...
PALERMO Ernesto:
Si, si, sui! Gli dici tu che dietro ci sono "loro", quel
nome lì...perciò... (inc.le) decidete voi quello che volete fare...e po’, tanto, tra oggi..., no oggi
non penso, ma tra domani dopo la visita gliela vanno a fare!
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto): Ah! ma...
PALERMO Ernesto:
Vanno di notte però, eh!
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto): Eh di notte ma non c'é st'amico qua Erne' di
notte!
PALERMO Ernesto:
Eh! e...magari gli fai fare una telefonata e glielo fai dire!|
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Ah!
PALERMO Ernesto:
Eh! oppure quando arriva...gli...
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
... (inc.le)... tanto lo capiscono...sta mattina ci si è
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 185 di 566
litigato! (con terze persone).
PALERMO Ernesto:
Eh! allora lo chiami e gli dici " guarda che...forse non vi... "
(PALERMO Ernesto si interrompe) va boh., dai! ci facciamo andare loro direttamente e basta!
facciamo così, dai! aspettiamo che vanno loro e basta!
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
eh! dopo... le due (fonetico) di notte, Ernè eh!
PALERMO Ernesto:
Al...inc.le
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Eh!
PALERMO Ernesto:
E va bene dai!...inc.le... per uno no! Che lo prendono e glielo dice !
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Si, tanto...ce n'è uno là che è il più grosso di tutti! E
quello è il più caca cazzo che c'è!
PALERMO Ernesto:
Va bene, dai! basta che ne trovano uno là...basta che... (inc.le)
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Eh! Ce ne sono sei o sette...ne basta uno!
PALERMO Ernesto:
Ma sì! Non ti preoccupare che gliel'ho già detto! Gliel'ho detto sia
a lui (TROVATO Mario, ndr) che al cognato (DELUCA Bruno, cognato di TROVATO Mario,
ndr). Non ci sono problemi, si! Gli ho spiegato la cosa com'è...quando ti ho chiamato
ero con "loro" proprio! (TROVATO Mario e DELUCA Bruno f.c.).
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Ah! ho capito!
PALERMO Ernesto:
Non ti preoccupare, tanto...che cazzo ti
devono fare? Tieni
pazienza, qualche paio di giorni..., il tempo che...
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Si, si, si!
PALERMO Ernesto:
Così abbassano la "cresta " un po’!. Glielo dici al socio tuo...,
magari non tanto a "LUI" ma magari a chi gli manderà... magari, … un "fiore" poi glielo fanno
(un riconoscimento materiale)
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Che gli deve fare? non ho capito Ernè?
PALERMO Ernesto:
Un fiore, poi glielo fate!
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Ah! e va bè!
PALERMO Ernesto:
Giusto..., poi vedete, sigarette...co, poi vedete!
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Eh!
PALERMO Ernesto:
Eh! Così...te li tieni buono pure tu, per altre cazze di cose!
Così non ti rompe il cazzo più nessuno, eh!
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
Okay Ernè , ci sentiamo
PALERMO Ernesto:
Ciao, ciao!
A mezzanotte del 9.9.2011 PALERMO Ernesto si incontra all’interno del Wild Wood, locale
dei fratelli SALVO, con il pregiudicato GERACE Girolamo42, altro soggetto scelto per
partecipare alla spedizione contro gli albanesi.
Telefonata n. 10776 del giorno 10/09/2011, ore 00:02:19 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e GERACE Girolamo diretta
all'utenza n. 3668045759.
PALERMO Ernesto per GERACE Girolamo:
PALERMO Ernesto e GERACE Girolamo si troveranno da Angioletto (SALVO Angelo ndr).
PALERMO Ernesto, dieci minuti dopo, chiede a suo cugino Attilio ulteriori informazioni utili
al rintraccio degli albanesi e preannuncia che avrebbe preso parte personalmente alle
operazioni di intimidazione.
Telefonata n. 10780 del giorno 10/09/2011, ore 00:12:45 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Attilio (cugino di Ernesto) e
PALERMO Ernesto proveniente dall'utenza n. 3284109515.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto) per PALERMO Ernesto:
PALERMO Ernesto chiede a PALERMO Attilio (cugino di Ernesto) come si chiama questo
42
nato il 09.03.1978 a Tropea (VV) e residente a Valmadrera (LC), via Casnedi n. 38
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 186 di 566
(l'albanese ndr).
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto) dice che l'albanese si chiama Riky.
PALERMO Ernesto dice che va anche lui su (dagli albanesi ndr).
[00:14:13]
Si sente fuori cornetta la voce di Uomo (n.m.i.).
La mattina seguente PALERMO Ernesto riferisce al cugino che la loro spedizione notturna
non aveva consentito di rintracciare gli albanesi e che avrebbero comunque riprovato nei
giorni seguenti.
Telefonata n. 10794 del giorno 10/09/2011, ore 11:04:14 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Attilio (cugino di Ernesto) e
PALERMO Ernesto proveniente dall'utenza n. 3284109515.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto) per PALERMO Ernesto:
PALERMO Ernesto dice che ieri sera sono andati (terze persone n.m.i.) e non sono riusciti ad
entrare là (luogo n.m.i.).
PALERMO Ernesto chiede dove abita questo qua (n.m.i.), e come si chiama di nome e cognome
preciso questa persona.
PALERMO Attilio dice che sembra che ha cambiato casa questa terza persona (albanese ndr) e
mi sembra che abiti a Calolzio.
PALERMO Ernesto dice di essere andato anche lui là (a prendere l'albanese ndr) ma non
gli hanno aperto i cancelli.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto) dice che queste persone (gli albanesi ndr) dicono sempre
ti ammazzo, ti prendo, accendiamo i furgoni.
PALERMO Ernesto dice che terze persone (n.m.i.) stanno cercando questa terza persona
(l'albanese ndr).
Nei giorni 14 e 15 settembre 2011 GERACE Girolamo, intanto, si attiva sul territorio con
alcuni suoi complici nelle ricerche degli albanesi da punire <<…Sono a Dolzago, li siamo
andati a trovare e non c'era a Dolzago però… …Comunque u trovammu (lo abbiamo
trovato ndr) non ti preoccupare…>>, mantenendo costantemente informato PALERMO
Ernesto sugli sviluppi <<…Sono sangue vostro io…>>.
Telefonata n. 10993 del giorno 14/09/2011, ore 12:19:23 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e GERACE Girolamo diretta
all'utenza n. 3668045759.
PALERMO Ernesto per GERACE Girolamo:
GERACE Girolamo:
Compare Ernesto.
PALERMO Ernesto:
OU momò.
Omissis.
GERACE Girolamo:
A Dolzago sono quelli (Albanesi ndr) là, non sono ad Oggiono eh.
PALERMO Ernesto:
Tutto a posto? Avete già risolto?
GERACE Girolamo:
Sono a Dolzago, li siamo andati a trovare e non c'era a
Dolzago però.
PALERMO Ernesto:
Ah Ah.
GERACE Girolamo:
Quegli altri a Oggiono perché non sono di Oggiono.
PALERMO Ernesto:
Ah ah, ho capito. Ma l'importante.
GERACE Girolamo:
Ma neanche Riky.
PALERMO Ernesto:
Eh?
GERACE Girolamo:
Non si chiama neanche Riky.
PALERMO Ernesto:
No?
GERACE Girolamo:
No. Comunque u trovammu (lo abbiamo trovato ndr) non ti
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 187 di 566
preoccupare.
PALERMO Ernesto:
Va bene.
GERACE Girolamo:
E per tempo lo abbiamo trovato ieri perché non c'era. Ed ora
a limite, tempo un giorno o due, che mi arrangio io.
PALERMO Ernesto:
Ok. Compare mio, siete sempre gentile.
GERACE Girolamo:
Sono sangue vostro io.
PALERMO Ernesto:
Ma va... Magari voi, fossi il mio maestro, quale inc.le...
GERACE Girolamo:
inc.le... ciao
PALERMO Ernesto:
Ciao compare, ciao grazie, ciao.
Telefonata n. 11082 del giorno 15/09/2011, ore 18:11:11 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e GERACE Girolamo diretta
all'utenza n. 3668045759.
PALERMO Ernesto per GERACE Girolamo:
GERACE Girolamo gli dice che "è tornato da lì" ma non risponde nessuno al telefono che gli
hanno dato, è staccato e chiede di chiamare il cugino (PALERMO Attilio, ndr) farsi dare il
numero "buono" e poi darlo a lui e PALERMO Ernesto dice che dovrebbero chiamare di notte
all'1.30 ma GERACE Girolamo ha bisogno di sapere un posto che frequenta di giorno o
un altro numero del tizio.
PALERMO Ernesto risponde che gli farà sapere.
Nel frattempo PALERMO Ernesto si rivolge al cugino Attilio per avere nuove informazioni
sugli albanesi.
PALERMO Attilio cerca di ridimensionare la gravità della vicenda ma PALERMO Ernesto
rimarca che ormai gli ordini erano già stati impartiti <<…adesso è troppo tardi infatti…
…una “tirata" gliela dovranno fare perché queste persone lui le conosce ed andranno
avanti…>>.
Telefonata n. 11083 del giorno 15/09/2011, ore 18:12:53 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e PALERMO Attilio diretta
all'utenza n. 3284109515.
PALERMO Ernesto per PALERMO Attilio (cugino di PALERMO Ernesto, ndr):
PALERMO Ernesto parla di una persona (l'albanese che GERACE Girolamo sta cercando, ndr)
la quale di notte non si riesce a trovare, è di Dolzago ed il numero che è stato dato non
è il suo o non risponde ed è staccato e gli chiede il numero di telefono di questa
persona o un modo per rintracciarlo e PALERMO Attilio (cugino di PALERMO Ernesto,
ndr) risponde che potrà rintracciarglielo.
PALERMO Ernesto gli dice di fargli avere questo numero così "glielo giro a loro
(intende GERACE Girolamo, ndr)" così potranno parlarci e trovarlo.
PALERMO Attilio (cugino di PALERMO Ernesto, ndr) dice di aver incontrato un fratello del
tizio che stanno cercando il quale gli ha chiesto scusa per l'accaduto ma PALERMO
Ernesto risponde che adesso è troppo tardi infatti PALERMO Attilio (cugino di
PALERMO Ernesto, ndr) dice che "una tirata" gliela dovranno fare perché queste
persone lui li conosce ed andranno avanti nel comportarsi così.
PALERMO Ernesto chiede di trovargli il numero di telefono del tizio che stanno cercando ed un
numero dell'albanese che si potrà trovare di giorno. PALERMO Ernesto gli dice di sbrigarsi
perché queste persone che lo stanno cercando sono "già in moto" da giorni.
Si mettono d'accordo per scambiarsi le informazioni tramite messaggi.
Una settimana dopo GERACE Girolamo con alcuni complici localizza gli albanesi a Oggiono
(LC) e comunica a PALERMO Ernesto di essere pronto ad impartire loro una lezione
<<…siamo pronti... …l'abbiamo trovati qua ad Oggiono… …quando vuoi io
mando…>>.
L’uomo politico lecchese fornisce l’autorizzazione a procedere e si raccomanda che la lezione
venga impartita con durezza.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 188 di 566
Telefonata n. 529 del giorno 22/09/2011, ore 12:20:26 intercettata sull'utenza n.
3668045759 (R.R.I.T. 2464/2011) in uso a GERACE Girolamo. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra GERACE Girolamo e PALERMO Ernesto e
diretta all'utenza n. 3345451581.
GERACE Girolamo per PALERMO Ernesto
PALERMO Ernesto:
si...
GERACE Girolamo:
professore buongiorno, mica disturbo no?
PALERMO Ernesto:
no, non vi preoccupate
GERACE Girolamo:
a Oggiono siamo pronti... a Dolzago... quando vuoi...!
PALERMO Ernesto:
perché?
GERACE Girolamo:
l'abbiamo trov... l'abbiamo trovati qua ad Oggiono
PALERMO Ernesto:
siii... e quando vuoi... dobbiamo andare noi?
GERACE Girolamo:
no no... quando vuoi io mando
PALERMO Ernesto:
ma... quando vuoi, puoi mandarlo pure adesso
GERACE Girolamo:
affare fatto ciao
PALERMO Ernesto:
Mo... come... come i grandi toast... alla Calabrese parlando
GERACE Girolamo:
non ti preoccupare... ciao
PALERMO Ernesto:
ok, ciao ciao, grazie
GERACE Girolamo:
ciao
PALERMO Ernesto:
ciao ciao
Il giorno dopo GERACE Girolamo comunica a PALERMO di avere eseguito l’ambasciata agli
albanesi circostanza che viene poi comunicata da PALERMO al proprio cugino.
Telefonata n. 2258 del giorno 23/09/2011, ore 18:13:39 intercettata sull'utenza
n. 3345451581 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra GERACE Girolamo e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3668045759.
GERACE Girolamo per PALERMO Ernesto:
[18:20:03]
….
PALERMO Ernesto:
ascolta, quella cosa me l'ha fatta...
GERACE Girolamo:
tutto a posto! Tutto a posto!
PALERMO Ernesto:
ma che gli hanno detto?
GERACE Girolamo:
e poi quando vengo ti spiego
PALERMO Ernesto:
ma, c'hanno parlato?
GERACE Girolamo:
sì!
PALERMO Ernesto:
allora, posso chiamare mio cugino (PALERMO Attilio, ndr) e
glielo dic...
GERACE Girolamo:
no, aspetta... è inutile che lo chiami... perché è andato ieri e
deve tornare anche domani e non è come hai detto tu!
PALERMO Ernesto:
ah, ah
GERACE Girolamo:
come ogni volta i parenti... rompono i coglioni
PALERMO Ernesto:
ah, ah
GERACE Girolamo:
(inc.le) hanno detto in questo modo qua e loro lo hanno detto ad un
tuo parente
PALERMO Ernesto:
ah
GERACE Girolamo:
ora sono sicuro al 98%, domani sono sicuro al 100%, quando
domani sono sicuro al 100% ti chiamo e ti spiego quello che è successo
PALERMO Ernesto:
va boh
GERACE Girolamo:
comunque, gli è già venuta la "febbre maligna" a quello lì, ha
già capito!
PALERMO Ernesto:
non ho capito
GERACE Girolamo:
a quello lì...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 189 di 566
PALERMO Ernesto:
eh
GERACE Girolamo:
ha già "la febbre maligna" addosso, perché... è andato...
(inc.le)
PALERMO Ernesto:
eh, ho capito, ho capito
GERACE Girolamo:
però, il discorso è questo qui, ha detto una cosa che a lui lo
discolpa e quindi, o facciamo le cose giuste o facciamo un abuso, siccome io sono
per le cose giuste... domani, (inc.le) al 100% quello che è successo ti spiegherò tutto,
comunque è già a posto che lui... nonostante tutto, non c'è problema! (inc.le).
Si risentiranno così GERACE Girolamo gli spiegherà tutto.
Telefonata n. 2261 del giorno 23/09/2011, ore 18:36:40 intercettata sull'utenza
n. 3345451581 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e PALERMO Attilio diretta
all'utenza n. 3284109515.
PALERMO Ernesto per PALERMO Attilio:
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
quel numero, non ce l'ho fatto a recuperarlo
PALERMO Ernesto:
non ti preoccupare, l'hanno già preso!
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
dai!
PALERMO Ernesto:
a posto (inc.le)
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
sì?
PALERMO Ernesto:
suo fratello, l'hanno già preso
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
perché stanotte lavora e tutto, siccome c'è l'elenco
autisti...
PALERMO Ernesto:
no, no, a posto...
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
ma che t'ha detto?
PALERMO Ernesto:
eh?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
ma che gente è?
PALERMO Ernesto:
che ne so, non so nessuno, si devono stare solamente calmi
calmi.
PALERMO Ernesto:
non ti preoccupare, se ti dicono qualche cosa, glielo dici, voi non mi
dovete rompere la minchia, punto!
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
va bene
PALERMO Ernesto:
poi loro chiedevano i diritti loro, poi ti spiego a voce, (inc.le)
poi ti spiego a voce, ok?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto): ok
PALERMO Ernesto:
vedi che il regalo a quello (GERACE Girolamo, ndr) gliel'ho
fatto io, eh
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
che gli hai fatto?
PALERMO Ernesto:
gli ho dato 1000 euro
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
e la Madon...
PALERMO Ernesto:
eh sì, sono andate 4 persone più due albanesi
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
mi
PALERMO Ernesto:
eh, li devi tenere buoni Attì... perché sono... poi ti spiego...
dai!
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
va bene
PALERMO Ernesto:
Al limite glieli cerchi a lui, li cerchi al socio tuo, a fronte di un
furgone bruciato che cazzo vuoi?
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
eh dai, questo è vero!
PALERMO Ernesto:
eh! Che non ci rompano la minchia! Perché non è che la tengono con
te, la tengono con quello.
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
ah
PALERMO Ernesto:
eh
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
la tengono con quello però, ragazzi! Il lavoro...
PALERMO Ernesto:
il lavoro lo fanno a te...
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
il lavoro è quello... che cosa vogliono da me, non lo
so...
PALERMO Ernesto:
ho capito, però ce l'hanno con chi c'ha a che fare, non ce l'hanno con
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 190 di 566
te, dice che con te non ci parlano proprio
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
ed infatti, io ci ho litigato e basta, distanza con me...
PALERMO Ernesto:
comunque... glielo dici al socio tuo
PALERMO Attilio (cugino di Ernesto):
e va bene
Si salutano.
PALERMO Ernesto commenta sia con la moglie che con l’amica l’attività svolta in favore del
cugino
Progressivo n. 1340 del giorno 23/09/2011, ore 18:41:35 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
2430/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di PALERMO Ernesto si sente la voce di PALERMO Ernesto e di Canestrino
Antonella.
PALERMO Ernesto:
Gli hanno fatto quell'ambasciata a mio cugino là, gli hanno
chiesto (soldi ndr) e poi si è pure incazzato, gli ho detto, ho capito, la prossima volta ti
faccio incendiare i furgoni, e gli ho chiuso il telefono, ma pensa te.
CANESTRINO Antonella: Si pensava che (inc.le.).
PALERMO Ernesto:
Questi te li devi tenere buoni, poi quando è... li mandi di
nuovo, ti tolgono un sacco di casini no, non ho capito, davanti ci deve rimanere l'obbligo, e
tu vuoi fatto il piacere, ma tu scherzi, parenti e tutto, e proprio niente. Sono andate 6
persone, glieli vuoi dare 200 euro per uno, 150, una pizza gliele vuoi offrire!
Telefonata n. 11628 del giorno 24/09/2011, ore 18:47:55 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra BALITRO Alberta e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3664554281.
BALITRO Alberta per PALERMO Ernesto:
conversazione a carattere personale.
[19:06:54]
BALITRO Alberta chiede come ha fatto con suo cugino riferendosi alla vicenda degli albanesi.
PALERMO Ernesto dice che ha detto al cugino che ha già fatto, versato 1.000 euro, a fronte di
2 furgoni non sono niente.
PALERMO Ernesto dice che questi non sanno vivere, e che glieli darà quando glieli darà lui.
PALERMO Ernesto dice che queste terze persone (n.m.i.) li diranno" no compare". PALERMO
Ernesto dice che questa gente gli servirà per altre cose, questa è manovalanza non è
che sia. PALERMO Ernesto dice che si sono fatti a pezzi per fargli questo favore, lo
hanno fatto per lui.
Nei giorni successivi GERACE Girolamo riferisce a PALERMO Ernesto che se gli albanesi
avessero importunato nuovamente Attilio sarebbero intervenuti tempestivamente <<…Tutto
a posto!... …Se c'è qualche problema... che fa ancora lo storto... fammelo
presente!...>>.
Telefonata n. 12018 del giorno 01/10/2011, ore 13:52:04 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e GERACE Girolamo diretta
all'utenza n. 3668045759.
PALERMO Ernesto per GERACE Girolamo:
GERACE Girolamo aspettava una chiamata di venerdì per il fatto di Oggiono e GERACE
Girolamo dice che è tutto a posto e voleva parlare con lui.
GERACE Girolamo dice di essere a casa.
Telefonata n. 2707 del giorno 04/10/2011, ore 12:15:21 intercettata sull'utenza
n. 3345451581 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra GERACE Girolamo e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3668045759.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 191 di 566
GERACE Girolamo per PALERMO Ernesto:
GERACE Girolamo gli chiede quando tornerà a casa. PALERMO Ernesto gli dice, dice di essere
a scuola e che se ne parlerà per dopo domani perché gli hanno ritirato la patente. GERACE
Girolamo gli dice che lui vorrebbe essere assunto 'Iperal e gli chiede come si potrebbe fare.
PALERMO Ernesto gli dice che deve fare la domanda e gli consiglia di andare all'Iperal di
Lecco, chiedere la domanda per la richiesta di assunzione, di compilarla e poi darla a lui.
GERACE Girolamo gli dice di chiamarlo quando lui rientrerà.
PALERMO Ernesto:
tutto a posto... il resto?
GERACE Girolamo:
Tutto a posto!
PALERMO Ernesto:
O qualche cosa?
GERACE Girolamo:
NO, no...tutto a posto! Poi ci vediamo e parliamo di persona,
okay!
PALERMO Ernesto:
Sicuro tutto a posto?
GERACE Girolamo:
Si!
PALERMO Ernesto:
Uh! va beh!
GERACE Girolamo:
ci vediamo...quando... ti spiego meglio di persona! inc.le...sta
aspettando tra due settimane...
PALERMO Ernesto:
eh?
GERACE Girolamo:
inc.le sta aspettando tra due settimane...ancora è! quando vieni ti
spiego tutto!
PALERMO Ernesto:
Ma per quella cosa lì?
GERACE Girolamo.
... Inc.le...glielo dico... stammi tranquillo, non c'è problema!
PALERMO Ernesto:
Va bene! Ciao!
GERACE Girolamo:
Se c'è qualche problema...che fa ancora lo storto...fammelo
presente! Però... non ci... (inc.le) problemi...che già... (inc.le)
PALERMO Ernesto:
NO, no, no! Mi ha detto che... addirittura lì è andato, non l'ha
neanche guardato...ha abbassato la testa e si è messo a lavorare. !
PALERMO Attilio comunica infatti al cugino a distanza di pochi giorni che non ha avuto più
problemi con gli albanesi.
Telefonata n. 12719 del giorno 13/10/2011, ore 13:16:35 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Attilio e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3337351331.
PALERMO Attilio per PALERMO Ernesto:
PALERMO Ernesto:
tutto a posto?
PALERMO Attilio: si, si! tutto a posto!
e) Il controllo del territorio. L’intervento richiesto all’associazione da MOLLICA Pietro per il
recupero di un credito .
Il controllo del territorio del lecchese da parte dell’associazione in oggetto e il ruolo
carismatico di TROVATO Mario risulta confermato dalla vicenda dell’intervento richiesto da
MOLLICA Pietro all’associazione per recuperare un credito vantato da soggetti collegati alla
sua persona nei confronti di un società che ha aperto un cantiere edilizio nella provincia di
Lecco e in particolare in Casatenovo (si veda C.R Nucleo di Polizia Tributaria - Gico di
Milano in data 9.11.2012 pagg 194 e ss e relativi allegati) .
MOLLICA pur avendo possibilità,mezzi e background familiare
per pressare sui titolari
della società si rivolge a TROVATO Mario per richiedere un suo intervento evidentemente
nella piana consapevolezza del controllo operato dall’associazione sulla zona del Lecchese e
non volendo “scavalcare” la competenza territoriale della famiglia TROVATO.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 192 di 566
Si deve ricordare che MOLLICA Pietro è cugino di MORABITO Santo Pasquale soggetto di
notevole caratura criminale attualmente detenuto dagli anni novanta per traffico di
stupefacenti a seguito di una condanna definitiva ed è collegato a ‘ndrine di rilievo della
‘ndrangheta.
MOLLICA Pietro informa e sollecita l’intervento TROVATO Mario al fine di recuperare un
credito della BR COSTRUZIONI S.r.l43. nei confronti di altra società, la Porrinetti S.r.l. con
sede a Monza in via Manzoni n. 42, di cui amministratore delegato è CRESPI Angelo Maria
Zaccaria44, credito maturato per via di alcuni lavori effettuati nel cantiere edile in località
Cascina Porrinetti a Casatenovo.
TROVATO Mario si offre di procedere al “recupero crediti” a favore della BR COSTRUZIONI
inviando NASATTI Massimo, ROMEO Antonino e SCARPATO Jonathan i quali si recano
direttamente in cantiere, attività che viene direttamente percepita come minatoria dal
titolare della società.
La vicenda non avrà sviluppi in quanto TROVATO Mario viene sapere che la pretesa
creditoria è già oggetto di contenzioso giudiziale tra le parti su iniziativa di CRESPI il che
evidentemente lascia pochi margini di intervento all’associazione in quanto l’avrebbe
esposta ad eccessivi rischi in relazione ad una pretesa economica che non la vedeva del
resto direttamente interessata.
Il che non toglie alcunché in ordine alla significatività della richiesta di intervento rivolta da
MOLLICA Pietro all’organizzazione dei TROVATO quale indice del controllo mafioso del
territorio posto in essere da TROVATO Mario e dagli altri componenti dell’associazione.
Per la successione della vicenda si fa rinvio alla parte dell’Annotazione sopra indicata
riportando di seguito i passaggi più significativi.
Dopo una serie di contatti il 26.1.2012 TROVATO Mario e ROMEO Antonino si recano a
Milano e incontrano in mattinata MOLLICA Pietro, come emerge dalle registrazioni
ambientali a bordo dell’autovettura BMW targata CP412BX e dalle telefonate intercettate. La
cella telefonica del cellulare di TROVATO Mario risulta agganciare il ponte radio di Via
Monte Piana 7 - Milano
Nel corso del viaggio TROVATO Mario consiglia ROMEO Antonino su come parlare al
telefono per eludere eventuali intercettazioni in corso, nonché del tragitto da percorrere per
recarsi nel luogo dell’appuntamento.
Progressivo n. 3885 del giorno 26/01/2012, ore 09:48:17 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
TROVATO Mario e ROMEO Antonino:
TROVATO Mario e ROMEO Antonino discutono sull'interpretazione delle conversazioni
intercettate da parte delle Forze dell'Ordine.
ROMEO Antonino dice che BERLUSCONI (Silvio, ndr) ha ragione quando dice che sono tutti
spiati.
TROVATO Mario si lamenta di Ernesto (PALERMO, ndr), al quale, in moltissime occasioni, si è
raccomandato di specificare sempre le parole al telefono e nonostante ciò TROVATO Mario
racconta di una telefonata ricevuta per parlare del processo di Giacomo (TROVATO, ndr),
TROVATO Mario dice che Ernesto (PALERMO, ndr) ha fatto la domanda senza specificare la
parola "processo", pertanto TROVATO Mario gli ha chiuso il telefono incazzandosi e dicendogli
di non essere più chiamato.
[09:52:38]
omissis
Parlano di macchine. Poi parlano di pene, detenzione, sorveglianza e buona condotta.
43
BR Costruzioni, P.I. 06827870962, società di RIMOLDI Paolo e RIMOLDI Cristina coniugata con BRUNO Domenico43, dipendente della BR
Costruzioni; erano RIMOLDI Paolo e BRUNO Domenico a rivolgersi a MOLLICA Pietro per ottenere l’estinzione del debito da parte di CRESPI
Angelo;
44
nato il 24.5.1960 a Monza;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 193 di 566
Il 30.1.2012 ROMEO Antonino insieme a NASATTI Massimo e SCARPATO Jonathan si
recano nel pomeriggio a “sbrigare una faccenda” a Casatenovo portando con sé
documentazione. L’accesso viene svolto nel cantiere e il giorno dopo il gruppo riferisce a
TROVATO Mario il risultato dell’accesso.
Progressivo n. 1059 del giorno 30/01/2012, ore 13:49:56 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
ROMEO Antonino in macchina
[13:49:58]
ROMEO Antonino al telefono dice che tra 5 minuti arriva...
[13:53:19]
NASATTI Massimo sale in macchina: Via Michelangelo 1 > 43 - 2 – Lecco (Lecco) - ITA 45.831882/9.414849 …omissis…
[14:04:59]
Auto ferma: Via Piedimonte - Valmadrera(Lecco) - ITA - 45.844299/9.368332 SCARPATO Jonathan entra in auto di ROMEO Antonino
SCARPATO Jonathan dice che quello che guidava è il capitano dei carabinieri.
[14:05:55]
…omissis…
SCARPATO Jonathan:
no! adesso lo... m’ha detto che mi chiamava lui stasera quando
finiva...
ROMEO Antonino:
okey
SCARPATO Jonathan:
comunque non penso... te li porti
ROMEO Antonino:
no no anche perché io adesso sbrigherò l'ultima faccenda
alle 5 (cinque), devo andare su a Casatenovo e li... dopo di che... e li anche...
SCARPATO Jonathan:
a noi ci arriva anche Romanello dopo alle quettro e mezza (16:30)
arriva...
ROMEO Antonino:
chi è Romanello?
SCARPATO Jonathan:
quello li della Gru...
…omissis…
Progressivo n. 1091 del giorno 30/01/2012, ore 16:18:29 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
ROMEO Antonino, SCARPATO Jonathan e NASATTI Massimo in macchina.
Auto in movimento.
…omissis…
SCARPATO Jonathan scende dalla macchina: Via Piedimonte - Valmadrera(Lecco) - ITA 45.844115/9.368099 I due interlocutori parlano di una zona di nome Cascina a Casatenovo
[16:26:07]
ROMEO Antonino chiede delle borse, e NASATTI dice che Franceschino quello grosso ha i
contatti. ROMEO dice a NASATTI di starci lontano perché è pericoloso, potrebbe essere
controllato.
[16:29:07]
ROMEO Antonino:
guarda in quella cartellina, dietro di te... c'è una
cartelletta.. in sostanza quelle sono le fatture fatte alla ditta, no?
NASATTI Massimo:
eh si
ROMEO Antonino:
se non ho letto male...
NASATTI Massimo:
si...
ROMEO Antonino:
quello di Cascina, è quello che ha preso... a cui... che deve
cacciare i soldi entro novembre
NASATTI Massimo:
ok
ROMEO Antonino:
quindi la ditta gli ha preso quelle fatture
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 194 di 566
NASATTI Massimo:
ma qua ci deve essere sul posto... Cascina?
ROMEO Antonino:
eh... Casatenovo... leggi... vedi se trovi chi è il destinatario di
queste cose
…omissis…
[16:31:12]
NASATTI Massimo legge sui documenti: "esecuzione lavori, cantiere di Casatenovo Cascina Porrinetti". Quindi cercano di dirigersi verso il menzionato luogo che è a 2,6 km da
Casatenovo e che ha 23 abitanti.
…omissis…
Progressivo n. 1112 del giorno 30/01/2012, ore 17:16:00 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di ROMEO Antonino sono presenti ROMEO Antonino e NASATTI Massimo:
…omissis…
[17:18:55]
ROMEO Antonino: Come si chiama..Cascina?
NASATTI Massimo:
Cascina..
ROMEO Antonino: Pieri...
NASATTI Massimo:
Piè...
…omissis…
Progressivo n. 1422 del giorno 31/01/2012, ore 18:11:32 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di ROMEO Antonino sono presenti ROMEO Antonino, NASATTI Massimo e
SCARPATO Jonathan:
…omissis…
[18:26:56]
NASATTI Massimo:
dove siamo diretti?
ROMEO Antonino:
vuoi che passiamo un attimo da Mario cosa dici? (TROVATO
Mario)
NASATTI Massimo:
si
ROMEO Antonino:
cosa gli diciamo? siamo stati e non è venuto?
NASATTI Massimo:
gli diciamo che siamo stati lì a Casatenovo
ROMEO Antonino:
fino alle 12.30
NASATTI Massimo:
dove dovevamo incontrarci
ROMEO Antonino:
in piazza e non è arrivato nessuno, lui è arrivato con
mezz'ora di ritardo... non gli dico il resto se no questo glie lo dice a quello la, quello
la lo massacra
NASATTI Massimo:
no no no
ROMEO Antonino:
però... va beh poi ci siam visti comunque lo stesso poi ieri sera in.cle
e stop... cazzo quello non ha neanche chiamato ... in fondo ci avevo un altro num... ce l'ho
nell'altro... ah figa è vero perché comunque ce l'ho nell'altro telefono
NASATTI Massimo:
il suo numero?
ROMEO Antonino:
l'ho memorizzato nell'altro telefono, sicuramente mi avrà chiamato...
in.cle io non ti ho visto, punto e basta
NASATTI Massimo:
era bello schizzato, era bello agita..., farmi agita anche a me figa...
in.cle... stava li fermo figa
ROMEO Antonino:
la mattina si alza e va a correre, ma non ci credo neanche... oh c'ha
anche l'età eh
…Omissis…
Progressivo n. 1423 del giorno 31/01/2012, ore 18:31:33 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 67-
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 195 di 566
12) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di ROMEO Antonino sono presenti ROMEO Antonino, NASATTI Massimo e
SCARPATO Jonathan:
[18:34:43]
SCARPATO Jonathan al telefono...
[18:36:03]
SCARPATO Jonathan dice al suo interlocutore che lui non fa imbrogli.
[18:38:07]
SCARPATO Jonathan:
Minchia dove stiamo andando qua?
ROMEO Antonino: eh un attimo qua da Mario (TROVATO Mario ndr)... vuoi aspettare
qua no?
SCARPATO Jonathan
Non è che ci sparano un set fotografico no?
ROMEO Antonino: Mettiti il cappello.
[18:38] Scendono dall’auto che si ferma nei pressi della pizzeria 046: SS36 – Lecco
(Lecco) - ITA - 45.863649/9.390282 - 0 km/h
MOLLICA Pietro si rimette in contatto con TROVATO Mario agli inizi di marzo
Telefonata n. 2041 del giorno 03/03/2012, ore 18:48:12 intercettata sull'utenza
n. 3391073149 (R.R.I.T. 104/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Mario e Pietro e diretta all'utenza n.
3398272148.
TROVATO Mario per MOLLICA Pietro:
TROVATO Mario e MOLLICA Pietro cercano di riconoscersi, MOLLICA Pietro si presenta come il
cugino di Pasquale ed invita TROVATO Mario a prendersi un caffè insieme, aggiungendo di
essere la persona che TROVATO Mario ha già incontrato in precedenza.
[18:49:27]
TROVATO Mario: Ascolta, io ho trovato questo numero qua. Chi è che l'ha fatta? Ma chi sei
tu?
MOLLICA Pietro: Sono Pietro io...chi sono...
TROVATO Mario: Pietro chi? Mio cugino?
MOLLICA Pietro: Sì.
TROVATO Mario: E che cazzo... una volta parli in un modo e una volta parli in un altro, non ti
capisco. Pietro il figlio di zio Francesco sei, no?
MOLLICA Pietro: No... no... Mario, sono qua a Milano... sei venuto l'altra volta, per
incontrarci, il cugino di Pasquale sono, Mario.
TROVATO Mario: Ehh... e scusa...
MOLLICA Pietro: Non hai capito ancora?
TROVATO Mario: eeehe.... sì, sì, sì... ho capito... ho capito, ho capito ci vediamo in
settimana dai.
MOLLICA Pietro: Quindi quando vieni, mi chiami e mi dici che ti fermi.
TROVATO Mario: Va bene dai, ok, ciao scusa ciao.
MOLLICA Pietro: Ciao... ciao.
TROVATO Mario alcuni giorni dopo contatta MOLLICA Pietro per riferirgli che a breve lo
avrebbe raggiunto a Milano <<…oh... fra un'oretta sarò lì!...>>.
Telefonata n. 2102 del giorno 15/03/2012, ore 11:01:40 intercettata sull'utenza
n. 3391073149 (R.R.I.T. 104/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Mario e MOLLICA Pietro e diretta
all'utenza n. 3398272148.
NASATTI Massimo e SCARPATO Jonathan si allontanano a bordo della Mercedes Classe A,
mentre ROMEO Antonino e TROVATO Mario, a bordo della Mercedes ML in uso a
quest’ultimo, si recano a Milano per l’appuntamento con MOLLICA Pietro.
I telefoni cellulari di TROVATO Mario alle ore 11:55 sono localizzati a Milano in via Monte
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 196 di 566
Piana; l’indirizzo della cella di ROMEO Antonino nella telefonata delle 12.55 era via
Rubattino 54 – 20100 – Milano – sett. 3.
Il servizio di osservazione, controllo e pedinamento45 permette di individuare la presenza di
TROVATO Mario, ROMEO Antonino e MOLLICA Pietro a Milano, all’interno del Bar Caffè del
Borgo, intorno alle ore 12.15 circa. L’autovettura Mercedes ML targata DB781HZ, in uso a
TROVATO Mario è parcheggiata nella adiacente via San Bernardo nei pressi del civico n. 33.
TROVATO Mario viene visto conversare con MOLLICA Pietro46.
Il giorno successivo all’ appuntamento tra TROVATO Mario e MOLLICA Pietro ROMEO
Antonino si mette alla ricerca di CRESPI Angelo, responsabile della Immobiliare Porrinetti
S.r.l., e assieme a NASATTI Massimo e SCARPATO Jonathan si reca in cantiere in località
Cascina Porrinetti a Casatenovo come emerge dalla localizzazione dell’autovettura e dalle
conversazioni ambientali di seguito indicate.
Progressivo n. 9300 del giorno 16/03/2012, ore 15:02:16 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Sportello.
ROMEO Antonino, SCARPATO Jonathan e NASATTI Massimo salgono in auto.
Auto in movimento.
[15:03:20]
NASATTI Massimo:
Io ho visto su un indirizzo strano comunque a Casatenovo, la sede,
Toni.
ROMEO Antonino:
Cascina Porrinetti.
NASATTI Massimo:
Ecco! Bravo, quello lì.
ROMEO Antonino:
Via Porrinetti 4 Casatenovo.
NASATTI Massimo:
Devi mettere su il navigatore?
ROMEO Antonino:
[ride]
-omissisI tre parlano delle tracce di stupefacenti rilevabili dalle analisi delle urine.
[15:07:06]
ROMEO Antonino risponde al cellulare, parla di permessi, chiede all'interlocutore di farsi
sentire con Paolini.
[15:10:43]
SCARPATO Jonathan:
Dove cazzo stiamo andando?
NASATTI Massimo:
A Calco... [si corregge]... a Casatenovo.
[Pos. GPS Via Statale Rovagnate]
…omissis…
I tre fanno commenti sul percorso che sta suggerendo il navigatore.
[15:20:55]
ROMEO Antonino:
Questa che via è? Questa è Via Roma, - inc.le - Via Roma questa è!
NASATTI Massimo:
Non parla più?
ROMEO Antonino:
Eh non parla più.
NASATTI Massimo:
Via Roma è.
ROMEO Antonino:
- inc.le - G Sirtori eh.
NASATTI Massimo:
Torniamo indietro.
Voce del navigatore satellitare: Tra seicento metri alla rotonda proseguite per rimanere su Via
Roma
ROMEO Antonino:
Ah.
NASATTI Massimo:
Ah giusto.
-omissisProgressivo n. 9301 del giorno 16/03/2012, ore 15:22:17 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
45
46
vgs. ALLEGATO N. 08 – servizio di osservazione, controllo e pedinamento relativo ai fatti del 15.3.2012;
nato il 18.12.1955 ad Africo (RC);
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 197 di 566
Auto in movimento.
ROMEO Antonino, NASATTI Massimo e SCARPATO Jonathan ridono.
NASATTI Massimo fa commenti sulla voce del navigatore, nomina Via San Francesco d'Assisi.
[15:23:58]
[Pos GPS Via San Francesco d'Assisi - Casatenovo (LC)]
[15:25:07]
Voce del navigatore:
... sposta leggermente a sinistra e diventa Frazione Porrinetti quindi
la tua destinazione si troverà...
[15:25:30]
ROMEO Antonino:
Allora... ah cazzo - inc.le - quella persona lì.
NASATTI Massimo:
Dove?
ROMEO Antonino: - inc.le 15:25:38 ROMEO Scende dall’auto (Pos. Casatenovo vicinanze via san Francesco d’assisi)
Auto ferma.
Sportello.
NASATTI Massimo e SCARPATO Jonathan parlano tra loro, NASATTI Massimo si fa passare
del collirio.
Radio/Tv.
Mentre ROMEO Antonino e i suoi complici si allontanano dalla Cascina Porrinetti,
quest’ultimo riceveva una telefonata da CRESPI Angelo come emerge dalla conversazione
ambientale in auto e dalla parallela attività di intercettazione telefonica .
Progressivo n. 9304 del giorno 16/03/2012, ore 15:29:28 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
ROMEO Antonino, NASATTI Massimo e SCARPATO Jonathan in auto.
ROMEO Antonino dice a NASATTI Massimo che domani torneranno lì dove sono
appena stati (Via San Francesco d'Assisi – Casatenovo (Lecco) - ITA 45.683282/9.313482).
Conversazione a carattere generico.
[15:37:49]
ROMEO Antonino riceve una telefonata da CRESPI Angelo, ROMEO Antonino dice di avere
delle fatture da fare vedere della BR Costruzioni di Milano, gli dice che è passato dal cantiere
e non c'era nessuno.
ROMEO Antonino si presenta a tale CRESPI come delegato della BR Costruzioni e vorrebbe
parlare con lui su degli insoluti di alcune fatture.
ROMEO Antonino dice che vorrebbe fissare un appuntamento con lui per potergli parlare,
spiega che possono fissare un appuntamento anche con il suo legale, continua dicendo che
deve darsi una calmata perché lui sta parlando in maniera educata e gentile.
ROMEO Antonino chiede se vuole che si incontrino, continua a dire che è un delegato dello
studio legale di Milano.
[15:42:45]
ROMEO Antonino dice ai due presenti in auto che questi qui non pagano, nonostante ci sono
400.000,00 euro di insoluti, ma stasera glielo dirà a loro .
ROMEO Antonino dice che terza persona (CRESPI Angelo, ndr) ha pagato la BR Costruzioni e
ha incaricato per fare dei lavori, ha subito dei danni e ha pagato tutti quanti però dove hanno
fatto danni.... - Perdita del segnale Telefonata n. 5399 del giorno 16/03/2012, ore 15:37:50 intercettata sull'utenza
n. 3313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra CRESPI Angelo e ROMEO Antonino e
proveniente dall'utenza n. 3289618168.
ROMEO Antonino per CRESPI Angelo:
ROMEO Antonino:
mi hanno mandato... ho delle fatture della "BR costruzioni"
di Milano
CRESPI Angelo:
Della... ?
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 198 di 566
ROMEO Antonino:
Eh sono passato dal cantiere ma non c'era nessuno.
CRESPI Angelo:
Ma lei chi è? Antonio chi?
ROMEO Antonino:
Sono un delegato della BR Costruzioni
CRESPI Angelo:
E cosa viene da me a fare? cosa ha la BR Costruzioni da me?
ROMEO Antonino:
Ho qui la copia delle fatture e mi hanno mandato a parlare
con lei per sapere un po' di queste fatture... perché ci sono degli insoluti
CRESPI Angelo:
Ma di quali insoluti ci sono... di cosa sta parlando lei?! senta non si faccia
più vedere perché io con la BR Costruzioni sono in causa ok? si rivolga alla BR Costruzioni
e non si permetta di entrare in una proprietà nostra altrimenti chiamo i carabinieri.
ROMEO Antonino:
- inc.le CRESPI Angelo:
Non ho capito.
Cade la linea
Cella: [ VIA MANZONI 10-22064-CASATENOVO - SETT.1 ]
Telefonata n. 5401 del giorno 16/03/2012, ore 15:39:11 intercettata sull'utenza
n. +393313488594 (R.R.I.T. 3347/11) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra ROMEO Antonino e CRESPI Angelo e diretta
all'utenza n. +393289618168.
ROMEO Antonino per CRESPI Angelo:
CRESPI Angelo dice di essere in causa con la BR Costruzioni per dei lavori fatti
male.
CRESPI chiede a ROMEO Antonino di rivolgersi alla BR Costruzioni per qualsiasi
cosa.
ROMEO Antonino invita CRESPI Angelo a calmarsi.
CRESPI Angelo invita ROMEO Antonino a raggiungere la sede dell'Immobiliare
Porrinetti.
ROMEO Antonino si presenta come un delegato di uno studio legale ed ha chiamato
per proporre un concordato.
[ VIA VOLTA 61-20050-VEDUGGIO CON COLZANO - SETT.1 ]
Due giorni dopo ROMEO Antonino riferisce a TROVATO Mario l’esito del contatto con
CRESPI ROMEO Antonino
ROMEO Antonino e TROVATO Mario considerano rischioso occuparsi di una vicenda sulla
quale già pendeva un procedimento penale, e quindi in qualche modo già sotto la lente della
Magistratura
Progressivo n. 9672 del giorno 18/03/2012, ore 11:55:07 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CB636VB (R.R.I.T. 6712) in uso a ROMEO Antonino. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Radio Accesa. ROMEO Antonino in macchina
ROMEO Antonino dice a terze persone di chiamare Mario (TROVATO Mario, ndr),
TROVATO Mario sale in macchina: Via Risorgimento 83 - 46 > 64 - Lecco (Lecco) - ITA 45.847949/9.410865 - dicendo che Giacomo è sempre seduto al bar, è passato dal bar con
Gionny (SCARPATO Jonathan ndr.)
[11:57:07]
ROMEO Antonino: Mai niente è come ti dicono, ti spiego una cosa..
TROVATO Mario: non è che io (Inc.le)
ROMEO Antonino:
Sono andato... e quello... un posto in mezzo alla campagna... arriva
un certo punto, ci sono delle case vecchie, c'è un cortile... in questo cortile c'è un portone, c'è
una macchina rossa con dentro un ragazzo (Inc.le) scusa mi da l'indirizzo, e mi fa "Si è qua" gli
faccio... non ho visto macchine mi fa "a Chi cerca mi fa questo ragazzo?" (Inc.le) faccio...
fumarmi una sigaretta... faccio... "Geometra CRESPI?" Dice "si.." mi fa "No non c'è" gli faccio
"Ma non aveva detto che ci sono macchine ste cose nel cantiere... (inc.le).. "mi fa "No no" Poi mi
fa "Ma le deve dire qualcosa?"
ROMEO Antonino: questo qua mi fa...
TROVATO Mario: minchia questo (Inc.le)
ROMEO Antonino: Aspetta, no no aspetta, faccio... io poi non conoscendo il posto sono arrivato
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 199 di 566
con la macchina in questo cortile... l'ho messa là... e lui era li no, c'era Massi (NASATTI
Massimo, ndr) in macchina e c'era quello la, la targa era proprio faccia a lui, faccio... c'ho la
carpetta rossa faccio... "siccome ho qua delle fatture da fargli vedere (a CRESPI Angelo, ndr)"
mi fa "No, ma non c'è" e faccio "ma scusa... tu sei il figlio?" risponde "No no" faccio... ma non c'è
modo di rintracciarlo perché io vengo da Milano non è che posso... "Ma... se mi lascia il numero
a limite lo faccio chiamare", ho dato il numero... e prende questo e se ne va... Io cosa faccio, se
ne va... ah... sono andato nel cortile prima di dargli il numero a lui e dietro questo portone c'è
un cazzo di cane... meno male che c'era..."eh c'è un altro cortile dentro" ho visto che era una
cosa fatta pulita nuova, morale della favola esco fuori gli do il numero di telefono... perché
ormai dico facciamo finta di fare una cosa... perché... questo era il figlio.
TROVATO Mario: Eh... era il figlio.
ROMEO Antonino: Era il figlio, troppe domande mi ha fatto... inc.le ha negato... però guarda
caso gli ho dato il numero, neanche 5 minuti dopo mi chiama questo qua mi fa "Lei chi è?"
faccio... "sono Antonio faccio..." ah gli ho detto mi fa "chi gli dico chi è?" "Antonio" gli ho detto a
lui (persona presente sul posto a cui si è rivolto ROMEO Antonino, ndr) "Ma lei chi è?" faccio
"guardi sono qui perché... "A me… da me non dovete venire… basta! non venite mai... come si
è permesso di venire a casa mia!" faccio "si calmi!” faccio "No... lei per conto di chi viene?" gli
faccio Io vengo per conto della RDB Immo... costruzioni di Milano…” “Io sono… c'ho quattro..."
come si dice quando si è in causa?
TROVATO Mario: Quattro cause eh...
ROMEO Antonino: "Eh... c'ho quattro ricorso, io sono stanco! mi hanno rovinato questi qua"
perché in sostanza che cosa è successo... poi si è sfogato "Io gli ho dato milioni di euro di
lavoro, mi hanno... ho pagato tutto fino all'ultimo centesimo" poi lui gl'ha contestato... hanno
lavorato alla cazzo in certi posti... hanno lavorato alla cazzo e lui gliel'ha contestati
TROVATO Mario: Gliel'ha contestati
ROMEO Antonino:
Eh adesso è in tribunale per questa contestazione... ecco perché
questi vogliono i soldi ma lui è in Tribunale perché dice "io ti ho pagato fino a ieri"
TROVATO Mario: Quindi sono in causa.
ROMEO Antonino: Sono in... c'ha quattro (Inc.le) "Lei come si è... lei chi è?" Faccio "guardi io
sono delegato dall... tramite l'ufficio (Inc.le) meno male che mi è venuta sta cosa... tramite
l'ufficio notarile per la... l'RDB Costruzioni... "come mai non è venuto nell'ufficio di Monza?" Lui
c'ha l'ufficio a Monza, faccio, perché mi hanno detto che... siccome io ho questi incartamenti
qua... ce li ho da due mesi... per motivi di lavoro non sono potuto venire prima e l'ultimo
recapito era questo... poi sarei tornato qua e poi sarei venuto a Monza..." mi fa "Eh... aah" io
poi ho visto gli ho detto “senta... faccio io cortesemente si calmi... perché io le sto parlando in
maniera educata e corretta, a me parlare con le persone arraganti non piace, se lei vuole
parlare in maniera arrogante allora io la saluto e non parliamo più...”, "No perché di qua… di
la… nessuno" Faccio “no! perché chiedo scusa io non sono qua a perdere tempo, mi è stato
detto di passare da lei... perché ci sono queste... per vedere se era possibile ad arrivare ad un
accordo... certo a me...”, "no ma io accordi non ne faccio con nessuno" ha detto tutte queste
cose qua faccio “Comunque se...” poi si è calmato faccio “guardi comunque se lei non è... da
quello che ho capito non ha nessuna intenzione di... senta io riferirò all'ufficio... e basta”. Ah...
i contenzionsi, ha quattro contenziosi...
TROVATO Mario: I contenzioni... che sono in causa, cioè un contenzioso perché sono già
tramite avvocati si sono già mandati le cose per la documentazione...
ROMEO Antonino:
Ora il discorso è questo qua....
TROVATO Mario: in contenzioso vuol dire che sono gia in...
ROMEO Antonino:
Euro secondo come fa il paesano a dire...
TROVATO Mario: Perché quello che gl'ha raccontato quello
ROMEO Antonino:
Bravo.. bravo...
TROVATO Mario: loro si sono fidati...
ROMEO Antonino:
ora quest'altro cornuto di Milano della della RDB no! se c'hai
quattro contenziosi... perché mandi le persone? se già c'hanno le carte in mano alle
gua... alle guardie... c'hanno in mano perché se ci sono gli avvocati... perché
mandano a me per andare...si questo deve fare gli assegni... ...(inc.le)..
TROVATO Mario: quand'è che chiedi...
[12:02:07] Suoni di cellulare.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 200 di 566
ROMEO Antonino:
che?
TROVATO Mario: gli devi chiamare tu? o chiama lui a te? Enzo...
ROMEO Antonino:
non lo chiamare...che lo chiamo a fare
TROVATO Mario: ...(inc.le).. ma ti deve chiamare o devi chiamare?chiamalo no... gli dai la
documentazione...
ROMEO Antonino:
ah si
TROVATO Mario: perché... gli dici "senti io ci sono andato"
ROMEO Antonino:
no... glielo voglio dire a voce a lui...
TROVATO Mario: o ci andiamo là
ROMEO Antonino:
ci andiamo là... ora ti spiego perché... perché ...(inc.le).. da Enzo...
TROVATO Mario: no!
ROMEO Antonino:
l'altra volta ha negato
TROVATO Mario: Non solo che ha negato ma dopo lui la racconta come vuole lui...
ROMEO Antonino:
no... ma poi... (inc.le).. chiamarlo io...
TROVATO Mario: allora facciamo cosi...
ROMEO Antonino:
Io sto dicendo probabilmente hai capito male...
TROVATO Mario: si
ROMEO Antonino:
invece poi (Inc.le) qualche giorno prendiamo ed andiamo...
TROVATO Mario: allora... no... no!... Prenditi il tempo... il tempo... mi dici quando
andiamo e ci facciamo un giro e gli portiamo i documenti e gli diciamo quello che ti
è stato detto... basta non più e non meno
[12:02:47] Suoni di cellulare.
TROVATO Mario: Questi sono in contenzioso, noi che andiamo a fare! la cosa che mi
fa arrabbiare di più ...(inc.le)..
ROMEO Antonino: Quattro contenziosi
TROVATO Mario: Sono quattro contenziosi, perché questo qui non ti ha avvisato... questa
merda...
ROMEO Antonino:
Poi vorrei sapere una cosa, probabilmente aspettavano qualcuno
[12:02:59] -Suoni di cellulare- il figlio che ci faceva li? ...(inc.le).. non c'era nessuno eh... c'era la
macchina del figlio messa la... Eravamo io e Max e saranno state verso le quattro... (Inc.le) o
aspettava qualcuno... oppure non lo so io con la mia macchina... abbiamo fatto... come per...
sono uscito dalla macchina un'oretta e mezza
TROVATO Mario: Si si ma non eh... perché se andiamo la in settimana... facciamo un
giro...chiamiamo Pietro... facciamo un giro ...andiamo (Inc.le) perché lui fino ad esso
non c'è mai andato...
ROMEO Antonino: non c'è nessuno non c'è... no è andato... si vede che lui è andato... ha visto
il cortile e se ne è andato te lo dico io senno' (Inc.le)...il cortile è come questo qua vedi! solo che
c'è un portone... ma tu entri in questo piazzale...
TROVATO Mario: No... no...ha detto che ha visto un cantiere che gli hanno spostato l'ufficio...
ha detto non ti ricordi?
ROMEO Antonino:
No li..
TROVATO Mario: Hanno visto che hanno spostato gli uffici che c'era un cantiere aperto cosi,
e hanno fatto gli uffici li... però non è mai entrato...
ROMEO Antonino: Non è entrato perché tu quando apri questo portone c'è un altro cortile che
c'è sto cane
TROVATO Mario: non è entrato
ROMEO Antonino: e ci sono... tipo negozietti dentro, comunque non mi interessa... io li ci sono
stato punto e basta... quando ho visto...
TROVATO Mario: (Inc.le) c'è stato e basta
ROMEO Antonino: No! ma è la cosa..
TROVATO Mario: e gli dici la cosa che hai parlato direttamente con la persona
ROMEO Antonino: no... c'ho anche… ho il numero... eh.. l'ho cancellato
TROVATO Mario: Vabbè comunque che hai parlato
ROMEO Antonino: Mi ha chiamato lui il Signor CRESPI
TROVATO Mario: Ma ha chiamato addirittura quello lui
ROMEO Antonino: Si
TROVATO Mario: Io c'ho parlato
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 201 di 566
ROMEO Antonino:
Poi fa "Basta la dovete fin... qua non si deve" quello è stato pure
"Qua! non si deve...!!" poi sai quando lui si è calmato? quando gli ho detto "senta guardi che io
le sto parlando in maniera educata e gentile, io con le persone, non amo parlare con le persone
arroganti... io sono venuto semplicemente perché sono stato mandato e mi fa "Ma a lei chi la
manda?" gli faccio guardi io sono delegato da uno studio notarile di Milano per la RDB"..."Ecco
lei non deve venire qua! dovete andare dalla RDB! perché io a quelli gli ho pagato un milione
di euro, mi hanno fatto dei lavori di merda e sono ancora in corso e sono in contenzioso con
loro! "in sostanza quelli hanno fatto il danno alla fine, poi cosa succede? hanno fatto i lavori,
gliel'hanno fatti male... questo gliel'ha contestati... che poi se stiamo a guardare non è che
questi 400 mila euro... comunque quelli che sono, ci sono ponteggi affittati... cose e tutto il
lavoro della... eh... e come si dice? questo eh... dice "no queste cose..." dice "queste cose non te
le pago" faccio un contenzioso ma...”...(inc.le).. hai capito...?
([12:05:14] squilla un telefono)
TROVATO Mario: Vabbè ci prendiamo qualcosa?
ROMEO Antonino: No...devo scappare che c'ho Lorenzo che aspetta a casa per mangiare.
TROVATO Mario: vabbo' dai... In settimana... vedi tu... ci facciamo un giro dai
ROMEO Antonino: Casomai..
TROVATO Mario: Però l'avviso che gli telefono
ROMEO Antonino: Dai speriamo però che si muovono in un'altra maniera
TROVATO Mario: eh appunto!
…omissis…
Il 22.3.2012 CRESPI Angelo riferisce visibilmente preoccupato a tale Gabriele che la
BR Costruzioni S.r.l. era arrivata al punto di mandare degli uomini direttamente sul
cantiere di Cascina Porrinetti a richiedere il recupero del credito e in successive
telefonate appare convinto di poter essere vittima di danneggiamenti sui mezzi
stante la pericolosità degli interlocutori calabresi.
Telefonata n. 178 del giorno 22/03/2012, ore 08:46:28 intercettata sull'utenza n.
3289618168 (R.R.I.T. 803-12) in uso a CRESPI Angelo. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra Gabriele e CRESPI Angelo e proveniente dall'utenza n.
3397532058.
Gabriele per CRESPI Angelo:
CRESPI Angelo dice che Paolo e Domenico (della BR costruzioni, ndr) gli hanno fatto un
decreto ingiuntivo per dei lavori eseguiti alla cascina Porrinetti. CRESPI Angelo dice
che per evitare problemi dovrebbero intestarselo Gabriele.
Parlano di Domenico e Gabriele dice che con quella gente là non vuole avere a che
fare.
[08:50:29]
CRESPI Angelo:
hai visto...sette anni di lavoro con questa gente è finita che mi ha
mandato la gente a casa e vorrebbero vedermi fallire domani mattina
Telefonata n. 302 del giorno 23/03/2012, ore 16:53:17 intercettata sull'utenza n.
3289618168 (R.R.I.T. 803-12) in uso a CRESPI Angelo. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CRESPI Angelo e
Angelo e diretta all'utenza n.
3481445843.
CRESPI Angelo per Angelo:
…omissis…
[16:57:13]
Suono di chiamata in arrivo.
Angelo vorrebbe incontrarlo per discutere un piano di lavoro per poter comperare un mezzo
commerciale anche perché, secondo lui, Gabriele non è onesto e CRESPI Angelo risponde che
dovrà intestare il camion proprio a lui perché il RIMOLDI (fonetico) gli ha fatto il decreto
ingiuntivo ha paura che glielo possono portare via. Angelo non gli consiglia a CRESPI Angelo di
fidarsi di Gabriele ma gli propone di dividere le spese del gasolio a metà visto che lui potrà
utilizzare il camion per andare a lavoro.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 202 di 566
[17:00:03]
CRESPI Angelo:
sai perché... qual è l'altra questione... era? Perché se il RIMOLDI viene a
sapere che io c'ho il camion, questo qua, a giorni... o me lo fa rubare o me lo brucia!
CRESPI Angelo vorrebbe assumere Angelo e Gerardo, più un altro ragazzo entro fine maggio
non appena inizierà il lavoro in aprile.
Angelo dice che Gabriele s'incontra con Domenico e secondo Angelo anche quest'ultimo non è
una persona onesta. CRESPI Angelo dice che Domenico lo ha incontrato per parlare con terza
persona mentre il CTU, ha detto a CRESPI Angelo che Domenico va su perché è molto
arrabbiato per la storia della PORRINETTI e fa delle scenate quindi, non è una persona
tranquilla, probabilmente, secondo CRESPI Angelo, ha dietro il cognato che lo sta pressando e
Angelo è d'accordo con questa visione di CRESPI Angelo. Angelo dice di aver sentito il fratello
di Gabriele proporgli dei lavori ma secondo CRESPI Angelo, anche loro non hanno nulla per le
mani adesso.
CRESPI Angelo racconta che "è venuto da me Paolo a chiedermi... RIMOLDI a chiedermi se c'ha
dei lavori da fargli fare!", Angelo dice che Gabriele gli aveva proposto di lavorare insieme
perché il fratello gli avrebbe girato dei lavori ma Angelo gli ha risposto che aveva già dato la
propria parola a CRESPI Angelo, per questo non si fida di Gabriele.
CRESPI Angelo dice ad Angelo che a questo punto penserà di prendere il camion in leasing.
Si salutano.
Telefonata n. 303 del giorno 23/03/2012, ore 17:13:41 intercettata sull'utenza n.
3289618168 (R.R.I.T. 803-12) in uso a CRESPI Angelo. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra CRESPI Angelo e Alessandro e diretta all'utenza n.
3394480755.
CRESPI Angelo per Alessandro:
CRESPI Angelo informa Alessandro della discussione avuta con Angelo il quale gli ha
sconsigliato di intestare il camioncino a Gabriele e gli ha raccontato che quest'ultimo si è
incontrato con Domenico e sembra che Gabriele sia indeciso se andare avanti a lavorare con
lui o andare dal fratello Domenico.
[17:15:18]
CRESPI Angelo ha paura che, se Gabriele va in giro a dire che ha comprato il camion
e va in giro lui, terze persone (B.R. costruzioni, ndr) gli possano rubare o bruciare il
camion.
CRESPI Angelo racconta a Alessandro che il decreto ingiuntivo, è stato fatto dalla B.R.
costruzioni ma non è stato portato avanti perché dopo la notifica non è avvenuto nulla.
CRESPI Angelo dice che adesso Gabriele è andato dal padre in Calabria perché il padre non
stava bene.
Segue conversazione di lavoro.
Telefonata n. 488 del giorno 27/03/2012, ore 16:24:23 intercettata sull'utenza n.
3289618168 (R.R.I.T. 803-12) in uso a CRESPI Angelo. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra Lorenzo e CRESPI Angelo e proveniente dall'utenza n.
3939268292.
Lorenzo per CRESPI Angelo:
Lorenzo spiega che per il trapasso del camioncino ci sono degli orari e giorni stabiliti. CRESPI
Angelo dice che dovrà portare con sè, la visura camerale e Lorenzo chiede se lo prenderà come
"Geo Costruire" e CRESPI Angelo spiega che ancora non ha deciso e stasera glielo dovrà dire
l'avvocato perché o se lo intesta come privato o ad un artigiano con una scrittura privata.
CRESPI Angelo spiega che, visto che si trovava per via giudiziali con "questi
calabresi", gli hanno suggerito di vendere tutto quello che aveva, così ha venduto le
macchine che aveva in leasing ed altro così se un domani, dovessero tentare di
pignorargli qualcosa resta ben poco.
Lorenzo informa CRESPI Angelo che i costi sono 566 euro o 590 ed adesso richiamerà l'Aci per
sapere quali documenti dovranno portare.
Si risentiranno.
-
Telefonata n. 491 del giorno 27/03/2012, ore 16:29:52 intercettata sull'utenza n.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 203 di 566
3289618168 (R.R.I.T. 803-12) in uso a CRESPI Angelo. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra Lorenzo e CRESPI Angelo e proveniente dall'utenza n.
3939268292.
Lorenzo per CRESPI Angelo:
Lorenzo dice che se acquisterà il camioncino come ditta dovrà portare la visura camerale, carta
d'identità e codice fiscale, se invece acquisterà da privato solo carta d'identità e codice fiscale.
Segue conversazione di lavoro.
[16:31:09]
CRESPI Angelo spiega che questa storia del decreto ingiuntivo, dovrebbe risolversi entro
aprile/maggio anche se doveva chiudersi entro fine marzo ma il CTU ha chiesto 30 giorni di
proroga al giudice ed andrà a fine aprile e dopo, un mese o due di trattativa, si arriverà a
maggio/giugno quando si dovrebbe sistemare tutto.
CRESPI Angelo dice che le cifre sono alte e il CTU gli ha detto che con quello che ha già pagato,
a terze persone (la B.R. Costruzioni, ndr), CRESPI Angelo, non dovrebbe dare più nulla.
CRESPI Angelo dice che l'intervento che terze persone (la B.R. Costruzioni, ndr) hanno fatto,
ha previsto due società, la prima CRESPI Angelo l'ha liquidata tutta, per la seconda ha pagato
a 510 mila euro su 688, la parte in più, è stata fatturata da terze persona (la B.R. Costruzioni,
ndr) ma lui ha detto che dalla loro contabilità non risultava altro ed ha così chiesto di fornirgli
la contabilità che avvalorava la loro tesi ed è per questo che è nata la controversia.
CRESPI Angelo dice che il CTU gli ha detto che il conto sarà inferiore ai 600 mila euro, poi ci
sono i vizi e difetti che faranno un totale di 100 mila euro e terze persona (la B.R. Costruzioni,
ndr), stanno rischiando di dovergli ridare dei soldi e stanno creando problemi al CTU perché
stanno inventando lavori che hanno fatto e che chiedono i soldi ed oggi il CTU lo ha contattato
chiedendogli dei documenti dei lavori svolti.
[16:33:32]
Lorenzo chiede di che persone si tratta e CRESPI Angelo risponde sono tipi "che è meglio
stargli lontano, gente che... mi ha mandato la gente in casa!" però gli ha fatto la
diffida giudiziale e secondo lui dovranno stare attenti perché non si è spaventato
però racconta che la stessa notte, dopo 20 minuti, ha chiamato terza persona e gli
ha detto: "va bene, uno a zero, palla in centro campo poi ci sentiamo".
CRESPI Angelo dice che il giorno dopo è andato con l'avvocato, dai carabinieri, per
fargli la diffida giudiziale a due persone le quali, sono stati chiamati in questura
dai carabinieri anche se non potevano provare che sono stati loro ma gli hanno fatto
capire che la cosa non finiva lì.
CRESPI Angelo racconta che questo rapporto di lavoro è nato in amicizia e poi si è trasformato
e dice che è accaduto che è subentrato un socio nella società con la quale ha in contenzioso,
questo nuovo socio non è una brava persona, aveva già portato in fallimento una
immobiliare propria facendo 10/12 milioni di euro di debiti e nel frattempo è riuscito a
venderla ed intestarla ad una società in Romania, si è venduto in due anni tutto quello che
aveva, intestandolo a terzi, ha portato in fallimento la società ed adesso va in giro con il
Porsche quindi ha calcolato tutto bene perché è uno "tagliato". CRESPI Angelo dice che questa
persona ha anche una società in Romania e dice che questo soggetto, è subentrato dopo,
mentre prima CRESPI Angelo, lavorava con Domenico che anche Lorenzo ha conosciuto,
parlava in dialetto stretto calabro ma era una brava persona con il quale aveva lavorato per
otto anni con lui ed era il proprio subappaltatore primario. CRESPI Angelo dice che i problemi
sono nati negli ultimi sei mesi quando questo soggetto è subentrato nei lavori della
PORRINETTI creando caos ma i grossi problemi sono nati quando ha deciso di scrivere.
Si risentiranno domani mattina e giovedì andranno a pranzo insieme e dopo concluderanno
l'acquisto del camioncino di Lorenzo da parte di CRESPI Angelo.
Si salutano.
Il 23.4.2012, alle ore 10.49 circa, TROVATO Mario si reca con la Mercedes ML targata
DB781HZ a casa di ROMEO Antonino e insieme raggiungono a Milano MOLLICA Pietro.
L’incontro con MOLLICA Pietro viene documentato con servizio di osservazione, controllo e
pedinamento47
47
vgs. ALLEGATO N. 09 – servizio di osservazione, controllo e pedinamento relativo ai fatti del 23.4.2012;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 204 di 566
Durante il viaggio di ritorno a Lecco, TROVATO Mario riferisce a ROMEO Antonino il
contenuto della conversazione con MOLLICA Pietro, il quale era stato messo al corrente della
situazione riguardante il contenzioso tra la BR Costruzioni S.r.l. e l’Immobiliare Porrinetti
S.r.l
Progressivo n. 3527 del giorno 23/04/2012, ore 12:43:04 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DB781HZ (R.R.I.T.
778-12) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
ROMEO Antonino e TROVATO Mario rientrano in auto e discutono della discussione appena
avuta (con MOLLICA Pietro, ndr).
Posizione iniziale: Via San Bernardo 31 > 31 - Milano(Milano) - ITA 45.416165/9.240565 - 0 km/h.
TROVATO Mario: mi sembra abbastanza..."no..no... ora ci parlo" (con terza pesona, ndr)
dei nostri...(inc.le)...mi farà sapere...ed io gli ho detto "guarda...tira il più possibile il
fatto del tempo (inc.le)"...
ROMEO Antonino:
eh be si sennò come fai?
La conversazione è disturbata e il progressivo s'interompe.
f) Il controllo del territorio. La protezione prestata alle persone vicine all’organizzazione.
L’associazione si presta nel territorio e nelle aree confinanti a fornire manovalanza per la
protezione di esercizi commerciali gestiti da persone che richiedono l’intervento della stessa
a fronte di azioni di disturbo o minacce provenienti da terzi.
Tale fatto dimostra ulteriormente la forza ed il radicamento del gruppo associativo di
TROVATO Mario nel lecchese e in Brianza il prestigio delinquenziale dello stesso al punto
di potere rappresentare per alcuni consociati
un’alternativa credibile ed efficace
all’intervento delle forze dell’ordine
CAVALLARO Simone48, con precedenti di polizia per reati connessi al traffico di sostanze
stupefacenti, avendo subito delle minacce da parte di alcuni soggetti del luogo in relazione
all’installazione di macchine per giochi , si rivolge a TROVATO Mario, il quale, con la sua
organizzazione criminale interviene inviando sul posto i suoi uomini, tra cui NANIA
Alessandro e REDAELLI Antonello e garantendo così la protezione di CAVALLARO e della
sua attività commerciale.
Tale fatto conferma ulteriormente anche il cointeresse dell’associazione rispetto
all’attività di installazione di videogiochi delegata a BONGARZONE Claudio
Il giorno 26.6.2012 TROVATRO Mario e CAVALLARO Simone fissano un appuntamento
nella stessa serata, nel bar di CAVALLARO Christian, fratello di Simone, sito in via Cavour
ad Agliate, frazione di Carate Brianza (MB), recante l’insegna “Invidia Cafè”.
Telefonata n. 3874 del giorno 26/06/2012, ore 10:14:57 intercettata sull'utenza
n. 3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Mario e CAVALLARO Simone e
diretta all'utenza n. 3272461502.
TROVATO Mario per CAVALLARO Simone:
TROVATO Mario: Simone?
CAVALLARO Simone:
Sì...
TROVATO Mario: Sono Mario.
CAVALLARO Simone:
Ciao Mario. Ciao Mario.
TROVATO Mario: Ciao.
CAVALLARO Simone:
Tutto bene?
TROVATO Mario: Sì bene, bene. Ascolta...
48
nato il 17.5.1980 ad Erba (CO) e residente a Veduggio Con Colzano (MB), via Manzoni n. 13
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 205 di 566
CAVALLARO Simone:
Dimmi tutto.
TROVATO Mario: Ci sei stasera?
CAVALLARO Simone:
Stasera sì, dimmi a che ora.
TROVATO Mario: Verso le nove?
CAVALLARO Simone:
Verso le nove va bene ma dove ci troviamo? lì da me
direttamente?
TROVATO Mario: Eh io ho l'indirizzo, se quello lì è giusto metto su e arrivo dai.
CAVALLARO Simone:
È giustissimo.
TROVATO Mario: - inc.le - qualcosa ti chiamo, capito?
CAVALLARO Simone:
Va bene. Grazie mille Mario.
TROVATO Mario: Chi arriva prima aspetta, anche se arrivo un attimino più tardi
aspettami che arrivo.
CAVALLARO Simone:
Non c'è problema, non c'è problema. Va bene grazie.
TROVATO Mario: Ciao.
CAVALLARO Simone:
Ciao grazie.
In una conversazione ambientale intercettata a bordo dell’autovettura di NANIA Alessandro,
quest’ultimo comunica ad un conoscente che TROVATO Mario si è recato con REDAELLI
Antonello ad un appuntamento. La cella telefonica rilevata dalle telefonate che nella stessa
serata TROVATO Mario intrattiene con la convivente IVASHKOVA Alexandra, conferma la
sua presenza in Carate Brianza
Progressivo n. 2859 del giorno 26/06/2012, ore 20:30:04 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542-12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Presenti a bordo: NANIA Alessandro e VONA Rosario.
Conversazione tra i presenti a carattere personale.
I due parlano in merito alla riparazione di un'auto e di una minaccia fatta a terza persona che
gli aveva mandato un richiesta di pagamento tramite un legale.
[20:31:46]
NANIA Alessandro dice che doveva andare con Mario (TROVATO Mario, ndr), il quale
aveva un appuntamento con terza persona e verrà accompagnato da Antonello
(REDAELLI, ndr).
Ore [20:32:02] NANIA Alessandro dice che gli ha fatto male l'olio col peperoncino e dice che
deve andare a casa in bagno e saluta Rosario VONA.
[20:32:12] Scende dall'auto VONA Rosario, chiusura di portiera
Rumori ambientali.
…omissis…
Telefonata n. 3884 del giorno 26/06/2012, ore 21:50:38 intercettata sull'utenza
n. 3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra IVASHKOVA Alexandra e TROVATO Mario e
proveniente dall'utenza n. 3209359932.
IVASHKOVA Alexandra per TROVATO Mario:
TROVATO Mario le dice che richiamerà tra due ore.
222012991036160 [ VIA CAVOUR,14 Comune : CARATE BRIANZA Località : CARATE
BRIANZA Provincia : MONZA E DELLA BRIANZA ] (09 14 18.90 E - 45 41 09.90)
SMS n. 3885 del giorno 26/06/2012, ore 22:00:59 intercettato sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. Sms proveniente dall'utenza n.
3209359932.
Amore mio sono stanchissima e sto già dormendo. Non fare tardi. Ti amo:-***
22201299106161 [PIAZZA BATTISTI C.,S.N.C. Comune : CARATE BRIANZA Località :
CARATE BRIANZA Provincia : MONZA E DELLA BRIANZA ] (09 14 03.21 E - 45 40 36.43)
Alcuni giorni dopo l’incontro, il 29.6.2012, CAVALLARO Simone concorda un secondo
appuntamento con TROVATO Mario
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 206 di 566
Telefonata n. 3900 del giorno 29/06/2012, ore 21:25:09 intercettata sull'utenza
n. 3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra CAVALLARO Simone e TROVATO Mario e
proveniente dall'utenza n. 3272461502.
CAVALLARO Simone per TROVATO Mario :
CAVALLARO Simone:
ciao Mario sono Simone...
TROVATO Mario: ah sì... sì...ho capito...
CAVALLARO Simone:
ciao scusa... ti disturbo?
TROVATO Mario: no... ci vediamo domani sera?
CAVALLARO Simone:
eh sì ho chiamato oggi i ragazzi...
TROVATO Mario: va bene... ci vediamo domani sera dai!
n.b. Quando CAVALLARO Simone dice di aver chiamato i ragazzi, TROVATO Mario gli
sovrappone la voce cercando di non farlo parlare liberamente, liquidando CAVALLARO
Simone.
Il 30.6.2012 NANIA Alessandro commenta a bordo della sua autovettura la disponibilità che
aveva fornito nei giorni precedenti per proteggere un collaboratore di TROVATO Mario,
riferendosi a CAVALLARO Simone, come si desume dal dato temporale e dal riferimento ad
un incontro a CArate Brianza.
NANIA Alessandro consiglia al suo interlocutore di installare presso il suo locale i videopoker di TROVATO Mario, portando ad esempio quanto accaduto alcuni giorni prima dove
alcuni uomini avevano molestato CAVALLARO Simone e lo stesso TROVATO si era recato in
prima persona a Carate Brianza risolvendo il problema.
Progressivo n. 3140 del giorno 30/06/2012, ore 16:54:46 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato DY800NC (R.R.I.T.
542-12) in uso a NANIA Alessandro. La conversazione intercorre in lingua italiana.
NANIA Alessandro e UOMO:
Auto in movimento. Radio accesa.
NANIA Alessandro:
ora io gli ho detto (inc.le) ora mi ha detto "Sandro (inc.le)"
poverino si è messo a rischio (inc.le) comunque (inc.le) una bomba (inc.le) se metti le
macchinette (inc.le) e le metti qua fuori... vai bene! e con lui non hai problemi (inc.le)
UOMO:
chi ce li ha?
NANIA Alessandro:
ah?
UOMO:
chi è che ha le macchinette?
NANIA Alessandro:
se la vede Mario (TROVATO Mario, ndr) senno' (inc.le) chi ti
favorisce a te?! l'altro giorno mi doveva portare a Carate Brianza da uno... ha avuto
problemi con tutti... è arrivato lui... tutto a posto... almeno sei in mano tranquille
con lui...(inc.le) puoi metterle.
UOMO:
due... è piccolino
= OMISSIS =
Il 5.7.2012 CAVALLARO Simone comunica a TROVATO Mario di essere stato nuovamente
contattato <<…ascolta... adesso mi hanno chiamato quelli che ti dicevo... …Teste di
cazzo...>> e si rivolge a TROVATO Mario per la protezione. I due decidono in incontrarsi a
Lecco nella pizzeria di TROVATO Mario.
Telefonata n. 3938 del giorno 05/07/2012, ore 10:09:47 intercettata sull'utenza
n. 3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra CAVALLARO Simone e TROVATO Mario e
proveniente dall'utenza n. 3272461502.
CAVALLARO Simone per TROVATO Mario:
CAVALLARO Simone:
Pronto?
TROVATO Mario: Pronto!
CAVALLARO Simone:
Ciao Mario sono Simone... di Le [si corregge] di Carate, ti
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 207 di 566
disturbo?
TROVATO Mario: Sì sì... no no dimmi.
CAVALLARO Simone:
Ascolta, sei lì a mezzogiorno, al ristorante?
TROVATO Mario: Sì, sì.
CAVALLARO Simone:
Eh passo lì che ho un po' di cosine da raccontarti, dai.
TROVATO Mario: Va bene ciao.
CAVALLARO Simone:
Vengo li a mangiare, ciao.
TROVATO Mario: Ciao.
La PG assiste all’incontro tra TROVATO Mario e CAVALLARO Simone nella pizzeria 046.
I due si fermano a discutere in un tavolino all’interno del locale. Successivamente
CAVALLARO Simone si allontana dal locale a bordo della sua autovettura 49.
Nello stesso pomeriggio CAVALLARO Simone richiede a TROVATO Mario di inviare i suoi
uomini e TROVATO Mario accoglie la richiesta
Telefonata n. 3939 del giorno 05/07/2012, ore 13:37:42 intercettata sull'utenza
n. 3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra CAVALLARO Simone e TROVATO Mario e
proveniente dall'utenza n. 3272461502.
CAVALLARO Simone per TROVATO Mario:
CAVALLARO Simone:
Mario... Simone... scusa il disturbo, ascolta... adesso mi
hanno chiamato quelli che ti dicevo...
TROVATO Mario: Sì...
CAVALLARO Simone:
Teste di cazzo...
TROVATO Mario: Eh.
CAVALLARO Simone:
Mi mandi giù i ragazzi stasera? I nostri... i nostri amici?
TROVATO Mario: Stasera...?
CAVALLARO Simone:
Mi riesci a mandare giù... i ragazzi?
TROVATO Mario: Eeeh non so se li riesco a rintracciare adesso, eh...
CAVALLARO Simone:
Se riesci, se no niente, per carità.
TROVATO Mario: Dai se riesco te li mando, dai.
CAVALLARO Simone:
Mi fai sapere o rimaniamo così?
TROVATO Mario: No se arrivano per le nove (21.00, ndr ) sono lì.
CAVALLARO Simone:
Ok grazie.
TROVATO Mario: Ciao.
CAVALLARO Simone:
Grazie mille. Ciao ciao ciao.
TROVATO Mario: Ciao.
Da un tentativo di chiamata di CAVALLARO Simone verso il cellulare di TROVATO Mario,
sono captati alcuni commenti dello stesso CAVALLARO che con una persona a lui vicina si
vanta con evidente riferimento ai contatti con TROVATO Mario di avere amicizie nella
malavita e quindi di non temere ritorsioni <<…ma io conosco tutta la malavita... ma
vaffanculo... cioè io devo io devo fare qualcosa in faccia…>>.
Telefonata n. 3942 del giorno 05/07/2012, ore 17:39:50 intercettata sull'utenza
n. 3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra CAVALLARO Simone e TROVATO Mario e
proveniente dall'utenza n. 3272461502.
CAVALLARO Simone cerca di chiamare TROVATO Mario.
Fuori cornetta
CAVALLARO Simone conversa con terza persona e riferisce: " no no io dico dico quando io
vogliamoci bene... adesso... mio papà... poi il bar chiude adesso eh!...
sì sì
scommettiamo?... tu vuoi scommettere con me? ma coglione... ma io conosco tutta la
malavita... ma vaffanculo... cioè io devo io devo fare qualcosa in faccia... (inc.le)...
49
vgs. ALLEGATO N. 25 bis – Servizio di Osservazione Controllo e Pedinamento redatto in data 5.7.2012 relativo ai fatti del medesimo
giorno
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 208 di 566
Nello stesso pomeriggio CAVALLARO Simone richiama nuovamente TROVATO Mario
comunicandogli che la presenza dei suoi uomini non era più necessaria, in quanto a causa
di un infortunio occorsogli al dito avrebbe passato quella serata in casa e non sarebbe
andato al bar.
Telefonata n. 3943 del giorno 05/07/2012, ore 17:50:19 intercettata sull'utenza
n. 3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra Simone e TROVATO Mario e proveniente
dall'utenza n. 3272461502.
CAVALLARO Simone per TROVATO Mario
CAVALLARO Simone:
Mario scusami ti avviso che sono mica caduto mi sono spaccato un
dito?! porca puttana... quindi non fare venire nessuno stasera che non ci sono io...
TROVATO Mario: ah vabbè
CAVALLARO Simone:
sto andando... sto andando adesso al pronto soccorso
TROVATO Mario: uhm...
CAVALLARO Simone:
da paperotto son caduto guarda
TROVATO Mario: va bene dai
CAVALLARO Simone:
capito?! non voglio farti muovere... ahia (fonetico affermazione di
dolore)... persone che poi non ci sono capito?
TROVATO Mario: va bene dai
CAVALLARO Simone:
ehee... ti chiamo domani domani primo pomeriggio
TROVATO Mario: vedi tu dai
CAVALLARO Simone:
ok...scusami Mario
TROVATO Mario: niente dai
CAVALLARO Simone:
per favore
saluti.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 209 di 566
4 – Gli scopi dell’associazione.L’infiltrazione dell’associazione mafiosa nel tessuto
politico amministrativo e il controllo del voto. Il ruolo cardine di PALERMO Ernesto.
A) Il controllo e l’infiltrazione dell’associazione nella Pubblica Amministrazione per
l’acquisizione di concessioni e per iniziative urbanistiche ed edilizie
a1)La vicenda dell’aggiudicazione agli associati della concessione da parte del Comune di
Valmadrera dell’area del c.d. Lido di Pare’
La locale attraverso l’attività degli associati, principalmente di PALERMO Ernesto e
REDAELLI Antonello, sotto la direzione ed il coordinamento dello stesso TROVATO Mario, ha
operato per ottenere e ha ottenuto effettivamente in un primo momento
dall’amministrazione comunale di Valmadrera l’aggiudicazione di una concessione pubblica
per la gestione dell’area balneare lacuale nota come “pratone” o “Lido di Paré”, appunto in
comune di Valmadrera.
Veniva appositamente costituita una società da TROVATO Mario e PALERMO Ernesto reali
“domini” della società che vedeva formalmente coinvolti REDAELLI Antonello quale parziale
finanziatore oltre a LILLIU Saverio ( e successivamente CIRINA Paola Desideria) quale
prestanome.
La realizzazione di tale programma è stata in una prima fase resa possibile dalla
capacità di pressione dell’uomo politico PALERMO Ernesto sull’amministrazione
comunale di Valmadrera tradottasi anche in continui atti di turbativa in concorso con
il pubblico ufficiale Sindaco RUSCONI Marco ex artt. 353 e 353 bis CP ,
Tale capacità di pressione è connessa anche alla specifica vicinanza di PALERMO
Ernesto al gruppo criminoso TROVATO, oltre che da una mirata attività corruttiva
propria ex artt 321,319 cp aggravata dalla finalità mafiosa ex art. art. 7 Lg 152/1991
nei confronti del Sindaco RUSCONI Marco.
La vicenda prende avvio il 7.3.2011 quando PALERMO Ernesto contatta TROVATO Mario e
lo informa dell’esistenza di un bando di gara, non ancora pubblico, inerente la gestione del
lido balneare in località Parè, nel comune di Valmadrera
Telefonata n. 33 del giorno 07/03/2011, ore 13:05:17 intercettata sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
PALERMO Ernesto per TROVATO Mario:
TROVATO Mario: Pronto?
PALERMO Ernesto:
Buongiorno.
TROVATO Mario: Pronto?!
PALERMO Ernesto:
Pronto! Ernesto...
TROVATO Mario: Ah dimmi...
PALERMO Ernesto:
Ascolta, settimana prossima escono con quel coso, hanno
definito, mi ha appena chiamato, mercoledì mi dà tutto. Chiamo Antonello, è
meglio?
TROVATO Mario: Chiamo?
PALERMO Ernesto:
Chiamo ad Antonello?
TROVATO Mario: Eh, chiamalo tu, dai.
PALERMO Ernesto:
Eh lo chiamo io?
TROVATO Mario: Sì, sì...
PALERMO Ernesto:
Lo rendo partecipe io...? Ok dai.
Telefonata n. 22 del giorno 07/03/2011, ore 13:21:44 intercettata sull'utenza n.
3391073149 (R.R.I.T. 104/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e TROVATO Mario proveniente
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 210 di 566
dall'utenza n. 335441133.
REDAELLI Antonello per TROVATO Mario:
REDAELLI Antonello avvisa che giungerà in meno di due minuti.
Il 9.3.2011 PALERMO Ernesto comunica a TROVATO Mario che nei prossimi giorni, grazie a
una terza persona, successivamente individuata in RUSCONI Marco, sindaco di Valmadrera,
avrebbe avuto ulteriori informazioni sulla concessione del lido balneare.
Telefonata n. 52 del giorno 09/03/2011, ore 18:44:02 intercettata sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
PALERMO Ernesto per TROVATO Mario:
TROVATO Mario: pronto.
PALERMO Ernesto:
pronto ciao,sono Ernesto...MARIO.
TROVATO Mario: dove sei?
PALERMO Ernesto:
sto tornando da BERGAMO.
TROVATO Mario: ah sei al bar?
PALERMO Ernesto:
noo.
TROVATO Mario: ah
PALERMO Ernesto:
a BERGAMO.
TROVATO Mario: si si .
PALERMO Ernesto:
eh.
TROVATO Mario: ci vediamo o che cosa?
PALERMO Ernesto:
no,ti dico al volo perché mi devo fermare a mangiare da mia
suocera che è il compleanno
TROVATO Mario: aaa.aaa...
PALERMO Ernesto:
ti dico al volo...LUNEDÌ VEDO QUELLA PERSONA LI
TROVATO Mario: va bene dai...allora fatevi. Ti fai vedere tu dopo dai...
PALERMO Ernesto:
dai mi faccio sentire...ma tu dove sei in pizzeria fino a che ora?
TROVATO Mario: no io stasera son chiuso in pizzeria sono al bar.
PALERMO Ernesto:
e ma fino a che ora stai al bar.
TROVATO Mario: e non so il bar chiuderà verso le 8 e mezzo non so ...8 e mezzo.
PALERMO Ernesto:
e magari ti chiamo se sei in giro a LECCO.
TROVATO Mario: chiamami chiamami che magari sono qua in giro no.
PALERMO Ernesto:
e va boh allora ci sentiamo .
TROVATO Mario: ciao ciao.
PALERMO Ernesto:
ok ciao ciao.
L’11.3.2011 TROVATO Mario coinvolge anche LILLIU Saverio, pregiudicato per associazione
a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, convocandolo presso la sua
pizzeria.
Telefonata n. 60 del giorno 11/03/2011, ore 21:28:42 intercettata sull'utenza n.
3391073149 (R.R.I.T. 104/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra LILLIU Saverio e TROVATO Mario proveniente dall'utenza n.
3491386571.
LILLIU Saverio per TROVATO Mario:
Mario dice di essere in pizzeria a mangiare e chiede a Saverio se arriva anche lui. Saverio dice
di si
Il 22.3.2011 emerge con chiarezza che TROVATO Mario e gli altri associati sono già entrati
in possesso, prima della pubblicazione, del bando di gara e del relativo disciplinare di
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 211 di 566
partecipazione inerente la riqualificazione dell’area verde lacuale in località Parè di
Valmadrera e cominciano ad organizzare, con largo anticipo rispetto ad eventuali
concorrenti, la progettazione dell’intervento con le relative migliorie dell’area.
TROVATO Mario si preoccupa infatti che REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto
prendano contatto con un architetto, iniziando così la realizzazione del progetto da
presentare al Comune.
REDAELLI Antonello risulta avere nella propria disponibilità almeno due copie del
disciplinare e del bando di gara e su richiesta di TROVATO Mario ne avrebbe consegnata
una copia allo stesso.
Telefonata n. 150 del giorno 22/03/2011, ore 10:31:43 intercettata sull'utenza n.
3391073149 (R.R.I.T. 104/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Mario e REDAELLI Antonello diretta all'utenza n.
335441133.
TROVATO Mario in sottofondo "... sono lecchini... stamattina è venuto Antonio... ha preso il
caffè e se ne è andato... hai fatto qualcosa? niente... dici..."
TROVATO Mario per REDAELLI Antonello:
REDAELLI Antonello:
Pronti!
TROVATO Mario: Pronti! Siete andati là stamattina? Che non ho sentito nessuno...
REDAELLI Antonello :
Sìì, è già con le foto, è tutto a posto... oh! ma noi non dormiamo né!
TROVATO Mario: Ah, meno male che non dormite...
REDAELLI Antonello :
Aaaah... non è che lavorate solo voi, lavoriamo anche noi, eh! Tutto
a posto?
TROVATO Mario: Eh, tutto a posto?! te lo sto chiedendo a te a se è tutto a posto!
REDAELLI Antonello :
Tutto a posto, ha fatto le foto, - inc.le - al progetto.
TROVATO Mario: - Inc.le REDAELLI Antonello :
Cosa?
TROVATO Mario: Il bando glielo hai dato?
REDAELLI Antonello :
A chi?
TROVATO Mario: A quello lì! Non dovevate portarglielo mica all'architetto?
REDAELLI Antonello :
No, lui deve fare quello che gli ha detto... Ernesto! Il bando non so
cosa gliene freghi. Lui deve fare, mettere su un disegno quello che vogliamo fare noi,
punto. Quello che ci serve a noi è quello.
TROVATO Mario: Appunto... - inc.le - lì il bando per vedere cosa deve impostare dentro,
cos'è che gli mette...
REDAELLI Antonello :
No ma non c'è scritto sul bando cosa deve impostare, sul bando c'è
scritto che ci vuole una... una... un prospetto, cioè un disegno di quello che si vuol
fare.
TROVATO Mario: Appunto, però dico anche lì, se deve prendere qualche spunto da lì...
REDAELLI Antonello :
No, non ce n'è di spunti da lì, perché il bando non è ancora
uscito MARIO, eh eh!
TROVATO Mario: Si può avere 'sto coso o no?
REDAELLI Antonello :
Che cosa?
TROVATO Mario: Il bando! si può avere?
REDAELLI Antonello :
Io ce l'ho in macchina, ce ne ho due copie!
TROVATO Mario: Ah! Appunto dico! perché non...?
REDAELLI Antonello :
Ma io ce l'ho, se lo vuoi...! Io ne ho fatta una copia in più, se
vuoi te la do, non c'è problema.
TROVATO Mario: A me me lo devi dare?! siccome ieri eravamo d'accordo che glielo dovevi
portare a lui! adesso ... - inc.le - gli serviva.
REDAELLI Antonello :
Sì, dopo Ernesto non me l'ha cercato ed io non gliel'ho più
dato sinceramente.
TROVATO Mario: Prova a chiamarlo a coso, ad Ernesto, se gli serve.
REDAELLI Antonello :
L'ho già sentito io, Ernesto.
TROVATO Mario: Ah l'hai sentito? e ha detto che non gli serve?
REDAELLI Antonello :
L'ho sentito, no è già a posto, te l'ho già... ha già fatto foto e tutto, è
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 212 di 566
già tutto a posto.
TROVATO Mario: Va bene dai. Tu dove sei?
REDAELLI Antonello :
Non dormia...! Sono qua a Bologna, sono qui appresso a Bologna. Io
lavoro, capito! Io ho i debiti, devo lavorare!
TROVATO Mario: Ci vediamo stasera o che cosa?
REDAELLI Antonello :
Eh, sì, sì... anche perché io... eh poi ti spiego... mi devono dare la
risposta anche i ragazzi...
TROVATO Mario: Va bene dai, ci vediamo stasera dai.
REDAELLI Antonello :
Ciao.
TROVATO Mario: Ciao.
Il 23.3.2011 REDAELLI Antonello si informa con tale Stefano, presso lo studio
commercialista BARLASSINA POZZOLI ed associati di Varedo (MI), circa le modalità per la
costituzione di una S.R.L., necessaria per la partecipazione alla gara.
Telefonata n. 48 del giorno 23/03/2011, ore 10:52:51 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra Stefano e REDAELLI Antonello proveniente
dall'utenza n. 3474482416.
STEFANO per REDAELLI Antonello:
Il 24.3.2011 entra in scena RUSCONI Marco, sindaco di Valmadrera, che viene contattato da
PALERMO Ernesto per il ritiro di alcuni documenti tramite il fratello di quest’ultimo
PALERMO Attilio; ben prima della pubblicazione del bando di gara e del relativo
capitolato RUSCONI Marco fornisce dunque informazioni privilegiate con ciò ponendo
in essere evidenti condotte di turbativa di pubblico incanto.
Telefonata n. 45 del giorno 24/03/2011, ore 11:25:16 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta all'utenza n.
3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
PALERMO Ernesto gli dice di essere ancora al funerale e gli chiede se lo disturberebbe se
mandasse suo fratello " a prendere queste carte".
RUSCONI Marco gli dice di dirgli di arrivare però tra le 12.00 e 12.15.
PALERMO Ernesto gli dice che è gentile come sempre e lo ringrazia.
Telefonata n. 49 del giorno 24/03/2011, ore 12:22:31 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Attilio e PALERMO Ernesto proveniente
dall'utenza n. 3337351331.
PALERMO Attilio per PALERMO Ernesto:
PALERMO Attilio gli dice che è tutto a posto e che terza persona gli ha spiegato un po’
la cosa. PALERMO Attilio conclude dicendo che ne parleranno dopo.
Le condotte di turbativa sono ulteriormente confermate da una successiva telefonata,
sempre tra i fratelli PALERMO, in cui PALERMO Attilio riferisce al prossimo congiunto
informazioni dettagliate e riservate sul contenuto dei futuri bando di gara e capitolato, sui
meccanismi di atrribuzione dei punteggi per le valutazioni così come sulla durata della
concessione .
-
Telefonata n. 87 del giorno 24/03/2011, ore 17:53:13 intercettata sull'utenza n.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 213 di 566
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Attilio e PALERMO Ernesto proveniente
dall'utenza n. 3337351331.
PALERMO Attilio per PALERMO Ernesto: PALERMO Attilio gli chiede se ora ha finito.
PALERMO Ernesto gli dice che ha finito alle quattro. PALERMO Attilio gli dice che lui è andato
a rinnovare l'assicurazione che gli è scaduta e che sabato sera alle nove arriverà Fiorella e
dice che andrà via lunedì mattina. PALERMO Ernesto gli chiede se con l'aereo . PALERMO
Attilio risponde affermativamente. PALERMO Ernesto continua dicendo che...inc.el Angioletto
che gli ha fatto pagare 200 euro per 60 persone. Segue conversazione confidenziale,
[17:55:11]
PALERMO Ernesto gli chiede se il sindaco gli ha dato "quelle cose poi" e cosa gli ha
detto. PALERMO Attilio risponde che gli ha detto che la cosa "parte da tre" e i
punteggi sono da 40 a 60 e poi ha detto che ha cambiato qualcosa e gliel'ha scritto
proprio a penna su una fotocopia. Parlano dell'opera di realizzazione di strutture
per le famiglie.
PALERMO Attilio gli dice che è stata inserita la clausola che da Maggio è
rinnovabile per un anno ed aggiunge che sono stati già stanziati dei soldi per
sistemare " quella zona" là ma bisogna vedere cosa intendono fare loro perché se
magari d'estate loro potessero fare solo un pezzo che non dà fastidio... l'attività
continua.
PALERMO Attilio dice che terza persona gli ha inoltre detto di chiamarlo per
qualsiasi e che la concessione può essere prorogabile dall'01/03/2012 e che va
dall'01 maggio fino al 31 ottobre e che si può prorogare fino all'01/03/2012 e che
3000 euro il prezzo base per ..." sto coso".
PALERMO Ernesto gli chiede se domani o dopo domani esce il bando.
PALERMO Attilio dice che terza persona gli ha detto in settimana prossima e dice "comunque
questo, quello che ti ha scritto qua! lui esce!".
PALERMO Attilio gli dice che se lui è in giro glielo potrà pure portare " sto coso".
PALERMO Ernesto dice di essere a casa. PALERMO Ernesto gli chiede se lui è in giro a Lecco.
PALERMO Attilio gli dice che ora lui sta rientrando ; poi riprende a leggere il foglio che ha
avuto da terza persona (trattasi di un bando di concorso
di realizzazione di opere di
infrastrutture, ndr.)
PALERMO Ernesto gli chiede se terza persona è stata abbastanza disponibile.
PALERMO Attilio gli dice " si, si tutto a posto! e dice che gli ha detto che se ci fossero stati
problemi di farlo chiamare dal fratello
Si accordano di sentirsi dopo.
Subito dopo PALERMO Ernesto contatta REDAELLI Antonello e TROVATO Mario, fissando
con quest’ultimo un appuntamento per riferire le ultime novità relative alla gara di
concessione dell’area adibita a verde del Lido di Parè.
Telefonata n. 99 del giorno 24/03/2011, ore 18:43:57 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto proveniente
dall'utenza n. 335441133.
Telefonata n. 150 del giorno 24/03/2011, ore 18:43:50 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto
diretta all'utenza n. 3495781131.
REDAELLI Antonello per PALERMO Ernesto: :
PALERMO Ernesto gli chiede se è ancora in giro.
REDAELLI Antonello ride e risponde " mi hanno lasciato andare!".
PALERMO Ernesto gli chiede dov'è.
REDAELLI Antonello dice di essere là a Valmadrera e di essere arrivato adesso.
PALERMO Ernesto gli chiede se ha voglia di farsi un giro.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 214 di 566
REDAELLI Antonello gli dice che ormai è tardi sono le sette.
[18:44:14]
PALERMO Ernesto:
" parliamo domani poi , parliamo a Natale?"
REDAELLI Antonello:
no! domani non ci sono! sono a Roma!
PALERMO Ernesto:
perciò io sono andato lì!
REDAELLI Antonello:
oggi?
PALERMO Ernesto:
e si, eh!
REDAELLI Antonello:
...inc.le ... tutto a posto?
PALERMO Ernesto:
va bè! poi parliamo, dai!
REDAELLI Antonello:
no, si, va bene! ascolt...domani non ci vediamo, ci vediamo sabato?
PALERMO Ernesto:
forse! se non vado via!
REDAELLI Antonello:
perché forse vai via?
PALERMO Ernesto:
si!
REDAELLI Antonello:
uh! va bè dai, poi ci vediamo che parliamo perché ci sono anche un
po’ di novità...hai sentito? ve a bè poi ne parliamo!
PALERMO Ernesto:
che novità ci sono?
REDAELLI Antonello:
eh! poi te lo dico, dai!
PALERMO Ernesto:
della macchina!
REDAELLI Antonello:
no!
PALERMO Ernesto:
e di che? dimmi!
REDAELLI Antonello:
no, Saverio!
PALERMO Ernesto:
eh!
REDAELLI Antonello:
l'hai sentita? (fonetico)
PALERMO Ernesto:
no! non ci siamo visti proprio oggi!
REDAELLI Antonello:
ah! niente, niente! non è venuto neancheee sta matina?
PALERMO Ernesto:
no, no sono venuto neanch'io qua che è successo?
REDAELLI Antonello:
no, eh! ...fa parte della società che cazzo ne so! poi ti spiego, dai!
PALERMO Ernesto:
va bò, dai!
REDAELLI Antonello:
ci vediamo ...domani no... ti chiamo sabato mattina! sei a casa o vai
al lavoro?
PALERMO Ernesto:
no, no! sono a casa!
REDAELLI Antonello:
dai, ti chiamo io! ciao, ciaio
PALERMO Ernesto:
ciao!
Telefonata n. 179 del giorno 24/03/2011, ore 18:45:47 intercettata sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 100 del giorno 24/03/2011, ore 18:45:47 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario diretta all'utenza n.
3381430512.
PALERMO Ernesto per TROVATO Mario:
PALERMO Ernesto gli dice che "questa " lo continua a cazziare in continuazione.
TROVATO Mario gli chiede con chi sta parlando.
PALERMO Ernesto risponde con chi posso parlare se sono al bar?". (IVASHKOVA Alexandra,
ndr). PALERMO Ernesto gli dice di essere al bar e gli chiede dove si trova.
TROVATO Mario risponde che sta per andare in pizzeria .
Ore[18:46:20] PALERMO Ernesto gli dice . " passi un minuto che ti dico una cosa? ".
TROVATO Mario: devo passare?
PALERMO Ernesto:
eh! passa dai!
TROVATO Mario: va bè dai!
PALERMO Ernesto:
ciao!
TROVATO Mario: ciao!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 215 di 566
Il 26.3.2011 REDAELLI Antonello contatta PALERMO Ernesto per avere nuove informazioni
sulla gara in questione.
Il giorno successivo viene organizzato un incontro, attorno all’ora di pranzo, presso il bar “Le
Petit Café”, al quale partecipano TROVATO Mario, PALERMO Ernesto e REDAELLI
Antonello, incontro che viene monitorato dalla P.G. anche con riprese fotografiche50
Telefonata n. 169 del giorno 26/03/2011, ore 09:18:45 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto proveniente
dall'utenza n. 335441133.
REDAELLI Antonello per PALERMO Ernesto:
REDAELLI Antonello chiede se si vedranno ma PALERMO Ernesto gli risponde che si trova con
la figlia grande e non sa se ce la farà, REDAELLI Antonello dice che sarà per le 11.00 al bar
di Belledo e REDAELLI Antonello cheide se ci sono novità e PALERMO Ernesto dice che il
fratello gli ha dato della carte, ma ne dovranno parlare
Telefonata n. 199 del giorno 26/03/2011, ore 11:13:05 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello diretta all'utenza
n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
REDAELLI Antonello dice di essere da poco arrivato al bar, PALERMO Ernesto lo
raggiungerà subito
Telefonata n. 223 del giorno 26/03/2011, ore 11:31:04 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Attilio e PALERMO Ernesto proveniente
dall'utenza n. 3337351331.
PALERMO Attilio per PALERMO Ernesto:
Si mettono d'accordo per andare a pranzo a Ballabio, chiameranno ANTONELLO e
LEONARDO
Telefonata n. 230 del giorno 26/03/2011, ore 12:26:09 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e diretta all'utenza n. 3492158939.
in sottofondo si sente la voce di TROVATO Mario
PALERMO Ernesto dice : "è sempre uscito con Romeo..."
Telefonata n. 234 del giorno 26/03/2011, ore 13:36:09 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e SEBASTIANO LUCA MICHELE FUSCO
diretta all'utenza n. 3452481252.
In sottofondo si sentono le voci di TROVATO Mario, REDAELLI Antonello ed PALERMO
Ernesto
Il 28 marzo 2011 PALERMO Ernesto cerca di ottenere dal sindaco di Valmadrera RUSCONI
Marco ulteriori informazioni sulla data di pubblicazione del bando di gara e RUSCONI Marco
si mostra assolutamente disponibile a fornire anticipazioni sui tempi di svolgimento della
gara e a concordare con PALERMO i tempi di pubblicazione e lo stesso contenuto tecnico
del progetto che verrà presentato dalla società riferibile a quest’ultimo.
Da notare che entrambi gli interlocutori danno naturalmente per scontato il fatto che
la concessione verrà aggiudicata a PALERMO e soci.
50
vgs. ALLEGATO N. 11 – servizio di osservazione, controllo e pedinamento relativo ai fatti del 27.3.2011;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 216 di 566
Subito dopo PALERMO Ernesto contatta REDAELLI Antonello e a TROVATO Mario usando
per telefono, in particolare con quest’ultimo, le massime cautele e rinviando ad un incontro
di persona la comunicazione di ulteriori dettagli.
Telefonata n. 304 del giorno 28/03/2011, ore 11:30:19 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta all'utenza n.
3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
RUSCONI Marco: eccomi! ciao ERNESTO
PALERMO Ernesto:
ciao caro, buongiorno
RUSCONI Marco: ho visto adesso...mi è venuto in mente che mi hai cercato anche forse
sabato...
PALERMO Ernesto:
ma no, ti disturbo sempre io...
RUSCONI Marco: dimmi, scusami
PALERMO Ernesto:
no, volevo sapere..."quel discorso là..."quando lo mettete in
gara?
RUSCONI Marco: io penso che uscirà...lunedì prossimo
PALERMO Ernesto:
lunedì prossimo?
RUSCONI Marco: sì, tra una settimana
PALERMO Ernesto:
ascolta, io sto facendo fare tutto lì all'architetto, l'ho portato
lì sul posto a fare le foto, cerca di fare qualcosa di bello e di carino
RUSCONI Marco: certo
PALERMO Ernesto:
inseriamo la piscina come hai detto tu, come avevi
richiesto...
RUSCONI Marco: quella è una bella cosa... sì
PALERMO Ernesto:
una sette metri per tre, va bene? non una cosa esagerata...
RUSCONI Marco: sì...per i bambini va benissimo...
PALERMO Ernesto:
un parco giochi là vicino sempre per i bambini là vicino...e poi non lo
so...nel bando...nella domanda che presentiamo...vuoi che ci metta pure "organizzazione di
eventi per famiglie e roba varia?", questo te lo metto pure? tu che dici?
RUSCONI Marco: sì se c'è la possibilità volen... va benissimo
PALERMO Ernesto:
sì, lo facciamo, se tu vuoi puntare sulle famiglie bisogna fare
questo...
RUSCONI Marco: certo...
PALERMO Ernesto:
a noi non interessa neanche lavorare la sera tardi...
RUSCONI Marco: infatti, l'importante per noi è quello è che volevamo dare un taglio
prevalentemente per le famiglie quindi tutto quello che c'è per dare quell'indirizzo lì, va bene
PALERMO Ernesto:
anche perché lì i ragazzi prendono una birra e la tengono in mano
dalle 23.00 fino alle 02.00 di notte
RUSCONI Marco: esatto
PALERMO Ernesto:
si crea solo bordello e confusione, cercherei secondo me, di fare...un
mini...una spiaggetta privata...
RUSCONI Marco: esatto...esatto...esatto...esatto...
PALERMO Ernesto:
giusto?
RUSCONI Marco: qualcosa del genere per le famiglie
PALERMO Ernesto:
la pizzeria, la inserisco pure...il forno? per la pizza...
RUSCONI Marco: va bene...l'importante sono poi tutte le autorizzazioni del caso
PALERMO Ernesto:
va boh, poi quella lì...la facciamo magari la richiesta...per avere la
licenza in Comune...e roba varia anche perché questo se ne (inc.le) e tutto non è che...
RUSCONI Marco: no, no, l'importante è che abbia una struttura che sia indipendente
PALERMO Ernesto:
sì, sì, una cosa a parte dal bar o chiosco...quello che è... gli faccio
fare un bel progettino...
RUSCONI Marco: va bene...dai
PALERMO Ernesto:
ok...allora io...penso che per...quanto lo tieni fuori tu? una
quindicina di giorni? non di più...se no...
RUSCONI Marco: certo, no, no, una cosa del genere succederà...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 217 di 566
PALERMO Ernesto:
va bene, ok, Marco, scusami se ti disturbo.
RUSCONI Marco: figurati, ci mancherebbe, ci aggiorniamo ERNESTO.
PALERMO Ernesto:
ok grazie MARCO.
Si salutano
Telefonata n. 252 del giorno 28/03/2011, ore 11:47:30 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 313 del giorno 28/03/2011, ore 11:47:32 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello diretta all'utenza
n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
REDAELLI Antonello:
Si
PALERMO Ernesto:
Ciao Anto
REDAELLI Antonello:
Ciao caro
PALERMO Ernesto:
Dimmi una cosa tu che rapporti c'hai con Bassi (fon.)
REDAELLI Antonello:
Buoni
PALERMO Ernesto:
Buoni?
REDAELLI Antonello:
Siii
PALERMO Ernesto:
Ma buoni buoni
REDAELLI Antonello:
Si si abbastanza
PALERMO Ernesto:
Ah e poi magari se ci vediamo stasera o domani...cioè domani
REDAELLI Antonello:
Eh no domani
PALERMO Ernesto:
Domani ti dico ti dico una cosa okay
REDAELLI Antonello:
Si va bene
PALERMO Ernesto:
Va bene?
REDAELLI Antonello:
Va bene caro
PALERMO Ernesto:
Okay grazie
REDAELLI Antonello:
Domani lavori
PALERMO Ernesto:
Si tutto a posto
REDAELLI Antonello:
Eh
PALERMO Ernesto:
Senti io mi sono sentito con quello poi ne parliamo a voce
REDAELLI Antonello:
Okay dai
PALERMO Ernesto:
Esce (fon.) settimana prossima...il bando me lo tiene pure
quindici giorni
REDAELLI Antonello:
Quanti?
PALERMO Ernesto:
Quindici non un mese
REDAELLI Antonello:
Va bene dai
PALERMO Ernesto:
Okay?
REDAELLI Antonello:
Mm mm
PALERMO Ernesto:
Vabò okay
REDAELLI Antonello:
Ci...ti chiamo io domani ciao
PALERMO Ernesto:
Vabò ciao ciao
REDAELLI Antonello:
Ciao ciao
Telefonata n. 203 del giorno 28/03/2011, ore 12:12:46 intercettata sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 314 del giorno 28/03/2011, ore 12:12:47 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario diretta all'utenza n.
3381430512.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 218 di 566
PALERMO Ernesto per TROVATO Mario:
PALERMO Ernesto
"tutto a posto?"
TROVATO Mario: tutto a posto...
PALERMO Ernesto:
ho capito
TROVATO Mario: eh... ci vediamo stasera?
PALERMO Ernesto:
va bene, va bene, ciao
TROVATO Mario: ciao
Telefonata n. 290 del giorno 29/03/2011, ore 09:50:05 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e
Stefano diretta
all'utenza n. 3474482416.
In sottofondo si sente la voce di TROVATO Mario e REDAELLI Antonello dice: "ERNESTO!"
REDAELLI Antonello per STEFANO:
REDAELLI Antonello gli chiede se un amministratore di S.R.L. deve avere per forza delle quote
maggioritarie o simile e STEFANO risponde di no, può anche non averle e REDAELLI Antonello
dice questo alla persona che si trova con lui e poi chiede chi potrebbe fare l'amministratore.
OMISSIS
Telefonata n. 292 del giorno 29/03/2011, ore 09:53:01 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e
Stefano diretta
all'utenza n. 3474482416.
In sottofondo si sente la voce di PALERMO Ernesto
REDAELLI Antonello per STEFANO:
REDAELLI Antonello chiede se ad un componente della società che non è
amministratore gli possono fare il casellario, la ditta è una pizzeria, ristorante
perché questa persona ha avuto dei problemi in passato e non può fare l'amministratore
quindi si era pensato di mettere il cognato che lavora in un'altra società e fa parte della S.R.L..
STEFANO risponde che non facendo l'amministratore può comunque fare altro.
In sottofondo sembra di sentire la voce di TROVATO Mario.
Nei giorni seguenti TROVATO Mario e gli altri associati avendo avuto informazioni
privilegiate sul contenuto del bando di gara si occupano nella ricerca dell’attrezzatura
da acquistare per la realizzazione delle infrastrutture nella assoluta
certezza
dell’aggiudicazione della gara .
Tale attività viene controllata anche in servizi di O.C.P. da parte della P.G. 51
Telefonata n. 214 del giorno 29/03/2011, ore 14:15:02 intercettata sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 401 del giorno 29/03/2011, ore 14:15:02 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario diretta all'utenza n.
3381430512.
PALERMO Ernesto per TROVATO Mario:
PALERMO Ernesto:
ascolta ho dato io un'occhiata... sul computer no!...
TROVATO Mario: eh?
PALERMO Ernesto:
ce ne sono di belle anche con diecimila euro...
TROVATO Mario: eee...vediamole scusa giusto no?
(Si accavallano le voci)
PALERMO Ernesto:
una come dicevi tu... cinquantadue metri quadri... novemila
51
vgs. ALLEGATO N. 12 – servizio di osservazione, controllo e pedinamento relativo ai fatti del 30.3.2011;
vgs. ALLEGATO N. 13 – servizio di osservazione, controllo e pedinamento relativo ai fatti del 30.3.2011;
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 219 di 566
euro
TROVATO Mario: e porca! allora vedi! dove vendono le cose qui e andiamo a vedere
PALERMO Ernesto:
perché sono pure vicine...io ho guardato in Lombardia...capito?
TROVATO Mario: dove?
PALERMO Ernesto:
solamente in zona Lombardia... tipo Piacenza... Livorno...
TROVATO Mario: si...che ce ne fotte a noi basta che ce li portano
PALERMO Ernesto:
eh! portare li porta! solo che li devono montare... lo troviamo uno
che ce li monta?
TROVATO Mario: certo che troviamo...c'abbiamo già uno che ce li monta, basta che ce li
confermano e troviamo chi ce li monta
PALERMO Ernesto:
no...perché io il sito l'ho preso... magari ci vediamo stasera e ti
spiego...così lo guardiamo insieme addirittura
TROVATO Mario: va bene... ma tramite computer sei riuscito a schermare qualcosa?
PALERMO Ernesto:
si...si...
TROVATO Mario: a far vedere qualcosa?
PALERMO Ernesto:
si...si...
TROVATO Mario: a schermare qualcosa in modo da vederla così dò un'occhiata
PALERMO Ernesto:
di stamparla no... Mario... porto il portatile... attacchiamo e lo
guardiamo dai!
TROVATO Mario: ah! va bene
si salutano
Telefonata n. 343 del giorno 29/03/2011, ore 20:45:27 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto
diretta all'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 440 del giorno 29/03/2011, ore 20:45:35 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto proveniente
dall'utenza n. 335441133.
REDAELLI Antonello per PALERMO Ernesto:
PALERMO Ernesto detta il nome di un sito dove REDAELLI Antonello deve accedere per avere
delle informazioni, PALERMO Ernesto dice che a lui e a Mario ci deve pensare lui, "li deve
prendere per mano e portare", REDAELLI Antonello ride e dice che è così però poi rammenta a
PALERMO Ernesto quando è andato dal dentista è stato merito loro Mario e Redaelli ndr).
PALERMO Ernesto dice che domattina darà a REDAELLI Antonello le licenze. PALERMO
Ernesto detta a REDAELLI Antonello il nome del sito www.gardendeco.it e chiede a
REDAELLI Antonello di cercare le case in legno 58 mm. I due commentano insieme il
sito. PALERMO Ernesto detta anche un secondo sito, www.venditacasette.it. Commentano
anche tale sito. I due si danno appuntamento per le 10,30 per vedere le casette in legno.
Verosimilmente hanno un appuntamento presso un rivenditore. PALERMO dice a Redaelli che
se riesce potrebbe stampare delle pagine dal sito in modo da farle vedere a "Don
Mario". Si accordano per vedersi domani per vedere di persona le casette in legno
Telefonata n. 350 del giorno 30/03/2011, ore 09:22:17 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e Arredoline Costruzioni
diretta all'utenza n. 0575595373.
REDAELLI per donna (Arredoline Costruzioni - azienda di edilizia prefabbricata): dice di aver
trovato la loro azienda dopo una ricerca su internet e chiede un preventivo per delle strutture
di tipo balneare da aprire sul lago di Lecco comprensiva di un gazebo/bar di circa 50 mq. La
donna dice di essere solamente una centralinista e cerca di mettere in contatto REDAELLI con
la persona preposta senza tuttavia riuscirci. La donna si fa lasciare il numero da REDAELLI
con la promessa che l'incaricato lo richiamerà al più presto.
Telefonata n. 351 del giorno 30/03/2011, ore 09:27:31 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 220 di 566
intercettata intercorre, in lingua italiana tra SCELLAI e REDAELLI Antonello proveniente
dall'utenza n. 3458745464.
SCELLAI della (ArredoLine Costruzioni) per REDAELLI Antonello:
REDAELLI:
io la chiamavo per questo motivo, noi stiamo per aprire una
struttura sul lago di... (fon) allora è un prato di 1500 metri e si vorrebbe fare delle
cose anche perché il Comune tra virgolette ce lo impone. Ho bisogno che lei
gentilmente mi possa mandare dei disegni qualcosa
SCELLAI: anche dei preventivi?
REDAELLI:
le spiego dunque cosa vorrei fare. Dunque una struttura base che
comprende il bar queste cose qua di circa 50 metri con la possibilità la sera di chiuderla, sa
quelle tipo che fanno al mare, strutture turistiche si aprono e si chiudono a secondo delle
esigenze. Mi servirebbe questa e mi servirebbero tre bagni normali e una degli handicappati,
3-4 spogliatoi
SCELLAI: c'è un problema che sicuramente quando lei andrà avanti non so se gli altri glielo
hanno posto ma(fon)
REDAELLI:
io non ho parlato ancora con nessuno
SCELLAI: ah ecco per serietà della nostra (inc.le) io glielo propongo subito visto che noi di
stabilimenti che siano al mare o nei laghi ne abbiamo fatti e ne facciamo tantissimi, non se ha
visto anche il video nel nostro sito.
REDAELLI:
sì
SCELLAI: ...il problema è uno che quello che mi sta chiedendo lei, io fa conto ne avrò... non
so... anche di disegni forse 1000 sicché non... non c'è problemi...
REDAELLI:
sì
SCELLAI: ...però va richiesto al Comune, tramite un direttore dei lavori,
REDAELLI:
sì
SCELLAI: cosa le fanno fare prima di tutto
REDAELLI:
no sono io che devo dire cosa voglio fare
SCELLAI: si ho capito
REDAELLI:
allora le spiego subito. E' un bando ed io per partecipare a questo bando
devo già fare una segnalazione di cosa voglio fare. Loro non mi danno limiti non c'è problema
di niente. Loro mi dicono: "tu presenti..." perché il bando cosa succede che lo prende, ma siamo
pochi a partecipare non è un grosso problema, eh... eh... lo prende sicuramente chi, non tanto
chi offre di più, ma chi propone cose più interessanti
SCELLAI: che le devo di (ride)(inc.le) il comune (inc.le)
REDAELLI:
capisce? per cui io, va bene poi c'è l'architetto, questo mi disegna mi fa tutto
lui, quello lo presentiamo noi. Però se potessi già allegare delle foto cose di questo genere
sarebbe ecco l'ideale.
SCELLAI: Sì, sì. Ho capito. No, no... ora che mi ha detto del bando è tutta un'altra cosa
perché...
REDAELLI:
mh mh
SCELLAI: cioè lei una volta che avrà vinto questo bando mettiamo...
REDAELLI:
sì
SCELLAI: Lei con il suo direttore dei lavori fa una presentazione in Comune, il Comune poi
glielo approva e sicuramente glielo approverà
REDAELLI:
esatto mi lascia carta bianca quello non c'è proprio nessun dubbio, nessun
problema
SCELLAI: prima fa quello e poi dopo su quello possiamo lavorare una struttura capito perché
c'è proprio dei permessi, cioè fa conto i bagni hanno tutti dei requisiti di legge che non è che
sono standard: vanno prima richiesti in Comune, dal Comune si chiedono all'ASL di zona,
l'ASL di zona ci da delle imposizioni.
REDAELLI:
Tranquillo, ci penso io, lei stia tranquillo (ride) li non c'è nessun problema io
siccome ho visto un po’ le sue strutture su internet e non mi dispiacciono sinceramente sono...
sono molto carine e mi piacciono, ho bisogno di avere delle foto in più e dei preventivi
chiaramente perché non ho neanche idea di quanto possono costare insomma
SCELLAI: perfetto, allora niente ascolti se mi dà la sua email io le faccio inviare qualcosa
REDAELLI:
Antonello
SCELLAI: aspetti che la segno... Antonello?
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 221 di 566
REDAELLI:
...1955...
SCELLAI: ...1955?...
REDAELLI:
...chiocciola...
SCELLAI: ...chiocciola?...
REDAELLI:
...live.it
SCELLAI: live.it (quindi [email protected], ndt)
REDAELLI:
Le dico subito cosa vorrei da lei. Allora questa famosa struttura che
stavamo parlando prima di circa 50 metri, se fossero 57 o que... va bene... in linea di massima
è quella
SCELLAI: sì un metro più o un metro meno è uguale
REDAELLI:
si si, non abbiamo... abbiamo 1500 metri al limite se si può attaccare se lei
lo fa in una maniera che possiamo attaccare dei pezzi nell'eventualità che mancassero tanto di
meglio capisce?
SCELLAI: si si
REDAELLI:
partiamo da una base di 50 metri se poi con il tempo capiamo che sono
pochi che ce ne vogliono ottanta con il sistema che lei mi fa io dico ne calcola 20 30 non c'è
nessun problema. Chiaramente tipo mare che si possono aprire e chiudere a seconda
dell'esigenze vuole il tempo brutto, vuole di notte sa tante cose. Attaccato a questo io vorrei
anche una parte come un magazzino però facendo una cosa carina meglio farla di legno già
che ci siamo se possibile che si può accede dal bar
SCELLAI: 80 metri più 30 di magazzino diciamo 100/110m metri
REDAELLI:
no così tanto il magazzino cos'è che ci devo mettere è tanto no? lei dice il
fusto della birra qualche cosa di qua qualche cosa di la so subito (fon)
SCELLAI: sei lei guarda in qualsiasi stabilimento nostro in proporzione occupa più le zone
cucine magazzino che pubblico
REDAELLI:
certo certo di solito è così. La funzionalità è poi della cosa non tanto (fon)
SCELLAI: poi?
REDAELLI:
poi mi servirebbero dei preventivi sulle cabine bagno 3 normali ed 1 per gli
handicappati se ci sono per gli handicappati, 3-4 spogliatoi
SCELLAI: e gli spogliatoi
REDAELLI:
poi per quanto riguarda la struttura nel senso che cosa posso dire sdraio
voi ne avete? non credo però
SCELLAI: no non ne facciamo più
REDAELLI:
ho capito niente niente... (inc.le) non c'è nessun problema. Ascolti dovrei
mettere un parchettino giochi per bimbi, il cavallino (fon)
SCELLAI: giochi no
REDAELLI:
allora niente, mi mandi quelli
SCELLAI: perfetto
I due si salutano.
Telefonata n. 216 del giorno 30/03/2011, ore 10:10:38 intercettata sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 462 del giorno 30/03/2011, ore 10:10:38 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario diretta all'utenza n.
3381430512.
PALERMO Ernesto per TROVATO Mario:
TROVATO Mario dice che sta arrivando adesso al bar ed anche PALERMO Ernesto, si
vedranno lì
Telefonata n. 227 del giorno 30/03/2011, ore 19:10:41 intercettata sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Mario e UOMO diretta all'utenza n. 0341850516.
TROVATO Mario per Nipote (Barcelona cafè):
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 222 di 566
TROVATO Mario chiede se c'è il padre e vuole sapere se stasera ci sarà perché andranno a
mangiare una pizza per le otto e mezzo/nove, all'appuntamento ci saranno Antonello il
tassista, Ernesto, Saverio.
Il 30.3.2011 TROVATO Mario confida alla convivente IVASHKOVA Alexandra di essere il
promotore e l’organizzatore dell’investimento nel Lido di Parè, specificando di servirsi a tale
fine per la costituzione della società di REDAELLI Antonello e di LILLIU Saverio.
Dall’intercettazione ambientale si comprende perfettamente la necessità per TROVATO di
trovare dei prestanomi per l’intestazione della società che parteciperà alla gara di al fine di
eleudere le disposizioni antimafia in materia.
Progressivo n. 163 del giorno 31/03/2011, ore 17:15:43 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
[17:18:39] chiusura portiera auto, si sente TROVATO Mario dire ad Alexandra che come al
solito ha fatto tardi. Discutono di far sistemare il locale ad agosto da tale Maurizio e poi
pensano di pagare qualcosa al mese e non tutto in una volta, i soldi dovrebbero darli a tale
Maruska. Alexandra dice che dovrebbero fare la pubblicità al locale ma TROVATO Mario dice
che non l'ha mai fatto e non dà soldi a nessuno per farsi pubblicità. TROVATO Mario dice che
adesso prenderà la sua macchina di giorno ma la sera c'è il rischio che lo fermino e quindi
dovranno tornare insieme. TROVATO Mario dice ad Alexandra che delle persone che
conoscono entrambi stanno nel posto dove loro si trovano adesso, al piano alto e subito
TROVATO Mario saluta da lontano Saverio e dopo dice ad Alexandra:
[17:33:36]
TROVATO Mario:
Saverio è contento adesso...vero...sì...lo so...
IVASHKOVA Alexandra: perché?
TROVATO Mario:
è perché quella società lì...io gliela faccio fare a lui, viene a
lavorare lui eh!
IVASHKOVA Alexandra: dove?
TROVATO Mario:
se prendiamo quel posto lì del bando che stiamo facendo,
no? Ci mette Saverio il socio...capito? così non può fare neanche il... e va fuori a
lavorare
TROVATO Mario le dice che Saverio organizzerà il lavoro e poi ci sono 1500 metri di terreno da
tenere in ordine, comprese le piscine
IVASHKOVA Alexandra: è scemo Antonello (Redaelli ndr)
TROVATO Mario:
a questo qui...gli devo far fare una fine a quel cretino... lasciamo
stare così che va bene così... non ha capito un cazzo allora che fine che gli sto facendo fare a
lui... io adesso devo sganciare tutta la pila per pagare tutti i conti ecco perché... lo sto...
quando avrò aperto tutto quanto... (inc.le) per questo gli ho messo a Saverio e lui è
rimasto da solo che pensavo che facesse la testa lui e non un altro...mi fa (REDAELLI
Antonello ndt): "andiamo e prendiamo Saverio... (inc.le) perché ai bandi non possono
partecipare mafiosi e le solite minchiate..." poi gli ho detto "va bene..." ed adesso
dobbiamo fare la società in una settimana...la società.
Poi TROVATO Mario dice ad Alexandra dove parcheggerà la macchina
PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello, sempre sotto il controllo ed il coordinamento di
TROVATO Mario, organizza gli appuntamenti dal commercialista per la costituzione della
società.
Telefonata n. 490 del giorno 03/04/2011, ore 11:44:12 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 763 del giorno 03/04/2011, ore 11:44:13 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 223 di 566
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello diretta all'utenza
n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
PALERMO:
domani andiamo su dal commercialista prendo appuntamento
REDAELLI:
domani pomeriggio?
PALERMO:
domani pomeriggio si dai
REDAELLI:
e aspetta che devo parlare. SAVERIO c'è io ci sono
PALERMO:
tu SAVERIO e parli con quello domani mattina e glielo dici.
REDAELLI:
e speriamo che ci sia
PALERMO:
vabbuò ok
I due si salutano.
Telefonata n. 795 del giorno 03/04/2011, ore 17:52:25 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio diretta all'utenza n.
3491386571.
PALERMO Ernesto per LILLIU SAVERIO:
PALERMO Ernesto dice a LILLIU SAVERIO che ha chiamato adesso ANTONELLO e lui domani
non c'è quindi domani non si farà nulla niente. LILLIU Saverio chiede quando e PALERMO
Ernesto chiede che magari sarà per mercoledì e LILLIU Saverio risponde che per lui va bene, si
libererà se avrà da fare mentre PALERMO Ernesto dice non è il commercialista ma Antonello a
prendere tempo. Si risentiranno
Telefonata n. 269 del giorno 03/04/2011, ore 17:54:03 intercettata sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 796 del giorno 03/04/2011, ore 17:54:03 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario diretta all'utenza n.
3381430512.
PALERMO Ernesto per TROVATO Mario, PALERMO Ernesto dice che ha sentito Antonello e
domani non c'è perché ha da fare. TROVATO Mario dice che devono portare i documenti e
che aspettano l'uscita del bando e poi si vede...
Telefonata n. 197 del giorno 03/04/2011, ore 17:55:16 intercettata sull'utenza n.
3391073149 (R.R.I.T. 104/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Mario e REDAELLI Antonello diretta all'utenza n.
335441133.
Telefonata n. 502 del giorno 03/04/2011, ore 17:55:21 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Mario e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3391073149.
TROVATO Mario per REDAELLI Antonello, TROVATO Mario chiede perché domani non si può
fare. REDAELLI Antonello dice che domani deve essere a Mandello alle sei e mezzo per andare
a Milano.
omissis...
TROVATO Mario: ma tanto gli deve portare...gli dai i "cosi" gli portano i documenti e
fanno...tanto deve preparare solamente....
REDAELLI Antonello:
infatti non capisco perché "dobbiamo" andare?
TROVATO Mario: anche per darti un po’ di illustrazione di dire come fare...li era il
discorso...non era...
REDAELLI Antonello:
no...va bene...infatti gli ho detto cerca di anticipare...non so magari
anche un'oretta...essere giù alle tre...tre e mezza...stiamo giù un'oretta parliamo di quello che
dobbiamo parlare...gli ho anche detto: "ti sei fatto dare l'elenco dei documenti?" "no" e
"scusa cosa portiamo?" va bene carta d'identità...codice fiscale...solite balle
TROVATO Mario: li servono codice fiscale e carta d'identità
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 224 di 566
REDAELLI Antonello:
e va bene esatto...pero dico... "fattelo dire da lui che cosi...magari ti
manca...ti chiede una cosa...oh! non ce l'ho" scusa glielo dici prima già che andiamo giù...
TROVATO Mario: per fare la società servono ci questi documenti...
REDAELLI Antonello:
ho capito...
TROVATO Mario: come la partita iva diciamo ecco!...
REDAELLI Antonello:
per chiedere non costa niente...cosi andiamo giù sicuri...al cento e
uno per cento...
TROVATO Mario: adesso lo richiamo per vedere se riesce a fare l'anticipazione dell'orario...
REDAELLI Antonello:
eh dai
TROVATO Mario: e chiedere pure che cosa ci vuole...dai
Si accavallano le voci
TROVATO Mario: ma nel caso riesci ad avere i documenti anche di quelli...?
REDAELLI Antonello:
...io...Saverio...a limite quelli là non è obbligatorio...eh...cioè nel
senso...nella società li possiamo anche lasciar fuori...basta che poi ci danno il preposto per
aprire...che cazzo me ne frega a me...
TROVATO Mario: ah si...si...
REDAELLI Antonello:
hai capito? non devono per forza essere dentro...nella società...
TROVATO Mario: no...no.-...come vuoi tu...
REDAELLI Antonello:
se c'era l'un per cento io glielo davo anche...però...io gli do
cinquecento euro in più e vaffanculo...cosi non mi rompono io coglioni e basta...
TROVATO Mario: si...si...adesso provo a chiamarlo e ti faccio sapere...
si salutano
PALERMO Ernesto, con un messaggio al sindaco RUSCONI Marco cerca di conoscere con
maggiore precisione i tempi per la pubblicazione del bando di gara.
SMS n. 825 del giorno 03/04/2011, ore 18:00:52 intercettato sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. Sms diretto all'utenza n.
3292103389.
SMS n. 143 del giorno 03/04/2011, ore 18:00:55 intercettato sull'utenza n.
3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. Sms proveniente dall'utenza n.
3495781131.
Ciao e scusami volevo sapere se domani il bando e fuori solo x sapere buona serata
grazie
Subito dopo nella prima serata del 3.4.2011 RUSCONI Marco, tramite SMS, informa
PALERMO Ernesto che l’indomani il bando di gara sarebbe stato discusso in giunta
comunale di Valmadrera e subito dopo pubblicato.
SMS n. 145 del giorno 03/04/2011, ore 20:52:22 intercettato sull'utenza n.
3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. Sms diretto all'utenza n.
3495781131.
SMS n. 833 del giorno 03/04/2011, ore 20:52:32 intercettato sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. Sms proveniente dall'utenza
n. 3292103389.
Ho visto solo ora sms e telefonate. Scusa. Domani passaggio in giunta e poi
pubblicazione bando. Senso martedì
PALERMO Ernesto e TROVATO Mario, pur non comparendo nominativamente nella società,
seguono la sua costituzione e avvisano REDAELLI Antonello e LILLIU Saverio
dell’appuntamento per la costituzione della società presso lo studio del commercialista
all’inizi di aprile del 2011
Il giorno seguente TROVATO Mario in una conversazione ambientale con la convivente
IVASHKOVA Alexandra illustra l’evidente meccanismo dell’intestazione fittizia della società
al fine di eludere le disposizioni antimafia.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 225 di 566
Progressivo n. 203 del giorno 04/04/2011, ore 20:29:01 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
TROVATO Mario ed IVASHKOVA Alexandra, TROVATO Mario dice che non c'è nessuno in giro
e che al lago c’è la polizia e i carabinieri.
TROVATO Mario: ieri era pieno così senza che c'è niente...il posto dove bisogna aprire il
chiosco...tutto il piazzale era pieno di gente...a prendere il sole...
...omissis...
TROVATO Mario: perché prima le cose devono farle poi le metto io a posto...gli ho
detto come devono fare le cose...perché io non posso andarci...le devono
sbrogliare...ieri era pieno così...senza che non c'è niente...il posto dove bisogna
aprire il chiosco...tutto il piazzale era pieno di gente.-...così...a prendere il sole
IVASHKOVA Alexandra: si...vero...pieno...pieno...tutto quello che ...(inc.le)
TROVATO Mario: di cosa stai parlando? tu non mi stai ascoltando!
IVASHKOVA Alexandra: io sto parlando di un chiosco...
TROVATO Mario: io sto parlando di dove dobbiamo aprire noi...
IVASHKOVA Alexandra: chi?
TROVATO Mario: ieri c'era il piazzale pieno senza che c'è niente...
IVASHKOVA Alexandra: ah
TROVATO Mario: la gente che prendeva il sole...
IVASHKOVA Alexandra: ma...(Inc.le) Antonello...(inc.le)
TROVATO Mario: no! perché io non mi posso intestare niente perché... se sanno che ci
sono io dentro non ci danno neanche le cose...e allora devo farlo a lui per forza...con
Saverio...Eh!...perché lui è del paese stesso...hai capito? loro dicono che siamo mafiosi ed
allora non puoi fare i bandi...perché questi sono bandi comunali...sono delle gare
che fai... e sono comune... provincia...se sanno che sei dentro ti rompono i
coglioni...ed allora devo far finta di niente...perché sennò? non avevo bisogno di
lui...se potevo farlo io non avevo bisogno di nessuno...purtroppo devo usarlo per
questo...
IVASHKOVA Alexandra: ...(inc.le)...
TROVATO Mario: facciamolo passare...a lui...(inc.le)
IVASHKOVA Alexandra: .(inc.le)
TROVATO Mario: l'esperienza di che cosa? della macchina?
IVASHKOVA Alexandra: della macchina...
TROVATO Mario: adesso non può tirarsi indietro...non è la macchina questa...vedi che gli ho
detto non me ne frega un cazzo della macchina...
...omissis...
Il 5.4.2011 PALERMO Ernesto richiede nuove informazioni a RUSCONI Marco sullo sviluppo
della pubblicazione del bando di gara; dopo aver manifestato il suo forte interesse
all’aggiudicazione della gara riceve assicurazioni dal pubblico ufficiale ed immediatamente
dopo informa TROVATO Mario e REDAELLI Antonello
Telefonata n. 218 del giorno 05/04/2011, ore 11:39:44 intercettata sull'utenza n.
3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 927 del giorno 05/04/2011, ore 11:39:45 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta all'utenza n.
3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
RUSCONI Marco: Ernesto!
PALERMO Ernesto:
ciao Marco, scusami... se ti rompo
RUSCONI Marco: scusami tu ma avevo il telefo... il telefono che era totalmente scarico e
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 226 di 566
allora mi scocciava risponderti...
PALERMO Ernesto:
ma no
RUSCONI Marco: ...perché sarebbe caduta la comunicazione
PALERMO Ernesto:
non preoccuparti, io capisco... ti stresso io
RUSCONI Marco: (inc.le)
PALERMO Ernesto:
niente, volevo sapere se era passato
RUSCONI Marco: ieri abbiam fatto l'informativa in giunta, tutto tranquillo... oggi il
segretario lo passa al funzionario e lo pubblica
PALERMO Ernesto:
ma ogg... in giornata?
RUSCONI Marco: se non è in giornata è domani
PALERMO Ernesto:
ho capito. Senti poi per farti una bozza del progettino come
facciamo... vengo io su?
RUSCONI Marco: sì, chiamami... quando più o meno hai qualcosa di interessante ci sentiamo
PALERMO Ernesto:
va bene dai
RUSCONI Marco: facciam così
PALERMO Ernesto:
oh Marco ché ci conto eh!!
RUSCONI Marco: va bene
PALERMO Ernesto:
eh eh! Che mi sto sbattendo non poco per 'sta cazzo di cosa!
RUSCONI Marco: va bene, va bene dai...
PALERMO Ernesto:
ok?
RUSCONI Marco: ci vediamo...
PALERMO Ernesto:
va boh, ciao grazie
RUSCONI Marco: di persona...
PALERMO Ernesto:
ciao grazie
RUSCONI Marco: ciao ciao
Telefonata n. 293 del giorno 05/04/2011, ore 13:59:58 intercettata sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 951 del giorno 05/04/2011, ore 13:59:58 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario diretta all'utenza n.
3381430512.
PALERMO Ernesto per TROVATO Mario:
PALERMO Ernesto chiede se ha finito di lavorare. PALERMO Ernesto chiede se è al bar o a
casa. TROVATO Mario dice che sta andando a casa.
TROVATO Mario chiede se si vedranno stasera.
PALERMO Ernesto dice "no volevo dirti che quella cosa tutto a posto".
TROVATO Mario dice okay.
Telefonata n. 614 del giorno 05/04/2011, ore 14:00:47 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 952 del giorno 05/04/2011, ore 14:00:49 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello diretta all'utenza
n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
PALERMO Ernesto:
vedi che per quella cosa tutto a posto
REDAELLI Antonello:
ehm...eh...sì...sì...ci...quella che...sì ho capito...io ho appuntamento
alle 16.30... va beh niente... ti chiamo verso pomeriggio tardi ti chiamo... sei a casa... in giro
PALERMO Ernesto:
sono a casa
REDAELLI Antonello:
no magari sei in quei monti là...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
PALERMO Ernesto:
REDAELLI Antonello:
Pagina 227 di 566
no, no sono a casa
ti chiamo più tardi io allora
I servizi di osservazione, controllo e pedinamento predisposti nei pressi dell’area oggetto
della concessione del bando di gara consentono di riscontrare in quel periodo la presenza di
REDAELLI Antonello e LILLIU Saverio52.
Il 6.4.2011 PALERMO Ernesto prende contatto con il commercialista di Bergamo Dr. FUSCO
per definire la costituzione della società che avrebbe partecipato alla gara.
Telefonata n. 973 del giorno 06/04/2011, ore 07:35:00 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e FUSCO Luca Sebastiano Michele
diretta all'utenza n. 3452481252.
PALERMO Ernesto per FUSCO Luca Sebastiano Michele:
FUSCO Luca Sebastiano Michele:
pronto?
PALERMO Ernesto:
FUSCO?
FUSCO Luca Sebastiano Michele:
sì!
PALERMO Ernesto:
10.30/11.00 sono da te
FUSCO Luca Sebastiano Michele:
10.30/11.00 sei da me...va bene dai
PALERMO Ernesto:
mi presento con quel cornuto che facciamo la società
FUSCO Luca Sebastiano Michele:
quei due ragazzi che ho visto?
PALERMO Ernesto:
sì, no no quelli vengono con me!
FUSCO Luca Sebastiano Michele:
eh
PALERMO Ernesto:
vengo io insieme a loro... tu...poi la società dobbiamo
farla dal notaio... da chi dobbiamo andare?
FUSCO Luca Sebastiano Michele:
oggi chiamo il notaio e fisso l'appuntamento
PALERMO Ernesto:
vedi a che ora c'è...
FUSCO Luca Sebastiano Michele:
sì, comunque ci vediamo 10.30/11.00 lì da me
PALERMO Ernesto:
perfetto
Si salutano
Telefonata n. 979 del giorno 06/04/2011, ore 08:04:16 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio diretta all'utenza n.
3491386571.
PALERMO Ernesto per LILLIU Saverio:
LILLIU Saverio dice di essere a casa e PALERMO Ernesto gli propone divedersi al bar di
Mario per un caffè.
Si vedranno lì
Sempre sotto la direzione di TROVATO Mario e di PALERMO Ernesto, i prestanome della
società in via di costituzione, REDAELLI e LILLIU aprono il conto corrente presso la Banca
Popolare di Milano – agenzia di Valmadrera53.
Telefonata n. 989 del giorno 06/04/2011, ore 08:50:44 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e diretta all'utenza n. 0341201898.
PALERMO Ernesto per LONGONI (Banca Popolare di Milano, viale Promessi Sposi,
Valmadrera (LC):
PALERMO Ernesto spiega che si trova con un amico che in giornata dovrà aprire una S.R.L.
quindi dovrebbe immediatamente aprire un conto e LONGONI gli spiega che di questo ne dovrà
52
53
vgs. ALLEGATO N. 15 – Servizio di Osservazione Controllo e Pedinamento redatto in data 11.04.2011 relativo ai fatti del 05.04.2011;
BPM, sede di C.so Promessi sposi n. 19 a Valmadrera (LC)
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 228 di 566
parlare con il capo, LONGONI tenta di passarglielo ma poi cade la linea
Telefonata n. 990 del giorno 06/04/2011, ore 08:52:17 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e diretta all'utenza n. 0341201898.
PALERMO Ernesto per UOMO (direttore Banca Popolare di Milano viale Promessi Sposi,
Valmadrera, (LC):
PALERMO Ernesto spiega che si trova con un suo amico che dovrebbe aprire un conto perché
in giornata dovrà aprire una S.R.L. e l'uomo gli dice che glielo potranno fare subito basta che
giungano in mattinata e PALERMO Ernesto gli risponde che arriveranno subito
Telefonata n. 656 del giorno 06/04/2011, ore 08:53:17 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 991 del giorno 06/04/2011, ore 08:53:17 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello diretta all'utenza
n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello
I due interlocutori si accordano di incontrarsi tra 10 minuti per recarsi presso la Banca
Popolare di Milano Filiale di Valmadrera per l'apertura del conto corrente.
Telefonata n. 992 del giorno 06/04/2011, ore 08:54:33 intercettata sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio diretta all'utenza n.
3491386571.
In sottofondo si sente PALERMO Ernesto dire alla persona che si trova con lui: "abbiamo
fatto a cambio" e si sente una risposta incomprensibile che sembra essere la voce di
TROVATO Mario ndt)
PALERMO Ernesto per LILLIU Saverio:
PALERMO Ernesto dice a LILLIU Saverio di passare dove si trova lui (al bar di TROVATO
Mario ndr) così andranno nella sua banca che ha chiamato Antonello (REDAELLI ndr) e si
vedranno lì
Nel corso di un servizio di osservazione predisposto in Bergamo, in via Martiri di Cefalonia
n. 4, dove è ubicato lo studio del commercialista FUSCO Luca Sebastiano, viene accertato
l’incontro tra PALERMO Ernesto, REDAELLI Antonello e LILLIU Saverio e l’accesso allo
studio incaricato della costituzione della S.r.l.54
PALERMO Ernesto richiede nei giorni seguenti ulteriori informazioni al sindaco di
Valmadrera RUSCONI Marco sulla pubblicazione del bando di gara mostrandosi impaziente
e dichiarando al pubblico ufficiale di avere costituito appositamente la società per
partecipare alla procedura di gara.
Tale circostanza è di particolare rilievo in quanto, come si vedrà, PALERMO Ernesto
non risulta ufficialmente nella compagine sociale il che, alla luce proprio delle
informazioni ricevute da PALERMO, rende evidente come il sindaco RUSCONI Marco
fosse pienamente consapevole del meccanismo di intestazione fittizia delle quote
della S.r.l. Lido di Parè.
Telefonata n. 500 del giorno 07/04/2011, ore 19:09:38 intercettata sull'utenza n.
3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
54
vgs. ALLEGATO N. 16 – Servizio di Osservazione Controllo e Pedinamento redatto in data 11.04.2011 relativo ai fatti del 06.04.2011
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 229 di 566
Telefonata n. 1133 del giorno 07/04/2011, ore 19:09:38 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
RUSCONI Marco: Pronto Ernesto
PALERMO Ernesto:
Ciao Marco io ti rompo sempre le scatole scusami
RUSCONI Marco: No (incomprensibile) no no sono i miei i miei che sono in ritardo...ho
capito per cosa mi chiami
PALERMO Ernesto:
Dimmi una cosa ma...è uscito?
RUSCONI Marco: No non è uscito perché oggi ha (fon.) due robe perché erano richiamate due
normative sui commercio che erano superate bypassate...hanno dovuto modificarlo
PALERMO Ernesto:
Ah "il fatto non c'è più segnalato del rec...tutte quelle cose la"
(fonetico)
RUSCONI Marco: Eh no richiamavano due normative tipo la sei due sei se non mi sbaglio
PALERMO Ernesto:
Ah si (fon.)
RUSCONI Marco: Ma due stronzate così...ce le ha in mano il mio ufficio commercio...m'ha
detto che fa conto di pubblicarlo domani mattina...la peggio peggio peggio lunedì mattina è
fuori
PALERMO Ernesto:
Ho capito...dimmi una cosa...
RUSCONI Marco: Tutto si chiude... l'aggiudicazione va fatta entro fine... entro
ve...ve... ventici... ventisei ventisette di Aprile se non mi sbaglio in modo che
(incomprensibile) di maggio si parte... uno è libero di fare quello che deve fare
PALERMO Ernesto:
Eh non anche perché noi ci dobbiamo mettere...giù ci vogliono (fon.)
venti giorni di lavoro eh
RUSCONI Marco: Certo (fon.) certo
PALERMO Ernesto:
Fare quello che vogliono fare...anche se so che quei ragazzi che
l'avevano messo stanno dicendo che lo prendono di nuovo loro questo posto (incomprensibile)
RUSCONI Marco: Eh ma non sono neanche arrivati a informarsi
PALERMO Ernesto:
Si?
RUSCONI Marco: No
PALERMO Ernesto:
Pensa te...e invece l'assessore ZANGARI (fon.) dice questo
RUSCONI Marco: No no anzi ti dirò di più che s'è fatto vivo uno di Lecco
PALERMO Ernesto:
Ah ah
RUSCONI Marco: Uno di (incomprensibile) per chiedere informazioni eccetera che s'è fatto
vivo con Zangari e Zangari me l'ha detto...mi fa guarda mi ha chiamato questo qui che era
interessato...si chiama...non mi ricordo come...
PALERMO Ernesto:
Mm mm
RUSCONI Marco: Che aveva su un bar a Lecco
PALERMO Ernesto:
Salvo (fon.) Salvo... Salvo (fon.) Salvo (fon.)...Angelo Salvo
(incomprensibile)
RUSCONI Marco: Angelo Salvo...me l'ha detto ma un bel po' di tempo fa...invece adesso
ultimamente un altro che non mi ricordo il nome
PALERMO Ernesto:
Ah ah
RUSCONI Marco: (incomprensibile) va be comunque...
PALERMO Ernesto:
Vabò (fon.) Marco che io...che ci sto buttando un sacco di
soldi...ho fatto la società... ho fatto tutto cazzo (risata)
RUSCONI Marco: Dai...
PALERMO Ernesto:
Ho costituito società...ho fatto l'ira di dio
RUSCONI Marco: Va bene dai ci sentiamo
PALERMO Ernesto:
Poi magari ne parliamo a voce, sì, dai…
RUSCONI Marco: Va bene ciao
PALERMO Ernesto:
Ciao (incomprensibile) ciao ciao
Dopo aver parlato col sindaco, PALERMO Ernesto riferisce subito l’esito di tale
conversazione a REDAELLI Antonello
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 230 di 566
Telefonata n. 751 del giorno 07/04/2011, ore 19:28:48 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 1136 del giorno 07/04/2011, ore 19:28:49 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
diretta all'utenza n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
PALERMO Ernesto dice che si è visto con quell'amico lì là' ...a Valmadrera (si riferisce a
Rusconi Marco, ndr). PALERMO Ernesto dice che il bando non è fuori l'hanno ritirato
perché hanno dovuto fare due modifiche per quanto riguarda le concessioni delle
licenze di ristorazione.
REDAELLI Antonello chiede se avevano sbagliato.
PALERMO Ernesto dice di si.
PALERMO Ernesto dice che lo mettono fuori domani o la più tardi lunedì.
REDAELLI Antonello chiede se ripassano ancora quindici giorni.
PALERMO Ernesto dice che il venticinque ventisei si aprono le buste.
PALERMO Ernesto dice che questo gliel'ha (riferendosi ad una terza persona n.d.t,
verosimilmente RUSCONI Marco, ndr.) garantito.
REDAELLI Antonello dice che l'importante è non perdere ancora giorni.
PALERMO Ernesto dice di no. PALERMO Ernesto dice che non provocano la scadenza del
bando.
REDAELLI Antonello dice che la scadenza rimane quella.
PALERMO Ernesto dice che sono andate lì un paio di persone di Lecco a chiedere informazioni.
REDAELLI Antonello dice che è normale (risata).
REDAELLI Antonello dice solo due.
PALERMO Ernesto dice di si.
PALERMO Ernesto dice che invece quei ragazzi la non hanno fatto un cazzo...
PALERMO Ernesto dice che non ci sono neanche andati ad informare.
REDAELLI Antonello dice che è strano.
PALERMO Ernesto dice che c’è andato Angelo e un altro che ha un bar a Lecco e la terza
persona non gli ha voluto dire chi sia.
REDAELLI Antonello chiede se si vedranno domani.
PALERMO Ernesto dice di si.
Quella stessa sera PALERMO Ernesto discute apertamente con il fratello Attilio
dell’intestazione fittizia delle quote della società in oggetto riferendola a lui e a TROVATO
Mario.
Telefonata n. 1150 del giorno 07/04/2011, ore 20:08:04 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e PALERMO Attilio diretta
all'utenza n. 3337351331.
PALERMO Ernesto per PALERMO Attilio:
PALERMO Ernesto gli dice che sta tornando adesso a casa.
PALERMO Attilio gli dice che sta andando adesso da Vincenzo che l'ha chiamato.
PALERMO Ernesto gli dice di vedere che ancora stava facendo la doccia.
PALERMO Attilio gli chiede se l'ha sentito adesso.
PALERMO Ernesto risponde " no...io l'ho sentito ma...ora devo andare a prendere una pizza
perché me la sono fatta fare e sto ritornando a prenderla (?) e continua dicendogli " tu caso
mai gli dici che ...aaaaa. ( lascia sottinteso quello che vorrebbe dire) che c'eravamo sentiti,
che tu me l'avevi detto... che io ero convinto...e me ne succede uno al giorno... insomma, le
solite cose ! se ti chiede " ma che è successo?" tu gli dice "poi te lo dice lui!, capito?
PALERMO Attilio: non ti preoccupare... (inc.le)
PALERMO Ernesto gli chiede se per il resto è tutto a posto ed aggiunge " vedi che
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 231 di 566
quello...quella merda mi sta facendo il finanziamento in banca ...
PALERMO Attilio: (inc.le) quella cosa?
PALERMO Ernesto:
e lo pago!
PALERMO Attilio: ah si?
PALERMO Ernesto:
lo pago perché ho trovato un altro qua per fargli prendere il lavoro!
PALERMO Attilio: ah!
PALERMO Ernesto:
... che se lo prende con le condizioni che gli dico io ... non è che gli
posso far prendere un lavoro di 5 milioni di euro per... 14.000 euro! ma mi frego di lui!
PALERMO Attilio: (inc.le)...tu glielo dici!...inc.le... impicci (fonetico) !
PALERMO Ernesto:
ma per ora...glielo voglio...inc.le ...se no va avanti il coso, hai
capito? il pagamento (fonetico) vado là glielo vado a chiudere firmo le carte...tutto
quanto...mo’ vediamo se in settimana che viene mi faccio lasciare i soldi dal direttore
(fonetico) e niente! Si chiude quest'altro capitolo! ho parlato con uno (fonetico)...che deve vede
vedere come deve fare che deve pagare a loro (fonetico). Che ti dico ma ti pago...inc.le dimmi
cosa devo fare gioia...se mi arriva una cartella dell’INPS da pagare vengo e te la porto!
[20:10:16] cambiando discorso
PALERMO Ernesto:
e niente...vedi che là a Parè ...stiamo facendo tutto! te
l'avevo detto!
PALERMO Attilio: e ma io...niente!
PALERMO Ernesto:
a Parè...a Parè...si! si! Abbiamo fatto la società ieri !
PALERMO Attilio: se? ...tu non ci sei, giustamente!
PALERMO Ernesto:
no! no!
PALERMO Attilio: inc.le
PALERMO Ernesto:
ma neanche Mario!...neanche Mario!
PALERMO Attilio: l'hanno fatta quei due allora? (si riferiscono a REDAELLI Antonio e
LILLIU Saverio, ndr)
cambiando il discorso PALERMO Ernesto dice: " ah, vedi che Vincenzo è arrivato! è qua! è
già! qua! tu sati venendo?
PALERMO Attilio: si, si!
PALERMO Ernesto:
che glie lo dico ciao!
Pochi giorni dopo PALERMO Ernesto richiede assicurazioni a RUSCONI Marco sulla durata
della concessione: emerge dalla conversazione che tale durata, peraltro, era già stata
anticipata dal pubblico ufficiale a PALERMO Ernesto.
Telefonata n. 574 del giorno 10/04/2011, ore 10:54:28 intercettata sull'utenza n.
3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 1282 del giorno 10/04/2011, ore 10:54:29 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco
...omissis...
PALERMO Ernesto:
niente ti avevo chiamato per un'altra cosa su quella cosa lì non
c'è la durata del coso, dell'affidamento della concessione
RUSCONI Marco: eh... è di un anno eventualmente prorogabile a due
PALERMO Ernesto:
ah di un anno eventualmente prorogabile a due... come mi
avevi detto tu all'inizio
RUSCONI Marco: si si si
PALERMO Ernesto:
ho capito va bene scade il 28 ed il 29 si aprono le buste giusto?
RUSCONI Marco: mi sembra di si esatto
PALERMO Ernesto:
io e te quando ci vediamo così ti dico un po’... parliamo un po’ a
voce...
RUSCONI Marco: ascoltami sentiamoci in settimana prossima che ci vediamo dai
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 232 di 566
PALERMO Ernesto:
non questa qui ma l'altra...
RUSCONI Marco: non ho qui neanche l'agenda, per quello...
PALERMO Ernesto:
ah vabbò
RUSCONI Marco: poi in settimana ci sentiamo e ci mettiamo d'accordo Ernesto
PALERMO Ernesto:
va bene
RUSCONI Marco: 10 minuti e ci incrociamo
PALERMO Ernesto:
va bene grazie scusami se ti disturbo
saluti
Nelle successive conversazioni degli associati emerge che il bando di gara è stato
ufficialmente pubblicato sul sito internet del Comune di Valmadrera; PALERMO e soci
appaiono peraltro allarmati per il fatto che nel bando non venga specificata la possibilità di
proroga della concessione, previsione che era stata anticipata da RUSCONI a PALERMO.
Telefonata n. 859 del giorno 11/04/2011, ore 10:07:25 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra Comune e REDAELLI Antonello proveniente
dall'utenza n. 3204636711.
MARTA ( Comune di Valmadrera ) per REDAELLI Antonello
MARTA avvisa ANTONELLO che è uscito il bando quindi potrà vedere su internet altrimenti se
ha un indirizzo di posta elettronica gli può girare il tutto
ANTONELLO gli dice che lo cercherà su internet e gli chiede se lo trova sui bandi
MARTA gli dice che lo trova sul sito www.comune Valmadrera.it e sull'elenco a sinistra
con le voci bandi e appalti ce ne sono 2 una sul mercato agricolo e l'altra sulla
concessione e scade dopo pasqua quindi ci sono quindici giorni di tempo
ANTONELLO gli dice che c'è il tempo per fare tutto e gli chiede quanto dura se 2 anni di solito
MARTA gli risponde che questo è per quest'anno perché c'è in ballo una cosa con la provincia e
con il rimessaggio delle barche, è stato fatto annuale con la possibilità eventuale di rinnovo
però per il periodo dall'1 maggio al 31 di ottobre
ANTONELLO gli chiede se per il prossimo anno non si sa
MARTA gli risponde di no e gli dice che è prorogabile sino al 29 di febbraio
ANTONELLO gli chiede se probabilmente verrà riqualificato il tutto
MARTA gli dice che c'è qualcosa in ballo che si vorrebbe fare con la provincia per il
rimessaggio barche, battelli, attracco e quant'altro e quindi la situazione è un po’ in standby
per questo motivo.
ANTONELLO la ringrazia dicendogli che è stata molto gentile
Telefonata n. 1325 del giorno 11/04/2011, ore 12:49:08 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
diretta all'utenza n. 335441133.
Telefonata n. 886 del giorno 11/04/2011, ore 12:49:08 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
segue conversazione del progressivo precedente. REDAELLI Antonello riferisce di aver saputo
da tale Marta, impiegata del Comune addetta "alle licenze", i dettagli del bando; in particolare
REDAELLI Antonello afferma che Marta, leggendo il bando, ha escluso la possibilità per i
vincitori di ottenere proroghe per la gestione oltre il mese di febbraio 2012 in quanto
vi è già un accordo del Comune con la Provincia di Lecco per la riqualificazione
dell'area. REDAELLI Antonello si dimostra preoccupato poiché non vi è alcun riferimento alla
proroga di un anno e che la sola concessione fino a febbraio "non interessa a nessuno".
PALERMO Ernesto afferma che di questo progetto era stato informato, aggiunge che andrà a
costruire tale SPOTO delle acciaierie.
REDAELLI Antonello:
...no perché ti spiego... sul giornale, la Gazzetta di Lecco come si
chiama lì... c'è il geometra? , cos'era là... così ì Menguzzi... Min... Min... Mengazzi, come si
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 233 di 566
chiama?!
PALERMO Ernesto:
chi cazzo lo conosce!
REDAELLI Antonello:
è del Comune di Valmadrera, come chi cazzo lo conosce?
PALERMO Ernesto:
Non lo conosco! non lo conosco io!
REDAELLI Antonello:
ma lo conosci sì! hai fatto cento volte il suo cognome!
PALERMO Ernesto:
Dell'Oro?
REDAELLI Antonello:
È lui che ha in mano quelle robe lì, come si chiama? ragioniere,
geometra...? che cazzo è ?!
PALERMO Ernesto:
Dell'Oro, Dell'Oro!
REDAELLI Antonello:
No, no! no! è un altro nome!
PALERMO Ernesto:
chi cazzo c'è... io non lo so!
REDAELLI Antonello:
va beh! compra la Gazzetta di Lecco, che è su! Anche lui,
nell'intervista... che si parlava del fatto... del bando del pratone diceva "purtroppo dobbiamo
darlo solamente un anno perché, dopo di che, c'è tutto un progetto da fare con la
Provincia andranno fatti dei lavori" ! l'ha detto anche lui sulla Gazzetta di Lecco!
PALERMO Ernesto:
eh! ma dato che lui...
REDAELLI Antonello:
poi la Marta stamattina me l'ha confermato!
PALERMO Ernesto.
allora, dato che lui invece mi ha riconfermato ieri per telefono, l'hai
sentito, "uno più uno..." cioè... io, non lo so, o ci dobbiamo fidare di questo qua o non ci
fidiamo, cioè nel senso...
REDAELLI Antonello:
no, no! ma io non sto dicendo del fidarsi o non fidarsi...! Siccome...
Ernesto... detto tra me e te... l'altro ramo chiudere l'attività e... quello che c'è in piedi...
l'investimento non è da poco... io quello vi dico "oh! ferma un attimo il mondo" non è tanto per
me...! a me... va beh, io il lavoro ce l'ho... non me ne frega un cazzo! però voglio dire, quello là
(LILLIU Saverio, ndr) vuole chiudere l'attività... e vivere su questo, io dico cioè ho parlato con
Saverio, gli ho detto "oh stai in campana perché secondo me... è meglio che forse ci
documentiamo meglio! perché le voci non sono proprio così..." io ti dico che il bando... infatti
l'ha detto anche lui ha detto " è vero! non c'è scritto uno più uno!". Cioè allora... tu lo sai
benissimo che il Comune il prossimo anno non ce lo può più dare a meno che rifà il bando!
capisci? perché non essendoci sul bando, non può darti un altro anno così! deve rifare il
bando!
= OMISSIS =
PALERMO Ernesto:
Ascoltami Antò quello che mi stai dicendo tu è sulla carta,
quello che mi ha garantito lui, e l'hai sentito pure per telefono, uno più uno no? e
sono già due anni!
REDAELLI Antonello:
No no no non è scritto sul bando Ernesto!
PALERMO Ernesto:
Va boh Anto che vuoi che ti dica io?! non lo so... che mi fai queste
domande a me non so cosa risponderti Antò, detto fuori dai denti... che cosa devo fare?
REDAELLI Antonello:
Ma scusami un attimo, è facile! tu prendi in mano il telefono e dici
"Ma scusami ma... se anche non c'è scritto sul bando come fai a darmelo il prossimo anno?".
PALERMO Ernesto:
Va boh.
REDAELLI Antonello:
È semplice vedi cosa ti risponde!
Successivamente PALERMO Ernesto invita REDAELLI Antonello ad andare a parlare con la
terza persona insieme a lui.
[12:55:07]
PALERMO Ernesto:
Ascolta Antò, quello che abbiamo sempre detto no? è che lui vuole
avere in mano le cose che noi vogliamo andare a fare lì... cioè avere un progettino andare lì e
ragionarcela con lui, cioè questo mi sembra che l'ho detto dall'inizio non è che sono novità, eh!
REDAELLI Antonello:
Ma il bando l'ho visto l'altro giorno! il bando è uscito l'altro giorno
non è che è uscito un mese fa! allora a questo punto io ho letto il bando... il bando l'ho
scaricato domenica non l'ho scaricato un mese fa! perché non l'avevano mai messo fuori! l'ho
letto e a me risulta che è come stato detto, dopo dì come vuoi pensala come vuoi Ernesto! vuoi
che andiamo... vuoi che andiamo a firmare dal notaio?! ma non me ne frega un cazzo andiamo
là a firmare! [viene interrotto]
PALERMO Ernesto:
Forse non l'hai capito Antò: a me quello mi aveva garantito uno
più uno di anni e che tu hai sentito ieri che l'abbiamo chiamato e ancora una volta
mi ha detto uno più uno, cioè non è che l'ho inventato io Antò! C'eri tu quando l'ho
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 234 di 566
chiamato eh! ieri...
REDAELLI Antonello:
Non c'è scritto... [viene interrotto]
PALERMO Ernesto:
[urlando] Ho capito cazzo Antò, non fare come i bambini eh! se no
mi fate innervosire eh! lo so che non c'è scritto però quello che mi ha detto... cioè non è
che l'ho fatto io il bando Antonè! eh porta pazienza.
REDAELLI Antonello:
Lo so che non l'hai fatto te!
PALERMO Ernesto:
Eh e allora! [urlando] cazzo te lo sto dicendo, quello che mi dice è
quello che ti dico eh! c'eri tu, hai sentito per telefono non è che l'ho inventato io eh! Cioè lo
posso pure capire "Ernesto Ernesto Ernesto" poi Antò l'investimento lo volevi fare tu non è che
lo devo fare io eh! io quello che ti posso dire... a questo punto regolati tu non è che mi devo
regolare io eh! cioè quello che mi ha detto, quello che mi ha garantito sono uno più
uno, è inutile che ci prendiamo in giro! penso che qualunque persona vede un
investimento da cinquanta o sessantamila euro che... lo devi ammortizzare, se non che cazzo
di bando fa? fanno un bando per quest'anno?! cioè faccio quest'anno e poi andiamo fuori dai
coglioni?! cioè non lo so! boh Antoné...
Successivamente REDAELLI Antonello ribadisce di aver letto il bando e di aver letto l'articolo
sul giornale ove il geometra del Comune afferma che gli investimenti per il Pratone saranno
solo di un anno. PALERMO Ernesto risponde che lui stesso aveva parlato del progetto di
riqualificazione e inoltre la terza persona ha specificato "uno più uno".
Telefonata n. 889 del giorno 11/04/2011, ore 13:00:27 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e LILLIU Saverio diretta
all'utenza n. 3491386571.
REDAELLI Antonello:
Niente... Ernesto si è incazzato perché lui dice che quello là gli ha
detto "uno più uno, uno più uno, uno più uno" eeh uno più uno! e io cosa vuoi che ti dica?
oh! fate come volete! tu lo sai! se dobbiamo andare a firmare, andiamo...io non so cosa dirti!
LILLIU Saverio: ma a chi hai chiamato?
REDAELLI Antonello:
Ernesto!
LILLIU Saverio: eh! lui è sicuro che è così, ha detto?
REDAELLI Antonello:
ma sì! ma ero anch'io in macchina quando l'ha chiamato ieri e gli ha
detto uno più uno! però ti ripeto... c'è l'articolo... se tu compri la Gazzetta di Lecco, non il
giornale la Gazzetta! Nella pagina di Valmadrera c'è un articolo che parla il geometra di
Valmadrera... adesso il nome non me lo ricordo... che dice "peccato che il bando di quest'anno
sarà solo di un anno perché dopo quella lì sarà un'area che verrà riqualificata" parlando con
quella del Comune di stamattina mi dice la stessa cosa, sul bando non c'è scritto "uno più uno"
se permetti mi faccio delle domande o no?
LILLIU Saverio: Gliel'hai detta questa cosa qua a lui?
REDAELLI Antonello:
e lui dice " e che cazzo ti devo dire se quello là mi ha detto
<<uno più uno>> è uno più uno!" Gli ho detto. Ernesto... che cazzo vuoi che ti dica? poi si
incazza ... mi dice "ma mi fate innervosire!" ma che cazzo di discorsi sono questi discorsi qua?
cosa vuole dire "ma mi fate innervosire"? ma qua stiamo tutti impazzendo... figa! poi che cazzo
c'è da innervosirsi?
LILLIU Saverio: Mah!
REDAELLI Antonello:
Cioè... è un dato di fatto, mi sembra! non mi sembra... cioè se io ti
spiego che se il Comune non lo mette sul bando non te lo può dare un altro anno! perché se
uno impugna il bando dice " i due ragazzi dell'anno scorso, c'era scritto un anno più un anno
di deroga" perché se il primo anno, se le cose andavano bene gli avrebbero concesso il
secondo! ma era scritto sul bando! stavolta sul bando non c'è... c'è scritto che ad ottobre si fa
baracche e burattini! figa! e dopo che cazzo gli vado a dire io al sindaco quando - inc.le - e ho
investito 50, 60, o 70.000 euro? che cosa gli vado a dire? adesso me li paghi te? eh, cazzo!
ragazzi qua stiamo impazzendo un po' tutti! oh! a meno che l'investimento lo fate voi, andate
voi, per me va bene! non c'è problema! Io dico che c'è da stare in campana... dopo vedete voi?
LILLIU Saverio: cosa facciamo? ci dobbiamo vedere, dopo o che cosa?
REDAELLI Antonello:
non lo so! mi ha attaccato il telefono! chiamalo te! Io non so cosa
dirti! qua ormai, ormai è una moda... quando non sanno cosa dire... attaccano i telefoni, eh!
LILLIU Saverio: attaccano i telefoni?
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 235 di 566
REDAELLI Antonello:
eh, mi ha attaccato il telefono!
LILLIU Saverio: chi Ernesto?
REDAELLI Antonello:
va che mi sta richiamando! sì!...mi sta richiamando ciao!
LILLIU Saverio. dai che...inc.le
[13:03:18] telefonata tra REDAELLI Ernesto e PALERMO Ernesto
Seconda parte (chiamata intermedia) della Telefonata n. 889 del giorno
11/04/2011, ore 13:00:27 intercettata sull'utenza n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in
uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercettata intercorre, in lingua italiana tra
REDAELLI Antonello e LILLIU Saverio diretta all'utenza n. 3491386571.
Telefonata n. 890 del giorno 11/04/2011, ore 13:03:12 intercettata sull'utenza n.
335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
PALERMO Ernesto:
allora... Antonè... ti stavo dicendo...lo avviso io il commercialista che
la cosa non l'andiamo a fare oggi la società... aspettiamo come vanno le cose e dopo si fà...
REDAELLI Antonello:
Ernesto...è inutile che t'arrabbi...
PALERMO Ernesto:
Anto...non che mi arrabbio...se tu hai incertezze... è inutile che
facciamo questa società, capisci... vai a spendere 2200 euro, 1000 euro li hai spesi già...per
quella minchia di architetto... non vorrei che poi...mi capisci quello che ti voglio dire?!
arriviamo, arriviamo e poi non facciamo un cazzo...nel senso... e spendi dei soldi a me non mi
piace... tu lo sai Anto come sono fatto io... non è che io me ne fotto degli altri...
REDAELLI Antonello:
Adesso tocca a me... tocca a me... allora Ernesto io non ho detto:
"non si fa" io ho detto la cosa la facciamo lo stesso su un aspetto diverso... se permetti, cioè nel
senso che se fosse così dopo sai che dopo recuperare i soldi non è facile Ernesto... allora...
[viene interrotto].
PALERMO Ernesto:
Te lo sto dicendo io Antò... stiamo dicendo tutte e due la stessa cosa
però quello che ti voglio far capire io no, cioè... io mi devo fidare di quello che mi dice lui
non è che mi posso inventare le cose io... lui mi ha detto due anni e due anni ti
dico... me lo ha confermato ieri, "uno più uno sicuramente Ernesto... perché i lavoro non
inizieranno prima del 2014 là", hai capito? Questo lo so per certo anch'io eh!
REDAELLI Antonello:
Ma perché non l'ha messo nel bando!!!!
PALERMO Ernesto:
Ma chi cazzo... ma che ne so se quest'articolo lo ha fatto fare
per giustificare il discorso che poi lo deve dare a noi e per sconsigliare qualcuno a
farlo, che cazzo ne so Anto, cioè io ne posso immaginare mille però...
REDAELLI Antonello:
Ernesto... Ernesto... allora non è che questo ha fatto l'articolo
per far sì che gli altri non partecipino al bando, questo ha fatto l'articolo ed ha
risposto alle domande del giornalista ed è un fatto. La ragazza delle licenze, la Marta
stamattina ci ho parlato io [si sofferma sulla parola "io"] e lei ha confermato il fatto... e dice:
"no..."ed io le ho detto: "Sarà il solito... uno più..." e lei: "No lo fanno solo per un anno perché c'è
questo progetto con la Provincia"...fammi finire Ernesto... fammi finire... io non mi sto
arrabbiando ti sto spiegando, tu uomo politico dovresti essere tu ad insegnarle queste cose,
allora io vado stamattina ed ho detto: "fammi vedere sto cazzo di bando cosa c'è scritto", io
vado, leggo bene tutto il bando... le scadenze sono 30... 31 non lo so... di ottobre... finisce il
bando...cioè finisce il contratto, finito...2011...ci può essere una eventuale proroga a fine
febbraio non mi ricordo la data...2012, l'unica proroga nel bando Ernesto, è questa!
PALERMO Ernesto:
Sì ho capito
REDAELLI Antonello:
Aspetta, aspetta, allora la domanda è, è un bando pubblico e tu sai
che deve essere esposto... cioè deve essere...
PALERMO Ernesto:
Sì
REDAELLI Antonello:
Se il Comune di Valmadrera, nel 2012, a febbraio quando diciamo
scade questa proroga dice: " Va beh voi mi siete simpatici e vi dò ancora un anno... vi dò fino a
ottobre 2012" non lo può fare!
PALERMO Ernesto:
Perché non lo può fare?
REDAELLI Antonello:
Perché uno impugna il bando e dice: "No, io non ho partecipato al
bando perché nel bando non c'era scritta questa clausola e non ho partecipato perché se fosse
stato "uno più uno avrei partecipato anch'io ".
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 236 di 566
PALERMO Ernesto:
NO! ed io la lezione te la posso fare pure in un altro modo
scusami, la posso fare che il Comune dice: "Io fino al 2012 lo bandisco... dopo il
2012 lo posso deliberare con delibera in Giunta, dov'è il problema? Come quando si
dà un appalto si danno appalti pubblici ed appalti che vengono deliberati
direttamente in Giunta e poi portati in Consiglio... cioè Antò... su questo non è come dici
tu eh...
REDAELLI Antonello:
No, ti spiego... ma io ti sto chiedendo... non è come dico io... io voglio
capire...
PALERMO Ernesto:
No, politicamente ti spiego subito... politicamente... la Giunta ed il
Consiglio decidono di bandire un concorso una cosa... politicamente la Giunta decide di fare
come hanno fatto le assunzioni al Comune di Lecco direttamente la Giunta senza concorso
a chiamata diretta ed hanno riconfermato Longoni, hai capito? Possono fare un bando subito...
è questo è quello che ti sto dicendo io... possono decidere di fare un bando pubblico... come
possono farlo in Giunta decidendo di "dare la concessione a questo che già c'era" e si
assumono la responsabilità loro, cioè non è che...
REDAELLI Antonello:
La mia è una domanda!
PALERMO Ernesto:
No, quello che dici tu è giusto nel momento in cui io non mi posso
opporre se non me lo rinnovano, "va boh... a me non mi hanno rinnovato il progetto..." allora
nel momento in cui non mi rinnovano il bando significa che non mi posso appigliare a nessuna
cosa perché mi dicono: "oh! che cazzo ti devo rinnovare?! scade a febbraio vai fuori dai
coglioni! lo dò ad Ernesto", capisci cos'è che ti voglio dire?
REDAELLI Antonello:
Sì
PALERMO Ernesto:
O lo bandisco pubblicamente di nuovo, quello che ti voglio far
capire... lui mi ha detto, davanti a te ieri quando tu hai insistito per domandarglielo ancora, mi
sembra un cinema domandarglielo ogni volta, no?! perché... ci sei?
REDAELLI Antonello:
Sì
PALERMO Ernesto:
"Marco uno? un anno?", [riferendo] "no, Ernesto... uno più uno
sicuramente, dopo si vedrà!" Il fatto che loro devono prendere metà del Pratone, quando
parliamo di metà del Pratone parliamo verso Malgrate... ok? quella fascia verso Malgrate...
questo lo so
già io di già... perché devono riqualificare l'area... c'ero io, l'ho approvata io
quando ero nel progetto "Amici miei di Parè", c'ero io Anto... meglio di me non lo conosce
nessuno quella realtà.
REDAELLI Antonello:
No, no ma io ci credo...
PALERMO Ernesto:
Hai capito?!
REDAELLI Antonello:
Ci credo... non è mica detto che poi riqualificando l'aerea, non ne
resta un pezzo lo stesso, eh!
PALERMO Ernesto:
E poi un'altra cosa... perdonami però, non è che dobbiamo sperare
che il Pratone può risolvere i problemi della vita, eh? Cioè Saverio si licenzia e si è sistemato!
Hai capito quello che ti voglio dire Antò?
REDAELLI Antonello:
Assolutamente sì, basta, io mi fido di te eh, che cazzo, a me va
bene, io mi fido di te...
PALERMO Ernesto:
A prescindere che io l'ho detto pure davanti a te: "cazzo... io sto
investendo, sto facendo la società, c'è un investimento non da una lira, cioè..." devo recuperarli
questi soldi, Antò, se spendiamo 50 mila euro non è detto che con una stagione li recuperiamo,
no? Quello che ti voglio far capire io... ci devono dare la possibilità di recuperare in più
stagioni, è normale 'sta cosa.
REDAELLI Antonello:
No, Ernesto, allora forse non mi sono inteso... non è quello, però
sapere che è un anno... facciamo cose diverse, noi partecipiamo sì comunque attenzione io non
ho detto che non partecipiamo più, eh... partecipiamo diversamente!
PALERMO Ernesto:
Antò... quello che ti chiedevo io che ti ho detto già all'inizio... una
volta che gli abbiamo messo una struttura di cinquanta metri che costa novemila euro,un
cazzo di - inc.le - una volta che spendiamo ventimila euro per mettere in piedi 'sta cazzo di
cosa mi sembra esagerata che un posto deve rimanere sempre all'aperto, no? o mi sbaglio?
REDAELLI Antonello:
No, no, va bene, va bene...
PALERMO Ernesto:
Non è che ci dobbiamo spendere per forza i cinquantamila euro o i
centomila euro
REDAELLI Antonello:
No, ma che cosa c'entra quello?! però ho detto, se questi cazzo ne
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 237 di 566
so?! ad ottobre mi dicono "e fare anche il basamento in cemento e quelle cose lì" se ad ottobre
non me lo danno più, che cazzo faccio? Capisci?
PALERMO Ernesto:
Allora, quello che ti voglio dire io, sto preventivo ce l'hai? un minimo
di progetto ce l'abbiamo, con lui c'ho appuntamento in settimana, ci andiamo a tavola e gli dico
"Ah amico mio io spendo tot per realizzare spento tot e per rientrare ho bisogno di tot tempo, la
movida non la vuoi, vuoi i vecchi, vuoi famiglie e non mi cagare il cazzo! dammi la possibilità
di... almeno in un paio d'anni...ma lui... per i due anni non ci sono problemi...Antò eh!
REDAELLI Antonello:
No, no, cosa c'entra?! io volevo capire, capisci Ernesto? Andiamo
a...a... in questa barca, stiamo dentro tutti e giustamente cerchiamo di capire se deve
affondare dopo duecento metri o se rischiamo di fare una traversata, capisci cosa voglio dire?!
PALERMO Ernesto:
Va bene
REDAELLI Antonello:
Uno poi cosa fa? Si premunisce per quello che potrebbe essere... il
resto, no?
PALERMO Ernesto:
Perciò per il contratto dal commercialista aspettiamo... lo chiamiamo
e lo andiamo a firmare settimana prossima.
REDAELLI Antonello:
Ma no, tanto ci andiamo, che cosa cambia? Non cambia niente.
PALERMO Ernesto:
Ho capito, non butti 2500 euro o 2200 euro, quelli che sono...
REDAELLI Antonello:
Ascolta Ernesto, spenderli oggi o spenderli lunedì prossimo non
cambia nulla eh!
PALERMO Ernesto:
Va bene, tu dove sei? stai tornando?
REDAELLI Antonello:
No, sono arrivato a Reggio Emilia e sto tornando indietro
PALERMO Ernesto gli risponde che ha finito a Morbegno, è appena rientrato da stamattina alle
06.00 e gli dice che l'appuntamento è alle 17.00.
Prima REDAELLI gli dà l'appuntamento al bar poi andranno REDAELLI e LILLIU a prenderlo a
Galbiate.
Si salutano.
Nella stessa serata REDAELLI Antonello, PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio si recano da
TROVATO Mario per aggiornarlo sulle novità relative al bando di gara.
Telefonata n. 340 del giorno 11/04/2011, ore 19:47:34 intercettata sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra IVASHKOVA Alexandra e TROVATO Mario proveniente
dall'utenza n. 3381087610.
IVASHKOVA Alexandra per TROVATO Mario:
IVASHKOVA Alexandra gli dice di tornare indietro perché sono arrivati da lei Saverio (LILLIU
ndr), Antonello (REDAELLI ndr) ed Ernesto (PALERMO ndr).
TROVATO Mario le dice di dirgli che si vedranno in pizzeria.
In sottofondo TROVATO Mario informa la persona che si trova con lui della notizia datagli da
IVASHKOVA Alexandra
In uno dei quotidiani incontri tra TROVATO Mario e gli associati, BONGARZONE Claudio
commetta con REDAELLI Antonello la presenza nella società di LILLIU Saverio e fanno
riferimento al precedente, a carico dello stesso, per reati in materia di stupefacenti.
(V.Progressivo n. 530 del giorno 19/04/2011, ore 12:10:45 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello).
Il 20.4.2011 TROVATO Mario, PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello commentano
l’esecuzione di alcune ordinanze di custodia cautelare in carcere che avevano avuto risalto
sugli organi di informazione.
Di particolare interesse è la circostanza che gli interlocutori analizzino i rischi ai fini di una
contestazione ex art.416 bis C.P derivanti dalla comune partecipazione alla gara per la
concessione del Lido di Parè e il fatto che TROVATO Mario ridimensioni tale rischio facendo
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 238 di 566
presente di essere stato assolto nel processo Wall Street dall’imputazione relativa all’art. 416
bis C.P.
Telefonata n. 1365 del giorno 20/04/2011, ore 07:02:16 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto
diretta all'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 1817 del giorno 20/04/2011, ore 07:02:25 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana, tra REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 335441133.
REDAELLI Antonello per PALERMO Ernesto
...omissis...
PALERMO Ernesto:
ascolta ti devo dare delle buone novità per quel discorso che
mi hai dato ieri
REDAELLI Antonello:
bene
PALERMO Ernesto:
poi dobbiamo parlare a voce e dobbiamo fare un discorso io e te se
lo facciamo poi ti spiego bene
REDAELLI Antonello:
sì, sì, sì, tu vai a scuola stamattina?
PALERMO Ernesto:
no
REDAELLI Antonello:
noi siamo su a (inc.le)
PALERMO Ernesto:
noi siamo su a (inc.le) deve andare a Milano!
REDAELLI Antonello:
a che ora andate?
PALERMO Ernesto:
partite alle nove e mezzo?
REDAELLI Antonello:
uhm
PALERMO Ernesto:
e quasi quasi vengo pure io...
...omissis...
I due interlocutori s’incontreranno prima al bar (intendono “Le Petit”, ndr) e PALERMO Ernesto
dice "...prima che arriva lui..." (TROVATO Mario, ndr).
Progressivo n. 574 del giorno 20/04/2011, ore 09:21:49 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
PALERMO Ernesto, REDAELLI Antonello e TROVATO Mario
PALERMO Ernesto, REDAELLI Antonello e TROVATO Mario conversano circa una posizione
strategica per aprire un locale.
[09:26:33]
TROVATO Mario riceve una telefonata per un'ordinazione di generi alimentari per il bar.
TROVATO Mario dice che venerdì sera mangeranno insieme.
TROVATO Mario dice che ci saranno alle cena, Saverio (LILLIU, ndr), Claudio (BONGARZONE,
ndr), Mauro, lui stesso, REDAELLI (Antonello, ndr), Ernesto (PALERMO, ndr) ed altri.
[09:30:32]
TROVATO Mario riceve una telefonata da Alexandra (IVASHKOVA, ndr).
Successivamente, parlano del contratto di lavoro di un anno di Claudio (BONGARZONE, ndr) e
degli accordi intrapresi per i guadagni.
[09:36:34] Successivamente, ad una notizia ascoltata in auto i tre occupanti dell'auto
commentano:
PALERMO Ernesto:
non è vero ci (inc.le) che l'accusano ci (inc.le) e le intercettazioni che
si pigliavano i soldi ma pensa te, sono andati alle 05.30 di mattina alla casa...
TROVATO Mario: adesso lui è fuori però
PALERMO Ernesto:
però secondo me...
REDAELLI Antonello:
ah
(inc.le)
[09:37:07]
TROVATO Mario: ha gli obblighi no!
PALERMO Ernesto:
ha gli obblighi
REDAELLI Antonello:
ma è in attesa di giudizio?
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 239 di 566
TROVATO Mario: ma l'hanno appena fatto il blitz! (inc.le) diciamo che è fuori a piede libero
lui no?
REDAELLI Antonello:
(inc.le) ma l'associazione l'hanno data però...
TROVATO Mario: no, non detto adesso devono provarla no? Hanno fatto solo il blitz
adesso devono provarla eh... hanno solo fatto il blitz adesso, l'hanno preso
PALERMO Ernesto:
(inc.le) se tutti quelli che hanno una società… è assoggettata a loro
allora così è associazione...
TROVATO Mario: eh eh ...
PALERMO Ernesto:
(inc.le) dell'operazione fanno si che ... Parè no, Saverio
(LILLIU, ndr) ed Iddu fanno la società, allora è associazione...
REDAELLI Antonello:
eh ma noi siamo in due
TROVATO Mario: eh in tre devono essere...
REDAELLI Antonello:
e noi siamo in due io e Saverio (LILLIU, ndr)
TROVATO Mario: no, ma non c'entra un cazzo
REDAELLI Antonello:
allora cosa fanno non c'entra un cazzo allora se la inventano
loro l'associazione…
TROVATO Mario: (inc.le) sono
REDAELLI Antonello:
allora ce l'hanno tutti di (inc.le) tizio, Caio e Sempronio eh, allora
uno deve anche dimostrarlo...
PALERMO Ernesto:
eh dici che mi hanno minacciato dai...
REDAELLI Antonello:
ah sì, allora se tutti fanno così allora a me mi ha minacciato Saverio
(LILLIU, ndr)...
TROVATO Mario: (ride)...
REDAELLI Antonello:
Saverio (LILLIU, ndr) dice che lo ha minacciato Mario
(TROVATO, ndr) eh facciamo tutti una storia così... no, siamo tutti minacciati siamo
tutti innocenti eh... tutti vittime siamo
PALERMO Ernesto:
dici (inc.le) Mario (TROVATO, ndr) era tutti i giorni a casa
REDAELLI Antonello:
ti fai pure un segno magari qua... guardi guardi guardi...
PALERMO Ernesto:
(inc.le)
REDAELLI Antonello:
no, piccolo piccolo... Mario (TROVATO, ndr) può dire oh, anche a
me, me l'hanno date guardi qua come son ridotto (ridono)... cosa volete da me?!...
TROVATO Mario: eh, oh cavolo...
REDAELLI Antonello:
no evidentemente loro la possono dare ma non è che la
possono dare così... poi dipende che associazione…
TROVATO Mario: non è che l'associazione...
REDAELLI Antonello:
(inc.le) tu mi insegni che tutti (inc.le)
TROVATO Mario: ma non è una questione di rompere i coglioni, per l'associazione debbono
esserci delle cose provate...
REDAELLI Antonello:
sì, mica possono dire... e perché l'abbiam fatta in due perché lì in
due...
TROVATO Mario: oh, vedi che a me mica l'hanno potuta dare eh...
PALERMO Ernesto:
(inc.le)
TROVATO Mario: io non sono stato in carcere per il 416 io ... al primo grado mi
dettero il 416
REDAELLI Antonello:
poi te l'han tolto
TROVATO Mario: poi me l'han tolto
REDAELLI Antonello:
la tua condanna è per che cosa? per i soldi...
PALERMO Ernesto:
per il reinvestimento del capitale
REDAELLI Antonello:
15 anni per il reinvestimento del capitale son tanti eh...
TROVATO Mario: però io (inc.le)
REDAELLI Antonello:
neanche per omicidio (inc.le)
TROVATO Mario: io, (inc.le) io e Rolando (TROVATO, ndr) siamo stati assolti per il 416
bis... eh
PALERMO Ernesto:
Rolando (TROVATO, ndr) in formula piena...
TROVATO Mario: sì, in tutto è stato assolto lui
PALERMO Ernesto:
io per 416 bis...
REDAELLI Antonello:
perché non l'hanno scarcerato anche prima
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 240 di 566
TROVATO Mario: però io non è che ho preso la (inc.le) di stampo mafioso non l'ho
presa io
REDAELLI Antonello:
però, solo che dopo, gli hanno dato per il reinvestimento di capitale,
non potevano dare anche Rolando, gliel'hanno dato a lui e a quello là (inc.le) perché è risultato
lui che ha investito il capitale
PALERMO Ernesto:
però a (inc.le) hanno accusato Rolando (TROVATO, ndr)
REDAELLI Antonello:
eh sì, per forza c'è solo lui... però dopo hanno affidato tutto
a Mario (TROVATO, ndr) hai capito? È stato Mario (TROVATO, ndr) che…
TROVATO Mario: ma, tutti devono avere dei riscontri che io ho fatto delle riunioni
con loro... invece lui dice no, lui non ne ha mai voluto saperne... di queste cose
PALERMO Ernesto:
invece a Sandrino l'hanno inculato (inc.le)
TROVATO Mario: a Sandrino, a MARINARO, tutti con il 416 bis, l'unico in quel
processo che non ha partecipato con il 416 sono stato io
REDAELLI Antonello:
te e Rolando...
TROVATO Mario: esatto, tutti l'hanno preso
PALERMO Ernesto:
ma MARINARO è uscito prima di tutti prima di Rolando (TROVATO,
ndr)...
TROVATO Mario: no, Gianni, no Salvatore
PALERMO Ernesto:
Gianni, no Salvatore no... e dopo te è uscito...
TROVATO Mario: e dopo di me è uscito Salvatore...
REDAELLI Antonello:
ma Salvatore l'imbianchino?
TROVATO Mario: sì
PALERMO Ernesto:
ma Giovanni BUTTAVARO (fonetico) con voi venne arrestato?
TROVATO Mario: no, lui venne arrestato per un omicidio tanti anni fa...
omissis...
PALERMO Ernesto, REDAELLI Antonello e TROVATO Mario terminano parlando di un processo
per cui hanno condannato delle persone a 12 anni.
Il 21.4.2011 PALERMO Ernesto confida all’amica BALITRO Alberta di aver anticipato
nell’operazione del Lido di Parè la somma di 22.000 euro per acquisto di materiale e
strutture.
Telefonata n. 1928 del giorno 21/04/2011, ore 09:33:47 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e BALITRO Alberta diretta
all'utenza n. 3339984302.
PALERMO Ernesto per BALITRO Alberta:
PALERMO Ernesto dice che è solito misurarsi la pressione e che suole prendere la pillola
perché dice di soffrire di pressione bassa. PALERMO Ernesto dice di essere rimasto senza un
soldo perché dice: "abbiamo fatto della carità in questi giorni".
BALITRO Alberta gli chiede se vuole che gli giri qualcosa. PALERMO Ernesto dice che adesso
andrà a sbloccare qualche buono e dice che glielo chiederebbe solo nel momento in cui si
trovasse proprio agli sgoccioli.
Ore [09:40:45],
PALERMO Ernesto racconta a BALITRO Alberta che ieri, ha dovuto prendere 22.000 mila
euro perché ha dovuto comprare delle cose per “sto cazzo di posto” ed hanno dovuto
pagare.
BALITRO Alberta: ma mica avevi detto che tu non mettevi niente?
PALERMO Ernesto:
ma no! Li ho anticipati solamente!
BALITRO Alberta: aaaah!
PALERMO Ernesto:
no, perché... non riusciva questo qui…, perché non copriva
l'assegno, e non riusciva a coprire il discorso in questa settimana… perché anche lui deve
svincolare deve fare… Ormai… chi aveva messo qualche soldino da parte… lo sta prendendo!
C'è una crisi in giro che fa paura.
I due parlano della crisi.
Poi PALERMO Ernesto dice che questa mattina si vergogna ad andare in giro perché essendo
uscito a mezze maniche, si vedono tutti i tatuaggi!, si vergogna ad andare in giro per Lecco
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 241 di 566
così.
Gli associati sono particolarmente preoccupati di eventuale attività di intercettazione a loro
carico come emerge anche da una breve conversazione tra PALERMO Ernesto e REDAELLI
Antonello
Telefonata n. 1527 del giorno 23/04/2011, ore 09:25:29 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
REDAELLI Antonello per PALERMO Ernesto:
PALERMO Ernesto dice che sta andando con Mario a vedere una cosa, aggiunge che è stato
"da quello lì".
REDAELLI Antonello gli chiede cosa si siano detti.
PALERMO Ernesto risponde "parliamo a voce".
REDAELLI Antonello dice che secondo lui bisogna aspettare mercoledì;
PALERMO Ernesto fa riferimento al proprio telefono "che suona, fischia e canta".
In occasione degli auguri pasquali PALERMO Ernesto fissa un appuntamento con RUSCONI
Marco, appuntamento che avverrà il 26.4.2011.
Telefonata n. 1283 del giorno 23/04/2011, ore 18:23:38 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e PALERMO Ernesto diretta all'utenza n.
3495781131.
RUSCONI Marco per PALERMO Ernesto:
si fanno gli auguri di Pasqua.
PALERMO Ernesto ipotizza di (inc.le) incontrarlo martedì, lunedì lo chiamerà per fissare un
appuntamento.
Telefonata n. 2377 del giorno 25/04/2011, ore 12:37:55 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3292103389.
Telefonata n. 1371 del giorno 25/04/2011, ore 12:37:55 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e PALERMO Ernesto diretta all'utenza n.
3495781131.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
si accordano per vedersi domani alle dieci e mezza in Comune a Valmadrera, in seguito:
RUSCONI Marco: Facciamo domani mattina dieci e mezza?
PALERMO Ernesto:
Dieci e mezza giù in comune o ci vediamo in qualche altro posto?
RUSCONI Marco: No, vieni in Comune da me facciamo una chiacchierata, non c'è problema...
PALERMO Ernesto:
Va bene così ti porto magari uno schizzo di quella cosa lì...
gli dai un'occhiata...
RUSCONI Marco: Esatto... va bene dai, facciamo così.
PALERMO Ernesto:
Ok.
Saluti.
Per la realizzazione del progetto PALERMO Ernesto si rivolge all’architetto INVERNIZZI
Alberto, anche questi consigliere comunale nella città di Lecco, con l’incarico di Presidente
della V commissione (Urbanistica ed Assetto del Territorio - Lavori Pubblici - Tutela
dell’Ambiente).
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 242 di 566
Telefonata n. 2409 del giorno 26/04/2011, ore 08:49:21 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra INVERNIZZI Alberto e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3382117981.
PALERMO Ernesto per INVERNIZZI Alberto:
PALERMO Ernesto gli chiede se è già al lavoro e gli chiede se potrà passar un attimino o
dovrà andare giù.
INVERNIZZI Alberto gli dice di essere in ufficio ma non ha ancora fatto nulla " di quel fatto là"
ma gli dice di passare comunque di là.
PALERMO Ernesto gli dice che passerà un attimo così gli dirà " quello che bisogna mettere".
PALERMO Ernesto informa con tempestività TROVATO Mario delle indicazioni relative al
progetto che aveva appena ottenuto dall’architetto INVERNIZZI Alberto.
Telefonata n. 500 del giorno 26/04/2011, ore 09:13:44 intercettata sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
PALERMO Ernesto per TROVATO Mario:
PALERMO Ernesto esordisce chiedendogli " a piscina quant'era larga...7 per...".
TROVATO Mario Risponde " sette per tre e mezzo , sette per tre fai" e gli chiede se ha bisogno
di altro.
PALERMO Ernesto risponde che là hanno sulla pianta, così come gli diceva
l'architetto... che i richiami degli attacchi idrici e di correnti…
TROVATO Mario replica" va beh...ciò sono lì i tubi per la corrente... poi bisogna andare all'Enel
(fon.) a fare i richiami per la corrente.
PALERMO Ernesto l'interrompe e dice che gli stava dicendo (l'architetto) "che così come sono
riposizionati sulla mappa che c'hanno dato loro… in realtà noi il bar... lo dobbiamo
mettere in centro!.
TROVATO Mario: e va beh! lo metteremo in centro, non c'è problema! invece del forno, lo
mettiamo in centro! vediamo, dai!
PALERMO Ernesto dice che allora la predisposizione la farà fare a lui (all'architetto).
TROVATO Mario replica a tal punto... "come l'hanno messa alla mappa...loro...si mette in
centro! Poi, se nel caso, se nel caso, lui la mette in centro ...poi parliamo con quelli di là e
vediamo se sta bene in centro e se no spostarlo..., vediamo dopo noi, no?".
PALERMO Ernesto (dal tono un po’ scocciato) conclude dicendo " va bene", ciao!
Nella mattinata del 26.4.2011, come programmato, PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco si
incontrano.
SMS n. 1386 del giorno 26/04/2011, ore 09:29:50 intercettato sull'utenza n.
3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. Sms diretto all'utenza n.
3495781131.
SMS n. 2411 del giorno 26/04/2011, ore 09:29:53 intercettato sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. Sms proveniente dall'utenza
n. 3292103389.
Ciao Ernesto. Dobbiamo ritardare di un ora l'appuntamento.
Se ci sono problemi fammi sapere. Marco
Infatti nella stessa mattinata PALERMO Ernesto comunica a LILLIU Saverio di aver parlato
della questione di Valmadrera.
Telefonata n. 206 del giorno 26/04/2011, ore 11:55:44 intercettata sull'utenza n.
3491386571 (R.R.I.T. 1124/11) in uso a LILLIU Saverio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio proveniente dall'utenza
n. 3495781131.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 243 di 566
Telefonata n. 2442 del giorno 26/04/2011, ore 11:55:44 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio diretta
all'utenza n. 3491386571.
PALERMO Ernesto per LILLIU Saverio:
segue conversazione del progressivo precedente.
PALERMO Ernesto gli dice che lo aveva chiamato per ricordargli di dire a "quel suo amico " per
il progetto.
LILLIU Saverio:
dice che quello lì dovrà adesso sentirlo in settimana così prenderanno
appuntamento.
PALERMO Ernesto:
"per quella cosa lì...tutto a posto! a Valmadrera!.
LILLIU Saverio:
dice e" perfetto" e gli chiede inoltre "cosa ci serve adesso da fare?".
PALERMO Ernesto:
dice di essere andato giù lui a fare questa mattina il tutto e che gli
spiegherà magari lui questa sera quando si vedranno.
Si accordano di vedersi questa sera all'aperitivo.
Nelle successive intercettazioni della stessa giornata del 26.4.2011 emerge
chiaramente come PALERMO Ernesto nel corso del colloquio con il sindaco RUSCONI
Marco abbia avuto la conferma sulla durata del contratto e soprattutto abbia avuto
indicazioni sull’offerta economica da indicare in sede di gara.
Nelle conversazioni tra PALERMO e REDAELLI si fa inoltre esplicito riferimento a
degli accordi corruttivi con il pubblico ufficiale RUSCONI Marco e viene indicata da
due interlocutori la previsione di una dazione di una somma tra i 2000 e 3000 euro.
Progressivo n. 361 del giorno 26/04/2011, ore 12:06:08 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
941/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
rumori di sottofondo
[12:06:49]
PALERMO Ernesto parla al telefono con REDAELLI Antonello e gli dice di aver visto la sua
chiamata ed ad una domanda risponde di non saperne nulla.
PALERMO Ernesto gli dice di avere fretta, non per i soldi ma perché discuterà in commissione
qualcosa che interessa a REDAELLI Antonello, al quale dice che se non ci sarà la volontà della
Commissione, non se ne farà nulla e se avranno difficoltà si concentreranno su un'area
anziché su tutte e due, quella di INVERNIZZI è al "1000 per 1000 inserita", mentre per un'altra
in mezzo si trova un ruscello e non si può costruire.
PALERMO Ernesto dice che proprio stamattina ha fatto inserire qualcosa nel "PGT" e che
REDAELLI Antonello potrà dirlo a terze persone poi gli dice anche che in serata si dovranno
vedere per parlare di Valmadrera perché i prezzi che hanno avuto da terza persona sono
alti e ieri hanno regalato il barbecue a Saverio (LILLIU ndr) dove hanno visto delle casette, ne
vorrebbe prendere 5 di quelle.
[12:09:59]
PALERMO Ernesto:
ascolta...due anni me li ha garantiti ed in più...ed in più mi
ha garantito il fatto che non lo farà chiuder...ah...ah...hai capito? ed in più mi ha
dato delle dritte, ha detto (inc.le) del biglietto...è una cosa che non ci aveva pensato
nessuno..."Ernesto, fai pagare 7euro ombrellone e sedie e due euro ce le dai a noi, sei
a cavallo! ". Hai capito? Comunque stasera ci vediamo e ne parliamo..., ed il
parcheggio... compreso nel biglietto nostro di entrata..., al Comune... ha detto..." mi
togliete due euro dal biglietto e saranno cazzi nostri", bravo... addirittura... "il
campo da beach volley, Ernesto, tu mettilo dentro, poi vieni qua e facciamo un
campo da bocce per gli anziani e siamo apposto".
PALERMO Ernesto dice a REDAELLI Antonello che andrà "su da lui" che voleva sapere alcune
cose e di far finta che loro due non si sono sentiti.
PALERMO Ernesto dice che ci sono persone che pressano molto la cosa e che dopo gli
spiegherà tutto bene.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 244 di 566
PALERMO Ernesto dice che gli ha detto "Marco (RUSCONI ndr), dimmi di quello che hai
bisogno... se..." e lui mi ha detto: "Ernesto, dai, poi vedi tu quello che vuoi fare fai!",
o magari prendiamo 2000 o 3000 euro e glieli regaliamo, che cazzo te ne frega!
PALERMO Ernesto dice inoltre che Marco (RUSCONI ndr) gli ha detto che per l'offerta
economica (fon.) può benissimo lasciare 5 mila euro e se in caso dovranno spendere
qualcosa la spenderanno là dentro.
PALERMO Ernesto dice che domani o dopodomani dovranno presentare tutto e che riceverà la
bozza in serata e se in caso REDAELLI Antonello si troverà in giro si vedranno per parlarne.
[12:13:39]
PALERMO Ernesto risponde al telefono e dice alla Donna che chiama "amore mio" che sta
lavorando e che in mattinata è andato in 5 posti diversi per parlare con 5 persone diverse.
Segue conversazione personale
Telefonata n. 2446 del giorno 26/04/2011, ore 12:06:43 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
diretta all'utenza n. 335441133.
Telefonata n. 1661 del giorno 26/04/2011, ore 12:06:43 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
REDAELLI Antonello esordisce dicendogli che l'hanno pubblicato sul giornale di Lecco e gli dice
che è stato commentato a suo carico che è un estremista e che vuole vendersi al Pdl e che è
tutta una tattica politica.
PALERMO Ernesto dice che adesso comprerà il giornale anche lui.
Poi continua dicendogli " ascolta...sai perché ho premura? non per qualcosa...per i soldi o per
qualcosa...ho premura perché lo discutiamo in commissione in questa settimana, hai capito?".
REDAELLI Antonello gli dice che in questa settimana saprà tutto e che domani... saprà
qualcosa e che dovrebbe essere al 99, 9 %...
PALERMO Ernesto gli replica che no è questione di essere si o di essere no...ma è questione
che ...se lui andasse a discutere la cosa e non ci fosse magari la volontà loro (di terze
persone)...
REDAELLI Antonello dice che capisce benissimo e gli dice che lui domani gli dirà tutto, di non
preoccuparsi.
PALERMO Ernesto dice che se hanno difficoltà su due aree...si concentreranno su un'area
soltanto e specifiche che "quella di INVERNIZZI Michele...quella è al mille per mille
inserita...".
REDAELLI Antonello gli dice che "quella lì" non è proprio vicina al ruscello ma è un po’
distante.".
PALERMO Ernesto dice che il ruscello è a metà e dice che gli hanno detto, che non capiscono
che cazzo di costruzione terza persona riuscirà a fare...,lui dice di aver risposto che a lui non
interessa e che saranno cazzi loro cosa riusciranno a costruire e che per lui importante è che
gliela metteranno dentro.
PALERMO Ernesto dice a tal punto "stamattina l'ho fatta inserire nel PGT...sai cosa
significa?".
REDAELLI Antonello lo rassicura del fatto che domani gli farà sapere meglio e gli darà
soddisfazione.
PALERMO Ernesto gli dice inoltre che questa sera dovranno vedersi perché-dice- " dobbiamo
parlare un attimino là di Valmadrera".
REDAELLI Antonello gli dice che quando tornerà da Como lo chiamerà.
PALERMO Ernesto dice che dovranno parlare perché i prezzi che gli hanno messi nel
preventivo sono un po’ esorbitanti.
REDAELLI Antonello dice che l'importante è che riusciranno a metterli nel preventivo... poi,
anche a spenderne la metà, sarebbe meglio.
PALERMO Ernesto dice che poi hanno regalato un barbecue a Saverio (LILLIU, ndr) e anche
prenderne 5 di quelli lì, andrebbe bene...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 245 di 566
Ore [12:09:53]
REDAELLI Antonello replica" Ernesto...a noi serviva quello lì per il progetto, per il bando! fatto
quello... Poi a ce la vediamo noi, capito? noi abbiamo fatto il bando...lo sta preparando
l'architetto...è giusto come deve farlo!".
PALERMO Ernesto:
ascolta...due anni me li ha garantiti... e in più ...mi ha
garantito il fatto che me lo fa chiudere!
REDAELLI Antonello:
che significa " me lo fa chiudere? ...ah!
PALERMO Ernesto:
ah! hai capito? e in più mi ha dato delle dritte...la dritta del
biglietto...ha detto... "è una cosa che non ci aveva pensato nessuno! Ernesto fai pagare 7 euro
ombrellone e sedia e due euro ce li dai a noi...sei a cavallo!".
REDAELLI Antonello:
bon , basta! ha già capito tutto ! vai tranquillo!
REDAELLI Antonello:
ma anche per il parcheggio, no?
PALERMO Ernesto:
per il parcheggio! compreso il biglietto nostro di entrata...
REDAELLI Antonello:
c'è dentro il parcheggio?
PALERMO Ernesto:
bravo!
REDAELLI Antonello:
vai tranquillo! Poi noi ci arrangiamo col comune!
PALERMO Ernesto:
no il comune...mi ha detto...mi togliete due euro da... (inc.le) .e
REDAELLI Antonello:
si, si! non c'è problema!
PALERMO Ernesto:
addirittura mi ha detto il campo di beach volley...Ernesto tu mettilo
dentro...o vieni qua e facciamo un campo di bocce per gli anziani e siamo a posto!
I due continuano a discorrere sul progetto.
PALERMO Ernesto conclude dicendo "vado su da lui che lo voleva sapere... (TROVATO Mario,
ndr) ...io e te non ci siamo sentiti, eh!
REDAELLI Antonello si raccomanda di mettere in chiaro le cose per il parcheggio...
PALERMO Ernesto risponde " si! me l'ha detto lui (terza persona) di metterlo!".
PALERMO Ernesto conclude dicendo " comunque c'è un ...compressione (fonetico) non
indifferente!
REDAELLI Antonello dice che poi infatti ne parleranno e che se sarà uno sviluppo così come la
vede lui... al massimo servirà loro qualche metro in più se volessero allargarsi un attimino...
PALERMO Ernesto dice che poi gli spiegherà bene li la cosa e che terza persona (Marco
RUSCONI, ndr) gli ha garantito che per questo non c'è problema.
[12:12:21]
PALERMO Ernesto dice " poi...gliel'ho detto io...Marco ...dimmi di quello che hai
bisogno ...se...hai bisogno di...
REDAELLI Antonello:
si...per quello...
PALERMO Ernesto:
e mi ha detto " Ernesto...poi vedi tu...quello che vuoi fare fai!
allora prendiamo due - tre mila euro e glieli regaliamo ! che cazzo...
REDAELLI Antonello:
ma non mi interessa! quello è il meno dei problemi Ernesto!
PALERMO Ernesto:
ah! l'offerta economica...mi ha detto "Ernesto... lascialo a
5.000 euro ...non metterci di più eh!
REDAELLI Antonello:
esatto! perché loro puntano più sulla roba, giusto!
PALERMO Ernesto:
bravo! ha detto che se poi, magari, devi spendere qualcosa...la
facciamo spendere lo stesso!
REDAELLI Antonello:
bravo! era quello che poi avevi detto anche tu l'altra volta...(inc.le)
più di qua che di là!
PALERMO Ernesto.
bravo, bravo!
REDAELLI Antonello:
Poi ci vediamo in settimana...la studiamo meglio tutti insieme,
capito?
PALERMO Ernesto:
no, noi! noi... domani...al massimo dopo domani lo dobbiamo
presentare, eh!
REDAELLI Antonello:
eh no!...si! l'ufficiale si!
PALERMO Ernesto:
sta sera mi manderà la bozza, se tu sei in giro...ce la vediamo sta
bozza com'è!.
REDAELLI Antonello:
si! ti chiamo io...quando rientro da Como, ti chiamo!
si salutano.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 246 di 566
Le successive conversazioni riguardano i contatti con TROVATO Mario per visionare la bozza
di progetto, gli atti di partecipazione alla gara e la successiva sottoscrizione da parte di
LILLIU Saverio, rappresentante legale della società.
Telefonata n. 1697 del giorno 27/04/2011, ore 08:11:39 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello.
Telefonata n. 2525 del giorno 27/04/2011, ore 08:11:40 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
diretta all'utenza n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello :
REDAELLI Antonello gli dice che sta andando a Ballabio a prendere la licenza e portarla a...
(inc.le) e gli chiede a che ora apre secondo lui il comune e specifica che la sua licenza si trova
dai vigili.
PALERMO Ernesto gli propone di trovarsi da Mario così gli farà vedere la bozza ed
eventualmente, se ci fossero delle modifiche da dover fare, chiamerebbe terza
persona e gliele farebbe iniziar a fare.
PALERMO Ernesto dice "siamo lì al Bar.
Si accordano di vedersi tra un quarto d'ora al bar.
REDAELLI Antonello chiede se a Belledo.
PALERMO Ernesto risponde affermativamente.
Dopo la riunione avvenuta presso il bar di TROVATO Mario PALERMO Ernesto fornisce
ulteriori dettagli al progettista INVERNIZZI Alberto circa le modifiche da apportare al
progetto.
Telefonata n. 2529 del giorno 27/04/2011, ore 08:21:14 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra INVERNIZZI Alberto e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3382117981.
INVERNIZZI Alberto per PALERMO Ernesto:
INVERNIZZI Alberto gli chiede se ha visto il disegno che gli ha mandato.
PALERMO Ernesto dice di averlo visto ma gli dice che il forno poi gliel'ha fatto staccato.
INVERNIZZI Alberto dice che non avrebbe potuto farlo attaccato che c'è poi "il coso lì del bar".
PALERMO Ernesto dice che dove ha messo il magazzino lui ci avrebbe messo il forno.
INVERNIZZI Alberto specifica che sul disegno che lui gli ha dato della casetta... c'erano delle
aperture... da quel lato lì.
PALERMO Ernesto dice che la casetta poi la vedranno dopo e gli chiede se lui è in ufficio
questa mattina.
INVERNIZZI Alberto dice di non essere in ufficio ed aggiunge che "dal bando è vincolante
quello che metti su".
PALERMO Ernesto dice "no va boh! ho parlato ieri con lui!".
PALERMO Ernesto gli chiede poi quando ci sarà per venire giù anche per dirgli pure " quello
che bisogna mettere all'interno del bando".
INVERNIZZI Alberto esclama "minchia! tutto io devo fare tutto io il bando ! tu che cazzo
fai ? non lo eh!".
PALERMO Ernesto gli dice che lui non l'ha mai fatto e che se avesse saputo farlo...
INVERNIZZI Alberto gli dice poi che per lui è un po’ problematico e dice che dovrebbe essere lì
dalle due alle due e mezza e che dopo sarà via.
PALERMO Ernesto gli chiede se riuscirebbero a fare il tutto.
INVERNIZZI Alberto gli dice di andare lì e che pensa che in mezz’oretta potrebbe dargli una
mano... vedrebbero quello che c'è, quello che riusciranno a compilare... ed eventualmente,
quello che mancherebbe, poi lo compilerebbe PALERMO Ernesto dopo.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 247 di 566
INVERNIZZI Alberto dice che lui stamattina sta tornando a Suello, alle tre dovrà essere a
Sirone e alle 18.00 avrà un altro appuntamento..., per cui, alle due sarebbe l'unica occasione
utile.
PALERMO Ernesto conclude dicendogli che si vedranno da lui alle due. (14.00)
Progressivo n. 958 del giorno 27/04/2011, ore 15:08:49 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
REDAELLI Antonello e PALERMO Ernesto in auto.
Conversazione inerente la compilazione della domanda per la partecipazione al bando di
Parè.
[15:11:24]
REDAELLI Antonello chiama una persona chiamandolo Ste' e conversa circa la preparazione
del modulo di domanda al bando di Parè.
[15:13:56]
PALERMO Ernesto contatta telefonicamente LILLIU Saverio e lo invita ad (inc.le)
incontrarsi al bar da Mario per la compilazione della domanda per il bando di Parè.
[15:16:18] PALERMO Ernesto contatta telefonicamente tale Luca chiedendo informazioni circa
la compilazione del modulo di presentazione al bando di gara.
Telefonata n. 213 del giorno 27/04/2011, ore 15:13:23 intercettata sull'utenza n.
3491386571 (R.R.I.T. 1124/11) in uso a LILLIU Saverio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio proveniente dall'utenza
n. 3495781131.
Telefonata n. 2563 del giorno 27/04/2011, ore 15:13:23 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio diretta
all'utenza n. 3491386571.
PALERMO Ernesto per LILLIU Saverio:
PALERMO Ernesto dice che hanno bisogno di lui subito per presentare quella domanda lì
altrimenti non potranno fare nulla.
LILLIU Saverio chiede dove sono.
PALERMO Ernesto risponde che stanno a Lecco.
LILLIU Saverio dice che tra mezz'ora sarà da loro.
PALERMO Ernesto dice che si vedranno al bar di Mario (TROVATO Mario ndr).
PALERMO Ernesto informa il sindaco di Valmadrera RUSCONI Marco circa l’impossibilità di
presentare tutta la documentazione richiesta nei tempi prefissati, rimarcando che, per
vincere la gara, era stato costretto a costituire una nuova società. RUSCONI Marco gli
consiglia di presentare tutto quanto in loro possesso e di integrare successivamente con la
corretta iscrizione presso la C.C.I.A.A..
Telefonata n. 1451 del giorno 27/04/2011, ore 18:29:43 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 2598 del giorno 27/04/2011, ore 18:29:44 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
PALERMO Ernesto:
... c'è un problema perché l'iscrizione alla Camera di
Commercio me la danno lunedì e se io metto dentro l'atto notarile e la Costituzione
della società va bene lo stesso no?
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 248 di 566
RUSCONI Marco: ...si si (inc.le)... magari dillo... verrà inoltrata successivamente l'avviso
camerale una volta pronta
PALERMO Ernesto:
ah anche perché ho dovuto fare questa cazzo di...
(inc.le)...perché adesso si fa tutta a (inc.le)... per aprire no?
RUSCONI Marco: si si
PALERMO Ernesto:
...è dato che l'ho fatta su a Bergamo sta benedetta cosa e poi a
Bergamo me l'hanno mandata a Lecco...insomma non ce l'ho fatta... allora io ci faccio mettere
tutto, l'atto notarile cazzi e mazzi
RUSCONI Marco: ci metti dentro tutta quella roba lì dicendo che per quanto riguarda
l'iscrizione alla Camera di Commercio in fase di...
PALERMO Ernesto:
lunedì ce l'ho... lunedì mattina ce l'ho che per il giorno 2 la
fornisco... poi ve la faccio avere eh
RUSCONI Marco: Va bene dai va bene facciamo così
PALERMO Ernesto:
meno male dai che se no mi viene il panico
RUSCONI Marco: io ti dico così su due piedi poi verifico la cosa ma per me non puoi fare altro
eh
PALERMO Ernesto:
va bene dai ...ok grazie Marco
Si Salutano
Il 28.4.2011 PALERMO Ernesto riceve informazioni da RUSCONI Marco sul numero di
domande di partecipazione alla gara.
Telefonata n. 1459 del giorno 28/04/2011, ore 10:38:38 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 2626 del giorno 28/04/2011, ore 10:38:39 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
Telefonata n. 1459 del giorno 28/04/2011, ore 10:38:38 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco :
RUSCONI Marco: Pronto
PALERMO Ernesto:
A posto...la sto protocollando adesso
RUSCONI Marco: Ok va bene io sto andando in Comune...
PALERMO Ernesto:
Ascoltami mi fai sapere poi quante ce ne sono se vengo...?
RUSCONI Marco: Sì certo
PALERMO Ernesto:
Ok grazie
RUSCONI Marco: Ciao
PALERMO Ernesto
Ciao
Telefonata n. 1495 del giorno 28/04/2011, ore 12:30:33 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 2639 del giorno 28/04/2011, ore 12:30:33 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
PALERMO Ernesto:
Puoi parlare Marco? Non ho capito scusami Marco
RUSCONI Marco: Sono in riunione.
PALERMO Ernesto:
Ah scusami ... volevo sapere quante ne avevano... due?...
due?... la mia e la tua... la mia e la nostra?
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 249 di 566
RUSCONI Marco: sì... dai... va bene ci sentiamo.
PALERMO Ernesto:
ok ciao ciao
RUSCONI Marco: ciao
PALERMO Ernesto trasmette le informazioni a TROVATO Mario
Progressivo n. 577 del giorno 28/04/2011, ore 13:55:32 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
941/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di PALERMO Ernesto si sente la voce di PALERMO Ernesto che parla con TROVATO
Mario e dice che domani mattina se le aprono alle 9:00 le buste andiamo pure noi.
Progressivo n. 594 del giorno 28/04/2011, ore 18:24:47 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
941/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di PALERMO Ernesto si sente la voce di PALERMO Ernesto che dice di essere appena
uscito e sta andando al Comune per Consiglio.
Parla al telefono con una terza persona()per andare a Legnano, dice a terza persona()di farsi
impostare il navigatore da Vincenzo().
PALERMO Ernesto dice: “magari non hanno i soldi...loro(persone )".
PALERMO Ernesto dice a terza persona() che sono state presentate 2 buste e secondo lui
(PALERMO Ernesto n.d.r.) l'altra busta l'hanno presentata i ragazzi(persone )dell'anno scorso.
PALERMO Ernesto parla di una cosa riguardante i nipoti e dice: “meno male che non sono
andato io ad espormi in prima persona se no avevo fatto la figura di mer...!
In una telefonata del 29.4.2011, PALERMO Ernesto chiede al pubblico ufficiale RUSCONI
informazioni dirette sui risultati dell’apertura delle buste e successivamente discute del
contenuto delle offerte con REDAELLI Antonello e BONGARZONE Claudio . Nelle
conversazioni si fa ampio riferimento alle informazioni ricevute dal Sindaco che hanno loro
consentito di predisporre un’offerta di gara più completa sebbene l’offerta dei concorrenti
quanto al corrispettivo economico sia più vantaggiosa per l’amministrazione comunale.
Telefonata n. 1515 del giorno 29/04/2011, ore 09:36:06 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 2678 del giorno 29/04/2011, ore 09:36:07 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
PALERMO Ernesto:
Pronto...
RUSCONI Marco:
Ciao Ernesto.
PALERMO Ernesto:
Sei in Comune?
RUSCONI Marco:
No, sono fuori, vado in Comune alle dieci e mezza.
PALERMO Ernesto:
Uhm... vedi che le hanno aperte eh...
RUSCONI Marco:
Sì, stamattina lo so, lo so...
PALERMO Ernesto:
Eh sono qui anch'io...
RUSCONI Marco:
uh?
PALERMO Ernesto:
Prova a guardarci dentro adesso tu un attimino...
RUSCONI Marco:
Ciao...
PALERMO Ernesto:
Ciao.
RUSCONI Marco:
Ciao.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 250 di 566
Progressivo n. 1088 del giorno 29/04/2011, ore 09:45:40 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
REDAELLI Antonello, PALERMO Ernesto, LILLIU Saverio e BONGARZONE Claudio in auto.
Entrando in auto PALERMO Ernesto indica a REDAELLI Antonello un senatore, molto
probabilmente prima a loro vicino e di nome RUSCONI Antonio.
[09:48:18]
Commentano in relazione al fatto che si stanno recando al Comune di Valmadrera
per l'aggiudicazione del bando.
Si sentono dei saluti...
REDAELLI Antonello:
RUSCONI, l'onorevole... Antonio
BONGARZONE Claudio: eh?
REDAELLI Antonello:
quello cicciotto...
BONGARZONE Claudio: eh...
REDAELLI Antonello:
quello cicciotto qua quello cicciotto là
BONGARZONE Claudio: questo l'ultimo (inc.le)
PALERMO Ernesto:
quello grosso lì? è un calabrese penso (inc.le) invece Manino è un
geometra... ma son bravi a parte il suo amico curatore...
PALERMO Ernesto:
però hai visto come ha abbassato la testa
...Omissis
REDAELLI Antonello:
tutti andiamo? dobbiamo fare bella figura cioè, dobbiamo essere in
tanti?
LILLIU Saverio:
no. solo io ed Ernesto...
REDAELLI Antonello:
ah non c'è la rissa?
BONGARZONE Claudio: a me potete lasciarmi anche a Lecco
PALERMO Ernesto:
no, la rissa la facciamo questa sera
REDAELLI Antonello:
sai cosa c'è Ernesto secondo me, è che non c'era troppo
divario nelle offerte da 5.500 a 6.000 non conta un cazzo eh!
PALERMO Ernesto:
(inc.le)
REDAELLI Antonello:
lì ma scusa ma alcune delle voci mica le hanno messe però...
noi si
PALERMO Ernesto:
speriamo!
REDAELLI Antonello:
la piscina non lo so non credo che l'hanno messa noi si eh!
BONGARZONE Claudio: ma cosa ne sa cosa hanno messo?
REDAELLI Antonello:
eh beh al loro glielo ha detto il sindaco... perché lo sapeva
solo lui! eh eh
PALERMO Ernesto:
Erni lo sapeva...
REDAELLI Antonello:
mi ha detto chiamami alle 11 e mezza arrivo giù..., mo ci andava lui
non lo so cazzo doveva andare a fare
BONGARZONE Claudio: (inc.le) che cazzo ci mettevano...
REDAELLI Antonello:
e lì non c'era nel bando!... neanche il coso delle bocce non
c'era nel bando... con tutti i suggerimenti poi avuti lui con il sindaco... che dice metti
queste cose in più, vuol dire... non mettere tanti soldi che non serve a niente, metti
tante cose che servono... infatti noi abbiamo messo più cose...
PALERMO Ernesto:
guardiano...
REDAELLI Antonello:
abbiamo messo il guardiano di notte che è più importante
PALERMO Ernesto:
le docce gli spogliatoi...
BONGARZONE Claudio: dove c'è scritto che (inc.le) PIDDU
REDAELLI Antonello:
no, nomi e cognomi e indirizzi... no amministratore unico LILLIU
PALERMO Ernesto:
no, (inc.le) l'autocertificazione (inc.le) al più presto
REDAELLI Antonello:
chi lei?
PALERMO Ernesto:
l'altro partecipante...
REDAELLI Antonello:
cosa è che ha fatto?... ma non c'entra un cazzo lei..., c'ha la delega,
ma non c'entra un cazzo lei non c'entra un cazzo...
LILLIU Saverio:
cosa ha fatto lei?
PALERMO Ernesto:
(inc.le)
LILLIU Saverio:
no, Va beh non la trovavano...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 251 di 566
REDAELLI Antonello:
no no non la trovavano non c'entra un cazzo...
LILLIU Saverio:
non trovavano l'autocertificazione?
REDAELLI Antonello:
sai che cosa? loro hanno fatto le cose già giuste subito... noi non
abbiamo l'iscrizione alla camera di commercio, non avevamo i dati per mettere il preposto, non
avevamo tante cose per cui loro vanno (inc.le), dopo dici guarda che nel bando c'è scritto che
possiamo darle dopo le cose, infatti cosa han detto ah va bene... guarda l'angolo delle
mangiate... qual è l'angolo della mangiate...
LILLIU Saverio:
eh boh speriamo... cominciamo a portarlo a casa poi...
REDAELLI Antonello:
ascolta quello che dovevamo fare io penso che l'abbiamo fatto no!?
di più non lo so cosa si poteva fare...
BONGARZONE Claudio: allora adesso sentiamo a mezzo giorno
REDAELLI Antonello:
ma si adesso arriva giù il sindaco guarda (inc.le) secondo me
o per l'uno o per l'altro han già deciso... non guarderanno ancor più di tanto eh...
sanno già a chi darlo o meno...
BONGARZONE Claudio: lo sanno perché potrebbero avere la raccomandazione di
REDAELLI Antonello:
assolutamente si ascolta...
PALERMO Ernesto:
ma io già l'ho capito da come mi ha detto Antonio qualche...
io non ne so niente possibile... ha già deciso...
REDAELLI Antonello:
han già deciso, ti ha già (inc.le)ulato anche qua
LILLIU Saverio:
cosa è che ti ha detto Antonio?
PALERMO Ernesto:
che il sindaco (inc.le) non io
BONGARZONE Claudio: ah è lui che deve decidere
REDAELLI Antonello:
eh si cosa c'entra questo! e si spera
PALERMO Ernesto:
eh Claudio, io riporto quello che ... se è una cosa che devo fare io
direttamente è un discorso ma quando (inc.le) ad altri
REDAELLI Antonello:
e quello che ti ho detto sempre anche io caro Ernesto, che tu quello
che dovevi fare l'hai fatto... ti più non si poteva fare se loro hanno già deciso di darlo ad un
altro eh eh... mi sembra però di Alberto, non sono in due... molto strano
BONGARZONE Claudio: è vero un posto così...
REDAELLI Antonello:
magari anche solo per partecipare per mettere quattro cazzate
dicevo beh partecipo... beh capito proprio non ha partecipato proprio nessuno?
BONGARZONE Claudio: doveva far gola a tanti...
REDAELLI Antonello:
boh... però il bando di questo anno era brutto... perché se
dipendeva da me che non sapevo tante cose che mi ha detto... non avrei partecipato
nemmeno io eh!!
BONGARZONE Claudio: tipo (inc.le)?
REDAELLI Antonello:
eh cazzo è un anno è... a settembre se questi qua vogliono te ne vai
eh... chiudi baracca e burattini apri già a giugno ed a settembre devo chiudere che cazzo
partecipo... ecco anche perché capisci, poi Va beh tramite Ernesto si sa che
probabilmente sono due anni
BONGARZONE Claudio: (inc.le)
REDAELLI Antonello:
e ma queste son cose che sul bando non ci sono scritte eh!
PALERMO Ernesto:
magari può essere che (inc.le)
REDAELLI Antonello:
si può essere può essere... si si come le sappiamo noi le
possono sapere pure gli altri, questo è fuori dubbio diciamo lo sanno quelli che
contano tra virgolette nel senso che hanno conoscenze, gli altri che non lo sanno non
hanno neanche partecipato... infatti vedi cazzo due buste... già da lì...
[09:53:11] REDAELLI ANTONELLO Ernesto riceve una telefonata. Conversazione di lavoro.
...Omissis
[09:58:09]
BONGARZONE Claudio: ma se eravate in tanti...
REDAELLI Antonello:
ma si non è quanti eravate in due o tre quattro, bisogna vedere
quanto sono dentro questi, tutto lì... che tu lo sai meglio di me non si v (inc.le) e perché sei
simpatico...
BONGARZONE Claudio: no no, quello (inc.le)
Pagina 252 di 566
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
REDAELLI Antonello:
per cui bisogna vedere quanto sono dentro questi... noi
eravamo appoggiati io penso molto bene con Ernesto... se questi qua sono appoggiati
meglio...
PALERMO Ernesto:
(inc.le) tira un pompino tira là...
BONGARZONE Claudio: quello che volevo dire io
PALERMO Ernesto:
hanno fatto a mazzate
REDAELLI Antonello:
chi dici?
PALERMO Ernesto:
quelli della commissione, no!?... se hanno più influenza quelli della
commissione
REDAELLI Antonello:
eh no ti sto dicendo anche noi eravamo appoggiati bene per cui
anche quello che (inc.le) non serviva ad un cazzo perché uno se ha anche la forza di
poter mettere delle foto anche dopo è anche perché è messo bene in Comune cioè,
diciamocela chiara sennò mica te le fanno mettere delle foto dai eh!
BONGARZONE Claudio: però anche voi siete dei tirchi se han 500,00 euro
REDAELLI Antonello:
i bandi li vince e al 60% chi offre di più non a livello
economico ma a livello strutturale noi abbiamo puntato lì... ho capito!
PALERMO Ernesto:
6000,00 euro hanno (inc.le) meglio qualche punto in più...
REDAELLI Antonello:
eh eh infatti, per quello abbiamo deciso di non esagerare perché
non aveva senso, abbiamo messo di tutto di più per quanto riguarda il progetto è
diverso...
Omissis
Nella successiva intercettazione ambientale nella mattinata del 29.4.2011 REDAELLI
Antonello e PALERMO Ernesto commentano tra loro il contenuto dell’offerta dei concorrenti
e la sicura vincita della gara potendo godere dell’appoggio del sindaco RUSCONI Marco.
PALERNO Ernesto fa inoltre riferimento al fatto che su indicazione diretta del sindaco
RUSCONI ha presentato un’offerta economica più contenuta e che una somma ulteriore
l’avrebbe riservata eventualmente a titolo di tangente per il pubblico ufficiale.
Rilevante sul piano dell’utilizzazione del
fatto da PALERMO circa la reazione di
l’offerta concorrente.
metodo mafioso è anche il riferimento
TROVATO Mario in caso fosse prevalsa
PALERMO Ernesto:
No glieli fa - inc.le [10:09:38]
ormai... è capace che li ammazza tutti!
REDAELLI Antonello:
Nooo.
PALERMO Ernesto:
E te lo dico io, li fa ritirare...
- ma scherza?! cioè... lui
Progressivo n. 1089 del giorno 29/04/2011, ore 10:05:36 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Auto in movimento.
REDAELLI Antonello:
...secondo me non ci dobbiamo preoccupare più di tanto... ti spiego
anche perché, a meno che non faccia il doppio gioco ma non credo dai... a quel punto lì che
cazzo gliene frega? giusto?
PALERMO Ernesto:
Uh uh...
REDAELLI Antonello:
Eh! Perché poi questa è la commissione probabilmente i
membri lei li conosce anche tutti può essere che è amica di qualcuno dentro lì... poi
arriva il sindaco... scusa eh?! arriva lì lui! cioè scusa non possono rompere il cazzo
al sindaco abbi pazienza!
PALERMO Ernesto:
Poi tu sei di Valmadrera.
REDAELLI Antonello:
Eh! hai capito?! la società l'abbiamo fatta a Valmadrera apposta...
no, io dico che non... non dovremmo aver problemi. La mia paura era il troppo disavanzo
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 253 di 566
nell'offerta, cioè noi cinquemila e cinque e questi, che ne so? quarantamila, cinquantamila,
sessantamila... non è che puoi dire..."figa!"
PALERMO Ernesto:
C'è pure il biglietto.
REDAELLI Antonello:
Cioè hai capito?
PALERMO Ernesto:
Il biglietto con loro (Fon).
REDAELLI Antonello:
Figa! allora dicevi cazzo! Cinquecento euro... eh! invece noi abbiamo
messo di più? figa che cazzo vogliono?!
PALERMO Ernesto:
Sperém!
REDAELLI Antonello:
Eh!
PALERMO Ernesto:
- inc.le - un cagacazzi.
REDAELLI Antonello:
No però va bene tutto però... non è che uno si deve sparare eh, abbi
pazienza...
PALERMO Ernesto:
Eh ma i soldi che abbiamo tolto...
REDAELLI Antonello:
Va beh ma quello capisco però voglio dire... abbiam provato,
no? se proprio fosse... minchia... cioè non è che abbiamo fatto le cose male... se loro
sono messi meglio di noi mica colpa nostra, eh! ci cagherà un po' il cazzo [ride]
PALERMO Ernesto:
No glieli fa - inc.le [10:09:38] - ma scherza?! cioè... lui
ormai... è capace che li ammazza tutti!
REDAELLI Antonello:
Nooo.
PALERMO Ernesto:
E te lo dico io, li fa ritirare...
REDAELLI Antonello:
Comunque lui ci crede in quel posto lì è fuori misura, eh! lui se lo
sogna anche di notte, te lo dico io! non vedi che non vuole sapere nient'altro?! tu gli dici
"Apriamo una sala giochi..."
PALERMO Ernesto:
Ascolta sono quei ragazzi là perché per continuità ha letto... per la
continuità di due anni, quando ha fatto la... sono loro, sono di nuovo loro.
REDAELLI Antonello:
Aspetta, aspetta, adesso... Matteo, ma non è quello che ... l'altro mi
conosce, lui me l'aveva anche detto infatti che partecipava, però... bar bar bar, te lo dico io se è
uno di quei ragazzi lì... bar bar... bar Matteo...
[10:11:06]
REDAELLI Antonello chiama tale Matteo con il proprio cellulare a cui chiede se uno dei due
ragazzi del pratone di Paré si chiama Matteo, ottenendone risposta positiva. REDAELLI
Antonello comunica a Matteo che stamattina apriranno le buste e che ci sono solo due
concorrenti.
REDAELLI Antonello:
Sì sono loro...
PALERMO Ernesto:
Sono loro sì...
REDAELLI Antonello:
Stanno facendo... beh me l'avevano detto che partecipavano, non a
nome loro, infatti il nome società... non gli va a favore eh! con quello che hanno combinato
l'anno scorso due anni fa, eh! scusa eh! se devono guardare tutto! non lo perdiamo, te lo dico
io... non perdiamo... infatti mi hanno detto "...partecipa ma..."
PALERMO Ernesto:
No, se vuole venticinquemila euro il sindaco... sono cazzi
suoi...
REDAELLI Antonello:
No ma a parte quello...
PALERMO Ernesto:
Me li ha chiesti belli regolari, ha detto "Io sono qui non
metterne più, non metterli là... sono qua io..." per dire... cioè "i venticinquemila euro
dalli a me, punto".
REDAELLI Antonello:
Ma a parte Erny, però voglio dire...
PALERMO Ernesto:
Poi se la gente è impazzita...
REDAELLI Antonello:
Ma a parte però voglio dire loro sicuramente non hanno dei vantaggi
rispetto a noi, anzi loro in due anni han combinato solo disastri non lo volevano fare il bando
apposta per quel motivo lì e poi lo danno ancora a loro?! e scusami, e allora? ma no loro
praticamente te l'ho detto puntano ancora quella che han buttato anni fa chi è una zia? chi è
che han dentro loro? han mica dentro qualcuno in Comune?
PALERMO Ernesto:
Si. eh, loro punteranno ancora a quello, no? gli avrà detto "Fai il
bando che poi ci penso io" - inc.le - stavolta mi dispiace ma il bando non lo vinci...
conterà più il sindaco di un dipendente comunale normale, no? figa! = OMISSIS = io
pensavo che era qualcun'altro un po' più... messo meglio, no, no...
PALERMO Ernesto:
Perché mi sembrava strano, ha detto che non li aveva fatti
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
partecipare proprio!
REDAELLI Antonello:
PALERMO Ernesto:
REDAELLI Antonello:
PALERMO Ernesto:
REDAELLI Antonello:
Sportello
Pagina 254 di 566
Infatti non ha partecipato nessuno, hai visto?
Mettiti qua sopra.
Sul marciapiede?
Sì, devo andare qua.
Infatti vedi che non ha partecipato nessuno...
PALERMO subito dopo invia un messaggio al sindaco di Valmadrera RUSCONI per avere
aggiornamenti e RUSCONI Marco chiede a PALERMO Ernesto di poterlo incontrare di
persona.
SMS n. 2687 del giorno 29/04/2011, ore 10:57:04 intercettato sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. Sms diretto all'utenza n.
3292103389.
Hai novità scusami ma sai tensione al massimo
Telefonata n. 1532 del giorno 29/04/2011, ore 11:30:54 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 2690 del giorno 29/04/2011, ore 11:30:55 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco :
RUSCONI Marco: .....fare dopo
PALERMO Ernesto:
eh?
RUSCONI Marco: ci vediamo di persona ma ti chiamo dopo ciao
PALERMO Ernesto:
ciao
Nelle conversazioni ambientali nell’autovettura Mercedes di REDAELLI Antonello tra lo
stesso REDAELLI, BONGARZONE Claudio, PALERMO Ernesto e LILLIU gli associati
indicano come unico ostacolo per l’aggiudicazione della gara l’ eventuale intervento di un
parlamentare in favore dei concorrenti.
PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio sono comunque pronti in caso di mancata
assegnazione alla loro società , a chiara conferma del metodo mafioso, ad intimorire i
concorrenti <<…Savè, casomai scendiamo io e te… …scendiamo io e te all'aria e ce lo
prendiamo non me ne frega niente a me fermiamo qualcuno se viene qualcuno gli
facciamo una "paliata"…>>.
Progressivo n. 1099 del giorno 29/04/2011, ore 11:30:39 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Fuori dall'autovettura si sentono parlare REDAELLI Antonello ed PALERMO Ernesto il quale
avverte il primo che è stato appena avvisato dal Sindaco il quale ha riferito che vorrebbe
(inc.le) incontrarli di persona.
...Omissis[11:32:52]
BONGARZONE Claudio: cioè quello che voglio dire io Ernesto non è che è il padre eterno
potrebbero avere conoscenze anche di là eh...
REDAELLI Antonello:
ascolta come ha messo giù lui la cosa cazzo vogliono da me, noi
quello che dovevamo fare l'abbiamo fatto Claudio
BONGARZONE Claudio: no, ho capito, ma hai capito quello che dico io, che anche loro
possono avere le conoscenze come le ha lui
REDAELLI Antonello:
ho capito ma va bene
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 255 di 566
BONGARZONE Claudio: o anche meglio magari...
REDAELLI Antonello:
ma va bene
BONGARZONE Claudio: e che tu dici che non c'è niente da fare
REDAELLI Antonello:
che tu dici mi fan vedere mi fan vedere... se di là son più forti ti fan
vedere che c'hanno voglia e poi decidono lo stesso ecco perché ti dico non mi son preoccupato
più di tanto a me interessava sapere più di tanto i prezzi perché se tu offri 5.500 e poi (inc.le)
55.000
BONGARZONE Claudio: ma anche 20...
REDAELLI Antonello:
hai anche la probabilità di perdere, ma 5.500 e 6000 appoggiati
come dicono loro che siamo appoggiati noi non è un problema, capisci quello che voglio dire, è
tutto lì... dopo è chiaro se quello là c'ha (inc.le) c'ha tutta la roba che cazzo vuoi fare ma lì non
è colpa di
BONGARZONE Claudio: è una questione di conoscenze
REDAELLI Antonello:
soprattutto soprattutto ecco perché non incide il prezzo e quelle cose
lì... a meno che non c'era un divario della Madonna, però c'era una cifra ...Omissis (si
accavallano le voci) ma a me mi ha messo veramente di tutto di più nel progetto così...
BONGARZONE Claudio: quello dell'anno scorso non ha messo un cazzo
REDAELLI Antonello:
un cazzo e poi oltretutto hanno lo svantaggio che loro non sono
considerati molto bene al momento in cui hanno fatto solo dei danni
BONGARZONE Claudio: (inc.le) bruciato
REDAELLI Antonello:
per cui voglio dire che cazzo vuoi? allora se glielo danno ancora non
c'è niente da fare si ma qualcosa di pesante però...
BONGARZONE Claudio: si si
REDAELLI Antonello:
dal momento in cui noi abbiamo il sindaco dalla nostra, se
non possiamo lì vuol dire che proprio non si poteva
BONGARZONE Claudio: questo qua è proprio un deficiente (inc.le) per me questo più
cazzone non ce né...
REDAELLI Antonello:
eh è amico tuo...
si salutano... Omissis
[11:37:03] REDAELLI Antonello effettua una telefonata.
Conversazione a carattere personale.
[11:38:47]
REDAELLI Antonello chiede a PALERMO Ernesto della telefonata che ha ricevuto... PALERMO
Ernesto afferma che la persona con cui ha parlato gli ha riferito che vuole parlare di persona.
In seguito LILLIU Saverio e REDAELLI Antonello discutono sul fatto che vi sia la probabilità
di perdere la gara del bando, se interviene il senatore RUSCONI Antonio che potrebbe
intercedere a favore delle altre persone che hanno presentato la domanda. LILLIU Saverio
afferma che avrebbero dovuto offrire 7000,00 euro, in tal modo si sarebbero assicurati con
maggior certezza l'aggiudicazione della gara. In merito al timore di perdere la gara e agli
ulteriori concorrenti affermano:
(timori sempre più emergenti in relazione al fatto che hanno visto il senatore RUSCONI
Antonio)
...Omissis (nel frattempo REDAELLI Antonello si allontana dall'auto per comprare della
carne)
LILLIU Saverio:
incominciano a combaciare un po’ di cose...
...Omissis
LILLIU Saverio: come si chiama questo dei permessi...
PALERMO Ernesto:
questo con il culo grosso? non mi ricordo...
LILLIU Saverio: cazzo non ci vuole questa cosa qua eh!
PALERMO Ernesto:
Savè, casomai scendiamo io e te
LILLIU Saverio: eh?
PALERMO Ernesto:
scendiamo io e te all'aria e ce lo prendiamo non me ne frega
niente a me fermiamo qualcuno se viene qualcuno gli facciamo una "paliata" (botte
ndr)
LILLIU Saverio: e ma... come hai detto...
PALERMO Ernesto:
eh beh che mi interessa! rinunciano e basta trovano quello
che vogliono pensare pensassero... (inc.le) uffa...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 256 di 566
LILLIU Saverio:
quindi questo qua se vuole questo qua c'ha una potenza fuori dal normale
questo qua
...Omissis (commentano una Donna che vedono per strada)
PALERMO Ernesto:
(inc.le)
LILLIU Saverio:
tu che presentimenti hai?
PALERMO Ernesto:
una via di mezzo Savè... una via di mezzo
LILLIU Saverio:
cioè ma quello che dico io questi ragazzi qua hanno fatto sempre brutto lì,
cioè il giudizio finale di questa cosa qua chi lo deve avere, Valmadrera il paese di
Valmadrera... il Comune gli deve dare delle cose negative a questi qua... cos'è gli hanno fatto
dei casini al coso, gli hanno
PALERMO Ernesto:
incendiato la (inc.le)
LILLIU Saverio:
eh! un paio di volte cioè non si sono comportati bene per niente poi come
dice lo stupido qua che noi abbiamo messo tante di quelle cose che possono agevolare vecchi
anzi... giovani, secondo me deve influire...
...Omissis rientra in auto REDAELLI Antonello...
[11:49:28]
PALERMO Ernesto:
stanno facendo l'antimafia... (inc.le)
REDAELLI Antonello:
dove?
PALERMO Ernesto:
eh il bando!
REDAELLI Antonello:
eh... tutti i giorni che parlano di mafia questi qua
PALERMO Ernesto:
ma và fanno una telefonata chiama la questura e te lo dicono
REDAELLI Antonello:
beh...
PALERMO Ernesto:
ma scherzi!...
REDAELLI Antonello:
ma l'ho appena fatto io a Valmadrera 20 giorni c'ha messo per me
PALERMO Ernesto:
per una cosa così te lo fanno telefonicamente... chiamano in
questura chiamano figurati chiamano i vigili urbani... (inc.le) l'antimafia è perfetta
REDAELLI Antonello:
e l'antimafia è quella non c'è mille ce né una, è una procedura eh...
PALERMO Ernesto:
stamattina siete tutti incazzati voi... mamma mia... oh può darsi che
pure stanno valutando prima che questo qua l’incendiano di nuovo (inc.le) e non ce lo diamo
proprio...
REDAELLI Antonello:
può essere anche quello il resto ma come sei messo?
Il 29.4.2011 la seduta di gara si conclude finalmente con l’aggiudicazione della concessione
alla società del clan TROVATO come immediatamente comunicato dal Sindaco RUSCONI
Marco a PALERMO Ernesto.
Telefonata n. 1541 del giorno 29/04/2011, ore 12:50:06 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e PALERMO Ernesto diretta all'utenza n.
3495781131.
Telefonata n. 2696 del giorno 29/04/2011, ore 12:50:07 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3292103389.
RUSCONI Marco per PALERMO Ernesto:
PALERMO Ernesto:
Pronto?
RUSCONI Marco: Sì ciao. Ci vediamo all'una e mezza a bere un caffè?
PALERMO Ernesto:
Ma come è andata?
RUSCONI Marco: Ci vediamo all'una e mezza a bere il caffè, tranquillo.
PALERMO Ernesto:
Va bene, ok. All'una mezza arrivo giù dai.
RUSCONI Marco: A Riotorto, perché sono giù -(inc.le)PALERMO Ernesto:
Va bene, e ci troviamo lì dove?
RUSCONI Marco: Ci troviamo lì dove c'è il centro sportivo.
PALERMO Ernesto:
Va bene dai, ok.
RUSCONI Marco: Quando parti lì all'una e mezza mi chiami, così arriviamo insieme.
PALERMO Ernesto:
Ok ciao.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 257 di 566
Alle ore 13.30 circa PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco si incontrano e quest’ultimo
comunica l’esito favorevole della procedura come emerge dalle successive
conversazioni tra gli associati e dalla comunicazione data da PALERMO Ernesto a
TROVATO Mario.
Telefonata n. 1544 del giorno 29/04/2011, ore 13:32:09 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 2699 del giorno 29/04/2011, ore 13:32:10 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
in sottofondo si sente PALERMO Ernesto parlare con REDAELLI Antonello.
PALERMO Ernesto:
Io sono qui.
RUSCONI Marco: Scendo subito.
PALERMO Ernesto:
Ciao.
Telefonata n. 1545 del giorno 29/04/2011, ore 13:36:26 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e PALERMO Ernesto diretta all'utenza n.
3495781131.
RUSCONI Marco per PALERMO Ernesto :
RUSCONI Marco dice di fare il ponte e di andare dall'altra parte.
Progressivo n. 1111 del giorno 29/04/2011, ore 13:41:43 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
PALERMO Ernesto:
... quando ha detto "ricordati di me..."
REDAELLI Antonello:
Ma non mi rompere i coglioni quello lo sa già, no? non scherzare su
quelle cose lì...
[13:41:50] PALERMO Ernesto al cellulare dice ad un interlocutore "Tutto a posto! sì tanti
auguri! Ha partorito! tutto bene! magari passa dal bar ci sentiamo dopo ciao"
REDAELLI Antonello dice che per lui c'era di mezzo "lo stronzo",
PALERMO Ernesto afferma che vuole andare a casa.
[13:43:05] PALERMO Ernesto avvisa al cellulare Antonella che è tutto a posto.
[13:44:03] PALERMO Ernesto si appresta a scendere dal veicolo e saluta .
PALERMO Ernesto:
Se vedi Mario digli "Ha detto Ernesto che adesso i
cinquecento euro li vuole!"
LILLIU Saverio e REDAELLI Antonello parlano di un parcheggio dove non sono mai stati, poi
cll.
Telefonata n. 524 del giorno 29/04/2011, ore 13:41:50 intercettata sull'utenza n.
3381430512 (R.R.I.T. 649/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 2701 del giorno 29/04/2011, ore 13:41:50 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e TROVATO Mario diretta
all'utenza n. 3381430512.
PALERMO Ernesto per TROVATO Mario:
in sottofondo REDAELLI Antonello dice "... non scherzare su quelle..."
TROVATO Mario: Pronto?
PALERMO Ernesto:
Ehi tutto a posto, eh!
TROVATO Mario: Tutto a posto?
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 258 di 566
PALERMO Ernesto:
Sì, tanti auguri...
TROVATO Mario: Eh?
PALERMO Ernesto:
E' partorita. Quando ci vediamo? [ride]
TROVATO Mario: ... devo ritirare le analisi, vado su all'ospedale...
PALERMO Ernesto:
Eh magari passi dal bar?
TROVATO Mario: E dopo passo... e dopo ci sentiamo...
PALERMO Ernesto:
Ci sentiamo dopo, dai, ci sentiamo dopo.
TROVATO Mario: Ciao.
Nelle conversazioni immediatamente successive PALERMO Ernesto informa i propri familiari
in particolare il padre Primo ed il fratello Attilio e l’amica BALITRO di essere riuscito a
vincere l’appalto pubblico grazie all’aiuto del sindaco di Valmadrera RUSCONI Marco
<<…quel coso l'ho vinto, la gara, il Sindaco di Valmadrera mi ha dato una mano e
siamo a posto…>> i <<…il Sindaco e mi ha detto Ernesto eri nelle mie mani (fon) …
(inc.le)...devi stare tranquillo, ricordati di me…>>. PALERMO Ernesto conferma ai
propri familiari il coinvolgimento di TROVATO Mario nell’ affare della gestione del Lido <<…
la gara d'appalto l'abbiamo vinta abbiamo preso il posto a Parè, ogni tanto una ca...
di cosa, è già pronto tutto, c'è Mario (TROVATO Mario n.d.r.) che non sta nella
pelle…>>.
Progressivo n. 652 del giorno 29/04/2011, ore 13:44:49 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
941/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di PALERMO Ernesto si sente la voce di PALERMO Ernesto che parla al telefono
con PALERMO Attilio.(come rilevato nel progressivo 2704 intercettato sull'utenza 349...131
finale PALERMO Ernesto n.d.r.).
PALERMO Ernesto: Ascolta ti do una buona notizia, la gara d'appalto l'abbiamo vinta
abbiamo preso il posto a Parè, ogni tanto una ca...di cosa, è già pronto tutto, c'è
Mario (TROVATO Mario n.d.r.) che non sta nella pelle.
Oggi sono andato quando ho visto che gli altri (persone ) avevano offerto 6.000 euro e noi 5.5
(5.500 euro n.d.r.) eh la miseria si è messa male.
Poi mi ha chiamato il Sindaco e mi ha detto Ernesto eri nelle mie mani
(fon).(inc.le)...devi stare tranquillo, ricordati di me.
Ora gliel'ho detto ad Antonello (REDAELLI Antonello n.d.r.) prendi qualche lira che gli compro
un telefono, una cosa e glielo porto.
PALERMO Ernesto parla con il padre :
PALERMO Ernesto: Papà niente, quel coso l'ho vinto, la gara, il Sindaco Di Valmadrera
mi ha dato una mano e siamo a posto. Almeno facciamo qualcosa, giriamo qualche lira.
(inc.le)... Sto aspettando che mi chiama quello (persona).
PALERMO Ernesto dice al padre che una terza persona lo ha chiamato ieri sera.
Telefonata n. 2704 del giorno 29/04/2011, ore 13:45:43 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e PALERMO Attilio diretta
all'utenza n. 3337351331.
PALERMO Ernesto per PALERMO Attilio:
conversazione confidenziale
ore [13.34.28]
PALERMO Ernesto:
ascolta...ti do una bella notizia! la gara d'appalto l'abbiamo
vinta..., abbiamo preso il posto a Parè!
PALERMO Attilio: meno male, meno male!
PALERMO Ernesto:
ma ogni tanto una cazza di cosa...!
PALERMO Attilio: bello! bello! meno male,
PALERMO Ernesto:
hai capito?
PALERMO Attilio:
meno male! vedi di metterti in moto allora per i cosi!
PALERMO Ernesto:
si, si! è già pronto tutto! c'è Mario che non sta nella pelle!
PALERMO Attilio: e cazzo!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 259 di 566
PALERMO Ernesto:
io ...sono andato... quando avevo visto...quelli avevano offerto 6000
euro, noi ...5500...ho detto " aia alla miseria...è messa male!". ora mi ha chiamato il sindaco
e mi ha detto "Ernesto... eri nelle mie mani...e quando sei nelle mie mani...devi stare
tranquillo! ricordati di me!" mi ha detto! ora gliel'ho detto ad Antonello... (REDAELLI
Antonello) prendi qualche lira, gli vai a comprare un telefono , una cosa, e gliela vai
a portare!
PALERMO Attilio: e si eh! ho capito, è buono!
PALERMO Ernesto:
va bene! papà? casa ?
segue conversazione confidenziale.
PALERMO Attilio passa poi il telefono al padre.
[13:47:26] PALERMO Primo per PALERMO Ernesto:
PALERMO Ernesto:
papà!
PALERMO Primo: allora?
PALERMO Ernesto:
niente...quel coso...l'ho vinto! la gara!
PALERMO Primo: meno male, meno male! finalmente...(inc.le)
voce di PALERMO
Attilio f.c. che dice " fate le cose buone , va!
PALERMO Ernesto:
il
sindaco
di
Valmadrera...mi
ha
dato
una
mano...ehh...siamo a posto!
PALERMO Primo: meno male, meno male!
PALERMO Ernesto:
almeno...capì...? facciamo qualcosa! facciamo girare qualche lira!
PALERMO Primo: e che se no...si muore di fame un altro poco!
PALERMO Ernesto:
uh! e no...si muore già di fame!
PALERMO Primo: no...è una cosa, proprio...! mai così!
PALERMO Ernesto:
e va beh..., a me lo dici?
PALERMO Primo. mai come adesso! e una cosa...
PALERMO Ernesto:
io sto aspettando che mi chiami quello! speriamo che ...mi chiama al
più presto possibile...!
PALERMO Primo: ho capito!
PALERMO Ernesto:
è così! Poi ci sentiamo! ora vado a casa non ce la faccio più con sta
cervicale
segue conversazione confidenziale, parlano delle condizioni di salute di PALERMO Ernesto.
PALERMO Ernesto gli dice che si risentiranno poi dopo.
[13:49:03]
PALERMO Primo: speriamo che vai tranquillo pure per sta cosa se ti chiamano! i
voti, i voti...questi li tengono qua ! o no?
PALERMO Ernesto:
e si, eh!
PALERMO Primo: e se no... dici " Nico' (riferito non tanto al nome effettivo della persona di
riferimento ma modo di dire calabrese, ndr) ...io qua...(inc.le)!
PALERMO Ernesto:
no, no! mi ha chiamato ieri sera , papà!
PALERMO Primo: e lo sai meglio di me...come ti devi comportare...!
PALERMO Ernesto:
si! non ti preoccupare ...che lo so!
PALERMO Primo: che qua...nessuno ci deve fregare! che ci hanno fregato una vita!
PALERMO Ernesto:
va boh! ciao , ciao!
PALERMO Primo: ciao!
Nella stessa serata RUSCONI Marco da disposizioni al personale del Comune di non
comunicare l’esito della gara relativa alla concessione del Lido di Parè ai giornalisti che
volevano pubblicare il nominativo del vincitore del bando.
Telefonata n. 1563 del giorno 29/04/2011, ore 18:16:04 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra e RUSCONI Marco proveniente dall'utenza n. 3204636703.
Emilio (Comune Di Valmadrera) per RUSCONI Marco :
Emilio dice che lo ha chiamato il giornale di Lecco per chiedere informazioni sul bando di Parè
perché scadeva oggi e aprivano le buste.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 260 di 566
RUSCONI Marco dice di non dare risposte e che usciranno lunedì con un comunicato
visto che non ci sono ancora i verbali non è ufficiale non è opportuno...
Emilio dice che poi devono verificare la situazione di Vincenzo DELL'ORO
Il 2.5.2011 in una conversazione ambientale TROVATO Mario e gli altri associati discutono
della particolare rilevanza al fine di orientare la loro partecipazione alla gara delle
informazioni ricevute dal Sindaco RUSCONI anche con riferimento alla sua comunicazione
sull’intento di prorogare il termine della concessione.
Progressivo n. 1309 del giorno 02/05/2011, ore 08:44:36 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Rumori di fondo
[08:47:28] Sportello
REDAELLI Antonello saluta.
[08:47:40]
LILLIU Saverio:
Non è che serve qualcosa?
REDAELLI Antonello:
Cosa? Tu non hai niente? cosa mi porti? la cosa ha senso,
chiamiamo subito Luca, ti deve mandare urgentemente l'iscrizione alla Camera di Commercio.
LILLIU Saverio:
- (inc.le) REDAELLI Antonello:
- (inc.le) - Va beh verso le otto e mezza, aprono alle nove gli uffici,
eh! perché anche fare i contratti, quelle cose lì, devi avere l'iscrizione alla Camera di
Commercio se non puoi fare un cazzo! conviene chiamare subito Luca e fartelo spedire per
mail. Almeno ce l'hai, tu lo tieni, lo salvi lì e tutte le volte che serve lo stampi.
LILLIU Saverio:
- (inc.le) REDAELLI Antonello:
che cosa?
LILLIU Saverio:
- (inc.le) REDAELLI Antonello:
Ma ce l'ha lui!
LILLIU Saverio:
- (inc.le) - Mauro...
[08:48:38] Sportello, messa in moto.
TROVATO Mario: Andiamo verso Malgrate, adesso telefono ti fai... così mi fai spiegare, tu lo
conosci, gratis, - (inc.le) - sta lavorando in un cantiere edile, così mi dirai la via.
LILLIU Saverio:
- (inc.le) TROVATO Mario: Carlo FEZZI.
LILLIU Saverio:
Ah.
TROVATO Mario: L'ho chiamato prima, no?
LILLIU Saverio:
Ah ah...
TROVATO Mario: Così mi dice lui se c'è sto FUMAGALLI chi cazzo c'è qui in zona dove andare
a vedere.
LILLIU Saverio:
- (inc.le) - più buono qua di FEZZI...
TROVATO Mario: Ma lui anche qua te lo fa fare... - (inc.le) - non c'è bisogno - (inc.le) - che
cazzo vuole! [al cellulare] Ti passo Antonello spiegagli dov'è l'indirizzo così lo segna giù dai che
vengo a trovarti... toh 'spetta un attimo...
REDAELLI Antonello:
Pronto? Ciao Carlo.
TROVATO Mario: Fatti spiegare dov'è, che da Malgrate...
Segnale acustico
REDAELLI Antonello:
Sì, sì... sì sì... sto a sinistra, sì sì... sì... e tu sei in quel cantiere lì? Sì
ma poi ti trovo dai, va bene...
TROVATO Mario: No fatti spiegare più o meno dov'è.
REDAELLI Antonello:
Seguo la strada, dai va bene. Ah ok perfetto. Ah ah va bene...
siamo qui al Caleotto siamo partiti adesso, cinque sette o dieci siamo lì. Grazie Carlo ciao.
[rivolto a TROVATO Mario]: per me è il tuo il telefono che non va bene.
TROVATO Mario: Il mio?
REDAELLI Antonello:
Credo di sì perché scricchiolava un attimo all'inizio...
TROVATO Mario: Perché c'è il martelletto...
REDAELLI Antonello:
- (inc.le) TROVATO Mario: Ma che cazzo me ne frega? mica sto facendo... devo fare qualcosa...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 261 di 566
LILLIU Saverio:
Capita anche a me quando devo...
TROVATO Mario: Ma perché c'è il martelletto adesso, "aspetta che - (inc.le) - il martelletto" mi
ha detto.
[08:51:40]
TROVATO Mario rimprovera REDAELLI Antonello per la scelta del percorso a suo dire troppo
lungo.
[08:51:53] Segnale acustico, REDAELLI Antonello parla al cellulare con Marta.
[08:53:39] REDAELLI Antonello dice "Andava firmato il progetto"; successivamente parla al
cellulare con Diego, LILLIU Saverio afferma "Ma ha già firmato!". Al termine della
conversazione telefonica REDAELLI Antonello prende un appuntamento con Diego alle tre in
Comune.
[08:55:17]
REDAELLI Antonello:
Niente, il bando è stato vinto...
TROVATO Mario: Eh...
REDAELLI Antonello:
Adesso dobbiamo preparare tutte le cose che mancavano,
cioè tipo l'iscrizione alla Camera di Commercio, quelle cose lì...
LILLIU Saverio: Stamattina - (inc.le) REDAELLI Antonello:
Esatto. E poi fa... andrebbe... non è che è rifatto il disegno
però hai visto... firmato da un professionista cioè l'architetto andava... doveva
firmarlo lui.
LILLIU Saverio: ...lui...
REDAELLI Antonello:
Esatto, però dice "Non è un problema adesso ti spiego quelle
tre o quattro cose..."
LILLIU Saverio: Io le ho timbrate...
Voci sovrapposte
REDAELLI Antonello:
Esatto, dice "Non è un problema, al limite me lo rifai così"
oggi mi spiega bene i punti che vuole...
TROVATO Mario: - (inc.le) - i punti precisi...
Voci sovrapposte
TROVATO Mario: - (inc.le) - stesso ti fai - (inc.le) - poi dall'architetto si va e si dice...
REDAELLI Antonello:
Sì guarda fammi queste modifiche me lo firma e basta... è un
professionista e non c'è nessun problema però noi l'abbiamo fatto, hai capito?
TROVATO Mario: Eh no! per sapere le cose, per non rifare il conto cinquanta volte!
REDAELLI Antonello:
Esatto, ecco perché ha detto vediamoci, perché al telefono
fai una cosa e poi ne fai un'altra...
TROVATO Mario: - (inc.le) REDAELLI Antonello:
Eh siamo già in giro...
TROVATO Mario: Eh appunto che eravamo in giro, andavate lì, una scappata la
facevate.
REDAELLI Antonello:
Oggi pomeriggio alle tre, gli ho detto "Quando vuoi..."
TROVATO Mario: No, ti portavi avanti! pomeriggio glielo mandavamo subito
all'architetto i punti che deve fare...
REDAELLI Antonello:
No ma poi glielo porto, glielo porto subito eh!
TROVATO Mario: Però voi... se c'era il tempo ci potevi anche andare se c'è tempo,
magari pomeriggio hai impegni, invece...
REDAELLI Antonello:
No io di impegni oggi non me ne son presi apposta!
TROVATO Mario: Così oggi fai sta cosa e gliela portiamo all'architetto, l'architetto
firma e tutto... e poi vedete un attimino... una volta fatto...
[08:56:37] LILLIU Saverio parla al cellulare con Sabrina alla quale chiede il numero di cellulare
di Luca, detta il proprio numero 349 ma poi si interrompe. LILLIU Saverio spiega di aver
saputo che il commercialista non è ancora arrivato.
[08:57:18] Segnale acustico
REDAELLI Antonello al cellulare con Pino.
[08:59:12]
TROVATO Mario: Minchia si mangeranno i coglioni quei due ragazzi lì! Diventeranno matti...
REDAELLI Antonello:
Eh probabilmente... erano convinti!
Voci sovrapposte
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 262 di 566
TROVATO Mario: No, erano convintissimi, no convinti!
REDAELLI Antonello:
Però loro hanno picchiato solo a fare la sera, hai visto?
TROVATO Mario: Anche perché non pensavano che ci andasse qualcuno a fare una cosa del
genere, capito o no?
REDAELLI Antonello:
Chi ha guardato il bando non ha partecipato nessuno, eh
Mario! Perché noi sapevamo delle cose che gli altri non sanno. Se no, a ben
guardare, tu leggevi il bando non partecipavi, per un anno, dovevi spendere dei
soldi.
TROVATO Mario: ... come quello che ti ha detto come dovevi fare.
REDAELLI Antonello:
Esatto!
TROVATO Mario: Ti porti avanti nelle cose...
REDAELLI Antonello:
Se no non... uno normale non...
TROVATO Mario: Uno dice "Che cazzo partecipo?!" questo addirittura gli fa doppio
delle ... bar, doppio bar...
REDAELLI Antonello:
E lui ha solo quello...
TROVATO Mario: Aprendo solo la sera diceva lui... fare musica e cazzi vari... già
quello - (inc.le) - che costa, dice "Fanculo" e non lo fa no? e col [s.d.] martino lì...
REDAELLI Antonello:
...degli anni passati...
-OMISSIS[09:00:55] TROVATO Mario parla di FEZZI Carlo, dice che è da poco che abita a Valmadrera.
[09:01:04] LILLIU Saverio parla al cellulare.
[09:01:35] REDAELLI Antonello riferisce di aver sentito da FEZZI Carlo che sta mettendo a
posto un capannone.
[09:02:45] Sportello scendono dall'auto.
RUSCONI Marco parlando con
ZANGARI Emilio, suo collaboratore al Comune di
Valmadrera, discute sulle informazioni che darà ai vincitori della gara nascondendo il dato
che in realtà aveva già comunicato l’esito della gara a PALERMO titolare occulto della
società e reale dominus dell’iniziativa assieme a TROVATO Mario .
Telefonata n. 1598 del giorno 02/05/2011, ore 09:21:34 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e ZANGARI Emilio diretta all'utenza n.
3351353625.
RUSCONI Marco per ZANGARI Emilio
ZANGARI Emilio chiede per il comunicato stampa per l'assegnazione del pratone (Parè) visto
che lo ha di nuovo chiamato il giornale di Lecco e che escono domani con questa cosa.
RUSCONI Marco dice di vedere un attimo perché a mezzogiorno dovrebbero chiudere.
ZANGARI Emilio dice che Diego gli ha detto che hanno chiuso e che stanno facendo il verbale.
RUSCONI Marco dice che non sa se vale la pena scatenare la bagarre subito o meno
perché il brutto è saperlo per la gente dal giornale e non direttamente dal Comune.
ZANGARI Emilio dice che allora forse è meglio dirlo però senza specificare a chi è
andata... comunque quando chiama quello del giornale gli dirà che stanno
sistemando le ultime cose.
RUSCONI Marco dice vuole convocare quello che ha vinto perché devono fargli capire
bene le cose nel senso che ci saranno delle persone con "il mal di pancia" poi dice
che oggi chiama gli intestatari vale a dire il tassista e l'altra persona e che prima di
confermargli ufficialmente l'aggiudicazione gli faranno un discorsetto chiaro.
ZANGARI Emilio dice che va bene.
RUSCONI Marco dice che vuole essere cauto.
si salutano
PALERMO Ernesto confidava alla convivente CANESTRINO Antonella il suo successo nella
vincita della gara per la concessione dell’area di Paré e di essere riuscito, grazie all’opera del
sindaco RUSCONI Marco <<…mi ha fatto il piacere il sindaco…>>, a battere altri
concorrenti che erano appoggiati da alcuni assessori del Comune di Valmadrera. Nello
stesso contesto spiegava i suoi accordi con TROVATO Mario il quale, pur non risultando
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 263 di 566
cartolarmente nella società vincitrice del bando di gara, avrebbe comunque beneficiato della
suddivisione degli utili <<…a fine del mese... tac tac... ha detto Mario (TROVATO Mario
n.d.r.) "ne parlate insieme", dice..."vediamo oggi"... vediamo oggi quello che dice... se
fa 500...200, per me è va bene. Senza fare un cazzo!!!…>>.
Progressivo n. 858 del giorno 02/05/2011, ore 19:31:17 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
941/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
rumori di sottofondo
[19:32:59] chiusura portiere auto,
[19:33:41] nell'auto di PALERMO Ernesto si sentono le voci di PALERMO Ernesto e di
CANESTRINO Antonella (compagna di PALERMO Ernesto ndr).
[19:36:57]
PALERMO Ernesto:
con questo appalto mi sono "inculato" RUSCONI
CANESTRINO Antonella: in che senso?
PALERMO Ernesto:
è perché lui spingeva per l'altro
CANESTRINO Antonella: quale appalto? Ce ne sono tanti...!
PALERMO Ernesto:
è un nipote di un assessore quello che ha fatto il coso... (inc.le) e
incula a RUSCONI e a ZANGARI (Emilio ndr)
CANESTRINO Antonella: che è con te...
PALERMO Ernesto:
sì!...precisamente...
CANESTRINO Antonella: piuttosto che preoccuparsi (inc.le)
Si sovrappongono le voci (inc.le)
CANESTRINO Antonella: ma ti ha fatto lui il piacere...il sindaco o aveva già sparso (fon.)
veramente la voce
PALERMO Ernesto:
no, mi ha fatto il piacere il sindaco (RUSCONI Marco n.d.r.), io
mi sono fatto (inc.le) per fare tutto il progetto da capo
rumori di sottofondo
[19:38:02]
CANESTRINO Antonella: e te lo passa un architetto del Comune, quello
PALERMO Ernesto:
no, (inc.le)
rumori di sottofondo
PALERMO Ernesto:
(inc.le) Antonello (REDAELLI Antonello n.d.r.), non lo voleva fare
più
CANESTRINO Antonella: perché?
PALERMO Ernesto:
(inc.le), pensava di metterci il figlio, la moglie, non ha capito niente
(inc.le).
CANESTRINO Antonella: Ma la moglie quanto c'ha? 50 anni per andare al lido?
PALERMO Ernesto:
(inc.le) fa l'imprenditore della minchia...
rumori di sottofondo
CANESTRINO Antonella: fa i soldi lì in pizzeria?.
PALERMO Ernesto:
insomma
CANESTRINO Antonella: (inc.le)
PALERMO Ernesto:
(inc.le)
CANESTRINO Antonella: eh
PALERMO Ernesto:
Sì, ma Mario (TROVATO Mario n.d.r.) non ne ha di problemi
per metterci i soldi. Solo che Mario (TROVATO Mario n.d.r.) per una questione di
principio, perché tira avanti e me lo fa lo stesso, è giusto... Amo se abbiamo fede il
meglio di tutti siamo ricchi
CANESTRINO Antonella: (inc.le)...se non metti...
PALERMO Ernesto:
a fine del mese... tac tac... ha detto Mario (TROVATO Mario
n.d.r.) "ne parlate insieme", dice..."vediamo oggi"... vediamo oggi quello che dice... se
fa 500...200, per me è va bene. Senza fare un cazzo!!!
rumori di sottofondo
[19:42:00]
CANESTRINO Antonella e PALERMO Ernesto discutono ma è (inc.le) a causa della grandine il
cui rumore copre le voci
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 264 di 566
PALERMO Ernesto e CANESTRINO Antonella parlano di un tale Angelo, del fratello di
PALERMO Ernesto e di una moto e per la relativa assicurazione
[19:49:54]
PALERMO Ernesto saluta qualcuno che si trova in strada e CANESTRINO Antonella chiede chi
sia e PALERMO Ernesto risponde: "Sandri (fon.)
[19:50:52] PALERMO Ernesto dice a CANESTRINO Antonella che al bar si trova la nipote di
Mario (TROVATO ndr)
Nella stessa serata i membri dell’associazione si riuniscono e commentano la vicenda del
Lido di Paré. Sono presenti alla riunione PALERMO Ernesto, BONGARZONE Claudio e
LILLIU Saverio.
PALERMO Ernesto illustra significativamente il motivo per cui lui e TROVATO Mario non
figurano formalmente nella società assegnataria.
<<…“mettere dentro a me è come mettere a Mario (TROVATO ndr) ...cioè io esponente
politico mi dovrei mettere dentro un coso di Parè... cioè... è la stessa cosa che ci
metti uno della ‘ndrangheta!"…>>.
Progressivo n. 861 del giorno 02/05/2011, ore 20:10:34 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato EA372SS (R.R.I.T.
941/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Nell'auto di PALERMO Ernesto si sente la voce di PALERMO Ernesto di LILLIU Saverio e di
BONGARZONE Claudio.
LILLIU Saverio dice che lo ha chiamato Walter () e dice che il lavoro è troppo grosso. Walter
deve rientrare con i debiti che ha con le banche e parla di 48 appartamenti fatti da Walter ()
dei quali ne ha venduti il 50%, sembra che Walter ne ha parlato anche con lo zio (di tale
Walter ) ma non hanno accettato.
[20:12:15]
rumore di portiera in chiusura
PALERMO Ernesto parla di un tale Sandrino al quale oggi è stato fatto un atto di
pignoramento.
BONGARZONE Claudio e LILLIU Saverio parlano delle chiavi e che dovrebbero far vedere il
progetto a qualcun altro.
BONGARZONE Claudio sembra stupito del prezzo di 50 mila euro per una "casetta"
(forse intende il chiosco che dovrà essere costruito nel lido ndr).
LILLIU Saverio dice che il costruttore vuole 500 euro al metro quadro ma che ancora non ne ha
parlato con Mario (TROVATO ndr) e che parleranno domani mattina.
LILLIU Saverio afferma a BONGARZONE Claudio che forse domani daranno le chiavi al
Comune, si dovranno vedere con l'architetto per una verifica, ci sarà anche la Commissione del
bando, andranno a fare un sopralluogo.
LILLIU Saverio dice che sono 70 metri di bar più 30 metri, e non appena avrà il materiale, il
costruttore gli costruirà tutto in una settimana, massimo dieci giorni.
LILLIU Saverio racconta che si trova molto materiale accatastato, parla di un quadro (forse
intende quello luci ndr) ed il contatore principale si trova all'entrata.
PALERMO Ernesto parla di alcuni soldi che non recupereranno mai.
BONGARZONE Claudio dice che 4 mila euro è tantissimo.
Secondo BONGARZONE Claudio per la "casetta" si possono spendere massimo 25 mila
euro e LILLIU Saverio è d'accordo ma ancora non ha avuto l'occasione di parlarne
con Mario (TROVATO ndr).
PALERMO Ernesto parla a LILLIU Saverio e BONGARZONE Claudio di Antonello (REDAELLI
Antonello n.d.r.), e dei soldi che ha messo dentro e racconta che REDAELLI Antonello gli ha
chiesto come mai non si è unito anche lui alla società.
PALERMO Ernesto gli ha risposto:
“mettere dentro a me è come mettere a Mario
(TROVATO ndr) ...cioè io esponente politico mi dovrei mettere dentro un coso di Parè...
cioè... è la stessa cosa che ci metti uno della ‘ndrangheta!".
Anche secondo LILLIU Saverio, REDAELLI Antonello sembra essere rincretinito, in pomeriggio
sono andati insieme in un posto e non riusciva a dire una cosa giusta. Secondo PALERMO
Ernesto, REDAELLI Antonello si sarebbe voluto tirare indietro ma ormai non poteva
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 265 di 566
più e cerca di fare un esempio con il gesto di dare o meno una mazzetta, poi fa
l'esempio delle macchinette, se dovesse comprare delle macchinette da BONGARZONE Claudio
e lui gli dicesse che se le compra in contanti pagherebbe solo 10.000 euro andrebbe a
prenderle solo BONGARZONE Claudio non PALERMO Ernesto sennò gli farebbe fare brutta
figura.
PALERMO Ernesto vorrebbe far capire a REDAELLI Antonello che se si fosse presentato da
solo da un sindaco a chiedere il progetto ed il sindaco è di centro sinistra e REDAELLI
Antonello ha votato Lega, non avrebbe mai avuto una lira.
Infatti PALERMO Ernesto racconta che non appena ha detto al sindaco che dentro c'era anche
REDAELLI Antonello il sindaco ha esclamato: "ma no, mamma mia quello delle macchine?" ma
PALERMO Ernesto lo ha rassicurato dicendogli che lui ne avrebbe fatto parte in minima
percentuale
Da una conversazione tra LILLIU e REDAELLI emerge che TROVATO Mario ha dato la
disposizione che il sindaco RUSCONI Marco venga ricompensato per la sua opera ed
incarica LILLIU Saverio e REDAELLI Antonello di procurarsi il denaro necessario.
Il 3.5.2011 LILLIU Saverio infatti ricorda a REDAELLI Antonello che sono in ritardo per la
raccolta del denaro.
Telefonata n. 1940 del giorno 03/05/2011, ore 15:05:36 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra LILLIU Saverio e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3491386571.
Telefonata n. 406 del giorno 03/05/2011, ore 15:05:37 intercettata sull'utenza n.
3491386571 (R.R.I.T. 1124/11) in uso a LILLIU Saverio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra LILLIU Saverio e REDAELLI Antonello diretta all'utenza n.
335441133.
LILLIU Saverio per REDAELLI Antonello:
LILLIU Saverio:
ascolta... c'era da sistemare quella faccenda lì che bisognava fare
entro lunedì, ti ricordi?
REDAELLI Antonello:
che cosa?
LILLIU Saverio:
ti ricordi che ne abbiamo parlato domenica?
REDAELLI Antonello:
quella del sindaco? (ricompensa da dare a RUSCONI Marco, ndr)
LILLIU Saverio:
si!
REDAELLI Antonello: eh! cosa facciamo? mettiamo un po’ per uno?
LILLIU Saverio:
e non lo so, vedi te!
REDAELLI Antonello:
eh! così era stato detto! Mario mica ha detto "io, te e lui"?
(riferito a TROVATO Mario, ndr)
LILLIU Saverio:
e va bene, ok!
REDAELLI Antonello:
ti ricordi? non eri lì anche te?
LILLIU Saverio:
e va beh...intanto...comincia a fare l'attestazione e poi...dividiamo la cosa,
che ti devo dire ?
REDAELLI Antonello:
cos'è che devo fare?
LILLIU Saverio:
non lo so! io adesso...come adesso...non potrei...non saprei dove andare! Ti
dico la verità! Però... inizia a metterli che poi ... ti ... (inc.le) e la metà!
REDAELLI Antonello:
cioè...la metà in che senso, scusami? fatemi capire perché...sto
perdendo un po’ la tramontana!
LILLIU Saverio:
e non lo so come vi siete messi...io poi me ne sono andato ...com'è che vi
siete messi d'accordo?
REDAELLI Antonello:
no, no! niente di che! Quando te ne sei andato tu me ne sono
andato anch'io, eh!
LILLIU Saverio:
come?
REDAELLI Antonello:
poi Ernesto aveva detto...lunedì... martedì, non lo so! poi...non ne
abbiamo più parlato! però Mario (TROVATO) ha detto " siccome ...che la cosa va pagata...
io , te e Saverio, " ho detto " va beh... metteremo un po’ per uno e basta!"
LILLIU Saverio:
uh!
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 266 di 566
REDAELLI Antonello:
e cos'è che dobbiamo fare (poi ride)? però Saverio...se tu porti...porti
quello che dovevi portare in banca..., che io l'ho fatto lo stesso giorno..., non mandiamo in
sofferenza la società, capisci?
LILLIU Saverio:
non ho capito?
REDAELLI Antonello:
se tu porti la documentazione in banca... perché poi lì..., in banca, ci
vogliono sempre 5-6 giorni...ora che poi ti fanno l'affidamento, quelle cose lì! prima lo porti e
prima abbiamo l'affidamento! E secondo me...non mandiamo in sofferenza la società, capito?
cioè ...nel senso... che abbiamo a disposizione anche una determinata cifra! da poter gestire
poi come meglio vogliamo, capisci?
LILLIU Saverio:
io adesso...questa cosa qua...te l'ho già detto, ci vuole tempo per parlare di
questa cosa qua! In questo momento non sono potuto andare neanche dal commercialista per
fare quello che dovevo fare! E non lo so adesso Antoné! non lo so come...facciamo come hai
detto te, dai! non so...come...facciamo come hai detto te, dai!
REDAELLI Antonello:
come ha detto Mario, non l'ho detto io!
LILLIU Saverio:
si, si, si! va bene
REDAELLI Antonello:
prova a sentire lui e vedi che ti dice! dai poi fammi sapere!
LILLIU Saverio:
e ma...sto giro di telefonate così...non è che ...(inc.le)
REDAELLI Antonello:
no, no! e ma a limite quando lo vedi oggi... non c'è problema! senti
un po’ cosa ti dice?
LILLIU Saverio:
eh, va beh!
REDAELLI Antonello:
domenica aveva detto (Mario TROVATO, ndr) così... siccome che
sono cifre che dobbiamo mettere io, te , e Saverio ...lui, giustamente, ha escluso Ernesto
perché...va beh, è giusto! Gli ho detto "oh, va beh! se voi avete deciso così...per me va bene! se
l'avete deciso voi! Però lui sai diceva " no...devi essere convinto... solite balle!" E sono
convinto...se è così! Se è così è così capito?
LILLIU Saverio:
(inc.le)
REDAELLI Antonello:
e ...sentiti con lui e fammi sapere, ciao!
LILLIU Saverio:
ciao, ciao!
Il 4.5.2011 RUSCONI Marco parlando con PALERMO Ernesto e mostrandosi ben
consapevole che lo stesso è il vero cointeressato alla società Lido di Parè gli comunica quasi
giustificandosi che avrebbe convocato LILLIU Saverio e REDAELLI Antonello presso i suoi
uffici <<…per correttezza io oggi ho fatto chiamare i due che hanno lì... il...
REDAELLI Antonello e l'altro (LILLIU) che hanno presentato (la domanda
di
partecipazione al bando, ndr) ...alle sei e mezza vengono da me... ma giusto per dirgli
l'attenzione alle famiglie..., l'attenzione alla sera, non creare problemi, etc, etc!. Mi
sembrava corretto come passaggio... tutto lì! Perché sai... io ho la preoccupa... la
preoccupa... ma nel senso... io ho la necessità di far vedere che comunque...>>.
Telefonata n. 3042 del giorno 04/05/2011, ore 13:08:50 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3292103389.
Telefonata n. 1739 del giorno 04/05/2011, ore 13:08:50 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e PALERMO Ernesto diretta all'utenza n.
3495781131.
RUSCONI Marco per PALERMO Ernesto:
convenevoli, RUSCONI Marco gli chiede scusa se lo disturba ma dice che gli scocciava che lo
sapesse per vie traverse e gli dice...
RUSCONI Marco: per correttezza io oggi ho fatto chiamare i due che hanno lì...il...
REDAELLI Antonello e l'altro (LILLIU) che hanno presentato (la domanda
di
partecipazione al bando, ndr) ...alle sei e mezza vengono da me... ma giusto per dirgli
l'attenzione alle famiglie..., l'attenzione alla sera, non creare problemi, etc, etc!. Mi
sembrava corretto come passaggio...tutto lì!
PALERMO Ernesto:
si! si! ma...fai bene! fai bene! anzi...strigliali un po’ così...
RUSCONI Marco: potevi...mi sono trovato con Alberto INVERNIZZI a vedere un po’ di cose...
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 267 di 566
PALERMO Ernesto:
si, lo so! ieri! ho chiamato io Alberto , si!
RUSCONI Marco: va bene, dai!
PALERMO Ernesto:
no, no! ma non ti preoccupare Marco!
RUSCONI Marco: no perché sai...io ho la preoccupa...la preoccupa... ma nel senso...io
ho la necessità di far vedere che comunque...non è un'attività...
PALERMO Ernesto:
no, ho visto già l'articolo sul giornale..., figurati! ci fanno un
culo quadrato! capi...ti capisco, ti capisco! (i due ridono )
RUSCONI Marco: dai, ...ci vediamo a bere un caffè insieme!
PALERMO Ernesto:
va bene! ciao!
RUSCONI Marco:
ciao!
PALERMO Ernesto:
ciao, ciao!
LILLIU Saverio e REDAELLI Antonello dopo l’incontro con il sindaco RUSCONI Marco
rendicontano PALERMO del contenuto della conversazione. LILLIU Saverio, che si trova in
compagnia di TROVATO Mario precisa che il sindaco si era raccomandato di mantenere il
decoro ed evitare eventuali disturbi alla quiete pubblica.
Telefonata n. 451 del giorno 04/05/2011, ore 20:20:28 intercettata sull'utenza n.
3491386571 (R.R.I.T. 1124/11) in uso a LILLIU Saverio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio proveniente dall'utenza
n. 3495781131.
Telefonata n. 3080 del giorno 04/05/2011, ore 20:20:28 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio diretta
all'utenza n. 3491386571.
PALERMO Ernesto per LILLIU Saverio:
PALERMO Ernesto gli chiede com'è andata.
LILLIU Saverio gli dice che gli ha fatto le solite raccomandazioni di non far rumore
la sera tardi etc, etc... e gli chiede se ce la fa a passare da casa perché gli deve
parlare.
PALERMO Ernesto gli dice di dirgli pure tranquillamente.
LILLIU Saverio gli dice che preferirebbe parlargli di persona.
PALERMO Ernesto gli chiede se è urgente.
LILLIU Saverio gli dice che gli voleva parlare ...poi si lascia andare e dice che gli è
stata data la possibilità di allargare il magazzino (il sindaco RUSCONI, ndr) e ci
sarebbe da riferire la cosa all'ingegnere.
PALERMO Ernesto gli dice che non vede dove sia il problema e gli chiede da quanto
dovrebbero fare sto magazzino.
LILLIU Saverio gli dice che di metraggi non ne hanno parlato ma comunque "lo stupido"
(REDAELLI Antonello, ndr) ha detto di fare mettere metri in più mentre lui ha preferito non
esagerare ed ha pensato che fosse sufficiente anche fare solo un metro e mezzo in più per
allargare il magazzino.
PALERMO Ernesto di portarlo a 20 metri quadri e non se ne parla più.
LILLIU Saverio gli dice che più che altro "hanno detto più il fatto... il casino degli anni scorsi".
PALERMO Ernesto l'interrompe e gli dice
PALERMO Ernesto: te l'ho detto...ha puntato proprio lui su questa cosa (riferito a
RUSCONI, ndr)! poi... piano piano Savè... poi le cose le possiamo fare come cazzo
vogliamo!... giustamente all'inizio ...il primo impatto...non hai capito? lo vedono
"quegli altri là..." ( verosimilmente riferito a terze persona che hanno preso l'appalto in
precedenza ovvero sono rimasti esclusi dal bando, ndr) ...gli rompono i coglioni, capito?
me l'ha già spiegato!
LILLIU Saverio:
non, non era da solo...c'era anche quell’altro eh! Si lo sapevi te?
PALERMO Ernesto:
si, sapevo tutto!
Omissis
LILLIU Saverio dice che secondo lui le cose indispensabili le hanno fatto e solo il magazzino è il
caso di allargare.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 268 di 566
LILLIU Saverio gli dice di sentirsi direttamente con lui anche perché gli è arrivato un altro
progettino da parte di FEZZI.
PALERMO Ernesto gli dice che gli sarebbe arrivato questa sera.
LILLIU Saverio dice che secondo lui si dovrebbe lasciare il bar così com'è ed il magazzino...è
quello che gli importa di più.
PALERMO Ernesto gli chiede se hanno parlato del fatto del parcheggio.
LILLIU Saverio gli dice che hanno parlato ma gli consiglia di definire lui meglio la cosa.
PALERMO Ernesto gli dice che poi si vedrà direttamente con lui (RUSCONI ) e definirà
bene la cosa.
PALERMO Ernesto gli chiede se lui è al bar.
LILLIU Saverio gli dice di essere al "petit" .
PALERMO Ernesto gli chiede se c'è anche " lo scemo" (REDAELLI Antonello, ndr). LILLIU
Saverio risponde negativamente ridendo dice "orami la nomina è quella". I due sparlano di
REDAELLI Antonello e dicono che ormai, ogni volta che apre bocca, dice solo cavolate.
PALERMO Ernesto gli chiede poi se il beach volley potranno spostarlo. PALERMO Ernesto gli
chiede se hanno parlato del fatto del parcheggio.
LILLIU Saverio gli dice che hanno parlato ma gli consiglia di definire lui meglio la cosa.
PALERMO Ernesto gli dice che poi si vedrà direttamente con lui (RUSCONI) e definirà bene la
cosa, risponde che gliel'avevano già detto ieri , alla commissione non interessa nulla di questa
cosa qua e che, per quello che capito lui , " a loro interessa che si rispettino i rumori, quello e
quest'altro".
PALERMO Ernesto replica che altro non è che quello che dice la legge... ed esplica meglio che
"è quello che ci hanno detto dall'inizio!".
PALERMO Ernesto dice che domani mattina chiamerà lui l'architetto e ci parlerà lui. PALERMO
Ernesto gli chiede se hanno parlato del fatto del parcheggio.
LILLIU Saverio gli dice che hanno parlato ma gli consiglia di definire lui meglio la cosa.
PALERMO Ernesto gli dice che poi si vedrà direttamente con lui (RUSCONI) e definirà bene la
cosa.
LILLIU gli dice di fargli sapere.
PALERMO Ernesto gli dice poi:
[20:26:28]
PALERMO Ernesto: ma domanda direttamente a lui (riferito a TROVATO Mario, ndr) di quanto
lo vuole sto cazzo di magazzino! se gli va bene di 20 metri! a lui...".all'amico nostro"
LILLIU Saverio riferisce nei dettagli i metri che dovrebbero essere allargati per avere una
maggiore efficienza.
[voce di TROVATO Mario f.c. che dice "da 15 andrebbero bene"]
[20:28:32]
PALERMO Ernesto:
il socio che dice? tutto a posto? (riferito a Mario TROVATO, ndr)
[voce di TROVATO Mario f.c., (inc.le)]
LILLIU Saverio:
si! dov'è che sei?
PALERMO Ernesto:
passamelo, va!
[ LILLIU Saverio passa al telefono TROVATO Mario]
TROVATO Mario per PALERMO Ernesto:
convenevoli. TROVATO Mario gli chiede dov'è.
PALERMO Ernesto risponde di essere in giro e che poi gli spiegherà.
Ore [20:28:57]
PALERMO Ernesto: allora lo portiamo a 30 metri va bene?
TROVATO Mario: eh?
PALERMO Ernesto:
il magazzino a 30 metri va bene?
TROVATO Mario: si, si! almeno 30 metri! si! ha detto che puoi fare qualcosa in più...fai 30
metri, no?
PALERMO Ernesto:
e non se ne parla più, si!
TROVATO Mario: e si, dai! almeno respira un po’, no?
PALERMO Ernesto:
si ma..., a prescindere questo, pure per metterci la scorta, la
cosa...ci vuole , eh!
TROVATO Mario: e, appunto! dove le metti tutte le cose alla spina, tutte le cazzate, dove le
metti?
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 269 di 566
PALERMO Ernesto:
eh! ma pure se ci vuole dormire qualcuno, là?
TROVATO Mario: scusa...se ci vuoi mettere una brandina ed un bagno ...per far dormire il
guardiano...dove cazzo la metti?
PALERMO Ernesto:
bravo! bravo!
TROVATO Mario: eh! la devi mettere da qualche parte...non è che possiamo metterlo a
dormire sotto l'ombrellone!
Omissis
[20:29:41]
TROVATO Mario: ma...l'hai visto poi? (riferito a RUSCONI Marco, ndr) gli ha dato " quei
cosi?", sei a posto?
PALERMO Ernesto:
no, domani mattina mi ci vedo! Io sono andato al comune e dopo
sono andato a pagarlo!"
[20:30:29]
TROVATO Mario :
ma sei a posto, si?
PALERMO Ernesto:
si, si! me li ha dati poi lo scemo! (REDAELLI Antonello)
omissis… i due scherzano in merito a REDAELLI Antonello.
[20:29:59]
TROVATO Mario: ascolta...sopra lì (Parè) ...no? ho chiamato...lunedì c'ho l'appuntamento alle
11.00! prova a guardare per quella cosa là!
PALERMO Ernesto:
si, gli ho già detto oggi, domani mi fanno sapere! che io non dormo,
eh!
Omissis
TROVATO Mario gli chiede se si vedranno domani e gli dice che lui domani sarà dalle due e
mezza (14.30) su a Milano (a fare l'intervento). PALERMO Ernesto gli dice che eventualmente
si vedranno domani mattina per il caffè.
voce f.c. di LILLIU Saverio che dice di dire all'architetto di fare prima possibile.
[20:30:29]
TROVATO Mario : oh! vedi l'architetto lì... prima fa le cose possibile se no non si può iniziare,
eh!
PALERMO Ernesto:
domani pomeriggio abbiamo...il progetto!
TROVATO Mario: eh! se lo puoi fare più veloce possibile...se no qua non si inizia più!
PALERMO Ernesto:
ve bene, va bene!
si salutano.
PALERMO Ernesto, conclusa la comunicazione con TROVATO Mario, chiama INVERNIZZI
Alberto incaricato per lo sviluppo del progetto dell’area Lido di Paré, fornendogli le ulteriori
modifiche suggerite da RUSCONI Marco e approvate da TROVATO.
Telefonata n. 3081 del giorno 04/05/2011, ore 20:31:05 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e INVERNIZZI Alberto
diretta all'utenza n. 3382117981.
PALERMO Ernesto per INVERNIZZI Alberto:
PALERMO Ernesto gli dice di chiamarlo perché dice che hanno parlato per il discorso di
Valmadrera , in riferimento a cui domani gli arriverà il fax, e dice che il magazzino lo potranno
fare di 30 metri più grande anche perché dice che dovrà essere creata una area dove far
dormire il guardiano.
PALERMO Ernesto gli chiede lui entro domani riuscirà a mettergli già la bozza. INVERNIZZI
Alberto risponde che cercherà di vedere qualcosa domani mattina e poi gli manderà il file
domani mattina e poi si vedranno e si metteranno d'accordo sul da farsi. INVERNIZZI Alberto
gli dice poi che al suo socio che fa l'autista (REDAELLI Antonello) avrebbe dovuto far spostare
la sua auto e non è riuscito a spostarla.
PALERMO Ernesto resta (inc.le) incredulo e poi gli chiede "com'è andata poi ...come è finita?".
INVERNIZZI Alberto risponde che lì poi l'hanno chiusa la questione ma bisogna vedere se lui
recepisce o meno "quelle robe che gli abbiamo detto". (riferito a terza persona, verosimilmente
riferito a REDAELLI Antonello, ndr).
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 270 di 566
PALERMO Ernesto gli dice che " lui" è stato molto furbo oggi ed il furbetto con loro non lo deve
fare. Segue conversazione confidenziale.
INVERNIZZI Alberto gli dice infine che poi dovrà fargli vedere una cosa che gli hanno dato per
vedere se rientra o non rientra.
ore [20:34:11] PALERMO Ernesto gli chiede:
PALERMO Ernesto:
ah! ti ricordi quello che ti avevo fatto vedere? che tu mi hai detto
"quello è un bosco?".
INVERNIZZI Alberto:
si!
PALERMO Ernesto:
eh! un bosco un cazzo! che BRIVIO (Virginio BRIVIO, sindaco di
Lecco, ndr) mi aveva promesso perché...ti spiego perché...
INVERNIZZI Alberto
ma no! ti dico... non è dentro quello! garantito come l'oro!
PALERMO Ernesto:
ma guarda che viene un bordello! è quello del tribunale, eh!
INVERNIZZI Alberto:
garantito come l'oro!
PALERMO Ernesto:
hai capito chi è?
INVERNIZZI Alberto:
è fuori quel...(inc.le) lì!
PALERMO Ernesto:
mannaggia tu!
INVERNIZZI Alberto:
molto, molto fuori!
PALERMO Ernesto:
e Virginio...come cazzo la giustifica sta cosa? è quella del tribunale!
INVERNIZZI Alberto:
è molto, molto fuori!
PALERMO Ernesto:
va beh...poi ci vado a parlare io con Virginio... magari gli diamo un
affare...
INVERNIZZI Alberto:
non capisce queste cose...(inc.le) non capisce!
PALERMO Ernesto:
eh?
INVERNIZZI Alberto:
non capisce queste cose! Non no... non ci arriva! è molto, molto
fuori! molto, molto, molto, molto!
PALERMO Ernesto:
e come cazzo dobbiamo fare con questo (quello del tribunale, ndr) ?
questo fa un bordello!
INVERNIZZI Alberto:
quello non c'è un cazzo da fare...è molto, molto, molto fuori, non c'è
un cazzo da fare!
PALERMO Ernesto:
e no , dico, gli diamo l'altra area in qualche altra parte... che cazzo
dobbiamo fare?
INVERNIZZI Alberto:
e non lo so! io ti dico... quello è molto, molto, fuori!
PALERMO Ernesto:
impreca!
Omissis
I due continuano a parlare in merito a questa faccenda e si salutano con l'accordo di vedersi
domani mattina , berranno un caffè, e ne parleranno meglio.
Si salutano.
Ultimate le modifiche al progetto, INVERNIZZI Alberto lo consegna a PALERMO Ernesto.
Il giorno 6.5.2011 il progetto viene visionato da TROVATO Mario e poi consegnato nelle
mani di REDAELLI Antonello per il deposito presso il Comune di Valmadrera
Telefonata n. 3187 del giorno 06/05/2011, ore 08:50:24 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e INVERNIZZI Alberto
diretta all'utenza n. 3382117981.
PALERMO Ernesto per INVERNIZZI Alberto:
convenevoli.
PALERMO Ernesto gli chiede se è tutto a posto.
INVERNIZZI Alberto risponde l'ho fatta la roba! a posto!".
PALERMO Ernesto gli chiede se è in ufficio e se potrà andare a prenderla adesso perché tanto
la deve consegnare in bozza (del disegno).
PALERMO Ernesto gli raccomanda di non dimenticarsi di firmarla però.
INVERNIZZI Alberto risponde che la firmerà dopo averla stampata.
PALERMO Ernesto conclude dicendo che passerà su a ritirarla.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 271 di 566
Telefonata n. 2022 del giorno 06/05/2011, ore 09:28:20 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 3190 del giorno 06/05/2011, ore 09:28:21 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
diretta all'utenza n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
REDAELLI Antonello:
sì?...
PALERMO Ernesto:
oh, 'ndo stai?...
REDAELLI Antonello:
sono qua a Valmadrera...t'ho chiamato prima...
PALERMO Ernesto:
Madonna...
REDAELLI Antonello:
eh...ve-vengo...dieci minuti vengo a Lecco, dai...
PALERMO Ernesto:
ah...te li lascio i disegni là da Mario, dai... sotto la...
REDAELLI Antonello:
va bene... passo io là a prenderli, dai...
PALERMO Ernesto:
va boh...ciao...
REDAELLI Antonello:
devo dirgli qualcosa?...devo solo consegnarli?...
PALERMO Ernesto:
devi solo consegnare a Dell'Oro e farti dire che vanno bene...
REDAELLI Antonello:
ok...va bene, dai...poi ti faccio sapere...
PALERMO Ernesto:
poi ascoltami...ascolta (con fare perentorio ndr.)...mille e due con la
fattura...
REDAELLI Antonello:
uhm...
PALERMO Ernesto:
sennò...ottocento senza fattura...(inc.le)...
REDAELLI Antonello:
l'ingegnere là dici te?...
PALERMO Ernesto:
eh!...
REDAELLI Antonello:
eh, ma qualcosa non ci deve fare, no?...
PALERMO Ernesto:
eh, magari la fattura la faccio fare da cinque seicento Euro...
REDAELLI Antonello:
sì... poco... poco... tanto per dimostrare... capito?...
PALERMO Ernesto:
gli diamo questi mille Euro con le buste...
REDAELLI Antonello:
va bene...
PALERMO Ernesto:
va bene...
Si salutano.
Telefonata n. 2027 del giorno 06/05/2011, ore 09:34:38 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 3197 del giorno 06/05/2011, ore 09:34:39 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
diretta all'utenza n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
PALERMO Ernesto gli chiede se riuscisse ad andare a prendere Mario (TROVATO ) a casa.
REDAELLI Antonello risponde affermativamente e gli dice che però gli ci vorrà una mezz’oretta.
REDAELLI Antonello gli chiede perché, se non riesce a guidare.
PALERMO Ernesto gli dice che non riesce ad arrivare e conclude dicendogli che "i disegni" li
ha lasciati lui al bar.
Telefonata n. 3199 del giorno 06/05/2011, ore 09:35:34 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e INVERNIZZI Alberto
diretta all'utenza n. 3382117981.
PALERMO Ernesto per INVERNIZZI Alberto :
convenevoli
PALERMO Ernesto:
vedi che ho chiamato Marco... falla firmare una fattura, eh! anche
500 va bene.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
INVERNIZZI Alberto:
Pagina 272 di 566
ok, va bene!
Nell’operazione del Lido di Parè, emerge anche il coinvolgimento di un altro associato
BONGARZONE Claudio a ulteriore conferma che trattasi di un’iniziativa comune
dell’associazione criminale .
BONGARZONE Claudio assieme a TROVATO Mario e REDAELLI Antonello provvede infatti
al deposito del progetto presso gli uffici comunali di Valmadrera.
Di assoluto rilievo, come del resto emergerà con chiarezza dalle condotte successive
tenute da TROVATO Mario, che questi non nasconde in alcun modo la sua
partecipazione effettiva all’iniziativa recandosi anche al lido di Valmadrera nel luogo
di realizzazione della struttura oggetto di concessione. Il che significa che la sua
partecipazione di fatto doveva al momento essere dunque ben conosciuta anche
all’amministrazione comunale di Valmadrera.
Progressivo n. 1756 del giorno 06/05/2011, ore 15:47:12 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Si dirigono verso un fruttivendolo, di nome Giancarlo.
TROVATO Mario afferma che anche Giancarlo dovrebbe entrare in quota con loro.
REDAELLI Antonello dice che però Claudio (BONGARZONE Claudio) la sua parte
potrebbe pure farla, quindicimila euro.
Parlano del personale da assumere.
REDAELLI Antonello conversa con Pasquale
Progressivo n. 545 del giorno 06/05/2011, ore 20:13:06 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
IVASHKOVA Alexandra e TROVATO Mario discutono delle condizioni di salute di IVASHKOVA
Alexandra dopo l'aborto.
IVASHKOVA Alexandra ribadisce che non vorrà più avere figli.
TROVATO Mario racconta di aver detto agli amici, che hanno chiesto di dove IVASHKOVA
Alexandra fosse, che si trovava dalla madre che non stava bene.
Segue conversazione sull'operazione di TROVATO Mario agli occhi.
TROVATO Mario dice che mercoledì dovrà andare per le 07.30 "giù" dal medico per un controllo
e se tutto andrà bene giovedì per le 13.00 dovrà riandare dal medico così potrà operarsi anche
all'altro occhio.
[20:23:12]
TROVATO Mario le racconta che sin dalla mattinata, dopo aver chiamato "lo scemo",
REDAELLI Antonello è stato per tutto il giorno con lui e con Claudio BONGARZONE,
sono andati in Comune (Valmadrera ndr) a portare i disegni per i lavori del Prato, poi
è andato al Pratone per organizzare il lavoro, poi dal tizio per il materiale per le
varie costruzioni, poi hanno pranzato, poi a chiacchierare al bar, alle 16.00 dal
dottore, alle 17.30 aveva un appuntamento ad Isolago e dopo è andato al bar.
Nel mese di maggio 2011 TROVATO Mario, avendo già stabili contatti con fornitori di
alimenti e bevande per le attività di ristorazione da lui gestite, inizia a prendere accordi circa
la fornitura di materiale necessario per avviare l’attività di bar –nell’area Lido di Paré.
Telefonata n. 444 del giorno 10/05/2011, ore 09:01:04 intercettata sull'utenza n.
3391073149 (R.R.I.T. 104/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra TROVATO Mario e LILLIU Saverio diretta all'utenza n.
3491386571.
TROVATO Mario per LILLIU Saverio:
TROVATO Mario gli chiede dov'è.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 273 di 566
LILLIU Saverio dice di essere a casa a mettere a posto dei documenti ma comunque dice che
sta per uscire.
TROVATO Mario gli dice che stava parlando con un fornitore di bibite.
LILLIU Saverio gli dice che tra 10 minuti sarà lì.
TROVATO Mario precisa di essere da Bruno (al The Village, come rivelato dalla cella
telefonica, ndr). Si accordano di vedersi da Bruno (DE LUCA Bruno, ndr).
Il 10.5.2011 REDAELLI Antonello comunica a TROVATO Mario, LILLIU Saverio e PALERMO
Ernesto, che si trovano nella sua autovettura di avere appreso da un funzionario comunale
della possibile proroga nella gestione del Lido di Paré come era stato anticipato da
PALERMO.
Progressivo n. 2061 del giorno 10/05/2011, ore 11:07:10 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
REDAELLI Antonello, PALERMO Ernesto, TROVATO Mario e LILLIU Saverio.
entrano in auto REDAELLI Antonello e LILLIU Saverio
PALERMO Ernesto:
Tutto a posto? che ha detto?
REDAELLI Antonello:
E per la prima volta, per la prima volta, ho sentito dire e
magari per il prossimo anno anche se non c'è scritto... per la prima volta non ne
hanno mai parlato
PALERMO Ernesto:
Oggi chi c'era non c'era il sindaco?
REDAELLI Antonello:
No, c'era Dell'Oro e basta
TROVATO Mario: (saluta una persona prima di entrare in auto).
REDAELLI Antonello:
Capito?! per la prima volta ho sentito dire il discorso per il
prossimo anno, stamattina lo hanno detto non lo avevano mai detto.
TROVATO Mario: Vedi che sei soddisfatto?!
REDAELLI Antonello:
Ma loro non lo avevano mai detto.
TROVATO Mario: Ecco…
REDAELLI Antonello:
Io sono sincero lo sai che ho il mio carattere…
LILLIU Saverio:
Abbiamo visto i disegni degli altri...
REDAELLI Antonello:
Abbiamo visto i disegni degli altri...
TROVATO Mario: Li avete visti?
REDAELLI Antonello:
Sì gli ho detto “Fammeli vedere, non rompere i coglioni.”
TROVATO Mario: A (incompr.)
LILLIU Saverio:
Sì ma...
REDAELLI Antonello:
Sì tutto tridimensionale.
LILLIU Saverio:
Ha fatto vedere nel foglio, sì una parte bellissima.
REDAELLI Antonello:
Una roba fantascientifica...
TROVATO Mario: Sì.
REDAELLI Antonello:
Una struttura aperta.
Omissis
(commentano la struttura presente nell'altro progetto).
TROVATO Mario: E che ti ha detto questo (incompr.) ?
REDAELLI Antonello:
E mi dici e il contratto fino ad ottobre però dopo richieste
andrebbe avanti fino a febbraio, marzo però non è escluso il fatto che... però non te
lo può dire ufficialmente.
TROVATO Mario: Non te lo può dire ma va in base al comportamento.
REDAELLI Antonello:
Esatto.
TROVATO Mario: Da da...
...omissis...
(continuano a parlare dell'attrezzatura che è necessaria da installare sull'area destinata al
lido)
[11:22:16] si salutano e REDAELLI Antonello continua il percorso in auto da solo.
Nei giorni successivi continua l’attività di organizzazione della struttura sotto la direzione di
TROVATO Mario.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 274 di 566
Progressivo n. 2233 del giorno 13/05/2011, ore 10:36:14 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Auto in movimento.
REDAELLI chiede a qualcuno cosa devono fare con quel condizionatore se devono sostituirlo o
no ma sembra che in macchina con lui non ci sia nessuno.
[10:39:27] Entra in macchina TROVATO Mario che chiede a REDAELLI se Saverio è andato già
lì
REDAELLI Antonello gli risponde che sta lavorando lì a Malgrate. REDAELLI Antonello poi
parla con TROVATO Mario di prezzi.
TROVATO Mario parla del 10%.
REDAELLI Antonello parla con Mario degli eventuali incassi che ci saranno.
TROVATO Mario dice che lunedì vedrà cosa gli dice anche quell'altro.
REDAELLI Antonello parla della casetta che ci vogliono troppi giorni per allestire tutto. Il
vantaggio per l'anno prossimo sarà che se il tempo a Pasqua permetterà potranno aprire.
TROVATO Mario dice che se ci sarà la media di tremila euro al giorno per trenta giorni sono
sessantamila euro. Dice a REDAELLI Antonello che lui e Saverio dovrebbero andare al comune
(TROVATO Mario specifica che lui questa cosa non la può fare)
REDAELLI Antonello gli risponde che c'è da preparare anche la cosa del parcheggio.
TROVATO Mario gli dice che devono andare al comune a chiedere,perché dopo non vuole
avere intoppi,il permesso per la casa che stanno mettendo all'interno del lido.
REDAELLI Antonello gli dice che è tutto fatto non c'è bisogno di nessun permesso perché tutto
quello che metteranno tipo piscina ed altre cose ci vuole la certificazione.
TROVATO Mario chiede se magari dopo che è tutto pronto magari il comune o la regione va a
chiedere qualcosa e poi gli crea problemi.
REDAELLI Antonello risponde che la settimana prossima prepareranno tutta la
documentazione.
TROVATO Mario gli raccomanda di informarsi bene prima che succeda qualche intoppo.
LILLIU Saverio per REDAELLI Antonello
REDAELLI Antonello dice a LILLIU Saverio che è al semaforo perché ha aspettato Mario.
TROVATO Mario dice che domani mattina arrivano i bagni
REDAELLI Antonello si lamenta che ci vorranno sessanta giorni per fare la finestre.
REDAELLI Antonello e TROVATO Mario scendono dalla macchina.
Progressivo n. 2235 del giorno 13/05/2011, ore 11:07:05 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato ED266BL (R.R.I.T.
941/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione intercorre in lingua italiana.
Si sente la voce di TROVATO Mario che discute con REDAELLI Antonello.
[11:07:59]
salgono in auto ed iniziano a discutere.
[11:09:13]
REDAELLI Antonello:
Ascolta, sai cosa bisogna fare, adesso apriamo poi sai cosa
dobbiamo (inc.le) Mario secondo me? Vediamo (fon.) già tramite col Comune.
TROVATO Mario: [lo interrompe] Col comune noi dobbiamo avere il rapporto buono!
REDAELLI Antonello:
Sì sì.
TROVATO Mario: Se noi abbiamo il rapporto buono, noi facciamo quello che
vogliamo.
REDAELLI Antonello:
Dobbiamo arrivare al punto di farci dare i dodici anni... noi
lì... allora lì ti faccio vedere io gli impegni come devono essere... ti faccio la piscina
interrata..."
TROVATO Mario: Eh 12 anni lo sai che non è facile eh. (inc.le)
REDAELLI Antonello:
Eh lo so ma loro decidono...
TROVATO Mario: Eh no però guarda che lo crei tu il rapporto.
REDAELLI Antonello:
Esatto.
-OMISSIS[11:10:27]
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 275 di 566
TROVATO Mario: Tutto sta a come si impostano le cose adesso... te lo dico io;
la conversazione devia.
Conversazione a carattere personale. Parcheggiano e scendono dall'auto.
Emerge anche l’investimento iniziale dell’associazione e di TROVATO Mario quantificabile
quanto ai lavori edilizi in oltre 54 mila euro per la realizzazione del progetto legato al Lido di
Paré.
Progressivo n. 638 del giorno 14/05/2011, ore 07:50:14 acquisito nell'ambito
dell'intercettazione ambientale eseguita sull'automezzo targato CP412BX (R.R.I.T.
744/11) in uso a TROVATO Mario. La conversazione intercorre in lingua italiana.
rumori di sottofondo, accensione auto
Si sentono le voci di TROVATO Mario e IVASHKOVA Alexandra, conversazione personale
TROVATO Mario le racconta che lui, LILLIU Saverio e REDAELLI Antonello hanno dato
l'acconto di sedicimila euro per un totale di cinquantaquattromila euro per la
costruzione della casetta nel lido di Parè
Il 16.5.2011 ZANGARI Emilio, consigliere comunale di Valmadrera, comunica in modo
sintetico al sindaco RUSCONI Marco alcune informazioni circa l’esito degli accertamenti
esperiti nei confronti dei vincitori del bando di concessione dell’area Lido di Paré. Emergerà
poi che LILLIU Saverio aveva annotato in casellario precedenti per vari reati, quali il traffico
di sostanze stupefacenti e il riciclaggio, elemento ostativo all’aggiudicazione della
concessione come previsto nel disciplinare al bando di gara55.
Telefonata n. 2392 del giorno 16/05/2011, ore 17:17:05 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e ZANGARI Emilio diretta all'utenza n.
3351353625.
RUSCONI Marco per ZANGARI Emilio
ZANGARI : Pronto?
RUSCONI : Sì dimmi Emilio ho visto che mi hai cercato.
ZANGARI : Sei giù a Basso?
RUSCONI : Sto andando a trovare un salto la mamma del Giuliano VALAGUSA che è morta,
ma questione di dieci minuti poi torno ho lì Angelo però poi ci vediamo.
ZANGARI : No perché ascolta c'è... mi sa un po’ una menata qua eh...
RUSCONI : Che cosa?
ZANGARI : Con il coso di Parè.
RUSCONI : Perché?
ZANGARI : Perché è arrivato il casellario giudiziale di uno. Ti ho avvertito che c'era
qualcosa che... Va beh ascolta quando arrivi dobbiamo guardarlo.
RUSCONI :
Va bene ok.
ZANGARI : Mi fai uno squillo che vengo su di sopra.
RUSCONI : Va bene ciao ciao.
Nel frattempo BRIVIO Virginio, sindaco di Lecco, tramite sms chiede conferma della
avvenuta aggiudicazione
a PALERMO della concessione dell’area Lido di Paré ben
consapevole, all’evidenza, del legame tra PALERMO Ernesto e la società Lido di Parè S.r.l..
SMS n. 4025 del giorno 16/05/2011, ore 18:58:33 intercettato sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11), in uso a PALERMO Ernesto. Sms proveniente dall'utenza
n. 3371022391.
Ma hai vinto appalto lido a Valmadrera ?
SMS n. 4028 del giorno 16/05/2011, ore 19:02:01 intercettato sull'utenza n.
3495781131 (R.R.I.T. 852/11), in uso a PALERMO Ernesto. Sms diretto all'utenza n.
55
vgs. ALLEGATO N. 17 – documentazione inerente la gara pubblica per l’affidamento in concessione della gestione dell’area verde al
lago i località Parè del 8.4.2011.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 276 di 566
3371022391.
Marco e stato clemente Antonio mi e stato contro da sempre e oggi ha avuto il
coraggio di dirmi che lui mi ha aiutato comunque non e mio poi ti spiego
Il 18.5.2011 RUSCONI Marco fissa un appuntamento con PALERMO Ernesto. Dallo scambio
di sms e conversazioni si comprende che l’incontro avverrà effettivamente e che ha per
oggetto il problema riscontrato nel casellario giudiziale penale di LILLIU Saverio. Anche in
questo caso il pubblico ufficiale RUSCONI usa un palese trattamento preferenziale nei
confronti di PALERMO, come del resto confermato anche nei successivi atti, comunicando
una causa di esclusione dalla aggiudicazione e consentendo a PALERMO di mettere riparo
alla situazione creatasi.
SMS n. 2536 del giorno 18/05/2011, ore 17:52:00 intercettato sull'utenza n.
3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. Sms proveniente dall'utenza n.
3495781131.
Vuoi che ne parliamo sabato forse e meglio.
Telefonata n. 2537 del giorno 18/05/2011, ore 18:10:40 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 4223 del giorno 18/05/2011, ore 18:10:40 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco
I due interlocutori si incontrano alle 19.00. Alla proposta di PALERMO Ernesto di portare con
sé le altre persone interessate, RUSCONI Marco riferisce che preferisce incontrarlo da solo.
Telefonata n. 4230 del giorno 18/05/2011, ore 19:05:40 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
si incontrano
Subito dopo l’incontro con RUSCONI Marco, PALERMO Ernesto contatta LILLIU Saverio
informandolo della conversazione avuta pochi minuti prima con il sindaco di Valmadrera e
del “grosso problema” che poteva comportare la revoca dell’assegnazione del bando di gara.
Telefonata n. 739 del giorno 18/05/2011, ore 19:20:05 intercettata sull'utenza n.
3491386571 (R.R.I.T. 1124/11) in uso a LILLIU Saverio. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio proveniente dall'utenza
n. 3495781131.
Telefonata n. 4233 del giorno 18/05/2011, ore 19:20:05 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e LILLIU Saverio diretta
all'utenza n. 3491386571.
PALERMO Ernesto per LILLIU SAVERIO:
PALERMO Ernesto dice che è sorto un grosso problema per la sua (di Lilliu n.d.r.)
posizione e per tale motivo la terza persona (RUSCONI Marco n.d.r.) voleva parlare
solo con lui (PALERMO Ernesto n.d.r.)
Come anticipato nella stessa giornata RUSCONI Marco parlando con terza persona anticipa
una soluzione per evitare la revoca dell’assegnazione e che evidentemnte deriva dall’esito dei
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 277 di 566
primi contatti con PALERMO Ernesto <<…ho sentito oggi per quel discorso giù di Parè
che abbiamo in ballo qui c'è la disponibilità a far uscire la persona insomma,
bisogna capire se la cosa è sufficiente oppure no... te l'ho detto per pensarci un po’
su domani poi ne parliamo a voce…>>.
Telefonata n. 2541 del giorno 18/05/2011, ore 19:21:13 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e
Claudio diretta all'utenza n.
3289237368, intestata al Comune di Pescate.
RUSCONI Marco per Claudio
...omissis...
RUSCONI Marco: ho sentito oggi per quel discorso giù di Parè che abbiamo in ballo
qui c'è la disponibilità a far uscire la persona insomma, bisogna capire se la cosa è
sufficiente oppure no... te l'ho detto per pensarci un po’ su domani poi ne parliamo a
voce...
Claudio:
ok va bene
saluti
Sempre nella stessa serata PALERMO Ernesto illustra anche a REDAELLI Antonello quanto
comunicato dal sindaco RUSCONI <<…ha voluto vedere solo lui perché ci sono problemi
per la posizione di Saverio perché sono arrivati i casellari, droga riciclaggio,
patteggiamenti di pena e non permettono la convalida del bando e quindi dovrà
cedere le quote a qualcuno…>>.
Telefonata n. 2493 del giorno 18/05/2011, ore 19:22:39 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 4235 del giorno 18/05/2011, ore 19:22:39 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
diretta all'utenza n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
REDAELLI Antonello chiede perché non si sono visti (con Rusconi Marco ndr) e PALERMO
Ernesto dice che la terza persona (RUSCONI Marco n.d.r.) ha voluto vedere solo lui perché
ci sono problemi per la posizione di Saverio perché sono arrivati i casellari, droga
riciclaggio, patteggiamenti di pena e non permettono la convalida del bando e
quindi dovrà cedere le quote a qualcuno.
REDAELLI Antonello chiede se gliel'ha detto a quello là (Trovato Mario n.d.r.) e PALERMO
Ernesto dice che sta andando a dirglielo, REDAELLI Antonello dice che l'ha messo lui (Trovato
Mario n.d.r.) dentro e PALERMO Ernesto dice che non capiscono un cazzo e che fanno tutto
facile.3495781131
La soluzione al problema viene attuata dall’associazione nella stessa serata presso il bar di
TROVATO Mario contattando tramite PALERMO Ernesto il commercialista FUSCO Luca
Sebastiano Michele; si decide di procedere alla cessione delle quote della società intestate a
LILLIU;tale soluzione viene immediatamente comunicata da PALERMO al Sindaco
RUSCONI.
Telefonata n. 2494 del giorno 18/05/2011, ore 19:28:04 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 4237 del giorno 18/05/2011, ore 19:28:04 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
diretta all'utenza n. 335441133.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 278 di 566
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
PALERMO Ernesto invita a REDAELLI Antonello di fissare un appuntamento col
commercialista perché Saverio...e poi lo invita a raggiungerlo al Barettino che lo aspetta
uomo (Mario Trovato n.d.r.)
Telefonata n. 4238 del giorno 18/05/2011, ore 19:39:46 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e LUCA SEBASTIANO
MICHELE FUSCO diretta all'utenza n. 3452481252.
PALERMO Ernesto per FUSCO Luca:
Convenevoli.
PALERMO Ernesto :
per la cessione delle quote bisogna sempre andare dal notaio
o lo può fare anche un commercialista?
FUSCO Luca:
no, bisogna andare dal notaio!
PALERMO Ernesto:
dal notaio? e fissami un appuntamento allora, dai!
FUSCO Luca:
va bene. Qui il costo di una cessione di quote è circa...900 euro !
PALERMO Ernesto:
900 euro! (imprecazione) e fissamelo subito...entro venerdì, dai!
che è una cosa...
FUSCO Luca:
mi devi dire chi le compra e chi le vende! Domani mi dai gli estremi
così glieli comunico subito!
PALERMO Ernesto:
Le vende Saverio (LILLIU) che ce li hai già (gli estremi) ...e poi chi le
compra...
voce di LILLIU Saverio fuori cornetta: ee...il resto...inc.le...
PALERMO Ernesto:
il resto...domani, domani te lo dico! però fissa l'appuntamento... dai!
se no è un bordello! Per lunedì massimo!
FUSCO Luca:
va bene, d'accordo!
Si salutano.
SMS n. 4241 del giorno 18/05/2011, ore 19:48:56 intercettato sull'utenza
3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. Sms diretto all'utenza
3292103389.
SMS n. 2544 del giorno 18/05/2011, ore 19:49:01 intercettato sull'utenza
3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. Sms proveniente dall'utenza
3495781131.
Tutto ok domani e già apposto
n.
n.
n.
n.
Telefonata n. 2545 del giorno 18/05/2011, ore 20:04:28 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 4242 del giorno 18/05/2011, ore 20:04:28 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
RUSCONI Marco: si, ciao Ernesto!
PALERMO Ernesto:
ciao Marco! tutto apposto eh!
RUSCONI Marco: ho letto il messaggio, ho letto il messaggio! bene, bene!
PALERMO Ernesto:
tutto bene! stai tranquillo, ok?
si salutano!
Come confidato da PALERMO Ernesto alla moglie CANESTRINO Antonella e a BALITRO
Alberta LILLIU Saverio avrebbe ceduto le proprie quote societarie alla convivente CIRINA
Paola Desideria, ennesimo prestanome, potendo contare sulla incondizionata disponibilità
del sindaco RUSCONI.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 279 di 566
Telefonata n. 4244 del giorno 18/05/2011, ore 20:56:16 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e CANESTRINO Antonella
diretta all'utenza n. 3461459634.
PALERMO Ernesto per CANESTRINO Antonella :
conversazione a carattere personale.
PALERMO Ernesto:
Io ora ho finito qua perché è successo un manicomio!
CANESTRINO Antonella : Che è successo?
PALERMO Ernesto:
Perché Saverio... (LILLIU Saverio) risulta pregiudicato e coso...
stava invalidando il bando se non gira le quote!
CANESTRINO Antonella : Uh!!
PALERMO Ernesto:
(Impreca) Glielo avevo detto! Non gli avevo detto altro! E mo
devono vedere se gliele devono mettere a Paola (DESIDERIA Paola, ndr)
CANESTRINO Antonella : Infatti! Paola... tanto è pulita!
PALERMO Ernesto:
Quello Antonello... (REDAELLI Antonello) mi ha detto a me "ma
perché non ci metti pure ad Antonella?".
CANESTRINO Antonella :
No, no! Gliel'hai detto?
PALERMO Ernesto:
No, no, ho detto, lascia stare!
CANESTRINO Antonella : Uh!
PALERMO Ernesto:
Fammi la cortesia - ho detto - Antonella... faceva fuori (fonetico) per
tutte le cose...! E niente! Mo sto 10 minuti da Angelo (SALVO Angelo, ndr) e poi me ne vado!
CANESTRINO Antonella : Ti chiamo dopo che poi ti devo dire di una chiamata di quello della
cessione del quinto! Ti danno 40.000 euro!
PALERMO Ernesto:
Uh! Va bene, ok!
Si salutano e si accordano di vedersi dopo.
Telefonata n. 325 del giorno 19/05/2011, ore 00:00:41 intercettata sull'utenza n.
3345451581 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e BALITRO Alberta diretta all'utenza n.
3339984302.
PALERMO Ernesto per BALITRO Alberta:
- omissis [00:16:11]
PALERMO Ernesto:
la vuoi sapere l'ultima?
BALITRO Alberta: eh!
PALERMO Ernesto:
pomeriggio mi chiama quello che ho vinto l'appalto
(RUSCONI Marco) ...mi chiama e ..."senti ti devo parlare urgentemente, vediamoci,
anche due minuti, ma ci dobbiam vedere!... ...omissis... arrivo lì e mi dice " Ernesto...
ma chi cazzo mi hai messo dentro? sono arrivati i casellari giudiziari… ce n'è uno
che ha una condanna di nove per spaccio di droga, spaccio di denaro... (LILLIU
Saverio, ndr) eh la madonna! mi è caduto il mondo addosso!
BALITRO Alberta: ma tu non lo sapevi?
PALERMO Ernesto:
no! mo allora dico... ma come dobbiamo fare per uscircene
dalla società! assolutamente se no rischiamo di far saltare tutto! allora chiamo sto
notaio e gli dico " vedi che domani arrivo giù... arrivano giù...e. cedo le quote e le
compra un'altra! " ma come si chiama l'altra?" tu lasciami in bianco la cosa che te
lo mando uno qualsiasi! mo vado da questo...lo sai per quanto non l'ho preso a calci? mo sto
cretino di merda... ma dimmelo, no!
PALERMO Ernesto continua a raccontare a BALITRO Alberta la pessima figura che ha fatto e
le dice di esserci rimasto troppo male. BALITRO Alberta gli chiede se lui lo conosceva o
gliel'hanno presentato. PALERMO Ernesto risponde che gliel'hanno presentato
[00:18:20]
PALERMO Ernesto le dice di aspettare che passerà un attimo dal locale e dirà ad Angelo che
andrà via.
Voce di SALVO Angelo f.c. che si avvicina all'auto e gli chiede com'è andata oggi. PALERMO
Ernesto risponde che è andata male.
[00:18:33]
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 280 di 566
SALVO Angelo :
compà te lo posso dare un consiglio?...
PALERMO Ernesto:
ci dobbiamo lasciar stare!
SALVO Angelo :
...inc.le…
PALERMO Ernesto:
si va va se no...arrivederci e grazie, hai ragione! (si riferiscono al
risultato delle elezioni, ndr)
PALERMO Ernesto riprende a parlare con BALITRO Alberta di LILLIU Saverio in riferimento al
quale dice di che sapeva che avesse auto problemi giudiziari a suo carico nel '98 ma non
sapeva che fossero a questi livelli, non avrebbe potuto partecipare neanche alla gara
[00:19:41]
PALERMO Ernesto:
mettiamo che ci fanno ricorso... va tutto affanculo! Ma
comunque... ha detto che lui la mette a posto il sindaco ( RUSCONI) la cosa! meno
male, meno male! che ogni tanto trovo qualcuno...
Segue conversazione confidenziale.
Nella prima mattinata del 19 maggio PALERMO Ernesto rassicura nuovamente RUSCONI
Marco, informandolo che stavano provvedendo alla sostituzione del socio LILLIU Saverio
Telefonata n. 2562 del giorno 19/05/2011, ore 09:58:44 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 4293 del giorno 19/05/2011, ore 09:58:44 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
PALERMO Ernesto:
Pronto, buongiorno, scusami, al volo... vai con loro direttamente
in Comune? Domani mattina? Con la nuova... new entry?
RUSCONI Marco: Ti dico io, ti dico io nel pomeriggio, va bene? Sono a Milano in riunione. Ti
chiamo nel pomeriggio.
PALERMO Ernesto:
Ok va bene, ciao ciao.
Telefonata n. 2568 del giorno 19/05/2011, ore 14:12:33 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 4332 del giorno 19/05/2011, ore 14:12:33 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
RUSCONI Marco per PALERMO Ernesto:
dopo i saluti:
PALERMO Ernesto:
Tutto bene quella cosa lì... ho visto...
RUSCONI Marco: Sì sì... hai visto?
PALERMO Ernesto:
Ho risolto, non c'è più lui.
RUSCONI Marco: Ho capito, ok va bene. Perfetto dai. Ci aggiorniamo...
PALERMO Ernesto:
Sei più tranquillo?
RUSCONI Marco: Sì, sì, sicuramente, ci sentiamo per quando consegni tutto, va
bene?
PALERMO Ernesto:
Eh li faccio andar lì domani mattina...
RUSCONI Marco: Ti faccio sapere io magari è meglio lunedì, adesso ti faccio sapere io, in
base a come siam messi, com'è la procedura, va bene?
PALERMO Ernesto:
Ok fammi sapere tu.
RUSCONI Marco: Ok ciao.
Il 20.5.2011 PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco concordano la presentazione dei nuovi
soci presso il Comune di Valmadrera nei giorni successivi e discutono delle tariffe previste
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 281 di 566
per il parcheggio del Lido.
Telefonata n. 2654 del giorno 20/05/2011, ore 10:06:37 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 4418 del giorno 20/05/2011, ore 10:06:38 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
PALERMO Ernesto gli chiede a chi dovrà mandare giù e gli chiede se vuole che gli mandi
"quello vecchio e quello nuovo" (intestatario quote societarie).
RUSCONI Marco dice che lo chiamerà lui dopo.
PALERMO Ernesto gli dice però di farglielo sapere.
RUSCONI Marco dice che andrà bene anche lunedì.
PALERMO Ernesto chiede conferma se "lui" non occorre più farlo andare (si riferiscono a
LILLIU Saverio, ndr).
RUSCONI Marco risponde che basta che vada giù l'altro acquirente delle quote societarie.
PALERMO Ernesto gli chiede se occorre che vada anche l'altro socio e specifica che REDAELLI
Antonello è quello che ha comprato le altre quote e gli chiede dove dovrà mandarli.
RUSCONI Marco risponde di mandarli in segreteria a depositare (il cambio intestatario quote
societarie).
[10:08:06] PALERMO Ernesto gli chiede poi:
PALERMO Ernesto:
Per quanto riguarda lì, il biglietto (biglietto d'entrata) concordano
quei quattro euro che di dicevi tu... giornalieri?
RUSCONI Marco: Quattro euro ti ho detto giornalieri. Quattro euro giornalieri... poi gli
aggiungete il vostro...
PALERMO Ernesto:
No perché facciamo... no perché volevamo fare... facevamo due
biglietti, uno per per il parcheggio e uno per l'entrata lì... se no è un bordello! Magari
arrivano quattro persone con una macchina... non è che possono pagare quattro biglietti.
Anche per loro... se staccano quattro biglietti significa che ti devono pagare quattro postazioni
auto invece di una! Hai capito? O facciamo un biglietto concordato con il comune di
Valmadrera... e Lido, secondo me. Lo faccio stampare così "comune di Valmadrera e Lido di
Parè". Va bene? Lo faccio stampare così?
RUSCONI Marco: Va bene, va bene! Va bene così! Però io ti richiedo che quel parcheggio,
proprio per quel motivo che ti dicevo... va bene tutto il giorno quattro euro però deve essere
quattro euro!
PALERMO Ernesto:
No, no, no! Ma...quello lo facciamo pagare a loro e basta!
RUSCONI Marco: Va bene! Allora rimangono le tariffe normali e poi voi mettete la vostra, va
bene!
PALERMO Ernesto:
E noi mettiamo... per chi usufruisce del lido… paga quattro euro
invece di sei al giorno, giusto?
RUSCONI Marco: Esatto!
PALERMO Ernesto:
Non perché... li devo fare io i biglietti, hai capito Marco?
RUSCONI Marco: Ho capito, ho capito! Ascolta... prima di stamparli almeno ti diamo una
risposta per iscritto, manda giù due righe con la proposta, io ti rispondo.
...Omissis
PALERMO Ernesto dice di essere a scuola e gli chiede di fargli sapere quando dovrà passare
per lasciargli la proposta fatta per iscritto.
PALERMO Ernesto contando evidentemente sulla totale disponibilità di RUSCONI Marco e
degli uffici comunali
programma di allargare abusivamente la struttura <<…Poi per
quanto riguarda il resto, possiamo fare quello che cazzo vogliamo, nei limiti però
eh... …ho già pensato di rubare un dieci, quindici, venti metri ancora che mi
servono…>>.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 282 di 566
Telefonata n. 2575 del giorno 20/05/2011, ore 10:16:30 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 4427 del giorno 20/05/2011, ore 10:16:31 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
diretta all'utenza n. 335441133.
PALERMO Ernesto per REDAELLI Antonello:
PALERMO Ernesto gli dice che lunedì mattina, per "quella cosa" deve andare REDAELLI
Antonello con Paola (compagna di LILLIU Saverio), in segreteria al Comune e deve
depositare il tutto che poi se va, vede "lui" (una terza persona), che anzi se l'è già vista.
PALERMO Ernesto dice inoltre che deve lasciare quei documenti e dire all'ufficio che
riguardano la società per il bando, li deve mettere in una busta e lasciarli.
REDAELLI Antonello chiede se sopra la busta debba scrivere "per il signor sindaco", PALERMO
Ernesto risponde negativamente, dice che deve scriverci sopra "alla cortese attenzione
dell'ufficio di competenza".
[10:17:42] parlano dei biglietti per l'accesso al parcheggio del Lido di Parè.
[10:20:11] Alla fine del discorso:
PALERMO Ernesto:
"Poi per quanto riguarda il resto, possiamo fare quello che
cazzo vogliamo, nei limiti però eh..."
REDAELLI Antonello:
"Per quello che riguarda? Scusa?"
PALERMO Ernesto:
"Il resto. Possiamo fare quello che vogliamo"
REDAELLI Antonello:
"Ah... sì sì sì... ho già pensato di rubare un dieci, quindici,
venti metri ancora che mi servono."
PALERMO Ernesto:
"Eh infatti."
REDAELLI Antonello:
"Eh non ti preoccupare tu... abbiamo già pensato io e Saverio
(LILLIU ndr)"
la conversazione devia all'improvviso.
PALERMO Ernesto dice che tra poco REDAELLI Antonello riceverà una chiamata da un amico
suo che non sopporta, per quanto riguarda dei soldi, probabilmente cinquecento euro da dare.
Se lo dovesse chiamare, REDAELLI Antonello deve riferire che i soldi ce li ha PALERMO
Ernesto.
Si salutano.
In una conversazione tra PALERMO Ernesto e il progettista del Lido di Parè, nonché
consigliere in carica nel Comune di Lecco e Presidente della commissione Urbanistica ed
Assetto del Territorio - Lavori Pubblici - Tutela dell’Ambiente - INVERNIZZI Alberto, emerge
la consapevolezza da parte di quest’ultimo dei retroscena relativi alla gara .
Telefonata n. 4444 del giorno 20/05/2011, ore 13:12:12 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e INVERNIZZI Alberto
diretta all'utenza n. 3382117981.
PALERMO Ernesto per INVERNIZZI Alberto:
PALERMO Ernesto gli chiede se gli dispiace se faranno lunedì pomeriggio, prima della
commissione, così, verso le cinque (17:00) andranno. INVERNIZZI Alberto conferma.
INVERNIZZI Alberto gli chiede poi com'è andata la faccenda di ieri (LILLIU Saverio,
ndr)
PALERMO Ernesto:
Ho risolto… ero era già sotto di venti mila euro e mi era venuto il
patema d'animo.
PALERMO Ernesto:
No, no tutto bene, se lui non può somministrare... allora
fuori dai coglioni! Lo posso assumere (LILLIU Saverio) ma non può nell'azienda… ma
non essere... hai capito? No, no, è andata bene, è andata bene! Meno male!
INVERNIZZI Alberto:
Va bene!
PALERMO Ernesto:
Abbiamo risol...ho! Che poi ti devo mettere a posto pure quella cosa
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
tua là!
INVERNIZZI Alberto:
Si salutano.
Pagina 283 di 566
E va beh... la sistemiamo, con calma la sistemiamo! Ciao!
Il 23.5.2011 REDAELLI Antonello consegna la documentazione presso il Comune di
Valmadrera e informa PALERMO Ernesto, il quale a sua volta lo comunica al sindaco
RUSCONI Marco.
Telefonata n. 2683 del giorno 23/05/2011, ore 12:15:57 intercettata sull'utenza
n. 335441133 (R.R.I.T. 847/11) in uso a REDAELLI Antonello. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
proveniente dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 4633 del giorno 23/05/2011, ore 12:15:57 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e REDAELLI Antonello
diretta all'utenza n. 335441133.
REDAELLI Antonello per PALERMO Ernesto:
REDAELLI Antonello gli dice che è a posto, ha consegnato e dice di aver lasciato tutto
alla segreteria del sindaco.
PALERMO Ernesto dice che proverà a sentirlo lui (il sindaco RUSCONI Marco, ndr) e poi gli
farà sapere.
Telefonata n. 2814 del giorno 23/05/2011, ore 12:17:00 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco proveniente
dall'utenza n. 3495781131.
Telefonata n. 4634 del giorno 23/05/2011, ore 12:17:00 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra PALERMO Ernesto e RUSCONI Marco diretta
all'utenza n. 3292103389.
PALERMO Ernesto per RUSCONI Marco:
Convenevoli
PALERMO Ernesto:
Vedi che l'hanno consegnato alla tua segreteria!
RUSCONI Marco: Perfetto! Oggi pomeriggio ritiro tutto! Tra i due... vedo se è tutto ok!
Si salutano.
Nel frattempo la struttura del Lido di Parè risulta già in costruzione nonostante il
problema relativo al socio pregiudicato.
ZANGARI Emilio assessore comunale a Valmadrera contatta infatti RUSCONI Marco
informandolo che i lavori relativi all’appalto del Lido di Parè non risultano conformi
ai progetti presentati con una gettata ben superiore alle dimensioni approvate della
struttura.
RUSCONI nei contatti successivi con PALERMO ancora una volta si mostra
assolutamente disponibile a minimizzare l’importanza della violazione, del resto già
preventivata dagli indagati, in modo di non pregiudicare gli interessi di un privato
così pericoloso e influente.
Telefonata n. 2852 del giorno 23/05/2011, ore 22:14:22 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra ZANGARI Emilio e RUSCONI Marco proveniente dall'utenza
n. 3351353625.
ZANGARI Emilio per RUSCONI Marco
...omissis
ZANGARI Emilio: Sono qua a Pare che devono mettere giù quell'affare là...
RUSCONI Marco: Eh.
ZANGARI Emilio: Guarda che quelli lì stan facendo un bardamento che a tirarlo su non sò
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 284 di 566
quante (inc.le.) ci vorranno, c'è un mare di ferro, è ventitre metri per nove metri di cemento.
Non era questo il (inc.le.) che avevano previsto questi qua eh! Poi hanno messo tutto quanto
fino alla fine del filo del coso qui... domani questi gettano... bisognerebbe mandare giù l'ufficio
tecnico subito a dirglielo che (inc.le.)
RUSCONI Marco: (inc.le.)
ZANGARI Emilio: È una roba enorme ti dico.
RUSCONI Marco: Eh la madonna, non so neanche se hanno present... ma il (inc.le.) che
dimensioni ha?
ZANGARI Emilio: Te l'ho detto, questi fanno una gettata di ventitre metri per otto
metri.
RUSCONI Marco: Ma scusa se erano quaranta metri coperti…
ZANGARI Emilio: Eh… te lo detto, questi gettano tutto… sono qua tutti i tubi... uno,
due, tre, quattro, cinque, sei, sette... sono otto metri per ventuno… ventidue metri
circa in di là... proprio sotto in quell'albero in là han lasciato un po’ di spazio come
han detto han fatto sta spatasciata qua, ma è una roba enorme eh... è molto più
grande di quella che han fatto il Pareo l'anno scorso eh! Poi ci sono tutti giù i (inc.le)
segnati dove devono mettere i cosi, poi, torno a ripeterti, per rompere queste cose qui
con il cemento armato non la rompi più eh! Cioè, così fan un rilievo della madonna
eh! Cioè, secondo me, dobbiamo vedere un attimo perché questi qui son fuori di testa
eh!
RUSCONI Marco: Ma scusa, ci son giù le gabbie di ferro?
ZANGARI Emilio: E il problema è che domani mattina vengono qua a gettare, ci son
giù le gabbie di ferro? Hai capito, ci son giù già le gabbie di ferro, doppia gabbia di
ferro già montata e legata e tutta già rialzata con i cosi, pronta per essere gettata,
la via doppia sotto e sopra, tutti i tubi ed i pozzetti... cioè così...
RUSCONI Marco: (inc.le.) Cosa devo fare
ZANGARI Emilio: Eh no… dobbiamo dirgli (inc.le.) devono fermarsi cazzo… non esiste
sto progetto qua con quello che han presentato loro… non c'entra un cazzo con
questo progetto qua eh!
RUSCONI Marco: Ma la gabbia è doppia?
ZANGARI Emilio: Eh sì, è doppia… dopo per togliere questa roba qui…
RUSCONI Marco: Ma oggi sono stati giù a (inc.le.)…
ZANGARI Emilio: È un po’ di periodo che lavorano, ma sinceramente adesso son proprio qua
io, son qua davanti! E hanno tutto doppio di (inc.le.), infatti non sembra proprio che sia una
cosa che fa per stare tre quattro mesi, cioè una roba che uno fa per star qui… vabbè che
devono stare fino a febbraio… ma... tutto sto coso qui, cazzo, qui viene un ristorante eh! Cioè,
qua rischiamo che qua abbiamo detto una cosa eh... dopo gli facciamo fare…
RUSCONI Marco: È perimentrale oppure no... o è pieno in mezzo?
ZANGARI Emilio: Come?
RUSCONI Marco: È perimetrale o è pieno in mezzo?
ZANGARI Emilio: No, in che senso... no non è perimetrale è tutto pieno di ferro, cioè la parte
che ti ho detto otto per ventitre è tutta piena di ferro, tu calcola che ci sono i tubi di scarico che
sono dentro nel ferro, son tutti coperti, quando buttano il cemento restano fuori, le prese del
tubo e restano fuori dei pozzetti che hanno messo, di scarico eccetera, ma è tutto annegato nel
cemento.
RUSCONI Marco: Mi sembra che abbia un costo... ma…
ZANGARI Emilio: (inc.le.) Ma qua di cemento ne han messo una marea... se calcoli cosa
abbiam speso noi di là... questi qua spendono un'ostia, questo trattamento qua con il cemento
eh... questa cosa qua è una roba esageratissima, questi devono fare una leccata di cemento
per mettere su sta roba, ti ricordi?
RUSCONI Marco: si io mi ricordo che dovevano fare un piccolo basamento, per evitare di
mettere giù...
ZANGARI Emilio: ma no, questo non è un piccolo basamento Marco assolutamente, bisogna
dirglielo... questi domani mattina sono qui a gettare eh!
RUSCONI Marco: (inc.le.) si fermano cosa vuoi che ti dica... anche perché non hanno
l'autorizzazione, non l'han mica l'autorizzazione eh!...
ZANGARI Emilio: io manderei giù i vigili cazzo direi di fermarsi un attimo che dobbiamo
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 285 di 566
controllare... non si può avvisare Cristian di mandare giù un attimo quando loro vanno in
servizio
RUSCONI Marco: eh mando giù l'ufficio tecnico, ma che i vigili
ZANGARI Emilio: eh ma (inc.le.) vengono giù di qua alle nove magari di qua alle nove han già
gettato, farli fermare qua a metà gettata... e ti dicono eh ormai a metà gettata... e si dice no,
guardi che dobbiamo fermare che dobbiamo controllare
RUSCONI Marco: adesso sento Cristian, sennò lo chiamo domani mattina alle sette e mezza
quando mi alzo
ZANGARI Emilio: prima... sicuramente alle otto e mezza non son qua
RUSCONI Marco: anche perché magari
ZANGARI Emilio: guarda se tu passi lì... domani mattina lo vedi è una roba enorme sotto
l'albero qui vicino su dove ci sono le barche.
RUSCONI Marco: Ah… vicino le barche.
ZANGARI Emilio: Uhm... sì sì, nella zona di lì... ascolta secondo me bisogna avvisarlo qui…
domani mattina avvisalo subito che viene giù e gli dice di fermarsi e poi mandi subito l'ufficio
tecnico e controllalo... ma secondo me lì è una roba esagerata eh! Lì quello che han fatto han
fatto... bisogna fermarli prima eh!
RUSCONI Marco: No, quello sicuramente perché (inc.le.) è fatto ma anche perché, ripeto, io ho
in mente di cosa hanno presentato, non altro.
ZANGARI Emilio: No no, ma è troppo rispetto a quello lì... è più del doppio eh! Quello là era
un dieci metri per cinque o sei, però han chiesto un metro in più, ti ricordi? Eh… poi una
leccata di cemento è una leccata, ma qui non è una leccata, questo qui è un basamento della
madonna eh!
RUSCONI Marco: Ma c'è lì altra gente?
ZANGARI Emilio: Secondo me vogliono piazzare là, perché anche i pozzetti rimangano alzati
dal livello dei legni che han messo per il cemento.
RUSCONI Marco: Se tu fai conto che dopo metton giù tipo delle pedane, qualche cosa, quello
sarebbe il meno immagino…
ZANGARI Emilio: Uhm… uhm…
RUSCONI Marco: Quello penso che sia normale.
ZANGARI Emilio: Comunque… io gli avevo detto delle normative perché volevano fare la
pizzeria d'asporto ma... gli ho detto a Diego “Diego, riferiscigli sta cosa che per far una pizzeria
d'asporto...” lui lo ha detto… loro fan “no no no, sappiamo tutto come dobbiamo farlo, perché
devono fare, devono piastrellare tutto perché poi pizzeria d'asporto non possono fare una roba
così no...” però, tu capisci, hai preso il coso per tre mesi, quattro mesi e spendi cinquanta,
sessanta mila euro e poi inforni e tutto per far che cosa… per star tre mesi quattro mesi?
RUSCONI Marco: Un conto è affittare un forno che poi porti via tipo quello che fai (inc.le.)
bar…
ZANGARI Emilio: Sì, ma qui non lo puoi fare quello... per una Festa dell'Unità può fare il bar,
non gli dice un cazzo nessuno, ma qui in mezzo a tutti, con quelli che c'han qua il ristorante ti
chiamano al volo.
RUSCONI Marco: Adesso oltre a te c'è lì qualcun'altro?
ZANGARI Emilio: Sì, c’ho degli amici di là ma...
RUSCONI Marco: Uhm…
ZANGARI Emilio: Comunque, fai una cosa te, prova a vedere un attimo quella roba lì, perché
secondo me questi qui son fuori di testa... poi non è tardi…
RUSCONI Marco: Tu sei ancora li?
ZANGARI Emilio: Sì, sto ancora un po’ di giù...
RUSCONI Marco: No, perché, magari, faccio un salto dieci minuti, però non voglio avere gli
amici…
ZANGARI Emilio: No, vieni qua giù che io poi vengo fuori dai, adesso sto andando in
casetta… te sennò tu...
cade la linea
Telefonata n. 2853 del giorno 23/05/2011, ore 22:22:44 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e ZANGARI Emilio diretta all'utenza n.
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 286 di 566
3351353625.
RUSCONI Marco per ZANGARI Emilio
...Omissis
RUSCONI Marco: No, dicevo… dato che sento altre voci io, magari...
ZANGARI Emilio: Perché sono adesso qui io alla casetta… sono fuori dalla casetta
RUSCONI Marco: Ah ok, ho capito.
ZANGARI Emilio: Tu vieni giù, vai là, quando io ti vedo là… dopo vengo anche io.
RUSCONI Marco: Dai, allora ci vediamo tra dieci minuti.
Saluti
SMS n. 2854 del giorno 23/05/2011, ore 22:31:42 intercettato sull'utenza n.
3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. Sms diretto all'utenza n.
3351353625.
Sono qui
Telefonata n. 2856 del giorno 23/05/2011, ore 22:38:02 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e ZANGARI Emilio diretta all'utenza n.
3351353625.
RUSCONI Marco per ZANGARI Emilio
I due interlocutori si stanno per incontrare.
SMS n. 2857 del giorno 23/05/2011, ore 22:49:36 intercettato sull'utenza n.
3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. Sms diretto all'utenza n.
3479014125.
é@øò¤ @Domani entro le sette e mezza passa al pratone. Stanno lavorando ma non
abbiamo progetto. Il basamento è il doppio della zona coperta. Fermiamoli mezza
SMS n. 2858 del giorno 23/05/2011, ore 22:49:38 intercettato sull'utenza n.
3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. Sms diretto all'utenza n.
3479014125.
é@øò¤¡@giornata in attesa di chiarimenti.
Nella stessa tarda serata RUSCONI Marco rappresenta a PALERMO Ernesto il problema
della difformità tra il progetto e la messa in opera ricevendo giustificazioni assai generiche.
Tuttavia RUSCONI Marco, sicuramente col fine di tutelarsi agli occhi di ZANGARI Emilio,
che gli aveva mostrato anche visivamente le irregolarità, lo rassicura asserendo che avrebbe
inviato sul posto la Polizia Locale al fine di monitorare i lavori.
Subito dopo RUSCONI contatta FRANCESE Cristian, responsabile della Polizia Locale di
Valmadrera, cercando di minimizzare quanto visto in sede di sopralluogo ma chiedendogli
comunque di intervenire per sospendere per due ore i lavori al Lido di Paré al fine di
verificare il progetto.
Telefonata n. 4671 del giorno 23/05/2011, ore 22:51:33 intercettata sull'utenza
n. 3495781131 (R.R.I.T. 852/11) in uso a PALERMO Ernesto. La conversazione
intercettata intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e PALERMO Ernesto
proveniente dall'utenza n. 3292103389.
Telefonata n. 2859 del giorno 23/05/2011, ore 22:51:33 intercettata sull'utenza
n. 3292103389 (R.R.I.T. 941/11) in uso a RUSCONI Marco. La conversazione intercettata
intercorre, in lingua italiana tra RUSCONI Marco e PALERMO Ernesto diretta all'utenza n.
3495781131.
RUSCONI Marco per PALERMO Ernesto.
PALERMO Ernesto:
Pronto?
RUSCONI Marco: Ernesto scusami per l'orario...
PALERMO Ernesto:
No figurati Marco dimmi.
RUSCONI Marco: Ascolta, perché ero in giro stasera e ho fatto giù un salto a Parè, ho
Tribunale di Milano
Sezione Giudice per le indagini preliminari
Pagina 287 di 566
visto che hanno preparato tutto per gettare domani, credo… solo che l'hanno fatto
enorme. Tu lo sai? Hanno fatto tipo centottanta metri quadri di superficie da
gettare, non so come mai.
PALERMO Ernesto:
No, ci mettono pure il forno, lo mettono pure là.
RUSCONI Marco: Nel progetto iniziale era per dirti undici per sei, adesso è venti per
otto addirittura, una roba enorme.
PALERMO Ernesto:
No, ma perché è considerato pure il marciapiede, Marco.
RUSCONI Marco: Ah ho capito, perché poi a noi non hanno mandato