...

Sul Contratto a tutele crescenti, fatta la legge trovato l

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

Sul Contratto a tutele crescenti, fatta la legge trovato l
Sindacato dei lavoratori metalmeccanici
25126 Brescia – Via F.lli Folonari, 20
Sul Contratto a tutele crescenti, fatta la legge trovato l’inganno
Quello che sta accadendo sulla vicenda tanto propagandata del Contratto a tutele crescenti
dimostra purtroppo quello che come Fiom abbiamo detto fin dall’inizio, cioè che questa forma di
assunzione è un’ ulteriore forma di precariato con l’aggravante che alle imprese viene garantito in
ogni modo un esonero contributivo anche se licenziano i lavoratori assunti pochi mesi prima. I primi
casi di licenziamento sono stati resi noti negli scorsi giorni, dobbiamo aggiungere anche un caso
avvenuto alla Omb Technology di Brescia, società peraltro la cui maggioranza societaria fa capo a
Brescia mobilità, che a sua volta fa capo al Comune di Brescia.
Ma come se non bastasse un altro elemento sta emergendo con forza, nelle aziende si sta
estendendo l’uso di lavoratori che anziché essere assunti dall’azienda, vengono assunti a tempo
indeterminato dalle agenzie di somministrazione e messi in produzione a fianco dei dipendenti della
società titolare. Tutto questo è stato reso possibile con il così detto “decreto Poletti”, della primavera
del 2014, che ha liberalizzato l’uso di questa forma di precariato togliendo ogni vincolo all’impresa
utilizzatrice.
Ne esce un quadro preciso: le aziende hanno assunto l’organico che serviva con il Contratto a
tutele crescenti risparmiando sui contributi, oltre 8.000 euro l’anno, e stanno inserendo altro
organico nei reparti produttivi, che può essere messo fuori in ogni momento, attraverso la forma
dello staff leasing, con anche la possibilità di licenziare quando gli serve così come prevede la
legge conosciuta come “Jobs Act”.
Gli interventi legislativi del Governo stanno dimostrando che tutta la loro applicazione favorisce
solo le aziende che hanno tutti i benefici del caso, normativi ed economici. Con la totale impotenza
del lavoratore di fronte al fatto che sono stati tolti tutti gli strumenti di contrasto e di rivendicazione.
Ciò produce, a mio avviso, con tutta evidenza uno squilibrio sociale e democratico a scapito dei
lavoratori e a favore delle aziende che peraltro stanno usufruendo di consistenti risorse pubbliche in
merito al mancato pagamento dei contributi per le assunzioni, attingendo dalle casse statali che
sono finanziate all’80% dai lavoratori e dai pensionati.
Brescia 17 novembre 2015
Il Segretario della Fiom Cgil Brescia
tel. 030-3729.270 – fax 030-294842
www.fiom.brescia.it
[email protected]
Fly UP