...

la città che vorrei

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

la città che vorrei
POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABB.POSTALE DL 35372003 (CONVERTITO IN LEGGE 27/02/2004 - N.46) ART. 1, COMMA 2 - DCB - ROMA ANNO XXX NUOVA SERIE - N.3 MAGGIO - GIUGNO 2010
il MONDODOMANI
Bimestrale del Comitato Italiano per l'UNICEF - Onlus
la città che vorrei
uniti per
i bambini
ISSN 1724-7594
Bimestrale del Comitato Italiano per
l'UNICEF - Onlus
Anno XXX nuova serie
n°2 marzo-aprile 2010
Registrazione Tribunale di Roma
n. 304 del 25.5.89
editoriale
Qualità della città = qualità della vita
di Vincenzo Spadafora, Presidente Comitato Italiano per l’UNICEF
Direttore
Vincenzo Spadafora
Direttore responsabile
Susanna Bucci
Redazione
Silvia Antonini
Patrizia Paternò
Raffaella Zannetti
Si ringraziano tutti coloro
che hanno collaborato
a questo numero:
Valerio Di Bussolo, Silvia Giordano,
Dora Giusti, Roy Lorenzo,
Luciano Pantaleoni, Luciano Ventura,
Redazione e amministrazione
Via Palestro, 68 00185 Roma
tel 06478091 - fax 0647809272
[email protected]
www.unicef.it/mondodomani
Progetto grafico Silvia Persi
Impaginazione Kaoma
Stampa PrimeGraf
Via Ugo Niutta, 2 00176 Roma
tel 062428352 - fax 062411356
Finito di stampare il 30/06/2010
su carta ecologica e riciclata Symbol Freelife Satin
Le opinioni espresse dagli autori non riflettono
necessariamente il pensiero dell’UNICEF e del
Comitato Italiano per l’UNICEF - Onlus
Contributo annuale per spese di stampa e
spedizione 20,00 euro da versare sul ccp
745000 intestato a Comitato Italiano per
l'UNICEF - Onlus, con causale: “il
mondodomani”
In questo numero
INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Ai sensi dell’art. 13, d. lgs 196/2003
I dati saranno trattati da Comitato Italiano per l’UNICEF Onlus
– titolare del trattamento –Via Palestro 68, 00185 Roma, per
le operazioni connesse alla donazione, per informare su
iniziative e progetti realizzati anche grazie al contributo
erogato e per inviare il catalogo prodotti, la rivista ed il
materiale informativo riservati ai sostenitori, per campagne di
raccolta fondi e sondaggi. Previo consenso, le informazioni
potranno essere inviate anche via fax e e-mail. I dati saranno
trattati, manualmente ed elettronicamente con metodologie
di analisi statistica, esclusivamente dalla nostra
organizzazione e dai responsabili preposti a servizi connessi a
quanto sopra; non saranno comunicati né diffusi né trasferiti
all’estero e saranno sottoposti a idonee procedure di
sicurezza. Gli incaricati del trattamento per i predetti fini
possono essere preposti ai rapporti con i sostenitori, al call
center, ai sistemi informativi, all’organizzazione di campagne
di raccolta fondi, alla preparazione e all’invio di materiale
informativo. Ai sensi dell’art. 7, d. lgs 196/2003, si possono
esercitare i relativi diritti fra cui consultare, modificare,
cancellare i dati od opporsi al loro trattamento per l’invio
dimateriale informativo rivolgendosi al titolare al suddetto
indirizzo, presso cui è disponibile, a richiesta, l’elenco dei
responsabili del trattamento.
La qualità della vita dell'infanzia
e dell'adolescenza è una sfida
culturale che non possiamo
permetterci di perdere. Ancora
oggi, tuttavia, l’attenzione a
temi cruciali per la crescita sana
ed equilibrata dei nostri figli è
lasciata alla sensibilità e
all’intelligenza delle amministrazioni locali. Ma
solo poche fra queste intervengono in tal senso,
per mancanza di un strategia di politiche che
indichi una via nazionale e un investimento
finanziario reale. Non è solo una questione di
politiche sociali ed educative. Va risolto anche il
nodo dell’esclusione delle nuove generazioni
dalle politiche di sistema e dai meccanismi
decisionali: solo attraverso una loro rapida
inclusione nelle scelte della vita collettiva,
potremo accrescere il livello di cultura politica
del nostro paese. Il tema, nonostante la diffusa
miopia dell’attuale classe dirigente, è al centro
del dibattito. Ma quasi mai in modo corretto. Se
ne discute molto quando si parla di scuola e del
suo “triste” destino di tagli. Se ne parla molto
meno in relazione alla qualità dei contesti
extrascolastici che offriamo ai più piccoli per
crescere. Eppure, se si guarda in maniera
attenta e non strumentale alle diverse indagini
sulle performance di apprendimento dei nostri
studenti, ci accorgiamo che il contesto
territoriale e familiare incide per un 50% sul
rendimento scolastico: territori più attrezzati a
contesti culturali e di partecipazione avanzati
generano cittadini più colti e più consapevoli dei
propri diritti e dei propri doveri nei confronti
della res publica. Se si inserisce il mondo
dell'infanzia e dell'adolescenza nella
complessità delle relazioni all'interno del
contesto urbano, ci si accorge che una città
con un ambiente sostenibile fa stare meglio i
03 Le città amiche dei bambini
di Dora Giusti
06 I bambini progettano il futuro
delle città
di Ray Lorenzo
08 Questo l’ho fatto io
di Luciano Pantaleoni
10 In strada a giocare
di Luciano Ventura
suoi cittadini. Grandi o piccoli
che siano. Avere a disposizione
contesti urbani ed extraurbani
sani e aperti, in cui vivere la
dimensione generazionale nel
proprio territorio, è più
importante di politiche
specifiche. In molte parti del
nostro paese esistono realtà ed esperienze
avanzate, monitorate e rivolte al mondo
dell'infanzia, molto attente al sostegno e alla
relazione con le famiglie. Ma rimangono
purtroppo politiche di settore, che raramente
riescono ad influenzare le politiche strutturali
relative alla qualità della città. Pensiamo a
contesti come Torino e Caltanissetta, due
realtà che dedicano un grande impegno alle
politiche per l'infanzia e l'adolescenza, ma che
a guardare alcune statistiche troviamo sempre
nella parte medio bassa degli indicatori sulla
qualità ambientale, fra i comuni capoluogo di
provincia. Occorre dunque porsi la domanda su
come dare qualità della vita a bambini e
ragazzi, in città che faticano a gestire in
maniera sostenibile indicatori di qualità
ambientale e di inclusione sociale: mobilità
sostenibile, spazi di aggregazione, luoghi di
svago e di cultura, verde pubblico. In Europa
sono temi da anni nell’agenda dei decisori
pubblici. La crisi climatica, in questa
prospettiva, in relazione anche ai nuovi
impegni che si sono assunti gli Stati per la
riduzione dei gas serra, può rappresentare
un'importante cornice e una buona opportunità
per ripensare le nostre città, i nostri stili di vita,
la nostra cultura dei consumi. In questo
ripensamento, coinvolgiamo i cittadini più
giovani: non ci sarebbe da stupirsi che, nelle
loro riflessioni, ci siano già le soluzioni per il
futuro.
12 Lo spazio interno
di Valerio Di Bussolo
13 Bio-ecologia e architettura
per l’infanzia
di Silvia Giordano
14 I non luoghi
di Silvia Antonini
16 Libri
a cura di Patrizia Paternò
© UNICEF NYHQ2006-1336 CLAUDIO VERSIANI
il MONDODOMANI
il MONDODOMANI
Bimestrale del Comitato Italiano per l'UNICEF - Onlus
la città che vorrei
uniti per
i bambini
03
10
© UNICEF UKRA00209 GIACOMO PIROZZI
A Kiev, capitale dell’Ucraina, si dorme e si vive sulle strade, a tutte le età...
come in molte altre piccole e grandi città di paesi colpiti da povertà endemica o da profonda crisi economica.
progetti UNICEF
Le città amiche dei bambini
Le fondamenta per costruire una città amica delle bambine e dei bambini sono i quattro
principi basilari della Convenzione sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza: non
discriminazione, superiore interesse del bambino, diritto alla vita e al pieno sviluppo e
ascolto e rispetto delle sue opinioni.
di Dora Giusti
Specialista Protezione dell’Infanzia
Centro di Ricerca dell’UNICEF “Innocenti”, Firenze.
l'Infanzia".
La Città Amica non è altro che la traduzione
della CRC e dei suoi principi a livello locale. Una
Città Amica indica un’amministrazione locale in
cui i bambini hanno voce e partecipano ai
processi decisionali; partecipano alla vita della
famiglia, comunità, società; hanno accesso a
servizi di base, come salute e istruzione; hanno
spazi per giocare; possono muoversi
liberamente e in maniera sicura; accedono a
spazi non inquinati; e hanno a disposizione
norme e apparati che assicurano la loro
protezione contro violenza e sfruttamento. È
importante segnalare che il termine Città Amica
pian piano arriva ad estendersi all'idea di
comuni più piccoli e anche di villaggi e quartieri
oppure comunità rurali, presentandosi dunque
non solo come un approccio che risponde alle
esigenze urbane, ma anche come un modello di
sviluppo locale che promuove i principi di
governance, basati sulla trasparenza e
l’accountability delle istituzioni oltre che alla
partecipazione democratica dei cittadini nelle
ı la città che vorrei - 03-10
Negli ultimi decenni, la popolazione urbana nel
mondo ha subito una crescita tale che, per la
prima volta nella storia, nel 2008, ha superato
quella che vive negli ambienti rurali. Si calcola
che entro il 2030, cinque miliardi di persone
vivranno in città di diverse dimensioni; più del
50% avrà meno di venticinque anni. Il
precedente Segretario Generale dell’Onu, Kofi
Annan ha descritto questo trend come “il
ringiovanimento della povertà”, riferendosi alle
statistiche del 50% dei giovani che vivono con
meno di 2 dollari al giorno.
Di fronte a questa situazione, dagli anni
Novanta, iniziano a emergere delle iniziative in
città e comuni del Nord e del Sud del mondo
mirate a rispondere alle esigenze e ai bisogni
dell’infanzia e dei giovani. Nel 1996 durante la
Conferenza dell’UN Habitat, nasce l’iniziativa
globale Città Amiche dei Bambini (Child Friendly
City Initiative - CAB), lanciata dall’UNICEF e UN
Habitat in risposta alla Risoluzione della
Conferenza. Il lancio dell'iniziativa si fonda sul
riconoscimento che il benessere del bambino è
l’elemento essenziale di una società sostenibile
e che una società giusta per i bambini è giusta
per tutti.
L’iniziativa diventa un
vero e proprio
movimento globale.
Incontri nazionali,
regionali e mondiali si
succedono in maniera
costante. L’approccio
CAB si basa sull’idea
che i governi locali
sono responsabili
della tutela dei diritti
dell'infanzia, come
sostenuto dalla
Convenzione (CRC);
tale responsabilità
viene ribadita dalla
Sessione Speciale
sull'Infanzia del 2002
e dal suo documento
"Un mondo giusto per
3
© UNICEF NYHQ2006-0320 GIACOMO PIROZZ
ı il MONDODOMANI 03.10 - la città che vorrei
4
decisioni politiche.
Per fornire un orientamento tecnico e
contribuire alle diverse esperienze che si
sviluppano in varie parti del mondo, nel 2000, il
Centro di Ricerca Innocenti dell'UNICEF, in
collaborazione con UN Habitat, e il Ministero
dell'Ambiente e degli Esteri, il Comitato Italiano
per l'UNICEF e l'Istituto degli Innocenti ha
creato la Segreteria Internazionale dell’iniziativa
Città Amiche dei Bambini, presso il Centro di
Ricerca Innocenti dell'UNICEF (UNICEF
Innocenti Research Centre) a Firenze. Il ruolo
della Segreteria è di favorire la disseminazione
di conoscenze e di contribuire alla ricerca sul
tema, compresa l’identificazione di buone
pratiche. Uno dei contributi più importanti, frutto
di partnership e interazione con diversi attori, è
il documento quadro che definisce la città
amica, identifica 9 passi per la sua costruzione,
tra cui: riforma legislativa, politiche e strategie
per l'infanzia e una valutazione della loro
esecuzione. Un meccanismo di coordinamento,
un piano regolatore che rifletta le esigenze
dell’infanzia, un rapporto sulla condizione
dell’infanzia, la promozione di una cultura dei
diritti dei bambini e la presenza di enti autonomi
che svolgano attività di advocacy. L'elemento
principale e trasversale di una Città Amica è la
partecipazione di bambini e ragazzi. In una Città
Amica i bambini e i ragazzi vengono ascoltati e
le loro voci vengono riflesse nelle politiche
locali.
Buone pratiche internazionali
Sono numerose e diverse le esperienze
promosse o anche solo supportare dall’UNICEF,
Un'attenzione particolare, nel contesto della
ricerca sulle Città Amiche, viene dato in questo
momento agli strumenti di autovalutazione, che
fanno sì che le città possano, insieme ai loro
beneficiari, valutare fino a che punto sono
"amiche" dei bambini, cioè fino a che punto ne
tutelano i diritti. Il Centro di Ricerca Innocenti
dell’UNICEF, insieme alla rete Childwatch e al
Children’s Environments Research Group
dell’Università di New York, ha ideato una
metodologia e strumenti di autovalutazione
attualmente impiegati in dieci paesi. Il carattere
innovativo di questi strumenti sta anche nel
fatto che i bambini hanno un ruolo essenziale
nel processo di valutazione della città.
Numerose sono anche le nuove iniziative che
stanno emergendo o riorientandosi. L’ufficio
della Repubblica Dominicana, che lavora dagli
anni Novanta su questa iniziativa, dopo aver
condotto una valutazione del programma, ha
rivisto la strategia e i criteri, insieme alle
controparti governative. Il Marocco ha adottato
all'interno di un suo progetto comunitario, il
modello delle Città Amiche. Il Kazakistan, ora
che la capitale Astana è in fase di ricostruzione,
è aperto all'idea di progettarla fin dall'inizio
come una città amica.
C’è ancora molto da fare, ma vi sono anche
molti esempi su cui incentrare gli sforzi a
venire, con l’obiettivo di garantire il benessere
dell’infanzia e una maggiore tutela dei diritti dei
bambini. In fondo, una Città Amica dei bambini
è una città amica di tutti.
SE CITTA' FA RIMA CON DIRITTI
Una Città Amica delle bambine e dei bambini,
garantisce il diritto di ognuno a:
• influenzare le decisioni adottate nella sua
città;
• esprimere la sua opinione sulla città che
vuole;
• partecipare alla vita familiare, comunitaria e
sociale;
• avere accesso ai servizi di base come la
sanità, l'istruzione e la casa;
• bere acqua potabile e usufruire di adeguati
servizi igienici;
• essere protetto da sfruttamento, violenza e
abuso;
• camminare sicuro per le strade da solo;
• incontrare gli amici e giocare;
• avere spazi verdi per piante e animali;
• vivere in un ambiente non inquinato;
• partecipare agli eventi culturali e sociali;
• essere un cittadino con pari diritti e accesso
a ogni servizio, senza discriminazione per
etnia, religione, reddito, genere o disabilità;
1 UNFPA. Growing Up Urban.
State of the World Population
2007.
2 In occasione dell’International
Youth Day, vedere
http://www.unhabitat.org/cont
ent.asp?cid=3971&catid=14&t
ypeid=8&subMenuId=0
3 www.childfriendlycities.org
4
http://www.unicef.org/specialse
ssion/wffc/
5 “Costruire Città Amiche dei
Bambini e delle Bambini:
Nove Passi per l’Azione »,
http://www.unicef.it/Allegati/C
ostruire_citta_amiche.pdf
6 Queste esperienze sono documentate su
ı la città che vorrei - 03-10
nei vari paesi, in quest'ambito. Nel 1999, il
Brasile lancia un’iniziativa di comunicazione e
mobilitazione sociale che aspira ad accelerare la
tutela dei diritti dell’infanzia e gli Obiettivi del
Millennio nello stato del Cearà. Si tratta del
Marchio “Comune Approvato”. L’ufficio indice
una vera e propria gara tra comuni, i quali
vengono raggruppati secondo indicatori
comparabili. I comuni che si iscrivono hanno
due anni per dare prova del progresso ottenuto
in termini di a) impatto sociale,
b) amministrazioni delle politiche pubbliche e
c) mobilitazione sociale (questa si concentra
ampiamente sulla partecipazione dell’infanzia).
La performance dei comuni rispetto a una
serie di indicatori viene analizzata e ad ognuno
di essi viene dato il simbolo verde o rosso.
Viene poi stilata una graduatoria che permette
di assegnare il marchio. Il titolo di “Comune
Approvato” è considerato un riconoscimento di
carattere internazionale e molto prestigioso. Si
instaura dunque un meccanismo di
competizione positiva tra i vari comuni. Nel
2004 la stessa strategia si è estesa a undici
stati della regione chiamata Semi-Arida, che
presenta i più bassi indicatori del paese, e
l’anno scorso è stata lanciata la Piattaforma dei
Centri Urbani, un’iniziativa simile, ma adattata
alle grandi metropoli brasiliane.
Le Filippine hanno avviato un altro processo
interessante. Anche qui vi è un sistema di
premiazione basato sul raggiungimento di
ventiquattro indicatori che rappresentano il
benessere dell’infanzia. Il concetto è che le
amministrazioni locali facciano quattro “regali”
ai bambini: il piano di sviluppo sull’infanzia, il
piano regolatore per l’infanzia, una legge
sull’infanzia e un rapporto sulle condizioni dei
bambini nel comune. Oltre al monitoraggio per
la premiazione, sono stati installati dei sistemi di
raccolta dati a livello locale e persino
comunitario.
La Spagna, la Francia, la Svizzera e l'Italia,
attraverso i Comitati nazionali per l’UNICEF, hanno
ideato processi di accreditamento/premiazione
analoghi. Ognuno ha specificato le dimensioni in
cui una città deve affermarsi come amica. La
Spagna ha dato un taglio interessante al tema
dell’esclusione sociale, mentre la Francia ha
enfatizzato il potenziale delle CAB come
strumento di solidarietà per il mondo meno
industrializzato.
La Svizzera ha evidenziato il ruolo del
rapporto sull’infanzia per misurare il progresso,
mentre l’esperienza dell'Italia - che dopo un
exploit ha perso un poco di peso - è alquanto
significativa per la partecipazione dei bambini,
tradotta molto frequentemente nell’esperienza
di veri e propri consigli comunali di ragazzi.
5
partecipazione
I bambini progettano il futuro delle città
La Progettazione partecipata fa bene ai bambini: esperienze, ricerca e il senso comune
indicano che far partecipare i bambini alla valorizzazione e al miglioramento del loro
ambiente procura benefici alla loro vita presente e getta le basi per un sano sviluppo
futuro.
ı il MONDODOMANI 03.10 - la città che vorrei
di Ray Lorenzo
Presidente Cooperativa ABCittà
6
Cambiare la città con bambini e giovani - cioè, attivare processi efficaci e genuini di Progettazione
partecipata nei luoghi a loro vicini - significa riconquistare spazi che aumentano la loro autonomia e
occasioni di socialità, avventura e apprendimento
e che garantiscono la loro salute fisica e psicosociale. Lo sviluppo e i requisiti della partecipazione
sono stati direttamente influenzati dal mutamento
del ruolo dell’infanzia nella società odierna. Le vite
dei bambini sono diventate sempre più strutturate
e controllate. Il loro accesso ai luoghi all’aperto è
più limitato e il loro uso di luoghi strutturati è aumentato. Il risultato è che a molti bambini manca
il controllo sulla propria vita di tutti i giorni. Quando
ascoltati, veramente, i bambini “dicono” che sono
molto infelici di questa situazione.
La partecipazione dei bambini per essere efficace e concreta deve essere parte integrante di
processi consapevoli che (vanno oltre i bambini, e)
coinvolgono attivamente la più ampia gamma di
soggetti interessati in e/o delegati per l’assetto
dello spazio o situazione in questione. Una cittadinanza attivamente coinvolta nelle scelte che la riguardano è più consapevole, responsabile e democratica. Bambini cresciuti in tali scenari sono
cittadini migliori, oggi e domani. Dall’altro canto, è
– al mio avviso – indiscutibile che spazi, situazioni
e città progettati e gestiti in maniera partecipata
sono più vivibili, sostenibili, rispondenti ai diversi
bisogni e, quindi, più equi1.
Con il beneficio dell’inventario (il luogo è stato
inaugurato solo due anni fa) il caso del Parco
dell’Acqua a Cormano (MI) ci sembra dimostrare nel suo processo gestionale e nei risultati - la sostanza delle riflessioni e indicazioni sovraesposti.
Il processo di Progettazione partecipata
Il progetto “Un parco per bambini e ragazzi” è
stato a noi commissionato per la predisposizione
di un progetto preliminare, le prime stime di costi
di realizzazione e materiali per la stesura di un progetto preliminare relativo ad un'area verde di circa
56.000 mq nel Comune di Cormano (18.000 ab). Il
progetto si configurava quale azione in campo ambientale di interesse per l’intera città e si inseriva
in una serie di iniziative del Comune rispondenti
alle esigenze di tutela e riqualificazione delle con-
dizioni di vita urbana dell’infanzia. A tal fine, l’approccio adottato - sia in fase di stesura dell’impianto progettuale sia in fase di realizzazione dello
stesso - ha puntato al coinvolgimento attivo dei
bambini, ragazzi e di tutti i futuri utenti dell’area in
oggetto. Il progetto è stato svolto nell’anno scolastico 2002-03.
Il processo di partecipazione è stato caratterizzato da:
il coinvolgimento diretto delle bambine e dei bambini nella ideazione e progettazione delle iniziative
attuate o in corso di attuazione nonché nella raccolta di spunti e ipotesi progettuali sul tema del
parco;
la costruzione di una strategia integrata nell’affrontare i problemi ambientali urbani attestata
anche dalla capacità di raccordare diversi soggetti
locali: settori dell’amministrazione, associazioni,
rappresentanze del volontariato, enti, istituzioni,
organizzazioni sindacali, imprese ecc.;
l’innovazione degli interventi ovvero lo sviluppo di
iniziative tese a sperimentare soluzioni avanzate in
grado di avviare processi di disseminazione ed attuazione anche in altre realtà.
Il percorso si è proposto e ha ottenuto il raggiungimento dei seguenti obiettivi tecnico-scientifici: (a) l’acquisizione di competenze e di metodologie relative alla partecipazione dei bambini da
parte dei tecnici dell’Amministrazione, insegnanti,
genitori, cittadini, ecc.; (b) l’avvio e la gestione di
iniziative/attività/laboratori nelle scuole per la promozione della Progettazione partecipata attiva e
consapevole dei bambini e dei ragazzi nella riqualificazione dello spazio verde individuato
dall’Amministrazione; (c) la valorizzazione delle risorse esistenti (soprattutto, i bambini) e l’acquisizione di capacità tecniche (da parte di tutti i coinvolti) per il lavoro collaborativo in rete; (d) l’integrazione delle competenze e dei saperi a livello interdisciplinare, interistituzionale e intersettoriale.
In sintesi le azioni previste e attuate, secondo
tempi concordati di volta in volta con l’amministrazione e gli altri soggetti, coinvolti sono state:
1. La costituzione di una équipe di progetto: il
primo passaggio chiave per la buona riuscita
dell’ intervento di Progettazione partecipata è
stato la strutturazione di un organismo interset-
1 Le cosiddette “cricche” odierne, per esempio, troverebbero una vita difficile in una società più partecipate e quindi consapevole.
ı la città che vorrei - 03-10
Il Parco dell’Acqua
La nostra predisposizione di numerose schede analitico-progettuali
che riportavano tutte le strutture,
aree e percorsi ideati dai bambini e
ragazzi, le riflessioni degli adulti
coinvolti, ecc. ha permesso
all’Amministrazione ed ai progettisti incaricati di realizzare un parco il
più vicino possibile a quello immaginato dai piccoli autori e condiviso
con la cittadinanza. Il nuovo “Parco
dell’Acqua” inaugurato nel maggio
2008 contiene, tra l’altro, una pista
ciclopedonale che lo percorre da
Nord a Sud dove un attraversamento pedonale protetto consente
un facile accesso al Centro
Sportivo. Due aperture verso l’asilo Carcano consentono ai bambini
di entrare direttamente nell’area
giochi, predisposta anche per
bambini disabili. Gli alunni della
scuola media possono accedere
direttamente anche alla pista atletica. L’elemento caratteristico del
Parco, da cui il suo nome, è la presenza di canali e fontane che richiamano la tradizione agricola e
contadina della zona e di canali ludici e tappeti
d’acqua che collegano le due fontane del parco.
Un porticato e il giardino delle erbe costituiscono
un interessante spazio tra Biblioteca e Centro
Giovanile. Un ampio spazio verde, individuato fra i
tracciati delle piste può essere utilizzato come
campo da calcio mentre due colline completano
l’allestimento con la possibilità di assistere a spettacoli teatrali o soltanto rotolarsi.
In un sabato del maggio nel 2008, oltre un migliaio di bambini hanno allegramente festeggiato
l’apertura del loro parco. Più significativamente,
ancora oggi, molte migliaia di cittadini Cormanesi di tutte l’età - continuano a godersi il Parco
dell’Acqua tutte le settimane.
COOPERATIVA ABCITTÀ
toriale d’azione denominato équipe di progetto.
2. Il percorso formativo e di accompagnamento:
un gruppo di 23 insegnanti rappresentanti di diverse discipline e impegnati nei tre plessi scolastici cittadini hanno seguito un percorso formativo e di accompagnamento sul tema operativo
della Progettazione partecipata urbanistico/ambientale.
3. Il laboratorio extrascolastico: il Centro di
Aggregazione Giovanile, adiacente all’area del
progetto, è stato attivamente coinvolto.
4. I workshop e le consultazioni pubbliche: : sono
stati aperti ad associazioni culturali e sportive,
genitori, gruppi di artigiani e cittadini insieme
con gli “autori” (bambini e giovani) delle proposte progettuali. Lo scopo principale dell’azione è stato quello di
allargare la partecipazione a tutti
i possibili fruitori del futuro
parco e implementare in modo
concertato e condiviso alcuni
passaggi progettuali e organizzativi atti a costruire i presupposti per: (1) valutare la disponibilità di risorse locali; (2) avviare
processi partecipati intergenerazionali; (3) gettare le basi per un
buon controllo sociale dell’area
futura.
7
buone pratiche
Questo l’ho fatto io
Esiste un piccolo quartiere a Correggio, una cittadina della provincia di Reggio Emilia, che
più a misura di bambino non si può, a cominciare dal nome: Coriandoline. Case, vialetti e
giardini coloratissimi che sono il risultato di un progetto urbanistico al quale hanno
lavorato, al fianco di architetti e ingegneri, educatori, maestri e gli stessi bambini, con un
ruolo, di primo piano...vedere per credere.
8
CORIANDOLINE
ı il MONDODOMANI 03.10 - la città che vorrei
Il quartiere Coriandoline è il frutto di un lavoro di ricerca
iniziato nel 1995. Per quattro anni architetti, tecnici e
artigiani hanno lavorato con 700 bambini, 50 maestre
una pedagogista e le famiglie. La ricerca ha indagato con
molta cura e attenzione le esigenze abitative dei bambini
per realizzare abitazioni che rispondessero alle loro
aspettative. Destinatari del progetto erano comunque le
famiglie che avrebbero vissuto in quelle case. Il
“parametro bambino” è stato adottato come misuratore
di qualità di un’ architettura che raramente parte dai
bisogni e dai desideri degli abitanti e spesso fa
riferimento a interessi e a necessità esterne all’abitare.
Sono stati attivati laboratori di partecipazione vera e
consapevole dove ogni attore è intervenuto in precisi
ambiti di competenza e di responsabilità. Al termine
della ricerca, nel 1999 è stato pubblicato un documento
(Il manifesto delle esigenze abitative dei bambini e delle
bambine - Maggioli Editore), dal quale emergevano 10
indicazioni per la realizzazione delle abitazioni.
La casa doveva essere: trasparente - così guardo
fuori; dura fuori - sicura; morbida dentro - accogliente;
bambina - a misura di bambina; grande - che possa
accogliere gli amici e le idee; giocosa - per giocare
liberamente; decorata - dove metto tutte le cose più
belle; intima - per potermi ritirare; tranquilla - non
trafficata; magica - per stupirmi.
È stato subito evidente che si doveva camminare su
di un filo sottilissimo sospeso nel vuoto tra due rischi: da
una parte la “casa delle favole” dall’altra la “banalità”.
Si è cercato con pazienza e impegno di dare forma alle
idee realizzando delle abitazioni innovative per tutta la
CORIANDOLINE
di Luciano Pantaleoni
architetto, tra i progettisti di Coriandoline, Andria.
famiglia, con la convinzione che se i bambini avessero
potuto vivere meglio, tutta la famiglia avrebbe migliorato
la propria qualità della vita. I bambini hanno il coraggio e
la libertà di chiedere prestazioni che gli adulti
gradirebbero, ma ormai non riescono nemmeno a
sognare. Nel 2001 è iniziata la progettazione del quartiere
e nel 2007 si sono conclusi i lavori: 10 appartamenti e 10
abitazioni unifamiliari oltre ad un piccolo centro di
documentazione e di aggregazione sociale. Entrare nel
quartiere è come entrare in un mondo di magia. Non è
una favola finta ma è la fantasia che conquista la città e la
trasforma. Si entra in una magia vera, dentro una poesia,
dentro un sogno, all’interno di una poesia che si realizza.
Ogni casa ha un suo nome e nasce da un’idea. È un
piacere entrare.
La vigna parcheggio
Verso Nord, il quartiere si relaziona paesaggisticamente
con il territorio agricolo, con le vigne della campagna.
È stato reinterpretato il tema del parcheggio
scandendolo con il ritmo della “piantata” tradizionale
emiliana. La “piantata” era un impianto colturale che
maritava la vite all’olmo.
I lampioni uccello
Il “lampione uccello” è un lampione tradizionale la cui
estremità è stata curvata appositamente per conferire
un’immagine di movimento.
La lampada si trasforma in un uccello dalle ali aperte
come se stesse per spiccare il volo; la luce esce dal
ventre dell’animale.
Colline-garage
Luogo privilegiato di osservazione e gioco.
Le macchine sono seppellite sotto a una montagna di
terra. E così si creano due divertenti colline per giocare.
Attivare processi partecipativi
La partecipazione intesa nel modo più corretto è un percorso organizzato nel quale ogni
soggetto interviene per le proprie competenze in modo autorevole e riconosciuto.
Questo significa che ai bambini è stato richiesto di essere bambini e non adulti e
architetti. Gli è stato chiesto quali fossero le loro idee e le loro esigenze (aspettative) e noi
le abbiamo ascoltate, discusse e accettate conferendogli valore e interesse. Non
abbiamo chiesto di progettare le soluzioni e non abbiamo dato loro la matita per fare gli
architetti. Lo spontaneismo, l’ingenuità, il naifismo sono soluzioni banali a temi complessi.
L’architettura in questi anni è in profonda crisi d’identità. Le uniche novità introdotte, sono
novità marginali, che non incidono sul progetto ma riguardano i livelli prestazionali e di
comfort. La grande rivoluzione che può avvenire nei prossimi anni sarà prodotta dalla
partecipazione delle persone e dalla capacità di ascolto dei progettisti. Dalla partecipazione
e dall’ascolto soprattutto degli utenti che non sono mai stati ascoltati. Alcuni soggetti
deboli, proprio perché reduci da un lungo silenzio, sono una miniera inesplorata di idee.
La torre
La trappola per i cattivi.
Ci sono degli appartamenti dentro alla torre.
C’è anche una bella scala con lo scivolo. La torre
serve perché si vede da lontano e così le persone
sanno dove è il quartiere e non si perdono. E poi sulla
torre c’è una struttura con dei ferri e dei fili che è una
trappola per i cattivi e per i fulmini.
Le case dipinte
Non solo bianche.
Le case non sono in fila e non hanno un davanti e un
retro. Sono tutte diverse, di tanti colori come i
coriandoli.
E come i coriandoli portano allegria ed entusiasmo. I
muri, i vuoti, i pieni accompagnano le idee e offrono
emozioni: visive e tattili. Cambiano i materiali, i colori, i
disegni e ogni passo è una scoperta. Le case sono
decorate con disegni fantastici. Entrare nel borgo è
come entrare in un mondo di magia.
Atelier
Luogo del possibile. Di quello che ancora non c’è ma
può diventare Abbiamo dotato ogni abitazione di un
nuovo spazio: l’atelier. L’atelier è un condensato dei
desideri dei bambini. Un luogo insolito: trasparente,
magico, giocoso, grande, intimo … È strano per
l’ubicazione, per le forme, le dimensioni, i materiali. Può
essere in cielo, in terra, di fianco, sopra, sotto …
È un laboratorio, un luogo dove è possibile riflettere
insieme su intuizioni, concetti, teorie. Alcune ancora
non formulate chiaramente, ma tutte alla ricerca di
interlocutorietà che consentono all’inespresso di
dichiararsi. È il luogo dove si possono costruire magie,
dove le idee possono sostare.
L’officina dei coriandoli
CORIANDOLINSIEME – sala riunioni.
Luogo della comunità.
È un luogo di documentazione aperto a tutti i
ricercatori che vorranno approfondire o continuare
questo lavoro sperimentale. I residenti saranno
testimoni e partecipi dei successi e degli errori
dell’esperienza, che non si esaurisce con la costruzione
delle case. É una grande officina di idee colorate
costituita per ospitare iniziative amiche dei bambini e
delle bambine.
ı la città che vorrei - 03-10
La varietà del paesaggio diventa elemento di
pregio, una nuova opportunità. Sopra una collina sono
esaltati, attraverso diverse essenze, gli aspetti
sensoriali: il gusto, l’olfatto, il tatto. Sull’altra collina,
attraverso la loro fioritura, le piante segnano l’alternarsi
delle stagioni realizzando un calendario dei colori.
Caverna-palestra-corsia dei garage
Luogo dalle tante identità.
Dal “prato dei mostri che ridono“ si può entrare,
attraverso le bocche spalancate, in due gigantesche
caverne.
Sono luoghi misteriosi nascosti sotto le colline,
luoghi con luci strane che entrano dalle bocche, che
vengono dall’alto e disegnano i pavimenti. Sono le
corsie allargate dei garage per diventare altro. Di solito
il garage è un posto che fatica a diventare luogo, ha
una identità strana molto spesso notturna (viene
abitato dalle macchine di notte), vive quando fuori c’è
freddo, piove, c’è bagnato. In questo quartiere vive in
altri momenti della giornata assumendo anche altri
significati e trasformandosi, luogo di corse, di giochi, di
suoni, di rumori. Una strana palestra coperta - aperta.
Il prato dei mostri che ridono
Luogo fra.
È un posto magico nel quale vivono grandi mostri con
la bocca spalancata. Sono mostri buoni, mostri
simpatici.
Nella loro pancia tengono nascoste le macchine e
fuori sorridono per rendere il mondo più allegro.
È uno spazio di gioco, di incontro situato fra le due
colline. È un basso, fra due alti, un vuoto fra due pieni.
È un prato fra due caverne, la luce fra due bui.
Serpente-strada
Luogo di incontro, di relazione e di gioco.
Quando si entra nel quartiere un serpente mangia le
macchine. Le automobili spariscono per ricomparire in
garage. Le macchine lentamente possono entrare
nella pancia del serpente e silenziosamente procedere
e convivere con altre funzioni che sono assolutamente
prioritarie. Nel quartiere le automobili non sono più
veloci e pericolosi strumenti meccanici, soprattutto
non hanno più la precedenza. Il ritmo è lento perché
non è scandito dalle macchine ma dai nostri sensi. Si
cammina su percorsi disegnati da strane figure o da
vecchi giochi. Le strade ritornano a essere luoghi di
incontro, di relazione, di gioco.
La corte della grande quercia
Luogo di riferimento.
La corte centrale del quartiere sulla quale prospettano
tutte le abitazioni è caratterizzata dalla presenza di una
grande quercia. La quercia è la pianta più grande e
possente dei nostri luoghi, un riferimento certo e
sicuro che dura nel tempo.
È un perno naturale attorno al quale ruota la vita
del quartiere. Per questo motivo è stata posta alla
confluenza dei vari percorsi, là dove più forte pulsa il
“cuore”. Per rafforzare il suo ruolo simbolico è stata
dotata di una serie di sedute e di attrezzature che la
qualificano anche come luogo di incontro.
9
progetti
In strada a giocare
In tutta Italia c’è un’iniziativa che una volta l’anno restituisce ai cittadini il territorio, le
strade, le piazze, la città. Permette loro di poter attraversare senza rischiare di essere
investiti, camminare su un marciapiede senza essere ostacolati dalle automobili in sosta
selvaggia, respirare senza pericoli per la salute derivanti da traffico e smog. Peccato che sia
una sola volta l’anno...
ı il MONDODOMANI 03.10 - la città che vorrei
di Luciano Ventura
Responsabile Legambiente Ragazzi
10
Una domanda mi pongo: i bambini, i ragazzi di
oggi, vivono meglio o peggio di quindici anni fa?
In quindici anni le parole d’ordine sui diritti
dell’infanzia sono entrate nel lessico comune della
politica, dei media e perfino nella comunicazione
d’impresa. Diritti dell’infanzia, adozioni a distanza,
cooperazione internazionale, Progettazione
partecipata hanno trovato spazio in luoghi e
pensieri. I bambini, di tutto il mondo, hanno
trovato i loro difensori: persone, enti, associazioni
si sono fatte carico di dare visibilità e credito a
quella Convenzione che per la prima volta ne
riconosceva i diritti fondamentali. Un percorso
lungo e faticoso se, ancor oggi, alcuni grandi Stati
ne rimandano la ratifica. In Italia il fronte dei
soggetti che si occupano di infanzia e
adolescenza è stato, ed è, molto ampio. Fino a
qualche anno fa leggi nazionali e territoriali
garantivano finanziamenti per servizi e
partecipazione. Il rischio che si correva era solo
quello di spendere e non investire, di raccogliere
ma non seminare. Oggi lo possiamo dire, è
mancata la capacità di progettare
complessivamente intorno al pianeta infanzia, non
si è riusciti a creare i presupposti affinché nella
nostra società potessero crescere il diritto alla
cittadinanza e quello ai servizi, il diritto al gioco e
agli spazi, alla famiglia e all’istruzione. Troppo
spesso si è pensato che i bambini nel nostro
paese non avessero problemi, immaginandoli più
fortunati dei tanti che, in troppe parti del mondo,
cercano di strappare un giorno in più di vita al
virus dell’Aids o, ancor più semplicemente, alla
piaga della fame. Vedevamo, quindici anni fa, il
rischio di distrarsi in scelte demagogiche e di
facciata. I governi sono cambiati, e con essi le
priorità della politica. Oggi c’è la crisi a giustificare
tutto ma le cose dei bambini sono state relegate
ad affari di secondo piano già da tempo.
Aumentano, forse, i servizi, quelli privati.
Tempi e luoghi a pagamento scadenzati da ritmi
adulti. Bambini, ragazzi, giovani che vogliano
trovare momenti di autogestione non hanno a
disposizione luoghi e strumenti per farlo.
Nelle città le strade dove incontrarsi sono oggi
rappresentate dai grandi centri commerciali, gli
stessi genitori si sentono più tranquilli nel sapere i
loro figli al sicuro (?) tra file di vetrine in piazze
commerciali. Incontrarsi in una città però
dovrebbe essere anche potersi guardare intorno,
scoprire gli angoli più belli del proprio paese,
conoscere i quartieri per sentirsi cittadini. Oggi i
nostri ragazzi hanno paura della città. Si è scelto di
assecondare una mobilità insostenibile, di favorire
l’industria delle macchine e non quella degli
uomini. Abbiamo sacrificato l’ambiente pur consci
che il sacrificio avrebbe coinvolto anche i nostri
figli. Eppure guardare bambini e adulti giocare in
strade libere e sicure ogni volta ci riempie il cuore
e ci fa pensare che non dovrebbe essere difficile
immaginare un mondo più pulito. È il mondo che
ogni anno ci restituisce l’iniziativa “100 Strade per
Giocare”. Un giorno per giocare sì, ma soprattutto
per riflettere. Un giorno in cui si incontrano
generazioni e culture, un giorno in cui si
confrontano progetti e visioni.
Quando nel 1995 organizzavamo la prima
edizione di "100 Strade per Giocare" eravamo
consci dell’importanza di limitare l’invasione delle
automobili per restituire la strada al gioco dei
bambini altrimenti costretti davanti a quella che è
stata definita "mamma" televisione. Quindici anni fa
puntare alla chiusura, seppur per un giorno, di 100
strade in tutta Italia ci sembrava una sacrosanta
ambizione. Niente automobili, solo giochi,
laboratori, mostre e musica. Tutti gli ingredienti per
la ricetta più bella: stare insieme. Erano gli anni
delle città sostenibili, dei diritti dell’infanzia, della
partecipazione.
La risposta del territorio fu entusiasta. Centinaia
di strade vennero chiuse al traffico in quella prima
edizione. Centinaia le città che ogni anno, dal 1995,
vengono coinvolte in un giorno che non è solo
festa ma anche, anzi soprattutto, una vertenza di
cittadinanza. E da allora, grazie alle vertenze nate
con l’iniziativa di Legambiente alcune strade sono
state trasformate in piazze o pedonalizzate, molti
amministratori hanno rivisto la viabilità di quartieri e
paesi, molte piste ciclabili hanno preso il posto di
strade carrabili. Questo è stato possibile perché
"100 Strade per Giocare" si è presentata come
strumento a disposizione di cittadini e associazioni
giocare è ancora sentita realmente? È percepita o
è stata soffocata dalle tante proposte
“casalinghe”? Non credo esista una sola risposta.
Dipende dalle famiglie, dal territorio e dai
bambini stessi. La scelta tra un videogioco e una
partita di calcio in piazza, tra un cartone animato in
tv e una merenda al parco oggi è orientata,
appunto, da tanti fattori. E allora "100 Strade per
Giocare" non si limita, dopo quindici anni, a dar
voce a chi rivuole una strada ma quella voce la
rivolge a tutti, bambini e adulti, perché tornino a
guardarsi intorno per scoprire che un mondo
diverso è possibile, che città più vivibili e sicure
dipendono anche da quanto le vogliamo.
Le nostre scelte possono contare, per noi e
per le generazioni future, possono fare pressione
su chi deve amministrare le nostre città o
governare il nostro paese. Perché le città sono
nostre e il paese è nostro e non possiamo
pensare, non dobbiamo pensare, che ci sia
sempre qualcun’altro che decide per noi, nel bene
e nel male. Ma la domanda iniziale torna
pressante e la risposta è forse una non risposta: i
bambini, i ragazzi di oggi non stanno meglio o
peggio di quindici anni fa. I giovanissimi cittadini
hanno tanti strumenti in più, a cominciare dalla
televisione digitale e da internet, che pure
additiamo spesso come il male, per sapere e
capire cosa avviene nel mondo, ma anche tanti
ostacoli per poterli utilizzare e per decodificare i
tanti messaggi e i tanti linguaggi con cui si
devono rapportare. Oggi più che mai, allora, serve
la capacità di tanti soggetti, politici ed educativi di
rimettere i bambini al centro, per potere tornare
ad essere grandi occupandoci dei diritti dei più
piccoli.
ı la città che vorrei - 03-10
© LEGAMBIENTE
per poter mettere in luce problemi e proposte.
Esercitare il diritto alla cittadinanza
Non basta lamentarsi e prendersela con il
Sindaco, bisogna capire e studiare, pensare e
progettare per far buon uso di quel diritto di
cittadinanza che non sempre rispettiamo. Quel
diritto di cittadinanza che i bambini hanno spesso
dimostrato di saper utilizzare meglio dei grandi.
Ecco, dietro all’iniziativa di Legambiente c’era
questo, la convinzione che ognuno di noi abbia
competenze da mettere a disposizione di tutti e
che queste competenze debbano essere
condivise. I giovanissimi questo lo fanno, se si da
loro spazio e tempo. Purtroppo il tempo non c’è
mai, o non si vuole che ci sia. La politica cerca
sempre strade veloci e pericolose scorciatoie.
Forse è per questo che anche oggi, con una
crisi economica e sociale che investe l’Europa
tutta, si sceglie di tagliare nei settori
dell’educazione e della formazione. Si sceglie, e
questo da tempo, di dare meno spazio alla voce
dei bambini, di offrire meno tempo per scoprire e
conoscere. La conseguenza è che le città ci
vengono negate e i più giovani non hanno
strumenti e riferimenti per accorgersene. I
bambini di quindici anni fa, oggi maggiorenni e
probabilmente guidatori incalliti, reclamavano le
strade, sentivano che qualcosa era stato loro tolto
o negato. "100 Strade per Giocare" rappresentava
lo strumento per dare voce e sostanza alla loro
gioiosa protesta.
Durante "100 Strade per Giocare" li vedi
divertirsi, colorare l’asfalto e sfidare le auto con
multe morali; ma quella voglia di strada c’è
ancora? L’esigenza di poter stare all’aperto, in una
piazza o su un muretto per scambiare idee e
11
imprese solidali
Lo spazio interno
La più famosa azienda di arredamento e complementi di arredo, IKEA, deve il suo
successo anche a designer, architetti e creativi che progettano in maniera funzionale ed
ecocompatibile. Primo partner aziendale dell'UNICEF nel mondo, il colosso svedese
investe anche per migliorare le condizioni di vita dei paesi in cui lavora, soprattutto di
donne e bambini, in 500 villaggi indiani.
di Valerio Di Bussolo
Responsabile relazioni esterne IKEA Italia.
ı il MONDODOMANI 03.10 - la città che vorrei
© UNICEF NYHQ2007-2060 DAVID BERKWITZ
Muoversi, giocare, relazionarsi e socializzare sono
tutti prerequisiti importantissimi per lo sviluppo
armonico del bambino, che tramite queste azioni
conosce il mondo attorno a sé.
La crescita dei bambini attraversa diversi stadi
di apprendimento, ognuno dei quali ha delle particolari caratteristiche legate all’età; per questo in
IKEA abbiamo pensato ad un assortimento specifico che tenga conto dei vari cambiamenti, non
solo attraverso la produzione di mobili estetica-
12
mente attraenti per i più piccoli, ma anche fornendo al cliente nuove linee guida su come allestire
una cameretta o uno spazio comune all’interno
della casa, invitando in questo modo i bambini a
vivere il gioco in modo sicuro e divertente.
Nel creare un’ambiente dedicato ai bambini ci
mettiamo “alla loro altezza”: capita di frequente
che un arredatore IKEA cammini a carponi per vedere e fruire la stanza così come lo farebbero gli
occhi di un bambino.
Partendo dal presupposto che qualsiasi oggetto è potenzialmente un gioco, abbiamo stressato
questo concetto: le nostre proposte vanno dai
giochi di ruolo che imitano le azioni dei grandi fino
alla versione “adulta” - in cui non esiste più l’angolo dedicato al bambino, ma è la stanza intera
che interagisce con gli adulti che vivono con dei
bambini.
Questo è certamente un elemento rivoluzionario per alcune culture europee: ma a poco a poco
sta prendendo piede anche in una cultura come
quella italiana, da sempre molto restrittiva negli
ambiti di azione dedicati ai bambini.
Sempre più spesso vediamo all’interno di un
soggiorno italiano un tavolino “mammut” fare
bella mostra accanto al divano e sul tappeto; oppure, sotto il tavolo della cucina, un tappeto gioco
e tanti piccoli utensili “duktig” che i bambini utilizzano durante la preparazione del pranzo; o
anche, in modo ancora più originale, un percorso
creato da tanti piccoli specchi che percorrono la
parete lungo un corridoio a pochissimi centimetri
di altezza.
Le camerette, poi, sono state pensate ad altezza bambino e vengono costruite spesso con
materiali ecocompatibili. La conoscenza del modo
di vivere dei bambini da 0 a 7 anni ci ha permesso di sviluppare un assortimento dotato di forme
accattivanti e di colori accesi, che richiama il
mondo delle favole e gli universi più fantastici, accompagnando ogni momento della crescita senza
mai trascurare requisiti di sicurezza molto rigidi.
In IKEA abbiamo la certezza che se i prerequisiti sopra elencati saranno applicati, la generazione a venire non potrà che essere formata da adulti responsabili e consapevoli.
Bio-ecologia e architettura per l’infanzia
di Silvia Giordano
Architetto, si è laureata alla facoltà di architettura del Politecnico di Torino, con una tesi su “La progettazione bio-ecologica applicata all'architettura per l'infanzia: materiali e tecniche per il controllo dell'inquinamento indoor." Di cui presentiamo un breve stralcio.
Vincenzo Lorefice (a cura di)
Rispetto dell’ambiente e sviluppo
sostenibile
Per una nuova Educazione alla
Convivenza Civile
Roma, Bonanno Editore, 2009,
pp. 158, Euro 14,00
Il volume raccoglie una serie di
relazioni sul tema ambientale
tenute nell’ambito di un corso di
aggiornamento promosso dal
Comitato Provinciale UNICEF di
Catania.
L’idea interessante che sottende a
questi contributi è la prospettiva
interdisciplinare con cui viene
affrontata l’Educazione
ambientale, che è parte di una più
ampia Educazione alla convivenza
civile. Vincenzo Lorefice,
Presidente della sede UNICEF di
Catania, in qualità di curatore e coordinare del corso ha voluto
raccogliere e presentare i punti di vista di diversi specialisti. Si tratta di
esperti di ambiente e di educazione ai diritti, di docenti e ricercatori
anche nel campo medico, che sottolineano quanto l’impegno per il
rispetto dell’ambiente non possa considerarsi secondario per il
benessere delle persone, in particolare dei bambini, a tutte le latitudini.
L’ambiente è dunque salute, sviluppo, futuro sostenibile, civiltà,
educazione: il volume, composto di 14 saggi, è rivolto soprattutto agli
studenti universitari ma è senz’altro una lettura molto interessante anche
per un pubblico più ampio.
controllare l'ingresso di tali sostanze. Dopo
un'indagine di mercato, effettuata nel
panorama delle ditte produttrici di materiali per
l'edilizia, ho redatto un centinaio circa di
schede prodotto, previa analisi delle possibili
strategie di controllo che si possono adottare
in fase progettuale per eliminare l'emissione di
sostanze nocive indoor. Le schede prodotto
possono costituire uno strumento prezioso di
informazione che, nelle mani dell'utente, delle
pubbliche amministrazioni o dello stesso
progettista, rappresenta un valido aiuto per
approfondire la conoscenza dei prodotti
commercializzati, scaturire stimoli, contatti e
scambi commerciali che abbiano come fine
ultimo quello di migliorare la produzione di
manufatti architettonici sani, funzionali e anche
"belli". (abstract da Archivio Webthesis.it)
ı la salute è vitaı la città che vorrei - 03-10
Ogni edificio è un organismo con una
complicata vita interiore: temperatura, umidità
dell'aria, superfici, colori armonici, tutti fattori
che concorrono affinché possa crearsi
un'atmosfera abitativa confortevole. Il senso di
benessere che si può provare ha a che fare
con i materiali da costruzione usati e con le
loro combinazioni, con gli oggetti
d'arredamento, con il trattamento delle
superfici, con l'allestimento di luci e colori e,
naturalmente, con i metodi costruttivi.
All'interno di qualsiasi edificio dovrebbe essere
possibile una vita sana, in un'atmosfera
gradevole, ma questo non è sempre
facilmente attuabile nell'era della chimica e
della plastica. Se, poi, questo tipo di attenzioni
dovrebbe essere rivolto ad ambienti nei quali
l'adulto è solito soggiornare per periodi più o
meno brevi, è palese come garantire un
ambiente salutare e stimolante sia prioritario
nel caso in cui l'utente principe sia il bambino.
In seguito a queste riflessioni ho voluto
analizzare, secondo i principi della
progettazione bioecologica, le tecniche e i
materiali adatti a soddisfare, in modo ottimale,
il requisito di qualità dell'aria interna nelle
architetture dell'infanzia. Sono partita
individuando le esigenze e i bisogni dell'utenza
che un progettista deve soddisfare attraverso
anche la sinergia di competenze diverse e
specializzate quali gli educatori, gli psicologi,
ecc. Tale analisi è stata, a mio parere,
necessaria per capire la relazione esistente tra
l'involucro edilizio e l'allestimento degli spazi
che, interagendo sinergicamente, concorrono
al raggiungimento di un obiettivo comune
quale il comfort. Esiste una corrispondenza tra
esigenze psicologiche e fisiologiche, è
necessario riflettere su quali debbano essere i
requisiti ambientali che devono possedere le
strutture destinate ai più piccoli, affinché il
microclima indoor e la qualità dell'aria siano
per loro salubri. Esistono infatti sorgenti
possibili di inquinamento e le proprietà degli
inquinanti che possono intaccare l'interno dei
locali, avendo effetti sull'organismo dei
bambini; ma esistono anche limiti normativi
vigenti e possibili strategie progettuali per
13
© UNICEF NYHQ1996-0998 FRANK
tempi moderni
I non luoghi
I ragazzi. La città. I luoghi di aggregazione, il sentimento di appartenenza a una comunità.
Cambiano i tempi, cambiano le modalità, ma il bisogno di comunicare, di ritrovarsi, di
aggregarsi è una necessità umana, fisiologica e costante.
ı il MONDODOMANI 03.10 - la città che vorrei
di Silvia Antonini
UNICEF Italia
14
I ragazzi vissuti negli anni Ottanta comunicavano e
si ritrovavano insieme in maniera diversa dai giovani
nell’era di Internet, di Facebook, del cellulare e
questo è tanto più vero quanto più si vive
nell’ambiente urbano.
Eppure i ragazzi cercano ogni modo per
comunicare, esprimersi, confrontarsi con gli altri e
cercano luoghi di aggregazione in un ambiente
urbano pensato, progettato e costruito in funzione
delle esigenze dei cittadini adulti.
Cittadino non è solo chi è over 18, ma cittadini,
abitanti di uno spazio sono ragazzi e bambini, le cui
esigenze sono spesso circoscritte e costrette ai
metri quadri del parco giochi, protetti dal mondo
esterno e vincolati in uno spazio che non
interagisce con il resto della città e dei suoi abitanti.
Mentre i bambini giocano “confinati” nei parchi,
gli adolescenti cercano spazi grandi e dispersivi
dove ritrovarsi: centri commerciali, ipermercati
diventano per loro nonluoghi, come li ha definiti
l’altropologo Augé, dove l’imperativo è l’acquisto di
prodotti o di divertimento, dove l’identità,
l’individualità, la relazione umana si perdono,
inghiottite dal vortice del consumo.
I luoghi di aggregazione sono dunque pilotati
sempre più dal sistema consumistico che induce i
ragazzi e gli adulti verso questi spazi dove trovare
stimolanti offerte di acquisto e divertimento.
Effettivamente gli spazi urbani sono spesso
difficilmente frequentabili per molteplici cause, in
primis il numero di automobili in circolazione.
Tuttavia lo spazio libero nella città, ossia la
strada, la piazza hanno in sé un valore educativo
importante e la possibilità di poter vivere questi
spazi è formativo per il ragazzo o il bambino che
impara a conoscere e riconoscere gli elementi, i
simboli della società in cui vive.
Quindi seppur con le difficoltà che la modernità
dell’ambiente urbano pone, è importante che gli
adulti offrano ai giovani e ai bambini la possibilità di
vivere la propria città e di permettere loro di
incontrarsi ed esplorare l’ambiente urbano,
alimentando la curiosità, la determinazione a
scegliersi uno spazio aggregativo (come un
semplice muretto o una panchina in una piazza) che
rappresenta luogo di scambio tra coetanei e con il
mondo circostante.
Lo spazio, l’habitat in cui si cresce rappresenta
sempre un luogo formativo ed educativo per i
giovani; ci vuole volontà politica, coraggio, capacità
di offrire loro qualcosa di più importante che spazi
vuoti da riempire con il consumo.
Riflessioni di Anna Vivarelli
La città di fretta
La città si chiamava Fretta. Era così grande che non si sapeva dove cominciava e dove finiva. Era così grande che mai nessuno era riuscito ad attraversarla tutta senza fermarsi.
Dentro la città c’erano fiumi e colline, laghi vulcanici e campi coltivati.
C’erano perfino qualche palude e un paio di risaie che in primavera venivano sommerse
dall’acqua.
E poi naturalmente fabbriche che sputacchiavano fumi bianchi e neri, negozi e case e ipersupermegamagazzini quasi a ogni angolo.
La città era talmente grande che ribolliva di attività a ogni ora del giorno e della notte.
C’erano sempre tante cose da fare e non si aveva tempo da perdere: per questo tutti correvano. Correvano a piedi, o sui pattini, o in bici, in macchina, in moto, in monopattino.
Per tenere il tempo sotto controllo, la città era piena di orologi, che correvano rumorosamente come il resto: bum, bum, bum. È ora di preparare la cena. È ora di mangiare. É ora
di dormire. Sveglia, sveglia, è ora di lavarsi.
La scuola sta per cominciare. Bum, bum, bum. Farai tardi in ufficio. C’è appena il tempo
per un caffè. Scotta, mi sono bruciato la lingua, fa niente. Bum, bum.
Nessuno sapeva quando e come fosse iniziata tutta quella fretta. Qualcuno si ricordava
qualcuno che aveva conosciuto qualcuno che giocava a carte, e di qualcun altro che quando era piccolo giocava giochi lenti e lunghi, e addirittura di qualche cane randagio che
dormicchiava sul bordo della strada. Ma forse erano solo favole, come draghi volanti o le
streghe a cavallo delle scope.
Un giorno come tanti arrivò in quella città una signora molto vecchia con un sorriso in faccia e il passo lento. – Si muova prego – diceva la gente per la strada. – Non intralci, per favore – incitava il vigile all’incrocio. Ma la signora continuava a camminare adagio.
Ogni tanto si fermava e si guardava intorno. Seguiva con gli occhi gli intrecci delle strade,
osservava le pietre quadrate del selciato, alzava gli occhi fin sulla cima dei platani potati
da poco. – Si scansi – le dicevano i passanti.
Dopo un po’ la signora arrivò in un piccolo giardino: si guardò intorno e trovò una vecchia
panchina dimenticata. Le diede una pulitina, si mise a sedere e restò lì.
Arrivò un bambino grasso e si fermò. Tirò fuori una mela e si sedette sulla panchina. –
Perché ti sei fermato? – gli domandò la signora vecchia. – Lo faccio spesso rispose il bambino –.
– Davvero? - Mmm – rispose lui masticando piano. – E nessuno ti spinge? – Come no. Ci
hanno provato tutti. Mamma, papà, la maestra. Mi hanno perfino portato da un dottore –
rispose il bambino grasso. – E com’è andata? – Il dottore si è arrabbiato perché gli facevo
perdere un sacco di tempo. Ci mettevo troppo a rispondere, così ha detto che non c’era
niente da fare...
Anna Vivarelli, è una scrittrice e
drammaturga italiana. Ha esordito giovanissima come autrice
teatrale e radiofonica per la Rai.
Ha insegnato storia del teatro in
scuole di recitazione, e ha svolto
per molti anni attività giornalistica. Dal 1996, anno in cui vinse il
premio Battello a Vapore, si dedica esclusivamente alla letteratura
per ragazzi. Nel 2010 le è stato
assegnato il Premio Andersen
come miglior scrittore. Vive e
lavora a Torino.
ı la città che vorrei - 03-10
(estratto dall'articolo La città di festa, di Anna Vivarelli contenuto nella pubblicazione Diversi e uguali, Città Nuova)
15
Libri
a cura di Patrizia Paternò
Laura Alcoba
La bambina della casa dei conigli
Milano, Piemme, 2009, pp. 140, Euro 13,50
Argentina 1975. Nei mesi che precedono il
golpe, nella vita di Laura, che ha solo 7 anni,
si verificano tante cose strane. I suoi genitori
sono oppositori del regime e la vita
quotidiana di tutta la famiglia è sconvolta.
Pur essendo così piccola, Laura sa che deve
stare attenta, non deve parlare, deve
simulare. E soprattutto deve mantenere il
segreto della casa in cui vive con due amici
della mamma, Diana e Cicho. Proprio lì,
dietro l’apparente costruzione di un
capannone per allevare i conigli, si cela il
progetto di nascondere una tipografia
clandestina.
Col passare dei mesi la vita si fa sempre più
pericolosa e i nonni spingeranno la madre a
fuggire dal paese. Anche Laura la
raggiungerà qualche tempo dopo e terrà con
sé tutti i ricordi della casa dei conigli,
scoprendo solo tempo dopo che tutti coloro
che ci vivevano sono stati uccisi.
L’autrice affida i suoi ricordi alla voce narrante
di Laura bambina e alle sue emozioni,
“non tanto per ricordare, quanto, se
possibile, per riuscire a dimenticare un po’”.
E forse soprattutto per restituire un segno di
affetto ai suoi vecchi amici, Diana e Cicho, e
alla loro piccola Clara, figlia della dittatura e
inghiottita dalla dittatura mentre i suoi
genitori venivano uccisi.
Laura Monica Majocchi (a cura di)
Associazione Amici Trentini Onlus
Ho adottato mamma e papà
Storie di adozione internazionale
Trento, Edizioni Erickson, 2010, pp. 168, Euro 14,50
Il mondo dell’adozione, soprattutto per chi
non l’ha percorso, è un mondo a sé, fatto di
sogni e speranze, ma non meno di fatica e
disincanto.
È quindi un territorio delicato e complesso da
esplorare e forse è possibile comprenderlo
solo se ci si è passati molto vicini. Per questo
è bene accogliere i libri e le testimonianze
dirette sull’argomento con rispetto per le
coppie che intraprendono questo cammino, e
soprattutto per i tanti bambini in tutto il
mondo che sono rimasti soli e sono in attesa
di essere affidati a una famiglia adottiva.
Per questo il cuore del libro è rappresentato dalle
testimonianze dei genitori, nella convinzione che solo le loro
parole possano comunicare in modo incisivo e credibile
l’esperienza dell’adozione. Vale davvero la
pena leggere queste bellissime storie, anche
se si è distanti dall’esperienza genitoriale o
dell’adozione, perché aiutano a capire senza
retorica i desideri, l’attesa, le paure e le
difficoltà di tutti coloro che vogliono
accogliere un bambino.
Si intuisce in fretta di dover attingere a molte
qualità, scrive Claudia nella sua
testimonianza, come forza fisica, intuizione,
capacità organizzativa, pazienza, controllo.
Scoprendo, alla prima crisi, che tutti i corsi,
i libri e i consigli raccolti negli anni possono
rivelarsi insufficienti.
Ogni testimonianza è seguita da “Spunti per
la riflessione” che aiutano a capire e
interpretare i vissuti dei bambini e dei neo
genitori. In appendice, per dare voce ai
bambini, sono pubblicati alcuni loro disegni
che rappresentano in modo più diretto le emozioni e i
sentimenti del loro viaggio nella nuova famiglia.
ı il MONDODOMANI 03.10 - la città che vorrei
Beatrice Masini
Bambini nel bosco
Roma, Fanucci Editore, 2010, pp. 200, Euro 14,00
16
Sulla forza vitale dei libri c’è un’ampia
letteratura e un’affascinante
cinematografia. Così non sorprende se a
“salvare” un gruppo di bambini senza
ricordi e memoria, senza famiglia e senza
casa saranno proprio le storie conservate
tra le pagine di un unico libro gelosamente
custodito da Tom, uno dei ragazzini che
vivono prigionieri nel campo vicino al
bosco, la Base.
Tom è un po’ diverso dagli altri e
soprattutto dalla durissima Hana, leader del
gruppo, perché a differenza dei suoi
coetanei si perde in mille pensieri e a volte
sente riemergere frammenti di vita passata,
i Cocci. Gli altri sembra abbiano
dimenticato tutto, o quasi.
Un giorno Tom spinge i ragazzini a
scappare dalla Base e a raggiungere il
bosco, dove per loro ricomincerà una vita
di emozioni, sentimenti ma anche di
contrasti.
Un po’ fantascienza e un po’ thriller, questo
libro per ragazzi è un viaggio attraverso i
timori e le emozioni di alcuni bambini che
riscoprono, grazie alla lettura delle favole, il
loro mondo dimenticato. E attraverso le
storie dei personaggi delle favole anche
loro inventano una personalissima storia.
Sedi e punti d’incontro dei Comitati Regionali e Provinciali UNICEF
ABRUZZO
Pescara
Tel. 0854219158
Fax 0854210251
www.unicef.it/pescara
Chieti
Tel. 0871331081
www.unicef.it/chieti
L'Aquila
Tel. e Fax 0862420401
www.unicef.it/laquila
Teramo
Tel. e Fax 0861241541
www.unicef.it/teramo
BASILICATA
Potenza
Tel. e Fax 097137529
cellulare: 339 5686395
www.unicef.it/potenza
Matera
Tel. e Fax 0835388055
www.unicef.it/matera
CALABRIA
Cosenza
Tel. 0984481532
www.unicef.it/cosenza
Catanzaro
Tel. 0961771901 - 0961775060
Fax 0961771741
www.unicef.it/catanzaro
Crotone
Tel. 096224453
www.unicef.it/crotone
Reggio Calabria
Tel. e Fax 0965810655
www.unicef.it/reggiocalabria
Vibo Valentia
cell. 3409022187
www.unicef.it/vibovalentia
CAMPANIA
Napoli
Tel. 0817147057
Tel. e Fax 081645895
www.unicef.it/napoli
Avellino
Tel. 0825792276
Fax 0825281420
www.unicef.it/avellino
Benevento
Tel. e Fax 0824482065
www.unicef.it/benevento
Caserta
Tel. 0823320055
www.unicef.it/caserta
Salerno
Tel. 089756054
www.unicef.it/salerno
EMILIA ROMAGNA
Bologna
Tel. e Fax 051272756
www.unicef.it/bologna
Ferrara
Tel. e Fax 0532211121
www.unicef.it/ferrara
Forlì - Cesena
Tel. 054334937
www.unicef.it/forlicesena
Modena
Tel. e Fax 059244401
www.unicef.it/modena
Parma
Tel. 0521821547
Punto d'Incontro
Tel. 0521235914
www.unicef.it/parma
Piacenza
Tel. e Fax 0523335075
www.unicef.it/piacenza
Ravenna
Tel. e Fax 05443955
www.unicef.it/ravenna
Reggio Emilia
Tel. e Fax 0522454841
www.unicef.it/reggioemilia
Rimini
Tel. e Fax 054123344
www.unicef.it/rimini
FRIULI VENEZIA GIULIA
Trieste
Tel. e Fax 040351485
www.unicef.it/trieste
Gorizia
Tel. e Fax 0481545275
www.unicef.it/gorizia
Pordenone
Tel. e Fax 043443743
www.unicef.it/pordenone
Udine
Tel. e Fax 043221901
www.unicef.it/udine
LAZIO
Frosinone
Tel. e Fax 0775604618
www.unicef.it/frosinone
Latina
Tel. 0773691746
www.unicef.it/latina
Rieti
Tel. 0746498456
www.unicef.it/rieti
Roma
Tel. 0647809264
www.unicef.it/roma
Civitavecchia
Tel. e Fax 076620484
www.unicef.it/civitavecchia
Viterbo
Tel. e Fax 0761325833
Punto d'Incontro
Tel. e Fax 0761304830
www.unicef.it/viterbo
LIGURIA
Genova
Tel. e Fax 010532550
www.unicef.it/genova
Chiavari
Tel. 0185320063
www.unicef.it/chiavari
Imperia
Tel. 338149107
Punto d'Incontro
Tel. 0184500930
www.unicef.it/imperia
La Spezia
Tel. e Fax 0187515707
www.unicef.it/laspezia
Savona
Tel. 019812358
www.unicef.it/savona
LOMBARDIA
Milano
Tel. 024654771
Punto d'Incontro
Tel. e Fax 0286996612
www.unicef.it/milano
Cinisello Balsamo
Tel. e Fax 0266017376
www.unicef.it/cinisellobalsamo
Bergamo
Tel. 035219517
Punto d'Incontro
Tel. 035249649
www.unicef.it/bergamo
Brescia
Tel. e Fax 0303752647
www.unicef.it/brescia
Como
Tel. e Fax 031571174
www.unicef.it/como
Cremona
Tel. 037223577
Punto d'incontro
Tel. e Fax 037230475
www.unicef.it/cremona
Lecco
Tel. e Fax 0341282994
www.unicef.it/lecco
Lodi
Tel. 0371431660
www.unicef.it/lodi
Mantova
Tel. 0376223520
www.unicef.it/mantova
Pavia
Tel. e Fax 038229937
www.unicef.it/pavia
Sondrio
Tel. e Fax 034336045
www.unicef.it/sondrio
Varese
Tel. e Fax 0332238640
www.unicef.it/varese
Saronno
Tel. 0296280096
www.unicef.it/saronno
MARCHE
Ancona
Tel. e Fax 071202750
Punto d'Incontro
Tel. 0712080600
www.unicef.it/ancona
Ascoli Piceno
Tel. e Fax 0735581227
www.unicef.it/ascolipiceno
Macerata
Tel. 0733264406
www.unicef.it/macerata
Pesaro - Urbino
Tel. 0721638033
www.unicef.it/pesarourbino
Enna
Tel. e Fax 0935960532
www.unicef.it/enna
Palermo
Tel. e Fax 0916810605
www.unicef.it/palermo
Ragusa
Tel. e Fax 0932682450
www.unicef.it/ragusa
Siracusa
Tel. 0931442631
www.unicef.it/siracusa
Trapani
Tel. e Fax 092321500
www.unicef.it/trapani
MOLISE
Campobasso
Tel. e Fax 0874484541
www.unicef.it/campobasso
Isernia
Tel. e Fax 0874413752
www.unicef.it/isernia
TOSCANA
Firenze
Tel. 0552207144
www.unicef.it/firenze
Arezzo
Tel. 0575908484
www.unicef.it/arezzo
Grosseto
Tel. 0564418051
www.unicef.it/grosseto
Livorno
Punto d'Incontro
Tel. e Fax 0586802188
www.unicef.it/livorno
Lucca
Tel. e Fax 0583467791
www.unicef.it/lucca
Massa Carrara
Tel. e Fax 0585633590
www.unicef.it/massacarrara
Pisa
Tel. e Fax 05048663
www.unicef.it/pisa
Pistoia
Tel. 057322000
www.unicef.it/pistoia
Prato
Tel. 057427013
www.unicef.it/prato
Siena
Tel. 0577232151
Fax 0577232392
www.unicef.it/siena
PIEMONTE
Biella
Tel. e Fax 01521021
www.unicef.it/biella
Alessandria
Tel. 0131610487
Punto d'Incontro
Tel. 0131821458
www.unicef.it/alessandria
Asti
Tel. e Fax 0141358023
www.unicef.it/asti
Cuneo
Tel. 0171690291
www.unicef.it/cuneo
Novara
Tel. e Fax 0321390591
www.unicef.it/novara
Torino
Tel. 0115625272 - 0115622875
www.unicef.it/torino
Verbania
Tel. e Fax 032353699
www.unicef.it/verbania
Vercelli
Tel. 0161215788
Punto d'Incontro
Tel. e Fax 016327495
www.unicef.it/vercelli
PUGLIA
Bari
Tel. 0805235482
www.unicef.it/bari
Brindisi
Tel. 0831986135
www.unicef.it/brindisi
Foggia
Tel. 0881771605
cell. 3498940571
www.unicef.it/foggia
Lecce
Tel. e Fax 0832241744
www.unicef.it/lecce
Taranto
Tel. e Fax 0994795009
www.unicef.it/taranto
SARDEGNA
Cagliari
Tel. 0702776034
www.unicef.it/cagliari
Nuoro
Tel. 0784238627
www.unicef.it/nuoro
Oristano
Tel. 078371117
www.unicef.it/oristano
Sassari
Tel. e Fax 079278981
www.unicef.it/sassari
SICILIA
Messina
Tel. e Fax 09043804
www.unicef.it/messina
Agrigento
Tel. 092228949
www.unicef.it/agrigento
Caltanissetta
Cell.: 3804593200
www.unicef.it/caltanissetta
Catania
Tel. 095320445
Fax 0957151638
www.unicef.it/catania
TRENTINO ALTO ADIGE
Trento
Tel. e Fax 0461986793
www.unicef.it/trento
Bolzano
Tel. e Fax 0471982011
www.unicef.it/bolzano
UMBRIA
Perugia
Tel. e Fax 0755849590
www.unicef.it/perugia
Terni
Tel. 0744300711
www.unicef.it/terni
VAL D’AOSTA
Aosta
Tel. 016541119 - 0161238500
www.unicef.it/aosta
VENETO
Venezia
Tel. 0412793878
www.unicef.it/veneto
Venezia
Tel. 0415239950
www.unicef.it/venezia
Belluno
Tel. e Fax 0437942987
www.unicef.it/belluno
Padova
Tel. 0498754988
Punto d'Incontro
Tel. 0498751886
www.unicef.it/padova
Rovigo
Tel. e Fax 042529449
www.unicef.it/rovigo
Treviso
Tel. e Fax 0422412314
www.unicef.it/treviso
Verona
Tel. e Fax 045575345
www.unicef.it/verona
Vicenza
Tel. e Fax 0444300484
www.unicef.it/vicenza
Fly UP