...

Scelta dei cavi sotto l`aspetto antincendio - bulletin

by user

on
Category: Documents
30

views

Report

Comments

Transcript

Scelta dei cavi sotto l`aspetto antincendio - bulletin
IN PRATICA PROTEZIONE ANTINCENDIO
EN PRATIquE PROTECTION CONTRE lEs INCENDIEs
Scelta dei cavi sotto l’aspetto
antincendio
Requisiti previsti dagli attuali regolamenti e norme
Per contrastare la propagazione di incendi negli edifici e
ridurre i relativi rischi, si devono utilizzare materiali
difficilmente combustibili, che non sviluppino fumi tossici
o corrosivi. Poiché anche la reazione al fuoco di sistemi
di cavi è rilevante, le direttive riguardanti i cavi installati
in maniera fissa sono state integrate nel regolamento
europeo sui prodotti da costruzione (CPR). Il regolamento integrato dalla Svizzera nella legge sui prodotti
da costruzione è in vigore da ottobre 2014. L’articolo
riassume il tenore delle direttive che aiutano a scegliere i
cavi.
Gruppo di lavoro CPR-Cable
Questi sono, tra gli altri, i proprietari
d’immobili, i progettisti, i fornitori, gli
installatori e il servizio antincendio.
Regolamento sui prodotti da
costruzione
Il nuovo regolamento sui prodotti da
costruzione vuole fornire informazioni
unitarie sui prodotti da costruzione, inclusa una classificazione unitaria. Questo compito viene risolto con l’aiuto di
una «lingua tecnica comune in Europa». I metodi unitari per la valutazione delle prestazioni sono stati specificati negli standard armonizzati. Per la
scelta dei prodotti, tutte le parti coin-
Mise à disp.
La Svizzera ha integrato il regolamento sui prodotti da costruzione (CPR)
[1] nella legge nazionale e nei suoi regolamenti [2, 3]. Cavi elettrici e ottici installati in maniera fissa ora sono considerati prodotti da costruzione e sottostanno a questo regolamento. L’integrazione del CPR nella legislazione svizzera
è avvenuta a fine agosto 2014, da ottobre 2014 il CPR è in vigore, ma l’applicabilità ai cavi dipende dalla pubblicazione della norma armonizzata EN
50575 nella Gazzetta ufficiale dell’UE
[4, 5].
Il tema è rilevante per tutti i responsabili della protezione antincendio.
volte nella realizzazione dell’opera di
costruzione devono attenersi a questi
standard.
La classificazione dei cavi e l’assenza
di materiali pericolosi sono documentati in una dichiarazione di prestazione
rilasciata da colui che «immette nel
mercato» il cavo. Solo quando questi
requisiti e le altre direttive della CE da
applicare sono soddisfatti, i cavi possono ricevere la marcatura CE.
Quali cavi concerne?
Il CPR concerne tutti i cavi che sono
installati in maniera fissa nelle opere di
costruzione. [1] Sono compresi i cavi in
relazione alla loro reazione al fuoco,
all’emissione di sostanze pericolose e in
futuro anche al mantenimento del funzionamento.
Per opere di costruzione qui si intendono costruzioni del soprassuolo e sottosuolo (gallerie, metropolitane, ecc.), che
sottostanno ai regolamenti in materia di
sicurezza in caso d’incendio, incluso il
regolamento teso a limitare la formazione e propagazione di fuoco e fumo.
Per la reazione al fuoco dei cavi, nel
regolamento sui prodotti da costruzione
sono definite diverse classi indicate come
«Reazione al fuoco per cavi elettrici
(classe di resistenza al fuoco)». Vi sono
le classi principali da Aca a Fca. I criteri
di classificazione per quest’ultime sono
cessione di calore, propagazione della
fiamma e sviluppo dell’incendio. In aggiunta vi sono ulteriori classificazioni,
differenziate in base alla formazione di
fumo (s1 – s3), gocciolamento di materiale in combustione (d0 – d2) e acidità
dei fumi (a1 – a3).
Direttive
Figura 1
La scelta del cavo
giusto può aiutare a
ridurre la propagazione del fuoco e a
proteggere vite
umane e beni
materiali.
Le nuove direttive e raccomandazioni
trattano la scelta di cavi sotto l’aspetto
della reazione al fuoco (Reaction to Fire):
■ la nuova norma per le installazioni a
bassa tensione NIN NIBT it 2015 [6],
■ le direttive antincendio 2015 dell’associazione degli istituti cantonali di assicurazione antincendio (AICAA) [7]
■ la raccomandazione KBOB come linee guida per committenti pubblici
Bulletin 10/2015
47
CPR-Cable
IN PRATICA PROTEZIONE ANTINCENDIO
EN PRATIquE PROTECTION CONTRE lEs INCENDIEs
KBOB
AICCA
NIBT
Livello di sicurezza elevato
nella vie
di fuga
FE5C
Cca-s1,d1,a1
BD 2-4
FE0D
Dca-s2,d2,a2
altrimenti
solo
BD1
X
TT e altri
Eca
Figura 2 I cavi per i diversi livelli di sicurezza contro l’incendio richiesti in Svizzera e la loro
idoneità secondo i diversi regolamenti.
Dichiarazioni chiave
Le dichiarazioni più importanti delle
norme e delle direttive svizzere sono le
seguenti:
■ La NIBT 2015 [6] classifica i locali
complessivamente in quattro livelli da
BD1 a BD4, in base a possibilità di
evacuazione, vie di soccorso e numero
di persone. Per i livelli da BD2 a BD4,
la NIBT esige cavi in materiale antifiamma e con sviluppo ritardato di
fumi e gas tossici [6, paragrafo E+C,
tabella 5.1.2.2.4.9].
■ L‘AICAA [7] definisce gruppi di reazione al fuoco ed un cosiddetto «comportamento critico». Un cavo presenta
un comportamento critico, ai sensi
dell’AICAA, se la velocità di combustione, la formazione di fumo, il gocciolamento / la caduta di frammenti di
materiale incandescente o il grado di
acidità superano determinati valori limite. Nella zona delle vie di fuga e di
soccorso è proibito installare cavi con
questo comportamento critico.
■ La raccomandazione KBOB, come linee guida per committenti pubblici [8]
non opera invece la distinzione per le
vie di fuga, bensì per «costruzioni e
impianti con elevato pericolo per le
persone, protezione di beni materiali
48
Bulletin 10/2015
e/o elevata sicurezza di approvvigionamento». Per una sicurezza elevata è
richiesta la classe di resistenza al fuoco
Cca-s1,d1,a1. Per il livello di sicurezza
inferiore la classe di resistenza al fuoco
Dca-s2,d2,a2. Questi requisiti sono indipendenti dall’utilizzo all’interno o
all’esterno di vie di fuga o di soccorso.
«
In caso d’incendio i cavi
devono produrre la minor
quantità possibile di fumi e
di gas corrosivi / tossici.
»
Raccomandazione per la
scelta del cavo
In relazione all’attuale prassi e includendo il regolamento sui prodotti da co-
I cavi di sicurezza non contenenti
alogeni, con bassa propagazione del
fuoco, in futuro dovranno soddisfare i
requisiti della classe di resistenza al
fuoco Cca-s1,d1,a1 e presentare un
comportamento «non critico». Sono
per questo idonei all’utilizzo nelle via di
fuga e di soccorso.
Per la guaina dei cavi per bassa tensione si consiglia il colore giallo. Come
eccezione, per l’installazione all’aperto si
consiglia il colore nero resistente ai raggi
UV. Il colore giallo della guaina assicura
l’identificazione di cavi con comportamento non critico nelle vie di fuga.
Tipica sigla del cavo: FE05C.
Livello di sicurezza medio
I cavi di sicurezza non contenenti
alogeni, con limitata propagazione del
fuoco, in futuro dovranno soddisfare i
requisiti della classe di resistenza al
fuoco Dca-s2,d2,a2 e possono presentare
un «comportamento critico». Non sono
ammessi nelle via di fuga e di soccorso.
Per la guaina dei cavi per bassa tensione si consiglia di utilizzare il colore
grigio. Come eccezione, per l’installazione all’aperto si consiglia il colore nero
resistente ai raggi UV. Ciò assicura che i
cavi non vengano erroneamente installati nelle vie di fuga o in sistemi di posa
con mantenimento del funzionamento.
Tipica sigla del cavo: FE0D.
Mise à disp.
[8]. Al momento è in «standby» fino
alla pubblicazione della EN 50575
nella Gazzetta ufficiale dell’UE.
Da questi documenti è possibile dedurre delle raccomandazioni per i cavi
ed assegnarle, secondo criteri tecnicamente ed economicamente sensati, alle
classi dei cavi secondo CPR 305/2011/
EC [1]. Ulteriori dettagli si trovano nelle
norme e direttive sopraelencate, le quali
descrivono l’attuazione della CPR. [4,5]
struzione CPR [1], risultano le seguenti
raccomandazioni per i cavi (figura 2):
Figura 3 Prova al fuoco, in base all’utilizzo per la classificazione descritta (reaction to fire). A
sinistra un cavo con livello di sicurezza basso, a destra uno con livello di sicurezza alto.
IN PRATICA PROTEZIONE ANTINCENDIO
EN PRATIquE PROTECTION CONTRE lEs INCENDIEs
Carico comburente ammissibile
nelle vie di fuga
Per il carico comburente massimo installato a causa della presenza di cavi, vi
sono regole dell’AICAA e valori limite [9],
citati anche dalla nuova NIBT: nella via
di fuga verticale devono essere utilizzati
solo cavi per l’allacciamento di apparecchi e impianti necessari alla via di fuga
stessa. Nella via di fuga orizzontale il ca-
rico comburente massimo è di 200 MJ/
metro lineare. Nelle vie di fuga orizzontali e verticali non devono essere utilizzati cavi con comportamento critico.
I carichi comburenti dei diversi cavi
sono riportati nelle schede tecniche dei
produttori.
Valori di sprigionamento di calore
KBOB per mezzo di classificazione
Mentre i valori AICAA/NIBT e le
indicazioni riguardanti il carico comburente indicato nelle schede tecniche
dei produttori si riferiscono ai tempi
trascorsi fino alla completa combustione dei cavi, KBOB utilizza i risultati delle nuove definizioni per le classi
di resistenza al fuoco secondo EN
50399 in relazione allo sprigionamento
di calore nei primi 20 minuti. Secondo
questo metodo di prova, nella KBOB il
valore massimo ammissibile per lo sprigionamento di calore è fissato in
50 MJ/m². Il valore di 50 MJ corrisponde ad uno sprigionamento di calore per m² per vie di fuga larghe 1 m.
Secondo KBOB nelle trombe delle
scale sono ammessi solo i sistemi di cavi,
necessari all’esercizio delle scale.
Mantenimento del funzionamento
per cavi di energia secondo
DIN 4102-12
Secondo l’attuale stato della tecnica, i
cavi di sicurezza e i diversi sistemi di fissaggio vengono testati insieme riguardo al
mantenimento del funzionamento, adot-
Figura 4 Prima (in
alto) e dopo (in
basso) una prova.
Solo la prova del
mantenimento del
funzionamento
permette di trarre
conclusioni sulla
capacità di
funzionamento in
caso d’incendio.
Mise à disp.
Nelle aree in cui i requisiti di sicurezza contro gli incendi sono bassi, si
può continuare ad utilizzare i cavi in
PVC. Questi superano il test di infiammabilità, che è richiesto per la classe di resistenza al fuoco Eca e in generale dalla
NIBT, ma in caso d’incendio emanano
molto fumo e gas corrosivi e velenosi.
Secondo NIBT possono essere utilizzati
sono in locali classificati BD1, vale a dire
con una scarsa occupazione di persone e
vie di soccorso semplici. La NIBT sottolinea espressamente l’«effetto altamente
tossico e corrosivo» in caso d’incendio e
i «dispendiosi lavori di risanamento» che
ne derivano [6, paragrafo E+C 5.6.8.6].
Secondo AICAA non sono ammessi per
l’utilizzo nelle vie di fuga e di soccorso.
Secondo KBOB non devono essere più
utilizzati.
In questa applicazione, per i cavi per
bassa tensione non vi è alcuna raccomandazione riguardo al colore della
guaina.
Tipica sigla del cavo: TT.
Dätwyler Cables
Livello di sicurezza basso
Figura 5 Gli edifici richiedono il mantenimento
della funzionalità p.es. per l’illuminazione di
emergenza, l‘impianto antincendio a sprinkler,
l‘impianto di aspirazione del fumo e i dispositivi
di allarme.
tando un test secondo DIN 4102 parte 12.
Con questo test vengono stabilite le classi
E30, E60 o E90 (per un rispettivo mantenimento del funzionamento di 30, 60 o 90
minuti). In considerazione delle grandi
deformazioni subite dai sistemi portanti
se esposti temperature di oltre 1000 °C che
si sviluppano nell’ambiente in caso d’incendio (figura 4), questo complesso test
«in condizioni d’installazione e montaggio simili a quelle reali» [6, paragrafo
E+C 5.6.8.4] è giustificato.
Per l’installazione di sistemi di cavi con
mantenimento del funzionamento secondo DIN 4102-12 (figura 5) i produttori
di sistemi di cavi e di posa offrono molteplici soluzioni. Oltre ai tipi di cavo VDE,
testati secondo DIN 4102-12 per l’utilizzo
E30–E90, si possono usare anche i tipi di
cavi svizzeri FE180/E30, testati in riferimento alla DIN 4102-12 e con riconoscimento VKF (vedi registro protezione antincendio AICAA, parte 702).
I cavi con mantenimento del funzionamento devono avere le seguenti caratteristiche: non devono propagare l’incendio e devono sprigionare una piccola
quantità di fumo e di gas corrosivi. I cavi,
assieme ai sistemi di fissaggio, devono
garantire che i sistemi di sicurezza, in
caso d’incendio, continuino a funzionare
(per questo si parla di mantenimento del
funzionamento).
La sigla tipica del cavo con mantenimento del funzionamento contiene la
classificazione E30–E90.
Mantenimento dell’isolamento in
relazione al mantenimento del
funzionamento
La NIBT sottolinea espressamente la
differenza tra mantenimento dell’isolamento e il mantenimento del funzionamento. I cavi con mantenimento del
funzionamento integrato sono da impiegare con un sistema di posa e fissaggio
Bulletin 10/2015
49
Mise à disp.
IN PRATICA PROTEZIONE ANTINCENDIO
EN PRATIquE PROTECTION CONTRE lEs INCENDIEs
EI 30
rete generica
rete di sicurezza
testati insieme. [6, paragrafo E+C
5.6.8.5]. Il test del cavo per il mantenimento dell’isolamento FE180 «non permette di trarre conclusioni esatte riguardo alla capacità di funzionamento
in caso d’incendio» [6, paragrafo E+C
5.6.8.3].
Mantenimento del funzionamento
realizzato a parte
Anche la direttiva AICAA «Segnalazione delle vie di fuga, Illuminazione di
sicurezza, Alimentazione elettrica d’emergenza » [10], valida dal 1o gennaio
2015, esige il mantenimento del funzionamento dell’alimentazione elettrica per
motivi di sicurezza. Per sistemi di cavi,
questo può avvenire adottando provvedimenti costruttivi o utilizzando sistemi di
fissaggio e cavi con mantenimento del
funzionamento testati. Dal 2015 si esige
inoltre la posa separata dalla rete generica (figura 6).
Mantenimento del funzionamento
nel regolamento sui prodotti da
costruzione
Anche nel regolamento sui prodotti da
costruzione è prevista la valutazione
della durata del mantenimento del funzionamento per cavi di sicurezza e sistemi di fissaggio. Le norme necessarie
sono ancora in fase di lavorazione e presumibilmente non saranno disponibili
prima del 2017.
È previsto il test dei cavi per il mantenimento del funzionamento secondo la
norma prEN 50577 [12] con una configurazione di prova simile a quella della
50
Bulletin 10/2015
Figura 6 Figura a destra dal paragrafo 3.4.4
di [10]. I sistemi di alimentazione elettrica per
dispositivi di sicurezza
devono essere installati
a parte adottando misure costruttive (come
illustrato in alto e al
centro) o predisposti separatamente dalla rete
generica con mantenimento del funzionamento (in basso). Lo
schizzo illustra ora anche una posa separata
(al contrario della vecchia versione di [10]).
DIN 4102-12 [13]. La durata del mantenimento del funzionamento per i cavi di
sicurezza sarà poi classificata con la sigla
da P15 a P120.
A differenza dalla DIN 4102-12, i sistemi di fissaggio saranno valutati con un
test dedicato. La classificazione dei sistemi di posa e di fissaggio avverrà con la
sigla da S15 a S120. Dall’abbinamento
dei prodotti classificati P e S risulta infine
il sistema di cavi con mantenimento del
funzionamento.
Attualmente i cavi con mantenimento del funzionamento sono esclusi
dalla valutazione della reazione al fuoco
secondo EN 50575 nel regolamento sui
prodotti da costruzione [4]. Saranno
classificati solo quando le norme necessarie saranno state ultimate e pubblicate. Per questo motivo i produttori non
sono in grado di una dichiarazione di
prestazione secondo il CPR per i cavi di
sicurezza.
Con la sua raccomandazione «Impiego di cavi elettrici, mantenimento funzionale e caratteristiche di comportamento in caso di incendio», anche la
KBOB rimanda già al mantenimento del
funzionamento secondo il regolamento
sui prodotti da costruzione, tuttavia raccomanda fino all’entrata in vigore di
quest’ultimo di basarsi sulla DIN 4102-12
[8]. Al momento opportuno Electrosuisse
riferirà di nuovo su questo argomento.
Conclusione
L’insieme dei requisiti dal nuovo regolamento sui prodotti da costruzione,
dalla NIBT 2015, dalle direttive antin-
cendio dell‘associazione degli istituti
cantonali di assicurazione antincendio
(AICAA) e la raccomandazione KBOB
come linea guida per committenti pubblici, tenendo conto delle indicazioni in
questo articolo, è più semplice da soddisfare di quanto sembri in un primo momento. Con i sistemi di cavi con mantenimento del funzionamento testati già
disponibili ed i cavi disponibili dal momento della possibile immissione sul
mercato testati per la reazione al fuoco,
è possibile, senza grandi spese ulteriori,
progettare e realizzare sistemi di cavi e
di linee elettriche. I produttori di cavi
offrono un’adeguata e crescente gamma
dei vari tipi di cavo.
Abbreviazioni NIBT
BD1: Scarsa presenza di persone, vie di fuga
semplici
■ BD2: Scarsa presenza di persone, vie di fuga
difficili
■ BD3: Forte presenza di persone, vie di fuga
semplice
■ BD4: Forte presenza di persone, vie di fuga difficili
■
Referenze
Regolamento sui prodotti da costruzione (CPR,
Construction Products Regulation), UE 305/2011
[2] Legge sui prodotti da costruzione, LProdC, SR 933.0
[3] Ordinanza sui prodotti da costruzione, OProdC, SR
933.01
[4] SN EN 50575: Cavi per energia, controllo e
comunicazioni - Cavi per applicazioni generali nei
lavori di costruzione soggetti a prescrizioni di
resistenza all’incendio.
[5] SN EN 13501-6: Classificazione al fuoco dei
prodotti e degli elementi da costruzione - Parte 6:
Classificazione in base ai risultati delle prove di
reazione al fuoco sui cavi elettrici.
[6] Norma per le installazioni a bassa tensione NIBT
2015, Electrosuisse
[7] AICAA Direttiva antincendio 13-15: Materiali da
costruzione e parti della costruzione, 2015
[8] Raccomandazione KBOB: Impiego di cavi elettrici,
mantenimento del funzionamento e caratteristiche di comportamento in caso di incendio, giugno
2014, V 2.1
[9] AICAA Direttiva antincendio 14-15: Utilizzo di
materiali da costruzione, 2015
[10] AICAA Direttiva antincendio 17-15: Segnalazione
delle vie di fuga Illuminazione di sicurezza
Alimentazione elettrica d’emergenza, 2015
[11] Direttiva bassa tensione 2014/35/UE
[12] prEN 50577 Electric Cables - Fire Resistance Test
For Unprotected Electric Cables (P Classification)
[13] DIN 4102-12 comportamento al fuoco di
materiali e componenti per l’edilizia - Parte 12:
Mantenimento del funzionamento di sistemi di
cavi elettrici; requisiti e prove.
[1]
Autori
Gruppo di lavoro CPR-Cable, coordinatore presso
Electrosuisse è il segretario CES Alfred Furrer.
Electrosuisse, 8320 Fehraltorf, [email protected]
La versione in lingua tedesca di questo articolo è stata
pubblicata nel Bollettino SEV/VSE 06/2015, pag. 45.
Die deutsche Version dieses Artikels erschien im
Bulletin SEV/VSE 06/2015, S. 45.
Kein erfolgreicher Geschäftsbetrieb
in Gebäuden ohne zuverlässige
Energieversorgung
Die neue MS-Schaltanlage Premset mit
flexibler Architektur – mehr Zuverlässigkeit
und Sicherheit bei niedrigeren Gesamtbetriebskosten
Stressfreie Installation, Nachrüstung und Wartung
Ohne Strom ist ein erfolreicher Geschäftsbetrieb nicht möglich. Zu diesem Zweck
werden Schaltanlagen benötigt, die Überwachungsfunktionen bieten und die
Gesamtbetriebskosten senken.
Dank der Kombination aus bewährten Technologien, modularer Architektur und dem
Shielded Solid Insulation System ist die MS-Schaltanlage PremsetTM eine bahnbrechende
Innovation im Bereich der Mittelspannungsverteilung. Ihr kompaktes und problemlos
nachrüstbares Design sorgt zudem für eine günstige Kostenbilanz:
>
>
>
>
Wartungsfreier Betrieb
Kompakte Grösse
Erhöhte Lebensdauer
Einfache Installation und Aufrüstung
Die 3-in-1-Architektur sorgt nicht nur für eine intuitive Bedienung – sie macht die
Schaltanlage zur sichersten in ihrer Klasse. Da die Anlage SF6-frei ist, gestaltet sich
die Entsorgung einfacher, unabhängig von künftigen Vorschriften.
Erfahren Sie mehr über die
innovative Schaltanlage Premset:
Gewinnen Sie eine Apple Watch!
Besuchen Sie www.SEreply.com Schlüsselcode 58640p
©2015 Schneider Electric. All Rights Reserved. Schneider Electric and Premset are trademarks owned by Schneider Electric
Industries SAS or its affiliated companies. All other trademarks are the property of their respective owners. • 998-6014_CH-DE
Einfache und benutzerfreundliche Bedienung
Das bewährte 3-in-1System von Premset ist
äusserst zuverlässig und
endanwenderfreundlich:
> Erdung in einem
einzigen Vorgang
> Blindschaltbild und
Bedienung sind intuitiv
> Direkte abgangsseitige
Erdung von Kabeln
> Einfacher Frontzugang
zu Einspeisungspunkten
für die Kabelprüfung
Fly UP