...

Bollettini valanghe e altri prodotti

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Bollettini valanghe e altri prodotti
WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF
WSL-Institut für Schnee- und Lawinenforschung SLF
WSL Institut pour l'étude de la neige et des avalanches SLF
WSL Institute for Snow and Avalanche Research SLF
Bollettini valanghe e altri prodotti
Supporto interpretativo
Edizione 2015
Responsabile dell'edizione
Dr. Jürg Schweizer
Direttore del’unità di riccerca valanghe e prevenzione, SLF Davos
Elaborazione tecnica
Prevenzione valanghe, Thomas Stucki
Traduzione
TTN tele.translator.network
18, bd des Philosophes, CH-1205 Geneva, Switzerland
www.ttn.ch
Citazione
WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF
(ed) 2015: Bolletini valanghe e altri prodotti dell'Istituto federale. Supporto interpretativo. Edizione 2015.
16° rifatta editione. WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF. 51 p.
Sostituisce la 13° edizione di 2012
Disponibile anche in lingua tedesca, francese e anglese
Ottenibile presso (pubblicato saltano online)
http://www.slf.ch/schneeinfo/zusatzinfos/interpretationshilfe/interpretationshilfe_e.pdf
Copertina:
Valanga nubiforma
(Foto: J. Rocco)
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
2
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Indice:
1. Introduzione............................................................................................................................ 5
2. Cos’è un bollettino delle valanghe? ....................................................................................... 5
3. Destinatari .............................................................................................................................. 6
4. Redazione, frequenza e validità.............................................................................................. 6
4.1 Redazione ......................................................................................................................................................................... 6
4.2 Frequenza e validità ......................................................................................................................................................... 7
5. Informazioni su cui si basa l’elaborazione del bollettino delle valanghe ...................................... 8
6. Contenuto e forme di rappresentazione del bollettino delle valanghe ................................... 9
6.1 Contenuti del bollettino delle valanghe ............................................................................................................................ 9
6.2 Il bollettino delle valanghe interattivo in internet e nell’app (iPhone e Android)........................................................... 11
6.3 Bollettini delle valanghe da stampare ............................................................................................................................. 12
6.4 Bollettini delle valanghe in estate e autunno .................................................................................................................. 13
6.5 Carta delle icone ............................................................................................................................................................. 13
7. Opportunità e limiti del bollettino delle valanghe ................................................................ 14
8. Terminologia usata per descrivere il pericolo di valanghe................................................... 14
8.1 Definizione del pericolo di valanghe .............................................................................................................................. 14
8.2 Schema dei gradi di pericolo .......................................................................................................................................... 15
8.3 La scala europea del pericolo valanghe .......................................................................................................................... 15
9. Spiegazioni sui singoli gradi di pericolo .............................................................................. 18
9.1 Generalità ....................................................................................................................................................................... 18
9.2 Debole pericolo di valanghe (grado 1) ........................................................................................................................... 19
9.3 Moderato pericolo di valanghe (grado 2) ....................................................................................................................... 19
9.4 Marcato pericolo di valanghe (grado 3).......................................................................................................................... 20
9.5 Forte pericolo di valanghe (grado 4) .............................................................................................................................. 20
9.6 Pericolo di valanghe molto forte (grado 5) ..................................................................................................................... 20
10. Spiegazioni sui punti pericolosi ......................................................................................... 21
10.1 Generalità ..................................................................................................................................................................... 21
10.2 Inclinazione del pendio ................................................................................................................................................ 21
10.3 Esposizione del pendio ................................................................................................................................................. 21
10.4 Altitudine ..................................................................................................................................................................... 22
10.5 Altri termini usati per descrivere parti di terreno particolarmente critiche ................................................................... 22
10.6 Uso nel bollettino delle valanghe ................................................................................................................................. 22
10.7 Rappresentazione grafica sulla carta del pericolo di valanghe di parti di terreno particolarmente critiche ................. 23
11. Indicazioni e raccomandazioni supplementari per i singoli gruppi di destinatari .............. 24
11.1 Generalità ..................................................................................................................................................................... 24
11.2 Raccomandazioni permanenti ...................................................................................................................................... 25
11.3 Raccomandazioni riferite alla situazione in corso ........................................................................................................ 25
12. Espressioni geografiche...................................................................................................... 25
13. Prodotti supplementari ....................................................................................................... 26
13.1 Carte della neve fresca ................................................................................................................................................. 26
13.2 Carta delle altezze del manto nevoso............................................................................................................................ 27
13.3 Altezza del manto nevoso a 2000 m o 2500 m ............................................................................................................. 27
13.4 Altezza del manto nevoso rispetto alla media pluriennale............................................................................................ 27
13.5 Carta di stabilità del manto nevoso............................................................................................................................... 27
13.6 Resoconto settimanale (in tedesco e francese) ............................................................................................................. 28
13.7. Icone ............................................................................................................................................................................ 28
14. Canali di distribuzione e possibilità di accesso a tutti i prodotti ........................................ 29
15. Feedback sul pericolo di valanghe ..................................................................................... 30
16. Note conclusive .................................................................................................................. 30
3
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 1:
Appendice 2:
Appendice 3:
Appendice 4:
Appendice 5.1:
Appendice 5.2:
Appendice 5.3:
Appendice 6:
Appendice 7:
Appendice 8:
Appendice 9:
Appendice 10:
Appendice 11:
Appendice 12:
Appendice 13:
Appendice 14:
Appendice 15:
Appendice 16:
Appendice 17:
Appendice 18:
Appendice 19:
Appendice 20:
Scala europea del pericolo valanghe con raccomandazioni ........................ 33
Tabella della scala europea del pericolo di valanghe.................................. 34
Esempio di un bollettino delle valanghe in internet:
carta del pericolo di valanghe con descrizione del pericolo ....................... 35
Esempio di un bollettino delle valanghe in internet: manto nevoso e
condizioni meteo ......................................................................................... 36
Esempio di un bollettino delle valanghe completo (da stampare) .............. 37
Esempio di un bollettino delle valanghe completo (da stampare) .............. 38
Esempio di una carta regionale del pericolo di valanghe (da stampare)..... 39
Esempio di una carta delle icone ................................................................ 40
Rete delle stazioni di confronto dei dati nivo-meteo del slf ....................... 41
Stazioni IMIS (e SwissMetNet) (stazioni nivologiche) .............................. 41
Espressioni geografiche: le unità più piccole: le 123 zone di avviso ......... 42
Espressioni geografiche I: versante nordalpino e sudalpino ....................... 43
Espressioni geografiche II: regioni politico-geografiche principali ........... 43
Espressioni geografiche III: regioni politico-geografiche secondarie 1 ..... 44
Espressioni geografiche IV: regioni politico-geografiche secondarie 2 ..... 44
Espressioni geografiche VI: Cresta Principale delle Alpi, Cresta
settentrionale delle Alpi e regioni alpine interne ........................................ 45
Esempio di una carta della neve fresca (1 giorno) ...................................... 45
Esempio di una carta delle altezze del manto nevoso ................................. 46
Esempio di una carta dell'innevamento a 2000 m ....................................... 46
Esempio di un carta con altezza del manto nevoso rispetto
alla media pluriennale ................................................................................. 47
Esempio di una carta della stabilità del manto nevoso ............................... 47
Tipiche situazioni di pericolo (problemi valanghe) .................................... 48
4
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
1. Introduzione
Il WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF pubblica i bollettini delle valanghe
dal 1945. Il Supporto interpretativo, la cui pubblicazione è iniziata nel 1985, contiene la
descrizione del bollettino delle valanghe e di altri prodotti supplementari e agevola la loro
interpretazione da parte dell’utente. Dal 1985 sono state pubblicate diverse riedizioni (1993, 1994,
1998, 1999, 2001, 2002, 2003, 2004, 2007, 2008 e 2012) che illustravano le modifiche intercorse
durante gli anni: nuovi formati e variazioni negli orari di pubblicazione del bollettino delle
valanghe, così come dei diversi prodotti supplementari. L'ultima edizione 2012, completamente
rielaborata, è stata pubblicata in occasione di una radicale modifica del bollettino delle valanghe.
Nella presente edizione 2015 sono stati effettuati solo piccoli adeguamenti.
Tutti i prodotti di servizio di avviso valanghe dell’SLF si basano sulla scala del pericolo valanghe,
valida dal 1993/94 in tutta Europa, con i suoi cinque gradi di pericolo. Questa scala si è affermata,
con piccole variazioni, anche oltreoceano (Canada, USA).
Non sono incluse nel Supporto interpretativo le piattaforme per i servizi di sicurezza come GIN
(Piattaforma d’informazione comune sui pericoli naturali) e IFKIS-InfoManager (Sistema
intercantonale di preallerta e d’informazione in caso di crisi), né i prodotti speciali riservativi
contenuti. La formazione di questi utenti viene svolta durante i corsi per i responsabili della
sicurezza
organizzati
dall’SLF
(per
ulteriori
informazioni
vedere:
www.slf.ch/dienstleistungen/events/index_IT).
Ad avere carattere vincolante è esclusivamente l’ultima versione del Supporto interpretativo,
disponibile sul sito web dell’SLF all’indirizzo www.slf.ch.
Le descrizioni di persone, funzioni e professioni contenute nel seguente Supporto interpretativo si
riferiscono per principio a entrambi i sessi, a meno che dal senso del testo non risulti diversamente.
Il termine "valanga dello sciatore", diventato ormai di uso comune, viene utilizzato anche nel
seguente Supporto interpretativo. Esso include non solo le valanghe che interessano in senso stretto
gli sciatori, ma anche tutte quelle il cui distacco è stato provocato dagli appassionati di sport
invernali (ad es. anche dagli snowboarder e dagli escursionisti con racchette da neve).
2. Cos’è un bollettino delle valanghe?
Con il bollettino delle valanghe (e altri prodotti supplementari), il WSL Istituto per lo studio della
neve e delle valanghe SLF comunica al pubblico informazioni su innevamento e pericolo di
valanghe sulle Alpi svizzere. Il contenuto del bollettino delle valanghe presenta le caratteristiche
tipiche di un avviso. Durante la stagione invernale, esso viene pubblicato due volte al giorno.
L’informazione principale contenuta al suo interno è una previsione del pericolo di valanghe per le
Alpi svizzere, il Liechtenstein ed eventualmente il Giura. Il bollettino delle valanghe comprende
inoltre informazioni sui fenomeni meteorologici che possono influire sulla formazione di valanghe
nonché sulle caratteristiche del manto nevoso. Queste informazioni fungono da base per la
valutazione da parte dell’utente. Le informazioni contenute nel bollettino delle valanghe non
possono tuttavia sostituire una valutazione indipendente e locale sul posto poiché esse, basandosi
su dati limitati, sono troppo generiche sotto questo profilo.
Durante la stagione invernale, il bollettino delle valanghe ha sempre la stessa struttura. I suoi
contenuti sono strutturati secondo la "piramide dell’informazione" (cfr. Figura 1): prima vengono
le informazioni più importanti (grado di pericolo), poi quelle sui punti pericolosi (zone principali), i
problemi valanghe, la descrizione del pericolo e le informazioni sul manto nevoso e sulle
condizioni meteo. Infine è anche possibile accedere ai dati rilevati dalle stazioni meteo. Una
terminologia unificata semplifica la comprensione e l’applicazione.
5
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Fig. 1: I contenuti del bollettino delle valanghe sono strutturati secondo la piramide dell’informazione: l’importante
innanzitutto. Con i livelli successivi, aumenta il dettaglio dell’informazione.
3. Destinatari
Il bollettino delle valanghe si rivolge a tutte le persone che durante lo svolgimento della loro
professione o nel loro tempo libero sono esposti al pericolo di valanghe e/o sono responsabili per la
sicurezza di altre persone. Tra queste rientrano ad esempio:
•
Personale dei servizi di avviso valanghe e delle commissioni valanghe dei comuni e
del Genio Civile, nonché dei servizi di sicurezza degli impianti di risalita
•
Personale dei servizi di salvataggio, della polizia e dell’esercito
•
Guide alpine, maestri di sci e capi-comitiva
•
Residenti nei centri abitati in montagna
•
Sciatori e snowboarder
•
Scialpinisti, escursionisti con racchette da neve
•
Alpinisti e appassionati di arrampicate su ghiaccio
•
Altri appassionati di sport invernali
In Svizzera, la media pluriennale (20 anni) delle vittime da valanga è di 23 persone/anno. Le analisi
degli incidenti da valanga dimostrano che la maggior parte delle vittime viene travolta nelle "zone
fuoripista", per lo più durante la pratica di sport invernali con gli sci o lo snowboard, durante
l’arrampicata o attività simili. Nel periodo che va dalla stagione 2002/03 alla stagione 2011/12, la
loro percentuale sul numero totale di vittime è stata di oltre il 90%. A provocare la valanga è stato
circa il 90% di queste vittime, oppure è stata provocata da un altro membro dello stesso gruppo.
Quando la situazione nivologica e valanghiva è relativamente stabile, gli avvisi rivolti ad es. agli
scialpinisti sono più dettagliati rispetto a quelli rivolti ai servizi locali di avviso valanghe. A partire
dal grado di pericolo 3 (marcato pericolo di valanghe), aumentano anche le raccomandazioni per i
servizi di sicurezza, che raggiungono la massima estensione soprattutto in caso di pericolo di
valanghe molto forte (grado 5), quando la pratica di sport invernali nelle zone fuoripista è
comunque molto limitata.
4. Redazione, frequenza e validità
4.1 Redazione
Il bollettino delle valanghe svizzero viene redatto presso il WSL Istituto per lo studio della neve e
delle valanghe SLF di Davos. Il responsabile della redazione è il servizio di avviso valanghe.
6
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
4.2 Frequenza e validità
Il servizio di avviso valanghe segue le condizioni meteo, nivologiche e valanghive lungo tutto
l’anno. La frequenza d’emissione e i contenuti del bollettino delle valanghe dipendono dalle
circostanze stagionali
4.2.1 Inverno
In inverno, il bollettino delle valanghe è formato da due parti:
1. Carta del pericolo di valanghe con descrizione del pericolo:
Questa parte del bollettino delle valanghe viene pubblicata due volte al giorno in quattro lingue
(tedesco, francese, italiano, inglese). L’edizione delle ore 17:00 contiene le previsioni del pericolo
di valanghe per le successive 24 ore, cioè fino alle ore 17:00 del giorno successivo.
Al mattino alle ore 08:00 viene pubblicata una nuova previsione, anch’essa in quattro lingue
(tedesco, francese, italiano, inglese), valida sino alla sera alle ore 17:00.
Sostanzialmente, la pubblicazione di una valutazione del pericolo di valanghe è possibile anche in
altri momenti della giornata. Solo raramente, tuttavia, si fa ricorso a questa possibilità.
2. Informazioni su manto nevoso e condizioni meteo:
Questa parte del bollettino delle valanghe viene pubblicata solo alla sera, più precisamente alle ore
17:00 in tedesco e circa alle ore 18:00 in francese, italiano ed inglese. Essa è valida sino alle ore
17:00 o 18:00 del giorno successivo.
4.2.2 Periodi a margine dell’inverno
Di norma il bollettino con carta del pericolo di valanghe viene pubblicato sino a quando le fonti di
informazione sulle quali lo stesso si basa (cfr. Capitolo 5) sono sufficienti per permettere una
valutazione dettagliata del pericolo (gradi di pericolo inclusi). Durante i periodi di transizione, cioè
tra l’autunno e l’inverno (solitamente dalla fine di ottobre all’inizio di dicembre) e tra la primavera
e l’estate (solitamente dalla fine di aprile all’inizio di giugno), il bollettino delle valanghe viene
pubblicato solo alla sera. Il formato e i contenuti sono identici a quelli del periodo invernale. Il
bollettino delle valanghe può essere valido per diversi giorni, in questo caso fino alle ore 17:00
dell’ultimo giorno di validità.
La pubblicazione di bollettini con carta del pericolo di valanghe e la frequenza di pubblicazione
dipendono soprattutto dai seguenti fattori:
•
Densità delle informazioni: gli osservatori SLF sono in azione quotidianamente dal 1°
novembre al 30 aprile. Nel restanti mesi le osservazioni sul territorio sono più scarse, anche
perché di solito sono anche presenti meno appassionati di sport invernali in montagna. In
questi casi, le informazioni vengono generalmente richieste telefonicamente in base alle
necessità e alle possibilità. Una parte degli osservatori può inoltre entrare servizio solo dopo
il 1° novembre con l’apertura degli impianti di risalita, oppure deve interromperlo prima del
30 aprile quando la stagione finisce. Alla rete di stazioni automatiche è invece possibile
accedere anche d’estate.
•
Necessità: un buon innevamento in ampie zone delle Alpi svizzere o l’apertura stagionale
degli impianti di risalita aumentano la necessità di un bollettino delle valanghe quotidiano.
4.2.3 Estate e autunno
Dall’inizio dell’estate all’autunno inoltrato, un bollettino delle valanghe specifico viene pubblicato
solo in caso di forti nevicate, in formato testo e di solito senza indicazione dei gradi di pericolo. In
autunno inoltrato i bollettini vengono pubblicati in base alla situazione nivologica e alle
informazioni disponibili. In questo caso, i bollettini delle valanghe vengono pubblicati alla sera alle
7
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
ore 17:00 (in tedesco, circa alle ore 18:00 in francese, italiano e inglese) e sono validi per diversi
giorni, cioè fino alle ore 17:00 dell’ultimo giorno di validità.
I criteri per la pubblicazione di un bollettino sono soddisfatti quando le previste quantità di neve
fresca per ciascun evento meteo (nei casi normali 1 – 3 giorni) raggiungono uno dei seguenti
valori:
• 20 cm a 2000 m o
• 40 cm a 2500 m o
• 60 cm a 3000 m o
• 80 cm a 3500 m
I suddetti valori sono valori indicativi, che possono variare in funzione di vento, temperatura,
ampiezza e proprietà del manto nevoso pre-esistente. L’evento nevoso deve interessare almeno un
intero massiccio. Nevicate locali, causate ad es. da isolate celle temporalesche, non vengono
considerate.
4.2.4 Caso speciale Giura (e Sottoceneri)
Diversa rispetto alle Alpi è la situazione nel Giura, dove un maggiore pericolo di valanghe si
registra solo pochi giorni all'anno e in poche località, ma non dovrebbe comunque essere
sottovalutato. Nel bollettino delle valanghe quotidiano, per il Giura verrà quindi pubblicato un
grado di pericolo solo se valutato "marcato" (grado 3) o superiore. Una situazione simile si verifica
in circa cinque giorni nel corso di un inverno. La regione del Sottoceneri viene invece valutata con
tutti e cinque i gradi di pericolo. Quando però non è (più) presente neve, non viene pubblicato
nessun grado di pericolo.
5. Informazioni su cui si basa l’elaborazione del bollettino delle valanghe
Per l’elaborazione del bollettino, il servizio di avviso valanghe si basa su diverse fonti di
informazione:
•
Circa 210 osservatori, dotati di svariati programmi di rilevamento (misura, osservazione,
valutazione), che hanno l’obbligo di trasmettere i rilevamenti svolti ogni mattina tra le ore
06:00 e le ore 08:00 (a volte anche al pomeriggio).
•
Circa 100 stazioni meteo automatiche facenti parte del Sistema intercantonale di
misurazione e informazione (IMIS), così come altre circa 80 stazioni SwissMetNet, la rete di
rilevamento automatica di MeteoSvizzera.
•
Circa 40 profili stratigrafici su terreno pianeggiante e su pendio, aggiornati ogni due
settimane, gli ultimi con relativo test di stabilità.
•
Prodotti di previsione di MeteoSvizzera e altri servizi meteo.
•
Segnalazioni di distacchi di valanghe da parte di scialpinisti e simili (cfr. Capitolo 15).
•
Feedback sulla valutazione del pericolo di valanghe da parte di scialpinisti e simili (cfr.
Capitolo 15).
I tipici gruppi di osservatori si dividono in "osservatori delle stazioni comparative", "osservatori
regionali", "osservatori mAvalanche" e "osservatori delle stazioni di rilevamento". Presso le
"stazioni comparative" (cfr. Appendice 7), gli osservatori rilevano le principali condizioni meteo
(tra cui precipitazioni, nuvolosità) e, su un campo di rilevamento fisso, le caratteristiche della neve
(neve fresca, altezza complessiva del manto nevoso, profondità di sprofondamento, densità della
neve fresca, caratteristiche superficiali del manto nevoso). Gli "osservatori regionali" rilevano,
all’interno della loro area di competenza, gli stessi parametri, ma senza campo di rilevamento fisso.
I rappresentanti di entrambi questi gruppi trasmettono inoltre le osservazioni (ad es. distacchi di
valanghe, segnali di allarme) e una valutazione del pericolo di valanghe. Gli "osservatori
mAvalanche" sono guide alpine che trasmettono al servizio di avviso valanghe, entro le ore 15:00,
le osservazioni e valutazioni fatte durante le loro escursioni con i clienti. Queste informazioni, che
8
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
vengono inserite in un’app e poi trasmesse, includono principalmente osservazioni su neve fresca,
segnali di allarme, valanghe ecc., così come una valutazione aggiornata del pericolo di valanghe.
Contrariamente a tutti gli altri, questi osservatori si muovono liberamente in qualsiasi regione
alpina svizzera. Presso le "stazioni di rilevamento" vengono misurate solo la neve fresca e
l’altezza del manto nevoso. Questi dati vengono usati principalmente per fini climatici e idrologici
(serie pluriennali di misure). Per il servizio operativo di idrologia nivale, presso determinate
stazioni la neve fresca, l’altezza del manto nevoso e l’equivalente in acqua dell’intero manto
nevoso vengono rilevati anche d’estate, ma solo in base agli eventi.
Gli osservatori sono dislocati in tutte le regioni alpine svizzere e i loro siti di
rilevamento/osservazione si trovano per lo più ad altitudini comprese tra i 1000 e i 2700 m s.l.m.;
soprattutto gli osservatori mAvalanche si muovono anche ad altitudini più alte, mentre alcune
stazioni di rilevamento si trovano anche ad altitudini più basse.
Anche le misure aggiornate ogni ora o ogni mezz’ora e trasmesse dalle "stazioni nivologiche
automatiche" della rete IMIS (Sistema intercantonale di misurazione e informazione), gestite in
collaborazione con gli uffici responsabili dei cantoni alpini, nonché dalle stazioni automatiche
SwissMetNet di MeteoSvizzera, sono di grande utilità per la valutazione del pericolo di valanghe
(Appendice 8: Carta delle stazioni SwissMetNet/IMIS).
Oltre ai dati quotidiani, un’altra importante fonte di informazione è rappresentata dai circa 40
profili stratigrafici su terreno pianeggiante e su pendio, che vengono rilevati ogni 14 giorni in
tutte le regioni alpine svizzere. Essi vengono rilevati dagli osservatori sui campi di rilevamento
pianeggianti oppure su pendii di prova significativi con relativo test di stabilità (test del blocco di
slittamento).
Per la valutazione dell’evoluzione a breve termine delle condizioni meteo sono disponibili svariati
"prodotti di previsione" di MeteoSvizzera e del Centro europeo per la previsione a media scadenza
(ECMWF), così come ulteriori prodotti di altre fonti consultabili quando necessario.
Per una migliore valutazione nelle regioni di confine, vengono inoltre scambiate periodicamente
informazioni con i servizi di avviso valanghe dei paesi vicini.
6. Contenuto e forme di rappresentazione del bollettino delle valanghe
Il bollettino delle valanghe è ottimizzato per i principali canali di distribuzione internet e
smartphone ed è inoltre disponibile in diverse versioni stampabili.
Le parti intitolate "Flash" e "Pericolo di valanghe" vengono compilate con l’aiuto di una biblioteca
di frasi predefinite e sono quindi disponibili immediatamente in tutte le lingue. Ciò permette di
aggiornare questi contenuti in tutte le lingue anche al mattino.
6.1 Contenuti del bollettino delle valanghe
Qui di seguito vengono descritti i contenuti del bollettino delle valanghe invernale. I bollettini
estivi vengono descritti al punto 6.4.
6.1.1 "Flash"
Nella parte intitolata "Flash" vengono spiegate in poche parole le caratteristiche essenziali della
situazione valanghiva.
6.1.2 Pericolo di valanghe
La descrizione del pericolo di valanghe è il contenuto più importante del bollettino delle valanghe.
Essa contiene la previsione valida per il relativo periodo. Le regioni interessate dallo stesso grado
di pericolo e dalle stesse parti di terreno particolarmente critiche (zone principali, cfr. Capitolo
10.6), vengono riunite nello stesso gruppo. Le regioni interessate dallo stesso grado di pericolo ma
9
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
con differenti zone principali (ad es. diversa altitudine o esposizione) vengono invece differenziate.
Il "pericolo di valanghe" può essere ulteriormente specificato con termini come pericolo di
"valanghe asciutte", pericolo di "valanghe bagnate nel corso della giornata" o pericolo di "valange
per scivolamento di neve". La designazione del pericolo di valanghe comprende:
• Grado di pericolo
Per descrivere i gradi di pericolo viene usata la scala europea del pericolo valanghe divisa
in cinque gradi (cfr. Appendice 1): debole (grado 1), moderato (grado 2), marcato (grado 3),
forte (grado 4) e molto forte (grado 5).
• Punti pericolosi (zone principali)
Nella maggior parte dei casi, i punti particolarmente critici, cioè le parti di terreno dove il
pericolo è particolarmente pronunciato, vengono rappresentati in forma grafica (anche sulla
carta del pericolo di valanghe) e descritti in una parte di testo. Informazioni più dettagliate
sui punti pericolosi sono contenute nel Capitolo 10.
• Problemi valange (cfr. Appendice 20)
La situazione valanghiva è ricondotta a uno o più problemi valange, che favoriscono
l’orientamento e facilitano l’individuazione del "problema principale" a cui prestare
attenzione. Nel bollettino delle valanghe vengono utilizzati i seguenti problemi:
- Neve fresca
- Neve ventata (neve trasportata dal vento)
- Neve vecchia (frattura all’interno del manto di neve vecchia)
- Neve bagnata, che può essere ulteriormente suddivisa in:
- valanghe bagnate
- valanghe bagnate nel corso della giornata
- valanghe per scivolamento di neve
- situazione favorevole (non uno altro modello, grado 1 (debole))
• Descrizione del pericolo
In questa parte viene descritto dettagliatamente il pericolo illustrato nella carta del pericolo
di valanghe. Tra le altre cose, la descrizione del pericolo può includere informazioni sulla
probabilità di distacco e sulle dimensioni delle potenziali valanghe o sulla struttura del
manto nevoso e sulla posizione degli strati fragili all’interno dello stesso. Se necessario, in
questa parte vengono fornite avvertenze speciali (cfr. Capitolo 11) per i vari gruppi di
utenti.
• Altri pericoli
Se necessario, sotto al pericolo principale può essere descritto un altro pericolo. Quando ad
es. oltre alle valanghe asciutte sono previste anche valanghe bagnate, in questa parte è
presente un’ulteriore avvertenza. Tuttavia, nei casi in cui la fonte principale di pericolo è
costituita da valanghe bagnate, il pericolo di valanghe bagnate compare sia nella carta del
pericolo di valanghe, sia nella descrizione del pericolo. In questo caso, il pericolo di
valanghe asciutte può ad es. essere citato nella parte "Altri pericoli". Fatta eccezione per
l’assenza di una rappresentazione grafica dei punti particolarmente critici, la descrizione
dell’ulteriore pericolo segue lo stesso schema della descrizione del pericolo principale.
Nelle carte doppie (cfr. Capitolo 9), per ciascuna carta del pericolo di valanghe viene
descritto solo il pericolo principale.
• Note
La parte intitolata "Note" permette di trasmettere, se necessario, ulteriori informazioni agli
utenti, come ad es. un’altra fonte di pericolo o un’evoluzione meteo particolarmente incerta.
6.1.3 Manto nevoso e meteo, tendenza
Il manto nevoso è il fattore che contribuisce in modo più determinante alla formazione di
valanghe. Nella parte intitolata "Manto nevoso" vengono descritte le proprietà che caratterizzano la
10
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
struttura del manto. La descrizione è di carattere generale e nella maggior parte dei casi include sia
la struttura che la stabilità del manto nevoso. La struttura del manto nevoso viene determinata
dalla stratificazione del manto e dalle proprietà strutturali dei singoli strati (forma dei grani,
dimensione dei grani, durezza). La stabilità del manto nevoso è un parametro che indica il grado di
facilità con cui può distaccarsi una valanga, sia in modo provocato che spontaneo. La struttura del
manto nevoso determina la sua stabilità. In questa parte viene descritta eventualmente anche
l’attività valanghiva osservata.
Le condizioni meteo influiscono sul manto nevoso e quindi in modo diretto e determinante anche
sull’evoluzione del pericolo di valanghe. Nella parte intitolata "Condizioni meteo" vengono
descritti i fattori rilevanti per l’evoluzione del pericolo di valanghe. Tipicamente essi sono la neve
fresca (o la pioggia), la temperatura dell’aria, il vento e anche le condizioni di nuvolosità. Nel
primo paragrafo vengono descritte le condizioni meteo del passato recente (almeno per il giorno in
corso), nel secondo l’evoluzione delle condizioni meteo per il periodo di validità del bollettino
delle valanghe. La valutazione del pericolo si basa su queste condizioni meteo. Se l’evoluzione
prevista non si verifica, ciò può ripercuotersi anche sul pericolo di valanghe.
Nella parte intitolata Tendenza viene valutata, sulla base delle previsioni meteo a media scadenza,
l’evoluzione approssimativa del pericolo di valanghe per i due giorni che seguono il periodo di
validità.
6.2 Il bollettino delle valanghe interattivo in internet e nell’app (iPhone e Android)
Dal momento che il funzionamento in internet e nell’app è molto simile, la seguente descrizione
vale per entrambi i canali di distribuzione (le azioni necessarie nell’app sono racchiuse tra
parentesi).
6.2.1 Titolo
Il titolo contiene informazioni sulla validità (giorno, ora dell’aggiornamento, aggiornamento
successivo) e il "Flash".
6.2.2 Carta interattiva del pericolo di valanghe
La carta interattiva del pericolo di valanghe, che si trova nella scheda "Pericolo di valanghe",
contiene la valutazione del pericolo di valanghe per le Alpi svizzere, il Liechtenstein ed
eventualmente per il Giura. La valutazione è formata dal grado di pericolo e dalla rappresentazione
grafica dell’esposizione e dell’altitudine delle zone particolarmente critiche. Per facilitare
l’orientamento, la carta è zoomabile. Tenendo premuto il pulsante del mouse (trascinando il dito
sullo schermo), è possibile spostare la carta zoomata.
Attraverso la carta interattiva del pericolo di valanghe è possibile accedere alle descrizioni del
pericolo. Spostando il cursore sulla carta (toccando la carta), viene evidenziata a colori la
valutazione attiva, mentre tutte le altre passano in secondo piano. Facendo clic sulla carta
(toccando "Dettagli"), si apre una finestra con la descrizione completa del pericolo (grado di
pericolo, punti pericolosi – se presenti – e descrizione del pericolo), altri pericoli (se presenti) e
note (se presenti).
Il bollettino delle valanghe può contenere una o due carte del pericolo di valanghe. Se sono presenti
due carte (ad es. in caso di aumento del pericolo di valanghe nel corso della giornata), questa
procedura deve essere ripetuta per entrambe le carte. Alla fine della descrizione del pericolo si
trova un avviso che richiama l’attenzione sulla presenza di un’altra carta. Nelle carte che si
riferiscono a valanghe bagnate e valanghe per scivolamento di neve, come pure in generale quando
il pericolo di valanghe è debole (grado 1), generalmente sulla carta non compare nessuna
indicazione sull’esposizione né sull’altitudine.
11
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
6.2.3 Manto nevoso e meteo
Selezionando la scheda "Manto nevoso e meteo" si accede ai contenuti descritti nel Capitolo 6.1.3.
A causa del tempo necessario per la traduzione, per le lingue francese, italiano e inglese trascorre
circa un’ora dal momento in cui viene pubblicata la carta/descrizione del pericolo di valanghe a
quello in cui viene invece pubblicata la parte "Manto nevoso e meteo". Durante questo intervallo di
tempo, questa parte viene sostituita da un simbolo riempitivo. Se necessario, è possibile consultare
nell’archivio i dati degli ultimi bollettini delle valanghe.
6.2.4 Barra dei link
Attraverso la barra dei link di colore blu sulla destra della pagina internet si accede a ulteriori
contenuti che completano e supportano le informazioni del bollettino delle valanghe. Tra le altre
cose, da qui si accede anche ai "Prodotti stampabili" (cfr. Capitolo 6.3).
6.3 Bollettini delle valanghe da stampare
Dal momento che il bollettino interattivo non è adatto per essere stampato, vengono creati diversi
prodotti stampabili:
• Carta del pericolo in Svizzera
• Regioni singole, inclusa descrizione del pericolo
• Manto nevoso e meteo
• Bollettino delle valanghe completo
• Carte regionali del pericolo valanghe
I prodotti stampabili vengono creati sulla base dei contenuti del bollettino delle valanghe
interattivo. Su tutti i prodotti stampabili sono indicati l’ora e la data di validità, di pubblicazione e
di aggiornamento (update), così come il "Flash". I singoli prodotti sono strutturati come segue:
6.3.1 Carta del pericolo di valanghe
La carta del pericolo di valanghe raggruppa tutte le regioni interessate dallo stesso grado di
pericolo e fornisce informazioni grafiche sulle esposizioni e le altitudini nelle quali il pericolo è
particolarmente pronunciato.
Con l’opzione "Regioni singole", è possibile stampare la carta del pericolo di valanghe per una
determinata regione, inclusa la descrizione del pericolo. Se il bollettino delle valanghe è formato da
due carte del pericolo, è necessario stamparle entrambe.
6.3.2 Manto nevoso e meteo
I contenuti relativi al manto nevoso e alle condizioni meteo descritti nel Capitolo 6.1.3 possono
essere stampati separatamente dalle carte del pericolo di valanghe. A causa del tempo richiesto
dalla traduzione, alla sera la parte "Manto nevoso e meteo" in lingua francese, italiano e inglese
viene pubblicata circa un’ora dopo la carta del pericolo di valanghe, cioè circa le ore 18:00.
6.3.3 Bollettino delle valanghe completo
Con l’opzione "Bollettino delle valanghe completo" è possibile stampare l’intero bollettino delle
valanghe, formato dalla carta del pericolo di valanghe Svizzera, dalle descrizioni del pericolo in
tutte le regioni e dalle informazioni su manto nevoso e condizioni meteo. A causa del tempo
necessario per la traduzione della parte intitolata "Manto nevoso e meteo", alla sera il bollettino
delle valanghe completo in lingua francese, italiana e inglese viene pubblicato circa un’ora dopo la
carta del pericolo di valanghe, cioè circa le ore 18:00. Al mattino, il "Bollettino completo" viene
invece pubblicato contemporaneamente in tutte le lingue alle ore 08:00.
12
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
6.3.4 Carta regionale del pericolo di valanghe
La "carta regionale del pericolo di valanghe" (cfr. Appendice 5.3), che sostituisce i "bollettini
regionali delle valanghe" pubblicati sino alla stagione invernale 2011/12, è particolarmente indicata
ad es. per essere esposta nelle aree di informazione (freeride-checkpoint) degli impianti di risalita.
Su una carta è possibile selezionare la sottozona desiderata (l’unità più piccola della suddivisione
regionale). Il prodotto stampabile contiene poi la carta relativa alla regione selezionata (Alpi
Friborghesi e Bernesi, versante nordalpino centrale, Basso Vallese e Alpi Vodesi, Alto Vallese,
nord e centro dei Grigioni, Ticino e Moesano, Engadina e valli meridionali, Giura), considerando
che viene stampata anche la descrizione del pericolo che interessa la regione selezionata. I gradi di
pericolo delle regioni confinanti sono visibili, ma non descritti nel dettaglio.
Coloro che devono scaricare regolarmente la carta del pericolo di valanghe per la stessa sottozona
(ad es. rifugi e comprensori sciistici), possono salvare l’indirizzo tra i Preferiti del browser
( istruzioni “Seleziona sempre la stessa regione”).
6.4 Bollettini delle valanghe in estate e autunno
In estate e autunno i bollettini delle valanghe vengono pubblicati in funzione della situazione e
senza carta del pericolo di valanghe (cfr. Capitolo 4.2.3). Anche in estate vengono pubblicati
prodotti stampabili oltre alla versione online. Il bollettino può essere valido per uno o più giorni. Il
periodo di validità viene sempre specificato. I contenuti previsti sono descritti ai paragrafi seguenti.
6.4.1 Titolo
Nel titolo sono presenti l’ora e la data di validità, di pubblicazione e di aggiornamento (update),
così come il "Flash".
6.4.2 Pericolo di valanghe
In questa parte viene descritta in generale la situazione valanghiva. In estate non vengono di regola
pubblicati i gradi di pericolo, perché le informazioni disponibili non sono sufficienti per effettuare
una valutazione dettagliata.
6.4.3 Manto nevoso e meteo
I contenuti della parte "Manto nevoso e meteo" corrispondono sostanzialmente a quelli descritti nel
Capitolo 6.1.3, considerando che le informazioni sulla struttura del manto nevoso sono meno
dettagliate di quelle invernali.
6.4.4 Tendenza
La parte intitolata "Tendenza" descrive in forma concisa l’evoluzione delle condizioni meteo e del
pericolo di valanghe per i due giorni che seguono il periodo di validità.
6.4.5 Informazioni
Nella parte "Informazioni" possono essere presenti informazioni generali come ad es. le istruzioni
per abbonarsi al servizio SMS "SLF Sommer" (cfr. Capitolo 14).
6.5 Carta delle icone
Per una vista d’insieme più semplice e chiara, destinata principalmente ai mezzi di comunicazione
su carta stampata o alle pagine web, è disponibile la carta delle icone (Appendice 6). Quando
vengono usate due carte del pericolo di valanghe, nella carta delle icone viene sempre
rappresentato il pericolo più alto. Il caso più frequente è la situazione primaverile, considerando
che nella maggior parte dei casi il grado di pericolo più alto viene raggiunto nel pomeriggio.
13
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
7. Opportunità e limiti del bollettino delle valanghe
Sia le previsioni del tempo che quelle del pericolo valanghe, che in parte si basano sulle prime,
possono sostanzialmente contenere errori: tale eventualità risiede nella natura stessa della
previsione. Il nesso tra grado di pericolo regionale, possibile attività valanghiva e relativi
effetti (comprese le eventuali misure da adottare) deve essere stabilito sul posto dall’utente
del bollettino delle valanghe. Con condizioni meteo che cambiano bruscamente non è possibile
prevedere completamente l’evoluzione del pericolo di valanghe, né dal punto di vista territoriale né
da quello temporale.
Le formulazioni contenute nel bollettino delle valanghe sono di carattere generale. Le condizioni
locali non possono essere valutate nel bollettino, tanto meno un singolo pendio. Per la
valutazione locale, gli appassionati di sport invernali e i responsabili della sicurezza devono quindi
basarsi anche sui loro metodi di analisi personali. Tra questi rientrano ad es. osservazioni nivometeorologiche locali, analisi del manto nevoso, studio delle carte, valutazione del pendio sul
posto, così come considerazioni individuali sul pericolo. I servizi di sicurezza possono
eventualmente ricorrere anche ai risultati dei distacchi artificiali di valanghe. In qualsiasi decisione
devono sempre confluire tutte le informazioni disponibili. In tale contesto assumono un peso
particolare le informazioni che lasciano presupporre condizioni instabili.
Nel bollettino delle valanghe vengono descritte esclusivamente le condizioni presenti al di fuori
delle zone protette dai servizi di sicurezza delle funivie locali, cioè al di fuori delle discese e delle
piste controllate.
Nel bollettino delle valanghe possono essere specificate le zone del pendio in cui sono previsti
punti particolarmente critici. Con l’aiuto delle fonti di dati esistenti, è tuttavia possibile prevedere
esclusivamente il pericolo di valanghe regionale. Informazioni dettagliate riguardanti zone
circoscritte non possono essere fornite.
Occorre inoltre tenere presente che la densità di informazioni è massima per le quote medie e alte,
mentre è minima per l’alta montagna. Le indicazioni fornite sulle zone d’alta montagna
richiedono dunque una verifica particolare.
L’SLF si riserva espressamente la facoltà di modificare e cancellare in tutto o in parte i contenuti,
così come di interromperne temporaneamente la pubblicazione, senza alcun preavviso.
8. Terminologia usata per descrivere il pericolo di valanghe
8.1 Definizione del pericolo di valanghe
Con il termine "pericolo" si intende in linea di massima il potenziale verificarsi di un processo
pericoloso da cui si teme che possa derivare grave danno, come ad es. un terremoto, un maremoto,
una colata detritica o appunto una valanga. Questo pericolo o processo pericoloso viene descritto
specificando la probabilità che l’evento si realizzi e le sue dimensioni previste. Il termine
"pericolo" non implica tuttavia che questo processo si verificherà effettivamente e che, nel caso
specifico, provocherà realmente dei danni personali o materiali. L’effettivo verificarsi di un danno
dipende dalla presenza o meno, nel momento in cui si manifesta il "processo pericoloso", di
persone o cose nel suo raggio d’azione (in questo caso: nella traiettoria della valanga). In
riferimento al pericolo di valanghe descritto del bollettino, ne deriva la seguente definizione: con il
"pericolo di valanghe" viene descritta la probabilità di distacco e la possibile entità di una
valanga in una regione, considerando che non è possibile determinare con precisione né il
momento esatto in cui si verificherà il distacco, né le effettive superfici di frattura.
Il termine "rischio", inteso come la probabilità che si verifichi un danno, presuppone da un lato
l’esistenza di un pericolo e, dall’altro, anche la presenza di beni potenzialmente in pericolo.
14
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Sebbene nel bollettino delle valanghe venga descritto il pericolo e non il rischio di valanghe,
cogliamo l’occasione per spiegare brevemente la differenza:
Quando una valanga si stacca in un’isolata valle alpina priva di vegetazione, nella quale non si
trovano persone né cose di valore, esiste certamente un pericolo di valanghe, ma nessun rischio. Se
la stessa valanga si stacca invece in una valle alpina abitata, minacciando persone e cose di valore,
in questo caso oltre al pericolo di valanghe esiste anche un alto rischio valanghe.
Con "pericolo di valanghe" si intende sostanzialmente la possibilità che si verifichi un evento
valanghivo potenzialmente dannoso. In primo piano viene sempre messo il potenziale processo
pericoloso. Il fatto che sussista o meno un rischio, così come le sue eventuali proporzioni, dipende
dalle condizioni locali e dal comportamento umano. Le valanghe hanno inoltre una particolarità:
diversamente da un maremoto o terremoto, il "processo pericoloso" della valanga può essere
provocato dall’uomo. Quando si attraversa un pendio pericoloso, questo sovraccarico artificiale
può aumentare notevolmente la naturale tendenza a distaccarsi della valanga (oltre il 90% degli
appassionati di sport invernali vittime di seppellimento da valanga avevano provocato in prima
persona la "loro" valanga di neve a lastroni).
8.2 Schema dei gradi di pericolo
Sin dall’inizio, cioè dal 1945, nei bollettini il pericolo di valanghe è sempre stato classificato con
espressioni quali: "È previsto un forte pericolo di valanghe", o "Attualmente il pericolo di valanghe
e debole". Il grado di pericolo dipende da svariati fattori:
•
dalla stabilità del manto nevoso, che viene determinata, tra le altre cose, dalla resistenza dei
singoli strati di neve e dalla possibilità di propagazione della frattura;
•
dalla probabilità di distacco, che dipende dalla naturale stabilità del manto nevoso e può
aumentare sotto l’azione dell’uomo (appassionati di sport invernali, esplosioni, ecc.). Se la
stabilità del manto nevoso è alta, la probabilità di distacco (e quindi il pericolo di valanghe)
è bassa. Per contro, la probabilità di distacco è alta quando la stabilità del manto nevoso è
bassa;
•
dalla diffusione superficiale, ovvero dalla frequenza dei pendii critici;
•
dalle dimensioni e dal tipo di valanghe previste, ovvero dallo spessore degli strati di neve
interessati dal distacco (volume della valanga).
Durante la valutazione del pericolo di valanghe occorre quindi prendere in considerazione la
probabilità di distacco, cioè la probabilità che si verifichi un potenziale processo pericoloso, e
l’entità prevista della valanga. Numerose colate bagnate con ridotto spessore della frattura che si
staccano da un pendio roccioso esposto a sud rappresentano di norma un pericolo più basso rispetto
a una singola valanga a lastroni di neve asciutta di medie dimensioni con frattura alta un metro.
8.3 La scala europea del pericolo valanghe
8.3.1 Origine e sviluppo
Nell’aprile del 1993 i servizi di avviso valanghe dei paesi europei che si affacciano sulle Alpi
hanno deciso di adottare una scala europea del pericolo valanghe unica, divisa in cinque gradi.
Prima di quella data, ogni paese aveva la sua scala del pericolo di valanghe con un numero diverso
di gradi (ad es. in Svizzera 7 gradi e in Francia 8 gradi) e una diversa definizione dei singoli
pericoli. A partire dal quel momento, i destinatari di tutti i paesi hanno potuto finalmente basarsi
sugli stessi gradi di pericolo: un enorme vantaggio per la pratica degli sport invernali nelle zone di
confine o all’estero.
Dopo una fase pilota, nel maggio del 1994 sono ancora state apportate alcune modifiche minori
nelle varie lingue: a partire da questa data, dunque, si è iniziato a lavorare sulla base di una
soluzione unica, che teneva conto anche delle diverse sensibilità linguistiche.
Con l’obiettivo di precisare ulteriormente le informazioni nel quadro delle possibilità, il gruppo di
lavoro dei servizi europei di avviso valanghe hanno poi deciso di definire con più precisione i
15
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
termini utilizzati più frequentemente. Le definizioni sono state approvate durante l’incontro dei
servizi di avviso valanghe nel maggio del 2003 e, da allora, costantemente aggiornate. Esse
vengono in parte illustrate nel successivo capitolo e pubblicate in un glossario separato disponibile
in internet (www.avalanches.org).
8.3.2 Termini utilizzati
Nell’Appendice 1 (Scala europea del pericolo valanghe con raccomandazioni) è riportato nelle
prime quattro colonne il testo della scala del pericolo valanghe valida a livello europeo. La scala
europea del pericolo valanghe è formata da cinque gradi di pericolo che aumentano in maniera più
o meno esponenziale: debole - moderato - marcato - forte - molto forte. Questi gradi di pericolo
vengono descritti dalla stabilità del manto nevoso, dalla probabilità di distacco di valanghe, dalla
diffusione dei punti pericolosi, dalle dimensioni delle valanghe e dall’attività valanghiva.
La "stabilità del manto nevoso" è il rapporto tra la resistenza del manto nevoso e le tensioni alle
quali è sottoposto. La stabilità del manto nevoso rappresenta l’informazione essenziale si cui si
basano le previsioni del pericolo di valanghe, perché influisce direttamente sulla probabilità di
distacco. Occorre inoltre considerare:
•
che il manto nevoso si trasforma sotto l’effetto degli agenti atmosferici e dei processi di
metamorfosi e che quindi anche la stabilità varia;
•
che, anche se il manto nevoso presenta una variabilità più o meno forte, gli strati fragili
sono spesso presenti lungo una superficie più ampia e rilevante per la formazione di
valanghe e ne determinano la stabilità.
La valutazione della stabilità del manto nevoso dipende quindi dai metodi di estrapolazione e di
previsione, ad es. dai già citati dati provenienti dai campi di rilevamento, dai profili stratigrafici,
dalle osservazioni nivo-meteorologiche e dai test di stabilità del manto nevoso.
In via del tutto generale, si può affermare che quando la stabilità del manto nevoso è buona, cioè
quando la resistenza di quest’ultimo è alta, il pericolo di valanghe è debole. Al contrario, quando la
stabilità del manto nevoso è bassa, cioè quando gli strati di neve hanno una bassa resistenza, il
pericolo di valanghe è maggiore.
Per questioni di chiarezza, nel bollettino delle valanghe è di norma possibile indicare solo la
stabilità del manto nevoso nelle parti di terreno particolarmente critiche. Ciò significa che le
informazioni su altitudine, esposizione o forma del terreno si limitano alle zone particolarmente
pericolose.
La "probabilità di distacco di valanghe" è una misura di probabilità che dipende direttamente
dalla stabilità del manto nevoso. Nella scala europea del pericolo valanghe, i singoli gradi di
pericolo vengono definiti più dettagliatamente con la relativa probabilità di distacco. Questa
descrive sia lo stato senza influssi esterni (per distacchi spontanei di valanghe), sia il grado di
probabilità di distacco in caso di sovraccarico (esercitato dagli appassionati di sport invernali, da
esplosioni, ecc.). Nello specifico, esiste una differenza tra forte e debole sovraccarico. Per forti e
deboli sovraccarichi si intendono ad es. quelli specificati nella Tabella 1.
Tab. 1: Sovraccarichi
Debole
sovraccarico
Forte
sovraccarico
•
•
•
•
•
Singolo sciatore o snowboarder, che effettua curve dolci, senza cadere
Gruppo che mantiene le distanze di alleggerimento (in salita almeno 10 m,
in discesa di più)
Singolo escursionista con racchette da neve
Due o più sciatori/snowboarder che non mantengono le distanze di
alleggerimento (ad es. anche in un punto di raduno o in una caduta)
Mezzo battipista, cariche esplosive, caduta di ghiaccio dai ghiacciai
16
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Queste valori devono essere considerati valori indicativi e non devono essere presi in
considerazione in via esclusiva o in misura eccessiva durante la valutazione. A questo proposito
occorre osservare in particolare i seguenti punti:
•
Il pericolo di valanghe non dipende solo dalla probabilità di distacco, ma anche dalla
diffusione dei punti pericolosi.
•
La profondità degli strati fragili nel manto nevoso e le proprietà degli strati sovrapposti
hanno almeno la stessa importanza del sovraccarico esercitato. Il sovraccarico esercitato
dallo sciatore può quindi essere diverso da quello esercitato da un escursionista a piedi.
Mentre lo sciatore sollecita una superficie più ampia, l’escursionista a piedi tende a
sprofondare nel manto. A seconda della situazione, sarà più sfavorevole uno o l’altro tipo di
sovraccarico.
Per la descrizione delle dimensioni delle valanghe vengono usate le classi specificate nella
Tabella 2 (sulla base delle classificazione canadese delle dimensioni delle valanghe).
Tab. 2: Dimensioni delle valanghe
Classificazione/
Classe di grandezza
Classificazione
del potenziale di danno
"Colata"
Grandezza (valanga di
1
piccolissime
dimensioni)
Relativamente innocua per le
persone, seppellimento
improbabile (eccetto quando la
Si ferma su un pendio ripido.
zona di deposito è sfavorevole,
attenzione al pericolo di caduta sui
pendii estremi).
Circa 10 m - 30 m100 m3
Può seppellire, ferire o causare la
morte di persone.
Circa 50 - 200 m
1000 m3
Grandezza
2
Valanga di
piccole
dimensioni
Grandezza
3
Valanga di
medie
dimensioni
Grandezza
4
Valanga di
grandi
dimensioni
Grandezza
5
Classificazione
di avanzamento
Può raggiunge il piede del pendio.
Può seppellire e distruggere
Può percorrere terreni pianeggianti
automobili, danneggiare autocarri.
(nettamente inferiore a 30°) per una
Può distruggere piccoli edifici e
distanza inferiore ai 50 m.
piegare alberi isolati.
Percorre terreni a ridotta
Può seppellire e distruggere
inclinazione (nettamente inferiore a
autocarri pesanti e vagoni
30°) per una distanza superiore ai 50
ferroviari. Può distruggere edifici
metri e può raggiungere il fondo
più grandi e parti del bosco.
valle.
Valanga di
Può devastare il paesaggio, ha un Raggiunge il fondovalle e le
dimensioni
potenziale distruttivo catastrofico. massime dimensioni note.
molto grandi
Lunghezza e
volume tipici
Diverse centinaia di metri
10’000 m3
Circa 1 - 2 km,
100’000 m3
Circa 3 km
> 100’000 m3
Secondo questa definizione, le tipiche "valanghe dello sciatore" sono “piccole” valanghe che
possono però raggiungere dimensioni considerevoli: in media sono lunghe complessivamente
150 m e, con una superficie fratturata di 50 m per 80 m e uno spessore medio della frattura di circa
50 cm, hanno una cubatura di circa 2000 m3, pari a circa 400 tonnellate.
Con pericolo di valanghe forte e molto forte, in determinati casi possono verificarsi isolati distacchi
di valanghe di dimensioni grandi e molto grandi anche su terreno poco ripido, cioè sui pendii con
inclinazione poco sotto ai 30 gradi.
Questa classificazione serve principalmente a descrivere l’attività valanghiva.
17
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
9. Spiegazioni sui singoli gradi di pericolo
9.1 Generalità
Nella scala del pericolo valanghe, il pericolo aumenta di grado in grado in maniera più o meno
esponenziale, considerando che la stabilità del manto nevoso diminuisce (cfr. Figura 2) e il numero
dei punti pericolosi aumenta. In generale, il sovraccarico necessario per provocare un distacco
diminuisce con i gradi superiori, mentre le dimensioni e il numero delle valanghe aumentano con
l’aumentare del grado di pericolo.
Fig. 2: Distribuzione della stabilità con i grado di pericolo da debole (grado 1) a marcato (grado 3). Con
l’aumentare del grado di pericolo aumenta la percentuale di punti con scarsa stabilità. Notare anche la percentuale
di punti scarsamente stabili con grado moderato (grado 2).
Quando il grado di pericolo varia nel corso della giornata alla quale si riferisce la previsione, ciò
viene espressamente indicato nel bollettino delle valanghe con le seguenti espressioni (esempi):
•
"Il grado di pericolo marcato (grado 3) verrà raggiunto solo nel corso del pomeriggio."
•
"Il grado di pericolo forte (grado 4) verrà raggiunto già nel corso della mattinata."
•
"Con l’aumento del pericolo di valanghe nel corso della giornata, a partire da mezzogiorno
saranno di nuovo possibili valanghe bagnate al di sotto dei 2400 m circa."
Nella descrizione del pericolo di valanghe è possibile una distinzione tra "descrizione del pericolo"
e "altri pericoli".
•
In caso di variazione del grado di pericolo nel corso della giornata, i gradi di pericolo
specificati nel bollettino delle valanghe e nella descrizione del pericolo si riferiscono alla
situazione prevista al mattino. L’ulteriore evoluzione (di norma un aumento) viene descritta
nella parte intitolata "Altri pericoli".
•
Dal momento che la maggior parte delle valanghe catastrofiche è costituita da valanghe a
lastroni di neve asciutta, in generale nel bollettino delle valanghe viene riservato più spazio
alla descrizione di questo pericolo.
•
Nella tipica "situazione primaverile", cioè nei giorni in cui è previsto un netto aumento del
pericolo di valanghe nel corso della giornata, tramite due carte viene rappresentata sia la
situazione più favorevole al mattino, sia quella meno favorevole dovuta all’aumento diurno
del pericolo di valanghe bagnate (cfr. Appendice 5).
Se si prevede un pronunciato pericolo di valanghe per scivolamento di neve, nettamente più alto di
quello di valanghe di neve a lastroni, attraverso due carte viene rappresentato sia il pericolo di
valanghe di lastroni asciutti, sia il pericolo di valanghe per scivolamento di neve. In questo caso,
occorre tenere presente che il pericolo di valanghe per scivolamento di neve non è soggetto a un
18
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
ciclo giornaliero. Di conseguenza, lungo tutta la giornata (anche al mattino presto) sono possibili
sia valanghe a lastroni di neve asciutta, sia valanghe per scivolamento di neve.
La frequenza dei gradi di pericolo previsti durante gli inverni dal 1997/98 (anno di introduzione del
bollettino quotidiano con la previsione per il giorno successivo) al 2011/12 è rappresentata nella
seguente Figura 3:
Fig. 3: Distribuzione percentuale dei gradi di pericolo nel bollettino delle valanghe (valutazione serale – ore 17:00 –
dal 01.12 al 30.04) dalla stagione 1997/88 alla stagione 2011/12.
9.2 Debole pericolo di valanghe (grado 1)
Il manto nevoso è in generale ben consolidato oppure scarsamente coeso: questa è la tipica
situazione che si riscontra in pieno inverno con lunghi periodi di bel tempo e modesta altezza della
neve. In entrambi i casi, una frattura non è di norma in grado di propagarsi nel manto nevoso. Il
manto nevoso è quindi generalmente stabile (cfr. Fig. 2). Il distacco artificiale di valanghe su isolati
pendii estremamente ripidi è possibile con un forte sovraccarico (ad es. esplosione o gruppo di
sciatori). Un distacco provocato da persone non può mai essere escluso completamente: le zone
pericolose sono tuttavia rare, limitate prevalentemente ai pendii ripidi estremi, dove spesso il
pericolo di trascinamento e di caduta è maggiore rispetto al pericolo di seppellimento.
I distacchi spontanei sono poco probabili, a parte le colate o le valanghe di piccole dimensioni sui
pendii ripidi.
Circa il 5% di tutti gli incidenti mortali avviene con questo grado.
9.3 Moderato pericolo di valanghe (grado 2)
In alcune zone, che in genere nel bollettino valanghe sono descritte più dettagliatamente tramite
altitudine, esposizione o forma del terreno, il manto nevoso è soltanto moderatamente consolidato
(cfr. Fig. 2). Per l’appassionato di sport invernali che opera una prudente scelta dell’itinerario, le
condizioni sono per lo più favorevoli.
Se nella profondità del manto nevoso sono presenti strati fragili, in alcuni punti possono distaccarsi
valanghe di medie dimensioni, soprattutto in seguito a un forte sovraccarico (cfr. Cap. 8.3.2). Non è
escluso un distacco anche con un debole sovraccarico (cfr. Cap. 8.3.2.), soprattutto nei punti
scarsamente innevati. Simili distacchi sono più frequenti in combinazione con nuovi accumuli di
neve ventata, che possono distaccarsi facilmente ma hanno dimensioni generalmente ridotte. Sono
possibili isolati segnali di allarme, come i rumori di "whum".
19
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
I distacchi di valanghe spontanee si verificano per lo più sotto forma di valanghe bagnate che, a
livello isolato possono raggiungere dimensioni medie. Non sono previste valanghe spontanee di
grandi dimensioni. Per le vie di comunicazione e i centri abitati la minaccia di valanghe spontanee
è poco probabile. Per lo più sono superflue anche azioni preventive nei pressi dei percorsi di
discesa.
Circa un terzo di tutti gli incidenti mortali avviene con questo grado.
9.4 Marcato pericolo di valanghe (grado 3)
In molti punti, il manto nevoso è solo da moderatamente a debolmente consolidato (cfr. Fig. 2).
Soprattutto sui pendii ripidi alle esposizioni e altitudini indicate nel bollettino delle valanghe è
possibile un distacco già in seguito a un debole sovraccarico (cfr. Cap. 8.3.2.). I segnali di allarme
sono tipici ma non sempre presenti. Isolate valanghe di neve a lastroni possono staccarsi anche da
una maggiore distanza (distacco a distanza).
Il pericolo di distacchi spontanei di valanghe può essere molto variabile: in caso di debole struttura
del manto nevoso e di modesto innevamento, si prevedono valanghe di medie dimensioni solo a
livello locale. Se il grado viene previsto in caso di recenti nevicate o in relazione al rialzo termico
(dipendente dalle ore del giorno), sono possibili anche grandi distacchi a livello isolato. In questi
caso si raccomandano misure di sicurezza come ad es. azioni di distacco artificiale (soprattutto in
caso di recenti nevicate) oppure chiusure temporanee (soprattutto in caso di rialzo termico) dei
tratti esposti delle vie di comunicazione e soprattutto nei pressi dei percorsi di discesa controllata.
Le escursioni e le discese fuori pista richiedono esperienza e una capacità di valutazione in materia
di valanghe acquisita negli appositi corsi di formazione. I pendii ripidi situati alle esposizioni e alle
altitudini indicate dovrebbero se possibile essere evitati.
Circa la metà di tutti gli incidenti mortali avviene con questo grado.
9.5 Forte pericolo di valanghe (grado 4)
Il manto nevoso è debolmente consolidato sulla maggior parte dei pendii. Su numerosi pendii
ripidi, il distacco è probabile già in seguito a un debole sovraccarico. I segnali di allarme sono
frequenti. Valanghe spontanee e distacchi a distanza sono tipici di questo grado di pericolo. In
determinati casi, quando le valanghe non raggiungono dimensioni particolarmente grandi, il
pericolo riguarda principalmente gli appassionati di sport invernali. Spesso il pericolo interessa
però anche tratti delle vie di comunicazione o i centri abitati. A seconda della situazione (ad es.
struttura del manto nevoso, neve fresca, vento) sono infatti previste numerose valanghe spontanee
di medie dimensioni, ma sempre più anche di grandi dimensioni, che percorrono di norma le
traiettorie abituali. I tratti esposti delle vie di comunicazione e i centri abitati nel raggio d’azione di
tali valanghe sono in gran parte minacciati: qui sono raccomandate misure di sicurezza (come ad
es. esplosioni o chiusure). Le condizioni per una sosta al di fuori delle zone controllate sono
sfavorevoli. Particolare attenzione va rivolta alle zone di deposito delle valanghe.
Circa il 10% di tutti gli incidenti mortali avviene con questo grado.
9.6 Pericolo di valanghe molto forte (grado 5)
Il manto nevoso è in generale debolmente consolidato e pertanto molto instabile (come ad es. in
caso di grandi quantità di neve fresca con frattura all’interno della stessa o nei punti di passaggio
verso la neve vecchia). Tuttavia, esso può anche presentare strati fragili estesi situati in profondità
che, in caso di sovraccarico causato da grandi masse di neve, si distaccano e causano valanghe di
dimensioni grandi e molto grandi. Si prevedono valanghe spontanee di dimensioni grandi e anche
molto grandi, anche sui pendii poco ripidi, che possono distaccarsi anche ripetutamente e creare
nuove traiettorie. Sono necessarie ampie misure di sicurezza (chiusure, in determinati casi anche
evacuazioni, ecc.). Per fortuna, simili situazioni catastrofiche con grado di pericolo 5 sono molto
rare. In questi casi, le escursioni non sono consigliabili e per lo più neanche possibili.
20
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Con questo grado di pericolo si sono verificati incidenti mortali soprattutto negli inverni con
valanghe di grandi dimensioni, come ad es. nel 1951, 1968, 1975, 1984 o 1999, che rappresentano
circa l’1% del totale.
10. Spiegazioni sui punti pericolosi
10.1 Generalità
Oltre al grado di pericolo, durante l’elaborazione dei bollettini delle valanghe vengono sempre
menzionate le parti di terreno ritenute critiche. Esempio: "I punti pericolosi si trovano soprattutto
sui pendii carichi di neve ventata esposti da ovest a nord fino a sud est al di sopra dei 2000 m
circa".
Come base per l’interpretazione e per garantire un seria pianificazione dell’escursione, i fattori
quali inclinazione, esposizione, altitudine e forma del pendio dovrebbero essere determinati con
l’ausilio delle carte topografiche Swisstopo in scala 1:25’000.
10.2 Inclinazione del pendio
La maggior parte delle valanghe dello sciatore si stacca su pendii con inclinazione compresa tra 35
e 40 gradi. Soprattutto con grado di pericolo forte e molto forte, a livello isolato il distacco di una
valanga può avvenire anche in zone con un’inclinazione inferiore a 30 gradi.
L’indicazione della classe di inclinazione nel bollettino delle valanghe significa che i pendii che
rientrano in tale classe sono particolarmente critici. Nel bollettino delle valanghe vengono indicate
le seguenti inclinazioni del pendio:
Poco ripido: Incl. inf. a circa 30°
Ripido:
Incl. sup. a 30°
Molto ripido: Incl. sup. a 35°
Ripido estremo:
3% delle valanghe dello sciatore nella media pluriennale
97% delle valanghe dello sciatore nella media pluriennale
Questa inclinazione è la più utilizzata nel bollettino delle
valanghe.
82% delle valanghe dello sciatore nella media pluriennale
Questa inclinazione viene utilizzata soltanto raramente nel
bollettino delle valanghe.
Incl. sup. a circa 40°43% delle valanghe dello sciatore nella
media pluriennale
Questi ultimi pendii sono particolarmente sfavorevoli per lo
più anche per quanto riguarda la forma del terreno, la
prossimità alle creste o la struttura del terreno. Questa
indicazione compare nel bollettino valanghe soprattutto in
relazione con il grado di pericolo "debole".
Anche in questo caso dipende dalla natura il fatto che non si possano prevedere valori esatti (ad es.
più ripido di 35°) ma solo indicativi, e che si debba tenere conto delle zone di transizione.
10.3 Esposizione del pendio
Un pendio esposto a nord è rivolto verso nord. Se ci troviamo in cima a una montagna e
guardiamo verso nord (a mezzogiorno con il sole alle spalle), il pendio esposto a nord è
direttamente davanti e sotto di noi. In pieno inverno, i pendii più ripidi esposti a nord rimangono a
lungo all’ombra delle montagne e non ricevono quindi alcuna irradiazione solare diretta. In questo
caso, l’assestamento e il consolidamento procedono di norma soltanto lentamente.
Un pendio esposto a sud è rivolto verso sud e quindi riceve il sole regolarmente anche in pieno
inverno, per cui in quell’area generalmente la neve si assesta più in fretta e si consolida meglio. Al
21
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
mattino, il sole illumina per primi i pendii esposti a est. Gli ultimi raggi solari illuminano i pendii
esposti a ovest.
I versanti all’ombra, detti anche "pendii in ombra", sono più numerosi in pieno inverno (quando il
sole è basso all’orizzonte) che in primavera (quando il sole si alza sempre di più al di sopra
dell’orizzonte). A seconda dell’ombra prodotta dall’orizzonte locale, le zone d’ombra possono
trovarsi in tutte le esposizioni e non solo sui pendii rivolti a nord.
In modo analogo devono essere interpretati i "pendii molto soleggiati" ovvero i "pendii esposti al
sole".
I "pendii sopravento" sono quelli esposti al vento (sul lato direttamente esposto al vento). Su
questi pendii, la neve viene generalmente spazzata via dal vento.
I "pendii sottovento" sono riparati dal vento (sul lato non esposto al vento). È qui che la neve
spazzata via dai pendii sopravento si deposita nuovamente. Spesso questi pendii sottovento
presentano un innevamento superiore alla media e vengono pertanto definiti anche "pendii carichi
di neve ventata".
I pendii sopravento e sottovento non vanno tenuti in considerazione soltanto in prossimità delle
vette, ma anche lontano da esse (ad es. lungo i fianchi di una valle con direzione privilegiata del
vento), dove la direzione del vento, deviata dal terreno, può differire notevolmente dalla direzione
principale in assenza di elementi di disturbo.
I "pendii ripidi in prossimità delle creste" si trovano di norma vicino alle creste e alle cime delle
montagne, sono spesso rocciosi e presenti in tutte le esposizioni.
10.4 Altitudine
Le indicazioni sulle altitudini particolarmente critiche vengono effettuate di solito con incrementi
di 200 m. Per le valanghe asciutte si indica per lo più l’altitudine s.l.m. più bassa al di sopra della
quale le stesse possono verificarsi. Per le valanghe bagnate si menziona l’altitudine s.l.m. al di sotto
della quale esse possono prevalentemente verificarsi. Le formulazioni con fasce di altitudine, come
per esempio "tra i 2500 m e i 3000 m", vengono utilizzate piuttosto raramente.
Nel bollettino delle valanghe vengono spesso usati i seguenti termini:
- Bassa quota:
altitudini al di sotto dei 1000 m circa
- Quota di media montagna: altitudini comprese tra i 1000 m e i 2000 m circa
- Alta quota:
altitudini comprese tra i 2000 m e i 3000 m circa
- Alta montagna:
altitudini al di sopra dei 3000 m circa
Anche il limite del bosco viene usato come punto di riferimento. In questo caso è inteso il punto di
passaggio tra il bosco poco battuto dal vento e l’ambiente alpino aperto ed esposto al vento. Il
limite del bosco si trova nella fascia di transizione tra la quota di media montagna e l’alta quota.
Nel Vallese centrale e in Engadina, esso si colloca intorno ai 2200 m circa, nelle valli alpine interne
e nel versante sudalpino intorno ai 2000 m circa e sulle Prealpi a circa 1800 m.
10.5 Altri termini usati per descrivere parti di terreno particolarmente critiche
In relazione con la formazione di neve ventata fresca (durante il periodo di trasporto della neve ad
opera del vento), si utilizza spesso anche il termine "pendii carichi di neve ventata". Con questo
termine si intendono i pendii ripidi sui quali si deposita la neve fresca ventata, che è
particolarmente critica (cfr. sopra). Nel bollettino delle valanghe, spesso anche in combinazione
con gli accumuli di neve ventata, compaiono i termini "conche e canaloni" o "punti in
prossimità delle creste". Se viene specificato "conche e canaloni" o "punti in prossimità delle
creste", in questo caso i punti pericolosi si limitano per lo più a queste forme di terreno e sono
quindi relativamente ben localizzabili e piuttosto piccoli.
10.6 Uso nel bollettino delle valanghe
Dal punto di vista della diffusione dei punti pericolosi, è possibile desumere il seguente ordine:
22
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
1) Pendii ripidi:
I punti pericolosi sono previsti su tutti i pendii ripidi nelle esposizioni e alle altitudini indicate
(incluse le conche e i canaloni).
2) Pendii carichi di neve ventata:
I punti pericolosi sono previsti soprattutto su quei pendii ripidi situati nelle esposizioni e alle
altitudini indicate, dove il manto nevoso viene ricoperto da neve ventata (incluse le conche e i
canaloni carichi di neve ventata).
3) Conche e canaloni / Zone in prossimità delle creste:
I punti pericolosi si trovano di norma soprattutto nelle conche e nei canaloni / nelle zone in
prossimità delle creste, nelle esposizioni e alle altitudini indicate.
Se vengono usati i termini "pendii carichi di neve ventata" oppure "conche e canaloni / zone in
prossimità delle creste" senza specificare alcuna inclinazione, in questo caso si presuppongono
generalmente "pendii ripidi carichi di neve ventata" oppure "conche e canaloni ripidi". Altrimenti
l’inclinazione viene affiancata al termine utilizzato, come ad es. "pendii molto ripidi carichi di neve
ventata".
10.7 Rappresentazione grafica sulla carta del pericolo di valanghe di parti di terreno
particolarmente critiche
Sulla carta del pericolo di valanghe è possibile visualizzare in forma grafica le parti di terreno
particolarmente critiche (cfr. Appendici 3, 5).
Le zone evidenziate in nero sono quelle particolarmente critiche. L’esempio qui a
fianco significa: "I punti pericolosi si trovano soprattutto alle esposizioni da ovest
a nord fino a nord est al di sopra dei 2600 m circa".
La rappresentazione dell’esposizione segue esattamente la descrizione contenuta
nel testo (da ovest a nord sino a nord est). Se per le altitudini particolarmente
critiche viene specificato il limite inferiore, l’altitudine si trova sopra alla linea e
la zona superiore del simbolo della montagna è di colore nero (come
nell’esempio soprastante: situazione tipica con valanghe asciutte). Se per le
altitudini particolarmente critiche viene specificato il limite superiore, l’altitudine si trova sotto alla
linea e la zona inferiore del simbolo della montagna è di colore nero (situazione tipica in caso di
valanghe bagnate).
Interpretazione
La situazione valanghiva più critica si riscontra nelle parti di terreno descritte come punti
pericolosi. Negli altri punti, il pericolo di valanghe è per lo più minore, anche se nel bollettino
valanghe non è possibile specificare nei dettagli in quale misura. Tra due parti di terreno con
diverso grado di pericolo e ai margini delle esposizioni e delle altitudini specificate, non esistono
limiti nettamente definibili. In questi punti sono sempre presenti zone di confine e di passaggio di
estensione variabile, che non possono essere chiaramente abbinate alla parte favorevole né a quella
sfavorevole e che vanno quindi valutate con particolare attenzione. Ai margini delle parti di terreno
con diverso grado di pericolo si trovano quindi delle zone di passaggio che possono estendersi per
alcuni chilometri (cfr. Figura 4a). Nella valutazione del pericolo di valanghe occorre in questo caso
considerare entrambi i gradi di pericolo. Per quanto riguarda le esposizioni, occorre considerare
una zona di passaggio di circa +/- 1/16 di circonferenza (cfr. Figura 4b), mentre per le altitudini di
+/- 200 m (cfr. Figura 4c). Queste "tolleranze" sono valori puramente indicativi (ordini di
grandezza), che non possono essere considerati esatti. Occorre sempre tenere presente che nella
"zona di passaggio" può valere sia la previsione più favorevole che quella più sfavorevole.
23
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Figura 4b:
Figura 4a:
Figura 4c:
Figure da 4a a 4c: Occorre considerare le zone di confine del grado di pericolo, dell’esposizione e dell’altitudine.
Nella pratica delle escursioni è diventato usuale ipotizzare che il pericolo nelle parti di terreno non
specificatamente menzionate sia inferiore di un grado. Una regola empirica che si è dimostrata in
gran parte valida ma che, come tutte le regole, ha le sue eccezioni. Essa può essere utilizzata per
programmare un’escursione, ma non può sostituire una valutazione sul posto, tanto più che il grado
di pericolo è valido per un’intera regione e non per un singolo pendio. Va osservato che, nella
stesura del bollettino da parte del servizio di avviso valanghe, questa regola non viene considerata.
Ciò significa che, nel determinare le parti di terreno particolarmente critiche, non si può tener conto
del fatto che in altri luoghi il grado di pericolo è sempre esattamente di un grado inferiore.
La maggior parte di tutti gli incidenti mortali provocati da valanghe si sono verificati nelle
cosiddette zone principali, quindi nei luoghi dove sia le indicazioni sull’inclinazione
particolarmente critica, sia quelle sull’esposizione particolarmente critica dei pendii e
sull’altitudine particolarmente critica erano corrette. E questo indipendentemente dal grado di
pericolo del giorno dell’incidente.
11. Indicazioni e raccomandazioni supplementari per i singoli gruppi
di destinatari
11.1 Generalità
Nelle discussioni che hanno preceduto l’introduzione della scala europea del pericolo valanghe,
non tutti erano d’accordo a pubblicare con i singoli gradi di pericolo, oltre alla stabilità del manto
nevoso e alla probabilità di distacco di valanghe, anche ulteriori indicazioni sugli effetti concreti e
le relative raccomandazioni per i principali gruppi di destinatari. I servizi di avviso valanghe
francesi e italiani non forniscono nessuna indicazione né raccomandazione sugli effetti. Quelli
austriaci e tedeschi ritengono simili indicazioni solo parzialmente utili. In Svizzera, queste
indicazioni supplementari rivolte ai gruppi di destinatari erano già incluse nella vecchia scala del
24
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
pericolo valanghe del 1985. In seguito a una consultazione nazionale svolta tra le principali
associazioni, l’SLF ha deciso di continuare a fornire le indicazioni sugli effetti e le relative
raccomandazioni, sempre con l’obiettivo di rendere il bollettino delle valanghe più comprensibile.
11.2 Raccomandazioni permanenti
Gli effetti e le raccomandazioni per le vie di comunicazione e i centri abitati (Appendice 1,
penultima colonna) contengono indicazioni rivolte ai responsabili dei servizi valanghe cantonali e
comunali, ai responsabili delle funivie federali e private, nonché ai responsabili della sicurezza
delle piste in seno alle funivie. Tra le "misure di sicurezza" rientrano da un lato provvedimenti
quali il distacco artificiale tramite esplosivo (inteso per lo più come misura di bonifica) e,
dall’altro, anche la chiusura delle vie di comunicazione o delle discese/piste, l’individuazione di
ricoveri o l’organizzazione di evacuazioni (in caso di condizioni molto critiche) da edifici singoli o
da intere zone, ecc. Le misure di sicurezza da adottare variano di volta in volta e rientrano nella
competenza dei responsabili della sicurezza.
Gli effetti e le raccomandazioni per le persone che praticano attività fuori pista (Appendice 1,
ultima colonna) contengono indicazioni rivolte soprattutto agli appassionati di sport invernali. Le
persone che si recano al di fuori delle zone protette sono quelle che partecipano ad es. a
un’escursione in montagna a piedi, con gli sci, le racchette da neve o lo snowboard, che praticano il
fuoripista con gli sci o lo snowboard, oppure che frequentano l’ambiente innevato per motivi di
lavoro. Per questo gruppo di destinatari, insieme a ciascun grado di pericolo vengono fornite
indicazioni che descrivono gli effetti e le raccomandazioni.
Le indicazioni sulle "condizioni" si riferiscono esclusivamente al pericolo di valanghe. Nel
bollettino delle valanghe, le condizioni della neve (neve polverosa, neve primaverile, crosta non
portante) o anche quelle meteo esterne (nebbia, vento tempestoso), che in determinate circostanze
possono anch’esse rappresentare un potenziale pericolo, vengono commentate solo in casi
eccezionali.
La necessaria "esperienza nella valutazione del pericolo di valanghe" si acquisisce frequentando
uno dei numerosi corsi offerti dal Club Alpino Svizzero, da "Gioventù+Sport", dalle scuole di
alpinismo, dalle associazioni sportive di sci e snowboard o dall’esercito.
Le "raccomandazioni" contenute nell’Appendice 1 devono effettivamente essere interpretate come
tali. Dopo aver valutato personalmente la situazione sul posto, la decisione su come comportarsi in
relazione al pericolo di valanghe e su quali rischi si vogliono correre spetta al singolo individuo.
11.3 Raccomandazioni riferite alla situazione in corso
In situazioni particolari, il bollettino delle valanghe contiene raccomandazioni supplementari
riferite alla situazione in corso. Anche se il servizio di avviso valanghe è piuttosto restio nel fornire
raccomandazioni, di norma esse si riferiscono al livello di formazione ed esperienza (esempi: "Le
persone inesperte nella valutazione del pericolo di valanghe dovrebbero rimanere sulle piste
aperte", "L’attraversamento di questi pendii richiede molta esperienza", "Le persone meno esperte
dovrebbero evitare questi pendii").
Non tutti i servizi europei di avviso valanghe sono d’accordo sull’aggiunta, nel bollettino delle
valanghe, di raccomandazioni riferite alla situazione in corso. Ad esempio il Bayrische
Lawinenwarndienst (servizio di avviso valanghe della Baviera) non pubblica per principio nessuna
raccomandazione.
12. Espressioni geografiche
La suddivisione geografica si basa su circa 120 regioni (cfr. Appendice 9). Per il raggruppamento
di più regioni, dettato per lo più da criteri climatologici o politici, vengono utilizzate espressioni
25
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
geografiche di ordine più generale e d’uso comune, che vengono impiegate anche da
MeteoSvizzera o da altri servizi di allerta contro pericoli naturali.
L’Appendice 10 illustra la suddivisione geo-climatica delle Alpi svizzere in versante nordalpino e
versante sudalpino. A seconda della situazione, occorre ricorrere alle regioni politico-geografiche
principali illustrate nell’Appendice 11, che permettono una suddivisione più precisa. Espressioni
come "Basso Vallese" o "Alpi Glaronesi" sono universalmente conosciute. I nomi delle sottozone
presuppongono tuttavia ottime conoscenze geografiche da parte dell’utente, cosa praticamente
impossibile soprattutto per i turisti stranieri.
Le sottozone elencate nell’Appendice 12 e nell’Appendice 13 vengono citate piuttosto raramente
nel bollettino delle valanghe.
Nell’Appendice 14 sono illustrate la "cresta principale delle Alpi" e la "cresta settentrionale delle
Alpi". La cresta principale delle Alpi si estende all’incirca dal Gran San Bernardo alla Val
Müstair, passando attraverso il monte Rosa, il Sempione, il Gottardo, il Lucomagno, il San
Bernardino, il passo del Maloja e il massiccio del Bernina. La cresta settentrionale delle Alpi
copre una fascia che parte dal Dent du Midi e arriva alla regione dell’Alpstein, passando attraverso
la regione della Jungfrau e del Wildstrubel, il Gottardo, il Tödi e il Vorab.
Con l’espressione regioni alpine interne si intendono generalmente le regioni comprese tra la
cresta principale e la cresta settentrionale delle Alpi. In particolare, esse sono il Vallese centrale e
parti del nord e centro dei Grigioni come pure dell’Engadina (Appendice 14).
Come esempio di particolare importanza merita di essere segnalata la regione del Gottardo
(Appendice 13), che comprende la valle di Goms superiore, la regione del Grimsel, l’Urseren, il
Tavetsch, la Leventina superiore e la Valle Bedretto. Le valli meridionali dei Grigioni
comprendono la valli Mesolcina e Calanca (che, insieme, formano il Moesano), la Valle Bregaglia,
la Val Poschiavo e la Val Müstair.
L’abbinamento alle regioni richiede particolare attenzione quando l’escursione si svolge nelle zone
di confine tra una regione e l’altra. Per fare un esempio, l’accesso alla regione della Jungfrau
avviene generalmente da nord (versante nordalpino, Oberland Bernese oppure Oberland Bernese
orientale), mentre la zona escursionistica vera e propria si estende per lo più in territorio vallese
(Vallese, Alto Vallese, nord del Vallese o Valle di Goms). Inoltre, ai confini tra una regione e
l’altra non esiste una delimitazione netta del grado di pericolo, ma piuttosto una zona di confine
che può estendersi per alcuni chilometri (cfr. Capitolo 10). Chi organizza un’escursione con gli sci
o lo snowboard in zone simili deve quindi consultare il bollettino delle valanghe nel suo
complesso.
13. Prodotti supplementari
I prodotti supplementari completano le informazioni contenute nel bollettino delle valanghe e
facilitano la sua interpretazione.
13.1 Carte della neve fresca
Ogni giorno alle ore 09:30 vengono pubblicate la carta della neve fresca caduta nelle ultime 24 ore
(neve fresca 1giorno) (cfr. Appendice 15) e la carta della neve fresca caduta negli ultimi 3 giorni
(neve fresca 3 giorni). L’interpolazione e l’assegnazione alle classi di neve fresca fisse tratteggiate
(da 0 a 1 cm, da 1 a 10 cm, da 10 a 25 cm, da 25 a 50 cm) avvengono automaticamente e non
vengono controllate né corrette. Dal momento che la maggior parte delle stazioni meteo utilizzate è
situata a quote basse e medie, con un limite delle nevicate al di sopra dei 1000 m la carta mostra
un’immagine falsata e difficilmente interpretabile. Per facilitare l’interpretazione, vengono indicati
i valori originali rilevati all’altitudine in cui si trova la stazione.
26
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
13.2 Carta delle altezze del manto nevoso
Questa carta mostra le altezze del manto nevoso in una griglia con maglie da 1x1 km, calcolate
sulla base dei valori trasmessi dalle stazioni meteo dell’SLF e di MeteoSvizzera. Nei giorni con
scarsa nuvolosità, i valori rilevati vengono integrati con i dati del satellite NOAA-AVHRR del
Remote Sensing Group dell’Università di Berna, presso la quale viene elaborata una carta
dell’innevamento sulla base dei dati satellitari. Questa carta dell’innevamento viene poi inclusa nel
calcolo della carta delle altezze del manto nevoso. Per il calcolo dell’altezza del manto nevoso
nella griglia con maglie da 1x1 km viene utilizzato un metodo che tiene conto sia dell’effetto
dominante della topografia sull’innevamento, sia dei rilevamenti locali (cfr. Appendice 16).
La carta delle altezze del manto nevoso viene di norma pubblicata ogni giovedì verso le ore 10:00,
se necessario anche più frequentemente. A causa dell’inclusione dei dati del satellite NOAAAVHRR, per la precisione del calcolo dell’altezza del manto nevoso è essenziale che il cielo sia
sereno. Eventualmente viene pubblicata una carta delle altezze del manto nevoso senza i dati del
satellite.
13.3 Altezza del manto nevoso a 2000 m o 2500 m
Ogni giovedì (in caso di nette variazioni anche in altri giorni della settimana) viene pubblicata
verso le ore 10:00 la carta dell’altezza media del manto nevoso a 2000 m (nei mesi a margine
dell’inverno a 2500 m) (cfr. Appendice 17). Le informazioni contenute in questa carta si basano sui
valori trasmessi dalle stazioni meteo dell’SLF e di MeteoSvizzera. Per calcolare l’altezza del manto
nevoso a 2000 m vengono utilizzati tutti i valori misurati tra i 1600 m e i 2400 m, mentre per
calcolare quella a 2500 m tutti i valori misurati tra i 2100 m e i 2900 m. Questa carta, che copre le
regioni delle Alpi svizzere, fornisce una panoramica generale sull’innevamento momentaneo su
terreno pianeggiante. Le regioni con innevamento identico o simile vengono raggruppate
utilizzando lo stesso colore o la stessa tratteggiatura.
Per la suddivisione in zone più alte o più basse occorre tener conto del fatto che il gradiente di
innevamento può variare notevolmente. In generale, esso è compreso tra 5 e 20 cm per 100 metri di
altitudine. Tra l’altro occorre considerare che i dati si riferiscono alle zone pianeggianti e che sui
pendii l’altezza del manto nevoso può risultare notevolmente diversa. Nei mesi a margine
dell’inverno, quando è presente meno neve, viene indicata l’altezza media del manto nevoso a
2500 m, caratteristica che viene specificata nell’intestazione della carta.
13.4 Altezza del manto nevoso rispetto alla media pluriennale
Insieme alle carte delle altezze del manto nevoso (cfr. Capitolo 13.2 e 13.3) viene anche pubblicata
una carta che mostra un confronto tra l’innevamento momentaneo e la media pluriennale (cfr.
Appendice 18). Le informazioni contenute in questa carta si basano sui dati trasmessi dalle stazioni
comparative che effettuano i loro rilevamenti da oltre 10 anni consecutivi. Solitamente vengono
utilizzati i valori delle stazioni situate al di sopra dei 1200 m. Nella carta vengono utilizzate le
seguenti classi:
< 60%:
nettamente inferiore alla media
60 – 90%:
inferiore alla media
90 – 110 %:
nella media
110 – 140 %:
superiore alla media
> 140%:
nettamente superiore alla media
Se i valori < 60% sono in molti punti nettamente al di sotto del 30% e i valori > 140% in molti
punti nettamente al di sopra del 170%, essi vengono specificati ancora più dettagliatamente.
13.5 Carta di stabilità del manto nevoso
La carta contiene analisi del manto nevoso interpretate dal servizio di avviso valanghe. Si tratta di
analisi temporali e locali circostanziate del manto nevoso che sono state suddivise in tre classi di
27
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
stabilità. Facendo clic sui singoli simboli è possibile accedere ai profili stratigrafici (cfr. Appendice
19).
Fornire indicazioni sulla stabilità del manto nevoso di un singolo pendio non è possibile perché
questa caratteristica può variare notevolmente da un luogo all’altro e la densità delle informazioni è
insufficiente per poterlo fare. D’altro canto, l’analisi dei diversi profili stratigrafici permette di fare
una valutazione generale sulla stabilità regionale del manto nevoso al momento in cui il profilo era
stato rilevato.
È necessario tenere conto delle seguenti restrizioni:
• Le informazioni si riferiscono al momento in cui è stato rilevato il profilo. Se le condizioni
del manto nevoso rimangono invariate, le informazioni possono essere valide per un
periodo più lungo. Se però nel frattempo ha nevicato e la neve fresca non si è ancora ben
legata con la neve vecchia, la stabilità del manto nevoso (che dal momento in cui era stato
rilevato il profilo è diventato più spesso e nella maggior parte dei casi ha subito anche
metamorfosi interne) cambia e i dati sono validi solo in misura più limitata.
• La densità di informazioni è variabile: per alcune regioni sono disponibili più informazioni
e più aggiornate rispetto ad altre.
• La carta di stabilità del manto nevoso viene aggiornata non appena sono disponibili nuovi
profili stratigrafici.
Informazioni più dettagliate sulla carta di stabilità del manto nevoso sono reperibili in internet
all’indirizzo www.slf.ch.
13.6 Resoconto settimanale (in tedesco e francese)
Il resoconto settimanale illustra e descrive lungo tutto l’anno le condizioni meteo rilevanti per il
pericolo di valanghe, le variazioni a livello di struttura e stabilità del manto nevoso così come altri
aspetti riguardanti la situazione nivologica e valanghiva sulle Alpi svizzere. I resoconti vengono
completati da carte tematiche, fotografie e dati rilevati. All’occorrenza vengono trattati argomenti
specifici, con articoli che illustrano più dettagliatamente speciali processi o fenomeni che
caratterizzano un periodo.
Durante la stagione invernale i resoconti vengono pubblicati a cadenza settimanale, in bassa
stagione e in estate a cadenza mensile. L’anno di riferimento è l’anno idrologico, che inizia il 1°
ottobre e termina il 30 settembre. I resoconti mensili vengono pubblicati all’inizio del mese
successivo, quelli settimanali ogni giovedì sera in tedesco e ogni venerdì sera in francese.
Attraverso il menu sul margine sinistro della pagina è possibile selezionare il periodo di tempo.
A inizio estate (giugno) viene pubblicato un resoconto riepilogativo dell’inverno appena trascorso
(rapporto annuale). Una volta archiviati i resoconti degli incidenti, questi ultimi vengono riuniti
insieme al rapporto annuale nel documento "Neve e valanghe sulle Alpi svizzere", che può essere
scaricato in formato PDF e che viene anche chiamato "Resoconto invernale".
13.7. Icone
Le icone (cfr. Appendice 2) forniscono al vasto pubblico informazioni sul pericolo di valanghe in
modo semplice e chiaramente comprensibile. Tra le altre cose, questa informazione concisa deve
stimolare gli appassionati di sport invernali a consultare indicazioni più dettagliate all’indirizzo
www.slf.ch. Le icone possono essere utilizzate sotto forma di una carta o come simboli individuali
(cfr. Appendice 2, 6), in modo da poter ad es. integrare in modo efficace le previsioni meteo locali
con il grado di pericolo momentaneo per la regione interessata.
28
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
14. Canali di distribuzione e possibilità di accesso a tutti i prodotti
Panoramica
Internet:
www.slf.ch
Smartphone:
app White
Risk
SMS
RSS
Bollettino
delle
valanghe


Carte
della
neve


Dati
delle
stazioni

SMS
"SLFSOMMER"



Internet
Indirizzo: www.slf.ch
Prodotti: bollettino delle valanghe, carte della neve, dati trasmessi dalle stazioni automatiche,
ulteriori e dettagliate informazioni su neve e valanghe, formulario online „invio osservazioni ».
Smartphone
App SLF “White Risk”
App gratuita per iPhone e smartphone Android (disponibile nell’App Store o
nel Play Store)
Prodotti: bollettino delle valanghe, carte della neve, dati trasmessi dalle
stazioni automatiche, nozioni di base di nivologia e strumenti utili da usare
durante le escursioni, formulario„invio osservazioni »
SMS "SLFSOMMER"
Chi desidera essere informato via SMS della pubblicazione di un bollettino straordinario delle
valanghe, deve inviare un SMS con il testo "START SLF SOMMER" al numero 9234. Quando
viene pubblicato un bollettino delle valanghe straordinario, tutti gli abbonati al servizio ricevono
automaticamente, poco dopo la pubblicazione, un avviso via SMS. Il servizio può essere interrotto
in qualsiasi momento inviando allo stesso numero un SMS con il messaggio STOP SLF
SOMMER.
Costo: Fr. -.20 per ciascun SMS
RSS
Indirizzo: http://www.slf.ch/dienstleistungen/rss/index_IT
Prodotto: bollettino delle valanghe
Radio
Radio SRF 1: ogni giorno alle ore 16:50 circa
Radio SRF 3: occasionalmente, soprattutto in caso di elevato pericolo di valanghe
Radio Südostschweiz: ogni giorno alle ore 17:50 circa
RadioRumantsch: venerdì alle ore 17.50
Rhône FM: venerdì alle ore 18:15 circa (in collaborazione con la sede distaccata a Sion)
RSI Rete 1: venerdì alle ore 16:00 circa (in collaborazione con MeteoSvizzera)
Radio Fiume Ticino: venerdì alle ore 17:15 circa (in collaborazione con MeteoSvizzera)
Radio 3I: sabato alle ore 07:40 circa (in collaborazione con MeteoSvizzera)
Altre radio locali: occasionalmente, soprattutto in caso di elevato pericolo di valanghe
29
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
TV
SF 1, SF info, TSR, TSI: durante le previsioni del tempo poco prima o poco dopo le ore 20:00. Più
spesso il venerdì, occasionalmente anche negli altri giorni.
Portale sui pericoli naturali e app MeteoSvizzera
Il portale sui pericoli naturali (www.pericoli-naturali.ch) e l’app MeteoSvizzera forniscono una
panoramica sulla situazione dei pericoli naturali in Svizzera. Sul portale vengono rappresentati i
gradi di pericolo per tutti i pericoli naturali soggetti ad allerta (pioggie, temporali, piena, nevicate,
valanghe, canicola, gelo, strade sdrucciolevoli, vento, incendi di boschi, terremoti) così come
informazioni generiche sui singoli pericoli e sulle misure per superarli. Gli autori di queste
informazioni sono i Servizi specializzati in pericoli naturali della Confederazione: l'Ufficio federale
di meteorologia e climatologia (MeteoSvizzera), l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), il WSL
Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF e il Servizio sismico svizzero (SED). L’app
MeteoSvizzera e l’app WhiteRisk sono collegate fra loro e permettono così all’utente di accedere
con la massima facilità alle informazioni dettagliate.
15. Feedback sul pericolo di valanghe
Con il termine "verifica" del pericolo di valanghe si intende il successivo confronto indipendente
della situazione valanghiva con gli ulteriori test sul campo, le valanghe osservate, l’analisi degli
incidenti da valanga o le indagini tra gli sciatori svolte con l’aiuto di questionari. Si tratta in
sostanza di verificare i gradi di pericolo pubblicati e le parti di terreno considerate particolarmente
critiche. Il feedback che ci viene fornito dagli utenti è fondamentale per un costante miglioramento
del bollettino delle valanghe. Per il servizio di avviso valanghe è importante qualsiasi tipo di
feedback, soprattutto quando le valutazioni dell’utente divergono da quelle specificate nel
bollettino delle valanghe.
Come trasmettere il proprio feedback:
- formulario online „invio osservazioni” www.slf.ch/lawinenbulletin/rueckmeldung/index_IT
- SLF WhiteRisk App
Se comunicate tempestivamente (entro le ore 14:30), le informazioni trasmesse dall’utente possono
addirittura essere integrate nel bollettino delle valanghe per il giorno successivo.
16. Note conclusive
Le valanghe non sono un evento casuale: quando colpiscono l’uomo, ciò è dovuto in massima parte
al suo comportamento e non alla sorte. La maggior parte degli incidenti da valanga è causata da
valanghe di neve a lastroni che, nel 90% dei casi circa, vengono provocate dalla vittima stessa o da
altri membri della comitiva. Occorre inoltre tenere presente che ogni singola valanga, anche solo
una piccola colata di neve, può essere pericolosa. Non bisogna infatti considerare solo il pericolo di
seppellimento, ma anche quello di trascinamento e di caduta.
Per questi motivi, al fine di ridurre al minimo i rischi sono di fondamentale importanza i seguenti
aspetti:
1. Formazione
Una formazione solida e un costante aggiornamento in materia di valutazione del pericolo di
valanghe rappresenta la base per ridurre al minimo i rischi durante un’escursione in ambiente
innevato al di fuori delle piste protette. Rientra sotto questo aspetto anche l’abilità di
confrontarsi con le condizioni del manto nevoso, che variano continuamente in funzione del
tempo e dello spazio, e la capacità di adottare un comportamento disciplinato che permetta di
30
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
sfruttare in modo ottimale il terreno. Entrambe le facoltà richiedono esercizio. Svariate
organizzazioni offrono corsi su neve e valanghe a diversi livelli.
2. Informazione
Prima di addentrarsi nell’ambiente alpino invernale, al di fuori delle piste e delle aree protette, è
necessario raccogliere informazioni sul pericolo di valanghe. Oltre al bollettino delle valanghe e
ai vari prodotti supplementari dell’SLF, che fungono da base, importanti indicazioni sul pericolo
di valanghe possono venire anche dalle informazioni locali delle funivie, delle scuole di
alpinismo, dei gestori dei rifugi ecc., così come dalle osservazioni personali.
3. Equipaggiamento di emergenza
Per le attività praticate in ambiente innevato al di fuori delle piste e delle aree protette, è
indispensabile il seguente equipaggiamento di emergenza standard:
- Apparecchio di ricerca travolti in valanga (localizzatore ARTVA)
- Pala da valanghe
- Sonda da valanga.
Nella situazione di stress causata dall’incidente, tuttavia, questa attrezzatura potrà essere usata
correttamente solo se il suo uso viene costantemente esercitato. Si raccomandano inoltre altri
dispositivi di emergenza, come ad es. un airbag da valanga.
4. Comportamento
Un comportamento adeguato alla situazione e possibilmente difensivo contribuisce a ridurre i
rischi.
31
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Apendici:
Appendice 1:
Appendice 2:
Appendice 3:
Appendice 4:
Appendice 5.1:
Appendice 5.2:
Appendice 5.3:
Appendice 6:
Appendice 7:
Appendice 8:
Appendice 9:
Appendice 10:
Appendice 11:
Appendice 12:
Appendice 13:
Appendice 14:
Appendice 15:
Appendice 16:
Appendice 17:
Appendice 18:
Appendice 19:
Appendice 20:
Scala europea del pericolo valanghe con raccomandazioni ........................ 33
Tabella della scala europea del pericolo di valanghe.................................. 34
Esempio di un bollettino delle valanghe in internet:
carta del pericolo di valanghe con descrizione del pericolo ....................... 35
Esempio di un bollettino delle valanghe in internet: manto nevoso e
condizioni meteo ......................................................................................... 36
Esempio di un bollettino delle valanghe completo (da stampare) .............. 37
Esempio di un bollettino delle valanghe completo (da stampare) .............. 38
Esempio di una carta regionale del pericolo di valanghe (da stampare)..... 39
Esempio di una carta delle icone ................................................................ 40
Rete delle stazioni di confronto dei dati nivo-meteo del slf ....................... 41
Stazioni IMIS (e SwissMetNet) (stazioni nivologiche) .............................. 41
Espressioni geografiche: le unità più piccole: le 123 zone di avviso ......... 42
Espressioni geografiche I: versante nordalpino e sudalpino ....................... 43
Espressioni geografiche II: regioni politico-geografiche principali ........... 43
Espressioni geografiche III: regioni politico-geografiche secondarie 1 ..... 44
Espressioni geografiche IV: regioni politico-geografiche secondarie 2 ..... 44
Espressioni geografiche VI: Cresta Principale delle Alpi, Cresta
settentrionale delle Alpi e regioni alpine interne ........................................ 45
Esempio di una carta della neve fresca (1 giorno) ...................................... 45
Esempio di una carta delle altezze del manto nevoso ................................. 46
Esempio di una carta dell'innevamento a 2000 m ....................................... 46
Esempio di un carta con altezza del manto nevoso rispetto
alla media pluriennale ................................................................................. 47
Esempio di una carta della stabilità del manto nevoso ............................... 47
Tipiche situazioni di pericolo (problemi valanghe) .................................... 48
32
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 1: Scala europea del pericolo valanghe con raccomandazioni
Grado del
pericolo
Stabilità del manto nevoso
Probabilità di distacco
Indicazioni per le vie di comunicazione e i
centri abitati / raccomandazioni
Indicazioni per gli sciatori fuori
pista/raccomandazioni
5
molto forte
Il manto nevoso è in generale
debolmente consolidato e per lo più
instabile.
Sono da aspettarsi molte grandi, e talvolta anche molto
grandi valanghe spontanee, anche su terreno
moderatamente ripido.
Minaccia acuta. Estesi provvedimenti di
sicurezza.
Condizioni molto sfavorevoli.
Rinuncia raccomandata.
4
forte
Il manto nevoso è debolmente
consolidato sulla maggior parte dei
pendii ripidi*
Il distacco è probabile già con debole sovraccarico ** su
molti pendii ripidi. In alcune situazioni sono da aspettarsi
molte valanghe spontanee di media grandezza, e talvolta
anche grandi valanghe.
Buona parte delle zone esposte sono
minacciate. In queste zone sono
raccomandati dei provvedimenti di
sicurezza.
Condizioni sfavorevoli.
È necessaria molta esperienza nel giudicare la
situazione sul fronte valanghe. Limitarsi a zone
moderatamente ripide / attenzione anche alle zone di
deposito delle valanga.
3
marcato
Il manto nevoso presenta un
consolidamento su molti pendii
ripidi* da moderato a debole.
Il distacco è possibile con un debole sovraccarico **
soprattutto sui pendii ripidi indicati in bollettino. In
alcune situazioni sono possibili alcuni valanghe
spontanee di media grandezza e in singoli casi anche
grandi valanghe.
Singole zone esposte sono minacciate.
In queste zone sono raccomandati a
seconda delle circostanze provvedimenti
di sicurezza.
Condizioni in parte sfavorevoli.
È necessaria esperienza nel giudicare la situazione
sul fronte valanghe. Pendii ripidi di quota ed
esposizioni indicate sono da evitare il più possibile.
2
moderato
Il manto nevoso è moderatamente
consolidato su alcuni pendii ripidi*,
per il resto è ben consolidato.
Il distacco è possibile soprattutto con un forte
sovraccarico ** sui pendii ripidi indicati in bollettino. Non
sono da aspettarsi grandi valanghe spontanee.
Minaccia da parte di valanghe spontanee
poco probabile.
Condizioni in buona parte favorevoli.
Prudente scelta dell’itinerario, soprattutto sui pendii
ripidi di quota e delle esposizioni indicate.
1
debole
Il manto nevoso è in generale ben
consolidato e stabile.
Il distacco è generalmente possibile soltanto con un forte
sovraccarico ** su isolati punti sul terreno ripido estremo.
Sono possibili solo scaricamenti e piccole valanghe
spontanee.
Nessuna minaccia.
Condizioni in generale sicure.
Definizioni:
*
Nel bollettino valanghe vengono generalmente descritti in modo più dettagliato (quote, esposizione, forma del terreno)
Sovraccarico:
- spontaneo: senza l’intervento dell’uomo
- forte (ad es. gruppo compatto di sciatori, mezzo battipista, uso di esplosivo)
- Esposizione: punto cardinale, verso il quale è rivolto un pendio
- debole (ad. es. singolo sciatore, escursionista con racchette da neve)
- esposto: in questo caso significa: particolarmente esposto al pericolo
 Terreno moderatamente ripido: pendii con inclinazione inferiore ai 30 gradi circa
 Pendii ripidi: pendii con inclinazione superiore ai 30 gradi circa
 Terreno ripido estremo: pendii con caratteristiche sfavorevoli per quel che concerne l’inclinazione (in gran parte con inclinazione superiore a ca. 40 gradi), la forma del terreno, la vicinanza alle creste e la
rugosità del suolo.
"condizioni" si riferiscono esclusivamente al pericolo di valanghe. Nel bollettino delle valanghe, le condizioni della neve (neve polverosa, neve primaverile, crosta non portante) o anche quelle meteo
esterne (nebbia, vento tempestoso), che in determinate circostanze possono anch’esse rappresentare un potenziale pericolo, vengono commentate solo in casi eccezionali.
**
33
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 2:
5
4
3
2
1
Tabella della scala europea del pericolo di valanghe
italiano
Grado di pericolo
molto forte
forte
marcato
moderato
debole
Deutsch
Gefahrenstufe
sehr gross
gross
erheblich
mässig
gering
Français
Degré de danger
très fort
fort
marqué
limité
faible
english
Risk Scale
very high
high
considerable
moderate
low
Anche i colori corrispondenti ad ogni singolo grado di pericolo sono stati unificati a livello
europeo:
molto forte
rosso/nero
forte
marcato
moderato
debole
rosso
arancione
giallo
verde
Icone:
Grado di pericolo
5
molto forte
4
forte
3
marcato
2
moderato
1
debole
255,000,000 (RGB)
000,000,000 (RGB)
255,000,000 (RGB)
255,153,000 (RGB)
255,255,000 (RGB)
204,255,102 (RGB)
Pericolo di valanghe di neve bagnata Aumento del pericolo di valanghe nel
corso della giornata
nessuno livello di
pericolo
34
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 3:
Esempio di un bollettino delle valanghe in internet: carta del pericolo di
valanghe con descrizione del pericolo
35
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 4:
Esempio di un bollettino delle valanghe in internet: manto nevoso e
condizioni meteo
36
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 5.1: Esempio di un bollettino delle valanghe completo (da stampare)
37
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 5.2: Esempio di un bollettino delle valanghe completo (da stampare)
38
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 5.3: Esempio di una carta regionale del pericolo di valanghe (da stampare)
39
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 6:
Esempio di una carta delle icone
40
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 7:
Rete delle stazioni di confronto dei dati nivo-meteo del slf
Appendice 8:
Stazioni IMIS (e SwissMetNet) (stazioni nivologiche)
41
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 9:
1111
1112
1113
1114
1121
1211
1212
1213
1221
1222
1223
1224
1225
1226
1227
1228
1231
1232
1233
1234
1241
1242
1243
1244
1245
1246
1247
1311
1312
Espressioni geografiche: le unità più piccole: le 123 zone di avviso
Versante nordalpino
occidentale
Prealpi vodesi
Pays d'Enhaut
Aigle-Leysin
Bex-Villars
Alpi friborghesi
Prealpi bernesi occidentali
Prealpi bernesi orientali
Hohgant
Niedersimmental
Gstaad
Wildhorn
Lenk
Iffigen
Adelboden
Engstligen
Obersimmental
Kandersteg
Blüemlisalp
Lauterbrunnen
Jungfrau - Schilthorn
Brienz-Interlaken
Grindelwald
Schreckhorn
Hasliberg - Rosenlaui
Guttannen
Gadmertal
Passo del Grimsel
Vouvry
Monthey-Val d'Illiez
Versante nordalpino
centrale
2111 Entlebuch
2121 Glaubenberg
2122 Engelberg
2123
2131
2132
2211
2212
2221
2222
2223
2224
Melchtal
Prealpi svittesi
Muotatal
Schächental
Uri Rotstock
Meiental
Maderanertal
Urseren nord
Urseren sud
4222
4223
4231
4232
4241
4242
4243
4244
Valle di Zermatt superiore
Valle di Saas superiore
Zona del Sempione nord
Zona del Sempione sud
Reckingen
Binntal
Valle di Goms superiore nord
Valle di Goms superiore sud
3111
3112
3113
3211
3221
3222
3223
3311
Versante nordalpino
orientale
Glarus nord e centrale
Glarus sud-Grosstal
Glarus sud-Sernftal
Alpi Appenzellesi
Toggenburgo
Zona dell’Alpstein - Alvier
San Gallo superiore
Liechtenstein
5111
5112
5113
5121
5122
5123
5124
5211
5212
5214
4111
4112
4113
4114
4115
4116
4121
4122
4123
4124
4125
4211
4212
4213
4221
Vallese
Emosson
Génépi
Val d'Entremont-Val Ferret
Conthey-Fully
Martigny-Verbier
Haut Val de Bagnes
Montana
Val d'Hérens
Arolla
Val d'Anniviers
Mountet
Lötschental
Turtmanntal
Regione dell’Aletsch
Vallate di Visp inferiori
5215
5216
5221
5222
5223
5231
5232
5233
5234
Nord e centro dei Grigioni
Prättigau nord
Prättigau sud
Silvretta occidentale
Calanda
Schanfigg
Davos
Flims
Tujetsch nord
Tujetsch sud
Obersaxen – Valle
de Safien
Val Sumvitg
Zervreila
Domleschg – Lenzerheide
Schams
Rheinwald
Valle dell’Albula
Savognin
Avers
Bivio
6111
6112
6113
6114
Versante sudalpino
centrale
Valle Bedretto
Leventina superiore
Valle di Blenio
Valle Maggia superiore
42
6115
6121
6122
6131
6132
6211
6212
Leventina inferiore
Valle Maggia inferiore
Riviera
Luganese
Mendrisiotto
alto Moesano
basso Moesano
7111
7112
7113
7114
7115
7121
7122
7123
7124
7125
7126
7211
7221
7222
7231
Engadina / Versante sudalpino
orientale
Corvatsch
Zona del Bernina
Zuoz
St. Moritz
Val Chamuera
Samnaun
Silvretta orientale
Sur Tasna
Val Suot
Val dal Spöl
Val S-charl
Valle Bregaglia
Valle di Poschiavo superiore
Valle di Poschiavo inferiore
Val Müstair
8111
8121
8122
9111
9211
9311
Jura / Altipiano svizzero
Jura occidentale
Cerchia principale del Jura
Nord della cerchia del Jura
Altipiano svizzero occidentale
Altipiano svizzero centrale
Altipiano svizzero orientale
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 10:
Espressioni geografiche I: versante nordalpino e sudalpino
Appendice 11: Espressioni geografiche II: regioni politico-geografiche principali
43
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 12: Espressioni geografiche III: regioni politico-geografiche secondarie 1
Appendice 13:
Espressioni geografiche IV: regioni politico-geografiche secondarie 2
44
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 14: Espressioni geografiche VI: Cresta Principale delle Alpi, Cresta
settentrionale delle Alpi e regioni alpine interne
Appendice 15: Esempio di una carta della neve fresca (1 giorno)
45
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 16: Esempio di una carta delle altezze del manto nevoso
Appendice 17: Esempio di una carta dell'innevamento a 2000 m
46
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 18: Esempio di un carta con altezza del manto nevoso rispetto alla media
pluriennale
Appendice 19: Esempio di una carta della stabilità del manto nevoso
47
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Appendice 20: Tipiche situazioni di pericolo (problemi valanghe)
Fig. 1: Carta del pericolo di valanghe con regione evidenziata e relativa descrizione del pericolo. Quest'ultima si
divide in:
A - Grado di pericolo ("Qual è l'entità del pericolo di valanghe?")
B - problema valanghe ("Qual è il problema principale?")
C - Punti pericolosi (Zona principale) ("Dove è localizzato soprattutto il problema?")
D - Descrizione ("Quali sono le caratteristiche del problema?")
Nel bollettino delle valanghe, per descrivere il pericolo vengono sempre usati uno o più problemi
valanghe, che aiutano il lettore a concentrarsi sul problema momentaneamente rilevato sotto il
profilo valanghivo. Questo sistema sfrutta la facoltà del cervello umano di riconoscere e
interpretare determinate caratteristiche. Ciascun modello ha origine da una causa diversa e richiede
un comportamento adeguato.
Nel bollettino delle valanghe possono ricorrere anche più problemi valanghe insieme, con un limite
massimo di tre.
Qui di seguito vengono decritti brevemente i problemi valanghe utilizzati nel bollettino delle
valanghe.
• Neve fresca
• Neve soffiata
• Neve vecchia
• Valanghe bagnate (nel corso della giornata)
• Valanghe per scivolamento di neve
• Situazione favorevole
48
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Neve fresca
Da un lato la neve fresca rappresenta un carico supplementare per il sottostante manto nevoso e, dall'altro,
provoca la formazione di un nuovo strato. Durante la nevicata, e di norma sino ai 3 giorni successivi, spesso la
neve fresca non riesce a legarsi sufficientemente con la superficie del manto di neve vecchia.
In una situazione di neve fresca sono particolarmente importanti:
• La quantità di neve fresca caduta. Se è stata raggiunta la "quantità critica di neve fresca", occorre
presupporre almeno un pericolo di valanghe "marcato" (grado 3):
• da 10 a 20 cm in condizioni sfavorevoli (vento forte, freddo, base sfavorevole)
• da 20 a 30 cm in condizioni medie
• da 30 a 50 cm in condizioni favorevoli (vento debole, caldo, base favorevole)
• Le caratteristiche della superficie del manto di neve vecchia prima della nevicata
• sfavorevoli: brina di superficie, superficie del manto di neve vecchia ampia e liscia o manto di
neve vecchia debole (in questo caso è presente anche il problema valanghe Neve vecchia)
• favorevoli: superficie del manto di neve vecchia molto irregolare su piccola scala
Punti pericolosi
• Molto diffusi ed estesi
• Con l'aumentare dell'altitudine spesso più insidiosi
Situazione riconoscibile • Quantità (critica) di neve fresca
da
• Frequenti campanelli di allarme: soprattutto valanghe recenti di neve a lastroni
Grado di pericolo
Spesso marcato (grado 3), soprattutto quando viene raggiunta la "quantità critica
di neve fresca"
Come comportarsi
Per la pianificazione applicare il metodo di riduzione – eventualmente attendere
che la situazione migliori
Neve soffiata
Quando la neve viene trasportata dal vento, si forma la cosiddetta neve fresca ventata. Può essere trasportata sia
la neve fresca sia quella vecchia a debole coesione. La neve ventata, che può quindi formarsi anche con tempo
soleggiato, è sempre coesa. L'attenzione del lettore viene richiamata su una situazione di neve ventata quando
nel corso degli ultimi 3 giorni circa si sono formati nuovi accumuli di neve ventata.
In una situazione di neve ventata sono particolarmente importanti:
• L'età della neve ventata
• I nuovi accumuli di neve ventata possono di norma staccarsi facilmente, ma non sono sempre
facili da individuare. Le condizioni meteo degli ultimi giorni forniscono informazioni importanti.
• Le caratteristiche della superficie del manto di neve vecchia sotto alla neve ventata
• sfavorevoli: brina di superficie, superficie del manto di neve vecchia ampia e liscia o manto di
neve vecchia debole (in questo caso è presente anche il problema valanghe Neve vecchia)
• favorevoli: superficie del manto di neve vecchia molto irregolare su piccola scala
• Esperienza e buona visibilità. Grazie ad esse è spesso possibile evitare gli accumuli di neve ventata.
Punti pericolosi
• Estremamente variabili su piccola scala
Situazione riconoscibile
da
Grado di pericolo
Come comportarsi
•
•
•
•
Sottovento (conche, cambi di pendenza…)
Più diffusi in quota e in prossimità delle creste
Tracce lasciate dal vento, come sastrugi o dune di neve
Frequenti campanelli di allarme: rumori di "whum", fessure, distacchi a
distanza e valanghe recenti di neve a lastroni
Generalmente moderato (grado 2) o marcato (grado 3)
Evitare i nuovi accumuli di neve soffiata
49
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Neve vecchia
Quando per alcuni giorni il manto nevoso non viene modificato da precipitazioni, vento o processi di fusione,
sono gli strati più profondi del manto a diventare determinanti per il pericolo di valanghe. Se nel manto sono
presenti strati fragili di lunga data, si parla di una situazione di neve vecchia. Simili situazioni sono costanti,
perché si possono protrarre per più settimane, mesi o addirittura per un intero inverno.
Le situazioni di neve vecchia sono difficili da valutare. Di conseguenza, sono particolarmente importanti:
• Comportamento prudente / Contenimento dei danni
Distanze di alleggerimento: percorrere singolarmente i pendii molto ripidi
• Informazioni contenute nel bollettino delle valanghe
La struttura generale del manto nevoso viene descritta quotidianamente nel bollettino delle valanghe, nella
rubrica Manto nevoso e meteo. Inoltre, la descrizione del pericolo (fig. 1) contiene informazioni sulla
posizione degli strati fragili (basali o superficiali). Da queste informazioni è possibile trarre conclusioni
sullo spessore potenziale della frattura. Inoltre il servizio di avviso valanghe pubblica anche una carta di
stabilità con analisi del manto nevoso relativa al territorio alpino svizzero.
Punti pericolosi
• Anche se per lo più generalmente rare, le valanghe possono raggiungere
dimensioni medie
• Spesso punti scarsamente innevati, come i passaggi dalle dorsali alle conche o i
terreni rocciosi
• Spesso sui pendii esposti a nord
• Spesso nelle regioni alpine interne
Situazione riconoscibile
• Profili stratigrafici e test di stabilità con strati fragili di lunga data
da
• Rari campanelli di allarme: alcuni rumori di "whum"
Grado di pericolo
Spesso moderato (grado 2), generalmente quando per più giorni non sono stati
osservati distacchi di valanghe in una regione
Come comportarsi
Necessarie prudenza e cautela, il metodo di riduzione può essere applicato,
evitando però di spingersi troppo ai limiti.
Valanghe bagnate (nel corso della giornata)
Le infiltrazioni di acqua possono velocemente indebolire il manto nevoso, anche se di norma la situazione di
pericolo migliora dopo poche ore. Per le infiltrazioni di acqua sono determinanti due processi:
• Il rialzo termico diurno e la forte irradiazione solare tipica della primavera causano il disgelo superficiale e
quindi l'infiltrazione di acqua nel manto nevoso.
• La pioggia causa l'infiltrazione di grandi quantitativi d'acqua in un breve lasso di tempo: da un lato il manto
nevoso viene umidificato e riscaldato, dall'altro l'acqua piovana è un carico supplementare.
Dal momento che in una situazione di neve bagnata le caratteristiche temporali e territoriali del pericolo
possono variare moltissimo, la situazione di neve bagnata viene precisata nel bollettino delle valanghe:
• Valanghe bagnate: quando la situazione è sfavorevole già al mattino (pioggia, notte molto calda e
nuvolosa)
• Valanghe bagnate nel corso della giornata: quando la situazione è favorevole al mattino e si prevede un
aumento del pericolo nel corso della giornata (tipica situazione primaverile)
In caso di pericolo di valanghe bagnate sono particolarmente importanti:
• La notte è stata serena, in modo da permettere alla superficie del manto nevoso di congelarsi ed essere
portante?
In questo caso, al mattino le condizioni sono generalmente favorevoli. Dopo una notte nuvolosa o in caso
di pioggia, spesso il pericolo sussiste già al mattino.
• Tabella di marcia
Partire al mattino presto e tornare per tempo
Punti pericolosi
• Dipendono generalmente dall'esposizione (non in caso di pioggia)
• A volte le condizioni sono migliori in quota che più a valle
• Spesso prima in prossimità di rocce riscaldate dal sole
50
Bollettino delle valanghe e altri prodotti dell’SLF
Situazione riconoscibile
da
Grado di pericolo
Come comportarsi
•
•
•
•
Attenzione alla zona di deposito di valanghe spontanee di grandi dimensioni
Strato superficiale / Manto nevoso ammorbidito e umido
Notevole profondità di sprofondamento con/senza gli sci
Frequenti campanelli di allarme: soprattutto valanghe spontanee di neve a
lastroni o di neve a debole coesione
In primavera spesso situazione favorevole al mattino, poi aumento del pericolo al
grado moderato o marcato (grado 2 o 3).
Stabilire una tabella di marcia chiara e controllare se la notte è stata serena.
Valanghe per scivolamento di neve
La valanga per scivolamento di neve si verifica quando l'intero manto nevoso scivola su una base liscia come un
prato o un lastrone roccioso. Perché ciò avvenga, lo strato di neve basale che si trova a contatto diretto con il
suolo deve essere umido.
In inverno avanzato, l'umidificazione avviene dal basso verso l'alto grazie al suolo caldo ed eventualmente
umido. In questo periodo, le valanghe per scivolamento di neve sono possibili a qualsiasi ora del giorno e della
notte, anche con basse temperature dell'aria. A parte lo strato di slittamento basale, il manto nevoso è asciutto.
In primavera, l'umidificazione è invece causata dall'acqua da disgelo e avviene per lo più dall'alto verso il basso.
In questo periodo, le valanghe per scivolamento di neve sono concentrate per lo più nella seconda metà della
giornata.
In caso di pericolo di valanghe per scivolamento di neve è particolarmente importante:
• Evitare se possibile le zone con rotture per scivolamento ("bocche di balena")
Punti pericolosi
• Spesso vicino a rotture per scivolamento
• Le valanghe non vengono provocate da persone, ma si staccano
spontaneamente  Evitare le zone di deposito
Situazione riconoscibile
• Rotture per scivolamento ("bocche di balena")
da
Grado di pericolo
Debole o moderato (grado 1 o 2). Nel bollettino delle valanghe il pericolo di
valanghe per scivolamento di neve viene raramente citato come pericolo principale,
ma spesso come pericolo aggiuntivo.
Come comportarsi
Evitare le zone vicino a rotture per scivolamento.
Situazione favorevole
Se nessuna della situazioni di pericolo descritte sopra è determinante per la valutazione del pericolo di
valanghe, si ha una situazione valanghiva favorevole. Caratteristica di questa situazione è una struttura del
manto nevoso con pochi strati aventi proprietà simili.
In questo caso, il distacco di una valanga è possibile solo a livello isolato e soprattutto sui terreni estremamente
ripidi. Oltre al pericolo di travolgimento, in primo piano c'è soprattutto il pericolo di caduta.
Grado di pericolo
Debole (grado 1)
51
Fly UP