...

La cura del bebè

by user

on
Category: Documents
23

views

Report

Comments

Transcript

La cura del bebè
Una guida di MondoNuovo
A distanza di due anni dalla prima pubblicazione di “MondoBimbo” ecco una versione aggiornata e
rinnovata, alla luce dell’esperienza con il primo bimbo nato in MondoNuovo e del confronto con altri
bimbi e mamme.
Le risposte sono a volte nuove a volte antiche, i quesiti sono sempre gli stessi:
Come prendersi cura del proprio bebé ?
Quali prodotti comprare per la pelle e il bagnetto ?
Di quali oggetti ha veramente bisogno?
Ecco alcuni consigli, frutto di lunghe ricerche e consultazioni tra mamme attente ai prodotti biologici
e ai metodi naturali. Consigliamo sia prodotti in vendita da noi valutati sicuri, sia metodi naturali e fai
da te, molto meno dispendiosi e spesso altrettanto efficaci. Sono consigli brevi perché il neonato non
ha bisogno di molto: bastano pochissime cose per soddisfare le sue esigenze. È però importantissimo
che la loro sicurezza sia garantita e provata, cosa che invece non sempre si riscontra nei classici
prodotti commerciali per bambini. Purtroppo, specialmente nel campo dell’igiene, non c'è da fidarsi
delle molte certificazioni che spesso non assicurano nulla: è sempre meglio valutare un prodotto dalla
lista degli ingredienti che lo compongono e non dalle pubblicità o
dalla seducente confezione.
Abbiamo ritenuto di condividere in questo documento anche le nostre esperienze e i nostri studi
sull’allattamento, la nanna, l’abbigliamento, l’arredamento, l’igiene in casa, perché abbiamo
sperimentato che nonostante i consigli che arrivano da più parti, spesso ci ritroviamo soli e con molte
incertezze. E nel dubbio siamo portate a comprare più del necessario e ad ascoltare consigli non
sempre utili.
Quando abbiamo rimesso mano al vecchio fascicolo per rinnovarlo e condividere l'esperienza degli
ultimi due anni, avevamo intenzione di aggiornare i punti già esistenti e dare poche informazioni in
più. Invece ci siamo trovate giorno dopo giorno prese dall'entusiasmo di aggiungere nuovi capitoli,
chiedere altre consulenze, introdurre argomenti che non erano nemmeno contemplati all'origine di
questo lavoro, che si è moltiplicato sotto i nostri occhi quasi involontariamente.
Siamo consapevoli che la stesura attuale non è definitiva: attualmente la struttura del documento è
assai variegata e può sembrare disordinata per il fatto di aver aggiunto pezzi così come ci uscivano
dal cuore e dal mouse.
MA
ci ricorda tanto le mamme spettinate e smemorate
che siamo e siamo state,
che saremo e che siete
con le ceste dei panni mai stirati e le case che paiono terremotate nottetempo
per il momento dunque... ci va davvero bene così!
Un abbraccio grande a tutti voi che leggete, e che questo nostro lavoro possa portarvi aiuto e gioia
Le Mamme di MondoNuovo
1
INDICE
I prodotti per l’igiene
Il bagnetto
La pulizia del sederino
Le creme per il sederino
L’igiene del sederino
Per i bimbi più grandi
Creme verdi&conomiche al supermercato
Il sole e i solari protettivi
Pannolini
Vestitini
Scarpe bimbo
Vaschetta per il bagno
Fasciatoio
Telini impermeabili per il cambio pannolino
Marsupi e fasce porta-bimbo
Chiedete in prestito…
Cameretta per neonato o per bambino?
Giocattoli
Consigli per gli acquisti
Corsi pre e post parto
Allattamento
Le prime pappe
L’ora della nanna
Vaccinazioni
L’igiene attorno al bimbo
Letture per genitori consapevoli
Forum e siti web
Mantra per neo-genitori
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
Pag
3
3
5
7
8
9
9
10
12
16
18
19
19
19
19
20
20
21
23
30
30
32
33
36
37
42
46
49
2
I PRODOTTI PER L’IGIENE
Questo sintetico prontuario non è la sede adatta per spiegare esaustivamente il motivo per cui nella
quasi totalità i prodotti in commercio per l’igiene dei bambini risultano spesso dannosi per i bimbi
stessi; per avere ulteriori informazioni potete consultare i “laboratori virtuali” segnalati in fondo.
Basta comunque poco per accorgersi che la gran parte di essi, reperibili al supermercato o in
farmacia, contiene ingredienti dannosi e sconsigliabili. Un esempio per tutti: i mineral oil, paraffina
liquida e vaselina, sono contenuti in quasi tutti i prodotti convenzionali per bambini. Sono derivati
dalla raffinazione del petrolio, inquinanti, non biodegradabili, recentemente inseriti dalla direttiva
europea tra i cancerogeni di classe II. Un famosissimo olio pubblicizzato da decenni "per la cura del
bambino" è quasi totalmente paraffina liquida. Leggete l'etichetta e lo vedrete con i vostri occhi.
Dallo studio degli ingredienti di diversi prodotti per bambini e neonati tra i più venduti, risulta che
spesso i prodotti specifici "per la cura del neonato" sono peggiori di quelli per adulti; da ciò la
necessità di trovare prodotti veramente utili e naturali, realmente sicuri per la cura dei neonati.
IL BAGNETTO
Contrariamente a quanto le pubblicità ci hanno insegnato, il bimbo non ha bisogno di essere lavato
con particolari prodotti detergenti. Anzi, risvegliando un poco di buon senso viene immediato da
pensare che tanto più il bimbo è piccolo tanto più vada rispettato e tanto meno debba venire in
contatto con qualsiasi prodotto di sintesi. Oltretutto, i profumi contenuti in quasi tutti i detergenti sia
per adulti che per bambini lo disorientano e infastidiscono. Soprattutto i neonati si orientano nel
mondo e trovano conforto e sicurezza proprio tramite gli odori di mamma e papà, della casa, del
fratellino, l’odore proprio, gli odori naturali. Qualunque tipo di profumo, anche quello di detersivi e
ammorbidenti, lo disturba e lo disorienta, a volte fortemente: l'allattamento può essere reso
difficoltoso se il contatto al seno è ostacolato da odori sconosciuti. A questo proposito consigliamo ai
genitori di chiedere in sala parto prima che il bimbo venga lavato di lavarlo solo con acqua e senza
detergenti. Spesso il bimbo ritorna alla madre profumato e già di primo acchito bisogna abituarsi al
fatto che “il profumo del mio bambino non è il profumo del mio bambino”. E non sentitevi in colpa
se dopo una settimana di faticoso ambientamento a casa non avete ancora avuto il coraggio di fare il
bagno al vostro bimbo…a lui non da affatto fastidio, anzi!
Il neonato ha bisogno che il suo odorato e la sua pelle vengano rispettati, senza che vi siano spalmate
sostanze che lo inquinano, che non gli sono necessarie e che spesso si dimostrano nocive o
controproducenti. Per lavare il bambino la soluzione più semplice ed efficace è preparare un bagnetto
in cui sia stato disciolto un cucchiaio di amido di mais (maizena) o amido di riso, e un cucchiaio di
sale integrale.
L'amido deterge delicatamente la pelle del bambino, il sale reintegra i sali minerali persi durante
l'immersione. Sono prodotti comuni, dal costo contenuto, consigliamo quindi di comprarli nei negozi
biologici. Nel caso il bimbo soffra di dermatite si utilizza il solo amido di mais.
Se il bimbo ha pochi capelli, questi semplici ingredienti sono sufficienti a tenerlo pulito, spesso è
sufficiente passare sulla testa del bimbo una spugna bagnata nell’acqua del bagnetto.
Se al contrario ha molti capelli, si può utilizzare uno shampoo baby naturale, avendo cura di usarne
molto poco e diluendolo in acqua al momento (se conservato già diluito, può andare incontro a
deterioramento). Sconsigliamo vivamente i prodotti presenti sul mercato tradizionale, in primo luogo
quelli "di marca" dei negozi specializzati per bimbi. Nessuno di essi passa l'esame del bio-dizionario.
Tra i prodotti in commercio, si può scegliere la saponetta alla calendula Weleda, o qualsiasi altra
contenga componenti sicuri al 100%; è sufficiente sciogliere pochissimo sapone sulla mano e
frizionare con delicatezza i capelli del bimbo.
La saponetta al burro di chiuri di Officina naturae è più delicata di quella della Weleda.
E' più difficile reperirla nei negozi, la si può ordinare in internet al sito www. officinanaturae.com .
3
Sempre di Officina naturae è ottimo il Detergente delicato senza profumo Natù, formulato senza
profumi ed olii essenziali con tensioattivi derivati dall’olio di cocco e amido di mais. Utilizzabile sia
per il sederino che per il bagnetto e i capelli con le modalità sopra descritte.
La pelle dei bimbi è più delicata di quella degli adulti, per questo alcuni prodotti e alcune saponette,
seppur ottime per i grandi, risultano troppo aggressive per i piccoli che necessitano di prodotti più
delicati.
Dopo il bagno, consigliabile circa due volte alla settimana se non vi sono esigenze particolarinessuno si offenda se ventiliamo che un bimbo che non puzza e a cui viene lavato il sedere più volte
al giorno possa anche fare il bagno solo quando se ne avverte il bisogno…- si può massaggiare il
bimbo con un olio, per idratarlo (si può, non si deve).
Molto efficace risulta il semplice olio di mandorle dolci puro, da agricoltura biologica, dal costo
contenuto. Non compratene quantità elevate se ne consumate poco (ne bastano poche gocce): essendo
privo di conservanti potrebbe irrancidire. Conservatelo in frigorifero, tranne una boccettina pronta
all'uso. Noi usiamo anche olio di girasole bio, è più leggero, inodore e non irrancidisce. In alternativa
consigliamo l'olio specifico per bimbi della Weleda, meno economico, o altro olio di pari qualità e
sicurezza.
I prodotti Weleda si trovano nei negozi biologici, in alcune farmacie, in molti siti internet. Precisiamo
che non siamo sponsorizzati da Weleda: ne consigliamo i prodotti perché la linea bimbo è ottima.
Preferiamo acquistare e consigliare marche alternative ai prodotti tradizionali, coscienti di
quanto questi ultimi siano dannosi per i bimbi.
Molte mamme sono poco propense ad usare semplici metodi casalinghi e preferiscono comprare
prodotti confezionati; è necessario pertanto un accenno sui mineral oil, di cui purtroppo abbondano
i prodotti per bimbi - e adulti.
• PETROLATUM, PARAFFINUM LIQUIDUM, MINERAL OIL
Sono derivati dalla raffinazione del petrolio, inquinanti, non biodegradabili, recentemente inseriti
dalla direttiva europea tra i cancerogeni di classe II. Il paraffinum liquidum in particolare, non è
realmente un derivato ma piuttosto una sua frazione, nella pratica “è petrolio”. Ci interessiamo alla
paraffina liquida, o olio di paraffina, poiché è presente in molti prodotti (soprattutto della
Johnson&Johnson - avete presente l’Olio Baby?). La paraffina è stata dichiarata cancerogena dalla
comunità europea; tuttavia a causa di un cavillo (è cancerogena per via delle impurità contenute, ma
se un produttore sostiene che la sua è pura, può inserirla nel cosmetico) è ancora ampiamente
utilizzata. Per quale motivo? Costa poco e non irrancidisce. Nel prodotto ricopre la funzione di
condizionante, solvente, emolliente.
Poiché non e’ possibile aggiungere materialmente acqua alla pelle, infatti, l’unico potere idratante
esercitato da un cosmetico è limitare l’evaporazione dell’acqua presente sulla sua superficie: la
paraffina “idrata” formando una vera barriera tra l'epidermide e l'ambiente.
Tale barriera però è innaturale, composta da molecole estranee a quelle dello strato idro-lipidico della
pelle (la miscela di grasso e acqua distribuita sull'epidermide che costituisce l’idratazione naturale).
La traspirazione ne risulta ostacolata, i germi presenti restano intrappolati dalla paraffina, provocando
irritazioni e favorendo l'acne, specialmente su pelli predisposte. Sono pertanto composti
comedogenici, che creano un "tappo" sui follicoli piliferi, facendo sì che cheratina, sebo, polvere si
ossidino formando gli odiosi "punti neri", ovvero comedoni. Spesso l’eccesso di untuosità della pelle
è causata dal petrolio e dalla sua azione di "soffocamento": alcuni neonati soffrono di vere e proprie
dermatiti da petrolatum. I prodotti per bambini sono quelli più a rischio, da questo punto di vista.
Ecco l'INCI del famoso Olio Baby Johnson DA EVITARE: paraffinum liquidum, isopropyl
palmitate, parfum PPT1397
Lettura semplificata INCI: paraffina per la maggioranza del prodotto (le sostanze presenti in quantità
maggiore sono poste all'inizio dell'elenco), un secondo emolliente per conferire al prodotto la giusta
untuosità e un profumo sintetico (probabilmente allergizzante ma proprio perché sintetico, tutt'altro
che naturale).
4
Prodotti bimbo consigliati:
Bio bio baby ottimi prodotti in vendita nei supermercati (es. Auchan) con ingredienti da agricoltura
biologica certificata AIAB-ICEA.
Officina naturae Saponetta al burro di chiuri e Detergente delicato senza profumo Natù
www.officinanaturae.com
Saponette La Saponaria
www.lasaponaria.com
Linea bimbi Weleda
Linea bimbi Logona
Linea bimbi Sanoll
Linea bimbi Tautropfen
Linea bimbi Organic Children
Consigliamo in blocco queste linee bimbi con l’avvertenza di controllare che nei prodotti acquistati
non ci sia lanolina (essa è ricavata dalla lana delle pecore ed essendo le pecore al 99,9% nel mondo
allevate e disinfettate con metodi non-biologici e la lana trattata con pesticidi potenti, anche la
lanolina ne è piena).
LA PULIZIA DEL SEDERINO
Recentemente pare diventato d'obbligo pulire il sederino del bambino con fazzolettini imbevuti
di sostanze "pulenti”, mentre la pratica di detergerlo con acqua è stata relegata in cantina. È
opportuno sapere che quasi tutte le salviettine in vendita (anche quelle apposite per il bambino),
sono imbibite di ingredienti di derivazione petrolchimica.
Questi prodotti sono causa di inquinamento per la difficoltà di smaltire i rifiuti e possono provocare
irritazioni anche serie alla delicata pelle dei neonati. La situazione peggiora valutando le
classiche creme in commercio e degenera considerando le componenti del pannolino. A nostro parere
le salviettine baby andrebbero usate solo quando realmente necessario – fuori casa o
situazioni di emergenza- e possibilmente ecologiche.
Bisogna ripensare le proprie abitudini, tra queste è necessario che ritorni in auge quella di PULIRE IL
BIMBO CON ACQUA.
Solo quando è realmente necessario – cioè in caso di cacca- usate poco detergente o sapone
delicatissimo; usandoli ad ogni cambio del bambino i troppi lavaggi seccherebbero e impoverirebbero
la pelle.
Per quanto riguarda i detergenti da usare ecco cosa ci insegna la dermatologa:
“Il sapone da toeletta non fa male ai bebè - se è ben fatto.
Il culetto sporco di cacca si pulisce con olio o latte detergente.
Detergenti liquidi delicatissimi vanno ottimamente - e nel neonato, meglio ancora gli amidi o gli olii
detergenti. Il bebè non ha film idrolipidico perché il sebo viene prodotto dalla pubertà e non serve
affatto a un bebè il ph acido.
Parola di dermatologa” ( http://forum.promiseland.it/viewtopic.php?f=2&t=29277 )
Inoltre sarebbe opportuno non lavare il bimbo ogni volta che si cambia il pannolino perché troppi
lavaggi anche con sola acqua diventano aggressivi per la delicatissima pelle del bimbo: soprattutto i
primi mesi il bimbo fa più di una cacca al giorno, si potrebbe lavarlo con acqua e una goccia di
sapone in quei casi, lavarlo il mattino al risveglio e la sera prima di andare a letto mentre ad altri
cambi lasciare semplicemente asciugare la pelle prima di mettere un nuovo pannolino. Ricordate che
la creatura da quando nasce per i successivi 2-3 anni sarà costretta quasi a tempo pieno in pannolini,
qualsiasi “tecnica di respiro” è bene accetta, sia che si intenda un po’ di tempo a pelle scoperta sul
fasciatoio tra un cambio e l’altro, sia che s’intenda libero dall’ennesimo lavaggio che inumidisce e
stressa la pelle.
5
Poiché il bimbo dovrà essere lavato molte volte lungo la giornata, raccomandiamo di fare anche
attenzione agli sprechi idrici: usate la quantità necessaria evitando di scialacquare decine di litri di
acqua al giorno. Pensiamo alle riserve idriche e al mondo futuro!
Se il culetto non è arrossato non mettere creme allo zinco, piuttosto olio di mandorle o girasole, ma
ricordate che la pelle non deve sempre essere spalmata di qualcosa, è già abbastanza stressata
dall’indossare continuamente il pannolino e dal microclima caldo umido che si forma con pipì e
cacca. Le creme lenitive vanno usate come risorsa quando ci sono degli arrossamenti o quando il
bimbo ha diarrea o similari.
Per sostituire le salviettine imbevute di prodotti chimici, in caso di cacca utilizzate dei semplici
fazzolettini imbevuti di olio di oliva, olio di mandorla, olio di girasole o olio di riso da aspergere sulla
salviettina al momento. L'olio è il prodotto migliore per la pulizia del bimbo. Ricordate che è
importante usare solo ed esclusivamente oli naturali. Sia l'olio di oliva che l'olio di mandorle o di
girasole rappresentano le migliori e più economiche soluzioni, acquistateli da agricoltura biologica
(costano comunque molto meno dei prodotti di marca). In alternativa all’olio di mandorle (che
irrancidisce facilmente) si possono usare olio di girasole (anche Esselunga ne ha uno bio), o olio di
riso (olio di riso “Scotti” è valido, l’estrazione preserva in buona parte le qualità dell’olio, soprattutto
il gamma-orizanolo). L'olio di girasole unge meno, e ha un odore meno forte.
Per non sprecare enormi quantità di fazzolettini di carta possiamo confezionare o comprare delle
salviette di stoffa su cui si versa l'olio. Queste possono poi essere lavate e rilavate. È probabile che
nel tempo sulle pezzuole l'olio lasci delle impronte, che non andranno via completamente, ma la cosa
non deve spaventarci: le pezzuole sono comunque pulite e igieniche, ecologiche ed economiche. Si
possono comprare pezzuole di tessuto da agricoltura biologica già fatte, nei siti ecologici o in negozi
bio; oppure si possono confezionare molto facilmente a casa usando tessuti molto morbidi: la pelle
del piccolo viene facilmente irritata da tessuti granulosi e rigidi.
Per il bene del bebé e dell'ambiente, è importante usare le salviettine confezionate solo ed
esclusivamente quando necessario (nelle trasferte o in momenti particolari) e comprarle di ottima
qualità. Le salviettine biologiche costano di più di quelle tradizionali, ma se si usano solo quando
necessario la spesa sarà ammortizzata dall’uso sporadico.
Non è facile trovare delle salviettine con degli ingredienti approvati dal Biodizionario; noi
consigliamo tre marche:
Salviettine Rosenmandel Confezione da 80 pezzi Euro 7,80
Sono imbibite di olio di mandorla e risultano particolarmente “unte” e pulenti per questo motivo, ad
alcuni genitori piacciono proprio perché l’olio di mandorla pulisce il bimbo, ad altri non piacciono
perché la pelle rimane spalmata di olio di mandorla. Si trovano in negozi biologici e siti internet.
Naturae’ Salviette Bio Baby da 60 pz
100% Natural Baby Wipes da 72 pz.
Le esaminiamo insieme perché la soluzione detergente è per entrambe la stessa, ma diversa è la
composizione del tessuto: quelle a marchio Naturè sono in 100% cotone bio mentre le Baby Wipes
sono in una fibra mista 70% lyocell (fibra interamente vegetale che si ricava dagli alberi di faggio) e
30% PLA (ricavato dall'amido di mais).
I materiali tessili e le soluzioni sono certificate ICEA e di alto profilo nell’Oeko Test, inclusi i
conservati contenuti.
Le salviette Naturaè da 60 pezzi vengono vendute da NaturaSi e da Ecor a circa 5 Euro, le Baby
Wipes confezione da 72 pezzi a Euro 3,30 sul sito www.ipiccolissimi.it e attraverso tanti GAS in
Italia.
L'unico problema che presentano questi prodotti è che la confezione è molto grande per un uso
sporadico, specialmente per il fatto che, non contenendo conservanti in abbondanza, scadono
abbastanza presto. Per questo, se si pensa di non usare le salviettine sistematicamente, è meglio
comprarne una confezione per volta. Oppure si può optare per un prodotto convenzionale che abbia
una formulazione accettabile anche se non proprio bio, possibilmente in confezione piccola.
6
LE CREME PER IL SEDERINO
Come già detto vanno usate quando il bambino presenta arrossamenti o quando ha diarrea e cacche
acide che irritano il sederino - in questo caso meglio metterle preventivamente così da proteggere la
pelle prima che si arrossi. In condizioni di normalità non è necessario usarle o possono essere usate
saltuariamente.
Molte creme allo zinco presenti sia al supermercato che in farmacia non passano l'esame della
naturalità del prodotto; noi abbiamo trovato ottime e a prova di Biodizionario la crema all'ossido di
zinco della Weleda, la pasta all'acqua e ossido di zinco di Fitocose o la più economica ed altrettanto
buona Bio bio baby. Le consigliamo perchè costituiscono ottime alternative alla pasta Fissan che tanti
genitori vogliono avere in casa.
In verità la pasta all'acqua originaria della FU - Farmacopea Ufficiale è composta solo da acqua,
glicerina, ossido di zinco e talco veneto in parti uguali e non contiene grassi. E' anti-macerativa e
lenitiva e perciò ottima se c'è molto caldo e il bimbo suda e rischia macerazioni ed eritemi. Diverse
marche ne hanno ripreso la formulazione, più o meno fedelmente, ma si può anche far preparare in
farmacia, facendo attenzione che rispettino gli ingredienti e non aggiungano grassi.
Lo zinco ai fini cosmetici, se ben purificato, micronizzato, non rivestito e associato ad antiossidanti,
stando alle ultime evidenze ha delle ottime prestazioni: viene usato come lenitivo, pigmentante,
leggero astringente, leggero antimicrobico.
Tuttavia va usato con discrezione per due motivi. Il primo è che se dosato male secca la pelle ed il
secondo è che ci sono degli ossidi di zinco che contengono altri metalli o sostanza dannose. Non tutti
i lotti di ossido di zinco sono uguali ed alcuni sono proprio da evitare. Non rimane quindi che
affidarsi alla serietà della ditta produttrice. Per questi motivi sul Biodizionario l’ossido di zinco riceve
un cautelativo pallino giallo.
DA EVITARE : PASTA FISSAN
Ne vendono due tipi:
PASTA FISSAN 'CLASSICA' (prodotta da Sara Lee)
INCI: lanolin, petrolatum, aqua, paraffinum liquidum, zinc oxide, cetearyl alcohol, hydrated silica,
tocopheryl acetate, linseed acid, panthenol, bisabobol, chamomilla recrutita extract, parfum,
maltodextrin, hydroxycitronellal, silica, linalool, coumarin, BHT, phenoxyethanol, methylparaben,
propylparaben.
PASTA FISSAN 'DELICATA'
INCI: aqua, zinc oxide, paraffinum liquidum, petrolatum, metoxy PEG- 22/dodecylglycol copolymer,
propylene glycol, PEG-22/dodecyl glicol copolymer, hydrated silica, cetyl palmitate,
hydroxyoctacosanyl hydroxystearate, lanolin, allantoin, tocopheryl acetate, linseed acid,
panthenol, bisabobol, chamomilla recrutita extract, parfum, zinc sulfate, maltodextrin, citric acid,
silica, methylparaben, propylparaben.
Lettura “semplificata” dell’INCI: trattasi di qualche spruzzatina qui e la di estratto di camomilla
e bisabololo (antinfiammatorio) in un mare di petrolio.
Gli ingredienti principali sono derivati del petrolio, che formano un film-barriera a scapito della
normale 'respirazione' dell'epidermide. Altri ingredienti sono di origine sintetica, scarsamente
biodegradabili. Il tutto è condito con estratti naturali, che si trovano alla fine dell’INCI, presenti
quindi in scarse quantità, immersi in sostanze sulla cui natura ed effetti nutriamo seri dubbi.
7
L’IGIENE DEL SEDERINO
A questo punto della trattazione vi sorprenderete di apprendere che secondo il nostro punto di vista
non abbiamo ancora parlato della reale igiene del sederino. Di fatto, qualunque sia il prodotto che
usate per pulire e qualunque sia la crema che spalmate, il vostro bimbo indosserà 24 ore su 24 per 2-3
anni un pannolino. Che esso sia di materiale sintetico, biologico, o di stoffa servirà a trattenere pipì e
cacca nell’attesa del successivo cambio, a trattenerla bene a contatto del bimbo.
E’ importantissimo rendersi conto che questa situazione non è di per se igienica, né tantomeno sana e
confortevole. Sentiamo il bisogno di scriverlo e portarlo all’attenzione dei genitori perché le
pubblicità televisive altro non passano da anni che immagini di bimbi comodi felici e asciutti, prova
vaporimetro ok (??!!), pipì volatilizzate cacche sparite, e non da ultimo design sottile e alla moda
(con stratosferico aumento di gel petrolchimici superassorbenti all’interno e dermatiti in agguato).
Quasi quasi viene voglia di tenerli per sempre, ‘sti pannolini…
Quindi, ribadiamo, il piccolo rimane racchiuso in un involucro che in qualsivoglia modo sia fatto
assolve al compito di raccogliere pipì e cacche e tenerle bene adese al bimbo, in modo che non
sfuggano e sporchino da qualche parte.
Appare chiaro al buon senso e nella pratica quotidiana che è assolutamente indispensabile da subito
permettere al bimbo di stare un po’ di tempo al giorno senza pannolino, così che la pelle respiri,
riposi e si asciughi bene. Il modo più semplice per fare ciò è di lasciare il bimbo spoglio sul fasciatoio
quando lo si cambia, giocare un po’ con lui, aspettare a rimettergli il pannolino, mettergli sotto il
sedere un telo su cui possa fare pipì nel frattempo cosicché quando si rimetterà il pannolino ci sarà
una pipì in meno che ristagna fino al prossimo cambio.
Si può anche facilmente pensare di lasciare il bimbo neonato un po’ di tempo a sedere nudo se fa
caldo, basta mettergli sotto dei teli assorbenti e cambiarli quando li bagna, se fa un poco più freddo si
può mettergli una mutanda di cotone o un pantaloncino leggero. L’importante sia d’estate che
d’inverno è inventare delle semplici occasioni in cui possa rimanere un po’ di tempo senza pannolino.
Una pipì non ha mai ucciso nessuno, nemmeno una cacca in verità. Per ridurre la possibilità di
incorrere nelle cacche si può scegliere un momento in cui il bimbo abbia appena evacuato.
Tanto più il bimbo cresce tanto meno spesso fa pipì, di conseguenza è più facile permettergli di girare
per casa senza pannolino per un po’ di tempo. Ottimo e necessario è togliergli il pannolino quando
arriva il caldo, qualunque sia la sua età. Proviamo a infilare due dita nel suo pannolino quando la
calura incombe e immaginiamo di portare lo stesso pannolino che porta lui! Provate anche a mettere
dei teli sul letto (pile idrorepellente o altro materiale impermeabile di base e sopra un paio di
salviette) e lasciate dormire il bimbo senza pannolino: tanto più è grande tanto più è possibile che non
bagni nemmeno, anche se non è un bimbo spannolinato. Se bagna potete aggiungere un telo di cotone
sopra la macchia e certamente al bimbo darà meno fastidio che non la stessa pipì chiusa nel
pannolino.
Altra cosa importantissima è cambiare spesso il pannolino.
I moderni pannolini convenzionali vantano&millantano comfort e naturalità di ogni tipo sulle
confezioni, non hanno nemmeno il pudore di risparmiarsi la scritta “traspirante” che si trova in ogni
dove. La verità è che i pannolini convenzionali sono assolutamente sintetici, assolutamente non
traspiranti e più sono assorbenti più sono carichi di gel superassorbenti di origine petrolchimica che
costituiscono un’ulteriore causa di inquinamento&allergia per la delicata pelle del bimbo. Aggiunto al
microclima caldo umido che si forma all’interno dell’impenetrabile pannolino pieno di pipì e cacche,
alle creme, ai residui dei fazzolettini pulenti, ai continui lavaggi…. c’è di che soffrire per anni e anni.
Dunque, un minimo di buon senso e di rispetto per il bimbo chiede attenzione a tenere cambiato il
pannolino al massimo ogni 4 ore durante il giorno, immediatamente dopo che ha fatto la cacca.
Altra attenzione importantissima deve essere posta a non stringere troppo il pannolino in vita: il
bimbo ne soffre inutilmente e in genere stringere di più non diminuisce il rischio di perdite quando ci
sono.
8
PER I BIMBI PIU’ GRANDI
Quando i bimbi sono più grandi e si sporcano di ogni cosa, non è sufficiente usare l’amido di mais;
serve un vero detergente, ma è comunque importante che sia naturale. Consigliamo le semplici
saponette naturali da agricoltura biologica, evitando qualunque bagnoschiuma il cui INCI non sia
riconosciuto più che naturale. Le saponette sono molto più economiche dei bagnoschiuma.
Sono anche più ecologiche perché sono solide, il che significa imballaggi ridotti e riciclabili perché in
cartone (niente plastica); inoltre essendo solide possono derivare solo da olio e soda caustica.
Invece i saponi liquidi, per essere tenuti nella formulazione “a miscela, fluido”, richiedono
necessariamente altre sostanze.
CREME VERDI&CONOMICHE AL SUPERMERCATO
Di seguito elenchiamo creme ottime in vendita nei supermercati. Non raggiungono i livelli di
biologicità e biodinamicità di creme tipo Weleda Logona ecc, ma sono senz’altro i prodotti più
“verdi” che abbiamo trovato nei supermercati e i loro standard qualitativi sono alti.
Gli inci sono stati controllati e postati in questo thread di settembre 2008
http://forum.promiseland.it/viewtopic.php?f=2&t=28994 . Il thread è interessantissimo da leggere per queste ed
altre informazioni anche se gli inci andrebbero ricontrollati nel tempo per verificare che non siano
cambiati e che la crema possa essere ancora considerata verde dal punto di vista degli ingredienti (si
sa mai che dopo 3 anni di verde sia rimasto solo il barattolo...)
Vanno bene per tutta la famiglia e in particolare per i bimbi più grandicelli. Tendono ad avere un
profumo intenso rispetto ai prodotti formulati per bio-consumatori. In alcuni casi vi è un componente
rosso oppure giallo –insomma non verde come risulta dal Biodizionario- ma in quantità e qualità da
noi considerata accettabile. Non perfette per i puristi ma gli altri si possono accontentare con gaudio!
Ricordiamo che per quanto riguarda i detergenti per neonati fanno fede i consigli riportati nei
paragrafi precedenti.
In vendita nei supermercati Schlecker, a volte nei Lidl e da ricercare anche in altri discount, sono i
prodotti BabySmile.
Fate attenzione a non dare per verde tutta la linea ma solo i prodotti sotto riportati di cui abbiamo
controllato gli inci, inoltre verificate che negli inci delle creme non ci sia lanolina - lanolin -, oppure
accontentatevi della crema con lanolina - non accettata dai puristi di cui sopra.
BabySmile Shampoo con estratto di oliva e allantoina = babysmile Shampoo mit Olivenextrakt &
Allantoin --> 200 ml (1,39 €)
Babysmile gel detergente con estratto d'oliva e allantoina = babysmile Kopf bis Fuss Waschgel
mit Olivenextrakt & Allantoin --> 500 ml (1,69 €)
Babysmile - Bagno buona notte = babysmile Gute Nacht Bad --> 500ml (1,99 €)
Babysmile Crema cura viso e corpo = babysmile Gesichts- und Pflegecreme --> 150 g, (barattolo
da 150 ml, da non confondere con il barattolo più grande che ha tutt'altri ingredienti!) Costo: circa
1,50 euro per 50 ml.
BabySmile Talco --> 100g
Corpo: Rilanja body - body milk lait pour le corps - with grape seed oil - da non confondere con
le altre, che sono simili nella confezione ma molto diverse nel contenuto. Si distingue così: è il latte
corpo PER PELLI SECCHE con olio di vinaccioli. Non fatevi sviare dall’indicazione “per pelli
secche": è stata provata su pelli diverse e si assorbe velocemente, quindi adatta a tutte le pelli. Costo:
poco più di 2 euro per 400 ml.
9
Nei supermercati Auchan e Carrefour :
Tutta la Linea Bio Bio Baby (cosmetici Pilogen carezza) con ingredienti da agricoltura biologica
certificata AIAB-ICEA.
Pilogen Carezza – Bio bio Baby Pasta all'ossido di Zinco.
Pilogen Carezza - Bio Bio Baby Sapone Liquido. E' un detergente con ingredienti ottimi,
molto valido.
Pilogen Carezza Bio-Bio Baby Olio Detergente Emolliente Olio detergente viso - corpo. Un
insieme di oli e burro, senza aggiunte “inquinanti”.
Tutti questi prodotti Pilogen più altri della stessa linea: Bio-Bio Baby Amido di Riso,
Bio-Bio Baby Bagno Shampoo, Bio-Bio Baby Crema Lenitiva, Bio-Bio Baby Latte Detergente
Emolliente, si trovano in vendita anche su un ottimo sito che vende solo prodotti naturali:
www.saicosatispalmi.com
Due buone creme per bambini della Cien che abbiamo trovato al Lidl :
Cien baby - body creme - crema protettiva per neonati con olio d'oliva e latte d'avena
Cien baby - panthenol skincare ointment (per rossori e irritazioni tipici da pannolino)
In moltissimi supermercati:
Sapone (per le Mani) liquido Neutromed ph 5.5 quello classico con confezione bianca e tappo
dispenser azzurro-blu. Prezzo circa 1,60 euro per 300 ml. Ce ne sono diverse versioni (con aloe o alle
rose... ma con inci del tutto diversi!!), attenzione a prendere quello giusto: si distingue perché
chiamato " Morbida Delicatezza”. Ottimo anche come bagnoschiuma, docciaschiuma e shampoo in
caso di bisogno (non secca né altera i capelli).
Neutromed Antibatterico ph 5,5 con inci simile a quello summenzionato e con aggiunta di un
estratto vegetale antibatterico. Si distingue perché chiamato Antibatterico. Tappo verde acquaturchese. Stesso prezzo dell'altro. Non è da usare su bambini ma per le mamme va bene. Il profumo è
forte e molto balsamico. Toglie anche gli odori di cucina e non secca la mani come molti antibatterici.
Lo consigliamo caldamente a chi vuole far uso di antibatterici (vedi per esempio quando si ha
l'influenza e si disinfettano le mani per non diffonderla alla famiglia) in quanto al momento risulta
essere l'unico prodotto da supermercato che non usa antibatterici nocivi come il triclosan o simili
disinfettanti aggiunti al sapone.
IMPORTANTE: fate attenzione a comprare l'esatto prodotto consigliato e non un prodotto della
stessa linea con colori, tappo, nome diversi. Molto spesso, vedi ad esempio nel caso del Neutromed
per le mani o dei vari prodotti Babysmile, UN SOLO PRODOTTO della linea è ottimo e verde
mentre altri a prima vista quasi identici hanno ingredienti ben diversi.
IL SOLE E I SOLARI PROTETTIVI
Il sole viene erroneamente visto come un nemico estivo dal quale proteggere i bimbi con protezioni
altissime; in realtà esso è benefico ed è importante che raggi dolci arrivino alla loro pelle per
stimolare la produzione di melanina e la sintesi delle vitamine, in particolare la vitamina D. Possiamo
quindi imparare ad usufruirne in maniera saggia e sensata senza sacrificare i bambini.
I bimbi piccoli vanno esposti al sole nelle prime ore del mattino e nelle ultime del pomeriggio. In
questi orari è insensato coprirli da capo a piedi di creme ad altissima protezione se non nei primissimi
giorni di esposizione. In seguito non è necessario affatto coprirli dappertutto; la crema va messa
soprattutto nelle zone più esposte che, per le attività di un bimbo piccolo, sono spalle, dorso, viso e
collo e bisogna rinnovare l'applicazione ogni ora.
Andrebbe scelta una crema senza filtri chimici bensì con filtri fisici di cui il migliore è l'ossido di
zinco. Per intenderci è l'ingrediente che da il colore bianco alle creme per il sederino, quindi se si ha
una buona crema bimbi all'ossido di zinco si può tranquillamente usare come protezione solare.
Una tra le tante buone e con ottimi ingredienti è la "Bio-bio baby pasta all'ossido di zinco".
10
Negli orari in cui il sole è molto forte il bimbo dovrebbe restare all'ombra, se lasciato al sole deve
essere protetto da una maglietta o da una protezione totale. E' comunque sconsigliato tenerlo in
spiaggia nelle ore centrali perché soffre molto il caldo: eventualmente bisogna spruzzarlo di acqua
per rinfrescarlo.
Quando i bimbi crescono è meglio uno spray, perchè tenerli fermi è arduo, ed è preferibile che sia
water proof, perchè al mare i bambini sono sempre in acqua.
Per l'estate 2009 le migliori marche non hanno prodotto solari con filtri fisici in quanto l'ossido di
zinco è stato posto sotto indagine dalla Colipa (European Cosmetic Toiletry and Perfumery
Association). Specifichiamo tuttavia che sotto accusa è l'ossido di zinco in forma di nanoparticelle - i
cui effetti sono molto dubbi - mentre quello classico rimane un ottimo ed efficace filtro fisico.
Per il motivo suddetto l'estate 2009 è piuttosto povera di marche di solari, perciò possiamo solo
indicarvi a quali marche ci affidavamo l'anno scorso, che continuano ad avere la nostra fiducia: Dr
Haushcka, Weleda, Lavera.
(Informazioni tratte dal topic http://forum.promiseland.it/viewtopic.php?f=2&t=32294&st=0&sk=t&sd=a e
dall'intervista alla dott.ssa Riccarda Serri, dermatologa e presidente di Skineko, l'Associazione di
dermatologia ecologica http://www.radio24.ilsole24ore.com/radio24_audio/090622-essere-e-benessere.mp3 )
11
PANNOLINI
Di pannolini convenzionali, ecologici, di stoffa e del “metodo senza pannolino” abbiamo già trattato
nel manuale di MondoNuovo “Cambiare pannolino”, scaricabile gratuitamente agli indirizzi
www.biodetersivi.altervista.org
http://xoomer.virgilio.it/tatanone/
Tuttavia riteniamo utile darne anche qui un breve sunto, per comodità di chi legge.
PANNOLINI CONVENZIONALI USA&GETTA
È difficilissimo trovare dati precisi e schede tecniche sulla composizione degli usa&getta tradizionali.
Essi sono costituiti da una parte filtrante a contatto col sederino, una parte interna, che costituisce il
70% del peso totale, formata da polpa di cellulosa e da polimeri superassorbenti (silicati, acrilati e
simili) e da una parte esterna costituita da pellicole impermeabili in polipropilene e polietilene unite
ad adesivi, elastici e nastri.
Anche se i rischi sono ancora da dimostrare, si ritiene che molte delle sostanze usate siano tossiche e
di fatto le dermatiti da contatto sono talmente frequenti che all’interno del pannolino viene
preventivamente spalmata una crema per prevenirle.
Inoltre è possibile la fuoriuscita del materiale superassorbente.
Un altro problema è il surriscaldamento, dovuto ai materiali poco traspiranti, che in presenza di feci e
urine crea un fertile terreno batterico e micotico, specialmente quando i pannolini vengono tenuti
addosso per ore.
Noi con i nostri bimbi abbiamo usato pannolini di stoffa, chi in maniera totale, chi in maniera parziale
utilizzando un metodo misto e possibilmente integrando con usa&getta ecologici. Tuttavia, per chi
ritiene comodo e opportuno usarli raccomandiamo i seguenti
Consigli d’uso
- Cambiare il pannolino al massimo ogni 4 ore.
Eventuali creme non sono necessarie se il bambino viene cambiato spesso. Inoltre si possono
scegliere pannolini con un minor grado di assorbenza, cioè meno ricchi di materiali sintetici
assorbenti, anche di marche non pubblicizzate che costano meno perché hanno “prestazioni più
basse”.
- Lasciare il bambino senza pannolino almeno un'ora al giorno e qualche minuto ad ogni cambio.
La pelle del bambino necessita di asciugare all’aria. Questa corretta norma igienica concorre a evitare
le irritazioni dovute al prolungato uso dello stesso pannolino. Inoltre i pannolini di plastica scaldano
molto: poter rinfrescare gli organi genitali e il sederino è davvero molto importante.
La cosa diventa facile e piacevole se quando si cambia il bimbo si dedica un po’ tempo a giocare con
lui, lasciandolo a sedere nudo o con una semplice telo per coprirlo se fa freddo.
- Non stringere troppo il pannolino intorno alla vita.
Strizzare il pannolino per evitare che la pipì fuoriesca può essere causa di gravi conseguenze
sull’apparato digerente del piccolo.
- Togliere il pannolino a un'età adeguata
Indicativamente, tutti i bambini raggiungono il controllo degli sfinteri tra i 18 e i 24 mesi.
Vi invitiamo a rispettare i tempi naturali con attenzione e consapevolezza, proponendogli il vasino al
momento per lui opportuno. Senza forzare, ma nemmeno rimandando a oltranza.
- Guardare alla funzionalità rifuggendo l'estetica
Rendere un pannolino esteticamente gradevole comporta un'ulteriore lavorazione, cioè maggior uso
di coloranti e sostanze di sintesi che ne aumentano la tossicità e il potere inquinante.
PANNOLINI ECOCOMPATIBILI
Al momento NON esistono pannolini per bambini totalmente biodegradabili: per quanto minima, una
parte di gel superassorbente deve essere ancora utilizzata, altrimenti il pannolino avrebbe uno
spessore più che doppio e quindi creerebbe altri problemi quali traspirabilità, difficoltà di movimento,
ingombro. Le aziende veramente attente all’ecosostenibilità fanno il possibile per limitarne l’uso,
mettendone una quantità che basti circa 4 ore nelle taglie piccole e 8 ore nelle taglie grandi.
12
Secondo una ricerca del 2007 , ci risulta che in Italia solo due ditte commercializzano prodotti
“parzialmente ecologici”: la tedesca Moltex e l’italiana Wip.
Azienda Ontex - Pannolini Moltex Oko
Moltex mette in commercio sia pannolini tradizionali (Lovely Baby) sia pannolini “ecologici”: i
Moltex Oko, i pannolini “ecologici” più conosciuti.
I materiali usati sono per la maggior parte gli stessi dei pannolini convenzionali, sia per l’interno che
per l’esterno. Sul sito e sulle confezioni viene indicato unicamente che i materiali provengono per il
50% da fonti rinnovabili, che la cellulosa è chlorine-free, che il 20% del gel assorbente è
biodegradabile (quindi l’80% è composto da acrilati non bio-degradabili), che il 100% del film
traspirante di protezione è biodegradabile, che il pannolino è stato dichiarato “skin friendly”, che la
confezione esterna è biodegradabile. Non viene detto nulla a proposito di TBT, DBT, MBT
(Tributile, Dibutile e Monobutile di stagno) sostanze ad alta tossicità.
Azienda Wip: Pannolini Naturaè Baby
Al momento è sul mercato l'unico pannolino monouso biodegradabile all’80%, che utilizza una
combinazione di bio-polimeri, materiali eco-compatibili e sostenibili. Infatti
- non vengono utilizzate creme anti-arrossamento
- l’origine vegetale dei filtranti garantisce che all’interno del pannolino non si crei quel clima caldoumido che è causa di dermatiti e micosi
- i materiali utilizzati sono in fibra PLA (INGEO), ottenuta dal mais;
- la cellulosa TCF proviene da foreste coltivate e viene igienizzata senza uso di cloro;
- i film barriera sono in Mater-Bi;
- viene esplicitamente dichiarata l’assenza di OGM;
- il gel superassorbente sintetico (acrilati) calibrato per 4-5 ore nelle taglie piccole, fino alle 7-8 ore
nelle taglia junior, è in linea con gli standard europei e i test ISO;
- il gel superassorbente (SAP) è ben inserito all’interno della cellulosa, senza rischi di contatto con la
pelle;
- le banderelle di chiusura a pressione sono prive di adesivi solventi (bisogna esercitare una leggera
pressione con le dita);
- presentano cuffie laterali contro le fuoriuscite con elastici tensionati, per non creare problemi
all'attaccatura delle cosce del bambino.
- presentano fasce addominali elasticizzate per ridurre la compressione adattandosi ai movimenti del
corpo;
- gli elastomeri sono composti da materiale biodegradabile;
I pannolini Wip, chiamati NATURAÈ, si possono acquistare nei negozi NATURASì o in altri negozi
biologici o sul sito Wip attraverso i Gruppi di Acquisto Solidali che spesso ordinano i loro prodotti.
PANNOLINI LAVABILI
Sono molti i motivi per cui sarebbe preferibile usare i pannolini lavabili:
1. Igiene
I pannolini di stoffa evitano tutti quei problemi legati al contatto della pelle del bambino con
materiali nocivi, causa di irritazioni e allergie.
2. Sostenibilità
L'enorme quantità di pannolini usa&getta consumata in Italia è un grave danno per l’ambiente. Ogni
bimbo, alla fine del terzo anno di vita, avrà usato da 4500 a 6500 pannolini producendo UNA
TONNELLATA di rifiuti che nelle discariche impiegano 500 anni a degradarsi, mentre negli
inceneritori producono fumi tossici.
3. Economia
Nel corso dei primi tre anni di vita del bambino, vengono spesi per i pannolini dai 1200 € in su, a
seconda del numero di cambi e della marca usata; se l’uso dei pannolini si prolunga dopo i 3 anni si
possono superare i 2000 €.
Il costo dei pannolini di stoffa è di gran lunga inferiore. Prendendo in considerazione un identico
periodo di tre anni, la spesa può essere compresa tra i 300 € e i 900 €. Tale spesa può essere
AMMORTIZZATA usando gli stessi pannolini con il secondo figlio o passandoli ad altre mamme.
13
4. Educazione al vasino
E’ dimostrato che i bambini che usano i pannolini lavabili si spannolinano prima.
Una panoramica sulle tipologie
Premesso che ogni bambino ed ogni famiglia presentano esigenze diverse, forniamo una breve
descrizione dei principali tipi di pannolini presenti sul mercato, anche se l’offerta si sta moltiplicando
e appaiono continuamente nuove varianti attraenti e sfiziose.
Fino al compimento del primo anno d’età di un bambino, sono necessari circa 16-25 pannolini a
seconda del tipo. Poiché vanno cambiati spesso, bisogna averne una buona scorta per riuscire a lavarli
ed asciugarli tranquillamente. Dopo il primo anno sono sufficienti 10-15 pannolini.
Alcuni, come i ciripà, sono a taglia unica, altri sono a taglia unica adattabile, altri ancora –a forma di
mutandina simile agli usa&getta convenzionali sono offerti in taglie multiple ma di solito due taglie
sono sufficienti a coprire tutto il periodo di utilizzo fino allo spannolinamento.
Se il bimbo nasce piccolo o prematuro è possibile acquistare appositamente una taglia XS, oppure si
possono utilizzare i ciripà, facili da usare anche perché il bimbo sul fasciatoio si muove poco. E’
possibile “rimpicciolire” i sagomati di alcune marche, ripiegando verso l’esterno la parte dove si
trovano il velcro o i bottoncini, e quindi fissare le “ali” con uno snappy (gancetto in gomma morbida,
reperibile presso i rivenditori di pannolini di stoffa). Alcuni genitori decidono invece di utilizzare dei
pannolini usa&getta (preferibilmente ecologici) per il primo mese.
I tipi di pannolini che vedremo nello specifico sono:
- ciripà;
- pannolini prefold (detti anche “flat diapers”, cioè pannolini piatti);
- pannolini sagomati (in inglese chiamati “fitted”);
- pannolini tutto in uno (in inglese “all in one”, spesso abbreviato AIO);
- pannolino pocket tutto in due (pannolini tecnici).
Per le prime tre tipologie è possibile acquistare versioni con cotone da agricoltura biologica, migliori
dal punto di vista ecologico e della salute del bambino.
CIRIPÀ
Il ciripà è una striscia di maglina che si piega su se stessa, si fa passare fra le gambine del bimbo e si
ferma intorno alla vita con dei cordini lunghi. Rappresenta l’opzione più economica e particolarmente
indicata per i bimbi appena nati perché si adatta perfettamente al loro piccolo corpo. Va usato con una
mutandina impermeabile, di lana o di materiale sintetico.
Per i primi mesi 25 pannolini e 25 inserti assorbenti più 2 mutandine di lana taglia 62/68 vengono a
costare intorno ai 100 – 200 €.
PANNOLINI PREFOLD
Sono i pannolini usati in Cina e in India, infatti si chiamano anche “Indian o Chinese prefold
diapers”. Sono dei pezzi rettangolari di garza di cotone piuttosto rada ripiegati più volte in modo tale
che ai lati ci sono quattro strati di stoffa e al centro otto.
Sono molto versatili: possono essere usati da soli, con o senza un inserto assorbente, passandoli tra le
gambine e chiudendoli con i loro appositi gancetti di gomma ("snappy fasteners"), coperti poi con una
mutanda di lana o di plastica. Oppure possono essere piegati e inseriti in un pannolino "pocket" come
inserto super-assorbente.
Si asciugano in fretta. Costano pochissimo -in America da 1 a 2 dollari, in Italia sui 3 euro l´uno- e
sono anche facilissimi da confezionare in casa.
PANNOLINI SAGOMATI IN TRE PEZZI (FITTED)
Assomigliano per forma a quelli usa&getta. Si chiudono con strap di velcro o con bottoncini a
pressione. Vanno abbinati a una mutandina impermeabile, di lana o di materiale sintetico. Con
l’aggiunta di un inserto molto assorbente sono ottimi per l’intera notte, senza paura di fuoriuscite. Si
possono trovare sia interamente di cotone da agricoltura biologica, sia di tessuti vari, quali spugna e
flanella di cotone, bamboo, canapa, microfibra, pile. Sono generalmente venduti in più taglie, ma
esistono anche versioni a taglia unica.
14
Sono facili da mettere ed i tempi di asciugatura dipendono dal numero di strati di cui è composto il
pannolino, e dal materiale.
I prezzi dipendono dal tessuto e dalla marca: per un set completo (dalla nascita allo spannolinamento)
con una ventina di pannolini all’inizio e 15 in seguito + i relativi inserti e tre mutandine impermeabili
per ogni taglia si va dai 500 ai 700 Euro.
PANNOLINI TUTTO IN UNO (AIO)
Molto simili agli usa&getta in quanto il pannolino di stoffa, l’inserto assorbente e la mutandina
impermeabile sono cuciti insieme a formare un unico pannolino da indossare con un solo gesto. La
parte a contatto con la pelle del bambino può essere di cotone 100% oppure di pile filtrante. Con un
buon inserto assorbente aggiuntivo possono tranquillamente durare tutta la notte senza perdite.
Riguardo al prezzo, si può partire da un minimo di 300 € per un set composto di due taglie (S e M)
con circa 16 pannolini per taglia più inserti assorbenti aggiuntivi, per arrivare fino a 600-700 se si
vogliono più pannolini o altre taglie.
PANNOLINI POCKET IN MATERIALE TECNICO
Sono composti di uno strato di tessuto a contatto con la pelle del bambino, ed uno strato esterno di
materiale impermeabile, cuciti insieme in modo da lasciare un’apertura sul dietro che permette
l’inserimento dell’inserto assorbente. Il tessuto interno è solitamente micropile o altro materiale
sintetico, morbido e drenante, che ha la funzione di minimizzare l’effetto bagnato a contatto con la
pelle, anche se alcune marche hanno cominciato a proporre delle versioni in cotone o altro tessuto
non sintetico. Lo strato esterno è in PUL, cioè poliestere laminato di poliuretano, un tessuto morbido
ed elastico che ha l’aspetto di un normale tessuto molto cedevole e piacevole al tatto.
Di solito sono chiusi con bottoncini a pressione, ma si trovano anche con chiusura a velcro. Esistono
sia a taglie multiple sia a taglia unica. Sono molto sottili e cedevoli dunque presentano un ingombro
piuttosto ridotto e sono anche belli in sfiziosissimi colori e fantasie.
I materiali di cui sono composti sono di origine sintetica, quindi non sono del tutto naturali per la
pelle del bambino.
Comprando in Italia due set da 16 in due taglie si può arrivare a spendere dai 500 ai 700 € senza
contare gli inserti aggiuntivi.
MUTANDINE IMPERMEABILI
Da utilizzare per ciripà, prefold e pannolini sagomati. Possono essere in lana, in pile idrorepellente o
in materiale sintetico impermeabile.
Mutandine di lana
Le mutandine di lana, rese impermeabili dalla lanolina, sono traspiranti, morbide, calde d’inverno e
fresche d’estate ed evitano “l’effetto sauna”.
Vengono proposte in varie taglie e possono essere realizzare in maglia di lana oppure in lana cotta.
Si trovano su diversi siti italiani – I Piccolissimi, Lotties (più economiche) - mentre nel sito
americano Diaperco se ne trovano di più carine, simili per formato e chiusura alle mutandine
sintetiche. Sono reperibili anche su vari siti inglesi, a prezzi vantaggiosi e spese di spedizione
contenute, ad esempio Babykind e Twinkle Twinkle.
Il prezzo si aggira tra i 15 e i 20 €.
Mutandine di pile
Non sono impermeabili al 100% però ritardano la fuoriuscita dell’umidità. Anche queste sono
traspiranti e molto morbide e con chiusura a velcro.
In vendita su Babykind, Twinkle Twinkle e Diaperco.
Mutandine di PUL
Sono le più usate, specialmente per la notte, perché completamente impermeabili e molto più sottili
rispetto a quelle di lana o di pile. Sono morbide al tatto, al contrario di quelle di vecchia generazione,
spesse e rigide, che si trovano ancora in alcune farmacie.
In Italia si trovano da Baby Natura, in Inghilterra da BabyKind e Twinkle Twinkle e in America da
Diaperco . Il prezzo è da 8 € in su.
15
INSERTI E RINFORZI (“BOOSTER”)
E’ consigliabile averne di vari tipi in modo da poterli combinare per ogni necessità. Si possono anche
confezionare in casa, con materiali da recupero.
Le fibre da preferire sono la canapa e il bambù che sono più assorbenti del cotone e si irrigidiscono
meno con i lavaggi.
VELI PRE-PANNOLINO
Vengono offerti insieme ai pannolini durevoli perché dovrebbero trattenere la cacca in modo da
buttarla velocemente nel water. Per esperienza, però, li troviamo piuttosto inutili, visto che le feci dei
lattanti sono praticamente liquide, mentre quelle dure si staccano con facilità dal pannolino, senza
bisogno di veli aggiuntivi.
Piuttosto possono essere utili dei teli di pile sottile da mettere sul pannolino (sui siti inglesi li
chiamano “liners”) per drenare la pipì e mantenere un livello di umidità minimo a contatto con la
pelle, per esempio la notte. Inoltre il pile trattiene la cacca liquida del neonato molto più dei veli; si
può sciacquare sotto l’acqua con grande facilità e riutilizzarlo innumerevoli volte, diminuendo di
molto lo spreco.
Questi teli di pile si possono comprare sia da BabyNatura sia da Ecobaby, ma li si può confezionare
senza problemi da sole comprando un pile leggero a tinta unita (non ha bisogno di rifinitura perché
non si sfilaccia)
SITI PER L’ACQUISTO
Babykind www.babykind.co.uk
Diaperco http://www.diaperco.com
Ecobaby http://www.ecobaby.it
I Piccolissimi www.ipiccolissimi.it/
Lotties http://www.lotties.it
Moltex http://www.moltex.de/englisch/index_englisch.html
Twinkle Twinkle www.twinkleontheweb.co.uk
Wip http://www.wip-srl.com/
Altre informazioni, mercatino dell'usato, liste di Comuni che offrono incentivi per l’acquisto dei
pannolini durevoli, si trovano nel sito web con forum annesso www.pannolinilavabili.info
Inoltre chi vuole discutere con altre mamme si può iscrivere alla mailing list
“PANNOLINI LAVABILI” http://it.groups.yahoo.com/group/pannolinilavabili/
Per l’educazione al vasino sin dai primi mesi di vita (elimination communication) ci sono il
sito web “CRESCERE SENZA PANNOLINO” www.evassist.it
e la mailing list “SENZA PANNOLINO” http://it.groups.yahoo.com/group/senzapannolini/
Un libro interessantissimo sul metodo “senza pannolino” è ”Senza pannolino” di Laurie Boucke,
Terra Nuova Editrice. Si acquista sul sito di Terra Nuova (www.aamterranuova.it) o nei Naturasì o in
altri negozi di prodotti biologici.
VESTITINI
Diversamente da quanto si crede i bimbi non hanno bisogno di quantità industriali di vestiti, non
preoccupiamoci quindi quando ci verranno poste previsione catastrofiche: “vedrai quanti soldi
spenderai per i vestiti! Costano tantissimo e non sono mai abbastanza!”
Facciamoci prestare tutto il prestabile e andiamo a comprare solo quelle pochissime cose di cui
avremo bisogno al momento opportuno.
Alcune indicazioni utili che in genere si imparano dopo avere comprato vestiti inutili:
1) non comprare vestiti in anticipo, per esempio mesi prima nei saldi o l’anno prima per l’anno
dopo, ecc: non si può prevedere la taglia del bimbo e tantomeno se la stagione sarà calda o
fredda.
16
2) quando si acquista qualunque capo di abbigliamento è importante guardare la taglia effettiva e
MAI fidarsi delle taglie dichiarate che a volte sono completamente fuori misura – a meno che
si conosca già la marca che si intende comprare.
3) evitare vestiti con stampe plastiche e sintetici
4) evitare vestiti scomodi sia per il bimbo sia per la vestizione-svestizione
È importante che i vestiti dei bimbi siano il più possibile
"puliti" per quanto riguarda l'inquinamento sia dei
componenti - tessuti e coloranti - sia dei detersivi usati per
lavarli.
Scegliete vestiti di fibre naturali, scartate quelli sintetici,
quelli con applicazioni di materiali sintetici o stampe di
plastica. Più colori e più applicazioni sui vestiti significano
più lavorazioni e più inquinamento. Più il vestito è neutro,
anche nel colore, meno è inquinato e inquinante.
Esistono in alcune catene di supermercati (es. Esselunga,
Oviesse e altri ) dei vestiti dal costo contenutissimo (6-7
euro una maglietta estate taglia 12 mesi e 7-8 euro una
tutina estiva 12 mesi) con il MARCHIO FIDUCIA NEL
TESSILE OEKO TEX (test per sostante nocive). Si
riconoscono per questa scritta e per un logo arcobaleno.
Hanno una certificazione seria e affidabile e sono
veramente economici.
Per quanto riguarda il lavaggio e i detersivi ne parleremo in altra parte di questa guida.
È da notare come già dai 9-12 mesi, i vestiti per maschi e femmine siano fortemente differenziati:
prima di questa età in genere si distinguono solo per il colore (rosa o azzurro); per il resto spesso si
possono utilizzare gli stessi vestiti per maschi e femmine.
Dai 9-12 mesi in avanti avviene uno strano fenomeno: non abbiamo più a che fare con vestiti per
bambini, bensì con abiti per piccole signorine e piccoli ometti; quasi tutti quelli da bimba sono
improponibili per i maschi, mentre quelli da bimbo sono troppo maschili per le femmine. Questa
imposizione commerciale sembra fatta apposta per costringerci a comprare più vestiti… e c’è inoltre
da chiedersi se è corretto costringere i bambini a identificarsi e differenziarsi così fortemente fin dai
primi mesi.
Un modo di aggirare queste imposizioni è comprare vestiti semplici, tipo tute, jeans, felpe, polo e altri
capi che possono essere unisex (purché ovviamente la mamma non tenga eccezionalmente a far
indossare a sua figlia solo vestiti evidentemente femminili).
L'altra possibilità è comprare vestiti da alcuni marchi ecologici:
Lotties produce capi molto spartani, solo con cotone che cresce già colorato in pianta (dunque panna,
beige, marroncino, verdolino); sono capi carini, semplici, che vanno bene un po’ per tutti www.lotties.it
Otic, una marca che troviamo stupenda per qualità ed estetica, ha prezzi ottimi e fa tutto molto
colorato (con colori vegetali o minerali, esenti da sostanze tossiche, e cotoni da agricoltura biologica);
anche qui molti abiti possono andare bene per entrambi i sessi www.oticbiotex.it
Cut4cloth, in Inghilterra, produce stupendi vestiti di cotone da agricoltura biologica e manifattura
equo-solidale (sia la produzione del cotone sia la lavorazione degli abiti sono opera di una
cooperativa di villaggi indiani su base etica). I prezzi sono ottimi e spediscono per sole 4,50 £
(http://www.cut4cloth.co.uk ).
17
SCARPE BIMBO
Collo alto, collo basso, morbide, ginnastica, chi più ne ha più ne metta.
Quando il vostro bimbo avrà bisogno di scarpe vi sentirete elencare ogni teoria e il contrario di essa,
l’unica costante accomunante è che costano tutte una follia!
E alcune sono proprio una follia: a cosa serviranno mai le scarpine sagomate per culla? O quelle con
il plantare anatomico per il neonato che non cammina?
E perché schiere di eminenti pediatri affermano che il bimbo necessita di scarpe chiuse con collo alto
che sostenga bene il piede, e altre schiere di altrettanto eminenti pediatri affermano che il piede si
sviluppa nel modo migliore quando il bimbo cammina a piede nudo o con scarpe morbide a collo
basso?
Scegliete pure la teoria che più piace a voi e al vostro portafoglio, sappiate comunque che in genere le
costosissime scarpe a collo alto primi passi verranno usate pochissimo se il bimbo le mette solo fuori
casa- come è augurabile- perché il vostro bimbo è piccolo e cammina ancora pochissimo, il piede
cresce , e soprattutto… la stagione cambia e la scarpetta leggera dovrà essere cambiata con quella
pesante o viceversa!
I nostri consigli sono:
- innanzi tutto abbiate pietà dei vostri figli in fasce e non mettete loro scarpe- anche se regalate
- fino a quando non ne avranno davvero bisogno.
- quando cominceranno a camminare e per gli anni successivi permettete loro di stare il più a
lungo possibile senza scarpe: per esempio in casa vanno benissimo i calzini antiscivolo -anche
quando li portate in casa di amici - in inverno con doppio calzino, in estate preferibilmente a
piedi nudi ogni qual volta sia possibile. E’ il modo migliore per favorire il corretto sviluppo
della muscolatura e dell’ossatura dei piedi.
- Comprate loro scarpe su misura nell’esatto momento in cui ne hanno bisogno, non affrettatevi
a comprare scarpe che magari al momento opportuno non saranno della giusta misura. Non
azzardate acquisti in anticipo di una stagione sperando di risparmiare per la successiva,
probabilmente il numero sarà sbagliato o la scarpa sarà troppo leggera o pesante per il tempo
che si presenta nel momento in cui servono.
- C’è chi dice che la scarpa numero 20 usata 10 volte dal fratellino rovinerà il piede della
sorellina che la riciclerà… noi azzardiamo l’ipotesi che non rovinerà il piede di nessuno
perché non è affatto sformata, perché la sorellina la userà poco anche lei e perché quella
nuova “primi passi” costa poco meno di 80 euro!
- A questo punto scegliete pure la teoria che vi piace di più, con un consiglio: se è inverno,
vostro figlio mette le scarpe solo quando va al parco; fa freddo piove e viene buio alle 4
quando lui si sveglia e non può uscire; mette la scarpa 20 minuti al giorno nel tragitto tra casa
e asilo, e poco più, per di più è spesso malato ed è quasi sempre a casa…. Spendete pure 40
euro in meno e risparmiateli per la prossima stagione quando il bimbo uscirà di più e sfrutterà
di più le scarpe.
- A qualunque età del bimbo è raccomandato EVITARE le ciabattone a forma di animali e
affini che si vendono nel periodo invernale e che fanno camminare malissimo i bimbi, come
raccomandato è evitare qualsiasi calzatura che non consenta al piede di muoversi liberamente
o lo costringa in qualsivoglia maniera.
- Se abitate in località dove nevica abitualmente, vi consigliamo, dal momento in cui i bambini
camminano bene, di procurarvi per tempo dei moonboot o similari: in genere vanno bene per
più di una misura di piede e di fatto quando ci si sveglia il mattino con la neve improvvisa è
un vero delitto non poter portare fuori il bimbo perché non si hanno scarpe adatte o calzoncini
da neve (procuratevi anche calzoncini da neve).
18
VASCHETTA PER IL BAGNO
Parlando di igiene e bagnetto del bebè, non si può evitare di parlare dell’accessorio più comune: ne
vendono di diversi e fantasmagorici tipi. Più o meno utili, tutti ingombranti. Chi la trova utilissima,
chi la trova fastidiosissima. Il pargolo di MondoNuovo dopo averne provate tre è stato lavato nella
vasca in braccio a papà, da più grande nella doccia in braccio a papà o mamma, da solo nella
bacinella dei panni. Se non vi trovate bene con la malaugurata vaschetta del bagnetto che vi trovate
per casa, non scoraggiatevi: potrà sempre essere utilizzabile, d’estate in giardino per i giochi d’acqua,
tutto l’anno per raccogliere i panni da stirare visto che alla cesta dei panni da stirate potete mettere le
ruote e trasformarla in cesta dei giochi portatile. Ora che il nostro bimbo ha 20 mesi appoggiamo la
vaschetta da bagno nella doccia e la usiamo per fargli fare il bidè: lo si mette in piedi o seduto e lo si
lava lì invece che in braccio come quando era piccolo, poi si scarica l’acqua nella doccia.
FASCIATOIO
Vanno molto di moda i fasciatoi nelle stanze dei bimbi. Non se ne capisce il motivo salvo casi rari in
cui non ci sia modo di posizionarli in bagno: spogliare il bimbo in camera per poi correre in bagno a
lavarlo è un delirio, per di più nella stagione invernale è facile tenere scaldato il bagnetto magari con
una stufetta ed è difficile tenere la stanza alla medesima temperatura. In genere si ovvia al problema
della corsa al bagno utilizzando vagoni di salviettine usa&getta, di cui abbiamo già parlato.
Il fasciatoio dovrebbe per comodità praticità e semplice buon senso essere posizionato in bagno.
Esistono dei comodissimi fasciatoi da appoggiare sopra la vasca da bagno nel caso non ci sia altro
posto ove metterli. Sono più spaziosi dei normali fasciatoi e il bambino sta comodamente di fronte al
genitore anche quando è più grandicello, rendendo piacevole e comodo il cambio pannolino, il
massaggio, ecc.
TELINI IMPERMEABILI PER IL CAMBIO PANNOLINO
Naturalmente ci auguriamo che tutti si impegnino ad evitare i telini usa e getta il più possibile, come
ogni altro prodotto usa e getta. È facilissimo sostituirli con pezze di stoffa - anche vecchie
lenzuola- semplicemente orlate, da appoggiare sul fasciatoio e da portarsi anche in giro. In caso di
trasferte su divani altrui è opportuno avere un pezzo di cerata da mettere sotto al telo. Ci si può anche
divertire a cucire dei telini impermeabili fai da te.
MARSUPI E FASCE PORTA-BIMBO
Un vero dilemma. E' molto più naturale portare addosso i bimbi piccoli che lasciarli nella carrozzina,
eppure ci sono più marsupi inutilizzati che bambini.
Il fatto è che il 99% dei marsupi in vendita sono scomodi: oltre ad essere mal fatti per la schiena di
chi li indossa, obbligano il bimbo in posizione non anatomiche e scorrette. Un neonato non dovrebbe
mai essere posto con la schiena eretta e non dovrebbe mai scaricare il peso sui genitali così come
succede con quasi tutti i marsupi in commercio; tantomeno dovrebbe, prima di qualche mese,
invertire la fisiologica curvatura della schiena rimanendo in un marsupio con la faccia rivolta verso la
strada e pressoché penzolante.
Al contrario i bimbi dovrebbero essere portati in posizione attiva e fisiologica, con le gambine
divaricate in modo naturale e il peso scaricato sul sederino. Questo tipo di portatura è reso possibile
dalle fasce in primo luogo, dai mei tai che sono fasce modellate a marsupio, e da particolari e
rarissimi marsupi in commercio.
Qualche info sui diversi tipi di marsupio in vendita, per la ricerca di un modello valido, si trova in
www.consapevolmente.org/forum/viewtopic.php?t=1571
Un marsupio ergonomico che rispetta la schiena dei bambini e mantiene le gambine divaricate in
maniera corretta è il marsupio COCCINELLA, consigliato da "portatrici" esperte
(www.portareipiccoli.it) e dalle ostetriche (www.bellicomeilsole.it/a_78_IT_226_1.html)
Un altro marsupio ottimo per bimbi e genitori è l'Ergobabycarrier (www.ergobabycarrier.com/)
19
Un "marsupio" fasciante e concepito per la postura ottimale di genitori e bimbi è il mei tai; nel sito
www.mhug.it/home.asp si possono visionare i modelli e le informazioni per l'acquisto.
Il trasporto più naturale, economico, versatile e antico è costituito dalla fascia: è assolutamente
ergonomico pratico amorevole e confortevole. Ai neonati fa bene essere portati in fascia fino a che
non camminano: sviluppa i loro sensi e il contatto con la madre riduce i pianti e l'ansia.
I bambini portati nel primo anno di vita sono "sazi" di contatto e pronti per aprirsi alle prime
esperienze di indipendenza.
Da ultimo ma non da meno, portare i bimbi in fascia è il modo più piacevole, più gratificante e meno
faticoso per gli adulti!.
SITI SUL PORTARE I BIMBI
Associazione culturale Portare i piccoli www.portareipiccoli.it
Associazione Bimbi in fascia www.bimbinfascia.it
(Bellissimo sito con info utilissime sulle fasce portabebè e spiegazioni fotografiche sui diversi tipi di
fasciatura)
In inglese www.ergobabycarrier.com/
FASCIA PORTABEBÈ: info utili su diversi modelli da acquistare e sul fai da te
http://forum.promiseland.it/viewtopic.php?t=23219
www.consapevolmente.org/forum/viewtopic.php?t=1288
CHIEDETE IN PRESTITO…
…palestrine, box, giostrine delle api e similari. Si usano per pochissimo tempo o non si usano affatto,
transitano per le stanze della casa dando fastidio a tutti.
Cercate di farvele prestare piuttosto che comprarle più o meno inutilmente anche voi.
Accettate anche tutto quanto vi vogliano prestare, ovviamente!
Se avete intenzione di comprare qualcosa che non volete a prestito, ma non siete sicurissimi
dell’acquisto e conoscete qualcuno che ve lo può prestare, prendete in considerazione l’idea di
provarlo prima di acquistarlo.
CAMERETTA PER NEONATO O PER BAMBINO?
Sono in vendita camerette per bebè costituite da: culla, lettino, fasciatoio, armadio, cassettiera,
appendiabiti, lampadari, e altro.
Molto spesso sono decorate con disegni e intagli dedicati ai neonati e ai bambini piccolissimi.
Altrettanto spesso i colori e disegni sono troppo forti e grandi per il neonato che necessiterebbe di
colori tenui e decori delicati - così come nei tessuti per bimbi e accessori neonato.
Oltretutto quando il nostro piccolo amore intorno ai 6 anni comincerà - nostro malgrado- a inneggiare
ai manga giapponesi, non farà altro che disintegrare a martellate l'orsetto dell'anta dell'armadio e
azzoppare il coniglietto che sbuca dalla cassettiera. Di lì a regalare la cameretta mai usata a un altro
infante sarà un passo, se va bene due.
In genere la cameretta piace ai genitori perché fa pensare al bambino in arrivo. I bimbi, al contrario, si
identificano con i genitori e della cameretta non importa loro niente; per di più molto spesso non la
utilizzano se non appunto quando raggiungono l'età della "ragione" e dei cartoons giapponesi. Ma
anche i genitori dopo 5 anni di coniglietti che sbucano dai cassetti si saranno stufati della cameretta
da bebè e cominceranno a pensare a una soluzione più da "grande" e meno stucchevole.
Nella pratica quotidiana c'è da considerare che se anche il bimbo appena nato dormirà nella sua
cameretta -e tanti non dormiranno soli per mesi e mesi- di fatto utilizzerà passivamente solo il lettino
e il fasciatoio, se questo è situato in camera. Quando il bimbo è così piccolo in genere stà quasi tutto
20
il tempo insieme a qualcuno, quindi starà nella stanzetta solo per dormire e il resto della giornata
dove sono i genitori o le persone di riferimento.
Passeranno almeno due anni prima che inizi a trascorrere del tempo da solo in camera sua - e non più
di 10 minuti!- ma l'esigenza di uno spazio tutto suo, intimo e inviolabile, la sentirà intorno ai 7 ANNI.
Questa è l'eta in cui ha senso creare un ambiente solo per lui, e l'ambiente dovrà rispettare le esigenze
di un bimbo di quella età, ancora meglio se potrà essere creato con lui e ascoltando lui!
Nel frattempo che si può fare? Quello che ha senso fare è preparare un posto per lui nella casa, così
come nella famiglia. Sgomberare una camera e riadattarla per il bambino è un atto che si genera dalla
necessità e dalla disponibilità di "fare posto al nuovo". Preparare un posto per lui è un processo che
inizia con il concepimento e che verso la fine della gravidanza si fa urgente. Non è affatto necessario
correre dal mobiliere, è necessario sgomberare, fare posto, che è diversa cosa dal "riempire".
FACCIAMO SPAZIO dunque, al bimbo in arrivo. Evitiamo di riempire lo spazio a lui dedicato di
cose che a lui non servono e che nascono nelle pubblicità dei giornali e non nel nostro sentire e nei
suoi bisogni.
C'è tutto il tempo per partorire, tornare a casa con il bimbo, incominciare a conoscersi e capire di che
cosa si ha veramente bisogno, di conseguenza agire.
Un libro utile sull'argomento è "Una casa a misura di bambino" G. Honneger Fresco - Edizioni Red
GIOCATTOLI
Scrive la mamma del bebè di MondoNuovo: “Ho messo mesi fa tra i giocattoli di Alessandro un
cestino di stoffa porta-pane che ho sempre detestato: piccolo, con un galletto ridicolo stampato e con
la scritta “Portogallo”. Non fosse per la mia anima irriducibilmente ecologica e per il fatto che
nessuno dei miei amici e parenti l’ha mai voluto adottare, sarebbe sparito da un pezzo, invece ho
concesso un’ultima vita al galletto nella cesta dei giochi del piccolo…. Non l’ha mai guardato fino ad
oggi pomeriggio, quando sento il piccolo esclamare:
“PAPELLLLOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!”
Quando l’ho visto correre verso di me col suo fantastico nuovo cappello in testa mi si è allargato il
cuore di gioia e ho capito come un suppellettile che a vederlo pare un inferno possa trasformarsi di
colpo in un magico cappello (a volte succede anche il contrario ma questa è un’altra storia, e si
racconterà un’altra volta…)”
MORALE: i giochi più belli non si comprano, anzi, più giochi si comprano meno bello diventa
giocare.
I bimbi sono capacissimi di giocare per ore con un vasetto dello yogurt e un cestello della ricotta,
quindi aguzziamo l'ingegno e offriamo loro interessanti materiali. E' importante permettere al
bambino di sperimentare i 5 sensi: piuttosto che regalargli continuamente giochi pre-confezionati di
plastica, dai mille colori luci e musichette, proponiamogli materiali di recupero, stoffe di diverso tipo,
oggetti di legno, metallo, carta, ecc. Non demonizziamo la plastica, ma non facciamo che sia l'unico
materiale offerto al piccino!
Pochi oggetti, semplici, maneggevoli, sicuri e di uso quotidiano: li apprezzeranno più dei giochi che
piacciono tanto agli adulti.
Conservate borsette, cappelli, occhiali da sole, collane, braccialetti, cinture, vestiti vecchi, tutto
quanto possa servire per creare un angolo dei travestimenti: saranno apprezzatissimi dal bimbo
quando sarà più grandicello. Conservate le carte delle uova di pasqua per mille giochi, le vaschette di
plastica delle verdure per i travasi, le scatole di carta porta-uova, scatole di ogni materiale e tipo per
costruire il "gioco delle scatole": una valigetta magica piena di scatole di ogni colore forma tipo e
grandezza. I rotoli dello scotch, della carta igienica e dello scottex si prestano a mille usi e alle
diverse competenze dei bimbi da 0 anni in avanti. I fiocchi, i nastri, i tulle, i pezzi di stoffa e tutto il
resto, nel tempo diventeranno “gioco da giocare e inventare” nella fantasia e nelle mani dei vostri
bimbi- che saranno molto più fantasiosi di voi, quindi non temete. Inoltre andranno all’asilo e dove
non arriva la fantasia di casa provvede quella delle educatrici, che saranno molto grate del vostro
apporto di materiali.
21
Tutto il resto non serve e comunque ve lo regaleranno amici e parenti (ne hanno le case piene e non
vedono l’ora di sbarazzarsene).
RICETTA CASALINGA PASTA DA MODELLARE (tipo Didò)
Ingredienti:
- 2 tazze di farina
- 1 tazza di sale fino
- 1/2 tazza di Maizena
- 2 cucchiai di olio
- 2 cucchiai di polvere cremortartaro (in farmacia o drogheria)
- 2 tazze d'acqua
- coloranti alimentari (al supermercato)
Mescolare gli ingredienti nell'ordine descritto, tenendo da parte i coloranti. Scaldare in un pentolino a
fuoco medio per 3-4 minuti.
Dividere l’impasto in parti corrispondenti ai colori che si hanno a disposizione, poi aggiungere i
coloranti ai singoli pezzi, impastando a mano a mano.
Se ne ricava una pasta molto morbida e piacevole al tatto, molto duttile. Posta in frigorifero in un
barattolo di vetro o in una busta di plastica dura circa 6 mesi. Se si secca un poco è sufficiente
bagnare la mano di acqua e poi re-impastare la pasta che ritorna morbida.
RICETTA BOLLE DI SAPONE
Chi ha figli lo sa: le bolle di sapone comprate funzionano meravigliosamente, quelle fatte in casa con
acqua e detersivo non sono mai altrettanto belle e resistenti. D'altra parte le bolle comprate costano
parecchio se consideriamo anche che mediamente un bimbo di pochi anni le rovescia
irrimediabilmente a terra - fa parte del gioco.
Inoltre ogni volta si compra e si butta via il flacone di plastica.
Abbiamo studiato a fondo il problema! Ecco i risultati:
Ingredienti per un flacone:
- acqua distillata 30 ml
- detersivo piatti 30 ml
- una punta di cucchiaino di zucchero o di miele o di glicerina
Sciogliere prima lo zucchero o il miele o la glicerina in acqua, poi aggiungere il detersivo
Spieghiamo ora perché servono acqua demineralizzata, detersivo liquido per piatti e zucchero o miele
o glicerina
- l’ingrediente più semplice e funzionale è il sapone liquido per piatti (meglio se concentrato)
che è neutro;
- più sapone si mette più le bolle verranno grosse;
- alcune ingredienti come zucchero, miele o glicerina rendono le bolle più resistenti perché
aiutano a stabilizzare il velo di acqua della bolla
- serve l'acqua distillata altrimenti i sali insolubili, che si formano tra gli ioni Calcio e Magnesio
e il detersivo, "rompono" la bolla. Va bene l'acqua di scarto del deumidificatore o di
sbrinamento del frigorifero (fatta scaldare).
- le soluzioni agiscono meglio dopo qualche giorno di preparazione
22
CONSIGLI PER GLI ACQUISTI
Anche se ne abbiamo parlato già diffusamente, per comodità vi proponiamo un elenco ragionato degli
articoli che ruotano intorno al mondo del bebé. Si tratta di una lista elaborata secondo le nostre
esperienze, abitudini e stili di vita, perciò non è da ritenersi la “Verità Assoluta”, quanto piuttosto un
desiderio di condividere il nostro punto di vista. Solo poche cose sono davvero indispensabili, l’utilità
del resto dipende molto da che genitori siamo, dove viviamo, che stile di vita abbiamo e naturalmente
dal bambino (che mettiamo per ultimo perché la gran parte degli acquisti viene completata molto
prima della nascita). Speriamo anche che questa lista possa aiutare a non cadere nella trappola di
comprare il superfluo che non si userà mai. Inoltre, molti articoli per bambini vengono usati per poco
o pochissimo tempo, e quindi sarebbe davvero sensato, sia per l’ambiente che per il portafogli,
intessere una rete di relazione con le mamme vicine, per scambiarsi, prestarsi e passarsi le varie cose
man mano che i bimbi crescono.
Fasciatoio
Un luogo per cambiare il pannolino al bimbo è necessario e comodo, anche se non è indispensabile
acquistare i mobiletti concepiti appositamente. Se si ha a disposizione un tavolo, la lavatrice, un
qualsiasi altro piano d’appoggio, ci si può munire di un materassino imbottito, e trasformare questo
angolino nella zona cambio. In caso contrario, si può valutare l’acquisto di un mobile apposito o
ancor meglio cercarlo in prestito. E’ bene che il piano sia di altezza adeguata a chi cambierà il
bambino (onde evitare mal di schiena), e sarebbe preferibile predisporre la zona cambio in bagno, per
agevolare le operazioni di lavaggio. Si trovano in vendita anche i già ricordati fasciatoi da appoggiare
sopra la vasca da bagno.
Cassettiera
Naturalmente non è indispensabile comprare appositamente una cassettiera. E’ invece indispensabile
e pratico organizzare la casa predisponendo un luogo dove riporre gli abitini del bimbo.
Culla o lettino?
Il neonato ha bisogno di riposare in un luogo avvolgente e protettivo, in modo che il passaggio
dall’ambiente uterino non sia troppo spiazzante. Per i primi tempi non è consigliabile il lettino: il
neonato non è contenuto e può sentirsi perso. Meglio allora preparare una culla o una cesta, evitando
però di acquistare le costose culle in commercio, e preferendo soluzioni in prestito o magari scovate
nella soffitta della nonna (le culle e ceste di una volta sarebbero ideali, ma difficili da reperire),
considerato che le si usano fino a 5-6 mesi al massimo. Una soluzione economica e creativa è di
preparare una cesta ovale, tipo da stiratrice, con bordi non troppo alti, da completare con un
materassino e, se si ha un nonno o un marito abile, un carrellino per sollevarla da terra. Una culla
dovrebbe anche avere dei teli o una cappottina, per coprire la parte soprastante la testa del bambino,
offrendo intimità e protezione.
Al giorno d’oggi si tende ad utilizzare la carrozzina che si compra insieme al passeggino. Se c’è
possibilità di usare in casa una culla diversa da quella che si porta per strada e in mezzo al traffico, è
meglio, anche perché le culle da passeggino sono di materiale plastico e poco o nulla traspiranti.
Se si deve utilizzare il lettino da subito, è bene usare delle imbottiture che lo rimpiccioliscano e
offrano al bimbo più contenimento, per esempio un cuscino da allattamento che faccia da riduzione e
il paracolpi che tende a chiudere- proteggere- rimpicciolire il vano, oppure un serpentone morbido,
disposto lungo i bordi, che si può facilmente cucire da sé.
Se dovete acquistare il materasso, attenzione alla composizione: molto spesso i materassi per culle e
lettini sono in poliuretano espanso, quindi offrono scarsa traspirabilità. Valutate l’idea di cercare un
futon o un materasso in lana (informatevi presso un tappezziere, che può anche confezionarlo
rilavando la lana di un vecchio materasso che langue in soffitta). Il cuscino non è necessario per il
neonato.
Se invece decidete di far dormire il bimbo nel lettone, anche se solo in parte, assicuratevi di evitare
possibili cadute. Il cuscino da allattamento usato a mò di barriera non è abbastanza sicuro, meglio
procurarsi una spondina da fissare sotto al materasso. Attenzione anche a piumini e coperte pesanti,
che potrebbero surriscaldare il bambino. Molti genitori utilizzano l’opzione “sidecar”, ovvero il
23
lettino con sbarre privato di una sponda laterale e fissato saldamente al lettone (naturalmente bisogna
portare i materassi allo stesso livello e riempire con coperte o tessuti eventuali buchi), in modo da
avere più spazio per tutti.
Abbiamo sperimentato con successo l’espediente di fare dormire i bimbi più grandini – da un anno in
su- in un materasso messo a terra. I vantaggi sono che non cadono dal letto, possono muoversi
liberamente salendo e scendendo da soli, possono utilizzarlo anche per il gioco oltre che per la nanna.
Se il materasso è a una piazza e mezza o matrimoniale è utilissimo anche per permettere al genitore di
dormire con il bimbo quando necessita- in caso di malattie o altro- o anche solo per farlo
addormentare. Diventa anche una soluzione semplice per abituare il bimbo a dormire nella sua
cameretta se prima dormiva con i genitori: i genitori si trasferiscono con lui sul suo materasso, nella
sua cameretta, e quando il bimbo è pronto possono staccarsi e andare a dormire nella propria stanza.
Il letto che in questo caso risulta molto grande per un bambino, può essere ridotto con l’ausilio di
cuscini. E’ utile anche appendere una zanzariera a soffitto in modo che renda l’ambiente più intimo e
raccolto.
Lenzuolini
Sono necessarie per la culla o il lettino e ne occorrono almeno tre sopra e tre sotto. Si possono
tranquillamente ricavare da qualche lenzuolo o scampolo di tessuto, ritagliato e orlato a macchina. Se
il bimbo sporcherà molto si potrà valutare se comprare un altro set oppure un paio di sotto in più. La
federa in genere non serve perché il cuscino si tende a non utilizzarlo.
Trapunta/coperte/sacco nanna
Il bimbo piccolo, e soprattutto il neonato, deve dormire in una stanza non troppo calda e mai sotto
piumoni o coperte troppo calde o pensanti. A seconda della stagione consigliamo di aspettare a
comprare coperte e trapunte fino a quando non servono veramente. A quel punto si avrà un’idea di
come si mette a letto il bimbo – tuta in ciniglia, pigiama di cotone?- quanto caldo o freddo ha, se
dorme solo o insieme ai genitori, quale temperatura esterna c’è, quali copertine o plaid si hanno a
disposizione in casa e cosa manca.
Prendete in considerazione anche la possibilità di utilizzare il sacco nanna, nel qual caso le trapunte
non servono. Il sacco nanna è una specie di salopette che anziché i pantaloni ha un sacco chiuso in
fondo. In esso il bimbo si sente “avvolto” e protetto e non corre il rischio di scoprirsi.
Se ne trovano di diversi tessuti e pesantezze, adatti alle varie stagioni. Si trovano facilmente in
vendita on line su numerosi siti. Ad esempio www.newbabyberry.com/acatalog/infogrobagfull.html
Traverse impermeabili e teli (anche da recupero)
Terrorizzati da racconti apocalittici su cacche pipì e vomitino, si tende a comprare pacchi di traverse
impermeabili e simili. In realtà se ci sono bimbi con i quali nemmeno un telo di piombo riesce a
salvare il materasso, ce ne sono tantissimi altri che non producono disastri e per i quali è sufficiente
mettere un telo o un asciugamano sotto le lenzuola. Il consiglio dunque è: aspettate a conoscere
vostro figlio, c’è tutto il tempo per capire cosa esattamente vi serve. Nel frattempo potete mettere un
asciugamano tra lenzuolo e materasso. C’è da dire, comunque, che con i pannolini odierni (sia usa e
getta che lavabili) sono davvero rari i casi di fuoriuscite catastrofiche.
Seggiolino auto/ovetto
E’ indispensabile avere un seggiolino auto/ovetto oppure, per i primi mesi, una navicella omologata
per trasportare il bambino in macchina. I seggiolini adatti ad un neonato appartengono alla categoria
0 e 0+, e permettono di trasportare il bambino fino a 10 o 13 kg.
Per molte mamme l’ovetto si è rivelato molto comodo, perché spesso il bimbo si addormenta nel
viaggio e si può facilmente spostare dalla macchina alle ruote del passeggino (se si possiede un
passeggino adatto a fissare l’ovetto, il cosiddetto “trio”). Per i viaggi lunghi è preferibile utilizzare la
navicella, per far stare il bambino in posizione sdraiata, e se avete intenzione di spostarvi molto in
macchina, controllate che la navicella della carrozzina abbia l’omologazione per essere fissata alla
macchina. Se dovete acquistare un seggiolino/ovetto considerate innanzitutto la sicurezza del bimbo e
la posizione sufficientemente reclinata o reclinabile.
24
Carrozzina con materasso
L’acquisto della carrozzina è molto oneroso, anche quando si tratta di un “trio”, e la si usa solo per i
primi 3-4 mesi. Sarebbe quindi ideale farsela prestare. Bisogna comunque considerare se si userà
molto per uscire, e valutare se è da preferirsi la fascia (vedi oltre) per uscire e l’ovetto per i trasporti
veloci. In realtà, la carrozzina offre al neonato la possibilità di stare sdraiato, posizione per lui
ottimale, a differenza dell’ovetto, che costringe in una posizione semisdraiata, e andrebbe quindi
evitato di usarlo per lunghi periodi.
Fascia o marsupio
Le fasce sono da preferire per il maggior sostegno e la migliore posizione nella quale permettono di
portare il bambino. Le fasce lunghe permettono anche una notevole versatilità nelle posizioni per
portare i bimbi (davanti, sulla schiena, sul fianco), in modo da adeguarle alle necessità ed al bambino
che cresce. Sono molto utili anche per calmare i bimbi più agitati, oppure per sbrigare i lavori
domestici quando il bimbo non ne vuole sapere di stare da sé o di dormire (il movimento della
mamma che spazza o cammina cullerà anche il bambino più irrequieto). Avere le mani libere può
anche essere utile quando si vanno a fare spese e commissioni, ma anche passeggiate, e soprattutto se
ci si deve occupare di altri bambini. La fascia ripiegata occupa pochissimo spazio, e si può avere
sempre con sé. Se invece si sceglie di usare un marsupio è bene usarne uno ergonomico e ben fatto.
Un’ottima alternativa è rappresentata dal mei-tai.
Sacco passeggino
E’ utile se si intende uscire spesso d’inverno, ma si può sostituire con semplici copertine. Da valutare
se procurarselo, in relazione al clima e alla frequenza delle uscite.
Borsa
E’ molto utile avere una borsa capiente da utilizzare solo per le uscite con il bimbo, in modo da averla
sempre pronta con l’indispensabile. Naturalmente non è obbligatorio acquistarne una appositamente,
e se avete già uno zaino o una borsa adatta, potete usarla per lo scopo. Se invece decidete di
acquistarne una nuova, fate attenzione a sceglierla bene: in genere le borse in vendita nei negozi per
bimbi tendo ad essere belle esternamente ma piccole al loro interno. Di solito comprendono un mini
fasciatoio pieghevole che si può facilmente comprare a parte o sostituire con qualcosa di meglio,
visto che di solito è un telino di plastica imbottita. I vari vani per inserire ordinatamente creme e
oggetti vari non sono affatto indispensabili e a volte si rivelano poco pratici: osservate bene come
sono disposti i vani interni e cercate di capire se offrono una sufficiente capienza. Verificate anche
che la cinghia sia lunga abbastanza da portarla sia a spalla che a tracolla e che sia accorciabile per
poggiarla sul manubrio del passeggino. In genere la classica borsa da passeggino è così chiaramente
da bimbi piccoli che quando i bimbi sono cresciuti non la si usa più. Perciò valutate se allo stesso
prezzo non potete comprare una bella borsa delle giuste dimensioni che potrà servire anche per altri
usi.
Body, tutine
Ovviamente sono indispensabili ma anche in questo caso non conviene fare grandi scorte in anticipo
perché non si ha idea del peso del bimbo alla nascita e di quanto aumenterà nelle prime settimane,
oltre al fatto che è probabile che alla nascita arrivino in regalo capi d’abbigliamento. Anche qui vale
il consiglio di cercarli in prestito: si usano talmente poco che vi stupirete di ricevere capi come nuovi.
Comunque, cinque body e cinque tutine ci paiono sufficienti per cominciare.
Pannolini
Abbiamo già parlato dei vari tipi, monouso e durevoli.
Se decidete di usare pannolini usa&getta, acquistatene massimo due confezioni: avrete così modo di
provarli e capire se sono di forma e peso adatti al bimbo. Quindi potrete ricomprare la medesima
taglia e marca o sperimentare altre marche. Non fate mega scorte perché alcuni bimbi nascono grossi
e aumentano di peso velocemente: in tal caso la primissima taglia di pannolini va sostituita con la
taglia più grande.
25
Ricordate di non utilizzare assolutamente pannolini che durante l’uso rilasciano sul sederino del
bimbo il gel super-assorbente che deve stare all’interno del prodotto. Se dovesse capitare e per ogni
altro difetto cambiate marca e reclamate presso la casa produttrice.
Accappatoio a triangolo
Spesso si riceve in regalo; si può anche usare un normale asciugamano, ma un accappatoio a triangolo
lo si può preparare, risulterà utile anche in seguito.
Calzini
3- 4 paia di calzini adatti alla stagione.
Scarpine
In lana o in cotone, confezionate a mano o comprate già fatte, vi serviranno per scaldare i piedi al
bimbo, così come calzini, doppi calzini, calzini antiscivolo quando inizierà a camminare. Di solito si
ricevono in regalo. Attenzione a non utilizzare troppo precocemente delle scarpine con suola rigida.
Bavaglini
Alcuni bambini soffrono di rigurgito e sporcano tantissimi bavaglini, altri non perdono una goccia di
latte e non rigurgitano mai. I bavaglini per neonato sono particolarmente piccoli e si usano solo per
pochi mesi, consigliamo di prepararne 4-5 massimo, per capire se il bimbo ne ha veramente bisogno
ed in che quantità.
Cappellini
Non sapendo se il bimbo in arrivo sarà capellone o pelatino, un cappellino adatto alla stagione vale
sempre la pena comprarlo. Se fa freddo sarà indispensabile per proteggerlo durante gli spostamenti,
soprattutto se ha pochi capelli o non ne ha affatto. Meglio scegliere una cuffiettina di lana naturale,
che non surriscalda ed impedisce alla testina di disperdere calore.
Si possono confezionare o acquistare dei cappellini di seta per tenere protetta la testa del neonato
anche in casa soprattutto i primi giorni dopo la nascita.
Termometro a punta morbida
Fra i tanti modelli lo riteniamo più pratico.
Forbicine unghie a punte arrotondate
Sono necessarie: le forbicine per unghie degli adulti rischiano di ferire le dita del bimbo.
Spazzola/pettine – Spugna - Termometro per acqua
Utili ma non indispensabili
Cuscino allattamento
È molto comodo per allattare e si può utilizzare in mille maniere sia con i bimbi che con gli adulti. È
un cuscino a forma di mezza luna, riempito di lana, di pula di farro o palline sintetiche, è piuttosto
grande e si riesce a modellarlo in diverse forme, per adattarlo all’uso che se ne fa.
Utilissimo fin dalla gravidanza, per sostenere il corpo della mamma durante il giorno su sedie o
divani e nel letto per riposare meglio.
Utile anche per il bimbo che inizia a stare seduto ma tende a cadere: avvolto intorno a lui gli fa da
sostegno e para le cadute.
Si può facilmente confezionare in casa (http://larbreabebes.it.free.fr/a_cuscinopasapas.htm) anche se
può non essere semplice trovare la pula di farro mentre al contrario la lana si trova facilmente.
Tiralatte
Un tiralatte manuale può essere utile in caso di ingorgo mammario, anche se non è indispensabile: in
questi casi, si può spremere manualmente il seno (esiste una tecnica specifica), ed agevolare la
fuoriuscita del latte con una doccia calda o una borsa dell’acqua calda, ed un massaggio locale.
Se invece si ha bisogno del tiralatte durante i primi tempi dell’allattamento, per aumentare la
produzione del seno oppure integrare l’alimentazione di un neonato pigro, é indispensabile un
tiralatte elettrico a pompa, meglio se a due uscite, che si può affittare in farmacia. Lo stesso discorso
vale anche se si intende tirarsi il latte regolarmente per farlo somministrare al bambino in assenza
della madre (ad esempio al ritorno al lavoro), mentre per tirarsi il latte saltuariamente va bene
qualsiasi tipo di tiralatte oppure la tecnica di spremitura manuale del seno. Se pensate di avere
26
bisogno di un tiralatte, vi consigliamo comunque di chiedere consiglio ad una consulente in
allattamento, per farvi indirizzare meglio.
Biberon + scaldabiberon + sterilizzatore
Necessari solo in caso di allattamento artificiale o misto. La maggior parte delle donne può allattare al
seno, quindi non è necessario acquistarli prima della nascita del bambino.
Se dovesse essere indispensabile dare al bambino delle aggiunte di latte artificiale (su consiglio del
pediatra e dopo aver interpellato una consulente in allattamento), è bene valutare l’impiego di modi
alternativi al biberon per la somministrazione, quali cucchiaino, siringa, tazzina o DAS (Dispositivo
di Alimentazione Supplementare, costituito da una bottiglia da appendere al collo, munita di due
tubicini, da posizionare in corrispondenza del capezzolo: in questo modo il bambino, mentre assume
il latte della bottiglia, stimola, con la suzione, la produzione del latte materno). Il biberon può infatti
creare confusione nella tecnica di suzione, risultando così sfavorevole all’instaurarsi dell’allattamento
e ad un’adeguata stimolazione del seno materno.
Il biberon è inutile per il bambino allattato al seno a richiesta e che cresce bene, perché non ha
bisogno di ricevere né aggiunte, né tisane, né acqua, né altro.
Se si utilizza il biberon, la sterilizzazione è indispensabile fino ai 6 mesi di età del bambino, e può
essere utile munirsi di sterilizzatore e scaldabiberon se se ne fa un uso quotidiano, in modo da rendere
più agevoli le operazioni. Per un uso saltuario del biberon è sufficiente bollirlo in una pentola con
coperchio, per almeno 5 minuti, oppure in pentola a pressione (nel cestello per la cottura a vapore),
per 20 minuti dopo il fischio, e senza abbassare la fiamma. Questo secondo metodo in particolare è
molto efficace.
Ciuccio + portaciuccio
Anche il ciuccio può provocare confusione nella tecnica di suzione, rendendo il neonato meno abile
nel succhiare al seno. Questo può avvenire a poche settimane, come ad un mese o a qualche mese,
perciò l'uso del ciuccio dovrebbe essere evitato a qualsiasi età. Molti bambini allattati al seno
rifiutano spontaneamente il ciuccio, e comunque acquistare un ciuccio è cosa di pochi minuti (anche
al supermercato!) mentre instaurare un buon allattamento può richiedere impegno e tempo.
Tazze, piatti, posate
Non sono indispensabili (ne parliamo nel capitolo della pappa) e comunque se decidete di acquistarli
vi consigliamo di farlo solo al momento dell’inizio svezzamento.
Bilancia
La bilancia non è un oracolo, come troppe volte si tende a credere, ma uno strumento di misura e, in
quanto tale, soggetto ad errori: tende infatti ad oscillare in difetto o in eccesso, a volte anche di 20-30
gr, quantità non trascurabile quando si pesa un bambino molto spesso (la crescita media settimanale è
di 110-250 gr, e non ha senso pesare il bambino ogni due o tre giorni!) o quando si fa la famigerata
doppia pesata (su una poppata di 100 gr, 20-30 gr sono una quantità considerevole ed ansiogena). La
doppia pesata è assolutamente sconsigliata, poiché, oltre a non essere affidabile, crea ansia e peggiora
la situazione. Come se non bastasse, sono state fatte prove di doppia pesata su bimbi allattati con il
biberon, osservando valori diversi rispetto alla quantità di latte assunta.
In realtà non è indispensabile pesare il bambino per sapere se cresce bene: come abbiamo detto nel
paragrafo sull’allattamento, è sufficiente assicurarsi che il bambino bagni 5-6 pannolini al giorno, ed
evacui dalle 3 alle 5 volte (per i primi mesi). Se comunque decidete di usare la bilancia, vi
raccomandiamo di usarla “bene”, ovvero pesare il bambino una sola volta a settimana, alla stessa ora,
nudo.
Considerate infine che la bilancia sarà utilizzata con costanza solo in caso di problemi di peso e
allattamento, ed in caso contrario potrete pesare il bambino in farmacia, nei consultori, dal pediatra,
da altre neomamme. Consigliamo quindi un rito scaramantico: non acquistatela assolutamente! Se la
ricevete in prestito archiviatela da qualche parte -il più lontano possibile- e tiratela fuori solo alla
bisogna. Se ne avrete realmente necessità e non l'avete in casa, potrete affittarla in farmacia
Umidificatore
Non è detto che serva ed è un altro utensile che si compra solo se necessario e al momento opportuno
27
Giostrina musicale
I pareri sull’utilità sono controversi e i carillon non è detto che siano graditi ai bimbi piccoli.
Si può anche costruire artigianalmente (www.lacasanellaprateria.com/2009/04/la-giostrina.html)
Palestrina
Altro oggetto che qualcuno trova utile e qualcun altro assolutamente inutile.
Se potete influire sull’acquisto il nostro consiglio è di evitare i modelli in plastica muniti di tanti tipi
di stimolazione che disorientano il neonato: colori, suoni, luci, musichette, specchietti, cose che si
muovono, ecc. Preferite qualcosa di più sobrio e più vicino alla delicatezza del bebé, con forme
semplici, colori non aggressivi e assenza di meccanismi elettronici..
Sdraietta
C’è chi dice che è utilissima, chi non la usa per niente. Innanzitutto dipende dal bambino – se gli
piace starci o meno- in secondo luogo dal tipo di sdraietta: alcune sono più comode ed ergonomiche
di altre. Sicuramente un oggetto da chiedere in prestito.
Ad ogni modo è bene sapere che la posizione dalla sdraietta non è corretta per i primissimi mesi di
vita del bambino, che dovrebbe stare il più possibile sdraiato e non semi-seduto: il peso non dovrebbe
mai poggiare sul sacro né affaticare i muscoli della colonna vertebrale, ancora poco sviluppati. Nei
primi tre mesi è bene utilizzare la sdraietta solo per brevi periodi e in posizione completamente
sdraiata.
Viceversa è importante e utilissimo per il bimbo potere stare sdraiato su un materassino o su coperte,
così da poter giocare con le mani e afferrare i propri piedi e sviluppare un normale e naturale
movimento che proprio e solo la posizione sdraiata permette.
Seggiolone/seggiolino da tavolo
Quando il bimbo inizia a mangiare le pappe è indispensabile avere un posto dove metterlo seduto. C’è
chi utilizza il seggiolone e chi il seggiolino da tavolo. I seggioloni in plastica dotati di mille accessori
e funzioni sono concepiti per un utilizzo fin dai 4 mesi, mentre sarebbe indicato far sedere il bambino
solo quando è in grado di farlo da solo (intorno ai sei mesi). Sono comunque molto ingombranti e si
utilizzano per un periodo di tempo limitato. Un buon acquisto sono i seggioloni tipo “Tripp-trapp”
della Stokke: sono costosi ma permettono al bambino di stare seduto a tavola con il resto della
famiglia e soprattutto si utilizzano molto a lungo (fino a 12 anni) poiché si trasformano in sedie
ergonomiche, che si adattano alla crescita del bambino. Esistono modelli simili a quello della Stokke
e a prezzi più contenuti, che si possono facilmente trovare on line, ad esempio su ebay o su siti web
soprattutto tedeschi (marche Hauck, Roba ed altre).
Alcuni genitori utilizzano invece il seggiolino da tavolo, e, nel caso dobbiate acquistarlo nuovo,
confrontate varie marche e cercate di capire quale vi pare più sostenuto e adatto al bimbo. Non è
comunque una soluzione adatta a bambini che non sanno stare seduti autonomamente.
Da evitare
Igienizzanti per biberon
Come spieghiamo in seguito, siamo contrarie agli igienizzatori vari, per il loro alto contenuto di
sostanze di derivazione petrolchimica: si lava il biberon con un una goccia di detersivo se
particolarmente sporco, bicarbonato negli altri casi, e poi si sterilizza.
Box
E’ uno dei classici attrezzi per cui si spende parecchio e che in genere si utilizza pochissimo. Non è
consigliabile usarlo per lungo tempo: sempre troppo piccolo rispetto alle esigenze del bimbo di
misurarsi e muoversi negli spazi e lo abitua ad adattarsi ad uno spazio limitato e definito.
Inoltre all’interno di esso può giocare solo con ciò che gli viene offerto, non può gattonare in maniera
soddisfacente ed è stimolato ad imparare ad alzarsi e sedersi troppo presto. E’ anche vero che per un
uso limitatissimo il box può essere utile: a volte è necessario o confortante sapere di potere poggiare
il bimbo in un luogo sicuro e potersi allontanare di pochi passi. D’altra parte è troppo ingombrante da
essere usato per riporre i giochi, come suggeriscono alcuni.
28
E’ comunque molto meglio predisporre a terra un tappeto imbottito, eventualmente limitato da
cuscini, che non sia troppo morbido così che il bimbo abbia una buona presa e appoggio e non vi
affondi.
Girello
Non tutti sanno che il girello è fortemente sconsigliato dai pediatri in quanto causa del numero di
incidenti superiore a tutti i prodotti destinati all'infanzia.
Esso permette al bimbo, non ancora pronto a camminare, di scorazzare per la casa (e ai genitori di
riposarsi un po’ intanto che il bimbo si diverte da solo). Questo avviene a discapito dello sviluppo
motorio del bambino. Se si osserva il bambino e lo si rispetta nella sua crescita e sviluppo, si può
agire facilitando le sue tappe evolutive semplicemente lasciandolo fare, rimanendo qualche passo
dietro a lui e seguendolo. Può essere controproducente cercare di portarlo avanti verso tappe per le
quali non è ancora pronto ed offrirgli attrezzi che gli permettono di fare cose che non sarebbe in
grado di fare autonomamente. Stimolare troppo precocemente le tappe dello sviluppo motorio
impedisce in realtà uno sviluppo neuro-muscolare adeguato all’età, in particolare per quanto riguarda
strisciamento, gattonamento e deambulazione. Il girello non facilita, come spesso si sente dire,
l’apprendimento dei primi passi, piuttosto ritarda lo sviluppo e la coordinazione dei movimenti
adeguati ed autonomi, poiché impegna il bambino in movimenti innaturali e lo priva della possibilità
di sperimentare quelli fisiologici per la sua età (rotolare, strisciare, gattonare…). Il bimbo imbracato
nel girello, infatti, non cammina ma si spinge, così facendo non allena affatto il senso dell’equilibrio e
la capacità di stare in posizione eretta. E’ inoltre indotto a camminare sulla punta dei piedi prima di
avere sviluppato la capacità di stare in posizione eretta, ed è obbligato in una posizione che porta un
eccesso di peso nelle anche. Come se non bastasse, impedisce al bimbo di cadere e così sviluppare
competenze di equilibrio e prudenza, e gli permette invece di raggiungere oggetti ed altezze che non
competono alla sua età.
Sbagliato è cercare di portarlo avanti, verso di noi, verso tappe per cui non è ancora pronto quando
noi crediamo o vogliamo che lo sia. Sbagliato dunque offrirgli attrezzi che gli permettono di fare
cose che da solo non farebbe, perché è invitato a fare anzitempo azioni per cui non è pronto e allo
stesso tempo evita di sperimentare con pienezza lo sviluppo neuro-muscolare che compete alla sua
età, che nel caso di bimbi dai 5-6 mesi in avanti sono: lo strisciamento, il gattonamento e la
deambulazione. Non parliamo poi dei girelli ultima generazione che contengono giochini, luci,
carillon ecc, per cui valgono le stesse considerazioni sensoriali delle palestrine.
Alcuni genitori spiegano la scelta dell'uso del girello con la frase "è così pieno di energia che ha
bisogno di fare di più e chiede di camminare". Ebbene, se chiede di camminare lasciamolo
camminare, se è pronto camminerà da solo, altrimenti gli verrà naturale sperimentare per ore ed ore i
vari passaggi motori che a tempo debito lo porteranno a camminare in maniera autonoma e corretta.
…e per finire
Un/a parente o un’amica disposti ad andare a fare le spesine di ciò che scoprirete di avere bisogno nei
primi giorni completano il quadro.
29
CORSI PRE E POST PARTO
In ogni città è possibile frequentare corsi pre e post parto, nei consultori o in altre strutture. Se i corsi
pre-parto sono consigliabili, i corsi post-parto sono consigliatissimi!
Curatevi di mantenere i contatti con le donne del pre-parto o con le strutture di riferimento e quanto
prima riunitevi tra mamme e neonati.
Quando il bimbo è piccolissimo si è molto presi, a volte molto stanchi, a volte molto insicuri.
Soprattutto se ci si chiude in se stessi e se non si ha occasione di confrontarsi con altri genitori e
bimbi, viene a mancare l'ossigeno vitale, la freschezza e anche la leggerezza di vivere un momento di
vita prezioso e unico. Confrontandosi con altre mamme si viene a scoprire che non si è sole, o meglio
soli: le nostre difficoltà sono anche quelle di altri e se raccontate tra una lacrima e un sorriso
diventano fatiche belle per cui vale la pena alzarsi ogni mattina anche se non si è molto dormito di
notte!
Curatevi quindi di tessere una rete di aiuto reciproco prima del parto, così da averla già pronta quando
ne avrete bisogno.
Curatevi anche di accettare ogni aiuto che vi verrà offerto da parenti o amici e siate anche spudorati
nello specificare che tipo di aiuto desiderate: forse non vi sentirete di lasciare il neonato a qualcun
altro, ma certamente vi farà molto piacere se qualcuno si occuperà di cucinarvi qualcosa, farvi una
spesa o pulirvi la casa.
ALLATTAMENTO
Suggeriamo un thread per capire se il seno và trattato o meno con prodotti e sfregamenti specifici:
www.consapevolmente.org/site/modules/news/article.php?storyid=322
A lato di quegli ottimi consigli aggiungiamo la nostra esperienza.
Iniziare bene
Vi consigliamo, durante la gravidanza, di raccogliere informazioni riguardo la fisiologia
dell’allattamento e i problemi più comuni che si incontrano all’inizio. Libri, siti web, forum di
discussione on line, ma soprattutto gruppi di mamme guidati da una consulente in allattamento sono
strumenti utili o quasi indispensabili per l’instaurarsi di un buon allattamento. Le consulenti in
allattamento possono essere mamme volontarie che hanno seguito una specifica formazione per
sostenere la donna durante l’allattamento al seno (La Leche League è la più importante associazione,
presente a livello nazionale ed internazionale che si occupa di promuovere l’allattamento al seno, ma
in alcune città esistono anche gruppi locali legati ad altre realtà, informatevi! Anche alcuni consultori
e ospedali offrono un servizio analogo) oppure una professionista, spesso ostetrica, ma non solo, che
ha seguito una formazione IBCLC (International Board Certified Lactation Consultant). Frequentare i
gruppi di incontro sull’allattamento fin dalla gravidanza è un modo per incontrare altre mamme e
raccogliere esperienze e consigli che più tardi si riveleranno preziosi. Molte consulenti sono reperibili
telefonicamente; in particolare quelle de La Leche League operano come volontarie e sono disponibili
a fornire consiglio e sostegno in qualsiasi situazione.
Per un buon inizio dell’allattamento ci sono alcuni punti basilari da prendere in considerazione.
Il bambino va attaccato al seno il prima possibile dopo il parto e lasciato succhiare frequentemente,
ogni volta che ne esprime il bisogno. In un neonato 8-12 poppate al giorno sono normali, anzi
consigliate per favorire una buona produzione da parte della mamma. Le poppate non hanno né orari,
né durata prestabilita. Il bambino dovrebbe poter soddisfare tutto il suo bisogno di succhiare al seno
(no al ciuccio e al biberon, che fra l’altro possono generare confusione nella tecnica di suzione). La
produzione del latte viene infatti stimolata dalla suzione del bambino: quanto più il bambino
richiederà, tanto più il seno della mamma produrrà. Questo meccanismo di domanda e offerta si
regola da solo quando il bambino è libero di poppare con la frequenza e la durata desiderata, e
permetterà anche aggiustamenti successivi, ad esempio durante gli “scatti di crescita”, periodi nel
30
quale il bambino vuole succhiare più frequentemente, non tanto perché “non c’è abbastanza latte”,
quanto perché vuole aumentare la produzione. Questo avverrà normalmente nel giro di pochi giorni.
E’ indispensabile controllare che la posizione sia corretta: il seno non dovrebbe essere dolorante, se fa
male forse la posizione non è giusta.
Per essere sicuri che il bambino stia prendendo abbastanza latte è sconsigliato fare la doppia pesata,
meglio pesare il neonato una volta a settimana, alla stessa ora: l’accrescimento dovrebbe essere di
110-120 gr a settimana per i primi mesi. Inoltre è bene controllare il numero di pannolini bagnati:
dovrebbero essere 5-6 al giorno, ed inoltre il neonato dovrebbe avere da 2 a 4 scariche al giorno.
Protezione dei capezzoli e ragadi
Nei primi tempi dell’allattamento abbiamo usato e riusato, prestato ad amiche e conoscenti, dei
paracapezzoli in argento. In tutte noi si sono rivelati utili nel lenire il dolore: l’argento impedisce ai
tessuti di appiccicarsi al capezzolo e poiché il latte non viene assorbito ne rimane sempre qualche
goccia a contatto con il capezzolo – il latte materno ha una naturale funzione antibatterica e
ammorbidente. Qualora si formassero delle ragadi il paracapezzoli in argento aiuta nella
cicatrizzazione. Non vogliamo spingervi a comprare a tutti i costi questo prodotto che è anche
piuttosto costoso (40-50 euro); diciamo solo che noi vi abbiamo trovato parecchio giovamento e lo
stesso prodotto, il cui costo iniziale è alto, può essere riutilizzato all’infinito da più e più mamme.
In caso di ragadi è molto efficace usare la lanolina (esclusivamente creme a base di sola lanolina
purificata ed anidra!) poiché attutisce il dolore “smorzando” le terminazioni nervose del capezzolo e
favorisce l’umidità profonda della pelle, aiutando la guarigione della ragade senza formazione di
crosta. La lanolina, però, è un ingrediente molto controverso, poiché deriva dal vello della pecora,
che, durante la sua vita, si riempie di pesticidi ed anticrittogamici, che è impossibile separare poi dalla
lanolina. Dunque la soluzione sarebbe una lanolina biologica, ma attualmente il prodotto non è
reperibile.
Le coppette assorbilatte
Per le perdite tra una poppata e l'altra si usano generalmente le coppette assorbilatte usa&getta.
Alcune di ultima generazione contengono all'interno gel superassorbenti di origine peltrochimica:
hanno il potere di assorbire il latte e trattenerlo -quindi effettivamente minimizzano la possibilità di
perdite- ma questi gel tendono a rilasciare inquinamento sulla pelle e quindi sul capezzolo. Questo,
oltre ad essere dannoso per mamma e bambino, può essere uno dei tanti fattori che ostacolano
l'allattamento al seno.
Naturalmente oltre a non essere ecologiche perché monouso, hanno un impatto ambientale più alto
delle normali usa&getta in cellulosa. Noi le sconsigliamo, se non in caso di reale necessità (uscite,
lavoro, ecc.) e consigliamo di usarne altre nella quotidianità.
Infatti si trovano in commercio anche quelle riutilizzabili in cotone, a marca AVENT (facilmente
reperibili ma prodotte da multinazionale), DISANA, IMSE VIMSE e POPOLINI. Si lavano in
lavatrice e vanno bene per perdite lievi o poco abbondanti. In caso di perdite molto abbondanti
tendono a diventare rigide quando il latte si asciuga.
In questo secondo caso consigliamo quelle della POPOLINI in seta buretta (lato seno) e lana (lato
esterno): sottili, ampie, fresche, inodori, assorbono benissimo le perdite abbondanti mentre la lana
impermeabilizza. Sono più care delle altre ma le prestazioni sono più elevate. Devono essere lavate a
mano. (www.popolini.it)
Se poi si ha in casa una macchina da cucire si possono confezionare velocemente da sé! Prendendo
come forma un bicchiere, si tagliano gli strati desiderati del tessuto anche da riciclo, purchè morbido
e assorbente, a cui si possono aggiungere un disco di seta nello strato a contatto col seno e uno di lana
in quello esterno. Se ne possono confezionare parecchie e il costo è irrisorio, in rapporto anche alle
più semplici in cotone.
31
LE PRIME PAPPE
Solitamente, quando il bimbo ha 4 o 5 mesi, il pediatra consegna alla mamma una tabella per lo
svezzamento, nella quale consiglia le tappe per l’introduzione dei cibi solidi, con un ritmo talvolta
serrato. In realtà, spesso si comincia troppo presto, tant’è vero che l’Organizzazione Mondiale della
Sanità consiglia l’allattamento esclusivo fino a 6 mesi. E’ proprio a questa età che possono comparire
i segnali che indicano che il bambino è pronto per iniziare a cambiare alimentazione: il bimbo inizia a
stare seduto da solo (e questo permette una migliore digestione dei cibi solidi), mostra interesse verso
il cibo degli adulti e nella maggior parte dei casi, il suo sistema gastrointestinale ha raggiunto
un’adeguata maturazione.
Se si decide di aspettare almeno i 6 mesi si avrà anche il vantaggio di poter rinunciare agli alimenti
per l’infanzia, costosi e spesso ricchi di ingredienti indesiderati. Anziché acquistare omogeneizzati e
pappe pronte si potrà tranquillamente dare al bambino frutta fresca grattugiata o cotta, e verdure cotte
al vapore o lessate. Carne, pesce e formaggini vengono offerti come omogeneizzato o liofilizzato fin
dai primi mesi, ma possono contenere conservanti ed additivi, e si tratta di alimenti “morti”, che
vengono arricchiti di vitamine e sali minerali per compensare la perdita di valore nutritivo legato alla
lunga lavorazione e conservazione. Il cibo ha anche un aspetto energetico, e nutrirsi di cibo fresco e
di stagione non ha lo stesso significato che nutrirsi di cibo inscatolato e conservato da lungo tempo.
Meglio allora aspettare il momento giusto e proporre al bambino i cibi “veri”, cotti senza grassi e
frullati o passati nella pappa, oppure piccoli assaggi di formaggi quali ricotta e parmigiano. E’ vero
che esistono in commercio omogeneizzati senza additivi e di agricoltura biologica, ma è sempre e
comunque preferibile usare i cibi freschi e riservare i vasetti per le emergenze (viaggi, ecc).
L’introduzione della carne fin dai primi mesi è l’argomento che spesso giustifica l’utilizzo di
liofilizzati ed omogeneizzati. In realtà, secondo alcuni Autori e Medici, è possibile e nutrizionalmente
adeguato proporre uno svezzamento vegetariano anche a genitori che intendono in seguito introdurre
carne ed altri prodotti animali, posticipando l'assunzione degli stessi a un'età più indicata per il bimbo
e incrementando nel frattempo il consumo di proteine vegetali quali legumi, tofu e derivati, seitan in
associazione con i cereali. Per le indicazioni al riguardo vi rimandiamo ai libri descritti nella sezione
“Letture per Genitori Consapevoli” e al sito di Francesca G http://xoomer.virgilio.it/tatanone/
Per quanto riguarda le tisane, attenzione a quelle granulari, che di solito contengono zucchero. Se
desiderate offrire della camomilla o del finocchio al vostro bambino, comprate una manciata di fiori o
semi in erboristeria e preparate la tisana al momento, senza zuccherarla. Ricordate comunque che un
bambino allattato al seno non ne ha bisogno, ed anzi possono interferire con il meccanismo domandaofferta dell’allattamento.
Le farine precotte sono praticamente l’unico prodotto per l’infanzia che può valere la pena acquistare
per i primi tempi. La loro elevata digeribilità le rende adatte a far incontrare al delicato apparato
digerente del bambino i cereali. Un’alternativa migliore, ma non sempre possibile, è di preparare la
farina da sé, se si possiede un macina cereali casalingo, oppure fare macinare i cereali presso un
negozio biologico (alcuni offrono questo servizio), ricordando che la farina si conserva al buio per
una settimana o poco più. La farina così preparata andrà tostata (se si ha il macina cerali casalingo,
meglio ancora tostare i chicchi prima della macinatura), per trasformare l’amido in destrosio ed
aumentarne la digeribilità, e quindi cotta a lungo nel brodo di verdura.
Per preparare le pappe non sono quindi necessari ingredienti speciali, né prodotti per l’infanzia, né
ricette alchemiche. E’ sufficiente comprare frutta e verdura fresca di stagione (meglio se biologica) ed
usarla per le proprie preparazioni nel modo più semplice possibile. Il brodo di verdura è la base
classica delle pappe di cereali, e si può preparare di volta in volta con una manciata delle verdure a
disposizione. Se ne può anche preparare una quantità maggiore e congelarlo in contenitori
monoporzione (magari riutilizzando vasetti dello yogurt, vaschette dei formaggi e simili) per averlo a
disposizione in caso di bisogno. La stessa cosa vale per legumi, carne e pesce. La frutta richiede
pochissima manipolazione, e può essere semplicemente grattugiata al momento, oppure cotta in
pochissima acqua.
Lo svezzamento dovrebbe accompagnare il bambino verso l’alimentazione dei “grandi”, perciò è
bene pensarlo come una vera e propria educazione alimentare. Se facciamo conoscere al bambino i
32
sapori “veri” degli alimenti freschi, non dovremo passare troppo tempo a preparare cibi speciali per
lui, ma ben presto potrà mangiare il cibo preparato per il resto della famiglia, magari sminuzzato o
schiacciato, con l’accortezza di aggiungere solo nel piatto degli adulti i condimenti troppo saporiti.
Gli accessori per la pappa
Per il momento della pappa si trovano in commercio moltissimi accessori, ma sono davvero
indispensabili? In realtà per preparare le pappe durante lo svezzamento sono sufficienti tre o quattro
oggetti che spesso abbiamo già in casa: un pentolino, un passaverdura manuale, una grattugia
apposita (meglio se di vetro) ed un cestello per cuocere al vapore. In commercio esistono costosi
“cuocipappa” che cuociono al vapore i vari ingredienti, oppure omogeneizzano le pappe e la frutta,
oppure scaldano i vasetti degli omogeneizzati. In realtà si tratta di oggetti superflui: cuocere una
manciata di verdure in un pentolino è cosa di pochi minuti e non c’è davvero bisogno di un robot da
cucina apposito. Per alcuni può essere utile un frullatore che omogeneizza e che immette meno aria
nella pappa rispetto ad un comune frullatore, ma in realtà il modo migliore è usare il passaverdura
manuale, poiché le parti più fibrose o più dure e le bucce (ad esempio dei legumi) restano nel
passaverdura e non vanno a disturbare la delicata digestione del bambino. Bastano un paio di minuti
per passare la quantità di verdura (e legumi, tofu, carne, ecc) necessaria per un bambino in età di
svezzamento…
Per quanto riguarda le stoviglie per il bambino, ricordate che a 6 mesi egli è in grado di imparare a
bere dal bicchiere o dal bicchiere con beccuccio. Le tazze “magiche” antirovesciamento, sempre più
diffuse, dotate di una valvola sottostante al beccuccio, che impedisce al liquido di rovesciarsi, non
sono in realtà utili per insegnare al bambino a bere, poiché lo costringono a succhiare vigorosamente,
anziché imparare a controllare la quantità di acqua con nuovi movimenti delle labbra e della lingua.
Possono invece essere utili se si usano in situazioni particolari, ad esempio durante le uscite, per
evitare che il liquido si rovesci nella borsa, oppure di notte, se il bambino ha sete e si vogliono evitare
rovesciamenti accidentali sul letto.
I piattini infrangibili sono utili quando il bambino mangia autonomamente dal piatto, altrimenti, se lo
imboccate, potete usare una ciotola che avete già in casa. L’acquisto di un cucchiaino speciale per
imboccare o delle posatine per mangiare da sé non è indispensabile e si possono tranquillamente
utilizzare le posate già presenti in cucina. Molto spesso, inoltre, le stoviglie “da bambini” sono
vivacemente colorate e piene di disegni e decorazioni, e questo può disorientare il bimbo ed
impedirgli di distinguere la qualità e la sensorialità del cibo che ha nel piatto. Meglio allora usare
piatti bianchi o in colori chiari, anche per evitare una precoce assuefazione alle mode commerciali.
I bavagli sono naturalmente indispensabili, meglio quelli molto grandi (da asilo), dei quali potrete
fare rifornimento al mercato locale o in un grande magazzino. Un’idea in più è recuperare qualche
vecchia t-shirt, infilare un elastico nell’orlo delle maniche, infilare un nastro lungo nell’orlo del collo
(facendo uscire le estremità dietro) ed ecco pronto un grembiulino “integrale” a prova di pappa!
L’ORA DELLA NANNA
Mentre il bambino è ancora nella pancia, i genitori si domandano, preoccupati, “dormirà?”. Oppure
hanno un bambino di pochi mesi, che si rifiuta di dormire, tranne per piccoli sonnellini di 10 minuti, e
le cui nottate sono costellate da innumerevoli risvegli. O ancora, un bambino ai primi passi, che
“lotta” contro il momento della nanna e di notte si sveglia ogni una o due ore.
Soprattutto quando si arriva ad una situazione di stanchezza ed esasperazione, bisognerebbe
assolutamente evitare di rivolgersi ai “metodi” convenzionali per far dormire il bambino, che
promettono il successo con poche notti di “fermezza” da parte dei genitori e pianto da parte del
bambino. Questi metodi suggeriscono di imporre al bambino nuove abitudini legate alla nanna, col
prestesto di “insegnargli” a dormire da solo, al prezzo però di molte lacrime e di un clima quasi
terroristico per la gestione dell’addormentamento e dei risvegli notturni. Sarebbe bene ricordarsi che
come genitori siamo in una relazione viva ed amorevole con il bambino ed imporre il sonno o non
rispondere alle urla e ai lamenti equivale ad erigere un muro del quale possiamo immaginare solo
conseguenze negative. I “metodi” convenzionali per far dormire il bambino impongono anche lo
33
svezzamento notturno ed il dormire separati dai genitori, e non è detto che queste soluzioni drastiche
siano adatte a tutte le famiglie; in particolare lo svezzamento notturno andrebbe valutato con molta
cautela, tenendo conto dell’età e dei bisogni del bambino, ed anche sapendo che non vale
l’equivalenza “svezzamento = nanna”! Non dimentichiamoci che il bambino ha bisogno di cure,
contatto, affetto…anche notturni! Questo non significa rassegnarsi a passare le notti in bianco fino a
3-4 anni (età alla quale la maggior parte dei bambini dorme senza problemi) ma piuttosto trovare il
proprio modo di relazionarsi alla questione “nanna”, nutrendola di amore e non di costrizione!
Cosa fare allora? Innanzitutto è bene sapere che il sonno del bambino è diverso da quello dell’adulto;
i suoi cicli di sonno sono più brevi e comportano quindi un maggior numero di “micro-risvegli” fra
un ciclo e l’altro. Durante questi risvegli, che noi stessi sperimentiamo ogni notte, il bambino può
semplicemente girarsi o strofinarsi gli occhi e riaddormentarsi, oppure può mettersi a piangere e
richiedere l’aiuto dei genitori. Nel primo caso il bambino dormirà più a lungo, ed i genitori non si
accorgeranno nemmeno del risveglio, nel secondo caso, ci sarà bisogno di un intervento amorevole
della mamma o del papà. Naturalmente i risvegli frequenti sono fisiologici nel neonato e rispondono
ad esempio al bisogno di poppare frequentemente anche di notte, e non è indicato costringere un
bambino molto piccolo a dormire troppo a lungo. Con il passare del tempo il bambino matura la
capacità di mettere insieme più cicli di sonno, e dormire ininterrottamente per un tempo maggiore.
Questo sviluppo avviene facilmente in alcuni bambini, mentre per altri è molto più difficile
addormentarsi o restare addormentati, ed in questo caso si può fare qualcosa. Se si cerca di
assecondare e facilitare in maniera consapevole questa evoluzione, si può favorire un buon sonno nel
bambino, e sostenere l’acquisizione di ritmi di sonno adeguati all’età, in modo da evitare di creare
stress e tensioni legate al momento della nanna, oppure migliorare una situazione già conflittuale.
Alcuni libri (sotto elencati) sono utili per capire “come” dorme un bambino ed individuare possibili
strade per riorganizzare il suo sonno, proponendo idee da attuare a piccoli passi, sempre restando in
ascolto del bambino, e cercando di evitare lacrime inutili, creando al contrario una cornice di calma e
rilassatezza (per tutti) per il momento della nanna.
In linea generale ci sono alcune cose da prendere in considerazione per favorire un buon sonno nel
bambino:
- osservare i segni di stanchezza del bambino in modo da metterlo a dormire “esattamente”
quando è stanco. Spesso, se i bambini superano il “momento buono”, poi diventa molto più
difficile farli dormire!
- favorire l’instaurarsi di “buone” associazioni con il sonno. Ad esempio, è utile cercare di fare
addormentare il bambino nello stesso posto nel quale dormirà (culla, lettino, lettone), anziché
addormentarlo in braccio e poi posarlo. Molti autori concordano nell’affermare che se, al
momento di un “micro-risveglio”, il bambino trova intorno a sé la stessa situazione
(associazione) nella quale si era addormentato, può passare al ciclo di sonno successivo più
facilmente, ovvero senza svegliarsi completamente.
- curare una “routine” piacevole e rilassante (per tutti!) per l’ora precedente il momento della
nanna, per calmare, rassicurare e “preannunciare” il momento del sonno.
- favorire una regolarità negli orari dei sonnellini e nella nanna.
- avere aspettative realistiche: per un bambino di alcuni mesi “dormire tutta la notte” significa
dormire 5 ore di fila! E non le 12 ore ininterrotte che alcuni “metodi” sbandierano, e che sono,
in realtà, un’acquisizione graduale e che non avviene per tutti allo stesso momento.
Libri utili o quasi indispensabili
- E. Pantley, The no cry sleep solution, Mc Graw Hill. Un libro pratico ed interessante che
offre un ventaglio di idee per migliorare il sonno del bambino in maniera amorevole e
graduale, nel pieno rispetto delle esigenze del bambino e della famiglia, compreso
allattamento notturno e cosleeping. Soluzioni veramente senza lacrime, da adattare alle
proprie scelte di genitorialità. (Il libro non è tradotto in Italiano, ma si trova in Inglese e
Spagnolo)
- Sara Letardi, Il mio bambino non mi dorme, Bonomi. Un libro ricco di informazioni sui
modi, ritmi e luoghi del sonno, e molte idee su come gestire le più disparate questioni legate
34
-
-
alla nanna. Suggerisce piccoli passi per modificare le abitudini del sonno, in maniera
rispettosa e “senza lacrime aggiunte”.
William Sears, Genitori di giorno…e di notte, La Leche League International. Un libro a
favore del dormire insieme o vicini, che incoraggia a rispondere ai bisogni notturni e ad
ascoltare il proprio intuito.
Grazia Honegger Fresco, Facciamo la nanna, Il Leone Verde. Se avete pensato di usare un
“metodo” per insegnare al bambino a dormire piangendo, questo libro ve ne toglierà
definitivamente la voglia. Molto interessante per comprendere e seguire le esigenze del
bambino, prevenire i malesseri da sonno e riflettere su cosa sia veramente utile per sostenere il
bambino nel suo sviluppo.
Libri interessanti ma favorevoli al “lasciar piangere”
- Susan E. Gottlieb, Come risolvere i problemi di sonno dei bambini, Red Edizioni. Questo
libro contiene molte informazioni interessanti circa il sonno e la sua fisiologia nelle varie età,
l’importanza dei rituali e delle buone abitudini, e le possibili cause dei problemi legati alla
nanna, compresi quelli di tipo psicologico e medico. Peccato che gli spunti “risolutivi”
consistano comunque in soluzioni drastiche nelle quali il bambino viene lasciato piangere a
lungo.
Libri da evitare
- Eduard Estivill, Fate la nanna, Mandragora Editore. Il libro forse più conosciuto sul
“lasciar piangere”. Propone un programmino infallibile (?) per lasciar piangere il bambino (da
solo, al buio, nella sua cameretta) comparendo ad intervalli regolari a rassicurarlo (?) ma –
guai! – senza accarezzarlo, cullarlo e neppure cantando una ninna nanna. Si rivolge ai genitori
come a degli incapaci e tratta i bambini come dei piccoli despoti manipolatori. Intima di non
rispondere alle urla, nemmeno alle crisi isteriche o al vomito (sono solo trucchi e astuzie!!) e
liquida le questioni sull’alimentazione, il ritmo del sonno e quant’altro con brevi e sbrigative
affermazioni discutibili.
- Tamara Eberlen, E tutti fan la nanna, Tea. L’ennesimo libro sul metodo del “lasciar
piangere”, condito da una visione del bambino come qualcuno da ridurre all’obbedienza ed
obbligare al sonno.
35
VACCINAZIONI
Un tasto dolente e misconosciuto. Se dovessimo scegliere l’argomento secondo noi più importante
per la salute del bimbo, l’aspetto su cui è NECESSARIO informarsi e farsi una precisa opinione,
questo sarebbe proprio “le vaccinazioni pediatriche”.
E’ opinione comune che “non bisogna farsi affatto un’opinione” su questo argomento e che le
vaccinazioni siano un servizio a favore del neonato e della società. Non è questa la sede per confutare
questa teoria, ma crediamo sia doveroso avvisare i genitori della possibilità e necessità di raccogliere
informazioni rispetto ai danni da vaccino e dell’importanza di valutare
- se è il caso o meno di sottoporre il bimbo anche alle vaccinazioni non obbligatorie
- se è il caso di affrettarsi a vaccinare il figlio anche quando non è in buona salute
- se è il caso di vaccinare un bimbo che soffre di dermatite, asma, allergia all’uovo e agli
antibiotici
- se è il caso di vaccinarlo a due mesi o aspettare che il suo sistema immunitario si rafforzi e
completi nei mesi a seguire (visto che, per esempio, nessun bambino di 2 mesi rischia di
contrarre il tetano arrampicandosi su un reticolato arrugginito in aperta campagna)
- se è il caso di accettare i vaccini multipli o invece pretendere vaccinazioni singole e ben
distanziate nel tempo.
Perché permettersi qualche dubbio sulle informazioni che consideriamo sicure proprio perché
provenienti dal Ministero della Salute e dalle case farmaceutiche che sovvenzionano gli studi sui
vaccini?
-
-
-
perché il profitto dell’industria farmaceutica supera quello del petrolio
perché negli ultimi 10 anni il giro d’affari dell’industria farmaceutica è passato da 1 miliardo
di dollari a 5 miliardi di dollari
perché secondo la “Classifica della Fortuna” dell’anno 2002, fra le prime 500 imprese
commerciali a scopo di lucro, 10 sono farmaceutiche, ma il loro profitto supera di 10 miliardi
di dollari quello di tutte le altre 490 messe insieme.
perché secondo il Prof. Giuseppe Remuzzi, dell’ Istituto Ricerche Farmacologiche “Mario
Negri” di Milano “la ricerca non è mai del tutto indipendente; inoltre i risultati negativi non
vengono mai resi noti”.
perché tra i ricercatori ci si trova facilmente d’accordo, ma poi le scelte vengono prese dagli
uomini del marketing.
perché in Italia, fino a pochi anni fa, gli studi scientifici realizzati indipendentemente
dall’Industria Farmaceutica erano dell’ordine del 40%, mentre oggi superano di poco il 15% e
di questo passo tenderanno a zero.
(tratto da “Vaccinazioni Pediatriche”, dott. Gava ed 2008)
In pratica c’è e sempre più aumenterà una forte spinta alla medicalizzazione: i poteri in gioco sono
enormi e gli interessi economici sono di gran lunga più rispettati della salute pubblica.
Per informarsi consapevolmente sulle vaccinazioni e sui loro rischi:
Coordinamento del Movimento Italiano per la Libertà delle Vaccinazioni www.comilva.org
Coordinamento Regionale Veneto per la Libertà delle Vaccinazioni www.corvelva.org
Gava Roberto “Le vaccinazioni pediatriche” ed. Salus Infirmorum 2008. Un libro chiarissimo e alla
portata di tutti nonostante sia un testo scientifico. Un farmacologo-tossicologo fa il punto
sull’obiettivo ultimo delle vaccinazioni e sul loro attuale rapporto rischio/beneficio alla luce
dell’odierno tenore di vita
Claudia Benatti, Franco Ambrosi e Carla Rosa “Vaccinazioni tra scienza e propaganda” Ed. Il
Leone Verde 2006. Il libro si domanda se esistono dati certi che attestino la sicurezza e l'efficacia
delle vaccinazioni e sostiene che la sorveglianza degli eventi avversi è scarsa e inadeguata, complice
la tendenza a sottostimare o addirittura ignorare eventi che obbligherebbero a rimettere in discussione
molte decisioni consolidate e acquisite.
36
L’IGIENE ATTORNO AL BIMBO
Quando in casa ci sono bambini dobbiamo prestare molta attenzione ai detersivi che usiamo, non
solo riguardo alle sostanze chimiche tossiche, ma anche nei confronti degli “innocenti” profumi che
essi contengono, per i motivi che abbiamo già esaminato.
Ma non soltanto i profumi disturbano il bambino: nei detersivi –e nei disinfettanti!- c’è una gran
quantità di sostanze chimiche che i pediatri indicano come causa prima di allergie, asma e dermatiti.
Il bambino può essere esposto a queste sostanze in tanti modi diversi: attraverso l’aria, portando alla
bocca il biberon prima e posate e bicchieri quando è più grandicello, gattonando sul pavimento ma
soprattutto stando a contatto, per tutto il giorno, con biancheria e vestitini impregnati delle sostanze
chimiche contenute in detersivi, additivi, disinfettanti e ammorbidenti.
Sarebbe quindi importante, avendo un bimbo in casa, usare esclusivamente detergenti biologici di
buona qualità che non lasciano sostanze nocive sui tessuti e solitamente non hanno profumazione o
hanno una profumazione blanda che svanisce rapidamente. In fondo si spende tanto per carrozzina,
corredino, giocattoli ecc. ma non viene in mente di spendere qualcosa in più per detergenti di qualità.
Forse sarebbe il caso di ri-usare carrozzina, corredino e giocattoli di altri bimbi e spendere il giusto
per i detersivi biologici, investendo nella salute del bambino piuttosto che nell’estetica e nel senso di
proprietà. Anche perché, come vedremo, i detersivi vanno usati in quantità veramente piccole rispetto
a quanto siamo abituati e oltretutto quelli bio sono concentrati.
A prima vista si pensa che la maggior igiene nei paesi industrializzati debba produrre una salute
migliore e questo è vero per le malattie infettive da scarsa igiene che sono praticamente scomparse,
mentre risultano in pericoloso aumento le malattie dovute alle sostanze chimiche. Quindi qui ci
occupiamo di come possiamo migliorare l’ambiente attorno al bambino.
Naturalmente cosa pulire e come pulire deve essere graduato e personalizzato a seconda dell’età del
bambino: fino a quando non gattona non sarà fondamentale lavare spesso il pavimento, quando
gattona una passata in più va data, mentre quando è cresciuto e sta meno a terra si può dedicare un
po’ meno tempo al pavimento ma più tempo alla cucina e ai sanitari che tocca di continuo tra un
giochetto e l’altro. Non esiste una ricetta di pulizia univoca ma delle indicazioni che vanno applicate
a seconda del contesto, dell’età, della necessità e anche di eventuali problemi di salute (dermatiti,
asma, ecc.).
Bucato del bambino
La prima cosa da fare è diminuire le dosi di detersivo: è scientificamente dimostrato che la metà della
dose consigliata lava già il 90 % dello sporco; l’altra metà serve a raggiungere “la perfezione”. Ma un
buon livello di lavaggio si può ottenere anche usando metà dose e mettendo nel cestello della
lavatrice due palline dosatrici o da tennis, che
esercitano un’azione sfregante e districante e
migliorano così sia il lavaggio che il risciacquo.
Quindi bisogna leggere nelle istruzioni di lavaggio
le dosi e regolarle rispetto al peso del bucato;
ricordarsi anche che i detersivi biologici di solito
sono più concentrati di quelli convenzionali.
Per le macchie “difficili” è inutile aggiungere
detersivo, che si disperde nell’acqua del cestello e
risultando in eccesso rimane poi sui tessuti;
bisogna invece pretrattare a mano le macchie con
sapone di Marsiglia o detersivo piatti
(preferibilmente
eco/bio)
che
agiscono
direttamente sulla macchia.
Oggi le lavatrici “intelligenti” sono programmate in modo da risparmiare acqua, ma per evitare
residui di detersivo sarebbe meglio fare un doppio ciclo di risciacquo.
37
Se il bucato non è molto sporco, si può usare il detersivo liquido che non lascia residui solidi sui
tessuti, con temperatura sotto i 40°. Se invece quantità e tipo di sporco necessitano di una
temperatura maggiore, si deve usare il detersivo in polvere.
Bisogna evitare assolutamente gli sbiancanti ottici e il perborato e accertarsi che il detersivo usato
non li contenga (se non sono scritti sulla confezione ci si può informare nel sito dell’azienda
produttrice). Bisogna anche escludere i vari additivi per bucato (a parte il percarbonato) che fanno
bella mostra di sé nei supermercati: non sono altro che una miscela di tensioattivi, sbiancanti chimici,
sbiancanti ottici ed enzimi.
Anche gli igienizzanti contengono sbiancanti ottici, quindi è meglio evitarli. Un igienizzante molto
diffuso e pubblicizzato per il bucato dei bambini contiene due sbiancanti ottici, un attivatore (TAED)
e altre sostanze nocive. Se proprio è necessaria una buona igienizzazione, si può usare il percarbonato
oppure l’acqua ossigenata. Col percarbonato si può fare un ammollo o un lavaggio a 40-50-60°;
l’acqua ossigenata si può usare anche a freddo per esempio nell’ultimo risciacquo. Tuttavia
l’igienizzazione del bucato di rado si rende necessaria: se si usano pannolini di stoffa e se in famiglia
ci sono casi di micosi o altre malattie infettive trasmettibili per contatto indiretto.
Se possibile, se cioè l’acqua di casa vostra non è proprio durissima, evitate l’anticalcare: i detersivi
moderni nelle loro formulazioni hanno già incorporate sostanze che catturano il calcare.
Evitate anche gli ammorbidenti commerciali che più di ogni altra cosa rimangono a contatto con la
pelle e possono causare allergie: al loro posto usate aceto bianco o acido citrico oppure un buon
ammorbidente biologico, meglio se non profumato. Se usate l’asciugatrice, la rotazione del cestello
rende i panni soffici, quindi l’ammorbidente è inutile.
Pannolini lavabili
Abbiamo visto più sopra la possibilità di usare i pannolini lavabili che presentano diversi vantaggi: un
risparmio economico nell’arco di tempo in cui si adoperano, più rispetto per la pelle del bambino
specialmente se sono fatti di fibre naturali, una maggiore consapevolezza da parte del bambino delle
proprie evacuazioni e quindi una abitudine precoce all’uso del vasino e, cosa importantissima,
l’eliminazione di una gran quantità di rifiuti inquinanti.
Ai fini del lavaggio possiamo raggruppare i pannolini lavabili in due tipi che richiedono modalità
diverse di lavaggio: in fibre naturali o in fibre sintetiche.
I pannolini in fibre naturali (cotone, canapa, bambù ecc.) si possono lavare insieme al resto del bucato
con il detersivo solito ed eventualmente percarbonato per togliere le macchie e igienizzare.
Il “pile” dei pannolini “tecnici”, invece, “si cera” cioè perde il potere filtrante se viene lavato con
molto detersivo o col Marsiglia e risciacquato con l’ammorbidente. Diverse aziende che producono
questi pannolini consigliano di lavarli solo con bicarbonato. Nei forum di mamme che li usano viene
suggerito questo procedimento: i pannolini sporchi solo di pipì si lasciano, in attesa del lavaggio, “a
secco” (o in ammollo con acqua ma questa soluzione non a tutti piace) in un secchio con coperchio,
nel quale eventualmente siano state messe alcune gocce di tea tree oil che ha proprietà antimuffa,
disinfettanti e deodoranti. Se i pannolini sono sporchi di feci, queste vanno tolte subito e la macchia
va strofinata sotto l’acqua con uno spazzolino da unghie, quindi i pannolini vanno strizzati e messi
nel secchio insieme agli altri. Quando si carica la lavatrice, si mette pochissimo detersivo insieme a
un cucchiaio di bicarbonato oppure solo due cucchiai di bicarbonato. Qualche mamma trova utile fare
anche un prelavaggio senza detersivo per togliere la pipì e ammorbidire eventuali macchie.
Se è possibile è sempre meglio asciugare il bucato del bambino al sole, perché il sole sbianca e
disinfetta i tessuti.
Prima dell’uso
Attenzione! Sia che abiti, pannolini e biancheria siano stati appena acquistati, sia che ve li abbia
passati un’altra mamma, prima di usarli lavate tutto due volte come è stato descritto: nel primo caso
per eliminare i residui di lavorazione, nel secondo caso per eliminare eventuali residui di sbiancanti,
igienizzanti, ammorbidenti ecc.
38
Bucato della famiglia
Il bucato del bambino si può tranquillamente fare con quello del resto della famiglia. Ma se fate un
bucato separato per gli adulti, almeno per il primo anno di vita del bambino evitate detersivi e
ammorbidenti molto profumati. Comunque sia, sarebbe meglio adottare per tutta la famiglia i
suggerimenti che abbiamo dato per il bambino.
Biberon e stoviglie
Per i primi mesi è sufficiente lavare i biberon col bicarbonato e bollirli per 10 minuti. Dopo i 7-8
mesi, se hanno contenuto solo acqua o tisane si possono lavare semplicemente con un cucchiaio di
sale grosso, uno di bicarbonato e acqua calda, agitando qualche secondo; se invece hanno contenuto
latte, brodo, succhi di frutta ecc. si può usare il Detersivo fai da te (vedere Scheda pratica nel nostro
sito*) o pochissimo lavapiatti eco/bio e poi ripassarli col bicarbonato.
Quando il bambino comincia a usare le stoviglie, non è più necessaria la sterilizzazione. Se esse
vengono lavate in lavastoviglie è preferibile usare un detersivo biologico oppure il Detersivo fai da te
(*). Se vengono lavate a mano e non sono unte si può anche usare il solo bicarbonato, altrimenti una
minima dose di detersivo biologico o fai da te (*).
In lavastoviglie non usate il brillantante, che rimane attaccato a piatti e posate; al suo posto usate
aceto bianco o acido citrico (*) oppure niente: le stoviglie non saranno super-lucide ma saranno
sicuramente più “sane”.
Giocattoli
Nel primo anno di vita è preferibile far giocare il bambino con giocattoli lavabili, per i quali si
possono usare gli stessi detergenti consigliati per i biberon e il bucato.
I peluche non sono consigliabili a bambini piccoli, in quanto trattengono polvere e sporco, perciò è
consigliabile comprarne pochi e solo quelli che si possono lavare in lavatrice. E’ senz’altro
consigliabile lavarli spesso e asciugarli al sole.
Sanitari e cucina
I prodotti usati di solito –candeggina, ammoniaca, acido muriatico, sgrassanti, disincrostanti- sono
dannosissimi sia per le sostanze volatili che sprigionano, sia per i residui che lasciano sulle superfici,
sia perché lasciati a portata di bambino possono provocargli gravi ustioni alla pelle e alle mucose.
A seconda della necessità e del tipo di sporco si possono usare aceto e bicarbonato oppure il
detergente/lucidante sanitari fai-da-te (*) o la crema detergente fai-da-te (*).
E’ comunque sempre consigliabile tenere i detergenti in un armadietto posto in alto oppure ben
chiuso con un chiavistello o un lucchetto.
Pavimenti
I prodotti convenzionali per pavimenti e parquet contengono resine sintetiche e sprigionano sostanze
volatili tossiche, poco consigliabili in ambienti chiusi. Inoltre le cere e i detergenti -che di solito non
vengono risciacquati- finiscono… in bocca ai bimbi che gattonano. Anche alcune velette di recente
produzione sono imbevute di prodotti chimici che rimangono depositati sui pavimenti.
Per stare assolutamente tranquilli quando il bambino gattona o gioca per terra, è preferibile usare
panni in microfibra e sola acqua calda, oppure acqua calda e aceto, acqua calda e alcool (ottimo
quello per liquori anche se costa di più), acqua calda e pochissimo lavapavimenti o lavapiatti bio,
acqua fredda con aggiunta di acqua ossigenata.
L’aceto e l’acqua ossigenata non si possono usare per i pavimenti calcarei (marmo, travertino,
graniglia) e i parquet oliati. Questi ultimi si possono lavare con la sola acqua e il panno in microfibra
e ogni tanto trattare con prodotti ecologici a base di cera vergine d’api.
Mobili – mobiletti – carrozzina e simili
I mobili in legno si possono pulire con i summenzionati prodotti a base di cera vergine; quelli in
laminato si puliscono bene col panno in microfibra e lo spruzzatore all’aceto (*). Con l’aceto si
possono pulire anche il frigo e il forno (*).
39
Si può usare anche lo spruzzatore al bicarbonato (*), però bisogna risciacquare le superfici.
Per i mobiletti del bimbo (seggiolone, lettino ecc) se sono in materiale lavabile (plastica, laminato) si
può tranquillamente usare il detersivo lavavetri fai da te (*), preparato con un olio essenziale adatto ai
bambini o meglio senza. Se sono in legno basta usare il panno in microfibra e l’acqua calda, oppure
lo spruzzatore al bicarbonato (*), oppure acqua calda e una goccia di sapone piatti.
La struttura della carrozzina o dell’ovetto si può ugualmente lavare con il detersivo lavavetri fai da te;
le parti in stoffa si lavano come il bucato, con detersivi possibilmente bio e senza sostanze profumate.
Aria
Vi consigliamo di evitare insetticidi e deodoranti di qualunque genere, specialmente quelli elettrici
che consumano energia e spesso vengono dimenticati nella presa di corrente. Usate piuttosto piante
aromatiche e fiori (profumare la casa è un’esigenza degli adulti, non dei bambini).
Contro le ZANZARE
Il miglior rimedio in casa sono le zanzariere, alle finestre ma anche sopra la culla o il lettino. Se non
le avete, vi consigliamo di adottarle.
In giardino o sul terrazzo risulta efficace circondarsi di piante di Geranio, Lavanda, Basilico e Menta.
E’ anche efficace mettere nei tombini e dove ristagna acqua – sottovasi o simili – dei filamenti di
rame che ossidandosi uccidono le larve delle zanzare.
Evitate creme, liquidi e spray repellenti da dare sulla pelle (anche quelli pubblicizzati per i bimbi)
perché contengono degli ingredienti che vengono assorbiti e possono provocare da semplici
irritazioni cutanee a seri danni neurologici. Molti pediatri consigliano (e noi lo abbiamo sperimentato
e approvato) un ottimo spray antizanzare; si chiama Aroma di Guna n.2, è in vendita in farmacia ed
è assolutamente a prova di Biodizionario.
Vernici e pitture
In genere quando è in arrivo un bimbo si ridipinge la sua stanza o tutta la casa. Le normali vernici in
commercio rilasciano per molto tempo sostanze volatili tossiche che possono far male sia alla
mamma in gravidanza sia al bambino, perciò:
se la stanza o la casa non sono eccessivamente sporche evitare di ridipingerle
oppure usare vernici ecologiche certificate
in ogni caso è meglio farlo in anticipo rispetto alla nascita, in modo da poter arieggiare a
lungo i locali.
Spesso uno dei problemi per cui si ridipinge una stanza è la muffa. Le pitture convenzionali e quelle
antimuffa sono zeppe di biocidi e quindi non sono consigliabili in un luogo confinato come una casa.
Le pitture ecologiche sono naturalmente antimuffa a causa del pH basico che impedisce lo svilupparsi
di muffe. Ne diamo qui sotto un elenco delle marche più affidabili.
Per ulteriori informazioni sulle caratteristiche e sulla tossicità delle vernici:
http://www.architetturaesostenibilita.it/Colori%20e%20vernici.htm
Marche italiane
I colori della terra http://www.icoloridellaterra.net/
Solas http://www.vernicinaturali.it/
Spring color http://www.springcolor.it/
Marche tedesche:
Aglaia http://www.aglaiaitalia.it/
Auro http://www.progettobio.it/
Biofa http://www.jota.it/fileadmin/user_upload/pdfs/colori_e_vernici/06_Colori_vernici.pdf
Maja http://www.naturalia-bau.it/it/prodotti.html?categorie=5615
Altre marche in http://www.mappabioedilizia.it/category_nested.asp?PID=336&SID=344
Anche i mobili nuovi rilasciano sostanze volatili contenute nelle vernici (certe sostanze continuano ad
essere emesse per circa 10 anni), quindi, dovendo predisporre i mobiletti per il bimbo in arrivo,
sarebbero preferibili mobili usati ma ancora in buono stato (che quindi hanno avuto il tempo di
40
perdere le sostanze volatili tossiche) o –finanze permettendo- mobili in legno massello verniciati con
prodotti ecologici.
Disinfettanti
Bisogna premettere che far vivere un bambino in un mondo sterile gli impedisce di produrre anticorpi
e questo gli nuocerà quando sarà più grande, perché sarà indifeso rispetto al mondo esterno. Nelle
normali condizioni igieniche del nostro paese non è necessaria un disinfezione di tutto ciò che può
venire a contatto col bambino, come ci inculcano certe pubblicità, a meno che in casa non ci siano
malattie infettive.
Si è scoperto di recente che l’alcool denaturato, usato per decenni anche nelle sale operatorie, è un
detergente ma non disinfettante: per essere disinfettante dovrebbe avere una diluizione al 70%
(anziché al 95% come è in commercio) e rimanere a contatto con la parte da disinfettare per alcuni
minuti. Inoltre contiene diverse sostanze irritanti (bitrex, acetone, ecc).
I disinfettanti farmaceutici sono concentrati di sostanze chimiche, non del tutto innocue.
Il miglior disinfettante, totalmente ecologico e senza controindicazioni, è l’acqua ossigenata: ad essa
resistono solo pochi tipi di batteri o nessuno se la concentrazione è elevata. Con l’acqua ossigenata si
può anche fare una “candeggina gentile” in grado di sostituire l’ipoclorito di sodio: diluire 1 litro di
acqua ossigenata al 40% in 4 lt di acqua demineralizzata, aggiungendo un cucchiaino di acido citrico.
Sterilizzare col vapore
Senza lasciarci influenzare dalla pubblicità, bisogna ammettere che il “vaporetto” si rivela utile nella
detersione e sterilizzazione di molte superfici. Se siete particolarmente esigenti forse è il caso che lo
usiate, magari –se non lo avete- prendendolo in prestito da amici o parenti.
(*) I consigli di detersione e le ricette dei detersivi fai da te si trovano in
http://biodetersivi.altervista.org/allegati/scheda_pratica.pdf
41
Letture per genitori consapevoli
a cura di Francesca G.
• Un manuale
Grazia Honegger Fresco (in collaborazione con oltre trenta esperti e genitori), Abbiamo
un bambino. Dalla nascita ai tre anni. La guida pratica e completa per i nuovi genitori,
Red, 2002 (Nuova Edizione raccomandata dall’OMS [Accertatevi che l’edizione sia
questa e non quella vecchia]).
Fra i tanti manuali di puericultura esistenti in commercio mi sento di raccomandare questo,
specifico per il neonato e il bambino piccolo fino ai tre anni, perché oltre che completo,
ragionato, percorso da una sensibilità speciale e pieno di saggezza, è il frutto della lunga
esperienza di una maestra di formazione montessoriana (la pedagogia montessoriana è in parte
sovrapponibile a quella steineriana) che guarda al bambino come individualità che si
costruisce nella relazione continua con ciò che c’è di più umano e il cui sviluppo va
considerato dal punto di vista fisico solo in stretta relazione con quello spirituale. Centrale in
questo manuale è l’attenzione per il gioco, visto non come oggetto ma come “relazione” che
lega il bambino al mondo e gli permette di crescere (particolare attenzione è rivolta alle fiabe,
alle filastrocche e alle piccole cose di uso quotidiano).
•
Fisiologia della nascita
-
Michel Odent, Abbracciamolo subito (titolo orginale: Il bebé è un mammifero), Red, 2006.
È un po’ il “bignami” del pensiero straordinario di colui che viene chiamato il “ginecologofilosofo”: di agilissima e piacevole lettura dimostra quali sono le basi della fisiologia del parto
solo nel rispetto delle quali un parto può essere facile, veloce e privo di rischi).
Michel Odent, Ecologia della nascita, Red (forse fuori commercio, ma si dovrebbe ancora
trovare, vale la pena cercarlo, racconta dell’esperienza ventennale del ginecologo francese
nell’ospedale pubblico di Pithiviers in Francia, dove demedicalizzando la nascita e
restituendole umanità a calore, ridusse drasticamente i cesarei oltre che la morbilità e la
mortalità neonatale).
Lorenzo Braibanti, Parto e nascita senza violenza, Red, 1993. Libro che è ormai entrato
nella storia dell’umanizzazione della nascita: sulla scia di Leboyer tentava di sottrarre l’evento
della nascita al dominio esclusivo della medicina per restituirlo ai suoi veri protagonisti:
mamma, bambino, famiglia. La testimonianza dell’operato di un medico che ha fondato la sua
esperienza sulla concreta solidarietà e sulla comprensione dei più deboli.
-
-
•
Comunicazione prenatale
-
Gabriella Ferrari, La comunicazione e il dialogo dei nove mesi. Guida all’ascolto attivo, al
dialogo e alla comunicazione psicotattile con il bambino durante la gravidanza, Edizioni
Mediterranee, 2005. Da avere assolutamente, apre le porte su un mondo meraviglioso, tutto
da godere, quello dell’accudimento del bambino prenatale;
Thomas Verny e Pamela Weintraub, Le coccole dei nove mesi. Un programma per calmare,
stimolare e comunicare con il nascituro, Bonomi, 1996. Un approfondimento sullo stesso
tema, interessante e utile ma meno intenso.
-
•
Genitorialità (attachment parenting), educazione
-
Jean Liedloff, Il concetto del continuum, La Meridiana, 2004. Il libro fondamentale per
comprendere le basi dell’attachment parenting, dunque dell’importanza di una genitorialità
empatica;
42
-
-
-
-
-
-
Henning Köhler, Il miracolo di essere bambini, Natura e Cultura Edizioni, 1999. Un libro che
è esso stesso un miracolo, un tuffo al cuore, una miniera di tesori: l’autore, uomo straordinario
che lavora da anni con i bambini con disagio psicofisico, ci trasporta, attraversando alcuni
pensatori fuori dal comune come Montessori, Steiner, Hilmann, ecc., verso una visione del
bambino come creatura spirituale e magica, la cui comprensione profonda è un mezzo unico
di crescita non solo per il genitore ma per l’umanità tutta;
Henning Köhler, Non esistono bambini difficili : per una trasformazione del pensiero
pedagogico, Alassio, Natura e Cultura, 2008. Altro bellissimo libro del pedagogo tedesco.
Per TUTTI i genitori e non solo per quelli del “bambini difficili”. Dalla quarta di copertina:
“Della definizione di ‘bambino difficile’ si fa oggi un uso estremamente e pericolosamente
facile. […] Sempre più spesso i comportamenti dei bambini sono considerati anormali: si
trovano nuove definizioni di patologie e vengono somministrati farmaci e psicofarmaci. Ma
questi comportamenti esprimono un disagio di fronte alle condizioni di vita attuali, improntate
al materialismo e a un modello di pensiero aridamente organizzato secondo schemi e regole.
L’ambiente in cui i bambini sono costretti a vivere, soprattutto nelle nostre città, è sempre più
lontano dalla comprensione dell’infanzia. Il disagio che i bambini esprimono non deve essere
represso, ma ascoltato. La vita creativa cura le necessità e la sofferenza del bambino. Non
servono ambienti infantili artificiali, ma spazi liberi per l’infanzia, dove i bambini possano
diventare ciò che sono, e non ciò che noi siamo o che noi vorremmo che fossero. Le figure di
riferimento del bambino […] possono, devono collaborare intorno a lui in un “cerchio
protettivo”, dove il bambino è visto […]come un essere umano in tutta la sua ricchezza
emotiva ed aspetti positivi, con tutte le risorse che porta con sé come “progetto di vita”. In
questo libro Köhler racconta di una pedagogia del cuore e rinnova un messaggio a lui caro e
fondamentale: che innanzitutto i genitori abbiano coscienza del proprio privilegiato ruolo di
insostituibili persone di fiducia del bambino ed iniziati agli strati più profondi del suo essere
[…]”.
Carlos, Gónzales. Bésame mucho. Come crescere i vostri figli con amore, Colemann, 2009.
Un piccolo gioiello da avere assolutamente: in questo libro il grande pediatra spagnolo
smantella tutti i preconcetti e i tabù sull’educazione del bambino piccolo mostrando come
l’ascolto per i bisogni fondamentali del neonato prima e del bambino poi sia l’unico strumento
davvero essenziale per essere dei buoni genitori;
John Chilton Pearce, The Magical Child, Plume, 2000. Purtroppo si trova solo in inglese
ma chi può leggere in questa lingua dovrebbe approfittare di questo libro magnifico – sorta di
Bésame mucho americano – che trasmette un messaggio fortissimo, dopo averlo letto non
avrete più lo stesso sguardo;
Thomas Verny e Pamela Weintraub, Bambini si nasce. Le sfide della genitorialità dal
concepimento attraverso l’infanzia, Bonomi, 2004. Un ulteriore approfondimento sul
medesimo tema;
William Sears, Genitori di giorno (e di notte), Manuale de La Leche League. Leggendolo
scoprirete tante cose sul sonno dei neonati e dei bambini e sul modo di accudirli al meglio nei
loro bisogni, che sono assai diversi da quelli che l’immaginario collettivo ci trasmette.
•
Comunicazione tra genitori e figli
-
Thomas Gordon, Genitori efficaci. Educare figli responsabili, La Meridiana, 1994. Da
leggere senza meno: il famoso metodo-Gordon è molto di più di un metodo, un luogo dove
comprendere il senso e l’importanza dell’ “ascolto attivo”, come base per un’educazione
serena non basata sullo scontro, sulla sfida, sul dominio, sulla violenza, sul ricatto, sul
capriccio, ma sulla comprensione, sul compromesso, sull’amore, sul dialogo.
Jesper Juul, Il bambino è competente. Valori e conoscenze in famiglia, Feltrinelli, 2003.
Libro agile e di piacevolissima lettura, un caposaldo delle teorie psicologiche che si
imperniano sul rispetto del bambino come persona/individuo a tutti gli effetti;
-
43
-
Marshall Rosemberg, Le parole sono finestre (oppure muri). Introduzione alla
comunicazione nonviolenta, Esserci, 2003. Llibro magnifico, non specificamente dedicato al
rapporto genitori-figli, ma dovrebbe esserci nella biblioteca di chiunque voglia sperimentare
la gioia della comunicazione nonviolenta almeno tra le pareti domestiche.
•
Svezzamento e alimentazione
-
Luciano Proietti, Figli vegetariani, Sonda, 2006. In questo libro veramente bello, che non si
rivolge certo solo alle famiglie vegetariane, il pediatra torinese ci regala le sue profonde
conoscenze della nutrizione mostrando che nel neonato durante il periodo dello svezzamento
– tra i sei e i dodici mesi – ma in generale nel bambino piccolo una dieta sana e conforme alle
necessità organiche si dovrebbe comporre di alimenti di origine vegetale;
Carlos Gonzáles, Il mio bambino non mi mangia. Consigli per prevenire e risolvere il
problema, Bonomi, 2004. Un libro che tutte le mamme dovrebbero leggere ancora quando
sono in gravidanza: il pediatra spagnolo smantella qui tutti i luoghi comuni e le pretese di
assolutezza scientifica riguardo allo svezzamento e alle sue tappe restituendo il momento del
passaggio ai cibi solidi alla sensibilità delle mamme e alla disponibilità dei bambini.
Lucio Piermarini, Io mi svezzo da solo. Dialoghi sullo svezzamento, Bonomi, 2008.
Finalmente qualcuno ha deciso di trarre le fila dell’interessante e decisiva questione dell’
“autosvezzamento”, a cui è legato, anche se non in maniera esplicita, anche il libro di
Gonzáles sopra citato. Più correttamente si dovrebbe parlare di “alimentazione
complementare”, così come viene definita dall’OMS l’alimentazione del lattante dopo il sesto
mese di vita (complementare rispetto al latte materno). Piermarini è un pediatra di lunga
esperienza nel campo della nutrizione e del rapporto con le famiglie, che fa parte di quella
illuminata e forse ristretta cerchia di pediatri italiani che si raccolgono intorno alla rivista
UPPA (Un Pediatra Per Amico), pubblicata dall’Associazione Culturali Pediatri (consiglio
vivamente di abbonarsi per sostenere un progetto tanto virtuoso, ma potete anche visionarla
con tutti gli interessantissimi “speciali” che dedicano a svariati argomenti di puericultura sul
sito www.uppa.it). Dalla quarta di copertina: “Questo libro nasce da una cocciuta e radicale
riflessione sui problemi di svezzamento e alimentazione che l’autore ha affrontato nei suoi
anni di esperienza professionale in consultorio familiare, a quotidiano contatto e confronto
con genitori e bambini. Ne è risultata un’ìnterpretazione dello svezzamento e della
successiva alimentazione nei primi anni di vita a dir poco sconvolgente, imprevedibile e,
nello stesso tempo, più semplice e più complessa rispetto a quella attualmente in auge. Più
semplice, perché fa piazza pulita di ricettine, schemi, artifici vari e filosofie di tendenza. Più
complessa, per l’attenzione posta su fattori quali il profondo legame fra il comportamento
alimentare del bambino e la relazione affettiva con i genitori, costretti perciò a riappropriarsi
delle loro responsabilità educative. È così il bambino ad essere al centro del sistema, non i
genitori o il pediatra. Come nell’allattamento al seno, è lui che guida i genitori, e ciò significa:
1. niente più conflitti durante i pasti; 2. migliore alimentazione; 3. risparmio di tempo e
denaro; 4. scomparsa dei disturbi alimentari. Il tutto raccontato in modo logico, originale e
con un pizzico di autoironia.
- Svezzamento passo dopo passo, Manuale de La Lache League (da richiedere
direttamente alle consulenti sul sito www.lllitalia.org). Un contributo
sull’autosvezzamento agile e utilissimo, a misura di mamma e bambino;
- Tiziana Valpiana, Alimentazione naturale del bambino. Allattamento, svezzamento,
ricette salutari fino ai 6 anni, Red, 2004. Meno completo ma altrettanto valido, belle
ricette e utili i consigli;
- Tiziana Valpiana e Matilde Parona, Le ricette per l’alimentazione naturale del
bambino, Red, 2007. Per chi vuole ampliare la proprie possibilità di preparare pasti
sani e gustosi per i propri bambini.
-
-
44
•
Il gioco come strumento di crescita corporea e interiore: il nutrimento immaginativo, la
creazione artistica e i lavori manuali come antidoti alla solitudine, all’apatia e alla
sedentarietà dei bambini di oggi
-
-
-
Arve Mathisen, Come sviluppare tutti i talenti dei bambini, Red, 2003. Da avere
sempre sotto mano. Più che un libro, una vera e propria enciclopedia che tocca
approfonditamente tutti gli aspetti della vita quotidiana con i nostri bambini, per vivere
una vita attiva, gioiosa, creativa, immaginativa. Dalla quarta di copertina: “Gli anni
che precedono l’ingresso nella scuola sono per il bambino decisivi: il suo sguardo pian
piano si allarga oltre le mura di casa, le sue esperienze si moltiplicano a dismisura, le
sue competenze crescono a vista d’occhio. È il momento in cui tutti i suoi sensi,
particolarmente recettivi, vanno stimolati: vista, udito, tatto, gusto. In gioco è la
possibilità che i suoi innati talenti, le sue potenzialità ancora inespresse possano
dispiegarsi appieno e liberamente. Compito dei genitori è allora di favorire il più
possibile le occasioni quotidiane di ‘fare esperienza’: con giochi creativi, attività
domestiche ‘su misura’, incontri con la natura, musiche, canti, balli, racconti,
disegni… Proprio sullo sviluppo della creatività si fonda la pedagogia steineriana, di
cui questo libro offre ai genitori princìpi-guida, suggerimenti, esempi concreti da
seguire nella vita famigliare di ogni giorno. Un’educazione attenta a tutte le
dimensioni del bambino, fisica, psichica e spirituale, è la base sicura sulla quale
costruire poi, negli anni della scuola, una solida educazione intellettuale. Alcuni degli
argomenti trattati: 1. l’importanza dell’imitazione nell’età prescolare; 2. l’individualità,
l’imitazione e la gioia della creatività; 3. i bambini e la volontà; 4. riso e pianto: come
bambini e adulti imparano a conoscersi; 5. la celebrazione delle feste stagionali; 6.
raccontare ai bambini: fiabe, rime e storie; 7. il teatrino: un’arte per tutti; 8. i girotondi:
vita nuova in una tradizione antica; 8. tutti i bambini sono musicali; 8. cantare con i
bambini; 9. costruire giocattoli per i bambini; 10. la natura del bambino e la natura
intorno a noi; 11. la saggezza nei disegni dei bambini; 12. tutti i bambini hanno
bisogno di giocare; 13. stare a casa con i bambini; 14. l’”arte di coltivare la
meraviglia”.
Karin Neuscheutz, Bambini e bambole. Compagni di gioco fatti in casa, Editrice
Antroposofica, 2000. Un libro davvero ricchissimo. Infatti, per la mamma che volesse
fare la bellissima esperienza di cucire una bambola di stoffa per il proprio bambino (e
non solo per le femmine, anche i maschi hanno bisogno della bambola!) troverà qui
istruzioni semplici ed efficaci che le permetterà un risultato di grande soddisfazione.
Perché, ricordate, a differenza delle bambole di plastica che parlano, ruttano,
mangiano, fanno i bisogni, ma non hanno l’anima, queste bambole sono dotate di
“anime” e io penso che ne prendano un pezzettino da cui mette il suo amore nel
confezionarle. Ma questo libro è anche un bel manuale sul gioco e la crescita del
bambino. Dalla quarta di copertina: “La prima parte di questo libro si potrebbe definire
il manuale del buon senso. Ogni genitore, sfogliandolo, è infatti portato a credere che
niente sia più semplice e ovvio che stare con i propri bambini nel modo disteso e
naturale decritto e raccomandato dall’autrice. Come tutte le cose semplici, però, questo
atteggiamento, rivela una più che coscienziosa autoeducazione oltre che una selezione
accurata ed attenta di tutto quanto viene a contatto con i bambini fin dai primi giorni di
vita. Questo significa avere sensibilità e istinto per i materiali, le forme, i colori, i
suoni, e tutta l’atmosfera che circonda il bambino piccolo, evitando di sovraccaricarlo
di stimoli e di proposte. Per giocare, in fondo, egli si accontenta di poco, ma è
importante capire di che cosa ha veramente bisogno ed offrirgli uno stile di vita
autentico e dei giocattoli il più possibile semplici ed essenziali”.
Freya Jaffke, Giocattoli fatti dai genitori, Natura e cultura Editore, 2006.
Dall’esperienza di una maestra steineriana olandese un libricino semplice e utilissimo
con una parte teorica che permette di comprendere il senso del gioco nel bambino nei
45
-
•
primi sette anni di vita per fasce di età (fino ai 3 anni e poi dai tre ai sette) e una parte
pratica con le istruzioni per costruire in casa giochi facili e altri più complessi, perché i
giochi fatti dai genitori (o dai nonni, o dai fratelli o dagli zii) sono quelli che davvero
danno gioia e nutrono lo spirito. Cito alcuni punti dell’indice: Giocare significa “essere
nel processo”; Le fase del gioco; Come stimolare i bambini al gioco?; Come agiscono
le impressioni sensoriali sul bambino?; Quale giocattolo e a quale età?; I giocattoli in
giardino; Giocare e mettere in ordine; Costruzioni grandi; Costruzioni per giocare in
terra o sul tavolo; L’angolo delle bambole; Il negozio; Bambola lavorata ai ferri, Le
marionette, ecc. (se non lo
trovate in libreria potete trovarlo qui:
www.rudolfsteiner.it/editrice/dett.php?book_id=239 );
Informazioni molto complete con tantissimi spunti pratici per il fai-da-te più semplice
su quali giochi preparare e quali attività proporre al bambino piccolo (0-3 anni) si
trovano nel bellissimo manuale di G. Honegger Fresco citato all’inizio di questo
elenco;
Anche a questo indirizzo trovate spunti simpatici e interessanti di mamme per fare
semplici giocattoli in casa: http://forum.promiseland.it/viewtopic.php?t=12419
Benessere e salute
-
-
Frédérick Leboyer, Shantala. L’arte del massaggio indiano per far crescere i
bambini felici, Sonzogno, 1996. Il massaggio che Leboyer imparò da una donna
indiana incontrata per caso in uno dei suoi viaggi umanitari è semplicissimo ma al
tempo stesso offre l’opportunità di fare una delle esperienze più appaganti di contatto,
comunione e amore che una mamma può fare con il proprio bimbo appena nato.
Karen Sullinvan, Come crescere in modo naturale il tuo bambino. Da 0 a 15 anni,
Newton Compton, 2004. Molto completo e ben strutturato. Particolarmente
interessante la parte dedicata all’alimentazione. Dalla quarta di copertina: Qual è lo
stile di vita più sano per i nostri bambini? Quale alimentazione è migliore rispetto alle
altre, e per quali ragioni? Come comportarsi in caso di asma, raffreddore, anemia?
Meglio affidarsi alla medicina tradizionale o tentare i canali cosiddetti “alternativi”?
Questo manuale affronta questioni quali le vaccinazioni, le allergie, i disturbi
dell’apprendimento, l’iperattività, l’uso di farmaci e la cura delle malattie, dalle più
semplici alle più complesse. Ma spiega anche quanto e perché siano importanti
l’attività fisica regolare, una corretta socializzazione o l’assunzione di integratori
naturali.
FORUM E SITI WEB
INGREDIENTI DI DETERGENTI E COSMETICI
- Biodizionario www.biodizionario.it/
- Forum PROMISELAND http://forum.promiseland.it/viewforum.php?f=2
- Forum SAICOSATISPALMI http://forum.saicosatispalmi.org/viewforum.php?f=3
FORUM DI AIUTO E DISCUSSIONE PER GENITORI, dal concepimento in avanti:
- Forum ANEP - Associazione Nazionale Educazione Prenatale http://anep.forumfree.net/
- Forum CONSAPEVOLMENTE www.consapevolmente.org/forum/viewforum.php?f=3
-
- Forum PROMISELAND http://forum.promiseland.it/viewforum.php?f=9
46
PARTO NATURALE E SOSTEGNO ALL'ALLATTAMENTO
www.lllitalia.org/Sito/Home.html
La missione de La Leche League International è aiutare le madri di tutto il mondo ad allattare al seno
attraverso il supporto di altre madri che hanno allattato, l'incoraggiamento, l'informazione e
l'educazione, e di promuovere una migliore comprensione dell'allattamento al seno come elemento
centrale per lo sviluppo e la salute del bambino e della madre. La Leche League produce opuscoli
informativi e libri sull'allattamento al seno e gli argomenti connessi (svezzamento, alimentazione
ecc.); inoltre organizza incontri (anche in Italia) in cui le madri possono confrontarsi o approfondire
la questione con l'aiuto di un esperto, e fornisce contatti con consulenti specialisti di allattamento al
seno. Tutto ciò che la Lega offre può essere trovato nel suo sito web (sezione italiana).
GRUPPO DI DISCUSSIONE SUL PARTO NATURALE
http://it.groups.yahoo.com/group/partonaturale/
MASSAGGIO INFANTILE
Associazione Italiana Massaggio Infantile www.aimionline.it
L'obiettivo dell'AIMI è incoraggiare il contatto ed i rapporti umani durante il periodo della crescita
del bambino, promuovere ricerche e corsi di preparazione e di istruzione in modo che genitori,
operatori della prima infanzia, bambini, siano amati valorizzati e rispettati dalla comunità mondiale
DERMATITE ATOPICA NEI LATTANTI
Augurandovi che il vostro bimbo non soffra di dermatiti, segnaliamo un lungo thread scritto da
genitori che combattono da tempo con questo problema e che scambiano informazioni sui trattamenti
consigliati e provati: http://forum.promiseland.it/viewtopic.php?f=9&t=21672&start=0
Resta chiaro che il primo passo è affidarsi a un buon dermatologo: il thread ha lo scopo di mettere in
comunicazione diversi genitori con problema simile per condividere conforto ed esperienze.
UPPA - UN PEDIATRA PER AMICO
Rivista bimestrale rivolta ai genitori, scritta e sostenuta dai pediatri di famiglia italiani. Non si trova
in edicola, ma negli ambulatori dei pediatri convenzionati con il Servizio Sanitario Nazionale.
Nata all'interno dell'Associazione Culturale Pediatri, raccoglie i contributi di molti esperti, genitori e
associazioni e può essere consultata on line.
http://www.uppa.it/
SITO DI INFO UTILI
Un interessantissimo sito che offre link e informazioni su: gravidanza, parto, allattamento, educazione
e motricità, pannolini riutilizzabili, portare i bebè, vendita prodotti, gruppi di discussione.
http://larbreabebes.it.free.fr/linkfin.htm
ASSOCIAZIONE MATERNITÀ ECONATURALE
Nata nel vicentino ad opera di un gruppo di mamme molto intraprendenti, ha lo scopo di diffondere
informazioni non solo su pannolini e assorbenti lavabili, ma su tutta una serie di prodotti e
accorgimenti alternativi, gettando le basi per una vita eco-sostenibile attraverso l'eliminazione del
superfluo dalle case e dagli acquisti quotidiani.
Organizza serate informative, collabora coi corsi preparto degli ospedali e con vari Sportelli Donna,
facendo conoscere i pannolini riutilizzabili anche attraverso "La Pannolinoteca", un servizio di
noleggio pannolini che aiuta le mamme nella scelta del modello di pannolino più adatto alle esigenze
familiari.
http://www.maternitaeconaturale.it/
47
SITO INTERESSANTISSIMO SUL FAI DA TE PRODOTTI BIMBO
Lo stesso sito sopra riportato è un punto di riferimento nel web per il cucito di prodotti bimbo, dalle
fasce, ai pannolini, agli ausili per l’allattamento e chi più ne ha più ne metta!
http://larbreabebes.it.free.fr/
IL CUCITO ECO-ALTERNATIVO DI TRE TOPINI
L'intraprendente mamma di tre bambini, neofita entusiasta dei pannolini lavabili al punto di
promuovere un progetto di produzione solidale di pannolini riusabili "a km 0", condivide in un blog
le sue competenze di cucito, spiegando come confezionare facilmente pannolini e assorbenti di stoffa
(e presto anche bavaglini, borse di stoffa, fasciatoi da viaggio, scarpette per neonato, portapannolini
da parete ecc.) usando anche materiali di riciclo.
http://tretopini.blogspot.com
IL CREATIVO ANGOLO DELLA SARTA
Comprando diversi prodotti bimbo, ci siamo presto accorte di quanto possa essere semplice cucirne
alcuni in casa, o farseli cucire dalla sarta. Il mercato è ricco di proposte interessanti, ma i costi sono
spesso folli!
Abbiamo quindi deciso di sfoderare le nostre arti – anche quando parecchio scarse! – e ci siamo
divertite a creare oggetti utili e a condividere informazioni e consigli. Ci auguriamo che questo
laboratorio nel tempo cresca sempre più, con nuovi esperimenti e soluzioni:
www.consapevolmente.org/forum/viewtopic.php?%20t=1294&start=0
FORUM "CREATTIVITA'"
Un forum per ritrovarsi nell'obiettivo di mettere in comune esperienze, conoscenze, informazioni, su
attività manuali tradizionali o creative. Uno stimolo per riprendere un hobby messo da parte, per
impararne uno nuovo e per ricordarci che le mani possono ancora darci grandi soddisfazioni!
http://crea.ornato.it/index.php
VEGETARIANI DALLA NASCITA
Il sito di Francesca G. un tesoro di preziose informazioni http://xoomer.virgilio.it/tatanone/
tra cui i consigli per uno svezzamento naturale vegetariano, ottimi anche per genitori e bimbi non
vegetariani che vogliano trarre spunti e linee guida utili
http://xoomer.virgilio.it/tatanone/index2.htm
BAMBINI E TELEVISIONE
La presa di coscienza e le scelte rispetto alla tivù sono da fare subito: i neonati sono spettatori passivi
e apertissimi a tutto quello che passa in tv e non si può incominciare a dare regole solo quando i
bimbi sono in grado di accendere il televisore. A questo proposito segnaliamo un ottimo articolo di
- Francesca Gasparini: Bambini, televisione e attività alternative
http://www.promiseland.it/view.php?id=1436
e due libri
- D'Alessio Maria; Laghi Fiorenzo - Maneggiare con cura. I bambini e la pubblicità
Editore Ma. Gi. www.ibs.it/
- Maria D'Alessio - Posso guardare la TV? Come dare una risposta consapevole ai nostri
bambini. Franco Angeli Editore www.francoangeli.it
PER IL DOLORE DELLA PERDITA
Ciao Lapo Onlus www.ciaolapo.it/
Genitori di una stella www.genitoridiunastella.it/
48
Altre notizie utili PER LA MAMMA
Assorbenti di stoffa http://crea.ornato.it/viewtopic.php?p=170#170
Moon cup http://veruccia.blogspot.com/2007/08/mooncup- anchio.html
…. e per finire….
MANTRA PER NEO-GENITORI
Poiché verrete assediati da consigli non richiesti e osservazioni non gradite su quello che fate,
dovreste fare, avete fatto, non avete fatto, avreste potuto e/o dovuto fare, ecc. ... ci uniamo al gruppo
dei consiglieri e concludiamo con il nostro consiglio:
... che sia per la nanna, per l'allattamento, per il peso del bimbo, per le notti, per il giorno, per le
coliche, per i denti, per il pianto, o per tutto quanto il resto:
guardatevi allo specchio e ripetete con Fiducia
<< TUTTO CAMBIA, ANCHE QUESTA PASSERA' >>
Questa dispensa è stata curata da Elena Comana, Francesca Gasparini, Elena Legnani, Luisa Valeria
Sapia, Francesca Burigotto e Maria Teresa De Nardis.
I disegni sono di Chiara Nocentini (www.chiaranocentini.it).
Se la ricevete in versione cartacea e volete diffonderla, potete scaricarla gratuitamente dal sito web
http://biodetersivi.altervista.org/
quinta.cosa.sacra CHIOCCIOLA gmail.com
Stampato in proprio da
MondoNuovo
Giugno 2009
È raccomandata la diffusione,
non è necessario citare la fonte
49
Fly UP