...

Storia di un assassino

by user

on
Category: Documents
18

views

Report

Comments

Transcript

Storia di un assassino
CONSTANTIN FILM e BERND EICHINGER
presentano
Profumo
storia di un assassino
Un film di Tom Tykwer Film / Una produzione Bernd Eichinger
con
Ben Whishaw
Alan Rickman
Rachel Hurd-Wood
e
Dustin Hoffman
sceneggiatura di
Andrew Birkin & Bernd Eichinger & Tom Tykwer
dal romanzo di
Patrick Süskind
distribuzione
www.medusa.it
Uscita:
Nazionalità:
Durata:
22 settembre 2006
Germania
147 minuti
0
IL CONTENUTO IN BREVE
Jean-Baptiste Grenouille (BEN WHISHAW) nasce in circostanze indecorose al mercato del pesce di Parigi
nel 1738. Sin da piccolo, si rende conto di essere dotato di un olfatto molto raffinato e acuto. Dopo essere
sopravvissuto al duro lavoro in una conceria, il giovane comincia l’apprendistato presso il profumiere
Baldini (DUSTIN HOFFMAN). In breve, supera il maestro nell'arte di mescolare le essenze che diventano
però la sua ossessione, un’ossessione che lo allontanerà dalla compagnia degli uomini. Ossessionato
dall’idea di preservare gli aromi umani, uccide senza alcun problema delle ragazze il cui profumo gli ha
dato alla testa. Ma la storia giunge ad una svolta quando, diretto verso la metropoli del profumo, Grasse,
Grenouille si imbatte nella bella Laura (RACHEL HURD-WOOD), la quale a suo avviso ha un odore quasi
soprannaturale. E mentre gli omicidi continuano, il padre di Laura, il mercante Richis (ALAN RICKMAN),
teme per la vita della figlia. Ed è a questo punto che inizia un gioco del gatto con il topo tra l’amore paterno
e la passione mortale...
Bernd Eichinger e Tom Tykwer portano sullo schermo l’avvincente romanzo di Patrick Süskind, prodotto da
Constantin Film. La sceneggiatura è stata scritta da Andrew Birkin, Bernd Eichinger e Tom Tykwer. Il film è
interpretato dal venticinquenne attore inglese Ben Whishaw (MY BROTHER TOM, L’AMORE FATALE),
dalla megastar premiata con l’Oscar Dustin Hoffman (RAIN MAN, MI PRESENTI I TUOI ?), da Alan
Rickman (HARRY POTTER, DIE HARD) e dall’attrice emergente Rachel Hurd-Wood.
QUALCHE INFORMAZIONE SUL ROMANZO
La storia del brillante profumiere omicida Jean-Baptiste Grenouille è stata pubblicata all’inizio del 1985,
dalla casa editrice svizzera Diogenes Verlag, scritta dall’autore Patrick Süskind (che ha scritto anche "Der
Kontrabaß"/“The Double Bass” e le sceneggiature di "Kir Royal" e "Rossini oder die mörderische Frage,
wer mit wem schlief"/“Rossini o The murderous question of who slept with whom”), nato nel 1949. Sin dalla
pubblicazione, “Profumo” ha riscosso un enorme successo ed è rimasto per 15 settimane al primo posto
nella classifica di "Spiegel" oltre a restare per ben 449 settimane consecutive nella classifica stilata da
"Buchreport". Nel corso degli anni, il romanzo ha venduto 15 milioni di copie in tutto il mondo, di cui 4
milioni solo in Germania. L’avvincente romanzo è stato tradotto in ben 45 lingue, e ne è stata pubblicata
un’edizione addirittura in latino. Nel 1994, Diogenes ha pubblicato la versione economica del romanzo.
“Profumo è il romanzo tedesco di maggior successo dai tempi di “All Quiet on the Western Front” di Erich
Maria Remarque. Il produttore di Monaco, Bernd Eichinger ha ottenuto i diritti per l’adattamento
cinematografico del romanzo nel 2001.
GLI ATTORI
Jean-Baptiste Grenouille
Antoine Richis
Laura
e
Giuseppe Baldini
Ben Whishaw
Alan Rickman
Rachel Hurd-Wood
Dustin Hoffman
e con
La venditrice di prugne
Il vescovo di Grasse
Il sindaco di Grasse
La signora Baldini
Natalie
La signora Gaillard
La signora Arnulfi
Dominique Druot
Chenier
Grimal
Il Marchese di Montesquieu
Jeanne
Marianne
La madre di Grenouille
Grenouille a 5 anni
Grenouille a 12 anni
Portatore
Magistrato
Karoline Herfurth
David Calder
Simon Chandler
Dora Romano
Jessica Schwarz
Sian Thomas
Corinna Harfouch
Paul Berrondo
Timothy Davies
Sam Douglas
Harris Gordon
Sara Forestier
Joanna Griffiths
Birgit Minichmayr
Alvaro Roque
Franck Lefeuvre
Michael Smiley
Richard Felix
Narratore (versione originale)
John Hurt
Doppiaggio Italiano:
Narratore
Jean Baptiste Grenouille
Giuseppe Baldini
Omero Antonutti
Emiliano Coltrorti
Giorgio Lopez
I REALIZZATORI
Regia di
Sceneggiatura di
Direttore della fotografia
Addetto al montaggio
Scenografo
Costumista
Tom Tykwer
Andrew Birkin & Bernd Eichinger &
TomTykwer
Bernd Eichinger
Gigi Oeri
Christine Rothe
Martin Moszkowicz
Andreas Schmid, Andy Grosch,
Manuel Malle, Samuel Hadida, Julio Fernandez
Frank Griebe
Alexander Berner
Uli Hanisch
Pierre-Yves Gayraud
Trucco e acconciature
Musica
Orchestra
Direttore d’orchestra
Effetti visivi
Supervisore agli effetti visivi
Servizi digitali
Waldemar Pokromski
Tom Tykwer, Johnny Klimek, Reinhold Heil
Berliner Philharmoniker
Sir Simon Rattle
UPP
Dennis Lowe
ARRI Film & TV Services
Prodotto da
Co-Produttore
Responsabile della produzione
Produttore esecutivo
Produttori esecutivi
SINOSSI
1766. La città di Grasse, nel sud della Francia.
Un’immensa folla si è radunata sulla piazza per assistere all’esecuzione del profumiere Jean-Baptiste
GRENOUILLE (Ben Whishaw). La folla esulta quando GRENOUILLE viene trascinato in ceppi sulla
balconata della cittadella, ed esplode quando viene letta la condanna a morte.
22 anni prima. Parigi.
La MADRE di Grenouille (Birgit Minichmayr) partorisce nel fetore del mercato del pesce di Parigi nel giorno
più caldo dell’anno. Subito dopo il parto, cerca di nascondere il neonato in mezzo agli scarti, sotto il tavolo
che usa abitualmente per pulire il pesce. Ma il neonato, come per dispetto, emette un orribile grido e viene
salvato da un passante mentre la madre viene portata via dalle autorità e impiccata per tentato infanticidio.
Grenouille trascorre i primi anni di vita nell’orfanotrofio di MADAME GAILLARD (Sian Thomas). Gli altri
bambini si accorgono che quel bambino ha qualcosa di strano e cercano di soffocarlo appena arrivato. Ma
la signora Gaillard non vuole perdere il sussidio che riceve per ospitare un altro orfanello e quindi lo salva.
A tre anni, sebbene non sappia ancora né parlare, né camminare, Grenouille mostra di possedere un
portentoso olfatto. Gira gattoni per l’orfanotrofio e impara conoscere il mondo che lo circonda annusandolo.
Per dieci franchi, la signora Gaillard vende il tredicenne Grenouille a Grimal (SAM DOUGLAS), proprietario
di una conceria. Il lavoro tra i pozzi della concerie, pieni di nitrati puzzolenti e pelli in decomposizione è
estremamente pericoloso e duro, ma il ragazzino riesce a sopravvivere alle infernali condizioni di lavoro e
si trasforma in un giovane uomo molto robusto.
Il suo primo giorno a Parigi, tra tutti gli odori della città, il vento porta fino a lui il profumo più squisito che
Grenouille abbia mai sentito in vita sua. Preso da una specie di delirio estatico, il ragazzo segue la scia del
profumo per le strade ed i vicoli di Parigi fino ad arrivare alla fonte di tanta magnificenza, nella persona
della bella VENDITRICE DI PRUGNE (Karoline Herfurth). La ragazza sente un’improvvisa ventata gelida,
si volta e vede Grenouille che la fissa. Quando la ragazza sta per urlare, Grenouille le tappa la bocca con
la mano e la trascina nell’ombra per evitare di essere visto da una coppia di passanti. Nell’oscurità, osserva
la coppia che si bacia mentre la ragazza si dimena perché non riesce più a respirare. Finalmente la coppia
gira l’angolo e Grenouille toglie la mano dalla bocca della ragazza, ma si rende conto che la ragazza è
morta soffocata. A quel punto cerca disperatamente di catturare il suo meraviglioso profumo, di berlo e
mette le mani a forma di coppa come se si trattasse di un liquido. Ma quell’odore tanto irresistibile svanisce
nel momento in cui la vita lascia per sempre il giovane corpo e Grenouille viene sopraffatto da un tremendo
senso di vuoto causato dalla perdita di quel magnifico e irresistibile profumo. Da quel momento, il suo unico
obiettivo sarà riuscire a catturarlo di nuovo…
Grenouille diventa apprendista presso il profumiere BALDINI (Dustin Hoffman), un uomo sull’orlo del
fallimento alla disperata ricerca di una nuova “fragranza” che lo porti nuovamente alla ribalta. Grenouille
mostra subito il suo talento creando fragranze perfette che serviranno a riportare in auge il nome di Baldini
e in cambio chiede al vecchio maestro di insegnargli l’arte di catturare e conservare i profumi. Quando
viene a sapere dal suo maestro che l’odore di un essere vivente non può essere distillato per formare
un’essenza, Grenouille quasi muore dal dolore. Per consolarlo, Baldini gli confessa che l’unico luogo al
mondo in cui viene ancora praticato il misterioso metodo dell’enfleurage è la città di Grasse: solo lì potrà
imparare l’arte che sogna.
Grenouille si mette immediatamente in viaggio alla volta di Grasse. Giunto in una grotta del Massiccio
centrale, scopre di non avere un odore proprio, come se non esistesse. Questa consapevolezza lo scuote
profondamente e a quel punto decide di creare un odore per sè stesso che sia irresistibile.
Lungo la strada per Grasse, Grenouille viene superato da un carro che trasporta la bella figlia di un
mercante, LAURA (Rachel Hurd-Wood). Grenouille odora l’aria e sente, una volta ancora il profumo fatale
e meraviglioso che ha sentito una sola volta nella sua vita. Un profumo che deve assolutamente
possedere...
Grenouille si fa ingaggiare come operaio specializzato da MADAME ARNULFI (Corinna Harfouch),
proprietaria di una piccola profumeria. In cambio del suo lavoro riceve un modesto stipendio e la possibilità
di dormire in una capanna senza finestre. Grenouille è sempre più deciso a diventare un maestro dell’arte
dell’enfleurage perché vuole riuscire a catturare qualunque profumo desideri.
Nelle settimane che seguono, delle ragazze giovani e di straordinaria bellezza vengono misteriosamente
assassinate. Il mercante RICHIS (Alan Rickman) è l’unico a sospettare che il colpevole sia una specie di
maniaco posseduto dal demonio, una sorta di collezionista della bellezza. Quando le graziose gemelle
figlie del suo amico TALLIEN (Carlos Reig) vengono trovate uccise, nude e con le teste totalmente rasate,
Richis comincia a temere per sua figlia Laura.
I cadaveri di giovani donne rinvenuti fino a quel giorno sono 12: Grenouille apre un armadietto e fissa
dodici piccoli flaconi di vetro, ognuno contenente poche gocce di un olio color dell’ambra. Manca solo un
profumo, per dare il tocco finale alla sua opera.
Ma a quel punto la città viene investita da un’ondata di panico: la gente si barrica in casa, mette le sbarre
alle porte e inchioda le finestre. Viene arrestato un possibile sospetto ma Richis è convinto che le autorità
abbiano preso la persona sbagliata. Approfittando del buio della notte, Richis fugge dalla città portando con
sé la figlia e si nasconde in una misteriosa locanda sul mare. Ma Grenouille segue il profumo di Laura fino
al Mediterraneo e la mattina seguente, quando Richis trova il corpo nudo della figlia assassinata, sviene
per la disperazione.
Grenouille si inginocchia accanto ad un piccolo falò nel bosco dove ha sistemato tutti i suoi arnesi.
Vediamo l’ultima goccia d’olio cadere dal becco di un alambicco dentro un piccolo flacone e Grenouille che
lo mischia con i dodici che aveva già preparato. Lo seguiamo mentre annusa l’aria in tutte le direzioni
nascondendo la bottiglia del profumo in tasca. Ma a quel punto viene circondato dai soldati e portato in
prigione.
Giunto a Grasse, confessa di sua spontanea volontà gli orrendi delitti di cui si è macchiato ma non fa cenno
al motivo per cui lo ha fatto.
Il giorno dell’esecuzione, un’enorme folla si raduna sulla piazza della città ma Grenouille, non visto, riesce
a versare qualche goccia del suo profumo sul polso. Il vento trasporta il profumo verso la folla sulla piazza
e la folla tutta intera si abbandona ad un abbraccio collettivo, quasi orgiastico. Persino Richis getta le
braccia intorno al collo di colui che ha massacrato la figlia. A quel punto, Grenouille, che non ha mai
conosciuto l’amore, sviene. Torna a Parigi, nel luogo in cui è nato. In tasca ha la sua preziosa creazione,
un flacone del profumo più prezioso del mondo.
GENESI DELL’OPERA
Il produttore Bernd Eichinger ha letto il romanzo quando è stato pubblicato nel 1985 ed ha contattato
immediatamente l’autore Patrick Süskind, per ottenere i diritti per l’adattamento cinematografico del
romanzo: “Era una storia unica e potente. Sentivo che sarebbe diventato un film straordinario.” Ma Süskind
non voleva vendere i diritti a nessuno ed il libro rimase per anni in cima alla lista dei desideri di tanti illustri
cineasti, mentre Süskind continuava a rifiutare tutte le offerte. La sua riluttanza a vendere divenne
leggendaria.
"Pensavo che sarebbe stato particolarmente facile perché eravamo amici," ricorda Eichinger, "ma Süskind
non voleva vendere a nessuno." Nel 1986, un anno dopo la pubblicazione, il romanzo era già diventato un
best seller internazionale. Nel corso degli anni, “PROFUMO” è stato tradotto in 45 lingue ed è il secondo
romanzo tedesco di maggior successo di tutti I tempi (il primo resta il romanzo di guerra di Remarque "All
Quiet on the Western Front".) Ma Eichinger non si è arreso ed ha continuato a inviare regolarmente offerte
di acquisito a Suskind, come del resto hanno fatto tanti suoi eminenti colleghi: "Alla metà degli anni 80,
Süskind non avrebbe venduto i diritti a nessuno. ", ricorda oggi Bernd Eichinger. "Ed ha mantenuto la sua
decisione per tanto tempo. "Credo che Süskind non riuscisse a pensare a qualcuno in grado di adattare il
romanzo per il grande schermo data la complessità del materiale.” aggiunge il regista di PROFUMO, Tom
Tykwer.
Ma l’insistenza paga, soprattutto nell’industria cinematografica e quando Eichinger ci ha riprovato nel 2000,
Süskind ha ceduto e alla fine, dopo tanto tempo Eichinger è riuscito a acquisire i diritti per portare
"Profumo" sul grande schermo. "Quando mi sono reso conto che la risposta non era più, 'No, no', ma
'forse,’ ho chiamato una volta ancora la casa editrice e loro mi hanno spiegato che Patrick non voleva
avere nulla a che fare con nessun progetto cinematografico. Era un caso simile a quello di NEL NOME
DELLA ROSA quando Eco non voleva partecipare attivamente alla produzione del film. Per farla breve, alla
fine siamo riusciti a raggiungere un accordo ed io ho ottenuto i diritti," riassume Eichinger.
Subito dopo anche Tom Tykwer è salito a bordo, perché per Eichinger era l’unico regista in grado di portare
sullo schermo la sua grande opera, uno dei film tedeschi più cari mai realizzati finora. "E’ stato chiaro sin
dall’inizio che Tom ed io avremmo realizzato un film moderno. Tom è un regista estremamente innovativo
che non ha paura di sperimentare, ma che al tempo stesso ama costruire un film intorno ad una cornice
classica. E alla fine, il film da lui diretto è esattamente come lo avevo immaginato."
Il film è stato sostenuto da alcuni promotori internazionali “FilmFernsehFonds Bayern” e “Bayerischer
Bankenfonds”, il “FFA” (la Film Promotion Institution), il “Filmstiftung Nordrhein-Westfalen” e “Eurimages”.
“Il film è una co-produzione europea in accordo con la Convenzione Europea, con la partecipazione della
Francia e della Spagna, un contributo finanziario privato e la partecipazione di un fondo per le
comunicazioni. Ma il nostro film, è decisamente tedesco: l’autore è tedesco, il regista è tedesco e il
produttore è tedesco. Solo il cast è composto da attori internazionali," riassume Eichinger.
PROFUMO storia di un assassino
è stato finanziato da una società tedesca indipendente, la
Constantin Film, con la quale Eichinger ha dei collegamenti stretti – in passato è stato Direttore generale,
presidente e supervisore – l’imprenditore svizzero Gigi Oeri, (al suo primo investimento cinematografico) e
VIP Medienfonds. "Ho sentito che Gigi Oeri era interessato a investire in un film, in particolare in questo.
Grazie al suo contributo finanziario siamo riusciti a mantenere la nostra indipendenza e restare fedeli alla
nostra visione e questo ci ha dato la possibilità di ottenere un contratto con la Dreamworks per il mercato
americano, e questo era sempre stato lo scenario ideale per tutti noi," spiega Eichinger.
"Uno dei problemi di questo film è che il personaggio principale non si esprime quasi mai e mentre un
romanziere può ovviare a questo problema ricorrendo alla narrativa questo non si può fare in un film. Il
pubblico riesce a farsi un’idea e ad affezionarsi ad un personaggio solo se questo parla e il nostro
maggiore problema era quello narrativo", commenta Eichinger, spiegando le difficoltà nello scrivere la
sceneggiatura. "Avevo contattato numerosi registi e sceneggiatori internazionali perché all’inizio non avevo
pensato ad un regista tedesco. Ma non riuscivo a trovare un accordo con gli altri relativamente al tipo di
film che avremmo voluto fare. Con i miei progetti precedenti era stato molto più facile, perché avevamo
sempre raggiunto l’accordo facilmente, come per esempio con Jean-Jacques Annaud per IL NOME DELLA
ROSA o con Bille August per LA CASA DEGLI SPIRITI. E’ stato molto più difficile con PROFUMO perché
dovevamo arrivare dritti alle basi della narrativa. E anche se tanti grandi registi avevano dimostrato un
certo interesse, nessuno di loro era in grado di dirmi come sarebbe stato il potenziale film finito. Restavano
tutti sul vago."
Sceneggiatore acclamato a sua volta, Eichinger ha scritto la sceneggiatura per il film tedesco candidato
all’Oscar, DOWNFALL. Ha scelto Andrew Birkin per aiutarlo a portare sullo schermo in inglese la sua
personale visione di PROFUMO. Birkin era stato uno degli sceneggiatori della versione cinematografica di
IL NOME DELLA ROSA e Bernd aveva prodotto i film di Birkin, SALT ON OUR SKIN e IL GIARDINO DI
CEMENTO
Eichinger continua. "E poi è arrivato Andrew Birkin e insieme abbiamo cominciato a lavorare alla
sceneggiatura. Il problema chiave a quel punto era chi poteva essere il regista perché quando si ha a che
fare con un materiale così complesso è essenziale che il regista partecipi sin dalle prime fasi della
produzione. In genere, si costruisce una storia nella quale il protagonista attraversa una specie di catarsi e
come regola generale ne esce totalmente cambiato. Se prendiamo in considerazione IL SILENZIO DEGLI
INNOCENTI, dove si scontrano Clarice Starling e Hannibal Lecter, possiamo dire che in PROFUMO
abbiamo solo il personaggio di Lecter.” Mentre Hannibal Lecter uccide per rispondere ad una passione di
un certo tipo, Grenouille commette i suoi omicidi spinto da una sobria necessità e per portare a termine “la
sua opera d’arte”.
Eichinger ricorda che dopo tante riunioni per decidere chi sarebbe stato il regista, la scelta di Tykwer,
acclamato dalla critica per il suo film originale LOLA CORRE e per il dramma criptico HEAVEN, è stata
"molto semplice". Per due motivi soprattutto: "Da un lato, Tom è un artista molto innovativo ma dall’altro ha
anche un approccio molto popolare come cineasta. Sin dal primo incontro, ha cominciato a dare le risposte
giuste ed è per questo motivo che abbiamo deciso di lavorare insieme alla sceneggiatura, in maniera da
conoscerci meglio reciprocamente. Ad un certo punto è apparso chiaro che sarebbe stato anche il regista
del film."
Nei due anni successivi, il terzetto ha continuato a lavorare per limare la sceneggiatura. Per Tykwer,
l’adattamento è stata “una grande sfida poiché il romanzo è estremamente complesso. Suppongo che una
delle cose che mi hanno maggiormente attratto verso il film è stata la presenza nel libro di un tema che era
presente nei miei film precedenti. Anche in PROFUMO abbiamo a che fare con un personaggio principale
che combatte per essere riconosciuto ed amato, che cerca di attirare l’attenzione su di se perché desidera
ardentemente avere dei contatti umani. Il desiderio di un contatto umano è una costante di tutti i miei film.”
Il co-sceneggiatore e regista ha dovuto affrontare anche un’altra sfida: “Per me i film in costume sono
quasi sempre molto noiosi e quindi uno dei miei principali obiettivi sin dall’inizio era fare un film che fosse
estremamente moderno in termini di linguaggio ma che al tempo stesso restasse coerente con l’epoca
storica, così come nel romanzo lo stile narrativo moderno non è mai soffocato o intaccato dalla precisione
storica.”
Eichinger riconosce che Tykwer è un "cineasta conservatore che ama sperimentare in ogni caso e che ha
un grande potere visionario”. Ed è quello che serviva per un progetto simile, nel quale non sarebbero
bastati i soliti trucchi della drammaturgia per raggiungere l’obiettivo. Non si tratta solo di narrativa, ma di
una procedura associata che è cruciale per PROFUMO. Ed è estremamente raro per me lavorare in
questa maniera su un film. In genere mi concentro sull’aspetto narrativo e lascio poco spazio alle
associazioni. Nel nostro caso invece, ho dovuto adottare un atteggiamento associativo per poter colmare
tutti i vuoti narrativi. In termini narrativi, questo film viola ogni regola.”
Il produttore Eichinger è noto per scegliere materiali spinosi e difficili ed adattarli per il grande schermo. IN
NOME DELLA ROSA, il “romanzo del professore”, era stato considerato impossibile da adattare da molti e
invece la pluripremiata versione cinematografica prodotta da Eichinger ha polverizzato ogni record di
incassi in tutto il mondo.
La cosa che ha maggiormente colpito Eichinger in questo romanzo è stata proprio la figura profondamente
amorale di Grenouille, che agisce "senza avere la benché minima idea di moralità ma anche dell’amore,
della responsabilità o della pietà umana. Nel 989,9 % dei film non si vede mai un protagonista di questo
tipo," conclude Eichinger. “E quindi non si tratta di identificarsi o meno con il protagonista, quanto, piuttosto
di capire le sue motivazioni. Dovevamo scrivere il personaggio in maniera tale che il pubblico restasse
affascinato dalla sua ossessione. Se riusciamo a capire le sue ossessioni, allora riusciremo anche ad
entrare nel personaggio e nel film. E questo era il punto più importante per me che veniva ancor prima
della difficoltà di rappresentare gli odori in ambito cinematografico.”
Una volta completata la sceneggiatura, Eichinger e Tykwer hanno iniziato un meticoloso periodo di
preparazione lavorando insieme a tre componenti chiave della troupe, nella fattispecie, il direttore della
fotografia, Frank Griebe, lo scenografo Uli Hanisch e il costumista Pierre-Yves Gayraud. Il pluripremiato
direttore della fotografia, (acclamato soprattutto per LOLA CORRE), ha lavorato a tutti i film di Tom Tykwer.
Hanisch, vincitore del premio German Film nella categoria scenografi (per il film diretto da Oliver
Hirschbiegel, THE EXPERIMENT) ha disegnato le scenografie di tanti film di Tykwer mentre Gayraud ha
creato i costumi per il premiato cortometraggio di Tykwer, TRUE, dopo aver conosciuto il regista attraverso
la protagonista di LOLA CORRE, l’attrice Franka Potente, per la quale ha disegnato i costumi in THE
BOURNE IDENTITY.
La decisione di scegliere Alan Rickman per interpretare il mercante Richis e Dustin Hoffman per il maestro
di Grenouille, il profumiere Baldini è stata piuttosto semplice, vista l’enorme difficoltà per trovare qualcuno
che fosse adatto ad interpretare Grenouille. "Il libro è stato letto da talmente tante persone che avevamo
bisogno di un attore che non fosse semplicemente adatto a nostro avviso, ma che potesse anche
soddisfare le aspettative di tutti i lettori e dei futuri spettatori," spiega Tykwer. "E anche se erano tanti gli
attori pronti a calarsi nei panni del protagonista, la cosa più sensate e plausibile ci è sembrata scegliere
qualcuno di totalmente sconosciuto. Potremmo addirittura dire un “signor nessuno” che deve diventare un
“qualcuno” – perché è di questo che parla la storia. Seguendo il consiglio di un amico, sono andato a
vedere Ben Wishaw che interpretava Amleto nella produzione di Trevor Nunn in scena all’Old Vic a Londra,
e ho capito immediatamente che avevo trovato il mio Grenouille. Gli abbiamo fatto un provino che ha
convinto immediatamente anche Bernd."
Per contro, scritturare il pluripremiato Dustin Hoffman per interpretare Baldini è stato semplice come bere
un bicchier d’acqua. "Era da tempo che desideravo lavorare con lui. Inoltre, siamo buoni amici. Anche
Dustin da parte sua aveva voglia di lavorare con me dopo aver visto LOLA CORRE. Così quando ho
deciso di realizzare questo progetto, sapevo che nessuno meglio di lui avrebbe potuto interpretare Baldini.
E a quel punto Dustin doveva assolutamente accettare la parte perché io non avrei voluto nessun altro
all’infuori di lui,” racconta Tykwer, ridendo. E’ stato anche relativamente facile stabilire le relazioni tra
Hoffman/Baldini e Whishaw/Grenouille in termini drammaturgici. "Con loro due insieme avevo trovato la
costellazione perfetta: da un lato, l’icona del cinema Hollywoodiano e dall’altra il nuovo talento sconosciuto
che sta per diventare famoso. Il che si adatta alla perfezione con la trama del film.”
Il terzo protagonista del gruppo è interpretato dal veterano del palcoscenico e dello schermo Alan Rickman.
Anche in questo caso, è stata una scelta facile. "Alan è sempre stato la mia prima scelta per Richis e infatti
non abbiamo offerto il ruolo a nessun altro attore. Volevo dare a Richis una certa ambiguità perché nel
romanzo e anche nel film si tratta di una persona che si allontana dai suoi concittadini, che ha una mente
brillante ed acuta e una grande capacità di intuizione, oltre che un amore ai limiti dell’adorazione per la
figlia," riassume Tykwer parlando del cast che è completato da Rachel Hurd-Wood, nata nel 1990 a
Londra, che interpreta la figlia amata al limite dell’ossessione sia da Richis sia da Grenouille.
Ma ci sono anche degli attori tedeschi in importanti ruoli secondari. A questo riguardo, Eichinger
commenta: "Il casting è stato fatto negli Stati Uniti, in Inghilterra e Germania perché eravamo più che
consapevoli che a volte anche una performance di quattro minuti può rovinare un intero film. Quindi se non
conosci bene gli attori che scegli, potresti trovarti in guai seri. I ruoli cosiddetti secondari sono fondamentali
in un film, ed è per questo che mi impegno moltissimo nella ricerca di attori sui quali poter contare
ciecamente anche per i ruoli secondari. Questo vale per Birgit Minichmayr, che interpreta la madre di
Grenouille e con la quale avevo già lavorato e anche per Jessica Schwarz che è Natalie o Corinna
Harfouch (che ci ha regalato una fantastica interpretazione nei panni di Frau Goebbels in DOWNFALL) che
interpreta la signora Arnulfi." Ma la scelta di Karoline Herfurth per interpretare la venditrice di prugne è
stata, secondo Eichinger, una "decisione dell’ultima ora" perché non riuscivamo a trovare un’attrice adatta
per quel ruolo. "Nè in Inghilterra, né negli Stati Uniti. E poi mi sono detto: aspetta un attimo, diamo
un’occhiata a chi abbiamo in Germania. Avevo già fatto due film con Karoline ed ho preso la decisione
finale dopo aver fatto un provino in costume e con i capelli del colore giusto, insieme a Ben Whishaw, nel
quale Karoline ha dato veramente il meglio di sè. Per questo motivo abbiamo deciso di dare un po’ più di
spazio al suo personaggio.”
Le spettacolari riprese si sono svolte dal 12 luglio al 16 ottobre 2005: I primi 15 giorni sono stati trascorsi
tutti nei più grandi teatri di posa della Baviera, a Monaco, dove sono state girate le scene con Grenouille e
Baldini ambientate nel laboratorio di quest’ultimo. Le scene restanti, comprese quelle al mercato del pesce
di Parigi e gli avvenimenti che si svolgono a “Grasse, la città dei profumi”, sono state girate in Spagna,
nella fattispecie a Barcellona, Girona e Figueras. Tykwer guidava una troupe composta da 350 persone
oltre a più di 5.200 comparse – una volta ce ne sono state mille tutte insieme sul set – il che ha implicato
enormi sforzi logistici.
Musicista di successo, Tykwer ha composto le colonne sonore di tutti i suoi film. Insieme ai suoi compagni
della band, Johnny Klimek e Reinhold Heil ha scritto la colonna Sonora di PROFUMO.
La post-produzione è stata realizzata a Monaco ed è stata completata nell’estate del 2006.
LA REALIZZAZIONE DI “PROFUMO”
Introduzione
“E’ stato un periodo un po’ folle, immerso negli scarti di pesce, a dare istruzioni in 4 lingue con mille
comparse intorno,” dice ridendo Tykwer che afferma: “Bisogna riconoscere che la chiave di tutto è una
logistica ben pianificata.”
"Logistica" è stata la parola magica su questo set. Le riprese si sono svolte tra il 12 luglio e il 16 ottobre
2005 tra Monaco (Bavaria Studios) e la Spagna (Barcellona, Girona e Figueres). Il calcio d’inizio è stato
dato alla fine di giugno con un viaggio di tre giorni in Provenza per trovare alcune location (per i campi di
lavanda, per esempio, una parte fondamentale per la produzione dei profumi). Tykwer era responsabile di
una troupe composta da 350 persone e di un totale di 5200 comparse. Ma la realizzazione di questo film è
stata soprattutto, per attori e tecnici, un autentico road movie, sulle orme del protagonista, Grenouille, che è
costantemente in movimento e che si sposta dalla tetra città di Parigi verso Grasse, la luminosa e
fragrante città vicina alla Costa azzurra.
Il regista Tom Tykwer non si è lasciato impaurire dal budget previsto per la realizzazione dl film, che per gli
standard del cinema europeo era più che straordinario. "Si tratta di una somma che va di gran lunga al di là
del normale ma una volta che cominci a lavorare alla produzione del film prendi in considerazione soltanto
le considerazioni strutturali e di conseguenza le persone che collaborano con te perché la verità è che in
fondo tutti quei soldi sono indirizzati e utilizzati per le persone che hanno collaborato. Per contro, i set sono
costati relativamente poco e questo può servire a capire la follia di progetti di questo genere.”
"In ogni caso, quello che vedrete sul grande schermo non sarà il solito film in costume," aggiunge il
produttore Bernd Eichinger. "si tratta di un film costoso e questo si vede anche dalle immagini e il pubblico
vedrà delle inquadrature e delle immagini mai viste prima. Tuttavia il pericolo maggiore è quello di scivolare
verso un tradizionale film in costume e trattandosi di un film moderno, gli attori devono indossare i costumi
con la stessa nonchalance con la quale indosserebbero i loro normali abiti. L’autenticità è importante è
vero, ma al tempo stesso avevamo bisogno di un approccio moderno. Un po’ come NEL NOME DELLA
ROSA, film ambientato nel Medio Evo che però non era semplicemente un film in costume. Un film deve
essere in grado di diventare un’opera d’arte indipendente e per raggiungere questo status un autore deve
trovare la maniera giusta di avvicinarsi al film. IL PADRINO, per esempio, non è diventato un grande
classico del cinema perché era pedissequamente fedele al libro ma perché ha rappresentato un qualcosa
di innovativo nel panorama cinematografico."
Il lavoro manuale
Ci spiega Tykwer: “Sin dall’inizio, abbiamo ambientato la storia in una realtà molto intensa e questo servirà
a colmare immediatamente il divario temporale tra l’oggi e l’inizio del XVIII secolo, epoca alquanto lontana
da noi. Volevamo fare un film che avesse una forte capacità di attrazione e che convincesse
immediatamente il pubblico a concentrarsi sulla storia sin dall’inizio, senza lasciarsi distrarre dai richiami
dello sfondo, dell’ambientazione, per quanto attraente potesse sembrare.” Una ricerca approfondita è stata
la chiave per raggiungere quell’obiettivo.
Le due perone responsabili di gran parte delle ricerche sono stati i due vecchi compagni d’armi di Tykwer,
Uli Hanisch e il costumista francese Pierre-Yves Gayraud. “All’inizio, ci siamo concentrati soprattutto sui
quadri, la letterature e le opere degli eruditi del XVIII in Francia, durante il regno di Luigi XV”, commenta lo
scenografo Hanisch. “Il nostro obiettivo era quello di acquistare dimestichezza con quel particolare periodo
rococò, per essere poi in grado di utilizzarlo con naturalezza come sfondo per la nostra storia.” "In termini
storici, il XVIII secolo è meno conosciuto rispetto al XIX, l’era industriale quando l’elettricità e le grandi
macchine hanno cominciato a dominare la vita di tutti i giorni,” spiega Hanisch. Inoltre, i realizzatori hanno
dovuto acquistare dimestichezza con i metodi per lo più segreti di fabbricazione dei profumi, metodi
utilizzati in epoca pre-industriale, prima che sorgessero I laboratori moderni, industrializzati e super
efficienti di oggi. Nel corso delle ricerche, abbiamo anche avuto modo di capire meglio i rischi per la salute
di una particolare attività dell’epoca, che sia nel libro sia nel film distrugge quasi il fisico del giovane
Grenouille quando è impiegato in una conceria in Germania, che ancora oggi concia le pelli ricorrendo ai
metodi tradizionali.
La storia è ambientata tra Parigi e il sud della Francia, dal 1730 al 1760 circa. I realizzatori dovevano
imparare più cose possibili su quel periodo, capire fino in fondo cosa volesse dire “epoca di Luigi XV”, quali
fossero le spinte sociali dell’epoca, come si comportavano le persone e in che cosa credevano. “A mio
avviso, la cosa più interessante del romanzo è che l’autore, Patrick Süskind, non ha descritto la vita
dell’epoca dalla prospettiva delle classi più abbienti. Sicuramente vediamo schizzato il mondo del ricco
mercante Richis, dove la gente indossa abiti eleganti e di buona fattura, partecipa a festa ed incontri, ma
quel mondo, visto sempre e comunque dalla prospettiva di Grenouille, rappresenta solo il 5% dell’intero
film. Il libro ed il film hanno più a che fare con la realtà storica degli strati inferiori, se possiamo usare
questo termine, nella fattispecie, la classe media e bassa della metà del XVIII secolo,” riassume Tykwer.
Per Hanisch, Tykwer e Griebe (già direttore della fotografia di LOLA CORRE, BERLIN BLUES solo per
citarne alcuni e vincitore del Premio German Film), il XVIII secolo pre-industriale nel quale sono ambientati
sia il romanzo che il film si è trasformato, nel corso delle loro ricerche in un’epoca apparentemente più
buia, quasi medievale. Da un lato questo è dovuto al fatto che all’epoca non esisteva un’illuminazione
adeguata e dall’altro lato a causa della storia stessa che viene raccontata. “Il nostro film ha decisamente
un’estetica “dark” e racconta la storia di una personaggio misterioso e oscuro. Ci siamo per questo orientati
verso i pittori che si erano specializzati nell’oscurità con poche fonti di luce, come Caravaggio, Joseph
Wright of Derby e Rembrandt. A quell’epoca la gente aveva solo una candela per illuminare il proprio
mondo. A parte quella fonte di luce, l’universo nel quale vivevano era totalmente buio, nero,” osserva
Tykwer.
Sarebbe stato totalmente fuori luogo se i costumi dell’epoca, soprattutto quelli dei personaggi delle classi
più basse, fossero stati sgargianti e eleganti. “Abbiamo fatto di tutto affinché PROFUMO non apparisse
sterile dal punto di vista dei costumi e di conseguenza abbiamo scritturato un grande costumista che ha
realizzato i costumi con un’estrema precisione,” commenta Tykwer. Il già citato costumista francese PierreYves Gayraud aveva già realizzato i costumi per il premiato cortometraggio di Tykwer, TRUE, dopo aver
conosciuto il regista tramite la star del film LOLA CORRE, Franka Potente, per la quale ha disegnato i
costumi nel film THE BOURNE IDENTITY. Ancor prima di entrare a far parte della troupe, era già una sorta
di genio del XVIII secolo francese. “Un anno prima dell’inizio delle riprese, ho trascorso 15 settimane a fare
ricerche. Ho divorato montagne di volumi, saggi e illustrazioni dell’epoca. Avevo preparato una storyboard
dei costumi per ogni singola scena.” Ha dovuto scavare nelle qualità individuali di ognuno dei personaggi
del film. Grenouille, il forestiero privo di odore, per esempio, necessitava di costumi che avessero colori e
consistenze molto particolari. “Poiché la nostra intenzione era far sì che Grenouille apparisse come un
ombra, un camaleonte, non indossa mai nulla di bianco, e il taglio dei suoi abiti che sono quasi sempre
nelle tonalità del blu, doveva essere mantenuto simile per tutto il film. Questo rendeva più facile il suo
apparire quasi invisibile nell’oscura periferia del suo mondo.” Gayraud ha deciso di vestire Rachel HurdWood, che interpreta Laura, l’innocente figlia del mercante Richis, non utilizzando i vivaci colori dei costumi
regionali dell’epoca ma optando per i toni meno sgargianti della moda parigina, mettendo in risalto le sue
aspirazioni sociali e i suoi fantastici capelli rossi.
Gayraud si è dovuto occupare del poco invidiabile compito di procurarsi i tessuti appropriati e di trovare un
luogo in cui fabbricare letteralmente i costumi. La produzione ha optato per la Romania, dove sono stati
acquistati quasi tutti materiali necessari alla realizzazione dei costumi. In tre mesi, sono stati preparati
circa 1.400 costumi (oltre alle scarpe, i cappelli e tutti gli altri accessori) cuciti nei laboratori di Bucarest e
dintorni, spediti poi sul set. Nessuno degli articoli di abbigliamento però, doveva sembrare nuovo o appena
uscito dalla sartoria. "I nostri costumi dovevano sembrare sporchi e sudaticci, perché i personaggi che li
indossano generalmente erano sudici. Quando i costumi sono stati completati, la prima cosa da fare è
stata fare in modo che sembrassero logori e sdruciti. Il processo di semi-distruzione o invecchiamento dei
costumi doveva renderli totalmente logori e sporchi e devo confessare che si è trattato del lavoro più
pesante dell’intero processo di realizzazione dei costumi," racconta Tykwer. Inoltre, gli attori dovevano
indossare i costumi o almeno abituarcisi prima di cominciare a girare. Racconta Tykwer: "In questa
maniera, gli attori sono riusciti a conoscere qualunque punto o arricciatura del costume che portavano
addosso."
L’invecchiamento o lo sdrucimento dei costumi aveva anche come obiettivo quello di rendere “visibili” nella misura del possibile – gli odori tipici del XVIII secolo, parte integrante del romanzo originale. "La
letteratura lavora sempre sfruttando il cosiddetto transfer sensoriale, perché neanche un libro
generalmente odora." Ma per Tykwer, il film doveva trovare un linguaggio valido “tanto quanto quello
letterario”. Per questo motivo, il nostro universo “cinematografico” doveva essere palpabile, tangibile. Il che
vuol dire che il pubblico doveva essere in grado di vivere in prima persona qualunque cosa attraverso
Grenouille, dal momento della nascita nel sudicio mercato di Parigi,” commenta Tykwer.
Eichinger deve rispondere alla più ovvia delle domande, visto il tema del film, vale a dire come hanno fatto
a rappresentare in maniera cinematografica il genio olfattivo di Grenouille, e la risposta è la seguente:
“Naturalmente sarebbe stato impossibile rendere palpabile sullo schermo il suo olfatto straordinario. E
neanche il libro poteva farlo, del resto. L’incredibile dono di Süskind è stata la sua capacità di far si che i
suoi lettori, attraverso il linguaggio, entrassero in contatto con il mondo di Grenouille, che si rivela solo ed
esclusivamente attraverso l’olfatto. Nel film, abbiamo fatto la stessa cosa usando un linguaggio diverso,
fatto di suoni, musiche, dialoghi e naturalmente immagini. Prendete per esempio un prato illuminato dalla
luce primaverile. Se lo filmi e lo monti come si deve, riesci non solo ad avere un’impressione atmosferica
ma riesci addirittura a sentirne il “profumo”. E’ un po’ quello che vediamo tutti giorni negli spot televisivi del
caffè, che pubblicizzano il suo inconfondibile aroma. Anche in questo caso non vengono mai usati effetti
speciali, ma si vede quasi sempre una tazza di caffè fumante e poi, all’improvviso, c’è qualcosa che fa
appello al subconscio dello spettatore che ti da l’impressione che il caffè che si vede sullo schermo abbia
veramente “un aroma meraviglioso”. E noi abbiamo fatto del tutto per ottenere lo stesso effetto.
Il passo successivo per Tykwer e Eichinger è stato decidere dove costruire i più di 100 set necessari per
dare vita alla complessa storia. Le esigenze erano le più svariate: dalla ricostruzione delle viscere del luogo
più sudicio della terra (il mercato del pesce di Parigi nel 1750) ad uno dei luoghi più ameni del tempo (la
luminosa e odorosa città di Grasse, nel sud della Francia).
Inizialmente era stata presa in considerazione la Croazia, per i suoi scenari e per le antiche cittadine
conservate ancora alla perfezione. I realizzatori hanno anche considerato l’ipotesi più ovvia, vale a dire
girare il film nei luoghi originali in cui è ambientata la storia, in Francia, ma hanno capito subito che la Parigi
e la Grasse di oggi erano lontane mille miglia da quelle descritte nel romanzo e trovare le location giuste
avrebbe richiesto delle ricerche troppo lunghe e complicate. Ed è stato in Spagna che hanno trovato una
vera El Dorado in termini di location poiché sono riusciti a identificare nelle città di Barcellona, Gerona e
Figueras (in un raggio totale di soli 200 km) tutte le strade e le piazze delle quali avevano bisogno le quali,
pur non essendo totalmente autentiche, potevano essere facilmente convertite in ambientazioni in stile
“Luigi XV” senza troppi sforzi. Il sindaco di Barcellona ha collaborato in maniera fantastica con i realizzatori
ed ha organizzato un’ufficiale campagna di benvenuto per la produzione. E’ stata necessaria un’intera
settimana di riprese per girare la scena in cui Grenouille si presenta davanti alla folla che è accorsa per
assistere alla sua esecuzione. Il Pueblo Español, un popolare museo all’aperto, è stata la location perfetta
per questa straordinaria scena che ha richiesto la presenza di 750 comparse, supportate da 40 addetti al
trucco e 35 addetti ai costumi.
E’ la spettacolare scena finale del film: migliaia di persone piene di odio e di rancore aspettano
l’esecuzione di Grenouille ma quando il giovane scende finalmente dalla carrozza e si presenta davanti alla
folla inferocita i loro sentimenti cambiano all’improvviso, a causa del profumo di Grenouille e l’odio si
trasforma dapprima in simpatia, poi in affetto, andando fino all’ammirazione, per finire con una autentica
devozione. La scena termina in una sorta di estasi d’amore nella quale la gente raccolta sulla piazza si
riversa su chi gli sta vicino, si toglie i vestiti di dosso e si fonde in un gigantesco abbraccio erotico. "Era un
compito quasi impossibile in termini di drammaturgia emotiva, visto che la credibilità dei sentimenti espressi
da quella folla dipendeva da centinaia di comparse senza alcuna esperienza cinematografica: erano loro
ad avere l’arduo compito di rappresentare con le espressioni dei volti e con i movimenti dei loro corpi
questa incredibile trasformazione ed essere credibili. La mia difficoltà era: 'Come faremo a riuscirci?'”
ricorda Tom Tykwer. "Avevo sempre immaginato questa sequenza come una specie di coreografia , simile
quasi ad un’esibizione di danza ma che fosse al contempo il più naturale possibile." Poi Tykwer ha pensato
alla compagnia di danza e teatro “La Fura dels baus” , la cui sede è proprio a Barcellona e della quale è
sempre stato un grande ammiratore. Non appena avuta l’idea li ha convocati sul set e loro hanno risposto
con grande entusiasmo. “ Il direttore artistico di La Fura dels Baus, Jürgen Müller, e il suo assistente, Lluis
Fuster, hanno ingaggiato circa 50 "attori chiave" scelti tra i loro artisti, hanno aggiunto circa 100 persone
con una certa esperienza di recitazione e danza – giovani attori e comparse con una certa esperienza alle
spalle – e così facendo siamo riusciti a costituire il nucleo centrale di quella immensa folla, costituito per
l’appunto da 150 personaggi. Le restanti 600 comparse sono state sistemate intorno al nucleo centrale e il
tutto è stato provato meticolosamente diverse volte e alla fine siamo riusciti a girare la scena nella quale gli
attori non dovevano soltanto mostrare delle forti emozioni, ma dovevano anche spogliarsi a vicenda e
abbracciarsi. Togliersi di dosso i costumi dell’epoca era già una impresa che richiedeva una certa pratica
individuale per far si che la cosa non apparisse troppo complicata davanti alla macchina da presa. Per non
parlare delle difficoltà di tutti coloro che hanno dovuto partecipare a quello che segue…
"Le 750 persone che hanno interpretato la scena finale ci hanno regalato una prestazione straordinaria che
ha del miracoloso e si sono mosse come se si trattasse di un unico grande attore," commenta Tykwer con
soddisfazione. "E 'La Fura dels Baus' ci ha dato un contributo straordinario perché ci ha aiutato a catturare
la stupefacente esplosione di sentimenti e passioni che rappresenta l’apice del film.”
"PROFUMO – storia di un assassino” è un “road movie” perché Grenouille è sempre in movimento e va
di stazione in stazione,", commenta il regista Tom Tykwer nel descrivere la struttura spaziale della trama.
"Grenouille va dall’orfanotrofio alla conceria di Parigi, poi si trasferisce dal suo maestro, Baldini.
Successivamente si sposta in mezzo alle montagne, scompare in una grotta e infine emigra a Grasse,
dove inizia la vera storia degli omicidi. Si tratta di un film unico per tutti i diversi motivi presenti nel romanzo
che dovevano essere descritti nel film per ricreare il XVIII secolo in tutti i suoi dettagli. E non avevamo nulla
che risalisse a quel periodo!" E quindi tutti, “e quando dico tutti lo dico con sincerità” i bottoni degli abiti dei
ricchi borghesi che si vedono nel film sono stati dipinti a mano. O anche la preparazione di più di mille
flaconi di profumo, riempiti a mano con un liquido colorato, non si tratta di profumo naturalmente. Inoltre,
sono stati realizzati 150 flaconi speciali per le scene nella profumeria che hanno nomi romantici quali
"Amore e psiche " o "Notturno napoletano".
Alla fine dell’estate del 2005, l’incaricata della produzione Christine Rothe, ha dato mandato di trasformare
il centro storico di Barcellona, il famoso Barrio Gotico, nel “luogo più sudicio della metropoli più sporca del
XVIII secolo" – il mercato del pesce di Parigi. Oltre a questo, 350 membri della troupe hanno trascorso 29
giorni a Barcellona per ricostruire le vie e i vicoli di Parigi, incluso quello che ospita la profumeria Pelissier,
dove Grenouille ha il primo contatto con un’essenza imbottigliata. Barcellona è anche stata la città in cui
sono state girate le sequenze ambientate a Grasse, comprese quelle presso la villa di Richis, la cattedrale,
e la grande piazza della città dove Grenouille deve essere giustiziato.
100 persone hanno lavorato alla costruzione del set a Barcellona. Tutto quello che appariva troppo
moderno nel Barrio Gotico è stato coperto con costruzioni di lattice che avrebbero nascosto articoli
inadeguati come i cavi elettrici o le moderne cornici delle finestre. Il lattice è stato poi “invecchiato” affinché
si mescolasse con gli antichi edifici esistenti.
Ma tutti gli sforzi in termini di manodopera e macchinari sono nulla se paragonati al risultato che Tom
Tykwer voleva raggiungere: "Tom desiderava realizzare un film realistico e non uno spettacolo in costume,"
conferma il costumista Pierre-Yves Gayraud e per questo motivo, Tykwer non si è fermato davanti alla
deliberata quasi distruzione di 100 costumi nuovi. Le unità dei cosiddetti “guastatori dei costumi” erano
composte da circa 60 persone che hanno utilizzato secchi, e tubi per distribuire per la città vari tipi di detriti
e schifezze, che alla fine delle riprese sono stati naturalmente portati via, senza lasciare alcuna traccia.
Guardando indietro, Tykwer è più che fiero del lavoro fatto dai “guastatori”. “Sono stati dei giorni folli ma
meravigliosi, durante i quali abbiamo trasformato una magnifica piazza recentemente restaurata della
vecchia Barcellona nel lurido e puzzolente mercato del pesce di Parigi.” Tanto per dare qualche cifra, 2
tonnellate e mezzo di pesce e una tonnellata di carne sono stati sparpagliati sulla piazza, lasciando un
fetore disumano percepibile da chilometri di distanza. Le tonnellate di sporcizia sparse in giro dell’unità dei
guastatori dovevano essere portate via il giorno stesso. La produzione ha insozzato interi tratti di strada ma
aveva il permesso di girare solo tra le 8 e mezzogiorno. Le comparse, dal canto loro, dovevano presentarsi
per il trucco ed i costumi (che comprendevano anche parrucche e finte dentiere) all’una del mattino perché
il processo di preparazione era piuttosto lungo e richiedeva quasi 6 ore. Le comparse spagnole sono state
istruite per quanto riguardava le professioni che dovevano fingere di svolgere nel film. Si trattava o di veri
professionisti di quei settori, come per esempio i pescivendoli, oppure di comparse generiche che hanno
dovuto imparare anche i rudimenti del mestiere.
Per il reparto trucco e acconciature, guidato da Waldemar Pokromski la vera sfida è stata raggiungere la
giusta autenticità e intensità. “Quasi sempre, il trucco soprattutto all’inizio è troppo bello per essere
credibile e quindi ci è voluto un po’ di tempo per trovare l’equilibrio,” commenta Tykwer con una strizzatina
d’occhi. Poi abbiamo imparato che bastava stropicciare il trucco sulla faccia, arruffare un po’ i capelli e
stropicciare deliberatamente i costumi per ottenere quello che volevamo.
Oltre ai 29 giorni trascorsi a Barcellona, la troupe ha trascorso 8 giorni nella vicina Girona e 15 nella città di
Salvador Dalì, Figueras. Entrambe le location si trovano nell’angolo nord orientale della Spagna, non
lontano dai Pirenei al confine con la Francia. Molte delle scene ambientate in montagna o nei boschi sono
state girate nei dintorni di Girona che è servita anche ad ospitare il set per le scene ambientate nella casa e
nello studio della signora Arnulfi, dalla quale Grenouille impara l’elaborata arte dell’enfleurage, l’estrazione
del prezioso olio essenziale dai fiori. Il pittoresco Castell de San Ferran di Figures si è prestato per ospitare
una serie di set tra I quali quello della conceria di Grimal e le porte della città di Parigi. Le sue segrete
sono state utilizzate proprio per lo scopo per le quali erano state costruite, vale a dire girare le scene in cui
Grenouille è imprigionato. Anche la grotta del Massiccio Centrale in cui Grenouille scopre di non avere
nessun odore è stata ricreata a Figueras.
Nei 52 giorni trascorsi in Spagna, i 100 set e location sono stati utilizzati in media solo per mezza giornata
ogni volta. Ma nonostante ciò, la troupe, (a parte la sequenza dell’esecuzione) non è mai rimasta sullo
stesso set per più di tre giorni, secondo il piano di lavorazione stilato dell’incaricata della produzione
Christine Rothe.
Girare tutto il film in studio è stata un’ipotesi mai contemplata da Tykwer e Eichinger sin dall’inizio:
"Costruire più di 100 set diversi in studio ci sarebbe costato 10 volte tanto. Per questo film abbiamo avuto
bisogno di 65 set in esterni e di un numero infinito di stanze, e ricostruirle tutte sarebbe stato troppo
costoso. Inoltre desideravo utilizzare dei luoghi veri soprattutto per le scene in esterni, per catturare la
realtà che era alla base del successo del film,” conclude Tykwer.
Quando gli viene chiesto quali sono state le difficoltà nello gestire un budget così importante,il produttore
Bernd Eichinger risponde come segue: “La cosa importante è lavorare con intelligenza dal punto di vista
finanziario, nel senso che non è necessario girare troppe scene che poi verranno sicuramente scartate,
tanto per fare un esempio. E’ uno spreco prolungare inutilmente la durata delle riprese. Una produzione
economica ed intelligente non si giudica tanto dalla quantità di soldi utilizzati ma dalla professionalità e
dalla considerazione di quello che deve essere il risultato finale. Si comincia sin dalla sceneggiatura, con
un’attenta pianificazione delle scene e delle sequenze più delicate e complicate. E quindi la vera domanda
é: di cosa ho veramente bisogno per questo film e cosa invece non mi serve?
Dustin Hoffman e Ben Whishaw hanno fatto una settimana di prove e un corso accelerato nell’arte della
profumeria prima delle due settimane di riprese presso i Bavaria Studios a Monaco. Le loro scene sono
state girate in continuità permettendo agli attori di seguire l’evoluzione naturale del rapporto tra i due
personaggi. Il laboratorio del venerabile maestro profumiere Baldini (Hoffman) è stato costruito presso i
Bavaria Studios di Monaco e le riprese sono iniziate nel luglio del 2005.
Quando ha letto il romanzo, Tykwer aveva già in mente un altro storico duetto: "La dinamica tra Baldini e il
suo allievo ha molto a che vedere con la competizione che c’era tra Salieri e Mozart. Il giovane Mozart,
con le sue esuberanti capacità artistiche faceva letteralmente impazzire il vecchio maestro Salieri. Anche in
PROFUMO, abbiamo un vecchio maestro che denigra il suo giovane studente e che scopre velocemente
che quello che ha di fronte è un autentico genio, nettamente superiore a lui. E questo lo distrugge,
generando una dinamica che può ripetersi ovunque. Questo grande duello di dieci minuti tra il vecchio
maestro e il suo apprendista è molto carico dal punto di vista emotivo,” spiega Tykwer. "Dustin, che non
aveva letto il romanzo, è riuscito in maniera magistrale a dare corpo a questo transfer psicologico, nel
quale l’allievo si trasforma in maestro. Naturalmente, all’inizio il Maestro Baldini esercita un dominio
assoluto sul suo allievo, ma durante le riprese svoltesi come abbiamo già detto in continuità, il potere di
Ben/Grenouille comincia lentamente ma con decisione ad affermarsi sull’altro.”
La scelta di scritturare Dustin Hoffman, pluripremiato con l’Oscar, per il personaggio di Maestro Baldini non
è stata solo una benedizione ai fini della struttura drammatica del film, ma per le intere riprese. "Dustin è un
attore molto potente che ama il suo lavoro di un amore quasi infantile, gioioso. E questa è una qualità
imbattibile che crea un’incredibile libertà. Tutta la troupe lo adorava e nel giro di poco tempo è riuscito a
conoscere tutti quelli che erano sul set. Questo crea tanto calore e un’atmosfera cordiale, amichevole. Sin
dall’inizio ci ha espresso in maniera chiara quanto fossimo fortunati a poter lavorare in un campo nel quale
una manciata di persone possono vivere un’esperienza artistica così intensa, che girare un film è una
specie di esperienza di gruppo simile a quelle che fanno le società dei cospiratori. Dustin ha dato tutto al
suo personaggio: l’umorismo mischiato alla fragilità e al narcisismo, insieme a tanto calore e cordialità,”
aggiunge Tykwer.
Il partner di Hoffman, Ben Whishaw, ha vissuto giorni incredibili lavorando insieme a Hoffman: "E’ stato
incredibile vedere come è riuscito ad alleggerire l’atmosfera sul set e a rendere le giornate lavorative un
vero piacere per tutti. Credo che sappia esattamente quanto sia importante divertirsi lavorando. Dustin mi
ha trasmesso la sensazione che è necessario affrontare il lavoro sempre con una certa sfacciata dose di
distacco e mancanza di rispetto per poter prendere una boccata d’aria quando senti di non farcela."
Il giovane attore inglese Ben Whishaw ha questo da dire a proposito del suo regista: "Lavorare con Tom è
un’esperienza fantastica. Per quanto mi riguarda, posso affermare che mangia pane e film, tutti i giorni e
tre volte al giorno. Non ho mai incontrato un regista che ascolti gli attori con una tale onestà e che non si
limiti a chiedere o a pretendere cose da loro. E’ veramente e sinceramente interessato a quello che hai da
dire e rispetta le idee degli altri. Al tempo stesso, è incredibilmente disponibile e collaborativo.” Parlando
del produttore Bernd Eichinger, l’attore dice: "Per un certo periodo ero piuttosto agitato nei confronti di
Bernd perché sapevo che la realizzazione di PROFUMO era uno dei suoi grandi obiettivi di una vita e che
aveva combattuto 20 anni per ottenere i diritti. Di conseguenza mi sentivo totalmente obbligato nei suoi
confronti e sapevo che non potevo deluderlo, per nessun motivo. Per fortuna, dopo qualche giorno mi sono
reso conto che tutti i miei nervosismi e le mie paure erano inutili e fuori luogo, e oggi posso dire di averlo
apprezzato profondamente come persona. L‘unica cosa che gli interessa è portare a termine il suo progetto
nella maniera migliore possibile ed è una cosa che io rispetto pienamente.”
Tom Tykwer ha visto Ben Whishaw, che all’epoca aveva 23 anni, interpretare Amleto a teatro ed è rimasto
incantato dalla sue performance. Successivamente, Tom ha fatto delle sessioni di prova con lui. “E quando
mi ha mostrato i nastri dei provini, ho pensato che sarebbe stato perfetto per il ruolo. Eravamo più che certi
di aver trovato il nostro protagonista e nonostante Ben fosse relativamente sconosciuto, aveva l’età giusta
e anche il fisico ideale per interpretare Grenouille. Ben incarna il mix preciso di fascino e mistero."
Ma Whishaw non avrebbe mai deluso Eichinger, perché aveva capito sin da subito la psicologia del suo
tragico personaggio, Grenouille, proprio come il produttore: "La passione ossessiva di Grenouille che anela
a produrre il profumo ideale si basa su due principi: da un lato, il desiderio inconscio di essere amato e
dall’altro la paura di essere un membro invisibile di questa società, la paura primitiva di essere totalmente
soli al mondo. Ed è esattamente questa paura che motiva Grenouille."
Per potersi adattare fisicamente a questo strano personaggio, Whishaw ha studiato la psicologia degli
animali per scoprire, come dice lui, le qualità animalesche di Grenouille. "Tom ed io abbiamo analizzato
diverse specie di animali, tra i quali alcuni predatori come tigri e leopardi ma abbiamo scoperto un primate
antico, il nitticebo, che appartiene alla famiglia dei lemuri. Nonostante si muova in maniera disperatamente
lenta, è una creatura minacciosa e demoniaca.”
Il regista non ha mai dubitato del fatto che Ben Whishaw fosse l’attore ideale. "Abbiamo fatto provini in tutto
il mondo, soprattutto in Inghilterra, in cerca di attori maschili. E lì abbiamo visto più di 100 attori tra i 20 e i
35 anni. Sono in tanti ad aver letto il romanzo e quindi abbiamo dovuto trovare un attore che fosse non solo
adatto ai nostri occhi ma che rispondesse anche alle aspettative dei lettori che conoscevano bene il libro e
il personaggio. Poco dopo, è apparso immediatamente chiaro che avevamo bisogno di un attore quasi
sconosciuto, un volto nuovo diciamo. Inoltre, l’attore che avrebbe dovuto interpretare Grenouille doveva
essere in grado di sostenere l’intero film sulle sue spalle. E siamo stati più che fortunati a trovare in Ben un
attore che al contempo è totalmente fresco ma che è anche dotato di un incredibile talento ed è in grado di
inchiodarti allo schermo, afferma con soddisfazione Tykwer.
La cosa che Whishaw ama particolarmente nel suo compatriota, l’attore Alan Rickman, che interpreta
Richis, l’astuto mercante di Grasse, è la sua voce incredibile. Rickman è in grado di interpretare una scena
in maniera molto stringente ed essere al contempo etereo; “recita in maniera molto profonda ed intensa e
quando sei accanto a lui sei sempre consapevole che oltre a ciò che vedi, sono tante le cose che
succedono appena sotto la superficie.”
Neanche Rickman aveva letto il romanzo e per lui il libro era una specie di icona sconosciuta. Di
conseguenza, quello che lo ha spinto ad accettare il ruolo è stata la teoria seconda la quale un film
appartiene esclusivamente al regista e quindi quello che conta è lavorare con un regista “eccellente.” "Sono
un grande ammiratore di Tom e del suo lavoro. I suoi film sono talmente unici che prima di conoscerlo
pensavo che avrei incontrato una specie di dittatore privo di senso dell’umorismo. Invece, sebbene Tom
sia incredibilmente determinato sul suo lavoro, è anche la persona più affascinante, aperta e altruista che
abbia conosciuto. Di conseguenza l’atmosfera sul set è stata magnifica e più che piacevole sin dall’inizio,”
racconta Rickman ripensando alle riprese del film. Questo eccezionale attore, famoso anche tra i più
giovani per l’interpretazione magistrale dell’imperscutabile stregone Severus Snape della saga di HARRY
POTTER, descrive il produttore Eichinger in questi termini: "E’ estremamente raro incontrare un produttore
così colto e che faccia il suo lavoro con tanta passione, spirito collaborativo ed eccentricità, tutto
contemporaneamente.”
Il regista di PROFUMO, Tom Tykwer era più che consapevole di tutte le complessità inerenti il ruolo di
Richis: "Avevamo bisogno di qualcuno che fosse la perfetta controparte di Grenouille: e questo voleva dire
che l’attore scelto non soltanto doveva essere in grado di interpretare il ruolo di un padre molto affettuoso
ma anche di calarsi nei panni del rivale all’altezza di un brillante omicida. E anche se a mano a mano che
la storia va avanti si abbia l’idea che Grenouille sia ormai invincibile, Richis dal canto suo si evolve in una
maniera tale che ti porta a pensare: ‘Forse riuscirà a battere Grenouille.’
Rickman descrive il suo personaggio in poche battute: "Richis è definito semplicemente dall’amore
esagerato che nutre per la figlia. Le sue parole: 'Sei tutto ciò che mi resta’ sono le tipiche parole di un
vedovo che deve vivere senza l’amata moglie. La storia completa del personaggio è praticamente quella di
un uomo che tenta disperatamente di proteggere sua figlia da un pericolo sconosciuto che potrebbe
nascondersi da qualche parte: sugli alberi o tra i cespugli, nelle vie secondarie o negli angoli bui, o
comunque ovunque viva qualcuno." Rickman è stato particolarmente attratto da PROFUMO per il
contrasto che c’è tra il mondo scintillante, lussuoso e pulito nel quale vivono Richis e sua figlia, e il mondo
pieno di ombre, sporco e marcio che si nasconde dietro alle crinoline dell’aristocrazia. "Profumi e odori
piacevoli influenzano tutto il film, in maniera piacevole e terribile, al tempo stesso,” conclude l’attore.
INTERVISTA A TOM TYKWER
Quando è nato il suo interesse per il romanzo “Profumo”?
Avevo poco più di vent’anni e a quell’epoca quasi tutti quelli che conoscevano erano rimasti affascinati da quel libro
tranne me, forse perché in quel periodo non ero troppo interessato ai romanzi ambientati nel passato, leggevo
romanzi contemporanei e vedevo solo film ambientati ai giorni nostri. Ma quando alla fine mi sono convinto a leggerlo
sono rimasto molto colpito e la cosa che mi ha interessato maggiormente sono stati gli aspetti arcaici ed universali
della storia.
In che modo è stato influenzato dal romanzo all’epoca?
Le impressioni più forti erano quelle sensoriali: la descrizione esplicita della sporcizia e dei rifiuti che affliggeva la vita
quotidiana che era sembra avvolta nel buio. Diciamo che la cosa che mi aveva colpito di più era stata proprio
l’oscurità, il buio. E’ un romanzo pieno di quadri affascinanti e di grandissimo momenti molto drastici ed estremi: la
nascita di Grenouille sotto i banchi del mercato del pesce, la scoperta di Parigi come cosmo olfattivo, gli omicidi
quasi teneri delle vittime così idealizzate e naturalmente il finale spettacolare e sorprendente. La maniera in cui
Süskind descrive delle situazioni drastiche è fantastica ma la cosa che mi è piaciuta di più – e che mi colpisce ancora
oggi – è che il libro riesce a trovare un’ambientazione estremamente vivida e fisicamente sconcertante per una storia
che è per sua natura tragica e tenera al contempo. “Profumo” racconta soprattutto la storia di una solitudine
catastrofica di un uomo che non ha mai conosciuto l’amore o l’affetto durante l’adolescenza e che di conseguenza
diventa incapace di avere a che fare con i sentimenti. Per questo si rifugia in un mondo in cui contano solo le
sensazioni, il mondo dell’olfatto e dei profumi, e sviluppa uno stile di vita nel quale non c’è spazio per nessuno
schema sociale o per nessuna idea di moralità. Il significato dell’odorato nella nostra percezione del mondo, un tema
enorme, bello e molto interessante. Un altro elemento centrale del libro era la descrizione della solitudine totale di
una persona che vive sempre in mezzo alla gente; la sua lotta per essere riconosciuto è inconscia e al tempo stesso
inutile e culminerà in una catastrofe. La domanda esistenziale che si pone il protagonista è: come posso fare i conti
con la mia apparente irrilevanza? e Süskind fornisce alcune risposte che sono al contempo semplici e scioccanti.
E allora, secondo lei, perché il libro ha avuto e ha ancora tutto questo successo?
E’ una domanda che mi sono fatto tante volte: come è possibile che una storia di fantasia, piuttosto surreale e
ambientata nel XVIII secolo, abbia affascinato tanti lettori in tutto il mondo? Quando mi sono concentrato su questo
quesito e mi sono messo in cerca di risposte, ho scoperto che molti di coloro che avevano letto il libro e lo avevano
amato, lo consideravano una specie di tesoro segreto del quale solo loro avevano la chiave. E’ un libro che la gente
preferisce leggere in solitudine, o del quale non ama discutere troppo con gli altri, perché è un libro che parla di
solitudine e del mito del genio non riconosciuto. Grenouille è un eroe tragico e solitario, un emarginato eccentrico e al
tempo stesso praticamente invisibile, come un personaggio di Sartre o il protagonista di TAXI DRIVER. Si tratta di
personaggi che noi tutti conosciamo, persone animate da un desiderio non esaudito di essere riconosciute ed
accettate, che vogliono essere riconosciute per poter sapere di esistere e solo in quel modo riescono a trovare, a
volte e solo temporaneamente - una vita d’uscita dalla loro misera condizione. Grenouille sfrutta il suo straordinario
talento, il suo spettacolare olfatto, per lasciare l’oscurità dell’isolamento e entrare nella luce dell’adulazione. Süskind
è stato il primo scrittore a mettere in luce l’importanza dell’olfatto nei nostri atteggiamenti verso il mondo che ci
circonda e a farne il tema centrale del suo romanzo. Tutti noi abbiamo un rapporto profondo e sostanzioso con gli
odori, i profumi perché influenzano i nostri schemi di memoria e noi li percepiamo come rappresentazioni astratte
della nostra storia. Formano la nostra identità perché guidano in maniera sottile i nostri comportamenti in quasi tutti i
contesti della nostra vita. Questo vuol dire che questo romanzo è non soltanto un romanzo storico basato su
approfondite ricerche ma anche e soprattutto, un viaggio psicologico all’interno di un mondo che ci è familiare ma
che al contempo è scarsamente illuminato. Ci sfugge quasi il fatto che Süskind ci renda complici nostro malgrado di
un criminale e che ci porti addirittura a sperare in una sua assoluzione, anche se al contempo siamo consapevoli che
la sua caduta è inevitabile. “Profumo” è anche una sorta di studio sull’ideologia del mondo estetico. Il libro parla di
come confondiamo i nostri ideali estetici con la realtà. Il mondo contemporaneo, soprattutto in Occidente, è dominato
dalla presenza di star e celebrità che rappresentano un sistema di credenze nel quale la superficie scintillante di una
persona consolida, giustifica ed addirittura definisce la nostra stessa esistenza. Questa falsa credenza viene fatta a
pezzi nel libro di Süskind. All’epoca di Grenouille, essenze profumate e saponi erano merci rare e preziose,
accessibili solo ai ricchi. E poi all’improvviso, ecco che arriva questo ometto, semplice e quasi invisibile, che crea un
super profumo per se stesso e che diventa una specie di superstar da un giorno all’altro. Questo ci fa pensare per
certi versi all’odierno star system, in cui le persone si travestono o addirittura si sottomettono ad interventi di chirurgia
plastica per raggiungere un non ben precisato ideale di bellezza o perfezione, cosa che generalmente non
raggiungono. “Profumo” è intriso di questa tragedia.
Sebbene il romanzo fosse basato su accurate e precise ricerche storiche, anche lei ha dovuto fare notevoli
ricerche. In cosa il film è diverso dal libro?
L’idea al centro del libro che prevede la presenza di un protagonista che è al tempo stesso fantastico e fanatico si è
rivelata un grosso scoglio in fase di scrittura perché il pubblico a questo punto è diviso tra fascino e paura. Avere un
“genio” come protagonista di un film è sempre problematico perché sviluppi una distanza naturale da lui visto che
nessuno di noi generalmente si considera un genio. Per questo motivo, si tende a mettere accanto a personaggi così
straordinari una controparte che sia più nella media e attraverso la quale l’eroe viene visto come un personaggio
quasi esotico. Un esempio tipico di questi meccanismo ci viene dal film diretto da Milos Forman, AMADEUS, nel
quale la storia del genio ossessivo Mozart viene vista attraverso gli occhi del compositore più vicino alla media,
Salieri. Ma Bernd ed io abbiamo deciso di raccontare la storia di Mozart senza mettergli un Salieri accanto. Abbiamo
capito che la gente avrebbe condannato le gesta di Grenouille solo dall’esterno ma non internamente e che doveva
esserci il modo per mantenere vivi l’interesse ed il fascino per questo strano genio. Alla fine Andrew Birkin ci ha
mostrato come esplorare i labile confini della tolleranza in un potenziale pubblico. Andrew è un accanito ricercatore,
ed è molto meticoloso nel suo lavoro, e questa è una cosa che ammiro profondamente. Aveva preparato un piccolo
laboratorio privato che gli è servito per capire meglio cosa fosse l’enfleurage e il lavoro di profumiere. E’ anche
riuscito a trasporre il linguaggio di Süskind e la sua intonazione unica nella sceneggiatura, per far si che si
evolvessero naturalmente nei dialoghi del film. Abbiamo lavorato tanto su questa sceneggiatura, dedicandogli più di
due anni. Abbiamo anche passato parecchio tempo nella capitale dei profumi, Grasse. La maggior parte dei “nasi”
più famosi del mondo vivono a Grasse e così come i musicisti sono dotati di un udito perfetto, i “nasi” hanno un
olfatto infallibile. Molte delle informazioni contenute nel libro e nel film poi sono venute proprio da loro.
Quali erano le caratteristiche necessarie all’attore che avrebbe dovuto interpretare Grenouille?
Diciamo che ci trovavamo di fronte ad un dilemma di difficile soluzione. Il potenziale protagonista doveva essere al
contempo innocente e criptico. Doveva essere giovane ma la tempo stesso doveva avere l’aspetto di una persona
che conosce la vita. Doveva essere relativamente sconosciuto ma al tempo stesso abbastanza forte in termini di
presenza scenica da poter reggere l’intero film perché il protagonista appare praticamente in tutte le scene del film. E
così, dopo lunghe ed estenuanti ricerche sono andato all’Old Vic Theatre a Londra, su consiglio dell’agente Michelle
Guish per vedere il ventitreenne Ben Whishaw interpretare Amleto e ho capito subito che era lui il mio Grenouille.
Ben è un attore molto intelligente che usa il suo corpo in maniera particolare, con tanta disciplina rasentando a volte
l’ascetismo. Ci siamo trovati immediatamente d’accordo e abbiamo trascorso tanto tempo a parlare e a provare le
scene del film per far si che lui si immedesimasse nel personaggio. Ben è stato il grande colpo di fortuna di questo
film perché ci ha permesso di rendere accessibile al pubblico il bizzarro personaggio di Grenouille, dando al film la
sua anima.
Il suo opposto è Laura. Che cosa doveva avere la giovane attrice in questione per dare il suo contributo al
film?
La proiezione di Grenouille sulle giovani donne, soprattutto per quanto riguarda Laura, non ha un’implicazione
sessuale diretta: Grenouille idealizza l’utopica e verginale aurea che le circonda. Tuttavia, ci sembrava ugualmente
importante che le attrici che interpretavano Laura e la sua prima vittima, la venditrice di prugne, apparissero come
persone che conoscono i fatti della vita e non sembrassero delle adolescenti senza esperienza. Per questo motivo
avevamo bisogno di un’anima vecchia in un corpo giovane. L’attrice tedesca Karoline Herfurth è certamente una
persona di questo tipo mentre l’altra attrice, l’inglese Rachel Hurd-Wood, interpreta un personaggio che è molto al di
là delle portata di Grenouille e per questo appare irraggiungibile. E alla fine siamo riusciti a trovare un’attrice che
somiglia molto al personaggio descritto nel romanzo, che è dotato di un fascino irresistibile, di un’aperta giocosità e
di tanto carisma.
Come le è venuto in mente di scegliere Dustin Hoffman per interpretare Baldini?
Non riuscivo a pensare a nessun altro per quel ruolo. Per me, Dustin è l’immagine stessa dell’attore di Hollywood.
Come Robert de Niro, nel corso della sua carriera ha interpretato i personaggi più vari molti dei quali hanno fatto
storia. Ma al contempo, Dustin è circondato da una specie di aura fatta dall’incontro tra ironia e serietà. Può
strappare un sorriso anche nella storia più drammatica e dare peso a consistenza alla più leggera delle commedie, il
che vuol dire che riesce a mantenere costantemente un velo di ambiguità. Baldini è un personaggio estremamente
importante del film e del romanzo perché è l’unica vera controparte del personaggio di Grenouille il quale, altrimenti,
sarebbe andato avanti per tutto il film senza interagire praticamente con nessuno. Da un lato, Baldini vuole arricchirsi
con Grenouille e dall’altro il rapporto “maestro-allievo” o “Mozart-Salieri” non funziona. Ben e Dustin si sono trovati
molto bene sul set ma al contempo si capiva che tra di loro c’era una sana competizione, fantastica da seguire per
chi li stava a guardare. Dustin è dotato di tanta energia e umorismo e si lascia letteralmente trasportare dalla pura
gioia della recitazione, e questo è stato assolutamente contagioso sul set. Continuava a ripetere che non esiste un
solo metodo, ma 500 e il vero trucco era trovare quello giusto. Spesso lasciavamo la macchina da presa accesa e
cercavamo l’intonazione, la sfumatura giusta. Forse questo metodo può apparire caotico, e così è stato all’inizio, ma
alla fine è stato incredibilmente liberatorio per me perché ha portato un non so che di giocoso nella recitazione.
E come si è inserito in questo “dream team” Alan Rickman che interpreta il commerciante Richis?
Alan è sempre stato la mia prima scelta per il personaggio di Richis e lui ha accettato immediatamente la nostra
proposta. Non conosco nessuno più attento ai testi di Alan e capace di affrontare alcune scene con tanta eleganza e
originalità. Nella parte finale del libro, la storia ruota intorno a due personaggi contrapposti e molto potenti:
Grenouille – diventato ormai quasi imbattibile – e Richis per l’appunto – che doveva essere un personaggio piacevole
ma che al contempo potesse anche eguagliare Grenouille. Richis è un vedovo la cui unica e adorata figlia si trova
all’improvviso in grave pericolo. Richis è una persona molto istintiva ed è l’unico che possa in qualche modo
contrapporsi a Grenouille. Sapevo che avevamo bisogno di qualcuno che non solo fosse in grado di farsi rispettare
come personaggio ma che riuscisse anche a conquistare il rispetto del pubblico in poco tempo. Alan è un’autentica
presenza e si sente a suoi agio nei film in costume perché li indossa come se non avesse mai indossato altro.
Il produttore, Bernd Eichinger, è uno dei più grandi cineasti di oggi, e non solo in Germania. Come è stato
lavorare con lui?
Non so rispondere perché non saprei come descrivere Bernd. Diciamo che fondamentalmente è pazzo, e che ha
venduto l’anima al cinema. E’ completamente ossessionato ma al tempo stesso ha un lato molto pragmatico che lo fa
essere sempre pronto e vigile e che gli da il senso delle proporzioni. Come regista non potrei desiderare un
produttore diverso da lui: un produttore capace di pensare senza alcuna restrizione creativa e al tempo stesso in
grado di finanziare qualunque cosa in maniera ragionevole e organizzare le cose alla perfezione. E’ una persona che
ti spinge sempre ad andare avanti ma che al tempo stesso ti pone domande ed è dotato di un entusiasmo smisurato.
Se lavori con Bernd sai di poter contare su un cineasta purosangue e non solo con un amministratore di bilanci e
finanze. La prima volta che ci siamo incontrati io stavo attraversando una crisi dopo il cortometraggio TRUE e non
avrei mai lontanamente immaginato di poter dirigere un film come PROFUMO. Ma Bernd era pieno di energie e
credeva fortemente nel progetto. Aveva già una visione ben precisa del film che mi ha letteralmente affascinato. E
quando ho riletto il romanzo, ho scoperto che era il materiale adatto per me. Prima di allora, le nostre strade non si
erano mai incontrate e per me Bernd era una specie di mito perché aveva prodotto tanti film importanti quando io ero
ancora un adolescente. Tra di noi si è stabilita una forte energia creativa sin dal primo incontro scaturita dalla
simpatia reciproca, perché abbiamo capito sin da subito che avevamo in mento lo stesso tipo di film che ai nostri
occhi doveva essere il più radicale ma anche il più popolare possibile. E le cose hanno funzionato a meraviglia per
l’intero processo di lavorazione e credo che parte di questo sia dovuto al fatto che nella fase di scrittura della
sceneggiatura abbiamo avuto modo di conoscerci bene. Dopo due anni trascorsi seduti nella stessa stanza, ad
ascoltarci reciprocamente e a scambiarci idee per la sceneggiatura, odorandoci a vicenda e dovendo trovare un
accordo quando avevamo opinioni divergenti, ha reso il nostro rapporto molto forte. E’ per questo che il nostro lavoro
è stato dominato da un’incredibile armonia ed è stato ispirato da una visione unica e condivisa. Per tutto questo fare
questo film è stata la realizzazione di un sogno.
INTERVISTA A BERND EICHINGER
Quando ha letto “Profumo” per la prima volta?
Alla metà degli anni 80; l’ho letto appena è stato pubblicato e ho subito desiderato acquistarne i diritti. E poiché
l’autore Patrick Süskind è un mio amico, non pensavo che ci sarebbe stato alcun problema. Purtroppo però, non è
andata così perché all’inizio, e per molto tempo, Süskind non voleva vendere i diritti a nessuno.
Quanto è stato difficile acquistare i diritti allora?
Il problema era che Patrick non voleva vendere, né a me, né a nessun altro. Ci hanno provato in tanti a convincerlo
dal 1986 in poi, registi e produttori. Poi nel 2000, a quasi 15 anni dalla pubblicazione, ho avuto l’impressione che
sarebbe stato possibile affrontare nuovamente l’argomento. In 15 anni possono cambiare tante cose e quindi ho
chiesto di nuovo agli editori se avevano intenzione di vendere i diritti per l’adattamento cinematografico e loro, per la
prima volta, hanno proposto una cifra ed io ho accettato.
Secondo lei perché il libro ha riscosso tanto successo?
Sono tante le teorie che tentano di spiegare il successo di un capolavoro come “Profumo” . Ad essere sinceri,
possiamo solo fare delle supposizioni e secondo me, “Profumo” ha avuto tanto successo perché racconta una storia
unica e il pubblico vuole leggere o vedere storie uniche, e non nuove versioni o rielaborazioni di storie o eventi che
abbiamo visto o sentito centinaia di volte. E da questo punto di vista “Profumo” è veramente originale.
Ma cosa c’è di tanto sensazionale in questa storia?
Il libro ha un sottotitolo “La storia di un assassino”. Ma non si tratta di un assassino come gli altri, una specie di serial
killer che uccide seguendo delle pulsioni sessuali. In questo libro, l’assassino è un personaggio che potremmo
definire autistico, che non ha amici e che non ha avuto nulla dalla vita. Si tratta di una persona dotata di un talento
particolare, che lo rende superiore ai suoi simili, vale a dire un olfatto quasi soprannaturale. Grenouille si relaziona
con il mondo attraverso l’olfatto, gli odori e credo che già questo renda il romanzo unico. E gli stessi omicidi non sono
motivati dal semplice desiderio di uccidere: Grenouille uccide le ragazze perché vuole possedere il loro profumo.
Questo personaggio non può certamente essere definito un eroe, almeno nell’accezione più tradizionale, dove in
genere l’eroe è colui che combatte contro il male e che in genere vince. Nel romanzo prima e nel nostro film poi, non
ci sono né buoni né cattivi, e anche questo rende la storia unica in sè. Per questo motivo la storia non è tanto
immorale quanto piuttosto amorale, nel senso che va al di là del nostro concetto di moralità. Infatti il protagonista, è
totalmente privo di moralità e non ha neanche nessuna idea psicologica su cosa sia l’amore, la gratitudine, le
interazioni umane o il senso di responsabilità.
Ma sicuramente il lettore, e tra breve anche il pubblico cinematografico, avranno delle difficoltà ad
identificarsi con questo personaggio proprio per la sua amoralità?
Questa è stata la domanda cruciale che ci siamo posti quando abbiamo scritto la sceneggiatura. In genere è più
facile identificarsi con personaggi piacevoli, personaggi che rispettiamo o che compiono imprese memorabili. Ed è
stato proprio questo il problema che abbiamo dovuto affrontare quando abbiamo scritto la sceneggiatura perché
Grenouille è un personaggio assolutamente insolito e credo che il 99,9% dei film che vediamo non prevedano
personaggi come lui. Ma era questo il protagonista con il quale dovevamo relazionarci e che nel libro aveva
funzionato a meraviglia forse proprio perché è un eroe che non è un eroe con il quale è facile identificarsi.
Trasformare la trama in una sceneggiatura è stata una vera sfida, tanto più difficile per un problema di natura più
tecnica, vale a dire come rappresentare gli odori e le essenze profumate in un film. Ma questo è stato un compito
alquanto facile.
Trovare gli attori giusti é stato come cercare un ago in un pagliaio?
Diciamo che è stato così almeno in parte perché l’intera storia del film è narrata dal punto di vista di Grenouille. Se
avessimo scelto gli attori sbagliati, l’intero film sarebbe stato un fallimento. Inoltre, il protagonista doveva essere
talmente giusto per il suo ruolo che il pubblico non si sarebbe mai dovuto chiedere se non sarebbe stato meglio
metterci qualcun altro. Di conseguenza abbiamo parlato con tanti attori, visto che si sono presentati in tanti ai provini.
Al tempo stesso, però, abbiamo notato una certa riluttanza, se non addirittura paura nei confronti del ruolo di
Grenouille. Alla fine Tom ha trovato Ben Whishaw, che all’epoca stava interpretando Amleto sui palcoscenici di
Londra. Secondo noi quel ragazzo incarnava alla perfezione i due aspetti del protagonista: l’angelo innocente e
l’assassino. Sapevamo che con lui il film avrebbe funzionato.
Un’altra difficoltà è stata rappresentare sullo schermo il profumo e gli odori del corpo. Come vi siete
regolati?
E’ chiaro che odori e profumi non possono essere rappresentati in maniera visiva e quindi nessun effetto speciale
avrebbe potuto aiutarci. Dalla nostra però avevamo il fatto che lo stesso ostacolo era già stato affrontato e aggirato
dall’autore del libro. Infatti Patrick Süskind, aveva dovuto usare la forza delle sue parole per convincere i lettori che in
realtà potevano percepire, cogliere veramente attraverso l’olfatto i profumi e gli odori descritti nel libro. Per fortuna,
al cinema abbiamo molte più opzioni disponibili potendoci servire della musica, dei suoni e naturalmente delle
immagini. Abbiamo deciso sin dall’inizio che non avremmo fatto ricorso ai colori o agli effetti speciali per dare una
forma visibile ai profumi ma ci saremmo serviti dell’illuminazione delle inquadrature più appropriate.
A differenza di quanto avviene nel libro, nel film l’incontro tra Grenouille e la ragazza che vende le prugne
occupa uno spazio importante. E’ stata una decisione che avete preso all’inizio?
Esatto, e il motivo è che volevamo dare al protagonista del film un carattere leggermente meno cinico rispetto al libro.
So bene che Patrick Süskind ama questo cinismo e gli piace giocarci, flirtarci e non direi che abbiamo totalmente
eliminato questa specie di umorismo dark dal film. Diciamo che abbiamo risistemato la psicologia dei personaggi. Nel
caso specifico, volevo dare agli altri personaggi e alle loro storie più spazio per far si che il pubblico, ripensando agli
eventi, potesse capire il protagonista, le sue motivazioni e le sue ossessioni.
Perché ha scelto Tom Tykwer come regista del film?
Tom possiede due qualità che lo rendevano ideale per questo progetto: da un lato ha la giusta vena artistica e
innovativa e dall’altro ha anche una comprensione molto popolare dei film. Queste due componenti, - il lato
sperimentale e quello popolare – erano entrambe necessarie per questo progetto, che non é un film d’autore o da
cine club, altrimenti non sarebbe stato interpretato da star del calibro di quelle presenti nel film. Quando ho proposto
a Tom di dirigere il film ho anche deciso che avremmo lavorato insieme alla sceneggiatura e durante questa fase ho
avuto modo di conoscerlo meglio e di convincermi di aver fatto la scelta giusta..
Come è andata la vostra collaborazione?
A meraviglia, direi perché Tom non è soltanto un cineasta molto professionale ma è anche molto abile. Ha un occhio
molto fino e abbiamo avuto occasione di discutere qualunque aspetto del progetto perché ci fidavamo ciecamente
l’uno dell’altro. E sin dall’inizio abbiamo precisato che avremmo sempre parlato chiaro tra di noi, e anche se Tom
non ha un’esperienza pari alla mia per numero di film realizzati, è un regista nato. Non solo adora fare film, ma al
tempo stesso è assolutamente capace di farlo.
Come ha fatto a convincere Dustin Hoffman a interpretare Baldini?
Dustin Hoffman è sempre stata la nostra unica scelta per quel ruolo e lui ha accettato subito la parte. Lui e Tom si
conoscevano da anni perché Dustin si era letteralmente innamorato di LOLA CORRE e aveva anche molto amato il
mio progetto televisivo della fine degli anni 90, "Das Mädchen Rosemarie". E quando Hoffman ha scoperto che io e
Tom avremmo fatto PROFUMO insieme, ha detto subito di sì e non tanto per il film in se ma perché aveva voglia di
lavorare con noi.
Che cosa fa di Hoffman il Baldini ideale?
Baldini è innanzitutto una persona arrogante che come profumiere ormai ha i giorni contati. Tuttavia, ha anche delle
buone qualità ed è un personaggio decisamente eccentrico. Di conseguenza, l’attore che lo avrebbe interpretato
doveva essere in grado di interpretare questa eccentricità con dignità, cosa nella quale Dustin Hoffman è un
maestro, Nessun altro è in grado di rappresentare un certo tipo di comicità con tanta dignità.
L’altro attore non protagonista è Alan Rickman, che interpreta il commerciante Richis di Grasse.
Vorrei sottolineare che lavorare con Alan Rickman è stato un autentico piacere perché ritengo che sia uno dei
migliori attori del mondo. Nessuno dei film da lui interpretati mi ha annoiato neanche per un momento. Nel nostro
film, interpreta un ricco commerciante di Grasse che difende la bella figlia dal serial killer Grenouille, il quale ha
bisogno del profumo della ragazza per completare il suo super-profumo ed è disposto a qualunque cosa pur di
averlo. Richis ama molto sua figlia ed è seriamente preoccupato per lei. E sebbene all’inizio non realizzi quanto
Grenouille gli sia vicino, resta comunque l’unico in grado di contrapporsi a questo strano assassino e che è
abbastanza intelligente da capire Grenouille e le sue motivazioni. Per questo motivo avevamo bisogno di un attore
straordinario e lo abbiamo trovato in Alan Rickman.
Quanto è stato difficile trovare la figlia di Richis?
Devo ammettere che è stato difficile quanto trovare Tom., che interpreta Grenouille. Abbiamo visionato centinaia di
cassette di giovani attrici e in una di queste abbiamo scoperto Rachel. La cosa buffa è che è stata notata innanzitutto
da Tom. Quando ha visto il provino, mi ha detto: "Una delle 15 ragazze inglesi su questa cassetta mi sembra adatta,
ma non mi ricordo esattamente quale fosse." Allora ho guardato la cassetta e anche io ne ho trovata una adatta, che
era la stessa di Tom, vale a dire Rachel. E questo è bastato a portare Tom a Londra dove le ha fatto un provino.
Quando ho visto la cassetta ho capito che la nostra ricerca era finalmente finita.
Cosa rende Rachel Hurd-Wood perfetta per questo ruolo?
Credo che Rachel sia un’attrice di grande talento che incarna alla perfezione l’innocenza della sua età ma che al
tempo stesso sembra molto matura, bene educata e quando ci parli sembra un’adulta. Inoltre è molto bella e questa
è una combinazione alla quale il pubblico non sa resistere.
INTERVISTA A ANDREW BIRKIN
Quando ha saputo che il romanzo "Profumo” sarebbe stato portato sul grande schermo?
Bernd Eichinger mi ha chiamato nel 2001 e mi ha chiesto se ero disposto ad aiutarlo a lavorare sul romanzo.
E’ amico di Bernd Eichinger da tanto tempo….
Conosco Bernd da più di vent’anni, da quando ho lavorato alla sceneggiatura di IL NOME DELLA ROSA. Lo adoro
perché è una persona eccezionale. Ammiro la maniera in cui ha scelto di restare fedele a “Profumo” e alla struttura
piuttosto fuori del comune del romanzo, il che ha reso il suo lavoro sicuramente più difficile perché non abbiamo a
che fare con un film classico, in stile Hollywoodiano.
Quale è stata la sfida maggiore nello scrivere la sceneggiatura?
La parte più difficile è stata fare un film su un assassino psicopatico che è anche il vero eroe della storia. Ci sono
tante storie che hanno come protagonisti degli affascinanti “cattivi”- Capitan Uncino o Hannibal Lecter solo per
citarne un paio, - ma accanto a loro c’è quasi sempre un vero eroe che li batte. In PROFUMO, Grenouille non è
neanche particolarmente piacevole, - ed è stato lo stesso Süskind, nelle prime pagine del romanzo, a chiarire che è
sempre stato un personaggio abominevole. Inoltre, Grenouille non parla mai con nessuno, neanche con se stesso,
e questo ci ha creato tante difficoltà quando abbiamo dovuto portare sullo schermo questo eroe per un pubblico
vasto.
Conosceva già il regista Tom Tykwer prima di PROFUMO?
No, ma avevo visto il suo film LOLA CORRE mentre volavo a San Pietroburgo per conoscerlo e mi è piaciuto sin dal
primo incontro.Tom è un regista molto autoriale, con una visione creativa molto vasta che tocca tutti gli aspetti del
film. PROFUMO punta tutto sulla personalità del protagonista, Grenouille ma secondo me, per fare un bel film,
quello che conta è anche e soprattutto la personalità del regista. Tom riesce a dare al film una sua personalità che è
unica e irripetibile e che fa la differenza tra un artista ed un artigiano, e che non ha nulla a che vedere con il talento.
Quale odore collega a questo film?
Muschio e quercia, con un tocco di tuberosa e una dose di zibetto! (ride)
INTERVISTA A BEN WHISHAW
Che tipo di persona è Jean-Baptiste Grenouille?
Credo che sia un personaggio con tanti deficit, soprattutto a livello sociale. E’ una specie di sbandato, emarginato
anche se non amo questa parola. Ma Grenouille possiede un talento particolare che gli permette di raccogliere e
conservare le essenze profumate e forse questo è dovuto al fatto che appena nato è stato letteralmente bombardato
dagli odori di Parigi. Tom Tykwer ed io abbiamo parlato spesso di questo personaggio semi autistico, della sua
maniera di vedere il mondo e di cosa contasse per lui. Ma la grande differenza rispetto al libro è che Tom vede tutta
questa vicenda degli orrori e dell’olfatto come una specie di sistema che Grenouille ha creato per interpretare il
mondo. E’ la sua maniera di dare un senso al mondo.
Ci può raccontare la storia del film vista però con gli occhi di Grenouille?
Grenouille nasce e cresce a Parigi nel XVIII secolo, in condizioni di terribile povertà ed è per questo che è in cerca di
amore e di riconoscimento a livello sociale. Ma così facendo imbocca la strada sbagliata e finisce con l’uccidere delle
ragazze per creare un profumo che gli permetta di raggiungere i suoi obiettivi. Di conseguenza diventa un assassino,
un personaggio disturbato che ubbidisce ad un impulso o bisogno prettamente umano e alla fine potremmo definirlo
un fanatico se non un terrorista. A quel punto per lui l’unica cosa che conti veramente è catturare le essenze
profumate per fabbricare un sorta di super profumo da applicare su stesso perché a metà della storia ha scoperto di
non avere nessun odore. E quindi per una persona come lui, la cui intera esistenza ruota intorno all’olfatto, scoprire
di non emanare alcun odore è devastante. Per questo motivo, la seconda parte del film si concentra sulla creazione
di un profumo e finisce con un climax sensazionale che non vi racconterò anche se sono in tanti a conoscerlo.
Grenouille ha un rapporto molto speciale con Laura, la bella figlia del commerciante Richis.
Be, direi che non si tratta di una relazione visto che Grenouille non ha rapporti con nessuno. Credo che sia stata
questa la cosa più strana nell’interpretare il mio personaggio perché è tutto nella sua mente, è una specie di
ossessione che però non si riversa mai direttamente sulle persone. Lui non la conosce, non sa nulla di lei come
essere umano. L’unica cosa che conosce di lei è il suo profumo, anzi per lui Laura è solo un profumo, un profumo
che ha un effetto sconvolgente su di lui.
Ha detto che durante le riprese ha avuto modo di conversare a lungo con il regista Tom Tykwer. Come è
stato lavorare con lui?
Tom è un fanatico nel senso Grenouillesco del termine. E’ molto ossessivo, forse leggermente maniaco nel suo
approccio al film. Non ho mai conosciuto nessuno con tanta energia e impegno. Vederlo lavorare ti lascia senza fiato.
Parlavamo sempre, la mattina, a pranzo e la sera. Non avevo mai lavorato con un regista dotato di una visione così
cinematica. E’ un qualcosa di epico che rende eccitante il mio lavoro con lui. Direi che lo adoro.
Grenouille ha un maestro di nome Baldini. Quale è il rapporto tra allievo e maestro?
Credo che la cosa importante nel rapporto tra Baldini e Grenouille sia che entrambi hanno degli obiettivi ben precisi e
sanno esattamente cosa vogliono l’uno dall’altro. Grenouille vuole imparare a catturare gli odori da Baldini, e Baldini
dal canto suo vuole sfruttare il genio di Grenouille per creare un profumo e ridare respiro al suo negozio che è
sull’orlo del fallimento. Di conseguenza si tratta di un rapporto assolutamente pratico e improntato all’egoismo, o al
tornaconto personale. E anche in questo caso, è un rapporto che non è un vero rapporto.
Baldini è interpretato dal leggendario Dustin Hoffman.
Ovviamente è una leggenda ed è sempre interessante incontrare i nostri miti. Ricordo il primo giorno in cui siamo
arrivati sul set e l’ho visto tutto truccato e con indosso il costume, circondato dai suoi attrezzi da profumiere; ho
aperto la porta, la macchina da presa era in funzione ed io ridevo tra me e me, perché mi dicevo che non poteva
essere vero, non stava succedendo veramente. Non poteva essere veramente Dustin Hoffmann. Ho imparto
tantissimo da lui. Ha un approccio così gioioso, ride spesso e si diverte un mondo ed è sempre irriverente verso tutto
ciò che fa. Dice tutto quello che pensa, senza imporsi alcuna censura o restrizione, ed è una cosa straordinaria da
vedere.
So che lei ha qualcosa in comune con Alan Rickman, che interpreta il suo antagonista Richis: avete
frequentato la stessa scuola di recitazione.
Esatto. Adoro Alan. Nel film non abbiamo tante scene insieme ma ho molto apprezzato le conversazioni che
abbiamo avuto durante le pause. C’è qualcosa di molto saggio in lui, sembra avere un atteggiamento molto saggio
nei confronti della vita. E’ un attore straordinario e adoro osservarlo lavorare perché sotto la superficie succedono
sempre tante cose. E’ veramente avvincente ed affascinante.
E cosa può dirci della sua giovane collega inglese, Rachel?
Rachel è straordinaria e non posso ancora credere che abbia solo 15 anni. Anzi direi che è alquanto sconcertante
perché è così matura. C’è qualcosa di particolarmente attraente in lei, e non parlo solo del suo aspetto fisico
ovviamente, ma come essere umano è piena di luce e di vita.
Bernd Eichinger ha lottato per molti anni per comprare i diritti cinematografici sul romanzo. Come è stata la
sua esperienza con lui?
Bernd è stato presente sul set praticamente ogni giorno. Solo verso la fine delle riprese è mancato qualche volta ma
credo che a quel punto fosse soddisfatto di come stavano andando le cose. Ma devo dire che questo film è la sua
creatura, il suo bambino e ha investito tanto – e non parlo solo di soldi naturalmente – pur di realizzarlo. Adoro
questa sua passione per le cose che fa e alle quali tiene. All’inizio delle riprese abbiamo chiesto tutti un lieto fine per
Laura ma lui non voleva ascoltarci per nessuna ragione perché voleva raccontare la storia al meglio delle sue
possibilità e alla fine abbiamo tutti apprezzato le sue scelte.
Il profumo, l’olfatto sono elementi fondamentali di questo film. Può dirmi se nel corso delle riprese il suo
olfatto si è in qualche modo rafforzato o raffinato?
Credo che ognuno di noi sia costantemente cosciente degli odori che ci circondano perché ci toccano emotivamente.
Non credo che grazie a questo film il mio olfatto abbia subito dei miglioramenti o dei cambiamenti. Non credo di
essere diventato una specie di Grenouille dotato di un super olfatto ma diciamo che d’ora in poi sarò molto più
conscio e attento agli odori che mi circondano. E ci sono degli odori particolari che resteranno per sempre legati a
questo film e questo periodo della mia vita. Soprattutto quello di Nicole, l’addetta al ciack che aveva un profumo
molto particolare e poiché Nicole era l’ultima persona a comparirmi davanti ad ogni ripresa, ho fatto indigestione del
suo profumo (dice inalando). La prossima volta che sentirò quel profumo, tornerò con la mente all’estate del 2005.
Ha un profumo preferito?
Si, ne ho due direi, ma non sono così interessanti o particolari. Uno è l’odore dei falò e l’altro è l’odore della pioggia,
anzi direi l’odore che emana dal cemento dopo che è piovuto. Forse perché mi ricorda Londra ed è da tempo che
manco dalla mia città.
INTERVISTA A DUSTIN HOFFMAN
Che cosa fa di un profumo un buon profumo?
Innanzitutto quell’inconfondibile sensazione, l’immediata impressione dal primo istante in cui senti per la prima volta
quel determinato aroma. E poi direi la personalità del profumo che ti resta addosso, la sua persistenza. Ma il
massimo del massimo è l’anima del profumo, la sua musica. E’ questo l’elemento più importante e che rivela tutto di
un profumo. Ma questo punto di vista, la prima impressione, la personalità e l’anima, sono cose che valgono per tutto
quello che facciamo o che ci piace. Perché abbiamo la tendenza a mettere un’anima dentro ogni cosa per convincere
gli altri o anche per far si che ci degnino di attenzione.
E questo vale anche per la realizzazione di un film?
Naturalmente perché la realizzazione di un film è un qualcosa di magico. Prendiamo un aeroplano per esempio.
Guardando l’apparecchio, le sue componenti tecniche, non diremmo mai che è capace di volare e quando
effettivamente decolla e prende il volo restiamo di sasso. Lo stesso dicasi per la realizzazione di un film: sembra una
questione incredibilmente tecnica, almeno all’inizio ma alla fine capisci che ha molto a che fare con la magia. E
quindi è possibile che dopo aver girato per 14 ore, ti rendi conto che in quel particolare istante puoi dare il meglio di
te, che quello che hai tentato di fare per tutto il giorno è lì davanti a te, e ti ripaga da tutto lo stress accumulato. E
credo che siano momenti come questo che mi fanno andare avanti e che continuano a farmi amare il mio lavoro.
Quindi fare un film è una sorta di avvenimento?
Ad essere sinceri, fare un film è anche un qualcosa che ha molto a che vedere con la famiglia perché quando fai un
film ti capita di trascorrere tante ore con persone che alla fine conosci molto bene e quindi ti senti in famiglia! (Risate)
Durante le riprese, l’aiuto maggiore ti viene dai truccatori e dai costumisti che hanno trascorso e dedicato più tempo
col personaggio rispetto all’attore che lo interpreta.
Ci sono delle somiglianze tra lei e Baldini?
Baldini vive nel perenne terrore che i suoi contemporanei scoprano che lui “ruba” gli odori per fabbricare il suo
profumo. E quindi se mi chiede se abbiamo qualcosa in comune, devo risponderle naturalmente “Si”. Sono stato un
ladro per tutta la vita perché l’arte in fondo è una forma di furto. Mi piacerebbe incontrare Baldini, anche una volta
sola, per potergli dire: Non ti sentire colpevole perché in fondo tutti rubano!”(Risate)
Che rapporto c’è tra Baldini e il suo protetto, Grenouille?
Il rapporto tra il Maestro Baldini e il prodigioso Grenouille è paragonabile a quello che c’era tra Mozart e Salieri, o
almeno a come è stato rappresentato da Milos Forman in AMADEUS. In quel caso, il genio di Mozart interagiva con
l’unico “buon musicista” dell’epoca, Salieri che era costantemente intento a spiare Mozart e il suo talento. Il rapporto
tra Baldini e Grenouille è costruito in maniera simile perché sebbene Baldini sappia già come si fabbricano i profumi,
gli manca quel non so che, che fa di una persona un genio.
Come vede Ben Whishaw nel suo ruolo?
Ho conosciuto Ben solo al momento delle prove in costume ma all’epoca già sapevo perché Tykwer lo aveva scelto:
Ben Whishaw ha quel non so che di selvaggio e di animalesco che anche Grenouille possiede. Diciamo che c’è un
attore su 100.000 che possiede queste qualità.
Come ha conosciuto il regista Tom Tykwer?
Ho adorato il suo film, LOLA CORRE e quindi qualche anno fa, dopo aver visto il film, l’ho chiamato per
complimentarmi con lui. A quel punto siamo diventati amici, ma solo al telefono. Ad un certo punto sono venuto a
sapere che Tom avrebbe voluto dirigere l’adattamento del romanzo “Profumo”, un libro che avevo letto vent’anni
prima e che mi era piaciuto molto.
Come è stato lavorare con Tom Tykwer?
Diciamo che è un po’ troppo ossessionato dal suo lavoro, ma sa esattamente cosa vuole ottenere e si prepara in
maniera molto meticolosa. Credo che la sua preparazione media per ogni film siano tre o quattro anni di lavoro. Al
tempo stesso, però, ha un grande rispetto per gli attori e per le loro opinioni, cosa che non sempre accade con gli
altri registi. Alcuni registi hanno uno strano sguardo negli occhi, quasi assente quando parlano con gli attori invece
Tom è sempre molto aperto e disponibile se qualcuno degli attori si fa avanti con una nuova idea. La nostra
collaborazione è stata improntata all’unità.
E cosa mi dice del produttore tedesco Bernd Eichinger?
Eichinger ha partecipato all’intero processo dall’inizio alla fine. Posso addirittura affermare che ha fatto tutto quello
che poteva affinché il film rispondesse alle sue aspettative e ai suoi desideri – e non mi riferisco alle questioni
economiche. Questo atteggiamento non è affatto la norma tra i produttori cinematografici.
INTERVISTA CON ALAN RICKMAN
Lei è il commerciante Antoine Richis. Cosa può dirci del suo personaggio?
La cosa importante di Richis è che è un padre e un vedovo. Sua moglie é morta – in circostanze misteriose – ma lui
continua a condurre una vita agiata e privilegiata. E’ un commerciante benestante che vive in una grande casa con la
bellissima figlia. La cosa principale che sappiamo di lui è che è molto, ma molto protettivo nei confronti dell’adorata
figlia. Perchè, come le dice sempre lui: Sei l’unica cosa che mi resta.
Che cosa succede alla figlia durante il film?
Tutto quello che accade nel film ha a che fare con la storia di quel giovanotto, Grenouille. Richis lo incontrerà
soltanto alla fine del film e quindi tutto quello che sappiamo di lui è che c’è un serial killer che gira nella zona che
uccide solo ragazze giovani e molto belle e poiché la figlia di Richis è una delle ragazze più belle della città lui pensa
– giustamente – che sua figlia sia in pericolo. E allora si trasforma in una sorta di Sherlock Holmes. I suoi
concittadini, i pezzi grossi fanno solo un gran rumore mentre Richis si muove in maniera intelligente per cercare di
superare in astuzia questa forza sconosciuta che sta uccidendo tutte quelle belle ragazze.
Riesce a capire la passione di Grenouille che tenta disperatamente di creare il Profumo dei profumi?
Direi che è piuttosto difficile seguirlo visto che diventa un assassino e quindi è alquanto difficile giustificare le sue
azioni. Ma credo che come per qualunque serial killer, sia necessario cercare di capire da dove venga innanzitutto.
Altrimenti non riusciremo a capire nulla di noi stessi come società. Non basta tirare pietre contro il furgone della
polizia che porta via gli assassini ma è necessario fare un esame di coscienza e ammettere che è la società a
produrre individui di questo tipo e a questo punto dobbiamo chiederci come e perché sia potuto succedere. In questo
caso si tratta della storia di una persona che è stata abbandonata quando era appena un neonato e che è stata
maltrattata sin da piccolo. A quel punto, per difendersi ha sviluppato una qualcosa nel quale ha fiducia e della quale
è sicuro, nella quale è un grande esperto vale a dire il suo olfatto. E anche se non è una cosa giusta, non c’è da
sorprendersi se diventa ossessionato perché quello che ha esiste solo nella sua testa.
Che cosa l’ha colpita maggiormente della storia?
Non avendo letto il libro, l’ho letta come si legge una qualunque sceneggiatura cinematografica. Ma quando ho
sentito che sarebbe stato Tom Tykwer a dirigerla, allora mi sono sentito immediatamente attratto dal film perché
desideravo lavorare con lui. Suppongo che mi piacciano le storie su persone ossessive (ride) e credo che Richis sia
ossessivo quanto Grenouille, sotto un certo punto di vista almeno, perché Richis concentra tutte le sue energie per
proteggere la figlia da una forza sconosciuta.
Conosceva qualcuno dei film di Tom Tykwer prima di essere scritturato per questo film?
Naturalmente conoscevo LOLA CORRE, come tutti del resto ma purtroppo non ho visto THE PRINCESS AND THE
WARRIOR, o almeno non ancora e poi so che ha diretto un fantastico cortometraggio, che mi è piaciuto molto –
TRUE. E’ un regista di grande talento e gli ho detto: 'Mi sembra che non soltanto tu abbia il controllo di ogni
inquadratura del film, ma di ogni millesimo di secondo all’interno di quella inquadratura.' Conosce il potere visivo dei
momenti più piccoli – come l’aprire e il chiudersi di un occhio – che poi diventano parte integrante della narrativa. Di
conseguenza è sempre emozionante come attore riuscire a metterti totalmente nelle mani di un regista del genere.
Lo descriverebbe come un regista di attori?
Sa esattamente cosa vuole e ha un’idea molto chiara e precisa di qualunque inquadratura, di qualunque scena e di
quello che vorrebbe vedere come risultato finale ma questo non vuol dire che non sia aperto e pronto ad accettare
consigli e suggerimenti. E questa è una qualità piuttosto rara nel nostro settore nel quale i registi sono sempre sotto
pressione e inoltre devono rispettare limiti di bilancio e piani di lavorazione serrati. Lavorare con un regista che
sorride sempre, anche quando la situazione si fa tesa è una cosa molto rara che però ti da tanta energia.
Come è stato lavorare con Bernd Eichinger?
Diciamo che un giorno o l’altro Bernd esploderà perché non riuscirà più a contenere le sue passioni. E’ talmente
appassionato e questa è una fantastica qualità per un produttore perché vuol dire che è pienamente coinvolto nel
progetto. Inoltre sappiamo che per questo film si è battuto per anni pur di ottenere i diritti e credo che questo sia una
prova di quanto credesse in questo film. E ho visto la maniera in cui interagiva con Tom e so anche che Tom si è
sempre sentito molto supportato da lui al punto che anche quella rare volte in cui Bernd non era sul set, la sua
presenza aleggiava su di noi.
Gli scenografi hanno lavorato sodo per far sì che il film fosse il più autentico possibile ed hanno utilizzato
mobili e materiali antichi. Ci può dire qualcosa al riguardo? Come si sentiva a recitare circondato da tutti
quegli oggetti antichi?
Gli sceneggiatori hanno fatto un lavoro incredibile per questo film. Naturalmente, gran parte del film ha un aspetto
orribile da punto di vista visivo perché la storia si svolge nella zona più povera di Parigi e poi all’improvviso, a metà
film circa, nella casa in cui viviamo Laura ed io e tutto diventa magnifico. Ma questa bellezza è decisamente
sorprendente perché se la macchina da presa si fosse spostata anche di poco, vi sareste accorti che poco più in la
non c’era neanche il pavimento. Gli addetti alle scenografie e ai sopralluoghi sono riusciti a scovare questa magnifica
casa a Barcellona, con pavimenti in marmi preziosi coperti da anni da sporcizia e macerie. E quindi è stato
necessario ripulirli, ridipingere i muri, portare tutti quei fantastici mobili antichi e far di quel luogo un luogo magico.
Quando vedrete il film vi chiederete: Ma chi è il proprietario di quella magnifica casa? Non credo che sia mai stata
usata per un film prima d’ora ed ha tutto quello che ci serviva: la terrazza per la festa di compleanno e una specie di
labirinto nel quale Rachel – Laura – si aggira e si perde. Insomma una location quasi miracolosa.
INTERVISTA A RACHEL HURD-WOOD
Che cosa vuol dire aver lavorato ad una grande produzione internazionale come questa?
Ero molto felice ed emozionata all’idea. E’ stata l’esperienza di lavoro più straordinaria che abbia vissuto. Tom è un
regista meraviglioso e sono onorata e lusingata di essere stata scelta per interpretare Laura.
Cosa può dirci di Laura, la figlia del commerciante di Grasse?
Per me è una specie di farfalla perché cerca sempre di volare via; cerca in continuazione di allontanarsi dal padre
che invece la tira sempre a sè. E lei è selvaggia, spensierata, vivace e felice.
E come descriverebbe il suo rapporto con Grenouille?
Credo che lei sia beatamente inconsapevole di tutto. Credo che non abbia alcuna idea di quello che le sta
succedendo, nel senso che alla fine lo capisce, è chiaro ma prima di allora perché mai dovrebbe?
Come descriverebbe Grenouille?
E’ un personaggio strano, contorto e cupo, ma non è il male in persona. Anzi non credo che sia affatto cattivo ma
penso che non riesca a distinguere il bene dal male.
Quale è stata la sua reazione dopo aver letto la sceneggiatura?
Ho pensato che fosse fantastica e prima ancora avevo letto il libro per sapere di cosa si trattava. Poi leggendo la
sceneggiatura, non riuscivo a crederci. L’ho trovata assolutamente brillante e mi sono detta: devo fare assolutamente
questo film.
Che cosa c’è dietro l’enorme successo del romanzo secondo lei?
Credo che ogni lettore ci abbia trovato qualcosa di diverso perché l’autore Patrick Süskind è riuscito ad aggiungere
tanti strati e a mantenerli legati tra di loro per tutta la storia, malgrado le complessità della trama.
Come è stato lavorare con Alan Rickman, suo padre sullo schermo?
Alan è assolutamente fantastico. E’ la persona più dolce che abbia mai conosciuto ed è molto divertente. E’ una
persona meravigliosa ed è estremamente paziente, comprensivo e collaborativo.
E cosa mi dice della sua collaborazione con Ben Whishaw, che interpreta Grenouille?
Anche Ben è straordinario. Purtroppo, non ho interpretato tante scene con lui ma è una persona molto dolce anche
lui.
Che tipo di persona è il regista tedesco Tom Tykwer?
E’ molto creativo, concentrato e comprensivo anche quando le persone non fanno quello che dice lui. Tom è molto
calmo e paziente ed è un meraviglioso essere umano.
Gli scenografi hanno cercato di rendere il film il più credibile e realistico possibile utilizzando mobili e
materiali antichi.
E ci sono riusciti. Hanno fatto un lavoro fantastico e sul set c’erano sempre degli accessori fantastici. Per esempio,
nella stanza di Laura c’è un dipinto in particolare che ritrae un uccello in gabbia, e ho detto a Tom: "Credo che ci sia
un motivo per il quale hai scelto questo quadro, vero?" E lui ha detto: esatto, è proprio così. E sono cose di questo
tipo che ti fanno pensare e dimostrano che la troupe era composta da tanti geni.
Quale location le è piaciuta di più?
Probabilmente la casa di Richis, perché é grande, incredibile ed è bellissima. E anche il labirinto, perché ci correvo
tutto il giorno per bruciare energie. E’ stato molto divertente.
E che mi dice delle scene a cavallo?
Ci siamo divertiti molto anche se abbiamo cavalcato poco. L’unica cosa fastidiosa era che c’erano troppe mosche!
Saranno state attratte dal mio profumo!
Come si è preparata per questo ruolo?
Ho preso qualche lezione di equitazione e qualche lezione di comportamento, come muoversi, come camminare e
sedermi per esempio. Nell’epoca in cui è ambientato il film, la gente si muoveva più lentamente mentre io sono una
persona che corre sempre e quindi ho dovuto imparare ad andare più lentamente e ad essere più calma. Erano
molto più eleganti di quanto lo siamo oggi.
Ha un profumo preferito?
Certamente! Il profumo del successo! (ride)
GLI ATTORI / FILMOGRAFIE
Ben Whishaw (Jean-Baptiste Grenouille)
Ben Whishaw è nato il 14 ottobre del 1980 a Hitchin, Hertfordshire ed ha studiato alla Royal Academy of Dramatic
Art, diplomandosi nella primavera del 2003.
Nel 1999, prima di frequentare la scuola di recitazione, Ben ha interpretato due ruoli importanti in due film, THE
TRENCH (Arts Council/Studio Canal, diretto da William Boyd) e MAUVAISE PASSÉ (Pathe/Studio Canal, diretto da
Michel Blanc). Inoltre è stato il protagonista di MY BROTHER TOM (Film Four, diretto da Dom Rotheroe). Dopo il
diploma, ha lavorato in L’AMORE FATALE, adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Ian McEwan,
diretto da Roger Michel seguito da LAYER CAKE, un lungometraggio diretto da Matthew Vaughn. Nel 2003, ha
interpretato la popolare commedia televisiva per ITV, THE BOOZE CRUISE ITV.
Successivamente, ha debuttato nel West End, al National Theatre nell’adattamento di Phillip Pullman di “His Dark
Materials” ed è stato Amleto nell’elettrica versione giovanile diretta da Trevor Nunn della tragedia di Shakespeare, in
scena all’Old Vic, ruolo per il quale ha ottenuto critiche entusiastiche. Ed è stato proprio mentre interpretava
AMLETO che il regista di PROFUMO, Tom Tykwer ha scoperto l’enorme talento di Ben e lo ha scelto. Di recente, lo
abbiamo visto alla televisione inglese in “Nathan Barley” diretto da Chris Morris e prodotto da TalkBack Productions.
Nel novembre del 2004 ha interpretato un lungometraggio intitolato STONED, nel quale era Keith Richards, dei
Rolling Stones. Nel 2006 Ben è tornato a lavorare con il regista di MY SUMMER OF LOVE, Pawel Pawlikowski nel
lungometraggio RESTRAINT OF BEASTS e tornerà al National Theatre con la versione diretta da Katie Mitchell di
“The Seagull”.
Filmografia selezionata
Regia di
2006
Tom Tykwer
Pawel Pawlikowski
Stephen Wooley
Roger Michell
Matthew Vaughn
Dom Rotherroe
William Boyd
Michel Blanc
2004
2001
1999
PROFUMO storia di un assassino
The Restraint of Beasts
Stoned
L’amore fatale
Layer Cake
My Brother Tom
The Trench
Mauvaise Passé
Dustin Hoffman (Giuseppe Baldini)
Dustin Hoffman ha conquistato pubblico e critica nel 1967 con l’interpretazione, candidata all’Oscar di Benjamin
Braddok in IL LAUREATO. Da allora, ha ottenuto altre sei candidature all’Oscar per le magnifiche interpretazioni di
UN UOMO DA MARCIAPIEDE, LENNY, TOOTSIE e WAG THE DOG. Nel 1979 ha vinto la prestigiosa statuetta con
KRAMER contro KRAMER e ha bissato nel 1988 nei panni dell’autistico Raymond Babbit di RAIN MAN.
Hoffman è nato a Los Angeles e ha studiato al Liceo di Santa Monica e alla Pasadena Playhouse prima di trasferirsi
a New York per studiare recitazione con Lee Strasberg. Ha iniziato la carriera sui palcoscenici di off-Broadway,
vincendo sia l’Obie che il Drama Desk per le interpretazioni di “Harry, Noon and Night” e “Eh?”, rispettivamente. Ed è
stato proprio sui palcoscenici di New York che ha attirato l’attenzione del regista Mike Nichols. Dopo IL LAUREATO,
Hoffman ci ha regalato una vasta gamma di interpretazioni memorabili con film quali PICCOLO GRANDE UOMO,
CANE DI PAGLIA, PAPILLION, TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE, IL MARATONETA, VIGILATO SPECIALE e
IL SEGRETO DI AGATHA CHRISTIE.
Nel 1984, Hoffman è tornato sui palcoscenici di Broadway nei panni di Willy Loman in “Morte di un commesso
viaggiatore”, del quale è stato anche produttore. Il ruolo teatrale gli è valso il premio Drama Desk come Migliore
Attore mentre con la versione cinematografica ha vinto un Emmy. Successivamente, è tornato sul grande schermo
interpretando film molto diversi tra di loro tra i quali ricordiamo: ISHTAR, DICK TRACY, BILLY BATHGATE, HOOKCAPITAN UNCINO, VIRUS LETALE, SLEEPERS, MAD CITY, LA GIURIA, I HEART HUCKABEES, FINDING
NEVERLAND e MI PRESENTI I TUOI? Inoltre, Hoffman ha prodotto il film A WALK ON THE MOON-COMPLICE LA
LUNA con Diane Lane, Vigg Mortensen e Liev Shreiber ed è stato produttore esecutivo di “The Devil’s Arithmetic,”
premiato con due Emmy.
Filmografia selezionata
Regia di
2006
Tom Tykwer
Marc Forster
Marc Forster
Jay Roach
David O. Russell
Gary Fleder
Brad Silberling
James Foley
Donna Deitch
2004
2003
2002
1999
1998
1997
PROFUMO storia di un assassino
Stranger Than Fiction
Finding Neverland
Mi presenti i tuoi?
I love Huckabees
La giuria
Moonlight Mile
Confidence
The Devil's Arithmetic
(produttore esecutivo)
Giovanna d’Arco
A Walk on the Moon-Complice la luna
(co-produttore)
Sfera
Sesso e potere
Mad City
Sleepers
American Buffalo
1995
Virus letale
1991/92 Eroe per caso
1991
Hook-Capitan uncino
Billy Bathgate
1990
Dick Tracy
1989
Affari di famiglia
1988
Rain Man
Luc Besson
Tony Goldwyn
1996
1987
1985
1982
Ishtar
Morte di un commesso viaggiatore
Tootsie
1979
Il segreto di Agatha Christie
Kramer contro Kramer
1977
1976
Vigilato speciale
Tutti gli uomini del presidente
Il maratoneta
Golden Globe® 1989
Oscar® 1988
BAFTA 1983
Golden Globe® 1983
Golden Globe® 1980
Oscar® 1979
Barry Levinson
Barry Levinson
Constantin
Costa-Gavras
Barry Levinson
Michael Corrente
Wolfgang Petersen
Stephen Frears
Steven Spielberg
Robert Benton
Warren Beatty
Sidney Lumet
Barry Levinson
Elaine May
Volker Schlöndorff
Sydney Pollack
Michael Apted
Robert Benton
Ulu Grosbard
Alan J. Pakula
John Schlesinger
1974
1973
1971
1970
1969
1968
1967
Lenny
Papillon
Cane di paglia
Chi è Harry Kellerman e perché
parla male di me?
Piccolo grande uomo
Un uomo da marciapiede
Madigan’s Millions
Il laureato
Bob Fosse
Franklin J. Schaffner
Sam Peckinpah
BAFTA 1970
BAFTA 1969
Golden Globe® 1968
Ulu Grosbard
Arthur Penn
John Schlesinger
Stanley Prager/
Dan Ash
Mike Nichols
Alan Rickman (Antoine Richis)
Alan Rickman, uno dei più autorevoli attori inglesi, attivo al cinema, alla televisione e a teatro, ha iniziato gli studi di
recitazione alla Royal Academy of Dramatic Art e successivamente, ha trascorso un anno presso la Royal
Shakespeare Company. Successivamente è tornato al teatro di repertorio dando vita al personaggio del Visconte di
Valmont in “Le relazioni pericolose”. Quando lo spettacolo è stato portato a Broadway, Rickman ha ottenuto una
candidatura al Tony.
Il produttore Joel Silver lo ha notato nei panni di Valmont e gli ha offerto il ruolo del terrorista Hans Gruber, in DIE
HARD, accanto a Bruce Willis. Nel 1980 ha interpretato il piccolo capolavoro di Anthony Minghella IL FANTASMA
INNAMORATO. Nel 1991 è stata la volta di ROBIN HOOD: PRINCIPE DEI LADRI con Kevin Costner film per il quale
Rickman si è calato nei panni del malvagio Sceriffo di Nottingham regalandoci un’interpretazione a dir poco
memorabile e portandosi a casa un più che meritato premio BAFTA.
Nel 1995 è stato il Colonnello Brandon, l’uomo che ama Kate Winslet da lontano, nel film diretto da Ang Lee
RAGIONE E SENTIMENTO. Successivamente ha interpretato il film per la televisione, “Rasputin” con il quale ha
vinto sia l’Emmy sia il Golden Globe. In seguito Rickman si è dedicato alla commedia, interpretando il ruolo di
Metatron nel film di Kevin Smith DOGMA seguito da GALAXY QUEST, dove era il Dottor Lazarus. Tornando al
palcoscenico, è stato Antonio in un allestimento di Cleopatra all’Olivier, con Helen Mirren nei panni di Cleopatra.
Di recente, Rickman ha interpretato il film di Richard Curtis LOVE, ACTUALLY e l’acclamatissimo film della HBO
“Something the Lord Made“, accanto a Mos Def. L’interpretazione di Rickman del Professor Severus Snape, preside
della Slytherin House, nella saga di HARRY POTTER continua a mietere successi. Quest’anno lo vedremo anche in
NOBEL SON con Mary Steenburgen, Bill Pullman e Danny DeVito, seguito da SNOW CAKE nel quale Rickman
recita accanto a Sigourney Weaver. Il film ha aperto il Festival di Berlino del 2006.
Filmografia selezionata
Regia di
2006
Tom Tykwer
Randall Miller
Marc Evans
Mike Newel
Garth Jennings
2004
2003
2002
PROFUMO storia di un assassino
Nobel Son
Snow Cake
Harry Potter e il calice di fuoco
The Hitchhiker’s Guide to the Galaxy
(voce di “Marvin")
Harry Potter e il prigioniero di Azkaban
Love, Actually
Harry Potter e la camera dei segreti
Alfonso Cuarón
Richard Curtis
Chris Columbus
2001
1999
1998
1997
Harry Potter e la pietra filosofale
Blow Dry
Galaxy Quest
Dogma
Dark Harbor
Judas Kiss
L’ospite d’inverno
(regista &
sceneggiatore)
1996
1995
Michael Collins
Rasputin (TV)
1995
1995
1994
Ragione e sentimento
Un’avventura terribilmente complicata
Mesmer
1992
1991
1990
Bob Roberts
Robin Hood: Principe dei ladri
Close My Eyes
Il fantasma innamorato
Carabina Quigley
Die Hard
1989/90
1988
Brussels Film Festival 1998
(Premio del pubblico)
Festival di Venezia 1997
(Premio CinemAvvenire)
(Premio OCIC)
Chicago Film Festival 1997
(Premio Gold Hugo)
Golden Globe® 1997
Screen Actors Guild 1997
Montreal Film Festival 199
(Premio come migliore attore)
BAFTA 1992
Chris Columbus
Paddy Breathnach
Dean Parisot
Kevin Smith
Adam Coleman
Howard
Sebastian Gutierrez
Neil Jordan
Uli Edel
Emmy® 1996
Ang Lee
Mike Newell
Roger Spottiswoode
Tim Robbins
Kevin Reynolds
Stephen Poliakoff
Anthony Minghella
Simon Wincer
John McTiernan
Rachel Hurd-Wood (Laura)
Rachel Hurd-Wood è nata a Londra nel 1990 e ha cominciato a recitare a soli 7 anni. L’ambiziosa giovane attrice si
è fatta già conoscere dal grande pubblico nei panni di Wendy nell’adattamento cinematografico di P.J. Hogan
PETER PAN (2003), ruolo per il quale ha ottenuto una candidatura al Premio Saturn e al Premio Young Artist. Nel
2004 ha recitato accanto alla veterana di Hollywood Sissy Spacek nel thriller AN AMERICAN HAUNTING, diretto da
Courtney Solomon ( DUNGEONS & DRAGONS- CHE IL GIOCO ABBIA INIZIO). Di recente, la giovane Rachel HurdWood è stata Imogen nella produzione per la televisione inglese, “Sherlock Holmes and the Case of the Silk
Stocking“ (diretto da Simon Cellan Jones) accanto a Rupert Everett e Ian Hart. Il ruolo di Laura nell’adattamento
cinematografico del romanzo PROFUMO rappresenta a tutt’oggi la più grande sfida della sua già lunga carriera.
Filmografia selezionata
Regia di
2006
2004
2004
2003
Tom Tykwer
Courtney Solomon
Simon Cellan Jones
P.J. Hogan
PROFUMO storia di un assassino
An American Haunting
Sherlock Holmes and the Case of the Silk Stocking
Peter Pan
Dora Romano (la signora Baldini)
Lingue Straniere: inglese, francese
Formazione
Laurea in Sociologia, Diploma di recitazione - “Bottega Teatrale di Firenze” diretta da V. Gassman, Seminario J.
Grotowskij, Palermo, Seminario D.De Fazio, Roma, Los Angeles
Filmografia selezionata
1990 Il sole anche di notte
2001 Ribelli per caso
2005 The taming of the Shrew (BBC)
2006 PROFUMO storia di un assassino
Regia di
P. e V. Taviani
V. Terracciano
D. Richards
T. Tykwer
Televisione
Ha lavorato in varie fiction mediaste e Rai tra cui:
“Il bello delle donne” 2a e 3 a serie, fiction – MEDIASET (2003/2004)
“Amanti e segreti” fiction, regia di G. Lepre – RAI (2004)
“La omicidi” film tv, regia di R. Milani – RAI (2003)
Teatro
“La cameriera brillante” di Goldoni, regia di E. Fenoglio (1981)
“Le supplici” di Eschilo,regia di O. Kreijcha (1982)
“Ditegli sempre di sì” di E. De Filippo, regia di Eduardo (1982/83)
“Un turco napoletano” di E. Scarpetta, regia di Eduardo (1982/83)
“chi è cchiu’ felice ‘e me” di E. De Filippo, regia di Eduardo (1983/84)
“Tre cazune furtunate” di E. Scarpetta, regia di Eduardo (1983/84)
“Macbeth” di W. Shakespeare, regia di S. Benedetto (1986)
“Chicchignola” di E. Petrolini, regia di M. Scaccia (1987)
“La fiaccola sotto il moggio” di G. d’Annunzio, regia di P. Maccarinelli (1987)
“Saro e la rosa” di F. Silvestri, regia di P. Rossi Gastaldi (1989)
“Piccola città” di T. Wilder, regia di E. Olmi (1990)
“Fatto di cronaca” di R. Viviani, regia di M. Scaparro (Spoleto 1993)
“Cuore ingrato” autori vari, regia di L. Natoli – musical 1994
“Antigone” di J. Anouilh, regia di M. Panici (1996)
“Telefoni a New York” di e regia di R. Fuks (1998)
“She loves me” di Bock-Harnick-Masteroff, regia di D. Brandon (2000)
“Notturno di donna” di A. Ruccello, regia di E. Lamanna (dal 1996 al 2002)
“Il canto della madre” di G. Mazzanti, regia di D. Romano (2003)
“Gran varietà” autori vari, regia di R. Stocchi (2004)
“Gianburrasca” di Vampa, regia di B. Fornasari (2005)
varie
Strumenti musicali: chitarra e percussioni (non professionale)
Ha insegnato recitazione e tecniche teatrali in vari seminari a l’Aquila, Prato, Siena
I REALIZZATORI / FILMOGRAFIE
Tom Tykwer (regista e co-sceneggiatore)
Tom Tykwer è nato a Wuppertal nel 1965. Appassionato di cinema sin dalla tenera età, ha realizzato i suoi primi film
in super-8 all’età di 11 anni. Dopo due cortometraggi, BECAUSE (1990) e EPILOG (1992), nel 1993 ha realizzato il
suo primo film, DEADLY MARIA. Nel 1994 Tykwer ha fondato la società di produzione X Filme Creative Pool insieme
a Stefan Arndt, Wolfgang Becker e Dani Levy.
Ha diretto il suo secondo film, WINTER SLEEPERS, nel 1996/97. Ma il successo è arrivato nel 1998 con LOLA
CORRE. Il suo progetto cinematografico, THE PRINCESS AND THE WARRIOR, è stato presentato al Festival di
Venezia ed ha vinto il premio Silver German Film nel 2001 come Miglior Film. L’ultimo lungometraggio di Tykwer,
HEAVEN, ha aperto il Festival di Berlino nel 2002.
Filmografia selezionata
2006
2004
2002
2000
1999
1998
Regia
PROFUMO storia di un assassino
(regista & co-sceneggiatore)
Paris, Je T’aime (segmento sul X Arrondissment)
(regista & sceneggiatore)
Ein Freund von mir
Sebastian Schipper
(produttore)
Underexposure
Oday Rasheed
(co-produttore)
Lautlos
Mennan Yapo
(produttore)
True (cortometraggio)
Premio per il Miglior cortometraggio tedesco
(regista, sceneggiatore &
2004 (Gold)
colonna sonora)
Heaven
Entry in Internat. Berlin
(regista)
Film Festival 2002
German Film Award 2002
(argento)
Gilde Film Award 2002
(oro)
Gaia International Film
Festival Portugal
(Primo premio)
National Board of Review
2002
(Menzione speciale)
Jupiter 2002 per il Miglior Regista Tedesco
The Princess and the Warrior
In concorso a Venezia 2000
(regista, sceneggiatore &
German Film Award 2001
musica)
(argento)
Gilde Film Award 2001
(oro)
Gigantics
Sebastian Schipper
(produttore)
Lola corre
49th German Film Award
(regista, sceneggiatore &
1999 (oro)
musica)
1997
1993
1992
1990
Winter Sleepers
(regista, sceneggiatore &
musica)
Life Is All You Get
(sceneggiatore)
Deadly Maria
(produttore, regista &
musica)
Epilog (cortometraggio)
(regista, sceneggiatore &
musica)
Because (cortometraggio)
(regista, sceneggiatore &
musica)
Premio Ernst-Lubitsch 1999
Sundance Film Festival
1999 (Premio del pubblico)
Premio Independent Spirit
2000
48th German Film Award
1998 (argento)
Thessaloniki Film Festival
1997 (Premio del pubblico e
Premio FIPRESCI)
Gijón Film Festival 1997
(Miglior regia)
Wolfgang Becker
16th Bavarian Film Award
Filmtage Hof 1993
(Miglior nuovo regista)
Sochi Film Festival (Russia)
1994 (Premio speciale della giuria)
Bernd Eichinger (produttore e co-sceneggiatore)
Dopo essersi diplomato alla Munich’s Television and Film Academy nel 1973, Bernd Eichinger ha fondato una sua
società di produzione, la Solaris Film e ha iniziato una carriera che avrebbe cambiato il corso del cinema tedesco. Le
sue prime produzioni hanno portato all’attenzione del pubblico di tutto il mondo i “nuovi cineasti tedeschi” tra i quali
Wim Wenders, Alexander Kluge, Edgar Reitz or Hans-Jürgen Syberberg.
Più di 80 milioni di persone, soltanto in Germania hanno visto i film prodotti da Bernd Eichinger. Tra le sue produzioni
internazionali ricordiamo: CHRISTIANA F. E I RAGAZZI DELLO ZOO DI BERLINO di Uli Edel’s; LA STORIA
INFINITA di Wolfgang Petersen; IL NOME DELLA ROSA di Jean-Jacques Annaud, LA CASA DEGLI SPIRITI di Bille
August e DOWNFALL di Oliver Hirschbiegel.
Filmografia selezionata
Regia di
2006
PROFUMO storia di un assassino
(produttore & co-sceneggiatore)
Le particelle elementari
(produttore)
DOA: Dead or Alive
(produttore)
Tom Tykwer
Fantastic Four
(produttore)
Tim Story
2005
Oskar Roehler
Corey Yuen
2004
2002
2001
Downfall
(produttore & sceneggiatore)
Resident Evil: Apocalypse
(produttore esecutivo)
Resident Evil
(produttore)
Naked
(produttore)
The Mists of Avalon (TV)
(produttore)
Nowhere in Africa
(co-produttore)
Manitou's Shoe
(co-produttore)
1998
1997
1996
1994
1993
1992
The Trials of Vera B. (TV)
(produttore)
Am I Beautiful?
(produttore)
Campus
(produttore)
Opera Ball (TV)
(produttore)
Il senso di Smilla per la neve
(produttore)
A Girl Called Rosemary (TV)
(produttore, regista &
sceneggiatore)
Die Halbstarken (TV)
(produttore & sceneggiatore)
Most Desired Man
(produttore)
Il giardino di cemento
(co-produttore)
La casa degli spiriti
(produttore)
Salt on Our Skin
Candidato all’Oscar® 2005
Premio Bavarian Film 2004
Premio Bambi 2004
Premio Jupiter 2005
Silver Astor (Argentina)
per la migliore sceneggiatura
Oliver Hirschbiegel
Alexander Witt
Paul Anderson
Premio German Film 2003
Doris Dörrie
Uli Edel
Oscar® 2003
Caroline Link
Premio German Film 2002
Premio Bavarian Film 2002
Premio Bavarian Film 2001
Michael Herbig
(Premio del pubblico)
German Film Award 2002
(Premio del pubblico)
Premio della Televisione tedesca 2001 Hark Bohm
Doris Dörrie
Premio Bavarian Film 1997
Sönke Wortmann
Golden Nymph 1998
Urs Egger
Bille August
Jupiter 1996
Urs Egger
Premio German Film 1995
Premio Bavarian Film 1994
Bambi 1995
Orso d’argento 1993
per la regia
(Festival di Berlino)
Premio German Film 1994
Premio Bavarian Film 1993
Sönke Wortmann
Andrew Birkin
Bille August
Andrew Birkin
(produttore)
1990
1989
1988
Werner – Beinhart!
(produttore)
Ultima uscita Brooklyn
(producer)
Me and Him
(produttore)
Niki List
Premio German Film 1990
Premio Bavarian Film 1989
Uli Edel
Doris Dörrie
1986
1984
1981
1979
1978
1977
1976
1975
Il nome della rosa
(produttore)
Premio European Film 1987
Premio German Film 1987
César 1987
Bavarian Film Award 1986
Bambi 1986
Jupiter 1986
David di Donatello 1987
La storia infinita
Premio Bavarian Film 1984
(produttore)
Bambi 1984
Jupiter 1984
Christiane F. e i ragazzi dello zoo di Berlino
(produttore)
Tales from the Vienna Woods
Premio German Film 1980
(produttore)
Hitler: A Film from Germany
(produttore)
The Glass Cell
Candidato all’Oscar 1979
(produttore)
Premio German Film 1978
The Consequence
(produttore)
Good-for-Nothing
Premio German Film 1978
(produttore)
Zero Hour
(produttore)
Strongman Ferdinand
(produttore)
The Wrong Movement
Premio German Film 1975
(produttore)
Jean-Jacques
Annaud
Wolfgang Petersen
Uli Edel
Maximilian Schell
Hans Jürgen
Syberberg
Hans W.
Geißendörfer
Wolfgang Petersen
Bernhard Sinkel
Edgar Reitz
Alexander Kluge
Wim Wenders
Andrew Birkin (co-sceneggiatore)
Andrew Birkin, figlio della defunta attrice Judy Campbell, e fratello dell’attrice Jane Birkin, è nato a Londra nel 1945.
A 16 anni, ha abbandonato gli studi per lavorare come fattorino alla sede londinese della 20th Century Fox, e col
tempo è diventato assistente alla produzione per vari film. Nel 1966, venne assegnato a 2001: ODISSEA NELLO
SPAZIO dove attirò l’attenzione di Kubrick segnalando una location inglese per la scena "L’alba dell’uomo". Girò le
sequenze della seconda unità in Scozia e divenne il leggendario assistente del regista.
Negli anni successivi Birkin ha scritto le sceneggiature del cinema e della televisione, tra queste la seria della BBC
sull’autore di Peter Pan J.M. Barrie intitolata RAGAZZI PERDUTI (1978) e IL NOME DELLA ROSA. Ha debuttato
dietro la macchina da presa nel 1988 con BRUCIANTE SEGRETO, adattamento del romanzo di Stefan Zweig
‘Brennendes Geheimnis’. Successivamente Birkin ha diretto altri due film, entrambi prodotti da Bernd Eichinger:
SALT ON OUR SKIN e IL GIARDINO DI CEMENTO con la nipote Charlotte Gainsbourg nei panni della protagonista
e per il quale ha vinto l’Orso d’Argento per la Regia al Festival di Berlino.
Filmografia selezionata
Regia di
2006
Tom Tykwer
1999
PROFUMO storia di un assassino
(co-sceneggiatore)
Giovanna D’Arco
Luc Besson
1993
1991
1988
1986
1981
(co-sceneggiatore)
Il giardino di cemento
(regista & sceneggiatore)
Orso d’argento 1993
per la Regia
(Festival di Berlino)
Salt on Our Skin
(regista & co-sceneggiatore)
Bruciante segreto
(regista & sceneggiatore)
Il nome della rosa
(co-sceneggiatore)
Conflitto finale
(sceneggiatore)
Jean-Jacques Annaud
Graham Baker
Frank Griebe (direttore della fotografia)
Frank Griebe è considerato uno dei migliori direttori della fotografia della Germania. Nel 1998 ha vinto il premio
German Film per WINTER SLEEPERS e TRAINS'N'ROSES. Nel 1999, ha vinto lo stesso premio per la seconda
volta per LOLA CORRE. Griebe è stato poi il direttore della fotografia per Tom Tykwer per la quarta volta in THE
PRINCESS AND THE WARRIOR, per il quale è stato candidato al premio European Film nel 2001. Ha collaborato
anche con Sebastian Schipper, per il suo debutto alla regia, GIGANTICS, con Doris Dorrie per NAKED e con
Leander Haussmann per BERLIN BLUES (2002).
Griebe ha iniziato la carriera come apprendista allo sviluppo della pellicola. Dal 1984 al 1986 ha studiato per
diventare assistente operatore alla macchina da presa e successivamente ha lavorato per 7 anni facendo da
assistente a operatori quali Herbert Müller, Michael Teutsch, Jürgen Jürges e Erling-Thurmann Andersen per
produzioni televisive e cinematografiche, documentari e spot pubblicitari. Nel 1993, ha vinto il premio Kodak Prize
per DEADLY MARIA, nel 1994 il premio German Camera e nel 1995 il premio degli studenti del Manaki Brothers
Camera Festival di Bitola.
Filmografia selezionata
Regia di
2006
2002
Tom Tykwer
Leander Haussmann
Tom Tykwer
Tom Tykwer
Doris Dörrie
Tom Tykwer
Tom Tykwer
Sebastian Schipper
Peter Lichtenfeld
2001
2000
1998
1997
1993
PROFUMO storia di un assassino
Mr. Lehmann
True (cortometraggio)
Heaven
Naked
The Princess and the Warrior
Lola corre
Gigantics
Trains’n’Roses
Winter Sleepers
Deadly Maria
Premio German Film 1999
Premio German Film 1998
Premio German Film 1998
Premio German Camera
Kodak Prize 1993
Tom Tykwer
Tom Tykwer
Uli Hanisch (scenografo)
Prima di collaborare con Tom Tykwer per HEAVEN, Uli Hanisch aveva lavorato come scenografo per WINTER
SLEEPERS e THE PRINCESS AND THE WARRIOR, ed è a tutt’oggi considerato uno dei migliori scenografi
tedeschi. Nel 2000 ha creato le scenografie per THE EXPERIMENT, per il quale ha vinto il premio German Film
Award come scenografo.
Hanisch è nato a Norimberga nel 1967. Dopo aver studiato comunicazione visiva a Düsseldorf, ha lavorato come
grafico per varie agenzie di pubblicità. Nel 1987 ha iniziato a collaborare con Christoph Schlingensief per i film THE
GERMAN CHAINSAW MASSACRE (1990), TERROR 2000 (1992) e UNITED TRASH (1994). Come attrezzista e
scenografo si è occupato di tanti film per la televisione e ha disegnato le scenografie di lungometraggi quali 00SCHNEIDER – JAGD AUF NIHIL BAXTER (1994) e PRAXIS DR. HASENBEIN (1996) diretti da Helge Schneider.
Hanisch ha anche lavorato come direttore artistico per le produzioni tedesche di AIMÉE & JAGUAR e
SCHLARAFFENLAND (1999) e ha collaborato alla realizzazione di varie produzioni europeo, tra le quali THE BABY
OF MACON (1992) e TYKHO MOON (1995). Prima di PROFUMO, aveva lavorato a STAUFFENBERG per la
televisione tedesca e THE MIRACLE OF BERN di Sönke Wortmann.
Filmografia selezionata
Regia di
2006
2003
2002
2002
2000
2000
1998
1997
Tom Tykwer
Jo Baier
Sönke Wortmann
Tom Tykwer
Oliver Hirschbiegel
Tom Tykwer
Max Färberböck
Tom Tykwer
PROFUMO storia di un assassino
Stauffenberg (TV)
The Miracle of Bern
Heaven
The Experiment
The Princess and the Warrior
Aimée und Jaguar
Winter Sleepers
Premio German Film 2000
Alexander Berner (montaggio)
L’addetto al montaggio Alex Berner è nato e cresciuto a Monaco e ha trascorso gran parte degli anni 80 a Londra,
prima studiando computer grafica alla PLB Ltd. e poi lavorando come addetto al montaggio di video alla New
Decade Productions Ltd. Successivamente ha concentrato l’attenzione su filmati aziendali, documentari, spot
pubblicitari e video musicali per MTV. Dopo aver diretto un documentario e una rock band multiculturale a San
Francisco nel 1988/1989, è tornato in Germania per lavorare come addetto al montaggio sonoro e video di
lungometraggi, documentari, spot pubblicitari e trailer cinematografici. Nel 1996 Berner ha vinto il prestigioso premio
German Film per BROTHER OF SLEEP. Attualmente si sta occupando del montaggio del film di Roland Emmerich –
10,000 B.C.
Filmografia selezionata
Regia di
2006
2004
2003
2003
PROFUMO storia di un assassino
Alien vs. Predator
The Wild Soccer Bunch
Das Sams in Gefahr
Tom Tykwer
Paul W. S. Anderson
Joachim Masannek
Ben Verbong
2002
Resident Evil
1999
The Devil and Mrs D.
Paul W. S. Anderson
Bernd Eichinger
1998
1997
1996
1995
The Polar Bear
Knocking on Heaven’s door
A girl called Rosemary (TV)
Brother of Sleep
Premio German Film 1996
Til Schweiger
Thomas Jahn
Bernd Eichinger
Joseph Vilsmaier
Pierre-Yves Gayraud (costumi)
Pierre-Yves Gayraud è uno dei più richiesti costumisti francesi, con più di 30 film al suo attivo. Conosciuto
soprattuttoin America per due mega produzioni, INDOCINA, film premiato con l’Oscar diretto da Regis Wargnier e
THE BOURNE IDENTITY di Doug Liman. INDOCINA, ambientato durante l’occupazione francese del Vietnam e
girato in Vietnam, era interpretato da Catherine Deneuve e Vincent Perez e valse a Gayraud e alla sua assistente,
Gabriella Pescucci, le candidature ai Cesar.
Prima di iniziare a lavorare a PROFUMO, Gayraud ha lavorato per due episodi di PARIS, JE T’AIME, nella
fattispecie quelli diretti da Tom Tykwer e dai fratelli Coen.
Filmografia selezionata
Regia di
2006
Tom Tykwer
Joel and Ethan Coen
Tom Tykwer
Régis Wargnier
Jean-Jacques Annaud
Tom Tykwer
Doug Liman
Agnieszka Holland
Régis Wargnier
2003
2002
1995
1992
PROFUMO storia di un assassino
Paris, Je t’aime
(I Arrondissement)
(Xh Arrondissement)
Man to Man
I due fratelli
True (cortometraggio)
The Bourne Identity
Poeti dall’inferno
Indocina
THIERRY MUGLER PERFUMES INTERPRETANO “PROFUMO”
Thierry Mugler Perfumes e Constantin Film, in cooperazione con International Flavors & Fragrances (IFF), hanno
realizzato un fantastico e a tutt’oggi unico progetto che coinciderà con l’uscita del film PROFUMO, diretto da Tom
Tykwer e prodotto da Bernd Eichinger. Mentre i realizzatori scrivevano la sceneggiatura, i partner hanno cominciato
a lavorare a questo insolito progetto e quando sono iniziate le riprese, le forti impressioni visive sono state
trasformate in profumi. E così mentre registi e produttori lavoravano all’adattamento cinematografico del best seller
PROFUMO, scritto nel 1985 da Patrick Süskind e osannato da milioni di lettori in tutto il mondo, l’idea
dell’interpretazione olfattiva di PROFUMO è diventata realtà. Thierry Mugler Perfumes è un marchio di haute
parfumerie che cerca ispirazione nel passato per plasmare il futuro. Il punto centrale di tutti i suoi prodotti sono
sempre le sensazioni forti al limite dell’incredibile. Per questo motivo, la sceneggiatura rappresentava una tentazione
irresistibile perché non esiste nessun altro romanzo che abbia ispirato un film che presenti una visione del mondo del
profumo in maniera così completa creando un contesto storico, insondabile e emotivo.
I profumi e le fragranze giocano un ruolo chiave nel capolavoro letterario di Suskind, considerato per tanti anni
impossibile da adattare per il grande schermo. Il successo strabiliante del romanzo verrà oggi ribadito ed ampliato
dall’adattamento cinematografico e dalla trasposizione in sequenze profumate. La Thierry Mugler Perfumes è un
partner eccellente per l’interpretazione olfattiva del film: IFF, con i centri creativi è riuscito a battere nuove strade nel
settore dello sviluppo e della produzione delle essenze grazie alla sua posizione di leader tecnologico che la rende
unica nel suo settore e che ha aperto delle possibilità praticamente infinite e ha dato corpo alla visione di Thierry
Mugler Perfumes. I tre partner di questo fantastico progetto, Thierry Mugler, Constantin Film e IFF, sono i tre capofila
dei loro rispettivi settori e insieme hanno dato vita ad un profumo che è al contempo un’opera d’arte e un bene
culturale prezioso.
Il cofanetto Thierry Mugler, realizzato in finissimo velluto rosso, contiene 15 fragranze e un interessante opuscolo
con immagini tratte dal film scelte in esclusiva per il cofanetto. Sarà distribuito in un numero limitato di esemplari e
potrà essere ordinato a partire da settembre nelle profumerie Thierry Mugler o sul sito
www.dasparfum.thierrymugler.com.
LA CASA EDITRICE DIOGENES
“E’ uno scandalo ed è un libro pericoloso ed abominevole poiché il suo linguaggio, che può essere definito inebriante
come una delle tante essenze che descrive, crea dipendenza nei lettori, li seduce rubandogli quasi l’anima. E’ uno
scandalo perché il libro non permette ai lettori di staccarsi dalle pagine e quando questi si accorgono dove il testo li
sta portando –Süskind è stato estremamente pessimista in quanto ha descritto quel periodo come una sorta d’inferno
e ha dato inizio all’epoca moderna con un sacrificio umano - è oramai troppo tardi.“ Frankfurter Allgemeine
Sonntagszeitung
“Diverso da tutto ciò che avete letto finora. Un fenomeno che resterà unico nell’ambito della letteratura
contemporanea.“ Le Figaro, Paris
“Un mostro si è fatto spazio nella letteratura tedesca, un mostro del quale si erano perse le tracce dai tempi di “Il
tamburo di latta” − una pietra miliare della letteratura!“ Stern
“La letteratura tedesca può ancora vantare, o vantare di nuovo, un grande autore con un’ottima padronanza della
lingua tedesca. Un narratore contemporaneo in grado di narrare come si deve; un romanziere che non ci bombarda
di riflessioni sul suo ombelico; un giovane autore che non è affatto noioso. [...] Finalmente la nostra letteratura può
vantare un altro talento che definirei sensazionale.“ Marcel Reich-Ranicki, in: Frankfurter Allgemeine Zeitung
I diretti mondiali sul libro sono controllati da Diogenes. Se volete conoscere quali sono le case editrici che hanno
pubblicato il libro negli altri paesi, contattate: Ruth Geiger (press):Tel.: malto:[email protected] tel.+41 442548546.
EMI CLASSICS PUBBLICA LA COLONNA SONORA
Tom Tykwer è uno dei pochi registi di fama internazionale ad occuparsi anche delle colonne sonore dei suoi progetti.
Come è già successo per tutti i suoi film realizzati finora, ha composto anche la colonna sonora di PROFUMO, in
collaborazione con i musicisti Johnny Klimek e Reinhold Heil, che sono anche suoi cari amici. Il terzetto lavora
insieme da quas 10 anni e si fa chiamare Pale 3 e oltre a comporre le colonne sonore, sta pianificando l’uscita di un
album. Per la colonna Sonora di PROFUMO, a tutt’oggi il suo progetto più ambizioso e importante, Tom Tykwer
voleva una colonna sonora ugualmente ambiziosa ed eseguita al meglio: “Mentre componevo le musiche, mi sono
chiesto più volte che tipo di suono avrei voluto per il film e ho trovato rapidamente la risposta: Come la musica della
Berliner Philharmoniker!“ Tykwer non pensava che sarebbe mai riuscito a collaborare con loro e invece è stato
proprio così. Il merito delle musiche, eseguite dalla Berliner Philharmoniker diretta da Sir Simon Rattle va ai tre autori
in parti uguali. Ad essere entusiasta del progetto non è stato solo Sir Simon Rattle ma anche la casa discografica,
EMI Classics, seguita da Constantin Film che è stata uno degli entusiasti sponsor di questa collaborazione.
Sir Simon Rattle conosceva già le opere del regista tedesco, E quando il direttore d’orchestra inglese è stato
nominato direttore artistico e primo direttore della Berliner Philharmoniker nel 1999, gli amici gli avevano consigliato
caldamente il film di Tykwer LOLA CORRE come maniera per conoscere meglio la sua nuova casa, Berlino. “Da
allora, sono un grande ammiratore di Tom e ho sempre pensato: ‘Viviamo entrambi a Berlino, dovremmo
conoscerci!’“ racconta Rattle. E sebbene ci siano voluti diversi anni prima che accadesse, l’adattamento di
PROFUMO, è stata l’occasione ideale per l’incontro.
E mentre già si parla di un capolavoro che segnerà la storia del cinema contemporaneo, PROFUMO sarà anche
accompagnato dalla prima colonna nata dalla collaborazione tra il celebre direttore d’orchestra Sir Simon Rattle e la
Berliner Philharmoniker.
Johnny Klimek e Reinhold Heil sono più che soddisfatti del risultato della loro cooperazione con la Berliner
Philharmoniker. “E’ stato commovente ascoltare per la prima volta la nostra musica eseguita da questa enorme e
magnifica orchestra. Il suono prodotto dalla Berliner Philharmoniker è di gran lunga migliore di quello che avevamo
sognato,“ aggiunge Johnny Klimek. E Reinhold Heil non è certamente meno entusiasta del suo collega. “Lavorare
con la migliore orchestra del pianeta è stato un autentico colpo di fortuna per noi!” racconta lui. E gli fa eco Tom
Tykwer: “Sir Simon Rattle ha usato la personalità e l’energia dell’orchestra per aggiungere una nuova dimensione
alla nostra musica.“ Così come il regista Tykwer è riuscito a trasformare il genio olfattivo di Grenouille in immagini, il
compositore Tykwer si è messo al lavoro con ambizioni altissime e la musica da lui creata rende il mondo dei profumi
e delle fragranze ancora più magico e sensuale.
LA BERLINER PHILHARMONIKER E SIR SIMON RATTLE
La Berliner Philharmoniker è oggi considerate una delle migliori del mondo ed è stata diretta negli anni da direttori del
calibro di Wilhelm Furtwängler, Sergiu Celibidache, Herbert von Karajan e Claudio Abbado. Ingaggiare Sir Simon
Rattle come direttore nel 2002, ha significato scegliere uno dei direttori di maggior successo della giovane
generazione. La trasformazione dell’orchestra nella “Stiftung Berliner Philharmoniker (Berliner Philharmoniker
Foundation)“ pubblica, avvenuta nello stesso periodo, ha creato un ambiente più moderno che lascia spazio alla
creatività e alla stabilità economica dell’orchestra formata da 129 musicisti. La carriera di Sir Simon Rattle
comprende collaborazioni con la Philharmonia Orchestra, la London Philharmonic Orchestra, la London Sinfonietta,
la Los Angeles Philharmonic Orchestra e la the City of Birmingham Symphony Orchestra, della quale è stato direttore
artistico dal 1980 al 1998. Inoltre ha collaborato con la Boston Symphony Orchestra, la Philadelphia Orchestra e la
Vienna Philharmonic. Simon Rattle, nominato cavaliere nel 1994, ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti, tra i
quali la medaglia della Royal Society of Arts Albert e nel 2003 il premio “Echo Klassik“ come “Direttore dell’anno”. Sir
Simon Rattle e la Berliner Philharmoniker hanno vinto un Grammy per aver eseguito la X sinfonia di Gustav Mahler e
per il documentario pluripremiato RHYTHM IS IT. Sir Simon Rattle e la the Berliner Philharmoniker hanno eseguito di
recente "Rheingold" dall’opera di Richard Wagner’s "Ring der Nibelungen" a Berlino. La Frankfurter Allgemeine
Zeitung lo ha definito un preludio “praticamente ineguagliabile per il suo radicalismo”. Lo stesso potrebbe dirsi della
colonna Sonora di PROFUMO.
Fly UP