...

perche` studiare il tedesco?

by user

on
Category: Documents
5

views

Report

Comments

Transcript

perche` studiare il tedesco?
PERCHE’ STUDIARE IL TEDESCO?
_______________________________________
DOSSIER INFORMATIVO
Autori
Gisella Langé
Rita Maria Scifo
Ispettrice Tecnica di lingue straniere
Docente di lingua tedesca - I.I.S. “Fabio Besta” - Milano
© 2011 MIUR – USR per la Lombardia – Relazioni internazionali e lingue straniere
Indice
Premessa
p. 3
1. Dati statistici
La Germania, partner commerciale per le importazioni italiane
La Germania, partner commerciale per le esportazioni italiane
La Germania, partner commerciale per le importazioni in Lombardia
La Germania, partner commerciale per le esportazioni dalla Lombardia
p. 5
La Germania e i paesi di lingua tedesca, partner principali
per i flussi turistici in Lombardia
p. 15
Assunzioni di personale con conoscenza delle lingue straniere
nell’industria e nei servizi
Assunzioni di personale con conoscenza delle lingue straniere Ripartizione territoriale
Assunzioni di personale con conoscenza delle lingue straniere
in relazione alla dimensione dell’impresa
p. 17
2. Articoli e convegni di interesse
“L’insegnamento del tedesco rischia di sparire dalle scuole”
da La Stampa 3 marzo 2010
p. 24
“La solitudine degli studenti di tedesco”
da La Stampa 9 maggio 2009
p. 25
“Ecco perché il tedesco aiuta ancora la carriera”
da Il Corriere della Sera - 26 settembre 2008
p. 26
“….Gli studenti che vanno all’estero”
da Il Corriere della Sera – 25 novembre 2007
p. 27
“Il tedesco? Uno slancio alla carriera”
da Il Corriere della Sera - 8 giugno 2007
p. 28
Die Nationale und internationale Stellung der deutschen Sprache
Convegno
p. 29
Le interconnessioni tra Italia e Germania oggi. La lingua tedesca
in una prospettiva professionale - Convegno
3. Materiali di sensibilizzazione
Scheda informativa per il Collegio Docenti
Scheda informativa per sensibilizzare i genitori
Scheda informativa per sensibilizzare gli studenti
Materiali informativi per studenti
p. 31
p. 33
p. 34
p. 35
p. 36
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
2
Premessa
In Lombardia negli ultimi anni si è assistito ad una forte contrazione dell’offerta della lingua tedesca
sia nelle scuole secondarie di primo grado sia in quelle di secondo grado. La progressiva riduzione
dell’insegnamento/apprendimento della lingua e cultura tedesca è in contraddizione con le reali
esigenze del territorio, che vede la Germania come primo partner commerciale sia per import/
export sia per i movimenti del turismo verso la nostra regione.
Un rapporto della Bundesbank del 2008 riporta che in Italia sono insediate 1054 aziende a capitale
tedesco con 148.000 dipendenti. In Germania sono presenti 423 aziende a capitale italiano con
68.000 dipendenti. La Lombardia è sede di numerose filiali di imprese tedesche quali Bosch,
Siemens, Mercedes Benz e Porsche.
La Germania è il paese che ha risposto meglio alla crisi finanziaria ed economica di questi ultimi
anni, grazie proprio ad un sistema industriale basato sulle esportazioni non solo di merci, ma
soprattutto di tecnologia e know-how. Il commercio estero dell’Italia con i paesi di lingua tedesca
nel 2009 è stato di 125 miliardi di Euro.
La conoscenza della lingua tedesca rappresenta un investimento per una carriera professionale
nell’industria e nei servizi: per gli attuali e futuri lavoratori in vari ambiti (finanziario, import/export e
turistico) è fondamentale per la loro carriera conoscere almeno due lingue. Dopo l’inglese, il
tedesco è la lingua più richiesta nelle assunzioni delle imprese.
In particolare, le piccole e medie imprese, che costituiscono il tessuto industriale italiano,
richiedono la conoscenza della lingua tedesca per poter coltivare i rapporti con i propri clienti e con
la casa madre. Oltre a competenze professionali specifiche, le imprese reputano che questa lingua
rappresenti una risorsa poiché facilita la comunicazione in ambito aziendale. Chi è in grado di
comunicare con i partner della casa madre in tedesco è in grado di comprendere maggiormente
ciò che “muove” i colleghi tedeschi. Se con l’inglese avviene uno scambio di informazioni, con il
tedesco si raggiunge la persona: ciò offre un valore aggiunto che garantisce maggiore rendimento
e migliori risultati.
In sintesi, la padronanza della lingua tedesca è strumento privilegiato e strategico per accedere
agli studi superiori e al mercato del lavoro in quanto:
• garantisce lo sviluppo di competenze plurilingui, scelta condivisa e promossa da tutte le
istituzioni europee finalizzata a favorire la crescita individuale, economica e sociale
• offre opportunità di maggiore mobilità nei viaggi di studio e di lavoro, consentendo di
stabilire rapporti diretti con le popolazioni locali, arricchendo non solo l’esperienza
professionale, ma anche quella personale
• rafforza le abilità logiche, trasversali a tutte le discipline, oltre che alla lingua madre e alle
altre lingue straniere. La struttura profonda di questa lingua aiuta la riflessione formale,
lessicale e morfosintattica
• permette dopo la scuola secondaria di accedere a corsi di studio universitari in Germania,
che, specie in ambito scientifico e tecnologico, sono tra i migliori in Europa.
Per ultimo, non va dimenticato che con 100 milioni di persone il tedesco è la lingua madre più
parlata in Europa e che imprescindibile risulta il contributo offerto dalla lingua tedesca alla scienza,
alla filosofia, alla letteratura e alla musica.
Gisella Langé, Ispettrice Tecnica di lingue straniere
Rita Scifo, Docente di lingua tedesca, I.I.S. “Fabio Besta”, Milano
Milano, 28 Gennaio 2011
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
3
1. Dati statistici
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
4
LA GERMANIA PRIMO PARTNER COMMERCIALE
DELL’ITALIA PER LE IMPORTAZIONI - ANNI 2009-2010
Importazioni annuali in Italia per paese
Valori in milioni di euro
Tabella 1
PAESI
PRINCIPALI
2009
2010
GERMANIA
FRANCIA
CINA
PAESI BASSI
SPAGNA
RUSSIA
BELGIO
SVIZZERA
REGNO UNITO
STATI UNITI
AUSTRIA
POLONIA
4.934
2.614
1.926
1.667
1.277
1.214
1.207
1.043
963
974
689
672
3.439
1.744
2.460
1.274
930
964
781
629
822
742
539
371
Fonte: Dati Istat 2009-2010 (2010 dati provvisori in attesa di convalida Istat)
La Tabella 1 evidenzia che la Germania occupa il primo posto tra i paesi che esportano in
Italia. Dal 2009 al 2010 si nota un calo delle importazioni italiane a causa della crisi
economica, ad eccezione di quelle provenienti dalla Cina. Rispetto alle esportazioni, le
importazioni italiane dalla Germania hanno risentito meno del periodo di crisi (vedi Grafici
1,2,3)
Grafico 1- Importazioni in italia 2009
Importazioni in Italia 2009
6.000
5.000
4.000
3.000
2.000
1.000
C
IN
A
ES
IB
AS
S
I
SP
AG
NA
R
U
SS
IA
BE
LG
IO
SV
IZ
ZE
R
RA
EG
N
O
U
N
IT
ST
O
AT
IU
N
IT
AU
I
S
TR
IA
PO
LO
N
IA
PA
G
ER
M
AN
IA
FR
AN
C
IA
0
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
5
Grafico 2 - Importazioni in Italia 2010
Importazioni in Italia 2010
4.000
3.500
3.000
2.500
2.000
1.500
1.000
500
I
SP
AG
N
A
R
U
SS
IA
BE
LG
IO
SV
IZ
ZE
R
EG
R
A
N
O
U
N
IT
ST
O
AT
IU
N
IT
I
AU
ST
R
IA
PO
LO
N
IA
AS
S
A
IB
IN
C
PA
ES
G
ER
M
AN
IA
FR
AN
C
IA
0
Grafico 3 - Andamento delle importazioni italiane nel 2009 e nel 2010
Andamento delle importazioni in Italia 2009- 2010
2009
PA
ES
IB
AS
S
I
SP
AG
N
A
RU
SS
IA
BE
LG
IO
SV
IZ
ZE
RE
RA
G
N
O
U
NI
TO
ST
AT
IU
NI
TI
AU
ST
RI
A
PO
LO
N
IA
2010
CI
NA
G
ER
M
AN
IA
FR
AN
C
IA
6.000
5.000
4.000
3.000
2.000
1.000
0
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
6
LA GERMANIA PRIMO PARTNER COMMERCIALE
DELL’ITALIA PER LE ESPORTAZIONI - ANNI 2009-2010
Esportazioni annuali in Italia per paese 2009-2010
Valori in Milioni di euro
Tabella 2
PAESI PRINCIPALI
2009
2010
GERMANIA
FRANCIA
STATI UNITI
SPAGNA
REGNO UNTO
SVIZZERA
BELGIO
POLONIA
PAESI BASSI
AUSTRIA
CINA
RUSSIA
GRECIA
TURCHIA
3.682
3.381
1.711
1.660
1.496
1.357
813
790
708
686
654
644
600
566
2.631
2.032
1.519
1.047
1.105
974
497
322
569
504
623
612
293
518
Fonte: Dati Istat 2009, 2010 (2010 dati provvisori, in attesa di convalida Istat)
La Tabella 2 evidenzia che la Germania è il primo partner commerciale per le esportazioni
italiane, seguita, al secondo posto, dalla Francia. Negli anni 2009 e 2010 si è avuto un
calo delle esportazioni italiane verso tutti i paesi a causa della crisi economica e finanziaria
(vedi Grafici 4,5,6)
Grafico 4 - Esportazioni italiane 2009
Esportazioni italiane 2009
G
ER
M
A
FR NIA
ST ANC
AT I A
IU
N
I
R SPA TI
EG
G
N
N
A
O
U
N
SV
T
IZ O
ZE
R
BE A
L
PO GIO
PA LO
ES NI
IB A
A
AU SS
ST I
R
IA
C
IN
A
R
U
SS
G IA
R
E
TU CIA
R
C
H
IA
4.000
3.500
3.000
2.500
2.000
1.500
1.000
500
0
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
7
Grafico 5 - Esportazioni italiane 2010
Esportazioni italiane 2010
3.000
2.500
2.000
1.500
1.000
500
A
U
SS
IA
G
R
EC
IA
TU
R
C
H
IA
C
IN
R
G
ER
M
AN
IA
FR
AN
C
ST
IA
AT
IU
N
I
SP T I
AG
R
EG
N
A
N
O
U
N
TO
SV
IZ
ZE
R
A
BE
LG
PO IO
LO
PA
N
IA
ES
IB
AS
AU S I
ST
R
IA
0
Grafico 6 - Andamento delle esportazioni italiane 2009-2010
Andamento delle esportazioni italiane 2009-2010
4.000
3.500
3.000
2.500
2.000
1.500
1.000
500
0
2009
G
ER
M
AN
IA
FR
AN
ST
C
IA
AT
IU
N
SP ITI
R
EG AG
N
N
A
O
U
N
TO
SV
IZ
ZE
R
BE A
LG
PO IO
PA LO
ES NIA
IB
AS
AU SI
ST
R
IA
C
IN
A
R
U
SS
G IA
R
EC
IA
TU
R
C
H
IA
2010
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
8
LA GERMANIA PRIMO PARTNER COMMERCIALE
DELLA LOMBARDIA PER LE IMPORTAZIONI
Importazioni annuali in Lombardia per paese 2007-2009
Valori in milioni di euro
Tabella 3
PAESI
2007
2008
2009
GERMANIA
27.414
12.784
10.033
7.513
5.967
25.342
11.999
9.870
8.555
5.228
19.943
10.733
8.450
6.970
4.372
5.653
4.846
3.980
3.690
2.856
1.802
1.879
1.426
1.405
1.402
1.395
1.389
1.136
808
614
436
4.776
4.535
4.039
3.857
2.483
1.740
1.621
1.598
1.680
1.523
1.313
1.488
1.152
916
589
471
4.130
3.850
3.699
3.449
2.004
1.149
1.403
1.250
1.455
1.034
1.149
1.463
1.046
612
521
320
FRANCIA
PAESI BASSI
CINA
BELGIO
REGNO
UNITO
SPAGNA
SVIZZERA
STATI UNITI
AUSTRIA
GIAPPONE
IRLANDA
RUSSIA
REP.CECA
SVEZIA
UNGHERIA
POLONIA
TURCHIA
ROMANIA
DANIMARCA
GRECIA
Fonte: Dati Istat 2007-2009
Elaborazione Ufficio Statistica e Osservatori dell’Istituto Superiore per la Ricerca,la Statistica e la
Formazione
La Tabella 3 evidenzia che negli anni 2007-2009 si è avuto un progressivo calo delle
importazioni in Lombardia a causa della crisi economica che ha colpito tutti i paesi. A
parte la Turchia, con dei valori pressoché stabili, tutti gli altri paesi hanno registrato un
calo delle esportazioni dal 2008 al 2009.
La Germania è stata in Europa uno dei pochi paesi che ha avuto un’oscillazione minima in
questo periodo critico. La Germania rappresenta, comunque, il primo partner commerciale
in Europa e non solo per le importazioni in Lombardia (vedi Grafici 7,8,9,10).
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
9
Grafico 7 - Totale delle importazioni in Lombardia nel 2007
Importazioni in Lombardia 2007
30.000
25.000
GRECIA
DANIMARCA
ROMANIA
TURCHIA
POLONIA
UNGHERIA
SVEZIA
REP.CECA
RUSSIA
IRLANDA
GIAPPONE
AUSTRIA
STATI UNITI
SVIZZERA
SPAGNA
REGNO
BELGIO
CINA
PAESI
FRANCIA
5.000
0
GERMANIA
20.000
15.000
10.000
Grafico 8 - Totale delle importazioni in Lombardia nel 2008
GRECIA
DANIMARCA
ROMANIA
TURCHIA
POLONIA
UNGHERIA
SVEZIA
REP.CECA
RUSSIA
IRLANDA
GIAPPONE
AUSTRIA
STATI UNITI
SVIZZERA
SPAGNA
REGNO
BELGIO
CINA
PAESI
FRANCIA
30000
25000
20000
15000
10000
5000
0
GERMANIA
Importazini in Lombardia 2008
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
10
Grafico 9 - Totale delle importazioni in Lombardia nel 2009
Importazioni in Lombardia 2009
25.000
20.000
15.000
10.000
5.000
G
ER
M
A
F R NI
PA A A
ES NC
I B IA
AS
S
C I
IN
R BE A
EG L
N GI
O O
U
SP NIT
A O
SV GN
IZ A
ST ZE
AT RA
IU
AU NI
S T
G TR I
IA
PP IA
IR ON
LA E
N
R DA
U
R SS
EP IA
.C
E
SV CA
U EZ
N
G IA
H
PO E R
LO IA
TU N
R IA
R CH
O
D MA IA
AN N
IM IA
A
R
G CA
R
EC
IA
0
Grafico 10 - Andamento delle importazioni in Lombardia dal 2007 al 2009
Andamento delle importazioni in Lombardia 2007-2009
2007
2008
GRECIA
DANIMARCA
ROMANIA
TURCHIA
POLONIA
UNGHERIA
SVEZIA
REP.CECA
RUSSIA
IRLANDA
GIAPPONE
AUSTRIA
STATI UNITI
SVIZZERA
SPAGNA
REGNO
BELGIO
CINA
PAESI
FRANCIA
2009
GERMANIA
30.000
25.000
20.000
15.000
10.000
5.000
0
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
11
LA GERMANIA PRIMO PARTNER COMMERCIALE
PER LE ESPORTAZIONI DALLA LOMBARDIA
Esportazioni annuali in Lombardia per paese 2007-2009
Valori in Milioni di Euro
Tabella 4
PAESI
PRINCIPALI
GERMANIA
FRANCIA
SPAGNA
STATI UNITI
REGNO UNITO
SVIZZERA
RUSSIA
BELGIO
PAESI BASSI
POLONIA
CINA
AUSTRIA
TURCHIA
GRECIA
ROMANIA
REP.CECA
GIAPPONE
SVEZIA
PORTOGALLO
UGHERIA
DANIMARCA
2007
2008
2009
14.569 14.281,93 10.685,15
12.252 12,184,36 9.539,82
7.073
6.471 4.376,98
6.113 5.877,45 4.677,87
5.175 4.727,10 3.458,84
4.854 5.004,02 4.500,44
2.720 2.863,64 1.910,89
2.486
2.535 2.161,00
2.434
2.625 2.142,58
2.398 2.625,76 2.038,95
2.308 2.402,08 2.331,07
2.255 2.273,89 1.726,35
2.183 2.040,71 1.542,96
1.928 1.977,90 1.409,98
1.481 1.537,79
963,27
1.298 1.279,79
877,21
1.204 1.161,95 1.082,38
1.154 1.154,06
755
1.021 1.013,72
858
965 1.035,89
760,00
837
823
501
Fonte: Dati Istat 2007-2009
Elaborazione Ufficio Statistica e Osservatori dell’Istituto Superiore per la Ricerca,la Statistica e la
Formazione
La Tabella 4 mostra come le esportazioni dalla Lombardia negli anni 2007-2009 hanno
subito un calo significativo a causa della crisi economica che ha investito i vari paesi. A
parte la Cina, con dei valori abbastanza stabili, tutti gli altri paesi hanno registrato un calo
nelle importazione dalla Lombardia.
La Germania, anche se con un calo, ha mantenuto la posizione di primo partner
commerciale non solo per le importazioni in Lombardia, ma anche per le esportazioni dalla
Lombardia (vedi Grafici 11,12,13, 14).
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
12
Grafico 11 - Esportazioni dalla Lombardia 2007
Esportazioni dalla Lombardia 2007
G
ER
M
A
FR NI
AN A
SP CI
A
ST AG
N
R AT A
EG I U
N NI
O
T
SV UN I
I
IZ TO
ZE
R RA
U
SS
B
PA E IA
ES LG
I B IO
PO ASS
LO I
N
IA
C
AU INA
S
T
T U RI
R A
C
G HIA
R
R EC
O
M IA
R AN
EP IA
G .CE
IA C
PP A
O
PO S NE
R VE
TO Z
G IA
A
U LLO
D GH
AN E
IM RIA
A
R
C
A
16.000
14.000
12.000
10.000
8.000
6.000
4.000
2.000
0
Grafico 12 - Esportazioni dalla Lombardia 2008
Esportazioni dalla Lombardia 2008
G
ER
M
A
FR NI
AN A
SP CI
A
ST AG
N
A
A
R
EG TI U
N NI
O
TI
SV UN
I
T
IZ
ZE O
R RA
U
SS
PA BE IA
ES LG
I B IO
PO ASS
LO I
N
IA
C
AU INA
S
T
T U RI
R A
C
G HIA
R
R EC
O
M IA
R AN
EP IA
.
G CE
IA C
PP A
O
PO S NE
R VE
TO Z
G IA
A
U LL
D GH O
AN E
IM RIA
A
R
C
A
16.000,00
14.000,00
12.000,00
10.000,00
8.000,00
6.000,00
4.000,00
2.000,00
0,00
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
13
Grafico 13 - Esportazioni dalla Lombardia 2009
Esportazioni dalla Lombardia 2009
12.000,00
10.000,00
8.000,00
6.000,00
4.000,00
2.000,00
G
ER
M
A
F R NI
AN A
SP CI
A
ST AG
NA
A
R
EG TI U
N NI
O
T
SV UN I
IZ ITO
ZE
R RA
U
SS
B
PA E IA
ES LG
I B IO
PO ASS
LO I
N
IA
C
AU INA
S
T
T U RI
R A
C
G HIA
R
R EC
O
M IA
R AN
EP IA
G .CE
IA C
PP A
O
PO S NE
V
R
TO EZ
G IA
A
U LL
D GH O
AN E
IM RIA
A
R
C
A
0,00
Grafico 14 - Andamento delle esportazioni dalla Lombardia dal 2007 al 2009
Andamento delle esportazioni dalla Lombardia 2007-2009
16.000
14.000
12.000
10.000
8.000
6.000
4.000
2.000
0
2007
2008
G
ER
M
A
FR NI
AN A
SP CIA
ST AG
R AT NA
EG I
N UN
O
IT
I
U
SV NIT
IZ O
ZE
R RA
U
SS
I
B
PA E A
ES L G
I B IO
A
PO SS
LO I
N
IA
C
AU INA
ST
TU RI
R A
C
H
G IA
R
E
R
O CIA
M
R AN
EP
IA
.
G CE
IA C
PP A
O
PO S NE
R VE
TO Z
G IA
A
U LL
G
O
H
D
AN ER
IM IA
AR
C
A
2009
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
14
LA GERMANIA PRIMO PARTNER
PER FLUSSI TURISTICI IN LOMBARDIA NEL 2009
Tabella 5
PAESI
GERMANIA
REGNO UNITO
FRANCIA
PAESI BASSI
SPAGNA
BELGIO
AUSTRIA
POLONIA
REP.CECA
ROMANIA
SVEZIA
DANIMARCA
GRECIA
IRLANDA
FINLANDIA
PORTOGALLO
SVIZZERA E
LIECHTENSTEIN
NORVEGIA
ALTRI STATI EUROPEI
STATI UNITI
GIAPPONE
CINA
BRASILE
AUSTRALIA
ALTRI PAESI DELL'ASIA
ARRIVI
PRESENZE
775935
422032
349140
250170
224296
145341
105684
78178
56248
71886
80165
71917
66007
51313
52028
44271
3095370
1450374
735152
1273249
448845
481212
291660
326068
240322
240753
192451
269227
153057
206769
130163
111079
204888
46257
131218
300215
241.440
101816
89610
68584
82.438
503181
111285
339266
669871
406997
199180
198936
164294
260819
Fonte: Dati Istat 2009
Elaborazione Ufficio Statistica e Osservatori dell’Istituto Superiore per la Ricerca,la Statistica e la
Formazione
I dati contenuti nella Tabella 5 indicano il numero dei turisti presenti in Lombardia nel
2009. Si può notare che i turisti provenienti dalla Germania rappresentano il gruppo più
numeroso, non solo rispetto al resto d’Europa, ma anche rispetto al totale delle presenze
da tutto il mondo (vedi Grafico 15).
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
15
Grafico 15 - Arrivi e presenze straniere in Lombardia nel 2009
ARRIVI E PRESENZE STRANIERE IN LOMBARDIA Anno 2009
classifica dei paesi con oltre 50.000 arrivi
ARRIVI
ALTRI PAESI
DELL'ASIA
BRASILE
GIAPPONE
ALTRI STATI
EUROPEI
SVIZZERA E
LIECHTENSTEIN
FINLANDIA
GRECIA
SVEZIA
REP.CECA
AUSTRIA
SPAGNA
FRANCIA
PRESENZE
GERMANIA
3.500.000
3.000.000
2.500.000
2.000.000
1.500.000
1.000.000
500.000
0
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
16
ASSUNZIONI NELLE IMPRESE, INDUSTRIA E SERVIZI
DI PERSONALE CON
CONOSCENZA DELLE LINGUE STRANIERE
ANNO 2009
Tabella 6 - Industria
Assunzioni imprese di personale con conoscenza di Lingue Straniere 2009
Inglese
95,80
Francese
1,10
Spagnolo
0,20
Tedesco
1,80
Cinese/Arabo Altre
1,00
0,2
Tabella 7 - Servizi
Assunzioni imprese di personale con conoscenza di Lingue Straniere 2009
SERVIZI
Inglese
90,3
Francese
2,7
Spagnolo
0,3
Tedesco
6,3
Cinese/Arabo
0,1
Altre
0,2
Fonte: Unioncamere - Ministero del Lavoro 2009
Le Tabelle 6 e 7 evidenziano che nel 2009 le imprese sia dell’industria sia dei servizi
hanno richiesto personale con conoscenze di lingua inglese, subito seguita dalla
conoscenza della lingua tedesca (vedi grafici 16 e 17)
Grafico 16 - Assunzioni industria di personale con conoscenza delle lingue
© 2011 Ministero
ro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
17
Grafico 17 - Assunzioni nei servizi di personale con conoscenza delle lingue
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
18
ASSUNZIONI IN AMBITO INDUSTRIALE E NEI SERVIZI
DI PERSONALE CON
CONOSCENZA DELLE LINGUE STRANIERE
ANNO 2009 - RIPARTIZIONE TERRITORIALE
Tabella 8
Cinese
Inglese Francese Spagnolo Tedesco Arabo
92,90%
3,10%
0,40%
2,60%
0,90%
Nord Ovest
86%
2,70%
0,20% 10,60%
0,20%
Nord Est
95,00%
1,10%
0,20%
3,40%
0,10%
Centro
93,20%
1,70%
0,40%
4,70%
0,00%
Sud e isole
Altre
0,20%
0,30%
0,20%
0,00%
Fonte: Unioncamere- Ministero del Lavoro 2009
La Tabella 8 evidenzia che la lingua più richiesta dalle imprese sia industriali sia dei servizi
nelle assunzioni nel 2009 è stato l’inglese, seguito al secondo posto dal tedesco e dal
francese.
In particolare, nel Nord Est, nel Centro e nel Sud e isole la seconda lingua straniera più
richiesta è il tedesco (vedi grafici 18,19,20,21,22)
Grafico 18
Assunzioni industria e servizi per conoscenza lingue
nel Nord Ovest
0,90%
2,60%
0,40%
0,20%
3,10%
Inglese
Francese
Spagnolo
Tedesco
Cin. Arab
92,90%
Altre
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
19
Grafico 19
Assunzioni industria e servizi per conoscenza
lingue
0,20%
nel Nord Est
10,60%
0,30%
0,20%
2,70%
Inglese
C
Francese
Spagnolo
Tedesco
86%
Cin. Arab
Altre
Grafico 20
Assunzioni industria e servizi per conoscenza lingue
nel Centro
3,40%
0,20%
0,20%
1,10%
0,10%
Inglese
Francese
Spagnolo
Tedesco
Cinese o arabo
95,00%
altro
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
20
Grafico 21
Assunzioni industria e servizi per conoscenza lingue
nel Sud e isole
0,00%
4,70%
0,00%
0,40%
1,70%
Inglese
Francese
Spagnolo
Tedesco
Cinese o arabo
altro
93,20%
Grafico 22
Assunzione industria e servizi per conoscenza
lingua per area geografica
100,00%
80,00%
Inglese
Francese
60,00%
Spagnolo
Tedesco
40,00%
Cin. Arab
Altre
20,00%
0,00%
Nord
Ovest
Nord Est
Centro
Sud e
isole
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
21
ASSUNZIONI NELL’INDUSTRIA E NEI SERVIZI DI PERSONALE
CON CONOSCENZA DELLE LINGUE STRANIERE
IN RELAZIONE ALLA DIMENSIONE DELL’ IMPRESA
ANNO 2009
Tabella 9
INGLESE
1-9 dipendenti
10-49 dipendenti
50-249 dipendenti
250-499 dipendenti
500 dipendenti e oltre
FRANCESE
91,5
87,9
94
95,5
92,3
2,3
2,6
1,3
1,3
3
SPAGNOLO TEDESCO
0,5
0,3
0,2
0,2
0
CINESE / ARABO ALTRO
4,7
8,7
3,9
3
4,6
0,9
0,1
0,1
0
0
L’analisi della tabella evidenzia come in tutte le imprese, sia in ambito industriale sia dei
servizi, le lingue straniere più richieste nelle assunzioni nel 2009 sono l’inglese, seguito
immediatamente dal tedesco. La percentuale più alta riguarda le imprese con 10-49
dipendenti, mentre nelle altre imprese la richiesta del tedesco oscilla dal 3 al 4,7%.
Grafico 23 - Assunzioni nell’industria e nei servizi di personale con conoscenza
linguistica sulla base delle dimensioni dell’impresa
Conoscenza LS nelle assunzioni delle imprese
120
100
80
60
40
20
0
Inglese
Francese
Spagnolo
Tedesco
Cinese o Arabo
1-9
dipendenti
10-49
dipendenti
50-249
dipendenti
250-499
500
dipendenti dipendenti e
oltre
Altre lingue
Fonte: Unioncamere- Ministero del Lavoro 2009
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
22
0,1
0,4
0,4
0,1
0,1
2. Articoli e convegni di interesse
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
23
''L'insegnamento del tedesco rischia di sparire dalle
scuole''
APPELLO LANCIATO DA DUE PROFESSORI DEL LICEO SPEZIA
Pubblicazione: [03-03-2010, STAMPA, VERBANIA, pag.53]
Autore: AMATO VINCENZO
VINCENZO AMATO DOMODOSSOLA
E' stata la lingua di grandi scrittori, filosofi,
scienziati e musicisti. Basta pensare a Goethe e
Schiller, a Mozart, Beethoven e Bach, ad Albert
Einstein e Max Plank per ricordare che negli ultimi
due secoli la Cultura europea ha parlato tedesco.
Se l'uomo e' andato sulla Luna lo deve a Werner
von Braun: un tedesco. Una lingua che nelle
scuole del Vco rischia di sparire. A dare l'allarme
sono i docenti della lingua di Goethe, una trentina
presenti fra medie e superiori in una quindicina di
istituti, che tra la riforma che ha ridotto le ore di
lingue ed una certa percezione del tedesco come
materia difficile rischiano di veder sparire non solo
una materia scolastica, ma un patrimonio culturale
fondamentale per capire l'Europa di oggi. A farsi
portavoce del problema sono due insegnanti del
Liceo “Spezia” di Domodossola: Licia Panighini e
Isabel Gutierrez che interpretano anche il pensiero
dei loro colleghi ed hanno rivolto un appello ad enti
ed istituzioni affinche' non si lasci “morire” la lingua
tedesca nelle scuole. “Da qualche anno si assiste
ad una progressiva riduzione dell'insegnamento
della lingua e civilta' tedesca – dicono le insegnanti
- in contraddizione con le reali esigenze del nostro
territorio ed in controtendenza con i flussi turistici e
commerciali che vedono aumentare gli scambi
economici con i Paesi germanofoni.Vogliamo
segnalare come questa carenza finisca in
prospettiva anche breve con il privare i nostri
giovani di una serie di opportunita' di studio, lavoro
oltre che di arricchimento culturale”. Si insegna
tedesco in una decina di scuole medie e per le
superiori allo Spezia ed Einaudi di Domodossola,
Itc di Omegna, Cobianchi e Ferrini di Verbania. A
sostenere le tesi dei docenti del Vco arriva anche il
presidente della Camera di Commercio Tarcisio
Ruschetti. “L'inglese e' la lingua principale, ma per
il nostro territorio il tedesco e' estremamente
importante - precisa Ruschetti - e faccio due
esempi: per il casalingo la Fiera principale e' quella
di Francoforte e per il Turismo Berlino. La
Germania e' il nostro partner commerciale piu'
importante sia per quanto riguarda l'industria,
compresa quella estrattiva, che il turismo. Basta
fare un giro negli alberghi per rendersene conto”. I
dati di Unioncamere confermano come la lingua
tedesca sia la seconda usata in tutto il Piemonte
dopo l'inglese e davanti al francese ed all'arabo e
cinese. “A tutte queste considerazioni vi sono poi
da aggiungere - proseguono i docenti di lingua
tedesca - il fatto che noi del Vco confiniamo con il
Vallese e che il tedesco e' sul web la lingua piu'
usata dopo l'inglese ed e' usata nel mondo del
lavoro tanto che molti documenti della Comunita'
Europea vengono redatti in tedesco”.
Per informazioni:
sito web: http://archivio.lastampa.it
email: [email protected]
- Editrice La Stampa S.p.a. - © Tutti i diritti riservati Per informazioni:
sito web: http://archivio.lastampa.it
email: [email protected]
Da La Stampa - 3 marzo 2010
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
24
“LA SOLITUDINE DEGLI STUDENTI DI TEDESCO”
PAOLO GIORDANO*
L’omologazione non ha a che vedere soltanto con la marca di scarpe indossate («Voglio anche io le Converse». «Ma se non ti sono
mai piaciute». «Sì, però le hanno tutti»), con la lunghezza della frangia, oppure con i piercing e i tatuaggi sparpagliati per il corpo.
Queste non sono che le sue forme più riconoscibili e, con buona probabilità, le più innocue. L’omologazione, quella profonda, è
legata piuttosto al percorso, alle esperienze accumulate, alla formazione. Nasce, prima che dalla voglia - lecita e spesso passeggera
- di annullare le differenze con i propri coetanei, da una certa indolenza, spesso di natura genetica e quindi trasmissibile dai genitori
ai figli.
L’omologazione è la strada più ovvia, quella che viene naturale percorrere, se ci si abbandona mollemente al flusso biologico e
sociale dell’età che avanza. Il rischio è di trovarsi, a un certo punto, incastrati in un canneto, o peggio ancora, in balia delle rapide,
sbatacchiati malamente da una roccia appuntita all’altra, incapaci di fare due bracciate per portarsi in salvo. Di solito avviene quando
è già troppo tardi, quando, per rispondere alle domande cruciali su di sé, che tanto prima o poi arrivano - ma chi sono io? Che cosa
ho di veramente speciale? - viene in mente solo il silenzio. Per mettersi al riparo da questo insidioso senso di nullità (già dilagante
tutto intorno a noi), occorre crearsi dei punti di forza, occorre scegliere - in definitiva, si tratta davvero di scegliere - delle peculiarità
che rendano unico il nostro percorso in mezzo agli infiniti altri. Proprio per questo, la lettura, così spesso chiamata in causa con una
retorica fastidiosa, costituisce un’opportunità reale, perché allarga la nostra esperienza, spesso così «ovvia», ad altre, più
straordinarie, lontane e imprevedibili. Ma non è che un esempio. Si può praticare un’arte marziale dal nome impronunciabile ninjutsu, taijutsu, viet vo dao, tae kwon do - e abbracciarne la filosofia connessa, si può vivere approfonditamente i Vangeli, imparare
a memoria la formazione del Chelsea e del Manchester, suonare l’oboe, oppure imparare il tedesco. Dal mix di diverse discipline,
meglio se molto specifiche, nascerà infine una formazione unica e - potete scommetterci - una personalità unica.
Fra le possibilità menzionate, io ho scelto, in parte per curiosità e in parte per accidente (un modulo di iscrizione consegnato davvero
troppo in ritardo), di studiare il tedesco alle scuole superiori, nella sezione B del Liceo Scientifico «Gino Segrè» di Torino. Per questo,
quando ho sentito dell’appello che i ragazzi della mia sezione (come si chiamano? Discendenti? Posteri?) hanno fatto tramite i
quotidiani, affinché il tedesco non sparisse dalla loro scuola, a causa delle poche iscrizioni e delle nuove perfide norme approvate dal
ministro Gelmini, mi sono sentito chiamato in causa. E il primo pensiero che ho fatto è stato: sarebbe un peccato, davvero un
peccato, che un’opportunità del genere venisse cancellata, sarebbe un passo in più verso un’insipida omologazione. Perché, se c’è
un aspetto più degli altri che mi fa percepire come speciale la mia formazione liceale, è proprio lo studio del tedesco, della lingua
come della letteratura. So bene quello che si dice in giro: «Il tedesco? Ma sei pazzo? È difficile. Pensa che ha il nominativo,
l’accusativo eccetera... Come si chiamano? I casi, ecco, come il latino. E poi è una lingua dura». Parzialmente vero. Vero. Del tutto
falso, rispettivamente. Non è una lingua semplice (quale lingua lo è, d’altronde?), è senz’altro molto strutturata (quindi fa anche molto
bene alla testa), ma non è affatto «dura» o «sgradevole», e chiunque mastichi un po’ di tedesco lo sa bene.
L’inglese è indispensabile, ce lo ripetono da anni e lo ripeto anch’io. Il tedesco è un di più, ma è un di più che, una volta imparato e
visto da una distanza sufficiente, risulterà altrettanto indispensabile, perché farà la differenza, quando un uomo corpulento dall’altra
parte di una scrivania vi domanderà minaccioso: «E... quali lingue parla?».
Ora, il problema dei ragazzi della sezione B, la mia sezione B, è semplice e cruciale: se non ci sono abbastanza iscritti, la classe di
tedesco non si può formare e l’intera sezione perderà la sua insegnante. Il messaggio di questo articolo è altrettanto chiaro:
iscrivetevi - iscrivete i vostri figli - alla sezione di tedesco, voi, ragazzi di terza media, che il prossimo anno farete il grande salto e voi,
genitori degli stessi ragazzi, che li tirerete su dalle braccia per aiutarli a saltare. Non iscrivetevi/inscriveteli per salvare la sezione B,
ma per salvarvi/salvarli dall’omologazione. Di sicuro questo non basterà, ma è un’occasione, e le occasioni, si sa, vanno prese
quando si presentano, una alla volta. Dopo, sarà già troppo tardi. Herzliche Grüße.
*autore del romanzo «La solitudine dei numeri primi»
Da La Stampa - 9 maggio 2009
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
25
LINGUE STRANIERE L' ASSO NELLA MANICA DI CHI VA OLTRE L' INGLESE SUL LAVORO
Ecco perché il tedesco aiuta ancora la carriera
Berlino è il primo partner commerciale dell' Italia: quasi
700 mila aziende seguono i rapporti tra i due Stati Lo
stipendio Un nuovo assunto che parla il tedesco può
arrivare a guadagnare il 20% in più degli altri Per
instaurare un rapporto continuativo
Il tedesco? Per i manager italiani è strategico. Se si vuole instaurare un rapporto continuativo con un'
azienda germanica, bisogna parlare ai suoi dirigenti nella loro lingua. Non perché non sappiano l'
inglese, ma per rassicurarli, farli sentire a casa. «Con l' inglese si va dappertutto - spiega Alberto Krali,
che insegna tedesco all' università Cattolica e coordina lo studio delle lingue straniere a Scienze
Politiche - ma con il tedesco si fidelizza il cliente». Parlare la lingua dei committenti non è solo una
questione di coordinamento tecnico, ma anche di comprensione culturale. «Per capirsi meglio e reagire
in maniera efficace alle loro richieste, è importante entrare nella loro mentalità», ribadisce Krali. E
questo si può fare solo parlando la loro lingua. I legami Italia-Germania «Non c' è dubbio che fra due
fornitori di pari livello - precisa Krali - un' azienda tedesca privilegia sempre quello con cui può parlare
in tedesco». In un contesto che vede la Germania come primo partner commerciale dell' Italia, è un
vantaggio non da poco. La spiccata complementarietà delle due economie, infatti, mette spesso le
eccellenze del Made in Italy alla "prova tedesco". Basti pensare che in Italia ci sono ben 185mila pmi che
lavorano per la Germania, mentre arrivano a 500mila le aziende tedesche che hanno rapporti con l'
Italia. In base al resoconto annuale della Bundesbank, in Italia sono insediate 1054 aziende a capitale
tedesco, con 148mila dipendenti. Ma è vero anche il contrario: in Germania ce ne sono 423 a capitale
italiano, con 68mila dipendenti. Per tutti questi lavoratori, conoscere le due lingue è fondamentale per
la carriera. Una marcia in più - Krali, che vede spesso i suoi studenti assunti in società che lavorano
molto con la Germania, dalla finanza all' import-export, ne è convinto: «La conoscenza del tedesco dà
una marcia in più a qualsiasi manager». Conferma Piergiulio Taino, docente di tedesco alla Statale di
Milano, che anzi aggiunge un dato psicologico importante: «Un buon inglese ormai viene dato quasi per
scontato. In un colloquio d' assunzione non costituisce più un vantaggio competitivo, ma una
condizione necessaria. La conoscenza del tedesco invece impressiona molto, perché dimostra una
capacità di approfondimento che va oltre gli standard. Il tedesco è considerato una lingua difficile da
imparare e chi dimostra di conoscerlo si mette subito in luce come una persona che tiene duro e non si
scoraggia davanti alle difficoltà». Non a caso, dalle indagini delle società di selezione del personale
risulta chiaro il vantaggio economico, che a pari ruolo può arrivare anche al 20% dello stipendio, per un
nuovo assunto che parla il tedesco. Elena Comelli Vantaggi «Con l' inglese si va dappertutto - spiega
Alberto Krali (foto), che insegna tedesco all' università Cattolica di Milano e coordina lo studio delle
lingue straniere alla Facoltà di Scienze Politiche - ma con il tedesco si fidelizza il cliente» 423mila, le
aziende in Germania con capitale italiano, dove lavorano 68 mila dipendentiSui banchi L' importanza
delle lingue non si ferma all' inglese
Comelli Elena
Da Il Corriere della Sera – 26 settembre 2008
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
26
FOCUS LE NUOVE LAUREE. LA CLASSIFICA CRESCE LA MOBILITÀ INTERNAZIONALE DEGLI UNIVERSITARI. UN
TEMPO ERA SOLO L' ERASMUS O IL PHD, OGGI SI PARTE PRIMA
Tre a Malta, 6.802 in Germania: gli studenti che vanno all' estero
MILANO - Quasi trentamila, contando quelli che hanno scelto di restare in Europa e quelli che si sono
spinti più lontano. Praticamente, un piccolo esercito. Sono le ragazze e i ragazzi italiani che hanno
deciso di laurearsi in un altro Paese, parlando e scrivendo in un' altra lingua. Stranieri d' adozione non
per il tempo breve di un Erasmus, ma per un intero corso di studi: laurea di primo livello oppure, più
spesso, laurea specialistica. Perché se un tempo, la molla per spiccare il grande salto erano soprattutto i
PhD (doctor of philosophy, il nostro dottorato di ricerca) o gli ambitissimi Mba (Master of business
administration), ora il percorso sembra invertito; chi può, fa le valigie prima. Per poi, magari,
tornarsene alla base a ciclo concluso. «La mobilità internazionale degli studenti è cresciuta moltissimo.
Ovviamente favorita dal Processo di Bologna», vale a dire l' armonizzazione a livello europeo dei sistemi
di istruzione superiore, articolati in tre cicli, «anche se in realtà - spiega l' economista Andrea Sironi,
prorettore all' Internazionalizzazione della Bocconi - la durata può essere diversa: da noi ha prevalso il
modello 3+2, ma in Spagna o in Gran Bretagna la linea è quella del 4+1». E già da quest' ultima
precisazione si intuisce molto del nuovo fenomeno: «Se ho l' opportunità di fare un pre experience
master (laurea di secondo livello, ndr) di un anno solo, chiudo il ciclo in 4 anni invece che in 5». Il vento
dell' istruzione accademica, insomma, sta cambiando. «E credo che presto coinvolgerà anche gli
undergraduate, gli studenti al primo livello». Ma quali sono le mete più ambite dagli universitari italiani
in trasferta? In testa alla graduatoria, nella categoria Isced 5A - le nostre lauree di primo e secondo
livello, nella classificazione standard per l' istruzione creata dall' Unesco - spicca, a sorpresa, la
Germania: 6.802 presenze. Sarà perché i contributi alle spese sono piuttosto bassi; alla Freie Universität
di Berlino, per dire, si pagano circa 850 euro, cui vanno aggiunti vitto e alloggio (ma il costo della vita,
qui, è ridotto). «Nei Paesi nordici, poi, il sistema di istruzione superiore, di altissima qualità, è
finanziato dallo Stato. E i cittadini comunitari non pagano alcuna retta». A Parigi, all' École
Polytechnique - 28° nel ranking delle Top 200 Universities, appena diffuso da Times-Qs -, la differenza
tra «comunitari» e non si quantifica in 3.500 euro; la somma che gli extra-Ue devono sborsare per il
primo anno di studi. Nel 2005, in Francia, gli italiani erano 2.805, contro i 2.879 negli atenei svizzeri
(dove invece si va da un massimo di 500 euro nel pubblico, ai 3.000 e oltre del privato). Non che il
«sogno americano» (e britannico) abbia perso il suo fascino: nel 2005, in Gran Bretagna c' erano 3.552
universitari con passaporto italiano; stessa quota per gli atenei statunitensi (ma il dato, fornito da
Almalaurea, è comprensivo di Mba e PhD). È che non sono in tanti, borse di studio e prestiti a parte, a
potersi permettere rette da 26mila euro l' anno in media per un corso alla Columbia di New York (11°
nel ranking Times-Qs) o al CalTech di Pasadena (al 7° posto). E restare su questo lato dell' Atlantico
aiuta fino a un certo punto: a Cambridge la retta annuale è di 4.500 euro più il tasso di inflazione, all'
Imperial College si va dai 18.500 ai 46.500 euro. Lo scoglio successivo è quello della selezione: «Spesso
i nostri studenti sono penalizzati da una scarsa conoscenza del sistema di valutazione», commenta
Sironi. Infine, il riconoscimento dei titoli: «Se l' ateneo è all' interno dell' Unione europea, tutto
tranquillo. Una laurea ad Harvard, paradossalmente, qui non vale niente, se non sul mercato...».
Eppure, il fenomeno c' è, ed è inarrestabile: «Il rischio che nel secondo ciclo di studi i nostri ragazzi più
brillanti vadano via è fortissimo. Ma il vero problema del sistema italiano è che, al momento, non attrae
i "cervelli" stranieri. È su questo fronte che, in Bocconi, ci stiamo muovendo: abbiamo sei corsi
internazionali nel biennio, un programma di borse di studio... Perché la mobilità internazionale è un
fenomeno positivo, purché reciproco. E focalizzato sulla qualità. Ma questo, molti atenei non l' hanno
ancora capito».
Jacomella Gabriela
Da Il Corriere della Sera - 25 novembre 2007
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
27
Da Il Corriere della Sera - 8 Giugno 2007
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - USR per la Lombardia - Relazioni internazionali e lingue straniere
28
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – USR per la Lombardia – Relazioni internazionali e lingue straniere
29
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – USR per la Lombardia – Relazioni internazionali e lingue straniere
30
CONVEGNO
Facoltà di Scienze Politiche
Incontro con la grande industria e finanza tedesca in Italia sul tema:
Le interconnessioni fra Italia e Germania oggi.
La lingua tedesca in una prospettiva professionale.
Martedì 23 Ottobre 2007 ore 15-18
presso la Cripta Aula Magna (Largo Gemelli,1 Milano)
PRESENTAZIONE
In Europa 945.000 PMI attive nell'export in media perdono 100mila euro di fatturato ogni anno per
mancati contratti dovuti a insufficiente conoscenza delle lingue straniere.
95 miliardi di euro di ignoranza linguistica buttati ogni anno dalla finestra.
Lo dice un'indagine condotta dalla Commissione Europea e ripresa dall'Unione Industriali di Torino in
occasione del Convegno di Torino di marzo 2007 sul tema "Opportunità e potenzialità nell'Europa di oggi".
Nel mercato dell'export un contatto può equivalere ad un contratto se si è in grado di interagire sul piano
comunicativo. L'inglese è dato per scontato, ma l'Eurobarometro segnala che il 59 % degli italiani non
conosce alcuna lingua straniera.
Le società di ricerca del personale rivelano che solo il 30% dei candidati risponde al livello di conoscenza
linguistica richiesto dalle aziende. Nelle aziende italiane i corsi integrativi di lingua straniera si fermano al
32% a fronte di una media europea del 49% .
Gli operatori hanno quindi bisogno di strumenti di informazione che indichino le priorità linguistiche.
Il primo mercato in assoluto al mondo per le esportazioni italiane è la Germania, col 14% dell'intero
export, al primo posto davanti a Francia e Stati Uniti d'America.
Lo stesso vale per le importazioni con il 18% davanti a Francia, Olanda e Gran Bretagna.
In Italia sono presenti oltre 600 grandi aziende tedesche con relative succursali e filiali.
Il 22,34 % dei turisti transitati in Italia viene dalla Germania.
Per Lufthansa l'Italia è il secondo mercato in Europa e terzo nel mondo.
Ma lo studente si preclude possibilità di impiego e di carriera semplicemente perché non sa che il tedesco
oltre all'inglese è lingua strategica per il suo futuro.
Anche l'azienda italiana spesso non lo sa per la semplice ragione che non è consapevole del valore
aggiunto della seconda lingua straniera sul mercato europeo.
Una condizione generale di impreparazione che va affrontata con strumenti informativi adeguati.
L'incontro con la grande industria tedesca previsto in Università Cattolica per il 23 Ottobre 2007 ore
15.00 è occasione per rendere note le sinergie in atto tra azienda e università. Il fine è incentivare lo
studio della lingua straniera ed al contempo offrire dati, esperienze e testimonianze che aiutino
l'operatore economico ed anche lo studente a cogliere le opportunità del mercato.
In collaborazione con:
Consolato Generale della Repubblica Federale di Germania Milano
Camera di Commercio Italo-Germanica Milano
Goethe-Institut Mailand
La manifestazione si avvale del contributo di DEUTSCHE BANK e PORSCHE ITALIA.
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – USR per la Lombardia – Relazioni internazionali e lingue straniere
31
3. Materiali di sensibilizzazione
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – USR per la Lombardia – Relazioni internazionali e lingue straniere
32
SCHEDA INFORMATIVA PER IL COLLEGIO DOCENTI
Perché proporre lo studio della lingua tedesca nella nostra scuola?
1. Per rispondere alla richiesta di competenze plurilingui, condivisa e promossa da
tutte le istituzioni europee, quale valore di crescita individuale, economica e
sociale;
2. Per il ruolo che la lingua tedesca svolge in Europa: dopo l’inglese (38%), il tedesco
(14%) è la lingua più parlata in Europa. Chi parla tedesco può comunicare con oltre
100 milioni di persone;
3. Per l’importanza delle relazioni commerciali tra la Germania e altri paesi in cui si
parla la lingua tedesca (Austria, Svizzera, Liechtenstein) e la Lombardia. La
Germania è il primo partner commerciale dell’Italia: i dati Istat confermano che il
26% delle importazioni annuali e il 21% delle esportazioni annuali della Lombardia
si svolgono con paesi di lingua tedesca. Molte imprese tedesche hanno filiali in
Lombardia (ad es. Bosch, Siemens, Porche, Mercedes Benz). Lo studio del
tedesco, risponde, quindi, alle esigenze economiche e occupazionali del territorio;
4. Per il ruolo svolto dalla Germania nell’industria del turismo italiano. In base ai dati
Istat i turisti in Lombardia provenienti dalla Germania e dai paesi di lingua tedesca
sono al primo posto con una percentuale del 55% rispetto al resto d’Europa e del
32% sul totale delle presenze da tutto il mondo;
5. Per offrire agli studenti l’opportunità di apprendere questa lingua straniera che
rappresenta uno strumento privilegiato e strategico per accedere al mercato del
lavoro;
6. Per dare agli studenti opportunità di maggiore mobilità. La conoscenza del tedesco
permette, nei viaggi di lavoro e di studio, di stabilire rapporti diretti con le
popolazioni locali e di acquisire maggiore consapevolezza della propria
“cittadinanza europea”;
7. Per offrire agli studenti l’occasione di confrontarsi con questa lingua straniera. E’
dimostrato che ogni apprendimento linguistico, iniziato a scuola, viene continuato
con maggiore facilità nelle fasi successive della vita. Senza un sostegno scolastico
è difficile accostarsi allo studio del tedesco;
8. Per permettere agli studenti di rafforzare le abilità logiche, trasversali a tutte le
discipline, oltre che alla lingua madre e alle altre lingue straniere. La struttura
profonda della lingua tedesca aiuta la riflessione formale, lessicale e
morfosintattica;
9. Per il contributo imprescindibile della lingua tedesca alla scienza, alla filosofia, alla
letteratura e alla musica .
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – USR per la Lombardia – Relazioni internazionali e lingue straniere
33
SCHEDA INFORMATIVA PER I GENITORI
ALCUNE BUONE RAGIONI PER PROPORRE A MIO/A FIGLIO/A LO STUDIO DEL
TEDESCO
E’ la seconda lingua più parlata in Europa da oltre 100 milioni di persone.
Il tedesco come ogni lingua straniera, apre ad un mondo nuovo, aiuta a interagire con
una cultura diversa, arricchendo, in tal modo la propria formazione culturale e umana.
Questo vale in modo particolare per la cultura tedesca, che ha dato un contributo
fondamentale alla filosofia, alla letteratura, alla musica , alla filologia e alla scienza.
Il tedesco aiuta a sviluppare e rafforzare le abilità logiche. La sua struttura profonda aiuta
la riflessione formale e ,quindi, il pensiero logico e analitico, importante anche per lo studio
di altre discipline.
Se studiato dopo l’inglese, l’apprendimento del tedesco risulta più facile perché entrambe
le lingue derivano dal ceppo germanico.
Il rapporto tra ortografia e pronuncia è più semplice rispetto alla lingua inglese. Le regole
di pronuncia e ortografia in tedesco sono di numero limitato e semplici.
Apprendere il tedesco è, quindi, semplice, divertente e gratificante.
Il TEDESCO è un investimento per il futuro in quanto offre possibilità di lavoro in
ambito economico, commerciale, finanziario e turistico
9 La Germania è, in base ai dati Istat, il primo partner commerciale per
l’Italia e, in particolare, per la Lombardia sia nelle importazioni, sia nelle
esportazioni.
9 Moltissime imprese italiane sono a capitale tedesco e hanno, quindi,
contatti continui con la Germania e gli altri paesi e comunità in cui si parla
la lingua tedesca
9 Diverse imprese tedesche, austriache e svizzere (quali la Bosch, la
Siemens, la Porsche e la Mercedes Benz) hanno importanti filiali in
Lombardia e in particolare a Milano
9 La Banca Centrale Europea ha sede in Germania a Francoforte sul Meno.
Diversi istituti di credito tedeschi hanno sede in Italia, molti in Lombardia
9 La maggior parte dei flussi turistici verso la Lombardia (45%), proviene
dalla Germania e da altri paesi di lingua tedesca
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – USR per la Lombardia – Relazioni internazionali e lingue straniere
34
SCHEDA INFORMATIVA PER GLI STUDENTI
PERCHE’ STUDIARE TEDESCO?
Ci sono molte ottime ragioni per cui studiare tedesco:
1. Ti piace viaggiare, conoscere nuovi paesi, nuove culture?
Il tedesco ti permette di viaggiare e comunicare con circa 100 milioni di persone in
Europa. Forse non lo sapevi, ma il tedesco è la lingua madre più parlata in Europa
dopo l’inglese.
2. Pensi che sia una lingua difficile da apprendere?
Non lasciarti condizionare da luoghi comuni e, in alcuni casi da pregiudizi. Il
tedesco come l’inglese deriva dal ceppo germanico. Se studiato dopo l’inglese
risulta più facile grazie alle somiglianze con questa lingua.
In tedesco il rapporto tra ortografia e pronuncia è molto più facile rispetto all’inglese:
le regole di pronuncia sono di numero limitato e chiare. Il tedesco è, inoltre, una
lingua logica con pochissime eccezioni..
3. Ti domandi quale sia l’utilità di studiare il tedesco
Il tedesco ti offre numerose possibilità di lavoro in ambito economico, commerciale,
finanziario e turistico.
La Germania è i, il primo partner commerciale dell’Italia, in particolare della
Lombardia per import-export. Numerose multinazionali tedesche e piccole e medie
imprese italiane sono a partecipazione tedesca e richiedono personale che conosca
perfettamente l’italiano e il tedesco. Anche numerosi istituti di credito hanno sede in
Lombardia.
Sapere il tedesco ti può aiutare a trovare lavoro anche nel settore turistico.
La maggior parte dei flussi turistici verso la Lombardia provengono dalla Germania
e altri paesi di lingua tedesca.
4. Vorresti frequentare l’università in un paese straniero?
Il tedesco ti permette di completare gli studi in un paese di lingua tedesca. La
Germania è, infatti, tra le mete più ambite per i costi contenuti non solo per
soggiorni brevi nell’ambito del programma Erasmus ma anche per un intero corso
di studi universitari.
Il tedesco ti permette, infine, di conoscere e capire meglio la filosofia, la letteratura,
la filologia, la scienza e la musica grazie al contributo che il mondo di lingua
tedesca ha dato a questi saperi nel corso della storia
Studiare il tedesco …..ti dà una marcia in più
Studiare il tedesco …. apre la mente
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – USR per la Lombardia – Relazioni internazionali e lingue straniere
35
STUDIARE TEDESCO
NON E’ COSI’ DIFFICILE
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – USR per la Lombardia – Relazioni internazionali e lingue straniere
36
Fonte: Deutsch nach Englisch vom Goethe Institut
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – USR per la Lombardia – Relazioni internazionali e lingue straniere
37
col tedesco
…in Europa
Fonte: www.goethe.de/pervoi
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – USR per la Lombardia – Relazioni internazionali e lingue straniere
38
Una lingua per crescere…
Una lingua per conoscere…
Una lingua per viaggiare…
IL TEDESCO
TI APRE LA MENTE
e….
TI DA’ UNA MARCIA IN PIU’!
Il Dossier è disponibile sul sito http://www.progettolingue.net
Per ulteriori informazioni: [email protected]
Indirizzi e siti utili:
• www.goethe.de
• http://www.goethe.de/pervoi
• http://www.ciao-tschau.eu/
• http://www.goethe.de/ins/it/lp/lhr/wer/spl/deindex.htm (portale per giovani
Goethe Institut)
• www.dw-world.de (deutsche welle)
• http://www.itkam.org (camera di commercio italo-tedesca)
• http://www.goethe.de/vabene
• http://www.goethe.de/ins/it/rom/lhr/ver/it5908450v.htm (gemellaggio letterario)
• www.tedesco-scuola.org (portale della cooperazione italo-tedesca)
• www.daad.de (organizzazione tedesca per gli scambi accademici)
Si ringraziano il
collaborazione.
del
prof. Sandro Moraldo e il dott. Adrian Lewerken per la cortese
© 2011 Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – USR per la Lombardia – Relazioni internazionali e lingue straniere
39
Fly UP