...

SINTESI PER L`ESONERO CONTRIBUTIVO IN CASO DI

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

SINTESI PER L`ESONERO CONTRIBUTIVO IN CASO DI
SINTESI PER L’ESONERO CONTRIBUTIVO IN CASO DI ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO
LEGGE DI STABILITÀ 2015
Roberto Camera1 - Funzionario della DTL di Modena
Tabella riepilogativa con tutte le informazioni necessarie per usufruire dell’esonero contributivo previsto in
caso di assunzione di lavoratori a tempo indeterminato, effettuate dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015.
Titolo
Contenuto
Riferimenti
commi dal 118 al 121, articolo 1, Legge n. 190/2014 (c.d. Legge di Stabilità 2015)
Datori di lavoro
Privati, siano essi imprenditori o meno2 (es. Studi professionali).
Tipologia assunzione
Tempo indeterminato
Validità
Assunzioni effettuate dal 1° gennaio al 31 dicembre 2015
Durata
Decorrenza
3 anni
Importo massimo
8.060 € annuo
Tipo di contribuzione
Quota a carico del datore di lavoro dei contributi previdenziali
Tipologia di soggetti
ai quali si può
applicare l’incentivo
-
Rapporti di lavoro e
tipologia di lavoratori
esclusi dall’incentivo
-
1
Dalla data di comunicazione telematica obbligatoria al Centro per l’impiego
Operai
Impiegati
Quadri
Dirigenti
Part-time (agevolazione riproporzionata all’orario di lavoro3)
Socio di cooperativa di produzione e lavoro
Disabile
Lavoratore con diritto di precedenza4
Lavoratore con precedente rapporto intermittente a tempo indeterminato
Lavoratore assunto a tempo determinato da agenzia di somministrazione
Lavoratori in job-sharing
Lavoratore del settore agricolo, ad esclusione degli operai5
Lavoratore con contratto a termine, in caso sua trasformazione a tempo
indeterminato
Contratto a tempo determinato
Contratti autonomi o parasubordinati
Apprendistato
Intermittente (c.d. a chiamata), sia esso con o senza indennità di disponibilità
Lavoro domestico
Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo
impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza
2
per datori di lavoro non imprenditori si intendono coloro i quali non svolgono attività imprenditoriale ex art. 2082 cc
3
esempio: contratto con orario settimanale al 50%, limite massimo di esonero 4.030 €
4
in quanto ha lavorato con un precedente contratto a termine per un periodo superiore a 6 mesi
5
per i quali è previsto un esonero contributivo ad hoc
-
Contributi esclusi
Calcolo
Cumulabilità
6
Operai del settore agricolo (previsto un esonero contributivo ad hoc)
Assunzioni nelle Pubbliche Amministrazioni
Lavoratori che nei 6 mesi precedenti la data di assunzione, erano occupati a
tempo indeterminato (sono esclusi intermittenti a tempo indeterminato)
- Lavoratori che dal 1° ottobre al 31 dicembre 2014 erano dipendenti a tempo
indeterminato della medesima azienda che sta procedendo all’assunzione6
- Lavoratori che hanno avuto un precedente rapporto di lavoro agevolato7 con lo
stesso datore di lavoro che assume
- Lavoratori che abbiano avuto un rapporti di lavoro a tempo indeterminato a
scopo di somministrazione nei 6 mesi precedenti
- i premi e i contributi dovuti all’INAIL8
- il contributo, ove dovuto, al “fondo per l’erogazione ai lavoratori dipendenti del
settore privato dei trattamenti di fine rapporto di cui all’art. 2120 del c.c.”9
- il contributo, ove dovuto, ai fondi di cui all’art.3, co 3, 14 e 19, L n. 92/1210
L’esonero contributivo va calcolato su base mensile: massimo 671,66 €/mese11.
In caso di assunzione o cessazione effettuata durante il mese, la decontribuzione va
rimodulata sulle giornate di lavoro: 22,08 €/giorno12
Nel caso in cui il massimale del mese non venga raggiunto, l’eccedenza potrà essere
utilizzata nei mesi successivi, qualora vi sia un aumento della retribuzione con relativo
aumento della contribuzione13.
In definitiva, il datore di lavoro dovrà effettuare una verifica mensile al fine di
rimodulare la decontribuzione al fine di raggiungere la soglia annua di 8.060 €.
L’esonero contributivo è cumulabile con gli incentivi che assumono natura economica,
fra i quali:
a) incentivo per l’assunzione dei lavoratori disabili14;
b) incentivo per l’assunzione di giovani genitori15;
c) incentivo all’assunzione di beneficiari del trattamento Aspi16, pari al 50%
dell’indennità che sarebbe spettata al lavoratore se non fosse stato assunto per la
durata residua del trattamento.
d) incentivo inerente il “Programma Garanzia Giovani”17;
vale anche se il lavoratore era dipendente presso società controllate o collegate, anche da interposta persona
ai sensi della Legge di stabilità 2015
8
per effetto della esclusione operata dallo stesso comma 118 della legge n. 190/2014
9
di cui al comma 755 della legge n. 296/2006, per effetto dell’esclusione dall’applicazione degli sgravi contributivi
operata dal comma 765, ultimo periodo della legge n. 296/2006
10
per effetto dell’esclusione dall’applicazione degli sgravi contributivi prevista dall’art. 3, co. 25, della legge n. 92/2012
11
pari a 8.060/12 mesi
12
pari a 8.060/365 giorni
13
esempio: lavoratore assunto a marzo; da marzo a giugno (4 mesi) decontribuzione piena di 500 € al mese. Da luglio
aumento della retribuzione e dei contributi che passano a 700 €; questi, per quanto superiori al limite massimo
previsto (671,66 €/mese) potranno, comunque, essere interamente esentati in quanto si potrà attingere dalla quota di
contributi non fruita nei primi mesi (671,66 € - 500€ = 171,66 €)
14
di cui all’art. 13, della legge n. 68/1999
15
di cui al decreto del Ministro della gioventù 19 novembre 2010, pari a € 5.000,00 fruibili, dal datore di lavoro, in
quote mensili non superiori alla misura della retribuzione lorda, per un massimo di cinque lavoratori. Si ricorda che, a
differenza dell’esonero contributivo introdotto dalla Legge di stabilità, la fruizione dell’incentivo all’assunzione di
giovani genitori ai sensi del citato regolamento è subordinato al rispetto della disciplina comunitaria sugli aiuti cd. “de
minimis” e non spetta qualora l’assunzione medesima costituisca attuazione di un obbligo che scaturisce da norme di
legge o del contratto collettivo di lavoro, ai sensi dell’art. 4, comma 12, lettera a), della legge n. 92/2012.
16
di cui all’art. 2, comma 10-bis, della Legge n. 92/2012.
7
e) incentivo per l’assunzione di giovani lavoratori agricoli18, limitatamente agli operai
agricoli;
f) incentivo per l’assunzione a tempo indeterminato di giovani entro i 29 anni di
età19 (pari a 1/3 della retribuzione lorda entro il limite mensile di 650 €).
L’ammontare totale dell’incentivo20 non potrà superare l’importo dei contributi
previdenziali a carico del datore di lavoro;
g) incentivo per l’assunzione di lavoratori iscritti nelle liste di mobilità21. Cumulabile
con l’incentivo di natura economica22, pari al 50% dell’indennità mensile che
sarebbe spettata al lavoratore per il residuo periodo di diritto alla indennità
medesima23. Analogamente, il predetto cumulo è ammissibile nei casi di
trasformazione a tempo indeterminato di rapporti instaurati con lavoratori iscritti
nelle liste di mobilità.
Trattamento
previdenziale
Il beneficio non determina alcuna riduzione della misura del trattamento
previdenziale24.
Inps
L’Istituto dovrà emanare una ulteriore circolare che fornirà le istruzioni operative per
la compilazione dell’UNIEMENS da parte dei datori di lavoro.
Roberto Camera
17
di cui al decreto direttoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 8 agosto 2014, come modificato dal
decreto direttoriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 23 gennaio 2015, n. 11.
18
di cui all’art. 5 D.L. 91/2014, convertito con modificazioni dalla L. 11 agosto 2014, n. 116.
19
di cui all’art. 1, del decreto legge n. 76/2013.
20
di cui al decreto legge n. 76/2013.
21
ex art. 6 della legge n. 223/1991.
22
di cui all’art. 8, comma 4, della legge n. 223/1991
23
fino ad un massimo di 12 mesi ovvero 24 mesi, per assunzione di lavoratori di età superiore a 50 anni, ovvero di 36
mesi nel caso in cui l’assunzione del lavoratore di età superiore a 50 anni risulti effettuata nelle aree del Mezzogiorno
24
l’aliquota delle prestazioni pensionistiche resta fissata nella misura ordinaria, pari, per la generalità dei lavoratori
subordinati, al 33% della retribuzione lorda imponibile
Fly UP