...

Chiesa di Santa Maria delle Grazie

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Chiesa di Santa Maria delle Grazie
Par rocchia Santa Maria Assunta
Associazione Culturale Naf tolia
Confrater nita Maria S S. degli Agonizzanti
LE VIE DELL'ARTE
Polizzi Generosa
Chiesa
di Santa Maria delle Grazie
La chiesa di Santa Maria delle Grazie,
lati, nell’ultimo ordine invece domina
comunemente conosciuta come
la titolare della chiesa tra due santi
Badia Nuova per distinguerla dalla
che difendono i loro tratti dallo
Badia Vecchia o di S. Margherita, si
sguardo ormai troppo lontano dai
trova nel quartiere di Santa Maria
fedeli.
Maggiore. Il monastero sorse nel 1499
Sulla parete destra è possibile
a seguito di una diatriba nata tra due
ammirare l’unica opera polizzana
famiglie nobili di Polizzi, i La Mattina
attribuita a Gaspare Vazzano, meglio
e i Signorino, per la successione al titolo di badessa della Badia Vecchia. Morta infatti
conosciuto insieme al Salerno come
donna Preziosa Pigneri si pensava che a succederle fosse Suor Scolastica Signorino,
Zoppo di Gangi, raffigurante I quattro
secondo un precedente accordo. Successivamente la famiglia La Mattina riesce,
Arcangeli e commissionata, come
invece, ad imporre una propria congiunta, donna Lucrezia La Mattina. I Signorino,
indica lo stemma e l’iscrizione, da
allora, per mitigare l’affronto subito della sorella Scolastica per non essere stata eletta
donna Serafina La Mattina nel secondo
badessa fecero costruire una nuova chiesa ed un monastero benedettino inglobando
decennio del XVII secolo. Sono
il
vecchio
edificio
raffigurati, partendo da sinistra, Uriele
chiesastico di San Mattia
con la spada, Michele che con la
Apostolo. Nella nuova
lancia trafigge il demonio, Gabriele con il giglio in mano, Raffaele che guida Tobiolo
sede, non molto distante
con il grande pesce in mano, e nella predella l’Annunciazione, la Natività, Cristo Patiens
dalla Badia Vecchia, si trasferì
e la stessa committente.
suor Scolastica con altre
Sullo stesso lato è inoltre possibile ammirare la statua lignea
cinque suore. La chiesa,
raffigurante San Francesco di Paola, titolare della
recentemente restituita ai
confraternita, realizzata probabilmente da Filippo
fedeli,
Quattrocchi e proveniente dalla chiesa di San Giovanni.
è
stata
completamente rifatta alla
Nella stessa chiesa, oltre a interessanti monumenti
fine del 1700, come attesta
funebri e alla statua della Madonna Agonizzante
una targa sopra il portale
del XVIII secolo, titolare della confraternita, è
della facciata.
possibile ammirare l’organo ligneo del 1773,
All’interno, sul cappellone
decorato con motivi floreali e festoni, in
dell’altare maggiore,
pessimo stato di conservazione e la statua
troneggia la più grande
raffigurante Santa Maria delle Grazie
custodia lignea di Sicilia
recentemente attribuita allo scultore gangitano Filippo Quattrocchi. La figura della
scolpita dal polizzano Pietro Bencivinni nel 1697. L’opera presenta non poco affinità
Madonna ripropone ancora gli schemi cari al Quattrocchi,
con i dettagli decorativi dei “retablos” lignei spagnoli del tardo Seicento oltre che
già espressi in numerosi soggetti analoghi: il lieve
con alcuni manufatti d’arte decorativa in stile barocco prodotti in questi anni a Palermo
ancheggiamento del corpo, la posizione eretta
come quelli ideati dagli Amato. La
del piede sinistro, l’ampio mantello fluttuante
custodia, una struttura architettonica
raccolto sul fianco sinistro; ed ancora le mani
piramidale a tre ordini con fastigio
affusolate segnate da fossette, le numerose
terminale, è arricchita da volute,
pieghe del mantello e dell’abito ricoperto
colonne tortili, angeli, testine di
quest’ultimo da decorazioni dorate a motivi floreali.
cherubini alati, festoni, da busti o
Nella stessa chiesa si trovavano altri dipinti ormai
statue di santi tra cui spiccano Mosè
custoditi in altre chiese come la Madonna del
ed Elia, Pietro e Paolo, dalle fughe
Rosario del 1606 e la Sacra Famiglia con San
prospettiche delle nicchie dove sono
Giovannino del 1625, ambedue di Giuseppe
allocate le statue dei santi titolari e
Salerno e ora a San Girolamo, e San Francesco
patroni. Nella nicchia centrale del
che riceve le stimmate del 1598 di un anonimo
primo ordine dal basso si trova
pittore adesso conservata nella chiesa di San
l’Immacolata Concezione, affiancata
Gandolfo. Interessante risulta pure il pavimento
nelle due laterali dai santi Benedetto
realizzato con mattoni romboidali monocromi in
e Mauro Abate, nel secondo livello
manganese, celeste e bianco che formano delle stelle
san Michele Arcangelo al centro e
ad otto punte probabilmente della prima
due sante monache benedettine ai
metà del Settecento.
n
Realizzazione: Edizioni Artimmagine
Testo: Salvatore Anselmo - Progetto grafico e foto: Vincenzo Anselmo
Fly UP