...

educare alla diversità a scuola

by user

on
Category: Documents
4

views

Report

Comments

Transcript

educare alla diversità a scuola
Copertine_ES:Layout 1
2-07-2013
17:26
Pagina 2
istituto a.t. beck
PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Dipartimento per le Pari Opportunità
UNAR
Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali
Istituto A. T. Beck
per la terapia cognitivo-comportamentale
Diagnosi clinica, ricerca, formazione
via Gioberti, 54
00185 Roma
[email protected]
www.istitutobeck.com
EDUCARE
ALLA DIVERSITÀ
A SCUOLA
Scuola secondaria di primo grado
istituto a.t. beck
EDUCARE
ALLA DIVERSITÀ
A SCUOLA
Scuola secondaria di primo grado
Antonella Montano
Santina Calì
Antonio Zagaroli
Presidenza del Consiglio dei Ministri
Dipartimento per le Pari Opportunità
UNAR
Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali
Avv. Patrizia De Rose
Dott. Marco De Giorgi
Istituto A. T. Beck
per la terapia cognitivo-comportamentale
Diagnosi clinica, ricerca, formazione
Direttrice Dott.ssa Antonella Montano
EDUCARE ALLA DIVERSITÀ A SCUOLA
Scuola secondaria di primo grado
Responsabile scientifico
Dott.ssa Antonella Montano
Istituto A. T. Beck
Team di progetto
Dott.ssa Santina Calì
Dott. Antonio Zagaroli
T. 06 44 703820
Documentari
Maria Laura Annibali
I documentari “L’altra altra metà del cielo”
e “L’altra altra metà del cielo... continua”
sono inclusi in questa cartella per gentile concessione
della case editrice Edizioni Libreria Croce
via Gioberti 54
00185 Roma
[email protected]
www.istitutobeck.com
Dott.ssa Antonella Montano
[email protected]
Dott.ssa Santina Calì
[email protected]
Dott. Antonio Zagaroli
[email protected]
DPO 0013127 del 19/12/2012
Lettera di incarico CIG Z5007C1F06
Prima edizione 2013
Progetto grafico
Lucia Caruso
Andrea Serrao
Immagine di copertina
Veronica Baeli
Stampa
Tipografia Ograro
Via Vicolo dei Tabacchi
00153 Roma
istituto a.t. beck
Introduzione
Le scuole medie costituiscono una sorta di spartiacque
tra il mondo dell’infanzia e quello dell’adolescenza.
In questi anni i bambini e le bambine si trasformano e
diventano ragazzi e ragazze. Coloro che durante questo
percorso di sviluppo si accorgono (o cominciano a
sospettare) di essere gay, lesbiche o bisessuali seguono
dei percorsi di crescita che sono allo stesso tempo simili e
differenti rispetto ai coetanei eterosessuali. Sono simili
molte delle sfide che questi pre-adolescenti affrontano,
come lo sviluppo di abilità sociali, le scelte riguardo il
futuro personale e professionale, e il tentativo di inserirsi
in un gruppo di pari.
Tuttavia questi giovani gay, lesbiche e bisessuali hanno
anche delle sfide molto diverse da sostenere, peculiari al
loro orientamento: si trovano, infatti, a dover affrontare le
credenze negative, gli atteggiamenti discriminatori,
il pregiudizio, la violenza verbale o fisica non solo nella
società, ma anche all’interno delle loro stesse famiglie,
scuole e comunità, anche religiose. Tali sfide sono molto
spesso affrontate da soli, senza il sostegno di nessuno e,
anzi, a volte sono combattute proprio in quegli stessi
contesti familiari, sociali, amicali, da cui i ragazzi
dovrebbero, invece, ricevere supporto. Il senso di
solitudine ed emarginazione che ne consegue ha un
impatto estremamente negativo sulla salute fisica e
mentale e sull’istruzione dei ragazzi gay, lesbiche e
bisessuali. Numerosi studi, condotti in diversi paesi,
hanno rilevato, infatti, un tasso di abbandono scolastico
più alto negli studenti gay, lesbiche e bisessuali rispetto
agli eterosessuali (Garofalo, Wolf, Kessel, Palfrey, & Du
Rant, 1998; Jolly, 2010; Minton, Dahl, O’Moore, & Tuck,
2008).
“Un risultato dell’isolamento e della mancanza di
supporto vissuta da alcuni giovani gay, lesbiche e
bisessuali è un maggior grado di stress emotivo, una
maggiore frequenza di tentativi di suicidio,
comportamenti sessuali a rischio e abuso di sostanze 1.
Dal momento che la loro legittima paura di essere
molestati o picchiati può ridurre la volontà dei giovani
gay, lesbiche e bisessuali di chiedere aiuto, è importante
che il loro ambiente scolastico sia aperto e accettante
così che questi ragazzi si sentano a proprio agio a
condividere i propri pensieri e preoccupazioni, inclusa
l’opzione di rivelare ad altri il proprio orientamento
sessuale” (Just the Facts Coalition, 2008).
Nella società occidentale si dà per scontato che
l’orientamento sessuale di un adolescente sano sia
eterosessuale. La famiglia, la scuola, le principali
istituzioni della società, gli amici si aspettano,
incoraggiano e facilitano in mille modi, diretti e indiretti,
un orientamento eterosessuale. A un bambino è chiaro da
subito che, se è maschio, dovrà innamorarsi di una
principessa e, se è femmina, di un principe.
Non gli sono permesse fiabe con identificazioni diverse.
Di conseguenza, quando sarà adolescente e comincerà a
esplorare la propria identità sessuale, si troverà a
realizzare che i suoi desideri sono differenti da quelli dei
suoi amici, da quelli che “dovrebbe” avere e, quindi, si
ritrova impaurito, solo e smarrito. Non ha intorno a sé
persone che possano essergli di supporto, né vede nella
società modelli positivi.
Gli insegnanti dovrebbero essere la risorsa più disponibile
nei contesti scolastici per aiutare gli studenti a
comprendere e affrontare il proprio orientamento.
Questo non solo non avviene, ma talvolta gli insegnanti,
pur disponibili, non sono in possesso delle competenze
per contenere e arginare il bullismo, frutto dell’omofobia.
Non è pertanto sufficiente essere gay-friendly (amichevoli
nei confronti di gay e lesbiche), ma è necessario essere
gay-informed (informati sulle tematiche gay e lesbiche).
Affrontare l’omofobia e il bullismo omofobico può essere
difficile per qualche insegnante. Questi può sentirsi
insicuro a portare avanti tali tematiche, o addirittura
minacciato da un punto di vista personale e
professionale. Ciò avviene perché le questioni riguardanti
l’omosessualità, soprattutto in Italia, sono permeate di
condizionamenti culturali e sociali dell’ambiente esterno
e non vengono insegnate tra i banchi di scuola.
Per tutte queste ragioni, è importante fornire agli
insegnanti uno strumento che consenta loro di acquisire
le conoscenze necessarie per affrontare gli argomenti del
bullismo e dell'omofobia.
Questa cartella si compone di tre parti:
• Schede informative rivolte agli insegnanti. Tali schede
mirano a fornire conoscenze aggiornate e puntuali sui
temi dell'identità e dell'orientamento sessuale,
dell'omofobia sociale e interiorizzata e del bullismo
omofobico.
• Una cassetta degli attrezzi. In questa sezione sono
presentati una serie di strumenti utili per
l'implementazione di una politica di prevenzione e lotta
al bullismo.
• Lezioni da tenere in classe. Le lezioni sono pensate per
dare agli studenti di ogni ciclo scolastico la possibilità
di comprendere i temi del bullismo, della diversità,
dell'omofobia, in maniera attiva, non teorica.
Lo scopo di questa cartella è, dunque, quello di rendere le
scuole più aperte e accettanti, scuole delle pari
opportunità, che consentano e favoriscano lo sviluppo
sano di tutti i ragazzi, indipendentemente
dall’orientamento sessuale.
Vengono forniti agli insegnanti gli strumenti per
approfondire le varie tematiche legate all’omosessualità,
così che essi stessi possano diventare “educatori
dell’omofobia”.
Sono, inoltre, illustrate delle attività da utilizzare con gli
allievi, in modo appropriato all’età e al grado di sviluppo,
così da facilitare questo processo.
Il razionale dell’intervento è la prevenzione e la lotta del
bullismo omofobico, così pervasivo nelle realtà
scolastiche.
3
Gli studenti concordano nel ritenere che le esperienze di
bullismo includono non solo aggressioni fisiche, ma
anche attacchi e molestie verbali, furti di cose personali,
diffusione di pettegolezzi, rifiuto sociale o isolamento.
Il bullismo, che inizia con i bambini nei primi anni di
scuola e arriva fino agli adolescenti, percorrendo tutte le
fasi dell’iter scolastico, è uno dei principali problemi della
scuola, spesso, purtroppo, sottovalutato.
I problemi emotivi e comportamentali delle vittime
possono perseverare anche in età adulta, producendo
esiti negativi a lungo termine, tra cui bassa autostima,
depressione, comportamento antisociale, vandalismo,
uso e abuso di droghe, comportamento delinquenziale,
appartenenza a gang e, non ultimo, ideazione suicidaria
(Nansel et al., 2001; Gladstone et al., 2006; Hugh-Jones &
Smith, 1999; Olweus, 1994). A questi si aggiungono ansia,
senso di colpa, disturbi del sonno, perdita di fiducia, ritiro
sociale ecc. (Hillier, Turner, Mitchell, 2005).
1. Sul grado di stress, i suicidi e i comportamenti a rischio, si
vedano Resnick et al., 1997; Garofalo et al., 1998; Remafedi,
Frendh, Story, Resnick, & Blum, 1998.
4
Le schede
Linee-guida per un insegnamento
più accogliente e rispettoso delle differenze
1. Le componenti
dell’identità sessuale
2. Omofobia: definizione,
origini e mantenimento
3. Omofobia interiorizzata:
definizione e conseguenze
fisiche e psicologiche
4. Bullismo omofobico:
come riconoscerlo
e intervenire
5. Adolescenza e
omosessualità
istituto a.t. beck
Le schede
Linee-guida
per un insegnamento
più accogliente e rispettoso
delle differenze
Al di là delle lezioni incluse in questa cartella,
quello che gli insegnanti dicono e fanno in classe
può avere un impatto determinante sul clima
scolastico in termini di rispetto e accoglienza
delle differenze. Gli insegnanti che si impegnano
in questo lavoro dovrebbero cercare di:
Promuovere negli studenti la conoscenza della diversità,
mostrando dei modelli attraverso la letteratura, il cinema
o delle lezioni condotte da ospiti esterni.
L’insegnante dovrebbe cercare di scegliere libri
(o suggerire film o serie televisive) in cui ci sono uomini e
donne, così come famiglie, diversi dallo stereotipo da
pubblicità. Può eventualmente cercare degli ospiti esterni
per parlare in classe, ad esempio un soldato donna.
Non usare analogie che facciano riferimento a una prospettiva eteronormativa (cioè che assuma che l’eterosessualità sia l’orientamento ‘normale’, invece che uno dei
possibili orientamenti sessuali).
Tale punto di vista, ad esempio, può tradursi
nell’assunzione che un bambino da grande si innamorerà
di una donna e la sposerà.
Non dividere gli studenti (ad esempio per fare un
compito) in ragazzi e ragazze, o non assegnare attività
diverse a seconda del sesso biologico.
Usare un linguaggio rispettoso quando si parla degli
studenti, delle loro famiglie o di altre persone estranee
alla classe. In questo modo si insegna indirettamente agli
studenti a usare lo stesso tipo di linguaggio.
Essere consapevoli dei diversi modi in cui in classe si
sostengono stereotipi basati sul genere. Questo può
avvenire tra gli studenti, ma talvolta può accadere anche
agli stessi insegnanti. Ad esempio, il docente potrebbe
aspettarsi che gli studenti di sesso maschile siano più
avventurosi o portati per le attività all’aperto rispetto alle
studentesse. Oppure potrebbe aspettarsi che gli studenti
abbiano dei particolari interessi in quanto maschi (ad
esempio, guardare la Formula 1 o giocare ai videogiochi)
o in quanto femmine (ad esempio, essere interessate alla
cucina o allo shopping). Riconoscere (soprattutto in se
stessi) e mettere in discussione tali pregiudizi può essere
faticoso, ma aiuta a creare un ambiente più accogliente
per tutti gli studenti.
Nell’elaborazione di compiti, inventare situazioni che
facciano riferimento a una varietà di strutture familiari ed
espressioni di genere. Per esempio: “Rosa e i suoi papà
hanno comprato tre lattine di tè freddo al bar. Se ogni
lattina costa 2 euro, quanto hanno speso?”; oppure:
“Dario vuole fare una torta per la nonna. Nella ricetta
originale vengono indicati 300gr di farina. Se Dario vuole
raddoppiare la ricetta, quanta farina dovrà usare?”.
Incoraggiare gli studenti a utilizzare nella loro vita
quotidiana gli atteggiamenti rispettosi appresi a scuola.
Va ricordato loro che ogni abilità nuova (come il rispetto
e l’accoglienza) richiede tempo e pazienza.
Quando l’insegnante assiste a scambi verbali che non
sono in linea con tali valori, invece di sgridare gli studenti
coinvolti, li riporta a quanto detto nelle lezioni passate.
6
1.
istituto a.t. beck | Le schede
Le componenti dell’identità
sessuale
Obiettivo
Il bullismo omofobico è un tipo specifico di bullismo
basato sul genere, fondato sull’effettivo o percepito
orientamento sessuale, identità sessuale o ruolo di
genere. Trasmettere agli insegnanti conoscenze basilari
su queste definizioni permette di contrastare
efficacemente la formazione di stereotipi e pregiudizi sia
sull’identità di genere sia sul ruolo di genere.
Materiale
Scheda e libro “Parlare di omosessualità a scuola”.
Metodo
Lettura ed eventuale riflessione con i colleghi.
Tempo 1 ora
Alla sessualità sono connessi alcuni degli aspetti più
intimi del nostro essere, alcune delle emozioni più intense
delle nostre vite. Non stupisce, pertanto, che l’identità
sessuale costituisca un elemento fondamentale della
nostra identità. A questa contribuiscono fattori genetici,
biologici, psicologici, culturali: attrazione fisica e fantasie
sessuali, rapporto con il proprio corpo e il sesso
anatomico, coinvolgimento affettivo, comportamento,
stile di vita, presenza di una relazione, identificazione con
un gruppo sociale di riferimento. Proprio perché è così
multiforme e fortemente presente nelle nostre vite,
talvolta può essere difficile spiegare con chiarezza cosa
sia l’identità sessuale e in cosa consista.
Dal punto di vista scientifico, definiamo l’identità
sessuale come un costrutto multidimensionale
(Coleman, 1987; Isay, 1996; Klein,Sepekoff, Wolf, 1985;
Laumann, Gagnon, Michael, Michaels, 1994.; Morris,
1997), cioè un concetto formato da diverse componenti,
che interagiscono tra loro in modi complessi.
Tali componenti sono:
• L’identità biologica
• L’identità di genere
• Il ruolo di genere
• L’orientamento sessuale
L’identità biologica
L’identità biologica si riferisce al sesso biologico di un
individuo, cioè al fatto che sia anatomicamente maschio o
femmina. Tale caratteristica deriva dalla combinazione dei
cromosomi XY nei maschi e XX nelle femmine al momento
del concepimento. Sebbene la maggioranza degli
individui sia biologicamente definibile come maschio o
femmina, una piccolissima percentuale presenta
caratteristiche sessuali (ambiguità genitali e/o
cromosomi diversi dalla combinazione XY o XX) che non
consentono un’attribuzione definitiva a un sesso
piuttosto che a un altro. Tali individui vengono definiti
intersex e la percentuale della loro prevalenza dipende
dalla definizione di intersex usata. In linea generale, si
può dire che ricada nella condizione di intersex 1 caso su
2.000.
L’identità biologica identifica un individuo come maschio
o femmina, in termini di cromosomi e anatomia sessuale.
Si nasce maschio o femmina.
È un concetto pertanto relativamente semplice e valido in
tutte le culture. Quello di identità di genere è, invece, un
costrutto più complesso, legato indissolubilmente al
contesto culturale di riferimento. Ogni società assegna al
sesso maschile e a quello femminile dei ruoli più o meno
prestabiliti in un dato momento storico. Tali ruoli si
traducono in comportamenti, attività e attributi che la
società considera appropriati per gli uomini e le donne,
per i bambini e le bambine.
L’identità di genere
L’identità di genere è “il senso di se stessi, l’unità e la
persistenza della propria individualità maschile o
femminile o ambivalente (di grado maggiore o minore),
particolarmente come esperienza di percezione sessuata
di se stessi e del proprio comportamento” (Money,
Ehrhardt, 1972). Il termine, dunque, si riferisce alla
personale percezione di se stessi come uomini o donne,
cioè al modo in cui l’individuo si considera in termini di
appartenenza al genere maschile o femminile.
L’espressione esteriore di questa identità interiore
avviene tramite i comportamenti, la scelta dei vestiti,
gli atteggiamenti, la mimica. Non sempre l’identità di
genere e quella biologica coincidono, cioè non sempre un
maschio si percepisce come appartenente al genere
maschile o una femmina come appartenente al genere
femminile. In questo caso, quando cioè un individuo si
trova a disagio con il proprio sesso biologico, perché si
sente appartenente a quello opposto, ci troviamo di
fronte a una disforia di genere. Tale disforia può avere
diversi gradi, dal momento che il senso di identificazione
dell’individuo in maniera coerente con il proprio sesso
anatomico si dispone su un continuum.
Nello specifico, ci sono persone che non si identificano
pienamente con il proprio sesso, ma non per questo si
percepiscono come appartenenti a quello opposto.
Definiamo transgender questa categoria.
Tuttavia, a volte il disagio rispetto al proprio sesso
biologico è talmente forte che la persona è disposta a
sottoporsi a cure ormonali e operazioni chirurgiche pur di
conformare il proprio corpo alla propria identità di genere,
che è avvertita come opposta a quella biologica. In questi
casi utilizziamo il termine transessuale.
7
istituto a.t. beck | Le schede | 1. Le componenti dell’identità sessuale
Ruolo di genere
Il ruolo di genere è la manifestazione pubblica della
propria identità di genere, cioè i comportamenti che gli
individui adottano (nel modo di parlare, di vestirsi, di
riferirsi a se stessi) per indicare agli altri la propria
identità maschile, femminile o ambivalente.
Tale aspetto, in quanto manifestazione esteriore, è
ovviamente fortemente influenzato dalla cultura di
riferimento: è facile osservare, ad esempio, come la
percezione dell’identità maschile nella cultura occidentale
dei giorni nostri sia profondamente diversa da quella di
40 anni fa, e sia comunque molto differente dalla cultura
odierna espressa da altre società. In sostanza, il ruolo di
genere costituisce una rielaborazione e un’espressione
personali delle aspettative e consuetudini sociali attuali
rispetto a un determinato sesso.
Quando nasciamo, ci viene messo sulla culla un fiocco
azzurro se siamo maschi e un fiocco rosa se siamo
femmine. Questi fiocchi indicano non solo il nostro sesso,
ma tutte le aspettative che la cultura ha sui nostri
comportamenti in quanto maschi o femmine.
Da questo momento in poi buona parte di quello che
diciamo o facciamo rientra nella dicotomia
maschio/femmina.
Se una bambina ama giocare a calcio con i compagni e si
sporca i vestiti, le viene detto di non fare il maschiaccio.
Una volta cresciuta, deve imparare a cucinare, deve volere
un marito e dei figli. Così un uomo deve amare guardare
la partita o la Formula 1 in tv. Ogni volta che un individuo
non si conforma a queste aspettative, la società lo
considera strano, lo fa sentire sbagliato rispetto a un
modello stereotipato di riferimento.
Orientamento sessuale
Nelle parole dell’American Psychological Association,
“l’orientamento sessuale si riferisce a un modello
stabile di attrazione emotiva, romantica e/o sessuale
verso gli uomini, le donne, o entrambi i sessi”
(American Psychological Association, 2008).
La prima cosa da notare in questa definizione è che
l’orientamento sessuale è un orientamento verso un
sesso (maschile, femminile o entrambi), espresso in
termini di attrazione emotiva, romantica e/o sessuale.
Nello specifico, una persona omosessuale è attratta
affettivamente, romanticamente e sessualmente da un
individuo dello stesso sesso.
Si evidenza questo aspetto perché talvolta la parola
“omosessuale” trae in inganno, richiamando l’attenzione
sul solo aspetto della sessualità e trascurando le
componenti emotive, affettive, romantiche che sono,
invece, parte integrante dell’orientamento. In effetti,
l’orientamento sessuale non è sinonimo di attività
sessuale, né di comportamento sessuale.
Talvolta possono esserci individui che hanno
comportamenti omosessuali (pensiamo al mondo della
prostituzione maschile, ad esempio) ma che non si
riconoscono come omosessuali. In altri casi, possiamo
avere individui fortemente o esclusivamente attratti dal
proprio sesso che, però, non hanno comportamenti
omosessuali (ad esempio perché sono sposati) o alcuna
attività sessuale (ad esempio, perché hanno forti sensi di
colpa rispetto alla propria omosessualità).
Nel caso degli adolescenti, vi possono essere casi in cui il
ragazzo o la ragazza si identificano come gay/lesbica, pur
non avendo avuto alcuna esperienza sessuale, o altri in
cui a comportamenti omo o bisessuali non corrisponde
una precisa definizione in termini di orientamento.
In genere, si tende a descrivere le persone come
eterosessuali se attratte da individui del sesso opposto,
omosessuali se attratte da individui del proprio sesso, e
bisessuali, se attratte da individui di entrambi i sessi.
In realtà, la ricerca scientifica ha mostrato fin dagli anni
‘50 che l’orientamento sessuale si estende lungo un
continuum, i cui poli sono rappresentati dall’esclusiva
eterosessualità o omosessualità 1.
All’interno di questo continuum è più corretto parlare di
soglia di omosessualità o eterosessualità, cioè quanto
facilmente si è attratti dal proprio sesso o da quello
opposto. Fritz Klein (Klein, Sepekoff, Wolf, 1985; Klein,
1993) ha elaborato una griglia di valutazione
dell’orientamento sessuale, denominata Klein Sexual
Orientation Grid (KSOG), che, insieme alla misurazione
del comportamento sessuale, pone altre sei variabili:
l’attrazione e le fantasie sessuali, le preferenze sociali ed
emotive, l’autoidentificazione e lo stile di vita.
Tali variabili vengono considerate in relazione al passato,
al presente e alla dimensione ideale.
Si crea, pertanto, una griglia costituita da 21 caselle, al cui
interno le sette variabili sono valutate su una scala da 1 a
7, simile a quella da 0 a 6 della Scala Kinsey, con cui si
intende cogliere il continuum eterosessualeomosessuale.
8
istituto a.t. beck | Le schede | 1. Le componenti dell’identità sessuale
Successivamente, all’inizio degli anni ‘90, Eli Coleman ha
elaborato uno strumento di valutazione
dell’omosessualità, basato su 9 variabili (Coleman, 1988,
1990). Queste sono: l’attuale status di relazione, l’autoidentificazione dell’orientamento sessuale, sia presente
che ideale, il confort col proprio orientamento sessuale,
l’identità biologica, l’identità di genere, l’identità di ruolo
di genere, l’identità di orientamento sessuale e l’identità
sessuale ideale. Quando si parla di “ideale” si intende
una dimensione riferita al futuro, il cui confronto con
quella riferita al presente fornisce le informazioni più
interessanti, dal momento che l’orientamento sessuale
non è statico e immutabile, bensì fluido.
Comunemente si parla dell’orientamento sessuale come
di una caratteristica propria dell’individuo, allo stesso
modo dell’età o del sesso biologico. In realtà, questo
punto di vista è parziale, perché l’orientamento sessuale
si definisce in termini di relazione con l’altro. Le persone
esprimono il proprio orientamento sessuale attraverso i
comportamenti con gli altri, a partire da azioni molto
semplici, come tenersi la mano o darsi un bacio.
Quindi, l’orientamento sessuale è strettamente legato alle
relazioni personali, in cui vengono soddisfatti i reciproci
bisogni di amore, affetto e intimità.
Oltre ai comportamenti sessuali, dunque, questi legami
includono tenerezze, obiettivi e valori comuni, mutuo
sostegno e un costante impegno tra i/le due partner.
“Perciò, l’orientamento sessuale non è semplicemente
una caratteristica personale all’interno di un individuo.
Piuttosto, l’orientamento sessuale definisce il gruppo di
persone in cui è probabile trovare le relazioni romantiche
soddisfacenti e appaganti che sono per molte persone
una componente essenziale dell’identità personale”
(American Psychological Association, 2008).
Com’è evidente, l’orientamento sessuale costituisce una
categoria molto diversa dall’identità di genere.
I gay e le lesbiche, in massima parte, si percepiscono
rispettivamente come uomini e donne e sono a proprio
agio con il genere corrispondente al sesso biologico,
anche se, in alcuni casi, possono manifestare
comportamenti o caratteristiche propri dell’altro sesso
(gay effeminati o lesbiche mascoline).
Ad oggi non è noto cosa determini l’orientamento
sessuale, sebbene negli ultimi decenni si sia andati alla
ricerca del perché si ha un determinato orientamento,
di quali spiegazioni psicologiche, sociali, genetiche,
ormonali o culturali possano esservi alla base.
Finora non sono emersi risultati che abbiano permesso
conclusioni definitive circa il tipo e il numero di fattori alla
base dell’orientamento sessuale. Quello che la maggior
parte degli scienziati condivide è che non si tratta di una
scelta e che in genere l’orientamento sessuale emerge tra
la media infanzia e la prima adolescenza (American
Psychological Association, 2008). Naturalmente, in base a
quanto già detto, l’attrazione romantica, emotiva,
sessuale può emergere senza che si compia alcun atto
sessuale. Persone differenti hanno esperienze molto
diverse riguardo il proprio orientamento sessuale.
Alcuni lo avevano chiaro prima ancora di avere fatto
alcuna esperienza sessuale, mentre altri ne hanno avute
svariate prima di definirlo. Va considerato, a questo
proposito, che talvolta i pregiudizi e le discriminazioni
possono rendere più difficile l’accettazione del proprio
eventuale orientamento omosessuale o bisessuale.
Dal punto di vista scientifico, nel 1973 l’American
Psychiatric Association (APA) ha rimosso l’omosessualità
dalla lista di patologie mentali incluse nel Manuale
Diagnostico delle Malattie Mentali (DSM), e ha introdotto
la definizione dell’omosessualità come “variante non
patologica del comportamento sessuale”, riconoscendo la
stessa suscettibilità alle patologie sia in persone
omosessuali che eterosessuali. Nel 1993 anche
l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha
accettato e condiviso la definizione non patologica
dell’omosessualità.
Dal momento che l’orientamento sessuale non è né una
scelta né una malattia, la comunità scientifica si è
espressa più volte contro le cosiddette “terapie
riparative”, che promettono, cioè, di convertire
l’orientamento sessuale da omo a etero.
Ad oggi non vi sono dati scientifici circa l’efficacia e la
sicurezza di tali terapie. Innanzitutto, partono dalla
premessa sbagliata secondo cui l’orientamento
omosessuale debba essere cambiato.
Secondo la comunità scientifica, essere omosessuali è
infatti una normale espressione della sessualità umana,
di conseguenza non c’è motivo di voler cambiare tale
caratteristica. Inoltre tali terapie, lungi dall’essere efficaci
nel modificare qualcosa di immodificabile, sono
estremamente pericolose nel rinforzare nell’individuo
omosessuale (e nel resto della società disposta a
crederci) l’idea che l’omosessualità sia una condizione
indesiderabile, una malattia da debellare (Schroeder,
Shidlo, 2001; Shidlo, Schroeder, 2002).
Le indicazioni terapeutiche per un professionista che tratti
un individuo disturbato dal proprio orientamento
omosessuale o bisessuale includono “aiutare la persona
a fronteggiare attivamente i pregiudizi sociali
sull’omosessualità, a risolvere con successo le tematiche
associate con i conflitti interni, a condurre una vita felice e
soddisfacente” (American Psychological Association,
2008).
1. È stato Alfred Kinsey a introdurre l’idea della sessualità
come variabile continua. Kinsey, Pomeroy, Martin, 1948;
Kinsey, Pomeroy, Martin, Gebhard, 1953.
9
2.
istituto a.t. beck | Le schede
Omofobia: definizione, origini
e mantenimento
Obiettivo
Il bullismo omofobico è un tipo specifico di bullismo
basato sul pregiudizio omofobico.
Trasmettere conoscenze basilari su tale pregiudizio così
diffuso e sulle maniere in cui si perpetua nella società
permette di contrastare efficacemente la formazione o la
diffusione del bullismo.
Materiale
Scheda e libro “Parlare di omosessualità a scuola”.
Metodo
Lettura ed eventuale riflessione con i colleghi.
Tempo 1 ora
Nel 1972 venne pubblicato il famoso libro di Weinberg
Society and the Healthy Homosexual, destinato ad avere
una grande influenza su tutto il dibattito successivo e
sugli studi riguardanti le attitudini del mondo
eterosessuale nei confronti di uomini e donne
omosessuali. In quel testo, l’autore coniava il termine
“omofobia”, definendo la paura irrazionale, l’intolleranza
e l’odio nei confronti delle persone omosessuali da parte
della società eterosessista. Si riferisce alla
stigmatizzazione a cui sono stati storicamente sottoposti
gay e lesbiche da società che si rifanno a uno schema
ideologico che nega e denigra ogni forma di
comportamento, identità, relazione o comunità di persone
non eterosessuali. Il termine “omofobia” era stato
utilizzato per la prima volta nel 1971 da K. T. Smith
in un articolo in cui l’autore tentava di definire i tratti
della personalità di un individuo omofobo.
Di etimologia greca facilmente ricostruibile, il termine
utilizzava il suffisso “fobia”, sinonimo di paura
irrazionale, insieme al prefisso “omo”, che qui perdeva il
suo significato originario di “stesso” per trasformarsi
nell’abbreviazione di “omosessuale”.
Nel suo testo, Weinberg definiva l’omofobia come
“la paura di stare in spazi chiusi con omosessuali e,
nel caso degli stessi omosessuali, l’odio di sé”.
In questa definizione, lo studioso enucleava già un
aspetto importante dell’omofobia, l’odio per se stessi
provato da alcuni omosessuali, che oggi chiamiamo
“omofobia interiorizzata”. Tralasciando per adesso
questa particolare forma di omofobia - che sarà
discussa più avanti - ci si può concentrare sulle altre
definizioni di omofobia date dallo stesso Weinberg.
Innanzitutto, va sottolineata la classificazione di questa
condizione come una “fobia operante come un
pregiudizio”. Secondo Weinberg, infatti, “la fobia
appare come antagonismo diretto verso un particolare
gruppo di persone. Inevitabilmente, porta al disprezzo
di quelle persone e al loro maltrattamento”.
Generalmente il termine clinico “fobia” indica una paura,
un’incapacità, un limite personale, che il singolo individuo
si trova a vivere e che cerca di superare per condurre
un’esistenza più piena. Nel caso dell’omofobia, invece,
il suo carattere di pregiudizio ne rende particolarmente
difficile il superamento. Il pregiudizio, infatti, è qualcosa
di talmente radicato nell’animo umano che spesso, pur
riconosciuto come infondato dal punto di vista razionale,
continua a condizionare pensieri e comportamenti,
perché viene ancora avvertito come fondamentalmente
giusto a livello emotivo. Inoltre, la caratteristica di
pregiudizio di questa fobia fa sì che i suoi effetti negativi
siano avvertiti non solo (e in questo caso non tanto) da
colui che ne è affetto, quanto da coloro verso cui questo
pregiudizio è rivolto: le persone omosessuali, appunto.
Si aggiunga il fatto che tale pregiudizio è socialmente
diffuso. Ciò comporta due diversi ordini di conseguenze:
a livello personale, l’omofobia continua a essere
rinforzata nell’interazione quotidiana con altri individui
omofobi, nella ricezione costante di messaggi omofobi,
subliminali o espliciti, da parte dei mass-media, delle
10
istituto a.t. beck | Le schede | 2. Omofobia: definizione, origini e mantenimento
istituzioni o di organizzazioni politiche e religiose;
a livello sociale, gli effetti dell’omofobia sulle persone
omosessuali sono tanto più forti quanto più il fenomeno
è diffuso.
Nel 1997, James T. Sears ha dato una definizione di
omofobia più inclusiva e precisa, che teneva conto di
quanto appena detto: “Definiamo l’omofobia come
pregiudizio, discriminazione, molestie, o atti di violenza
contro le minoranze sessuali, inclusi lesbiche, gay,
bisessuali e transessuali, evidenziata in una paura o un
odio profondamente radicati verso coloro che amano e
desiderano sessualmente persone dello stesso sesso”.
Ancora un punto vale la pena sottolineare nella
definizione appena fornita. Quando si parla di pregiudizio,
di discriminazione, spesso si fa riferimento a qualcosa
che non avviene davvero, o meglio a qualcosa che non
si esprime attraverso un evento determinato e
circoscrivibile. Perché, in gran parte dei casi, l’omofobia
opera anche quando nulla sembra succedere: quando
un adolescente gay, in una conversazione con gli amici o
le amiche, non parla del ragazzo che gli piace mentre
ascolta gli altri confidarsi e scherzare sui primi
innamoramenti; quando un’adolescente lesbica non invita
a uscire la ragazza che le piace, anzi fa di tutto per
nascondere quest’attrazione. In questi e in mille altri casi,
nulla è davvero successo, nessun evento che possa
essere raccontato; eppure l’omofobia era attiva e
operante, spingendo degli individui a nascondersi,
a mascherare i propri sentimenti e pensieri per paura
delle eventuali conseguenze.
Da cosa trae origine quest’infondata angoscia rivolta
verso le minoranze sessuali? E come mai quest’odio
profondamente radicato sembra più diffuso tra gli uomini
che tra le donne, stando almeno ai risultati di diversi
sondaggi condotti sull’argomento 1?
In realtà non è solo il genere sessuale l’unica componente
che appare discriminante in termini di propensione
all’omofobia. Tratti caratteriali, sociali e culturali, come
l’età avanzata, la tendenza all’autoritarismo, il grado di
religiosità, di ideologia conservatrice, di rigidità mentale,
costituiscono fattori importanti da tenere in
considerazione nel delineare il ritratto di un individuo
omofobo. Come appare evidente, maggiore risulta il
grado di ignoranza, di conservatorismo politico e sociale,
di cieca credenza nei precetti religiosi, maggiore sarà la
probabilità che un individuo abbia un’attitudine omofoba.
È chiaro inoltre che i tratti qui citati a mero titolo
esemplificativo non solo aumentano la possibilità di
omofobia in un individuo, ma in generale anche le
probabilità che il medesimo individuo coltivi dentro di sé
altre forme di pregiudizio.
La storia del mondo occidentale dimostra che, nel corso
dei secoli, molto spesso coloro che si differenziavano
dalla maggioranza dominante, ad esempio per il colore
della pelle, per il credo religioso, per il sesso, coloro che
erano in qualche modo “diversi”, sono stati soggetti di
volta in volta a fenomeni di oppressione che potevano
andare da un atteggiamento generalizzato di diffidenza
o disprezzo, fino alla messa in schiavitù o allo sterminio
di massa.
La necessità per alcune società di aumentare il senso di
appartenenza dei suoi membri, di apparire più forti e più
unite, è infatti passata spesso attraverso l’esclusione
degli “altri”, di chi era portatore di valori diversi.
Vi è poi un gruppo specifico di individui che ha subìto il
biasimo e l’esclusione, quando non la reclusione o la
condanna, non solo in una determinata epoca e società,
ma nella maggioranza del mondo occidentale.
L’avversione, quando non l’odio, per questo particolare
sottogruppo, ha unito tutti gli altri: ebrei, musulmani e
cristiani, bianchi e neri, uomini e donne.
Questo sottogruppo, o meglio questo gruppo trasversale,
è quello delle persone omosessuali e l’avversione di cui
parliamo è l’omofobia.
E non solo, come si diceva, quest’avversione ha radici
antiche perpetratesi attraverso i secoli, ma rimane nella
società occidentale contemporanea l’ultima forma di
pregiudizio socialmente sostenibile. Il concetto di
politically correct salvaguarda oramai, almeno
socialmente, tutte le minoranze; l’anti-semitismo,
il razzismo, il maschilismo sono finalmente biasimati a
livello pubblico nelle società più avanzate; ed esistono
leggi speciali per i cosiddetti “crimini dell’odio” derivanti
da pregiudizi. L’unica minoranza che continua a essere
soggetta a un’oppressione costante, espressa in forme
talvolta sottili, talvolta palesi, quando non addirittura
attraverso forme istituzionalizzate, è proprio quella
costituita dalle persone gay e lesbiche.
Ma, di preciso, come si manifesta l’omofobia, quali sono i
canali attraverso cui questa paura si perpetua?
Esistono diversi modelli omofobi di rappresentazione
dell’omosessualità, modelli che, investendo svariati
ambiti, tendono a integrarsi e a rafforzarsi
vicendevolmente offrendo dell’omosessualità un quadro a
tinte fosche, così che in definitiva cresce il livello generale
di omofobia.
Per essere più chiari, vi è un modello omofobo di tipo
religioso, che considera l’omosessualità un peccato; un
modello omofobo di tipo scientifico, che la considera una
malattia; un modello omofobo di tipo sociale, che la
considera una minaccia; e infine un modello omofobo di
tipo politico, che cavalca la paura della diversità.
In sostanza, viene a configurarsi una sorta di circolo
vizioso: i modelli omofobi offrono un sostegno
all’omofobia, favorendone la diffusione e il rafforzamento;
questo, a sua volta, porta al perpetuarsi dei modelli
omofobi a causa dei larghi consensi che riscuotono. Tutti
questi modelli insieme fanno sì che i cittadini
omosessuali non siano trattati allo stesso modo di quelli
eterosessuali, in una serie di diritti elementari.
L’ostilità nei confronti dell’omosessualità è così diffusa
nella nostra società che facilmente si può immaginare
quanto siano numerosi i giovani omosessuali che hanno
11
istituto a.t. beck | Le schede | 2. Omofobia: definizione, origini e mantenimento
avuto per genitori persone omofobe e che, nel corso della
loro infanzia e adolescenza, hanno incontrato insegnanti,
compagni di scuola e amici omofobi.
Quindi, durante il periodo di esplorazione della loro
identità, gay e lesbiche sono già consapevoli della
mancanza di approvazione del comportamento
omosessuale da parte della società e hanno già appreso,
in modo diretto e indiretto, dal loro contesto culturale,
che provare sensazioni omoerotiche è spregevole e
vergognoso. Ecco perché, spesso, è inevitabile che,
durante l’adolescenza, gli omosessuali si percepiscano
come diversi, sbagliati e inadeguati, e che molti di loro
scelgano l’isolamento sociale.
e delle molestie verbali e fisiche subite ogni giorno da
parte degli altri studenti, molti adolescenti omosessuali
incontrano difficoltà a scuola (assenze frequenti,
prestazioni scadenti, difficoltà di apprendimento, precoce
abbandono scolastico ecc.), fuggono di casa e, in casi
estremi, finiscono con il non avere una fissa dimora.
Per D’Augelli (1996) l’isolamento della persona
omosessuale avviene secondo un modello ciclico. In un
primo momento, l’adolescente gay o lesbica non riesce a
spiegare a se stesso la propria diversità, ed è solo con il
trascorrere del tempo che diventa consapevole di provare
attrazione e sentimenti di amore nei confronti di persone
dello stesso sesso. Tale consapevolezza può
compromettere in modo serio la conduzione della vita
sociale di alcuni; altri, invece, si nascondono dietro uno
stile di vita convenzionale, aumentando il divario tra
identità pubblica e sostanziale.
Durante l’adolescenza quasi tutti gli omosessuali hanno
paura che le altre persone vengano a conoscenza del
proprio “segreto”, di quello che sentono. Da ciò deriva lo
sviluppo di una maggiore attenzione nei confronti del
contesto sociale di appartenenza.
Quanto sopra esposto lascia intuire che spesso lo
sviluppo di una rete amicale per i giovani gay e lesbiche
avviene molto lentamente, soprattutto a causa della
paura di essere rifiutati dai propri compagni.
Questa fa sì che molti giovani omosessuali diventino
spesso dipendenti da una piccola rete di amici ai quali
hanno rivelato il loro reale orientamento sessuale.
Così, durante l’adolescenza, si trovano a parlare di sé e
dei propri problemi con poche persone e, nello stesso
tempo, a nascondere la propria sessualità a tutti gli altri
(inclusi genitori e familiari). Tale situazione intensifica la
percezione della loro diversità. La difficoltà di parlare di
sé con gli altri favorisce nei giovani gay e lesbiche
l’interiorizzazione acritica degli assunti eterosessisti e
omofobi della società, che sono causa dell’isolamento
stesso.
Oltre alle difficoltà relazionali di tipo amicale, durante
l’adolescenza, molti omosessuali soffrono a causa della
mancanza di supporto emotivo da parte delle proprie
famiglie. A questo proposito, ricerche sulle reazioni dei
genitori al momento della scoperta dell’orientamento
omosessuale dei figli riferiscono di padri e madri
sconcertati che, in molti casi, assumono posizioni di
rifiuto nei loro confronti.
Dai risultati di un altro studio (D’Augelli e Hershberger,
1993) sembrerebbe che solo un piccolo gruppo di
omosessuali (11%) riceva sostegno e conforto dai propri
familiari nel momento del coming out. Infine, una ricerca
sul disagio giovanile di gay e lesbiche (Savin-Willliams,
1994) sostiene che, a causa della stigmatizzazione sociale
1. I diversi sondaggi sono riportati da Sears, 1997.
Ci si può riferire a quel testo per la bibliografia completa.
12
3.
istituto a.t. beck | Le schede
Omofobia interiorizzata:
definizione e conseguenze
fisiche e psicologiche
Obiettivo
L’omofobia interiorizzata ha un impatto molto forte sulla
vita di gay e lesbiche. Nel periodo dell’adolescenza può
danneggiare fortemente l’autostima in fieri dell’individuo
e può essere una delle fonti di diffusione del bullismo
omofobico, per il senso di vergogna della vittima a
denunciare gli episodi. Trasmettere agli insegnanti
conoscenze basilari su questo fenomeno permette loro di
educare gli adolescenti gay e lesbiche sul pregiudizio
interiorizzato e mina uno dei pilastri della diffusione del
bullismo omofobico.
Materiale
Scheda e libro “Parlare di omosessualità a scuola”.
Metodo
Lettura ed eventuale riflessione con i colleghi.
Tempo 30 minuti
Per omofobia interiorizzata si intende l’ansia, il disprezzo
e l’avversione che gli omosessuali provano nei confronti
della propria omosessualità e nei confronti di quella di
altre persone. Essa deriva dall’accettazione
passiva - consapevole e inconsapevole - di tutti i
sentimenti negativi, gli atteggiamenti, i comportamenti,
le opinioni, i pregiudizi tipici della cultura omofoba.
La stigmatizzazione sociale delle persone omosessuali è
talmente diffusa all’interno della nostra società che
l’interiorizzazione dell’omofobia è stata vista da molti
autori come un normale evento del percorso evolutivo di
gay e lesbiche: quasi tutte le persone omosessuali hanno
assunto un atteggiamento omonegativo in qualche
momento della loro vita.
Gay e lesbiche sono poco consapevoli di quanto la cultura
omofoba possa colpire il loro essere in modo pervasivo.
I messaggi negativi trasmessi dalle principali istituzioni,
quali la famiglia, la Chiesa e lo Stato, sono incessanti e
agiscono a più livelli. Basta riflettere su questo: che tipo
di educazione abbiamo ricevuto sull’omosessualità dalla
famiglia, dalla Chiesa, dallo Stato, dai mass-media, dalla
scuola? Non c’è mai stato un approccio neutrale
all’omosessualità, che, al contrario, veniva considerata un
“male” e, in quanto tale, è stata rimossa, nascosta,
negata fino al punto da spingere gay e lesbiche a
rinunciare a se stessi, in diversa misura.
Il grado di omofobia interiorizzata naturalmente è
variabile da persona a persona, per cui si è cercato di
individuare quali fossero i fattori che contribuiscono al
suo sviluppo. Secondo alcuni, sono essenzialmente di tre
tipi: fattori sociali (come l’ambiente socio-culturale in cui
la persona omosessuale vive), fattori familiari
(ad esempio, dei genitori omofobi) e tratti di personalità.
Altri, più specifici, sono stati individuati nell’isolamento e
nella mancanza di informazione riguardo
all’omosessualità, che impediscono agli individui di
conoscere in modo adeguato il mondo circostante,
relegandoli a spettatori di argomentazioni decise e
sostenute da altri.
Quali sono gli effetti dell’omofobia interiorizzata sulla
persona omosessuale? È opinione condivisa che
l’interiorizzazione dell’omofobia possa condizionare
pesantemente il funzionamento psicologico di gay e
lesbiche. La presenza di omofobia nelle persone
omosessuali può essere causa di bassa autostima,
atteggiamenti di tipo passivo, difficoltà di tipo relazionale,
isolamento e autoesclusione sociale, sensi di colpa e
vergogna, sintomi di tipo depressivo o ansioso, angoscia,
abuso di alcool e droghe, tentativi di suicidio.
Ross (1996) ha definito l’atteggiamento omonegativo
interiorizzato come il prodotto delle norme omofobe ed
eterosessiste presenti nella società e come il principale
responsabile dei disagi psicologici di gay e lesbiche.
Per chiarire quali elementi costituivano gli atteggiamenti
omonegativi interiorizzati, Ross e Rosser (1996) hanno
analizzato i fattori sottostanti la presenza di omofobia
interiorizzata nei gay statunitensi e hanno osservato
quattro dimensioni: l’identificazione pubblica come gay,
la percezione della stigmatizzazione associata
all’orientamento sessuale, l’importanza del conforto
sociale tra gay e le opinioni riguardo l’accettazione
morale e religiosa dell’essere omosessuale.
Tali dimensioni sottolineano quanto sia inevitabile
per un gay identificarsi come parte di una minoranza
stigmatizzata e accettare, in modo incondizionato,
l’eterosessismo e le convinzioni omonegative della
società.
13
4.
istituto a.t. beck | Le schede
La scuola italiana non sembra essere un posto sicuro per i
giovani gay e lesbiche. Al di là dei drammatici episodi
riportati dalle cronache, basta guardare i risultati della
recentissima ricerca di Gay.it e Demoskopea 1.
Su circa 2.000 intervistati, il 52% riporta di aver subìto
discriminazioni a scuola, a causa della propria
omosessualità o bisessualità. Si tratta soprattutto di
offese verbali (77%), ma anche di atti di bullismo e
minacce (25%) e mancati riconoscimenti (17%). Il 9%
riporta di aver subìto aggressioni fisiche. Principali
responsabili sono i compagni di scuola (secondo il 90%),
ma in alcuni casi anche gli insegnanti (citati dal 15% del
campione). Gli stessi docenti - secondo l’85% degli
intervistati - pur essendo consapevoli delle
discriminazioni di carattere sessuale compiute dai propri
studenti, non hanno assunto iniziative a difesa degli
alunni discriminati. Dati non dissimili risultano purtroppo
anche da studi condotti in altre realtà, talvolta percepite
come più avanzate rispetto a quella italiana, come
dimostra il recente “The School Report” (2012), condotto
da Stonewall nelle scuole della Gran Bretagna.
Bullismo omofobico: come
riconoscerlo e intervenire
Obiettivo
Il bullismo omofobico è molto diffuso.
Trasmettere conoscenze basilari agli insegnanti su come
riconoscerlo e combatterlo efficacemente permette di
contrastare il fenomeno e avere una scuola più giusta
e inclusiva.
Materiale
Scheda e libro “Parlare di omosessualità a scuola”.
Metodo
Lettura ed eventuale riflessione con i colleghi.
Tempo 1 ora
Cosa intendiamo per bullismo omofobico? Il bullismo
omofobico può presentarsi sotto diverse forme.
La più frequente è quella verbale: insultare qualcuno
chiamandolo “lesbica, frocio, checca, ricchione,
finocchio”; prendere in giro un ragazzo per atteggiamenti
ritenuti troppo effeminati o, al contrario, una ragazza per
modi considerati troppo mascolini; fare telefonate di
scherno o di insulti; minacciare il soggetto. Purtroppo è
diffusa anche una forma fisica di bullismo: aggressioni
fisiche di diversa entità (dagli spintoni fino a pugni e
calci); danni a oggetti personali dell’adolescente;
umiliazioni fisiche a sfondo sessuale che possono
sfociare anche in violenze sessuali di gruppo.
Questi tipi di bullismo sono, per la loro evidenza,
abbastanza semplici da individuare. Vi sono, però, anche
delle forme meno dirette, meno esplicite: escludere
qualcuno da un gruppo; isolarlo; farlo sentire a disagio;
diffondere pettegolezzi sull’orientamento sessuale del
soggetto, magari tramite scritte sui muri o sulla lavagna,
o tramite bigliettini passati in classe. Inoltre, oggi è
presente il fenomeno del cyber-bullismo: inviare foto o
sms inappropriati a qualcuno; fare fotomontaggi allusivi o
offensivi rispetto al soggetto; creare una pagina facebook
o un blog di scherno, a cui hanno accesso tutti gli studenti
della scuola. Il cyber-bullismo non è solo in ascesa, ma
colpisce gli adolescenti gay e lesbiche in maniera più che
doppia rispetto a quelli eterosessuali 2 .
Cosa caratterizza tutte queste azioni? Perché
costituiscono bullismo? Secondo Fedeli (2007), il bullismo
ha 3 caratteristiche principali:
È intenzionale, cioè è messo in atto deliberatamente dal
bullo, allo scopo di colpire, umiliare, intimidire il soggetto
prescelto;
È sistematico, cioè tende a ripetersi nei confronti dello
stesso soggetto da parte del bullo o branco, anche se con
diverse modalità (fisiche, verbali, cyber o indirette a
seconda dei momenti e dei contesti);
14
istituto a.t. beck | Le schede | 4. Bullismo omofobico: come riconoscerlo e intervenire
È relazionale, cioè è un atto sociale, compiuto davanti a
un pubblico composto da altri studenti, in cui il bullo
esprime la propria superiorità rispetto alla vittima.
A questa sorta di copione partecipano, in qualità di
spettatori o complici del bullo, altri studenti.
Bartkiewicz, 2010), mentre i bulli, perpetuando le loro
prepotenze, vanno incontro a comportamenti antisociali
che, fuori dalla scuola, possono condurli a percorsi di
delinquenza ( Fedeli, 2007; Kim, Leventhal, 2008).
Il bullismo omofobico (che non si rivolge necessariamente
a studenti omosessuali, ma anche ad adolescenti
“diversi”, con atteggiamenti o abiti percepiti come non
perfettamente conformi al sesso biologico, o con familiari
apertamente omosessuali) ha inoltre un’altra
caratteristica fondamentale, che lo rende particolarmente
insidioso: fa leva sull’omofobia interiorizzata della
vittima.
Ciò vuol dire che spesso quest’ultima non ha il coraggio di
denunciare i suoi aggressori, non solo per paura di
ritorsioni (che è un elemento tipico del bullismo in
generale), ma anche per evitare di mettere ancora di più
al centro dell’attenzione pubblica la propria
omosessualità vera o presunta, la propria diversità.
Naturalmente questo aspetto può assumere varie
connotazioni: la vittima può addirittura in qualche modo
ritenere di meritarsi gli atti di bullismo, in quanto
“sbagliata”.
Questo aspetto ha il suo contraltare nell’omofobia che
circonda la vittima: il bullo e i suoi complici sono in
qualche modo convinti di essere nel giusto (ricordiamo
che negli Stati Uniti nelle manifestazioni di oltranzisti
religiosi si possono trovare spesso i cartelli “God Hates
Fags” (Dio odia i froci); www.godhatesfags.com è il sito
della chiesa battista di Westboro), si sentono forti
dell’appoggio di parte della società.
Purtroppo, in alcuni casi, non sono solo gli studenti a
spalleggiare o minimizzare questo tipo di bullismo, ma
anche il corpo docente.
Gli insegnanti, anche i più bravi e preparati, possono non
essere perfettamente consapevoli della propria omofobia
e rischiare, perciò, di minimizzare dei comportamenti
omofobici, definendoli “ragazzate”. Oppure possono
rendersi conto che sta avvenendo un atto di bullismo
omofobico, ma si sentono soli e impreparati rispetto alle
modalità di intervento.
È importante sottolineare che anche un “semplice”
insulto omofobico, come “lesbica, checca, frocio”,
se avviene davanti a un insegnante che non interviene,
può mettere in moto un pericoloso circolo vizioso: da un
lato, l’adolescente si sente ferito per l’insulto e
potenzialmente esposto a ulteriori atti di bullismo, ma
soprattutto sperimenta un senso di abbandono da parte
dell’istituzione che dovrebbe difenderlo; in sostanza resta
assolutamente solo e in balìa dei suoi bulli.
Dall’altro lato, il bullo e i suoi complici si sentiranno
ancora più legittimati nei loro comportamenti, che sono
rimasti impuniti. La vittima pertanto, oltre a essere più
soggetta a problemi quali depressione, ansia, isolamento
sociale, disturbi del sonno (Hillier, Turner, Mitchell, 2005;
Taylor, Peter, 2011), può potenzialmente allontanarsi
dall’istituzione scolastica, da cui è rimasta
profondamente delusa, in termini fisici o di impegno e
rendimento nello studio (Kosciw, Greytak, Diaz,
1. http://www.gay.it/channel/attualita/34684/Sondaggio-lavita-al-limite-dei-giovani-studenti-gay.html
2. 15% di eterosessuali, 33% di omosessuali e lesbiche. Kessel
Schneider, O’Donnell, Stueve, Coulter, 2012.
15
5.
istituto a.t. beck | Le schede
Adolescenza
e omosessualità
Obiettivo
L’adolescenza è un periodo della vita in cui si comincia
a conoscere e sperimentare la propria sessualità.
Talvolta questo può condurre alla consapevolezza
di un’identità omosessuale.
Trasmettere agli insegnanti delle conoscenze su questo
percorso permette loro di essere meglio preparati
sull’argomento.
Materiale
Scheda e libro “Parlare di omosessualità a scuola”.
Metodo
Lettura ed eventuale riflessione con i colleghi.
Tempo 30 minuti
L’adolescenza è il periodo della vita in cui si comincia a
cercare una propria identità separata da quella della
famiglia di origine e si comincia a sviluppare la propria
autonomia. In questo viaggio alla scoperta di se stessi
una delle tappe è costituita dalla scoperta della propria
sessualità. I primi esperimenti in questo campo
inevitabilmente portano con sé molte domande.
A volte gli adolescenti hanno delle esperienze o dei
desideri omosessuali che possono confonderli riguardo il
loro orientamento.
Nel corso di questo percorso di sperimentazione, alcuni
possono rendersi conto di essere gay, lesbiche o
bisessuali. In qualcuno, riconoscere questa identità può
far finire la confusione provata.
Tuttavia, è necessario il supporto di genitori e amici,
supporto tutt’altro che scontato, perché questi
adolescenti possano vivere in maniera serena il processo
di sviluppo. Essi infatti, consapevoli delle difficoltà di
accettazione che possono trovare, tendono a nascondersi
e a non rivelare il proprio orientamento.
Ciò nonostante, i loro comportamenti possono essere
classificati dai gruppi di pari come “strani, diversi, da
checca, da maschiaccio”. In tal caso questi ragazzi e
ragazze hanno maggiore probabilità di subire atti di
bullismo e di avere esperienze negative a scuola.
Queste sono associate a esiti negativi come pensieri
suicidi e attività ad alto rischio (ad esempio, sesso non
protetto o abuso di alcool o sostanze stupefacenti).
Pensieri e comportamenti di questo tipo sono connessi
con la riprovazione sociale e il pregiudizio omofobico che
possono circondare il ragazzo gay o la ragazza lesbica.
Il sostegno da parte degli amici o di adulti significativi
(genitori o insegnanti) può essere essenziale per aiutare
l’adolescente a controbilanciare i pregiudizi e avere
un’immagine positiva di sè.
D’altra parte vi possono essere degli adolescenti
considerati gay o lesbiche semplicemente perché non
rispecchiano lo stereotipo di genere (cioè sono maschi a
cui, per esempio, non piace il calcio o che amano i colori
vivaci, o ragazze che allo shopping preferiscono una
partita a tennis o che vestono in maniera molto sportiva).
Anche se questi adolescenti non si identificano come gay
o lesbiche, il pregiudizio omofobico, e il conseguente
bullismo, possono comunque prenderli di mira, rendendo
più difficili le loro vite.
Paradossalmente, gli adolescenti che si riconoscono come
gay o lesbiche, ma che non presentano comportamenti
diversi dal gruppo, possono non subire alcun atto di
bullismo. Tutto bene dunque? Non tanto, perché
comunque, essendo testimoni degli atti di bullismo che
prendono di mira gli altri ragazzi, interiorizzano l’idea
che l’omosessualità sia una cosa da tenere nascosta, che
dichiararla sia sbagliato e potenzialmente pericoloso.
Anche per tutti questi adolescenti, dunque, un clima
scolastico sicuro e rispettoso dei diritti di tutti, e molto
severo nei confronti di linguaggio e comportamenti
discriminatori, può essere di grande aiuto negli anni della
crescita.
Alcuni possono provare desideri omosessuali, ma
scegliere di non agire sulla base di tali desideri o di farlo
solo sporadicamente per paura di identificarsi come gay,
lesbiche o bisessuali, a causa dello stigma associato con
l’orientamento non-eterosessuale.
A volte possono passare degli anni prima che un
adolescente con impulsi omosessuali diventi
sessualmente attivo o accetti il proprio orientamento
sessuale.
16
La cassetta per gli attrezzi
Linee guida per implementare
un programma di prevenzione e lotta
agli episodi di bullismo omofobico
Esempio di manifesto scolastico contro il bullismo
Questionario
Lettera ai genitori
FAQ
istituto a.t. beck | La cassetta degli attrezzi
Linee guida
per implementare
un programma
di prevenzione e lotta
agli episodi di bullismo
omofobico
Nella cassetta degli attrezzi sono presentate una serie
di linee guida e di strumenti per permettere alla scuola
di implementare efficacemente una politica di
prevenzione e lotta al bullismo.
I materiali presenti in questa sezione
sono scaricabili all’indirizzo:
http://www.istitutobeck.com/progetto-unar.html
password: UNAR
1.
Per prima cosa, la scuola dovrebbe fare una
dichiarazione in cui si impegna a combattere il bullismo.
Tale dichiarazione dovrebbe essere riportata sotto
forma di manifesto da affiggere nei corridoi.
Nella dichiarazione potrebbero essere riportati alcuni
comportamenti che costituiscono bullismo.
Inoltre deve essere chiaramente espresso che la scuola
vuole garantire a tutti il diritto a un'educazione sicura,
senza discriminazioni.
Questo passo è estremamente importante per dare
l'idea ai bulli che quel tipo di comportamento
non verrà tollerato e alle vittime che non sono sole
nella loro lotta.
Un esempio di manifesto è riportato di seguito.
5.
Attraverso lezioni come quelle proposte nella sezione
successiva, i professori dovrebbero coinvolgere gli
studenti nella comprensione dei temi omofobici.
La conoscenza di queste tematiche può aiutare a
smontare molte dinamiche alla base del bullismo,
in primis l’omertà e/o la sottovalutazione da parte
degli studenti degli episodi di bullismo.
Se il bullo sente che il “pubblico” non è dalla sua parte
o se è apertamente osteggiato dalla maggioranza degli
studenti, è più probabile che abbandoni
progressivamente i suoi comportamenti; allo stesso
tempo, la comprensione di alcuni temi, grazie alle
discussioni e agli esercizi svolti in classe, può diminuire
la componente omofobica alla base dei suoi atti di
bullismo, permettendo l’instaurarsi di un clima di
supporto, condivisione, serenità e armonia.
6.
Inoltre, la scuola può indicare una o più figure tra i
docenti a cui gli studenti possono riportare in maniera
confidenziale gli episodi di bullismo, in modo che le
vittime possano ricevere supporto e possano essere
avviate le politiche scolastiche nei confronti dei bulli.
Anche il personale non docente può essere coinvolto
nelle politiche scolastiche, attraverso una sorveglianza
più attenta negli spazi comuni e una pronta rimozione
delle scritte offensive nei confronti di studenti.
E’ fondamentale anche che la scuola individui tra il
personale docente una figura che abbia familiarità con
internet e i social network al fine di contrastare i sempre
più diffusi episodi di cyber bullismo.
7.
Infine, la scuola potrebbe avvalersi dell’esperienza di
alcune organizzazioni esterne, invitando a parlare in
un’apposita riunione d’istituto rappresentanti volontari
di varie associazioni (gruppi contro la violenza o il
bullismo, gruppi in difesa dei minori, associazioni gay
e lesbiche).
2.
In aggiunta, la scuola potrebbe proporre un semplice
questionario anonimo, per capire l’estensione del
fenomeno.
3.
La scuola dovrebbe fornire ai professori un kit come
quello che state leggendo, in maniera da avere un corpo
docente preparato in materia di omofobia e bullismo
omofobico e pronto a intervenire.
4.
Contemporaneamente, la scuola potrebbe inviare a tutti
i genitori degli alunni una lettera, in cui spiega cos’è il
bullismo, l’estensione del fenomeno nella scuola
(tramite i questionari somministrati), e cosa intende fare
per combatterlo. Nella lettera si potrebbe indicare una
riunione che la scuola potrebbe tenere per spiegare più
approfonditamente la questione. Nel corso dell’incontro,
uno o più professori potrebbero fare una breve lezione sul
bullismo omofobico, preparata in base al kit fornito.
18
istituto a.t. beck | La cassetta degli attrezzi
Esempio di manifesto
scolastico contro il bullismo
In basso si riporta una tabella con alcuni esempi di
comportamenti che costituiscono bullismo.
Bisogna che l’insegnante riveda la scheda sul bullismo
in modo da essere preparato in classe a spiegare
agli studenti l’argomento, evidenziando le diverse forme
che può assumere il bullismo.
È importante, inoltre, che l’insegnante sia molto chiaro
e deciso nello spiegare ai suoi studenti i seguenti punti:
• La scuola non tollera questo tipo di comportamenti.
• Il bullismo è sbagliato. Prendere in giro, minacciare,
picchiare qualcuno, farlo sentire escluso, perché è
grasso, perché è un “secchione”, perché è diverso da
noi, perché pensiamo che sia omosessuale, è sbagliato.
• Ognuno ha diritto di essere com’è, ognuno ha qualcosa
da insegnarci. Quanto più qualcuno è diverso da noi,
tanto più ha da insegnarci.
• Essere bulli non è “figo”, è stupido.
• È compito di tutti, docenti e studenti, non permettere a
poche persone di rovinare l’ambiente scolastico.
Categoria
di comportamenti
Preoccupanti
Molto preoccupanti
Aggressioni verbali
•Prendere in giro
•Dare nomignoli
•Insultare
•Fare telefonate intimidatorie
•Fare battute razziste, sessiste, omofobe
•Sfidare qualcuno a fare qualcosa
di pericoloso
•Minacciare
•Estorcere
Cyber-bullismo
•Creare una pagina Facebook su qualcuno
•Mandare sms o mms a qualcuno
•Far circolare sms o mms su qualcuno
•Creare una pagina Facebook a sfondo
razzista, sessista, omofobico
•Mandare sms di minaccia a qualcuno
•Incitare all’odio via Facebook
o via sms/mms
•Far circolare immagini di qualcuno
in situazioni imbarazzanti o intime
Alienazione sociale
•Fare pettegolezzi su qualcuno
•Imbarazzare qualcuno
•Escludere qualcuno dal gruppo
•Far circolare voci su qualcuno
•Incitare all’odio
•Alienazione a sfondo razzista, sessista,
omofobico
•Umiliazione pubblica
Aggressioni fisiche
•Spingere
•Buttare a terra
•Sputare
•Dare un calcio
•Colpire
•Minacciare con un’arma
•Danneggiare oggetti della vittima
•Rubare
19
IN QUESTA SCUOLA
NON SI PRATICA IL BULLISMO
SI PRATICA IL RISPETTO
La nostra scuola è impegnata nel garantire a tutti gli studenti
il diritto a un’esperienza di apprendimento serena e sicura.
Facciamo della nostra scuola un posto sicuro per tutti.
IL BULLISMO
HA MOLTE
FORME
• Prendere in giro, minacciare, picchiare qualcuno,
farlo sentire escluso, perchè è diverso da noi,
perchè pensiamo sia omosessuale, è sbagliato.
• Essere bulli non è figo, è stupido.
EDUCARE ALLA DIVERSITÀ A SCUOLA - www.istitutobeck.com
PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Dipartimento per le Pari Opportunità
istituto a.t. beck | La cassetta degli attrezzi
Questionario
5.
Per favore non mettere il tuo nome su questo
questionario.
Vogliamo rendere la nostra scuola un posto
sicuro per tutti. Pertanto, stiamo cominciando
un programma di prevenzione contro il bullismo.
Il seguente questionario ci aiuterà a capire meglio
il fenomeno del bullismo nella nostra scuola.
Per ogni domanda ci sono diverse risposte.
Per favore fai una crocetta sulla risposta
più vicina alla tua esperienza.
Sei un ragazzo o una ragazza?
Ragazza
Ragazzo
6.
7.
8.
In che classe sei?
Prima media
Seconda media
Terza media
1.
2.
3.
4.
Quante volte quest’anno sei stato
vittima di bullismo?
Mai stato vittima
Una o due volte
Diverse volte
Di continuo
In che modo sei stato vittima di bullismo
a scuola quest’anno? Puoi indicare
più risposte, se necessario.
Mai stato vittima
Insultato o preso in giro
Ricevuto calci, colpi, pugni
Ignorato, escluso
Minacciato, intimidito
Via sms/mms/email/Facebook
9.
10.
Quanto spesso gli altri studenti hanno cercato di aiutarti
quando sei stato vittima di bullismo?
Mai stato vittima
Mai
Ogni tanto
Quasi sempre
Hai mai parlato a qualcuno della tua famiglia degli
episodi di bullismo di cui sei vittima a scuola?
Mai stato vittima
No
Sì, una volta
Sì, spesso
Cosa fai di solito quando sei vittima di bullismo a scuola?
Mai stato vittima
Nulla
Lo dico a un insegnante
Dico al bullo di smetterla
Lo dico a un amico
Lo dico ai miei genitori
Lo dico al preside o al vice-preside
Li ignoro
In quali aree della scuola sei stato vittima di bullismo più
spesso? Puoi indicare più risposte, se necessario.
Mai stato vittima
Campo da gioco
Corridoi
Bagni
Biblioteca
Palestra
Classe
Quanto spesso hai preso parte in episodi di bullismo nei
confronti di altri studenti ?
Mai fatto il bullo con altri studenti
Una o due volte
Qualche volta
Spesso
Un tuo insegnante o il preside ha mai parlato con te
perché qualcuno ha riferito che tu fai il bullo con altri?
Mai fatto il bullo con altri studenti
No
Sì, una volta
Sì, diverse volte
In che classe sono gli studenti che si sono
comportati da bulli?
Mai stato vittima
Nella mia classe
In un’altra classe, del mio stesso livello (stessa età)
In un livello più avanzato (più grandi)
In un livello più arretrato (più piccoli)
Quanto spesso lo staff scolastico ha cercato
di fermare le situazioni di bullismo di cui
sei stato vittima?
Mai stato vittima
Mai
Ogni tanto
Quasi sempre
21
istituto a.t. beck | La cassetta degli attrezzi
Lettera ai genitori
Gentili genitori,
Vi inviamo questa lettera perché vogliamo rendervi partecipi di un problema molto
serio che la nostra scuola sta affrontando: il bullismo.
Cos’è il bullismo? È un atto, intenzionale e sistematico, che uno o più studenti
aggressori compiono nei confronti di uno o più studenti vittime, molto spesso
davanti ad altri spettatori.
Ma di che tipo di atti stiamo parlando? Quali sono questi comportamenti che gli
aggressori compiono? Si va da insulti verbali, telefonate fastidiose o minacciose, a
offese o pagine di scherno su internet, a comportamenti di esclusione dal gruppo o
diffusione di pettegolezzi, fino a vere e proprie aggressioni fisiche.
Forse voi pensate che una scuola come la nostra ne sia immune. Invece da un
recente questionario sottoposto agli studenti è emerso che:
____________________________________________________________________
____________________________________________________________________
Indicare i dati emersi dal questionario (percentuali degli studenti vittime di bullismo
e comportamenti più frequenti)
Magari vi sembra che queste siano solo ragazzate, e che ci sono sempre state.
Che ci siano sempre state è vero, anche se oggi la diffusione dei social network ha
accelerato e ingigantito alcuni di questi processi. Che siano delle ragazzate,
purtroppo è falso. Anche un “semplice” insulto omofobico, come “lesbica, checca,
frocio”, soprattutto se avviene nel contesto scolastico, può mettere in moto un
pericoloso circolo vizioso: da un lato, l’adolescente si sente ferito per l’insulto e
potenzialmente esposto a ulteriori atti di bullismo, ma soprattutto sperimenta un
senso di abbandono da parte dell’istituzione che dovrebbe difenderlo, in sostanza
resta assolutamente solo e in balìa dei suoi bulli; dall’altro lato, il bullo e i suoi
complici si sentiranno ancora più legittimati nei loro comportamenti, rimasti
impuniti.
La vittima, pertanto, oltre a essere più soggetta a problemi quali depressione,
ansia, isolamento sociale, disturbi del sonno, può potenzialmente allontanarsi
dall’istituzione scolastica, da cui è rimasta profondamente delusa, in termini fisici
o di impegno e rendimento nello studio, mentre i bulli, perpetuando le loro
prepotenze, vanno incontro a comportamenti antisociali che fuori dalla scuola
possono condurli a percorsi di delinquenza.
La nostra scuola si sta pertanto impegnando con forza per combattere questo
fenomeno e garantire a ogni studente il diritto a una scuola sicura e a
un’esperienza scolastica serena.
I nostri professori stanno studiando i diversi aspetti del bullismo con una cartella
informativa predisposta dall’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali e presto
cominceranno a tenere in classe delle lezioni su questi temi.
Ci piacerebbe coinvolgere anche voi in questo processo, illustrandovi in maniera
più articolata i punti delineati in questa lettera.
Vi invitiamo pertanto alla riunione per genitori e insegnanti che si terrà il
giorno________ alle ore________, presso
__________________________________________
Cordiali saluti
22
istituto a.t. beck | La cassetta degli attrezzi
FAQ
Esempi di domande e risposte per la discussione in classe.
In tutti i casi bisognerebbe far seguire alla risposta che
viene data una discussione tra gli studenti.
Si può cominciare chiedendo alla persona che ha fatto la
domanda il motivo per cui l’ha posta, cercando di
evidenziarne gli eventuali pregiudizi alla base.
Una volta esplicitata la linea di pensiero dello studente,
si può chiedere agli altri se sono d’accordo con quel
ragionamento o se alcuni aspetti della risposta data
dall’insegnante non sono condivisi o non sono chiari e
vanno ulteriormente sviscerati.
Perché alcuni individui sono attratti da persone dello
stesso sesso?
Per la stessa ragione per cui altri individui sono attratti da
persone del sesso opposto. Questa attrazione, emotiva,
romantica e/o sessuale, viene chiamata “orientamento
sessuale”. Non è noto cosa determini l’orientamento
sessuale, sebbene la ricerca negli ultimi decenni abbia
cercato delle spiegazioni sociali, genetiche, ormonali,
culturali. Quello che la maggior parte degli scienziati
condivide in merito è che non si tratta di una scelta,
né di una malattia e non è modificabile in alcun modo.
In genere l’orientamento sessuale, sia etero che
omosessuale, emerge tra la media infanzia e la prima
adolescenza. Quindi potremmo ribaltare la domanda
chiedendoci: “perché alcuni individui sono attratti da
persone del sesso opposto?”.
Come si diventa gay o lesbiche?
Non si diventa gay o lesbiche, allo stesso modo in cui non
si diventa eterosessuali. L’identità sessuale è formata da
diverse componenti. Una parte fondamentale di questa
identità è costituita dall’orientamento sessuale, cioè
dall’attrazione emotiva, romantica e/o sessuale, verso gli
individui del proprio sesso o di quello opposto.
Nel caso in cui si sia attratti da individui del proprio sesso,
si può poi accettare tale orientamento e assumere una
identità sessuale gay o lesbica o negare tale
orientamento (per pregiudizi di ordine morale, sociale,
religioso) e non assumere un’identità omosessuale,
pur avendo desideri affettivi e sessuali di natura
omosessuale. Quindi potremmo ribaltare la domanda
chiedendoci: “come si diventa eterosessuali?”.
L’omosessualità è una scelta?
Non è una scelta, come non è una scelta l’eterosessualità.
Qualcuno di voi ricorda di aver scelto a un certo punto di
essere eterosessuale o omosessuale? Quello che le
persone omosessuali possono scegliere è se accettare il
proprio orientamento omosessuale e, quindi, sviluppare
un’identità omosessuale serena e assertiva, in cui tutti i
diversi aspetti della propria personalità possano
convivere in maniera armonica e integrata, o rifiutarlo per
pregiudizi di ordine morale, sociale, religioso.
Quindi potremmo ribaltare la domanda chiedendoci:
“l’eterosessualità è una scelta?”.
C’è una cura per l’omosessualità?
Chiariamo subito che non ci può essere una cura per
l’omosessualità, perché l’omosessualità non è una
malattia. Chiunque dica il contrario diffonde un
pregiudizio privo di valore scientifico. La verità dal punto
di vista scientifico è che l’omosessualità è considerata
una “variante non patologica del comportamento
sessuale”, sia secondo l’Associazione Psichiatrica
Americana, sia secondo l’Organizzazione Mondiale della
Sanità. Vi sono delle terapie riparative, ad opera di centri
di ispirazione religiosa, che cercano di “convertire” gli
omosessuali. La ricerca scientifica mostra che è possibile,
per una persona fortemente motivata, sopprimere i propri
comportamenti sessuali per un periodo, ma, siccome
l’orientamento sessuale è un costrutto multidimensionale, non è possibile cambiare le emozioni e i
23
istituto a.t. beck | La cassetta degli attrezzi | FAQ
desideri di base. Tali terapie riparative fanno leva
sull’omofobia interiorizzata dei singoli individui gay e
lesbiche e rischiano di provocare gravi danni alla loro
salute mentale, impedendo lo sviluppo di una sana
identità sessuale. Quindi potremmo chiederci:
“perché dovrebbe esserci una cura?”.
I rapporti sessuali omosessuali sono naturali?
Sì. Il sesso tra le persone dello stesso sesso è presente in
tutta la storia dell’umanità, sin dall’antica Grecia. Inoltre,
molti eterosessuali possono avere sporadiche fantasie
omosessuali, così come molti omosessuali possono avere
sporadiche fantasie eterosessuali.
Un pregiudizio diffuso nei paesi di natura fortemente
religiosa è che il sesso vada fatto solo per avere bambini.
Di conseguenza tutte le altre forme di sesso, non
finalizzate alla procreazione, sono da ritenersi sbagliate.
Un altro pregiudizio è che con l’omosessualità si
estinguerebbe la società.
In realtà, come afferma l’Organizzazione Mondiale della
Sanità, la sessualità è un’espressione fondamentale
dell’essere umano. L’unica cosa che conta è il rispetto
reciproco dei partner coinvolti nel rapporto.
Quindi potremmo ribaltare la domanda chiedendoci:
“i rapporti sessuali eterosessuali sono naturali?”.
Ci sono tanti gay e lesbiche perché è di moda?
No. La moda è un’invenzione delle compagnie di
marketing che non c’entra con l’orientamento sessuale.
Sicuramente negli ultimi decenni la maggiore apertura
della civiltà verso i sentimenti omosessuali ha favorito
l’“uscita allo scoperto” di molti omosessuali che magari,
un secolo fa, sarebbero rimasti nascosti dietro la facciata
di un matrimonio di convenienza. Crescere come gay o
lesbica è ancora un percorso molto difficile e spesso
solitario, dal momento che gli eterosessuali sono più
numerosi. Quindi potremmo ribaltare la domanda
chiedendoci: “ci sono tanti eterosessuali perché è di
moda?”.
Come si capisce di essere gay o lesbica?
Guardando con sincerità ai propri sentimenti, a cosa si
sogna, a chi si trova attraente. Come si capisce di essere
eterosessuali? Lo si capisce perché si trovano attraenti le
persone dell’altro sesso, si desidera condividere del
tempo e delle esperienze, romantiche e sessuali, con
qualcuno del sesso opposto. Tuttavia, mentre per gli
adolescenti eterosessuali il percorso di scoperta della
propria sessualità è incoraggiato dalla società, e quindi è
in qualche modo più semplice, per gli adolescenti
omosessuali questo è più difficile.
Durante l’adolescenza si cominciano a provare con
maggiore intensità sensazioni di carattere sessuale.
Gli amici e i compagni di scuola possono fare pressioni
perché i ragazzi abbiano comportamenti da “macho” e
chiedano di uscire alle ragazze. Allo stesso modo queste
ultime possono essere spinte dalle proprie amiche a
essere “femminili” e a sedurre i ragazzi. Con tutte queste
pressioni, può essere pertanto molto difficile avere le idee
chiare sui propri sentimenti e a esprimerli con sincerità,
quando non sono conformi a quelli del gruppo.
Alcuni individui sono molto sicuri dei propri sentimenti
omosessuali già nell’adolescenza, mentre altri possono
metterci più tempo a capire il proprio orientamento o
semplicemente ad accettarlo ed esprimerlo.
Per alcuni può, infatti, essere difficile accettarsi e
dichiararsi come omosessuali, anche per molto tempo
dopo aver capito di esserlo, proprio a causa delle
pressioni a cui si sentono sottoposti da parte dei propri
amici.
Da cosa si riconoscono i gay e le lesbiche?
È impossibile riconoscere i gay e le lesbiche, se non per
una piccola parte di individui che presentano
caratteristiche e manierismi tipici dell’altro sesso.
Questo può verificarsi perché alcuni ritengono, avendo un
orientamento omosessuale, di dover assumere
caratteristiche del sesso opposto. Nella gran parte dei
casi, tuttavia, è impossibile distinguere l’orientamento
sessuale di qualcuno semplicemente guardandolo.
Da cosa si riconoscono gli eterosessuali? Certo non da
caratteristiche fisiche o comportamentali. Non tutti gli
uomini sono “macho”, né tutte le donne sono femminili e
seduttive. Questo è quello che chiamiamo uno stereotipo.
Alcuni uomini eterosessuali sono macho, altri no.
Allo stesso modo alcuni uomini gay sono macho e altri no.
E questo vale anche per le donne.
Che cos’è il coming out?
L’espressione coming out si riferisce alla rivelazione agli
altri da parte delle persone gay, lesbiche e bisessuali del
proprio orientamento sessuale. È un processo che
presenta diversi stadi, dalla rivelazione a uno o pochi
intimi, all’apertura totale rispetto al proprio
orientamento. Molte persone faticano a identificarsi come
omosessuali, prima di tutto con se stesse, per i pregiudizi
omofobici della società. E, una volta che questa autoidentificazione è avvenuta, molti tendono a non dirlo
all’esterno, o almeno a tenerlo riservato in certi ambiti,
per paura di venire danneggiati da questa rivelazione.
È il caso di adolescenti appartenenti a famiglie molto
rigide, che possono temere di venire controllati dai
genitori o essere puniti, ad esempio, o di individui che
lavorano in ambienti molto conservatori, che possono
aver paura di essere licenziati o di subire atti di mobbing.
Alcuni scelgono di non dirlo agli amici, per paura
dell’isolamento sociale.
Il coming out, tuttavia, costituisce un passo molto
importante nella vita delle persone omo e bisessuali.
L’accettazione e l’integrazione dell’identità omosessuale
all’interno della propria vita favorisce il benessere
personale e la salute mentale e fisica. Esattamente come
gli eterosessuali, anche gay, lesbiche e bisessuali
traggono beneficio dal condividere apertamente le
proprie vite e ricevere sostegno da parte di parenti, amici
e conoscenti.
Che cosa vuol dire LGBT (o GLBT)?
Con l’espressione LGBT si intende Lesbiche/Gay/
Bisessuali/Transessuali. LGBT è, quindi, un acronimo per
indicare gli individui omosessuali (gay e lesbiche),
bisessuali e transessuali, e le tematiche attinenti
(possiamo parlare di mondo LGBT, diritti LGBT, lotte del
movimento LGBT ecc.).
24
Le lezioni
1.
Famiglie in TV
2.
Il gioco delle associazioni di parole
3.
Il gioco dei fatti e delle opinioni
4.
A caccia di stereotipi
5.
Ma davvero è gay?
6.
Homoworld
7.
Laura ha bisogno di un consiglio
8.
Che cos’è il bullismo
9.
Il Bullismo omofobico
10. Rispondere al bullismo: l’assertività
11. Lezioni ulteriori
istituto a.t. beck | Le lezioni
Piano delle lezioni
Il piano di lezioni contenuto in questa sezione della
cartella mira a guidare gli insegnati a tenere delle lezioni
specifiche sul tema del bullismo, dell’omofobia, e della
risposta assertiva al bullismo.
Le lezioni sono ideate all’interno del programma di lotta al
bullismo implementato nella scuola (vedi capitolo ‘Linee
guida’), di cui costituiscono il punto 5.
Se la scuola non ha implementato il programma, potrebbe
essere necessario fare delle modifiche al piano di lezioni
presentato o comunque contestualizzarlo.
Prima di cominciare a introdurre il piano di lezioni,
l’insegnante potrebbe fare un piccolo lavoro su se stesso.
Attraverso un ricordo del suo passato di studente,
l’insegnante potrebbe prendere consapevolezza di come
agisce oggi con i suoi allievi e di cosa può fare per il loro
sano sviluppo.
Esercizio per insegnanti
Tratto da Dewitt, Lucas, 2012
Ripensate a un episodio di quando eravate a scuola, in cui
voi o un vostro compagno di classe siete stati presi in giro
per ‘non essere adeguati’. Riuscite a ricordare come vi
siete sentiti? Cosa avrebbe dovuto fare il vostro
insegnante per interrompere questo comportamento?
Come avrebbe potuto utilizzare l’episodio per renderlo un
momento di apprendimento per l’intera classe?
Ricordare il senso di ingiustizia subìto, il senso di
impotenza e di isolamento provato, può essere molto
utile per mettersi nei panni degli studenti che oggi sono
vittime di bullismo e per provare sulla propria pelle il
senso di urgenza che la lotta al bullismo riveste.
Chiedersi cosa avrebbe potuto fare il proprio insegnante
aiuta a capire quanto l’istituzione scolastica possa essere
di supporto per gli adolescenti e come la non-azione da
parte della scuola contribuisca in maniera determinante
al senso di isolamento e abbandono provato dalla vittima.
È con questo senso di importanza che gli insegnanti
devono approcciare l’argomento bullismo e le lezioni che
vengono proposte nelle schede seguenti.
26
1.
istituto a.t. beck | Le lezioni
Famiglie in tv
Tratto da Dewitt, Lucas, 2012
Obiettivo
Questo esercizio aiuta gli studenti a valutare le immagini
delle famiglie rappresentate talvolta nei telefilm, così da
poter fare dei confronti con le loro strutture familiari.
L’attività aiuterà gli studenti a rispondere alle seguenti
domande:
• I media ritraggono accuratamente le diverse strutture
familiari che esistono?
• Che impatto ha sulla nostra visione di famiglia la
rappresentazione solo di alcuni tipi di famiglie
raffigurate nei telefilm?
• Perché i media non ritraggono in Italia diverse strutture
familiari?
Materiali occorrenti
Scheda per l’analisi dei telefilm.
(La scheda è scaricabile all’indirizzo:
http://www.istitutobeck.com/progetto-unar.html
password: UNAR)
Tempo 2 sessioni di 45 minuti ciascuna
PARTE PRIMA
1. L’insegnante spiega che questo esercizio prevede che
gli studenti guardino alcune scene di telefilm allo scopo di
esaminare i tipi di famiglie che sono ritratti nei filmati che
vedranno.
Per iniziare, invita gli studenti a prendere un momento per
riflettere sulla propria famiglia e per scrivere come questa
è strutturata.
Possono scrivere, ad esempio, quanti bambini ci sono, chi
sono gli adulti presenti, se i genitori sono separati, il tipo
di casa in cui vivono, se hanno animali domestici ecc.
2. Una volta che gli studenti hanno completato questa
riflessione, l’insegnante traccia i diversi tipi di strutture
familiari che condividono.
Utilizzando le domande che seguono, inizia un dialogo
per espandere la consapevolezza e la comprensione dei
diversi tipi di strutture familiari:
a. I membri della famiglia si assomigliano sempre? Hanno
lo stesso colore di pelle? Lo stesso colore degli occhi?
Perché? Perché no? L’insegnante sottolinea che alcune
famiglie si creano attraverso l’adozione di bambini o che
sono di diversa razza o di background culturali differenti,
per cui le loro caratteristiche fisiche sono diverse le une
dalle altre.
b. I figli hanno sempre una mamma e una papà?
Quali sono altri esempi di famiglia? L’insegnante
sottolinea l’esistenza di famiglie in cui i genitori dei
bambini sono divorziati e vivono in case separate, oppure
l’esistenza di famiglie che hanno due mamme o due papà,
oppure che alcuni bambini possono avere una nonna che
si occupa di loro o una zia.
c. I fratelli hanno sempre la stessa mamma e lo stesso
padre? Sottolinea che alcune famiglie sono chiamate
“allargate”. Possono, cioè, esserci genitori che si
uniscono dopo essere stati sposati con altri partner e
hanno figli nati da precedenti relazioni che diventano così
parte di una nuova famiglia.
3. L’insegnante spiega agli studenti che, ora che hanno
pensato ai diversi tipi di famiglie che possono esistere a
scuola, nella comunità e nel mondo, dovranno fare un
esercizio a casa. Durante la settimana dovranno guardare
dei telefilm (l’insegnante consiglia Giudice Amy; Modern
Family; Tutto in famiglia; La vita secondo Jim) per vedere
che tipo di famiglie sono rappresentate.
4. Spiega che per la prossima settimana gli studenti
devono rispondere alle domande della scheda per almeno
tre programmi TV, spot o filmati che seguono
normalmente e in cui sono rappresentati nuclei familiari.
L’insegnante rivede la scheda e chiarisce tutte le
domande. Esorta gli studenti a lavorare su questo
compito in modo che ci sia il maggior numero possibile di
programmi TV e film esaminati.
PARTE SECONDA
1. Trascorsa una settimana dall’assegnazione del compito,
l’insegnante chiede agli studenti di esaminare e
condividere le informazioni ottenute.
Questo permetterà il confronto tra gli studenti su ciò che
hanno visto. In tal modo la classe potrà sviluppare le
conclusioni sulla base della discussione e revisione del
compito.
2. Conclude utilizzando alcune o tutte le seguenti
domande. Un metodo di elaborazione potrebbe essere
quello di formare prima dei piccoli gruppi per discutere
tra loro dei risultati ottenuti e poi parlarne al gruppo
classe.
a. Quali strutture familiari hai visto raffigurate più spesso?
Meno spesso? Perché pensi che ciò accada?
b. Nell’osservare il modo in cui queste famiglie agiscono
o comunicano tra di loro, hai trovato delle similitudini
o delle differenze con la tua?
c. Hai visto famiglie che hanno due mamme o due papà?
Se no, perché pensi che sarebbe importante mostrare
questo tipo di struttura familiare?
27
istituto a.t. beck | Le lezioni | 1. Famiglie in tv
SCHEDA PER LA COMPILAZIONE DELL’ESERCIZIO A CASA
Famiglie in tv
Guarda un telefilm o qualsiasi altro show televisivo che ha all’interno rappresentata la famiglia.
Rispondi alle domande riportate di seguito per almeno 3 programmi diversi.
Titolo
Descrivi i diversi membri della famiglia (ad esempio, mamma, nonni, zii ecc.)
Descrivi la casa, il vicinato o la comunità
Descrivi il contesto culturale della famiglia (ad esempio, etnia, lingua parlate ecc.)
Descrivi come ciascun membro della famiglia parla o si comporta con gli altri membri
Descrivi qualsiasi altra osservazione sulla famiglia
28
2.
istituto a.t. beck | Le lezioni
Il gioco delle associazioni
di parole
Tratto da Dankmeijer, 2011
Obiettivo
Valutare la conoscenza delle tematiche gay e lesbiche e
gli atteggiamenti verso le persone gay e lesbiche.
Materiali occorrenti
Lavagna, gesso.
Tempo 1 ora
1. L’insegnante comincia chiedendo alla classe: “Cosa vi
viene in mente quando dico le parole: gay, lesbica,
bisessuale, trans?”.
2. Si lasciano agli studenti 10 minuti per fare libere
associazioni di parole, finché il flusso di parole
diminuisce. L’insegnante scrive alla lavagna tutte le
parole, anche quelle negative. Non si fanno commenti in
questa fase, ma anzi si incoraggiano gli studenti a
condividere le loro associazioni.
3. L’insegnante guarda le associazioni e le classifica in
termini di: relazioni, apparenza, sesso ecc. Si chiede agli
studenti perché hanno fatto una particolare associazione.
Cosa c’è dietro queste associazioni? Senza giudicare,
l’insegnante cerca di capire da quali presunzioni gli
studenti abbiano derivato alcune associazioni.
4. L’insegnante a questo punto può chiedere agli studenti
di ragionare sulle proprie associazioni e verificare insieme
la loro appropriatezza, coinvolgendo il resto della classe
nella discussione ed, eventualmente, offrendo
informazioni corrette. Alla fine può discutere su come
alcune associazioni siano venute fuori e il ruolo della
società e dei media nella formazione di alcuni pregiudizi o
modi sbagliati di pensare.
Nel caso in cui le libere associazioni iniziali degenerino in
maniera improduttiva, l’insegnante può far svolgere la
parte iniziale invitando gli studenti alla lavagna uno alla
volta a scrivere una o più associazioni, oppure può far
scrivere le associazioni a ognuno su un foglio di carta e
poi ricopiarle alla lavagna.
29
3.
istituto a.t. beck | Le lezioni
Il gioco dei fatti
e delle opinioni
Tratto da Dankmeijer, 2011
Obiettivo
Insegnare agli studenti a distinguere i fatti dalle opinioni.
Materiali occorrenti
Lavagna, gesso.
Tempo 1 ora
1. L’insegnante spiega che spesso le persone hanno dei
pregiudizi su molte cose e possono non essere
consapevoli che alcuni “fatti” sono in realtà delle opinioni
e che l’obiettivo dell’attività è proprio insegnare a
differenziare i fatti dalle opinioni. Quindi alla lavagna
disegna una riga verticale e scrive “fatti” a destra e
“opinioni” a sinistra. In alto scrive la parola “gay”
(o “lesbica” o “bisessuale” o “trans”, o tutte insieme).
2. L’insegnante chiede la prima parola o frase che viene
in mente alla classe. Deve essere scritta a destra o a
sinistra? Perché? Se è un fatto, da dove deriva
quell’informazione, la fonte è attendibile? L’insegnante
può offrire delle contro-informazioni, se è il caso.
Quando la classe ha deciso dove, viene scritta la parola o
la frase alla lavagna. Se non si raggiunge una decisione,
si scrive la parola o la frase in basso; questo è un
soggetto su cui gli studenti possono fare ulteriori
ricerche. Esempio: uno studente può dire la frase
“Due uomini che fanno l’amore sono disgustosi”.
A quel punto l’insegnante può far notare che questa è
un’opinione, è un giudizio personale, che deriva dal fatto
che siamo poco abituati, dal cinema e dalla televisione,
a vedere due uomini che si baciano o che fanno l’amore,
è un fenomeno che per noi non è stato reso normale.
3. L’insegnante può suggerire alcune parole o frasi,
magari alcune parole chiave come “omofobia” o
“pregiudizio”, e usare delle frecce per connetterle ad
alcune parole sulla lavagna.
4. Per la fine della lezione gli studenti dovrebbero aver
imparato alcuni fatti reali sulle tematiche gay e lesbiche,
e anche a farsi delle domande sulle opinioni mascherate
da fatti che spesso possono avere.
30
4.
istituto a.t. beck | Le lezioni
A caccia di stereotipi
Adattato da Montano, Andriola, 2010
Obiettivo
Analizzare gli stereotipi culturali sull’omosessualità,
mettere in discussione le false credenze e modificarle.
Materiali occorrenti
6 cartelloni, pennarelli colorati e 6 schede sui falsi miti,
una per ciascun gruppo.
(Le schede sono scaricabili all’indirizzo:
http://www.istitutobeck.com/progetto-unar.html
password: UNAR)
Tempo 1 ora e 30 minuti
1. La classe è divisa in sei gruppi; all’inizio dell’attività,
a ciascun gruppo vengono distribuiti un cartellone,
pennarelli colorati assortiti e un testo su uno dei sei miti
da leggere e discutere.
2. I gruppi leggono la scheda sul falso mito a loro
consegnata e, al termine della lettura, per condividere
l’apprendimento, un referente di ciascun gruppo riporta
alla classe quanto è stato appena letto.
3. L’insegnante scrive su una lavagna i punti-chiave di
ciascuna delle sei esposizioni e il grado di accordo o
disaccordo della classe sugli aspetti trattati; spiega, poi,
perché i pregiudizi, le credenze o i miti sono sbagliati.
4. Ogni gruppo realizza un cartellone di sintesi
suddividendolo in due parti. Nella prima, riporta le idee e
le riflessioni sul mito studiato, emerse nella discussione
in gruppo. Nella seconda parte, riporta le riflessioni
emerse dalla condivisione con il resto della classe, e le
spiegazioni e i chiarimenti offerti dall’insegnante.
SCHEDE PER L’ATTIVITÀ IN GRUPPO
I falsi miti sull’omosessualità
I MITO
L’omosessuale sceglie di esserlo?
Quando parliamo di orientamento sessuale intendiamo il
tipo di risposta degli individui agli stimoli sessuali. Si
tratta di una componente molto importante della
sessualità, della quale, tuttavia, attualmente non si
conoscono le cause: non si conosce né il perché
dell’orientamento omosessuale, né il perché
dell’orientamento eterosessuale.
Sebbene non esistano ancora nozioni sufficienti sulle
cause, la comunità scientifica, formata da psicologi e
psichiatri, è generalmente concorde nell’affermare che
per molte persone essa si forma nei primi anni di età,
tramite complesse interazioni di fattori biologici,
psicologici e sociali.
Esiste altrettanto accordo nel ritenere che l’orientamento
sessuale di una persona si manifesti, nella maggior parte
dei casi, nei primi tempi dell’adolescenza, all’epoca in cui
solitamente si iniziano a comprendere meglio i propri
desideri e avvengono le prime esperienze sessuali.
È proprio in questa fase che i giovani omosessuali
scoprono che i propri desideri non coincidono con le
aspettative della famiglia e della società. Questo può
causare un senso di inadeguatezza e di disagio che,
spesso, nasce dalla consapevolezza di non accettazione
da parte degli altri; di conseguenza, molti giovani cercano
di nascondere a se stessi i propri sentimenti o si sforzano
di “tornare indietro” per cambiare il proprio orientamento
da omosessuale a eterosessuale. Questi tentativi sono
destinati a fallire, perché applicati a una componente
estremamente intima dell’identità, che non dipende dalla
volontà dell’individuo, ma da qualcosa di più profondo e
strutturato che non può essere modificato.
Vi sono lati della nostra personalità che possiamo
cambiare, ma anche aspetti su cui non possiamo
assolutamente intervenire; ad esempio, non possiamo
scegliere di chi innamorarci e non possiamo smettere di
amare qualcuno “a comando”, solo perché il nostro amore
non è ricambiato. Allo stesso modo, un gay o una lesbica
non possono decidere rispetto ai propri sentimenti nei
confronti di persone dello stesso sesso. Di conseguenza,
neanche l’omosessualità può essere ritenuta una scelta.
L’unica scelta che l’omosessuale può fare è quella di
imparare ad accettare questi sentimenti per convivere
serenamente con essi, accettando di seguire il proprio
orientamento e mostrandosi agli altri per ciò che è,
correndo il rischio di essere giudicato e rifiutato, ma
(perché no?) anche amato e compreso.
31
istituto a.t. beck | Le lezioni | 4. A caccia di stereotipi
II MITO
L’omosessuale ha una malattia mentale?
III MITO
L’omosessualità può essere curata con una terapia?
In passato l’omosessualità è stata ritenuta, non soltanto
dall’opinione pubblica, ma anche dagli stessi psichiatri e
psicologi, una patologia psichiatrica.
Questo è avvenuto soprattutto perché, per molto tempo,
il mondo scientifico ha mantenuto una visione parziale del
fenomeno: fino all’ultimo trentennio del secolo scorso,
infatti, gli studi sull’omosessualità venivano effettuati
solo a partire da persone già coinvolte in una terapia e
che, quindi, mostravano difficoltà ad accettare il proprio
orientamento sessuale (cioè quella componente della
sessualità che fa in modo che il desiderio sia indirizzato
nei confronti di un sesso piuttosto che nell’altro).
Quando il campione di studio è stato esteso a tutta la
popolazione omosessuale, si è potuto osservare quanto
fosse riduttivo e sbagliato etichettare l’omosessualità
come malattia. Per questa ragione, dal 1973 la comunità
scientifica ha eliminato l’omosessualità dal novero dei
disturbi mentali contenuto nel Diagnostic and Statistical
Manual of Mental Disorders (DSM) e l’ha definita come
“una variante non patologica del comportamento
sessuale”.
Nonostante ciò, ancora oggi molte persone cercano di
scoprire le cause che possono portare una persona a
innamorarsi di un’altra del proprio sesso, perché convinte
che si tratti di una patologia da curare; molti giustificano
quest’idea affermando che la sessualità tra persone dello
stesso sesso sia un atto immorale e contro natura, perché
una coppia di gay o una coppia di lesbiche non può
concepire un bambino.
In realtà, è vero che molti omosessuali sono considerati
soggetti a rischio di alcune psicopatologie come, ad
esempio, la depressione, al punto che alcuni di loro,
talvolta, sono portati a tentare il suicidio. Tali
conseguenze, tuttavia, non sono direttamente legate
all’omosessualità in sé, ma, piuttosto e più di frequente,
al contesto in cui l’omosessuale vive, alla consapevolezza
di non essere accettato dagli altri (in primis dalla propria
famiglia), all’omofobia diffusa che spesso fa sì che i
genitori fatichino a comprendere la situazione del ragazzo
o della ragazza in questione e tentino addirittura di fargli
o farle “cambiare idea”.
Inevitabilmente, i ragazzi esposti a simili situazioni sono
portati a chiudersi, a non accettarsi, a nascondersi e a far
finta di nulla, costretti a sentire che in loro c’è qualcosa
che “non va”: non i sentimenti che provano e che
vorrebbero poter vivere alla luce del sole, ma i modelli
imposti dalla società che sentono di non poter
raggiungere. Sposarsi, fare figli, assistere un proprio caro,
adottare bambini.
Questo li rende naturalmente più sensibili e vulnerabili,
maggiormente esposti al rischio di disturbi mentali
rispetto ai loro coetanei, che non vivono il disagio del
rifiuto da parte della società e delle persone più care.
Molte persone, non solo eterosessuali, sono convinte che
gay e lesbiche abbiano bisogno di essere “curati”, e
alcuni professionisti affermano di poter aiutare gli
omosessuali a “guarire”, mutando il loro orientamento da
omosessuale a eterosessuale. Non solo questo non è
possibile, ma i tentativi inutili di convertire l’orientamento
sessuale si rivelano estremamente dannosi per la salute
mentale di chi vi si sottopone.
Tuttavia, ormai da oltre trent’anni, psicologi e psichiatri
affermano che l’omosessualità non è una malattia, ma
una variante non patologica della sessualità umana;
ovvero, un modo differente di esprimere la propria
sessualità rispetto alle altre persone, anche se sono la
maggior parte. Questo accade in presenza di un diverso
orientamento sessuale, indirizzato a persone dello stesso
sesso (omosessuale) anziché a persone del sesso
opposto (eterosessuale).
L’orientamento sessuale si forma nella primissima
infanzia, si determina in base a caratteristiche biologiche,
psicologiche e sociali; rappresenta quindi una sfera
intrinseca dell’identità dell’individuo e, di conseguenza,
tentare di modificarla significherebbe dover cambiare
sensazioni emotive, sentimentali e sessuali. Questo non è
possibile. Significherebbe, inoltre, dover ristrutturare
l’identità sociale (il modo in cui ci si rapporta agli altri) e
tutto ciò che si è costruito nel corso della propria
esistenza.
Ognuno di noi ha delle caratteristiche che lo rendono
unico rispetto agli altri e, se da un lato vi sono aspetti
della nostra personalità che possiamo trasformare,
dall’altro ne esistono anche altri, sia fisici che caratteriali,
che è impossibile modificare nonostante gli sforzi più
intensi. Questo accade perché alcuni aspetti fanno parte
di noi, si sono strutturati nel corso della nostra vita e
dipendono dal nostro codice genetico, dalla famiglia in
cui cresciamo e dalla società in cui viviamo.
A ognuno di noi sarà capitato di non sentirsi adeguato in
una particolare situazione; proviamo a pensare cosa
accadrebbe se questo senso di disagio durasse mesi o,
addirittura, anni. Forse penseremmo di essere “sbagliati”
o “malati”, forse cercheremmo una “cura” per essere più
accettati socialmente. È quello che accade a gay e
lesbiche che, convinti di essere “difettati”, cercano una
terapia che li aiuti a cambiare orientamento sessuale;
naturalmente, come già detto, si tratta di tentativi senza
alcun risultato e senza dubbio dannosi, perché l’unica
“cura” di cui in realtà un omosessuale potrebbe aver
bisogno è quella di una buona dose di fiducia da parte di
se stesso e del proprio contesto di relazioni per poter
vivere senza timori le proprie emozioni.
IV MITO
L’omosessuale può contagiare chi gli sta accanto?
In molti pensano che bambini e adolescenti che entrano
in contatto con gay o lesbiche possano in qualche modo
rimanerne influenzati, correndo il rischio di diventare
anch’essi, una volta adulti, omosessuali, quasi come se si
trattasse di una malattia contagiosa.
32
istituto a.t. beck | Le lezioni | 4. A caccia di stereotipi
L’omosessualità non è un virus, non si può trasmettere
come una banale influenza, né si può apprendere
osservando un modello. Se l’orientamento sessuale fosse
realmente trasmissibile, le persone che hanno avuto
modelli eterosessuali non dovrebbero poi essere
omosessuali.
Quando si parla di omosessualità si intende uno dei tanti
modi di vivere i propri affetti e la propria sessualità
rivolgendoli al proprio sesso anziché, come accade per la
maggior parte delle persone, verso il sesso opposto.
L’espressione della propria sessualità verso un’altra
persona definisce l’orientamento sessuale; quest’ultimo
può essere eterosessuale (verso una persona dell’altro
sesso), omosessuale (verso una persona dello stesso
sesso) o bisessuale (sia verso i maschi che verso le
femmine).
Si tratta di una componente sessuale determinata da
diversi fattori di origine psicologica, sociale e biologica,
che si struttura già nei primi anni di vita.
Per tale ragione, è assurdo e non ha alcun fondamento
pensare che l’omosessualità sia qualcosa che possa
essere trasmesso semplicemente stando accanto a
persone gay o lesbiche e interagendo con loro.
Per renderci meglio conto di questo, proviamo a pensare
alla situazione opposta: ci sono famiglie in cui la
sessualità è un tabù e in cui l’omosessualità non è
neppure nominata; i modelli genitoriali sono bene
definiti: il papà esce per lavorare e mantenere la famiglia
e la mamma rimane in casa ad accudire i figli.
Come può in una famiglia così “tradizionale”, in cui ci
sono mamma e papà eterosessuali ed in cui non ci sono
altre figure di riferimento omosessuali, nascere e crescere
un ragazzo gay o una ragazza lesbica? Eppure accade.
Questo dipende dal fatto che l’omosessualità è una
condizione dovuta non ad un’unica variabile che può
essere “trasmessa”, ma ad un insieme di fattori che, come
abbiamo visto, determinano verso chi verrà rivolta la
propria sessualità e di cui non si conoscono le origini e i
perché.
V MITO
L’omosessuale è anche un maniaco sessuale o un
pedofilo?
Molte persone hanno paura degli omosessuali perché
sono convinte che siano dei “pervertiti” o dei pedofili;
questo stereotipo, legato all’idea che i gay possano avere
solo relazioni sessuali e non sentimentali, nasce dalla
convinzione che l’omosessualità sia un comportamento
contro natura e perciò riprovevole, immorale e, per alcuni,
addirittura una perversione.
Occorre qui comprendere una distinzione fondamentale:
le perversioni sono disturbi mentali che non hanno niente
a che vedere con l’omosessualità: questa, infatti, non è
un disturbo mentale, ma una variante del comportamento
sessuale umano. Tra le perversioni sessuali rientra invece
la pedofilia, che è la pratica sessuale di un adulto con
bambini al di sotto dei 13 anni.
Per questo è importante riflettere, prima di etichettare
una persona come perversa e “molestatrice”
semplicemente perché prova affetto e attrazione per
persone del proprio sesso. Questo atteggiamento è
estremamente sbagliato, soprattutto se si tiene in
considerazione che l’unica differenza sostanziale tra
eterosessuale e omosessuale è che il primo si innamora e
viene attratto da persone del sesso opposto al proprio,
mentre il secondo viene attratto da persone dello stesso
sesso.
Credere che un gay sia più propenso a commettere abusi
sessuali è quindi, evidentemente, una concezione legata
principalmente all’omofobia e agli stereotipi culturali,
tanto più che la maggior parte degli abusi sessuali,
soprattutto sui minori, avviene all’interno della famiglia e
sono ad opera di persone che conoscono bene il bambino
e di persone eterosessuali regolarmente sposate e con
figli che apparentemente conducono una vita “normale”.
In uno studio condotto su 269 casi di bambini molestati
sessualmente (Jenny, Roesler, Poyer, 1994), solo due
molestatori sono stati identificati come omosessuali, una
percentuale, considerato il margine di errore, che va dallo
0% al 3,1%. Nell’82% dei casi, il molestatore era il partner
eterosessuale di un partente stretto del bambino o della
bambina.
VI MITO
Gli omosessuali e le lesbiche sono cattivi genitori?
Milioni di bambini nel mondo sono cresciuti da genitori
omosessuali (NAIC, 2000). Per alcuni bambini non è un
gran problema. Altri bambini possono trovare difficile
avere una famiglia che è diversa dalle altre famiglie.
Ma in realtà ogni famiglia è diversa dalle altre.
Quello che conta davvero è che i bambini possano parlare
liberamente dei propri sentimenti con i genitori e che in
casa ci sia un clima di amore e sostegno.
Diversi studi condotti negli ultimi 30 anni hanno mostrato
che i bambini cresciuti da genitori gay e lesbiche sono
felici esattamente come i bambini cresciuti da famiglie
eterosessuali. Nessuna differenza significativa è stata
riscontrata in termini di attività, interessi, compagnie,
o scelte di vita, una volta diventati adulti. Né sono
risultate differenze in termini di intelligenza, capacità
psicologiche e sociali, popolarità tra i pari, orientamento
sessuale.
Uno studio del 2013 (Perrin, Siegel) sottolinea che il
benessere dei bambini è influenzato molto di più dalla
relazione con i genitori, dal senso di competenza e
sicurezza dei genitori, e dalla presenza di sostegno
sociale ed economico per la famiglia, più che dal genere
o dall’orientamento sessuale dei genitori.
Tuttavia, proprio la mancanza di questi sostegni, e in
particolare l’impossibilità di sposarsi, può avere un
impatto sul benessere dei genitori, e conseguentemente
di tutti i membri della famiglia.
33
5.
istituto a.t. beck | Le lezioni
cui il personaggio parlava della propria omosessualità,
l’insegnante può comunque chiedere se, al di là di questa
notizia, ci siano dei “segni rivelatori” dell’omosessualità
del personaggio in questione, mettendo in discussione le
affermazioni degli allievi.
3. Una volta finita la discussione, l’insegnante può
rivelare che tutti i personaggi rappresentati sono gay e
lesbiche dichiarati e leggerne le storie (riportate di
seguito). Rivede le affermazioni fatte dagli allievi e
stimola la discussione finale su quanto appreso durante
l’esercizio e se ancora la classe crede che gli uomini gay e
le donne lesbiche siano distinguibili dagli eterosessuali a
prima vista.
Storie dei personaggi
Ma davvero è gay?
Obiettivo
Mettere in discussione l’idea che i gay e le lesbiche siano
facilmente distinguibili dagli altri per l’effeminatezza
(i gay) o la mascolinità (le lesbiche).
Materiali occorrenti
Diverse copie della scheda con i personaggi.
(La scheda è scaricabile all’indirizzo:
http://www.istitutobeck.com/progetto-unar.html
password: UNAR)
Tempo 45 minuti
1. L’insegnante chiede alla classe se è possibile
distinguere i gay e le lesbiche dagli uomini e dalle donne
eterosessuali.
Se la risposta della classe (di tutti gli alunni) è negativa,
allora l’insegnante spiega che in effetti l’orientamento
sessuale di un individuo non è visibile dall’aspetto o dagli
atteggiamenti, se non in una minoranza di casi.
Poi mostra le schede con i personaggi raffigurati, le fa
circolare tra gli allievi, spiegando che tutti questi
personaggi sono omosessuali e legge le loro storie.
Se, invece, la risposta della classe, o di alcuni alunni, è
positiva, l’insegnante propone un gioco. Mostra le
schede, le fa circolare tra gli allievi e chiede loro di
individuare chi tra i personaggi raffigurati è gay o lesbica,
senza dare altre indicazioni in merito al numero di gay e
lesbiche da individuare. Stimola soprattutto gli allievi che
si erano dichiarati in grado di distinguere omosessuali da
eterosessuali a trovare i gay e le lesbiche nelle schede.
2. Dopo una decina di minuti in cui gli allievi hanno avuto
la possibilità di guardare bene le schede, l’insegnante
chiede alla classe di indicare chi sono i gay e le lesbiche.
Quando qualcuno indica uno dei personaggi, l’insegnante
può chiedere allo studente perché ha pensato che quel
particolare personaggio sia omosessuale, quali indizi ci
siano della sua omosessualità. Può chiedere ad altri se
sono d’accordo con questa analisi. Se qualcuno individua
uno dei personaggi perché magari ha letto un articolo in
fonte Wikipedia
Le foto sono tratte da internet, al link indicato.
1. Robbie Rogers (1987) è un calciatore statunitense, di ruolo
attaccante. Ha avuto la sua prima esperienza professionistica nel
2005. Ha debuttato in nazionale USA nel 2009, in un’amichevole
contro la Svezia. Ha dichiarato di essere omosessuale sul suo
blog, il 15 febbraio 2013.
www.soccerbyives.net/2013/02/rogers-comes-retires.html
2. Cynthia Nixon (1966) è un’attrice statunitense. È nota
soprattutto per il suo ruolo di Miranda Hobbes nella serie tv (e
nei due film) Sex and the City. Nella sua carriera ha vinto
numerosi premi. Nel 2009 ha reso pubblica la sua relazione con
la compagna Christine Marinoni, che ha sposato a New York nel
maggio 2012, pochi mesi dopo l’introduzione del matrimonio
omosessuale nello stato.
www.justjared.com/photo-gallery/1433711/cynthia-nixonemmys-2008-red-carpet-01/
3. Jason Collins (1978) è un giocatore professionista di
pallacanestro, un cestista, alto circa 2 metri.
Ha cominciato al sua carriera da professionista nel 2001 con i
New York Jets, dove ha giocato per sette stagioni, arrivando a
disputare le Finali NBA nel 2002 e nel 2003. Il 29 aprile 2013
attraverso un articolo pubblicato su Sports Illustrated ha
dichiarato pubblicamente la propria omosessualità.
http://www.ajc.com/news/sports/basketball/former-hawkscenter-reveals-he-is-gay/nXbRD/
4. Samantha Fox (1966) è un ex modella e cantante britannica.
Ha ottenuto una grande popolarità negli anni ‘80 con i due
singoli Touch me e Nothing’s gonna stop me now. Nel 2003 ha
dichiarato di avere una relazione con Myra Stratton, con cui si è
fidanzata ufficialmente nel 2009.
www.lastfm.it/music/Samantha+Fox/+images/55188973
5. Gareth Thomas (1974) è un ex rugbysta britannico. È stato il
primo a superare i 100 incontri disputati nella nazionale del
Galles, ha vinto una Coppa Europa con la squadra del Tolosa. Ha
dichiarato la propria omosessualità nel 2009.
www.guardian.co.uk/sport/2011/oct/25/gareth-thomas-retiresrugby-league-union
6. Portia de Rossi, nata Amanda Lee Rogers (1973) è un’ex
modella e attrice. È diventata famosa nel 1998, entrando nel cast
della serie televisiva Allie McBeal, in cui è rimasta fino alla
conclusione della serie nel 2002. Nel 2005 ha dichiarato di
essere lesbica. Nel 2008 ha spostato l’attrice Ellen DeGeneres.
www.justjared.com/photo-gallery/53811/portia-de-rossi-oscars2007-04
34
istituto a.t. beck | Le lezioni | 5. Ma davvero è gay?
SCHEDA PER L’ATTIVITÀ DI GRUPPO
Ma davvero è gay?
1.
4.
2.
5.
6.
3.
35
6.
istituto a.t. beck | Le lezioni
Homoworld
Tratto da Butler, 2004
Obiettivo
Questa lezione mira a far entrare gli studenti in contatto
con sentimenti e emozioni che possono provare le
persone gay o lesbiche.
Materiali occorrenti
Lettura della storia Homoworld
Tempo 1 ora
STORIA
Homoworld, ideato da Butler nel 2004, è la storia di
un’eterosessuale che vive in un mondo dove la
maggioranza della gente è omosessuale.
Ti svegli col suono della radiosveglia che dedica canzoni a
coppie dello stesso sesso.
Non appena ti siedi per fare colazione, il tuo sguardo cade
sulla scatola dei cereali che raffigura i benefici delle
vitamine e dei minerali contenuti attraverso una famiglia
che corre in un campo di grano: due padri, il loro figlio e
un setter irlandese. Accendi la televisione e trovi una
trasmissione in cui parlano dei nuovi ritrovati cosmetici
per le drag queen.
Esci per andare a lavoro, incroci alcuni vicini che ti
salutano: Melissa e Iris e più avanti Giovanni e Michele.
Non appena sali sulla metro, guardi la pubblicità che hai
intorno per passare il tempo: la più conveniente
assicurazione di viaggio per le coppie omosessuali, la
pubblicità del reggiseno: “Fatevi avanti, ragazze”.
Alla fermata successiva sale un uomo e qualcosa ti fa
sospettare che anche lui sia eterosessuale. Lui incrocia il
tuo sguardo e ti fa un sorriso come segno di averti
riconosciuto. Tu pensi: “Allora sei anche tu etero, ma forse
nessun altro qui lo ha notato”! Ridi tra te e te e ti diverti
dell’esclusività del contatto.
Arrivi a lavoro, una tizia dell’amministrazione sta
mostrando delle fotografie delle vacanze che ha appena
fatto con la sua fidanzata a Lesbo. Non appena ti avvicini
al gruppo, ti viene chiesto: “Dove hai trascorso le tue
ultime vacanze?”. Tu ammetti che eri a Corfù, una
destinazione ben nota per le vacanze eterosessuali, e ti
chiedono con chi ci sei stata.
Alla fine della giornata, le persone vanno per un drink al
gay bar più vicino. Alcuni portano i rispettivi partner.
Tu inviteresti il tuo, sapendo che potrebbero esserci in
giro dei colleghi? Colleghi di cui non conosci le opinioni
sull’eterosessualità. Oppure vai per un paio d’ore e poi
vai via? Senza davvero altre valide alternative, decidi di
andare dritta a casa. Non appena prendi la decisione, ti
arriva un sms del tuo fidanzato che dice di incontrarvi alla
fermata della metro sotto casa, visto che anche lui sta
rientrando. Tu sorridi e un collega che non conosci bene
cattura il tuo sguardo e ti dice: “È un messaggio della tua
ragazza? Come si chiama?”. Che fai? Menti o dici di essere
troppo impegnata per una relazione? Ti chiedi quale
sarebbe la loro risposta se uscissi allo scoperto:
accettazione completa;
totale mancanza di interesse e cambio di argomento a
causa dell’imbarazzo;
oppure potrebbero immaginare che adesso hanno la
facoltà di farti delle domande personali visto che “alcuni
dei loro migliori amici sono eterosessuali” e anche loro
sono stati in un bar per etero e non hanno alcun
problema, tipo:
“Quindi da quando sai di essere etero?”
“Che peccato, non avrei mai detto fossi etero”
“I tuoi genitori lo sanno?”
“Il sesso è meglio?”
36
istituto a.t. beck | Le lezioni | 6. Homoworld
Alla fine raggiungi la fermata della metro di fronte casa e,
come promesso, il tuo fidanzato è lì che ti aspetta. Senti
un senso di sollievo nel vederlo e realizzi quanto sei
stanca. Ma lo accogli baciandolo davanti a tutte le
persone che ci sono intorno? Non appena ti incammini
verso casa e percorri una strada tranquilla, cominciate a
prendervi per mano, contenti del contatto. All’improvviso,
un gruppo di giovani gira l’angolo e voi li lasciate passare.
Avranno visto che vi tenevate per mano? Andranno a dire
qualcosa in giro per deridervi? O peggio ancora, potrebbe
degenerare in violenza?
Linee guida per la riflessione
• Cosa ti ha sorpreso o colpito?
• Qualcosa ti ha infastidito?
• Dopo la lettura della storia, quali problemi credi
gli omosessuali debbano affrontare (emotivamente,
socialmente, politicamente)?
• Quali questioni ha sollevato sulla sessualità
in generale?
• Conduci una discussione in classe rispondendo
a eventuali dubbi sollevati dagli allievi.
Subito affrettate il passo, arrivate dietro la porta di casa e
ve la chiudete alle spalle insieme a un senso di sicurezza.
Decidete di ordinare una pizza. Il tuo compagno è in
cucina quando suona il campanello e non realizza che tu
hai già aperto. Ti dice che va lui ad aprire e tu noti che
l’uomo della pizza sta cercando di nascondere una risata
alla vista del tuo fidanzato che entra nell’ingresso dietro
di te.
Vi sedete sul divano e accendete la TV.
Niente incontra il vostro gusto:
Rai 1: il film “Quando Giovanni incontra Enrico”
Rai 2: una rassegna della versione contemporanea di
Romeo e Dario
Rai 3: i video più divertenti sui matrimoni omosessuali
Canale 5: il Grande Fratello, con la puntata in cui il
concorrente etero esce allo scoperto
Italia 1: il miglior sesso gay
Decidi allora di sfogliare una copia dell’unico giornale per
etero che ti sei ricordata di prendere l’ultima volta che sei
stata al centro, visto che non puoi prenderlo nel tuo
quartiere. Resti sorpresa dalla notizia di una
manifestazione di baci dopo che a una coppia etero era
stato chiesto di lasciare la sala d’attesa dell’aeroporto a
seguito di una manifestazione pubblica di affetto.
Comunque, resti delusa quando leggi che la legge 29
ancora una volta non è stata votata dal parlamento, nel
timore che, qualora le relazioni etero venissero
riconosciute almeno nelle scuole, potrebbero portare le
giovani adolescenti a voler sperimentare uomini più
grandi, o i ragazzi donne più grandi. “Questo paese ha
bisogno di mantenere alti i valori omosessuali che lo
fortificano”.
Alla fine decidi di non leggere più e prendi il libro che hai
appena comprato con tanto entusiasmo perché il
protagonista era etero. Alla fine, scopri che il personaggio
era una mediocre rappresentazione di tutti i clichès
eterosessuali.
La fine di un altro giorno nell’Homoworld!
37
7.
istituto a.t. beck | Le lezioni
Laura ha bisogno
di un consiglio
Tratto da Dankmeijer, 2011
Obiettivo
Insegnare agli studenti a esplorare le proprie opinioni
riguardo l’orientamento sessuale, in rapporto con altri
pari. Insegnar loro a riconoscere come i pregiudizi
possono ferire gli altri, compromettendone la salute e il
benessere, e aumentare l’empatia verso gli adolescenti
gay e lesbiche.
Materiali occorrenti
Lavagna, gesso, fogli di carta, penne.
Tempo 1 ora
1. L’insegnante comincia parlando alla classe del caso di
Laura.
Laura ha 15 anni e si trova in una situazione difficile. Non
si diverte a uscire con i ragazzi, come le sue amiche.
Preferisce la compagnia delle ragazze. Ha letto in una
rivista che ci sono donne attratte da altre donne e si
domanda se questo sia il suo caso. È confusa perché i
ragazzi non è che le stiano antipatici, ma non vuole uscirci
e certo non vuole avere dei rapporti profondi con loro. Le
piacerebbe sapere cosa pensino le sue amiche di tutto
questo, ma ha paura di parlare con loro di questo
argomento.
2. A questo punto l’insegnante chiede agli studenti di
scrivere una lettera a Laura per darle un consiglio.
Siccome è una lettera personale, dovrebbe contenere i
seguenti elementi: una prospettiva personale della
situazione, un’esperienza dello studente in relazione al
caso di Laura e un consiglio.
3. Mentre gli studenti scrivono la lettera, l’insegnante gira
per la classe e offre assistenza, se richiesto.
4. Dopo 20 minuti, l’insegnante domanda chi vuol leggere
la propria lettera oppure chi vuol parlare dei consigli che
darebbe a Laura.
5. L’insegnante scrive sulla lavagna le parole chiave delle
lettere.
6. Dopo aver letto un po’ di lettere, l’insegnante fa partire
la discussione chiedendo agli studenti:
• Secondo voi qual è il consiglio più utile e perché?
• Come pensate che Laura si sentirebbe riguardo questo
consiglio?
• Se qualcuno vi desse questo consiglio, come vi
sentireste?
• Quali consigli non sembrano molto appropriati o
efficaci?
• Come avete deciso di dare il vostro consiglio?
• Se Laura fosse una vostra amica, oltre a scriverle una
lettera, come potreste aiutarla?
38
8.
istituto a.t. beck | Le lezioni
Che cos’è il bullismo
Tratto da Waterhouse et al., 1998
Obiettivo
La lezione mira a insegnare agli studenti a riconoscere le
diverse forme di bullismo.
Materiali occorrenti
Lavagna, gesso, scheda.
(La scheda è scaricabile all’indirizzo:
http://www.istitutobeck.com/progetto-unar.html
password: UNAR)
Tempo 1 ora
1. L’insegnante comincia a parlare agli studenti di un
problema che talvolta possono avere, chiamato bullismo.
Il docente racconta una storia, chiedendo agli allievi di
fare attenzione ai diversi modi in cui il bullismo si
manifesta.
La storia: Giulio ha fatto delle cose crudeli a Marco, un
nuovo studente. Ha iniziato facendogli lo sgambetto in
classe o in corridoio. Poi Giulio ha spinto Marco a terra un
paio di volte. Qualche settimana fa Giulio ha iniziato ad
afferrare lo zaino di Marco ogni giorno, tirando fuori il suo
pranzo e altre cose che voleva. Giulio gli ha detto di non
dirlo a nessuno. Marco non porta più uno zaino a scuola.
Oggi, Giulio e altri due ragazzi stanno di nuovo
infastidendo Marco. Lo spingono contro il muro,
bloccandolo. Giulio dice a Marco che deve dare loro del
denaro.
Un sacco di altri ragazzi si trovano nelle vicinanze e
vedono ciò che accade, ma non fanno nulla. Sembra che
Marco sia sempre preso di mira. Inoltre, non ha molti
amici a scuola. Come pensi che si senta Marco?
L’insegnante scrive alla lavagna i sentimenti di Marco
(spaventato, intimidito, triste, sconvolto, arrabbiato,
riluttante a venire a scuola, solo).
In che modo Giulio e i suoi amici stanno facendo bullismo
nei confronti di Marco? (facendogli lo sgambetto,
buttandolo a terra, prendendo le sue cose, bloccandolo,
minacciandolo, chiedendogli dei soldi).
In che modo gli altri studenti sono coinvolti?
(Pur assistendo a molti episodi non intervengono, né
offrono la loro amicizia o sostegno a Marco, e forse in
qualche modo possono arrivare a pensare che sia colpa
sua, che si mette sempre nei guai).
2. L’insegnante a questo punto divide gli studenti in 5
gruppi a cui assegna una delle storie riportate nella
scheda. I gruppi devono identificare e scrivere i
sentimenti della vittima e i comportamenti dei bulli.
L’insegnante dà 15 minuti di tempo per leggere la storia e
rispondere alle domande.
3. L’insegnante, passati i 15 minuti, chiede a ogni gruppo
di leggere la propria scheda e le risposte alle domande.
Ogni volta che un gruppo identifica i sentimenti della
vittima, l’insegnante li scrive alla lavagna.
Quando descrive i comportamenti dei bulli, l’insegnante
sottolinea che il bullismo non deve essere
necessariamente fisico: può prendere la forma di
molestie, di isolamento sociale della vittima, di
pettegolezzi, di sms, di post scritti sulla bacheca
Facebook.
Il bullismo, nelle sue diverse forme, ha tre caratteristiche
principali:
• È intenzionale, cioè è messo in atto deliberatamente dal
bullo, allo scopo di colpire, umiliare, intimidire il soggetto
prescelto;
• È sistematico, cioè tende a ripetersi nei confronti dello
stesso soggetto da parte dello stesso bullo o branco,
anche se con diverse modalità (fisiche, verbali, cyber o
indirette a seconda dei momenti e dei contesti);
• È relazionale, cioè è un atto sociale, compiuto davanti a
un pubblico composto da altri studenti, in cui il bullo
esprime la propria superiorità rispetto alla vittima.
A questa sorta di copione partecipano, in qualità di
spettatori o complici del bullo, altri studenti.
Marco si sente solo, triste e spaventato a venire in un
posto dove Giulio gli fa male e prende le sue cose e dove
ha pochi amici. A volte gli studenti che non sembrano
avere amici e che sono spesso soli diventano vittime di
bullismo. Essere isolati o da soli può fare sembrare
qualcuno impotente e più facile da infastidire, ma non è
colpa di Marco se è vittima di bullismo.
39
istituto a.t. beck | Le lezioni | 8. Che cos’è il bullismo
SCHEDA
Che cos’è il bullismo
Storia 1
Maria e Giovanna hanno incontrato Daria al cinema in
compagnia di una ragazza dall’aspetto molto mascolino.
Maria e Giovanna da allora hanno cominciato a mettere
voci in giro sul conto di Daria. Dicono alle altre ragazze di
non uscire con Daria, se non vogliono essere scambiate
per lesbiche. Adesso ragazze che erano amiche di Daria
cominciano a evitarla in classe e non le rispondono al
telefono.
Come pensate si senta Daria? Provate a pensare almeno a
cinque sentimenti che potrebbe provare.
In che modo Maria e Giovanna stanno facendo bullismo
nei confronti di Daria?
Storia 2
Lea vede Giacomo, Pamela, e Teresa all’ingresso dell’aula.
Lea vorrebbe non dover passare davanti a loro da sola per
entrare in classe, ma le sue amiche sono già entrate. Negli
ultimi tempi, questi studenti stanno dando fastidio a Lea.
Ogni volta che la vedono, la prendono in giro per i capelli,
gli occhiali, il peso. A volte fanno il verso della papera e le
dicono che cammina come una papera. In classe, la
guardano male o le lasciano dei bigliettini di scherno sul
banco. L’altra sera qualcuno ha telefonato a casa di Lea
facendo il verso della papera.
Come pensate si senta Lea? Provate a pensare almeno a
cinque sentimenti che potrebbe provare.
In che modo questi studenti stanno facendo bullismo nei
confronti di Lea?
Storia 3
Emanuele sembra mettersi sempre nei guai e poi dice che
non è colpa sua. A volte si mette a piangere, anche se è
già al terzo anno. Ecco perché nessuno vuole essergli
amico, anche se Emanuele vorrebbe tanto avere degli
amici.
Massimo, Michele, e Lucia sanno che è facile far
arrabbiare Emanuele. Spesso gli nascondono la giacca o
gli rubano delle cose dallo zaino. Massimo e i suoi amici
lo prendono in giro, dicendogli delle cose sgradevoli in
faccia e alle spalle. La scorsa settimana hanno scritto una
frase oscena su di lui sul muro di fronte alla scuola. Ogni
tanto gli danno degli spintoni nel corridoio o in palestra. A
volte Emanuele si arrabbia così tanto che comincia a
piangere. A volte comincia a tirare delle cose, a urlare o si
difende e cerca di colpire Massimo e i suoi amici. È allora
che si mette nei guai.
Storia 4
Eduardo ha cercato di diventare amico degli altri ragazzi
della classe, ma questi lo ignorano e sembrano ridergli
alle spalle. La scorsa settimana, durante l’ora di
educazione fisica, Enrico ha imitato la maniera in cui corre
Eduardo. Eduardo ha visto che tutti gli altri ragazzi si sono
messi a ridere della sua imitazione. Negli ultimi giorni,
Enrico ha cominciato a chiamare Eduardo ‘grassone’ o
‘maiale’ e gli ha detto di mettersi a dieta.
Eduardo ha paura di riferire tutto all’insegnante, perché
Enrico gli ha detto che se parla se ne pentirà. Eduardo ora
sta cominciando ad avere problemi a concentrarsi sui
compiti e sta cominciando a fare assenze da scuola.
Come pensate si senta Eduardo? Provate a pensare
almeno a cinque sentimenti che potrebbe provare.
In che modo Enrico sta facendo bullismo nei confronti di
Eduardo?
Storia 5
Paolo sta tornando a casa a piedi con i suoi amici Giorgio
e Marco. Due ragazzi dell’ultimo anno, Renato e Maurizio,
si avvicinano. Paolo cerca di pensare a un modo per
evitarli.
Negli ultimi tempi questi due ragazzi hanno cominciato a
seguire Paolo quando torna a casa e a prenderlo in giro.
Spesso lo insultano, chiamandolo ‘frocio’ o ‘checca’.
Paolo è sicuro che siano stati loro a fare pettegolezzi
imbarazzanti sul suo conto.
Stavolta ricominciano a insultarlo e ripetono i pettegolezzi
a Giorgio e Marco. Paolo nega i pettegolezzi.
Paolo comincia ad arrabbiarsi. All’improvviso Renato
blocca Paolo per il braccio mentre Maurizio gli dà un
pugno nello stomaco. Paolo cerca di difendersi, ma finisce
a terra. Ci prova, ma non riesce a evitare di mettersi a
piangere. Renato e Maurizio dicono che se Paolo o i suoi
amici raccontano qualcosa dell’episodio, diranno a tutti
che Paolo si è messo a piangere come una checca.
Giorgio e Marco non sanno cosa fare.
Come pensate si senta Paolo? Provate a pensare almeno
a cinque sentimenti che potrebbe provare.
In che modo Renato e Maurizio stanno facendo bullismo
nei confronti di Paolo?
Come pensate si senta Emanuele? Provate a pensare
almeno a cinque sentimenti che potrebbe provare.
In che modo Massimo e i suoi amici stanno facendo
bullismo nei confronti di Emanuele?
40
9.
istituto a.t. beck | Le lezioni
Il bullismo omofobico
Tratto da Homophobic bullying lesson plan
Obiettivo
Questa serie di attività fornisce agli insegnanti
l’opportunità di discutere con i propri allievi del bullismo
omofobico in modo aperto e in un ambiente protetto al
fine di poter affrontare gli stereotipi e i pregiudizi spesso
profondamente presenti in alcuni studenti.
Può anche essere visto come un sostegno per i giovani
gay e lesbiche.
L’attività potrà aiutare a:
• Aumentare la consapevolezza dell’esistenza del
bullismo omofobico
• Aumentare la comprensione del bullismo omofobico e
del cyber-bullismo
• Definire cosa sia l’omofobia e il bullismo omofobico e
l’impatto sui giovani
• Riconoscere le influenze e le pressioni sui giovani dei
principali problemi che riguardano le persone LGBT
• Favorire una politica anti-bullismo all’interno della
scuola
Materiali occorrenti
Una lavagna, la scheda del manifesto del bullismo
omofobico, delle penne, e almeno un telefono cellulare
con funzionalità Bluetooth e fotocamera.
È possibile disporre le sedie in semicerchio così da
rendere l’ambiente meno formale.
Tempo 2 ore
L’attività si divide in vari brevi esercizi:
1. Che cosa è l’omofobia?
Tempo 15-30 minuti
L’insegnante scrive su una metà della lavagna “Che cos’è
l’omofobia?”. Poi chiede a ciascun partecipante cosa
pensa sia l’omofobia e scrive i punti chiave alla lavagna.
Scrive poi “Che cos’è il bullismo omofobico?”
In questa colonna scrive le seguenti categorie:
• Verbale
• Cyber
• Alienazione sociale
• Fisico
Definizione di bullismo omofobico
Cosa intendiamo per bullismo omofobico? Il bullismo
omofobico può presentarsi sotto diverse forme.
La più frequente è quella verbale: insultare qualcuno
chiamandolo “lesbica, frocio, checca, ricchione,
finocchio”; prendere in giro un ragazzo per atteggiamenti
ritenuti troppo effeminati o, al contrario, una ragazza per
modi considerati troppo mascolini; fare telefonate di
scherno o di insulti; minacciare il soggetto.
Purtroppo è diffusa anche una forma fisica di bullismo:
aggressioni fisiche di diversa entità (dagli spintoni fino a
pugni e calci); danni a oggetti personali dell’adolescente;
umiliazioni fisiche a sfondo sessuale che possono
sfociare anche in violenze sessuali di gruppo.
Questi tipi di bullismo sono, per la loro evidenza,
abbastanza semplici da individuare. Vi sono, però, anche
delle forme meno dirette, meno esplicite: escludere
qualcuno da un gruppo; isolarlo; farlo sentire a disagio;
diffondere pettegolezzi sull’orientamento sessuale del
soggetto, magari tramite scritte sui muri o sulla lavagna, o
tramite bigliettini passati in classe. Inoltre, oggi è
presente il fenomeno del cyber-bullismo: inviare foto o
sms inappropriati a qualcuno; fare fotomontaggi allusivi o
offensivi rispetto al soggetto; creare una pagina facebook
o un blog di scherno, a cui hanno accesso tutti gli studenti
della scuola. Il cyber-bullismo non è solo in ascesa, ma
colpisce gli adolescenti gay e lesbiche in maniera più che
doppia rispetto a quelli eterosessuali.
Una volta chiarito cosa siano l’omofobia e il bullismo
omofobico, l’insegnante chiede degli esempi per le
diverse categorie (è opportuno avere sottomano la
scheda del manifesto del bullismo omofobico).
L’obiettivo è impiegare almeno 15 minuti su questo,
stimolando una discussione con la classe. L’insegnante
deve assicurarsi che questi concetti siano chiari agli
allievi.
2. Questioni fondamentali che riguardano i giovani LGBT
e l’impatto del bullismo omofobico
Tempo 30 minuti
Inizia una discussione sui seguenti argomenti:
Paura dell’isolamento a scuola
Se e quando i giovani LGBT dichiarano il proprio
orientamento sessuale a scuola, la reazione più comune è
isolarli. Questo può accadere sia da parte degli insegnanti
che degli studenti.
41
istituto a.t. beck | Le lezioni | 9. Il bullismo omofobico
Discriminazione
Se e quando una persona LGBT fa coming out si ritrova
spesso a essere oggetto di discriminazione da parte di
amici e familiari.
Successo scolastico
Quando si è vittime di bullismo omofobico, come di
qualsiasi altra forma di bullismo, il rendimento scolastico
e il livello di attenzione iniziano a diminuire.
Benessere emotivo
Giovani gay e bisessuali hanno probabilità più alte di
tentare il suicidio (Russel, Joyner, 2001; Eisenberg,
Resnick, 2006); il bullismo omofobico è uno tra i fattori
che contribuiscono al fenomeno.
Segnalazione di bullismo omofobico
Risulterà sempre molto difficile per una persona LGBT
denunciare atti di bullismo omofobico perché equivale a
fare un coming out forzato per poter chiedere aiuto.
Inoltre gli insegnanti potrebbero comunicare ai genitori gli
episodi e, dunque, costringere i ragazzi al coming out.
3. Messaggi positivi
Tempo 1 ora
A questo punto, l’insegnante divide la classe in tre gruppi
e chiede di immaginare due scene che mostrino l’impatto
del bullismo omofobico. Possono lavorare in coppie o in
piccoli gruppi (si possono utilizzare alcuni degli esempi
riportati di seguito). Una volta che le scene sono state
immaginate, il gruppo le rappresenta e scatta due
foto - l’ideale sarebbe utilizzare dei telefoni cellulari.
Il gruppo poi inventa un messaggio positivo da assegnare
alle foto. A questo punto le foto e i messaggi positivi
possono essere diffusi all’intera scuola mediante sms.
Se si dispone, ad esempio, di una newsletter della scuola,
potrebbero essere inviati come se fossero dei fumetti,
creando così una piccola campagna di prevenzione del
bullismo omofobico. Potrebbero, inoltre, essere inserite
sul sito web della scuola o sui singoli profili degli
studenti. Il punto interessante è che gli allievi
utilizzerebbero uno strumento a loro molto familiare,
come Facebook ad esempio, che spesso usano per inviare
messaggi negativi, per diffondere, invece, dei messaggi
positivi, sentendosi dunque più utili e importanti.
Se, come scuola, si preferisce non adottare questo
approccio, le immagini potrebbero essere stampate e
affisse su un tabellone all’ingresso così che tutti possano
vederle. Questa attività potrebbe facilmente essere
estesa a una seconda lezione, portando avanti così una
campagna anti-bullismo.
Esempi di scenari LGBT
Andrea è uno studente di 11 anni ed è sempre l’ultimo a
essere scelto per giocare a calcio: i suoi compagni di
classe credono sia gay perché indossa sempre una fascia
per il sudore di colore rosa.
Per questa situazione si potrebbero rappresentare Andrea
lasciato come ultimo e poi Andrea che fa goal.
Un messaggio positivo potrebbe essere: “Non importa il
colore della tua fascia, ma quanto veloce sai correre”.
Simona è una brava giocatrice di calcetto. Recentemente,
le ragazze della sua squadra sono diventate gelose
perché lei è stata scelta per la prima squadra della scuola.
Hanno iniziato così a diffondere la voce che è lesbica.
La mamma e il papà di Nicola recentemente hanno
divorziato perché suo padre è attratto dagli uomini. Nicola
è davvero sconvolto e si è confidato con uno dei suoi
migliori amici, Mario. Successivamente a questa
confidenza, Mario ha smesso di andare in giro con Nicola
e ha riferito a tutti i suoi amici che è gay come suo padre.
Giulia è una ragazza molto popolare a scuola e ha molti
amici su Facebook. Recentemente due delle sue
compagne l’hanno bloccata come amica. A Giulia questo
non è andato giù e così ha creato un falso profilo per
diffondere la voce che queste due ragazze sono fidanzate.
Marco e Andrea sono migliori amici, e si conoscono da
quando avevano cinque anni. Poiché fanno tante cose
insieme, i compagni di scuola hanno diffuso la voce che
sono gay.
Lorenzo è un ragazzo gay molto popolare a scuola, e ha
creato un gruppo dopo la scuola per chi ha bisogno di
aiuto e di sostegno perché vittima di bullismo dentro e
fuori scuola. Giulio è un nuovo studente, e recentemente
è stato vittima di bullismo perché troppo intelligente.
Ha sentito parlare del gruppo di Lorenzo e ha deciso di
chiedere aiuto. Lorenzo, però, gli ha impedito di
partecipare dicendo: “Questo club è solo per le persone
omosessuali e non per nerd come te”.
I compagni di classe di Giovanni sono soliti urlargli il
termine “omo”, perché in classe canta sempre e desidera
diventare un cantante come Beyonce.
Pietro non viene mai invitato alle partite di calcio locali,
perché i suoi compagni pensano che i suoi vestiti siano
troppo stretti, troppo colorati e vistosi. Non indossa,
infatti, felpe e pantaloni larghi come fanno loro.
Michele è molto popolare tra le ragazze della sua scuola:
questo rende i ragazzi gelosi e pensano che sia gay
perché non ha mai frequentato i ragazzi. Così, quando
vedono Michele fanno di tutto per farlo inciampare.
Giulio è un ragazzo gay ben voluto nella scuola.
Recentemente ha ricevuto delle telefonate di scherno e
delle mail minacciose da una persona anonima, dicendo:
“tutti gli omosessuali devono morire”.
Gianni è un ragazzo molto popolare e indossa sempre le
ultime novità della moda. Gianni ha deciso di forare
entrambi i lobi delle orecchie come il suo idolo David
Beckham. I ragazzi della sua classe ora gli stanno lontano,
e dicono che sia gay perché ha le orecchie forate.
42
10.
istituto a.t. beck | Le lezioni
Quali abilità ha utilizzato Davide per formulare una
risposta assertiva?
• È rimasto calmo
• Ha usato una voce chiara e sicura
• Ha guardato Daniela negli occhi
• Ha chiamato Daniela per nome
• Ha identificato il comportamento (“Stai facendo
pettegolezzi su di me”)
• Ha detto di smetterla”
2. L’insegnante chiede agli studenti di trovare delle frasi
per descrivere tipici comportamenti di bullismo e le scrive
alla lavagna (es., umiliare, insultare, aggredire, fare
telefonate oscene).
Rispondere al bullismo:
l’assertività
Tratto da Waterhouse et al., 1998
Obiettivo
La lezione mira a insegnare agli studenti a difendersi
dal bullismo.
Materiali occorrenti
Lavagna, gesso, scheda.
(La scheda è scaricabile all’indirizzo:
http://www.istitutobeck.com/progetto-unar.html
password: UNAR)
Tempo 1 ora 30 minuti
1. L’insegnante comincia a parlare agli studenti di come
difendersi dal bullismo.
“Abbiamo parlato di bullismo. Come sapete, ci sono vari
modi per rispondere o reagire ai tentativi di bullismo.
Oggi faremo pratica di risposte verbali assertive. Vi darò
una dei riferimenti verbali con cui lavorare.
Di fronte a una situazione di bullismo, il primo passo è
quello di valutare la situazione.
• Siete in pericolo fisico?
• Sono le persone o l’ambiente circostante familiari o
estranei?
Se decidete che non siete in una situazione pericolosa e
vi sentite in grado di rispondere, una risposta assertiva
verbale spesso può funzionare bene. Potrete utilizzare
questi comportamenti la prima volta che qualcuno fa il
bullo con voi. Se, però, vi rendete conto che potreste
essere in pericolo allora rivolgetevi sempre a un adulto.
Ascoltate questa storia:
Daniela ha continuato a spettegolare. Questa volta sta
dicendo a tutti che Davide ha un fidanzato che non va a
questa scuola, che li ha visti insieme durante il fine
settimana. Ora un sacco di ragazzi stanno prendendo in
giro Davide per il suo “fidanzato”.
Davide decide di interrompere il pettegolezzo e la presa in
giro in modo assertivo. Affronta Daniela, la guarda e le
dice con voce chiara e forte: “Daniela, stai facendo dei
pettegolezzi su di me. Stai cercando di mettermi in
imbarazzo. Smettila”. Poi Davide è andato via. Da allora i
pettegolezzi sono finiti.
3. L’insegnante chiede agli studenti di formulare delle
frasi per dire al bullo di smetterla coi suoi comportamenti
e le scrive alla lavagna. Una volta individuate un po’ di
frasi, l’insegnante chiede a ogni studente di identificare le
due o tre espressioni che potrebbe usare in una
situazione in cui è vittima di bullismo. L’insegnante può
fare un gioco di ruolo con qualche studente (il docente
recita la parte della vittima ovviamente, mentre lo
studente lo prende in giro per un taglio di capelli o perché
porta gli occhiali), mostrando alla classe come formulare
le frasi in maniera assertiva:
• Posizione del corpo eretta
• Sguardo fisso sull’altra persona
• Voce chiara e decisa
• Chiamare il bullo per nome
• Identificare e nominare il comportamento
• Definire il limite al comportamento
L’insegnante descrive a voce alta tutti i passi sopra
elencati, in modo che gli studenti li abbiano ben chiari.
A volte può essere necessario ripetere un paio di volte i
due passi finali, in modo che il bullo presti attenzione e la
vittima rinforzi l’atteggiamento assertivo.
4. L’insegnante chiama alla cattedra gli studenti a coppie.
Ogni coppia a turno recita il ruolo della vittima e
dell’aggressore in una delle cinque situazioni-tipo
descritte sotto. È importante che ogni studente abbia la
possibilità di praticare queste abilità di assertività.
Non c’è bisogno che gli allievi utilizzino le esatte parole
che sono state scritte alla lavagna. Ognuno potrà usare
quelle che gli sembrano più appropriate, che con ogni
probabilità userebbe nelle situazioni reali, purché
identifichino con chiarezza il comportamento e ne
definiscano il limite. Se uno studente utilizza parole
diverse da quelle scritte alla lavagna, l’insegnante può
aggiungerle a quelle già scritte. L’insegnante presta,
inoltre, attenzione al linguaggio del corpo degli studenti
(postura eretta, sguardo fisso negli occhi dell’altro, voce
chiara e ferma) e ricorda che l’assertività è una
combinazione di ciò che si dice e di come lo si dice.
5. L’insegnante conclude l’attività ricordando agli studenti
che possono utilizzare un comportamento assertivo ogni
volta che qualcuno li infastidisce, ma che talvolta questo
può non bastare e che se, dopo un paio di volte che sono
stati assertivi, il bullo continua a infastidirli, devono
chiedere aiuto a un adulto.
43
istituto a.t. beck | Le lezioni | 10. Rispondere al bullismo l’assertività
SCHEDA
Rispondere al bullismo: l’assertività
Situazioni-tipo
Hai comprato un paio di scarpe nuove.
Sono diverse da quelle che sono molto diffuse tra i tuoi
compagni.
Dal primo giorno che le hai messe,
ti ha preso in giro per le scarpe, dicendoti: “Dove hai
preso quelle scarpe? Scommetto che te le ha comprate
tua madre. Solo i mocciosi si fanno comprare i vestiti
dalla madre”.
In palestra,
spesso si mette di fronte a te e ti fa delle smorfie ogni
volta che guardi nella sua direzione.
dice a tutti che giochi malissimo a calcio e che sei un
moscio, negato per lo sport. Adesso nessuno degli altri
ragazzi ti vuole in squadra.
continua a toccare le cose sul tuo banco.
Un paio di volta hai visto
con le mani nel tuo zaino. Adesso, spesso ti spintona
quando vi incontrate nel corridoio, e poi ride e ti prende
in giro.
44
11.
istituto a.t. beck | Le lezioni
L’altra altra metà del cielo (2009)
L’altra altra metà del cielo… continua (2012)
Regia di Maria Laura Annibali
Lezioni ulteriori
Un modo utile di informare gli adolescenti, di mostrare
aspetti della realtà omosessuale che non conoscono, di
favorire empatia nei confronti dei vissuti delle persone
omosessuali, e di far emergere discussioni e punti di vista
diversi è la visione di film e documentari a tematica
omosessuale.
Di seguito si presentano le schede per due documentari
(L’altra altra metà del cielo e L’altra altra metà del cielo…
continua) e tre film (Kràmpack, Billy Eliot, Beautiful thing).
Idealmente le attività con la visione di film dovrebbero
essere condotte in questo modo:
• l’insegnante introduce il film o il documentario,
anticipandone brevemente i contenuti, in modo da
suscitare curiosità nei ragazzi
• dopo la proiezione può avviare la discussione su alcuni
episodi specifici del film, o partire da un inquadramento
generale, chiedendo poi commenti su singoli momenti
salienti del film. È sempre importante stimolare l’empatia,
chiedendo magari agli studenti che tipo di emozioni
immaginano possa provare il protagonista nei diversi
momenti. Si può inoltre chiedere in che modo l’omofobia
sociale operi all’interno del film, rendendo la vita difficile
ai protagonisti.
In questi due documentari la regista sceglie di raccontare
delle storie. Storie normali, di donne che vivono accanto a
noi, e allo stesso tempo storie emblematiche, di donne
straordinarie, che attraverso le loro scelte di vita, di
amore, raccontano non solo se stesse, ma un enorme
pezzo di storia della nostra società. Sono donne che si
confrontano con i temi della vita di ogni donna, la scelta
di una persona da amare, di avere un figlio, di diventare
indipendenti, di essere persone libere. Temi comuni, no?
Eppure questi temi sono tutto fuorché banali, perché
raccontano le vite di donne che amano altre donne.
Per queste donne la ricerca della partner giusta si è
scontrata con l’omofobia della propria famiglia, della
società, e soprattutto con quella vocina in se stesse che
diceva “sei sbagliata”; la decisione di avere un figlio ha
significato un viaggio a Londra per trovare un donatore e
lo scontro con strutture sanitarie pubbliche dove una
scelta ‘altra’ sembrava marziana; la ricerca della propria
indipendenza è maturata attraverso un confronto
familiare difficile, carico di dolore, di vergogna, di non
detti; la voglia di essere persone libere è una lotta
quotidiana, contro l’ignoranza, la superficialità, la
stupidità, le paure, il silenzio, una lotta che ricade
interamente sulle spalle della persona che la compie.
Quindi, queste storie semplici, singole, individuali, in
realtà risuonano di temi sociali molto più grandi:
esprimono, col loro valore di straordinaria testimonianza,
la condizione delle donne lesbiche in Italia nei primi anni
nel 2009 e nel 2012. È importante sottolineare che queste
storie, nonostante raccontino di sofferenze, travagli e
lotte, parlano in fondo di donne fortunate, che per nascita
o per decisione vivono in contesti urbani, che hanno
avuto la fortuna o la capacità di individuare la propria
strada affettiva, e hanno trovato la forza di raccontarsi in
un documentario. Sono donne, queste intervistate dalla
Annibali, che hanno trovato la propria voce, precocemente
o con difficoltà, e hanno voglia di usarla.
Ciò che purtroppo non si riesce a raccontare, invece, è
quell’invisibile universo di donne silenziose, nubili o
invischiate in un matrimonio di convenienza, che,
indebolite e spaventate dalla pressione omofobica
sociale, dubbiose del proprio valore, hanno preferito
rinunciare all’espressione reale della propria sessualità.
Queste sono le donne che si sono fatte la stessa domanda
di Janette Winterson: “Perché essere felice quando puoi
essere normale?” (2012).
Temi di discussione
Omosessualità, omosessualità e pregiudizi sul lavoro,
omosessualità e minoranze etniche, omosessualità
e genitorialità.
45
istituto a.t. beck | Le lezioni | 11. Lezioni ulteriori
Kràmpack (2000)
Regia di Cesc Gay
Billy Eliot (2000)
Regia di Stephen Daldry
Il film racconta del passaggio dal mondo dell’adolescenza
a quello della prima età adulta. Nico e Dani sono due
sedicenni che si apprestano a trascorrere le vacanze
insieme. È l’estate della perdita della verginità e
l’occasione sembra arrivare con due ragazze attratte dai
due amici.
I due in passato avevano condiviso giochi di
masturbazione reciproca (che chiamavano appunto
‘kràmpack’). Quel tempo, però, è finito: per Nico, che è
eterosessuale, quel gioco fa parte del passato, Dani
invece si rende conto che prova per Nico un’attrazione che
va al di là del gioco.
Dani quindi oscilla tra la paura dei sentimenti che sente
dentro di sé, l’attrazione nei confronti dell’amico, ma
anche la paura di rivelare le proprie emozioni.
Assistiamo alla storia di Nico, che a sua volta s’avvicina
alla sua ‘prima volta’ con maggiore sicurezza, ma
comunque con tutte le ingenuità e le incertezze dell’età. Il
film si regge sulle storie parallele di due amici, o meglio
su due storie che dovrebbero a rigor di logica essere
parallele, e che invece divergono a causa del differente
giudizio sociale e morale rispetto all’orientamento
sessuale.
Il tema del film è, quindi, la scoperta e l’accettazione di sé
nell’età adolescenziale, un sé che cambia velocemente e
talvolta in modo del tutto inatteso, come è nel caso di
Dani.
Billy, orfano di madre, vive col padre e il fratello, entrambi
minatori. Il film è ambientato nel 1984, durante il lungo
sciopero dei minatori contro il governo Tatcher. Billy viene
mandato a fare boxe, ma la sua passione è il ballo.
Questo gli crea enormi problemi in casa, a causa dei
pregiudizi che vedono nella danza un’attività femminile.
Sarà una maestra di ballo locale ad aiutare Billy a
realizzare il suo sogno e a entrare alla scuola del Royal
Ballet di Londra.
Temi di discussione
La cosa interessante è che alla fine non sappiamo se Billy
sia gay o meno. Il film si interrompe quando Billy entra
alla scuola e, nell’epilogo finale, ce lo mostra nelle vesti di
protagonista del Lago dei cigni. Il nucleo del film è il
pregiudizio sul ruolo di genere, cioè su come i maschi e le
femmine dovrebbero comportarsi e a quali attività
dovrebbero dedicarsi.
Temi di discussione
La scoperta della sessualità e i pregiudizi omofobici, la
maggiore difficoltà per gli adolescenti omosessuali di
affrontare le sfide della crescita.
Beautiful thing (1996)
Regia di Hettie MacDonald
Jamie è un adolescente solitario, vive con la madre in un
quartiere popolare, e subisce atti di bullismo a scuola. Ste
è un suo compagno di scuola, suo vicino di casa, che vive
con un padre e un fratello violenti.
Dopo l’ennesima violenza subita in casa, Ste va a stare
per qualche giorno a casa di Jamie, condividendone il
letto. I due ragazzi piano piano s’innamorano e insieme
scoprono la propria sessualità e le difficoltà legate
all’essere omosessuali.
Temi di discussione
La scoperta della sessualità e i pregiudizi omofobici, la
maggiore difficoltà per gli adolescenti omosessuali di
affrontare le sfide della crescita.
46
istituto a.t. beck
Bibliografia
American Psychological Association. (2008). Answers to your
questions: For a better understanding of sexual orientation
and homosexuality. Washington, DC: American Psychological
Association.
Butler, C. (2004). Homoworld. University of East London and
Clevermax Productions/Higher education Academy
Psychology Network.
Kim, Y. S., Leventhal, B. (2008). Bullying and suicide.
A review. International Journal of Adolescent Medicine
and Health, 20(2), 133-154.
Kosciw, J. G., Greytak, E. A., Diaz, E. M., Bartkiewicz, M. J. (2010).
The 2009 national school climate survey: The experiences of
lesbian, gay, bisexual and transgender youth in our nation’s
schools. New York: GLSEN.
Gordon, P. (2012). Review of Homophobic Bullying in Educational
Institutions. Paris: UNESCO.
Coleman, E. (1987). Integrated Identity for Gay Men and
Lesbians. Psychotherapeutic Approaches for Emotional Wellbeing. Harrington Park Press Inc.
Guasp, A. (2012). The School Report. The experiences of gay
young people in Britain’s schools in 2012. Centre for Family
Research, University of Cambridge: Stonewall.
Coleman, E. (1988). Assessment of sexual orientation. In E.
Coleman (Ed.), Integrated identity for gay men and lesbians:
Psychotherapeutic approaches for emotional well-being
(pp. 9-24). New York: Harrington Park Press.
Hamburger, M. E., Basile, K. C., & Vivolo, A. M. (2011).
Measuring Bullying Victimization, Perpetration, and
Bystander Experiences: A Compendium of Assessment Tools.
Atlanta, GA: Centers for Disease Control and Prevention,
National Center for Injury Prevention and Control.
Coleman, E. (1990). Toward a synthetic understanding of sexual
orientation. In D. P. McWhirter, S. A. Sanders, J. M. Reinische
(Eds.), Homosexuality/Heterosexuality: Concepts of sexual
orientation (pp. 267-276). New York: Oxford University Press.
D’Augelli, A. R. (1996). Lesbian, gay, and bisexual development
during adolescence and young adulthood. In R. P. Cabaj,
T. S. Stein (Eds.), Textbook of homosexuality and mental
health (pp. 267-288). Washington, DC: American Psychiatric
Press.
D’Augelli, A. R., & Hershberger, S. L. (1993). Lesbian, gay, and
bisexual youth in community settings: Personal challenges
and mental health problems. American Journal of Community
Psychology, 21, 421-448.
Dankmeijer, P. (editor) (2011). GALE Toolkit Working with Schools
1.0. Tools for school consultants, principals, teachers,
students and parents to integrate adequate attention of
lesbian, gay, bisexual and transgender topics in curricula and
school policies. Amsterdam: GALE The Global Alliance for
LGBT Education.
Dewitt, P., Lucas, M. (Eds.) (2012). Ready, set, respect. GLSEN’s
Elementary school toolkit. New York: Gay, Lesbian & Straight
Education Network.
Eisenberg, M. E., Resnick, M. D. (2006). Suicidality among gay,
lesbian and bisexual youth: The role of protective factors.
Journal of Adolescent Health, 39 (5), 662-668.
Fedeli, D. (2007). Il bullismo: oltre. Brescia: Vannini.
Garofalo, R., Wolf, R. C., Kessel, S., Palfrey, J., & Du Rant, R. H.
(1998). The association between health risk behaviors and
sexual orientation among a school-based sample of
adolescents. Pediatrics, 101, 895-902.
Gladstone, G. L., Parker, G. B., & Malhi, G. S. (2006).
Do bullied children become anxious and depressed adults?
A cross-sectional investigation of the correlates of bullying
and anxious depression. The Journal of Nervous and Mental
Disease, 194, 201–208.
GLSEN and Harris Interactive (2012). Playgrounds and Prejudice:
Elementary School Climate in the United States, A Survey of
Students and Teachers. New York: GLSEN.
Hillier, L., Turner, A. & Mitchell, A. (2005). Writing themselves in
again - 6 years on: The second national report on the
sexuality, health and well being of same sex attracted young
people. Melbourne: Australian Research Centre in Sex Health
and Society, La Trobe University.
Homophobic bullying lesson plan. Beatbullying.org
Hugh-Jones, S., & Smith K. (1999). Self-reports of short- and
long-term effects of bullying on children who stammer.
British Journal of Educational Psychology, 69, 141–158.
Isay, R. A. (1996): Essere omosessuali: omosessualità maschile
e sviluppo psichico. Milano: Raffaello Cortina
Jenny, C., Roesler, T. A., Poyer, K. L. (1994). Are children at risk for
sexual abuse by homosexuals? Pediatrics, 94 (1), 41-44.
Jolly, S. (2010). Poverty and sexuality: What are the connections?
Overview and literature review. Stockholm: SIDA.
Just the Facts Coalition. (2008). Just the facts about sexual
orientation and youth: A primer for principals, educators,
and school personnel. Washington, DC: American
Psychological Association.
Kessel Schneider, S., O’Donnell, L., Stueve, A., Coulter,
R. W. S. (2012). Cyberbullying, School Bullying, and
Psychological Distress: A Regional Census of High School
Students. American Journal of Public Health, 102(1) 171-177.
Kinsey, A. C., Pomeroy, W. B., Martin, C. E. (1948). Sexual
behavior in the human male. Philadelphia: Saunders.
Kinsey, A. C., Pomeroy, W. B., Martin, C. E., Gebhard, P. H. (1953).
Sexual behavior in the human female. Philadelphia:
Saunders.
Klein, F. (1993). The bisexual option. Binghamton, New York:
Haworth Press.
Klein, F., Sepekoff, B., & Wolf, T. J. (1985). Sexual orientation:
A multivariable dynamic process. Journal of Homosexuality,
11(1/2), 35-49.
Laumann, E. O., Gagnon, J., Michael, R. T., & Michaels,
S. (1994). The social organization of sexuality: Sexual
practices in the United States. Chicago, IL: University of
Chicago Press.
47
istituto a.t. beck | Bibliografia
Minton, S. J., Dahl, T., O’Moore, A. M., & Tuck, D. (2008).
An exploratory survey of the experience of homophobic
bullying among lesbian, gay, bisexual, transgendered youth
people in Ireland. Irish Educational Studies, 27(2), 177-191.
Money, J., Ehrhardt, A. (1972 ). Man & woman, boy & girl.
Baltimore (MD): John Hopkins University Press.
Montano, A. (1997). …E la notte non rimasero divise.
Milano: Mursia.
Montano, A. (2000). Psicoterapia con clienti omosessuali.
Milano: Mc Graw-Hill.
Montano, A. (2004). Il punto G. Roma: Fabio Croce.
Montano, A. (2009). Mogli, amanti, madri lesbiche.
Sentimenti, sesso, convivenza, maternità: le nuove sfide
della coppia. Milano: Mursia.
Montano, A. (2009). Identità sessuali diverse in adolescenza.
In Batini F. e Santoni B. (a cura di), L’Identità Sessuale a
Scuola. Educare alla diversità e prevenire l’omofobia
(pp.147-204). Napoli: Liguori Editore.
Montano, A. (2009). Comprendere la diversità delle famiglie.
Cosa gli insegnanti dovrebbero conoscere. In Batini F. e Santoni B. (a cura di), L’Identità Sessuale a Scuola. Educare alla
diversità e prevenire l’omofobia (pp. 281- 326). Napoli:
Liguori Editore
Montano, A. (2010). Omofobia interiorizzata. In Cantelmi, T. e
Lambiase, E. (a cura di), Omosessualità e psicoterapie:
Percorsi, problematiche e prospettive
(pp. 88-108). Roma: Franco Angeli Edizioni.
Resnick, M. D., Bearman, P. S., Blum, R. W., Bauman, K. E.,
Harris, K. M., Jones, J., Tabor, J., Behring, T., Sieving, R.E.,
Shew, M., Ireland, M., Bearinger, L. H., & Uldry, J.R. (1997).
Protecting adolescents from harm; Findings from the
National Longitudinal Study on Adolescent Health.
Journal of the American Medical Association, 278(10),
823-832.
Ross M. W., Rosser B. R. S. (1996). Measurements and correlated
of internalized homophobia: A factor analytic study. Journal
of Clinical Psychology,
52, 15-21.
Russel, S., Joyner, K. (2001). Adolescent sexual orientation and
suicide risk: Evidence from a national study. American
journal of Public Health, 91 (8), 1276-1281.
Savin-Williams, R. C. (1994). Verbal and physical abuse as
stressors in the lives of lesbian, gay male, and bisexual
youths: associations with school problems, running away,
substance abuse, prostitution, and suicide. Journal of
Consulting and Clinical Psychology, 62(2), 261-269.
Schroeder, M., Shidlo, A. (2001). Ethical issues in sexual
orientation conversion therapies: An empirical study of
consumers. Journal of Gay & Lesbian Psychotherapy, 5,
131-166.
Sears, J. T., Thinking Critically/Intervening Effectively:
About Heterosexism and Homophobia: A Twenty-Five-Year
Research Retrospective. In J. T. Sears, W. L. Williams (Eds.),
Overcoming Heterosexism and Homophobia (pp. 13-33).
New York: Columbia University Press.
Montano, A., Andriola, E. (2010). Parlare di omosessualità
a scuola. Trento: Centro studi Erickson.
Shidlo, A., Schroeder, M. (2002). Changing sexual orientation:
A consumer’s report. Professional Psychology: Research and
Practice, 33, 249-259.
Morris, J. F. (1997). Lesbian coming out as a multidimensional
process. Journal of Homosexuality, 33, 1-22.
Smith, K. T. (1971). Homophobia: A Tentative Personality Profile.
Psychological Reports, 29, 1091-1094.
National Adoption Information Clearinghouse, NAIC (2000).
Gay and Lesbian Adoptive Parents: Resources for
Professionals and Parents. Washington: NAIC.
Stonewall, EACH (2007). Homophobic bullying. Safe to learn:
embedding anti-bullying work in schools. Nottingham: DCSF
Publications.
Nansel, T. R., Overpeck, M., Pilla, R. S., Ruan, W. J., SimonsMorton, B., & Scheidt, P. (2001). Bullying behavior among
U.S. youth: Prevalence and association with psychosocial
adjustment. Journal of the American Medical Association,
285, 2094-2100.
Strocchi, M. C., Valerii, B. (2013). La terapia affermativa
dell’omosessualità. Salerno: Ecomind.
O’Higgins-Norman, J., Goldrick, M., & Harrison, K. (2010).
Addressing Homophobic Bullying in Second-Level Schools.
Dublin: The Equality Authority.
Olweus, D. (1994). Bullying at school: Long-term outcomes for
the victims and an effective school-based intervention
program. In: L. R. Huesmann (Ed.), Aggressive behavior:
Current perspectives (pp. 97–130). New York: Plenum Press.
Parr, T. (2012). Il libro delle famiglie. Milano: Il battello
a vapore.
Taylor, C., Peter, T., (2011). Every class in every school:
The first national climate survey on homophobia, biphobia
and transphobia in Canadian schools. Final Report. Toronto:
Egale Canada Human Rights Trust.
Waterhouse, T., Sippel, J., Pedrini, L., & Cawley, M. (1998).
Focus on Bullying: A Prevention Program for Elementary
School Communities. Burnaby: British Columbia Safe School
Centre.
Weinberg G. (1972). Society and the Healthy Homosexual.
New York: St. Martin’s Press.
Perrin, E. C., Siegel, B. S. (2013). Promoting the Well-Being of
Children Whose Parents Are Gay or Lesbian. Pediatrics,
131 (4), 1373-1484.
Remafedi, G., Frendh, S., Story, M., Resnick, M. D., & Blum, R.
(1998). The relationship between suicide risk and sexual
orientation: Results of a population-based study. American
Journal of Public Health, 88(1), 57-60.
48
Copertine_ES:Layout 1
2-07-2013
17:26
Pagina 2
istituto a.t. beck
PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Dipartimento per le Pari Opportunità
UNAR
Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali
Istituto A. T. Beck
per la terapia cognitivo-comportamentale
Diagnosi clinica, ricerca, formazione
via Gioberti, 54
00185 Roma
[email protected]
www.istitutobeck.com
EDUCARE
ALLA DIVERSITÀ
A SCUOLA
Scuola secondaria di primo grado
Fly UP