...

Allegato - Lexbrowser - Autonome Provinz Bozen

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Allegato - Lexbrowser - Autonome Provinz Bozen
DIRETTIVE
PER LA REDAZIONE DEI PIANI DELLE ZONE DI PERICOLO (PZP)
E
PER LA CLASSIFICAZIONE DEL RISCHIO SPECIFICO (CRS)
ai sensi
dell’articolo 22bis della legge provinciale 11 agosto 1997, n. 13, recante “Legge urbanistica
provinciale”, e successive modifiche,
e del decreto del Presidente della Provincia 5 agosto 2008, n. 42, recante “Regolamento di
esecuzione concernente i piani delle zone di pericolo”
43
INDICE
A.
A.1
GENERALITÀ
Riferimenti normativi....................................................................................................................3
A.2
Concetto generale..........................................................................................................................4
B.
B.1
REDAZIONE DEL PIANO DELLE ZONE DI PERICOLO (PZP)
Fase I: Individuazione, acquisizione delle informazioni e perimetrazione dei fenomeni
documentati ......................................................................................................................7
B.1.1 Delimitazione delle aree secondo categorie e determinazione del grado di studio ..........7
B.1.2 Individuazione, acquisizione delle informazioni, perimetrazione e documentazione dei
B.2
B.3
B.4
C.
C.1
vari fenomeni di dissesto idrogeologico..........................................................................10
Fase II: Perimetrazione e valutazione dei livelli di pericolo......................................................11
B.2.1 Frane: crollo, scivolamento, sprofondamento, colata di versante...................................16
B.2.2 Pericoli idraulici: alluvione, alluvione torrentizia, colata detritica, erosione .................19
B.2.3 Valanghe: valanga radente, valanga nubiforme, slittamento di neve .............................21
Relazioni tecniche .......................................................................................................................23
Sintesi: Prodotti finali delle fasi I e II – il Piano delle zone di pericolo (PZP)...........................24
CLASSIFICAZIONE DEL RISCHIO SPECIFICO (CRS)
Fase III: Valutazione del rischio specifico e misure di salvaguardia.........................................26
C.1.1 Individuazione degli elementi a rischio e classificazione degli stessi nelle categorie di
vulnerabilità.....................................................................................................................26
C.1.2 Carta delle zone di rischio specifico (CZRs): intersezione della Carta delle zone di
pericolo (CZP) con la Carta della vulnerabilità...............................................................26
C.1.3 Sintesi: Prodotti finali della fase III ................................................................................28
C.1.4 Classificazione del rischio ai fini della verifica di compatibilità....................................28
C.1.5 Misure di salvaguardia ....................................................................................................28
D.
BIBLIOGRAFIA.......................................................................................................................29
E.
ALLEGATI
E.1
Aree secondo categorie (KAT)
E.2
E.3
Aree secondo vulnerabilità (V)
Definizione dei termini principali
2
44
A.
A.1
GENERALITÀ
Riferimenti normativi
Le presenti direttive e, di conseguenza, anche l’elaborazione del Piano delle zone di pericolo (PZP) e
la classificazione del rischio specifico (CRS) si basano sulla seguente normativa:
•
•
legge provinciale 11 agosto 1997, n. 13, recante “Legge urbanistica provinciale”, e successive
modifiche, di seguito denominata legge urbanistica provinciale;
decreto del Presidente della Provincia 5 agosto 2008, n. 42, recante “Regolamento di
esecuzione concernente i piani delle zone di pericolo”.
3
45
A.2
Concetto generale
Ai fini della redazione del Piano delle zone di pericolo (PZP) e della Classificazione del rischio
specifico (CRS) deve essere analizzato e definito separatamente il livello di pericolo dovuto ai seguenti
pericoli naturali/fenomeni di particolare rilevanza nel territorio della provincia di Bolzano:
•
•
•
FRANE:
PERICOLI IDRAULICI:
VALANGHE:
crollo, scivolamento, sprofondamento, colata di versante
alluvione, alluvione torrentizia, colata detritica, erosione
valanga radente, valanga nubiforme, slittamento di neve.
Ciò si discosta dalla terminologia utilizzata in Italia, che assimila i fenomeni valanghivi a quelli franosi
e parla di fenomeni idraulici in genere, senza distinguere tra alluvioni torrentizie ed inondazioni in
senso stretto. Inoltre, il termine “frana” nella lingua italiana comprende tutti i movimenti franosi in
genere e non solo gli scivolamenti come nella lingua tedesca; pertanto in tedesco è sempre necessaria
una precisazione del tipo di movimento di massa.
La redazione di un Piano delle zone di rischio (PZR) avviene in tre fasi di lavoro:
•
•
•
Fase I:
individuazione, acquisizione delle informazioni disponibili e documentazione delle
aree soggette a rischio idrogeologico
Fase II: perimetrazione e valutazione dei livelli di pericolo
Fase III: valutazione dei livelli di rischio specifico e definizione delle misure di salvaguardia.
La redazione del Piano delle zone di pericolo (PZP, fase I e II) è basata principalmente sul cosiddetto
“metodo svizzero“, pubblicato da BUWAL, 1998/1999: Metodi di analisi e valutazione di pericoli
naturali.
Il concetto pone in primo piano la salvaguardia della vita umana, dei centri edificati, delle attività
economiche nonché la sicurezza di approvvigionamento. Nell’ambito del procedimento, la valutazione
delle infrastrutture presenti (strade, traffico/mobilità in generale, telefono, energia, ecc.) può essere
codeterminata dal comune, in riferimento alla sicurezza di approvvigionamento locale.
In base alle competenze legislative della Provincia autonoma di Bolzano, le disposizioni dello Stato
vengono interpretate assegnando ai comuni il compito di elaborare tutti i documenti delle fasi I e II
delle presenti direttive: il Piano delle zone di pericolo – PZP. Per la fase III si precisa che deve
essere inoltre elaborata la Carta delle zone di rischio specifico (CZRs).
Considerando che le opere di difesa riducono l’intensità degli eventi naturali, ogni modifica dello
stato di queste opere implica una variazione del livello di pericolo nelle aree vulnerabili e quindi il
Piano delle zone di pericolo, periodicamente e su incarico del comune, deve essere aggiornato per
mantenere intatta la sua funzionalità come strumento principale di pianificazione.
Ai fini urbanistici, a complemento delle zone di rischio, vengono adottate le Zone di pericolo (H4 –
H1) secondo le presenti direttive.
I Piani delle zone di pericolo (PZP) dei singoli comuni sono raccolti ed unificati nel Piano stralcio per
il rischio idrogeologico; i Piani urbanistici comunali sono adeguati ai Piani delle zone di pericolo
idrogeologico.
4
46
Criteri per la definizione delle zone (livelli) di pericolo
ZONA H4 (ROSSO) – soggetta a divieti:
• Pericolo molto elevato: sono possibili la perdita di vite umane e lesioni gravi alle persone, danni
gravi agli edifici, alle infrastrutture ed al patrimonio ambientale, la distruzione di attività socioeconomiche.
• Le persone sono in grave pericolo all’esterno ed anche all’interno degli edifici.
• È possibile la distruzione improvvisa di edifici.
ZONA H3 (BLU) – soggetta a vincoli:
• Pericolo elevato: sono possibili problemi per l’incolumità delle persone, danni funzionali agli
edifici ed alle infrastrutture con conseguente inagibilità degli stessi, l'interruzione delle attività
socio-economiche e danni rilevanti al patrimonio ambientale.
• Le persone sono in grave pericolo all’esterno degli edifici, mentre sono protette all’interno degli
stessi.
• Possibili danni funzionali agli edifici. Non è da prevedere la distruzione immediata degli stessi, se
costruiti secondo le normative vigenti.
ZZO
O)) –– ssooggggeettttaa aadd aatttteennzziioonnee::
ALLLLO
GIIA
AH
H22 ((G
ON
NA
• Pericolo medio: sono possibili danni minori agli edifici, alle infrastrutture ed al patrimonio
ambientale che non pregiudicano l'incolumità delle persone, l'agibilità degli edifici ed il
funzionamento delle attività socio-economiche.
• Pericolo basso anche per persone all’esterno di edifici.
AREE DI COLORE GRIGIO CHIARO:
• Aree esaminate che al momento dello studio non mostrano segnali di pericolo idrogeologico H4 –
H2.
H1 – Pericolo residuo
È esplicitamente inteso che il Piano delle zone di pericolo (PZP) redatto secondo le presenti direttive
permette una valutazione del pericolo derivante da eventi naturali per un tempo di ritorno massimo di
300 anni. Eventi molto rari e fenomeni con un’intensità classificabile come “infinita“ (e.g. movimenti
gravitativi profondi, onda di piena per collasso di dighe e simili) sono da considerare come pericolo
residuo H1. Questi fenomeni non saranno evidenziati nella Carta delle zone di pericolo (CZP), ma
dovranno essere evidenziati sulla Carta dei fenomeni, nonché descritti e documentati ampliamente
nella relazione a corredo del Piano delle zone di pericolo.
5
47
Procedura di approvazione
Il Piano delle zone di pericolo (PZP) è un piano di settore sovraordinato al Piano urbanistico
comunale ed è sottoposto al procedimento di approvazione e di aggiornamento, come previsto
dall’articolo 22-bis della legge urbanistica provinciale. In caso d’inerzia del comune, la Giunta
provinciale, ai sensi dell’articolo 23 della legge urbanistica provinciale, procederà d’ufficio a redigere
il Piano delle zone di pericolo a spese del comune. La Giunta applica, come per i Piani di settore, il
procedimento previsto per l’approvazione e l’aggiornamento dei Piani urbanistici. Il compito della
Commissione urbanistica provinciale è svolto da una Conferenza dei servizi coordinata dalla
Ripartizione 27 – Sviluppo del territorio.
Redazione del Piano delle zone di pericolo (PZP)
•
•
•
•
•
•
L’elaborazione dei piani avviene in stretta collaborazione tra il comune e l’amministrazione
provinciale che metterà a disposizione tutti i dati e le informazioni in suo possesso ed assisterà gli
esperti incaricati dal comune durante l’elaborazione dei piani.
Il Piano delle zone di pericolo (PZP) può essere elaborato esclusivamente da tecnici iscritti agli
albi professionali degli ingegneri, dei geologi o dei dottori agronomi e forestali, che abbiano
acquisito una formazione accademica ed un’esperienza professionale in materia. I singoli pericoli
naturali presenti devono essere valutati dalle rispettive professionalità. Il Piano delle zone di
pericolo è il risultato della collaborazione interdisciplinare tra i singoli ambiti professionali. La
plausibilità di tutti i risultati, in particolar modo per quel che concerne i modelli di simulazione o
di calcolo, deve essere verificata mediante riscontri in sito e sulla base delle altre informazioni
esistenti (eventi storici, testimoni muti, ecc..)
Il Piano delle zone di pericolo del comune deve comprendere l’intera area comunale e deve essere
redatto secondo le presenti direttive. Il Piano è valutato dalla Conferenza dei servizi ed approvato
dalla Giunta provinciale.
Il Piano delle zone di pericolo (PZP) deve essere consegnato in forma cartacea e digitale
(compatibile con i sistemi in uso negli uffici provinciali); esso deve essere costituito dai seguenti
documenti:
a) Carta definitiva del grado di studio;
b) Carta dei fenomeni;
c) Carte delle zone di pericolo (CZP) e Carta delle zone di pericolo del Piano urbanistico;
d) Relazione dettagliata;
e) Relazione sintetica per le carte (a, b, c).
La redazione di un unico Piano delle zone di pericolo che comprende l’area di due o più comuni è
possibile se i comuni stessi o la Giunta provinciale lo richiedono.
L’aggiornamento delle carte del piano dipende dalla pianificazione e previsione del comune, dalle
variazioni dei fenomeni e dalle opere di difesa realizzate.
Classificazione del Rischio Specifico (CRS)
Le zone di pericolo del PZP sono indipendenti dagli oggetti esistenti sulle aree delimitate. La
valutazione del rischio specifico (Rs) tiene conto della vulnerabilità (V) di un elemento a rischio e del
danno atteso in funzione del pericolo (H).
6
48
B.
REDAZIONE DEL PIANO DELLE ZONE DI PERICOLO (PZP)
B.1
Fase I: Individuazione, acquisizione delle informazioni e perimetrazione dei fenomeni
documentati
B.1.1 Delimitazione delle aree secondo categorie e determinazione del grado di studio
Per elaborare i Piani delle zone di pericolo (PZP) in tempi e con costi ragionevoli, con l’impiego del
personale e delle tecnologie disponibili, è necessario suddividere il territorio provinciale in funzione
della rilevanza urbanistica. Sono individuate tre categorie urbanistiche e a ogni categoria corrisponde
un diverso livello di approfondimento dei pericoli naturali, definito grado di studio. Per ottenere una
classificazione oggettiva del territorio nelle tre categorie si fa riferimento all’unificazione delle norme
d’attuazione e della legenda dei Piani urbanistici comunali ai sensi dell’articolo 133 della legge
urbanistica provinciale. Per oggetti e attività non elencati nel Piano urbanistico comunale si deve
ricorrere alla perimetrazione dei centri edificati + 300 m di zona cuscinetto (articolo 12 della legge
provinciale 15 aprile 1991, n. 10), alla carta reale di cui alla legge forestale (articolo 21 della legge
provinciale 21 ottobre 1996, n. 21) o ad appositi rilevamenti.
Le categorie urbanistiche sono distinte, secondo la metodologia di cui all’allegato E.1, come segue:
•
Categoria a:
Aree molto urbanizzate e da urbanizzare
Sono tali le zone edificabili esistenti e potenziali come anche le attrezzature e gli impianti turistici
e collettivi, nei quali è prevista la presenza umana.
I centri edificati (articolo 12 della legge provinciale n. 10/1991) sono sempre classificati nella
categoria a; i 300 m di zona cuscinetto sono considerati zona di espansione o zona di potenziale
edificazione e sono generalmente attribuiti alla categorie a; solo in casi eccezionali possono essere
declassati alle categorie b oppure c in relazione all’effettiva rilevanza urbanistica.
Le aree di emergenza di protezione civile (aree di raccolta, aree di ricovero, aree di ammassamento
soccorsi) già presenti sono da studiare secondo la procedura prevista per la categoria a.
•
Categoria b:
Aree
Sono tali le aree singolarmente edificate, come piccoli insediamenti, case singole o sparse, piccole
strutture turistiche collegate all’attività agricola o analoghe, nonché strutture per il tempo libero o
ad uso ricreativo come per esempio campi da golf e maneggi.
Linee
Sono tali le infrastrutture e le condotte primarie d’interesse pubblico, tra cui le strutture di viabilità
al di fuori degli insediamenti, le strutture per il tempo libero o ad uso ricreativo che possono essere
realizzate anche in zone di verde agricolo, come per esempio piste da sci di fondo e piste da
slittino, e le principali condotte di approvvigionamento (“lifelines”).
•
Categoria c:
Aree ed impianti che, ai sensi della pianificazione delle zone di pericolo, non
sono d’interesse urbanistico.
Comprende le zone di paesaggio naturale non edificato, le infrastrutture a rete e le zone con
infrastrutture di interesse secondario.
7
49
Il grado di studio specifico per processo risulta dalla sovrapposizione delle informazioni esistenti sui
pericoli naturali con le categorie urbanistiche ed è stabilito secondo lo schema seguente:
Categoria
Descrizione
Zonazione prevista e grado di studio dei pericoli
Categoria a
Aree molto urbanizzate e da urbanizzare.
Comprende le zone edificabili esistenti e potenziali
come anche le attrezzature e gli impianti turistici e
collettivi, nei quali è prevista la presenza umana.
Il perimetro dei centri edificati (articolo 12 della
legge provinciale n. 10/1991) è univocamente
attribuito alla categoria a; i 300 m di zona
cuscinetto sono considerati zona di espansione o
zona di potenziale edificazione e sono generalmente
attribuiti alla categorie a, ma possono essere
declassati alle categorie b oppure c in relazione
all’importanza urbanistica.
Le aree di emergenza di protezione civile (aree di
raccolta, aree di ricovero, aree di ammassamento
soccorsi) sono da considerarsi categoria a.
• La zonazione tiene conto sempre e comunque di
tutti i processi (frane, pericoli idraulici e valanghe)
e deve coprire l’intera area. Non sono ammesse aree
non valutate.
• Tutti i fenomeni incidenti sulle aree sono da
studiare in modo dettagliato ed esaustivo (grado di
studio BT05), secondo le indicazioni di lavoro
fornite dagli uffici provinciali competenti.
• La scala di elaborazione deve essere per lo
meno pari a 1:5.000.
• La rappresentazione delle zone di pericolo
legate ai vari fenomeni deve essere fatta utilizzando
la legenda standard fornita dagli uffici provinciali
competenti. Se questo non è possibile, è richiesta la
motivazione dettagliata per l’uso di altri colori/sigle
nella relazione accompagnatoria.
Categoria b
Aree singolarmente edificate come piccoli
insediamenti, case singole o sparse, e piccole
strutture turistiche collegate all’attività agricola o
analoghe, nonché strutture per il tempo libero o ad
uso ricreativo come per esempio campi da golf e
maneggi.
• La zonazione deve tener conto almeno dei
processi di cui si abbia testimonianza (“pericoli
noti”) .
• I fenomeni incidenti sulle aree possono essere
studiati con un grado di studio minore (almeno
grado di studio BT10), secondo le indicazioni di
lavoro fornite dagli uffici provinciali competenti.
• La scala di elaborazione deve essere per lo
meno pari a 1:10.000.
• La rappresentazione delle zone di pericolo
legate ai vari fenomeni deve essere fatta utilizzando
la legenda standard fornita dagli uffici provinciali
competenti. Se questo non è possibile, è richiesta la
motivazione dettagliata per l’uso di altri colori/sigle
nella relazione accompagnatoria.
• La zonazione tiene conto solo dei processi di cui
si abbia testimonianza (“pericoli noti”).
• Tutti i fenomeni incidenti sulle aree possono
essere studiati con un grado di studio minore
(almeno grado di studio BT10), secondo le
indicazioni specifiche degli uffici provinciali
competenti.
• La scala di elaborazione deve essere per lo
meno pari a 1:10.000.
•
La rappresentazione delle zone di pericolo
legate ai vari fenomeni deve essere fatta utilizzando
la legenda standard fornita dagli uffici competenti.
Se questo non è possibile, è richiesta la motivazione
dettagliata per l’uso di altri colori/sigle nella
relazione accompagnatoria.
• La zonazione non è prevista.
• L’analisi di processi riguardanti queste aree non
è prevista; può essere fatta se il comune lo ritiene
necessario o utile.
urbanistica
“aree”
Categoria b
“linee”
Categoria c
Infrastrutture e condotte primarie d’interesse
pubblico. Comprende tra l’altro le strutture di
viabilità al di fuori degli insediamenti, le strutture
per il tempo libero o ad uso ricreativo che possono
essere costruiti anche in zone di verde agricolo,
come per esempio piste da sci di fondo e piste da
slittino,
e
le
principali
condotte
di
approvvigionamento (“lifelines”).
Aree ed impianti che, ai sensi della pianificazione
delle zone di pericolo, non sono d’interesse
urbanistico. Comprende le zone di paesaggio
naturale non edificato, le infrastrutture a rete e le
zone con infrastrutture di interesse secondario.
8
50
L’estensione delle categorie urbanistiche può subire variazioni in seguito alle richieste urbanistiche del
comune ed ai risultati dello studio. L’estensione definitiva delle aree di categoria “a” e “b - aree” deve
essere riportata in tutte le carte delle zone di pericolo.
•
La Carta definitiva del grado di studio riporta sulla carta tecnica di base in scala non minore di
1:10.000 tutti i pericoli studiati con i relativi gradi di studio, nonché l’estensione definitiva delle
categorie urbanistiche “a” e “b - aree”. Le aree in cui si registrano processi di frana e valanga,
distinguibili dalla rispettiva etichetta LX e AX, vengono rappresentate con campiture nere diverse a
seconda del grado di studio. I corsi d’acqua analizzati per i processi idraulici (IX) vengono
rappresentati mediante linee di colore diverso in funzione del grado di studio.
• La legenda comprende quattro posizioni per le diverse campiture nere ed i simboli lineari e
l’elenco dei codici per i pericoli naturali (Fig. 1 e 2); il grado di studio maggiore deve occupare la
prima posizione nella legenda.
9
51
B.1.2 Individuazione, acquisizione delle informazioni, perimetrazione e documentazione dei
vari fenomeni di dissesto idrogeologico (frane, pericoli idraulici, valanghe)
Dati di base e fasi di lavoro
L’acquisizione e l’elaborazione dei dati dovrà avvenire in 4 fasi. A tal fine gli uffici provinciali
mettono a disposizione tutti i dati in loro possesso. Dette fasi prevedono:
1. ricerca storica e bibliografica relativa al dissesto idrogeologico ed ai vari fenomeni, nonché
analisi dei dati trovati. Fonti di dati possono essere studi scientifici, pareri riguardanti singoli
oggetti o aree, vari catasti, inventari, archivi, cronache, raccolte fotografiche o simili, ubicati nei
vari uffici provinciali, in biblioteche di settore o presso comuni, chiese, gestori di infrastrutture,
ecc. In aggiunta sono da condurre interviste in sito;
2. individuazione e definizione dei vari fenomeni di dissesto idrogeologico da foto aeree, dalle
ortofotocarte di diverse annate, come anche dal modello digitale del terreno (DTM);
3. analisi di carte tematiche e dati (digitali e non) utili nell'individuazione, definizione e
perimetrazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico (carte geologiche, carta reale, carte
vegetazionali, modelli di alluvionamento, banca dati Adige/fiumi di fondovalle, carte di
suscettibilità ai pericoli naturali (CSP, CLPV, ecc.), dati idrologici e meteorologici, archivio
sondaggi, catasti delle opere di difesa (BAUKAT30, VISO ecc.), documentazione eventi
(IFFI/ED30/MOD.7 modif.), banche dati bibliografia, studi relativi alle onde di piena per collasso
di diga o apertura degli scarichi, ecc., cioè tutti i Piani di settore ed i dati di base esistenti);
4. rilievi in campagna e/o sopralluoghi.
La Carta dei fenomeni
•
•
•
•
•
•
La Carta dei fenomeni è elaborata in scala 1:5.000 nelle zone del grado di studio per le aree della
categoria a e in scala 1:10.000 nelle zone del grado di studio per le aree della categoria b. La carta
contiene l’estensione dei singoli processi relativi alle fonti di dissesto (corsi d’acqua, frane e
valanghe) presenti sul territorio comunale e individuati nella tabella sottostante (Fig. 1).
L’estensione dei processi relativi alle fonti di dissesto analizzate per la zonazione del pericolo (sia
con grado di studio BT05 che BT10), deve corrispondere all’estensione delle relative zone di
pericolo riportate sulla carta delle zone di pericolo (CZP).
L’estensione dei processi relativi a fonti dissesto non analizzate per la zonazione del pericolo o
relativi agli scenari di pericolo residuo corrisponde all’estensione conosciuta al momento della
redazione del piano (ad es. l’estensione riportata nei diversi catasti degli eventi).
L’estensione dei processi relativi ad ogni singola fonte di dissesto deve essere mantenuta
integralmente anche in caso di sovrapposizione o intersezione con altre fonti di dissesto.
Il perimetro di processo è da segnare con linea continua se determinato da rilevamento in
campagna, da una documentazione eventi completa con aree di evento delimitabili oppure
mediante modellazione; con linea tratteggiata se desunto da sopralluoghi, da fotointerpretazione
oppure da una documentazione non sicura. Sulla carta sono segnati tutti i fenomeni, compresi
quelli con intensità “infinita” (pericolo residuo H1).
Se la perimetrazione avviene sulla base di una documentazione, al codice di processo deve essere
aggiunto il codice di documentazione eventi: in caso di informazioni derivanti da banche dati deve
essere indicata solamente la banca dati; qualora si tratti di dati nuovi dai rilevamenti del Piano
10
52
•
•
•
•
delle zone di pericolo (PZP) deve essere integrato il numero identificativo (e.g. colata detritica da
banca dati ED30: DF-ED30, colata detritica da rilevamenti del Piano: DF-ED30-2009014).
In scala 1:5.000 (grado di studio BT05) formano una base per la carta sopra menzionata i
rilevamenti in campagna, i cui risultati sono riassunti nella carta geomorfologica. Queste
informazioni descrivono lo stato del territorio studiato usando la legenda IFFI con note illustrative
dettagliate.
In scala 1:10.000 (grado di studio BT10), invece, la carta geomorfologica può mancare, ed in
luogo del rilevamento può essere eseguito un sopralluogo di campagna con relativo protocollo.
Devono essere considerati e riportati i processi legati al permafrost (rock glacier, ecc.).
La relazione dettagliata del PZP contiene i dettagli tecnici con i dati fondamentali. Essi sono da
rilevare con le schede di documentazione eventi (IFFI/ED30/AINEVA MOD.7 modif.) e dei
catasti delle opere di difesa (BAUKAT30, VISO ecc.), elaborate dagli uffici provinciali
competenti.
Per la legenda dei perimetri di processo della carta dei fenomeni vale la tabella (Fig. 1) con le
segnature tratteggiata e continua.
Legenda base dei processi
Tipi di pericoli naturali
Frane: LX
Pericoli idraulici: IX
Valanghe: AX
Permafrost: PF
Processi
Crollo
Scivolamento
Sprofondamento
colata di versante
Alluvione
alluvione torrentizia
colata detritica
erosione s.l.
valanga radente
valanga cubiforme
slittamento di neve
Colori
rosa
marrone chiaro
marrone chiaro
marrone chiaro
blu scuro
arancione
arancione
rosso chiaro
azzurro
azzurro
azzurro
Codice
LF… landslide+fall
LG…landslide+gravity
LC…landslide+collapse
LD…landslide+debris flow
IN… inundation
IS… inundation+solid
DF…debris flow
E… (L,D,A)…vedi sotto N.B.
AD…avalanche – dense flow
AP… avalanche – powder
GS… gliding snow
diversi eventi possibili
marrone chiaro con tratteggio PF… permafrost
Fig. 1: Legenda base dei processi con colori e codici
N.B.: Erosione s.l. (senso lato): erosione di sponda-Lateral, erosione profonda-Depth,
erosione areale-Areal. Le sigle provengono dall’inglese e non devono essere tradotte.
B.2
Fase II: Perimetrazione e valutazione dei livelli di pericolo
Valutazione del pericolo:
valutazione della pericolosità dei fenomeni di dissesto
idrogeologico, sia in termini di intensità che di probabilità di
accadimento, tenendo conto delle opere di difesa esistenti.
11
53
Il pericolo è inteso come combinazione tra INTENSITÀ (spessore, velocità, pressione, tirante idraulico,
ecc.) e PROBABILITÀ DI ACCADIMENTO del fenomeno. Operativamente, per ogni tipologia di fenomeno di
dissesto, i parametri sono combinati mediante matrici d'interazione codificate (Fig. 3a, b), al fine di
ottenere un livello di pericolo da H4 a H2.
Le Carte delle zone di pericolo (CZP)
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Le Carte delle zone di pericolo (CZP), elaborate in scala 1:5.000 per i fenomeni con grado di
studio BT05 e in scala 1:10.000 per i fenomeni con grado di studio BT10, risultano dalla
rappresentazione delle aree, valutate secondo la matrice (Fig. 3a, b), nei colori rosso (H4), blu
(H3) e giallo (H2), sulla base della Carta tecnica di base. Le Carte delle zone di pericolo (CZP)
vengono elaborate separatamente per i 3 tipi di pericolo e devono essere stampate in scala non
minore di 1:10.000.
Tutte le aree di pericolo relative ad ogni singola fonte di dissesto (corso d’acqua, frana o valanga)
devono essere mantenute integralmente anche in caso di sovrapposizione o intersezione.
I livelli di pericolo sono contrassegnati, utilizzando le etichette, con il codice di processo (vedi Fig.
1 e 2) in combinazione con il codice della matrice della pericolosità (1-9 da Fig. 3a, b) ed il
rispettivo grado di studio.
Esempio: Scivolamento con zonizzazione rosso/blu/giallo secondo il grado di studio per aree di
categoria a: all’area rossa si assegna il codice LG9a relativo ad intensità alta ed a probabilità di
accadimento alta; all’area blu si assegna il codice LG6a a causa della diminuzione dell’intensità;
all’area gialla si assegna il codice LG2a dovuto alla diminuzione del valore di entrambi i parametri,
probabilità di accadimento media ed intensità bassa.
Aree che al momento dello studio non mostrano segnali di pericolo idrogeologico H4 – H2 sono
evidenziate in grigio chiaro per distinguerle chiaramente dalle aree non studiate (incolore). Le
aree di colore grigio chiaro sono contrassegnate, utilizzando le etichette, con il codice del tipo di
pericolo (LX, IX, AX) ed il rispettivo grado di studio.
I 4 colori delle zone (rosso, blu, giallo e grigio chiaro) sono rappresentati con la simbologia relativa
ai 3 tipi di pericolo naturale (vedi Fig. 2).
I pericoli residui (H1) non sono rappresentati.
Sulle singole carte deve essere riportata l’estensione definitiva delle categorie urbanistiche “a” e “b
- aree”, visualizzando i relativi perimetri rispettivamente con linea continua e tratteggiata.
La legenda delle Carte delle zone di pericolo (CZP) deve contenere le seguenti informazioni:
Matrici di definizione dei livelli di pericolo (Fig. 3a, b) dei pericoli naturali rappresentati, scala
cromatica della delimitazione zonale (rosso, blu, giallo, grigio chiaro) con rosso (H4) in prima
posizione, elenco dei codici di processo (Fig. 1), codici del grado di studio.
Sulla Carta delle zone di pericolo del Piano urbanistico comunale, sulla base della Carta tecnica
di base, sono rappresentate nella scala del Piano urbanistico le zone di pericolo relative ai 3 tipi di
pericoli naturali e l’estensione definitiva delle categorie urbanistiche “a” e “b - aree”. I pericoli
naturali sono distinti con le segnature (frane LX, pericoli idraulici IX, valanghe AX – vedi Fig. 1 e
2) nei colori sopra elencati (livelli di pericolo H4 – H2). A tal fine sono riprese le etichette finora
adottate per l’identificazione delle aree. Tale carta è allegata, come quadro d’insieme, al Piano
urbanistico comunale.
Le Carte delle zone di pericolo (CZP) vengono prodotte in forma di files informatici secondo la
codifica stabilita dalla Ripartizione provinciale Sviluppo del territorio per l’importazione nel layout del
Piano urbanistico comunale.
12
54
Fig. 2: Legenda per la Carta delle zone di pericolo (CZP)
13
55
La Carta delle zone di pericolo idrogeologico (CZP) non dipende né dalla presenza antropica né dagli
oggetti vulnerabili e perciò è da intendersi come lo strumento principale di pianificazione.
LIVELLO DI PERICOLOSITÀ - PERICOLO (H)
a) FRANE, PERICOLI IDRAULICI:
8
7
6
5
4
2
uo
esi
d
per
ico
lo r
media
3
Legenda (H):
1
bassa
INTENSITÀ (I)
elevata
9
elevata
(TR≤ 30a)
media
bassa
(30 <TR≤ 100a) (100 <TR≤ 300a)
H4
molto elevato
H3
elevato
H2
medio
molto bassa
(T R> 300a)
PROBABILITÀ DI ACCADIMENTO
(TR - Tempo di ritorno)
Fig. 3a:
Matrice di definizione dei livelli di pericolo, modificata secondo BUWAL (1998), per
frane e pericoli idraulici
LIVELLO DI PERICOLOSITÀ - PERICOLO (H)
b) VALANGHE RADENTI:
VALANGHE NUBIFORMI:
7
6
5
4
3
2
1
8
7
6
5
4
3
2
1
e si
duo
bassa
per
ico
lo r
media
INTENSITÀ (I)
e si
duo
per
ico
lo r
media
bassa
INTENSITÀ (I)
elevata
(TR≤ 30a)
Fig. 3b:
9
elevata
8
elevata
9
media
bassa
(30 <TR≤ 100a) (100 <TR≤ 300a)
molto bassa
elevata
(T R> 300a)
(TR≤ 30a)
media
bassa
(30 <TR≤ 100a) (100 <TR≤ 300a)
molto bassa
(TR> 300a)
PROBABILITÀ DI ACCADIMENTO
PROBABILITÀ DI ACCADIMENTO
(TR - Tempo di ritorno)
(TR - Tempo di ritorno)
Matrice di definizione dei livelli di pericolo, modificata secondo BUWAL (1998) e
Bundesamt für Forstwesen (1984), per valanghe (legenda vedi Fig. 3a)
Nelle matrici la probabilità di accadimento e l’intensità non sono rappresentate secondo unità di misura
fisiche bensì secondo classi. Questo al fine di facilitare un’univoca classificazione di un pericolo in
classi di intensità e probabilità. Nella maggior parte dei casi la matrice fornisce un valore univoco; in
singoli casi è invece il tecnico a stabilire il livello di pericolo.
14
56
I Tempi di ritorno (probabilità di accadimento), uguali per ogni tipologia di fenomeno, sono
riportati nella seguente tabella:
Probabilità di accadimento
Tempo di ritorno (Tr)
calcolata per 50 anni:
espresso in anni:
elevata
100% fino a 82%
TR ” 30
molto frequente
media
82% fino a 40%
30 < TR ” 100
frequente
bassa
40% fino a 15%
100 < TR ” 300
raro
molto bassa
< 15%
TR > 300
molto raro
Fig. 4: Tabella della probabilità di accadimento espressa in tempo di ritorno, modificata secondo
BUWAL (1998)
I valori limite delle classi di intensità sono diversi e caratteristici per ogni tipo di fenomeno.
L’attribuzione dell'evento ad una classe d’intensità e di probabilità di accadimento avviene sfruttando i
valori limite definiti per ciascun fenomeno di dissesto.
Tali valori sono differenti perché ogni fenomeno ha caratteristiche peculiari (velocità, volume,
spessore, tirante idraulico, ecc.) e specifici effetti su elementi vulnerabili (e.g. pressione di una
valanga).
Le opere di difesa esistenti dovranno essere rappresentate e considerate nella valutazione delle zone
di pericolo. L’incaricato del Piano dovrà valutare e classificare le opere di difesa in stretta
collaborazione con gli uffici provinciali competenti. Provvedimenti temporanei sono da considerarsi
“non attivi” nel senso della delimitazione delle zone di pericolo e devono essere valutati nell’ambito
della pianificazione di protezione civile provinciale e comunale.
È esplicitamente inteso che il Piano delle zone di pericolo (PZP) redatto secondo le presenti direttive
permette una valutazione del pericolo derivante da eventi naturali per un tempo di ritorno massimo di
300 anni. Eventi molto rari e fenomeni con un’intensità classificabile come “infinita” (e.g. movimenti
gravitativi profondi, onda di piena per collasso di dighe e simili) sono da considerare come pericolo
residuo H1. Questi fenomeni non saranno evidenziati nella Carta delle zone di pericolo (CZP), ma
dovranno essere evidenziati sulla Carta dei fenomeni, nonché descritti e documentati ampliamente
nella relazione a corredo del Piano delle zone di pericolo.
15
57
B.2.1 Frane: crollo, scivolamento, sprofondamento, colata di versante
I movimenti franosi sono di seguito suddivisi ed elencati in crolli/scivolamenti/sprofondamenti/colate
di versante.
La caduta sassi è distinta dalla caduta massi e blocchi attraverso il diametro del materiale, mentre la
distinzione fra aree di crollo grande e di crollo medio si fonda sui volumi coinvolti. La caduta sassi
comprende materiale con diametri <0.5m (SG1), la caduta massi/blocchi diametri >0.5m (0.52m=SG2, >2m=SG3); il volume coinvolto rimane sempre sotto i 100 m³. I crolli in roccia medi sono
caratterizzati da distaccamenti dall’incassante di banchi interi di roccia più o meno frammentati, che
comprendono volumi tra 100 e 100.000 m³. Crolli in roccia grandi coinvolgono invece volumi minimi
di 1.000.000 m³.
Gli scivolamenti sono classificati secondo la profondità media della superficie di scivolamento, cioè
secondo l’equivalente dello spessore del materiale mobilizzato:
• Scivolamenti superficiali
superficie di scivolamento:
< 2m
SG1
• Scivolamenti medi
superficie di scivolamento:
2-10m
SG2
• Scivolamenti profondi
superficie di scivolamento:
> 10m
SG3.
Processi di sprofondamento sono legati a dilavamenti di materiali facilmente solubili come gessi o
carniole nel sottosuolo oppure alla presenza di vuoti sotterranei legati al carsismo o a scavi sotterranei
(miniere, cunicoli) e sono caratterizzati dalla presenza di doline. Una classificazione geometrica e
basata sulla velocità di sprofondamento non è possibile.
Le colate di versante sono movimenti di massa superficiali costituiti da una miscela di detrito (terreno
e vegetazione) e una grande quantità d’acqua. Esse sono difficilmente prevedibili e generalmente
legate a pendii ripidi con circolazione di acque e non presentano una superficie di scivolamento ben
identificabile. Il contenuto d’acqua relativamente alto comporta alte velocità di movimento (1-10 m/s)
e la deposizione del materiale a grande distanza dall’area di distacco. La transizione da colate di
versante a scivolamenti è graduale.
Fenomeno
Zona
Crolli grandi,
crolli medi,
caduta blocchi
area potenziale distacco crolli di
blocchi
area potenziale deposizione
crolli di blocchi
Caduta massi
area potenziale distacco crolli di
massi
area potenziale deposizione
crolli di massi
Caduta sassi
Scivolamenti in
roccia
(traslazionali,
rototraslazionali)
area potenziale distacco crolli di
sassi
area potenziale deposizione
crolli di sassi
area potenziale distacco
Severità geometrica (SG)
(valori limite caratteristici)
Velocità (VEL)
(valori limite caratteristici)
Intensità (I)
SG x VEL
Ø blocchi: >2m (SG3)
> 3m/min (VEL3)
alta
Ø massi: 0.5-2m (SG2)
> 3m/min (VEL3)
alta
Ø sassi: <0.5m (SG1)
(edifici)
> 3m/min (VEL3)
media
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
alta
<13m/mese (VEL1)
media
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
media
<13m/mese (VEL1)
bassa
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
16
58
area potenziale trasporto
area potenziale deposizione
Scivolamento in
sedimenti sciolti, in
argilliti, siltiti
area potenziale distacco
area potenziale trasporto
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
> 3m/min (VEL3)
media
13m/mese÷3m/min (VEL2)
bassa
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
alta
<13m/mese (VEL1)
media
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
media
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
media
13m/mese÷3m/min (VEL2)
bassa
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
alta
<13m/mese (VEL1)
media
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
media
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
media
13m/mese÷3m/min (VEL2)
bassa
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
alta
<13m/mese (VEL1)
media
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
media
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
media
13m/mese÷3m/min (VEL2)
bassa
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
alta
<13m/mese (VEL1)
media
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
media
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
media
13m/mese÷3m/min (VEL2)
bassa
<13m/mese (VEL1)
bassa
17
59
area potenziale deposizione
Colata di fango;
Colata di versante
area potenziale distacco
area potenziale trasporto
area potenziale deposizione
Soliflusso s.l.
Area interessata da soliflusso
generalizzato
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
>10m (SG3)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
2-10m (SG2)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
spessore materiale mobilizzato:
< 2m (SG1)
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
alta
<13m/mese (VEL1)
media
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
media
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
media
13m/mese÷3m/min (VEL2)
bassa
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
alta
<13m/mese (VEL1)
media
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
media
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
media
13m/mese÷3m/min (VEL2)
bassa
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
alta
<13m/mese (VEL1)
media
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
media
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
media
13m/mese÷3m/min (VEL2)
bassa
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
alta
<13m/mese (VEL1)
media
> 3m/min (VEL3)
alta
13m/mese÷3m/min (VEL2)
media
<13m/mese (VEL1)
bassa
> 3m/min (VEL3)
media
13m/mese÷3m/min (VEL2)
bassa
<13m/mese (VEL1)
bassa
<13m/mese (VEL1)
bassa
18
60
Fig. 5a: Tabella dei valori di soglia e dell’intensità per le frane, modificata secondo Cruden & Varnes,
1996, e BUWAL, 1998
La tabella in Fig. 5a presenta le tipologie di frane e la classificazione secondo i valori di soglia per
velocità ed intensità geometrica (volume, diametro/massa, spessore del materiale mobilizzato). Sia alla
Velocità (VEL) che alla Severità geometrica (SG) sono stati attribuiti valori da 1 (basso) a 3 (alto).
L’intensità (I) è il prodotto di questi due fattori. Anche se si tratta di fattori “semplici“, che in ultima
analisi corrispondono ad un’energia, è possibile lo sviluppo di un sistema di classificazione nel quale i
valori 1-2 corrispondono ad intensità bassa, 3-4 ad intensità media e 6-9 ad intensità alta.
I valori della colonna Intensità – bassa, media, alta – incrociati con la probabilità di accadimento
nella matrice esposta in Fig. 3a, definiscono un livello di pericolosità.
I valori limite ed il sistema di classificazione sono basati sui lavori di Cruden & Varnes (1996) e sul
metodo descritto in BUWAL (1998). Al valore limite di velocità di 3 m/min è stata attribuita
un’importanza fondamentale, perché rappresenta generalmente il limite di velocità al di sopra del quale
non è possibile l’allertamento delle persone e l’evacuazione delle abitazioni e pertanto è posta
seriamente a rischio l’incolumità delle medesime.
Le classi di velocità sono: < 13 m/mese (corrisponde a ca. 45 cm/giorno) = VEL1, 13 m/mese ÷ 3
m/min = VEL2 e > 3 m/min = VEL3.
Inoltre nelle aree di crollo con caduta sassi, massi (Ø = <0,5 m e 0.5-2 m) e blocchi (Ø = > 2 m) è
prescritta un’analisi del punto di massima propagazione seguendo il “metodo zenitale” presentato in
BUWAL (1998) nelle aree del grado di studio per la categoria b ed una modellazione/simulazione
delle traiettorie nelle aree del grado di studio per la categoria a.
Per la classificazione dettagliata delle zone di pericolo nelle aree del grado di studio per la categoria
a sono da utilizzare i valori calcolati dell’energia d’impatto. I valori soglia per la classificazione
dell’intensità sono elencati nella tabella in fig. 5b.
crollo
caduta sassi (Ø sassi: <0.5m)
caduta massi (Ø massi: 0.5-2m)
caduta blocchi (Ø: > 2m)
crolli grandi e medi
intensità
intensità
intensità
alta
media
bassa
E > 300 kJ
300 kJ > E > 30 kJ
E < 30 kJ
E > 300 kJ
---
---
Fig. 5b: Tabella dei valori di soglia e dell’intensità per i crolli nelle aree del grado di studio per la
categoria a, tratto da BUWAL, 1998
B.2.2 Pericoli idraulici: alluvione, alluvione torrentizia, colata detritica, erosione
Il pericolo naturale “pericoli idraulici” raggruppa i processi alluvione, alluvione torrentizia, colata
detritica ed erosione s.l.
19
61
Le alluvioni sono suddivise in statiche e dinamiche. La transizione da alluvione dinamica a statica o
viceversa può avvenire in spazi ristretti nell’ambito di eventi alluvionali in prossimità di fiumi di
fondovalle e di grandi corsi d’acqua montani.
Un’alluvione statica è definita da una lenta e costante salita dello specchio d’acqua, che comporta
inondazioni e spesso il deposito di materiali fini. Essa è caratteristica dei fondovalle poco pendenti.
L’alluvione dinamica (alluvione torrentizia, alluvione con trasporto solido) invece è caratterizzata da
un’energia di deflusso dell’acqua variabile durante l’evento con conseguenti danni erosivi e depositi di
materiale solido. Essa si manifesta prevalentemente nei fondovalle più pendenti.
La colata detritica è un processo innescato da forti precipitazioni nel bacino imbrifero e/o occlusioni
(frane laterali, ponti, ecc.) e caratterizzato da elevata energia, nel quale in un alveo si muove verso
valle una miscela inomogenea di detriti, sabbia, limo, legname ed acqua.
Per erosione s.l. si intendono tutte le forme di trasporto di materiale per effetto degli agenti
atmosferici. L’erosione può manifestarsi in modo puntuale, lineare oppure areale ed è spesso l’innesco
per eventi di maggiore entità. Nell’ambito delle alluvioni è da considerare in modo speciale l’erosione
di sponda, perché provoca spesso ingenti danni.
Nel corso di un processo in alveo si possono succedere, in sequenza, fenomeni di erosione, colata
detritica, alluvione torrentizia ed alluvione; le transizioni da un fenomeno all’altro sono graduali. Per la
classificazione dei singoli processi vengono usate le pendenze del corso d’acqua e del fondovalle, la
portata solida, la pressione idrodinamica, gli spessori e le velocità (Fig. 6).
Processo
Alluvione,
Alluvione torrentizia
Colata detritica
Erosione s.l.
Valori soglia
- Concentrazione mat.
solido <30%
- Velocità <40 km/h
- Pendenza
alluvione <1,5%
alluv. torrent. 1,515%
- Concentrazione mat.
solido 30-70%
- Velocità 40 - >60
km/h
- Pendenza >15%
sempre presente
Intensità bassa
Intensità media
Intensità alta
h < 0,5 m
opp.
v x h < 0,5 m²/s
h = 0,5–2 m
opp.
v x h = 0,5–2 m²/s
h>2m
opp.
v x h > 2 m²/s
non noto
M”1m
opp.
v ” 1 m/s
M>1m
e
v > 1 m/s
d < 0,5 m
d = 0,5–2 m
d>2m
h=tirante idraulico; v=velocità; M=spessore del deposito; d=spessore medio dell’erosione o erosione di sponda,
misurato perpendicolarmente a pendio/scarpata/fondo rio/p.c.; v x h=pressione idrodinamica
Fig. 6: Tabella dei valori di soglia e dell’intensità per pericoli idraulici, modificata secondo BUWAL,
1998
Nel caso delle alluvioni, entrambe le grandezze v e v x h devono essere determinate, valutate
separatemente e riclassificate nelle categorie bassa, media e alta. Per l’assegnazione della classe di
intensità deve poi essere preso il valore maggiore.
20
62
•
La valutazione della pericolosità idraulica dovrà prendere in esame eventi caratterizzati da Tr = 30,
100, 300 anni. Per le aree protette da argini il calcolo della portata di piena dovrà essere eseguito
con Tr = 30, 100, 200 anni e, a richiesta, dovranno essere calcolati la portata e il tempo di ritorno di
un evento “a piene rive”.
•
La definizione degli scenari, le metodologie di analisi e di valutazione della pericolosità idraulica
devono rispettare le indicazioni di lavoro fornite dall’ufficio provinciale competente; tali
indicazioni vengono aggiornate allo stato dell’arte.
•
I bacini artificiali e gli sbarramenti di ritenuta (invasi/serbatoi •5.000 m³ - competenza
amministrativa della Provincia autonoma di Bolzano o del R.I.D. (Registro Italiano Dighe) ai sensi
della L.P. 14.12.1990, n. 21, art. 1, comma 1, ed invasi/serbatoi >2.000 m³ su versante –
competenza amministrativa dei comuni ai sensi della L.P. n. 21/1990 sopra citata, art. 1, comma 2,
sono suddivisi in “Grandi dighe” (altezza argine >15 m oppure volume invasato >1.000.000 m³),
“Piccoli invasi” (altezza argine minore od uguale a 15 m e volume invasato tra 5.000 e 1.000.000
m³) e “Serbatoi” (volume invasato >2.000 m³ su versante). Essi devono essere riportati e,
considerando gli studi esistenti, classificati per quanto concerne i pericoli naturali insistenti su di
essi (simbologia, categoria, vulnerabilità, vedi allegati E.1 ed E.2).
I pericoli derivanti da tali impianti (onda di piena per collasso diga, profili della superficie libera in
caso di azionamento degli organi di scarico, onda di piena per effetto di pericoli naturali, ecc.) sono
da estrarre dal Piano provinciale di emergenza dighe (Grandi dighe), dal Piano comunale di
Protezione civile (Piccoli invasi) e dalla documentazione comunale (Serbatoi), se esistenti, e sono
da evidenziare unicamente sulla Carta dei fenomeni come pericolo residuo H1.
•
I casi particolari riguardanti le caratteristiche dei corsi d’acqua e gli oggetti interessati (e.g.
transizione da frana a colata di versante, transizione da colata detritica molto fluida verso
un’alluvione torrentizia ricca di trasporto solido, comportamento dell’erosione in caso di energia di
deflusso variabile e simili) vengono discussi e le decisioni vengono protocollate. In presenza di
nuovi dati di base forniti dagli uffici provinciali i procedimenti vengono opportunamente riadattati.
Una volta individuati tutti i valori d’intensità e di probabilità di accadimento, utilizzando la Fig. 3a, si
arriva a definire un livello di pericolosità (da H4 a H2).
B.2.3 Valanghe: valanga radente, valanga nubiforme, slittamento di neve
Una valanga è un rapido movimento di una massa nevosa con volume superiore a 100 m³ e una
lunghezza maggiore di 50 metri. A seconda della tipologia del movimento si distinguono valanghe
radenti e valanghe nubiformi.
Una valanga nubiforme è una valanga di neve a grana fine, asciutta, che forma una mescolanza di
aria e neve e che si solleva completamente o parzialmente al di sopra del suolo, producendo grandi
nuvole di polvere di neve. Può provocare delle onde di pressione dell’aria che causano danni anche al
di fuori della zona di accumulo.
Diversamente da quanto avviene per le valanghe nubiformi, nel caso di una valanga radente la
maggior parte della massa nevosa si muove a contatto con la superficie di scorrimento.
21
63
Di seguito un elenco delle velocità che si possono realizzare nella zona di scorrimento di grandi
valanghe:
Valanga radente bagnata:
Valanga radente asciutta:
Valanga nubiforme:
da 10 a 30 m/s
da 20 a 40 m/s
da 30 a 85 m/s
da 36 a 108 km/h
da 72 a 144 km/h
da 108 a 306 km/h.
La definizione dell’intensità di un evento valanghivo avviene, sia per le valanghe radenti che per
quelle nubiformi, sulla base della pressione esercitata dalla valanga su una superficie piana e di grandi
dimensioni, disposta perpendicolarmente alla direzione della valanga stessa.
Processo
Intensità bassa
Intensità media
Intensità alta
valanga radente e nubiforme
p < 3 kN/m²
3 ” p ” 30 kN/m²
p > 30 kN/m²
p = pressione della valanga (1 kN § 100 kg, 1 kN/m² = 1 kPa = 10 hPa)
Fig: 7: Tabella dei valori limite e dei livelli di intensità per valanghe secondo BUWAL, 1998
Studi dettagliati ed esaustivi nelle zone di distacco ed accumulo e lungo la zona di scorrimento, come
anche analisi storiche e cartografiche, fotointerpretazione e modellazioni/simulazioni per la
valutazione del pericolo sono obbligatori per le valanghe nelle aree del grado di studio per la categoria
a.
Sulla base dei valori di intensità e delle probabilità di accadimento, utilizzando la Fig. 3b, è possibile
stabilire un livello di pericolosità (da H4 a H2). Poichè i passaggi sono graduali, nel caso in cui lo si
ritenga opportuno, è possibile attribuire alle zone del territorio interessate dal pericolo valanghivo
livelli di pericolosità superiori rispetto a quanto scaturirebbe dalla mera applicazione delle presenti
indicazioni.
Nelle zone valanghive che ricadono nelle aree del grado di studio per la categoria b non è prevista la
classificazione in zone di pericolo. Per queste aree valanghive è richiesta la perimetrazione del
processo nella sua forma più estesa conosciuta, da indicarsi come zona rossa (H4). Tale perimetro di
processo corrisponde alla dimensione conosciuta della valanga che ha insistito in quel luogo ed ha
lasciato segni permanenti (testimoni muti) oppure è stata documentata (da appunti storiografici,
testimoni). In presenza di nuovi dati di base, resi disponibili dagli uffici provinciali competenti, tali
procedimenti vengono adeguatamente aggiornati.
Gli slittamenti di neve sono lenti movimenti verso valle del manto nevoso (da pochi millimetri fino a
qualche metro al giorno), favoriti da terreni a ridotta scabrezza (erba lunga, placche rocciose) oppure
umidi. Col passaggio a movimenti valanghivi più rapidi si parla di scivolamenti per reptazione. I
luoghi di marcato pericolo derivante da questi fenomeni devono essere rilevati e riportati come zona
blu (H3) sulla Carta delle zone di pericolo (CZP). In ogni caso si tratta di aree non interressate da
valanghe radenti o nubiformi oppure di zone nelle quali le forze esercitate da questi fenomeni superano
quelle della valanga nubiforme.
Questi ed ulteriori casi particolari sono da discutere con l’ufficio provinciale competente. In presenza
di nuovi dati di base, resi disponibili dagli uffici provinciali competenti, tali procedimenti vengono
adeguatamente aggiornati.
22
64
B.3
Relazioni tecniche
La relazione dettagliata comprende:
-
-
-
-
note illustrative generali e specifiche;
illustrazione esaustiva dei singoli fenomeni;
elenco di tutti i dati rilevati (schede di documentazione eventi IFFI, ED30, AINEVA MOD.7
modif., schede BAUKAT30, efficienza delle opere di difesa e relativo catasto, ecc.);
dati storici;
carta geomorfologica secondo legenda IFFI contenente i dati dei rilevamenti in campagna;
carte tematiche intermedie (e.g. carta del grado di studio specifico per processo, carta delle opere
di difesa esistenti, carta delle velocità, carta della severità geometrica, carta dell’intensità, ecc.);
metodologie adottate;
modellazioni/simulazioni;
definizioni varie;
programmi PC usati;
elenco dei dati e delle carte tematiche consultati negli archivi (e.g. Piano urbanistico comunale,
uso del suolo, carte geologiche, DTM, carte indicative dei pericoli naturali CSP – CLPV, ecc.,
diverse banche dati di documentazione eventi, ecc.);
argomenti per la delimitazione delle zone di pericolo;
elenco bibliografico;
fotodocumentazione.
La relazione sintetica, redatta in lingua italiana e tedesca, deve fornire, come sintesi per il comune e
la Ripartizione Sviluppo del territorio, le note illustrative per i prodotti cartografici riguardanti il grado
di studio definitivo, i fenomeni, le zone di pericolo (CZP) e le zone di pericolo del Piano urbanistico
comunale.
23
65
Sintesi: Prodotti finali delle fasi I e II – il Piano delle zone di pericolo (PZP)
B.4
Al termine delle fasi I e II si ottiene il Piano delle zone di pericolo (PZP), che deve comprendere la
seguente documentazione con le relative caratteristiche, definite nelle presenti direttive:
Etichetta
e.g. valanghe
Segnatura di legenda
Aree
AX
Documenti
pericoli naturali
Carta definitiva del
grado di studio
Grado di studio per le
aree di categorie a, b,
(c)
fenomeni,
documentazione eventi
perimetro nero con diverse
segnature nere (frane e valanghe) e
linee di diverso colore (pericoli idr.)
perimetro dei singoli
processi (incl. H1)
ZP: fenomeni, cella di matrice, codice di categoria
grigio chiaro: codice di cat.
AD-MOD7m
Carta dei fenomeni
zone di pericolo per
tipo di pericolo,
categorie urbanistiche
perimetro colorato secondo Fig. 1;
continuo/tratteggiato
Carte delle zone di
pericolo (CZP)
Per l’importazione nel layout del Piano urbanistico i files informatici della Carta delle zone di pericolo (CZP)
sono da codificare secondo le disposizioni della Ripartizione Sviluppo del territorio.
AD9a
Carta delle zone di
pericolo del Piano
urbanistico comunale
La relazione comprende tutti i dati utilizzati e rilevati, i metodi e le definizioni usate, tutti i prodotti intermedi
ecc., le note illustrative specifiche e gli argomenti per la delimitazione delle zone di pericolo
H: rosso-blu-giallo-grigio chiaro
con 3 campiture differenti per i tipi
di pericolo naturale
Relazione dettagliata
La relazione sintetica in lingua tedesca ed italiana deve fornire la sintesi e le note illustrative per i prodotti
cartografici grado di studio definitivo, fenomeni e zone di pericolo
66
a
Relazione sintetica
Fig. 8: Tabella di sintesi per
i documenti del Piano
delle zone di pericolo
(PZP)
24
Tutte le carte ed i prodotti grafici forniti devono essere corredati da legende ed illustrazioni dettagliate
in lingua tedesca ed italiana.
Per favorire la leggibilità univoca dei prodotti del Piano delle zone di pericolo (PZP) è ammessa la
suddivisione in tre parti secondo i 3 tipi di pericolo naturale: frane LX, pericoli idraulici IX e
valanghe AX (vedi Fig. 1 e 2).
Forma dei documenti
Il comune dovrà consegnare alla Ripartizione 27 – Sviluppo del territorio il Piano delle zone di
pericolo idrogeologico (PZP) completo, incluse tutte le relazioni in duplice copia in formato cartaceo e
in 7 esemplari in forma digitale su supporto informatico. Sui supporti informatici devono inoltre essere
salvati, secondo la rispettiva scala, i prodotti a, b, c ed e (carta definitiva del grado di studio, carta dei
fenomeni, carte delle zone di pericolo e relazione sintetica) in formato pdf.
I dati digitali dovranno rispettare i formati in uso per l’elaborazione dei piani urbanistici comunali
definiti dalla suddetta ripartizione. Il formato dei prodotti intermedi è prescritto dagli uffici provinciali
competenti.
25
67
C.
C.1
CLASSIFICAZIONE DEL RISCHIO SPECIFICO (CRS)
Fase III: Valutazione del rischio specifico e misure di salvaguardia
C.1.1 Individuazione degli elementi a rischio e classificazione degli stessi nelle categorie di
vulnerabilità (V)
Sono da considerarsi come elementi a rischio:
•
•
•
•
•
gli agglomerati urbani comprese le zone di espansione urbanistica;
le aree su cui insistono insediamenti produttivi, impianti tecnologici di rilevo, in particolare quelli
definiti a rischio ai sensi di legge;
le infrastrutture a rete e le vie di comunicazione di rilevanza strategica, anche a livello locale;
il patrimonio ambientale ed i beni culturali d'interesse rilevante;
le aree sedi di servizi pubblici e privati, di impianti sportivi e ricreativi, strutture ricettive ed
infrastrutture primarie.
Per la quantificazione della vulnerabilità sono da considerare tutti gli elementi elencati nell’allegato
E.2 – V. Essi sono compilati dal perimetro dei centri edificati + 300 m di zona cuscinetto (L.P. n.
10/1991, art. 12), dal Piano urbanistico comunale, dalla carta reale silvo-pastorale e da oggetti nuovi e
sono assegnati ad una delle seguenti quattro classi di vulnerabilità (V):
•
•
•
•
V4: molto elevata
V3: elevata
V2: media
V1: bassa
(rosso con campitura a puntini neri);
(blu con campitura a puntini neri);
(giallo con campitura a puntini neri);
(verde con campitura a puntini neri).
Prodotto finale della Fase III, C.1.1:
• Carta della vulnerabilità: la redazione della carta della vulnerabilità dovrà avvenire in scala
1:5.000 nelle aree del grado di studio per la categoria a ed in scala 1:10.000 nelle aree del grado di
studio per la categoria b. Sulla base della Carta tecnica di base vengono categorizzati, mediante
l’utilizzo di differenti colori, oggetti areali e strutture lineari.
• La legenda comprende le quattro classi di vulnerabilità: V4-rosso, V3-blu, V2-giallo e V1-verde
(colore con campitura a puntini neri); la classe V4-rosso deve stare in prima posizione nell’elenco.
C.1.2 Carta delle zone di rischio specifico (CZRs): intersezione della Carta delle zone di
pericolo (CZP) con la Carta della vulnerabilità
Il rischio specifico è dato dall’interazione tra i pericoli idrogeologici (H) e gli “elementi a rischio”
caratterizzati da una vulnerabilità (V) specifica. Dall’intersezione della Carta delle zone di pericolo
con la Carta della vulnerabilità ha origine la Carta delle zone di rischio specifico – CZRs
(UNESCO), Rs = H ∩ V.
L’intersezione dei fattori avviene utilizzando la matrice predefinita di Fig. 9.
26
68
Si definiscono le seguenti classi di rischio:
•
•
•
•
rischio molto elevato: sono possibili la perdita di vite umane e lesioni gravi alle persone, danni
gravi agli edifici, alle infrastrutture ed al patrimonio ambientale, la distruzione di attività socioeconomiche;
rischio elevato: sono possibili problemi per l’incolumità delle persone, danni funzionali agli
edifici ed alle infrastrutture con conseguente inagibilità degli stessi, l'interruzione del
funzionamento delle attività socio-economiche e danni rilevanti al patrimonio ambientale;
rischio medio: sono possibili danni minori agli edifici, alle infrastrutture ed al patrimonio
ambientale che non pregiudicano l'incolumità delle persone, l'agibilità degli edifici e la funzionalità
delle attività economiche;
rischio moderato: i danni sociali, economici ed al patrimonio ambientale sono marginali.
RISCHIO SPECIFICO (Rs)
LIVELLO DI PERICOLOSITÀ (H)
H2 - medio
11
10
Rs4 molto elevato
Rs3 9
8
7
elevato
Rs2 -
media
medio
6
bassa
elevata molto elevata
V4 –
12
V2 –
V3 –
H3 - elevato
Legenda (Rs):
V1 –
VULNERABILITÀ (V)
H4 – molto elevato
3
4
5
Rs1moderato
1
2
rischio residuo
Fig. 9: Matrice dei fattori pericolo (H) e vulnerabilità (V) per la stesura della Carta delle zone di
rischio specifico (CZRs)
(Rs = H ∩ V)
Prodotto finale Fase III, C.1.2:
• Carta delle zone di rischio specifico (CZRs): la redazione di questa carta dovrà avvenire in scala
1:5.000 nelle aree del grado di studio per la categoria a ed in scala 1:10.000 nelle aree del grado di
studio per la categoria b. Sulla base della Carta tecnica di base sono rappresentate le aree colorate
del rischio specifico, in forma analoga alla Carta delle zone di pericolo (CZP).
• La legenda comprende le quattro classi di rischio specifico: Rs4 rosso-viola, Rs3 blu-viola, Rs2
arancione e Rs1 verde chiaro. Inoltre deve essere rappresentata la matrice del rischio specifico
(Fig. 9).
27
69
C.1.3 Sintesi: Prodotti finali della fase III
Al termine della fase III si ottiene, in aggiunta al Piano delle zone di pericolo (PZP), la Carta delle
zone di rischio specifico (CZRs), che deve comprendere la seguente documentazione con le relative
caratteristiche, come definite nelle presenti direttive:
Prodotto
Carta della vulnerabilità
Carta delle zone di rischio
specifico (CZRs)
Aree
oggetti, elementi a rischio nelle
4 classi di vulnerabilità
4 zone di rischio secondo i pericoli
naturali
Segnature di legenda
V: rosso-blu-giallo-verde con campitura
a puntini neri
Rs: viola-arancione-verde scuro-verde
chiaro
Fig 10: Tabella di sintesi dei documenti della Carta delle zone di rischio specifico (CZRs)
C.1.4 Classificazione del rischio specifico ai fini della verifica di compatibilità
Ai fini della verifica di compatibilità la valutazione del rischio avviene in base al singolo progetto o
della zona edificabile. In questo caso la vulnerabilità viene definita, utilizzando la stessa scala V1-V4,
mediante analisi di dettaglio delle caratteristiche costruttive in relazione al tipo di pericolo naturale
insistente. La vulnerabilità cosí stabilita può differire dalla vulnerabilità di cui all’allegato E.2.
C.1.5 Misure di salvaguardia
La Carta delle zone di rischio specifico (CZRs) è finalizzata innanzitutto alla messa in sicurezza degli
elementi esistenti e soltanto in secondo luogo ad una valutazione in fase di pianificazione. In tal modo
essa propone delle priorità ai comuni ed agli uffici competenti.
La Carta delle zone di rischio specifico è determinata soprattutto dagli elementi a rischio e rappresenta
quindi lo stato attuale al momento della stesura della carta stessa. Essa deve pertanto essere aggiornata
di continuo. Per questa ragione tale carta non è da considerare come uno strumento di pianificazione
nel senso stretto, ma più come un “indicatore per le misure di salvaguardia” nel senso di interventi
passivi, non strutturali (pianificazione urbanistica, Piani di protezione civile, ecc.) e/o di interventi
attivi, strutturali.
28
70
D.
BIBLIOGRAFIA
AMANTI M., CASTALDO G., MARCHIONNA G. & PECCI M. (1992): Classificazioni dei fenomeni
franosi. Bollettino del SGN, vol. CXI, tav.1.
ARBEITSGRUPPE DER EUROPÄISCHEN LAWINENWARNDIENSTE (ab 2000): GLOSSAR
Schnee und Lawinen. www.slf.ch/avalanche/avalanche-de.html
AUTONOME PROVINZ BOZEN (2001): Leitfaden für die Lawinengefahrenzonenplanung.
Hydrographisches Amt (26.4) – EcoAlpin, Bozen.
AUTONOME PROVINZ BOZEN (2006): Handbuch Ereignisdokumentation ED30. Abteilung 30 –
Wasserschutzbauten, mit Anlagen, pdf-Format, 80 S., Bozen.
[ED30]
AUTONOME PROVINZ BOZEN (ab 2006): Erstellung eines Gefahrenzonenplans für Wassergefahren. Abt. 30 – Wasserschutzbauten, Merkblätter mit verschiedenen Anlagen, Bozen.
BAU- & VOLKSWIRTSCHAFTSDEPARTEMENT KANTON ST. GALLEN (1997): Kantonaler
Ereigniskataster Naturgefahren (KEKNG), Anleitung zur Spurensicherung. Anleitungsmappe
Naturgefahrenkommission & Ingenieurbüro Bart, St. Gallen.
BAU- & VOLKSWIRTSCHAFTSDEPARTEMENT KANTON ST. GALLEN (2006): Wegleitung
Naturgefahrenanalyse im Kanton St. Gallen. Naturgefahrenkommission & R. Bart et al., St.
Gallen.
BUNDESAMT FÜR FORSTWESEN, EIDGENÖSSISCHES INSTITUT FÜR SCHNEE- UND
LAWINENFORSCHUNG (1984): Richtlinien zur Berücksichtigung der Lawinengefahr bei
raumwirksamen Tätigkeiten. Davos/Bern, 21 S.
BUNDESAMT FÜR UMWELT, WALD UND LANDSCHAFT – BUWAL (1998): Methoden zur
Analyse und Bewertung von Naturgefahren. Umwelt-Materialien Nr. 85, Bern, 248 S.
BUNDESAMT FÜR UMWELT, WALD UND LANDSCHAFT – BUWAL (1999): Leben mit dem
Lawinenrisiko. Die Lehren aus dem Lawinenwinter 1999. Bern, 27 S.
BUNDESAMT FÜR UMWELT, WALD UND LANDSCHAFT – BUWAL (1999): Risikoanalyse bei
gravitativen Naturgefahren, Methode. Umwelt-Materialien nr. 107/I, Bern.
BUNDESAMT FÜR UMWELT, WALD UND LANDSCHAFT – BUWAL (1999): Risikoanalyse bei
gravitativen Naturgefahren, Fallbeispiele und Daten. Umwelt-Materialien nr. 107/II, Bern.
BUNDESAMT FÜR UMWELT, WALD UND LANDSCHAFT (BUWAL) & BUNDESAMT FÜR
WASSERWIRTSCHAFT (BWW) (1995): Symbolbaukasten zur Kartierung der Phänomene,
Empfehlungen. Mitteilungen des Amtes für Wasserwirtschaft Nr. 6, Bern.
BUNDESAMT FÜR UMWELT, WALD UND LANDSCHAFT (BUWAL), EIDG.
FORSTDIREKTION (1998): Begriffsdefinitionen zu den Themen: Geomorphologie,
Naturgefahren, Forstwesen, Sicherheit, Risiko. Arbeitspapier, Bern.
BUNDESAMT FÜR WASSERWIRTSCHAFT, BUNDESAMT FÜR RAUMPLANUNG,
BUNDESAMT FÜR UMWELT, WALD UND LANDSCHAFT (1997): Empfehlungen zur
Berücksichtigung der Hochwassergefahren bei raumwirksamen Tätigkeiten. Mitteilungen des
Amtes für Wasserwirtschaft, Biel, 32 S.
BUNDESAMT FÜR WASSERWIRTSCHAFT, BUNDESAMT FÜR RAUMPLANUNG,
BUNDESAMT FÜR UMWELT, WALD UND LANDSCHAFT (1997): Empfehlungen zur
Berücksichtigung der Massenbewegungsgefahren bei raumwirksamen Tätigkeiten. Mitteilungen
des Amtes für Wasserwirtschaft, Bern, 42 S.
29
71
CANUTI P. & CASAGLI N. (1994): Considerazioni sulla valutazione della pericolosità da frana. Atti
Conv. Bologna, 27 maggio 1994, CNR-GNDCI, pubbl. 846.
CANUTI P. & PRANZINI E. (----): La gestione delle aree franose. Edizioni delle Autonomie:
amministrare l’urbanistica, esperienze.
CNR, GNDCI (1993): Atlante dei centri instabili dell’Emilia Romagna. Previsione e prevenzione di
eventi franosi a grande rischio, programma speciale SCAI, Roma.
CNR, GNDCI, REGIONE EMILIA ROMAGNA (1996): Fenomeni franosi e centri abitati. Atti del
convegno, Bologna 27.05.1994, Bologna.
CORSINI A., PANIZZA M., SOLDATI M. & TOSATTI G. (eds.) (1998): Report of the University of
Modena Group. In: J. COROMINAS, J. MOYA, A. LEDESMA, J.A. GILI, A. LLORET & J. RIUS (eds.):
New Technologies for Landslide Hazard Assessment and Management in Europe (NEWTECH),
CEC Environment Programme - Contract ENV-CT96-0248, Final Report. Technical University
of Catalunya, Barcelona, 309-362.
CRESCENTI U. (1998): Il rischio da frana: appunti per la valutazione. Quaderni di Geologia
Applicata, 5(2), 87-100.
CRUDEN D.M. & VARNES D.J. (1996): Landslide types and processes. In: A.K Turner e R.L
Schuster (eds.): Landslides: investigation and mitigation. Transportation Res. Board, Special
Report 247, National Academy Press, Waschington D.C., 36-75.
EGLI T. (2005): Wegleitung Objektschutz gegen gravitative Naturgefahren. Vereinigung Kantonaler
Feuerversicherungen VKF (Hrsg.), Bern.
EINSTEIN H.H. (1988): Special Lecture: Landslide risk assessment procedure. Proc. 5th Int. Symp.
Landslides, Lausanne, 2, 1075-1090.
FELL R. (1994): Landslide risk assessment and acceptable risk. Canadian Geotechnical Journal,
31(2), 261-272.
FLAGEOLLET G.C. (1996): The time dimension in the study of mass movements. Geomorphology,
15(3-4), 185-190.
FLIRI, F. (1998): Naturchronik von Tirol : Tirol, Oberpinzgau, Vorarlberg, Trentino. Beiträge zur
Klimatographie von Tirol. Innsbruck, Wagner, 369 S.
FORSTTECHNISCHER DIENST FÜR WILDBACH- UND LAWINENVERBAUUNG,
BUNDESMINISTERIUM FÜR LAND- UND FORSTWIRTSCHAFT (1999): Richtlinien für
die Gefahrenzonenabgrenzung. Wien.
FOSSATI, D. et al. (2000): Procedure per la valutazione e la zonazione della pericolosità e del rischio
da frana in Regione Lombardia. Bollettino Ufficiale Regione Lombardia, n° 51, edizione
speciale 22.12.2000, 63 pp., Milano.
GRUPPO NAZIONALE DIFESA CATASTROFI IDROGEOLOGICHE (GNDCI), CNR, REGIONE
VENETO (1988): Centri abitati instabili della Regione del Veneto, prima indagine conoscitiva.
Padova-Venezia.
GRUPPO NAZIONALE DIFESA CATASTROFI IDROGEOLOGICHE, CNR (1994): Progetto AVI,
Rapporto di sintesi, Veneto. con 2 floppy-disc.
GRUPPO NAZIONALE DIFESA CATASTROFI IDROGEOLOGICHE, CNR (1994): Progetto AVI,
Rapporto di sintesi, Friuli Venezia Giulia. con 2 floppy-disc.
GUZZETTI F., CARDINALI M., REICHENBACH P. (1994): The AVI Project: a bibliographical and
archive inventory of landslides and floods in Italy. Environmental Geology.
HANAUSEK, E. (1991): Land Tirol, Lawinenhandbuch. Tyrolia Verlag, 224 S, Innsbruck.
30
72
HÜBL J., KIENHOLZ H. & LOIPERSBERGER A. (eds.) (2002): DOMODIS (DOcumentation of
MOuntain DISasters) Handbook. Intern. Forschungsgesellschaft INTERPRAEVENT,
Schriftenreihe 1, Handbuch 1, 36 S. Papier, 60 S. pdf, Klagenfurt. (englisch)
HÜBL J., KIENHOLZ H. & LOIPERSBERGER A. (eds.) (2006): DOMODIS (DOcumentation of
MOuntain DISasters) Handbuch. Intern. Forschungsgesellschaft INTERPRAEVENT,
Schriftenreihe 1, Handbuch 1, 36 S. Papier, 60 S. pdf, Klagenfurt. (deutsch)
IAEG; COMMISSION ON LANDSLIDES (1990): Suggested Nomenclature for Landslides. Bullettin
of the International Association of Engeneering Geology, n. 41, pp. 13-16.
IUGS; WORKING GROUP ON LANDSLIDES (1995): A suggested method for describing the rate of
movement for a landslide. Bulletin of IAEG n. 52, pp. 75-78.
KAWA (1999): Achtung Naturgefahr! Verantwortung des Kantons und der Gemeinden im Umgang
mit Naturgefahren. Herausgeber: Amt für Wald, KAWA, Tiefbauamt TBA, Amt für Gemeinden
und Raumordnung, AGR Bern.
NATALE L. & VERSACE P. (1994): Linee guida per la previsione del rischio idrogeologico. Una
ipotesi di lavoro. Gruppo Nazionale per la difesa catastrofi idrogeologiche, Prog. ARA-PIN.
REGIONE LOMBARDIA; TERRITORIO E URBANISTICA (2000): Procedure per la valutazione e la
zonazione della pericolosità e del rischio di frana in Regione Lombardia. Boll. Uff. Reg.
Lombardia n. 51, Ed. Spec.
REGIONE LOMBARDIA; TERRITORIO E URBANISTICA (2001): Valutazione della pericolosità e del
rischio da frana in Lombardia. Milano.
SERVIZIO GEOLOGICO NAZIONALE (1994): Carta Geomorfologica d’Italia 1:50.000: guida al
rilevamento. Quaderni serie III, 4, 47.
SERVIZIO GEOLOGICO NAZIONALE (2001): Progetto IFFI: Allegato tecnico e relativi Allegati:
guida alla compilazione della scheda frane IFFI – vers. 2.33.
[IFFI]
TANZINI M. (2001): Fenomeni franosi e opere di stabilizzazione. Dario Flaccovio Ed.
VARNES D.J. (1958): Landslides Types and Processes. Special Report n. 176, Landslide Analysis and
Control. TRB, National Research Council, Washinton D.C., pp. 11-13.
VARNES, D. J. (1984): Landslide Hazard Zonation: a review of principles and practice. UNESCO
Press, Paris, 63 pp.
WEINMEISTER, H. (1994): Wildbach- und Lawinenkunde. Universität für Bodenkultur Wien,
Vorlesungsskriptum.
WP/WLI (1993): Multilingual Landslide Glossary. Bitech, Richmond, British Columbia.
Elenco di siti di Uffici/Ripartizioni coinvolti:
• http://www.provincia.bz.it/opere-idrauliche
• http://www.provincia.bz.it/edilizia/temi/geologia.asp
• http://www.provincia.bz.it/hydro/index_i.asp
• http://www.provincia.bz.it/protezione-civile
Rip. 30 –
Uff. 11.6 –
Uff. 26.4 –
Rip. 26 –
•
•
Rip. 32 –
Rip. 27 –
http://www.provincia.bz.it/foreste
http://www.provincia.bz.it/sviluppoterritorio
Opere idrauliche
Geologia e prove materiali
Uff. idrografico
Protezione antincendi
e civile
Foreste
Sviluppo del territorio
Contributi provinciali ai comuni:
• http://www.provincia.bz.it/protezione-civile/2603/downloads/Beitragskriterien.pdf, C.4.c e C.7.2
31
73
E.
E.1:
E.2:
E.3:
ALLEGATI
Aree secondo categorie (KAT)
Aree secondo vulnerabilità (V)
Definizione dei termini principali
G:\DATEN\LEGGI\Raumordnung\Gefahrenzonen\Anpassungen2011\direttiva 092011definitivi.doc
32
74
E.1 - Flächen nach Kategorien (KAT)
AREE - FLÄCHEN
Kat a Kat b Kat c
Grundprinzip: 1.Personenschutz 2.Personenanzahl, auch periodisch
Principio base: 1.sicurezza delle persone 2.numero delle persone
presenti, anche periodicamente
LG 10/1991, Art. 12: Abgrenzung der verbauten Ortskerne + 300m-Puffer
LP 10/1991, art. 12: perimetrazione dei centri edificati + 300m-zona cuscinetto
x
verbauter Ortskern
Centro edificato
300m-Puffer
300m-zona cuscinetto
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
x
x
x
Bauleitplan - Piano urbanistico comunale
x
Wohnbauzone A
(Historischer Ortskern)
Zona residenziale A
(centro storico)
x
Wohnbauzone B
(Auffüllzone)
Zona residenziale B
(zona di completamento)
x
Wohnbauzone C
(Erweiterungszone)
Zona residenziale C
(zona di espansione)
x
Landwirtschftliche Wohnsiedlung
Zona residenziale rurale
Landwirtschaftsgebiet
Zona di verde agricolo
x
Gewerbegebiet
Zona per insediamenti produttivi
x
Gewerbegebiet von
Landesinteresse
Zona di insediamenti produttivi di
interesse provinciale
Abbaufläche
Area estrattiva
x
Zone für die Erzeugung von
Energie
Zona per la produzione di energia
x
Zone für touristische
Einrichtungen
Zona per impianti turistici
x
Zone für öffentliche
Einrichtungen
Zona per attrezzature collettive
x
Zone für öffentliche
übergemeindliche Einrichtungen
Zona per attrezzature collettive
sovracomunali
Unterirdische öffentliche
Einrichtungen (Nutzung,
Zugang, oberird. Bauteile)
Attrezzature collettive nel
sottosuolo (uso, accesso, parti in
elevazione)
Militärzone
Zona militare
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
x
x
x
x
x
x
edificio
Gebäude
magazzino
Lager
all'aperto
Freigelände
x
x
x
x
x
Öffentliche Grünfläche
Zona di verde pubblico
x
Kinderspielplatz
Parco giochi per bambini
Private Grünfläche
Zona di verde privato
scelta con motivazione
Auswahl mit begründung
x
x
Seite 75
1 von 3
E.1 - Flächen nach Kategorien (KAT)
tracciato
Trassen
x
x
Eisenbahngebiet
Zona ferroviaria
x
Öffentlicher Parkplatz
Parcheggio pubblico
x
Autobahn
Autostrada
x
Staatsstrasse
Strada statale
x
Landesstrasse
Strada provinciale
> 50 veicoli
> 50 Kfz
x
Verkehrsinfrastrukturen
stazione
Bahnhof
--
x
Gemeindestrassen Typ A-E
Strade comunale tipo A-E
x
x
Radweg
Pista ciclabile
x
x
Fußweg
Strada pedonale
x
Aufstiegsanlage
Impianto di risalita
x
Freizeitanlagen
Impianti per il tempo libero
x
Golfplatz
Campo da golf
x
Reitplatz
Maneggio
x
Langlaufloipe
Pista per sci da fondo
x
Naturrodelbahn
Pista naturale per slittini
x
Skipiste
Pista da sci
x
Gewässer *Fließgewässer sind
Gefahrenquellen, hier:
Stehgewässer
Acque *rivi sono fonte di pericolo,
qui: specchi d'acqua
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
x
x
x
Wald
Bosco
x
x
x
Bestockte Wiese und Weide
Prato e pascolo alberato
x
x
x
Alpines Grünland
Zona di verde alpino
x
Gletscher / Felsregion
Ghiacciaio / zona rocciosa
Seite 76
2 von 3
Sport- und Freizeitanlagen
Impianti sportivi e per il tempo libero
x
Infrastrutture di viabilità
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
E.1 - Flächen nach Kategorien (KAT)
Linea princ.
Haupt-
L. second.
Nebenlinie
x
Leitungen
Infrastrutture a rete
x
x
Wasserfassung
Presa d´acqua
x
Reservoir / Stauanlage
Serbatoio / invaso artificiale
x
Kommunikationsinfrastruktur
Infrastruttura per le
comunicazioni
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
x
technische Infrastrukturen
Infrastrutture tecniche
x
Wald- und weidewirtschaftliche Realnutzungskarte - Carta dell'uso reale del suolo/...silvo-pastorale
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
x
x
x
Einzelhaus
Streusiedlung
Case singole
Case sparse
Neue Legendenpositionen - Posizioni di legenda nuove
x
Notfallfläche des Zivilschutzes
Area di emergenza di Protezione
civile
Umwelt- und Kulturgüter
Beni ambientali e culturali
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
UKG
x
x
x
Für FLÄCHEN/Legendenpositionen, welche mehreren Kategorien zugeordnet werden können, muss der Techniker eine
Vorgangsweise wählen, welche die menschliche Präsenz, die strategische Bedeutung der Objekte und Infrastrukturen und
bekannte Naturgefahren berücksichtigt.
Per le AREE/posizioni di legenda appartenenti a più categorie il tecnico dovrà scegliere il procedimento da adottare in base alla
presenza umana, all'importanza strategica degli oggetti e delle infrastrutture presenti ed ai pericoli naturali noti.
Seite 77
3 von 3
E.2 - Flächen nach Schadensanfälligkeit (V)
Vulnerabilità
Schadensanfälligkeit
V4
V3
V2
V1
Grundprinzip:
1.Personenschutz
auch periodisch
2.Personenanzahl,
Principio base: 1.sicurezza delle persone 2.numero delle
persone presenti, anche periodicamente
LG 10/1991, Art. 12: Abgrenzung der verbauten Ortskerne + 300m-Puffer
LP 10/1991, art. 12: perimetrazione dei centri edificati + 300m-zona cuscinetto
x
verbauter Ortskern
Centro edificato
300m-Puffer
300m-zona cuscinetto
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
x
x
x
x
Bauleitplan - Piano urbanistico comunale
x
Wohnbauzone A
(Historischer Ortskern)
Zona residenziale A
(centro storico)
x
Wohnbauzone B
(Auffüllzone)
Zona residenziale B
(zona di completamento)
x
Wohnbauzone C
(Erweiterungszone)
Zona residenziale C
(zona di espansione)
x
Landwirtschftliche
Wohnsiedlung
Zona residenziale rurale
Landwirtschaftsgebiet
Zona di verde agricolo
x
Gewerbegebiet
Zona per insediamenti
produttivi
x
Gewerbegebiet von
Landesinteresse
Zona di insediamenti produttivi
di interesse provinciale
Abbaufläche
Area estrattiva
Zone für die Erzeugung von
Energie
Zona per la produzione di
energia
x
Zone für touristische
Einrichtungen
Zona per impianti turistici
x
Zone für öffentliche
Einrichtungen
Zona per attrezzature collettive
x
Zone für öffentliche
übergemeindliche
Einrichtungen
Zona per attrezzature collettive
sovracomunali
Unterirdische öffentliche
Einrichtungen (Nutzung,
Zugang, oberird. Bauteile)
Attrezzature collettive nel
sottosuolo (uso, accesso, parti
in elevazione)
Militärzone
Zona militare
Öffentliche Grünfläche
Zona di verde pubblico
Private Grünfläche
Zona di verde privato
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
x
x
x
x
x
x
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
x
x
edificio
Gebäude
x
all'aperto
Freigelände
x
x
x
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
x
x
x
x
Seite 78
1 von 3
E.2 - Flächen nach Schadensanfälligkeit (V)
x
Kinderspielplatz
Parco giochi per bambini
tracciato
Trasse
x
x
Eisenbahngebiet
Zona ferroviaria
x
Öffentlicher Parkplatz
Parcheggio pubblico
x
Autobahn
Autostrada
x
Staatsstrasse
Strada statale
x
Landesstrasse
Strada provinciale
> 50 veicoli
> 50 Kfz
x
Verkehrsinfrastrukturen
stazione
Bahnhof
--
x
Gemeindestrassen Typ A-E
Strade comunale tipo A-E
x
x
Radweg
Pista ciclabile
x
x
Fußweg
Strada pedonale
x
x
Aufstiegsanlage
Impianto di risalita
x
x
Freizeitanlagen
Impianti per il tempo libero
x
x
Golfplatz
Campo da golf
x
x
Reitplatz
Maneggio
x
x
Langlaufloipe
Pista per sci da fondo
x
x
Naturrodelbahn
Pista naturale per slittini
x
x
Skipiste
Pista da sci
x
Gewässer
Acque
x
x
x
x
Wald
Bosco
x
x
x
x
Bestockte Wiese und Weide
Prato e pascolo alberato
x
x
x
x
Alpines Grünland
Zona di verde alpino
x
Gletscher / Felsregion
Ghiacciaio / zona rocciosa
Seite 79
2 von 3
Sport- und Freizeitanlagen
Impianti sportivi e per il tempo libero
x
Infrastrutture di viabilità
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
E.2 - Flächen nach Schadensanfälligkeit (V)
scelta con motivazione
x
x
x
Leitungen
Infrastrutture a rete
x
x
Wasserfassung
Presa d´acqua
x
Reservoir / Stauanlage
Serbatoio / invaso artificiale
x
Kommunikationsinfrastruktur
Infrastruttura per le
comunicazioni
technische Infrastrukturen
Infrastrutture tecniche
Auswahl mit Begründung
Wald- und weidewirtschaftliche Realnutzungskarte - Carta dell'uso reale del suolo/...silvo-pastorale
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
x
x
Einzelhaus
Streusiedlung
Case singole
Case sparse
Neue Legendenpositionen - Posizioni di legenda nuove
x
Notfallfläche des
Zivilschutzes
Area di emergenza di
Protezione civile
Umwelt- und Kulturgüter
Beni ambientali e culturali
scelta con motivazione
Auswahl mit Begründung
UKG
x
x
Für Legendenpositionen, welche mehreren Klassen von Schadensanfälligkeit zugeordnet werden können, muss der
Techniker eine Klassifikation durchführen, welche die Anwesenheit von Personen und die Schadensanfälligkeit der
Strukturen berücksichtigt.
Per le posizioni di legenda appartenenti a più classi di vulnerabilità il tecnico dovrà procedere alla loro classificazione sulla
base della presenza umana e della vulnerabilità delle strutture.
Seite 80
3 von 3
E.3 - Definizione dei termini principali
La seguente tabella elenca i termini più comuni e le apposite abbreviazioni internazionali (inglesi)
usati nell’ambito del pericolo idrogeologico, della delimitazione delle aree di pericolo e della
valutazione del rischio. Indipendentemente dai termini usati in altri testi di legge o di pubblicazioni,
in queste direttive saranno adoperate esclusivamente le definizioni e le abbreviazioni sotto indicate:
Processi idrogeologici
In ambiente montano si tratta principalmente della fenomenologia dei pericoli
naturali frane (processi: crollo, scivolamento, sprofondamento, colata di
versante), pericoli idraulici (processi: alluvione, alluvione torrentizia, colata
rapida in alveo, erosione) e valanghe (processi: val. radente, val. nubiforme,
slittamento di neve). È rappresentata sulla Carta dei fenomeni.
Fenomeni idrogeologici
Descrivono le caratteristiche geomorfologiche e gli indicatori di un processo
idrogeologico, e.g. nicchie di distacco, fessure di trazione, erosione laterale e
profonda, argini e teste di colata, testimoni muti e sim. Essi consentono di
indicare la disposizione di un territorio ad evolvere eventi di processo e sono
rappresentati sulla Carta geomorfologica. Il termine italiano “fenomeno” è
abitualmente usato per entrambe le definizioni, mentre in lingua tedesca esiste
una netta divisione.
Evento
Ogni singola manifestazione di uno specifico fenomeno idrogeologico.
Aree vulnerabili
Aree potenzialmente interessate da fenomeni idrogeologici che potrebbero
arrecare danno alle persone ed ai beni.
Elementi a rischio
Persone e beni che possono subire danni quando si verifica un evento.
Tempo di ritorno (Tr), Intervallo medio di tempo che intercorre fra due eventi di pari intensità. La
possibilità che si verifichino pericoli naturali è classificata secondo annualità. Per
Probabilità di
accadimento
i pericoli soggetti alla meteorologia è indicato il termine Tempo di ritorno, per le
n
frane si presta meglio il termine Probabilità di accadimento in un periodo di
p=1-(1-1/Tr) x100
utilizzo unitario di 50 anni.
n…periodo di utilizzo di 50 anni, p…[%]
Intensità (I)
L’intensità d’impatto dell’evento è definita da valori fisici e geometrici (velocità,
pressione, spessore, tirante idraulico), differenziati secondo i processi. La
combinazione di questi parametri permette di esprimere quantitativamente
l’intensità dei processi in termini di una stima della loro energia e con ciò del loro
potere distruttivo.
Danno potenziale (E)
Valore pecuniario degli elementi a rischio, misurato in modo diverso a seconda
della loro natura.
Vulnerabilità (V)
Attitudine dell’elemento a rischio a subire danni per effetto di un evento.
Livello di pericolosità, Esprime in termini probabilistici l’esposizione potenziale al pericolo di una certa
Pericolo (H)
area, indipendentemente dalla presenza antropica, cioè dagli oggetti vulnerabili,
in funzione del tipo di fenomeno, della frequenza e della sua intensità.
Rischio specifico (Rs)
Il danno atteso in funzione del pericolo (H) e della vulnerabilità (V) di un
elemento a rischio.
Rs = H ∩ V
pagina 1 di 2
81
Rischio totale (R)
Il danno atteso in funzione del pericolo (H) e della vulnerabilità (V) di un
elemento a rischio, espresso in valore monetario.
R = H ∩ V x E = Rs x E
Classificazione del
rischio specifico (CRS)
Valutazione che ha lo scopo di individuare, per ciascun tipo di fenomeno, le aree
interessate e, all’interno di queste, gli elementi a rischio e la loro vulnerabilità
(V), in modo da pervenire ad una stima del rischio specifico (Rs) su un prefissato
orizzonte temporale.
La valutazione del rischio è quindi un’azione di tipo conoscitivo che deve fornire
un quadro accurato e preciso delle aree vulnerabili e del rischio al quale sono
sottoposte le persone ed i beni in esse presenti.
Prevenzione,
interventi
Piano delle zone
pericolo (PZP)
Le misure di prevenzione sono invece finalizzate alla riduzione del pericolo
ovvero del rischio nelle aree interessate e si concretizzano attraverso:
•
Interventi attivi (strutturali) per ridurre il pericolo idrogeologico,
l’intensità e/o la probabilità che accada un evento (opere di difesa attive e/o
passive)
•
Interventi passivi (non strutturali) per ridurre il danno
attraverso misure di pianificazione urbanistica e non (e.g. divieto di
edificazione, Piano di protezione civile).
di Rappresentazione delle zone di pericolo idrogeologico indipendentemente dagli
elementi a rischio. La Carta delle zone di pericolo (CZP) è uno degli elementi
del piano.
Carta delle zone di Carta che rappresenta il grado del rischio specifico degli elementi interessati dal
rischio specifico (CZRs) fenomeno.
pagina 2 di 2
82
Fly UP