...

Bilancio di Missione 2014

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Bilancio di Missione 2014
BILANCIO
DI MISSIONE
2014
Bilancio di Missione 2014
Redatto in aprile
e stampato nel maggio 2015
Fondazione Unipolis
via Stalingrado 53
40128 Bologna
Tel. +39 051 6437601
Fax +39 051 643 7600
[email protected] fondazioneunipolis.org
www.fondazioneunipolis.org
BILANCIO
DI MISSIONE
2014
l’identità
INDICE
Lettera del Presidente
7
PARTE 1
L’identità
Cosa facciamo
Come lo facciamo: l’organizzazione e la gestione
PARTE2
La Cultura
La Ricerca
La Sicurezza e la Legalità
La Solidarietà
11
17
23
35
65
73
91
5
l’identità
Lettera del Presidente
Con questa quinta edizione del Bilancio di Missione, la Fondazione Unipolis conferma,
se ancora ce ne fosse bisogno, la propria vocazione e il proprio impegno sociale innovativo,
finalizzato a dare un contributo concreto al futuro dei giovani: alle loro attese, alle loro
speranze di poter giocare un ruolo attivo in una società che invece appare troppo spesso
ripiegata su se stessa, quasi rassegnata a un declino inesorabile.
Conosciamo e non sottovalutiamo le responsabilità che hanno le istituzioni, la politica,
le organizzazioni economiche e sociali, l’insieme delle classi dirigenti per la gravità
della crisi che tuttora attraversa il nostro Paese, soprattutto per la crescita della
disoccupazione e di quella giovanile in particolare. Ma sappiano anche che senza uno
sforzo che unisca – certo nella differenza di ruoli e di compiti – le istituzioni e l’intera
società in un impegno condiviso e corale, sarà assai difficile offrire una prospettiva
di sviluppo del Paese, fondato su una maggiore giustizia sociale e sulla sostenibilità.
Pur consapevoli dei nostri limiti, rispetto ad un’impresa di enormi dimensioni e
complessità, siamo impegnati a fare la nostra parte. Intendiamo dimostrare che “si
può fare”, che è possibile immaginare, progettare e operare per costruire esperienze
e iniziative che vedano i giovani protagonisti. Ragazze e ragazzi che con la loro
intelligenza, voglia di fare e di innovare sono disponibili a cimentarsi con i grandi
cambiamenti in atto, con la consapevolezza che il futuro è più che mai nelle loro mani.
I progetti che la Fondazione Unipolis ha ideato, promosso e sviluppato in questi anni
– a partire da “culturability”, con le iniziative sulle start up cooperative e per spazi di
innovazione sociale – hanno avuto esattamente questo obiettivo: fornire occasioni
e opportunità di lavoro ai giovani. Non un lavoro qualsiasi, ma connesso alle loro
aspirazioni e, insieme, di forte utilità sociale e culturale, con al centro la conoscenza, il
sapere e la capacità creativa dei giovani, messe al servizio di bisogni sociali e collettivi
più generali, in grado di migliorare la qualità della vita delle persone.
I risultati che abbiamo conseguito, e che sono documentati nella pagine di questo
Bilancio, possono costituire esempi – beninteso insieme a tante importanti iniziative
analoghe o che si muovono nello stesso solco – in qualche modo da estendere, o
comunque in grado di essere di ispirazione per tanti soggetti che intendono a loro volta
contribuire ad accrescere quel “capitale sociale” di cui l’Italia ha grande necessità. E'
la stessa impostazione che ci guida quando costruiamo e realizziamo, insieme a tanti
altri partner che con noi condividono la stessa idea di sviluppo sostenibile, i progetti
e le iniziative di studio e ricerca, sulla sicurezza stradale e la legalità: contribuire
affermare valori e pratiche di equità sociale, di rispetto e responsabilità individuale
e collettiva.
Pierluigi Stefanini
7
PARTE 1
L’identità
Unipolis è la Fondazione d’impresa del Gruppo Unipol, del quale costituisce uno degli
strumenti più rilevanti per la realizzazione di iniziative di responsabilità sociale e civile,
nel quadro della più complessiva strategia di sostenibilità.
La Fondazione persegue, senza scopo di lucro, finalità di ricerca scientifica e culturale, di promozione della sicurezza e dell’inclusione sociale, attraverso progetti e interventi diretti e in partnership con altri soggetti attivi nella comunità, e contribuendo con
l’erogazione di risorse economiche ad azioni di solidarietà.
La missione
In quanto espressione del Gruppo Unipol, la Fondazione Unipolis ne ha assunto pienamente l’impianto valoriale – Carta dei Valori e Codice Etico – e sviluppa la propria
azione sulla base di una Missione coerente con quella dell’impresa della quale è emanazione: “Facendo propria una strategia di sostenibilità di lungo periodo, la Fondazione
Unipolis persegue obiettivi di crescita culturale, sociale e civile delle persone e della
comunità. Opera su quattro ambiti fondamentali di intervento – cultura, ricerca, sicurezza, solidarietà – privilegiando l’attenzione e l’impegno nei confronti dello sviluppo
della conoscenza e della formazione, in particolare delle nuove generazioni”.
La nostra storia
La Fondazione Unipolis ha assunto l’attuale denominazione nel corso del 2007, a seguito di un percorso di riposizionamento strategico della precedente Fondazione Cesar,
costituita alla fine del 1989 come Centro Europeo di ricerche dell’economia sociale e
dell’assicurazione, per iniziativa dell’allora Unipol Assicurazioni.
I mutamenti degli scenari economici e sociali, sia a livello mondiale che nazionale, il riassetto societario e organizzativo della Compagnia e la conseguente nascita di Unipol
Gruppo Finanziario, hanno reso indispensabile un processo di innovazione e cambiamento del ruolo e degli obiettivi della originaria Fondazione, che hanno portato all’attuale Unipolis.
11
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
Il governo e la gestione della Fondazione
Sulla base di quanto previsto dalla Statuto, il governo della Fondazione è garantito da
un Consiglio di Amministrazione – con mandato triennale – espresso dal Socio fondatore, cioè il Gruppo Unipol. Il Consiglio nomina il Presidente e il Consigliere Delegato, nonché un Comitato di Presidenza e un Direttore. Il Consiglio di Amministrazione è stato
rinnovato nel corso del 2014, a seguito della scadenza del mandato. Il Socio Fondatore
Unipol Gruppo Finanziario ha provveduto a designare i componenti del C.d.A della Fondazione Unipolis e ad indicare i componenti del Collegio dei Revisioni dei Conti, per il
triennio 2014/2016. Il nuovo Consiglio si è insediato il 25 settembre 2014, provvedendo
alla nomina del Presidente, del Comitato di Presidenza e del Consigliere Delegato, al
quale è stata attribuita anche la funzione di Direttore, nonchè alla nomina dell’ ODV organo di vigilanza. La struttura di governo della Fondazione risulta perciò composta
come di seguito indicato.
Il Consiglio di Amministrazione
Presidente onorario
enea mazzoli
12
La gestione operativa della Fondazione Unipolis viene realizzata attraverso il lavoro
delle persone che fanno parte dello Staff, sotto la guida e la responsabilità del Direttore. Attualmente lo Staff è composto come indicato di seguito.
roberta franceschinelli
carlo mazzoni (da unipol banca)
mariangela lisa
fausto sacchelli
paola sant’ambrogio
Il Consiglio di Amministrazione, nella riunione del 10 dicembre 2014, ha deliberato di
istituire il Comitato Scientifico della Fondazione. È composto da quindici personalità
della cultura, del mondo accademico, delle professioni; che hanno formazioni diversificate e plurali, portatrici di esperienze molteplici e tutte di notevole livello. Il Comitato
Scientifico costituisce una sede nella quale, grazie al contributo delle personalità che
lo compongono, sarà possibile sviluppare un ampio confronto su molte tematiche di
rilevanza culturale, sociale e scientifica, utili all’individuazione, con modalità consultive,
di temi rilevanti per l’insieme dell’attività di Unipolis.
Il Comitato Scientifico
Consiglio di Amministrazione
Presidente Consigliere Delegato e Direttore
Consiglieri Collegio dei Revisori dei conti Presidente
Organo di Vigilanza (ai sensi del DL 231/2001)
Comitato di Presidenza
l’identità
pierluigi stefanini
walter dondi
renzo giovanni avesani
nino baseotto
carlo cimbri
alberto federici
giancarlo ferrari
stefano genovese
alberto giombetti
claudio giovine
leopoldo lucioli
walter meazza
maria luisa parmigiani
barbara idranti
giuseppe ceol
roberto landuzzi
andrea alessandri
pierluigi stefanini
walter dondi
maria luisa parmigiani
antonio calabrò
mario del pero
paola dubini
gianluca fiorentini
enrico giovannini
mauro magatti
marco magnani
ivana pais
giancarlo pasquini
paolo ricci
giorgio riccioni
giuseppe roma
marino sinibaldi
francesco vella
mario viviani
13
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
l’identità
La Governance
Gli Stakeholder
La Carta dei Valori e il Codice Etico
La Fondazione ha elaborato una propria “mappa” degli Stakeholder che tiene conto della specificità del proprio ruolo e della propria missione, rispetto al Gruppo Unipol del
quale è espressione. La “mappa”, configurata come una serie di ellissi concentriche con
al centro Unipolis, definisce il grado di incidenza, inclusione e correlazione rispetto agli
Stakeholder da parte della Fondazione in relazione alle propri attività.
La Fondazione Unipolis ha fatto proprio l’impianto valoriale del Gruppo Unipol del quale
è espressione, adottandone la Carta dei Valori e il Codice Etico.
Nel corso degli ultimi anni, infatti, il Gruppo Unipol si è impegnato nella elaborazione
in forma partecipata, insieme a dipendenti e agenti, dei nuovi strumenti in grado di innovare, alla luce dei cambiamenti intervenuti, i propri valori di riferimento. Il Consiglio
di Amministrazione di Unipolis, il 18 dicembre 2008 ha adottato Carta dei Valori che è
alla base del Codice Etico. In particolare, i Valori alla base dell’identità del Gruppo sono:
Accessibilità, Lungimiranza, Rispetto, Solidarietà, Responsabilità. Nel Codice Etico
sono indicati i principi di comportamento che la Fondazione adotta nei confronti dei
propri Stakeholder e promuove nelle relazioni tra gli stessi portatori di interesse.
Partner
Dipendenti
Gruppo Unipol
Collaboratori
Il Mog e il sistema di controllo
Al fine di definire chiaramente ruoli e responsabilità di esecuzione delle strategie e
delle sue attività e per attuare una gestione ispirata al massimo rigore ed alla trasparenza, Fondazione Unipolis si è dotata di un Modello di Organizzazione, Gestione e
Controllo (MOG). Il Modello di Organizzazione e Gestione, istituito ai sensi del Decreto
Legislativo n. 231/2001 e seguenti, è un sistema strutturato ed organico di prevenzione,
dissuasione e controllo finalizzato a sviluppare nei soggetti che, direttamente o indirettamente, operano nell’ambito di attività sensibili (amministratori, dirigenti, dipendenti
e collaboratori), la consapevolezza di poter commettere un reato e, al contempo, esime
o delimita la responsabilità amministrativa della Fondazione, rispetto a eventuali reati
che fossero commessi nel suo interesse.
Enti di Ricerca
Associazionismo
e cooperazione
sociale
Comunità locali
Università
Fornitori
Pubblica
Amministrazione
Media
Il compito di vigilare sul funzionamento e sull’osservanza del MOG è stato affidato
dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione ad un Organismo di Vigilanza (OdV),
a composizione monocratica. Attualmente l’incarico è affidato ad Andrea Alessandri,
Responsabile Internal Auditing del Gruppo Unipol.
Al momento dell’adozione del MOG la Fondazione Unipolis ha organizzato un seminario di formazione a cui hanno partecipato tutti i dipendenti al fine di illustrare, condividere ed implementare il Modello Organizzativo e Gestionale di cui si è dotata e le
modalità procedurali da seguire nello svolgimento delle singole attività. A inizio 2015 si
è svolta una nuova sessione formativa per tutti i dipendenti della fondazione al fine di
apprendere gli aggiornamenti del MOG e le relative procedure interne.
14
15
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
Cosa facciamo
Sono quattro gli ambiti fondamentali sui quali la Fondazione Unipolis sviluppa la propria attività: CULTURA – RICERCA – SICUREZZA – SOLIDARIETÀ.
La Cultura
Sviluppo della conoscenza, promozione e diffusione della cultura, costituiscono oggi
fattori essenziali per la crescita sociale e civile delle persone e delle comunità: significa
dotare gli individui e le collettività degli strumenti indispensabili per l’esercizio della
libertà e dell’autonomia, di una capacità di elaborazione necessari ad assumere e a svolgere un ruolo nella società e nel rapporto con gli altri.
Proprio a partire da questa consapevolezza, la Fondazione ha operato e opera per
lo sviluppo e la realizzazione di progetti, sia in proprio che in partnership, per favorire
la creazione di nuove opportunità espressive e, soprattutto, per promuovere l’accesso
alla cultura, alla conoscenza, all’educazione da parte delle persone più deboli, o
comunque in condizioni difficili e che sono perlopiù escluse da queste opportunità.
Nel corso del 2014, è stato portato a conclusione il progetto “culturability / fare
insieme in cooperativa”. Infatti, è stato pienamente conseguito l’obiettivo per il
quale l’iniziativa era stata promossa: dare vita a start up culturali e creative in forma
cooperativa da parte di giovani con meno di 35 anni. Nei primi mesi dell'anno, dopo
che alla fine del 2013 era stata effettuata la selezione, nell’ambito degli 824 progetti
pervenuti a seguito del bando, sono state costituite tutte le 15 cooperative individuate,
alle quali sono stati versati i 20 mila euro a fondo perduto. Allo stesso tempo, grazie ai
partner cooperativi, è stato offerto ai giovani protagonisti il supporto necessario alla
costituzione formale dell’impresa e all’avvio della operatività. Peraltro, nel corso del 2014,
le stesse cooperative hanno avuto modo di presentarsi in diverse occasioni, sia pubbliche
che riservate, organizzate dalla stessa Fondazione e dai suoi partner.
Ed è stato proprio a partire dall’esperienza di quel primo bando, che la Fondazione
ha deciso di riproporre il bando, sia pure con caratteristiche e modalità in parte nuove, ma sempre con l’obiettivo di sviluppare iniziative di promozione culturale e sociale
da parte di giovani. È nato così il bando “culturability / spazi d’innovazione sociale”,
presentato ufficialmente l’1 dicembre 2014 a Bologna e del quale si dà conto in modo
dettagliato nell’apposito capitolo.
16
17
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
Qui preme ricordare come il “progetto culturability”, elaborato ed avviato a partire
dal 2009, abbia visto il coinvolgimento di esperti e operatori della cultura e del mondo
sociale e associativo per la definizione della visione e delle opzioni strategiche, configurando un vero e proprio “manifesto”. Dal quale si è poi passati alla concretizzazione
dell’iniziativa, che si articola sostanzialmente in due modalità.
La prima utilizza un sito internet dedicato – www.culturability.org – (peraltro completamente rinnovato proprio in occasione del lancio del nuovo bando), ma collegato alla
Fondazione, che contiene informazioni, documenti, spazi di confronto e discussione sui
temi sociali e culturali. La seconda si caratterizza per l’individuazione sul territorio di
progetti e iniziative di carattere culturale, ma che presentano una forte valenza sociale:
la Fondazione si impegna a sostenerle, mettendo a disposizione risorse economiche,
ma anche competenze e valorizzando le relazioni di cui dispone. Tutto questo attraverso un attivo coinvolgimento e partecipazione di organizzazioni e persone operanti nello
specifico contesto territoriale, in grado di dare continuità all’iniziativa, nell’ottica di una
sostenibilità di lungo periodo.
La Ricerca
Lo studio, l’approfondimento, l’ampliamento degli orizzonti del sapere, sono alla base
dell’innovazione e, quindi, dei processi in grado di alimentare il benessere e la qualità
della vita, oltre la semplice dimensione economica. Da qui la scelta della Fondazione
Unipolis di contribuire allo sviluppo dell’attività di ricerca, privilegiando gli ambiti collegati, direttamente e indirettamente, alla missione che essa si è data.
Unipolis realizza e promuove ricerche, studi, analisi, in ambito economico, sociale e culturale, in grado di cogliere i grandi processi di trasformazione in atto a tutti i
livelli, sia nazionale che globale, compresi i mutamenti dei mercati e della società. I
cambiamenti demografici e degli stili di vita, indotti anche dallo sviluppo della nuove
tecnologie, richiedono innovativi approcci analitici e propositivi, ad esempio in materia
di Welfare ed assistenza, ma anche del sistema di istruzione, come della capacità delle
imprese di ripensare la loro funzione sociale, alla luce dei processi di globalizzazione.
Rientra in questa impostazione, la decisione di stabilire relazioni con università e
mondo accademico, con centri di ricerca e altri soggetti impegnati nello studio e nell’analisi della società. Nell’ambito di queste collaborazioni, nel 2014 sono state realizzate
o avviate diverse iniziative, anche in ambiti non tradizionalmente frequentati dalla Fondazione. È il caso, ad esempio, del ciclo di tre incontri dedicato a “Come cambia la proprietà”, organizzato insieme alla Fondazione Corriere della Sera, svoltosi presso la Sala
Buzzati dello storico quotidiano milanese, con folta partecipazione e interesse del pubblico. O, ancora, della ricerca su “Gli italiani e la Bibbia”, in collaborazione con le Edizioni
Dehoniane di Bologna: iniziativa assolutamente originale, che ha offerto uno spaccato
molto interessante sulla conoscenza, la lettura e la considerazione dei cittadini italiani
nei confronti di un’opera fondamentale per la cultura dell’umanità.
18
cosa facciamo
Altre iniziative avviate nel corso del 2014 e che troveranno ulteriore sviluppo (e in
qualche caso conclusione), nel 2015 riguardano l’attivazione di un gruppo di ricerca interno alla Fondazione dedicato al tema della partecipazione dei lavoratori nella vita e
nella gestione delle imprese. Sempre alle questioni del lavoro, dei cambiamenti in atto
a livello nazionale e su scala globale, è dedicata l’iniziativa promossa dalla Fondazione
Feltrinelli “Spazio Lavoro”, alla quale Unipolis partecipa in qualità di partner di progetto.
Altra iniziativa avviata nel 2014 e che proseguirà nell’anno in corso, è quella relativa a
“Le giovani generazioni e il lavoro a Bologna: realtà e aspettative” promossa dalla Fondazione Gramsci Emilia Romagna e alla quale Unipolis collabora attivamente.
Anche nel 2014 è continuata l’attività dell’Osservatorio Europeo sulla sicurezza in
Italia e in Europa, che Unipolis ha realizzato insieme a Demos&pi e all’Osservatorio di
Pavia. A febbraio è stato presentato a Milano, a Palazzo Marino, sede del Comune, il
settimo Rapporto sulla sicurezza e l’insicurezza sociale, mentre si è lavorato alla settima edizione, pubblicata nel febbraio 2015.
La Sicurezza e la Legalità
La sicurezza si conferma sempre più questione centrale della società moderna; trasversale a molteplici aspetti della vita delle persone, legata com’è a temi che vanno dai
rischi individuali a quelli collettivi, dalla tutela ambientale a quella dell’alimentazione,
dalla difesa dell’incolumità personale a quella delle comunità dall’aggressione e dai
condizionamenti della criminalità organizzata, dalla protezione sociale alla sicurezza
sul lavoro e a quella relativa alla mobilità sulle strade.
La sicurezza, perciò, non può che essere un tema cardine dell’attività della Fondazione Unipolis, intrinseca com’è alla missione e al ruolo sociale di Unipol.
La problematica viene declinata e sviluppata, quindi, sotto diversi aspetti e con iniziative che spesso sono – come la cultura – intrecciate a tutti e quattro i fondamentali
assi di attività della Fondazione.
In questo contesto, la sicurezza stradale costituisce l’ambito storicamente più frequentato dalla Fondazione, attraverso il “progetto Sicurstrada” che, a partire dal 2011 e
lungo tutto lo scorso anno, ha intrapreso nuove modalità di iniziativa. Unipolis ha scelto
di coniugare sempre più la sicurezza stradale con le questioni connesse alla mobilità
sostenibile, a partire dagli utenti deboli della strada – pedoni e ciclisti – e dalla situazione dei centri urbani, che costituiscono il contesto nel quale maggiormente si concentrano i rischi di incidente. Nel corso del 2014 è stato completamente aggiornato il
sito internet dedicato - www.sicurstrada.it – ed è stata sviluppata una notevole attività
attraverso i principali social network. Sono state realizzare ricerche specifiche, come
l’impatto della sicurezza stradale sulle persone anziane e sull’evoluzione della mobilità
nel prossimo futuro. Sono proseguite le iniziative sul territorio con “Sicurstrada live”,
che hanno visto la collaborazione di numerosi partner e professionalità specifiche, ac-
19
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
crescendo inoltre la presenza nelle scuole secondarie superiori per fare informazione
ed educazione ai giovani.
Un capitolo a sé, per particolarità e rilevanza, merita il rapporto che si è storicamente consolidato con Libera – Associazioni, numeri e nomi contro le mafie, al fine di
promuovere una diffusa cultura delle legalità coniugata alla giustizia sociale. Unipolis
sostiene Libera, contribuendo alla realizzazione della principali iniziative di carattere
sociale e culturale.
La Fondazione ha partecipato attivamente a diverse attività di analisi e riflessione
relative ai temi della lotta al crimine organizzato, al riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie. Da questo punto di vista particolarmente rilevante è stato il coinvolgimento nella preparazione e svolgimento dell’edizione 2014 di “Contromafie - Stati
generali contro le mafie” svoltasi a Roma in ottobre. Inoltre, vanno richiamate le iniziative: “EstateLiberi” dove i giovani partecipano ad attività sui beni confiscati, a “Libero
Cinema in Libera terra”, realizzato da Cinemovel Foundation con il sostegno e la partnership di Unipolis; l’affiancamento alla campagna “Un euro per ogni nuova polizza e
conto corrente bancario” con la quale Unipol sostiene la nascita delle cooperative di
giovani sui terreni sottratti alla criminalità organizzata e restituiti ad un uso sociale.
Rientra in questo contesto l’impegno a sostegno della pubblicazione dell’ opera in più
volumi “L’ Atlante delle mafie”.
La Solidarietà
Da parte della Fondazione Unipolis la solidarietà è intesa in una accezione assai più ampia di quella che viene normalmente utilizzata con questo termine: non tanto e non solo
quale erogazione di contributi in chiave di beneficienza, ma come impegno attivo nei
confronti delle organizzazioni che operano nella società civile a favore delle persone
più deboli. Così, molte delle iniziative assunte nell’ambito degli altri filoni di attività della Fondazione – cultura, ricerca, sicurezza – hanno una loro peculiare caratterizzazione
in senso sociale e solidale. Infatti, in un’ottica di sussidiarietà e responsabilità sociale,
la Fondazione Unipolis destina una parte delle proprie risorse a interventi sociali e di
solidarietà, attraverso progetti realizzati in partnership con soggetti istituzionali, del
non profit e della cooperazione sociale.
20
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
Come lo facciamo
L’ organizzazione e la gestione
La struttura e le responsabilità
Annualmente il Consiglio di Amministrazione – sulla base delle linee indicate dal Comitato di Presidenza – discute e approva gli indirizzi fondamentali delle scelte e il programma di attività della Fondazione e il correlato budget. Il Consiglio si riunisce periodicamente – tre volte nel 2014 – per valutare il percorso di realizzazione delle attività,
approvare i diversi progetti, verificare l’andamento economico e ratificare le delibere
di spesa approvate dal Comitato di Presidenza. Al Comitato di Presidenza è affidata
la definizione delle diverse iniziative durante l’anno, in funzione delle linee fissate dal
Consiglio di Amministrazione. Nel 2014 il Comitato di Presidenza ha tenuto cinque riunioni. La gestione operativa della Fondazione è affidata al Consigliere Delegato e Direttore, che si avvale dello Staff e di altre eventuali collaborazioni.
Le partnership
La Fondazione Unipolis opera prevalentemente attraverso progetti e iniziative in proprio e in partnership con altri soggetti privati, associativi o istituzionali. L’obiettivo, infatti, è quello di utilizzare le risorse disponibili per progetti da realizzare in collaborazione con operatori qualificati nei vari ambiti di attività, al fine di moltiplicare l’impatto
nei confronti dei destinatari e in particolare della comunità. I soggetti vengono individuati, selezionati e coinvolti sulla base dei principi che definiscono missione e scopo
della Fondazione. In questo quadro, fondamentale è la condivisione di comuni obiettivi
volti alla crescita culturale, sociale e civile delle comunità e dei contesti nei quali si sviluppano le attività.
Per alcune iniziative, si utilizza la modalità del “bando”, pubblicizzato attraverso il
sito della Fondazione e i diversi strumenti di comunicazione. Per altre attività, oltre a
valutare le proposte che vengono direttamente presentate alla Fondazione, si procede
a un esame delle organizzazioni che operano in ambiti o in territori di interesse. Si effettuano approfonditi confronti con l’obiettivo di individuare le possibili collaborazioni su
progetti e iniziative che sono coerenti con gli assi fondamentali di impegno di Unipolis.
22
23
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
come lo facciamo: l’organizzazione e la gestione
La Comunicazione
L’anno dell’innovazione web
Il 2014 è stato l’anno dell’innovazione web. La comunicazione online ha avuto un
impulso decisivo dal rinnovamento radicale dei siti che fanno riferimento ai progetti
culturability e sicurstrada. Insieme ad una grafica più attuale, sono state introdotte
nuove funzionalità che permettono un più facile accesso agli utenti interessati e maggiori informazioni a disposizione. Questo ha significato una maggiore presenza anche
sui principali social network. In particolare, nei primi sette mesi di vita del nuovo sito,
sicurstrada.it ha superato i settemila accessi, rispetto ai poco più di ottomila dell’intero anno precedente, mentre ha quasi raddoppiato i fan della pagina facebook rispetto
al 2013 e superato quasi del 30% i follower su twitter.
Da parte sua, nel 2014 culturability.org ha registrato 17.345 visite per un totale di
41.734 visualizzazioni di pagina e 11.835 visitatori unici. A questi vanno aggiunti, nel periodo di apertura del bando “culturability/spazi d’innovazione sociale” – dal 1° dicembre
al 6 marzo 2015 – 80.268 sessioni per 42.489 utenti e 283.678 visualizzazioni di pagina.
La pagina Facebook di culturability conta attualmente 5.400 fan – contro i 2.800 del
2013 – mentre i follower su Twitter sono passati da 2.450 a 4.000.
In coerenza con la propria missione, la Fondazione ha adottato una strategia di comunicazione ispirata a valori di completa trasparenza e sobrietà, realizzando un’informazione chiara e accessibile alle proprie comunità di riferimento e a tutti i cittadini.
I destinatari principali della comunicazione sono stati i soggetti potenzialmente interessati a partecipare ai progetti e alle attività di Unipolis, i media, le istituzioni e le diverse organizzazioni attive nella società civile oltre che, i dipendenti, gli agenti e i collaboratori del Gruppo Unipol. Inoltre, è proseguita l’attenzione rivolta al coinvolgimento
delle nuove generazioni attraverso la realizzazione di progetti specificamente rivolti
loro e l’organizzazione di iniziative in partnership con università e centri di ricerca.
Il lancio del nuovo bando culturability / spazi d’innovazione sociale – oltre alla fase
finale del primo bando culturability / fare insieme in cooperativa – ha permesso di
entrare in contatto con migliaia di giovani e implementare i legami con una molteplicità
di organizzazioni che operano nel sociale, dell’associazionismo non profit e del mondo
cooperativo.
Oltre agli strumenti online, hanno avuto un ruolo importante per la comunicazione
sia i contatti diretti con la Fondazione, sia le informazioni pubblicate sui media più tradizionali. Il rapporto con gli organi di informazione locali, nazionali e di settore è stato
garantito dall’invio di comunicati, dall’organizzazione di iniziative pubbliche e, in alcuni
casi, di conferenze stampa, oltre che dal rilascio di interviste.
Complessivamente, durante il 2014 l’attività di comunicazione ha portato a 35 lanci
d’agenzia, 30 servizi su emittenti radiofoniche e un centinaio su quelle televisive, circa
Il sito culturability.org
24
25
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
come lo facciamo: l’organizzazione e la gestione
250 segnalazioni sulla stampa nazionale e locale, oltre 900 segnalazioni sul web. Nel
corso del 2014, Unipolis ha promosso e organizzato – in autonomia o in collaborazione
con altri soggetti – diversi incontri pubblici. Parallelamente, rappresentanti della Fondazione hanno partecipato a iniziative e convegni promossi dai propri partner o da organizzazioni sul territorio nazionale.
Nel corso dell’anno si sono svolte molte iniziative congiunte con il Gruppo Unipol, in
particolare sulla sicurezza stradale e la mobilità sostenibile, in stretta collaborazione
con C.U.BO – Centro Unipol Bologna - e il settore sicurezza e mobility magement di Unipol. Queste azioni hanno consentito il rafforzamento dell’immagine pubblica di Unipolis
come fondazione d’impresa e il consolidamento del legame di appartenenza all’azienda
da parte dei dipendenti.
A tale proposito, è da sottolineare la grande attenzione alla comunicazione interna al
Gruppo Unipol, i cui dipendenti e agenti sono stati informati sulle attività della Fondazione tramite le intranet aziendali e la diffusione di materiale presso le varie sedi sociali.
Inoltre, si sono anche intensificati i rapporti con i Consigli Regionali Unipol, in particolare nell’ambito delle iniziative di Sicurstrada Live e con Libera sui temi della legalità.
Anche il Bilancio di Missione della Fondazione è stato uno strumento di comunicazione,
relazione e rapporto importante. Copie del bilancio sono state distribuite ai principali
Stakeholder e una versione web è stata pubblicata sul sito internet.
Per quanto riguarda la newsletter redatta direttamente dalla Fondazione, nel secondo anno di vita ne sono state realizzate 16 edizioni, ciascuna delle quali è stata inviata
via mail a circa tremila persone. Ugualmente importanti per l’attività di comunicazione
della Fondazione, sono stati i flussi informativi sviluppati dai propri Stakeholder. Grazie a un contatto continuo e aperto, Unipolis ha potuto seguire l’evoluzione dei progetti
sostenuti o ai quali ha contribuito a vario titolo, rendendoli noti anche al pubblico e dando informazioni sul loro stato di avanzamento.
La presenza sulla rete
Nel corso degli anni, la Fondazione si è indirizzata verso un utilizzo maggiore e sempre
più consapevole di internet, rafforzando l’uso degli strumenti online. Una scelta dettata
non solo dalle caratteristiche di immediatezza e potenzialità di diffusione della rete, ma
anche dal desiderio di Unipolis di rivolgersi a categorie di persone e soggetti, in particolare i giovani, sempre più difficilmente raggiungibili con altri strumenti più tradizionali.
Nel corso del 2014, il sito è stato strumentale a promuovere Unipolis, dare informazioni sui progetti e le iniziative realizzate, divulgare le ricerche condotte autonomamente o in partnership, diffondere le attività dei propri partner. Aggiornamenti e redazione dei contenuti sono stati curati internamente dallo staff. Durante l’anno, sono
state pubblicate sul sito www.fondazioneunipolis.org oltre un centinaio di post fra
notizie e appuntamenti, le visualizzazioni di pagina sono state 54.347, mentre le visite
degli utenti 22.569, di cui 17.429 visitatori unici.
Il sito Sicurstrada.it
26
27
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
A quello istituzionale, si affiancano i siti dedicati a progetti specifici della Fondazione: culturability (www.culturability.org) e Sicurstrada (www.sicurstrada.it). Entrambe
le piattaforme sono state completamente rinnovate nel corso dell’anno, con l’obiettivo
di sviluppare nuove sezioni e funzionalità inserite all’interno di una grafica moderna.
Per approfondimenti si rimanda alla seconda parte del Bilancio e ai capitoli dedicati
alle specifiche aree di attività.
Tutti gli strumenti web di Unipolis sono, quindi, in continua evoluzione per migliorare
e adeguarsi agli sviluppi di internet. I siti sono conformi agli standard del W3C (World
Wide Consortium) in materia di scrittura e accessibilità. I contenuti delle diverse piattaforme vengono aggiornati continuamente e veicolati attraverso un sistema di RSS
che consente agli utenti di essere informati in tempo reale su notizie e novità di proprio
interesse.
In un’ottica di apertura al web 2.0 e ai social network, la Fondazione ha anche un proprio account su Flickr, all’interno del quale vengono pubblicate immagini relative alle
iniziative e agli incontri organizzati. Entrambi i progetti culturability e Sicurstrada hanno, inoltre, dei propri profili su Facebook, Twitter e Youtube, funzionali a farli conoscere
e a veicolare i contenuti pubblicati sui rispettivi siti, i cui dettagli saranno descritti nei
capitoli ad essi dedicati.
Il Bilancio economico 2014
La gestione: le risorse e gli impieghi
La gestione della Fondazione è ispirata a principi di responsabilità, equilibrio e rigorosa economicità, con modalità di conduzione fondate sulla sobrietà e l’essenzialità.
Le risorse per la propria attività Unipolis le riceve integralmente dal Socio fondatore.
Il suo contributo viene destinato per la stragrande maggioranza alla realizzazione dei
progetti propri o in partnership, oltre che alle erogazioni. Per quanto riguarda le spese
di gestione dell’organizzazione, esse si suddividono in due ambiti: personale e funzionamento. Il personale, peraltro, è impegnato per la quasi totalità nella realizzazione
dei progetti e della attività caratteristiche. Le spese di funzionamento si riferiscono,
essenzialmente, alle spese di affitto e di servizi di sede.
Nel 2014 la Fondazione Unipolis ha ricevuto dal Socio fondatore Unipol Gruppo Finanziario, un contributo pari a 1,5 milioni di euro, cui si sono aggiunti i modesti proventi
derivanti dagli interessi sul patrimonio, che hanno portato il totale a circa 1,507 milioni di euro. La Fondazione dispone di un proprio fondo istituzionale che, al 31 dicembre
2014, ammontava a 258 mila euro.
La gestione 2014 della Fondazione Unipolis risulta in significativa crescita rispetto
all’anno precedente, anche per la maggiore dotazione di risorse messa a disposizione
dal Socio fondatore: da 1, 2 a 1,5 milioni di euro. Ciò ha consentito, ad esempio, di avviare la seconda edizione del bando culturability, ma anche di realizzare alcune iniziative
28
come lo facciamo: l’organizzazione e la gestione
nuove, soprattutto con l’obiettivo di estendere l’attività e la presenza di Unipolis a livello nazionale e in alcuni importanti città, come Milano.
Appare peraltro opportuno sottolineare come la gestione complessiva della Fondazione si confermi in equilibrio, ispirata ad una rigorosa attenzione alle spese. Lo si
evince, oltre che dal risultato complessivo, anche dall’esame dei costi relativi al personale e di funzionamento, che hanno subito un modesto incremento in termini assoluti
(soprattutto per effetto dell’attivazione di alcuni contratti di collaborazione necessari
allo sviluppo delle attività, nonché ad un aumento dei costi di trasferta connessi ad una
estensione a livello nazionale dell’operatività della Fondazione), la cui incidenza sul totale delle uscite, nonostante l’aumento delle disponibilità di budget, si attesta intorno
a un quarto del budget complessivo. D’altronde, è opportuno evidenziare come si tratti
di una modalità gestionale doverosa, tanto più importante e obbligata trattandosi di
attività che hanno una fondamentale valenza sociale.
Analizzando i diversi capitoli di spesa, emerge come la stragrande maggioranza delle
risorse sia stata destinata a coprire le spese per i progetti in proprio e in partnership,
che raggiungono il 60% del totale delle uscite, cui vanno aggiunti gli interventi per iniziative di solidarietà, pari a oltre il 13%. Questo fa si che la quota degli impieghi per le
attività caratteristiche della Fondazione salga a quasi il 74% sul totale. In questo quadro, l’iniziativa della Fondazione si è sviluppata nel corso del 2014 secondo gli ormai
consolidati quattro assi di intervento: cultura, ricerca, sicurezza e legalità, solidarietà.
Ai primi tre campi di attività sono stati destinati circa 690 mila euro, che assommano in realtà a 890 mila, considerando la cifra accantonata per il completamento dei
progetti avviati, mentre 192 mila euro sono stati impegnati in erogazioni liberali a sostegno di interventi di solidarietà sociale. Peraltro, occorre ricordare come le persone
che operano in Fondazione sono, per i tre quarti, direttamente impegnate nella realizzazione dei progetti e delle attività caratteristiche.
Nel 2014 l’attività della Fondazione si è concentrata, da un lato nel portare a compimento il progetto “culturability - fare insieme in cooperativa” attraverso il supporto alla
costituzione delle 15 start up culturali giovanili e, dall’altro, nell’avviare la progettazione
del nuovo bando “culturability - spazi d’innovazione sociale” avviato ufficialmente nella
seconda parte dell’anno.
Da evidenziare, oltre alle altre significative iniziative culturali, i progetti dedicati alla
sicurezza e alla legalità – a partire dal rapporto con Libera e altre organizzazioni impegnate a promuovere la cultura antimafia – e a alla ricerca, con l’ottava edizione del
“Rapporto sulla sicurezza in Italia e in Europa”.
Da ricordare come, sempre nell’ambito delle attività di ricerca connesse alle trasformazioni culturali e sociali in atto, siano state realizzate due importanti iniziative: il ciclo
di incontri dedicato a “Come cambia la proprietà”, svolta in collaborazione con la Fondazione Corriere della Sera e l’indagine su “Gli italiani e la Bibbia” , pubblica in un volume
dalle Edizioni Dehoniane.
29
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
come lo facciamo: l’organizzazione e la gestione
Il 2014 è stato inoltre caratterizzato da una molteplicità di iniziative sul territorio
nazionale sulla sicurezza stradale con il rinnovato progetto “Sicurstrada”, che ha visto
il totale rifacimento del sito internet dedicato e il lancio della presenza sui principali
social network, oltre alle numerose iniziative sul territorio di “Sicurstrada Live”.
La suddivisione, per ambito, degli impieghi nel corso del 2014
CULTURA
€ 369.436
SICUREZZA E LEGALITÀ
€ 254.836
SOLIDARIETÀ
€ 192.200
RICERCA
€ 205.244
Schema sintetico entrate e impieghi nel 2014
ENTRATE
Contributo del Socio Fondatore (unipol)
Proventi finanziari (interessi e titoli)
Proventi diversi e straordinari
Totale entrate
20%
1.500.000
5.868
25%
1.888
1.507.756
IMPIEGHI
Progetti in proprio o in partnership
Erogazioni Liberali
889.930
192.200
Costi Gestionali
126.093
Costi del personale
279.275
Oneri vari
Totale Impieghi
Differenza entrate-impieghi
16.385
1.503.883
3.872
19%
36%
▪ Sicurezza e legalità
▪ Solidarietà
▪ Cultura
▪ Ricerca
Fonte: Bilancio Fondazione Unipolis 2014
La distribuzione, per tipologia, degli impieghi nel 2014
Fonte: Bilancio Fondazione Unipolis 2014. Valori in Euro
1%
19%
8%
59%
13%
▪ Progetti propri e in partnership
▪ Erogazioni liberali
▪ Costi gestionali
▪ Costi del personale
▪ Oneri vari
Fonte: Bilancio Fondazione Unipolis 2014
30
31
PARTE 2
La Cultura
Il progetto culturability
“culturability”, nato nel 2009 per promuovere azioni culturali volte all’inclusione sociale,
si è ulteriormente sviluppato e consolidato nel 2013 e nel 2014 come strumento di promozione di uno sviluppo sociale ed economico innovativo, con particolare attenzione
alle giovani generazioni. Parallelamente all’ideazione di una seconda edizione del bando
legato al progetto – nell’ottica di coniugare opportunità occupazionali e creatività – è
stata infatti rinnovata l’attività del sito www.culturability.org.
Il neologismo “culturability” nasce dall’unione fra i termini “cultura” e “capability”,
termine coniato dal Premio Nobel Amartya Sen e inteso come capacitazione dell’individuo. Obiettivo del progetto è infatti quello di contribuire a costruire una responsabilità
sociale della cultura, che consideri essenziali i temi dell’accessibilità e dell’inclusione
per combattere e ridurre le disuguaglianze.
Nel corso degli anni, la riflessione sul contesto sociale ed economico fortemente
caratterizzato da processi di crisi e trasformazione, ha generato consapevolezza sulla necessità di accrescere l’impegno di culturability nella promozione della cultura
in chiave innovativa e produttiva. Partendo dalla convinzione che esistano in questi
ambiti grandi opportunità ancora poco esplorate nel nostro Paese, si è scelto di promuovere la cultura come leva di sviluppo sociale ed economico.
All’interno di questa progettualità si è inserita l’ideazione di una call, che offriva concrete occasioni lavorative per i giovani under 35 pronti a mettere in gioco la propria creatività, professionalità e passione per offrire risposte innovative a bisogni tradizionali
o emergenti della società. All’inizio del 2014 sono nate le 15 cooperative grazie al contributo economico e al supporto di Fondazione Unipolis, tutte selezionate attraverso il
bando “culturability / fare insieme in cooperativa”, lanciato nel 2013.
La forte adesione al bando da parte di gruppi di giovani e i risultati conseguiti, sono
stati alla base della decisione di realizzare una seconda edizione, sia pure con alcune
caratteristiche innovative. Così, il primo dicembre 2014 è stata lanciata la call “culturability / spazi d’innovazione sociale”, chiusa a inizio marzo 2015, con la partecipazione di
quasi mille progetti, esattamente 996.
35
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
culturability / fare insieme in cooperativa
All’inizio del 2014 si sono costituiti in cooperativa i quindici progetti scelti da culturability col bando “fare insieme in cooperativa”. La call è stata ideata e realizzata nel corso
del 2013, per sostenere la nascita di nuove imprese cooperative nei settori culturale e
creativo, ad opera di under 35. Un’iniziativa che ha unito cultura e innovazione per creare nuove opportunità e nuovi spazi per le giovani generazioni, con la consapevolezza
che un progetto veramente innovativo diviene anche un importante fattore di inclusione sociale. Per supportare la nascita di queste nuove imprese in forma cooperativa, la
Fondazione Unipolis ha stanziato 300 mila euro a fondo perduto, da suddividere fra i
15 progetti selezionati da un’apposita Commissione di Valutazione, a ciascuno dei quali
destinare 20 mila euro. Al contributo economico si è affiancata un’attività di supporto,
per aiutare il processo di costituzione delle start up, la loro fase di avvio e di entrata nel
mercato.
Alla call, aperta dal 21 febbraio al 24 maggio 2013, avevano partecipato 824 progetti
presentati da quasi 3 mila under 35 provenienti da tutte le regioni italiane (eccetto la
Val d’Aosta). Di questi, 581 sono stati i progetti che hanno superato il primo step. Dopo
una prima fase di tutoraggio e mentoring, sono pervenute 272 proposte imprenditoriali.
La Commissione di Valutazione, composta da rappresentanti dei partner dell’iniziativa, da esperti e da personalità in maggioranza esterne alla Fondazione Unipolis, ha
quindi selezionato i 15 progetti finalisti – presentati da 60 ragazze e ragazzi con età
media 29 anni – che hanno potuto accedere al contributo economico e al percorso di
accompagnamento e supporto in grado di aiutarli a diventare un’impresa.
I campi in cui operano le quindici startup spaziano dall’artigianato digitale a nuove
strumenti per l’editoria, da spazi creativi e atelier aperti alla cittadinanza al graphic
journalism, passando per la produzione di capi di moda etica e la creazione di prodotti
culturali cinematografici accessibili a tutti.
culturability / spazi d’innovazione sociale
Nel 2014, la Fondazione ha progettato e lanciato il bando “culturability - spazi d’innovazione sociale”, aperto dal 1° dicembre 2014 al 6 marzo 2015. Una iniziativa rivolta ad
organizzazioni non profit, cooperative e imprese sociali, network di questi diversi soggetti, aventi un organo decisionale composto in prevalenza da giovani under 35; nonché
a team informali di ragazzi, che si impegnano a costituirsi in ente riconosciuto.
Al centro della seconda edizione del bando culturability c’è il welfare culturale,
considerato veicolo di benessere collettivo e di supporto ad uno sviluppo sostenibile
delle comunità di riferimento. All’interno di tale macroarea, sono stati individuati dei
settori specifici di riferimento: la rigenerazione e la riqualificazione di aree urbane, la
creazione di nuovi spazi territoriali polifunzionali e creativi, l’ideazione di nuovi modi e
36
la cultura
strumenti per integrare la cultura all’interno del tessuto sociale. I progetti che verranno selezionati dovranno dimostrare di essere in grado di sviluppare coesione, partecipazione, opportunità di lavoro, sulla base di una impostazione complessiva che unisca
creatività e sostenibilità. Il bando privilegia inoltre la capacità di creare relazioni e reti
tra molteplici interlocutori: istituzioni pubbliche, imprese, realtà associative e altri soggetti territoriali, in un’ottica di partnership pubblico-privato.
Tra le novità del nuovo bando, che ha fatto tesoro dell’esperienza della prima edizione, l’attività di supporto, in termini di vera e propria formazione e incubazione, che viene
assegnata ai progetti selezionati, in due fasi successive. “culturability/spazi d’innovazione sociale” ha una dotazione complessiva di 360 mila euro – 240 mila di contributo
economico diretto e 120 mila in attività formativa - che verrano destinati ai sei progetti scelti da una Commissione di valutazione, composta in maggioranza da personalità
esterne alal Fondazione Unipolis. Ciascuno dei progetti finalisti, riceverà un contributo
economico a fondo perduto di 40 mila euro, cui si aggiungerà un supporto formativo e
di incubazione del valore di 20 mila euro.
Quest’ultima attività viene realizzata da Unipolis in stretta collaborazione con due
partner di provata capacità ed esperienza, con i quali è stato condiviso l’intero percorso
del bando: Fondazione Fitzcarraldo di Torino e Avanzi/Make a Cube 3. Hanno invece
garantito patrocinio e collaborazione nella promozione del bando ANG - Agenzia Nazionale per i Giovani, Cittalia - Fondazione dell’Anci, Nòva24 come media partner.
Alla chiusura del bando, il 6 marzo 2015 (prorogato rispetto alla data iniziale del 28
per problemi tecnici al sito di culturability a causa della straordinaria partecipazione),
sono pervenuti complessivamente 996 progetti. Ha preso così il via il percorso di valutazione e selezione, che prevede una prima fase con la individuazione di 20 proposte, che parteciperanno ad un’attività di mentoring e supporto, finalizzata ad aiutare i
proponenti a migliorare e qualificare i rispettivi progetti che, una volta rivisti, dovranno
essere inviati nuovamente alla Fondazione.
Entro il 30 giugno, una Commissione di Valutazione, per la maggior parte esterna alla
Fondazione, sceglierà i 6 progetti finalisti, che riceveranno il contributo economico a
fondo perduto di 40.000 euro e accederanno al percorso formativo della durata di un
paio di mesi, del valore di altri 20.000 euro.
La formazione prevista, ideata per supportare i progetti nella definizione di tutti gli
aspetti centrali per l’avvio e/o il consolidamento delle iniziative, sarà articolata in una
serie di moduli che prevederanno l’ulteriore revisione, se necessaria, della proposta di
valore, bisogni e target; test, prototipazione, validazione e revisione del servizio; modello di business; prezzi, ricavi, valorizzazione economica delle attività; identità, comunicazione, organizzazione e relativi costi; prospetto costi e ricavi, investimenti e flussi
finanziari; sviluppo partnership strategiche e progetti pilota; predisposizione di documenti o presentazione per pitch e offerte; supporto alla costituzione e alla stipula di
patti tra i soci; presentazione finale.
37
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
La Commissione di Valutazione è composta da composta da Massimo Alvisi – architetto e tutor del progetto G124, Giovanni Campagnoli – direttore di Politichegiovanili.it,
Paola Dubini – docente Università Luigi Bocconi, Walter Dondi – direttore Fondazione
Unipolis, Mauro Magatti – docente Università Cattolica del Sacro Cuore, Ivana Pais –
docente Università Cattolica del Sacro Cuore, Pierluigi Stefanini – presidente Gruppo
Unipol e Fondazione Unipolis.
la cultura
Lancio del nuovo bando "culturability / spazi di innovazione sociale"
Presentazioni on the road di “culturability / spazi di innovazione sociale”
Alla forte presenza online di culturability che, come si è visto dalla cifre degli accessi al
sito e ai social network ha avuto un ruolo determinanti nel successo del bando, Unipolis
ha scelto di affiancare iniziative sul territorio per incontrare direttamente i giovani, dialogare con loro e discutere con rappresentanti di organizzazioni culturali, con istituzioni locali e università. Una scelta effettuata nella convinzione che il rapporto diretto con
le persone, soprattutto con i giovani, sia un valore importante, sia elemento costitutivo
stesso del modo di concepire la cultura e la sua promozione come fatto di partecipazione e inclusione sociale.
Per questo, oltre all’incontro bolognese di lancio del bando, l’1 dicembre, sono stati
organizzati altri sei appuntamenti, dal 20 gennaio al 10 febbario: a Milano, Torino, Firenze, Napoli, Bari e Palermo ai quali hanno partecipato complessivamente oltre mille persone. Le iniziative sono state occasione per raccontare obiettivi e contenuti del
bando, rispondere alle domande relative alle modalità di partecipazione. Un dialogo
che è peraltro proseguito durante tutto il periodo di apertura della call tramite posta
elettronica, social netto e la più tradizionale rete telefonica. Lo staff della Fondazione
ha infatti risposto a circa 1.500 mail e oltre 700 telefonate.
Il nuovo sito culturability.org
Promuovere iniziative proprie o comunque in linea con la filosofia di culturability, stimolare una riflessione sui temi della sostenibilità, creatività e innovazione in ambito
culturale. Questi gli obiettivi del sito dedicato www.culturability.org, che da dicembre
2014 ha rinnovato interamente la propria veste oltre che diverse funzionalità, che hanno permesso al sito di ricevere direttamente sulla propria piattaforma i progetti inviati
dai partecipanti al bando “culturability - spazi d’innovazione sociale”.
Più in generale, oltre a raccontare i progetti culturali di Unipolis, il portale offre segnalazioni di buone pratiche ed esperienze significative, si propone come facilitatore di
iniziative culturali e “socialmente impegnate”, contribuendo alla loro visibilità anche
rispetto a soggetti potenzialmente interessati a supportarli. Innovazione e creatività,
sostenibilità e impatto sociale sono i temi su cui vertono principalmente i contenuti del
sito, mentre sono state dedicate due sezioni specifiche al racconto delle call.
Parallelamente, sempre in ambito di comunicazione e promozione tramite web, è
stato implementato l’utilizzo degli account di culturability sui principali social network.
38
Il ministro Franceschini durante l'incontro di Bologna
La presentazione della seconda edizione del
bando di culturability è avvenuta a Bologna
il 1° dicembre 2014, nello spazio recuperato
B-e 20, alla presenza di Dario Franceschini.
Insieme al Ministro dei Beni e delle Attività
Culturali si sono confrontati Massimo Alvisi –
architetto e tutor del Progetto G124 di Renzo
Piano, Marta Pettinau – presidente di Greetings From Alghero (una delle cooperative
nate lo scorso anno con il bando “culturability – fare insieme in cooperativa”), Elide Tisi
– vicesindaco del Comune di Torino, Pierluigi
Stefanini – presidente di Unipol e di Unipolis.
I successivi sei incontri di presentazione si
sono svolti fra gennaio e febbraio 2015 a Milano, Torino, Napoli, Firenze, Bari e Palermo.
Vi hanno partecipato, fra gli altri, rappresentanti istituzionali: Ada Lucia De Cesaris
– Vicesindaco di Milano, Antonella Parigi
– Assessore Cultura e Turismo Regione Piemonte, Alessandra Clemente – Assessore ai
Giovani Comune di Napoli, Annibale D’Elia –
Dirigente Politiche Giovanili Regione Puglia,
Giovanna Marano – Assessore Lavoro Impresa Sviluppo Comune di Palermo. Hanno
presenziato anche Luca Dal Pozzolo – Direttore Osservatorio Culturale del Piemonte,
Lello Savonardo – Coordinatore Scientifico
Contamination Lab Napoli e l’autore del libro “Riusiamo l’Italia” Giovanni Campagnoli.
Ospiti alcuni rappresentanti delle cooperative vincitrici di “culturability – fare insieme in
cooperativa”.
39
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
La pagina Facebook di culturability conta attualmente 5.400 fan, mentre l’account
su Twitter 4.000 follower. Passando ai dati del sito web, invece, le visite nel 2014 sono
state 17.345 per un totale di 41.734 visualizzazioni di pagina e 11.835 visitatori unici. A
cui vanno aggiunti, nel periodo di apertura del bando – dal 1° dicembre 2014 al 6 marzo
2015 – 80.268 sessioni per 42.489 utenti e 283.678 visualizzazioni di pagina.
Il rapporto con Bottega Finzioni
Con Bottega Finzioni, la scuola di narrazione fondata nel 2011 a Bologna dagli scrittori
Carlo Lucarelli, Giampiero Rigosi e Michele Cogo, con la supervisione di Beatrice Renzi,
Fondazione Unipolis ha stabilito un rapporto di collaborazione e sostegno fin dall’inizio. Si tratta, infatti, di una iniziativa che ha saputo coniugare innovazione culturale e
sociale, con creazione di lavoro e opportunità di crescita professionale per i giovani,
in ambiti poco frequentati ma che offrono occasioni di sviluppo.
La Bottega è un luogo dove apprendere il mestiere di raccontare grazie alla vicinanza e
ai consigli di professionisti della scrittura e della sceneggiatura, grazie alla partecipazione diretta a iniziative produttive. Un modello che riecheggia la bottega rinascimentale dove maestri e allievi lavoravano insieme e si imparava facendo. L’obiettivo è quello di alimentare un vivaio di talenti e uno spazio di idee che possano diventare racconti,
romanzi, film, documentari, copioni teatrali o format televisivi.
La scelta della Fondazione di essere sostenitore attivo di questa fucina creativa si
fonda sulla convinzione del valore della narrazione e della letteratura nelle loro diverse
espressioni, come dell’importanza di investire sulla formazione di giovani talenti. Inoltre, la capacità di combinare formazione e creatività, conoscenza, ideazione e produzione culturale, costituisce l’aspetto innovativo di un’iniziativa che in pochissimi anni
ha saputo strutturarsi e diventare un punto di riferimento nel campo della narrazione.
Le lezioni 2014 della Bottega sono state articolate nelle aree di Fiction, Non Fiction,
Letteratura, Produzioni per bambini e ragazzi, Fumetto e Videogame. Gli alunni, selezionati in base al talento e alle capacità, sono stati in totale sessantotto di cui trentadue, grazie anche al sostegno economico di Unipolis, hanno potuto seguire i corsi in
maniera gratuita tramite delle borse di studio.
Nel corso degli anni, la partnership di Unipolis e Bottega si è rafforzata, anche grazie al coinvolgimento del Gruppo Unipol. A partire dalla fine del 2013, la Bottega ha
sede nel centro di Bologna, in spazi concessi in affitto da Unipol, che ha provveduto
ad adeguarli in accordo con le specifiche esigenze della scuola. Inoltre, Unipol Banca
ha reso disponibili agli allievi finanziamenti agevolati con la possibilità di rateizzare il
pagamento della quota di iscrizione.
Un’altra iniziativa in collaborazione con Bottega Finzioni (che unisce l’associazione
culturale e la società che gestisce la scuola) è stato lo Scriba Festival, che si è svoltosi
dal 7 al 9 novembre a Bologna. Tre giornate con oltre ventitré incontri e dibattiti che
40
la cultura
hanno dato spazio a tutte le professioni della scrittura, con l’idea di realizzare un laboratorio di idee per una nuova riflessione dal vivo sul tema delle scritture di mestiere.
Tema principale di questa terza edizione il punto interrogativo, con l’idea che i quesiti
sono aspetti importanti che fanno parte di ogni aspetto del quotidiano: interviste sui
media, interrogazioni a scuola, test dei colloqui di lavoro, ricerche di mercato, quiz dei
programmi a premi, etc. Esperti, professionisti e pubblico si sono confrontati non solo
su come si scrive un romanzo, un racconto o una pièce teatrale, ma anche su come si
sviluppano alcuni strumenti che fanno parte della vita di tutti i giorni: dai blog di ricette
ai testi radiofonici, passando per gli annunci immobiliari e le previsioni del tempo.
Uno degli incontri, organizzato presso la Libreria Coop Ambasciatori, ha avuto come
tema il linguaggio “assicuratese” con la partecipazione di Andrea Pezzi, Vicedirettore generale Area Commerciale di UnipolSai Assicurazioni, che si è confrontato con lo
scrittore Paolo Nori, dando vita ad una conversazione divertente e utile insieme. Nel
2014 è cresciuta anche la presenza al festival con oltre milecinquecento persone partecipanti alle diverse iniziative.
Tra i progetti di Bottega ai quali la Fondazione ha contribuito, si ricorda anche il “Pronto soccorso narrativo”, un punto d’ascolto per chi ha bisogno di una consulenza per migliorare o sviluppare i propri racconti inaugurato a fine 2013 ed ospitato all’interno del
Museo Reale Farmacia Toschi di Bologna. Oltre cinquanta persone hanno usufruito nel
corso del 2014 del supporto dei volontari dell’Associazione Finzioni.
La partnership con Internazionale a Ferrara
Anche nel 2014 si è rinnovato, per l’ottavo anno consecutivo il primo fine settimana di
ottobre – dal 3 al 5 – l’ormai consueto appuntamento con “Internazionale a Ferrara”,
una tre giorni promossa dall’omonimo settimanale in collaborazione con il Comune e
la Provincia di Ferrara, la Regione Emilia-Romagna e altri partner. Fondazione Unipolis e il Gruppo Unipol hanno confermato una partnership e un sostegno basati sulla
condivisione degli obiettivi della manifestazione, che indaga e stimola riflessioni su
tematiche di grande attualità e rilevanza sociale, economica e culturale.
Tre giorni di dibattiti, proiezioni, mostre e spettacoli completamente gratuiti che hanno portato a Ferrara grandi nomi della cultura e del giornalismo mondiale, che hanno potuto incontrare e confrontarsi con decine di migliaia di persone per la gran parte giovani.
Temi principali di questa edizione sono stati le migrazioni e il cambiamento nella concezione dei confini e delle mobilità del XXI secolo, il terrorismo dall’Iraq alla Libia e Stati a rischio verso la ridefinizione del Medio Oriente. Ma anche questioni connesse alle
trasformazioni economiche e sociali e al ruolo dell’economia sociale e cooperativa, la
legalità e la politica ai tempi dell’antipolitica. Tematiche queste, che sono state al centro delle iniziative che, in accordo con la direzione del festival, sono state organizzate
dalla Fondazione Unipolis.
41
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
L' iniziativa di Unipolis a Internazionale a Ferrara
la cultura
Infatti, oltre ad essere presente con un proprio stand in Piazza Municipale assieme
al Gruppo Unipol e ad Assicoop Modena e Ferrara, la Fondazione ha promosso quattro
incontri: crisi economica, sviluppo sostenibile e ruolo della cooperazione; conoscenza
e impegno contro le mafie in Italia e nel mondo; innovazione sociale e impresa per le
nuove generazioni; la politica e l’antipolitica.
Al Festival ha preso parte anche Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, che è stata ospitata con i prodotti di Libera Terra all’interno dello spazio gestito da
Unipol e da Unipolis, a conferma del sostegno che il Gruppo porta avanti da molti anni a
favore delle cooperative nate sui terreni confiscati ai boss mafiosi.
Ad arricchire il programma dell’edizione 2014 di Internazionale, c’è stata anche la carovana di Libero Cinema in Libera Terra, l’iniziativa di cinema itinerante contro le mafie
promosso da Cinemovel Foundation, di cui Unipolis è partner istituzionale.
Circa 71.000 persone hanno preso parte nel corso dei tre giorni agli oltre 100 incontri
in programma, per un totale di 250 ore fra dibattiti e proiezioni, workshop, laboratori
per bambini ed eventi collaterali, con la partecipazione di 230 ospiti di 45 testate giornalistiche provenienti da 4 continenti e oltre 30 Paesi del mondo.
Il sito dell’opera di Roberto Roversi
Un momento dell'incontro “Dal Sud al Nord. Le nuove mappe della criminalità”
Nell'ambito di Internazionale a Ferrara,
Unipolis ha organizzato tre appuntamenti.
Al primo, sul tema “Uscire dalla crisi.
Persone mutualità e sviluppo sostenibile”
hanno
partecipato
Pauline
Green,
presidente dell’Alleanza internazionale
delle cooperative; Mauro Magatti, docente
di sociologia all’Università Cattolica del
Sacro Cuore di Milano; Pierluigi Stefanini,
presidente di Gruppo Unipol e Fondazione
Unipolis, coordinati da Federico Fubini, La
Repubblica.
L'incontro successivo, “Dal Sud al Nord.
Le nuove mappe della criminalità”, ha preso
spunto dal secondo volume dell’ “Atlante
delle mafie”, con Francesco Forgione, già
presidente della Commissione antimafia,
tra i curatori dell’opera; John Dickie, storico
britannico; Enrico Fontana, direttore di
42
Libera, Walter Dondi, direttore di Unipolis;
Attilio Bolzoni, La Repubblica. Presso il
Teatro Comunale si è svolta l’iniziativa “La
politica al tempo dell’antipolitica. Una
conversazione sul futuro della democrazia
e le nuove forme di partecipazione” con
Laura Boldrini, presidente della Camera,
e Ilvo Diamanti, docente all’Università di
Urbino, intervistati da Eric Jozsef, Libération.
L’ultimo giorno del Festival si è discusso
di “Futuro presente. Giovani tra impresa e
innovazione sociale” con Jonathan Ortmans,
Kauffman Foundation (USA); Anna Fiscale,
presidente QUID; Mattia Corbetta del
Ministero dello Sviluppo Economico; Filippo
Addarii, Young Foundation; Giacomo D’Arrigo,
direttore Agenzia Giovani; Walter Dondi,
Unipolis; Massimo Sideri, Il Corriere della
Sera.
La Fondazione ha continuato a sostenere il progetto culturale online dedicato al poeta
Roberto Roversi anche nel 2014. Il sito www.robertoroversi.it – nato nel gennaio 2013
su iniziativa del Comune di Bologna con la cura delle Edizioni Pendragon e il sostegno
di Unipolis e Coop Adriatica –si propone di rendere accessibile la vasta produzione culturale del poeta.
Attraverso una piattaforma web, si offre gratuitamente a chiunque lo desideri la
possibilità di consultare e leggere tutte le sue poesie, romanzi, testi narrativi e teatrali,
articoli per quotidiani e riviste, canzoni, saggi critici e testi introduttivi. Una vastissima
quantità di materiale che va a costituire un archivio unico in Italia, soprattutto perché
del tutto libero da ogni diritto d’autore.
Il progetto rappresenta un omaggio e un doveroso ricordo nei confronti di una straordinaria figura di intellettuale. Inoltre, la scelta di usare la rete come archivio aperto e
libero, è coerente con la vita e l’attività di Roversi, che ha promosso e diffuso la cultura
al di fuori delle più consolidate e tradizionali logiche del sistema editoriale.
Unipolis, da tempo impegnata in progetti che promuovono l’accessibilità alla cultura
da parte delle persone che hanno più difficoltà a goderne, ha ritrovato in questa iniziativa una forte sintonia con la propria volontà di favorire lo sviluppo della conoscenza e
della capacità critica a pubblici nuovi e sempre più vasti.
Nel corso dell’anno sono state realizzate numerose iniziative pubbliche dedicate
alla produzione letteraria di Roversi, sono state edite diverse opere dello stesso poeta
43
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
per iniziative della Pendragon, così come sono stati presentati volumi sulla sua attività
editoriale. Il sito costituisce anche da questo punto di vista una vera e propria miniara
culturale. Infatti, si possono trovare ben 694 diversi file di testi; tra questi, volumi di
centinaia di pagine come di semplici poesie sparse.
Sul sito si trova inoltre la bibliografia completa delle edizioni Palmaverde, creatura
preziosa di Roversi, nonché una galleria fotografica e diversi file audio. Il sito ha peraltro incontrato un crescente interesse di pubblico, specializzato e no.
Nel corso del biennio 2013/14, da quando cioè è stato messo online, è stato visionato
da oltre 31 mila utenti unici, che hanno visualizzato circa 140 mila pagine di testo.
"Obiettivi sul lavoro"
La Fondazione Unipolis è stata tra i sostenitori del concorso cinematografico “Obiettivi sul lavoro – storie dal mondo della conoscenza”, promosso da UCCA - Unione dei
Circoli Cinematografici dell’ARCI, Flc-Cgil e Arci.
L’edizione 2013/14 è stata dedicata alle storie dei lavoratori impiegati nel campo della
cultura e della conoscenza: la sfida proposta ai video maker è stata raccontare per immagini sia gli aspetti più critici e problematici – come la disoccupazione, le varie forme
di precariato e l’assenza di tutela e diritti – sia le esperienze positive che creano nuove
opportunità di lavoro, come l’auto imprenditorialità o le nuove forme di impresa.
Al concorso, che si è chiuso il 31 gennaio 2014, hanno partecipato oltre 40 opere che
sono state valutate da una giuria composta da: Enrico De Caro, Ermanno Detti, Agostino Ferrente, Arcangelo Ferri, Gabriella Gallozzi, Fabio Mancino, Costanza Quatriglio,
Giancarlo Visitilli e Aldo Zappalà.
La commissione ha selezionato le prime tre opere, alle quali sono andati i premi rispettivamente del valore di 4, 3 e 2 mila euro. È stato assegnato anche un Premio Speciale Unipolis del valore di 2 mila euro per filmaker under 35, che è andato a“The Solitude of the Startupper” di Gabriele Veronesi e Stefano Villani, corto che racconta la
storia di due giovani imprenditori italiani.
La serata di premiazione si è svolta il 27 febbraio 2014 presso la Casa del Cinema di
Roma, alla presenza di organizzatori, sostenitori e dei registi delle opere selezionate.
Le opere vincitrici sono state inoltre distribuite e proiettate nei circoli UCCA e Arci e
nelle sedi della Cgil, nelle università, nelle scuole in occasione di iniziative speciali, al
fine di garantire loro visibilità e una circolazione nazionale.
La presenza al Salone dell’Editoria Sociale
La Fondazione Unipolis ha rinnovato il proprio sostegno al Salone dell’Editoria Sociale
anche per il 2014. L’iniziativa si è svolta a Roma dal 16 al 19 ottobre presso la sede di
44
la cultura
Porta Futuro, su iniziativa de “Gli asini”, Comunità di Capodarco, Redattore Sociale, “Lo
Straniero”, Edizioni dell’Asino e “Lunaria”.
Il Salone vuole essere un luogo, fisico e metaforico, di incontro per chi opera nei mondi
del sociale e dell’editoria. Scopo della manifestazione è,infatti,quello di favorire l’interazione e il confronto tra le case editrici che si occupano di volontariato, lavoro sociale
e culturale, con il pubblico interessato a questi temi.
La sesta edizione del Salone è stata dedicata a “L’Europa in cammino”, per riflettere sui
deficit dell’Europa attuale e sulle risorse con cui costruire un nuovo spazio europeo democratico e inclusivo, a partire dalla questione della giustizia sociale. Sono stati più di
40 gli incontri organizzati, tra tavole rotonde, dibattiti, presentazioni di libri, video e
letture musicate.
Nell’ambito del programma, Unipolis ha promosso il confronto “L’Europa tra crisi e insicurezza e disuguaglianze”. Moderati dalla giornalista Roberta Carlini, sono intervenuti Fabio Bordignon – politologo di Demos & Pi, Antonio Nizzoli – direttore Osservatorio di Pavia, Maurizio Franzini – Università La Sapienza di Roma.
La partecipazione a "Strati della Cultura"
Dall’11 al 13 dicembre, la Fondazione Unipolis ha partecipato a Ferrara a Strati della Cultura, l’appuntamento annuale che l’Arci organizza per confrontare le proprie proposte
sulla promozione culturale con il mondo delle istituzioni, delle associazioni, della politica e della cultura.
Due giornate per riflettere assieme sul ruolo essenziale della cultura per dare alle persone gli strumenti per capire, ragionare e partecipare alle scelte che riguardano il proprio futuro.
La settima edizione è stata incentrata sulle politiche a sostegno della cultura come opportunità di lavoro per i giovani, nonché come volano per la rigenerazione delle città e
delle loro comunità.
Nell’ambito del programma, durante l’incontro “Meraviglioso urbano. Cultura e rigenerazione urbana”, il direttore di Unipolis Walter Dondi ha presentato il bando “culturability – spazi d’innovazione sociale”.
Amiex La Fondazione Unipolis, insieme a CUBO – Centro Unipol Bologna, è stata tra i sostenitori di Amiex – Art&Museum International Exhibition Xchange, manifestazione che
si è tenuta l’11 e il 12 marzo 2014 presso il Centro Congressi Lingotto di Torino. Amiex,
promosso dalla Fondazione Industria e Cultura, è stato un marketplace tra il mondo della cultura e quello dell’impresa, per lo sviluppo, lo scambio e la co-produzione di eventi
45
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
culturali e mostre. L’iniziativa è stata anche un’opportunità di formazione sui temi e le
case history più innovative, grazie al ricco calendario di conferenze e workshop dove
si possono incontrare istituzioni culturali nazionali e internazionali, aziende innovative
nel settore delle mostre, curatori e professionisti.
Nell’ambito del programma, Unipolis ha organizzato l’incontro “Promuovere nuove
imprese culturali e creative per favorire lo sviluppo e la nuova occupazione”, per raccontare il percorso del bando “culturability – fare insieme in cooperativa”. All’appuntamento hanno partecipato due delle giovani imprese vincitrici e Alessandro Bollo della
Fondazione Fitzcarraldo.
Il documentario su Stefano Tassinari
Unipolis ha contribuito alla realizzazione del film-documentario “Tass, storia di Stefano Tassinari”, realizzato dal regista Stefano Massari. Il documentario, promosso
dall’associazione culturale Carta Bianca, racconta la vita e le opere del giornalista,
scrittore e autore teatrale che ha fatto dell’impegno civile il tratto distintivo della sua
attività culturale.
Il film è stato presentato in anteprima l’11 giugno 2014 al Cinema Lumière di Bologna,
nell’ambito della decima edizione del Biografilm Festival, la manifestazione internazionale interamente dedicata alle biografie e ai racconti di vita, di cui il Gruppo Unipol è
main partner.
46
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
“culturability/fare insieme in cooperativa”
ADDLAB
SOCIETÀ COOPERATIVA
Sede: Bari
Soci: Graziana Cito, Nicoletta Guarini, Anna Lisa Manicone
“culturability/
fare insieme in cooperativa”
Ecco come
le quindici imprese, nate con il bando
“culturability/fare insieme in cooperativa”,
promosso nel 2013 da Fondazione Unipolis,
raccontano il loro primo anno di lavoro
Fare impresa ‘cooperativa’ al sud e provare a
realizzare il sogno imprenditoriale di tre giovani donne: la storia di ADDLab, una startup
ad alto tasso culturale.
designer. La mission di ADDLab è quella di diventare punto di riferimento per la formazione
sui temi del design e del 3d printing all’interno
del territorio pugliese.
ADDLab è una start up innovativa, nata a febbraio 2014 in forma cooperativa, che si occupa
di artigianato sia manuale che digitale, progettazione e product design, ricerca, formazione,
offrendo anche un servizio di prototipazione
rapida.
ADDLab è attualmente attivo nel campo del
product design e per questo motivo le sue fondatrici hanno deciso fin da subito di affiancare
alle attività culturali lo sviluppo di una linea di
oggetti legati al brand Volo Creativo. I prodotti
nascono da uno studio sulle tecniche, tradizionali e innovative e da un uso sapiente dei
materiali. L’attenzione per l’ambiente e lo studio della forma sono alla base della ricerca su
materiali e nuovi metodi di produzione.
Nel primo anno di attività sono stati fatti partire i servizi di consulenza, progettazione su
richiesta e service di stampa 3d anche grazie
all’acquisto di due stampanti con tecnologia
Fdm. La clientela è fortemente differenziata:
l’utente meno esperto si è affidato al laboratorio per la realizzazione di pezzi di ricambio
oppure gadget personalizzati, mentre maker e
designer hanno potuto realizzare i propri prototipi di studio.
Nell’area metropolitana di Bari, ADDLab si sta
imponendo come realtà in ascesa anche nel
campo della formazione. A Maggio 2014 la cooperativa è stata selezionata per organizzare
il Laboratorio dal Basso ‘Forme alla Deriva –
Nuove frontiere dell’artigianato’, un percorso
di apprendimento aperto a studenti e giovani
48
Il progetto è stato selezionato per la partecipazione a importanti manifestazioni a livello regionale e nazionale. A Settembre 2014
ADDLab è stata ospitato all’interno del Padiglione dell’Innovazione della Regione Puglia
alla 74 Fiera del Levante di Bari. A Ottobre
la cooperativa ha preso parte al più grande
evento dedicato all’innovazione tecnologica al
mondo, Rome Maker Faire – European Edition.
A Marzo 2015 ADDLab è stata ospitata come
green maker all’interno dell’evento “Fa’ la Cosa
Giusta – Fiera Nazionale del Consumo critico
e degli stili di vita sostenibili” organizzata a
Milano.
49
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
ARCHITETTI EMERGENTI
SOCIETÀ COOPERATIVA
ATTA LAB
SOCIETÀ COOPERATIVA
Sede: Reggio Calabria
Soci: Sergio Ceravolo, Giuseppe Rudi, Simone Vartolo
Nasce nel febbraio 2014 la Architetti Emergenti Soc. Coop., startup culturale che opera
nei settori del marketing, della comunicazione
e dei servizi per i professionisti operanti nel
settore dell’architettura, sia a livello nazionale
che internazionale.
La startup si occupa principalmente di un
progetto: il professional network, dedicato
a studenti d’architettura, giovani architetti e
designer, inizialmente chiamato Architettiemergenti.com e che oggi si chiama Arqoo.com.
La nuova versione del network è frutto di un
anno intenso di lavoro (da febbraio 2014 a
febbraio 2015) che ha visto impegnato i fondatori Simone, Giuseppe e Sergio, insieme
ai nuovi membri della redazione di Architetti
Emergenti Soc. Coop.: Andrea Bartucciotto,
Antonino Baronetto, Francesco Belligerante,
Fortunato Vazzana e Giuseppe Falcone.
Numerose sono state le attività svolte in questi
12 mesi e si possono riassumere come segue:
• P
artecipazione a fiere di settore: Saie 2014
a Bologna Fiere, per la commercializzazione
del network e la pubblicizzazione dei servizi
della soc. coop., tra i quali advertising per
aziende
• R
ealizzazione di 2 contest a premi, su temi
vari di architettura: il primo sugli Spazi
Pubblici, vinto da Maria Chiara Virgili con la
consegna di una monografia tecnica, e il secondo sui progetti dedicati allo Sport, vinto
50
“culturability/fare insieme in cooperativa”
dai ragazzi di Re-Lab con la consegna di un
soggiorno-studio
• P
ubblicazione di 4 magazine dedicati ai
progetti migliori del network: i temi sono
stati Industrial Space, Urban Regeneration
& Green Architecture, Sport e Public Space
• R
ealizzazione di circa 30 interviste a giovani
studenti e talenti emergenti dell’architettura italiana, che si sono fatti valere anche in
competizioni e concorsi su scala internazionale e/o che si misurano sui mercati esteri.
Il network è sempre aggiornato con le ultime
novità nel campo dell’architettura, al fine di
creare per gli utenti una rete dove poter crescere, farsi conoscere e trovare collaborazioni
lavorative.
Attualmente si sta lavorando alla redazione di
un nuovo prodotto editoriale: “le guide di Arqoo: giovani architetti per il mondo”, che vuole
essere una guida di riferimento per tutti gli architetti e gli studenti che lavorano in differenti
paesi, o vogliono trasferirsi in un paese diverso per cercare nuove opportunità.
Dopo la pubblicazione del primo numero della
guida – sul Regno Unito – usciranno nei prossimi mesi quelli dedicati ad Olanda, Australia,
Cina e Usa.
Nel 2015, infine, saranno lanciati quattro contest a premi e verranno pubblicati nuovi numeri del magazine.
Sede: Reggio Calabria
Soci: Elisabetta Calamela, Chiara Fucà, Stefano Gioda
SPARK! è un’applicazione interattiva nata per
raccontare le ultime scoperte scientifiche e le
nuove tecnologie ai bambini (dai 8 anni in su)
attraverso un coinvolgente gioco d’avventura.
Il bambino attraverso il gioco svilupperà: la capacità di scoprire e interpretare la realtà con
la fantasia e l’immaginazione, la passione per
la scienza e la scoperta, la capacità di problem
solving creativo.
“Concorso delle Idee” promosso da StartCup
Piemonte Valle d’Aosta.
SPARK! si rivolge anche ai genitori, al Ministero delle istruzioni e alle scuole, per innovare la
proposta didattica e aiutare gli insegnanti a far
appassionare i propri alunni allo studio della
scienza e delle nuove tecnologie.
Attualmente lavorano alla realizzazione di
SPARK! il consulente scientifico Andrea Bernagozzi – ricercatore all’Osservatorio astronomico di Aosta – e l’app developer Giovanni
Bedetti.
Il primo anno di attività ha visto inizialmente la
costituzione della cooperativa ATTA LAB, nata
per realizzare il progetto SPARK!.
Una volta formato il team, si è cominciato a
progettare la versione beta di SPARK!. Grazie alla consulenza scientifica di Andrea Bernagozzi, è stata scelta la prima scoperta che
verrà raccontata (i pianeti extrasolari), e si è
proceduto alla redazione delle storytelling.
Insieme all’app developer è stato elaborato il
piano delle interazioni di cui si comporrà il gioco e attualmente sono in lavorazione la progettazione grafica e la programmazione della
versione IOS dell’applicazione.
Nella fase iniziale, l’attività si è concentrata
sull’esigenza di sondare il terreno tra i potenziali futuri clienti per poter definire e strutturare al meglio l’idea progettuale. Sono stati
coinvolti diversi docenti di scuole elementari
e medie di Torino e provincia, per capire come
e in che modo fossero utilizzati gli strumenti
tecnologici.
Sulla base delle informazioni raccolte, si è
proceduto all’elaborazione del Business Plan,
con la collaborazione dell’incubatore del Politecnico di Torino (i3p), grazie alla selezione al
In seguito, l’attività si è rivolta alla ricerca di
collaboratori per creare un team utile allo sviluppo del progetto, contattando i ricercatori
italiani del Cern di Ginevra, della Sorbona di
Parigi e del dipartimento di Geoscienze dell’Università di Padova.
Gli obiettivi, nei prossimi mesi, saranno quelli
di terminare queste attività e di effettuare una
fase di testing e promozione tra le famiglie e
nelle scuole, realizzando nel contempo la versione in inglese e in francese dell’applicazione.
51
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
BEESIDE
SOCIETÀ COOPERATIVA
BIGBANG
COOPERATIVA SOCIALE
Sede: Napoli
Soci: Valerio D’Ambrosio, Marco Serafini, Ilaria Stefanini
Sede: Bologna
Soci: Alessandra Carta, Gennario Iorio, Kristian Mancinone, Ottavia Spaggiari
BeeSide – social storytelling è una coperativa
di produzione video e social media marketing
che eredita la lunga esperienza dei suoi soci
fondatori, Ilaria Stefanini, Valerio D’Ambrosio,
Marco Serafini, nel settore audiovisivo e di
comunicazione. È specializzata nel soddisfare
le esigenze di imprese, istituzioni, enti profit e
no-profit che intendono servirsi dal mezzo audiovisivo, di Internet e dalle nuove tecnologie
digitali per raccontare la loro storia ai propri
stakeholders. Affianca alla produzione video
di alta qualità, la comunicazione e la distribuzione a 360°, con un’attenzione particolare
alle nuove strategie di storytelling su media
tra loro correlati (cross-media).
Ogni prodotto di BeeSide è infatti realizzato
secondo standard qualitativi cinematografici,
con mezzi altamente tecnologici e strumentazioni all’avanguardia. BeeSide produce video
in 4k UltraHD, risoluzione adottata nel cinema
digitale e corrispondente al doppio della definizione del FullHD. I movimenti di macchina,
l’attenzione alla fotografia, al coloring, al suono in presa diretta rappresentano dei marchi
di fabbrica di BeeSide.
BeeSide produce corporate video, spot e
branded documentary (documentari che comunicano, attraverso il racconto di storie, i
valori e l’identità del brand). La sua offerta è
rappresentata da un prodotto innovativo che
risponde all’esigenza delle imprese di comunicare in maniera efficace e approfondita, e
rafforzare la relazione tra il brand e le storie
ad esso legate.
• L
a più bella d’Europa (spot 90’’), spot-videoclip dedicato alla promozione della Metropolitana dell’Arte di Napoli, la cui stazione
Toledo è stata insignita del riconoscimento
di “stazione della metropolitana più bella in
Europa”
Il prodotto proposto risulta un’efficace sintesi in grado di penetrare sulle emergenti
piattaforme distributive legate ad Internet
e ai social media, integrate alla distribuzione
tradizionale (broadcast nazionali ed internazionali), grazie a un racconto coinvolgente e
accattivante. Il punto di forza delle produzioni di BeeSide è rappresentato dall’attenzione
alla qualità audiovisiva.
52
“culturability/fare insieme in cooperativa”
Dopo la costituzione della cooperativa e la
messa a punto del comparto tecnico, BeeSide
ha avviato la propria attività nell’autunno 2014
con due produzioni in fase di lancio:
• C
atacombe di Napoli (spot 45’’), spot video
per la promozione della location e delle visite guidate di uno dei luoghi più suggestivi
e misteriosi di Napoli: le Catacombe di San
Gennaro.
Attualmente sta realizzando progetti di video-storytelling dedicati alla valorizzazione
dei beni artistici e culturali e prodotti agroalimentari tipici del territorio, nonché un progetto di coproduzione internazionale che prevede
il coinvolgimento di Italia e Olanda.
La società cooperativa sociale BigBang ha
come obiettivo principale l’accessibilità e la
fruibilità da parte di soggetti con disabilità
sensoriali (prevalentemente non vedenti) di
prodotti e servizi culturali e ad alto contenuto
tecnologico. La sua mission è rendere accessibile un universo di emozioni, coinvolgendo
direttamente gli utenti nel processo di creazione e fruizione dei contenuti.
collaborazione con la società SoundVision
di Milano), realizzata nel mese di settembre
2014. Lo sviluppo delle attività è comunque
proseguito nel corso del 2014 con il processo
di revisione di alcuni script già in parte realizzati, portando a termine la revisione di circa
10 film. Parallelamente, si stanno sviluppando
delle collaborazioni con l’Università di Padova
e con la startup Movieday.
Il progetto della cooperativa nasce dall’esperienza maturata grazie a Film Voices, che
intende rendere accessibile la fruizione dei
prodotti audiovisivi a spettatori non vedenti e
ipovedenti attraverso la produzione di audiodescrizioni.
Nel campo della formazione, la cooperativa
ha avviato il primo corso di lettura espressiva
in collaborazione con l’attrice e doppiatrice
Margaret Collina. La peculiarità del corso era
la compresenza di soggetti vedenti e non vedenti. Il percorso ha avuto un ottimo successo,
con la copertura totale dei 15 corsi disponibili
e per il 2015 sono programmati altri corsi di
formazione.
Nel corso degli anni, abbiamo realizzato le
audiodescrizioni e organizzato (grazie ad una
collaborazione con la Cineteca di Bologna) le
proiezioni accessibili di due film italiani: Benvenuti al Sud e Boris.
La cooperativa si è costituita nel mese di maggio del 2014, ed ha ricevuto il riconoscimento
come startup innovativa a vocazione sociale a
luglio. L’attività della cooperativa si è avviata
tramite il contatto con le case di distribuzione
più importanti in Italia, al fine di stringere accordi di collaborazione.
L’attività commerciale non è stata semplice, e
ha permesso che venisse realizzata una sola
audiodescrizione (il film American Hustle, in
Grazie al supporto di Fondazione Unipolis, la
cooperativa ha inoltre partecipato a “Rimozioni”, seminario per giornalisti che si occupano di
tematiche del sociale, organizzato presso la
Comunità di Capodarco da Redattore Sociale,
a fine Novembre 2014; e a “Fatti di Cultura”, festival per imprese ed organizzazioni culturali
organizzato a Mantova ad ottobre.
È stata infine presente a Tech4Social, organizzato a giugno da Pedius presso Working Capital a Bologna, momento di condivisione delle
nuove tecnologie per il sociale.
53
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
CODE0039 - COOPERATIVA DESIGNER ITALIANI
SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA
CURVILINEA
SOCIETÀ COOPERATIVA
Sede: Lanciano (CH)
Soci: Dante Antonucci, Laura Crognale, Stefania Quintili, Alessandro Zuppa
Sede: Cisliano (MI)
Soci: Alessandro Cattaneo, Maria Cristina Cattoni, Filippo Francesco Favale, Riccardo Moschetti
CODE0039 è una cooperativa che ha come
mission lo sviluppo di una rete di giovani designerCODE0039, attraverso la progettazione
e lo sviluppo di oggetti di design Made in Italy,
sostenibili e accessibili.
Le attività svolte durante il primo anno di vita
della cooperativa sono state diverse:
• R
istrutturazione della sede fisica, realizzata
in collaborazione con lo studio [Arch]2, per
poter lavorare in molti ed avere lo spazio necessario per sviluppare prototipi e archiviare
campioni e materiali. Tale sede diventerà la
vetrina del laboratorio pensato come “open_
office_lab”, luogo permeabile ed eterogeneo
per giovani emergenti che vogliano lavorare
in maniera integrata e multidisciplinare.
della regione Abruzzo nell’ambito della Sovvenzione Globale Più Ricerca e Innovazione – P.O.R. Abruzzo FSE Ob Competitività
regionale e occupazione – 2007-2013 – Progetto speciale multiasse, finalizzato alla
creazione di una comunità della conoscenza
mirata alla crescita imprenditoriale e allo
sviluppo regionale
c ) Selezionati da GAI per la partecipazione a
Young Artists Biennale Milano 2015 Concept
XXVII edizione No Food’s Land – il mondo
dopo l’Expo, un evento internazionale multidisciplinare promosso da Bjcem e Comune di
Milano che si svolgerà presso la Fabbrica del
Vapore, via Procaccini 4, dal 22 al 25 ottobre
2015 e che prevede la partecipazione di oltre
300 artisti.
• Partecipazione ai concorsi:
a ) Concorso Nazionale di design DAB V promosso dall’Assessorato alla Cultura di Modena, Ministero dei beni e delle attività culturali
e del Turismo e Segreteria Associazione GAI.
La Cooperativa è stata selezionata ed ha
avuto la possibilità di esporre i propri prodotti presso il MAXXI di Roma dal 16 dicembre al 10 gennaio 2015; a marzo presso il museo Ettore Fico di Torino, per poi proseguire
il tour alla Fondazione Fotografia presso il
Foro Boario di Modena e infine al castello di
Acaja a Lecce.
) Bando regionale “più ricerca e innovab
zione”: selezionati tra le startup innovative
54
“culturability/fare insieme in cooperativa”
• P
romozione del bando di concorso “CODEforDESIGNERS” in collaborazione con Gapec, per individuare i giovani designer auto
produttori che entreranno a far parte della
rete e potranno commercializzare i loro prodotti attraverso i canali di distribuzione di
CODE.
• P
artecipazione, dal 13 al 15 marzo 2015, a «Fa
la cosa giusta» a Milano, fiera nazionale del
consumo critico e degli stili di vita sostenibili. La Cooperativa ha presto contatti con
rivenditori e organizzatori di eventi di design,
con i quali sta prendendo accordi per future
collaborazioni.
Curvilinea, costituita come cooperativa a
febbraio 2014, ha per oggetto sociale la divulgazione scientifica, in particolare della
matematica. Diverse ricerche e l’esperienza diretta hanno messo in luce l’esigenza di
nuovi linguaggi per parlare ai ragazzi delle
materie di studio e la necessità di strumenti
che supportino la didattica e che la avvicinino
maggiormente alle esperienze concrete degli
studenti. Curvilinea propone i propri servizi
al fine di superare l’atteggiamento critico nei
confronti della matematica.
so il Liceo Scientifico Lussana di Bergamo, in
occasione del Festival BergamoScienza (3-19
ottobre 2014).
Durante il 2014 e i primi mesi del 2015, la cooperativa ha ideato e realizzato nuove proposte di divulgazione matematica per le scuole
e il grande pubblico, oltre ad aver preso parte
a diversi eventi scientifici di grande richiamo
come la mostra “MaTeinItaly” esposta alla
Triennale di Milano o il Festival della Scienza
di Genova.
In ottobre, la cooperativa è stata invitata a
Bolzano, presso il Museo di Scienze Naturali
dell’Alto Adige, per proporre un laboratorio di
cartografia (dal titolo “Disegniamo il mondo!”)
nell’ambito della rassegna annuale KidScience.
Tre le nuove proposte, in particolare, Curvilinea
ha realizzato una mostra didattica dal titolo “A
che ora passa il mio autobus?”, per presentare
la probabilità e la statistica con esempi pratici.
La mostra è stata esposta in anteprima al Festival della Scienza di Genova (24 ottobre - 2
novembre 2014) e riproposta a Pavia nel marzo
2015 con il patrocinio del Comune.
Sempre nel corso del 2014, Curvilinea ha
esposto la mostra “Rette… Rotonde?!” pres-
Questa stessa mostra è stata poi esposta
a dicembre 2014 presso l’Istituto Superiore Torricelli di Milano. In entrambi gli istituti
scolastici, la cooperativa ha organizzato dei
brevi percorsi di formazione per permettere
agli studenti di vestire i panni degli “animatori
scientifici” e di essere le guide delle visite dei
propri compagni di scuola.
Da ultimo, due installazioni multimediali realizzate da Curvilinea sono state esposte presso la Triennale di Milano, alla mostra “MaTeinItaly” (14 settembre - 23 novembre 2014).
Oltre a queste attività, i soci di Curvilinea sono
stati invitati a partecipare come speaker in
alcune conferenze presso dei complessi scolastici o università.
Nel corso del 2015 la cooperativa è orientata al
consolidamento delle collaborazioni già avviate con diversi istituti scolastici e ha in fase di
avvio diversi nuovi progetti (tra cui una nuova
mostra e nuovi laboratori per le scuole).
55
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
FRONTIERE
SOCIETÀ COOPERATIVA
GREETINGS FROM ALGHERO
SOCIETÀ COOPERATIVA
Sede: Roma
Soci: Lorenza Di Lorenzo, Luca La Gamma, Joshua Evangelista, Valerio Evangelista
Sede: Alghero (SS)
Soci: Rosaria Agueci, Marta Pettinau, Sara Pettinau, Antonio Ragnedda
a Cooperativa Frontiere nasce a Roma, nel
L
marzo del 2014, come proseguimento delle
attività dell’omonima associazione che negli
anni si è contraddistinta per la promozione
dell’intercultura, sviluppando le sue attività in
quattro settori: editoria multimediale, turismo
responsabile, organizzazione di eventi e formazione. Cassa di risonanza delle attività della Cooperativa è Frontierenews.it, magazine
online che si occupa di intercultura, cooperazione, diritti umani e sostenibilità sociale e che
conta centinaia di migliaia di visite ogni mese.
e attività della cooperativa, fra aprile 2014 e
L
febbraio 2015, sono state le seguenti:
Nel campo dell’editoria:
• p
er l’Istituto Studi Politici Internazionale
impaginazione, grafica, messa in e-book,
stampa e promozione web dei seguenti
volumi: “Home-grown jihadism in Italy”, “Il
jihadismo autoctono in Italia”, “Scommettere sull’Africa emergente”, “Oltre la Crimea”,
“New patterns of Jihadism”.
In ambito di organizzazione di eventi:
56
“culturability/fare insieme in cooperativa”
• o
rganizzazione della tappa romana, all’interno del tour europeo per la presentazione
dell’album “Amazonia”, dei Doctor Krapula,
celebre band ska latinoamericana.
• m
edia partnership nell’annuale evento Batang Idol, che riunisce le più belle voci bianche tra i figli dei migranti filippini a Roma
• o
rganizzazione dell’incontro “L’amore è una
parola” insieme alla giornalista e saggista
Maria Serena Palieri e alla poetessa albanese Anilda Ibrahimi
• m
edia partnership nella presentazione del
dossier “Cittadinanza chiama, Italia rispondi!”, realizzato dalla ReteG2
Per quanto riguarda corsi e workshop:
• r ealizzazione di un workshop di cucina afghana, con il cuoco Shadamgul Zadran che
ha raggiunto l’Italia anni fa come rifugiato
• realizzazione di un corso di fotografia, in
ambito di mediazione culturale, con il fotografo Stefano Romano
• p
resentazione del libro “Stella d’Africa”, edito da Corallo Editore. L’evento, realizzato in
Campidoglio, ha visto anche la partecipazione di Dino Zoff e dell’attore Jonis Basci
• r ealizzazione di un workshop di riciclo insieme all’artigiano Marco Lucino
• ideazione
e realizzazione di “Altromondiale”:
musica e gastronomia all’interno del Festival
Eutropia - presso la Città dell’Altra Economia
• scambi interculturali Erasmus in Georgia,
Slovacchia, Spagna, Romania, Ucraina e Lituania fra aprile e agosto 2014.
In tema di turismo responsabile:
La cooperativa culturale Greetings from Alghero nasce il 27 gennaio 2014 e la sua mission
è quella di sviluppare ad Alghero un incubatore diffuso di artisti emergenti e giovani designer sardi attraverso la creazione di una rete
di atelier e l’offerta di servizi mirati.
spazio di trenta metri quadri, nel centro storico di Alghero. Grazie a questa concessione
temporanea, la cooperativa attiva il primo atelier AHO – Art Hub Observatory. Pubblicato il
bando, il 15 ottobre 2014, Greetings from Alghero annuncia i primi due artisti selezionati.
Tra i primi interlocutori, il Dipartimento di
Architettura, Design e Urbanistica di Alghero, che, tra marzo e luglio 2014, caldeggia la
creazione di Recucity, un network informale
di giovani realtà locali per la riconquista dello
spazio pubblico e la riattivazione di luoghi urbani in disuso. Causa vedute differenti la rete
si sfalda, ma per la cooperativa si configura
come un’ottima occasione di confronto e di
costruzione di relazioni.
Con l’intento di raccontare passo dopo passo
il loro percorso all’interno dell’atelier, la cooperativa inventa ARTIcolazione, una colazione
un sabato al mese, pensata come momento
informale di incontro e scambio tra artisti e
cittadinanza.
Tra marzo e ottobre 2014, Greetings from
Alghero sviluppa un progetto condiviso di ricognizione sulla ricerca artistica algherese
con Botigueta, una giovane associazione di
imprenditori. L’esito è Posidoniae, una mostra
diffusa con ventiquattro artisti. La cooperativa si occupa di sviluppare il progetto, dal concept curatoriale alla scelta degli artisti e delle
opere da esporre, dalla cura degli allestimenti
e degli apparati didascalici, alla comunicazione e alla documentazione fotografica.
A settembre 2014, l’amministrazione comunale consegna alla cooperativa le chiavi di uno
Durante la permanenza dei due artisti, la cooperativa si occupa di seguire i progressi del
loro lavoro e di affiancarli con consulenze,
aggiornamenti periodici, studio visit e mentoring con professionisti. Alla fine di gennaio, la
cooperativa organizza e cura la mostra di fine
atelier.
A febbraio, infine, Greetings from Alghero,
attiva il primo laboratorio di creatività partecipata: Officina di fotoracconto, un workshop
di reportage e fotogiornalismo in tre giornate,
organizzato in collaborazione con gli autori
di Blogamarì. Prossimamente, la cooperativa
lancerà il sito web e GREEN THINGS, nuovo
settore della cooperativa dedicata allo sviluppo di progetti di sostenibilità ambientale e di
riciclo creativo
57
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
IOOP
SOCIETÀ COOPERATIVA
KW COOP
KILOWATT SOCIETÀ COOPERATIVA
Sede: Bergamo
Soci: Cristian Bonanomi, Rosanna Camagni, Diego Chierichetti, Gianfranco Garipoli, Roberto
Rota, Olga Stopazzolo, Fabio Valle, Sara Vavassori
Sede: Bologna
Soci: Lorenzo Burlando, Valentina Ceccarelli, Massimo Tiburli Marini
Ioop è una cooperativa che focalizza la sua attenzione sui modi in cui le forme di visualizzazione 2d e 3d possono mettersi in sinergia con
progetti e processi di partecipazione. Questo
principio si traduce in due linee di attività che
durante questo primo anno, a partire dalla
costituzione e dall’apertura, Ioop ha cominciato a strutturare: un percorso commerciale,
caratterizzato dal fornire una serie di servizi
tra grafica, video, web e modellazione e un’attenzione più specificamente “socio-culturale”,
legata alla costruzione di progetti autonomi e
in sinergia con altre coop o realtà associative.
Il primo percorso prevede al momento in tre
attività con tre diversi clienti, i cui proventi andranno a costituire il fondo per sviluppare, tra
qualche mese, il secondo filone, che si compone al momento di due progetti:
• la costruzione di una piattaforma per la visualizzazione di dati e caratteristiche terri-
58
“culturability/fare insieme in cooperativa”
toriali che fornisca strumenti di net-working
per processi partecipativi volti allo sviluppo
di economie creative (la beta version sarà
pronta presumibilmente per settembre)
• la costruzione di un osservatorio sulle realtà emergenti alternative in ambito sociale
ed economico, che metterà a disposizione
i dati e le connessioni visualizzate in forme
artistico-infografiche (già attivato, online
tra 4 mesi circa)
I tempi per lo sviluppo sono stati un po’ più lunghi
del previsto, a causa della complessità dei processi messi in atto e dell’impossibilità di fornire
compensi continuativi agli 8 membri della coop,
che si trovano tutti, per il momento, impegnati in
attività parallele. Per tale motivo stiamo attualmente lavorando sullo sviluppo dei nostri strumenti di comunicazione e sulla ricerca di ulteriori
forme di finanziamento. Nel corso di quest’anno
è inoltre nato il sito www.ioop.it
Kilowatt si configura come un nuovo modo di
concepire il lavoro, basato sulla condivisione
della conoscenza, dei network, degli spazi, degli strumenti e dei servizi, sull’empowerment
delle persone e su un modello di welfare dal
basso capace di conciliare la figura del genitore con quella del professionista. Un modello
innovativo di acceleratore di idee ad alto valore sociale ed ambientale, poiché è animato
da una rete di imprese, liberi professionisti,
progettisti e associazioni, e mette a valore le
competenze di ciascuno per la crescita professionale di tutti.
La cooperativa ha l’obiettivo di stimolare la
nascita di nuove opportunità di lavoro, nuove
collaborazioni professionali e relazioni sociali,
nuovi spazi di inclusione e di socialità, grazie
ad attività di facilitazione concreta per chi
vuole fare impresa, per mamme e padri freelance, per chi ha delle idee innovative. Il tutto
in un luogo di confronto culturale e di contaminazione tra gli innovatori e la cittadinanza, il
mondo dell’impresa, il terzo settore e la pubblica amministrazione.
toriale realizzato in collaborazione con Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna,
Aster, Fondazione Golinelli e il Sole24Ore
• l’organizzazione della manifestazione estiva “Kilowatt Summer” (300 mq di serre allestite; 300 fiori, piante ed alberi piantumati;
12 docufilm; 45 performance artistiche; 25
labaoratori per 350 bimbi; 25.000 persone
coinvolte nella facia di età 0-85 anni e appartenenti a 14 nazionalità)
• la progettazione dell’incubatore di imprese
cooperative per conto di Confcooperative
• l’ideazione e realizzazione di due video per
lo storytelling del progetto Lo-Waste, una
piattaforma per il riuso e il riciclo realizzata nel comune di Ferrara e per il lancio della
startup ScambiaCibo, un progetto nato dalla collaborazione di diverse realtà presenti
a Kilowatt
Nel 2014 le principali attività sono state:
• l’ideazione e realizzazione di un filmato in
animazione a tecnica mista (stop motion e
computer grafica) per raccontare le attività
della Fondazione Cineteca di Bologna
• l a riattivazione degli spazi relativi alle Serre
dei Giardini, l’hub metropolitano per l’innovazione e lo sviluppo della cultura imprendi-
Infine, è in corso di produzione la realizzazione
di sette video in animazione per il padiglione
della Comunità Europea dell’Expo di Milano.
59
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
PEQUOD
SOCIETÀ COOPERATIVA
PIGMENT WORKROOM
SOCIETÀ COOPERATIVA
Sede: Bologna
Soci: Marco Barbolini, Federico Mazzoleni, Pietro Scarnera
Sede: Bari
Soci: Mario Nardulli, Vittorio Parisi, Giuseppe Santoro
Pequod Società Cooperativa si costituisce a
luglio del 2014: la sua mission è quella di offrire soluzioni e contenuti per la comunicazione
web e l’editoria digitale.
Nel primo anno di attività, la cooperativa ha
iniziato a lavorare al progetto che vedrà la
messa on line del sito www.graphic-news.it,
prevista per il 10 marzo 2015. Si tratterà del
primo portale nativo digitale di informazione
a fumetti.
Pequod si è inoltre introdotta nel mondo dei
servizi per la comunicazione, mantenendo
come tratto peculiare l’attenzione al disegno e
all’illustrazione, alla ricerca di nuove forme di
comunicazione multimediale che mettano in
connessione disegnatori e esperti del web con
aziende ed istituzioni che hanno bisogno di
veicolare i propri contenuti in forma originale
e innovativa. I servizi che offre la cooperativa
sono consultabili sul sito www.pequodcoop.it.
Inoltre, la coop ha partecipato all’edizione
60
“culturability/fare insieme in cooperativa”
2014 del bando Incredibol del Comune di Bologna, risultando tra i progetti vincitori ed
entrando in contatto con una rete di relazioni
cittadine che al centro vede le istituzioni pubbliche.
La fase di progettazione e realizzazione del
portale www.graphic-news.it , vero e proprio
core business del progetto, ha richiesto l’impegno di tutti i soci e vedrà nei primi mesi dalla
messa on-line un grande sforzo di promozione
legato alla diffusione del portale e dei suoi
contenuti. Parallelamente, la cooperativa è entrata in contatto con diversi potenziali clienti e
partner all’interno della filiera produttiva della
comunicazione per aziende, con buone prospettive di sviluppo.
Una prima collaborazione, con la Fondazione
Balducci di Firenze, ha portato alla realizzazione da dell’opuscolo Se vuoi la pace... prepara la
pace con illustrazioni di Gabriele Peddes e testi di Pietro Scarnera.
Pigment Workroom nasce da un’idea del 2010,
anno in cui si è costituita l’associazione culturale, tutt’ora attiva, V-Roots.
La “mission” di V-Roots, incentrata sulla promozione dei graffiti-writers, ha trovato, nel
2014, la sua espressione più incoraggiante nella produzione del documentario “Bari Graffiti”
e nella costituzione di Pigment Workroom a
seguito della vittoria del Bando “Principi attivi
2012” della Regione Puglia.
Pigment Workroom è un laboratorio artigianale per la stampa artistica, e soprattutto per
l’ideazione e la promozione di un’arte urbana
“partecipativa”.
Il primo evento organizzato da Pigment, “Enziteto Real Estate”, si è svolto nel quartiere
San Pio di Bari, a giugno 2014. Enziteto è un
quartiere simbolo della polarizzazione interna
ad alcuni centri urbani, essendo un progetto
incompiuto di case popolari collegato malissimo al centro città. Il lavoro su San Pio è partito
con un corso di graffiti-writing riservato agli
under-16, ed è stato supportato dalla partecipazione di alcuni tra i nomi “storici” del writing
barese, a cui è seguita l’arrivo di artisti italiani
di caratura internazionale. La reazione degli
abitanti è stata di accoglienza a tuttotondo,
in una pioggia di focacce, birra e richieste di
intervento sulle altre pareti rimaste spoglie.
Oltre al lavoro svolto sul territorio, gli artisti hanno prodotto serigrafie d’arte e t-shirt
nell’atelier di Pigment Workroom, sito in viale
Imperatore Traiano 38/A. Qui, durante i mesi
di maggio e giugno, si sono costruiti manualmente due tavoli serigrafici e, grazie all’acquisto degli attrezzi e dei capi d’abbigliamento,
i prodotti finiti sono stati messi in vendita
online sul sito web www.pigment-wr.com. Il
laboratorio è servito ad organizzare eventi
supplementari e più contenuti. Ad esempio,
nell’ottobre 2014, si è attuata una collaborazione con l’Associazione Culturale Noesis alla
presentazione dell’ultimo film del regista e poeta cileno Alejandro Jodorowsky, “La danza de
la realidad”, per il quale è stata realizzata una
t-shirt disegnata dall’artista italiano Dem.
Inoltre, la cooperativa ha organizzato una mostra di risografie e acquerelli su carta dell’artista italiano Gola Hundun, che tornerà a breve
a Bari per realizzare un progetto di denuncia
ambientale legata alla diffusione del virus
Xylella fra gli ulivi in Salento. Tale iniziativa
si intitola “Olio Santo” e prevede l’intervento
dell’artista su un muro di proprietà comunale,
dove sarà dipinto un grande albero d’ulivo.
61
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
“culturability/fare insieme in cooperativa”
QUID
COOPERATIVA SOCIALE
SPRAWL DESIGN INDUSTRIES
SOCIETÀ COOPERATIVA
Sede: Verona
Soci: Marco Andreoli, Umberto Brambilla, Anna Fiscale, Fabio Lotti, Ludovico Mantoan, Elisabetta Stizzoli
Sede: Palermo
Soci: Michele Maria Anzalone, Luca Rizzuto, Claudio Romano
Progetto Quid è un brand di moda eco-casualchic che propone collezioni dal design unico
fabbricate a mano da donne con un passato di
fragilità recuperando i migliori tessuti di fine
serie Made in Italy.
Progetto QUID offre quel qualcosa in più alla
comunità, al cliente e ai marchi partner. Questo valore aggiunto è dunque universale e unisce, proprio come la molletta del nostro logo,
valori di mercato e valori sociali.
Il progetto nasce dalla volontà di sperimentare il reinserimento lavorativo di donne in
difficoltà attraverso il loro impiego in attività
produttive che rispondono alle logiche del
mercato e che allo stesso tempo stimolano
una partecipazione attiva alla bellezza e alla
creatività. Senza prescindere da un’attenzione particolare alla sostenibilità ambientale
e al recupero di tessuti di qualità, altrimenti
inutilizzati, grazie ad una rete di brand partner
rigorosamente selezionati e locali. In particolare, ora è attiva la collaborazione con Calzedonia, Den Store, Berto Industria Tessile e
Altoitaliano.
Finanziamenti ricevuti finora:
Un’altra particolarità che contraddistingue il
progetto è il nome QUID. Breve ed essenziale,
questa parola esprime la concretezza dell’approccio della cooperativa al problema dell’emarginazione sociale.
• seed funding da Fondazione Cattolica e
Fondazione S. Zeno
• premio Pionieri Rete RENA (2013)
• v incitori European Social Innovation Competiton (2014)
• s egnalato nella categoria Eco design per la
sostenibilità del Premio Sviluppo Sostenibile (2014)
QUID può contare su 17 dipendenti e 10 collaboratori esterni, che hanno lavorato, nel corso
del 2014, per un totale di 5.000 clienti.
Sprawl Design Industries è una industria creativa che opera nel campo della fabbricazione
digitale e si occupa in particolare di stampa
3D, prototipazione rapida, design del prodotto, progettazione grafica e video editing.
L’iniziativa imprenditoriale nasce nel 2014, con
la missione di costruire reti, conversazioni e
mercati fra makers, designers e consumatori.
Per fare questo è stata progettata un’innovativa piattaforma di social commerce denominata
Makerizi, dedicata alla commercializzazione e
promozione del design made in Italy realizzabile con tecnologie di fabbricazione digitale.
La piattaforma integra la dimensione del social media e dell’e-commerce: al suo interno
ogni designer avrà la possibilità di caricare
il proprio progetto per la stampa 3D, avere
visibilità, di raccontare le istanze culturali
estetiche e funzionali che hanno ispirato i suoi
progetti, di dialogare con i clienti e di ricevere
una remunerazione economica da tutti coloro
che acquisteranno il suo prodotto. La cooperativa si occuperà di produrre tali prodotti su
richiesta, senza fare magazzino, producendo
soltanto ciò che viene richiesto.
Quest’anno Sprawl Design ha preso sede presso il Consorzio Arca, l’incubatore d’imprese
dell’Università degli Studi di Palermo.
62
La cooperativa ha operato una intensa campagna di comunicazione sul territorio attraverso social network e seminari svolti
presso l’Accademia di Belle Arti e la Scuola
Politecnica dell’Università degli Studi di Palermo, ha sostenuto percorsi di educazione
all’autoimprenditorialità come la “Summer
School GIA’ - Giovani Imprenditoria e Innovazione” promossa da Libera e tenutasi presso
un bene confiscato in provincia di Agrigento,
ha partecipato con un suo spazio espositivo
alla Maker Faire 2014, la più importante fiera
internazionale dedicata alla stampa 3D, ha
proposto i suoi servizi a realtà produttive locali distinguendosi per qualità e innovatività
del servizio offerto.
La cooperativa ha sviluppato altresì un prodotto proprio, interamente progettato per
essere riprodotto tramite stampanti 3D:
“Tiny Forniture”, un set di arredi in scala 1.50
realizzato con stampanti 3D, per rendere più
semplice, veloce e divertente l’interazione fra
architetti e clienti durante la progettazione
degli interni di una abitazione. L’idea consiste
nel disporre liberamente gli arredi sopra la
planimetria dell’appartamento che si vuole
arredare, verificando insieme al cliente la distribuzione degli spaziQuesto e altri prodotti
saranno disponibili sulla piattaforma Makerizi
nella seconda metà del 2015.
63
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
La Ricerca
L’attività dell’Osservatorio Europeo sulla Sicurezza
Nell’ambito delle attività di ricerca, l’Osservatorio Europeo sulla Sicurezza continua ad
avere per Unipolis un ruolo di primo piano.
Nel 2014 è stata realizzata e presentata la settima edizione del “Rapporto sulla sicurezza e l’insicurezza in Italia e in Europa” che ha evidenziato un quadro complessivo della situazione che è stata definita di “Grande incertezza”.
Il report è basato, come in passato, su una estesa indagine svolta su un campione rappresentativo della popolazione italiana e dei principali paesi europei, e su una accurata
rilevazione dell’informazione di tutti i telegiornali italiani e dei maggiori TG di Francia,
Germania, Gran Bretagna e Spagna, nonché su due dei più diffusi quotidiani di ciascuno
dei Paesi considerati.
Il Rapporto annuale sulla sicurezza e l’insicurezza sociale costituisce il risultato più
significativo della collaborazione che Unipolis ha sviluppato nel corso degli ultimi anni
con il centro di ricerche Demos & Pi e con l’Osservatorio di Pavia. Da questa partnership è nato l’Osservatorio Europeo sulla Sicurezza allo scopo di rendere continuative le
indagini e le riflessioni sulle tematiche poste al centro dell’attenzione, portando l’analisi
oltre la dimensione nazionale e proiettandola su scala continentale.
L’Osservatorio, mediante report periodici, analizza in modo sistematico la relazione
tra la rappresentazione mediatica della (in)sicurezza, la sua percezione nell’opinione
pubblica e la realtà in Italia e nei principali paesi europei. Nello specifico, ricostruisce
gli atteggiamenti degli italiani sulla sicurezza inquadrandoli nel panorama europeo, definisce la “classifica delle paure” dei cittadini rispetto ai diversi problemi e rischi che si
trovano ad affrontare.
Approfondisce poi, attraverso l’analisi dei principali strumenti di comunicazione – i
telegiornali – la rilevanza con la quale i temi dell’insicurezza vengono trattati, definendo
così l’indice delle notizie ansiogene. Avviata nel 2007 con il primo “Rapporto sulla sicurezza” insieme al professor Ilvo Diamanti dell’Università di Urbino, e direttore scientifico dell’ “Osservatorio Europeo” l’iniziativa si è nel corso degli anni arricchita di nuovi
contenuti, fino alla configurazione attuale.
Secondo il settimo report, gli italiani si percepiscono impoveriti, al punto che l’85%
ritiene che le distanze tra “chi ha poco” e “chi ha molto” sia parecchio aumentata negli
ultimi dieci anni. Così che, per la prima volta, la maggioranza degli interpellati (52%)
colloca la propria famiglia nella classe sociale “bassa e medio bassa”.
64
65
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
Appena otto anni fa, invece, il 60% degli italiani si considerava appartenente al ceto
medio e solo il 28% tra i ceti medio – bassi. Inoltre, ad alimentare ulteriore preoccupazione e sfiducia c’è poi la politica, considerata incapace di risolvere la crisi e i problemi
economici del Paese: la politica è essa stessa diventata un fattore di insicurezza.
la ricerca
L'ottavo Rapporto sulla sicurezza presentato alla Camera
Al tempo stesso, per quanto riguarda la sua rappresentazione mediatica, l’Italia si
conferma come una sorta di “anomalia” rispetto al resto d’ Europa, perché continua a
mettere la criminalità in testa all’agenda dell’insicurezza. Ma soprattutto, ciò che colpisce è la discrasia, la distanza tra la realtà e ciò che percepiscono i cittadini, in termini
di crisi economica, preoccupazione per il lavoro, impoverimento e lo spazio che i media,
segnatamente i TG, dedicano a questi temi.
In Italia, ad esempio, il principale TG nazionale, nel periodo 16 dicembre 2013 e 5
gennaio 2014, ha dedicato oltre il 58% delle notizie che hanno che fare con tematiche
cosiddette “ansiogene” a fatti legati alla criminalità e soltanto il 4,4% a informazione
su crisi, impoverimento e perdita di lavoro. Se invece si valutano le testate quotidiane
cartacee, in Italia è in assoluto la politica a farla da padrona, con un 32% di notizie complessive. Uno spazio molto maggiore rispetto ai giornali degli altri paesi europei, che si
occupano maggiormente di crisi economica e soprattutto di politica estera.
Nel 2014 è poi stata avviata l’attività propedeutica alla realizzazione dell’ottavo
“Rapporto” che è stato presentato nel febbraio 2015 a Roma.
A Milano la presentazione del settimo Rapporto sulla sicurezza
Palazzo Marino, prestigiosa sede del Comune di Milano, ha ospitato la presentazione
del settimo “Rapporto sulla sicurezza e l’insicurezza sociale in Italia e in Europa”, realizzato da Fondazione Unipolis in collaborazione con Demos&Pi e Osservatorio di Pavia.
Il Rapporto analizza la percezione, la rappresentazione sociale e mediatica della
sicurezza sulla base di uno studio condotto su un campione rappresentativo della popolazione europea e della rilevazione di quanto su questi temi viene proposto dall’informazione Televisiva, sulla carta stampata e via twitter.
Il 24 febbraio, nella Sala Alessi si è svolto l’incontro che ha avuto al centro “La grande
incertezza”, come l’ha definita il prof. Ilvo Diamanti, nel suo commento ai dati emersi dal
Rapporto.
La società italiana è caratterizzata, sottolinea Diamanti, dalla “perdita dei riferimenti di valore, istituzionali, normativi che fornisce la politica. Rende il clima d’opinione
deluso, ma ancor di più: disorientato”. Così, se la stessa crisi economica ha in qualche
modo “perduto centralità” e gli “attori criminali hanno perduto visibilità”, il “risentimento sociale si è rivolto in direzione diversa e inversa”, rispetto a chi in passato era ritenuto responsabile delle difficoltà e dei problemi. Per Diamanti, “lo schema narrativo si è
quasi rovesciato: crisi politica -> crisi economica -> insicurezza sul futuro”. Futuro che
“è pressoché scomparso. Si è perso, anch’esso, nella nebbia della Grande Incertezza in
cui siamo scomparsi”.
66
La presidente Boldrini interviene alla presentazione del Rapporto sulla Sicurezza
Dopo Milano, nel 2015 è stata Roma ad
ospitare la presentazione dell’ottavo
Rapporto sulla sicurezza. Il 24 febbraio,
nella Sala “Aldo Moro” della Camera
dei deputati, si è svolto l’incontro con la
partecipazione della Presidente Laura
Boldrini che ha aperto i lavori.
Successivamente Fabio Bordignon, responsabile ricerca Demos&Pi e Antonio Nizzoli,direttore Osservatorio di Pavia, hanno
illustrato la ricerca, che è stata commentata
da Ilvo Diamanti, dell’Università di Urbino e
direttore scientifico Demos&Pi. Sono quindi
intervenuti Mons. Nunzio Galantino, segreta-
rio generale della Conferenza Episcopale Italiana e Pierluigi Stefanini, presidente Gruppo
Unipol e Fondazione Unipolis.
Anche l’ottava edizione ha indagato sulla
percezione della sicurezza e dell’insicurezza
in Italia e in altri cinque paesi europei quali
Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna
e, quest’anno, anche Polonia. Dall’altro, la sua
rappresentazione sociale e mediatica, attraverso la rilevazione di quanto su questi temi
viene proposto dall’informazione televisiva
dei sette Telegiornali nazionali italiani, dei Tg
regionali Rai e dei Tg delle testate pubbliche
di Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna.
67
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
La ricerca è stata illustrata da Antonio Nizzoli, direttore Osservatorio di Pavia, Fabio
Bordignon, responsabile ricerca Demos&Pi, con il commento di Ilvo Diamanti – Università di Urbino e direttore scientifico Demos&Pi. All’incontro sono intervenuti Marco
Granelli, assessore alla Sicurezza e coesione sociale di Milano, Don Virginio Colmegna,
presidente Fondazione Casa della carità, Pierluigi Stefanini, presidente Gruppo Unipol
e Fondazione Unipolis. Luca Sofri, direttore de Il Post, ha coordinato l’incontro.
Il tema del lavoro, i problemi e i cambiamenti in atto
La questione lavoro, della sua rilevanza nei diversi aspetti che hanno a che fare con la
sua “scarsità” e quindi con la crescita della disoccupazione, costituisce uno degli ambiti di forte interesse di Unipolis. I processi di cambiamento e trasformazione sempre
più incalzanti, anche a seguito delle dirompenti innovazioni tecnologiche, nonché con
la globalizzazione economica rappresentano temi di straordinaria attualità, ma sopratutto connessi al futuro. Basti pensare all’impegno che in questi anni la Fondazione ha
dedicato a creare opportunità di lavoro in nuovi campi, soprattutto per i giovani, ad
esempio con i bandi di culturability. Non di meno, risulta di notevole importanza indagare sui cambiamenti in atto nel mondo del lavoro e sugli impatti che essi determinano
nell’intera società.
Ha senza dubbio questo obiettivo la ripresa, da parte della Fondazione, di un tema
sul quale essa aveva già svolto iniziative in passato: la partecipazione dei lavoratori
nelle imprese. È stato costituito un Gruppo di lavoro, composto da esperti e studiosi,
ma anche rappresentanti di organizzazioni sindacali e di imprese, allo scopo di avviare
una riflessione sulle modalità con le quali, di fronte ai cambiamenti in atto, è possibile
costruire occasioni di intervento dei lavoratori sulle scelte aziendali, al fine di configurare processi decisionali che tengano conto del punto di vista di uno degli Stakeholder
fondamentali per la vita aziendale, i lavoratori, appunto.
Il Gruppo di lavoro ha deciso anzitutto di avviare una indagine conoscitiva sulle esperienze più significative in atto in termini di partecipazione, al fine di avere un quadro
complessivo della realtà e sul quale sia possibile innestare ulteriori e più avanzate proposte, sia per quanto riguarda le relazioni industriali che dal punto di vista normativo.
In questo contesto, Fondazione Unipolis ha deciso di essere partner di alcune importanti iniziative di ricerca proposte da soggetti di significativa rilevanza scientifica
e culturale.
La prima è promossa dalla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli di Milano. Il progetto, denominato “Spazio Lavoro”, è stato avviato nella seconda metà del 2014 e si svilupperà nell’arco di oltre un anno per concludersi a inizio 2016. Sono state individuati
quattro ambiti di ricerca, corrispondenti ad altrettanti gruppi di lavoro, ciascuno dei
quali guidato da uno studioso di grande esperienza, sia sul piano accademico che manageriale e sviluppato da giovani ricercatori, ai quali sono state assegnato, anche con il
contributo di Unipolis, borse di studio.
68
la ricerca
La seconda ricerca, è sviluppata dalla Fondazione Istituto Gramsci dell’Emila Romagna e ha per oggetto la situazione del mondo giovanile. In particolare, si intende focalizzare l’attenzione sul “Le giovani generazioni e il lavoro: realtà e aspettative” con
riferimento al territorio bolognese. Saranno effettuati indagini di carattere statistico
e a un campione significativi di giovani verrà sottoposto un questionario, mentre attraverso una serie di focus group verranno approfonditi specifici aspetti della condizione
giovani e delle attese riguardo al loro futuro.
L’indagine su “Gli italiani e la Bibbia”
Si è trattato di una iniziativa per alcuni aspetti “eccentrica” rispetto agli ambiti tradizionalmente frequentati dalla Fondazione Unipolis. Ma la scelta di impegnarsi nel
sostegno alla ricerca su “Gli italiani e la Bibbia” è stata dettata dalla consapevolezza
della rilevanza culturale dell’operazione, oltre che della sua assoluta originalità. La proposta è stata avanza a Unipolis dai Padri Dehoniani che hanno a Bologna la loro sede
centrale e che, tra l’altro, dispongono di una casa editrice – le Edizioni Dehoniane, appunto – tra le maggiori in Italia in campo religioso e culturale.
L’ occasione è stata fornita dal quarantesimo anniversario della pubblicazione in Italia della “Bibbia di Gerusalemme”, considerata la versione più completa oggi esistente
nel nostro Paese. D’altra parte, al di là dell’aspetto religioso che caratterizza l’insieme
dei libri che costituiscono la Bibbia, si tratta di un testo o, meglio, di testi che hanno
un valore culturale universale, essendo all’origine di gran parte di ciò che possiamo definire come “la nostra civiltà”. Nella Bibbia si intrecciano, infatti, le dimensioni storica,
archeologica, antropologica e filosofica, oltre che, naturalmente, religiosa. Peraltro, in
una accezioni fortemente plurale, che accomuna, sia pure con caratteristiche diversificate, le tre fedi monoteistiche.
Unipolis ha dunque condiviso la proposta dei Dehoniani e la ricerca è stata realizzata
nella tarda primavera del 2014 ad opera dell’istituto Demos&pi, con la direzione scientifica del prof. Ilvo Diamanti. È stato elaborato un ampio questionario, sottoposto all’attenzione di un campione rappresentativo della popolazione italiana (1.560 persone),
successivamente elaborato da una equipe di ricercatori composta da Luigi Ceccarini,
Martina di Pierdomenico e Ludovico Gardani.
I risultati dell’indagine hanno quindi preso la forma di un volume, pubblicato dalla Edizioni Dehoniane, con un’ampia introduzione di Ilvo Diamanti e con una postfazione di
padre Enzo Bianchi, priore della Comunità monastica di Bose e noto studioso dei testi
biblici.
La presentazione della ricerca – che ha avuto una vasta eco sia presso gli “addetti
ai lavori” che da parte di un pubblico più vasto, è avvenuta ufficialmente a Mantova
nell’ambito del Festivaletteratura con la partecipazione di Ilvo Diamanti ed Enzo Bianchi, insieme al direttore di Rdio3Rai, Marino Sinibaldi, davanti ad una platea di ben oltre
mille persone che hanno seguito con grandissimo interesse e passione la discussione.
69
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
La collaborazione con la Fondazione Corriere della Sera
Unipolis, in collaborazione con la Fondazione Corriere della Sera, ha promosso un ciclo
di incontri dedicato ad approfondire il concetto di proprietà, così come si sta ridefinendo nell’attuale contesto sociale ed economico. Si è voluto approfondire la tematica
partendo da aspetti come le implicazioni giuridiche e normative che comportano l’ascesa della finanza su scala globale, i nuovi confini tra proprietà privata e bene comune in
tempo di sharing economy e, non da ultimo, l’impatto etico-sociale che ne deriva.
I tre appuntamenti si sono svolti a Milano presso la sede della Fondazione Corriere
della Sera. Il primo dibattito ha trattato il tema “Cos’è la proprietà oggi. Tra diritto e
finanza” e ha ospitato il giurista Guido Rossi e Dario Di Vico, giornalista del Corriere.
Il secondo confronto è stato dedicato a “Proprietà privata o bene comune. Di chi è la
Rete”. Stimolati dal giornalista Massimo Sideri, hanno discusso sul tema Veronica Diquattro – country manager per l’Italia di Spotify, il rapper Frankie Hi Nrg, Stefano Parisi – presidente e fondatore di Chili-tv, Angelo Raffaele Meo – professore emerito del
Politecnico di Torino.
L’ultima giornata ha riguardato la tematica “Dalla proprietà all’accesso. L’economia
della condivisione”, con la partecipazione di Ilaria Capua – virologa e parlamentare,
Mauro Magatti – ordinario di Sociologia presso l’Università Cattolica di Milano, Pierfrancesco Maran – assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Matteo Stifanelli –
country manager per l’Italia di Airbnb. A coordinare anche questa iniziativa il giornalista
del Corriere Massimo Sideri.
“Il Centro Trentin”
Fondazione Unipolis ha sostenuto anche nel 2014 l’attività di ricerca del “Centro di documentazione e ricerca Trentin”, costituito a Venezia allo scopo di organizzare e valorizzare gli archivi della famiglia Trentin, che nel corso di tutto il Novecento ha dato un
contributo di grande valore all’attività antifascista, di ricostruzione economica e sociale dell’intero Paese. Sono numerose le pubblicazioni realizzate e i convegni di studio
svoltosi nel corso del 2014 e che proseguiranno anche nel nuovo anno.
70
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
La Sicurezza e la Legalità
La sicurezza stradale e il "progetto Sicurstrada"
Il traffico e le strade costituiscono uno dei contesti di maggior rischio per l’incolumità delle persone. Ogni anno, a seguito di incidenti stradali, muoiono diverse migliaia di
persone e centinaia di migliaia riportano ferite, anche gravi e invalidanti.
Promuovere la sicurezza stradale significa perciò svolgere una importante funzione
sociale, con l’obiettivo di ridurre il prezzo - prima di tutto umano, ma poi anche economicamente rilevante - che si paga al traffico e alle sue conseguenze.
In questo contesto, Fondazione Unipolis ha scelto di impegnarsi attivamente sul
tema, impostando una iniziative che ha messo al centro la combinazione di sicurezza stradale e mobilità sostenibile. Infatti, senza una profonda riorganizzazione della
mobilità a tutti i livelli e soprattutto nelle città e nei centri urbani, sarà molto difficile
conseguire significativi e duraturi risultati su questo fronte della vita sociale e civile
del Paese.
In particolare, la questione che sta assumendo crescente rilevanza è quella della
tutela degli utenti più vulnerabili della strada, cioè pedoni e ciclisti, che, insieme agli
anziani e ai più giovani, sono le vittime prevalenti dell’insicurezza derivante dal traffico.
In Italia, anche nell’ultimo anno è continuato il trend positivo della diminuzione degli incidenti stradali e delle vittime, tuttavia il nostro Paese non ha raggiunto l’obiettivo
del dimezzamento del numero dei decessi che l’Unione Europea aveva fissato nel Libro
Bianco 2001 per il 2010, e attualmente risulta al quattordicesimo posto nella graduatoria europea della mortalità nei sinistri, dietro Regno Unito, Spagna, Germania e Francia.
Inoltre, i più aggiornati dati resi noti da Aci e Istat, riferiti al 2013, indicano come i tre
quarti degli incidenti si sono verificati sulle strade urbane, causando una percentuale
quasi simile di feriti rispetto al totale e circa il 42% dei morti. Fra i ciclisti e i pedoni
diminuiscono le vittime, ma molto meno rispetto al calo generale. Mentre fra i pedoni
sono in aumento i morti sulle strade con più di 65 anni.
Sono queste le ragioni per le quali Unipolis, con il “progetto Sicurstrada”, declina il
tema della sicurezza stradale insieme a quello della mobilità sostenibile.
Da un lato, si tratta di ripensare la struttura delle città e della destinazione degli spazi
pubblici; dall’altro, di optare per una nuova mobilità all’interno delle città stesse caratterizzata da più aree a traffico limitato e ‘zone 30’ o ‘zone 20’, più aree pedonali e piste
ciclabili protette, più mezzi pubblici, promozione dell’uso del bike sharing così come del
car sharing e del car pooling.
72
73
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
Da questo punto di vista, la tecnologia sta già realizzando soluzioni che migliorano la
sicurezza e la sostenibilità ambientale delle auto e degli altri mezzi privati di trasporto,
attraverso carburanti non inquinanti e uso della rete che mette in relazione le auto e le
infrastrutture viarie.
Nel corso dell’anno, Unipolis ha scelto di avere una maggiore presenza sulla rete rinnovando radicalmente il sito www.sicurstrada.it, e intensificando l’uso dei social media
quali la pagina facebook e twitter.
Perché le strade italiane non sono fatte per gli anziani
L’Italia è uno dei paesi nei quali le persone vivono più a lungo, secondo – dicono le statistiche – solo al Giappone. E se dovesse permanere l’attuale, basso, indice di natalità,
si assottiglierà maggiormente la quota della popolazione giovane, arrivando, nel 2040,
ad avere un calo di oltre il 6% negli under 65. Con il paradosso che un indice positivo,
l’allungamento della vita media, può in alcuni ambiti diventare un problema.
È il caso della sicurezza stradale: nel corso degli ultimi dodici anni, infatti, dal 2001 al
2012 - certificano Aci e Istat – le vittime sulla strada sono calate del 48,5%. Ed anche
nel 2013 questo trend positivo si è confermato. Tuttavia, il calo significativo del numero
dei morti è dovuto ad una riduzione molto più elevata, pari a oltre il 55%, nelle fasce di
età più giovani (fino a 64 anni), rispetto a quelle più anziane (oltre 65 anni), che è stata
solo del 17%.
Da qui l’allarme contenuto nello studio realizzato da Fondazione Unipolis nell’ambito
del progetto Sicurstrada, sintetizzato nell’infografica “Non è una strada per vecchi”
presentata in occasione di Citytech a Roma, il 10 e 11 giugno 2014 (www.sicurstrada.it/
sicurezza-stradale/non-e-una-strada-per-vecchi/). Lo studio prende in esame i dati del
2012 di Aci – Istat (gli unici disponibili al momento dello studio) e da lì prende le mosse
per delineare gli scenari futuri, partendo ad esempio dalla constatazione che nel 2012
in Germania e in Francia, gli over 65 vittime in incidenti stradali sono stati, rispettivamente, il 27,6% e il 20,4%; mentre, nello stesso anno, in Italia i morti over 65 sono stati
il 28,7%.
Unipolis si è posta l’obiettivo di capire come questa situazione potrebbe evolvere
prendendo in esame le proiezioni sull’invecchiamento della popolazione italiana fatta dall’Istituto di Statistica. Secondo lo studio, nel 2040 l’Italia avrà una popolazione di
quasi 64 milioni, nella quale gli over 65 saranno circa 20 milioni con un incremento del
57% rispetto ad oggi. Fra questi, ancora più significativa è la crescita del 74,6% degli
over 80 che supereranno i 6,5 milioni mentre adesso sono 3,7.
L’infografica intreccia le caratteristiche dell’incidentalità fra le fasce over 65 con l’andamento dell’invecchiamento della popolazione proiettato sul 2040, facendo emergere un quadro allarmante. Infatti, senza interventi significativi capaci di invertire il trend,
nel 2040 non solo non si avrà una riduzione del numero dei morti sulle strade, ma addirittura un incremento di quasi il 12%.
la sicurezza e la legalità
NON È
UNA STRADA
PER VECCHI
IN ITALIA GLI ANZIANI CON OLTRE 65 ANNI SONO
ORMAI LE PERSONE PIÙ A RISCHIO SULLE STRADE.
MENTRE CONTINUANO A DIMINUIRE I MORTI PER
INCIDENTI NELLE FASCE DI ETÀ INFERIORE, CRESCONO
QUELLI CON PIÙ ANNI. UN FENOMENO DESTINATO A
PROSEGUIRE ANCORA.
E DA QUI AL 2040 I DATI CI DICONO CHE...
Forzando un po’ si potrebbe dire che c’erano una
volta le “stragi del sabato sera”, quelle che colpivano
i giovani automobilisti al rientro dalle feste in
discoteca. In realtà ci sono ancora ma, sulla base di
stime recenti, i giovani con meno di trent’anni che
hanno perso la vita sulle strade nei fine settimana
sono diminuiti di più del 50%, da oltre 900 a meno di
400. Sono ancora tanti certo, e c’è ancora tanto da
fare per ridurre i cosiddetti “lenzuoli bianchi” stesi
sulle strade nelle notti dello “sballo”.
È tempo però di gettare uno sguardo più attento
anche a chi di anni ne ha di più e fino a poco tempo fa
sembrava più al sicuro. Già oggi gli anziani sono più a
rischio: vale soprattutto per maschi e pedoni.
CI VEDIAMO FRA TRENT’ANNI. COME SARÀ L’ITALIA NEL 2040?
GLI ABITANTI CON PIÙ DI 65 ANNI SARANNO QUASI 20 MILIONI, BEN 7 MILIONI
IN PIÙ E IL 31% DEL TOTALE. DI QUESTI 6,5 MILIONI AVRANNO OLTRE 80 ANNI
(OGGI SONO MENO DI 4 MILIONI)
In Italia la vita media si allunga
sempre di più, anche a fronte di una
bassa natalità. Infatti, il nostro Paese
ha un indice di vecchiaia* pari a
151,4 – mentre la media europea è di
116,6 – e si colloca subito dopo la
Germania che ha il valore più alto
con 158.
Nel il 2040, l’evoluzione demografica
porterà l’Italia – che oggi (dati 2012)
conta quasi 60 milioni di abitanti –
ad avere una popolazione di quasi
64 milioni, nella quale gli over 65
saranno circa 20 milioni rispetto agli
attuali 12,6 con un incremento del 57%.
Fra questi, ancora più significativa è
la crescita del 74,6% degli over 80
che supereranno i 6,5 milioni mentre
oggi sono 3,7.
70
60
50
2011
14%
20,6%
MILIONI
DI ABITANTI
59,68
POPOLAZIONE TOTALE
63,88
65,4%
2040
47,02
POPOLAZIONE UNDER 65
12,5%
44,03
40
31,5%
56%
30
19,85
20
LEGENDA
POPOLAZIONE 65 - 80
12,63
10
3,75
2012
DI CUI POPOLAZIONE OVER 80
6,55
2040
*L'indice di vecchiaia stima il grado di invecchiamento di una popolazione, si definisce come il rapporto di composizione
tra la popolazione anziana (65 anni e oltre) e la popolazione più giovane (0-14 anni): valori superiori a 100 indicano una
maggiore presenza di soggetti anziani rispetto ai giovanissimi.
COMPOSIZIONE PERCENTUALE DELLA
POPOLAZIONE PER CLASSI DI ETÀ
Particolare dell'infografica "Non è una strada per vecchi"
74
75
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
la sicurezza e la legalità
Questo significa che la quota di morti per milione di abitanti salirà da 61 a 64. In termini assoluti, dai 3.653 morti del 2012, ai 4.086 del 2040. In particolare le vittime fra
gli over 65 aumenterà del 57%, e fra questi gli over 80 aumenteranno di ben il 74,6%.
Mentre le vittime under 65 caleranno del 6,4%. Si tratta di dati che fanno capire come
sempre di più sia necessario ripensare la mobilità nei centri urbani mettendo al centro
le persone, soprattutto quelle più deboli e vulnerabili. Gli anziani in primo luogo.
Naturalmente, per rendere sostenibili le città servono investimenti, prima di tutto
in piani del traffico e della mobilità che privilegino il trasporto pubblico e condiviso.
Occorre puntare sull’estensione delle aree pedonali, in centro, ma anche nelle piazze
dei quartieri periferici, che non possono essere fungere solo da parcheggio o grandi
spartitraffico; bisogna aumentare le strade con più bassi limiti di velocità, cioè le “zone
30”. Sono necessarie più piste ciclabili – in sede protetta – connesse in una rete che permetta e agevoli spostamenti sicuri tra zone residenziali e centri storici, tra residenza e
zone produttive
Inoltre, continua ad essere assai rilevante il tema dei comportamenti delle persone:
il rispetto delle regole, il senso civico e una cultura della responsabilità individuali sono,
e restano, fattori essenziali per la sicurezza sulle strade.
TITOLO
La mobilità del futuro, tra realtà e immaginazione
Parlare di sicurezza stradale significa anche ragionare sulla mobilità sostenibile. Il progetto Sicurstrada parte dall’idea che per aumentare la sicurezza sulle strade serva ripensare la mobilità così come è stata finora. Sia modificando le abitudini tradizionali
dell’uso esclusivo del mezzo privato di trasporto sia cambiando la viabilità e la destinazione degli spazi pubblici delle città.
Strada IT
Monitoraggio del traffico
Segnaletica interattiva
Ricarica
mentre guidi
Veicoli
elettrici
PIATTAFORMA
COOPERATIVA
DI MOBILITÀ
ELETTRICA
Stazione
di ricarica
Interfaccia utente
multimediale e
connessa
Prenotazione delle
postazioni
Assistenza
veicoli elettrici
Gestione e controllo
Navigazione
FONTE: MORGAN STANLEY RESEARCH
Immagini del dossier “Ecco le nuove frontiere della mobilità”
76
Gestione dell'energia
e dei costi
Lo sviluppo della tecnologia rappresenta una straordinaria occasione per realizzare
tutto questo. Ma come sarà la mobilità del futuro? Cosa si sta già facendo? Quali innovazioni nei trasporti miglioreranno la qualità della nostra vita, quando sulla Terra saremo 10 miliardi?
A queste domande cerca di dare una risposta il dossier “Ecco le nuove frontiere
della mobilità” di Fondazione Unipolis consultabile nella versione integrale sul sito
www.sicurstrada.it. Il dossier propone una ricostruzione, tra realtà e (un po’ di) immaginazione, di quanto è stato fatto e si sta progettando per percorrere le strade del futuro
con una mobilità nuova.
Il quadro che emerge mette in evidenza che la scommessa del cambiamento proposto sarà caratterizzata da maggiore sicurezza, minore inquinamento, ma anche libertà
di tempo e spazi. Con benefici per l’ambiente urbano e per la qualità della vita nelle città che – secondo l’ONU – nel 2050 ospiteranno il 66% dell’intera popolazione mondiale.
L’automobile, ad esempio, non sembra destinata al tramonto, ma si assisterà ad una
serie di cambiamenti che ne rivoluzioneranno caratteristiche e modalità d’uso.
77
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
La benzina lascerà gradualmente il posto ad idrogeno, gas, gpl, ma soprattutto all’elettricità: per AssoElettrica nel 2030 ci saranno 10 milioni di auto elettriche solo in Italia, con un risparmio complessivo di energia pari ad un miliardo di euro l’anno.
La diffusione di auto, bici, scooter elettrici porterà allo sviluppo di una nuova rete
energetica pulita, non centralizzata, ma “peer to peer”, cioè in condivisione (tra consumatori). Infatti, con l’uso dell’energia solare, prenderà piede la produzione domestica di
energia elettrica, con la quale i mezzi saranno alimentati direttamente a casa propria.
Un vantaggio in termini di costi e di sostenibilità ambientale.
L’altro grande cambiamento sarà determinato dallo sviluppo della tecnologia, e riguarderà la sicurezza e l’interconnessione: due temi che, secondo gli esperti, garantiranno sempre meno incidenti sulle strade. I dispositivi già in commercio si stanno
diffondendo sempre più, come ad esempio la scatola nera: in Italia, nel 2013, erano già
due milioni i dispositivi in circolazione, ed entro il 2017 il 10-15% delle auto ne avrà una.
Uno scenario, che appare futuristico, ma che in realtà è più vicino di quanto si possa
pensare. Infatti delle auto “che si guideranno da sole” esistono già i prototipi e diverse
case promettono di mettere in strada un’auto senza tre componenti che hanno fatto la
storia dell’automobile: volante, freni e acceleratore. Ma il cambio di paradigma che potrebbe rivoluzionare davvero il modo di intendere l’auto è il passaggio dalla proprietà
del mezzo ad un uso sempre più collettivo e condiviso. Una modalità di utilizzo cresciuta nel 2013 del 50% in tutto il mondo. Secondo alcune previsioni il car sharing toccherà
presto i 5 milioni di utenti a livello globale.
Altro aspetto che caratterizzerà il futuro della mobilità, sarà l’incentivazione crescente dell’uso di mezzi di trasporti collettivi - tram, bus, metrò e treni - sempre più green e tecnologici nell’ottica di una maggiore sicurezza e sostenibilità. Al tempo stesso,
si assisterà al diffondersi delle biciclette, interconnesse e capaci di dialogare tramite
il web.
La sicurezza sul lavoro: più vittime mortali sulle strade che in azienda
Si tratta di una realtà semisconosciuta e soprattutto assai poco considerata nelle sue
implicazioni: sul lavoro si muore di più in strada che in fabbrica o nei cantieri. Sono i dati
a certificare che il 56% degli incidenti mortali sul lavoro si sono verificati sulle strade ( nel 2013, secondo l’Inail, ci sono stati 368 casi): durante il tragitto casa-lavoro, cioè
in “itinere” e ritorno, oppure mentre le persone effettuavano lavori direttamente sulla
strada o mentre erano in viaggio per conto delle imprese in cui erano occupati.
Un problema assai rilevante che richiederebbe interventi mirati e normative specifiche,
per favorire spostamenti più sicuri e misure più efficaci a tutela dei lavoratori. Come ad
esempio il riconoscimento, con relativa copertura assicurativa, da parte dell’Inail della
bicicletta come mezzo di trasporto per recarsi al lavoro.
Si tratta quindi di affrontare con forza la questione della prevenzione. Ed è proprio
questo l’obiettivo del protocollo sottoscritto il 4 luglio 2014 a Parma tra Iren Spa, mul-
78
la sicurezza e la legalità
tiutility che opera in diversi settori dell’energia, dell’acqua e dei servizi ambientali;
il Diss - Centro di ricerca per la Sicurezza Stradale dell’Università parmense; Accredia,
ente unico nazionale di accreditamento designato dal Governo per attestare la conformità agli standard normativi di riferimento, Assicoop Emilia Nord, agente UnipolSai per
Reggio Emilia, Parma e Piacenza; e Fondazione Unipolis.
Si è trattato dell’avvio di una collaborazione attiva fra diversi soggetti allo scopo
di individuare i criteri di valutazione dei rischi per i lavoratori che operano nel trasporto.
E, quindi, valutare le linee guida da applicare per la loro prevenzione. Tutto questo nel
rispetto della normativa nazionale sotto la guida attenta di Accredia. In pratica, formare e sensibilizzare i lavoratori sulla guida sicura e corretta durante lo svolgimento della
loro attività, evitando così gli alti costi in vite umane, ed anche sociali ed economici, che
provocano gli incidenti stradali.
Fondazione Unipolis partecipa a questa iniziativa portando il contributo e l’esperienza rappresentati dal Progetto Sicurstrada. A questo tema, il 19 settembre Unipolis ha
dedicato anche l’ incontro “Sicuri sulla strada e sul lavoro” nell’ambito della Settimana
Europea della mobilità, che si è svolto nel foyer dell’Unipol Auditorium di Bologna.
Le iniziative sul territorio di Sicurstrada Live
Un aspetto significativo dell’impegno per sensibilizzare le persone sui temi della sicurezza stradale e della mobilità sostenibile è rappresentato dalle iniziative che regolarmente si svolgono sul territorio denominate “Sicurstrada Live”. Si tratta di una
modalità di relazione diretta con i cittadini, nell’ambito di luoghi pubblici abitualmente
molto frequentati, che consente di stabilire contatti e rapporti immediati con giovani,
ma anche anziani, che oggi sono tra quelli maggiormente esposti ai pericoli del traffico.
Queste iniziative si completano con dibattiti e momenti di approfondimento con esperti, rappresentanti dell’associazionismo sociale ed economico e delle istituzioni locali.
Nel 2014 Sicurstrada Live è stata presente in sette città italiane, Milano, Parma, Novara, San Benedetto del Tronto, Gradisca, Villesse, San Donà di Piave, di sei regioni.
Nel corso dell’anno ha proseguito la collaborazione con i partner tradizionali di Unipolis, quali Asaps – associazione sostenitori ed amici della Polizia Stradale e Fondazione Ania, mentre si è intensificata quella con i partner a livello locale.
Infatti, nei diversi appuntamenti, si è confermato come determinante il coinvolgimento e il supporto delle Cooperative di Consumatori che operano nelle zone dove si
svolte le iniziative ( Coop Adriatica, Coop Consumatori Nordest, Coop Lombardia, Nova
Coop); mentre un supporto significativo è stato garantito dalle Assicoop e dalle Agenzie Unipol sul territorio.
Molto significativo è stato il rapporto con le istituzioni locali con le quali Sicurstrada
Live si è rapportata attraverso il patrocinio delle iniziative e la partecipazione di amministratori e rappresentanti dei comandi della Polizia Municipale. Altrettanto deter-
79
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
minanti sono stati il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali dei pensionati e la
presenza dell’associazionismo sociale e sportivo, in particolare quello di settore come
Fiab, che raggruppa gli appassionati della bicicletta.
Nel corso dell’anno è continuato il coinvolgimento diretto del mondo della scuola.
Infatti si sono svolte tre iniziative a Parma, Gradisca e San Donà di Piave nelle quali
Sicurstrada Live ha portato il tema della sicurezza stradale e della mobilità sostenibile
all’interno di tre istituti scolastici: a tu per tu con studenti e docenti.
la sicurezza e la legalità
Milano
28-29 marzo
villesse e
gradisca d'isonzo
17-18 ottobre
In particolare, nel 2014 si è scelta di affrontare anche il tema specifico della sicurezza stradale nel lavoro agricolo dedicandogli gli incontri svolti all’interno di due istituti
agrari (a Gradisca e a San Donà di Piave), insieme ad esperti di Enama – Ente nazionale
di meccanizzazione agricola.
Parallelamente, si è scelto di dedicare al tema della sicurezza sulla strada degli anziani, sia come conducenti di un automezzo sia come pedoni e ciclisti, e alla sicurezza
stradale dell’utenza vulnerabile in città, rispettivamente nelle due iniziative di Milano
– con la partecipazione dei sindacati pensionati di Cgil, Cisl e Uil – e di Novara.
Centri commerciali, sale e piazze pubbliche, scuole: le manifestazioni si sono svolte
secondo una modalità sperimentata attraverso incontri di approfondimento e presidi
arricchiti da materiali informativi, gadget, simulatore di guida, proiezione dei cartoni
animati di Sicurstory e dei migliori spot italiani ed internazionali sulla guida sicura.
Ad ogni iniziativa è stata affiancata una specifica azione di comunicazione, attraverso il coinvolgimento degli organi di informazione locali, in particolare con le emittenti
radiotelevisive, che ha garantito una maggiore visibilità delle attività e dei contenuti
proposti.
san donà
di piave
7-8 novembre
San benedetto
del tronto
11-12 luglio
novara
21-22 giugno
parma
11-12 aprile
Si è così realizzato l’obiettivo di Sicurstrada Live: portare i temi della sicurezza stradale e della mobilità sostenibile nell’ambito di luoghi pubblici abitualmente molto frequentati, così come nelle scuole, incontrando i giovani e gli anziani che oggi sono tra
quelli maggiormente esposti ai rischi del traffico.
Il sito web sicurstrada.it
Un portale tutto nuovo per la sicurezza stradale. È il sito sicurstrada.it della Fondazione Unipolis che in questi anni ha investito molto sul tema, promuovendo comportamenti corretti e responsabili e, soprattutto, cercando di far crescere la cultura e gli interventi a favore di una mobilità più sicura, nuova e sostenibile, sia sul piano della tutela
delle persone che da quello ambientale.
Il sito internet, in una società che ormai “vive sulla rete” si configura perciò come uno
strumento indispensabile per raggiungere e comunicare con le persone, soprattutto
giovani. E con il sito, i social network per promuovere connessione e interattività, coinvolgimento e partecipazione.
80
Le città che hanno ospitato le tappe di Sicurstrada Live 2014
81
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
Per questo Unipolis nel 2014 ha investito nel totale rinnovamento della propria presenza sul Web, sviluppando un vero e proprio “portale della sicurezza e della mobilità
sostenibile”. Al punto che sicurstrada.it è stato assunto come strumento di informazione specializzato all’interno di altri siti che si occupano di tematiche del trasporto.
Generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi di Mobilità Regione Emilia-Romagna; Antonio De Filippo, Vice Direttore Inail Emilia-Romagna; Michele Pompeo Meta,
Presidente della Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni Camera dei deputati; Walter Dondi, Direttore Fondazione Unipolis.
Attualmente, è possibile conoscere quotidianamente le principali novità ed esperienze italiane ed internazionali sulla sicurezza stradale e la mobilità sostenibile. Al
tempo stesso vengono proposti approfondimenti e interviste ad esperti su argomenti
specifici, quali la nuova mobilità, l’uso della bicicletta, l’assetto urbano, la guida in strada
dei mezzi agricoli, l’uso della tecnologia per la sicurezza nella guida, la comunicazione
della sicurezza stradale, i giovani e gli anziani alla guida.
Sabato 20 settembre, nel pomeriggio, da Piazza Maggiore ha preso il via la seconda
edizione di Unipol Bike Tour: una biciclettata (con iscrizione gratuita, online) organizzata in collaborazione con Monte Sole Bike Group. Partendo dal centro di Bologna, il
bike tour ha incrociato le tre social street di via Nazario Sauro, Fondazza e Duse, e si è
concluso al C.U.BO - Centro Unipol Bologna di Porta Europa, lo spazio multimediale del
Gruppo in via Stalingrado 37. Agli oltre 60 partecipanti il gruppo ha offetro tra l’altro la
pettorina, l’ assicurazione e un gadget. L’iniziativa è stata trasmessa in ‘diretta social’, su
Facebook e Twitter con l’hashtag #unipolbike.
Inoltre, sul sito sono consultabili gli otto cartoni animati del progetto Sicurstory: iniziativa promossa dalla Fondazione Unipolis/ Sicurstrada che propone esempi di guida
sicura attraverso l’uso dei cartoon. Accanto al sito, sono stati realizzati anche spazi sui
principali social network (Facebook, Twitter e Vimeo), al fine di diffondere le attività del
progetto utilizzando le potenzialità dei social media.
Dal 10 giugno al 31 dicembre 2014 su sicurstrada.it si sono verificate circa 7.340 sessioni di navigazione corrispondenti a circa 31.900 visualizzazioni delle singole pagine/
articoli. (In tutto il 2013 c’erano stati 8.103 accessi , +27,15% rispetto al 2012, con 19.064
visualizzazioni totali di pagina, (+27,69% rispetto al 2012).
Su Facebook sono stati superati i 400 “seguaci” (418) fissi e attraverso i “post” pubblicati sono coinvolti ogni giorno tra i 200 e i 500 utenti del social network. Su Twitter
è stata superata quota 600 follower (619) e sono stati lanciati 1184 tweet. (In tutto il
2013 i fan su Facebook sono stati 224, +164,47% rispetto al 2012 quando erano 86, e i
follower su Twitter 484, +278,10% rispetto al 2012 quando erano 128).
Da sottolineare che gli utenti del sito di Sicurstrada e dei canali social del progetto
sono stati raggiunti attraverso contenuti pubblicati in maniera cosiddetta “organica” e
mai promossi a pagamento. Quindi le interazioni sono da intendersi spontanee.
La Settimana Europea della Mobilità
La sicurezza stradale sul lavoro è stato il tema che ha caratterizzato la partecipazione
e il sostegno di Unipolis alla Settimana Europea della Mobilità che si è svolta a Bologna
dal 16 al 22 settembre. Una presenza ed un impegno che rientrano nel quadro della più
ampia strategia di sostenibilità del Gruppo Unipol, nel modo di fare impresa e cultura e
che si è sviluppato attraverso anche altre iniziative.
Venerdi 19 settembre, Unipol e Unipolis – in collaborazione con il Comune di Bologna – hanno promosso l’incontro “Sicuri sulla strada e sul lavoro” per approfondire le
tematiche legate alla mobilità stradale in ambito lavorativo. All’iniziativa, che si è svolta
nel foyer dell’Unipol Auditorium, via Stalingrado, 37, hanno partecipato: Andrea Colombo, Assessore Mobilità e Trasporti del Comune di Bologna; Paolo Ferrecchi, Direttore
82
la sicurezza e la legalità
Inoltre, Sicurstrada ha collaborato con il Centro Unipol Bologna per “Sicurezza Stradale al Cubo”, una giornata interattiva, che si è svolta il 18 settembre, dedicata ad esercitazioni pratiche di guida – tramite un simulatore dinamico e un “test drive scooter”
in una pista costruita ad hoc – test sulle condizioni psico-fisiche alla guida e, ancora,
prove di “crash test” con cintura di sicurezza.
Le altre iniziative
La presenza al “citytech” di Roma
Che la questione della mobilità sia centrale nella vita delle persone e nell’organizzazione
delle città, dovrebbe essere un fatto ormai assodato. Nella realtà, la situazione italiana è
ancora ampiamente sottovalutata e, soprattutto, non sono ancora definite politiche in grado di affrontare la complessità dell’impatto che il traffico e lo spostamento quotidiano dei
cittadini produce sia sul piano economico che sulla qualità della vita. Basti pensare ai costi
elevatissimi per gestire un parco veicoli che nel nostro Paese è tra i più elevati in Europa (6
vetture ogni dieci abitanti in Italia, contro i poco più di 4 nel resto del Vecchio Continente),
ma anche tra i più vecchi, con le conseguenze evidenti sul piano dell’inquinamento.
Partendo da questo quadro, Unipolis ha partecipato all’edizione romana di
“Citytech” (10 e 11 giugno, Aranciera del Semenzaio di San Sisto, via di Valle delle Camene,
11), proponendo in quella sede i temi della connessione tra sicurezza sulle strade e mobilità
sostenibile e confrontandosi con istituzioni ed esperti.
In particolare è stata l’occasione per presentare il nuovo sito sicurstrada.it e lo studio
sulle conseguenze dell’invecchiamento della popolazione sulla sicurezza stradale, “Non è
una strada per vecchi“ che si è svolta martedì 10 giugno con la partecipazione di Walter
Dondi, direttore Fondazione Unipolis; Barbara Covili, amministratore unico Clickutility On
Earth; Giordano Biserni, presidente Asaps – Associazione sostenitori ed amici della Polizia
Stradale; Paolo Gandolfi, Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni della Camera
dei deputati.
83
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
la sicurezza e la legalità
Il secondo appuntamento con Unipolis, sempre martedì 10 giugno, è stato il workshop
promosso insieme a Roma Capitale ed Anci, sul tema “Da zero a 4 ruote: come muoversi nelle città di domani. Regole e policy della mobilità nuova del prossimo decennio”.
Nell’ambito dell’iniziativa, insieme al direttore di Unipolis, si sono confrontati gli assessori
alla mobilità di Roma, Milano, Bologna, Torino, Lecce, con l’onorevole Paolo Gandolfi; Antonella Galdi, vicesegretario generale Anci; Giordano Biserni di Asaps
L’impegno per la legalità e il sostegno a Libera
Il progetto Sicurstrada a Trieste
La partnership con Libera si inserisce all’interno di un rapporto più ampio, che vede l’intero Gruppo Unipol sostenere la nascita e lo sviluppo delle cooperative che gestiscono
terreni ed altri beni confiscati alle mafie. In particolare, attraverso la campagna “Un euro
per ogni nuova polizza in convenzione e ogni nuovo conto corrente bancario”, realizzata
da UnipolSai Assicurazioni e da Unipol Banca, annualmente vengono destinati significativi
contributi alle nuove cooperative di Libera Terra.
Unipolis ha partecipato alla conferenza internazionale “Pianificare la mobilità urbana sostenibile per una gestione più efficiente dei trasporti e una migliore qualità della vita
nelle città” organizzato il 25 settembre a Trieste presso l’Area Science Park di Padriciano.
Durante l’incontro sono stati illustrati i contenuti e le attività del Progetto Sicurstrada.
Il giorno seguente, Unipolis ha partecipato alla seconda edizione del premio Tessi Crossborder Award (Teaching Sustainability across Slovenia and Italy), dedicato alle scuole medie superiori italiane e slovene impegnate in progetti di sostenibilità ambientale, presso
l’Aula Magna Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori.
È proseguita nel 2014 la collaborazione con Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le
mafie, attiva ormai da molti anni. La Fondazione conferma in questo modo il suo impegno
nel diffondere i valori di libertà, democrazia, legalità e giustizia, anche tramite la promozione di una maggiore trasparenza in ambito economico.
Nel 2014, così come l’anno precedente, il contributo (di oltre 200 mila euro) è stato destinato alla nuova cooperativa “Rita Atria”, costituita proprio sul finire dell’anno in provincia
di Trapani e che prevede al coltivazione di oltre un centinaio di ettari da parte dei giovani che
hanno superato la selezione del bando pubblico.
In nove anni, dal 2006 al 2014, l‘iniziativa “un euro per polizza e conto corrente” ha infatti
permesso di erogare alle nuove imprese di giovani cooperatori costituite in Sicilia, Calabria,
Puglia e Campania, oltre un milione e mezzo di euro. Unipolis (così come il Gruppo Unipol) è
socia dell’ Agenzia Cooperare con Libera Terra, composta da organizzazioni e imprese cooperative, che ha come scopo e obiettivo il supporto tecnico e professionale alle cooperative
di Libera che gestiscono i beni confiscati. Tale rete coadiuva la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti a marchio “Libera Terra”.
Per parte sua, Fondazione Unipolis è impegnata in una molteplicità di iniziative volte ad
accrescere l’informazione, la conoscenza e l’impegno ad estendere la cultura della legalità,
contro le mafie e per una maggiore giustizia sociale. Va in questa direzione il sostegno diretto a Libera e alle sue attività sociali e culturali.
La Fondazione è stata infatti presente il 22 marzo a Latina, in occasione della XIX “Giornata delle Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle Mafie” e, in vista di tale
manifestazione, Unipol e Unipolis hanno organizzato per l’11 marzo, presso la Casa del Jazz
di Roma, un incontro per presentare i risultati ottenuti nel sostegno all’attività di Libera.
Nei mesi successivi si è poi svolta la Carovana Internazionale Antimafie, che ha toccato
numerose città diventando occasione di sensibilizzazione e partecipazione di giovani e cittadini. Attivo sostegno è stato dato, continuando la tradizione degli anni passati, ai campi di
volontariato EstateLiberi. L’iniziativa si svolge su beni e terreni confiscati alle mafie a cui,
ogni anno, oltre cinquemila ragazzi danno il loro contributo per il recupero dei patrimoni
sottratti alla criminalità organizzata. Anche nel 2014 sono stati coinvolti nel progetto una
quarantina di dipendenti del Gruppo Unipol, che hanno lavorato nei campi di volontariato
gestiti dalla cooperativa “Terre Ioniche – Libera Terra”. Peraltro, all’interno del Gruppo Unipol opera a Bologna un “Presidio di Libera”, costituito nell’ambito del Circolo Aziendale che
84
85
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
svolge numerose attività a sostegno delle cooperative sui beni confiscati e più in generale
per promuovere una cultura della legalità.
la sicurezza e la legalità
La partnership di Unipol e Unipolis con Libera
La Fondazione ha rinnovato inoltre il sostegno a Cinemovel Foundation, alla quale è legata da un rapporto di partnership storicamente consolidato, in particolare nella collaborazione per la realizzazione di “Libero Cinema in Libera Terra”, rassegna di cinema itinerante
nelle città che ospitano beni confiscati alle mafie, che nel 2014 ha effettuato 18 tappe, in
Italia e anche all’estero.
La presentazione del festival 2014 è stata ospitata alla Casa del Cinema di Roma l’11
giugno, con la partecipazione, fra gli altri, di Don Luigi Ciotti, presidente di Libera, Ettore Scola, presidente onorario di Cinemovel, i due fondatori Elisabetta Antognoni e Nello
Ferrieri e Walter Dondi, direttore di Unipolis.
La rassegna, che per la prima volta ha coinvolto due capitali europee, ha preso il via
a Roma il 15 luglio con la proiezione, presso la Casa del Jazz, delle due opere “The Missing Picture” di Rithy Pahn e “Mare Magnum” di E. Sparatore e L. Gullo, ed ha avuto il 15
ottobre l’appuntamento conclusivo a Parigi, alla presenza del regista Daniele Gaglianone, per la proiezione de “La mia classe”. Dopo la tappa inaugurale romana, l’iniziativa
ha attraversato l’intera penisola con 18 proiezioni in nove regioni ed è approdata anche
a Berlino. Nel corso dei vari incontri, sono state proposte pellicole che trattano argomenti di impegno civile e sociale e, al termine dei film, ci sono stati incontri con registi,
autori, sceneggiatori, intellettuali.
Tre tappe del festival sono state inoltre l’occasione per presentare il secondo volume dell’”Atlante della mafie. Storia, economia, società e cultura”, il progetto editoriale
triennale a cura di Enzo Ciconte, Francesco Forgione e Isaia Sales, edito da Rubbettino
con il contributo di Unipolis.
Il progetto editoriale “Atlante delle mafie”
Unipolis, nell’ambito del suo impegno a favore della legalità e per la lotta contro le mafie, ha
condiviso e sostenuto una rilevante operazione editoriale, realizzata da Rubbettino, con la
pubblicazione dell’ “Atlante delle mafie”. L’opera è curata da tre studiosi della criminalità
organizzata – Enzo Ciconte, Francesco Forgione, Isaia Sales – con il contributo di numerosi
altri storici, magistrati, ricercatori, giornalisti, operatori ed esperti.
L’iniziativa è articolata in tre anni e altrettanti volumi, dedicati ad indagare in profondità
il fenomeno mafioso e criminale nel nostro Paese e la sua proiezione internazionale. Il secondo volume, pubblicato nel dicembre 2013, è stato oggetto di diverse presentazioni nel
corso del 2014. Il testo si compone di numerosi saggi in cui vengono affrontati argomenti
differenti: le rappresentanze territoriali delle mafie nel Centro e nel Nord, uno studio sulla
Basilicata, il racconto delle mafie fatto da alcuni giornali, tv e magistrati, ed altri temi che
comprendono i movimenti antimafia, il cosiddetto “partito della mafia”, il riciclaggio, le donne. Il terzo volume uscirà nei primi mesi del 2015.
86
Don Ciotti, fondatore e presidente di Libera
Presso la Casa del Jazz a Roma, l’11 marzo
2014, il Gruppo Unipol, la Fondazione
Unipolis e il Consiglio Regionale Unipol
del Lazio, in collaborazione con Libera e
Agenzia cooperare con Libera Terra, hanno
organizzato un incontro per rendicontare
l’impegno a favore di legalità, lavoro,
sviluppo e giustizia sociale.
Complessivamente, in nove anni, dal 2006
al 2014, Unipol ha consegnato oltre 1 milione
e 500 mila euro alle cooperative di Libera
Terra, frutto della campagna “Un euro per
polizza e conto corrente bancario”. Per quanto riguarda i risultati conseguiti
nel 2014, Unipol e Unipol Banca hanno destinato oltre duecentomila euro per la neo costituita “Cooperativa Rita Atria – Libera Terra”
di Castelvetrano in provincia di Trapani. La
cooperativa è stata per la prima volta dedicata ad una giovanissima donna, testimone di
giustizia, che si ribellò alla violenza e alla sopraffazione mafiosa nella sua stessa famiglia.
I giovani che hanno dato vita alla nuova impresa hanno avviato il lavoro sugli oltre 130 ettari
coltivati a grano, vigneto e ulivi confiscati alle
famiglie mafiose dei comuni di Castelvetrano,
Partanna e Paceco.
Dopo l’introduzione di Claudio di Berardino, presidente del Consiglio Regionale Unipol
del Lazio, sono intervenuti Nicola Zingaretti,
presidente della Regione Lazio, Valentina Fiore, direttore del Consorzio Libera Terra Mediterraneo, Francesco Menditto, Procuratore
della Repubblica di Lanciano, Raffaele Cantone, magistrato della Corte di Cassazione, Don
Luigi Ciotti, presidente di Libera e Pierluigi
Stefanini, presidente del Gruppo Unipol e della Fondazione Unipolis.
L’iniziativa si è inserita nel percorso che ha
portato alla manifestazione del 22 marzo a
Latina per la XIX “Giornata della memoria e
dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie”, organizzata da Libera e Avviso Pubblico.
87
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
Il 30 settembre 2014 nella Sala Aldo Moro della Camera dei deputati, si è svolta la
presentazione del secondo volume dell’ ”Atlante delle mafie – Storia, economia, società,
cultura”. All’ incontro, organizzato dalla Fondazione Unipolis e dall’editore Rubbettino,
ha partecipato un numeroso pubblico che ha seguito con grande interesse gli interventi
dei curatori, della presidente della Commissione Antimafia Rosi Bindi e le riflessioni
di Giuseppe Pignatone, Procuratore della Repubblica di Roma e di Pierluigi Stefanini,
presidente del Gruppo Unipol e di Fondazione Unipolis.
Nel corso del 2014, il volume è stato inoltre presentato l’8 maggio al Salone Internazionale del libro di Torino, alla presenza di Enzo Ciconte, Giancarlo Caselli, Procuratore
della Repubblica presso il Tribunale di Torino e di Walter Dondi. In luglio, tre tappe del
festival Libero Cinema in Libera Terra hanno ospitato altrettante presentazioni dell’Atlante a Castel Volturno, Paceco e Polistena. Hanno partecipato, fra gli altri, gli autori
Ciconte e Forgione, lo storico Marcello Ravveduto ed Elisabetta Antognoni, presidente
di Cinemovel Foundation.
Altra significativa tappa è stata quella nell’ambito del Festivaletteratura di Mantova,
il 6 settembre. Con Isaia Sales, sono intervenuti, davanti ad un pubblico composto in
prevalenza da giovani, l’ex magistrato Giuseppe Ayala e la giornalista e parlamentare
Rosaria Capacchione.
Un altro appuntamento di grande rilievo e altissima partecipazione, si è svolto il 4
ottobre al Festival Internazionale a Ferrara. Nel Cortile del Castello Estense sono intervenuti Francesco Forgione, John Dickie, storico britannico e docente all’University
College of London, Enrico Fontana, direttore di Libera, e Walter Dondi. Ha coordinato
Attilio Bolzoni, de La Repubblica.
88
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
La Solidarietà
La Fondazione Ivano Barberini per lo studio e la divulgazione
della storia e civiltà della cooperazione
La Fondazione Ivano Barberini promuove iniziative di studio, approfondimento e divulgazione dell’esperienza cooperativa in Italia e in Europa. La fondazione porta il nome di
uno storico dirigente della cooperazione italiana, per molti anni presidente di Legacoop
e poi dell’Alleanza Cooperativa Internazionale. La sua attività è del tutto coerente con
i valori e l’ispirazione del Gruppo Unipol che, in ragione della sua storia e dell’attuale
azionariato di controllo della società, affonda le proprie radici nel mondo cooperativo.
In particolare, Unipolis sostiene una delle attività di natura solidaristica della Fondazione Barberini, ossia le iniziative di sostegno ai soci delle cooperative in crisi, che hanno
perduto il lavoro e le proprie quote sociali.
La Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli
Sostenere processi di dialogo, integrazione politica e sviluppo sociale con particolare
attenzione al continente africano: questi gli obiettivi della Fondazione per la Collaborazione tra i Popoli, promossa dall’ex Presidente della Commissione Europea Romano
Prodi. Dopo gli appuntamenti di Bologna del 2010 e di Washington DC, il 15 e il 16 giugno 2011, la terza e ultima conferenza della serie “Africa: 53 Nazioni, una Unione” si è
svolta ad Addis Abeba il tre e quattro maggio 2012 e vi hanno partecipato esponenti
della politica e dell’economia di numerosi paesi del Continente, oltre a rappresentanti
delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni internazionali. Oggi la Fondazione continua
a lavorare per affrontare le problematiche sociali, culturali, economiche, politiche del
mondo, al fine di favorirne la soluzione grazie alle elaborazioni di nuove proposte di collaborazione nel contesto internazionale.
La Comunità di Capodarco di Fermo
La Fondazione ha rinnovato anche nel 2014 il proprio sostegno alla Comunità di Capodarco di Fermo, in particolare alle attività dell’agenzia giornalistica Redattore Sociale.
La Fondazione ha sostenuto la ventunesima edizione del seminario nazionale per giornalisti e operatori della comunicazione “Rimozioni – il giornalismo selettivo tra ipocrisia e necessità”, che si è tenuto dal 28 al 30 novembre. Per il terzo anno consecutivo, il
contributo ha consentito di mettere a disposizione cinque borse di studio. In occasione
dei tre giorni, il direttore di Unipolis Walter Dondi ha partecipato a un incontro per par-
90
91
fondazione unipolis - bilancio di missione 2014
lare del bando dello scorso anno “culturability – fare insieme in cooperativa” insieme a
Kristian Mancinone, della cooperativa Big Bang.
Fondazione Lelio e Lisli Basso
La Fondazione Unipolis ha contribuito nel 2014 alla pubblicazione della rivista semestrale “Parole chiave”, fondata nel 1993 da Lelio Basso in continuità con il periodico
“Problemi del Socialismo” e curata dalla Fondazione Lelio e Lisli Basso-Issoco. Il primo
dei due fascicoli pubblicati è stato dedicato alla “Tecnica” nelle sue diverse applicazioni
in campi differenti: dalla filosofia alla politica, dalla scienza all’antropologia, dall’economia alla storia, dalla sociologia ai media studies. Il secondo numero ha affrontato,
invece, m il tema del “Socialismo”. La Fondazione Lelio e Lisli Basso, fondata a Roma
da Lelio Basso nel 1973, svolge attività che vanno dalla gestione dell’archivio storico e
dell’istituto di ricerche all’organizzazione di corsi di formazione, seminari, convegni e
mostre.
Associazione Hendel
Con l’organizzazione della manifestazione “Note Etiche – parole e musica per una finanza più chiara”, l’Associazione Hendel ha inteso favorire, grazie al linguaggio musicale, la
conoscenza e la riflessione su temi etici, in particolare legati al mondo dell’economia
e della finanza. La Fondazione Unipolis ha sostenuto il progetto, che si è articolato in
quattro serate di musica e riflessioni, organizzate a Milano fra ottobre e novembre
2014. Gli appuntamenti hanno avuto per tema: “Dialogo tra mondi lontani”, “La musica e
il potere”, “Il mecenatismo per l’arte” e, da ultimo, “Musica per Chiara”, in ricordo di Chiara Manzoni, giornalista di Radiocor-Il Sole 24 prematuramente scomparsa.
Associazione Certosa 1515
La Fondazione Unipolis ha sostenuto l’Associazione Certosa 1515, realtà che gestisce
il Convento di San Francesco, più noto come la Certosa, ad Avigliana in Val di Susa. L’edificio storico è stato restaurato dal Gruppo Abele in diciotto anni di lavoro ed è ora di
proprietà del Fondo Social & Human Purpose della Ream Sgr di Torino. Dopo essere
stata per secoli un luogo di silenzio e preghiera, oggi la Certosa è diventata uno spazio
dedicato al “sociale”, aggregando operatori del settore, volontari e studenti grazie ad
attività differenti - corsi di formazione, riunioni, convegni, coworking.
92
note
note
FONDAZIONE UNIPOLIS
via Stalingrado 53
40128 Bologna
www.fondazioneunipolis.org
www.unipol.it
Fly UP