...

Gesù attraverso occhi buddhisti

by user

on
Category: Documents
11

views

Report

Comments

Transcript

Gesù attraverso occhi buddhisti
Gesù attraverso occhi buddhisti
monaca Ajahn Candasiri
versione originale: e-book - pdf
© Amaravati publications 2011
Nel 1984, Sua Santità il Dalai Lama, par- arrivata a un punto di profonda stanchezza e
lando a un folto pubblico nella Albert Hall, disperazione. Ero stanca per l'apparente comrese concorde all’istante la platea con una plessità del tutto. Era sorto in me un sentisemplice affermazione:
mento di disperazione
“Tutti gli esseri vogliono
perché non sapevo come
essere felici, vogliono evilavorare con gli stati netare il dolore e la soffegativi che si insinuavano,
renza”. Rimasi colpita da
spontaneamente, nella
come fu in grado di momente: preoccupazioni,
strare ciò che tutti, in
gelosia, malumore e così
quanto esseri umani, abvia. E anche con gli stati
biamo in comune. Afpositivi che potevano
fermò la nostra comune
cambiare e trasformarsi
umanità, senza in alcun
in superbia o vanità, almodo negare le ovvie diftrettanto indesiderate,
ferenze.
naturalmente.
Se mi invitassero a
guardare “Gesù attraverso
occhi buddhisti”, userei
un approccio del tipo che mette in evidenza le
somiglianze e le differenze, un po' come in un
tema scolastico. Sono stata educata come cristiana e mi sono rivolta al buddhismo verso i
30 anni, perciò mi viene spontaneo avere opinioni su entrambe le tradizioni, quella in cui
sono cresciuta e da cui mi sono allontanata, e
quella che ho adottato e continuo a praticare.
Ma dopo aver riletto alcuni episodi del Vangelo mi piacerebbe incontrare di nuovo, con
degli occhi rinnovati, Gesù, ed esaminare fino
a che punto lui e il Buddha offrano la stessa
guida, anche se in superficie le tradizioni del
cristianesimo e del buddhismo possano apparire alquanto differenti.
Alla fine incontrai
Ajahn Sumedho, un monaco buddhista americano, che era appena giunto in Inghilterra
dopo 10 anni di pratica in Thailandia. Il suo
insegnante era Ajahn Chah, un monaco thailandese della Tradizione della Foresta che,
nonostante la poca istruzione formale, conquistò i cuori di molte migliaia di persone, tra
cui un buon numero di occidentali. Partecipai
a un ritiro di dieci giorni presso il Centro Buddhista di Oakenholt, vicino Oxford, e sedetti
agonizzante su un materassino sul pavimento
di una sala di meditazione piena di spifferi, insieme a circa 40 altri praticanti di tutti i tipi.
Davanti a noi, insieme ad altri tre monaci,
c'era Ajahn Sumedho che ci offriva gli insegnamenti e ci guidava nella meditazione.
Per cominciare, lasciatemi raccontare un
Quello fu un punto di svolta per me. Sebpo' come sono arrivata ad essere monaca bud- bene l'intera esperienza fosse stata estremadhista.
mente dura – sia fisicamente che
Dopo aver cercato sinceramente di avvici- emotivamente – mi sentivo enormemente innarmi al cammino cristiano in un modo che coraggiata. Gli insegnamenti erano stati prefosse significativo nella vita quotidiana, ero sentati in uno stile meravigliosamente
1
accessibile, di fatto sembrava comune buon
senso. Non mi venne in mente che si trattasse
di buddhismo. Inoltre erano immensamente
concreti e, a riprova, avevamo proprio di
fronte a noi dei “professionisti”, persone che
avevano preso l’impegno di vivere ventiquattro ore al giorno in accordo con tali insegnamenti. Ero completamente affascinata da quei
monaci: dai loro abiti e dalle loro teste rasate,
e da quello che sentivo riguardo la loro vita di
rinuncia, con le sue 227 regole di formazione.
Vidi anche che erano rilassati e felici, e questo
forse fu la cosa più importante, e anche un po'
sorprendente.
Mi sentivo profondamente attratta dagli insegnamenti, e dalla Verità che indicavano: il
riconoscimento che, sì, questa vita è intrinsecamente insoddisfacente, e noi sperimentiamo sofferenza o disagio, ma anche che c'è
una Via che ci può portare alla fine del questa
sofferenza. Inoltre, nonostante l'idea fosse abbastanza stupefacente per me, vidi che, dentro di me, si risvegliava l'interesse di far parte
di una comunità monastica.
Così ora, dopo più di venti anni trascorsi
come monaca buddhista, cosa trovo quando
incontro Gesù nei racconti evangelici?
Be’, devo dire che si presenta molto più
umano di quanto mi ricordassi. Sebbene ci sia
stato ripetutamente detto che lui è il Figlio di
Dio, in qualche modo questo non mi sembra
altrettanto significativo quanto il fatto che egli
sia una persona: un uomo di grande presenza,
enorme energia e compassione, e notevoli capacità mentali. Ha anche il grande dono di
saper trasmettere le verità spirituali in forma
di immagini, utilizzando gli oggetti più quotidiani (pane, campi, grano, sale, bambini, alberi) per illustrare i punti che vuole chiarire.
Le genti non sempre capiscono subito, ma
vengono lasciate con un’immagine su cui riflettere. Inoltre ha una missione: riaprire la
Via alla vita eterna; ed è completamente risoluto nel suo impegno – come dice lui, di “fare
la volontà del Padre suo”.
Il suo ministero è breve ma ricco di avvenimenti. Leggendo il racconto di Marco, io
stessa, mi sento stanca mentre immagino le
richieste incessanti di tempo ed energia che
gli vengono rivolte. È un sollievo vedere che
di tanto in tanto ha il tempo per stare solo o
con i suoi discepoli più stretti; leggere che,
come noi, a volte ha bisogno di riposo. Una
storia che mi piace molto è quella in cui, dopo
una giornata estenuante passata a dare insegnamenti a un folla immensa, dormiva profondamente in una barca che li trasportava
attraverso il mare. Quando nella mia vita c’è
un turbinio di eventi, trovo molto utile ricordare la sua calma in risposta alla violenta tempesta che infuriava mentre dormiva.
Sono molto coinvolta dall'intensità delle situazioni che si susseguono una dopo l'altra.
La gente l’ascolta, apprezza ciò che ha da dire,
in alcuni casi è irritata o arrabbiata, in altri
viene guarita. Non ne hanno mai abbastanza
di quello che lui può dargli. Mi commuove la
sua risposta alle 4.000 persone che, dopo aver
trascorso tre giorni con lui nel deserto ad
ascoltare il suo insegnamento, sono stanche e
affamate. Rendendosene conto, utilizza i suoi
doni per fa apparire pane e pesce affinché
tutti possano mangiarne.
Gesù muore giovane. Il suo ministero inizia
a 30 anni (sarei interessata a sapere di più
della formazione spirituale che senza dubbio
deve aver ricevuto prima di allora), e termina
bruscamente quando ha soltanto 33 anni.
Fortunatamente, prima della crocifissione,
riesce a insegnare ai suoi discepoli più stretti,
con un semplice rituale, come essi possono
riaffermare il proprio legame con lui e tra di
loro. Mi riferisco, ovviamente, all'Ultima
Cena. Fornendo così un punto centrale di devozione e di rinnovamento per i suoi discepoli, che continua anche oggi.
Ho l'impressione che non sia particolarmente interessato a convertire la gente al suo
modo di pensare, quanto a insegnare a coloro
che sono pronti. È curioso notare che spesso
le persone che lo cercano provengono da ambienti piuttosto viziosi o umili. Per Gesù è
chiaro che la purezza è una qualità del cuore,
non qualcosa che viene da cieca adesione a un
sistema di regole. La sua risposta ai farisei,
quando criticano i suoi discepoli per il mancato rispetto delle norme di purezza al momento del pasto, lo mostra perfettamente:
“Non c'è niente dal di fuori che può contami-
2
nare un uomo” – e verso i suoi discepoli è decisamente esplicito su ciò che accade al cibo
una volta che è stato consumato… “piuttosto,
è dal cuore che nascono le contaminazioni”.
Purtroppo a questo punto non va avanti a
spiegare cosa fare per queste.
sebbene questo possa essere interpretato
come un incoraggiamento a una dipendenza
infantile nei confronti del maestro, gli insegnamenti buddhisti me l’hanno fatto vedere
in un’altra luce. La parola “Buddha”, significa
“sveglio” – sveglio al Dhamma, o alla Verità,
che il Buddha ha paragonato a un antico sentiero coperto dalla vegetazione e che lui ha
semplicemente riscoperto. Il suo insegnamento indica il sentiero: è qui, ora, proprio
sotto i nostri piedi – ma a volte le nostre
menti sono così piene di idee sulla vita che
siamo impossibilitati a gustarla veramente!
Ciò che ci viene detto delle sue ultime ore –
il processo, la derisione, l'agonia e l'umiliazione di essere spogliato e infine inchiodato a
morte su di una croce – è uno straordinario
racconto di paziente tolleranza, la volontà di
sopportare l'insopportabile, senza sentimenti
di biasimo o di ostilità. Mi ricorda una similiC’è un episodio in cui una giovane madre,
tudine usata dal Buddha per mostrare la quaKisagotami,
impazzita dal dolore per la morte
lità di mettā, o gentilezza, che si aspettava dai
suoi discepoli: “Anche se dei ladri vi doves- del suo figlioletto, va dal Buddha. La risposta
sero aggredire e segare le vostre membra ad del Buddha al suo dolore, quando gli chiede
una ad una, se cedeste il passo alla rabbia, non di guarire il figlio, è domandarle di portargli
stareste seguendo il mio insegnamento”. Un un seme di mostarda preso in una casa dove
compito arduo, ma che Gesù compie chiara- nessuno fosse mai morto. Alla fine, dopo
mente alla perfezione: “Padre, perdona loro giorni di ricerca, l’angoscia di Kisagotami si
acquieta; capisce che non è sola nella sua sofperché non sanno quello che fanno”.
ferenza – morte e lutto sono fatti inevitabili
Allora, perché ho avuto bisogno di cercare
dell’esistenza umana. Anche Gesù, a volte, inaltrove una guida? Forse Gesù in qualche
segna in questo modo. Quando si raduna una
modo era incompleto come modello spirifolla pronta a lapidare a morte una donna actuale? Era insoddisfazione nei confronti della
cusata di adulterio, invita chiunque sia senza
Chiesa e delle sue forme istituzionali – ciò che
peccato a scagliare la prima pietra. Ad uno ad
la cristianità ha fatto per Gesù? O sempliceuno se ne vanno; avendo guardato nel proprio
mente si era affacciata un’altra possibilità che
cuore, provano vergogna di fronte a questa
rispondeva più adeguatamente al mio bisogno
frase.
di allora?
Nella pratica ho trovato il modo di poter esNel buddhismo ho trovato quello che mansere in sintonia, di poter partecipare attentacava nella mia esperienza cristiana. Potrebbe
mente a ciò che accade dentro, sentendo
essere riassunto semplicemente in fiducia in
quando si è a proprio agio, in armonia e same stessa. Non penso che avessi compreso
pendo anche quando il proprio punto di vista
pienamente quanto tutto mi sembrasse dispe- è in contrasto con “ciò che è”. Trovo che l'imrato, finché non ebbi i mezzi e l'incoraggia- magine che Gesù usa per descrivere il Regno
mento necessari per capirlo. C'è una storia di dei Cieli lo spieghi bene. Dice che è come un
uno studente bramino, Dhotaka, che implora seme che, quando le condizioni sono favoreil Buddha: “Per favore, Maestro, liberami voli, germoglia e crescerà come albero. Noi
dalla confusione”. La risposta, in un certo stessi creiamo le condizioni che promuovono
modo sorprendente, del Buddha fu: “Non è il benessere e la crescita della comprensione,
compito mio liberare nessuno dalla confu- o che causano danno a noi stessi o agli altri.
sione. Quando avrai compreso il Dhamma, la Non occorre che ci sia un Dio che ci consegni
Verità, allora troverai la libertà”. Che respon- nell’infimo di qualche inferno, se siamo sciocsabilità!
chi o egoisti: ciò accade da sé. Allo stesso
Nei Vangeli sentiamo dire che Gesù parla modo, quando riempiamo la nostra vita di
con autorità; parla anche della necessità di bontà, ci sentiamo felici, il che è uno stato paavere l'atteggiamento di un bambino. Ora, radisiaco.
3
In quel primo ritiro buddhista mi è stato
mostrato che c'è una Via di Mezzo: né assecondare, né sforzarsi a reprimere i pensieri
dannosi che si presentano. Ho imparato che,
attraverso la meditazione, posso semplicemente esserne testimone e permettere loro di
passare, in base alla loro natura – non ho affatto bisogno di identificarmi con alcun
aspetto di essi. L'insegnamento di Gesù che
persino avere un pensiero di lussuria è come
commettere adulterio, mi era sembrato
troppo duro, mentre, se ha un senso logico
l'idea di tagliar via una mano o un piede, o cavare un occhio qualora fossero di offesa, in
concreto come è possibile praticare così? Mi
pare che richiederebbe una fede molto più
grande di quanta in quel periodo fosse a mia
disposizione! Così fui felicissima di apprendere una risposta alternativa nei confronti
degli stati di avidità, odio o illusione che sorgono nella coscienza, oscurano la nostra visione, e portano a ogni genere di problemi.
Come disse il Dalai Lama: “Ognuno vuole
essere felice, nessuno vuole soffrire”. Gesù e
il Buddha sono amici e insegnanti straordinari. Possono mostrarci la Via, ma non possiamo contare su di loro perché ci rendano
felici o ci liberino dalla sofferenza. Tocca a
noi.
Tradotto dall’inglese da Roberto Luongo
L’originale è all’indirizzo
(e-book):
http://forestsanghapublications.org/viewBook.php?id=15&
ref=deb
(pdf):
http://www.amaravati.org/downloads/pdf/Friends_on_th
e_Path.pdf
Disclaimer
Saddha autorizza a ripubblicare il proprio materiale
e a distribuirlo attraverso qualunque mezzo, purché:
1) questo venga offerto gratuitamente;
2) sia indicata chiaramente la fonte (sia della traduzione che dell’originale);
3) sia incluso per intero questo testo di autorizzazione.
Altrimenti tutti i diritti sono riservati.
4
Fly UP