...

Canto XXIII - Edu.lascuola

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Canto XXIII - Edu.lascuola
p205-210_inferno-integr_p205-210_inferno-integr 20/10/11 10.59 Pagina 205
Canto XXIII
Posizione VIII cerchio - Malebolge - (fraudolenti); 6ª bolgia
Peccatori Ipocriti
Pena Avanzano lentamente coperti da pesanti cappe di piombo, dorate
all’esterno (l’andamento processionale e i mantelli richiamano
simbolicamente l’ambiente claustrale)
Contrappasso In vita nascosero la malvagità sotto l’apparenza della
bontà; così ora sono oppressi da cappe di piombo ammantate d’oro
Dante incontra Catalano dei Malavolti, Loderingo degli Andalò,
Caifas e suo suocero Anna
■ Sequenze narrative
®
vv 1-57
FUGA VERSO LA SESTA BOLGIA
Senza la scorta dei diavoli, Dante eVirgilio* camminano in silenzio; Dante è preoccupato che
la collera dei Malebranche* possa rivolgersi contro di loro. Accortosi in effetti che i diavoli li
stanno inseguendo per vendicarsi,Virgilio afferra Dante e si lascia con lui scivolare lungo il
pendio, raggiungendo così il fondo della sesta bolgia, il cui accesso è proibito ai Malebranche.
® vv 58-72
Inferno, XXIII,
58-60,
miniatura
ferrarese,
1474-1482,
Ms. Urb. Lat. 365,
f. 60 v.
Roma, Biblioteca
Vaticana.
GLI IPOCRITI
Qui sono puniti gli ipocriti, che camminano faticosamente sotto pesanti cappe di piombo,
dorate all’esterno. Essi procedono così lentamente che i due poeti, ad ogni passo, si trovano
accanto a nuovi peccatori.
® vv 73-108
CATALANO E LODERINGO
Udendolo parlare toscano, uno di questi prega Dante di fermarsi; altri due si accorgono con
meraviglia che Dante è vivo e gli chiedono chi sia. Dante risponde brevemente e ricambia la
domanda.Viene così a sapere che sono due frati gaudenti di Bologna: Catalano dei Malavolti e Loderingo degli Andalò. Guelfo il primo e ghibellino il secondo, essi ebbero l’incarico di
ristabilire la pace tra le due fazioni, dopo la battaglia di Benevento* (1266), ma il loro comportamento ipocrita sortì effetti opposti.
® vv 109-126 CAIFAS
Dante sta per ribattere, ma la sua attenzione si rivolge verso un peccatore crocifisso per terra
con tre pali. Questi è Caifas, il sommo sacerdote ebreo che favorì la decisione di uccidere Cristo, ipocritamente ritenendola necessaria in nome dell’interesse del popolo, mentre in realtà
era preoccupato per il prestigio dei sacerdoti.Allo stesso supplizio sono condannati suo suocero Anna e tutti i sacerdoti del Sinedrio di Gerusalemme, che ora sono calpestati da tutta la
schiera degli ipocriti.
® vv 127-148 USCITA DALLA BOLGIA
Catalano dice che lì vicino vi sono le rovine di un ponte, attraverso le quali i due poeti potranno uscire dalla bolgia; accortosi allora dell’inganno di Malacoda (vedi canto XXI),Virgilio si incammina sdegnato, seguito da Dante.
205
p205-210_inferno-integr_p205-210_inferno-integr 20/10/11 10.59 Pagina 206
Inferno
Canto XXIII
■ Temi e motivi
Gli ipocriti di Malebolge
La prima parte del canto (vv. 1-57) porta a conclusione l’episodio precedente, con i diavoli che inseguono i due pellegrini, i quali si sottraggono definitivamente alle loro mire
lasciandosi scivolare lungo l’argine della sesta bolgia*. L’andamento rallentato dell’incipit
(Taciti, soli, sanza compagnia) appare come una nota raccolta e segreta, che segnala la necessità di un ritmo più rallentato e disteso dopo la tensione e la caoticità del precedente episodio dei diavoli. I due poeti procedono uno dietro l’altro come frati minor vanno per via (v.
3), similitudine* che introduce immediatamente l’atmosfera triste e silenziosa della sesta
bolgia, nella quale avanza con estrema lentezza la processione degli ipocriti,la cui rappresentazione occupa la seconda parte del canto (vv. 58 ss.).
Come quello dei barattieri, anche il modo d’agire degli ipocriti si dimostrò in vita ben
diverso da quello dichiarato esternamente; per questo il loro aspetto è quello più immediatamente riconducibile all’immagine di Gerione*, guardiano di Malebolge* (cfr. Inf.
XVII, 10-11). Anche se non è detto che tutti gli ipocriti appartengano alla classe sacerdotale, certamente lo sono quelli qui incontrati da Dante, le cui azioni ebbero gravi ripercussioni sull’ordine pubblico. Per quanto riguarda il mondo contemporaneo sono qui
puniti i frati gaudenti* Catalano* e Loderingo*, che, giunti a Firenze con l’intento ufficiale di pacificare la città, la consegnarono in realtà ai Guelfi*, dando così avvio ad una serie
ininterrotta di discordie e di lotte fratricide. A rappresentare il mondo passato vi sono il
sommo sacerdote Caifas* e suo suocero Anna, ai quali è riservata una pena del tutto diversa (sono crocifissi in terra con tre pali, v. 111), che indica la particolare gravità della colpa di
coloro che furono responsabili della condanna a morte di Cristo.
L’inganno di Malacoda
Solo a questo punto, parlando con frate Catalano*, Virgilio apprende con un certo turbamento di essere stato ingannato da Malacoda*; infatti, contrariamente a quanto il diavolo
aveva affermato (Inf. XXI, 106-111), nessuno dei ponti è rimasto intatto sulla bolgia dopo
il terremoto che accompagnò la morte di Cristo: segno del particolare disprezzo verso
questi peccatori, tra i quali si trova appunto, crocifisso a terra insieme al suocero Anna, il
sommo sacerdote Caifas, ossia proprio colui che consigliò il Sinedrio a condannare a morte
il Redentore.
®
3
Taciti, soli, sanza compagnia
n’andavam l’un dinanzi e l’altro dopo,
come frati minor vanno per via.
6
Vòlt’era in su la favola d’Isopo
lo mio pensier per la presente rissa,
dov’el parlò de la rana e del topo;
A causa della zuffa dei diavoli appena combattuta (presente rissa),
il mio pensiero era concentrato (Vòlt’era) sulla favola di Esopo
(Isopo), nella quale egli (dov’el) raccontò della rana e del topo;
9
ché più non si pareggia ‘mo’ e ‘issa’
che l’un con l’altro fa, se ben s’accoppia
principio e fine con la mente fissa.
perché non si equivalgono (non si pareggia) di più le parole
‘mo’ e ‘issa’ di quanto non si assomiglino (che… fa) la favola
(l’un) e la rissa (l’altro), se si confrontano (se ben s’accoppia)
molto attentamente (con la mente fissa) l’inizio e la fine (dei
due fatti).
206
vv 1-57
FUGA VERSO LA SESTA BOLGIA
Camminavamo (n’andavam) silenziosi (Taciti), soli e senza
scorta (sanza compagnia), uno dietro (dopo) l’altro come fanno
per strada i francescani (frati minor).
p205-210_inferno-integr_p205-210_inferno-integr 20/10/11 10.59 Pagina 207
Canto XXIII
Inferno
12
E come l’un pensier de l’altro scoppia,
così nacque di quello un altro poi,
che la prima paura mi fé doppia.
E come un pensiero scaturisce improvvisamente (scoppia) da
(de) un altro, così da (di) quello [il confronto tra la favola e la
rissa] ne nacque subito un altro, che in me raddoppiò (mi fé
doppia) l’iniziale paura che avevo dei diavoli (la prima paura).
15
Io pensava così: ‘Questi per noi
sono scherniti con danno e con beffa
sì fatta, ch’assai credo che lor nòi.
Io pensavo così: «I diavoli (Questi) sono stati ingannati (scherniti con danno) e beffati (con beffa) a causa nostra a tal punto (sì
fatta) che penso che ciò li indispettisca molto (assai… lor nòi).
18
Se l’ira sovra ’l mal voler s’aggueffa,
ei ne verranno dietro più crudeli
che ’l cane a quella lievre ch’elli acceffa’.
Se l’ira si assomma (s’aggueffa) alla loro (intrinseca) malvagità
(mal voler), essi (ei) ci inseguiranno (ne verranno dietro) più crudeli di quanto (che) non sia il cane nell’inseguire la lepre (lievre) per addentarla (ch’elli acceffa)».
21
Già mi sentia tutti arricciar li peli
de la paura e stava in dietro intento,
quand’io dissi: «Maestro, se non celi
Già mi sentivo arricciare i peli dalla (de la) paura e mi guardavo attentamente alle spalle (e stava in dietro intento), quando
dissi: «Maestro, se non nascondi (celi)
24
te e me tostamente, i’ ho pavento
d’i Malebranche. Noi li avem già dietro;
io li ’magino sì, che già li sento».
alla svelta (tostamente) te e me, io ho paura (pavento) dei (d’i)
Malebranche. Li abbiamo (li avem) già dietro; li immagino al
punto (sì) che già ne avverto la presenza (li sento)».
27
E quei: «S’i’ fossi di piombato vetro,
l’imagine di fuor tua non trarrei
più tosto a me, che quella dentro ’mpetro.
Ed egli: «Se io fossi uno specchio (piombato vetro), non potrei
riflettere (fuor… trarrei/…a me) la tua immagine esterna più
velocemente (più tosto) di quanto (che) non riceva (’mpetro) la
tua immagine interiore (quella dentro: il tuo sentimento).
30
Pur mo venieno i tuo’ pensier tra ’ miei,
con simile atto e con simile faccia,
sì che d’intrambi un sol consiglio fei.
Proprio ora (Pur mo) i tuoi pensieri si mischiavano (venieno)
ai (tra ’) miei, con aspetto analogo (con simile atto) e con analoghe sembianze (simile faccia), così che dai pensieri di noi due
(d’intrambi) ho tratto (fei) un’unica (sol) decisione (consiglio).
33
S’elli è che sì la destra costa giaccia,
che noi possiam ne l’altra bolgia scendere,
noi fuggirem l’imaginata caccia».
Se è vero che (S’elli è che) il pendio destro della bolgia (la destra
costa) è così poco ripido (sì… giaccia) da permetterci (che noi possiam) di discendere nella bolgia successiva, potremo evitare (noi
fuggirem) il supposto inseguimento dei diavoli (l’imaginata caccia)».
36
Già non compié di tal consiglio rendere,
ch’io li vidi venir con l’ali tese
non molto lungi, per volerne prendere.
Non aveva ancora finito (Già non compié) di esporre (rendere)
tale decisione (consiglio) che io vidi arrivare i diavoli (li) non
troppo lontani (lungi), con le ali tese per volerci (volerne) ghermire (prendere).
39
Lo duca mio di sùbito mi prese,
come la madre ch’al romore è desta
e vede presso a sé le fiamme accese,
La guida mi afferrò senza indugio (di sùbito), come la madre che
si desta per le grida di allarme (romore) e vede già vicino a sé avvampare le fiamme (le fiamme accese),
42
che prende il figlio e fugge e non s’arresta,
avendo più di lui che di sé cura,
tanto che solo una camiscia vesta;
e afferra il figlio e, preoccupandosi (avendo… cura) più per lui
che per sé, fugge senza fermarsi (non s’arresta) neppure (tanto
che) per indossare (vesta) una camicia;
45
e giù dal collo de la ripa dura
supin si diede a la pendente roccia,
che l’un de’ lati a l’altra bolgia tura.
così (e) dalla sommità (dal collo) dell’argine (ripa dura) egli si
lasciò andare (si diede) supino lungo il pendio roccioso (a la
pendente roccia), che chiude (tura) uno dei lati della sesta bolgia (l’altra bolgia).
207
p205-210_inferno-integr_p205-210_inferno-integr 20/10/11 10.59 Pagina 208
Inferno
Canto XXIII
48
Non corse mai sì tosto acqua per doccia
a volger ruota di molin terragno,
quand’ella più verso le pale approccia,
Acqua non corse mai così rapidamente (sì tosto) attraverso un
condotto (per doccia) per far girare (a volger) la ruota di un
mulino di terraferma (molin terragno), nel momento in cui essa
più si avvicina (approccia) alle pale,
51
come ’l maestro mio per quel vivagno,
portandosene me sovra ’l suo petto,
come suo figlio, non come compagno.
come il mio maestro lungo (per) l’orlo della bolgia (quel vivagno), portando me sopra il suo petto, come se fossi suo figlio
e non il suo compagno.
54
A pena fuoro i piè suoi giunti al letto
del fondo giù, ch’e’ furon in sul colle
sovresso noi; ma non lì era sospetto:
57
ché l’alta provedenza che lor volle
porre ministri de la fossa quinta,
poder di partirs’indi a tutti tolle.
Non appena (A pena) i suoi piedi (piè) si posarono (fuoro…
giunti) sulla superficie (al letto) del fondo della bolgia, i diavoli (e’) sopraggiunsero (furon) sulla sommità dell’argine (in sul
colle) proprio sopra di noi (sovresso noi); ma ormai non vi era
motivo (non lì era) di avere paura (sospetto):
dal momento che (ché) la divina provvidenza (l’alta provedenza) che li volle porre come guardiani (ministri) della quinta
bolgia (fossa), vieta (tolle) a tutti la possibilità (poder) di uscire
di là (di partirs’indi).
60
Là giù trovammo una gente dipinta
che giva intorno assai con lenti passi,
piangendo e nel sembiante stanca e vinta.
63
Elli avean cappe con cappucci bassi
dinanzi a li occhi, fatte de la taglia
che in Clugnì per li monaci fassi.
Sul fondo (Là giù) incontrammo dei dannati (gente) luccicanti d’oro (dipinta, essendo coperti da cappe dorate, cfr. v. 64),
che avanzavano (che giva intorno) molto lentamente (assai con
lenti passi), in lacrime (piangendo) e vinti dalla stanchezza (stanca e vinta) nell’atteggiamento (nel sembiante).
Portavano (avean) mantelli (cappe) con cappucci abbassati (bassi) sugli occhi, della stessa foggia (fatte de la taglia) che si usa (fassi) per quelli dei monaci di Cluny (Clugnì).
66
Di fuor dorate son, sì ch’elli abbaglia;
ma dentro tutte piombo, e gravi tanto,
che Federigo le mettea di paglia.
All’esterno (Di fuor) sono dorate, così che i dannati abbagliano (sì ch’elli abbaglia); ma all’interno sono tutte di piombo, e
così pesanti (gravi tanto) che (al confronto) Federico II le
imponeva (le mettea) leggerissime (di paglia).
69
Oh in etterno faticoso manto!
Noi ci volgemmo ancor pur a man manca
con loro insieme, intenti al tristo pianto;
Quale pesante (faticoso) mantello per l’eternità (in etterno)!
Noi ci voltammo (volgemmo), anche questa volta (ancor pur) a
sinistra (a man manca), nella loro direzione (con loro insieme),
tutti presi (intenti) dal doloroso (tristo) pianto;
72
ma per lo peso quella gente stanca
venìa sì pian, che noi eravam nuovi
di compagnia ad ogne mover d’anca.
75
Per ch’io al duca mio: «Fa che tu trovi
alcun ch’al fatto o al nome si conosca,
e li occhi, sì andando, intorno movi».
78
E un che ’ntese la parola tosca,
di retro a noi gridò: «Tenete i piedi,
voi che correte sì per l’aura fosca!
81
Forse ch’avrai da me quel che tu chiedi».
Onde ’l duca si volse e disse: «Aspetta,
e poi secondo il suo passo procedi».
208
® vv 58-72
GLI IPOCRITI
ma a causa (per) del peso quegli stanchi dannati (gente stanca)
procedevano (venìa) così lentamente (sì pian) che ad ogni
passo (ad ogne mover d’anca) noi ci trovavamo accanto nuovi
dannati (eravam nuovi di compagnia).
® vv 73-108
CATALANO E LODERINGO
Per cui io dissi alla mia guida: «Cerca di individuare (Fa che tu
trovi) qualcuno riconoscibile per le sue azioni (ch’al fatto… si
conosca) o per il suo nome (al nome), e pertanto, pur continuando a camminare (sì andando), muovi gli occhi intorno».
E un dannato (E un), che udì la pronuncia toscana (la parola
tosca), gridò dietro (di retro) di noi: «Rallentate (Tenete i piedi),
voi che camminate così in fretta (correte sì) attraverso l’oscura
aria infernale (per l’aura fosca)!
Otterrai probabilmente (Forse ch’avrai) da me quello che
chiedi». Per cui (Onde) la guida si voltò e disse: «Aspettalo e
quindi procedi (con lui) al suo passo».
p205-210_inferno-integr_p205-210_inferno-integr 20/10/11 10.59 Pagina 209
Canto XXIII
Inferno
84
Ristetti, e vidi due mostrar gran fretta
de l’animo, col viso, d’esser meco;
ma tardavali ’l carco e la via stretta.
Mi fermai (Ristetti), e vidi due dannati mostrare nell’intenzione (de l’animo), attraverso lo sguardo (col viso), grande desiderio (fretta) di stare con me (d’esser meco); ma il peso [delle
cappe] e il luogo angusto (la via stretta) li rallentava (tardavali).
87
Quando fuor giunti, assai con l’occhio bieco
mi rimiraron sanza far parola;
poi si volsero in sé, e dicean seco:
Appena ci raggiunsero (fuor giunti), mi guardarono attentamente (mi rimiraron) di traverso (con l’occhio bieco) senza parlare (sanza far parola); poi si rivolsero (si volsero) tra di loro (in sé)
e dicevano tra sé:
90
«Costui par vivo a l’atto de la gola;
e s’e’ son morti, per qual privilegio
vanno scoperti de la grave stola?».
«Costui sembra (par) vivo dal movimento (atto) della gola; ma (e)
se essi (s’e’) sono morti, per quale privilegio sono liberi (vanno
scoperti) dal pesante mantello (grave stola)?».
93
Poi disser me: «O Tosco, ch’al collegio
de l’ipocriti tristi se’ venuto,
dir chi tu se’ non avere in dispregio».
Poi mi dissero: «O Toscano (Tosco), che sei venuto tra la compagnia (al collegio) dei miseri ipocriti, non disprezzare (non
avere in dispregio) di dire chi tu sei».
96
E io a loro: «I’ fui nato e cresciuto
sovra ’l bel fiume d’Arno a la gran villa,
e son col corpo ch’i’ ho sempre avuto.
Ed io: «Sono nato e cresciuto nella più grande delle città (la gran
villa) situate lungo (sovra) il bel fiume Arno, e possiedo (son)
ancora il corpo che ho sempre avuto (= sono ancora vivo).
99
Ma voi chi siete, a cui tanto distilla
quant’i’ veggio dolor giù per le guance?
e che pena è in voi che sì sfavilla?».
Ma chi siete voi a cui il dolore, a quanto vedo (quant’i’ veggio), fa colare tante lacrime (tanto distilla) lungo le guance? e
quale pena avete (è in voi) che così riluce (sfavilla)?».
102
E l’un rispuose a me: «Le cappe rance
son di piombo sì grosse, che li pesi
fan così cigolar le lor bilance.
Uno di essi (l’un) mi rispose: «Le cappe dorate (rance) sono
tanto pesanti (grosse) per il piombo (di cui sono fatte), che il
loro peso provoca i nostri gemiti come il peso fa cigolare i
bracci delle bilance.
105
Frati godenti fummo, e bolognesi;
io Catalano e questi Loderingo
nomati, e da tua terra insieme presi
Fummo frati gaudenti, originari di Bologna; chiamati (nomati) io Catalano e questi Loderingo, ed eletti (presi) insieme
dalla tua città (terra)
108
come suole esser tolto un uom solingo,
per conservar sua pace; e fummo tali,
ch’ancor si pare intorno dal Gardingo».
nell’incarico solitamente affidato (come suole esser tolto) ad
un’unica persona (un uom solingo), per mantenere la pace; e
agimmo in modo tale (fummo tali), che la nostra opera è ancora visibile (si pare) presso (intorno dal) il Gardingo».
Io cominciai: «O frati, i vostri mali...»;
ma più non dissi, ch’a l’occhio mi corse
111 un, crucifisso in terra con tre pali.
® vv 109-126 CAIFAS
114
Quando mi vide, tutto si distorse,
soffiando ne la barba con sospiri;
e ’l frate Catalan, ch’a ciò s’accorse,
Cominciai: «O frati, i vostri tormenti (mali)…»; ma non dissi
altro, poiché mi si presentò improvvisamente (mi corse) davanti agli occhi (a l’occhio) un dannato (un), crocefisso in terra con
tre pali.
Quando mi vide, si agitò rabbiosamente (tutto si distorse), sbuffando indispettito (soffiando ne la barba con sospiri); e frate Catalano, che alla vista della scena (ch’a ciò) si rese conto (del perché
Dante avesse interrotto il proprio discorso) (s’accorse),
117
mi disse: «Quel confitto che tu miri,
consigliò i Farisei che convenia
porre un uom per lo popolo a’ martìri.
mi disse: «Quel dannato confitto che tu fissi (miri), consigliò i
Farisei che era meglio (convenia) sacrificare (porre… a’ martiri)
un solo uomo (Cristo) a vantaggio (per) dell’intera comunità
(popolo).
209
p205-210_inferno-integr_p205-210_inferno-integr 20/10/11 10.59 Pagina 210
Inferno
Canto XXIII
120
Attraversato è, nudo, ne la via,
come tu vedi, ed è mestier ch’el senta
qualunque passa, come pesa, pria.
È posto di traverso (Attraversato) sulla via, nudo, come puoi
vedere, ed è pertanto necessario (è mestier) che senta il peso di
tutti quelli (qualunque) che passano, prima [che siano passati]
(pria).
123
E a tal modo il socero si stenta
in questa fossa, e li altri dal concilio
che fu per li Giudei mala sementa».
E allo stesso modo è tormentato (si stenta) in questa bolgia
(fossa) suo suocero (il sommo sacerdote Anna) e tutti gli altri
membri del sinedrio (dal concilio) che fu all’origine della sventura (mala sementa) per gli Ebrei (Giudei)».
126
Allor vid’io maravigliar Virgilio
sovra colui ch’era disteso in croce
tanto vilmente ne l’etterno essilio.
Allora io vidi Virgilio stupirsi (maravigliar) nei confronti (sovra)
di colui che era steso in croce nell’Inferno (etterno essilio)
tanto ignominiosamente (vilmente).
129
Poscia drizzò al frate cotal voce:
«Non vi dispiaccia, se vi lece, dirci
s’a la man destra giace alcuna foce
132
onde noi amendue possiamo uscirci,
sanza costrigner de li angeli neri
che vegnan d’esto fondo a dipartirci».
Quindi (Poscia) rivolse (drizzò) al frate queste parole (cotal
voce): «Non vi dispiaccia, se vi è consentito (se vi lece), dirci se
nel lato destro della bolgia (s’a la man destra) vi sia un passaggio (giace alcuna foce),
attraverso il quale (onde) ci sia possibile uscire di qui (uscirci),
senza costringere (costrigner) qualcuno dei diavoli (angeli neri)
a venire a trarci fuori (dipartirci) dal fondo di questa bolgia
(d’esto fondo)».
135
Rispuose adunque: «Più che tu non speri
s’appressa un sasso che de la gran cerchia
si move e varca tutt’i vallon feri,
Rispose allora (adunque): «È vicino (s’appressa) più di quanto
tu speri un ponte (sasso) che parte (si move) dal margine esterno di Malebolge (la gran cerchia) e sormonta (varca) tutte le
terribili (feri) bolge (vallon),
138
salvo che ’n questo è rotto e nol coperchia;
montar potrete su per la ruina,
che giace in costa e nel fondo soperchia».
tranne (salvo) che in questa, dove il ponte è franato (rotto) e
non la scavalca (nol coperchia); potrete risalire (montar) lungo le
macerie (su per la ruina), che poggiano (giace) sul pendio (in
costa) e si accumulano (soperchia) sul fondo».
141
Lo duca stette un poco a testa china;
poi disse: «Mal contava la bisogna
colui che i peccator di qua uncina».
La guida rimase (stette) un po’ a capo chino; poi disse: «Colui
(Malacoda) che uncina i peccatori nella quinta bolgia (di qua) ci
ingannava nel presentarci (mal contava) la faccenda (la bisogna)».
144
E ’l frate: «Io udi’ già dire a Bologna
del diavol vizi assai, tra ’ quali udi’
ch’elli è bugiardo, e padre di menzogna».
E il frate: «Ho già sentito parlare (udi’) a Bologna dei molti
vizi del diavolo, tra i quali ho sentito che egli è bugiardo e
padre della menzogna».
147
Appresso il duca a gran passi sen gì,
turbato un poco d’ira nel sembiante;
ond’io da li ’ncarcati mi parti’
Subito dopo (Appresso) la guida se ne andò (sen gì) velocemente (a gran passi), un po’ sdegnato (turbato un poco d’ira) nell’aspetto (sembiante); per cui io mi allontanai (mi parti’) dagli
ipocriti (’ncarcati = gravati dalle cappe di piombo)
dietro a le poste de le care piante.
dietro alle orme (poste) dei passi di Virgilio (de le care piante).
210
® vv 127-148 USCITA DALLA BOLGIA
Fly UP