...

CRITERIO PER LA CLASSIFICAZIONE DEI PORTI PER LA

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

CRITERIO PER LA CLASSIFICAZIONE DEI PORTI PER LA
CRITERIO PER LA CLASSIFICAZIONE DEI PORTI PER LA SICUREZZA ANTINCENDI
Autori
-
Geom. Antonio Corsini
Comando provinciale vigili del fuoco di Terni
Via Gramsci, 4/6
05100 TERNI
-
Ing. Baldassare Genova
Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per l’Emergenza ed il Soccorso Tecnico
Area Soccorso Acquatico Soccorso Portuale e Servizio Sommozzatori
Via Cavour, 5
00100 ROMA
-
Ing. Angiolo Geri
Ministero dell’Interno
Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile
Direzione Centrale per la Prevenzione e la Sicurezza Tecnica
Area Dispositivi di Protezione Individuale Impianti
P.za Scilla, 1
00175 CAPANNELLE (ROMA)
-
Ing. Guido Perineo
Ispettorato regionale vigili del fuoco per la Campania
V.le Manzoni,
80100 NAPOLI
-
Ing. Gaetano Vallefuoco
Ispettorato interregionale vigili del fuoco per il Veneto e Trentino-Alto Adige
Via Dante, 55
35139 PADOVA
Sommario
I porti sono stati considerati da sempre delle aree ad alto rischio per la complessità delle attività
commerciali ed industriali in essi svolte, tanto da prevedere per essi una specifica legislazione ai fini della
sicurezza antincendi, che ha attribuito al Corpo nazionale dei vigili del fuoco (CNVVF) l’espletamento del
servizio antincendi in ambito portuale, articolato - com’è noto - nei compiti istituzionali di estinzione incendi
e servizi tecnici in genere, di prevenzione incendi e di vigilanza antincendi.
A tutt’oggi la classificazione dei porti ai fini della sicurezza antincendi è quella prevista dalla legge 13
maggio 1940, n. 690 con cui fu istituito il servizio di prevenzione ed estinzione nei porti, che d’allora non è
stata mai aggiornata in conseguenza sia dello sviluppo commerciale ed industriale che ha interessato le varie
realtà portuali nazionali, che dell’emanazione della legge 28 gennaio 1994, n. 84 concernente il riordino della
legislazione in materia portuale.
La presente memoria - che trae spunto da un progetto di riorganizzazione del servizio antincendi in
ambito portuale espletato dal CNVVF, redatto dagli autori nell’anno 2001 su incarico del Ministero
è stata sviluppata dapprima richiamando il quadro normativo vigente relativo al servizio
le organizzazione del servizio stesso svolto dal CNVVF, per poi
passare all’illustrazione del Criterio di classificazione dei porti per la sicurezza antincendi, che scaturisce
dall’esigenze sentita dal Ministero dell’Interno di dotarsi di uno strumento capace di migliorare il servizio in
questione mediante la definizione di una mappatura nazionale del rischio incendi in ambito portuale.
1
PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI
ANTINCENDI IN AMBITO PORTUALE
VIGENTI
IN
MATERIA
DI
SICUREZZA
Il servizio antincendi in ambito portuale è compito istituzionale del CNVVF, così come risulta da una
pluralità di fonti normative raccolte in appendice 1, ed è articolato, com’è noto, nelle attività di estinzione
incendi e servizi tecnici in genere (soccorso tecnico urgente), di prevenzione incendi e vigilanza antincendi,
da espletarsi nei porti e loro dipendenze, sia a terra che a bordo delle navi e dei galleggianti in genere (cfr.
legge 13 maggio 1940, n. 690; legge 27 dicembre 1941, n. 1570; legge 13 maggio 1961, n. 469; legge 27
dicembre 1973, n. 850; legge 27 dicembre 1980, n. 930).
Inoltre, al CNVVF sono stati attribuiti, quale organo dello Stato dotato di mezzi navali, aerei e di
telecomunicazione, anche compiti di cooperazione nell’attività di ricerca e soccorso per la vita umana in
mare (cfr. legge 5 giugno 1962, n. 616; decreto interministeriale 1° giugno 1978).
Più precisamente, il servizio di prevenzione ed estinzione degli incendi in ambito portuale è stato istituito
con la legge 13 maggio 1940, n. 690, che - classificando i porti nazionali in tre categoria - ha previsto la
costituzione di distaccamenti portuali dei vigili del fuoco solo in quelli di 1a e 2a categoria, come si evince
nella seguente tabella 1.
CATEGORIA
1a
2a
3a
PORTI
Genova, Livorno, Napoli, Palermo, Venezia, Trieste.
Savona, La Spezia, Civitavecchia (Roma), Brindisi, Bari, Ancona, Cagliari, Messina, Catania, Siracusa,
Trapani.
Tutti gli altri porti e luoghi di approdo.
Tabella 1. Classificazione dei porti ai fini antincendi secondo la legge n. 690/1940.
Tale classificazione, seppure ai soli fini antincendi, sembrerebbe scaturita da una vera e propria
valutazione del rischio dell’epoca, basata principalmente sul fatto che i porti, a quell’epoca, erano considerati
obiettivi bellici.
E’ però da rilevare come questa classificazione non sia stata d’allora mai modificata ed aggiornata (anche
se ciò espressamente previsto dalla stessa legge), né in modo specifico per l’istituzione di nuove sedi portuali
in conseguenza dello sviluppo dei porti (esistenti e nuovi), né più in generale per l’aumento del rischio
incendio dovuto all’incremento dei traffici marittimi e delle aree a rischio specifico nei porti esistenti.
Attualmente il CNVVF espleta il servizio antincendi in ambito portuale con uomini e mezzi dislocati
nelle sedi portuali che sono state classificate – in base a quanto previsto dalla circolare 28 agosto 1986, n. 24
del Ministero dell’interno - nelle tipologie P1, P2 e P3, per ciascuna delle quali sono stati stabiliti gli
2
organici, il numero dei distaccamenti portuali vigili del fuoco ed il numero di unità navali antincendi ivi
presenti, come si evince nella seguente tabella 2.
TIPOLOGIA SEDE
PORTUALE
P1
P1a
P1b
P1c
P2
P2a
P3
UNITA’ NAVALI ANTINCENDI
DISTACCAMENTI
PORTUALI NELLA
SEDE PORTUALE
ORGANICO
1
1
1
1
1
1
2
29
27
26
16
41
38
57
IN SERVIZIO
DI RISERVA
1
1
2
Non prevista
2
2
Tabella 2. Tipologia delle sedi portuali del CNVVF.
Occorre poi considerare che la legge 28 gennaio 1994, n. 84, con cui sono state istituite le Autorità
portuali, ha ripartito i porti nelle seguenti categorie e classi nazionali anche se ai soli fini militare ed
economici:
categoria I: porti, o specifiche aree portuali, finalizzati alla difesa militare e alla sicurezza dello Stato;
categoria II, che risulta essere suddivisa nelle seguenti classi:
·
classe I: porti, o specifiche aree portuali, di rilevanza economica internazionale;
·
classe II: porti, o specifiche aree portuali, di rilevanza economica nazionale con funzioni
commerciali, industriali e petrolifera, di servizio passeggeri, peschereccia, turistica e da diporto;
·
classe III: porti, o specifiche aree portuali, di rilevanza economica regionale e interregionale.
La relativa bozza di decreto predisposta dal Ministero dei Trasporti e della Navigazione, ai sensi dell'art. 4
della legge n. 84/1994, ha previsto la suddivisione degli esistenti porti nazionali della categoria II nelle
rispettive classi I, II e III, così come risulta dalla seguente tabella 3, che riporta anche per ciascun porto la
tipologia di sede portuale dei vigili del fuoco attualmente esistente.
CLASSE
PORTO
TIPOLOGIA SEDE PORTUALE VF
Ancona
P1
Augusta (Siracusa)
P2a
Cagliari
P2
Genova
P3
Gioia Tauro (Reggio Calabria)
P1c
La Spezia
P1
Livorno
P1
Napoli
P2
I – porti di rilevanza
Ravenna
P1
economica internazionale
Savona
P1
Taranto
P2
Trieste
P1a (Trieste) e P1b (Muggia)
Venezia
P3
Bari
P1
Brindisi
P1
Catania
P1
Civitavecchia (Roma)
P1
Marina di Carrara (Massa Carrara)
Non prevista
Messina
P1a (Messina) e P1b (Milazzo)
Olbia (Sassari)
Non prevista
Palermo
P1
II – porti di rilevanza
Piombino (Livorno)
Non prevista
economica nazionale
Porto Torres (Sassari)
P1
Salerno
Non prevista
Siracusa
P1a
Villa San Giovanni (Reggio Calabria)
Non prevista
III – porti di rilevanza
Latina
P1
economica regionale e
Trapani
P1
interregionale (1)
Vibo Valentia
P1
(1) Sono riportati soltanto i porti ove esiste un distaccamento portuale VF, tenendo presente che le sedi portuali di Milazzo (ME) e
Muggia (TS) non sono operative.
Tabella 3. Proposta di suddivisione in classi degli esistenti porti nazionali della categoria II.
3
Inoltre, la legge n. 84/1994 ha attribuito alle Autorità portuali competenze in materia di sicurezza e salute
dei lavoratori a bordo delle navi ed in ambito portuale, ai sensi del decreto legislativo 19 settembre 1994, n.
626 e del decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 242, mentre i successivi decreti legislativi n. 271 e n. 272 del
27 luglio 1999 hanno adeguato - rispettivamente ed in attuazione alla legge 31 dicembre 1998, n. 485
concernente la sicurezza del lavoro nel settore portuale marittimo - la normativa sulla sicurezza e salute dei
lavoratori marittimi a bordo delle navi mercantili e da pesca nazionali, e di quelli addetti all’espletamento di
operazioni e servizi portuali, nonché alle operazioni di manutenzione, riparazione e trasformazione delle navi
in ambito portuale.
Da un attento esame del complesso quadro normativo relativo al servizio di cui trattasi, discende, in
particolare, che al comandante provinciale dei vigili del fuoco è attribuita la responsabilità
dell’organizzazione e dell’espletamento del servizio antincendio in ambito portuale (cfr. legge n. 690/1940,
legge n. 469/1961, legge n. 930/1980).
Su tale responsabilità è stato posto l'accento dal Consiglio di Stato con il parere n. 618/92 del 31 luglio
1994, con cui ha precisato, tra l’altro, che il comandante provinciale dei vigili del fuoco, nel dispiegare il
servizio antincendio in ambito portuale, dovrà co ordinarlo con tutti gli altri servizi portuali ed, in particolare,
con quelli facenti capo al Comandante del porto, specialmente per quanto concerne la prevenzione del rischio
incendio nell’ambito portuale in tutte le sue variegate e complesse realtà.
In particolare, al comandante dei reparti di soccorso dei vigili del fuoco compete - ai sensi dell’art. 11
della legge n. 690/1940 - la direzione e la responsabilità tecnica dell’impiego dei mezzi e degli uomini dei
propri reparti, nonché delle squadre ausiliare previste dall’art. 9 della stessa legge nell’ambito delle
operazioni di soccorso antincendio, mentre al comandante del porto compete - a norma degli art. 1 e 10
sempre della stessa legge - la direzione dei soccorsi in caso di incendio o di altro sinistro nei porti e loro
dipendenze, sia a terra che a bordo delle navi e dei galleggianti.
Inoltre, bisogna considerare che il maggior coordinamento tra il comandante provinciale dei vigili del
fuoco ed il comandante del porto, auspicato dal Consiglio di Stato nel suddetto parere del luglio 1994, è di
fatto svolto dai predetti soggetti già in fase preventiva nell’elaborazione del documento denominato
monografia antincendio, secondo la normativa e le disposizioni vigenti,
In particolare, la monografia antincendio stabilisce le procedure operative per la gestione delle emergenze
nell’ambito portuale e marittimo, che vede coinvolti non solo il comandante provinciale dei vigili del fuoco
(cfr. art. 11 della legge n. 690/1940), ma anche altri soggetti quali i comandanti delle navi presenti in porto o
nelle vicinanze, ed i rimorchiatori (cfr. artt. 69, 70, 81 e 107 del codice della navigazione di cui al regio
decreto 30 marzo 1942, n. 327; art. 87 del regolamento di esecuzione del codice della navigazione di cui al
decreto del Presidente della Repubblica 15 febbraio 1952, n. 328).
Di fatto l’attività di soccorso tecnico urgente è espletata dal personale del settore operativo del CNVVF in
servizio presso i distaccamenti portuali, ove sono normalmente dislocati - in conformità all’art. 2 della legge
n. 690/1940 - mezzi nautici e terrestri, da cui discende che il servizio in essi svolto è di tipo misto, vale a dire
terrestre e marittimo.
Per quanto concerne invece gli altri compiti affidati al CNVVF, prevenzione incendi e vigilanza
antincendi, è da tener presente quanto segue.
La prevenzione incendi, propriamente detta, è svolta dal CNVVF in quegli insediamenti civili e produttivi
esistenti anche nell’ambito portuale, ed in cui sono presenti, in conformità alla normativa vigente, le seguenti
attività soggette a controlli e visite del locale comando provinciale dei vigili del fuoco finalizzate alla
sicurezza antincendi:
attività elencate nelle tabelle A e B del decreto del Presidente della Repubblica 26 maggio 1959, n. 689,
soggette al rilascio del collaudo da parte del comando provinciale dei vigili del fuoco, ai sensi dell’art. 33
del decreto del Presidente della Repubblica 27 aprile 1955, n. 547;
attività elencate nell’allegato al decreto 16 febbraio 1982 del Ministero dell’interno, soggette al rilascio
del certificato di prevenzione incendi da parte del comando provinciale dei vigili del fuoco, ai sensi
dell’art. 17 del decreto del Presidente della Repubblica 29 luglio 1982, n. 577 e dell’art. 3 del decreto del
Presidente della Repubblica 12 gennaio 1998, n. 37;
attività di cui ai precedenti punti ricadenti anche nel campo di applicazione del decreto legislativo 17
agosto 1999, n. 334, soggette al rilascio del certificato di prevenzione incendi da parte del comandante
4
provinciale dei vigili del fuoco, ai sensi dell’art. 4 del decreto 19 marzo 2001 del Ministero dell’interno,
nonché al rilascio di concessioni per l’installazione di impianti di lavorazione o di deposito di oli
ia, del commercio e dell’artigianato, ai sensi del decreto del
Presidente della Repubblica 18 aprile 1994, n. 420.
Inoltre, il codice della navigazione di cui al regio decreto 30 marzo 1942, n. 327, nonché il successivo
regolamento di esecuzione di cui al decreto del Presidente della Repubblica 15 febbraio 1952, n. 328,
stabiliscono per i depositi e stabilimenti costieri:
le modalità per il rilascio di concessioni, nonché i relativi collaudi ed ispezioni periodiche (cfr. art. 52
del R.D. n. 327/1942; artt. 41, 46, 47, 48, 49 e 52 del D.P.R. n. 328/52);
le misure di sicurezza da prescrivere per dette tipologie di attività (cfr. art. 43, 44 e 50 del D.P.R. n.
328/1952).
D’altro canto la prevenzione incendi nell’ambito portuale è disciplinata, più in generale, da specifiche
ordinanze emesse dal comandante del porto, di concerto con il comandante provinciale dei vigili del fuoco,
facenti capo anch’esse a specifiche disposizioni normative finalizzate a:
prescrivere misure di prevenzione incendi per:
·
le aree, manufatti o impianti demaniali (cfr. art. 5 legge n. 690/1940);
·
l’esecuzione di lavori per la costruzione, l’allestimento, la riparazione e la manutenzione delle navi
nei cantieri navali e nell’ambito del demanio marittimo (cfr. art. 6 legge n. 690/1940, decreti
interministeriali 13 aprile 1987, n. 253 e 23 febbraio 1988 n. 263, art. 5 del decreto legislativo 27
luglio 1999 n. 272);
·
uso di armi ed accensione di fuochi nei porti (cfr. art. 80 del R.D. n. 327/1942);
·
fuochi e lumi a bordo (cfr. art. 86 del D.P.R. n. 328/52);
·
uso della fiamma ossidrica (cfr. art. 88 del D.P.R. n. 328/52);
·
imbarco/sbarco di merci pericolose dalle navi (cfr. decreto del Presidente della Repubblica 9
maggio 1968, n. 1008);
prescrivere idonee sistemazioni ed attrezzature antincendi da disporre su:
·
rimorchiatori (cfr. art. 7 legge n. 690/1940);
·
navi e galleggianti adibiti al servizio portuale (cfr. art. 20 della legge n. 850/1973).
In particolare, bisogna ricordare che nella maggior parte dei porti nazionali furono istituiti, a seguito del
disastro avvenuto nel 1987 a bordo della M/n "Elisabetta Montanari" nel porto di Ravenna, i comitati previsti
dai decreti interministeriali n. 253/1987 e n. 263/1988, al fine di elaborare linee guida per l'effettuazione
delle lavorazioni con uso di fonti termiche a bordo delle navi presenti in ambito portuale e marittimo, che
sono state poi recepite dai Comandanti del porto con specifiche ordinanze.
Invece, il servizio di vigilanza antincendi - che costituisce, com’è noto, una vera e propria misura di
protezione attiva nell’ambito dell’attività di prevenzione incendi - è espletato, in conformità alla legislazione
e disposizioni vigenti, dai seguenti soggetti:
comando provinciale dei vigili del fuoco (cfr. legge n. 690/1940, D.P.R. n. 1008/1968);
squadre ausiliarie antincendi (cfr. art. 9 della legge n. 690/1940);
servizi antincendi integrativi (cfr. art. 20 della legge n. 850/1973, art. 5 del D.Lgs. n. 272/1999);
servizio di prevenzione ed estinzione degli incendi degli stabilimenti industriali, depositi e simili ove
istituiti (cfr. artt. 28, lettera d) e 33, lettera o) della legge n. 1570/1941, art. 2, lettera c) e 12, lettera l)
della legge n. 469/1961).
La vigilanza antincendi in ambito portuale interessa, con riferimento sia alla normativa vigente che alle
ordinanze al riguardo emanate dai Comandanti dei porti, i seguenti settori ed operazioni portuali (richiamati a
solo titolo di esempio e pertanto non in modo esaustivo):
a bordo di navi (cfr. art. 8 legge n. 690/1940, art. 85 del D.P.R. n. 328/52);
uso di armi ed accensione di fuochi nei porti (cfr. art. 80 del R.D. n. 327/1942);
fuochi e lumi a bordo (cfr. art. 86 del D.P.R. n. 328/52);
uso della fiamma ossidrica (cfr. art. 88 del D.P.R. n. 328/52);
imbarco/sbarco di merci pericolose dalle navi (cfr. art. 33 del D.P.R. n. 1008/1968);
controllo delle tubazioni utilizzate per l’imbarco/sbarco di merci pericolose a bordo delle navi
Al riguardo si fa presente che il servizio di vigilanza antincendi in ambito portuale è stato espletato - sin
dall’inizio - dal CNVVF, e ciò fino a quando con l’emanazione della legge n. 850/1973 l’esercizio del
servizio in questione è stato poi svolto (di fatto e quasi in via esclusiva) dai privati ed organismi pubblici
5
previsti dalla stessa legge, seppure l’allora Ministero della Marina Mercantile con la lettera circolare n.
520524 del 22 maggio 1974 aveva chiarito che il servizio di vigilanza antincendi in ambito portuale, svolto
dai predetti soggetti, doveva essere considerato integrativo e non sostitutivo a quello espletato dal CNVVF.
A ciò va aggiunto, infine, quanto recentemente previsto dall’art. 5, lettera b) del D.Lgs. n. 272/1999,
relativamente all’obbligo del datore di lavoro di avvalersi del servizio antincendi integrativo in tutti i casi
previsti da regolamenti o da ordinanze, fatta salva la possibilità per lo stesso datore di lavoro di avvalersi
dell’autoproduzione prevista dalla legge 10 ottobre 1990, n. 287.
La prevenzione incendi e la vigilanza antincendi in ambito portuale si esplicano, com’è noto, in due fasi
distinte, vale a dire quella organizzativa a cui segue quella gestionale.
Prima del parere del Consiglio di Stato del luglio 1994, che ha attribuito una maggiore (se non esclusiva)
responsabilità dell’organizzazione del servizio antincendi in ambito portuale da parte del comandante
provinciale dei vigili del fuoco con il richiamo dell’art. 1 della legge n. 469/1941, la prima fase è stata da
sempre di competenza del comandante del porto, a cui spetta non solo l’emissione della relativa ordinanza previa consultazione del comandante provinciale dei vigili del fuoco e di altri enti istituzionali che operano
nell’ambito portuale - ma anche la possibilità di disporre dei predetti servizi secondo le competenze
comunque attribuitegli sia dall’art. 8, lettera c) della legge n. 690/1940, che dall’art. 85 del regolamento di
attuazione del codice della navigazione di cui al D.P.R. n. 328/1952.
Invece, la seconda fase compete sia al comandante del porto, facendo rispettare l’ordinanza stessa e
gestendo il servizio di vigilanza antincendi in generale, che al comandante provinciale dei vigili del fuoco,
allorquando il servizio in questione dovrà essere espletato esclusivamente dal personale vigile del fuoco in
inanze vigenti.
Infine, occorre richiamare, di seguito e per completezza, anche quei particolari compiti di controllo e
vigilanza che, più in generale, il comando provinciale dei vigili del fuoco svolge anche in ambito portuale in
azione vigente:
verifica dello stato delle bocche da incendio e degli impianti aventi attinenza con la prevenzione incendi
(cfr. art. 12, lettera f), della legge n. 469/1961);
verifica dell’efficienza dei servizi di prevenzione e di estinzione degli incendi istituiti presso stabilimenti
industriali, depositi e simili (cfr. art. 12, lettera i) della legge n. 469/1961);
controllo di situazioni di potenziale pericolo segnalate o comunque rilevate (cfr. art. 14, comma 2,
lettera c) del D.P.R. n. 577/1982);
controlli “a campione” nelle attività soggette ai controlli e visite ai fini della prevenzione incendi (cfr.
art. 14, comma 2 lettera d) del D.P.R. n. 577/1982);
vigilanza sui luoghi di lavoro (cfr. D.Lgs. n. 626/1994; D.Lgs. n. 242/1996);
attuazione delle prescrizioni previste, ai fini della sicurezza antincendio, nelle ordinanze emanate dal
comandante del porto che disciplinano l’esecuzione di particolari lavorazioni comportanti l’impiego
-
attuazione delle competenze ed adempimenti da parte del CNVVF inerenti alla disciplina sanzionatoria
in materia di tutela della sicurezza e dell’igiene del lavoro (cfr. D.Lgs. n. 758/94; circolare n. 3/1996).
2
ATTUALE ORGANIZZAZIONE DEL SERVIZIO ANTINCENDI IN AMBITO PORTUALE
Il servizio antincendi in ambito portuale è espletato dal CNVVF, in conformità alla normativa vigente,
con le strutture centrali e periferiche di seguito riportate:
a livello centrale dall’Area per il Soccorso Acquatico Soccorso Portuale e Servizio Sommozzatori della
Direzione Centrale per l’Emergenza ed il Soccorso Tecnico del Dipartimento dei Vigili del Fuoco del
Soccorso Pubblico e della Difesa Civile del Ministero dell’Interno, cui spetta l’organizzazione, il
coordinamento e la direzione del servizio in questione;
a livello periferico da:
·
Uffici Ispettivi per l’Italia settentrionale, per l’Italia centrale e la Sardegna e per l’Italia meridionale
e la Sicilia, a cui spettano i compiti previsti dall’art. 1 della legge n. 930/1980
·
Comandi provinciali dei vigili del fuoco con sedi portuali ed a cui spettano i compiti previsti dall’art.
2, comma 5, della legge n. 930/1980.
L’attuale organizzazione del servizio di cui trattasi è disciplinata dalla circolare n. 24/1986 del Ministero
6
Essa definisce, infatti, i seguenti aspetti connessi all’espletamento del servizio in questione:
organici previsti per ciascuna tipologia di sede portuale dei vigili del fuoco;
composizione dell’equipaggio delle unità navali antincendi, costituito da 7 unità di cui 3 facenti parte
dell’equipaggio di condotta e 4 della squadra di intervento portuale;
- tipo di specializzazione nautica richiesto al personale vigile del fuoco componente l’equipaggio di
-
-
organizzazione del servizio antincendi in ambito portuale;
attività di esercitazioni e di addestramento professionale;
attività di manutenzione delle unità navale antincendi.
Pertanto il servizio antincendi in ambito portuale è attualmente espletato in 23 comandi provinciali vigili
del fuoco sede di porti, ovvero in 28 sedi portuali vigili del fuoco (di cui 26 operativi), come risulta nella
seguente tabella 4, ove sono riportate per ciascun comando le relative sedi portuali vigili del fuoco,
specificando per ciascuna di esse la tipologia, l’organico e le unità navali antincendi ivi dislocate.
SEDE PORTUALE
COMANDO UBICAZION
UNITÀ NAVALE ANTINCENDI
ORGANICO
TIPO
PICCOLO
(1)
TIPO
GRANDE
TOTALE
-
2
-
2
VF 781
-
2
1
2
VF 542
VF 681
VF 1173
4
VF 50
VF 48
VF 854
VF 447
VF 209
-
2
1
VF 446
VF 1174
4
VF 51
VF 682
-
2
VF 541
VF 1172
4
VF 450
VF 449
VF 683
-
2
-
4
-
VF 1175
2
VF 442
-
3
VF 212
VF 448
-
2
1
E
TIPOLOGIA
ANCONA
Ancona
P1
29
-
BARI
Bari
P1
29
-
BRINDISI
CAGLIARI
CATANIA
P1
P2
P1
29
41
29
VF 306
P3
57
LA SPEZIA
LATINA
Brindisi
Cagliari
Catania
Genova
(Idroscalo e
Multedo)
La Spezia
Gaeta
P1
P1
29
29
LIVORNO
Livorno
P1
29
MESSINA
Messina
Milazzo
P1a
P1b (2)
27
26
GENOVA
NAPOLI
Napoli
P2
41
PALERMO
Palermo
P1
29
RAVENNA
Ravenna
P1
29
REGGIO
CALABRIA
Gioia Tauro
P1c
16
ROMA
Civitavecchia
P1
29
SASSARI
SAVONA
Porto Torres
Savona
Siracusa
Augusta
Taranto
Trapani
Trieste
Muggia
Venezia
(Marittima e
Marghera)
P1
P1
P1a
P2a
P2
P1
P1a
P1b (2)
29
29
27
38
41
29
27
26
P3
Vibo Valentia
P1
SIRACUSA
TARANTO
TRAPANI
TRIESTE
VENEZIA
VIBO
VALENTIA
VF 304
VF 303
VF 853
VF 52
VF 46
VF 851
VF 852
VF 49
VF 1081
VF 305
-
TIPO
MEDIO
VF 207
VF 543
VF 201
VF 554
VF 205
VF 444
VF 211
-
VF 212
VF 782
2
VF 54
-
VF 445
VF 208
-
2
2
VF 302
VF 443
-
2
57
VF 301
VF 441
VF 1171
3
29
-
VF 206
-
1
18
26
7
51
P1
14
P1a
3
P1b
2
P1c
1
TOTALE
830
P2
3
P2a
1
P3
2
TOT.
26
(1) le unità navale antincendi della serie 800 sono di tipo veloce;
(2) sedi portuali non operative.
Tabella 4. Situazione delle sedi portuali vigili del fuoco, degli organici e delle unità navali antincendi.
7
Entro l’anno 2003 entreranno in servizio 14 unità navali antincendi tipo piccolo veloce in fase di
costruzione presso il Cantiere Navalmeccanico Emanuele Svanisci di Taranto.
3
IL CRITERIO DI CLASSIFICAZIONE DEI PORTI PER LA SICUREZZA ANTINCENDI
A distanza di oltre 60 anni dall’emanazione della legge n. 690/1940, che ha istituito il servizio
antincendi in ambito portuale, è nata l’esigenza di rivedere la classificazione dei porti in essa prevista in
quanto non più aderente alla realtà dei giorni nostri.
Pertanto, lo scopo di elaborare un Criterio di classificazione dei porti per la sicurezza antincendi è
quello di creare un valido strumento con cui sia possibile associare per ciascun livello di rischio incendio
individuato in ambito portuale la corrispondente categoria dei porti prevista dalla legge n. 690/1940, nonché
la tipologia di sede portuale dei vigili del fuoco per lo svolgimento da parte del CNVVF del servizio
antincendi in ambito portuale.
Il criterio che gli autori hanno proposto al Ministero dell’Interno è basato sull’individuazione dei
seguenti quattro indicatori di rischio incendio intrinseco (I) strettamente connessi alla sicurezza antincendi,
ciascuno indicato con un proprio codice alfa numerico e caratterizzato da un proprio peso rispetto agli altri:
− interventi di soccorso tecnico urgente (I1 =0,3)
− vigilanza antincendi (I2 =0,1)
− movimento merci (I3 =0,2)
− prevenzione incendi (I4 =0,4)
Ogni indicatore è a sua volta caratterizzato da almeno due subindicatori (S), ciascuno indicato con un
proprio codice alfa numerico e caratterizzato da un proprio peso rispetto all’altro appartenente allo stesso
che per alcuni subindicatori sono previsti ulteriori subindicatori, il tutto
come di seguito meglio specificato:
Ø
per l’indicatore I1 sono considerati i seguenti subindicatori:
à
numero interventi nautici (S 11 =0,7), caratterizzato a sua volta dai seguenti ulteriori
subindicatori:
numero interventi nautici diurni (S 111 =0,3)
numero interventi nautici notturni (S 112 =0,7)
à
interventi terrestri (S 12 =0,3), caratterizzato a sua volta dai seguenti ulteriori subindicatori:
numero interventi terrestri diurni (S 121 =0,3)
numero interventi terrestri notturni (S 122 =0,7)
Ø
per l’indicatore I2 sono considerati i seguenti subindicatori:
à
numero servizi di vigilanza espletati dal CNVVF (S 21 =0,5)
à
numero servizi di vigilanza espletati dai Guardia ai fuochi (S 22 =0,5)
Ø
per l’indicatore I3 sono considerati i seguenti subindicatori:
à
movimento sostanze pericolose (S 31 =0,3)
à
movimento passeggeri (S 32 =0,5)
à
movimento autoveicoli (S 33 =0,2)
Ø
per l’indicatore I4 sono considerati i seguenti subindicatori:
à
numero stabilimento soggetti agli obblighi art. 8 D.Lgs. n. 334/1999 (S 41 =0,7)
à
numero attività di cui al D.M. 16.02.1982 (S 42 =0,3)
Per ciascun subindicatore è calcolato un coefficiente (C), indicato da un proprio codice alfanumerico,
quale prodotto dei pesi relativi a ciascun indicatore e subindicatori considerati come di seguito specificato:
− coefficiente interventi nautici diurni
C111 =I1 x S 11 x S 111 = 0,3 x 0,7 x 0,3 = 0,063;
− coefficiente interventi nautici notturni
C112 =I1 x S 11 x S 112 = 0,3 x 0,7 x 0,7 = 0,147;
− coefficiente interventi terrestri diurni
C121 =I1 x S 12 x S 121 = 0,3 x 0,3 x 0,3 = 0,027;
− coefficiente interventi terrestri notturni
C122 =I1 x S 12 x S 122 = 0,3 x 0,3 x 0,7 = 0,063;
− coefficiente servizi di vigilanza svolti dal CNVVF
C21 =I2 x S 21 = 0,2 x 0,5 = 0,05;
− coefficiente servizi di vigilanza svolti dai Guardia ai fuochi
C22 =I2 x S 22 = 0,2 x 0,5 = 0,05;
− coefficiente movimento sostanze pericolose
C31 =I3 x S 31 = 0,2 x 0,3 = 0,06;
− coefficiente movimento passeggeri
C32 =I3 x S 32 = 0,2 x 0,5 = 0,10;
− coefficiente movimento autoveicoli
C33 =I3 x S 33 = 0,2 x 0,2 = 0,04;
− coefficiente stabilimenti soggetti art. 8 D.Lgs. n. 334/1999
C41 =I4 x S 41 = 0,4 x 0,7 = 0,28
8
−
coefficienti attività di cui al D.M. 16.02.1982
C42 =I4 x S 42 = 0,4 x 0,3 = 0,12
A questo punto ciascun coefficiente sarà moltiplicato per il relativo valore (v) fornito dal Comando
provinciale dei vigili del fuoco, che avrà compilato la Scheda classificazione porto, riportata nella seguente
tabella 5, per il porto presente sul proprio territorio di competenza, ottenendo in tal modo il punteggio (p)
relativo al subindicatore considerato.
COMANDO PROVINCIALE DI ______________
Scheda classificazione porto di _______________
Valore
(v)
Indicatori/subindicatori di rischio incendio intrinseco
1.1.1 - Interventi nautici
diurni (S111 =0,3)
1.1.1 - Interventi nautici
1- Interventi soccorso tecnico
notturni (S112 =0,7)
urgente (I1 =0,3)
1.2.1 - Interventi terrestri
1.2 – Interventi terrestri
diurni (S121 =0,3)
(S21 =0,3)
1.1.1 Interventi terrestri
notturni (S122 =0,7)
2.1 – Numero servizi di vigilanza antincendi svolti dal
2- Servizi vigilanza
CNVVF (S21 =0,5)
antincendi(I2 =0,1)
2.2 – Numero servizi di vigilanza antincendi svolti dai
Guardia ai fuochi (S22 =0,5)
3.1 – Movimento sostanze pericolose (t/anno) (S31 =0,3)
3- Movimenti merci (I3 =0,2) 3.2 – Movimento passeggeri (numero/anno) (S32 =0,5)
3.3 – Movimento autoveicoli (t/anno) (S33 =0,2)
4.1 – Numero stabilimenti soggetti art. 8 D.Lgs. n. 334/1999
4- Servizi prevenzione
(S41 =0,7)
incendi(I4 =0,4)
4.2 – Numero attività D.M. 16.02.1982 (S 42 =0,3)
1.1 – Interventi nautici
(S11 =0,7)
Coefficiente
(C)
Punteggio
(p)
(C111 =0,063)
(C112 =0,147)
(C121 =0,027)
(C122 =0,063)
(C21 =0,05)
(C22 =0,05)
(C31 =0,06)
(C32 =0,10)
(C33 =0,04)
(C41 =0,28)
(C32 =0,12)
INDICE DI RISCHIO INCENDIO (1)
I=
Note:
(1) Somma dei punteggi (p) calcolati moltiplicando il valore v per il relativo coefficiente C per ciascun
subindicatore.
Tabella 5. Scheda classificazione porto.
La sommatoria dei punteggi (p) fornirà l’indice di rischio incendio (I) del porto considerato.
Infine, il rischio incendio (R) del porto considerato sarà dato dal peso del valore del relativo indice di
rischio (I) rispetto alla sommatoria di tutti i valori degli indici di rischio incendi (I) calcolati per ciascun porto
nazionale, ovvero come risulta dalla seguente formula (1):
R = I/(∑I)
(1)
Applicando il suddetto metodo ai vari porti nazionali si ottengono i risultati riportati nella seguente
tabella 7 in ordine decrescente:
Porto
Rischio
incendio ( R )
Porto Torres (Sassari)
Porto Marghera (Venezia)
Genova
Napoli
Livorno
Ravenna
Milazzo (Messina)
Sarroch (Cagliari)
Messina
Gioia Tauro (Reggio Calabria)
Brindisi
Vado (Savona)
9
0,104371129
0,100919173
0,070468798
0,064824307
0,061185859
0,051021677
0,045162857
0,043962614
0,040163656
0,032374648
0,027795715
0,027590893
Vibo Valentia
La Sp ezia
Piombino (Livorno)
Trieste
Taranto
Bari
Gela (Caltannisetta)
Ancona
Civitavecchia (Roma)
Fiumicino (Fiumicino)
Augusta (Siracusa)
Porto Vesme (Cagliari)
Gaeta (Latina)
Trapani
Altri porti
0,026960649
0,025597349
0,023889323
0,023721817
0,020423945
0,017990791
0,017911489
0,017047593
0,016254625
0,016070156
0,016066571
0,015670277
0,012554939
0,005
< 0,005
Tabella 7. Applicazione del criterio di classificazione dei porti per la sicurezza antincendi.
L’analisi dei suddetti risultati consente di poter stabilire la nuova classificazione dei porti per la sicurezza
antincendi, così come risulta riportata nella seguente tabella 8, da cui si evince anche l’istituzione della 4^
categoria per i porti che, essendo caratterizzati da un basso valore di rischio incendio, saranno dotati di un
servizio antincendi in ambito portuale espletato dagli organismi pubblici o privati di cui all’art. 19 della legge
n. 850/1973.
CLASSIFICAZIONE DEI PORTI AI FINI ANTINCENDI
RISCHIO INCENDIO
CATEGORIA (Ex legge n. 690/1940)
R 0,05
0,03 R < 0,05
0,015 R < 0,03
R < 0,015
1^ categoria
2^ categoria
3^ categoria
4^ categoria
T IPOLOGIA SEDE PORTUALE VIGILI
DEL FUOCO
P3
P2
P1
-
Tabella 8. Nuova classificazione dei porti per la sicurezza antincendi.
Nella seguente tabella 9 è invece riportata la situazione conseguente all’applicazione del criterio in
questione per i vari porti nazionali.
SEDE PORTUALE
COMANDO
UBICAZIONE
ANCONA
BARI
BRINDISI
CAGLIARI
LATINA
LIVORNO
ROMA
ROMA
LA SPEZIA
SAVONA
SIRACUSA
TARANTO
TRAPANI
TRIESTE
Ancona
Bari
Brindisi
Vesme
Gaeta
Piombino
Civitavecchia
Fiumicino
La Spezia
Savona
Augusta
Taranto
Trapani
Trieste
Vibo Valentia
Palermo
Gela
Catania
Messina
Milazzo
Cagliari
VIBO VALENTIA
PALERMO
CALTANISSETTA
CATANIA
MESSINA
MESSINA
CAGLIARI
REGGIO
CALABRIA
GENOVA
LIVORNO
NAPOLI
RAVENNA
SASSARI
TIPOLOGIA
P1
(3^categoria)
P2
(2^categoria)
Gioia Tauro
Genova (Idroscalo e Multedo)
P3
Livorno
(1^categoria)
Napoli
Ravenna
Porto Torres
10
ORGANI
CO
29
29
29
29
29
29
29
29
29
29
29
29
29
29
29
29
29
29
41
41
41
41
57
57
57
57
57
SEDE PORTUALE
COMANDO
UBICAZIONE
VENEZIA
Venezia (Marittima e
Marghera)
TIPOLOGIA
ORGANI
CO
57
Tabella 9 – Applicazione del criterio di classificazione dei porti
Dal confrontando delle tabelle 4 e 9 risultano le seguenti conclusioni:
passaggio del servizio antincendi in ambito portuale dal CNVVF agli organismi pubblici o privati
previsti dall’art. 19 della legge n. 850/1973 per alcuni distaccamenti attualmente operativi (Siracusa) o
per i quali è stata proposta l’attivazione (Trieste-Muggia), in quanto caratterizzati da un basso valore di
rischio di incendio;
− istituzione di nuove sedi portuali dei vigili del fuoco di tipologia P1 per i porti di Fiumicino (Roma),
Piombino (Livorno), Gela (Caltanissetta) e Porto Vesme (Cagliari) classificati di 3^ categoria;
− variazione dell’attuale tipologia di sede portuale dei vigili del fuoco per alcuni porti per i quali è variata
la relativa categoria per effetto dell’applicazione del criterio in questione, come risulta riportato nella
seguente tabella 10.
−
TIPOLOGIA SEDE PORTUALE VIGILI
DEL FUOCO
PORTO
Augusta (Siracusa)
da P2a a P1
Taranto
da P2 a P1
Trieste
da P1a a P1
Messina
da P1a a P2
Milazzo (Milazzo)
da P1b a P2
Gioia Tauro (Reggio Calabria)
da P1c a P2
Napoli
da P2 a P3
Porto Tornese (Sassari)
da P1 a P3
Livorno
da P1 a P3
Ravenna
da P1 a P3
Tabella 10. Variazione della tipologia di sede portuale dei vigili del fuoco.
11
Appendice 1
ELENCO LEGGI E DECRETI RIGUARDANTI IL SERVIZIO ANTINCENDI IN AMBITO PORTUALE,
E RELATIVE DISPOSIZIONI EMANATE DAL MINISTERO DELL’INTERNO E DA ALTRI
MINISTERI COMPETENTI
-
-
-
-
-
-
-
-
Legge 13 maggio 1940, n. 690 “Organizzazione e funzionamento del servizio antincendi nei porti”;
Legge 27 dicembre 1941 n. 1570 “Nuove norme per l’organizzazione dei servizi ant
Legge 13 maggio 1961, n. 469 “Ordinamento dei servizi antincendi e del Corpo nazionale dei vigili del
fuoco e stato giuridico e trattamento economico del personale dei sottufficiali, vigili scelti e vigili del
Corpo nazionale dei vigili del fuoco”;
Legge 5 giugno 1962, n. 616 “Sicurezza della navigazione e della vita umana in mare”;
Legge 26 giugno 1965, n. 966 “Disciplina delle tariffe, delle modalità di pagamento e dei compensi al
personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco per i servizi a pagamento;
Decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1968, n. 1008 “Regolamento per l’imbarco, trasporto
per mare, sbarco e trasbordo delle merci pericolose in colli”;
Legge 8 dicembre 1970, n. 996 “Norme sul soccorso e l’assistenza alle popolazio
Legge 27 dicembre 1973, n. 850 “Aumento degli organici del Corpo nazionale dei vigili del fuoco”;
Decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1973, n. 1092 “Approvazione del testo unico delle
norme sul trattamento di quiescienza dei dipendenti civili e militari dello Stato;
Decreto 24 dicembre 1973 del Ministero dell’Interno “Servizio nautico del Corpo nazionale dei vigili del
Decreto ministeriale 1° giugno 1978 “Approvazione delle norme interministeriali per il coordinamento
delle operazioni di ricerca e soccorso della vita umana in mare tra i vari organi dello Stato che
dispongono di mezzi navali, aerei e di telecomunicazioni”;
Legge 23 dicembre 1980, n. 930 “Norme sui servizi antincendi negli aeroporti e sui servizi di supporto
tecnico ed amministrativo-contabile del Corpo nazionale dei vigili del fuoco”;
Circolare 28 agosto 1986, n. 24 del Ministero dell’Interno “Disposizioni concernenti il personale vigile
del fuoco in servizio presso i distaccamenti portuali”;
Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri 13 aprile 1987, repertorio n. 253, concernente
l’istituzione di un comitato per il coordinamento delle attività finalizzate alla sicurezza delle lavorazioni
mbito di cantieri navali;
Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri 23 febbraio 1988, repertorio n. 257, concernente
l’istituzione di un comitato per il coordinamento degli interventi preordinarti alla sicurezza delle
di stazza lorda superiore a 100 tonnellate, svolte in tutto o in parte
nell’ambito del demanio marittimo;
Decreto del Presidente della Repubblica 8 novembre 1991, n. 435 “Approvazione del regolamento per la
sicurezza della navigazione e della vita umana in mare”;
Circolare 11 gennaio 1982, n. 2 “Servizio di prevenzione incendi”;
Decreto 17 luglio 1992, n. 11535 del Ministero dell’Interno “Assegnazione competenze all’Ispettorato
Nota prot. n. 15035 del 1° settembre 1992 dell’Ispettorato per gli Aeroporti e Porti concernente
“Addestramento professionale del personale nautico del CNVVF”;
Decreto 18 settembre 1992, n. 11647 del Ministero dell’Interno “Istituzione del Registro delle Unità
Navali del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e creazione nell’ambito dell’Ispettorato Aereo e
Marittimo della Sezione Aeroporti e Sezione Porti”;
Legge 28 gennaio 1994, n. 84 “Riordino della legislazione in materia portuale”
Nota prot. n. 4645 dell’agosto 1994 dell’Ispettorato Aereo e Marittimo, concernente i limiti di
navigabilità delle motobarchepompa dei vigili del fuoco;
Nota prot. n. 2637 del 1° giugno 1995 dell’Ispettorato Aereo e Marittimo, concernente il parere del
Consiglio di Stato adunanza della sezione 681/92 del 13 luglio 1994 relativo ad un quesito del Ministero
dei Trasporti e della Navigazione concernente il servizio antincendio nei porti;
Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 29 aprile 1997 “Ripartizione delle dotazione organiche
delle qualifiche dirigenziali, delle qualifiche funzionali e dei profili professionali del personale del Corpo
nazionale dei vigili del fuoco nelle strutture territoriali, comprese quelle dei comandi provinciali di
Biella, Verbania-Cusio-Ossola, Lecco, Lodi, Rimini, Prato Vibo Valentia e Crotone”;
Legge 31 dicembre 1998, n. 485 “Delega al Governo in materia di sicurezza del lavoro nel settore
12
-
-
-
-
-
Decreto 15 giugno 1999, n. 34302 del Ministro dell’Interno concernente, tra l’altro, i compiti
dell’Ispettorato Aeroporti e Porti;
Nota prot. n. 5105 del 12 novembre 1999 del Servizio Tecnico Centrale, concernente “DPCM
29/04/1997. Organico del personale operativo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e distribuzione sul
territorio”;
Decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 271 “Adeguamento della normativa sulla sicurezza e salute dei
lavoratori marittimi a bordo delle navi mercantili da pesca nazionali, a norma della legge 31 dicembre
1998, n. 485”;
Decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 272 “Adeguamento della normativa sulla sicurezza e salute dei
lavoratori nell’espletamento di operazioni e servizi portuali, nonché di operazioni di manutenzione,
riparazione e trasformazione delle navi in ambito portuale, a norma della legge 31 dicembre 1998, n.
485”;
Decreto Legislativo 30 luglio 1999, n. 300 “Riforma dell’organizzazione del Governo, anorma
dell’articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59”;
Legge 10 agosto 2000, n. 246 “Potenziamento del Corpo nazionale dei vigili del fuoco”;
Direttiva vincolante del Ministro dell’Ambiente n. GAB/2000/15781/B01 del 6 dicembre 2000,
concernente le modalità di accesso delle navi nella laguna di Venezia;
Legge 21 marzo 2001, n. 75 ”Potenziamento degli organici del Corpo nazionale dei vigili del fuoco”.
13
Fly UP