...

Come usare le energie rinnovabili e risparmiare energia in casa

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Come usare le energie rinnovabili e risparmiare energia in casa
Iniziativa realizzata
con il contributo del
La giusta
energia
I.R.
Come usare
le energie rinnovabili
e risparmiare energia
in casa, tagliando
i costi delle bollette e
difendendo l’ambiente
dall’effetto serra
SOMMARIO
INTRODUZIONE
pag. 3
SPORTELLO ENERGIA
pag. 4
COSA PUOI FARE IN CASA L’isolamento
Come intervenire
Altri piccoli accorgimenti
Fonti energetiche rinnovabili
Solare Termico
Solare Fotovoltaico
Risparmiare con gli
elettrodomestici
I CAMBIAMENTI CLIMATICI
Cos’è l’effetto serra
Gli effetti dell’effetto serra Cambiare modello energetico Il bluff del nucleare pag. 5
pag. 6
pag. 7
pag. 8
pag. 8
pag. 10
pag. 12
pag. 13
pag. 14
pag. 16
pag. 17
A CHI RIVOLGERSI
Sportello Energia e Stili di Vita pag. 20
Il Gruppo d’Acquisto Solare pag. 21
Credits:
A cura di: Legambiente Padova
Grafica ed impaginazione: Vanessa Isola
Fotografie:
- in copertina “Party Time 4” di Benjamin Earwicker;
- pag 14 foto della Tunisia di Vanessa Isola;
- pag 15 “Iceberg” di Oskar Henriksson - (http://www.sxc.hu);
- pag 17 © philipus (Fotolia.com);
- pag.18 © Eduard Härkönen (Fotolia.com);
Stampa: Nuova Grafica - Vigorovea -PD
Novembre 2009
Cara cittadina, caro cittadino,
Legambiente, con il contributo del Centro
di Servizio per il Volontariato di Padova, attraverso questo manuale vuole
fornirti informazioni e strumenti operativi per:
•
•
•
•
•
adottare comportamenti quotidiani che riducano il consumo di energia e
che ti permettano di risparmiare sulla bolletta;
migliorare l’efficienza energetica degli edifici in cui vivi, con conseguente
risparmio energetico ed economico;
migliorare l’efficienza energetica degli elettrodomestici, con conseguente risparmio energetico ed economico;
favorire l’utilizzo domestico di fonti rinnovabili (solare termico e fotovoltaico);
favorire il rapporto tra i cittadini e gli strumenti messi a disposizione dagli
enti locali, come gli sportelli energia del Comune.
Per questo nelle prossime pagine ti parleremo di cambiamenti climatici ed
energia. Ma soprattutto di tutto ciò che puoi fare tu per risparmiare energia
o produrla direttamente con i pannelli solari, contribuendo a migliorare l’ambiente e a combattere l’effetto serra. Il manuale viene diffuso soprattutto nel
Quartiere 5, ma tutti possono usufruire dei consigli in esso contenuti.
Legambiente Padova
Utilizziamo l’energia in ogni momento della giornata. Accompagna la nostra vita nelle forme più svariate, connotando molte delle nostre attività quotidiane: spesso rendendo possibili ritmi altrimenti improponibili. Il nostro approccio non è tuttavia ulteriormente sostenibile e si impone una riflessione
urgente per trovare strade alternative per non consegnare alle generazioni
future un disastro irreparabile. Concentrarsi sull’energia può portare a risultati significativi fin dall’immediato, anche solo riuscendo a cambiare in meglio
qualche uso specifico (le lampadine a incandescenza, per es.). Certo occorre capire bene cosa significa “in meglio”, e per questo probabilmente non è
evitabile una riflessione sui nostri stili di vita, a partire dal privato per arrivare
agli usi pubblici. Trovo incoraggianti i progressi che la tecnologia propone e
stimolante verificare le applicazioni concrete che fortunatamente cominciano a diffondersi; spero che constatare che le rinnovabili funzionano possa
avere un effetto moltiplicatore e che molte famiglie possano rapidamente
adeguarsi a stili di consumo più compatibili con l’equilibrio planetario. Per
questo la sintonia con Legambiente è massima anche in questa iniziativa.
Francesco Pavan – Presidente CdQ 5
SPORTELLO ENERGIA E STILI DI VITA
QUARTIERE 5
Vuoi approfondire le informazioni ed i temi contenuti in questo opuscolo?
Ecco a chi rivolgerti.
SPORTELLO ENERGIA E STILI DI VITA - QUARTIERE 5
Allo sportello trovi tutte le informazioni sul risparmio energetico e sulle fonti
energetiche rinnovabili. Potrai conoscere quali accorgimenti adottare a casa
tua. Potrai avere consulenza su questi temi e sulle agevolazioni fiscali esistenti in questi settori. Infine, se lo vorrai, potrai ricevere consigli pratici su
come modificare il tuo stile di vita in accordo con l’ambiente. Tutto ciò gratuitamente.
Lo sportello si trova presso la sede di Legambiente
in Piazza Caduti della Resistenza n. 6, 35138 Padova.
[email protected]
www.legambientepadova.it
Tel 0498561212
fax 0498562147
APERTURA AL PUBBLICO
Lunedì dall 9:00 alle 13:00
Giovedì dalle 14:00 alle 18:00
Un orario d’apertura doppio rispetto a quello degli sportelli degli altri quartieri, consentito anche dal contributo del Centro di Servizi per il Volontariato
di Padova.
Gli sportelli energia sono un servizio di Legambiente in collaborazione
con il Comune di Padova – Assessorato all’Ambiente e l’Ente di Bacino
Padova 2.
Sono aperti in ogni quartiere con il seguente orario:
CdQ 1
Mer 11:30-13:30
CdQ 2
via Curzola - Sede del CdQ
CdQ 4
via d’Acquapendente - Sede del CdQ
CdQ 3
CdQ 5
CdQ 6
Gio 12:00-14:00
via S. Marco - Sede del CdQ
Piazza Caduti della Resistenza 4
via Astichello
Gio 9:00-11:00
Mer 9:00-11:00
Lun 14:30-18:30
Mer 15:00-19:00
Gio 14:00-16:00
4
l’isolamento è la miglior fonte
di energia delle nostre case
L’energia più pulita e preziosa è
quella non consumata!
L’isolamento termico permette di risparmiare energia necessaria per il
riscaldamento delle abitazioni: questo vuol dire risparmiare preziose
risorse minerarie e quindi abbattere
le emissioni di CO2 e dei gas che
provocano l’effetto serra.
Per vivere in maniera confortevole
nella propria abitazione è necessario un buon isolamento termico.
L’ambiente domestico è ritenuto
confortevole quando la temperatura dell’aria è simile a quella delle
pareti che deve essere attorno ai
18-19°C.
Investire sull’isolamento termico è
anche un modo per fare un investimento economico. La rendita si
vede immediatamente sul risparmio
in bolletta delle spese di riscaldamento e raffrescamento, e sull’aumento di valore dell’immobile visto
il recente obbligo di certificazione
energetica al momento della compravendita.
Gli interventi di isolamento godono delle detrazioni fiscali sull’Irpef del 55% in 5 anni se eseguiti
secondo i parametri di legge che
regolano le trasmittanze degli
elementi costruttivi.
Per isolare la nostra casa bisogna
intervenire sulle
principali cause di
dispersione di calore verso l’esterno e
sull’efficienza degli
impianti.
5
COME INTERVENIRE
LE MURA
Le pareti disperdono circa il 20%
dell’energia prodotta per riscaldare
gli ambienti.
Per isolare in climi relativamente rigidi, come nel Nord Italia, occorre
applicare pannelli isolanti di almeno 8/12 cm a seconda del materiale. La soluzione più corretta è agire
dall’esterno ricoprendo la casa con
il cosiddetto cappotto.
interna: sono degli apparecchi di
varie dimensioni a seconda dei modelli (centralizzati o stanza per stanza) che prelevano aria dall’esterno,
la filtrano, immettono aria pulita
all’interno dell’abitazione e prelevano quella viziata per recuperarne il
calore e poi espellerla fuori.
IL TETTO
Il tetto è l’elemento che d’estate più
si surriscalda mentre d’inverno disperde più calore.
Se abbiamo un sottotetto non praticabile una buona idea è stendervi
rotoli di isolante. Se il solaio è una
terrazza piana praticabile possiamo
mettere uno spessore di isolante di
15/20 cm in lastre e sopra realizzare un tetto giardino con il duplice
vantaggio di stare caldi d’inverno e
freschi d’estate.
LE FINESTRE
Il vetro delle finestre, a contatto con
l’esterno, disperde il calore dell’interno degli ambienti. Inoltre i vecchi
infissi sono spesso causa di spifferi
e dispersioni.
Se avete finestre a vetro singolo
potete applicare un secondo serramento all’esterno (doppie finestre)
o meglio sostituire i vetri con quelli a vetrocamera (doppi vetri). Gli
spifferi si possono fermare con le
apposite guarnizioni disponibili in
varie forme e materiali. Attenzione:
sostituire i serramenti prima di aver
isolato le pareti può portare a fenomeni di muffa sui ponti termici a
causa del mancato ricambio d’aria
involontariamente ottenuto attraverso gli spifferi
IL RICAMBIO D’ARIA
Il 20% del fabbisogno termico è determinato dalla dispersione termica
provocata da correnti d’aria che attraversano l’involucro.
In una casa ben isolata il ricambio
d’aria dovrà avvenire solo in modo
controllato. Aprendo per pochi minuti due finestre su lati opposti: si
crea così una corrente che rinnova
l’aria velocemente senza raffreddare le strutture.
Esistono sistemi meccanici che
rinnovano in modo continuo l’aria
GLI IMPIANTI
Impianti di riscaldamento non efficienti comportano uno spreco
energetico ed .economico non indifferente
Se avete una caldaia tradizionale è
preferibile sostituirla con una a con6
diazione come per esempio gli impianti di riscaldamento a pavimento
o a piastre radianti che funzionano
a bassa temperatura. In una casa
molto ben isolata i termosifoni possono andare a regimi di temperature molto più basse (inferiori ai
50 gradi) permettendoci di sfruttare anche l’acqua calda in eccesso
eventualmente prodotta da un impianto solare.
densazione: recupera anche il calore dei fumi in uscita aumentando
così di molto l’efficienza.
Un impianto classico a termosifoni
può essere sostituito con uno a ra-
ALTRI PICCOLI ACCORGIMENTI
APPLICARE MENSOLE, UNA
DECINA DI CENTIMETRI SOPRA
I CALORIFERI che orientino l’aria
calda al centro del locale e disporre
un pannello isolante con la superficie riflettente rivolta all’interno sul
muro dietro al radiatore. Non applicare mensole appoggiate al termosifone, che impediscono la circolazione dell’aria calda e neppure
mobili o schermi che impediscono
l’irraggiamento. Costo indicativo:
10-20 euro a calorifero.
ELIMINARE LE INFILTRAZIONI,
apponendo guarnizioni di gomma o
di metallo (in vendita in tutti i negozi di fai da te e ferramenta) oppure
impiegando il silicone. Costo indicativo: massimo 10 euro a finestra.
APPLICARE TENDAGGI PESANTI ALLE FINESTRE e provvedere a
chiuderli di notte. Attenzione a non
farlo davanti ai termosifoni, spesso
inopportunamente sistemati sotto
le stesse finestre dove il muro è più
sottile. Costo indicativo: variabile,
poche decine di euro a finestra.
SFIATARE L’ARIA PERIODICAMENTE attraverso le apposite
valvole apposte sui caloriferi perché non si ostruisca il passaggio
dell’acqua calda. Nessun costo.
APPLICARE VALVOLE TERMOSTATICHE AI CALORIFERI che
necessitano di regolazione. Regolare attentamente la valvola termostatica in modo da ridurre il riscaldamento quando si è assenti o
durante la notte. Costo indicativo:
60-80 euro a calorifero.
7
FONTI ENERGETICHE
RINNOVABILI A CASA TUA
Per aumentare l’efficienza energetica delle abitazioni e combattere i cambiamenti climatici, le fonti energetiche rinnovabili hanno un ruolo fondamentale.
Tra queste quella più importante è senza alcun dubbio il sole.
SOLARE TERMICO
I pannelli solari termici utilizzano l’energia del sole per scaldare l’acqua per
usi sanitari ed in alcuni casi (impianti di riscaldamento a bassa temperatura)
per il riscaldamento dell’immobile.
Scambiatore di calore
Impianto a circolazione naturale
E’ costituito da collettori solari
Acqua calda
(pannelli solari) e da un boiler che
contiene l’acqua per uso sanitario.
Acqua fredda
All’interno del collettore passa un
Collettore
solare
fluido termovettore (glicole) che
per circolazione naturale scaldandosi si sposta verso l’alto, uscito
dal pannello entra nel boiler ed
attraverso una serpentina scalda
l’acqua in esso contenuta.
In questo tipo d’impianti è importante non sovradimensionare i pannelli rispetto alla quantità d’acqua da scaldare in quanto d’estate potrebbero esserci delle perdite dovute alla sovratemperatura.
Impianto a circolazione forzata
Funziona in maniera analoga a quello a circolazione naturale, il boiler è installato all’interno dell’abitazione e per far circolare il fluido termovettore è
necessaria una pompa elettrica.
Questo tipo di impianto è facilmente integrabile con la caldaia che sopperisce alla mancanza di sole nei mesi più freddi dell’anno.
8
COSTI, RISPARMIO, MODALITÀ DI INSTALLAZIONE
•
•
•
•
•
•
L’impianto solare termico gode delle detrazioni fiscali sull’Irpef del
55% in 5 anni.
Nel caso di pannelli piani è necessario circa 1 m2 di collettore ed
una capienza del boiler pari a 50-70 litri a persona. Un impianto a
circolazione forzata tradizionale costa circa 1100 €/m2 ed il tempo
di rientro è di circa 5-6 anni.
Per installare questo tipo d’impianto è necessario rivolgersi ad una
ditta competente e con esperienza, capace di dimensionare correttamente l’impianto ed espletare tutte le pratiche burocratiche.
E’ buona norma accertarsi che nel preventivo vengano incluse
anche le spese per redarre ed inviare la richiesta di detrazione
fiscale.
I lavori d’installazione sono brevi e richiedo pochi giorni di lavoro.
Per abbattere i costi ed avere e maggiori garanzie tecniche è consigliabile partecipare al Gruppo d’Acquisto Solare che fa capo allo
Sportello Energia e Stili di vita del Cdq 5 (vedi “A chi rivolgersi”
nelle ultime pagine).
9
SOLARE FOTOVOLTAICO
Il pannello fotovoltaico trasforma
l’energia che arriva sulla Terra dal
Sole nella più preziosa delle energie, quella elettrica.
COME FUNZIONA
I pannelli fotovoltaici trasformano i
fotoni provenienti dal Sole in elettricità. Si tratta di corrente continua,
che per essere utilizzata nella normale rete elettrica deve essere trasformata in corrente alternata. Per
fare ciò è necessario l’inverter, un
apparecchio che allinea la tensione
con quella della linea proveniente
della rete elettrica.
A valle dell’inverter c’è il contatore
del Conto Energia - GSE (Gestore dei Servizi Elettrici) che misura
tutta l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico: sarà questo il contatore di riferimento per la tariffa
incentivante del Conto Energia.
A valle del contatore ci si collega
all’impianto domestico, a sua volta collegato al normale contatore
di casa che verrà sostituito con un
contatore bidirezionale.
E’ condizione necessaria per
accedere al Conto Energia che
l’impianto sia collegato alla rete
Nazionale di distribuzione.
Il punto in cui il sistema fotovoltaico
si collega all’impianto domestico è
anche detto nodo di autoconsumo:
se l’elettricità prodotta dall’impianto fotovoltaico è sufficiente per far
funzionare le utenze domestiche
accese, questa entrerà direttamente nell’impianto di casa. In questo
modo gli elettrodomestici funzionano senza prelevare energia dalla
rete elettrica. Di notte, o se l’energia prodotta dai pannelli non è sufficiente, si andrà a prelevare corrente dalla rete elettrica nazionale.
10
DIMENSIONAMENTO
Ogni kWp (Chilowattpicco: unità
di misura per la potenza istantanea di “picco” di un impianto fotovoltaico) di fotovoltaico esposto a
sud, a Padova, produce circa 1100
kWh all’anno. Per dimensionare
l’impianto è necessario vedere nella bolletta elettrica qual è il consumo annuale in kWh dell’abitazione
e dividere tale valore per 1100: il
risultato indica quanti kWp devono
essere installati per sopperire al bisogno domestico.
riffa (che varia a seconda del tipo
di installazione) per ogni kWh prodotto per un periodo di 20 anni. Il
GSE riconoscerà tale corrispettivo
bimestralmente direttamente sul
conto corrente bancario dell’utente.
SCAMBIO SUL POSTO
L’energia prodotta in eccesso viene
immessa in rete e poi viene rimborsata, anche questa dal GSE,
se questa viene successivamente
prelevata dalla rete. Se vengono
immessi più kWh di quelli prelevati questi vanno a creare
un bonus che se non
viene utilizzato
viene perso. Per
questo non è
consigliabile
sovradimensionare l’impianto.
CONTO ENERGIA
É lo strumento che
lo Stato ha creato
per l’incentivazione all’installazione degli
impianti fotovoltaici.
Viene riconosciuta
una ta-
COSTI, RISPARMIO, MODALITÀ DI INSTALLAZIONE
Il tempo di rientro economico dell’impianto fotovoltaico è di circa 10 anni,
la rendita dell’investimento è superiore al 5% (il Sole 24 ore ne ha comparato la rendita con i BOT, che risultano meno convenienti).
Fin dal primo giorno di funzionamento si azzerano o quasi le spese per
l’energia elettrica.
Per installare questo tipo di pannelli bisogna rivolgersi ad una ditta specializzata che sappia progettare, installare e gestire le pratiche burocratiche
in modo corretto.
Mediamente i lavori per l’installazione sono di pochi giorni, mentre per
completare l’iter burocratico sono necessari alcuni mesi.
Per abbattere i costi ed avere le maggiori garanzie tecniche è consigliabile partecipare al Gruppo d’acquisto solare che fa capo allo Sportello
Energia del Cdq 5 (vedi “a chi rivolgersi” nelle ultime pagine).
11
RISPARMIARE CON
GLI ELETTRODOMESTICI
ETICHETTA ENERGETICA
L’etichetta energetica che indica il consumo energetico
degli elettrodomestici è obbligatoria da circa 10 anni.
Controlla l’etichetta, scegliere un elettrodomestico di
classe A vuol dire risparmiare elettricità.
Alcuni esempi:
Elettrodomestico
Frigorifero
Lavatrice
Lavastoviglie
Forno elettrico
Consumo annuo
(classe C)
Classe
Consumo/anno
92€
58€
A++
54€
AAA
minore di 34€
A
minore di 40€
24€
A
minore di 40€
minore di 14€
STAND-BY
Un apparecchio spento continua a consumare se rimangono accese le luci di stand-by (cioè quando non
vengono usati).
In un anno apparecchi come il videoregistratore o
l’impianto hi-fi consumano fino all’80% di elettricità in
stand-by. Il consumo di elettricità dovuto alle lucine
che rimangono accese negli apparecchi elettronici può arrivare anche a 50
€ l’anno.
CIABATTA CON INTERRUTTORE
Installare una ciabatta con interruttore ci consente di scollegare dalle rete più apparecchi contemporaneamente.
Dal 1 Gennaio 2011 non sarà più possibile vendere apparecchi che non abbiano un tasto di distacco dalla rete
elettrica.
LAMPADINE A BASSO CONSUMO
Usare lampadine a basso consumo vuol dire risparmiare
fino all’80% sulla bolletta. Sostituendo una lampadina da
100W ad incandescenza con una a basso consumo il risparmio è di circa 15€ l’anno.
Dal 1 Gennaio 2010 in Italia le vecchie lampade ad incandescenza non saranno più commercializzate.
12
I CAMBIAMENTI CLIMATICI E
L’EFFETTO SERRA
La comunità scientifica internazionale è unanime nel denunciare
l’effetto serra ed i cambiamenti climatici. Dalla rivoluzione industriale
in poi si è verificata la combustione in pochi secoli dei combustibili
fossili quali petrolio, carbone e gas,
accumulati dalla Terra in milioni di
anni. Questo processo ha prodotto
l’aumento della concentrazione di
CO2 (anidride carbonica) in atmosfera con il conseguente fenomeno
dell’effetto serra, responsabile dei
cambiamenti climatici che già si
stanno manifestando.
La comunità politica internazionale,
sia pure con lentezza e timidezza,
ha preso atto della necessità di ridurre le emissioni di CO2 e degli altri gas climalteranti (accordi di Kyoto). In particolare l’Unione Europea
13
ha lanciato la politica
del 20-20-20: riduzione del 20% delle emissioni entro il
2020, aumentando l’uso delle energie rinnovabili (solare, eolico, geotermico, e a date condizione anche
le biomasse) fino al 20% delle fonti
energetiche.
COS’È L’EFFETTO SERRA?
L’effetto serra è il fenomeno attraverso il quale i gas intrappolano il
calore proveniente dal Sole. I raggi solari colpiscono la Terra: il 30%
viene riflesso da nuvole e ghiaccio,
il 70% invece raggiunge il suolo
e trattenuto nell’atmosfera. È necessario che parte dei raggi solari
rimangano nell’atmosfera per permettere la vita sulla Terra, ma se la
loro quantità aumenta cominciano i
problemi.
GLI EFFETTI
dell’effetto serra
L’aumento globale della temperatura del Pianeta, provocato dall’effetto serra, non si manifesta in maniera lineare. In realtà la maggiore
energia presente in atmosfera e nei
mari sta producendo un’estremizzazione degli eventi atmosferici
(ondate di caldo o di freddo, maggiore intensità di tempeste ed uragani…)
È comunque evidente che l’aumento medio della temperatura sta già
modificando gli ecosistemi. Nel
2007 sono state indicate a rischio
estinzione 16.306 specie animali
e vegetali. Nell’Antartide si prevede la scomparsa totale dei ghiacci
estivi intorno al 2050.
135 milioni di persone rischiano di
diventare profughi per motivi ambientali quali la scarsità d’acqua,
l’aumento delle malattie, l’innalzamento del livello dei mari, la desertificazione: conseguenze dirette o
indirette dell’effetto serra.
Il Protocollo di Kyoto
Il protocollo di Kyoto è entrato in vigore il 16 Febbraio 2005 ed è stato
ratificato da 189 Stati in tutto il mondo. Esso vincola le nazioni firmatarie a ridurre le emissioni di CO2 e
dei gas climalteranti entro il 2012. Il
protocollo è diventato operativo dal
1° Gennaio 2008.
L’unione Europea: 20-20-20
L’UE si è data come obiettivo quello
di ottenere entro il 2020:
• la riduzione del 20% delle
emissioni di CO2
• il 20% di maggiore efficienza
ovvero di risparmio energetico
• il 20% della produzione di energia da fonti rinnovabili (per l’Italia il 17%)
• 12 impianti CCS (Depositi per
immagazzinare la CO2)
• Emissioni medie dei veicoli di
95g/Km (con un limite di 130g/
Km dal 2015
14
I GAS SERRA
I Gas serra sono detti anche gas
climalteranti perché il loro eccessivo aumento sta determinando
un pericoloso incremento della
temperatura.
I principali gas serra sono il vapore acqueo (H2O), il biossido
di carbonio (CO2), l’Ozono (O3),
l’ossido di azoto (N2O) ed il metano (CH4).
La Situazione Italiana
Il nostro Paese dovrebbe ridurre
del 6,5% le emissioni di CO2 entro
il 2012 rispetto a quelle del 1990. A
oggi si è verificato un aumento del
12%. All’inizio del 2008 si prevedevano sanzioni per il deficit climatico
di 12,5 miliardi di euro, alcune stime
parlano di 20-25 miliardi di euro nel
2012.
15
Gli Impegni Italiani
Con l’approvazione da parte del
Parlamento Europeo del pacchetto
clima l’Italia deve ridurre:
• del 13% della riduzione di CO2
nei settori esclusi dalla ETS
(Emission Trading System). Riguarda i settori non industriali
come edifici, trasporti, agricoltura, servizi, ecc.
Deve invece aumentare:
• del 17% l’energia prodotta da
fonti rinnovabili.
MA NON BASTA!
BISOGNA CAMBIARE IL MODELLO ENERGETICO
E’ fuori discussione che la lotta ai
cambiamenti climatici debba passare per una drastica riduzione
dell’uso dei combustibili fossili. Per
far questo (oltre alla modificazione degli stili di vita di tutti) bisogna
reimpostare il modello energetico:
servono scelte politiche ed economiche adeguate.
Alcuni esempi:
Pianificazione Urbanistica
1. Espansione edilizia ridotta al
minimo, in relazione al reale
fabbisogno abitativo privilegiando la ristrutturazione di edifici già esistenti.
2. Pianificazione ecologica dello
sviluppo urbanistico, per esempio realizzando interventi di
riqualificazione territoriale che
prevedano il ripristino di aree
verdi.
Trasporti
1. Privilegiare il trasporto su ferro
e il cabotaggio.
2. Nelle aree urbane graduale ma decisa riduzione degli
spostamenti di merci e persone su mezzi privati attraverso
adeguate politiche della sosta,
piattaforme logistiche per la distribuzione merci, car-sharing/
car-pooling, piste ciclabili.
3. Rilancio del trasporto pubblico.
Politiche Energetiche Ambientali
1. Politiche nazionali per incentivare il risparmio energetico e
l’uso di fonti rinnovabili.
2. Adozione di politiche di risparmio energetico mediante l’applicazione di buone pratiche.
3. Adozione di politiche adeguate
per massimizzare la raccolta
differenziata e per la riduzione
di imballaggi e rifiuti.
4. Adozione di politiche di incentivazione e promozione delle
pratiche di efficentizzazione
delle tecnologie per il risparmio
energetico del settore industriale.
16
IL BLUFF DEL NUCLEARE
IL NUCLEARE NON SERVE AL CLIMA
Nel Protocollo di Kyoto il nucleare è stato giustamente escluso dalle tecnologie che servono alla riduzione dei gas serra.
IL NUCLEARE… ...È TARDIVO E INEFFICACE
Il 75% dei gas serra sono generati da settori che non hanno alcun legame
con la produzione di elettricità: trasporto, riscaldamento, industrie, deforestazione. In tutti questi settori il ricorso al nucleare non servirebbe a nulla.
Per il restante 25% la capacità del nucleare di ridurre le emissioni è minima.
Secondo l’Agenzia internazionale dell’energia (IEA), il nucleare potrà ridurre
le emissioni globali di CO2 al massimo del 6% per un costo di circa 1.000
miliardi di euro! Considerando che ci vogliono almeno 10-15 anni per costruire un nuovo reattore, il contributo del nucleare alla riduzione della co2,
oltre ad essere minimo e molto costoso, sarebbe comunque tardivo.
...È COSTOSO E CONTROPRODUCENTE
Il nucleare ha bisogno di enormi investimenti e richiede l’intervento dello
Stato e ingenti sussidi. Secondo il MIT di Boston negli ultimi 4 anni il costo
per KW installato è salito da 2.000 a 4.000 dollari. Gigantesca è la spesa per
lo smaltimento delle scorie radioattive e per lo smantellamento delle centrali.
17
La tecnologia nucleare è un autentico buco nero finanziario e rischia di
sottrarre risorse fondamentali allo sviluppo delle vere soluzioni al cambiamento climatico. Per ogni euro investito in energie rinnovabili si ottengono riduzioni di gas serra fino a 11 volte maggiori di quanto è possibile fare con il nucleare.
…EMETTE GAS SERRA
Il nucleare emette quantità tutt’altro che trascurabili di gas serra, soprattutto se si considera il processo per la costruzione e lo smantellamento delle
centrali, l’estrazione e il trasporto dell’uranio, il trattamento delle scorie. Un
sistema energetico che si serve del nucleare produce fino a 7 volte più
CO2 di un sistema a cogenerazione che, oltre a generare elettricità, distribuisce il calore per il riscaldamento delle abitazioni.
…È INQUINANTE E PERICOLOSO
Il problema delle scorie radioattive ancora oggi non ha trovato una
soluzione definitiva in nessun Paese al mondo. Non esiste poi nessuna
tecnologia che possa escludere il rischio di proliferazione di armi atomiche o quello di un incidente nucleare. Oltre al disastro di Chernobyl del
1986, ci sono stati altri gravi incidenti, tra cui quello di Three Miles Island
negli Usa del 1979 o di Tokaimura in Giappone del 1999 o quello della centrale francese di Tricastin nel 2008, che ha causato la fuoriuscita di circa
30mila litri di acqua contaminata radioattivamente.
BUGIE ATOMICHE
“IL NUCLEARE GARANTIRÀ
LA DIVERSIFICAZIONE DELLE FONTI ENERGETICHE”
Il contributo dell’atomo alla riduzione dei consumi di gas sarebbe
insignificante. Secondo un recente studio del Cesi Ricerca, con la
costruzione di 4 reattori EPR di terza generazione da 1.600 MW
l’uno, risparmieremmo dal 2026 in poi appena 9 miliardi di metri
cubi all’anno di gas naturale, pari al contributo di un rigassificatore
di taglia media. Altro che diversificazione energetica!
“I CITTADINI NON PAGHERANNO I COSTI DEL NUCLEARE”
Per la collettività è in arrivo una maxi stangata a causa dell’atomo
made in Italy. Con un nuovo decreto, da approvare entro febbraio
2010, il governo vorrebbe rimborsare le aziende energetiche per le
spese sostenute e i mancati guadagni, qualora l’avventura nucleare
dovesse fallire. Alla faccia della tanto propagandata riduzione in
bolletta, tutto sarà ovviamente a carico dello stato e dei cittadini!
Per saperne di più www.legambiente.eu
19
Se vuoi avere maggiori informazioni sui temi trattati da questo manuale invia
il modulo che trovi nelle prossime pagine via posta a:
Sportello Energia e Stili di vita
Legambiente Padova
p.za Caduti della Resistenza 6
35138 Padova
tramite fax al numero 049 8562147
oppure compila il modulo internet al sito:
http://lagiustaenergia.legambientepadova.it
Sportello energia e stili di vita
Ricorda che puoi rivolgerti anche personalmente allo sportello. Troverai
informazioni sul risparmio energetico e sulle fonti energetiche rinnovabili. Avrai consulenza su questi temi e sulle agevolazioni fiscali esistenti in
questi settori. Infine potrai riceve consigli su come modificare il tuo stile di
vita in accordo con l’ambiente. Si trova presso la sede di Legambiente in
P.za Caduti della Resistenza n. 6, mail: [email protected], sito:
www.legambientepadova.it, tel 049 8561212, fax 049 8562147.
Apertura al pubblico Lunedì dalle 9 alle 13 e Giovedì dalle 14 alle 18.
Un orario d’apertura doppio rispetto a quello degli altri quartieri è consentito
anche dal contributo del Centro di Servizi per il Volontariato di Padova.
E’ anche possibile rivolgersi ad uno degli altri sportelli della rete di Padova
che hanno il seguente orario:
CdQ 1
Mer 11:30-13:30
CdQ 2
via Curzola - Sede del CdQ
CdQ 4
via d’Acquapendente - Sede del CdQ
CdQ 3
CdQ 5
CdQ 6
Gio 12:00-14:00
via S. Marco - Sede del CdQ
Piazza Caduti della Resistenza 4
via Astichello
Gio 9:00-11:00
Mer 9:00-11:00
Lun 14:30-18:30
Mer 15:00-19:00
Gio 14:00-16:00
TELEFONO: 393 7172147 in orario di apertura
20
GRUPPO
DI ACQUISTO SOLARE
La rete degli Sportelli Energia è un servizio
creato da Legambiente grazie alla collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Padova ed il Bacino
Badova 2. E’ aperto ai tutti i cittadini padovani che possono accedervi in
modo gratuito.
Lo Sportello Energia promuove un Gruppo di Acquisto Solare che ha lo
La giusta energia
Nome e cognome ___________________________________________
Residente in _______________________________________________
Comune di _________________________________________________
Telefono __________________________________________________
E-mail _____________________________________________________
DESIDERO AVERE PIÙ INFORMAZIONI SU:
risparmio energetico negli elettrodomestici risparmio energetico negli impianti di riscaldamento
efficienza energetica negli edifici
detrazioni fiscali
solare termico
solare fotovoltaico
biomasse
altro_________________________
desidero inoltre ricevere la newsletter Ecopolis di Legambiente Padova
Acconsento al trattamento dei miei dati personali nel rispetto del D.Lgs.
196/03
Firma..........................................................................
Spedisci questo modulo a:
Sportello Energia e Stili di Vita, Legambiente Padova - p.za Caduti della
Resistenza 6 -35138 Padova
Oppure via fax al numero 049 856 21 47, o compila il modulo internet al
sito http://la giusta energia.legambientepadova.it
scopo di raccogliere i cittadini interessati all’installazione di pannelli solari
termici e fotovoltaici sulle proprie abitazioni. Questa operazione permette
di accedere a tali tecnologie ad un prezzo agevolato ottenendo ulteriori garanzie rispetto a quelle normalmente praticate. Se sei interessato inviaci la
seguente dichiarazione d’interesse, (che non è in alcun modo vincolante) e
sarai contattato.
La dichiarazione d’interesse può essere compilata e consegnata allo Sportello Energia e Stili di vita del quartiere 5 e consente agli aderenti di partecipare agli incontri ed alla scelta dell’azienda che successivamente diventerà
partner tecnico del progetto. La dichiarazione non è in alcun modo vincolante all’acquisto.
Gruppo d’Acquisto Solare
dichiarazione d’interesse
Nome e cognome ___________________________________________
Residente in _______________________________________________
Comune di _________________________________________________
Telefono __________________________________________________
E-mail _____________________________________________________
Sono interessato a:
solare termico solare fotovoltaico
Sono interessato al Gruppo di Acquisto Solare ed a tal proposito delego lo
sportello energia ad avviare l’istruttoria per addivenire alla definizione dei
termini economici e tecnici del Gruppo di Acquisto.
Questa dichiarazione non è in alcun modo vincolante all’acquisto.
Acconsento al trattamento dei miei dati personali nel rispetto del D.Lgs.
196/03
Firma..........................................................................
Spedisci questo modulo a:
Sportello Energia e Stili di Vita, Legambiente Padova - p.za Caduti della
Resistenza 6 -35138 Padova
Oppure via fax al numero 049 856 21 47, o compila il modulo internet al
sito http://la giusta energia.legambientepadova.it
Legambiente è un’associazione di cittadini
senza scopo di lucro, autonoma e indipendente. Dalla tutela dell’ambiente alla difesa
della salute dei cittadini... sono molti i campi
in cui Legambiente è quotidianamente impegnata, a livello nazionale e locale: energia,
inquinamento, difesa del territorio, mobilità
sostenibile, volontariato ambientale per citarne solo alcuni. Oggi Legambiente è nuovamente impegnata per impedire
il ritorno del nucleare in Italia, che contribuì a cancellare promuovendo il
referendum del 1987.
Sostieni le nostre battaglie iscrivendoti all’associazione, perché più siamo e
più contiamo. QUOTE D’ISCRIZIONE
• Socio Junior fino a 14 anni (nati dal 1996) riceve “Jey” - 10 €
• Socio Giovane da 15 a 28 anni - riceve “La Nuova Ecologia” - 15 €
• Socio Ordinario riceve “La Nuova Ecologia”- 30 €
• Socio Scuola e Formazione riceve “La Nuova Ecologia”e “Formazione
Ambiente”- 35 €
• Socio Sostenitore riceve “La Nuova Ecologia” e il volume “Ambiente
Italia” - 80 €
• Tessera Collettiva riceve “La Nuova Ecologia” e il volume “Ambiente
Italia” - 50 €
MODALITÀ D’ISCRIZIONE
Sede di Legambiente Padova: potete venire nella nostra sede in Piazza
Caduti della Resistenza 6 (quartiere Palestro) in orario d’ufficio (sabato e
domenica chiuso). Tel 049 8561212
Conto Corrente Postale: potete effettuare un versamento sul c/c postale
n. 36037091 con causale: iscrizione 2009 a Legambiente e tipologia socio;
Bonifico Bancario: potete effettuare un versamento sul c/c bancario
n.100125 intestato a Legambiente Volontariato Padova, presso Banca Etica EU IBAN: IT07 Z050 181210100
Iscrivendoti per l’anno 2010 riceverai in omaggio la t-shirt NO NUKE
fino ad esaurimento scorte.
23
Gruppo d’Acquisto Solare: si riparte
16 Dicembre 2009 - Saletta daziaria - ore 9:00
Riviera Paleocapa 98 - Padova
Serata d’informazione sull’energia solare Verranno
presentati i risultati del Gruppo di Acquisto Solare
del 2009 e si ricomincerà il percorso partecipato per
la costituzione di un nuovo gruppo che porterà a
nuove installazioni. Un modo attivo per fermare la
febbre del pianeta.
Corsi di autocostruzione di pannelli
solari termici
13-14 Febbraio 2010
Luogo da definire - posti limitati
Si svolge nell’ambito della campagna
nazionale di Legambiente Cambio di
Clima centrata sui temi dell’energia e
dei cambiamenti climatici, in occasione
dell’entrata in vigore del Protocollo di
Kyoto. Cambio di Clima “agisce localmente, pensa globalmente” per sottolineare che anche piccoli gesti quotidiani contribuiscono alla qualità della vita di tutti
noi e alla salute del Pianeta.
Visita guidata ad alcuni impianti esistenti
Domenica 16 Maggio 2010
Orario da definirsi
In occasione del Sun Day sarà organizzata una biciclettata che consentirà di visitare alcuni esempi d’impianti che sfruttano le fonti energetiche rinnovabili
presenti nel Quartiere 5. Quest’iniziativa, attiva contemporaneamente in tutta Europa con gli European
Solar Days, vuole informare sulla la convenienza,
le qualità e le applicazioni delle fonti rinnovabili e, in
particolare, dell’energia solare.
Una giornata dedicata al Sole, fonte di energia
pulita, rinnovabile, sicura.
Per informazioni sugli appuntamenti scrivi a:
[email protected] oppure telefona allo 0498561212
Fly UP