...

fidati di me

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

fidati di me
minidossier
FIDATI DI ME
I due anni di attività del Governo Renzi
N. 2 febbraio 2016
I numeri del Parlamento
La maggioranza.
La genesi, la naturaPartiti,
e i tempi
di approvazione
delle leggi
incarichi
e nomine nel Consiglio
dei ministri.
L’attività del governo Renzi. I voti finali
Attività
legislativa,
e presenze.
Il sostegno
al Governo
e leinterrogazioni
questioni di parlamentari
fiducia
Il bilancio di Palazzo Chigi.
Le spese impegnate dal 2011 al 2014.
minidossier
SOMMARIO
Introduzione
5
La maggioranza.
Partiti, incarichi e nomine nel Consiglio dei ministri
I movimenti politici a sostegno dell’esecutivo,
da Berlusconi a Renzi
Le variazioni in corso, com’è cambiata la presenza dei partiti
I politici con più incarichi nel governo da Berlusconi a oggi
Il sostegno al governo Renzi durante i voti chiave
del governo Renzi.
10 L’attività
Attività legislativa, interrogazioni parlamentari e presenze
Le riunioni del Consiglio dei ministri
La percentuale di successo rispetto all’iniziativa
I tempi di approvazione delle leggi
La percentuale di successo degli emendamenti
Le questioni di fiducia per l’approvazione delle leggi
I ministri che rispondono alle interrogazioni
Le presenze dei parlamentari anche al governo
18
Il bilancio di Palazzo Chigi.
Le spese impegnate dal 2011 al 2014
I numeri a confronto nei consuntivi di fine anno
L’andamento nel tempo di cinque voci di spesa
2
minidossier
INTRODUZIONE
Il 22 febbraio 2014 Matteo Renzi ha prestato giuramento come presidente
del consiglio dei ministri. Insieme a lui ha giurato la sua squadra di governo,
4
governi confrontati
che è andata a comporre il 63° esecutivo della Repubblica italiana. Dopo due
anni di attività, stiamo parlando già di uno dei governi più longevi della storia
repubblicana. E a maggior ragione vale la pena analizzarne l’operato.
L’analisi di questi due anni si sofferma su tre elementi: la maggioranza che
ha sostenuto l’esecutivo, l’attività (legislativa e non) e il costo in termini di
229
nomine e incarichi di
governo considerati
budget di Palazzo Chigi. Dove possibile i dati verranno confrontati con gli altri
tre esecutivi delle legislature XVI e XVII: Berlusconi IV, Monti I e Letta I.
Partiamo dai nomi ricorrenti. I politici che fanno parte dell’esecutivo dell’ex
sindaco di Firenze sono spesso gli stessi che hanno partecipato ai governi
delle ultime due legislature. Il 30% delle 229 nomine di ministri, viceministri
249.737
emendamenti analizzati
e sottosegretari conferite dal governo Berlusconi IV in poi ha coinvolto le
stesse persone. Si tratta di 66 incarichi affidati a 30 persone, le quali sono
riuscite a ottenere una nomina in almeno due degli ultimi 4 governi.
Sono sempre gli stessi nomi che nel corso degli anni hanno contribuito
a cambiare in modo sostanziale le dinamiche all’interno del Parlamento
25
voti chiave presi in esame
italiano. Perché se il governo costituzionalmente detiene il potere esecutivo,
il suo strapotere anche nella funzione legislativa è ormai un dato di fatto.
Le proposte di Renzi e membri dell’esecutivo hanno maggiore probabilità di
essere approvate, e con più velocità, rispetto a quelle dei parlamentari. Una
realtà che i dati mostrano in tutto il suo squilibrio. Inoltre circa il 30% delle
102
riunioni del Consiglio
dei ministri monitorate
leggi ha richiesto un voto di fiducia da parte dell’esecutivo.
I numeri di questi due anni di governo Renzi confermano trend consolidati
che hanno caratterizzato le ultime due legislature. Esecutivi sempre meno
“politici” e più “di larghe intese”, in cui i protagonisti sono spesso gli stessi.
Quello che forse appare più evidente, però, è la centralità del governo
negli equilibri politici del nostro paese. L’allargamento di fatto delle sue
Le elaborazioni del rapporto si basano su dati
ufficiali rintracciati fino al 5 febbraio 2016
dai siti di camera dei deputati, senato della
Repubblica, Openparlamento.
responsabilità fa sì che ci si debba “fidare” sempre di più di chi fa parte
dell’esecutivo. Con un parlamento tagliato ormai fuori dai giochi, un errore ha
poche possibilità di essere corretto.
3
minidossier
RIFERIMENTI NORMATIVI
Costituzione
Italiana
ART 71 L’iniziativa delle leggi appartiene al Governo, a ciascun membro delle Camere
ed agli organi ed enti ai quali sia conferita da legge costituzionale.
Il popolo esercita l’iniziativa delle leggi, mediante la proposta, da parte di
almeno cinquantamila elettori, di un progetto redatto in articoli.
ART 77 Il Governo non può,senza delegazione delle Camere, emanare decreti che
abbiano valore di legge ordinaria.
Quando, in casi straordinari di necessità e d’urgenza, il Governo adotta, sotto
la sua responsabilità, provvedimenti provvisori con forza di legge,
deve il giorno stesso presentarli per la conversione alle Camere che, anche se
sciolte, sono appositamente convocate e si riuniscono entro
cinque giorni.
I decreti perdono efficacia sin dall’inizio, se non sono convertiti in legge entro
sessanta giorni dalla loro pubblicazione. Le Camere possono tuttavia regolare
con legge i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non
convertiti.
ART 92 Il Governo della Repubblica è composto del Presidente del Consiglio e dei
ministri, che costituiscono insieme il Consiglio dei ministri. Il Presidente della
Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di
questo, i ministri.
ART 93 Il Presidente del Consiglio dei ministri e i ministri, prima di assumere le
funzioni, prestano giuramento nelle mani del Presidente della Repubblica.
ART 94 Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere.
Ciascuna Camera accorda o revoca la fiducia mediante mozione motivata
e votata per appello nominale.
Entro dieci giorni dalla sua formazione il Governo si presenta alle Camere
per ottenerne la fiducia.
Il voto contrario di una o d’entrambe le Camere su una proposta del Governo
non importa obbligo di dimissioni.
La mozione di sfiducia deve essere firmata da almeno un decimo dei
componenti della Camera e non può essere messa in discussione prima di tre
giorni dalla sua presentazione.
ART 95 Il Presidente del Consiglio dei ministri dirige la politica generale del Governo
e ne è responsabile. Mantiene l’unità di indirizzo politico ed amministrativo,
promovendo e coordinando l’attività dei ministri.
I ministri sono responsabili collegialmente degli atti del Consiglio dei ministri,
e individualmente degli atti dei loro dicasteri.
La legge provvede all’ordinamento della Presidenza del Consiglio e determina
il numero, le attribuzioni e l’organizzazione dei ministeri.
ART 96 Il Presidente del Consiglio dei ministri e i ministri, anche se cessati dalla carica,
sono sottoposti, per i reati commessi nell’esercizio delle loro funzioni, alla
giurisdizione ordinaria, previa autorizzazione del Senato della Repubblica o
della Camera dei Deputati, secondo le norme stabilite con
legge costituzionale.
4
minidossier
LA MAGGIORANZA
Partiti, incarichi e nomine nel
Consiglio dei ministri
La nomina di una squadra di governo rivela subito quali saranno i gruppi
a sostegno dell’esecutivo. Nelle ultime due legislature si è registrato il
passaggio dall’ultimo governo politico (quello guidato da Silvio Berlusconi
dal 2008 al 2011) a tre governi di larghe intese (Monti dal 2011 al 2013, Letta
dal 2013 al 2014 e Renzi da inizio 2014 a oggi). Questo ha comportato un
aumento del numero di partiti che fanno parte del Consiglio dei ministri.
Se nell’ultimo governo Berlusconi i partiti al potere erano solo due (Popolo
delle libertà e Lega nord), da Monti in poi i numeri sono cresciuti. Attualmente
30 fra politici e tecnici
hanno ricevuto un incarico
in almeno 2 degli ultimi 4
governi
i membri del governo Renzi appartengono a 6 movimenti politici diversi:
Partito democratico, Nuovo centrodestra, Scelta civica, Partito socialista
italiano, Unione di centro e Democrazia solidale. Partiti che in due anni
hanno variato la loro partecipazione numerica nel governo, fino all’ultimo
rimpasto di fine gennaio che è stato particolarmente generoso per il Nuovo
centrodestra (+5 nomine).
Il dato che forse sorprende di più è il numero di nomi ricorrenti negli incarichi
assegnati dagli ultimi quattro premier. Tra insediamenti e rimpasti, dal 2008
a oggi sono stati nominati oltre 200 tra ministri, viceministri e sottosegretari.
Nel 30% di queste nomine ricorrono sempre gli stessi volti. Si tratta di 30
persone che hanno svolto o svolgono un ruolo di primo piano in almeno due
degli ultimi quattro governi.
Un altro elemento considerato è quello del sostegno al governo durante i voti
chiave in Parlamento. Dalla fiducia ottenuta a febbraio del 2014, al decreto
sulla cessione dell’Ilva approvato a gennaio del 2016, sono stati considerati
i voti di scarto fra favorevoli e contrari nei più importanti provvedimenti
discussi in aula in questi due anni di attività.
5
La maggioranza.
Partiti, incarichi e nomine nel Consiglio dei ministri.
minidossier
I MOVIMENTI POLITICI A
SOSTEGNO DELL’ESECUTIVO,
DA BERLUSCONI A RENZI
Il vero cambiamento che ha contraddistinto la politica
italiana negli ultimi anni è il passaggio da governi di
coalizione a governi di larghe intese. Il quarto governo
Berlusconi era guidato dal Popolo delle libertà, affiancato
dalla Lega nord. Erano dunque solo due partiti, un terzo
di quelli che oggi fanno parte dell’esecutivo Renzi:
Partito democratico, Scelta civica, Nuovo centrodestra,
Partito socialista italiano, Unione di centro e Democrazia
solidale. Sono 6 i movimenti politici che hanno
attualmente un ruolo di potere (ministro, viceministro
o sottosegretario).
Da sapere
Partiti e gruppi a sostegno
dell’esecutivo
Governo Berlusconi
Il governo di Monti era composto per intero da tecnici. Solo
in questo caso vengono elencati i gruppi che componevano la
maggioranza parlamentare. Per gli altri governi sono considerati
i partiti che ne facevano parte.
Governo Monti
Governo Letta
In evidenza
Da Berlusconi a Renzi si è passati da 2 a 6 partiti
politici nel governo
6
openpolis.it
Governo Renzi
La maggioranza.
Partiti, incarichi e nomine nel Consiglio dei ministri.
minidossier
LE VARIAZIONI IN CORSO,
COM’È CAMBIATA LA
PRESENZA DEI PARTITI
La squadra del governo Renzi è stata completata alla fine
del febbraio 2014. Da allora vari avvicendamenti hanno
variato la sua composizione. Attualmente ne fanno
parte 63 persone, il numero più alto da due anni a questa
parte. Dietro al Partito democratico (35), il secondo
partito con più membri è il Nuovo centrodestra (13). Sul
gradino più basso del podio, la squadra di indipendenti
e tecnici che conta 7 incarichi. La percentuale di donne e
under 40 nel governo Renzi è costantemente in calo dal
22 febbraio ad oggi.
Da sapere
Squadra di governo, chi guadagna e
chi perde durante i due anni
È stata analizzata la consistenza dei partiti in vari momenti
del governo Renzi. Per ogni evento sono state rilevate anche
le percentuali di donne e under 40.
Partito democratico
Totale membri: 16
20
Totale membri: 63
Totale membri: 56
Totale membri: 59
Totale membri: 61
40
Nuovo centrodestra
Indipendente / tecnico
Scelta civica
Democrazia solidale
Unione di centro
Partito socialista italiano
22/2/2014
28/2/2014
31/10/2014
fine 2015
5/2/2016
Nomina
Ministri
Nomina Sottosegretari e
Viceministri
Cambio
alla Farnesina
Avvicendamenti
vari
Composizione
attuale
Donne: 50%
Under 40: 18,75%
Donne: 26,23%
Under 40: 6,56%
Donne: 25,42%
Under 40: 6,78%
Donne: 25,00%
Under 40: 7,14%
Donne: 25,40%
Under 40: 6,35%
In evidenza
Al suo insediamento il governo Renzi era composto per il 50% da donne.
Oggi le donne sono il 25% del totale, la metà di allora.
7
La maggioranza.
Partiti, incarichi e nomine nel Consiglio dei ministri.
minidossier
I POLITICI CON PIÙ
INCARICHI NEL GOVERNO DA
BERLUSCONI A OGGI
Nel “caricometro” degli ultimi quattro governi ci sono
7 persone con almeno 3 incarichi diversi dal 2008 ad
oggi. 4 di questi appartengono al Nuovo centrodestra
(A. Alfano, A. Gentile, L. Casero e S. Vicari), due al
Partito democratico (C. De Vincenti, e G. Delrio) e uno
a Democrazia solidale (M. Giro). L’appartenenza politica
trasversale di queste personalità evidenzia la ricorrenza
di governi di larghe intese, caratteristica di questa fase
storica del nostro paese.
Da sapere
hi
ca
ric
i
In
rn
ve
Go
o
tit
Pa
r
Po
l
iti
co
I politici che hanno ricevuto più incarichi
negli ultimi quattro governi
Angelino
Alfano
Nuovo
centrodestra
Claudio
De Vincenti
Partito
democratico
Antonio
Gentile
Nuovo
centrodestra
Graziano
Delrio
Partito
democratico
2/4
3
Luigi
Casero
Nuovo
centrodestra
3/4
3
Mario
Giro
Democrazia
Solidale
Simona
Vicari
Nuovo
centrodestra
3/4
3/4
2/4
2/4
2/4
4
Sono stati presi in considerazione gli incarichi di ministro,
viceministro e sottosegretario nei governi Berlusconi IV, Monti,
Letta e Renzi.
Governo
Berlusconi
Ministro
(Giustizia)
Sottosegretario
(Sviluppo Economico)
4
3
Governo
Monti
Governo
Letta
Governo
Renzi
Ministro Interno
Vicepresidente
(Presidenza del
Consiglio)
Ministro
(Interno)
Sottosegretario
(Sviluppo Economico)
Sottosegretario
(Sviluppo Economico)
Sottosegretario
(Presidenza del Consiglio)
Sottosegretario
(Trasporti)
Viceministro
(Sviluppo Economico)
Sottosegretario
(Economia)
Ministro
(Affari Regionali)
Sottosegretario
(Presidenza del Consiglio)
Ministro
(Infrastrutture)
Sottosegretario
(Economia)
Viceministro
(Economia)
3
Sottosegretario
(Esteri)
Sottosegretario
(Esteri)
Viceministro
(Esteri)
3
Sottosegretario
(Sviluppo Economico)
Sottosegretario
(Sviluppo Economico)
Sottosegretario
(Trasporti)
Sottosegretario
(Economia)
In evidenza
30 i politici che hanno partecipato ad almeno 2 degli ultimi 4 governi.
Nel governo Letta, Alfano ha ricoperto contemporaneamente due incarichi: Vicepresidente e Ministro dell’Interno.
Nel Governo Renzi, invece alcuni politici hanno cambiato incarico mantenendo la loro presenza nell’esecutivo.
8
openpolis.it
La maggioranza.
Partiti, incarichi e nomine nel Consiglio dei ministri.
minidossier
IL SOSTEGNO AL GOVERNO
RENZI DURANTE I VOTI
CHIAVE
Un modo per raccontare la storia di questo esecutivo è
attraverso l’analisi dei voti più importanti. Sono state
molte le riforme portate avanti dal governo Renzi:
decreto Irpef (80 euro), jobs act, italicum, la buona
scuola e riforma della Rai. Nel corso dei mesi, e dei tanti
cambi di gruppo, la consistenza della maggioranza è
variata. Il valzer dei transfughi e la presenza di vari
gruppi parlamentari di trincea (Misto, Gal, Al-a, ecc.)
hanno creato una maggioranza in continua evoluzione,
con dei numeri in costante cambiamento.
Da sapere
Scarto fra favorevoli e contrari nei
voti chiave
La data riportata si riferisce al mese dell’approvazione del
provvedimento
Mese del
voto finale
Provvedimento
Febbraio ‘14
Fiducia Governo Renzi
158
30
Marzo ‘14
Ddl Svuota Province
102
33
Aprile ‘14
Salva Roma
278
52
Maggio ‘14
Piano Casa 2014
185
34
Maggio ‘14
Decreto Lavoro - Jobs Act
136
36
Giugno’14
Decreto Irpef (80euro)
173
47
Agosto ‘14
Decreto Riforma PA
140
54
Agosto ‘14
Decreto Competivitià
147
128
Ottobre ‘14
Proroga missioni internazionali 2014
185
131
Novembre ‘14
Decreto Sblocca Italia
117
47
Dicembre ‘14
Legge Delega Jobs Act
310
53
Dicembre ‘14
Stabilità 2015
191
125
Febbraio ‘15
Milleproroghe 2014
184
33
Marzo ‘15
Imu Agricola
119
47
Aprile ‘15
Decreto Anti- Terrorismo
203
53
Maggio ‘15
Italicum
273
116
Maggio ‘15
Anti-Corruzione
227
78
Maggio ‘15
Ecoreati
334
129
Luglio ‘15
La Buona Scuola
104
47
Agosto ‘15
Ddl Enti Locali
166
52
Agosto ‘15
Riorganizzazione della PA
160
48
Settembre ‘15
Ddl Boccadutri
231
87
Dicembre ‘15
Riforma della Rai
116
50
Dicembre ‘15
Stabilità 2016
204
37
Gennaio ‘16
Decreto Cessione Ilva
133
59
Senato
Camera
Voti di scarto
In evidenza
Alla Camera il provvedimento con il margine più sottile è stato il ddl svuota
province, al Senato la fiducia di inizio governo dell’esecutivo Renzi
openpolis.it
9
minidossier
L’ATTIVITÀ
DEL GOVERNO RENZI
Attività legislativa, interrogazioni
parlamentari e presenze
I numeri mostrano molto bene quanto il governo stia diventando importante
e centrale nella produzione legislativa del nostro paese. Quasi il 30% dei
disegni di legge proposti dal governo Renzi diventano legge, per i parlamentari
non si arriva neanche all’1%. Inoltre nella XVII legislatura le proposte dei
due esecutivi che si sono succeduti (Letta e Renzi) sono state approvate
mediamente in 156 giorni, quelle dei parlamentari hanno richiesto più di un
anno (392 giorni).
Discorso analogo per gli emendamenti. Quasi 1 emendamento su 2 presentato
Interrogazioni
parlamentari depositate
dal 2008 ad oggi:
75.538
il 64,41% non ha mai
ricevuto una risposta dai
membri del governo
dal governo viene approvato, mentre le proposte di modifiche dei deputati
hanno una percentuale di successo del 5,42% e quelle dei senatori dell’1,25%.
Un governo, quindi, che a differenza dei membri del parlamento riesce a
incidere parecchio sulla produzione legislativa. Grazie anche al contributo
delle questioni di fiducia.
Il 31,01% delle leggi approvate durante l’esecutivo guidato da Matteo Renzi
ha richiesto la fiducia. La seconda percentuale più alta degli ultimi quattro
governi, battuto solamente da Mario Monti (45%). Non solo, per ben 5
provvedimenti diversi, l’attuale premier ha dovuto richiedere almeno 3
volte la fiducia: il decreto competitività, il jobs act, la riforma della pubblica
amministrazione, la legge di stabilità 2015 e l’italicum.
Altro elemento è quello delle interrogazioni. Deputati e senatori nel corso
della legislatura ne hanno depositate oltre 30.000. Con questo strumento i
nostri eletti possono chiedere al governo o a un ministro dei chiarimenti su
fatti o notizie, o ottenere spiegazioni su specifici provvedimenti. Ad oggi solo
il 34% delle interrogazioni depositate nella XVII legislatura hanno ottenuto
una risposta.
L’ultimo punto affrontato riguarda la possibilità per i membri del Parlamento
di ricoprire anche incarichi di governo. Una sovrapposizione di ruoli che, vista
l’importanza di entrambe le mansioni, crea molti problemi. Ad oggi il doppio
incarico parlamentare-ministro riguarda 9 persone. L’incompatibilità è
evidente: in media essi partecipino solo all’8,6% delle votazioni elettroniche
10
in aula.
L’attività del governo
Attività legislativa, interrogazioni parlamentari e presenzeministri.
LE RIUNIONI DEL CONSIGLIO
DEI MINISTRI
Dal 22 febbraio 2014 al 5 febbraio 2016 si sono tenute
102 riunioni del Consiglio dei ministri. In media, poco
minidossier
più di 4 al mese per un totale di oltre 100 ore di lavoro.
Dai resoconti ufficiali spesso emerge la mera formalità
di questi incontri, occasione più che altro di raccontare
in conferenza stampa decisioni già prese altrove. Ben 11
incontri sono durati dai 4 agli 8 minuti, 15 dai 10 ai 20
minuti e altri 7 dai 20 ai 25 minuti. Questo vuol dire che
ben 33 incontri (il 32,35%) sono durati meno di mezz’ora.
Da sapere
Numero di riunioni e durata media
del Consiglio dei ministri
Sono state prese in considerazione 102 riunioni del Consiglio dei
ministri. Per ognuna è stato registrato l’orario di inizio e di fine. È
stata poi fatta una media mensile della durata delle riunioni.
Numero di riunioni
8
6
6
5
5
5
4
6
3
2
5
4
3
Aprile
Maggio
Giugno
Luglio
Agosto
Settembre
Ottobre
Novembre
Dicembre
Gennaio
0.38.20
1.05.30
2.27.48
1.20.00
1.00.50
0.57.30
0.36.20
0.55.30
1.06.15
2016
0.53.08
Marzo
Febbraio
Gennaio
Dicembre
Novembre
Ottobre
Settembre
2015
Agosto
Luglio
Giugno
Maggio
Aprile
Marzo
4
2
2014
Febbraio
4
3
2
2
4
4
3
6
6
1.28.20
1.22.30
0.32.30
1.06.00
0.35.00
0.50.40
1.13.20
2.05.00
1.33.20
1.07.36
1.00.00
1.24.24
0.54.10
1.31.00
Durata media (ore.minuti.secondi)
In evidenza
Mediamente una riunione del Consiglio dei ministri dura 1 ora.
openpolis.it
11
L’attività del governo
Attività legislativa, interrogazioni parlamentari e presenzeministri.
LA PERCENTUALE DI
SUCCESSO RISPETTO
ALL’INIZIATIVA
La centralità del potere esecutivo nella produzione
legislativa del nostro paese è evidente. Circa il 30% delle
minidossier
proposte di legge governative completa l’iter, contro
neanche l’1% di quelle parlamentari. Il governo Renzi in
questo non rappresenta una novità, e anzi conferma un
trend consolidato. Il forte squilibrio nella percentuale di
successo di fatto ribalta quella che è costituzionalmente
le ripartizione dei ruoli fra potere esecutivo e potere
legislativo.
Da sapere
Iniziativa governativa e
parlamentare a confronto
33,74%
La percentuale di successo è calcolata prendendo il totale delle
leggi che hanno completato l’iter e dividendolo per il numero di
disegni di legge presentati.
33,62%
32,32%
28,98%
0,75%
Governo Berlusconi
(05/2008-11/2011)
2,62%
0,88%
0,18%
Governo Monti
(11/2011-04/2013)
Governo Letta
(04/2013-02/2014)
Governo Renzi
(02/2014-02/2016)
In evidenza
Durante il governo Letta solamente 4 disegni di legge di iniziativa
parlamentare hanno completato il proprio iter.
12
openpolis.it
Governativa
Parlamentare
L’attività del governo
Attività legislativa, interrogazioni parlamentari e presenzeministri.
minidossier
I TEMPI DI APPROVAZIONE
DELLE LEGGI
approvato (392 giorni). Le proposte del governo invece
viaggiano a tutt’altra velocità: in media 156 giorni.
Suddividendo le leggi di iniziativa governativa approvate
durante il governo Renzi per temi, si passa da alcuni
provvedimenti che completano l’iter in poco più di un
mese (imprese e giustizia), ad altri che richiedono più di
280 giorni: esteri, Europa e trattati internazionali.
Nella XVII legislatura un disegno di legge di iniziativa
parlamentare impiegano più di 1 anno per essere
Da sapere
I giorni necessari per approvare
le leggi, divisi per iniziativa
Sono stati calcolati i giorni mediamente necessari per
l’approvazione di un disegno di legge. Per il governo Renzi sono
stati classificati per temi i disegni di legge di iniziativa governativa
che hanno completato l’iter.
442
183
120
392
156
116
XV Legislatura
XVI Legislatura
XVII Legislatura
2006-2008
2008-2013
2013-2016
Governativa
Parlamentare
Governo Renzi - le leggi di iniziativa governativa divise per temi
Posizione
Argomento
Media giorni
1
Imprese
46
2
Giustizia
46
3
Missioni militari
50,33
4
Cultura
52
5
Interventi economici sul territorio
52,25
6
Economia e finanza
53,2
7
Salute
56
8
Stabilità e bilancio
65,25
9
Scuola
71,33
10
Enti Locali
108,66
11
Banche
130,33
12
Lavoro
149,5
13
Pubblica amministrazione
210,5
14
Esteri
288,5
15
Europa
298
16
Trattati internazionali
316,06
In evidenza
I disegni di legge che riguardano esteri, Europa e trattati internazionali sono i
provvedimenti che vengono approvati più lentamente
13
L’attività del governo
Attività legislativa, interrogazioni parlamentari e presenzeministri.
LA PERCENTUALE
DI SUCCESSO DEGLI
EMENDAMENTI
Come per i disegni di legge, anche per gli emendamenti
la percentuale di successo del governo è molto più
minidossier
alta rispetto al parlamento. Sia alla Camera (48,18%)
che al Senato (46,06%), quasi 1 emendamento su 2
presentati dal governo vengono approvati. Non si può
sicuramente dire lo stesso per quelli dei parlamentari.
Per i deputati la percentuale di successo crolla al 5,42%.
Al Senato, dove l’ostruzionismo dell’opposizione passa
anche per la presentazione massiccia di emendamenti,
la percentuale di approvazione è dell’1,25%.
Da sapere
La percentuale di emendamenti
approvati rispetto a quelli presentati
48,18 %
La percentuale di successo è stato calcolato dividendo il numero di
emendamenti approvati per il numero di quelli presentati
46,06 %
120
5,42 %
Governo alla Camera
Governo al Senato
Deputati
1,25 %
Senatori
Emendamenti presentati
550
330
87.374
In evidenza
Degli oltre 240 mila emendamenti presentati da deputati e
senatori, poco più di 6.700 sono stati approvati
14
openpolis.it
161.483
L’attività del governo
Attività legislativa, interrogazioni parlamentari e presenzeministri.
LE QUESTIONI DI FIDUCIA
PER L’APPROVAZIONE DELLE
LEGGI
Abbiamo visto che la maggior parte delle leggi che
vengono approvate sono di iniziativa governativa. In
aggiunta per la loro approvazione si ricorre a un utilizzo
minidossier
massiccio della fiducia. Da quanto Renzi è diventato
premier il 31,01% delle leggi approvate ha necessitato
di un voto di fiducia. Sui numeri assoluti l’attuale primo
ministro supera il primato di Mario Monti (51 contro
49 questioni di fiducia). Se la percentuale è così alta è
anche perché su alcuni provvedimenti c’è stato un abuso
di questo strumento. Alcune delle leggi più importanti
da quando Renzi è presidente del Consiglio hanno
necessitato di almeno 3 voti di fiducia: italicum, jobs act,
riforma della pubblica amministrazione e stabilità 2015.
Da sapere
Il rapporto fra questioni di fiducia e leggi
approvate dal governo Berlusconi a oggi
La percentuale è stata calcolata dividendo il numero di questioni di
fiducia per il numero di leggi approvate durante il governo
I provvedimenti su cui è stata posta
più volte la fiducia
45,13 %
27,78 %
31,01 %
16,42 %
XVI Legislatura
Governo
Berlusconi
XVII Legislatura
Governo
Monti
Governo
Letta
Governo
Renzi
Leggi approvate
274
113
36
158
Provvedimento
Governo
N. fiducie
Riforma del lavoro
Monti
8
Ddl Anti-Corruzione
Monti
5
Stabilità 2013
Monti
5
Decreto Sviluppo
Monti
4
Riforma fiscale
Monti
4
Stabilità 2015
Renzi
4
Legge sviluppo 2008
Berlusconi
3
Stabilità 2014
Letta
3
Milleproroghe 2012
Monti
3
Semplificazioni fiscali
Monti
3
Decreto Competitività
Renzi
3
Decreto Lavoro - Jobs Act
Renzi
3
Decreto Riforma PA
Renzi
3
Italicum
Renzi
3
In evidenza
Durante il governo Renzi, ben 5 provvedimenti hanno richiesto
almeno 3 voti di fiducia per essere approvati
openpolis.it
15
L’attività del governo
Attività legislativa, interrogazioni parlamentari e presenzeministri.
I MINISTRI CHE RISPONDONO
ALLE INTERROGAZIONI
Da quando Matteo Renzi è premier sono state
depositate oltre 21.000 interrogazioni. Solo il 35,20% ha
ottenuto una risposta; e alcuni ministeri, come quello
minidossier
della Giustizia guidato da Andrea Orlando, si fermano
al 18,61%. Fra i più virtuosi troviamo il Ministero della
difesa (Pinotti), quello degli Affari esteri (Mogherini/
Gentiloni) e quello dei Rapporti con il Parlamento
(Boschi) con rispettivamente il 65,8%, 70,20% e il
74,29% delle interrogazioni concluse. Il ministero che
ha ricevuto più quesiti è quello dell’Infrastrutture e dei
trasporti (Lupi/Delrio): oltre 2.131.
Da sapere
La classifica delle interrogazioni concluse
per ministero delegato a rispondere
Ministro
Percentuale
La percentuale di risposta è stata calcolata dividendo il numero di
interrogazioni concluse per il numero di quelle presentate
Ministero
Boschi
74,29%
Riforme costituzionali e rapporti con il parlamento
Mogherini/Gentiloni
70,20%
Affari esteri
Pinotti
65,88%
Difesa
Lanzetta/Costa
51,43%
Affari regionali
Franceschini
44,37%
Beni culturali
Martina
44,04%
Politiche agricole, alimentari e forestali
Guidi
42,01%
Sviluppo economico
Lupi/Delrio
37,35%
Infrastrutture e trasporti
Galletti
35,21%
Ambiente
Lorenzin
34,36%
Salute
Alfano
32,92%
Interno
Padoan
30,87%
Economia e finanze
Giannini
29,57%
Istruzione
Madia
29,02%
Pubblica amministrazione
Renzi
25,48%
Consiglio dei ministri
Poletti
23,00%
Lavoro e politiche sociali
Orlando
18,61%
Giustizia
In evidenza
In media dal governo Berlusconi a oggi, solo il 35,59% delle
interrogazioni al governo o ai singoli ministri ha ricevuto risposta
16
openpolis.it
L’attività del governo
Attività legislativa, interrogazioni parlamentari e presenzeministri.
LE PRESENZE DEI
PARLAMENTARI ANCHE AL
GOVERNO
L’incompatibilità dei due ruoli è evidente. Proprio
per l’importanza dei due incarichi (parlamentare e
minidossier
ministro) è molto difficile pensare che una persona
possa svolgere entrambi allo stesso modo. Attualmente
sono nove i ministri che sono anche parlamentari. La
loro partecipazione media ai lavori di camera e senato
è dell’8,66%. Quando va bene, come nel caso della
ministra Giannini, si arriva al 36,48% delle votazioni
in aula. Quando va male, per esempio con il ministro
Gentiloni, si parla dello 0,25% di presenze.
Da sapere
Parlamentari e in contemporanea
ministri: le presenze alle votazioni di
chi ha il doppio incarico
Per i singoli parlamentari sono state calcolate le presenze in aula
dal giorno della nomina a ministro
36,48%
28,00%
8,09%
5,10%
4,70%
2,84%
1,89%
0,35%
0,25%
Giannini
Pinotti
Madia
Boschi
Orlando
Franceschini
Alfano
Lorenzin
Gentiloni
In evidenza
In media i parlamentari che sono anche ministri partecipano solo
all’8,66% delle votazioni elettroniche in aula
openpolis.it
17
minidossier
IL BILANCIO
DI PALAZZO CHIGI
Le spese impegnate dal 2011 al 2014
La macchina di Palazzo Chigi, come tutti gli organi dello stato, ha dei costi.
L’argomento è particolarmente caro all’opinione pubblica. Prendiamo perciò
in esame le entrate e le uscite della Presidenza del consiglio dei ministri,
includendo sia le attività e le funzioni del premier, sia quelle dei vari
dipartimenti. Dalle politiche antidroga, alla protezione civile, passando per le
politiche europee, gli affari regionali e tanto altro, la Presidenza del consiglio
dei ministri è uno struttura molto complessa.
Costo di Palazzo Chigi
dal 2011 al 2014 -
€ 15.420.550.352,97
Sono stati analizzati i conti finanziari dal 2011 al 2014, per un volume di
spesa che in totale supera i 15 miliardi di euro. Stiamo parlando dei cosiddetti
bilanci consuntivi, che non considerano quindi solo le previsioni di inizio anno,
ma che calcolano anche le cifre effettivamente impegnate nel corso dei mesi.
Con le riforme realizzate da Mario Monti, il budget totale è sceso sui 4 miliardi
di euro annui. Nel 2013 (anno del governo Letta) il bilancio consuntivo è stato
ridotto a 3,5 miliardi, ed è risalito poi con il primo anno di governo Renzi a 3,6
miliardi.
Buona parte del budget, oltre il 60%, è destinato alla protezione civile. Tra
le voci principali di spesa anche il segretariato generale, editoria, gioventù e
gli affari regionali. Da notare come il segretariato generale abbia raggiunto
delle spese di gestione record nella storia recente. Se nel 2013 parlavamo di
396 milioni, nel 2014 si sono raggiunti i 754 milioni. Si tratta delle spese a
supporto dei compiti della Presidenza, e all’organizzazione e alle gestione
amministrativa
18
Il bilancio di Palazzo Chigi.
Le spese impegnate dal 2011 al 2014.
minidossier
I NUMERI A CONFRONTO NEI
CONSUNTIVI DI FINE ANNO
Le spese della Presidenza del consiglio, ridotte già con
il governo Monti, hanno raggiunto un picco minimo
nel 2013 (governo Letta). Le spese certificate in
quell’anno erano di 3,5 miliardi. Nell’anno successivo,
primo anno del governo Renzi, il totale è tornato a
crescere raggiungendo i 3,6 miliardi. La voce principale
di spesa riguarda sempre la protezione civile. In media
parliamo di oltre il 60% del budget. Da notare come la
voce “segretariato generale” sotto il governo Renzi sia
passata dall’11% al 20% del totale.
Da sapere
Le principali voci di spesa
a confronto
Sono stati presi in considerazione i conti finanziari di Palazzo
Chigi dal 2013 al 2014. Questi consuntivi mostrano i risultati della
gestione del bilancio ed espongono entrate e uscite realmente
effettuate.
2013
Altro 1,57%
Innovazione e tecnologie 1,19%
Funziona pubblica 1,34%
Affari regionali, autonomie e sport 3,69%
Protezione civile 69,33%
Gioventù 4,10%
Informazione ed editoria 7,61%
Segretariato generale 11,18%
Totale budget
€ 3.543.654.304,33
2014
Altro 0,75%
Pari opportunità 0,73%
Funziona pubblica 1,16%
Affari regionali, autonomie e sport 2,87%
Gioventù 5,85%
Protezione civile 62,14%
Informazione ed editoria 6,00%
Segretariato generale 20,49%
Totale budget
€ 3.683.168.447,08
In evidenza
Dal 2011 al 2014 la macchina di Palazzo Chigi è costata oltre
15 miliardi di euro
19
Il bilancio di Palazzo Chigi.
Le spese impegnate dal 2011 al 2014.
minidossier
L’ANDAMENTO NEL TEMPO DI
CINQUE VOCI DI SPESA
e sovrintende all’organizzazione e alle gestione
amministrativa. Dal 2013 (governo Letta) al 2014 la
cifra totalmente impegnata è passata da poco più di
396 milioni a oltre 750 milioni. Stabile l’ammontare
destinato alla protezione civile, di gran lunga la voce
principale di spesa. Dal 2012 al 2014 parliamo di oltre 2
miliardi l’anno.
Con l’arrivo di Matteo Renzi si registra un forte aumento
delle spese del segretariato generale. Questo organo si
occupa dell’espletamento dei compiti della Presidenza,
Da sapere
Partendo dal bilancio consuntivo 2014, è stata analizzata
l’evoluzione nel tempo delle principali voci di spesa
Protezione civile
Segretariato
Generale
Informazione
ed Editoria
Gioventù
€ 105.627.322,97
€ 130.597.080,72
€ 7.842.946,68
€ 215.329.545,67
€ 145.395.866,22
€ 21.070.846,69
€ 269.577.518,93
€ 221.157.446,40
€ 278.081.228,71
€ 754.833.839,20
€ 396.259.922,60
€ 460.274.728,01
€ 2.288.789.346,74
€ 2.456.667.203,79
€ 2.677.281.476,79
Come sono cambiate dal 2012 al 2014
le principali voci di spesa
Affari regionali,
autonomie e sport
In evidenza
Rispetto al 2012, la voce “segretariato generale” è aumentata
del 64%.
20
openpolis.it
2012
2013
2014
Network openpolis:
piattaforme per chi pone domande
Voisietequi.it
Quali sono le posizioni dei partiti?
In occasione delle elezioni individuiamo i temi
dirimenti della campagna elettorale e chiediamo
ai partiti di posizionarsi (favorevole/contrario).
Il cittadino rispondendo ad un questionario ha
la possibilità di scoprire chi è più vicino alle sua
posizioni.
CREDITS
Openpolis è un osservatorio civico sulla trasparenza della politica italiana.
È assolutamente indipendente non ricevendo alcun finanziamento da partiti,
politici o fondazioni e associazioni a loro riconducibili. Ha progettato e mantiene
un network online che consente ai cittadini di ricevere gratuitamente e senza
pubblicità un’informazione basata sui dati.
Svolge attività di ricerca e sperimentazione sull’utilizzo della tecnologia
Openpolitici.it
Chi sono i politici italiani?
La più grande e aggiornata anagrafe sui politici
italiani. In oltre 250.000 schede sono disponibili
biografia, carriera politica e storico degli incarichi
istituzionali su ogni rappresentante dei cittadini
italiani nei diversi livelli istituzionali, dal Comune
al Parlamento Europeo.
nei processi politici, open government, dati aperti. È tra i fondatori del Pan
European e Participation Network (PEP-NET), riconosciuto e finanziato
dall’Unione Europea, ed è referente italiano del network internazionale delle
Parliamentary Monitoring Organizations (PMO’s).
Pubblica la collana di approfondimento “MiniDossier”. L’impostazione
di data journalism prevede la verifica, l’analisi e la comparazione dei dati
Openparlamento.it
Cosa fanno i politici eletti in parlamento?
Approfondimenti quotidiani su quanto accade alla
Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica.
È possibile attivare il monitoraggio su
parlamentari, argomenti e singoli atti. Abbiamo
elaborato indici utili a far emergere le differenze
fra i politici per poterli valutare.
Openmunicipio.it
Cosa fanno i politici eletti in comune?
I comuni che aderiscono al progetto mettono
a disposizione dati per aprirsi e rendere
trasparente l’attività di consiglio e giunta.
Ogni atto presentato viene immediatamente
pubblicato online per consentire il confronto
con la cittadinanza. A tal fine viene analizzato,
categorizzato e georeferenziato.
Openbilanci.it
Come i sindaci spendono le risorse dei comuni?
Abbiamo pubblicato i bilanci preventivi e
consuntivi di tutti i comuni negli ultimi 10 anni.
Oltre al dettaglio delle singole amministrazioni
locali, i confronti, le classifiche e gli indicatori
permettono una migliore comprensione di dati e
numeri considerati solo “per addetti ai lavori.
provenienti da fonti ufficiali per fare emergere notizie e proporre un altro
punto di vista. Sui temi principali come politica e finanza locale vengono
prodotti e documentati indici e indicatori originali.
La presente pubblicazione è rilasciata tramite licenza
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative
Commons Attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
via degli Equi 42
00185 Roma
Tel. 06.83608392
[email protected]
www.openpolis.it
21
SOSTIENI OPENPOLIS
Colleghiamo i dati per fare trasparenza,
li distribuiamo per innescare partecipazione.
Costruiamo strumenti liberi e gratuiti
per “aprire la politica”.
5x
1000
DONA
SCEGLI
IBAN
IT47 C050 1803 2000 0000 0131 034
CODICE FISCALE
97532050586
Fly UP