...

Capitolo Quinto - Com.Pas Paderno

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Capitolo Quinto - Com.Pas Paderno
CAPITOLO QUINTO
ALCUNE LINEE DI ORIENTAMENTO E DI AZIONE
163. Ho cercato di prendere in esame la situazione attuale dell’umanità, tanto nelle crepe del pianeta che
abitiamo, quanto nelle cause più profondamente umane del degrado ambientale. Sebbene questa
contemplazione della realtà in sé stessa già ci indichi la necessità di un cambio di rotta e ci suggerisca alcune
azioni, proviamo ora a delineare dei grandi percorsi di dialogo che ci aiutino ad uscire dalla spirale di
autodistruzione in cui stiamo affondando.
I. IL DIALOGO SULL’AMBIENTE NELLA POLITICA INTERNAZIONALE
164. Dalla metà del secolo scorso, superando molte difficoltà, si è andata affermando la tendenza a concepire
il pianeta come patria e l’umanità come popolo che abita una casa comune. Un mondo interdipendente non
significa unicamente capire che le conseguenze dannose degli stili di vita, di produzione e di consumo
colpiscono tutti, bensì, principalmente, fare in modo che le soluzioni siano proposte a partire da una
prospettiva globale e non solo in difesa degli interessi di alcuni Paesi. L’interdipendenza ci obbliga a pensare a
un solo mondo, ad un progetto comune. Ma lo stesso ingegno utilizzato per un enorme sviluppo tecnologico,
non riesce a trovare forme efficaci di gestione internazionale in ordine a risolvere le gravi difficoltà ambientali e
sociali. Per affrontare i problemi di fondo, che non possono essere risolti da azioni di singoli Paesi, si rende
indispensabile un consenso mondiale che porti, ad esempio, a programmare un’agricoltura sostenibile e
diversificata, a sviluppare forme rinnovabili e poco inquinanti di energia, a incentivare una maggiore efficienza
energetica, a promuovere una gestione più adeguata delle risorse forestali e marine, ad assicurare a tutti
l’accesso all’acqua potabile.
165. Sappiamo che la tecnologia basata sui combustibili fossili, molto inquinanti – specie il carbone, ma anche
il petrolio e, in misura minore, il gas –, deve essere sostituita progressivamente e senza indugio. In attesa di
un ampio sviluppo delle energie rinnovabili, che dovrebbe già essere cominciato, è legittimo optare per il male
minore o ricorrere a soluzioni transitorie. Tuttavia, nella comunità internazionale non si raggiungono accordi
adeguati circa la responsabilità di coloro che devono sopportare i costi maggiori della transizione energetica.
Negli ultimi decenni le questioni ambientali hanno dato origine a un ampio dibattito pubblico, che ha fatto
crescere nella società civile spazi di notevole impegno e di generosa dedizione. La politica e l’industria
rispondono con lentezza, lontane dall’essere all’altezza delle sfide mondiali. In questo senso si può dire che,
mentre l’umanità del periodo post-industriale sarà forse ricordata come una delle più irresponsabili della storia,
c’è da augurarsi che l’umanità degli inizi del XXI secolo possa essere ricordata per aver assunto con
generosità le proprie gravi responsabilità.
166. Il movimento ecologico mondiale ha già fatto un lungo percorso, arricchito dallo sforzo di molte
organizzazioni della società civile. Non sarebbe possibile qui menzionarle tutte, né ripercorrere la storia dei
loro contributi. Ma grazie a tanto impegno, le questioni ambientali sono state sempre più presenti nell’agenda
pubblica e sono diventate un invito permanente a pensare a lungo termine. Ciononostante, i Vertici mondiali
sull’ambiente degli ultimi anni non hanno risposto alle aspettative perché, per mancanza di decisione politica,
non hanno raggiunto accordi ambientali globali realmente significativi ed efficaci.
167. Va ricordato il Vertice della Terra celebrato nel 1992 a Rio de Janeiro. In quella sede è stato dichiarato
che «gli esseri umani sono al centro delle preoccupazioni relative allo sviluppo sostenibile». Riprendendo
alcuni contenuti della Dichiarazione di Stoccolma (1972), ha sancito, tra l’altro, la cooperazione internazionale
per la cura dell’ecosistema di tutta la terra, l’obbligo da parte di chi inquina di farsene carico economicamente,
il dovere di valutare l’impatto ambientale di ogni opera o progetto. Ha proposto l’obiettivo di stabilizzare le
concentrazioni di gas serra nell’atmosfera per invertire la tendenza al riscaldamento globale. Ha elaborato
anche un’agenda con un programma di azione e una convenzione sulla diversità biologica, ha dichiarato
principi in materia forestale. Benché quel vertice sia stato veramente innovativo e profetico per la sua epoca,
gli accordi hanno avuto un basso livello di attuazione perché non si sono stabiliti adeguati meccanismi di
controllo, di verifica periodica e di sanzione delle inadempienze. I principi enunciati continuano a richiedere vie
efficaci e agili di realizzazione pratica.
168. Tra le esperienze positive si può menzionare, per esempio, la Convenzione di Basilea sui rifiuti pericolosi,
con un sistema di notificazione, di livelli stabiliti e di controlli; come pure la Convenzione vincolante sul
commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatica minacciate di estinzione, che prevede missioni
di verifica dell’attuazione effettiva. Grazie alla Convenzione di Vienna per la protezione dello strato di ozono e
la sua attuazione mediante il Protocollo di Montreal e i suoi emendamenti, il problema dell’assottigliamento di
questo strato sembra essere entrato in una fase di soluzione.
169. Riguardo alla cura per la diversità biologica e la desertificazione, i progressi sono stati molto meno
significativi. Per quanto attiene ai cambiamenti climatici, i progressi sono deplorevolmente molto scarsi. La
riduzione dei gas serra richiede onestà, coraggio e responsabilità, soprattutto da parte dei Paesi più potenti e
più inquinanti. La Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile denominata Rio+20 (Rio de
Janeiro 2012), ha emesso un’ampia quanto inefficace Dichiarazione finale. I negoziati internazionali non
possono avanzare in maniera significativa a causa delle posizioni dei Paesi che privilegiano i propri interessi
nazionali rispetto al bene comune globale. Quanti subiranno le conseguenze che noi tentiamo di dissimulare,
ricorderanno questa mancanza di coscienza e di responsabilità. Mentre si andava elaborando questa
Enciclica, il dibattito ha assunto una particolare intensità. Noi credenti non possiamo non pregare Dio per gli
sviluppi positivi delle attuali discussioni, in modo che le generazioni future non soffrano le conseguenze di
imprudenti indugi.
170. Alcune delle strategie per la bassa emissione di gas inquinanti puntano alla internazionalizzazione dei
costi ambientali, con il pericolo di imporre ai Paesi con minori risorse pesanti impegni sulle riduzioni di
emissioni, simili a quelli dei Paesi più industrializzati. L’imposizione di queste misure penalizza i Paesi più
bisognosi di sviluppo. In questo modo si aggiunge una nuova ingiustizia sotto il rivestimento della cura per
l’ambiente. Anche in questo caso, piove sempre sul bagnato. Poiché gli effetti dei cambiamenti climatici si
faranno sentire per molto tempo, anche se ora si prendessero misure rigorose, alcuni Paesi con scarse risorse
avranno bisogno di aiuto per adattarsi agli effetti che già si stanno producendo e colpiscono le loro economie.
Resta certo che ci sono responsabilità comuni ma differenziate, semplicemente perché, come hanno
affermato i Vescovi della Bolivia, «i Paesi che hanno tratto beneficio da un alto livello di industrializzazione, a
costo di un’enorme emissione di gas serra, hanno maggiore responsabilità di contribuire alla soluzione dei
problemi che hanno causato».
171. La strategia di compravendita di “crediti di emissione” può dar luogo a una nuova forma di speculazione e
non servirebbe a ridurre l’emissione globale di gas inquinanti. Questo sistema sembra essere una soluzione
rapida e facile, con l’apparenza di un certo impegno per l’ambiente, che però non implica affatto un
cambiamento radicale all’altezza delle circostanze. Anzi, può diventare un espediente che consente di
sostenere il super-consumo di alcuni Paesi e settori.
172. Per i Paesi poveri le priorità devono essere lo sradicamento della miseria e lo sviluppo sociale dei loro
abitanti; al tempo stesso devono prendere in esame il livello scandaloso di consumo di alcuni settori privilegiati
della loro popolazione e contrastare meglio la corruzione. Certo, devono anche sviluppare forme meno
inquinanti di produzione di energia, ma per questo hanno bisogno di contare sull’aiuto dei Paesi che sono
cresciuti molto a spese dell’inquinamento attuale del pianeta. Lo sfruttamento diretto dell’abbondante energia
solare richiede che si stabiliscano meccanismi e sussidi in modo che i Paesi in via di sviluppo possano avere
accesso al trasferimento di tecnologie, ad assistenza tecnica e a risorse finanziarie, ma sempre prestando
attenzione alle condizioni concrete, giacché «non sempre viene adeguatamente valutata la compatibilità degli
impianti con il contesto per il quale sono progettati». I costi sarebbero bassi se raffrontati al rischio dei
cambiamenti climatici. In ogni modo, è anzitutto una decisione etica, fondata sulla solidarietà di tutti i popoli.
173. Urgono accordi internazionali che si realizzino, considerata la scarsa capacità delle istanze locali di
intervenire in modo efficace. Le relazioni tra Stati devono salvaguardare la sovranità di ciascuno, ma anche
stabilire percorsi concordati per evitare catastrofi locali che finirebbero per danneggiare tutti. Occorrono quadri
regolatori globali che impongano obblighi e che impediscano azioni inaccettabili, come il fatto che Paesi
potenti scarichino su altri Paesi rifiuti e industrie altamente inquinanti.
174. Menzioniamo anche il sistema di governance degli oceani. Infatti, benché vi siano state diverse
convenzioni internazionali e regionali, la frammentazione e l’assenza di severi meccanismi di
regolamentazione, controllo e sanzione finiscono con il minare tutti gli sforzi. Il crescente problema dei rifiuti
marini e della protezione delle aree marine al di là delle frontiere nazionali continua a rappresentare una sfida
speciale. In definitiva, abbiamo bisogno di un accordo sui regimi di governance per tutta la gamma dei
cosiddetti beni comuni globali.
175. La medesima logica che rende difficile prendere decisioni drastiche per invertire la tendenza al
riscaldamento globale è quella che non permette di realizzare l’obiettivo di sradicare la povertà. Abbiamo
bisogno di una reazione globale più responsabile, che implica affrontare contemporaneamente la riduzione
dell’inquinamento e lo sviluppo dei Paesi e delle regioni povere. Il XXI secolo, mentre mantiene una
governance propria di epoche passate, assiste ad una perdita di potere degli Stati nazionali, soprattutto
perché la dimensione economico-finanziaria, con caratteri transnazionali, tende a predominare sulla politica. In
questo contesto, diventa indispensabile lo sviluppo di istituzioni internazionali più forti ed efficacemente
organizzate, con autorità designate in maniera imparziale mediante accordi tra i governi nazionali e dotate del
potere di sanzionare. Come ha affermato Benedetto XVI nella linea già sviluppata dalla dottrina sociale della
Chiesa, «per il governo dell’economia mondiale; per risanare le economie colpite dalla crisi, per prevenire
peggioramenti della stessa e conseguenti maggiori squilibri; per realizzare un opportuno disarmo integrale, la
sicurezza alimentare e la pace; per garantire la salvaguardia dell’ambiente e per regolamentare i flussi
migratori, urge la presenza di una vera Autorità politica mondiale, quale è stata già tratteggiata dal mio
Predecessore, [san] Giovanni XXIII». In tale prospettiva, la diplomazia acquista un’importanza inedita, in
ordine a promuovere strategie internazionali per prevenire i problemi più gravi che finiscono per colpire tutti.
II. IL DIALOGO VERSO NUOVE POLITICHE NAZIONALI E LOCALI
176. Non solo ci sono vincitori e vinti tra i Paesi, ma anche all’interno dei Paesi poveri, in cui si devono
identificare diverse responsabilità. Perciò, le questioni relative all’ambiente e allo sviluppo economico non si
possono più impostare solo a partire dalle differenze tra i Paesi, ma chiedono di porre attenzione alle politiche
nazionali e locali.
177. Dinanzi alla possibilità di un utilizzo irresponsabile delle capacità umane, sono funzioni improrogabili di
ogni Stato quelle di pianificare, coordinare, vigilare e sanzionare all’interno del proprio territorio. La società, in
che modo ordina e custodisce il proprio divenire in un contesto di costanti innovazioni tecnologiche? Un fattore
che agisce come moderatore effettivo è il diritto, che stabilisce le regole per le condotte consentite alla luce del
bene comune. I limiti che deve imporre una società sana, matura e sovrana sono attinenti a previsione e
precauzione, regolamenti adeguati, vigilanza sull’applicazione delle norme, contrasto della corruzione, azioni
di controllo operativo sull’emergere di effetti non desiderati dei processi produttivi, e intervento opportuno di
fronte a rischi indeterminati o potenziali. Esiste una crescente giurisprudenza orientata a ridurre gli effetti
inquinanti delle attività imprenditoriali. Ma la struttura politica e istituzionale non esiste solo per evitare le
cattive pratiche, bensì per incoraggiare le buone pratiche, per stimolare la creatività che cerca nuove strade,
per facilitare iniziative personali e collettive.
178. Il dramma di una politica focalizzata sui risultati immediati, sostenuta anche da popolazioni consumiste,
rende necessario produrre crescita a breve termine. Rispondendo a interessi elettorali, i governi non si
azzardano facilmente a irritare la popolazione con misure che possano intaccare il livello di consumo o
mettere a rischio investimenti esteri. La miope costruzione del potere frena l’inserimento dell’agenda
ambientale lungimirante all’interno dell’agenda pubblica dei governi. Si dimentica così che «il tempo è
superiore allo spazio» , che siamo sempre più fecondi quando ci preoccupiamo di generare processi, piuttosto
che di dominare spazi di potere. La grandezza politica si mostra quando, in momenti difficili, si opera sulla
base di grandi principi e pensando al bene comune a lungo termine. Il potere politico fa molta fatica ad
accogliere questo dovere in un progetto di Nazione.
179. In alcuni luoghi, si stanno sviluppando cooperative per lo sfruttamento delle energie rinnovabili che
consentono l’autosufficienza locale e persino la vendita della produzione in eccesso. Questo semplice
esempio indica che, mentre l’ordine mondiale esistente si mostra impotente ad assumere responsabilità,
l’istanza locale può fare la differenza. E’ lì infatti che possono nascere una maggiore responsabilità, un forte
senso comunitario, una speciale capacità di cura e una creatività più generosa, un profondo amore per la
propria terra, come pure il pensare a quello che si lascia ai figli e ai nipoti. Questi valori hanno radici molto
profonde nelle popolazioni aborigene. Poiché il diritto, a volte, si dimostra insufficiente a causa della
corruzione, si richiede una decisione politica sotto la pressione della popolazione. La società, attraverso
organismi non governativi e associazioni intermedie, deve obbligare i governi a sviluppare normative,
procedure e controlli più rigorosi. Se i cittadini non controllano il potere politico – nazionale, regionale e
municipale – neppure è possibile un contrasto dei danni ambientali. D’altra parte, le legislazioni municipali
possono essere più efficaci se ci sono accordi tra popolazioni vicine per sostenere le medesime politiche
ambientali.
180. Non si può pensare a ricette uniformi, perché vi sono problemi e limiti specifici di ogni Paese e regione. È
vero anche che il realismo politico può richiedere misure e tecnologie di transizione, sempre che siano
accompagnate dal disegno e dall’accettazione di impegni graduali vincolanti. Allo stesso tempo, però, in
ambito nazionale e locale c’è sempre molto da fare, ad esempio promuovere forme di risparmio energetico.
Ciò implica favorire modalità di produzione industriale con massima efficienza energetica e minor utilizzo di
materie prime, togliendo dal mercato i prodotti poco efficaci dal punto di vista energetico o più inquinanti.
Possiamo anche menzionare una buona gestione dei trasporti o tecniche di costruzione e di ristrutturazione di
edifici che ne riducano il consumo energetico e il livello di inquinamento. D’altra parte, l’azione politica locale
può orientarsi alla modifica dei consumi, allo sviluppo di un’economia dei rifiuti e del riciclaggio, alla protezione
di determinate specie e alla programmazione di un’agricoltura diversificata con la rotazione delle colture. È
possibile favorire il miglioramento agricolo delle regioni povere mediante investimenti nelle infrastrutture rurali,
nell’organizzazione del mercato locale o nazionale, nei sistemi di irrigazione, nello sviluppo di tecniche
agricole sostenibili. Si possono facilitare forme di cooperazione o di organizzazione comunitaria che difendano
gli interessi dei piccoli produttori e preservino gli ecosistemi locali dalla depredazione. È molto quello che si
può fare!
181. È indispensabile la continuità, giacché non si possono modificare le politiche relative ai cambiamenti
climatici e alla protezione dell’ambiente ogni volta che cambia un governo. I risultati richiedono molto tempo e
comportano costi immediati con effetti che non potranno essere esibiti nel periodo di vita di un governo. Per
questo, senza la pressione della popolazione e delle istituzioni, ci saranno sempre resistenze ad intervenire,
ancor più quando ci siano urgenze da risolvere. Che un politico assuma queste responsabilità con i costi che
implicano, non risponde alla logica efficientista e “immediatista” dell’economia e della politica attuali, ma se
avrà il coraggio di farlo, potrà nuovamente riconoscere la dignità che Dio gli ha dato come persona e lascerà,
dopo il suo passaggio in questa storia, una testimonianza di generosa responsabilità. Occorre dare maggior
spazio a una sana politica, capace di riformare le istituzioni, coordinarle e dotarle di buone pratiche, che
permettano di superare pressioni e inerzie viziose. Tuttavia, bisogna aggiungere che i migliori dispositivi
finiscono per soccombere quando mancano le grandi mete, i valori, una comprensione umanistica e ricca di
significato, capaci di conferire ad ogni società un orientamento nobile e generoso.
III. DIALOGO E TRASPARENZA NEI PROCESSI DECISIONALI
182. La previsione dell’impatto ambientale delle iniziative imprenditoriali e dei progetti richiede processi politici
trasparenti e sottoposti al dialogo, mentre la corruzione che nasconde il vero impatto ambientale di un progetto
in cambio di favori spesso porta ad accordi ambigui che sfuggono al dovere di informare ed a un dibattito
approfondito.
183. Uno studio di impatto ambientale non dovrebbe essere successivo all’elaborazione di un progetto
produttivo o di qualsiasi politica, piano o programma. Va inserito fin dall’inizio e dev’essere elaborato in modo
interdisciplinare, trasparente e indipendente da ogni pressione economica o politica. Dev’essere connesso con
l’analisi delle condizioni di lavoro e dei possibili effetti sulla salute fisica e mentale delle persone, sull’economia
locale, sulla sicurezza. I risultati economici si potranno così prevedere in modo più realistico, tenendo conto
degli scenari possibili ed eventualmente anticipando la necessità di un investimento maggiore per risolvere
effetti indesiderati che possano essere corretti. È sempre necessario acquisire consenso tra i vari attori sociali,
che possono apportare diverse prospettive, soluzioni e alternative. Ma nel dibattito devono avere un posto
privilegiato gli abitanti del luogo, i quali si interrogano su ciò che vogliono per sé e per i propri figli, e possono
tenere in considerazione le finalità che trascendono l’interesse economico immediato. Bisogna abbandonare
l’idea di “interventi” sull’ambiente, per dar luogo a politiche pensate e dibattute da tutte le parti interessate. La
partecipazione richiede che tutti siano adeguatamente informati sui diversi aspetti e sui vari rischi e possibilità,
e non si riduce alla decisione iniziale su un progetto, ma implica anche azioni di controllo o monitoraggio
costante. C’è bisogno di sincerità e verità nelle discussioni scientifiche e politiche, senza limitarsi a
considerare che cosa sia permesso o meno dalla legislazione.
184. Quando compaiono eventuali rischi per l’ambiente che interessano il bene comune presente e futuro,
questa situazione richiede «che le decisioni siano basate su un confronto tra rischi e benefici ipotizzabili per
ogni possibile scelta alternativa». Questo vale soprattutto se un progetto può causare un incremento nello
sfruttamento delle risorse naturali, nelle emissioni e nelle scorie, nella produzione di rifiuti, oppure un
mutamento significativo nel paesaggio, nell’habitat di specie protette o in uno spazio pubblico. Alcuni progetti,
non supportati da un’analisi accurata, possono intaccare profondamente la qualità della vita di un luogo per
questioni molto diverse tra loro come, ad esempio, un inquinamento acustico non previsto, la riduzione
dell’ampiezza visuale, la perdita di valori culturali, gli effetti dell’uso dell’energia nucleare. La cultura
consumistica, che dà priorità al breve termine e all’interesse privato, può favorire pratiche troppo rapide o
consentire l’occultamento dell’informazione.
185. In ogni discussione riguardante un’iniziativa imprenditoriale si dovrebbe porre una serie di domande, per
poter discernere se porterà ad un vero sviluppo integrale: Per quale scopo? Per quale motivo? Dove?
Quando? In che modo? A chi è diretto? Quali sono i rischi? A quale costo? Chi paga le spese e come lo farà?
In questo esame ci sono questioni che devono avere la priorità. Per esempio, sappiamo che l’acqua è una
risorsa scarsa e indispensabile, inoltre è un diritto fondamentale che condiziona l’esercizio di altri diritti umani.
Questo è indubitabile e supera ogni analisi di impatto ambientale di una regione.
186. Nella Dichiarazione di Rio del 1992, si sostiene che «laddove vi sono minacce di danni gravi o
irreversibili, la mancanza di piene certezze scientifiche non potrà costituire un motivo per ritardare l’adozione
di misure efficaci» che impediscano il degrado dell’ambiente. Questo principio di precauzione permette la
protezione dei più deboli, che dispongono di pochi mezzi per difendersi e per procurare prove irrefutabili. Se
l’informazione oggettiva porta a prevedere un danno grave e irreversibile, anche se non ci fosse una
dimostrazione indiscutibile, qualunque progetto dovrebbe essere fermato o modificato. In questo modo si
inverte l’onere della prova, dato che in questi casi bisogna procurare una dimostrazione oggettiva e decisiva
che l’attività proposta non vada a procurare danni gravi all’ambiente o a quanti lo abitano.
187. Questo non significa opporsi a qualsiasi innovazione tecnologica che consenta di migliorare la qualità
della vita di una popolazione. Ma in ogni caso deve rimanere fermo che la redditività non può essere l’unico
criterio da tener presente e che, nel momento in cui apparissero nuovi elementi di giudizio a partire dagli
sviluppi dell’informazione, dovrebbe esserci una nuova valutazione con la partecipazione di tutte le parti
interessate. Il risultato della discussione potrà essere la decisione di non proseguire in un progetto, ma
potrebbe anche essere la sua modifica o l’elaborazione di proposte alternative.
188. Ci sono discussioni, su questioni relative all’ambiente, nelle quali è difficile raggiungere un consenso.
Ancora una volta ribadisco che la Chiesa non pretende di definire le questioni scientifiche, né di sostituirsi alla
politica, ma invito ad un dibattito onesto e trasparente, perché le necessità particolari o le ideologie non ledano
il bene comune.
IV. POLITICA ED ECONOMIA IN DIALOGO PER LA PIENEZZA UMANA
189. La politica non deve sottomettersi all’economia e questa non deve sottomettersi ai dettami e al
paradigma efficientista della tecnocrazia. Oggi, pensando al bene comune, abbiamo bisogno in modo
ineludibile che la politica e l’economia, in dialogo, si pongano decisamente al servizio della vita, specialmente
della vita umana. Il salvataggio ad ogni costo delle banche, facendo pagare il prezzo alla popolazione, senza
la ferma decisione di rivedere e riformare l’intero sistema, riafferma un dominio assoluto della finanza che non
ha futuro e che potrà solo generare nuove crisi dopo una lunga, costosa e apparente cura. La crisi finanziaria
del 2007-2008 era l’occasione per sviluppare una nuova economia più attenta ai principi etici, e per una nuova
regolamentazione dell’attività finanziaria speculativa e della ricchezza virtuale. Ma non c’è stata una reazione
che abbia portato a ripensare i criteri obsoleti che continuano a governare il mondo. La produzione non è
sempre razionale, e spesso è legata a variabili economiche che attribuiscono ai prodotti un valore che non
corrisponde al loro valore reale. Questo determina molte volte una sovrapproduzione di alcune merci, con un
impatto ambientale non necessario, che al tempo stesso danneggia molte economie regionali. La bolla
finanziaria di solito è anche una bolla produttiva. In definitiva, ciò che non si affronta con decisione è il
problema dell’economia reale, la quale rende possibile che si diversifichi e si migliori la produzione, che le
imprese funzionino adeguatamente, che le piccole e medie imprese si sviluppino e creino occupazione, e così
via.
190. In questo contesto bisogna sempre ricordare che «la protezione ambientale non può essere assicurata
solo sulla base del calcolo finanziario di costi e benefici. L’ambiente è uno di quei beni che i meccanismi del
mercato non sono in grado di difendere o di promuovere adeguatamente». Ancora una volta, conviene evitare
una concezione magica del mercato, che tende a pensare che i problemi si risolvano solo con la crescita dei
profitti delle imprese o degli individui. È realistico aspettarsi che chi è ossessionato dalla massimizzazione dei
profitti si fermi a pensare agli effetti ambientali che lascerà alle prossime generazioni? All’interno dello schema
della rendita non c’è posto per pensare ai ritmi della natura, ai suoi tempi di degradazione e di rigenerazione, e
alla complessità degli ecosistemi che possono essere gravemente alterati dall’intervento umano. Inoltre,
quando si parla di biodiversità, al massimo la si pensa come una riserva di risorse economiche che potrebbe
essere sfruttata, ma non si considerano seriamente il valore reale delle cose, il loro significato per le persone e
le culture, gli interessi e le necessità dei poveri.
191. Quando si pongono tali questioni, alcuni reagiscono accusando gli altri di pretendere di fermare
irrazionalmente il progresso e lo sviluppo umano. Ma dobbiamo convincerci che rallentare un determinato
ritmo di produzione e di consumo può dare luogo a un’altra modalità di progresso e di sviluppo. Gli sforzi per
un uso sostenibile delle risorse naturali non sono una spesa inutile, bensì un investimento che potrà offrire altri
benefici economici a medio termine. Se non abbiamo ristrettezze di vedute, possiamo scoprire che la
diversificazione di una produzione più innovativa e con minore impatto ambientale, può essere molto
redditizia. Si tratta di aprire la strada a opportunità differenti, che non implicano di fermare la creatività umana
e il suo sogno di progresso, ma piuttosto di incanalare tale energia in modo nuovo.
192. Per esempio, un percorso di sviluppo produttivo più creativo e meglio orientato potrebbe correggere la
disparità tra l’eccessivo investimento tecnologico per il consumo e quello scarso per risolvere i problemi
urgenti dell’umanità; potrebbe generare forme intelligenti e redditizie di riutilizzo, di recupero funzionale e di
riciclo; potrebbe migliorare l’efficienza energetica delle città; e così via. La diversificazione produttiva offre
larghissime possibilità all’intelligenza umana per creare e innovare, mentre protegge l’ambiente e crea più
opportunità di lavoro. Questa sarebbe una creatività capace di far fiorire nuovamente la nobiltà dell’essere
umano, perché è più dignitoso usare l’intelligenza, con audacia e responsabilità, per trovare forme di sviluppo
sostenibile ed equo, nel quadro di una concezione più ampia della qualità della vita. Viceversa, è meno
dignitoso e creativo e più superficiale insistere nel creare forme di saccheggio della natura solo per offrire
nuove possibilità di consumo e di rendita immediata.
193. In ogni modo, se in alcuni casi lo sviluppo sostenibile comporterà nuove modalità per crescere, in altri
casi, di fronte alla crescita avida e irresponsabile che si è prodotta per molti decenni, occorre pensare pure a
rallentare un po’ il passo, a porre alcuni limiti ragionevoli e anche a ritornare indietro prima che sia tardi.
Sappiamo che è insostenibile il comportamento di coloro che consumano e distruggono sempre più, mentre
altri ancora non riescono a vivere in conformità alla propria dignità umana. Per questo è arrivata l’ora di
accettare una certa decrescita in alcune parti del mondo procurando risorse perché si possa crescere in modo
sano in altre parti. Diceva Benedetto XVI che «è necessario che le società tecnologicamente avanzate siano
disposte a favorire comportamenti caratterizzati dalla sobrietà, diminuendo il proprio consumo di energia e
migliorando le condizioni del suo uso».
194. Affinché sorgano nuovi modelli di progresso abbiamo bisogno di «cambiare il modello di sviluppo
globale», la qual cosa implica riflettere responsabilmente «sul senso dell’economia e sulla sua finalità, per
correggere le sue disfunzioni e distorsioni». Non basta conciliare, in una via di mezzo, la cura per la natura
con la rendita finanziaria, o la conservazione dell’ambiente con il progresso. Su questo tema le vie di mezzo
sono solo un piccolo ritardo nel disastro. Semplicemente si tratta di ridefinire il progresso. Uno sviluppo
tecnologico ed economico che non lascia un mondo migliore e una qualità di vita integralmente superiore, non
può considerarsi progresso. D’altra parte, molte volte la qualità reale della vita delle persone diminuisce – per
il deteriorarsi dell’ambiente, la bassa qualità dei prodotti alimentari o l’esaurimento di alcune risorse – nel
contesto di una crescita dell’economia. In questo quadro, il discorso della crescita sostenibile diventa spesso
un diversivo e un mezzo di giustificazione che assorbe valori del discorso ecologista all’interno della logica
della finanza e della tecnocrazia, e la responsabilità sociale e ambientale delle imprese si riduce per lo più a
una serie di azioni di marketing e di immagine.
195. Il principio della massimizzazione del profitto, che tende ad isolarsi da qualsiasi altra considerazione, è
una distorsione concettuale dell’economia: se aumenta la produzione, interessa poco che si produca a spese
delle risorse future o della salute dell’ambiente; se il taglio di una foresta aumenta la produzione, nessuno
misura in questo calcolo la perdita che implica desertificare un territorio, distruggere la biodiversità o
aumentare l’inquinamento. Vale a dire che le imprese ottengono profitti calcolando e pagando una parte infima
dei costi. Si potrebbe considerare etico solo un comportamento in cui «i costi economici e sociali derivanti
dall’uso delle risorse ambientali comuni siano riconosciuti in maniera trasparente e siano pienamente
supportati da coloro che ne usufruiscono e non da altre popolazioni o dalle generazioni future». La razionalità
strumentale, che apporta solo un’analisi statica della realtà in funzione delle necessità del momento, è
presente sia quando ad assegnare le risorse è il mercato, sia quando lo fa uno Stato pianificatore.
196. Qual è il posto della politica? Ricordiamo il principio di sussidiarietà, che conferisce libertà per lo sviluppo
delle capacità presenti a tutti i livelli, ma al tempo stesso esige più responsabilità verso il bene comune da
parte di chi detiene più potere. È vero che oggi alcuni settori economici esercitano più potere degli Stati stessi.
Ma non si può giustificare un’economia senza politica, che sarebbe incapace di propiziare un’altra logica in
grado di governare i vari aspetti della crisi attuale. La logica che non lascia spazio a una sincera
preoccupazione per l’ambiente è la stessa in cui non trova spazio la preoccupazione per integrare i più fragili,
perché «nel vigente modello “di successo” e “privatistico”, non sembra abbia senso investire affinché quelli
che rimangono indietro, i deboli o i meno dotati possano farsi strada nella vita».
197. Abbiamo bisogno di una politica che pensi con una visione ampia, e che porti avanti un nuovo approccio
integrale, includendo in un dialogo interdisciplinare i diversi aspetti della crisi. Molte volte la stessa politica è
responsabile del proprio discredito, a causa della corruzione e della mancanza di buone politiche pubbliche.
Se lo Stato non adempie il proprio ruolo in una regione, alcuni gruppi economici possono apparire come
benefattori e detenere il potere reale, sentendosi autorizzati a non osservare certe norme, fino a dar luogo a
diverse forme di criminalità organizzata, tratta delle persone, narcotraffico e violenza molto difficili da
sradicare. Se la politica non è capace di rompere una logica perversa, e inoltre resta inglobata in discorsi
inconsistenti, continueremo a non affrontare i grandi problemi dell’umanità. Una strategia di cambiamento
reale esige di ripensare la totalità dei processi, poiché non basta inserire considerazioni ecologiche superficiali
mentre non si mette in discussione la logica soggiacente alla cultura attuale. Una politica sana dovrebbe
essere capace di assumere questa sfida.
198. La politica e l’economia tendono a incolparsi reciprocamente per quanto riguarda la povertà e il degrado
ambientale. Ma quello che ci si attende è che riconoscano i propri errori e trovino forme di interazione
orientate al bene comune. Mentre gli uni si affannano solo per l’utile economico e gli altri sono ossessionati
solo dal conservare o accrescere il potere, quello che ci resta sono guerre o accordi ambigui dove ciò che
meno interessa alle due parti è preservare l’ambiente e avere cura dei più deboli. Anche qui vale il principio
che «l’unità è superiore al conflitto».
V. LE RELIGIONI NEL DIALOGO CON LE SCIENZE
199. Non si può sostenere che le scienze empiriche spieghino completamente la vita, l’intima essenza di tutte
le creature e l’insieme della realtà. Questo vorrebbe dire superare indebitamente i loro limitati confini
metodologici. Se si riflette con questo quadro ristretto, spariscono la sensibilità estetica, la poesia, e persino la
capacità della ragione di cogliere il senso e la finalità delle cose. Desidero ricordare che «i testi religiosi
classici possono offrire un significato destinato a tutte le epoche, posseggono una forza motivante che apre
sempre nuovi orizzonti […]. È ragionevole e intelligente relegarli nell’oscurità solo perché sono nati nel
contesto di una credenza religiosa?». In realtà, è semplicistico pensare che i principi etici possano presentarsi
in modo puramente astratto, slegati da ogni contesto, e il fatto che appaiano con un linguaggio religioso non
toglie loro alcun valore nel dibattito pubblico. I principi etici che la ragione è capace di percepire possono
riapparire sempre sotto diverse vesti e venire espressi con linguaggi differenti, anche religiosi.
200. D’altra parte, qualunque soluzione tecnica che le scienze pretendano di apportare sarà impotente a
risolvere i gravi problemi del mondo se l’umanità perde la sua rotta, se si dimenticano le grandi motivazioni
che rendono possibile il vivere insieme, il sacrificio, la bontà. In ogni caso, occorrerà fare appello ai credenti
affinché siano coerenti con la propria fede e non la contraddicano con le loro azioni, bisognerà insistere
perché si aprano nuovamente alla grazia di Dio e attingano in profondità dalle proprie convinzioni sull’amore,
sulla giustizia e sulla pace. Se una cattiva comprensione dei nostri principi ci ha portato a volte a giustificare
l’abuso della natura o il dominio dispotico dell’essere umano sul creato, o le guerre, l’ingiustizia e la violenza,
come credenti possiamo riconoscere che in tal modo siamo stati infedeli al tesoro di sapienza che avremmo
dovuto custodire. Molte volte i limiti culturali di diverse epoche hanno condizionato tale consapevolezza del
proprio patrimonio etico e spirituale, ma è precisamente il ritorno alle loro rispettive fonti che permette alle
religioni di rispondere meglio alle necessità attuali.
201. La maggior parte degli abitanti del pianeta si dichiarano credenti, e questo dovrebbe spingere le religioni
ad entrare in un dialogo tra loro orientato alla cura della natura, alla difesa dei poveri, alla costruzione di una
rete di rispetto e di fraternità. È indispensabile anche un dialogo tra le stesse scienze, dato che ognuna è
solita chiudersi nei limiti del proprio linguaggio, e la specializzazione tende a diventare isolamento e
assolutizzazione del proprio sapere. Questo impedisce di affrontare in modo adeguato i problemi
dell’ambiente. Ugualmente si rende necessario un dialogo aperto e rispettoso tra i diversi movimenti ecologisti,
fra i quali non mancano le lotte ideologiche. La gravità della crisi ecologica esige da noi tutti di pensare al bene
comune e di andare avanti sulla via del dialogo che richiede pazienza, ascesi e generosità, ricordando sempre
che «la realtà è superiore all’idea».
Fly UP