...

Riaprirà l`istituto Barellai: nel 2016 torneranno le cure a Grado

by user

on
Category: Documents
3

views

Report

Comments

Transcript

Riaprirà l`istituto Barellai: nel 2016 torneranno le cure a Grado
Incontro
Anno XXVIII - Luglio 2015 - n. 2/2015
PERIODICO TRIMESTRALE DELL’A.N.M.I.C. - ASSOCIAZIONE NAZIONALE MUTILATI INVALIDI CIVILI DI UDINE
Aut. Trib. di Udine n. 14 (89 del 1989 - Poste Italiane spa - Sped. in abb. post. - D.L: 353/200 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 2, DCB Udine - Stampa: Menini - Spilimbergo (Pn)
In caso di mancato recapito rinviare all’Ufficio di Udine Ferrovia per la restituzione al mittente che si impegna a pagare la tariffa in vigore
Riaprirà l’istituto Barellai:
nel 2016 torneranno le cure a Grado
ACCOGLIENZA sinonimo di CIVILTÀ
In questi ultimi mesi stiamo assistendo inermi al continuo arrivo
di profughi non solo dalle coste africane, ma anche dai confini
di Austria e Slovenia. Una marea di gente alla quale non riusciamo, o non vogliamo, dare accoglienza in modo dignitoso. È stata
celebrata la giornata del Migrante e, con la lettura del comma
3 dell’articolo 10 della Costituzione italiana, è stato ricordato
che “Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo
esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione
italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica secondo
le condizioni stabilite dalla legge”.
Non tutti provengono da regimi autoritari dove la libertà democratica di pensiero e parola è impedita, ma la maggioranza fugge
da situazioni dove dignità e la sopravvivenza sono a rischio. Non
si sa quanti possano essere effettivamente considerati rifugiati
politici. Il loro obiettivo principale è trovare una nuova residenza
e un lavoro, ma, in assenza di regolari permessi di soggiorno,
diventano “clandestini” da rimpatriare. Le espulsioni sono difficili, costose, limitate in termini di numero rispetto agli arrivi
e spesso gli espulsi ritornano. Non dobbiamo dimenticare che
l’afflusso dei migranti si è intensificato in seguito a malaugurati
eventi politico-militari da parte di paesi che aspiravano solo allo
sfruttamento di territori ricchi di risorse: sotto la falsa bandiera
della pace e della stabilizzazione democratica ora cercano un
dialogo con i paesi del Medio-Oriente e dell’Africa del Nord in
guerra fra loro per lotte civili e religiose. Riportare la democrazia
in quei paesi, creando un ordine politico nel quale riprendano a
funzionare le attività economiche e sociali a favore di milioni di
persone, richiede tempi lunghi, provvedimenti mirati e unità di
intenti tra l’Europa e le Nazioni Unite. Le tradizioni e l’impegno
democratico dell’Unione Europea e dei singoli Stati non possono
essere disattesi per i sostenitori del respingimento a tutti i costi
e l’accoglienza nei confronti dei migranti costituisce un test del
livello di civiltà di ciascun paese del continente europeo.
Anche noi, nel nostro piccolo, proviamo a dimostrare concretamente lo spirito di accoglienza, perché non possiamo a priori
sapere che cosa ci riserva il futuro quando potremmo essere noi
i migranti in difficoltà.
Oggi siamo tutti presi dai i nostri problemi interni, come la mancanza di lavoro, la povertà crescente, la mancanza di prospettive
per i giovani, le ruberie politiche e la questione morale, ma ricordiamoci che tutti insieme possiamo e dobbiamo costruire un
mondo in cui uomini uguali possano esistere tutti in decorose
condizioni di vita.
Il Presidente dr. Roberto Trovò
L’Istituto Ospizio Marino Barellai
di Grado sarà riaperto nell’estate
2016. Il progetto di ristrutturazione è stato ultimato ad aprile 2015
e a maggio è stata avviata la procedura di gara per l’assegnazione
dei lavori che inizieranno entro
l’estate in corso per consentire
l’apertura dell’istituto nel 2016.
Ci auguriamo che tutto proceda
regolarmente.
Ma facciamo un passo indietro:
l’ospizio marino Barellai di Grado
erogava un importante servizio di
Rsa e cure di idro-fisiochinesiterapia, all’avanguardia per gli infortuni e le invalidità, riconosciuto a
livello nazionale per competenza e
strutture sanitarie. Nel 2009 veniva commissariato dalla Regione
FVG a seguito di una scorretta
gestione da parte del consiglio di
amministrazione.
Nel luglio 2010, il giorno prima
della sottoscrizione della convenzione per la gestione da parte
della casa di cura “Città di Udine”, l’Ospizio veniva chiuso e posto sotto sequestro dalla Procura
della Repubblica di Gorizia per il
malfunzionamento dell’impianto
di climatizzazione. Tale provvedimento, ritenuto per alcuni motivi
ingiustificato, lasciava senza lavoro settanta operatori e privava
delle cure migliaia di persone disabili.
Il Tribunale sostituiva il commissario con tre responsabili ad
acta. Seguirono manifestazioni di
tiva 2015
Chiusura evisnciale ANMIC
ro
La Sezione p rà chiusa per ferie
ar
m
ri
e
di Udin
osto
dal 3 al 21 ag
protesta presso il Tribunale e la
Regione, con la partecipazione di
disabili provenienti anche da fuori
regione, affinché la struttura fosse
riaperta.
Nel 2011 veniva costituito il Comitato per la salvaguardia dell’Istituto Barellai di Grado, del quale
ero componente come ANMIC, assieme ad altri rappresentanti dei
disabili.
Dopo vari incontri istituzionali
senza alcun risultato, veniva organizzata una raccolta di 8.000 firme
per una petizione che chiedeva il
vincolo di destinazione d’uso sanitario della struttura marina. Questa veniva accettata dal Comune
di Grado. Contemporaneamente
veniva sensibilizzato il presidente
delle Confcooperative del FVG che
formava una cordata di cooperative regionali per elaborare un piano di salvataggio dell’istituto con
la riassunzione del personale.
Nel marzo 2012 nasceva la cooperativa ”Grado Riabilita” e dopo
vicissitudini di ordine burocratico e con il cambio del presidente
del Tribunale di Gorizia, nel 2014
usciva il bando europeo per l’offerta d’acquisto dell’Ospizio Marino.
segue a pag. 2
Incontro
S.O.S. aiuto psicologico,
un servizio a misura dei disabili
2
Attivo ormai da cinque anni, lo sportello S.O.S.
progetto Ponte per aiutare le persone disoccupate a sviluppare delle strategie utili alla
Aiuto psicologico è un servizio di orientamento nell’ambito della salute psicologica, istituito
ricerca di un posto di lavoro.
dall’ ANMIC di Udine presso la propria sede
Da uno di questi corsi poi, su richiesta degli
con operatività settimanale, grazie al concorstessi partecipanti è nato “Team Dream” un
so dello psicologo libero professionista, dottor
gruppo di incontro tra persone desiderose di
Franco D’Odorico.
stare bene insieme e fare cose dotate di senso. Grazie alla sensibilità dell’AmministrazioIl servizio offre un supporto a molte persone
ne Comunale di Udine è stato possibile usuche presentano disparati problemi connessi
fruire di una stanza presso la 4a Circoscrizioalle criticità della vita di relazione e lavorativa.
ne dove tutt’ora si svolgono gli incontri. Qui
L’attività, il cui valore è stato riconosciuto anche dall’Assessorato ai servizi sociali che ne
ogni quindici giorni, di martedì si programmano sedute di ascolto, serate di riflessione
ha promosso tangibilmente lo svolgimento, si
su temi vari ed attuali, appuntamenti con le
rivolge principalmente ai residenti, ma è aperta
tecnologie e le arti. In alcune circostanze si
anche a chiunque ne abbia bisogno, disabile e
non, senza distinzione. Ciò a dimostrare ulte- Lo psicologo Franco D’Odorico con sono effettuate delle gite culturali o ricreatiriormente come un miglioramento della qualità il presidente Roberto Trovò.
ve. Lo sportello ha ospitato per un tirocinio
di vita dei disabili discenda a cascata anche
anche due counsellor, uno dei quali – il perito
ad altre categorie, beneficiandone complessiAlessandro Gattesco – una volta diplomatosi,
vamente il tessuto sociale.
è diventato operatore fisso, in affiancamento allo psicologo per
Mediamente allo sportello accedono un centinaio di persone
tutte le iniziative.
all’anno con una maggior percentuale di uomini rispetto alle
Per accedere alle consulenze gratuite dello sportello (che - ricordiamo - si tengono di lunedì pomeriggio dalle ore 14.30 alle
donne e tutti presentano una casistica molto articolata che
ore 16.30) o per aderire al gruppo di incontro, è sufficiente telecomprende problematiche e disturbi attinenti:
fonare alla segreteria ANMIC o al cell. 335 6861035.
• difficoltà connesse alla perdita o alla mancanza di un posto di
lavoro
• orientamento al lavoro
• situazioni di mobbing
• condizioni d’ansia generalizzata e specifica
• difficoltà relazionali in genere
L’ANMIC è l’unica Associazione riconosciuta a tutela dei
• disturbi psichiatrici
diritti fondamentali degli invalidi che offre i seguenti servizi:
• casi di violenza famigliare e sulle donne
• isolamento sociale e mancanza di competenze adeguate.
• Pensioni di Invalidità Civile
Il servizio di consulenza psicologica prevede delle sedute limi• Indennità di Accompagnamento
tate nel tempo, atte a risolvere le difficoltà o indirizzare verso
• Indennità mensile di Frequenza
altre strutture (CIM, Consultori, privati, Enti vari) le persone che
• Tessera agevolata per la circolazione sugli autobus e
si trovano in balia degli eventi.
autocorriere di tutta la regione
Nel corso di questi anni sono state annesse anche altre attività
• Esenzione Ticket, protesi e/o ausili
che si interfacciano con il servizio iniziale. Un esempio: par• Assistenza Medico-Legale
tecipando ai bandi regionali dell’Assessorato al Volontariato,
• Assistenza Fiscale
si sono organizzati alcuni corsi per promuovere l’Autostima
•Consulenza per collocamento al lavoro L.N. 68/99,
e i Comportamenti aggregativi e solidali; da ultimo, è nato il
L.R. 12/01
• Consulenza Psicologica
• Consulenza diritti L.N. 104/92
• Agevolazioni I.V.A. per acquisto
autoveicoli adattati
Riaprirà l’istituto Barellai
(segue da pag. 1)
• Contrassegno per parcheggio auto dei disabili
• Buoni Taxi
Nel mese di giugno, la Coop Grado Riabilita risultava vincitri• Contributo regionale agli anziani disabili
ce e a dicembre riceveva le chiavi.
• Trasporto con autoveicoli attrezzati
A gennaio 2015 viene dato l’avvio alla procedura di gara per
• Informazioni per amministratore di sostegno
PERCHÈ ASSOCIARSI ALL’ANMIC?
l’elaborazione del progetto di manutenzione straordinaria della struttura secondo il recente Piano Sanitario Regionale.
Molte sono le novità strutturali attese: camere a due e a tre
letti con bagno per oltre 60 posti e una struttura di Rsa con
ulteriori 20 posti letto; piscine con acqua di mare, palestre ristrutturate, sala mensa ed altro ancora.
Ora si prevede che, a lavori eseguiti e con la riassunzione del
personale altamente specializzato che già vi operava, fin dalla
prossima estate 2016, l’Istituto Barellai sia nuovamente funzionante.
Il Presidente dr. Roberto Trovò
Per coloro che non abbiano ancora provveduto a versare
la quota associativa per il 2015, alleghiamo apposito bollettino di c/c postale.
La quota associativa è di € 36,15.
E’ possibile effettuare il rinnovo anche presso:
Unicredit - IBAN: IT 96 k 02008 12313 000101561858
Banco popolare – IBAN:
IT 37 E 05034 12301 000000000553
c/c postale n. 000011375334
Incontro
3
Il Governo rivede la Legge 68
(COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO)
Assunzioni con discriminazioni?
Roma riforma, L’ANMIC critica
In questi ultimi tempi il termine “Jobs act” viene usato spesso e da
diverse persone perlopiù impegnate in politica o in economia. Sollecitato dal fatto che, con tale inglesismo, si parla di lavoro, assunzioni
ed eventuali modifiche ai contratti, mi sono impegnato a esaminare
questo documento di cui mi ha particolarmente colpito l’articolo 6,
dedicato alle semplificazioni previste per le imprese che assumono.
Che cosa dice l’articolo 6 ? Cito testuale: “I Datori di lavoro privati e
gli Enti pubblici assumono i lavoratori mediante richiesta nominativa” pur avendo come opzione quella di rispettare le graduatorie delle
liste speciali dei Centri per l’impiego.
Soffermandomi sul concetto sottinteso dalle due parole “richiesta
nominativa”, mi sono detto: “Qui viene data la possibilità alle Aziende di discriminare; succederà che potendo scegliere tra due Disabili,
di cui uno al 30% e l’altro al 50% di disabilità, l’azienda opterà per
quello meno grave. E ancora: tra un Disabile psichico ed uno fisico il
datore di lavoro sceglierà quello fisico”.
Si va così ulteriormente a modificare la Legge 68 del 1999, ovvero
la Legge che regola l’inserimento lavorativo delle persone disabili.
Ricordo che detta Legge obbliga le aziende, tranne quelle al di sotto
dei 15 dipendenti, a riservare delle quote ai Lavoratori disabili: uno o
due posti fino a 50 Dipendenti; il 7% della forza lavoro sopra i 50 Dipendenti. Da più parti però, e sempre più spesso, viene denunciato
che tale disposizione viene largamente disattesa e che sono veramente pochi i datori di lavoro che rispettano la L. 68. Inoltre risulterebbe che le Aziende preferiscano pagare le sanzioni piuttosto che
assumere le persone disabili. Sempre che queste sanzioni vengano
poi pagate... Con l’art. 6 del Jobs act, dunque, si arriverà a che le
Aziende possano scegliere tra “i più disabili ed i meno disabili”. Cosa
gravissima e - credo - potrà arrivare a discriminazioni odiose. Tutto
questo stride veramente con la bellissima decisione presa recentemente dal Presidente Mattarella. di spalancare le porte del Quirinale
e di dare la possibilità alle persone disabili di trascorrere le proprie
vacanze nella tenuta presidenziale di Castel Porziano.
Dal comunicato Anmic di Roma: Il giudizio complessivo sulla
bozza del decreto legislativo del Governo Renzi in merito alla
riforma del collocamento obbligatorio, resta positivo, ma occorrono correttivi, anzitutto sulla chiamata nominativa dei disabili.
Resta l’allarme “scoperture”.
Il decreto prevede elementi positivi come, ad esempio, gli accordi
territoriali, ma ci sono i nodi critici....
Non convincono due aspetti: la previsione della chiamata nominativa per l’assunzione dei disabili e il calcolo – ai fini del rispetto della
quota d’obbligo – anche dei lavoratori divenuti disabili successivamente all’assunzione e con percentuale superiore al 60 per cento.
...e i nodi irrisolti: “Il provvedimento del Governo – sottolinea l’ANMIC – non ha ancora affrontato il grave problema delle scoperture
dei posti a favore dei disabili. Inoltre non ha previsto adeguate sanzioni per perseguire i datori di lavoro che violano il collocamento
obbligatorio, aggirando di fatto la legge e discriminando i lavoratori disabili”.
Il testo di legge dovrà essere esaminato dalle Commissioni Parlamentari per il parere per poi essere approvato definitivamente in
una successiva riunione del Consiglio dei Ministri. L’ANMIC si è
già attivata per portare in s ede parlamentare le sue richieste di
modifica ed ha avviato una srie di incontri con i parlamentari per
esprimere le proprie posizioni.
Silvano Tavano
IL VOLONTARIATO
esperienza di solidarietà e sussidiarietà.
Ecco come impiegare il tempo libero
L’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili basa le sue
molteplici attività principalmente sull’azione del Volontariato,
vale a dire di quelle persone che mettono a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri.
Il Volontariato opera per la crescita della comunità locale, per il
sostegno dei suoi membri più deboli o in stato di disagio e per
il superamento delle situazioni di degrado. Nella sua funzione
culturale e politica, il Volontariato sollecita la conoscenza e il
rispetto dei diritti, rileva i bisogni e i fattori di emarginazione e
degrado, propone idee e progetti, individua e sperimenta soluzioni e servizi, concorre a programmare e a valutare le politiche
sociali in pari dignità con le istituzioni pubbliche.
DIVENTA AUTISTA DELL’ANMIC
In questo contesto la sezione Anmic di Udine offre una testimonianza diretta messa in atto dai volontari locali per il trasporto,
con idonei mezzi, di persone disabili, seguite dai Servizi Sociali,
negli ospedali per visite specialistiche, cure riabilitative, dialisi,
terapie oncologiche. Questo ed altri servizi, che l’Anmic offre
alle persone bisognose, sono possibili, dunque, grazie alla disponibilità del Volontario che, tra Enti, Associazioni e la generosità
di tante persone, diventa pedina fondamentale per il funzionamento della macchina della solidarietà.
AMARE CONSTATAZIONI...
NON SOLO PER L’ISEE
E’ amaro dover constatare giornalmente che l’esistenza delle persone, che vivono con una qualche disabilità, riservi loro sempre
qualche difficoltà. I momenti attuali, difficili per tutti a causa della
crisi che stiamo vivendo - sembrerà un caso - sono particolarmente ardui per le persone invalide.
Lungo è l’elenco dei casi che si potrebbero citare. Che dire, infatti, della riforma dell’ISEE, andata in vigore con l’inizio dell’anno?
Ricordo che l’ISEE è il documento di valutazione della situazione
economica, necessario ormai per tutti coloro che abbiano bisogno
o chiedano prestazioni quali i Servizi socio sanitari e assistenziali
e altre agevolazioni e contributi. Per il suo calcolo, divenuto cosa
improba, negli ultimi tempi sono andati in “tilt” i Centri di assistenza fiscale (CAF). Va anche aggiunto che, al fine forse di limitare il
numero degli aventi diritto alle sopraddette prestazioni agevolate,
si è pensato di inserire tra i redditi l’assegno di accompagnamento,
cosa inimmaginabile fino a qualche tempo fa. Ma penso poi alle
barriere architettoniche: nella nostra bella Udine non si erano mai
viste strade con buche rattoppate alla “bell’e meglio” e marciapiedi con piastrelle mobili o mancanti, (una fra le tante è via Tiberio
Deciani, spesso frequentata dai nostri associati) dove le persone
costrette a muoversi in carrozzina debbono fare dei veri slalom per
evitare di restare “a piedi”.
La tanto vituperata spending review - riduzione e controllo delle
spese -, che le Amministrazioni Comunali sono costrette a rispettare, si è fatta sentire anche qui. Alla fine, ma l’elenco potrebbe continuare, c’è la disposizione data dalla Azienda Sanitaria di tagliare la
spesa con la conseguenza, che i Medici di Famiglia o gli Specialisti
hanno ridotto le prescrizioni dei presidi quali scarpe ortopediche,
busti, carrozzine o sollevatori. Ormai molti sono costretti a pagarseli di tasca propria e questo diventa insostenibile per chi, con la
pensione, ha difficoltà ad arrivare a fine mese.
Silvano Tavano
Incontro
4
Il diritto a un turismo accessibile a tutti
Liberi di Viaggiare è il motto di un
gruppo di operatori professionali
che lavorano nel campo del turismo
per tutti, soprattutto per i disabili.
Per questo la nostra sezione Anmic
di Udine li ha contattati per conoscere meglio la loro attività e - attraverso opportuna convenzione
- metterla a disposizione dei nostri
associati
Il gruppo di professionisti ha formazione, competenze ed esperienze maturate nei settori turistico
e sociale con particolare conoscenza del mondo delle disabilità
che permette di formulare proposte turistiche che, appunto, rendano tutti “liberi di viaggiare”.
Il punto di partenza è stato Ovaro, località della Val Degano,
550 mt. slm, in Carnia. È qui che è nato il concetto di “ValAbile”,
rilevando e codificando una rete sinergica di servizi e strutture
accessibili a tutti i visitatori, indipendentemente dalle loro esigenze. Coinvolti nella condivisione dei valori e delle motivazioni,
il loro cammino è nato dal desiderio
di ampliare la loro offerta, rendendola più accessibile.
Valorizzando le molteplici attrattive
turistiche offerte dal Friuli Venezia
Giulia e dal vicino Veneto, passo
dopo passo, hanno intrapreso un
percorso rivolto a tutti coloro che
faranno propria la filosofia del viaggiare liberamente.
Il Friuli Venezia Giulia è una destinazione originale e completa, al centro del rinnovato contesto
europeo. Lo scrittore dell’800, Ippolito Nievo, autore del celebre
romanzo “Confessioni di un italiano”, che in Friuli visse a lungo,
lo definì “piccolo compendio dell’universo”, un appellativo che
ne sintetizza tutte le caratteristiche.
Con questi operatori è possibile collaborare perché il loro viaggiatore è la persona con disabilità di carattere motorio, sensoriale, cognitivo o alimentare, anche nel contesto di famiglie con
bambini e di gruppi organizzati di persone anziane.
CONCERTO D’AUTUNNO
I nostri ASSOCIATI ci scrivono
La FVG Mitteleuropa
Orchestra allo Zanon
Con vivo piacere rendiamo noto a tutti i nostri iscritti che nel prossimo autunno, organizzato dal Consiglio direttivo dell’ANMIC di Udine, si terrà un evento molto atteso: la FVG MITTELEUROPA OCHESTRA di Udine offrirà a tutta la cittadinanza un concerto di musica
classica.
L’importante appuntamento musicale si terrà presso l’auditorium
“Zanon”, gentilmente concesso dalla Amministrazione provinciale:
sarà questo un momento di bella musica e di grande cultura a cui
tutti gli associati parteciperanno numerosi, coinvolgendo nel contempo amici e appassionati. Per l’occasione l’Auditorium “Zanon”
sarà certamente esaurito in ogni ordine di posti: gli associati sanno
che con tale iniziativa i componenti del Consiglio Direttivo dell’ANMIC di Udine si propongono anche di raccogliere fondi tanto necessari per la gestione delle future attività associative.
Silvano Tavano
Piscine comunali in città
12152_3_ANMIC_Layout 1 01/04/14 11.36 Pagina 8
Piscina
olimpionica del1Palamostre
(tel.Pagina
0432 826967) Piscina di
12152_3_ANMIC_Layout
01/04/14 11.36
via Pradamano (tel. 0432 520690).
La tariffa d’ingresso ordinaria per adulti è di € 6,00.
L’abbonamento ordinario (11 ingressi) è di € 60,00.
La tariffa
ridotta, valida anche per disabili, è di € 3,20.
Incontro
Incontro ridotto è di € 32,00.
L’abbonamento
(tariffa ridotta anche per accompagnatore certificato di disabile)
Info: www.comune.udine.it
ANMIC
ANMIC
GLI ASSOCIATI POSSONO RIVOLGERE QUESITI
E CHIEDERE INFORMAZIONI SU QUANTO PROPOSTO
organizzando
E OFFERTO DALLAStiamo
NOSTRA
ASSOCIAZIONE
unun
viaggio
perper
parte
Stiamo
organizzando
viaggio
parte
cipare
all’udienza
generale
di
Papa
France
RIVOLGENDOSI ALLA
SEDE
cipare all’udienza generale di Papa France
scosco
prevista
perper
il giorno
28 28
maggio
prossimo.
- Via e-mail: [email protected]
prevista
il giorno
maggio
prossimo.
Il
gruppo,
con
pullman
attrezzato
con
pedana
perper
la salita
gruppo,
con pullman attrezzato con pedana
la salita
- Via fax Il0432
511175
di
carrozzine,
partirà
il
26
mattina
di
carrozzine,
e siefermerà
a visitare
il 26della
mattina
si fermerà
a visitare
- Direttamente pressopartirà
gli uffici
sede
Roma
il 27
poi
rientrare
a Udine
subito
dopo
l’udienza.
Roma
il 27
perper
poi
rientrare
a Udine
subito
dopo
l’udienza.
di Udine
tel.
0432
510220
ore 9/11
Per
info
e
iscrizioni
telefonare
segreteria
Per info e iscrizioni telefonare in insegreteria
al al
n.
0432
510220
o
a
Mariangela
al
n.
347
9052016
n. 0432 510220 o a Mariangela al n. 347 9052016
Poche parole per ringraziarVi di esserci
Sono la figlia dell’associata Roberta Birarda,
come Voi ben sapete, quando si è invalidi o si ha un parente
invalido, per quanto avvezzi a destreggiarsi fra le carte, si finisce quasi inevitabilmente per perdersi nella burocrazia. E ciò
naturalmente si aggiunge alla pena dell’invalidità, personale o
famigliare.
Benedetto il giorno che una conoscente mi ha indicato la Vostra associazione, consigliandomi di contattarVi!
Mi sono così rivolta a Voi sia per la nonna che per la mamma,
e in questi anni ho avuto modo di apprezzare il Vostro aiuto.
Ora che anche la mamma ci ha lasciati, quasi mi dispiace di
non dover passare più da Voi, perché all’ANMIC sapevo di trovare altre persone con i miei problemi, e per un po’ potevo
condividere il mio peso con qualcuno che lo avrebbe reso un
po’ più lieve.
Mi si scaldava il cuore quando mi salutavate ormai con confidenza, e mi chiedevate notizie della mamma: in realtà non
l’avevate mai conosciuta, ma sapevo che potevate capire la
pena della nostra vita.
Per questo desidero ringraziare tutti Voi collaboratori dell’ANMIC, e in particolare (in ordine di conoscenza) le signore Loredana, Emma e Marinella, Grazia e Anna, perchè insieme mi
avete aiutato a superare piccoli e grandi ostacoli.
Ciò che viene dato, un giorno ritorna.
Margherita Cosani 8
Incontro
Incontro
8
Trimestrale
d’Informazione dell’Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi Civili
Trimestrale d’Informazione dell’Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi Civili
Presidente:
Roberto
Trovò
Presidente:
Roberto
Trovò
Presidente:
Roberto
Trovò
Direttore
Responsabile:
Nicola
Tosolini
Direttore
Responsabile:
Nicola
Tosolini
Direttore
Responsabile:
Nicola
Tosolini
Collaboratori:
Ivo
Del
Fabbro
Loredana
Pastorello
Collaboratori:
Loredana
Pastorello
- Emma
Tonussi
- Mariangela
Secco
Collaboratori:
Loredana
Pastorello
- Emma
Tonussi
- Mariangela
Secco
M. Silvano
Grazia
Forgiarini
Elio
Pascottini
Anna
Picco
Tavano
Elio
Pascottini
Lisa
Cuberli
Silvano Tavano - Elio Pascottini - Lisa Cuberli
Mariangela Secco - Anna
Silvano
Tavano
-M.
Emma
Tonussi
- Franco D’Odorico
Picco
- M. -Grazia
Forgiarini
Anna
Picco
Grazia
Forgiarini
Direzione,
Redazione,
Amministrazione:
Direzione,
Redazione,
Amministrazione:
Tel.-0432
510220
- Fax- 0432
511175
33100
Udine
- Via- Divisione
Julia,Julia,
16 -16
Tel. 0432
510220
Fax 0432
511175
33100
Udine
Via Divisione
e-mail:
[email protected]
e-mail:
[email protected]
c.c.p.
n. 11375334
intestato
Anmic
c.c.p.
n. 11375334
intestato
Anmic
Impaginazione
e Stampa:
Menini
- Spilimbergo
Impaginazione
e Stampa:
Menini
- Spilimbergo
(Pn) (Pn)
Fly UP