...

TGM e Scuola Primaria. Possibili correlazioni tra abilità grosso

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

TGM e Scuola Primaria. Possibili correlazioni tra abilità grosso
TGM e Scuola Primaria.
Possibili correlazioni tra abilità grosso-motorie
e profitti disciplinari
Filippo Gomez Paloma - Università degli Studi di Salerno - [email protected]
Laura Rio - Università degli Studi di Salerno
Domenico Tafuri - Università degli Studi di Napoli “Parthenope” - [email protected]
TGM and Primary School.
Possible correlations between gross-motor skills
and school marks
Today, gradually, it has come to the conviction that it could not study the mind without
taking into consideration the fact that it is
strongly influenced by the brain, and especially from the body. Over the last fifteen years, in various research fields there was a
proliferation of studies about “embodied”
cognition, ie the emerging view that considers cognitive processes deeply rooted in
the interaction of the body with the world.
Starting from this theoretical framework, the
aim of this work was to descend in the educational context and check for possible correlations between motor skills and school
marks of the first quarter of disciplinary pupils belonging to five different age groups.
For a sample of 200 students were administered the TGM (Test of Evaluation of gross motor skills, Dale Ulrich, 1992) and the results
were statistically analyzed according to Pearson and Spearman’s coefficient. The results
showed, although not always with particularly significant indices, since the sample relatively low, some interesting positive
correlations between these two macro-variables, opening up some interesting reflections on the introductory basis theories.
Parole chiave: Embodied Cognition, abilità
grosso-motorie, TGM, voti profitto, Scuola
Primaria
Keywords: Embodied Cognition, grossmotor skills, TGM, school marks, Primary
School
Giornale Italiano della Ricerca Educativa – Italian Journal of Educational Research
© Pensa MultiMedia Editore srl – ISSN 2038-9736 (print) – ISSN 2038-9744 (on line)
41
ricerche
Oggi, pian piano, si è giunti alla convinzione
di non poter studiare la mente senza tener
conto del fatto che essa è fortemente influenzata dal cervello e soprattutto dal corpo. Negli
ultimi quindici anni, in diversi campi di ricerca
si è avuto il proliferare di studi sulla cognizione “embodied”, ossia la visione emergente
che considera i processi cognitivi profondamente radicati nell’interazione del corpo con
il mondo. Partendo da questo quadro teorico
introduttivo, l’obiettivo del lavoro è stato
quello di calarsi nel contesto educativo e verificare la presenza di possibili correlazioni tra
le abilità motorie e i voti di profitto disciplinari
del I quadrimestre di alunni appartenenti a
cinque fasce d’età differenti. Ad un campione
di circa 200 alunni è stato somministrato il
TGM (Test di Valutazione delle abilità grossomotorie, Dale Ulrich, 1992) al termine delle attività svolte durante il I Quadrimestre e i
risultati sono stati analizzati statisticamente
secondo gli indici di Pearson e Spearman. I risultati hanno dimostrato, seppur non sempre
con indici particolarmente significativi, trattandosi di un campione relativamente basso,
alcune interessanti positività di correlazione
tra queste due macrovariabili, aprendo delle
interessanti riflessioni sulle teorie introduttive
di base.
TGM e Scuola Primaria.
Possibili correlazioni tra abilità grosso-motorie
e profitti disciplinari
Introduzione
42
Fino al ventennio scorso, l’approccio più significativo nell’ambito della scienza cognitiva intendeva la mente come il software di un computer, nel senso che si riteneva importante analizzarne solo il funzionamento, senza indagare le relazioni
che potevano esserci con l’hardware, il cervello e il corpo (Borghi, Iachini, 2002).
Oggi, pian piano, si è giunti alla convinzione di non poter studiare la mente senza
tener conto del fatto che essa è influenzata dal cervello e soprattutto dal corpo.
Allo stesso tempo, si è andata creando una forte relazione tra tre processi fondamentali che precedentemente sono stati costantemente scissi l’uno dall’altro, ossia
la percezione, l’azione e la cognizione: Susan Hurley nel 1998 considerava la mente
come un “sandwich mentale”, in cui la percezione e l’azione sono considerate marginali rispetto alla cognizione, intesa come la polpa. Secondo questa teoria la mente è, appunto, considerata come un sandwich con due estremità poco proteiche, il
sensoriale ed il motorio, e con al centro la carne, ovvero i processi cognitivi.
Negli ultimi quindici anni si è avuto il proliferare di studi e ricerche sulla cognizione “embodied” e “grounded”, senza tralasciare l’impostazione della tradizionale scienza cognitiva che risulta di difficile scomparsa. Difatti non esiste una
sola teoria “embodied”, ma ne esistono diverse: alcune evidenziano l’importanza
radicale dell’esperienza e della percezione, altre quella del corpo e dell’azione. A
seconda della preminenza dell’una o dell’altra, ci troviamo di fronte a due modelli
principali di Embodied Cognition (anche se esistono delle forme miste). Nel
caso prevalga la valorizzazione della percezione, parliamo di modello “fenomenologico”, nel caso in cui prevalga l’azione motoria parliamo, invece, di modello
“pragmatico”. Diversi studiosi, anche contemporanei, hanno dato maggiore adito
alla logica della percezione: si pensi alla “Fenomenologia della Percezione” di
Merleau-Ponty nel 1945, l’analisi del tatto di Husserl nel 1952, fino ad arrivare
al recente primato riscontrato nelle citazioni di Gallagher e Zahavi (2009). Diversa è, invece, la logica adottata dal modello pragmatico, dove la supremazia
dell’azione può essere rivista secondo differenti chiavi di approccio: parliamo,
ad esempio, del pragmatismo americano (Dewey, 1949) che intende i concetti
non come semplici rappresentazioni di oggetti, ma come l’insieme delle istruzioni utili all’interazione con gli oggetti finalizzati all’azione (Caruana, Borghi,
2013); parliamo, ancora, dell’approccio ecologico di Gibson, basato principalmente sul concetto di “affordance”, ossia l’insieme delle qualità fisiche di un oggetto che suggeriscono a un essere umano le azioni appropriate per manipolarlo.
Ogni oggetto possiede le sue affordance, così come le superfici, gli eventi e i luoghi. L’individuo non percepisce solo una copia di ciò che il mondo esterno gli
rimanda, ma capta una serie di informazioni di alto ordine utili alla sua azione
(Gomez Paloma, 2013). L’ultimo filone teorico, recentemente riscoperto, è quello
del comportamentismo logico di Gilbert Ryle, secondo cui la mente non è un’arena interiore, un teatro in cui vengono proiettati tutti gli input sensoriali e per-
Giornale Italiano della Ricerca Educativa
|
Italian Journal of Educational Research
cettivi, così come voleva Descartes, piuttosto la mente è ciò che il corpo fa, l’atto
esterno come risposta o disposizione a rispondere ad uno stimolo specifico (Ryle, 1976).
Ritornando al significato specifico dell’etichetta “Embodied Cognition”, nel
corso degli ultimi anni sono state suggerite delle precisazioni terminologiche, che
hanno dato una maggiore chiarezza al significato principale: Fischer nel 2012 organizza in modo gerarchico le nozioni di cognizione “grounded”, “embodied”, “situated” ed “enacted”. Nonostante vengano utilizzate in modo commutabile, queste
etichette celano al loro interno delle posizioni teoriche differenti. Il termine
“grounded” ha al suo interno il richiamo al vocabolo “ground”, suolo, precisando
che i processi cognitivi non si esauriscono solo nell’importanza degli stati corporei
(embodied) necessari alla cognizione, ma anche ai vincoli del mondo fisico che
includono “anche” il sistema sensorimotorio. Barsalou (2010) non a caso afferma
che i processi cognitivi sono molteplici e includono non solo simulazioni, ma azioni situate (situated) ed anche stati corporei. L’enattivismo, infine, pone al centro
della sua riflessione la percezione, intesa come un particolare tipo di attività esplorativa, basata su solidi rapporti causali tra i diversi domini di esplorazione. Concludendo, al di là delle diverse distinzioni terminologiche, è possibile associare il
concetto di “grounded” all’idea di fondare i processi cognitivi su elementi sensoriali, quello di “embodied” e “situated” al recupero di elementi corporei e quello
di “enacted” al dominio motorio (Caruana, Borghi, 2013).
Diversi modelli sperimentati nel mondo hanno utilizzato la scuola di pensiero
dell’Embodied Cognition come approccio scientifico alla didattica (in letteratura,
musica, arte, tecnologia…). Ellen Esrock (2012), ad esempio, parla di “incarnazione nella letteratura e arte visiva” raccontando la particolare storia della lettura
di un romanzo: l’autore si focalizza prima sulla descrizione della mano di una sarta
che si muove seguendo le onde di un morbido tessuto, poi dell’osservazione del
dipinto di una donna che ricama il suo fazzoletto. In entrambi i casi, dice Esrock,
è come se fosse possibile percepire la tensione fisica delle dita o della proprietà
tattile della stoffa, sentendosi in un qualche modo tuffato corporeamente in quella
descrizione e osservazione. È come se stesse avvenendo una simulazione di ciò
che è rappresentato con immagini o raccontato con parole.
Leon van Noorden e Marc Leman (2012) parlano, invece, di cognizione musicale incarnata, vedendo la musica come esperienza basata sull’azione e sulla percezione. Non a caso, dicono gli autori, molte persone quando ascoltano la musica
cominciano a far muovere il proprio corpo o parte di esso; questo per far presumere che è proprio attraverso il movimento che viene dato un senso alla musica.
Inoltre, il tradizionale approccio alla cognizione musicale centrato solo sulla conoscenza e sull’analisi della struttura delle note (senza alcun riferimento al corpo)
sta pian piano dissolvendosi, lasciando spazio ad un presente che costruisce la conoscenza proprio attraverso la fisiologia umana e il movimento in funzione di
una virtù cognitivamente incarnata.
Parallelamente alle recenti scoperte neuro scientifiche e psicobiologiche, sono
state attuate una serie di modifiche legislative in campo educativo mostrando un
forte interesse nell’importanza formativa del corpo e del movimento: basti pensare
alle attuali Indicazioni Nazionali per il curricolo della Scuola dell’Infanzia e del
Primo Ciclo d’Istruzione (2012). Già la Scuola dell’Infanzia mira a sviluppare gradualmente nel bambino la capacità di leggere e interpretare i messaggi provenienti
dal corpo proprio e altrui, rispettandolo e avendone cura. Mira, altresì, a sviluppare
la capacità di esprimersi e di comunicare attraverso il corpo per giungere ad affinarne le capacità percettive e di conoscenza degli oggetti, la capacità di orientarsi
ricerche
anno VII | numero 12 | Giugno 2014
43
44
nello spazio, di muoversi e di comunicare secondo immaginazione e creatività.
Nella Scuola Primaria, invece, l’alunno è condotto all’acquisizione di diversi schemi motori, al riconoscimento e valutazione di traiettorie e distanze, all’elaborazione
ed esecuzione di semplici sequenze di movimento, alla partecipazione attiva alle
varie forme di attività sportiva rispettando le regole di gioco e di comportamento.
Nell’ottica di adottare il filone “Embodied Cognition” come paradigma psicopedagogico con il quale operare didatticamente, è necessario, inoltre, l’utilizzo di
strumenti ben costruiti e standardizzati che includano abilità motorie di base. In
ambito educativo l’attenzione non è tanto rivolta al raggiungimento di risultati di
prestazioni motorie, bensì alla valutazione qualitativa della sequenza armonica
dello sviluppo delle abilità grosso-motorie. La padronanza delle principali abilità
grosso-motorie richiede infatti che il bambino sviluppi uno schema maturo di movimento e ciò è più importante rispetto ai risultati quantitativi espressi in termini
di tempo, distanza e accuratezza della prestazione.
Williams (1983) definisce lo sviluppo grosso-motorio come l’uso progressivamente sempre più abile della totalità del corpo in un’attività che coinvolge ampi
gruppi muscolari e che richiede la coordinazione spaziale e temporale del movimento simultaneo di vari segmenti corporei. Lo sviluppo grosso-motorio riguarda prevalentemente abilità che sono usate per spostare il corpo da un posto
all’altro (locomozione) e per muovere e prendere oggetti. Molti autorevoli studiosi concordano sul fatto che le abilità grosso-motorie si sviluppano in modo
sequenziale (Gallahue, 1982; Robertson, 1984; Williams, 1983; Zaichkowsky,
Martinek, 1980). È generalmente accettato che le persone progrediscano attraverso i vari stadi motori con un ritmo diverso, che dipende da fattori sia biologici
che ambientali (Seefeldt, Haubenstricker, 1982). Seefeldt e Haubenstricker
(1982) notano infatti che quando non sono ancora padroneggiati dei livelli adeguati di performance relativamente ad abilità e schemi grosso-motori fondamentali, le persone incontrano degli ostacoli che possono ridurre il loro
potenziale di apprendimento in molte altre abilità più avanzate anche in ambiti
diversi da quello motorio o sportivo.
1. Obiettivo
Partendo da questo quadro teorico introduttivo, l’obiettivo del lavoro è stato quello
di calarsi nel contesto educativo e verificare la presenza di possibili correlazioni
tra le abilità grosso motorie e i voti di profitto disciplinari del I quadrimestre di
alunni appartenenti a cinque fasce d’età differenti.
2. Metodo
Il contesto in cui si è svolta questa ricerca (di tipo empirico) è quello scolastico di
Nola (NA), selezionato in seguito ad un positivo feedback ricevuto da un precedente percorso di formazione con il dirigente e il personale docente del I Circolo
Didattico. La scelta del campione è ricaduta su circa 200 alunni frequentanti l’istituto, appartenenti a cinque fasce d’età differenti (10 classi dalla 1° alla 5° Primaria
aderenti al Progetto di Alfabetizzazione Motoria 2010/2013) e regolarmente autorizzati alla somministrazione dei test e all’accesso dei voti di profitto scolastici
del I quadrimestre dai genitori di ciascuno.
Giornale Italiano della Ricerca Educativa
|
Italian Journal of Educational Research
Con l’aiuto del docente esperto di Educazione Fisica, operante nel suddetto Progetto, è stato somministrato il TGM (Test di Valutazione delle abilità grosso-motorie,
Dale Ulrich, 1992) al termine delle attività svolte durante il I Quadrimestre.
Il test sullo sviluppo grosso-motorio è un test a somministrazione individuale,
che valuta la funzionalità grosso-motoria di bambini di età compresa tra i 3 e i 10
anni. Il test misura 12 abilità grosso-motorie che sono frequentemente oggetto di
insegnamento con bambini in età prescolare, nelle prime classi di scuola primaria.
Le abilità sono raggruppate in due subtest, ognuno dei quali, attraverso degli items,
valuta un diverso aspetto dello sviluppo grosso-motorio: la locomozione e il controllo dell’oggetto.
Principi standard di somministrazione degli items
– Compilare in modo appropriato l’apposita scheda di registrazione dell’alunno.
– Far precedere la prova di valutazione da una accurata dimostrazione dell’item
da parte di una persona abile e da una chiara richiesta verbale.
– Far provare l’item così da accertarsi che l’alunno abbia capito bene cosa deve
fare in quell’item.
– Fornire delle dimostrazioni ulteriori quando l’alunno sembra non aver capito
il compito.
– Somministrare l’item che sarà valutato per l’attribuzione del punteggio.
Criteri standard di attribuzione dei punteggi
Ogni abilità grosso-motoria include tre o quattro componenti di esecuzione. In
genere, questi criteri rappresentano uno schema maturo di esecuzione di quella
abilità. Qui di seguito sono elencate le operazioni specifiche nell’attribuzione dei
punteggi per ogni item.
1. Richiedere all’alunno di compiere tre prove di ogni item.
2. Osservare bene l’alunno mentre esegue la prova concentrandosi sulle modalità
di esecuzione.
3. Nei casi in cui l’alunno esegue la prova in modo corretto due volte su tre, si segna «1» nella casella corrispondente, nella apposita colonna della scheda di registrazione. Nei casi in cui l’alunno non esegue quella prova o la esegua in
modo corretto una sola volta, si segna «0».
Elenco dei test TGM
Dati Antropometrici (utili per riflettere su eventuali aspetti prestazionali che in
questo caso non sono stati presi in considerazione)
– Peso
– Altezza
Subtest 1: Locomozione
Questo subtest misura le seguenti sette abilità:
1. corsa
2. galoppo
3. saltelli in avanti su un piede
4. balzi in avanti
5. salto in lungo da fermo
6. saltelli in avanti alternati su un piede
7. galoppo laterale
ricerche
anno VII | numero 12 | Giugno 2014
45
Subtest 2: Controllo di oggetti
Questo subtest misura altre cinque abilità:
8. colpire una pallina con una racchetta da tennis
9. far rimbalzare una palla da fermo
10. ricevere con le mani una palla lanciata
11. calciare una palla correndo
12. lanciare una pallina con una mano
Schede rilevazione dati
46
!
Giornale Italiano della Ricerca Educativa
|
Italian Journal of Educational Research
47
!
Fig. 1: Schede rilevazione dati (Ulrich, 1992)
ricerche
!
anno VII | numero 12 | Giugno 2014
Schede di conversione dei punteggi
48
!
Giornale Italiano della Ricerca Educativa
|
Italian Journal of Educational Research
49
!
Fig. 2: Schede di conversione dei punteggi (Ulrich, 1992)
ricerche
!
anno VII | numero 12 | Giugno 2014
Con l’aiuto di un docente referente è stato possibile accedere a tutti i voti di profitto degli alunni nelle diverse discipline (nel rispetto delle norme vigenti sulla privacy) per poter successivamente operare le possibili correlazioni in merito.
Trattandosi di docenti diversi che potrebbero adottare criteri e parametrazioni differenti di votazione, per le correlazioni è stata effettuata una standardizzazione secondo cui: “voto standardizzato=(X-media)/DS”, dove X è il voto singolo dello
studente per una materia, media è la media per classe di quella materia e DS è la
deviazione standard. L’analisi statistica è avvenuta, invece, mediante due diversi tipi
di indice di correlazione: il coefficiente di correlazione di Pearson, che esprime l’indice di una eventuale relazione di linearità tra due variabili statistiche, e l’indice di
correlazione R per ranghi di Spearman, ossia la misura statistica non parametrica
della correlazione che esprime un’eventuale relazione monotona delle variabili.
50
Giornale Italiano della Ricerca Educativa
|
Italian Journal of Educational Research
!
!
!
!
!
ricerche
!
Tab.1: Analisi descrittiva. Media dei voti degli alunni in tutte le discipline e nei due subtest.
!
3. Risultati
51
anno VII | numero 12 | Giugno 2014
52
Tab.2: Correlazione tra le discipline e i subtest secondo l’indice di Pearson.
Tab.3: Correlazione tra le discipline e i subtest secondo l’indice di Spearman.
Giornale Italiano della Ricerca Educativa
|
!
!
Italian Journal of Educational Research
ricerche
anno VII | numero 12 | Giugno 2014
Tab.4: Correlazione di Pearson tra le discipline e il subtest 1 per classe.
53
!
Tab.5: Correlazione di Pearson tra le discipline e il subtest 2 per classe.
!
54
Giornale Italiano della Ricerca Educativa
|
Italian Journal of Educational Research
ricerche
anno VII | numero 12 | Giugno 2014
Tab.6: Correlazione di Pearson tra le discipline e la media dei subtest per classe.
55
!
Tab.7: Correlazione di Spearman tra le discipline e il subtest 1 per classe.
!
56
Giornale Italiano della Ricerca Educativa
|
Italian Journal of Educational Research
ricerche
anno VII | numero 12 | Giugno 2014
Tab.8: Correlazione di Spearman tra le discipline e il subtest 2 per classe.
57
!
Tab.9: Correlazioni di Spearman tra le discipline e media dei test con suddivisone delle classi
58
Giornale Italiano della Ricerca Educativa
|
Italian Journal of Educational Research
!
4. Analisi e conclusioni
Partendo dall’analisi della Tab.1, trattandosi di un’analisi statistica descrittiva, è
stato possibile rilevare qualche indicazione sulla media generale del profitto degli
alunni: essa oscilla tra il 7.739 della classe 4b (italiano) e il 8.805 della classe 2a
(musica). Questo ha dimostrato che si tratta in primis di un range molto piccolo
e che in genere i voti sono abbastanza alti per tutti gli studenti e tutte le classi.
Inoltre riguardo i due subtest è stato possibile stabilire il valore medio più alto, ossia 19.247 per la classe 3a nel subtest 1 e 15.083 per la classe 1a per il subtest 2.
La Tab.2 riporta i risultati dell’analisi statistica mediante il coefficiente di correlazione di Pearson tra i due subtest e le diverse discipline. Da questa analisi è
stata rilevata una significativa correlazione tra le discipline di matematica, musica
e scienze motorie con il subtest 1 (in realtà le discipline lo sono anche con il subtest
2 solo che i coefficienti di correlazione sono più piccoli e non statisticamente significativi); questo potrebbe essere giustificato dalla teoria del Decision Making
(Iannello et al. 2007) che implica la necessità di un’analisi iniziale e una presa di
decisione dell’eseguire una o più abilità grosso-motorie (appartenenti al subtest
1), analogamente a quanto avviene per le discipline di matematica (es. risoluzione
di problemi) o musica (es. approccio ad uno strumento musicale o ad un nuovo
spartito). Di matrice negativa è stata rilevata, invece, la correlazione con i voti relativi al comportamento: a voti più alti nel comportamento sono associati voti più
bassi nei test di verifica. Una possibile spiegazione è che avere voti del comportamento alti è legato soprattutto all’avere un atteggiamento tranquillo (anche fisicamente). Se questo è vero, allora si potrebbe giustificare la correlazione negativa
con i due subtest, i quali richiedono, invece, l’acquisizione di alcune abilità motorie
che necessitano di esperienze attive e creative. Su questo punto potrebbe essere
interessante riflettere su come nella scuola italiana il contraddittorio degli obiettivi
e traguardi dell’educazione fisica delle Indicazioni Nazionali 2012 e il voto di condotta, inteso come tranquillità fisica e assenza di disturbo legato al movimento,
ancora prevalgono nella cultura professionale del docente e dell’istituzione scolastica tutta (Siegel, 2001; Rosati, 2005; Gamelli, 2006). A conferma di ciò, anche
l’analisi statistica secondo l’indice di correlazione per ranghi di Spearman (Tab. 3)
ha riportato risultati analoghi alla Tab. 2.
Le Tab. 4 e 5 mostrano un quadro differente dalle precedenti tabelle: mentre inizialmente l’analisi degli alunni era unica (come se si trattasse di una sola classe), qui
le classi sono state analizzate separatamente: nello specifico, la classe 3a è significativamente e positivamente correlata con il subtest 1 in quasi tutte le discipline (tra
le varie classi sono i coefficienti di correlazione più alti). Osservando la Tab. 5, un
particolare spunto di riflessione è possibile per l’analisi avvenuta sulle classi prime
(a e b): esse mostrano per il subtest 1 una correlazione positiva su tutte le discipline
(anche se non significativa), mentre per il subtest 2 una correlazione negativa (sempre non significativa). Come citato precedentemente, i due subtest valutano abilità
differenti ed essendosi rilevata una particolare correlazione con il subtest 1, che valuta le abilità di locomozione, è possibile ricollegarsi al fatto che gli alunni di fascia
d’età minore siano pronti alle attività di movimento libero del corpo, ma non a quelle
di interazione specifica con un oggetto. Fra i 3 e i 6 anni il bambino ha raggiunto le
competenze di base motoria, ma è con il proseguire degli anni che evolve quanto
ad equilibrio e coordinazione globale e fine (Le Boulch, 1999).
Le Tab. 7 e 8 ripetono quanto già fatto nella Tab. 2, ma, come per le precedenti
tabelle (5 e 6) l’analisi è avvenuta per classi separate e con un indice di correlazione
diverso: Spearman. I risultati in generale hanno confermato le correlazioni della
Tab. 2.
ricerche
anno VII | numero 12 | Giugno 2014
59
60
Infine la Tab. 6 e 9 mostrano la stessa analisi delle Tab. 4 e 5 e Tab. 7 e 8, solo
con riferimento alla correlazione tra le varie discipline e la media dei due subtest.
Quest’ultima corrrelazione è risultata solo aggiuntiva dato che i valori hanno nuovamente confermato le precedenti riflessioni.
A fronte di un quadro teorico introduttivo all’interno del quale in diverse forme è stata differenti volte ribadita l’importanza di una cognizione incarnata, ossia
la visione emergente che considera i processi cognitivi profondamente radicati
nell’interazione del corpo con il mondo, e di una analisi statistica correlativa dettagliata di quelli che sono i voti di profitto disciplinari del I quadrimestre di alunni
appartenenti a cinque fasce d’età differenti e le abilità grosso motorie, considerate
il primo gruppo di abilità acquisite dai soggetti nell’età evolutiva, le conclusioni
sono alquanto positive e, quindi, promettenti. I risultati hanno dimostrato, seppur
non sempre con indici particolarmente significativi, trattandosi di un campione
relativamente basso, la positività delle correlazioni tra queste due macrovariabili.
Per quanto riguarda le possibili prospettive future, esse ricadono proprio sulla
scelta di un campione più alto per poter ulteriormente confermare i dati statistici
qui ottenuti, e di fondamentale importanza sarebbero gli spunti di riflessione sul
ruolo attivo del docente in questa “embodied mission”. Nell’azione didattico-comunicativa anche il ruolo del corpo del docente è fondamentale (Cozzolino, 2003):
se la funzione cognitiva viene compiuta attraverso il sistema verbale, quella affettiva e dei rinforzi positivi è quasi del tutto svolta dal linguaggio corporeo mediante
la postura, i gesti, lo sguardo, la distanza interpersonale e i segnali non verbali del
parlato.
Riferimenti bibliografici
Barsalou L.W. (2010). Grounded cognition: Past, present, and future. Topics in Cognitive Science, 2, pp. 716-724.
Borghi A.M., Iachini T. (2002)(Eds.). Scienze della mente. Bologna: Il Mulino.
Caruana F., Borghi A.M. (2013). Embodied Cognition, una nuova psicologia, Giornale Italiano di Psicologia.
Cozzolino M. (2003). La comunicazione invisibile. Gli aspetti non verbali della comunicazione. Modica: Amore.
Dewey J. (1949). Esperienza e natura. Torino: Paravia.
Esrock E., Turner A., Dalton R.C., van Noorden L., Leman M. (2012). Four Applications of Embodied Cognition. Topics in Cognitive Science.
Fischer H. M. (2012). A hierarchical view of Embodied Cognition. Psychonomic
Bulletin & Review, 9 (4).
Gallagher S., Zahavi D. (2009). La mente fenomenologica. Filosofia della mente e
scienze cognitive. Milano: Cortina Raffaello.
Gallahue D.L. (1982). Understanding motor development in children. New York:
Wiley and Sons.
Gamelli I. (2006). Pedagogia del corpo. Roma: Meltemi.
Gomez Paloma F. (2013). Embodied cognitive Science. Atti incarnati della didattica.
Roma: Nuova Cultura.
Gomez Paloma F. (2009). Corporeità, didattica e apprendimento. Le nuove neuroscienze dell’educazione. Salerno: Edisud.
Hurley S. (1998). Consciousness in actions. Cambridge: Harvard University Press.
Husserl E. (1952). Ideen zu einer reinen Phanomenologie und phanomenologischen Philosophie. Zweites Buch. Phanomeno-logische Untersuchungen zur
Giornale Italiano della Ricerca Educativa
|
Italian Journal of Educational Research
Konstitution, a cura di M. Biemel, Den Haag, Martinus Nijhoff (trad. it. E. Filippini, a cura di V. Costa, Einaudi, Torino, 2002).
Iannello P., Antonietti A. (2007). Relationship between decision styles and thinking styles. Abstract of the Workshop on Cognition and Emotion in Economic
Decision Making, Università di Trento, 49, 50, gennaio 2007.
Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola dell’Infanzia e del Primo ciclo
d’Istruzione (2012), Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
Le Boulch J. (1999). Lo sviluppo psicomotorio dalla nascita a sei anni. Conseguenze
educative della psicocinetica nell’età prescolare. Roma. Armando.
Merleau-Ponty M. (1945). Phénoménologie de la perception. Paris: Librarie Gallimard (trad. it., Fenomenologia della percezione, Bompiani, Milano, 2003).
Robertson M.A., Halverson L.E. (1984). Developing children. Their changing movement. Philadelphia: Lea and Feiber.
Rosati L. (2005). Il metodo della didattica. Brescia: La Scuola.
Ryle G., (1976). The concept of mind. Chicago: The University of Chicago Press
(trad. it., Il concetto di mente, Laterza, Bari, 2007).
Seefeldt V., Haubenstricker J. (1982). Patterns, phases, or stages: an analytical model for the study of developmental movement. In J.A.S. Kelso, J. E. Clark. The
development of movement control and coordination. New York: John Wiley &
Sons.
Siegel D.J. (2001). La mente relazionale. Neurobiologia dell’esperienza interpersonale. Milano: Raffaello Cortina.
Ulrich D.A. (2002). TGM. Valutazione delle abilità grosso-motorie. Trento: Erickson.
Williams H.G. (1983). Perceptual and motor development. New York: Englewood
Cliffs.
Zaichkowsky L., Martinek T. (1980). Growth and development: The child and physical activity. St. Louis, MO: The C.V. Mosby Company.
ricerche
anno VII | numero 12 | Giugno 2014
61
Fly UP