...

Tutto quello che dovete sapere sugli oli motore

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Tutto quello che dovete sapere sugli oli motore
Varie
Tutto quello che dovete sapere sugli oli
motore
Pur consumando sempre meno lubrificante, le moderne vetture hanno intervalli vieppiù lunghi fra un tagliando e
l’altro. Può quindi capitare di dover rabboccare l’olio del motore. Come scegliere la qualità adatta? I non addetti ai lavori possono avere delle difficoltà, vista
l’ampia offerta di prodotti sul mercato:
olio minerale, sintetico, a lunga durata,
iperfluido, con specifiche e classificazioni diverse a seconda dei costruttori
d’auto. È vero che le concessionarie forniscono le informazioni del caso, che si
trovano anche sui siti dei produttori d’oli
minerali e nei manuali d’uso dei veicoli.
Ma resta l’interrogativo: è indispensabile
comprare la marca richiesta dal costruttore (costosa) oppure va bene anche l’olio motore a buon mercato con le stesse
specifiche acquistabile al do-it?
Non riempire eccessivamente! Controllare il livello a più riprese. Fare attenzione a che il tappo non cada per terra e si sporchi.
Innanzitutto va detto che marca e prezzo
non sono determinanti, piuttosto sono le
proprietà tecniche dell’olio a dover corrispondere alle prescrizioni del costruttore, in particolare per quanto riguarda
la scorrevolezza. Questa, detta indice di
viscosità, descrive l’attrito interno dell’olio
(p.es. SAE 0W-40, Society of Automotive
Engineers). Per gli oli multigrado si usano
due numeri: più basso è quello davanti alla
W maggiore è la fluidità dell’olio a basse
temperature, che riesce quindi a raggiungere tutti gli organi del motore in contatto
e in movimento fra loro. Il numero dopo
la W esprime la viscosità a 100 °C. La viscosità è una caratteristica importante,
assieme alla resistanza allo stress del velo
lubrificante. Le principali classificazioni
sono quelle dell’API (American Petroleum
Institute) e dell’ACEA (Association des
Constructeurs Européens d’Automobiles)
che controllano le prestazioni degli oli
con varie metodologie d’analisi e prove
al banco. Per gli oli motori per automobili
si usano codici combinati, p. es. A3/B4 o
ACEA C3, dove la “A” sta per motori a benzina, la „B“ per diesel e la C si riferisce ad
oli stabili per motori di recente tecnologia
dotati di sistemi di post-trattamento dei
gas di scarico. L’olio ACEA A3/B4 soddisfa
standard più alti rispetto ad un ACEA A1/
B1. Non vi sono problemi ad utilizzare un
prodotto conveniente acquistato al do it,
purché della qualità prescritta. È invece
tassativamente sconsigliato ripiegare su
un prodotto inferiore, che può provocare
danni al motore costosi e difficilmente coperti dalla garanzia legale.
Cambio dell’olio
Perché occorre sostituire l’olio motore
a determinati intervalli? Per la semplice
ragione che anche gli oli moderni sono
soggetti all’invecchiamento naturale,
come pure il pacchetto d’additivi che con
il tempo si degradano in condizioni specifiche. Senza dimenticare il depositarsi di
scorie da combustione, detriti e abrasioni
metalliche. Da notare che frequenti avvii
a freddo possono diluire l’olio per la presenza di residui incumbusti, alterandone le
caratteristiche viscose e lubrificanti. Viceversa nei motori diesel l’olio è suscettibile
di ispessimento dovuto all’accumulo di fuliggine e alle elevate temperature, ciò che
rende difficoltose le partenze a freddo. Il
filtro dell’olio serve appunto per trattenere
le particelle che si formano nel processo
di combustione prima che invadano le
parti da lubrificare. In caso di otturazione
si apre una valvola di bypass e l’olio non
filtrato fluisce direttamente nel circuito.
Ecco perché è importante sostituire il filtro
e cambiare l’olio agli intervalli prescritti. In
genere si combina l’uno con l’altro.
Lubrificare, ma non solo
L’olio motore ha lo scopo di proteggere le
componenti meccaniche del motore contro l’usura, eliminando l’attrito e di riflesso, danni alle superifici metalliche. E ciò
in ogni condizione di esercizio. L’olio deve
scorrere fluidamente a freddo e arrivare
© TCS Consulenza mobilità, Emmen | Doctech: 2786.02.it/BSC | Data: 02.08.2013
alle parti da lubrificare, facilitando l’avvio
del motore. Più aumenta la temperatura,
maggiore è il rischio di rottura del velo lubrificante che causerebbe grossi danni alle
parti. L’olio motore è polivalente in quanto, oltre a lubrificare e mantenere pulitii i
meccanismi, garantisce il raffreddamento
di componenti esposti a temperature elevate non raggiunti dal refrigerante, quali
i pistoni. Migliora la tenuta tra cilindro e
pistone, e, nelle punterie idrauliche, contribuisce alla trasmissione del movimento,
impedisce la corrosione e asporta particelle metalliche e residui.
Le case automobilistiche stabiliscono la
qualità dell’olio e gli intervalli ai quali cambiarlo in base a molteplici cicli di prova,
tenendo conto delle tipologie costruttive
del motore e dei materiali impiegati come
pure del sistema di filtraggio. Oltre all’indice di viscosità SAE è essenziale rispettare
le classificazioni API e la specifica ACEA.
Vi sono poi omologazioni emanate da singoli costruttori per soddisfare particolari
esigenze dei loro veicoli. I fornitori di lubrificanti le riprendono sulle tanichette (p.es.
BMW Longlife-04 oppure Mercedes-Benz
con MB 229.31).
Le indicazioni dei costruttori non rappresentano quindi delle semplici raccomandazioni arbitrarie, ma il fattore principale
nella scelta di un prodotto. Il prezzo è invece un criterio secondario.
1
Varie
Tutto quello che dovete sapere sugli oli motore
Come leggere l’etichetta dell’olio (foto)
Marca e tipo
La marca non è rilevante, mentre il tipo deve tassativamente corrispondere alle prescrizioni del costruttore.
Viscosità
SAE 5W-30: In genere gli oli multigrado sono formulati
come lubrificanti iperfluidi con indice di viscosità a freddo
OW e 5W.
Specifiche
ACEA A3/B3, A3/B4, C3: oli per auto hanno una sigla combinata benzina/diesel. Più alto è il numero, maggiori sono
le sollecitazioni tollerate.
Classificazione
API SN/CF: „S“ sta per motori a ciclo Otto, „C“ per veicoli
commerciali ed industriali diesel. La seconda lettera esprime la qualità del prodotto.
Omologazioni specifiche
del costruttore
VW 502 00/505 00, MB-approval 229.31; BMW Longlife-04; dexos2: soddisfa norme particolari emanate dai
singoli costruttori.
Formulazione degli oli
I motori differiscono negli impianti costruttivi e richiedono quindi oli formulati di
conseguenza. Nei diesel con filtro antiparticolato e importante che i residui dell’olio
non lo otturino e la miscela usata non abbia alcun influsso sul sistema di post-trattamento dei gas di scarico. Nella produzione di oli base e additivi vanno rispettati
i valori limite ridotti in vigore per quanto
riguarda le polveri solfatiche, il fosforo e lo
zolfo. Rientrano nella categoria low SAPS i
sintetici avanzati.
In funzione delle prestazioni richieste gli
oli base vengono modificati con l’aggiunta
mirata di additivi specifici. Un olio di qualità ha una composizione equilibrata. Vale
la regola che maggiore è il contenuto di
additivi, migliore la performance e quindi
più alto è il prezzo. In via di massima sia
gli oli minerali che sintetici sono derivati
dal petrolio. Tuttavia la produzione di un
olio sintetico di qualità superiore risulta
più complessa e richiede più tempo, perciò costa di più. Rispetto al minerale, l’olio
sintetico ha i seguenti vantaggi: facilita gli
avviiamenti a freddo, garantisce un’ottima
protezione degli ingranaggi contro l’usura
e i forti carichi, ritarda l’ossidazione termica ed infine tiene puliti gli organi lubrificati.
Olio a bassa viscosità
Si chiamano “iperfluidi” gli oli che in confronto ai “normali” oli multigrado riducono
le perdite di attrito e quelle per evaporazione. Si tratta di prodotti sintetici e a base
idro-crack con gradi viscosimetrici SAE
0W-30, 0W-40, 5W-30 e 5W-40. A dipendenza del tipo di motore e delle condizioni
Il livello dell’olio deve essere compreso fra il minimo e il massimo. La mancanza o un eccesso di olio può compromettere
il motore.
d’esercizio l’impiego di un olio iperfluido
può tradursi in un risparmio di carburante.
Rientrano nella stessa categoria i «Long
Life» per auto con intervalli di manutenzione allungati a seconda del profilo d’utilizzo del mezzo. Qui, il servizio successivo viene calcolato in base ai dati forniti
da una serie di sensori e trasmessi ad una
centralina elettronica: in caso di lunghe
percorrenze si possono avere intervalli di
anche 30’000 km, usando la vettura in
prevalenza per brevi tratti cittadini i chilometri massimi percorribili fra un servizio
e l’altro si riducono conseguentemente.
Nelle auto con tagliandazione «Long Life»
è opportuno rabboccare l’olio con un
prodotto lunga durata per prevenire danni
e eccessiva usura.
Il TCS consiglia
• Il livello dell’olio dovrebbe essere controllato regolarmente in particolare
nelle auto con lunghi intervalli fra un
cambio dell’olio e l’altro.
• Un livello dell’olio insufficiente o eccessivo può danneggiare il motore. Al rabbocco verificare che la striscia sull’asticella sia compresa fra il minimo e il
massimo.
• Usare solo prodotti di qualità conformi
alle indicazioni del costruttore (vedi nel
manuale della vettura).
• È possibile mischiare lubrificanti di diverse marche destinati agli stessi tipi di
motore, anche quelli sintetici e minerali. Dovendo riempire l’olio comprarne
la qualità prescritta, meglio se a prezzo
conveniente.
• In determinate circostanze l’iperfluido
permette di ridurre il consumo di carburante.
• Gli Intervalli prescritti per il cambio olio
vanno rispettati, anche se si usa un olio
sintetico d’alta qualità. Il sistema di filtraggio non è concepito per tempi di
permanenza prolungati dell’olio nel
motore.
• La maggior parte dei costruttori vietano
l’uso di additivi supplementari, che comunque sono perlopiù inutili. Additivi
universali non sono compatibili con le
specifiche formulazioni degli oli motore.
• L’olio motore si conserva in contenitori
originali chiusi per almeno 3 anni. Una
volta aperti, vanno usati entro 6 mesi.
Spegnere il motore ed aspettare che l’olio scenda dai condotti
nella vaschetta prima di controllare il livello.
© TCS Consulenza mobilità, Emmen | Doctech: 2786.02.it/BSC | Data: 02.08.2013
2
Fly UP