...

Parliamo di Abilità

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Parliamo di Abilità
à
t
i
l
i
b
A
i
d
o
m
a
i
l
r
Pa
Una spiegazione della Convenzione sui
Diritti delle Persone con Disabilità
RINGRAZIAMENTI
Il testo di questa pubblicazione è stato elaborato da Victor Santiago Pineda,
fondatore della Fondazione Victor Pineda e il più giovane delegato al Comitato
Ad Hoc che ha steso la Convenzione sui Diritti delle Persone con Disabilità. Il
presente progetto è stato realizzato dall’UNICEF ed è stato coordinato, fin dalla
sua creazione, da Helen Schulte, Child Protection Section dell’UNICEF, con il
supporto di María Cristina Gallegos, Coordinatrice della Sezione di Voices of
Youth dell’Adolescente Development Unit dell’UNICEF. L’edizione italiana è a
cura del Comitato italiano per l’UNICEF. Traduzione di Jennifer Dal Pian.
L’UNICEF ringrazia Save the Children Regno Unito e Svezia, e Special
Olympics.
Ringraziamo gli Uffici sul Campo dell’UNICEF in Armenia, China, Etiopia,
Nicaragua, Thailandia e Uzbekistan per il loro importante contributo.
Un ringraziamento speciale va ai bambini e ai ragazzi con disabilità che hanno
condiviso le loro riflessioni, durante le consultazioni, organizzate da Save the
Children e la Arab Human Rights Foundation in Sana’a, Yemen, nell’Ottobre del
2007, e nel Summit dei Giovani organizzato da Special Olimpics in Shanghai,
China, parallelo ai Giochi Mondiali Estivi (Ottobre 2007). Ringraziamo
sinceramente tutti coloro che hanno partecipato alla consultazione on-line
attraverso la “Voices of Youth” dell’UNICEF, e i giovani leader con disabilità
dell’iniziativa “World Enabled” della Fondazione Victor Pineda.
L’UNICEF è particolarmente in debito con i bambini e i ragazzi che hanno
contribuito con poesie ed elaborati creativi.
Vorremmo inoltre ringraziare i membri del gruppo di consulenti tecnici per le
loro attente osservazioni ai testi, in particolare, Saudamini Siegrist (UNICEF
Firenze), Gerison Lansdown (consulente indipendente), Alexandra Yuster, Daniel
Seymour e Nadine Perrault (UNICEF New York), Catherine Naughton (Christian
Blind Mission), Cherie Tropet e Vanessa Anaya (Victor Pineda Foundation) che
hanno aiutato a riscrivere le prime bozze.
Ringraziamo il Comitato Tedesco per l’UNICEF per il generoso sostegno dato a
questo progetto.
Il Comitato Italiano per l’UNICEF ringrazia la Provincia di Milano, Assessorato
ai diritti dei bambini e delle bambine e Delega alla Partecipazione e tutela dei
diritti delle persone con disabilità per il patrocinio e il contributo dato per la
stampa della presente pubblicazione.
© United Nations Children’s Fund (UNICEF)
April 2008
Per riprodurre parti di questa pubblicazione è
necessario chiedere il permesso contattando la
Direzione Comunicazione, Comitato Italiano per
l’UNICEF.
3 UN Plaza, New York, NY 10017, USA
Tel.: (+1-212) 326-7434
Fax: (+1-212) 303-7985
Email: [email protected]
L’illustrazione in copertina (ispirata a un disegno
di Lea Nohemi Hermànez) e quelle delle pp. 3, 9,
10, 12, 13, 15 e 20 sono di Lisa Lavoie.
Progetto grafico di Christina Bliss.
PARLIAMO DI ABILITÀ
Una spiegazione della Convenzione sui
Diritti delle Persone con Disabilità
INDICE
Il tema
2
Azioni per il cambiamento
3
Informazioni su questa pubblicazione
3
Informazioni sulla Convenzione
7
La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità in breve
8
Come i diritti diventano realtà
17
Metti alla prova le tue conoscenze
19
Glossario
21
Dall’Italia
22
lità
i Abi
d
amo
Parli
1
Il tema
Non ho gambe,
Ma ho ancora dei sentimenti,
Non posso vedere,
Ma penso tutto il tempo,
Anche se sono sordo/a,
Perché la gente mi vede come inutile, senza pensieri e
senza discorsi,
Quando io sono capace come chiunque altro,
Di avere idee sul nostro mondo?
—Coralie Severs, 14 anni, Regno Unito
Questa poesia parla di milioni di bambini, adolescenti
e adulti che vivono con una disabilità, ovunque nel
mondo. Molti lottano contro le discriminazioni ogni
giorno. Le loro abilità vengono trascurate e le loro
capacità sottovalutate. Non ricevono l’istruzione e i
servizi sanitari di cui hanno bisogno, e vengono esclusi
dalle attività delle loro comunità.
Ma i bambini e gli adulti con disabilità hanno gli stessi
diritti di tutti gli altri.
“Incoraggiami dai … lo puoi fare!” Bismark Benavides, 13 anni, Nicaragua
2
Azioni per il cambiamento
Per questa ragione è stata creata la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità.
Questo accordo internazionale obbliga tutti i Governi del mondo a difendere i diritti
dei bambini e degli adolescenti con disabilità.
L’UNICEF, insieme ai suoi partner, sta lavorando per incoraggiare tutti i paesi a
ratificare la Convenzione. Questo proteggerà i bambini e gli adolescenti con disabilità
dalla discriminazione e promuoverà la loro inclusione nella società. Tutti noi abbiamo
un ruolo da svolgere. Leggendo questa pubblicazione puoi scoprire come venire
coinvolto per garantire che tutti/e siano trattati come dovrebbero.
Capire la disabilità
Lisa Lavoie
Ti sei mai sentito escluso/a? I bambini, gli adolescenti e
gli adulti che hanno difficoltà a vedere, ad apprendere, a
camminare o a sentire, spesso si sentono esclusi. Ci sono
molte barriere che possono impedire la partecipazione al pari
delle altre persone, e molte di queste
barriere sono create dalla società.
Un bambino o un adolescente su
una sedia a rotelle che, per esempio,
vuole andare a scuola non può farlo
perché la scuola non ha una rampa
e il preside o gli insegnanti non
gli offrono sostegno. Perché tutti/e
possano essere coinvolti, dobbiamo
cambiare le regole, gli atteggiamenti
e persino gli edifici.
Informazioni su
questa pubblicazione
Questa pubblicazione è stata realizzata per e con la partecipazione dei bambini e
degli adolescenti per spiegare la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità
e per aiutare le persone con disabilità a realizzare i loro diritti. Ci auguriamo che tu
possa, anche grazie a questo supporto, diffondere la Convenzione, affinché i bambini
e gli adolescenti con disabilità possano avere le stesse opportunità di realizzare i loro
obiettivi.
Forse hai una disabilità, o forse conosci qualcuno che ce l’ha. Le persone con disabilità
possono avere difficoltà a vedere, sentire, camminare o a ricordare, ma hanno anche loro
sogni, speranze e idee che vorrebbero condividere – come nei disegni e nelle poesie che
abbiamo pubblicato in questa pubblicazione.
lità
i Abi
d
amo
Parli
3
Ti incoraggiamo a condividere queste informazioni con i tuoi
genitori, i tuoi amici e chiunque pensi possa essere interessato.
In questa pubblicazine troverai un riassunto della
Convenzione sui diritti delle persone con disabilità e le
ragioni per cui è stata creata. Puoi imparare quali sono i
diritti e le responsabilità di ognuno, e quali sono i passi e le
azioni che i Governi devono compiere per aiutare i bambini
e gli adolescenti con disabilità a realizzare i loro diritti. Puoi
imparare quali sono le azioni che tu stesso puoi realizzare
per fare la differenza.
Al termine del libro
troverai una lista
delle parole e il loro
significato. La lista, o
glossario, ti aiuterà
a comprendere i
termini che non
conosci.
Che cos’è una Convenzione
La Convenzione è un accordo tra paesi, i quali
si impegnano a seguire la stessa legge su
una questione specifica. Quando un paese
firma e ratifica (approva) una Convenzione,
essa diventa un obbligo giuridico che guida
le azioni del Governo. Spesso lo porta ad
adottare e a cambiare le proprie leggi per
raggiungere gli obiettivi della Convenzione.
Cosa sono i diritti umani
Tutte le persone, nel mondo, sono protette dalle leggi
che difendono i loro diritti e la loro dignità (la dignità
che appartiene ad ogni persona dalla nascita). Nessuno
escluso. Ad esempio, ogni essere umano ha diritto
alla vita e ad essere libero dalla schiavitù. Questi diritti
sono affermati nella Dichiarazione Universale dei Diritti
Umani, adottata da tutti gli Stati membri delle Nazioni
Unite, nel 1948. Tutti i bambini e gli adolescenti hanno
diritto al cibo e al servizio sanitario, il diritto di andare
a scuola e di essere protetti dalla violenza e dall’abuso.
Hanno anche il diritto di dire quello che pensano quando
gli adulti prendono delle decisioni che li riguardano,
e che le loro opinioni siano prese in considerazione. I
diritti dei bambini e degli adolescenti sono elencati nella
Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.
4
Il messaggio è ABILITÀ
Di Victor Santiago Pineda, Presidente della Victor Pineda Foundation
A cinque anni ho smesso di camminare. Crescendo, i miei muscoli sono diventati così
deboli da rendere difficile la respirazione. Pensavo di non piacere a nessuno perché
ero diverso. I miei genitori non sapevano cosa fare, ma mi hanno sempre fatto sentire
amato. Credevano in me, mi permettevano di correre dei rischi e di
provare cose nuove. Ho sviluppato la
Avere una disabilità non è una cosa
fiducia in me stesso.
negativa. Può essere anche una cosa
La mia famiglia sapeva che avrei dodi cui essere fieri. Siamo tutti diversi e
vuto lottare per trovare la mia strada.
abbiamo tutti delle ABILITÀ diverse.
Durante la mia infanzia, ho dovuto
Ogni bambino può essere ambasciatore
cambiare le idee delle persone riguardelle proprie abilità in famiglia, a scuola e
do a ciò che potevo fare e come potenella comunità. Abbiamo tutti/e delle idee,
vo farlo. Ho scoperto che ci sono delle
esperienze e capacità che possono essere
leggi che mi proteggono. Grazie a
utili agli altri.
queste leggi, ho ricevuto l’aiuto di cui
– Victor Santiago Pineda
avevo bisogno e ho avuto la possibilità di diventare un eccellente studente.
Sono cresciuto chiedendomi come
sarebbe stata la mia vita se non fossi cresciuto in un luogo che proteggesse i diritti dei
bambini e degli adolescenti come me. Ho scoperto che persone come me da ogni parte
del mondo stavano per incontrarsi alle Nazioni Unite per lavorare su queste questioni, ho
lavorato molto per potermi unire a loro.
Sono stato il delegato più giovane al Comitato Speciale delle Nazioni Unite che ha elaborato la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità. Ho incontrato nuovi amici,
condiviso le mie idee, e insieme ai Governi, abbiamo creato la Convenzione. Ogni persona nel mondo è diversa e ha idee diverse, esperienze, tradizioni e abilità. Ho imparato che
queste differenze creano nuove possibilità, nuove speranze, nuovi sogni e nuove amicizie.
Questa pubblicazione chiama all’azione i bambini e gli adolescenti con o senza disabilità e
li invita a unirsi e lottare fianco a fianco per quello che è giusto. Le differenze tra le persone del nostro mondo sono un tesoro che va apprezzato e condiviso. Ogni bambino è parte
della famiglia del mondo e contribuisce con le proprie capacità uniche. Ogni bambino è
incluso.
Victor Santiago Pineda è un educatore e un regista che lavora con i giovani con disabilità per informarli
sui loro diritti. Ha sviluppato, con la sua Fondazione, l’iniziativa “A World Enabled” per educare il pubblico
riguardo le abilità e le potenzialità dei giovani con disabilità. Victor Santiago Pineda ha lavorato con le
Nazioni Unite, la Banca Mondiale e i capi di Governo per promuovere rispetto, pari opportunità e dignità
per tutti. Soffre di distrofia muscolare e usa una sedia a rotelle per potersi muovere.
lità
i Abi
d
amo
Parli
5
Sono felice quando…
Sono felice quando le piccole cose…
Sono felice quando…
Le persone capiscono quello che voglio dire
Quando parlo con gli altri allo stesso livello
Sono felice perché sono fiero di me
Sono felice quando studio
Studiando posso imparare nuove informazioni
Riesco a capire le notizie di tutto il mondo
Posso calcolare quanto devo pagare per un pasto
Posso dire quel che penso sia giusto o sbagliato
Sono felice perché posso fare molte cose da solo
Sono felice perché ho il mio hobby preferito
Sono felice quando festeggio con i giocatori di calcio
Perché la loro passione è così intensa
Mi sento come se fossi uno di loro
E anch’io ho una grande passione
Sono felice perché ho un sogno
Può sembrare piccolo ma
Pianificare e vivere con fiducia tutti i giorni
Mi fa sentire così felice!
—Kim Yoona, 15 anni, Repubblica popolare di Corea
“Il diritto di giocare” Javlon Rakmonberdiev, 12 anni, Uzbekistan
6
Informazioni sulla
Convenzione
La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità è un accordo tra i paesi
del mondo per assicurare che le persone con disabilità e le persone senza
disabilità siano trattate nello stesso modo. Le Convenzioni, talvolta chiamate
trattati, patti, accordi internazionali o strumenti legali indicano al tuo
Governo quello che deve fare affinché tu possa godere dei tuoi diritti. Tutti gli
adulti e tutte le bambine, i bambini, le ragazze e i ragazzi con disabilità sono
inclusi.
La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità è stata adottata il 13
Dicembre 2006. Dal 2 Aprile 2008, 20 paesi l’hanno ratificata ed è entrata in
vigore il 3 Maggio 2008 (vedi gli articoli della Convenzione alla pagina internet
www.un.org/disabilities e nella sezione pubblicazioni del sito www.unicef.it).
Anche se la Convenzione è per le persone con disabilità, a prescindere dalla
loro età, in questa pubblicazione si analizza cosa significano i diritti nella vita
dei bambini e degli adolescenti, perché tu sei importante!
Perché è importante la Convenzione?
Se tu, i tuoi genitori o qualcun altro nella tua famiglia avete una disabilità,
questa Convenzione offre delle informazioni utili e vi incoraggia. È una guida
per te, per la tua famiglia e per gli amici che vogliono aiutarti ad esercitare i
tuoi diritti. Inoltre, definisce le azioni che i Governi devono intraprendere per
aiutare tutte le persone con disabilità a realizzare i loro diritti.
Persone con disabilità differenti, provenienti da diversi paesi del mondo,
hanno lavorato insieme con i loro Governi per creare questa Convenzione. Si
sono ispirate a efficaci iniziative e alle leggi che stavano aiutando le persone
con disabilità ad andare a scuola, a ottenere un lavoro, a divertirsi e a vivere
una vita felice nella loro comunità.
Molte regole, atteggiamenti e anche gli edifici dovranno essere cambiati per
far sì che un bambino/adolescente con disabilità possa andare a scuola, possa
giocare e partecipare a tutte le cose che desidera fare. Se il tuo Governo ha
ratificato la Convenzione, si è impegnato a far sì che queste cose avvengano.
È importante ricordare che i diritti elencati in questa Convenzione non sono
diritti nuovi. Sono gli stessi diritti riconosciuti nella Dichiarazione Universale
dei Diritti Umani, nella Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza
e in altri trattati internazionali sui Diritti Umani. La Convenzione sui diritti
delle persone con disabilità garantisce che questi diritti siano rispettati per le
persone con disabilità.
lità
i Abi
d
amo
Parli
7
La
Convenzione
sui diritti
delle persone
con disabilità
in breve
L’ottimismo è il motto della nostra vita
Ascoltate amico mio, amici miei
Lasciate che il vostro motto sia l’amore e la fede
La vita è un regalo del nostro Dio misericordioso
A tutte le creature in cielo come in terra
Se avete degli amici con disabilità
Stategli vicino e aiutateli a sentirsi sicuri
Convinceteli ad essere ottimisti e ad amare la vita
Ditegli che la disperazione è codardia
E che la perseveranza e la determinazione sono
segnali di coraggio
La speranza è il nostro obiettivo nella vita
Un sorriso gentile ci unisce
Non c’è disperazione nella vita, né vita nella
disperazione
La Convenzione promette molte cose. I
suoi 50 articoli spiegano chiaramente quali
sono. Nelle pagine che seguono, quando
utilizziamo la parola “governi”, intendiamo i
Governi che hanno ratificato la Convenzione
(detti “Stati parti”).
—Jwan Jihad Medhat, 13 anni, Iraq
Cosa sono le
leggi
Le Leggi sono delle
regole che tutti/e devono
seguire perché le persone
si rispettino e vivano
insieme in sicurezza.
Che cosa significa ratificare
I Governi che ratificano la Convenzione si
impegnano a fare il loro meglio per far rispettare i
suoi articoli. Controlla se il tuo paese ha ratificato
la Convenzione. Se è stato fatto, allora puoi
ricordare ai rappresentanti del Governo le loro
responsabilità. Le Nazioni Unite pubblicano una
lista degli Stati parti che hanno firmato e ratificato la
Convenzione. Per vedere se il tuo paese ha ratificato
la Convenzione, guarda il sito delle Nazioni Unite:
www.un.org/disabilities.
8
LA CONVENZIONE IN BREVE
Articolo 1:
Scopo
Questo articolo riassume l’obiettivo principale della Convenzione, che è quello di
promuovere, proteggere e assicurare il pieno ed eguale godimento di tutti i diritti
umani e delle libertà fondamentali da parte delle persone con disabilità, compresi i
bambini e gli adolescenti.
Articolo 2:
Definizioni
Questo articolo elenca alcune parole che hanno un particolare significato nella
Convenzione. Per esempio, “linguaggio”, comprende le lingue parlate, la lingua dei
segni o altre forme di espressione non verbale. “Comunicazione” comprende le
lingue, la visualizzazione di testi, il Braille (che usa punti in rilievo al posto di lettere
e numeri), la comunicazione attraverso il tatto, stampa a grandi caratteri e le fonti
multimediali accessibili (come i siti web o le fonti audio).
Articolo 3:
Principi generali
I principi (fondamentali) della presente Convenzione sono:
(a) Il rispetto per la dignità intrinseca di ognuno, libertà di compiere le proprie
scelte e l’indipendenza.
(b) Non discriminazione (trattare ogni individuo in modo uguale).
(c) La piena partecipazione e inclusione nella società (essere incluso nella tua comunità).
(d) Rispetto per le differenze e l’accettazione delle persone con disabilità come
parte della diversità umana.
(e) Pari opportunità.
(f) Accessibilità (avere accesso ai trasporti, ai luoghi e all’informazione, l’accesso
non ti deve mai essere negato perché hai una disabilità).
(g) La parità tra uomini e donne (devi avere le stesse opportunità che tu sia una
bambina/ragazza o un bambino/ragazzo).
(h) Rispetto per lo sviluppo
delle capacità dei bambini
Se ci sono delle
e degli adolescenti con
leggi o pratiche che
disabilità e il rispetto per
impediscono a bambini
il loro diritto a preservare
e adolescenti con
la loro identità (essere
disabilità di fare le stesse
rispettato per le tue abilità
cose degli altri bambini
ed essere orgoglioso di
e ragazzi, queste devono
quello che sei).
essere modificate. Il tuo
Lisa Lavoie
Governo deve consultare
Obbligi generali
le organizzazione di
Non ci dovrebbero essere leggi
bambini e adolescenti
che discriminano le persone
con disabilità per
con disabilità. Se necessario, i
modificare tali leggi e
governi devono creare nuove
politiche.
leggi per proteggere i diritti
delle persone con disabilità e tradurre queste
leggi in azione. Se vecchie leggi o tradizioni discriminano le persone con disabilità,
ilità
di Ab
o
i governi dovrebbero trovare il modo di modificarle.
m
rlia
Articolo 4:
Pa
9
LA CONVENZIONE IN BREVE
Per sviluppare nuove leggi e politiche, i Governi dovrebbero farsi consigliare dalle
persone con disabilità, compresi i bambini e gli adolescenti con disabilità.
Articolo 5:
Uguaglianza e non discriminazione
I Governi riconoscono che tutte le persone hanno il diritto di essere protette dalla legge
e che le leggi di un paese riguardino tutte le persone che vivono su quel territorio.
Articolo 6:
Donne con disabilità
I Governi riconoscono che le donne, le bambine e le ragazze con disabilità sono soggette
a molte discriminazioni. I Governi prenderanno ogni misura appropriata per assicurare il
pieno godimento di tutti i diritti umani e delle libertà fondamentali.
I bambini e gli adolescenti con disabilità
I Governi sono d’accordo
di adottare ogni
misura possibile
I bambini/e, i ragazzi/e con disabilità hanno gli
per assicurare
stessi diritti di tutti gli altri bambini e ragazzi.
a bambini e
Hanno il diritto di andare a scuola, di giocare e di
adolescenti con
essere
protetti dalla violenza, di essere ascoltati
disabilità il pieno
sulle
decisioni
che li riguardano. I Governi devono
godimento di
dare
le
informazioni
e il supporto necessario
tutti i diritti umani
affinché bambini e adolescenti con disabilità
e delle libertà
possano realizzare questo diritto.
fondamentali.
Garantiranno
che bambini e
adolescenti con
I media
disabilità possano esprimere le loro
dovrebbero
opinioni liberamente. Ciò che è meglio
dare notizia
per loro deve essere sempre preso in
delle ingiustizie
considerazione in modo prioritario.
nei confronti dei
bambini, degli
Articolo 8: Accrescimento della consapevolezza
adolescenti e
degli adulti con
I Governi dovrebbero educare ai diritti delle
disabilità.
persone con disabilità, sulle loro conquiste
e le loro capacità. I Governi si impegnano
a combattere gli stereotipi, i pregiudizi e le
attività che possono arrecare danno alle persone
con disabilità. La tua scuola, ad esempio, dovrebbe promuovere
un atteggiamento di rispetto anche tra i bambini molto piccoli.
Articolo 9: Accessibilità
I Governi si impegnano a far sì che le persone con disabilità possano vivere in maniera
indipendente e possano partecipare alla vita delle loro comunità. Tutti gli spazi aperti al
pubblico, compresi edifici, strade, scuole e ospedali, devono essere accessibili a bambini,
adolescenti e adulti con disabilità. Se sei in un edificio pubblico e hai bisogno di aiuto, una
persona che conosce la lingua dei segni dovrebbe essere presente per darti assistenza.
10
Lisa Lavoie
Articolo 7:
LA CONVENZIONE IN BREVE
“Pace per ogni bambino”, Ani Verdyan, 8 anni, Armenia
E la tecnologia
I telefoni, i computer e le altre tecnologie
dovrebbero essere facili da utilizzare per le
persone con disabilità. Ad esempio, i siti
web possono essere disegnati in modo che
le persone che hanno difficoltà a utilizzare
le tastiere, vedere o sentire possano aver
accesso alle informazioni in formati diversi.
Il computer può essere dotato di una
tastiera braille, o può essere utilizzato un
sintetizzatore vocale per riconoscere le parole
che appaiono sullo schermo.
lità
i Abi
d
amo
Parli
11
LA CONVENZIONE IN BREVE
Articolo 10:
Diritto alla vita
Ogni essere umano è nato con il diritto alla vita. I Governi garantiscono che questo è
ugualmente vero per le persone con e senza disabilità.
Articolo 11:
Tu hai il diritto
alla vita. È il
tuo regalo, e
nessuno, per
legge, può
privartene.
Articolo 12: Eguale riconoscimento di fronte
alla legge
Le persone con disabilità hanno il diritto di godere della ‘capacità
giuridica’ allo stesso modo delle altre persone. Questo significa che, quando cresci, che tu
abbia o no una disabilità, puoi fare cose come, ad esempio, chiedere un prestito per studiare
o firmare un contratto per affittare il tuo appartamento. Puoi avere o ereditare una proprietà.
Articolo 13: Accesso
alla giustizia
Se sei vittima di un crimine o hai visto altri offesi o accusati di aver fatto qualcosa
di sbagliato, hai il diritto di essere trattato in modo equo quando il tuo caso viene
esaminato e risolto. Devi essere aiutato ad esprimerti in tutti i procedimenti legali.
Articolo 14:
Libertà e sicurezza della persona
I Governi devono proteggere la libertà delle persone con disabilità allo stesso modo
delle altre persone.
Articolo 15:
Diritto di non essere sottoposto a tortura, pene o trattamenti crudeli, inumani o
degradanti
Nessuno deve essere torturato, umiliato o trattato in modo crudele. Nessuno può
essere sottoposto, senza il proprio consenso, a sperimentazioni mediche o scientifiche.
Articolo 16:
Diritto di non essere sottoposto a maltrattamenti, violenza e abuso
I bambini e adolescenti con disabilità devono essere protetti dai maltrattamenti,
dalla violenza e dagli abusi. Non devono essere maltrattati o feriti né all’interno né
all’esterno della loro casa. Se tu sei stato vittima di maltrattamento o violenza, hai il
diritto di ricevere aiuto per fermare l’abuso e di ricevere assistenza.
Articolo 17:
Protezione della persona
Nessuno può trattarti in modo diverso da un’altra persona a causa della tue abilità
fisiche o mentali. Tu hai il diritto di essere rispettato dagli altri per quello che sei!
12
Lisa Lavoie
Situazioni di rischio ed emergenze
umanitarie
Le persone con disabilità hanno lo stesso
diritto di ogni altra persona di essere
protette e messe al sicuro durante le
situazioni di conflitto armato, emergenza
umanitaria o disastro naturale, come
ad esempio una tempesta. Non puoi
legalmente essere escluso da un rifugio o
lasciato da solo a causa della tua disabilità,
mentre altri ricevono assistenza.
LA CONVENZIONE IN BREVE
Articolo 18:
Libertà di movimento e cittadinanza
Ogni bambino/a ha il diritto di essere registrato/a alla nascita, di avere un nome, una
nazionalità, e per quanto possibile, ha il diritto di conoscere e di essere curato/a dai
propri genitori. Nessuno può impedirgli di entrare o di lasciare un paese a causa della
sua disabilità.
Articolo 19: Vita
indipendente e inclusione nella comunità
Le persone hanno il diritto di scegliere dove vivere, sia che abbiano o non abbiano
una disabilità. Quando cresci, hai il diritto di vivere in modo indipendente, se lo
preferisci, e hai il diritto di essere incluso nella tua comunità. Devi avere accesso ai
servizi di assistenza se ne hai bisogno, di sostegno per vivere nella comunità, come ad
esempio servizi domiciliari o servizi di assistenza personale.
Articolo 20:
Mobilità personale
I bambini e gli adolescenti con disabilità hanno il diritto di muoversi e di essere
indipendenti. I Governi devono aiutarli a farlo.
Articolo 21:
Libertà di espressione e opinione e accesso all’informazione
Le persone hanno il diritto di esprimere la loro opinione, cercare, ricevere e
condividere informazioni e hanno il diritto di ricevere informazioni nelle forme che
possono comprendere e utilizzare.
Articolo 22:
Rispetto della vita privata
Nessun può interferire nella vita privata delle persone, sia che abbiano o non abbiano
una disabilità. Le persone che hanno informazioni sugli altri, come ad esempio sul
loro stato di salute, devono mantenere queste informazioni riservate.
Articolo 23:
Lisa Lavoie
Rispetto del domicilio e della famiglia
Le persone hanno il diritto di vivere con la proprie famiglie. Se tu hai una disabilità, il tuo
Governo deve sostenere la tua famiglia relativamente alle spese legate alla disabilità,
fornire informazioni e servizi. Non devi
essere separato dai tuoi genitori
perché hai una disabilità! Se non
puoi vivere con la tua famiglia,
il Governo deve assicurarti
I bambini e gli
una sistemazione alternativa
adolescenti
all’interno della famiglia allargata
con disabilità
o della comunità. I giovani con
hanno il diritto
disabilità hanno gli stessi diritti
di muoversi
di tutti gli altri, hanno il diritto di
e di essere
ricevere informazioni sulla salute
indipendenti
riproduttiva e sessuale e hanno lo
stesso diritto degli altri di sposarsi
e di creare una famiglia.
lità
i Abi
d
amo
Parli
13
LA CONVENZIONE IN BREVE
“La vita di ogni giorno nella mia comunità”, Pedro José Rivera, 14 anni, Nicaragua
Articolo 24:
Istruzione
Le persone hanno il diritto di andare a scuola. Se tu hai una disabilità, non puoi
essere escluso dal sistema di istruzione per questa ragione. Non devi essere educato
in scuole speciali. Hai il diritto di ricevere la stessa istruzione e di seguire lo stesso
curriculum formativo degli altri bambini e ragazzi, il tuo Governo deve darti l’aiuto di
cui hai bisogno per far sì che questo accada. Ad esempio, mettendo a disposizione
forme e mezzi di comunicazione alternativi in modo che i tuoi insegnanti possano
capire come rispondere alle tue necessità.
Articoli 25 e 26:
Salute e riabilitazione
Le persone con disabilità hanno il diritto di accedere alla stessa gamma, qualità e
standard di servizi e programmi sanitari, gratuiti o a costi sostenibili, al pari di tutte
le altre persone. Se hai una disabilità, hai il diritto di accedere ai servizi di cura e
riabilitazione.
Articolo 27:
Lavoro e occupazione
Le persone con disabilità hanno lo stesso diritto di lavorare e di scegliere liberamente
il lavoro senza discriminazioni.
14
LA CONVENZIONE IN BREVE
Articolo 28: Adeguati
livelli di vita e protezione sociale
Le persone con disabilità hanno diritto ad avere adeguate condizioni di alimentazione,
abbigliamento e alloggio senza discriminazione. I Governi devono aiutare i bambini e
gli adolescenti con disabilità che vivono in povertà.
Articolo 29:
Partecipazione alla vita politica e pubblica
Le persone con disabilità hanno diritto di partecipare alla vita politica e pubblica.
Quando raggiungi l’età stabilita dal tuo paese, hai il diritto di formare un gruppo, di
svolgere funzioni pubbliche, di accedere alle cabine elettorali, di votare e di essere
eletto per posizioni a tutti i livelli del governo, sia che tu abbia o non abbia una
disabilità.
Articolo 30:
Partecipazione alla vita culturale e ricreativa, agli svaghi e allo sport
Le persone con disabilità hanno lo stesso diritto degli altri di partecipare e di godere
delle arti, degli sport, dei giochi, dei film e delle altre attività ricreative. Per questa
ragione, i teatri, i musei, i campi da gioco e le librerie devono essere accessibili a
tutti/e, compresi i bambini e gli adolescenti con disabilità.
Articolo 31:
Statistiche e raccolta dati
I paesi devono raccogliere dati sulle disabilità per sviluppare programmi e servizi
migliori. Le persone con disabilità che contribuiscono alla ricerca hanno il diritto
di essere trattate in modo rispettoso e umano. Ogni informazione personale che
condividono deve essere trattata in modo confidenziale. Le statistiche raccolte devono
essere accessibili sia alle persone con disabilità sia alle altre.
Articolo 32:
Cooperazione internazionale
I paesi devono aiutarsi a vicenda ad attuare gli articoli
di questa Convenzione. Questo comprende il fatto che
i paesi con più risorse (come informazioni scientifiche
e tecnologie utili) sono invitati a condividerle con gli
altri paesi, in modo che molte più persone nel mondo
possano godere dei diritti della Convenzione.
Articoli 33 e 50:
Lisa Lavoie
Regole sulla cooperazione, monitoraggio
e implementazione della Convenzione
La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità
ha 50 articoli. Gli articoli dal 33 al 50 descrivono come
gli adulti, in particolar modo le persone con disabilità
e le loro organizzazioni, e i Governi devono lavorare
insieme per garantire che le persone con disabilità
possano godere di tutti i loro diritti. Puoi leggere il testo
di questi articoli alla pagina www.un.org/disabilities e
la versione italiana nella sezione pubblicazioni del sito
www.unicef.it.
lità
i Abi
d
amo
Parli
15
“Noi stiamo giocando”, Tatev Danielyan, 15 anni, Armenia
Due Mondi…
Diviso tra l’ascolto di
Suoni e silenzio,
Incerto, incapace di integrarsi…
Le lacrime scendono…
Inconsapevolmente, l’uno e l’altro
respingono
Rifiutato, ti fanno sentire
Che non gli appartieni…
Le lacrime scendono...
Salvo alcune mani,
Tirano, spingono, incoraggiano,
Sono implacabili…
Le lacrime scendono, un sorriso cresce…
Ancora bloccato tra loro,
Ma amato …
— Sarah Leslie, 16 anni,
Stati Unti d’America
16
Come i diritti diventano realtà
I diritti dei bambini e degli adolescenti con disabilità sono gli stessi di tutti i bambini
e ragazzi. Sta a te informare il mondo sull’esistenza della Convenzione. Le persone
devono farsi sentire e agire se vogliono che le loro società includano tutti/e.
Se hai una disabilità, la Convenzione dà a te, al tuo Governo e alla tua famiglia gli
strumenti per raggiungere i tuoi diritti e i tuoi sogni. Dovresti avere la possibilità, come
tutti gli altri bambini e ragazzi, di andare a scuola e di partecipare anche ad altre attività.
Gli adulti nella tua vita dovrebbero aiutarti a muoverti, a comunicare a giocare con altri
bambini e adolescenti, indipendentemente
dal tipo di disabilità che hai.
Tu sei un cittadino, un membro della
tua famiglia e della comunità, e puoi
dare un grande contributo.
Cosa puoi fare?
Alzati in piedi per i tuoi diritti e altri
saranno al tuo fianco. Tutti i bambini
e gli adolescenti POSSONO andare a
scuola, POSSONO giocare e POSSONO
partecipare a qualunque cosa. Non si tratta
di “non posso”, ma di POSSO.
—Victor Santiago Pineda
È importante cambiare atteggiamenti e
regole perché i bambini e gli adolescenti
con disabilità possano andare a scuola,
giocare e prendere parte alle attività che ogni bambino o ragazzo desidera. La tua scuola
include i bambini e/o gli adolescenti con disabilità nelle classi e nelle altre attività? Le tue
insegnanti ascoltano e rispondono a chi di voi ha dei bisogni speciali? C’è una rampa
d’accesso, un interprete della lingua dei segni o strumenti tecnologici di supporto?
Bene! Allora la tua scuola tratta i bambini e gli adolescenti con disabilità in egual modo
dando loro la stessa possibilità di apprendere. La tua scuola segue la Convenzione.
Sfortunatamente, non tutte le persone riservano ai bambini e agli adolescenti con
disabilità un trattamento uguale. Tu puoi avere un ruolo importate per rendere più
inclusiva la tua comunità. Puoi iniziare nella tua famiglia o nella tua scuola per
cambiare gli atteggiamenti dei tuoi genitori o dei tuoi insegnanti.
Ci sono molte cose che puoi fare per insegnare agli altri la Convenzione sui diritti
delle persone con disabilità e informarli sul potenziale dei giovani con disabilità. Ad
esempio, puoi:
● Partecipare a un’organizzazione o a una campagna. La forza è nei numeri. Puoi
unire le forze con quelle degli altri, puoi appoggiarti o unirti a una sezione locale
di un’organizzazione nazionale o internazionale. Queste organizzazioni potrebbero
avere dei programmi e delle campagne specificatamente per i giovani.
● Creare il tuo progetto. Puoi iniziare una campagna di sensibilizzazione, organizzare
un evento di raccolta fondi, fare un’indagine (Qualcuno che conosci è trattato
ingiustamente? La tua scuola ha solo scale e niente rampe?), scrivi una petizione
per rimuovere le barriere che hai incontrato.
● Organizzare un club per promuovere la Convenzione. Metti insieme bambini e
adolescenti con diverse abilità, organizza degli eventi sociali con tutti i tuoi amici e
lità
i Abi
d
amo
Parli
17
invita altre persone ad unirsi a voi. Organizza delle serate cinematografiche o delle
cene insieme. Divertitevi e godete dei doni e delle abilità di ognuno di voi.
● Fare delle presentazioni nella tua scuola e nelle scuole del territorio sui diritti
delle persone con disabilità. Sii creativo. Prepara dei cartelloni o organizza degli
spettacoli teatrali per aiutare i tuoi compagni a comprendere i diritti che sono
inclusi nella Convenzione. Chiedi a un genitore o a un’insegnante di aiutarti a
organizzare la presentazione, e pianifica dove e quando farla. Invita i tuoi compagni
ad assistere alla presentazione.
● Esprimersi attraverso l’arte, con un gruppo di amici, sui diritti delle persone con
disabilità. Possono essere disegni, pitture o sculture – tutto quello che vuoi per
aiutare a diffondere le informazioni. Cerca di esibire il tuo lavoro nella scuola, nelle
biblioteche, nelle gallerie o nei ristoranti – ovunque le persone possano ammirare la
tua arte. Nel tempo puoi spostare la tua mostra in diverse località e condividere la
Convenzione con molte persone.
● Condividere le tue esperienze e lezioni apprese con gli altri. UNICEF Voices of Youth
www.unicef.org/voy è un forum di discussione per i giovani molto conosciuto.
Queste sono solo alcune delle idee che puoi realizzare – l’unico limite
è il cielo. Chiedi a un adulto di fiducia di aiutarti ad organizzare la tua
attività e divertiti!
“Rock band di bambini e adolescenti con disabilità,” Valeria D’Avola, 12 anni, Italia
18
Metti alla prova le
tue conoscenze
(1) Inserisci la parola mancante.
a. Uno dei principi della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità è la
piena partecipazione e _________________nella società.
b. Molte regole, atteggiamenti ed edifici esistenti hanno bisogno di essere
______________ per assicurare che ogni bambino/a e adolescente con disabilità
possa andare a scuola, giocare e partecipare in ogni attività che desideri.
c. Ogni persona ha ___________________ diritti.
d. Le leggi non dovrebbero ________________ le persone con disabilità.
e. ___________________adotta diverse forme; può essere scritto, parlato o segnato.
(2) Risolvi gli anagrammi e forma una frase con le seguenti parole.
nio _________________ smoia ____________________ titut __________________
e ___________________ iverdsi ____________________ ttiut __________________
biamabo ____________ aitàbil ____________________ disever _______________
e ___________________ biamabo __________________ uttit __________________
igl __________________ irditit _____________________ stsesi _________________
_______________________________________________________________________________
_______________________________________________________________________________
lità
i Abi
d
amo
Parli
19
20
Risposte:
(1) a. Inclusione; b. cambiamento; c. uguali; d. discriminare; e. linguaggio.
(2) Noi siamo tutti diversi abbiamo tutti abilità diverse e abbiamo tutti gli stessi diritti.
(3) Hanno tutti gli stessi diritti.
____________________________________________________________________________
Lisa Lavoie
(3) Che cosa hanno in comune questi bambini e adolescenti?
GLOSSARIO
Adottare: Approvare o accettare
formalmente (ad esempio una Convenzione o
una dichiarazione).
Articoli: Un paragrafo o una sezione
numerata di un documento legale; questi
numeri rendono facile trovare le informazioni,
scrivere o discutere dei singoli argomenti.
Tecnologie assistite: Sono gli strumenti
che ti aiutano a fare cose che diversamente
non riusciresti a fare, ad esempio, una sedia
a rotelle per aiutarti a muoverti o caratteri
ingranditi sullo schermo di un computer per
aiutarti a leggere.
Comitato: Un gruppo di persone scelte per
lavorare insieme e per aiutare un gruppo più
grande di persone.
Comunicazione: Condividere le
informazioni. È anche un modo per leggere,
parlare o comprendere le informazioni
mediante strumenti multimediali, come ad
esempio, stampa a caratteri grandi, Braille,
lingua dei segni o avere qualcuno che legge
ad alta voce.
La Convenzione: Un trattato o un accordo di
un gruppo di paesi per sviluppare e osservare
le stesse leggi.
La Convenzione sui diritti dell’infanzia
e dell’adolescenza: Accordo per assicurare
a tutti i bambini e gli adolescenti di godere
dei loro diritti come membri della società e di
ricevere cure speciali e protezione di cui hanno
bisogno come bambini e ragazzi. È il trattato
sui diritti umani più ratificato nella storia.
La Convenzione sui diritti delle persone
con disabilità: Accordo per assicurare che
tutte le persone, compresi i bambini e gli
adolescenti con disabilità, possano godere dei
loro diritti.
Dignità: Il tuo valore intrinseco e la tua
rispettabilità come essere umano. La tua
autostima. Essere trattato/a con dignità
significa essere trattato/a con rispetto dalle
altre persone.
Discriminazione: Un trattamento ingiusto
da parte di una persona o di un gruppo per
qualunque ragione: razza, religione, genere o
diverse abilità.
Implementazione: Mettere in atto una cosa.
Implementare gli articoli della Convenzione
significa trasformare le sue promesse in
realtà.
Dignità intrinseca: La dignità con cui
nascono tutte le persone.
Legale: Riguardo a, basato su o richiesto
dalla legge.
Distrofia muscolare: Una condizione che
causa l’indebolimento dei muscoli nel tempo.
Ratifica (ratificare): Quando una
convenzione (o accordo) è ufficialmente
approvata da un paese, questa diventa una
legge di quel paese.
Stati parti: Sono i paesi che hanno firmato e
ratificato la Convenzione.
UNICEF: Il Fondo delle Nazioni Unite per
l’Infanzia. È l’agenzia delle Nazioni Unite
che lavora per i diritti dei bambini e degli
adolescenti, per la loro sopravvivenza, il loro
sviluppo e la loro protezione, per rendere
il mondo un luogo migliore, più sicuro e
un luogo più a misura dei bambini e degli
adolescenti – e per tutti noi.
Le Nazioni Unite: Un’organizzazione che
riunisce quasi tutti i paesi del mondo. I
Governi s’incontrano nella sede delle Nazioni
Unite a New York e lavorano insieme per la
pace e per un mondo migliore.
Dichiarazione Universale dei Diritti
Umani: Firmata il 10 Dicembre 1948 da tutti i
paesi membri delle Nazioni Unite è l’accordo
che elenca i diritti di tutte le persone.
lità
i Abi
d
amo
Parli
21
DALL’ITALIA
LA CONVENZIONE IN BREVE
C
i fa piacere aggiungere a completamento di questa pubblicazione i disegni
e le poesie elaborati dalle ragazze e dai ragazzi della II C (Anno scolastico
2007-2008) Scuola Secondaria di Primo Grado “Anna Frank” di Meda (Milano).
I disegni sono stati esposti nella mostra “TUTTI DIVERSI, NESSUNO ESCLUSO”
allestita in occasione del Convegno del 5 Febbraio 2008 “I diritti dei bambini e
degli adolescenti con disabilità”, organizzata in collaborazione con l’Università
Cattolica del Sacro Cuore e la Provincia di Milano.
Dignità
… però io chiedo
Dignità significa
Vivere e muoversi in libertà.
Dignità significa
Poter esprimere la propria individualità.
Dignità significa
Dare valore ad ogni disabilità.
Io posso correre
nei prati della fantasia;
io chiedo di camminare sicura
lungo ogni strada.
— Riccardo Boga, 12 anni
La luce del cuore
Un raggio di luce
penetra dalla finestra;
entra
la luce del mondo
la luce del sole.
Io vedo le cose
intorno a me.
Proprio tutte?
No.
Senza la luce del sole
non si vede il concreto.
Con la luce del cuore
si vedono
i sentimenti,
le emozioni,
l’impossibile.
Chi non vede il sole
vede
l’Anima.
— Ilaria Candio, 12 anni
22
Io posso raggiungere una casa
nel mio cuore;
io chiedo di poterne
salire le scale.
Io posso sentire
le armonie della vita;
io chiedo che la mia voce sia ascoltata
dalle istituzioni.
Io posso recitare
nel teatro dei sentimenti;
io chiedo di essere protagonista
delle scelte che mi riguardano.
Io posso accogliere l’amore
di chi mi sta vicino;
io chiedo che il mondo
mi rispetti per ciò che sono.
Io posso sentirmi
diverso;
io chiedo che le nostre diversità
siano uguali.
— Camilla Grassi, 12 anni
DALL’ITALIA
LA CONVENZIONE
IN BREVE
Fabio Giorgetti, 12 anni
Thomas Oggioni, 12 anni
Simone Stefani, 12 anni
Wisal Hamandi, 12 anni
Martina Costanzo, 12 anni
lità
i Abi
d
amo
Parli
23
DALL’ITALIA
LA CONVENZIONE IN BREVE
Valeria D’Avola, 12 anni
Carlo Russi, 12 anni
Edoardo Campioli, 12 anni
Davide Baldessin, 12 anni
Riccardo Viel, 12 anni
24
LA CONVENZIONE
IN BREVE
DALL’ITALIA
Ilaria Candio, 12 anni
Camilla Grassi, 12 anni
Eleonora Severini, 12 anni
Diego Antonio Romani, 12 anni
Alessandra Pugliese, 12 anni
lità
i Abi
d
amo
Parli
25
Stampa Primegraf - Roma
© Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF)
Dicembre 2008
ii
COD. NC080054
Comitato Italiano per l’UNICEF Onlus
Via Palestro, 68
000185 Roma
Tel. 06 478091 – Fax 06 47809270
C.F. 01561920586
[email protected]
www.unicef.it
Fly UP