...

Ce la faremo o non ce la faremo? A far cosa? A

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Ce la faremo o non ce la faremo? A far cosa? A
“Ce la faremo o non ce la faremo? A far cosa? A far diventare grandi,
sufficientemente responsabili, autonomi e adulti i nostri figli, capaci a loro volta di
trasmettere qualcosa a qualcuno altro. Nella maggior parte dei casi ci si può
riuscire, in qualcun altro può drammaticamente accadere di non riuscirvi o di
correre il rischio di non riuscirvi”. (M. Mastella, “Sognare e crescere il figlio di
un’altra donna. Ascoltando e sperando con i genitori adottivi”, 2009, ed.
Cantagalli, p. 80)
ADOZIONE: ANCHE IN TICINO OCCORRE DARSI UNA MOSSA.
A cura di SPAZIOADOZIONE TICINO (www.spazioadozione.org)
Due precisazioni
Il testo che segue è frutto di riflessioni di un gruppo di genitori adottivi di SPAZIOADOZIONE TICINO, non
di professionisti nella materia. Non ha quindi nessuna pretesa scientifica.
Le ampie note a piè di pagina hanno lo scopo di cercare di far breccia tra gli scettici e fornire
documentazione d’appoggio e riflessioni puntuali. No, non siamo noi genitori a inventarci certe cose per
spiegare perché i nostri figli sono spesso in difficoltà; è invece il mondo degli adulti ad aver messo
(altrove) e spesso mantenuto (da noi) i nostri figli in difficoltà. E quindi i conti li dobbiamo fare tra noi
adulti, anche qui da noi, dove li abbiamo portati per avere una vita migliore. Non possiamo eludere
questo compito, come ci aiutano a capirlo, appunto, anche le note a piè di pagina.
Premessa
Si sa (o si dovrebbe sapere) che il percorso adottivo è difficile e a volte doloroso per i figli stessi e per i
genitori.
Noi siamo “cambiati assieme” (come ha scritto in un bel testo una di noi nel nostro blog 1, perché, per
circostanze varie, abbiamo capito che star male da soli e senza condividere le nostre esperienze con altri
genitori nella medesima situazione, avrebbe solo peggiorato le cose.
Sappiamo però che altri genitori adottivi non riescono a fare questo passo per mille motivi, anche
per sfinimento (letteralmente). È una condizione che capiamo, per avere vissuto anche noi periodi in cui
l’unico orizzonte di vita è stata la “sopravvivenza”. Questa condizione è del resto documentata in molti
testi sull’esperienza adottiva:
“Appare, nell’ultimo intervento riportato (di un genitore adottivo, ndr), il coraggio di ammettere… la
tentazione di sfuggire, di andarsene altrove, quando la tensione diventa troppo elevata e drammatica. Si
comprende bene quanto sosteneva D. Winnicott, che in taluni momenti l’unico obiettivo del genere è
quello di sopravvivere, fisicamente e mentalmente, come persona e come genitore, tollerando frustrazioni
e profondi sensi di impotenza” 2.
1 http://www.spazioadozioneticino.blogspot.ch/2014/03/come-siamo-cambiati-insieme-solo-se-sai_17.html
2 Marco Mastella, Sognare e crescere il figlio di un’altra donna. Ascoltando e sperando con i genitori adottivi, ed.
Cantagalli, 2009, p.90
Il dolore e le difficoltà di molte famiglie adottive sono ormai noti. Le istituzioni però non sono spesso
ancora in grado di capire e aiutare.
La nostra esperienza ci indica una situazione desolante e paradossale: gli interventi delle figure
professionali, fanno a volte più danni che bene. “Più danni che bene”, lo diciamo espressamente poiché
l’intervento inadeguato in questo campo, come in altri, crea danni.
Come mai questa situazione?
1. Un problema di consapevolezza e conoscenza
Riteniamo che in Ticino, come altrove del resto, vi sia ancora una grande lacuna nella conoscenza reale e
profonda del fenomeno adottivo (o meglio della tragedia dell’abbandono che precede l’adozione).
I bambini adottati provengono da paesi e realtà che non conosciamo, da esperienze a volte terribili. Nella
nostra società, che pure presenta situazioni di trascuratezza di minori e di degrado famigliare, non
abbiamo esperienza di situazioni estreme come quelle spesso vissute dai bambini che arrivano in
adozione da noi. Inoltre, da noi sono rari i casi di abbandono totale di bambini da parte dei loro genitori,
in particolare della madre preposta ad accudirli. Ci siamo accorti che chi entra in contatto con questi
bambini non ha gli strumenti per capire fin nel profondo questa situazione esistenziale e le reazioni che
possono derivarne. 3
Pensiamo ai genitori adottivi stessi, ai famigliari, ai vicini; ma anche alle istituzioni come la scuola
(avamposto d’integrazione), i servizi sociali (investiti del “caso” dopo che l’”avamposto d’integrazione”
manifesta la sua impotenza). E poi via via agli altri ambiti sociali, professionali e lavorativi; ai luoghi di
pena e ai giudici che a volte, e non raramente incontrano queste dolorose realtà. 4
Sappiamo certamente che da noi vi sono bambini e ragazzi maltrattati e trascurati; in particolare si
conoscono i traumi riferiti agli abusi sessuali. Sembra però che non si vada oltre quest’”orizzonte”. E
anche in questo contesto, occorre ancora molta informazione. Avverte l’ASPI:
“Uno dei tanti paradossi della nostra società è che riesce a mettere in evidenza un nesso causale
scientifico tra una certa sostanza, per esempio, e lo sviluppo di un particolare tipo di tumore, oppure a
sviluppare delle tecnologie supersofisticate a scala inter-planetaria (robot su Marte!) o al contrario
3 “Una delle paure più comuni è quella di essere abbandonati. L’abbandono è un tema dominante nei miti infantili”,
Herriet Machtiger, cit. in Nancy Newton Verrier,La ferita primaria. Comprendere il bambino adottato, il Saggiatore,
2007, p.100: e ancora
“Se l’esperienza primaria di un bambino adottato è l’abbandono, allora le problematiche più profonde sono la perdita e
la paura di un ulteriore abbandono. Nessuna di queste viene riconosciuta dalla maggior parte delle famiglie adottive
perché spesso l’abbandono è avvenuto assai presto nella vita del bambino. Senza alcun riconoscimento per la sua
perdita né alcuno strumento con cui poter elaborate il proprio dolore, il bambino reagisce come può, con un
comportamento che viene spesso frainteso.” (ibidem)
4
“Les adoptés ont été
continuellement surreprésentés dans les écoles d’enseignement spécialisé, les foyers pour les
jeunes en difficulté et les centres résidentiels de traitement : Les enfants adoptés présentent un taux plus élevé de
délinquance juvénile» (Nancy Newton Verrier, Renuer avec soi. L’enfant adopté devenu adulte, ed. De Boek, 2008,
p.476.)
microscopica (nanotecnologie)... ma resta incapace di rendersi conto del bisogno di protezione dei suoi
propri cuccioli e di prenderli sul serio.” 5
L’abbandono del bambino da parte della madre da cui dipende totalmente, imprime col fuoco nell’anima
del piccolo il sentimento profondo che “non vale nulla”, che è “da buttare” che è “cattivo”. Non a caso
questo sentimento è chiamato “ferita primaria”6
La nostra società, non ha ancora piena consapevolezza di questa situazione; è troppo spesso incapace di
mettere in relazione le innumerevoli difficoltà di molti bambini e giovani (e di conseguenza delle loro
famiglie) ma anche di adulti adottati, con il trauma dell’abbandono, quello radicale, che ha causato la
ferita primaria appunto.
2. Un dato d’esperienza negato?
Ce lo dice la nostra esperienza e quella che regolarmente riscontriamo in chi ci contatta. Da noi in Ticino
questo sforzo di conoscenza deve in sostanza ancora iniziare.
La nostra società (e di riflesso le istituzioni), vive di falsi miti 7per quanto riguarda l’adozione: che
l’amore basti, che la formazione dei genitori adottivi non sia fondamentale e via dicendo. Certo, nessuno
lo ammetterà, ma è così nella pratica e in questo campo è la pratica che fa la differenza.
Se vi fossero realmente consapevolezza e conoscenza, per esempio, la formazione e l’aiuto ai genitori (e
alla famiglia allargata in cui il bambino in definitiva si troverà a crescere), continuerebbe in modo serio
anche dopo l’arrivo del bambino, protraendosi nel tempo, come ogni formazione.
Nelle biblioteche del Dipartimento della sanità e della socialità non abbiamo trovato (a meno di esserci
clamorosamente passati accanto) testi adeguati sul tema dell’adozione; neppure la scuola fornisce ai
docenti strumenti, oggi presenti, per intervenire tenendo conto della specificità di un allievo adottato che
si trova in difficoltà 8
5 www.aspi.ch alla voce “La prevenzione è efficace”
6 Si sa oggi “che il bonding [il processo di attaccamento che si sviluppa subito dopo il parto tra i genitori e il bambino,
ndr.] non inizia con la nascita, ma è un continuum di eventi fisiologici, psicologici e spirituali che iniziano nell’utero e
continuano nel periodo postnatale. Quando questa evoluzione naturale è interrotta da una separazione postnatale dalla
madre biologica, l’esperienza di abbandono e perdita che ne deriva si imprime in maniera indelebile nelle menti
inconsce di questi bambini, causando quella che io chiamo “ferita primaria” (Nancy Newton Verrier, La ferita primaria.
Comprendere il bambino adottato, il Saggiatore, 2007, p.25.)
7 Johanne Lemieux, La normalité adoptive. Les clés pour accompagner l’enfant adopté, ed. Québec Amérique, 2013,
p.67 segg.
8 “…se andiamo a cercare in profondità, ogni piccolo umano apprende secondo suoi criteri particolari. Nei bambini
adottivi però, possiamo affermare che esistono difficoltà specifiche. Gli ostacoli più evidenti sono in genere quelli che
hanno a che fare con l’’impossibilità di pensare alle proprie origini. Ipotizziamo che questo blocco costituisca un
impedimento verso ogni forma di apprendimento che venga in qualche modo, esplicito o meno, ricollegato
all’abbandono subìto. L’abbandono è un ferita narcisistica primaria eventualmente rimarginabile e cicatrizzabile, ma
inguaribile in profondità” (Claudia Artoni Schlesinger e Patrizia Gatti, Adozione e Apprendimento scolastico, Conferenza
tenutasi a Lugano il 12 aprile 2008 in occasione della giornata di studio organizzata dall’associazione CHABA e da noi,
pubblicata
sul
nostro
sito
(http://www.spazioadozioneticino.blogspot.ch/2009/04/adozione-e-apprendimento-
Come le carenze di documentazione nelle biblioteche, anche l’inadeguatezza delle risposte della società,
sono la miglior cartina di tornasole per rendersi conto che l’adozione viene ancora percepita dalle nostre
istituzioni (riflettendo in ciò la nostra cultura) sostanzialmente come un “non problema” 9 E quindi,
quando il comportamento dei bambini o ragazzi adottati è inadeguato, si mettono in atto spesso strategie
sbagliate, che portano nei fatti, all’esclusione e all’emarginazione. 10
E difatti, i genitori in grave difficoltà che si rivolgono alla nostra piccola associazione, esprimono stupore
per il nostro grado di consapevolezza e fastidio per non essere stati sufficientemente preparati ad
affrontare le avversità che ogni genitore adottivo deve mettere in concreto conto (anche se per fortuna
non vi s’imbatterà necessariamente). Quando poi questi genitori si rivolgono ai servizi per aiuto e non
sono capiti e seguiti adeguatamente, l’effetto è devastante.
Di fronte a un comportamento anomalo del bambino o ragazzo adottato (compiacente e remissivo,
evitante o invece disturbante, scontroso, ambivalente, disorganizzato, ostile, violento verso gli altri o
distruttivo verso se stesso), la gente non capisce come mai un bambino o ragazzo che ha “ritrovato una
famiglia”, non si comporti come tutti gli altri ragazzi. Come se il brutto sogno fosse finito e da
dimenticare o, addirittura, già dimenticato. Dicevamo che nel profondo si pensa che l’amore dei nuovi
genitori e di chi circonda il ragazzo adottato basti a cancellare la profonda ferita rimasta aperta.
E’ facile per tutti capire che un gatto o un cane privato troppo presto delle cure della madre, o un animale
maltrattato, manifestino paura, insicurezza, aggressività, anche dopo essere entrati in una famiglia di
umani che li accudiscono.
Perché non si vuole capire che la stessa cosa succede anche a un cucciolo d’uomo?
Forse è perché crediamo che abbia intelligenza e razionalità sufficienti per superare la visione del mondo
che si è impressa nella sua testa durante le precoci e negative esperienze subite: una visione del mondo
costruita sulla paura, sulla diffidenza, sulla mancanza di fiducia negli altri – et pour cause! -; e di
scolastico.html) e pubblicata sulla rivista italiana di studi psicoanalitici e dell’adolescente Richard e Piggle, n.1- 2009).
Ne consigliamo la lettura anche per i modi con cui le autrici hanno affrontato in terapia – in genere con i genitori - le
difficoltà anche scolastiche dei ragazzi.
9 Eppure la differenza sta tutta nell’avere la curiosità e nel decidere se approfondire il perché di quanto l’esperienza ci
propone anche da noi: “Pensavo comunque che esisteva qualche tipo di problema, perché mi accorgevo che gli
adottati erano assai presenti percentualmente nella psicoterapia. … Secondo le statistiche in California, sebbene nel
1985 gli adottati fossero il 2-3 percento della popolazione di questo stato, rappresentavano il 30-40 per cento degli
individui che si trovavano in istituti di cura, riformatori e scuole speciali. Tra di loro vi era un’alta incidenza di
delinquenza giovanile, promiscuità sessuale e molti casi di fughe da casa. Avevano più difficoltà a scuola sia dal punto
di vista didattico che sociale rispetto alle persone non adottate.” (Nancy Newton Verrier, La ferita primaria.
Comprendere il bambino adottato, il Saggiatore, 2007, p.20.)
10 “Bisogna acquisire maggior consapevolezza del fatto che i problemi di bambini disturbati e distruttivi che non
vengono aiutati in modo adeguato, diventano rapidamente problemi della società…Molti ragazzini lievemente disturbati
che sono esclusi dalla scuola potrebbero, con un adeguato supporto essere aiutati a superare le loro difficoltà. Invece
vengono rifiutati e lasciati nella disperazione, in preda ai soli gruppi sociali che danno loro autostima. …Essi sono il
risultato finale di un sistema che non li ha protetti, nutriti, educati (Bennathan, 1992: pp.48-49) citato da Louise
Bomber, op.cit. p.49.)
conseguenza, non capiamo che possa manifestare per esempio panico di fronte al rischio di perdere
nuovamente il controllo, o usare l’aggressività come modalità di reazione e esternare altre manifestazioni
non usuali per altri 11
Eppure la nostra stessa esperienza di persone cresciute in un ambiente sufficientemente sano, ci insegna
che anche noi siamo spesso sopraffatti da emozioni che non controlliamo appieno. Ma perché allora un
bambino adottato dovrebbe cancellare il suo terribile passato mentre a noi a volte sembra normale
portarcelo dietro vivendolo come un pesante fardello?
Questo è tuttora l’approccio nella nostra cultura e di molti (troppi) professionisti che in questo modo non
aiutano. 12
3. Una nuova visione
Occorre invece adottare un punto di vista del tutto diverso, cambiare paradigma. 13 Prendere cioè
consapevolezza che l’adozione (che spesso resta la migliore delle opzioni per bambini abbandonati) deve
sempre affrontare e curare una situazione post traumatica. E che questo vuole dire molto di più di quello
che tutti noi possiamo immaginare 14
.
Il distacco, spesso brutale e vissuto da piccoli senza possibilità di elaborazione, “interrompe la continuità
dell’esistenza” 15 di un essere indifeso e non autonomo, spezza i legami profondi, interrompe i processi
di apprendimento, coinvolge le emozioni. “E` una “cesura fondamentale che condiziona la loro intera
esistenza” 16 . È ”…una ferita che è fisica, emotiva, psicologica e spirituale. Una ferita che causa un
.
11“Questi bambini sono vissuti cercando di sopravvivere con le loro forze, qualche volta anche per un certo numero di
anni. Non ci sono rimedi veloci. Questi bambini avranno bisogno di sostegno a lungo e noi dobbiamo essere preparati a
questo e non essere sorpresi.” (Louise Michelle Bombèr, op. cit. p. 47).
12“Gli adottati hanno diritto di comprendere i loro propri sentimenti, a vederli legittimati e a trovare medici, da cui si
recano in cerca di aiuto, che comprendono le problematiche dell’abbandono e della perdita. Troppi di loro si sono
sentiti prendere per anormali e pazzi, mentre stavano semplicemente reagendo a quella precoce esperienza.” Nency
Newton Verrier, La ferita primaria. Comprendere il bambino adottato, il Saggiatore, 2007 p.269
13 Inutili specifici rimandi; lo dicono tutti gli autori, segnatamente quelli indicati in questo testo.
14 Ci pare efficace, con riferimento alle nostre esperienze e per quanto vorremmo spiegare nel testo, questa
descrizione della situazione post-traumatica: “Gli eventi traumatici sono quelli che sconvolgono i normali sistemi di
tutela che sono preposti a fornire all’essere umano un senso di controllo, di relazione e di significato. Il nucleo
fondamentale del trauma può essere riassunto come il confronto con una forza “schiacciante”, in grado di sollecitare
emozioni incontenibili e disgreganti per la psiche. Di fronte ad un evento travolgente, in tutti gli esseri umani si
attivano una serie di reazioni fisiologiche che costituiscono la normale risposta all’evento. Si riscontrano cambiamenti
in alcune funzioni fisiologiche quali: lo stato di allerta (in generale con ipervigilanza); l’attenzione (focalizzata sul
pericolo); la normale percezione degli stimoli esterni è alterata (si percepiscono con maggiore acutezza alcuni stimoli
e si è “disconnessi” da altri). Le emozioni prevalenti sono la paura e la rabbia.”(http://www.manuale-dignitas.it).
15 Claudia Artoni Schlesinger, Adozione e oltre. Immagini parole e pensieri dell’altro mondo, ed. Borla, 2006, p.54.
16 ibidem.
dolore così profondo da essere descritto come a livello cellulare da coloro che sono riusciti a entrare
molto in profondità nella loro sofferenza.» 17
Artoni, ci parla nel suo libro 18 dell’osservazione di una bambina abbandonata al momento della nascita e
seguita fino all’affidamento preadottivo: dapprima la neonata mette in atto una ricerca attiva della
madre, persona che conosceva negli odori, nella voce e in tutto quanto ha sperimentato nella vita
uterina; in seguito subentra l’”affievolirsi della vitalità (per il dolore della perdita che il neonato non sa
esprimere in altro modo che con il progressivo distacco dalle funzioni vitali”), tanto è profonda la cesura
subìta. L’autrice ci riporta quindi, in una nota a piè di quella pagina, le considerazioni di un altro studioso
(Donald Meltzer): “il bambino “conosce” la madre per la sua permanenza di nove mesi al suo interno, e la
“conosce” in una senso più profondo e complesso di quanto potrà mai “conoscere” alcun altro essere
umano”.
E osserva ancora Artoni: “Il bambino che cresce in una situazione di normalità ha modo, attraverso gli
scambi continui coi familiari, di costruire una sua storia interna in quella famiglia, dove la memoria è
condivisa, dove è possibile raccontare gli avvenimenti relativi alla gravidanza, le emozioni che si
collegano a un simile evento, gli aneddoti dell’infanzia, e le tante cose connesse alla crescita di un
bambino.” E quindi, “…quello che succede al bambino adottivo è la perdita dello scrigno della sua
memoria, la perdita del testimone della sua prima vita, di colei o coloro con cui sarebbe possibile
condividere vissuti e riconoscere pensieri comuni”… “Il bambino adottato arriva ai suoi genitori adottivi
privo di questa memoria, privo di qualcuno che possa ricordare per lui e con lui”. 19
Per l’autrice, gli effetti di questa cesura, che influisce sulla formazione interna (sua del bambino), non
concernono solo i bambini adottati più grandi ma, “anche di quelli che hanno potuto essere affidati alla
famiglia adottiva già nei primi mesi di vita” (p.75).
Abbiamo incontrato da noi in Ticino ragazzi adottati pochi mesi dopo la nascita, presumibilmente senza
traumi successivi all’abbandono della madre, con problemi analoghi ad altri 20
La cesura subìta dal bambino abbandonato non è quindi “solo” un fatto isolato nella sua vita, ma una
“catastrofe” 21
17 Nancy Newton Verrier, La ferita primaria. Comprendere il bambino adottato, ed. il Saggiatore 2007, p.21.
18 Claudia Artoni Schlesinger, Adozione e oltre. Immagini parole e pensieri dell’altro mondo, ed. Borla, 2006, p.76
19 idem p.78 e 79
20 E’ recente (agosto 2014) la notizia del ritrovamento dopo 36 anni da parte della leader delle Nonne di Plaza de
Mayo del proprio nipote (la madre, attivista dell’opposizione alla dittatura dei militari argentini, incinta, è stata
assassinata dopo aver partorito il figlio dato poi in adozione e felicemente cresciuto). Quest’ultimo ha ricercato le sue
origini mediante il test del DNA, avrebbe detto (da La Repubblica.it): ”Sono commosso, è importante chiudere le ferite.
Ora so chi sono”. Come non pensare a quanto ci dice l’ Artoni (op. cit. p.58) su questo senso di vuoto, “nel rapporto
con la terribile sofferenza del “non sapere”,” non ricordare”, “non conoscere”, ”dove collocarsi”, ”da dove si viene”, “da
chi si viene” delle persone adottate. Anche in questi casi si deve fare i conti con la mancanza di continuità e con la
capacità di tollerarla senza perdersi nel nulla…”
21 idem p. 58
E possiamo intuire già noi come profani, ma lo spiegano oggi la psicologia e le neuroscienze, che un
evento così traumatico e radicale porta con sé conseguenze nella sfera emotiva e negli altri ambiti della
vita della persona adottata.
Gli autori che si occupano di questi problemi non si stancano di ricordarci che i nostri figli adottati sono
dei “naufraghi”, anzi, spesso “più volte naufraghi”, terrorizzati quindi; sono dei “sopravvissuti”, 22 che
non possono dimenticare e che spesso continuano a usare anche nel nuovo ambiente sicuro le strategie
che hanno consentito loro di sopravvivere, le uniche di cui hanno potuto far uso con successo. 23
“È importante rendersi conto che la maggior parte dei bambini dichiarati adottabili e/o inseriti in affido,
devono essere stati valutati dal sistema giudiziario come vittime di significative ferite.” 24
”Bisogna subito mettere in chiaro che se un bambino è oggi in affido o in adozione, questo significa che
ha sperimentato perdite traumatiche multiple e complesse in una forma o nell’altra.” 25
Occorre quindi essere ben coscienti che i bambini che arrivano da noi per essere adottati, sono
proprio questi bambini gravemente feriti dentro!
Sono bambini prima di tutto lasciati dalla madre, ma a volte in più anche trascurati, denutriti, maltrattati,
abusati.
Senza consapevolezza e conoscenza profonda della problematica adottiva, non possono essere messi in
campo strumenti adeguati per aiutare i bambini e quindi i loro nuovi supporti, le famiglie che li accolgono.
26
In sostanza, da noi come altrove, non si tiene conto del trauma profondo subìto dagli adottati e delle sue
conseguenze specifiche. 27
22
“Questi bambini sono dei sopravvissuti. Le risposte di sopravvivenza sono molto primitive” Louise Michelle Bombèr,
op. cit. p.48
23
“Una
volta collocati in un luogo sicuro, i comportamenti adattivi appresi in passato per sopravvivere possono
costituire un grosso problema. Le risposte adattive del bambino possono impedirgli di sperimentare la libertà, la
spontaneità e le sane relazioni intime che lui desidera intensamente. Continuerà a cercare di soddisfare i suoi bisogni
di base utilizzando mezzi inappropriati e malati, questo è ciò che ha imparato a fare per gestire le situazioni. Noi
incontriamo bambini che hanno ben chiaro nel cuore e nella mente che non c’è nessuno di cui potersi fidare; che essi
non hanno valore e che il mondo non è un posto sicuro in cui stare. Se hanno sempre avuto bisogno di essere vigili,
come possono provare a rilassarsi, anche solo per un momento? Perché dovrebbero aver fiducia in noi? Proprio nel
momento in cui un sé positivo e integrato avrebbe dovuto consolidarsi, è stato distrutto proprio da quelle persone che
avrebbero dovuto mantenere il bambino in situazione di sicurezza”Louise Michelle Bombèr, op. cit. pag. 46
24 Louise Michelle Bomber, op.cit. p.18, (sottolineatura nostra).
25 Louise Bombèr, op. cit. p.18.
26 “Sempre Winnicott, con la grande intuizione che caratterizza tutta la sua opera (1956), affermava che i genitori
adottivi devono essere anche terapeuti dei loro figli. Spesso è infatti proprio così” Claudia Artoni Schlesinger, Adozione
e oltre. Immagini parole e pensieri dell’altro mondo, ed. Borla, 2006, p.87.
Questo avviene anche da parte degli specialisti dell’anima (psicologi e psichiatri) non adeguatamente
(in)formati su queste realtà. Da noi come altrove adottiamo i bambini ma non formiamo e, peggio, non
sappiamo che dobbiamo formare chi se ne deve occupare!. Abbiamo incontrato, nel nostro gruppo di
genitori adottivi in Ticino, esperienze con terapeuti che si sono rivelati poi del tutto privi di strumenti in
questo campo specifico. Perizie psichiatriche e rapporti sociali evidenziano la stessa lacuna. E anche qui
nulla di nuovo; i riscontri di questa situazione sono stati segnalati anche altrove. 28
Le prime attenzioni dei servizi e di molti professionisti sono spesso dirette verso (ma in pratica “contro”) i
genitori adottivi, a volte in modo subdolo, non empatico, non di aiuto, mossi dal preconcetto che essi
siano da qualche parte la causa del disagio. Pagine tristi possono essere scritte (documentate) su
quest’atteggiamento. Un atteggiamento che in questo modo non può essere, come dovrebbe, di aiuto ai
genitori nel loro compito, perché s’ignorano i motivi, le dinamiche e il significato di quanto sta accadendo
nella famiglia.
Poi arrivano gli interventi diretti sui ragazzi. E qui avviene il maggior sperpero di energie e di risorse
29 senza troppi risultati, e spesso con danni.
Infatti, a volte, a causa del loro comportamento, i bambini deprivati e che giungono da noi in adozione
“possono molto facilmente essere considerati cattivi o matti” e quindi “… Anche se collocati in situazione
protetta, famiglie, scuole “sufficientemente buone”,possono ancora essere esposti ad ulteriori rischi…Ci
sono ricerche che dimostrano che i bambini maltrattati sono a più alto rischio di esclusione…”30
27 “Man mano che l’adottato matura, il dolore perdura irrisolto….Tuttavia, poiché la maggior parte dei bambini
vengono adottati quando sono molto piccoli, i medici non considerano il trauma e il dolore non risolti come possibili
cause della loro ansia e depressione. E così facendo si perde l’opportunità di un trattamento efficace.” Nancy Newton
Verrier, La ferita primaria. Comprendere il bambino adottato, ed. il Saggiatore 2007, p. 21.
28 “Roberta, un’altra adottata che da bambina si comportava in modo compiacente, dice che alle superiori aveva
iniziato ad avere una grande rabbia. …Questi sentimenti le sembravano pericolosi e aveva bisogno di tenerli nascosti.
Dopo cinque anni di terapia, ha accennato al suo terapista che era stata adottata. Lui però non lo considerava
importante, dal momento che lei aveva una “buona” famiglia adottiva! È a causa di atteggiamenti simili che molti
adottati e molte famiglie adottive sono deluse dei medici.” (idem, p. 95)
29 Una banalità: ma per combattere l’esclusione da una scuola può bastare (ma occorre capire) l’iniziativa di un
attento direttore di una scuola professionale che, informato in termini corretti dai genitori consapevoli sulla situazione
del loro figlio, ha scritto questa lettera a tutti i colleghi dell’istituto:
“…Su richiesta della famiglia vi informo che l’allievo (nome e cognome) adottato all’età di circa 3 anni, potrebbe
assumere, in particolari circostanze, vissute psicologicamente dal ragazzo come riconducibili ad una sensazione di
abbandono e/o di fallimento scolastico, atteggiamenti verbalmente aggressivi nei vostri confronti. In questi casi vi si
chiede di non reagire con altrettanta aggressività, ma di cercare di attenuare la tensione, rassicurando e
tranquillizzando il ragazzo. I genitori rimangono comunque a disposizione per qualsiasi richiesta di informazioni
supplementari e per eventuali situazioni di emergenza.”
Efficacia: alta; costi “0”. Eppure oggi nella nostra scuola pubblica, una simile iniziativa non è per nulla scontata! A
quanti di noi, a richieste analoghe, è stato risposto sbrigativamente che non vi è motivo di trattare un ragazzo
adottato (qui una persona quasi adulta) in modo diverso dagli altri?
30 Louise Michelle Bombèr, op. cit. p.49.
Quindi anche la diagnosi e le cure adottate normalmente, sono considerate, da chi si occupa di queste
problematiche, inadeguate e dannose, tanto che troppo spesso si effettuano in ospedali psichiatrici o
allontanando il ragazzo dalla famiglia, nei foyer, nelle case famiglia; anche quando, con un aiuto corretto,
se
ne
potrebbe
fare
a
meno
appare necessaria (“necessaria”:
o
ciò
usare
che
modalità
diverse
presuppone
a
d’approccio
sua
volta
quando
di
questa
conoscere
scelta
l’impatto
dell’istituzionalizzazione su un ragazzo che ha già vissuto degli abbandoni e che teme che si
riproducano!). 31
I bambini e le persone che hanno subìto il trauma dell’abbandono sono quindi mal messe, da noi, per il
poco che conosciamo! Si opera “a naso”, affidandosi a falsi miti che ancora oggi circondano il mondo
dell’adozione. Non è rassicurante per il ”naufrago”, per il “sopravvissuto” che sbarca da noi!
Una terapia (l’EMDR 32 usata in situazioni di post traumatiche, da alcune (per ora) informazioni di prima
mano ricevute nel nostro gruppo, sembrano aver aiutato persone adottate sofferenti a meglio affrontare
la loro situazione. 33
Ciò potrebbe confermare come talune diagnosi che mettono in secondo piano
l’abbandono e l’adozione (esperienza fortemente traumatica), siano fuorvianti.
Sappiamo, per averlo sperimentato, che la conoscenza teorica non basta. Ci preme molto sottolineare
questo aspetto, perché un grosso lavoro deve essere fatto anche da noi genitori.
L’aiuto al ragazzo adottato e alla famiglia, come l’intervento in altri campi, impone di acquisire anche
capacità emotive e di approccio, di empatia, che non s’improvvisano, soprattutto quando il ragazzo
adottato tende a opporsi a chi lo vuole aiutare o a chi gli è vicino. La formazione deve quindi essere
anche pratica; il che significa investire e aver voglia di capire, avere energie emotive, lavorare in gruppi
di supporto, possedere una capacità di ascolto del ragazzo e dei genitori.
Molti autori che in questi ultimi anni si sono occupati di adozione, si sono concentrati proprio sulle
strategie e le modalità specifiche di approccio alla persona adottata partendo dal presupposto che
31“I problemi dell'abbandono e della perdita comportano dei sintomi che assomigliano ai disturbi della personalità
limite e ai disturbi schizoidi, il che porta in seguito ad un trattamento inappropriato. (…) A mio avviso è pericoloso e
irresponsabile poiché ne può conseguire un trattamento particolare che può essere controindicato per chiunque soffra
per il trauma della separazione”, Nancy Newton Verrier, Renuer avec soi. L’enfant adopté devenu adulte, ed De Boeck,
2008, p.517 (traduzione nostra; titolo originale: Coming Home to Self, Baltimore, 2003).
32 http://www.emdr-schweiz.ch (sito in francese e tedesco)
33 Da genitori adottivi: «Nostro figlio ha avuto la fortuna di incontrare una terapeuta molto preparata e dalla grande
umanità, che la sta accompagnando con grande efficacia in un percorso di rielaborazione dei suoi traumi e di sviluppo
personale.”
E da una persona adulta, adottata: “Da diverse settimane sto seguendo una psicoterapia, la quale, contrariamente alle
altre diverse terapie che ho fatto, mi ha consentito di vedere le cose in una prospettiva mai esplorata finora, anzi
potrei quasi parlare di svolta nello sguardo che porto al mio destino. Mi piacerebbe condividere le cose che ho capito
con quanti hanno percorso lo stesso mio sentiero di sofferenza.”
E due anni dopo al nostro gruppo:” Vi trovate ancora agli incontri del giovedì? Se la cosa può interessarvi potrei venire
una sera per parlare della mia esperienza con un particolare tipo di psicoterapia che mi è stata di enorme aiuto per
arginare il trauma dell' abbandono.”
occorre, nella quotidianità, comprendere e considerare il mondo interiore forgiato in loro dalla grave
esperienza traumatica. Chi poi si è concentrato specificamente sul lavoro nella scuola ci dice, senza peli
sulla lingua, che per evitare l’esclusione dei ragazzi traumatizzati è imprescindibile creare delle figure di
riferimento in grado di lavorare in classe secondo procedure specifiche:
“Gli insegnanti hanno bisogno di poter condividere le loro sensazioni senza timore di essere giudicati. Gli
adulti di riferimento devono poter usufruire del supporto agli insegnanti, e, se non è possibile crearlo in
qualche modo, allora non è auspicabile offrire posti nelle nostre scuole a bambini di questo tipo.”
(sottolineatura nostra). 34
“I comportamenti disturbati di molti di questi bambini pongono grandi richieste alle capacità di chi si
prende cura di loro: possono confondere chi cerca di capirli, possono essere difficili e fastidiosi per gli
insegnanti. Chi si occupa di loro corre il rischio di fraintendere il loro comportamento, il loro linguaggio
relazionale; molti di loro sembrano incapaci di rispondere ad un atteggiamento di cura protettiva o di
osservare regole e norme di comportamento elementari. Le loro esperienze hanno reso questi bambini
vulnerabili, ma spesso l’impatto nella relazione è mediato dalle strategie difensive che hanno dovuto
sviluppare per sopravvivere. Alcuni bambini hanno imparato a sentirsi più al sicuro contando solo su se
stessi.” (Francesco Vadilonga nella “Presentazione” del testo qui citato della Bombèr)
Questi ampi stralci ci fanno capire che l’ignoranza e l’assenza di modi d’intervento collaudati, possono
trasformare i genitori, gli assistenti sociali, i professionisti e le figure non formate, in grossi elefanti in un
negozio di porcellana.
Occorre quindi cambiare drasticamente.
4. Che fare?
Esponiamo alcune linee d’intervento da avviare subito
4.1…un po’ della nostra storia
Negli oltre dieci anni d’esistenza (come gruppo di genitori adottivi prima, come piccola associazione poi),
abbiamo imparato molto dalla pratica, dal confronto tra noi, dalla documentazione che abbiamo cercato
con affanno, come il pane, tanta era la determinazione a non piegarsi all’impotenza (spesso l’unica
prospettiva che in fin dei conti ci veniva data). “Non è un malato psichiatrico, non è un tossicodipendente,
non è un delinquente, non rientra in nessuna categoria, non possiamo fare nulla”; questo c’è capitato di
sentirci dire da professionisti, dalle istituzioni, in una forma o nell’altra.
Non ci stupiva tanto la mancanza di conoscenze specifiche (anche a noi mancavano), ma la resa, il non
cercare di capire, di sperimentare, di guardare oltre il proprio naso, l’assenza di curiosità e di serietà
nell’approccio e a volte un pizzico di senso di onnipotenza che a volte troviamo “nel sociale”.
34 Louise Bomber, op. cit. p.73. L’autrice, in un seminario tenuto a Milano, spiegava che in classe questi ragazzi che
hanno sperimentato la perdita di controllo, si sentono a volte più sicuri se stanno in fondo all’aula dove possono
mantenere il controllo su tutto quanto avviene in classe e in tal modo si tranquillizzano. A noi preme con questo
esempio porre l’accento su come la mancanza di conoscenza del mondo interiore del ragazzo che ha vissuto un
abbandono, del suo modo di relazionarsi al mondo, alle cose, agli altri, porterebbe probabilmente anche un ottimo
maestro che percepisce la sua irrequietezza, il suo disagio, il suo atteggiamento inadeguato in classe, ad assegnargli
un posto nella prima fila, magari di fronte a lui. Quel che faremmo tutti “a naso”, probabilmente sbagliando e
peggiorando la situazione.
In Ticino ci si conosce tutti, si dice. E’ vero nel senso che nel nostro piccolo (contrariamente a realtà più
grandi dove anche per gli “addetti ai lavori” è più difficile seguire l’evoluzione delle famiglie adottive)
abbiamo potuto beneficiare di un punto di osservazione privilegiato.
Il nostro Cantone è quindi stato e rimane per noi un prezioso laboratorio per capire la problematica
adottiva, le esigenze delle famiglie e dei figli, le carenze della scuola e dei servizi, le dinamiche sociali di
esclusione, il ruolo dell’apparato repressivo.
Vi sono stati momenti in cui abbiamo avuto l’impressione di aver potuto forse dare, come semplici
genitori e nel nostro piccolo, un contributo significativo (perché nato dal nostro vissuto in questo
“laboratorio”), anche oltre i nostri stretti confini. 35
Il primo “incontro” tanto decisivo quanto casuale (si navigava una decina di anni fa in internet nei siti
francofoni dopo aver tentato invano di trovare risposte ai nostri “perché” su siti italofoni) fu il testo di
Nancy Newton Verrier, L’enfant adopté. Comprendere la blessure primitive, uscito (già) nel 1993 negli
Stati Uniti, 36 tradotto in francese nel 2004 (editore belga De Boeck) e solo nel 2007 in italiano -e da
quest’ultimo qui prendiamo le citazioni -. Il libro veniva divulgato allora da un’associazione francofona di
genitori adottivi, che stava seguendo il nostro stesso percorso: cercare “il perché” dei comportamenti e
dei modi di reagire dei nostri figli e inventarsi strategie per sapere come aiutare loro e “sopravvivere” noi
nelle situazioni di stress e dolore.
L’aiuto ai nostri figli, in assenza di risposte ai nostri “perché”, era limitato e a volte “goffo”, a volte,
diciamo ora, sbagliato. Noi e loro in balia delle emozioni cui nessuno sapeva attribuire un nome e
neppure un significato. Ma non ci siamo arresi.
Poi l’incontro (pure casuale a seguito della lettura di un inserto di La Repubblica) con la psicanalista
Claudia Artoni Schlesinger di Milano e il suo gruppo di psicanalisti; 37 ci hanno dato delle piste 38 da
35 “Di ritorno da una feconda giornata di confronto e riflessione con altri genitori adottivi e altri “addetti ai lavori”
(Lugano, 6 febbraio 2010, SPAZIO ADOZIONE TICINO)… è nata l’idea di avviare uno spazio di ascolto per figli diventati
ormai grandi, adolescenti e/o giovani adulti.” e oltre: “… fummo affascinati dall’ampiezza dell’affronto del tema della
grande capacità di tenere presente i fattori dell’esperienza, ma soprattutto di un ampio resoconto concreto di tanti
tentativi di accompagnamento in atto” (L’adozione: un’avventura supernormale?”, Studio sulle dinamiche di affronto
della vita adulta da parte di ragazzi adottati”, supervisione: Dr Marco Mastella, 2011, ed. Famiglie per l’accoglienza,
Emilia Romania, p.7 e Prefazione).
36 Negli Stati Uniti l’adozione ha una storia più lunga, nata negli anni ’50 e “tocca direttamente o indirettamente sei
cittadini su dieci coinvolgendo 30 milioni di persone”, come precisa Anna Genni Miliotti, traduttrice del libro di Nancy
Newton Verrier, La ferita primaria. Comprendere il bambino adottato, 2007, ed. il Saggiatore, nella prefazione dal
titolo “Un libro per comprendere meglio”, p.10.
37 Vedi: Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti, Ricostruzione e costruzione dei legami famigliari attraverso il percorso della
terapie famigliari parallele: genitori-figli, in Genitori adottivi, 2010, Astrolabio –Ubaldini editore.
38 "Il vuoto, il senso della morte, il non sapere cosa c'era prima, il non poterlo sapere. Non sono i fatti storici che
contano, anche se per ipotesi si potessero conoscere. È un frammento di vita del quale non si sa e non si può sapere
nulla. Una vita vissuta con una madre, a volte anche con un padre, dei fratelli, può darsi, dei quali non si sa niente.
Soprattutto non si possono ricostruire le sensazioni, i rumori, le parole di un mondo precedente che pure è esistito e le
seguire negli incontri tenutisi a Lugano (2008 e 2009) e il senso da dare alle manifestazioni, per noi
incomprensibili e paralizzanti, dei nostri ragazzi (Ferita, Sofferenza, Dolore immenso, Paura, Rabbia).
Psicologi in Ticino si sono poi formati con loro. E questo è stato un risultato per noi preziosissimo.
In seguito è nata l’esigenza di far capire la nostra realtà all’esterno. Quanti libri abbiamo distribuito a
professionisti, docenti e assistenti sociali, per suscitare almeno la loro curiosità sui ragazzi di cui si
occupavano. A volte sono stati letti; spesso sono rimasti ermeticamente chiusi.
La nostra storia è continuata, come testimonia il nostro sito (www.spazioadozione.org) e il suo blog,
senza clamore, privilegiando lo studio, il confronto, l’aiuto e il sostegno reciproco. Eravamo però frustrati
dalla constatazione che la scuola, i servizi, le istituzioni, continuavano, senza porsi troppi problemi, la loro
involontaria opera di sostanziale esclusione dei nostri ragazzi in difficoltà. Nel profondo non capivano, né
si ponevano nell’ottica di capire (sempre salve le “perle rare” –così le chiamiamo noi -, quegli assistenti
sociali, docenti e altre figure che hanno intuito che non bisognava mollare, che occorreva cercare “il
perché”).
Nei fatti il nuovo abbandono, tanto temuto dall’adottato, andava e va tuttora realizzandosi nella società
stessa che l’ha accolto 39 proprio nei luoghi che dovrebbero lenire la ferita che ha dentro!
Gli incontri avuti con le istituzioni non hanno dato i risultati che ci aspettavamo: non ci sembra che siamo
riusciti a far nascere un atteggiamento improntato alla curiosità di capire e alla voglia di imparare e
modificare le prassi d’intervento. Ci dobbiamo quindi di nuovo impegnare in questa direzione.
Finalmente negli ultimi anni sono usciti testi fondamentali soprattutto di pediatri, docenti e operatori
sociali. Spesso a loro volta genitori adottivi. Sono testi importanti, fondati sull’esperienza quotidiana, per
capire le implicazioni concrete dell’abbandono, per aiutare i genitori adottivi, la scuola, la società, ad
affrontare nella vita pratica il trauma vissuto dal ragazzo abbandonato e adottato. Dei veri e
propri vademecum. Uno degli ultimi, concludendo in qualche modo questa fase di ricerca e divulgazione,
dà conto - anche nel titolo (“La normalité adoptive”) 40 - della specificità ma anche della normalità della
condizione adottiva e di come affrontarla.
Abbiamo capito che la direzione in cui per anni ci siamo mossi, prima intuitivamente, poi sempre più
coscientemente nel nostro piccolo, è stata giusta: oggi sappiamo che si può capire e quindi affrontare gli
eventuali problemi degli adottati, riconoscendone la specificità e usando gli strumenti specifici necessari.
4.2… darsi una mossa!
cui tracce possono solo essere nella memoria implicita, come ci dicono i neuroscienziati". Claudia Artoni Schlesinger,
2009 (citazione ripresa in nostri appunti senza altra indicazione per ritrovarla ora).
39“Tutto ciò continua ad accadere, ed è forse comprensibile, dal momento che i bambini con attaccamenti
marcatamente insicuri possono essere difficili, molto fastidiosi, e quindi confusivi… » Nei casi estremi il loro
comportamento può quasi letteralmente far impazzire quelli che lavorano con loro” Paul Holmes, Prefazione al testo di
Luise Michelle Bombèr, Ferito dentro. Strumenti a sostegno dei bambini con difficoltà di attaccamento a scuola,
FrancoAngeli, 2012 p.20.
40 Johanne Lemieux ,La normalité adoptive. Les clés pour accompagner l’enfant adopté, ed. Québec Amérique, 2013.
Nella scuola (dalla scuola dell’infanzia a quelle professionali) e nei servizi, occorre quindi impegnarsi e
adeguare al più presto prassi e strutture. Lo stesso vale per l’Assicurazione invalidità svizzera (AI),
istituzione preposta a garantire il reinserimento degli adottati che presentano difficoltà di crescita
invalidante a seguito dei traumi subìti.
Occorre inoltre promuovere nella società una cultura dell’adozione affinché l’accoglienza dei ragazzi
adottati da noi sia completa e di qualità.
Concretamente suggeriamo che sia creato un piccolo gruppo interdipartimentale (DSS, DECS, DI,
quest’ultimo per la sezione giustizia 41) che con genitori allenati, si occupi del disagio adottivo – quello
che dà problemi ma anche quello più nascosto. 42
4.2.1
È necessario dapprima monitorare in Ticino la situazione del disagio di troppi adottati e delle loro
famiglie. I risultati confermeranno, come hanno confermato altrove, la necessità di intervenire. I risultati
non daranno verosimilmente sorprese (allineandosi a quelli conosciuti altrove) ma serviranno a far
emergere la situazione, dare consapevolezza della necessità di intervenire. 43 Le famiglie in difficoltà si
sentiranno meno sole e più comprese. Già questo sarà un bel risultato.
4.2.2
E’ inoltre necessaria un’adeguata informazione, nelle famiglie 44 e in genere negli ambiti in cui crescono i
ragazzi. Va fatto uno sforzo per far emergere una solida cultura dell’adozione.
Un proverbio africano, un po’ abusato ma profondamente vero, dice che “per crescere un bambino ci
vuole un intero villaggio”. Ciò vale a maggior ragione per gli adottati. Noi parliamo spesso di
competenze specifiche della scuola e dei servizi sociali vista la specificità della “normalità adottiva”.
Ma questi ragazzi devono poter essere compresi e accolti da tutta la società (anche dai loro amici, dai
loro partners, nel mondo del lavoro 45 e non solo dalle istanze educative e di aiuto sociale: dal “villaggio”
41 Vedi sopra, nota 4.
42 Un signore adottato nell’infanzia, ora adulto ben integrato e a sua volta padre, ha voluto incontrarci dopo aver
visitato il nostro sito e letto il testo della Newton Verrier (“Renuer avec soi” citato sopra). Ci ha spiegato di non aver
mai dato problemi, ma certo di averne avuti di grossi. Problemi da lui mai messi in relazione, prima di quella lettura,
con l’abbandono e l’adozione nella sua infanzia. Questo ci dice molto sulla relatività delle statistiche sul malessere
adottivo, limitate spesso a chi disturba nella società. Oggi, nella seconda parte della sua vita, questo signore affronta
di petto, per la prima volta, e con altri adottati adulti, questa sua condizione.
43Il DECS ci aveva anticipato questo monitoraggio. Leggiamo ora con piacere nell’ultimo numero della “Rivista scuola
ticinese”, settembre 2014, sul tema dell’inclusione, un testo importante di Francesco Vadilonga del CTA di Milano “I
bambini adottati a scuola”. Il DECS, da noi sensibilizzato al problema, aveva tempo fa organizzato una giornata di
presa di coscienza dei bisogni specifici nella scuola degli allievi adottati o comunque vittime di traumi pregressi.
44“I genitori adottivi sono di fatto chiamati a svolgere funzioni riparative, in un certo senso co-terapeutiche, relative ai
traumi precoci subiti dai figli che hanno adottato”. Marco Mastella, Sognare e crescere il figlio di un’altra donna.
Ascoltando e sperando con i genitori adottivi, ed. Cantagalli, 2009, p.108
appunto. Ed essi devono essere compresi non solo nell’infanzia ma per tutto il loro percorso di crescita, a
volte anche per tutta la vita 46 Nel “nostro villaggio” deve quindi emergere una solida cultura
dell’adozione.
Da una società ricca, che decide di farsi carico di questi bambini, si chiede consapevolezza del ruolo che si
arroga. In caso contrario, essa assume un atteggiamento non solo egoistico e miope (rispondere
esclusivamente al bisogno a fronte dell’infertilità) ma soprattutto irresponsabile e arrogante, nella
mancata messa in atto di efficaci “misure d’accompagnamento”.
4.2.3
È fondamentale quindi mettere in atto un progetto di formazione adeguata ai bisogni sul territorio. Oggi i
genitori adottivi si sentono spesso dire: “cari genitori, sapeste! Consolatevi, non siete i soli, quante
situazioni come le vostre vediamo nelle famiglie adottive!” Poi… buio pesto, il “Niente”.
Rispetto a un paio di decenni fa esistono nelle principali lingue studi e testi di diverso indirizzo: inchieste,
saggi di psicologia e studi che illustrano le recenti scoperte nel campo delle neuroscienze, campo
particolarmente importante per la comprensione delle conseguenze dell’abbandono nei bambini, ma
anche del loro possibile e sorprendente recupero nelle famiglie adottive.
Esistono, come si è detto sopra, anche ottimi libri divulgativi, testi molto pratici per impadronirsi di una
metodologia di “pronto intervento quotidiano”; in sostanza per capire quello che può apparire
incomprensibile, per non fare danni e per ricreare buone condizioni di recupero per il figlio adottato o per
contenere le manifestazioni del disagio. In Ticino la SUPSI forma chi opera nel sociale. Ci si apra a queste
problematiche, si favoriscano stages più ampi, fuori dal Ticino, si aprano prospettive.
Oggi, col materiale già esistente, con i numerosi convegni e giornate di studio organizzate vicino a noi,
con i siti consultabili, ecc., non attrezzarsi è dell’ordine dell’irresponsabilità.
4.2.4…e noi?
Il nostro sito fornisce diverse indicazioni bibliografiche e di siti, informazioni su seminari e giornate di
studio in Italia e altrove. Continueremo a informare su quanto si fa e si scrive.
45 La Newton Verrier, in “Renuer avec soi, già citato sopra, affronta questi temi riferiti all’adottato adulto nel capitolo
“Le pouvoir et les émotions dans les relations” p. 365 segg. Già ne “La ferita primaria” pure citato sopra, la stessa
autrice precisava “Gli adottati, da adulti, si trovano qualche volta ad essere come eterni studenti, incapaci di
immaginare che cosa vogliono fare nella vita. Spesso… persino l’idea di fare una domanda per un lavoro o presentarsi
a un colloquio, li spaventa. La paura di essere respinti li paralizza, così sperimentano un nuovo fallimento” p.132
Questo atteggiamento si manifesta evidentemente in diversi ambiti, non solo lavorativi, ma anche scolastici e nelle
relazioni sociali.
46 E’ certamente un limite, quello di occuparsi, nella letteratura specializzata ma anche nei convegni, nelle giornate di
studio, della fascia degli adottati bambini fino agli adolescenti (peraltro, quando inizia e finisce l’adolescenza negli
adottati?). A nostra conoscenza solo Nancy Newton Verrier, con il suo poderoso testo di oltre 550 pagine, ha affrontato
il tema dei e per gli adottati adulti nel testo tradotto in francese “Renuer avec soi” già citato sopra. Un testo (a quando
la sua traduzione anche in italiano?) che riteniamo importante per gli adottati stessi, per i terapeuti a cui sovente in
età adulta gli adottati si rivolgono, e anche per i servizi. Abbiamo detto qui, qualche nota sopra, dell’esperienza del
signore che da questo testo è partito in età adulta per cercare anche lui il suo “perché”.
E’ materiale utile e può offrire molte delle risposte che i professionisti e i servizi non ci hanno dato, e a
tutt’oggi – temiamo - non sanno sempre dare.
Non possiamo però rimanere in silenzio di fronte alla situazione attuale in Ticino.
Non è per noi più ammissibile, ricevere, come riceviamo, richieste di aiuto da parte di genitori in grande
difficoltà, disorientati, persi nell’assenza di consapevolezza di cosa succede all’interno della loro famiglia e
privi di aiuto efficace.
Non possiamo più rimanere passivi di fronte a certi interventi pesanti e controproducenti su bambini e
ragazzi già pesantemente provati, interventi che spesso si concludono, in assenza di una formazione e
strumenti specifici e adeguati da parte di chi li aiuta, in nuovi abbandoni.
Noi siamo a disposizione nel nostro limitato ruolo di “genitori collaudati e allenati”. A breve arricchiremo
forse il nostro blog inserendo alcune esperienze (in forma del tutto anonima) di genitori adottivi in
difficoltà.
Siamo, come dall’inizio della nostra esperienza, a disposizione delle famiglie adottive che necessitano
aiuto e che intendono contribuire al reciproco arricchimento, incontrandoci per crescere assieme.
Sappiamo che “….il loro (dei nostri figli) primo linguaggio, la loro “ madre lingua”, è il linguaggio del
trauma e della ferita, basato su modelli di un mondo non sicuro e imprevedibile. …Questo è un linguaggio
dove la possibilità di fraintendimento è grande e le capacità di autoconoscenza e di espressione di sé
limitate.” 47
Assieme cerchiamo di imparare questo linguaggio in modo da poter “tradurre” ciò che ci manifestano i
nostri figli. E questo lavoro è bene (e persino prudente) farlo assieme ad altri genitori che si trovano in
difficoltà, e anche con persone realmente formate. 48
Confidiamo inoltre di poter contare sull’aiuto dell’ASPI (ma anche di altre fondazioni e associazioni con
scopi analoghi), affinché nella prevenzione al maltrattamento e all’abuso dei bambini, di cui si occupa in
modo così efficace, siano inclusi anche i bambini e i ragazzi giunti da lontano con un pesante sacco pieno
di pene, di abbandoni e spesso di maltrattamenti 49
Siamo a disposizione delle istituzioni che auspichiamo ci vogliano sentire per quel che siamo (genitori che
sull’adozione hanno qualcosa da mettere a disposizione). Ci impegneremo a portare tutto il nostro sapere
pratico.
Ma il tempo di noi genitori, sofferenti ma determinati a cercare un “perché”, è concluso.
47 Archer & Gordon, citato da Louise Bombèr, op. cit. p. 20).
48
“…è importante avere un
sostegno, è ideale partecipare a un gruppo, è un luogo confidenziale, informale e sicuro
dove poter sfogarsi. Lavorare con questi bambini può esaurirci emotivamente, è utile incontrare altri nella medesima
situazione per condividere idee, preoccupazioni, ansie e discutere strategie pratiche che altri hanno provato efficaci. Se
non altro in un gruppo di supporto possiamo ricevere rassicurazioni sul nostro operato” (un assistente insegnante
citato in Luise Michelle Bombèr, op. cit. p.75
49 “I bambini adottati e i bambini maltrattati e abusati sono gli stessi bambini”; Congresso “Curare l'adozione, requisiti
di qualità per gli interventi a favore dei minori adottati», organizzato a Milano il 27 settembre 2013 dal CISMAI
(Coordinamento Italiano dei Servizi contro il Maltrattamento e l'Abuso dell'Infanzia).
Conosciamo questo “perché”; questo “perché” può essere conosciuto da tutti.
Ora è tempo che si passi alla fase operativa da parte, appunto, di tutti.
5.
E dopo tutto questo, agli adottati adulti che sentono il peso della loro storia e della mancanza di aiuto
ricevuto nei luoghi dove sono stati portati, suggeriamo di riflettere su cosa dice loro la Newton: 50
“Cambiare può fare paura, ma se la vostra vita (di figli adottivi) non va come voi vorreste, perché non
rischiare? Il cambiamento è duro e richiede coraggio e determinazione. Voi potete scegliere di restare
dove siete nei differenti ambiti della vostra vita oppure potete cambiare. Se scegliete di non far nulla,
ricordatevi che state facendo una scelta. Tutte le scelte hanno delle conseguenze. Conservare le vostre
vecchie abitudini e i vostri schemi mentali avrà delle conseguenze ...
Smettete di fornirvi delle scuse, smettete di razionalizzare e di giustificarvi per ciò che non va nella vostra
vita. Siate responsabili” (traduzione nostra).
Settembre 2014
50 Nancy Newton Verrier, Renuer avec soi. L’enfant adopté devenu adulte, ed De Boeck, 2008, p. 250-251
Fly UP