...

Che cosa sappiamo sull`efficacia delle tecnologie didattiche con

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

Che cosa sappiamo sull`efficacia delle tecnologie didattiche con
articoli
Che cosa sappiamo sull’efficacia delle tecnologie didattiche con
soggetti con disturbo dello spettro autistico?
Giuliano Vivaneta,1
a
Università degli Studi di Cagliari, [email protected]
Abstract
Negli ultimi anni abbiamo assistito a un incremento costante del tasso di prevalenza dei
disturbi dello spettro autistico. Al riguardo, è sempre più avvertita la necessità di disporre
di conoscenze affidabili circa gli effetti dei diversi interventi attuabili. In questi anni
numerosi studi di sintesi e linee guida per la diagnosi e il trattamento dell’autismo sono
stati elaborati dalla ricerca internazionale, mentre più frammentarie appaiono le
conoscenze disponibili relative all’uso delle tecnologie in contesti pedagogico-didattici.
Sulla loro efficacia, in particolare nell’età scolare, sono raccolte in questo contributo
alcune prime indicazioni.
Parole chiave: disturbo dello spettro autistico; autismo; tecnologie didattiche; educazione
basata su prove di efficacia.
Abstract
In recent years we witnessed a steady increase in prevalence of autism spectrum
disorders. In this regard, it is increasingly felt the need to have reliable knowledge about
the effects of different types of interventions. In recent years several research synthesis
and guidelines for the diagnosis and treatment of autism have been developed by
international research, while the knowledge on the use of technology in pedagogical
contexts is more fragmented. With reference to this latter and with particular reference to
school-age children, in this paper, some initial indications will be discussed.
Keywords: autism spectrum disorder; autism; educational technology; evidence based
education.
1
La presente pubblicazione è stata prodotta durante l’attività di ricerca di Giuliano Vivanet
finanziata con le risorse del P.O.R. SARDEGNA F.S.E. 2007-2013 - Obiettivo competitività
regionale e occupazione, Asse IV Capitale umano, Linea di Attività l.3.1.
Uno speciale ringraziamento va ad Antonio Calvani (Università di Firenze) che ha seguito,
fornendo contributi critici essenziali, lo sviluppo di questo studio in tutte le sue fasi. L’autore
desidera, inoltre, ringraziare Roberta Fadda (Università di Cagliari) per le preziose indicazioni
fornite.
[email protected], Open Journal per la formazione in rete
ISSN 1825-7321 - DOI: http://dx.doi.org/10.13128/formare-15798
Numero 4, Volume 14, anno 2014, pp. 77-92.
Firenze University Press
http://www.fupress.com/formare
1. Introduzione
Negli ultimi anni abbiamo assistito all’incremento costante dell’indice di prevalenza del
disturbo dello spettro autistico2 (Elsabbagh et al., 2012; CDC, 2014). Per quanto i dati
disponibili siano da accogliere con una certa cautela, in quanto diversi fattori possono
influire su tali stime (Fombonne, 2009; Chiarotti et al., 2013), questo ha determinato,
negli anni più recenti, anche nel nostro paese, una crescente attenzione nei confronti di
tale condizione (Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza,
SINPIA, 2005; Istituto Superiore di Sanità, ISS, 2011; Ministero della Salute, 2012) e
delle problematiche di intervento e di integrazione dei soggetti con ASD nella scuola
(Cottini, 2002; 2011).
Tale attenzione sta stimolando così lo sviluppo di un corpus di conoscenze sempre più
vasto (Luiselli, Russo, Christian & Wilczynski, 2008) e, tuttavia, non ancora
sufficientemente consolidato, sull’efficacia dei diversi interventi attuabili. Un
significativo contributo su questo piano viene dalla prospettiva dell’evidence based
education (EBE), un orientamento che, pur animato da differenti posizioni, è impegnato
nella costruzione di un sapere scientifico condiviso, attraverso la produzione di chiare
sintesi di conoscenze, quali revisioni sistematiche (systematic review) e meta-analisi
(meta-analysis)3, sull’efficacia di differenti opzioni didattiche (Calvani, 2012; Vivanet,
2014a).
In questo lavoro ci si concentrerà sull’impiego delle tecnologie didattiche con soggetti
con ASD (così come definito nell’ultima edizione del Diagnostic and Statistical Manual
of Mental Disorders – DSM 5 – American Psychiatric Association, 2013), con particolare
attenzione all’età scolare. Considerata la vastità e complessità della letteratura, una sintesi
ragionata, sistematica e sufficientemente esaustiva delle conoscenze oggi disponibili al
riguardo esula dagli scopi del presente lavoro, il cui più limitato obiettivo è raccogliere
prime indicazioni sugli interventi su cui, allo stato attuale della ricerca, sono disponibili
conoscenze maggiormente fondate e su quelli che, considerati alcuni primi riscontri in
letteratura, si presentano come oggetti di analisi potenzialmente promettenti, per quanto
tuttora sostenuti da evidenze empiriche ancora deboli.
2. Il disturbo dello spettro autistico: quali evidenze?
2.1. Le fonti e il metodo di ricerca
La selezione delle fonti di conoscenza e il metodo di ricerca adottato per questo studio
sono stati definiti con l’obiettivo di raccogliere le principali indicazioni emergenti da
2
In inglese Autism Spectrum Disorder (ASD). Semplificando, possiamo dire che la prevalenza
riferisce la proporzione di “casi” presenti in una determinata popolazione in un dato momento.
3
Una revisione sistematica è un metodo di indagine secondario, caratterizzato dall’adozione di un
protocollo standardizzato, avente l’obiettivo di raccogliere e analizzare tutti gli studi più
significativi su un dato tema/problema di ricerca (Chalmers & Altman, 1995). Una meta-analisi è
una tecnica statistica di sintesi dei dati, espressa in termini di effect size (ES, in italiano
dimensione dell’effetto), presentati in singoli studi (Glass, 1976; Di Nuovo, 1995).
78
sintesi di conoscenze prodotte in seno all’EBE sull’efficacia delle tecnologie didattiche
negli interventi su soggetti con ASD (non saranno qui oggetto di discussione altri
elementi, pur fondamentali, che compongono i quadri eziologico, diagnostico e clinico
riferibili all’insorgenza e al trattamento di tale condizione).
Dapprima, è stata condotta una ricerca esplorativa più generale, non ristretta alle sole
tecnologie, ma estesa anche ai metodi più noti di intervento per l’autismo, al fine di
tratteggiare il quadro di conoscenze entro cui poi concentrare l’attenzione sulle
tecnologie4.
In una seconda fase, la ricerca è stata condotta su (i) archivi di riviste scientifiche psicopedagogiche, quali ERIC e PsycINFO; (ii) banche dati di linee guida e sintesi di
conoscenza, quali la National Guideline Clearinghouse; la Cochrane Library; e il National
Institute for Health and Care Excellence; (iii) archivi di centri specializzati sull’autismo,
impegnati nella promozione di approcci basati su prove di efficacia, quali il National
Professional Development Center on ASD; il National Autism Center; il VCU Autism
Center for Excellence; e l’Indiana Resource Center for Autism.
In entrambe le fasi della ricerca, le risorse trovate sono state selezionate dapprima sulla
base di un criterio di pertinenza rispetto al tema della ricerca, così come desumibile dalle
anteprime dei risultati presentati; quindi più dettagliatamente sulla base del tipo di
report/studio (sono state considerate solo revisioni sistematiche, meta-analisi e/o linee
guida basate su queste ultime); di un criterio temporale (studi pubblicati negli ultimi dieci
anni); di un criterio metodologico (presenza di una descrizione esplicita del metodo di
ricerca adottato e della sua sistematicità e rigore); del tipo di intervento (studi che
facciano esplicito riferimento a pratiche pedagogico-didattiche); e di un criterio
diagnostico (soggetti con diagnosi di disturbo autistico; disturbo di Asperger; disturbo
disintegrativo dell’infanzia; e disturbo pervasivo dello sviluppo – DPS – altrimenti non
classificato)5.
Infine, con l’intento di recuperare revisioni sistematiche, meta-analisi o linee guida
evidence based prodotte nel nostro Paese si è ripetuta la ricerca su Google con una query
in lingua italiana.
Sulla base dei citati criteri, i risultati di seguito presentati sono tratti dalle fonti, ordinate
cronologicamente, riportate nella tabella seguente (Figura 1).
Come si può notare, la ricerca effettuata ha consentito di recuperare solo parzialmente
sintesi di conoscenze specifiche sul tema dell’impiego didattico delle tecnologie con
soggetti con ASD, trattandosi per la maggior parte di linee guida, revisioni sistematiche
e/o meta-analisi di prevalente interesse clinico. La presentazione dei risultati è stata
4
La ricerca è stata condotta su Google utilizzando la seguente query: (autism OR “autism
spectrum disorder” OR “autistic disorder” OR “pervasive developmental disorder” OR Asperger
OR “childhood disintegrative disorder”) AND (guideline OR recommendation OR “best practice”)
AND (“evidence based” OR “research based” OR “best evidence”) AND (education OR
instruction OR learning OR teaching) AND (technology OR ICT). Si sono ottenuti 285 risultati;
inizialmente Google ha presentato 528000 occorrenze; al fine di visualizzare i risultati più
pertinenti, il motore di ricerca automaticamente ha omesso tutte le occorrenze ritenute simili alle
285 visualizzate entro le prime 29 pagine.
5
Considerati gli scopi limitati di questo studio, tra le risorse recuperate, corrispondenti ai criteri
citati, sono state preferite quelle di maggior consistenza rispetto alla numerosità degli studi primari
considerati.
79
dunque il prodotto di un lavoro di estrapolazione e sintesi dalle fonti bibliografiche
disponibili di quegli elementi di maggior interesse pedagogico-didattico, in particolare
correlati all’uso delle tecnologie in contesti di formazione-istruzione, sui quali allo stato
attuale vi è una ridotta sistematizzazione.
Autore
Titolo
Anno
Tipo
2007
Scottish Intercollegiate
Guidelines Network
(SIGN)
Assessment, diagnosis and clinical
interventions for children and young
people with autism spectrum
disorders. A national clinical
guideline.
Linee guida basate su
revisione sistematica
Linee guida autismo-scuola. Le sfide
della scuola e l’intervento educativo
per l’integrazione scolastica dei
bambini e delle bambine con
autismo.
2007
Linee guida elaborate sulla
base delle precedenti “Linee
guida per l’autismo:
raccomandazioni tecnicheoperative per i servizi di
neuropsichiatria dell’età
evolutiva” (SINPIA, 2005)
2008
Revisione sistematica
Schlosser & Wendt
Effects of augmentative and
alternative communication
intervention on speech production in
children with autism: A systematic
review.
2008
Revisione sistematica
Ospina et al.
Behavioural and developmental
interventions for autism spectrum
disorder: a clinical systematic
review.
National Standards Report.
2009
Linee guida basate su
revisione sistematica
Istituto Superiore di
Sanità (ISS)
Il trattamento dei disturbi dello
spettro autistico nei bambini e negli
adolescenti.
2011
Linee guida basate su
revisione sistematica
Missouri Autism
Guidelines Initiative
Autism Spectrum Disorders: Guide
to Evidence-based Interventions.
2012
Linee guida basate su
revisione sistematica
Grynszpan, Weiss,
Perez-Diaz & Gal
Innovative technology-based
interventions for autism spectrum
disorders: A meta-analysis.
2014
Meta-analisi
Aresti-Bartolome &
Garcia-Zapirain
Technologies as Support Tools for
Persons with Autistic Spectrum
Disorder: A Systematic Review.
2014
Revisione sistematica
Società Italiana di
Neuropsichiatria
dell’Infanzia e
dell’Adolescenza
(SINPIA)
National Autism Center
Figura 1. Fonti bibliografiche selezionate.
2.2. Indicazioni emergenti
In una prima fase, la ricerca è stata rivolta alla definizione di un primo quadro generale di
indicazioni relativo ai programmi più noti applicati negli interventi con soggetti con ASD
(Figura 2), con particolare interesse per i contesti scolastici; questo intende fornire una
cornice di conoscenze essenziali entro cui collocare le evidenze sull’uso delle tecnologie
didattiche.
Tra le fonti selezionate più direttamente riconducibili a contesti scolastici, le linee guida
per la scuola pubblicate dalla Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e
dell’Adolescenza (SINPIA, 2007) riprendono uno dei più ampi studi di sintesi compiuti
negli anni recenti da Schreibman (2005), in cui si introducono le conoscenze disponibili
80
distinguendo i modelli e gli approcci su cui esistono (i) chiare evidenze di efficacia; (ii)
elementi di presunta efficacia (tuttavia ancora non validati); (iii) rapporti aneddotici di
efficacia; e (iv) evidenze di non efficacia.
Tipo di
trattamento
Approccio
Modello
Efficacia
Comportamentali (ABA)
DTT
Lovaas
●
Naturalistici
PRT
●
Evolutivi
DIR
Presumibile
efficacia
Dubbia
efficacia
●
●
TEACCH
●
Denver
●
TED
Psicoterapie
psicodinamiche
Terapie sensoriali
●
AIT
●
SIT
●
Farmaci e terapie
nutrizionali
Altri
Non
efficacia
●
Comunicazione
facilitata
●
Pet therapy
●
Figura 2. Trattamenti per l’autismo: evidenze di efficacia (adattata da Schreibman, 2005).
In esse si sottolinea come la letteratura di settore mostri più chiare evidenze di efficacia
per i programmi di intervento riconducibili agli approcci di stampo comportamentista,
quale l’Analisi Comportamentale Applicata (ABA) nelle sue diverse forme, tra cui il
Discrete Trial Training (DTT), basato sulla suddivisione delle competenze da apprendere
in sotto-obiettivi perseguiti singolarmente e secondo uno schema di insegnamento del
tipo istruzione-risposta-conseguenza, e il Pivotal Response Training (PRT), volto
all’insegnamento di comportamenti fondamentali in contesti naturali di vita quotidiana.
Evidenze di efficacia ed elementi di presunta efficacia si registrano anche in
corrispondenza di trattamenti comportamentali ad approccio evolutivo che promuovono
l’insegnamento di competenze seguendo, seppur in configurazioni differenti l’uno
dall’altro, le fasi dello sviluppo tipico. Tra essi, in accordo all’analisi di Schreibman
(2005), vi sarebbero evidenze di efficacia chiare per il Denver Model e di presunta
efficacia per Developmental Individual difference Relationship-based approach (DIR), il
Treatment and Education of Autistic and Communication Handicapped Children
(TEACCH) e la Thérapie d’Echange et de Development (TED). Sarebbe invece dubbia
l’efficacia di terapie sensoriali, quali l’Auditory Integration Therapy (AIT) e la Sensory
Integration Therapy (SIT), e dei trattamenti basati su farmaci e diete; mentre del tutto
inefficaci sarebbero le psicoterapie psicodinamiche e gli interventi di comunicazione
facilitata e di pet therapy.
Sempre nel 2007 sono state pubblicate le linee guida del Scottish Intercollegiate
Guidelines Network (SIGN, 2007) basate su una revisione sistematica della letteratura
prodotta nel periodo 1996-2006 sugli interventi rivolti a soggetti con ASD fino ai 18 anni,
dalle quali emerge un quadro di conoscenze ancora limitato nei fondamenti empirici per
gli interventi di tipo non farmacologico, tale da non consentire di formulare evidenze di
efficacia chiare, che tuttavia offre prime indicazioni per gli interventi sulle capacità
81
comunicative supportate da supporti visuali (nel ruolo di facilitatori della comunicazione,
ma senza chiari riscontri sul piano del miglioramento effettivo delle competenze
correlate) e per quelli individualizzati sulle capacità di comunicazione sociale, ad
esempio attraverso la riduzione della complessità delle interazioni sociali e l’uso di
schemi prevedibili – di routine – di interazione (al riguardo, si indica come buona pratica
anche l’integrazione di programmi di interventi mediati dai genitori, non solo rispetto alla
comunicazione, ma più in generale alla promozione del benessere familiare).
All’arricchimento delle conoscenze disponibili ha contribuito sostanzialmente la
documentazione del National Standards Project, opera del National Autism Center
(2009). In essa si sintetizzano le evidenze di efficacia tratte da una revisione sistematica
in cui, al termine di una lunga selezione (circa 7000 abstract), sono stati sottoposti ad
analisi 775 studi primari, pubblicati tra il 1957 e il 2007, riguardanti interventi su soggetti
sotto i 22 anni con ASD (distinguendo tra disordine autistico, sindrome di Asperger e
disturbo pervasivo dello sviluppo non altrimenti specificato). Gli interventi, oggetto della
revisione, sono stati quindi classificati in quattro classi: (i) trattamenti ben fondati
(established); (ii) trattamenti promettenti (emerging); (iii) trattamenti infondati
(unestablished); (iv) trattamenti inefficaci o nocivi (ineffective/harmful).
La maggior parte dei trattamenti ben fondati (i cui benefici sono chiaramente
documentati) si colloca tra quelli che adottano approcci comportamentali, quali l’Analisi
Applicata del Comportamento (ABA) e l’Early Intensive Behavioral Intervention
Program (EIBI), portando elementi a conferma delle prime indicazioni tratte da
Schreibman (2005). Nello specifico si segnalano per efficacia gli interventi che
prevedono la modifica di eventi che tipicamente precedono il comportamento target in
modo da aumentarne le probabilità di successo/comparsa o ridurre la probabilità dei
problemi che ne conseguirebbero; gli interventi mirati alla riduzione di comportamenti
problematici e all’insegnamento di abilità tramite semplici programmi di modifica del
comportamento (es. differenti strategie di rinforzo); gli interventi di modellamento
comportamentale basati sulle capacità imitative; e gli interventi di Pivotal Response
Treatment (PRT). Risultano efficaci anche diversi interventi mirati allo sviluppo delle
capacità dell’attenzione (es. joint attention); le strategie di peer-training che coinvolgono,
ad esempio, i compagni normodotati nel gioco e nelle interazioni con i bambini con ASD;
e gli interventi basati su storie (es. Social Stories).
Sempre in accordo con il National Standards Project (National Autism Center, 2009),
diversi tipi di intervento sono stati invece identificati come promettenti (in altre parole
mostrano interessanti tendenze di efficacia), ma non è disponibile ancora una letteratura
sufficientemente consolidata; tra essi: la Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA);
i programmi di intervento integrati cognitivo-comportamentali; gli esercizi fisici; il
training linguistico (mirato sia alla produzione sia alla comprensione); i massaggi; la
musicoterapia; il Sistema di Comunicazione mediante Scambio per Immagini (Picture
Exchange Communication System – PECS); l’insegnamento strutturato, tra cui il modello
più noto è il TEACCH; e i trattamenti basati sull’uso di tecnologie.
Come si può notare, nella maggior parte dei casi, i programmi classificati come ben
fondati sono interventi ad ampio spettro in cui di solito il supporto tecnologico, quando
presente, ha un ruolo marginale rispetto alla complessità della presa in carico del soggetto
con ASD.
Concentrando, tuttavia, l’attenzione proprio sull’efficacia delle tecnologie didattiche, il
National Standards Project (National Autism Center, 2009) ha permesso di raccogliere
evidenze di efficacia per gli interventi basati sul video-modeling che sfruttano
82
meccanismi di apprendimento per imitazione, su soggetti compresi tra i 3 e i 18 anni con
disturbo pervasivo dello sviluppo non altrimenti specificato, rispetto allo sviluppo di
competenze comunicative, funzioni cognitive di alto livello, capacità di svolgimento di
compiti di responsabilità personale, e abilità di gioco. La stessa tecnica risulta, inoltre,
efficace nel limitare i comportamenti problematici e nel promuovere la regolazione
sensorio-emozionale.
Inoltre, con riferimento agli interventi basati sull’uso di storie, come nel caso delle Social
Stories, oggi proposte in formati differenti (sia grafici sia digitali), si registrano le
principali evidenze di efficacia nello sviluppo di competenze interpersonali e di autoregolazione dei comportamenti, soprattutto nei soggetti compresi tra i 6 e i 14 anni con
sindrome di Asperger.
Spostando la nostra attenzione ai programmi classificati come promettenti, si può notare
come la maggior parte degli interventi supportati da tecnologie ricada all’interno di
questa categoria. In primis, i programmi di CAA che oggi, sempre più spesso, prevedono
l’uso di vari supporti tecnologici (es. immagini, simboli, libri grafici, computer o altri
dispositivi digitali per facilitare la comunicazione) si rivelano particolarmente indicati nei
soggetti con disturbo autistico, nella fascia di età 3-9 anni. Il Sistema di Comunicazione
mediante Scambio per Immagini (uno dei programmi di tipo CAA più diffusi), basato su
meccanismi di rinforzo di stampo comportamentista, mostra tendenze di efficacia nello
sviluppo di abilità comunicative e interpersonali nei soggetti tra i 3 e i 9 anni, con
diagnosi di disturbo autistico e disturbo pervasivo dello sviluppo non altrimenti
specificato.
I programmi di insegnamento strutturato, generalmente fondati su una visione
onnicomprensiva di intervento mediante la combinazione di più strategie e procedure
individualizzate, e che, come nel caso del programma TEACCH, possono fare uso di un
ampio spettro di materiali di lavoro e supporto, mostrano tendenze di efficacia rispetto a
diverse competenze (comunicative, cognitive, interpersonali, di apprendimento, motorie,
e di responsabilità personale) nell’intera fascia di età compresa tra la nascita e i 18 anni,
in soggetti con diagnosi di disturbo autistico e disturbo pervasivo dello sviluppo non
altrimenti specificato.
Supporti digitali sono di frequente utilizzati anche per il training linguistico, per lo
sviluppo di competenze sia di produzione sia di comprensione e mostrano una tendenziale
efficacia nel promuovere abilità comunicative (in certi programmi anche interpersonali e
di gioco) su soggetti tra i 3 e i 9 anni con diagnosi di disturbo autistico. La musicoterapia
(basata generalmente sulla presentazione della competenza target attraverso riproduzioni
sonore digitali) si rivela più indicata per soggetti con disturbo autistico.
Infine, si rivelano promettenti anche altri tipi di interventi technology-based, ispirati da
principi differenti, ma accomunati dalla presentazione di materiale educativo attraverso il
computer e altre tecnologie (tra essi: l’Alpha Program, il Delta Messages, l’Emotion
Trainer Computer Program, e l’uso di PDA – Personal Digital Assistant). Questi
mostrano interessanti tendenze di efficacia per gli apprendimenti di tipo scolastico, le
abilità comunicative e i compiti di responsabilità personale, oltreché nella regolazione
sensorio-emozionale per soggetti compresi nella fascia 6-14 anni con disturbo autistico.
Si segnala inoltre che, a dispetto della loro diffusione, le linee guida del National Autism
Center (2009) non registrano alcuna evidenza di efficacia per interventi istruttivi
tradizionali, di istruzione personalizzata e di educazione speciale per il miglioramento dei
risultati di apprendimento e lo stesso vale per i programmi di Auditory Integration
83
Training e per quelli di comunicazione facilitata. Nessun intervento, invece, è classificato
per evidenze di nocività.
Ulteriori indicazioni derivano dalla revisione sistematica condotta dal nostro Istituto
Superiore della Sanità per la stesura delle proprie linee guida (ISS, 2011) in cui è stata
analizzata la letteratura pubblicata tra il 2005 e il 2010 sugli interventi rivolti a bambini e
adolescenti (compresi nella fascia 0-18 anni) con disturbo dello spettro autistico.
Concentrando anche in questo caso l’attenzione sugli elementi di conoscenza più legati
all’impiego di tecnologie, il video-modeling si conferma una strategia privilegiata
nell’attuazione di interventi finalizzati allo sviluppo di comportamenti adattativi e/o
abilità scolastiche, sfruttando le capacità imitative dei bambini.
Emerge, inoltre, una efficacia di modesta entità legata all’uso di programmi di CAA sulla
produzione del linguaggio parlato (sarebbero tuttavia da valutare le caratteristiche
individuali eventualmente determinanti nella differenza di risposta agli interventi)
(Schlosser & Wendt, 2008). L’indicazione che ne deriva porta a concludere che l’uso di
simili tecniche dovrebbe essere ben definito nelle circostanze specifiche di intervento e
accompagnato da specifiche valutazioni di efficacia.
Con riferimento agli studi in cui le tecnologie sono adottate a supporto dello sviluppo di
competenze di comunicazione sociale e dell’interazione, si registrano prove scientifiche
non univoche e non definitive. Secondo una revisione sistematica condotta da Ospina et
al. (2008)6, si riscontrano valori di efficacia statisticamente significativi in occasione di
interventi in cui l’utilizzo interattivo di software (in assenza della mediazione di un
operatore) è focalizzato sul riconoscimento delle emozioni, sulla capacità di
generalizzazione delle abilità apprese, sul QI verbale, sull’attenzione e sulla motivazione.
Oggetto di analisi sono stati, inoltre, gli interventi mediati da strumenti di speechgeneration, utilizzati per sintetizzare in voce messaggi selezionati dal soggetto a partire da
simboli grafici. Tuttavia, al riguardo, sebbene ci si trovi di fronte ad alcuni output
positivi, le ricerche disponibili sono state valutate di scarsa qualità metodologica dal
panel che ha elaborato le linee guida.
Rispetto a tale quadro di conoscenze non emergono elementi di conoscenza
sostanzialmente innovativi dall’analisi delle linee guida elaborate in seno alla Missouri
Autism Guidelines Initiative (2012) sulla base della sintesi di sei revisioni sistematiche,
dalle quali emergono come interventi maggiormente efficaci sostanzialmente gli stessi già
indicati dal National Standards Project (2009), ossia programmi ad ampio spettro di
natura comportamentale e di insegnamento strutturato per il perseguimento di obiettivi
più generali sulla complessità del quadro di competenze compromesso dai disturbi dello
spettro autistico e una serie di interventi focalizzati su specifici obiettivi, quali quelli volti
alla modifica comportamentale mediante, ad esempio, rinforzi, controllo degli stimoli e
del setting, video-modeling e allo sviluppo di competenze comunicative tramite, ad
esempio, sistema di comunicazione mediante scambio per immagini, istruzione mediata
da computer, l’uso di narrazioni sociali.
6
Tale revisione sistematica include 101 studi primari (di cui 55 randomized controlled trial, RCT)
e ha consentito di esaminare otto tipi di programmi di intervento: Applied Behaviour Analysis
(ABA); communication-focused interventions; contemporary ABA; developmental approaches;
environmental modification programs; integrative programs; sensory motor interventions; social
skills development interventions.
84
2.3. Le tecnologie promettenti
Il quadro fin qui delineato, così come risultante dalle fonti selezionate, non consente di
esprimere evidenze conclusive sull’efficacia delle tecnologie con soggetti con ASD.
Questa prima considerazione si rafforza considerando il fatto che, negli anni più recenti,
lo sviluppo delle tecnologie è stato tale da offrire una varietà molto più ampia di opzioni
alla sperimentazione pedagogica (Vivanet, 2014b), ad esempio attraverso le applicazioni
di dispositivi mobili, realtà virtuale e robot.
In questo ambito, probabilmente a causa del fatto che si tratta di un campo di studio
recente, la letteratura di sintesi disponibile, corrispondente ai criteri di selezione
precedentemente indicati, risulta assai limitata. Ci si trova di fronte a indicazioni al
momento parziali, ma non mancano i primi tentativi di sintesi che mostrano prospettive
promettenti.
Oltre alle indicazioni sull’efficacia dei software interattivi emergenti nel già citato lavoro
di Ospina et al. (2008), una revisione sistematica integrata da meta-analisi è stata
compiuta di recente da Grynszpan e colleghi (2014). La revisione include 22 studi primari
(di cui 14 con gruppo di controllo; su un totale di 419 soggetti con ASD) pubblicati tra il
1990 e il 2011 basati sull’impiego di tecnologie interattive, quali applicazioni
informatiche (tramite desktop computer, DVD interattivi, shared active surface), realtà
virtuale e robot7 con ragazzi con diagnosi di ASD. Tra gli studi selezionati: quattro hanno
valutato l’efficacia degli interventi rispetto a competenze di problem solving; dieci a
competenze di elaborazione e comprensione di stimoli facciali ed emotivi; uno a
competenze di organizzazione spaziale; cinque a competenze di alfabetizzazione; e due a
un ampio spettro di competenze (abilità scolastiche e cognitive, sociali, linguistiche,
ecc.).
Nel complesso, gli autori hanno rilevato un generale effetto di efficacia di tali tecnologie
pari a 0.47 (intervallo di confidenza: 0.08-0.86). Non sono stati rilevati effetti significativi
di variabili moderatrici quali l’età e il quoziente di intelligenza, mentre vi sarebbero
indicazioni sull’effetto della durata di intervento che, contro-intuitivamente,
determinerebbe una minore efficacia per gli interventi di durata maggiore. Quest’ultimo
dato meriterebbe, secondo gli stessi autori, maggiori approfondimenti; per quanto una
possibile spiegazione potrebbe derivare dal fatto che gli interventi di maggior durata sono
stati quelli in cui il training pre-sperimentazione non è stato condotto da uno specialista,
ma in autonomia dal soggetto con ASD, dai genitori in ambiente domestico o
dall’insegnante a scuola, dilatando i tempi stessi dell’intervento e conducendo a una
minore efficacia.
Ulteriori elementi emergono dalla revisione sistematica condotta da Aresti-Bartolome e
Garcia-Zapirain (2014) in cui sono stati analizzati studi sperimentali pubblicati tra il 2004
e il 2013 caratterizzati dall’adozione di software di realtà virtuale, applicazioni specifiche
per ASD, sistemi di tele-salute e robot per la diagnosi e l’intervento con soggetti con
autismo (es. specialmente per lo stimolo di competenze di comunicazione e di
interazione, e anche per l’apprendimento sociale e le abilità imitative).
7
Tuttavia, al termine della selezione degli studi primari, non sono stati rilevati studi rigorosi
rispondenti ai criteri di selezione prestabiliti dagli autori basati sull’uso di robot. Pertanto, i valori
di efficacia registrati non sono riferibili a questo tipo di tecnologia.
85
In generale, gli autori riscontrano un esito positivo determinato da tali tecnologie,
specialmente nella misura in cui queste riescono a creare un contesto di formazione
controllato, caratterizzato da sequenze regolari, prevedibili e semplificate, senza
particolari elementi di disturbo e di stress tipici dei contesti naturali, in cui i soggetti
riescono a sentirsi tranquilli e al sicuro.
In particolare, a tal fine, e con l’obiettivo di stimolare comunicazione e interazione, i
robot sociali (dotati di funzioni vocali e di interazione) e la realtà virtuale, mediata spesso
dall’uso di avatar anche al fine di veicolare la comunicazione e la comprensione emotiva,
mostrano le maggiori evidenze di efficacia, coinvolgendo i soggetti in eventi sociali
caratterizzati da interazioni semplici, prevedibili e ben schematizzate. Il principale limite
legato all’uso dei robot sociali, oltre agli elevati costi (specialmente per la manutenzione),
è dato dal fatto che questi sono sviluppati prevalentemente per gestire una interazione
uno-a-uno (generalmente mediata da operatore) e, pertanto, gli studi disponibili
riguardano individui singoli, mancando relazioni sociali tra pari.
I sistemi di mixed reality (dati dalla integrazione di realtà aumentata e realtà virtuale),
quali ad esempio le applicazioni di Microsoft Kinect che consente al “giocatore” il
controllo tramite il movimento del proprio corpo, si rivelano, invece, in questo studio
quelli con i migliori esiti per lavorare su abilità motorie. La registrazione dei movimenti
consentiti da tali strumenti, abbinata all’uso di sensori per il rilevamento di funzioni
biometriche, offre prospettive interessanti anche in chiave conoscitiva e diagnostica.
Per quanto riguarda le applicazioni specifiche per ASD, generalmente fruibili tramite
dispositivi mobili, queste appaiono più di frequente impiegate al fine di facilitare la
comunicazione fornendo stimoli visivi di supporto alla produzione verbale, ma senza che
da tali sperimentazioni emerga chiaramente un miglioramento della comunicazione. La
letteratura sull’utilizzo di sistemi di tele-salute per il trattamento diretto di soggetti con
ASD si è rivelata ancora troppo scarna per poter giungere a qualsiasi conclusione di
efficacia.
Infine si segnala, a integrazione dei risultati riportati, che indicazioni di tendenziale
efficacia, per quanto non univoche né conclusive, dell’uso della computer-assisted
instruction (CAI), di software interattivi e di tecnologie innovative sono state registrate in
altre sintesi di letteratura, qui non incluse per limiti principalmente riconducibili alla
ridotta consistenza numerica e/o alla debolezza metodologica degli studi primari
considerati. Tra essi si ricordano i lavori di Pennington (2010) che ha raccolto 15 ricerche
(su un totale di 52 soggetti) pubblicate tra il 1998 e il 2008 riconducibili all’uso della CAI
per lo sviluppo di competenze scolastiche (quali abilità di lettura e scrittura e acquisizione
vocabolario); di DiGennaro Reed, Hyman e Hirst (2011) che hanno analizzato 29 studi su
differenti tecnologie (principalmente video, ma anche software, tecnologie mobili, virtual
reality e robot) per lo sviluppo di competenze sociali (prevalentemente abilità di
conversazione, ma anche comportamenti non verbali, abilità ludiche, problem solving,
regolazione emozionale); e di Wainer e Ingersoll (2011) che hanno raccolto 14 studi
pubblicati tra il 1995 e il 2010 sull’uso di programmi multimediali innovativi per
l’apprendimento linguistico, il riconoscimento delle emozioni, e lo sviluppo di abilità
sociali.
2.4. Discussione
Le indicazioni fin qui raccolte tracciano un quadro di conoscenze in costante evoluzione,
ampio, e che, tuttavia, non può dirsi sufficientemente consolidato, data la complessità dei
86
dati a disposizione che non consente di pervenire a interpretazioni univoche. Se è vero
che esistono dei principi rispetto ai quali appare esservi un diffuso consenso, è altrettanto
vero che non esiste un singolo approccio o tipo di intervento che si possa dire preferibile
a priori rispetto a tutti gli altri.
Tuttavia, con riferimento agli interventi formativi, in uno stato dell’arte ancora
frammentario, non mancano indicazioni ben fondate che portano prove a sostegno degli
esiti positivi di approcci di stampo comportamentista, quali l’Analisi Comportamentale
Applicata nelle sue diverse forme e applicazioni (es. Discrete Trial Training e il Pivotal
Response Training) e l’Early Intensive Behavioral Intervention Program. Su questo dato
convergono sostanzialmente gli studi su cui si basano le linee guida della Società Italiana
di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (2005; 2007) e del nostro Istituto
Superiore della Sanità (2011), quelle del National Autism Center (2009), e della Missouri
Autism Guidelines Initiative (2012).
Conoscenze meno mature caratterizzano il campo di applicazione delle tecnologie
didattiche, ambito in cui Parsons e Cobb (2011) evidenziano come la letteratura tenda
maggiormente a enfatizzare le potenzialità presunte, rispetto a documentare in modo
rigoroso la reale efficacia. Eppure non mancano anche in questo caso chiare evidenze e
prospettive interessanti (per quanto la già sottolineata natura complessa dell’ASD non
consenta conclusioni assolute, ma imponga una attuazione individualizzata di ogni
intervento).
Il video-modeling è un tipo di intervento che trova discrete conferme in letteratura per lo
sviluppo di competenze comunicative, funzioni cognitive di alto livello, capacità di
svolgimento di compiti di responsabilità personale, e abilità di gioco, oltre che nel
limitare i comportamenti problematici e nel promuovere la regolazione sensorioemozionale (su cui concordano in buona sostanza le linee guida del National Autism
Center e della Missouri Autism Guidelines Initiative; e solo parzialmente quelle del
nostro Istituto Superiore della Sanità e, coi limiti prima citati, la sintesi di DiGennaro
Reed et al., 2011).
L’apprendimento tramite storie mostra tendenze di efficacia, per quanto non univoche né
conclusive, rispetto allo sviluppo di competenze interpersonali e di auto-regolazione dei
comportamenti. Con le medesime cautele, si trovano riscontri di tendenziale efficacia in
correlazione ai programmi CAA per la facilitazione della comunicazione (tra i diversi
programmi, si distingue per efficacia il PECS) e delle relazioni interpersonali (pur sulla
base di riscontri ancora limitati, si trovano indicazioni in tal senso nelle revisioni
sistematiche alla base delle poc’anzi citate linee guida e, parzialmente, nella revisione
sistematica di Schlosser & Wendt, 2008).
Analogamente, si riscontrano tendenze di efficacia per (i) le applicazioni mediate da
computer, soprattutto nel campo degli apprendimenti scolastici, in quello legato alle
capacità di gestione dei compiti di responsabilità personale, in quello della
comunicazione, e nella regolazione delle emozioni e per (ii) i software interattivi a
beneficio dell’attenzione, della motivazione e delle capacità di riconoscimento delle
emozioni (prime indicazioni in tal senso si trovano nelle linee guida dell’Istituto
Superiore della Sanità; del National Autism Center e nella revisione sistematica di Ospina
e colleghi; oltre che, coi limiti prima citati, nelle sintesi di Pennington; DiGennaro Reed
et al.; e di Wainer & Ingersoll, 2011).
Volgendo lo sguardo al futuro e alle tecnologie innovative che mostrano primi motivi di
interesse, su cui si devono attendere conferme sperimentali ulteriori, sono emerse
87
indicazioni sulla mixed reality, in particolare per le abilità motorie, e l’uso di avatar, in
particolare nel riconoscimento delle emozioni (riscontri, per quanto ancora limitati, nelle
sintesi di Grynszpan e colleghi e di Aresti-Bartolome e Garcia-Zapirain). Queste
appaiono ottenere risultati positivi, specialmente per la possibilità che offrono di
apprendere in ambienti controllati, in cui si susseguono attività e interazioni regolari,
prevedibili e semplificate, prive di quegli elementi che possono determinare gravi stati di
stress in chi è affetto da ASD, tipici dei contesti naturali di apprendimento. Tuttavia,
proprio questa caratteristica dovrà essere oggetto di ulteriori sperimentazioni al fine di
verificare la possibilità effettiva di generalizzare tali acquisizioni anche nelle situazioni
della vita quotidiana reale.
Alla luce dei dati emergenti negli studi considerati, e pur tenendo presente che questi
devono essere accolti in attesa di sempre possibili falsificazioni e di auspicate nuove
conoscenze, si propone nella tabella seguente (Figura 3) una rappresentazione sintetica
delle indicazioni emergenti nelle fonti citate relativamente a interventi mediati da
tecnologie didattiche rivolti a soggetti con diagnosi di ASD. A integrazione di tali
elementi di conoscenza, si tenga presente inoltre, che in generale, data la specificità unica
di ogni profilo di autismo, l’applicazione dei metodi basati sull’uso delle tecnologie
mostra maggiori evidenze di efficacia laddove vi è maggiore attenzione a una
individualizzazione dell’intervento.
Metodo/Tecnologia
Efficacia
Area di competenze/Obiettivo
Video-modeling
Provata efficacia
Abilità di gioco
Area dei compiti di responsabilità personale
Area della comunicazione
Area funzioni cognitive di alto livello
Limitazione comportamenti problematici
Regolazione sensorio-emozionale
Social Stories
Probabile efficacia
Area delle relazioni interpersonali
Auto-regolazione dei comportamenti
Comunicazione Aumentatitva
Alternativa
Probabile efficacia
Area della comunicazione
Area delle relazioni interpersonali
Computer-assisted instruction
Probabile efficacia
Area degli apprendimenti scolastici
Area dei compiti di responsabilità personale
Area della comunicazione
Regolazione sensorio-emozionale
Software interattivi
Probabile efficacia
Attenzione
Motivazione
Riconoscimento delle emozioni
Realtà virtuale e mixed reality
Promettente
Abilità motorie
Area della comunicazione
Riconoscimento delle emozioni
Robots sociali
Promettente
Area della comunicazione
Riconoscimento delle emozioni
Auditory Integration Therapy
Probabile non efficacia
Sensory Integration Therapy
Probabile non efficacia
Figura 3. Metodi e tecnologie, livello di efficacia e aree di competenza/obiettivi.
88
Nella Figura 3 si propone una distinzione tra tecnologie e metodi di “provata efficacia”
(in cui appare esservi una letteratura sufficientemente consolidata e concorde); di
“probabile efficacia” (in cui studi attendibili mostrano chiare tendenze in tale direzione
che tuttavia meriterebbero ulteriori conferme); “promettenti” (in cui vi sono tendenze di
efficacia in una letteratura tuttavia ancora troppo recente per poter parlare di consolidate
evidenze); e di “probabile non efficacia” (in cui la letteratura mostra evidenze di scarsa o
nessuna efficacia e che, tuttavia, meriterebbero ulteriori conferme). Nessuna tecnologia,
dai dati qui presentati, si rivela invece nociva.
3. Conclusioni
In conclusione si desidera sottolineare come la conoscenza e la padronanza dei metodi
basati sulle migliori evidenze disponibili sono una necessità oggi ineludibile per chi opera
in contesti educativi in relazione con soggetti con ASD. L’evidence-based education sta
offrendo in tal senso un significativo contributo attraverso l’elaborazione di sintesi
sull’efficacia di differenti opzioni didattiche. Certamente, queste ultime non possono
essere accolte come “conoscenze date”, concluse e oggettivamente determinate, bensì
come sistemi di ipotesi temporaneamente assunte come riferimento, nell’eventualità di
sempre possibili falsificazioni (Calvani, 2013).
Le criticità sollevate dall’applicazione delle sintesi di conoscenza possono risultare
amplificate in un ambito come quello dei trattamenti rivolti all’ASD in cui sembrano
limitate le possibilità di utilizzo di procedure conoscitive sperimentali (es. la frequente
impossibilità di costituire gruppi sperimentali e di controllo consistenti) e in cui le
complesse, e spesso imprevedibili, interazioni tra condizioni fisiche, psichiche e mentali
possono rendere le sintesi di conoscenze difficilmente rappresentative di casi individuali e
contesti concreti di intervento (Odom et al., 2005).
Tenuto pur conto di tali limiti, è disponibile oggi un corpus solido di conoscenze
spendibile nella pratica educativo-didattica (Mitchell, 2014) che è necessario da un lato
sviluppare e diffondere e dall’altro sottoporre ad attenta revisione critica.
La sua disponibilità e accessibilità, anche tramite la rete, offre possibilità di formazione e
aggiornamento sempre maggiori, consentendo di prendere decisioni e operare delle scelte
più consapevoli. Tali conoscenze, infatti, non rappresentano un qualcosa che deve
soffocare la capacità di giudizio e la sensibilità professionale unica dei professionisti della
formazione, elementi irrinunciabili di ogni relazione educativa, ma devono essere
integrate al fine di costruire delle autentiche competenze esperte (Calvani, 2013).
Bibliografia
American Psychiatric Association. (2013). The Diagnostic and Statistical Manual of
Mental Disorders: DSM 5. Bookpoint US.
Aresti-Bartolome, N., & Garcia-Zapirain, B. (2014). Technologies as Support Tools for
Persons with Autistic Spectrum Disorder: A Systematic Review. International
Journal of Environmental Research and Public Health, 11(8), 7767–7802.
Calvani, A. (2012). Per un’istruzione evidence based. Analisi teorico-metodologica
internazionale sulle didattiche efficaci ed inclusive. Trento: Erickson.
89
Calvani, A. (2013). Evidence Based (Informed?) Education: neopositivismo ingenuo o
opportunità epistemologica? [email protected] - Open Journal per la formazione in rete,
2(13), 91–101. http://www.fupress.net/index.php/formare/article/view/13259
(ver. 29.12.2014).
CDC
(2014).
Autism
Spectrum
Disorder
Data
&
http://www.cdc.gov/ncbddd/autism/data.html (ver. 29.12.2014).
Statistics.
Chalmers, I., & Altman, D.G. (1995). Systematic Reviews. London: BMJ Publishing
Group.
Chiarotti, F., Calamandrei, G., Gigantesco, A., Picardi, A., Salmaso, S., Scattoni, M.L.,
…Venerosi, A. (2013). Considerazioni sulle misure di frequenza dei Disturbi
dello Spettro Autistico.
http://www.iss.it/auti/index.php?lang=1&id=427&tipo=33 (ver. 29.12.2014).
Cochrane Library. http://www.cochranelibrary.com/ (ver. 29.12.2014)
Cottini, L. (2002). L’integrazione scolastica del bambino autistico. Roma: Carocci.
Cottini, L. (2011). L’allievo con autismo a scuola: Quattro parole chiave per
l’integrazione. Roma: Carocci.
DiGennaro Reed, F.D., Hyman, S.R., & Hirst, J.M. (2011). Applications of Technology
to Teach Social Skills to Children with Autism. Research in Autism Spectrum
Disorders 5(3), 1003–1010.
Di Nuovo, S. (1995). La meta-analisi: fondamenti teorici e applicazioni nella ricerca
psicologica. Roma: Borla.
Elsabbagh, M., Divan, G., Koh, Y.J., Kim, Y.S., Kauchali, S., Marcín, C., …Fombonne,
E. (2012). Global Prevalence of Autism and Other Pervasive Developmental
Disorders. Autism Research, 5(3), 160–179.
ERIC. http://eric.ed.gov/ (ver. 29.12.2014).
Fombonne, E. (2009). Epidemiology of Pervasive Developmental Disorders. Paediatric
Research, 65(6), 591–598.
Glass, G.V. (1976). Primary, Secondary, and Meta-analysis of Research. Educational
Researcher, 5(10), 3–8.
Grynszpan, O., Weiss, P.L.T., Perez-Diaz, F., & Gal, E. (2014). Innovative Technologybased Interventions for Autism Spectrum Disorders: A Meta-analysis. Autism,
18(4), 346–361.
Indiana Resource Center for Autism. http://www.iidc.indiana.edu/index.php?pageId=32
(ver. 29.12.2014).
ISS (2011). Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli
adolescenti.
http://www.snlg-iss.it/cms/files/LG_autismo_def.pdf
(ver.
29.12.2014).
Luiselli, J.K., Russo, D.C., Christian, W.P., & Wilczynski, S.M. (Eds.). (2008). Effective
Practices for Children with Autism: Educational and Behavior Support
Interventions that Work. New York: Oxford University Press.
Ministero della Salute (2012). Linee di indirizzo per la promozione ed il miglioramento
della qualità e dell’appropriatezza degli interventi assistenziali nei Disturbi
90
Pervasivi dello Sviluppo (DPS), con particolare riferimento ai disturbi dello
spettro autistico.
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_1908_allegato.pdf
(ver.
29.12.2014).
Missouri Autism Guidelines Initiative (2012). Autism Spectrum Disorders: Guide to
Evidence-based Interventions.
http://autismguidelines.dmh.mo.gov/documents/Interventions.pdf
(ver.
29.12.2014).
Mitchell, D. (2014). What Really Works in Special and Inclusive Education: Using
Evidence-based Teaching Strategies. (2nd ed.) London: Routledge.
National
Autism
Center
(2009).
National
Standards
http://www.nationalautismcenter.org/nsp/ (ver. 29.12.2014).
Report.
National Guideline Clearinghouse. http://www.guideline.gov/ (ver. 29.12.2014).
National Institute for Health and Care Excellence. http://www.nice.org.uk/ (ver.
29.12.2014).
National Professional Development Center on ASD. http://autismpdc.fpg.unc.edu/ (ver.
29.12.2014).
Odom, S.L., Brantlinger, E., Gersten, R., Horner, R.H., Thompson, B., & Harris, K.R.
(2005). Research in Special Education: Scientific Methods and Evidence-based
Practices. Exceptional Children, 71(2), 137–148.
Ospina, M.B., Krebs Seida, J., Clark, B., Karkhaneh, M., Hartling, L., Tjosvold, L.,
…Smith, V. (2008). Behavioural and Developmental Interventions for Autism
Spectrum Disorder: A Clinical Systematic Review. PloS One, 3(11).
Parsons, S., & Cobb, S. (2011). State-of-the Art of Virtual Reality Technologies for
Children on the Autism Spectrum. European Journal of Special Needs Education
26(3), 355–366.
Pennington, R.C. (2010). Computer-assisted Instruction for Teaching Academic Skills to
Students with Autism Spectrum Disorders: A Review of Literature. Focus on
Autism and Other Developmental Disabilities, 25(4), 239–248.
PsycINFO. http://www.apa.org/pubs/databases/psycinfo/index.aspx (ver. 29.12.2014).
Schlosser, R.W., & Wendt, O. (2008). Effects of Augmentative and Alternative
Communication Intervention on Speech Production in Children with Autism: A
Systematic Review. American Journal of Speech-Language Pathology, 17(3),
212–230.
Schreibman, L.E. (2005). The Science and Fiction of Autism. Cambridge: Harvard
University Press.
SIGN. Scottish Intercollegiate Guidelines Network (2007).. Assessment, Diagnosis and
Clinical Interventions for Children and Young People with Autism Spectrum
Disorders. A National Clinical Guideline. http://www.sign.ac.uk/pdf/sign98.pdf
(ver. 29.12.2014).
SINPIA. Società Italiana di NeuroPsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (2005).
Linee guida per l’autismo. Raccomandazioni tecniche-operative per i servizi di
91
neuropsichiatria dell’età evolutiva. http://www.sinpia.eu/atom/allegato/148.pdf
(ver. 29.12.2014).
SINPIA. Società Italiana di NeuroPsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (2007).
Linee guida autismo-scuola. Le sfide della scuola e l’intervento educativo per
l’integrazione scolastica dei bambini e delle bambine con autismo.
http://dallaterraallaluna.org/Linee%20Guida%20Autismo.pdf (ver. 29.12.2014).
VCU Autism Center for Excellence. http://www.vcuautismcenter.org/ (ver. 29.12.2014).
Vivanet, G. (2014a). Che cos’è l’Evidence Based Education. Roma: Carocci.
Vivanet, G. (2014b). Sull’efficacia delle tecnologie nella scuola: analisi critica delle
evidenze empiriche. TD - Tecnologie Didattiche, 22(2).
Wainer, A.L., & Ingersoll, B.R. (2011). The Use of Innovative Computer Technology for
Teaching Social Communication to Individuals with Autism Spectrum Disorders.
Research in Autism Spectrum Disorders, 5(1), 96–107.
92
Fly UP